You are on page 1of 165

Appunti di analisi infinitesimale

di Fabio Maria Antoniali

versione del 18 maggio 2011

Lintenzione che ha sostenuto questo lavoro `e stata di mettere a disposizione in futuro


un libro di analisi rigoroso e gratuito, che possa essere adottato unico testo di matematica
per il quintanno di liceo scientifico. Al momento ci`o non `e pensabile, perche gli appunti
sono molto carenti di esempi ed esercizi, elemento indispensabile di ogni testo di matematica. Inoltre, nel presentare alcuni argomenti, si `e preferito un taglio che, privilegiando
sintesi ed eleganza, in taluni casi pu`o essere andato a discapito di una comprensione pi`
u
immediata. Quindi, allo stato delle cose, gli appunti rappresentano solo un supporto
dellindispensabile lavoro svolto in classe con gli studenti. Spero tuttavia che lobiettivo
di creare un testo pi`
u completo e valido didatticamente possa essere raggiunto in una
futura versione.
Un elemento che caratterizza questi appunti `e la presenza delle dimostrazioni della
maggior parte dei teoremi, anche quelli che nei testi scolastici tipicamente vengono solo
enunciati. Nel corpo degli appunti sono presentati i principali teoremi dellanalisi infinitesimale e le dimostrazioni che tradizionalmente vengono proposte agli allievi di liceo
scientifico. Le dimostrazioni pi`
u complesse ed alcuni teoremi di approfondimento sono
invece riportati in appendice e rivolti a quei lettori che vogliono formarsi un quadro pi`
u
completo della materia, cosa che, a mio avviso, non pu`o prescindere dalle dimostrazioni di alcuni teoremi chiave (ad esempio i teoremi di Weierstrass e dei valori intermedi),
tipicamente sorvolate nei testi scolastici. Allo scopo di rendere queste dimostrazioni maggiormente accessibili, dove possibile, pur nel rispetto del necessario rigore logico e formale,
ho preferito un approccio pi`
u diretto ed elementare di quello seguito dai testi di analisi.
Due scelte non tanto consuete nei testi scolastici sono state quelle di anteporre il
concetto di continuit`a a quello di limite e lintroduzione dellintegrale definito mediante
le funzioni a scalino, invece delle tradizionali successioni di Cauchy. La prima scelta `e
stata fatta principalmente mirando alleleganza delle dimostrazioni; la seconda per dare
una definizione di integrale alla Riemann che non richieda lintroduzione (esplicita od
implicita) del concetto di limite di una rete, ma si basi solo sullassioma di continuit`a dei
numeri reali.
Un ringraziamento va a Pietro Donatis e Carlo C`assola per avermi aiutato a dar
forma a questi appunti, discutendone assieme i punti pi`
u delicati e dando un generoso
contributo al lavoro di revisione. Ogni volta che sfoglio le pagine di questo testo mimbatto
in qualche errore sfuggito alle precedenti letture. In questo lavoro di revisone che sembra
non avere mai fine, sar`o grato a ciascun lettore per laiuto che potr`a dare nel comunicarmi
le eventuali manchevolezze riscontrate nel testo.
Nellintento di dare a questopera la pi`
u ampia diffusione, essa viene pubblicata sotto una
licenza Creative Commons. Tale licenza consente a chiunque di modificare, riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico questopera alle condizioni riportate
nella pagina web:

http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.5/it/
Udine, marzo 2009
Fabio Maria Antoniali spect@iol.it.

Indice
Notazioni

1 Funzioni
7
1.1 Definizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
1.2 Funzioni elementari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
2 Successioni
24
2.1 Successioni aritmetiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
2.2 Successioni geometriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
3 Numeri reali
26
3.1 Assiomatica dei numeri reali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
3.2 Massimo ed estremo superiore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
3.3 Topologia canonica di R . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
4 Continuit`
a
4.1 Alcuni teoremi sulle funzioni continue . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.2 Operazioni sulle funzioni continue . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.3 Continuit`a delle funzioni elementari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

36
37
39
42

5 Limiti
5.1 Definizione di limite . . . . .
5.2 Limiti a destra e a sinistra . .
5.3 Operazioni e teoremi sui limiti
5.4 Estensioni della retta reale . .
5.5 Limiti notevoli . . . . . . . .

44
45
48
51
54
57

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

6 Infinitesimi ed infiniti

62

7 Asintoti allinfinito

68

8 Funzioni continue su un intervallo

72

9 Funzioni continue su insiemi compatti

74

10 Calcolo differenziale
10.1 Definizione di derivata . . . . . . . .
10.2 Significato geometrico della derivata .
10.3 Operazioni e teoremi sulle derivate .
10.4 Derivate elementari . . . . . . . . . .
11 Funzioni derivabili su un intervallo

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

76
76
77
79
82
86

INDICE

12 Funzioni concave e convesse

94

13 Formule di Taylor

96

14 Teoria elementare dellintegrazione


102
14.1 Larea del cerchio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
14.2 Il trapezoide e i plurirettangoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
14.3 Le funzioni a scalino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
14.4 Definizione dellintegrale definito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
14.5 Significato geometrico dellintegrale definito per le funzioni positive . . . . 107
14.6 Propriet`a fondamentali dellintegrale definito . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
14.7 Significato geometrico dellintegrale definito per le funzioni di segno alterno 109
14.8 Integrale in un intervallo orientato: teoremi di additivit`a e della media . . 110
14.9 Integrazione di funzioni continue . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
14.10Volume dei solidi di rotazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
14.11Lunghezza di un arco di curva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
14.12Integrali impropri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
15 Integrazione numerica
122
15.1 Metodo dei rettangoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
15.2 Metodo dei trapezi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
16 Integrale indefinito
16.1 Integrazione di funzioni elementari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
16.2 Integrazione per sostituzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
16.3 Integrazione per parti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

126
. 126
. 127
. 130

17 Metodi numerici per equazioni


17.1 Metodo di bisezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
17.2 Metodo delle secanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
17.3 Metodo delle tangenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

132
. 132
. 135
. 137

A Teoremi sulle funzioni continue


139
A.1 Teorema sulle funzioni continue definite in intervalli . . . . . . . . . . . . . 139
A.2 Teorema di Weierstrass e continuit`a uniforme sui compatti . . . . . . . . . 140
B Teoremi sulle funzioni convesse

145

C Teoremi dellintegrazione elementare

149

D Formulario
D.1 Propriet`a di esponenziali e logaritmi
D.2 Formule trigonometriche . . . . . . .
D.3 Relazioni nei triangoli . . . . . . . .
D.4 Limiti fondamentali . . . . . . . . . .

155
. 155
. 155
. 156
. 158

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

D.5 Calcolo differenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159


D.6 Calcolo integrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160

Notazioni
N = {0, 1, 2, . . . }: insieme dei numeri naturali
N0 = N {0}
Z = {0, 1, 2, . . . } : insieme dei numeri interi
: m Z, n N0 } : insieme dei numeri razionali
Q = {m
n
Q+ = {x Q : x 0}
Q = {x Q : x 0}
Q0 = Q {0}
Q+
0 = {x Q : x > 0}
Q
0 = {x Q : x < 0}
R: insieme dei numeri reali
R+ = {x R : x 0}
R = {x R : x 0}
R0 = R {0}
R+
0 = {x R : x > 0}
R0 = {x R : x < 0}
Gli intervalli generalizzati sono i seguenti sottoinsiemi di R, al variare di a, b R
con a b
[a, b] = {x R : a x b}
]a, b] = {x R : a < x b}
[a, b[= {x R : a x < b}
]a, b[= {x R : a < x < b}
] , b] = {x R : x b}
] , b[= {x R : x < b}
[a, +[= {x R : a x}
]a, +[= {x R : a < x}

1 FUNZIONI

Funzioni

In questa sezione introduttiva vengono richiamati gli elementi essenziali delle funzioni e
fornita una rapida panoramica delle funzioni reali elementari.

1.1

Definizione

Il concetto di funzione viene introdotto a partire da quello di relazione, che in questa


trattazione verr`a assunto come noto.
Definizione 1 Dati due insiemi non vuoti X e Y , una relazione f che associa a ciascun
elemento x dellinsieme X uno ed un solo elemento y di Y si dice funzione di X in Y ,
lelemento y di Y prende il nome di immagine di x tramite f e viene indicato in simboli
con f (x).
Linsieme X prende il nome di dominio della funzione f , mentre Y si dice codominio della funzione f . Indichiamo in simboli con Imf o ,equivalentemente, con f (X),
l immagine di f, ovvero l insieme delle immagini degli elementi di X tramite f . Pertanto
f (X) = { y Y | f (x) = y, per qualche x X }.
Per indicare in modo non ambiguo una funzione sono state introdotte nel tempo varie
notazioni, ma in questo lavoro verr`a adottata la seguente:
f :X Y
x 7 f (x).
Inoltre, quando X e Y sono sottoinsiemi di R si dir`a che f `e una funzione reale.
Definizione 2 Data una funzione f : X Y , di dice grafico di f il sottoinsieme Gf del
prodotto cartesiano X Y definito ponendo
Gf = { (x, y) X Y | y = f (x) per qualche x X }.
Evidentemente, se f `e una funzione reale il suo grafico Gf pu`o essere rappresentato sul piano cartesiano in modo canonico da una curva f , che, con un piccolo abuso di linguaggio,
verr`a chiamata anchessa grafico di f .

1 FUNZIONI

f : y=f(x)

Figura 1: grafico della funzione f

Definizione 3 Data una funzione f : X Y , e un elemento y Y , si dice controimmagine di y linsieme denotato con f (y) e formato dagli elementi x di X che hanno
come immagine y, ovvero
f (y) = { x X | y = f (x) }.

f : y=f(x)

x1

x2

x3

f(y)={x , x , x }
1 2 3

Figura 2: la controimmagine f (y) di y

Definizione 4 Si dir`a che una funzione f : X Y `e


suriettiva, quando f (X) = Y ;
iniettiva, quando x1 , x2 X : x1 6= x2 f (x1 ) 6= f (x2 );
biettiva, quanto `e suriettiva ed iniettiva.

1 FUNZIONI

Proposizione 1 Valgono le seguenti caratterizzazioni:


f suriettiva se e solo se, per ogni y Y , si ha f (y) 6= ;
f iniettiva se e solo se, per ogni y Y , linsieme delle controimmmagini f (y)
contiene al pi`
u un elemento;
f biettiva se e solo se, per ogni y Y , linsieme delle controimmmagini f (y)
contiene esattamente un elemento, che in tal caso viene denotato con il simbolo
f 1 (y).
Definizione 5 Dato un insieme non vuoto X si dir`a funzione identit`a su X, la funzione
idX definita ponendo
idX : X X
x 7 x.
Definizione 6 Date due funzioni f : X Y e g : Y Z, `e possibile definire in modo
unico una funzione
g f : X Z,
detta funzione composta di g con f , ponendo
g f (x) = g(f (x)),
per ogni x X.

1 FUNZIONI

10

Figura 3: funzione composta f g


Definizione 7 Se f : X Y `e biettiva, in virt`
u della proposizione dimostrata sopra,
`e possibile definire in modo univoco una funzione f 1 : Y X ove f 1 (y) `e lunica
controimmagine di y Y . Questa funzione si dice funzione inversa di f , ed `e altres`
caratterizzata dalle due relazioni
f f 1 = idY

e f 1 f = idX ,

o, equivalentemente, da
y Y : f (f 1 (y)) = y

e x X : f 1 (f (x)) = x.

Due insiemi X e Y per i quali esiste una funzione biettiva f : X Y si dicono in


corrispondenza biunivoca.

1 FUNZIONI

11

Figura 4: funzione f e sua inversa f 1

Definizione 8 Data f : X Y e un insieme non vuoto A X, si dice restrizione di f


ad A la funzione
f |A : A Y,
definita ponendo
f |A (x) = f (x),
per ogni x A.
Esempio Si consideri la funzione f : N N in cui f (n) `e il resto della divisione del
numero naturale n per 3. Chiaramente limmagine `e f (N) = {0, 1, 2}. Gli insiemi delle
controimmagini degli elementi del codominio N sono
f (0)
f (1)
f (2)
f (m)

=
=
=
=

{3k | k N},
{3k + 1 | k N},
{3k + 2 | k N},
, per ogni m 3.

Se si pone A = {3, 4, 5} e B = {0, 1, 2}, allora la restrizione f |A : A B `e evidentemente


biettiva. Questa `e tale che f |A (n) = n3, per ogni n A, pertanto la sua funzione inversa

1 FUNZIONI

risulta

12

f |1
A : B A
n 7 n + 3.

Definizione 9 Si dice che una funzione f : I R definita su un intervallo I R `e


monotona
crescente, quando x1 , x2 I : x1 < x2 f (x1 ) < f (x2 );
debolmente crescente, quando x1 , x2 I : x1 < x2 f (x1 ) f (x2 );
decrescente, quando x1 , x2 I : x1 < x2 f (x1 ) > f (x2 );
debolmente decrescente, quando x1 , x2 I : x1 < x2 f (x1 ) f (x2 ).

g(x )
2
f(x2)
g(x1)
f(x1)

x1

x2

x1

x2

Figura 5: grafici di funzione crescente (f ) e debolmente crescente (g)


Per le funzione monotone in senso forte, vale la seguente proposizione di immediata
dimostrazione.
Proposizione 2 Ogni funzione monotona decrescente (o crescente) `e anche iniettiva.

1 FUNZIONI

13

Definizione 10 Si consideri una funzione f : A R definita su un insieme A R


simmetrico rispetto allo zero, ovvero tale che x A : x A. Si dir`a che f `e
pari, quando x A : f (x) = f (x);
dispari, quando x A : f (x) = f (x).

y=x

f(x)=f(x)

y=x2
f(x)=f(x)
x
x

f(x)
x

Figura 6: grafici di funzioni pari e dispari

1 FUNZIONI

14

Per le funzioni pari e dispari vale la seguente caratterizzazione:


Proposizione 3 Data una funzione f : A R e indicato con f il suo grafico, si ha
che f `e
pari se e solo se f `e simmetrico rispetto lasse y;
dispari se e solo se f `e simmetrico rispetto allorigine O(0, 0).
Definizione 11 Data una funzione f : A R, definita su un insieme A R, si dir`
a
che f `e periodica se esiste un minimo numero reale T > 0 tale che
x A, k Z : f (x) = f (x + kT ).
In tal caso T prende il nome di periodo della funzione. La richiesta dellesistenza di un
minimo valore T per la data funzione permette di escludere tra le funzioni periodiche le
funzioni costanti e funzioni dallandamento bizzarro, come la funzione caratteristica dei
razionali Q .

y=f(x)

x+T

x+2T
x

f(x)=f(x+kT)

Figura 7: grafico di una funzione periodica

1 FUNZIONI

1.2

15

Funzioni elementari

Potenze ad esponente intero


Si dividano le funzioni potenza potn ad esponente intero n Z in due gruppi:
se n > 0 sono del tipo
potn : R R
x 7 xn
e hanno le seguenti propriet`a:
se n `e pari: potn `e pari con immagine `e potn (R) = R+ ;
se n `e dipari: potn crescente, dispari, con immagine `e potn (R) = R e quindi
biettiva.
y

y=xn (n pari )

y=xn (n pari )

y=xm (m dispari)

y=xm (m dispari)

Figura 8: grafici di funzioni potenza con esponenti interi


Le potenze ad esponente negativo n < 0 sono del tipo
potn : R0 R0
x 7 xn =

1
xn

e godono delle seguenti propriet`a:


se n `e pari: potn `e pari con immagine `e potn (R0 ) = R+
;

se n `e dispari: potn `e decrescente in ciascuno degli intervalli R+


e R , dispari,
con immagine potn (R0 ) = R0 e quindi biettiva.

1 FUNZIONI

16

Funzioni irrazionali
Si considerino le funzioni irrazionali elementari del tipo sqrtn , ovvero le funzioni inverse
delle funzioni potenza potn ad esponente intero positivo. Queste si possono suddividere
in due gruppi in base alla parit`a dellindice dellindice del radicale.
se n 2 pari sono del tipo
sqrtn : R+ R+

x 7 n x
la funzione irrazionale stabilisce una biezione di R+ in se stesso ed `e inoltre crescente;
se n 3 dispari sono del tipo
sqrtn : R R

x 7 n x
la funzione irrazionale stabilisce una biezione di R in se stesso ed `e inoltre crescente
e dispari.
y

y=sqrt n(x) (n pari )

y=sqrt m(x) (m dispari)

Figura 9: grafici di alcune funzioni irrazionali

1 FUNZIONI

17

Potenze ad esponente reale


Le funzioni potenza ad esponente reale > 0 sono del tipo
pot : R+ R+
x 7 x .
Esse sono crescenti e biettive. Per esponenti > 1 hanno grafici con concavit`a verso
lalto, mentre per 0 < < 1 la concavit`a `e verso il basso.
y

y=x (>1)

y=x

y=x (1>>0)

Figura 10: grafici di alcune funzioni potenza ad esponente reale

1 FUNZIONI

18

Funzioni logaritmiche ed esponenziali


Dato un reale 0 < a 6= 1 la funzione esponenziale di base a `e del tipo
expa : R R+

x
x 7 a .
Essa risulta biettiva crescente se a > 1, decrescente altrimenti; il suo grafico `e asintotico
allasse x.
La funzione inversa di expa si chiama logaritmo di base a:
loga : R+
R
x 7 loga x.
Essa risulta biettiva crescente se a > 1, decrescente altrimenti; il suo grafico `e asintotico
allasse y. Nella figura 11 i grafici di alcune funzioni esponenziali e logaritmiche.

y=loga x (a>1)

y=expa x (a>1)

y=expb x (0<b<1)
x
x

y=logb x (0<b<1)

Figura 11: grafici di funzioni esponenziali e logaritmiche

1 FUNZIONI

19

Funzioni circolari e loro inverse


La funzioni circolari seno, coseno, tangente e cotangente sono definite come segue.
y
Si consideri la circonferenza di raggio unitario con centro nellorigine di un sistema di
riferimento cartesiano ( `e detta circonferenza trigonometrica) e dato un qualunque reayP
P
le x [0, 2[ si individui sulla circonferenza
quellunico punto P = (xP , yP ) tale che la
[ sia x. Si
x
misura in radianti dellangolo AOP
xP
O
A
x
ponga quindi
def

cos x = xP ,

def

senx = yp .

Le funzioni senx e cos x vengono quindi estese su tutto R di modo che siano periodiche
con periodo T = 2. Si osservi, in particolare, che per costruzione vale la seguente
fondamentale identit`a:
cos2 x + sen 2 x = 1.
Si sono quindi costruite le due seguenti funzioni:
funzione coseno
cos : R R
x 7 cos x.
`e pari, non iniettiva, periodica di periodo T = 2, e con immagine cos(R) = [1, 1].
Viene resa invertibile restringendone il dominio allintervallo [0, ], su cui risulta
decrescente, e il codominio a [1, 1];
funzione seno
sen : R R
x 7 sen x.
`e dispari, non iniettiva, periodica di periodo T = 2, e con immagine sen(R) =
[1, 1]. Viene resa invertibile restringendone il dominio allintervallo [/2, /2],
su cui risulta crescente, e il codominio a [1, 1].

1 FUNZIONI

20

y=sen(x)

y=cos(x)

Figura 12: grafici di seno e coseno


Le funzioni sen e cos, opportunamente ristrette, risultano invertibili con inverse
funzione arcoseno:
arcsen : [1, 1] [/2, /2]
x 7 arcsen x,
funzione arcocoseno:
arccos : [1, 1] [0, ]
x 7 arccos x.

y=arccos(x)

/2
y=arcsen(x)

/2

Figura 13: grafici di arcoseno e arcocoseno

1 FUNZIONI

21

Le funzioni tangente e cotangente sono definite sulla circonferenza trigonometrica nel


seguente modo.
y
Nel piano cartesiano tracciamo le rette c :
y = 1 e t : x = 1. Dato un qualunque reay
le x [0, [ si individui sulla circonferenza
T
T
C
c
quellunico punto P = (xP , yP ) tale che la
P
[ sia x e si
misura in radianti dellangolo AOP
consideri la retta OP . Se x 6= /2 allora OP
x
O
incontra t in un punto T = (1, yT ), mentre
xC A
x
se x 6= 0 la retta OP incontra c in un punto
C = (xC , 1).
t
Si ponga quindi
def

tg x = yT ,

def

ctg x = xC .

Le funzioni tg x e ctg x vengono quindi estese su tutto R di modo che siano periodiche
con periodo T = . Si osservi in particolare che per costruzione valgono le seguenti
identit`a
cos x
senx
, tg x =
.
tg x =
cos x
senx
Si `e quindi costruito la coppia di funzioni:
funzione tangente
tg : A R
x 7 tg x,
con A = {x R | k Z : x 6= /2 + k},
funzione cotangente
ctg : B R
x 7 ctg x,
ove B = {x R | k Z : x 6= k}.
Tali funzioni risultano suriettive, dispari, periodiche di periodo e con grafici aventi
infiniti asintoti verticali corrispondenti ai punti di frontiera dei rispettivi dominii.
La funzione tangente pu`o essere resa biettiva restringendone il dominio a ]/2, /2[,
mentre la funzione cotangente restringendolo a ]0, [.

1 FUNZIONI

22

y=ctg(x)

y=tg(x)

/2

3/2
/2

3/2

Figura 14: grafici di tangente e cotangente


Le funzioni inverse delle restrizioni di tangente e cotangente sono
funzione arcotangente:
arctg : R ] /2, /2[
x 7 arctg x,
la funzione arcocotangente
arcctg : R ]0, [
x 7 arcctg x.

y=arcctg(x)
/2

y=arctg(x)

/2

Figura 15: grafici di arcotangente e arcocotangente

1 FUNZIONI

23

Funzione valore assoluto


La funzione valore assoluto `e di particolare importanza per lo sviluppo dei prossimi
capitoli, pertanto se ne richiamano definizioni e propriet`a fondamentali.
La funzione valore assoluto, indicata con il simbolo | |, `e una funzione reale definita
ponendo per ogni x R
(
x
per x 0,
def
|x| =
x per x < 0.
Il suo grafico `e riportato in figura ?? e, per ogni x, y R, la funzione assoluto gode delle
seguenti relazioni:
1. |x| 0,
2. |x| x |x|,
3. |x + y| |x| + |y| (disuguaglianza triangolare),


4. |x| |y| |x y|.
y

y=|x|

|x|=|x|

Figura 16: grafico della funzione valore assoluto

2 SUCCESSIONI

24

Successioni

Questa sezione `e dedicata ad una classe particolarmente interessante di funzioni, dette


successioni.
Definizione 12 Si dice successione di numeri reali ogni funzione con dominio linsieme
dei numeri naturali (o un suo sottoinsieme) a valori reali. In pratica, una successione fa
corrispondere ad ogni numero naturale n un ben preciso numero reale an . Un successione
n 7 an , verr`a denotata indifferentemente con uno dei seguenti simboli
{an }nN

{an }n .

Le nozioni di crescenza e decrescenza si estendono in modo del tutto naturale alle successioni, ed `e immediato costatare che
Proposizione 4 Un successione {an }n risulta
crescente
decrescente

n N : an+1 > an ;
n N : an+1 < an .

Tra le successioni, occupano un posto di particolare rilievo le successioni aritmetiche e


geometriche, che verranno trattate nelle seguenti sezioni.

2.1

Successioni aritmetiche

Definizione 13 Dato un numero reale d, una successione {an }n si dice aritmetica di


ragione d quando
n N : an+1 an = d.
Dalla definizione `e immediato provare che il termine generale an di una successione
aritmetica soddisfa
an = a0 + nd.

2.2

Successioni geometriche

Definizione 14 Dato un numero reale q tale che q 6= 0 e q 6= 1, una successione {an }n


si dice geometrica di ragione q quando
n N :

an+1
= q.
an

2 SUCCESSIONI

25

Dalla definizione `e immediato provare che il termine generale an di una successione


geometrica soddisfa
an = a0 q n .
Per le successioni geometriche `e di particolare interesse una formula che ci d`a la somma
dei suoi primi N + 1 termini:
Proposizione 5 Sia {an }n una successione geometrica di ragione q, allora la somma dei
primi N + 1 termini della successione, quantit`a indicata con SN , soddisfa
SN = a0 + + aN = a0

1 q N +1
.
1q

Dim. Per definizione si `e posto


SN = a0 + a1 + + aN 1 + aN ,
e, dato che qan = an+1 , moltiplicando per q i membri della precedente uguaglianze si pu`o
scrivere
qSN = a1 + a2 + + aN + aN +1 .
Sottraendo, membro a membro, i termini della prima a quelli della seconda uguaglianza
di ottiene
(q 1)SN = aN +1 a0 ,
da cui si ottiene
SN =

aN +1 a0
.
q1

Tenuto conto che per una successione geometrica di ragione q si ha aN +1 = a0 q N +1 , si ha


infine
q N +1 1
SN = a0
.
q1

3 NUMERI REALI

26

Numeri reali

In questa sezione vengono innanzitutto presentati gli assiomi dei numeri numeri reali,
mostrando che essi costituiscono un campo ordinato e completo. Successivamente si introducono i concetti di massimo e minimo e di estremo superiore ed inferiore di un dato
sottoinsieme dei numeri reali. Infine vengono presentate le linee essenziali della topologia
canonica dei numeri reali, a partire dalla nozione dintorno di un punto.

3.1

Assiomatica dei numeri reali

Gli assiomi che ora verranno presentati specificano tutte le propriet`a dei numeri reali, e
possono essere riassunti affermando che linsieme dei numeri reali `e un campo ordinato e
completo.
Assiomi algebrici:
In R `e definita unoperazione interna, detta addizione e indicata con il segno +, tale che
1. a, b : a + b = b + a (propr. commutativa),
2. a, b, c : (a + b) + c = a + (b + c) (propr. associativa),
3. esiste un elemento neutro per laddizione, detto zero e indicato con 0, cio`e tale che:
a : a + 0 = 0 + a = a,
4. per ogni a R esiste un elemento detto opposto di a e indicato con a, tale che
a + (a) = 0.
In R `e definita unaltra operazione interna, detta prodotto e indicata con , tale che
1. a, b : a b = b a (propr. commutativa),
2. a, b, c : (a b) c = a (b c) (propr. associativa),
3. esiste un elemento neutro per il prodotto, detto unit`a e indicato con 1, cio`e tale che:
a : a 1 = 1 a = a,
4. per ogni a R0 esiste un elemento detto reciproco di a e indicato con a1 , tale che
a a1 = 1.
Inoltre le operazioni di somma e prodotto si combinano tra loro in accordo alla seguente
legge distributiva
a, b, c : a (b + c) = a b + a c.
Si dimostra facilmente che lelemento neutro delladdizione e quello della moltiplicazione
sono unici. Sono inoltre unici lopposto e il reciproco di un numero reale. Vale inoltre:
Proposizione 6 Loperazione di prodotto soddisfa le seguenti propriet`a:

3 NUMERI REALI

27

1. a : a 0 = 0,
2. a, b : a b = 0 a = 0 b = 0 (legge di annullamento del prodotto).
Assiomi dordinamento:
In R `e definita una relazione di ordine totale compatibile con le operazioni di addizione
e prodotto, cio`e tale che:
1. a, b, c : a b a + c b + c,
2. a, b 0 c : a b a c b c.
Assioma di completezza ordinale:
Se A e B sono due sottoinsiemi non vuoti di R tali che a A b B : a b (si dir`a in tal
caso che A e B sono una coppia di classi separate e scriveremo A B) esiste allora almeno
un elemento R che separa le due classi, cio`e tale che a A b B : a b. Nel
caso in cui le classi separate soddisfano la propriet`a
 > 0 a A, b B : b a < ,
lelemento separatore delle classi `e unico, e si parla di classi contigue.
Si enuncia qui unimportante teorema che stabilisce una sorta di unicit`a dellinsieme dei
numeri reali.
Teorema 7 Ogni campo ordinato e completo `e isomorfo a R, ovvero pu`o essere stabilita
tra questo ed R una corrispondenza biunivoca che rispetta lordine e le operazioni di somma
e prodotto.
Si ricorda infine che mediante gli assiomi dei numeri reali sopra citati, in particolare
quello di completezza ordinale, `e possibile definire le radici nesime di un numero reale
positivo, costruire le funzioni circolari e le loro inverse, nonche le funzioni esponenziali e
logaritmiche. Qui di seguito, per esemplificare limportanza
della completezza dei numeri

reali, viene dimostrata lesistenza (e unicit`a) di 2.


Esempio 1 Gli insiemi


A = q Q+ | q 2 2



B = q Q+ | q 2 2 ,

sono una coppia di classi contigue che ammette in R un unico elemento separatore , non razionale, soddisfacente 2 = 2.
Innanzitutto i due insiemi formano una coppia di classi separate, pi`
u precisamente si ha A B. Infatti se a2 < 2 e
b2 > 2, si pu`
o scrivere a2 < 2 e b2 < 2, pertanto, sommando membro a membro le due disequazioni, segue a2 b2 < 0,
ovvero (a b)(a + b) < 0. Dato che a, b > 0, dovr`
a essere per forza a b < 0, cio`
e a < b.
Per lassioma di continuit`
a dovr`
a esistere un elemento R che separa le due classi, ovvero tale che A B. Si
prova ora che deve essere xi2 = 2. Si osservi che tale argomento implica anche lunicit`
a dellelemento separatore, infatti, se
esistesse un altro elemento separatore 0 soddisfacente 02 = 2, ne dedurremmo che xi2 02 = 0, da cui ( 0 )( + 0 ) = 0,
quindi, dato che , 0 sono positivi, 0 = 0, cio`
e = 0 .

3 NUMERI REALI

28

Si supponga per assurdo che lelemento separatore non soddisfi 2 = 2. Dovr`


a essere quindi 2 < 2 o 2 > 2. Nel primo
caso, si scelga innanzitutto un n N tale che
5
< 2 2 ,
n
e sfruttando la densit`
a di Q in R, si prenda un intero q Q tale che
<q<+

1
.
n

Elevando al quadrato i membri della precedente disequazione si ottiene


q2 < 2 +

Poich
e<2e

1
n

1
1
2
+ 2 = 2 +
n
n
n


2 +

1
n


.

1 segue
q2 < 2 +

5
,
n

quindi, tenuto conto di come `


e stato scelto inizialmente n, si pu`
o scrivere
q 2 < 2 + 2 2 = 2.
Ne discende che q 2 < 2, cio`
e q A, ma essendo anche < q si ottiene una contraddizione con lipotesi che `
e elemento
separatore.
Il secondo caso `
e analogo a quello ora trattato, quindi `
e lasciato ai lettori volenterosi. Si pu`
o quindi concludere che
lelemento separatore delle due classi `
e unico e soddisfa xi2 = 2.

3.2

Massimo ed estremo superiore

In questa sezione si introdurr`a il concetto di punto estremante, definendo estremo superiore ed inferiore, massimo e minimo di un sottoinsieme della retta reale.
Definizione 15 Dato un insieme non vuoto A R, un numero R si dice maggiorante
o limitazione superiore di A se
1. a A : a (in simboli si pu`o scrivere anche A )
Definizione 16 Un insieme non vuoto A R si dice superiormente limitato quando
ammette una limitazione superiore; viceversa linsieme si dir`a superiormente illimitato.
Tra i possibili maggioranti di un insieme superiormente limitato ve ne sono due molto
particolari: il massimo, che non sempre esiste, e lestremo superiore che invece esiste
sempre.
Definizione 17 Dato un insieme non vuoto A R, un numero m R si dice massimo
di A se
1. m `e limitazione superiore di A, ovvero A m
2. m A

3 NUMERI REALI

29

Il campo reale `e totalmente ordinato, pertanto, se un suo sottoinsieme A ammette massimo


m, `e immediato costatare che questo massimo `e necessariamente unico. Infatti, se si
supponesse per assurdo che m1 e m2 siano massimi distinti, dato che entrambi devono
essere elementi di A, dalla definizione si potrebbe dedurre sia m1 m2 sia m2 m1 , da
cui deriverebbe m1 = m2 , in contraddizione con lipotesi. Pertanto, quando un insieme A
ammette massimo m, si potr`a scrivere in modo univoco
m = max A.
Insiemi che non ammettono massimo, pur essendo superiormente limitati, sono ad esempio
gli intervalli aperti a destra, come A = [0, 1[. In questo caso `e facile rendersi conto che
1 pur non essendo un massimo, dato che non appartiene allinsieme A, `e la pi`
u piccola
limitazione superiore di A; si potrebbe dire che 1 `e, tra tutte, la limitazione superiore pi`
u
addossata allintervallo [0, 1[.
Pu`o essere sempre trovata una minima limitazione superiore? La risposta `e affermativa
e discende dallassioma di completezza ordinale dei numeri reali.
Teorema 8 Dato un insieme A R non vuoto e superiormente limitato esso ammette
una e una sola minima limitazione superiore.
Dim. La dimostrazione `e semplice. Sia linsieme delle limitazioni superiori di A. Si ha
chiaramente A , cio`e i due insiemi formano una coppia di classi separate. Dunque,
per lassioma di continuit`a, esiste un elemento che separa le due classi, cio`e A .
La prima disequazione ci dice che tale `e un maggiorante di A, dunque deve essere .
La seconda, , dice che tale `e proprio il minimo elemento di , come volevasi
dimostrare. Lunicit`a di tale elemento deriva evidentemente dallargomento sullunicit`a
del minimo dellinsieme , a cui si `e accennato precedentemente.
Si pu`o quindi dare la seguente definizione di estremo superiore:
Definizione 18 Dato un insieme A R non vuoto e superiormente limitato, si dir`
a
estremo superiore di A la minima limitazione superiore R di A; in formule scriveremo
sup A =
Altrimenti, nel caso in cui linsieme A `e superiormente illimitato, in formule si scriver`
a
sup A = +
E immediato costatare che se A ammette massimo questo `e anche estremo superiore,
viceversa lesistenza dellestremo superiore non implica lesistenza di un massimo, come
nel caso dellinsieme [0, 1[.
Quando si vuole verificare operativamente se un punto `e estremo superiore di un
insieme, la definizione sopra introdotta non `e comoda, e ci si rivolge alla seguente caratterizzazione:

3 NUMERI REALI

30

Teorema 9 Dato un insieme non vuoto A R superiormente limitato, un numero R


`e estremo superiore di A se e solo se
1. A
2.  > 0 a A : a < 
Dim. Se si pone = sup A, tale numero soddisfa per definizione la propriet`a 1. Se per
assurdo la 2 non fosse soddisfatta, esisterebbe un  > 0 tale per cui per ogni a A si
avrebbe a , ovvero a . Si avrebbe dunque lesistenza di una limitazione
superiore  dellinsieme A strettamente inferiore a , in contraddizione con il fatto
che questultimo `e estremo superiore.
Viceversa, detto s = sup A lestremo superiore di A, e dato un numero reale soddisfacente le condizioni 1 e 2 si supponga per assurdo che 6= s. In tal caso dovr`a essere
s < , dato che `e una limitazione superiore di A in virt`
u della 1. Fissato dunque il
numero positivo  = s, in virt`
u della propriet`a 2, esister`a un elemento a A tale per
cui a > , ma ci`o significa che s < a, in contraddizione con il fatto che s `e lestremo
superiore di A.
Si definiscono in modo del tutto analogo il minimo e lestremo inferiore di un sottoinsieme
di R, e si indicano con min A e inf A, rispettivamente.
Vale la pena di enunciare, senza per`o darne la dimostrazione, la seguente caratterizzazione
dellestremo inferiore:
Teorema 10 Dato un insieme non vuoto A R inferiormente limitato, un numero
R `e estremo inferiore di A se e solo se
1. A
2.  > 0 a A : a < 
k
Esempio 2 Dati k N0 e b R+
, esiste un unico reale a > 0 tale che a = b.

Sia A = {x R | xk b}. Una limitazione superiore di tale insieme `


e b, infatti preso un qualunque reale z con b < z segue
b bk < z k , quindi z k > b, cio`
e z non appartiene ad A. Si ponga a = sup A e si scelga una successione xn di elementi di
A convergente ad a. Essendo xkn b, passando al limite per n , seguir`
a che ak b. Si consideri ora la successione
definita ponendo
1
yn = a + ,
n
k , passando al limite
evidentemente costituita da elementi yn non appartenenti ad A e convergente ad a; poich
e b yn
per n , seguir`
a che b ak . Si `
e quindi provato che sussistono ak b ak , ma ci`
o implica che ak = b. Lunicit`
a
dellelemento a `
e di facile deduzione e viene lasciata al lettore volenteroso.

3 NUMERI REALI

3.3

31

Topologia canonica di R

La nozione di intorno `e il concetto centrale di tutta lanalisi infinitesimale, in quanto


consente di formalizzare nozioni intuitive come quella di x `e prossimo a y o ancora x
tende a y. Si definisce innanzitutto lintorno circolare di un punto della retta reale:
Definizione 19 Dato un punto x0 e un numero reale  > 0, si dir`a intervallo o intorno
circolare di centro x0 e raggio  lintervallo aperto Ix0 ,  definito da
Ix0 ,  =] x0 , x0 + [= {x R : | x x0 | < }
La definizione generale di intorno di un punto della retta reale `e la seguente:
Definizione 20 Dato un punto x0 , un insieme A R si dir`a intorno (completo) di
x0 se esso contiene al suo interno almeno un intervallo circolare di centro x0 , cio`e se
 > 0 : Ix0 ,  A, oppure
 > 0 : | x x0 | <  x A.
Linsieme degli intorni del punto x0 si indica con F(x0 ) e viene chiamato filtro degli
intorni di x0 .
La definizione dintorno qui proposta definisce quella che si suole chiamare topologia canonica su R. Si osservi che alla base della nozione di intorno vi `e la ben nota distanza euclidea
def
tra punti della retta reale (d(x, y) = |x y|).
Linsieme degli intorni di un punto soddisfa le propriet`a indicate nella seguente proposizione di cui si omette la semplice dimostrazione:
Proposizione 11 Dato un numero reale x0 R, valgono allora:
1. U F(x0 ) : U 6= ;
2. U F(x0 ) : U A A F(x0 );
3. U, V F(x0 ) : U V F(x0 ).
Rispetto alla topologia introdotta, linsieme dei numeri reali risulta separato, ovvero:
Teorema 12 (Separatezza di R) Linsieme R `e uno spazio separato, cio`e se x 6= y
allora esistono un intorno U di x e un intorno V di y tali da non intersecarsi in alcun
punto, ovvero
x 6= y U F(x), V F(y) : U V = .

3 NUMERI REALI

32

Dim. Senza perdita di generalit`a si pu`o supporre y > x. Si ponga  = (y x)/3, e si


` immediato costatare che U
considerino i seguenti intorni circolari U = Ix,  e V = Iy,  . E
e V sono due intorni disgiunti di x e y rispettivamente, come volevasi dimostrare.
La topologia definita su R permette di descrivere in modo oggettivo alcune propriet`a che
mettono in relazione i punti della retta reale con i suoi sottoinsiemi:
Definizione 21 Sia D un sottoinsieme non vuoto di R e x0 un punto di R non necessariamente appartenente a D, si dice allora che x0 `e
1. punto interno a D se esiste un intorno di x0 completamente contenuto in D,
ovvero
U F(x0 ) : U D;
2. punto esterno a D se esiste un intorno di x0 completamente disgiunto a D, ovvero
U F(x0 ) : U D = ;
3. punto di chiusura o di aderenza di D se ogni intorno del punto x0 interseca D
in qualche punto, ovvero
U F(x0 ) : U D 6= ;
linsieme di tutti i punti di chiusura di D si dice chiusura di D e si indica con D;
4. punto di accumulazione per D se ogni intorno del punto x0 interseca D in
qualche punto diverso da x0 , ovvero
U F(x0 ) : (U {x0 }) D 6= ;
5. punto isolato di D se esiste un intorno di x0 che interseca D nel solo punto x0 ,
ovvero
U F(x0 ) : U D = {x0 };
6. punto di frontiera per D se ogni intorno del punto x0 interseca sempre sia punti
di D che del suo complementare D{ , ovvero
U F(x0 ) : U D 6= U D{ 6= .
` facile provare che sostituendo al termine intorno il termine intorno circolare,
E
si ottengono definizioni del tutto equivalenti a quelle sopra date.
Di particolare interesse `e la classificazione dei sottoinsiemi della retta reale in base alle
propriet`a topologiche dei loro elementi:
Definizione 22 Un sottoinsieme D della retta reale si dice

3 NUMERI REALI

33

1. aperto se ciascun suo punto `e interno allinsieme;


2. chiuso se D contiene tutti i propri punti di chiusura, cio`e D = D;
3. discreto se ciascun suo punto `e isolato;
4. denso in R se la sua chiusura coincide con la retta reale, cio`e D = R.
Si osservi qui che gli intervalli chiusi sono tutti e soli quelli del tipo [a, b], [a, +[ e
] , a], mentre quelli aperti sono tutti e soli quelli del tipo ]a, b[, ]a, +[ e ] , a[.
Se un intervallo contiene solo uno dei due estremi invece non `e ne aperto, ne chiuso.
A volte potr`a essere utile ricorrere al concetto di intorno destro e sinistro, e di intorno
forato, che sono definiti come segue:
Definizione 23 Dato un punto x0 , si dir`a intorno destro di x0 ogni insieme U che contiene un intervallo del tipo [x0 , x0 +  [, per qualche  > 0. Linsieme F + (x0 ) degli intorni
destri di x0 `e definito da
def

F + (x0 ) = { U [x0 , +[ : U F(x0 )},


e in modo del tutto analogo si definisce il filtro F (x0 ) degli intorni sinistri del punto x0 .
Se U `e un qualunque intorno (completo, destro, sinistro) di x0 , si dir`a intorno forato
(completo, destro, sinistro) di x0 linsieme U r {x0 }.
Seguono alcuni esempi sullo studio dei punti estremanti dei sottoinsiemi della retta reale:
Esempio 3 Si studino i punti estremali dellinsieme A = {1 + en + e2n |n N}.
a in
Poich
e le funzioni y = ex = ( 1e )x e y = e2x = ( e12 )x sono decrescenti, il massimo valore dellinsieme A si otterr`
corrispondenza a n = 0, dunque max A = 3. Ci`
o accade se e solo se
(
3A
3A
La prima asserzione `
e banalmente vera dato che 3 si ottiene in corrispondenza di n = 0. La seconda richiede di studiare la
disequazione 3 en + e2n , cio`
e (en )2 + en 2 0, che pu`
o scriversi anche
(en + 2)(en 1) 0
Questultima `
e vera se e solo se (en 1) 0, ovvero quando en 1, dunque per ogni n N.
Poich
e y = ex e y = e2x sono funzioni i cui valori tendono a zero quando x cresce, ci sia aspetta che sia inf A = 1, ovvero
(

1A
> 0 a A : a 1 +

La prima asserzione deriva dal fatto che gli esponenziali en e e2n sono strettamente positivi, inoltre, per il medesimo
argomento, si pu`
o dire che 1 non appartiene ad A, dunque il minimo di tale insieme non potr`
a esistere. Per quanto concerne
la seconda asserzione si prenda arbitrario reale positivo e si consideri la disequazione
(D)

1 + en + e2n 1 + ,

3 NUMERI REALI

34

che pu`
o scriversi anche
(en )2 + en 0.
Il discriminante dellequazione associata alla disequazione `
e = 1 + 4, che risulta strettamente positivo. Con semplici
manipolazioni algebriche si prova che una condizione sufficiente `
e affinch
e (D) sia soddisfatta `
e

n ln


1 +
.
2

Pertanto (D) `
e vera senzaltro per qualche n N, come volevasi dimostrare.



1
Esempio 4 Si studino i punti estremali dellinsieme A = sen(n 2 )(1 n
)|n N .
1
Si noti che per x R la funzione y = 1 x risulta positiva, crescente e tendente a 1 al crescere di x, inoltre il termine
sen(n 2 ) assume periodicamente i valori 0, 1, 0, 1 al crescere di n. Pertanto ci si aspetta che A abbia estremo superiore 1,
estremo inferiore 1. Si osservi ora che






 




1
1

sen n
1 1 < 1,
sen
n
1






2
n
2
n
n
quindi ogni elemento di A `
e limitato inferiormente da 1 e superiormente da 1, valori che, tenuto conto della disuguaglianza
stretta, non possono appartenere allinsieme A.
Il punto 1 risulta estremo superiore di A se
(

1A
> 0 n A : a 1

La prima asserzione `
e gi`
a stata provata col ragionamento precedente. Per quanto concerne la seconda asserzione, si consideri
un arbitrario reale positivo e si prenda in esame la disequazione
(D)

sen(n/2)(1 1/n) 1 ,

che per gli n del tipo 1, 5, 9, ..., 4k + 1, ... pu`


o scriversi anche 1
n>

1
n

1 , da cui si ottiene

1
.

Poich
e la precedente pu`
o essere soddisfatta da infiniti interi n del tipo 4k + 1, anche la disequazione (D) risulta vera per
qualche n N, come volevasi dimostrare. Analogamente si prova che 1 `
e estremo inferiore di A. Naturalmente, per quanto
detto allinizio della dimostrazione i punto 1 e 1 non possono essere minimo e massimo di A, perch
e non appartengono a
tale insieme.

Le seguenti propriet`a topologiche dei sottoinsiemi della retta reale vengono lasciate come
esercizio:
Esercizio 1 Se A `
e un aperto allora A{ `
e chiuso; viceversa se C `
e chiuso allora A `
e aperto.

Esercizio 2 Detti IA, DA, F A, A, rispettivamente, gli insiemi dei punti isolati, di accumulazione, di frontiera ed interni
dellinsieme A, allora valgono le seguenti relazioni
IA

F A,

A
A

DA,
= IA DA,

= F A A.

3 NUMERI REALI

35

Esercizio 3 Linsieme Z dei numeri razionali `


e denso in R, ovvero per punto ogni x0 R ed ogni > 0, esister`
a un qualche
razionale q Q tale che |x0 q| < .

Esercizio 4 Dato un insieme A e una sua limitazione superiore > A non appartenente allinsieme, vale la seguente
equivalenza:
`
e di accumulazione per A

= sup A.

o
n 2


| n N0 , se ne individuino i punti estremanti. VerifiEsercizio 5 Dati gli insiemi A = 2 + en | n N0 e B = nn1
2
cato che A B, si determini linsieme degli elementi separatori delle due classi.



Esercizio 6 Dato linsieme A = x2 2x 1 | 3 x 0 si dimostri che max A = 2 e min A = 2.

Esercizio 7 Dato linsieme A =

nq

1+

1
x2

| x 6= 0

si dimostri che sup A = + e inf A = 1.

`
4 CONTINUITA

36

Continuit`
a

In questa sezione viene introdotta una propriet`a cruciale delle funzioni reali che prende
il nome di continuit`a. Si cercher`a innanzitutto di dare una nozione intuitiva di cosa
sintenda con per continuit`a. Sia f : D R una funzione e x0 un punto del suo dominio
D. In termini grossolani, si dice che la funzione f `e continua nel punto x0 quando, in
corrispondenza a punti x opportunamente vicini a x0 , i valori y = f (x) possono essere
resi arbitrariamente vicini al valore y0 = f (x0 ). La nozione di vicinanza tra due punti
viene precisata in termini topologici mediante luso del concetto dintorno, giungendo alla
seguente formulazione:
Definizione 24 Sia f : D R una funzione reale e x0 D, con y0 = f (x0 ), si dir`a che
la funzione f `e continua nel punto x0 se
V F(y0 ) U F(x0 ) : x U D f (x) V.

La funzione f si dice continua in D se essa `e continua in ogni punto di D. Una funzione


biettiva f si dice omeomeorfismo se `e continua, con inversa f 1 anchessa continua.
Esempio 5 In figura 17 sono riportati i grafici delle funzioni f e g, una continua e laltra discontinua nel medesimo punto
x0 . Si noti che per quanto riguarda la funzione g, relativamente allintorno V di y0 rappresentato in figura, qualunque
intorno U di x0 , per quanto piccolo lo si voglia prendere, conterr`
a infiniti punti x > x0 tali che f (x)
/ V.
y

y=f(x)

y0

y0

U
x0

Figura 17:

U
x

x0

grafici di una funzione f continua in x0 e di g discontinua in x0

` facile provare che la continuit`a pu`o essere espressa anche utilizzando i soli intorni
E
circolari. A questo proposito si presenta, omettendone la facile dimostrazione, la seguente
caratterizzione della continuit`a:

`
4 CONTINUITA

37

Proposizione 13 Sia f : D R una funzione reale e x0 D. La funzione f `e continua


nel punto x0 se e solo se
> 0 U F(x0 ) : x D U | f (x) f (x0 )| <
A titolo di esempio, viene riportata qui di seguito la dimostrazione della continuit`a di una
funzione elementare:
Esempio 6 La funzione x 7 x2 `
e`
e continua su R.
Sia dunque x0 un arbitrario punto della retta reale e un arbitrario reale positivo. Occorre provare che in corrispondenza
a tale esiste un intorno U di x0 tale che per ogni x U si ha
(D) |x2 x20 | < .
Conviene considerare
tre casi distinti: x0 = 0, x0 > 0 e x0 < 0. Nel primo caso la disequazione (D) ci d`
a |x2 | < , che

equivale a |x| < . Pertanto lintorno U =] , [ soddisfa la richiesta di continuit`


a in 0. Si consideri ora il caso x0 > 0.
La disequazione (D) pu`
o scriversi anche
y0 < x2 < y0 + .
Senza perdita di generalit`
a si pu`
o supporre < y0 = x20 , pertanto, prendendo le radici dei membri della precedente
disequazione, si ottiene

y0 < |x| < y0 + .

In particolare, se x U =] y0 , y0 + [ la disequazione (D) `


e soddisfatta. Ora `
e facile verificare che U `
e intorno di
x0 , da cui la continuit`
a in x0 . Analogamente si procede nel caso x0 < 0, che viene lasciato al lettore volenteroso.

Un punto x0 del dominio D pu`o essere isolato o di accumulazione per D. Nei punti isolati
del dominio, le funzioni risultano sempre continue, vale infatti:
Proposizione 14 Una funzione f : D R `e continua in tutti i punti isolati del suo
dominio D.
Dim. Sia x0 D punto isolato, esister`a dunque un intorno U F(x0 ) tale per cui
U D = {x0 }. Quindi, in corrispondenza ad un arbitrario > 0, si ha che se x U D,
cio`e se x = x0 , allora |f (x) f (x0 )| = |f (x0 ) f (x0 )| = 0 < , come volevasi dimostrare.
Si osservi che come conseguenza della precedente proposizione segue che una funzione pu`o
essere discontinua solo in un punto di accumulazione del proprio dominio. Landamento
del grafico della funzione in prossimit`a dei punti di discontinuit`a verr`a studiato in seguito
per studiare uan possibile classificazione delle discontinuit`a.

4.1

Alcuni teoremi sulle funzioni continue

Un teorema di importanza fondamentale sulle funzioni continue di variabile reale riguarda


la continuit`a della composizione di funzioni continue:

`
4 CONTINUITA

38

Teorema 15 Date due funzioni di variabile reale f e g


g

D E R
x0 7 y0 7 z0
se g `e continua in x0 e f `e continua in y0 allora f g : D R `e continua in x0 . Pertanto
se f e g sono continue allora f g `e continua.
Dim. Per definizione f g(x0 ) = f (g(x0 )) = f (y0 ) = z0 , dunque se V `e un arbitrario
intorno di z0 , per continuit`a di f in y0 , esister`a un intorno W di y0 tale per cui
y W E f (y) V.
Daltronde, essendo y0 = g(x0 ), per continuit`a della g in x0 esister`a un intorno U di x0
tale per cui
x U D g(x) W.
Si pu`o quindi concludere che
x U D f (g(x)) V,
per cui la funzione composta f g `e continua in x0 .
Valgono inoltre i seguenti fondamentali risultati sulle funzioni continue:
Teorema 16 [Teorema di limitatezza locale] Se f `e continua in x0 D allora esiste un
intorno di x0 in cui f `e limitata.
Dim. Siano f (x0 ) = y0 e V =]y0 1, y0 + 1[. Lintervallo V `e un intorno di y0 , dunque,
tenuto conto della continuit`a di f in x0 esiste un intorno U di x0 tale che
x U D : f (x) V.
Lintorno V `e limitato, pertanto su U D la funzione `e necessariamente limitata.
Teorema 17 [Teorema di permanenza del segno] Se f `e continua in xo D e f (x0 ) =
y0 > 0, allora esiste un intorno U di x0 tale che x U D : f (x) > 0.
Dim. Si consideri lintorno V di y0 definito ponendo V =]y0 y0 /2, y0 + y0 /2[. Poiche f
`e continua in x0 esister`a un intorno U di x0 tale che x U D : f (x) V ; si veda a
questo proposito la figura 18. Dato che inf V = y0 /2 > 0, in U D la funzione f risulta
strettamente positiva.

`
4 CONTINUITA

39

y=f(x)
y +y /2
0 0

y0
y0y0/2
U
x0

Figura 18: permanenza del segno di una funzione continua

4.2

Operazioni sulle funzioni continue

Vengono definite di seguito un certo numero di operazioni algebriche sulle funzioni:


Definizione 25 Siano f e g due funzioni reali definite su uno stesso dominio D. Si
definiscono allora le funzioni
somma f + g ponendo
def

(f + g)(x) = f (x) + g(x);


prodotto f g ponendo
def

(f g)(x) = f (x)g(x);
opposto f ponendo
def

(f )(x) = f (x);
reciproco

1
f

ponendo
1
1
def
(x) =
;
f
f (x)

rapporto

f
g

ponendo
f
def f (x)
(x) =
;
g
g(x)

modulo |f | ponendo
def

|f |(x) = |f (x)|.
Se le funzioni f e g sono continue, allora sono continue anche tutte le funzioni da loro
ottenute con le operazioni nella definizione di sopra. Pi`
u precisamente valgono i seguenti
teoremi:

`
4 CONTINUITA

40

Teorema 18 Siano f e g due funzioni di variabile reale continue su un medesimo dominio


D. La funzione somma f + g `e continua su D.
Dim. Sia x0 punto arbitrario in D, poniamo y0 = f (x0 ) e z0 = g(x0 ). Fissato un
arbitrario > 0, occorre determinare un intorno U di x0 in cui


(f (x) + g(x)) (y0 + z0 ) < .
Si osservi qui che vale la relazione


f (x) + g(x) (y0 + z0 ) |f (x) y0 | + |g(x) z0 |.

(1)

In virt`
u della continuit`a di f e g si pu`o determinare due intorni W1 e W2 di x0 tali che
se x W1 D allora |f (x) y0 | < 2 e se x W2 D allora |g(x) z0 | < 2 . Pertanto,
tenuto conto della eq. 1, per ogni x che appartiene a D e allintorno U = W1 W2 di x0
si ha


f (x) + g(x) (y0 + z0 ) < + = ,
2 2
come volevasi dimostrare.
Teorema 19 Siano f una funzione di variabile reale continua sul dominio D. La funzione opposto f `e continua su D.
Dim. Sia x0 punto arbitrario in D e si ponga y0 = f (x0 ). Fissato un arbitrario > 0,
in virt`
u della continuit`a di f in x0 esiste un intorno U tale che se x D U si ha
|f (x) y0 | < che equivale a |(f (x)) (y0 )| < . Pertanto la funzione opposto f
risulta necessariamente continua in x0 .
Teorema 20 Siano f e g due funzioni di variabile reale continue su un medesimo dominio
D. La funzione prodotto f g `e continua su D.
Dim. Sia x0 punto arbitrario in D, poniamo y0 = f (x0 ) e z0 = g(x0 ). Fissato un
arbitrario > 0, occorre determinare un intorno U di x0 in cui
|f (x)g(x) y0 z0 | < .
Si osservi che valgono le relazioni


|f (x)g(x)y0 z0 | = [f (x)y0 ]g(x)+[g(x)z0 ]y0 |f (x)y0 )| |g(x)|+|g(x)z0 | | y0 |. (2)
Per il teorema di limitatezza locale si pu`o determinare un intorno W0 di x0 in cui |f (x)|
M per qualche costante reale M > 0. Sempre in virt`
u della continuit`a di f e g si possono

determinare due intorni W1 e W2 di x0 tali che se x W1 D allora |f (x) y0 | < 2M


e

se x W2 D allora |g(x) z0 | < 2(|y0 |+1) . Pertanto, tenuto conto della eq. 2, per ogni
x D appartenente allintorno U = W0 W1 W2 di x0 si ha
|f (x)g(x) y0 z0 |
come volevasi mostrare.

M
|y0 |
+
< /2 + /2 = ,
2M
2(|y0 | + 1)

`
4 CONTINUITA

41

Teorema 21 Se f una funzione di variabile reale continua sul dominio D, allora la


funzione modulo |f | `e continua su D.
Dim. Sia x0 punto arbitrario in D in cui y0 = f (x0 ) 6= 0. Fissato un arbitrario > 0,
dobbiamo determinare un intorno U di x0 in cui


|f (x)| |y0 | < .
In virt`
u della continuit`a di f in x0 , esiste un intorno U tale che se x D U si ha
|f (x) y0 | < , pertanto, utilizzando una nota disequazione sui valori assoluti, segue


|f (x)| |y0 | |f (x) y0 | < ,
come volevasi dimostrare.
Teorema 22 Sia f una funzione di variabile reale continua sul dominio D. La funzione
reciproco f1 `e continua su tutti i punti x di D in cui f (x) 6= 0.
Dim. Sia x0 punto arbitrario in D in cui y0 = f (x0 ) 6= 0. Fissato un arbitrario > 0,
occorre determinare un intorno U di x0 in cui


1
1

f (x) y0 < .
Si osservi che valgono le relazioni


1
|f (x) y0 |
1

f (x) y0 = |y0 ||f (x)| .

(3)

La funzione |f | `e continua in x0 , quindi per il teorema di permanenza del segno si pu`o


determinare un intorno W0 di x0 in cui |f (x)| |y0 |/2 > 0 . Sempre in virt`
u della
continuit`a di f si pu`o determinare un intorno W1 tale che se x W1 D allora |f (x)y0 | <
|y0 |2 /2. Pertanto, tenuto conto della eq. 3, per ogni x D appartenente allintorno
U = W0 W1 di x0 si ha


2
1

1

< |y0 | /2 = ,

f (x) y |y0 ||y0 |/2


0
come volevasi mostrare.
Come immediato corollario dei precedenti teoremi, segue che le operazioni di differenza e
reciproco trasformano funzioni continue in funzioni continue. Qui di seguito lenunciato
del teorema, la cui facile dimostrazione viene lasciata al volenteroso lettore.
Teorema 23 Siano f e g due funzioni di variabile reale continue sul medesimo dominio
D. La funzione differenza f g `e continua su D e la funzione rapporto fg `e continua su
tutti i punti x di D in cui g(x) 6= 0.

`
4 CONTINUITA

4.3

42

Continuit`
a delle funzioni elementari

Si dimostra ora la continuit`a delle principali funzioni reali:


Proposizione 24 Ogni funzione costante `e continua sul proprio dominio.
Dim. Sia : x 7 k funzione costante su D. Se x0 `e un arbitrario punto nel dominio D e
V un qualunque intorno di k = (x0 ) si avr`a che (x) = k V per ogni x D. Pertanto
qualunque intorno U di x0 verr`a mappato in V .
Proposizione 25 La funzione identit`a `e continua sul proprio dominio.
Dim. Sia id : x 7 x la funzione identit`a su D. Sia x0 un punto qualunque di D e V
un arbitrario intorno dellimmagine id(x0 ) = x0 . Evidentemente lintorno U = V di x0 `e
mappato dalla funzione in V , come volevasi dimostrare.
Proposizione 26 Una funzione polinomiale reale p(x) = an xn + + a1 x + a0 `e continua
su R.
Dim. Si osservi che la funzione x 7 am xm con m 1 `e ottenuta come prodotto della
funzione costante x 7 am per m volte la funzione identit`a x 7 x, pertanto `e una funzione
continua. La funzione p(x) `e quindi continua essendo somma di funzioni continue.
Proposizione 27 Le funzioni trigonometriche sen() e cos() sono continue su R.
Dim. Si dimostra questa propriet`a solo per la funzione sen(), essendo del tutto analogo
il procedimento per la funzione cos(). Si richiama qui unimportante disuguaglianza vera
per ogni x R: | senx| |x|. Da questa relazione e dalle note formule di prostaferesi si
possono scrivere le seguenti relazioni:






x + x0
x x0

sen
| senx senx0 | = 2 cos
=
2
2







x
+
x
x

x
0
0
sen
2 1 |x x0 | |x x0 |.
= 2 cos



2
2
2
Da ci`o risulta evidente che qualunque sia lintorno V di y0 = senx0 , si pu`o determinare
un intorno U di x0 sufficientemente piccolo di modo che per ogni x U sia senx V .
Proposizione 28 Le funzioni trigonometriche tg () e ctg () sono continue sui loro
domini.

`
4 CONTINUITA

43

Dim. Le funzioni in esame, come noto, sono rapporto delle funzioni continue sen() e
cos(), pertanto, in virt`
u del teorema 23, sono continue sul proprio dominio.
Proposizione 29 La funzione esponenziale x 7 ex `e continua su R.
Dim. Sia x0 un arbitrario punto in R e si ponga y0 = ex0 . Preso un qualunque > 0
occorre dimostrare che esiste un intorno U di x0 tale che |ex y0 | < . La disequazione
sopra pu`o essere scritta
< ex y0 < ,
cio`e
y0 < ex < y0 + .
Senza perdita di generalit`a si pu`o supporre che < y0 , pertanto i termini della precedente
catena di disequazioni sono positivi, ed applicando ad essi la funzione crescente ln si
ottiene
ln(y0 ) < x < ln(y0 + ).
` immediato costatare che x0 risulta elemento di U .
Sia ora U =] ln(y0 ), ln(y0 + )[. E
Pertanto U `e un intorno di x0 soddisfacente la condizione che se x U allora |ex ex0 | < ,
come volevasi dimostrare.
Per quanto riguarda le pi`
u comuni funzioni inverse, invece di fornire una dimostrazione
diretta, ci si rif`a ad un noto risultato che verr`a presentato pi`
u avanti nella sezione dedicata
alle funzioni continue definite su intervalli. Vale il seguente teorema:
Proposizione 30 La funzioni inverse
sono continue sui loro dominii.

, arcsin(), arccos(), arctg (), arctg (), ln()

Dim. Le funzioni in esame sono inverse di funzioni continue e monotone definite


su intervalli della retta reale, pertanto, in virt`
u del teorema 60, risultano continue sui
rispettivi dominii.

5 LIMITI

44

Limiti

In questo capitolo viene introdotto un concetto fondamentale nellanalisi infinitesimale: il


limite. Questo, come si vedr`a tra breve, `e strettamente legato al problema dellesistenza di
unestensione continua di una funzione. Prima di addentrarsi nei dettagli della definizione,
si richiama qui il concetto di estensione di una funzione:
Definizione 26 Sia f : D R una funzione, x0 un punto della retta reale non appartenente a D, ` un qualunque numero reale. Sia ora la funzione f definita su D {x0 }
ponendo
(
f (x) x D e x 6= x0 ,
f(x) =
`
se x = x0 .
La funzione f verr`a detta estensione o, equivalentemente, prolungamento della funzione
f nel punto x0 con il valore `.
Data una funzione f : D R e un punto x0 non appartenente a D, ci si pu`o porre il
seguente quesito:

si pu`o estendere la funzione f nel punto x0 assegnandole un opportuno


valore ` di modo che lestensione f risulti continua in x0 ?

y
y

f(x )
0
l

U
x

x0

Figura 19: esempio di estensione continua di una funzione f in x0

5 LIMITI

5.1

45

Definizione di limite

Come osservato nella sezione sulle funzioni continue, se x0 `e un punto isolato nel nuovo
dominio D {x0 }, un qualunque valore ` potr`a rendere continua in x0 lestensione f.
Pertanto il caso in cui x0 risulta isolato nel dominio `e ben poco interessante.
Se invece x0 `e un punto di accumulazione per D, si pu`o dimostrare che tale estensione
continua in x0 esiste solo per certe funzioni, come quella il cui grafico `e riportato in
figura 19. Per le funzioni prolungabili per continuit`a, tuttavia, esiste ununica estensione
continua. In altre parole, se `e possibile estendere per continuit`a la funzione f in x0 , allora
il valore ` che dobbiamo assegnarle in x0 `e necessariamente unico. Vale quindi il seguente
teorema:
Teorema 31 Data una funzione f : D R e un punto x0 di accumulazione per D, se
esiste un numero reale ` tale che la funzione f definita ponendo
(
f (x) x D e x 6= x0 ,
f(x) =
`
se x = x0 ,
sia continua in x0 , allora tale valore `e unico e prende il nome di limite di f (x) al tendere
di x a x0 e si scrive
lim f (x) = `.
xx0

Dim. Si supponga per assurdo che vi siano due distinti valori `1 e `2 che estendano f per
continuit`a nel punto x0 , e si indichino con f1 e f2 le due rispettive estensioni.
Dato che R `e separato e `1 6= `2 , si possono scegliere due intorni disgiunti V1 e V2
rispettivamente di `1 e `2 in corrispondenza ai quali, esisteranno due intorni U1 e U2 di
x0 tali per cui
x D U1 f1 (x) V1 ,
x D U2 f2 (x) V2 .

La situazione `e rappresentata nella figura accanto. Linsieme U = U1 U2 , intersezione


di intorni di x0 , `e intorno di x0 . Siccome x0
`e di accumulazione per D dovr`a esistere nellintorno U qualche punto z appartenente al
dominio D tale che z 6= x0 . Ma allora dovrebbe valere simultaneamente le condizioni
f1 (z) = f (z) V1 e f2 (z) = f (z) V2 , in
contraddizione con V1 V2 = . Ci`o conclude
la dimostrazione.

V2

l1

V1

y=f(x)

U1

U2
z

x0

` importante osservare che la precedente dimostrazione continua a valere anche nel caso
E
in cui il punto x0 `e elemento del dominio D della funzione f . In tal caso, piuttosto che

5 LIMITI

46

ad unestensione, sarebbe opportuno riferirci a f come alla funzione ottenuta da f ridefinendone con ` il valore da essa assunto in x0 . A parte questa precisazione terminologica,
il fatto cruciale `e che il valore assunto eventualmente in x0 dalla funzione f non influenza
in alcun modo ne lesistenza, ne il valore delleventuale limite in x0 .
Questo fatto appare con maggior chiarezza nella seguente caratterizzazione1 del concetto di limite:
Teorema 32 Il limite lim f (x) esiste e vale ` R se e solo se
xx0

V F(`) U F(x0 ) : x D U x 6= x0 f (x) V

(4)

Dim. La dimostrazione `e banale, infatti, se f `e ottenuta da f ponendo f(x0 ) = `, per


ogni x 6= x0 vale luguaglianza
|f(x) f(x0 )| = |f (x) `|,
inoltre il primo membro `e nullo per x = x0 . Pertanto, la continuit`a di f in x0 , equivale
alla relazione in equazione 4.
La Eq. 4 pu`o essere equivalentemente riformulata con intorni circolari:
Proposizione 33 Sono equivalenti alla proposizione in Eq. 4 le seguenti proposizioni:
> 0 U F(x0 ) : x D U x 6= x0 |f (x) `| <

(5)

> 0 > 0 : x D {x0 } |x x0 | < |f (x) `| <

(6)

Introdotto il concetto di limite, `e necessario stabilire se esso esiste per qualsiasi funzione e
punto di accumulazione. La risposta `e negativa, come si scoprir`a nel successivo esempio.

Questa caratterizzazione `e spesso assunta come definizione di limite nelle trattazioni in cui il concetto
di limite precede quello della continuit`
a.

5 LIMITI

47

Esempio 7 La funzione f : R R definita ponendo


y

(
f (x) =

1
1

l+

x < 0,
x > 0.

non pu`
o essere in alcun modo estesa per continuit`
a in 0.
l

Si supponga per assurdo che esista

lim f (x) = `.

x0

x0

` facile intuire che vi sono due sole possibilit`


E
a per il limite: ` = 1
oppure ` = 1, e, senza perdita di generalit`
a, si supponga che sia
` = 1. Secondo la definizione in Eq. 5, in corrispondenza al valore
= 1/2 deve esistere un intorno U F (0) tale per cui
se

x U{0}

allora

|f (x) 1| < 1/2.

Nellintorno U dovranno cadere sia numeri negativi che positivi. Per i


valori x < 0 la disequazione `
e soddisfatta avendosi |f (x)1| = |11| =
0 < 1/2. Viceversa, per x > 0 si ha |f (x) 1| = | 1 1| = 2 > 1/2,
in contraddizione con lipotesi desistenza del limite.

Dalla definizione di limite discende immediatamente la seguente caratterizzazione della


continuit`a2
Teorema 34 Data una funzione reale f definita su D, x0 punto di accumulazione di D,
allora
f continua in x0
lim f (x) = f (x0 ).
xx0

Dim. La dimostrazione `e banale. Se la funzione f `e continua in x0 , in tale punto lunico


valore che la rende continua `e proprio f (x0 ), quindi deve essere f (x) f (x0 ). Daltra
parte, se f (x) f (x0 ), significa che il valore che renderebbe f continua in x0 `e proprio
f (x0 ), quindi f `e gi`a continua in x0 .

Questa caratterizzazione `e spesso assunta come definizione di continuit`a nelle trattazioni in cui il
concetto di limite precede quello della continuit`a.

5 LIMITI

5.2

48

Limiti a destra e a sinistra

In questa sezione si vogliono estendere i concetti di continuit`a e limite in modo da disporre


di strumenti pi`
u acuminati per studiare il comportamento di funzioni in prossimit`a dei
punti di accumulazione. Sintroducono innanzitutto la continuit`a a destra e a sinistra in
un punto:
Definizione 27 Sia f una funzione definita su un dominio D e x0 un punto del dominio.
Ripartito il dominio negli insiemi
D = {x D | x x0 },

D+ = {x D | x x0 },

si dir`a che
f `e continua a sinistra in x0
f `e continua a destra in x0

def

def

f |D `e continua in x0 ;
f |D+ `e continua in x0 .

` facile rendersi che possono esservi funzioni discontinue che sono continue solo a destra
E
o solo a sinistra, oppure ne a destra e ne a sinistra; si vedano a tal proposito i grafici
riportati in figura 20. Tuttavia, se in un punto una funzione `e continua sia a destra sia a
sinistra, necessariamente l` essa deve essere continua in senso ordinario; vale infatti:
Proposizione 35 Sia f una funzione definita su un dominio D e x0 un punto del dominio, allora
f `e continua in x0

f `e continua a destra e a sinistra in x0

Dim. Direttamente dalla definizione di continuit`a, si osservi che che se U `e un intorno di


x0 allora
D U = (U D ) (U D+ ),
pertanto, verificare la relazione |f (x)f (x0 )| < per ogni x U D, equivale a verificarla
per ogni x U D+ relativamente alla restrizione f + ed ogni x U D relativamente
a f , come volevasi dimostrare.
Dalle nozioni di continuit`a a sinistra e a destra in un punto, seguono le analoghe nozioni
di limite destro e di limite sinistro.
Definizione 28 Data una funzione f : D R e un punto x0 di accumulazione per D,
def
analogamente a quanto fatto per la continuit`a a destra e a sinistra, siano D = {x
def
D | x x0 } e D+ = {x D | x x0 }. Qualora x0 sia di accumulazione per D+ , si
dir`a limite destro della funzione f per x x0 , il limite della funzione f |D+ per x x0 .
In simboli, la definizione pu`o essere scritta
def

lim+ f (x) = lim f |D+ (x).

xx0

xx0

5 LIMITI

49

Se x0 `e di accumulazione per D , si pu`o definire in modo analogo il limite sinistro


della funzione f per x x0 . In questo caso, la definizione `e
def

lim f (x) = lim f |D (x).

xx0

xx0

Il legame tra limiti e continuit`a stabilito nel teorema 34, si estende immediatamente agli
analoghi concetti di continuit`a e limite a destra e a sinistra:
Teorema 36 Data una funzione f con dominio D e x0 D, valgono le seguenti caratterizzazioni:
f `e continua a destra in x0 lim+ f (x) = f (x0 ),
xx0

f `e continua a sinistra in x0 lim f (x) = f (x0 ).


xx0

In virt`
u del teorema 35, si pu`o quindi affermare che se f (x) tende a ` al tendere di x a x0 ,
allora esistono anche il limiti destro e sinistro in x0 ed entrambi valgono `, e viceversa.
Vale quindi la seguente proposizione:
Proposizione 37 Data una funzione f : D R e un punto x0 R di accumulazione
per D e D+ , valgono le seguenti relazioni di limite
lim f (x) = `

xx0

lim f (x) = lim+ f (x) = `.

xx
0

xx0

5 LIMITI

50

Si consideri ora una funzione f : D R discontinua in un punto x0 del suo dominio. Lo


studio del limite destro `+ e sinistro ` in x0 determina varie tipologie di discontinuit`a,
esemplificate nei grafici in figura 20, che possono essere classificate come segue:
I limiti `+ e ` esistono entrambi finiti e sono coincidenti: in questo caso si dice che
in x0 vi `e una discontinuit`a eliminabile o di prima specie.
I limiti `+ e ` esistono entrambi finiti ma distinti: in questo caso si dice che in x0
vi `e una discontinuit`a non eliminabile di tipo salto o di seconda specie.
Almeno uno dei due limiti `e infinito o non esiste: in questo caso si parla di discontinuit`a non eliminabile di terza specie.

y0

l+
y=f(x)

y=g(x)
l = y0

l =l

x0

x0

l+=+

y=h(x)
y=i(x)
l=y0

l=y0

x0

x0

Figura 20: discontinuit`a di prima specie (f ), di seconda specie (g) e di terza specie (h, i)

5 LIMITI

5.3

51

Operazioni e teoremi sui limiti

Inizia ora la rassegna dei principali risultati sui limiti con una coppia di importanti teoremi
di cambiamento di variabile:
Teorema 38 (Teorema di cambiamento della variabile dipendente) Siano f e g
due funzioni di variabile reale che mappano
g

D E R.
Se esiste lim g(x) = ` e la funzione f `e continua nel punto ` E, allora valgono le
xx0

seguenti relazioni di limite



lim f g(x) = f

xx0


lim g(x) = f (`).

xx0

Dim. La funzione g definita ponendo


(
`
se x = x0 ,
g(x) =
g(x) altrimenti
risulta continua in x0 per definizione di limite. La funzione f g `e pertanto continua in
x0 essendo composizione di funzioni continue. Quindi
lim f g(x) = f g(x0 ) = f (`),

xx0

da cui si ottiene
lim f g(x) = lim f g(x) = f (`).

xx0

xx0

Teorema 39 (Teorema di cambiamento della variabile indipendente) Siano f e


g due funzioni di variabile reale che mappano
g

D E R.
Sia inoltre g omeomorfismo, cio`e g `e continua con inversa g 1 continua, e x0 di accumulazione per D. Posto y0 = g(x0 ), vale lequivalenza
lim f (y) = `

yy0

lim f g(x) = `,

xx0

nel senso che i limiti esistono solo simultaneamente e in tal caso sono uguali.
Valgono inoltre i seguenti teoremi:

5 LIMITI

52

Teorema 40 Se lim f (x) = 0 e g `e limitata in un intorno di x0 , allora


xx0

lim f g(x) = 0.

xx0

Dim. Per ipotesi g `e localmente limitata, pertanto esistono un intorno U e una costante
M > 0 tali che per ogni x U0 e x 6= x0 si ha |g(x)| < M . Inoltre, dato che
limxx0 f (x) = 0, in corrispondenza ad un arbitrario > 0 `e possibile determinare un
intorno U1 di x0 tale che per ogni x U1 e x 6= x0 sia |f (x)| < /M . Pertanto, posto
U = U0 U1 , si ha che se x U e x 6= x0 allora |f (x)g(x)| = |f (x)||g(x)| < /M M = .
Ci`o conclude la dimostrazione.
Vale anche il seguente teorema di permanenza del segno, la cui semplice dimostrazione
lasciamo come esercizio al lettore, essendo essa pressoche identica a quella dellanalogo
teorema 17 dimostrato per le funzioni continue:
Teorema 41 (Teorema di permanenza del segno) Se per una funzione f si ha
lim f (x) > 0,

xx0

allora esiste un intorno U di x0 tale che


x D U x 6= x0 f (x) > 0.

f(x )
0
l+l/2

ll/2
U
x0

Figura 21: teorema di permanenza del segno

5 LIMITI

53

Un teorema dimportanza cruciale nel calcolo di molti limiti `e il seguente:


Teorema 42 (Teorema del confronto) Siano f, g, h tre funzioni reali tali che in un
intorno di x0 , eccettuato al pi`
u x0 , sia: f (x) g(x) h(x). Se limxx0 f (x) =
limxx0 h(x) = `, allora limxx0 g(x) = `.
Dim. Sia V un arbitrario intorno circolare di `. In corrispondenza a V per ipotesi `e
possibile determinare due intorni U1 e U2 di x0 tali che
y

x U1 x 6= x0 f (x) V,

y=h(x)

x U2 x 6= x0 h(x) V.
Linsieme U = U1 U2 , poiche intersezione di
intorni di x0 , `e intorno di x0 ; inoltre, senza
perdita di generalit`a, si pu`o assumere che se
x U r {x0 } si ha f (x) g(x) h(x).
Pertanto, se x U , eccettuato al pi`
u x0 , si
avr`a f (x) V e h(x) V . Lintorno V `e
un intervallo, quindi contiene tutti i valori
compresi tra f (x) e h(x); avendo fatto lipotesi che f (x) g(x) h(x) dovr`a essere
g(x) V . Si `e dunque provato che esiste un
intorno U di x0 tale che
x U x 6= x0 g(x) V.
Ci`o conclude la dimostrazione del teorema.

V
y=g(x)

y=f(x)
U
x0

5 LIMITI

54

Dai teoremi delle operazioni sulle funzioni continue si deduce immediatamente:


Teorema 43 Siano f e g due funzioni reali e si supponga che
lim f (x) = `,

lim g(x) = m.

xx0

xx0

Valgono allora le seguenti relazioni di limite:


lim (f + g)(x) = ` + m;

xx0

lim (f g)(x) = `m;

xx0

lim f (x) = `;

xx0

lim

1
1
=
g(x)
m

(purche m 6= 0);

lim

`
f (x)
=
g(x)
m

(purche m 6= 0);

xx0

xx0

lim |f (x)| = |`|.

xx0

5.4

Estensioni della retta reale

La necessit`a di studiare il comportamento asintotico delle funzioni porta a considerare


un ampliamento topologico di R che permetta di dare un senso a limiti in cui la variabile indipendente tende allinfinito. A questo proposito sono comunemente usate diverse
estensioni della retta reale. In questa trattazione viene presentata lestensione ottenuta
aggiungendo alla retta reale i simboli + e . Pi`
u precisamente si considera linsieme
def

R = R {+, },
in cui si pone per definizione x R : x < + e x R : < x. Lestensione
topologica si ottiene assegnando il filtro degli intorni dei due nuovi punti + e :
def

F(+) = {U R | M > 0 : [M, +] U }


e
def

F() = {U R | M > 0 : [, M ] U }.

5 LIMITI

55

Questa estensione R `e ancora uno spazio separato, totalmente ordinato, ma perde la


struttura algebrica di corpo. Come `e facile provare, ad esempio, non si possono definire
in maniera coerente linverso di + od operazioni algebriche del tipo x (+). Tuttavia,
al prezzo di questa rinuncia, si possono estendere le definizioni di continuit`a e limite a
funzioni definite su R a valori in R.
Una prima propriet`a topologica della retta estesa `e espressa dalla seguente proposizione,
la cui facile dimostrazione `e qui omessa:
Proposizione 44 Dato un insieme D superiormente (risp. inferiormente) illimitato in
R, allora D, pensato come sottoinsieme dellestensione R, ammette + (risp. ) come
punto di accumulazione.
Data una funzione f : D R il cui dominio D `e superiormente (risp. inferiormente)
illimitato, `e possibile dare un significato alla scrittura limxx0 f (x) = `, con ` finito,
anche per x0 = + (risp. x0 = ). Per la Prop. 44 risulta che + `e di accumulazione
per il dominio, dunque per definizione di limite si ha
def

lim f (x) = ` V F(`) U F(+) : x D Ur{+} f (x) V.

x+

Senza perdita di generalit`a, sostituendo allintorno V di ` un intorno circolare e allintorno


U di + una semiretta del tipo [M, +], si ottiene la seguente definizione operativa:
def

lim f (x) = ` > 0 M > 0 : x D x > M |f (x) `| < .

x+

Analogamente, per x , si avr`a


def

lim f (x) = ` > 0 M > 0 : x D x < M |f (x) `| < .

Sinora si `e considerato il caso in cui il limite ` `e finito. Tuttavia nella retta reale estesa si
pu`o dare significato anche al caso in cui il valore del limite ` `e + o . La definizione,
in sostanza, `e sempre la medesima:
def

lim f (x) = + V F(+) U F(x0 ) : x D U x 6= x0 f (x) V.

xx0

Senza perdita di generalit`a, sostituendo allintorno V di + una semiretta del tipo


[M, +], si ottiene la seguente caratterizzazione operativa per i limiti infiniti:
lim f (x) = + M > 0 U F(x0 ) : x D U x 6= x0 f (x) > M.

xx0

Infine, si possono considerare anche limiti in cui sia il valore x0 che il limite ` sono infiniti.
Operando come nei casi precedenti, dalla definizione di limite si ottengono le seguenti

5 LIMITI

56

caratterizzazioni
def

lim f (x) = + M > 0 N > 0 : (x D x > N ) f (x) > M,

x+

def

lim f (x) = + M > 0 N > 0 : (x D x < N ) f (x) > M,

def

lim f (x) = M > 0 N > 0 : (x D x > N ) f (x) < M,

x+

def

lim f (x) = M > 0 N > 0 : (x D x < N ) f (x) < M.

Spesso risulta comoda unaltra estensione della retta reale in cui si considera linsieme:
def
R
= R {}.
La struttura topologica si ottiene in questo caso definendo come intorno di qualunque
insieme che contenga una coppia di semirette di verso opposto del tipo ] , M [ e
[M, +[, cio`e, in formule,
def
| M > 0 : |x| > M x U }.
F() = {U R

non esiste il limite


Ad esempio in R

1
lim ,
x0 x
in cui `e facile provare che
che invece esiste nellestensione R
1
= .
x0 x
lim

Verr`a ora presentato un risultato molto utile sui limiti delle funzioni monotone:
Teorema 45 (Limite di una funzione monotona) Sia f una funzione monotona debolmente crescente (risp. decrescente) definita su un intervallo I della retta reale e sia
f (I) limmagine di f . Posto x0 = sup(I) e ` = sup(f (I)) allora vale
lim f (x) = `,

xx0

eventualmente nella topologia estesa R, se uno o entrambi x0 e ` sono infiniti.


Dim. Si considera qui per semplicit`a solo il caso in cui x0 e ` sono entrambi finiti. Si fissi
dunque un arbitrario > 0. In base alla definizione di estremo superiore di f (I) dovr`a
esistere un qualche y f (I) tale che ` y > ` . Dato che y appartiene allinsieme
immagine dovr`a esistere x I tale che y = f (
x), pertanto ` f (
x) > ` . Dato
che f `e debolmente crescente e il punto x0 `e lestremo superiore di I allora per ogni
x ]
x, x0 [ si avr`a ` f (x) f (
x) > ` , da cui |f (x) `| < . Siano ora = x0 x e
U =]x0 , x0 + [, allora per quanto visto sopra si ha che se x U I x 6= x0 allora
|f (x) `| < , come volevasi provare.

5 LIMITI

5.5

57

Limiti notevoli

In questa sezione vengono presentati due gruppi di limiti fondamentali di forme indeterminate. Il primo gruppo `e riconducibile al seguente teorema:
Teorema 46 Sussiste il seguente limite
lim

x0

senx
= 1.
x

Dim.
Dalla costruzione delle funzioni circolari `e
facile dedurre che se x ] /2, /2[ allora

T
P

| senx| |x| | tg x|.

(7)

Infatti, nel caso /2 > x > 0, in accordo alla


figura qui a fianco, valgono le seguenti uguaglianze: senx = HP , tg x = AT ,
_
x = AP , e ovviamente vale la seguente
catena di diseguaglianze:

x
H

HP < AP < AT .
Il caso in cui x `e negativo deriva dal precedente ricordando che tg x e senx sono
funzioni dispari.
Considerando i reciproci di ciascun termine nella catena eq. 7 ( con x 6= 0) si ottiene
cos x
1
1


,
| senx|
|x|
senx
quindi, moltiplicando tutto per | senx|, si deduce
senx


1
|cos x| .
x
Tenuto conto che i termini entro i valori assoluto sono positivi, si pu`o infine scrivere
1

senx
cos x.
x

La conclusione viene dal teorema del confronto, osservato che per continuit`a cos x tende
a 1 al tendere di x a 0.
Ricordando che tg x =

senx
, e la continuit`a di cos, segue immediatamente:
cos x

5 LIMITI

58

tg x
=1
x0 x
In un intorno di 0, escluso x = 0, valgono le seguenti uguaglianze
 senx 2
sen 2 x
1
1 cos x
1 cos x 1 + cos x
1
=
=

,
=

2
2
2
x
x
1 + cos x
x
1 + cos x
x
1 + cos x
pertanto, facendo tendere x a 0, si ottiene il seguente limite:
lim

1 cos x
1
=
2
x0
x
2
Tenuto conto x 7 seny e x 7 tg y stabiliscono omeomorfismi dal dominio ]/2, /2[
ai codomini ] 1, 1[ e R rispettivamente, dai limiti precedenti, mediante il teorema di
cambiamento della variabile indipendente, seguono immediatamente:
lim

lim

x0

arcsen x
=1
x

lim

x0

arctg x
= 1.
x

Il secondo gruppo di limiti deriva invece dal seguente teorema:


Teorema 47 Esiste finito il limite

lim

n+

1
1+
n

n
= e.

La costante e risulta compresa nellintervallo ]2, 3[ e prende il nome di numero di Nepero


o di Eulero.
Dim. Innanzitutto si prova che la successione di termine generale an = (1 + n1 )n `e
crescente. Sviluppando il binomio, si ottiene
 
 
n 1
1 n(n 1)
1 n(n 1)(n 2) . . . 1
n 1
+ +
=2+
+ +
=
an = 1 +
n
2
n n
2!
n
n!
nn
1 n







 

1
1
1
1
2
1
1
2
n1
= 2+
1
+
1
1
++
1
1
... 1
2!
n
3!
n
n
n!
n
n
n
Pertanto an risulta somma di n addendi che vengono indicati con
n0 = 2,
n1

1
=
2!



1
1
,
n

n2

1
=
3!




1
2
1
1
,
n
n

...
nn1

1
=
n!

1
1
n


 

2
n1
1
... 1
.
n
n

5 LIMITI

59

` immediato costatare che n n+1 per ogni k = 0, . . . , n 1, pertanto


E
k
k
n
n
+ + n+1
n+1
+ + n+1
an+1 = n+1
0
n
0
n1 0 + + n1 = an .

Questo argomento prova che n 7 an `e una successione monotona crescente. Inoltre


valgono le seguenti relazioni
1
1
,
n1
2!
2
1
1
n
2,
2
3!
2
...
1
1
n1 ,
nn1
n!
2
pertanto, ricordando la formula per la somma delle successioni geometriche riportata in
prop. 5), si ha
1
an 2 +
2

1


1
1
1
1 1 2n1
= 3 n1 < 3.
1 + + + n1 = 2 +
1
2
2
2
2
1
2

Ci`o prova che la successione n 7 an `e monotona e superiormente limitata, dunque linsieme {an | n N} ammette estremo superiore finito, che si indica con il simbolo e. Per
il teorema sul limite di una funzione monotona crescente si ha
lim an = sup{an },

n+

nN

da cui segue
lim an = e,

n+

come volevasi dimostrare.


Si vuole ora provare che la funzione n 7 an pu`o essere naturalmetne estesa sui numeri
reali dellinsieme ] , 1[]0, +[ e anche tale estensione converge alla costante e
quanto x tende allinfinito. Si ha infatti:
Teorema 48 Vale il seguente limite:

lim

1
1+
x

x
= e.

Dim. Si consideri innanzitutto il caso in cui x +. Senza perdita di generalit`a si


pu`o considerare x > 0. Sia [x] la parte intera di x, e sia an = (1 + n1 )n . Valgono allora le
seguenti disequazioni

x 
x 
[x]+1 

1
1
1
1
1+
1+
1+
= 1+
a[x]
x
[x]
[x]
[x]

5 LIMITI

60


x 
x 
[x]
a[x]+1
1
1
1
.
1+
1+
1+
=
1
x
[x] + 1
[x] + 1
1 + [x]+1

Quindi si ha


x
[x] + 1
1
[x] + 1
a[x]+1 1 +

a[x] .
[x] + 2
x
[x]
Per il teorema 47, al tendere di x a +, le funzioni a[x]+1 e a[x] tendono alla costante e,
inoltre
[x] + 1
[x] + 1
lim
= lim
= 1.
x+ [x] + 2
x+
[x]
Pertanto, in virt`
u del teorema del confronto, anche il termine centrale della precedente
catena di disequazioni dovr`a tendere alla costante e.
Il caso x pu`o essere ricondotto al precedente mediante il cambiamento di variabile
indipendente indotto dallomeomorfismo y = x. La facile verifica di questaffermazione
viene lasciata al lettore.
Ponendo y =

1
si ha
x

y
1
,
(1 + x) = 1 +
y
da cui, in virt`
u del teorema del cambiamento della variabile indipendente, segue il seguente
limite
1
x

lim (1 + x) x = e.

x0

Dalle regole dei logaritmi, segue lidentit`a


1

ln(1 + x) x =

1
ln(x + 1),
x

pertanto, tenuto conto della continuit`a di ln, vale il seguente limite


ln(x + 1)
= 1.
x0
x
lim

Infine, ponendo y = ex 1, che equivale a x = ln(y + 1), si ha


ex 1
y
=
,
x
ln(y + 1)
pertanto, in virt`
u del teorema di cambiamento della variabile indipendente, vale il seguente
limite
ex 1
lim
=1
x0
x

6 INFINITESIMI ED INFINITI

62

Infinitesimi ed infiniti

In questa sezione si vuole confrontare il comportamento di quelle funzioni che tendono a


0, chiamate infinitesimi, e di quelle che tendono a infinito, chiamate infiniti. Lo studio
dei limiti porta spontaneamente a stabilire gerarchie tra gli infiniti e tra gli infinitesimi.
Ad esempio, `e intuitivo supporre che al tendere di x a + il polinomio x2 + x tender`a
ad infinito con un comportamento che `e prevalentemente determinato dal monomio di
grado maggiore x2 , la cui crescita `e pi`
u veloce di quella di x. Per precisare questi concetti vengono introdotte opportune relazioni tra infiniti ed infinitesimi e dimostrati una
serie di teoremi che consentono di semplificare notevolmente lo studio di alcune forme
indeterminate di limite.
` possibile introdurre vari tipi di relazioni, alcune molto raffinate, per confrontare tra loro
E
gli infinitesimi gli infinitesimi. Qui si presenter`a solo quella pi`
u comune, qui di seguito
introdotta:
Definizione 29 Date due funzioni e definite suo stesso dominio D e infinitesime
per x tendente a x0 , si dir`a che `e infinitesimo di ordine superiore a quando
lim

xx0

(x)
= 0;
(x)

si dir`a che ha stesso ordine di infinitesimo di quando


lim

xx0

(x)
= K finito e non nullo;
(x)

si dir`a infine che `e infinitesimo equivalente a quando


lim

xx0

(x)
= 1.
(x)

Se `e infinitesimo di ordine superiore a scriveremo = o(), che si legge `e o


piccolo di . Se `e equivalente a scriveremo invece .
Occorre qui osservare che, rispetto alla relazione introdotta, non tutte le coppie di infinitesimi sono tra loro confrontabili. Si prendano ad esempio gli infinitesimi x e x senx, il
cui limite del rapporto non esiste al tendere di x a 0.
Risultano particolarmente utili nel calcolo dei limiti le seguenti equivalenze per x tendente
a 0:
x senx tg x arcsen x arctg x ln(x + 1) (ex 1).
Infatti si vedr`a poco oltre che vale un principio che permette di sostituire nel calcolo dei
limiti gli infinitesimi o gli infiniti tra loro equivalenti.
Anche per le funzioni che tendono allinfinito si pu`o introdurre una analoga relazione che
permetta un confronto delle velocit`a con cui crescono (decrescono) gli infiniti3 :
3

Occorre qui precisare che la nozione di o grande appena introdotta, differentemente da quella di
o piccolo, non corrisponde a quella presentata nella maggior parte dei libri di analisi.

6 INFINITESIMI ED INFINITI

63

Definizione 30 Date due funzioni f e g definite suo stesso dominio D e tendenti allinfinito per x tendente a x0 , si dir`a che f `e infinito di ordine superiore a g quando
lim

xx0

g(x)
= 0;
f (x)

si dir`a che f ha stesso ordine di infinito di g quando


lim

xx0

f (x)
= K finito e non nullo;
g(x)

si dir`a infine che f `e infinito equivalente a g quando


lim

xx0

f (x)
= 1.
g(x)

Se f `e infinito di ordine superiore a g si scriver`a f = O(g), che si legge f `e o grande


di g. Se f `e equivalente a g si scriver`a invece f g.
Nelle classi di infinitesimi ed infiniti, le potenze ad esponente reale formano una scala
continua nella quale la gerarchia `e determinata proprio dal valore dellesponente che viene pertanto identificato con lordine dinfinitesimo o infinito. Pi`
u precisamente, per gli
infinitesimi:
Definizione 31 Data r R+
0 , un infinitesimo per x tendente a x0 si dice di ordine
reale r quando
`e dello stesso ordine di (x x0 )r , nel caso di x0 finito;
`e dello stesso ordine di

1
, nel caso di x0 infinito.
xr

Invece, per gli infiniti:


Definizione 32 Data r R+
0 , un infinito per x tendente a x0 si dice di ordine reale r
quando
`e dello stesso ordine di

1
, nel caso di x0 finito;
|x x0 |r

`e dello stesso ordine di xr , nel caso di x0 infinito.


Si riporta di seguito lenunciato di un teorema sul confronto tra infinitesimi ed infiniti
reali. La banale dimostrazione `e lasciata al lettore volenteroso.

6 INFINITESIMI ED INFINITI

64

Teorema 49 Per ogni coppia di reali r, s > 0, al tendere di x a 0 si ha che


xr = o(xs ) r > s,
invece, al tendere di x a +, si ha che
xr = O(xs ) r > s.
Oltre alle potenze reali vi sono anche altre funzioni reali interessanti che tendono allinfinito al tendere di x a +, ad esempio la funzione logaritmica e quella esponenziale.
Come si pu`o intuire dai grafici nella figura 22, ci si aspetta che la funzione esponenziale ex
cresca molto pi`
u velocemente di una qualunque funzione potenza xr , viceversa la funzione
logaritmica ln x mostrer`a una crescita molto lenta delle funzioni polinomiali.
y
x

y=e

y=x (con >1)

y=x

y=x

(con 0<<1)

y=ln(x)

Figura 22: infiniti a confronto

6 INFINITESIMI ED INFINITI

65

Le precedenti considerazioni vengono precisate nel seguente teorema:


Teorema 50 Per ogni numero reale r > 0, al tendere di x a + valgono le seguenti
relazioni tra infiniti:
1. xr = O(ln x)
2. ex = O(xr )
Pertanto si suole dire che la funzione esponenziale ha ordine dinfinito sovrareale, mentre
quella logaritmica ha ordine sottoreale.
(verr`a presentaDim. Applicando la regola di lHospital per i limiti nella forma

ta successivamente alla sezione dintroduzione al calcolo differenziale nel teorema 81) si


ottengono le seguenti relazioni di limite
1
ln x
1
x
lim
= lim
= lim
= 0,
x+ xr
x+ rxr1
x+ rxr

pertanto, dalla definizione di ordine dinfinito, si ha xr = O(ln x). Sia [r] la parte intera
di r e poniamo s = r [r]. Applicando la regola di lHospital per [r] + 1 volte si ottengono
le seguenti relazioni di limite
rxr1
xs
1
xr
=
lim
=

=
lim
r(r

1)
.
.
.
(r

[r])
= R lim s x = 0,
x
x
x
x+ e
x+
x+ x e
x+ e
e
lim

ove si `e posto R = r(r 1) . . . (r [r]). Dunque ex = O(xr ), come si voleva dimostrare.


Nel calcolo dei limiti, coppie di infinitesimi o di infiniti equivalenti tra loro sono in qualche
senso interscambiabili. Vale infatti:
Teorema 51 (Principio di sostituzione) Siano f p e g q due coppie di infinitesimi o infiniti equivalenti al tendere di x a x0 . Vale la seguente relazione di limite
lim

xx0

f (x)
=`
g(x)

lim

xx0

p(x)
= `,
q(x)

nel senso che i limiti esistono solo simultaneamente e in tal caso sono uguali.
Dim. Si osservi che vale luguaglianza
f (x) p(x) q(x)
f (x)
=
.
g(x)
p(x) q(x) g(x)
Pertanto, in virt`
u del teorema del limite del prodotto e della definizione di infiniti o
infinitesimi equivalenti, se esiste il limite
lim

xx0

p(x)
,
q(x)

6 INFINITESIMI ED INFINITI

allora esiste anche


lim

xx0

66

f (x)
,
g(x)

e tali limiti sono necessariamente uguali. Dato che in tutti i ragionamenti prodotti f
pu`o essere scambiata con p e g con q, deve valere anche il viceversa. Ci`o conclude la
dimostrazione.
Lintuizione porta a ritenere che nelle somme di infinitesimi si possano trascurare gli
infinitesimi di ordine superiore, in quanto convergono pi`
u rapidamente degli altri a zero.
Questo fatto viene formalizzato nel seguente principio di eliminazione:
Teorema 52 (Principio di eliminazione degli infinitesimi) Siano , , e infinitesimi al tendere di x a x0 , tali che = o() e = o(). Vale allora la seguente
relazione di limite
lim

xx0

(x) + (x)
=`
(x) + (x)

lim

xx0

(x)
= `,
(x)

nel senso che essi esistono solo simultaneamente e in tal caso sono uguali.
Dim. Si osservi che valgono le uguaglianze
(x)
(x) + (x)
=1+
,
(x)
(x)

(x) + (x)
(x)
=1+
.
(x)
(x)

I secondi membri delle due uguaglianze convergono a 1 per x tendente a x0 essendo


= o() e = o(). Valgono quindi le seguenti equivalenze tra infinitesimi
(x) + (x) (x),

(x) + (x) (x),

che in virt`
u del teorema di sostituzione conducono direttamente alla tesi cercata.
Allo stesso modo, nelle somme dinfiniti `e intuitivo aspettarsi che prevalgano gli infiniti
di ordine maggiore. Viene qui presentato lenunciato del principio di eliminazione degli
infiniti, omettendone la facile dimostrazione:
Teorema 53 (Principio di eliminazione degli infiniti) Siano f , g, h e l infiniti al
tendere di x a x0 , tali che f = O(g) e h = O(l). Vale allora la seguente relazione di limite
lim

xx0

f (x) + g(x)
=`
h(x) + l(x)

lim

xx0

f (x)
= `,
h(x)

nel senso che essi esistono solo simultaneamente e in tal caso sono uguali.

7 ASINTOTI ALLINFINITO

68

Asintoti allinfinito

In questa sezione si studiano le funzioni che presentano un comportamento asintotico al


tendere della variabile indipendente allinfinito. Il concetto di comportamento asintonto
viene precisato nella seguente definizione:
Definizione 33 Siano f, g due funzione reale definita in un intorno di +. si dir`a che
f e g sono asintotiche per x + se
lim (f (x) g(x)) = 0.

x+

In particolare, se f `e asintotica ad una funzione lineare g : x 7 mx + q, si dir`a che la


retta y = mx + q `e un asintoto del grafico di f per x +.
La presenza di asintoti allinfinito `e molto utile in quanto caratterizza in modo abbastanza
preciso landamento del grafico della funzione per valori di ascissa tendenti allinfinito.
Vale infatti la seguente caratterizzazione geometrica:
Proposizione 54 Sia f una funzione definita in un intorno di + con grafico f e r
una retta del piano. Allora r `e asintoto di f se e solo se
lim d(Px , r) = 0,

x+

ove Px = (x, f (x)) `e il punto di f di ascissa x e d(Px , r) la distanza punto-retta secondo


la norma euclidea.
Dim.
y

Posto che sia r : y = mx + q, si ha che

d(Px , r) =

|f (x) mx q|

,
1 + m2

f(x)mxq

d
H

pertanto
x

lim d(Px , r) = 0 lim (f (x)mxq) = 0,

x+

x+

che equivale al fatto che f sia asintotica a g :


x 7 mx + q, cio`e che f abbia come asintoto
la retta r al tendere di x a +.
Dal punto di vista operativo, la ricerca di asintoti allinfinito di una funzione si conduce
per mezzo della seguente utilissima caratterizzazione:

7 ASINTOTI ALLINFINITO

69

Proposizione 55 Sia f una funzione definita in un intorno di + con grafico f e


r : y = mx + q una retta del piano. Allora la retta r `e asintoto di f per x + se e
solo se
f (x)
=m e
lim (f (x) mx) = q.
lim
x+
x+ x
Dim.
Nel caso in cui sussistono i limiti della precedente caratterizzazione, dal teorema di limite
di una somma si ottiene che
lim (f (x) mx q) = 0,

x+

cio`e che f `e asintotica alla funzione g : x 7 mx + q, ovvero che f ha come asintoto la


retta r.
Viceversa, se si suppone che la retta r : y = mx + q sia asintonto di f per x +,
allora si ha
lim (f (x) mx q) = 0,
x+

che pu`o scriversi anche


f (x) mx q = (x),
con (x) infinitesimo al tendere di x a +. Da ci`o si ottiene
q (x)
f (x)
=m+ +
,
x
x
x
che, passando al limite per x +, conduce a
f (x)
= m.
x+ x
lim

Il secondo limite della caratterizzazione risulta conseguenza banale del teorema sul limite
di una somma.
Infine, ecco alcune utili osservazioni sulla ricerca degli asintoti:
f ammette un asintoto orizzontale, cio`e del tipo y = q, per x + se e solo se
lim f (x) = q;

x+

f ammette un asintoto verticale per x c+ , cio`e una retta del tipo x c = 0, se e


solo se limxc+ f (x) = ;
condizione necessaria affinche f ammetta un asintoto obliquo di pendenza m 6= 0
per x + `e che sussista
lim f (x) = .
x+

7 ASINTOTI ALLINFINITO

70

Di seguito viene presentato un esempio di ricerca di asintoti:


Esempio 8 Determiniamo gli asintoti della funzione
x

f (x) = xe x1 .

Il dominio della funzione `


e D = R r {1} e, con semplici considerazioni sugli ordini dinfinitesimo ed infinito, si
deducono i seguenti limiti alla frontiera di D:
limx f (x)
limx1 f (x)
limx1+ f (x)

= ,
= 0,
= +.

Vi `
e dunque la possibilit`
a che per x la funzione possegga un asintoto obliquo del tipo y = mx + q. Affinch
e ci`
o
accada, devono esistere finiti i seguenti due limiti
x

limx

xe x1
x

= m,

limx (xe x1 mx)

=q

Il primo limite esiste e si ha m = e, mentre il secondo


x

lim (xe x1 ex) =

lim (xe(e x1

lim (xe(e x1 1) =

lim ex

1) =

1
= e.
x1

Pertanto la funzione ammette un asintoto verticale h : x = 1 per x 1+ e un asintoto obliquo y = ex + e per x .

8 FUNZIONI CONTINUE SU UN INTERVALLO

72

Funzioni continue su un intervallo

In questa sezione vengono presentati alcuni risultati fondamentali che riguardano le funzioni continue definite su intervalli. Il teorema centrale, da cui discenderanno tutti gli
altri, `e il seguente:
Teorema 56
in intervalli.

Una funzione continua di variabile reale a valori reali manda intervalli

Dal precedente teorema si deducono immediatamente i seguenti due celebri risultati, le


cui semplici dimostrazioni vengono affidate al lettore volenteroso:
Teorema 57 (Teorema dei valori intermedi) Se una funzione continua definita su
un intervallo a valori reali assume i valori y1 e y2 , allora assumer`a anche tutti i valori
intermedi.

Teorema 58 (Teorema degli zeri) Se una funzione continua a valori reali definita su
un intervallo assume sugli estremi di questo due valori (non nulli) di segno opposto allora
esister`a un punto interno in cui essa di annulla.

y
y

y=f(x)
y2

y2>0

y=f(x)

y
x

y1

x2

y1<0

x1

x x
2

Figura 23: teoremi dei valori intermedi e degli zeri


Si considerano ora le funzioni monotone definite su intervalli reali. Valgono per questa
classe di funzioni alcuni importanti risultati a cui si premette il seguente lemma:
Teorema 59 5 Se una funzione suriettiva f : I J definita su un intervallo I a valori
in un intervallo J `e monotona in senso debole o forte, allora essa `e anche continua.
4
5

Una dimostrazione del teorema si pu`


o trovare in appendice A
Una dimostrazione del teorema si pu`
o trovare in appendice A

8 FUNZIONI CONTINUE SU UN INTERVALLO

73

Teorema 60 (Teorema della funzione inversa) Se f : I R `e una funzione definita su un intervallo I continua e monotona crescente (risp. decrescente), allora essa ha
come immagine un intervallo J e la sua funzione inversa f 1 : J I risulta continua e
monotona crescente (risp. decrescente).
Dim. Il teorema 56 garantisce che limmagine di f sia un intervallo J. La funzione f
essendo monotona in senso stretto `e anche iniettiva, pertanto ammette come inversa una
funzione f 1 : J I con medesimo tipo di monotonicit`a di f . La continuit`a di f 1
discende dal precedente lemma 59.
Il precedente teorema ammette una teorema inverso, sempre dipendente dal teorema 56,
di cui si omette la (semplice) dimostrazione:
Teorema 61 Se f : I J `e una funzione continua e biettiva da un intervallo I ad un
intervallo J allora essa risulta monotona crescente o decrescente.
Pertanto, dai teoremi 61-60, si pu`o concludere che:
Teorema 62 Dati due intervalli I, J della retta reale e una funzione biettiva f : I J,
si ha che tale funzione f `e continua con inversa continua (cio`e `e un omeomorfismo) se e
solo se essa risulta monotona crescente o decrescente.

9 FUNZIONI CONTINUE SU INSIEMI COMPATTI

74

Funzioni continue su insiemi compatti

In questo capitolo vengono presentati alcuni fondamentali risultati sulle funzioni continue definite sui sottoinsiemi chiusi e limitati della retta reale, che vengono anche detti
compatti :
Definizione 34 Ogni sottoinsieme chiuso e limitato della retta reale si dice compatto.
Il risultato centrale del capitolo `e il celebre teorema di Weierstrass:
Teorema 63 (Teorema di Weierstrass) 6 Ogni funzione continua definita su un sottoinsieme compatto della retta reale ammette massimo e minimo.
Unimmediata conseguenza del teorema di Weierstrass e del teorema 57, o dei valori
intermedi, riguarda il caso di una funzione continua definita su un intervallo chiuso e
limitato:
Teorema 64 Sia f : I R continua sullintervallo chiuso e limitato I, allora f assume
un massimo valore yM e un minimo valore ym . Inoltre, limmagine f (I) della funzione `e
lintervallo chiuso e limitato [ym , yM ].
Dim.
y

Lintervallo I = [a, b] `e chiuso e limitato, dunque compatto. Quindi, per il teorema di Weierstrass, esisteranno due punti
xm , xM I tali che

yM

xm b

ym = f (xm ) = min f (x),


xI

yM = f (xM ) = max f (x).


xI

Evidentemente ym f (I) yM , daltronde, per il teorema 57 dei valori intermedi, f


dovr`a assumere tutti i valori dellintervallo
[ym , yM ]. Pertanto f (I) = [ym , yM ], come
volevasi dimostrare.

y=f(x)
ym

Dal teorema di Weierstrass si deduce il seguente risultato, la cui non difficile dimostrazione
viene omessa:
Teorema 65 Ogni funzione continua e biettiva definita su un sottoinsieme compatto della
retta reale ammette inversa continua.
6

Una dimostrazione del teorema si pu`


o trovare in appendice A

9 FUNZIONI CONTINUE SU INSIEMI COMPATTI

75

Un concetto che risulter`a cruciale nella sezione dedicata allintegrazione elementare `e


quello di uniforme continuit`a:
Definizione 35 Sia f una funzione reale su un dominio D. si dir`a che f `e uniformemente continua su D quando
> 0 > 0 : x, y D |x y| < |f (x) f (y)| < .
Grossolanamente, si pu`o dire che se f `e uniformemente continua su D allora la differenza
|f (x) f (y)| pu`o essere resa arbitrariamente piccola purche la differenza |x y| sia
sufficientemente piccola, questo indipendentemente dalla scelta dei particolari x, y D.
` evidente che se f `e uniformemente continua allora `e anche continua. Il viceversa non `e
E
in generale vero. Si consideri ad esempio la funzione ex , continua su R, per la quale, fissata
la differenza |x y| piccola a piacere, la differenza |ex ey | tende a divergere quando x, y
tendono a +. La continuit`a e luniforme continuit`a per`o si equivalgono sugli insiemi
compatti:
Teorema 66 7 Sia f funzione reale continua sul dominio D. Se D `e compatto allora f `e
uniformemente continua.

Una dimostrazione del teorema si pu`


o trovare in appendice A

10 CALCOLO DIFFERENZIALE

10

76

Calcolo differenziale

In questa sezione viene presentata la nozione di derivata di una funzione reale, le sue
principali propriet`a e le regole di derivazione. La prima nozione che viene introdotta `e
quella di rapporto incrementale:

10.1

Definizione di derivata

Definizione 36 Sia f una funzione reale definita in un intorno aperto U di un punto x0


della retta reale. La funzione definita in U {x0 } da
x 7

f (x) f (x0 )
,
x x0

si dice rapporto incrementale di f nel punto x0 .


Si dice derivata di f nel punto x0 il limite del rapporto incrementale al tendere di x a x0 ,
cio`e
f (x) f (x0 )
.
lim
xx0
x x0
Se il precedente limite esiste finito, si dir`a che la funzione f `e derivabile in x0 e sindicher`
a
tale limite con i simboli:
Df (x0 ) o f 0 (x0 ).
Mediante il cambiamento della variabile indipendente si ottiene la equivalenza tra limiti
lim

xx0

f (x) f (x0 )
=`
x x0

lim

h0

f (x0 + h) f (x0 )
= `,
h

che, operativamente, risulta particolarmente comoda per il calcolo delle derivate delle
funzioni reali.
Definizione 37 Si dice derivata a destra (risp. a sinistra) della funzione f in x0 il limite
del rapporto incrementale al tendere di x a x0 da destra (risp. da sinistra). La derivata
a destra (risp. a sinistra) della funzione f in x0 si indica in simboli con
Df+ (x0 ) o f+0 (x0 ) ( risp. Df (x0 ) o f0 (x0 ) ).

Definizione 38 Se una funzione f definita su un aperto U `e derivabile in tutti i punti


di U si dice derivabile in U. Sindica con f 0 la funzione definita su U da x 7 f 0 (x). La
derivata nesima di f , viene indicata con il simbolo f (n) , ed `e definita per induzione,
qualora sia possibile, ponendo f (n) = D(f (n1) ) per ogni n 2.

10 CALCOLO DIFFERENZIALE

10.2

77

Significato geometrico della derivata

Il calcolo differenziale si `e sviluppato in parte sotto la spinta di alcuni problemi tipici della
cinematica, come la definizione e il calcolo della velocit`a di variazione di una grandezza
misurabile, ad esempio la posizione di un corpo in movimento; tuttavia, come si vedr`a
tra breve, il concetto di derivata si lega ad un problema tipico della geometria: la ricerca
della retta tangente ad una curva in un assegnato punto.
y
Per comprendere questo aspetto, si consideri
t
una funzione f definita in un intorno aperto
U di x0 e indichiamo con il suo grafico nel
piano cartesiano. Sia ora x U {x0 }; il
r
rapporto incrementale
x
f(x)
Qx

f (x) f (x0 )
,
x x0

f(x0)

y=f(x)

`e evidentemente il coefficiente angolare delx


x
0
la retta rx passante per i punti P (x0 , f (x0 ))
x
e Qx (x, f (x)) della curva . Intuitivamente,
quando si fa tendere x a x0 , il punto Qx tende
al punto P , mentre la retta secante rx tende
alla retta tangente t a nel punto P .
Se la funzione f `e derivabile in x0 , il coefficiente angolare della secante rx , ovvero il
rapporto incrementale di f in x0 , tende al valore finito f 0 (x0 ), che pu`o essere assunto come
coefficiente angolare della retta tangente in P . Si giunge cos` alla seguente definizione:
Definizione 39 Sia f una funzione derivabile in x0 , la retta di equazione
y = f 0 (x0 )(x x0 ) + f (x0 ),
si dice retta tangente al grafico di f nel punto P (x0 , f (x0 )).
y
Qualora in x0 esistano distinte derivata destra e sinistra, come nel caso della funzione il cui grafico `e riportato qui accanto, si
chiameranno semitangenti destra e sinistra
in P (x0 , f (x0 )), rispettivamente, le rette r+
e r aventi equazioni
f(x )
0
r+ :

y = f+0 (x0 )(x x0 ) + f (x0 ),

r :

y = f0 (x0 )(x x0 ) + f (x0 ).

y=f(x)

r+

f (x0)=1
f (x )=+1
+ 0

x0

10 CALCOLO DIFFERENZIALE

78

Prima di dimostrare la derivabilit`a delle funzioni elementari, si osservi che la continuit`a


di una funzione `e condizione necessaria alla sua derivabilit`a; vale cio`e il seguente teorema:
Teorema 67 Se f `e una funzione reale derivabile in x0 allora essa `e continua in x0 .
Dim. Dalla definizione di derivata segue
lim

xx0

f (x) f (x0 )
= `,
x x0

con ` finito. La funzione definita ponendo


: x 7

f (x) f (x0 )
`,
x x0

`e infinitesima al tendere di x a x0 . Per costruzione vale luguaglianza


f (x) = ((x) + `)(x x0 ) + f (x0 );
al tendere di x a x0 il secondo membro delluguaglianza `e infinitesimo, poiche il suo primo
fattore tende a ` (che `e finito), mentre il secondo fattore `e chiaramente infinitesimo.
Pertanto segue che f (x) tende a f (x0 ), come volevasi dimostrare.
A questo punto ci si pu`o chiedere se le funzioni continue siano tutte derivabili. La risposta
`e negativa, come dimostra il seguente esempio.
Esempio 9 Si studi la derivabilit`
a della funzione x 7

3
x.

Come `
e noto, essendo composizione di funzioni continue, f risulta continua su tutto il suo dominio R. Si provi a calcolare
la sua derivata in x = 0:

3
3
x 30
x
1
Df (0) = lim
= lim
= lim
= +,
3
x0
x0
x0 3 x2
x0
x3
pertanto la derivata `
e + e la funzione f non `
e derivabile in x0 = 0, pur essendo continua.

Il significato geometrico della derivata come pendenza della retta tangente al grafico `e
stato ben chiarito nella definizione 39. Ci si domanda ora cosa si pu`o dire in merito al
comportamento di una funzione continua in un punto in cui essa non `e derivabile, ma in
cui esistono comunque, finite o infinite, le sue derivate a destra e a sinistra. Si consideri
quindi f una siffatta funzione, continua in x0 e con derivate a destra e a sinistra in x0
indicate, rispettivamente, con D+ e D . I casi possibili sono esemplificati nei grafici in
figura 24, e forniscono la seguente classificazione dei punti di non derivabilit`a:
I limiti D+ e D sono distinti e almeno uno `e finito: in questo caso si dice che in
x0 vi `e un punto angoloso.
D+ = D = + oppure D+ = D = : in questo caso si dice che in x0 vi `e un
punto di inflessione verticale.
D+ e D sono entrambi infiniti ma opposti di segno: in questo caso si dice che in
x0 vi `e un punto cuspidale.

10 CALCOLO DIFFERENZIALE

79

y=g(x)

y=f(x)

r
f(x )
0

r+

Df(x0)=+
D f(x )=+
+ 0

g(x )
0

Dg(x0)=1
D g(x )=+1
+
0

x0

x0

y=h(x)
r+= r

Dh(x0)=
h(x )
0

D h(x )=+
+
0

x0

Figura 24: punto di inflessione verticale (f ), punto angoloso (g), punto cuspidale (h)

10.3

Operazioni e teoremi sulle derivate

Le funzioni costruite a partire da funzioni derivabili mediante le operazioni algebriche


risultano anchesse derivabili. Vale infatti:
Teorema 68 Siano f e g due funzioni reale derivabili in x0 , k una costante reale, allora
le funzioni kf , f + g, f g e f g sono derivabili in x0 , se g(x0 ) 6= 0 allora lo `e anche
f /g. Valgono inoltre le seguenti relazioni:
1.
(kf )0 (x0 ) = kf 0 (x0 ),
2.
(f + g)0 (x0 ) = f 0 (x0 ) + g 0 (x0 ),
3.
(f g)0 (x0 ) = f 0 (x0 ) g 0 (x0 ),

10 CALCOLO DIFFERENZIALE

80

4.
(f g)0 (x0 ) = f 0 (x0 )g(x0 ) + f (x0 )g 0 (x0 ),
5.
(f /g)0 (x0 ) =

f 0 (x0 )g(x0 ) f (x0 )g 0 (x0 )


.
g 2 (x0 )

Dim. Il rapporto incrementale di kf nel punto x0 soddisfa


(kf )(x0 + h) (kf )(x0 )
f (x0 + h) + f (x0 )
=k
,
h
h
pertanto, al tendere di h a 0 si ottiene (kf )0 (x0 ) = kf 0 (x0 ).
Il rapporto incrementale di f + g nel punto x0 soddisfa le seguenti uguaglianze
(f + g)(x0 + h) (f + g)(x0 )
f (x0 + h) + g(x0 + h) f (x0 ) g(x0 )
=
=
h
h
f (x0 + h) f (x0 ) g(x0 + h) g(x0 )
+
.
h
h
Pertanto, ricordando che g `e continua in x0 , in quanto derivabile, al tendere di h a 0 il
limite del rapporto incrementale considerato esiste e si ha (f + g)0 (x0 ) = f 0 (x0 ) + g 0 (x0 ).
Il rapporto incrementale di f g nel punto x0 soddisfa le seguenti uguaglianze
=

f (x0 + h) g(x0 + h) f (x0 ) + g(x0 )


(f g)(x0 + h) (f g)(x0 )
=
=
h
h
f (x0 + h) f (x0 ) g(x0 + h) g(x0 )

.
h
h
Pertanto, ricordando che g `e continua in x0 , in quanto derivabile, al tendere di h a 0 il
limite del rapporto incrementale considerato esiste e si ha (f g)0 (x0 ) = f 0 (x0 ) g 0 (x0 ).
Il rapporto incrementale di f g nel punto x0 soddisfa le seguenti uguaglianze
=

(f g)(x0 + h) (f g)(x0 )
(f (x0 + h) f (x0 ))g(x0 + h) + f (x0 )(g(x0 + h) g(x0 ))
=
=
h
h
g(x0 + h) g(x0 )
f (x0 + h) f (x0 )
+ f (x0 )
.
h
h
Pertanto, ricordando che g `e continua in x0 , in quanto derivabile, al tendere di h a 0
il limite del rapporto incrementale considerato esiste e si ha (f g)0 (x0 ) = f 0 (x0 )g(x0 ) +
f (x0 )g 0 (x0 ).
Si noti che essendo g continua e g(x0 ) 6= 0, esister`a un intorno aperto U di x0 in cui g
non si annulla mai. In U {x0 } il rapporto incrementale di f /g nel punto x0 soddisfa le
seguenti uguaglianze:
= g(x0 + h)

(f /g)(x0 + h) (f /g)(x0 )
(f (x0 + h)g(x0 ) f (x0 )g(x0 + h))
=
=
h
g(x0 + h)g(x0 ) h

10 CALCOLO DIFFERENZIALE

81

(f (x0 + h) f (x0 ))g(x0 ) f (x0 )(g(x0 + h) g(x0 ))


=
g(x0 + h)g(x0 ) h


1
f (x0 + h) f (x0 )
g(x0 + h) g(x0 )
=
g(x0 )
f (x0 )
.
g(x0 + h)g(x0 )
h
h
=

Pertanto, ricordando che g `e continua in x0 , in quanto derivabile, al tendere di h a 0 il


limite del rapporto incrementale considerato esiste e si ha
(f /g)0 (x0 ) =

f 0 (x0 )g(x0 ) f (x0 )g 0 (x0 )


.
g 2 (x0 )

Teorema 69 (Derivazione funzione composta) Sia f una funzione definita in un intorno aperto U di x0 e g una funzione definita in un intorno aperto V di y0 = f (x0 ) tale
che f (U ) V , allora la funzione composta g f `e derivabile in x0 e vale la relazione
(g f )0 (x0 ) = g 0 (y0 ) f 0 (x0 ).
Dim. Poiche g `e derivabile in y0 , esister`a8 un infinitesimo al tendere di y a y0 tale che
g(y) g(y0 ) = g 0 (y0 )(y y0 ) + (y)(y y0 ). Pertanto il rapporto incrementale di g f
pu`o anche scriversi come
g(f (x0 + h)) g(f (x0 ))
(g f )(x0 + h) (g f )(x0 )
=
=
h
h
(f (x0 + h) f (x0 ))
,
h
Al tendere di h a 0 si ha (f (x0 + h)) 0, pertanto il limite del rapporto incrementale
esiste e si ha
(g f )0 (x0 ) = g 0 (y0 ) f 0 (x0 ).
= (g 0 (f (x0 )) + (f (x0 + h)))

Teorema 70 (Derivazione funzione inversa) Sia f una funzione definita su un intervallo aperto I continua e monotona in senso forte e x0 un punto di I in cui f 0 (x0 ) 6= 0.
La funzione f 1 risulta derivabile nel punto y0 = f (x0 ) e vale la relazione
(f 1 )0 (y0 ) =
8

Vedi la dimostrazione del teorema 67

1
f 0 (x

0)

10 CALCOLO DIFFERENZIALE

82

Dim. Poiche vale la relazione y = f (x) x = f 1 (y), il rapporto incrementale di f 1 in


y0 soddisfa
f 1 (y) f 1 (y0 )
x x0
1
=
= f (x)f (x0 ) .
y y0
f (x) f (x0 )
xx0

Per il teorema 60, la funzione f risulta un omeomeorfismo, pertanto, in virt`


u del teorema 39, vale la relazione di limite
lim

yy0

1
f 1 (y) f 1 (y0 )
= lim
.
x0
f (x) f (x0 )
y y0
x x0

Poiche f 0 (x0 ) 6= 0, il limite al secondo


membro esiste, dunque si ha
(f 1 )0 (y0 ) =

1
f 0 (x

0)

y=f(x)

y0

Una giustificazione di questo fatto pu`o essere trovata dallo studio dei grafici di f e f 1 ,
e delle loro tangenti nei punti P (x0 , y0 ) e, rispettivamente, Q(y0 , x0 ). Infatti, come appare intuibile nella figura qui accanto, tali rette
tangenti risultano simmetriche rispetto alla
bisettrice y = x, pertanto i loro coefficienti
angolari devono essere reciproci.

10.4

x=f 1(y)
Q

x0
x0

y0

Derivate elementari

In questa sezione ci si occupa della derivazione delle pi`


u comuni funzioni reali. Note
le derivate delle funzioni elementari, mediante le regole di derivazione presentate nella
precedente sezione, si possono calcolare le derivate di funzioni molto complesse senza
dover ricorrere direttamente al limite del rapporto incrementale, che in molti casi pu`o
risultare estremamente arduo da calcolare.
Si consideri la funzione costante k : x 7 k. Evidentemente il rapporto incrementale in
qualunque punto x0 R soddisfa
k(x) k(x0 )
kk
=
= 0,
x x0
x x0
pertanto
Dk = 0.

10 CALCOLO DIFFERENZIALE

83

Si consideri ora la funzione identica id : x 7 x. Il rapporto incrementale in qualunque


x0 R soddisfa
id(x) id(x0 )
x x0
=
= 1,
x x0
x x0
quindi passando al limite per x tendente a x0 si ha Did(x0 ) = 1. Si scriver`a quindi
Dx = 1.
Si consideri ora la funzione potenza ad esponente reale r, potr : x 7 xr . Il rapporto
incrementale in qualunque x R soddisfa
(x + h)r xr
potr (x + h) potr (x)
=
= xr
h
h


x+h r
x
h

=x

r ln(1+ h
x)
re

Poich`e valgono le seguenti equivalenze dinfinitesimi




r
h
h
r ln(1+ h
)
x
e
1 r ln 1 +
r = h,
x
x
x
passando al limite per h 0 si ottiene
Dxr = rxr1 .
Si deriver`a ora la funzione esponenziale. Il limite che si considera `e analogo al precedente.
Infatti rapporto incrementale in x soddisfa
eh 1
ex+h ex
= ex
.
h
h
come noto eh 1 h, pertanto, passando al limite per h tendente a 0, segue
Dex = ex .
Si deriver`a ora la funzione logaritmica. Il rapporto incrementale in x soddisfa


ln x+h
ln 1 + hx
ln (x + h) ln x
x
=
=
.
h
h
h

Come noto ln 1 + hx hx , pertanto, passando al limite per h tendente a 0, segue
D ln x =

1
.
x

Tramite cambiamenti della variabile indipendente, in virt`


u del teorema di derivazione
delle funzioni composte, si ottengono:

10 CALCOLO DIFFERENZIALE

Dax = ax ln a

D loga x =

84

1
.
x ln a

Ci si occupa ora delle funzioni circolari. In virt`


u delle note formule di prostaferesi, il
rapporto incrementale in x soddisfa della funzione seno risulta


 
2x + h
h
sen(x + h) sen(x) = 2 cos
sen
.
2
2


cos(x) al tendere di h, pertanto, passando
Come noto sen h2 h2 , mentre cos 2x+h
2
al limite, si ottiene
D senx = cos x.
In modo del tutto analogo si prova che
D cos x = senx.
Dalle due precedenti derivate, mediante le regole di derivazione dei rapporti di funzioni si
ottengono:
D tg x =

1
cos2 x

D ctg x =

1
.
sen 2 x

Mediante il teorema dei derivazione della funzione inversa si ottengono inoltre le seguenti
derivate delle funzioni inverse:
D arcsen x =

1
1 x2

D arccos x =

1
;
1 x2

mentre, per le inverse di tangente e cotangente, valgono:


D arctg x =

1
1 + x2

D arcctg x =

1
.
1 + x2

11 FUNZIONI DERIVABILI SU UN INTERVALLO

11

86

Funzioni derivabili su un intervallo

In questa sezione si vengono presentati i principali risultati sulle funzioni continue e derivabili su intervalli compatti (cio`e chiusi e limitati) della retta reale. Tutti i teoremi
presentati si reggono sul teorema di Weierstrass, enunciato e dimostrato nella sezione
sulle funzioni continue definite sugli insiemi compatti.
Il primo risultato `e il teorema di Fermat, che indica una condizione necessaria per lesistenza di un minimo o massimo locali. Il significato geometrico di questo teorema `e molto
evidente: nei punti si massimo e minimo locale del grafico di una funzione ci si aspetta
che la tangente, qualora esista, sia orizzontale.
Teorema 71 (Teorema di Fermat) Sia f : D R che assume un massimo (o un
minimo) locale in un punto x0 interno a D. Se f `e derivabile in x0 allora deve essere
necessariamente f 0 (x0 ) = 0.
Dim. Dato che x0 `e punto interno a D, posso trovare un intervallo I aperto centrato in
x0 interamente contenuto in D. La funzione h definita su I ponendo per ogni x I:
 f (x)f (x0 )
se x 6= x0 ,
def
xx0
h(x) =
0
f (x0 )
se x = x0 ,
risulta continua in x0 . Se si assume che x0 sia di massimo locale, eventualmente restringendo opportunamente il raggio dellintorno I, si pu`o supporre che
f (x0 ) f (x),

per ogni x I.
y

Da una semplice analisi del segno ne consegue che h(x) 0 per x < x0 , mentre
h(x) 0 per x > x0 . Pertanto, passando
ai limiti si ottiene

f(x0)
f(x)
y=f(x)

lim h(x) 0 e

xx0

lim h(x) 0.

xx0

Dato che h `e continua in x0 tali limiti esistono


e coincidono con f 0 (x0 ); dalle disequazioni
scritte sopra si ottiene perci`o 0 f 0 (x0 ) 0,
cio`e f 0 (x0 ) = 0, come volevasi dimostrare.

U
a

x0

11 FUNZIONI DERIVABILI SU UN INTERVALLO

87

Teorema 72 (Teorema di Rolle) Sia f : [a, b] R continua su [a, b] e derivabile


nellaperto ]a, b[. Se f (a) = f (b) esister`a almeno un punto ]a, b[ tale che f 0 () = 0.
Dim.
La dimostrazione `e immediata perche f una
funzione contiunua definita su un compatto
di R, pertanto in virt`
u del teorema di Weierstrass essa ammette massimo M e minimo m
assoluti.
Se M = m ne discende che f `e costante su
tutto lintervallo e quindi la sua derivata `e
ovunque nulla. Se m < M , dato che sugli
estremi dellintervallo la funzione ha il medesimo valore, almeno uno dei due estremanti
`e assunto in un qualche punto interno allintervallo. Per ipotesi, la funzione f risulta
derivabile nel punto , pertanto dal teorema
di Fermat si deduce che f 0 () = 0.

y=f(x)

f(a)=f(b)

Teorema 73 (Teorema di Lagrange o del valor medio) Sia f : [a, b] R continua su [a, b] e derivabile nellaperto ]a, b[. Esister`a allora almeno un punto ]a, b[ tale
che
f (b) f (a)
.
f 0 () =
ba
Dim.
y

Sia k una costante arbitraria e poniamo


g(x) = f (x) kx per ogni x [a, b]. La
funzione g ha la medesima regolarit`a di f ,
inoltre valgono le equivalenze

t
y=f(x)
s

f(b)

g(a) = g(b) f (a)ka = f (b)kb k =

f (b) f (a)
.
b af(a)

Scelta k in modo da soddisfare la precedente


relazione, la funzione g soddisfa il teorema di
Rolle, dunque esister`a ]a, b[ tale che

g 0 () = 0.
Dato che per ogni x si ha g 0 (x) = f 0 (x) k, si deduce che
f 0 () = k =
come volevasi dimostrare.

f (b) f (a)
,
ba

11 FUNZIONI DERIVABILI SU UN INTERVALLO

88

Linterpretazione geometrica del teorema di Lagrange `e abbastanza chiara. Detta s la


secante passante per i punti estremi del grafico della funzione f , il teorema stabilisce
lesistenza di almeno una tangente t a detto grafico parallela alla secante s.
Unulteriore generalizzazione del teorema di Rolle e di Lagrange `e il teorema di Cauchy:
Teorema 74 (Teorema di Cauchy) Siano f, g : [a, b] R continue su [a, b] e derivabili nellaperto ]a, b[. Siano inoltre g 0 (x) 6= 0 per ogni x ]a, b[. Allora si ha che
g(a) 6= g(b), inoltre esiste almeno un punto ]a, b[ tale che
f 0 () =

f (b) f (a)
.
g(b) g(a)

Dim. Se per assurdo si supponesse g(a) = g(b), per il teorema di Rolle dovrebbe esistere
un punto x in ]a, b[ in cui g 0 (
x) = 0, ma ci`o `e in contrasto con le ipotesi. Si ponga ora
def
h(x) = f (x) kg(x) per ogni x [a, b]. La costante k R pu`o essere definita in modo
che risulti h(a) = h(b), ponendo calcoli si ottiene che
def

k =

f (b) f (a)
.
g(b) g(a)

La funzione h cos` costruita soddisfa le ipotesi del teorema di Rolle, pertanto esister`a
almeno un punto ]a, b[ tale che h0 () = 0. Derivando h in si ottiene h0 () =
f 0 () kg 0 (), da cui, dividendo ambo i membri per g 0 (), che `e un valore non nullo per
ipotesi, si ottiene
f (b) f (a)
f 0 ()
=k=
,
0
g ()
g(b) g(a)
come volevasi dimostrare.
Il teorema di Lagrange `e fecondo di conseguenze; innanzitutto si si dimostra il seguente
criterio di costanza:
Teorema 75 Se f : ]a, b[ R `e una funzione continua con derivata ovunque nulla allora
essa `e una costante.
Dim. Se si prendono infatti due arbitrari punti distinti x1 e x2 nellintervallo aperto, per
il teorema di Lagrange esister`a un qualche ]x1 , x2 [ tale che
f (x2 ) f (x1 )
= f 0 () = 0,
x2 x1
da cui f (x2 ) = f (x1 ), come volevasi dimostrare.
Il secondo risultato `e un fondamentale criterio di monotonia:
Teorema 76 Se f : ]a, b[ R `e una funzione continua con derivata ovunque positiva
(risp. negativa) allora essa `e crescente (risp. decrescente) .

11 FUNZIONI DERIVABILI SU UN INTERVALLO

89

Dim. Se si prendono due arbitrari punti distinti x1 e x2 , nellintervallo aperto, con


x1 < x2 , per il teorema di Lagrange esister`a un qualche ]x1 , x2 [ tale che
f (x2 ) f (x1 )
= f 0 () > 0,
x2 x1
da cui segue che f (x2 ) f (x1 ) = f 0 ()(x2 x1 ) > 0, cio`e f (x2 ) > f (x1 ), come volevasi
dimostrare.
Infine, seguono due risultati che garantiscono condizioni sufficienti per la derivabilit`a delle
funzioni continue:
Proposizione 77 Se f : ]a, x0 ] R `e una funzione continua e derivabile in ]a, x0 [ ed
esiste finito o infinito
def
L = lim f 0 (x),
xx0

allora la funzione ammette derivata sinistra in x0 e


D f (x0 ) = L.
Dim. Sia x un punto arbitrario nellintervallo con x < x0 , allora in [x, x0 ] vale il teorema
di Lagrange; esister`a pertanto un qualche x ]x, x0 [ tale per cui
f (x) f (x0 )
= f 0 (x ).
x x0
Se si fa tendere x a b , anche x dovr`a tendere a x0 , pertanto, tenuto conto delle ipotesi
del teorema, dalla uguaglianza precedente si ottiene
def

D f (x0 ) = lim
xx0

f (x) f (x0 )
= lim f 0 (x ) = lim f 0 (z) = L,
x x0
xx0
zx0

come volevasi dimostrare.


Dal precedente risultato segue immediatamente il criterio di derivabilit`a:
Teorema 78 Sia f : ]a, b[ R `e una funzione continua e derivabile in tutti punti tranne
che in x0 ]a, b[. Se esiste finito
lim f 0 (x) = L,

xx0

allora in x0 la funzione `e derivabile e f 0 (x0 ) = L.


Dim. Per ipotesi si ha che
lim f 0 (x) = lim+ f 0 (x) = L,

xx
0

xx0

11 FUNZIONI DERIVABILI SU UN INTERVALLO

90

pertanto, in virt`
u della proposizione 77, segue che
D f (x0 ) = D+ f (x0 ) = L,
da cui si deduce che f `e derivabile in x0 e f 0 (x0 ) = L, come volevasi dimostrare.
In genere una funzione derivabile non ammette necessariamente derivata continua, tuttavia le funzioni derivate hanno una propriet`a comune a quella delle funzioni continue:
mandano intervalli in intervalli. Vale infatti:
Teorema 79 Se f : ]a, b[ R `e una funzione continua e derivabile allora la sua derivata
f 0 ha come immagine un intervallo.
Dim. Si supponga per assurdo che la derivata f 0 mandi un intervallo ]a, b[ in un insieme
non convesso. Esister`a allora un punto k R, tale che y10 < k < y20 ove y10 = f 0 (x1 ) e
y20 = f 0 (x2 ), per qualche coppia x1 , x2 ]a, b[. Si definisca la funzione h ponendo per ogni
x [x1 , x2 ]
def
h(x) = f (x) kx.
Evidentemente h `e continua e derivabile nellintervallo [x1 , x2 ] e per costruzione h0 (x1 ) < 0
e h0 (x2 ) > 0. Per il teorema di Weierstrass, tale funzione ammetter`a massimo e minimo
assoluti nellintervallo [x1 , x2 ], indicati con m e M , rispettivamente. Si prover`a ora che
almeno uno di questi due punti `e assunto internamente allintervallo [x1 , x2 ]. Si supponga
per assurdo che entrambi cadano sugli estremi. Vi sono qui due casi possibili. Nel primo
si ha m = f (x1 ) e M = f (x2 ), ma allora, per definizione di massimo e minimo assoluti,
per ogni x ]x1 , x2 [ varranno le disequazioni
h(x) h(x1 )
0,
x x1

h(x2 ) h(x)
0.
x2 x

Passando ai limiti nella prima disequazione per x x+


1 nellaltra per x x2 si ottengono

D+ f (x1 ) 0,

D f (x2 ) 0,

ma h `e derivabile in x2 pertanto D+ f (x1 ) = h0 (x1 ), in contraddizione col fatto che


h0 (x1 ) < 0.
Nel secondo caso si ha M = f (x1 ) e m = f (x2 ). Con un analogo ragionamento si
perviene alla contraddizione che D f (x2 ) 0 in contrasto con h0 (x2 ) > 0. Il teorema
risulta cos` provato.
Dal teorema di Cauchy derivano alcune risultati utili per il calcolo dei limiti delle forme
indeterminate, che prendono il nome di Regole di LHospital. Si incomincia con la regola
per il calcolo delle forme indeterminate del tipo 00 :
Teorema 80 (Regola di LH
ospital per la forma 00 ) Siano f, g funzioni reali definite su un intervallo [x0 , b] su di esso continue e derivabili nellintervallo aperto ]x0 , b[ in

11 FUNZIONI DERIVABILI SU UN INTERVALLO

91

cui si supponga sia g 0 6= 0. Sia inoltre f (x0 ) = g(x0 ) = 0. Se esiste finito o infinito il
limite
f 0 (x)
= L,
lim+ 0
xx0 g (x)
allora esiste anche il limite limxx+0

f (x)
g(x)

e coincide con L.

Dim. Si consideri innanzitutto il caso in cui L `e finito. Sia ora x un arbitrario punto tale
che x0 < x < b. Nellintervallo [x0 , x] le funzioni f e g soddisfano il teorema di Cauchy,
pertanto esister`a un x , dipendente dallelemento x scelto precedentemente, tale per cui
f (x)
f (x) f (x0 )
f 0 (x )
=
= 0
.
g(x)
g(x) g(x0 )
g (x )

(8)

+
` evidente che se x x+
E
0 allora x x0 , quindi

lim+

xx0

f 0 (x)
f 0 (x )
=
lim
= L.
g 0 (x ) xx+0 g 0 (x)

Dunque, tenuto conto della catena di uguaglianze in eq. 8, dovr`a essere


lim+

xx0

f (x)
= L,
g(x)

come volevasi dimostrare.


Il caso in cui L `e infinito richiede argomenti analoghi. La dimostrazione viene qui omessa
e lasciata al lettore volenteroso.
La seconda regola riguarda la forma indeterminata
. Qui se ne presenta solo lenunciato,

essendo la dimostrazione simile a qualla della regola precedente.

Teorema 81 (Regola di LHospital per la forma


) Siano f, g funzioni reali definite su un intervallo ]x0 , b] su di esso continue e derivabili nellintervallo aperto ]x0 , b[ in
cui si supponga sia g 0 6= 0. Si supponga inoltre che

lim f (x) = ,

xx+
0

lim g(x) = .

xx+
0

Se esiste finito o infinito il limite


lim+

xx0

allora esiste anche il limite lim+


xx0

f 0 (x)
= L,
g 0 (x)

f (x)
e coincide con L.
g(x)

La regole di LHospital appena introdotte possono essere estese anche al caso in cui x
tende allinfinito. Per quanto riguarda la forma [ 00 ], vale:

11 FUNZIONI DERIVABILI SU UN INTERVALLO

92

Teorema 82 Siano f, g funzioni reali definite su un intervallo ]a, +] su di esso continue e derivabili in tutto lintervallo in cui si supponga anche g 0 6= 0. Si supponga inoltre
che
lim f (x) = 0,
lim g(x) = 0.
x+

x+

Se esiste finito o infinito il limite


f 0 (x)
= L,
x+ g 0 (x)
lim

f (x)
e coincide con L.
x+ g(x)

allora esiste anche il limite lim

12 FUNZIONI CONCAVE E CONVESSE

12

94

Funzioni concave e convesse

Il concetto di convessit`a di una funzione si richiama a quello di sottoinsieme convesso del


piano:
Definizione 40 Sia A sottoinsieme non vuoto del piano. si dir`a che A `e convesso se per
ogni coppia di punti P1 , P2 dellinsieme A il segmento P1 P2 `e incluso in A.
La definizione di convessit`a per le funzioni `e la seguente:
Definizione 41 Sia f funzione reale definita su un intervallo I. si dir`a epigrafico di
f linsieme dei punti del piano appartenenti alla striscia verticale individuata da I e
soprastanti il grafico di f , ovvero
Ef = {(x, y) | x I, f (x) y}.
La funzione f si dice convessa se il suo epigrafico `e convesso, ovvero se per ogni coppia
di punti A, B Ef il segmento [A, B] `e interamente contenuto in Ef .
La funzione f si dice invece concava quando `e convesso il suo ipografico
If = {(x, y) | x I, f (x) y}.
Nel caso in cui f `e derivabile, si ottiene la seguente caratterizzazione della convessit`a:
Teorema 83 9 Sia f funzione reale derivabile su un intervallo aperto I. Si ha che f `e
convessa se e solo se la derivata f 0 `e una funzione debolmente crescente.
Dai teoremi sulle funzioni monotone derivabili su un intervallo e dalla precedente caratterizzazione (lanaloga valida per le funzioni concave) si ottiene immediatamente il seguente
risultato:
Teorema 84 Sia f funzione reale derivabile due volte su un intervallo aperto I. Si ha
che f `e convessa se e solo se f 00 (x) 0 per ogni x I. Mentre f `e concava se e solo se
f 00 (x) 0 per ogni x I.
Definizione 42 Sia f funzione reale derivabile su un intervallo aperto I. Un punto
x0 I si dice punto di flesso se divide I in due intervalli in uno dei quali f risulta
convessa, nellaltro concava.
Osservazione 1 Se f `e derivabile due volte su I e x0 `e un punto di flesso interno ad
I allora f 00 (x0 ) = 0. Infatti I viene diviso da x0 in due intervalli J1 e J2 , aventi come
estremo comune x0 , tali che f 0 `e debolmente crescente J1 e debolmente decrescente in
J2 . Pertanto f 0 ammette in x0 un punto di massimo o minimo locale. Per il teorema di
Fermat si conclude quindi che Df 0 (x0 ) = f 00 (x0 ) = 0.
9

La dimostrazione del teorema `e riportata in appendice B

12 FUNZIONI CONCAVE E CONVESSE

95

Per le funzioni convesse valgono alcuni risultati interessanti di seguito esposti per completezza, omettendone per`o la dimostrazione:
Teorema 85 Una funzione reale convessa definita in un intervallo `e continua in tutti i
punti interni.
Teorema 86 Una funzione reale convessa definita in un intervallo `e derivabile in tutti i
punti interni, eccetto che per un insieme di punti al pi`
u numerabile.

13 FORMULE DI TAYLOR

13

96

Formule di Taylor

Unimportante applicazione dei teoremi sulle funzioni derivabili in un intervallo riguarda


una tecnica per lapprossimazione di una data funzione mediante polinomi di grado opportuno. Per introdurre il problema, si pu`o innanzitutto osservare che la retta tangente
al grafico di una funzione fornisce, attorno al punto di tangenza, unapprossimazione del
grafico stesso. Questo fatto pu`o essere reso pi`
u preciso nel seguente modo. Si consideri
una funzione f derivabile nel punto x0 interno al suo dominio, e si costruisca il seguente
polinomio di primo grado:
p(x) = f 0 (x0 )(x x0 ) + f (x0 ).
Il grafico di p `e la retta tangente al grafico di f nel punto di ascissa x0 . Dalla definizione
di derivata in x0 si deduce facilmente che al tendere di x a x0 si ha
def

(x) =

f (x) p(x)
0,
x x0

pertanto si pu`o scrivere che


f (x) = p(x) + (x)(x x0 ).
Il termine (x)(x x0 ) costituisce lo scarto tra la funzione f e il polinomio approssimante
p; tale scarto tende a zero al tendere di x a x0 . In questo senso si pu`o affermare che il
polinomio p costituisce unapprossimazione di f localmente a x0 .
Si osservi che il polinomio di primo grado p costruito sopra `e individuato dalle due con` facilmente intuibile che un polinomio di grado
dizioni p(x0 ) = f (x0 ) e p0 (x0 ) = f 0 (x0 ). E
maggiore potr`a dare approssimazioni migliori di quella fornita dal polinomio di primo grado p. Supponendo di considerare a tale scopo un polinomio p di grado n, generalizzando
quanto osservato precedentemente, si potrebbero scegliere i suoi coefficienti in modo da
soddisfare le condizioni
p(x0 ) = f (x0 ), p0 (x0 ) = f 0 (x0 ), . . . , p(n) (x0 ) = f (n) (x0 ).
Si lascia al lettore volenteroso la facile dimostrazione che esiste un unico polinomio di
grado n soddisfacente le condizioni precedenti, e che tale polinomio pu`o essere scritto
nella forma:
1
1
def
Tx0 ,n (x) = f (x0 ) + f 0 (x0 )(x x0 ) + f 00 (x0 )(x x0 )2 + + f (n) (x0 )(x x0 )n .
2
n!
Il polinomio Tx0 ,n (x) prende il nome di polinomio di Taylor di ordine n della funzione f
sviluppato nel punto x0 .
Nella figura 25 sono riportati i grafici della funzione f : x 7 ln(x + 1) e dei suoi polinomi
di Tayolor di ordine 1, . . . , 4, rispettivamente T1 , . . . , T4 , sviluppati nel punto x0 = 0.
Da un punto di vista meno qualitativo, in termini in cui il polinomio Tx0 ,n (x) approssima
la funzione f `e precisato dal seguente teorema:

13 FORMULE DI TAYLOR

97

y=f(x)
y=T (x)
1

y=T2(x)
y=T (x)
3
y=T (x)
4

x =0

Figura 25: Polinomi di Taylor di y = ln(x + 1)


Teorema 87 [Formula di Taylor con resto di Peano] Sia f : I R una funzione definita
su un intervallo aperto I in cui `e derivabile fino allordine n1 e avente derivata nesima
nel punto x0 I. Allora vale la formula
f (x) = Tx0 ,n (x) + Rx0 ,n (x),
ove la funzione resto Rx0 ,n (x) `e esprimibile nella forma
def

Rx0 ,n (x) = (x)

(x x0 )n
n!

in cui (x) `e una funzione infinitesima al tendere di x a x0 .


Dim. La dimostrazione `e molto semplice e si basa sulla regola di LHospital per le forme
indeterminate 00 . La tesi sar`a dimostrata se si prova che
(x) = n!

f (x) Tx0 ,n (x)


0,
(x x0 )n

al tendere di x a x0 . Si consideri quindi il limite


lim n!

xx0

f (x) Tx0 ,n (x)


.
(x x0 )n

Le ipotesi per applicare il teorema 80 sono soddisfatte, pertanto sussiste


lim n!

xx0

f 0 (x) Tx0 0 ,n (x)


f (x) Tx0 ,n (x)
=
lim
n!
.
xx0
(x x0 )n
n(x x0 )n1

13 FORMULE DI TAYLOR

98

purche il limite al secondo membro esista. Da semplici calcoli si ottiene che


Tx0 0 ,n (x)

f (n) (x0 )
= f (x0 ) + f (x0 )(x x0 ) + +
(x x0 )n1 .
(n 1)!
0

00

` facile provare
Dunque il secondo limite `e ancora una forma indeterminata del tipo 00 . E
che sussistono le ipotesi per applicare ripetutamente la regola di LHospital fino a n 1
volte, giungendo alluguaglianza
lim n!

xx0

f (n1) (x) f (n1) (x0 ) f (n) (x0 )(x x0 )


f (x) Tx0 ,n (x)
.
=
lim
n!
xx0
(x x0 )n
n!(x x0 )

Portando fuori il termine costante, il limite al secondo membro pu`o essere scritto
f (n) (x0 ) + lim

xx0

f (n1) (x) f (n1) (x0 )


,
(x x0 )

Il secondo addendo `e il limite del rapporto incrementale della funzione f (n1) nel punto
x0 , che per ipotesi esiste ed `e la derivata nesima di f in x0 , cio`e f (n) (x0 ). Ci`o prova che
la funzione (x) `e infinitesima al tendere di x a x0 , come volevasi dimostrare.
Il precedente teorema permette di stabilire che la funzione resto Rx0 ,n (x) `e un infinitesimo di ordine superiore a n, tuttavia non consente di stimarne il valore, essendo la
funzione non nota. Volendo quantificare lerrore di stima, `e possibile ricorrere ad unaltra espressione del resto, detta di Lagrange, che viene presentata nel seguente teorema
la cui dimostrazione, qui omessa, si basa sostanzialmente sullapplicazione reiterata del
teorema di Cauchy:
Teorema 88 (Formula di Taylor con resto di Lagrange) Sia f : I R una funzione definita su un intervallo aperto I in cui `e derivabile fino allordine n + 1 e sia x0
in I. Allora vale la formula
f (x) = Tx0 ,n (x) + Rx0 ,n (x),
ove la funzione resto Rx0 ,n (x) `e esprimibile nella forma
def

Rx0 ,n (x) = f (n+1) ()

(x x0 )n+1
(n + 1)!

per qualche tale che x < < x0 (o x0 < < x).


Limportanza del resto di Lagrange risiede nel fatto che permette di fornire stime quantitative dellerrore di approssimazione. Per esempio, se si sviluppa la funzione ex in 0 fino
allordine 4 si ottiene il polinomio di Taylor
T4 (x) = 1 + x +

x2
x4
+ + ,
2
4!

13 FORMULE DI TAYLOR

99

con resto di Lagrange


x5
.
5!
Indicata con e = T4 (1) lapprossimazione del numero e1 = e fornita dal polinomio di
Taylor, lerrore di approssimazione risulta
R4 (x) = e

def

E = |e e| = |R4 (1)| = e

1
.
5!

Poiche deve essere compreso in ]0, 1[ ed inoltre e < 3, si pu`o sovrastimare lerrore di
approssimazione nel seguente modo:
E

3
= 0.025.
120

Dal teorema 87 discende un utile criterio che specifica condizioni sufficienti affinche tale
punto sia di massimo locale forte o minimo locale forte:
Teorema 89 Sia f : I R una funzione definita su un intervallo aperto I in cui `e
derivabile fino allordine n 1 e avente derivata nesima nel punto x0 I. Si supponga
inoltre che
f 0 (x0 ) = f 00 (x0 ) = = f (n1) (x0 ) = 0

f (n) (x0 ) 6= 0.

Si hanno i seguenti tre casi:


se n `e dispari, allora x0 non `e ne di massimo ne di minimo locale;
se n `e pari ed `e f (n) (x0 ) > 0, allora x0 `e di minimo locale forte;
se n `e pari ed `e f (n) (x0 ) < 0, allora x0 `e di massimo locale forte.
Dim. Per il teorema 87, tenuto conto delle n 1 derivate nulle in x0 , vale la formula
f (x) = f (x0 ) + (f

(n)

(x x0 )n
(x0 ) + (x))
.
n!

Per il teorema della permanenza del segno posso determinare un intorno aperto U di x0
def
in cui g(x) = f (n) (x0 ) + (x) abbia lo stesso segno di f (n) (x0 ). La formula pu`o quindi
essere scritta
(x x0 )n
f (x) f (x0 ) = g(x)
.
n!
Il polinomio (x x0 )n per n dispari ha segno positivo se x > x0 , negativo se x < x0
pertanto il segno di f (x) f (x0 ) dovr`a per forza mutare passando per x0 da positivo a
negativo o viceversa. Questo implica che per n dispari x0 non pu`o essere ne di massimo
ne di minimo locale. Se invece n `e pari, allora f (x) f (x0 ) si annulla in x0 e il suo segno
per x U e x 6= x0 `e quello di g, ovvero della derivata f (n) (x0 ). Pertanto se f (n) (x0 ) > 0,

13 FORMULE DI TAYLOR

100

per x U e x 6= x0 si avr`a f (x) f (x0 ) > 0, cio`e x0 `e di minimo locale forte. Se invece
f (n) (x0 ) < 0, per x U e x 6= x0 si avr`a f (x) f (x0 ) < 0, cio`e x0 `e di massimo locale
forte, come volevasi dimostrare.
I polinomi di Taylor sviluppati nel punto x0 = 0 si dicono anche polinomi di Mac Laurin.
Si riporta di seguito lo sviluppo in polinomi di Mac Laurin di alcune funzioni elementari:
x
x2
xn
+
+ +
+ ...
1!
2!
n
xn
x2 x3
ln(x + 1) x
+
+ + (1)n+1 + . . .
2
3
!n
2k
x2 x4
x
cos(x) 1
+
+ + (1)k
+ ...
2!
4!
(2k)!
2k+1
x3 x5
k x
sen(x) +
+ + (1)
+ ...
3!
5!
(2k + 1)!
ex 1 +

(9)
(10)
(11)
(12)

14 TEORIA ELEMENTARE DELLINTEGRAZIONE

14

102

Teoria elementare dellintegrazione

In questo capitolo sintroduce la teoria elementare dellintegrazione secondo Riemann.


Verr`a presentata la definizione di integrale esteso ad un intervallo chiuso, o integrale
definito, evidenziandone limportante significato geometrico che rimanda al problema pi`
u
generale della misura dellestensione di figure piane.

14.1

Larea del cerchio

Prima dintrodurre il problema generale della misura dellestensione delle figure piane,
che ci condurr`a in seguito alla definizione dellintegrale definito, in questa sezione si delineer`a un metodo per dedurre formalmente la ben nota formula dellarea del cerchio dalla
definizione dellarea del rettangolo, e quindi dei poligoni10 .
Se si considera un cerchio qualunque, ad esempio quello in figura 26, appare chiaro che
esistono infiniti poligoni come P che lo includono ed infiniti poligoni come P che sono
invece inclusi in esso. Assumendo che larea del cerchio sia il numero reale A(C), dovr`a
essere per ciascuna coppia di tali poligoni
A(P ) A(C) A(P ).

P*
C
P*

Figura 26: poligoni inclusi e includenti il cerchio


Quindi, se si considerano linsieme delle aree dei poligoni che contengono il cerchio e
linsieme delle aree dei poligoni che invece sono contenuti nel cerchio, dovr`a essere
A(C) .
Si ha quindi che gli insiemi e formano una coppia di classi separate e larea del
cerchio A(C) deve essere quindi uno degli elementi separatori. Pertanto, se le due classi
sono contigue, A(C) viene ad essere necessariamente lunico elemento separatore. E
questo, come si vedr`a tra breve, `e esattamente ci`o che accade nel caso considerato.
10

Infatti i poligoni risultano somma di triangoli, e larea di ogni triangolo `e riconducibile a quella di un
opportuno rettangolo

14 TEORIA ELEMENTARE DELLINTEGRAZIONE

103

Tra tutti i poligoni contenenti il cerchio e tra quelli in esso contenuti si considerino solo
quelli regolari circoscritti ed inscritti al cerchio. Nella figura 27 `e riportato il caso in cui
tali poligoni hanno 8 lati, da cui si trarr`a la generalizzazione al caso di n lati.

Figura 27: poligoni inscritti e circoscritti al cerchio


Si indichino con An e Bn larea dei poligono regolare di n lati circoscritto e, rispettivamente, inscritto nel cerchio. Osservato che
= /n,
con semplici considerazioni trigonometriche sui triangoli rettangoli (AOH) e (BOK), si
deduce che
An = n(OH AH) = nr2 tg ( n )
Bn = n(OK BH) = nr2 sen( n ) cos( n )
Allaumentare del numero n di lati, si intuisce che i poligoni tendono sempre di pi`
u
al cerchio, nel senso che gli spazi tra cerchi e poligoni tendono a diventare sempre pi`
u
esigui. Ora si prover`a a studiare il limite per n delle aree An e Bn . Tenuto conto
dellequivalenza dinfinitesimi tg z z e senz z, si ottiene facilmente che
lim An = lim Bn = r2 ,

pertanto si deduce che e formano una coppia di classi contigue il cui elemento
separatore `e A(C) = r2 . Con questo procedimento si `e quindi ottenuta la ben nota
formula dellarea del cerchio.
Astraendo il procedimento, `e possibile introdurre una definizione precisa e coerente del
concetto di misura dellestensione spaziale di una figura piana. Il vantaggio nel aver
tradotto un problema di misura di regioni in un problema topologico (cio`e la ricerca
dellelemento separatore di opportune classi contigue) risiede nel fatto che a questultimo
possono essere applicati con successo i potenti strumenti dellanalisi matematica sinora
sviluppati.

14.2

Il trapezoide e i plurirettangoli

Lintegrale definito, che tra breve verr`a introdotto, `e strettamente legato al problema
geometrico del calcolo dellarea della regione di piano racchiusa tra lasse x e il grafico

14 TEORIA ELEMENTARE DELLINTEGRAZIONE

104

di una funzione f positiva, definita su un intervallo I = [a, b]. Tale regione viene detta
trapezoide sotteso dal grafico di f e insiemisticamente corrieponde a
T = {(x, y) | x I, 0 y f (x)}.
In figura 28 sono rappresentati il grafico di una siffatta funzione e del trapezoide che essa
individua.
y

y=f(x)

Figura 28: il trapezoide T


Se per determinare larea del cerchio si sono utilizzati poligoni, nel caso del trapezoide `e
conveniente utilizzare plurirettangoli, ovvero figure formate dallunione di rettangoli aventi
un lato sullasse x come quelli in figura 29.
y

R*

R*

Figura 29: plurirettangoli inclusi ed includenti il trapezoide T


In analogia a quanto fatto nel caso del cerchio, si considera linsieme delle aree dei
plurirettangoli R che contengono il trapezoide e linsieme delle aree dei plurirettangoli
R inclusi nel trapezoide. Se le classi e formano una coppia di classi contigue,
lelemento separatore potr`a definire in modo univoco larea del trapezoide. Di seguito
questo procedimento verr`a precisato ed esteso anche al caso di funzioni di segno qualunque.

14 TEORIA ELEMENTARE DELLINTEGRAZIONE

14.3

105

Le funzioni a scalino

I plurirettangoli, rispetto ad altri poligoni, hanno il vantaggio di poter essere pensati a


loro volta come trapezoidi di funzioni costanti a tratti, dette anche a scalino. Ad esempio,
il pi`
u elementare plurirettangolo, cio`e quello costituito da un solo rettangolo, pu`o essere
descritto mediante una funzione caratteristica:
Definizione 43 Dato un insieme A, si dice funzione caratteristica dellinsieme A la
funzione reale A definita ponendo per ogni x R
(
1 x A,
A (x) =
0 altrimenti.
` facile intuire che combinando opportunamente funzioni caratteristiche di intervalli,
E
si potr`a ottenere una funzione costante a tratti che sottende allasse x un qualunque
plurirettangolo. In generale, si pu`o dare la seguente definizione:
Definizione 44 Dato un intervallo chiuso e limitato I, si dice funzione a scalino a
supporto in I ogni funzione che pu`o essere scritta nella forma
s=

n
X

an Ii ,

i=1

ove {I1 , . . . , In} `e un insieme finito di sottointervalli dellintervallo I, due a due disgiunti,
a1 , . . . , an una nupla di numeri reali e, per ogni i = 1, . . . , n, Ii `e la funzione caratteristica dellintervallo Ii . Per esemplificare, un grafico di funzione a scalino `e riportato in
figura 30.
Si indichi con SI linsieme delle funzioni a scalino con supporto in I. Inoltre, si associ
alla funzione a scalino s un numero reale (s), detto somma della funzione a scalino,
ponendo
n
X
(s) =
ai d i ,
i=1

ove il numero reale di `e il diametro, eventualmente nullo, dellintervallo Ii , per i =


1, . . . , n.
Alcune importanti osservazioni sulle funzioni a scalino sono le seguenti:
se la funzione a scalino s `e positiva, la sua somma (s) `e larea del trapezoide che
essa sottende allasse x;
se la funzione a scalino s assume valori di segno opposto, la sua somma (s) `e
la differenza algebrica tra larea del plurirettangolo giacente nel semipiano delle
ordinate positive e larea del plurirettangolo giacente nel semipiano delle ordinate
negative;

14 TEORIA ELEMENTARE DELLINTEGRAZIONE

106

a3
s= ak I

a2

a4
a1

I1

I2

I3

I4

I5

I6

I7

a7
a5
a6

Figura 30: grafico di una funzione a scalino


nella definizione di funzione a scalino gli intervalli Ii possono avere indifferente estremi chiusi o aperti o essere addirittura degeneri, questo cambia di fatto il
plurirettangolo, ma non la sua area;
tanto combinazioni lineari, quanto i prodotti di funzioni a scalino di SI , risultano
ancora funzioni a scalino di SI .

14.4

Definizione dellintegrale definito

Definizione 45 Dato un intervallo chiuso e limitato I = [a, b] e una qualunque funzione


reale limitata f : I R si indichino con S e S , rispettivamente, gli insiemi (non vuoti)
delle funzioni a scalino a supporto in I che maggiorano e minorano f , ovvero
S = {s SI |x I : s(x) f (x)},

S = {s SI |x I : s(x) f (x)}.

Per brevit`a, S e S verranno detti, rispettivamente, insieme delle funzioni a scalino


superiori e inferiori.
Data una funzione a scalino inferiore s S il trapezoide ad essa associato viene detto
un prulirettangolo superiore e indicato con R(s ), mentre per una funzione ad funzione
a scalino superiore s S il trapezoide ad essa associato viene detto un plurirettangolo
inferiore e indicato con R(s ).
Infine, si indichi con e , rispettivamente, gli insiemi delle aree dei plurirettangoli superiori ed inferiori, che si diranno, per brevit`a, insiemi delle somme superiori ed inferiori.
Formalmente valgon ole seguenti uguaglianze
= {(s)|s S },

= {(s)|s S }.

Si dice integrale superiore della funzione f il numero reale


Z
f = inf

14 TEORIA ELEMENTARE DELLINTEGRAZIONE

107

e integrale inferiore della funzione f il numero reale


Z
f = sup .

Quando le classi e sono contigue, lintegrale inferiore e superiore coincidono in un


valore che viene detto integrale della funzione f esteso ad I e indicato con uno qualunque
dei seguenti simboli
Z
Z
Z
b

f (x) dx,

f,

f.
[a, b]

Le funzioni per cui vale questa propriet`a si dicono integrabili (alla Riemann) nellintervallo
I.
Tenuto conto della definizione di classi contigue, lintegrabilit`a di una funzione si pu`o
quindi immediatamente esprimere anche nel seguente modo:
Proposizione 90 Una funzione f `e integrabile su un intervallo I se e solo se in corrispondenza ad ogni > 0 `e possibile di determinare due funzioni a scalino s e s con
supporto in I tali che s f s e (s ) (s ) < .

Esempio 10 Non tutte le funzioni sono integrabili alla Riemann. Si prenda ad esempio la funzione di Dirichlet, ovvero la
funzione Q che vale 1 sui reali razionali e 0 sui reali irrazionali. Considerata la densit`
a di Q in R, in ogni intervallo, anche
di dimensioni piccolissime, esisteranno infiniti punti in cui Q vale 1 ed infiniti punti in cui vale 0. Pertanto, nellintervallo
[0, 1], le funzioni a scalino inferiori s Q avranno tutte somma 0, mentre quelle superiori s Q avranno tutte somma
1. Avendo integrale superiore pari a 1 e integrale inferiore pari a 0, la funzione Q non `
e integrabile.

Esempio 11 Una fatto ormai chiaro `


e che ogni funzione a scalino s definita in [a, b] risulta sempre integrabile in tale
intervallo e la sua somma coincide con il suo integrale, cio`
e si ha
Z

s(x) dx = (s).
a

Infatti, dato che s `


e a scalino essa `
e funzione a scalino superiore ed inferiore di se stessa, ovvero s (s) S (s), pertanto
la sua somma (s) risulta lunico elemento che separa le classi (s) e (s) delle somme superiori ed inferiori di s.

14.5

Significato geometrico dellintegrale definito per le funzioni


positive

Nel caso in cui la funzione f , definita sullintervallo I = [a, b], risulta positiva e limitata,
ogni funzione a scalino superiore s ed ogni funzione a scalino inferiore (positiva) s
soddisfano
R(s ) T R(s ),

14 TEORIA ELEMENTARE DELLINTEGRAZIONE

108

inoltre `e immediato costatare che


(s ) = Area(R(s ))

(s ) = Area(R(s )).

Pertanto, se la funzione f `e integrabile, il suo integrale esteso ad I risulta lunico elemento


separatore tra linsieme delle aree inferiori e linsieme delle aree superiori. In altre
parole:
per un arbitrario > 0 `e possibile trovare due plurirettangoloidi R e R , il
primo contenente T , laltro contenuto in T , le cui aree differiscono a meno di
, ovvero
Area(R ) Area(R ) < .
Questa situazione `e rappresentata nella figura 29, in cui si pu`o notare che la superficie
pi`
u scura `e la differenza tra i due plurirettangoli. Ammesso che si sappia calcolare larea
del trapezoide T , le aree dei plurirettangoli R e R ne costituiscono unapprossimazione
superiore e, rispettivamente, inferiore, con un errore di approssimazione inferiore a .
Pertanto, in accordo allintuizione geometrica e coerentemente con la misura delle aree
dei poligoni, si pu`o definire univocamente larea del trapezoide T come lintegrale di f
esteso ad I. Pi`
u precisamente:
Definizione 46 Data una funzione f definita su I, positiva e integrabile, si dice area del
trapezoide sotteso da f il numero reale
Z b
def
Area(T ) =
f (x) dx.
a

14.6

Propriet`
a fondamentali dellintegrale definito

Si presenteranno ora alcune fondamentali propriet`a dellintegrale definito. Un primo risultato `e che combinando linearmente funzioni integrabili si ottiene una funzione integrabile
il cui integrale `e combinazione lineare degli integrali delle funzioni di partenza. Questa
propriet`a pu`o essere espressa con un linguaggio pi`
u tecnico dicendo che lintegale definito
`e un operatore lineare sullo spazio vettoriale delle funzioni integrabili. Pi`
u precisamente
vale il seguente teorema:
Proposizione 91 (Linearit`
a dellintegrale definito) 11 Siano f e g integrabile su [a, b],
, R due numeri reali arbitrari, allora la funzione f + g `e integrabile su I e
Z b
Z b
Z b
(f + g) =
f +
g.
a

Loperatore integrale gode inoltre della propriet`a di monotona crescenza espressa nel
seguente teorema:
11

Dimostrazione in appendice C.

14 TEORIA ELEMENTARE DELLINTEGRAZIONE

Proposizione 92 (Monotonicit`
a dellintegrale definito)
su [a, b], se f g allora
Z b
Z b
f
g.
a

12

109

Siano f e g integrabile

Se si seziona verticalmente un trapezoide si ottengono due trapezoidi la cui somma `e equivalente al trapezoide iniziale. A partire da questa considerazione geometrica `e possibile
dimostrare il seguente risultato che riveste grande importanza:
Teorema 93 (Addittivit`
a nei sottointervalli) 13 Sia f integrabile su [a, b], e sia c un
punto interno allintervallo. Allora f risulta integrabile sui sottointervalli [a, c] e [c, b] e
vale la seguente relazione
Z b
Z c
Z b
f.
f+
f=
a

Lultimo risultato che viene presentato in questa sezione si basa sulla seguente osservazione. La somma definito per le funzione a scalino non dipende dai valori che queste
assumono negli eventuali intervalli degeneri, cio`e di lunghezza nulla, e tanto meno dal
valore che queste assumono agli estremi degli intervalli non degeneri. Ci si aspetta quindi
che una qualunque modifica effettuata ad un numero finito di valori di una funzione integrabile la mantenga integrabile e non ne alteri lintegrale. Ci`o `e stabilito formalmente
dal seguente teorema:
Teorema 94 14 Se una funzione integrabile su un intervallo I viene arbitrariamente ridefinita in uno numero finito di punti del suo dominio, allora rimane integrabile in I, con
integrale immutato.

14.7

Significato geometrico dellintegrale definito per le funzioni


di segno alterno

Quanto stabilito sul significato geometrico dellintegrale definito per le funzioni positive,
pu`o essere in qualche modo esteso al caso di funzioni di segno alterno.
Si consideri innanzitutto il caso di una funzione f integrabile su I = [a, b], tale che f 0
su [a, c] e f 0 su [c, b], per un punto c interno ad I. Dal teorema 93 segue che
Z

Z
f (x) dx =

a
12

Z
f (x) dx +

f (x) dx,
c

Dimostrazione in appendice C.
Si pu`
o dimostrare anche un teorema inverso, ovvero che se f `e integrabile nei due sottointervalli
allora risulta integrabile in quello iniziale. In appendice C viene riportato un teorema che si estende in
tal senso e inoltre `e applicabile al caso in cui lintervallo si ripartisce in pi`
u due sottointervalli.
14
Dimostrazione in appendice C.
13

14 TEORIA ELEMENTARE DELLINTEGRAZIONE


che pu`o scriversi anche
Z c
Z b
Z b
f (x) dx =
f (x) dx
(f (x)) dx.
a

110

y=f(x)

` immediato riconoscere nei due integraE


li al secondo membro, in accordo alla
definizione 46, larea dei trapezoidi

T+
a

T+ = {(x, y) | x [a, c], 0 y f (x)},


T = {(x, y) | x [c, b], f (x) y 0},
che f individua con lasse x nei semipiani y
0 e, rispettivamente, y 0. Pertanto si pu`o
scrivere
Z b
f (x) dx = Area(T+ ) Area(T ).
a

La generalizzazione della precedente formula `e ovvia: lintegrale di f esteso ad I risulta


la somma algebrica delle aree dei trapezoidi che f sottende con lasse delle x prendendole
con segno positivo se questi trapezoidi giacciono nel semipiano delle ordinate positivo,
con segno negativo altrimenti.

14.8

Integrale in un intervallo orientato: teoremi di additivit`


a
e della media

Data una funzione f integrabile su un intervallo J, per ogni coppia (a, b) J J, avente
a < b, in virt`
u del corollario 121, `e ben definito lintegrale
Z b
f (x) dx,
a

che pertanto pu`o essere pensato come funzione dei due estremi a, b prescelti. Per tutte le
altre coppie (a, b) J J, poniamo invece
Z

def

f (x) dx =
a

f (x) dx

nel caso in cui a > b,

e
Z

def

f (x) dx = 0

nel caso in cui a = b.

Questa estensione della definizione di integrale prende il nome di integrale di f esteso


allintervallo orientato (a, b). Vale la seguente estensione del teorema 93 al caso degli
integrali estesi su intervalli orientati:

14 TEORIA ELEMENTARE DELLINTEGRAZIONE

111

Teorema 95 [Teorema di additivit`a nei sottointervalli orientati] Data una funzione f


integrabile su un intervallo J e presa una qualunque terna di punti a, b, c J si ha che
Z c
Z b
Z b
f (x) dx =
f (x) dx +
f (x) dx.
a

Dim. Se a = b la tesi risulta banale conseguenza della definizione di integrale esteso


ad un intervallo orientato. Senza perdita di generalit`a si pu`o assumere a < b, infatti, in
caso contrario, si pu`o comunque scambiarne tutti gli estremi nelluguaglianza integrale
ottenendone una del tutto equivalente. Se c `e interno ad [a, b] la tesi discende dal teorema 93. Se c = a oppure c = b, uno dei due integrali nel secondo membro delluguaglianza
integrale `e nullo e la tesi risulta banale conseguenza. Rimangono da considerare due casi:
c < a e c > b. Si dimostra qui il primo caso, lasciando il secondo al lettore volenteroso.
Si assuma quindi c < a < b. Per il teorema 93 segue
Z b
Z a
Z b
f (x) dx =
f (x) dx +
f (x) dx,
c

cio`e

Z
f (x) dx

f (x) dx =
a

f (x) dx,
c

che, per definizione dintegrale su intervallo orientato, pu`o scriversi


Z b
Z b
Z c
f (x) dx =
f (x) dx +
f (x) dx,
a

come volevasi dimostrare.


Teorema 96 (Teorema della media) Sia f funzione integrabile in I allora il suo valor
medio integrale `e compreso tra gli estremi inferiore e superiore di f su I, ovvero
Z b
1
inf f (x)
f (x) dx sup f (x).
xI
ba a
xI
Dim. La tesi equivale a
Z
(b a) inf f (x)
xI

f (x) dx (b a) sup f (x),


a

xI

14 TEORIA ELEMENTARE DELLINTEGRAZIONE


che pu`o essere scritta in termini di somme
superiori ed inferiori nella forma equivalente
Z b
f (x) dx (s ),
(s )

112

y=s*(x)

sup(f)

ove si `e posto s e s sono, rispettivamente,


la funzione costante su I di valore inf xI e
la funzione costante di valore supxI ; ovviamente s e s sono, rispettivamente, funzione a scalino inferiore
e superiore. Dal fatto
Rb
che lintegrale a f (x) `e (lunico) elemento separatore delle classi delle somme superiori e
di quelle inferiori, segue immediatamente la
tesi.

y=f(x)

y=s (x)
*

inf(f)
a

Osservazione 2 Se la funzione f `e continua, nellintervallo I sono soddisfatte le ipotesi


del teorema dei valori intermedi; sotto queste ipotesi il il teorema della media implica
lesistenza di un valore x0 I tale per cui
Z b
1
f (x) dx.
f (x0 ) =
ba a

14.9

Integrazione di funzioni continue

In questa sezione ci si occuper`a dellintegrazione delle funzioni continue. Il primo risultato


che verr`a presentato `e lintegrabilit`a di tutte le funzioni continue. Si mostrer`a in seguito
il profondo legame tra lintegrazione e il problema della ricerca di primitive di una data
funzione, pervenendo al teorema fondamentale del calcolo integrale e alla utile formula di
Newton-Leibniz.
Teorema 97 Ogni funzione continua definita su un intervallo I = [a, b] `e integrabile.
Dim. La funzione f `e continua su un intervallo chiuso limitato di R pertanto risulta
limitata e uniformemente continua su I (vedi teorema 66). Dunque, dato un qualunque
> 0 esister`a un qualche > 0 tale che per ogni x1 , x2 I
|x1 x2 | < |f (x1 ) f (x2 )| <

.
ba

(13)

` possibile scegliere una suddivisione di I costituita da n intervalli I1 , . . . , In di uguale


E
diametro d = (b a)/n < . Per il teorema di Weierstrass, la funzione f assume su
ciascun sottointervallo Ik un massimo valore Mk = f (xk ) e minimo valore mk = f (wk ),
per qualche xk , wk Ik , per ciascun indice k = 1, . . . , n.

14 TEORIA ELEMENTARE DELLINTEGRAZIONE

113

Dato che tutti gli intervalli della suddivisione


hanno diametro inferiore a , dalla relazione

, per
eq. 13 si deduce che |Mk mk | < ba
ogni k = 1, . . . , n.
Si considerino ora le seguenti funzioni a
scalino
n
X
s =
Mk Ik ,

y=f(x)

< /(ba)
m4

k=1

s =

n
X

mk Ik .
a

k=1

I4

Per costruzione si avr`a che s e s sono, rispettivamente, due funzioni a scalino superiore
ed inferiore, inoltre vale la seguente catena di disuguaglianze
n
X
(Mk mk ) <
(s ) (s ) = (M1 m1 )d + + (Mn mn )d = d

k=1

<d

n
X
k=1

= dn
= .
ba
ba

Pertanto, in virt`
u del teorema 90, la funzione f risulta integrabile in I.
La presenza di discontinuit`a in una funzione non comporta necessariamente la sua non
integrabilit`a. Ad esempio, si pu`o stabilire il seguente teorema:
Teorema 98 15 Se f `e una funzione definita su un intervallo chiuso I, continua ovunque
tranne che in un insieme finito di punti in cui ammette discontinuit`a di tipo salto, cio`e
nei quali esistono finiti i limiti destro e sinistro, allora f risulta integrabile su I.
Il risultato cruciale della sezione, noto come teorema fondamentale del calcolo integrale,
mostra come lintegrale di Riemann sia strettamente connesso al problema della ricerca
di primitive di una funzione f , cio`e di quelle funzioni la cui derivata `e la funzione f :
Teorema 99 (Teorema fondamentale del calcolo integrale) 16 Sia f una funzione
continua su un intervallo aperto I e c un qualunque punto di I. La funzione integrale F
definita ponendo per ogni x I
Z x
def
F (x) =
f (t) dt.
c
15

Dimostrazione in appendice C.
Nel teorema si fa lipotesi che f sia definita in un intervallo aperto, tuttavia in molte circostanze si vogliono considerare anche funzioni definite su intervalli chiusi. Con minimi cambiamenti alla dimostrazione
presentata per intervalli aperti, si pu`
o dedurre la seguente generalizzazione:
Supposto che f sia continua su un intervallo chiuso [a, b], la funzione integrale F (x) risulta continua
su [a, b], derivabile nei punti interni dellintervallo con DF (x) = f (x) e, negli estremi a, b, esistono le
derivate destra e sinistra di F che soddisfano le relazioni D+ F (a) = f (a) e D F (b) = f (b).
16

14 TEORIA ELEMENTARE DELLINTEGRAZIONE

114

`e derivabile su I e si ha F 0 (x) = f (x) per ogni x I.


Dim. Sia c = x0 scelto arbitrariamente in I. Per ogni x I r {x0 }, il rapporto
incrementale di F in x0 soddisfa luguaglianza
Rx
Rc
Rx
R x0
f
(t)
dt
+
f (t) dt
f
(t)
dt

f
(t)
dt
F (x) F (x0 )
c
x
c
= c
= 0
,
x x0
x x0
x x0
che, mediante il teorema 95, pu`o scriversi equivalentemente
Rx
f (t) dt
x0
.
x x0
Si studia innanzitutto il caso in cui x0 < x.
Per il teorema della media integrale (si veda
in particolare losservazione 2), esister`a un
valore x0 zx x, tale che

y=f(x)

F (x) F (x0 )
= f (zx ).
x x0
Quanto x viene fatta tendere a x0 anche il
punto zx necessariamente tender`a a x0 e,
in virt`
u della continuit`a di f in x0 , si avr`a
quindi
lim+ f (zx ) = f (x0 ).

x0

zx

xx0

Tale limite implica


D+ F (x0 ) = lim+
xx0

F (x) F (x0 )
= f (x0 ).
x x0

Procedendo in modo analogo nel caso in cui x < x0 , si perviene alluguaglianza D F (x0 ) =
f (x0 ), da cui si conclude che DF (x0 ) = f (x0 ), come volevasi dimostrare.
Esempio 12 Se si considera la funzione costante f (x) = k, e si fissa un punto c qualunque della retta reale, tenuto conto del
significato geometrico dellintegrale definito, `
e facile costatare che per ogni x in R, la funzione integrale definita nel teorema
precedente risulta
Z
x

k dt = k(x c).

F (x) =
c

Si ha ovviamente DF (x) = D[k(x c)] = k = f (x), per ogni x R.

Si vedr`a ora come la primitiva determinata nel teorema precedente permette di generare
tutte le altre primitive della funzione f :

14 TEORIA ELEMENTARE DELLINTEGRAZIONE

115

Teorema 100 Sia f una funzione continua su un intervallo aperto I. Linsieme di tutte
le primitive di f su I `e dato dalla famiglia di funzioni
Z x
def
F (x) =
f (t) dt + k,
c

al variare di k R, con c un qualunque punto fissato in I.


Dim. Sia F la primitiva definita nel teorema 99 e G una qualunque altra primitiva di
f su I. Per definizione si avr`a D(G F )(x) = DG(x) DF (x) = f (x) f (x) = 0 per
ogni x I. Ma una funzione la cui derivata `e nulla in tutti i punti di un intervallo `e
necessariamente costante (vedi il teorema 75). Pertanto esister`a k R tale che per ogni
x I si ha
(G F )(x) = k,
cio`e

G(x) = F (x) + k =

f (t) dt + k,
c

come volevasi dimostrare.


Se `e nota una primitiva di una funzione continua f su un intervallo I allora si pu`o calcolarci
immediatamente lintegrale di f esteso ad I grazie al seguente risultato:
Corollario 101 (Formula di Newton-Leibniz) Sia f una funzione continua su [a, b]
e F una sua qualunque primitiva, allora
Z b
f (x) dx = F (b) F (a).
a

Dim. Se F `e una primitiva di f allora per il teorema 100 esister`a k R tale che
Z x
F (x) =
f (t) dt + k,
a

pertanto
Z
F (b) F (a) =

Z

f (t) dt + k
a


f (t) dt + k

Z
=

f (t) dt,
a

come volevasi dimostrare.


Infine, viene presentata una generalizzazione del teorema fondamentale del calcolo integrale:

14 TEORIA ELEMENTARE DELLINTEGRAZIONE

116

Corollario 102 Sia f una funzione continua su I =]a, b] e , due funzioni reali definite
su un intervallo J =]c, d[ a valori in I continue e derivabili, la funzione G definita ponendo
per ogni x J
Z (x)
f (t) dt,
G(x) =
(x)

`e continua e derivabile su J, con derivata soddisfacente


G0 (x) = f ((x)) 0 (x) f ((x))0 (x).
Dim. Per il teorema fondamentale del calcolo integrale, la funzione f ammette una
primitiva F in I, che per ogni z I pu`o scriversi nella forma
Z z
F (z) =
f (t) dt.
c

Ora, per le propriet`a dellintegrale definito, `e evidente che


G(x) = F ((x)) F ((x)),
pertanto, in virt`
u del teorema di derivazione delle funzioni composte, G risulta derivabile
in I con derivata G0 soddisfacente
G0 (x) = f ((x)) 0 (x) f ((x))0 (x),
per ogni x J, come volevasi dimostrare.

14.10

Volume dei solidi di rotazione

Sia f una funzione positiva e continua sullintervallo [a, b]. Detto T il trapezoide che essa
individua con lasse x, si vuole determinare il volume del solido ottenuto da una rotazione
del trapezoide T attorno allasse x. In figura 31 `e rappresentato il solido ottenuto tramite
una rotazione di un angolo = 15
.
8
Per semplificare le cose, si supponga che la figura solida F sia ottenuta tramite una
rotazione completa del trapezoide. Se si considera una funzione a scalino (positiva) s del
tipo
s(x) = ni=1 ai Ii ,
tramite una rotazione attorno allasse x essa genera un pluricilindro il cui volume `e
(s) = ni=1 a2i di .
Se s `e funzione a scalino superiore, allora il pluricilindro includer`a il solido F, altrimenti,
se `e funzione a scalino inferiore, il pluricilindro sar`a contenuto nel solido F. Pertanto, se
gli insiemi dei volumi dei pluricilindri superiori ed inferiori formano una coppia di classi
contigue, non resta che concludere che lelemento separatore deve essere necessariamente

14 TEORIA ELEMENTARE DELLINTEGRAZIONE

117

y=f(x)

x
z

Figura 31: figura solida generata dalla rotazione del trapezoide T attorno allasse x
y=f(x)

y=s*(x)

Figura 32: pluricilindro generato dalla funzione a scalino s


il volume del solido F. In figura 32 sono rappresentati i primi tre cilindri del pluricilindro
individuato dalla funzione a scalino inferiore s .
Si osservi ora che il volume (s) del pluricilindro individato da s soddisfa
(s) = ni=1 a2i di = ni=1 a2i di = (s2 ).
Si osservi inoltre che, formalmente, il volume del pluricilindro individuato da s corrisponde
allarea del plurirettangolo individuato dalla funzione a scalino s2 .
Se s `e funzione a scalino positiva superiore (risp. inferiore) di f allora s2 `e funzione a
scalino superiore (risp. inferiore) della funzione f 2 , viceversap
se s `e funzione a scalino
s
2
positiva superiore (risp. inferiore) della funzione f allora
`e funzione a scalino

superiore (risp. inferiore) di f . Tenuto conto della continuit`a di f , da cui segue quella
di f 2 , si pu`o quindi dedurre che il volume di F corrisponde formalmente allarea del
trapezoide individuato da funzione f 2 , ovvero sussiste la relazione
Z b
vol(F) =
f 2 (x) dx.
a

14 TEORIA ELEMENTARE DELLINTEGRAZIONE

118

Riprendendo il ragionamento nel caso di una generica rotazione , si perviene facilmente


ad una generalizzazione della formula precedente17 :
Z
b 2
vol(F) =
f (x) dx.
2 a

14.11

Lunghezza di un arco di curva

Si considera in questa sezione il problema della misura della lunghezza di un generico arco
di curva , grafico di una funzione reale continua f : [a, b] R.
Il problema della misura della lunghezza di pu`o essere affrontato in modo analogo a quello della misura dellarea del trapezoide, ovvero ricorrendo a curve particolari di lunghezza
nota che approssimano larco . Se per il trapezoide si `e fatto ricorso ai plurirettangoli, per larco di curva si ricorrer`a a poligonali, ovvero curve ottenute giustapponendo un
numero finito di segmenti.
Si premette innanzitutto la seguente definizione: un qualunque sottoinsieme finito
D = {x0 , x1 , . . . , xn },
costituito da punti consecutivi dellintervallo [a, b], tali che x0 = a e xn = b, prende il
nome di suddivisione dellintervallo [a, b].
y

y=f(x)
Pk

P2

P0

P1
Pn

x0 x1

x2

xk

xn

Figura 33: arco di curva e poligonale approssimante


Come esemplificato in figura 33, fissata una qualunque suddivisione D, si indicano con P0 ,
P1 , . . . , Pn i relativi punti sul grafico e con `D la lunghezza della poligonale individuata
da tali punti, ovvero
`D = nk=0 Pk P k+1 .
17

Tale generalizzazione pu`


o ovviamente essere dedotta anche per mezzo dal Principio di Cavalieri,
tenuto conto del rapporto di proporzionalit`a esistente tra area di uno spicchio di cerchio e ampiezza del
suo angolo al centro.

14 TEORIA ELEMENTARE DELLINTEGRAZIONE

119

In virt`
u della disuguaglianza triangolare, `e facile provare che se in una data suddivisione
D intercaliamo un nuovo punto, la poligonale che cos` andiamo ad ottenere avr`a lunghezza
maggiore della precedente. Infatti, un segmento di estremi A e B di questultima, viene
sostituito nella nuova poligonale da due segmenti contigui AC e CB, e ovviamente AB <
AC + CB. In questo senso, commettendo un piccolo abuso di linguaggio, si pu`o dire che
le poligonali crescono in lunghezza allaumentare del numero di punti della suddivisione,
tendendo ad approssimarsi sempre pi`
u allarco .
Per quanto sopra detto, si dir`a lunghezza `() dellarco continuo , lestremo superiore delle lunghezze `D delle poligonali al variare di tutte le possibili suddivisioni D dellintervallo
[a, b], ovvero:
def
`() = sup `D ;
D

si dir`a inoltre che larco `e rettificabile quando `() < .


Si consideri ora la figura 34, in cui `e rappresentato un segmento di poligonale P P 0 relativo
ai due punti x e x + dx dellintervallo [a, b] di definizione della funzione f .
y

y=f(x)

P
y+dy

P
y

x+dx

Figura 34: arco di curva e poligonale approssimante


Si osservi che la lunghezza d` del segmento P P 0 soddisfa:
s
 2
p
dy
2
2
d` = dx + dy = 1 +
dx.
dx
Se la funzione f `e derivabile, quando lincremento dx tende a zero, la lunghezza d` del
segmento di poligonale anchessa tende a zero, e vale la seguente relazione di equivalenza
p
d` 1 + (f 0 (x))2 dx.
Pensando allarco come alla somma di infiniti segmenti di poligonale di lunghezza
infinitesima, si giunge a al seguente teorema, di cui si omette la dimostrazione18 .
18

Una dimostrazione del teorema pu`


o essere trovata in G. Prodi, Analisi matematica, collezione
Programma di Matematica, Fisica, Elettronica, ed. Bollati Boringhieri.

14 TEORIA ELEMENTARE DELLINTEGRAZIONE

120

Teorema 103 Data una funzione continua f : [a, b] R continua, derivabile nei punti
interni, con derivata continua in ]a, b[ ed estendibile per continuit`a anche sugli estremi,
larco si curva , grafico di f , `e rettificabile e la sua lunghezza ` soddisfa:
Z bp
`=
1 + (f 0 (x))2 dx.
a

14.12

Integrali impropri

Si considera in questa sezione una funzione f continua definita su un intervallo [a, b[ aperto
ad un estremo, che eventualmente pu`o essere infinito. Per il teorema dintegrabilit`a delle
funzioni continue, f risulta integrabile in ogni intervallo chiuso limitato del tipo [a, c]
contenuto in [a, b[. Se esiste finito od infinito il limite
Z c
lim
f (x) dx,
cb

allora tale limite viene detto integrale improprio della funzione f nellintervallo [a, b[. In
simboli, si scriver`a
Z c
Z b
def
f (x) dx.
f (x) dx = lim
cb

La definizione di integrale improprio `e coerente con quella di integrale definito, infatti si


ha:
Proposizione 104 Sia f funzione continua nellintervallo chiuso e limitato [a, b], allora
Z b
Z x
f (t) dt = lim
f (t) dt.
xb

Dim. La dimostrazione `e banale conseguenza Rdel teorema fondamentale del calcolo inx
tegrale. Infatti, la funzione integrale F (x) = a f (t) dt `e continua a sinistra in x = b,
pertanto F (x) F (b) quando x b .
Si presentano di seguito alcuni esempi di un integrale improprio e del suo significativo
geometrico:
Esempio 13 Si calcoli lintegrale improprio della funzione x 7 ex nellintervallo [0, +[.
Si osservi che
Z

ex dx = [ex ]b0 = 1 eb ,

pertanto, passando al limite per b +,


+

Z
0

def

ex dx =

lim (1 eb ) = 1.

b+

Linterpretazione geometrica di questo fatto `


e che larea della regione illimitata del primo quadrante racchiusa tra lasse x
la retta x = 0 e la curva y = ex ha area finita unitaria. Nella figura 35 `
e rappresentato il grafico di tale regione.

14 TEORIA ELEMENTARE DELLINTEGRAZIONE

121

y=ex

Figura 35: trapezoide illimitato e integrale improprio

Esempio 14 Si calcoli lintegrale improprio della funzione x 7


Si osservi che

1
x

nellintervallo ]0, 1].

1
dx = [2 x]a
1 = 2 a,
x

pertanto, passando al limite per a 0+ ,


1

1
def
dx =
x

lim (2

a=+

a) = 2.

` possibile estendere gli integrali impropri anche a funzioni definite su intervalli aperti
E
del tipo ]a, b[. Per fare questo, fissato un qualunque punto a < c < b, si definisce
Z x
Z b
Z c
def
f (t) dt,
f (t) dt = lim
f (t) dt + lim
xa+

xb

intendendo con tale relazione che lintegrale improprio su ]a, b[ `e definito quando esistono
entrambi i limiti e nel caso in cui siano entrambi infiniti si richiede che abbiano lo stesso
segno. A questo proposito si consideri attentamente il seguente esempio:
Esempio 15 Lintegrale improprio di senx esteso a R non esiste.
Fissato c = 0, integrando cos t nellintervallo [0, x] si ottiene
x

sent dt = [ cos t]x


0 = 1 cos x,

pertanto, tenuto conto del comportamento oscillante di 1 cos x al tendere di x +, lintegrale improprio esteso a
[0, +[ non esiste, e quindi nemmeno quello esteso a ] , +[.
Tuttavia, se si considera lintegrale definito nellintervallo ] x, x[, si ha
Z

sent dt = [ cos t]x


x = 0.

Questo fatto `
e abbastanza ovvio, se teniamo conto che sent `
e una funzione dispari, e potrebbe erroneamente indurre ad
affermare che esiste lintegrale ] , +[ ed `
e nullo; infatti questo approccio `
e in contrasto con quanto previsto dalla
definizione di questa tipologia di integrali impropri.

15 INTEGRAZIONE NUMERICA

15

122

Integrazione numerica

Vengono presentati in questa sezione i metodi dintegrazione numerica dei trapezi e dei
rettangoli per il calcolo approssimato dellintegrale definito di una funzione, e la relativa
stima dellerrore di approssimazione.

15.1

Metodo dei rettangoli

Data una funzione f a integrabile nellintervallo chiuso I = [a, b] e fissato un naturale n > 1, si consideri la suddivisione dellintervallo I in n intervallini contigui I1 =
. Posto yk = f (xk ); si
[x0 , x1 ], . . . , In =]xn1 , xn ], ciascuno dei quali di ampiezza d = ba
n
consideri quindi la funzione a scalino
sn =

n
X

yk Ik ,

k=1

il cui integrale `e
Z
In =
a

baX
sn = (sn ) =
yk .
n k=1

Si ponga ora
Z
I=

f (x) dx,
a

al crescere del numero n di intervalli della suddivisione ci si aspetta che la funzione a


scalino approssimi sempre pi`
u accuratamente landamento della funzione f e quindi che
In converga verso I. Tale fatto risulta senzaltro vero per le funzioni continue. Un grafico
che rappresenta il procedimento sopra descritto `e riportato in figura 36.
y

y=f(x)

f(x4)
f(x )
3

d
a

I4

Figura 36: grafico di f e della funzione a scalino sn

15 INTEGRAZIONE NUMERICA

123

Per valutare la bont`a dellapprossimazione si introduce lerrore di approssimazione E


definito ponendo:
def
E = |I In |.
Per le funzioni continue e derivabili con derivata limitata, cio`e le funzioni per le quali
esiste una costante L1 tale che |f 0 (x)| L1 per ogni x ]a, b[, si pu`o fornire la seguente
stima dellerrore di approssimazione
L1 (b a)2
E
,
2
n
ove

def

L1 = sup f 0 (x),
x]a, b[

pertanto, al tendere di n allinfinito, lerrore di approssimazione, come previsto, tende


a zero con lordine di infinitesimo di 1/n. Come era prevedibile lerrore dipende dalla
costante L1 , che `e tanto maggiore quanto pi`
u accentuato `e il carattere oscillante della
funzione integranda, cosa che rende via via meno accurata lapprossimazione di f con la
funzione a scalino sn a parit`a del numero n di scalini.
La dimostrazione della validit`a della stima dellerrore `e abbastanza semplice. Innanzitutto
occorre ricavare una stima delloscillazione della funzione f . Per il teorema di Lagrange,
per ogni coppia u1 , u2 I, esiste un qualche ]a, b[ tale che
f (u2 ) f (u1 )
= f 0 (),
u2 u1
da cui discende

|f (u2 ) f (u1 )|
= |f 0 ()|,
|u2 u1 |

che equivale a
|f (u2 ) f (u1 )| = |f 0 ()||u2 u1 |.
Se |f 0 (x)| L1 , loscillazione dei valori della funzione f pu`o essere stimata da
|f (u2 ) f (u1 )| L1 |u2 u1 |.

(14)

Si osservi ora che applicando (14) nel kesimo intervallino si pu`o scrivere |yk f (x)|
L1 (xk x), cio`e
L1 (xk x) f (x) yk L1 (xk x).
Si osservi che la precedente relazione si pu`o esprimere dicendo che, relativamente alla
striscia individuata dallintervallino kesimo, il grafico y = f (x) `e compreso tra le due
rette passanti per il punto (xk , yk ) aventi coefficienti angolari L1 e L1 , come illustrato
nella figura 37.
Integrando i tre membri nellintervallino Ik , si ottiene quindi
Z xk
1
1
2
L1 d
f (x) dx yk d L1 d2 .
2
2
xk1

15 INTEGRAZIONE NUMERICA

124

yk+L1d
y=f(x)

yk

ykL1d

Ik

Figura 37: stima nel k-esimo intervallino


Considerando la precedente catena di disuguaglianze per ciascuno degli n intervallini e
sommando i corrispondenti membri si ottiene
1
1
n L1 d2 I In n L1 d2 ,
2
2
da cui segue la seguente stima dellerrore di approssimazione
|I In | n

15.2

L1 (b a)2
L1 (b a)2
=
.
2
n2
2
n

Metodo dei trapezi

Data una funzione f a integrabile nellintervallo chiuso I = [a, b] e fissato un naturale n > 1 si consideri la suddivisione dellintervallo I in n intervallini contigui I1 =
. Al posto della fun[x0 , x1 ], . . . , In =]xn1 , xn ], ciascuno dei quali di ampiezza d = ba
n
zione a scalino adottata nel metodo dei rettangoli, ora si cercher`a unapprossimazione del
grafico di f mediante la spezzata che ne congiunge i punti di ascissa x0 , . . . , xn . Posto
yk = f (xk ), la funzione approssimante pu`o essere scritta come segue

y1 ) y0

y
+
(x x0 )
se x I1 ,

d
def
tn (x) = . . .

yn1 + yn yn1 (x xn1 ) se x In .


d
Lintegrale di tn fornisce unapprossimazione dellintegrale di f e da semplici calcoli risulta
Z
In =
a

b a X yk1 ) yk
tn =
,
n k=1
2

15 INTEGRAZIONE NUMERICA

125

che pu`o scriversi anche


n1

ba
In =
n

y0 + yn X
+
yk
2
k=1

!
.

Un grafico che rappresenta il procedimento sopra descritto `e riportato in figura 38.


y

y=f(x)

f(x2)

f(x )
1

d
a

x1

I2

x2

x3

x4

Figura 38: grafico di f e della funzione a trapezi tn


La convergenza a zero dellerrore di approssimazione fornita dal metodo dei trapezi `e
in genere migliore di quella del metodo dei rettangoli allaumentare del numero n dei
sottointervalli della suddivisione. In particolare, per le funzioni continue e derivabili
due volte con derivata seconda limitata in ]a, b[, vale la seguente stima dellerrore di
approssimazione
K (b a)3
,
E = |I In |
12 n2
ove
def
K = sup |f 00 (x)|,
x]a, b[

di per`o non viene qui presentata la laboriosa dimostrazione.

16 INTEGRALE INDEFINITO

16

126

Integrale indefinito

Si introduce in questa sezione il concetto dintegrale definito, che si richiama a quello di


primitiva di una funzione, e quindi al calcolo dellintegrale definito.
Definizione 47 Data una funzione f definita su un intervallo aperto I si dice integrale
indefinito di f linsieme di tutte le primitive della funzione f e lo si indica in simboli con
Z
f (x) dx.
Una prima immediata considerazione discende dal teorema fondamentale del calcolo integrale. Infatti, se f `e continua sullintervallo I e x0 un arbitrario punto di I, allora
lintegrale indefinito di f su I `e dato dalla famiglia di funzioni integrali:
Z x
Fk (x) =
f (x) dx + k, al variare di k R.
x0

16.1

Integrazione di funzioni elementari

Dalle derivate delle funzioni elementari si deducono immediatamente i seguenti integrali


indefiniti
Z
Z
xr+1
1
r
+ k, (r 6= 1)
dx = ln |x| + k,
x dx =
r+1
x
Z
Z
x
x
e dx = e + k,
senx dx = cos x + k,
Z

1
dx = tg x + k,
cos2 x

dx = arcsen x + k.
1 x2

cos x dx = senx + k,
Z

1
dx = arctg x + k,
1 + x2

1
dx = arccos x + k.
1 x2

Le funzioni sotto il segno dintegrale possono avere come dominio di esistenza insiemi che
non sono intervalli. Ad esempio, la funzione x1 che `e definita in R0 . Occorre per`o qui
osservare che, in accordo con la definizione di integrale indefinito, luguaglianza
Z
1
dx = ln |x| + k,
x
individua linsieme di tutte le primitive di x1 definite nellintervallo ] , 0[, oppure linsieme di tutte le primitive definite nellintervallo ]0, +[, ma non linsieme delle funzioni
derivabili su R0 con derivata 1/x.

16 INTEGRALE INDEFINITO

127

Se si volesse estendere la nozione di integrale indefinito considerando tutte le primitive di


1
sul dominio R0 , dovremmo scrivere allora
x
(
Z
ln(x) + k
se x > 0,
1
dx =
x
ln(x) + k 0 se x < 0,
ove k, k 0 sono due costanti arbitrarie in R.

16.2

Integrazione per sostituzione

Analogamente al caso dei limiti, vi sono anche per il calcolo degli integrali due tecniche di cambiamento di variabile, una per la variabile dipendente e una per la variabile
indipendente. Per il cambiamento della variabile dipendente vale:
Teorema 105 (Integrazione con cambiamento della variabile dipendente) Sia F
una primitiva della funzione f definita su un intervallo aperto I e g una funzione derivabile
su un intervallo aperto J a valori in I, allora nellintervallo J si pu`o scrivere:
Z
f (g(x))g 0 (x) dx = F (g(x)) + k.
Dim. La dimostrazione discende immediatamente dalla regola di derivazione delle funzioni composte, infatti si ha che
D[F g(x))] = D[F g(x))] = DF (g(x))g 0 (x) = f (g(x))g 0 (x),
pertanto F g(x) `e una primitiva della funzione integranda, come volevasi dimostrare.
Per effettuare un cambiamento di variabile, nella pratica risulta particolarmente comoda
la notazione dei differenziali qui di seguito presentata.
Se y = g(x) `e una funzione reale derivabile in x, si dicono differenziale di g calcolato in
x, le due equivalenti espressioni
dy = g 0 (x) dx,

dg = g 0 (x) dx.

Tenuto conto di tale definizione, se nellintegrale


Z
f (g(x))g 0 (x) dx,
si effettuano le seguenti sostituzioni formali di variabile dipendente e differenziale
y = g(x),

dy = g(x) dx ,

si trova la seguente uguaglianza formale


Z
Z
0
f (g(x))g (x) dx = f (y) dy,

16 INTEGRALE INDEFINITO

128

che pu`o scriversi anche


Z
Z
0
f (g(x))g (x) dx = f (y) dy = F (y) + k = F (g(x)) + k,
ove F `e una qualunque primitiva di f . In altre parole, senza scendere nei complessi dettagli del significato matematico del differenziale, le sostituzioni effettuate sono equivalenti
allapplicazione del teorema del cambiamento della variabile dipendente sopra presentato,
la cui regola pu`o quindi essere scritta nella forma:

Z
Z

0
f (g(x))g (x) dx =
f (y) dy
.
y=g(x)

Di seguito si presenta un esempio dapplicazione della regola dintegrazione per sostituzione:


Esempio 16 Si risolva seguente integrale indefinito
Z

1
dx.
ex + 1

Si consideri la sostituzione y = ex , il differenziale di g `


e quindi dy = D[ex ] dx = ex dx, pertanto, nella nuova variabile, il
precedente integrale pu`
o essere scritto come
Z

1
ex dx =
(ex + 1)ex



1
dy
.
(y + 1)y
y=ex

Si osservi che questultimo integrale si calcola per scomposizione


Z

1
dy =
(y + 1)y

1
2

1
1

y+1
y


dy =

1
[ln |y + 1| ln |y|] + k,
2

Pertanto, ricordando che y = ex , si ha infine


Z

1
1
1
dx = (ln |ex + 1| ln |ex |) + k = [ln(ex + 1) x] + k.
ex + 1
2
2

Per quanto concerne la sostituzione della variabile indipendente vale:


Teorema 106 (Integrazione con cambiamento della variabile indipendente) Sia
F una primitiva della funzione f definita su un intervallo aperto I e g : J I una funzione biettiva e derivabile su un intervallo aperto J, allora vale la seguente relazione
integrale

Z
Z

0
f (x) dx =
f (g(y))g (y) dy
.
1
y=g

(x)

16 INTEGRALE INDEFINITO

129

Dim. Dal teorema di cambiamento della variabile dipendente, si sa che che


Z
f (g(y))g 0 (y) dy = F (g(y)) + k,
ove F `e una primitiva di f nellintervallo I. Sostituendo y = g 1 (x) si trova quindi

Z

f (g(y))g 0 (y) dy
= F (x) + k,
y=g 1 (x)

e quindi
Z



f (g(y))g (y) dy

f (x) dx,

y=g 1 (x)

come volevasi dimostrare.


Un esempio di applicazione della regola `e il seguente:
Esempio 17 Si risolva seguente integrale indefinito
Z

1
dx.
1+ x

Si consideri la sostituzione x = g(t) = t2 , con t R. Differenziando g si ottiene dx = D[t2 ] dt = 2t dt, pertanto, nella nuova
variabile, il precedente integrale pu`
o essere scritto come

Z
Z

1
2t
dt .
dx =
1+ x
1+t
t= x
Si osservi che questultimo integrale si calcola per scomposizione

Z
Z 
2t
1
dt =
2 1
dt = 2t 2 ln |1 + t| + k,
1+t
1+t
Pertanto, ricordando che t =

x, si ha infine
Z

1
dx = 2 x 2 ln(1 + x) + k.
1+ x

Dalla formula di Newton-Leibniz e dalla regola di sostituzione della variabile dipendente


si ottiene la seguente uguaglianza per gli integrali definiti
Z g(d)
Z d
f (x) dx =
f (g(t))g 0 (t) dt.
g(c)

In particolare, se a, b I sono immagini di qualche elemento di J tramite la funzione g


(questo accade, ad esempio, se g `e biettiva, ma non `e necessario), ovvero esistono , J
tali che a = g() e b = g(), allora si pu`o scrivere
Z b
Z d
f (x) dx =
f (g(t))g 0 (t) dt.
a

16 INTEGRALE INDEFINITO

16.3

130

Integrazione per parti

Siano u e v due funzioni derivabili su I. Allora dalla regola di derivazione del prodotto
uv si ottiene luguaglianza
D[u]v = D[uv] uD[v].
da cui, integrando ambo i membri, si ottiene la relazione integrale
Z
Z
D[u]v dx = uv(x) uD[v] dx.
che, nella compatta notazione differenziale, pu`o anche essere scritta
Z
Z
v du = uv u dv.
Lutilit`a della precedente relazione deriva dal fatto che in alcune circostanze lintegrale
a secondo membro `e pi`
u semplice da calcolare rispetto a quello del primo membro. Si
consideri ad esempio il seguente integrale:
Z
xex dx,
che pu`o evidentemente scriversi anche
Z

xD[ex ] dx.

Utilizzando la regola dintegrazione per parti, si ottiene


Z
Z
Z
x
x
x
x
xD[e ] dx = xe e D[x]dx = xe ex dx = xex ex + k.

17 METODI NUMERICI PER EQUAZIONI

17

132

Metodi numerici per equazioni

In questa sezione vengono presentati alcuni metodi per il calcolo approssimato delle radici
di unequazione del tipo
f (x) = 0,
(15)
con lincognita x vincolata in un intervallo limitato [a, b]; si ricorda che tali radici vengono
anche chiamate zeri della funzione f .
Se la funzione f : [a, b] R `e continua e assume valori di segno opposto sugli estremi, ovvero f (a)f (b) < 0, in virt`
u del teorema degli zeri (58) esiste almeno una radice
dellequazione, ovvero un punto x0 ]a, b[ tale che
f (x0 ) = 0.
Quando un metodo numerico fornisce una stima di una radice `e necessario valutare lentit`a
dellerrore di stima. Pi`
u precisamente, dato un arbitrario > 0, si dir`a che x ]a, b[ `e
unapprossimazione di una radice di 15 con errore di stima inferiore a se `e soddisfatta
la disequazione
|
x | .
(16)
ovvero

x < + .

Verranno proposti tre metodi numerici iterativi per la ricerca degli zeri: il metodo di
bisezione, il metodo delle secanti e il metodo delle tangenti, o di Newton. Il primo richiede
la sola continuit`a della funzione f , mentre gli altri due necessitano di condizioni pi`
u forti
sulla regolarit`a della funzione f , permettendo per`o, a parit`a di errore di stima, una pi`
u
rapida convergenza.

17.1

Metodo di bisezione

Il metodo di bisezione si basa su una reiterata applicazione del teorema degli zeri in
intervalli via via pi`
u piccoli (pi`
u precisamente ciascuno con diametro met`a del precedente,
di qui il nome bisezione) i cui estremi forniscano stime per eccesso e per difetto sempre
pi`
u accurate di uno zero, fino al raggiungimento della precisione desiderata.
Il metodo richiede la semplice continuit`a di f , ipotesi che come si `e gi`a detto garantisce
lesistenza di almeno una radice dellequazione 15. Pi`
u precisamente, affinche sia garantita
la convergenza dellalgoritmo, si richiede:
[IB] f : [a, b] R

una funzione reale continua tale per cui f (a)f (b) < 0.

Si supponga che > 0 sia lerrore di approssimazione con cui si vuole calcolare una19
radice dellequazione.
19

Si noti bene che le ipotesi non garantiscono lunicit`a dello zero.

17 METODI NUMERICI PER EQUAZIONI

133

Per comodit`a si pone


def

a0 = a,
def

b0 = b,
def a0 + b0
x0 =
,
2
I0 = [a0 , b0 ].
Se (b0 a0 ) < 2 unapprossimazione che soddisfa le richieste `e il punto medio x0
dellintervallo iniziale, e in questo caso fortunato lalgoritmo termina al passo k = 0.
Se b0 a0 2 si itera il seguente algoritmo fino allottenimento dellerrore di
approssimazione voluto:
se f (xk1 ) = 0: il punto xk1 `e una radice esatta e lalgoritmo termina
def
restituendo lapprossimazione x = xk1 ;
se f (xk1 )f (ak1 ) < 0: si pone
def

ak = ak1 ,
def

bk = xk1 ,
def ak + bk
xk =
,
2
Ik = [ak , bk ];
se f (xk1 )f (ak1 ) > 0: si pone
def

ak = xk1 ,
def

bk = bk1 ,
def ak + bk
xk =
,
2
Ik = [ak , bk ].
In figura 39 `e riportato uno schema che esemplifica alcune iterazioni successive dellalgoritmo. Si noti che in ciascuno degli intervalli Ik sono soddisfatte le ipotesi del teorema
degli zeri, pertanto in ciascuno di essi esister`a una radice tale che k : Ik .

17 METODI NUMERICI PER EQUAZIONI

134

y=f(x)
y(b)>0

b
x

y(a)<0
x0
x1
x2

I0

I1
I2

Figura 39: metodo di bisezione


` evidente che da uniterazione alla successiva lintervallo Ik in cui cade lo zero viene
E
diviso a met`a, pertanto alla k-esima iterazione dellalgoritmo il diametro di Ik sar`a
def

dk = bk ak =

ba
,
2k

quindi la radice soddisfer`a


| xk | <

ba
dk
= k+1 .
2
2

(17)

Pertanto il valore d2k rappresenta la stima dellerrore di approssimazione della radice


data da xk alliterazione k = 0, 1, . . . , N . A questo punto, fissato N pari al pi`
u piccolo
naturale tale che
ba
< ,
2N +1
tenuto conto della disequazione 17, sempre che non ci simbatta prima in una radice
def
esatta, alla N esima iterazione si ottiene lapprossimazione x = xN avente laccuratezza
richiesta.

17 METODI NUMERICI PER EQUAZIONI

17.2

135

Metodo delle secanti

Il metodo delle secanti richiede ipotesi pi`


u forti della sola continuit`a di f , in particolare pretende che la funzione sia convessa20 . Affinche sia garantita la convergenza
dellalgoritmo, si richiede:
[IS] f : [a, b] R una funzione reale convessa, continua con derivata seconda
continua in ]a, b[ e tale per cui f (a) < 0 e f (b) > 0.
Innanzitutto, si dimostra che nelle ipotesi qui specificate lequazione f (x) = 0 ammette
ununica radice, cio`e che vale:
Teorema 107 Sia f una funzione soddisfacente le ipotesi [IS], allora esiste un unico
valore ]a, b[ tale che f () = 0. Inoltre si ha f 0 (x) > 0 per ogni xi x < b.
Dim. Dato che f `e continua, per il teorema degli zeri, lequazione f (x) = 0 ammetter`a
almeno una radice. Dal teorema 84 sulle funzioni convesse segue necessariamente che
f 00 (x) 0 per ogni x ]a, b[, pertanto f 0 dovr`a essere debolmente crescente in ]a, b[. Ne
discende che esister`a un punto c ]a, b[ tale che
x ]a, c[ f 0 (x) 0,
x ]c, b[ f 0 (x) > 0, .
La funzione f risulta quindi debolmente crescente in [a, c], pertanto f (x) f (a) < 0 per
ogni a x c. Le radici di f (x) = 0 devono pertanto appartenere tutte nellintervallo
]c, b[. Ma in ]c, b[, dato che f 0 > 0, la funzione f risulta crescente e quindi assumer`a il
valore zero esattamente una e una sola volta in un punto che indichiamo con . Infine,
dato che > c, la disequazione f 0 (x) > 0 `e soddisfatta per ogni x .
Sia ora x0 una qualunque approssimazione per difetto di , ovvero tale che f (x0 ) < 0,
e si consideri la corda che congiunge i punti (x0 , f (x0 )) e (b, f (b)) del grafico di f . Per
convessit`a di f , questa corda sta sopra il grafico di f e taglia lasse delle x in un punto di
ascissa x1 tale che > x1 > x0 . Inoltre, dato che lequazione della corda `e
y=

f (x0 ) f (b)
(b x0 )f (x0 ) + f (x0 ),
x0 b

si pu`o quindi scrivere


x1 = x0

b x0
f (x0 ).
f (b) f (x0 )

Il punto x1 cos` costruito `e ancora unapprossimazione per difetto di , e il procedimento


appena descritto pu`o essere reiterato ottenendo stime sempre pi`
u accurate dello zero.
Nella figura 40 `e riportata unesemplificazione del procedimento.
20

Per semplicit`
a qui si considera solo il caso di funzione convessa, ma `e evidente che se f fosse concava
si potrebbe applicare ugualmente il metodo alla funzione f

17 METODI NUMERICI PER EQUAZIONI

136

y=f(x)
y(b)>0

x0

x1 x2

b
x

y(a)<0

Figura 40: metodo delle secanti


Mediante le seguenti equazioni
x0 un qualunque punto in cui f (x0 ) < 0,
b xn
xn+1 = xn
f (xn ) per n 1.
f (b) f (xn )

(18)
(19)

si pu`o quindi definire per ricorsione una successione di punti (xn )n . Questa per costruzione `e monotona crescente e limitata superiormente da , pertanto ammette limite che
indichiamo con x.
Passando al limite nellequazione 21, tenuto conto che per ipotesi f `e continua, si ottiene
x = x

b x
f (
x),
f (b) f (
x)

da cui si deduce che f (


x) = 0, e quindi x = . Dunque
lim xn = .

n+

Per la stima dellerrore del metodo delle secanti si rimanda alle considerazioni conclusive
della sezione successiva che `e dedicata al metodo delle tangenti.

17 METODI NUMERICI PER EQUAZIONI

17.3

137

Metodo delle tangenti

Il metodo delle tangenti si applica nelle stesse condizioni del metodo delle secanti, ovvero
nellipotesi che:
[IT] f : [a, b] R una funzione reale convessa, continua con derivata seconda
continua in ]a, b[ e tale per cui f (a) < 0 e f (b) > 0.
Si descrive ora lalgoritmo per la costruzione di unapprossimazione per eccesso dellunica21
soluzione dellequazione f (x) = 0.
Sia x0 una qualunque approssimazione per eccesso di , ovvero tale che f (x0 ) > 0, e si
consideri la tangente al grafico di f nel punto (x0 , f (x0 )). Per convessit`a di f , questa
retta tangente deve stare sotto il grafico f e tagliare lasse delle x in un punto di ascissa
x1 tale che < x1 < x0 . Inoltre, dato che lequazione della tangente `e
y = f 0 (x0 )(x x0 ) + f (x0 ),
si pu`o scrivere
f (x0 )
.
f 0 (x0 )
Il punto x1 cos` costruito `e ancora unapprossimazione per eccesso di , e il procedimento
appena descritto pu`o essere reiterato per ottenere approssimazioni pi`
u accurate. Nella
figura 41 `e riportata unesemplificazione del procedimento.
Mediante le seguenti equazioni
x1 = x0

x0 un qualunque punto in cui f (x0 ) > 0,


f (xn )
xn+1 = xn 0
per n 1.
f (xn )

(20)
(21)

si pu`o quindi definire per ricorsione una successione di punti (xn )n . Questa successione `e
monotona decrescente e limitata inferiormente da , pertanto ammette limite x. Passando
al limite nellequazione 21, tenuto conto che per ipotesi f e f 0 sono continue, si ottiene
x = x

f (
x)
,
0
f (
x)

da cui si deduce che f (


x) = 0, e quindi x = . Dunque
lim xn = .

n+

In genere la convergenza del metodo delle tangenti `e pi`


u rapida rispetto a quella del metodo di bisezione, ma non si dispone in questo caso di espressioni semplici per stimare
lerrore in funzione del numero di iterazioni dellalgoritmo. Nella pratica, per stimare
lerrore di approssimazione si usare la seguente regola: indicato con lerrore di approssimazione desiderato, se per un qualche n si ha f (xn + 2) < 0, allora il teorema degli
zeri garantisce che la radice x sar`a compresa nellintervallo ]xn , xn + 2[, pertanto alla
successiva iterazione si avr`a che |xn+1 x| < .
21

La dimostrazione dellesistenza ed unicit`a della radice `e svolta nella sezione sul metodo delle secanti.

y(b)>0

y=f(x)

a
y(a)<0

b
x2 x1

x0

Figura 41: metodo delle tangenti

A TEOREMI SULLE FUNZIONI CONTINUE

139

Teoremi sulle funzioni continue

Vengono riportate in questa appendice le dimostrazioni dei principali risultati sulle funzioni continue definite su intervalli e su insiemi compatti.

A.1

Teorema sulle funzioni continue definite in intervalli

Teorema 108 Una funzione continua di variabile reale a valori reali manda intervalli in
intervalli.
Dim. Sia f : I R una funzione continua su I intervallo della retta reale. Occorre
provare che linsieme f (I) = {f (x) R | x I } `e un intervallo. Si procede per assurdo
nel seguente modo. Si supponga che f (I) non sia un intervallo.
y
Esisteranno
pertanto
due
immagini
f (x1 ), f (x2 ) f (I) e un terzo punto non
appartenente allimmagine di f che vi cade
y=f(x)
in mezzo, cio`e tale che f (x1 ) < < f (x2 );
f(x )
2
la situazione `e rappresentata nella figura ac
canto. Inoltre, si pu`o supporre senza perdita
f(x1)
di generalit`a che sia x1 < x2 . Definiamo ora
i seguenti insiemi
def

A = {x [x1 , x2 ] | f (x) },

I
x1

def

B = {x [x1 , x2 ] | f (x) }.

x2

` immediato costatare che A e B sono non vuoti, disgiunti (dato che non `e elemento
E
dellimmagine f (I)) e A B = {x [x1 , x2 ] | f (x) o f (x) } = [x1 , x2 ]. Sia ora
def

w = sup A.
Tale punto w appartiene necessariamente allintervallo chiuso [x1 , x2 ] pertanto sar`a elemento di A o elemento di B. Se si supponga che w A, e quindi sia il massimo elemento
di A, ne consegue che nellintervallo considerato ogni x maggiore di w dovr`a appartenere
a B, pertanto B conterr`a lintervallo ]w , x2 ]. Infatti, se cos` non fosse dovrebbe esistere
a A con a > w, in contraddizione col fatto che w `e una limitazione superiore di A.
Ricordando la definizione di B, per x ]w , x2 ] si ha f (x) , quindi, passando al limite
di f (x) per x w+ , che esiste e coincide con f (w) essendo f continua, si ottiene
f (w) = lim+ f (x) .
xw

Da ci`o segue per`o che w `e elemento di B, in contrasto con il fatto che A e B sono
disgiunti. Viceversa, se si suppone che w sia elemento di B, con un analogo ragionamento
si prova che se x [x1 , w[ segue f (x) . Considerando questa volta il limite di f (x) per

A TEOREMI SULLE FUNZIONI CONTINUE

140

x w si ottiene la disequazione f (w) , che porta alla contraddizione che w risulta


simultaneamente elemento di A e B. Il teorema `e quindi dimostrato.
Teorema 109 Se una funzione suriettiva f : I J definita su un intervallo I a valori
in un intervallo J `e monotona in senso debole o forte allora essa `e anche continua.
Dim. Per semplicit`a si dimostrer`a il teorema solo nel caso in cui f `e debolmente crescente.
Si consideri innanzitutto il caso in cui x `e interno allintervallo. Si definisca ora
def

def

A = {f (x) | x < x} e B = {f (x) | x > x}.


Gli insiemi A e B sono non vuoti e disgiunti. Si ponga ora
def

a = sup A,

def

b = inf B.

Poiche f `e crescente dovr`a essere A f (


x) B, pertanto a f (
x) b . Se si

assumesse per assurdo che a 6= b allora nellintervallo ]a , b [, sottoinsieme dellintervallo


J, lunico valore eventualmente assunto dalla funzione sarebbe f (
x), in contrasto lipotesi

di suriettivit`a. Dunque deve essere a = b = f (


x). Per un noto risultato sui limiti delle
funzioni monotone vale:
lim f (x) = a , lim+ f (x) = b ,
x
x

x
x

pertanto limite destro e sinistro in x coincidono con f (


x), la qual cosa prova la continuit`a
di f in x.
Nel caso in cui x `e lestremo sinistro (risp. destro) di I si procede in modo simile, per`o
definendo a (risp. b ) con il valore assunto dalla funzione in x. Con i medesimi argomenti
usati sopra si deduce che se x x+ (risp. x x ) allora f (x) f (
x). Ci`o conclude la
dimostrazione.

A.2

Teorema di Weierstrass e continuit`


a uniforme sui compatti

Limpalcatura della dimostrazione del teorema di Weierstrass si regge su un noto risultato


topologico dei numeri reali:
Teorema 110 (Teorema di Bolzano) Ogni sottoinsieme infinito e limitato della retta
reale ammette un punto di accumulazione.
Dim. Sia X un sottoinsieme infinito e limitato di R. Detto I0 un qualunque intervallo
limitato contenente X, si ripartisca tale intervallo come unione disgiunta di due intervalli
di uguale diametro. Almeno uno di questi due sottointervalli di I0 conterr`a infiniti punti di
X, e indichiamo tale intervallo con I1 . Il medesimo ragionamento pu`o essere ripetuto su I1
e cos` via fino a costruire una successione di intervalli incapsulati I0 I1 In . . .
aventi la propriet`a che ciascuno ha diametro la met`a del precedente e contiene infiniti

A TEOREMI SULLE FUNZIONI CONTINUE

141

punti di X. Si indichino con A e B linsieme degli estremi inferiori e rispettivamente


degli estremi superiori degli intervalli I0 , I1 , . . . , In , . . . ; questi insiemi sono chiaramente
non vuoti e separati (A B), pertanto, per lassioma di completezza dei numeri reali,
esister`a un reale x che li separa, cio`e tale che A x B. Viene provato ora che x `e di
accumulazione per X. Sia un arbitrario reale positivo, occorre provare che esiste almeno
un punto x X diverso da x soddisfacente la disequazione
|x x| < .

(22)

I diametri dn della sequenza di intervalli sono una successione geometrica di ragione 21


convergente a zero, pertanto `e possibile trovare un intervallo In con diametro dn < 2 .
Chiaramente x `e elemento di ciascun intervallo della sequenza, compreso In , pertanto se
x `e un elemento qualunque di In dovr`a essere

|x x| < dn = 2 = ,
2
ma tra gli elementi di In ve ne sono infiniti che appartengono a X, pertanto ve n`e almeno
uno diverso da x che soddisfa la disequazione 22, come volevasi dimostrare.
Per rendere pi`
u comprensibile la dimostrazione del teorema di Weierstrass `e conveniente
introdurre il concetto di sottosuccessione di una data successione, quindi un piccolo e utile
lemma.
Definizione 48 Data una successione {xn }n e una funzione crescente k 7 nk da N in
N, si dice sottosuccessione di (o successione estratta da) {xn }n la successione k 7 xnk ,
che viene indicata in simboli con {xnk }k .

Lemma 111 Se una successione (xn )n ammette un punto di accumulazione x allora da


essa pu`o essere estratta una sottosuccessione {xnk }k convergente a x.
Dim. Si definisca per ogni k N



nk = min n N |xn x| <

1
k+1


e n > nk1 .

Viene lasciata al lettore volenteroso la facile dimostrazione che, essendo x di accumulazione, la successione k 7 nk `e crescente, con la propriet`a che xnk converge a x come richiesto
dallenunciato.

A TEOREMI SULLE FUNZIONI CONTINUE

142

Segue la dimostrazione del Teorema di Weierstrass:


Teorema 112 (Teorema di Weierstrass) Ogni funzione continua definita su un sottoinsieme compatto della retta reale ammette massimo e minimo.
Dim. Sia f : X R una funzione continua su un sottoinsieme X chiuso e limitato di
R. Verr`a dimostrata solo la parte del teorema che riguarda lesistenza di una massimo
per la funzione f , essendo laltra parte del tutto analoga. Si supponga per assurdo che
linsieme immagine f (X) non abbia un massimo e si indichi con s lestremo superiore dei
valori di f (X). Lestremo superiore potr`a essere finito o infinito. Nel caso in cui s `e finito,
tale punto esso dovr`a essere necessariamente di accumulazione per f (X), pertanto potr`a
essere costruita una successione (xn )n in X tale per cui
1
, per ogni n N.
f (xn ) s
n+1
Linsieme dei valori della successione {xn X | n N} `e necessariamente infinito e
limitato, pertanto per il teorema di Bolzano esso ammetter`a un punto di accumulazione x
che dovr`a appartenere necessariamente ad X, essendo questo un insieme chiuso. In virt`
u
del lemma 111 si pu`o costruire una sottosuccessione xnk convergente a x soddisfacente
1
f (xnk ) s
, per ogni k N.
nk + 1
Facendo tendere k allinfinito, in virt`
u della continuit`a di f e della crescenza di k 7 nk ,
dalla precedente disequazione si ottiene
f (
x) s,
in contraddizione con lipotesi di aver assunto che s fosse estremo superiore, ma non
massimo dellinsieme immagine f (X).
Se invece si assume che limmagine sia superiormente illimitata, procedendo in modo
simile al precedente caso, si potr`a costruire una successione (xk ) convergente ad un punto
x di X tale per cui f (xk ) k per ogni k N. Dato che f `e continua, passando al limite
per k si ottiene una contraddizione dal fatto che f (
x) dovrebbe essere maggiore di
qualunque numero reale. Ci`o conclude la dimostrazione del teorema.
Dal teorema di Weierstrass si ottiene il seguente teorema che rappresenta la chiave di
volta nella dimostrazione dellintegrabilit`a delle funzioni continue:
Teorema 113 Sia f funzione reale continua sul dominio D. Se D `e compatto allora f `e
uniformemente continua.
Dim. Si procede per assurdo supponendo che esista un reale > 0 tale per cui qualunque
sia22 = n1 con n N0 esistano due punti xn e yn in D tali che
|xn yn |
22 `

1
n

|f (xn ) f (yn )| > .

(23)

E evidente che negando luniforme continuit`a di f si pu`o scegliere a piacimento tra i reali positivi,
in particolare anche nella forma n1 , che risulta particolarmente utile per estrarre delle successioni di punti
in D a cui applicare il teorema di Bolzano-Weierstrass.

A TEOREMI SULLE FUNZIONI CONTINUE

143

In virt`
u della compattezza di D dalla due successioni possono essere estratte due sottosuccessioni convergenti in D che indichiamo con: xnk e ynk . Queste dovranno necessariamente
convergere ad un medesimo valore limite x0 D, poiche |xnk ynk | n1k . Per continuit`a
di f in x0 , si pu`o determinare un k sufficientemente grande affinche per ogni k > k si
abbia
|f (xnk ) f (
x)| < /2 e |f (ynk ) f (
x)| < /2,
da cui segue
|f (xnk ) f (ynk )| = |f (xnk ) f (
x) f (ynk ) + f (
x)|
|f (xnk ) f (
x)| + |f (ynk ) f (
x)| < /2 + /2 = ,
in contraddizione con leq. 23. Ci`o prova luniforme continuit`a di f .

B TEOREMI SULLE FUNZIONI CONVESSE

145

Teoremi sulle funzioni convesse

Una caratterizzazione operativa della convessit`a `e data da:


Proposizione 114 Sia f funzione reale definita su un intervallo I. La funzione f `e
convessa se e solo se per ogni coppia x1 , x2 e ogni , 0 tali che + = 1 si ha
f (x1 + x2 ) f (x1 ) + f (x2 ).
` intuitivo comprendere che lepigrafico Ef risulta convesso se e solo se per ogni
Dim. E
coppia P1 , P2 di punti del grafico di f si ha [P1 , P2 ] Ef . In sostanza, la convessit`a
dellepigrafico pu`o essere studiata guardando ai soli punti che delimitano lepigrafico dal
basso, ovvero con i punti del grafico di f . La dimostrazione formale id questa fatto viene
lasciata al lettore volenteroso.
Siano ora x1 < x2 due punti qualunque di I e , 0 due reali tali che + = 1. Si
def
osservi che il reale x = x1 + x2 appartiene necessariamente allintervallo [x1 , x2 ]. Si
indichino con P1 e P2 i punti del grafico di f di ascissa x1 e x2 , rispettivamente. Il punto
Q(x, f (x1 ) + f (x2 )) risulta invece il punto di ascissa x del segmento [P1 , P2 ].
y
Pertanto la disequazione
f (x1 + x2 ) f (x1 ) + f (x2 ),
f(x1)

pu`o scriversi anche f (xQ ) yQ , ci`o equivale


ad affermare che Q appartiene allepigrafico
di f . Dato che al variare di e il punto x
assume tutti i valori dellintervallo [x1 , x2 ], e
quindi anche Q assume tutti i punti del segmento [P1 , P2 ], la relazione equivale allinclusione [P1 , P2 ] Ef . Tenuto conto che in base
allosservazione iniziale `e sufficiente verificare
la convessit`a per quella tipologia di segmenti,
il teorema `e dimostrato.

P1
y=f(x)
Q

f(x1)+ f(x2)

f(x2)
f( x + x )
1
2
x2

x1+ x2

La convessit`a di una funzione pu`o essere ricondotta alla monotonia del suo rapporto
incrementale. Vale infatti:
Teorema 115 Sia f funzione reale su un intervallo I. Si ha che f `e convessa se e solo
se il rapporto incrementale a partire da un qualunque punto x0 I, negli intervalli in cui
I viene diviso da x0 risulta una funzione debolmente crescente.
Dim. Sia x0 I e si indichi con J uno dei due intervalli in cui I viene diviso da x0 .
Senza perdita di generalit`a si pu`o supporre che J sia lintervallo dei due avente x0 come
estremo inferiore; infatti la funzione x 7 f (x) ha epigrafico simmetrico rispetto allasse

B TEOREMI SULLE FUNZIONI CONVESSE

146

y rispetto a quello di f , per cui luno `e convesso se e solo se `e convesso laltro. La funzione
rapporto incrementale R `e definita ponendo per ogni x J
def

R(x) =

f (x) f (x0 )
.
x x0

Si supponga per assurdo che R(x) non sia debolmente crescente, cio`e `e vero se e solo se
esistono due punti x1 < x2 I tali che R(x1 ) > R(x2 ), disequazione che pu`o scriversi
anche
f (x1 ) f (x0 )
f (x2 ) f (x0 )
>
.
x 1 x0
x2 x0
Sia ora
x1 x0
=
,
x2 x0
con tale posizione, dalla precedente disequazione, moltiplicando per (x2 x0 ) > 0 i suoi
membri, si ottiene equivalentemente
f (x1 ) f (x0 ) > (f (x2 ) f (x0 )),
cui corrisponde
f (x2 ) + (1 )f (x0 ) < f (x1 ).
Posto = 1 , e osservato che x1 = x0 + x2 , la precedente equivale a
f (x2 ) + f (x0 ) < f (x0 + x2 ),
in contraddizione con la caratterizzazione di convessit`a trovata nella proposizione 114.
Evidentemente tutte le implicazioni del ragionamento valgono anche in senso inverso,
pertanto si `e cos` dimostrato il teorema.
Dal precedente teorema, nel caso in cui f `e derivabile, si ottiene la seguente utilissima
caratterizzazione della convessit`a:
Teorema 116 Sia f funzione reale derivabile su un intervallo aperto I. Si ha che f `e
convessa se e solo se la derivata f 0 `e una funzione debolmente crescente.
Dim. Sia I =]a, b[ intervallo aperto eventualmente illimitato. Per ogni punto x0 I si
indichi con Rx0 il rapporto incrementale a partire da x0 . Dato che f `e derivabile, ogni
rapporto incrementale Rx0 pu`o essere esteso per continuit`a in x0 assegnandogli il valore
f 0 (x0 ). In tal caso, dal teorema precedente si deduce che f `e convessa se e solo se, per
ogni fissato x0 I, il rapporto incrementale (esteso per continuit`a in x0 ) Rx0 `e continuo
e debolmente crescente su tutto I.
Si supponga ora che f sia convessa. Se x1 , x2 sono due punti qualunque di I tali che
x1 < x2 , occorre dimostrare che f 0 (x1 ) f 0 (x2 ). Siano ora z, w tali che x1 < z < w < x2 .

B TEOREMI SULLE FUNZIONI CONVESSE

147

Dalla monotonia dei rapporti incrementali, e dal fatto che se x 6= y si ha Rx (y) = Ry (x),
si ottengono le le relazioni
Rx1 (z) = Rz (x1 ) Rz (z) Rw (z) = Rz (w) Rz (x2 ) = Rx2 (w),
dalle quali si ha
Rx1 (z) Rx2 (w).

Passando al limite nella precedente per z x+


1 e w x1 , tenuto conto che in ogni punto
derivata destra e sinistra sono uguali, si ottiene f 0 (x1 ) f 0 (x2 ).
Si supponga ora f 0 sia debolmente crescente su I. Preso un qualunque x0 in I si prover`a
ora che Rx0 `e debolmente crescente. A tale scopo si scelga una qualunque coppia di punti
x1 , x2 in I tali che x1 < x2 . Il punto x0 potr`a essere interno allintervallo individuato da
x1 e x2 , oppure esterno. Dato che i tre casi vanno trattati in modo simile, qui ci si occupa
della dimostrazione nel caso in cui x1 < x0 < x2 . Applicando il teorema di Lagrange agli
intervalli [x1 , x0 ] e [x0 , x2 ], si deduce lesistenza di due punti ]x1 , x0 [ e ]x0 , x2 [ tali
che

Rx0 (x1 ) =

f (x1 ) f (x0 )
= f 0 ()
x1 x0

Rx0 (x2 ) = Rx2 (x0 ) =

f (x2 ) f (x0 )
= f 0 ().
x2 x0

La derivata f 0 `e debolmente crescente, dunque f 0 () f 0 (). Il rapporto incrementale


Rx0 dovr`a quindi soddisfare la relazione
Rx0 (x1 ) Rx0 (x2 ).
Ci`o conclude la seconda parte della dimostrazione.

C TEOREMI DELLINTEGRAZIONE ELEMENTARE

149

Teoremi dellintegrazione elementare

Proposizione 117 (Linearit`


a dellintegrale definito) Siano f e g integrabile su [a, b],
, R due numeri reali arbitrari, allora la funzione f + g `e integrabile su I e
Z b
Z b
Z b
(f + g) =
f +
g.
a

Dim. Si lascia al volenteroso lettore la semplice prova che la propriet`a di linearit`a vale
per le funzioni a scalino, ovvero che
(u + w) = (u) + (w),
per ogni coppia di funzioni a scalino u e w a supporto in [a, b].
R
Verr`a dimostrato innanzitutto che se f `e integrabile allora anche f `e integrabile e f =
R
` facile
f . Senza perdita di generalit`a ci si pu`o limitare al caso in cui > 0. E

comprendere che s S (f ) se e solo se s S (f ), e, analogamente, s S (f ) se


e solo se s S (f ). Tenuto conto di queste equivalenze e del fatto che per una
qualunque funzione a scalino s e ogni reale , come si `e sottolineato inizialmente, deve
essere (s) = (s), si deduce che
(f ) = (f ) e (f ) = (f ).
Pertanto se (f ) e (f ) formano una coppia di classi contigue allora lo formano anche
(f ) e (f ) e lelemento separatore di questultima coppia, cio`e lintegrale di f in
I, soddisfer`a luguaglianza
Z
Z
f =

f.

Per dimostrareR la tesi sar`aR quindi


R sufficiente provare che se f e g sono integrabili lo `e
anche f + g e (f + g) = f + g. A tale scopo si prenda un qualunque reale > 0, e
si scelgano due funzioni a scalino u S (f ) e u S (f ) tali per cui (u ) (u ) < 2
e altre due funzioni a scalino w S (g) e w S (g) tali per cui (w ) (w ) < 2 .
Posto s = u + w e s = u + w , si ha
s = u + w f + g

e f + g u + w = s ,

dunque s S (f + g) e s S (f + g). Per la linearit`a dellintegrale sulle funzioni a


scalino, segue la relazione
(s ) (s ) = (u ) + (w ) (u ) + (w ) < ,
da cui si deduce il fatto che S (f + g) e S (f + g) formano una coppia di classi contigue.
Dato che
Z
(u ) f (u )

C TEOREMI DELLINTEGRAZIONE ELEMENTARE

150

g (w ),

(w )

sommando membro a memebro i termini delle due catene di disequazioni si avr`a


Z
Z
(s ) f + g (s ),
da cui si deduce che lelemento separatore di S (f + g) e S (f + g), cio`e lintegrale di
f + g, soddisfa
Z
Z
Z
(f + g) = f + g,
come volevasi dimostrare.
Proposizione 118 (Monotonicit`
a dellintegrale definito) Siano f e g integrabile su
[a, b], se f g allora
Z b
Z b
g.
f
a

Dim. Siano f e g integrabile su I = [a, b]. In virt`


u del teorema sulla linearit`a dellintegrale
definito, la funzione h definita ponendo h = f g risulta integrabile su I. Poiche f g,
segue h 0, dunque la funzione reale costantementeR nulla, 0 : x 7 0, risulta elemento
b
di S (f ). Ne consegue che 0 = (0) sup (f ) a h. Pertanto, ricordando ancora il
teorema di linearit`a summenzionato, segue
Z b
Z b
Z b
(f g) =
f
g 0,
a

che equivale a
Z

Z
f

g,
a

come volevasi dimostrare.


Proposizione 119 Sia f integrabile su [a, b], allora |f | risulta anchessa integrabile e
sussiste la relazione
Z b Z b



f
|f |.

a

Dim. La dimostrazione del fatto che |f | sia integrabile `e piuttosto macchinosa e qui, per
semplicit`a, se ne omettono i dettagli. Lidea generale `e la seguente. Date due funzioni
definite in I con g h e g h si considerino le funzione definite ponendo
def

g h(x) = max{g(x), h(x)},


per ogni x I.

def

e g h(x) = max{g(x), h(x)},

C TEOREMI DELLINTEGRAZIONE ELEMENTARE

151

Una propriet`a delle operazioni e `e che se si prendono due qualunque funzioni a


scalino u , w S (f ) allora u w S (f ) e, analogamente, se u , w S (f ) allora
u w S (f ). Con un po di calcoli, da queste considerazioni si pu`o dedurre che se f
e g sono due funzioni integrabili allora lo sono anche le funzioni f g e f g.
Ora, se f `e integrabile lo `e anche f , in virt`
u del teorema di linearit`a dellintegrazione
definita, e quindi `e integrabile anche la funzione f f , che coincide proprio con |f |.
La reazione integrale dellenunciato `e invece diretta conseguenza della disequazione |f |
f |f |, da cui, per il teorema di monotonia dellintegrale definito, segue
Z

|f |,
a

cio`e

Z
f

|f |

Z b Z b




f
|f |,


a

come volevasi dimostrare.


Teorema 120 Se una funzione integrabile su un intervallo I viene arbitrariamente ridefinita in uno numero finito di punti del suo dominio, allora rimane integrabile in I, con
integrale immutato.
Dim. Sia f una funzione integrabile su I e f la funzione ottenuta da f ridefinendone i
valori y1 = f (x1 ), . . . , yn = f (xn ) assunti nei punti x1 , . . . , xn con i nuovi valori y1 , . . . , yn .
Se s e s sono due funzioni a scalino tali che s f s , allora le funzioni definite
ponendo
(
(
f( x) x {x1 , . . . , xn },
f( x) x {x1 , . . . , xn },
,
e s (x) =
s (x) =
s (x) altrimenti.
s (x) altrimenti.
sono anchesse a scalino, ed essendo ottenute modificando un numero finito di punti,
dovranno valere la seguente uguaglianze per le loro somme
(
s ) = (s ) e (
s ) = (s ).
Inoltre, per costruzione, vale la relazione
s f s ,
ne consegue in particolare che
(f ) = (f) e (f ) = (f).
Poiche le classi delle somme superiori ed inferiori di f coincidono con quelle di f , la tesi
`e provata.

C TEOREMI DELLINTEGRAZIONE ELEMENTARE

152

Teorema 121 Se f `e integrabile sullintervallo chiuso I = [a, b] allora risulta integrabile


in un qualunque sottointervallo chiuso di I. Inoltre, se (c, d) `e un qualunque sottointervallo di I (con estremi indifferentemente chiusi od aperti), la funzione (c, d) f risulta
integrabile in I e sussiste luguaglianza
Z d
Z b
(c, d) f =
f.
a

Dim. Si dimostrer`a innanzitutto che (c, d) f `e integrabile su [a, b]. Sia un arbitrario
reale positivo, per lintegrabilit`a di f esisteranno due funzioni a scalino e sigma tali
che f e |( ) ( )| < . Si osservi che le restrizioni di funzioni a scalino
sono ancora funzioni a scalino, pertanto
= (c, d) ,
= (c, d) risultano funzioni
a scalino con supporto in (c, d) tali che
(c, d) f
, inoltre sussistono le seguenti
disuguaglianze
|(
) (
)| |( ) ( )| < ,
che provano lintegrabilit`a di (c, d) f . La seconda parte della tesi `e semplice e viene lasciata
al lettore volenteroso.
Teorema 122 (Addittivit`
a dellintegrale definito) Sia f integrabile su [a, b], e sia
c un punto interno allintervallo. Allora f risulta integrabile sui sottointervalli [a, c] e
[c, b] e vale la seguente relazione
Z

f.

f+

f=
a

Dim. La funzione f pu`o essere scomposta come segue


f = [a,c] f + ]c,b] f.
Per il teorema 121 le funzioni [a,c] f e ]c,b] f risultano integrabili in I, inoltre, applicando
la linearit`a dellintegrale definito, si ottiene
Z b
Z b
Z b
f (x) dx =
[a,c] (x)f (x) dx +
]a,c] (x)f (x) dx,
a

e infine, sempre per il teorema 121, segue


Z b
Z c
Z b
f (x) dx =
f (x) dx +
f (x) dx,
a

come volevasi dimostrare.


Vale un risultato pi`
u generale del precedente teorema a cui premettiamo la seguente
definizione.

C TEOREMI DELLINTEGRAZIONE ELEMENTARE

153

Definizione 49 Dato un intervallo I = [a, b], una qualunque sequenza di intervalli non
vuoti I1 , . . . , In , eventualmente degeneri, a due a due disgiunti e tali che
n
[

Ik = I,

k=1

formano quella che si dice suddivisione dellintervallo I.


Proposizione 123 Data una una funzione f limitata definita sullintervallo chiuso I =
[a, b] e una suddivisione di I negli intervalli non degeneri I1 , . . . , In , si ha che f risulta
integrabile in I se e solo se risulta integrabile nella chiusura Ik di ciascuno degli intervallini
Ik , e inoltre sussiste luguaglianza
Z
n Z
X
f.
f=
I

k=1

Ik

Teorema 124 Se f `e una funzione continua su un intervallo chiuso I eccetto un insieme


finito di punti in cui ammette discontinuit`a di tipo salto, cio`e nei quali esistono finiti i
limiti destro e sinistro, allora f risulta integrabile su I.
Dim. La tesi pu`o essere derivata dal teorema 123, ma qui se ne vuole fornire una dimostrazione diretta nel caso di un unico punto di discontinuit`a. La generalizzazione a un
numero finito di discontinuit`a `e del tutto ovvia. Innanzitutto, essendo la discontinuit`a in c
di tipo salto, `e possibile definire su [a, c] e [c, b] due funzioni, qui indicate rispettivamente
con f1 e f2 che coincidono con f nei punti interni dei relativi intervalli di definizione e
siano continue anche negli estremi di tali intervalli. Tali funzioni risultano integrabili,
pertanto, fissato un arbitrario > 0, si pu`o trovare due funzioni a scalino u e u con
supporto in [a, c] tali che u f1 u e (u ) (u ) < /2 e due funzioni a scalino
w e w con supporto in [c, b] tali che w f2 w e (w ) (w ) < /2. Si consideri
quindi le funzioni a scalino s e s ottenute ponendo s = u + w e s = u + w ; eventualmente ridefinendole nel solo punto c di modo che s (c) f (c) e s (c) f (c), si avr`a
che s f s e
(s ) (s ) = [(u ) + (w )] [(u ) (w )] = [(u ) (u )] + [(w ) (w )] < .
ci`o prova che (f ) e (f ) sono classi contigue il cui unico elemento separatore `e
lintegrale di f esteso ad [a, b] e si ha inoltre
Z b
Z c
Z b
f=
f1 +
f2 ,
a

che, in virt`
u della proposizione 121, pu`o scriversi anche
Z b
Z c
Z b
f=
f+
f.
a

D FORMULARIO

D
D.1

155

Formulario
Propriet`
a di esponenziali e logaritmi

Per ogni coppia di basi a, b > 0, e di esponenti x, y R valgono le seguenti propriet`a


1.

a0 = 1,

2.

ax ay = ax+y ,

3.

(ax )y = axy ,

4.

ax bx = (ab)x ,

5.

ax = 1/ax = (1/a)x ,

6.

(a/b)x = ax /bx .

+
Per ogni coppia di basi a, b R+
0 r {1}, e di argomenti x, y R valgono le seguenti
propriet`a

1.

loga 1 = 0,

2.

loga x + loga y = loga xy,

3.

x
loga x loga y = loga ,
y

4.

k loga x = loga xk

5.

loga x =

D.2

per ogni k R,

loga x
.
loga b

Formule trigonometriche

Teoremi fondamentali
sen 2 x + cos2 x = 1,

tg x =

senx
,
cos x

ctg x =

cos x
.
senx

Archi associati
Angoli opposti

Angoli supplementari

Angoli antisupplementari

sen() = sen
cos() = cos
tg () = tg

sen( ) = sen
cos( ) = cos
tg ( ) = tg

sen( + ) = sen()
cos( + ) = cos()
tg ( + ) = tg ()

D FORMULARIO

Formule di addizione e sottrazione


sen( + ) = sen cos + sen cos

sen( ) = sen cos sen cos

cos( + ) = cos cos sen sen


tg ( + ) =

156

cos( ) = cos cos + sen sen

tg + tg
1 tg tg

tg ( ) =

tg tg
1 + tg tg

Formule di duplicazione e bisezione


2

sen(2) = 2 sen cos

sen

cos(2) = cos2 sen 2

cos2

tg (2) =

2 tg +
1 tg 2

tg



2


2

2

1 cos
2

1 + cos
2

sen
1 cos
=
1 + cos
sen

Formule di prostaferesi
+

cos
2
2
+

sen sen = 2 cos


sen
2
2
+

cos + cos = 2 cos


cos
2
2

+
sen
cos cos = 2 sen
2
2
sen + sen = 2 sen

Formule parametriche

, per ogni 6= k si ha
Posto t = tg
2
2t
1 t2
sen =
,
cos

=
,
1 + t2
1 + t2

D.3

tg =

2t
.
1 t2

Relazioni nei triangoli

Teorema dei seni

a
b
c
=
=
= 2Rc ,
sen
sen
sen
ove Rc `e il raggio della circonferenza
circoscritta al triangolo.

D FORMULARIO

157

Teorema delle proiezioni


a = b cos + c cos ,
b = a cos + c cos ,
c = a cos + b cos .
Teorema del coseno
a2 = b2 + c2 2bc cos ,
b2 = a2 + c2 2ac cos ,
c2 = a2 + b2 2ab cos .
Area del triangolo
ab sen
bc sen
ac sen
=
=
,
2
2
2
p
A = p(p a)(p b)(p c)
(Formula di Erone),
A = pRI ,
abc
A=
,
4RC
A=

ove p `e il semiperimetro e RI e RC sono, rispettivamente, i raggi delle circonferenze


inscritta e circoscritta al triangolo.

D FORMULARIO

D.4

Limiti fondamentali
lim

x0

senx
=1
x

1 cos x
=0
x0
x
lim

lim

x0

arcsen x
=1
x


x
1
lim 1 +
= e,
x
x
ln(x + 1)
= 1,
x0
x

x
a
lim 1 +
= ax ,
x
x
lim

lim

x0

tg x
=1
x

1 cos x
1
=
2
x0
x
2
lim

lim

x0

arctg x
=1
x


 x1
lim 1 + x
= e,

x0

ex 1
= 1,
x0
x
lim

ax 1
= ln a,
x0
x
lim

x0

ln x
= 0 (c > 0),
x+ xc

ex
= + (c),
x+ xc

lim xc ln x = 0 (c > 0),


lim

lim

lim xc ex = 0 (c).

158

D FORMULARIO

D.5

159

Calcolo differenziale
Derivate elementari

Regole di derivazione

Dk = 0,

Dkf (x) = kDf (x)

Dxa = axa1 ,

D[f (x) + g(x)] = f 0 (x) + g 0 (x),

D senx = cos x,

D[f (x)g(x)] = f 0 (x)g(x) + f (x)g 0 (x),

D cos x = senx,

f 0 (x)g(x) f (x)g 0 (x)


f (x)
=
,
D
g(x)
g 2 (x)

D tg x =

1
= 1 + tg 2 x,
cos2 x

D ctg x =
D loga x =

1
= 1 ctg 2 x,
2
sen x

1
,
x ln a

D arcsen x =

1
,
1 x2

D arccos x =

1
,
1 x2

1
,
1 + x2

D arcctg x =

D[f n (x)] = f 0 (x)f n1 (x),


D ln |f (x)| =

f 0 (x)
,
f (x)

Def (x) = f 0 (x)ef (x) ,

Dax = ax ln a,

D arctg x =

D[f (g(x))] = f 0 (g(x))g 0 (x),

1
,
1 + x2

D FORMULARIO

D.6

160

Calcolo integrale
Integrali elementari

xc+1
+k
x dx =
c+1
c

Z
(c 6= 1),

Z
senx dx = cos x + k,

1
dx = tg x + k,
cos2 x

cos x dx = senx + k,
Z

ctg x dx = ln | senx| + k,
Z

e dx = e + k,
Z

1
dx = ctg x + k,
sen 2 x

Z
tg x dx = ln | cos x| + k,

1
dx = ln |x| + k,
x

dx = arcsen x + k,
1 x2


Z

1
x
2
a2 x2 dx =
a arcsen
+ x a2 x2 + k,
2
|a|
Z
1
1
x

dx = arctg + k,
2
2
a
a
a +x
Z
 x 
1


dx
=
ln
tg
+ k,
sen 2 x
2
Z
1
sen 2 x dx = (x senx cos x) + k,
2

ax dx =

a2

ax
+ k,
ln a

x
1
dx = arcsen
+k
2
|a|
x

1
dx = arctg x + k,
1 + x2

1
dx = ln |x + x2 a2 | + k
x 2 a2

 x 
1


dx
=
ln
+
tg
+k
cos2 x
2 4

1
cos2 x dx = (x + senx cos x) + k.
2

D FORMULARIO

161

Regole dintegrazione
Z

Z
kf (x) dx = k

f (x) dx,

Z
(f (x) + g(x)) dx =

f (x)f 0 (x) dx =

Z
f (x) dx +

f +1 (x)
+k
+1

f 0 (x)
dx = ln |f (x)| + k,
f (x)

ef (x) f 0 (x) dx = ef (x) + k,

con 6= 1,

Z
u(x) dv(x) = u(x)v(x)

g(x) dx,

v(x) du(x),

f (u(x))u0 (x) dx = F (u(x)) + k

ove

f (x) dx = F (x) + k