Daniela Zanini

GALILEO :il progetto Europeo
GALILEO :il progetto Europeo
di radionavigazione
di radionavigazione
via satellite
via satellite
Obiettivi
Obiettivi
Obiettivo principale del progetto:
Creare un sistema di
radionavigazione satellitare per uso
civile.
Obiettivi
Obiettivi
Correlazione con altri progetti:
Galileo è la seconda fase di un più
ampio progetto il Global Navigation
satellite system (GNSS) che si
compone di due parti:
Obiettivi
Obiettivi
Gnss-1: realizzazione di un sistema
di navigazione globale avanzato
utilizzando gli esistenti GPS (USA) e
GLONASS (RUSSO) unitamente ad
un sistema di ‘ potenziamento ’ sotto
il controllo civile: il programma
Europeo EGNOS (European
Geostationary Overlay Service).
Obiettivi
Obiettivi
Gnss-2: realizzazione di un unico
sistema di navigazione globale
interamente sotto il controllo civile
internazionale di cui Galileo sarà la
componente essenziale.
Obiettivi
Obiettivi
Scadenze da rispettare :
il progetto Galileo si divide in tre fasi:
Fase di Sviluppo: 2002-2005
Fase di Spiegamento: 2006-2007
Fase di Sfruttamento: 2008
Descrizione Sommaria
Descrizione Sommaria
Il 10 maggio 2001 il consiglio dei trasporti
dell’unione europea ha approvato il
finanziamento europeo al progetto di
navigazione satellitare Galileo.Se tutto
procede come previsto entro il 2008
grazie al progetto Galileo l’Europa avrà un
proprio servizio per la navigazione
guidata da satellite.
Descrizione Sommaria
Descrizione Sommaria
Galileo è il primo sistema di
posizionamento e di navigazione via
satellite progettato per uso civile e
sarà più avanzato,più efficiente e più
sicuro del GPS americano che è
sotto il controllo delle forze armate.
Descrizione Sommaria
Descrizione Sommaria
Galileo si basa su una costellazione
di 30 satelliti messi in orbita a 24000
km d’altitudine, che copre la totalità
della sfera terrestre con una rete di
stazioni di controllo al suolo.
Descrizione Sommaria
Descrizione Sommaria
Grazie al metodo della
triangolazione, Galileo è in grado di
identificare la posizione di un
ricevitore, uno strumento molto
semplice, delle dimensioni di un
pacchetto di sigarette, con un errore
di pochi metri.
Descrizione Sommaria
Descrizione Sommaria
Ogni satellite, inoltre, sarà dotato di
un orologio atomico che fornisce una
grande precisione nella misura del
tempo.
Descrizione Sommaria
Descrizione Sommaria
Galileo nasce a scopo civile: un
segnale ad elevata precisione
sempre garantito, in quanto i sistemi
di navigazione già esistenti essendo
sotto il controllo militare non
garantiscono una erogazione
continua del segnale.
Descrizione Sommaria
Descrizione Sommaria
Galileo sarà in grado di aprire nuovi
mercati.Si parla, per esempio, di
circa 100000 posti di lavoro ad alta
tecnologia.
Descrizione Sommaria
Descrizione Sommaria
Galileo nasce come servizio
multimediale in grado cioè di offrire
una serie ampia di servizi:
Descrizione Sommaria
Descrizione Sommaria
E’ in grado di migliorare la
sicurezza e l’efficienza dei voli
per il trasporto di cose e
persone: conoscendo la
direzione dei venti di alta quota,
Galileo suggerisce le variazioni
di rotta per risparmiare tempo e
carburante
Descrizione Sommaria
Descrizione Sommaria
Le stesse considerazioni valgono per il
trasporto marittimo o quello a terra.
Descrizione Sommaria
Descrizione Sommaria
Grande vantaggio ne trarranno anche i
servizi di soccorso (vigili del fuoco, polizia
emergenze mediche, soccorso in mare o
in montagna, ecc.) in quanto Galileo
permetterà di intervenire più rapidamente
per portare assistenza alle persone in
pericolo.Si consideri inoltre l’orientamento
per i ciechi, il monitoraggio dei malati del
morbo di Alzheimer, che soffrono di
perdite di memoria, ecc.
Descrizione Sommaria
Descrizione Sommaria
Il costo totale del progetto Galileo è
di circa 3.4 miliardi di euro, ma si
prevede che i benefici economici dei
nuovi mercati siano, nel ventennio
2000 – 2020, di circa 74 miliardi di
euro.
Descrizione Sommaria
Descrizione Sommaria
Il progetto sarà finanziato dall’Unione
Europea, dall’ESA e da finanziatori
privati.
Descrizione Sommaria
Descrizione Sommaria
Chi sarà responsabile della gestione di
Galileo?
La cosa più probabile, è che la fase iniziale
del progetto sia seguita da una struttura
intermedia, formata dai membri della
Commissione Europea e da membri
dell’ESA che garantiscano la messa in atto
della risoluzione, sia dal punto di vista
tecnico che organizzativo.
Descrizione Sommaria
Descrizione Sommaria
In tempi brevi è molto probabile che
sorgerà una agenzia specifica con il
compito di sviluppare e coordinare il
progetto.Roma è un ottimo candidato
per accogliere questa struttura, che
promette di svolgere un ruolo
importante per l’utilizzo dello spazio
nei prossimi anni.
Sistemi di navigazione satellitare
Sistemi di navigazione satellitare
esistenti
esistenti
Esistono attualmente nel mondo due
reti satellitari di radionavigazione :
Il GPS (Global Positioning System)
Statunitense
Il GLONASS (Global Orbiting
Navigation Satellite System)
Russo
Che cosa è il sistema GPS
Che cosa è il sistema GPS
Il sistema GPS è un sistema
estremamente preciso di determinazione
delle coordinate di punti mediante radio-
triangolazione satellitare. Utilizza satelliti
della classe NAVSTAR (NAVigation
Satellite for Timing And Ranging) di
proprietà del Dipartimento Della Difesa
USA, sviluppato nel corso del decennio
con un investimento di 13 miliardi di
Che cosa è il sistema GPS
Che cosa è il sistema GPS
I satelliti utilizzati sono 24, che ruotano in
orbite molto elevate(20000 Km) che
garantiscono una buona copertura del
pianeta con un’elevata precisione.Il
sistema GPS, inizialmente concepito per
usi esclusivamente militari, è stato dato in
concessione per usi civili, anche se con
una precisione di gran lunga inferiore.
Che cosa è il sistema GPS
Che cosa è il sistema GPS
Infatti il Dipartimento della Difesa
USA ha inserito un sistema di
degradazione del segnale del
satellite al fine di evitare che anche il
“nemico” potesse usare il sofisticato
sistema GPS ed assicurandosi così
un vantaggio tattico.
Che cosa è il sistema GPS
Che cosa è il sistema GPS
In seguito a ciò sono stati studiati
vari sistemi per ovviare alla voluta
degradazione dei segnali GPS ed i
comuni cittadini ora possono
conseguire risultati migliori di
quanto il Dipartimento della Difesa
USA avesse mai previsto.
Le origini della navigazione
satellitare possono essere fatte
risalire già al 1957, anno in cui l’UR
(Unione delle Repubbliche Socialiste
Sovietiche), il 4 Ottobre, lanciò il
primo satellite lo Sputnik,
anticipando in questo stadio della
corsa allo spazio gli Stati Uniti.
Cenni Storici
Cenni Storici
Cenni Storici
Cenni Storici
Gli scienziati americani, ‘ ascoltando ’ i
segnali provenienti dal satellite sovietico,
ne riscontrarono l’effetto doppler: ossia la
variazione di frequenza dovuta al moto del
satellite. Dai segnali elettrici captati era
dunque possibile avere indicazioni sulla
posizione del satellite rispetto alla
stazione di ascolto e viceversa.
Cenni Storici
Cenni Storici
Nacque così l’idea del TRANSIT il
primo sistema di navigazione
satellitare realizzato dalla Marina
degli Stai Uniti basato sulla misura
dell’effetto doppler di più di un
satellite. Il “TRANSIT 1B”, primo
della serie, fu lanciato il 16 Aprile del
1960.
Cenni Storici
Cenni Storici
Il TRANSIT aveva problemi legati al
tempo necessario per determinare la
posizione della stazione di trasporto
mobile e la scarsa velocità richiesta
per questa. Questi motivi resero il
sistema non idoneo in campo
aeronautico, ma ne consentirono
l’utilizzo in quello navale.
Cenni Storici
Cenni Storici
Con il TRANSIT gli Stati Uniti
prendevano la leadership nel settore
della navigazione satellitare che
consolidarono nel 1974 lanciando il
programma ‘Global Positioning
System’ più noto come GPS.
Intorno a metà anni ’80 il GPS entrò a
far parte dell’equipaggiamento
militare degli USA.
Cenni Storici
Cenni Storici
Nel 1990, con 18 satelliti operanti su
24, il sistema GPS ebbe grande
successo nella Guerra del Golfo e
questo diede una spinta per il
completamento del sistema e per la
diffusione dell’equipaggiamento per
la ricezione del segnale militare.
Cenni Storici
Cenni Storici
Nel 1983 a seguito della caduta di un
aereo passeggeri Coreano nello
spazio Russo, il presidente degli
Stati Uniti annunciò che il segnale
civile SPS (Standard Positioning
Service) del GPS sarebbe stato
messo a disposizione della
comunità aerea civile internazionale.
Cenni Storici
Cenni Storici
Nel 1991 il Ministero della Difesa
Statunitense confermò questa volontà
garantendo un preavviso di 6 anni nel
caso di imposizione di qualche
limitazione.
Nel 1993 gli Stati Uniti hanno portato a 10
gli anni di garanzia di fruizione gratuita del
segnale per l’aviazione civile
internazionale.
Cenni Storici
Cenni Storici
L’intenzione di garantire gli utenti
mondiali del sistema GPS sino al
2003 è stata confermata dal
presidente degli Stati Uniti Bill
Clinton in una sua esposizione
presso l’ICAO il 16 Maggio 1995.
Componenti del Sistema GPS
Componenti del Sistema GPS
Il GPS si compone di 3 sottosistemi:
Segmanto Spaziale (Space Segment)
Segmento di Controllo (Control
Segment)
Segmento Utenti (Users Segment).
Componenti del Sistema GPS
Componenti del Sistema GPS
Il Sottosistema Spaziale si compone di 24
satelliti ognuno dei quali trasmette
informazioni su tempo e posizione;
Il Sottosistema di Controllo si compone di
Stazioni a terra le quali monitorano
continuamente i satelliti e che
periodicamente aggiornano le
informazione che verranno trasmesse;
Il Sottosistema Utenti è composto da
numerosi radio ricevitori che captano e
decodificano i segnali inviati dai satelliti;
Chi Gestisce il GPS?
Chi Gestisce il GPS?
La totale responsabilità del GPS è
sotto:
Unite State Air Force (USAF)
Air Force Material Commad
Space And Missile Centre (SMC)
NAVSTAR GPS Joint Program
Office (JPO).
Che Gestisce il GPS?
Che Gestisce il GPS?
Il SMC e il JPO sono situati nella “Los
Angeles Air Force Base” California
Il GPS JPO è composto da personale
appartenente a :
USAF, US Navy, US Army, US Marine
Corps, US Department of Transportation,
US Defense Mapping Agency.
Inoltre le nazioni appartenenti alla Nato e
l’Australia possono avere una
rappresentanza nel JPO.
Come funziona il GPS
Come funziona il GPS
Il satellite e il ricevitore a terra generano
uno stesso codice nello stesso momento
e a questo punto si può misurare il ritardo
tra codice generato internamente nel
ricevitore e quello ricevuto dal satellite.
Questo ritardo è il tempo di propagazione
del segnale, che ci permette di calcolare la
distanza di un ricevitore da un satellite.
Come funziona il GPS
Come funziona il GPS
Tale distanza è calcolata mediante la
semplice equazione cinematica
distanza=velocità x tempo
dove la velocità è quella della luce
ossia circa 300000Km al secondo.
Come funziona il GPS
Come funziona il GPS
Ogni distanza definisce una sfera
(detta sfera di posizione ) il cui
centro è il satellite a cui si riferisce la
misura. Il rilevamento simultaneo da
più satelliti fornisce varie sfere di
posizione la cui intersezione
localizza il ricevitore.
Come funziona il GPS
Come funziona il GPS
Il ricevitore deve vedere almeno 4
satelliti simultaneamente, in modo da
poter calcolare le tre incognite legate
alla posizione, più la quarta incognita
che è il tempo.
Come funziona il GPS
Come funziona il GPS
Il tempo diventa la quarta incognita perché
come visto la determinazione della
distanza avviene attraverso la misura del
tempo necessario al segnale per giungere
dal satellite al ricevitore. Essa è cioè
ottenuta come differenza tra il tempo di
ricezione (letto sull’orologio del ricevitore)
e il tempo di trasmissione (letto
sull’orologio del satellite).
Come funziona il GPS
Come funziona il GPS
Poiché la misura della distanza avviene
tramite la misura del tempo, tutti gli
orologi dovrebbero essere sincronizzati
perfettamente, ma mentre gli orologi dei
satelliti possono essere ritenuti
sincronizzati, ciò non è possibile per i
ricevitori, quindi si deve introdurre come
ulteriore incognita lo sfasamento dei
tempi tra le scale dei due orologi.
Sottosistema Spaziale:
Sottosistema Spaziale:
IL NAVSTAR
IL NAVSTAR
Il sottosistema spaziale NAVSTAR si
compone di una costellazione di 24
satelliti disposti su 6 orbite circolari,
inclinate di 55° rispetto al piano
equatoriale terrestre, il cui raggio è
pari a circa 26000Km.
Sottosistema Spaziale:
Sottosistema Spaziale:
IL NAVSTAR
IL NAVSTAR
I satelliti percorrono un’orbita in 11 ore e
58 minuti e ripercorrono o stesso
cammino ogni 23 ore e 56 minuti.
Grazie alla notevole altezza delle orbite,
pari a circa 20000Km dalla superficie
terrestre, almeno 4 satelliti sono visibili da
ogni punto della Terra in ogni istante.
Sottosistema Spaziale:
Sottosistema Spaziale:
IL NAVSTAR
IL NAVSTAR
I satelliti del blocco NAVSTAR sono
stati di diversi tipi:
Blocco 1: costruiti dalla Rockwell
International e furono
lanciati tra il 1978 e il 1985
usando il lanciatore Atlas.
Sottosistema Spaziale:
Sottosistema Spaziale:
IL NAVSTAR
IL NAVSTAR
Blocco2: costruiti dalla General Electric
Astrspace, il loro lancio è
iniziato a partire dal Febbraio
1989. Furono i primi
perfettamente funzionanti e
a montare un orologio atomico
al cesio.
Sottosistema Spaziale:
Sottosistema Spaziale:
IL NAVSTAR
IL NAVSTAR
Dovevano essere messi in orbita
dallo Shuttle ma la tragedia del
Challenger nel 1986 fece decidere
per l’uso del lanciatore Delta II. Ne
furono lanciati 27.
Sottosistema Spaziale:
Sottosistema Spaziale:
IL NAVSTAR
IL NAVSTAR
Nel 1997 vi fu il battesimo del blocco
IIR della Lockeed Martin, i cui satelliti
erano equipaggiati con 4 orologi
atomici (2 al cesio e 2 al rubidio).
Questi satelliti possono restare per
molto tempo senza comunicare a
terra in quanto in grado di creare i
propri messaggi senza caricarli da
terra.
Sottosistema Spaziale:
Sottosistema Spaziale:
IL NAVSTAR
IL NAVSTAR
E’ stato stipulato un contratto con la
Boing per sviluppare 33 satelliti del
blocco IIF da lanciare entro il 2012.
Tali satelliti dovrebbero avere una
vita operativa di 13 anni e la
possibilità di essere programmati da
terra.
Sottosistema di Controllo
Sottosistema di Controllo
Il Control Segment si compone di tutte le
strutture che controllano i satelliti. Si
compone di una stazione principale e di 5
stazioni a terra equispaziate lungo
l’equatore, la cui posizione è nota con
grande precisione. In base alle funzioni
che svolgono sono classificate in:
Monitor Stations (MSs), Master Control
Station (MCS) e Ground Control Stations
(GCS).
Sottosistema di Controllo
Sottosistema di Controllo
La MCS si trova a Colorado Springs
(Colorado, ed è la “Falcon Air Force
Base” gestita da “U.S. Air Force’s
2nd Space Operations Squadron
(2nd SOPS). Le stazioni di
monitoraggio sono situate presso la
Falcon AFB, Hawaii, Kwajailein,
Diego Garcia, Ascensio, e servono
per ricevere informazioni dai satelliti.
Sottosistema di Controllo
Sottosistema di Controllo
Nella MCS confluiscono in tempo reale e
vengono processati i dati registrati dalle
MSs, ricavandone le correzioni per le
orbite e per gli orologi dei satelliti.
Tali dati vengono inviati ai satelliti una o
due volte al giorno tramite collegamento
radio. Le comunicazioni fra le varie
stazioni base avvengono tramite il sistema
di comunicazione satellitare della difesa
degli USA (DSCS).
Sottosistema Utenti
Sottosistema Utenti
E’ costituito da tutti gli utenti civili e
militari dotati di almeno una antenna
e di un ricevitore, capaci di acquisire
i segnali emessi dai satelliti e di
fornire il posizionamento
tridimensionale in tempo reale.
Ricevitori
Ricevitori
Ci sono ricevitori diversi per aspetto e
funzioni, ma tutti sono dotati al loro
interno di un oscillatore (di caratteristiche
tecniche inferiori a quelle dell’oscillatore
del satellite), che produce un segnale
elettromagnetico simile a quello ricevuto
dal segmento spaziale:in questo modo si
effettua la così detta replica.
Ricevitori
Ricevitori
I ricevitori si distinguono per:
Numero di canali:
Ricerca Continua (5 canali per
agganciare 5 satelliti simultaneamente)
Ricerca sequenziale (1 o 2 canali per -
agganciare un solo satellite, è quindi
necessario calcolare successivamente la
distanza dai 4 satelliti e combinare le 4
misure)
Ricevitori
Ricevitori
All in View (fino a 12 canali in modo
da poter monitorare un numero
maggiore di satelliti e appena uno
non è disponibile passare ad altri 4
satelliti senza dover iniziare una
nuova ricerca.
Ricevitori
Ricevitori
Manipolazione del segnale:
Elaborazione dei dati: la posizione
viene determinata elaborando i
segnali trasmessi dal satellite
Elaborazione del segnale: le
coordinate sono ottenute utilizzando
la fase portante del segnale
Segnali Emessi
Segnali Emessi
Ogni satellite NAVSTAR trasmette
grazie a 4 oscillatori ad alta
precisione un segnale
elettromagnetico continuo con
frequenza fondamentale f=10,23MHZ
a partire dalla quale si ottengono le 2
onde portanti che compongono il
segnale:
Segnali Emessi
Segnali Emessi
L1 a 1575,42 MHZ: trasporta il segnale per
la localizzazione grossolana e il tempo;
L2 a 1227,60 MHZ: trasporta il segnale per
la localizzazione di precisione;
La scelta di usare due frequenze è dovuta
al fatto che le perturbazioni causate dalla
ionosfera variano in funzione della
frequenza e usandone due se ne possono
valutare gli effetti.
Segnali Emessi
Segnali Emessi
Le due portanti sono modulate in
fase con 3 segnali:
C/A code : è una sequenza di rumore
pseudo-casuale (PRN), unica per
ogni satellite, di 1023 bit con
frequenza1,023 MHZ ed è trasmesso
solo su L1.
Segnali Emessi
Segnali Emessi
P(y) code : è un rumore pseudo-casuale a
10,23 MHZ che si ripete ogni 267 giorni. Il
periodo totale di 267 giorni è diviso in
segmenti di 7 giorni ciascuno e, ad ogni
satellite, viene assegnato uno di questi
segmenti che viene trasmesso su
entrambe le portanti (su L1 è traslato di
90° rispetto a C/A code). Il P code viene
criptato per evitare manomissioni (Y code)
Segnali Emessi
Segnali Emessi
D data code : è un segmento di 37500
bit a 50 HZ contenente tutti dati
inviati al satellite. Le informazioni
hanno una certa struttura: 25
pacchetti di 1500 bit, ognuno diviso
in 5 sottopacchetti da 330 bit:
Segnali Emessi
Segnali Emessi
1) parametri di correzione per gli
orologi satellitari, età dei dati inviati,
vari indici
2) e 3) effemeridi predette
4) almanacco e stato di funzionamento
di alcuni satelliti, modello ionosferico
5) almanacco e stato dei restanti
satelliti.
Operazioni del Ricevitore
Operazioni del Ricevitore
Un ricevitore GPS per determinare
con esattezza posizione velocità e
tempo deve effettuare diverse
operazioni:
Ricercare tutti i satelliti visibili e
scegliere quelli in posizione migliore
(a meno che abbia l’almanacco delle
traiettorie)
Operazioni del Ricevitore
Operazioni del Ricevitore
Decodificare il segnale ricevuto
individuando per prima cosa il satellite
che lo ha inviato. Per fare questo
confronta il PRN (unico per ogni satellite)
ricevuto con i 32 PRN possibili,
memorizzati nel ricevitore stesso: poiché
2 PRN sono fra loro ortogonali al
ricevitore basta fare una correlazione per
individuare il satellite giusto. Si considera
terminata l’operazione di individuazione
quando si ottiene la correlazione
massima.
Operazioni del Ricevitore
Operazioni del Ricevitore
Tramite la triangolazione e le
informazioni ricevute, il ricevitore
calcola sua posizione. Tale misura ha
degli errori dovuti a vari effetti
(ionosfera , sincronizzazione
orologi), per questo la distanza
misurata dal GPS è detta
Pseudorange.
Precisione
Precisione
IL GPS fornisce due tipi di servizio di
posizione:
PPS : più preciso, per uso militare, è
disponibile solo a persone autorizzate. Il
segnale che porta tali informazioni è il
P-code trasmesso sia su L1 che L2, è
criptato (Y-code). Ha una accuratezza
garantito per il 95% del tempo sotto i 13 m.
Precisione
Precisione
SPS : è un servizio accessibile a tutti
gli utenti GPS, quindi meno accurato
di quello militare. E’ trasmesso dal
C/a code solo su L1 e assicura una
precisione di 25 m per il 95% del
tempo.
Precisione
Precisione
Il DoD (Department of Defense) aveva
imposto una degradazione del segnale,
che comportava una imprecisione di 100
m, disattivata però durante la Guerra del
Golfo (perché i militari non avevano
abbastanza ricevitori militari in grado di
decodificare il P(y)-code?). In caso di
necessità tale degradazione verrà
reintrodotta dal DoD.
Fonti di Errori
Fonti di Errori
Gli errori commessi dal GPS sono
dovuti a vari fattori:
Inesattezza sul tempo che porta ad
un errore di circa 1 m.
Errore di stima della posizione del
satellite rispetto alla terra che porta
ad un errore di circa 1 m.
Fonti di Errori
Fonti di Errori
Rumore di fondo
Ritardo temporale causato dalla
Troposfera e dalla Ionosfera
(quest’ultimo viene corretto dal PPS)
per un errore complessivo di circa 12
m.
Fonti di Errori
Fonti di Errori
Se i satelliti inoltre non si trovano in una
posizione ottimale tali errori sono
accentuati.Un parametro per valutare la
posizione dei satelliti è il GDOP
(Degradazione Geometrica della
Posizione).
Se GDOP è alto la situazione è
sfavorevole, se basso la situazione è
sfavorevole (di solito si considera buono il
valore 4).
DGPS
DGPS
Per migliorare la precisione del GPS
si usa il GPS Differenziale (DGPS)
che lavora sulla teoria che ricevitori
prossimi fra loro siano soggetti agli
stessi errori.Se si misura l’errore
sistematico in una posizione nota lo
si può eliminare quando si determina
una posizione vicina ma non nota.
DGPS
DGPS
La stazione base, che è quella di posizione
nota con alta precisione, calcola l’errore di
pseudorange e la relativa correzione per
ciascun satellite in vista. I Rovers
(ricevitori remoti), ricevono tale correzione
e sono così in grado di effettuare le
correzioni sulla stima delle loro posizioni.
Questo procedimento è efficace se
stazione base e Rover non sono
eccessivamente distanti (meno di
1500Km), perché devono vedere gli stessi
satelliti con lo stesso GDOP.
DGPS
DGPS
Il DGPS non fa differenza fra PPS e SPS e
riduce notevolmente gli errori portando ad
una accuratezza di circa 5 m.
Per avere una precisione millimetrica si
usa la tecnica della Carrier-Phase DGPS,
che effettua una differenza di fase della
portante che si misura quando uno stesso
segmento arriva a 2 ricevitori fra loro
prossimi (meno di 30 Km).
Cenni su GLONASS
Cenni su GLONASS
GLONASS è il sistema satellitare
Russo e si compone di una
costellazione di 24 satelliti disposti
su 3 orbite tra loro equidistanti, con
una inclinazione dei piani orbitali
rispetto all’equatore di 64,8°. Ogni
satellite percorre un’orbita circolare
che compie in 11 ore e 15 minuti.
Insufficienze del GPS
Insufficienze del GPS
Il GPS, può essere usato per scopi civili,
ma presenta gravi deficienze:
Una precisione mediocre e mutevole a
seconda dei luoghi e dei momenti, fino a
10 m;
Scarsa affidabilità: la copertura di regioni
situate a latitudini estreme ma battute da
molte rotte aeree non è garantita, come
non lo è in zone densamente urbane;
Insufficienze del GPS
Insufficienze del GPS
Una volontaria o involontaria
interruzione del segnale può avere
conseguenze catastrofiche,
soprattutto perché non preceduta da
un avviso preliminare (un aereo
canadese ha subito una interruzione
non annunciata di più di un’ora e
aerei civili Statunitensi hanno subito
una interruzione di 20 minuti).
Insufficienze
Insufficienze
delGPS
delGPS
Essendo sotto la responsabilità
militare non esiste una garanzia e un
impegno di responsabilità in caso ad
esempio di incidente aereo o
naufragio di una petroliera, o altro.
Per questo motivo l’Unione Europea
intende sviluppare un sistema ideato
a scopi civili, Galileo.
GALILEO
GALILEO
Riconoscendo l’importanza
strategica della navigazione
satellitare e delle sue applicazioni
l’Europa ha iniziato a investire in
questo campo, prima con il
programma EGNOS e poi con il
programma Galileo.
Servizi Offerti da Galileo
Servizi Offerti da Galileo
Galileo sarà il Sistema Globale di
Navigazione Satellitare Europeo e
fornirà un gran numero di servizi.
Servizi Offerti da Galileo
Servizi Offerti da Galileo
I servizi offerti da Galileo sono il
risultato di studi sulle specifiche
richieste dagli utenti e delle possibili
capacità del sistema, oltre ad una
ottimizzazione della architettura di
Galileo.
Servizi di Navigazione
Servizi di Navigazione
Un qualsiasi utente dotato di un ricevitore
Galileo adeguato al tipo di servizio
richiesto, potrà accedere ai servizi di
navigazione. Questi servizi sono stati
definiti considerando che devono
soddisfare la maggioranza delle richieste
degli utenti, sfruttando direttamente i
segnali emessi dai satelliti o le
componenti locali del sistema oppure
interagendo con gli altri componenti del
GNSS (GPS, EGNOSS, etc), e sono:
Servizi di Navigazione
Servizi di Navigazione
- Open Service: servizio base,gratuito, con
prestazioni competitive ma compatibili
all’equivalente servizio offerto dal GPS,
accessibile a chiunque sarà fornito di un
ricevitore Galileo in grado di ricevere
comunque anche i segnali degli altri
sistemi esistenti. Inoltre fornisce un
preciso servizio del calcolo del tempo
(UTC, Universal Time Co-ordinate) che
può essere utilizzato per applicazioni
scientifiche o sincronizzazioni di network.
Servizi di Navigazione
Servizi di Navigazione
Le applicazioni principali saranno:
navigazione privata su strada,
navigazione aerea e marittima, telefonia
mobile, usi industriali e privati.
Numerosi tipi di ricevitori saranno
sviluppati a vari prezzi a seconda delle
applicazioni che dovranno fornire. Verrà
realizzato attraverso due segnali di
navigazione separati in frequenza.
Servizi di Navigazione
Servizi di Navigazione
- Commercial Service : fornisce un servizio
di valore aggiunto rispetto all’Open
Service. L’accesso a questo servizio sarà
controllato a livello ricevitore e verranno
usate chiavi di protezione all’accesso. I
servizi proposti dovranno inoltre
assicurare: garanzie sul servizio, allarmi di
integrità, precisione nel servizio di calcolo
del tempo, modelli dei ritardi introdotti
dalla ionosfera e correzioni differenziali
per fornire con estrema precisione il
servizio di posizionamento.
Servizi di Navigazione
Servizi di Navigazione
Le principali applicazioni riguardano
utenti professionali, disposti a
pagare per un servizio garantito,
specialmente nelle aree della
geodesia, in attività che coinvolgono
dogane, nella sincronizzazione di
network, nella gestione di flotte
marittime e altro.
Servizi di Navigazione
Servizi di Navigazione
Avendo un accesso controllato, sia
per gli utenti che per i fornitori dei
servizi a valore aggiunto, sarà fonte
di reddito proveniente dagli
abbonamenti sottoscritti per
accedere al servizio.
Servizi di Navigazione
Servizi di Navigazione
Sarà fornito all’interno degli Open
signals, ma attraverso dati criptati,
inoltre sarà possibile l’accesso ad un
terzo segnale, separato in frequenza
dagli altri, per dare agli utenti la
possibilità di sfruttare le tecniche
TCAR per migliorare l’accuratezza.
Servizi di Navigazione
Servizi di Navigazione
- Safety of Life Service: fornisce
prestazioni altamente precise e sicure.
Verrà offerto ad utenti che necessitano di
una notevole qualità, precisione e
affidabilità della trasmissione dei segnali.
Avrà un alto livello di integrità fornendo gli
utenti di messaggi di allarme, in caso di
malfunzionamento, in tempi brevissimi.
Servizi di Navigazione
Servizi di Navigazione
Sarà certificato, in accordo con le
regolamentazioni vigenti nei vari tipi
di trasporto (ICAO per il trasporto
aereo, Imo per il trasporto marittimo,
così come con qualsiasi altra
regolamentazione Europea futura
inerente alla Politica del Trasporto
Comunitario).
Servizi di Navigazione
Servizi di Navigazione
Per l’accesso a questo servizio
saranno richiesti ricevitori
specializzati. Per motivi di sicurezza i
segnali inerenti a questo servizio
saranno forniti su frequenze diverse.
Servizi di Navigazione
Servizi di Navigazione
Le principali applicazioni riguardano
la navigazione aerea e marittima, la
gestione del traffico ferroviario e
stradale, accesso controllato a città e
cittadini (monitoraggio di persone
pericolose), trasporto di sostanze
pericolose, registrazione delle
scatole nere.
Servizi di Navigazione
Servizi di Navigazione
I redditi inerenti a questo servizio saranno
generati fornendo un accesso controllato
al segnale, per utenti del tipo:
controllori del traffico aereo, compagnie
aeree e ferroviarie, dogane, etc. Per servizi
con alti livelli di sicurezza si sta vagliando
l’ipotesi di criptare il segnale.
Servizi di Navigazione
Servizi di Navigazione
- Public Regulated Service :
servizio ad uso governativo, sotto il
controllo degli Stati Membri della EU e
solo a loro accessibile. La distribuzione
dei ricevitori per questo servizio è
controllata dalla EU. Si occupa di
sicurezza nazionale (polizia, protezione
civile, servizi di emergenza), di attività
economiche o industriali di interesse
strategico per l’Europa.
Servizi di Navigazione
Servizi di Navigazione
Servizi di Navigazione forniti dalle
componenti locali:
lo spiegamento di componenti locali sarà
guidato da necessità di mercato e degli
utenti, per questo potranno fornire
prestazioni più elevate, portando ad
esempio il tempo di allarme di integrità al
di sotto del secondo e l’accuratezza del
posizionamento sotto il metro.
Search and Rescue
Search and Rescue
Service
Service
Galileo migliorerà il tempo di scoperta e
l’accuratezza della localizzazione delle
fonti di allarme (distress beacons) rispetto
al corrente servizio (Global Maritime
Distress and Safety System: COSPASS-
SARSAT) e fornirà l’utente di un
messaggio di ritorno dell’avvenuto
riconoscimento della richiesta di allarme.
Il servizio è comunque definito in
cooperazione con COSPASS-SARSAT.
Search and Rescue
Search and Rescue
Service
Service
In particolare l’errore sulla
determinazione della posizione
dell’utente che ha richiesto aiuto
scenderà con Galileo dagli attuali
5Km ai 10 m (questo grazie ai nuovi
beacons equipaggiati con i ricevitori
Galileo).
Navigation Related
Navigation Related
Communication Service
Communication Service
L’idea di base di questo servizio è di
combinare l’uso del Sistema Galileo con
quello delle attuali radio networks
satellitari o terrestri per uno sfruttamento
commerciale della localizzazione e della
gestione dei trasporti. Questo può essere
fatto dotando i satelliti Galileo di
commercial payload. Il servizio inoltre
permette una trasmissione quasi
istantanea di piccoli messaggi fra utenti e
centro servizi e viceversa.
Gnss
Gnss
-
-
1
1
Service
Service
E’ un servizio destinato inizialmente a
essere fornito da EGNOS, ma in
seguito il segnale erogato da EGNOS
sarà trasmesso anche da Galileo,
per fornire una continuità del
servizio. Attualmente EGNOS
permette di portare l’accuratezza del
posizionamento sotto i 5m rispetto ai
20 dei sistemi GPS e GLONASS.
Copertura e prestazioni di
Copertura e prestazioni di
EGNOS
EGNOS
Architettura del Sistema
Architettura del Sistema
IL sistema Galileo è formato da una
serie di componenti:
Componente Globale:
Componente Globale:
Si compone di:
Una costellazione di 30 satelliti in
Medium-Earth Orbit (MEO) in grado
di fornire una adeguata copertura al
fine di erogare i servizi sulle basi
terrestri. Ogni satellite sarà fornito di
un transponder di navigazione e di
un transponder Search e Rescue.
Componente Globale
Componente Globale
Un Segmento Terrestre responsabile della
gestione della costellazione di satelliti,
che controllerà le funzioni base della
navigazione (determinazioni orbite,
sincronizzazione orologi) e processerà e
diffonderà, tramite i satelliti MEO, le
informazioni sulla integrità dei dati
trasmessi a livello globale.
Componente Globale
Componente Globale
Fornirà inoltre l’interfaccia con i
centri di servizio (erogando così un
servizio commerciale di valore
aggiunto) e con il segmento terrestre
del COSPASS-SARSAT, per
realizzare il servizio Search e
Rescue.
Componenti Regionali
Componenti Regionali
Si compongono di:
Componenti regionali non Europee, ossia
segmenti terrestri in una specifica area
che non adottano l’integrità dei dati
globale del sistema Galileo. Lo sviluppo la
gestione e i costi di tali strutture sono
sotto la responsabilità dei relative fornitori
del servizio nelle regioni.
Componenti Regionali
Componenti Regionali
In questo caso l’integrità dei dati può
essere direttamente up-linked al
satellite da ogni regione o dirottata al
segmento terrestre della componente
globale per essere up-linked al
satellite assieme ai dati del S&R e a
quelli del fornitore del servizio.
Componenti Regionali
Componenti Regionali
Infrastrutture di EGNOS che fornisce
l’integrità e le correzioni differenziali
per i sistemi GPS e GLONASS
attraverso i satelliti geostazionari
Componenti Locali
Componenti Locali
Sono strutture (network) che
forniscono delle prestazioni più
elevate ( accuratezza elevata, minor
tempo di allarme) in alcune aree
locali, rispetto a quelle standard
fornite dal sistema globale.
Componenti Locali
Componenti Locali
Tali componenti saranno in grado di
fornire anche altri servizi:
- dati commerciali (mappe, database)
- ulteriori segnali di navigazione
- miglioramento dei dati per il
posizionamento in aree con scarsa
ricezione del segnale sfruttando le
stazioni GSM o UMTS.
Componenti Locali
Componenti Locali
Facendo un attento uso delle
caratteristiche e delle capacità delle
operazioni delle componenti locali e
fornendo un accurato spiegamento
delle componenti locali, sotto la
responsabilità di fornitori di
potenziali servizi, i segnali di Galileo
potrebbero essere sfruttati
commercialmente.
Segmento Utenti
Segmento Utenti
E’ composto dai ricevitori e dai loro
utilizzatori, che variano a seconda
dei differenti servizi offerti da Galileo.
Centri di Servizio
Centri di Servizio
Tramite i Centri di Servizio Galileo
fornisce un interfaccia con gli utenti e con
i fornitori di servizi di valore aggiunto.Tali
centri possono fornire:
- informazioni e garanzie su
prestazioni e archiviazione dati
- gestioni di chiavi di accesso
- assicurazioni e assistenza legale
- gestione di certificazione e licenze
- interfaccia commerciali
- gestione aspetti economici
Servizi Particolari
Servizi Particolari
Ci sono due particolari operazioni che
possono essere effettuate sui segnali
inviati, al fine di rendere accessibili o
meno le informazioni contenute nei
segnali:
Servizi Particolari
Servizi Particolari
Criptaggio : i dati e i codici inviati
possono essere criptati al fine di
esercitare un controllo sull’accesso ai
servizi forniti. Questa procedura può
essere attivata in maniera permanente o
temporanea al fine di rispondere alle
evoluzioni delle richieste del mercato e
degli utenti, oppure per questioni di
sicurezza
Servizi Particolari
Servizi Particolari
Service Denial : Denial è la capacità del
sistema di negare l’accesso alle risorse
del sistema, per evitarne un cattivo uso da
parte di utenti non autorizzati. Inizialmente
sarà applicato solo sui codici che
riportano informazioni sulla navigazione
(rangig codes), ma potrà essere applicato
anche ai dati per un ipotetico scopo
commerciale.
Servizi Particolari
Servizi Particolari
Il Denial potrà essere applicato
tramite una adeguata gestione di
chiavi, ma potrà anche essere
ottenuto applicando ai segnali del
“rumore” attraverso le radio
frequenze locali (interferendo quindi
con le frequenze di trasmissione dei
segnali contenenti i ranging codes)
Segnali Emessi
Segnali Emessi
I servizi erogati dal sistema Galileo
sono il risultato di una attenta
combinazione dei segnali inviati dai
satelliti.
I servizi sono supportati dai seguenti
segnali e dati:
Segnali Emessi
Segnali Emessi
Open,Commercial and Safety of Life
Navigation Services:
- Due Segnali di Navigazione aperti sono
usati in comune da questi servizi. I due
segnali sono separati in frequenza al fine
di ottenere accurate misure della
ionosfera tramite differenziazione delle
informazioni ricavate relative ad ogni
frequenza.
Segnali Emessi
Segnali Emessi
Ogni segnale è composto da due ranging
codes e i dati sono sommati ad uno di
questi, mentre l’altro è dedicato a
supportare informazioni più precise sulle
misure di navigazione. Inizialmente
nessuno dei due ranging codes sarà
criptato in quanto destinati a supportare
l’Open e Safety of Life Services, ma in
futuro quello contenente i dati potrebbe
esserlo per scopi commerciali.
Segnali Emessi
Segnali Emessi
- Un terzo segnale di navigazione, separato
in frequenza dai precedenti per supportare
lo sviluppo di particolari servizi in aree
locali, utilizzando la tecnica TCAR (Three
Carrier phase Ambiguity Resolution). La
possibilità di criptare i ranging codes di
questa terza portante è integrata nei
satelliti e può essere attivata o meno a
seconda che la tecnica TCAR verrà
sviluppata per i servizi commerciali o per
migliorare le prestazioni delle componenti
globali.
Segnali Emessi
Segnali Emessi
- Integrity Data è un segnale aperto
che può essere criptato nel caso
possa essere usato a scopi
commerciali. E’ richiesto per
applicazioni relative al Safety of Life
Service.
Segnali Emessi
Segnali Emessi
- Commercial Data : viene divulgato
tramite i segnali aperti per fornire
servizi commerciali (mappe,
correzioni ).
Segnali Emessi
Segnali Emessi
Public Regulated Navigation Services :
- Due segnali di navigazione regolati con
rangig codes criptati. Occupano due
spettri di frequenza diversi da quelli dei
segnali usati per i servizi precedenti,
permettendo così l’applicazioni di disturbi
tramite radio frequenze locali senza
interferire con i segnali regolati.
Segnali Emessi
Segnali Emessi
Componenti Locali:
Saranno in grado di fornire dei segnali che
miglioreranno le prestazioni dei servizi
ottenuti direttamente dai segnali dei
satelliti in quelle aree dove i satelliti non
sono in vista (garage, tunnel). Questi
segnali sono utilizzati per i servizi
commerciali, di sicurezza e governativi. In
particolare il servizio commerciale
sfrutterà i segnali di navigazione aperti.
Segnali Emessi
Segnali Emessi
In questo caso l’applicazione della
TCAR può essere ottenuta senza il
criptaggio dei ranging codes del
terzo segnale di navigazione, in
quanto le misure effettuate sono
locali e quindi basterà verificare
l’accesso a tali misure tramite un
accesso controllato degli utenti.
Segnali Emessi
Segnali Emessi
Bisogna inoltre considerare il
servizio di S&R COSPAS-SARSAT.
Ogni satellite Galileo supporta un
transponder S&R. Galileo migliora le
attuali prestazioni di questo servizio:
Segnali Emessi
Segnali Emessi
quando un utente invia una richiesta di
aiuto tramite un COSPAS-SARSAT
beacon, questo messaggio viene ricevuto
dal transponder S&R e viene inviato a
terra alla stazione del COSPAS-SARSAT
che lo invierà al centro soccorsi e invierà
anche un messaggio di ritorno (tramite
satellite) all’utente che ha richiesto aiuto.
Segnali Emessi
Segnali Emessi
Tutte queste trasmissioni avvengono
su frequenze già stanziate per questi
tipi di servizio.
Il messaggio di ritorno è incluso nel
segnale di navigazione
Piano delle Frequenze
Piano delle Frequenze
Le frequenze dedicate ai segnali di
Galileo sono state concordate
all’International Telecomminications
Union (UTC) e alla World Radio
Communivìcation Conference
(WARC). Sono state scelte 4 bande di
frequenza:
Piano della Frequenze
Piano della Frequenze
- E5 e L5, che coprono le frequenze da 1164
MHz a 1215 MHz, con uno spettro di
frequenza di 24 MHz. Recenti studi
raccomandano come centro di frequenza i
1202 o i 1207 MHz.
Questa banda conterrà il segnale aperto
degli Open e Safety of Life service.
Piano delle Frequenze
Piano delle Frequenze
- E6, da 1260 a 1300MHz, con uno
spettro di frequenza di 30 MHz.
Supporterà i segnali del Public
Regulated Service e del Open
(Commercial-encripted,TCAR)
Service
Piano delle Frequenze
Piano delle Frequenze
- E2, da 1559 a 1563 MHz. Supporta
un segnale per il Public Rfegulated
Service
- E1, da 1587 a 1591 MHz. Supporta i
segnali per l’Open Service e il Safety
of Life Service.
Piano delle Frequenze
Piano delle Frequenze
A seconda della larghezza di banda
la velocità di trasmissione varia per
ogni banda: dai 2-4 Mcps per la E1 ed
E2, ai 5-10 Mcps per la E6, ai 10-20
Mcps della E5. I dati potrebbero
essere trasmessi ad una velocità di
1000bps, ma all’inizio tale velocità
sarà di 50 bps, come per il GPS.
Piano delle Frequenze
Piano delle Frequenze
Il messaggio di navigazione è stato
definito come un set di frame types che
verranno ripetuti o inviati per ogni tipo di
dati. In questo modo se un canale di
trasmissione non è pienamente occupato
i dati base della navigazione saranno
ripetuti più spesso diminuendo il tempo di
inizializzazione e di acquisizione dei
ricevitori.
Integrazione con EGNOS
Integrazione con EGNOS
EGNOS fornirà il suo servizio di
integrazione dei dati provenienti dai
sistemi GPS e GLONASS secondo gli
accordi internazionali fino al
2015-2018.Fino a quella data Galileo
interagirà con EGNOSS e
successivamente integrerà le sue
funzioni.
Politica di Sicurezza
Politica di Sicurezza
Il piano di sicurezza del Sistema
Galileo , Galileo System Security
Board (GSSB),rispetta le indicazioni
del Common Foreign and Security
Policy (CFSP) del Trattato di
Maastricht, dei documenti System
Specific Security Requirements
Statements Document (SSRS) e
Project Security Instructions PSI)
Politica di Sicurezza
Politica di Sicurezza
La gestione e le esigenze di sicurezza
legate al programma Galileo sono sotto la
responsabilità della EU. Si deve
provvedere alla sicurezza delle
infrastrutture(uffici, segmento spaziale
etc), dei segnali e delle chiavi di accesso
ai servizi. Deve inoltre essere garantita la
sicurezza dei servizi offerti per tutelare gli
utenti .
Politica di Sicurezza
Politica di Sicurezza
La sicurezza del segmento spaziale
(comunicazione tra Segmento di
controllo e satelliti) rispetta le norme
vigenti, inoltre le infrastrutture del
Segmento terrestre sono considerate
obbiettivi sensibili e quindi vanno
protette con maggiore attenzione.
Politica di Sicurezza
Politica di Sicurezza
Per quanto riguarda il Safety of Life
Service , questo può essere
sottoposto al Denial per questioni di
sicurezza che comunque non
possono mai essere anteposte alla
sicurezza della vita.
Piano di Sviluppo
Piano di Sviluppo
Lo sviluppo di Galileo prevede uno
spiegamento progressivo dei suoi servizi.
L’integrità con EGNOS è prevista a partire
dal 2004, mentre la realizzazione del
primo satellite sperimentale è prevista per
la fine del 2003. Lo spiegamento di una
prima costellazione limitata e una ridotta
quantità di infrastrutture terrestri in grado
di fornire un primo servizio potrebbe
essere operativa dal 2007.
Investimenti
Investimenti
Il costo di sviluppo e di spiegamento
di Galileo, che include il lancio dei
satelliti e la messa in atto delle
apparecchiature al suolo, è di circa
3,2 - 3,4 miliardi di euro. Il costo di
mantenimento della costellazione in
orbita, incluso il costo della
sostituzione dei satelliti, è stimato in
circa 200 milioni di euro l’anno.
Investimenti
Investimenti
Se si considera che è equivalente al
costo di costruzione di 150 Km di
autostrade semiurbane o di quello
del traforo di un solo tunnel
principale del futuro collegamento
ferroviario ad alta velocità tra Lione e
Torino e sempre nell’ipotesi che il
tunnel sia monocanna, si capisce
che Galileo non è caro.
Investimenti
Investimenti
Diversi studi intrapresi dimostrano la
redditività economica del progetto:
L’ultimo studio condotto dalla
PricewaterhouseCoopers, che si fonda su
proiezioni attualizzate su 20 anni, tiene
conto di un rapporto costi/benefici del 4,6
(rapporto che non è raggiunto da alcun
altro progetto d’infrastruttura in Europa) e
che si basa su stime che hanno tenuto
conto, nel valutare i profitti, solo il settore
aereo, marittimo e solo in parte quello
stradale
Investimenti
Investimenti
Per la fase di sviluppo (2002 – 2005)
il contributo dell’Unione Europea di
550 miliardi di euro è già
programmato nel bilancio
comunitario e l’ESA dispone della
stessa cifra.
Investimenti
Investimenti
Per la fase di spiegamento
(2006 – 2007) la CE includerà nella
sua programmazione un
finanziamento pubblico a sua volta
prelevato dal bilancio comunitario, al
quale si aggiungerà un
finanziamento privato delle imprese
intenzionate a partecipare la
progetto.
Investimenti
Investimenti
Per la fase di sfruttamento del progetto
che comincia nel 2008, lo studio della
PricewaterhouseCoopers prevede una
partecipazione pubblica decrescente fino
al 2015; si tratterà di un anticipo sul
bilancio comunitario e non di una
sovvenzione, poiché potrà essere
compensata da diritti moderati sull’uso del
sistema. Il progetto comincerà a generare
reddito operativo dal 2011.
Investimenti
Investimenti
Sempre la ProcewaterhouseCooper ha
inoltre ribadito che è fondamentale che
Galileo entri in servizio nel 2008 per poter
occupare le quote di mercato disponibili
prima dell’arrivo eventuale del GPS III
americano, producendo un incremento
della vendita dei servizi relativi a Galileo
da 100m nel 2010 a circa 875m nel 2020
con una penetrazione del mercato che
passa dal 13% al 52%.
Nuova Società
Nuova Società
Per completare la fase di sviluppo e
preparare la fase di spiegamento, per
la prima volta si è fatto uso di una
forma di società prevista negli
accordi europei: l’impresa comune,
ossia una struttura giuridica che
spinge ad una partnership
pubblico-privato (PPP) che coinvolge
le imprese.
Nuova Società
Nuova Società
Il principale obiettivo di una PPP è la
realizzazione di reddito per la parte
pubblica trasferendo la maggior
parte dei rischi al settore privato, in
modo da incentivare l’ottimizzazione
delle tecniche e dei costi del
sistema.
Nuova Società
Nuova Società
Le grandi imprese industriali che
parteciperanno alla PPP potranno
beneficiare degli enormi appalti
generati da Galileo.
Conclusioni e Indiscrezioni
Conclusioni e Indiscrezioni
Galileo sarà il sistema di navigazione
satellitare Europeo, progettato per
scopi civili ma utilizzabile anche in
caso di necessità per scopi militari.
E’ un progetto congiunto della EU e
della ESA, ma Russia, Canada,Cina
Australia e altri paesi hanno già
dimostrato interesse al progetto.
Conclusioni e Indiscrezioni
Conclusioni e Indiscrezioni
Si parla di 14 stazioni terrestri in vari
punti del globo, collegate a quella
centrale in Europa.
Conclusioni e Indiscrezioni
Conclusioni e Indiscrezioni
Gli Stati Uniti, che stanno per
inaugurare il nuovo GPS, hanno
mostrato preoccupazione per
l’avvento di Galileo, preoccupati di
perdere il predominio nel campo
della navigazione satellitare.
Documenti correlati
Documenti correlati
Viene allegato un documento sulle
specifiche delle frequenze e dei
segnali di Galileo