You are on page 1of 21

BOMARZO - IL BOSCO SACRO

UN VIAGGIO INIZIATICO
A CURA DI
ALESSANDRO MARCON

Tutte le avventure iniziatiche degli eroi cominciano in un "bosco sacro": il


Giardino dell'Eden, la foresta dei cedri di Gilgamesh, il bosco della ninfa Calipso,
il giardino delle Esperidi di Giasone, la selva "oscura" di Dante, etc.
Anche il bosco di Bomarzo va quindi visto come "bosco magico".
La realizzazione di tale opera statuaria e architettonica fu voluta da Vinicio
Orsini e dur circa 30 anni, dal 1552 al 1582.
Le motivazioni della sua edificazione possono essere molteplici ma dovute
soprattutto alla complessa personalit del Duca. Vinicio Orsini era infatti uomo
eclettico, dalla mentalit aperta e ricettiva, pronto sia all'azione sul campo di
battaglia che alla contemplazione di una natura misteriosa. La sua
frequentazione dell'Accademia Vitruviana lo poneva in una posizione di privilegio,
consentendogli proficui contatti con i maggiori architetti e letterati del tempo.

Altre suggestioni gli giungevano dai poemi cavallereschi (Ariosto e Tasso), un


mondo di paladini sempre impegnati in lotte contro giganti e mostri, dando a tali
personaggi il carattere simbolico che caratterizzer la sua Opera.
Col passare degli anni Vinicio rileva una marcata e vistosa insufficienza
esistenziale dovuta alle sue disavventure di vita. Rimase infatti orfano all'et di
tre anni e a 19 anni viene colpita dalla perdita della sua amata e promessa sposa
Adriana della Rosa, avvenimento che lo gett in una profonda depressione.
Superato con difficolt il lutto Orsini contrae matrimonio, nel 1544, con Giulia
Farnese ma anche questa unione gli procura dei guai. Il cognato, Torquato Conti,
infatti lo coinvolge presto in una campagna militare in Germania ed al suo ritorno
Vinicio si trova coinvolto in nuove beghe. Finalmente, nel 1552, d inizio ai lavori
ma, ben presto dovr interromperli a causa di una nuova campagna in Francia.
L rimase prigioniero per 4 anni e questo scosse ancora di pi il suo gi fragile
equilibrio. Alla firma della pace, nel 1556, l'Orsini ritorna e pu cos dedicarsi al
suo progetto ma la sua sindrome depressiva ormai l'accompagner fino alla
morte. Ma fu proprio questa depressione a dare lo stimolo alla sua creativit,
tramite l'attivazione del suo inconscio che viene espresso cos nel linguaggio della
pietra.
Pu cos trasmettere il suo travaglio interiore tramite le conoscenze acquisite
dalle sue frequentazioni letterarie e filosofiche. Il linguaggio alchemico sempre
presente nelle sue rappresentazioni. Mai comunque l'Orsini si lascia sfuggire una
parola sul suo intento forse per due motivi: uno il "dictat" alchemico riferito alla
conoscenza: osserva, impara, taci e l'altro, probabilmente lo stesso timore della
derisione da parte dei suoi contemporanei. Non dimentichiamo inoltre che si era
in piena epoca di Inquisizione e poco bastava per finire sotto di essa.
Il significato del bosco va ricercato nell'alchimia, il processo di "mutazione" del
"piombo" in "oro", non intesi questi come i metalli ma come cambiamento di
un'interiorit "pesante" legata alla materia e agli istinti che deve essere raffinata,
portata ad una purezza spirituale che si pu raggiungere solo con la conoscenza
del s. I suoi 4 aspetti rappresentano le fasi dell'"Opera": nigredo: la mente
torpida, preda degli istinti ed inconsapevole; albedo: si fa strada una piccola luce
che fa capire la necessit del cambiamento; citrinas: si mette in azione il processo
di cambiamento e le difficolt da superare faranno pi volte pensare di tornare
indietro; rubedo: l'"Opera" compiuta, il cambiamento stato ottenuto e la mente
aperta pu distaccarsi dalle bassezze della materia per ascendere ad una nuova
spiritualit
Non si pu quindi dar torto al Duca se diffidava di confidare i suoi intenti,
mantenendo il segreto sulla vera natura del "bosco", segreti che cercheremo di
svelare percorrendo le strade di questo "bosco magico".

IL PERCORSO
1. L'INGRESSO

Per accedere al parco dobbiamo varcare un ingresso costituito da un muro merlato, come
quello di un castello. Infatti il viaggio che si prospetta va vissuto come una lotta interiore,
alla ricerca della liberazione spirituale dalla materia, una battaglia che si dovr combattere
contro le forze ataviche ed istintuali presenti nell'inconscio di ognuno di noi. Quindi una
lotta contro l'opposizione che il richiamo della materia oppone alla nostra liberazione.
2. LE SFINGI

Le Sfingi, poste ai lati del sentiero, sembrano osservare i passanti che si avventurano nel
Parco. L'emblema della Sfinge si rif al mito di Edipo e rappresenta l'ignoto che in noi, le
domande che bisogna porsi e a cui bisogna dare una risposta se si vuole avanzare sulla
strada dell'evoluzione interiore. La via da percorrere, infatti, racchiude dei segreti divini.
Due scritte sono monito a chi entra.
"TU CH'ENTRI QUA PON MENTE A PARTE E DIMMI SE TALI MERAVIGLIE SIEN
FATTE PER INGANNO O PUR PER ARTE".
Tale scritta, sulla base di quella di destra, un avvertimento allegorico in cui si ammonisce
il visitatore che quello che sta per iniziare un percorso alchemico. Un avvertimento che
preannuncia che il percorso ricco di simboli da interpretare, richiedendo un preciso
impegno della mente. Un invito a lottare con le proprie forze interiori se si vuole
raggiungere la meta. Su quella sinistra invece scritto:

"CHI CON CIGLIA INARCATE ET LABBRA STRETTE NON VA PER QUESTO LOCO
MANCO AMMIRA LE FAMOSE DEL MONDO MOLI SETTE".
Qui racchiuso il messaggio delle 2 qualit necessarie per percorrere la strada della
conoscenza e dell'iniziazione: la visione ed il silenzio, seguendo il detto alchemico:
"osserva, impara, taci". Il richiamo al numero sette si allaccia al fatto che alla base di tutta la
manifestazione c' il settenario.
3. - TESTA DEL VECCHIO CIECO
Il fatto che tale ermo sia posto vicino alle sfingi ci fa pensare ad un vecchio saggio legato
miticamente alla cultura egiziana, si tratterebbe quindi di una raffigurazione di Ermete
Trismegisto. Anche la sua collocazione all'inizio del sentiero iniziatico fa pensare alla sua
figura. Ermete era il mitico "Maestro di saggezza". Viene rappresentato cieco perch
questa la condizione dell'adepto che ancora si deve risvegliare alla conoscenza e alla
saggezza. La cecit della vista come organo fisico, pu anche essere un invito a guardare
non con gli occhi ma con la mente. La divisione della statua in tre pezzi pu significare che
l'adepto deve passare tre giorni di iniziazione e quindi fatto "a pezzi" interiormente per poi
rinascere ricomposto. La colonna sulla base quadrata rimanda all'arcaico problema della
quadratura del cerchio o al mito della "colonna" sostenitrice del mondo comune a molte
antiche tradizioni. Sulla base quadrata (la materia) si erge la colonna (ascesa spirituale) che
porta alla saggezza.
4. - PIETRA MISTERIOSA
Starebbe a rappresentare la pietra nera, la materia grezza che gli alchimisti devono
trasformare, quindi gli ostacoli che d il mondo materiale a chi vuole crescere spiritualmente
sulla strada della saggezza e della conoscenza. Ricorda all'iniziando che il suo lavoro deve
iniziare dal caos primordiale, che deve affinare la materia primordiale (il suo corpo e la sua
mente) simboleggiando la parte oscura della coscienza, presente nell'inconscio di ogni
individuo.

5. - IL GIGANTE

Per giungere a questo gruppo dobbiamo iniziare a percorrere un sentiero in discesa ed


proprio una discesa che simbolicamente viene rappresentata. Infatti per giungere alla
conoscenza ed alla liberazione bisogna entrare nel lato pi oscuro dell'inconscio al fine di
poterlo purificare. Se ci non avvenisse il suo richiamo sarebbe sempre presente e ci
inviterebbe di continuo a lasciare la strada intrapresa per ricadere nel buio della coscienza.
La scena, pur nella sua brutalit, rispecchia un profondo significato simbolico. In una
interpretazione, nella sua opera "De Amore", Marsilio Ficino afferma che il "logos" divide
l'anima in due e che, prima di assumere un corpo mortale, gli uomini avevano due volti che
permettevano di contemplare allo stesso modo sia il mondo spirituale che quello materiale
(simbolismo rappresentato anche da Giano bifronte). Quando lo spirito cade nella materia i
due volti vengono scissi, cos che la parte materiale non pi in grado di discernere la
componente spirituale. Viene cos rappresentata la caduta dell'anima nella materia ad opera
del Logos. La raffigurazione prende spunto dall'Orlando furioso, in quanto l'eroe perse il suo
senno (che and a ricercare sulla Luna) a rappresentare quindi la divisione duale che
presente in ciascuno di noi.
Altra interpretazione quella che si rif alla chiave alchemica. Il gigante rappresenterebbe
quindi l'alchimista, l'artista delle trasmutazioni. L'immagine dell'androgino che viene
squartato dal gigante racchiude la triade dei tre elementi alchemici fondamentali: il sale (il
cui simbolo - - viene raffigurato nella lingua posta di traverso nella bocca); lo zolfo (il cui
simbolo - - viene raffigurato dalle gambe aperte) e il mercurio (il corpo stesso
dell'androgine, bianco corpo lunare, che rappresenta l'argento vivo, detto anche mercurio
doppio). La chiave di interpretazione quindi sarebbe la purificazione dei metalli (quindi
della vile materia), la purificazione delle passioni selvagge. Rappresenta anche il ternario di
base da cui trae origine tutta la manifestazione. Siamo ancora all'inizio dell'Opera per cui
ancora non appare il settenario, simbolo dell'energia divina manifestata. Il fatto che il
gigante spezzi il piede sinistro all'Androgine rappresenta il blocco all'avanzamento che
bisogna sforzarsi di superare.
Le armi abbandonate alle spalle hanno il significato che non con le armi fisiche ma con
quelle interiori va combattuta la battaglia.

6. MACINA DA MULINO

Tale macina ha una valenza astronomica. Nelle culture orientali il moto del cielo era
rappresentato da un'asse mobile passante per una base fissa. Tale allegoria venne ripresa in
epoca medievale da Ristoro d'Arezzo ne "la composizione del mondo": "si svolger il cielo
d'attorno a m di macina" e da Dante nel "Convivio" : "il sole gira attorno al mondo come
una mola della quale non paia pi che il mezzo corpo suo". Tale rappresentazione portata
sulla terra ha il suo simbolismo nella macina per il grano che separa il grano dalla crusca:
altra allusione all'Opera alchemica di divisione e sublimazione: "solvet et coagula". A
significare che bisogna attuare la divisione in noi tra la parte pura e quella impura, scartando
quest'ultima e abbandonandola dietro di noi.
7. PEGASO

Il cavallo alato rappresenta il mezzo con il quale l'anima si pu distaccare dalla materia e
volare lontano da essa, consentendogli di innalzarsi spiritualmente. Questo pu avvenire
solo tramite la costanza nel ripetere incessantemente il processo di purificazione della
mente. E' allacciato simbolicamente al gigante e alla macina. E' quindi il momento del
distacco dalla materia. Il cavallo che scalpita sulla rupe simbolo dello spirito libero che
comincia a distaccarsi dalla materia. Il fatto che sia posto in una fontana lo allaccia all'acqua
che, lo scalpitio del cavallo, fa sgorgare dalla roccia. Quindi acqua vista come vita, ma in
questo senso spirituale, l'acqua della sapienza, ove risiede lo spirito della quintessenza.
Particolare la presenza di una nicchia semisommersa circondata da nove mensole che
rimanda al mito di Efesto, scagliato da Era nel mare dove venne allevato per 9 anni in una
grotta da Teti. Efesto allacciato al fuoco, posto sotto la pietra squadrata che rappresenta
l'atanor, il forno alchemico. Il fuoco il mezzo attraverso cui si attua la purificazione. Si
termina una parte del percorso iniziato con la forza e la costanza del gigante, la cui fatica
ripetuta in maniera sfibrante, mette in moto la ruota (la macina) fatica che si pu manifestare

con la focosit del destriero alato. Lo zampillio dell'acqua quindi quasi simbolo di una
"fecondazione" avvenuta e che fa "nascere", sgorgare" nuova vita dalla grezza materia ora in
fase di sublimazione. La stessa vasca, inclinata pericolosamente a far fuoriuscire l'acqua,
richiama alla mente l'immagine del Diluvio quale punizione del peccato di superbia dei
primi uomini e dei giganti biblici.
8. TARTARUGA

Originariamente il complesso aveva i tre colori alchemici: il dorso verde, le zampe rosse e la
testa bianca. In molte leggende e tradizioni orientali il dorso della tartaruga sostiene la
nascita del mondo, significato simbolizzato dal corpo rotondo (a rappresentare il cielo) sulla
base quadrata (a rappresentare la terra), quindi l'imago mundi, elemento di stabilit su cui
poter costruire l'ascesa in atto. Le 4 piastre superiori rappresentano le 4 direzioni e, in
genere, il quaternario che delimita e circoscrive la materia, mentre le 12 intermedie e le 24
inferiori rappresentano rispettivamente i mesi e le ore. Il loro numero totale 40,
cabalisticamente il numero dell'introspezione e del raccoglimento.
La colonna sul dorso una chiara allusione all'ascesa che deve attuarsi nell'equilibrio. Su di
essa si erge una fanciulla: l'anima mundi, simbolo della vita che rinasce sulla terra.
Dal punto di vista alchemico la fanciulla sulla sfera, simbolo di perfezione, simboleggia
l'estrazione della "materia prima" qui portata a compimento. La leggerezza della fanciulla
sta ad intendere il processo di liberazione dalla materia. Quindi, dopo la trasmutazione
avvenuta tramite il sacrificio e la sofferenza (il gigante e la pietra), avviene la
ristrutturazione della coscienza attorno ad un nucleo centrale (la colonna) che regge il nuovo
io (la sfera) dominato dalla personificazione dell'inconscio. Ma bisogna comunque stare
attenti a non ricadere, in quanto il pericolo sempre in agguato, pronto a farci ricadere nella
melma dalla quale faticosamente siamo usciti.
Originariamente la Tartaruga era di 3 colori: il capo bianco, il corpo verde e le zampe rosse.

9. ORCA DENTATA

La bocca aperta dell'orca la metafora dell'istinto primordiale da cui ci si deve distaccare,


pronta sempre ad ingoiare chi si lascia guidare dai bassi istinti. Posta al di l del ruscello
lascia pensare al passaggio del Lete, il fiume dell'oblio e quindi al passaggio in un al di l
dove lo spirito si perderebbe a causa dei suoi bassi istinti. Quindi l'agguato della tentazione,
pronta a farci perdere la via maestra che cerchiamo di perseguire.
Ma l'Orca fa comunque parte del sentiero e deve essere comunque affrontata.
10.

ALBERO TAGLIATO

Il tronco rappresenta il radicamento, la ricerca dell'equilibrio che si rischia di perdere. Il suo


simbolo alla base di tutte le antiche culture e rappresenta l'unione tra la terra e il cielo. I,
fatto che sia spezzato probabilmente sta a significare che il contatto ancora non completo e
che quindi la via iniziatica non ancora conclusa.
11.

NINFEO

Dopo tanti orrori si giunge in quello che pare un luogo ameno di pace ove riposare lo spirito.
L'ingresso del Ninfeo custodito da due leoni. Il leone rappresenta la natura primordiale,
l'istinto atavico e bestiale presente in ognuno di noi, pronto a divorarci se ci lasciamo
andare, ma anche la forza, quindi la volont che deve avere l'adepto per raggiungere il suo
fine. Rappresenta anche la fine dell'era rappresentata dalle statue finora incontrate nel
sentiero. Il fatto che le belve tengano sotto dominio il disco solare rappresenta l'Io, il
principio di coscienza dell'uomo che pu essere oscurata dall'istinto e dai passeggeri bisogni
materiali. Nell'altra interpretazione, l'Io deve essere governato dalla forza d'animo per poter
procedere nella strada. Gli stessi sedili, voluttuosamente ricurvi ed avvolgenti, con i due
corpi nudi femminili sui braccioli, sembrano quasi un invito ad incedere nei piaceri della
carne. I delfini, liberi e giocosi nell'elemento acquatico, rappresentano la gioia e la libert
che pu dare la conoscenza spirituale.

12.

VASCA DEI DELFINI

Si presenta uno strano connubio tra rane e delfini. Le rane rappresentando il contatto con la
terra ed il fango, quindi abitanti di un terreno paludoso, dove "l'anima si invischia" e dove
difficile muovere i passi, comunque hanno insita in loro la capacit di saltare, quindi
distaccarsi dalla melma, anche se in modo momentaneo per cui sono comunque destinate a
ricadere. Il delfino invece il padrone del mondo acquatico, acqua allacciata naturalmente
all'energia vitale. Quindi l'immagine dell'adepto che, liberatosi dalla "melma" della materia"
pu procedere libero sulla sua strada. I delfini appaiono quando il mare si placato dopo la
tempesta, per cui vediamo l'immagine dell'iniziando che, dopo i travagli e le prove subite,
pu liberarsi ed ascendere. Essendo le rane animali a sangue freddo, mentre i delfini sono a
sangue caldo, vi si pu vedere anche l'unione delle 2 energie, l'unione degli opposti tramite
il cui contrasto si attua ogni crescita e dalla cui lotta nasce l'armonia.
13.

ANTRO DELLE NINFE

Le tre donne nude, quasi a raffigurare le tre grazie si contrappongono alla fanciulla
completamente vestita sulla tartaruga e rappresentano la fase probatoria cui si deve
sottoporre l'adepto prima di poter proseguire nel cammino. Il numero simbolico totale
racchiuso nell'opera (le 5 nicchie + le 3 grazie) 8, il simbolo dell'infinito, quindi della
tristezza e della morte, in quanto dissoluzione di tutte le cose. Ma la dissoluzione,
alchemicamente parlando, un ritorno alle origini, nel grembo materno, quindi foriera di
una nuova nascita. Come sequenza all'immagine dei leoni e del sole quindi la
raffigurazione dell'inconscio che si sostituisce all'Io.

14.

VERGINE SUL DRAGO

Ci troviamo davanti ad uno dei pi classici archetipi: la donna che calpesta il drago (o
serpente). E' la rappresentazione della avvenuta purificazione, i due elementi sono uniti
eppure scissi. La fanciulla rappresentando la purificazione avvenuta, seminuda in quanto si
sta spogliando dai legami con la materia. Il drago rappresenta le forze archetipe della natura
e dell'inconscio, che si sono dovute superare e che devono essere purificate. Per questo la
fanciulla, originariamente, reggeva tra le mani una coppa dalla quale versava dell'acqua
nella vasca ai suoi piedi, simbolo proprio della purificazione della materia primordiale da
parte della coscienza.
Da notare che le ali del drago sono divise in sette grosse nervature, nel settenario quindi che
caratterizza tutte le manifestazioni, quindi a significare che bisogna superare tutte le prove
se si vuole arrivare alla meta. Il fatto che la fanciulla sia denudata a met significa che solo
la prima fase del "denudamento" dalla materia, una parte, la pi profonda della psiche,
rimane ancora nascosta.
15.

TEATRO

Quello che colpisce la linearit e l'essenzialit delle forme, senza ornamenti e figure
aggiunte. Quindi una serie di elementi puramente simbolici. Le nicchie, anzitutto sono 5,
come gli elementi alchemici: i 4 base + la "quintessenza", l'elemento sublimale, aggregatore
della materia, unione tra di essa e la parte eterea della materia. E' per questo che vi sono

allacciate, eppure in un certo senso discoste, altre due nicchie che portano il loro numero a
sette, numero della completa manifestazione. Simboleggia quindi il teatro alchemico della
Sapienza, giungendo quindi, dopo il percorso, alla manifestazione. Il significato dell'opera lo
troviamo al centro, nell'ellisse con due scalinate di sei gradini. Troviamo quindi qui
rappresentato il numero 12, il numero della compiutezza celeste. Le due colonne si
richiamano alle colonne sacre, due erano le colonne d'Ercole, accesso al misterioso mare
sconosciuto. La frase chiave si trova davanti all'emiciclo: "sol per sfogare il core" quasi a
dire che dopo tale viaggio il cuore, "l'anima", si riconsola e perviene alla pace dei sensi. Un
luogo spoglio eppure carico di simboli occulti , ma allacciato ancora al simbolo solare, il
cuore come sentimento che pu accendere ogni passione, quindi un fuoco interiore che cerca
il suo sfogo. Tale frase si allaccia all'altra posta sotto le nicchie: "per simil vanit mi son
acceso" significando che non la vanit che deve guidare i sentimenti ma la conoscenza
acquisita. Nel teatro non ci sono altri personaggi che il viandante su questo sentiero, lui
l'attore e lo spettatore. La strada che porta al teatro infatti in salita, come a dire il progresso
che si sta attuando.
16.

CASA PENDENTE

Il cartiglio alla base: animus quiesciendo fit prudentior, sta ad indicare le premesse
necesssarie all'ascensione. L'acquietarsi delle passioni rende l'animo, prima irascibile e
volitivo, diventa pi prudente.
Tradizionalmente la casa rappresenta l'intimit, quindi l'interiorit dell'individuo. Quasi un
rifugio interiore in cui riposarsi ma anche solo accostandosi all'ingresso si prova un senso di
vertigine. La sua inclinazione fa perdere l'orientamento ed i punti di riferimento facendoci
vacillare, costringendo lo sguardo verso l'esterno quasi a cercare il punto di riferimento
momentaneamente perduto. Al punto di smarrimento vi si arriva facendo dodici scalini
(riferimento al teatro). Il significato che la ricerca interiore che stiamo intraprendendo, se
compiuta troppo velocemente, potrebbe farci smarrire la ragione, facendoci perdere il
riferimento con il mondo terreno, per cui bisogna avere delle solide basi su cui crescere e dei
punti di riferimento su cui affidarsi. L'interno completamente spoglio, come il nostro
spirito, che deve spogliarsi di tutti gli attaccamenti terreni. La costruzione dell'Io ancora
lontana dall'essere ultimata, il fatto che voltandosi non si vede il percorso fatto, vuol dire che
non bisogna guardarsi indietro, non bisogna avere compianti o nostalgie di quanto si
abbandonato, bisogna guardare avanti, verso quell'inizio di sentiero che ci fa capire come ci
sia ancora strada da percorrere.

17.

LA GRANDE DEA

Si riscontra nell'immagine una sovrapposizione di attributi. La vasca con l'elemento acqua,


la montagna su cui appoggia simbolo della terra e le ali spiegate a rappresentare l'aria.
L'immagine quindi rappresenta la dea per antonomasia, unione di tutte le divinit della
natura quindi: la Grande dea, che viene rappresentata con 3 aspetti:

IL PRIMO ASPETTO: rappresenta Iside, tradizionalmente con un vaso in testa. La madre


della natura, signora degli elementi. L'unione dei vasi (simbolo uterino) con i fanciulli, sta
ad evocare l'aspetto materno e prolifico della natura. Simboleggia quindi la "materia prima"
originale ed incontaminata. La staticit della figura, in mezzo ad una scena ricca di
movimento, evoca i due aspetti della natura: quella passiva, pronta a ricevere la vita e quella
attiva, pronta a generarla. Una serie di strani esseri circonda la figura. I due tritoni alati
rappresentano l'unione dei due elementi: l'acqua e l'aria e stanno a ricordare il duplice potere
della dea. L'avvolgimento del suo corpo alla base un riferimento orientale al potere di
kundalini, mentre la montagna alle spalle della dea , con i suoi sette esserini, rappresenta la
colonna spinale con i sette chakram. Tutti questi esseri stanno quindi a monito della fragilit
della psiche umana, pronta a ricadere quando si presenti la tentazione. Da tenere presente
che in basso sempre rappresentata la materia grezza e l'ignoranza, in alto la liberazione
dalla materia.
IL SECONDO ASPETTO quello sensuale, la dea si presenta in forma voluttuosa, donna
nella piena maturit, quindi invito ad essere fecondata. L'acqua su cui posta rappresenta
proprio questo aspetto. I due tritoni, sotto questo aspetto, prendono il posto di ida e pingala e
il loro protendersi sta quasi a preludere allo schiudersi dell'energia della kundalini. Essi
sembrano trasportare verso l'alto una figura spogliata ed esanime. E' la raffigurazione
dell'anima (in seguito rappresentata da Psiche) che, spogliatasi dei suoi abiti terreni, viene
vivificata dalle due correnti e portata in alto, verso quella coscienza rappresentata dal vaso.
Essa per ancora dormiente, in quanto ancora non risvegliata. Il risveglio potr avvenire
tramite l'attivazione delle due correnti di kundalini (i 2 tritoni); per questo che la testa (la
parte cosciente) verso il basso.
IL TERZO ASPETTO quello materno della natura, capace di generare da sola, senza
alcun intervento esterno, in quanto contenente in s il principio generatore di tutte le cose.
Per ultimo il bimbo sulla spalla della donna rappresenta la vittoria. Il corpo nudo a
significare la spoliazione dalle necessit terrene, fanciullo in quanto nato a nuova vita,
avendo ottenuto la rinascita spirituale.

18.

VIALE DEI GRANDI VASI

Vi si giunge dopo il superamento di sei gradini. La strada ancora in ascesa, a significare


che il percorso iniziatico sta procedendo. Sei il numero alchemico dell'unione delle forze
(stella di Salomone). La presenza dei vasi richiama ancora alla mente il potere uterino della
dea. Il numero, 9 per ciascun allineamento, dei vasi conferma che il giardino il luogo della
nascita del "fanciullo". Le loro dimensioni si richiamano al mondo dello spirito a cui si
giunge con l'elevazione della kundalini attraverso i sette chakram (sette vasi nei lati lunghi).
Il fatto che sono in doppia fila si pu spiegare o come rappresentazione della doppia
corrente (ida e pingala) o come rappresentazione dei due mondi (terreno e spirituale) che
l'adepto deve cercare di riunire. La dualit sempre presente che deve giungere all'unit. Alla
fine il buffone con la lingua di fuori fa capire che la mente beffarda, sempre pronta a farci
ricadere dove con fatica stiamo cercando di uscire.
19.

NETTUNO

Tale statua ricorda Nettuno, dio del mare. Si pu notare una chiara relazione con la statua
della dea che abbiamo lasciato dall'altra parte del giardino. Rappresentano i due principi,
raccolti all'inizio nell'ermafrodita, ora distaccati ed armoniosamente posti in simmetria tra
loro. Ma i due si devono riunire per rigiungere ad un'unitariet pi pura: solvet et coagula
era il principio alchemico di trasmutazione. Il giardino dei vasi rappresenta quindi il campo
di incontro delle due energie: maschile e femminile in cui la coppia divina, sotto forma dei
due sposi alchemici, chiude il processo di divisione iniziato con il gigante e l'androgino.
20.

PSICHE

Psiche, secondo la mitologia greca e la tradizione antica da essa derivata, rappresenta


l'anima dell'uomo, la sua parte inconscia, legata al sogno. Quindi questa raffigurazione
simbolica, rappresenta l'anima che dorme nel corpo dei non iniziati, di coloro che non si
sono risvegliati spiritualmente. La mente per sempre attiva, una capacit latente che va
raffinata ed indirizzata.
21.

FONTE DELL'ELISIR

Tale brocca rappresenta la fontana della vita, l'acqua pura cui si deve bere per raggiungere la
purezza interiore. Quindi l'acqua come conoscenza, il cui accesso schiude le porte ai mondi
superiori, lasciando indietro le catene dell'ignoranza che ci tengono legati alla vile materia.

22.

ORCA

L'orca sempre allacciata all'elemento acquatico e, con la sua bocca spalancata, alla
caverna, quindi all'interiorit dell'uomo, un'interiorit purificata dall'acqua della vita ma un
invito ad interiorizzare quanto si appreso per farlo definitivamente proprio.
23.

ELEFANTE E SOLDATO

Nella figura dell'elefante possiamo riscontrare un simbolismo importato dall'oriente.


L'animale il simbolo della calma e della potenza due doti necessarie all'adepto (il soldato)
che combatte contro l'ignoranza per poter accedere alla torre della sapienza. L'elefante
rappresenta il primo chakra (allacciato alla forza e all'elemento terra) suo simbolo sono
quattro petali, sotto la coda dell'elefante. Il soldato inerte, come morto, quindi rappresenta
l'adepto che "morto" alla sua vita precedente ed quindi portato dalla kundalini risvegliata
verso la nuova conoscenza. L'anima, dormiente e rappresentata in precedenza da psiche, in
cui comincia ad emergere la coscienza.

24. DRAGO

Il Drago un altro allacciamento alla cultura orientale. Rappresenta le forze latenti


dell'uomo. La conoscenza insita nell'uomo che deve combattere, per potersi manifestare, con
l'ignoranza, l'istinto primigenio, rappresentato dai due leoni, simbolo anche solare. Le due
mezzelune rappresentano l'energia notturna, quindi un'allegoria che rappresenta la lotta tra la
luce ed il buio e la necessit di attuare l'equilibrio tra le due forze per trovare l'equilibrio
interiore. Rappresenta, nella sua raffigurazione, i 4 elementi: il drago, allacciato al fuoco, le
ali, simbolo dell'aria, le zampe ben piantate, simbolo della terra e la coda sinuosa, simbolo
dello scorrere dell'acqua. L'attacco delle fiere rappresenta il pericolo della dissociazione, la
perdita di quanto acquisito se ci si lascia prendere dal rimpianto di quanto lasciato,
dall'ignoranza che l'adepto cerca di abbandonare.
25.

ORCO

Orco era, per gli antichi, la rappresentazione del dio degli inferi pronto a divorare, con la sua
bocca aperta e vorace, chiunque si avventurasse nei suoi pressi. Quindi la rappresentazione
della porta degli inferi, monito a chi, non preparato, si avventuri sulla strada della
conoscenza. Attraverso le aperture si pu vedere comunque l'esterno, mentre il tavolo con la
panca intorno sembra quasi invitare ad un convivio. La bocca tuttavia non appare irta di
denti, quindi sembra quasi innocua, con solo quei due moncherini, che starebbero quindi a
rappresentare il mondo duale. Quindi anche un invito a penetrare nelle parti pi nascoste
della mente ("ogni pensiero vola") in quanto l'adepto, ormai purificato, pu arrivare senza
pericolo alla conoscenza dei mondi "superumani". Vedendo la sua figura si possono notare
simbolizzati una O, costituita dalla bocca, ed una M costituita dalle ciglia inarcate, andando
quindi a formare il monosillabo mantrico OM. Questo per la filosofia indiana il suono
primordiale dell'Universo, il suono da cui si formata la materia ed ha una vibrazione che

permette l'ascesi spirituale. Che sia questo il simbolo rappresentato si pu averne conferma
entrando nella stanza il cui riverbero acustico evidentemente voluto.
26.

ANIMALE MISTERIOSO

Questa figura isolata dalle altre in mezzo alla radura. Appare come un leone mutilo delle
zampe, senza artigli e con la bocca chiusa, quindi completamente inoffensivo. E' quindi il
simbolo delle istintualit domate, le passioni rappresentate da Venere e da Marte che sono
state superate al termine di un processo di purificazione. Le pulsioni sessuali e combattive
che devono essere superate per raggiungere e mantenere le pi alte conoscenze.
27.

VASO MONUMENTALE

Isolato e nella sua monumentalit, rappresenta l'abbondanza, la ricchezza interiore


raggiunta. I quattro volti orrendi posti alla sua base, e orientati verso i 4 punti cardinali,
rappresentano gli elementi istintivi ed animaleschi che si sono acquietati, domati dalla
mente. Quindi il simbolo di una ricchezza interiore, cui si giunti dopo un lungo e difficile
percorso, che ci ha portati a dominare le parti pi bestiali della mente e preparati, tramite la
purificazione, ad accedere ai livelli superiori.
28.

NICCHIA INCLINATA

Nel mezzo della radura sorge una nicchia con una panca, quasi un invito a riposarsi dopo il
percorso. Si possono notare due simbolismi numerici: il 7 ( le sette pietre della nicchia)
disposte su tre file a richiamare il concetto del settenario che prende forma dal trino ed
anche legata al numero 4, infatti il quarto punto di una croce (teatro,animale misterioso,
grande vaso) altro simbolo che sta a significare il 4 della materia (i quattro elementi )
richiamato anche dalla sua forma, che per un mezzo quadrato che racchiude un mezzo
cerchio, simbolo ancora di incompletezza, di un percorso che deve continuare; ecco il
perch dell'inclinazione della nicchia che invita il viandante a non soffermarsi, a proseguire
nel percorso e nella ricerca .
29.

CERBERO

Il cane a tre teste rappresenta cerbero che custodisce l'accesso alla strada che porta alla
conoscenza. Dopo una salita di undici gradini ( simbolo della dissonanza, della ripresa della
numerazione dopo la perfezione), ci si trova di fronte al cerbero. Con le sue tre teste indica
le tre direzioni e sembra un riferimento ad Ecate o Proserpina guardiana dei tre mondi
( cielo, terra, e inferi) e che tiene le chiavi del mondo sotterraneo. Quindi ancora una discesa
nell'interiorit, un invito all'introspezione da attuarsi mediante tre strade e la prima (al suo
livello ) si apre verso un giardino.
30.

DIANA CON GREMBO DILATATO

A guardia del giardino posta una Dea, Diana dal grembo dilatato a formare un sedile. Si
pu identificare come tale dalla mantellina che copre le sue spalle, allusione al "chitone"
dono di Zeus alla Dea da cui questa traeva il nome di Artemide Chitona. Il copricapo con le
sue borchiature ricorda il candelabro rituale che ancora oggi le fanciulle svedesi portano
nella festa di santa Lucia, allusione ad Artemide quale portatrice di luce, mentre il suo
grembo aperto si allaccia al suo ruolo di levatrice di Apollo. Tale giardino quindi il bosco
sacro di Artemide quale signora della caccia ( quindi della natura durante il suo risveglio).
Primavera simbolizzata anche dalle pigne e dalle ghiande e dal Dio Pan, allacciato agli
antichi riti della primavera.
31.

VIALE DELLE GHIANDE E DELLE PIGNE

Il grembo dilatato ha un riferimento con il Muladhara chakra, mentre le due correnti ( ida e
pingala) sono rappresentate dalle due file di ghiande e pigne. Le corrente sinistra (calda)
raffigurata col colore rossastro e termine con l'orso con lo scudo e la rosa rossa , la fila
destra ( fredda) raffigurata con il colore bianco.
32.

ORCHESTRA

Purtroppo questo gruppo completamente sparito. Si trattava di una strana orchestra di


animali che suonavano degli strumenti. Quindi la musica del risveglio della primavera e dei
sensi, il suono primordiale (OM) che si manifestato. E' infatti per questo che tale gruppo
era posto proprio alle spalle della maschera dell'Orco. La prima OM era il suono spirituale,
mentre questa la sua controparte che da vita al mondo fisico.

33.

DIO PAN

Il dio Pan simboleggia l'istinto animale domato dalla componente umana. chiaro il suo
riferimento alla primavera vista come rinascita dell'anima ma giace come addormentato ai
piedi degli orsi.
34.

ORSI

Gli orsi rappresentano anche la natura domata ma anche il perfezionamento dell'Opera in


quanto con il letargo riportano all'immagine della caverna e dell'anima che, dopo
l'introspezione, si risveglia. Quindi il giardino rappresenta la rifioritura dello Spirito, quasi
germogliante dal ventre dilatato della Dea.
35.

LE DUE SIRENE

Le 2 figure, una ancorata a terra l'altra quasi in procinto di spiccare il volo, rappresentano il
contrasto tra "volatile" e "fisso" - tra spirito e materia. A dividerle sono i

36.

TRE LEONI

Le belve rappresentate sono un leone, una leonessa ed il suo cucciolo. I leoni sono allacciati
all'elemento fuoco ed il fuoco che permette alla materia grezza di purificarsi. Esso si
espande su tre livelli corrispondenti alle tre regioni del corpo: inferiore (bacino), media
torace) e superiore (testa), attivate dalle tre correnti della kundalini. Le prime 2
rappresentate nel viale delle pigne e delle ghiande e la terza dalla posizione centrale del
gruppo. Ora l'energia pu risalire illuminando i vari livelli della coscienza. Stanno a guardia
delle 2 sirene: quella serpentina a rappresentare la lussuria ed il compiacimento terreno,
quella alata il risveglio e la resurrezione. LA FENICE mitologicamente l'uccello che
risorge dalle sue ceneri. quindi rappresenta la rinascita dopo la purificazione dovuta al fuoco
(i leoni). Nella raffigurazione sono simboleggiati i tre elementi mancanti: la terra (coda di
serpente), l'acqua (la pinna di delfino) e l'aria (le ali), a significare che l'Opera non ancora
completa, che lo spirito (la fenice) deve distaccarsi dalla materia (salire in volo) se vuole
essere veramente libero.
37.

LA TORRE QUADRATA

' il punto di partenza del volo della fenice. Rappresenta la solidit e la stabilit, infatti il
quadrato racchiude e raccoglie idealmente le 4 forze e congiunge i 4 punti cardinali,
rappresentando la materia da cui adesso la "fenice" pu liberamente spiccare il volo. Ma
un quadrato che sviluppa su tre dimensioni, andando a formare un cubo a rappreesentare
quindi la materia che si sviluppa verso l'alto, a innalzarsi verso il mondo dello spirito.
38.

TEMPIETTO ROTONDO

Questo piccolo tempietto rotondo e scandito da quattro nicchie vuote. Il suo simbolismo
allacciato alla sua forma rotonda che richiama gli antichi templi di Vesta, dea del fuoco cui
le vestali prestavano il culto mantenendo acceso il sacro fuoco. Ma questo il fuoco della
conoscenza che si potuto ottenere con i sacrifici e le sfide passate lungo il percorso. Le
quattro nicchie sono un riferimento alchemico i quattro elementi ma ve ne un quinto, la
quintessenza, che al di sopra degli altri e resta invisibile al non iniziato l'elemento
catalizzatore degli altri che andranno a formare la materia, un'elemento che troviamo
nell'interiorit della psiche umana, cos come, potenzialmente, vi un quinta nicchia
nascosta e che parte della terra cui il tempietto si accosta.

39.

TEMPIO

Dopo ancora una salita da compiere, tramite un'altra scala, si arriva al tempio. Anche qui la
chiave d'interpretazione numerica. Innanzitutto i 9 gradini d'accesso che rappresenterebbe
il numero ultimo prima della perfezione, il 10. I cinque cippi che circondano il tempio dai
suoi lati sono un riferimento ai 5 elementi che costituiscono l'universo mentre l'alternarsi di
simboli di vita (i festoni) con i simboli di morte (le ossa e i teschi) richiamano alla mente
l'eterno divenire dell'Universo in cui la vita nasce dalla morte, la vita fisica come quella
spirituale. Il podio che sostiene il tempio arricchito da due file di sette cerchi vuoti a
simbolizzare i 7 pianeti, i quali, rincorrendosi lungo i lati, richiamano il nome greco che
significa "erranti". Il grande cerchio al centro (sul frontone) rappresenta invece il sole, al
centro degli altri 6 pianeti. Le due scalinate (bipartite sui due lati, per un totale di 4)
alludono alle 4 stagioni mentre il numero degli scalini (12) rappresenta i 12 mesi. Anche le
12 colonne sono allacciate ai 12 segni zodiacali, mentre il loro numero totale (28)
rappresenta il mese lunare. Infine la sala vuota del tempio rappresenta (in quanto ottagonale)
l'ottavo cielo (oltre i sette pianeti): l'empireo. La cupola (egualmente ottagonale) suddivisa
in otto riquadri (gli otto angeli che sorreggono il trono di Dio, per gli ebrei e i mussulmani e
8 i reggitori del cosmo per il buddismo). Infine la sfera sopra la cupola il simbolo del
Tutto, quindi della completezza. Il tempio quindi l'imago mundi secondo la visione del
tempo. Ma anche l'immagine del corpo. I cinque cippi rappresentando i 5 sensi, la scala
kundalini (3 gradini = le 3 spire da cui si dipartono le altre due correnti a vivificare gli altri 6
centri) e tutti e sette i centri sono rappresentati dai cerchi in lato. La tripartizione del pronao:
la triplice suddivisione del tronco umano con i 3 livelli di coscienza. Il simbolismo iniziatico
a questo punto raffigurato dai cinque cippi: i 5 sensi cui si deve allacciare la mente (il
tempio) per superare le prove e che deve crescere alla coscienza attraverso i 7 centri di
energia rappresentati dai 3 cerchi pieni (superiori) che devono dominare i 4 centri vuoti
(inferiori). Superate le scale ci si trova al centro delle 12 colonne (divise i 4 gruppi a
simbolizzare i 4 elementi). A questo punto la sala interna non pu rappresentare che
l'interiorit, il bisogno comunque sempre presente di raccogliersi nel buio interiore per poter
far nascere la luce dello spirito. Anche le due nicchie vuote sembrano in attesa di accogliere
qualcosa,: sono il simbolo di una dualit che deve crescere nell'equilibrio, un'equilibrio che
si raggiunge solo nella piena luce ed nella luce (esterna) che lo troveremo.
Si ripassa ora di nuovo presso la pietra misteriosa che per adesso vista dal suo retro. Ora
le nicchie visibili assumono il loro significato iniziatico. Il loro numero (7) richiama i sette
chakram in particolare le 3 nicchie superiori (ben delineate) rappresentano l'apertura dei 3
chakram superiori (allacciati alla conoscenza spirituale). La rappresentazione di questa
pietra quindi quella della pietra angolare del tempio da costruire.

40.

VIALE DELLE ERME

Il viale, dritto e nella piena luce del giorno, rappresenta la via maestra, la via della
completezza raggiunta. I busti (7 maschili e 7 femminili) rappresentano la dualit raggiunta
nell'equilibrio del complemento delle forze ed il loro numero (14) sta ad intendere che tale
completamento stato raggiunto tramite il risveglio dei due canali di kundalini. Gli stessi
volti adesso hanno gli occhi aperti ed il viso tranquillo e disteso, simbolo della raggiunta
tranquillit interiore.
41.

ORCO CON GLOBO

Posto alla fine del viale, sembra quasi pronto ad ingoiare le erme. Esso rappresenta infatti il
TEMPO, personificato anticamente da Saturno, che ingoia i suoi figli. I suoi denti (10, ma
in effetti con i due mancanti avrebbero dovuto essere 12) rappresentano quindi il TEMPO,
pronto ad ingoiare ogni cosa, a rappresentare la caducit della materia e che solo con
l'illuminazione si pu trascendere da esso, pervenendo alla Realt delle cose. Con questa
interpretazione le ali delle farfalle rappresentano le anime che, libere, cercano di distaccarsi
dalla materia. Vanno verso il globo superiore, la cui parte inferiore formata da 7 strisce a
formare una spirale, indice del movimento di ascesa e ridiscesa nella materia delle anime
non liberate che sono quindi obbligate a rimanere nel settenario materiale. Tendono
comunque a raggiungere la parte superiore, la parte FISSA della sfera, che rappresenta il
cielo fisso, l'empireo o mondo delle cause. Su di esso sorge il castello quadrato che si
sviluppa su tre piani. Rappresenta la stabilit raggiunta tramite il risveglio dei tre livelli
superiori della coscienza. Il mutamento avvenuto rappresentato dall'altra interpretazione
delle farfalle, come a dire che l'anima, ormai libera dai vincoli della carne, rinasce a nuova
vita; il vecchio io (il vecchio all'inizio del percorso) come una crisalide che avvizzisce e
lascia il posto ad una nuova farfalla.
Tutto per appare come in equilibrio precario, una stabilit quindi che si pu raggiungere
solo con il conseguimento dell'equilibrio interiore, il giusto equilibrio tra il basso e l'alto, il
dominio degli istinti inferiori tramite una raggiunta coscienza superiore che permetter
all'anima di liberarsi dalla schiavit della materia, ascendendo fino ai cieli superiori.