La Supercoppa è azzurra

Doppiette a testa per Tevez e Higuain. Poi gli azzurri trionfano 8-7ai rigori
Non sono bastati 120 minuti per decidere la Supercoppa italiana. A Doha sono stati decisivi i rigori e
alla fine è il Napoli a sorridere. E’ stata una gara piena di emozioni, di marca argentina. Tevez ha aperto
le danze al 5°, Higuain ha pareggiato al 68° con in mezzo un palo a testa per Hamsik e lo stesso “Pipita”.
Un “tango argentino” che continua anche oltre il 90°. Koulibaly al 101° salva sulla linea un tiro di Vidal
ma 5 minuti dopo ancora Tevez con un colpo da fuoriclasse trafigge Rafael. L’apache chiama e Higuain
ad un minuto dalla fine risponde presente e firma il 2-2. Il giudizio finale è rimandato ai rigori.
Sbagliano Jorginho, Tevez, Mertens, Chiellini, Callejon e Pereyra. Alla fine Koulibaly segna ma Padoin
no e così parte la festa azzurra. Dopo 24 anni, sempre contro la Juve, il Napoli vince la sua seconda
Supercoppa.
Sintesi – Allegri punta sugli uomini migliori con Evra ad agire a sinistra e i 4 titolarissimi a
centrocampo con Vidal dietro la coppia Teve-Llorente. Il Napoli alla vigilia aveva solo 2 dubbi: chi
schierare accanto a David Lopez e chi mettere sulla trequarti. Benitez decide di optare per Gargano in
mezzo e De Guzman davanti, ma non al posto di Hamsik ma di Mertens. Alla Juve bastano 5 minuti per
andare in vantaggio: Albiol e Koulibaly si scontrano dopo un retropassaggio sbagliato di David Lopez e
Tevez ne approfitta per siglare l’1-0. Gli azzurri subiscono il colpo e reagiscono al 16° con Hamsik che
di sinistro colpisce il palo. I bianconeri non stanno a guardare e sempre Tevez ha per 2 volte
l’occasione di raddoppiare, ma al 22° respinge Rafael e al 23° il suo tiro è deviato in angolo. La Juve
però sembra perdersi e al 42° deve ring razione Buffon che diventa “super” e si oppone ad un gran tiro
di Higuain. Nella ripresa il Napoli entra determinata e al 53° Callejon, pescato perfettamente da
Hamsik, a tu per tu con Buffon spedisce fuori di poco. Poi al 59° Higuain supera con un ottimo
pallonetto Buffon ma la palla scheggia il palo. La fortuna sembra sorridere ai bianconeri. Un minuto
dopo Llorente ci prova ma Rafael respinge di piede. Allegri decide di sostituire Pirlo con Pereyra che si
posizione dietro le punte e Vidal retrocede a centrocampo, ma non basta. Al 68° il Napoli trova il
pareggio: Ghoulam se ne va sulla sinistra e pennella un cross al centro per Higuain che sbuca dietro
Chiellini e trafigge Buffon. Benitez toglie Hamsik per Mertens mentre Padoin rileva Lichtsteiner. Al 90°
Tevez ha la palla della vittoria ma colpendo in scivolata spedisce fuori. Si va ai supplementari. Negli
azzurri entra Inler ed esce David Lopez. Adesso è la Juve a fare la partita: Koulibaly salva sulla linea un
tiro a botta sicura di Vidal. Il primo tempo è un assolo bianconero e al primo minuto del secondo
tempo supplementare arriva il vantaggio torinese ancora con Tevez: numero di Pogba che passa in
mezzo a 2 avversari e la passa all’apache, che con un velo si libera di Koulibaly e con un destro
chirurgico batte per la seconda volta Rafael. Quattro minuti dopo Buffon compie un miracolo su
Higuain. Ma la gara ancora non è finita e allo scadere arriva il pareggio azzurro: Higuain risove una
mischia in area e al 118 con una zampata fa 2-2. Si va ai rigori. Parte il Napoli con Jorginho ma Buffon
para. Tocca a Tevez ma colpisce il palo. Non sbaglia Ghoulam, così come Vidal, Albiol, Pogba, Inler,
Marchisio, Higuain e Morata. Dopo i primi 5 penalty è ancora parità e così si prosegue ad oltranza.
Gargano e Bonucci segnano ma Mertens e Chiellini sbagliano, così come Callejon e Pereyra. E’ ancora
parità. Koulibaly batte il 9° rigore e non sbaglia ma Padoin si. Decisivo la parata di Rafael sul
bianconero. Finisce 9-8 e il Napoli vince la “lotteria”. La Supercoppa si tinge di azzurro.