You are on page 1of 17

La grammatica del linguaggio delle misure

A cura di Sergio Sartori (Tutto_Misure)


Le tabelle e le regole che seguono sono state preparate per facilitare il lavoro di tutti coloro
che devono scrivere:

testi scolastici,

cataloghi di strumenti e di prodotti,

cartelli segnaletici,

etichette che descrivono le caratteristiche di prodotti, inclusi gli alimenti,

ogni documento o testo che richieda l'uso di nomi e simboli delle unit di misura.

Nelle tabelle sono descritte le unit di misura in uso; si peraltro dato ampio spazio anche
ai nomi delle grandezze, alle quali vengono associate le unit di misura, per suggerire una
nomenclatura unificata anche in questo settore.
Lapprofondimento Le unit del Sistema Internazionale fornisce le regole (fonetiche,
ortografiche, morfologiche e sintattiche) diffuse ed usate a livello internazionale: si
suggerisce di attenersi ad esse ogni qual volta ci risulti possibile, soprattutto se il
testo deve avere diffusione al di fuori dei confini nazionali: le regole del Sistema
Internazionale sono le uniche che danno certezza di non ambiguit e di non
contestabilit.
Si raccomanda di analizzare con particolare attenzione le regole per la corretta scrittura
dei nomi e dei simboli delle unit: esse sono valide in generale, cio anche per le unit
che non appartengono al SI.
Usare in modo scorretto nomi e simboli delle unit e dei prefissi equivale a compiere errori
di ortografia, scrivendo nella propria lingua: quegli errori che gli insegnanti della scuola di
base sottolineano con doppia riga rossa e blu, per indicare il massimo dell'ignoranza
immaginabile.
Nel campo delle misure, l'errore ortografico pu essere sovente ben pi pericoloso
di un semplice indicatore di ignoranza: pu infatti trasferire un'informazione del
tutto diversa da quella che si intendeva fornire, con rischi addirittura di danno per
chi la riceve e la interpreta secondo quanto erroneamente stato scritto.

Le unit del Sistema Internazionale


1.

Le sette unit di base


Grandezza di base

Unit SI di base
Nome
metro
kilogrammo
secondo
ampere
kelvin
mole
candela

lunghezza
massa
tempo
corrente elettrica
temperatura termodinamica
quantit di sostanza
intensit luminosa

Simbolo
m
kg
s
A
K
mol
cd

Nota bene:
Alcune unit SI di base sono unit di misura di grandezze con la stessa dimensione delle
grandezze di base. Esempi:

Grandezza

Unit SI

lunghezza d'onda, distanza


durata, periodo
tensione magnetica, differenza di potenziale
magnetico, forza magnetomotrice
grado di avanzamento di una reazione

2.

Nome
metro
secondo
ampere

Simbolo
m
s
A

mole

mol

Esempi di unit SI derivate espresse in termine delle unit di base

Regola per la formazione di unit SI derivate


Qualunque unit SI derivata ha una unit di misura il cui simbolo esprimibile come
segue:
simbolo dell'unit SI derivata = m!kg"s#A$K%mol&cd'
essendo gli esponenti !, ", #, $, %, &, ', numeri interi, positivi o negativi, zero incluso.
Si noti che la regola di derivazione prevede esplicitamente che il coefficiente
numerico che moltiplica le unit di base sia sempre uguale a uno.
In generale quando un esponente uguale a zero, il simbolo e il nome della relativa unit
di base vengono omessi.
Eccezioni:

Le unit SI derivate con nomi e simboli speciali (si vedano le tabelle 3 e 4).
Le unit delle grandezze adimensionali (con dimensione 1) (si vedano le note (a), (b),
(c), alla tabella 3; si veda anche la nota finale alla tabella 4).
2

L'insieme delle unit di base e delle unit derivate secondo la regola qui esposta
costituisce quello che viene chiamato un insieme (o sistema) coerente di unit di misura.

Grandezza derivata
area
volume
fluenza di particelle
flusso di particelle
costante di decadimento
velocit
accelerazione
numero d'onda, coefficiente di
attenuazione lineare totale
densit, massa volumica
densit relativa
volume specifico
portata in massa
densit di corrente (elettrica)
(intensit di) campo magnetico
radianza di particelle

Unit SI derivata
Nome
metro quadrato
metro cubo
numero di particelle al metro
quadro
numero di particelle al secondo
secondo alla meno uno
metro al secondo
metro al secondo quadrato
metro alla meno uno

kilogrammo al metro cubo


(il numero) uno
metro cubo al kilogrammo
kilogrammo al secondo
ampere al metro quadro
ampere al metro
numero di particelle al metro
quadro al secondo a
steradiante
coefficiente di assorbimento (attenuazione, metro quadrato al kilogrammo
trasferimento) di energia massico
massa molare
kilogrammo alla mole
molalit del soluto, forza ionica
mole al kilogrammo
volume molare
metro cubo alla mole
concentrazione (di quantit di sostanza)
mole al metro cubo
luminanza
candela al metro quadro
indice di rifrazione
(il numero) uno

Simbolo
m2
m3
1/ m2
1/s
1/s
m/s
m/s2
m-1
kg/m3
1
3
m /kg
kg/s
A/m2
A/m
1/( m2ssr)
m2/kg
kg/mol
mol/kg
m3/mol
mol/m3
cd/m2
1

3.

Unit SI derivate con nomi e simboli speciali


Grandezza derivata

Unit SI derivata
Nome
speciale

angolo piano
angolo solido
frequenza
forza
pressione, sforzo, sollecitazione, pressione
acustica o sonora
energia, lavoro, quantit di calore, energia
raggiante, valore energetico (di alimenti)
potenza, flusso di energia, flusso energetico
carica elettrica, quantit di elettricit, flusso
elettrico, flusso dielettrico
tensione elettrica, differenza di potenziale
elettrico, forza elettromotrice
capacit (elettrica)
resistenza (elettrica)
conduttanza (elettrica)
flusso magnetico, flusso di induzione
magnetica
induzione magnetica, densit di flusso
magnetico
induttanza, auto induttanza, coefficiente di auto
induzione, mutua induttanza, coefficiente di
mutua induzione, permeanza
temperatura Celsius
attivit catalitica
flusso luminoso
illuminamento
attivit (di una certa quantit di nuclide
radioattivo)
dose assorbita, energia specifica (impartita),
kerma
equivalente di dose (ambientale, direzionale,
personale)

Simbolo
speciale

Espressa
in termini
di altre
unit SI

Espressa in
termini delle unit
SI di base

radiante(a)
steradiante(a)
hertz
newton
pascal

rad
sr(a)
Hz
N
Pa

N/m2

mm-1=1(b)
m2m-2=1(b)
s-1
mkgs-2
m-1kgs-2

joule

Nm

m2kgs-2

watt
coulomb

W
C

J/s

m2kgs-3
sA

volt

W/A

m2kgs-3A-1

farad
ohm
siemens
weber

F
"
S
Wb

C/V
V/A
A/V
Vs

m-2kg-1s4A2
m2kgs-3A-2
m-2kg-1s3A2
m2kgs-2A-1

tesla !

Wb/m2

kgs-2A-1

henry

Wb/A

m2kgs-2A-2

grado
Celsius(d)
katal
lumen
lux

becquerel

Bq

gray

Gy

J/kg

m2s-2

sievert

Sv

J/kg

m2s-2

Kat
lm
lx

K
cdsr(c)
lm/m2

mol/s
m2m-2cd=cd
m2m-4cd=
m-2cd
s-1

Note:
(a) Il radiante e lo steradiante possono essere vantaggiosamente utilizzati nelle
espressioni di unit derivate per distinguere tra grandezze di natura differente ma con
la stessa dimensione. Nella tabella dal par.4 sono forniti alcuni esempi del loro uso nel
formare unit derivate.
(b) Nella pratica in simboli rad e sr sono usati quando opportuno, ma l'unit derivata "1"
generalmente omessa quando in combinazione con valori numerici.
4

(c) In fotometria il nome steradiante e il simbolo sr sono normalmente mantenuti


nell'espressione delle unit.
(d) Questa unit pu essere usata in combinazione con prefissi SI, esempio: milligrado
Celsius, mC.
Nota importante sull'unit di temperatura:
Le unit di misura accettate sulla scala di internazionale di temperatura sono:

il kelvin (simbolo K)

il grado Celsius (simbolo C).

Le due unit sono dimensionalmente uguali. Una temperatura pu pertanto essere


espressa sia in kelvin sia in gradi Celsius.
La relazione tra temperatura in kelvin (simbolo usuale della grandezza T)e temperatura in
gradi Celsius (simbolo usuale della grandezza t) la seguente:
t = T - 273,15
Nota bene: l'unit di temperatura si chiama kelvin (iniziale minuscola), non grado kelvin.
Il suo simbolo K (maiuscolo), non K.
Nota bene: l'unit grado centigrado appartiene alla storia, non alle unit del SI. Il simbolo
C si riferisce al grado Celsius.

4.

Esempi di unit SI derivate i cui nomi e simboli includono unit SI


derivate con nomi e simboli speciali
Grandezza derivata

Unit SI derivata
Nome

viscosit dinamica
momento di una forza
tensione superficiale
velocit angolare
accelerazione angolare
densit di flusso di calore, irradianza
coefficiente di temperatura della resistivit
di un materiale

coefficiente di dilatazione termica di un


materiale

potere termoelettrico (tra due conduttori)


capacit termica, entropia
capacit termica specifica, entropia
specifica
energia specifica
conducibilit termica
fluenza di energia
rateo di fluenza di energia, densit di flusso
di energia
densit di energia
campo magnetico, forza magnetica
densit di corrente elettrica
(intensit di) campo elettrico, forza elettrica
densit di carica elettrica
densit di flusso elettrico (o dielettrico),
induzione elettrica, spostamento elettrico.
polarizzazione elettrica
resistivit elettrica
conduttivit elettrica

Simbolo

Espressa in termini
delle unit SI di base

pascal per
secondo
newton per metro
newton al metro
radiante al
secondo
radiante al
secondo quadrato
watt al metro
quadro
kelvin alla meno
uno
grado Celsius alla
meno uno
kelvin alla meno
uno
grado Celsius alla
meno uno
volt al kelvin
joule al kelvin
joule al
kilogrammo e al
kelvin
joule al
kilogrammo
watt al metro e al
kelvin
joule al metro
quadro
watt al metro
quadro
joule al metro
cubo
ampere al metro
ampere al metro
quadro
volt al metro
coulomb al metro
cubo
coulomb al metro
quadro

Pas

m-1kgs-1

Nm
N/m2
rad/s

m2kgs-2
m-1kgs-2
mm-1s-1=s-1

rad/s2

mm-1s-2=s-2

W/m2

kgs-3

K-1

K-1

ohm per metro


siemens al metro
6

C-1
K-1

K-1

C-1
V/K
J/K
J/(kgK)

m2kgs-3A-1K-1
m2kgs-2K-1
m2 s-2K-1

J/kg

m2 s-2

W/(mK)

mkgs-3K-1

J/ m2

kgs-2

W/ m2

kgs-3

J/m3

m-1kgs-2

A/m
A/m2

m-1A
m-2A

V/m
C/m3

mkgs-3A-1
m-3 sA

C/m2

m-2 sA

(m
S/m

m3kgs-3A-2
m-3kg-1s3A2

permettivit, costante dielettrica


riluttanza
permeabilit
potere frenante lineare totale
energia (interna) molare, entalpia molare
entropia molare, calore specifico molare,
capacit termica molare
conduttivit molare di uno ione

esposizione (a raggi X e $ )
rateo di esposizione

rateo di dose assorbita, rateo di kerma


intensit energetica
radianza (totale)

radianza spettrale
luminanza

farad al metro
henry alla meno
uno
henry al metro
joule al metro
joule alla mole
joule alla mole e
al kelvin
siemens per
metro quadro alla
mole
coulomb al
kilogrammo
coulomb al
kilogrammo al
secondo
gray al secondo
watt allo
steradiante
watt al metro
quadro e allo
steradiante
watt al metro cubo
e allo steradiante
candela al metro
quadro

F/m
1/H

m-3kg-1s4A2
m-2kg-1s2A2

H/m
J/m
J/mol
J/(molK)

mkgs-2A-2
mkgs-2
m2kgs-2mol-1
m2kgs-2K1
mol-1

Sm2/mol
C/kg

kg-1 sA

C/(kgs)

kg-1 A

m2s-3
m4m-2kgs-3
=m2kgs-3
W/(m2sr) m2m-2kgs-3
=kgs-3
Gy/s
W/sr

W/(m3sr) m2m-3kgs-3
=m-1kgs-3
cd/m2
m-2cd

Note:
1. Una singola unit SI pu corrispondere a numerose diverse grandezze, come stato
fatto notare nelle tabelle precedenti. Peraltro tali tabelle non sono esaustive.
2. Per quanto detto alla nota precedente, risulta importante non usare la sola unit per
specificare la grandezza. Ad esempio, dire joule al kelvin (J/K) non consente di
distinguere se si sta parlando di capacit termica o di entropia; dire ampere (A) non
consente di distinguere se si sta parlando di corrente elettrica o di forza
magnetomotrice.
3. La regola impone dunque di precisare, nel contesto, sia la grandezza sia l'unit di
misura ad essa corrispondente. Questa regola si applica non solo nei testi tecnici e
scientifici ma anche, per esempio e soprattutto, negli strumenti di misura: sul loro
display (e sul catalogo) deve essere indicata sia la grandezza che lo strumento misura
sia l'unit di misura (o un suo multiplo o sottomultiplo) adottata.
4. Una unit derivata pu essere espressa in modi diversi, combinando tra loro i nomi
delle unit di base con nomi speciali di unit derivate. Trattasi di una libert di
espressione algebrica che peraltro deve essere governata da considerazioni fisiche e
di buon senso. Il joule, per esempio, pu formalmente essere scritto "newton per
metro" o "kilogrammo per metro quadro al secondo quadro"; ma, in un dato contesto,
una di tali forme pu essere pi chiara ed utile di una sua alternativa. Si raccomanda
7

comunque di usare sempre, in un dato contesto, la stessa espressione dell'unit


derivata quando collegata alla stessa grandezza. Un cambiamento di espressione
dell'unit giustificato quando si intende sottolineare un cambiamento di grandezza
collegata.
5. Nella pratica, con certe grandezze si preferisce usare certi nomi speciali di unit, o
combinazioni di nomi di unit, per facilitare la distinzione tra grandezze diverse che
hanno la stessa dimensione.
6. Esempi:
Grandezza
frequenza
velocit angolare
flusso di particelle
quantit di calore, valore
energetico (di alimenti)
momento di una forza

Unit SI designata
hertz
radiante al secondo
secondo alla meno
uno
joule

Unit SI non utilizzata


secondo alla meno uno
secondo alla meno uno
hertz

newton per metro

joule

newton per metro

7. Un caso particolare quello delle unit SI nel settore delle radiazioni ionizzanti.
I nomi speciali becquerel, gray e sievert sono stati specificatamente introdotti per
ridurre il rischio di errori, e conseguenti danni alla salute umana, derivanti da
incomprensioni nell'uso delle unit secondo alla meno uno e joule al kilogrammo.
Grandezza
attivit
dose assorbita
equivalente di dose

Unit SI designata
becquerel
gray
sievert

Unit SI non utilizzata


secondo alla meno uno
joule al kilogrammo
joule al kilogrammo

8. Unit per grandezze adimensionali, grandezze di dimensione uno


Alcune grandezze sono definite come rapporto tra due grandezze delle stessa specie
e, di conseguenza, hanno una dimensione che pu essere espressa per mezzo del
numero uno. L'unit di tali grandezze necessariamente una unit derivata, coerente
con le altre unit del SI; poich formata dal rapporto di due unit SI fra loro
identiche, anche l'unit pu essere espressa mediante il numero uno. Pertanto l'unit
SI di tutte le grandezze che hanno prodotto dimensionale uno il numero uno. Esempi
di tali grandezze sono:
indice di rifrazione
permeabilit relativa
coefficiente di attrito
rendimento
numero di Reynolds
In generale l'unit 1 non esplicitamente mostrata.

In alcuni casi, peraltro, a questa unit uno attribuito un nome speciale,


principalmente per evitare confusioni tra unit derivate composte. E' il caso di radiante
e steradiante.

5.

Unit non SI accettate per l'uso con il SI

Alcune unit non SI hanno una grande diffusione nella scienza, nella tecnica e nel
commercio. Alcune di esse sono usate nella vita quotidiana e sono talmente radicate nella
storia e nella cultura della razza umana da essere di fatto non sostituibili con quelle SI.
Nella tabella che segue sono elencate le unit non SI per le quali esiste un accordo
internazionale di riconoscimento e che si possono usare anche in combinazione con unit
SI.

Grandezza

Unit

Nome
minuto
durata, tempo di calendario
ora
giorno
grado
minuto
angolo piano
secondo
volume (di liquidi o gas)
litro
massa
tonnellata
livello (di campo, di potenza, di neper
pressione sonora), decremento bel
logaritmico

Simbolo
min
h
d

'
"
l, L
t
Np
B

Valore in unit SI
1 min = 60 s
1 h = 60 min = 3600 s
1 d = 24 h = 86 400 s
1 = ()/180) rad
1' = (1/60) = ()/10 800) rad
1" = (1/60)' = ()/648 000) rad
1 l = 1 dm3 = 10-3 m3
1 t = 103 kg
1 Np = 1
1 B = (1/2) ln 10 (Np)

Il neper unit coerente con le unit SI ma non ancora stata adottata tra tali unit.
Il caso speciale della grandezza "livello di una grandezza di campo".
Data una grandezza di campo di ampiezza F e un suo valore di riferimento di ampiezza
F0 , si definisce usualmente livello di tale grandezza di campo la grandezza ln (F / F0 ),
essendo ln il logaritmo naturale (in base e).
L'unit per la grandezza livello di una grandezza di campo il neper, simbolo Np: 1 Np
il livello di una grandezza di campo quando ln (F / F0 ) = 1.
Molto usato come unit di misura del livello di una grandezza di campo anche il decibel
(simbolo dB), sottomultiplo del bel. La relazione tra le due unit la seguente:
ln (F / F0 ) Np = 20 lg (F / F0 ) dB
dove lg indica il logaritmo in base 10.
Il caso speciale della grandezza "livello di una grandezza di potenza"

Data una grandezza di potenza di ampiezza P e un suo valore di riferimento di ampiezza


P0 , si definisce usualmente livello di tale grandezza di potenza la grandezza
1
ln (P / P0 ), essendo ln il logaritmo naturale (in base e).
2
L'unit per la grandezza livello di una grandezza di potenza il neper, simbolo Np: 1 Np
1
il livello di una grandezza di potenza quando ln (P / P0 ) = 1.
2
Molto usato come unit di misura del livello di una grandezza di potenza anche il decibel
(simbolo dB), sottomultiplo del bel. La relazione tra le due unit la seguente:

!
1
ln (P / P0 ) Np = 10 lg (P / P0 ) dB
2
dove lg indica il logaritmo in base 10.

!
Nell'usare il neper,
il bel e il decibel particolarmente importante specificare la
grandezza alla quale vengono associati. L'unit non deve mai essere usata per
implicare la grandezza.

La norma UNI CEI ISO 31 raccomanda di usare i sottomultipli decimali dell'unit grado
(per la grandezza angolo piano), in luogo del primo e del secondo.

Per l'unit litro sono ammessi due simboli, l (elle minuscolo) e L, in quanto il primo pu
confondersi con il carattere tipografico usato per il numero uno.

Nei paesi di lingua inglese la tonnellata chiamata "metric ton", tonnellata metrica.

6.

Unit non SI accettate per l'uso con il SI, il cui valore in unit SI
ottenuto sperimentalmente
Grandezza

Nome
elettronvolt
unit unificata
di massa
atomica
lunghezza, distanza unit
astronomica
astronomica
energia
massa atomica

Unit
Simbolo Valore in unit SI
eV
1 eV = 1,602 177 33 (49) 10-19 J
u
1 u = 1,660 540 2 (10) 10-27kg
1 ua = 1,495 978 706 91 (30) 1011 m

ua

10

7.

Altre unit non SI, correntemente accettate per l'uso con il SI per
soddisfare necessit commerciali e legali e interessi scientifici
particolari

Grandezza
distanza
velocit

Unit
Nome
miglio marino (da usare solo

Simbolo Valore in unit SI


non
1 miglio marino = 1852 m

per la navigazione marittima e


aerea)
nodo (da usare solo per la
navigazione marittima)

non
concordato

concordato

1 nodo = 1 miglio marino all'ora =


(1852/3600) m/s
1 a = 1 dam2 = 102 m2

superficie

ara (da usare solo per superficie a

superficie

del terreno)
ettaro (da usare solo per
superficie del terreno)

ha

1 ha = 1 hm2 = 104 m2

pressione

bar (da usare solo per fluidi)

bar

lunghezza

ngstrm (da usare solo in


fisica nucleare)
barn (da usare solo in fisica

1 bar = 0,1 MPa = 100 kPa


= 1000 hPa = 105 Pa
1 = 0,1 nm = 10-10 m

1 b = 100 fm2 = 10-28 m2

superficie

nucleare)

8.

Regole di scrittura delle grandezze, dei nomi e dei simboli delle


unit

8.1.

I simboli delle grandezze


Non esiste una convenzione generale per i simboli da usare per le grandezze. Le
norme della serie UNI CEI ISO 31 forniscono una serie di suggerimenti sia per i
nomi delle grandezze sia per i simboli da associare a tali nomi. Peraltro la scelta dei
simboli delle grandezze dipende molto dal contesto. Si possono suggerire le due
seguenti regole generali:
a. si scelga per una data grandezza un simbolo che non provochi ambiguit con
altri simboli scelti per altre grandezze o con i simboli delle unit;
b. una volta scelto un simbolo per una grandezza, non lo si cambi pi nello stesso
contesto.
La norma UNI CEI ISO 31-1 fornisce anche le regole di scrittura. Si tenga presente
la seguente regola fondamentale:
I simboli delle grandezze, in un contesto nel quale si usano caratteri dritti,
siano scritti con caratteri corsivi. Dunque si scriva: una lunghezza l; una
tensione V; una pressione P.

11

8.2.

I nomi delle unit SI


I nomi delle unit SI sono nomi comuni; vanno quindi sempre scritti senza l'iniziale
maiuscola, eccetto quando il nome la prima parola di una frase, utilizzando il
carattere del contesto nel quale compaiono. Fa eccezione l'unit "grado Celsius".
I nomi delle unit SI, scritti per esteso, non vanno mai usati associandoli a numeri
che esprimano risultati di misure.
I nomi delle unit SI sono invariati al plurale; nella lingua italiana fanno eccezione i
nomi delle seguenti unit e dei loro multipli e sottomultipli: metro (plurale metri),
secondo (secondi), grammo (grammi), mole (moli), candela (candele), radiante
(radianti), steradiante (steradianti), grado Celsius (gradi Celsius), minuto (minuti),
ora (ore), giorno (giorni), grado (gradi), litro (litri), tonnellata (tonnellate), miglio
marino (miglia marine), nodo (nodi), ara (are), ettaro (ettari).
Esempio

Corretto
Pochi ampere
7K
Alcuni volt
Il kelvin l'unit

8.3

Sbagliato
Pochi A
Pochi amperes
Pochi Amperes
7 kelvin
Alcuni Volt
Alcuni Volts
Alcuni Volta
Il Kelvin l'unit .

Simboli di unit
I simboli delle unit devono essere scritti nel modo seguente:
a. Per i simboli delle unit si usa il carattere dritto. In generale i simboli sono scritti
con l'iniziale minuscola ma, quando il nome dell'unit derivato dal nome
proprio di una persona, la prima lettera del simbolo maiuscola.
b. I simboli delle unit non mutano al plurale.
c. I simboli delle unit, in quanto simboli e non abbreviazioni, non sono seguiti dal
punto, eccezion fatta per la normale punteggiatura alla fine di una frase.
d. I simboli delle unit non si usano mai disgiunti dal numero che esprime il valore
della grandezza alla quale l'unit si riferisce.
Esempio

Corretto
K (simbolo di kelvin)
8V
L'unit di potenza il
watt;
pochi metri
La corrente vale 12 A
nel lato
12

Sbagliato
K
k
8 Vs
8 Volts
8 volt
L'unit di potenza il
W;
pochi m
La corrente vale 12 A.
nel lato

9.

Prefissi per la formazione dei multipli e dei sottomultipli delle


unit SI

Riferimenti: risoluzione 12 della 11ma CGPM, 1960; risoluzione 8 della 12ma CGPM, 1964;
risoluzione 10 della 15ma CGPM, 1975; risoluzione 4 della 19ma CGPM, 1975
Fattore moltiplicativo
1 000 000 000 000 000 000 000 000
1 000 000 000 000 000 000 000
1 000 000 000 000 000 000
1 000 000 000 000 000
1 000 000 000 000
1 000 000 000
1 000 000
1 000
100
10

24

= 10
21
= 10
18
= 10
15
= 10
12
= 10
9
= 10
6
= 10
3
= 10
2
= 10
1
= 10

Prefiss Simbo
o
lo
yotta
Y
zetta
Z
exa
E
peta
P
tera
T
giga
G
mega
M
kilo
k
hecto
h
deca
da

Fattore moltiplicativo
0,1
0,01
0,001
0,000 001
0,000 000 001
0,000 000 000 001
0,000 000 000 000 001
0,000 000 000 000 000 001
0,000 000 000 000 000 000 001
0,000 000 000 000 000 000 000 001

-1

= 10
-2
= 10
-3
= 10
-6
= 10
-9
= 10
-12
= 10
-15
= 10
-18
= 10
-21
= 10
-24
= 10

Prefiss Simb
o
olo
deci
d
centi
c
milli
m

micro
nano
n
pico
p
femto
f
atto
a
zepto
z
yocto
y

Regole di scrittura relative ai prefissi


Riferimenti: norma UNI CEI ISO 31
9.1

Un prefisso non pu mai essere usato isolato


Esempio

Corretto
106 / m3

Sbagliato
M / m3

Errori comuni: dire o scrivere 1 micro o 1 , intendendo ad esempio 1 m (un


micrometro), non solo sbagliato ma anche privo di alcun significato.
9.2

E' vietato l'uso di prefissi composti, formati facendo seguire l'uno all'altro due
o pi prefissi.
Esempio

9.3

Corretto
1 nm

Sbagliato
1 mm

Il gruppo, formato dal simbolo del prefisso unito al simbolo dell'unit,


costituisce un nuovo simbolo indivisibile (di un multiplo o di un sottomultiplo
dell'unit considerata); il gruppo pu essere elevato ad un esponente positivo
o negativo e pu essere combinato con simboli di altre unit per formare
simboli di unit composte.
Esempi (da esaminare con attenzione, in quanto sono frequenti gravi errori di
comprensione):
1 cm3 = (10-2 m)3 = 10-6 m3
13

1 s-1 = (10-6 s)-1 = 106 s-1 (= 1 MHz)


1 V/cm = (1 V) / (10-2 m) = 102 V/m
1 cm-1 = (10-2 m)-1 = 102 m-1
Esempio

Corretto
1 cm3
1 m3
1 cl = 10-2 l
1 cL = 10-2 L
(per l'unit litro sono ammessi
i due simboli l ed L)

9.4.

I simboli dei prefissi devono essere stampati in carattere diritto, senza spazi
tra il simbolo del prefisso e il simbolo dell'unit.
Esempio

9.5.

Sbagliato
1 cmq
1 cc
1 mc
1 ccl
1 centiL
1 cc

Corretto
1 nm
1 kg

Sbagliato
1 nm
1kg
1 Kg (significa un kelvin
per grammo)

Il caso speciale del kilogrammo


L'unit di massa, il kilogrammo, la sola, tra le unit del SI, ad avere un nome che
contiene un prefisso. Questa situazione deriva esclusivamente da ragioni storiche. I
nomi per i multipli e sottomultipli decimali dell'unit di massa si formano unendo il
nome del prefisso al nome dell'unit "grammo"; i simboli per i multipli e sottomultipli
decimali dell'unit di massa si formano unendo i simboli dei prefissi al simbolo "g"
dell'unit grammo.
Esempio

Corretto
10 kg = 1 mg (un milligrammo)

Sbagliato
1 mkg

106 kg = 1 Gg (un gigagrammo)

1 Mkg

-6

14

10.

L'ortografia della metrologia in breve (regole di scrittura)

Le regole
1. Scrittura dei numeri
1.1
Cifre arabe e numerazione decimale, in
carattere tondo (diritto, normale)
1.2
Separazione fra interi e decimali con una
virgola
1.3
Caratteri identici per la parte intera e per
quella decimale
1.4
Sia a sinistra della virgola (parte intera),
sia a destra della virgola, i numeri
possono essere raggruppati in gruppi di
tre cifre, separati tra loro da uno spazio
leggermente superiore allo spazio tra le
cifre. Non mettere punti fra i gruppi.
Nessuno spazio dopo la virgola.
2. Simboli delle operazioni matematiche
elementari
2.1. Il segno di moltiplicazione:
2.1.1 tra simboli letterali un puntino a mezza
altezza o nessun segno e uno spazio;
2.1.2. tra un numero e una potenza del 10 un
puntino a mezza altezza;
2.1.3. tra due numeri una x a piena altezza;
2.1.4. tra un numero e un simbolo letterario
nessun segno e uno spazio.
2.2. Il segno di divisione:
2.2.1. nei dattiloscritti usare di preferenza : e /;

2.2.2. non scrivere un numero intero seguito


da una frazione;
2.2.3. ove possibile, dare la preferenza alla
forma decimale.
2.3. Le parentesi
Le parentesi vanno impiegate, tra numeri
e simboli, quando consentono di evitare
forme ambigue.
3. Simboli letterari
3.1. I simboli che rappresentano grandezze,
esprimenti funzioni o variabili, maiuscole
o minuscole, sono di preferenza in
corsivo.
3.2. I simboli delle unit, i simboli chimici, i
simboli delle funzioni trigonometriche, i
simboli delle funzioni (derivata, ecc.)
devono esser a caratteri diritti.
15

Scrittura corretta

Scrittura sbagliata

18,3

18,3

82,37

82.37 (ammesso in un
contesto anglosassone)

0,721

0,721

480 134,63
0,000 713 42

480134,63
0,000.713.42

ab
ab
4,32 * 10-7

axb
ab
4,32 x 10-7
4,32 10-7
8,24 0,818
2x3x5m
5,37 m
12 x b

8,24 x 0,818
2m3m5m
5,37 m
12 b
8 : 13
3/8
64,5

8
13
3/8
64,1/2

0,9

9/10

12 W/(m2 K)
W
12 2
m !K
(3,2 0,2) m

12 W/ m2 K

s=vt
P=VI

s=Vt
P=VI

168 mm
H2 O
dv
---dt

168 mm
H2 O
dv
---dt

3,2 0,2 m

4. Le unit di misura
4.1. L'unit di misura, quando non
accompagnata dal valore numerico, si
scrive per esteso.
4.2. I nomi delle unit sono nomi comuni;
pertanto la loro iniziale minuscola.

alcuni metri
pochi kilowattora

alcuni m
pochi kWh

ampere
kelvin
megajoule
grado Celsius

Ampere
Kelvin
Mega Joule
Grado Centigrado

(eccezione)

4.3.

4.4.

4.5.

I nomi delle unit SI sono invariati al


plurale; nella lingua italiana fanno
eccezione i nomi delle seguenti unit e
dei loro multipli e sottomultipli: metro
(plurale metri), secondo (secondi),
grammo (grammi), mole (moli), candela
(candele), radiante (radianti), steradiante
(steradianti), grado Celsius (gradi
Celsius), minuto (minuti), ora (ore),
giorno (giorni), grado (gradi), litro (litri),
tonnellata (tonnellate), miglio marino
(miglia marine), nodo (nodi), ara (are),
ettaro (ettari).
Il simbolo dell'unit segue il valore
numerico al quale si riferisce. Non
essendo un'abbreviazione, il simbolo non
va seguito dal puntino. Non prende
alcuna forma di plurale

Il simbolo del prefisso di multiplo o di


sottomultiplo precede il simbolo dell'unit,
senza spazi o puntini fra i due, usando lo
stesso tipo di carattere impiegato per il
simbolo dell'unit.
4.6. Il simbolo di unit derivata, prodotto di
due o pi unit, si scrive interponendo fra
i simboli un puntino a mezza altezza, o
lasciando fra essi uno spazio e
tralasciando il puntino.
4.7. Il simbolo di unit derivata quoziente di
altre si scrive nei modi indicati a fianco.
Si veda anche il punto 2.3. sull'uso delle
parentesi.
4.8. I simboli di ora, minuto, secondo sono
rispettivamente h, min, s.
4.9. Gli apici ' e " designano i minuti e i
secondi d'arco; sono simboli di unit
d'angolo piano.
4.10. Alcuni casi ove pi frequenti sono gli
errori di scrittura:
Il prefisso kilo inizia con k (minuscolo),
non ch; il suo simbolo k (minuscolo).
Ma attenzione: contachilometri, non 16
contakilometri!

molti volt

molti volts

13,7 kg

13,7 kg.
kg 13,7
28 m al secondo
m. 28 al secondo
15 Ws
15 watts
15 watt
6 m
2 kWh
8nA
3 mm

28 m s-1
15 W
6 m
2 kWh
8 nA
3 mm

3mK
3 mK (che significa
3 m K ( preferibile la milikelvin e non
precedente versione)
metri per kelvin)
6 m/s
6 m s-1
8 kg/(m s)

m 6/s
m/s 6
8 kg/m s

8 h 9 min 3 s

8 hr. 9' 3"

6 3' 4,7"

6 gr 3' 4",7

pochi kilogrammi

pochi chilogrammi

non ch; il suo simbolo k (minuscolo).


6 km
Ma attenzione: contachilometri, non
contakilometri!
L'unit di temperatura : il kelvin, simbolo pochi kelvin; 6 K
K; il grado Celsius, simbolo C.
molti gradi Celsius
38,5 C
Simbolo di ampere
Simbolo di kilogrammo

8A
3 kg

5. Elementi chimici
5.1. I nomi degli elementi chimici si scrivono
con l'iniziale minuscola (ad eccezione di
inizio frase).
5.2. I simboli degli elementi chimici si scrivono
con l'iniziale maiuscola.
5.3. I coefficienti (numero di atomi nella
molecola) nei simboli dei composti
chimici si scrivono in basso a destra del
simbolo dell'elemento al quale si
riferiscono.
6. Simboli monetari
I simboli monetari precedono il numero al
quale si riferiscono.
7. La data
7.1. Gli elementi che costituiscono una data in
forma esclusivamente numerica devono
essere scritti nell'ordine seguente:
anno - mese - giorno
4 cifre - 2 cifre - 2 cifre
7.2. Si impieghino cifre arabe, utilizzando i
numeri decimali. Per i primi nove giorni
del mese la prima cifra 0.

17

6 Km (come, ahim,
scrivono sui cartelli
stradali)

pochi K; 6 K
pochi gradi kelvin
molti gradi 38,5 C
molti gradi
centigradi 38,5
8 Amp
3 kgr
3 Kg

elio
azoto

Elio
Azoto

N
Hg
H2 O
H2 SO4

Az.
HG
H2 O
H2 SO4

$4
FF 16

4$
16 FF

1971-05-27

27/05/1971

1938-11-03

3/XI/38