You are on page 1of 495

progetto

didattica in rete
progetto
didattica in rete

Elementi di Analisi
funzionale e complessa
Luciano Pandolfi

Politecnico di Torino, settembre 2004


Dipartimento di Matematica

otto editore

ELEMENTI DI ANALISI FUNZIONALE E


COMPLESSA
L UCIANO PANDOLFI

D IPARTIMENTO DI M ATEMATICA
P OLITECNICO DI TORINO

Luciano Pandolfi
Elementi di Analisi funzionale e complessa

Prima edizione settembre 2004


C 2004, OTTO editore Torino

mail@otto.to.it
http://www.otto.to.it
vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuato,
compresa la fotocopia, anche ad uso interno o didattico, non autorizzata.

INDICE

1. Le funzioni olomorfe
1.1.

Richiami sui numeri complessi . . . . . . . . . . . . . .

1.1.1 Radici nme di numeri complessi . . . . . . . . . . .

13

1.1.2 Esponenziale, logaritmo, formule di Eulero . . . . . .

14

1.2.

Limiti e continuit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

17

1.2.1 Derivata e integrale di funzioni da R in C . . . . . . .

18

1.3.

Curve nel piano complesso . . . . . . . . . . . . . . . .


R2

R2

20

1.4.

Funzioni da

e funzioni da C in C . . . . . . . .

22

1.5.

La derivata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

26

1.5.1 Esempi di funzioni olomorfe e formule di derivazione

29

in

1.5.2 Osservazione sui teoremi fondamentali . . . . . . .


del calcolo differenziale" . . . . . . . . . . . . . . .

33

1.5.3 La matrice jacobiana e le funzioni olomorfe . . . . .

34

1.5.4 Serie di potenze e serie di Laurent . . . . . . . . . . .

37

1.6.

Funzioni olomorfe e trasformazioni conformi . . . . . .

42

1.6.1 La rappresentazione delle funzioni olomorfe . . . . .

44

1.7.

Integrale di curva di funzioni olomorfe . . . . . . . . . .

47

1.8.

Il teorema di Cauchy . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

50

1.9.

Primitive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

52

1.9.1 Curve equipotenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . .

55

1.9.2 Il caso della funzione z z . . . . . . . . . . . . . .

56

1.9.3 La funzione logaritmo e le potenze . . . . . . . . . .

57
1

1.10. Indice e omotopia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

60

1.11. Convergenza uniforme sui compatti . . . . . . . . . . .

67

1.12. La formula integrale di Cauchy

. . . . . . . . . . . . .

69

1.12.1 La propriet della media . . . . . . . . . . . . . . .

71

1.12.2 Funzioni olomorfe rappresentate mediante integrali .

72

1.13. Analiticit delle funzioni olomorfe . . . . . . . . . . . .

74

1.13.1 Funzioni armoniche . . . . . . . . . . . . . . . . . .

75

1.13.2 Zeri e estensioni di funzioni olomorfe . . . . . . . .

77

1.14. Teorema di Morera e principio di riflessione . . . . . . .

81

1.15. Teoremi di Weierstrass e di Montel . . . . . . . . . . . .

84

1.16. Massimo modulo e teorema di Liouville . . . . . . . . .

87

1.17. Le singolarit isolate . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

92

1.18. Formula di Laurent . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

98

1.19. Singolarit e zeri ad infinito . . . . . . . . . . . . . . . .

103

1.20. Il metodo dei residui

. . . . . . . . . . . . . . . . . . .

106

1.20.1 Calcolo di integrali impropri . . . . . . . . . . . . .

107

1.20.2 Il Principio dellargomento . . . . . . . . . . . . . .

112

1.20.3 I teoremi di Hurwitz e Rouch e della mappa aperta .

113

1.21. Trasformazioni conformi . . . . . . . . . . . . . . . . .

119

1.21.1 Il teorema di Riemann . . . . . . . . . . . . . . . . .

125

1.22. Monodromia e polidromia . . . . . . . . . . . . . . . .

128

1.22.1 Punti di diramazione di funzioni olomorfe . . . . . .

128

1.22.2Funzioni analitiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

130

2. Funzioni armoniche

135

2.1.

Funzioni armoniche e funzioni olomorfe . . . . . . . . .

135

2.2.

Propriet della media e teorema di Gauss . . . . . . . . .

137

2.3.

Il problema di Dirichlet . . . . . . . . . . . . . . . . . .

139

2.3.1 La formula di Poisson . . . . . . . . . . . . . . . . .

141

3. La trasformata di Laplace

145

3.1.

Definizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

145

3.2.

Propriet della trasformata di Laplace . . . . . . . . . .

147

3.3.

Trasformata di Laplace, derivata ed integrale . . . . . . .

150

3.4.

Alcune trasformate fondamentali . . . . . . . . . . . . .

154

3.5.

Il problema dellantitrasformata

. . . . . . . . . . . . .

155

3.5.1 Antitrasformata di funzioni razionali . . . . . . . . .

155

4. Misura e integrazione secondo Lebesgue

157

4.1.

Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

157

4.2.

Anelli ed algebre di insiemi . . . . . . . . . . . . . . . .

159

4.3.

Misure di insiemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

162

4.4.

Insiemi misurabili secondo Lebesgue . . . . . . . . . . .

167

4.4.1 Insiemi limitati e misurabili secondo Lebesgue . . . .

168

4.4.2 Insiemi illimitati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

173

4.5.

Insiemi nulli e propriet che valgono quasi ovunque . . .

174

4.6.

Funzioni misurabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

176

4.7.

Integrale di Lebesgue . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

181

4.7.1 Lintegrale delle funzioni semplici . . . . . . . . . .

181

4.7.2 Lintegrale delle funzioni positive . . . . . . . . . . .

183

4.7.3 Funzioni integrabili . . . . . . . . . . . . . . . . . .

186

4.7.4 Integrale ed insiemi nulli . . . . . . . . . . . . . . .

187

4.8.

Integrale di Lebesgue ed integrale di Riemann . . . . . .

188

4.9.

Limiti di successioni di funzioni e integrale . . . . . . .

191

4.10. Disuguaglianze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

196

L p ()

. . . . . . . . . . . . . .

205

. . . . . . . . . . . . . . .

207

4.11.1 Convoluzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

208

4.12. Estensioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

210

4.13. La funzione integrale su R . . . . . . . . . . . . . . . .

211

4.13.1Estensioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

213

4.10.1Le relazioni tra spazi

4.11. I teoremi di Fubini e Tonelli

5. Spazi di Banach
5.1.

215

Introduzione allanalisi funzionale . . . . . . . . . . . .

215

5.1.1 Lequazione Ax = . . . . . . . . . . . . . . . . . .

216

5.1.2 Lequazione x Ax = y . . . . . . . . . . . . . . .

220

5.1.3 Lequazione di Fredholm a nucleo degenere . . . . .

221

5.1.4 Lequazione di prima specie . . . . . . . . . . . . . .

223

5.1.5 Ricapitolazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

224

5.2.

Spazi lineari normati . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

225

5.2.1 Dimostrazioni posposte . . . . . . . . . . . . . . . .

231

5.3.

Spazi prodotto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

235

5.4.

Gli esempi principali di spazi di Banach . . . . . . . . .

237

5.4.1 Gli esempi di spazi lineari normati . . . . . . . . . .

237

5.4.2 Le dimostrazioni della completezza . . . . . . . . . .

242

5.4.3 Teorema del doppio limite . . . . . . . . . . . . . . .

249

5.5.

Sottospazi di spazi lineari normati . . . . . . . . . . . .

252

5.5.1 Identit approssimate e dimostrazione . . . . . . . .


del teorema di Weierstrass . . . . . . . . . . . . . . .

254

La compattezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

258

5.6.1 Dimostrazioni posposte . . . . . . . . . . . . . . . .

260

5.6.
5.7.

Operatori lineari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

265

5.7.1 Propriet geometriche degli operatori lineari . . . . .

266

5.7.2 La continuit degli operatori lineari . . . . . . . . . .

270

5.7.3 Funzionali lineari continui ed iperpiani . . . . . . . .

275

5.7.4 Lo spazio L(X, Y ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

278

5.7.5 Inversi di un operatore . . . . . . . . . . . . . . . . .

284

5.8.

Il teorema di Baire e le sue conseguenze . . . . . . . . .

289

5.8.1 Proiezioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

295

5.8.2 Appendice: Applicazioni . . . . . . . . . . . . . . .

298

5.8.3 Dimostrazioni posposte . . . . . . . . . . . . . . . .

303

5.9.

Lo spazio duale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

307

5.9.1 Applicazioni: Insiemi convessi . . . . . . . . . . . .

312

5.9.2 Applicazioni: Funzioni convesse . . . . . . . . . . .

316

5.9.3 Dimostrazioni posposte . . . . . . . . . . . . . . . .

319

5.10. Convergenza debole e debole stella . . . . . . . . . . . .

328

5.10.1Dimostrazioni posposte . . . . . . . . . . . . . . . .

339

5.11. Esempi di spazi duali . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

341

5.11.1 Relazione tra le convergenze debole e debole stella .

352

5.12. Lo spettro di un operatore . . . . . . . . . . . . . . . . .

353

5.12.1 Proiezioni spettrali . . . . . . . . . . . . . . . . . .

362

5.13. Trasformazioni non lineari . . . . . . . . . . . . . . . .

368

5.13.1 Teorema delle contrazioni e applicazioni . . . . . . .

368

5.13.2 I differenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

373

6. Spazi di Hilbert
6.1.

377

Prodotto interno e norma . . . . . . . . . . . . . . . . .

377

6.1.1 Esempi di prodotti interni e di spazi di Hilbert . . . .

382

6.2.

Teorema delle proiezioni . . . . . . . . . . . . . . . . .

384

6.3.

Complementi ortogonali e proiezioni ortogonali . . . . .

389

6.3.1 Sistemi ortonormali e calcolo di proiezioni . . . . . .

393

6.3.2 Serie di Fourier astratte . . . . . . . . . . . . . . . .

397

6.4.

Il duale di uno spazio di Hilbert . . . . . . . . . . . . . .

399

6.5.

Loperatore aggiunto di un operatore tra spazi di Hilbert .

401

6.5.1 Laggiunto di un operatore limitato . . . . . . . . . .

403

6.5.2 Operatori aggiunti ed operatori chiusi . . . . . . . . .

404

6.5.3 Operatori da H in s; operatori autoaggiunti . . . . .

407

6.5.4 Dimostrazioni posposte . . . . . . . . . . . . . . . .

409

6.6.

Operatori compatti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

412

6.6.1 Lo spettro degli operatori compatti . . . . . . . . . .

417

6.6.2 Operatori compatti tra spazi diversi. Valori singolari .

419

6.6.3 Propriet geometriche degli autovalori e valori singolari

422

6.6.4 Operatori compatti ed equazioni integrali di Fredholm

425

6.6.5 Dimostrazioni posposte . . . . . . . . . . . . . . . .

427
5

7. Distribuzioni e trasformata di Fourier


7.1.

La trasformata di Fourier di funzioni . . . . . . . . . . .

441

7.2.

Le propriet della trasformata di Fourier . . . . . . . . .

443

7.2.1 Il teorema di Riemann-Lebesgue . . . . . . . . . . .

444

7.3.

Lantitrasformata di Fourier . . . . . . . . . . . . . . . .
L 2 (R

447

7.4.

La trasformata di Fourier su

) . . . . . . . . . . .

451

7.5.

Lo spazio S e il suo duale . . . . . . . . . . . . . . . .

455

7.6.

La trasformata di Fourier su S  . . . . . . . . . . . . . .

459

7.6.1 Le operazioni sulle distribuzioni . . . . . . . . . . . .

464

7.6.2 Operazioni e trasformata di Fourier . . . . . . . . . .

467

7.6.3 Convoluzione di distribuzioni . . . . . . . . . . . . .

468

7.7.

441

Il caso delle funzioni di pi variabili . . . . . . . . . . .

474

LENS est lun des meilleurs estabilissements de France


pour les estudes littraires. On y entre pour apprendre
penser et non pas pour apprendre communiquer.
Arthur Muller, primo classificato al concorso 2003 per
lammissione allENS, Le Figaro, 23.07.03

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

1.1.

R ICHIAMI

SUI NUMERI COMPLESSI

E nota la definizione seguente del campo dei numeri complessi:

gli elementi del campo sono le coppie di numeri reali,





y
x
2
2

z = (x, y) = x + y
,
x2 + y 2
x2 + y 2

= x2 + y 2 (cos , sin ) .
Si sa che il numero
=


x2 + y 2

si chiama modulo del numero complesso z mentre si chiama argomento di z.


Il modulo del numero complesso z si indica col simbolo |z|.
Largomento di z identificato a meno di multipli di 2 se z = (0, 0). Ogni
si considera argomento di (0, 0).
Se z = (0, 0) e [, ), allora unico e si chiama argomento principale
di z.
Per indicare largomento principale di z si usa il simbolo Arg (con liniziale
maiuscola),
Arg z .
9

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

2.5

3.5

2
y

3
y

(a+c)+i(b+d)

2.5

1.5
r

c+id

1.5

0.5

r
1

0
x

0.5
a+ib

0.5

0.5
0.5

0.5

1.5

2.5

3.5

1
1

0.5

0.5

1.5

Fig. 1.1. Le operazioni.

Loperazione di addizione tra numeri complessi si definisce per componenti:


se z = (x, y) e w = (a, b) allora si definisce
z + w = (x + a, y + b) .
Loperazione di moltiplicazione definita come segue: se z = (cos , sin ),
w = r(cos , sin ) allora
zw = r (cos( + ), sin( + )) .
E immediato verificare che il risultato non varia sommando multipli di 2 a
oppure a .

E noto, e facile da verificare, che in questo modo si definisce un campo, che si chiama

campo dei numeri complessi. Si sa inoltre che se z = (x, y) e w = (a, b) allora si ha


zw = (xa yb, xb + ya) .
Invece, non esiste una rappresentazione semplice per la somma in coordinate polari.
Le operazione sono rappresentate nella figura 1.1.
Il campo dei numeri complessi si indica col simbolo C.
Ricordiamo che se z = (x, y), il numero (x, y) si indica col simbolo z e si chiama
il coniugato di z. Si vede facilmente che
10

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

|z|2 = zz .
Lelemento neutro rispetto alladdizione (0, 0) mentre quello rispetto alla moltiplicazione (1, 0). Invece il numero complesso i = (0, 1), che si chiama unit

immaginaria, ha la seguente propriet:


i2 = ii = (1, 0) .

Osservazione 1.1. In molti testi, specialmente di ingegneria, si definisce i


mediante luguaglianza i 2 = 1. Ci ambiguo, perch questequazione ha le due
soluzioni i e i.
Notiamo ora che
z = (x, y) = (x, 0)(1, 0) + (y, 0)(0, 1)
e che la trasformazione da R in C che ad x fa corrispondere il numero (x, 0) un
omomorfismo (i numeri complessi (x, 0) si chiamano anche numeri complessi reali ).
Ci suggerisce di rappresentare ogni numero complesso z = (x, y) come segue: se
y = 0 invece di scrivere (x, 0) si scrive semplicemente x e invece di scrivere (0, 1) si
scrive i. In questo modo,
z = (x, y) = (x, 0)(1, 0) + (y, 0)(0, 1) = 1x + iy
e, sottintendendo 1, si trova la rappresentazione
z = x + iy
che si chiama la rappresentazione algebrica dei numeri complessi. Si chiama invece

rappresentazione trigonometrica la rappresentazione

cos

z = x2 + y 2 (cos + i sin )

sin

x
x2 +y 2

y
x2 +y 2

Si calcola facilmente che lopposto di z = x + iy rispetto alla moltiplicazione, ossia


il numero che si indica col simbolo
11

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

1
1
=
,
z
x + iy
il numero
x iy
z
= 2.
2
2
x +y
|z|
Con la notazione trigonometrica, lopposto di
z = r(cos + i sin )

1
1
1
= (cos() + i sin()) = (cos i sin )
z
r
r
(si noti che lultima espressione scritta una rappresentazione algebrica ma non una
rappresentazione trigonometrica del numero 1/z).
Il numero reale x si chiama la parte reale di z = x + iy mente il numero reale y si
chiama la parte immaginaria di z = x + iy. Essi si indicano con i simboli
e z ,

Im z .

Notiamo infine: un argomento di un prodotto la somma degli argomenti; un


argomento di un quoziente la differenza tra largomento del numeratore e
quello del denominatore.

Osservazione 1.2. Va notato esplicitamente che le affermazioni precedenti valgono


pur di scegliere un opportuno argomento. Non valgono per largomento principale.
Infatti, se z = w = i, Arg zw = mentre invece Arg z + Arg w = +.

Interpretazione fisica delle operazioni


E utile vedere le relazioni tra le operazioni introdotte tra i numeri complessi e le leggi
della fisica. Per laddizione ci facile: essa corrisponde alladdizione di vettori,
fatta componente per componente. La moltiplicazione si incontra invece estendendo
la legge di Ohm alle correnti alternate.
12

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

Va inoltre notato che quando (x, y) ed (x  , y  ) sono due vettori del piano, ad essi si
associano:
il prodotto scalare xx  + yy  ;
il prodotto vettoriale, che un vettore di R 3 , uguale a (xy  x y)k.
I due numeri (xx  + yy  ) e xy  x y si ritrovano calcolando il prodotto zw con
z = x + iy, w = x + iy  :
zw = (xx + yy  ) + i(xy  x y).

1.1.1 Radici nme di numeri complessi


Sia z un numero complesso. Si chiamano radici nme di z i numeri w tali che w n = z.
Se z = 0 si vede subito che c una sola radice nma, w = 0. Invece, ogni z = 0 ha
n radici nme. Se
z = r(cos + i sin )

ciascuno dei numeri






+ 2k
+ 2k
n
r cos
+ i sin
n
n

verifica w n = z, qualunque sia il numero intero (positivo o meno) k. E facile vedere


per che soltanto i valori di k
k = 0,1,... ,n 1
danno valori distinti. Dunque z = 0 ha esattamente n radici nme le quali sono vertici
di un poligono regolare di n lati e appartengono alla circonferenza di centro 0 e raggio

n
|z|.
Ciascuna delle funzioni
f (z) = |z|1/n ei(Argz+2k/n)
si chiama una determinazione della radice nma.
13

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

1.1.2 Esponenziale, logaritmo, formule di Eulero


Si definisce
ez = ex+iy = ex eiy
dove ex il valore noto dai corsi relativi alle funzioni di variabile reale mentre e iy
ancora da definire. Si definisce
eiy = cos y + i sin y .
In questo modo,
ez = ex+iy = ex (cos y + i sin y) .

1.1

Dunque, la rappresentazione trigonometrica


r(cos + i sin )
si pu anche scrivere come
elog r+i .
Si vede immediatamente che, se y = 0, allora e z = ex+i0 = ex + i0, numero
complesso reale e, usando le formule di trigonometria, si vede subito che vale
ez+w = ez ew .
Vale inoltre:

x+iy

= ex .
In particolare, lequazione e z = 0 non ha soluzioni.
La funzione esponenziale ha sul piano complesso una propriet inattesa: la funzione
ez periodica di periodo 2i.
Dalla 1.1 seguono immediatamente le formule dEulero
cos y =

14

eiy + eiy
,
2

sin y =

eiy eiy
.
2i

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

Queste suggeriscono di estendere le funzioni trigonometriche al piano complesso,


definendo
cos z =

eiz + eiz
,
2

sin z =

eiz eiz
.
2i

Si suggerisce di risolvere le equazioni


cos z = w ,

sin z = w

rispetto a z notando che ambedue le funzioni cos z e sin z sono suriettive (e quindi
in particolare illimitate).
Conviene ora introdurre il logaritmo di numeri complessi. Sia z = 0. I logaritmi
(in base e) di z sono quei numeri w tali che e w = z. Si rappresenti z in forma
trigonometrica,
z = r(cos + i sin )
e w in forma algebrica,
w = x + iy .
Allora, w un logaritmo di z quando
ex (cos y + i sin y) = r(cos + i sin ) .
Questo avviene se
x = log r ,

y = + 2k

con k numero intero qualsiasi. Dunque, ogni numero complesso non nullo ha infiniti
logaritmi (e quindi, la funzione e w prende ogni valore non nullo):
log z = log |z| + i arg z
ove arg z uno qualsiasi degli argomenti di z e log |z| il logaritmo del numero reale
|z| definito nei corsi precedenti.
La non unicit del logaritmo dipende dal fatto che esso definito come inverso di una
funzione periodica.
15

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

Si chiama logaritmo principale di z il numero


Log z = log |z| + iArg z
(si noti luso delliniziale maiuscola).
Dunque, ciascuna delle funzioni
log z = log |z| + i(2k + Argz)

1.2

verifica
z = elog z=log |z|+i(2k+Argz) .
Per questa ragione, si dice che ciascuna delle funzioni in 1.2 una determinazione del
logaritmo.
Definito il logaritmo, facile definire le potenze z ad esponente qualsiasi, reale
o complesso. Se = 0 si pone z 0 = 1 (salvo il caso z = 0. Al simbolo 0 0 non si
attribuisce significato). Altrimenti si definisce
z = elog z .
Si vede facilmente che se intero positivo, = n, si ritrova z n ; se = 1/n si
ritrovano le radici nme. In generale per la potenza ha infiniti valori.
Si calcolino per esercizio le potenze i i , 1i , (1)i individuando la cardinalit
dellinsieme dei loro valori.

Osservazione importante
Abbiamo notato che vale la formula
ez+w = ez ew .
La formula corrispondente,
log zw = log z + log w
vale, ma va interpretata come uguaglianza di insiemi.
Se A e B sono insiemi di numeri complessi, definiamo
A + B = {a + b ,

16

a A , b B} .

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

Notiamo ora che


log zw = log |zw| + i (arg(zw) + 2k)
= log |z| + log |w| + i (arg z + arg w + 2k)
= {log |z| + i (arg z + 2n)} + {log |w| + i (arg w + 2m)} = log z + log w .
La formula corrispondente NON vale se si intende di lavorare con i logaritmi
principali, come mostra lesempio seguente:

Esempio 1.3. Il logaritmo principale di i


Log i = i/2
e
2Log i = i .
Invece,
Log(1) = Log(i2 ) = i = 2Log i .

1.2.

L IMITI

E CONTINUIT

La funzione
z |z|
una norma su C (limmediata verifica si lascia per esercizio) e quindi possibile
definire una topologia su C, introducendo gli intorni . Lintorno di z 0 di raggio r
linsieme
{z | |z z0 | < r} .
Geometricamente si tratta di un disco (privato della circonferenza) di centro z 0 e
raggio r.
Definiti gli intorni, e quindi la topologia, ovvia la definizione di limite di una
successione (zn ): si dice che lim zn = z0 quando per ogni  > 0 esiste N  tale
che per ogni n > N  vale
|zn z0 | <  .
17

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

Sia zn = xn + iyn , z0 = x0 + iy0 . Si provi per esercizio che lim z n = z0 se e solo se


lim xn = x0 e anche lim yn = y0 .
Si lascia per esercizio di adattare la definizione di limite e di continuit nota dal corso
di topologia al caso delle funzioni da R in C, da C in R e da C in C.
Per esercizio, si mostri che sono continue le seguenti funzioni:
z z,

z |z| ,

z e z ,

z Im z ,

z z .

1.3

Di conseguenza sono continui tutti i polinomi. Si studi invece la continuit della


funzione
z Arg z ,
mostrando che questa continua salvo che nei punti dellasse reale negativo.

Osservazione 1.4. Di conseguenza, anche le determinazioni del logaritmo sono


continue in tutti i punti, salvo quelli dellasse reale negativo. Asserto analogo vale
per le determinazioni della radice nma.

1.2.1 Derivata e integrale di funzioni da R in C


Sia t z(t) = x(t) + iy(t) una funzione definita su un intervallo (a, b) e sia t 0
(a, b). Ovviamente, definiremo
z  (t0 ) = lim

h0

z(t0 + k) z(t0 )
= x (t0 ) + iy  (t0 ) .
h

Vediamo due esempi:

Esempio 1.5. Sia = a + ib un numero complesso e sia


z(t) = x(t) + iy(t) = et = eat (cos bt + i sin bt) .
Si verifica immediatamente che
x (t) = ax(t) by(t) ,
18

y  (t) = ay(t) + bx(t)

1.4

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

e quindi
z  (t) = ax(t) by(t) + i[ay(t) + bx(t)] = (a + ib)(x(t) + iy(t)) = et .
Si ritrova quindi lusuale formula di derivazione dellesponenziale.

Esempio 1.6. La funzione z Arg z discontinua nei punti dellasse reale


negativo. Inoltre, per ogni numero complesso ,

Arg
Arg t =
(Arg )

se

t>0

se

t < 0.

E quindi derivabile in ogni t = 0, con derivata nulla. Ne segue che ciascuna delle
funzioni
log t = log |t| + i[Arg(t) + 2k] = log (|||t|) + i[Arg(t) + 2k]
derivabile per t = 0 e la derivata
1
1
d
log t =
||sgn t = .
dt
|t|
t
Se z(t) = x(t) + iy(t), t [a, b], definiamo
b
b
b
z(t) dt =
x(t) dt + i
y(t) dt .
a

E immediato dalla definizione che:


b

e
z(t) dt =
a


Im

e z(t) dt ,

a
b

a
b

z(t) dt =
a

Im z(t) dt ,

z(t) dt =

z(t) dt .
a

Sia ora (zn (t)) una successione di funzioni continue su [a, b], convergente uniformemente a z0 (t). Applicando il teorema di scambio tra limiti ed integrali di Riemann
alla parte reale ed alla parte immaginaria, si vede che
b
b
lim
zn (t) dt =
z0 (t) dt .
a

19

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

Sia ora z(t, s) una funzione di due variabili reali t ed s, con (t, s) [a, b] [c, d],
a valori complessi. Applicando alla parte reale e alla parte immaginaria di z i
corrispondenti teoremi relativi alle funzioni a valori reali si trova che se z(t, s)
continua nelle due variabili,

s

z(t, s) dt

1.5

continua in s. Se z(t, s) di classe C 1 ((a, b) (c, d)) allora la funzione derivabile


e, dalla 1.4,
d
ds

1.3.

C URVE

z(t, s) dt =
a

z(t, s) dt .
s

NEL PIANO COMPLESSO

Chiameremo curva parametrica una funzione t z(t) continua da un intervallo


limitato e chiuso [a, b] in C. Diremo che la curva chiusa quando z(a) = z(b) e
diremo che semplice se z(t) = z(t  ) pu solo aversi per t = t  oppure per t = a e
t = b (in questo caso la curva semplice e chiusa ).
Diremo che la curva regolare quando
z  (t) = x (t) + iy  (t)
esiste per ogni t (a, b) con |z  (t)| = 0 per ogni t.
Se la derivata non esiste, oppure nulla, solamente in un numero finito di punti e in
tali punti esistono finiti i limiti di z  (t) da destra e da sinistra, diremo che la curva

regolare a tratti . Una curva regolare a tratti si dir un cammino.


Una curva regolare a tratti ottenuta giustapponendo segmenti si chiamer una

poligonale . Chiameremo poligono una poligonale chiusa.


Limmagine della funzione z(t) si chiama il sostegno della curva. La curva chiusa
quando z(a) = z(b), ed semplice se la condizione a < t  < t < b implica che
z(t ) = z(t ).
20

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

Una curva semplice e chiusa si chiama anche curva di Jordan e divide il piano in due
regione, una limitata e una illimitata. La regione limitata si dice interna alla curva.
Questasserto, apparentemente semplice, invece di dimostrazione molto difficile.
Per in pratica, e anche per gli usi teorici, le curve che necessario usare sono molto
semplici (per esempio poligonali, circonferenze, ellissi o riunione di un numero finito
di archi di tali curve). In tal caso facile individuare la regione interna ed anche
facile vedere se la curva orientata positivamente. Ci avviene quando, al passare
del parametro t da a a b, il punto mobile sulla curva vede la regione interna alla sua
sinistra (regola dAmpre).
Se non esplicitamente detto il contrario, assumeremo sempre che le curve con cui
si lavora siano orientate positivamente.
La regione interna ad una curva di Jordan si chiama anche regione di Jordan.
Notiamo esplicitamente questa propriet: se una curva di Jordan il cui sostegno
conenuto nella regione di Jordan , e se indica la regione intera a , vale
.
Questa propriet generalmente non vale se non di Jordan.
Unulteriore propriet che bene conoscere la seguente: se due curve
z = z(t) ,

t [a, b] ,

= ( )

[, ]

sono semplici ed hanno la medesima immagine allora esiste un cambiamento di


parametro
t = t( )
tale che
( ) = z(t( ))
e inoltre la funzione t( ) crescente oppure decrescente da [, ] su [a, b] (e
quindi anche continua). Detto in altro modo, a meno di riparametrizzazioni, il
sostegno di una curva semplice sostegno solamente di una seconda curva, che si
ottiene dalla prima cambiando il verso di percorrenza. Questa propriet permette
21

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

di semplificare il nostro linguaggio come segue: dato per esempio un quadrato,


esiste ununica curva che lo ha per sostegno e che orientata positivamente. Allora
chiameremo curva il quadrato, intendendo con ci di considerare quella curva
semplice che orientata positivamente e che ha il quadrato assegnato come sostegno.
Potremo ricorrere a questa semplificazione di linguaggio solamente quando il sostegno
che consideriamo sostegno di una curva semplice e chiusa.
Una curva si indicher con una lettera greca minuscola, per esempio . Se la curva
semplice e chiusa, la sua regione interna si indica col simbolo .
Richiamiamo il teorema seguente:

Teorema 1.7 (Formula di Green). Siano u(x, y) e v(x, y) di classe C 1 in una


regione di Jordan e sia una curva semplice e chiusa in . Vale:


u dx + v dy =
[vx (x, y) uy (x, y)] dx dy .

Si sa inoltre che questa formula si estende al caso in cui si abbiano due curve, nella
regione e nella regione . In questo caso la formula di Green assume la forma



u dx + v dy u dx + v dy =
[vx (x, y) uy (x, y)] dx dy . 1.6

Da questa forma faremo discendere tutti i risultati relativi alle funzioni olomorfe che
vedremo.

1.4.

F UNZIONI

DA

R 2 IN R2 E FUNZIONI DA C IN C

Dato che i numeri complessi sono coppie di numeri reali, ogni funzione
(x, y) ( u(x, y), v(x, y) )
si pu intendere come funzione a valori complessi
(x, y) u(x, y) + iv(x, y)
22

1.7

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

e si pu anche voler rappresentare il suo dominio con le notazioni dei numeri


complessi,
(x, y) = x + iy = z .
Essendo
x=

z + z
,
2

y=

z z
2i

la funzione in 1.7 si pu anche rappresentare come






z + z z z
z + z z z
,
,
f (z) = u
+ iv
2
2i
2
2i

1.8

Notiamo, infatti, che z funzione di z.


Notiamo subito una dissimmetria tra linsieme di partenza e linsieme darrivo: la
relazione di coniugio appare nella formula 1.8 soltanto applicata alla variabile z.
Anche la via opposta si pu seguire: se w = f (z) si pu scrivere
w = f (z) = f (x + iy) = u(x, y) + iv(x, y)
con u e v le parti reale ed immaginaria di f e x, y le parti reale ed immaginaria di
z. Ci suggerisce che la teoria delle funzioni di variabile complessa sia un modo
diverso di formulare la teoria delle funzioni da R 2 in s. In realt vedremo che le
cose non sono cos semplici. Per, almeno al livello della rappresentazione grafica
lidentificazione appena presentata utile. Una funzione da C in s si rappresenta:
rappresentando su R 2 (insieme di arrivo) limmagine di una griglia tracciata
su R2 (insieme di partenza);
rappresentando in R 3 il grafico della funzione
(x, y) |u(x, y) + iv(x, y)|
e tracciando su tale grafico le linee identificate da
arg f (z) = cost .

Di una terza rappresentazione diremo pi avanti.


Consideriamo alcuni esempi.
23

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

Esempio 1. Sia
u(x, y) = x ,

v(x, y) = y .

Con notazione complessa questa funzione si rappresenta come


z z .
Esempio 2. Sia
u(x, y) = x2 + y 2 ,

v(x, y) = 0 .

Con notazione complessa questa funzione si rappresenta come


z zz .
Esempio 3. Sia
u(x, y) = x2 + y 2 ,

v(x, y) = 2xy .

Con notazione complessa questa funzione si rappresenta come


i
z zz (z 2 z2 ) .
2
Esempio 4. Sia
u(x, y) = x2 y 2 ,

v(x, y) = 2xy .

Con notazione complessa questa funzione si rappresenta come


z z2 .

Notiamo che ciascuna delle funzioni degli esempi precedenti, come funzione delle
due variabili reali x ed y, di classe C 1 . Cerchiamo per di calcolare il limite del
rapporto incrementale
lim

zz0

f (z) f (z0 )
.
z z0

Nel case dellesempio 4 questo si riduce a


24

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

lim

zz0

z 2 z02
(z z0 )(z + z0 )
= lim
= 2z0 .
zz0
z z0
z z0

Dunque, il limite esiste in ciascun punto z 0 . Invece nel caso dellesempio 2 il limite
esiste solo per z0 = 0. Infatti, se z0 = 0 si ha
lim

z0

zz
= lim z = 0 .
zz0
z

Se per z0 = 0 si trova
zz z0 z0
= lim
lim
zz0 z z0
zz0

z z0
z z0
z + z0
z z0
z z0

Dato che
lim z0

zz0

z z0
z z0

esiste, uguale a z0 , rimane da capire se esiste anche il limite del primo addendo.
Scrivendo
x x0 + i(y0 y)
z z0
=
z z0
x x0 + i(y y0 )
si vede che il limite non esiste. Infatti, calcolando il limite lungo la retta y = y 0 si
trova +1 mentre calcolandolo lungo la retta x = x 0 si trova 1.
Si ritrovi lesistenza del limite quando z 0 = 0, per questa via.
In modo analogo si vede che il limite non esiste nemmeno nel caso delle funzioni degli
esempi 2 e 3.
Quando il limite del rapporto incrementale esiste, naturalmente lo chiameremo deri-

vata. Gli esempi precedenti mostrano che questo concetto di derivata apparentemente
non ha relazioni con le derivate nel campo reale. Una relazione in realt esiste, e la
vedremo ai paragrafi 1.5. e 1.5.3.
Possiamo ora spiegare quale loggetto della cos detta Teoria delle funzioni. Per
antonomasia si chiama in questo modo la teoria delle funzioni di variabile complessa,
che sono derivabili in ciascun punto di una regione. La derivata si intende nel senso
del limite del rapporto incrementale, il rapporto essendo calcolato per mezzo del
quoziente di numeri complessi.

25

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

1.5.

L A DERIVATA

I numeri complessi costituiscono un campo e quindi lecito studiare i rapporti


incrementali
f (z0 + h) f (z0 )
.
h
Lesistenza di una norma su C permette di studiarne il limite per h 0. Se questo
esiste finito, si chiama la derivata di f (z) in z 0 .
In pratica, la derivabilit in un solo punto ha ben poco interesse nella teoria delle
funzioni di variabile complessa. Piuttosto, interessa studiare le funzioni che sono
derivabili in ciascun punto di una regione.
Si noti che gli intorni dei punti in C sono dischi: h tende a zero prendendo tutti i
valori in dischi centrati in 0. In particolare, se la derivata esiste, i limiti calcolati con
h = x + i0 ed x 0 e con h = 0 + iy ed y 0 esistono e sono uguali. Dunque, se
esiste f  (z0 ) esistono anche ambedue le derivate parziali in (x 0 , y0 ) sia di u(x, y) che
di v(x, y). Queste non sono indipendenti, come ora vediamo.

Teorema 1.8. Se f  (z) esiste per ogni z in , z = x + iy, allora valgono le


uguaglianze
ux (x, y) = vy (x, y) ,

uy (x, y) = vx (x, y)

1.9

e inoltre
f  (x + iy) = ux (x, y) + ivx (x, y) = vy (x, y) iuy (x, y)


f
1 f
1
i
= {ux (x, y) + vy (x, y) i[uy (x, y) vx (x, y)]} =
.
2
2 x
y

1.10

DIMOSTRAZIONE

Il calcolo immediato:
lim

h0 hR

u(x + h, y) + iv(x + h, y) u(x, y) iv(x, y)


= ux (x, y) + ivx (x, y)
h

e questo limite deve essere uguale sia ad f  (z) che a


lim

k0 kR

26

u(x, y + k) + iv(x, y + k) u(x, y) iv(x, y)


= iuy (x, y) + vy (x, y) .
ik

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

Dunque valgono le uguaglianze 1.9 e le espressioni 1.10 per la derivata.

Le equazioni 1.9 sono importantissime e vanno sotto il nome di condizioni di

CauchyRiemann.
Vicevera:

Teorema 1.9. Siano u(x, y) e v(x, y) due funzioni di classe C 1 su una regione . Si
definisca
f (z) = f (x + iy) = u(x, y) + iv(x, y) .
Se le funzioni u(x, y) e v(x, y) soddisfano alle condizioni di CauchyRiemann su ,
allora la funzione f (z) derivabile ed f  (z) continua.
DIMOSTRAZIONE

Sia h = + i. Scriviamo
f (z + h) f (z) = u(x + , y + ) u(x, y) + i[v(x + , y + ) v(x, y)] .
Essendo le due funzioni u e v di classe C 1 , si pu applicare ad esse il teorema della
media
u(x + , y + ) u(x, y) = ux (x1 , y1 ) + uy (x1 , y1 )
v(x + , y + ) v(x, y) = vx (x2 , y2 ) + vy (x2 , y2 )
con (x1 , y1 ) e (x2 , y2 ) punti opportuni nel rettangolo di vertici (x, y), (x+, y), (x, y+),
(x + , y + ).
Quando e tendono a zero sia (x 1 , y1 ) che (x2 , y2 ) tendono ad (x, y).
Usando le condizioni di CauchyRiemann scriviamo
f (z + h) f (z) = [ux (x1 , y1 ) + ivx (x2 , y2 )] + [uy (x1 , y1 ) + ivy (x2 , y2 )]
= [ux (x1 , y1 ) + ivx (x2 , y2 )] + [vx (x1 , y1 ) + iux (x2 , y2 )]
= [ux (x1 , y1 ) + ivx (x2 , y2 )] + i[ux (x2 , y2 ) + ivx (x1 , y1 )]
= [ux (x1 , y1 ) + ivx (x2 , y2 )]( + i)
+i {[ux (x2 , y2 ) ux (x1 , y1 )] + i[vx (x1 , y1 ) vx (x2 , y2 )]} .

27

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

Essendo = Im h, vale |/h| < 1 e inoltre la parentesi graffa tende a zero per h 0
perch, per ipotesi, le funzioni u e v sono di classe C 1 . La parentesi quadra tende a
[ux (x, y) + ivx (x, y)] cos che
f  (z) = lim

h0

f (z + h) f (z)
= [ux (x, y) + ivx (x, y)] .
h

Ci prova lesistenza della derivata in ciascun punto. Inoltre, da questa formula si vede
che f  (z) continua perch sia u x (x, y) che vx (x, y) sono funzioni continue.

Le funzioni f (z) che sono derivabili con continuit su una regione si chiamano

funzioni olomorfe.
E bene dire che il requisito della continuit nella definizione precedente potrebbe
rimuoversi, grazie al seguente risultato, che non proviamo:

Teorema 1.10. se la funzione continua f (z) derivabile in ciascun punto della


regione allora la sua derivata f  (z) continua.

Introduciamo infine due notazioni. Luguaglianza 1.10 suggerisce di introdurre la


notazione /z, definita da




1

1 f
f (z) =
i
i
f (x + iy) =
= f  (z)
z
2 x
y
2 x
y
mentre le condizioni di CauchyRiemann 1.9 suggeriscono lintroduzione della
notazione / z, definita da




1

1
f (z) =
+i
f + i f = [ux +ivx +iuy vy ] .
f (x+iy) =
z
2 x
y
2 x
y
2
E quindi le condizioni di CauchyRiemann si scrivono

f (z) = 0 .
z
Notiamo due conseguenze immediate delle condizioni di CauchyRiemann:

Teorema 1.11. Sia f (z) una funzione olomorfa su una regione . Supponiamo
inoltre che essa prenda valori reali. Allora, essa costante.
28

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

DIMOSTRAZIONE

Se la funzione prende valori reali allora v(x, y) identicamente zero e quindi u x (x, y)
ed uy (x, y) sono identicamente nulle su per le condizioni di CauchyRiemann e
quindi anche u(x, y) costante.

Lemma 1.12. Sia f (z) olomorfa su un disco D su cui |f (z)| costante. Allora f (z)
stessa costante su D.
DIMOSTRAZIONE

Per ipotesi, su D vale


|f (x + iy)|2 = |u(x, y) + iv(x, y)|2 = u2 (x, y) + v 2 (x, y) = c .
Proviamo che f (z) stessa costante. Questo ovvio se c = 0. Sia quindi c > 0.
Derivando e usando le condizioni di CauchyRiemann si trova
0 = 2[uux + vvx ] = 2[uux vuy ] ,

0 = 2[uuy + vvy ] = 2[uuy + vux ] .

Moltiplicando la prima per u e la seconda per v e sommando si trova


0 = (u2 + v 2 )ux = cux
e quindi u x = 0, perch c > 0. In modo analogo si vede che u y = 0 e quindi u
costante. Dalle condizioni di CauchyRiemann segue che anche v costante.

1.5.1 Esempi di funzioni olomorfe e formule di derivazione


Dal teorema 1.11, le funzioni
z e z ,

z Im z ,

z |z| ,

z Argz

non sono olomorfe. Abbiamo gi notato che lultima non nemmeno continua
sullasse reale negativo; e, del tutto ovvio che una funzione olomorfa continua.
La dimostrazione la stessa come per le funzioni di variabile reale. Dunque in
particolare log z non olomorfa in una regione che interseca lasse reale negativo.
29

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

Inoltre, le usuali regole di derivazione della somma, del prodotto, del quoziente e
della funzione composta valgono anche per funzioni di variabile complessa, con
le medesime dimostrazioni come nel caso delle funzioni di una variabile reale. Di
conseguenza, dato che f (z) = z ovviamente derivabile, con derivata uguale ad 1, i
polinomi sono funzioni olomorfe e, al di fuori dei poli, sono anche funzioni olomorfe
le funzioni razionali.
Mostriamo:

Teorema 1.13. La funzione z e z olomorfa su C e coincide con la sua funzione


derivata.
DIMOSTRAZIONE

Infatti,
ez = ex+iy = [ex cos y] + i[ex sin y] .
Dunque, per questa funzione,
u(x, y) = [ex cos y] ,

v(x, y) = [ex sin y] .

E immediato verificare che queste funzioni sono di classe C 1 su C, e verificano le


condizioni di CauchyRiemann.
Dalla 1.10 si trova immediatamente che la derivata di e z
ux (x, y) + ivx (x, y) = ex cos y + iex sin y = ez .

Di conseguenza, grazie alle formule di Eulero, le funzioni trigonometriche sono


olomorfe e si vede facilmente che per esse valgono le usuali regole di derivazione,
come nel caso reale.
Si notato che la funzione Log z non continua e quindi nemmeno olomorfa su C, e
ci mostra che necessaria una certa cautela nel derivare funzioni inverse. Se per si
sa a priori che g(z) la funzione inversa della funzione olomorfa f (z) e che g(z)
stessa olomorfa, allora si pu applicare la regola della derivazione della funzione
composta alluguaglianza
f (g(z)) = 1

30

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

e trovare per g  (z) lusuale formula,


g  (z) = 1/f  (g(z)) .

1.11

Torneremo su questo problema al paragrafo 1.5.3.

Studiamo ora le determinazioni di log z, usando direttamente le condizioni di Cauchy


Riemann. Pi avanti ritroveremo questi stessi risultati in modo meno diretto, ma pi veloce
e pi generale.
Il fatto che le funzioni logaritmo e radice non siano continue su C, non vieta che esse siano
olomorfe su regioni pi piccole. Per capire se ci accade, conviene scrivere le condizioni di
CauchyRiemann in coordinate polari. Notiamo prima di tutto che se
x = cos ,

y = sin ,

derivando la seconda rispetto ad x si trova


0 = x sin + (cos )x
e quindi
x sin
x y
x y
y
=
= 2 = 2.
cos
x
x

p
Infatti si calcola immediatamente, da = x2 + y 2 ,
x =

x =

x
,

y =

1.12

y
.

In modo analogo si vede che


y =

x
.
2

1.13

Osservazione 1.14. Per la validit di queste formule si richiede = 0. Noi le abbiamo


provate supponendo anche cos = 0, sin = 0 ma questa condizione immediatamente si
rimuove. Infatti, studiando lo jacobiano della trasformazione (, ) (x, y) si vede che
questo non si annulla per = 0 e quindi (x, y) e (x, y) sono di classe C1 sul piano (x, y)
privato dellorigine; e quindi ivi si estendono per continuit le formule che abbiamo trovato.

Sia ora
f (z) = f (x + iy) = u(x, y) + iv(x, y) .
Sia U (, ) la funzione che nel punto (, ) prende come valore u( cos , sin ). In modo
analogo definiamo V (, ). E immediato notare che U e V sono di classe C1 , nelle variabili
e , se e solo se rispettivamente u e v sono di classe C1 nelle variabili x ed y. Inoltre,

31

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

U = ux cos + uy sin .
Se valgono le condizioni di CauchyRiemann,
U = vy cos vx sin .
Analogamente,
V = vx sin + vy cos .
Si intende che le funzioni u e v sono calcolate nel punto x = cos , y = sin .
Dunque, se le condizioni di CauchyRiemann valgono, si ha anche
U = V

e analogamente

V = U .

1.14

Viceversa, le 1.14 implicano le condizioni di CauchyRiemann. Infatti,


x
y
U 2

1 y
y
x
x
vy = V + V 2 = U + U 2

ux = U

da cui
ux = vy

e analogamente

uy = vx .

Introduciamo ora
F (, ) = U (, ) + iV (, ) .
Con questa notazione, le 1.14 valgono se e solo se
iF = F .

1.15

Usiamo 1.15 per studiare la funzione


f (z) =

[cos /2 + i sin /2]

nella regione
> 0,

< .

1.16

E ovvio che la funzione, come funzione delle due variabili reali e , equivalentemente x ed
y, di classe C 1 . Si vede che olomorfa notando che su questa regione vale la condizione 1.15.
Analogo discorso vale per ogni determinazione di z1/n .
In modo analogo si tratta la funzione
f (z) = log |z| + iArg z + 2ki ,

32

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

con k fissato, ancora sulla regione 1.16. Applicando il teorema della funzione implicita alle
relazioni
x = cos ,

y = sin

valide per > 0 e < , si vede che la funzione (, ), come funzione di x e di y, di


classe C 1 e quindi lo stesso vale per ciascuna funzione log |z|+iArg z+2ki, in < < .
Un calcolo immediato mostra che la condizione 1.15 soddisfatta e quindi mostra che ciascuna
delle funzioni log z olomorfa.
Usando la 1.11 si vede ora che ciascuna delle determinazioni della funzione log z, letta su su
< Argz < , ha per derivata 1/z, per ogni z nella regione 1.16. Infatti,
eLog z+2ki = z
e quindi
d
d
(Log z + 2ki) =
(Log z + 2ki) z ,
dz
dz
1
d
(Log z + 2ki) = .
dz
z

1 = eLog z+2ki

Osserviamo ora un fatto imbarazzante: = non ha una relazione intrinseca con le funzioni
logaritmo (e nemmeno con le radici), ma solo dipende dalla nostra scelta per largomento
principale. Avessimo scelto per esempio 0 < 2 avremmo trovato funzioni olomorfe
nel piano privato dellasse reale positivo; avessimo scelto /2 < 5/2 avremmo trovato
funzioni olomorfe ovunque, salvo che sullasse immaginario positivo.
Pi avanti diremo qualcosa di pi su questo problema. Per ora limitiamoci a notare ci.

1.5.2 Osservazione sui teoremi fondamentali del calcolo differenziale


Nella teoria delle funzioni di una variabile reale, si chiamano teoremi fondamentali
del calcolo differenziale varie formulazioni del teorema di Rolle: sia f (x) continua
per x [a, b], a valori in R e tale che f (a) = f (b) = 0. Sia inoltre f (x) derivabile in
ciascun punto di (a, b). Esiste un punto c (a, b) nel quale la derivata si annulla.
In particolare una funzione da R in s, derivabile e periodica, ha derivata nulla in
infiniti punti.
E importante notare che asserti analoghi non valgono per le funzioni olomorfe.
33

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

Esempio 1.15. La funzione f (z) = e z olomorfa e periodica. Si visto che la sua


derivata
f  (z) = ez
mai nulla.
E importante discutere la ragione di ci. Ricordiamo che la dimostrazione del
teorema di Rolle si basa sul teorema di Fermat, che a sua volta dipende dalla regola
dei segni: il prodotto di numeri di segno concorde positivo. Noi non abbiamo
introdotto una relazione dordine tra i numeri complessi. E per possibile introdurne
infinite. Per esempio si pu introdurre lordinamento lessicografico : x + iy viene
prima di x + iy  se x < x oppure se x = x ma y < y  . In questo modo i numeri
positivi, ossia maggiori di 0, sono quelli di parte reale strettamente positiva oppure
quelli con la parte reale nulla e parte immaginaria positiva. Queste propriet non sono
conservate facendo il prodotto. Per esempio, i i = 1. In generale, la regola dei
segni non vale tra i numeri complessi, qualsiasi sia la relazione dordine che si
voglia usare.
E appena il caso di notare che i problemi che si incontrano con la continuit e la
derivabilit della funzione inversa hanno unorigine analoga. Si ricordi infatti che
il teorema della funzione monotona interviene (in modo alquanto nascosto) nella
dimostrazione della derivabilit della funzione inversa di una funzione da R in s.

1.5.3 La matrice jacobiana e le funzioni olomorfe


Siano u(x, y) e v(x, y) rispettivamente la parte reale ed immaginaria di una funzione
olomorfa f (z). La funzione (x, y) (u(x, y), v(x, y)) una trasformazione da R 2
in s, la cui matrice jacobiana

J =

ux (x, y) uy (x, y)
vx (x, y)

vy (x, y)

ux (x, y)

uy (x, y) ux (x, y)

e quindi lo jacobiano
u2x (x, y) + u2y (x, y) .
34

uy (x, y)

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

Dunque:

Teorema 1.16. Sia f (x + iy) = u(x, y) + iv(x, y) una funzione olomorfa. Lo


jacobiano non nullo in un punto (x, y) se e solo se f  (x + iy) = 0. In tale punto lo
jacobiano positivo.

Si ricordi che lo jacobiano positivo quando la trasformazione a cui esso corrisponde


conserva lorientazione di R 2 ; equivalentemente, quando larea orientata di un
triangolo ha il medesimo segno prima e dopo la trasformazione.
Possiamo ora esaminare nuovamente il problema della derivazione della funzione
inversa di una funzione olomorfa.

Teorema 1.17. Sia f (z) olomorfa su una regione , e con derivata non nulla. La
funzione localmente invertibile e la sua inversa olomorfa.
DIMOSTRAZIONE

Sia
f (x + iy) = u(x, y) + iv(x, y) .
Si appena visto che lo jacobiano della trasformazione di classe C 1 su R2
(x, y) (u(x, y), v(x, y))
non si annulla e quindi la trasformazione localmente invertibile.

Inoltre, la

trasformazione inversa, che indichiamo col simbolo


(u, v) (x(u, v), y(u, v)) ,
di classe C 1 .
Si visto che la matrice jacobiana della trasformazione
2
3
uy (x, y)
ux (x, y)
5
J =4
uy (x, y) ux (x, y)
e si vede immediatamente che
2
J J =4


u2x + u2y

u2x + u2y

35

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

cos che
J 1

2
ux (x, y)
1
1
4
= 2
J= 2
ux + u2y
ux + u2y
uy (x, y)

3
uy (x, y)

5.

ux (x, y)

Daltra parte, J 1 calcolato nel punto (u, v) che proviene da (x, y)


3
2
xu (u, v) xv (u, v)
5
4
yu (u, v) yv (u, v)
cos che
x u = yv ,

yu = xv ,

ossia la trasformazione (u, v) (x(u, v), y(u, v)) di classe C 1 e verifica le condizioni
di CauchyRiemann. Per il teorema 1.9, la funzione
g(u + iv) = x(u, v) + iy(u, v) ,
inversa della funzione f (x + iy), olomorfa.

Esempio 1.18. La funzione f (z) = e z olomorfa e si visto che la sua derivata


ancora ez e quindi non si annulla. Fissiamo un punto z 0 ed il valore ez0 . Il
teorema 1.17 afferma che esistono un intorno U di z 0 ed un introno V di e z0 ed
ununica funzione g(z) definita su V a valori in U , tale che e g(z) = z. Dunque,
g(z) una delle determinazioni della funzione log z. Per esempio, se z 0 = 0 e
quindi ez0 = 1 allora g(z) = Log z; se z0 = 2i e quindi ancora e z0 = 1,
g(z) = Log z + 2i. Inoltre, sempre dal teorema 1.17, la funzione inversa g(z)
olomorfa e, dalla formula 1.11, per ogni determinazione del logaritmo, ossia per
ogni k,
1
d
(Log z + 2ki) = .
dz
z
Si ritrova quindi quanto gi visto al paragrafo 1.5.1: tutte le determinazioni della
funzione log z sono derivabili, con derivata 1/z.

Osservazione 1.19. Con riferimento allesempio 1.18, sia z0 = i. In questo


caso, ez0 = 1 e si visto che esiste una funzione olomorfa g(z) tale che
36

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

eg(z) = z, definita in un intorno di 1. Questa funzione quindi differisce da ciascuna


delle funzioni Log z + 2ki, che sono discontinue sullasse reale negativo. Questa
stranezza verr chiarita al paragrafo 1.9.3 e allesempio 1.58.

1.5.4 Serie di potenze e serie di Laurent


Abbiamo visto fino ad ora degli esempi particolari di funzioni olomorfe. Una classe
di funzioni olomorfe offerta dalle serie di potenze
f (z) =

+


an (z z0 )n .

1.17

n=0

Una funzione siffatta sempre definita in z 0 e, pu essere, in nessun altro punto. In


tal caso ovviamente essa non una funzione olomorfa. Vale per:

Teorema 1.20 (di Abel). Se la serie 1.17 converge in un punto z 1 = z0 allora essa
converge in ogni punto z tale che
|z z0 | < |z1 z0 |
DIMOSTRAZIONE

Per semplicit di notazioni, sia z 0 = 0. Per provare la convergenza di una serie di


numeri complessi, sufficiente provare la convergenza della serie dei moduli. Sia
allora |z| < |z 1 | e studiamo la serie (di numeri positivi)
+
X

|an z n | =

n=0

+
X

|an | |z|n .

n=0

Dato che |z| < |z1 | (disuguaglianza stretta) esiste r tale che
|z| < r < |z1 |

ossia

r
|z|
<
= q (0, 1).
|z1 |
|z1 |

Dunque,
+
X

La serie

P+

|an ||z|n

n=0

n=0

+
X
n=0

n +
X
z
(|an | |z1 |n )
(|an | |z1 |n ) q n .
z1
n=0

|an | |z1 | per ipotesi converge e quindi il suo termine generale tende a
n

zero. In particolare, esiste M tale che


|an | |z1 |n < M

37

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

e quindi
+
X

|an | |z|n M

n=0

+
X

q n < + .

n=0

Di conseguenza,
{z |

+


an (z z0 )n converge }

n=0

un disco centrato in z 0 (che potrebbe essere ridotto al solo punto z 0 , o essere tutto
il piano complesso). Il suo interno si dice disco di convergenza della serie, e il suo
raggio R, 0 R + si dice raggio di convergenza .
Esaminando la dimostrazione del teorema 1.20 si vede che in realt abbiamo provato
un risultato molto pi forte:

Teorema 1.21 (di Abel). Il raggio di convergenza R di una serie di potenze sia
strettamente positivo. In questo caso la serie converge assolutamente in ogni punto
interno al disco di convergenza, e converge uniformemente in ogni compatto contenuto
nel disco di convergenza. In particolare, la somma della serie una funzione continua
nel disco di convergenza.
Se z tale che |z z 0 | > R la serie non converge in z.
Vedremo (al paragrafo 1.15.) che questo teorema implica:

Teorema 1.22. Il raggio di convergenza di una serie di potenze sia strettamente


positivo. La serie di potenze definisce una funzione olomorfa nel disco di convergenza.
Il raggio di convergenza di una serie di potenze si calcola facendo uso delle stesse
formule che sono note per le serie di potenze reali: se i coefficienti a n non sono mai
nulli e se esiste
lim

|an |
|an+1 |

allora questo limite, finito o meno, uguale al raggio di convergenza.


In generale, il raggio di convergenza si pu calcolare con la seguente formula di

Hadamard :

1
= lim sup n |an | ,
R
38

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

la cui dimostrazione posposta.


Si noti che nella formula di Hadamard si usano le regole 1/0 = +, 1/(+) = 0.
La formula di Hadamard ha una conseguenza importante. Dato che
lim

n
n = 1,

le due serie
+


+


an (z z0 )n ,

n=0

nan (z z0 )n1

n=0

hanno il medesimo raggio di convergenza. Dunque, quando R > 0, si pone il


problema di sapere se la seconda serie rappresenti la derivata della prima. La risposta
affermativa, perch vale il teorema seguente, che verr provato al paragrafo 1.15.

Teorema 1.23. Sia f (z) =

+
n=0

an (zz0 )n e sia positivo il raggio di convergenza

della serie. Allora, in ogni punto del disco di convergenza, vale


f  (z) =

+


nan (z z0 )n1 .

n=0

La ragione per cui non proviamo ora i due teoremi 1.22 e 1.23 che, pi avanti,
proveremo un risultato molto pi generale, di cui essi possono considerarsi dei
corollari.
Pi in generale si chiamano serie di Laurent le serie di potenze con esponenti interi
sia positivi che negativi, ossia le serie della forma
+


an (z z0 )n ,

n=

ovviamente mai definite per z = z 0 . Per definizione, la somma della serie di Laurent
la somma delle due serie di potenze una in z e laltra in 1/z,
+

n=

an (z z0 )n =

1

n=

an (z z0 )n +

+


an (z z0 )n

n=0

e quindi le propriet delle serie di Laurent discendono immediatamente da quelle delle


serie di potenze. La serie di potenze positive di 1/(z z 0) converge per |1/(z z 0 )| <
r = r, la serie di potenze positive di (z z 0 ) converge per
r ossia per |z z0 | > 1/
39

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

|z z0 | < R; e quindi la serie di Laurent converge se r R. Se r < R chiameremo

corona di convergenza la corona circolare


r < |z z0 | < R .
In tale corona la serie converge assolutamente, e converge uniformemente nei
compatti in essa contenuti.
Inoltre:

Teorema 1.24. La somma di una serie di Laurent olomorfa nella corona di


convergenza e
+
+

d 
an (z z0 )n =
nan (z z0 )n1 .
dz n=
n=

Dimostrazione della formula di Hadamard.


Per semplicit di notazioni sia z 0 = 0 e sia
= lim sup


n
|an | .

Studiamo prima di tutto il caso = +. Mostriamo che in questo caso il raggio di


convergenza nullo. Sia z = 0 e scegliamo (0, |z|). Scegliamo un qualsiasi k
tale che k > 1 e notiamo che, per infiniti n, vale

n
|an | > k e quindi |an z n | > (k)n .
La serie di potenze quindi non converge.
Consideriamo ora il caso in cui
lim sup


n

|an | = (0, +) .

Sia z un numero per cui


1
.

Vogliamo provare che la serie di potenze non converge in z. Ci implicher che il


|z| >

raggio di convergenza non supera 1/.


Sia r un numero tale che
1
< r < |z| .

40

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

Da (1/r) < segue che per infiniti indici vale



1
< n |an |
r
e quindi
|z|n
< |an z n | .
rn
Essendo |z| > r si ha
lim sup |an z n | = +
e la serie non converge.
Dunque, R 1/.
Se = 0 ancora vero che R < 1/, pur di intendere 1/ = +.
Ricapitolando, a questo punto sappiamo che
1
R ,

intendendo

1
0

=0

= .

Proviamo la disuguaglianza opposta.


Consideriamo ancora prima di tutto il caso > 0 e sia |z| < 1/. Proviamo che in
tal caso la serie converge. Se = + allora z = 0 e niente va provato. Sia quindi
0 < < +.
Essendo |z| < 1/, avremo
|z| =

c
,

|an z n | = |an |

cn
n

con 0 c < 1 .

Sia  > 0. Esiste N tale che per n > N si ha



n
|an | < + 

1.18

e quindi
|an z n | =

|an | n 
 n n
c
<
1
+
c .
n

A questa disuguaglianza si arriva per ogni  > 0. Essendo c (0, 1), si pu scegliere
 tale che

1+


c < 1.

41

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

In questo modo si vede che i termini della serie di potenze sono dominati da quelli di
una serie numerica convergente, e quindi la serie
+


an z n

n=0

converge.
Consideriamo infine il caso = 0 e z qualsiasi. In questo caso la 1.18 vale con = 0.
Si sia scelto  tale che |z| = c < 1. Si ha
|an z n | < cn
e ancora la convergenza della serie di potenze segue per confronto con la serie
geometrica.
In ambedue i casi R 1/ e quindi luguaglianza.

1.6.

F UNZIONI

OLOMORFE E TRASFORMAZIONI CONFORMI

Sia (x, y) (u(x, y), v(x, y)) una trasformazione di classe C 1 . Conviene spesso
rappresentarla mediante la notazione complessa, associando alla coppia (x, y) il
numero complesso z = x + iy e introducendo w = u + iv, cos che la trasformazione
si rappresenta anche come
w = f (z) .
Conviene vedere questa funzione come trasformazione dal piano della variabile z al
piano della variabile w.
Supponiamo che il dominio di f (z) sia una regione .
Siano e due curve in , parametrizzate da
z = z(t) ,

z = z(t) ,

con t [a, b] in ambedue i casi (si sa che questa condizione non restrittiva).
Supponiamo che le due curve si intersechino in un punto in cui le due
parametrizzazioni sono derivabili, ossia che per un valore t 0 (a, b) valga
z(t0 ) = z(t0 ) = z0 = x0 + iy0 .
42

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

Le due rette
z = z0 + z  (t0 )(t t0 ) ,

z = z0 + z (t0 )(t t0 )

sono, per definizione, le rette tangenti alle due curve nel punto di intersezione. Per
angolo tra le due curve si intende quello formato dalle loro tangenti nel punto
comune. Facendo uso della notazione dei numeri complessi, facile esprimere tale
angolo: questo langolo tra i vettori rappresentati da z  (t0 ) e z (t0 ). Questo , per
definizione, largomento del quoziente dei numeri complessi corrispondenti,
Arg

z  (t0 )
.
z (t0 )

Indichiamo ora con f la curva immagine di mediante la trasformazione f , ossia la


curva
f :

w = f (z(t))

t [a, b] .

Analoga notazione usiamo per la trasformata mediante f di . Supponendo che la


funzione f (z) sia olomorfa e che f  (z0 ) sia diversa da zero, possibile calcolare
langolo tra f e f ,
Arg

z  (t0 )
f  (z0 )z  (t0 )
= Arg 
.


f (z0 )
z (t0 )
z (t0 )

Abbiamo cos provato che

Teorema 1.25. Una funzione olomorfa conserva langolo tra le curve nei punti nei
quali la sua derivata non si annulla.

Una trasformazione da una regione di R 2 che conserva gli angoli si dice conforme e
quindi

Teorema 1.26. Se f (z) olomorfa su , e se la sua derivata non si annulla, essa


definisce una trasformazione conforme su .
43

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

1.6

1.4

1.2

0.8

0.6

0.4

0.2

0
2

0
1

0.5

4
0

0
1

0.5

1
2

Fig. 1.2.

0
2
1

4
6

A sinistra |z 2 |, a destra | cos z|. Le linee sono le immagini di una griglia

x = cost, y = cost.

Abbiamo gi notato che se u(x, y), v(x, y) sono parti reali ed immaginarie di una
funzione olomorfa f (x + iy) allora lo jacobiano della trasformazione u 2x (x, y) +
u2y (x, y), strettamente positivo se f  (z) non si annulla.
Dunque, una funzione olomorfa la cui derivata non si annulla su definisce
una trasformazione conforme che inoltre conserva lorientazione. Un esempio di
trasformazione conforme che non conserva lorientazione la trasformazione z z.
Le trasformazioni conformi che conservano lorientazione si chiamano anche

trasformazioni conformi dirette.

1.6.1 La rappresentazione delle funzioni olomorfe


Accenniamo ora a come rappresentare graficamente le funzioni olomorfe. Il grafico
naturalmente non serve, perch il grafico un insieme di R 4 . E per possibile
rappresentare il grafico di z |f (z)|, che in R 3 e spesso su tale grafico si disegnano
le linee
Arg f (z) = cost
oppure limmagine di una famiglia di linee del piano della variabile z. Le figure che
seguono mostrano alcuni esempi.
Un altro metodo consiste nel tracciare una famiglia di linee sul piano z e le loro
immagini sul piano w, o viceversa una famiglia di linee sul piano w e le loro
44

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

5
1.8

4
1.6

3
1.4

2
1.2

1
1

0
1

0.8
1

0.5
1
0

0.5
0

0.5
0.5
1

Fig. 1.3.

0.6
0.4
1

0.5
0
0.5

0.5
0

0.5

A sinistra |Logz|, a destra | sin z|. Le linee sono le immagini di una griglia

r = cost, = cost.

controimmagini sul piano z. Il caso della funzione f (z) = z 2 /10 mostrato nella
figura 1.4.
La figura 1.4 mostra una griglia di rette e semirette mutuamente ortogonali nel piano
Im z > 0. Queste si trasformano in due famiglie di parabole, mutuamente ortogonali,
dato che f  (z) = 2z = 0. Queste parabole riempiono tutto il piano w.
La circonferenza
ei ,

0 2

sotto lazione di f (z) = z 2 ancora una circonferenza,


ei ,

0 4 ,

che per percorsa due volte, anche se ovviamente ci non pu vedersi dalla figura.
Se per si rappresenta limmagine di una circonferenza centrata nel punto (0, 1/5),
come in figura 1.5 si vede immediatamente che limmagine una curva non semplice,
che gira due volte intorno allorigine.
Pensiamo ora di disegnare limmagine di una famiglia di circonferenze di centro
(0, 0) mediante le funzioni f (z) = z e g(z) = 1/z. Si trova ancora una famiglia
di circonferenze col medesimo centro, e da questo punto di vista le due funzioni
sembrano indistinguibili. Per, f (z) = z trasforma la regione interna di una
circonferenza nella regione interna della circonferenza corrispondente mentre g(z)
la trasforma nella regione esterna.
45

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

10

16

14

8
12
7
10

3
4
2
2

10

0
10

10

Fig. 1.4. Immagine di rette, sotto lazione di f (z) = z 2 /10.

1.5

1.5

0.5

0.5

0.5

0.5

1.5

1.5

2
2.5

1.5

0.5

0.5

1.5

2.5

2.5

Fig. 1.5.

46

1.5

0.5

0.5

1.5

2.5

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

1.5

0.5

0
1
1

0.5
0.5

0
0
0.5

0.5
1

Fig. 1.6.

Analoga osservazione pu farsi, per esempio, per le funzioni e z ed ez e ci


suggerisce di considerare la regione esterna ad un disco come intorno di . Tecnicamente, di sostituire il piano complesso con la corrispondente compattificazione
di Alexandrov. Un modo comodo di fare ci consiste nel considerare una sfera il cui
polo SUD tocca R2 (insieme di partenza della funzione) in (0, 0). Il polo NORD viene
ad avere il ruolo di . Il piano R 2 si rappresenta sulla sfera, mediante la proiezione
stereografica, dal polo NORD. La corrispondenza ottenuta bicontinua tra il piano e
la sfera privata del polo NORD e la sfera stessa, usata in questo modo, si chiama sfera

di Riemann, si veda la figura 1.6.


La funzioni da C in s possono quindi rappresentarsi anche come funzioni da C nella
sfera o dalla sfera in s.

1.7.

I NTEGRALE

DI CURVA DI FUNZIONI OLOMORFE

Ricordiamo che col termine curva intenderemo sempre un arco regolare a tratti a valori
in R2 , ossia una funzione continua t z(t) = x(t) + iy(t) definita per t [a, b],
ovunque derivabile salvo un numero finito di punti. In tali punti, e negli estremi a e
47

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

b, richiederemo lesistenza dei limiti direzionali della derivata. Richiederemo inoltre


che
|z  (t)| = 0 ,
salvo al pi in un numero finito di punti.
Introduciamo la notazione

f dz.

1.19

Se f (x + iy) = u(x, y) + iv(x, y), e se parametrizzata da


z(t) = x(t) + iy(t) ,
definiamo


f dz =

f (z(t))z  (t) dt =

[u(x(t), y(t)) + iv(x(t), y(t))][x (t) + iv  (t)] dt .

Sviluppando i calcoli si trova



b
f dz =
[u(x(t), y(t))x (t) v(x(t), y(t))y  (t)] dt +
a

[u(x(t), y(t))y  (t) + v(x(t), y(t))x (t)] dt


a


=
u dx v dy + i v dx + u dy .
i

Si trova quindi

u dx v dy + i

f dz =

v dx + u dy ,

la somma di due integrali di forme differenziali.

Osservazione 1.27. Alla stessa espressione si perviene definendo lintegrale come


limite delle somme di Riemann
n


f (z(ti ))z  (ti )(ti+1 ti ) .

i=0

Omettiamo i dettagli della dimostrazione.


48

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

E noto che gli integrali delle forme differenziali non mutano cambiando la
parametrizzazione di ; cambiano segno cambiando il verso di percorrenza su
. Dunque queste stesse propriet valgono per lintegrale 1.19.
Proviamo ora:

Lemma 1.28. Sia (t), t [a, b], una funzione continua a valori complessi. Vale:

(t) dt

|(t)| dt .

DIMOSTRAZIONE

Indichiamo con z 0 il numero


Z

(t) dt .

z0 =
a

Si sa che
|z0 | =

z0 z0
|z0 |

e quindi
Z

La funzione t

b
a

Z b

z0
z0
z0 =
(t) dt .
(t) dt = |z0 | =
|z0 |
|z
0|
a

z0
(t)
|z0 |

ancora una funzione a valori complessi, ma luguaglianza

precedente mostra che il suo integrale reale. Dunque, lintegrale della sua parte
immaginaria nullo e quindi
Z

Z b

z0
(t) dt =
e
(t) dt
|z0 |
a
a

Z b
Z b

z0

|(t)| dt .

|z0 | (t) dt =
a
a
b

Osservazione 1.29. La disuguaglianza precedente vale perch stiamo considerando lintegrale su un segmento dellasse reale. Non ha invece alcun senso scrivere




f (z) dz
|f (z)| dz, con generica curva. Infatti in tal caso lintegrale
a destra prende valori complessi anche se lintegrando reale. La formula che
sostituisce la disuguaglianza sbagliata precedente data dal prossimo teorema.
49

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

Ricordiamo ora che

L =

|z  (t)| dt

per definizione la lunghezza della curva regolare a tratti : z = z(t), t [a, b]. Dal
lemma precedente segue:

Teorema 1.30. Sia : z = z(t), t [a, b] una curva regolare a tratti e sia f (z) una
funzione da C in C, continua sul sostegno della curva . Sia M tale che
|f (z(t))| M ,
Vale:

t [a, b] .

f (z) dz
M L .

DIMOSTRAZIONE

Si applichi il Lemma 1.28 alla funzione f (z(t))z  (t). Si trova


Z b
Z

f (z(t))z  (t) dt
|f (z(t))| |z  (t)| dt M L .

1.8.

IL

TEOREMA DI

C AUCHY

Ricordiamo che se u(x, y) e v(x, y) sono funzioni di classe C 1 , allora la funzione


f (x + iy) = u(x, y) + iv(x, y)
olomorfa quando valgono le condizioni di CauchyRiemann, ossia quando
ux = vy ,

uy = vx .

Si sa che queste sono le condizioni perch siano chiuse le forme differenziali


v dx + u dy ,

u dx v dy

e ci suggerisce di applicare alle funzioni olomorfe la teoria, nota, delle forme


differenziali.
50

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

Sia una curva semplice e chiusa contenuta in una regione di Jordan . Usando la
formula di Green si trova:

Teorema 1.31 (di Cauchy). Sia f (z) olomorfa in una regione di Jordan e sia
una curva semplice e chiusa in . Vale

f (z) dz = 0 .

DIMOSTRAZIONE

Dalla formula di Green si vede che


Z
Z
Z
f dz =
[vx + uy ] dx dy + i

[ux vy ] dx dy .

Le condizioni di CauchyRiemann mostrano che ambedue gli integrali su sono


nulli.

Osservazione 1.32. Notiamo:


Se due curve ed hanno le propriet che giustificano la formula 1.6, la
formula 1.6 implica che


f (z) dz =

f (z) dz .

1.20

il teorema 1.31 pu provarsi senza fare uso di risultati relativi alle forme
differenziali, e nella sola ipotesi che f (z) sia derivabile in ciascun punto di
; ossia, le ipotesi di continuit delle derivate possono rimuoversi.

Vediamo infine un esempio di calcolo di integrale.

Esempio 1.33. Sia f (z) = (z z 0 )n e sia la circonferenza


:

z(t) = z0 + eit ,

t [0, 2k] .

Il numero k intero positivo. Si osservi che la circonferenza orientata positivamente


e che essa semplice solo quando k = 1.
51

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

Si ha:


(z z0 ) dz =

2k

int

ei(n+1)t dt

ie dt = i

0
2k

=i

2k

it

[cos(n + 1)t + i sin(n + 1)t] dt .


0

Se n = 1 si vede che lintegrale vale 2. Altrimenti si vede che lintegrale vale 0,


sia per n 0 che per n < 1.
Se k = 1 luguaglianza a zero dellintegrale segue dal teorema di Cauchy 1.31 quando
n 0. Il fatto che lintegrale sia nullo anche per n 2 mostra che la condizione
del teorema 1.31 solo sufficiente.
Se n = 1, ossia quando si integra la funzione 1/(z z 0 ), si trova

1
1
dz = k ,
2i z z0
numero dei giri che la circonferenza fa intorno allorigine. Si chiama questo lindice
della circonferenza rispetto al suo centro. Vedremo in seguito come generalizzare
questosservazione.

1.9.

P RIMITIVE

Sia f (z) una funzione da C in C, definita su una regione . NON si richiede che la
regione sia di Jordan. Si chiama primitiva di f (z) una funzione F (z), anchessa
definita su , e tale che
F  (z) = f (z)

z .

Ovviamente

Teorema 1.34. Se la funzione continua f (z) ammette primitiva su e se una


curva chiusa, allora

f dz = 0 .

52

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

In generale, se non chiusa, lintegrale dipende dai soli estremi di .


DIMOSTRAZIONE

Basta notare che


Z

f dz =

f (z(t))z  (t) dt =

F  (z(t))z  (t) dt

a
b

=
a

d
F (z(t)) dt = F (z(b)) F (z(a)) .
dt

Se la curva chiusa si ha z(b) = z(a) e lintegrale nullo. In generale, si vede che


lintegrale dipende dai soli estremi della curva.

Vale anche il viceversa:

Teorema 1.35. Sia f (z) una funzione continua su . Se



f dz

nullo su tutte le curve chiuse in allora la funzione f (z) ammette una primitiva.
DIMOSTRAZIONE

Si fissi un punto z 0 . Ogni z si connette a z 0 mediante una poligonale (si ricordi


che un aperto connesso). Indichiamo con P z una poligonale che connette z 0 con
z e sia
Z
f dz .

F (z) =
Pz

La funzione F (z) univoca perch per ipotesi lintegrale non dipende dalla particolare
poligonale scelta per connettere z 0 con z, ma solo dai suoi estremi; e quindi solo da z,
dato che z 0 si intende fissato.
Mostriamo che F (z) derivabile, con derivata f (z).
Per calcolare F (z + h) scegliamo una poligonale che congiunge z 0 con z e
estendiamola a z + h mediante il segmento
z + th ,

t [0, 1] .

53

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

Sia S tale segmento. Allora,

F (z + h) F (z)
1
=
h
h

Z
f dz =
S

1
h

f (z + th)h dt =
0

f (z + th) dt .
0

Essendo f (z) continua, il limite dellultimo integrale per h 0


Z 1
F  (z) =
f (z) dt = f (z) .
0

Osservazione 1.36. Si noti che il teorema precedente pu dimostrarsi anche


richiedendo che lintegrale di f (z) sia nullo sulle sole poligonali chiuse. E sufficiente
per questo che esso sia nullo quando un triangolo.

In particolare, dal teorema di Cauchy si vede che:

Teorema 1.37. Sia f (z) olomorfa su e sia una curva in la cui regione interna
contenuta in .
La funzione f (z) ammette primitiva in .

Naturalmente, se una primitiva esiste, ne esistono infinite. Vale per:

Teorema 1.38. Se F (z) e G(z) sono definite sulla medesima regione ed hanno
derivata uguale, la loro differenza costante su .
DIMOSTRAZIONE

Sia H(z) = F (z) G(z). Vale H  (z) = 0 su .


Sia H(z) = U (z) + iV (z). La condizione H  (z) = 0 e lespressione 1.10 per la derivata
mostrano che
Ux = 0 ,

Vx = 0 .

Dalle condizioni di CauchyRiemann si trova anche che


Uy = 0 ,

54

Vy = 0

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

e quindi U e V ammettono ambedue le derivate parziali in ciascun punto di , e queste


sono nulle. E quindi le funzioni sono costanti.

Concludiamo con alcune osservazioni.

Osservazione 1.39. Sia f (z) olomorfa su una generica regione . Non vero che
f (z) debba ammettere primitive su , come mostra lesempio della funzione f (z) =
1/z. Sia = C {0}. Certamente f (z) ammette primitiva nella regione , se
non gira intorno allorigine. Ma, se gira intorno allorigine, la primitiva non esiste
perch lintegrale di f (z) su una circonferenza di centro lorigine non nullo, si veda
lEsempio 1.33.
Le condizioni del teorema 1.37 sono solamente sufficienti, come mostra il caso della
funzione
f (z) =

1
,
zn

z C {0} ,

con n intero maggiore di 1 ed = C {0} (si veda ancora lEsempio 1.33). In


questo caso la primitiva esiste ed
F (z) =

1
.
(1 n)z n1

Ricordiamo ora che la funzione Logz derivabile, con derivata uguale a 1/z. Si sa
che lintegrale di questultima funzione su una generica curva chiusa in C {0}
pu non essere nullo; ma ci non contraddice il teorema 1.37 perch la funzione Logz
non olomorfa su C {0}.

1.9.1 Curve equipotenziali


Sia F (z) una primitiva di f (z) e sia
F (x + iy) = U (x, y) + iV (x, y) ,

f (x + iy) = u(x, y) + iv(x, y) .

Supponiamo inoltre che f (z) non si annulli su .


55

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

Ricordiamo le formule
F  (z) = Ux + iVx = iUy + Vy = u + iv .
Uguagliando F  (z) af f (z) si trova
U = (u, v) ,

V = (v, u)

1.21

ossia U e V sono i potenziali rispettivamente dei campi vettoriali


ui vj ,

vi + uj .

Consideriamo le curve equipotenziali 1 e 2 implicitamente definite da


U (x, y) = c ,

V (x, y) = d

(usando il teorema delle funzioni implicite si vede che queste equazioni definiscono
implicitamente due curve nellintorno dei punti (x, y) nei quali F  (x + iy) = f (x +
iy) = 0).
Non necessariamente queste curve si intersecano.

Supponiamo che esse si

intersechino per x = x 0 ed y = y0 .
Si sa che U (x0 , y0 ) ortogonale alla 1 e che V (x0 , y0 ) ortogonale alla 2 .
Usiamo 1.21 per calcolare il prodotto scalare di questi vettori:
U (x0 , y0 ) V (x0 , y0 ) = 0 ,
ossia, le curve equipotenziali rispettivamente del potenziale U e del potenziale V
sono mutuamente perpendicolari nei punti in cui si intersecano.

1.9.2 Il caso della funzione z z


Lesempio 1.33 mostra che la funzione f (z) = 1/z non ha primitiva su una regione
di Jordan che contiene 0, dove pero non definita. Questa funzione olomorfa e
quindi ammette primitiva, uguale a 1/z 2, in qualunque regione di Jordan che non
contiene 0.
E naturale chiedersi se una funzione ovunque definita e continua debba avere
primitiva. Lesempio che ora studiamo mostra che ci non accade.
56

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

La funzione che a z associa il suo coniugato z continua su C. Si gi visto, al


paragrafo 1.4., che non olomorfa. Mostriamo che essa non ammette primitiva.
Se fosse F  (z) = z, allora F (x + iy) = U (x, y) + iV (x, y) ed F  (x + iy) = f (x +
iy) = x iy.
Si ricordi che F  (x + iy) = Ux (x, y) + iVx (x, y) e quindi
Vx (x, y) = y .

Ux (x, y) = x ,

Dunque, U (x, y) = (x2 /2) + (y). Essendo Uy = Vx = y si trova che (y) =


(y 2 /2). Dunque,
U (x, y) =

x2 + y 2
.
2

Invece, da Vx (x, y) = y, si trova


V (x, y) = xy + (y)
e quindi
Vy (x, y) = x +  (y) = Ux (x, y) = +x .
Questultima uguaglianza impossibile, e quindi la primitiva F (x + iy) di f (z) = z
non esiste. Vedremo al paragrafo 1.13. che avremmo potuto dedurre ci dal fatto che
la derivata di una funzione olomorfa ancora una funzione olomorfa.

1.9.3 La funzione logaritmo e le potenze


Abbiamo gi definito i logaritmi dei numeri complessi non nulli e quindi le funzioni
logaritmo,
log z = log |z| + iArg z + 2ki ,

1.22

una funzione per ciascun valore dellintero k. Abbiamo notato che queste sono
funzioni olomorfe, con derivata 1/z, a parte che nei punti dellasse reale negativo.
Per abbiamo notato che lasse reale negativo entra in queste questioni solo a causa
della particolare scelta dellargomento principale; e quindi le funzioni logaritmo, cos
definite, hanno propriet che non sono indipendenti dal modo scelto per rappresentare
la funzione. Vediamo ora un modo diverso di introdurre la funzione logaritmo, che
57

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

10

10
15

10

10

Fig. 1.7.

mostra che in realt non si incontrano problemi se si decide di lavorare in una regione
di Jordan qualsiasi, ma che non contiene lorigine. Si noti che tale regione pu
spiraleggiare intorno allorigine, come nella figura 1.7.
Consideriamo la funzione 1/z su . Questa funzione olomorfa su e quindi
dotata di primitiva per il teorema 1.37. Si noti che per questo si usa lipotesi che
una regione di Jordan che non contiene 0.
Si fissi un punto z0 e sia w0 uno dei suoi logaritmi,
w0 = log |z0 | + iArg z0 + 2k0 i
per un certo numero intero k 0 . Sia Pz una poligonale che connette il punto z 0 fissato
col generico punto z , senza uscire da .
Consideriamo la funzione

L(z) = w0 +
Pz

1
d .

Questa una funzione olomorfa su che in z 0 prende il valore w 0 ed primitiva di


1/z; ossia, la derivata di L(z) 1/z e quindi la sua differenza dalla funzione 1.22
log |z| + iArg z + 2k0 i
58

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

10

10
15

10

10

Fig. 1.8.

costante sulla regione in cui ambedue sono definite e derivabili. Se interseca


lasse reale negativo, ci non avviene su tutta , si veda la figura 1.8. Le due funzioni
coincidono sulla sola parte tratteggiata di . Esse certamente non coincidono sulla
parte rimanente, perch L(z) traversa lasse reale negativo con continuit.
Ricapitolando queste considerazioni, chiameremo la funzione L(z) una funzione
logaritmo su , e la chiameremo il logaritmo principale se stata costruita
scegliendo k0 = 0. Essa si indicher col simbolo log z oppure, nel caso del
logaritmo principale, col simbolo Log z.
Dato che elog |z|+iArg z+2k0 i = z, lo stesso vale per L(z) nella parte tratteggiata di
. Vedremo che ci vale anche nella parte rimanente di , si veda il paragrafo 1.13.2
e lesempio 1.58. Dunque, quando un punto mobile z traversa lasse reale
negativo, la funzione L(z) passa dalluna allaltra determinazione della funzione
log z.
Ponendo
z a = eaLogz
si trova che le potenze z a sono definite e sono funzioni olomorfe in ogni regione di
Jordan che non contiene lorigine. Se la regione contiene lasse reale positivo, allora
z a prende valori reali su tale asse.
59

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

Sia ora una regione di Jordan e sia f (z) una funzione olomorfa su , che non si
annulla. Fissiamo un punto z 0 e la poligonale Pz congiunga z 0 col generico
punto z . Si definisce


Log f (z) =
Pz

f  ()
d
f ()

e questa funzione olomorfa su . Ci fatto, si definisce, per ogni C,


f (z) = eLog f (z) :
su si possono definire tutte le potenze di f (z), e queste vengono ad essere funzioni
olomorfe di z; ricordiamo, purch f (z) non si annulli si , e purch sia una
regione di Jordan.

1.10.

I NDICE

E OMOTOPIA

Passiamo ora a considerare unaltra funzione importantissima nello studio delle


funzioni olomorfe. Questa funzione associa un numero intero alla coppia costituita
da una curva e da un punto z 0 che non gli appartiene. Questo numero rappresenta,
intuitivamente, il numero dei giri che la curva fa intorno a z 0 , considerati positivi se
la curva ruota in senso antiorario, negativi altrimenti.
Si veda lesempio 1.33 per un caso particolare.
Sia una regione di Jordan e sia z 0 un suo punto. Sia una curva chiusa, semplice
o meno, il cui sostegno in e non passa per il punto z 0 . Definiamo

1
1
dz ,
I(, z0 ) =
2i z z0
si vedano le considerazioni dellEsempio 1.33.
Dato che la curva non incontra z 0 , lintegrale ben definito ed una funzione di
classe C di z0 , almeno finch z 0 non incontra il sostegno di . Mostriamo che
questa funzione prende valori interi e quindi costante se z 0 si muove su una
curva senza toccare .
60

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

Teorema 1.40. La funzione I(, z 0 ) prende valori interi.


DIMOSTRAZIONE

Sia z(t), t [a, b] una parametrizzazione della curva . Ricordiamo che implicitamente
supponiamo sempre che le parametrizzazioni (continue su [a, b]) siano derivabili con
continuit, salvo un numero finito di punti. Si ha:
Z
Z b
1
1
1
z  (t)
dz =
dt .
I(, z0 ) =
2i z z0
2i a z(t) z0
Si ha
Z

(t) =
a

z  (t)
dt ,
z(t) z0

t [a, b] .

La funzione a valori complessi di variabile reale t continua e continuamente


derivabile, perch z(t) = z 0 per ogni t. Inoltre,

 (t) =

z  (t)
,
z(t) z0

(a) = 0 ,

(b) = I(, z0 ) .

Si ha

d (t)
e
(z(t) z0 ) = e(t)  (t)(z(t) z0 ) + z  (t) = 0 .
dt
Dunque, la funzione e (t) (z(t) z0 ) costante. Uguagliando i valori assunti per a e
per b si trova
e(a) (z(a) z0 ) = (z(a) z0 ) = e(b) (z(b) z0 ) .
Ricordando che la curva chiusa, ossia che z(a) = z(b), e che z(a) z 0 = 0 si trova
e(b) = 1, ossia si trova che esiste un intero k per cui
(b) = 2ki
e quindi I(, z 0 ) = k, con k intero, come si voleva.

Questo prova che I(, z 0 ) sempre un numero intero. Esso si chiama lindice della
curva rispetto al numero z 0 che non le appartiene.
61

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

0.8

0.6

0.4

0.2

0.2

0.4

0.6

0.8

1
1

0.5

0.5

1.5

2.5

Fig. 1.9.

Giustifichiamo ora linterpretazione intuitiva dellindice come numero dei giri della
curva intorno a z 0 . Ci si gi visto nel caso in cui sia una circonferenza percorsa
k volte. Se una curva percorsa k volte, per ladditivit dellintegrale, lindice k
volte lindice che si ottiene percorrendo la curva una sola volta. Sia quindi semplice.
Scegliamo una piccola circonferenza C di centro z 0 , contenuta in . Il teorema di
Cauchy ci dice che I(, z 0 ) = I(C, z0 ) = 1 e ci mostra linterpretazione dellindice
come numero dei giri, nel caso di una curva percorsa pi volte.
Nel caso della curva in figura 1.9, che gira pi volte intorno a z 0 , senza ripercorrere
se stessa, si arriva alla medesima interpretazione spezzando la curva in tante curve
semplici e chiuse.
Se la curva semplice e se z 0 nella regione esterna alla curva allora il suo indice
0. Invece, se z 0 nella regione interna allora il suo indice +1 oppure 1. Pi in
generale, il complementare del sostegno di una curva unione di un numero finito
di regioni semplicemente connesse. Si gi notato che lindice rimane costante se z 0
varia senza incontrare . Dunque, I(, z 0 ) costante in ciascuna delle regioni nelle
quali divide C, si veda la figura 1.9
62

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

Per finire, consideriamo il caso seguente, che ci interesser in seguito. Sia una curva
semplice e chiusa orientata positivamente, il cui sostegno appartiene alla regione
di Jordan su cui una funzione f (z) olomorfa. Si gi introdotta la curva f ,
immagine di mediante la funzione f (z): se ha parametrizzazione z = z(t),
t [a, b], allora f ha parametrizzazione f (z(t)), t [a, b].
La curva f chiusa perch lo , ma pu essere che non sia semplice.
Supponiamo che f (z) non si annulli su e consideriamo
b 
1
f (z(t))z  (t)
dt .
2i a
f (z(t))
Questintegrale uguale ad ambedue gli integrali seguenti:


1
1
f
1
dz ,
dw
2i f
2i f w
e lultimo integrale I( f , 0). Si ha quindi che

f
1
dz .
I(f , 0) =
2i f
Segue un semplice metodo grafico per il calcolo di (1/2i)

(f

/f ) dz (quando f (z)

non si annulla sul sostegno di ) che alla base di molti metodi grafici dellingegneria:
si disegna la curva f e se ne conta il numero dei giri intorno allorigine.
Naturalmente, i metodi grafici sono sempre approssimati. E notevole il fatto che,
in questo caso, il metodo grafico d in realt valori esatti. Infatti, intuitivamente
evidente, e si giustificher in seguito, che il valore dellintegrale varia di poco
quando varia di poco, purch la deformazione applicata a non conduca f ad
incontrare 0, ossia non conduca ad incontrare uno zero di f (z). Dato che lindice
prende valori interi, esso rimane costante sotto lazione di piccole perturbazioni su ,
quali quelle che si incontrano nella rappresentazione numerica di e di f .
La giustificazione rigorosa di questo argomento conduce alla teoria dellomotopia.
Siano 1 e 2 due curve diverse. Non restrittivo assumere che il parametro vari nel
medesimo intervallo [a, b]. Diciamo che esse sono omotope se esiste una funzione
63

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

0.8

0.6

0.4

0.2

0.2

0.4

0.6

0.8

1
3

Fig. 1.10.

continua H(t, s) di due variabili reali s [0, 1], t [a, b], a valori complessi, tale
che H(0, t) parametrizzi 1 mentre H(1, t) parametrizzi 2 .
Se le due curve appartengono ad una regione , si dice che esse sono omotope in
se i valori della funzione H(s, t) appartengono ad .
Per ogni valore intermedio s 0 [0, 1], la funzione H(s 0 , t) parametrizza una curva e
per s 0 la curva vicina a 1 mentre per s 1 vicina a 2 . Quindi la H(s, t)
parametrizza una deformazione continua di 1 in 2 .
Nei casi pi importanti, le curve 1 e 2 hanno gli estremi comuni oppure sono chiuse.
Se esse hanno estremi comuni, si richiede anche che H(s, a) ed H(s, b) siano costanti.
In tal caso una deformazione continua di 1 su 2 illustrata dalla figura 1.10.
Se le due curve 1 e 2 sono chiuse, nel parlare di omotopia si sottintende che ciascuna
delle curve t H(s, t) sia chiusa.
Richiediamo ora che le due curve 1 e 2 siano omotope rispetto ad una regione
che non contiene zeri della funzione f (z). In tal caso, indicando con s la curva di
parametrizzazione t H(s, t), si trova che
64

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

1
s
2i

f
dz
f

continua per s [a, b] e quindi, prendendo valori interi, costante. Ci giustifica


le considerazioni precedenti e suggerisce una diversa formulazione del teorema di
Cauchy, teorema 1.31. Ricordiamo che due curve sono omotope in una regione
quando i valori di H(s, t) appartengono ad per ogni s e per ogni t. Si ha:

Teorema 1.41 (forma omotopica del teorema di Cauchy). Siano 1 e 2 curve


tra loro omotope in una generica regione su cui f (z) olomorfa. Supponiamo che
le due curve siano chiuse o che abbiano gli stessi estremi. Allora vale


f (z) dz =
f (z) dz
1

DIMOSTRAZIONE

(cenno) La dimostrazione del teorema alquanto noiosa, ma lidea della dimostrazione


semplice e ci limitiamo a presentarla. Sia H(s, t) la funzione continua tale che H(0, t)
parametrizza 1 e H(1, t) parametrizza 2 .
Non restrittivo assumere t [0, 1].
Dividiamo il quadrato [0, 1] [0, 1] in tanti piccoli quadrati, come nella figura 1.11 a
sinistra e consideriamo limmagine mediante H(t, s) dei lati di tutti i quadrati ottenuti.
Si trova una struttura del tipo di quella nella figura 1.11 a destra (le immagini dei lati
sono state disegnate rettilinee per comodit di disegno, ma potrebbero non esserlo).
I lati dei quadrati si trasformano in curve chiuse e su tali curve lintegrale nullo. Sommando ciascuno degli integrali sui singoli quadrati e tenendo conto delle cancellazioni
si trova lasserto.

Vediamo ora un caso estremo: per definizione, una curva non pu essere parametrizzata da una funzione costante. Supponiamo per che esista una funzione
H(s, t) continua su [0, 1] [a, b] e tale che H(0, t) parametrizzi una curva mentre
H(1, t) = z0 per ogni t [a, b]. In questo caso si dice che la curva omotopa al

punto z0 .
65

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

3
3

2
y
2

1
x

3
3

4
4

Fig. 1.11.

E ancora vero che


1
s
2i

f
dz
f

dipende con continuit da s e inoltre, per s 0, il limite ora 0; e quindi la funzione


identicamente zero. Vale quindi

Corollario 1.42. Se omotopa ad un punto nella generica regione allora



f dz = 0

per ogni funzione f (z) olomorfa su .

Sottolineiamo che n il teorema 1.41 n il corollario 1.42 richiedono che sia una
regione di Jordan. Si potrebbe provare che tutti i teoremi che valgono per regioni
di Jordan valgono anche per le regioni che sono semplicemente connesse secondo la
definizione seguente: una regione si dice semplicemente connessa se ogni curva di
Jordan di sostegno in omotopa ad un punto di .

66

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

1.11.

C ONVERGENZA

UNIFORME SUI COMPATTI

Ricordiamo che se
f (x + iy) = u(x, y) + iv(x, y)
continua, abbiamo definito



f dz =
u dx v dy + i v dx + u dy .

Se parametrizzata da
t [a, b]

z = z(t) = x(t) + iy(t) ,


si trova


f dz =

{u(x(t), y(t))x (t) v(x(t), y(t))y  (t)} dt

+i

{v(x(t), y(t))x (t) + u(x(t), y(t))y  (t)} dt

ossia si trova la somma di quattro integrali di funzioni continue su [a, b], intervallo
limitato e chiuso. Dunque, a tali integrali si possono applicare tutte le propriet note
per gli integrali di funzione di variabile reale. In particolare, se (u n (x, y)) una
successione che converge uniformemente ad u(x, y) allora
lim un (x(t), y(t)) = u(x(t), y(t))
n

e il limite uniforme su [a, b]. Dunque,


lim

un (x(t), y(t))x (t) dt =


lim

un (x(t), y(t))y  (t) dt =

a
b

u(x(t), y(t))x (t) dt


u(x(t), y(t))y  (t) dt .

Analogo argomento vale se (v n (x, y)) converge uniformemente a v(x, y).


Sia ora (fn (z)) una successione di funzioni della variabile complessa z, convergente
uniformemente ad f (z). Si sa che ci avviene se e solo se le parti reali, rispettivamente
67

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

immaginarie, delle f n (z) convergono rispettivamente alla parte reale ed immaginaria


di f (z). Dunque:

Teorema 1.43. Sia (f n (z)) una successione di funzioni continue su una regione ,
e sia una curva il cui sostegno in . Supponiamo che esista una funzione f (z),
definita sul sostegno di , tale che
lim fn (z) = f (z) ,
n

uniformemente sul sostegno di . Allora vale




f (z) dz .
lim fn (z) dz =

In pratica non comodo studiare la convergenza di una successione di funzioni sul


sostegno di una singola curva. Si presenta per frequentemente il caso seguente: una
successione di funzioni continue (f n (z)) converge ad una funzione f (z) in ogni punto
di , ma non uniformemente. E per possibile provare che per ogni compatto K
contenuto in la convergenza uniforme; ossia, per ogni  > 0 esiste N = N (, K)
tale che se n > N allora vale
|fn (z) f (z)| < 

z K .

In tal caso si dice che la successione (f n (z)) converge uniformemente sui compatti

di .
La convergenza uniforme sui compatti ovviamente implica la continuit della funzione
limite f (z) e inoltre implica la convergenza uniforme sui sostegni di curve che
sono contenuti in , perch i sostegni di curve sono compatti. Dunque permette
lapplicazione del teorema 1.43.
Un caso importante in cui si ha convergenza uniforme sui compatti quello delle serie
di Laurent nei compatti contenuti nella corona di convergenza. In questo caso si ha:

Corollario 1.44. Sia

+
k=

an (z z0 )n una serie di Laurent la cui corona

di convergenza non vuota e sia una curva il cui sostegno nella corona di
68

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

convergenza. Sia (z) una funzione continua su . In tal caso si ha:


 +



+


k
()
ak ( z0 ) d =
ak (z)( z0 )k d .

k=

k=

Se in particolare si sceglie (z) = 1 si trova



 

+
+

k
ak ( z0 ) d =
ak ( z0 )k d.

k=

k=

Asserti analoghi valgono per le serie di Taylor, naturalmente riformulati rispetto al


disco di convergenza.

1.12.

L A FORMULA

INTEGRALE DI

C AUCHY

Sia f (z) olomorfa sulla regione di Jordan e sia una curva di Jordan in . La
formula integrale di Cauchy mostra in particolare che i valori di f (z) nella regione
interna a sono univocamente individuati dai valori che la f (z) assume sul sostegno
di e inoltre vengono ad essere espressi mediante una semplice formula integrale. Si
noti che niente di analogo vale per funzioni di classe C 1 di due variabili reali.
Pi avanti vedremo che anche i valori che f (z) assume nella regione esterna a
sono individuati dai valori che essa assume sul sostegno di . Per, nessuna formula
semplice permette di trovarli.
La formula integrale di Cauchy vale per curve chiuse, anche non semplici, di sostegno
in . In tale forma lo enunciamo anche se, di regola, lo useremo nel caso delle curve
semplici.

Teorema 1.45 (formula integrale di Cauchy). Sia f (z) olomorfa in una regione
di Jordan e sia una curva in . Sia z un punto che non appartiene al sostegno
di . Vale:
I(, z)f (z) =

1
2i

f ()
d .
z

1.23

69

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

DIMOSTRAZIONE

Limitiamoci a provare il teorema per il caso delle curve semplici. In questo caso,
I(, z) = 0 quando z nella regione esterna a e in tal caso lintegrale nullo per il
teorema di Cauchy, teorema 1.31. Dunque, in tal caso luguaglianza verificata. Sia
allora z , la regione interna a . In questo caso I(, z) = 1 e dobbiamo provare
che
f (z) =

1
2i

f ()
d .
z

Sia Cr una circonferenza di raggio r e centro z, con r cos piccolo che C r sia contenuta
nella regione . Il teorema di Cauchy mostra che
Z
Z
1
f ()
f ()
1
d =
d .
2i z
2i Cr z
In particolare, la funzione di r,
1
2i

Z
Cr

f ()
d
z

costante e quindi

lim

r0+

1
2i

Z
Cr

f ()
d
z

1
=
2i

f ()
d .
z

Il limite si calcola facilmente notando che


Z
Z
Z
1
1
f ()
f () f (z)
f (z)
1
d =
d +
d
2i Cr z
2i Cr
z
2i Cr z
Z
1
f () f (z)
=
d + f (z)
2i Cr
z
(se la curva non semplice, laddendo f (z) viene moltiplicato per I(, z)). Basta quindi
calcolare
1
r0 2i

lim

Cr

f () f (z)
d .
z

E immediato notare che questo limite nullo.


incrementale

Infatti, il modulo del rapporto

f () f (z)

limitato, diciamo da M = 2|f  (z)|, per | z| piccolo. Dunque, per il teorema 1.30,

70

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

vale

Cr

f () f (z)
d 2rM .
z

Il membro destro tende a zero per r 0 e ci prova luguaglianza richiesta.

La formula 1.23 si chiama formula integrale di Cauchy e, ripetiamo, non ha analogo


per le funzioni di variabile reale.
La formula integrale di Cauchy ha una conseguenza interessante: supponiamo che
f (z) sia olomorfa in |z| < 1 e continua in |z| 1. Supponiamo inoltre che f (e it ) = 0
per ogni t. In tal caso, la funzione f (z) identicamente zero.
Infatti, per ogni z 0 di modulo minore di 1 vale

1
f ()
d .
f (z0 ) =
2i |z|=r z0
Questa formula vale per ogni r con |z 0 | < r < 1. Scrivendo esplicitamente la
parametrizzazione della circonferenza, si trova
2
1
f (reit )
ireit dt .
f (z0 ) =
2i 0 reit z0
Passando al limite per r tendente ad 1 si vede che
2
f (eit ) it
1
f (z0 ) =
e dt = 0 .
2 0 eit z0
E importante sapere che in realt la sola condizione f (e it ) = 0 per t [, ] con
< implica che f (z) identicamente zero.

1.12.1 La propriet della media


Scriviamo la formula integrale di Cauchy nel caso speciale in cui una circonferenza
di raggio r centrata in z 0 . Vale
f (z0 ) =

1
2i

f ()
d .
z0

Introducendo la parametrizzazione
(t) = reit = r[cos t + i sin t] ,

t [0, 2]
71

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

si trova
1
f (z0 ) =
2

f (z0 + reit ) dt .

1.24

Questa formula mostra che f (z 0 ) pu interpretarsi come media dei valori che la
funzione prende sulla circonferenza di centro z 0 e raggio 1. Per questa ragione
la particolare forma 1.24 della formula integrale di Cauchy si chiama formula della

media .
Osserviamo ora che lintegrale che figura nella formula della media su un intervallo
dellasse reale; e quindi, scrivendo
f (x + iy) = u(x, y) + iv(x, y)
e prendendo la parte reale dei due membri, si trova
2
1
u(x0 , y0 ) =
u(x0 + r cos t, y0 + r sin t) dt ,
2 0

1.25

ossia la propriet della media vale anche per le parti reali (e immaginarie) di
funzioni olomorfe.

1.12.2 Funzioni olomorfe rappresentate mediante integrali


Abbiamo visto che le serie di potenze identificano una classe di funzioni olomorfe.
Lintegrale che figura nella formula di Cauchy suggerisce una seconda classe di
funzioni olomorfe, dotate di una semplice rappresentazione. Sia h() una funzione
continua sul sostegno di (non necessariamente chiusa).
Sia f (z) definita da
f (z) =

1
2i

h()
d .
z

1.26

In questo modo, f (z) ben definita per ogni z che non appartiene al sostegno di .
Inoltre, la funzione
z

h()
d
z

di classe C ed ha derivate rispetto a z limitate uniformemente al variare di su


e di z in un intorno di un punto z 0 che non interseca . Dunque lecito scambiare il
72

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

segno di derivata e quello di integrale, ottenendo che



1
h()
d .
f  (z) =
2i ( z)2

1.27

La funzione f  (z) continua e ci mostra che f (z) olomorfa. Abbiamo cos


unulteriore classe di funzioni olomorfe, dotate di una semplice rappresentazione.
La funzione f  (z) in 1.27 pu nuovamente derivarsi e la sua derivata nuovamente
continua, ossia anche f  (z) olomorfa.
Sia ora f (z) olomorfa su e sia z 0 un punto di . Sia C una circonferenza contenuta
in , di centro z 0 . La 1.26 vale con h() = f () e con = C. Dunque anche la 1.27
vale e quindi f  (z) nuovamente olomorfa. Iterando questosservazione si trova:

Teorema 1.46. Sia f (z) olomorfa in . Essa ammette derivate di ogni ordine, e
tutte le derivate sono olomorfe.

Torniamo ora a considerare la situazione descritta dalla Formula integrale di Cauchy.


In questo caso a priori noto che la funzione f (z) olomorfa anche nei punti di e
la formula 1.23 mostra, nel caso delle curve semplici, che

1
f ()
lim
d = f (z0 )
zz0 2i z
anche se z0 un punto del sostegno di . Si potrebbe immaginare che il limite esista
anche nel caso di una generica funzione, definita mediante la formula 1.26. In genere
ci non accade e, pi ancora, se questo limite esiste esso pu essere diverso da h(z 0 )
perfino se h(z) continua su C.

Esempio 1.47. Sia h(z) = z e sia : z = e it , t [0, 2]. Lintegrale


1
2i

1 1
d =
d
z
2i z

si calcola immediatamente notando che


1 1
11 1 1
=
+
.
z
z
z z
Dunque,
1
2i







1 1
1 1
1
1

d =
d +
d
z
z 2i
z 2i z
73

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

1
[I(, 0) + I(, z)] = 0
z
per ogni z nella regione interna a , ossia nel disco |z| < 1. Dunque,

1

f (z) =
d 0 :
2i z
la funzione f (z) olomorfa in |z| < 1 e continua in |z| 1, ma i suoi valori su
|z| = 1 non coincidono con quelli di h(z) = z.

Per molte applicazioni importante lo studio del comportamento di f (z) per z


tendente a .

1.13.

A NALITICIT

DELLE FUNZIONI OLOMORFE

Si visto al teorema 1.46 che una funzione olomorfa ammette derivate di ogni ordine,
e queste sono tutte olomorfe. Mostriamo che vale anche di pi. Una funzione f (z)
definita su una regione si dice analitica su quando sviluppabile in serie di Taylor
(con raggio di convergenza non nullo) di centro z 0 per ogni z 0 .
Vedremo, al paragrafo 1.15., che una funzione analitica anche olomorfa. Andiamo a
provare:

Teorema 1.48. Se f (z) olomorfa su , essa anche analitica su e inoltre, se


z0 , vale
f (z) =

+


fn (z z0 ) ,
n

n=0

1
fn =
2i

f ()
( z0 )n+1

ove C una qualunque circonferenza di centro z 0 e contenuta in .


DIMOSTRAZIONE

Sia C una circonferenza di centro z 0 e contenuta in . Usando la formula integrale di


Cauchy, si scriva
f (z) =
=

74

1
2i

Z
f ()
f ()
1
d =
d
2i C ( z0 ) (z z0 )
C z

1
f ()
z z0
d .
1
z0
z0

1
2i
Z
C

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

Dato che sulla circonferenza mentre z nel disco, |(z z 0 )/( z0 )| < 1 e quindi

1
n
Z
+
z z0
1
f ()
f () X z z0
1
d =
d
z0
2i C z0 n=0 z0
C z0

Z
+
X
f ()
1
(z z0 )n .
=
n+1
2i
(

z
0)
C
n=0
1
2i

Questa la formula che volevamo provare.


Si noti che lo scambio della serie con lintegrale lecito perch per z e z 0 fissati la
serie

n
+
X
f ()
z z0
z0 z0
n=0

converge uniformemente su C.

In particolare si trova una nuova dimostrazione del teorema 1.46:

Teorema 1.49. Se f (z) olomorfa su , essa ivi di classe C e per le successive


derivate vale la formula di rappresentazione seguente:

n!
f ()
(n)
dz
f (z0 ) =
2i C ( z0 )n+1
ove C una circonferenza di centro z 0 contenuta in .
Inoltre, ogni derivata di f (z) a sua volta una funzione olomorfa.

Notiamo ora che, a rigore, luguaglianza



+ 
f ()
1 
f (z) =
(z z0 )n
2i n=0 C ( z0 )n+1
ha senso solo se z ; ma niente vieta che il disco di convergenza della serie
fuoriesca da . In tal caso la serie fornisce unestensione analitica della funzione f (z).

1.13.1 Funzioni armoniche


Una funzione u(x, y) a valori reali delle due variabili reali x ed y si dice armonica
su una regione se ivi di classe C 2 e se per ogni (x, y) vale
u = uxx + uyy = 0 .
75

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

Sia f (z) = f (x + iy) olomorfa su . Si visto che essa ammette derivate di ogni
ordine e quindi anche la sua parte reale u(x, y) di classe C . Inoltre, la sua derivata
f  (z) = ux (x, y) + ivx (x, y) olomorfa e quindi verifica le condizioni di Cauchy
Riemann, che ora si scrivono:
(ux )x = (vx )y ,

(vx )x = (ux )y .

La derivata f  (z) pu anche rappresentarsi come f  (z) = vy (x, y) iuy (x, y) e


scrivendo le condizioni di CauchyRiemann si trova
(vy )x = (uy )y ,

(uy )x = (vy )y .

Confrontando queste uguaglianze si vede che


u = 0 ,

v = 0

ossia,

Teorema 1.50. Le parti reali ed immaginarie di funzioni olomorfe sono funzioni


armoniche.

Al paragrafo 2.1. proveremo il viceversa:

Teorema 1.51. Sia una regione di Jordan e sia u(x, y) armonica su . Esiste una
funzione v(x, y) armonica su e tale che f (x + iy) = u(x, y) + iv(x, y) olomorfa
su .

Le funzioni v(x, y) con la propriet detta sopra si chiamano funzioni armoniche

coniugate di u(x, y).


Questo teorema pu sempre applicarsi localmente ossia in un intorno di ciascun
punto di . Di conseguenza:

Corollario 1.52. Le funzioni armoniche su sono di classe C ().

Un ulteriore conseguenza del teorema 1.51 e del teorema della media :

76

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

Teorema 1.53 (della media). Sia u(x, y) armonica su . Essa verifica la propriet
della media : per ogni (x 0 , y0 ) e per ogni cerchio di raggio r e centro (x 0 , y0 ) e
contenuto in vale la 1.25.
1.13.2 Zeri e estensioni di funzioni olomorfe
Le serie di potenze hanno una propriet importante:

Teorema 1.54. Sia f (z) =

+
n=0

an (z z0 )n una serie di potenze con raggio

di convergenza non nullo e non identicamente nulla. Il punto z 0 non punto di


accumulazione di zeri di f (z).
DIMOSTRAZIONE

Lassero ovvio se a 0 = 0 perch in tal caso f (z 0 ) = a0 = 0. Sia quindi a 0 = 0 e sia


ak il primo coefficiente non nullo. Si pu scrivere
f (z) = (z z0 )k (z) ,

(z) =

+
X

an (z z0 )nk .

n=k

Si ha (z0 ) = ak = 0 e (z) continua. Dunque, in un intorno di z 0 non si annulla.


In tale intorno il primo fattore (z z 0 ) ha lunico zero z 0 . Dunque, z 0 non punto di
accumulazione di zeri.

Ricordando che le funzioni olomorfe sono analitiche, il teorema precedente pu


riformularsi come segue:

Corollario 1.55. Una funzione olomorfa su , che ha una successione (z n ) di zeri


convergente a z 0 , identicamente nulla in un intorno di z 0 .
In realt vale di pi:

Teorema 1.56. Sia f (z) olomorfa sulla regione e sia (z n ) una successione di zeri
di f (z), convergente ad un punto z 0 . Allora, f (z) identicamente nulla su .
DIMOSTRAZIONE

Ricordiamo che una regione un aperto connesso.

77

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

Per il Corollario 1.55, esiste un intorno V di z 0 su cui f (z) nulla. Su questintorno,


ogni derivata di f (z) nulla.
Indichiamo con Z linsieme
Z = {z |

i
f (z) = 0 i} .
z i

Linsieme Z contiene V e quindi non vuoto. Inoltre chiuso perch ciascuna delle
derivate parziali di f (z) una funzione continua.
Mostriamo che Z aperto, cos che avremo Z = . Sia per questo z Z. Mostriamo
che tutto un intorno di z contenuto in Z. Per questo, sviluppiamo f (z) in serie di
Taylor di centro z:
f (z) =

+
X
1 (n)
f (
z )(z z)n .
n!
n=0

Luguaglianza vale in un intorno W di z.


Dato che z Z, tutti i coefficienti della serie sono nulli e quindi f (z) = 0 su W . Ci
mostra che W Z e completa la dimostrazione.

Notiamo che il teorema precedente non vieta che una successione di zeri di una
funzione olomorfa non nulla f (z) possa avere punti di accumulazione. In tal caso
per tali punti non sono interni alla regione su cui f (z) olomorfa.
Il teorema 1.56 ha conseguenze importanti.

Teorema 1.57 (principio di permanenza). Siano f (z) e g(z) due funzioni


olomorfe sulla stessa regione e supponiamo che f (z) = g(z) su un insieme dotato
di punti di accumulazione appartenenti ad . Il tal caso, f (z) = g(z) su .
DIMOSTRAZIONE

Perch, per il teorema 1.56, f (z) g(z) identicamente nulla.

Il teorema precedente vale se, per esempio, f (z) e g(z) sono uguali sul sostegno di
una curva in . Ora, se z = x + i0, allora vale
sin2 z + cos2 z = 1
78

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

1.5

0.5

0
x
0.5

1.5

2
2

1.5

0.5

0.5

1.5

Fig. 1.12.

e le funzioni a destra e a sinistra delluguaglianza sono olomorfe su C. Dunque


leguaglianza vale per ogni z in C.

Esempio 1.58. Torniamo ad esaminare la primitiva di 1/z, in una regione di Jordan


come in figura.
La primitiva che si indicata con L(z) al paragrafo 1.9.3 coincide con Logz nel
primo/secondo quadrante, e quindi ivi verifica
eL(z) = z .
Per il Principio di permanenza, tale uguaglianza vale ovunque L(z) definita e quindi
anche nel terzo quadrante. Dunque, nei punti del terzo quadrante essa uguale a
log |z| + i[Argz + 2k]
per un qualche valore di k che certamente non 0, perch Logz discontinuo quando
z traversa lasse reale negativo, mentre L(z) continua. Dunque L(z) passa dai
valori di una determinazione del logaritmo a quelli di unaltra.
Lapplicazione del teorema precedente richiede una certa cautela. Supponiamo che
f (z) e g(z) siano olomorfe su due regioni 1 ed 2 tra loro diverse, ma con
79

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

intersezione non vuota e supponiamo che f (z) e g(z) siano uguali sul sostegno di una
curva contenuta in 1 2 . Il teorema precedente NON implica che le due funzioni
debbano essere uguali su 1 2 . Implica che debbano essere uguali soltanto sulla
componente connessa di 1 2 che contiene il sostegno della curva. E importante
notare questo nella dimostrazione del teorema seguente che permette di chiarire una
stranezza delle funzioni di variabile reale. Per illustrarla, consideriamo la serie di
Taylor
log (1 + x) =

+


(1)n+1

n=1

xn
.
n

Questa serie ha raggio di convergenza 1 e si capisce che il raggio non possa superare
1 perch per x = 1 la funzione non definita.
Consideriamo invece la serie di Taylor
+

1
=
(1)n x2n .
1 + x2
n=0

Anche questa serie ha raggio di convergenza 1 nonostante che la funzione somma


abbia estensione di classe C su R e, guardando le cose soltanto sulla retta reale,
non si capisce perch il raggio di convergenza non possa superare 1. Ci si capisce
esaminando la funzione 1/(1 + z 2 ) sul piano complesso: essa non definita per x =
i. Questosservazione ha una validit generale. Infatti, il teorema seguente mostra
che la convergenza di una serie di Taylor sul piano complesso trova solamente ostacoli
nelle singolarit della funzione.
Per chiarire meglio questo punto, chiamiamo punto regolare per la funzione f (z)
un punto z 0 interno alla regione su cui f (z) olomorfa; diciamo che z 0
una singolarit eliminabile se z 0 appartiene alla chiusura di e se f (z) ammette
estensione olomorfa ad un intorno di z 0 (il punto z 0 stesso incluso). Ogni altro punto
della frontiera di si dir punto singolare di f (z).
Si noti che un punto z 0 che una singolarit eleminabile per f (z) un punto regolare
per lestensione olomorfa di f (z). Per questo non useremo il termine singolarit
(senza aggettivo) per indicare le singolarit eliminabili.

Teorema 1.59. Sia f (z) =

+
n=0

fn (z z0 )n una serie di Taylor con raggio di

convergenza R > 0. Esiste un punto singolare z tale che |


z z 0 | = R.
80

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

DIMOSTRAZIONE

La dimostrazione si fa per assurdo. Sia D il disco di convergenza e sia C la sua


circonferenza. Sia w un punto di C. Se w non singolare, si trova un disco D w di
centro w e una funzione g(z) tale che g(z) olomorfa in D w e coincide con f (z) in
D Dw . Se nessun punto della frontiera di D singolare, si costruisce in questo
modo una copertura della circonferenza C, che compatta. Dunque, per il teorema di
Heine-Borel, si trova un numero finito di dischi D 1 = Dw1 , D2 = Dw2 ,. . . ,Dn = Dwn
che coprono C. Ordiniamoli in modo che i loro centri si susseguano per esempio in
verso antiorario.
Sia gi (z) la funzione che abbiamo definita sul disco D i .
Due dischi consecutivi D i e Di+1 hanno una parte comune su cui sono definite sia g i
che gi+1 . Queste due funzioni coincidono ambedue con f (z) in (D i Dj ) D e quindi
coincidono ovunqe su D i Dj perch esso un insieme connesso.
Sia ora (z) la funzione definita su = D (D i ) da:
8
< f (z)
su D
(z) =
: g (z) su D .
i

Come abbiamo visto, la funzione (z) olomorfa su .


Sviluppiamo questa funzione in serie di potenze di centro z 0 . Ovviamente, si ritrova la
stessa serie di potenze di f (z). Per il teorema 1.48, il raggio di convergenza della serie
cos ottenuta maggiore di R e ci non pu darsi. Dunque, almeno uno dei punti di C
singolare per f (z).

1.14.

T EOREMA

DI

M ORERA

E PRINCIPIO DI RIFLESSIONE

Il teorema di Morera inverte il teorema di Cauchy.

Teorema 1.60 (di Morera). Sia una regione qualsiasi e supponiamo che f (z)
sia continua su . Supponiamo che su ogni poligono P valga
81

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE


f (z) dz = 0 .

1.28

Allora, la funzione f (z) olomorfa su .


DIMOSTRAZIONE

Si sa che se vale la condizione 1.28 allora la funzione f (z) ammette una primitiva F (z),
ossia si sa che esiste una funzione olomorfa F (z) definita su e tale che
F  (z) = f (z) .
Si sa che le derivate delle funzioni olomorfe sono esse stesse olomorfe (si veda il
teorema 1.49) e quindi f (z) olomorfa.

Il principio di riflessione di Schwarz, la cui dimostrazione usa il teorema di Morera,


permette di estendere funzioni olomorfe, in modo da conservare lolomorfia, in
presenza di opportune propriet di simmetria. Noi presentiamo la forma pi semplice
di tale principio.
Se una regione, poniamo
= {z | z } .
Dunque, ottenuta da mediante riflessione rispetto allasse reale. In particolare,
= quando simmetrica rispetto allasse reale.
Sia f (z) olomorfa su e sia

g(z) = f (
z) .
Ovviamente, g(z) continua su . Mostriamo che anche olomorfa, facendo vedere
che la sua derivata funzione continua di z. Ci si vede come segue: sia z , cos
che z . Si ha:


f (
z + h) f (
z)
f (z + h) f (
z)
= lim
z) ,
= f  (
lim

h0
h0
h
h
funzione continua di z.
82

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

Supponiamo ora = , che f (z) sia olomorfa su e e che prenda valori reali
sullasse reale. Allora,
z)
g(z) = f (
olomorfa e coincide con f (z) sullasse reale e quindi coincide con f (z) ovunque, si
veda il teorema 1.57. Dunque, f (z) gode della seguente propriet di simmetria:
f (
z ) = f (z) .
Invertiamo questa costruzione per ottenere un teorema di estensione:

Teorema 1.61 (principio di riflessione di Schwarz). Sia una regione


contenuta in Im z > 0 e sia f (z) olomorfa su . Supponiamo che f (z) sia anche
continua su {z , Im z = 0} e che ivi prenda valori reali. In tal caso la
funzione

g(z) =

f (z) se

z {z , Im z = 0}

f (
z ) se

olomorfa.
DIMOSTRAZIONE

Illustriamo lidea della dimostrazione, senza entrare in tutti i dettagli del calcolo. La
funzione g(z) definita e continua sulla regione
{z Im z = 0} .
Per ipotesi g(z) olomorfa su e si gi notato che olomorfa su . Dobbiamo
provare che essa anche olomorfa sui punti interni allinsieme
{z , Im z = 0} .
Per mostrare lolomorfia, usiamo il teorema di Morera. Sia P un qualsiasi poligono
nel dominio di g(z). Siano P + , P i due poligoni in figura 1.13, ottenuti tagliando P a
distanza
, sopra e sotto lasse reale. Lintegrale di g(z) lungo P + e lungo P  nullo.

83

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

1.5

y
+
P

0.5

0
x
0.5
P

1.5

2
2

1.5

0.5

0.5

1.5

Fig. 1.13.

Quando
tende a zero,
Z
0 = lim

0

Z
P+

g(z) dz +

P

g(z) dz

Z
g(z) dz

=
P

dato che gli integrali sui segmenti paralleli tendono ad elidersi.


Larbitrariet di P prova che g(z) olomorfa sul suo dominio.

1.15.

T EOREMI

DI

W EIERSTRASS

E DI

M ONTEL

I due teoremi di Weierstrass e di Montel riguardano successioni di funzioni.

Teorema 1.62 (di Weierstrass). Sia (f n (z)) una successione di funzioni olomorfe
sulla medesima regione e supponiamo che (f n (z)) converga ad una funzione f (z)
uniformemente sui compatti di . In tal caso, f (z) olomorfa e inoltre vale
f  (z) = lim fn (z) ,
anche tale limite essendo uniforme sui compatti.
84

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

DIMOSTRAZIONE

Per provare che f (z) olomorfa basta lavorare localmente, nellintorno D di ciascun
punto z di . In tale intorno si usa il teorema di Morera. Notiamo prima di tutto che
f (z) continua, come limite uniforme di una successione di funzioni continue. Sia P
un poligono in D. La successione (f n (z)) converge ad f (z) uniformemente su P e
quindi
Z

Z
f (z) dz = lim
P

fn (z) dz .
P

Ciascuno degli integrali a destra nullo perch ciascuna funzione f n (z) olomorfa e
D una regione di Jordan. Dunque
Z
f (z) dz = 0
P

per ogni poligono P ed f (z) olomorfa.


Fissiamo ora un compatto K .

Vogliamo provare che (f n (z)) converge

uniformemente a f (z) su K.
Per il teorema di HeineBorel, il compatto K coperto da un numero finito di dischi,
ciascuno dei quali contenuto in e quindi basta provare la convergenza uniforme su
e sia
ciascuno di tali dischi. Fissiamo lattenzione su uno di essi, che indichiamo con D
e raggio maggiore, ancora contenuto in . Sia C
D un disco con lo stesso centro di D
vale
la circonferenza di D. Sapendo gi che f (z) olomorfa, per ogni z D

f  (z) =

1
2i

Z
C

1
f ()
d = lim
( z)2
2i

Z
C

fn ()
d = lim fn (z) ,
( z)2

il limite essendo uniforme per z D.

Osservazione 1.63. Applicando questo teorema alle serie di potenze ed alle serie di
Laurent si trovano dimostrazioni dei teoremi 1.23 e 1.24. Si noti infatti che la catena di
argomenti che conducono al teorema di Weierstrass non fa uso n delle serie di Taylor
n delle serie di Laurent.
85

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

Il teorema di Montel invece un teorema di compattezza. La dimostrazione si basa


sul teorema di Ascoli-Arzel, che si assume noto dai corsi di topologia 1.

Teorema 1.64. Una successione di funzioni di due variabili reali che equilimitata ed equicontinua su un insieme K ammette una s.successione uniformemente
convergente.

Usando questo risultato, possiamo provare:

Teorema 1.65 (di Montel). Sia (f n (z)) una successione limitata di funzioni
olomorfe sulla regione .

Essa ammette una s.successione che convergente

uniformemente sui compatti di .


DIMOSTRAZIONE

Si sa dai corsi di topologia che esiste una successione (K r ) di s.insiemi compatti di


tali che
Kr int Kr+1 ,

Kr = .

Mostreremo che per ogni r si pu estrarre dalla (f n (z)) una s.successione uniformemente convergente su K r . Accettiamo per un attimo questo fatto e mostriamo come si
costruisce la s.successione cercata: si applica questo procedimento a (f n (z)) e K1 e si
costruisce una successione (f nk ,1 (z)) convergente uniformemente su K 1 . Non si conosce il comportamento di questa successione fuori di K 1 . Si applica quindi di nuovo il
procedimento a (f nk ,1 (z)) e K2 , costruendo la successione (f nk ,2 (z)) uniformemente
convergente su K 2 (e quindi anche su K 1 ).
Si itera il procedimento e si sceglie come s.successione quella diagonale, ossia quella
delle funzioni (f nk ,k (z)), si ricordi la dimostrazione del teorema di Ascoli-Arzel.
Il procedimento descritto riassunto dalla tabella seguente:

Si veda il teorema 5.54 per il caso delle funzioni di una sola variabile. La dimostrazione per
funzioni di pi variabili la medesima.

86

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

fn1 ,1 (z)

fn2 ,1 (z)

fn3 ,1 (z)

fn4 ,1 (z)

...

fn1 ,2 (z)

fn2 ,2 (z)

fn3 ,2 (z)

fn4 ,2 (z)

...

fn1 ,3 (z)
..
.

fn2 ,3 (z)

fn3 ,3 (z)

fn4 ,3 (z)

...

In questa tavola:
alla prima riga c una s.successione della (f n (z)) e ciascuna riga riporta
una s.successione di quella che figura alla riga precedente.
dunque la successione diagonale (f nr ,r ) s.successione della (f n ).
La successione che figura alla riga ima converge su K i e quindi anche
su Kj , con j < i.
la successione diagonale s.successione di ciascuna (f ni ,j ) (per ciascun j), alterata nei soli primi elementi. E quindi essa converge su ciascun
insieme Kj .
Per concludere, basta mostrare come estrarre dalla (f n (z)) una s.successione convergente su un assegnato compatto K. Per ipotesi, su K la successione (f n (z))
limitata, |f n (z)| < MK . Se si prova che anche la successione (f n (z)) limitata allora la fn (z) sia equilimitata che equicontinua e la s.successione cercata esiste per il
teorema di Ascoli-Arzel.
La limitatezza di {f n (z)} si vede come segue. Sia P un poligono in che racchiude
K. Per ogni z K vale

Z
1
f ()
1
LP maxP |fn (z)|
.
max
fn (z) =
d

<M
P,zK | z|2
2i P ( z)2
2

1.16.

M ASSIMO

MODULO E TEOREMA DI

L IOUVILLE

Abbiamo visto che le funzioni olomorfe soddisfano al teorema della media,


2
1
f (z0 + reit ) dt
f (z0 ) =
2 0
87

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

da cui segue
|f (z0 )|

1
2( max |f (z)|) :
2
|zz0 |=r

Il massimo del modulo di f (z) su una circonferenza al pi uguale al numero |f (z 0 )|.


In realt pu provarsi di pi:

Teorema 1.66 (Principio del massimo modulo). Sia f (z) olomorfa su una
regione . Se la funzione |f (z)| ammette un punto di massimo relativo z 0 che
appartiene ad , allora la funzione f (z) costante su .
DIMOSTRAZIONE

Per il Lemma 1.12 basta provare che il modulo di f (z) costante in un intorno di z 0 .
Infatti in tal caso f (z) costante in un intorno di z 0 e quindi anche su . Se ci non
accade, in ogni disco di centro z 0 esiste z tale che
|f (z)| < |f (z0 )| .
Sia z1 uno di tali punti e supponiamo che, inoltre, valga
{z | |z z0 | < 2|z1 z0 |} .
Sia la circonferenza parametrizzata da
z0 + |z0 z1 |eit ,

0 t 2 .

Il punto z 1 appartiene a questa circonferenza e quindi, per la continuit di |f (z)|, esiste

> 0 ed esiste un arco della circonferenza su cui


|f (z0 + reit )| < |f (z0 )|
,

0 < t < 1 .

Usiamo ora la formula della media come segue:

Z 2
1

|f (z0 )| =
f (z0 + reit ) dt
2 0


Z 1
Z

1
1

it
it

f (z0 + re ) dt +
f (z0 + re ) dt

2 t[
2 0
/ 0 ,1 ]
)
(
1
[1 0 ][|f (z0 )|
] + [2 (1 0 )]|f (z0 )|

2
|f (z0 )|

88

1 0
< |f (z0 )|
2

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

2.5

1.5

0.5

0
x

z1
0.5

1.5

2.5
2.5

1.5

0.5

0.5

1.5

2.5

Fig. 1.14.

e, ricordiamo,
> 0. Ci non pu darsi e dunque f (z) ha modulo costante in un
intorno di z 0 , e quindi essa stessa costante su .

Si noti che lasserto analogo per il minimo non vale. Infatti, il modulo della funzione
f (z) = z ha minimo per z = 0, senza essere costante. Per, applicando il principio
del massimo modulo alla funzione g(z) = 1/f (z) si vede immediatamente

Corollario 1.67. Sia f (z) olomorfa non costante e priva di zeri in . Allora, |f (z)|
non raggiunge minimo in .

Una conseguenza interessante di questi risultati la seguente:

Teorema 1.68. Supponiamo che una curva di livello per |f (z)| sia una curva
semplice e chiusa. Allora f (z), se non costante, ammette almeno uno zero nella
regione interna a .
89

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

DIMOSTRAZIONE

Sia la curva di livello. Su vale


|f (z)| = c
e, dal principio del massimo, nei punti della regione interna vale
|f (z)| c .
Se c = 0 allora f (z) stessa nulla. Sia quindi c > 0. Se la funzione non si annulla
nella regione interna a , anche il minimo del modulo viene assunto so , ossia nella
regione interna vale
c |f (z)| .
Dunque, |f (z)| costante e quindi f (z) stessa costante, per il Lemma 1.12.

Il principio del massimo si trasferisce dalle funzioni olomorfe alle loro parti reali,
ossia alle funzioni armoniche, come segue:

Teorema 1.69. Sia u(x, y) armonica non costante su . Allora, u(x, y) non
raggiunge n massimo n minimo su .
DIMOSTRAZIONE

Sia v(x, y) una funzione armonica coniugata di u(x, y) e consideriamo la funzione


olomorfa f (x + iy) = u(x, y) + iv(x, y).
Si applichi il principio del massimo modulo alla funzione olomorfa e mai nulla
g(z) = ef (z) .
Si sa che |g(z)| non ammette n punti di massimo n punti di minimo e
|g(x + iy)| = eu(x,y) .
Lasserto segue per la monotonia dellesponenziale su R.

90

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

Osservazione 1.70. Si noti che lasserto relativo alle funzioni armoniche parla di
massimo e minimo della funzione, e non del suo modulo.
Supponiamo ora che una funzione f (z) sia olomorfa su C. Una tale funzione si dice

intera. Ovviamente il principio del massimo vale anche per le funzioni intere, ma in
tal caso pu anche dirsi di pi:

Teorema 1.71 (di Liouville). Una funzione intera e limitata costante.


DIMOSTRAZIONE

Una funzione intera ammette sviluppo di Taylor, per esempio di centro 0, e raggio di
convergenza +,
f (z) =

+
X

z C .

fn z n ,

n=0

Si sa che
fn =

1
2i

Z
CR

f ()
d
n+1

con CR circonferenza di centro lorigine e raggio R. Dunque su C R vale ||n+1 = Rn+1 .


Di conseguenza, se |f (z)| < M per ogni z, vale
|fn |

M
1
M
2R n+1 = n .
2
R
R

Questa diseguaglianza vale per ogni R e quindi


|fn | inf

R>0

M
.
Rn

Se n > 0 lestremo inferiore nullo e quindi f n = 0 per ogni n > 0. Vale cio f (z) = f 0 ,
costante.

Il teorema di Liouville un teorema assai potente. Per esempio vedremo pi avanti


come dedurne la conseguenza seguente:

Corollario 1.72. Sia f (z) una funzione intera. Supponiamo che f (z) non prenda
valori su un segmento. Allora, f (z) costante.
91

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

Ora invece usiamolo per provare:

Teorema 1.73 (fondamentale dell algebra). Sia p(z) un polinomio. Se il suo


grado positivo esso ammette zeri.
DIMOSTRAZIONE

Se p(z) ha grado almeno 1 allora


lim

|z|+

1
= 0.
p(z)

1.29

Se p(z) non si annulla, la funzione


f (z) =

1
p(z)

intera e, per 1.29, limitata. Dunque costante. Il suo limite essendo nullo, anche
la funzione identicamente zero. Ci contrasta con la definizione di f (z), perch
f (z)p(z) = 1. Dunque p(z), se ha grado almeno 1, deve annullarsi.

Concludiamo notando che anche il teorema di Liouville si estende alle funzioni


armoniche, applicandolo alla funzione olomorfa
g(x + iy) = eu(x,y)+iv(x,y) .
Se la funzione armonica u(x, y) definita per ogni (x, y) e limitata, la funzione g(z)
intera e limitata e quindi costante; e quindi anche u(x, y) costante:

Teorema 1.74. Una funzione u(x, y) armonica su R 2 e limitata costante.

1.17.

L E SINGOLARIT

ISOLATE

Nella sezione 1.13. abbiamo definito i punti singolari di una funzione olomorfa. Niente
vieta che linsieme dei punti singolari abbia punti di accumulazione. Noi vogliamo ora
studiare il caso in cui ci non avviene, caso che pu ridursi al seguente: una funzione
92

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

f (z) olomorfa in un disco D, escluso il suo centro z 0 . In tal caso diremo che z 0
una singolarit isolata di f (z).
Caratterizziamo prima di tutto le singolarit eliminabili.
Ricordiamo che z 0 singolarit eliminabile se f (z) ha estensione olomorfa ad un
intorno di z 0 .

Teorema 1.75 (di Riemann). Sia z 0 una singolarit isolata di f (z). Il punto z 0
singolarit eliminabile se e solo se la funzione |f (z)| limitata in un suo intorno.
DIMOSTRAZIONE

Se f (z) ammette estensione olomorfa anche in z 0 allora |f (z)| limitato in un intorno


di z0 . Per provare il viceversa, introduciamo la funzione
8
< 0
se z = z0
h(z) =
: (z z )2 f (z) altrimenti.
0

Questa funzione continua in un disco D contenente z 0 , incluso il punto z 0 perch


f (z) limitata in un intorno di z 0 . Proveremo che h(z) olomorfa. Accettando questo,
notiamo che h(0) = 0 e che h  (0) = 0, perch f (z) limitata e quindi h(z) infinitesima, per z z0 , di ordine maggiore di 1. Dunque h(z) sviluppabile in serie di Taylor
di centro z 0 ,

h(z) =

+
X

hn (z z0 )n

n=0

con h0 = 0 e h1 = 0,

h(z) = (z z0 )2

+
X

hn (z z0 )n

n=2

Per z = z0 si trova quindi che


f (z) = g(z) ,

g(z) =

+
X

hn (z z0 )n ,

n=2

e g(z) analitica anche in z 0 . Dunque, il punto z 0 una singolarit eliminabile di f (z).

93

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

2.5
y

1.5

0.5

x
0.5

1.5

2.5
2.5

1.5

0.5

0.5

1.5

2.5

Fig. 1.15.

Per completare la dimostrazione dobbiamo mostrare che h(z) olomorfa 2. Si noti


che questo segue perch h(z) ovunque derivabile; ma non avendo provato questo
teorema, non vogliamo usarlo. Facciamo quindi uso del teorema di Morera: sia T un
qualsiasi triangolo in D e mostriamo che
Z
h(z) dz = 0 .
T

Ci ovvio se T non racchiude z 0 . Altrimenti, decomponiamolo in tre triangoli con un


vertice comune in z 0 come nella figura 1.15 a sinistra.
Basta provare che lintegrale nullo su ciascuno di essi.
Si consideri uno di essi, indentato vicino al vertice z 0 , come nella figura 1.15 a destra,
mediante un piccolo triangolo T  . Sia
il perimetro di T  e sia T il trapezio residuo.
Lintegrale di h(z) sul trapezio nullo, e lintegrale sul triangolo T  maggiorato da

max ||h(z)||
T

e questo tende a zero per


0. Infatti, essendo f (z) limitata in un intorno di z 0 , anche
h(z) lo . Dunque,
Z

0

h(z) dz = lim

h(z) dz +
T

h(z) dz

= 0.

T

non difficile vedere che h(z) ovunque derivabile, e quindi olomorfa per il teorema 1.10.
Non avendo per provato questo risultato, non vogliamo usarlo.

94

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

Ci completa la dimostrazione.

Il teorema precedente mostra in particolare che se z 0 un punto singolare (non una


singolarit eliminabile) di f (z) allora
lim sup |f (z)| = +
zz0

e suggerisce di studiare separatamente i due casi


lim |f (z)| = + ,

zz0

e in tal caso si dice che z 0 un polo di f (z), e il caso


limzz0 |f (z)| non esiste.
In questultimo caso si dice che z 0 singolarit essenziale di f (z).
Esaminiamo prima di tutto il caso del polo.

Teorema 1.76. Un punto z 0 un polo per f (z) se e solo se esiste un intorno D di


z0 su cui la funzione f (z) si rappresenta come
f (z) =

+


fn (z z0 )n ,

1.30

n=k

con k numero positivo.


DIMOSTRAZIONE

E immediato verificare che se f (z) si rappresenta come richiesto, con k numero


positivo, allora lim zz0 |f (z)| = +. Viceversa, se z0 un polo,
g(z) =

1
f (z)

tende a zero per z z 0 e quindi in z 0 ha singolarit eliminabile. Si pu quindi scrivere,


per z = z0 ,
g(z) =

+
X

gn (z z0 )n

n=k

e k > 0 perch g(z) tende a zero per z z 0 .

95

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

Mettendo in evidenza (z z 0 )k ,
g(z) = (z z0 )k (z)
con (z0 ) = 0 e quindi con 1/(z) olomorfa in un intorno di z 0 , incluso z0 . Dunque
f (z) =

+
X
1
1
1
n (z z0 )n
=
k
k
(z z0 ) (z)
(z z0 ) n=0

e questa la rappresentazione richiesta.

Il numero k in 1.30 si chiama ordine del polo, se f k = 0. Si confronti con la nota


definizione di ordine di uno zero, come quel numero k > 0 per cui
f (z) =

+


fn (z z0 )n

n=k

se fk = 0.
Passiamo ora a studiare il caso della singolarit essenziale. Ovviamente in questo caso
f (z) ha un comportamento assai disordinato quando z z 0 . Il teorema seguente,
di dimostrazione assai difficile, mostra che il comportamento il peggiore che si possa
immaginare:

Teorema 1.77 (di Picard). Sia z 0 una singolarit essenziale di f (z) e sia D un
disco di centro z0 . Limmagine di D mediante f (z) uguale a tutto C, escluso al pi
un numero.

Non possiamo provare questo teorema, ma possiamo provarne una versione pi


semplice:

Teorema 1.78 (di Casorati-Weierstrass). Sia z 0 singolarit essenziale di f (z)


e sia D un disco di centro z 0 . Limmagine di D densa in C.
DIMOSTRAZIONE

Per assurdo, sia f (D) non denso in C. In tal caso esiste un punto w che non di
accumulazione per f (D). Il punto w pu appartenere o meno ad f (D). Studiamo

96

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

prima di tutto il caso in cui w f (D).


Se w = f (z1 ), z1 D, allora
w = lim f (zn )

per ogni successione (z n ) tendente a z 1 . Ma, w non di accumulazione per linsieme


dei numeri {f (z n )} e quindi si ha f (z n ) = w per ogni n (escluso un numero finito
al pi). Dal teorema 1.57 segue che f (z) costante e quindi che z 0 singolarit
eliminabile.
Studiamo ora il caso in cui w
/ f (D). In tal caso esiste r > 0 tale che
|f (z) w| > r

z D

e quindi la funzione olomorfa

g(z) =

1
f (z) w

verifica
|g(z)| <

1
.
r

Essa ha quindi una singolarit eliminabile in z 0 e quindi


g(z) = (z z0 )k

+
X

gn (z z0 )n ,

g0 = 0 ,

n=0

si veda il teorema 1.75. Dunque,


f (z) = w +

1
(z)
(z z0 )k

con (z) olomorfa in D (incluso il punto z 0 ). Dunque, f (z) ha in z 0 una singolarit


eliminabile, se k = 0, oppure un polo.

Esempi di funzioni con singolarit essenziali sono forniti in particolare dalle serie di
Laurent convergenti in un disco privato del suo centro, come per esempio
e1/z =

+

1 1
.
n! z n
n=0

97

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

Infatti, sappiamo che sia nel caso del polo che della singolarit eliminabile il
corrispondente sviluppo in serie di potenze ha al pi un numero finito di potenze
negative. Mostreremo che questo caso del tutto generale:

Teorema 1.79. Sia z 0 una singolarit isolata di f (z). Se z 0 singolarit essenziale


di f (z) allora vale

f (z) =

n=+


fn (z z0 )n

n=

e la serie converge in un intorno di z 0 , privato del punto z 0 .

Invece di provare direttamente questo teorema, conveniente dedurlo dallo studio di


un caso pi generale.

1.18.

F ORMULA

DI

L AURENT

Ricordiamo che la formula integrale di Cauchy immediata conseguenza del teorema


di Cauchy e che questo vale per funzioni olomorfe in regioni di Jordan. Abbiamo per
esteso il teorema di Cauchy a regioni di forma 1 2 , delimitate da due curve di
Jordan. Si ha in tal caso


f (z) dz =

f (z) dz

1.31

se 1 e 2 sono come nella figura 1.16, a sinistra.


Ricordiamo brevemente la dimostrazione, che poi useremo per estendere la formula
integrale di Cauchy. Si considera la curva  della figura 1.16, a destra (per evitare
complicazioni supponiamo che 1 e 2 siano semplici cos che anche  si pu segliere
semplice). Per essa vale

f (z) dz = 0 .


Al limite per  tendente a zero si trova che vale 1.31.


98

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

1.5

1.5

2
0.5

0.5

0
x

x
1
0.5

0.5

1.5
1.5

0.5

0.5

1.5
1.5

1.5

0.5

0.5

1.5

Fig. 1.16.

Sia ora z un punto della regione interna a  . Si pu scrivere la formula integrale di


Cauchy
f (z) =

1
2i

f ()
d
z

(si ricordi, curva semplice). Al limite per  0 questa uguaglianza si riduce a




1
f ()
f ()
1
d
d .
f (z) =
2i 2 z
2i 1 z

1.32

Osservazione 1.80. Si noti che abbiamo scritto un segno di fronte al secondo


integrale perch per convenzione il simbolo

indica lintegrale sulla curva percorsa

in verso positivo, mentre il secondo integrale si calcola sulla 1 percorsa in verso


negativo.

Applichiamo la formula 1.32 al caso in cui f (z) olomorfa in una corona circolare di
centro z0 , come in figura 1.17.
In questo caso per 1 e 2 si scelgono due circonferenze concentriche di centro z 0 e
la 1.32 mostra che
f (z) = f2 (z) f1 (z)
con
1
f2 (z) =
2i

f ()
d ,
z

1
f1 (z) =
2i

f ()
d .
z
99

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

1
0.8
0.6
0.4
0.2
0
0.2
0.4
0.6
0.8

1
1

0.5

0.5

Fig. 1.17.

La f2 (z) si sviluppa in serie di Taylor, esattamente come si gi visto al


paragrafo 1.13.:

f ()
=
2 z 0 + z 0 z
n


+ 
1
1
1
f ()
f ()  z z0
d
=
d
0
2i 2 z0 1 zz
2i 2 z0 n=0 z0
z0


+ 

1
f ()
d (z z0 )n .
=
n+1
2i
(

z
)
0

2
n=0

f2 (z) =

1
2i

Si noti che questo calcolo si giustifica perch

z z0

z0
< 1
dato che appartiene a 2 , la circonferenza il cui disco contiene la corona circolare.
Un argomento analogo si applica allespressione della f 1 (z), ma tenendo conto ora
del fatto che sulla circonferenza 1 che lascia fuori la corona circolare e quindi
ora

z0

z z0
< 1 .
100

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

Dunque,

1
f ()
f ()
1
=

d
0
2i 1 z0 z 1 z
1 z 0 + z 0 z
zz0

n

+ 

1
z0
1
=
f ()
d

2i
z z0
z z0
1
n=0



+

1
1
1
n
f
()(

z
)
d
.
=
0
n+1
(z z0 )
2i 1
(z z0 )n+1
n=0

f1 (z) =

1
2i

Ora notiamo che, per la formula 1.31, il valore degli integrali non muta se 1 e 2
vengono sostituite da una qualunque circonferenza C di centro z 0 e contenuta nella
corona circolare. Tenendo conto di ci, scriviamo


+ 

1
1
n
f ()( z0 ) d
f1 (z) =
2i 1
(z z0 )n+1
n=0


+ 

1
1
n
=
f ()( z0 ) d
n+1
2i
(z

z
0)
C
n=0


+ 

1
1
=
( z0 )n1 f () d
2i C
(z z0 )n
n=1


1 

1
f ()
=
d (z z0 )n .
n+1
2i
(

z
)
0
C
n=
Sommando f 2 (z) e f1 (z) si trova infine
f (z) =



+ 

1
f ()
d
(z z0 )n .
n+1
2i
(

z
)
0
C
n=

1.33

Questa formula, valida quando f (z) olomorfa in una corona circolare, si chiama

formula di Laurent.
Argomenti del tutto analoghi a quelli incontrati nella dimostrazione del teorema 1.59
mostrano che la funzione f (z) ha punti singolari sulla circonferenza esterna della
regione di convergenza e anche su quella interna, se essa non ridotta ad un solo punto.
Se la corona di convergenza si riduce ad un disco privato del suo centro z 0 allora la
formula di Laurent vale, ma il punto z 0 potrebbe essere una singolarit eliminabile.
Comunque sia, abbiamo provato:
101

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

Teorema 1.81. Una funzione olomorfa f (z) di cui z 0 singolarit isolata, ammette
una serie di Laurent di centro z 0 il cui raggio di convergenza r vale 0.

Osservazione 1.82. Osserviamo che una funzione olomorfa ammette ununica serie
di Taylor di centro un punto z 0 . Essa per pu ammettere pi serie di Laurent
convergenti in corone circolari diverse, ma con lo stesso centro. Per esercizio, si
calcolino le serie di Laurent della funzione
f (z) =

1
z(z 1)(z + 2)

di centro z0 = 0.

Sappiamo gi che se la funzione ha in z 0 una singolarit eliminabile, allora la serie


di Taylor, mentre se z 0 un polo allora la serie di Laurent troncata da sotto. Dunque:

Teorema 1.83. sia z 0 una singolarit isolata della funzione olomorfa f (z). La
singolarit isolata z 0 punto singolare essenziale se e solo se la serie di Laurent di
f (z) che converge in un disco di centro z 0 privato del centro ha infiniti termini di
esponente negativo.

Concludiamo con unosservazione concernente il coefficiente f 1 della serie di


Laurent 1.33. Per esso vale
f1 =

1
2i


f () d .
C

Quindi, se si riesce a sviluppare una funzione in serie di Laurent, allora immediato


il calcolo di tale integrale, e anche di altri integrali ad esso correlati.

Esempio 1.84. Consideriamo funzione


f (z) =

1
,
1z

che gi in forma di serie di Laurent di centro z 0 = 1. Se C la circonferenza di


raggio 2 e centro 0 si trova:
102

1. LE FUNZIONI OLOMORFE


f () d = 2i .
C

Come altro esempio, consideriamo la funzione


f (z) = e1/z =

+

1 1
.
n!
zn
n=0

In questo caso si vede che f 1 = 1.


Sia C una circonferenza di centro z 0 , singolarit isolata di f (z). Il numero

1
f1 =
f () d
2i C
si chiama il residuo della funzione f (z) in z 0 .
Il residuo di f (z) in z 0 si indica col simbolo
Res(f, z0 ) .

1.19.

S INGOLARIT

E ZERI AD INFINITO

Nello studio del limite di una funzione olomorfa f (z) per z tendente a + conviene
usare una terminologia analoga a quella che si usa per z z 0 . Ci si fa introducendo
la funzione
g(z) = f (1/z)
e dicendo che f (z) ha ad infinito una singolarit isolata se ci accade per g(z) in
z0 = 0; e parlando di singolarit eliminabile, polo o singolarit essenziale, a seconda
del comportamento di g(z) in z 0 = 0. La serie di Laurent di f (z) ad infinito si
costruisce a partire dalla serie di Laurent di g(z) a 0. Se
+


g(z) =

gn zn

n=

allora la serie di Laurent


+


fn z n ,

fn = gn ,

1.34

n=

103

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

si chiama la serie di Laurent di f (z) ad infinito. Dunque, se infinito una singolarit

essenziale di f (z) allora la sua serie di Laurent ha infiniti termini con esponente
positivo. Se infinito un polo allora la serie 1.34 ha solo un numero finito di termini
con esponente positivo. Si ha invece una singolarit eliminabile ad infinito quando
fn = 0 per n > 0.
Chiameremo residuo ad infinito il numero 3



1
1
Res(f, ) =
f () d = Res
g(z), 0 .
2i C
z2
In questo caso C una circonferenza di centro 0 e raggio cos grande da racchiudere
tutte le singolarit al finito di f (z). Dunque,
Res(f, ) = f1 .
Si noti quindi che il residuo ad infinito pu essere non nullo anche se infinito una
singolarit rimuovibile.
Sia ora z0 C un polo di f (z). Si sa che si pu scrivere
f (z) =

1


fn (z z0 )n + (z)

n=r

con (z) regolare in z 0 . La funzione razionale


1


fn (z z0 )n

n=r

si chiama la parte principale di f nel polo z 0 .


Se infinito un polo, la funzione f (z) in particolare olomorfa per |z| > R con R
sufficientemente grande e quindi, per |z| > R,
f (z) =

k


fn z n + (z)

n=0

con (z) olomorfa (e nulla) ad infinito. In questo caso, il polinomio

come sempre il verso di percorrenza su C quello positivo, ossia antiorario.

104

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

k


fn z n

n=0

si chiama la parte principale di f ad infinito.


Sia ora f (z) una funzione che ha solo singolarit polari sia al finito che allinfinito.
Allora i poli sono in numero finito N e se P m (z) la parte principale dellmmo polo,
f (z)

N


Pm (z)

m=1

intera e nulla ad infinito, ossia, per il teorema di Liouville, identicamente zero. Si


ha dunque:

Teorema 1.85. Una funzione analitica le cui singolarit, al finito ed allinfinito,


sono poli, razionale.

Sia quindi f (z) una funzione razionale e sia R un raggio cos grande che la
circonferenza C R di centro 0 e raggio R racchiuda tutti i poli al finito. Consideraimo
i due integrali

1
2i


f (z) dz ,
CR

2i


f (z) dz .
CR

Lintegrale di sinistra la somma dei residui nei poli al finito mentre quello di destra
il residuo ad infinito. Dunque:

Teorema 1.86. La somma dei residui in tutti i poli (al finito e ad infinito) di una
funzione razionale nulla.

Se la serie di potenze 1.34 non ha termini con esponente positivo, diremo che la
funzione f (z) ha estensione olomorfa ad infinito, in particolare diremo che ha uno
zero ad infinito se essa ha solamente termini con esponente negativo. E il primo di
essi che non nullo individua lordine dello zero.
105

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

1.20.

IL

METODO DEI RESIDUI

Sia una regione in cui f (z) analitica, a parte che nei punti singolari isolati z n , in
numero finito o meno. Sia una curva semplice e chiusa in , che non incontra punti
singolari di f (z). Si noti che racchiude al pi un numero finito di punti singolari
perch questi, essendo isolati, possono solo accumularsi su punti di .
Una semplice iterazione della formula 1.31 mostra che vale


f (z) dz =
f (z) dz

Ci

ove Ci sono circonferenze centrate nei punti singolari z i di f (z), cos piccole
da non debordare da e da non intersecarsi luna con laltra. La sommatoria estesa
ai punti singolari z i . Dunque:

Teorema 1.87 (dei residui). Sia una curva semplice e chiusa in , che non
incontra i punti singolari di f (z). Alora vale


f (z) dz = 2i
Res(f, zi ) ,

la somma essendo estesa ai soli punti singolari che sono racchiusi da .

Questo teorema particolarmente importante per il calcolo di integrali impropri di


funzioni di variabile reale. Facciamo una premessa

Premessa sugli integrali impropri


Sia f (z) una funzione di variabile reale che, per semplicit, assumiamo continua. Per
definizione,

f (x) dx = lim

f (x) dx + lim
S

T +

f (x) dx .
0

Lintegrale improprio esiste quando ambedue i limiti esistono finiti.


Si chiama valore principale dellintegrale improprio il numero
T
lim
f (x) dx .
T +

106

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

E ovvio che se lintegrale improprio esiste allora esiste anche il suo valore
principale ed essi coincidono; ma il valore principale pu anche esistere senza che
esista lintegrale improprio, come si vede considerando la funzione
f (x) = sin x .
Essendo la funzione dispari il valore principale nullo, mentre lintegrale improprio
non esiste.
Il metodo dei residui pu spesso usarsi per il calcolo del valore principale di
un integrale improprio, mentre frequentemente si richiede il valore dellintegrale
improprio stesso. Dunque prima di usare il metodo dei residui per il calcolo di
un integrale improprio, necessario accertarsi che questo esista.
Un caso in cui nessuna verifica preliminare richiesta il caso di una funzione pari,
f (x) = f (x) .
In tal caso

f (x) dx =
T

f (x) dx
0

e quindi lintegrale improprio esiste se e solo se esiste il suo valore principale.

1.20.1 Calcolo di integrali impropri


Mostriamo un esempio semplice:

Esempio 1.88. Sia f (x) = 1/(1 + x 2 ). Si sa che questa funzione ammette integrale
improprio e che

f (x) dx = .

Mostriamo come si possa ritrovare questo valore usando il metodo dei residui.
La funzione f (x) la restrizione allasse reale della funzione
f (z) =

1
1 i
1 i
+
=
2
1+z
2zi 2z+i

e quindi
i
Res(f, i) = .
2
107

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

1.6

1.4

1.2

0.8

0.6

0.4

0.2

0
x
0.2

0.4
1.5

0.5

0.5

1.5

Fig. 1.18.

Integriamo la funzione f (z) sulla curva in figura 1.18


Lintegrale

1
dx
1 + x2

1
dz = 2iRes(f, i) = .
1 + z2

Passando la limite per R + si trova


+

1
1
dx = + lim
dz .
2
R+
1
+
x
1
+
z2

R
Il risultato segue da qui se possiamo provare che lultimo limite nullo.

Questo semplice esempio mostra che, per poter usare facilmente il metodo dei residui
per il calcolo di integrali impropri, dovremo dare metodi efficienti per il calcolo
dei residui; e dovremo dare criteri che assicurano che gli integrali su opportune
semicirconferenze tendono a zero quando il raggio tende a +. Al secondo problema
rispondono i due risultati seguenti:

Lemma 1.89 (del grande cerchio). Sia f (z) analitica su C salvo che nei punti
singolari zn , in numero finito o meno. Se per {z n } infinito, sia
lim |zn | = + .
108

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

Siano Rn raggi tali che Rn = |zk | per ogni n e per ogni k,


lim Rn = + .
Se esistono numeri positivi M ed  per cui
|f (z)| <
allora vale

M
|z|1+

per |z| = Rn ,


lim

f (z) dz = 0 .
|z|=Rn

DIMOSTRAZIONE

La dimostrazione immediata, notando che


Z

f (z) dz 2R 1+

|z|=Rn

R
e il membro destro tende a zero.

Questo lemma si applica facilmente al caso dellEsempio 1.88.

Osservazione 1.90. Si noti:


se il lemma del grande cerchio si vuol applicare per integrare per esempio su
una semicirconferenza nel semipiano superiore, allora basta supporre che le
condizioni valgano per e z > con > 0;
la disuguaglianza |f (z)| < [M/|z| 1+] vale anche per ogni z = x reale e
quindi nelle ipotesi del Lemma del grande cerchio, lintegrale improprio di
f (x) esiste.

Il secondo risultato si applica quando si devono calcolare integrali di funzioni della


forma
f (z)eiz
lungo semicirconferenze nel semipiano Im z > 0 quando > 0, nel semipiano
Im z < 0 quando < 0.
Indicando con R la semicirconferenza in figura 1.19, si ha
109

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

1.6

1.4

1.2

0.8

0.6

0.4

0.2

0
x
0.2

0.4
1.5

0.5

0.5

1.5

Fig. 1.19.

Lemma 1.91 (di Jordan). Sia f (z) analitica con sole singolarit isolate in
Im z > 0. Supponiamo inoltre
lim

|z|+

f (z) = 0 ,

1.35

il limite essendo calcolato nel semipiano Im z 0. Sia > 0. Il tal caso,



eiz f (z) dz = 0 .
lim
R+

La dimostrazione posposta.

Osservazione 1.92. Si noti:


Dalla condizione 1.35 segue che f (z) ha solamente un numero finito di punti
singolari in Im z > 0.
Il lemma di Jordan permette di asserire che esiste il valore principale
dellintegrale improprio di f (x). Niente dice sullintegrale improprio stesso.
Si confronti con lOsservazione 1.90.

110

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

Esaminiamo ora il primo problema, di dare formule semplici per il calcolo dei residui.
Ci possibile nel caso in cui il punto singolare z 0 un polo. In questo caso,
f (z) =

+


fn (z z0 )n ,

fk = 0 .

n=k

Da questa formula dobbiamo ricavare il coefficiente f 1 . E immediato vedere che,


se il polo ha ordine k,
f1 = Res(f, z0 ) = lim

zz0


dk1 
1
(z z0 )k f (z) .
k1
(k 1)! dz

Nel caso del polo di ordine 1 si trova in particolare


lim (z z0 )f (z) .

zz0

Questultima espressione assume un aspetto ancora pi semplice nel caso particolare


in cui la funzione data in forma di quoziente,
f (z) =

n(z)
.
d(z)

Sia z0 un polo di ordine 1 di f (z) e supponiamo n(z 0 ) = 0, cos che d(z) ha uno zero
semplice in z0 . In questo caso,
lim (z z0 )f (z) = lim (z z0 )

zz0

zz0

n(z0 )
n(z)
= 
.
d(z)
d (z0 )

Dimostrazioni posposte
Dimostriamo il Lemma di Jordan.
Parametrizziamo R come
R :

0t

z(t) = Reit ,

e sia +
R la circonferenza ottenuta per t [0, /2], R quella ottenuta per t [/2, ].

Mostriamo


lim

R+

+
R


eiz f (z) dz = 0 ,

lim

R+

eiz f (z) dz = 0 .

Consideriamo il primo limite (il secondo si tratta in modo analogo). Sia


MR+ = max |f (z)| .
+
R

111

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

Per ipotesi,
lim MR+ = 0 .

R+

Usando il lemma 1.28, stimiamo lintegrale come segue:


/2

it

eiz f (z) dz
=

eiRe f (Reit )iReit dt

R
/2

R
eiR cos tR sin t f (Reit )
dt RM (R)
0

/2

eR sin t dt .

Ora notiamo che


sin t 2t/

per

0 t /2

e quindi

/2

R sin t

/2

dt R

eRt/2 dt =


2 
1 eR/4

rimane limitato per R +, perch > 0. Dunque,


/2
lim M (R)
eR sin t dt = 0
R+

come si voleva.
Lintegrale su
R si tratta in modo analogo.

1.20.2 Il Principio dellargomento


Sia f (z) una funzione olomorfa in una regione , nulla in un punto z 0 ,
f (z) = (z z0 )k (z) ,

(z0 ) = 0 .

Essendo
f  (z) = k(z z0 )k1 (z) + (z z0 )k  (z)
si vede che f  (z)/f (z) ha polo semplice, con residuo uguale a k, lordine dello zero.
In modo analogo si vede che se
f (z) = (z z0 )k (z) ,
112

(z0 ) = 0

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

la funzione f  (z)/f (z) ha ancora un polo semplice in z 0 , con residuo k, essendo k


lordine del polo di f (z) in z 0 . Dunque, se C una circonferenza (semplice) di centro
z0 che non racchiude altri zeri o punti singolari di f (z) oltre a z 0 , si ha


k se z uno zero di ordine k

1
f (z)
0
dz =
k se z0 un polo di ordine k.
2i C f (z)
Supponiamo ora che sia una curva semplice e chiusa in , che non incontra n zeri
n punti singolari di f (z). Supponiamo inoltre che i punti singolari siano poli. In tal
caso,
1
2i

f  (z)
dz = Z P
f (z)

1.36

ove Z la somma delle molteplicit degli zeri racchiusi da e P la somma delle


molteplicit dei poli racchiusi da . Questaffermazione va sotto il nome di Principio

dellargomento perch, cambiando la variabile di integrazione,




1
1
f (z)
1
dz =
d
2i f (z)
2i f
ove f limmagine di mediante f ,
f :

= f (z(t)) ,

t [a, b] .

Dunque, il membro destro di 1.36 rappresenta lindice della curva f rispetto


allorigine ossia, intuitivamente, il numero dei giri che un punto mobile sulla curva
f compie intorno allorigine: detto in modo intuitivo, la variazione dellargomento
di quando percorre f .

1.20.3 I teoremi di Hurwitz e Rouch e della mappa aperta


Il Principio dellargomento alla base di numerosi metodi grafici dellingegneria ed
ha importanti conseguenze teoriche. Tra queste proviamo i teoremi di Hurwitz e di
Rouch.

Teorema 1.93 (di Hurwitz). Sia (f n (z)) una successione di funzioni olomorfe su
, convergente ad f (z) uniformemente sui compatti di . Supponiamo che la funzione
f (z) non sia identicamente nulla e che z 0 sia uno zero di f (z). In ogni intorno di z 0
113

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

si annullano tutte le funzioni f n (z), a parte un numero finito di esse. Inoltre, Sia D
un intorno di z 0 su cui f (z) si annulla solo in z 0 . Per n sufficientemente grande, il
numero degli zeri di f n (z) in D, contati tenendo conto della molteplicit, uguale
alla molteplicit dello zero z 0 di f (z).
DIMOSTRAZIONE

Sia D un disco, intorno di z 0 . Supponiamo che


D = {z | |z z0 | < r} .
Sia C la circonferenza di D.
Si sa che gli zeri di f (z) sono isolati perch f (z) non identicamente nulla e quindi
il raggio r si pu scegliere in modo che f (z) non si annulli su C. La convergenza di
(fn (z)) ad f (z), uniforme su C, mostra che per n grande anche f n (z) non si annulla su
C. Dunque, il numero degli zeri pu calcolarsi applicando il Principio dellargomento
su C:

lim
n

1
2i

Z
C

Z
1
fn (z)
f  (z)
dz =
dz = N 1 .
fn (z)
2i C f (z)

Dato che
1
2i

Z
C

fn (z)
dz
fn (z)

prende valori interi e il limite N , la successione deve essere definitivamente uguale


a N . Ci completa la dimostrazione.

Osservazione 1.94. Si noti che lipotesi f (z) non identicamente nulla non pu
rimuoversi: la successione delle funzioni costanti
fn (z) = 1/n
converge uniformemente alla funzione nulla, e nessuna delle f n (z) ammette zeri.
Un secondo risultato importante mostra che gli zeri variano con continuit perturbando
la funzione.
114

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

Teorema 1.95 (di Rouch). Siano g(z) ed h(z) funzioni olomorfe in una regione
di Jordan e sia una curva semplice e chiusa in .
Supponiamo che sul sostegno di valga la disuguaglianza stretta
|h(z)| < |g(z)| .

1.37

In tal caso la somma delle molteplicit degli zeri di g(z) nella regione uguaglia la
somma delle molteplicit degli zeri di g(z) h(z), ancora in .
DIMOSTRAZIONE

Vediamo prima di tutto un argomento intuitivo, che per sarebbe lungo giustificare
completamente. Notiamo che


h
h
= arg g + arg 1
.
arg(g h) = arg g 1
g
g
La 1.37 mostra che

h(z)

g(z) < 1 ,
ossia che i punti
w =1

h
g

hanno parte reale positiva. Dunque, la curva parametrizzata da (1 h/g) non gira intorno allorigine, e quindi, percorrendola, la variazione dellargomento zero. Dunque,
si intuisce che percorrendo gh largomento debba variare di tanto quanto varia percorrendo g . E quindi, le due funzioni g e g h avranno il medesimo numero di zeri
racchiusi da .
Vediamo ora la dimostrazione rigorosa. Si noti che la disuguaglianza stretta 1.37
implica che n g(z) n
(z) = g(z) h(z)
hanno zeri sul sostegno di . Possiamo quindi usare il Principio dellargomento e provare
Z 
Z
 (z)
g (z)
dz =
dz
(z)

g(z)

115

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

ossia
Z

g  (z)
 (z)

(z)
g(z)

dz = 0 .

Ora,
g  (z)
 (z)g(z) (z)g  (z)
 (z)

=
(z)
g(z)
g(z)(z)
h(z)g  (z) h (z)g(z)
 (z)
=
g(z)[g(z) h(z)]
(z)
ove
(z)
g(z) h(z)
=
.
g(z)
g(z)

(z) =
Va quindi provato che
Z

 (z)
dz = 0 .
(z)

1.38

Di nuovo, questintegrale ha senso perch n g(z) n h(z) si annullano su .


Scriviamo ora la disuguaglianza 1.37 nella forma
|g(z) (z)| < g(z) ossia |1 (z)| < 1
sul sostegno di . Questa disuguaglianza ora mostra che la curva ha sostegno nel
disco di centro 1 e raggio 1: non gira intorno allorigine e quindi lintegrale in 1.38
effettivamente nullo, come dovevamo provare.

Si ricordi ora il teorema di Brower: una funzione h(z) dal disco chiuso {z | |z| 1}
in s che continua, ammette un punto fisso; ossia, esiste un punto z 0 di norma
minore o uguale ad 1, tale che h(z 0 ) = z0 . Ripetiamo che questo teorema vale sotto
la sola ipotesi che f (z) sia continua, e la sua dimostrazione difficile. Se per h(z)
olomorfa una semplice dimostrazione pu dedursi dal teorema di Rouch:

Corollario 1.96. Sia h(z) olomorfa su una regione che contiene {z | |z| 1}.
Supponiamo che
|z| 1 = |h(z)| < 1 .
Allora, la funzione h(z) ha un punto fisso z 0 e uno solo. Inoltre, |z 0 | < 1.
116

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

DIMOSTRAZIONE

Si noti che se h(z 0 ) = z0 allora


|z0 | = |h(z0 )| < 1 .
Dobbiamo provare lesistenza di z 0 , ossia dobbiamo provare che che la funzione h(z)
z ha un unico zero. Confrontiamo h(z) con la funzione
g(z) = z ,
che ha un unico zero. Vale
|z| = 1 = |h(z)| < |z| = |g(z)|
e quindi g(z) = z e g(z) h(z) = z h(z) hanno il medesimo numero di zeri; ossia
h(z) = z ha esattamente una soluzione.

Diamo ora unulteriore dimostrazione del teorema fondamentale dellalgebra.

Corollario 1.97 (fondamentale dellalgebra). Un polinomio di grado n > 0 ha


esattamente n zeri complessi.
DIMOSTRAZIONE

Lipotesi che il polinomio ha grado n e quindi pu scriversi come


z n + h(z) ,

h(z) = an1 z n1 + + a1 z + a0 .

Il polinomio z n ha esattamente n zeri (si ricordi che nelluso del principio dellargomento
gli zeri vanno contati tenendo conto delle molteplicit).
Vale
lim

|z|+

h(z)
=0
zn

e quindi
|h(z)| < |z n |
su ogni circonferenza |z| = R, con R sufficientemente grande. Da qui lasserto.

117

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

Illustriamo ora una ulteriore differenza importante tra le funzioni regolari di una
variabile reale, e quelle regolari, nel senso della variabile complessa. Consideriamo
la funzione
f (x) = x2 ,
da R in s. Questa funzione, non costante, analitica nel senso delle funzioni di
variabile reale ( addirittura un polinomio). Il suo dominio un aperto mentre la sua
immagine non aperta. Proviamo che nel caso delle funzioni olomorfe ci non pu
aversi:

Teorema 1.98 (della mappa aperta). Una funzione olomorfa e non costante
trasforma aperti in aperti.
DIMOSTRAZIONE

Ricordiamo che i punti di accumulazione degli zeri di una funzione olomorfa su e non
identicamente nulla non si accumulano su punti di . Di conseguenza, anche linsieme
{z | f (z) = w}
non ha punti di accumulazione in , salvo nel caso in cui f (z) costante.
Sia ora w0 un punto di f (), z 0 un punto per cui f (z 0 ) = w0 e sia r > 0 tale che
D = {z | |z z0 | < r} .
Avendo notato che f 1 (w0 ) non ha punti di accumulazione in , si vede che, per r
abbastanza piccolo, f (z) = w 0 se z D.
Vogliamo mostrare che w 0 interno a f ().
Indichiamo con C la circonferenza |z z 0 | = r, cos che f (z) w0 per |z z0 | r si
annulla solo per z = z 0 .
Sia
m = min |f (z) w0 | > 0 ,
C

Dm = {w | |w w0 | < m/2} .

Proviamo che Dm . Sia per questo w 1 Dm e studiamo lequazione


f (z) = w1 .

118

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

Scrivendo
f (z) w1 = [f (z) w0 ] + [w0 w1 ] = g(z) h(z)
si vede che su C vale
|w0 w1 | = |h(z)| <

m
< m < |f (z) w0 | = |g(z)| .
2

Dunque, per il teorema di Rouch, g(z) ed f (z) w 1 hanno il medesimo numero di


zeri racchiusi da C. Dato che per ipotesi g(z) = f (z) w 0 si annulla, anche f (z) w 1
si deve annullare; ossia esiste z 1 D tale che f (z 1 ) = w1 , come si voleva.

E conseguenza del teorema precedente che una trasformazione olomorfa


invertibile ha inversa continua.

1.21.

T RASFORMAZIONI

CONFORMI

Ricordiamo che una trasformazione olomorfa f (z) tra due regioni ed  conforme
diretta se la sua derivata non si annulla. Conviene rinforzare questa definizione,
richiedendo che f (z) sia olomorfa, invertibile e con inversa olomorfa. Si noti che
se g(z), inversa olomorfa di f (z), esiste allora
da cui g  (f (z))f  (z) = 1

g(f (z)) = z

1.39

e quindi f  (z) non si annulla. Si imposto in pi la biunivocit, propriet che la


condizione f  (z) = 0 non assicura globalmente: la funzione f (z) = e z ha derivata
priva di zeri, pur essendo periodica.
Da ora in poi, parlando di trasformazione conforme tra due regioni ed 
intenderemo sempre una trasformazione f (z) olomorfa e invertibile da in  , con
inversa olomorfa e quindi con derivata non nulla.
Vogliamo prima di tutto studiare le trasformazioni conformi da D = {z | |z| < 1} in
s. E facile trovare alcune di queste trasformazioni. Tra queste le rotazioni.
w = R (z) = ei z
119

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

con numero reale fissato, e anche le trasformazioni che indichiamo con T a ,


w = Ta (z) =

za
1a
z

con |a| < 1.


E facile vedere che T a trasforma D in s notando che se |z| = 1 allora

za

z a

|Ta z| =

=
= 1.
1a
z
|
z |
z a

Per il principio del massimo, |T a z| 1 su D. Dunque, T a trasforma D in D. Per


mostrare che suriettiva e iniettiva, notiamo che essa invertibile: sia |w| 1 e
risolviamo lequazione
za
= w.
1a
z
Questa risolta da
z=

w+a
= Ta w
1+a
w

e
| a| = |a| < 1 .
Dato che Ta1 = Ta , anche Ta1 olomorfa e quindi, da 1.39, Ta ha derivata non
nulla, ossia conforme.
Si noti che per a = 0 si ritrova il caso particolare della trasformazione identit, z z.
Le trasformazioni T a si chiamano trasformazioni di M obius.
Ricapitolando, abbiamo trovato due famiglie di trasformazioni conformi da D in
D, la famiglia R delle rotazioni e la famiglia T delle trasformazioni di M obius di
parametro a, |a| < 1.

Osservazione 1.99. Nel definire T a abbiamo imposto la condizione |a| < 1. Per

questa ragione, trasformazioni di M obius


e rotazioni vanno considerate separatamente. Avessimo permesso invece |a| = 1 avremmo ritrovato le rotazioni come

particolari trasformazioni di Mobius:


120

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

1 z ei
z ei
=
= ei .
1 ei z
ei ei z
Calcoliamo la composizione di due trasformazioni di M obius,
w=

za
,
1a
z

z=

b
.
1 b

La trasformazione composta
w=

1 + ab [(a + b)/(1 + ab)]

1+a
b 1 (a + b)/(1 + ab)

a+b

1 + ab
< 1

1 + ab

= 1,

1 + a
b

(lultima disuguaglianza immediata perch si sa che la trasformazione composta


trasforma il disco in s). Dunque, T a Tb = R T(a+b)/(1+ab) per un certo valore di
R,
=

1 + ab
.
1+a
b

Ossia, componendo trasformazioni di M obius si trovano nuovamente trasformazioni


di Mobius, seguite da una rotazione. Equivalentemente, componendo trasformazioni
di Mobius si trovano trasformazioni di M obius precedute da una rotazione. Infatti,
ei

(ei z) aei
za
.
=
1a
z
1 [aei ](ei z)

Vogliamo provare che tutte le trasformazioni conformi di D in s sono di tale forma.


Per questo abbiamo bisogno di premettere:

Lemma 1.100 (di Schwarz). Sia f (z) olomorfa su D a valori in D. Se f (0) = 0


allora vale
|f (z)| |z| ,

|f  (0)| 1.

1.40

Se inoltre esiste z0 D per cui


|f (z0 )| = |z0 |
121

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

oppure se
|f  (0)| = 1
allora f (z) una rotazione.
DIMOSTRAZIONE

Si noti che |f (z)| 1 per il principio del massimo modulo e che le due condizioni f (0) = 0 e |f (z)/z| 1 implicano che |f  (0)| 1. Dunque basta provare che
|f (z)| |z|.
Introduciamo la funzione
F (z) =

8
>
< f (z)/z

z = 0

>
: f  (0)

z = 0.

Dal teorema di Riemann, questa funzione olomorfa perch f (z) si annulla in z = 0.


Leggiamo la funzione F (z) nel disco di raggio 1
. Sulla circonferenza vale
|F (z)| =

1
|f (z)|

perch, come si notato, |f (z)| 1.


Ancora per il principio del massimo modulo, la disuguaglianza |F (z)| 1/(1
) vale
per ogni
(0, 1) e per ogni z tale che |z| < 1
. Dunque, per ogni z D vale

f (z)
1

inf
= 1.
z (0,1)
1

Ci prova 1.40.
Supponiamo ora di sapere che per un certo z 0 D vale
|f (z0 )| = |z0 |,

|F (z0 )| = 1 .

ossia

Per il principio del massimo modulo, F (z) costante, F (z) = a con |a| < 1 e quindi
f (z) = az
una rotazione.
In modo analogo si procede se
|f  (0)| = 1

122

ossia

|F (0)| = 1 .

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

Proviamo ora:

Teorema 1.101. Sia f (z) una trasformazione conforme da D = {z | |z| < 1} in s.


Esiste a C, con |a| < 1 e R tale che
f (z) = Ta (R (z))
ossia, f = Ta R .
DIMOSTRAZIONE

Sia a = f (0) e consideriamo la trasformazione g(z),


g(z) = (Ta f )(z) =

f (z) f (0)
.
1 f (0)f (z)

Questa funzione manda D in s, perch |a| = |f (0)| < 1 e inoltre g(0) = 0. Dunque,
per il Lemma di Schwarz, |g  (0)| 1.
Consideriamo ora la trasformazione h(z) inversa di g(z). Anchessa una trasformazione conforme da D in s e inoltre h(0) = 0 cos che anche per essa vale
|h (0)| 1.
Essendo
h (z) =

1
,
g  (w)

w = h(z)

si ha, per z = 0,
h (0) =

1
g  (0)

e quindi valgono contemporaneamente le disuguaglianze


|g  (0)| 1 ,

|g  (0)| 1 .

Si ha dunque
|g  (0)| = 1 .
Per la seconda parte del Lemma di Schwarz, g(z) una rotazione, g(z) = R (z) per
qualche R. Dunque,
`

f (z) = Tf (0) R (z) .

123

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

In modo pi esplicito, abbiamo provato che se f (z) una trasformazione conforme


da D in s, esiste C, || = 1 per cui
f (z) =

(z) + f (0)
1 f (0)(z)

Unulteriore conseguenza del Lemma di Schwarz permette di rinforzare moltissimo il


teorema di Liouville. Indichiamo col simbolo + il semipiano
+ = {z | e z > 0}
e notiamo che la trasformazione S,
w = S(z) =

z1
,
z+1

1.41

trasforma + in D ed invertibile, la sua inversa essendo data da


z=

w+1
1w

da D in + ; ossia, S una trasformazione conforme di + in D.


Proviamo ora:

Teorema 1.102. Sia f (z) una funzione intera che non prende valori in un segmento.
La funzione f (z) costante.
DIMOSTRAZIONE

Non restrittivo assumere che il segmento sia


x + i0 ,

x [0, 1] .

Dunque, f (z) = x + i0, x [0, 1], per ogni z.


Consideriamo la funzione
(z) =

z
1
=1
.
z1
1z

Notiamo che
(z) = x + i0 ,

124

x > 0 se e solo se z [0, 1].

1. LE FUNZIONI OLOMORFE
Dunque,
g(z) = (f (z))
non prende valori sullasse reale negativo e dunque si pu definire la funzione
g 1/2 (z) ,
olomorfa su C, si veda il paragrafo 1.9.3. La funzione g 1/2 (z) prende valori in + e
quindi componendola con la trasformazione S in 1.41 si trova una funzione intera a
valori in D, e quindi limitata. Per il teorema di Liouville essa costante e quindi f (z)
stessa costante.

1.21.1 Il teorema di Riemann


Il teorema di Riemann mostra una condizione topologica perch una regione sia
conforme ad un disco. Prima di enunciarlo, bene notare che non tutte le regioni
possono essere trasformate biunivocamente su un disco mediante una trasformazione
olomorfa. Infatti:

Esempio 1.103. Nessuna funzione olomorfa trasforma in modo biunivoco C su una


regione limitata: infatti una tale funzione sarebbe intera e limitata e quindi costante,
ossia non biunivoca.
E un po pi macchinoso vedere il caso seguente: sia D = {z | |z| < 1} e sia D 0 il
disco D privato dellorigine.
Nessuna funzione olomorfa f (z) pu trasformare in modo biunivoco D 0 su D. Infatti,
se ci accadesse, il punto 0 non sarebbe di accumulazione per le singolarit di
f (z), che non cadono in punti di D 0 , e la f (z) stessa limitata; e quindi f (z) si
estenderebbe in modo olomorfo a 0. Per, f (0) non pu essere interno a D, se si
vuole che f (z) sia biunivoca; e quindi
|f (0)| = 1 = sup |f (z)| .
|z|<1

Per il principio del massimo modulo, f (z) viene ad essere costante, e quindi non
biunivoca.
Enunciamo ora il teorema di Riemann in generale. Il teorema verr quindi provato in
un caso particolare.
125

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

Teorema 1.104 (di Riemann). Sia una regione semplicemente connessa che
non tutto il piano complesso. Esiste una funzione olomorfa che trasforma su D in
modo biunivoco.
DIMOSTRAZIONE

(Il teorema si prova nel caso particolare in cui una regione di Jordan .)
Fissiamo un punto z 0 . Essendo limitata, essa contenuta in un disco D R
di raggio R e centro 0. La trasformazione conforme z z/(R + 1) trasforma D R in
D = {z | |z| < 1} e quindi in D. Applicando una trasformazione di M obius, si trova
una trasformazione da in D, che trasforma z 0 in 0. La trasformazione cos costruita
inoltre iniettiva. Non per suriettiva.
Sia F la famiglia delle trasformazioni olomorfe ed iniettive da a D, che trasformano z0 in 0. Il teorema dimostrato se si riesce a provare che F contiene una
trasformazione suriettiva.
Si noti che se f (z) F allora |f (z)| < 1 e quindi, per il teorema di Montel, ogni
successione in F contiene s.successioni convergenti uniformemente sui compatti di
. Inoltre, se f (z) F,
|f  (z0 )| =

1
f ()
1

2 C ( z0 )2
r

se C una circonferenza di raggio r e centro z 0 , contenuta in . Dunque,


MF = sup{|f  (z0 )| , f F} < + .
Sia (fn (z)) una successione in F, tale che
lim |fn (z0 )| = MF .
Per il teorema di Montel, si pu supporre che essa converga ad una funzione olomorfa
f0 (z), uniformemente sui compatti di e quindi, per il teorema di Weierstrass e per
la continuit della funzione modulo,
|f0 (z0 )| = lim |fn (z0 )| = MF ,

f0 (z0 ) = 0 .

Proviamo che la funzione f 0 (z) iniettiva, e quindi che appartiene a F. Fissiamo un


punto z 2 e mostriamo che f (z 1 ) = f (z2 ) per ogni altro punto z 1 = z2 di .

126

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

Sia s = |z1 z2 |/2. La funzione f n (z) iniettiva e quindi


n (z) = fn (z) fn (z2 ) ,

n>0

non si annulla sul disco di centro z 1 e raggio s. Ci vale per ogni indice n e quindi
nemmeno 0 (z) si annulla, per il teorema di Hurwitz; ossia, f 0 (z1 ) = f0 (z2 ).
Ci prova che f0 (z) iniettiva e quindi f 0 (z) appartiene ad F.
Proviamo ora che la funzione f 0 (z) anche suriettiva, completando cos la dimostrazione del teorema. Per assurdo supponiamo che non lo sia e sia a uno dei valori di D
che essa non assume.
Consideriamo la funzione
s
(z) =

a f0 (z)
.
1a
f0 (z)

Dato che una regione di Jordan, e che il radicando non si annulla su , possibile definire una determinazione della radice quadrata, in modo da avere (z) olomorfa
su , si veda il paragrafo 1.9.3. La (z) quindi olomorfa e, essendo ottenuta applicando ad f (z) prima la trasformazione di M obius Ta e poi una determinazione della
radice quadrata, iniettiva. Essa non apparterr a F perch in generale (z 0 ) = 0.
Applichiamo dunque a (z) la trasformazione di M obius che riporta (z 0 ) in 0. Si trova

g(z) =

(z) a

1 a(z)

e la funzione g(z) ora un elemento di F.


Calcoliamo g  (z0 ). Procediamo in due passi:
h
i

 (z) 1 a(z) + [(z) a] a (z)



g (z) =
h
i2

1 a(z)
cos che
g  (z0 ) =

1
 (z0 ) .
1 | a|2

Ora calcoliamo
s
 (z) =

1
2

1a
f0 (z) 1 + |a|2
f0 (z)
a f0 (z) [1 a
f0 (z)]2

127

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

cos che

`
1 `
 (z0 ) = 1 | a|2 1 + | a|2 f0 (z) .
2 a
Combinando insieme queste uguaglianze si trova



1 + | a|2
1 + | a|2

|g  (z0 )| = MF
f  (z0 ) ,
.
g  (z0 ) =
2 a
2 a
Ora,

1 + |a|

>1
2 a

perch 1+| a|2 2| a| > 0, luguaglianza essendo stretta, dato che |a| < 1. Dunque,
|g  (z0 )| > MF , in contrasto con la definizione del numero M F .
La contraddizione trovata prova il teorema.

Abbiamo provato il teorema di Riemann in un caso particolare. In questo caso pu


dirsi di pi:

Teorema 1.105. Sia una regione di Jordan e sia f (z) una funzione olomorfa che
conforme da su D. La funzione f (z) pu estendersi con continuit a .

Non proviamo questo teorema.

1.22.

M ONODROMIA

E POLIDROMIA

Possiamo solo accennare informalmente a questo argomento, sui cui per bene avere
qualche nozione.

1.22.1 Punti di diramazione di funzioni olomorfe


Un punto z 0 , dominio di una funzione olomorfa f (z), si dice punto di

diramazione quando ogni suo intorno contiene una curva chiusa la cui immagine
f non chiusa. Dunque, f (z) discontinua in ogni intorno di z 0 . Vedremo pi
avanti una definizione pi generale di punto di diramazione.
128

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

Si noti che z0 = 0 punto di diramazione per le funzioni z |z| 1/n ei(Arg z)/n e
z Log z.
I punti di diramazione si incontrano spesso trattando le funzioni inverse di funzioni che
non sono biunivoche e questo suggerisce un modo di trattare le funzioni che stato
introdotto da Riemann. Accenniamo allidea, considerando lesempio della funzione
Log z. Consideriamo prima di tutto la funzione
f (x + iy) = ex (cos y + i sin y)
che trasforma ogni striscia
(2k 1) y < (2k + 1)
su tutto il piano complesso privato dellorigine.
Fissiamo lattenzione sulla striscia
y < .
Quando si rappresenta limmagine della striscia sul piano complesso in realt si
considera la trasformazione da R 2 in R2 data da
(x, y) (ex cos y, ex sin y) .
Consideriamo invece la trasformazione da R 2 in R3
(x, y) (ex cos y, ex sin y, y) = (, , ) .

1.42

In questo modo limmagine di y e x+iy con x fissato una spira di unelica.


La successiva striscia caratterizzata da
y < 3
e la trasformazione 1.42 rappresenta ora y [, 3), con lo stesso valore di x, nella
successiva spira; e la striscia y < 3 ha immagine che ora non si sovrappone a
quella calcolata prima.
In questo modo si ha una rappresentazione dellesponenziale come funzione biunivoca
da C su una superficie di R 3 ; e quindi la funzione inversa viene ora ad essere univoca.
129

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

14

12

10

6
z
4

0
5

y
0
5

x
10

10

12

14

Fig. 1.20.

La superficie che abbiamo costruito si chiama la superficie di Riemann della funzione


log x.
Costruzioni analoghe, ma un po pi complesse, possono farsi per le funzioni radice.

1.22.2 Funzioni analitiche


Sia f (z) una funzione olomorfa su una regione . Si gi notato che sviluppando
la funzione in serie di Taylor con centro un punto z 1 di , pu essere che la serie
converga su un disco che fuoriesce da .

In tal caso usando la serie si trova

unestensione di f (z). Per studiare meglio questo fenomeno, introduciamo questo


termine: chiamiamo elemento analitico (pi semplicemente elemento ) la coppia di
una regione e di una funzione f (z) olomorfa su . Se un disco e quindi f (z)
sviluppabile in serie di Taylor su , lelemento si chiamer canonico.
Due elementi (1 , f1 (z)) e (2 , f2 (z)) si dicono equivalenti se 1 2 = e se
f1 (z) = f2 (z)

z 1 2 .

Se Ei , i = 1,. . . ,n sono elementi canonici e se ciascuno equivalente al precedente,


linsieme degli Ei si chiama una catena. Lelemento E 1 si dir il primo elemento della
130

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

catena ed En lultimo. Diremo anche che la catena una funzione analitica ottenuta
da E1 per prolungamento lungo catene di cerchi.
In generale, chiameremo funzione analitica secondo Weierstrass linsieme di tutti gli
elementi canonici che fanno parte di tutte le catene che si ottengono prolungando per
catene di cerchi un elemento dato.
La definizione di funzione analitica secondo Weierstrass dipende quindi dal
primo elemento che stato scelto. Si prova per che scegliendo come primo
elemento un altro elemento della stessa funzione analitica, la funzione analitica
non cambia.

Esempio 1.106. Si consideri la funzione


f (z) =


|z|ei(Arg z)/2

che olomorfa nella regione |Arg z| < . Fissiamo z 0 e sviluppiamo la funzione in


serie di Taylor, di centro z 0 . Si trova
f (z) = [(z z0 ) + z0 ]1/2 = f (z0 )

+


n=0

1/2
n

(z z0 )n

e questa serie ha raggio di convergenza uguale ad 1.


Sia z0 il punto indicato in figura 1.21. La serie definisce una funzione olomorfa
anche attraverso un segmento dellasse reale negativo. Dunque, lestensione cos
ottenuta di f (z) coincide con la funzione data nei punti del terzo quadrante, ma non
in quelli del quarto.
Si confronti con quanto detto ai paragrafi 1.9.3 e 1.13.2.

Lesempio precedente mostra che elementi diversi della medesima catena possono
prendere valori diversi nel medesimo punto. Ci suggerisce di definire mondroma
o univalente una funzione analitica secondo Weierstrass che ha la seguente ulteriore
propriet: siano (D i , fi ) e (Dj , fj ) elementi diversi. Se z 0 Di Dj allora vale
fi (z0 ) = fj (z0 ); altrimenti la funzione si dice poldroma.
Possiamo ora dare la seguente definizione generale di singolarit isolata: il punto z 0
sia di accumulazione per il dominio di un elemento (, f (z)) . Diciamo che il punto
131

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

0
x
2

6
8

Fig. 1.21.

z0 una singolarit isolata se possibile estendere f (z) ad un intorno di z 0 , escluso


z0 , mediante una catena di cerchi che per non coprono z 0 . Va osservato che questa
definizione fa riferimento ad una catena. Niente vieta che una diversa catena produca
unestensione ad un intorno di z 0 , incluso il punto z 0 .

Esempio 1.107. Sia z 0 = 1 e sia


f (z) =

1+ z

ottenuta scegliendo


z = |z|ei[+(Arg z)/2] .

1.43

Si vede che il punto z 0 = 1 singolare per f (z) nonostante che


g(z) =

1

1 + |z|ei(Arg z)/2

sia regolare in z0 = 1, e sia unestensione per catene di cerchi di 1.43.

Questosservazione suggerisce di estendere come segue la definizione di punto di

diramazione.
132

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

Sia z0 un punto singolare isolato di una funzione analitica secondo Weierstrass. Si


dice che il punto z 0 un punto di diramazione se ogni intorno di z 0 contiene una
catena di cerchi della funzione i cui domini coprono una circonferenza centrata in z 0
e col primo elemento che diverso dallultimo.

Esempio 1.108. La funzione




z = |z|ei(Arg z)/2

f (z) =

ha z0 = 0 come punto di diramazione, perch, come si visto sopra, estendendo per


catene di cerchi si passa dalluna allaltra determinazione della radice. Osservazione
analoga vale per la funzione Log z.

Osservazione 1.109. I punti di diramazione non sono stati considerati nello studio
dei punti singolari di funzioni olomorfe. Infatti, con riferimento ad un singolo
elemento olomorfo (, f ), essi non sono punti singolari isolati: ogni loro intorno
contiene punti nei quali la funzione f (z) discontinua.

Mostriamo infine che una funzione analitica secondo Weierstrass, se non ha punti
singolari in una regione di Jordan coincide con un elemento olomorfo.

Teorema 1.110 (di monodromia). Sia una regione di Jordan contenuta nel
dominio di una funzione analitica secondo Weierstrass. La funzione univalente su .
DIMOSTRAZIONE

Illustriamo lidea della dimostrazione. Si fissi un punto z 0 . Se la funzione non


univalente, possibile trovare z 1 e due curve a e b congiungenti z 0 con z1 , tali
che lestensione di f (z) da z 0 a z1 lungo catene di cerchi centrati in a , rispettivamente
in b , conduce a valori f 1 , f2 , tra loro diversi. Dobbiamo provare che ci non accade.
Non restrittivo assumere che le due curve siano semplici e prive di punti comuni, a
parte gli estremi.
Indichiamo con la curva di Jordan ottenuta connettendo b a a e sia d la distanza di
da . Indichiamo con la regione interna a e siano
0 = a ,

1 ,

. . . , n1 ,

n = b

133

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

curve con i per i = 0 e i = n, distanti luna dallaltra meno di d.


Si noti che perch regione di Jordan.
Prolungando f (z) da z 0 a z1 lungo a = 0 e lungo 1 , si trova in z 1 il medesimo valore
f (z1 ) perch ciascun cerchio della catena centrato su punti di 0 interseca il sostegno
di 1 e viceversa, dato che i raggi di convergenza delle serie che si ottengono sono
almeno uguali a d.
Lo stesso accade per 1 e 2 e quindi anche prolungando lungo una catena di cerchi
centrati in 1 si ritrova lo stesso valore di f (z 1 ).
Dopo un numero n di passi si vede che il valore di f (z 1 ) che si trova prolungando lungo
una catena di cerchi centrati su b coincide con quello che si trova prolungando con
cerchi centrati su a . E quindi la restrizione ad della funzione f (z) univalente.

Osservazione 1.111. Il teorema precedente non vieta che seguendo curve che
congiungono z 0 con z1 e che escono da , si trovi un valore diverso per f (z 1 ).

134

2.

FUNZIONI ARMONICHE

In generale si chiama funzione armonica una funzione u(x 1 , . . . , xn ) di classe


C 2 su un aperto Rn e che ivi verifica lequazione di Laplace
ux1 ,x1 + + uxn ,xn = 0 .

La teoria delle funzioni armoniche importantissima per le applicazioni, e


ricchissima di risultati. Noi ci limitiamo a presentare poche propriet delle
funzioni armoniche di due variabili, facendole discendere da quelle delle
funzioni olomorfe.

2.1.

F UNZIONI

ARMONICHE E FUNZIONI OLOMORFE

Si gi notato che le parti reali ed immaginarie di funzioni olomorfe sono funzioni


armoniche. Proviamo ora il viceversa:

Teorema 2.1. Sia una regione di Jordan e sia u(x, y) armonica su . Esiste una
funzione armonica v(x, y) tale che
f (x + iy) = u(x, y) + iv(x, y)

2.1

olomorfa.

135

2.

FUNZIONI ARMONICHE

DIMOSTRAZIONE

Se v(x, y) esiste, allora v(x, y) deve verificare


vx = uy ,

vy = ux .

2.2

Per costruire v(x, y) fissiamo (x 0 , y0 ) e sia P(x,y) una poligonale in che


congiunge (x 0 , y0 ) con (x, y). Costruiamo v(x, y) ponendo
Z
v(x, y) =
[vx dx + vy dy]
P(x,y)

Naturalmente, questa formula non pu usarsi direttamente, perch lintegrando


dipende da v(x, y); ma, le 2.2 suggeriscono di definire
Z
[uy dx + ux dy] .
v(x, y) =
P(x,y)

La funzione cos costruita univoca perch una regione di Jordan e la forma


differenziale
uy dx + ux dy
esatta, dato che u(x, y) armonica.
Dunque la v(x, y) cos costruita di classe C 1 e, con dimostrazione analoga a quella
del teorema 1.9., si vede che verifica 2.2, come richiesto. Dunque, v(x, y) la parte
immaginaria della funzione olomorfa f (x + iy) = u(x, y) + iv(x, y).

Fissato un punto (
x, y) , il teorema precedente pu applicarsi in un suo intorno e
quindi:

Corollario 2.2. Ogni funzione armonica localmente parte reale di una funzione
olomorfa. Dunque, ogni funzione armonica in particolare di classe C .

Di conseguenza, per le funzioni armoniche valgono i teoremi che abbiamo provato per
le parti reali di funzioni olomorfe,

il teorema della media;


136

2.

FUNZIONI ARMONICHE

il principio sia del massimo che del minimo;


il teorema di Liouville.

La funzione v(x, y) che si associa ad u(x, y) in modo che la funzione 2.1 sia olomorfa
si chiama funzione armonica coniugata di u(x, y). Essa non unica (si vede dalla
dimostrazione del teorema 2.1 che v(x, y) muta cambiando (x 0 , y0 )). Non difficile
provare che due funzioni armoniche su un regione , coniugate della stessa
funzione armonica u(x, y) hanno differenza costante.
Conviene ora elencare alcune funzioni armoniche.

Naturalmente sono funzioni

armoniche i polinomi di grado 0 oppure 1, e sono funzioni armoniche i polinomi


u(x, y) = x2 y 2 ,

u(x, y) = xy .

Ma non tutti i polinomi sono funzioni armoniche: u(x, y) = x 2 + y 2 non lo . Ci


nonostante,
Log (x2 + y 2 ) = 2e Logz
armonica sul complementare di arg z = . Sulla stessa regione anche armonica
la funzione
u(x, y) = arctan

y
.
x

Un calcolo diretto mostra che in realt queste funzioni sono armoniche su R 2 (0, 0).

2.2.

P ROPRIET

DELLA MEDIA E TEOREMA DI

G AUSS

Si visto che per le funzioni armoniche vale la propriet della media


2
1
u(x0 + r cos t, y0 + r sin t) dt .
u(x0 , y0 ) =
2 0

2.3

Naturalmente si intende che il disco di centro (x 0 , y0 ) e raggio r sia contenuto in .


Vale anche il viceversa:
137

2.

FUNZIONI ARMONICHE

Teorema 2.3. Sia una regione di Jordan e sia u(x, y) una funzione di classe
C 2 ().

Se per ogni (x0 , y0 ) vale luguaglianza 2.3 almeno per ogni r

sufficientemente piccolo, allora la funzione u(x, y) armonica su .


DIMOSTRAZIONE

Dobbiamo provare che u = 0 su . Notiamo che sufficiente provare che


Z
u(x, y) dx dy = 0

2.4

per per ogni disco D con raggio abbastanza piccolo. Infatti se in un punto (x 0 , y0 )
fosse u(x0 , y0 ) > 0, per continuit si avrebbe anche u(x, y) > 0 su un opportuno
disco D, e quindi lintegrale 2.4 non potrebbe essere nullo.

Derivando rispetto ad r i due membri di 2.3. Si trova:


Z 2
[ux (x0 + r cos t, y0 + r sin t) cos t + uy (x0 + r cos t, y0 + r sin t) sin t] dt
0=
Z 0
u
=
ds ,
Cr n
ove Cr indica la circonferenza parametrizzata da
t (x0 + r cos t, y0 + r sin t) ,

t [0, 2]

ed n = n(t), parametrizzata da
n(t) = (x0 + cos t, y0 + sin t) ,

t [0, 2] ,

la sua normale esterna. Si usi ora il teorema di Gauss:


Z
Z
u
0=
ds =
u(x, y) dx dy .
Cr n
D
Ci quanto volevamo provare.

Nella dimostrazione precedente abbiamo usato il teorema di Gauss in un caso


particolare: il caso in cui la regione una circonferenza. Si sa che esso vale pi
in generale e ci permette di provare:
138

2.

FUNZIONI ARMONICHE

Teorema 2.4. Sia una regione di Jordan. Supponiamo u(x, y) C 2 (), continua
sulla chiusura di . La funzione u(x, y) armonica se e solo se

u ds = 0
n

2.5

per ogni curva di Jordan regolare a tratti, il cui sostegno in .


DIMOSTRAZIONE

Nelle ipotesi che abbiamo detto, per il teorema di Gauss vale


Z

Z
u(x, y) dx dy =

E quindi, se u(x, y) armonica, vale


Z

u ds .
n

u ds = 0 ;
n

se, viceversa, la 2.5 vale per ogni , curva di Jordan con sostegno in , scegliendo per
le circonferenze, si trova
Z
u(x, y) dx dy = 0
D

per ogni disco in e quindi u = 0 in .

2.3.

IL

PROBLEMA DI

D IRICHLET

Si chiama problema di Dirichlet per lequazione di Laplace il problema seguente:


data una curva di Jordan (regolare a tratti) e una funzione g(x, y) continua sul suo
sostegno. Si vuole una funzione u(x, y) armonica in , continua nella chiusura di
e tale che
u | = g ;
Dunque, si vuole che la u risolva
u = 0

in ,

u | = g .
139

2.

FUNZIONI ARMONICHE

Si parla di problema di Poisson quando data anche una funzione continua h(x, y) in
e si vuol risolvere
u = h

in ,

u | = g .

2.6

Pi avanti potremo studiare il problema dellesistenza di soluzioni del problema di


Dirichlet. Per ora, limitiamoci a studiare alcune propriet delle soluzioni, se queste
esistono. Proviamo:

Teorema 2.5. Se esiste una soluzione u(x, y) di

2.6,

essa unica.

DIMOSTRAZIONE

Ricordiamo che, per la definizione che abbiamo dato di soluzione, la u(x, y) continua
nella chiusura di .
Siano u1 (x, y) e u2 (x, y) due diverse soluzioni di 2.6 e definiamo
w(x, y) = u1 (x, y) u2 (x, y) .
La w(x, y) una soluzione del problema di Dirichlet
u = 0 in

u| = 0 .

In particolare, una funzione armonica. Essendo continua sulla chiusura di , essa


ivi raggiunge massimo e minimo; essendo armonica, massimo e minimo sono raggiunti
su = e quindi sono ambedue nulli: la funzione w(x, y) nulla e quindi u 1 (x, y) =
u2 (x, y).

Nello stesso modo si pu vedere che le soluzioni dipendono con continuit dal dato
g. Consideriamo per questo i due problemi di Poisson
u = h

in ,

u | = g 1 ,

2.7

u = h

in ,

u | = g 2 .

2.8

con la medesima funzione h(x, y). Supponiamo che esistano u 1 (x, y), soluzione
di 2.7 e u2 (x, y), soluzione di 2.8. Sia ha:
140

2.

FUNZIONI ARMONICHE

Teorema 2.6. Le funzioni u 1 (x, y) e u2 (x, y) verificano la diseguaglianza


sup |u1 (x, y) u2 (x, y)| max |g1 (x, y) g2 (x, y)| .

DIMOSTRAZIONE

Introduciamo ancora la funzione w(x, y) = u 1 (x, y) u2 (x, y). Questa funzione


armonica in e continua sulla sua chiusura e inoltre su vale w(x, y) = g 1 (x, y)
g2 (x, y). Dunque, dal principio del massimo e del minimo per le funzioni armoniche,
si ha
min[g1 (x, y) g2 (x, y)] w(x, y) max[g1 (x, y) g2 (x, y)] .

2.3.1 La formula di Poisson


Ricordiamo che la formula della media permette di esprimere il valore u(0, 0) di una
funzione armonica su un disco centrato in (0, 0), mediante i valori u(R cos t, R sin t),
che la funzione assume su una circonferenza di centro (0, 0). Chiediamoci ora se si
riesce a trovare una formula che, per mezzo di tali valori, esprima anche u(x, y), per
ogni (x, y) tale che
x2 + y 2 < R2 .
In tal caso si trova una formula risolutiva per il problema di Diriclet nel disco.
Si sa che questo pu farsi per la funzione olomorfa f (x + iy) di cui u(x, y) parte
reale. Sia f (x + iy) = u(x, y) + iv(x, y) e scriviamo

f ()
1
d ,
u(x, y) + iv(x, y) =
2i C (x + iy)
C :

t Reit ,

t [0, 2] .

Passando alle parti reali, a sinistra si trova u(x, y) ma a destra si trova unespressione
complicata, che fa intervenire sia i valori di u(x, y) che quelli di v(x, y) perch il
fattore
1
1
Reit
it
2 Re (x + iy)
141

2.

FUNZIONI ARMONICHE

non prende valori reali se x = 0, y = 0. Allora, abbandoniamo un momento lo studio


delle funzioni armoniche e torniamo a considerare la formula integrale di Cauchy, che
scriviamo con x0 = 0, y0 = 0:
1
2

f (z) =

f (Reit )
0

Reit
dt .
Reit z

Chiediamoci se sia possibile modificarla in modo da far comparire f (z) moltiplicata


per un fattore reale. Per questo notiamo che
2

1
zeit
1
z
f (Reit )
dt
=
f ()
d = 0
2 0
zReit R2
2i C
z R2
z |, punto esterno alla
dato che il denominatore nullo soltanto per = R 2 /|
circonferenza. Dunque, vale anche

1
2

1
2


Reit
zReit

dt
Reit z zReit R2
0


2
R
z
it
it
f (Re )
eit dt
Reit z
ze R
0
2
R2 |z|2
dt .
f (Reit ) 2
R + |z|2 2e [(Rz)eit ]
0

f (z) =

1
2

f (Reit )

Sia ora
z = rei

ossia

x
y

r cos

r sin .

La formula precedente si scrive


u(x, y) + iv(x, y)
2
1
R2 r 2
=
[u(R cos t, R sin t) + iv(R cos t, R sin t)] 2
dt .
2 0
R 2Rr cos( t) + r2
Nella formula precedente lintegrando la funzione f (z) moltiplicata per una
funzione a valori reali.
Prendendo ora le parti reali dei due membri si trova la formula di Poisson
2
1
R2 r 2
u(x, y) =
u(R cos t, R sin t) 2
dt .
2 0
R 2Rr cos( t) + r2

142

2.

FUNZIONI ARMONICHE

Osservazione 2.7. Si noti che se = Re it e z = rei allora


R2 2Rr cos( t) + r2 = | z|2 .
Esaminando i vari passi del calcolo precedente, si vede che questa formula
giustificata se u(x, y) olomorfa in una regione che contiene il disco || R,
e vale se x2 + y 2 < R. Di fatto, una volta trovata questa formula, possibile provare
di pi:

Teorema 2.8. Sia g(x, y) una funzione continua sulla circonferenza x 2 + y 2 = R2


e si definisca u(x, y) nel disco che essa delimita mediante la formula
2
1
R2 r 2
u(x, y) =
g(cos t, sin t) dt ,
2
2 0 R 2Rr cos( t) + r2

x = r cos
y = r sin .
Allora, la funzione u(x, y) armonica nel disco aperto, continua nel disco chiuso e
la sua restrizione alla circonferenza restituisce la funzione g(x, y).
Ossia, u(x, y) risolve il problema di Dirichlet
u = 0 ,

per x2 + y 2 R2 ,

u(x, y) = g(x, y)

per x2 + y 2 = R2 .

Vedremo che facendo uso di questo risultato sar possibile provare lesistenza di
soluzioni del problema di Dirichlet in casi molto pi generali.

Il problema di Dirichlet in regioni di Jordan


Proviamo ora che il problema di Dirichlet risolubile in ogni regione di Jordan. Sia
per questo una curva semplice e chiusa, regolare a tratti e sia g(x, y) una funzione
continua sul suo sostegno. Indicando con la regione interna a , vale

Teorema 2.9. Esiste ununica funzione u(x, y) C 2 ( ) e tale che


u = 0 in

u=g

su .

2.9

143

2.

FUNZIONI ARMONICHE

DIMOSTRAZIONE

Lunicit si gi provata nel teorema

2.5. E da provare lesistenza. Per questo

facciamo uso del teorema di Riemann, teorema 1.104 e del teorema 1.105.
Indichiamo con z = x + iy i punti di e del sostegno di e con w = + i quelli del
disco
D = {w | |w| < 1} .

Sia (z) una trasformazione olomorfa e biunivoca da al disco. Per il teorema


1.105, questa funzione ha estensione continua su e trasforma sulla circonferenza.
Indichiamo con G(w) la funzione
G(w) = g(1 (w)) .
Questa funzione continua sulla circonferenza e quindi, per il teorema

2.8, esiste

una funzione armonica U (, ) nel disco aperto, continua nel disco chiuso e che sulla
circonferenza restituisce G.
Sia V (, ) una funzione coniugata di U (, ) e sia F (, ) = U (, ) + iV (, ). Sia
f (x + iy) = F ((x + iy)) = u(x, y) + iv(x, y) .
La funzione u(x, y) armonica su e su restituisce U e quindi la funzione g. E
dunque la soluzione del problema 2.9.

144

3.

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

La trasformata di Laplace una trasformazione che associa a certe funzioni


di una variabile reale, definite su R e nulle per argomento negativo una
funzione olomorfa. La trasformata di Laplace uno strumento importante per
esempio nello studio delle equazioni differenziali.
Talvolta necessario studiare la trasformata di Laplace di funzioni di n
variabili. Noi ci limiteremo a trattare il caso delle funzioni di una sola
variabile.
Molto spesso nelle applicazioni la variabile da cui dipende la funzione f il
tempo e, per questa ragione, la indicheremo col simbolo t.

3.1.

D EFINIZIONI

Descriviamo prima di tutto una classe di funzioni per le quali si pu definire la


trasformata di Laplace. Questa non la classe pi generale possibile, ma sufficiente
per la maggior parte delle applicazioni.
Ripetiamo che a noi interessano funzioni f (t) definite su R, nulle per t < 0. Diciamo
che una tale funzione f , a valori reali oppure complessi, a crescita esponenziale se
limitata su ogni intervallo [0, T ], T > 0, e inoltre esiste un numero reale r tale che
lim ert f (t) = 0 ;

t+

145

3.

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

Equivalentemente, una funzione a crescita esponenziale se esistono numeri reali M


ed r tali che
|f (t)| M ert

t > 0.

3.1

Si chiama ordine di esponenziale della funzione f il numero


f = inf{r | Mr per cui |f (t)| < Mr ert } .
Si noti che se r > f allora esiste M per cui vale 3.1. Invece, se r = f , la 3.1
pu non valere, come si vede considerando la funzione f (t) = te t che ha ordine di
esponenziale 1, ma un infinito di ordine maggiore di 1.
La classe delle funzioni per cui definiremo la trasformata di Laplace la classe delle
funzioni, a valori reali oppure complessi, ma di una variabile reale, continue a tratti,
a crescita esponenziale e nulle per t < 0.

Osservazione 3.1. Nelle applicazioni frequentemente necessario considerare la


trasformata di Laplace di funzioni che prendono per valori vettori di C n o addirittura
matrici. La trasformata di Laplace si calcola elemento per elemento. Quello che va
sottolineato comunque che le funzioni di cui si calcola la trasformata di Laplace
sono nulle per t < 0.

La trasformata di Laplace di f la funzione



f() =

et f (t) dt .

Il numero complesso e il dominio di f() linsieme dei numeri per cui


lintegrale converge.

Per indicare la trasformata di Laplace si usa anche il simbolo L(f )() o semplicemente la lettera maiuscola corrispondente a quella che si usa per indicare
la funzione: F ().

146

3.

3.2.

P ROPRIET

DELLA TRASFORMATA DI

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

L APLACE

Vale:

Teorema 3.2. La trasformata di Laplace definita sul semipiano e > f ed


ivi una funzione olomorfa.
DIMOSTRAZIONE

Lesistenza degli integrali


Z

et f (t) dt

per ogni T > 0 ovvia. Lesistenza di


Z

lim

T +

et f (t) dt

segue dal teorema del confronto. Per vederlo, non restrittivo supporre che f prenda
valori reali. In tal caso, posto = x+iy, va provata lesistenza dei due integrali impropri
Z +
Z +
f (t)ext cos yt dt ,
f (t)ext sin yt dt
0

Sia e = x > f e sia r (f , x). Sia M tale che


|f (t)| < M ert .
Allora,
|et f (t)| M e(x+r)t

e lesponente negativo. Dunque ambedue gli integrali convergono e inoltre

Z +

Z +

xt
xt
M ,

f
(t)e
cos
yt
dt
f
(t)e
sin
yt
dt
x f

x f

0
0

3.2

Per provare che f() olomorfa, usiamo il teorema di Morera. Mostriamo prima di
tutto che la funzione f() continua per > f . Fissiamo
> 0 e mostriamo che
esiste > 0 tale che se | 1 2 | < allora |f(1 ) f(2 )| <
. Per fissare le idee sia
e 1 > e 2 > a + > a > f . Dato che lintegrale di variabile reale, usando il
Lemma 1.28, si ha

147

3.

LA TRASFORMATA DI LAPLACE
Z + h

e1 t e2 t eat eat f (t) dt


|f(1 ) f(2 )| =
0

h
i

e (1 a)t
sup e
1 ee (1 2 )t L(|f |)(a) .
t0

Notiamo che e ( 1 a) > 0 e e (1 2 ) > 0 cos che

e (1 2 )t
< 2 t 0 ,
1 e

1 ee (1 2 )t 1 ee (1 2 )T

t T .

Fissiamo T tale che per t > T valga


2ee (1 )t < 1 .
Ci pu farsi perch e ( 1 a) > > 0. Fissato questo valore per T , scegliamo
tale che se e ( 1 2 ) < valga

e (1 2 )T
1 e
L(|f |)(a) <
.
Si ha quindi che se, in particolare, | 1 2 | < allora vale | f(1 ) f(2 )| <
, ossia
la continuit di f().

Sia ora una curva chiusa di sostegno in e > f .

Scambiando lordine di

integrazione, si ha:
Z Z
Z
f() d =

et d f (t) dt = 0 .

Z
et f (t) dt d =

Lultimo integrale nullo perch la funzione e t olomorfa su C per ogni valore


di t.

In particolare, la formula 3.2 mostra che:

Corollario 3.3. Se f() una trasformata di Laplace allora


lim

e +

f() = 0 .

Osservazione 3.4. Abbiamo provato che la trasformata di Laplace esiste per


e > f . In realt si potrebbe provare che la trasformata di Laplace esiste in
un semipiano e > , con f .
148

3.

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

La trasformata di Laplace lineare nel senso detto dal teorema seguente di ovvia
dimostrazione:

Teorema 3.5. Siano f e g due funzioni continue a tratti e a crescita esponenziale.


Se e > max{f , g } ed a, b sono numeri, vale
L(af + bg)() = af() + b
g() .
Sia ora
g(t) = f (t h)

con h > 0 .

Allora
g() = eh f() .

Osservazione 3.6. Si noti che, essendo f (t) = 0 per t < 0, allora f (t h) = 0 per
t < h. Questo fatto essenziale per provare la formula precedente.

Sia invece
g(t) = f (at)

con a > 0 .

Allora vale
g() =

1
f (/a) .
a

Le semplici dimostrazioni sono omesse.


Sia ora f (t) una funzione periodica su R, continua a tratti e limitata:
f (t + T ) = f (t) .
La restrizione di f (t) a t 0 ammette trasformata di Laplace, definita su e > 0:

f() =

f (t) dt =

+


n=0

(n+1)T

et f (t) dt

nT

e(nT +s) f (nT + s) dt =

n=0 0
 T
+

nT
n=0

+


f (s) ds =

+

n=0

e
0

e(nT +s) f (s) ds


f (s) dt

1
.
1 eT

Lultima uguaglianza ottenuta sommando la serie geometrica, grazie al fatto che


|eT | < 1, perch e > 0.
149

3.

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

E invece un po pi delicato provare:

Teorema 3.7. Vale


d
f () =
d

et [tf (t)] dt = L(tf (t)) .

Omettiamo la dimostrazione notando che, invece di scambiare una derivata con


unintegrale improprio, si arriva pi facilmente al risultato mediante la formula
integrale di Cauchy per rappresentare la derivata di una funzione olomorfa, e quindi
scambiando lordine di integrazione.

3.3.

T RASFORMATA

DI

L APLACE ,

DERIVATA ED INTEGRALE

Le relazioni della trasformata di Laplace con lintegrale si vedono meglio introducendo la convoluzione di due funzioni. La convoluzione verr studiata in generale nel
paragrafo 4.11.1 ed

(f g)(t) =

f (t s)g(s) ds .

In questa parte a noi interessano funzioni nulle per argomenti negativi e quindi
t
f (t s)g(s) ds .
(f g)(t) =
0

Dato che le funzioni si assumono continue a tratti, lesistenza dellintegrale ovvia.


Inoltre,

Lemma 3.8. Se f e g sono a crescita esponenziale lo stesso vale per f g.


DIMOSTRAZIONE

Sia r tale che


|f (t)| < M ert ,

|g(t)| < M ert

t > 0

Allora,
|f (t s)g(s)| M 2 ert
e quindi
0 lim e
t+

150

(r+1)t

Z t

f (t s)g(s) ds = 0 .

3.

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

In particolare, se g(t) 1 per t 0 (ed nulla per t < 0), f g una primitiva di f .
Dunque:

Corollario 3.9. Ogni primitiva di una funzione a crescita esponenziale essa stessa
a crescita esponenziale.

Proviamo ora:

Teorema 3.10. Vale:


L(f g)() = f()
g () .
DIMOSTRAZIONE

Si deve calcolare lintegrale iterato


Z t

Z +
et
f (t s)g(s) ds dt .
0

Scambiando prima lordine di integrazione e poi facendo la trasformazione di variabile


t s = r nellintegrale pi interno si trova:

Z t
Z + Z +
Z +
et
f (t s)g(s) ds dt =
et f (t s) dt g(s) ds
0
0
0
s

Z + Z +
(r+s)
e
f (r) dr g(s) ds
=
0
0

Z + Z +
er f (r) dr es g(s) ds = f()
g () .
=
0

In particolare:

Corollario 3.11. Sia h(t) = 1 per t 0, h(t) = 0 per t < 0. La sua trasformata di
Laplace
1

h()
=

e quindi

L
0


1
f (s) ds () = f() .

151

3.

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

DIMOSTRAZIONE

La prima affermazione discende da


Z

et dt =

per ogni e > 0 mentre la seconda discende dal teorema 3.10, notando che
Z t
Z t
f (s) ds =
h(t s)f (s) ds .
0

La funzione h(t) introdotta nel lemma precedente si chiama funzione di Heaviside.


Vediamo infine le relazioni tra la trasformata di Laplace e la derivazione. Supponiamo
f (t) continua per t 0, derivabile per t > 0 (e nulla per t < 0). La derivata basta
che sia continua a tratti e che esista con leccezione di un numero finito di punti.
Supponiamo che f  (t) sia a crescita esponenziale cos che anche f (t) lo , si ricordi
il Corollario 3.9. Allora:

Teorema 3.12. Se e > { f , f  } vale



L

d
f
dt


() = f() f (0) .

DIMOSTRAZIONE

Integrando per parti


Z T
Z
et f  (t) dt = eT f (T ) f (0) +
0

et f (t) dt .

Lasserto segue passando al limite per T +, ricordando che e > f .

Esempio 3.13. Si consideri lequazione differenziale


x = ax + f .
Si pu provare che se f ha crescita esponenziale lo stesso vale per x; e quindi,
calcolando la trasformata di Laplace dei due membri,
x
() =

152

1
x0
+
f() .
1
( a)
( a)1

3.

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

In modo analogo pu trattarsi per esempio unequazione integrale del tipo


t
k(t s)x(s) ds + f (t) .
x(t) =
0

Se sia k che f hanno crescita esponenziale, lo stesso avviene per x e quindi


x
() =

1
f() .

1 k()

Si noti per che luso formale di questo metodo pu condurre a perdere soluzioni,
come si vede studiando lequazione
tx + x + tx = 0 .

3.3

La trasformata di Laplace di tf (t) dd f() e


L(f  )() = L(f  )() f  (0) = 2 f() f (0) f  (0)
cos che
L(tf  )() =

$
d
d # 2
f () f (0) f  (0) = 2f() 2
f () + f (0) .
d
d

Dunque, trasformando, si trova che se x risolve 3.3 e inoltre se la sua derivata seconda
ammette trasformata di Laplace, allora vale


d
d
x
() + x(0) + [
x
() = 0
x() x(0)]
2
x() 2
d
d
e quindi x
() risolve
(1 + 2 )
x() +
x() = 0 .
Questequazione si risolve facilmente per separazione di variabili e le soluzioni sono
le funzioni
x() =

c
,
1 + 2

c C.

Dunque, le funzioni x(t) trovate sono tutte multiple una dellaltra. Per, lequazione 3.3 del secondo ordine e quindi deve avere una seconda famiglia di soluzioni,
linearmente indipendenti da quella che abbiamo trovato. Questa famiglia di soluzioni
non si trova mediante la trasformata di Laplace perch si tratta di funzioni illimitate
per t 0+, e non integrabili, e quindi prive di trasformata di Laplace.
153

3.

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

3.4.

A LCUNE

TRASFORMATE FONDAMENTALI

Le due tabelle seguenti mostrano le regole di calcolo che abbiamo gi incontrato e


alcune trasformate fondamentali nel senso che si incontrano pi frequentemente
nelle applicazioni. Si intende che le funzioni sono nulle per t < 0 e nella tabella
seguente se ne indica la restrizione a t 0.
funzione

trasformata

af (t) + bg(t)

af() + b
g()

f  (t)

f() f (0)

(f g)(t)

f()
g ()

t
0

1
f ()

f (s) ds

f (t h) con h > 0

eh f()

f (at) con a > 0

1
a f (/a)

tf (t)

d
d f ()


 T s
e
f (s) dt
0

f (t) = f (t + T )

funzione
1
tn
eat
tn eat
sin t
cos t
sinh t
cosh t

154

trasformata
1

n!
n+1
1
a
n!
( a)n+1

2 + 2

2 + 2

2
2

2 2

1
1eT

3.

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

La verifica delle formule precedenti immediata: si calcolano direttamente le 1) e 3)


e si usa la formula di trasformazione dellintegrale per la 2) e per la 4). Le regole 5) e
6) si ottengono dalla 3) mediante le formule di Eulero.

3.5.

IL

PROBLEMA DELL ANTITRASFORMATA

Notiamo che pi funzioni possono avere la medesima trasformata. Se per imponiamo


alle funzioni continue a tratti ed a crescita esponenziale di essere continue da
sinistra (oppure da destra) allora la corrispondenza tra funzioni e trasformate 1
1. Ci nonostante, il problema di caratterizzare quelle funzioni olomorfe che sono
trasformate di Laplace molto difficile e in realt trova una soluzione accettabile
aumentando lo spazio di oggetti per i quali pu calcolarsi la trasformata fino ad
introdurre la trasformata di distribuzioni, come vedremo per la trasformata di
Fourier.
Qui limitiamoci a dire che esiste una formula che talvolta permette di calcolare
lantitrasformata di Laplace.

Sia F () una funzione olomorfa in un semipiano

e > e sia c > . Consideriamo la funzione


c+i
1
f (t) =
e+t F () d
2i ci
(ossia, si intende di calcolare lintegrale sulla retta e = c). Se |F ()| <

M
||1+

con  > 0, allora lintegrale converge e la trasformata di Laplace di f (t) proprio


F (). Per, la condizione sul comportamento di F () per || + lungo una
retta verticale molto restrittiva e il calcolo dellintegrale in generale macchinoso.
Quindi per il calcolo dellantitrasformata di Laplace si ricorre alluso delle tavole di
trasformate, combinato con le regole di calcolo che abbiamo visto. C per un caso
importantissimo per le applicazioni, che necessario conoscere, ed il caso in cui
F () una funzione razionale.

3.5.1 Antitrasformata di funzioni razionali


Sia F () =

n()
d()

una funzione razionale, ossia il quoziente di due polinomi. Se

essa deve essere una trasformata di Laplace, il grado del denominatore deve essere
155

3.

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

strettamente maggiore di quello del numeratore; in tal caso la funzione razionale si


chiama strettamente propria. Questa ovvia condizione necessaria anche sufficiente:

Teorema 3.14. Una funzione razionale una trasformata di Laplace se e solo se


strettamente propria.
DIMOSTRAZIONE

Infatti, ogni funzione razionale strettamente propria si rappresenta come


"p
#
n
i
X
X
Ai,j
n()
=
.
d()
( i )j
i=1 j=1
La tavola delle trasformate che abbiamo visto al paragrefo 3.4. mostra che ciascun
addendo una trasformata di Laplace.

In particolare, lantitrasformata di Laplace delle funzioni razionali strettamente


proprie combinazione lineare di polinomi, esponenziali e funzioni seno e coseno
e loro prodotti.
Un caso particolarmente importante il caso in cui la funzione razionale ha solamente
poli semplici. In questo caso
n()  Ai
=
d()
( i )
i=1
n

ove n il grado del denominatore ed A i il residuo del polo semplice i . Nel caso
in cui n() e d() non hanno zeri comuni,
Ai =

n(i )
d (i )

e quindi lantitrasformata
n

n(i ) i t
e .
d (i )
i=1

156

4.

4.1.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

I NTRODUZIONE

In questo capitolo si presentano gli elementi di una teoria dellintegrazione, dovuta


a Lebesgue, pi generale di quella di Riemann. E noto che esistono funzioni, come
la funzione di Dirichlet, che non sono integrabili secondo Riemann. Vedremo che
la funzione di Dirichlet integrabile secondo Lebesgue, ma la ragione per introdurre
questo nuovo integrale non di allargare la classe delle funzioni integrabili. La ragione
invece la seguente: in numerosi problemi dellAnalisi matematica necessario
scambiare il segno di limite, o di serie, con quello di integrale, si pensi per esempio
alle serie di Fourier. Tipicamente, le serie di Fourier non convergono uniformemente,
condizione che richiesta per lo scambio di limiti ed integrali di Riemann. E questa
la ragione che ha indotto a costruire integrali pi generali di quello di Riemann.
Consideriamo la funzione di Dirichlet da questo punto di vista.

Esempio 4.1. La funzione di Dirichlet definita su 0 x 1 da:

1
f (x) =
0

se x = q razionale
altrimenti.

Essa limite di una successione (f k ) di funzioni integrabili secondo Riemann. Si


ricordi infatti che i razionali sono numerabili. Sia (q r ) la successione dei razionali e
157

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

sia

1
fk (x) =
0

se x = qr con r k
altrimenti.

Ovviamente,

lim fk (x) = f (x) ,

lim

fk (x) dx = 0 .
0

Non possiamo per dire che


1

lim
fk (x) dx =
0

lim fk (x) dx =

f (x) dx
0

perch la funzione f (x) non integrabile.


Se vogliamo dare un senso alla formula precedente, dovremo costruire una teoria
dellintegrazione che permetta di integrare anche la funzione di Dirichlet.
Si osservi che se la formula precedente deve valere, allora lintegrale della funzione
di Dirichlet deve essere nullo.

La funzione di Dirichlet la funzione caratteristica dei razionali di [0, 1] e quindi il suo


integrale la misura dellinsieme di tali razionali. Dunque, linsieme dei razionali
di [0, 1] deve avere misura di Lebesgue nulla. Si ricordi che tale insieme non
misurabile secondo Peano-Jordan. Daltra parte la teoria della misura di Peano-Jordan
insufficiente anche per la trattazione del solo integrale di Riemann. Per vedere questo
enunciamo la seguente caratterizzazione dell funzioni integrabili secondo Riemann.
Diciamo che un insieme I R nullo se per ogni  > 0 esiste una successione di
intervalli aperti (ar , br ), disgiunti o meno, tali che:


(br ar ) <  ,

(ar , br ) .

Si nota facilmente che un insieme che ha misura zero secondo Peano-Jordan anche
un insieme nullo secondo la definizione precedente, ma non viceversa. Si prova infatti
che linsieme dei razionali di [0, 1], non misurabile secondo Peano-Jordan, per un
insieme nullo secondo la definizione precedente, si veda lEsempio 4.27.
158

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Vale:

Teorema 4.2 (di Riemann-Lebesgue). Una funzione limitata f (x) definita su un


intervallo limitato (a, b) di R integrabile secondo Riemann se e solo se linsieme dei
suoi punti di discontinuit un insieme nullo.

Osservazione 4.3. Si noti che questo teorema implica che la funzione di Dirichlet
non integrabile secondo Riemann. Infatti essa discontinua in ciascun punto di
[0, 1] e [0, 1] non un insieme nullo. Si sa inoltre che ogni unione di intervalli aperti
pu rappresentarsi come unione disgiunta di intervalli aperti. Nella definizione di
insieme nullo per pi comodo, ed ovviamente non restrittivo, non richiedere che gli
intervalli siano disgiunti.

Passiamo ora ad introdurre la teoria dellintegrazione secondo Lebesgue. Conviene


premettere alcune nozioni di teoria degli insiemi.

4.2.

A NELLI

ED ALGEBRE DI INSIEMI

Sia S una famiglia non vuota di s.insiemi di un assegnato insieme .

In S

consideriamo le due operazioni di intersezione e di differenza simmetrica. Diciamo


che la famiglia di insiemi S un anello di insiemi se chiusa rispetto a tali operazioni:

AB S ,
A , B S =
AB S.
Dato che
A B = A(A B) ,

A B = (AB)(A B) ,

si vede che se S un anello di insiemi allora esso chiuso rispetto alle operazioni di
unione e di differenza e inoltre
=AAS.
159

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Dato che lidentit rispetto alloperazione , si vede che un anello di insiemi


un anello (secondo la definizione incontrata nel corso di Algebra) rispetto alle due
operazioni + =  e = .
Si sa che un anello con identit moltiplicativa si chiama unalgebra; e lidentit rispetto
alloperazione di intersezione . Dunque unanello di s.insiemi di che contiene
anche si chiama unalgebra di insiemi.
Si osservi ora che
#
$

AB = (A
B) (A B) ,


B)
,
A B = (A

dove la tilde () indica il complementare. Dunque:

Teorema 4.4. Sia S una famiglia di s.insiemi di e valga:


S,

AB S
A , B S =
A S .

La famiglia S unalgebra di insiemi.

Il teorema precedente d una definizione alternativa di algebra di insiemi, che risulta


pi comoda per le applicazioni.
Un anello, rispettivamente unalgebra, di insiemi si dice -anello , rispettivamente
-algebra quando chiusa rispetto alle unioni numerabili di suoi elementi.
Usando le propriet delle operazioni tra insiemi si vede che un -anello anche
chiuso rispetto alle operazioni di intersezione, differenza, differenza simmetrica, di
successioni di suoi elementi.
Ricordando la propriet di additivit dellintegrale di Riemann,



=
+
AB

che dovr valere anche per lintegrale di Lebesgue, si capisce linteresse che anelli ed
algebre di insiemi hanno nella teoria dellintegrazione.
160

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Osservazione 4.5. E opportuno sottolineare la differenza tra la definizione di


topologia e quella di -algebra. Una topologia in contiene linsieme vuoto ed
, e contiene lunione degli elementi di ciascun suo s.insieme. Contiene inoltre le
intersezioni degli elementi dei suoi s.insiemi finiti. Invece, una -algebra contiene,
oltre ad e , sia le unioni che le intersezioni degli elementi dei suoi s.insiemi che
sono finiti o numerabili.

Si vede facilmente:

Teorema 4.6. Sia S una famiglia non vuota di s.insiemi di . Esistono un minimo
anello, algebra, -anello, -algebra contenenti S.

Da ora in poi ci limiteremo a considerare il caso


= (a, b) R

a < b +

oppure
=

n
&

(ai , bi ) Rn ,

ai < bi + .

i=1

Consideriamo il caso = (a, b) R. Ricordiamo che ogni aperto di R unione


finita o numerabile di intervalli aperti, due a due disgiunti. Per la famiglia degli
intervalli aperti non un anello (infatti, per esempio, la differenza di due aperti non
un aperto). E invece un anello la famiglia delle unioni finite di intervalli
[a, b)

4.1

aperti a destra e chiusi a sinistra e

Teorema 4.7. Ogni aperto di R unione numerabile di intervalli come in

4.1,

due

a due disgiunti.
Un risultato analogo vale anche in R n :
161

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Teorema 4.8. Ogni aperto di R n unione numerabile di insiemi, due a due disgiunti,
della forma
n
&

[xi , yi ) .

i=1

Questo teorema suggerisce di chiamare insieme elementare di R n un insieme della


forma
n
&

[xi , yi ) .

i=1

Chiameremo insieme semplice linsieme vuoto oppure un insieme che unione finita
di insiemi elementari. Si noti che un insieme semplice pu rappresentarsi in pi modi
come unione di insiemi elementari.
Come si detto, la famiglia degli insiemi semplici di R n un anello; e, se si decide
di lavorare soltanto con quelli che sono contenuti in un dato insieme elementare, si ha
unalgebra.
La minima -algebra che contiene tutti gli insiemi semplici di R n , e che contiene R n
stesso, si chiama la -algebra di Borel di R n , e i suoi elementi si chiamano boreliani.
Da ci che abbiamo detto, non difficile provare che sia gli insiemi aperti che gli
insiemi chiusi sono boreliani.

4.3.

M ISURE

DI INSIEMI

Sia un insieme. Si chiama misura su una funzione A m(A) dai s.insiemi di


nei reali non negativi, tale che:
Il dominio della funzione un anello S di s.insiemi di ;
se A, B sono elementi disgiunti di S, ossia tali che A B = , allora
m(A B) = m(A) + m(B) .

162

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

La misura si chiama -additiva se una misura e inoltre per ogni successione (A r ) di


elementi di S, due a due disgiunti, ossia tali che Ar Ak = per r = k, vale
+  +
%
%

Ar =
m(Ar ) .
Ar S = m
r=1

r=1

Osservazione 4.9. In generale, lunione degli A r non un elemento dellanello. In


tal caso niente si richiede alle misure degli A r .

Talvolta conviene permettere ad una misura di prendere valori in [0, +]. Per
contrasto, la misura si dice finita se essa prende valore in [0, +). La misura si
chiama probabilit se prende valori in [0, 1].

Teorema 4.10. Se m una misura e se esiste A tale che m(A) < +, allora
m() = 0 .

DIMOSTRAZIONE

Infatti,
A = A,

A=

cos che

m(A) = m(A) + m() .

Semplificando m(A) segue m() = 0.

Presentiamo ora alcuni lemmi che saranno utili in seguito e che mostrano una propriet
di continuit delle misure additive.

Lemma 4.11. Sia S un anello e sia m una misura finita su S. La misura -additiva
se per ogni successione (Y r ) di elementi di S decrescente allinsieme vuoto, ossia
tale che
Yr+1 Yr ,

+
'

Yr = ,

r=1

vale
lim m(Yr ) = m() .

163

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

DIMOSTRAZIONE

Siano gli A r insiemi disgiunti di S e si sappia che


A=

+
[

Ar S .

r=1

Dobbiamo provare che


m(A) =

+
X

m(Ar ) .

r=1

Introduciamo per questo gli insiemi


Xk =

k
[

Ar .

r=1

Vale
A = Xk [A Xk ] ,

m(A) = m(Xk ) + m(A Xk ) .

Per costruzione,
+
\

Yk+1 = A Xk+1 A Xk = Yk ,

Yk =

k=1

+
\

[A Xk ] = .

k=1

Dunque, per ipotesi,


lim m(A Xk ) = m()
e quindi
lim m(A Xk ) = 0
perch la misura finita. La propriet di additivit della misura mostra che
m(Xk ) =

k
X

m(Ar )

r=1

e la successione
k

k
X

m(Ar )

r=1

cresce e quindi ammette limite. Dunque, da 4.2,


m(A) = lim
k

k
X
r=1

Ci quanto volevamo provare.

164

m(Ar ) + lim m (A Xk ) =

+
X
r=1

m(Ar )

4.2

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Il risultato seguente, che useremo in seguito, si potrebbe provare in modo analogo:

Lemma 4.12. Se per ogni successione (A r ) crescente di insiemi, ossia per ogni
successione tale che
Ar Ar+1
vale
m

+
%


Ar

= lim m(Ar ) ,

r=1

allora la misura -additiva.

Osservazione 4.13. Lipotesi che la misura sia finita non richiesta nel Lemma 4.12; invece essenziale1 nel Lemma 4.11. Infatti, se = R e se Yr = [r, +)
allora m(Yr ) = + per ogni r mentre m(Yr ) = m() = 0.

I due lemmi precedenti possono invertirsi. Vale infatti:

Lemma 4.14. Sia (A r ) una successione crescente e sia (B r ) una successione


decrescente di elementi di S. Sia rispettivamente
A=

+
'

Ar ,

r=1

B=

+
%

Br .

r=1

Sia m una misura -additiva su S. Allora


m(A) = lim m(Ar ) ,
r

m(B) = lim m(Br ) .


r

Consideriamo ora gli insiemi elementari contenuti in un dato insieme elementare J


Rn . Definiamo


n
n
&
&
[xi , yi ) =
(yi xi ) .
m


m() = 0 ,

i=1

4.3

i=1

In realt questa condizione potrebbe indebolirsi un po, richiedendo che m(Yr ) < + per un
indice r.

165

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Estendiamo quindi questa misura allalgebra S delle unioni finite di insiemi


elementari, ossia allalgebra degli insiemi semplici contenuti in J, imponendo
m(I1 I2 ) = m(I1 ) + m(I2 )

se I1 I2 = .

4.4

Osservazione 4.15. Si noti che uno stesso insieme semplice pu rappresentarsi in


pi modi come unione di insiemi elementari disgiunti:
[0, 1) = [0, 1/2) [1/2, 1) .
Se n = 1 facile provare che il valore che m associa ad un insieme non dipende dal
modo con cui esso si rappresenta. Lo stesso vale in dimensione maggiore di 1, ma la
dimostrazione macchinosa.
Vogliamo provare che la misura m che abbiamo introdotta -additiva:

Teorema 4.16. La misura definita da

4.3

e da 4.4 -additiva.

DIMOSTRAZIONE

La misura finita perch m(J) < +. Possiamo quindi applicare il Lemma 4.11 e
provare che per ogni successione di insiemi semplici decrescente a , la successione
delle misure converge a 0:
+
\

Ak = = lim m(Ak ) = 0 .

k=1

Si noti che la successione {m(A k )} decresce. Sia per assurdo


m(Ak ) > > 0

k .

Fissiamo
(0, /4).
Sia k = 1 e consideriamo linsieme semplice A 1 . Possiamo rappresentarlo come unioQ
ne finita di insiemi elementari disgiunti, ciascuno della forma n
i=1 [ai , bi ). Inoltre, esso
Q
contiene linsieme semplice A 2 . Sostituendo ciascuno insieme elementare n
i=1 [ai , bi )
Qn
con un insieme elementare i=1 [ai , bi ) si trova ancora un insieme elementare,
diciamo J1 , e si pu scegliere > 0 cos piccolo che
m(J1 A2 ) >
.

166

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Inoltre,
J1 J 1 A1 .
2 ,
Linsieme J1 A2 ancora un insieme semplice. Indichiamolo col simbolo A
2 = J1 A2 .
A
Ripetiamo la stessa costruzione, ma a partire dallinsieme A2 . Si costruisce un insieme
J2 tale che
J2 J 2 A2 A2 ,

m(J2 A3 ) >

/2 .

2 , sia s.insieme di A 2 che di J 1 .


Si noti che J 2 , essendo contenuto in A
Iterando questa costruzione, si trova una successione (J k ) con queste propriet:
i) Jk J k Ak ;
ii) Jk A1 per ogni k, e quindi i J k sono limitati;
iii) J k J k1 ;
iv) m(Jk Ak+1 ) >

k
i=1

/2k >
> 0 e quindi nessuno dei J k vuoto.

Grazie alle propriet ii)iv), segue dal teorema di Cantor che gli insiemi J

hanno un

punto comune x 0 che, per la propriet i) appartiene a ciascuno degli A k . Ci contrasta


con lipotesi. La contraddizione trovata mostra che deve aversi
lim m(Ak ) = 0 .
Dunque, la misura -additiva.

4.4.

I NSIEMI

MISURABILI SECONDO

L EBESGUE

Estendiamo ora la famiglia degli insiemi cui si pu attribuire una misura. Per fissare
le idee, supponiamo di lavorare in R 2 , ma la stessa costruzione pu farsi in ogni
dimensione.
Considereremo prima di tutto il caso degli insiemi limitati e quindi estenderemo la
definizione ad insiemi illimitati.
167

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

4.4.1 Insiemi limitati e misurabili secondo Lebesgue


Fissiamo un insieme semplice Q e lavoriamo ora soltanto con suoi s.insiemi. A
ciascun insieme A Q associamo un numero che si chiama la sua misura esterna, in
simboli m (A), come segue:

%
Rj A .
m (A) = inf
m(Rj ), Rj elementare,

i1

Nella definizione precedente, linsieme degli R j pu essere finito o numerabile.


Si nota immediatamente che se S un insieme elementare, e quindi anche se un
insieme semplice, allora
m (S) = m(S) .
Ovviamente:

Corollario 4.17. Se A B allora m (A) m (B).


La funzione m quindi una funzione monotona dinsieme, che per non una misura
perch non additiva. Per essa vale solamente:

Teorema 4.18. La funzione m subadditiva; ossia per ogni famiglia {A j } finita o


numerabile di s.insiemi di Q e per ogni insieme A tale che
%
Aj
A
j1

vale
m (A)

m (Aj ) .

4.5

j1

DIMOSTRAZIONE
(j)

Si fissi
> 0. Sia {Ri } una famiglia finita o numerabile di insiemi elementari per cui
Aj

[
i1

(j)

Ri

(j)

m(Ri ) m (Aj ) +
/2j .

i1

Essendo
A

[ [
j>1 i1

168

(j)

Ri ,

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

segue
m (A)

XX
j1 i1

(j)

m(Ri )

Xh

m (Aj ) +

j1

+
m (Aj ) .
j
2
j1

Lasserto segue perch questa diseguaglianza vale per ogni


.

Osservazione 4.19. In generale, la disuguaglianza in

4.5

stretta, anche se gli Aj

sono due a due disgiunti.


Indichiamo ora col simbolo L la famiglia dei s.insiemi di Q con questa propriet:
A L se per ogni  > 0 esiste un insieme semplice I tale che
m (AI ) <  .
Gli insiemi di L si dicono misurabili secondo Lebesgue.
Si osservi il procedimento che abbiamo fatto: si usato m per definire una misura da
sopra che permetta di valutare quanto bene un dato insieme A si possa approssimare
con insiemi semplici. Gli insiemi misurabili secondo Lebesgue sono quelli che si
approssimano tanto bene quanto si vuole con insiemi semplici.
Proveremo che L una -algebra. Nel fare ci introdurremo anche una misura additiva su L, che estende m, e che si chiama la misura di Lebesgue. La misura
la restrizione di m alla famiglia di insiemi L ed quindi subadditiva. Proveremo
che L una -algebra e che una misura -additiva. Per questo:

Lemma 4.20. Se A L allora A = Q A L.


DIMOSTRAZIONE

Sia
> 0 e sia R un insieme semplice tale che
m (AR) <
.
Si noti che Q R ancora un insieme semplice, e che
(Q A)(Q R) = AR .
Dunque,
m ((Q A)(Q R)) <
.

169

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Proviamo ora che L unalgebra di insiemi.

Teorema 4.21. Siano A, B in L. Allora, A B L.


DIMOSTRAZIONE

Sia
> 0 e siano R A ed RB insiemi semplici e tali che
m (ARA ) <
/2 ,

m (BRB ) <
/2 .

Notiamo che RA RB ancora un insieme semplice e che


(A B)(RA RB ) (ARA ) (BRB ) .
La subadditivit della misura esterna mostra che
m ((A B)(RA RB )) <
.
Dunque, A B L.

Si cos provato che L unalgebra di insiemi. Come si detto, su L definiamo la


funzione
(A) = m (A) .
Mostreremo che questa una misura -additiva, che si chiama la misura di Lebesgue.
Vale:

Teorema 4.22. La funzione dinsieme , definita su L, una misura.


DIMOSTRAZIONE

Va provato che additiva. Osserviamo per questo che se A e B sono s.insiemi


qualsiasi di Q allora vale
A B (AB)

m (A) m (B) m (AB) .

Scambiando il ruolo di A e di B si vede che


|m (A) m (B)| m (AB) .

170

4.6

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Usiamo questa propriet per mostrare che additiva, come segue: Siano A e B
disgiunti, elementi di L. Fissiamo
> 0 ed insiemi semplici R A ed RB tali che
m (ARA ) <
,

m (BRB ) <
.

Si sa gi che A B L. Inoltre, essendo A e B disgiunti,


RA RB (ARA ) (BRB )
e quindi
m(RA RB ) = m (RA RB ) m (ARA ) + m (BRB ) < 2
.
Inoltre,
(A B)(RA RB ) (ARA ) (BRB )
e quindi
m ((A B)(RA RB )) m (ARA ) + m (BRB ) < 2
.

Dunque, usando 4.6, si ha


|m (A B) m (RA RB )| < 2

e quindi
(A B) = m (A B) m(RA RB ) 2

= m(RA ) + m(RB ) m(RA RB ) 2


m (A) + m (B) 4
.
Larbitrariet di
mostra che
(A B) m (A) + m (B) = (A) + (B) ;
ma, per la subadditivit della misura esterna,
(A B) = m (A B) m (A) + m (B) = (A) + (B)
e quindi ladditivit.

Proviamo ora:
171

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Teorema 4.23. Lalgebra di insiemi L una -algebra.


DIMOSTRAZIONE

Sia (An ) una successione in L. Dobbiamo provare che +


n=1 An L. Mostriamo prima
di tutto che non restrittivo assumere che gli A n siano due a due disgiunti. Definiamo
per questo
Bn = An

n1
[

Ai .

i=1

Ciascuno degli insiemi B n in L, perch L unalgebra di insiemi; e i B n sono due a


due disgiunti. Inoltre,
+
[

An =

n=1

+
[

Bn .

n=1

Dunque, eventualmente sostituendo ciascun A n col corrispondente B n , si suppone da


ora in poi che gli A n siano due a due disgiunti.
Si vistro che su L una misura e quindi
!
!
n
n
n
X
[
[

(Ak ) =
Ak = m
Ak m
i=1

k=1

Ci prova che la serie

Pn
k=1

+
[

i=1

!
(Q) .

Ak

i=1

(Ak ) converge.

Fissiamo ora
> 0 e sia N  tale che
+
X

(Ak ) <
/2 .

k=N

Essendo L unalgebra,
N[
 1

Ak L

k=1

e quindi esiste un insieme semplice R per cui


"N 1 #
!

[

Ak R <
/2 .
m
k=1

Ora,

[
k=1

172

!
Ak

"
R

N[
 1
k=1

!
Ak

#
R

"

+
[

k=N

#
Ak

4.

Dunque,
m

"+
[

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Ak R

k=1

+
X

(Ak ) <
.
+
2 k=N


Dunque,
+
[

Ak L .

k=1

Sappiamo ora che L una -algebra. Completiamo questi argomenti provando:

Teorema 4.24. La misura di Lebesgue -additiva.


DIMOSTRAZIONE

Sia An una successione di insiemi due a due disgiunti di L. Si vuol provare


! +
+
[
X

An =
(An ) .
n=1

n=1

Si sa gi che per ogni N vale luguaglianza


N
X

(An )

n=1

N
[

!
An

n=1

+
[

!
An

n=1

Dunque,
+
X
n=1

(An )

+
[

!
An

n=1

Luguaglianza discende dalla subadditivit di m , e quindi di .

Osservazione 4.25. Chiaramente, L una -algebra che contiene tutti gli insiemi
semplici, e quindi L contiene la -algebra dei boreliani. Linclusione propria.

4.4.2 Insiemi illimitati


Vogliamo ora estendere la definizione di misura di Lebesgue includendo anche insiemi
illimitati. Per questo dovremo permettere alla misura di prendere il valore +.
Rappresentiamo R n come unione disgiunta dei quadrati
Qn,k = {(x, y) | n x < n + 1 , k y < k + 1}
173

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

con n e k interi qualsiasi. Diciamo che A misurabile se A Q n,k misurabile per


ogni scelta di n e di k. In tal caso, definiremo
(A) =

+



 '
A Qn,k .

n,k=

4.5.

I NSIEMI

NULLI E PROPRIET CHE VALGONO QUASI OVUNQUE

Sia A un insieme con questa propriet: per ogni  > 0 esistono insiemi semplici R n
tali che
A

Rn ,

n1

m(Rn ) <  .

n1

Un insieme con questa propriet si chiamato un insieme nullo. Ovviamente:


ogni insieme nullo misurabile secondo Lebesgue e la sua misura di Lebesgue
0 e viceversa;
ogni s.insieme di un insieme nullo un insieme nullo.

Gli insiemi nulli sono quindi invisibili per la misura di Lebesgue. Questo suggerisce
di dire che una propriet che vale in tutti i punti di un insieme , salvo che in quelli
di un insieme nullo, vale quasi ovunque su e si scrive brevemente che essa vale q.o.
. Per esempio diremo che una funzione continua q.o. su se linsieme dei suoi
punti di discontinuit un insieme nullo.

Osservazione 4.26. Naturalmente esistono anche dei boreliani che hanno misura
nulla; ma un boreliano che ha misura nulla pu contenere dei s.insiemi che non sono
boreliani. Si chiama completa una misura per la quale ogni s.insieme di un insieme
di misura zero misurabile (e quindi ha misura zero). La misura di Lebesgue definita
su L completa mentre la sua restrizione ai boreliani non lo .

Si vede facilmente che ogni insieme costituito da un solo punto nullo. La -additivit
della misura implica che ogni unione numerabile di insiemi nulli un insieme nullo.
In particolare, linsieme dei razionali nullo. E interessante provare ci direttamente:
174

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Esempio 4.27. Sia (q n ) la successione dei razionali in [0, 1]. Fissiamo  > 0 ed
associamo a qn lintervallo


 
Rn = qn n , qn + n .
2
2
Chiaramente, lunione degli R n contiene i razionali di [0, 1] e

+
i=1

(Rn ) < .

Dunque, linsieme dei razionali di [0, 1] un insieme nullo.

E bene sapere che esistono anche insiemi non numerabili che sono nulli. Per esempio,
un insieme nullo linsieme di Cantor. Ci si vede facilmente notando che la somma
degli intervalli che si tolgono, ossia la misura del complementare in [0, 1] dellinsieme
di Cantor, vale 1.

Ricordiamo infine che il concetto di insieme nullo si gi incontrato nellenunciato


del teorema di Riemann-Lebesgue.
Enunciamo ora formalmente unosservazione gi fatta, ed una sua conseguenza:

Teorema 4.28. Sia (A n ) una successione di s.insiemi di :


1. se (An ) = 0 per ogni n allora (A n ) = 0;
2. se per ogni n vale (A n ) = () < + allora (An ) = ().
DIMOSTRAZIONE

La prima propriet si gi notata, e discende dalla -additivit della misura. La seconda immediatamente discende dalla prima, passando ai complementari. Infatti, essendo
n ) = 0 e quindi
di misura finita, ( A

An = 0

ossia

() =

[
\


An .
An =

Lesempio = [0, +), An = [n, +) mostra che la condizione () < + non


si pu rimuovere dallultimo enunciato.

175

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

4.6.

F UNZIONI

MISURABILI

Da ora in poi, con misura intenderemo sempre la misura di Lebesgue.


Definita la misura di Lebesgue, si pu introdurre lintegrale di Lebesgue, come si
visto nei corsi di probabilit per il caso delle misure astratte. Prima di tutto
si definisce la classe delle funzioni misurabili. Una funzione f (x) su R n si dice
misurabile quando per ogni r misurabile linsieme
{x | f (x) > r}.
E immediato mostrare che una funzione misurabile se e solo se sono misurabili gli
insiemi
{x | f (x) r} ,

{x | s < f (x) r}

o, equivalentemente, se sono misurabili le contrimmagini dei boreliani. Dunque:

Teorema 4.29. Sia f una funzione misurabile. Allora |f | misurabile.


DIMOSTRAZIONE

Infatti,

|f (x)| c

8
>
f (x) c
>
>
<
quando

>
>
>
:

oppure
f (x) c

e quindi linsieme degli x per cui f (x) c lunione di due insiemi misurabili e quindi
misurabile.

Si prova inoltre:

Teorema 4.30. Il limite puntuale o anche q.o. di una successione di funzioni


misurabili una funzione misurabile.

176

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

DIMOSTRAZIONE

Proviamo prima di tutto che lasserto vale per il limite superiore. Sia quindi
f (x) = lim sup fn (x) .
n

Per definizione, f (x) = lim sup n fn (x) vuol dire


k (x) = sup {fn (x)} .

f (x) = lim k (x) ,


k

nk

Si osservi che la successione di funzioni { k (x)} decresce e quindi ammette limite.


Studiamo linsieme {x | f (x) r}. Si ha:
{x | f (x) r} = {x | k (x) r per ogni k} =

{x | k (x) r} .

k1

Ora, ricordando la definizione di k (x),


{x | k (x) r} = {x | sup {fn (x)} r}
nk

e
sup {fn (x)} r
n k
nk

per cui fn (x) r


.

Dunque,

x | sup {fn (x)} r


nk

\ [

{x | n k

per cui fn (x) r


}

>0

{x | fn (x) r
} .

>0 nk

Combinando le uguaglianze precedenti si trova che


{x | f (x) r} =

\ \ [
k1 >0 nk

{x | fn (x) r
} =

\ \ [

{x | f (x) r
} .

>0 k1 nk

Per ogni r, linsieme a destra misurabile e quindi lim sup f n misurabile.


In modo analogo si vede che lim inf f n misurabile e quindi, se (f n ) ammette limite f ,
la funzione f misurabile.

Osservazione 4.31. Si gi notato, e si prova facilmente, che se B un


boreliano di R ed f una funzione misurabile, allora f 1 (B) misurabile secondo
177

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Lebesgue. Invece, la contrimmagine di un insieme misurabile secondo Lebesgue


pu non essere misurabile secondo Lebesgue. Di conseguenza, la composizione
di funzioni misurabili non generalmente una funzione misurabile. Invece,
f (g(x)) misurabile se g misurabile secondo Lebesgue ed f misurabile secondo
Borel, ossia antitrasforma semirette in boreliani. E questa una delle ragioni per cui
lintroduzione della classe L degli insiemi misurabili secondo Lebesgue non permette
di dimenticare i boreliani.

Le funzioni misurabili hanno importanti relazioni con le funzioni continue, espresse


dai due teoremi seguenti, che non proviamo:

Teorema 4.32 (di Lusin). Sia f una funzione misurabile su un insieme limitato .
Per ogni  > 0 esiste un insieme chiuso F  tale che
( F ) < ;
la restrizione di f ad F  uniformemente continua.

Osservazione 4.33. Una funzione misurabile pu essere ovunque discontinua,


come il caso della funzione di Dirichlet. E interessante vedere direttamente che
la funione di Dirichlet su [0, 1] verifica la propriet del teorema di Lusin. Per
questo, introduciamo gli insiemi R n costruiti allesempio 4.27. Questi sono aperti
e quindi aperta la loro unione. Sia F  il complementare di n1 Rn . Allora,
( (0, 1) F ) <  e la restrizione di f ad F identicamente nulla perch F  non
contiene razionali. Dunque, ivi uniformemente continua.
La funzione di Dirichlet stessa invece ovunque discontinua.

Un secondo teorema che lega le funzioni misurabili a concetti propri delle funzioni
continui :

Teorema 4.34 (di Egorov-Severini). Sia un insieme di misura finita e sia (f n )


una successione di funzioni misurabili su , convergente q.o. ad una funzione f . Per
178

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

ogni  > 0 esiste un insieme F misurabile e tale che:


( F ) < ,
la restrizione ad F delle funzioni fn una successione di funzioni
uniformemente convergente ad f .

Le funzioni misurabili hanno anche una relazione importante con le funzioni a


codominio finito.
Chiameremo funzione semplice una funzione della forma
s(x) =

r


aj Aj (x)

4.7

j=1

dove gli Aj sono insiemi misurabili secondo Lebesgue e con Aj si intende la


funzione caratteristica di A j .
Si ricordi che la funzione caratteristica di un insieme A

1 se x A
A (x) =
0 se x
/ A.
Dunque, una funzione semplice una funzione misurabile che ha codominio
finito.
Vale:

Teorema 4.35. Sia f una funzione misurabile. Esiste una successione di funzioni
semplici (sn ) convergente ad f . Inoltre, si pu imporre alla (s n ) di essere una
successione monotona, crescente oppure decrescente.
Se la funzione f limitata allora la convergenza uniforme.
DIMOSTRAZIONE

Supponiamo prima di tutto che f sia limitata,


M f (x) M .

179

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Dividiamo [M, M ] con i punti


M + k

2M
,
n

0 k n.

Sia quindi

An,k =

2M
2M
,
, M + (k + 1)
x | f (x) M + k
n
n

0 k < n.

Ciascuno degli A n,k misurabile. Definiamo s n ponendo


sn (x) = M + k

2M
n

x An,k

cos che
|sn (x) f (x)|

2M
.
n

Si trova in questo modo una successione crescente (s n ) convergente uniformemente ad f .


In modo analogo si costruisce una successione decrescente.
Se f non limitata, si costruisce prima la successione (f N ),
8
>
f (x) se N f (x) N
>
>
<
fN (x) =
N se f (x) < N
>
>
>
:
+N se f (x) > N .
La (fN ) converge ad f , non uniformemente; si approssima ciascuna f N con una successione di funzioni semplici (s n,N ), come si fatto sopra. E facile costruire ora una
successione che converge ad f in ciascun punto.
La costruzione di una successione decrescente che approssima f analoga.

Segue:

Teorema 4.36. le operazioni algebriche applicate a funzioni misurabili producono


funzioni misurabili.
DIMOSTRAZIONE

Si approssimino le funzioni misurabili mediante funzioni semplici, si eseguano le


operazioni e si usi il teorema 4.30.

180

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Osservazione 4.37. Abbiamo visto che il valore assoluto di una funzione misurabile
misurabile. Il viceversa non vale perch esistono insiemi che non sono misurabili
secondo Lebesgue. Se A uno di tali insiemi, la funzione f (x) = 1 su A, f (x) = 1
su A non misurabile, mentre |f (x)| misurabile, essendo identicamente 1.

4.7.

I NTEGRALE

DI

L EBESGUE

Vogliamo ora definire lintegrale di Lebesgue. Il teorema 4.35 suggerisce di definire


prima lintegrale delle funzioni semplici e quindi lintegrale di una funzione misurabile f come limite degli integrali delle funzioni semplici che la approssimano. Per
evitare per di incontrare il simbolo + , conviene seguire la via seguente:
definito lintegrale delle funzioni semplici, prima si definisce lintegrale di funzioni
positive e poi si estende la definizione al caso dellintegrale di generiche funzioni
misurabili.

4.7.1

Lintegrale delle funzioni semplici

Sia s(x) una funzione semplice,


s(x) =

r


aj Aj (x) ,

Ai Aj =

se i = j .

j=1

Il suo integrale definito da



s(x) dx =

r


aj (Aj ) .

j=1

Osservazione 4.38. Una stessa funzione semplice pu rappresentarsi in pi


modi.

E per vero che il valore dellintegrale non dipende dalla particolare

rappresentazione usata per calcolarlo.

E del tutto ovvio che le usuali propriet dellintegrale, linearit, monotonia ed


additivit, valgono per lintegrale delle funzioni semplici definito sopra; ed ancora
vero che il prodotto di funzioni semplici integrabili integrabile.
181

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Sia inoltre
s (x) = min{s(x), 0} .

s+ (x) = max{s(x), 0} ,

Ambedue queste funzioni sono semplici, e vale





s(x) dx =
s+ (x) dx
s (x) dx ,




+
|s(x)| dx =
s (x) dx +
s (x) dx .

Infine, sia s(x) una funzione semplice. Linsieme


{x | |s(x)| > t}
un insieme misurabile. Ha quindi senso definire la funzione di distribuzione di s(x)
ponendo
s (t) = ({x | |s(x)| > t}) .
E immediatamente evidente che la funzione di distribuzione monotona decrescente
(non in modo stretto) ed quindi integrabile secondo Riemann. Inoltre, la funzione
di distribuzione di una funzione semplice costante a tratti. Le discontinuit cadono
nei valori assunti dalla s(x) e quindi sono un numero finito.
Vale:

Teorema 4.39. Supponiamo che la funzione semplice s prenda valori non negativi.
Allora,

s (t) dt =
0

s(x) dx .

DIMOSTRAZIONE

Conviene introdurre a 0 = 0, A0 = .
La funzione di distribuzione s costante a tratti e
ai < t ai+1 = s (t) = (Ai+1 ) + (Ai ) + + (Ar ) ,
t > ar = s (t) = 0 .
Dunque,

182

4.
Z

+
0

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

s (t) dt = (a1 a0 )

r
X

(Ai ) + (a2 a1 )

i=1
r
X

+ + (aj+1 aj )

r
X

(Ai )

i=2

(Ai ) + . . . + (ar ar+1 )(Ar )

i=j+1

r
r
r
r
r
r
X
X
X
X
X
X
(aj aj1 )
(Ai ) =
aj
(Ai )
aj1
(Ai )
j=1

r
X

i=j

aj

j=1

= a0

r
X

(Ai )

i=j
r
X

j=1
r1
X
j=0

(Ai ) +

i=1

r1
X

r
X

aj

i=j

j=1

i=j

(Ai )

i=j+1

Z
s(x) dx .

aj (Aj ) + ar (Ar ) =

j=1

4.7.2 Lintegrale delle funzioni positive


Sia f (x) una funzione misurabile, non negativa. Sia (s n ) una qualsiasi successione
di funzioni semplici crescente ad f . Definiamo


f (x) dx = lim
sn (x) dx .
n

Naturalmente, perch la definizione abbia senso dobbiamo provare che essa


indipendente dalla particolare successione di funzioni semplici scelta. Premettiamo
un lemma che verr utile anche in seguito:

Lemma 4.40. Sia (s n ) una successione crescente di funzioni semplici non negative
e sia s(x) una funzione semplice. Se
lim sn (x) s(x)

allora


sn (x) dx

lim
n

s(x) dx .

DIMOSTRAZIONE

Non restrittivo assumere s(x) 0. Se () = +, scegliamo una successione (B r )


di insiemi tutti di misura finita, crescente e tale che
+
[

Br = .

r=1

183

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Proviamo:

Z
sn (x) dx

lim
n

Br

s(x) dx

per ogni r. Ci fatto, la diseguaglianza su seguir da


Z
Z
Z
sn (x) dx lim
sn (x) dx
lim
n

4.8

Br

Br

s(x) dx

Br

per ogni r.

Ricapitolando, basta lavorare su un fissato insieme B di misura finita.

Proviamo

che su tale insieme vale


Z

Z
sn (x) dx

lim
n

s(x) dx .
B

Fissiamo
> 0 e consideriamo gli insiemi
An = {x B | sn (x) s(x)
} .
Chiaramente, la successione di insiemi (A n ) cresce,
+
[

An = B .

n=1

Dunque, dal Lemma 4.14, lim[(B An )] = 0. Inoltre,


s(x)
)An (x) .
sn (x) (
Dunque,
Z

Z
Z
sn (x) dx
(
s(x)
)An (x) dx =
s(x)An (x) dx
(An )
B
B
Z
ZB
=
s(x) dx
s(x) dx (B)
.
B

BAn

Si ricordi che s(x) una funzione semplice, e quindi limitata, |


s(x)| < C. Dunque,

lim
s(x) dx lim [C(B An )] = 0 .
n

BAn

Quindi, per n abbastanza grande


Z
s(x) dx <

BAn

184

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

e
Z

Z
sn (x) dx

s(x) dx [(B) + 1]
.
B

La disuguaglianza richiesta segue dallarbitrariet di


.

Possiamo ora provare:

Lemma 4.41. Due successioni (s n ) ed (sn ), ambedue crescenti e convergenti alla


medesima funzione f non negativa, verificano


sn (x) dx = lim
sn (x) dx .
lim
n

DIMOSTRAZIONE

Basta provare
Z

lim
n

sn (x) dx lim
k

sk (x) dx .

Luguaglianza segue invertendo il ruolo di (s n ) e di (


sn ).

Si noti che
lim sn (x) = f (x) sk (x)
n

per ogni k. Dunque, dal Lemma 4.40, si ha che


Z
Z
sn (x) dx
sk (x) dx .
lim
n

per ogni k. Passando al limite rispetto a k si trova la disuguaglianza voluta.

Osservazione 4.42. Ovviamente, dovremo anche svincolarci dalla condizione che


lintegrale stato costruito a partire da successioni crescenti. Ci sar conseguenza
dei teoremi relativi allo scambio di limiti e integrali, che vedremo.
Dato che le usuali propriet di monotonia, linearit e additivit rispetto al
dominio valgono per gli integrali delle funzioni semplici, queste si trasferiscono
agli integrali delle funzioni positive.
185

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Osservazione 4.43. Per il modo come abbiamo definito lintegrale delle funzioni
misurabili positive,


f (x) dx 0

e, pu essere, +. Diremo che f (x) integrabile se lintegrale finito.

4.7.3 Funzioni integrabili


Sia ora f una generica funzione misurabile. Associamole le due funzioni
f+ (x) = max{0, f (x)} ,

f (x) = max{0, f (x)}

cos che
f+ (x) 0 ,

f (x) 0

e inoltre
f (x) = f+ (x) f (x) ,

|f (x)| = f+ (x) + f (x) .

Diciamo che la funzione f integrabile se ambedue le funzioni f + ed f sono


funzioni (positive) integrabili, e quindi con integrale finito, e in tal caso poniamo



f (x) dx =
f+ (x) dx
f (x) dx .

Osservazione 4.44. Talvolta conviene estendere la definizione di funzione integrabile. Se accade che una sola delle due funzioni f + oppure f ha integrale +,
allora diremo che f (x) ha integrale + oppure . Il termine integrabile si
riserva per al caso di funzioni il cui integrale finito.
E immediato dalla definizione di integrale:

Teorema 4.45. Una funzione f (x) misurabile integrabile se e solo se |f (x)|


integrabile.
Si noti che niente di simile avviene per lintegrale di Riemann.
E ancora vero che valgono le usuali propriet dellintegrale:
186

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Teorema 4.46. Siano f (x) e g(x) funzioni integrabili. Vale

[f (x) + g(x)] dx =

se f (x) g(x) allora

f (x) dx +

f (x) dx

g(x) dx;

g(x) dx;


vale
f (x) dx
|f (x)| dx;
se = 1 2 con 1 e 2 misurabili allora



f (x) dx =
f (x) dx +

f (x) dx .
2

4.7.4 Integrale ed insiemi nulli


Chiaramente, una funzione semplice q.o. nulla ha integrale zero. Infatti, sia |f (x)| = 0
q.o. Ogni funzione semplice maggiorata da f ha integrale nullo; e quindi, se (s n )
una successione crescente di funzioni semplici che converge ad f ,


|f (x)| dx = lim
sn (x) dx = 0 .

Pi ancora:

Teorema 4.47. Una funzione f (x) 0 q.o. ha integrale nullo se e solo se


nulla q.o.
DIMOSTRAZIONE

Gi si provato che se f q.o. nulla su allora il suo integrale nullo. Mostriamo il


viceversa. Sia dunque
Z
f (x) 0 q.o. x ,

f (x) dx = 0 .

Introduciamo gli insiemi


A = {x | f (x) = 0}

An = {x | f (x) 1/n} .

La successione di insiemi (A n ) crescente e A = n An . Dunque,


(A) = lim (An ).

187

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Ma,
0

1
(An )
n

Z
f (x) dx

An

f (x) dx = 0 .

Dunque, (A n ) = 0 per ogni n, cos che anche (A) = 0.

Inoltre, sia
An = {x | |f (x)| > n} .

Teorema 4.48. Se f (x) integrabile allora


lim (An ) = 0 .
n

DIMOSTRAZIONE

Basta studiare il caso in cui f (x) 0. In tal caso vale


Z
Z
f (x) dx
f (x) dx
0 n(An )

An

e quindi
0 lim (An ) lim
n

1
n

Z
f (x) dx = 0 .

Usa chiamare An linsieme su cui f infinita; e quindi dire che una funzione
integrabile finita q.o..

4.8.

I NTEGRALE

DI

L EBESGUE

ED INTEGRALE DI

R IEMANN

Ricordiamo che lintegrale di Riemann si definisce per funzioni limitate definite su


insiemi limitati.
Sia lintegrale di Riemann che quello di Lebesgue si ottengono approssimando
la funzione da integrare f con funzioni semplici; ma, nel caso dellintegrale di
Riemann, le funzioni semplici si ottengono affettando il dominio, e quindi sono
funzioni costanti a tratti. Nel caso dellintegrale di Lebesgue le funzioni semplici si
ottengono affettando il codominio: sono ancora funzioni che prendono un numero
188

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

finito di valori ma gli insiemi su cui esse sono costanti sono generici insiemi misurabili
secondo Lebesgue. Esistono per relazioni tra i due integrali. Infatti, il teorema di
Riemann-Lebesgue, Teorema 4.2, mostra che una funzione integrabile di Riemann
continua q.o., e quindi misurabile. Essendo anche limitata e definita su un insieme
limitato, essa anche integrabile secondo Lebesgue, e non difficile vedere che
i due integrali hanno lo stesso valore. La definizione di integrale improprio
invece sostanzialmente diversa dalla costruzione di Lebesgue, ed esistono funzioni
che ammettono integrale improprio senza avere integrale di Lebesgue. Tra queste
anche funzioni importanti per le applicazioni, come per esempio le funzioni
f (x) =

sin x
,
x

f (x) = sin x2 .

Si sa che queste funzioni ammettono integrale improprio, senza essere assolutamente


integrabili; e quindi non possono avere integrale di Lebesgue, per il Teorema 4.45.

Ci nonostante, se lintegrale di Lebesgue di una funzione f esiste, questo ha sempre


una relazione con un opportuno integrale di Riemann. Vale infatti il teorema seguente,
che generalizza il teorema 4.39. Introduciamo la funzione di distribuzione della
funzione misurabile f ,
f (t) = ({x | |f (x)| > t}) .
Chiaramente la funzione f definita su [0, +) e decrescente; e quindi integrabile
nel senso dellintegrale improprio di Riemann, pu essere con integrale uguale a +.
Vale

Teorema 4.49. Sia f (x) una funzione misurabile su , q.o. non negativa. Allora,

f (x) dx =

f (t) dt .
0

DIMOSTRAZIONE

Limitiamoci a provare il teorema nel caso in cui la funzione f (x) limitata, 0 f (t)
M e () < +. In questo caso f (t) = 0 per t > M . Inoltre,

189

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE


Z

f (t) dt
0

si approssima in questo modo: dato


> 0 si divida [0, M ], dominio di integrazione, in
segmenti [ti , ti+1 ], 0 i n, di lunghezza minore di
/M . Essendo f decrescente,
vale
n1
X

Z
f (ti )[ti+1 ti ]

i=0

f (t) dt

n1
X

f (ti+1 )[ti+1 ti ] .

4.9

i=0

Consideriamo la somma a sinistra. Notando che t 0 = 0 si ha


n1
X

f (ti )[ti+1 ti ] = f (t0 )(t1 t0 ) + f (t1 )(t2 t1 )

i=0

+f (t2 )(t3 t2 ) + + f (tn1 )(tn tn1 )


= t1 [f (t0 ) f (t1 )] + t2 [f (t1 ) f (t2 )]
+ + tn [f (tn2 ) f (tn1 )] + tn f (tn1 ) .
Ora, f (tn ) = f (M ) = 0 cos che
f (ti ) f (ti+1 ) = ({x | ti < f (x) ti+1 }) .
Sia
Ai = {x | ti < f (x) ti+1 } .
La somma di sinistra in 4.9
n1
X

Z
sr (x) dx

ti (Ai ) =

i=0

con sr (x) funzione semplice minorante f (x). In modo analogo si vede che la somma
di destra lintegrale di una funzione semplice S r (x) maggiorante f (x). Daltra parte,
ambedue gli integrali
Z

Z
Sr (x) dx ,

sr (x) dx

tendono a
Z

f (t) dt
0

190

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE


Z

sr (x) dx

f (x) dx

Passando al limite su r si trova


Z M

Z
f (t) dt =

L IMITI

f (x) dx .

4.9.

Sr (x) dx .

DI SUCCESSIONI DI FUNZIONI E INTEGRALE

Abbiamo detto che la ragione per introdurre un integrale pi generale di quello di


Riemann di trovare teoremi migliori per lo scambio del segno di limite e di integrale.
Questi teoremi mostriamo ora.

Teorema 4.50 (di Beppo Levi o della convergenza monotona). Sia (f n ) una
successione crescente di funzioni misurabili, che verifica
fn (x) 0 ,

lim fn (x) = f (x) q.o. x .

Allora,

lim

fn (x) dx =

f (x) dx .

Non si esclude che lintegrale di f (x) possa essere +.


DIMOSTRAZIONE

Escludendo da i punti nei quali la successione (f n ) non converge ad f , si vede che


basta studiare il caso in cui (f n ) converge ad f su .
La funzione non negativa f , essendo limite di funzioni misurabili, misurabile e quindi
il suo integrale esiste, pu essere uguale a +.
Da
Z

fn (x) dx

f (x) dx

si vede che se il limite degli integrali delle f n + allora f ha integrale uguale a +.


Ci prova, in questo caso, luguaglianza cercata.

191

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Si noti che questo caso si presenta se, in particolare, una delle f n ha integrale uguale
a +. Per completare la dimostrazione, bisogna considerare il caso
Z
fn (x) dx = R
lim

e mostrare che
Z
f (x) dx = .

Si visto, al Teorema 4.35 che le funzioni f ed f n possono approssimarsi da sotto


mediante funzioni semplici. Sia ( r ) una successione di funzioni semplici che converge
crescendo ad f :
r1 r (x) f (x) ,

lim r (x) = f (x) x .


r

Per ciascuna fj consideriamo una funzione semplice s j tale che


Z
1
|fj (x) sj (x)| ds < .
j

Sostituendo s j con max{s1 , . . . , sj }, si pu supporre che la successione (s j ) sia


crescente.
Introduciamo ora la successione ( j,r ), dipendente dal doppio indice (j, r),
j,r (x) = min{sj (x), r (x)} .
Per ogni r fissato,
j+1,r (x) j,r (x)

lim j,r (x) = r (x) .


j

Dunque, per il Lemma 4.40,


Z

Z
lim
j

j,r (x) dx

r (x) dx .

Quindi,
Z

lim

fn (x) dx lim
j

j,r (x) dx

r (x) dx .

Passando al limite su r si trova


Z

Z
lim

192

fn (x) dx

f (x) dx .

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

La disuguaglianza opposta ovvia e ci prova che vale il teorema.

Osservazione 4.51. Il teorema di Beppo Levi pu applicarsi anche se le funzioni


non hanno segno costante, purch valga
g(x) fn (x) fn+1 (x) ,

lim fn (x) = f (x)

con g(x) funzione integrabile. Infatti, basta applicare il teorema alla successione
(fn g) ed alla funzione f g. Si pu applicare anche se le funzioni f n sono negative
(o almeno maggiorate da una funzione g integrabile) e convergono, decrescendo ad
f . Basta infatti applicare il teorema alla successione (f n ) ed alla funzione f .
Per, senza condizioni di questo tipo lasserto del teorema non vale, come mostrano
gli esempi seguenti:

Es. 1. Sia

n
fn (x) =
0

se 0 x

1
n

altrimenti.

Allora, lim fn (x) = f (x) = 0 q.o., ma gli integrali delle f n valgono tutti 1.
Si noti che la successione (f n ) non monotona.
Es. 2. Sia

fn (x) =

1
n

se 0 x n
altrimenti.

Allora, lim fn (x) = f (x) = 0 per ogni x, ma gli integrali delle f n valgono tutti 1.
Ancora, la successione (f n ) non monotona.
Es. 3. Sia

fn (x) =

1
n
193

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

per ogni x. La successione (f n ) ora una successione di funzioni positive con limite
f (x) = 0; ma la successione decrescente. Ciascuna delle f n ha integrale +
mentre f ha integrale nullo.

Il teorema di Beppo Levi talvolta si usa direttamente; pi spesso se ne usano le


conseguenze seguenti:

Teorema 4.52 (Lemma di Fatou). Sia (f n ) una successione di funzioni integrabili


su e sia
fn (x) 0

q.o. x ,

f (x) = lim fn (x)

q.o. x .

Allora vale


f (x) dx lim inf

fn (x) dx .

DIMOSTRAZIONE

La funzione f non negativa e quindi il suo integrale esiste, eventualmente +.


Inoltre,
Z

Z h
Z
i
lim inf {fm (x)} dx .
lim fn (x) dx =
f (x) dx =

m>k

Si noti che la successione


k inf {fm (x)}
m>k

crescente. Si pu quindi usare il teorema di Beppo Levi e si vede che lultimo integrale
uguale a
Z
lim

k+

Z
inf fm (x) dx = lim inf

m>k

k+

Z
inf fm (x) dx lim inf

m>k

k+

fk (x) dx .

Proviamo infine:

Teorema 4.53 (di Lebesgue o della convergenza dominata). Sia g una


funzione non negativa tale che
194

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE


g(x) dx < + .

Siano fn (x), f (x) misurabili su e tali che q.o. x valga


lim fn (x) = f (x) ,

|fn (x)| g(x) .

Allora vale

lim

fn (x) dx =

f (x) dx .

In particolare, la funzione f (x) integrabile.


DIMOSTRAZIONE

Applichiamo il teorema di Fatou alle funzioni non negative g f n . Si trova


Z
Z
[g(x) f (x)] dx lim inf [g(x) fn (x)] dx

Z
Z
Z
Z
=
g(x) dx + lim inf [fn (x)] dx =
g(x) dx lim sup
fn (x) dx

ossia
Z

f (x) dx lim sup

f (x) dx .

Procedendo in modo analogo con le funzioni


g + fn
si trova
Z

f (x) dx lim inf

fn (x) dx .

Luguaglianza cercata segue combinando tali disuguaglianze.


In particolare ci mostra che

f (x) dx < +

Z
e

|f (x)| dx < + .

Di conseguenza:
195

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Corollario 4.54. Sotto le ipotesi del Teorema 4.53 si ha:



|fn (x) f (x)| dx = 0 .

lim

DIMOSTRAZIONE

Dal Teorema 4.53 si sa che la funzione f (x) ha integrale finito. Dunque,


|fn (x) f (x)| 0 q.o. x ,

|fn (x) f (x)| g(x) + |f (x)| .

Essendo g(x) + |f (x)| integrabile, ancora dal teorema della convergenza dominata si
trova
Z
lim

4.10.

|fn (x) f (x)| dx = 0 .

D ISUGUAGLIANZE

Proviamo ora alcune importanti disuguaglianze per gli integrali.


Ricordiamo che una funzione f definita su R convessa quando
 n

n


f
i xi
i f (xi )
i=1

4.10

i=1

con n numero naturale qualsiasi e con


i 0 ,

n


i = 1 .

i=1

Ricordiamo inoltre che ogni funzione convessa su R continua e quindi misurabile.


Il grafico di una funzione convessa sta sopra a ciascuna delle sue tangenti. Per una
funzione convessa non necessariamente derivabile. Pi in generale vale la propriet
seguente: se (t0 , f (t0 )) un punto del grafico, si trova sempre almeno una retta (non
verticale) per tale punto, che sotto al grafico. Ossia, esiste un coefficiente angolare
m tale che
f (t) f (t0 ) + m(t t0 )
196

t R .

4.11

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

0
2.5

1.5

0.5

0.5

1.5

2.5

Fig. 4.1.

Proviamo:

Teorema 4.55. Siano h(x), g(x) due funzioni misurabili. Sia inoltre

g(x) 0 ,

g(x) dx = 1 .

Sia f convessa su R e siano integrabili ambedue le funzioni


h(x)g(x) ,

f (h(x))g(x) .

Sotto queste ipotesi vale




h(x)g(x) dx
f (h(x))g(x) dx .
f

4.12

DIMOSTRAZIONE

Usiamo la disuguaglianza 4.11. Scegliendo


t = h(x)
si ha
f (h(x)) f (t0 ) + m(h(x) t0 ) .

197

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Moltiplicando i due membri per g(x), che non negativa, si trova


f (h(x))g(x) f (t0 )g(x) + m(h(x) t0 )g(x) .
Scegliamo ora

4.13

Z
h(x)g(x) dx

t0 =

cos che

dato che

Z
R

{h(x)g(x) t0 g(x)} = 0 ,

g(x) dx = 1. Integrando ambedue i membri di 4.13 il coefficiente di m si

annulla e, ricordando che g ha integrale 1, si trova la 4.12.

La 4.12 si chiama disuguaglianza di Jensen.


La disuguaglianza di Jensen talvolta si usa direttamente; pi spesso si usa la sua
conseguenza seguente. Per illustrarla, dobbiamo introdurre una ulteriore definizione.
Due numeri p, q in (1, +) si dicono esponenti coniugati se
1 1
+ = 1;
p q

equivalentemente se q =

p
.
p1

Se p = 1 il suo esponente coniugato , per definizione, + mentre lesponente


coniugato di + , per definizione, 1.
Si noti che p = 2 coincide col suo coniugato.
Si ha:

Teorema 4.56. Sia p > 1 e q il suo esponente coniugato. Siano |f (x)| p e |g(x)|q
integrabili su . Allora f (x)g(x) integrabile su e vale:

1/p 
1/q

|f (x)g(x)| dx
|f (x)|p
|g(x)|q
.

4.14

DIMOSTRAZIONE

La disuguaglianza ovvia se uno degli integrali a destra nullo perch in tal caso la
corrispondente funzione nulla q.o., e quindi anche lintegrale a sinistra nullo. Consideriamo quindi il caso in cui ambedue gli integrali a destra sono positivi. Dividendo i

198

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

due membri per


1/p Z

|f (x)|p

1/q

|g(x)|q

si vede che basta provare


Z

f(x)
g (x) dx 1 ,

ove
|g(x)|
g(x) = R
.
[ |g(x)|q dx]1/q

|f (x)|
,
f(x) = R
[ |f (x)|p dx]1/p
Queste funzioni sono non negative e
Z
fp (x) dx = 1 ,

Z
gq (x) dx = 1 .

Essendo p > 1, la funzione t |t| p convessa su R e:


p(1 q) + q = 0 .
Scriviamo allora:
Z

p
g (x)]q dx
f(x)[
g (x)]1q [

Z
Z
h
ip
1q
f(x)[
g (x)]

[
g (x)]q dx =
g (x)]p(1q)+q dx
fp (x) [

Z
p

=
f (x) dx = 1 .
p

f(x)
g (x) dx

La diguaglianza 4.14 si chiama disuguaglianza di H older.


Nel caso p = 2 la
disuguaglianza si chiama disuguaglianza di Schwarz. Da essa si deduce:

Teorema 4.57. Sia p 1 e siano f , g funzioni misurabili. Vale




1/p
|f (x) + g(x)|

|f (x)|

1/p
p

1/p
|g(x)|

4.15

DIMOSTRAZIONE

Ci sono due casi nei quali la disuguaglianza ovvia: il primo il caso in cui uno dei
due integrali a destra + e laltro il caso p = 1. Dunque studiamo il caso in cui

199

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

p > 1 e anche ciascuno dei due integrali a destra finito. In tal caso, |f (x) + g(x)| p ha
integrale finito, come si vede usando la disuguaglianza
(a + b)p 2p max{ap , bp } 2p (ap + bp ) ,
valida per ogni coppia di numeri positivi.
Scriviamo:
Z
Z
Z
|f (x) + g(x)|p dx =
|f (x) + g(x)|p1 f (x) dx +
|f (x) + g(x)|p1 g(x) dx .

Essendo (p 1)q = p si trova e


Z
Z
`
q
|f (x) + g(x)|p1 dx =
|f (x) + g(x)|p dx < + .

Possiamo quindi usare la disuguaglianza di H older, ottenendo


Z
1/p
Z
Z
`
q 1/q
|f (x) + g(x)|p1
|f (x) + g(x)|p1 f (x) dx
|f (x)|p dx

Analogamente,
Z
1/p
Z
Z
`
q 1/q
|f (x) + g(x)|p1
|f (x) + g(x)|p1 g(x) dx
|g(x)|p dx
.

Sommando le due disuguaglianze (e usando ancora (p 1)q = p) si trova


Z
1/q (Z
1/p Z
1/p )
Z
p
p
p
p
|f (x)+g(x)| dx
|f (x) + g(x)| dx
|f (x)| dx
+
|g(x)| dx
.

Essendo 1 1/q = 1/p, lasserto segue dividendo i due membri per


1/q
Z
|f (x) + g(x)|p dx
.

La disuguaglianza 4.15 si chiama disuguaglianza di Minkowski. Essa ha la seguente


importante conseguenza:

Teorema 4.58. Linsieme delle funzioni a potenza pma integrabile, p 1, uno


spazio lineare.

Lo spazio lineare delle funzioni a potenza pma integrabile su , p 1, si indica col


simbolo Lp (). Conviene definire subito anche il simbolo L (). Introduciamo per
200

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

questo lestremo superiore essenziale di una funzione f . Esso si indica col simbolo
ess sup f ed definito da
ess sup f = inf {r | ({x | f (x) > r}) = 0} .
Si definisce quindi
L () = {f | ess sup |f | < +} .
La notazione L giustificata dal risultato seguente, che non proviamo:

Teorema 4.59. Vale


1/p


|f (x)| dx

lim

p+

= ess sup |f | .

E immediato verificare che L () uno spazio lineare, e che


ess sup |f + g| ess sup |f | + ess sup |g| ,
disuguaglianza che in questo caso sostituisce quella di Minkowski. Analogamente, se
f L1 () e g L (), vale


|f (x)g(x)| dx (ess sup |g|)
|f (x)| dx ,

disuguaglianza che sostituisce quella di H older.


E utile per il seguito sapere che la disuguaglianza di H older pu invertirsi:

Teorema 4.60. Sia g una funzione misurabile su e supponiamo che esista un


numero M che gode della seguente propriet: per ogni funzione misurabile e limitata
f si ha:

1/p


f (x)g(x) dx
M
|f
(x)|
dx
.

4.16

Allora g Lq () e, pi precisamente,
1/q

|g(x)|q dx
<M.

4.17

201

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

DIMOSTRAZIONE

Si noti che la 4.16 vale sempre se


Z

|f (x)|p dx = +

e in tal caso non d informazioni. Dunque consideriamo soltanto le funzione f per cui
Z
|f (x)|p dx < + .

Sia R > 0 e sia


R = {x | |x| < R} .
Introduciamo le funzioni

8
< g(x)
gn (x) =
: 0

se |g(x)| < n e se x R
altrimenti .

Scegliamo
i
h
fn (x) = |gn (x)|q/p sgn gn (x) .
Si noti che
Z

|fn (x)|p dx =

|gn (x)|q dx

e che
fn (x)gn (x) = |gn (x)|1+q/p = |gn (x)|q = |g(x)|q

x R .

Usando 4.16 si trova:


Z
1/p
Z
1/p
Z
Z
p
q
fn (x)gn (x) dx =
fn (x)g(x) dx M
|fn (x)| dx
=M
|gn (x)| dx
.

Dunque,
Z

|gn (x)|q dx =

fn (x)gn (x) dx M

Dividendo si trova
1/q

202

|gn (x)|q dx

<M.

1/p
|gn (x)|q dx

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Essendo g(x) = lim gn (x) per ogni x , dal Lemma di Fatou si trova:
Z
Z
1/q
1/q
|g(x)|q dx
lim inf
|gn (x)|q dx
M.
n

La 4.17 segue passando al limite per R +.

Osservazione 4.61. Lipotesi di limitatezza sulle funzioni f stata solo imposta


perch cos il teorema diventa di uso pi facile.

Una diversa dimostrazione della disuguaglianza di Jensen


Ha interesse vedere una dimostrazione della disuguaglianza di Jensen, basata direttamente sulla 4.10. Limitiamoci a considerare il caso di funzioni limitate definite su
insiemi di misura finita.
Notiamo che la composizione di una funzione convessa su una funzione semplice
ancora una funzione semplice. Premettiamo:

Lemma 4.62. Siano s e funzioni semplici su e sia f una funzione convessa su


R. Supponiamo inoltre


(x) 0 ,

(s) ds = 1 .

4.18

Vale:


s(x)(x) dx

f (s(x))(x) dx .

4.19

DIMOSTRAZIONE

Rappresentiamo
n
X

s(x) =

si Ai (x) ,

(x) =

i=1

n
X

i Ai (x)

i=1

con Ai Aj = se i = j (e i medesimi insiemi A i in ambedue le rappresentazioni,


come sempre pu farsi).
Si ha:
Z
s(x)(x) dx =

n
X

si [i (Ai )] .

i=1

203

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

I numeri i = i (Ai ) verificano


n
X

i 0 ,

i=1

i =

n
X

Z
(x) dx = 1 .

i (Ai ) =

i=1

Dunque possiamo usare la disuguaglianza 4.10, ottenendo

Z
s(x)(x) dx

n
X

n
X

=f

!
si [i (Ai )]

i=1

f (s(x))(x) dx .

i (Ai )f (si ) =

i=1

Osservazione 4.63. Si noti che la condizione

4.18

quella che permette luso

della 4.10. Ha quindi un ruolo cruciale nella dimostrazione del lemma precedente,
e del teorema successivo.
Proviamo ora il teorema, considerando il caso in cui le funzioni non sono semplici.
Ricordiamo che stiamo solo studiando il caso in cui le due funzioni h e g sono
limitate, su un insieme di misura finita.
Si costruiscono successioni crescenti di funzioni semplici, (s n (x)), (n (x)),
convergenti uniformemente rispettivamente a h(x) e g(x).
Vorremmo usare il lemma precedente, ma la n potrebbe non avere integrale uguale
ad 1. Per ovviare a ci sostituiamo n con n ,
n (x)
.
n (x) = 
(x) dx
n
Essendo

lim


n (x) dx =

g(x) dx = 1 ,

vale ancora
lim n (x) = g(x) ,
e il limite ancora uniforme. Si pu ora applicare la 4.19:


sn (x)n (x) dx
f (sn (x))n (x) dx .
f


La f continua su R perch convessa e ( f (sn (x))n (x) ) una successione di
funzioni limitata. Si ha quindi
204

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

lim f (sn (x)) = f (h(x)) ,


n




lim f
sn (x)n (x) dx = f
h(x)g(x) dx ,



lim
f (sn (x))n (x) dx =
f (h(x))g(x) dx .

Segue dunque la 4.12.

Osservazione 4.64. La dimostrazione che abbiamo presentato ora pi diretta,


perch usa soltanto lusuale definizione di funzione convessa. Per lestensione al
caso delle funzioni illimitate su insiemi illimitati richiederebbe delle considerazioni
alquanto delicate.

4.10.1 Le relazioni tra spazi L p ()


La disuguaglianza di H older permette di studiare quali relazioni intercorrano tra spazi
Lp (), sul medesimo insieme , ma con esponenti diversi. E immediato costruire
esempi di funzioni in L p (R) che non sono in L r (R) per ogni scelta degli esponenti p
ed r. Per:

Teorema 4.65. Se () < + e se p < q allora L q () Lp ().


DIMOSTRAZIONE

Vogliamo provare che se f L q () allora si ha anche f L p (), purch sia p < q. Si


noti che |f |p = (|f |q )p/q e che (q/p) > 1. Il suo esponente coniugato
q
.
qp
Dunque, dalla disuguaglianza di H older,
Z
Z
|f (x)|p dx =
|f (x)|p 1 dx

p q/p

( |f (x)| )

dx

p/q Z
(qp)/q

(1)q/(qp) dx
< + .

Se invece ha misura infinita, nessuno dei due spazi include laltro, come facilmente

si vede nel caso = R. Infatti, f (x) = e |x| /[ |x|] in L1 (R) ma non in L2 (R).
205

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Invece, f (x) = 1/(1 + |x|) in L2 (R) ma non in L1 (R). Vale per:

Teorema 4.66. Sia 1 p < r < + e sia f L p () Lr (). Allora, f


appartiene anche a L q () per ogni q intermedio tra p ed r: p < q < r.
DIMOSTRAZIONE

Proviamo che nelle ipotesi del teorema vale la diseguaglianza seguente, da cui
immediatamente segue lasserto:
qp Z

|f (x)|q dx

|f (x)|r dx

rq

rp

|f (x)|p dx

rp

4.20

Si noti che un punto q del segmento (p, r) si rappresenta come


q = r + p ,

qp
,
rp

rq
.
rp

Inoltre,
+ = 1,

1
> 1,

1
>1

e quindi possiamo usare la disuguaglianza di H older come segue:


Z
Z
|f (x)|q dx =
|f (x)|r |f (x)|p dx

(|f (x)|r )1/ dx

|f (x)|p

1/

dx

< + .

Questa la diseguaglianza cercata.

La 4.20 si chiama disuguaglianza di interpolazione .


Mostriamo infine:

Teorema 4.67. Sia f L p () L (). Allora, f Lr () per ogni r > p.


DIMOSTRAZIONE

Dividendo per ess sup |f |, e alterando il valore di f su un insieme di misura nulla, si


pu supporre |f (x)| 1 su . In questo caso,
Z
Z
|f (x)|r
|f (x)|p < + .
|f (x)|r |f (x)|p e quindi

206

4.

4.11.

TEOREMI DI

F UBINI

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

T ONELLI

Abbiamo definito lintegrale di Lebesgue su un insieme misurabile di R n . Estendendo f (x) = 0 per x


/ si trova che ci si pu sempre ricondurre a lavorare con
funzioni definite su tutto R n , cosa che ora conviene fare.
Talvolta una funzione data come funzione di due variabili
x Rm ,

f (x, y) ,

y Rk

m+k = n.

Ci si pu chiedere sotto quali condizioni lintegrale doppio di f (x, y), ossia


lintegrale su Rn , si pu scrivere come integrale iterato. A questa domanda risponde
il teorema seguente:

Teorema 4.68 (di Fubini). Sia f (x, y) integrabile su R m+k = Rn . Definiamo


y Rk ,

fx (y) = f (x, y) ,

fy (x) = f (x, y) ,

x Rm .

Allora:
le funzioni fx (y) ed fy (x) sono misurabili su Rk q.o. x Rm e su Rm
q.o. y Rk ;
le funzioni fx (y) ed fy (x) sono integrabili su Rk q.o. x Rm e su Rm
q.o. y Rk ;
Posto

(x) =


f (x, y) dy ,

(y) =

Rk

f (x, y) dx ,
Rm

le due funzioni e sono integrabili, rispettivamente su R m e su Rk ;


vale:


f (x, y) d(x, y) =
Rn


(y) dy =

Rk

(x) dx .
Rm

Il teorema precedente richiede di saper che la funzione f (x, y) integrabile su R n .


Talvolta ci non noto. Lipotesi che la funzione f (x, y) sia integrabile su R n pu
207

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

venir rimossa a patto di assumere f (x, y) 0 e che almeno uno dei due integrali
iterati sia finito:

Teorema 4.69 (di Tonelli). Sia f (x, y) misurabile e q.o. non negativa su R n =
Rm+k . Sia inoltre


f (x, y) dy dx < +
Rm

oppure

f (x, y) dx dy < + .

Rk

Rk

Rm

In tal caso la funzione f (x, y) integrabile su R n e vale






f (x, y) d(x, y) =
f (x, y) dy dx =
Rn

Rm

Rk

Rk


f (x, y) dx dy .

Rm

La dimostrazione di questi teoremi piuttosto complessa, e viene omessa.


Mostriamone per unapplicazione importante.

4.11.1 Convoluzioni
In questa parte si usa una una propriet importante della misura di Lebesgue, che
linvarianza per traslazioni. E immediatamente evidente dalla definizione di misura
che per ogni reale e per ogni insieme misurabile A vale
(A) = ( + A)
dove
+ A = {x | x = + a ,
Conseguenza di questo che

a A} .


f (x + ) dx =

Rn

f (x) dx .
Rn

Siano f e g due funzioni definite su R n . Si chiama convoluzione delle due funzioni la


funzione

(f g)(x) =

Rn

f (x y)g(y) dy ,

definita per quei valori di x per i quali lintegrale esiste finito.


208

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Per esempio, sia n = 1 e sia f (x) = 0, g(x) = 0 per x < 0. In questo caso,
x
f (x s)g(s) ds ,
(f g)(x) =
0

un integrale che si incontra, per esempio, nella soluzione delle equazioni differenziali
ordinarie e che gi abbiamo incontrato al paragrafo 3.3..
Vogliamo dare condizioni sotto le quali la convoluzione definita q.o., ed una
funzione integrabile.
Vale:

Teorema 4.70. Se f e g sono integrabili su R n allora la loro convoluzione


definita q.o.; una funzione integrabile e vale:

 

|(f g)(x)| dx
|f (x)| dx
Rn

Rn

Rn


|g(x)| dx .

4.21

DIMOSTRAZIONE

Applichiamo i teoremi di Fubini e Tonelli alla funzione


F (x, y) = |f (x y)g(y)| .
La F (x, y) non negativa e uno dei suoi integrali iterati finito. Infatti,

Z Z
|f (x y)g(y)| dx dy
Rn

Rn

Rn

Z
Rn

|f (x y)| dx |g(y)| dy =

Rn

Z
|f (x)| dx

Rn

|g(y)| dy < +

(si noti che abbiamo usato linvarianza per traslazione della misura di Lebesgue).
Per il teorema di Tonelli, esiste
Z
Rn Rn

|F (x, y)|d(x, y) .

Ricordando che una funzione misurabile e assolutamente integrabile anche integrabile, si vede che si pu applicare il teorema di Fubini. Quindi per q.o. x R n
esiste
Z
Rn

Z
F (x, y) dy =

Rn

f (x y)g(y) dy = (f g)(x) .

Inoltre,

209

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Z Z

dx

|(f g)(x)| dx =
f
(x

y)g(y)
dy

Rn
Rn
Rn
Z
Z

Z
Z
|f (x y)g(y)| dy dx =
|f (x y)g(y)| dx dy

Rn
Rn
Rn
Rn

Z
Z

Z Z
|f (x y)| dx |g(y)| dy =
|g(y)| dy
|f (x)| dx ,
=
Z

Rn

Rn

Rn

Rn

Vale quindi la 4.21.

La disuguaglianza 4.21 si chiama disuguaglianza di Young.

Osservazione 4.71. Si provato che la convoluzione definita q.o. Si osservi che


in generale essa non ovunque definita, come prova lesempio seguente. Sia
e|x|
f (x) = 
= g(x) .
|x|
Sia f che g sono integrabili, e quindi la loro convoluzione definita q.o.; ma non
definita per x = 0 perch

(f g)(0) =

4.12.

e2|y|
dy = + .
|y|

E STENSIONI

Si noti il metodo che abbiamo seguito per introdurre lintegrale di Lebesgue: prima
abbiamo definito una misura -additiva e quindi la classe delle funzioni misurabili
rispetto a tale misura. Abbiamo visto che ogni funzione misurabile si approssima
mediante funzioni semplici e abbiamo usato ci per definire lintegrale.
Sia ora un insieme qualsiasi e sia F una -algebra di s.insiemi di . Sia una
misura -additiva definita su F . E ancora possibile definire le funzioni da in R che
sono misurabili, come quelle funzioni tali che per ogni t R si ha:
{x | f (x) > t} F .
E facile vedere che ogni funzione misurabile si approssima mediante funzioni
semplici e quindi definirne lintegrale. Tutte le propriet delle funzioni misurabili e dei
210

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

loro integrali si estendono a questo contesto astratto. Si noti per che gli enunciati
che contengono q.o. valgono solo se la misura completa; ossia se ogni s.insieme di
un insieme di misura zero misurabile (e quindi ha misura zero). Altrimenti bisogna
richiedere che la propriet corrispondente valga ovunque su .

4.13.

L A FUNZIONE

INTEGRALE SU

Vogliamo presentare i risultati che intercorrono tra lintegrazione e la derivazione per


le funzioni di una variabile reale. Si tratta di risultati dalla dimostrazione alquanto
complessa e quindi ci limitiamo a presentarli senza dimostrazione, a parte il seguente.
Supponiamo che f sia integrabile e non negativa. In questo caso

f (s) ds = (A)
A
A

una misura e ladditivit dellintegrale mostra che si tratta di una misura -additiva.
Se f prende anche valori negativi, si ottiene una funzione d insieme definita su L;
ossia una funzione che associa un numero ad ogni elemento di L . Questa funzione
ha lulteriore propriet che se (A i ) una successione di insiemi due a due disgiunti
allora

+
%


Ai

i=1

+


(Ai )

i=1

e questa uguaglianza vale anche se f non prende valori soltanto positivi. Anzi,
dato che una funzione integrabile se e solo se assolutamente integrabile, la serie
converge assolutamente.
Osserviamo per che per studiare la funzione (A) non restrittivo assumere f (x)
0 q.o. x. Infatti, se ci non avviene, si studiano separatamente


f+ (x) dx ,
(A) =
f (x) dx
+ (A) =
A

con
f+ (x) = max{f (x), 0} ,

f (x) = max{f (x), 0} .


211

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

Vale:

Teorema 4.72. Sia f (x) da R in s una funzione q.o. non negativa e integrabile su
(a, b). Per ogni  > 0 esiste > 0 tale che se (A) < allora (A) < .
DIMOSTRAZIONE

Limitiamoci a considerare il caso in cui < a < b < + (lestensione al caso


dellintervallo illimitato non difficile e si lascia al lettore).
Se 0 f M lasserto ovvio. Altrimenti, definiamo
f N (x) = min{f (x), N } .
Vale
lim f N (x) = f (x) ,
N

0 f N (x) f (x)

e per ipotesi f (x) integrabile. Dunque, per il teorema della convergenza dominata,
Z b
[f (x) f N (x)] dx = 0 .
lim
N

Fissiamo N tale che

[f (x) f N (x)] dx <


/2

e scriviamo
Z

Z
A

Z
[f (x) f N (x)] dx +

f (x) dx =
A

f N (x) dx <
A

+ N (A) .
2

La disuguaglianza richiesta vale se (A) <


/(2N ).

Se f non positiva il risultato precedente si pu applicare sia alle funzioni f + ed f


che alla funzione |f |, ottenendo un asserto analogo per la funzione dinsieme (A).
Al risultato precedente si pu dare unespressione pi esplicita (valida anche se f
non ha segno costante): per ogni  > 0 esiste un > 0 tale che per ogni famiglia finita
di intervalli (xi , xi+1 ), 1 i n, tra loro disgiunti e tali che
n

i=1

212

(xi+1 xi ) <

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

vale
n


|f (xi+1 ) f (xi )| <  .

i=1

Una funzione con tale propriet si dice assolutamente continua. Dunque, ogni funzione integrale di una funzione che integrabile secondo Lebesgue assolutamente
continua. In particolare, se f integrabile secondo Lebesgue su un intervallo
(a, b), la sua funzione integrale continua. In questa definizione non si richiede che
la funzione f (x) abbia segno costante.
Viceversa, per funzioni di una variabile reale, vale:

Teorema 4.73. Sia f (x) definita su [a, b] ed assolutamente continua. Allora f  (x)
esiste q.o. su (a, b) e inoltre

f (x) f (a) =

f  (s) ds .

E bene sapere che linsieme delle funzioni q.o. derivabili e continue assai pi ampio
di quello delle funzioni assolutamente continue: per esempio ogni funzione monotona
e continua q.o. derivabile. Per lintegrale della derivata in generale non restituisce
la funzione. Esistono, infatti, esempi di funzioni f (x) continue su [0, 1], strettamente
crescenti con f (0) = 0, f (1) = 1 e con
f  (x) = 0

q.o. x (0, 1) .

In tal caso,

f (1) f (0) = 1 >

f  (s) ds = 0 .

4.13.1 Estensioni
I risultati visti al paragrafo precedente per le funzioni di una variabile possono
estendersi a funzioni di pi variabili e al caso di una generica misura -additiva su
un insieme . Sia una misura -additiva definita su una -algebra F di s.insiemi di
213

4.

MISURA E INTEGRAZIONE SECONDO LEBESGUE

unassegnato insieme , come si detto al paragrafo 4.12.. Sia f (per semplicit non
negativa) una funzione integrabile su e sia

f (x)d .
(A) =

4.22

Vale ancora lanalogo del teorema 4.72: per ogni  > 0 esiste > 0 tale che se
(A) < allora (A) < . La dimostrazione uguale a quella del teorema 4.72.
Una funzione definita su F a valori non negativi 2 e che ha questa propriet si dice

assolutamente continua rispetto a .


Viceversa, vale il risultato seguente, che ci limitiamo ad enunciare nel caso delle
funzioni dinsieme non negative:

Teorema 4.74 (di Radon-Nikodym). Sia una misura -additiva finita, definita su una -algebra F di s.insiemi di un assegnato insieme .

Sia una

funzione di insieme non negativa definita su F , assolutamente continua rispetto a


. Esiste una funzione f , integrabile rispetto alla misura , per la quale vale la
rappresentazione 4.22.
Se g una seconda funzione integrabile per cui

(A) =
g(x) dx
A

allora f = g q.o. su .

Ci limitiamo a considerare funzioni non negative. Sarebbe possibile studiare il caso di generiche
funzioni di insieme, ma questo richiederebbe lintroduzione di una decomposizione analoga a
quella che si trova decomponendo f = f+ + f , anche senza sapere che la rappresentata
come in 4.22.

214

5.

5.1.

I NTRODUZIONE

SPAZI DI BANACH

ALL ANALISI FUNZIONALE

LAnalisi funzionale nata quando, tra la fine del XIX secolo e il primo trentennio
del XX, sono stati raccolti in ununica teoria molti risultati provenienti da varie parti
dellanalisi matematica; in particolare, dalla teoria delle equazioni integrali della
forma

x(s) =

K(s, )x() d + y(s) ,

s [a, b]

5.1

ove un parametro e K(s, ), y(s) sono funzioni note mentre la funzione x(s)
incognita.
Lintervallo [a, b] limitato. Equazioni di questo tipo si chiamano equazioni di

Fredholm di seconda specie e si incontrano per esempio nella soluzione di problemi


di elasticit (problemi che hanno stimolato i primi studi di Fredholm).
La funzione K(s, ) si chiama il nucleo dellequazione di Fredholm.
Si chiama equazione di Fredholm di prima specie lequazione
b
K(s, )x() d = y(s) ,
s [a, b]

5.2

che pure si incontra nelle applicazioni, ma che ha una teoria sostanzialmente pi


delicata, per una ragione che vedremo.
215

5.

SPAZI DI BANACH

Come introduzione allanalisi funzionale, vediamo come sia possibile trattare lequazione di Fredholm (di prima o di seconda specie) quando il nucleo degenere, ossia
quando
K(s, ) =

m


ai (s)bi () ,

s , [a, b] .

5.3

i=1

Per semplicit supporremo che le funzioni a(s) e b() siano continue su [a, b].
Nel caso del nucleo degenere la soluzione dellequazione di Fredholm si riduce ad un
problema di algebra lineare e quindi richiamiamo alcune nozioni che dovremo usare.

5.1.1 Lequazione Ax =
Ricordiamo che C indica linsieme dei numeri complessi e che C n indica il prodotto
cartesiano di n copie di C. In C n esistono infinite basi, ciascuna di n elementi. Si
chiama base canonica la base {e 1 , . . . , en }, avendo indicato con e i il vettore le cui
componenti sono tutte nulle, salvo la ima, che vale 1.
Se x un vettore di C n , scriveremo



x = col

x1

. . . xn

intendendo con ci che


x=

n


xi ei .

i=1

Affermazioni del tutto analoghe valgono per C m . Per evitare ambiguit, indicheremo
con {1 , . . . , m } la sua base canonica. Anzi, per chiarezza indicheremo con lettere
romane i vettori di C n e con lettere greche quelli di C m .
Sia A una matrice m n,

a11

a21
A=
..
.

am1
216

a12

...

a22

...

am2

a1n

a2n
.

. . . amn

5.

SPAZI DI BANACH

Lespressione Ax = si usa per rappresentare in modo compatto il sistema di m


equazioni in n incognite
a11 x1

a12 x2

a1n xn

a21 x1
..
.

a22 x2

a2n xn

am1 x1

+ am2 x2

+ amn xn

5.4

= m .

Vogliamo ricordare le condizioni, note dai corsi precedenti, perch:


1. Lequazione Ax = ammetta al pi una soluzione;
2. Lequazione Ax = ammetta almeno una soluzione;
3. Lequazione Ax = ammetta esattamente una soluzione per ogni C m .
Consideriamo prima di tutto il problema 1), unicit di soluzione.

Si noti la

formulazione del problema di unicit: non si richiede che una soluzione debba
esistere per ogni ; si richiede che se una soluzione esiste allora questa sia unica.
Se per la medesima si hanno due soluzioni x  ed x tra loro diverse, allora y =
x x verifica
Ay = A(x x ) = Ax Ax = = 0 .
Dunque, se per una la soluzione non unica, allora esiste y = 0 e tale che Ay = 0.
E viceversa:

Teorema 5.1. Se per una il problema

5.4

ammette soluzione e questa unica,

allora
ker A = {x | Ax = 0} = {0} .
Viceversa, se ker A = {0} allora il problema 5.4 ammette soluzione unica per ogni .

Osservazione 5.2. Si noti che il problema dellunicit, come stato enunciato,


sembra dipendere dalla scelta di . Ossia, si potrebbe pensare che la soluzione di 5.4
sia unica per alcune ma non per altre. Invece, il teorema precedente mostra che si
ha unicit di soluzione per ogni se e solo se si ha unicit di soluzione per una .
217

5.

SPAZI DI BANACH

Linsieme
ker A = {x | Ax = 0}
si chiama il nucleo di A.
Passiamo ora a studiare il problema dellesistenza di soluzioni.

Chiamiamo

immagine di A linsieme
im A = {Ax | x Cn } .
Dunque, im A esattamente linsieme dei vettori per i quali lequazione 5.4
risolubile.
Si ricordi che im A un s.spazio di C m . Ora un generico s.spazio V di C m pu
caratterizzarsi descrivendone gli elementi; e ci abbiamo fatto per definire im A; ma
pu anche identificarsi per mezzo del suo s.spazio ortogonale V

Definizione 5.3. Un vettore C m si dice ortogonale a V quando ortogonale a


tutti gli elementi di V ; e V il s.spazio di tutti i vettori ortogonali a V .
Indicando col simbolo ,  il prodotto interno dei vettori e ,
V = { | ,  = 0 V } .
Quando V = im A, facile identificare V . Introduciamo per questo la matrice A ,
aggiunta di A. Si sa che A verifica
Ax,  = x, A  .

5.5

Teorema 5.4. si ha

(im A) = ker A ,

im A = (ker A )

DIMOSTRAZIONE

Se im A allora per ogni x vale


Ax,  = 0

218

ossia

x, A  = 0

x Cn ;

5.

SPAZI DI BANACH

e quindi A = 0. Viceversa, se A = 0 allora per ogni x C n vale


0 = x, A  = Ax, 

x Cn

e quindi im A. Ci prova la prima uguaglianza. La seconda si pu provare in

`
= V per
modo analogo, ma pu anche dedursi dalla prima, ricordando che V
ogni s.spazio di C m .

E quindi:

Teorema 5.5. Lequazione 5.4 risolubile se e solo se (ker A ) .

Questo teorema assume un aspetto particolarmente semplice se vogliamo che


lequazione 5.4 sia risolubile per ogni :

Teorema 5.6. Lequazione 5.4 risolubile per ogni se e solo se ker A = {0}.

Si pu dunque enunciare:

Teorema 5.7 (alternativa di Fredholm). La matrice A identifica una trasformazione iniettiva se e solo se la matrice A identifica una trasformazione suriettiva; La
matrice A identifica una trasformazione suriettiva se e solo se la matrice A identifica
una trasformazione iniettiva.

Lalternativa di Fredholm si incontra anche in situazioni pi generali dello studio di


sistemi di n equazioni in m incognite. Per, nel caso particolare del problema 5.4 si
pu essere anche pi precisi e notare che se ker A = {0} e inoltre A suriettiva, allora
deve essere n = m.

Osservazione 5.8. Lalternativa di Fredholm per le matrici utile perch in pratica


assai pi semplice verificare lunicit di soluzione piuttosto che lesistenza di
soluzione.

219

5.

SPAZI DI BANACH

5.1.2 Lequazione x Ax = y
Sia ora X = Y e quindi A una matrice quadrata, e studiamo lequazione
x Ax = y ,

ossia (I A)x = y

5.6

ove I indica la matrice identit. Naturalmente questequazione un caso particolare


di 5.4 e quindi si tratta di adattare a questo caso particolare i risultati gi trovati. In
particolare:

Teorema 5.9. Lequazione 5.6 ammette una e una sola una soluzione per ogni y se e
solo se lequazione
A ) =
(I
ammette esattamente una soluzione. Ci avviene se e solo se
det(I A) = 0 .

5.7

Si noti che la condizione 5.7 specifica del caso n = m e quindi non ha analogo tra i
risultati trovati prima.
Linsieme dei numeri per cui vale lunicit di soluzione si chiama linsieme

risolvente della matrice A e si indica col simbolo (A); il suo complementare si


chiama lo spettro della matrice e si indica col simbolo (A). Gli elementi di (A) si
chiamano gli autovalori di A.
Si noti che
det(I A)
un polinomio di grado n 1; e quindi lo spettro di una matrice non vuoto.
Gli autovalori sono in generale numeri complessi, anche se la matrice A reale. Si
(A).
ricordi che se la matrice A reale allora (A) se e solo se
(A ).
In generale si ha che se (A) allora
Si lascia per esercizio di enunciare risultati analoghi per lequazione
x = Ax + y .
220

5.8

5.

SPAZI DI BANACH

Notiamo per che questequazione risolubile in modo banale quando = 0 perch


in tal caso essa si riduce a x = y.

5.1.3 Lequazione di Fredholm a nucleo degenere


Studiamo ora lequazione 5.1 nel caso particolare in cui il nucleo ha forma 5.3, ossia
nel caso del nucleo degenere.
Si noti che il parametro moltiplica lintegrale, cos che lequazione di Fredholm cos
scritta viene ad essere di seconda specie per ogni valore di . Avessimo invece scritto
b
K(s, )x() d + y(s) ,
s [a, b]
x(s) =
a

per = 0 avremmo trovato unequazione di prima specie.


Lequazione 5.1 si scrive
x(s) =

m


ar (s)

br ()x() d + y(s)

5.9

r=1

ossia
x(s) =

m



ar (s)xr + y(s) ,

xr =

br ()x() d .
a

r=1

I numeri xi dipendono dalla funzione incognita x(s) e quindi non sono noti; per,
moltiplicando i due membri delluguaglianza per b i (s) e integrando da a a b, si trova
che essi risolvono
xi =

m


kir xr + yi ,

r=1

kir

y
i

b
a

bi (s)ar (s) ds

bi (s)y(s) ds .

b

5.10

Dunque, i numeri x i risolvono un sistema della forma 5.8. Introduciamo allora la


matrice K i cui elementi sono k ir e i vettori x e y, i cui elementi sono rispettivamente
i numeri xi e yi e scriviamo il sistema 5.10 come
(I K)x = y .

5.11

Dunque ogni soluzione dellequazione di Fredholm 5.9 identifica una soluzione x


di 5.11 e si vede anche che vale il viceversa: se x risolve 5.11 allora
x(s) =

m


ar (s)xr + y(s)

r=1

221

5.

SPAZI DI BANACH

risolve lequazione 5.9. Mostriamo infatti che questa funzione, sostituita a destra ed a
sinistra di 5.9, verifica luguaglianza. A sinistra si trova

m


ar (s)xr + y(s)

r=1

mentre sostituendo a destra e tenendo conto di 5.10 (e scambiando il nome degli indici)
si trova

m


ar (s)
r=1
m


br ()
a

ar (s)

r=1

m


.
ai ()xi + y()

i=1
m


kri xi + yr

d + y(s)

.
+ y(s) =

m


ar (s)xr + y(s) ,

r=1

i=1

come si voleva.
Possiamo quindi trasferire allequazione integrale di Fredholm i risultati che abbiamo
enunciato per i sistemi di equazioni lineari:

Teorema 5.10. Lequazione di Fredholm

5.1

con nucleo degenere ammette al pi

una soluzione se e solo se lequazione


=
K +

5.12

risolubile per ogni ; lequazione di Fredholm risolubile per ogni funzione y(x)
se e solo se lequazione 5.12 ammette unicit di soluzione.

Il teorema precedente d una specie di alternativa di Fredholm, per lequazione


integrale, ma trascritta mediante le matrici. E per facile vedere che lequazione 5.12
corrisponde allequazione integrale
b
() =

K(, s)() d + () ,

5.13

equazione che si chiama aggiunta della 5.1. Possiamo quindi enunciare lalternativa

di Fredholm per le equazioni integrali di Fredholm a nucleo degenere:

Teorema 5.11. Quando il nucleo degenere, la

5.1

ammette unicit di soluzione se

la sua aggiunta risolubile per ogni (s); la 5.1 risolubile per ogni y(s) se la sua
aggiunta ammette unicit di soluzione.
222

5.

SPAZI DI BANACH

Ancora, assai pi facile verificare lunicit piuttosto che lesistenza di soluzioni, e


ci spiega linteresse di questo teorema.

5.1.4 Lequazione di prima specie


Le considerazioni precedenti possono tutte ripetersi nel caso dellequazione di prima
specie 5.2. In tal caso, invece della 5.10 si trova lequazione
m


kir xr = yi

r=1

ossia
Kx = y .

5.14

Per vedere la differenza tra questa e lequazione 5.11, esaminiamo il caso particolare
in cui


kir =
a

0
bi ()ar () d =
kii =
 0

se i = r
se i = r .

In tal caso la 5.11 e la 5.14 divengono rispettivamente

(1 k11 )
x

(1 k22 )

x2

..
..

.
.

(1 kmm )
xm

x
y
k
1 1
11

k22
x2 y2

.. .. .

..
. .

kmm
xm
ym

y1
y2
..
.

ym

Ambedue queste equazioni sono, in principio, facilmente risolubili e le soluzioni


sono, rispettivamente,

y1 /[1 k11 ]

y2 /[1 k22 ]

..

ym /[1 kmm ]

y1 /k11

y2 /k22

..

ym /kmm

223

5.

SPAZI DI BANACH

In generale, al crescere dellindice i, i numeri k ii divengono velocemente piccoli


e quindi nel caso dellequazione di prima specie, gli errori commessi nella misura di
y(s), e quindi nel calcolo degli y i , si amplificano velocemente. Ci non accade per
il caso dellequazione di seconda specie, salvo nel caso in cui 1/ circa uguale ad
uno dei numeri k ii ; e anche in questo caso la sola componente ima pu provocare
dei problemi numerici.
Queste considerazioni mostrano che, almeno nel caso del nucleo degenere, la
soluzione delle equazioni integrali di prima specie assai pi delicata della soluzione
di quelle di seconda specie.

5.1.5 Ricapitolazione

Ora poniamoci alcuni problemi, la cui soluzione guider la scelta degli argomenti di
analisi funzionale che studieremo. Il primo questo: tutti i nuclei espressi mediante
polinomi sono degeneri. Ma per esempio
k(t, s) = es
non un nucleo degenere. Quindi possiamo chiedere se sia possibili approssimare
nuclei abbastanza regolari mediante nuclei degeneri. A questo problema risponder il
teorema di Weierstrass, teorema 5.43.
Per applicare il teorema 5.11 necessario ricondursi alla situazione matriciale del
teorema 5.10. In tal caso lunicit di soluzione si ha quando 1/ non unautovalore
della matrice A. Se per il nucleo non degenere, ci certamente non pu farsi; e
allora ci si chiede se lalternativa di Fredholm, opportunamente reinterpretata, continui
a valere e, in caso affermativo, come sia possibile verificare lunicit di soluzione.
Vorremo infine capire se anche nel caso dei nuclei non degeneri lequazione di prima
specie sia pi delicata di quella di seconda, e chiarire la ragione di ci.
Fatte queste premesse, passiamo ad uno studio sistematico dellAnalisi Funzionale.

224

5.

5.2.

S PAZI

SPAZI DI BANACH

LINEARI NORMATI

Richiamiamo, dai corsi precedenti, le definizioni di spazio lineare e di norma. In


questo corso gli spazi lineari avranno sempre, come campo scalare, il campo R o, pi
frequentemente, C. Per indicare genericamente uno di questi due campi useremo il
simbolo F, specificando, se necessario, quando si intende F = R oppure F = C.

Definizione 5.12 (di spazio lineare). Si dice che X uno spazio lineare su F
quando un gruppo commutativo (rispetto ad unoperazione usualmente indicata
col segno +) ed inoltre esiste unoperazione (usualmente indicata con notazione
moltiplicativa) che ad ogni coppia (, x) F X associa un elemento di X e che
verifica le seguenti propriet:
(x + y) = x + y

F ,

x , y X

( + )x = x + x

, F , x X
x X .

1x = x

Regole di calcolo che discendono dalla precedente definizione sono:


0x = 0

x X

(x) = (x)

F , x X

0 = 0

F .

Ricordiamo alcuni esempi di spazi lineari.

Esempio 5.13. Gli spazi Rn e Cn sono esempi di spazi lineari rispettivamente


su R e su C.

(lo spazio C anche uno spazio lineare su R).

Gli spazi dei

polinomi, delle funzioni continue, delle funzioni integrabili secondo Riemann; lo


spazio delle successioni; o quello delle successioni convergenti; o quello delle
successioni limitate; o quello delle successioni convergenti a zero sono sono spazi
lineari su R oppure su C a seconda che sia R oppure C linsieme dei valori.
Sia X uno spazio lineare su F e sia G un suo s.insieme finito o meno. Si dice che G
un insieme di generatori se per ogni x X esistono un numero naturale n; elementi
225

5.

SPAZI DI BANACH

g1 , . . . , gn G; scalari 1 , . . . , n F, tali che


x=

n


i gi .

i=1

Se in X esiste un insieme G finito di generatori, si dice che X ha dimensione finita ;


si dice che ha dimensione infinita altrimenti.
La dimensione di X il numero degli elementi di uno dei generatori di X che ha il
minimo numero di elementi.
Gli spazi Rn hanno dimensione n; lo spazio C n ha dimensione n su C e dimensione
2n su R.
Ha dimensione finita lo spazio dei polinomi di grado al pi n. Se come campo scalare
si prende il campo cui appartengono i coefficienti, la dimensione n + 1. Nonostante
questi esempi importanti, in questo corso noi studieremo solamente spazi lineari di
dimensione infinita.
Ricordiamo ora la definizione di norma.

Definizione 5.14. Sia X uno spazio lineare su F. Si chiama norma su X una


funzione, che si indica col simbolo ||x||, da X in R (anche quando il campo scalare
C), che soddisfa:
||x|| 0

x X

||x|| = 0 se e solo se x = 0
||x|| = || ||x||

F , x X

||x + y|| ||x|| + ||y||

x , y X .

Lultima propriet della norma si chiama disuguaglianza triangolare .


Quando ci sia possibilit di confusione, si scrive || || X per la norma dello spazio X.
Uno spazio lineare dotato di norma si chiama uno spazio lineare normato e da ora in
poi scriveremo semplicemente s.l.n..
Se X uno s.l.n., la funzione
226

5.

SPAZI DI BANACH

d(x, y) = ||x y||


una distanza per la quale
d(x + z, y + z) = d(x, y) ;
ossia, una distanza invariante per traslazioni .
Lintroduzione di una norma su X permette di definire:
1. gli intorni B(x0 , ) = {x | ||x x0 || < }, con  > 0;
2. gli insiemi aperti di X, e quindi una topologia su X: A X aperto se esso
contiene un intorno di ciascun suo punto;
3. gli insiemi limitati : un insieme si dice limitato quando contenuto in un
intorno di 0;
4. la convergenza di successioni: si dice che la successione (x n ) converge ad x 0 ,
lim xn = x0 ,
se per ogni  > 0 esiste N tale che da n > N segue
||xn x0 || < 

ossia xn B(x0 , ).

In modo del tutto analogo si definiscono limiti e continuit di funzioni che operano tra
s.l.n-ti: per esempio f () da X in Y continua nel punto x 0 X se ivi definita e se
per ogni  > 0 esiste > 0 tale che
||x x0 ||X < , x domf () ,

segue ||f (x) f (x0 )||Y <  .

Esattamente come nel caso dei valori assoluti e dei moduli dei numeri complessi, si
prova:

Teorema 5.15. Vale:

||x|| ||y||
||x y||

5.15

227

5.

SPAZI DI BANACH

DIMOSTRAZIONE

Va provato che:
||x y|| ||x|| ||y|| ||x y|| .

5.16

Usando la disuguaglianza triangolare si vede che


||x|| ||x y|| + ||y||

ed anche ||y|| ||y x|| + ||x|| ,

ossia la 5.16.

E conseguenza della 5.15:

Teorema 5.16. La norma, come trasformazione dallo s.l.n. X a R, uniformemente


continua.

Inoltre:

Teorema 5.17. Sia f (x) una funzione da uno s.l.n. X ad uno s.l.n. Y . Si equivalgono
le condizioni
lim f (x) = 0

xx0

lim ||f (x)||Y = 0

xx0

Introduciamo ora la seguente definizione:

Definizione 5.18. Diciamo che una successione (x n ) di elementi di X fondamentale quando per ogni  > 0 esiste un indice N  tale che, per ogni n, m maggiori di
N , vale
||xn xm || <  .

Con la stesa dimostrazione che si conosce per le successioni di numeri reali, si prova
che ogni successione convergente fondamentale.
Lo s.l.n. X si dice completo se ogni successione fondamentale convergente.
228

5.

SPAZI DI BANACH

Si vede facilmente che tutte le regole di calcolo dei limiti che valgono in R n o in Cn
valgono in qualunque s.l.n. (ma ovviamente il teorema della funzione monotona, che
dipende dalla relazione di ordine, non ha corrispondente). Importanti eccezioni sono
le seguenti: si sa che sia Rn che Cn sono spazi completi. Invece:

Teorema 5.19. Esistono s.l.n-ti non completi.

Questo teorema suggerisce:

Definizione 5.20. Uno spazio lineare normato e completo si chiama spazio di


Banach.

Vedremo in seguito esempi di spazi di Banach.

Dovrebbe essere noto, come

conseguenza del teorema dei limiti, che lo spazio lineare C(a, b) completo. Per
una dimostrazione si veda il paragrafo 5.4.2.
Si sa che esistono successioni (qn ) la cui immagine densa in R n o in Cn . Invece:

Teorema 5.21. Esistono s.l.n-ti nei quali nessuna successione ha immagine densa.

Lultimo teorema suggerisce la seguente definizione:

Definizione 5.22. Sia X uno s.l.n. Se esiste una successione (x n ) a valori in X la


cui immagine densa in X, lo spazio X si dice separabile .

Il teorema 5.21 pu quindi enunciarsi dicendo che esistono s.l.n-ti non separabili.
Per concludere questintroduzione, ricordiamo che sul medesimo s.l.n. X possono
introdursi pi norme. Per esempio su C n sono norme tra loro diverse le seguenti. Se


x = col x1 . . . xn :
||x||p =

 n


1/p
|xi |

(se p 1)

||x|| = max{|xi | , i = 1 . . . , n} .

i=1

229

5.

SPAZI DI BANACH

(E facile provare che || || 1 e || || sono norme. Gli altri casi sono pi difficili. Si
noti per che || || 2 lusuale norma euclidea).
Tuttavia, su Cn , la propriet

lim xn = x0

5.17

indipendente dalla particolare norma che si usa per verificarla.


Invece:

Teorema 5.23. Esistono s.l.n-ti X sui quali si possono definire due diverse norme,
|| ||1 e || ||2 , tali che la 5.17 valga per una norma, ma non per laltra.

Questo teorema suggerisce di definire:

Definizione 5.24. Siano || || 1 e || ||2 due norme sul medesimo s.l.n. X. Si dice che
le due norme sono equivalenti se la condizione
lim ||xn x0 ||1 = 0

per ogni x0

lim ||xn x0 ||2 = 0

per ogni x0 ,

implica la condizione

e viceversa.

E importante poter decidere se due norme sono equivalenti. Il teorema seguente d


un test utile:

Teorema 5.25. Sia X uno s.l.n. e siano || || 1 e || ||2 due norme su X. Esse sono
equivalenti se e solo se esistono due numeri m ed M tali che
m > 0,

230

e inoltre m||x||1 ||x||2 M ||x||1 .

5.18

5.

SPAZI DI BANACH

Osservazione 5.26. Si ricordi che i chiusi nella topologia di uno spazio metrico
sono tutti e soli gli insiemi sequenzialmente chiusi. Dunque, le due norme sono
equivalenti quando subordinano la stessa topologia.

Abbiamo notato che esistono spazi lineari normati e non completi. E bene sapere:

Teorema 5.27. Sia X uno s.l.n. Si costruisce uno s.l.n. X con queste propriet:
completo;
X
denso in X,
isometricamente isomorfo ad X.
un s.spazio X0 di X,

Lultima affermazione vuol dire che esiste un isomorfismo J tra X ed X 0 tale che
.
x X , x = Jx
, x X0 = ||x||X = ||X||
X

5.2.1 Dimostrazioni posposte


Passiamo ora alla dimostrazione dei teoremi che abbiamo enunciato.

Dimostrazione del TEOREMA 5.19. Un esempio di spazio lineare normato non


completo si costruisce come segue: i suoi elementi sono le funzioni x() continue
su [1, 1] con lusuale struttura lineare. La norma
1
|x(s)| ds .
||x()|| =
1

E facile vedere che la successione (x n ):

1 se

xn (t) =
nt se

1
se

1 t n1
n1 t
1
n

1
n

t1

fondamentale. Per ogni t, la successione numerica (x n (t)) converge al numero


sgn(t). Essendo la successione (xn ) limitata, segue che
1
lim
|xn (s) sgn(s)| ds = 0 .
1

231

5.

SPAZI DI BANACH

Se fosse anche lim xn () = () nello spazio in cui stiamo lavorando, ossia con ()
continua avremmo

1
|(s) sgn(s)| ds lim || xn || + lim
1

1
1

|xn (s) sgn(s)| ds = 0 ;

ossia, (t) = sgn(t) q.o. t [1, 1]. Ci non pu aversi perch () dovrebbe essere
continua mentre la funzione segno ha un salto.

Dimostrazione del TEOREMA 5.21.

Un esempio di s.l.n. non separabile il

seguente, che si indica col simbolo l : i suoi elementi sono le successioni (x n )


limitate e la norma
||(xn )|| = sup |xn | .
Sia S una successione di elementi di l , S = (x(n) ). Notiamo che per ogni n
il simbolo x(n) indica un elemento di l , ossia una successione (xk ) di indice k.
(n)

Mostriamo che limmagine di S non densa in l costruendo un elemento y = (y k )


l che dista almeno 1 da ciascun elemento x (n) della successione S. Costruiamo y
specificandone gli elementi y k . Per scegliere y1 , primo elemento della successione y,
si guarda il primo elemento della successione x (1) e si pone:

0 se |x(1) | > 1
1
y1 =
2
altrimenti .
In questo modo, qualunque siano i successivi elementi di y, si ha
||y x(1) || 1 .
Per scegliere yk si guarda la k-ma successione x (k) e si pone

0 se |x(k) | > 1
k
yk =
2
altrimenti .
Indipendentemente dai valori degli y r con r = k, ||y x(k) || 1. Dunque, la
successione y l che abbiamo costruita verifica
||y x(k) || 1
per ogni k; e quindi la successione S non densa in l .
232

5.

SPAZI DI BANACH

1.5

0.5

0.5
1.5

0.5

0.5

1.5

Fig. 5.1.

Dimostrazione del TEOREMA 5.23. Si consideri lo spazio lineare che indichiamo


con X, i cui elementi sono funzioni continue su [1, 1], con le due norme
1
||x||1 =
|x(s)| ds ,
||x|| = max |x(t)| .
[1,1]

La norma || || corrisponde alla convergenza uniforme .

Sia (xn ) una successione in X. Se essa converge ad x 0 per || || , ossia se converge


uniformemente, allora vale anche
1
lim
|xn (t) x0 (t)| dt = 0
1

e quindi anche lim ||x n x0 ||1 = 0. Esitono per successioni convergenti in || || 1


ma non nella norma della convergenza uniforme. Sia x n () la funzione il cui grafico
disegnato in figura 5.1:

0
/

n t+ 1
n
xn (t) =
/
0

n t n

t < n1
n1 t 0
0t
t>

1
n

1
n

233

5.

SPAZI DI BANACH

Larea del triangolo tende a zero, e quindi lim x n = 0 in || ||1 ; ma la successione


(xn ) non fondamentale in || || .
Dimostrazione del TEOREMA 5.25. Proviamo la condizione sufficiente. Si sappia
che xn x0 in || ||2 , ossia si sappia che
||xn x0 ||2 0 .
Dalla prima disuguaglianza in 5.18 segue
m||xn x0 ||1 ||xn x0 ||2 0 ,
ossia xn x0 in || ||1 perch m > 0.
Se si sa che xn x0 in || ||1 , segue la convergenza in || || 2 dalla seconda delle 5.18.
Proviamo il viceversa. Si sappia che ogni successione convergente in || || 2 converge,
ed ha il medesimo limite, anche in || || 1 ; ma supponiamo per assurdo che la prima
disuguaglianza in 5.18 non valga per nessuna scelta di m > 0. In tal caso, per ogni n
esiste xn tale che
||xn ||2 = 1

||xn ||1 > n .

Definiamo yn = xn /n. E ovvio che (y n ) tenda a zero in |||| 2 mentre invece ||y n ||1
1 per ogni n; e quindi (y n ) non converge a zero rispetto a || || 1 . Questo non si d, per
ipotesi, e quindi esiste m > 0 per cui vale la prima diseguaglianza in 5.18.
Analogamente si vede che se la convergenza in || || 1 implica la convergenza in || || 2
allora vale la seconda disuguaglianza in 5.18 per un certo M .
del tutto simile alla
Dimostrazione del TEOREMA 5.27. La costruzione di X
costruzione di Cantor dei numeri reali, e viene solamente accennata. Si considera
linsieme delle successioni fondamentali in X e in questo insieme si stabilisce la
relazione di equivalenza
(xn ) (yn )

se

lim(xn yn ) = 0 .

Si vede facilmente che questa una relazione di equivalenza. Indichiamo con [(x n )]
la classe di equivalenza cui (x n ) appartiene. Si vede facilmente che linsieme delle
234

5.

SPAZI DI BANACH

classi di equivalenza diviene uno spazio lineare se dotato delle operazioni


[(xn )] + [(yn )] = [(xn + yn )] ,

[(xn )] = [(xn )] .

si introduce la norma
In questo spazio, che indichiamo con X,
|| [(xn )] || = lim ||xn || .
Questa definizione ha senso perch se (x n ) fondamentale allora (||x n ||) una
successione fondamentale di numeri, come si vede facilmente dal Teorema 5.15. Si
vede inoltre che la norma cos definita dipende dalla classe di equivalenza e non dal

rappresentante, ed ha effettivamente le propriet di una norma su X.


Lo spazio X0 quelo delle classi di equivalenza che hanno un rappresentante costante.
E immediato verificare che X 0 ed X sono isometrici.
perch ogni elemento [(x n )] di X
si approssima
Notiamo ora che X 0 denso in X
mediante la successione ( [(y n )]r ) cos costruita: yn = xn se n < r; altrimenti
yn = xr .

5.3.

S PAZI

PRODOTTO

Ricordiamo che il prodotto cartesiano X Y di due insiemi X ed Y linsieme


delle coppie ordinate (x, y), il cui primo elemento in X ed il secondo in Y .
Se X ed Y sono spazi lineari, si pu rendere X Y uno spazio lineare definendo
(x1 , y1 ) + (x2 , y2 ) = (x1 + x2 , y1 + y2 ) ,

(x, y) = (x, y) .

Se inoltre X ed Y sono dotati di norma, rispettivamente || || X e || ||Y , si possono


definire norme su X Y . Per esempio
1/p

||(x, y)||p = [||x||pX + ||y||pY ]

p 1 ,

||(x, y)|| = max{||x||X +||y||Y } .

E un fatto che non proviamo, il seguente: le norme precedenti su X Y sono


equivalenti.
Come casi particolari, si possono considerare i casi
235

5.

SPAZI DI BANACH

Y =X

oppure

X=F

perch, ricordiamo, il valore assoluto su R o il modulo su C, sono norme. Tenendo


presente questi due casi particolari, possiamo provare:

Teorema 5.28. Le due trasformazioni


(x, y) x + y

da X X X

(, x) x

da F X X

sono continue.
DIMOSTRAZIONE

Per provare la prima affermazione, si fissa (x 0 , y0 ) e si nota che, lavorando con || || 1


su X Y , la disuguaglianza triangolare implica
||(x + y) (x0 + y0 )||X = ||(x x0 ) + (y y0 )||X ||x x0 ||X + ||y y0 ||X
= ||(x x0 , y y0 )||1 = ||(x, y) (x0 , y0 )||1 .

5.19

Segue da qui la continuit della trasformazione (x, y) x + y.


Per provare la continuit del prodotto, fissiamo ( 0 , x0 ) con 0 = 0 e valutiamo:
||x 0 x0 ||X = ||( 0 )x + 0 (x x0 )||X
| 0 | ||x||X + |0 | ||x x0 ||X .
Si ha quindi
||x 0 x0 ||X <

se si sceglie
||x x0 ||X
/20
(e quindi anche ||x|| X ||x0 ||X +
/20 ) ed anche
| 0 | <

.
2[||x0 ||X +
/20 ]

In particolare quindi se si sceglie la coppia (, x) in un intorno di ( 0 , x0 ) la cui esplicita


determinazione si lascia al lettore.
Il caso 0 = 0 si lascia per esercizio.

236

5.

SPAZI DI BANACH

Osservazione 5.29. Si noti la stretta somiglianza della dimostrazione del teorema


precedente con le usuali dimostrazioni sui limiti della somma e del prodotto di funzioni
di una variabile; e si noti, da 5.19, che la somma anche uniformemente continua;
una propriet che invece non vale per il prodotto.

Il teorema precedente implica che in particolare sono continue le trasformazioni


x x0 + x ,

x 0 x

(con x0 ed 0 fissati) dette rispettivamente traslazioni ed omotetie .

5.4.

G LI

ESEMPI PRINCIPALI DI SPAZI DI

BANACH

Mostriamo ora gli esempi di spazi lineari normati che sono pi importanti per le
applicazioni. Essi sono tutti spazi completi, ossia spazi di Banach. La dimostrazione
della completezza viene vista successivamente.
Sottolineiamo da subito che gli spazi che si incontrano nelle applicazioni hanno un
simbolo standard, che indica sia lo spazio vettoriale che la norma su esso.

5.4.1 Gli esempi di spazi lineari normati


Introduciamo ora gli esempi pi importanti di s.l.n. con i simboli comunemente usati
per indicarli.

Il simbolo C([a, b]) (pi semplicemente C(a, b)).

Questo simbolo indica lo s.l.n. i cui elementi sono le funzioni continue sullintervallo
[a, b] chiuso e limitato. La struttura lineare quella usuale e la norma quella della
convergenza uniforme:
||x|| = max |x(t)| .
[a,b]

237

5.

SPAZI DI BANACH

In generale, se K un compatto di F n , con C(K) si intende lo spazio delle funzioni


continue su K, con norma max K |x(t)|.
I valori assunti dalla funzione sono numeri o vettori; talvolta sono matrici.

Osservazione 5.30. Sottolineiamo nuovamente che che ciascuno dei simboli seguenti indica uno spazio lineare con la norma che ad esso associata nella definizione
corrispondente. Quindi, per esempio, non useremo il simbolo C(a, b) per indicare lo
spazio delle funzioni continue con una norma integrale, per esempio quella introdotta
nella dimostrazione del Teorema 5.23. Per questo, in quella dimostrazione abbiamo
indicato genericamente con X tale s.l.n..

I simboli l p , 1 p +.
Questi simboli indicano spazi di successioni. Gli elementi sono le successioni (x n )
tali che:


1/p

 |x |p < + se 1 p < +, ||(x )|| =  |x |p


n
n p
n

sup |x | < + se p = +,
||(xn )|| = sup |xn | .
n

E immediato verificare che gli spazi di successioni appena descritti sono s.l.nti rispetto alle usuali operazioni di somma elemento per elemento e di prodotto
(xn ) = (xn ). La verifica diretta se p = 1 oppure p = + mentre fa uso
della disuguaglianza di Minkovski per le serie se 1 < p < +.

il simbolo c0 .
Si usa per per indicare lo s.l.n. delle successioni (x n ) tali che lim xn = 0. La norma
in c0
||(xn )|| = sup |xn | .
Dunque c0 un s.spazio di l .
I simboli Lp (a, b) ed Lp (a, b), 1 p +.
Il simbolo Lp (a, b) si usa per indicare gli s.l.n-ti i cui elementi sono le funzioni f ()
tali che, rispettivamente,
238

5.

SPAZI DI BANACH

|f (x)|p dx ,

ess sup |f (t)| < +

(si ricordi il paragrafo 4.10.). Per le funzioni



1/p
b

f ()

|f (x)|p dx

ess sup |f (t)|

non sono norme su questi spazi: una funzione nulla in tutti i punti salvo uno ha nulli sia
lintegrale che lestremo superiore essenziale. Si rimedia a questo problema definendo
una relazione di equivalenza, f g, con
f g f (t) = g(t)

q.o. t (a, b).

E chiaro che due funzioni equivalenti hanno i medesimi integrali, finiti o meno, ed il
medesimo estremo superiore essenziale. Si definisce una struttura lineare sullinsieme
delle classi di equivalenza ponendo
[f ] + [g] = [f + g] ,

[f ] = [f ]

( facile vedere che questa definizione dipende solo dalle classi di equivalenza e non
dai rappresentanti scelti per definire le operazioni). Quindi, per 1 p +, si
definiscono i simboli L p (a, b) come gli spazi lineari delle classi di equivalenza di
elementi di Lp (a, b) (stesso esponente p), dotati delle norme

1/p
b

|f (x)|p dx

|| [f ] ||p =

1 p < + ,

|| [f ] || = ess sup |f (t)| .

Si vede facilmente che queste funzioni dipendono solo dalla classe di equivalenza e
non dai rappresentanti usati per calcolarle.
Osserviamo nuovamente che gli spazi sopra introdotti sono s.l.n-ti grazie alla disuguaglianza di Minkowski per gli integrali (si veda ancora il paragrafo 4.10.); e che per
p = 1 equivalente integrare x() o il suo valore assoluto.
Definizioni analoghe si danno per funzioni di pi variabili. Se queste sono definite su
un insieme K il simbolo che si usa L p (K).

Osservazione 5.31. Mentre nella definizione di C(K) linsieme K deve essere


compatto, tale condizione non richiesta nella definizione di L p (K).
239

5.

SPAZI DI BANACH

Bisogna sapere:

Teorema 5.32. Esistono successioni (x n ()) di funzioni misurabili e limitate su un


intervallo [a, b] e tali che: 1) la successione di numeri (x n (t)) non converge per
nessun valore di t; ma 2) esiste una funzione integrabile x 0 tale che
b
lim
|xn (t) x0 (t)| dt = 0 .
n

DIMOSTRAZIONE

Mostriamo un esempio di successione di funzioni con le propriet del teorema, e con


x0 (t) 0. Sia [a, b] = [0, 1].
Costruiamo la successione in due passi; e quindi le funzioni verranno a dipendere da
due indici n ed r. Ovviamente sar possibile riscrivere la successione in modo da farla
dipendere da un solo indice.
Al passo n dividiamo lintervallo [0, 1] in n intervalli uguali, I 0n , I1n ,. . . , Inn1 . definiamo
quindi le funzioni x n,r , 0 r (n 1) come segue:
8
< (1)r se t Irn
xn,r (t) = (1)n
: 0
altrimenti.
Lintegrale di |x n,r | vale 1/n, e quindi vale la propriet 2) con x 0 = 0; e si vede immediatamente che in ogni punto t infinite funzioni prendono il valore +1, infinite altre
prendono il valore 1; e quindi vale anche la propriet 1).

Osservazione 5.33. Nonostante il teorema 5.32, nel seguito sempre confonderemo


le funzioni con le loro classi di equivalenza, e quindi scriveremo f per indicare la
classe di equivalenza [f ] di cui f un rappresentante.

il simbolo W 1,p () (spazi di Sobolev ).


Sia Rn un aperto (limitato o meno). Si usa il simbolo W 1,p () per indicare lo
spazio delle (classi di equivalenza di) funzioni u() L p () tali che esistono funzioni
(ossia, classi di equivalenza) g 1 , g2 ,. . . , gn in Lp (), tali che



u(x)(x) dx =
g1 (x) . . . gn (x) (x) dx

240

5.

SPAZI DI BANACH

per ogni funzione di classe C a supporto compatto in .


La funzione g i si chiama la i-ma derivata parziale debole di u.
Lo spazio W 1,p () si dota della norma

1/p

n

||u|| = |u(x)|p dx +
|gj (x)|p dx

j=1

oppure della norma ad essa equivalente


||u||Lp () +

n


||gj ||Lp () .

j=1

Se n = 1 allora esiste una sola derivata parziale debole e vale il seguente teorema, che
non proviamo:

Teorema 5.34. Se n = 1 ed = (a, b), ogni funzione u W 1,p (a, b)


assolutamente continua; e la sua derivata debole coincide con la derivata usuale,
calcolata q.o.

Se n = 1 una norma equivalente alle precedenti ed un po pi comoda da usare


1/p


b

|u(a)|p +

|u (x)|p dx

Osservazione 5.35. Se n > 1 lesistenza di tutte le derivate deboli non implica la


continuit della funzione.
Quando p = 2 si usa anche il simbolo H 1 (), invece di W 1,2 (). Questo simbolo
non va confuso con quello che si usa per denotare gli spazi di Hardy, che ora
definiamo.
I simboli H p (D) (spazi di Hardy)
Col simbolo D indichiamo il disco D = {z | |z| < 1} del piano complesso. Col
simbolo H p (D), 1 p < +, si indica lo spazio lineare i cui elementi sono le
funzioni olomorfe (z) tali che

|(re )| dt
it

sup
r<1

con

|||| = sup
r<1

1/p

|(re )| dt
it

241

5.

SPAZI DI BANACH

Col simbolo H (D) si indica lo spazio delle funzioni olomorfe limitate su D e norma
|||| = supD |(z)|.
Definizioni analoghe si danno sostituendo a D il semipiano + ,
+ = {z | e z > 0} .
In questo caso lintegrazione sulla circonferenza si sostituisce con lintegrazione sulle
rette parallele allasse immaginario (e il fattore (1/2) che compare nella definizione
della norma si sostituisce col fattore 1/):


1
sup

x>0

1/p

|(x + iy)| dy
p

Invece, la norma di H (+ )
||||H (+ ) = sup |(x + iy)| .
x>0

5.4.2 Le dimostrazioni della completezza


Ricordiamo che si chiama Spazio di Banach uno s.l.n. che anche completo e
che esistono s.l.n-ti che non sono completi, si veda il Teorema 5.19. Inoltre, al
paragrafo 5.4.1 abbiamo presentato numerosi esempi di s.l.n-ti.
Vale:

Teorema 5.36. Tutti gli s.l.n-ti presentati al paragrafo 5.4.1 sono completi.
Per provare questo teorema dovremo esaminare separatamente i vari spazi del
par. 5.4.1, fissare lattenzione su una generica successione (x n ) fondamentale e
associarle in qualche modo un elemento x 0 dello spazio, che intuiamo essere il limite
della successione. Dobbiamo quindi provare che effettivamente x 0 = lim xn ; ossia
dobbiamo provare:
a) la funzione x 0 appartiene a X;
b) la funzione x0 limite di (xn ) nella norma di X.

Questo richieder dimostrazioni diverse a seconda dello spazio che consideriamo.


242

5.

SPAZI DI BANACH

Prima di studiare le singole dimostrazioni, ricordiamo:

Lemma 5.37. Sia X uno s.l.n. e sia (x n ) una successione fondamentale in X. La


successione (xn ) limitata, ossia esiste M tale che
||xn || < M

n .

Completezza degli spazi l , c0 , L () e C(K)


Si ricordi che linsieme K del simbolo C(K) un compatto di F n mentre nessuna
condizione si impone allinsieme che compare nel simbolo L (); e notiamo che
sia l che c0 sono spazi di funzioni sullinsieme = N.
Le dimostrazioni della completezza di questi spazi sono tra loro simili, basate sul
Teorema del doppio limite, provato in appendice.
Indichiamo con X uno degli spazi che stiamo considerando e sia (x n ) una successione
fondamentale. Gli spazi che stiamo considerando sono accomunati da questo: sono
spazi di funzioni su un certo insieme (indicheremo con t i suoi elementi) e la norma
definita in modo tale che se (x n ) fondamentale allora ciascuna delle funzioni (x n (t))
una successione fondamentale di numeri; e quindi converge. Questa affermazione si
interpreta se X = L () in questo modo: gli elementi della successione sono classi
di equivalenza [x n ] di funzioni. Si fissa un rappresentante, che ancora indichiamo x n ,
in ciascuna classe. Il limite della successione di numeri (x n (t)) esiste q.o. su .
Dunque, per ogni valore di t (o q.o. su se X = L ()) si pu definire
y(t) = lim xn (t) :
una funzione che si spera appartenga allo spazio che stiamo considerando e che sia
limite di (xn ). Proviamo:

a) la funzione y appartiene ad X.
Questo facile se X non n C(K) n c 0 . Infatti in tal caso basta notare che y
una funzione limitata come limite puntuale di una successione (x n ) che, essendo
fondamentale, limitata: |x n (t)| < M per ogni t e per ogni n. Inoltre, se X =
L (), la funzione y pu costruirsi a partire da un qualsiasi rappresentante delle
classi di funzioni [xn ], e ne limite puntuale q.o.; e dunque misurabile.
243

5.

SPAZI DI BANACH

Se X = C(K) allora la continuit di y seguir dalla convergenza uniforme


della successione di funzioni continue (x n ), che proveremo al punto b), grazie al
Corollario 5.40.
Sia X = c0 . In questo caso ciascuna delle successioni x n = xn (k) tende a zero
per k +, e, come proveremo al punto b), la successione stessa converge
uniformemente ad y = (y(k)). Il Teorema del doppio limite, teorema 5.39, mostra
che limk y(k) = 0, ossia che y c0 .
Proviamo ora
b) la funzione y limite della successione (x n ).
La funzione y stata costruita come limite puntuale di x n (t). Mostriamo che in
realt il limite nel senso della norma. Per questo fissiamo  > 0 ed un numero N 
tale che se n, m sono maggiori di N  allora valga
||xn xm || <  .
Valutiamo ora |y(t) xn (t)| per n > N come segue:
|y(t) xn (t)| |y(t) xn+r (t)| + |xn+r (t) xn (t)| |y(t) xn+r (t)| +  . 5.20
Questa disuguaglianza vale per ogni t e per ogni r > 0. Esiste r (dipendente da t) tale
che |y(t) xn+r (t)| < . Il numero r esiste perch y(t) (per il valore fissato di t)
limite della successione di numeri (x n+r (t)) (largomento precedente vale q.o. su
se X = L ()).
Dunque,
|y(t) xn (t)| inf {|y(t) xn+r (t)|} +  < 2 .
r

Completezza dello spazio H (D)


Se (xn ) una successione fondamentale in H (D), essa anche una successione
fondamentale in L (D) e quindi converge in L (D) ad una funzione x 0 , che
limitata. Per provare la completezza di H (D) basta mostrare che x0 olomorfa.
Ci discende dal Teorema di Weierstrass, Teorema 1.62.
Ci prova che x0 H , x0 = lim xn , come si voleva.
244

5.

SPAZI DI BANACH

Non proveremo la completezza degli spazi H p (D), propriet che vale per ogni
p [1, +].

Completezza degli spazi l p con 1 p < +


Indichiamo col simbolo (x n ) = (xn (k)) una successione di elementi di l p . Sia essa
fondamentale. Da
|xn (k) xm (k)| =

+


1/p
|xn (r) xm (r)|

r=0

segue che per ogni k la successione numerica (x n (k)) fondamentale e quindi


convergente. Ci induce a definire la successione x 0 con
x0 (k) = lim xn (k) .
n

Proviamo ora
a) la successione x0 appartiene ad l p .
Notiamo per questo che la successione (x n ) di l p , essendo fondamentale, limitata:
esiste M indipendente da n e tale che
+
1/p

|xn (k)|p
M.
k=0

Segue che per ogni vale




1/p
1/p


|x0 (k)|p
= lim
|xn (k)|p
M.
n

k=0

k=0

Passando al limite rispetto a , si vede che x 0 lp .

b) vale x0 = lim xn in l p .
Si fissi  > 0 e sia N = N () tale che se n, m superano N allora vale
||xn xm || <  .
Per n, m maggiori di N  e per ogni vale
245

5.

SPAZI DI BANACH

1/p
|xn (r) xm (r)|

r=0

+


1/p
|xn (r) xm (r)|

< .

r=0

Tenendo fermi ed n, si passi al limite per m +. Si trova:



1/p

p
|xn (r) x0 (r)|

r=0

e questa disuguaglianza vale per ogni . Prendendo lestremo superiore rispetto a si


vede che, quando n > N (), vale
||xn x0 ||lp  .
Questo volevamo provare.

Completezza degli spazi Lp (), p < +


In questa parte conviene distinguere tra gli elementi [x] di L p (), ossia le classi di
equivalenza, e i loro rappresentanti.
Sia ([xn ]) una successione fondamentale di L p (). Il primo passo per mostrarne la
convergenza di costruire una funzione x 0 , la cui classe di equivalenza candidata ad
essere limite di ([xn ]). Gli esempi precedenti suggeriscono di costruire x 0 calcolando
il limite puntuale dei valori di opportuni rappresentanti delle classi [x n ]. Questo
metodo per non pu applicarsi nel caso di L p () perch si sa che una successione
di funzioni che converge in media pu non convergere in nessun punto, si veda il
Teorema 5.32. Usiamo quindi una strategia diversa.
Ricordiamo una propriet generale delle successioni fondamentali: una successione
fondamentale che ha una sottosuccessione convergente essa stessa convergente.
Consideriamo una successione ([x n ]) di elementi di Lp () e per ogni classe fissiamo
un rappresentante che indichiamo x n . In questo modo si trova una successione (x n )
di funzioni definite q.o. su , e tali che per ogni  > 0 esiste N = N () con questa
propriet: se n, maggiore di N  allora per ogni m vale
1/p

|xn (s) xn+m (s)| ds
< .

Facciamo vedere che una successione di funzioni (x n ) con tale propriet ammette una
sottosuccessione convergente q.o.
La sottosuccessione si costruisce con la regola seguente:
246

5.

SPAZI DI BANACH

si fissa  = 1 ed il numero N (1). Si sceglie n 1 = N (1) + 1;


si fissa  = 1/2 e si sceglie n2 = N (1/2) + 1;
in generale, con  = 1/2 k , si sceglie nk = N (1/2k ) + 1.
Si considera quindi la sottosuccessione (y k ) = (xN (k)+1 ).
La successione (yk ) gode della seguente propriet:
||yr yr+1 ||Lp ()

1
.
2r

Proviamo che la successione di funzioni (y k ) converge q.o. E strumentale a ci


introdurre la serie telescopica

zk = yk+1 yk .

zk ,

k=1

Essendo
m


zk = ym+1 y1 ,

k=1

per provare la convergenza della successione, basta provare quella della serie.
La costruzione della successione (y k ) implica la convergenza assoluta della serie:
1/p 



1
p
|zk (s)| ds

= 1.
5.21
k
2

k=1

k=1

Consideriamo la successione di funzioni


gn (s) =

n


|zk (s)| .

k=1

Questa successione monotona crescente e quindi esiste


g(s) = lim gn (s) =

+


|zk (s)|

k=1

e inoltre, dalla disuguaglianza di Minkowski,



1/p 
1/p 
n 
+
1
|gn (s)|p dx

|zk (s)|p dx
<
= 1.
k
2

k=1

k=1

Dunque, dal teorema della convergenza monotona, |g(s)| p integrabile su .


Questo implica che la funzione g(s) finita q.o. su (si veda il paragrafo 4.7.4).
247

5.

SPAZI DI BANACH

Dunque, per q.o. x , la serie numerica


+


|zk (s)|

k=1

converge; e dunque anche la serie numerica


+


zk (s)

k=1

converge q.o. su . Ci mostra che la successione (y k (s)) converge q.o. su e


permette di definire una funzione
x0 (s) = lim yk (s) =

+


zk (s) + y1 (s) .

k=1

La 5.21 mostra che x0 Lp (). Inoltre,

p 1/p


1/p
n
+ 
+




1

zk (s) y1 (s)
ds

|zk (s)|p ds

0.

x0 (s)
k

k=1

k=n+1

k=n+1

Ci prova che la successione di classi di equivalenza ([y k ]) converge alla classe di


equivalenza ([x0 ]). Ci quanto volevamo provare.
Osserviamo che, in particolare, abbiamo anche provato un teorema sulla convergenza
in media:

Teorema 5.38. Sia 1 p < +. Se una successione di funzioni (x n ) in Lp ()


converge in media di ordine p ad x 0 allora esiste una sottosuccessione della (x n ) che
converge ad x0 q.o. su .

Completezza degli spazi di Sobolev


Ricordiamo: sia un aperto di R n e siano u Lp () una funzione a valori scalari
e v Lp () una funzione a valori vettori ndimensionali. Si dice che
v = u
se per ogni di classe C ed a supporto compatto in vale


u(s)(s) ds =
v(s)(s) ds .

In questo caso si dice che u W 1,p () e


248

5.

1/p

||u||W 1,p () =

|u(s)|p ds +

SPAZI DI BANACH

|v(s)|p ds

Dunque, se (u n ) fondamentale in W 1,p (), le due successioni (u n ) e (vn ) = (un )


sono fondamentali in norma L p (); e dunque convergenti,
un u0 ,

vn v0 .

Passando al limite si trova quindi




v0 (s)(s) ds = lim
un (s)(s) ds



un (s)(s) ds =
u0 (s)(s) ds
= lim

per ogni funzione di classe C (), a supporto compatto.


Dunque u 0 W 1,p () ha per gradiente v 0 , ed (un ) converge ad u 0 in W 1,p ().
Ci prova la completezza di W 1,p ().

5.4.3 Teorema del doppio limite


Il Teorema del doppio limite riguarda una successione di funzioni (x n ), definite su
un qualsiasi insieme . Per esempio, per ogni n la x n pu essere una successione
(xn (k)), oppure pu essere una funzione x n (t) definita su un intervallo [a, b].
Indichiamo genericamente con t gli elementi di .
Le funzioni prendono valori in uno spazio completo.
Supponiamo che per ogni n esista
lim xn (t) = Ln .
t

In questa scrittura pu essere t t 0 oppure t +, |t| + e simili. Per


sottolineare questo, scriviamo genericamente
lim xn (t) = Ln .

5.22

Vale allora:

Teorema 5.39 (del doppio limite ). Per ogni n, esista finito il limite L n definito
in 5.22.
249

5.

SPAZI DI BANACH

Se (xn ) converge ad x0 uniformemente su allora esiste finito


lim x0 (t) = L0

e vale
L0 = lim Ln ;
n

ossia vale




lim lim xn (t) = lim lim xn (t) .
n

DIMOSTRAZIONE

Proviamo prima di tutto che L 0 = limt x0 (t) esiste finito. Dato che le funzioni prendono valori in uno spazio completo, basta provare che per ogni
> 0 esiste un intorno
I di tale che:
t , t I

||x0 (t ) x0 (t )|| <


.

Valutiamo ||x 0 (t ) x0 (t )|| come segue:


||x0 (t ) x0 (t )|| ||x0 (t ) xn (t )|| + ||xn (t ) xn (t )|| + ||xn (t ) xm (t )|| .
Usando la convergenza uniforme, si scelgano n, m cos grandi da avere
||x0 (t ) xn (t )|| <
,

||xn (t ) xm (t )|| <


.

Con n ed m ormai fissati, si usi lesistenza del limite finito


lim xn (t) = Ln .

Ci implica che esiste un intorno I  di tale che se t  I , t I , allora


||xn (t ) xn (t )|| <
.
Si noti che I  dipende anche da n, ma n stato scelto, a sua volta, dipendente dal
solo
.
A questo punto sappiamo che esiste finito
L0 = lim x0 (t) .
t

250

5.

SPAZI DI BANACH

Proviamo ora che


L0 = lim Ln .
n

Valutiamo ||L 0 Ln || come segue:


||L0 Ln || ||L0 x0 (t)|| + ||x0 (t) xn (t)|| + ||xn (t) Ln || .
Sia
> 0 fissato. Esiste un intorno I  di tale che
t I

||L0 x0 (t)|| <


.

n > N

||x0 (t) xn (t)|| <


.

Scegliamo t I  .
Fissiamo ora N tale che

Il numero N esiste, e non dipende da t, grazie alla convergenza uniforme.


Infine, da Ln = limt xn (t), esiste un intorno I  I di tale che, per t I  vale
||xn (t) Ln || <
.
Lintorno I  dipende, oltre che da
, anche da n. Comunque, da questa propriet
deduciamo che per ogni n esistono valori di t I  per cui
||xn (t) Ln || <

e quindi, per n > N  , vale


||L0 Ln || 2
+ inf ||xn (t) Ln || 3
.
t

Ci quanto dovevamo provare.

In particolare si ha:

Corollario 5.40. Una successione (x n ) di funzioni continue definite su un qualunque insieme ivi converga uniformemente ad x 0 .

Allora x0 continua

su .

251

5.

SPAZI DI BANACH

5.5.

S OTTOSPAZI

DI SPAZI LINEARI NORMATI

Sia X uno s.l.n., la cui norma indicheremo col simbolo || ||. Sia Y un s.spazio di X.
Ricordiamo che questo significa
y1 , y2 Y ,

, F =

y1 + y2 Y .

In particolare, Y stesso uno spazio lineare e viene ad essere uno s.l.n. se ad Y si


restringe la funzione norma definita su X. In tal caso diremo che Y un s.spazio
dello s.l.n. X e diremo che la norma su Y quella indotta dalla norma di X. Notiamo
che talvolta potr essere necessario considerare su Y una norma diversa da quella
indotta da X. Ci va sempre esplicitamente specificato per evitare ambiguit. In caso
contrario assumeremo sempre che la norma su Y sia quella indotta dalla norma di X.
Quando X ha dimensione finita, i sottospazi sono le controimmagini di {0} sotto
lazione di trasformazioni lineari; e si sa che:

Teorema 5.41. In dimensione finita, tutte le trasformazioni lineari sono continue; e


quindi tutti i s.spazi sono chiusi.

Invece, se X ha dimensione infinita, esso ammette sia s.spazi chiusi che non chiusi.
Esempi di s.spazi chiusi sono ovviamente {0} ed X stesso. Vediamo un esempio di
s.spazio non chiuso.

Esempio 5.42. Si considera lo spazio C(a, b) ed in esso il s.spazio Y dei polinomi.


E chiaro che Y non chiuso perch la restrizione ad [a, b] della funzione esponenziale
limite uniforme di polinomi. Infatti, la serie di Taylor
+ k

t
k=0

k!

= et

converge uniformemente sui compatti.

E importante sapere che non soltanto funzioni regolari possono approssimarsi


uniformemente con polinomi. Anzi
252

5.

SPAZI DI BANACH

Teorema 5.43 (di Weierstrass). Sia f una funzione continua su un intervallo


limitato e chiuso [a, b], a valori reali. Esiste una successioni {p n } di polinomi a
coefficienti reali che converge ad f , uniformemente su [a, b].

La dimostrazione di questo teorema importantissima perch permette di introdurre


il concetto di identit approssimata. Ad essa dedicato il paragrafo 5.5.1.
Una ulteriore propriet puramente algebrica degli spazi lineari la seguente: ogni
loro s.spazio ammette complementare . Ricordiamo che un spazio lineare Z un
complementare di un spazio lineare Y (ambedue s.spazi di X) se:
Z Y = {0} ,

Z +Y =X;

equivalentemente, se ogni elemento x di X si rappresenta in modo unico come somma


di un elemento di Z e di uno di Y .
Quando si lavora con spazi normati, naturale chiedere se tutti i s.spazi chiusi
ammettano complementare, anchesso chiuso. In dimensione finita la risposta
affermativa. Invece:

Teorema 5.44. Esistono s.l.n-ti X, completi, dotati di s.spazi chiusi i quali sono privi
di complementare chiuso.

Quando un s.spazio Y dotato di complementare Z, la dimensione (finita o meno) di


Z si chiama la codimensione di Y .
Particolarmente importanti sono i sottospazi chiusi di codimensione 1, e anche i
s.insiemi della forma

x0 + H ,

con H sottospazio chiuso di codimensione 1. Si chiamano tali s.insiemi gli iperpiani


di X.
253

5.

SPAZI DI BANACH

La dimostrazione del Teorema 5.44 consiste nella esplicita costruzione di un s.spazio


chiuso privo di complementare, per esempio di l p , con 1 p < 2 oppure con p > 2.
La costruzione alquanto macchinosa e viene omessa.

Osservazione 5.45. E bene ricordare che gli spazi l p , 1 p +, sono


completi. Si veda il paragrafo 5.4.2 per la dimostrazione. E anche bene sapere
che ogni s.spazio chiuso di l 2 ammette complementare. Si veda il paragrafo 6.15
per la dimostrazione.

5.5.1 Identit approssimate e dimostrazione del teorema di Weierstrass


Una famiglia di funzioni {h (s)} che gode delle propriet 03 seguenti si chiama

identit approssimata . Le propriet richieste sono:


0. per ciascun valore di , la funzione s h (s) integrabile su R;
1. h (s) 0 per ogni s;
 +
2. h (s) ds = 1 per ogni > 0;
3. per ogni  > 0 si ha:

lim
h (s) ds = 0 ,
0+

lim

0+

h (s) ds = 0 .
+

La ragione del termine identit approssimata espressa dal teorema seguente, che
prova che la famiglia {h } approssima lidentit rispetto alla convoluzione. Per una
giustificazione pi precisa si veda il paragrafo 7.6.3.

Teorema 5.46. Sia {h (s)} unidentit approssimata e sia f (x) una funzione
uniformemente continua e limitata su R. Sia u(, x) la funzione
+
+
h (x s)f (s) ds =
h (s)f (x s) ds .
u(, x) =

Vale:
lim u(, x) = f (x) .

0+

Il limite uniforme su R.
254

5.

SPAZI DI BANACH

DIMOSTRAZIONE

La propriet 1. dice che lintegrale di h (s) vale 1. Dunque, si pu scrivere


Z +
h (s)[f (x s) f (x)] ds
u(, x) f (x) =
Z

Z +

+


h (s)[f (x s) f (x)] ds +

h (s)[f (x s) f (x)] ds

h (s)[f (x s) f (x)] ds .

Il numero
deve ancora determinarsi.
Si fissa un numero e si usa luniforme continuit di f su R per scegliere
=
in
modo tale che
|f (x s) f (x)| <

s (
,
) .

Le propriet 1. e 2. implicano che lintegrale su (


,
) ha modulo minore di per ogni
> 0.
Fissato tale numero
si usino le propriet 1. e 3. e la limitatezza di f su R per
trovare tale che, se (0, ), ciascuno degli integrali rimanenti sia in modulo
minore di .

Le identit approssimate che si incontrano pi spesso in pratica si costruiscono come


segue: si assegna una funzione integrabile h(s), non negativa. Dividendola per il suo
integrale, si pu assumere

h(s) ds = 1 .

Lidentit approssimata si ottiene ponendo


h (s) =

1
h(s/) .

La figura 5.2 mostra i grafici di alcune delle funzioni h (s) cos ottenute a partire dalla
funzione
1
(1 + s2 )

(sinistra)

exp (s2 )

(destra).

255

5.

SPAZI DI BANACH

1.4

1.2

y
0.8

=.3

1
0.6

0.8

=.3

0.6

0.4
=.5

0.4
=1

0.2
=1

0.2

=.5
0

s
0.2
2

1.5

0.5

0.5

1.5

0.2
2

1.5

0.5

0.5

1.5

Fig. 5.2. Esempi di identit approssimate

Osservazione 5.47. Implicitamente abbiamo supposto che sia un parametro continuo. Talvolta prende valori naturali, e lidentit approssimata una successione
di funzioni. In questo caso il limite per 0+ si sostituisce col limite per +.
Diciamo infine che, cos come si introducono le identit approssimate su R, si possono
anche introdurre le propriet approssimate su R n . Le modifiche alla definizione (e alla
costruzione a partire da una data funzione positiva) sono ovvie e vengono lasciate al
lettore.

Veniamo ora alla dimostrazione del teorema 5.43.


La dimostrazione del Teorema di Weierstrass suggerita da certe considerazioni
sullequazione del calore, che conducono ad introdurre gli integrali
+
2
1

es /4t f (x s) ds = u(t, x) .
4t

5.23

La famiglia delle funzioni


1 s2 /4t

e
4t
unidentit approssimata (il cui parametro si indica con t perch nelle applicazioni
allequazione del calore indica il tempo). Essa ottenuta a partire dalla funzione


2
s
1
1
.
ht (s) = h
h(s) = es :

4t
4t
Si veda la figura 5.2, a destra.
256

5.

SPAZI DI BANACH

Sia ora f una funzione continua su [a, b]. Estendiamola in modo qualsiasi ad una
funzione continua su R, nulla per x < a 1 e per x > b + 1. Indichiamo ancora con
f la funzione cos estesa.
E chiaro che la funzione f uniformemente continua su R. Sia u(t, x) la funzione
definita in 5.23. Si vede facilmente che questa funzione continua per t > 0 ed x R.
Applichiamo il Teorema 5.46, ottenendo
1
f (x) = lim u(t, x) = lim
t0+
t0+
4t

e(xs)

/4t

f (s) ds .

Ora facciamo intervenire la condizione che f nulla per s < a 1 e per s > b + 1.
Si ha cos
1
u(t, x) =
4t

b+1

(xs)2
4t

f (s) ds .

a1

Si fissi > 0 e t tale che


|u(t , x) f (x)| < /2 .

5.24

Il numero t esiste, grazie al Teorema 5.46.


La disuguaglianza 5.24 vale per ogni x R. Limitiamoci per a considerare i valori
di x in [a 1, b + 1]. Si rappresenti
2

s
4t

k

+

1
s2
=

k!
4t
k=0

e la convergenza uniforme sui compatti. Dunque, esiste N tale che


N

s2
4t
s2

4t  1

,
s [a b 1, b a + 1]

<

k!
4t
4(b a)M
k=0

con M = max |f |.
Si ha quindi:

k

b+1 
N

1
1
(x s)2

f (s) ds

u(t , x)

4t
4t a1 k=0 k!






N
k

2

1

b+1 (xs)
1
(x s)2

4t

e
f (s) ds

k!
4t
4t
a1
k=0

257

5.

SPAZI DI BANACH

1
=
4t


k 

N

xa+1


r2
1
r2

4t
e
f (x r) dr
< /2 .

xb1

k!
4t
k=0

Combinando questa disuguaglianza con 5.24 si vede che la funzione f (x) si


approssima uniformemente su [a, b] mediante i polinomi
1

4t

N
b+ 

a1 k=0

1
k!

k

(x s)2
f (s) ds .

4t

Il teorema si estende a funzioni di n variabili, sostanzialmente con la medesima


dimostrazione. Si ricorre per questo al seguente risultato:

Teorema 5.48 (di Tietze). Ogni funzione continua su un compatti di R n ammette


estensione continua e limitata ad R n .
Si fa quindi uso dellidentit approssimata
ht (x) =

|x|n
1
4t .

e
n/2
4t

5.25

Si noti che troncando la serie della funzione e |x| si trovano polinomi in |x|.

Osservazione 5.49. I punti x R 2 si possono anche leggere come punti x + iy del


piano complesso e gli argomenti precedenti possono adattarsi al caso delle funzioni a
valori complessi. Per, gli approssimanti che si ottengono troncando la serie di Taylor

dellidentit approssimata 5.25 sono polinomi in x2 + y 2 e non in z = x + iy. Non
si trova quindi unapprossimazione mediante polinomi della variabile complessa z.

5.6.

L A COMPATTEZZA

Ricordiamo che un s.insieme K dello s.l.n. X si dice relativamente compatto quando


ogni successione (xn ) a valori in K ammette s.successioni (x nk ) convergenti. K
si dice compatto quando relativamente compatto e chiuso. Il teorema di BolzanoWeierstrass pu riformularsi dicendo che se = R oppure = C allora ogni
s.insieme limitato e chiuso di Fn compatto. Si ricordi che questa propriet
258

5.

SPAZI DI BANACH

cruciale per la dimostrazione del teorema di Weierstrass sullesistenza di massimi e


minimo.
Sfortunatamente, lanalogo del Teorema di Bolzano-Weierstrass non vale in spazi di
Banach di dimensione infinita; anzi:

Teorema 5.50. Sia X uno spazio normato. Se una sfera


{x | |x x0 | = }
compatta allora lo spazio ha dimensione finita.

Il Teorema 5.50 implica in particolare:

Corollario 5.51. Sia dimX = +. Se K relativamente compatto, allora K non


ha punti interni.

Infatti, se K contiene punti interni esso contiene una palla chiusa, che deve essere
compatta perch ogni s.insieme chiuso di un compatto esso stesso compatto. Ci
non pu darsi se dimX = +.
E per vero che:

Teorema 5.52. Se il s.insieme K di X compatto, allora esso limitato.

Infatti, se K illimitato esso contiene limmagine di una successione (x n ) tale che


||xn || +; e si vede facilmente che (x n ) non ammette s.successioni convergenti.
Ricapitolando, in dimensione infinita gli insiemi compatti (rispetto alla topologia della
norma) sono pochi (e ci avr conseguenze nefaste nei problemi di ottimizzazione) e
difficili da caratterizzare. Di conseguenza i teoremi che caratterizzano gli insiemi
compatti sono importanti. Il prototipo ed il pi utile di essi il Teorema di AscoliArzel, che caratterizza gli insiemi compatti di C(a, b) (ricordiamo che con questo
simbolo si intende in particolare che lintervallo [a, b] limitato e chiuso).
259

5.

SPAZI DI BANACH

Sia K compatto contenuto in C(a, b). Abbiamo gi notato, nel Teorema 5.52 che K
deve essere limitato; ossia deve esistere R > 0 tale che
||x|| = max |x(t)| < R
[a,b]

x K .

Trattandosi di limitatezza nella norma della convergenza uniforme, usa anche dire che
K uniformemente limitato .
Ricordiamo che ogni funzione x C(a, b) uniformemente continua perch [a, b]
limitato e chiuso; ossia, per ogni  > 0 esiste un numero , che dipende da  e dalla
funzione x, tale che
|x(t ) x(t )| <  ,

t t [a, b] per cui |t t | < .

Si dice che linsieme K equicontinuo quando si pu scegliere dipendente da  ma


non dallelemento x K; ossia:

Definizione 5.53. Si dice che linsieme K equicontinuo quando per ogni  > 0
esiste > 0 tale che per ogni x K e per ogni t  , t in [a, b] tali che |t t | <
si ha:
Vale:

|x(t ) x(t )| <  .

Teorema 5.54 (di Ascoli-Arzel). Gli insiemi relativamente compatti di C(a, b)


sono tutti e soli quelli uniformemente limitati ed equicontinui.

5.6.1 Dimostrazioni posposte


Proviamo i teoremi enunciati.
Dimostrazione del TEOREMA 5.50. Basta mostrare una successione di elementi
di norma 1 priva di sottosuccessioni fondamentali. Notiamo il seguente lemma (di
immediata dimostrazione) che verr utile anche in seguito:

Lemma 5.55. Sia (xn ) una successione tale che ||x n xm || > 0 per ogni
coppia n ed m. La successione (x n ) non ha s.successioni fondamentali.
260

5.

SPAZI DI BANACH

Per costruire una successione (x n ) con le propriet richieste dal lemma, facciamo
intervenire:

Lemma 5.56 (Lemma di Riesz). Sia M un s.spazio chiuso di X, diverso da X.


Per ogni  > 0, esiste un elemento x X di norma 1, che dista da M pi di 1 .
DIMOSTRAZIONE

Ricordiamo che la distanza d(x, M ) di x da M


d(x, M ) = inf{||x m|| | m M } .
Essendo M = X, ed M chiuso, esiste x 1 = M a distanza positiva da M :
d(x1 , M ) = d > 0 .
La definizione di distanza mostra che per ogni > 0 esiste v M tale che
||x1 v || < d(1 + ) .
Sia
y = x1 v .
Ovviamente,
= ||y|| = ||x1 v || d(1 + )
e inoltre d(y, M ) = d(x 1 , M ) perch v M ; ossia
d(y, M ) = d(x1 , M ) = d

1
1
||x1 v || =
||y|| .
1+
1+

In particolare,
||y|| d(1 + ) .

5.26

Scegliamo ora
x0 =

y
||y||

e notiamo che

= inf{
m | m M }
||y||
1
||y (m||y||) || | m M } = inf{
||x1 (v + m||y||) || | m M }
||y||
d
1
||x1 m|| | m M } =
>
.
||y||
1+

d(x0 , M ) = d
1
||y||
1
= inf{
||y||

= inf{

y
,M
||y||

261

5.

SPAZI DI BANACH

Lultima disuguaglianza discende da 5.26.


Lasserto segue se si preventivamente scelto tale che

1
1+

> 1
.

E ora facile costruire una successione di elementi di norma 1, priva di s.successioni


convergenti: si sceglie x 1 = 0 qualsiasi e si definisce
M1 = span{x1 } = {tx1 | t F} .
Si sceglie quindi x2 , di norma 1, con
d(x2 , M1 ) >

1
.
2

In particolare vale ||x 2 x1 || > 1/2.


Definiti x1 ,. . . , xk , si sceglie xk+1 di norma 1, distante almeno 1/2 dallo spazio
generato dai vettori x 1 ,. . . , xk .
Essendo dim X = +, X = span {x1 , . . . xk } e quindi questa costruzione
conduce ad una successione (x n ) i cui elementi distano due a due almeno 1/2, e
quindi priva di s.successioni convergenti.

Dimostrazione del TEOREMA 5.52. La dimostrazione analoga a quella che vale


in dimensione finita: se A non limitato, per ogni n esiste a n A, con ||an || > n.
La successione (an ) priva di s.successioni convergenti.

Dimostrazione del TEOREMA 5.54. Proviamo la parte necessaria. Si gi detto che


se K compatto allora deve essere limitato. Proviamo che se compatto in C(a, b)
allora esso anche equicontinuo. Facciamo uso del lemma seguente:

Lemma 5.57. Sia K compatto in uno spazio di Banach X e sia  > 0. Esiste un
insieme finito di elementi k 1 ,. . . ks di K, tali che
K

262

B(ki , ) ,

B(ki , ) = {x X | ||x ki || < } .

5.

SPAZI DI BANACH

DIMOSTRAZIONE

Per assurdo sia K compatto e sia


0 > 0 un numero tale che la propriet non valga.
Scelto un qualsiasi x 1 K, B(x1 ,
0 ) non copre K; e quindi esiste x 2 K che
dista da x 1 pi di
0 . Ancora perch
0 non soddisfa alla propriet detta nel lemma,
B(x1 ,
0 ) B(x2 ,
0 ) non copre K. Dunque esiste x 3 in K che dista pi di
0 sia da x1
che da x2 .
Iterando questo procedimento, si trova una successione (x n ) i cui punti distano luno
dallaltro almeno
0 , e quindi priva di s.successioni convergenti. Ci contrasta con la
compattezza di K.

Proviamo ora che linsieme K, compatto in X = C(a, b), equicontinuo. Si fissi


 > 0 e si fissino k1 , . . . , kr tali che
K B(ki , ) .
Ciascuna delle funzioni k i una funzione uniformemente continua e quindi linsieme
delle ki , che sono in numero finito, equicontinuo: esiste > 0 tale che se |t  t | <
allora |ki (t ) ki (t )| <  per ogni i.
Sia ora x K qualsiasi e ki0 una funzione dellinsieme {k 1 , . . . , kr } che dista da x
meno di . Valutiamo:
|x(t ) x(t )| |x(t ) ki0 (t )| + |ki0 (t ) ki0 (t )| + |ki0 (t ) x(t )| < 3 .
Questa disuguaglianza vale per |t  t | < e per ogni x K. Notando che non
dipende da x K segue lequicontinuit.
Proviamo ora la condizione sufficiente: proviamo che se K C(a, b) sia limitato
che equicontinuo allora K relativamente compatto.
Fissiamo prima di tutto una successione iniettiva (t n ) la cui immagine densa in
[a, b]. Consideriamo quindi una qualunque successione (x n ) di elementi di K e
consideriamo la successione di numeri (x n (t1 )). Questa una successione di numeri
limitata perch K limitato.
Indichiamo col simbolo
successione di funzioni

Dunque ammette una s.successione convergente.

(1)
x n (t1 )
(1)
(xn ).

questa successione di numeri e consideriamo la

Valutiamo queste funzioni nel punto t 2 ottenendo la


263

5.

SPAZI DI BANACH

(1)

successione di numeri (xn (t2 )). Estraiamo da questa una successione convergente,
(2)

che indichiamo col simbolo (x n (t2 )).


funzioni

(2)
(xn )

Consideriamo quindi la successione di


(2)

e la successione di numeri (xn (t3 )). Iteriamo il procedimento.


(1)

In questo modo si definiscono induttivamente le successioni di funzioni (x n ),


(2)

(xn ),. . . , ciascuna delle quali s.successione delle precedenti. Dunque, la succes(k)

sione (xn (tr )) una successione di numeri che converge per ogni r k. Inoltre,
(1)

(xn ) s.successione della (xn ).


Consideriamo ora la tabella seguente:

x1

(1)

x2

(1)

x3

(1)

x4

(1)

x5

(1)

...

(2)
x1
(3)
x1
(4)
x1

(2)
x2
(3)
x2
(4)
x2

(2)
x3
(3)
x3
(4)
x3

(2)
x4
(3)
x4
(4)
x4

(2)
x5
(3)
x5
(4)
x5

...

..
.

..
.

..
.

..
.

..
.

...
...

Si ha:
in ogni casella compare una delle funzioni della successione;
gli elementi della prima riga costituiscono una s.successione della (x n );
ciascuna delle successive righe contiene gli elementi di una s.successione di
quella che compare alla riga precedente;
se si calcolano gli elementi della riga ima per t = t j , con j i, si trova una
successione di numeri che converge.
(n)

Queste propriet implicano che la successione diagonale (x n ) una successione


(n)

di funzioni con questa propriet: le successioni di numeri (x n (tk )) convergono,


per ogni k.
Notiamo che per ora abbiamo usato la sola limitatezza dellinsieme K. Usiamo ora
lequicontinuit per provare che la successione diagonale fondamentale (e quindi
convergente in C(a, b) che, come si detto, uno spazio completo).
264

5.

SPAZI DI BANACH

Sia  > 0. Si vuol provare lesistenza di N  tale che se n, m sono maggiori di N 


allora vale
||xn xm || < 3

ossia |xn (t) xm (t)| < 3 t [a, b].

Si fissi > 0 tale che se |t t | < allora ogni x K verifica
|x(t ) x(t )| <  .
Rappresentiamo lintervallo [a, b], che limitato, come unione finita di intervalli di
lunghezza minore di :
[a, b] =

[as , bs ] ,

b s as < .

s=1

Per ciascun intervallo [a s , bs ], fissiamo uno dei punti della successione (t n ) che gli
appartiene. Indichiamolo col simbolo ts .
Sia t [a, b] qualsiasi e sia s tale che t [as , bs ].

Valutiamo, usando

lequicontinuit,
(m)
(n)
(n)
(n)
(m)
|x(n)
n (t) xm (t)| |xn (t) xn (ts )| + |xn (ts ) xm (ts )|
(m)
(m)
(m)

(ts ) xm
(t)| 2 + |x(n)
+|xm
n (ts ) xm (ts )| .

Per ogni s, esiste Ns tale che, se n, m sono maggiori di N s , vale


(m)

|x(n)
n (ts ) xm (ts )| < 

ed i punti ts sono in numero finito e non dipendono dal punto t.

Dunque, la

dimostrazione si completa scegliendo N  = max{N1 , . . . , N }.


Il procedimento di estrarre la successione diagonale, dovuto a Cantor, va sotto il nome
di metodo diagonale di Cantor.

5.7.

O PERATORI

LINEARI

Siano X ed Y due s.l.n-ti e sia f una trasformazione da X in Y . Non si richiede che


il dominio di f sia tutto X. Per dire che f opera tra due s.l.n-ti, si dice che f un

operatore .
265

5.

SPAZI DI BANACH

Si chiamano funzionali le trasformazioni che operano da X, s.l.n. sul campo scalare


F, nel campo scalare F stesso.
Siano ora X ed Y due spazi lineari sul medesimo campo scalare. Si dice che f un

operatore lineare da X in Y quando

domf un sottospazio (non si richiede chiuso) di X;


vale f (x + y) = f (x) + f (y) per ogni x, y in X e per ogni , in F.

Quando si lavora con operatori lineari, invece della notazione f (x) usa indicare
loperatore con una lettera maiuscola, per esempio F , A; e scrivere F x, Ax invece
di F (x), A(x); ossia si usa la notazione moltiplicativa nota dallAlgebra lineare.
Studiamo ora le propriet degli operatori lineari.

5.7.1 Propriet geometriche degli operatori lineari


Si ricordi che il grafico di una trasformazione y = f (x) da un insieme X ad un
insieme Y linsieme delle coppie
{(x, y) | y = f (x)} .
Invece, limmagine ed il nucleo 1 sono rispettivamente s.spazi di Y e di X ,
imf = {y | y = f (x)} ,

ker f = {x | f (x) = 0} .

Si provi per esercizio:

Teorema 5.58. Siano X ed Y due s.l.n-ti e sia f una trasformazione da X in Y .


Vale:
la trasformazione f lineare se e solo se il suo grafico un s.spazio di X Y ;
se f lineare sia la sua immagine che il suo nucleo sono s.spazi.

Il termine nucleo per indicare linsieme degli zeri di una funzione si usa solamente se la
funzione lineare.

266

5.

SPAZI DI BANACH

Notiamo ora:

Teorema 5.59. Un operatore lineare da X in Y che ha immagine limitata


identicamente zero.
DIMOSTRAZIONE

Infatti, limmagine di un operatore lineare un sottospazio: questo limitato se e solo


se il sottospazio 0.

Col simbolo B(x0 , r) indichiamo la palla


B(x0 , r) = {x | ||x x0 || r} .

Lemma 5.60. Sia x0 domA. Vale


B(x0 , r) (domA) = x0 + B(0, r) (domA) .
DIMOSTRAZIONE

Infatti, con L = domA,


B(x0 , r) L = {x L | ||x x0 || < r} .
Sia x B(x0 , r) L. Essendo x0 , x nel sottospazio L, y = x x 0 in L e verifica
||y|| < r; ossia,
x = x0 + y ,

y B(0, r) L .

Dunque, B(x 0 , r)L x0 +B(0, r)L. Linclusione opposta si vede in modo analogo.

Siano x0 ed x1 due punti di uno s.l.n. X. Il segmento di estremi x 0 ed x1 per


definizione linsieme dei punti
x = tx0 + (1 t)x1 ,

t [0, 1] .

Sia K X un insieme. Si dice che K convesso quando il segmento che unisce due
qualsiasi punti di K contenuto in K; ossia quando
x0 , x1 K ,

t [0, 1] = tx0 + (1 t)x1 K .


267

5.

SPAZI DI BANACH

Ovviamente, ogni palla un insieme convesso. Invece, la superficie sferica


S(x0 , r) = {x | ||x x0 || = r}
non convessa.
Gli insiemi convessi di R sono tutti e soli gli intervalli (limitati o meno).
Il risultato seguente di ovvia dimostrazione:

Teorema 5.61. Sia A lineare da X in Y . Se K domA convesso in X, allora


AK convesso in Y .

Le palle centrate in 0 sono insiemi che hanno in pi una propriet di simmetria: se


x B(0, r) allora x B(0, r) per ogni tale che || 1.
In generale, un insieme K si dice equilibrato se
|| 1 ,

xK

x K .

equilibrato rispetto ad un suo punto x 0 se


Si dice che K
= x0 + K ,
K

con K insieme equilibrato.

Si vede immediatamente:

un insieme di C equilibrato rispetto a z 0 e che contiene z  contiene anche il


disco di centro z 0 e raggio |z  z0 |. Affermazione analoga vale per gli insiemi
equilibrati di R, sostituendo i dischi con gli intervalli simmetrici rispetto a z 0 .
In particolare:

Lemma 5.62. Un insieme equilibrato di R oppure di C che illimitato


uguale, rispettivamente, a R oppure a C.

Se A un operatore lineare da X in Y e se K equilibrato in X, allora AK


equilibrato in Y ; se K equilibrato rispetto ad x 0 allora AK equilibrato
rispetto ad Ax0 .
268

5.

SPAZI DI BANACH

Torniamo a considerare un operatore lineare A da uno s.l.n. X in un s.l.n. Y e


consideriamo le palle B(0, 1), B(0, r  ) e B(x0 , r) di X. Si ha:
AB(x0 , r) = Ax0 + r(AB(0, 1)) :

AB(0, r) = r(AB(0, 1)) ,

Lemma 5.63. Un operatore lineare A che limitato su una palla limitato su ogni
altra palla.
Daltra parte, con S(0, 1) = {x | ||x|| = 1},
x B(0, r) = ||x||

x
,
||x||

x
S(0, 1) .
||x||

Dunque:

Lemma 5.64. Vale:


sup {||Ax||Y } =

||x||X 1

sup {||Ax||Y } .

||x||X =1

In particolare, un operatore lineare A limitato su una palla se e solo se limitato


sulla sfera S(0, 1).
Un operatore lineare che limitato su una palla, non pu crescere troppo
velocemente. Infatti:

Teorema 5.65. Sia A lineare da X in Y e sia


MA =

sup {||Ax||Y } < + .

||x||X 1

Per ogni x X vale


||Ax||Y MA ||x||X .

5.27

Viceversa, se esiste M tale che ||Ax||Y M ||x||X allora loperatore lineare A


limitato su ogni palla.
DIMOSTRAZIONE

Il viceversa ovvio e quindi basta provare che se A limitato su B(0, 1), allora vale la
disuguaglianza 5.27. Basta considerare il caso x = 0. Se x = 0, x/||x|| B(0, 1) e

269

5.

SPAZI DI BANACH

quindi

x
1
MA .

||Ax|| = A
||x||
||x||
Questa la disuguaglianza cercata.

Dunque, se A limitato su una palla, per esso vale


lim

||x||X 0

||Ax||Y = 0

ed quindi continuo in 0. Viceversa, il teorema della limitatezza locale mostra che se


A continuo a 0 allora limitato su una palla B(0, r), e quindi su ogni altra palla.
Vale dunque:

Teorema 5.66. Un operatore lineare A da X in Y continuo a zero se e solo se


limitato su una qualsiasi palla; equivalentemente, se e solo se esiste un numero M
per cui vale
||Ax||Y M ||x||X .
Ci suggerisce un punto di partenza per lo studio della continuit degli operatori
lineari. Prima di fare ci, ricordiamo, dal Teorema 5.59 che lunico operatore lineare
e limitato da X in Y quello identicamente zero; e quindi il termine limitato
riferito ad operatori lineari rimane libero, e pu essere usato con un significato diverso.
Chiamiamo quindi operatore lineare limitato un operatore lineare che limitato su una
(qualsiasi) palla; ossia uno per il quale vale la disuguaglianza 5.27. Dunque:

Teorema 5.67. Un operatore lineare A da X in Y continuo a zero se e solo se


limitato.

5.7.2 La continuit degli operatori lineari


E noto:

Teorema 5.68. Se dimX < + e se la trasformazione A lineare da X in Y


allora A continua.
270

5.

SPAZI DI BANACH

Gli esempi seguenti mostrano che, se X ha dimensione infinita, allora esistono sia
operatori lineari continui che non continui. Un esempio banale di operatore lineare
continuo quello che ad ogni elemento di X associa lo 0 di Y , ossia il funzionale
nullo. Un esempio meno banale il seguente:

Esempio 5.69. Sia X = C(a, b), Y = F e sia


domA = X ,

Ax = x(a) .

Essendo
||Ax Ay||F = |x(a) y(a)| ||x y||X
si vede che A addirittura uniformemente continuo.
Mostriamo ora un esempio di funzionale lineare non continuo.

Esempio 5.70. Su C(1, 1) si consideri loperatore lineare definito da


dom = {x derivabili in 1} ,

x = x (1) .

Questoperatore, chiaramente lineare, non continuo. Per mostrare ci si consideri


la successione delle funzioni x n
xn (t) = tn /n .
Da ||xn || < 1/n segue che
lim xn = x0 = 0
mentre per ogni n si ha:
xn = 1 ;
ossia,
lim xn = x0
e quindi non continuo.
Si noti che lesempio precedente mostra che anche funzionali lineari importanti per
le applicazioni possono essere discontinui; e, lesempio specifico spiega perch il
problema della derivazione numerica assai delicato.
271

5.

SPAZI DI BANACH

Esempi di operatori lineari, rispettivamente continui e non continui, tra s.l.n-ti


ambedue di dimensione infinita sono i seguenti:

Esempio 5.71. Sia X = Y = C(a, b) e sia A con dominio uguale ad X,


x(s) ds .

(Ax)(t) =
a

||Ax Ay||Y = max


[x(s) y(s)] ds

(b a) ||x y||X ;
[a,b]
a

e nuovamente si vede che loperatore A uniformemente continuo.


Un esempio di operatore lineare discontinuo il seguente:
Sia X = L2 (0, 1), Y = C([0, 1]). Il dominio di A sia lo spazio lineare delle classi di
equivalenza dotate di rappresentante continuo. Sia
Ax = y ,

y(t) x(1) .

Le (classi di equivalenza delle) funzioni


xn (t) = tn
costituiscono una successione in L 2 (0, 1), convergente a 0; mentre, per ogni x,
Axn 1 .

Passiamo ora a studiare le propriet degli operatori lineari che sono anche continui.
Abbiamo notato che gli operatori lineari continui degli esempi precedenti sono anche
uniformemente continui. Come ora vedremo, questo un fatto generale.

Teorema 5.72. Siano X ed Y due s.l.n-ti e sia A lineare da X in Y . Vale:


loperatore A continuo in ciascun punto del suo dominio se e solo se
continuo in un punto;
loperatore A continuo se e solo se uniformemente continuo;
loperatore A continuo se e solo se limitato.

272

5.

SPAZI DI BANACH

DIMOSTRAZIONE

Proviamo che se A continuo in un punto x 0 allora esso continuo in qualunque altro


punto x 1 . Ovviamente, sia x 0 che x1 devono appartenere al dominio di A. Sia
> 0 e
sia B(x0 , ) tale ce
x B(x0 , ) domA = ||Ax Ax0 || <
.
Sia ora x B(x 1 , ) domA. Usando il Lemma 5.60 si vede che
x = x1 + (x x0 ) ,

x domA ,

x B(x0 , ) .

Dunque,
||Ax Ax1 || = ||A(x1 (x x0 )) Ax1 || = ||A(x x0 )|| = ||Ax Ax0 || <
.
Ci prova la continuit in x 1 e prova anche che il numero nel punto x 1 il medesimo
usato in x 0 . Essendo x1 arbitrario, si ha la continuit uniforme.
In particolare, la continuit in un qualsiasi punto x 0 equivale alla continuit in 0, e quindi
alla limitatezza, si veda il Teorema 5.67.

Frequentemente conviene verificare la continuit di un operatore verificando


direttamente che limitato.
Come si visto, loperatore lineare A continuo se e solo se
MA =

sup ||Ax||Y < + .

||x||X 1

Ci si pu chiedere se lestremo superiore sia in realt un massimo.

E facile

immaginare che lestremo superiore non sar un massimo se il dominio di A non


chiuso. Per:

Teorema 5.73. Esistono s.l.n-ti completi X ed operatori lineari continui A con


dominio uguale ad X e tali che
max{||Ax||Y | ||x||X 1}
non esiste.
273

5.

SPAZI DI BANACH

DIMOSTRAZIONE

Si scelga X = L1 (0, 1) ed il funzionale


Z

sx(s) ds .

Lx =
0

E immediato verificare che questo funzionale continuo e che


||x|| 1

|Lx| 1 ;

anzi, si vede che


sup{||Lx||Y , | ||x||X 1} = 1 .
Infatti, se
8
< 0
xn (t) =
: n

se

0 t 1 1/n

se

1
n

t1

allora:
lim Lxn = 1 .
Mostriamo che se ||x||L1 (0,1) 1 allora non vale Lx = 1. Sia infatti x tale che Lx = 1.
In questo caso x non zero q.o. e quindi esiste (0, 1) tale che
Z
|x(s)| ds = > 0 .
0

sottolineiamo che il numero si pu scegliere minore di 1. Si scriva ora:


Z 1
Z
Z 1
1 =
sx(s) ds =
sx(s) ds +
sx(s) ds
0

Z
=
0

|x(s)| ds +

0
1

|x(s)| ds

|x(s)| ds (1 )

|x(s)| ds

ossia
Z

1
0

|x(s)| ds 1 + (1 ) .

Dunque ||x|| > 1 e quindi il massimo non viene raggiunto.

274

5.

SPAZI DI BANACH

Infine, introduciamo due operatori particolari, ed i loro simboli: col simbolo 0, riferito
ad operatori che operano da X in Y , si intende loperatore nullo , ossia quello che
associa ad ogni x X lelemento 0 di Y . Col simbolo I, riferito ad operatori da X in
X, si intende loperatore identit , ossia quelloperatore che ad ogni x di X associa se
stesso:
Ix = x .

5.7.3 Funzionali lineari continui ed iperpiani


Proviamo:

Teorema 5.74. Sia un funzionale lineare definito su X non identicamente nullo,


continuo o meno. Il suo nucleo ammette complementare di dimensione 1.
DIMOSTRAZIONE

Sia x0 tale che x 0 = 0. Si noti che per ogni x X


nx = x x0

x
ker .
x0

Ogni x X si rappresenta come


x = nx + x x0 ,

x =

x
.
x0

Questa rappresentazione unica perch se si ha anche


x = nx + x x0
allora sottraendo si trova
0 = (nx nx ) + (x x )x0 .
Applicando il funzionale ai due membri si trova
0 = (x x )x0
e quindi x = x , perch x0 = 0. E dunque si ha anche n x = nx .
Ci prova che {x , C} uno spazio complementare di ker .

275

5.

SPAZI DI BANACH

Osservazione 5.75. Il teorema precedente non richiede la completezza di X e


nemmeno richiede la chiusura di ker . Per esempio, sia X lo s.l.n. delle funzioni
continue su [1, 1] e derivabili su (1, 1), dotato della norma del massimo. Questo
spazio non completo. Sia
x = x (0) .
Il funzionale ovunque definito, e non continuo, come facilmente si vede
riadattando gli argomenti presentati nellesempio 5.70.
Il nucleo di linsieme delle funzioni di C 1 (1, 1) la cui derivata nulla in 0.
Non difficile mostrare che questo spazio lineare denso in C(1, 1) e quindi in
C 1 (1, 1). Ci nonostante ammette complementare: ogni x X si rappresenta in
modo unico come
x(t) = [x(t) x (0)t] + x (0)t
/ ker .
somma di un elemento di ker e di un multiplo di x 0 , x0 (t) = t
Se una qualsiasi trasformazione continua tra s.l.n-ti X ed Y , linsieme degli zeri
di chiuso, come controimmagine continua di un chiuso. Il viceversa vale nel caso
particolare dei funzionali lineari:

Teorema 5.76. Sia un funzionale lineare su uno s.l.n. Esso continuo se e solo
se il suo nucleo chiuso.
DIMOSTRAZIONE

Se il nucleo di tutto X allora costante e quindi continuo. Altrimenti, sia x 0


/
ker . Dato che ker chiuso e diverso da X, esiste > 0 tale che
= dist(x0 , ker ) .
Sia B(x0 , /2) = {x | ||x x0 || < /2}. Limmagine B(x 0 , /2) di B(x0 , /2)
un insieme equilibrato di R oppure di C, che non contiene 0, perch B(x 0 , /2) non
interseca ker . Per il Lemma 5.62, B(x0 , /2) limitato, e quindi continuo.

276

5.

SPAZI DI BANACH

Si chiamano iperpiani i sottospazi chiusi di codimensione 1 e gli insiemi che si


ottengono da essi per traslazione. Dunque:

Teorema 5.77. Gli iperpiani sono tutti e soli gli insiemi della forma
H = {x | x = c}
ove un funzionale lineare e continuo.
DIMOSTRAZIONE

Se un funzionale lineare continuo, il suo nucleo chiuso, come contrimmagine


dellinsieme chiuso {0}.
Viceversa, sia N un spazio lineare chiuso di codimensione 1. Costruiamo un funzionale
lineare che ha N per nucleo, e che quindi continuo per il Teorema 5.76.
/ N tale che ogni elemento di X si
Essendo N di codimensione 1, esiste x 0
rappresenta in modo unico come
x = n + x0 ,

nN.

Il funzionale cercato quello che ad x associa il numero .

Ossia, gli iperpiani sono gli insiemi di livello di funzionali lineari e continui.
Se un funzionale lineare continuo, definiamo i due semispazi
H+ = {x | (x) > c} ,

H = {x | (x) < c} .

I due semispazi H+ ed H sono ovviamente disgiunti (perch le disuguaglianze sono


strette). Le loro chiusure, che si chiamano anche semispazi chiusi, hanno in comune i
punti delliperpiano {x | (x) = c}.
E opportuno notare che le notazioni H + ed H non hanno significato intrinseco.
Infatti, il funzionale che il teorema 5.77 associa ad H non unico. Se, per esempio,
c = 0, allora si identifica lo stesso iperpiano H sia col funzionale che col funzionale
; e lo scambio di con scambia tra di loro i due semispazi.
277

5.

SPAZI DI BANACH

Notiamo infine che il teorema 5.76 vale per i funzionali. Non vale per generici
operatori lineari, come mostra lesempio seguente.

Esempio 5.78. Sia X = Y = C(0, 1) e sia


dom A = C 1 (0, 1) ,

Ax = x .

Argomenti analoghi a quelli visti allesempio 5.70 mostrano che A non continuo.
Il suo nucleo il s.spazio i cui elementi sono le funzioni costanti, e quindi chiuso
nonostante che loperatore A non sia continuo.

5.7.4 Lo spazio L(X, Y )


Siano X ed Y due s.l.n-ti ed A, B due operatori lineari da X in Y . Definendo
dom(A + B) = (domA) (domB) ,

(A + B)x = Ax + Bx ,

si ottiene chiaramente un operatore lineare A + B; ma in generale dom(A + B),


domA e domB sono diversi e quindi non possibile dare una struttura di spazio
lineare allinsieme di tutti gli operatori lineari da X in Y . Per esempio, B + (B)
non in generale loperatore 0, perch loperatore 0 definito su X mentre B + (B)
solo definito su domB; e quindi A + B + (B) non , in generale, loperatore A. Se
per ci si limita a considerare soltanto gli operatori lineari e continui si pu ottenere
di pi. Vale infatti:

Teorema 5.79. Sia A un operatore lineare e continuo da X in Y . Se Y completo


allora loperatore A ammette ununica estensione continua alla chiusura del suo
dominio.
DIMOSTRAZIONE

Presentiamo i punti salienti della dimostrazione (del tutto analoga a quella che si usa
per costruire lestensione per continuit di funzioni reali), per mostrare il ruolo della
completezza di Y .
Se x0 un punto della chiusura del dominio di A, esiste una successione (x n ) convergente ad x 0 , xn domA (si noti che se x 0 domA allora si pu scegliere x n = x0 per
ogni n).

278

5.

SPAZI DI BANACH

Per la continuit di A si ottiene


||Axn Axm ||Y = ||A(xn xm )||Y M ||xn xm ||X .

5.28

La successione (xn ) fondamentale in X, essendo per ipotesi convergente. Dunque,


anche la successione (y n ), yn = Axn fondamentale, per nello spazio Y . Essendo
Y completo, si ha
lim Axn = y0 .
Si definisce quindi
0 = y0 .
Ax
Se (xn ) una seconda successione convergente ad x 0 , vale
||Axn Axn ||Y M ||xn xn ||X 0
e quindi
lim Axn = lim Axn ;
ossia il valore y 0 dipende solo da x 0 , e non dalla particolare successione (conver che abbiamo costruito un
gente ad x 0 ) scelta per calcolarlo. Dunque loperatore A
operatore univoco.
estende A: se x 0 domA, scegliendo x n = x0 per ogni n si vede che
Ovviamente, A
0 = Ax0 .
Ax
lineare, ed limitato.
Si prova facilmente che loperatore A
Lasciamo per esercizio la dimostrazione della linearit e proviamo la limitatezza: se
xn x0 ed Axn y0 ,
0 ||Y = lim ||Axn ||Y M lim ||xn ||X = M ||x0 ||X
||Ax

5.29

(si ricordi che la norma continua).

Ricapitolando, A (lunica) estensione continua di A alla chiusura del suo dominio.


In particolare, se il dominio di A denso in X, allora A definito su X.
Naturalmente, in pratica identificheremo A con A (usando il simbolo pi semplice A
per ambedue gli operatori).
279

5.

SPAZI DI BANACH

Da ora in poi, lavorando con operatori lineari e continui, assumeremo di averli


estesi per continuit alla chiusura del dominio; e se non diversamente detto,
assumeremo che il dominio sia X. Lavorando con operatori definiti su X, sia A + B
che A (definito da (A)x = (Ax) per ogni x) hanno dominio X e sono continui.
Dunque, linsieme degli operatori lineari continui su X uno spazio lineare. Ci che
pi importante, esso pu essere dotato di norma, come segue:
||A|| =

sup ||Ax||Y .

5.30

||x||X 1

Si lascia al lettore la facile verifica che quella appena definita una norma.
Conviene notare una conseguenza utile della definizione 5.30:

Corollario 5.80. Per ogni x X vale:


||Ax||Y ||A|| ||x||X .

5.31

Se anche Z uno s.l.n. completo, e B lineare e continuo da Y a Z, allora vale


||BA|| ||B|| ||A|| .

5.32

DIMOSTRAZIONE

Infatti, se |||| X 1, allora vale ||A|| Y ||A||. Se x = 0 allora = x/||x|| X ha norma


1 e quindi
||A|| ||A||Y =

1
||Ax||Y
||x||X

ossia la 5.31.
La 5.31 mostra che:
||BAx|| ||B|| ||Ax||Y ||B|| ||A|| ||x||X .
Prendendo lestremo superiore per ||x|| X 1, si trova la 5.32.

La disuguaglianza 5.32 nel caso in cui Z = Y = X mostra


||A2 || ||A||2
280

5.

SPAZI DI BANACH

e, pi in generale,
||An || ||A||n .

Conviene mostrare subito un modo equivalente per il calcolo di ||A||:

Teorema 5.81. Vale:


||A|| = min{M | ||Ax||Y M ||x||} .

5.33

DIMOSTRAZIONE

Indichiamo con M 0 il numero


M0 = inf{M | ||Ax||Y M ||x||}
e proviamo che M 0 = ||A||, ossia che
M0 =

sup
||x||X 1

||Ax||Y .

Ci in particolare mostra che lestremo inferiore un minimo.


La 5.31 implica che M0 ||A||. Per mostrare la disuguaglianza opposta, fissiamo
> 0 arbitrario. Vale, per ogni x,
||Ax||Y (M0 + ) ||x||X
e quindi, se ||x|| X 1,
||Ax||X (M0 + ) ||x||X M0 + .
Dunque, la disuguaglianza

||A|| M0 +

vale per ogni > 0. Passando allestremo inferiore rispetto a si trova


||A|| M0

5.34

e quindi luguaglianza 5.33.

281

5.

SPAZI DI BANACH

Possiamo ora tornare a considerare la diseguaglianza 5.29. Essa pu ora scriversi


0 || M ||x0 ||
||Ax

M=

sup
||x||1 xdomA

||Ax||

ossia
M.
||A||
M . dunque:
Per, A estende A e quindi || A||
estensione per continuit di A,
Corollario 5.82. La norma delloperatore A,
sup
||x||1 xdomA

||Ax|| .

Ossia, il calcolo della norma di un operatore lineare continuo definito su X pu


effettuarsi a partire da una sua restrizione ad un sottospazio denso in X.
Si lascia per esercizio di provare la seguente ulteriore caratterizzazione di ||A||:

Teorema 5.83. Vale:


||A|| = sup ||Ax||Y = sup
||x||=1

x =0

||Ax||Y
.
||x||X

Quando sia X che Y sono s.l.n-ti completi, ossia spazi di Banach, lo spazio degli
operatori lineari e continui da X in Y , normato nel modo che abbiamo appena
introdotto, si indica col simbolo L(X, Y ) oppure B(X, Y ). Due casi sono di uso
particolarmente frequente e ad essi si riservano simboli speciali: il caso in cui X = Y
ed il caso, importantissimo, X = F. Nel primo caso si usa il simbolo L(X) invece di
L(X, X); nel secondo caso si usa il simbolo X o X  invece di L(X, F). Lo spazio
X si chiama lo spazio duale di X.
Infine, esaminiamo il problema della completezza dello spazio L(X, Y ). La dimostrazione del teorema seguente usa la completezza dello spazio Y ma non quella
dello spazio X. Per questa dimostrazione abbiamo bisogno di ricordare che una
successione fondamentale anche limitata; e che la successione (A n ) limitata in
L(X, Y ) quando esiste un numero M , indipendente da n, tale che
||An || < M .
282

5.

SPAZI DI BANACH

Teorema 5.84. Lo spazio L(X, Y ) completo.


DIMOSTRAZIONE

Dobbiamo mostrare che ogni successione (A n ) fondamentale in L(X, Y ) anche convergente. Sia allora (A n ) fondamentale. Per definizione di norma in L(X, Y ), per ogni

> 0 esiste N tale che per n, m maggiori di N  vale


||An Am ||

ossia

sup
||x||X 1

||(An Am )x||Y
.

5.35

Segue che la successione (A n x) di elementi di Y fondamentale per ogni x di norma


minore o uguale ad 1; e quindi per ogni x X. Ci permette di definire loperatore B
dato da
Bx = lim An x .
Proviamo la linearit e la continuit di B e poi proviamo che lim A n = B.
Da
B(x + y) = lim An (x + y) = lim {An x + An y} = Bx + By
segue la linearit. La continuit segue perch, se ||x|| 1,
||Bx|| = || lim An x|| = lim ||An x|| M ||x||
con M indipendente da n perch la successione (A n ), essendo fondamentale,
limitata.2
Mostriamo ora che B = lim A n , ossia che
lim ||B An || = 0 .

5.36

E:
||B An || = sup ||(B An )x||Y .
||x||1

Sia
> 0 e sia N tale che, per n, m maggiori di N  , valga 5.35. Fissato x con ||x|| < 1,
scriviamo
||Bx An x||Y = ||(B Am )x + (Am An )x||Y ||(B Am )x||Y +
.

5.37

Si noti che in questa dimostrazione si usa anche la continuit della norma.

283

5.

SPAZI DI BANACH

Notiamo che questa disuguaglianza vale per ogni x con ||x|| 1 e per tutti gli
m > N .
Notiamo ora lesistenza di un opportuno m > N  (dipendente sia da x che da
) per
cui vale anche
||(B Am )x|| <
.
Dunque, la 5.37 d:
||Bx An x||Y inf {||(B Am )x||Y +
} 2

n > N .

Ci prova 5.36.

5.7.5 Inversi di un operatore


In dimensione finita, lequazione
Ax = y ,

x , y Cn

con x, y vettori ed A trasformazione lineare, risolubile per ogni y se e solo se


ker A = {0}
ed in tal caso esiste loperatore inverso A 1 di A che lineare e che verifica ambedue
le condizioni

AA1 = I
A1 A = I ;

anzi, se un operatore indicato con A 1 soddisfa una delle due uguaglianze precedenti
esso soddisfa anche la seconda ed loperatore inverso di A, si veda il paragrafo 5.1.23 .
La situazione pi complessa in dimensione infinita. Infatti:

Esempio 5.85. Un operatore pu avere nucleo nullo senza essere suriettivo. Per
esempio, sia X = Y = l 2 . Un operatore con tali propriet loperatore S dato da:
Sx = S(x1 , x2 , x3 , . . .) = (0, x1 , x2 , x3 , . . .) .

Si ricordi che x ed y appartengono ambedue a Cn . Se essi appartengono a spazi diversi allora


lultima affermazione falsa.

284

5.

SPAZI DI BANACH

Un operatore pu avere nucleo non nullo ed essere suriettivo: per esempio,ancora


con X = Y = l 2 , Un operatore con tali propriet loperatore T dato da:
T x = T (x1 , x2 , x3 , . . .) = (x2 , x3 , . . .) .
Dato che ker S = {0}, si pu definire un operatore A inverso di S, con dom A = im S
(si noti che, in questesempio particolare, A la restrizione di T ad im S). Dunque, A
verifica
ASx = x

x l2

ma non verifica SAx = x per ogni x di l 2 .


Invece, si verifica facilmente lesistenza di un operatore lineare B che verifica T Bx =
x per ogni x l 2 . Non vale per BT x = x per ogni x l 2 nonostante che si stiano
considerando trasformazioni da l 2 in s.

Queste considerazioni suggeriscono la seguente definizione:

Definizione 5.86. Sia K un operatore lineare, limitato o meno, da X in Y . Se un


operatore A, con dominio im K, verifica
AKx = x

x X ,

loperatore A si chiama inverso sinistro di K. Se un operatore lineare B verifica


KBy = y

y Y

loperatore B si chiama inverso destro di K.


Un operatore che sia inverso destro che sinistro di K si chiama inverso di K e si
indica col simbolo K 1 .

Si noti che la definizione di linearit stata esplicitamente richiesta nella definizione


di inverso destro, ma non in quella di inverso sinistro. Ci perch:

Teorema 5.87. Un operatore lineare K da X in Y ammette inverso sinistro se e


solo se ker K = {0}. In tal caso linverso sinistro unico, ed lineare.

285

5.

SPAZI DI BANACH

DIMOSTRAZIONE

Se esiste linverso sinistro A di K allora per ogni x domK vale:


x = AKx
e quindi se Kx = 0 si ha anche x = 0. Dunque, lesistenza dellinverso sinistro implica
ker K = {0}, ossia che K iniettivo.
Viceversa, sia ker K = {0}. Allora K, essendo lineare, (univoco e) iniettivo. Il suo
inverso sinistro loperatore che a Kx associa x.
La definizione di inverso sinistro mostra che il suo grafico in Y X linsieme
{(Kx, x) | x X}. Questo un s.spazio perc loperatore K lineare; e quindi anche
linverso sinistro, avendo per grafico un s.spazio, lineare, si veda il teorema 5.58.

Per contrasto si noti che linverso destro non unico e che possono anche esistere
operatori B non lineari che verificano luguaglianza KBy = y per ogni y:

Esempio 5.88. Sia X = Y = l 2 . Sia T loperatore introdotto nellesempio 5.85.


Per ogni numero naturale n e per ogni numero reale , definiamo B n, ponendo
Bn, (y1 , y2 , y3 , . . .) = (y1n , y1 , y2 , y3 , . . .) .
Loperatore Bn, non lineare se n > 1 ed lineare se n = 1. Per ogni scelta di n e
di si ha: T Bn, y = y per ogni y l 2 .
In particolare si vede la non unicit dellinverso destro perfino con la condizione che
esso debba essere lineare.
Le considerazioni precedenti suggeriscono di privilegiare lo studio dellinverso
sinistro. Approfondendo tale studio, notiamo che non c relazione tra continuit di
un operatore e continuit del suo inverso sinistro, come ora vediamo:

Esempio 5.89. Mostriamo lesempio di un operatore continuo ed invertibile, con


inverso sinistro non continuo.
Sia X = Y = l 2 e sia A loperatore definito da
1
1
1
A(x1 , x2 , x3 , x4 , . . .) = (x1 , x2 , x3 , x4 , . . .) .
2
3
4
286

5.

SPAZI DI BANACH

E facile vedere che loperatore A continuo e iniettivo, e che il suo inverso sinistro,
definito su im A, loperatore non continuo B:
B(y1 , y2 , y3 , . . .) = (y1 , 2y2 , 3y3 , . . .) .

Per avere un esempio di operatore illimitato il cui inverso limitato, si scambino i


ruoli degli operatori A e B appena introdotti.

E facile dare un test per la limitatezza dellinverso sinistro: sia B inverso sinistro di
A. Per definizione, loperatore B limitato se e solo se esiste > 0 tale che
||By||X ||y||Y

y domB .

Un elemento y in domB se e solo se esiste x per cui y = Ax e quindi la


disuguaglianza precedente equivale a
m||x||X ||Ax||Y

5.38

(con m = 1/ > 0). Questa condizione implica anche che ker A = {0}. Dunque:

Teorema 5.90. Loperatore A ammette inverso sinistro continuo se e solo se esiste


m > 0 (disuguaglianza stretta!) per cui vale 5.38.

La condizione 5.38 non di facile verifica ed in generale non facile costruire


lespressione esplicita dellinverso. Un caso semplice ed importante il seguente:

Teorema 5.91. Sia A L(X), con ||A|| < 1 (disuguaglianza stretta!) e si consideri
loperatore I A. Loperatore I A iniettivo e suriettivo, ossia invertibile, ed
(I A)1 =

+


Ak .

5.39

k=0

DIMOSTRAZIONE

Sia q < 1 tale che ||A|| < q, ossia tale che ||Ax|| q||x|| per ogni x. Vale:

||(I A)x|| = ||x Ax|| ||x|| ||Ax|| = ||x|| ||Ax|| (1 q)||x|| .

287

5.

SPAZI DI BANACH

Dunque, loperatore I A ammette linverso sinistro continuo, per il Teorema 5.90. Per
trovare unespressione per linverso sinistro consideriamo la serie in 5.39 (suggerita
dalla serie geometrica!) Mostriamo prima di tutto che essa converge in L(X). Per
questo consideriamo la successione delle somme parziali
Sn =

n
X

Ak .

k=1

Si ha:

n+m
n+m
n+m

X
X
X k

k
A
||Ak ||
q .
||Sn Sn+m || =

k=n+1

k=n+1

k=n+1

Essendo q [0, 1) si ha che la successione delle somme parziali fondamentale e


quindi convergente in L(X).
Notiamo che, in particolare,
||Ak || ||A||k q k

Per definizione
+
X

!
A

x=

lim
k

k=1

n
X

cos che

!
A

n
X

x = lim
k

k=1

lim Ak = 0 .
k

!
k

A x

k=1

+
X

Ak x .

k=1

Dunque:
+
X

!
A

k=0

= lim

(I A)x =

+
X

Ak x

k=0
n
X

A x
k

k=0

n
X

k+1

)
x

+
X

Ak+1 x

k=0

= lim{x Ak+1 x} = x

k=0

e quindi la serie in 5.39 rappresenta linverso sinistro di (I A). Con calcoli analoghi
si vede che anche inverso destro, e quindi inverso. In particolare segue che I A
suriettivo.

La serie 5.39 si chiama serie di von Neumann .


Sottolineiamo ora che un operatore ammette inverso quando ammette sia inverso
destro che sinistro; in particolare quando sia iniettivo che suriettivo. Conviene
indebolire un po questa definizione.
288

5.

SPAZI DI BANACH

Definizione 5.92. Sia A lineare da X in Y con dominio denso in X e con


immagine densa in Y . Sia A iniettivo. Linverso sinistro di A, definito su im A
ed a valori in dom A, si chiama inverso di A.
Il simbolo A1 si usa anche per indicare linverso di A, nel senso generalizzato che
abbiamo ora definito.

Notiamo infine:

Teorema 5.93. Siano A e B operatori lineari ambedue invertibili con


im B dom A .
Siano continui gli operatori inversi A 1 e B 1 . Allora (AB)1 esiste e vale
(AB)1 = B 1 A1 .

DIMOSTRAZIONE

Immediato, notando che dom AB = dom B e che


B 1 A1 ABx = x

5.8.

IL

TEOREMA DI

BAIRE

x domA .

E LE SUE CONSEGUENZE

Una semplice osservazione che vale in R 2 la seguente: gli iperpiani per 0 in questo
caso sono rette di equazione y = mx oppure x = 0. Esse sono parametrizzate dal
punto in cui intersecano la circonferenza x 2 + y 2 = 1. Dunque R2 non unione di
una famiglia numerabile di rette per 0; e questa osservazione si generalizza a rette
qualsiasi, ed a dimensione n > 2. Vediamo come questo risultato si estende ad un
generico spazio di Banach.
Proveremo il teorema seguente, non ovvio nemmeno in dimensione finita:

Teorema 5.94 (di Baire). Sia X uno spazio di Banach e sia (A n ) una successione
di s.insiemi di X, ciascuno dei quali chiuso e privo di punti interni. Allora,
289

5.

SPAZI DI BANACH

An = X .

Rimandando alla fine di questo paragrafo la dimostrazione, illustriamo varie


conseguenze importanti di questo teorema.
Notiamo prima di tutto che un s.spazio di X, diverso da X stesso, non ha punti interni.
Dunque vale in un generico spazio di Banach la propriet che abbiamo notato sopra
per R2 , che conviene enunciare come segue:

Teorema 5.95. Sia (X n ) una successione di s.spazi di uno spazio di Banach X.


Se X = Xn allora esiste n0 tale che X = Xn0 .
Il Teorema di Baire un potente strumento per lo studio delle propriet degli operatori
lineari tra due spazi di Banach X ed Y . Esso talvolta si usa direttamente; pi spesso
interviene grazie ai quattro teoremi seguenti. Il primo che presentiamo va sotto il nome
di Teorema di Banach-Steinhaus . Esso concerne s.insiemi A di L(X, Y ). Ricordiamo
che L(X, Y ) uno spazio normato e quindi ha senso investigare quando A un
s.insieme limitato di L(X, Y ). Ci avviene se esiste M tale che ||A|| M per ogni
A A.
Fissiamo ora un qualsiasi elemento x X e consideriamo linsieme dei valori
Ax, A A. Questo un s.insieme di Y che limitato se linsieme A limitato in
L(X, Y ). Infatti, ||Ax||Y ||A|| ||x|| M ||x|| per ogni A A. Il teorema di
Banach-Steinhaus permette di invertire questa propriet:

Teorema 5.96 (di Banach-Steinhaus). Sia A un s.insieme di L(X, Y ).


Supponiamo che per ogni x X esista un numero M x tale che
||Ax|| Mx

A A .

5.40

(Sottolineiamo: M x indipendente da A A). In questo caso A un s.insieme


limitato di L(X, Y ).
DIMOSTRAZIONE

Indichiamo con X n X linsieme


Xn = {x | ||Ax|| n A A} .

290

5.

SPAZI DI BANACH

La condizione 5.40 mostra che


[

Xn = X .

Consideriamo ora un operatore A A. Essendo A continuo, linsieme {x | ||Ax|| n}


chiuso e quindi
\

Xn =

{x | ||Ax|| n}

AA

esso stesso chiuso. Abbiamo quindi una famiglia di chiusi la cui unione X. Per il
Teorema di Baire, uno almeno deve avere punti interni. Sia esso X N . Esiste x0 XN
ed esiste
> 0 per cui
{x0 + x | ||x||
} XN .
Dunque, se ||x|| <
si ha
||Ax|| ||A(x + x0 )|| + ||Ax0 || N + ||Ax0 || = N + Mx0 = M ,
con M indipendente da A. Ci prova la limitatezza del s.insieme A di L(X, Y ).

Il Teorema di Banach-Steinhaus permette di passare da uninformazione puntuale,


la limitatezza dellinsieme dei valori assunti in ciascun punto x, ad una limitatezza
uniforme sulla sfera {x | ||x|| 1}. Per questo esso va anche sotto il nome di

Teorema della limitatezza uniforme.


In dimensione finita una trasformazione lineare invertibile non pu schiacciare un
aperto trasformandolo in un s.insieme di un s.spazio proprio. Si ricordi il ruolo
importante di questa propriet nella dimostrazione del teorema della funzione inversa
e della funzione implicita.
Una propriet analoga vale anche in spazi di Banach:

Teorema 5.97 (della mappa aperta). Siano X ed Y spazi di Banach e sia A


L(X, Y ). Se A suriettiva allora limmagine di ogni aperto di X un aperto di Y .
291

5.

SPAZI DI BANACH

Posponiamo la dimostrazione presentando invece due conseguenze del Teorema di


Baire che si provano pi facilmente mediante il teorema della Mappa aperta. Esse
riguardano questo problema: abbiamo visto che gli operatori lineari tra X ed Y
possono essere discontinui se X ha dimensione infinita. Gli esempi che abbiamo
visto di operatori discontinui sono per esempi di operatori il cui dominio non tutto
X. Ci chiediamo se quando il dominio tutto lo spazio allora loperatore debba essere
continuo. La risposta negativa:

Teorema 5.98. Siano X ed Y spazi di Banach. Esistono operatori lineari da X in


Y , definiti su X e non continui.

Si veda losservazione 5.133.


Per:

Teorema 5.99 (di Banach). Siano X ed Y spazi di Banach e sia A L(X, Y ) una
trasformazione lineare iniettiva da X in Y . Se limmagine di A chiusa allora la
trasformazione lineare A1 (definita su imA) continua.
DIMOSTRAZIONE

Ricordiamo che, per definizione di L(X, Y ), un operatore A L(X, Y ) ha dominio


uguale ad X.
Limmagine di una trasformazione lineare un s.spazio e in questo caso limmagine
chiusa; dunque limmagine di A essa stessa uno spazio di Banach. Sostituendo Y
con imA, possiamo supporre che A sia anche suriettiva.
La trasformazione inversa di A 1 , che A, suriettiva: per il teorema della mappa
1
`
L(X, Y ) trasforma aperti in aperti; e quindi A 1 continua.
aperta, A = A1

Diamo infine un test importante per provare la continuit direttamente di un operatore


(e non del suo operatore inverso).
292

5.

SPAZI DI BANACH

Si prova facilmente che se A L(X, Y ) (e quindi domA = X) allora il grafico di A


chiuso in X Y .
Vale anche limplicazione opposta:

Teorema 5.100 (del grafico chiuso). Siano X ed Y spazi di Banach e sia A un


operatore lineare da X in Y , con dominio uguale ad X. Se il grafico di A chiuso
allora A continuo.
DIMOSTRAZIONE

Indichiamo con G il grafico di A. Per ipotesi, G un s.spazio chiuso dello spazio di


Banach X Y ; e quindi esso stesso uno spazio di Banach.
Introduciamo i due operatori, ovviamente lineari e continui:
P :GY ,

P (x, Ax) = Ax

:GX,

(x, Ax) = x .

Oltre che continuo, loperatore suriettivo, perch domA = X per ipotesi; ed


iniettivo perch se Ax 1 = Ax2 allora x 1 = x2 . Dunque esiste 1 e, per il Teorema di
Banach, 1 continuo. Dunque,
Ax = P (1 x)
continua.

Bisogna notare che esistono anche operatori lineari il cui grafico chiuso ma che
non sono continui. Naturalmente, il loro dominio non sar tutto lo spazio. Definiamo
quindi:

Definizione 5.101. Sia A uno operatore lineare tra due spazi di Banach X ed Y .
Loperaore A si dice chiuso quando il suo grafico chiuso in X Y .

Lesempio seguente mostra che operatore chiusi ma non continui non solo esistono
ma sono anche importanti per le applicazioni:
293

5.

SPAZI DI BANACH

Esempio 5.102. Sia X = Y = C(0, 1) e sia


Ax = x .

domA = C 1 (0, 1) ,
Se x domA, vale

x(t) = x(0) +

x (s) ds .

Come si verifica facilmente, loperatore A non continuo. Proviamo che il suo


grafico chiuso. Consideriamo quindi una successione nel grafico che convergente
e mostriamo che essa converge ad un punto del grafico. Sia quindi
(xn , Axn ) (x0 , y0 ) .
Dobbiamo provare che x 0 domA e che Ax0 = y0 .
Si noti che y0 limite uniforme delle funzioni continue Ax n e quindi y0 una funzione
continua. Dunque dobbiamo provare che si pu scrivere
t
x0 (t) = x0 (0) +
y0 (s) ds .
0

Questa uguaglianza segue da



xn (t) = xn (0) +

xn (s) ds

e da

xn x0
x y
0
n

uniformemente su [0, 1]
uniformemente su [0, 1].

Osserviamo infine:

Corollario 5.103. Siano X, Y e Z tre spazi di Banach. Sia A L(X, Y ) e sia B


un operatore lineare chiuso da Y in Z. Se
im A dom B
allora loperatore composto BA continuo.
DIMOSTRAZIONE

Si vede facilmente che BA definito su X, ed chiuso. Dunque continuo.

294

5.

SPAZI DI BANACH

5.8.1 Proiezioni
Un operatore P L(X) si dice una proiezione se
P2 = P .
Si noti che le proiezioni vengono sempre a coppie. Infatti,

Teorema 5.104. Loperatore P una proiezione se e solo se loperatore I P


una proiezione. Inoltre, imP im(I P ) = {0}.
DIMOSTRAZIONE

Infatti,
(I P )(I P ) = I P P + P 2 = I P
se e solo se P 2 = P ossia se e solo se P una proiezione.
Se x = P x = (I P )x allora
P x = x P x

da cui

P x = P x P 2 x = P x P x = 0

e quindi x = P x  = 0.

Inoltre:

Teorema 5.105. Limmagine di una proiezione un s.spazio chiuso di X.


DIMOSTRAZIONE

Sia infatti (P x n ) una successione in imP , P x n y0 . Dobbiamo provare che y 0 imP .


Poniamo y n = P xn e notiamo che
P yn = P 2 x n = P x n y0
e daltra parte, essendo P continua, P y n = P 2 yn P y0 . Dunque, y 0 = P y0 imP .

Di conseguenza, ogni proiezione identifica sempre una coppia di s.spazi chiusi:


limmagine di P e quella di (I P ). Questi s.spazi hanno in comune solo lelemento
0. Inoltre, ogni x si rappresenta come
x = P x + (I P )x .
295

5.

SPAZI DI BANACH

Questa formula suggerisce un legame tra operatori di proiezione e complementare.


Vale infatti:

Teorema 5.106. Limmagine di una proiezione P un s.spazio chiuso di X, dotato


di complementare chiuso. Viceversa, sia X 1 un s.spazio di X chiuso e dotato di
complementare chiuso X 2 . Esiste una proiezione P la cui immagine X 1 .
DIMOSTRAZIONE

Sia P una proiezione ed X 1 = imP . Definiamo


X2 = im(I P ) .
Si gi visto che X 1 X2 = {0} e
X1 + X2 = {P x + (I P )y | x X , y Y } = X .
Dunque, limmagine di P un s.spazio dotato di complementare.
Viceversa, sia
X = X1 X2 ,
somma diretta di due s.spazi chiusi. Questo vuol dire che per ogni x esistono x 1 ed x2
unici e tali che
x = x1 + x2 .

5.41

Si definisca P x = x1 = x1 + 0. Segue da qui che P (P x) = x 1 .


Loperatore P lineare perch se x  = x1 + x2 , x = x1 + x2 , allora x  + x =
(x1 + x2 ) + (x1 + x2 ) = (x1 + x2 ) + (x1 + x2 ); e quindi P (x  + x ) =
(x1 + x2 ) = P x + P x . Se possiamo provare la continuit di P , abbiamo che P
una proiezione.
Loperatore P definito su X e quindi, per provare che continuo, basta provare
che chiuso. Sia quindi (x n ) una successione convergente ad x 0 e sia yn = P xn .
Supponiamo che (y n ) converga ad y 0 .
Luguaglianza 5.41 mostra lesistenza di un elemento z n X2 tale che
x n = P x n + z n = yn + z n .
Di conseguenza, anche la successione (z n ) converge, a z 0 = x0 y0 .

296

5.

SPAZI DI BANACH

I s.spazi essendo chiusi, vale y 0 X1 , z0 X2 . Essendo inoltre


si ha P x0 = y0 .

x 0 = y0 + z 0 ,

Segue da qui che loperatore P chiuso e quindi continuo; dunque una proiezione.

Si consideri ora un esempio.

Esempio 5.107. Sia X = R 2 normato dalla usuale norma


||(, )|| =


2 + 2

e siano
X1 = {(, 0) | R} ,

X2 = {r(cos , sin ) | r R}

ove (0, /2) fissato. Dunque, X 2 una retta per lorigine, non coincidente con
X1 .
Ogni punto x = (, ) pu rappresentarsi nella forma
x = (

cos , 0) +
(cos , sin ) ,
sin
sin

si veda la figura seguente.


Loperatore P :
P (, ) = (

cos , 0)
sin

una proiezione.
Loperatore P dipende dalla scelta di , P = P .
La norma di P

cos

sin

max
|cotg | .
2 + 2 =1
2 + 2
Dunque,
lim ||P || = + .

297

5.

SPAZI DI BANACH

1.5

0.5

0.5

1.5

Fig. 5.3.

5.8.2 Appendice: Applicazioni


Il Teorema di Baire e le sue conseguenze sono strumenti potenti per provare lesistenza
di oggetti dalle propriet strane. Mostriamo due esempi.
Si costruiscono esplicitamente, come somma di serie uniformemente convergenti
di funzioni continue, delle funzioni che, pur essendo continue, non hanno derivata in
nessun punto. Una dimostrazione, dovuta a Banach, dellesistenza di tali funzioni si
basa sul Teorema di Baire.

Teorema 5.108. Esistono funzioni continue su un intervallo [a, b], ovunque prive di
derivata.
DIMOSTRAZIONE

Consideriamo in C(0, 1) il s.insieme A n i cui elementi sono funzioni f con questa


propriet: esiste x [0, 1

1
]
n

ed esiste h (0, 1 x) tale che

|f (x + h) f (x)| nh .

298

5.

SPAZI DI BANACH

Si prova che:
Linsieme A n chiuso e privo di punti interni.
Accettando queste propriet che proveremo pi avanti, il Teorema di Baire mostra che
esiste una funzione continua f (x) che non appartiene a A n .
Se f
/ An allora per ogni x e per ogni h vale
|f (x + h) f (x)| > nh
e ci per ogni n; ossia il rapporti incrementale illimitato e quindi la derivata f  (x) non
esiste, e ci per ogni x.
Per completare la dimostrazione, mostriamo che gli insiemi A n sono chiusi e privi di
punti interni.
Proviamo prima di tutto che A n chiuso. Sia per questo f k f (uniformemente su
[0, 1]), con fk An . Dunque, esiste x k [0, 1 1/n] tale che
|fk (xk + h) fk (xk )| nh .
Passando ad una s.successione, si pu assumere x k x0 [0, 1 1/n]. Vale:
|f (x0 + h) f (x0 )|
|f (x0 + h) fk (x0 + h)|

5.42

+|fk (x0 + h) fk (xk + h)|

5.43

+|fk (xk + h) fk (xk )|

5.44

+|fk (xk ) fk (x0 )|

5.45

+|fk (x0 ) f (x0 )| .

5.46

Il termine 5.44 verifica


|fk (xk + h) fk (xk )| nh
Essendo f limite uniforme di f k , per k sufficientemente grande i due addendi 5.42 ed5.46
sono minori di un prefissato
> 0.
Usiamo ora il Teorema di Ascoli-Arzel: essendo convergente, la successione (f k )
equicontinua e: ||(x 0 +h)(xk +h)|| 0. Dunque, per k grande, anche gli addendi 5.43
e 5.45 sono minori di
.

299

5.

SPAZI DI BANACH

0.6

0.5

0.4

0.3

0.2

0.1

0
x
0.1

10

Fig. 5.4.

Ricapitolando, la funzione f verifica, per ogni


> 0,
|f (x0 + h) f (x0 )| nh + 4

e, essendo
arbitrario, |f (x 0 + h) f (x0 )| nh .

Ci prova che ciascuno degli insiemi A n chiuso. Proviamo ora che ciascuno di essi
/ An
privo di punti interni. Fissato n ed f A n , proviamo che per ogni
> 0 esiste
che dista da f meno di
.
Si sa che esistono funzioni g continue e lineari a tratti tali che
||f g|| <
/2 .
Basta quindi provare che data una qualunque g continua e lineare a tratti si pu
costruire
/ An , che dista meno di
/2 da g. Sia per questo
(x) = distanza di x dallintero pi vicino.
Il grafico di (x) in figura 5.4:
Fissiamo quindi una funzione g lineare a tratti. Essa lipschitziana e quindi soddisfa
|g(x) g(x )| < r|x x | per un r opportuno. Sia la funzione
(x) = g(x) +
(mx) .

300

5.

SPAZI DI BANACH

Chiaramente, per ogni m, ||g ||


/2. Vogliamo mostrare che, per unopportuna
scelta di m,
/ A n . Notiamo



|(x) (x )|
|(mx) (mx )| |g(x) g(x )|

=
m|x x | |g(x) g(x )| (
m r)|x x |

se m > r/
, con x tale che |x x  | < 1/2m. Se ora m verifica anche m > (n + r)/
,
allora
/ A n . Ci completa la dimostrazione.

Sia ora f (x) una funzione continua su [, ]. Si associ ad essa la serie


+


fn einx ,

fn =

n=

1
2

f (s)eins ds

che si chiama la serie di Fourier della funzione f (x). Sotto ipotesi di regolarit, per
esempio se la funzione f (x) di classe C 1 e inoltre f () = f (), la serie converge
ad f (x) e questa condizione pu indebolirsi, ma non fino alla sola continuit. Infatti:

Teorema 5.109. Esiste una funzione continua f su [, ] tale che f (0) = f (2)
e tale che inoltre la serie di Fourier ad essa associata non converge in nessun punto.
DIMOSTRAZIONE

Indichiamo con C P (, ) il s.spazio di C(, ) i cui elementi sono funzioni continue


che verificano
f () = f () .
Si vede facilmente che questo un s.spazio chiuso di C(, ), e quindi esso stesso
uno spazio di Banach.
Studiamo le somme parziali della serie di Fourier. Indichiamo per questo con F N
loperatore definito su C P (, ) da
(FN f )(x) =

N
X

fn einx =

n=N

1
2

f (s)

N
X

ein(xs) ds .

n=N

Si provi che
DN (x) =

N
X
n=N

einx =

sin(N + 1/2)x
.
sin x/2

La funzione D N (x) si chiama nucleo di Dirichlet.

301

5.

SPAZI DI BANACH

Dunque,
(FN f )(x) =

1
2

f (s)

sin[(N + 1/2)(x s)]


ds .
sin[(x s)/2]

Facciamo vedere che esiste una funzione f CP (, ) tale che


sup |(FN f)(x)| = +
N

per ogni x. Ci vuol dire che la serie di Fourier di questa funzione f non converge per
nessun valore di x.
Per completare la dimostrazione basta quindi provare lesistenza di f. Supponiamo
che tale funzione f non esista. Allora esiste un punto x 0 [, ] tale che per ogni
f CP (, ) si ha:
sup |(FN f )(x0 )| < + .
N

In tal caso per ogni f C P (, ) esiste Mf per cui


|(FN f )(x0 )| < Mf
per ogni N . E quindi, per il teorema di BanachSteinhaus, esiste M = M (x 0 ),
indipendente da N , tale che
|(FN f )(x0 )| < M (x0 )||f ||CP (,) .
Indicando con F x0 ,N il funzionale che ad f C P (, ) associa (FN f )(x0 ), la
disuguaglianza precedente si scrive
||Fx0 ,N || < M (x0 ) ;

5.47

ossia, la famiglia dei funzionali lineari e continui F x0 ,N limitata.

Calcoliamo

esplicitamente la norma del funzionale F x0 ,N e mostriamo che ci non vale.


Per semplicit limitiamoci a fare il calcolo con x 0 = 0. In questo caso
Z
1
F0,N f =
DN (t)f (t) dt .
2
e
|F0,N f |

302

1
2

|DN (t)f (t)| dt

1
2

|DN (t)| dt ||f ||CP (,)

5.

SPAZI DI BANACH

cos che
||F0,N ||

1
2

|DN (t)| dt .

5.48

In realt vedremo che vale luguaglianza. Accettando ci,

Z
Z
sin[(N + 1/2)t]
1
1

dt
|DN (t)| dt =
||F0,N || =

2
2
sin t/2

Z
Z (N+1/2)
sin[(N + 1/2)t]
| sin t|
1
dt = 2

dt
>


t
0
t
Z (k+1)
N1 Z
N1
X
2
2 X (k+1) | sin t|
dt
| sin t| dt

t
(k + 1) 2 k
k
k=0

k=0

2n
1
4 X
= 2
+ .
k=0 (k + 1)

Ci contrasta con la 5.47 e mostra che la funzione f esiste.


Accenniamo ora alla dimostrazione del fatto che luguaglianza vale nella formula 5.48.
Per mostrare ci sufficiente trovare una successione di funzioni (f k ) di norma al pi
uguale ad 1 e tale che
lim |F0,N fk | =
k

1
2

|DN (t)| dt

5.49

Introduciamo per questo la funzione


y(x) = sign DN (x)
e una successione (f k ) di funzioni continue convergente puntualmente ad y e inoltre
limitata da 1. Luguaglianza 5.49 vale per questa successione di funzioni.
Ci completa la dimostrazione.

5.8.3 Dimostrazioni posposte

Dimostrazione del TEOREMA 5.94, Teorema di Baire.


Premettiamo unosservazione: Sia B n una successione di palle contenuta ciascuna
nella precedente:
Bn = {x | ||x xn || < n } {x | ||x xn1 || < n1 } = Bn1
303

5.

SPAZI DI BANACH

cos che
||xn xn+m || < n .
Sia lim n = 0. Da
||xn xn+m || < n
si vede che la successione (xn ) fondamentale ossia convergente,
lim xn = x .
Il punto x appartiene alla chiusura di B n per ogni n:
x

'

cl Bn .

Sia ora (An ) una successione di insiemi chiusi e (B n ) una successione di palle con le
propriet appena dette e tali che, inoltre,
(cl Bn ) An = .

5.50

Allora, x
non appartiene a A n per nessun n, grazie alla 5.50:
%
x

/
An .
Per provare il Teorema di Baire, costruiamo una successione di palle B n che ha le
propriet dette sopra rispetto alla successione di insiemi (A n ), chiusi e privi di punti
/ A1 e
interni. Ci porter a trovare che x

/ A n e quindi AN = X. Scegliamo x1
una palla B1 di centro x1 e raggio minore di 1, tale che (cl B 1 ) A1 = . Sia 1 > 0
il suo raggio. Non restrittivo assumere  1 < 1.
La palla B1 esiste perch A1 chiuso e, essendo privo di punti interni, non uguale
ad X.
La palla B1 non contenuta in A 2 perch A2 non ha punti interni.

Dunque in

/ A2 e quindi interno al complementare dellinsieme chiuso


B1 esite un punto x2
A2 . Possiamo quindi scegliere una palla B 2 di centro x2 , contenuta in B 1 e di raggio
minore di  1 /2 < 1/2, tale che (cl B2 ) A2 = .
Sia 2 > 0 il raggio di B2 .
Procedendo per induzione, scelti i punti x 1 , . . . , xk e le corrispondenti palle B 1 , . . . ,
/ Ak+1 e una sfera di centro x k+1 e raggio
Bk , scegliamo in Bk un punto xk+1
304

5.

SPAZI DI BANACH

minore di  k /2 < 1/2k , tale che (cl Bk+1 ) Ak+1 = . Sia k+1 > 0 il raggio di
questa sfera.
La costruzione dei punti x k e delle palle Bk pu farsi perch gli A k non hanno punti
interni e sono chiusi.
Dato che k 0, esiste x
= lim xk e x
n cl Bn , ossia x
cl Bn . Se fosse
x
Ak allora avremmo x A j per almeno un indice j. E quindi avremmo
cl Bj . Ci contrasta con la costruzione di B j
contemporaneamente x
Aj , x
e quindi x

/ Ak . Ossia
%

Ak = X ,

come si voleva provare.

Dimostrazione del TEOREMA 5.97, Teorema della mappa aperta.


In questa dimostrazione interverr la differenza algebrica di insiemi C, D di Y :
C D = {c d | c C , d D} =

(C d) .

dD

Si noti che C C = (e anche che C C = 0, salvo nel caso in cui C ha un unico


elemento).
Se C ha interno non vuoto anche
C D =

(C d)

dD

ha interno non vuoto grazie alla continuit delle traslazioni, per ogni insieme D (e
quindi anche per D = C).
Inoltre, se C contiene punti interni, allora (cl C) (cl C) contiene un intorno di 0.
Proviamo ora il teorema 5.97. Ricordiamo che per definizione, un operatore A
L(X, Y ) ha dominio uguale ad X.
Per provare che loperatore A, suriettivo, trasforma aperti in aperti, sufficiente
mostrare che limmagine di una palla
BX,r = {x X | ||x|| < r}
305

5.

SPAZI DI BANACH

contiene una palla B Y, ,


BY, = {y Y | ||y|| < } .
Ci prova che A0 interno ad im A e, per traslazione, si trova che Ax 0 interno ad
im A per ogni x0 (nuovamente, si usa la continuit delle traslazioni).
Precisamente, proveremo che esiste un intorno W di 0 in Y che contenuto in
A(BX,2 ). Useremo per questo linclusione seguente, che vale per ogni r > 0 ed
r > 0:
BX,r BX,r BX,r+r .

5.51

Consideriamo le palle
BX,2n = {x X | ||x|| < 2n } .
Dato che
X=

BX,2n

e che A suriettivo, si trova


Y =

cl (A(BX,2n ))

e quindi, per il teorema di Baire almeno uno degli insiemi cl (A(B X,2n )) ha
punti interni. Moltiplicando per numeri positivi si vede che ciascuno degli insiemi
cl (A(BX,r )) contiene punti interni, grazie alla continuit della moltiplicazione per
scalari.
Da 5.51 si ha che
cl A(BX,r ) cl A(BX,r ) cl [A(BX,r ) A(BX,r )] cl A(BX,2r )
e quindi ciascun insieme cl A(BX,2r ) contiene un intorno di 0. Naturalmente, r
arbitrario: ogni insieme cl A(B X,r ) contiene un opportuno intorno di 0.
Rimane da provare che A(B X,r ) stesso contiene un intorno di 0. Sia W un intorno
di 0 contenuto in cl A(B X,1 ). Completiamo la dimostrazione mostrando che W
A(BX,2 ). Per questo basta provare
306

5.

SPAZI DI BANACH

cl A(BX,1 ) A(BX , 2) .
Ci mostriamo ora. Sia per questo y cl A(B X,1 ). Mostriamo che y A(B X,2 ).
Si sa che cl A(BX,1/2 ) contiene un intorno di 0. Dunque esiste x 1 BX,1 tale che
||
y Ax1 || cos piccolo da aversi y Ax 1 cl A(BX,1/2 ).
In modo analogo, cl AB X,1/4 contiene un intorno di 0 e quindi esiste x 2 BX,1/2
per cui (
y Ax1 ) Ax2 cl A(BX,1/4 ). Iterando questo procedimento per ogni n
si trova
x1 BX,1

tale che

y Ax1 cl A(BX,1/2 )

cio

||
y Ax1 || 1/2

x2 BX,1/2

tale che

(
y Ax1 ) Ax2 cl A(BX,1/4 )

cio

||(
y Ax1 ) Ax2 || 1/4

tale che

cio

||
y

.
.
.
xn BX,1/2n

Pn

k=1

Axn cl A(BX,1/2n )

Pn

k=1

Axn || 1/2n .

Sia ora

x=

+


xi

cos che

i=1

+

1
||x||
< 2.
n
2
i=1

Per questo vettore x vale


||
y Ax|| = lim ||
y Axn || lim

1
= 0,
2n

ossia y = Ax

con ||x|| < 2 .

Ci mostra che ogni y cl A(B X1 ) anche in A(BX,2 ) e conclude la dimostrazione.

5.9.

L O SPAZIO

DUALE

Abbiamo gi visto la relazione tra i funzionali lineari e continui su X e la nozione


geometrica di iperpiano. Ci suggerisce di studiare pi a fondo i funzionali lineari
continui, sia singolarmente che nel loro insieme, studiando le propriet dello spazio
di Banach X .
E ovvio che il funzionale 0, quello che ad ogni elemento di X associa lelemento
nullo del campo scalare, in X . Non affatto ovvio che esistano altri elementi di
X . Infatti:
307

5.

SPAZI DI BANACH

Teorema 5.110. Esistono spazi lineari X, dotati di una metrica rispetto alla quale
le operazioni di somma e moltiplicazioni per scalari sono continue e su cui nessun
funzionale lineare diverso da 0 continuo.

Ossia, in tal caso, nello spazio X non si trovano iperpiani.


La dimostrazione posposta.
E quindi estremamente importante sapere che se X uno spazio di Banach allora X
ha molti elementi. Ci conseguenza del teorema seguente:

Teorema 5.111 (di Hahn-Banach). Sia X uno s.l.n. e sia Y un suo s.spazio. Sia
L0 un funzionale lineare continuo su Y . Esiste unestensione di L ad X tale che
||L||X = sup{|Ly| | y Y , ||y||X = 1} .

Ossia, ogni funzionale lineare e continuo su Y pu estendersi ad X senza alterarne la


norma.
Si noti che nellenunciato precedente si pu assumere che Y sia chiuso, perch
loperatore L 0 si pu estendere per continuit alla chiusura del suo dominio.
Per certe applicazioni (allo studio degli insiemi convessi, si veda il paragrafo 5.9.1)
necessario provare una versione un po pi generale del Teorema 5.111; ossia
necessario provare i due teoremi seguente:

Teorema 5.112. Sia X uno spazio lineare su R. Esista una funzione p: X R


1. positivamente omogenea, ossia tale che p(tx) = tp(x) per ogni x e per ogni
t 0;
2. subadditiva, ossia tale che p(x + y) p(x) + p(y) per ogni x, y in X.

Sia Y un s.spazio di X e sia L 0 un funzionale lineare definito su Y , tale che


L0 x p(x)
308

x Y .

5.

SPAZI DI BANACH

Esiste unestensione L di L 0 ad X che verifica


Lx p(x)

x X .

Teorema 5.113. Sia X uno spazio lineare su C e sia p da X in R una funzione tale
che:
1. p(tx) = |t| p(x) per ogni x in X e per ogni t C;
2. p(x + y) p(x) + p(y).
Sia Y un s.spazio di X e sia L 0 un funzionale lineare definito su Y , tale che
|L0 x| p(x)

x Y .

5.52

Esiste unestensione L di L 0 ad X che verifica


|Lx| p(x)

x X .

Posponiamo le dimostrazioni, notando che la dimostrazione del Teorema 5.113 si


ridurr, con un opportuno artificio, a quella del Teorema 5.112.

Dimostrazione del TEOREMA 5.111. La dimostrazione discende immediatamente


dai Teoremi 5.112 e 5.113. Sia
M = sup{|L0 x| | x Y , ||x|| = 1} ,

p(x) = M ||x|| .

Nel caso reale, dal Teorema 5.112 si vede lesistenza di L, funzionale lineare su X,
che estende L0 e tale che
Lx M ||x||
e quindi anche
Lx = L(x) M || x|| = M ||x||
ossia
|Lx| M ||x|| .

5.53

309

5.

SPAZI DI BANACH

Nel caso complesso la disuguaglianza 5.53 figura direttamente nellenunciato del


Teorema 5.113. Dunque il Teorema 5.111 vale.
Mostriamo ora alcune conseguenze importanti. La prima che X , duale di X, ha
molti elementi. Pi precisamente,

Teorema 5.114. Per ogni x 0 = 0 in X ed ogni m F, esiste L X tale che


||L|| =

Lx0 = m ,

m
.
||x0 ||

5.54

DIMOSTRAZIONE

Si sceglie come spazio Y la retta per 0 ed x 0 ,


Y = {x0 | F} .
Il s.spazio ha dimensione 1 e su esso facile definire
L0 (x0 ) = m .
Il funzionale L 0 verifica 5.54 sui soli elementi di Y . Si usa quindi il Teorema di HahnBanach per estendere L ad X.

In particolare si pu segliere m = 1 oppure m = ||x 0 || oppure m = ||x0 ||2 . In


particolare, con questultima scelta si trova
||L|| = ||x0 || .
Invece, scegliendo m = ||x 0 ||, si trova

Corollario 5.115. Sia x 0 X. Vale:


||x0 || =

max

||L||X =1

|Lx0 | .

DIMOSTRAZIONE

Si fissi x0 = 0 in X. Per ogni L X di norma 1 si ha:


|Lx0 | ||x0 || ,

310

ossia

sup
||L||X =1

||Lx0 || ||x0 || .

5.

SPAZI DI BANACH

Il funzionale definito in 5.54 con m = ||x0 || ha norma 1 e per esso


|Lx0 | = ||x0 || .

Osservazione 5.116. Lasserto del corollario precedente somiglia alla definizione


della norma di un funzionale,
||L|| = sup |Lx|

5.55

||x||=1

Ma abbiamo provato che In generale, lestremo superiore in 5.55 non un massimo,


si veda il teorema 5.73.
Ci mostra una prima differenza importante tra uno spazio ed il suo duale, che
commenteremo in seguito nel contesto del Teorema di Banach-Alaoglu, Teorema 5.150.

Il Teorema 5.114 in particolare afferma che se un elemento x 0 diverso da 0 allora


esiste un funzionale L di X che lo vede non nullo; e, traslando, se x 1 = x0 , esiste
un L X tale che
Lx1 = Lx0 .
Dunque, X ha cos tanti elementi da distinguere quelli di X. Geometricamente,
abbiamo provato lesistenza di un iperpiano che non contiene ambedue gli elementi
x0 ed x1 . Questa osservazione pu essere estesa fino a separare mediante iperpiani
due insiemi convessi tra loro disgiunti. Prima di studiare gli insiemi convessi conviene
per introdurre una notazione comoda per indicare lazione degli elementi di X su
X. Invece di scrivere Lx, Ax ecc, usa scrivere 4
f, x

In realt la notazione comunemente usata , . Noi usiamo la notazione ,  perch la


notazione ,  si usa anche per indicare i prodotti interni nel contesto degli spazi di Hilbert.
Dato che vedremo una relazione tra funzionali lineari e prodotti interni, opportuno essere
precisi nel distinguere gli uni dagli altri.

311

5.

SPAZI DI BANACH

per indicare il valore che il funzionale f X assume sullelemento x X (si


noti: lelemento di X scritto prima di quello di X. In altri testi si trova scritto
dopo). Inoltre, per distinguere immediatamente gli elementi di X da quelli di X , usa
indicare questi ultimi con lettere greche, o con simboli del tipo x , y ecc. se i simboli
x, y,. . . si riservano agli elementi di X.

5.9.1 Applicazioni: Insiemi convessi


Per semplicit supponiamo che il campo scalare sia R.
Ricordiamo che un insieme A non vuoto si dice convesso quando ogni segmento di
estremi in A tutto contenuto in A; ossia quando
x , y A = tx + (1 t)y A

t [0, 1] .

Si verifica facilmente che gli iperpiani ed i semispazi sono insiemi convessi e che
lintersezione di una qualsiasi famiglia di insiemi convessi un insieme che, se non
vuoto, convesso.
Siano ora A e B due insiemi e sia x X . Si dice che liperpiano
{x | x , x = }

separa i due insiemi A e B se


A {x | x , x } ,

B {x | x , x } .

Si dice che la separazione stretta se esiste  > 0 tale che


A {x | x , x } ,

B {x | x , x } .

E ovvio che in generale due insiemi disgiunti non possono essere separati da
iperpiani, si veda la figura 5.5 a sinistra. Per avere buoni risultati di separazione
dovremo lavorare con insiemi convessi. La figura 5.5 a destra mostra che insiemi
convessi e disgiunti non possono, in generale, separarsi strettamente.
Valgono per i due teoremi seguenti, la cui dimostrazione viene posposta:

312

5.

SPAZI DI BANACH

3
y

y
2

0
x

3
0.5

0.5

1.5

2.5

3.5

4.5

Fig. 5.5.

Teorema 5.117. Sia A X un convesso aperto. Se x 0


/ A allora esiste un
iperpiano che separa x 0 da A; ossia esiste x X tale che
x , x x , x0 

x A .

Teorema 5.118. Siano A, B convessi e disgiunti. Si ha:


Se A aperto, esiste un iperpiano che separa A e B;
se A chiuso e B compatto allora esiste un iperpiano che separa
strettamente A e B.

Di conseguenza:

Teorema 5.119. Sia H un s.spazio chiuso dello spazio di Banach X. Vale H = X


se e solo se esiste x X , x = 0, tale che
H ker x .
DIMOSTRAZIONE

Se H = X, esiste x0
/ H e quindi per la seconda affermazione del Teorema 5.118,
x0 si separa strettamente da H: esistono
> 0 ed x tale che
x , x0 
,

x , h , h H .

313

5.

SPAZI DI BANACH

Essendo H un s.spazio, segue


x , h = x , h .
Dunque, x , h = per ogni h H. Essendo H un s.spazio, 0 appartiene ad H e
quindi x , 0 = , ossia = 0. Si ha dunque
x , h = 0

h H ,

come volevamo.
Il viceversa ovvio.

Inoltre,

Teorema 5.120. Se X separabile, anche X lo .


DIMOSTRAZIONE

Sia {xn } un s.insieme denso in X . Si scelgano elementi x n X di norma 1 e tali che

n = ||xn || .
xn , xn  n ,

2
Combinando linearmente gli x n , con coefficienti razionali, si trova un s.insieme A numerabile di X. Procedendo per assurdo, mostriamo che A denso in X, che pertanto
separabile.
Se A non fosse denso in X, la sua chiusura sarebbe un s.spazio H di X diverso da
X. Dunque, per il Teorema 5.119, si potrebbe trovare X tale che
A H ker .
Si sa che = lim xnk per una opportuna successione (x nk ) cos che

0 = lim || xnk ||X lim xnk , xnk 

= limxnk , xnk  lim n

2
e quindi lim n = 0. Daltra parte, mentre
0 = || ||X = lim ||xnk ||X = lim nk .

314

5.

SPAZI DI BANACH

La contraddizione trovata completa la dimostrazione.

Osservazione 5.121. Invece, il duale di uno spazio separabile pu non essere


separabile.

Mostreremo infatti che l isometricamente isomorfo al duale di l 1 .

Si sa gi che l non separabile mentre facile verificare che l 1 lo .

Unulteriore conseguenza importante del Teorema 5.118 la seguente: ogni insieme


A, anche non convesso, contenuto nellintersezione dei semispazi che lo contengono.
Se A convesso vale:

Teorema 5.122. Un insieme A non vuoto convesso e chiuso se e solo se


intersezione dei semispazi chiusi che lo contengono.
DIMOSTRAZIONE

Lintersezione di una famiglia di chiusi un chiuso e lintersezione di una famiglia di convessi, se non vuota, un convesso. Dunque, se linsieme non vuoto A intersezione
dei semispazi chiusi che lo contengono, A convesso e chiuso.
Viceversa, sia B lintersezione dei semispazi chiusi che contengono linsieme A. In
generale, B A. Dobbiamo provare che se A convesso e chiuso allora vale lugua/ A allora, per il Teorema 5.118, esiste
glianza. Per questo basta notare che se x 0
un iperpiano che separa strettamente A da x 0 . E quindi x 0 non appartiene nemmeno
a B.

Si chiamano iperpiani di supporto allinsieme convesso e chiuso A quelli che godono


della seguente propriet: esiste x 0 A tale che
A {x | x , x x , x0 } .
Pi precisamente, in questo caso si dice che liperpiano di supporto nel punto x 0 .
Naturalmente, se esiste un iperpiano di supporto ad A in x 0 allora x0 non interno ad
A. Pi precisamente:
315

5.

SPAZI DI BANACH

Teorema 5.123. Sia A un convesso con interno non vuoto. Per ogni x 0 A, esiste
almeno un iperpiano di supporto ad A in x 0 .
DIMOSTRAZIONE

Usiamo la propriet seguente degli insiemi convessi, che non proviamo:

se A

convesso ed il suo interno non vuoto allora linterno di A convesso e denso


in A.
Dunque int A un convesso, ovviamente separato da x 0 A: per il Teorema 5.117,
esiste x tale che
x , x < x , x0 

x intA

e la disuguaglianza, non stretta, si estende per continuit ad A.


Liperpiano di supporto
{x | x , x = x , x0 } .

Osservazione 5.124. Il teorema precedente pu anche estendersi al caso in


cui linterno di A vuoto. Essendo A convesso, si prova lesistenza di un pi
piccolo s.spazio (traslato) contenente A. Il teorema si pu enunciare in tale
s.spazio. Non insistiamo su ci.
La figura 5.6 mostra che uno stesso iperpiano pu essere di supporto in infiniti
punti, e che in un punto si possono avere infiniti iperpiani di supporto.
Abbiamo dunque due modi di descrivere un insieme convesso e chiuso, tra loro
equivalenti: il primo consiste nellelencare i punti dellinsieme ed il secondo consiste
nellelencare gli iperpiani di supporto allinsieme. Questo secondo modo assume un
aspetto particolare nel caso in cui linsieme A lepigrafo di una funzione, caso che
ora andiamo a studiare.

5.9.2 Applicazioni: Funzioni convesse


Ancora, supponiamo di lavorare in spazi lineari su R e studiamo certe propriet
delle funzioni convesse definite su uno spazio di Banach X.
316

Per semplicit

5.

SPAZI DI BANACH

4
4

Fig. 5.6.

supporremo che esse siano definite su insiemi, ovviamente convessi, dotati di punti
interni.
Ricordiamo che si chiama epigrafo di una funzione f definita su X, a valori reali,
linsieme
Epi(f ) = {(x, t) | t f (x)} X R .
E facile provare:

Teorema 5.125. La funzione f convessa se e solo se il suo epigrafo un insieme


convesso.
Un iperpiano di supporto in (x 0 , t0 ) alla chiusura dellepigrafo di f rappresentato da
una coppia (x , ) X R tale che, per ogni punto (x, t) dellepigrafo, valga
x , x + t x , x0  + t0
ossia
x , (x x0 ) () (t t0 ) .

5.56

Notiamo che se = 0 si ha
x , x x , x0 

x domf .
317

5.

SPAZI DI BANACH

In questo caso x0 deve appartenere alla frontiera di domf . Supponendo di lavorare in


punti interni al dominio, avremo = 0 e si ha > 0. Infatti: se x = 0 allora
deve essere
0 ()(t t0 )

t t0

ossia > 0.

Dunque non restrittivo assumere = 1 perch dividendo i due membri per si


vede che la 5.56 pu scriversi
x , x x0  t t0 .
Supponiamo ora che lepigrafo di f sia chiuso. In questo caso t 0 = f (x0 ) mentre
t f (x). Dunque:

Teorema 5.126. Se lepigrafo di f chiuso allora il funzionale (x , 1) X R


di supporto allepigrafo di f in (x 0 , f (x0 )) se e solo se
x , x x0  f (x) f (x0 )

x domf .

5.57

La 5.57 si scrive anche


f (x) x , x x0  + f (x0 )
e quindi, se f (x) convessa,
il grafico sopra a tutti gli iperpiani di supporto;
il numero f (x) lestremo superiore dei valori delle funzioni lineari affini il
cui grafico sotto quello di f . Lestremo superiore un massimo, in ogni
punto x, se lepigrafo chiuso.
La 5.57 e la pratica con i grafici delle funzioni da R in R suggerisce:

Definizione 5.127. Un funzionale x che verifica

5.57

si chiama un sottodifferen-

ziale di f in x0 .
Linsieme dei sottodifferenziali di f in x 0 si chiama il sottodifferenziale di f in x 0 .
Il sottodifferenziale di f in x0 si indica col simbolo f (x0 ).
318

5.

SPAZI DI BANACH

Osserviamo che il sottodifferenziale pu essere linsieme vuoto ma, come si gi


notato, in tal caso il punto x 0 deve appartenere alla frontiera del dominio di f :

Esempio 5.128. Sia X = R e sia domf = [0, +), f (x) = x. Si vede


facilmente che f (0) = .

Invece, come si notato il sottodifferenziale non vuoto nei punti interni al


dominio di f .
La propriet di avere epigrafo chiuso ovviamente importante nei problemi di
ottimizzazione e merita una definizione specifica:

Definizione 5.129. Una funzione (anche non convessa) con epigrafo chiuso si chiama semicontinua inferiormente . Una funzione f si dice semicontinua superiormente
se f semicontinua inferiormente.

E facile immaginare che il sottodifferenziale sia uno strumento utile per il calcolo dei
minimi. Infatti,

Teorema 5.130. Sia f convessa e sia non vuoto il suo sottodifferenziale in x 0 . Il


punto x0 punto di minimo se e solo se 0 f (x 0 ).
DIMOSTRAZIONE

Immediate, leggendo la 5.57 con x = 0.

5.9.3 Dimostrazioni posposte

Dimostrazione del TEOREMA 5.110.


Indichiamo con X linsieme delle (classi di equivalenza di) funzioni f (x) definite su
(0, 1) e tali che


|f (x)| dx < + .

319

5.

SPAZI DI BANACH

La disuguaglianza

a+b

a+

a 0 , b 0

5.58

permette di provare che X uno spazio vettoriale e che


1
d(f, g) =
|f (x) g(x)| dx
0

una distanza invariante per traslazioni su X (per provare la disuguaglianza


triangolare si usa la 5.58).
Si pu provare che lo spazio X completo.
Lo spazio X ha una propriet curiosa: lunico convesso (non vuoto) di X che
anche aperto X stesso. Accettando questa propriet, che proveremo in seguito, si
vede che lunico funzionale L lineare e continuo su X quello nullo. Infatti, per ogni
 > 0, linsieme L1 (, ) non vuoto, perch contiene 0; convesso perch L
lineare e, se L anche continuo, aperto; e quindi tutto lo spazio X. Dunque,
'

LX

(, ) = {0} ;

>0

ossia, L il funzionale nullo.


Per completare la dimostrazione, consideriamo un aperto V di X, non vuoto e
convesso e proviamo che V = X. A meno di traslazioni, si pu supporre 0 V .
Dunque pu trovarsi r > 0 tale che
B(0, r) = {x | d(x, 0) < r} V .
Fissiamo una qualsiasi f X e sia n tale che
1
d(f, 0) < r .
n
Consideriamo ora la funzione integrale

F (x) =


|f (s)| ds .

Vale F (0) = 0 ed F (1) = d(f, 0). La continuit di F implica lesistenza di un primo


punto x1 tale che

F (x1 ) =
0

320

x1


1
|f (s)| ds = d(f, 0) ;
n

5.

SPAZI DI BANACH

di un primo punto x 2 tale che


x2 
1
|f (s)| ds = d(f, 0) .
n
x1
Analogamente, si trovano esattamente n punti x i tali che
xi 
1
(ove x0 = 0).
|f (s)| ds = d(f, 0)
n
xi1
Per 1 i n definiamo le funzioni

nf (s) se x
i1 < s < xi
gi (s) =
0
altrimenti.
In questo modo,

1
n
d(gi , 0) =
d(f, 0) = d(f, 0) < r ,
n
n
ossia gi B(0, r) V . Inoltre,
nf =

n


1
gi .
n i=1
n

gi

ossia

i=1

f=

Lultima uguaglianza mostra che anche f appartiene al convesso V .


Larbitrariet di f implica che V = X.

Dimostrazione del TEOREMA 5.112.


La dimostrazione del Teorema 5.112 fa uso del Lemma di Zorn, che ora enunciamo.
Sia F un insieme parzialmente ordinato. Chiamiamo catena ogni s.insieme di F che
totalmente ordinato.
Sia M un qualsiasi s.insieme di F e sia z F. Diciamo che z un maggiorante di
M se per ogni m M vale m z; diciamo che z 0 un elemento massimale di M
se z0 M e se, inoltre, le condizioni m M ed m z 0 implicano m = z0 .
Un elemento massimale di M confrontabile con tutti gli elementi di M si chiama un

massimo.
Si noti che un elemento massimale z 0 pu non essere un massimo perch M pu
contenere elementi non confrontabili con z 0 . E quindi un insieme M parzialmente
ordinato pu avere pi elementi massimali, ma ha al pi un massimo.
321

5.

SPAZI DI BANACH

Invece, una catena ha al pi un solo elemento massimale che anche il suo massimo.
Il Lemma di Zorn si enuncia come segue:

Lemma 5.131 (di Zorn). Sia F parzialmente ordinato. Se ogni catena di F


ammette maggioranti, allora esiste in F un elemento massimale.

Osservazione 5.132. Si noti che lenunciato del Lemma di Zorn non richiede che
ogni catena debba avere massimo; ossia, nellapplicare il Lemma di Zorn, basta
mostrare lesistenza in F di maggioranti delle singole catene.
Possiamo ora provare il Teorema 5.112. In questo caso = R.
Notiamo che lenunciato del teorema non fa alcun riferimento alla presenza
di norme su X; e quindi nessuna considerazione topologica pu usarsi nella
dimostrazione.
Lidea della dimostrazione del Teorema 5.112 la seguente: si prova che se Y = X
allora esiste unestensione lineare propria L 1 di L0 e che L1 , definito sul sottospazio
Y1 propriamente contenente Y 0 , soddisfa ancora alla disuguaglianza
L1 x p(x)

x Y1 .

Per indicare che vale questa disuguaglianza, diremo che L 1 dominata da p.


Questa la parte tecnica della dimostrazione, che vedremo in seguito. Accettando ci,
si indichi con F la famiglia di tutte le estensioni di L 0 dominate da p; ossia, L F
se L estende L0 ed Lx p(x) per ogni x nel dominio di L.
In F si introduce una relazioni dordine parziale ponendo
L1 L2

se L2 estende L1 .

Si vede immediatamente che ogni catena C in F ammette come maggiorante quellele F il cui dominio lunione dei domini di tutti gli elementi della catena C
mento L
allora esiste L C (non unico) il cui dominio contiene
e cos definito: se x domL
x. Si definisce
= L x .
Lx
322

5.

SPAZI DI BANACH

Si detto che L non unico; ma lessere C una catena prova che la trasformazione L
appena definita univoca e lineare.
dominato da p.
E ovvio che L
Discende dal Lemma di Zorn che F ha un elemento massimale L: unestensione L di
L0 , dominata da p, non ulteriormente estendible, e quindi con dominio X.
Proviamo ora la parte tecnica della dimostrazione, consistente nella costruzione
dellestensione L 1 . Prima per notiamo:

Osservazione 5.133. Sia X uno spazio di Banach di dimensione infinita e sia {e n }


un sistema linearmente indipendente di elementi, tutti di norma 1. Definiamo
L 0 en = n
e quindi estendiamo L 0 a
span {en } = {

i ei } .

nita

Largomento precedente basato sul lemma di Zorn pu ripetersi anche senza far
intervenire la funzione p(x) e conduce a provare lesistenza di un funzionale L
definito su X e che estende L 0 . Ci mostra che esistono funzionali lineari non
continui, il cui dominio tutto lo spazio X.

Veniamo ora a costruire una opportuna estensione L 1 di L0 , dominata da p.


Essendo Y0 = X, esiste x0
/ Y0 . Scegliamo per Y 1 lo spazio lineare generato da Y 0
e dal x0 ,
Y1 = {y + tx0 | y Y0 , t R} .
Se vogliamo che L 1 sia unestensione lineare di L 0 , dovr essere
L1 (y + tx0 ) = L1 y + tL1 x0 = L0 y + tL1 x0
e il problema si riduce a trovare un valore per L 1 x0 , in modo tale che L 1 sia
dominato da p. Si vuole cio che valga
L0 y + t p(y + tx0 ) ,

y Y0 , t R .
323

5.

SPAZI DI BANACH

Distinguiamo i due casi t > 0 e t < 0. Se t > 0 allora si richiede


L0

y
y
+ p( + x0 )
t
t

ossia

y
y
p( + x0 ) L0 ;
t
t

5.59

Se t < 0 si richiede
L0

1
y
y
+ p(y + tx0 ) = p( x0 ) ,
t
t
t

ossia
L0

y
y0
p( x0 ) .
t
t

5.60

Dunque da provare lesistenza di un numero che verifica la 5.59 per t > 0 e la 5.60
per t < 0.
Notiamo che, essendo y arbitrario in Y 0 , anche y/t, t > 0 e y/t, t < 0 sono arbitrari
elementi di Y0 . Dunque, le 5.59, 5.60 equivalgono a
sup {L0 y p(y x0 )} inf {p(y + x0 ) L0 y} .
yY0

yY0

Dunque il numero esiste se si pu provare che


y x0 ) L0 y + p(
y + x0 )
L0 y p(

y , y Y0 .

Questeguaglianza equivale a
L0 (
y y) p(
y + x0 ) + p(
y x0 )
e questa vale certamente perch, per ipotesi, L 0 dominato da p. Dunque si ha:
y y) p(
y y) = p(
y + x0 x0 y) p(
y + x0 ) + p(x0 y) .
L0 (
Ci completa la dimostrazione nel caso in cui F = R.
Dimostrazione del TEOREMA 5.113.
Il caso F = C si fa discendere dal precedente, procedendo come segue.
Si nota che se X uno spazio lineare complesso, allora esso anche uno spazio
lineare reale. Indichiamo allora con i simboli X (R) ed Y0,(R) gli spazi lineari reali i
cui elementi sono quelli di X e di Y 0 . Sia inoltre L0,(R) il funzionale lineare definito
su Y0,(R) da
324

5.

SPAZI DI BANACH

L0,(R) x = e L0 x .
La 5.52 mostra che L0,(R) dominato da p e quindi che esiste unestensione L (R) di
L0,(R) ad X(R) , ancora dominata da p. Inoltre, essendo L R x p(x) per ogni x X,
vale anche
L(R) (x) p(x) = p(x)
ossia,
p(x) L(R) (x) p(x) .

5.61

Definiamo ora loperatore


Lx = L(R) x iL(R) (ix) .
Si verifica immediatamente che questoperatore lineare su X (con F = C). Inoltre,
se x Y0 , vale
Lx = e L0 x ie [iL0 x] = e L0 x ie {ie L0 x Im L0 x} = L0 x .
Dunque, L estende L 0 e inoltre vale |Lx| p(x) per ogni x X. Infatti se ci non
fosse potrebbe trovarsi x 0 tale che
|Lx0 | > p(x0 ) .
Con = arg Lx0 avremmo
LR x0 = e Lx0 = |ei Lx0 | = |Lx0 | > p(x0 ) .
Ci contrasta con 5.61.
La dimostrazione ora completa.
Dimostrazione del TEOREMA 5.117.
Ricordiamo che si supposto F = R.
Sia A un convesso aperto. A meno di una traslazione, si pu supporre 0 A.
Definiamo il seguente funzionale p A su X:
pA (x) = inf{t > 0 | x tA}
dove con tA si intende linsieme {ty | y A}.
325

5.

SPAZI DI BANACH

E chiaro che il funzionale p A non negativo, positivamente omogeneo. Inoltre, esso


subadditivo. Infatti, sia  > 0 e siano t 1 = pA (x) + , t2 = pA (y) + . Vale quindi
(x + y) [pA (x) + ]A + [pA (y) + ]A = [pA (x) + pA (y) + 2]A .
Dunque, per ogni  > 0 vale p A (x + y) pA (x) + pA (y) + 2. La subadditivit segue
dallarbitrariet di .
/ A ed il s.spazio
Consideriamo ora un punto x 0
X0 = {tx0 | t R} .
La convessit di A implica la convessit di A X 0 e quindi linsieme {t | tx 0 A}
un segmento a cui non appartiene 1. Si definisca il funzionale lineare L 0 su X0 ,
L0 (tx) = t .
Questo funzionale verifica
L0 (x0 ) = 1 ,

L0 (tx0 ) pA (tx0 ) .

La prima propriet immediata e la seconda ovvia se t < 0. Che essa valga anche
se t > 0 si vede notando che p A (x0 ) 1 e quindi
L0 (tx0 ) = t tpA (x0 ) = pA (tx0 ) .
Per il Teorema di HahnBanach, il funzionale L 0 si estende ad un funzionale L
lineare e continuo su X, che ancora verifica L, x p A (x) e quindi
L, x pA (x) 1 x A ,

L, x0  = 1 .

Il funzionale p A si chiama il finzionale di Minkowski del convesso A.

Dimostrazione del TEOREMA 5.118.


Il Teorema 5.118 immediata conseguenza del Teorema 5.117. Studiamo prima il caso
in cui A aperto. Fissiamo a 0 A e b0 B e sia x0 = a0 b0 . Sia inoltre
C = A B = {a b | a A , b B} =

%
bB

326

(A b) .

5.

SPAZI DI BANACH

E facile vedere che C aperto (anche se B non lo ); e che x 0 C. Dunque,


/ D. Infatti, se fosse x0 D, esisterebbero a
A,
0 D = C x0 mentre x0
b B per cui
x0 = a
b x0

ossia a
= b

mentre per ipotesi A e B sono disgiunti.


Dunque, per il Teorema 5.117, x0 si separa da D con un funzionale x :
x , d x , x0 

d D .

Dunque,
x , (a b + x0 ) < x , x0 

a A ,

bB;

Ossia,
x , a < x , b .
Ci prova la prima parte del teorema.
La dimostrazione della seconda parte si riconduce a quella della prima, grazie al
lemma seguente:

Lemma 5.134. Siano K e C due s.insiemi di X, K compatto e C chiuso. Se K


C = , allora esiste una sfera B di X tale che
(K + B) C = .
DIMOSTRAZIONE

Per ogni k K esiste una opportuna sfera B (k) tale che k + 2B(k) (C + B(k) ) = .
Lunione degli aperti k i + 2B(k) copre K e quindi esistono k i , in numero finito, diciamo
n, tali che
K

n
[
`

ki + 2B(ki ) .
i=1

Sia B la sfera di minimo raggio tra le sfere B (ki ) . Allora,

S`

ki + 2B(ki ) non interseca

C + B e quindi vale anche:


K +B

+
[

n
`
`

[
ki + B(ki ) + B
ki + B(ki ) + B(ki )

i=1

i=1

e questinsieme non interseca C.

327

5.

SPAZI DI BANACH

E ora facile provare la seconda parte del Teorema 5.113. Sia B una sfera tale che
A1 = A + B non intersechi B. Gli insiemi A 1 e B verificano le ipotesi della prima
parte del teorema e quindi esiste x tale che
sup{x , a | a A1 } inf{x , b | b B} .
Ci prova che x separa A e B. Proviamo ora che la separazione stretta. Notiamo
che

x , A1  = {x , x | x A1 }

un intervallo aperto di R. Infatti, sia = x a0  x , A1  e B = {x | ||x|| <


} una sfera tale che a 0 + B A1 . Allora, x , (a0 + B ) un intervallo non
ridotto ad un sol punto perch il funzionale x non zero; e dunque interno ad
x , A1 . Daltra parte, x , A compatto e contenuto nellaperto x , A1  e
quindi ha distanza positiva dallinsieme x , B, che non interseca x , A1 . Ci
prova che la separazione stretta.

Osservazione 5.135. Abbiamo enunciato i teoremi di separazione assumendo F =


R per semplicit. Tali teoremi possono estendersi al caso F = C. In questo caso le
diseguaglianze valgono tra le parti reali. Si hanno cio condizioni del tipo
sup{e La | a A} inf{e Lb | b B} .

5.10.

C ONVERGENZA

DEBOLE E DEBOLE STELLA

Si visto che in uno spazio di Banach di dimensione infinita i compatti sono rari.
Daltra parte, si sa dai corsi precedenti che la propriet di compattezza cruciale nello
studio dei problemi di minimo. Infatti:

Teorema 5.136 (di Weierstrass). Una funzione f continua su un insieme


compatto K ammette sia minimo che massimo.
328

5.

SPAZI DI BANACH

Accenniamo alla dimostrazione, che dovrebbe essere nota: per provare lesistenza del
minimo, si costruisce una successione minimizzante (k n ) in K, ossia una successione
tale che
lim f (kn ) = inf{f (k) | k K} .
Si usa la compattezza di K per estrarre una sottosuccessione (k nr ) convergente a
k0 K; e la continuit di f per concludere
f (k0 ) = lim f (knr ) = inf{f (k) | k K} .

5.62

Ci prova che k 0 punto di minimo.

Osservazione 5.137. Alla medesima conclusione si giunge se la funzione f , invece


di essere continua, ha soltanto epigrafo chiuso, ossia semicontinua inferiormente.
Infatti in tal caso da k nr k0 , f (knr ) inf{f (k) | k K}. Se lepigrafo chiuso
si ha
(k0 , inf{f (k) | k K}) Epif ;

ossia, invece della 5.62, vale


f (k0 ) lim f (knr ) = inf{f (k) | k K} .
Ovviamente la disuguaglianza stretta non pu valere, e quindi, nella sola ipotesi di
semicontinuit inferiore, segue la 5.62; ossia segue che k0 punto di minimo.

E facile vedere che:

se un insieme compatto in una topologia, tale rimane anche in topologie


meno fini;
se una funzione continua oppure semicontinua inferiormente rispetto ad una
topologia, tale rimane anche in topologie pi fini.
329

5.

SPAZI DI BANACH

Dunque in uno spazio di Banach conviene introdurre topologie meno fini di quella
della norma, in modo da avere pi insiemi compatti; ma sufficientemente fini in modo
tale che almeno opportune classi di funzioni continue rimangano, se non continue,
almeno semicontinue inferiormente.
Noi ci limiteremo ad introdurre concetti di convergenza per topologie meno fini di
quella della norma. Non descriveremo invece la topologia.

Definizione 5.138. Sia (x n ) una successione in uno spazio di Banach X. Diciamo


che (xn ) converge debolmente ad x 0 se
limx , xn  = x , x0 

x X .

Per indicare la convergenza debole si usa uno dei due simboli


w lim xn = x0

oppure

xn  x0 .

La definizione stessa di convergenza debole mostra che:

Teorema 5.139. Ogni x X continuo rispetto alla convergenza debole di


successioni di X.
Supponiamo ora di sapere che stiamo lavorando nello spazio di Banach X , duale
dello spazio di Banach X. In X si pu definire la convergenza debole, come sopra,
facendo intervenire il suo duale; ma si pu anche definire la convergenza debole stella ,
come segue:

Definizione 5.140. Sia (x n ) una successione in X . Diciamo che (xn ) converge in


senso debole stella ad x0 se
limxn , x = x0 , x

x X .

Per indicare la convergenza debole stella si usa uno dei due simboli
w lim xn = x0
330

oppure

xn  x0 .

5.

SPAZI DI BANACH

(la notazione con la mezza freccia la stessa per la convergenza debole e la


convergenza debole stella. Il contesto evita ambiguit).
E facile vedere che la convergenza in norma implica la convergenza debole,
rispettivamente debole stella. Il viceversa, in dimensione infinita, non vale.

Esempio 5.141. Sia X = L 2 (0, 2). Vedremo che (L 2 (0, 2)) isometricamente
isomorfo ad L2 (0, 2) stesso. In particolare ogni g L 2 (0, 2) si interpreta come
elemento di (L2 (0, 2)) , quellelemento definito da
2
g(x)f (x) dx .
f
0

Si sa, dalla teoria della serie di Fourier, che ogni f L 2 (0, 2) si rappresenta
f (x) =

k=+


fk e

ikx

k=

1
fk =
2

f (x)eikx dx = ek , f 

con ek = eikx . Si sa, dalla teoria della serie di Fourier, che


lim fk = 0 .
Questo vuol dire che,
w lim ek = 0 .
Ma,
||ek ||2 =

e quindi la successione (e k ) non tende a zero in norma.

Vale per:

Teorema 5.142. Il teorema di unicit del limite vale sia per la convergenza debole
che per la convergenza debole stella.
DIMOSTRAZIONE

Se
w lim xn = x0

ed anche

w lim x n = y0

331

5.

SPAZI DI BANACH

allora si ha
x , (x0 y0 ) = lim{x , xn  x , xn } = 0
per ogni x X . Dunque x 0 ed y0 sono indistinguibili da elementi di X . E
conseguenza del Teorema di Hahn-Banach che x 0 = y0 .
Lasserto relativo alla convergenza debole stella invece elementare: sia
w lim xn = x0

ed anche

w lim xn = y0 .

Si ha
[x0 y0 ], x = lim{xn , x xn , x} = 0
per ogni x X. E quindi x = y .

Esistono alcune relazioni importanti tra la convergenza debole, oppure debole stella,
e le propriet che valgono in norma. Tra queste:

Teorema 5.143. Ogni successione convergente in senso debole stella limitata nella
norma di X .
DIMOSTRAZIONE

Sia x X. Se w lim xn = x allora


limxn , x = x , x .
Dunque, per ogni x X esiste un numero M x , dipendente da x, tale che
|xn , x| < Mx .
Il teorema di Banach-Steinhaus mostra che linsieme dei funzionali x n limitato nella
norma di X .

Un asserto analogo vale anche per la convergenza debole, ed anzi il risultato relativo
alla convergenza debole un corollario del precedente. Per provarlo, abbiamo bisogno
332

5.

SPAZI DI BANACH

di una premessa. Ogni x X si pu vedere come funzionale lineare continuo su X .


Basta associare ad esso il funzionale
x x , x .

5.63

Dunque, ogni elemento x X si pu porre in corrispondenza con un elemento jx


(X ) , duale di X .

Lo spazio (X ) si chiama il biduale di X e si indica col simbolo X .


Vale:

Teorema 5.144. La trasformazione j da X in X definita in 5.63 isometrica.


DIMOSTRAZIONE

Dobbiamo provare che


||x||X = ||jx||X ,
ossia:
||x||X =

sup |x , x| .

||x ||X

Questo lasserto del Corollario 5.115.

Osservazione 5.145. In particolare segue che j una trasformazione iniettiva.


Vedremo che, in generale, essa non suriettiva.

Possiamo ora provare:

Corollario 5.146. Ogni successione debolmente convergente in X limitata in


norma.
DIMOSTRAZIONE

Sia (xn ) una successione in X, debolmente convergente ad x 0 . Ci vuol dire che


limx , xn  = x , x0 

x X ,

333

5.

SPAZI DI BANACH

ossia
limjxn , x  = jx0 , x 

x X .

Dunque, la successione (jx n ) converge in X a jx0 , nel senso debole stella ed


quindi limitata in X . Il Teorema 5.144 implica che (x n ) limitata in X.

Osservando con attenzione la dimostrazione del Teorema 5.143 si vede che:

Teorema 5.147. vale:


se w lim xn = x0 allora lim inf ||xn ||X ||x0 ||X ;
se w lim xn = x0 allora lim inf ||xn ||X ||x0 ||X .
DIMOSTRAZIONE

Proviamo lasserto relativo alla convergenza debole stella.


Per ogni x, con ||x|| X 1, vale
xn , x ||xn ||X
e dunque
x0 , x = limxn , x lim inf ||xn ||X .
Da qui:
||x0 ||X =

sup x0 , x =

||x||X =1

sup
||x||X =1

limxn , x lim inf ||xn ||X .

Lasserto relativo alla convergenza debole si deduce dallasserto relativo alla


convergenza debole stella mediante il Teorema 5.144:
||x0 ||X =
sup

sup

x , x0  =

||x ||X =1

{lim inf

||x ||X =1

sup

limx , xn  =

||x ||X =1

||jxn ||X ||x ||X } = lim inf

sup

||x ||X =1

limjxn , x 

||jxn ||X = lim inf ||xn ||X .

Il Teorema 5.147 pu riformularsi dicendo che la norma di X debolmente


semicontinua inferiormente e la norma di X debolmente stella semicontinua
inferiormente.
334

5.

SPAZI DI BANACH

Grazie al Teorema di Weierstrass, segue che la norma ammette minimo sugli insiemi
che sono compatti rispetto alla convergenza debole oppure debole stella.
Proviamo ora:

Teorema 5.148. Sia A un insieme sequenzialmente debolmente chiuso in X. Allora,


A anche chiuso in norma. Se A sequenzialmente debolmente stella chiuso in X ,
esso anche chiuso nella norma di X .
DIMOSTRAZIONE

Sia A chiuso rispetto alla convergenza debole. Sia (x n ) una successione in A, che
converge in norma ad un x 0 .
La convergenza in norma implica la convergenza debole, e quindi (x n ) converge debolmente ad x 0 . Dato che A debolmente chiuso, si ha x 0 A; e quindi A chiuso
in norma. Lassero relativo alla convergenza debole stella si prova in modo analogo.

Lesempio 5.141 mostra che la superficie di una sfera di L 2 (0, 2), pur essendo chiusa
in norma, non debolmente chiusa. Combinando questo col teorema precedente si
vede che che la topologia della convergenza debole effettivamente meno fine di
quella della norma.
Vale:

Teorema 5.149. Sia A un sottoinsieme di uno spazio di Banach X. Sia A convesso


e chiuso rispetto alla norma. Linsieme A anche chiuso rispetto alla convergenza
debole.
DIMOSTRAZIONE

Sia (xn ) una successione a valori in A, debolmente convergente ad x 0 . Dobbiamo


/ A,
provare che x 0 appartiene ad A. Ci discende dai teoremi di separazione: se x 0
allora esiste x X che separa x 0 da A. Inoltre, la separazione stretta perch
linsieme A chiuso in norma e linsieme costituito dal solo punto x 0 compatto.

335

5.

SPAZI DI BANACH

Dunque, esiste
> 0 tale che
x , x0  +
< inf {x , x | x A} inf{x , xn } .
Ci contrasta con lipotesi che (x n ) converge debolmente ad x 0 .

E bene notare esplicitamente che lasserto analogo per la topologia debole stella
non vale. Per nella topologia debole stella successioni compatte si identificano
facilmente:

Teorema 5.150 (di Alaoglu). Ogni successione limitata in X ammette


s.successioni convergenti in senso debole stella.

La dimostrazione posposta.
Lasserto analogo non vale in X e ci suggerisce di dare un nome particolare agli
spazi X tali che jX = X .

Definizione 5.151. Se uno spazio X isometrico al suo biduale, lo spazio X si dice


riflessivo.

In uno spazio riflessivo, la convergenza debole equivale alla debole stella e quindi:

Teorema 5.152. Ogni successione limitata in uno spazio riflessivo ammette s.successioni debolmente convergenti.

Il Teorema 5.149 ha un corollario che bene illustra la geometria della convergenza


debole:

Corollario 5.153 (di Mazur). Sia (x n ) una successione debolmente convergente


ad x0 . Esiste una successione (s n ) in X, tale che:

sn =

n
k=1

k xk per opportuni numeri k [0, 1] tali che

la successione (sn ) converge ad x0 in norma.


336

n
k=1

k = 1;

5.

SPAZI DI BANACH

Ossia, x0 limite in norma di una successione ottenuta da combinazioni convesse


degli xn .
DIMOSTRAZIONE

Sia A = co{xn }, il pi piccolo convesso chiuso contenente gli x n . Per il Teorema 5.149,
x0 appartiene ad A. Da qui segue lasserto.

Applichiamo ora il Teorema 5.149 allo spazio X R. Sia A lepigrafo di una funzione
convessa e continua su X. Linsieme A convesso e chiuso e quindi sequenzialmente
chiuso. Dunque vale:

Teorema 5.154. Una funzione convessa e continua in norma anche semicontinua


inferiormente rispetto alla convergenza debole.

Questo teorema ed il Teorema di Alaoglu mostrano che il Teorema di Weierstrass pu


applicarsi alla minimizzazione di funzionali convessi su insiemi limitati e chiusi su
spazi riflessivi; e ci importantissimo nella teoria dellottimizzazione.
Per completare queste considerazioni, mostriamo che, in contrasto con lasserto del
Teorema di Alaoglu, in un generico spazio di Banach esistono successioni limitate
che non ammettono s.successioni convergenti nella topologia debole; e quindi che
esistono spazi di Banach che non sono riflessivi. Infatti:

Teorema 5.155. Esistono successioni limitate in L 1 (0, 1), prive di s.successioni


debolmente convergenti; e quindi L 1 (0, 1) non riflessivo.
DIMOSTRAZIONE

Si visto al Teorema 5.139 che ogni elemento x X continuo rispetto alla convergenza debole in X. Se ogni successione limitata avesse s.successioni debolmente convergenti, allora, per il Teorema di Bolzano-Weierstrass, ogni elemento di X

raggiungerebbe massimo su

337

5.

SPAZI DI BANACH

Z
x|

1
0

|x(s)| ds 1

Lesempio riportato al Teorema 5.73 mostra che ci non accade.

Osservazione 5.156. Ci mostra una profonda differenza tra lo spazio L 1 (a, b)


e gli spazi Lp (a, b) con 1 < p < +. Vedremo infatti che questi ultimi spazi
sono riflessivi e quindi tutte le successioni limitate in L p (0, 1), con 1 < p < +
ammettono s.successioni debolmente convergenti.

Continuit e continuit debole di operatori lineari


Fa parte della definizione di convergenza debole che ogni elemento di X , ossia
ogni funzionale lineare su X che continuo in norma, anche continuo rispetto
alla convergenza debole. E importante sapere che gli elementi di X sono tutti i
funzionali lineari su X, continui rispetto alla convergenza debole:

Teorema 5.157. Sia un funzionale lineare su X. Esso continuo rispetto alla


convergenza debole se e solo se continuo in norma.
DIMOSTRAZIONE

Se continuo rispetto alla convergenza debole lo anche in norma perch ogni


successione convergente in norma converge anche debolmente, al medesimo limite.
Il viceversa provato al Teorema 5.139.

Un asserto analogo vale in realt per generici operatori lineari, ma la dimostrazione


pi profonda:

Teorema 5.158. Siano X ed Y due spazi di Banach e sia A un operatore lineare da


X in Y , con dominio uguale ad X e debolmente continuo, ossia tale che
se

xn  x0

in X

allora

In tal caso, loperatore A continuo in norma.


338

Axn  Ax0

in Y .

5.

SPAZI DI BANACH

DIMOSTRAZIONE

Proviamo che nelle ipotesi del teorema, loperatore lineare A, definito su X, chiuso.
Sia xn x0 tale che Ax n y0 (rispettivamente nelle norme di X e di Y ). Allora,
xn  x0 e quindi, per le ipotesi, Ax n  Ax0 ; Daltra parte, Ax n y implica Axn  y.
Per lunicit del limite debole, y = Ax 0 ossia la successione di punti ( (x n , Axn ) ) se
converge, converge ad un punto del grafico, che quindi chiuso.
Ci prova che loperatore lineare A chiuso e quindi, avendo dominio uguale ad X,
continuo.

Si osservi che la dimostrazione precedente fa uso sia del teorema di Hahn-Banach che
del Teorema di Baire.

5.10.1 Dimostrazioni posposte

Dimostrazione del TEOREMA 5.150.


Il teorema vale in qualsiasi spazio duale. Per la dimostrazione che presentiamo usa
unipotesi ulteriore, non richiesta dal teorema: presentiamo la dimostrazione nel caso
in cui lo spazio X separabile. Dunque supponiamo lesistenza di una successione
(xn ) la cui immagine densa in X. Se vale questipotesi, la dimostrazione si ottiene
usando il procedimento diagonale di Cantor.
Sia (yn ) una successione limitata in X , ||yn || < .

Vogliamo estrarne una

s.successione convergente.
Consideriamo la successione numerica (y n , x1 ).

Questa limitata e quindi

, x1 ). Consideriamo
ammette una s.successione convergente. Indichiamola (y n,1

, x2 ). Anche questa successione limitata e quindi se ne estrae una


quindi (yn,1

, x2 ). Procedendo in questo modo


s.successione convergente, che indichiamo (y n,2

si costruisce la tavola seguente:


339

5.

SPAZI DI BANACH

y1,1
, x1 

y2,1
, x1 

y3,1
, x1 

y4,1
, x1 

...

y1,2
, x2 

y2,2
, x2 

y3,2
, x2 

y4,2
, x2 

...

y2,k
, xk 

y3,k
, xk 

y4,k
, xk 

...

..
.

y1,k
, xk 
..
.

la successione (yn,k
) che figura su ciascuna riga s.successione di tutte le successioni

, con r < k; e quindi (y n,k


, xr ) converge, per ogni r k.
yn,r

) ha la propriet che (y n,n


, xr ) converge
Dunque, la successione diagonale (y n,n

per ogni r.

, x0 ) converge per ogni x 0 X. Basta


Proviamo che in realt la successione (y n,n

provare che essa fondamentale, dato che essa prende valori in F.


Si fissi per questo  > 0 ed x0 X, qualsiasi. Sia N tale che
||x0 xN || < /(3) .
Si noti che N dipende da x 0 . Si stimi quindi

|ym,m
, x0  yn,n
, x0 |

, x0 xN | + |ym,m
yn,n
, xN  + |yn,n
, xN x0 | .
|ym,m

Il primo e lultimo addendo sono minori di /3, per la scelta fatta di x N . Laddendo
, che dipende da  e da N
intermedio minore di /3 se m, n superano un numero N

, x),
ossia da  e da x0 . Ci prova la convergenza della successione di numeri (y n,n

per ogni x X.
Si costruisce ora un funzionale y 0 su X ponendo

, x .
y0 , x = limyn,n

E immediato verificare che y 0 lineare. Inoltre, y 0 continuo perch la succesione


(yn ) limitata, ||yn ||X < per ogni n cos che per ||x|| X < 1,

y0 , x
= lim
yn,n
, x

340

5.

SPAZI DI BANACH

Dunque y0 continuo. E quindi, y 0 = w lim yn,n


. Ci quanto volevamo provare.

Osservazione 5.159. Nel caso in cui il duale X di X sia separabile, pu


sembrare possibile applicare il ragionamento precedente ad una successione (x n )
di X, arrivando a provare un analogo del teorema di Alaoglu in X. Ci si convinca
che ci falso esaminando bene la dimostrazione e notando che, tentando di ripetere
la dimostrazione, NON si proverebbe la convergenza debole di (x n ) in X, ma la
convergenza debole stella di (jx n ) in X .

5.11.

E SEMPI

DI SPAZI DUALI

Sia X uno spazio di Banach. Per definizione, X lo spazio (di Banach) dei funzionali
lineari e continui su X. Il problema che vogliamo studiare ora il seguente: se
X uno spazio particolare, per esempio uno spazio di funzioni o di successioni,
vogliamo vedere se esiste un altro spazio particolare Y che isometricamente
isomorfo ad X ; ossia tale che esista una trasformazione L da Y in X che 1)
suriettiva; 2) isometrica; 3) lineare (se = R) oppure antilineare (se = C). 5
Ricordiamo che la trasformazione L isometrica quando
||Ly||X = ||y||Y .
E quindi una trasformazione isometrica necessariamente iniettiva.
In questo caso, Y viene ad avere tutte le propriet topologiche di X . Inoltre,
definendo y n  y0 quando w lim Lyn = Ly0 si trasferiscono ad Y le propriet
della convergenza debole stella di X . Si dice allora che Y una realizzazione di X
e, frequentemente, non si distingue tra Y ed X .
Un esempio particolare ben noto: se X = l 2 (n), lo spazio euclideo n-dimensionale,
allora una realizzazione del duale lo spazio stesso.

Una trasformazione L si dice antilineare se vale L(x + y) = Lx

+ Ly.

341

5.

SPAZI DI BANACH

Non sempre possibile trovare delle realizzazioni concrete (e comode) di uno


spazio duale; e daltra parte esistono spazi di Banach che non sono isometricamente isomorfi a nessuno spazio duale. Per questo conviene elencare alcuni
casi particolarmente importanti. Prima di presentare le dimostrazioni, raccogliamo
i risultati nella tabella seguente:

spazio

duale

l1

lp ,

p < +

lp ,

p = p/(p 1)

c0

l1

L1 ()

L ()

Lp () ,
C(a, b)

p < +

Lp () ,

p = p/(p 1)

N V (a, b)

Lo spazio N V (a, b) definito in seguito.


Non abbiamo inserito nella tabella precedente gli spazi l ed L (). Realizzazioni
dei loro duali sono note, ma per descriverle avremmo bisogno di conoscenze di teoria
della misura che non abbiamo presentato.

Il duale di l p , 1 p < +
Per caratterizzare il duale di l p ed anche di c 0 abbiamo bisogno di una particolare
successione di elementi dello spazio l p stesso, che indichiamo con (e (n) ). Dunque,
ciascun e(n) a sua volta una successione di numeri. Per definizione,
1 se i = n
(n)
ei =
0 altrimenti.

5.64

Notiamo che ||e (n) ||p = 1 per ogni p, 1 p + e che lo spazio lineare generato
dagli elementi e(n) denso in l p per ogni p, 1 p < +. Non invece denso in l .
Sia X = lp con 1 p < +. In questo caso una realizzazione di X
+ se p = 1
p

l
con
p =
p
se p > 1 .
p1
342

5.65

5.

SPAZI DI BANACH

Proviamo ci prima di tutto nel caso p = 1. Sia (y n ) L . Si vede immediatamente


che il funzionale lineare x , dipendente da (y n ),
x , x =

+


yn xn

5.66

n=0

lineare, ed continuo perch


|x , x| = |

+


yn xn | sup{|yn |} ||x||1 .
n

n=0

Inoltre, la trasformazione y = (y n ) x antilineare e si vede facilmente che


isometrica. Infatti, la disuguaglianza precedente mostra che
||x || = sup x , x ||y|| .

5.67

||x||1=1

Per vedere che vale anche la disuguaglianza inversa, e quindi luguaglianza, si scelga
la successione x(N ) definita da
xr(N )

yr
|yr |

se r = N e yr = 0

altrimenti.

Ovviamente, ||x(N ) ||1 1 e


supx , x(N )  = sup |yN | = ||y||
N

e quindi in 5.67 vale luguaglianza.


Per completare la dimostrazione, dobbiamo far vedere che la trasformazione che ad
y l associa x (l1 ) data da 5.66 suriettiva; ossia dobbiamo assegnare un
qualsiasi x (l1 ) ed associargli un opportuno y l , in modo che valga 5.66. Per
costruire y consideriamo la successione e (n) in 5.64. Definiamo y ponendo
yn = x , e(n)  .
Da
|yn | ||x ||
segue che y l .
Sia ora x l 1 . Associamogli la successione x(N ) definita come segue:
N

xk se k N
(N )
(N )
(k)
x
=
xk e
ossia xk =
0
altrimenti.
k=0
343

5.

SPAZI DI BANACH

Si ha
x , x = limx , x(N )  = limx ,
N

= lim
N

N


xk x , e(k)  = lim


N

k=0

N


N


xk e(k) 

k=0

yk xk =

k=0

+


yk xk .

k=0

Si noti che lultima uguaglianza si giustifica perch gi sappiamo che y l e gi


sappiamo che, in tal caso,
x

+


yk xk

k=0

continua su l 1 .
Ci completa lanalisi del caso p = 1.
In modo analogo trattiamo il caso 1 p < +.

Siano x = (xn ) lp ed y = (yn ) lp . Dalla disuguaglianza di H older si vede che:

+


yn xn ||(yn )||p ||(xn )||p = ||y||p ||x||p .

k=0

Ci mostra che la trasformazione lineare


x

+


yk xk

k=0


continua su l p e suggerisce di considerare la trasformazione L da Y = l p in X :


(Ly)(x) =

+


yn xn ,

k=0

che chiaramente iniettiva e inoltre


||Ly||X ||y||p .
Si vede che vale luguaglianza. Infatti, sia



yn
1
xn = |yn |p /p
|yn | ||y||(p  /p)
p

se yn = 0, xn = 0 altrimenti.

Si vede facilmente che x = (x n ) un elemento di X = l p di norma 1. Per esso vale


(Ly)(x) =

1
p /p
||y||p

||y||pp = ||y||p .


In questo modo si trovata una trasformazione antilineare L che isometrica da l p in


(lp ) .
344

5.

SPAZI DI BANACH

Per concludere, basta mostrare che L suriettiva, ossia che ogni elemento di (l p ) si
rappresenta come in 5.65. Sia allora x (lp ) . Dobbiamo prima di tutto trovare una
successione da associare a x . Per questo usiamo ancora la successione e (n) definita
in 5.64 e definiamo
yi = x , e(i)  .
In questo modo si costruisce una successione y = (y i ).


Proviamo prima di tutto che y l p , ||y|| ||x ||. Proveremo infine che
x , x =

+


yi xi .

5.68

i=1

Introduciamo la successione x (n) lp definita da



|yi |p 1 |yyii |
(n)
(n)
(n)
con xi =
x = xi
0

se i n e yi = 0
altrimenti.

Ovviamente, x(n) lp per ogni n e


x , x(n)  ||x || ||x(n) ||p
e, daltra parte,
x , x(n)  =

n


|yi |p .

i=1

Passando al limite rispetto ad n si trova


||y||p ||x || .


Dunque, y l p e ||y|| ||x ||.


Proviamo ora che vale la 5.68. Fissato lelemento x l p , consideriamo la successione
x(n) di elementi di l p ,
(n)

n


xi e ,

ossia

x(n)
r

i=0

xr

se

rn

se

r > n.

Si vede che, se p < +,


x = lim x(n) .
r+

Questo limite si calcola nella norma di l p . Dunque, essendo x continuo,


limx , x(n)  = x , x .
n

345

5.

SPAZI DI BANACH

Inoltre,
limx , x(n)  = lim
n

+


yr x(r)
n = lim

r=0

n


yr xn =

r=0

perch si gi provato che y l p e quindi che x

+


yr xr

i=0

+
i=0

yr xr un funzionale

continuo. Si trova cos che vale la rappresentazione


x , x =

+


yr xr .

i=0

Osservazione 5.160. Nel caso particolare p = 2, una realizzazione del duale di l 2


lo spazio stesso.

Il duale di c0
Ricordiamo che il simbolo c 0 indica il s.spazio di l i cui elementi sono le successioni
che convergono a zero. Proviamo che il duale di c 0 realizzato da l 1 . Per provare
questo notiamo che se ( k ) l1 allora la trasformazione
x

+


k xk

5.69

k=1

lineare e continua su l e che la trasformazione da l 1 al funzionale definito


da 5.69 isometrica e antilineare. Queste propriet si conservano sostituendo l con
c0 .
Dobbiamo provare che ogni x (c0 ) ammette la rappresentazione 5.69.
Notiamo prima di tutto che ogni l p , p < +, un sottospazio di c 0 e che
limmersione di l p in c0 continua. Dunque, ogni funzionale lineare continuo su
c0 anche un funzionale lineare continuo su l p , per ogni p < +. Ci suggerisce di
porre ancora
i = x , e(i)  .
Si trova cos un vettore = ( i ), candidato ad essere un rappresentante di x .


Come si detto, il vettore nel duale l p di l p per ogni p < +. In particolare


quindi in l . Proviamo che inoltre tale vettore anche in l 1 . Scegliamo per questo
la seguente successione x(n) in c0 :
346

5.

x(n)
=
r

se r n e r = 0

r
|r |

altrimenti

rnr =0

SPAZI DI BANACH

r (r)
e .
|r |

Dato che (n ) l , la successione (x(n) ) una successione limitata in c 0 . Esiste


quindi un numero M tale che

(n)

|r | < M

x , x 
=
per ogni n. Ci prova che ( r ) l1 .
Ora, per ogni x c 0 , x = (xi ), vale:
x , x = limx ,
N

N


xi ei  = lim
N

i=0

N


i xi =

i=0

+


i xi .

i=0

Ci completa la dimostrazione.

Osservazione 5.161. Notiamo nuovamente che nella dimostrazione si usa la densit


in c0 della successione e(i) . Questa successione densa in l p per 1 p < + e
anche in c0 ; ma non in l .

Il duale di L p (), 1 p < +




In questo caso X isometricamente isomorfo a L p (), con


p =

p
p1

L ()

se p > 1;

se p = 1.

Ci vale con Rn , limitato o meno.


Accenniamo alla dimostrazione nel caso p = 1 e = (a, b).
E ovvio che per ogni L (a, b), il funzionale su L 1 (a, b) definito da
b

(s)x(s)
ds
x
a

continuo, di norma minore o uguale a |||| e in realt si vede che vale


luguaglianza.
Viceversa, sia x un funzionale lineare e continuo su L 1 (a, b). Dobbiamo associargli
una funzione (s) L (a, b) tale che

(s)x(s)
ds .

x , x =
a

347

5.

SPAZI DI BANACH

Introduciamo la famiglia delle funzioni t (s), una funzione per ogni t (a, b),
1 se a < t < s
t (s) =
5.70
0
altrimenti
e studiamo i valori che x assume su queste funzioni. La ragione di ci che 6 le
funzioni a costanti a tratti sono dense in L 1 (a, b).
Associamo ad x (L1 (a, b)) la funzione
g(t) = x , t 
E:
|g(t) g(t )| = |x , t t  ||x || ||t t ||1 = ||x || |t t | .
Dunque la funzione g(t) lipschitziana e quindi assolutamente continua. Per essa
vale

ds
(s)

g(t) =
a

q.o. la derivata di g(t). Dunque L (a, b) perch il rapporto


e inoltre (s)
incrementale di g limitato.
Notiamo che

ds =
(s)

x , t  = g(t) =
a

(s)
t (s) ds .
a

Una qualunque funzione a scala si rappresenta come combinazione lineare di funzioni


t :
(t) =

n


i ti (s)

i=1

e quindi
x ,  =

n

i=1


i
a

(s)
ti (s) ds =

(s)(s)
ds .
a

Questa propriet non stata provata nella parte relativa allintegrale di Lebesgue. E stato
provato per che sono dense le funzioni semplici, ossia costanti su insiemi misurabili. La
densit delle funzioni costanti a tratti, ossia costanti su intervalli, discende dal fatto che ogni
insieme misurabile si approssima mediante unioni di intervalli.

348

5.

SPAZI DI BANACH

Abbiamo gi notato che il funzionale


(s)x(s)
ds

x
a

continuo.
Sia ora x L1 (a, b). Esiste una successione di funzioni a scala n convergente ad x
in L1 (a, b). Allora,
x , x = limx , N  = lim
N

(s)
N (s) ds =
a

(s)x(s)
ds .
a

Ci quanto volevamo provare.

Osservazione 5.162. Una dimostrazione del tutto analoga porta ad identificare il


duale di Lp (), per ogni p < +. Invece gli argomenti precedenti non si estendono
al caso L () perch le funzioni costanti a tratti non sono dense in L ().

Il duale di C(a, b)
Introduciamo ora una realizzazione del duale di C(a, b), lo spazio di Banach delle
funzioni continue sullintervallo limitato e chiuso [a, b], con la norma dellestremo
superiore. Fissiamo un elemento x del duale. Per rappresentarlo, procediamo in tre
passi:
PASSO 1) Introduciamo lo spazio lineare di tutte le funzioni limitate su [a, b], continue
o meno, dotato della norma dellestremo superiore. Si trova uno spazio di Banach che
indicheremo col generico simbolo B.
C(a, b) essendo un s.spazio di B, il funzionale lineare e continuo x , definito su
C([a, b]), si estende ad in funzionale lineare continuo su B, con la stessa norma,
per il Teorema di Hahn-Banach. Tale estensione non unica. Fissiamone una, che
indichiamo col simbolo x
.
Per ogni t [a, b], introduciamo le funzioni definite come in 5.70 e la funzione
v(t) = 
x , t  .
Sia ora f C(a, b). Essendo [a, b] compatto, la funzione f uniformemente continua
e quindi si approssima in modo uniforme con funzioni costanti a tratti. Queste possono
349

5.

SPAZI DI BANACH

costruirsi scegliendo un insieme finito {t i }ni=1 di punti di [a, b], abbastanza fitto, e
quindi definendo
zn (t) = f (ti1 )

t [ti1 , ti )

ossia
zn (t) =

n


f (ti1 )[ti (s) ti1 (s)] .

i=1

Si ha quindi
x , f  = 
x , f  = lim
x , zn  = lim

n


f (ti1 )[
x , ti (s) 
x , ti1 (s)]

i=1

= lim

n


f (ti1 )[vti (s) vti1 (s)] .

i=1

Si noti che nel caso particolare in cui v(t) = t, tale limite

b
a

f (s) ds.

PASSO 2) Introduciamo un simbolo per indicare il limite precedente,


b
n

f dv = lim
f (ti1 )[vti (s) vti1 (s)]
a

5.71

i=1

(ovviamente, il limite non dipende dalla partizione scelta per definirlo, dato che esso
deve essere x , f ).
Il particolare integrale definito da 5.71 si chiama integrale di Stiltjes .
Si osservi che la rappresentazione di x come integrale di Stiltjes usa la continuit
uniforme di f ; e quindi in generale x
non avr tale rappresentazione.
PASSO 3) Ricapitolando, abbiamo rappresentato ogni elemento del duale di C(a, b)
come un integrale di Stiltjes. Dobbiamo ora studiare le propriet di tale integrale, per
trovare uno spazio di Banach che realizzi [C(a, b)] .
Si ha
n

i=1
n


|v(ti ) v(ti1 )| =

n


{sgn [v(ti ) v(ti1 )]}[v(ti ) v(ti1 )]

i=1

1
2

x , sgn [v(ti ) v(ti1 )][ti ti1 ] 

i=1

= 
x ,

n

1
2
sgn [v(ti ) v(ti1 )][ti ti1 ] 
i=1

350

5.

||
x || sup
s

n


SPAZI DI BANACH

|ti (s) ti1 (s)| = ||


x || = ||x ||

i=1

perch la differenza | ti (s) ti1 (s)| vale 1 oppure 0.


Questa disuguaglianza vale per ogni suddivisione dellintervallo [a, b] in un numero
finito di punti e quindi esiste un numero M , M = ||x ||, tale che

Vab v = sup
|v(ti ) v(ti1 )| < M .
{ti }

Funzioni v con questa propriet si dicono a variazione limitata .


La struttura delle funzioni a variazione limitata stata studiata con estrema precisione.
Si prova in particolare che ogni funzione a variazione limitata differenza di due
funzioni monotone e che, quindi, i suoi punti di discontinuit sono salti. Si prova
inoltre che

f dv = Vab v

sup
||f ||<1

e questo suggerisce di scegliere come spazio per rappresentare [C(a, b)] uno spazio
di funzioni a variazione limitata. Bisogna per notare che pu aversi
b
b
f dv =
f dv 
f C(a, b)
a

anche con v = v . E quindi la rappresentazione che abbiamo trovato per x non


unica. Si prova per che luguaglianza pu aversi, per ogni f , solo se v e v 
differiscono per il valore che assumono in un punto di salto oppure nellestremo
sinistro a dellintervallo. Ci suggerisce di definire
N V (a, b)
lo spazio delle funzioni a variazione limitata normalizzate su [a, b], continue a sinistra
e nulle in a, dotato della norma
Vab (v) .
Si prova che questo spazio di Banach e che vale:

Teorema 5.163 (di Riesz). Lo spazio N V (a, b) una realizzazione del duale di
[C(a, b)] e ogni x [C(a, b)] si rappresenta (in modo unico) come
b

f dv ,
v N V (a, b) .
x , f  =
a

351

5.

SPAZI DI BANACH

Il duale di C(K)
Ricordiamo che simbolo C(K) linsieme K compatto.
Non abbiamo gli strumenti per studiare il duale di C(K). Possiamo per descrivere
come si rappresenta lazione su C(K) di un elemento x del suo duale. Per ogni
x (C(K)) si trovano una misura di Borel m ed una funzione (s) misurabile
secondo Borel su K e tale che
|(s)| = 1

q.o. s K

e per la quale vale

x , x =

(s)x(s) dm
K

5.11.1 Relazione tra le convergenze debole e debole stella


Avendo a disposizione gli esempi precedenti, possiamo chiarire meglio le relazioni tra
le convergenze debole e debole stella, quando queste si possano definire sul medesimo
spazio, che in tal caso lo spazio X duale di uno spazio di Banach X.
Queste due nozioni di convergenza non sono indipendenti. Infatti:

Teorema 5.164. Sia x n una successione in X . Se essa converge debolmente ad


x0 , allora essa converge anche debole stella al medesimo x 0 .
DIMOSTRAZIONE

Ci discende dal fatto che si gi notato che X isometrico ad un s.spazio di X .

Lesempio seguente mostra che non vale limplicazione inversa.

Esempio 5.165. Sia X = c 0 , X = l1 ed X = l .


In X = l1 si consideri la successione {e(n) } definiti da 5.64.
Se x c0 , x = (xn ) allora
x, e(n)  = xn 0
352

e quindi

w lim e(n) = 0 .

5.

SPAZI DI BANACH

Invece, se x l = X la successione ogni cui elemento vale 1,


x, e(n)  = 1

5.12.

e quindi la successione (e (n) ) non converge debolmente a 0.

L O SPETTRO

DI UN OPERATORE

Se X ha dimensione finita noto che molte informazioni si ottengono studiando gli


autovalori della trasformazione, i quali hanno spesso iterpretazioni fisiche importanti.
Vogliamo ora estendere questo tipo di studio a generici spazi di Banach. In tal caso
la situazione resa complessa dallesistenza di operatori lineari non continui e di
sottospazi non chiusi, due fatti che non si verificano in dimensione finita.
Si sa che, anche in dimensione finita, autovalori ed autovettori possono solo trovarsi
se il campo scalare quello dei numeri complessi. Per questo supporremo F = C.
In dimensione finita, un numero complesso z 0 si dice un autovalore di A se
(z0 I A)x = y
non risolubile per ogni y; equivalentemente, se la soluzione x, quando esiste, non
unica. Lesempio seguente mostra che la non risolubilit per ogni y in dimensione
infinita non equivale alla non unicit.

Esempio 5.166. Sia X = l p , per un qualsiasi p [1, +] e siano T ed S definiti


da



S

T

x0
x0

x1
x1

x2
x2

...


=

...


=


0 x0
x1

x2

x1

...

x3

...

5.72

E chiaro che
ker S = {0}

im S = X ,

ker T = {0}

im T = X .

353

5.

SPAZI DI BANACH

I due operatori precedenti sono particolarmente importanti. In particolare, loperatore


S si chiama operatore di traslazione (sottinteso, verso destra).
Ricordiamo inoltre che se lequazione
(zI A)x = y

5.73

risolubile in modo unico allora (zI A) ammette inverso, definito sulla sua
immagine e questo un operatore lineare. Ma, in generale, linverso non continuo.
Queste considerazioni suggeriscono la definizione seguente, che si applica ad ogni
operatore lineare A da X in X, anche non continuo ma con dominio denso:

Definizione 5.167. Sia A lineare da X in X, con dominio denso. Si chiama insieme


risolvente di A linsieme dei numeri complessi z tali che la

5.73

ammette ununica

soluzione x per ogni y in un s.insieme denso di X e tali che, inoltre, linverso (zI
A)1 sia continuo.
Se z appartiene allinsieme risolvente di A, loperatore (zI A) 1 si chiama
loperatore risolvente di A.
Linsieme risolvente si indica col simbolo (A). Il suo complementare si indica col
simbolo (A) e si chiama lo spettro delloperatore A.

Da un punto di vista logico, z (A) se si verifica uno dei casi seguenti, mutuamente
incompatibili:
i) ker(zI A) = {0};
ii) ker(zI A) = {0} ma im (zI A) non denso in X;
iii) ker(zI A) = {0}, im (zI A) denso in X ma (zI A)1 non continuo.

Definiamo quindi:
spettro di punti linsieme dei numeri z per i quali si verifica il caso i);
spettro residuo linsieme dei punti per i quali si verifica il caso ii);
354

5.

SPAZI DI BANACH

spettro continuo linsieme dei punti per i quali si verifica il caso iii).

Gli elementi dello spettro di punti si chiamano autovalori delloperatore A.


Abbiamo definito una partizione dello spettro di A in tre s.insiemi. Essi si indicano
rispettivamente con i simboli
p (A) ,

r (A) ,

c (A) .

In dimensione finita solo il caso i) pu verificarsi.

Mostriamo che, invece, in

dimensione infinita anche gli altri casi possono verificarsi.

Esempio 5.168. Sia S loperatore definito in

Si vede facilmente che 0 r (S)

5.72.

(invece, 0 p (T )).
Mostriamo un operatore con spettro continuo non vuoto. Sia X = l 2 e sia A definito
come segue:



A

x0

x1

x2

. . . xn


=

...


x0

1
2 x1

1
3 x2

...

1
n+1 xn

...

Lequazione Ax = y risolubile per ogni successione (y n ) definitivamente nulla,


ossia per ogni y in un s.spazio denso di X = l 2 , ed



x0

x1

x2

. . . xn

...


=


y0

2y1

3y2

. . . (n + 1)yn

...

Dunque, linverso non continuo.

Grazie al teorema fondamentale dellalgebra, si sa che in dimensione finita lo spettro


non mai vuoto ed un insieme finito. Mostriamo invece che esistono operatori
lineari su spazi di Banach, con spettro vuoto ed operatori con risolvente vuoto.

Esempio 5.169. Sia X = L 2 (0, 1) e siano A e B definiti come segue:


domA = {x C(0, 1) | x L2 (0, 1)} ,

Ax = x ,

domB = {x C(0, 1) | x L2 (0, 1) , x(0) = 0} ,

Bx = x .
355

5.

SPAZI DI BANACH

Allora (A) = p (A) = C perch per ogni z vale (z A) z = 0, con z (t) = ezt .
Invece, (B) = perch

x = zx y
(zI B)x = y
x(0) = 0 .

Dunque x dato da

x(t) =

ez(ts) y(s) ds
0

cos che loperatore (zI B) 1 continuo.

Nellesempio precedente intervengono, vedremo non per caso, operatori che non sono
continui; ma anche lo spettro di operatori continui pu avere una struttura piuttosto
complessa:

Esempio 5.170. Sia X = l 2 e sia T loperatore definito in

5.72.

Risolvendo

(zI T )x = 0
si trova come soluzione:



x=q

1 z

z2

z3

...

con q C qualsiasi. Questa successione appartiene ad l 2 per ogni z di modulo


minore di 1. Dunque, p (T ) {z | |z| < 1}.

Nonostante questi esempi, spettro e risolvente non possono essere insiemi qualsiasi.
Infatti:

Teorema 5.171. Se A continuo, (A) {z | |z| ||A||}.


DIMOSTRAZIONE

Supponiamo che A sia continuo e che sia |z| > ||A||. Vogliamo provare che in tal caso
z (A). Scriviamo per questo
(zI A) = z(I K) ,

356

K=

1
A cos che ||K|| < 1 .
z

5.

SPAZI DI BANACH

Dunque,
(zI A)1 =

+
+
1X n
1 X An
K =
.
z n=0
z n=0 z n

5.74

Questoperatore continuo, dato che ||K|| = ||A/z|| < 1; e quindi z (A).

Lo spettro non pu essere un insieme qualsiasi nemmeno se loperatore A non


continuo. Infatti:

Teorema 5.172. Il risolvente sempre un insieme aperto e quindi lo spettro chiuso.


DIMOSTRAZIONE

Sia A qualsiasi, anche non continuo. Proviamo che il suo risolvente aperto. Se esso
vuoto niente va provato. Dunque supponiamo che esista un numero z 0 (A) e
mostriamo che esso interno al risolvente; ossia proviamo lesistenza di
> 0 (che
dipende sia da z 0 che da A) tale che se |z| <
allora z + z 0 (A). Per questo
scriviamo

(z + z0 )I A = zI + (z0 I A) = (z0 I A) I + z(z0 I A)1 .

5.75

Per il Teorema 5.171, loperatore

I + z(z0 I A)1

invertibile se
|z| <
=

1
||(z0 I A)1 ||

e in tal caso (z + z 0 )I A invertibile con inverso limitato, essendo composizione di


operatori invertibili ciascuno con inverso limitato.

La 5.75 permette anche di trovare unespressione per [(z + z 0 )I A]1 :


-+
.
 

1
n
1 n
[(z + z0 )I A] =
z (z0 I A)
(z0 I A)1
=

+



n

k=0

n+1
.
(z0 I A)1

5.76

k=0

357

5.

SPAZI DI BANACH

Dunque, fissato z 0 (A), la funzione [(z + z 0 )I A]1 si esprime come serie di


potenze di z, a coefficienti operatori limitati.
Chiameremo funzioni olomorfe a valori operatori quelle funzioni di z C che si
esprimono localmente, in un opportuno intorno di ogni punto z 0 del loro dominio,
mediante serie
+


K n (z z0 )n

n=0

convergenti (nella norma di L(X)). Dunque:

Corollario 5.173. Se loperatore A ha risolvente non vuoto, la funzione z (zI


A)1 olomorfa su (A).

Osservazione 5.174. Combinando il calcolo dellesempio 5.170 con i teoremi 5.171


e 5.172, si vede che
(T ) = {z | |z| 1} .

Torniamo ora a considerare un operatore continuo A. Si detto che il suo risolvente


non vuoto, e anzi contiene lesterno del disco {z | |z| ||A||}. Naturalmente, esso
pu anche estendersi allinterno di tale disco; ma non pu riempirlo. Infatti:

Teorema 5.175. Sia A L(X). Lo spettro di A non vuoto.


DIMOSTRAZIONE

La dimostrazione procede per assurdo, e va confrontata con la dimostrazione del


Teorema fondamentale dellalgebra.
Dal Corollario 5.173 si sa che, se (A) = , la funzione (zI A) 1 olomorfa su C.
Dunque, per ogni x X, y X , la funzione
z f (z) = y , (zI A)1 x
una funzione intera.

358

5.

SPAZI DI BANACH

Dalla 5.76 si vede che per |z| +, la funzione f (z) tende a zero; e quindi f (z)
una funzione intera e limitata, e quindi costante. Dato che un suo limite nullo, essa
deve essere identicamente zero.
Dunque, abbiamo provato che
y , (zI A)1 x 0

x X ,

y X .

Dato che X distingue punti di X, deve essere


(zI A)1 x 0
per ogni x X. Ci non pu darsi perch (zI A)(zI A) 1 x = x per ogni x X.
La contraddizione trovata prova il teorema.

Nonostante che lo spettro di un operatore continuo non possa essere vuoto, pu essere
che esso sia un insieme molto pi piccolo del disco di raggio ||A||. Per esempio, in
dimensione 2, la trasformazione lineare la cui matrice

0 1

0 0
ha norma 1 ed il solo autovalore 0. E un utile esercizio vedere che un caso analogo
pu darsi anche in dimensione infinita.

Esempio 5.176. Sia X = L 2 (0, 1) e sia


x(s) ds .

Ax =
0

Si sa che A continuo e si vede immediatamente che 0 (A), dato che A 1


loperatore di derivazione, A 1 y = y  , che non continuo.
Mostriamo che ogni altro numero z appartiene al risolvente. Per questo risolviamo
t
(zI A)x = y ossia zx(t)
x(s) ds = y(t) .
0

Dividendo per z si trova



t


1 t
1
1 t
1
1
x(s) ds =
y(s) ds .
x(s) y(s) ds +
x(t) y(t) =
2
z
z 0
z 0
z
z
0
359

5.

SPAZI DI BANACH

Questuguaglianza mostra che la funzione


1
(t) = x(t) y(t)
z
derivabile quasi ovunque, che (0) = 0 e che
 (t) =

1
1
(t) 2 y(t)
z
z

(t) =

ossia

1
z2

e z (ts) y(s) ds .
0

Da qui,
x(t) =

1
1
y(t) 2
z
z

e z (ts) y(s) ds .
0

La trasformazione da y ad x , per ogni fissato z = 0, lineare e continua. Dunque,


(A) = {0}.
Questi esempi suggeriscono di chiamare raggio spettrale r(A) il numero
r(A) = max{|z| | z (A)} .
Il raggio spettrale di un operatore continuo si esprime in modo che richiama la formula
per il raggio di convergenza di una serie di potenze:

Teorema 5.177. Sia A L(X). Vale:


r(A) = lim


n
||An || .

DIMOSTRAZIONE

Si prova, esattamente come nel caso scalare, che una serie di potenze a valori operatori converge in un disco di centro z 0 , che si chiama ancora disco di convergenza,.
Questo disco coincide col disco di convergenza della serie di potenze
+
X

||An ||(z z0 )n .

n=0

Applicando questo alla serie 5.74 si vede che


r(A) = lim sup
Si deve ora provare che in realt esiste

360

p
n

||An || .

5.

lim

SPAZI DI BANACH

p
n
||An || .

Risulta pi semplice provare lesistenza del limite


lim

1
log ||An || .
n

Notiamo che
log ||An+m || log ||An || ||Am || log ||An || + log ||Am || .
Una successione di numeri (a n ), tutti positivi, che verificano
an+m an + am
si dice subadditiva. La dimostrazione del Teorema 5.177 si completa usando il lemma
seguente:

Lemma 5.178. Se la successione (an ) subadditiva allora esiste


lim

1
an .
n

DIMOSTRAZIONE

Si fissa un numero naturale m e si studiano i quozienti a n /n con n > m. Notiamo che


si pu scrivere
n = md + r ,

0r<m

e quindi
an = amd+r dam + ar .
Dividiamo per n e passiamo al limite per n +.
Il numero a r funzione di n limitata al variare di r perch prende valori nellinsieme
finito a1 ,. . . , am1 . Dunque lim a r /n = 0.
Ancora perch r prende un numero finito di valori,
nr
1
r
1
d
=
=

.
n
nm
m
nm
m
Dunque,
lim sup

an
am

n
m

m .

E quindi

361

5.

SPAZI DI BANACH

lim sup

an
an
lim inf
.
n
n

Ci prova lesistenza del limite.


Il teorema cos provato.

Esempio 5.179. Su R 2 (riferito alla base canonica) consideriamo la trasformazione


lineare descritta mediante la matrice

A=

Per calcolare il raggio spettrale mediante la formula 5.177 bisogna prima di tutto
calcolare le potenze di A:
A2n = 2n I ,

A2n+1 = 2n A .

E immediatamente evidente che ||A|| = 2 e quindi

||A2n ||1/2n = 2 ,
||A2n+1 ||1/(2n+1) = [ 2](2n+2)/(2n+1) .

Dunque, il raggio spettrale 2. Si noti che la successione (||A n ||1/n ) non


monotona.

5.12.1 Proiezioni spettrali


Sia X uno spazio di Banach e sia A un operatore, anche non continuo, da X in s, con
dominio denso.
Abbiamo notato che il risolvente una funzione analitica e ci suggerisce di studiare
lanalogo, scritto per gli operatori, della formula integrale di Cauchy:

1
f (z)(zI A)1 dz
2i

5.77

ove una curva semplice e chiusa 7 il cui sostegno contenuto in (A). La funzione
f (z) olomorfa.

Come al solito, orientata in verso positivo, ossia antiorario.

362

5.

SPAZI DI BANACH

Naturalmente, dovremo dare un senso allintegrale. Dato che la funzione a valori in


L(X)
z f (z)(zI A)1
uniformemente continua sul sostegno di , lintegrale si definisce collusuale metodo
di Riemann, come limite delle somme di Riemann. Lasciamo al lettore i semplici
dettagli.
Nonostante che la 5.77 abbia senso per ogni operatore lineare A da X in s, purch
il sostegno di sia contenuto in (A), noi ci limiteremo a considerare il cao degli
operatori A continui.
Per interpretare la 5.77, consideriamo la funzione
f (z) =

+


fn z n

n=0

e la serie corrispondente
+


fn An .

5.78

n=0

Nel caso particolare in cui f (z) = p(z) un polinomio, la serie 5.78 una somma
finita e definisce un operatore che, ovviamente, si indica col simbolo p(A). Per
esempio, se p(z) = z 2 , allora p(A) = A2 . Se f (z) una generica funzione analitica
la cui serie converge in un intorno di 0, la serie 5.78 in generale non converge, ma
certamente converge in L(X) se
||A|| < R
con R raggio di convergenza della serie di potenze di f (z). Infatti in tal caso

m
m




fn An


fn ||A||n
fn r n ,
r < R,

n=k

n=k

n=k

e la convergenza si vede dal test di Cauchy per la convergenza delle serie.


Ricapitolando, se ||A|| < R, la serie 5.78 definisce un operatore di L(X), che
indicheremo col simbolo
f (A) .
363

5.

SPAZI DI BANACH

Ricordiamo ora che i coefficienti f n si rappresentano come



1
f ()
d
fn =
2i n+1
con curva semplice e chiusa orientata positivamente, il cui sostegno contenuto nel
disco di convergenza di f (z).
Supponiamo che la curva racchiuda il disco {z | |z| < r}, con
||A|| < r < R .

5.79

In tal caso si trova


+
1 
An
f (A) =
fn A =
f () n+1 d
2i n=0

n=0




+

1
An
1
=
f ()
f ()(I A)1 d .
d
=
n+1
2i

2i

n=0
+


Si noti che questo calcolo vale grazie alla condizione 5.79 e, se vale 5.79, allora si ha
anche
(A) {z | |z| < R} .

Osservazione 5.180. Si noti che lintegrale

5.77

ha senso anche se , di sostegno

in (A), racchiude solo una parte dello spettro di A. Per in tal caso non useremo la
notazione f (A) per indicarlo.
In un caso particolare facile calcolare lintegrale 5.77: supponiamo che (A)
contenga una regione di Jordan e supponiamo che il sostegno di appartenga
a . In questo caso un argomento analogo a quello usato nella dimostrazione del
teorema 5.175, basato sul teorema di HahnBanach, prova che lintegrale nullo.
Ossia, il Teorema di Cauchy 1.31 vale anche per integrali della forma 5.77. Dunque, i
casi interessanti saranno quelli nei quali gira intorno a punti di (A). Per intuire
cosa dobbiamo attenderci, consideriamo lesempio seguente:

Esempio 5.181. Sia X = C 3 a sia

A=
0
0
364

1 0

0 0

0 2

cos che

(zI A)1 =

1/z

1/z 2

1/z

1/(z 2)

5.

SPAZI DI BANACH

Sia una curva semplice e chiusa che racchiude 0 e che lascia fuori 2. Si calcola
immediatamente che
1
2i

1 0

(zI A)1 dz =
0 1

0 0

0
.
0

Si trova cos la proiezione sullautospazio generalizzato dellautovalore 0.


Operando in modo analogo con una curva che racchiude 2 e lascia fuori 0 si trova la
proiezione sullaltro autospazio.
Abbiamo cos calcolato lintegrale nel caso della funzione f (z) = 1. Se f (z) = z un
calcolo analogo d

0 1

0 0

0 0

0
,
0

0 0

0 0

0 0

rispettivamente, a seconda della scelta della curva. Queste sono le restrizioni di A ai


due autospazi. Si trova cos una diagonalizzazione a blocchi della matrice A.

Senza trattare lintegrale 5.77 in generale, vogliamo limitarci a considerare i due casi
f (z) = 1 ed f (z) = z, che sono particolarmente importanti per le applicazioni, e che
verranno usati nel paragrafo 6.6.5.
Generalizzando lesempio 5.181, supponiamo che (A) = 1 (A) 2 (A) e che una
regione di Jordan contenga 1 (A) e lasci fuori 2 (A). Sia una curva semplice e
chiusa col sostegno in , che gira intorno a 1 (A), come nella figura 5.7, a sinistra:
In tal caso:

Teorema 5.182. Valgano le condizioni appena dette. Loperatore


1
P =
2i

(zI A)1 dz

una proiezione.
DIMOSTRAZIONE

Ricordiamo che vale il teorema di Cauchy. Usando ci, una dimostrazione analoga a
quella del teorema 1.41, porta a concludere che due curve e  semplici e chiuse

365

5.

SPAZI DI BANACH

1(A)

1(A)

2
(A)

(A)

6
4

6
4

Fig. 5.7.

in , che ambedue racchiudono 1 (A) e lasciano fuori 2 (A) (come in figura 5.7, a
destra) definiscono il medesimo operatore P :
Z
Z
1
1
(zI A)1 dz =
(I A)1 d .
P =
2i
2i 
Dunque,
P2 =
=

1
2i

1
1

2i 2i

(zI A)1 dz

Z Z

1
2i

Z


(I A)1 d

(zI A)1 (I A)1 d dz .

Non restrittivo supporre che la curva racchiuda la curva  , come nella figura 5.7, a
destra. A questo punto usiamo una formula 8 che si chiama prima formula del risolvente
e che di verifica immediata:
(zI A)1 (I A)1 =

1
(zI A)1 (I A)1 .
z

Usando questa formula, si trova

Z
Z
Z
1
1
1
1
1
(zI A)1 d
(I A)1 d dz .
P2 =
2i 2i  z
2i  z

Si noti che questa formula estende luguaglianza, valida tra numeri,

1
1
1
1
.
=

(z a)( a)
z za
a

366

5.

SPAZI DI BANACH

Ora, dal Teorema di Cauchy,


1
2i

1
(zI A)1 d = 0
z

perch il punto z, che sulla curva , nella regione esterna a  .


Dunque rimane
1
2i
Z

P2 =
1
=
2i

1
(I A)1 d dz
 z

1
dz (I A)1 d .
z

1
2i
Z

1
2i

Lintegrando
z

1
z

ha per polo semplice, perch la curva  racchiusa dalla curva . Dunque


Z
Z
1
1
1
1
dz =
dz = 1
2i z
2i z
e quindi
P2 =

1
2i

Z


(I A)1 d = P .

Supponiamo ora che 1 e 2 sino due s.insiemi limitati di (A), appartenenti alla
regione interna rispettivamente di 1 e di 2 , curve di Jordan di sostegno in (A) ed
esterne luna allaltra come in figura 5.8.
Poniamo
P1 =

1
2i

(zI A)1 dz ,

P2 =

1
2i

(zI A)1 dz .

Una dimostrazione analoga a quella del teorema precedente porta a:

Teorema 5.183. Nelle ipotesi dette, si ha: P 1 P2 = P2 P1 = 0. Inoltre X1 = im P1


ed X2 = im P2 sono spazi lineari invarianti per A e lo spettro della restrizione di A
ad im Pi linsieme i . Tale restrizione data da

1
z(zI A)1 x dz ,
Ax =
2i i

x Xi .

Omettiamo i dettagli della dimostrazione di questo teorema, che analoga a quella del
teorema 5.182.
367

5.

SPAZI DI BANACH

(A)

2
2(A)
4

6
4

Fig. 5.8.

Si noti che il Teorema 5.183 mostra una diagonalizzazione a blocchi delloperatore A,


analoga a quella vista nellEsempio 5.181.

5.13.

T RASFORMAZIONI

NON LINEARI

Fino ad ora abbiamo trattato soltanto di operatori lineari. Vogliamo ora presentare
alcune considerazioni riguardanti i funzionali non lineari. Proviamo prima di tutto
un teorema di punto fisso, ossia diamo una condizione per lesistenza di soluzioni di
unequazione del tipo
f (x) = x .
In seguito, mostreremo come sia possibile estendere la prima formula degli incrementi
finiti e la formula di Taylor.

5.13.1 Teorema delle contrazioni e applicazioni


Supponiamo che f sia una trasformazione da uno spazio di Banach X in s stesso,
non necessariamente lineare. Si dice che f (x) una contrazione se esiste un numero
[0, 1) tale che
||f (x) f (x )|| ||x x || .
368

5.

SPAZI DI BANACH

Una contrazione lipschitziana e quindi continua.


Se f una qualsiasi trasformazione da X in s, un punto x 0 X si chiama punto

fisso di f se
f (x) = x .
Vale:

Teorema 5.184 (delle contrazioni). Sia K un insieme chiuso dello spazio di


Banach X che invariante per la contrazione f (x). Esiste uno ed un solo punto
fisso di f (x) che appartiene a K.
DIMOSTRAZIONE

Proviamo prima di tutto che il punto fisso, se esiste, unico. Siano per questo x ed y
due punti fissi. Vale per essi
||x y|| = ||f (x) f (y)|| ||x y||
ove strettamente minore di 1, per definizione di contrazione; e quindi la
disuguaglianza precedente pu solo valere se x = y.
Proviamo ora lesistenza del punto fisso.
Fissiamo k0 K e costruiamo la successione
k1 = f (k0 ) , . . . , kn = f (kn1 ) .
Si noti che k n K per ogni n, perch f (K) K.
Proveremo che (kn ) una successione fondamentale e quindi convergente dato che
lo spazio X completo. Essendo K chiuso, il limite x 0 di (kn ) in K. Passando al
limite nei due membri delluguaglianza
kn = f (kn1 )
si trova
x0 = f (x0 )
e quindi x 0 punto fisso di f .
Per completare la dimostrazione, basta mostrare che (k n ) una successione
fondamentale.

369

5.

SPAZI DI BANACH

Stimiamo prima di tutto


||kn kn1 || = ||f (kn1 ) f (kn2 )|| ||kn1 kn2 || .
Iterando si vede che
||kn kn1 || n1 ||k1 k0 || .
Valutiamo ora
||kn+m kn || ||kn+m kn+m1 || + ||kn+m1 kn+m2 || + + ||kn+1 kn ||
{n+m1 + n+m2 + + n }||k1 k0 ||

n
||k1 k0 || .
1

Ci prova che la successione (k n ) fondamentale e completa la dimostrazione.

Osservazione 5.185. Sottolineiamo che la successione (k n ) costruita nella


dimostrazione del teorema converge al punto fisso per ogni scelta del valore
iniziale k0 .
Presentiamo ora una semplice modifica del teorema 5.184 che spesso utile.
Indichiamo con f (n) la funzione su X ottenuta componendo f con s stessa nvolte:


f (1) (x) = f (x) ,
f (k) (x) = f f (k1) (x) .
Pu accadere che f non sia una contrazione, ma che esista un numero per cui f ()
una contrazione. Vale:

Corollario 5.186. Se f continua e se f () una contrazione su un s.insieme K


chiuso di X tale che f (K) K, allora f (x) ammette un punto fisso in K e questo
unico.
DIMOSTRAZIONE

Notiamo che se f (x 0 ) = x0 allora vale anche


f (f (x0 )) = f (x0 ) = x0
e quindi x 0 anche punto fisso di f (2) . Iterando questo procedimento, si vede che
x0 anche punto fisso della contrazione f () . Ci mostra lunicit del punto fisso.
Proviamone ora l esistenza.

370

5.

SPAZI DI BANACH

Si sa che esiste il punto fissa x 0 di f () :


x0 = f () (x0 ) .
Applicando f ai due membri delluguaglianza si vede che
f (x0 ) = f (f () (x0 )) = f () (f (x0 ))
ossia, anche f (x 0 ) punto fisso della contrazione f () . Lunicit del punto fisso implica
che
f (x0 ) = x0 .

Osservazione 5.187. Osserviamo che la ricerca dei punti fissi conduce anche alla
ricerca di zeri di funzioni: il funto x 0 verifica f (x0 ) = 0 se e solo se x0 punto fisso
di F (x) = x f (x).

Applicazioni: il metodo delle tangenti


E noto il metodo delle tangenti per la determinazioni di zeri di funzioni convesse
di variabile reale. Mostriamo come tale metodo si ritrovi mediante il teorema delle
contrazioni. Sia per questo f (x) convessa su R e di classe C 2 . Supponiamo che la
derivata prima non si annulli e supponiamo che sia

f (x)f  (x)

f  (x)2
< 1 .
La funzione
F (x) = x

f (x)
f  (x)

ha un punto fisso x 0 se e solo se f (x0 ) = 0 e viceversa (si ricordi che la derivata non
si annulla).
Si calcola immediatamente che
F  (x) =

f (x)f  (x)
f  (x)2

e quindi, nelle ipotesi fatte, F una contrazione. Ha quindi un punto fisso che si
costruisce come segue: fissato un qualsiasi x 0 , il punto x1
x1 = F (x0 ) = x0

f (x0 )
,
f  (x0 )
371

5.

SPAZI DI BANACH

punto nel quale la tangente in (x 0 , f (x0 )) al grafico di f ,


y = f (x0 ) + f  (x0 )(x x0 ) ,
taglia lasse delle ascisse.
Ci linterpretazione geometrica del punto x 1 e quindi anche dei successivi punti x n
che approssimano lo zero di f (x).

Equazioni integrali di Fredholm ed equazioni differenziali ordinarie


Sia K(t, s, x) una funzione a valori reali continua su [a, b] [a, b] R, lipschitziana
nella terza variabile, uniformemente rispetto alla prima e alla seconda:
|K(t, s, x) K(t, s, x )| M |x x |
con M indipendente da t e da s. Consideriamo la trasformazione T da C(a, b) in s
definita da

(T x)(t) =

K(t, s, x(s)) ds + f (t)


a

con f (t) funzione continua fissata. E chiaro che


b
|(T x)(t) (T x )(t)|
M |x(s) x (s)| ds M (b a)||x x ||
a

e quindi la trasformazione T una contrazione se


M (b a) < 1 .

5.80

Dunque:

Teorema 5.188. Se M (b a) < 1, lequazione di Fredholm



x(t) =

K(t, s, x(s)) ds + f (t)

5.81

ammette soluzione e questa unica.


Si noti che la condizione 5.80 pu realizzarsi o con [a, b] fissato, prendendo piccolo,
o con fissato, spesso = 1, prendendo b a piccolo.
Le ipotesi di questo teorema possono indebolirsi e in particolare si vede che anche
loperatore
372

5.

SPAZI DI BANACH

(T x)(t) =

K(t, s, x(s)) ds + f (t)


a

una contrazione se K(t, s, x) continua per a s t b ed uniformemente


lipschitziana in x R.

Nel caso particolare in cui f (t) = x 0 , costante, e

K(t, s, x) = K(s, x), lequazione 5.81 equivale a


x (t) = K(t, x(t)) ,

x(a) = x0 .

5.82

Dunque,

Teorema 5.189. Sia K(t, x) continua in t, x ed uniformemente lipschitziana in x.


Il problema di Cauchy 5.82 ammette soluzione su (a, b), con b abbastanza piccolo, e
tale soluzione unica.

5.13.2 I differenziali
Sia f (x) una trasformazione da uno spazio di Banach X in uno spazio di Banach Y .
Supponiamo che x 0 sia un punto interno al suo dominio.
Nel caso in cui X = Rn si sa che si possono definire le derivate direzionali in x 0 e
la matrice jacobiana, che rappresenta il differenziale. Vogliamo estendere queste
definizioni al caso in cui X un generico spazio di Banach.
Sia v un qualsiasi elemento di X. Consideriamo il limite
lim

t0

f (x0 + tv) f (x0 )


.
t

Questo limite pu esistere o meno. Se esiste si indica col simbolo


Dv f (x0 )
e si chiama la derivata direzionale nella direzione v.
La derivata direzionale pu esistere in una direzione e non esistere in altre direzioni;
e, se anche esiste in ogni direzione, la trasformazione
v Dv f (x0 )

5.83

in generale non lineare, come prova lesempio seguente.


373

5.

SPAZI DI BANACH

Esempio 5.190. Si definisce una funzione f (x, y) su R 2 come segue: prima di tutto
si fissa una successione di punti (x k , yk ) due a due distinti, tutti di norma 1, ossia tutti
appartenenti alla circonferenza
C = {(x, y) | x2 + y 2 = 1} .
Fissato un qualsiasi punto (x, y) di R 2 si considera il punto
(x, y)
.
||(x, y)||
Questo pu essere uno dei punti (x k , yk ) o meno. Se non uno di tali punti, si pone
f (x, y) = 0. Se invece esiste un indice k per cui
(x, y)
= (xk , yk )
||(x, y)||
allora si definisce
f (x, y) = k||(x, y)|| = k


x2 + y 2 .

In particolare, f (0, 0) = 0.
Fissata una qualsiasi direzione v = (x, y), consideriamo i rapporti incrementali
f (tv)
f (tx, ty)
=
.
t
t
Se v/||v|| non uno dei punti (x k , yk ), il valore del rapporto incrementale zero per
ogni t; e quindi
lim

t0

f (tv)
= 0.
t

Altrimenti, se esiste un indice kv per cui


v
= kv (xkv , ykv )
||v||
allora
lim

t0

f (tv)
tkv ||v||
= lim
= kv ||v|| .
t0
t
t

Dunque, df (x0 , v) esiste per ogni direzione v, ma non funzione lineare di v.


374

5.

SPAZI DI BANACH

Quando invece loperatore


v df (x0 , v) ,
lineare, questo si chiama il differenziale di Gteaux di f in x 0 .
Se esiste il differenziale di Gteaux di f in x 0 allora, per ogni v fissato, si ha

f (x0 + tv) f (x0 )

lim

df (x0 , v)

= 0
t0
t

5.84

e quindi
f (x0 + tv) f (x0 )
= df (x0 , v) + o(t; x0 , v)
t
ove o(t; x0 , v) indica una funzione della variabile reale t a valori in X e tale che
lim

t0

o(t; x0 , v)
= 0.
t

Si noti per che il limite non generalmente uniforme rispetto a v. Si consideri infatti
lesempio seguente:

Esempio 5.191. Sia X = R 2 e sia

1
f (x, y) =
0

se x2 < x < x4
altrimenti.

Si vede facilmente che il differenziale di Gteaux di questa funzione in (0, 0) esiste e


vale 0. Per, il limite 5.84 non uniforme rispetto alla direzione. Infatti, sulla retta
x = t,

y = mt

la disuguaglianza

f (t, mt)

<

vale, per t > 0, quando 0 t 3 m .


Si osservi che la funzione f (x, y), pur essendo differenziabile secondo Gteaux in
(0, 0), non continua.
Si dice che una funzione f (x) differenziabile secondo Frchet nel punto x 0 quando
esiste un funzionale lineare L per cui
375

5.

SPAZI DI BANACH

f (x0 + v) f (x0 ) = Lv + o(v; x0 ) .


Col simbolo o(v; x0 ) si intende una funzione, questa volta da X in s, tale che
lim

||v||0

o(v; x0 )
= 0.
||v||

Si richiede cio che L verifichi


lim

||v||0

||f (x0 + v) f (x0 ) Lv||


= 0.
||v||

Il funzionale lineare L si chiama il differenziale di Frchet della funzione f in x 0 , e


si indica col simbolo
df (x0 )v .
E facile provare:
Se esiste il differenziale di Frchet in un punto x 0 allora esiste anche quello di
Gteaux, e questi coincidono;
se esiste il differenziale di Frchet nel punto x 0 allora la funzione continua
in x0 .
La formula
f (x0 + v) f (x0 ) = df (x0 )v + o(v; x0 )
generalizza la prima formula degli incrementi finiti.
Se esiste, df (x0 ) un elemento di L(X, Y ).
Quando il differenziale di Frchet esiste in ogni punto di un intorno di x 0 , la funzione
x df (x)
si indica col simbolo f  (x) e si chiama la funzione derivata secondo Frchet di f (x).
Questa funzione generalmente non lineare, da X a L(X, Y ). Pu ben essere che
questa sia a sua volta differenziabile secondo Frchet nei punti di un intorno di x 0 . Si
pu quindi definire la derivata seconda di f in x 0 .
Procedendo analogamente, si definiscono anche le derivate successive.

376

6. SPAZI DI HILBERT

6.1.

P RODOTTO

INTERNO E NORMA

Gli spazi di Hilbert sono particolari spazi di Banach, che generalizzano R n o Cn con
lusuale distanza euclidea.
Conviene introdurre prima di tutto la definizione di prodotto interno. Sia X uno spazio
lineare. Si chiama prodotto interno su X una funzione f (x, y) su X X, a valori nel
campo scalare, con queste propriet:

per ogni fissato y, la funzione x f (x, y) lineare:


f (x + x , y) = f (x, y) + f (x , y) .

per ogni x ed y vale f (x, y) = f (y, x). Questa propriet implica in particolare
che la parte immaginaria di f (x, x) nulla per ogni x.
vale f (x, x) > 0 per ogni x = 0.

La prima propriet mostra che


f (0, 0) = f (r 0, 0) = rf (0, 0)
per ogni numero r; e quindi
377

6.

SPAZI DI HILBERT

f (0, 0) = 0 .

Si noti che la funzione f (x, y) non lineare rispetto ad y ma, per ogni fissato x, vale
f (x, y + y  ) = f (y + y  , x) = f (y, x) + f (y  , x)
(x, y  ) .
=
f (x, y) + f

6.1

Se accade che F = R allora gli scalari sono reali e quindi si ha linearit anche nella
seconda componente.
Le propriet 6.1 si chiama antilinearit.
In pratica per indicare il prodotto interno di x ed y si usa il simbolo x, y (o simboli
analoghi, per esempio x|y). Si osservi la somiglianza col simbolo x , x usato
per rappresentare lazione del funzionale lineare x su x. Si noti per che x , x
lineare sia rispetto alla prima che alla seconda variabile, anche quando F = C.
Due vettori x ed y si dicono ortogonali quando il loro prodotto interno nullo:
xy

x, y = 0 .

Proviamo che per i prodotti interni vale la disuguaglianza di Schwarz:

Teorema 6.1. Per ogni x, y vale


|x, y|2 x, xy, y .
Luguaglianza vale se e solo se i vettori x ed y sono colineari, ossia se e solo se
x = y, F.
DIMOSTRAZIONE

Se x, y = 0 allora la disuguaglianza ovvia. Supponiamo quindi esplicitamente


x, y = 0 e introduciamo
a=

x, y
.
|x, y|

Consideriamo quindi che per ogni t (reale o complesso) vale

378

6.

SPAZI DI HILBERT

0 
ax + ty, a
x + ty .
Scegliamo t reale e introduciamo in questespressione la definizione di a. Si trova
0 
ax + ty, a
x + ty = y, yt2 + 2|x, y|t + x, x .

6.2

Questo un polinomio in t, a coefficienti reali. Il segno di questo polinomio costante


e quindi il suo discriminante negativo, ossia:
|x, y|2 x, xy, y .

6.3

Questa la disuguaglianza che volevamo provare.

Se in 6.3 vale luguaglianza, allora il polinomio 6.2 un quadrato:



ax + ty, a
x + ty = (mt + n)2
per certi numeri m ed n. E quindi nullo per t = n/m, ossia
a
x + ty = 0 .
I vettori x ed y sono quindi colineari.

Teorema 6.2. La funzione definita su X da


x


x, x

una norma su X.
DIMOSTRAZIONE

Usando la disuguaglianza di Schwarz, proviamo che vale la disuguaglianza triangolare:


x + y, x + y = x, x + x, y + y, x + y, y
= x, x + 2e x, y + y, y
x, x + 2|x, y| + y, y

(usando la disuguaglianza di Schwarz)


i2
h
x, x + 2 (x, x)1/2 (y, y)1/2 + y, y = x, x1/2 + y, y1/2 .
Si ha quindi

379

6.

SPAZI DI HILBERT
p

x + y, x + y

x, x +

p
y, y .

Questa la disuguaglianza triangolare. Le altre propriet della norma sono immediate.


Si noti che la propriet ||x|| > 0 per x = 0 vale perch x, x = 0 per x = 0.

Naturalmente scriveremo
||x|| =


x, x .

6.4

E conseguenza della disuguaglianza di Schwarz e della definizione di norma lasserto


seguente:

Corollario 6.3. Per ogni y X fissato, il funzionale lineare


x x, y
continuo sullo s.l.n. X, dotato della norma 6.4
DIMOSTRAZIONE

Infatti, dalla disuguaglianza di Schwarz,


|x, y| M ||x|| ,

con

M = ||y|| .

Le norme che discendono da un prodotto interno godono di una propriet bene


particolare:

Teorema 6.4. Sia ||x|| =


x, x. Questa particolare norma verifica luguaglianza

/
0
||x + y||2 + ||x y||2 = 2 ||x||2 + ||y||2
DIMOSTRAZIONE

Si calcola immediatamente
||x + y||2 + ||x y||2 = x + y, x + y + x y, x y
= ||x||2 + x, y + y, x + ||y||2 + ||x||2 x, y y, x + ||y||2

`
= 2 ||x||2 + ||y||2 .

380

6.5

6.

SPAZI DI HILBERT

Luguaglianza 6.5 si chiama identit del parallelogramma. Nella geometria piana


essa si enuncia dicendo che la somma dei quadrati costruiti sulle diagonali di un
parallelogramma uguale alla somma dei quadrati costruiti sui lati.
E importante sapere che non tutte le norme discendono da un prodotto interno. Infatti
vale:

Esempio 6.5. Si doti R 2 della norma


||(, )|| = max{|| , ||} .
Si provi che lidentit del parallelogramma non vale per la coppia dei vettori x =
(1, 0) ed y = (0, 1).

Questosservazione suggerisce di dare un nome particolare agli s.l.n-ti la cui norma


proviene da un prodotto interno. Questi si chiamano spazi prehilbertiani e, se sono
anche completi, si chiamano spazi di Hilbert.
Lavoreremo ora esclusivamente con spazi di Hilbert, che indicheremo genericamente
col simbolo H.
E chiaro che ogni spazio di Hilbert anche uno speciale spazio di Banach. Vedremo
che le sue propriet sono particolarmente importanti per le applicazioni. Per esempio,
possiamo notare subito che in spazi prehilbertiani vale il teorema di Pitagora :

Teorema 6.6. Siano h, k due elementi tra loro ortogonali di uno spazio di
prehilbertiano H. Vale:
||h + k||2 = ||h||2 + ||k||2 .
DIMOSTRAZIONE

Si calcola immediatamente
||h + k||2 = h + k, h + k = ||h||2 + h, k + k, h + ||k||2 = ||h||2 + ||k||2
perch h k.

381

6.

SPAZI DI HILBERT

6.1.1 Esempi di prodotti interni e di spazi di Hilbert


Elenchiamo gli spazi di Hilbert di uso pi comune. Naturalmente essi si sono gi
incontrati come particolari spazi di Banach.

Lo spazio euclideo ad n dimensioni


uno spazio di Hilbert, con prodotto interno
h, k =

n


ki hi

se h = col [hi ] ,

k = col [ki ] .

i=1

Lo spazio l 2
uno spazio di Hilbert, dotato del prodotto interno
(hi ), (ki ) =

+


ki hi .

i=i

La convergenza della serie, quando h i e ki sono in l 2 , stata provata nel paragrafo 10.
Possiamo ora notare che la convergenza segue applicando la disuguaglianza di
Schwarz alle somme finite, e passando al limite.
Si ricordi che il duale di l 2 isometrico a l 2 stesso.

Lo spazio L2 (K)
uno spazio di Hilbert, il cui prodotto interno

f, g =
f(x)g(x) dx .
K
2

Lintegrale dipende dagli elementi di L (K), ossia dalle classi di equivalenza, e non
dai rappresentanti delle classi stesse, e converge grazie alla disuguaglianza di Schwarz
per gli integrali.
Si ricordi, dal paragrafo 10, che anche in questo caso lo spazio una realizzazione del
suo duale.

Lo spazio H 2
uno spazio di Hilbert. Il prodotto interno nel caso di H 2 (D)
382

6.


f, g = sup
r(0,1)

1
2

SPAZI DI HILBERT


it
it

f (re )g(re ) dt .

Nel caso di H 2 () il prodotto interno



 +
1

f (x + iy)g(x + iy) dy .
f, g = sup
x>0

Lo spazio W 12 (K)
uno spazio di Hilbert dotato del prodotto interno


f, g =
g(x)f (x) dx +
f(x) g(x) dx .
K

Nel caso in cui K = [a, b], un prodotto interno che conduce ad una norma
equivalente

f, g = g(a)f (a) +

g (x)f  (x) dx .

Uno spazio di Hilbert non separabile


Tutti gli esempi precedenti sono esempi di spazi di Hilbert separabili. Mostriamo un
esempio di spazio di Hilbert non separabile. Osserviamo che se ||x|| = ||y|| = 1 e se
x y, allora
||x y||2 = 2 ,
ossia x dista

2 da y. Dunque, se in uno spazio di Hilbert si trova una famiglia

non numerabile di vettori a due a due ortogonali, questo spazio non separabile.
Consideriamo le funzioni
t eist ,

tR

dove s un parametro reale.


Consideriamo lo spazio lineare generato da queste funzioni e su esso il prodotto
interno
1
f, g = lim
T + 2T

g(t)f (t) dt .
T

383

6.

SPAZI DI HILBERT

Lo spazio che si ottiene uno spazio prehilbertiano. Il suo completamento, introdotto


nel teorema 5.27, quindi uno spazio di Hilbert che non separabile perch se f (t) =
eist , g(t) = eirt , s = r, allora
1
T + 2T

f, g = lim

ei(sr)T ei(sr)T
= 0.
T +
2T (s r)

ei(sr)t dt = lim
T

Dunque in questo spazio c un sistema non numerabile di vettori due a due


ortogonali. Come si detto, ci basta a mostrare che lo spazio non separabile.

6.2.

T EOREMA

DELLE PROIEZIONI

Gli spazi di Hilbert, come si notato, sono particolari spazi di Banach, dotati di
propriet speciali, utili per le applicazioni. Essenzialmente esse discendono tutte
dal teorema delle proiezioni, che in realt un complesso di affermazioni che
bene studiare separatamente. In particolare bene essere precisi, distinguendo
le affermazioni che valgono in spazi prehilbertiani da quelle che richiedono la
completezza.
Sia H uno spazio prehilbertiano e sia X un suo s.spazio. Sia h H. Un punto
x0 X si chiama proiezione ortogonale di h su X se
h x0 x

x X .

Per indicare che h x0 perpendicolare ad ogni elemento di X, scriveremo anche


h x0 X .
Si noti che se h X allora h proiezione di se stesso su X, h = x 0 .
In un generico spazio di Banach, una definizione analoga non pu darsi perch
lortogonalit non definita. Anche in spazi di Hilbert per non affatto ovvio che,
dato h, la sua proiezione x 0 su X debba esistere. Se per essa esiste allora si pu
scrivere
h = (h x0 ) + x0
384

6.

SPAZI DI HILBERT

e h x0 , essendo perpendicolare ad X, in particolare perpendicolare a x 0 X.


Dunque, usando il teorema di Pitagora, si ha

Teorema 6.7. Sia h H, H uno spazio prehilbertiano, ed esista la proiezione x 0


di h su X. Vale:
||h||2 = ||h x0 ||2 + ||x0 ||2 .
In particolare,
||x0 || ||h|| ,

||h x0 || ||h|| .

Abbiamo detto che lesistenza della proiezione non ovvia.

Possiamo per

immediatamente provare che, se la proiezione esiste, essa unica:

Teorema 6.8. Sia h un elemento dello spazio prehilbertiano H. Sia X un s.spazio


di H. Se esiste, la proiezione di h su X unica.
DIMOSTRAZIONE

Siano infatti x 0 ed x1 due proiezioni di h su X. In tal caso,


h x0 , x = 0 ,

h x1 , x = 0

x X .

Usando la linearit della prima componente del prodotto interno si trova


x1 x0 , x = 0

x X .

Ora, X uno spazio lineare a cui appartengono sia x 0 che x1 e quindi anche x 1 x0
X. Scegliendo x = x 1 x0 si trova
0 = x1 x0 , x1 x0  = ||x1 x0 ||2
e quindi x 1 = x0 .

Il problema della proiezione uno dei problemi che si studiano nella geometria
euclidea e si sa che, in tale contesto, la proiezione x 0 di h anche il punto di X
che ha minima distanza da h. Questa propriet vale anche in spazi prehilbertiani:
385

6.

SPAZI DI HILBERT

Teorema 6.9. Sia H uno spazio prehilbertiano e sia X un suo sottospazio. Un punto
x0 X proiezione su X di h H se e solo se
||h x0 || ||h x||

x X .

DIMOSTRAZIONE

Sia x0 la proiezione di h su X e sia x X qualsiasi. Si scriva


h x = (h x0 ) + (x0 x) .
Essendo (h x0 ) (x x0 ), dal teorema di Pitagora se gue
||h x||2 = ||h x0 ||2 + ||x x0 ||2 ||h x0 ||2 .
Ci prova che x 0 punto di minima distanza.
Viceversa, sia
||h x0 || ||h x||

x X .

Mostriamo che x0 proiezione di h su X, procedendo per assurdo: supponiamo che


ci non valga. Esiste quindi X tale che h x 0 non ortogonale a , ossia tale che

= h x0 ,  = 0 .
Non restrittivo assumere
|||| = 1 .
Indichiamo con x 1 il punto
x1 = x0 X
e calcoliamo ||h x 1 ||. Mostriamo che, se = 0, allora si ha
||h x1 || < ||h x0 || .

6.6

Ci contrasta con la propriet di x 0 e mostra quindi che h x 0 . La 6.6 segue da:


||h x1 ||2 = ||h x0 + ||2 = h x0 + , h x0 + 
x0 ,  , h x0  + ||2 ||||2
= ||h x0 ||2 h
+ ||2 = ||h x0 ||2 ||2 < ||h x0 ||2 .
= ||h x0 ||2

386

6.

SPAZI DI HILBERT

Osservazione 6.10. Si osservi che la propriet di minima distanza pu anche


introdursi in un generico spazio di Banach. Per in generale il punto di X che meno
dista da h, se H non uno spazio di Hilbert, n esiste n unico.

Rinunciamo a presentare un esempio che mostra la non esistenza e mostriamo la non


unicit. Sia per questo H lo spazio R 2 , ma dotato della norma
||x|| = ||(, )|| = max{|| , ||} .
Sia X = {(, 0) | R} lasse delle ascisse e sia h = (0, 1). Si vede facilmente che
||h x|| = 1

x = (, 0) ,

[1, 1] .

Se invece x = (, 0) con || > 1 allora


||h x|| = || > 1 .
Dunque, il punto dellasse delle ascisse che ha minima distanza da h non unico e i
punti di minima distanza sono quelli del segmento [1, 1].

Esaminiamo ora il problema di minimo


min{||h x|| | x X} .
In generale, un problema di minimo non ha soluzione, ma si possono sempre costruire
successioni minimizzanti. Nel caso nostro, sia
d = inf{||h x|| x X}
e, per ogni n, sia xn tale che
d ||h xn || < d + 1/n .

6.7

Teorema 6.11. Sia H uno spazio prehilbertiano.

La successione (x n )

Proviamo:

fondamentale.
387

6.

SPAZI DI HILBERT

DIMOSTRAZIONE

Fissati n ed m, si deve valutare ||x n xm ||. Per semplicit valutiamone il quadrato.


Usiamo lidentit del parallelogramma per scrivere
||xn xm ||2 = ||(xn h) + (h xm )||2

= 2 ||xn h||2 + ||h xm ||2 ||(xn h) (h xm )||2

xn + xm
h||2 .
= 2 ||xn h||2 + ||h xm ||2 4||
2
E
1
(xn + xm ) X
2
e quindi
||

xn + xm
h||2 > d2 .
2

Dalla definizione di (x n ), assegnato


> 0, segue lesistenza di N  tale che, se n, m
sono maggiori di N  , si ha
||xn h||2 < d2 +
/4 ,

||xm h||2 < d2 +


/4 .

Dunque, per n, m maggiori di N  vale anche


h
xn + xm

i
4||
||xn xm ||2 < 2 2d2 +
h||2 4d2 +
4d2 =
.
2
2
La successione (xn ) quindi fondamentale.

Di conseguenza:

Teorema 6.12. Sia H uno spazio di Hilbert e sia X un suo s.spazio chiuso. Per ogni
h H esiste x0 , proiezione di h su X.
DIMOSTRAZIONE

Si costruisce la successione (x n ), definita da 6.7. Si sa che questa una successione


fondamentale in H, e quindi convergente, perch H completo.
Sia
x0 = lim xn .
Per ogni n, si ha x n X e quindi x 0 X perch X chiuso.

388

6.

SPAZI DI HILBERT

Da 6.7 si ha
d = lim ||h xn || .
Daltra parte la continuit della norma mostra che
||h x0 || = lim ||h xn ||
e quindi x 0 punto di minima distanza; e quindi la proiezione di h su X.

6.3.

C OMPLEMENTI

ORTOGONALI E PROIEZIONI ORTOGONALI

Sia A un qualsiasi sottoinsieme di uno spazio di Hilbert H. Definiamo


A = {h | h A} = {h | h, a = 0 a A} .
Ovviamente:

Lemma 6.13. Per ogni insieme A vale


A A = {0} .
DIMOSTRAZIONE

Se infatti a A A allora a, a = 0 e quindi a = 0.

Vale:

Teorema 6.14. Linsieme A un s.spazio chiuso di H. Se A denso in H allora


A = {0}.
Se A = {0} e se A un s.spazio, allora A denso in H.
DIMOSTRAZIONE

Siano x, y elementi di A e siano e scalari. Per ogni a A vale


x + y, a = x, a + y,  = 0 .

389

6.

SPAZI DI HILBERT

Ci prova che A un s.spazio (anche se A non lo .)


Per provare che A chiuso, sia (x n ) una successione di elementi di A e supponiamo che essa converga ad x 0 . Dobbiamo provare che x 0 A . La continuit del
prodotto interno mostra che, per ogni a A,
x0 , a = limxn , a = 0 .
Dunque, x 0 A , come volevamo.
Sia ora A denso in H e sia x A . Mostriamo che
x, h = 0

6.8

per ogni h H. Da ci, scegliendo in particolare h = x, segue x = 0. Se accade che


/ A, essendo A denso, esiste una successione (a n ) in A,
h A, allora vale 6.8. Se h
convergente ad h. Dunque, ancora per la continuit del prodotto interno,
x, h = limx, an  = 0 .
Ricapitolando, abbiamo provato che se A denso in H allora A = {0}.
Viceversa sia A = {0} e sia inoltre A un s.spazio (anche non chiuso). Mostriamo
che A denso in H. Procedendo per assurdo, se il s.spazio A non denso in H, la
sua chiusura X un s.spazio chiuso che non contiene un elemento h H. Sia x 0 la
proiezione di h su X. Il vettore h x 0 non nullo, ed ortogonale ad X e quindi anche
ad A.

Consideriamo ora un s.spazio chiuso X di H, ed il suo ortogonale X . Associamo


ad ogni h H la sua proiezione su X, che indichiamo col simbolo P h. Dunque P
indica un operatore da H in s. Studieremo pi avanti le propriet delloperatore P .
Per ora scriviamo x nella forma
x = (P x) + (x P x) = x + y

cos che

Vale:

Teorema 6.15. Se X un s.spazio chiuso di H, si ha:


H = X X .
390

y = x Px X .

6.9

6.

SPAZI DI HILBERT

DIMOSTRAZIONE

Abbiamo gi notato che X X = {0}. La 6.9 mostra che ogni elemento di H


somma di un elemento di X e di uno di X .

Osservazione 6.16. Grazie a questosservazione, la dimostrazione del teorema di


Hahn-Banach in spazi di Hilbert si fa in modo elementare. Se L 0 un funzionale
lineare e continuo sul s.spazio chiuso X 0 di H, esso si estende ad H definendolo
nullo su X e ponendo quindi
L(P x + (x P x) ) = L0 x .
Ovviamente, ||L|| = ||L0 ||.

Infine, esaminiamo le propriet di [A ] . E chiaro che


A [A ]
e generalmente linclusione propria perch [A ] un s.spazio chiuso, mentre A
generalmente non lo . Per:

Teorema 6.17. Se X un s.spazio chiuso allora


X = [X ] .

DIMOSTRAZIONE

Per assurdo, linclusione sia propria, esista cio [X ] , che non appartiene ad X.
Sia 0 la proiezione ortogonale di su X. In tal caso 0 X, ossia 0 X ed
anche 0 [X ] , dato che sia che 0 sono in [X ] . E quindi 0 appartiene
sia ad X che al suo ortogonale. E dunque nullo, ossia = 0 X.

Studiamo ora le propriet delloperatore P , proiezione ortogonale di H sul suo


s.spazio chiuso X. Loperatore P ovviamente una proiezione, ed naturalmente
391

6.

SPAZI DI HILBERT

associato alla proiezione su X , che data da Q = I P , ove I loperatore


identit. Dal teorema di Pitagora, per ogni h H vale
||h||2 = ||P h + (I P )h||2 = ||P h||2 + ||(I P )h||2 .
Dunque,
||P || 1 ,

||(I P )|| 1 .

6.10

Loperatore P ha unulteriore propriet interessante. Vale


P h, k = h, P k

h, k H .

6.11

Infatti,
P h, k = P h, P k + (I P )k = P h, P k
perch P (I P ) = 0. Per questa stessa ragione,
h, P k = P h + (I P )h, P k = P h, P k
e quindi vale 6.11.
Seguendo la terminologia nota dalla dimensione finita, un operatore lineare continuo
per cui vale la 6.11 si dice simmetrico. Dunque, ogni proiezione ortogonale un
operatore simmetrico. Si vede facilmente che vale anche il vicevera:

Teorema 6.18. Sia P L(H) una proiezione. Loperatore P la proiezione


ortogonale sul s.spazio X = P H se e solo se simmetrico.
DIMOSTRAZIONE

Basta mostrare che se P L(H) un operatore di proiezione che anche simmetrico


allora P proiezione ortogonale. Sia per questo X = im P . Mostriamo prima di tutto
che X un s.spazio chiuso. Sia per questo (x n ) una successione in X, convergente
ad un h H. Dobbiamo provare che h X.
Essendo xn X, si ha
xn = P xn .

392

6.

SPAZI DI HILBERT

Passando al limite, grazie alla continuit di P , si trova


h = lim xn = lim P xn = P h im P = X .
Ci prova che X chiuso.
Sia ora h H. Mostriamo che
h Ph X ,
cos che P h effettivamente la proiezione ortogonale di h su X. Sia per questo x un
generico element di X, ossia un generico elemento P k dellimmagine di P . Si ha
h P h, x = h P h, P k = P (h P h), k = P h P h, k = 0
(si noti che in questo calcolo si usato il fatto che P sia una proiezione che un
operatore simmetrico.)
Ci quanto volevamo provare.

6.3.1 Sistemi ortonormali e calcolo di proiezioni


Un insieme S di vettori di uno spazio di Hilbert si chiama ortogonale se
x, y S ,

x = y = x y .

Se ogni elemento di S ha norma 1, linsieme S si chiama ortonormale.


Ovviamente, un sistema ortogonale che non contiene 0 linearmente
indipendente, e quindi un sistema ortonormale linearmente indipendente.
Esponiamo un metodo, detto metodo di GramSchmidt che permette di costruire
sistemi ortonormali a partire da un qualsiasi insieme numerabile X H. Supponiamo
per semplicit che X = {xn } sia linearmente indipendente. In tal caso, in particolare,
ciascun suo elemento non nullo.
Associamo a x1 lelemento
e1 =

x1
.
||x1 ||

Ad x2 associamo
e2 =

z2
||z2 ||

ove

z2 = x2 x2 , e1 e1 .

393

6.

SPAZI DI HILBERT

Scelti e1 ,. . . , en1 definiamo


en =

zn
||zn ||

zn = xn

ove

n1


xn , ek ek .

k=1

E immediato vedere che gli e i sono due a due ortogonali ed ovviamente di norma 1.
Inoltre,

Teorema 6.19. Per ogni n vale


span {e1 , . . . , en } = span {x1 , . . . , xn } .

Osservazione 6.20. Abbiamo visto che la sfera di uno spazio di Banach di dimensione infinita non compatta. Ovviamente ci vale in particolare per gli spazi di Hilbert.
Per nel caso degli spazi di Hilbert si pu dare una dimostrazione elementare: col
metodo precedente si costruisce un sistema numerabile ed ortonormale {e n }. Si nota
quindi che la successione (e n ) non ha s.successioni convergenti. Infatti, per n = m
si ha
||en em ||2 = 2 .
Mostriamo ora come i sistemi ortonormali numerabili si possano usare per il calcolo
di proiezioni. Consideriamo prima di tutto il caso in cui X sia un s.spazio di H, di
dimensione finita k.
Sia
e 1 , . . . , ek
una base ortonormale di X.
In tal caso la proiezione x 0 di h su X data da
x0 =

k


i ei

i=1

perch ogni elemento di X ha questa forma.


I numeri i si calcolano facilmente:
k

h, er  = 
i ei , er  = r ,
i=1

con un calcolo del tutto analogo a quello noto in dimensione finita. Dunque,
394

6.

x0 =

k


SPAZI DI HILBERT

h, ei ei .

i=1

E utile calcolare ora


k
k
n
n




i ei ,
j ej  =
i
j ei , ej  =
|i |2
||x0 ||2 = 
i=1

j=1

i,j=1

i=1

perch i vettori e i sono due a due ortogonali e di norma 1.


Ricordando lespressione di i e la 6.10 si trova
n


|h, ei |2 = ||x0 ||2 ||h||2 .

6.12

i=1

Sia ora S = {ei } un sistema ortonormale numerabile. Il s.spazio di H


span S = {

n


i ei i C , n N}

i=1

non chiuso. Indichiamo con X la sua chiusura. Vogliamo rappresentare x 0 , la


proiezione su X di un generico elemento h H.
Notiamo prima di tutto:

Lemma 6.21. Vale

+
+




i ei

=
|i |2

i=1

i=1

DIMOSTRAZIONE

La somma di una serie il limite della successione delle somme parziali,


+
X

i ei = lim
n

i=1

n
X

i ei

i=1

e, per la continuit della norma,


2
2
n
2
+
n

X
X
X

i ei = lim
i ei = lim
i ei .

i=1

i=1

i=1

Lasserto segue dalluguaglianza


2

n
n

X
X

i ei =
|i |2 .

i=1

i=1

395

6.

SPAZI DI HILBERT

Inoltre

Teorema 6.22 (di RieszFischer). Sia S = {e i} un sistema ortonormale


numerabile. La serie
n


i ei

i=1

converge in H se e solo se la successione ( n ) in l 2 .


DIMOSTRAZIONE

Dal Lemma 6.21, se la serie converge in H si ha


2
+
+

X
X

2
|i | =
i ei < + .

i=1

i=1

Il viceversa segue notando che se ( n ) l2 allora la successione delle somme parziali


fondamentale. Infatti,
m
2
m
X

i ei =
|i |2

i=n

i=n

e, per ipotesi, la successione ( n ) in l .

Indichiamo ora con X n lo spazio lineare (di dimensione finita) generato dai vettori
e1 ,. . . , en . Come si visto, la proiezione x n di h su Xn
xn =

n


h, ei ei

i=1

e, dalla 6.12, per ogni n vale


n

i=1

|i | =
2

n


|h, ei |2 ||h||2 .

i=1

Dunque la successione ( i ) in l 2 e quindi


x0 =

+


h, ei ei

i=1

converge in H. E facile immaginare che valga:

Teorema 6.23. Il vettore x 0 definito in 6.13 la proiezione di h su X.


396

6.13

6.

SPAZI DI HILBERT

DIMOSTRAZIONE

Per mostrare ci si prova che h x 0 ortogonale ad ogni elemento di X. Ricordiamo


che per definizione ogni x X limite di una successione (s n ) in span S e, per la
continuit del prodotto interno,
x, h x0  = lim sn , h x0  = limsn , h x0  .
Dunque basta provare che h x 0 ortogonale a span S e per questo basta provare
che ortogonale ad ogni elemento e k . Ci si vede immediatamente perch 1
h x0 , ek  = h, ek  

+
X
h, ei ei , ek 
i=1

= h, ek 

+
X

h, ei ei , ek  = h, ek  h, ek  = 0 .

i=1

Abbiamo cos identificato la proiezione x 0 di h su X,


x0 =

+


h, ei ei .

i=1

Dalla 6.12, vale


+


|h, ei |2 ||h||2 .

i=1

Questa disuguaglianza si chiama disuguaglianza di Bessel.

6.3.2 Serie di Fourier astratte


Le considerazioni svolte al paragrafo precedente si possono interpretare come segue:
in uno spazio di Hilbert H dato un s.spazio X separabile, generato da un sistema
ortonormale S = {e i } (niente vieta che sia X = H. In tal caso S si chiama un sistema

ortonormale massimale o completo.) Si vuole sviluppare un elemento h di H in serie


degli ei . Questi problemi sono stati studiati prima di tutto nel caso concreto in cui

Si noti luso della linearit e continuit della prima componente del prodotto interno, per
scambiare i segni di serie e di prodotto interno.

397

6.

SPAZI DI HILBERT

nt , sin
nt } e quindi si parla in generale di serie di Fourier
H = L2 (, ) e S = { cos

astratte per riferirsi allo sviluppo di h in serie degli e i .


E possibile provare, usando il lemma di Zorn, che ogni spazio di Hilbert ha un
sistema ortonormale massimale, e che questo numerabile se e solo se H
separabile. E utile conoscere alcuni test utili per verificare se un sistema ortonormale
numerabile in uno spazio di Hilbert massimale o meno. Vale:

Teorema 6.24. Sia S = {e i } un sistema ortonormale finito o numerabile in uno


spazio di Hilbert H. Si equivalgono le affermazioni seguenti:

i) il sistema S massimale;
ii) ogni h H si sviluppa in serie degli e i ,
h=

i ei ;

iii) per ogni h H vale luguaglianza


||h||2 =

+


|h, ei |2 ;

6.14

i=1

iv) se h, ei  = 0 per ogni i allora h = 0.


DIMOSTRAZIONE

Si gi visto che i) implica ii) e quindi iii) vale per il lemma 6.21. In particolare,
se h, ei  = 0 per ogni i allora h = 0, ossia vale iv). La dimostrazione si completa
provando che se vale iv) allora S massimale.
La condizione iv) significa

[span S] = {0}

Si sa, dal teorema 6.14 che in tal caso span S denso in H. Dunque, S massimale.

Luguaglianza 6.14 si chiama identit di Parseval.

398

6.

6.4.

IL

DUALE DI UNO SPAZIO DI

SPAZI DI HILBERT

H ILBERT

Abbiamo gi notato che, per ogni k fissato, il funzionale lineare


h h, k
continuo grazie alla disuguaglianza di Schwarz
|h, k| M ||h||

M = ||k|| .

con

Dunque la norma di questo funzionale non supera ||k|| e in realt uguale a ||k||,
come si vede scegliendo
h=

k
.
||k||

Cos come in dimensione finita, si mostra che questi funzionali esauriscono tutto il
duale di H, ossia che H un modello per il suo duale. Pi precisamente vale:

Teorema 6.25 (di Riesz). Sia un funzionale lineare e continuo su H. Esiste un


unico x H tale che
(h) = h, x 

h H .

6.15

La corrispondenza che a fa corrispondere x antilineare e inoltre


||||H = ||x ||H .
DIMOSTRAZIONE

Si appena detto che la trasformazione h h, y lineare e continua su H, per ogni


fissato y H. Ossia, almeno alcuni elementi del duale di H possono rappresentarsi
come
(h) = h, y .
Mostriamo che questa rappresentazione, se esiste, unica. Infatti sia
(h) = h, y = h, x

h H .

399

6.

SPAZI DI HILBERT

Sottraendo, si trova h, x y = 0 per ogni h H e quindi x y H, ossia x y = 0.


Proviamo ora che ogni elemento di H si rappresenta come in 6.15.
Se = 0 allora x = 0. Se = 0,
ker = H
e la continuit di mostra che ker un s.spazio chiuso di H, diverso da H stesso.
Dunque esiste z = 0, z ker . Non restrittivo assumere
||z|| = 1 .
Si sa che ker ha complementare di dimensione 1, si veda il teorema 5.74. Quindi
H = (ker ) span {z} .
Si rappresenti ogni h H nella forma

(h)
(h)
z +
z.
h= h
(z)
(z)
Essendo

(h)
h
z ker ,
(z)

z [ker ]

si ha
h, [(z)z] = 

(h)
z, (z)z = (h) .
(z)

Dunque,
x = (z)z .
Ci prova che ogni H si rappresenta come in 6.15.
E immediato verificare che la trasformazione x , definita su H , antilineare.
Inoltre, si notato che la norma della trasformazione h h, x  uguale a ||x ||.

Osservazione 6.26. E importante notare che nella dimostrazione precedente il


funzionale continuo potrebbe anche avere soltanto dominio denso in X. Anche
in tal caso lelemento x pu costruirsi, e il funzionale h h, x  lestensione
per continuit di ad H. Useremo questosservazione al teorema 6.30.
Notiamo inoltre che con le notazioni del paragrafo 5.9., la 6.15 si scrive
(h) = , h = h, x  .

400

6.

SPAZI DI HILBERT

I risultati precedenti provano in particolare che ogni spazio di Hilbert uno spazio
di Banach riflessivo. A questo proposito, concludiamo con unosservazione relativa
alla convergenza debole:

Teorema 6.27. Sia


w lim hn = h0

ed anche

lim ||h n || = ||h0 || .

In tal caso la successione (h n ) converge ad h 0 in norma.


DIMOSTRAZIONE

Si valuti
||hn h0 ||2 = hn h0 , hn h0  = hn h0 , h0  + hn , hn  h0 , hn  .
Il primo addendo tende a zero perch w lim h n = h0 e per la stessa ragione
limh0 , hn  = ||h0 ||2 ; il secondo addendo tende a ||h 0 ||2 perch lim ||hn ||2 = ||h0 ||2 .
Dunque, lim ||h n h0 ||2 = 0.

6.5.

L OPERATORE AGGIUNTO DI UN OPERATORE TRA SPAZI DI H ILBERT

Siano ora H e K due spazi di Hilbert e sia A un operatore lineare da H in K anche


NON continuo, ma con dominio denso in H. Associamogli un operatore lineare da
K in H che chiameremo operatore aggiunto. Loperatore aggiunto di A si indica col
simbolo A .
Dobbiamo definire prima di tutto il dominio di A . Per definizione,
dom A = {k K | z H per cui Ah, kK = h, zH } .
Vale:

Teorema 6.28. Lelemento z, se esiste, unico.


401

6.

SPAZI DI HILBERT

DIMOSTRAZIONE

Ne esistano due, z e . Per ogni h dom A vale


Ah, kK = h, zH = h, H
e quindi
h, z H .
Questuguaglianza vale per ogni h dom A, che denso in H. ci implica che
= z.

E quindi lecito definire


A k = z .
E immediato verificare che loperatore A , da K in H, lineare.
E facile vedere che dom A pu essere molto piccolo:

Esempio 6.29. Sia H = L 2 (0, 1) e sia


dom A = {x L2 (0, 1) con rappresentante continuo} .
Sia x il rappresentante continuo e
Ax = x(0) .
Ossia, A un funzionale. Se k C nel dominio di A , esiste z L2 (0, 1) per cui
1

z(s)h(s) ds
h L2 (0, 1) .
kh(0)
=
0

Ci pu solo aversi se k = 0 (e allora anche z = 0); ossia, dom A = {0}.


E chiaro che, se dom A troppo piccolo allora A conterr poche informazioini
e sar di scarsa utilit. E quindi importante individuare classi di operatori il cui
aggiunto ha dominio denso. A questo proposito vale:

Teorema 6.30. Se A lineare e continuo da H in K, con dominio denso in H,


allora il suo aggiunto ha dominio uguale a K.
402

6.

SPAZI DI HILBERT

DIMOSTRAZIONE

Infatti, il funzionale
h Ah, k
continuo per ogni k e quindi, per il teorema di Riesz, si rappresenta nella forma
h, z.

Prima di studiare casi pi generali, conviene studiare pi in dettaglio laggiunto di un


operatore limitato.

6.5.1 Laggiunto di un operatore limitato


Vale:

Lemma 6.31. Sia A lineare e continuo da H in K, con dominio denso in H. Allora,


A L(K, H) e ||A ||L(K,H) ||A||.
DIMOSTRAZIONE

Si gi notato che A definito su K. Dalla disuguaglianza di Schwarz,


||A k|| = sup h, A k = sup Ah, k sup ||Ah|| ||k|| = ||A|| ||k|| .
||h||=1

||h||=1

||h||=1

Dunque, A un operatore limitato e


||A || ||A|| .

Possiamo quindi calcolare A = (A ) . Dal lemma precedente, ||A || ||A ||.


Proviamo ora:

Teorema 6.32. Sia A lineare e continuo da H in K, con dominio denso in H.


Loperatore A lestensione continua di A ad H e quindi, in particolare,
||A|| = ||A || .

403

6.

SPAZI DI HILBERT

DIMOSTRAZIONE

Si sa gi che A definito su H. Proviamo che estende A. Per questo consideriamo


il funzionale
k A k, hH .
Per definizione, se h dom A, questo uguale a
k, AhH
e quindi h dom A , con A h = Ah, ossia A estende A.
Di conseguenza vale anche ||A || ||A|| = ||A || ||A || e quindi ||A|| = ||A ||.

Se in particolare A L(H, K) (e quindi con dominio H) vale


Ah, kK = h, A kH

h H , k K .

E inoltre facile verificare che valgono le seguenti regole di calcolo:

Teorema 6.33. Sia A L(H, K). Vale:


;
(A) = A

(A + B) = A + B .

Se A1 esiste allora esiste anche (A )1 e vale


(A1 ) = (A )1 .

6.16

Se B L(K, Z) allora vale


(BA) = A B .

Una forma pi generale della 6.16 sar provata nel teorema 6.39. Le altre propriet
sono ovvie.

6.5.2 Operatori aggiunti ed operatori chiusi


Proviamo:

Teorema 6.34. Ogni operatore aggiunto chiuso.


404

6.

SPAZI DI HILBERT

DIMOSTRAZIONE

Sia A un operatore lineare da H in K, con dominio denso in H, e sia A il suo aggiunto.


Dobbiamo provare che il grafico di A chiuso. Sia per questo ( (y n , A yn ) ) una
successione che appartiene al grafico di A e che convergente,
lim yn = ,

lim A yn = .

Dobbiamo provare che (, ) appartiene al grafico di A , ossia che dom A e che


inoltre = A .
Per ogni x dom A vale
Ax, yn  = x, A yn  .
Passando al limite rispetto ad n si ha:
Ax,  = x, 

x dom A .

Dunque, dom A e A = . Ci volevamo provare.

Si noti: nel teorema precedente non si supposto che A sia continuo oppure
chiuso.

Osservazione 6.35. Si notato che se A continuo allora A ha dominio K.


Abbiamo ora visto che A chiuso e quindi continuo per il teorema 5.100. E questa
una diversa dimostrazione di una parte del lemma 6.31.
Se anche A ha dominio denso in K allora si pu definire A . Vale:

Teorema 6.36. Loperatore A estende A.


DIMOSTRAZIONE

Sia h dom A, k dom A . Da


Ah, k = h, A k
si vede dunque che la funzione k h, A k continua, cos che h dom A e
inoltre A h = Ah.

405

6.

SPAZI DI HILBERT

Dunque, A unestensione chiusa di A e si potrebbe provare che la minima


estensione chiusa.

Osservazione 6.37. Si noti quindi che se A continuo con dominio denso anche
A continuo; e ci spiega perch nel caso dellesempio 6.29 il dominio dellaggiunto
deve essere 0. Infatti, ogni operatore lineare su R continuo. Se A fosse definito su
R il suo aggiunto sarebbe esso stesso continuo; e quindi A sarebbe continuo.

Supponiamo ora che A sia esso stesso chiuso. In tal caso vale

Teorema 6.38. Se A chiuso con dominio denso anche A chiuso con dominio
denso; e quindi A pu definirsi, ed uguale ad A.

La dimostrazione posposta.
Abbiamo cos identificato una classe di operatori, pi generale di L(H, K), nella quale
il calcolo dellaggiunto ha buone propriet.
Concludiamo infine con alcune regole di calcolo per gli operatori aggiunti. E
immediato verificare che
A .
(A) =

Valgono inoltre le regole


(A + B) k = A k + B k ,

(AB) k = B A k ,

ma soltanto per gli elementi k per cui le espressioni hanno senso, per esempio nel caso
della prima regola per k (dom A ) (domB ).
E pi precisa, e pi importante, la regola per laggiunto dellinverso:

Teorema 6.39. Sia A lineare da H in K con dominio denso e supponiamo che A 1


sia continuo su K. Allora A ha inverso continuo su H e vale
(A )1 = (A1 ) .

406

6.17

6.

SPAZI DI HILBERT

6.5.3 Operatori da H in s; operatori autoaggiunti


Nel caso particolare in cui H = K il teorema 6.39 si riformula dicendo:

Corollario 6.40. 0 (A) se e solo se 0 (A ).


DIMOSTRAZIONE

Se 0 (A) allora 0 (A ) per il Teorema 6.39. Se 0 (A ), ancora per il


Teorema 6.39, 0 (A ), ossia (A )1 continuo. Ma, si sa che A estende A e
quindi (A )1 estende A 1 , che pertanto continuo.

Ci suggerisce di studiare con maggiori dettagli le relazioni tra lo spettro di un


operatore e quello del suo aggiunto. Dato che (A) equivale a 0 (I A) si
vede che:

Teorema 6.41. Vale: (A) se e solo se (A ); (A) se e solo se


(A ).

Invece, le singole componenti dello spettro non si conservano. Si ha invece:

Teorema 6.42. Se p (A) allora p (A ) r (A ); se r (A) allora


c (A ) r (A ).
p (A ); se c (A) allora

La dimostrazione della seconda propriet immediata: se r (A) allora esiste


h im (I A) e per esso
A )h, x
0 = h, (I A)x = (I

x dom A .

A )h = 0 .
E quindi (I
Proviamo la prima. Se p (A) allora esiste x0 per cui
A )h
0 = (I A)x0 , h = x0 , (I

h dom A .

A ) non densa e quindi se

r (A ).
Ci vuol dire che im ( I
/ p (A ) allora
407

6.

SPAZI DI HILBERT


Sia ora 0 c (I A). In questo caso (I A) 1 non continuo e quindi ( I
A )1 non ha dominio denso
A )1 non continuo, si veda il Teorema 6.41. Se (I
c (A ).
r (A ), altrimenti
in H allora
La situazione riassunta nello specchietto seguente:

(A)

(A )

(A)

(A )

p (A)

p (A ) r (A)

r (A)

p (A )

c (A)

c (A ) r (A )

Un corollario interessante del teorema 6.42 :

Corollario 6.43. Si sappia che (A) reale e che A = A. In tal caso r (A) = .
DIMOSTRAZIONE

p (A ) = p (A). Ci
Infatti, se r (A) allora deve aversi anche =
impossibile perch le tre componenti dello spettro sono disgiunte.

E importante sapere che il corollario precedente contiene unipotesi ridondante.


Infatti

Teorema 6.44. Se A = A allora (A) reale.

La dimostrazione posposta.
408

6.

SPAZI DI HILBERT

Gli operatori per cui A = A si chiamano autoaggiunti e sono importantissimi nelle


applicazioni. Per essi vale anche

Teorema 6.45. Sia A autoaggiunto e siano e autovalori tra loro diversi. Siano
x ed y non nulli e tali che
Ax = x ,

Ay = x .

Allora, x y.
DIMOSTRAZIONE

Dal Teorema 6.44 si sa che e sono reali. Come nel caso delle matrici, si moltiplichi
scalarmente la prima per y, la seconda per x e si sommi. Si trova:
( )x, y = 0 .
Dato che = , deve essere x y.

Osservazione 6.46. E bene notare che la condizione A = A in particolare


richiede luguaglianza dei domini. Se invece A estende A, senza che si abbia
luguaglianza, loperatore A si chiama simmetrico. Esattamente come in dimensione
finita, si prova che se A simmetrico i suoi autovalori sono reali e che autovettori
corrispondenti ad autovalori diversi sono ortogonali.
Notiamo infine che le due definizioni di operatore simmetrico e di operatore
autoaggiunto coincidono nel caso degli elementi di L(X).

6.5.4 Dimostrazioni posposte

Dimostrazione del TEOREMA 6.38. In questa dimostrazione useremo pi volte il


teorema 6.17:


=X

se X us s.spazio chiuso. Useremo inoltre questa propriet, provata nel lemma 6.47:
se X ed Y sono due s.spazi di H, con X Y , allora X Y .
409

6.

SPAZI DI HILBERT

Se A non ha dominio denso, esiste k K non nullo ed ortogonale a dom A . In tal


caso,

(k, 0) [G(A )]

Si prova che ci non pu darsi identificando esplicitamente lo spazio [G(A )] .


Indichiamo per questo con G linsieme {(Ah, h) | h dom A}. Ovviamente,

G [G(A )]

e quindi



G(A ) = G(A ) G

6.18

perch A un operatore chiuso. Mostriamo che in realt vale luguaglianza, cos


che (k, 0) = (A0, 0) e quindi k = 0.
Essendo loperatore A chiuso, G un s.spazio chiuso di K H e quindi
 
G = G .
Da 6.18 segue
 
[G(A )] G = G [G(A )]
e quindi luguaglianza che volevamo.
Per completare la dimostrazione notiamo:

Lemma 6.47. Siano X ed Y due s.spazi di H, con X Y , allora X Y .


DIMOSTRAZIONE

Se h Y allora h, y = 0 per ogni y Y ; in particolare ci vale anche per ogni x X,


dato che X Y . Dunque ogni h Y

anche in X .

Dimostrazione del TEOREMA 6.39.


Loperatore (A 1 ) definito da
h, A1 k = (A1 ) h, k

h H , k K .

Indichiamo con il vettore = (A 1 )k domA. Luguaglianza precedente diviene


410

6.

h,  = (A1 ) h, A

SPAZI DI HILBERT

dom A .

Ci mostra che (A1 ) h nel dominio di A e inoltre che


A (A1 ) h = h

h H .

6.19

domA .

6.20

Mostriamo ora che


(A1 ) A =

Sia h = A1 un generico elemento di domA. Essendo


h, A k = Ah, k

h domA , k domA

si ha
A1 , A k = , k .
Ci prova che A k dom(A1 ) per ogni k domA e che
(A1 ) A k = k

k domA .

Vale dunque 6.20. Le uguaglianze 6.19 e 6.20 insieme equivalgono a 6.17.

Dimostrazione del TEOREMA 6.44.


Sia = + i (A). Si deve provare che = 0.
Per ogni x dom A vale
(I A)x, x = x, x Ax, x
Ma ora, essendo A = A , Ax, x reale. Infatti,
Ax, x = x, Ax = Ax, x .
Dunque si trova
x Ax, x .
(I A)x, x = x,
Sottraendo,
2i||x||2 = (I A)x, x (I A)x, x = 2iIm (I A)x, x .
411

6.

SPAZI DI HILBERT

Passando ai moduli si vede che


|| ||x||2 |Im (I A)x, x| |(I A)x, x| ||(I A)x|| ||x|| . 6.21
Ci implica che linverso sinistro di (I A) continuo, si veda la 5.38.
Proviamo ora che le propriet precedenti implicano che = 0.
Per ipotesi, (A) e quindi im (I A) non pu essere densa. Altrimenti,
dalla 6.21, avremmo (A). Esiste quindi = 0 per cui
0 = , (I A)x

x dom A .

Ci in particolare implica che dom A = dom A. Dunque, con x = si ha:


|| |||| |, (I A)| = 0
e quindi = 0, come si voleva.

6.6.

O PERATORI

COMPATTI

Siano H e K spazi di Hilbert e sia C L(H, K).

Essendo C continuo, il

suo nucleo un s.spazio chiuso di H e inoltre la restrizione di C a [ker C]


iniettiva. Se in particolare [ker C] ha dimensione finita allora anche im C uno
spazio di dimensione finita e lo studio di C si fa semplicemente lavorando tra spazi
di dimensione finita.

In particolare, esistono basi {e 1 , . . . , en } di [ker C] ed

{1 , . . . , n } di im C tali che


Cx =

n


x, ei i

i=1

per ogni x H (e non solo per ogni x [ker C] ).

Osservazione 6.48. Si ha quindi una diagonalizzazione di C, ma rispetto a basi


diverse. Si noti che le basi possono essere diverse anche se H = K. Per esempio sia
H = K = C2 e sia C rappresentato dalla matrice

1 1

0 1
412

6.

SPAZI DI HILBERT

rispetto alla base canonica. Loperatore C non diagonalizzabile scegliendo una


medesima base per rappresentare C 2 sia come spazio di partenza che darrivo; se
per si sceglie come e1 ed e2 gli elementi della base canonica e invece

1
1
,

1 =
2 =
0
1
allora
C[x1 e1 + x2 e2 ] = x1 1 + x2 2 .
La classe degli operatori C il cui nucleo ha codimensione finita ha quindi propriet
ben particolari. Sfortunatamente essa troppo piccola per le applicazioni. Una classe
pi vasta di operatori, che ha propriet ancora ben particolari e che per si incontra in
numerose applicazioni quella degli operatori compatti. Per definizione, un operatore
si dice compatto quando ogni insieme limitato di H trasformato in un insieme
relativamente compatto nella topologia della norma di K.
Naturalmente, per vedere se un operatore compatto basta verificare che una sfera ha
per immagine un insieme relativamente compatto.

Osservazione 6.49. Ricordiamo che ogni insieme relativamente compatto limitato. Dunque la sola propriet di trasformare limitati in relativamente compatti implica
la limitatezza e quindi la continuit delloperatore.

Ricordiamo che una successione compatta quando ogni sua s.successione ammette
punti limite. Ovviamente:

Teorema 6.50. Loperatore C L(H, K) compatto se e solo se trasforma ogni


successione limitata di H in una successione compatta di K (con la topologia della
norma).

Chiaramente tutti gli operatori con nucleo di codimensione finita, ossia con immagine
di dimensione finita, trasformano insiemi limitati in insiemi relativamente compatti e
inoltre:
413

6.

SPAZI DI HILBERT

Teorema 6.51. Sia (C n ) una successione di operatori compatti. Se


C = lim Cn
(il limite nel senso di L(K, H)), allora C compatto.
In particolare ci vale se per ciascun C n si ha:
dim [im Cn ] = cn < + .

DIMOSTRAZIONE

Proviamo il teorema nel caso generale in cui ogni operatore C n compatto, senza fare
ipotesi sul suo nucleo.
Proviamo che ogni successione (x n ) limitata di H ha per immagine una successione
(Cxn ) compatta in K (dotato della topologia della norma). Usiamo il procedimento
diagonale di Cantor: si consideri la successione
n C1 x n .
Questa ammette s.successioni convergenti, perch loperatore C 1 compatto. Indichiamo col simbolo (x 1,n ) una s.successione di (x n ) per cui (C1 x1,n ) converge. La
s.successione (x1,n ) limitata perch la successione (x n ) limitata. Dunque (C 2 x1,n )
ammette una s.successione convergente che indichiamo col simbolo (C 2 x2,n ).
Proseguendo in questo modo si costruiscono successioni (x r,n ) tali che:
(xr,n ) s.successione di (x r1,n );
per ogni fissato i, la successione (di indice n) (C i xi,n ) convergente.
Dunque, (C j xi,n ) convergente per ogni indice j < i, perch (x i,n ) con
i > j s.successione di (x j,n ).
Si consideri ora la tabella seguente.

414

C1 x1,1

C1 x1,2

C1 x1,3

C1 x1,4

C1 x1,5

...

C2 x2,1

C2 x2,2

C2 x2,3

C2 x2,4

C2 x2,5

...

C3 x3,1

C3 x3,2

C3 x3,3

C3 x3,4

C3 x3,5

...

C4 x4,1
..
.

C4 x4,2
..
.

C4 x4,3
..
.

C4 x4,4
..
.

C4 x4,5
..
.

...

6.

SPAZI DI HILBERT

Proviamo che la successione diagonale (Cx r,r ) convergente. Scriviamo per questo
||Cxn,n Cxm,m || ||Cxn,n Cr xn,n || + ||Cr xn,n Cr xm,m ||
+||Cr xm,m Cxm,m || ||C Cr ||{||xn,n || + ||xm,m ||} + ||Cr xn,n Cr xmm || .
Per ipotesi, (x n ) limitata,
||xn || < M

n .

Sia
> 0 fissato e sia r  tale che
||C Cr || <
/4M
Con questo valore di r fissato, si ha
||C Cr ||{||xn,n || + ||xm,m ||} <
/2 .
Il numero r ormai fissato e si sa che (C r xn,n ) converge. Dunque si trova N  tale che,
per n, m maggiori di N  vale
||Cr xn,n Cr xmm || <
/2 .
Dunque la successione (Cx n,n ) fondamentale e quindi convergente.
Ci prova che la successione (Cx n ) compatta in K, come volevamo.

In particolare,

Corollario 6.52. Linsieme degli operatori compatti un s.spazio chiuso di


L(H, K).

Infatti, che un insieme chiuso discende dalla dimostrazione precedente. Che un


s.spazio si vede facilmente.
In realt vale di pi: si ricordi che un operatore lineare continuo trasforma limitati
in limitati e compatti in compatti. Dunque, se C compatto, la sua composizione, a
destra o a sinistra, con un operatore continuo un operatore compatto. Dunque:

Teorema 6.53. Linsieme degli operatori compatti di L(K) un ideale chiuso.


415

6.

SPAZI DI HILBERT

Vale inoltre:

Teorema 6.54. Loperatore C L(H, K) compatto se e solo se C L(K, H)


compatto.
DIMOSTRAZIONE

Dato che C = C , basta provare che se C compatto il suo aggiunto lo .


Per assurdo, supponiamo che C non sia compatto. In tal caso esiste una successione
(kn ) limitata in K, e tale che (C kn ) non ammette s.successioni convergenti. Dunque,
per ogni successione di indici (n k ) esiste almeno un
> 0 tale che
||C xnk C xnm || >

per infiniti indici n ed m. Passando ad una ulteriore s.successione, non restrittivo


assumere che ci avvenga per ogni n e per ogni m.
Sia ora hk,m con ||hk,m || = 1 e tale che

/2 hk,m , C xnk C xnm  = Chk,m , xnk xnm  .

6.22

Per ipotesi, loperatore C compatto. Dunque, linsieme {Ch k,m } o finito o ammette
punti di accumulazione. Nel primo caso esiste z 0 ed esiste una successione (k r , mr )
per cui
Chkr ,mr = z0 .
Nel secondo caso esiste una successione (k r , mr ) per cui
lim Chkr ,mr = z0 .
Limitandoci a considerare tale successione, si ha, per r sufficentemente grande,
z0 , xnkr xnmr  = z0 Chkr ,mr , xnkr xnmr  + Chkr ,mr , xnkr xnmr  >
/4
perch vale 6.22 e il primo addendo tende a zero.
Ci non pu darsi perch la successione (z 0 , xnkr xnmr ) una successione limitata
di numeri, e quindi deve avere s.successioni convergenti per il teorema di Bolzano
Weierstrass.

416

6.

SPAZI DI HILBERT

6.6.1 Lo spettro degli operatori compatti


Consideriamo un operatore compatto C da uno spazio di Hilbert di dimensione
infinita H in s e studiamone lo spettro. Esponiamo i risultati, posponendo le
dimostrazioni.
Essendo C continuo, il suo spettro non vuoto e limitato. Si sa inoltre che
(C)

|| ||C|| .

Dunque, o lo spettro finito oppure dotato di punti di accumulazione. Mostriamo


prima di tutto che (C) pu essere finito:

Esempio 6.55. Sia H = L 2 (0, 1) e sia C loperatore da H in s definito da


h(s) ds .

(Ch)(t) =
0

E noto che (C) = {0}, si veda lEsempio 5.176. Mostriamo che C compatto.
Notiamo per questo che limmagine di C contiene soltanto funzioni continue e che C
anche continuo da L 2 (0, 1) in C(0, 1). Inoltre, ogni s.insieme compatto di C(0, 1)
anche un s.insieme compatto di L 2 (0, 1). Dunque basta provare che compatto
loperatore

C : L2 (0, 1) C(0, 1) ,

(Ch)(t) =

h(s) ds .
0

Come si notato, sufficiente provare che limmagine della sfera unit di L 2 (0, 1)
compatta in C(0, 1). La continuit di C mostra che limmagine limitata. La
disuguaglianza

t


|h(s)| ds
|t r|
|(Ch)(r) (Ch)(t)|

1/2

|h(s)| ds
2

mostra lequicontinuit dellimmagine, e quindi la compattezzo per il teorema di


AscoliArzel.

Nellesempio precedente, 0 (C). Ci non per caso. Infatti vale

Teorema 6.56. Sia H uno spazio di Hilbert di dimensione infinita. Se C compatto,


il suo spettro contiene il punto 0.
417

6.

SPAZI DI HILBERT

Se lo spettro di C infinito, esso numerabile ed ha 0 come unico punto di


accumulazione.

Il risultato seguente va sotto il nome di alternativa di Fredholm.

Teorema 6.57. Se = 0, allora im (I C) chiusa e appartiene al risolvente


di C oppure appartiene allo spettro di punti di C.

Ossia, gli elementi non nulli dello spettro sono autovalori. Invece, il punto 0 pu
essere o meno un autovalore: nel caso delloperatore visto nellesempio 6.55 si ha
0 c (C).
Ad ogni autovalore si associano i corrispondenti autovettori, uno o pi, e ad ogni
autovettore si associa una catena di Jordan. E questa una successione, oppure una
sequenza finita, (xn ) di vettori tali che
Ax0 = x0 ,

Axn = xn1 + xn per n > 0 .

Dunque, il primo elemento x 0 della catena un autovettore relativo allautovalore .


Lo spazio generato da tutti gli elementi di catene di Jordan che corrispondono
allautovettore si chiama autospazio generalizzato di .
Vale:

Teorema 6.58. Gli autospazi generalizzati di autovalori non nulli hanno dimensione
finita.

Naturalmente, se 0 lunico punto dello spettro, o anche se lo spettro finito, lo spettro


dar poche informazioni sulloperatore. Il caso in cui lo spettro d informazioni
complete sulloperatore il caso in cui le catene di Jordan costituiscono un sistema
massimale in H o almeno in [ker C] , perch in tal caso loperatore pu rappresentarsi
mediante blocchi di Jordan. Un caso in cui ci avviene quello degli operatori
compatti e autoaggiunti:
418

6.

SPAZI DI HILBERT

Teorema 6.59. Sia C compatto e autoaggiunto sullo spazio di Hilbert H di


dimensione infinita. Esiste una famiglia ortonormale ({v n }) (finita o numerabile)
di autovettori di C,
n = 0 ,

Cvn = n vn
tale che
Cx =

n x, vn vn

per ogni x H.
La famiglia {vn } massimale in [ker C] .
Questo risultato generalizza la diagonalizzazione delle matrici simmetriche: rispetto
a una base di autovettori loperatore C pu scriversi in forma diagonale.
Chiameremo questa la diagonalizzazione di C.

6.6.2 Operatori compatti tra spazi diversi. Valori singolari


Studiamo ora il caso di un operatore C compatto tra due spazi di Hilbert H e K.
Niente vieta che possa essere H = K e ci utile nel caso in cui loperatore C non
autoaggiunto. Ciascuno degli operatori
CC L(K) ,

C C L(H)

compatto autoaggiunto e quindi si rappresenta rispettivamente come


C Ch =

+


mi h, vi vi ,

CC k =

i=1

+


i k, wi wi .

6.23

i=1

Naturalmente, m i e i sono gli autovalori non nulli rispettivamente di C C e di CC


mentre vi e wi rappresentano corrispondenti autovettori normalizzati.
I numeri mi e i sono reali e positivi. Infatti,
0 CC vi , vi  = mi ||vi ||2 = mi ,

0 C Cwi , wi  = i ||wi ||2 = i .

E inoltre immediato vedere che i numeri m i (ricordiamo, tutti non nulli) coincidono
con i i (ricordiamo: anchessi non nulli). Infatti, sia = 0 tale che
CC v = v .
419

6.

SPAZI DI HILBERT

Essendo = 0, C v non 0 e applicando C ai due membri si trova


(C C)C v = C v
e quindi il numero (non nullo) uno degli m (non nulli). In modo analogo si vede
che ciascuno degli m i coincide con uno dei numeri i .

Osservazione 6.60. Nelle rappresentazioni 6.23 figurano i soli autovalori non nulli,
ed abbiamo provato che essi sono i medesimi per CC come per C C. E per
possibile che 0 sia nello spettro di uno solo di questi operatori, come accade se H =


R2 , K = R e C = 1 0 .
Introduciamo i numeri non nulli
i =

mi .

che si possono anche ottenere a partire dai i e che si chiamano i valori singolari di
C.
Generalmente si assume di ordinare i valori singolari in modo non crescente.
Indichiamo con i il vettore
1
Cvi
i
(si ricordi che i valori singolari sono non nulli.)
i =

Vale:

Lemma 6.61. Linsieme { i } ortonormale in K.


DIMOSTRAZIONE

Infatti,
r , s  = 

1
1
1
1
Cvr , Cvs  =
C Cvr , vs  =
mr vr , vs 
r
s
r s
r s

nullo se r = s perch v r vs , altrimenti uguale a 1.

Poich i {vi } sono un sistema ortonormale massimale in [ker C C] , si pu scrivere


x=

+

i=1

420

x, vi vi + n ,

n ker C = ker C C

6.

SPAZI DI HILBERT

e quindi
Cx =

+


x, vi Cvi =

i=1

+


i x, vi i .

6.24

i=1

In particolare ci mostra una diagonalizzazione per operatori compatti tra spazi


diversi (in particolare, operanti nello stesso spazio, ma rispetto a basi diverse) e
mostra che ogni operatore compatto si approssima nella norma di L(H, K) mediante
operatori con immagine di dimensione finita. Combinando ci col teorema 6.51 si
trova:

Teorema 6.62. Un operatore C L(H, K) compatto se e solo se limite, in


L(H, K), di una successione di operatori con immagine di dimensione finita.

Osservazione 6.63. Gli operatori compatti possono definirsi anche in spazi di


Banach e il teorema 6.51 vale anche in spazi di Banach. Per in spazi di Banach
esistono operatori compatti che non possono approssimarsi con operatori la cui
immagine ha dimensione finita.
Per concludere, mostriamo una particolare rappresentazione sotto cui si possono porre
gli operatori compatti da H in K.
Sia prima di tutto C L(H) compatto autoaggiunto e positivo. Ci vuol dire che
Cx, x 0

x .

In tal caso si definisce


C

1/2

+ 

x=
i x, vi vi .
i=1

Sia ora C compatto da H in K. Si definisce l operatore modulo di C ponendo


|C|x = (C C)1/2 x =

+


i x, vi vi .

i=1

Si noti che il simbolo |C| indica un operatore, e non un numero.


Dato ora un generico operatore compatto, diciamo A, tra spazi diversi,
Ax =

+


i x, vi i

i=1

421

6.

SPAZI DI HILBERT

introduciamo loperatore (continuo ma generalmente non compatto)


UA x =

+


x, vi i .

i=1

Le propriet importanti di U A sono:


se x [span { vi }] allora UA x = 0;
se x cl span {vi } allora

2 +




||UA x||2 =

x, vi i

=
|x, vi |2 = ||x||2 .

i=1

i=1

E ora facile verificare che loperatore compatto A si rappresenta come


A = UA |A| .
Questa rappresentazione si chiama la rappresentazione polare delloperatore A.

6.6.3 Propriet geometriche degli autovalori e valori singolari


Sia C compatto da H in K. Si visto che
Cx =

i x, vi i .

Dunque,

2
+
+

||Cx|| =

i x, vi i

=
i2 |x, vi |2 12 ||x||2

i=1

i=1

e luguaglianza vale se x = v 1 . Dunque,

Teorema 6.64. Il numero 1 , massimo valor singolare di C, uguale a ||C||. In


particolare, se C compatto ed autoaggiunto, ||C|| anche uguale a max{ i }.
Vogliamo estendere questa caratterizzazione al caso di generici autovalori. Consideriamo un operatore compatto autoaggiunto C, limitandoci a considerare il caso in cui
tutti i suoi autovalori sono non negativi. In questo caso, ordiniamo quelli strettamente
positivi in modo non crescente, i i+1 . Gli autovalori si elencano pi volte
quando ad essi corrispondono pi autovettori linearmente indipendenti. Indichiamo
422

6.

SPAZI DI HILBERT

con vi un autovettore di norma 1 di i , in modo da avere un sistema ortonormale {v i }


massimale in [ker C] .
Indichiamo con L[n] la famiglia di tutti i s.spazi di H di dimensione n. Un generico
elemento di L[n]
L = span {x1 , . . . , xn }.
n indichiamo il particolare s.spazio generato dai primi n autovettori:
Con L
n = span {v1 , . . . , vn } .
L
Ricordiamo che stiamo studiando gli autovalori i con i > 1. Un primo risultato il
seguente:

Lemma 6.65. Sia C compatto autoaggiunto, con autovalori non negativi. Vale:
$
#
n ] .
n+1 = max Cx, x | ||x|| = 1 , x [L
DIMOSTRAZIONE

n ] , si ha
Se x [L
x=

xi = x, vi  ,

xi vi + n ,

n ker C

i=n+1

e quindi
Cx, x =

i x2i

n+1

i=n+1

Lultima uguaglianza vale perch x =

!
x2i

n+1 .

i=n+1

P+
i=n+1

xi vi ha norma 1.

Il risultato precedente richiede lesplicita conoscenza degli autospazi. In pratica


interessano risultati che non fanno uso esplicito degli autospazi. Tra questi:

Teorema 6.66. Sia C come nel Lemma 6.65. Si ha:


-

n+1 = min max Cx, x | ||x|| = 1 , x L

.
, L L[n]

423

6.

SPAZI DI HILBERT

DIMOSTRAZIONE

Il lemma 6.65 mostra che


o
n
n ] .
n+1 = max Cx, x , | ||x|| = 1 , x [L
Per provare il teorema basta mostrare che per ogni altra scelta di L L[n] si ha
o
n
n+1 max Cx, x , | ||x|| = 1 , x L .

6.25

Sia L = span {h1 , . . . , hn } e sia


=

n+1
X

i vi .

i=1

Scegliamo coefficienti i non tutti nulli in modo da avere L . Per avere ci si deve
richiedere
n+1
X

i hj , vi  = 0

j = 1, ... n.

i=1

Questo un sistema di n equazioni in (n + 1) incognite e quindi ammette soluzione


non nulla. Si pu quindi effettivamente trovare L e, dividendo per |||| = 0, si pu
assumere |||| = 1. Per questo particolare elemento vale
C,  =

n+1
X

i 2i n+1 ||||2 = n+1 .

i=1

Dunque vale 6.25, come volevamo.

Proviamo ora una caratterizzazione importante dei valori singolari. In questo caso C
compatto tra spazi di Hilbert H e K, pu essere tra loro diversi. Con A[n] indichiamo
la famiglia degli operatori lineari da H in K, ciascuno dei quali ha immagine di
dimensione n al pi.
Ricordiamo che i valori singolari per definizione sono non nulli ed ordinati in modo
decrescente.

Teorema 6.67. Vale:


n+1 = min{||C A|| | A A[n]} .
424

6.

SPAZI DI HILBERT

DIMOSTRAZIONE

definito da
Consideriamo loperatore A
=
Ax

n
X

i x, vi i .

i=1

Per questoperatore si ha

=
(C A)x

i x, vi i

i=n+1

= n+1 . Ovviamente, A
A[n].
e quindi ||C A||
Sia ora A un generico operatore che appartiene ad A[n].

La sua restrizione a

span {v1 , . . . , vn+1 } non iniettiva, perch A ha immagine di dimensione n al pi,


Pn+1
minore di quella del dominio. Dunque esiste x =
i=1 xi vi tale che Ax = 0 e inoltre
||x|| = 1. Per questelemento x vale
||(C A)x|| = ||Cx|| n+1
e ci completa la dimostrazione.

6.6.4 Operatori compatti ed equazioni integrali di Fredholm


Consideriamo una funzione K(t, s) continua su [a, b] [a, b] e loperatore da L 2 (a, b)
in s definito da

x Kx =

K(t, s)x(s) ds .
a

Si sa gi che questoperatore continuo. Mostriamo che esso addirittura compatto,


facendo uso del teorema di AscoliArzel. Ci generalizza losservazione usata
nellEsempio 6.55.
Sia x B,
B = {x | ||x|| < 1} .
Se possiamo provare che KB un insieme relativamente compatto di L 2 (a, b) allora
K un operatore compatto.
425

6.

SPAZI DI HILBERT

Si sa anche che K trasforma L 2 (a, b) in C(a, b) e, come si gi visto, basta provare


che KB un s.insieme compatto di C(a, b). La uniforme limitatezza di KB discende
dalla continuit di K. Proviamo quindi lequicontinuit. Notiamo:

|(Kx)(t) (Kx)(t )| =
[K(t, s) K(t , s)]x(s) ds


1/2 
1/2 
b

|K(t, s) K(t , s)|

|x(s)|

1/2


|K(t, s) K(t , s)|

Sia  > 0. Luniforme continuit di K mostra che esiste > 0 tale che
|t t | <

|K(t, s) K(t , s)| < 2

e quindi, per |t t  | < ,


|(Kx)(t) (Kx)(t )| <  .
Ci prova lequicontinuit e quindi la compattezza.
Consideriamo ora lequazione integrale

x = Kx + =

K(t, x)x(s) ds + (t) .

Nel caso in cui K sia autoaggiunto, ossia nel caso in cui


K(t, s) = K(s, t) ,
loperatore K si pu diagonalizzare rispetto ad un sistema ortonormale, mentre in
generale si potr scrivere

Kx =

+


i x, vi i .

i=1

Se accade che questa somma finita, lequazione integrale di Fredholm ha nucleo


degenere; altrimenti, lequazione integrale diviene


+
b

x(t) =
i
x(s)
vi (s) ds i (t) + (t) ,
i=1

forma che generalizza quella che abbiamo introdotto, per le equazioni con nucleo
degenere, al paragrafo 5.1.3.

426

6.

SPAZI DI HILBERT

6.6.5 Dimostrazioni posposte


Si provano ora i teoremi relativi agli operatori compatti. Per questo avremo bisogno
di introdurre alcune propriet che valgono anche per operatori non compatti. Per
chiarezza, indicheremo con A un generico operatore lineare e con C uno che anche
compatto.
Conviene seguire unordine un po diverso da quello del paragrafo 6.6.1 e spezzare le
dimostrazioni in vari lemmi.
Avremo spesso bisogno di lavorare con successioni limitate o addirittura convergenti
(vn ) di elementi dellimmagine di I C,
vn = (I C)xn .
La successione (xn ) in generale non sar n convergente n limitata. Per:

Lemma 6.68. Sia (v n ) una successione limitata che appartiene ad im(I C), con
C compatto e = 0:
vn = lim(I C)xn ,

= 0 .

6.26

Esiste una successione (kn ) limitata e tale che


vn = (I C)kn .
DIMOSTRAZIONE

Se (xn ) stessa limitata, niente da provare.

Consideriamo il caso in cui

luguaglianza 6.26 vale, con (xn ) successione illimitata.


Si rappresenti
X = ker(I C) [ker(I C)] ,

xn = hn + kn .

Ovviamente, (I C)xn = (I C)kn e quindi si pu sostituire x n con kn . Basta


dunque provare che la successione (k n ) limitata.
Sia per assurdo la successione (k n ) illimitata. In tal caso,
yn = lim

vn
=0
||kn ||

427

6.

SPAZI DI HILBERT

perch (vn ) limitata.


Usiamo lipotesi che loperatore C compatto, e la limitatezza di (k n /||kn ||), per estrar

re dalla successione C ||kknn || una s.successione convergente. Cambiando nome agli


indici, si pu supporre
lim C

kn
= w0 .
||kn ||

Essendo
(I C)

vn
kn
=
= yn 0 ,
||kn ||
||kn ||

si ha anche
lim

kn
kn
= lim C
= w0 .
||kn ||
||kn ||

6.27

Poich = 0 e kn /||kn || ha norma 1, segue che ||w 0 || = || = 0, e dunque w 0 = 0.


Inoltre, w 0 [ker(I C)] perch kn [ker(I C)] . Usando ambedue le uguaglianze in 6.27, mostriamo ora che si ha anche w 0 ker(I C) cos che si arriva alla
contraddizione w 0 = 0.

kn
(I C)w0 = w0 Cw0 = lim 2 I C 2
n
||kn ||

kn
kn
= (I + C) lim(I C)
= lim(I + C)(I C)
= 0.
||kn ||
||kn ||
La contraddizione trovata mostra che la successione (k n ) limitata.

Osservazione 6.69. Si noti che lipotesi della compattezza di C si esplicitamente


usata. Lasserto precedente non vale per generici operatori.
Usiamo questo lemma per provare:

Teorema 6.70. Se C compatto e = 0 allora (I C) ha immagine chiusa.


DIMOSTRAZIONE

Sia (vn ) una successione in im (I C), convergente a v 0 . Dobbiamo provare v 0


im (I C) ossia che, per un opportuno x 0 , si ha
v0 = (I C)x0 .

428

6.

SPAZI DI HILBERT

Assumiamo quindi che valga 6.26. Come si visto al Lemma 6.68, possiamo assumere
che la successione (x n ) sia limitata. In questo caso, passando ad una s.successione,
si pu assumere lim Cx n = y, perch C compatto. Si ha quindi che
xn =

1
[vn + Cxn ] ,

lim xn =

1
[v0 + y] = x0 ,

ossia (xn ) converge ad x 0 . Daltra parte C, essendo compatto, continuo. Dunque,


da vn = (I C)xn , si ha v0 = (I C)x0 . Ci prova che v 0 im (I C), come
volevamo.

Proviamo ora:

Teorema 6.71. Se loperatore C L(H, K) compatto e se lo spazio di Hilbert K


ha dimensione infinita, allora 0 (C).
DIMOSTRAZIONE

Supponiamo che 0 sia nel risolvente di C. In questo caso, C 1 continuo e quindi


I = CC 1
un operatore compatto. Dunque, la sfera {x | ||x|| 1} compatta. Ci non pu
essere se lo spazio di Hilbert H ha dimensione infinita, si veda il Teorema 5.50.

Proviamo ora un lemma che sar reso pi preciso in seguito:

Lemma 6.72. Sia C compatto. Se (C) non zero, allora p (C) r (C).
DIMOSTRAZIONE

Sia = 0, e sia
/ p (C). Si visto che limmagine di (I C), con = 0, chiusa.
Se questa diversa da X allora r (C). Se limmagine X allora, per il teorema
di Banach, Teorema 5.99, (I C)1 continuo e quindi (C).

Osservazione 6.73. In particolare si provato che lo spettro continuo di un


operatore compatto, se non vuoto, contiene il solo elemento 0.
429

6.

SPAZI DI HILBERT

Notiamo che non abbiamo ancora provato che gli elementi non nulli di (C) sono
autovalori. Possiamo per provare:

Lemma 6.74. Linsieme degli autovalori delloperatore compatto C, se non finito,


ha per unico punto di accumulazione il punto 0.
DIMOSTRAZIONE

Ricordiamo che autovettori corrispondenti ad autovalori diversi sono linearmente indipendenti. Questo risultato, noto dai corsi di algebra lineare, provato per completezza
nel Lemma 6.77.
Essendo C continuo, il suo spettro un insieme limitato e quindi se C ha infiniti autovalori, si trova una successione ( k ) di autovalori tra loro diversi, che converge a 0 .
Supponiamo per assurdo che sia 0 = 0. Indichiamo con x k un autovettore di k di
norma 1 e sia Xn = span {x1 , . . . xn }.
Lo spazio lineare X n trasformato in s dalloperatore C,
CXn Xn
ed inoltre
(n I C) Xn Xn1
perch (n I C)xn = 0.
Grazie al Lemma 6.77, la dimensione di X n esattamente n e quindi X n1 Xn ,
linclusione essendo stretta. Dunque in X n pu trovarsi un vettore e n di norma 1,

che dista 1 da Xn1 . Mostriamo che se 0 = 0, la successione C enn non ammette


s.successioni convergenti. Ci contrasta con la compattezza di C e mostra che 0 = 0.
Per ottenere ci, basta provare che per ogni n, m vale

en
em
C
n C m > 1 .
Per fissare le idee, sia n > m e si scriva
C

430

en
em
C
= en
n
m

em
C
en .
+ I
m
n

6.

SPAZI DI HILBERT

I due vettori

C
n

en ,

em
m

appartengono a X n1 mentre en Xn . Dunque,

en
em
C

C
dist(en , Xn1 ) 1 .
n
m
Si trova quindi che la successione limitata (e n /n ) ha immagine priva di s.successioni
convergenti. Ci contrasta con la compattezza di C. La contraddizione trovata mostra che linsieme degli autovalori di C, se non finito, ha 0 come unico punto di
accumulazione.

Vorremo provare che


r (C) {0} = .
Per ora per proviamo:

Corollario 6.75. Sia C compatto. Linsieme r (C) finito oppure ha 0 come unico
punto di accumulazione.
DIMOSTRAZIONE

p (C ) e C compatto,
Infatti, si sa dal teorema 6.42 che se r (C) allora
si veda il Teorema 6.54; e quindi lunico punto che pu essere di accumulazione per
r (C) il punto 0.

Per completare le dimostrazioni dei risultati relativi allo spettro di operatori compatti,
dobbiamo far intervenire le proiezioni spettrali introdotte al teorema 5.182.
Per i risultati gi provati, si pu trovare una successione di numeri positivi (r n ), rn
0, tali che
{ : || = rn } (C) .
Infatti, 0 lunico punto di accumulazione sia di p (C) che di r (C); e si gi visto
che c (C) {0}.
431

6.

SPAZI DI HILBERT

Con un abuso di linguaggio comune nella teoria delle funzioni olomorfe, indichiamo
con n la curva costituita dalle due circonferenze di centro 0 e di raggio rispettivamente rn , rn+1 . Sia n la corona circolare delimitata da n . Consideriamo
loperatore
1
Pn =
2i

(zI C)1 dz .

Ricordiamo, dal teorema 5.182:


I due s.spazio im P n ed im (I Pn ) sono complementari;
Linsieme n = (C) n lo spettro della restrizione di C ad im P n (che
un s.spazio invariante per C).

Proviamo ora:

Teorema 6.76. Sia C compatto. La proiezione P n ha immagine di dimensione


finita e quindi ogni elemento non nullo di (C) un autovettore il cui autospazio
generalizzato ha dimensione finita.
DIMOSTRAZIONE

Notiamo che la funzione 1/z olomorfa in n e quindi

Z
Z
1
1
1
(zI C)1 dz =
Pn =
dz
(zI C)1
2i n
2i n
z
Z
C
1
(zI C)1 dz .
=
2i n
z
Lultimo integrale si approssima nella topologia di L(X), mediante le somme di
Riemann
(
1
Pn =
2i

X
r

(zr I C)

1 zr

zr1
zr

)
C

(i punti z r sono quelli di una partizione del sostegno di n ). Per il Teorema 6.53,
ciascuno degli operatori P n compatto e quindi anche P lo , si ricordi il teorema 6.51.
Dunque, la palla di im P compatta e quindi, per il Teorema 5.182, im P ha dimensione
finita.

432

6.

SPAZI DI HILBERT

Infine, per completezza, proviamo:

Lemma 6.77. Siano 1 ,. . . , k autovalori distinti di un operatore lineare A e sia x k


un autovettore di k . Gli autovettori xk sono linearmente indipendenti.
DIMOSTRAZIONE

Ricordiamo che gli autovettori, per definizione, sono non nulli. Dunque, in particolare
x1 = 0 cos che linsieme {x 1 } linearmente indipendente e, se gli autovettori non
sono linearmente indipendenti, esiste un primo n 0 per cui
xn0 +1 =

n0
X

i xi .

i=1

Applicando loperatore A ai due membri delluguaglianza si trova


n0 +1 xn0 +1 =

n0
X

i i xi .

i=1

Moltiplicando i due membri della prima uguaglianza per n0 +1 e sottraendo la seconda,


si trova
n0
X

[n+1 i ]i xi = 0 .

i=1

Ci mostra che x n0 +1 non il primo degli autovettori linearmente dipendente dai


precedenti. Ci contraddice la scelta di n 0 e prova lasserto.

Osservazione 6.78. Si noti che lasserto precedente vale per ogni operatore lineare
A, anche non compatto ed anche non continuo.

Il caso degli operatori compatti autoaggiunti


Premettiamo due osservazioni:

Lemma 6.79. Sia A L(K) e sia X un s.spazio invariante per A: sia cio AX
X. Allora, X invariante per A .

433

6.

SPAZI DI HILBERT

DIMOSTRAZIONE

Bisogna provare che A X X . Sia per questo h X e sia x X. Si ha:


x, A h = Ax, h = 0 .
Ci vale per ogni x X e quindi A h X .

Lemma 6.80. Sia A L(K) e sia X 0 invariante per A: AX0 X0 . Sia X =


cl X0 . Il s.spazio chiuso X invariante per A.
DIMOSTRAZIONE

Sia infatti x H,
xn X0 .

x = lim xn ,
Vale:

Ax = lim Axn X
perch Axn X0 per ogni n e X = cl X 0 .

Gli operatori compatti autoaggiunti godono della propriet seguente:

Teorema 6.81. Sia C L(H) un operatore compatto e autoaggiunto. Almeno uno


dei due numeri ||C|| oppure ||C|| appartiene a (C).
Proveremo in seguito questo teorema. Per ora illustriamone le conseguenze.
Una prima conseguenza che il raggio spettrale di un operatore compatto autoaggiunto uguale a ||C||. In generale invece il raggio spettrale di un generico operatore
lineare A minore della sua norma: r(A) ||A|| . La disuguaglianza pu essere
stretta, anche se loperatore compatto (non autoaggiunto) come prova lesempio
della trasformazione da R 2 in s rappresentata, rispetto alla base canonica, dalla
matrice


.

In questo caso lo spettro {0} mentre la norma delloperatore 1.


434

6.

SPAZI DI HILBERT

Notiamo ora che ||C|| = 0 se e solo se C = 0 e in questo caso p (C) = . Se C = 0,


{+||C|| , ||C||} (C) = {+||C|| , ||C||} p (C) .

Corollario 6.82. Se C L(H) compatto autoaggiunto allora p (C) = .


Da ora in poi, assumiamo esplicitamente C = 0. Il corollario precedente mostra che
esistono autovalori non nulli delloperatore C. Indichiamo con X 0 lo spazio lineare
generato dagli autovettori di C relativi ad autovalori non nulli. Questo un s.spazio
di H invariante per C:
CX0 X0 .
Sia X = cl X0 cos che X stesso invariante per C.

Lemma 6.83. Siano X 0 ed X gli spazi appena definiti. E: X = cl X 0 = [ker C] .


DIMOSTRAZIONE

Sia per assurdo X = [ker C] e quindi X = ker C. Essendo X invariante per C,


allora X invariante per C ed essendo C = C , X anchesso invariante per C.
La restrizione di C ad X essa stessa un operatore autoaggiunto e quindi ammette
un autovalore, per il Corollario 6.82 e se X = ker C allora lautovalore non nullo. Il
corrispondente autovettore autovettore anche di C. Ci contrasta con la definizione
di X che, per costruzione, contiene tutti gli autovettori di C relativi ad autovalori non
nulli. La contraddizione trovata prova il teorema.

Per costruzione, linsieme degli autovettori (normalizzati) di C che corrispondono ad


autovalori non nulli genera X 0 ed quindi un sistema ortonormale massimale in X.
Mostriamo:

Teorema 6.84. Sia C compatto autoaggiunto. Si possono scegliere gli autovettori


di C, di autovalore non nullo, in modo da avere un sistema ortonormale massimale di
X = [ker C] .
DIMOSTRAZIONE

Basta provare che gli autovettori si possono scegliere due a due ortogonali. Si gi
visto al Teorema 6.45 che lortogonalit automatica per autovettori che corrispondono

435

6.

SPAZI DI HILBERT

ad autovalori diversi. Sia ora 0 = 0 un autovettore di molteplicit maggiore di 1 e sia


N0 il relativo autospazio. Essendo C compatto, la dimensione di N 0 finita e quindi
N0 ammette una base ortonormale di autovettori.

Osservazione 6.85. Supponiamo che X = H, ossia che 0 p (C). Sia F


la famiglia ortonormale degli autovettori costruita sopra, e sia F 0 una famiglia
linearmente indipendenti di autovettori tutti con autovalore 0. Si sa che F una
famiglia numerabile mentre F 0 potrebbe anche essere non numerabile.
In conclusione, ogni h H pu rappresentarsi come
h = h0 +

+


h, ei ei

i=1

con
i = 0 ,

Cei = i ei ,

Ch0 = 0 .

Dunque, per ogni h H si ha anche


Ch =

+


i h, ei ei .

i=1

Questa la forma diagonale cercata delloperatore C.


Passiamo ora a provare il Teorema 6.81. La dimostrazione richiede diversi passi.
Proviamo prima di tutto due lemmi che valgono per operatori autoaggiunti, anche
non compatti.

Lemma 6.86. Siano x ed y in H e sia A L(H) un operatore autoaggiunto. Si ha:


4e Ax, y = A(x + y), (x + y) A(x y), (x y) .
DIMOSTRAZIONE

Usando A = A , calcoliamo:
A(x + y), (x + y)

436

Ax, x + Ay, y + Ax, y + Ay, x

Ax, x + Ay, y + Ax, y + y, Ax

Ax, x + Ay, y + 2e Ax, y .

6.28

6.

SPAZI DI HILBERT

Analogamente si vede che


A(x y), (x y) = Ax, x + Ay, y 2e Ax, y .

6.29

Lasserto segue sottraendo la 6.29 da 6.28.

Proviamo ora:

Lemma 6.87. Sia A un operatore lineare continuo ed autoaggiunto. Vale:


||A|| = sup { |h, Ah| , ||h|| = 1} .
DIMOSTRAZIONE

Sia
= sup { |h, Ah| , ||h|| = 1} .
Per ogni operatore lineare A vale ||A||. Si deve provare che se A autoaggiunto,
allora la disuguaglianza non pu essere stretta; ossia, si deve provare che se A
autoaggiunto, allora
||A|| .
Ricordiamo, come conseguenza del Teorema di Riesz e del Teorema 5.115 che
||A|| = sup {Ah, k , ||h|| = 1 , ||k|| = 1} .
Daltra parte, per il Lemma 6.86 e per lidentit del parallelogramma, essendo ||h|| = 1,
||k|| = 1,
4e Ah, k |A(h + k), (h + k)| + |A(h k), (h k)|

||h + k||2 + ||h k||2 = 2 ||h||2 + ||k||2 = 4


ossia
e Ah, k .
In generale, Ah, k un numero complesso,
Ah, k = ei |Ah, k| .
Sostituendo h con z = e i h si trova
|Ah, k| .
Questo calcolo pu venir ripetuto per ogni h, k di norma 1, come volevamo provare.

437

6.

SPAZI DI HILBERT

Osservazione 6.88. Come si detto, per ogni operatore lineare A vale


||A|| = supAh, k .

6.30

Lestremo superiore si calcola al variare di h e di k in modo indipendente nella palla


di raggio 1. Se A autoaggiunto vale di pi:
||A|| = sup |Ah, h| .
||h||=1

Si noti la presenza del modulo in questultima uguaglianza.


E indifferente mettere o meno il modulo nella 6.30.
Torniamo ora a considerare un operatore compatto autoaggiunto C e proviamo il
Teorema 6.81.
Come si notato, si pu assumere C = 0.
Sappiamo gi che lo spettro delloperatore C reale, perch C autoaggiunto; e
quindi
(C) [||C||, ||C|| ] .
Bisogna provare che uno almeno degli estremi di questintervallo appartiene allo
spettro.
Si provato nel Lemma 6.87 che
||C|| = sup {|h, Ch| , ||h|| = 1} .
Esiste quindi una successione (h n ), con ||hn || = 1, tale che
limChn , hn  =

dove = ||C|| oppure = ||C||.

Si noti che = 0 perch si suppone C = 0.


Proviamo prima di tutto che
lim[Chn hn ] = 0 .

6.31

Calcoliamo per questo


||Chn hn ||2 = ||Chn ||2 2Chn , hn  + 2 .
In questo calcolo si sono utilizzate le ipotesi che C autoaggiunto, che reale e che
||hn || = 1.
438

6.

SPAZI DI HILBERT

Si sa che limChn , hn  = cos che




lim 2Chn , hn  + 2 = 2 .
Consideriamo ora la successione (||Ch n ||2 ). Vale
||Chn ||2 2 ,
e quindi
2
1
0 lim sup ||Chn hn ||2 = lim sup ||Chn ||2 2Chn , kn  + 2 0 .
Ci prova 6.31.
La dimostrazione del Teorema 6.81 si completa come segue: essendo C compatto ed
(hn ) limitata, esiste una s.successione (Ch nr ) di (Chn ), convergente in norma,
lim Chnr = k .

6.32

Usiamo ora il fatto che = 0 e notiamo che


hnr =

1
{Chnr [Chnr hnr ]} .

Si visto che il termine in parentesi quadra tende a zero, mentre (Ch nr ) tende a k.
Dunque,
lim hnr

1
= k

Di conseguenza, da 6.32,
C


1
k .
=C

e quindi


1
k =k

ossia

lim Chnr

Ck = k .

Ci prova che unautovalore di C. Ricordando che ||C|| oppure ||C||, si


vede che lasserto provato.

439

7.

7.1.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

L A TRASFORMATA

DI

F OURIER

DI FUNZIONI

Sia f (x) una funzione definita su R, a valori reali o complessi. La sua trasformata di

Fourier la funzione della variabile reale


+
eit f (t) dt .
f() =

7.1

Noi ci limiteremo a studiare la trasformata di Fourier di funzioni definite su R; per


importante sapere che se f (x) definita su R n allora la sua trasformata di Fourier

eix f (x) dx ,
Rn .
f () =
Rn

Talvolta indicheremo la trasformata di Fourier di f col simbolo F (f ).


Si noti che f denota sia la trasformata di Fourier che la trasformata di Laplace di f . Il
contesto chiarisce il significato del simbolo; si noti per che se f (x) = 0 per x < 0 e
se la sua trasformata di Laplace esiste per e > ,  > 0, allora vale
+
+
it
e
f (t) dt =
eit f (t) dt = F (f )() .
L(f )(i) =
0

Per, in generale, la trasformata di Fourier non ammette estensione al piano


complesso.
441

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

Prima di studiare la trasformata di Fourier, necessario dire per quale classe di


funzioni essa definita. E immediato notare che la definizione di trasformata di
Fourier ha senso se f integrabile (nel senso di Lebesgue) su R e anzi per ogni vale
|f()| ||f ||L1 (R) .
Dunque, la trasformazione
f f()
continua da L 1 (R) in C, per ogni fissato. Vale anche di pi:

Teorema 7.1. Sia (f n ) una successione in L 1 (R ), convergente a f 0 nella norma di


L1 (R). Allora,
lim fn () = f0 () ,
uniformemente su R.
Limmediata dimostrazione si omette.
In realt lo spazio L 1 (R) troppo piccolo per la maggior parte delle applicazioni
nelle quali la trasformata di Fourier interviene. Per, come primo passo, limitiamoci
a studiare le propriet della trasformata di Fourier di funzioni integrabili.
Vale:

Teorema 7.2. Se f L 1 (R) allora la sua trasformata di Fourier uniformemente


continua su R.
DIMOSTRAZIONE

E:
f() f(  ) =

[ei ei ]f (t) dt .

Si impone prima di tutto la condizione |  | < 1. Si fissa quindi


> 0 e T  tale che
Z
|f (t)| dt <
/4 .
|t|>T

442

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

Allora,
Z

|f () f (  )| =
Z

T
T

+
2

[eit e

T
T

T

i  t


[eit ei t ]f (t) dt

Z

]f (t) dt +

+
T


[eit ei t ]f (t) dt

|eit ei t | |f (t)| dt

+ max |eit ei t |
2 t[T ,T ]

|f (t)| dt .

La funzione s e s uniformemente continua sui compatti e quindi esiste =  > 0


tale che se
|t  t| |  |T <  ,

|  | <  /T ,

ossia se

allora


|eit ei t | <

[2

R +

|f (t)| dt]

Dunque, per |  | <  /T vale


|f() f(  )| <
.

7.2.

L E PROPRIET

DELLA TRASFORMATA DI

F OURIER

La trasformata di Fourier ovviamente lineare,


F (f + g) = f +
g
e inoltre valgono le propriet seguenti, di immediata dimostrazione:
se g(t) = f (t h) allora g() = eih f() ,
se a = 0 e g(t) = f (at) allora g() =

1
f( ) ,
|a| a

Si confrontino con le corrispondenti propriet della trasformata di Laplace.


Ricordiamo ora, dal paragrafo 4.11.1 che se f e g sono integrabili su R allora la
convoluzione
443

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER


h=f g =

f (t s)g(s) ds

esiste in L1 (R) (non detto che debba esistere puntualmente). Vale inoltre
||h||L1 (R) ||f ||L1 (R) ||g||L1 (R) .
esiste e, per il teorema di Fubini,
Dunque, h
+

+
it

h() =
e
f (t s)g(s) ds dt =

+ +

eit f (t s) dt g(s) ds

ei(s+r) f (r) dr g(s) ds = f()


g () .

Osservazione 7.3. La formula precedente importantissima per le applicazioni.


Si osservi che la sua dimostrazione dipende dal fatto che la misura di Lebesgue
invariante per traslazioni e dal fatto che t e t un omomorfismo del gruppo
additivo R nel gruppo moltiplicativo dei reali positivi.

7.2.1 Il teorema di Riemann-Lebesgue


Vogliamo ora studiare
lim

||+

f()

quando f integrabile. Consideriamo prima di tutto gli operatori di traslazione su


L1 (R). Se fissato, con S indichiamo loperatore da L 1 (R) in s definito da
(S f )(t) = f (t )

Ovviamente:

Teorema 7.4. Sia fissato. Loperatore S da L1 (R ) in s lineare e continuo.


Studiando invece la dipendenza di S da si trova che vale il teorema seguente, di
difficile dimostrazione:
444

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

0.9

0.8

0.7

0.6

0.5
2

f(t)=e5(t.2)

0.4
2

5(t+.2)

f(t)=e
0.3

0.2

0.1

0
2

f(t)=e(5t )
1.5

0.5

0.5

1.5

Fig. 7.1.

Teorema 7.5 (di Lebesgue). Si fissi f L 1 (R ) e si consideri la funzione S f


da R in L1 (R ). Questa funzione continua.
Usando il teorema 7.5 si prova:

Teorema 7.6 (di Riemann Lebesgue). Sia f L 1 (R ). Vale:


lim

||+

f() = 0 .

DIMOSTRAZIONE

Per definizione,
Z

f() =

eit f (t) .

7.2

Si faccia la sostituzione t = +

e si noti che

ei( +/) = ei ei = ei .
Si trova:
Z
f() =

f ( + /)ei d .

7.3

445

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

Sommando 7.3 e 7.2 si trova


1
f() =
2

[f ( ) f ( + /)]ei d

cos che

|f()|

1
2

|f ( ) f ( + /)| d .

Essendo f L1 (R), il membro destro tende a zero per || +, dal teorema 7.5.

Osserviamo ora:

Teorema 7.7. Sia f una funzione derivabile su R e siano integrabili sia f che la sua
derivata f  . Allora vale:
(F f  ) () = i f() .

DIMOSTRAZIONE

Luguaglianza
Z
f (T ) = f (0) +

f  (s) ds

e lintegrabilit di f e di f  mostrano
lim

|T |+

f (T ) = 0 .

Scriviamo ora
Z
Z +T
eit f  (t) dt = eiT f (T ) eiT f (T ) + i
T

+T

eit f (t) dt .

Lasserto segue passando al limite per |T | +.

Nelle ipotesi del teorema 7.7, applicando il teorema di RiemannLebesgue ad f  , si


trova
lim

||+

446

f() = 0

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

e in generale se esistono e sono integrabili f , f  , . . . f (k) , allora


lim

||+

k f() = 0 :

7.4

la regolarit di f si riflette sul comportamento asintotico di f. Daltra parte:

Teorema 7.8. Se f (t) e tf (t) sono ambedue integrabili, allora f() derivabile,
con derivata
d
f () =
d

eit [itf (t)] dt .

DIMOSTRAZIONE

Lintegrabilit di tf (t) permette di giustificare lo scambio della derivata rispetto ad


con lintegrale.

Analogamente si vede che se f continua e t k f (t) integrabile allora f() k volte


derivabile. Dunque, il comportamento asintotico di f (t) si riflette sulla regolarit
di f().
E importante ricordare queste propriet, che sono la chiave per lestensione della
definizione della trasformata di Fourier.

7.3.

L ANTITRASFORMATA

DI

F OURIER

Vogliamo ora capire sotto quali condizioni la conoscenza di f permette di ricostruire


f . Consideriamo prima di tutto il caso particolare
h(t) = e|t| .
si calcola facilmente usando la definizione della trasformata di
In questo caso, h
Fourier,

h()
=

2
1 + 2

e quindi
h integrabile.
447

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

Si noti che, se t > 0,


+
eit

mentre se t < 0 si ha
+
eit



2
2
izt
d = 2iRes e
, i = 2et
1 + 2
1 + z2



2
2
izt
d
=
2iRes
e
,
i
= 2et .
1 + 2
1 + z2

la funzione h si ritrova calcolando


Dunque, in questesempio particolare, nota h,
+
1

eit h()
d .
2
vale molto pi in generale; ma non pu valere per
Questa relazione tra h ed h
la generica funzione integrabile perch generalmente la sua trasformata non
integrabile.

Esempio 7.9. La funzione caratteristica dellintervallo [T, T ],

1
[T,T ] (t) =
0

se t [T, T ]
altrimenti

integrabile. La sua trasformata di Fourier si calcola immediatamente ed


sin T
.
f() = 2

Questa funzione non integrabile secondo Lebesgue, perch si sa che non


assolutamente integrabile.

Limitiamoci dunque a provare un teorema, sotto ipotesi assai pi restrittive del


necessario, ma sufficiente per il seguito.

Notiamo prima di tutto che


1
2

2
d = 1
1 + 2

e quindi, come si visto al paragrafo 5.5., da essa si pu costruire lidentit


approssimata (h ),
448

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER



2
1 1
h () =
.
2 1 + (/)2
Vale quindi
1
0 2

f (t s)

f (t) = lim

2
1
ds .
1 + (s/)2

7.5

Inoltre, ciascuna delle funzioni h una trasformata di Fourier,


h () = F (e|t| ) .

7.6

Fatte queste premesse, possiamo provare:

Teorema 7.10. Sia f C 2 (R) e siano f , f  , f  in L1 (R). Allora vale


f (t) =

1
2

e+it f() d .

7.7

DIMOSTRAZIONE

Si gi notato che, nelle ipotesi del teorema,


lim

||+

2 f() = 0

(si veda 7.4) e quindi la funzione continua f integrabile su R. Ci mostra che


lintegrale in 7.7 ha senso. Inoltre, lintegrabilit di f  mostra che f limitata.
Consideriamo luguaglianza 7.5. Usando 7.6, questa si scrive
Z +

Z +
1
lim
f (t s)
eisr e|r| dr ds .
f (t) =
2 0+

La funzione (s, t) f (t s)e isr e|r| integrabile su R 2 e quindi si pu usare il


teorema di Fubini per scambiare lordine di integrazione ottenendo

Z + Z +
1
f (t) = lim
f (t s)eisr ds e|r| dr
0
2

Z + Z +
1
f ()ei(t)r d e|r| dr
= lim
0+ 2

Z +
Z +
1
1
itr
=
e
eit f() d .
f (r) dr =
2
2
Lo scambio del segno di limite col segno di integrale lecito perch

Z +

ir
it |t|

f
()e
d
e
e
|f (t)|

449

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

e, nelle ipotesi del teorema, f integrabile.


Ci completa la dimostrazione.

La formula 7.7 si chiama la formula dellantitrasformata di Fourier. Ripetiamo che


essa vale sotto condizioni assai pi generali di quelle assunte nel teorema 7.10. Per
esempio, si visto che essa vale per la funzione e |t| che non derivabile su R. Per
lenunciato del teorema 7.10 sufficiente per il seguito.

Osservazione 7.11. Sia


f (x) = ex

/2

7.8

Si pu provare che la sua trasformata di Fourier


f() =

2
2e /2 ,

una funzione integrabile su R e non negativa. Si ricordi infatti lintegrale di Laplace,


+

2
ex /2 dx = .

Si scriva quindi
+

x2 /2 ix
2 /2
e
e
dx = e
2

= e


/2
2

2)+i(/ 2)]2

e[(x/

d[(x/ 2) + i(/ 2)]

es

2
ds = 2e /2 .

Si vede immediatamente che (h ),


h (x) =

1 (x/)2 /2
e

unidentit approssimata, la cui antitraformata di Fourier


e(x)

/2

Il teorema 7.10 si pu provare anche usando questidentit approssimata.


Si noti che lidentit approssimata costruita a partire da 7.8 quella che permette di
provare il Teorema di Weierstrass, Teorema 5.43.

450

7.

7.4.

L A TRASFORMATA

DI

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

F OURIER

SU

L 2 (R )

Abbiamo detto che intendiamo estendere la trasformata di Fourier ad un insieme assai


pi grande di L 1 (R). Come primo passo, estendiamola ad L 2 (R). Notiamo per che
anche L1 (R)L2 (R) ancora troppo piccolo per le applicazioni nelle quali interviene
la trasformata di Fourier.
Si indica col simbolo D linsieme delle funzioni di classe C a supporto compatto
in R. Una propriet che non abbiamo provato, ma che non difficile mostrare, che
D denso sia in L1 (R) che in L2 (R). Inoltre, ogni f D verifica le condizioni del
teorema 7.10 e quindi per essa vale la formula dellantitrasformata.
Introduciamo la trasformazione lineare F su D, definita da
F f = f .
Consideriamo questa come trasformazione su L 2 (R), con dominio D denso in L 2 (R).
Si gi notato che il teorema di RiemannLebesgue implica che, se f D,
lim 2 f() = 0

e quindi che f L2 (R). Dunque, F una trasformazione da L 2 (R) in s, con


dominio denso.
Siano ora f e g elementi di D. Vale:

f (x)g(x) dx =

1
2

1
2

e+ix g() d dx

f (x)


+
1
f (x)eix dx g() d =
f()
g() d .
2

Notando che

f (x)eix dx =

f(x)eix dx = F (f)() ,

luguaglianza precedente conduce a:


451

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

Teorema 7.12. Se f , g appartengono a D allora vale


1
f (x)g(x) dx =
2

F (f)()
g () d .

In particolare,

1
f(x)g(x) dx =
2

f()
g () d .

7.9

Ponendo f = g in 7.12 si trova lidentit di Parseval


1
||f ||L2 = ||f||L2 .
2
Ci mostra che

Teorema 7.13. La trasformazione F , definita su D, da L 2 (R) in s continua, con

norma 1/ 2, e quindi ammette estensione unica ad L 2 (R).

Un calcolo analogo a quello visto sopra mostra che vale anche luguaglianza
+
+

f (s)
g(s) ds
f (s)g(s) ds =

7.10

che va sotto il nome di identit di Plancherel. Introducendo il simbolo , ,


x, y
per indicare


x, y =

7.11

x(t)y(t) dt = x, y ,

la 7.10 si scrive
f, g = f, g .

7.12

Osservazione 7.14. Si noti che il funzionale x, y lineare sia in x, tenendo y
costante, che in y, tenendo x costante.
Indichiamo momentaneamente con F lestensione di F ad L 2 (R) ( ovvio che in
pratica si user il medesimo simbolo per le due trasformazioni). Per la trasformazione
F continuano a valere le identit di Parseval e di Plancherel.
452

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

Osservazione 7.15. Si noti che la trasformata di Fourier F definita su L 2 (R)


come estensione per continuit. In generale, lintegrale 7.1 non converge se la
funzione a quadrato integrabile.
Tutti gli argomenti precedenti possono ripetersi per la trasformazione G da D
L2 (R) in L2 (R),
(G)(t) =

1
2

e+it () d .

Anche G si estende per continuit ad L 2 (R). Provvisoriamente, indichiamo con G tale


estensione. Per essa vale
F G = GF = I ,
ossia:

Teorema 7.16. La trasformazione di Fourier biunivoca su L 2 (R).


Si noti che una propriet analoga non vale su L 1 (R).
Ricapitolando, abbiamo esteso la trasformata e lantitrasformata di Fourier ad L 2 (R)
per continuit. Si sa, dal teorema 6.32 che lestensione per continuit pu anche
costruirsi calcolando aggiunti:

F = [F ] ,

G = [G ] ;

ossia, F f definita da

= f, F 
F f, 

D .

7.13

Ci suggerisce di interpretare
f = F f
come il funzionale su L 2 (R) definito da

f, F 

D .

7.14

453

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

Osservazione 7.17. Si noti che D se e solo se D. Il segno di coniugio


stato introdotto soltanto per avere una trasformazione lineare in 7.14.

Questa una diversa interpretazione della trasformata di Fourier, equivalente a


quella ottenuta estendendo per continuit. Suggerisce per un modo per estendere la
trasformata di Fourier ad uno spazio molto grande: prima si identifica uno spazio con
una topologia molto debole, su cui la trasformata di Fourier continua e biunivoca. Si
usa quindi un metodo di dualit per estenderla al duale dello spazio. Lidea intuitiva
che se lo spazio ha una topologia molto debole il suo duale sar grande.
Notiamo che
F =

e+it () d .

Dunque, con la notazione 7.12, la 7.13 si scrive


F f,  = f, F 

D .

Converr quindi usare, come punto di partenza per lestensione della trasformata di
Fourier, la formula di Plancherel 7.12. Va notato subito per che lo spazio D troppo
piccolo. In particolare, la trasformata di Fourier di una D non appartiene a D.
La definizione di questo spazio stata introdotta soltanto perch esso importante
in numerose applicazioni e la definizione va conosciuta. Vedremo per al paragrafo
successivo lo spazio S, pi grande di D, ancora denso sia in L 1 (R) che in L2 (R) e
su cui la trasformata di Fourier invertibile. Gli argomenti appena presentati valgono
anche sostituendo ovunque D con S.
Concludiamo questa parte esaminando lesempio seguente:

Esempio 7.18. Applichiamo lidentit di Parseval alla funzione [1,1] , studiata


allesempio 7.9. La sua trasformata di Fourier
2

454

sin

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

in L2 (R), come si verifica immediatamente, e come deve essere perch [1,1] a


quadrato integrabile. Dunque,

sin
2

2

d = 2

[[1,1] (x)]2 dx = 4 .

Si trova quindi

7.5.

LO

SPAZIO

sin

2
d = .

S E IL SUO DUALE

Lidea per la scelta dello spazio S su cui definire la trasformata di Fourier fornita
dal teorema di Riemann-Lebesgue, e dalle sue conseguenze: la regolarit di f si
trasferisce nel comportamento asintotico di f; il comportamento asintotico di f si
trasferisce nella regolarit di f, e viceversa. Ci suggerisce di introdurre lo spazio S
i cui elementi sono le funzioni C (R) tali che:
lim

|x|+

xk (n) (x) = 0

k , n .

7.15

E chiaro che S un sottoinsieme sia di L 1 (R) che di L2 (R) e che per gli elementi di
S valgono sia la formula della trasformata che dellantitrasformata di Fourier:
+
+
1

eit (t) dt ,
(t) =
eit ()
d .
()
=
2

Vogliamo mimare su S la costruzione della trasformata ottenuta per dualit su


L2 (R). Per questo necessario munire S di una topologia la quale tenga conto della
propriet 7.15. E un fatto che ci non pu farsi introducendo una norma in S. Daltra
parte, la definizione della topologia porterebbe via troppo tempo. Dunque limitiamoci
a introdurre un concetto di convergenza di successioni in S.
Per definizione,
lim n (x) = 0
455

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

quando per ogni k intero non negativo e per ogni r intero non negativo si ha
lim xk (r)
n (x) = 0
n

uniformemente su R.
Esplicitamente questo vuol dire che per ogni  > 0 esiste N = N (, k, r) tale che se
n > N (, k, r) allora
|xk (r)
n (x)| <  .
Si scritta esplicitamente questa condizione per sottolineare che la convergenza
NON uniforme in k ed r.
Definiamo inoltre:
lim n = 0

lim[n 0 ] = 0 .

Lo spazio lineare S, dotato della definizione di convergenza appena introdotta, si


chiama lo spazio delle funzioni rapidamente decrescenti su R.
Sia ora A un funzionale su S oppure una trasformazione da S in s. Diremo che A
continuo quando
lim n = 0

lim An = A0 .

Si prova immediatamente:

Teorema 7.19. Loperazione di derivazione:


D
continua da S in s.
Con S  indichiamo lo spazio lineare dei funzionali lineari e continui su S, dotato della
relazione di convergenza seguente
lim ln = l0
456

lim ln () = l0 ()

S .

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

Si confronti questa definizione di convergenza con la convergenza debole stella.


Gli elementi di S  si chiamano distribuzioni temperate.
Come al solito, per indicare lazione di l S  su S, invece di scrivere l()
scriveremo
l,  .
Mostriamo alcuni esempi di trasformazioni continue da S in s.

Esempio 7.20. le trasformazioni


+,

(con fissata) sono continue e la seconda anche lineare.


Pi ancora, sia p un polinomio. La trasformazione lineare
(x) p(x)(x)
continua.
Sono anche continue le trasformazioni seguenti:
(x) (rx) ,

rR

(x) (k) (x) .


Per ogni fissato, la trasformazione
(x) eix (x)
continua. In generale, se f C (R) e se f e tutte le sue derivate sono limitate, la
trasformazione lineare
(x) f (x)(x)
continua. Per esempio, sono anche continue le trasformazioni
2

ex (x) ,

(x) sin x .
457

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

Mostriamo ora alcuni esempi di distribuzioni temperate.

Esempio 7.21. Sia l tale che


l,  = (0) .
E immediato verificare che l lineare e continuo, ossia che l S  .
Questa distribuzione particolarmente importante per le applicazioni ed ha un
simbolo standard: si indica col simbolo ,
,  = (0)
e si chiama delta di Dirac.
E ancora immediato verificare la continuit di

ak (k) (xk ) .

k=0

In seguito chiariremo le relazioni tra le due distribuzioni temperate introdotte


nellesempio precedente.
Consideriamo ora:

Esempio 7.22. Sia f L p (R), 1 p +. E una distribuzione temperata


quella definita da

f (s)(s) ds .

Questo si verifica immediatamente usando il teorema della convergenza dominata, se

p = 1. Se p > 1 si usa la disuguaglianza di H older


per notare che
x2
Si scrive quindi

1
f (x) L1 (R) .
+1

f (s)(s) ds =

458


f (x) 
(1 + x2 )(x) dx .
1 + x2

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

Sappiamo gi che la trasformazione che a associa (1+x 2 )(x) continua. E quindi


la trasformazione che stiamo studiando continua, essendo composizione delle due
trasformazioni lineari e continue

(1 + x2 )(x) ,

f (x)
(x) dx .
1 + x2

Le particolari distribuzioni introdotte nellesempio 7.22 si chiamano distribuzioni

regolari. Esse si indicano con un simbolo del tipo l f o pi spesso semplicemente



f o f . In analogia con questo simbolo, specialmente nei testi pi applicativi, una
distribuzione si indica col simbolo

l

attribuendo al simbolo il significato del simbolo , .
In pratica, non si distingue tra le funzioni e le distribuzioni regolari ad esse associate.

Esempio 7.23. Sia (h n ) unidentit approssimata. Per ogni S si ha


lim
n

hn (t s)(s) ds = (t) ,

si veda il paragrafo 5.5.. Ci vale in particolare per t = 0 e quindi


+
hn (s)(s) ds = (0) ,
S.
lim
n

Dunque, la successione di distribuzioni regolari definite da


+
hn (s)(s) ds

converge in S  alla di Dirac. Si dice pi brevemente che le identit approssimate


approssimano la di Dirac.

7.6.

L A TRASFORMATA

DI

F OURIER

SU

S

Si gi detto che su S la trasformata di Fourier definita dallintegrale 7.1 e che su S


vale la formula dellantitrasformata. Proviamo ora:
459

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

Teorema 7.24. La trasformazione di Fourier F trasforma S in s, continua e


biunivoca.
DIMOSTRAZIONE

Si gi notato che F trasforma S in s.


La linearit ovvia. Proviamo la continuit. Sia ( n ) una qualsiasi successione tendente a zero. Basta provare che la successione (F n ) tende a zero. Fissiamo per
questo k ed r e consideriamo
Z +
Z +
dr
ix
k
e

(x)
dx
=

(1)r eix [xr n (x)] dx


k
n
d r

Z +
d ix
=
[xr n (x)] dx .
(1)r (i)k
e
dxk

Integriamo per parti tenendo conto che


lim [xr n (x)] = 0 .

|x|+

Si trova:
Z

(1)

r+k

(i) e

= (1)r+k (i)k

dk r
x n (x) dx
dxk

dk r
eix
2
)
x

(x)
dx
(1
+
x
n
1 + x2
dxk

k ix

Sia ora
> 0. Esiste N (
, k, r) tale che
n > N (
, k, r)

(1 + x2 ) d xr n (x) <

k
dx

cos che, per tali indici n si ha anche

Z +
k dr

ix


.
e

(x)
dx
n
d r

Questo prova la continuit di F.


La trasformazione F suriettiva perch ammette linversa.

Possiamo ora estendere la trasformata di Fourier ad S  .


460

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

Si ricordi che se f L 2 (R) la sua trasformata di Fourier pu definirsi usando la


formula 7.13 e che questa pu interpretrarsi dicendo che f quel funzionale lineare e

continuo che a associa f, .


Traendo ispirazione da questa definizione, definiamo la trasformata di Fourier di

distribuzioni temperate come segue: Sia l S  . La sua trasformata di Fourier l


il funzionale lineare
.
l, 
l S  , e quindi che luguaglianza
E immediato verificare 1 che

l,  = l, 
ora le definizione stessa della trasformata di Fourier.
Cos come si estende ad S  la trasformazione F , si estende anche lantitrasformata G:
G :

Gl,  = l, G

e la relazione
F [Gl] ,  = l, G [F ]  = l, 
mostra che lestensione di G inversa destra di F . Procedendo in modo analogo si
vede che anche inversa sinistra, e quindi che lantitrasformata di Fourier.
La trasformata di Fourier di l si indica l.
Ricapitolando:

Teorema 7.25. La trasformazione di Fourier continua e biunivoca da S  in s.


DIMOSTRAZIONE

La continuit ovvia: sia


lim ln = l0

Si veda la dimostrazione del Teorema 7.25.

461

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

ossia
limln ,  = l0 , 

S .

Ogni in S e quindi la precedente si scrive, scegliendo per la :


= l0 , 

limln , 

lim
ln ,  = 
l0 ,  .

ossia

Ci vuol dire
l0 .
lim
ln =
La biunivocit della trasformata si ottiene perch, come si gi notato, anche
lantitrasformata si estende per dualit ad S  .

Conviene ora vedere il calcolo di alcune trasformate.

Esempio 7.26. Sia f L 1 (R) ed lf la distribuzione regolare



lf ,  =

f (x)(x) dx .

La trasformata di Fourier di l f la distribuzione


+
+
=
f ()
eix (x) dx d
lf , 

+  +

ix

f () d (x) dx = lf,  :

la trasformata di Fourier della distribuzione regolare identificata dalla funzione f


la distribuzione regolare identificata dalla funzione f.

In particolare,

Esempio 7.27. Sia

1
f (t) =
0
Allora, come si visto allesempio 7.9,
462

se |t| < T
se |t| > T .

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

sin T
.
f() =

La funzione f non appartiene ad L 1 (R); per limitata e quindi identifica una


distribuzione regolare l f.
Ad f come funzione la formula dellantitrasformata che abbiamo provato al
paragrafo 7.3. non pu applicarsi.

Invece, ad essa pu applicarsi la formula

dellantitrasformata nel senso che abbiamo introdotto in S  .

Esempio 7.28. Consideriamo ora la funzione f (t) = e it , che non n integrabile


n a quadrato integrabile, e quindi non ha trasformata di Fourier nel senso che
abbiamo introdotto per le funzioni. Nel senso delle distribuzioni, la sua trasformata
di Fourier

=
lf , 

dx = 2() .
eix (x)

Indicando con la distribuzione


 ,  = () ,
si vede che
F (eix ) = 2 .
Usando le formule di Eulero,
F (sin x) = i{ } ,

F (cos x) = { + } .

Questesempio mostra che la trasformata di una distribuzione regolare pu non essere


una distribuzione regolare.
Veniamo ora al calcolo della trasformata di Fourier di distribuzioni che non sono
regolari.

Esempio 7.29. La trasformata della delta di Dirac la distribuzione



= (0)

, 
=

(s) ds .

463

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

E quindi la distribuzione regolare identificata dalla funzione identicamente 1.


Diremo, pi semplicemente, che la funzione 1:
= 1 ;
Viceversa, sia f (x) 1. Dalla formula dellantitrasformata si vede immediatamente
che la sua trasformata la distribuzione 2.
Indichiamo provvisoriamente con la distribuzione
,  =  (0)
(vedremo pi avanti un simboli migliore per identificare questa distribuzione). La
sua trasformata di Fourier
=  (0) =
, 

ix(x) dx :

la sua trasformata ix. Si noti:


F () = ixF () .

Questesempio mostra che la trasformata di una distribuzione che non regolare pu


essere una distribuzione regolare.

7.6.1 Le operazioni sulle distribuzioni


Si sa gi che S  uno spazio lineare, ossia che in S  definito il prodotto per
scalari e la somma; e in S  si definita la trasformata di Fourier, con un metodo
di dualit. Ancora con un metodo di dualit si definiscono altre operazioni, a partire
dalle corrispondenti operazioni su S. Sia h R e T h la traslazione in S,
(Th )(x) = (x h)
(se h > 0 questa si interpreta come traslazione verso destra). Ovviamente, T h
continua su S e quindi per ogni l S  si definisce
Th l :
464

l, Th  .

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

Se h > 0 questa si interpreta come traslazione (applicata ad l) verso sinistra.


Si esprima in modo esplicito leffetto di T h sulle distribuzioni regolari e si giustifichi
la notazione pi comunemente usata T h invece di T h .

Esempio 7.30. Sia la delta di Dirac. Si ha:


Th ,  = , Th  = (h) .
Sia ora a = 0 e sia
Ra :

(Ra )(x) = (ax) .

Anche Ra continua da S in s e quindi si pu definire R a ponendo


Ra l,  = l, Ra  .
Si verifica facilmente che se l f una distribuzione regolare allora
Ra (lf ) = lR1/a f .
Si notato che se g C (R) limitata con tutte le sue derivate, o anche se g un
polinomio, allora M g : Mg = g continua da S in s. Ci permette di definire
(Mg l),  = l, Mg  .
Si esamini lazione di M g sulle distribuzioni regolari e si spieghi perch si scrive
Mg l
invece di Mg l.

Osservazione 7.31. La M g la moltiplicazione della distribuzione l per la


funzione g. pi comunemente, invece di scrivere M g l si scrive gl.

Introduciamo ora la derivata delle distribuzioni.


Essendo continua la trasformazione D
D = 
465

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

da S in s, definiremo
D l,  = l, D .
Si esamini leffetto di D sulle distribuzioni regolari e si chiarisca perch invece di
D si usa il simbolo D:
Dl,  = l, D .
La derivata di distribuzioni si indica anche con lapice:
Dl = l .
Presentiamo alcuni calcoli di derivate.

Esempio 7.32. Si chiama funzione di Heaviside la funzione

0 se
u(t) =
1 se

t<0
t > 0.

Questa funzione non derivabile nel senso ordinario. E per derivabile nel senso
delle distribuzioni, ossia derivabile la distribuzione regolare ad essa associata, e
vale


Dlu ,  = u,  =

 (s) ds = (0) .

Dunque la sua derivata la delta di Dirac e scriveremo brevemente


Du = .
Calcoliamo ora la derivata della delta di Dirac:
D,  = , D =  (0) .
Dunque, D la trasformazione (che allesempio 7.29 abbiamo chiamato )
 (0) .

466

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

7.6.2 Operazioni e trasformata di Fourier


Studiamo ora le relazioni tra le operazioni introdotte in S  e la trasformata di Fourier.
Calcoliamo prima di tutto
F (Th l) .
Per definizione,
= l, Th 
.
F(Th l),  = Th l, 
Ora,

+ h) =
Th = (

ei(+h)x (x) dx = F (Mf )

con
f (x) = eihx .
Dunque,
F (Th l) = Mf l ,
la moltiplicazione della distribuzione l per e ih .
Analogamente, la derivata di R a l si calcola da
= l, 1 F (Ra ) = aRa l,  :
F(Ra l),  = l, R1/a 
a
F (Ra l) =

1
Ra l .
a

Veniamo infine alla trasformata della derivata di una distribuzione:


= l, D
= l, F (Mit ) = Mit l, 
F(Dl),  = Dl, 
e quindi
F (Dl) = il .
467

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

Osservazione 7.33. Si consideri la funzione di Heaviside u(t). La sua derivata


e quindi
1 = = i u

da cui sembra di poter dedurre u =

1
i .

Si noti che questa una scrittura

solamente formale, a cui non abbiamo attribuito alcun significato, perch 1/(i)
non integrabile.
Un calcolo diretto mostra che u quella distribuzione che a S associa

+  +
+

eix (x) dx d
()
d =
0
0





R

= lim

R+

R+

(x) dx d = lim

R+

lim

ix

ix


d (x) dx

1 eiRx
(x) dx .
ix

Ci mostra che lazione di certe distribuzioni viene descritta mediante integrali


dipendenti da parametri, e loro limiti. Noi non presentiamo questo aspetto del problema. Diciamo solamente che in questo modo si riesce a dare senso allespressione
u
= 1/(i).

7.6.3 Convoluzione di distribuzioni


Il problema di estendere il concetto di convoluzione al caso delle distribuzioni
piuttosto delicato, e ci limitiamo ad enunciare alcuni risultati. Consideriamo due
funzioni integrabili f e g. La loro convoluzione h = f g identifica una distribuzione
regolare lh , la cui azione su S :


+  +
f (s y)g(y) dy (s) ds =


f (x)(x + y) dx g(y) dy .


f (s y)(s) ds g(y) dy

Per interpretare la formula precedente quando f e g sono sostituite da distribuzioni,


necessario considerare funzioni dipendenti da due variabili x ed y e, per ogni valore
468

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

di una di esse, per esempio y, applicare una distribuzione l alla funzione x (x, y).
Per intendere che l agisce sulla vista come funzione di x, scriveremo l x invece di l.
Siano ora l ed m due distribuzioni. Per definire il significato di l m, convoluzione di
l e di m, dobbiamo spiegare come essa agisce su ciascuna funzione S. Per questo,
scelta S, consideriamo la funzione x (x + y), per ogni scelta di y R, e
consideriamo il numero
mx , (x + y) .
Si trova in questo modo una funzione
(y) = mx , (x + y) .
Se accade che S, allora pu definirsi
l, 
e per definizione porremo
l m,  = l,  = ly , mx , (x + y) .

7.16

Si noti che per poter utilizzare la definizione precedente abbiamo bisogno di pi che
non semplicemente S: abbiamo bisogno che la funzione
(x) (y) = mx , (x + y)
sia continua da S in s, in modo da avere
l m, 
continua su S.
Di conseguenza, la possibilit di definire la distribuzione l m dipende dalle propriet
di m.
Le propriet da imporre ad m sono suggerite da questo teorema, che non proviamo.

Teorema 7.34. Sia l una distribuzione temperata. Esiste una funzione continua g(x)
ed esistono numeri interi non negativi e tali che
469

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

l = D g ,

lim

|x|+

|x| g(x) = 0 .

Le derivate che figurano nel teorema precedente sono nel senso delle distribuzioni; e
quindi, per esempio, Dg indica la derivata della distribuzione regolare l g .
Ossia

D g,  = (1)

g(x)D (x) dx .

Le funzioni g che crescono al pi polinomialmente per |x| tendente ad si dicono

funzioni a crescita lenta.

Esempio 7.35. Consideriamo la distribuzione . Si gi visto che questa la


derivata della funzione di Heaviside u(x) = 0 per x < 0, u(x) = 1 per x 0.
Questa funzione non continua. Si vede per che u(x) la derivata della funzione

0 se x < 0
g(x) =
x se x 0 .
E quindi derivata seconda di una funzione continua.
In modo analogo si vede che la derivata kma della derivata (k + 1)ma di g.

Questo teorema suggerisce di considerare le distribuzioni l tali che per ogni polinomio
p(x) si possa scrivere

p(x)l =

m


D k fk

k=0

fk funzioni continue e limitate.


Il numero k e le funzioni f k dipendono dal polinomio p.
Le distribuzioni temperate con queste propriet si chiamano convolutori.

Esempio 7.36. Sia u(x) la funzione di Heaviside. Lequazione


u(x) = f  (x)
470

7.17

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

non ammette soluzione f (x) limitata e si potrebbe anche mostrare che nessuna
equazione del tipo 7.17, con l = u, ammette soluzioni f k continue e limitate. Dunque,
la funzione di Heaviside u(x) non un convolutore.
Sia l = D g con g costante per |x| grande, diciamo g(x) g 0 per |x| > R.
Sostituendo g con g g 0 non si altera la distribuzione l, e si ha g(x) = 0 per |x| > R.
Consideriamo lequazione
Df = xl = xDg .
Si vede immediatamente che una soluzione limitata di questequazione
x
f (x) = xg(x)
g(s) ds
0

(questa funzione limitata perch g(x) nulla per |x| > R).
Si pu anche vedere che ogni equazione 7.17 ammette soluzioni fk continue e limitate;
e dunque l = D g, con g costante per |x| grande, un convolutore.
Le distribuzioni l = D g, con g costante per |x| grande si chiamano distribuzioni a

supporto compatto:

Teorema 7.37. Ogni distribuzione a supporto compatto un convolutore.


Dunque la di Dirach e le sue derivate, che sono distribuzioni a supporto compatto,
sono convolutori. Si vede facilmente per che esistono convolutori che non sono
distribuzioni a supporto compatto: tutti gli elementi di S sono infatti convolutori.
Sia ora m un convolutore e consideriamo
(y) = mx , (x + y) .

7.18

Si pu provare:

Teorema 7.38. Se m un convolutore allora la funzione (y) definita in

7.18 in S

e la trasformazione che a associa , da S in s, continua; e quindi la convoluzione


di l m definita (da 7.16 ) per ogni l S  .
471

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

Lipotesi che una delle due distribuzioni di cui si vuol calcolare la convoluzione sia
un convolutore troppo restrittiva per molte applicazioni. Per la convoluzione pu
definirsi anche in casi pi generali. Per esempio:

Teorema 7.39. La formula

7.16

definisce la convoluzione delle due distribuzioni

temperate l ed m anche nel caso in cui ambedue hanno supporto in [0, +).

Inoltre:

Teorema 7.40. Nelle ipotesi sia del teorema 7.38 che del teorema 7.39, loperazione
di convoluzione gode delle seguenti propriet:

distributivit:
l (h + k) = l h + l k ,
(l + m) h = l h + m h ;
associativit:
l (h k) = (l h) k ;

commutativit:
h k = k h;

regola di derivazione:
D(l k) = (Dl) k = l (Dk) ;
regola per la trasformata di Fourier:

F (l h) = l()h()
;
esistenza dellidentit rispetto alla convoluzione:
h = h.
472

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

Lultima propriet, ossia h = h, si interpreta dicendo che la delta di Dirac


lidentit rispetto alla convoluzione. Lesempio 7.23 mostra che le identit
approssimate approssimano la di Dirac, ossia approssimano lidentit rispetto alla
convoluzione. Si giustifica cos il termine identit approssimata.
Notiamo esplicitamente:

Esempio 7.41. Non tutte le funzioni di classe C e integrabili su R sono dei


convolutori. Per esempio, la funzione
g(x) =

1
1 + x2

non un convolutore perch lequazione


p(x)g(x) = f  (x)
non ammette soluzione limitata se p(x) = 1 + x 2 .
2

Sono invece convolutori le funzioni g(x) = e |x| e g(x) = ex .

La formula 7.16 pu permettere di definire la convoluzione di due distribuzioni anche


in casi pi generali di quelli descritti dai teoremi 7.38 e 7.39. In tal caso per si possono
incontrare fenomeni indesiderati, come mostra lesempio seguente.

Esempio 7.42. Consideriamo le tre distribuzioni seguenti: l la distribuzione


regolare 1; la seconda distribuzione  mentre la terza la funzione di Heaviside
u. Si gi visto che u non un convolutore ed facile vedere che nemmeno l lo . Ci
nonostante, per S

(y) = ux , (x + y) =

(x + y) dy
0

in S e la trasformazione da in continua. Dunque si pu calcolare


() =   y , (y + ) =  () = (x) .
E quindi si pu anche definire

l,  =

(x) dx = l,  .

Dunque,
473

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

l (  u) = l .
Anche (l  ) pu calcolarsi, dato che  ha supporto compatto e si vede facilmente
che
l  = .
Dunque,
(l  ) u = u .
Calcoliamo esplicitamente u.
Ricordiamo che

(y) = ux , (x + y) =

(x + y) dx
0

cos che


,  = (0) =

(x) dx = u,  .
0

Si quindi trovato u = u, ossia


(l  ) u = u = l = l (  u) .
Dunque, in questo caso la propriet associativa non vale.

7.7.

IL

CASO DELLE FUNZIONI DI PI VARIABILI

Abbiamo trattato la trasformata di Fourier per il caso delle funzioni che dipendono
da una sola variabile. In pratica necessario lavorare anche con la trasformata di
Fourier di funzioni che dipendono da n variabili x 1 , . . . , xn , n > 1. In questo caso la
trasformata di Fourier la funzione ancora di n variabili 1 , . . . , n . La trasformata
di Fourier di f (x1 , . . . , xn )

ei[x1 1 ++xn n ] f (x1 , . . . , xn ) dx1 . . . dxn .
f(1 , . . . , n ) =
Rn

Praticamente nessun cambiamento va fatto a ci che abbiamo visto per le funzioni di


una variabile, salvo che la formula per lantitrasformata ora
474

7.

f (x1 , . . . , xn ) =

1
(2)n

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER


Rn

ei[x1 1 ++xn n ] f(1 , . . . , n ) d1 . . . dn .

Naturalmente questa formula vale sotto ipotesi alquanto restrittive ma, esattamente
come nel caso delle funzioni di una sola variabile, essa si estende al caso delle
distribuzioni.

Infine raccogliamo gli esempi di trasformate di Fourier che abbiamo visto:

f (t)

f()

e|t|

2
1+ 2

[T,T ] (t)

2 sinT

ex

/2

2
2e /2

eit

sin x

i{ }

cos x

{ + }

 +
0

()
d

475

INDICE ANALITICO

algebra di insiemi 160


alternativa di Fredholm 219
alternativa di Fredholm 222
anello di insiemi 159
angolo tra due curve 43
antilinearit 378
antitrasformata di Laplace 155
argomento 9
argomento principale 9
autovalori 220
autovalori 355
B(X, Y ) 282

base canonica 216


biduale 333
boreliani 162
cammino 20
477

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

campo dei numeri complessi 10


catena 130
catena 321
codimensione 253
compatto 258
completezza 228
condizioni di CauchyRiemann 27
coniugato 10
continuit 227
contrazione 368
convergenza di successioni 227
convergenza debole 330
convergenza debole stella 330
convergenza uniforme 233
convergenza uniforme sui compatti 68
convesso 312
convoluzione 150
convoluzione 208
coppie ordinate 235
corona di convergenza 40
curva 20
curva 47
curva chiusa 20
curva di Jordan 21
curva omotopa ad un punto 65
478

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

curva regolare 20
curva regolare a tratti 20
curva semplice 20
curva semplice e chiusa 20
curve omotope 63
derivata 26
derivata debole 241
derivata direzionale 373
derivata secondo Frchet 376
determinazione del logaritmo 16
determinazione della radice nma 13
differenziale di Gteaux 375
differenziale secondo Frchet 375
dimensione infinita 226
dimensione finita 226
dimensione 226
disco di convergenza 360
disco di convergenza 38
distanza 227
distanza invariante per traslazioni 227
disuguaglianza di H older 199
disuguaglianza di interpolazione 206
disuguaglianza di Jensen 198
disuguaglianza di Minkowski 200
disuguaglianza di Schwarz 199
479

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

disuguaglianza di Schwarz 378


disuguaglianza di Young 210
disuguaglianza triangolare 226
elementi equivalenti 130
elemento 130
elemento canonico 130
elemento massimale 321
epigrafo 317
equazione aggiunta 222
equazione di Fredholm di prima specie 215
equazione di Fredholm di seconda specie 215
equazione di Laplace 135
equazioni integrali 215
equicontinuit 260
esponente coniugato 198
estremo superiore essenziale 201
formula della media 72
formula di Green 22
formula di Hadamard 38
formula di Laurent 101
formula di Poisson 142
formula integrale di Cauchy 69
formula integrale di Cauchy 71
formule dEulero 14
funzionale di Minkowski 326
480

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

funzione armonica coniugata 76


funzione a crescita esponenziale 145
funzione analitica 131
funzione analitica 74
funzione armonica 75
funzione armonica coniugata 137
funzione assolutamente continua 213
funzione caratteristica 179
funzione dinsieme 211
funzione dinsieme assolutamente continua 214
funzione di Dirichlet 157
funzione di distribuzione 182
funzione di distribuzione 189
funzione di Heaviside 152
funzione integrabile 186
funzione intera 91
funzione misurabile 176
funzione monodroma 131
funzione polidroma 131
funzione positiva integrabile 186
funzione positivamente omogenea 308
funzione razionale strettamente propria 156
funzione semplice 179
funzione subadditiva 168
funzione subadditiva 308
481

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

funzione univalente 131


funzioni a variazione limitata 351
funzioni a variazione limitata normalizzate 351
funzioni olomorfe 28
funzioni olomorfe 358
generatori 225
grafico 266
identit approssimata 254
identit del parallelogramma 381
immagine 218
immagine 266
indice 52
indice di una curva 61
insieme aperto 227
insieme convesso 267
insieme elementare 162
insieme equilibrato 268
insieme limitato 227
insieme misurabile 174
insieme misurabile secondo Lebesgue 169
insieme nullo 158
insieme nullo 174
insieme risolvente 220
insieme semplice 162
integrale di funzioni semplici 181
482

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

integrale di Stiltjes 350


intorno 17
intorno 227
invarianza per traslazioni 208
inverso 285
inverso 289
inverso destro 285
inverso sinistro 285
iperpiani di supporto 315
iperpiano 253
iperpiano 277
L(X) 282
L(X, Y ) 282

lemma del grande cerchio 108


lemma di Jordan 110
Lemma di Riesz 261
lemma di Schwarz 121
lemma di Zorn 322
logaritmo 15
logaritmo principale 16
logaritmo principale 59
maggiorante 321
massimo 321
metodo di GramSchmidt 393
metodo diagonale di Cantor 265
483

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

misura -additiva163
misura 162
misura completa 174
misura completa 211
misura di Lebesgue 169
misura di Lebesgue 170
misura esterna 168
misura finita 163
modulo 9
norma 226
norma indotta 252
norme equivalenti 230
nucleo 215
nucleo 218
nucleo 266
nucleo degenere 216
nucleo degenere 221
nucleo di Dirichlet 301
numeri complessi reali 11
omotetie 237
omotopia 63
operatore 265
operatore chiuso 293
operatore identit 275
operatore lineare 266
484

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

operatore nullo 275


operatore risolvente 354
operatore simmetrico 392
ordinamento lessicografico 34
ordine di esponenziale 146
ordine di un polo 96
ordine di uno zero 96
orientazione di una curva 21
ortogonale 218
ortogonale 393
ortogonalit 378
ortonormale 393
palla 267
parte immaginaria 12
parte reale 12
poligonale 20
poligono 20
polo 104
potenze 16
prima formula del risolvente 366
primitiva 52
principio del massimo modulo 88
principio dellargomento 113
principio di permanenza 78
principio di riflessione di Schwarz 83
485

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

probabilit 163
problema di Dirichlet 139
problema di Poisson 140
procedimento diagonale di Cantor 339
prodotto cartesiano 235
prodotto interno 377
proiezione 295
proiezione 384
propriet della media 76
punti di diramazione 132
punto di diramazione 128
punto fisso 369
punto regolare 80
punto singolare 80
punto singolare isolato 131
quasi ovunque 174
radici 13
raggio di convergenza 38
raggio spettrale 360
rappresentazione algebrica 11
rappresentazione trigonometria 11
realizzazione (di uno spazio duale) 341
regione di Jordan 21
regione interna 21
regola dAmpre 21
486

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

relativamente compatto 258


residuo 103
residuo ad infinito 104
rotazione 119
segmento 267
semicontinuit 319
semicontinuit inferiore 329
semispazi 277
semplicemente connessa 66
separazione (di insiemi convessi) 312
serie di Fourier 301
serie di Laurent 39
serie di potenze 37
serie di von Neumann 288
sfera di Riemann 47
-algebra di Borel 162
-anello di insiemi 160

singolarit eliminabile 104


singolarit eliminabile 80
singolarit essenziale 104
singolarit essenziale 95
singolarit isolata 93
sostegno 20
sottodifferenziale 318
spazi di Banach 242
487

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

spazi di Hardy 241


spazi di Hilbert 381
spazi di Sobolev 240
spazi prehilbertiani 381
spazi riflessivi 336
spazio l 232
spazio complementare 253
spazio di b Banach 229
spazio duale 282
spazio lineare 225
spazio lineare normato separabile 226
spazio lineare normato separabile 229
spazio di Hilbert 377
spettro 220
spettro 354
spettro continuo 355
spettro di punti 354
spettro residuo 354
subadditivit 361
successione fondamentale 228
successione minimizzante 329
superficie di Riemann 130
superficie sferica 268
teorem di Tonelli 208
Teorema del doppio limite 249
488

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

Teorema del doppio limite 249


teorema della convergenza dominata 194
teorema della convergenza monotona 191
teorema della limitatezza uniforme 291
teorema della mappa aperta 118
teorema della mappa aperta 291
teorema delle contrazioni 369
teorema delle proiezioni 384
teorema di Riemann- Lebesgue 159
teorema di Weierstrass 84
teorema di Abel 37
Teorema di Alaoglu 336
teorema di Ascoli-Arzel 260
teorema di Baire 289
Teorema di Banach 292
Teorema di Banach-Steinhaus 290
teorema di Beppo Levi 191
teorema di Casorati-Weierstrass 96
teorema di Cauchy 51
teorema di Cauchy 65
teorema di Egorov-Severini 178
teorema di Fatou 194
teorema di Fubini 207
Teorema di Hahn-Banach 308
teorema di Hurwitz 113
489

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

teorema di Lebesgue 194


teorema di Lusin 178
Teorema di Mazur 336
teorema di monodromia 133
teorema di Montel 86
teorema di Morera 81
teorema di Picard 96
teorema di Pitagora 381
teorema di Radon-Nikodym 214
teorema di Riemann 125
teorema di Riemann 126
teorema di Riemann 93
teorema di Riesz 351
teorema di Rouch 115
Teorema di Weierstrass 253
Teorema di Weierstrass 328
teorema fondamentale dellalgebra 117
topologia 227
trasformata di Laplace 145
trasformazione antilineare 341
trasformazione conforme 119
trasformazione conforme 43
trasformazioni conformi dirette 44
traslazione 354
traslazioni 237
490

7.

DISTRIBUZIONI E TRASFORMATA DI FOURIER

uniforme limitatezza 260


unit immaginaria 11
valore principale 106
X 282
X  282

491