You are on page 1of 1

GLAMA.IT - Angela Leucci scrive di “In bilico.

Storie di
animali terrestri”, in uscita a gennaio 2015

In Bilico, un libro per raccontare la generazione TQ
Esce a gennaio per Musicaos In Bilico – Storie di Animali Terrestri, raccolta di racconti di
nuovi autori da tutta Italia
Si chiamano Annarita Pavone, Marina Piconese, Valentina Luberto, Gianluca Conte, Paolo
Merenda, Paolo Colavero, Belisario Laveneziana, Luigi De Gregorio, Antonio Montefusco, Marco
Goi, Angela Leucci. Sono gli undici autori dei dodici racconti della raccolta In Bilico – Storie di
Animali Terrestri, che esce a gennaio con l’editore Musicaos.
Il volume rappresenta davvero qualcosa di unico nel panorama letterario: solitamente siamo
abituati a vedere edite antologie di autori già consolidati, ma stavolta non è così, perché gli autori,
sebbene non esordienti tout court, rappresentano nuove voci all’interno del panorama letterario
italiano.
E questi racconti parlano di loro, della loro sensibilità, del loro modo di percepire una realtà
spesso brutale, che parla di cronaca nera, ma anche di lavoro, di sbarchi di rifugiati, di piccoli
centri denuclearizzati, del mestiere di scrivere o di cercare nell’antico e dello stare in bilico, come
un gatto su un filo, di rifugiarsi in una stanza o in un bar tra cose e persone note.
Undici stili diversi si intrecciano a narrare tutto questo e molto altro, mentre la bellezza di un
quadro si sfalda e viene sostituita dall’ennesimo tormentone musicale. Perché la scrittura è un
baratro per chi la vive quotidianamente, un abisso in cui immergersi e riemergere colmi di cose da
dire.
Il volume inaugura la collana Fablet di Musicaos: a partire dalla copertina, si evince il rilancio della
carta rispetto al libro digitale (sebbene il volume sarà disponibile anche in e-book). Basta cliccare
su uno dei volti per viaggiare con il singolo autore: perché una raccolta di racconti è proprio
questo, è il lettore che detta una chiave di lettura. Anche se questo è un volume generazionale e
tale resta. Ma al suo interno ogni lettore troverà un po’ di se stesso.