You are on page 1of 2

A S.E.

Dott Pietro Giardina Prefetto di Macerata


A S.E. Dott. Franco Gabrielli Capo Dipartimento Protezione Civile
Al Dott. Gian Mario Spacca Presidente Regione Marche
Alla Dott.ssa Paola Giorgi Assessore Regionale alla P.C. Regione Marche Ancona
Al Dott. Marcello Principi Responsabile Dipartimento di Protezione Civile Regione Marche
All'Avv. Sabrina Montali Sindaco Comune di Porto Recanati
A Andrea Dezi Assessore Protezione Civile Comune Porto Recanati
Alla Dott.ssa Maria Donato Segretario Generale Comune Porto Recanati
Il 25 febbario u.s. su invito del Sindaco di Porto Recanati, si svolta la programmata assemblea dei
volontari del Gruppo di Protezione Civile Comunale come da convocazione allegata in copia al presente
esposto.
Si rappresentano di seguito i motivi che si intendono sottolineare :
-

La convocazione e lavviso per le iscrizioni del 16 e 20 dicembre u.s. non sono corroborati n da
una Ordinanza del Sindaco, n da una delibera di Giunta che dovevano essere precedenti agli atti
assunti

Il Sindaco ha comunicato i nominativi dei volontari che sono stati ammessi. Allassemblea erano
presenti anche Giovanna Claudi e . Cristofanetti, due volontari che non figurano nellelenco degli
ammessi e la prima di essi ha votato senza averne diritto.

Nessuna risposta ha ricevuto la richiesta di spiegazioni circa il sollevamento dallincarico del


Coordinatore Tecnico Marino Camilletti, regolarmente rinnovato nella carica nel settembre u.s. e
quindi regolarmente in carica. Il decalogo in vigore prima della modifica prevedeva una durata in
carica del C.T. di 5 anni, e quindi non sine die - come affermato dal sindaco . Anche abbreviando
quel tempo a due anni come previsto dal Regolamento Regionale in vigore, il C.T. era a pieno diritto
nellincarico, peraltro ratificato dallo stesso Sindaco.

Le domande delle nuove iscrizioni non hanno avuto il parere del Coordinatore Tecnico come
previsto dal Regolamento e dal decalogo in vigore prima e dopo il 25 febbraio.

Durante lassemblea il Sindaco ha variato lO.d.G. senza sottoporre la variazione in ordine di esame
allassemblea che pertanto non lo ha votato n ha espresso alcun parere in merito. Tutto ci con lo
scopo evidente di poter accogliere anche le domande di chi non rientrava nel dettato dellart. 2 del
decalogo vigente prima della modifica.

Dagli elenchi forniti risultano 45 volontari anche se la convocazione del Camilletti, fatta appena il
giorno prima e quindi si ritiene anche lultima in ordine di tempo, riportava il numero progressivo di
47.

Il verbale redatto dallAmministrazione e che si allega in copia, non riporta nessuna delle
osservazioni, richieste e dichiarazioni che sono state fatte nel corso dellassemblea, n riporta
allegata la memoria consegnata dal Camilletti, pur citandola. Va rilevato anche che il verbale ha
cominciato ad essere redatto solo dopo la richiesta di alcuni volontari presenti , quindi quando gi
lassemblea era inoltrata, ed appare totalmente a senso unico.

Il volontario Amitrano Michele non ha partecipato a nessuna delle votazioni in quanto ricevendo
una chiamata telefonica si e' allontanato dalla sala, pertanto gli aventi diritto al voto erano 38,
presenti 37 e i numeri riportati evidenziano che persone presenti senza diritto di voto sono stati
conteggiati invalidando la votazione stessa.

Nessuna indicazione e' stata data per richieste di volontari non ammessi e quali motivazioni sono
state addotte tranne per l'aspirante volontario Cristofanetti.

Viste le molteplici irregolarit e vizi di forma relativi a:


1)
convocazioni (si chiede di verificare quando sono state inviate e/o consegnate verificandone data
del timbro postale e/o data e firma del ritiro presso la casa comunale della convocazione)
2)
regolarit delle domande presentate (verificare data di presentazione di tutte le domande e
conteggio delle stesse)
3)
controllo delle domande e quanto dichiarato (troppi dubbi riguardano quanto dichiarato dai
singoli volontari in merito al punto a prima pagina della domanda di ammissione che si allega in copia alla
presente)
4)

motivi di esclusione (verificare chi e' stato escluso, perch e modalit di notifica dell'esclusione)

5)
mancanza di delibera del consiglio comunale per la variazione del regolamento e/o decalogo come
previsto dal regolamento regionale
6)

nessuna approvazione dell'inversione dell'ordine del giorno (deve essere messa ai voti)

7)
voto)

irregolare conteggio durante le votazioni (persone assenti e voti da parte di chi non aveva diritto al

8)
Il sindaco pi volte ha usato il termine ricostituzione e rifondazione sostenendo che ha lo stesso
significato di ampliamento (prassi eseguita di fatto senza seguirne le procedure che invitiamo rispettare)
Per questi motivi i sottoscritti chiedono agli organi di vigilanza l'acquisizione di tutti gli atti sopra esposti e
disporre l'immediato scioglimento del gruppo comunale per gravi irregolarit, invitando il consiglio
comunale ad apprestarsi ad approvare nuovo regolamento e/o decalogo, raccogliere nuovamente
domanda di iscrizione e costituzione del nuovo gruppo comunale invitando il Sindaco e l'amministrazione al
rispetto dei regolamenti per evitare totale anarchia in materia di Protezione Civile.
Porto Recanati 16 Marzo 2015

Sottoscrivono il presente esposto


in data 16 Marzo 2015
Sabatinelli Eliseo
Cingolani Eugenio
Asquino Gennaro
Storani Leonardo
Storti Giacomo
Fumarola Michele
Capasso Pasquale
Dovesi Marco
Cingolani Andrea
Amitrano Michele

Related Interests