You are on page 1of 4

Difficoltà

:
bassa
Preparazione:
40 min
Cottura:
30 min
Dosi per:
4 persone
Costo:
basso
Preparazione
Cozze ripiene
Secondi piatti
Continuano le ricette delle nostre blogger, ospiti della cucina di
GialloZafferano: oggi tocca a Nunzia Bellomo, del blog Miele di
Lavanda , che ci presenta una specilità della sua terra, la Puglia!
Nunzia, insieme a Sonia, ci porterà alla scoperta di un saporito
secondo piatto a base di cozze ripiene, con un gustoso impasto, e
cotte nel sugo.
Le cozze ripiene sono un modo davvero buono di cucinare questi
molluschi, ingrendiente principale di molte altre ricette pugliesi; il
ripieno è fatto con mollica di pane ammollata, prezzemolo tritato,
pecorino e uova e viene usato per farcire le cozze aperte da crude.
La particolarità è che le cozze, una volta farcite, vengono chiuse, con
un gesto che solo le massaie pugliesi conoscono e che Nunzia ci
illustrerà, da un filo di cotone per non far fuoriscire il ripieno
durante la cottura nel sugo di pomodoro!
Una volta a tavola aiutatevi con una forbicina o con il coltello:
sentirete che gusto queste cozze ripiene!
Ingredienti
Pane mollica 200 gr
Cozze già pulite 500 gr
Aglio 1 spicchio
Prezzemolo tritato q.b.
Pepe q.b.
Sale q.b.
Pecorino rodez o romano grattugiato 30 gr
Uova 1 medio
Acqua per ammollo 700 ml
PER IL SUGO
Aglio 1 spicchio
Olio di oliva extravergine q.b.
Pomodori passata 750 ml
Per preparare le cozze ripiene, iniziate ad ammollare il pane nell'acqua: ponete la mollica del pane privato della crosta
(oppure ponete il pane con la crosta che poi eliminerete dopo) in una ciotola con circa mezzo litro d'acqua. Lasciate la mollica
in acqua fino a quando non sarà morbida (2). Intanto sminuzzate il prezzemolo e l'aglio per dopo. Strizzate bene la mollica,
ponendola in un colino e schiacciandola con il dorso di un cucchiaio (3).
Unite alla mollica strizzata, il prezzemolo tritato e l'aglio sminuzzato (4-5), il pecorino grattugiato (6) poi
il sale, il pepe e l'uovo (7). Impastate gli ingredienti con le mani oppure con una forchetta (8) per ottenere un impasto
compatto e omogeneo che lascerete da parte (9).
Ora bisogna aprire le cozze crude, che avrete già raschiato dalle impurità (clicca qui per vedere come pulire le cozze):
schiacciate leggermente il guscio del mollusco con le dita, per far sì che le valve si aprano leggermente; quindi, partendo dal
lato della cozza che presenta una sporgenza, infilate la punta di un coltellino rivolta verso il basso, in modo da tagliare il
muscolo (10). A questo punto girate attorno al mollusco con il coltellino (11), facendo attenzione di avere la lama sempre
rivolta verso il basso, e aprite la cozza (12) tenendo il frutto solo da un lato.
Una volta aperte tutte le cozze, prendete piccole quantità di impasto e farcite ogni singola cozza fino a terminarle (13-14).
Terminato il riempimento, riprendete ogni cozza e chiudetela  con il cotone, eliminando gli eccessi di impasto che fuoriesce.
Prendete un filo di cotone da cucito e attorcigliatelo più volte attorno alle cozza, stringendo (15).
Una volta fissata, passate il filo nella cozza e tirate in giù per fissare la chiusura (16-17). Ricordate di eliminare tutti gli eccessi
di impasto prima di cuocere le cozze così da non sporcare il sugo (18).
In una pentola alta e stretta, che permetta alle cozze di essere immerse completamente nel sugo, mettiamo uno spicchio d'
aglio e dell'olio extravergine d'oliva (19); fate rosolare l'olio e aggiungete la passata di pomodoro (20). Non appena il sugo
inizia a bollire, aggiungete le cozze ad una a una delicatamente e lasciate cuocere, con un coperchio, a fiamma bassa per circa
15/20 minuti (21). Le cozze ripiene saranno pronte per essere gustate: prelevatele dal sugo e servitele in tavola! Per tagliare
il cotone usate un coltellino o una forbice; il sugo potrete usarlo per condire la pasta!
Conservazione
Le cozze ripiene possono essere conservate in frigorifero, coperte, per circa 2 giorni.
Si sconsiglia la congelazione.
Il consiglio di Sonia
Come mi insegnava mio padre, il segreto per cozze da leccarsi i baffi sta nella loro acqua: quando le aprite, invece di
buttarla, raccoglietela in una ciotolina e ammollatevi il pane (il migliore è quello pugliese, di Altamura, perfetto per
assorbire sughetti prelibati!), sentirete che meraviglia! Dal punto di vista tecnico, cambia poco: le cozze rilasceranno circa
200 ml di liquido, al quale dovrete aggiungere altri 300 ml circa d’acqua.