You are on page 1of 37
Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Ambientale, Infrastrutture Viarie, Rilevamento (DIIAR )
Politecnico di Milano
Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Ambientale,
Infrastrutture Viarie, Rilevamento (DIIAR )
Sezione Ingegneria Idraulica
Insegnamento di:
IdraulicaIdraulica
ee
IdraulicaIdraulica 11 ++ laboratoriolaboratorio
ProffProff SilvioSilvio Franzetti,Franzetti, EnricoEnrico LarcanLarcan,, EnricoEnrico OrsiOrsi
MotoMoto variovario

GeneralitGeneralitàà

Generalit Generalit à à

Moto vario: variazione da istante a istante e da sezione a sezione degli elementi che caratterizzano la corrente:

p(t) ,

v(t) ,

Q(t)

che caratterizzano la corrente: p ( t ) , v ( t ) , Q (

Esempio: Organo di regolazione → ΔQ

Le correnti vengono considerate nel loro complesso - Caratteristiche globali ( Q, A, V= Q/A )

Correnti lineari

globali ( Q, A, V= Q/A ) • Correnti lineari ∀ t , ∀ sez. è

t , sez. è possibile associare il valore del carico totale H

H

=+

z

p

+

α

V

2

γ 2 g

Per ogni istante t una linea dei carichi totali ed una piezometrica

mv1

GeneralitGeneralitàà

Generalit Generalit à à

Moto stazionario: trasformazione dell’energia meccanica in termica per effetto delle resistenze (Conservazione dell’energia per le singole particelle di fluido).

Moto vario: scambio di energia meccanica tra le diverse parti del fluido in moto. Il carico totale (H) a valle può essere maggiore di quello a monte.

La conservazione dell’energia è soddisfatta:

Globalmente a tutta la massa fluida

Trasformazioni di energia da meccanica in elastica del liquido e dell’involucro

Si possono verificare elevate concentrazioni di energia in ristrette zone della corrente. (Esempio: Δp, ΔQ)

mv2

GeneralitGeneralitàà

Generalit Generalit à à

Variazione di portata ΔQ

Generalit Generalit à à Variazione di portata Δ Q Si generano brusche variazioni deg li elementi

Si generano brusche variazioni degli elementi caratteristici della corrente (Es. Δp). Tali perturbazioni si muovono lungo la corrente (come un’onda) con una velocità denominata celerità.

La celerità delle perturbazioni è funzione: delle caratteristiche elastiche del fluido e della condotta.

mv3

Esempio:Esempio: impiantoimpianto idroelettricoidroelettrico

Esempio: Esempio: impianto impianto idroelettrico idroelettrico
S GP PP pozzo piezometrico. A 1 ≥ A A B CF serbatoio galleria in
S
GP
PP
pozzo piezometrico.
A 1 ≥ A
A
B
CF
serbatoio
galleria in pressione
condotta forzata
turbina
T
Otturatore
ΔQ
condotta forzata turbina T Otturatore → ΔQ otturatore Condotta Forzata: COLPO D’ARIETE Elevata

otturatore

Condotta Forzata: COLPO D’ARIETE

Elevata celerità: veloce smorzamento dovuto alle dissipazioni che accompagnano le trasformazioni di energia

L 100 m resistenze idrauliche

trascurabili

L 1000 m resistenze idrauliche non

trascurabili (es. oleodotti)

Galleria: OSCILLAZIONI DI MASSA

ΔQ → Δp in CF in B squilibrio di Q

Q GP =

Q iniz

Q CF = Q iniz - ΔQ

Q Q GP = Q iniz Q CF = Q iniz - Δ Q variazioni di

variazioni di livello in PP lente (trasporto di massa) resistenze al moto in galleria e nel pozzo piezometrico non trascurabili

mv4

Esempio:Esempio: impiantoimpianto didi sollevamentosollevamento

Esempio: Esempio: impianto impianto di di sollevamento sollevamento
aria cassa d’aria P condotta d’aspirazione condotta di mandata lunga saracinesca breve come condotta forzata
aria
cassa d’aria
P
condotta
d’aspirazione
condotta di mandata
lunga
saracinesca
breve
come condotta
forzata
come pozzo piez. +
+ galleria

Due processi di moto vario:

Colpo d’Ariete: proprietà elastiche del fluido (fluido comprimibile) proprietà elastiche della condotta (condotta deformabile) resistenze idrauliche trascurabili

Oscillazioni di Massa: condotta indeformabile fluido incomprimibile resistenze idrauliche non trascurabili

mv5

COLPOCOLPO DDARIETEARIETE EquazioniEquazioni differenzialidifferenziali deldel motomoto

COLPO COLPO D D ’ ’ ARIETE ARIETE – – Equazioni Equazioni differenziali differenziali del del

Hp.

Perdite di carico distribuite e localizzate nulle

H p . Perdite di carico distribuite e localizzate nulle ρ ( F − A )

ρ (F A)= grad ( p)

Equazione di Eulero

⎛ ∂ z 1 1 ∂ p Proietto lungo la traiettoria e divido per γ
∂ z
1
1
p
Proietto lungo la traiettoria e divido per γ
∂ s
g
dV ⎞ ⎟ =
dt
γ
s
dV
V
V
Hp.
Correnti lineari
=
+
V
dt
t
s
z
V ∂ V
1
p
1
V
+
+
+
= 0
s
g
s
γ
∂ s
g
t
z
1
p
1 ⎛
V
+
+
V
+
∂ V ⎟ ⎞ = 0
s
γ
∂ s
g
s
t

mv6

COLPOCOLPO DDARIETEARIETE EquazioniEquazioni differenzialidifferenziali deldel motomoto

COLPO COLPO D D ’ ’ ARIETE ARIETE – – Equazioni Equazioni differenziali differenziali del del

Dall’equazione di continuità per le correnti

Ricordando che Q = V A;

ρ = ρ { p ( s, t ) };

(

ρ Q

)

s

+

(

ρ

) = 0

A

t

A = A { p ( s, t ) }

A

s

=

dA

dp

p

s

A

dA

p

∂ρ

d ρ ∂ p

∂ρ

d ρ ∂ p

 

=

=

=

t

dp

t

s

dp

s

t

dp

t

( )

ρ VA

s

+

(

ρ A

)

t

= V

(

ρ A

)

s

+

= V

(

ρ A

)

s

+

ρ A

ρ A

V

s

+ ρ

A

t

+ A

∂ρ

t

=

V

s

+

⎜ ⎜ ρ

dA

dp

+ A

d ρ ⎞ ∂ p

⎟ ⎟ ⎠

dp

t

= 0

mv7

COLPOCOLPO DDARIETEARIETE EquazioniEquazioni differenzialidifferenziali deldel motomoto

COLPO COLPO D D ’ ’ ARIETE ARIETE – – Equazioni Equazioni differenziali differenziali del del
Equazioni differenziali differenziali del del moto moto ∂ z ∂ s 1 ∂ p 1 ⎛

z

s

1

p

1

V

+ ∂ V ⎞ ⎟ = 0

t

⎛ + A

dA

dp

ρ

+

V

(

γ

s

ρ A

)

+

+

g

s

V

s

V

ρ A

s

+

ρ = ρ ( p (s, t) )

A = A (p (s, t) )

Condizioni al contorno

Condizioni iniziali

d ρ ⎞ ∂ p

dp

t

= 0

i z i a l i d ρ ⎞ ∂ p ⎟ ⎟ ⎠ dp ∂

Problema

definito

4 equazioni in 4 incognite: V, p, ρ, A

Integrazioni numeriche alle differenze finite

mv8

COLPOCOLPO DDARIETEARIETE EquazioniEquazioni differenzialidifferenziali deldel motomoto

COLPO COLPO D D ’ ’ ARIETE ARIETE – – Equazioni Equazioni differenziali differenziali del del

Hp:

z

s

+

∂ F V ∂ s p << 1 ε
∂ F
V
∂ s
p
<< 1
ε

<<

∂ F ∂ t
∂ F
∂ t

|V|<<|c|

 

F

  ∂ F ∂ F

F

c = −

 

t

s

1

p

γ

s

+

1

g

V

s

V

+

V ⎞ ⎟ = t

0 Equazione del moto

∂ z 1 1 ∂ ∂ V + p + = 0 ∂ s γ
∂ z
1 1
V
+ p
+
=
0
∂ s
γ ∂ s
g
∂ t
z
⎛ p ⎞
1
V
+
= 0
⎜ ⎜
⎟ ⎟ +
∂ s
s
γ
g
∂ t
∂ h
1
V
+
= 0
∂ s
g
t

p

s

γ

=

p ∂γ

γ

2

s

= g

p

γ

s

=

1

p

p

∂γ

2 γ ∂ s γ ∂ s p d ρ ∂ p p ρ p
2
γ
∂ s
γ
∂ s
p
d ρ ∂ p
p
ρ p
p
1
∂ p
= g
=
γ 2
dp
∂ s
γ 2
ε ∂ s
ε
γ
∂ s
1
p
p
1
p
1
∂ p
p
1
p
=
=
γ
∂ s
ε
γ
∂ s
γ
∂ s
⎜ ⎛ 1 −
ε
γ
∂ s

mv9

COLPOCOLPO DDARIETEARIETE EquazioniEquazioni differenzialidifferenziali deldel motomoto

COLPO COLPO D D ’ ’ ARIETE ARIETE – – Equazioni Equazioni differenziali differenziali del del

A

Hp:

Condotta cilindrica

= 0 ∂ s ∂ ( ρ A ) ∂ V ⎛ dA d ρ
= 0
s
(
ρ A
)
∂ V
dA
d ρ ⎞ ∂ p
V
+
ρ A
+
ρ
+ A
∂ s
∂ s
dp
dp
∂ t
∂ρ
∂ V
dA
d ρ ⎞ ∂ p
VA
+ ρ A
+
ρ
+ A
∂ s
∂ s
dp
dp
∂ t
V
∂ρ
∂ V
1
dA
1
d ρ ⎞ ∂ p
+ +
+
= 0
ρ
∂ s
∂ s
A
dp
ρ
dp
t
V
d ρ ∂ p
∂ V
1
dA
1
d ρ ⎞ ∂ p
+
+
+
= 0
ρ
dp
∂ s
∂ s
A
dp
ρ
dp
t
∂ V
1
dA
∂ p
1
d ρ
∂ p
+
+
+ V
∂ p ⎞ ⎟ = 0
∂ s
A
dp
∂ t
ρ
dp
∂ t
∂ s
∂ V
1
dA
1 ⎞ ∂ p
+
+
= 0
∂ s
A
dp
ε
∂ t

= 0

Equazione di continuità

= 0

A

s

= 0

Divido per (ρA)

d ρ

dp

ρ

ε

=

mv10

COLPOCOLPO DDARIETEARIETE EquazioniEquazioni differenzialidifferenziali deldel motomoto

COLPO COLPO D D ’ ’ ARIETE ARIETE – – Equazioni Equazioni differenziali differenziali del del
∂ h ∂ ⎛ ⎞ ∂ p 1 ∂ p p ∂ γ 1 p
h ∂
∂ p
1
∂ p
p
∂ γ
1
p
d γ
1 ⎡
p
p
1
∂ p
=
z
+ p
=
= −
=
⎤ 1 −
∂ p
=
=
⎡ ⎢ 1 −
2
∂ t
∂ t
γ
t γ
γ ∂ t
γ
∂ t
γ
⎣ dp
γ
⎦ ∂ t
γ ∂ t
ε
γ
∂ t
∂ V
1 dA
1 ⎞ ∂ h
+ γ
+
= 0
∂ s
A
dp
ε
∂ t
⎟ ⎠
∂ h
1
∂ V
+
= 0
∂ s
g
t
s
∂ V
1
dA
1 ⎞ ∂ h
+ γ
+
= 0
x
∂ s
A
dp
ε
∂ t
⎟ ⎠
h
1
V
=
L
∂ x
g
t
V
1
dA
1 ⎞ ∂ h
= γ
+
∂ x
A
dp
∂ t
ε ⎠
A = A (p)
Condizioni al contorno
Condizioni iniziali
Hp:
Condotta cilindrica
Perdite di carico nulle
Correnti lineari
p
|V|<<|c|
<< 1
ε

mv11

COLPOCOLPO DDARIETEARIETE ManovreManovre istantaneeistantanee

COLPO COLPO D D ’ ’ ARIETE ARIETE – – Manovre Manovre istantanee istantanee
ARIETE – – Manovre Manovre istantanee istantanee z A M 2 p V x 0 +

z A

– – Manovre Manovre istantanee istantanee z A M 2 p V x 0 + x
M 2 p V x 0 + x γ 2 g V 0 x M
M
2
p
V
x
0
+
x
γ 2 g
V 0
x
M
L
z x
z A M 2 p V x 0 + x γ 2 g V 0 x

p

o

+

2

V

0

γ 2 g

z 0

Z A = cost

A = cost

(condotta cilindrica indeformabile)

mv12

COLPOCOLPO DDARIETEARIETE ManovreManovre istantaneeistantanee

COLPO COLPO D D ’ ’ ARIETE ARIETE – – Manovre Manovre istantanee istantanee
x B V 0 dt p 0 c dt A V 0 B p 0
x
B V 0 dt
p 0
c dt
A
V 0
B
p 0 ; V = 0
A
F dt
p 0 +Δp ; V = 0
( p
A
− p
A
)
dt
=
0
−ρ
A V
(
+
c
A
A
B
B
0

(

p

A

Δ

p

p

=

B

(

)

A dt = ρ
A dt
= ρ

p

A

p

B

)

A c dt V

0

= ρ

c

V

0

B F B A B F A A ) = d(mV Teorema degli impulsi
B
F B
A
B
F A
A
)
=
d(mV
Teorema degli impulsi

)

dt

(

V

0

)

Condotta indeformabile A A = A B = A

V 0 <<c

A meno di infinitesimi di

ordine superiore valida anche

per condotte deformabili

mv13

COLPOCOLPO DDARIETEARIETE ManovreManovre istantaneeistantanee

COLPO COLPO D D ’ ’ ARIETE ARIETE – – Manovre Manovre istantanee istantanee

0 < t < L/c

t = L/c

V = V 0 V = 0
V = V 0
V = 0

x = ct

ρ cV 0 Equilibrio instabile V = 0 = F dt
ρ cV 0
Equilibrio
instabile
V = 0
= F dt

ρ cV 0

M E c p L V 0 p M L +Δp V = 0 E
M
E
c
p
L
V
0
p
M
L +Δp
V = 0
E
dx

c

d(m V)

Δp = - ρ c V 0

V x ρ A dx = Δp A dt

V x = - V 0

mv14

COLPOCOLPO DDARIETEARIETE ManovreManovre istantaneeistantanee

COLPO COLPO D D ’ ’ ARIETE ARIETE – – Manovre Manovre istantanee istantanee

L/c < t < 2L/c

V 0 V = 0
V
0
V = 0

x = 2L - ct

t = 2L/c ρ cV 0 V 0 d(m V) = F dt
t = 2L/c
ρ cV 0
V 0
d(m V)
= F dt

A dx V

0

(

p

A

=

A

p

B

(p

A

p

)

= − ρ

B

)dt

c

V

0

V 0 B dx p 0 B
V
0
B
dx
p
0
B

p 0 +Δp ; V = 0

A

A 0 −ρ

Δ

p

=

mv15

COLPOCOLPO DDARIETEARIETE ManovreManovre istantaneeistantanee

COLPO COLPO D D ’ ’ ARIETE ARIETE – – Manovre Manovre istantanee istantanee

2L/c < t < 3L/c

t = 3L/c

ρ cV 0 ρ cV 0 V 0 Equilibrio V = 0 V 0 =
ρ cV 0
ρ cV 0
V
0
Equilibrio
V = 0
V 0 = 0
instabile
s =
ct –2L
M
d(m V)
= F
dt
E
c
p
L
V
Δp = ρcV
0
0
p
L +Δp
ρ
A c dt V
= Δp
A dt
x
M
V = 0
V x =
V
E
0
dx
Fenomeno periodico di
periodo T = 4L/c
c

mv16

COLPOCOLPO DDARIETEARIETE ManovreManovre istantaneeistantanee

COLPO COLPO D D ’ ’ ARIETE ARIETE – – Manovre Manovre istantanee istantanee

p

p 0 +Δp

p 0

p 0 -Δp

2L/c ρ c V 0 − ρ c V 0 t 2L/c 4L/c 6L/c
2L/c
ρ c V 0
− ρ c V 0
t
2L/c
4L/c
6L/c

x = 0 Otturatore

t

= 0

Partenza dall’otturatore dell’onda positiva di pressione ascendente

t

= 2L/c

Arrivo all’otturatore dell’onda discendente negativa e partenza dell’onda ascendente negativa

t = 4L/c

Arrivo all’otturatore dell’onda discendente positiva e partenza dell’onda ascendente positiva

CHIUSURA PARZIALE ISTANTANEA:

Q 0 Q f

V 0 V f

Δ

p

= ρ

c

(V

0

V

f

)

= ρ

c

Δ

V

mv17

COLPOCOLPO DDARIETEARIETE CeleritCeleritàà delladella perturbazioneperturbazione

COLPO COLPO D D ’ ’ ARIETE ARIETE – – Celerit Celerit à à della della
B V 0 dt p 0 c dt V 0 B A
B
V 0 dt
p
0
c dt
V
0
B
A

A

Per acqua a 8° C c = 1425 m/s

Continuità:

(V

0

+ c)ρAdt = cdt(A + ΔA)(ρ + Δρ)

1) Condotta indeformabile (ΔA=0)

V ρAdt + cρAdt = cAρdt + cAΔρdt

0

V ρ = cΔρ

0

Δρ

ρ

=

Δ

p

ε

Δp = ρ c V

0

c

V

0

=

ρ dt + cA Δρ dt 0 V ρ = c Δρ 0 Δρ ρ =

= c

ε ρ
ε
ρ

Δ p

ε

= c*

mv18

CELERITACELERITADELLADELLA PERTURBAZIONEPERTURBAZIONE

CELERITA CELERITA ’ ’ DELLA DELLA PERTURBAZIONE PERTURBAZIONE

Continuità:

(V

0

+ c )ρ Adt = cdt ( A + Δ A )(ρ + Δ ρ )

2) Condotta deformabile (ΔA0)

V ρAdt + cρAdt = cAρdt + cAΔρdt + cΔAρdt + cΔAΔρdt

0

V

0

V

0

=

1 = c

Δρ Δ A c + c + c ρ A Δ p Δ A Δ
Δρ
Δ A
c
+ c
+ c
ρ
A
Δ p
Δ A Δ p
+ c
ε Δ p
A

ρ

+ c

2

ρ Δ A

ε

Δ

A

Δρ

=

c

2

ρ A

Δ A

Δ

A

Δ

p

Δ

A

=

Δ

p

Δ p

ε

A Δ p

A

+ c

Δp = ρ c V

0

+ c

2

ρ Δ

p

Δ A

ε

ε

Δ p A

ε

A

Δ

p

Δ p

A

c V 0 + c 2 ρ Δ p Δ A ε ε Δ p A

Δρ

ρ

=

Δ

p

ε

c =

ε / ρ Δ A ⎛ ε Δ p ⎞ 1 + ⎜ + ⎟
ε
/
ρ
Δ A ⎛ ε
Δ p ⎞
1 +
+
Δ p
A
A

< c*

mv19

CELERITACELERITADELLADELLA PERTURBAZIONEPERTURBAZIONE

CELERITA CELERITA ’ ’ DELLA DELLA PERTURBAZIONE PERTURBAZIONE

La celerità diminuisce se la condotta è deformabile: la dilatazione della tubazione ha gli stessi effetti di un aumento della comprimibilità del liquido.

Esempio: condotta circolare

D

D

e

E

condotta

modulo

=

di

elasticità

p D Hp: e << D σ = 2 e Formula di Mariotte Allungamento unitario
p
D
Hp: e << D
σ
=
2
e
Formula di Mariotte
Allungamento unitario (Legge di Hooke):
d σ
d δ =
E
lineare
della
D
d
δ = 2
⋅ dp
e
E

mv20

CELERITACELERITADELLADELLA PERTURBAZIONEPERTURBAZIONE

CELERITA ’ ’ DELLA DELLA PERTURBAZIONE PERTURBAZIONE Allungamento del diametro D : dD = D d

Allungamento del diametro D:

dD

=

D d

δ =

D

2

2 e E

dp

A

=

π D

2

4

dA

dA

dD

π

 

=

=

dp

dD

dp

4

2 D

D

2

2 e E

= A

c =

ε / ρ D ε 1 + e E
ε
/
ρ
D
ε
1 +
e
E

=

c * D ε 1 + e E
c *
D
ε
1 +
e
E
c ↓
c ↓

Se: D/e ; ε/E

D

e E

Tubo deformabile
Tubo
deformabile

1

c/c*

0.4

0.2

E/ε 200 100 (acciaio) 50 25 10 (cemento) 0 50 100 D/e 200
E/ε
200
100
(acciaio)
50
25
10 (cemento)
0
50
100
D/e
200

Se fluido acqua e la condotta è in acciaio

E/e = 100; D/e = 100

200 Se fluido acqua e la condotta è in acciaio E / e = 100; D

c/c* 0.7

c 900- 1000 m/s

mv21

ColpoColpo ddArieteAriete -- CasoCaso GeneraleGenerale

Colpo Colpo d d ’ ’ Ariete Ariete - - Caso Caso Generale Generale

c =

ε / ρ dA ε 1 + dp A
ε
/
ρ
dA
ε
1 +
dp A

c

2

=

Generale Generale c = ε / ρ dA ε 1 + dp A c 2 =
Generale Generale c = ε / ρ dA ε 1 + dp A c 2 =

h

x

V

x

=

1

V

g

t

= γ

1

dA

A

dp

h

1

V

=

x

V

x

g

t

=

g

c

2

h

t

+

1 ⎞ ∂ h

ε ⎠

t

= g c 2 ∂ h ∂ t + 1 ⎞ ∂ h ⎟ ⎟ ε
ε 1 ρ dA ε 1 +
ε
1
ρ
dA
ε
1 +

dp A

⎞ ∂ h ⎟ ⎟ ε ⎠ ∂ t ε 1 ρ dA ε 1 +

dA

ε

ε

1

1 +

1

ε

dp A

=

ρ

c

2

1 dA 1
1
dA
1

A

dp

=

ρ

c

2

+

Δh = h(x) - h 0 (x) = F(x-ct) + f(x+ct)

ΔV = V 0 (x) - V(x) =

g Δ h

c

Dove:

F, f sono due funzioni definite sulla base delle condizioni al contorno h 0 , V 0 sono due funzioni definite sulla base delle condizioni iniziali

mv22

ColpoColpo ddArieteAriete Es.Es. ManovreManovre LineariLineari

Colpo Colpo d d ’ ’ Ariete Ariete – – Es. Es. Manovre Manovre Lineari Lineari
0 < t < T c < ρ cV 0 V = V 0
0 < t < T c
< ρ cV 0
V = V 0

x = ct

T c < t <t 0 /2 V = V 0
T c < t <t 0 /2
V = V 0

x = ct

ρ cV 0

V 0 t = T c T t c V = V 0
V
0
t
= T c
T
t
c
V = V 0

x = ct

t = t 0 /2
t
= t 0 /2

ρ cV

ρ cV

0

0

mv23

ColpoColpo ddArieteAriete -- Es.Es. ManovreManovre LineariLineari

Colpo Colpo d d ’ ’ Ariete Ariete - - Es. Es. Manovre Manovre Lineari Lineari

Otturatore

Δp

- Es. Es. Manovre Manovre Lineari Lineari Otturatore Δ p 1 T c t 3 T
1
1
Es. Es. Manovre Manovre Lineari Lineari Otturatore Δ p 1 T c t 3 T c
Es. Es. Manovre Manovre Lineari Lineari Otturatore Δ p 1 T c t 3 T c

T c

t

3

3

T

c

Es. Manovre Manovre Lineari Lineari Otturatore Δ p 1 T c t 3 T c t
t t 0
t
t
0
2

2

Es. Manovre Manovre Lineari Lineari Otturatore Δ p 1 T c t 3 T c t
Es. Manovre Manovre Lineari Lineari Otturatore Δ p 1 T c t 3 T c t
Es. Manovre Manovre Lineari Lineari Otturatore Δ p 1 T c t 3 T c t

t

 

0

T

4

4

c

t

T

c

2t 0

Es. Manovre Manovre Lineari Lineari Otturatore Δ p 1 T c t 3 T c t
Es. Manovre Manovre Lineari Lineari Otturatore Δ p 1 T c t 3 T c t
Es. Manovre Manovre Lineari Lineari Otturatore Δ p 1 T c t 3 T c t

t

mv24

ColpoColpo ddArieteAriete -- Es.Es. ManovreManovre LineariLineari

Colpo Colpo d d ’ ’ Ariete Ariete - - Es. Es. Manovre Manovre Lineari Lineari

t 0 > T c (manovre brusche)

ρ c ΔV

Δp

1 2+3 4+1 T c +t 0 2t 0 T c +2t 0 T t
1
2+3
4+1
T
c +t 0
2t
0
T
c +2t 0
T
t
3t 0
0
c

Δp max = ρ c ΔV

T c = 7 s

t 0 = 10 s

mv25

ColpoColpo ddArieteAriete -- Es.Es. ManovreManovre LineariLineari

Colpo Colpo d d ’ ’ Ariete Ariete - - Es. Es. Manovre Manovre Lineari Lineari

t 0 < T c (manovre lente)

1+2+3 4+1+2+3 1 2+3 Δp 2t 0 T 4t 0 c +t 0 t T
1+2+3
4+1+2+3
1
2+3
Δp
2t 0
T
4t 0
c +t 0
t
T
3t 0
0
c
4+1
T
c +2t 0
2+3
2+3+4+1
Δ p
ρ Δ
c
V
t
2 L
max
0
=
Δ
p
=
ρ c Δ
V
=
ρΔ V
max
t
0 T
T
T
c
c
c

T c = 7 s

t 0 = 5 s

Formula di Michaud

mv26

ColpoColpo ddArieteAriete -- CasoCaso GeneraleGenerale

Colpo Colpo d d ’ ’ Ariete Ariete - - Caso Caso Generale Generale

- Δp è indipendente dalla pressione esistente prima della perturbazione

- t 0 < T c Δp max coincide con la soluzione impulsiva (indipendente da T c e da L)

- t 0 > T c Δp max

se T c e L

mv27

OSCILLAZIONI DI MASSA Moto lento : - liquido incomprimibile z Δ 1 0 z 2
OSCILLAZIONI DI MASSA
Moto lento :
- liquido incomprimibile
z
Δ
1
0
z
2
- cond. indeformabile
s
∂ Q
∂ A
∂ AV
(
)
∂ V
(1)
+
=
0
=
A ⋅
∂ s
∂ t
∂ s
∂ s
A
V(s) = cost
V = V(t)
∂ H
β
∂ V
(2)
+
+
J
= 0
L
∂ s
g
∂ t
(1)
eq. continuità
(2)
eq. moto fluido incomprimibile
L
L
L
∂ H
β
dV
(2)
ds +
ds
+
Jds
=
0
∂ s
g
dt
0
0
0
β ⋅ L
dV
(2)
− Δ +
+
L
J
= 0
g
dt
(1)
A ⋅ dz
=
−Q ⋅ dt = − A ⋅ dz
1
2
Δ = z
− z
1
2
d
Δ
dz
dz
Q
Q
1
2
dΔ = dz
− dz
=
= −
= − 2 V
1
2
dt
dt
dt
A
A
β ⋅ L
dV
− Δ +
L
J
= 0
g
dt

=0

a) liquido perfetto

d Δ

2

dV

V

=

dt β ⋅ L

− Δ +

g

dt

L

J

=

0

J = 0

β

= 1

β ⋅ L ⋅ − Δ + ⎩ g dt L ⋅ J = 0 J

d

2 Δ

dt

2

+

ω

2 ⋅ Δ = 0

moto armonico non smorzato

b) moto laminare

32 ⋅ ν J = ⋅ V β ≅ 1 (anziché 4/3) → vero nel
32 ⋅ ν
J
=
⋅ V
β ≅ 1 (anziché 4/3) → vero nel moto vario
2
g
⋅ D
2
d
Δ
32
ν
d
Δ
2 ⋅ g
+
+
⋅ Δ = 0
Δ
2
2
dt
D
dt
L
t
Δ
c) moto turbolento
t
β = 1
2
J
=
k
V
L
dv
− Δ ±
L
k
V
2 = 0
non integrabile
g
dt

sempre moto oscillatorio smorzato

2 POZZI PIEZOMETRICI

Descrizione z H s Q p = Q - Q c Q Q c
Descrizione
z
H s
Q p = Q - Q c
Q
Q c

Hp. Fluido incomprimibile + galleria indeform. otturatore subito dopo galleria

t = 0

Q = Q 0

Q pozzo

= 0

fermo

Manovra istantanea ( sempre pratic. )

Q 0 0

Le Inerzie

Q = 0 in galleria z max Q = -Q’ in galleria → z min
Q = 0
in galleria
z max
Q = -Q’ in galleria →
z min

Oscillazioni

Idem

Q 1 Q 2

( Q 2 > < Q 1 )

V ( V 0 0 )

V ( 0 V’ 0 )

MAX LIV ( altezza pozzo, p max in galleria)

Interessano

LIV ( altezza pozzo, p m a x in galleria) Interessano Manovre peggiori n Q Q

Manovre peggiori

n

Q

Q

0

0

0

+Q 0

(z max ) (z min )

Manovra istantanea

MIN LIV

n

n

( non avere aria in galleria e cond. forzata)

= 0

< 1

tutte le turbine una o + turbine

( speriment. è la + cautelativa )

Hp.

1. Liquido incompr., gall. indeform.

2. Serbatoio

3. L gall grande inerzia pozzo trascurabile

4. Vpozzo = 0

2

V p

2 g

= 0

J

p =0

p base = p idrost.

5. In galleria moto puramente turbolento

perdite cont + ⎫ ⎬ = V ⎞ 2 m , gall ⇒ Y =
perdite
cont
+
= V
2
m
,
gall
Y
=
α
V
⎛ ⎜ V
⎟ ⎟
+ perdite
loc .
⎝ ⎜ = cos
α
t ⎠
2
6. Perdita strozzatura
k = β ⋅Q
p
z
Σ
A
H s
Q
s
Q p
V
A
L
Q
B
c
∂ Q
∂ A
+
= →
0
V
(
s
)
=
cos
t
V
=
V
( t )
⎪ ⎪
∂ s
∂ t
1) Fra
A e
B
∂ H
β
∂ V
+
+
J = 0
V
⎪ ⎩
∂ s
g
∂ t
B
dH
β
L
dV
ds
+
ds
+
L
J
=
0
(
β
=
1)
ds
g
dt
A
0

L dV

g dt

'

Y

Z

+

K

H

B

H

A

=

H

B

=

L

dV

 

g

dt

L

dV

g

dt

2)

V

H

A

H

S

H

S

+

+

+ L J = 0

( perd. local. imbocco )

( perd. local. imbocco pozzo piezom )

)

+ K =

0

+

L

J

(

+ Z + Y

'

+ L J

+

Z

+

Y

+

K

=

0

(Y

=

Y

'

 

L

dV

+ Z Y K = 0

 

g

dt

perd. in galleria )

in generale

L

dV

g

dt

+ Z ± Y ± K = 0

V

V

⎯⎯→+

←⎯⎯ −

eq. moto

eq. continuità

⎧ L dV 2 2 ⋅ + Z ± α ⋅ V ± β ⋅
⎧ L
dV
2
2
+
Z
±
α
V
±
β
Q
p
g
dt
∑ dz
=
(
Q
Q
)
dt
=
Q
dt
c
p
condotta
galleria

= 0

INTEGRAZ.

DIFF. FINITE

( manovra istantanea : Q c = Q finale = cost )

Strozzatura ottima

K 0 = Z MAX = K + Z = cost

K

Z K Z 0 >Z max gall K 0 =Z max 0 <Z max K
Z
K
Z
0 >Z max
gall
K
0 =Z max
0 <Z max
K
Z
max
Z
g
Z
pozzo
Z
p
t
z CASSE D’ARIA C.T. ASS. REGIME Y Z 0 = Y 0 z 0 z
z
CASSE D’ARIA
C.T. ASS. REGIME
Y
Z 0 = Y 0
z
0
z
max
t
C. STAT. ASS.
p
a * /γ
z
min
≅ H s +z
H
s
U
H s
H
V
A
-
+
B
P
V, Q
A
B
L

Arresto istantaneo

Inerzia espansione gas , p , Q

Q 0 0 ; Hp. senza ritorno di Q attraverso pompa

Q

= 0 ,

U gas = MAX

Q

, compress.gas, p (fino a p max ) , U ( U min )

OSCILLAZ. SMORZATE ( p, U , Q )

Hp. fluido incomprimibile ( come gall. + pozzo piez.)

2

Y = α Q K = β Q

2

H

+

β

dV

perdite di carico in condotta

perdite di carico nella strozzatura

+

J

= 0

∂ s g dt = 1 B L L ∂ H β dV ∫ ds
s
g
dt
= 1
B
L
L
∂ H
β
dV
ds
+
ds
+
J
ds
=
0
∂ s
g
dt
A
0
0
L dV
H
H
+
+ J ⋅ L = 0
B
A
g dt
H
=
+
Z
K
= H
A H
H B
S
S
nella cassa d’aria
L dV
( )
Z
±
(
2
1
α
+
β
)
Q
=
0
g dt
dU
(
)
gas
(
)
2
=
Q =
A V
U
,
Q
n
⎪ (3)
dt
H ⋅ U
=
H
U
=
cos t
1
n
1.4
S
S
peggiore

carichi assoluti, dovrebbero essere al pelo libero della cassa che però è piccola rispetto ai carichi

(1)

(2)

(3)

L

dV

g

dt

Z + K + J L = 0

eq. continuità

eq. stato

1 H ⎞ n H ≅ H Z U = U ⋅ S S +
1
H
n
H
H
Z
U
= U
S
S +
S
⎜ ⎜
+
Z
⎝ H
S
z
z min
max
0,20
0,20
0,10
0,10
- 0,3
0,3
- 0,2
0,2
0,025
σ = 0,025
- 0,1
0,1
0,2
0
0,2
h 0
z z min max 0,40 0,40 0,4 0,20 0,20 -0,3 0,3 σ = 0,10 -0,2
z
z min
max
0,40
0,40
0,4
0,20
0,20
-0,3
0,3
σ = 0,10
-0,2
0,10
0,2
-0,1
0,1
0,2
0
0,2
h 0
h 0

h 0 = Y 0 /H s

SENZA STROZZATURA k 0 = 0

n = 1,4

STROZZ. OTTIMA k 0 = h 0 + z MIN

 

Y

0

H

S

;

 

2

A

L

 

V

0

 

U

S

H

S

2

g

- Dato impianto

h

0 =

fissato Z MAX

Dimensionamento:

h 0 , z MAX

σ

=

z

MAX

=

Z MAX

H

S

h0 , σ →z MIN Z MIN

U

S

A

L

2

V

0

= σ

H

S

2 g

U

MAX

=

U

S

⎛ ⎜ ⎜

1

1 + z

MIN

1

n

Verifica:

H MIN =H S +Z MIN =H S -|Z MIN |>0 (meglio > p a */γ cioè non depress.)

-Se uso strozzat. ottima trovo:

k 0 =h 0 +|z MIN |

β

2

Q

0

= K

dimensiono la strozzatura