You are on page 1of 4

O

rmai non ci sono pi remore: il debito sovra-


no rischia di diventare una moda se non una
ossessione. Le economie traballano, le cifre
ballano e cos si pensa ai buoni di emissione
statale con i quali i singoli paesi potrebbero
cercare una via di uscita barattando carta finta
con soldi veri. Si tratta certo di una boutade,
ma non casuale che in questa materia si iden-
tifichino le provenienze nazionali con le rispet-
tive danze caratteristiche: dai tangobond argen-
tini si passa ora ai sirtakibond greci e ai fado-
bond portoghesi, mentre entrano nel linguaggio
comune parole pi temute che misteriose come
il fatidico spread, il suggestivo swap, gli inar-
rivabili six pack, il severo fiscal compact, ma
anche i pi che comprensibili deficit e austerity.
Su tutto si erge la locomotiva tedesca imperso-
nata da Angela Merkel, il cui candidato preferi-
to allEliseo perde vistosamente colpi.
Nel balletto dei numeri si contano voti e previ-
sioni nel nuovo come nel vecchio continente. La
corsa per la nomination repubblicana alla Casa
Bianca segna laffermazione in Alabama e Mis-
sissipi di Rick Santorum, a dispetto dei sondag-
gi che nelle ultime ore davano Mitt Romney in
forte recupero. I pronostici per lesito finale so-
no ancora a favore di questultimo, ma in poli-
tica come in economia non sempre i calcoli tro-
vano riscontro nella realt. Su questo ragiona-
mento poggia forse le sue residue speranze
Nicolas Sarkozy che viene dato per battuto in
entrambi i turni elettorali da Franois Hollande.
I due contendenti si sfidano a suon di proclami
nella caccia fiscale ai grandi gruppi e ai con-
tribuenti benestanti, gareggiando a chi chiede
pi sacrifici. Una contesa del genere difficil-
mente ipotizzabile dalle nostre parti, dove nel
gioco delle illusioni collettive si preferisce alla
miseria vera la falsa nobilt.
Pianto greco
Lillo S. Bruccoleri
Parlo de Roma e a prova der contrario
me devi d se questo nun amore,
ch dentro sta parola ce sta er core:
un parpito dar mito leggendario!
Millenni che s aperto sto scenario:
come su un parcoscenico... dattore;
qui pure un poveraccio fa er signore
e Roma je d tutto er necessario.
Perch, se voi sapello, in fonno in fonno
je p abbast sortanto la presenza
e come lei nun c nissuna ar monno.
C storia der passato e der presente.
Poi chi vi qui p fasse nesperienza
e nun p d: Nun ho imparato gnente!
Roberto Ciavarro
Lunica ar monno
Forestiero
di Clelia De Sanctis Gelmetti
TESTATA ORIGINALE DEL 1887, IDEATA DA EDOARDO PERINO
Anno 125
NUMERO PROGRESSIVO 12934
MARTEDI 27 MARZO 2012
Spedizione in abbonamento postale
45 per cento - Art. 2, comma 20,
lettera b), legge n. 662 del 1996
SVENAMENTI
Un anno euro quaranta
E se p av in premio un bel libro da
leggcce drento, che ci poco sonno
Internet: www.rugantino.it
Mail: info@rugantino.it
SETTIMANALE
SATIRICO POLITICO
Baccaja ogni marted
Tanto a Roma che fora costa UN EURO
C poco da rug, smo o nun smo?
(G.G. Belli)
100
Ecco qui Roma! Ner tramonto doro
mappare bella da levamme er fiato.
La guardo e piano piano massaporo
la gioia de stamore aritrovato.
So partito sognanno notte e giorno
sto momento che adesso me savvera.
So stato n emigrante e mo aritorno;
ci un capitale, ho fatto na cariera.
Cro ar quartiere mio: cera Maria...
cera un mignano... cera... cera... Gnente!
Manco pi lombra de li sogni mia.
Me crolla addosso un muro indifferente.
Tutto cambiato: quanta nostargia!
Sei forestiero? chiede un regazzino.
So forestiero drento Roma mia.
Vorei strill che so trasteverino,
ma nun ci forza e me se strigne er core.
Poi allimproviso vanno via cor vento
zitte zitte du lacrime damore.
Potessi arivedette pe n momento
comeri, Roma, quanno tho lassato!
Te giuro che darei senza penzacce
tutto quer capitale accumulato.
So matto? Forse, ma nun so che facce.
Pagina 2 RUGANTINO Marted 27 marzo 2012
Li stornelli de la settimana
LI PENTITI DE SUBBITO
Li conoscemo certi cristianacci
che, appena ar gabbio, dicheno: me pento!
Se vesteno de cennere e de stracci
e cianno er giusto premio ar pentimento.
Ci na tarla che me rode:
che incassato er premio e lode,
li convertiti
se penteno dssese pentiti.
LA TRAMONTANA
Uh, che bruttaria! Tira na giannetta
che ha ripulito er celo come un osso;
na raffica de gelo che taffetta
e dora in ora er vento vi pi grosso.
Passa e ruga ne la macchia:
scrocchia un ramo, uno ne scacchia;
e la marana
piega la testa ar vento de buriana.
Canta Bruno Fiorentini
Questa mamancava! Questa proprio
mamancava! arbott Gregorio, ner mentre
in tivv fceveno la croneca sur pianto der
ministro der lavoro. Siccome che er suddetto
Gregorio ciaveva na pila de facioli ar posto
der gargarozzo, come se dice quanno un fre-
gno ci sempre da barbott, nese, sposata
ar medesimo da cinquantanni e felicemen-
te, come je piaceva f crede allantri benan-
che nun ce credesse nimmanco lei, subbito
se fionn ner soggiorno pe f la solita indag-
gine, co la solita grazzia che dimostrava in
magnera indiscutibbile quer felicemente.
Ah, se p sap che cavolo ciai da bar-
bott? sempre la medesima sorfa: ogni
vorta che te metti davanti ar televisore...
Gregorio, e nun poteva esse che cos, ebbe
listessa reazzione de... sempre. Nu je fece
fen nimmanco la frase che:
E tu possibbile che ogni vorta me chie-
di quello che me vi chiede co la solita
dimanna stupida?
Perch, ho detto quarche stronzata?
Avoja! In primi e antonia me metto
davanti ar televisore perch si me metto
dedietro nun vedo na cippa; eppoi nun
vero che barbotto.
Ah, no? Allora spiegheme si che stai a
f!
Me sto incazzanno educatamente, ossia
senza strill.
Nun ce sta gnente da f: cafone eri e
cafone sei arimasto. Li cinquantanni che hai
passato co me nun te so serviti pe scafatte
un tantino.
Me scusi tanto, professoressa, nun pen-
zavo che la presenza de tanta curtura, che
lei addimostra a vagonate, me dovesse
straform in un pozzo de scenza.
Certo che ammalappena vi f lo stron-
zo sei imbattibbile.
E s, perch te ce vai liscia! Ma famme er
piacere! So un mezzo secolo che te sopporto
e nu la pianti de rompe li cojoni!
Ho capito, ho capito! Puro oggi te rode
er... chiccherone. Mejo che te lascio perde
sinn me se rimpone la giornata. Io volevo
sap sortanto perch barbottavi.
E io nun te lo vorebbe d. Per te lo dico:
cos me sfogo un pochetto.
Pass quarche menuto, ma Gregorio nun
fiatava, percui nese fu costretta a ripric:
E allora?
Allora che?
Annamo bene! A Greg, ma che te sei
rincojonito? Sto aspettanno che me dichi...
Ah, gi. Scuseme, ma ero distratto. Che
dicevamo?
nese sillabb la risposta:
Di-ce-va-mo che-d che te fa bar-bot-t?
Er ministro Fornaro.
Innanzitutto na ministra, in quantoch
donna; eppoi se chiama Fornero.
Fornero o Fornaro la medesima cosa,
tanto pe me pi sempricemente
La piagnona
Appena na ministra sbotta a piagne
davanti a na fiumana de perzone
ce deve av nun so quante raggione
grosse pi o meno come le montagne.
Ma si per caso intigna co ste lagne,
listesso ar prete quanno fa er sermone
p darzi che abbi tutte lintenzione
de ricopr cor pianto le magagne.
Quale magagne? Quelle duna cricca
che leva a la perzona disaggiata
pe d na bonamano a quella ricca.
Un tar boccone tosto a diggerillo:
pe questo lei ricconta na stronzata
e piagne poi sur f dun coccodrillo.
Ma perch s messa a piagne?
E che cazzo ne so? P darzi che je dispia-
cesse che le reazzione de la gente a li salassi
messi in programma dar governo decui fa
parte, vista la crisi economica de tutto er
monno, fusseno unoffesa a li sforzi der
governo stesso e in particolare a li sua de lei
riguardo alla modifica dellarticolo diciotto
dello statuto de li lavoratori. Dice: Tanto,
nonostante la modifica, tutto rimane come
prima.
E nun cos?
Un piffero! Si tutto doveva rimane come
prima nun cera bisogno de nisuna modifi-
ca. Nun te pare?
Eh, me pare, me pare!
E nun te pare poco coretto che abbi detto
che je sia stato dato er ministero ner mentre
era in tuttantre faccenne affaccennata?
Eh, me pare, me pare!
E nun te pare che un soggetto der genere
starebbe mejo mannalla a...
Eh, me pare, me pare!
Aristide Bruni
Da un po de tempo ci unaggitazzione,
quarcosa pi peggiore dun assillo,
quinni e pe cui, pe metteme tranquillo,
so annato a misuramme la pressione;
per er dottore mio, ch un allarmista,
mha dirottato da no specialista.
Doppo lesami fatti in ospedale
ar piano tre, reparto cardiologgico,
sorte er referto che, comera loggico,
ci na pressione ch troppo fiscale,
un fiato che vi grosso paffannasse
a f linzeguimento de le tasse.
Lelettrocardiodramma parla chiaro:
dice che appena l, sotto le sise,
ce sta na certa arittemia daccise
sur gasolio e, pe metteje riparo,
bigna lev chi lassa vecchie impronte,
come la guera dAfrica e r Vajonte.
Eppoi ci le frequienze che me crescheno
pe via dellImu... li murtacci loro!
Pi ciaripenzo e pi me ciaccaloro:
sti nomi de le tasse ind li pescheno?
Io, presempio, parlanno de gabbelle,
le chiamerebbe scortica budelle.
In breve, ci na sclerosi da fisco
e, seconno er parere der primario,
ho da pij le prole antierario
anche si doppo nun le diggerisco
pe lansia de quer buggero malarico
de lEquitalia che ce mette er carico.
Potrebbe sceje un cambiamento daria:
quella de MontiMario me fa male,
ma la pressione-scoppola-fiscale
si vado ar mare forse pi dazziaria;
allora, comogni antro penzionato,
me tocca f sortanto lincazzato.
Giuseppe Bernasconi
Marted 27 marzo 2012 RUGANTINO Pagina 3
31
Malappena li vedde: Bentornati,
Je fa lui ma chavete, sete stanchi?
Nun gnente, sap!... Mo aristorati
Sarete a casa vostra!... Annamo... franchi
Dite che hanno arisposto! E tutti line
Je spiferonno dar principio ar fine.
32
Era de tutti la risposta uguale
e poco o gnente cera differenzia;
Ma Romolo, che era un capitale
De poco!, nfaccia a loro us prudenzia.
Po fece: Annate puro, che ho capito!
Vort er dereto e mozzicone un dito.
33
Come si ner fienile un zorfarolo
Tu metti acceso e a foco ann se vede
E po, si vi smorzallo, un secchio solo
Dacqua che p abbastatte nun te crede,
Ch si la fiamma sarza n affaraccio
E pi nun saripara er focaraccio!
34
Cus sappiccia er Rene e pe la rabbia
Er tavulino indove er braccio appoggia
Sfonna cor pugno e doppo se la sgabbia
Da la cammera e zompa su la loggia
Pe pij aria, ch se sente in petto
Accenne er foco propio cor soffietto.
35
Po in cammera tornanno scrama: Ah! Sine?
Sto straccio de risposta mhanno fatta?
E spera de passassela cusine
Co ndifferenza quela gente matta?
Fussi morto!... Ma senno incora vivo
Je giuro pe Diana che larrivo!
36
Dice e dane de guanto ar campanello
Pe f drento vien er su servitore
E je fane: Mo mettete er cappello,
Esci de casa e cerca er bannitore
E dije che avertisca li Romani
Che a tutti gneo parl vojo domani.
37
Che sariduni er popolo a bonora
Ne la piazza pi granne che ciavemo
E vienga da le case tutto fora,
Ch mejo se star quanti pi semo:
Hai capito?... Va puro e tira via,
Nun te fermane, sai, allostaria!
38
Esce er servo e currenno de fughenzia
Indove er bannitore sta de casa
Arriva e bussa; ed ccote Laurenzia:
Cor naso rosso come na cerasa,
Saffaccia a la finestra e jaddimanna
Si chi cerca e chi che ce lo manna.
39
So io, je dice lui che sete guercia,
Sora Laurenzia? Nu me cognoscete?
Ah, sei tune?... E che vi, lana canercia?
Vojo Curzio. Nun cene. Lo sapete
Sindove stane? Sta da Sciabbicotto
Allostaria pe beve n antro gotto!
40
Qua me ce manna er Rene e gna je dica
Quer che lui ha da f pe su cummanno.
E vattelo un po a trova jareprica
Laurenzia l ner sito ind te manno!
Lo sai che in casa sua quelo scontiento
Nun se p vede mai manco n mumento?
Linverno accusava la primavera che
appena lei appare nun c pace, perch
chi va pe prati e boschi, chi va pe coje fiori
e se li mette in testa de tutti li colori,
chi attraversa er mare pe conosce artra gente,
che nun riesce a vde nemmanco annualmente;
nisuno se la pija co la pioggia e cor vento,
perch so li sgrulloni che dureno un momento.
Io invece risponneva linverno a tutti quanti
li doveri che cianno je li metto davanti.
So come un dittatore, un principe assoluto:
vojo che ciaschiduno sappi perch venuto;
commanno che guardassero no er celo, ma la tera,
che ciabbino paura pe na staggione intera,
che tremassero e stessero a casa rassegnati,
doppo li giorni belli, li fiori sprofumati.
Favola 346 (1 - continua)
LINVERNO E LA PRIMAVERA
Autori classici latini e greci
Esopo tradotto in romanesco
da Carpaggio (disegno di Pericle Filipponi)
E so po, lin ven to re del la fa vo la, fio r in tor no al VI se co lo a van ti Cri sto. Le sue fa vo le (ol tre quat tro cen to) ci
so no giun te at tra ver so com pi la zio ni di e t bi zan ti na. Il ge ne re let te ra rio da lui in ven ta to sta to ri pre so da
va ri au to ri, tra cui Jean de La Fon tai ne (1621-1695). Il no stro Tri lus sa (Car lo Al ber to Sa lu stri, 1873-1950)
ha ri mo der na to la fa vo la con clu den do la con u na mo ra le tut ta sua che si di stac ca da quel la tra di zio na le.
VOCE ROMANA
RIVISTA BIMESTRALE DI CULTURA, POESIA, DIALETTO, ARTE E TRADIZIONI POPOLARI
Fondata da Giorgio Carpaneto - Direttore Sandro Bari
Er ratto de le sabbine
(1865)
Povemetto de cinque canti in sesta rima tutto da ride,
riveduto e scorretto dar Rugantino e scritturato in der
chiacchierane romanesco dar padron
Raffaelle Merolli
(undicesima parte)
Pagina 4 RUGANTINO Marted 27 marzo 2012
L'Argo della Stampa S.r.l.
Via G. Compagnoni, 28
20129 Milano
Tel. (02) 710.181
742.33.33
Cas. post. 12094
20120 Milano
C/C postale 12600201
Telegr. ECOSTAMPA
Milano
Telefax gr. III 7490625
C.C.I.A.A. 967272
Reg. Trib. Monza
n. 14767
dal 1901
L'ECO DELLA STAMPA
RITAGLI DA GIORNALI E RIVISTE
Direttore Ignazio Frugiuele
Periodico di informazione, attualit e cultura
www.ilmensile.it - e-mail: info@ilmensile.it
AI R SEYCHELLES REALI ZZA I
VOSTRI SOGNI
Per informazioni e prenotazioni contattate il vostro
Agente di Viaggio oppure Air Seychelles telefonando a
06 5098413 - 06 5091601
Settimanale sa ti ri co- po li ti co
DIREZIONE E REDAZIONE: 00136 Ro ma - Via Giovanni
Gentile, 22 - Tel. 06 39735052, fax 06 39735101
INTERNET: www.rugantino.it
MAIL: info@ rugantino.it
DIRETTORE RESPONSABILE: Lillo Salvatore Bruccoleri
CONDIRETTORE: Marco Navigli
CAPO REDATTORE: Aristide Bruni
EDIZIONE ELETTRONICA: Giuseppe Bernasconi, Mauro
Cammoranesi, Bruno Fantilli, Bruno Fiorentini, Renato Merlino,
Giovanni Roberti
CONSULENTI: Tullio De Mauro, Mario D'Onofrio, Paolo Emilio
Nistri, Paolo Procaccini, Gianni Salaris
AMMINISTRAZIONE: Editoriale Roma S.r.l., 00165 Roma - Via
G. B. Martini, 2 - Tel. 06 8412698
ABBONAMENTI: per un anno euro 40, che potranno essere
versati mediante vaglia postale indirizzato a: Editoriale Roma,
00198 Roma - Via G. B. Martini, 2
STAMPA: Ro ma print S.r.l., 00158 Roma - Via di Scorticabove,
136 - Tel. 06 41217552, fax 06 41224001
Registrazione al tribunale di Roma n. 18082 del 12 aprile 1980
La collabora#ione di norma non $ rerib!ia. Il maeriale
in"iao non si resi!isce.
Er vate pesca er verzo in fonnar core;
sa ch er custode de millanta pene,
lo scrigno de le gioie e poi contiene
er passi pe li cantichi damore.
Ma se nun ha virt da pescatore
cchele allora sfirze de novene,
boiate de blabl cantisilene
che aggricceno le parpebre ar lettore.
Pe av quer passi e pe allam na lode
bisogna av in pastura bona esca...
e st a gazzimme ar gusto der custode.
Sempre che quer che batte drentar petto
sia davero no scrigno... o valla pesca
le gioie pe no straccio de sonetto.
Franco Cimarelli
Poeti gradiatori: botta e risposta
Er vate... pescatore
ROMANITA
Rivista di vita romana diretta da Renato Merlino
e pubblicata da Mirella Miliacca
Via Stefano Oberto, 59 - 00173 Roma - Tel. 06 7213009
Sito web: www.romanita.org
Si ce scrivi e ce pij gusto - tu pe noi sei quello giusto
NERONE
Mensile dellassociazione Roma Rimane Roma
Via Vignale, 7/b - Tel. 06 6247344 - Fax 06 61529154
Simpara pi cor f che cor d!...
... e sul nostro sito web: www.romanesco.it
IX EDIZIONE DEL PREMIO DI POESIA SATIRICA ROMANESCA GIORGIO ROBERTI
La famiglia Roberti e il Centro Romanesco Trilussa, con il patrocinio dellAssessorato alle politiche culturali e centro storico, per onorare la memoria del
Poeta, indicono la nona edizione del concorso per la
POESIA SATIRICA IN DIALETTO ROMANESCO A TEMA LIBERO
Ciascun concorrente potr inviare un massimo di tre elaborati inediti (mai pubblicati) non eccedenti i trentadue versi, in cinque copie, agli indirizzi sotto
indicati, entro il 16 aprile 2012 (fa fede il timbro postale). Ciascuna composizione dovr essere contrassegnata con un motto da ripetere su una busta chiu-
sa contenente le generalit complete: nome, cognome, indirizzo, numero telefonico e, se disponibile, indirizzo email. Il giudizio della commissione, com-
posta da esperti, insindacabile e inappellabile. Gli elaborati inviati al concorso non saranno restituiti. La famiglia Roberti, promotrice del premio, asse-
gner una medaglia doro, una dargento e una di bronzo rispettivamente al primo, secondo e terzo classificato. La commissione si riserva la facolt di
assegnare ulteriori premi a poesie segnalate e il diritto alla pubblicazione delle stesse, senza alcun onere nei confronti degli autori. Il concorso accreditato
presso il Centro Romanesco Trilussa per lattribuzione di punteggio al poeta romanesco dellanno.
SEZIONE SPECIALE SATIRA E TIFO, DERBY POETICO ROMA-LAZIO
Con le stesse modalit indetto un concorso per una poesia satirica romanesca riferita al tifo per la Roma o per la Lazio. Ai due autori delle poesie pre-
scelte, uno per squadra, verr assegnata una coppa offerta dal delegato allo sport di Roma Capitale Alessandro Cocchi. Ciascun poeta pu partecipare al
concorso sia per la sezione a tema libero che per quella speciale o a entrambe.
Lassegnazione dei premi e la loro determinazione prerogativa della commissione giudicatrice, presieduta dal presidente del Centro Romanesco Trilussa
Gianni Salaris. Alla premiazione e proclamazione dei vincitori si proceder marted 8 maggo 2012, alle ore 16,00, nella Sala del Carroccio in Campidoglio,
nel corso di una manifestazione per ricordare il Poeta. Saranno presenti personalit delle istituzioni e della cultura. Inviare gli elaborati a: Centro
Romanesco Trilussa, piazza Santa Chiara 14, 00186 Roma; oppure a: Giovanni Roberti, via Carlo Passaglia 1/b, 00136 Roma. Per informazioni: tel. 349
4286774; e-mail: trebiro@alice.it
La commissione giudicatrice composta da: Marcello Teodonio (presidente), Laura Fusetti, Laura Biancini, Stefano DAlbano, Claudio Giovanardi, Eugenio Ragni. La
cerimonia di premiazione si svolger gioved 3 maggio 2012, alle ore 17, presso lIstituto di studi romani, piazza Cavalieri di Malta, 2, Roma (Aventino).
L'a!ra di Roma edirice indice la q!ina edi#ione del concorso di prosa in dialeo romanesco
%R!sica Romana Ling!a&
IL TESTO INTEGRALE DEL REGOLAMENTO E' DISPONIBILE SUL SITO wwwwww.l-auradiroma.com

Related Interests