You are on page 1of 5

http://www.comune.venezia.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.

php/L/IT/IDPagina/1386

Indicazioni di percorso:
TU

LEI

VOI

Vai

Vada

Andate

Gira

Giri

Girate

Attraversa

Attraversi

Attraversate

Entra

Entri

Entrate

Esci

Esca

Uscite

Prendi

Prenda

Prendete

Lasci

Lascia

Lasciate

Sali

Salga

Salite

Scendi

Scenda

Scendete

Via, Strada, Isolato, Traversa, Strisce, Piazza, Rione (barrio),
Punti di riferimento
La via, il vicolo, la strada, l’autostrada, la traversa, il ponte, il semaforo, l’angolo, l’incrocio.
La piazza, il monumento, la statua, l’orologio, il semaforo, la fontana, il sottoportico.
L’edificio, il palazzo, il negozio, l’isolato, il parco, il giardino.

La questura, il vigile urbano, i pompieri.
Il teatro, la stazione, il cinema, il museo, il bar, la tabaccheria, il benzinaio.
Il museo, il duomo, la chiesa.
L’albergo, l’hotel, la pensione, la discoteca.
Il ristorante, la pizzeria, la paninoteca, l’enoteca, il bar, il caffé.
La libreria, la cartoleria, la posta, la scuola, la banca, il bancomat, l’edicola.
Il negozio d’abbigliamento, la calzoleria, il magazzino.
Il fornaio, la pasticceria, la gelateria, il mercato, il macellaio, il fruttivendolo, la salumeria.
L’ambulatorio, l’ospedale, la farmacia.
La fermata, il metrò, l’aeroporto, la tangenziale (periferico).

Frasi
Scusi, mi potrebbe dire come arrivare a…
Scusi, sa dove si trova….
Come ci arrivo a…
Come faccio ad arrivare a…
Come arrivo a…
Ci vuole molto per….
Scusi, è molto lontano il…
Come posso arrivare a…
Mi sa dire che autobus devo prendere per…

Ringraziare
La ringrazio
Grazie
Grazie tante
Grazie mille
Molto gentile

UBICARE UNA COSA NELLO SPAZIO
Dove si trova?
A destra
A sinistra
Su
Giù

Davanti

Dietro

Vicino

Lontano

Accanto o di fianco (al lado)

Avverbi di luogo
Qui, qua, lì, là, su, giù, lassù, laggiù, vicino, lontano, dietro, di fronte a, davanti, accanto, a fianco
di, attraverso, avanti, attorno, dentro, fuori, dritto/diritto, fino a, in fondo, lungo, sopra-sotto,
verso, di fronte a, tramite (attraverso)

http://www.venice-tourism.com/Venice-Tourism/Itinerari-Culturali/San-Marco-e-i-suoi-segreti.html

San Marco e i suoi segreti

San Marco e i suoi segreti Il sestiere di San Marco è il nucleo originale della città. Detto anche Rivoalto (da
cui deriva il nome Rialto), è delimitato dal Canal Grande ...

...dal Bacino di San Marco (su cui si affaccia la Piazza ) e dai sestieri di Castello e Cannaregio. Fa parte
del sestiere anche l’Isola di San Giorgio (raggiungibile tramite il servizio di trasposto pubblico).

È collegato a San Polo tramite il Ponte di Rialto e a Dorsoduro con il ponte dell’Accademia.

Quest’area della città ha una storia millenaria, ed è stato sempre il fulcro della vita economica politica e
religiosa della città. Per questo motivo è la zona di Venezia più ricca di storia e di opere d’arte.

Cominceremo il nostro tour partendo da Piazza San Marco, sebbene si possano creare molti anzi moltissimi
percorsi tematici al suo interno.
Piazza San Marco è delimitata dalle procuratie, dando le spalle alla Basilica a sinistra abbiamo le
Procuratie Vecchie (costruite a partire dal XII secolo), a destra le Procuratie Nuove (risalenti alla seconda
metà del ‘500 e di fronte vi è l’ala Napoleonica (che ospita il Museo Correr), edificata nel corso
dell’Ottocento dopo che Napoleone fece radere al suolo la Chiesa di San Gimignano.
Sempre sulla destra, all’inizio delle procuratie Nuove, si erge la Torre dell’Orologio, recentemente
restaurata.

Nella Piazza sorge il Campanile di San Marco, aperto al pubblico, alla cui sommità si può godere di una
favolosa vista di tutta la città. La costruzione moderna risale al 1912, fu infatti ricostruito dopo il suo crollo
del 1902.

La Basilica di San Marco, detta anche Basilica Marciana, è il più noto esempio di architettura bizantina in
Italia. Fu da sempre cappella Ducale (infatti è tutt’oggi collegata al Palazzo Ducale ) e quindi è sempre
stata il fulcro delle vicende storiche della città fin dai tempi della Serenissima. Qui venivano consacrati i
Dogi, benedetti i condottieri ed i capitani prima di partire in guerra ed è stato teatro di vicende storiche
importantissime.
La prima Chiesa dedicata a San Marco (costruita sui resti di una chiesa palatina) risale all’828, costruita
per conservare le reliquie di San Marco (*)trafugate (secondo la tradizione) ad Alessandria d’Egitto da due
mercanti veneziani.
La basilica attuale risale ad un’altra costruzione, consacrata nel 1094. Nel corso dei secoli successivi la
basilica venne decorata ed arricchita di sculture, mosaici, la facciata fu rifatta in marmo, colonne e
quant’altro, fino a divenire il gioiello che tutti adesso possono ammirare. Molte delle opere che vennero
aggiunte sono bottini di guerra. Lì esempio più famoso è dato dalla Quadriga, dei quadrati di bronzo dorato
e argentato (*) raziati a Costantinopoli durante una crociata. Anche i Tetrarchi (una statua di porfido rosso
del III secolo raffigurante due cesari e due augusti) è un bottino di guerra, proviene dal saccheggio di
Costantinopoli del 1204.

Proseguendo non si può che rimanere rapiti dall’imponenza e dalla bellezza di Palazzo Ducale.
Capolavoro gotico, era la sede del Doge e delle magistrature veneziane. Oggi è sede dell’omonimo museo
civico.
Il palazzo è il risultato di diverse costruzioni / ricostruzioni. Il primo edificio, un castello in stile bizantino,
risale al IX secolo (e probabilmente venne eretto su delle costruzioni risalenti all’epoca romana). Venne
riedificato nel 1577 dopo un incendio.

Vi consigliamo se ne avete il tempo di visitare il palazzo, magari prendendo parte alla visita guidata
Itinerari Segreti (solo su prenotazione): potrete visitare delle parti del Palazzo inaccessibili al resto del
pubblico.
Da menzionare poi le Colonne di San Marco e San Teodoro (sormontate dai rispettivi Patroni della città),
all’ingresso di Piazza San Marco sul lato del Bacino di San Marco (verso cui sono rivolte). Le due colonne
assieme alla mole di Palazzo Ducale e alla Libreria Marciana costituiscono l’accesso monumentale a chi
accede a Piazza San Marco dal mare.

Dall’Ala Napoleonica della Piazza si arriva in Calle Larga XXII Marzo, all’inizio della quale vi è la Chiesa di
San Moisè (risalente al 1668) al cui interno sono conservati diversi dipinti del XVII e XVIII secolo, fra cui la
Lavata dei Piedi di Tintoretto.

Proseguendo si raggiunge Campo Santo Stefano, da cui si può arrivare all’Accademia e a Palazzo Grassi
(che ospita mostre di rilevanza internazionale).

Sempre nel sestiere di San Marco sono da menzionare il Teatro la Fenice, principale teatro lirico di Venezia
progettato nel 1790 da Gian Antonio Selva. Fu distrutto da un incendio ben due volte: la prima nel 1836 e
la seconda nel 1996.

Meritano sicuramente una visita anche la zona adiacente al Ponte di Rialto e a Campo San Bartolomeo, a
circa 10 minuti a piedi da Piazza San Marco. Qui sorge il Fondaco dei Tedeschi , una costruzione
imponente affacciata sul Canal Grande, di fianco al Ponte di Rialto, una volta centro del commercio fra la
Serenissima e il popolo alemanno (specializzati nella lavorazione del cuoio e delle calzature).

Attorno alla zona di San Marco si trovano le più famose boutique del mondo: Gucci, Prada, Louis
Vuitton, Valentino, Cartier, etc. Quindi se siete in vacanza con moglie o fidanzata, armatevi di pazienza,
sarà un lunga giornata!!!

Lo sapevate che…
Nel XIV secolo i venditori di vino di Piazza San Marco si difendevano dal sole "rincorrendo" l’ombra del
campanile. Da questa usanza nasce il nome "ombra" per indicare un calice di vino.

Related Interests