You are on page 1of 1

ANNO IV N 170 VENERDI 3 OTTOBRE 2014 SMS 3458681227 MAIL lettori@ilquotidianofvg.

it 14
CRONACA / Udine
LA COPPIA RICONOSCIUTA. Ludinese Adele Palmeri, e la sudafricana, Ingrid Owens
..........................................................
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
LUCIA BURELLO
redazione@ilquotidianofvg.it
u IL SINDACO di Udine, Furio
Honsell, trascrive sui registri di
Stato Civile il matrimonio di due
cittadine omosessuali, di cui una
udinese, Adele Palmeri, che si era-
no sposate nel 2009 in Sudafrica e
che attualmente vivono a Bruxel-
les. La decisione di Honsell av-
venuta a seguito di una richiesta di
riconoscimento della Palmeri e
dopo un summit con il primo cit-
tadino di Pordenone, Claudio Pe-
drotti, e del vicesindaco di Trieste,
Fabiana Martini, dove stato de-
ciso di valutare caso per caso ogni
singola domanda.
Insomma, beata lora! Non sar
ancora un completo riconosci-
mento dellessere umano, in tutto
il suo Essere, appunto, ma per lo
meno un ulteriore passo avanti.
S perch visto che gli omosessua-
li non vengono pi impalati, arre-
stati o ricoverati, troppi di noi,
purtroppo, sono convinti che di
questo si debbano accontentare,
ostinandosi a negare loro la digni-
t e idiritti di tutti. Gli altri, quelli
che credono che lunione omosex
prova di grande progresso socia-
le e di trasformazione positiva dei
costumi, troppo restano indiffe-
renti rispetto a una realt, quella
nazionale, ancora ben lungi da es-
sere cos emancipata e progressi-
sta. Ed pazzesco che oggi come
117 anni fa, siamo ancora qui a di-
scutere se sia lecito o meno con-
cedere lamore a persone dello
stesso sesso. S perch nacque
proprio nel 1897 a Berlino il primo
movimento per il riconoscimento
di questo diritto alla vita. Movi-
mento costituito dal fior fiore de-
gli intellettuali. Risultato? Se nel
resto dEuropa si deciso di capire
e crescere, noi siamo ancora qua
ha predicare il disvalore dell'omo-
sessualit inneggiando, invece,
alla virilit dei gioielli di fami-
glia, al mito della forza, alle
coppie ipocrite, e al sempre pi in-
sensato e ossessionato concetto di
normalit; pronti a negare levi-
denza per paura, e mettere il mor-
dacchio in bocca a chi osa soste-
nere che la terra non piatta.
Inutile dire che alla decisione del
sindaco Honsell seguito un pu-
tiferio a centrodestra. E non po-
tendo puntare il dito sulla Legge
della Natura, si puntato su quella
degli uomini: In riferimento alla
firma avvenuta stamattina al Co-
mune di Udine - simpenna il con-
sigliere pidiellino, Enrico Berti a
nome di tutta la Minoranza (scluso
M5S naturalmente) - ovvero la re-
gistrazione dellatto di matrimo-
nio conseguito allestro da perso-
ne dello stesso sesso, noi stigma-
tizzano il gesto che, non ammesso
dal nostro ordinamento, non ha al-
cun valore. Gi recentemente il
Ministro Alfano aveva preso una
posizione chiara e netta. Potrem-
mo parlare anche di abuso di po-
tere e su questo valuteremo tutte le
forme pi urgenti e pressanti,
coinvolgendo anche enti superio-
ri, per far evidenziare la nullit
dellatto. Queste persone non si
possono registrare ed grave che
il Sindaco Honsell le illuda.
E come prevedibile a tuonare di
pi son le voci dellUrbe papalina:
Nel trascrivere le nozze gay con-
tratte all'estero - le ha mandate a
dire il deputato del Gruppo parla-
mentare Per lItalia, Gian Luigi
Gigli - il sindaco Honsell ha scelto
di calpestare sia le indicazioni del
Ministro dell'Interno sia, soprat-
tutto, la Costituzione richiamata
opportunamente dallo stesso Al-
fano. Ne prendiamo atto. Chiedia-
mo ora ad Alfano di dare puntuali
disposizioni al Prefetto di Udine
per un coerente intervento corret-
tivo. Anche i sindaci non sono al di
sopra della legge. Nemmeno se
magistrati, come De Magistris, a
maggior ragione se non lo sono,
come Honsell.
Il sindaco Honsell - continua
Berti - farebbe bene a occuparsi
delle problematiche cittadine
sempre pi pressanti che perdere
STATO CIVILE. Lunione delludinese Adele Palmeri e Ingrid Owens, da ieri riconosciuta da Palazzo DAronco
Honsell registra il primo matrimonio omosessuale
mentre il centrodestra gli sta preparando la Pira
GIGLI: CALPESTATA LA COSTITUZIONE. ARCIGAY: UDINE HA FATTO FA UNA SCELTA CORAGGIOSA
tempo e farlo perdere anche agli
uffici interni, per questa assurda e
inutile operazione. Ma di questi
tempi, di gravi tragedie nate in se-
no agli integralismi religiosi per
non aggiungere i reali problemi
della crisi lavorativa e dellincerto
futuro, qualcuno potrebbe repli-
care che impuntarsi come fa il cen-
trodestra su una questione che co-
munque nasce da un sentimento
damore, una perdita di tempo
peggiore.
Ecco che, nulla o valida che sia, il
senso delloperazione , natural-
mente, il messaggio: La nostra
intenzione spiega infatti il primo
cittadino - quella di promuovere
unazione per il pieno riconosci-
mento dei diritti civili dei cittadi-
ni. Diritti che non possono e non
devono discriminare in base
allorientamento sessuale. Il si-
gnificato del nostro atto quindi
un effettivo contributo a mostrare
come anche un diniego aprioristi-
co alla trascrizione di fatto non sia
nemmeno legittimato dallordina-
mento. La decisione che abbiamo
preso di fronte alla richiesta della
coppia - chiarisce infatti Honsell -
nasce da una analisi giuridica spe-
cifica condotta dai nostri uffici e
che ci permette di riconoscere la
possibilit di trascrizione del loro
matrimonio contratto allestero
nei registri di stato civile del Co-
mune di Udine. Non vogliamo
colmare un vuoto legislativo, che
pu colmare soltanto il Parlamen-
to, ma vogliamo dare un contribu-
to concreto per spingere il Parla-
mento stesso ad armonizzare la
normativa italiana a quella della
maggior parte degli altri Paesi eu-
ropei.
A R C I G AY. Soddisfazione invece
dalle associazioni omosessuali:
Esprimiamo un plauso al sindaco
Honsell dichiara il presidente di
Arcigay Friuli, Giacomo Deperu
che cos si assume la responsa-
bilit che ogni sindaco dovrebbe
assumersi rispetto ai bisogni dei
propri cittadini, senza discrimi-
narli. Auspico prosegue che
questo sia un segnale forte per
laffermazione della dignit di
ogni coppia omosessuale del no-
stro Paese e che possa essere lo sti-
molo perch altri Comuni della re-
gione procedano alle trascrizioni.
Capiamo le difficolt normative
che imbarazzano i sindaci, pro-
segue ma chiediamo che non si
rendano complici della discrimi-
nazione restando a guardare pas-
sivamente. Come accaduto a Udi-
ne conclude Deperu rivolgendo
un appello a tutti gli altri sindaci
della regione - abbiate il coraggio
di scendere al nostro fianco in que-
sta battaglia di civilt.
MOTIVAZIONI DI VALIDIT.
Per il caso specifico, il Comune
chiarisce che larticolo 18 del
DPR del 3 novembre 2000 n. 396
che dispone che gli atti formati
allestero non possono essere tra-
scritti se sono contrari allordine
pubblico, non pu essere invo-
cato al caso di specie ai fini di un
rifiuto alla trascrizione. E questo
a cominciare dal fatto che sono ri-
spettati tutti i requisiti richiesti
dalla legge italiana sulla forma del
matrimonio (art. 28 della legge 31
maggio 1995, n.218), ovvero che
il matrimonio sia considerato tale
dalla legge del luogo di celebra-
zione, e nella Repubblica Sudafri-
cana il matrimonio same-sex le-
gale dal 6 marzo 2010). Ma an-
che - spiega il Comune - che il ma-
trimonio sia considerato tale dalla
legge nazionale di almeno uno dei
coniugi al momento della celebra-
zione, e nel caso della coppia in
questione, una delle coniugi cit-
tadina sudafricana; infine, che il
fatto che il matrimonio debba es-
sere considerato tale dalla legge
dello Stato di comune residenza in
tale momento. E la donna udi-
nese, allatto della celebrazione,
era regolarmente compresa
allanagrafe degli italiani residen-
ti allestero. Le motivazioni del
Comune, inoltre, aggiungono che
la vita matrimoniale delle due
donne prevalentemente localiz-
zata in Belgio, dove risiedono e
dove il matrimonio omosessuale
parificato a quello eterosessuale.
Di conseguenza latto di matri-
monio si legge ancora nella nota
degli uffici di palazzo DAronco
risulta valido in quanto legittima-
mente formato secondo le norme
del Paese di provenienza e comun-
que valido anche nel Paese di pre-
valente localizzazione della vita
matrimoniale.
LA REGISTRAZIONE Honsell