6gHfHfb 43H17705' Fdb B5 e c 3 B` 3&V T QI B8 '81 ' 7E8HQ7a6Y(XWUHSE3RPHG7FE'D@CBA@2@7976543210)(& ¦   #  £ %$"!

¦ ¦  £ ¦    ¨©  ¥ © ¨¦ ¥ ¤¢   £ § £ ¡

2  33333333333333333333333333333333333333333 447y¥y¥¥€¥y¥y¥¥y¥y¥€¥¥y¥y¥y¥¥y¥€¥y¥¥y¥y¥y¥A@°pVd83 4iGHW5H I X@€CwF A@R`lEVTc8 A`48CBP@AHhITc48hVUHdc•¯” ‚– U3U3oo 73y3¥3y3¥3¥3€3¥3y3¥3y3¥3¥3y3¥3y3¥3€3¥3¥3y3¥3y3¥3y3¥3¥3y3¥3€3¥3y3¥3¥3y3¥3y3¥3y3¥3¥€ HH‚ Ž W147y¥y¥¥€¥y¥y¥¥y¥y¥€¥¥y¥y¥y¥¥y¥€¥y¥¥y¥™A@#5H)48 di§TV¤ ŽRH$TS (4hPcu 0ˆXi£V C@ dw§y®4BG`$V¨ 5 H s@0gV4Yq €th¨ {7sU3 52 ov ­ 1 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 ) '— ( v d–7y¥y¥¥€¥y¥y¥¥y¥y¥€¥¥y¥y¥y¥¥y¥€¥y¥¥y¥y¥¬«¥G§(TVCSR@pQGiGhsFA`fsVgDrp‚P3j  3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 ‹ ¨ ¦ 8 h ¥¥ ETk7y¥y¥¥€¥y¥y¥¥y¥y¥€¥¥y¥©$3 y¥y0¥¥3¨3$3 y¥€¥¤¥€¥y©¨y¥(ª©¥g§ (”V#R@¦ 5S ¡hVTcRc 0Rc) R8 V¨Tc 9gD¦sV br#52yP3| jŸ 1 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3#3 § 3 93b3 Ž3% y3 ¤ 3 ) 3 £ ¥3 ¦ 3  3 Š‹ 0¨ " ¦  ¦ ¤ ¦ & $ q 3 3 ¢ ¤ x  & h $7 ) ~  3333333333333333333 V T4jk 7y¥y¥¥€¥y¥y¥¥y¥y¥€¥¥y¥gVy4B3 ¥53 V g@y4B3 ¥Cc3RH 5i¥fy4r3@3 ¥(¥Cp3V i iyP`3 ¥R@¥dc3 AVyec3 XQ¥AH3 ydhPc3 ¥ˆy53V3 @ 4i¥w3 P` vRHI3 C@4idcAV8H G`ˆsBr iX`P`"T“G@V ©c4B5`5HR@s@G84YXFgVRHth''6‚8 †p‚– P3P3jj 73y3¥3y3¥3¥3€3¥3y3¥3y3¥3¥3y3¥3y3¥3€3¥3¥33 3 3aƒ€ 3ˆ 3 I Iw v — Ed–7y¥y¥¥€¥y¥y¥¥y¥y¥€¥¥y¥y¥y¥¥y¥€¥™5`dihV48WŽsr#l(g`¤cA`$ "5H4B {GYs@¢ €4iv5h ‘sSXH) ˆ0€(R`¨I¦`q P@ X8'dc¦RH 8AV& ŽE`$ ˆlb§52‘P3¤ jŸ 1 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 H ¦ F § u uF   q $ 2Pd‹7y¥y¥¥€¥y¥y¥3¥3y3¥3y3¥3€3¥3¥3y3¥3y3¥3y3¥3¥3y3¥3€3¥3y3¥3¥3y3ž3 RH3dcAV3 A8fc(5HG@GF4FGH8 fgVI yg`I 4B5He@AQQg`C•” – g3k  33333333333 73y3¥3y3¥3¥3€3¥3y3¥3y3¥3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 Q I I @ 3¥y¥y¥€¥¥y¥y¥y3¥¥y¥€¥y¥¥y¥y¥œG`XBCH@dYhVWC›P@ˆP@(5H4isH5DA@©c•p‚g3k Q` ” P€…py¥y¥¥€¥y¥y¥#y¥y¥€¥l¥Žyl¥‘y0¥€y{¥y¥l€•¥y¥™y¥‘yˆ¥‘3q3¦3‘ ™0Gwq §XhGB¨ (P@˜0tc)RH (‘`¨sB 9R@¦5r &8#RFE`¦ 7#g3)52 p— ¡2 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 ¦¥3§3 r303 l3 w3 v 3 ) 3 u 3 ) 3 ¦ 3 ¨ 3 ) ¥333 ¨ 3 ) 3 3 ¦ 3  ¥3" 3‘ $ 9~v |  ¤ '—™¥ k ¤$q¨) v š 3$ ¦ Hu I  –py¥y¥¥€¥y¥y¥¥y¥y¥€¥¥y¥y¥y3 Rw8E`U’Be`pQs@a%P@¥G`4B5Hs@4YgV5BfArs8A`©cP`EICBˆG@Q ˆG@4B5Hs@4Y5Vi•%”8` ’ – G3– 2 333333333333333333333333 `ƒ I @ @ I ‘–G1py¥y¥¥€¥y¥y¥¥y¥y¥€¥¥y¥y¥y¥¥y“GVRH5QgIgiXBGhH v‘CIF r lg`@ R`4BX85Hs@RHGYTchVGBs8‡hW'4F¦`y#©$Hu yG`‘I'XB¦ vC` HC@& @ 4iCY'5$ R@V XQ@%dY¢ WˆRFgVH  F 0€g@I¦P@W(R`¨ 4BX85Hs@'dY¦RHdcRi& pVAV8ŽE`$4QhVˆlb§52‘G3¤‚G3„ 22 ¡ 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 p3y3¥3y3¥3¥3€3¥3y3¥3y3¥3¥3y3¥3y3¥3€3¥3¥3y3¥3y3¥3y3¥3¥3y3( †` †p – u F   q– $ 242py¥y¥¥€¥y¥y¥¥y¥y¥€¥¥y¥y¥yŒg`hg5DR@EQˆ5@CiG@4’TVRS8e`AQXQyˆA@TcAV` ec%P@v5@dihVs8G`B4`"”“V©c5`A@ASG84FAH96 – P3 2 3333333333333333333333333 ‡ H` Q I w 8 …‹€ py¥y¥¥€¥y¥3$3y¥‘¥¥‘y0¥#y#8$3¨3q3¦3¥y„ec¥5’E`~ €}ŠP@Rc(W5H`Is80C’s@#dY¨ 5i‰"%eFEV@ $ ƒ 5¥CHIG@ ( i 5Hi{4Ys@) P`ˆzX8R@vI gVRFs¨Q RHysi5¦RcH 5i©c4`G`0ˆ484rRHw(§©HvDsH¦ dcAV8E`pD0tcXF$ R@ ydBH ©¨thgV¦ f('¥(G`V¦‚ Xr©HD ©ufhg¦ srA`§efctpD@ pQWs$Q e@E‡05@Q§5i§vd’G@¤GBh lG@$ TVss8! %R@R`RQ)dcAV€‘†¦Q tcr52$ ‚ˆP3qP3p1 33 3 3 3 3 3 3 3yq¥ y3¥3y3¥3¥3€3¥3 3 ¦y3% 3 3 3 3 3 |¥a3@3Ci %$ƒ ¦ Q 33 S B A@ ) yx ` ¦ I ˜ y  q o y¥y¥¥€¥y¥y¥¥y¥y¥€nT“Vmc5@5iG@d’gVX’RHg8ˆP@¥s`YsY5`G@ V I H Q I 8 333333333333333333 FI F 3dr‘5`CiiP`lG`XBCH@CYR@XQWGF4FAVU8TSRH%P@CHG@5F©@EDCBA@96 k 432 –j y¥y¥¥€¥y¥y¥¥yH3y¥yI3y¥€¥`3¥¥y¥y¥y”“3 V ¥C3 c C@5i¥G@3 yEV3d’ ¥4’3 €G83AH ¥vy‘s`¥Y3 sYiG@5`3 hgXDF dr5VAis8V ‰q€G@` fe4BPdAHABR8s8PcR`hUcG`™ˆP@B˜ P@fRHII VtcIgYsBsBA`` s85rR@‡`R†8s8E`R`RFtc'…BQ8 —„‚– 434322 333 33 33 33 33 33 33 33 33 33 3 3 3 u 3 3 3 3 3 3 3 y3¥3y3¥3¥3€3¥3y3¥3y3¥3¥3 3¥3 3¥3€3 3¥3y3¥3y3• 3 F 3P@I ¥ ƒ 1 y¥y¥¥€¥y¥xGwGBXh9vP@(RHtcsB5rR@8E`RFQ` GqpVA@48RHdc5VgiPhgI4BfV(5D¨ A@ec'dc¦ b%5B¦H& §G`"XB ¥@¢ CH §R@¢ CY XQ#W#4FGF¤H$ "AV! U8 TSRH %P@¦Q CHG@¥©@¦ 5F ©¢EDA@¦ CB 752¥43¤ 2£¡ )H @ 0 a   96 ©¨§ ¢ ¦

©  ¥ £    

 

 

 

   

d–7y¥y¥¥€¥y¥y¥¥y¥y¥€¥¥y¥y¥y¥¥y¥€sC`4igV4B5Hs@4Y5VA@d8TV€G`4B5Hs@4Y(CrR@RQtQRHg8GF‰ ‚P3‚jG3   3 3 33 33 33 33 33 33 33 33 33 33 33 33 33 33 33 33 33 33 33 33 33 33 33 33 33 33 33 3 3 S V F –dd–7y¥y¥¥€¥y¥y¥¥y¥y¥€¥¥y¥y¥y¥¥y¥€@33 ¥yCS3 TV ¥Tc3A@ V ¥`gV3 A’yG83 3 Ahec8E`g`€5H4BF G`s@@4BdY5H(IV s@4Y5re@(AHV Q XQCrR@AHRQG8tQGFRH4Fg8ˆGFV P@‰IF %P@PIAH52©cP3` 0G3` ‚j ‚jG3 73y3¥3y3¥3¥3€3¥3y3¥3y3¥3¥3y3¥3y3¥3€3¥3¥3y3¥3y3¥3y3¥3¥3y3¥ 3@ I  3333333333333333333333 d–7y¥y¥¥€¥y¥y¥¥y¥y¥€¥¥y¥ªP@pI4@GHB4`4wAHP8pIv4rRHdc‘gHsB4`D XwRHG85IˆG@XrF RHTcV ‰CiiP`(RHi A8ec©cWUF˜ k G3 d–d–73y3¥3y3¥3¥3€3¥3y3¥3y3¥3¥3y3¥3y3¥3€3¥3¥3y3¥3y3¥3y3¥3¥3y33 3 3 GH4B3 5VG@3 3’ 4r5HGi4hsH‘C`4iQ 5V@GYsBA`dc` WrH vsiG`Q vVB A@TctVsw5`ˆR@dcAVtc˜6 – G3 73 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3y¥y3¥3¥3€¥y¥y¥¥y3¥y¥€¥¥y¥y¥y¥¥y¥€¥y¥¥3 sVpDA@s8‡`e†fpVA@R8©c5re@vC@4i5V@GYsBA`dcH p‚G3 E–d7#¥y§"£¥©¨3 y¦3 ¥y¥¥y©¨3 y¥€¥¥y3x3 ¥y¥3¦3 y¥0¥y3¨3)3 ¥€¥y¥y¥fy¥y¥y¥33 ¥3RV AQ4Q($V ˆP@wAHlR8vŽ)tcsB%Ž{G3)(52¥„ 1 ¦y3 3 ) ¥¤ ¥q € 3 3€33  ¦¥3l33 (3 0 3  3 3 93b3 #3 ~ 3 | 3 ) 3 3¥3§3  3 ) ~ r $ ¨ ¦ u `  l¨¯t ¤ ¢v ¦I 0 ¤)£ )¤ ¦& $ ¦¢¤ 
   



¨ ¦   £ ¡ ©§¥¤¢ 

2

© "¡  ¥¦ £© ¡   £ ¤ ¢

Capitolo 1

PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE
1.1 Principio di sovrapposizione in ottica ondulatoria: esperimento di Young

Una sorgente S emette un’onda luminosa monocromatica di lunghezza d’onda λ, come illustrato in Fig.1.1. Il fronte d’onda (piano se distante dalla sorgente) incontra uno schermo Sc dove sono praticate due fenditure (puntiformi) F1 ed F2 a distanza D λ l’una dall’altra. Le due fenditure diventano sorgenti coerenti (in accordo di fase) di onde sferiche uscenti.

P(x) F1 S F2 R θ

I

O O x

Figura 1.1: Esperimento di Young (sinistra) e figura di interferenza (destra) Nel punto generico P sul rivelatore R le due onde interferiscono non piu in accordo di fase poich´ e hanno percorso distanze diverse per raggiungere il punto P; tuttavia mantengono una relazione di fase, che ` determinata dai rispettivi cammini ottici. Nel punto P i rispettivi campi elettrici hanno la forma e E1 = Eo ei(kx1 −ωt) E2 = Eo e
i(kx2 −ωt)

(1.1) (1.2)

dove x1 e x2 sono le distanze di P dalla due fenditure e k ` il numero d’onda k = 2π con λ lunghezza e λ d’onda. Secondo l’ottica ondulatoria il punto P ` sede di un campo elettrico che ` la somma vettoriale e e dei due campi elettrici (principio di sovrapposizione) e quindi l’intensit` luminosa ` data dal modulo a e quadro del campo risultante I = |E1 + E2 |2 = 2I0 [1 + cosk(x1 − x2 )] 2 (1.3)

CAPITOLO 1. PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE = 4I0 cos2 [ πD sinθ] λ

3 (1.4)

dove I0 = |E1 |2 = |E2 |2 ` l’intensit` di ciascuna componente e θ misura la direzione di P rispetto e a all’orizzontale (vedi Fig.1.1). Al variare di P (o θ) sul rivelatore R si susseguono massimi (I = 4I0 ) e minimi (I = 0) di interferenza . Il primo massimo si ha per θ = 0, il secondo per sinθ = λ D (1.5)

Se λ/D 1 i massimi non sono distinguibili. L’interferenza insieme con la diffrazione sono la prova piu diretta della natura ondulatoria della luce.

1.2

Interferenza di neutroni: ampiezze di probabilit` a

Il principio di sovrapposizione non ` applicabile a particelle classiche. Immaginiamo infatti di ripetere lo e stesso esperimento con una sorgente S di particelle. Queste, viaggiando su traiettorie definite, o passano per la fenditura F1 o passano per la fenditura F2 (ignoriamo quelle che non passano), quindi il numero di particelle (intensit`) che arriva nel punto P ` la somma di quelle che passano da F1 e quelle che passano a e da F2, cio` e I = I1 + I2 (1.6)

Non c’` spazio per nessun fenomeno di interferenza. Tuttavia l’analogo esperimento ` stato realizzato e e con sorgenti di neutroni lenti in tempi recenti (A. Zeilinger et al. (Rev. Mod. Phys. 60 (1988) 1067). I risultati mostrati in Fig.1.2 rivelano una struttura d’intensit` nei rivelatori con massimi e minimi tipici a

4000

Intensity (Neutrons / 125min)

3000

2000

1000
100 µm

0

Scanning slit position
Figura 1.2: Interferenza di neutroni di un fenomeno di interferenza. Agli albori della MQ per spiegare la presunta natura ondulatoria delle particelle (esperimento di Davisson e Germer) de Broglie aveva associato a ciascuna particella un’onda di materia la cui lunghezza d’onda ` collegata all’impulso della particella dalla relazione e λ= h p (1.7)

CAPITOLO 1. PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE

4

dove h e la costante di Planck. L’ ipotesi di onda di materia si ` poi rivelata infondata. e D’altra parte esperimenti come l’effetto fotoelettrico e l’effetto Compton hanno messo in evidenza che la radiazione (fotoni) pu` anche manifestare una struttura corpuscolare quand’` in interazione con la o e materia . Quindi il comportamento ondulatorio delle particelle ed il comportamento corpuscolare della radiazione richiedono un riesame del principio di sovrapposizione come chiave interpretativa dei fenomeni di interferenza. in un quadro unitario, che supera la suddivisione onda-corpuscolo lasciata in eredit` dalla a meccanica classica (cfr. La Fisica di Feynmann, Vol.III) . Riferendoci alla Fig.1.1, immaginiamo ora che S emetta particelle, siano esse neutroni o fotoni. Le particelle siano emesse una alla volta (ipotesi di sorgente debole) di modo che un esperimento con N particelle equivanga ad N esperimenti con una sola particella, tutti eseguiti nelle stesse condizioni sperimentali. In un singolo esperimento la particella attraversa una fenditura e raggiunge un punto x del rivelatore R. Ripetendo l’esperimento N volte troveremo che le N particelle, che hanno attraversato lo schermo con le due fenditure (ci possiamo dimenticare delle altre) sono distribuite in tutti i punti del rivelatore; se N ` molto grande potremo definire la probabilit` P(x) che la particella raggiunga il rivee a latore nel punto x come il numero di particelle che hanno raggiunto x diviso il numero totale N. Come gi` visto la probabilit` si distribuisce con massimi e minimi formando una figura di interferenza, che a a dobbiamo attribuira alla presenza di entrambe le due fenditure aperte. Se le particelle si comportassero come particelle classiche il numero di particelle che raggiungono x sarebbe uguale al numero N1 (x) di particelle che hanno attraversato la fenditura F1 quando F2 ` chiusa pi` il numero N2 (x) che hanno e u attraversato la fenditura F2 quando F1 ` chiusa e quindi e P (x) = P1 (x) + P2 (x) caso classico (1.8)

Ma la somma delle probabilit` non da luogo ad interferenza. E’ come se nel caso dell’ottica ondulatoria a uno sommasse direttamente le intensit` invece che i campi elettrici. Quello che si trova ` invece a e P (x) = P1 (x) + P2 (x) caso quantistico (1.9)

Nell’ottica ondulatoria seguendo il principio di sovrapposizione uno prima somma i campi e poi fa il modulo quadro. Questo genera quel termine addizionale che ` responsabile della interferenza. Nel caso e delle particelle l’interferenza ci suggerisce che un analogo principio di sovrapposizione debba presiedere l’interpretazione del fenomeno. Ma qual’` la grandezza che si deve sovrapporre? Cominciamo col definire e una ampiezza di probabilit` associata a ciascun evento fisico. Nell’esperimento in considerazione abbiamo a due possibili eventi: l’evento E1 consistente nella emissione di una particella dalla sorgente S, passaggio della stessa dalla fenditura F1 e rivelazione nel punto x del rivelatore R, cio` e eventoE1 : S → F 1 → R(x) (1.10)

e l’evento E2 consistente nella emissione di una particella dalla sorgente S, passaggio della stessa dalla fenditura F2 e rivelazione nello stesso punto x del rivelatore R, cio` e eventoE2 : S → F 2 → R(x). (1.11)

A ciascun evento Ei associamo una ampiezza di probabilit` Ai (x), il cui modulo quadro ` la probabilit` a e a dell’evento in assenza di eventi alternativi. Quindi nel nostro caso definiamo P1 (x) = |A1 (x)|2 P2 (x) = |A2 (x)|2 (1.12)

CAPITOLO 1. PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE

5

Osserviamo che l’ampiezze Ai ` definita mediante una operazione di misura, cio` il conteggio del numero e e di particelle che arrivano in x. Non ` per` definita la sua fase trattandosi di un numero complesso. Questo e o aspetto sar` discusso in seguito. a Quando i due eventi si presentano simultaneamente (entrambe le fenditure aperte), il principio di sovrapposizione suggerisce di sommare prima le ampiezze e poi fare il modulo quadro P (x) = |A1 (x) + A2 (x)|2 = P1 (x) + P2 (x) + termine misto. (1.13)

Come nel caso delle onde (vedi Eq. (3)) il termine misto ` responsabile della interferenza. L’ipotesi fisica e che soggiace il principio di sovrapposizione ` che i due eventi non sono mutuamente esclusivi come vorrebbe e la concezione classica che associa alla particella una traiettoria per cui o questa passa dalla fenditura F1 o dalla fenditura F2. Dal nuovo punto di vista, volendo adoperare ancora il concetto classico di traiettoria, ` come se la particella, prima di giungere sullo schermo con le fenditure, condividesse simultaneamente e due traiettorie ed al momento di attraversare lo schermo decidesse da quale fenditura passare. La sua decisione non ` arbitraria ma dipende dalle ampiezze di probabilit`. Come determinare queste ampiezze e a ` lo scopo della meccanica quantistica. e

1.3

Esperimento di Stern-Gerlach

Il principio di sovrapposizione non si applica solo alla interferenza di neutroni o fotoni, ma a tutti i fenomeni quantistici. Ne esaminiamo ora uno particolarmente istruttivo, cio` l’esperimento di Stern e e Gerlach. Un fascetto di atomi di argento preparati dalla sorgente S, attraversa la regione compresa fra le espansioni di una calamita e raggiunge un rivelatore R, come illustrato in Fig.1.3.
S z S

Sud θ S Nord R N N

a)

b)

Figura 1.3: Esperimento di Stern e Gerlach con campo magnetico omogeneo (a) e disomogeneo (b). Se il campo magnetico B (diretto lungo l’asse z) ` costante (Fig.1.3a) il fascetto prosegue indeflesso e si e concentra nel punto O del rivelatore R. Se per` si crea una disomogeneit` di B lungo l’asse z deformando o a per esempio una delle espansioni della calamita , come illustrato in Fig.1.3b, allora si desta una forza che sdoppia il fascetto ed i singoli atomi si concentrano su due punti del rivelatore simmetrici rispetto ad O. Questo succede con gli atomi di Ag, mentre in generale il numero di componenti in cui si sdoppia il fascetto dipende dal momento angolare del tipo di atomi in considerazione, e comunque per atomi paramagnetici, cio` che hanno un momento magnetico permanente. Finora l’esperimento! Vedremo ora e

CAPITOLO 1. PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE

6

che l’interpretazione classica ` in disaccordo con il risultato sperimentale. Ciascun elettrone atomico ha e un momento angolare orbitale l dovuto alla rotazione attorno al nucleo e un momento angolare di spin s dovuto alla rotazione intrinseca. I due momenti angolari si compongono per dare il momento angolare totale j =l+s (1.14)

I momenti angolari dei singoli elettroni nell’atomo si compongono a loro volta per dare il momento angolare totale dell’atomo. Generalmente si considerano solo gli elettroni di valenza poich´ i momenti e angolari degli elettroni negli orbitali p` interni si cancellano. Nel caso dell’atomo d’argento c’` un solo u e elettrone di valenza, che occupa nello stato fondamentale un orbitale s (l = 0). Quindi l’atomo di argento ha un momento angolare totale pari allo spin dell’ elettrone. Poich´ gli elettroni sono particelle cariche e l’atomo ha anche un momento magnetico proporzionale al momento angolare, cio` m = cost ∗ j. Sotto e l’azione di un campo magnetico B costante e diretto lungo l’asse z , si esercita sull’atomo una forza lungo z (ignoriamo le altre componenti che generano una precessione attorno all’asse z) pari a Fz = − ∂ ∂Bz (−mB) = m cosθ ∂z ∂z (1.15)

dove la quantit` in parentesi ` giusto il potenziale del campo e θ e l’angolo tra m e l’asse z. Quando Bz a e ` costante la forza sull’atomo ` nulla e il fascetto non viene deflesso, ma se Bz non ` costante (campo e e e disomogeneo nella direzione z) il fascetto subisce una deflessione di un angolo θ. La massima deflessione si ha quando m e parallelo (verso l’alto) o antiparallelo (verso il basso) all’asse z. Ora, poich´ nel fascetto e uscente da S i momenti angolari degli atomi sono distribuiti in maniera isotropa, ci si aspetterebbe classicamente che gli atomi arrivino su S uniformemente distribuiti in tutti i punti corrispondenti alla massima deflessione verso l’alto e la massima deflessione verso il basso. Sperimentalmente invece si osserva che gli atomi si concentrano nei due punti di massima deflessione, diciamo A e B,come se le sole possibili direzioni di m fossero o parallela o antiparallela rispetto all’asse z (vedi Fig.(1.4). Se per qualche

I

I

A

O

B

A

O

B

Previsione classica

Risultato sperimentale

Figura 1.4: Intensita’ di atomi sullo schermo motivo la distribuzione dei momenti angolari degli atomi nella sorgente non ` isotropa, le intensit` dei e a due fascetti sono diverse, ma i punti in cui si concentrano sono sempre A e B. Se cambiamo atomi invece di due fascetti se ne possono avere pi` di due. Vedremo che il numero di fascetti in cui si decompone u il fascio incidente sul campo magnetico disomogeneo dipende dal momento angolare totale degli atomi in considerazione, ma la distribuzione ` comunque concentrata in punti privilegiati. Si parla quindi di e quantizzazione spaziale.

CAPITOLO 1. PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE

7

1.4

Principio di sovrapposizione delle ampiezze di probabilit` a

Diciamo innanzitutto che l’apparato di Stern-Gerlach serve a misurare il momento angolare totale di atomi paramagnetici, poich´, come vedremo nel Cap. VII, il numero di componenti in cui si divide il fascetto ` e e direttamente collegato al valore del momento angolare della specie atomica in considerazione. Ma si pu` o adoperare anche per misurare il grado di polarizzazione del momento angolare degli atomi nella sorgente S. Quest’ultimo ` dato dall’intensit` relativa delle due componenti componenti o equivalentemente dalla e a quantit` a IA − IB IA + IB (1.16)

Nelle condizioni sperimentali di sorgente debole viene emesso un atomo di argento alla volta. Quindi, l’esperimento con N atomi equivale ad N esperimenti con un solo atomo eseguiti tutti nelle stesse condizioni sperimentali. Il singolo atomo qualche volta va in A qualche volta va in B in maniera casuale. Tuttavia dopo N ripetizioni dell’esperimento (N molto grande) possiamo constatare che le frequenze NA /N e NB /N non cambiano apprezzabilmente. Possiamo dar loro il valore di probabilit`. Questa ` una propriet` della a e a natura su scala microscopica: si comporta in modo probabilistico. In rapporto a questo comportamento dobbiamo costruire una teoria che descriva i fenomeni naturali in termini di leggi probabilistiche. Non si tratta, come vedremo , di rinunciare al determinismo, ma al determinismo classico (corrispondenza uno a uno tra stato iniziale e stato finale). Vogliamo ora cominciare a descrivere il formalismo della MQ. Per far questo partiamo dal dato sperimentale costituito dai due stati di polarizzazione dell’atomo di argento osservati (punti A e B nel rivelatore) e dalle intensit` di atomi rivelate in ciascun punto. Chiameremo lo stato in A come ↑ e lo a stato in B come ↓. Per ognuno di essi l’esperimento ci da una probabilit` a P↑ = IA I P↓ = IB I (1.17)

La probabilit` dipende naturalmente dallo stato di polarizzazione degli atomi di argento preparati dalla a sorgente S. Se questi partono gi` dalla sorgente nello stato di polarizzazione ↑ allora P↑ = 1 e P↓ = 0. a Viceversa, se partono polarizzati ↓ allora P↓ = 1 e P↑ = 0. Come descrivere lo stato di polarizzazione degli atomi della sorgente nei casi in cui entrambe le probabilit` sono diverse da zero? Come nel caso della a interferenza da due fenditure dobbiamo ammettere che il singolo atomo di argento, prima di attraversare il campo magnetico, condivida i due possibili stati di polarizzazione finali ed al momento di attraversare il campo ’decida’ in quale stati portarsi. Questo ` il modo in cui funziona il principio di sovrapposizione in e MQ. Assumiamo di descrivere gli stati di polarizzazione iniziale e finale con vettori di stato dello spazio di Hilbert, che indicheremo, seguendo la notazione di Dirac, nel modo seguente sorgente : |s >, stato in A : | ↑>, stato in B : | ↓> (1.18)

In forza del principio di sovrapposizione scriviamo allora |s >= A↑ | ↑> +A↓ | ↓> (1.19)

I coefficienti A↑,↓ danno informazione sul peso relativo con cui ciascuno stato finale di polarizzazione entra nella sovrapposizione. Quindi ` plausibile assumere che questi siano in relazione con le probabilit` e a relative. Definiamo quindi P↑ = |A↑ |2 P↓ = |A↓ |2 (1.20)

CAPITOLO 1. PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE

8

I coefficienti A↑,↓ sono necessariamente numeri complessi e quindi lo spazio di Hilbert in cui sono definiti i vettori di stato di polarizzazione ` complesso. La ragione di ci` sar` chiarita nel seguito. In questo caso e o a il prodotto scalare tra due vettori ` definito come il prodotto dell’uno per il duale dell’altro (cio` avente e e come componenti le complesse coniugate). Il duale del vettore |s > viene indicato con < s|. Seguendo tale notazione il prodotto scalare si scrive < s | · |s >≡< s |s > (1.21)

Da questa definizione segue che il complesso coniugato di < s |s > si ottiene scambiando i due stati, cio` e < s |s >∗ = < s|s > (1.22)

I due stati di polarizzazione finali sono alternativi. Infatti, se gli atomi di argento vengono prima polarizzati paralleli all’asse z (mediante un altro Stern-Gerlach) allora verranno deflessi tutti in A, se vengono polarizzati antiparalleli all’asse z verranno deflessi tutti in B. Questa propriet` si traduce geometricaa mente nella ortogonalit` dei due stati; inoltre si pu` anche assumere che ciascuno di essi sia di modulo a o unitario. Quindi <↑ | ↓>= 0 <↑ | ↑>=<↓ | ↓>= 1 (1.23) (1.24)

I due stati formano quindi un insieme completo ortonormale nello spazio di Hilbert bidimensionale associato agli stati di polarizzazione della sorgente. Completezza significa che qualunque stato della sorgente di atomi di argento pu` essere espressa come combinazione lineare dei due stati finali. Questa ` anche o e un fatto sperimentale giacch´, comunque preparo il fascetto, gli atomi si distribuiscono sempre e solo fra e i due stati | ↑> e | ↓>. Proiettando su ciascuno dei due stati finali si hanno le relazioni P↑ = |A↑ |2 = | <↑ |s > |2 P↓ = |A↓ |2 = | <↓ |s > |2 (1.25)

che giustificano l’interpretazione di A↓,↑ come ampiezze di probabilit`. Consideriamo il modulo quadro a dello stato della sorgente < s|s >= P↑ + P↓ = 1 (1.26)

che segue dal fatto che non ci sono altri stati finali di polarizzazione. Questa equazione vale qualunque sia lo stato iniziale della sorgente: le probabilit` cambiano ma la loro somma deve essere uguale ad 1. a Segue da qui una propriet` generale degli stati in MQ, cio` solo la loro direzione ha significato fisico. Il a e loro modulo, non avendo significato fisico, pu` essere arbitrario e quindi si pu` normalizzare ad 1, come o o nel caso precedente.

Capitolo 10

PROBLEMA A DUE CORPI: STATI DEL CONTINUO
Riprendiamo l’equazione di Schr¨dinger per il sistema di due particelle interagenti con l’intento di cercare o la classe di soluzioni che descrivono stati di diffusioni. In questo caso si deve avere E > 0, affinch` la e probabilit` di trovare le particelle lontano dalla regione d’interazione sia finita. a Consideriamo direttamente l’equazione di Schr¨dinger per il moto relativo o [ p2 + V (r)]|ψ >= E|ψ > 2m (10.1)

Se il potenziale si annulla e |ψ >≡ |p > diventa la funzione d’onda di una particella libera di impulso √ p = 2mE. Riscriviamo l’equazione di Schr¨dinger mettendo in evidenza esplicitamente la soluzione di o particella libera p2 (E − )(|ψ > −|p >) = V|ψ >, (10.2) 2m essendo (E −
p2 2m )|p

>= 0. Allora possiamo scrivere |ψ >= |p > + 1 V|ψ > E ± − p2 /2m (10.3)

L’introduzione dell’operatore inverso richiede una precauzione: per evitare singolarit` nel dominio reale a abbiamo introdotto in E ± = E ± i una quantit` immaginaria infinitesima, che alla fine degli sviluppi a va posta uguale a zero. Il doppio segno corrisponde, come vedremo, alla scelta di condizioni fisiche al contorno diverse. L’equazione di Schr¨dinger per la funzione d’onda si scrive infine o < r|ψ >=< r|p > + d3 r < r| 1 |r >< r |V|ψ > E ± − p2 /2m (10.4)

10.1

Forma asintotica degli stati nel continuo

L’equazione precedente pu` essere risolta e la funzione d’onda determinata esattamente. Ma qui ci o poniamo un obiettivo pi` limitato, cio` quello di determinare la forma asintotica della funzione d’onda u e per r → ∞. Questa infatti porta l’informazione sulla collisione che viene elaborata dai rivelatori di particelle posti appunto lontano dalla regione d’interazione. 51

CAPITOLO 10. PROBLEMA A DUE CORPI: STATI DEL CONTINUO

52

Per determinare la forma asintotica dell’equazione di Schr¨dinger, dobbiamo studiare il kernel (funo zione di Green) G(r, r ) = = < r| − 1 1 3 |r >= ( ) ± − p2 /2m E 2π d3 p eip
·(r−r )/ p 2 2m

E± −

(10.5) (10.6)

m e±ip|r−r |/ 2π 2 |r − r |

Ricordiamo che E = p2 /2m. Il calcolo dell’integrale che porta all’ultima linea viene presentato nell’ Appendice a questo capitolo. Per r → ∞ possiamo approssimare
r→∞

lim
2

1 |r − r |

≈ ≈

1 r r(1 − r·r ) r2

(10.7) (10.8)

r→∞

lim |r − r | =

r2 + r

− 2r · r

da cui la funzione di Green assume la forma asintotica m e±ipr/ e ipr ·r / (10.9) 2π 2 r dove pr ` un vettore di modulo p nella direzione di r. In definitiva la equazione di Schr¨dinger asintotie o camente si scrive ψp (r) ≈ eip·r/ − fpp e±ipr/ (10.10) G(r, r ) ≈ − dove abbiamo introdotto la quantit’a fpp , chiamata ampiezza di diffusione fpp = − m 2π 2 e−ipr ·r
/

V (r )ψp (r )

(10.11)

dove abbiamo scelto il segno + che fissa l’onda sferica come onda sferica uscente. L’ampiezza di diffusione, come vedremo, descrive tutte le propriet` osservabili di un processo di diffusione quantistico. Osserviamo a che si tratta di diffusione elastica poich` il potenziale cambia solo la direzione della particella incidente e dalla direzione di p alla direzione di p = pr essendo i moduli dei due vettori gli stessi (p = p ).

Figura 10.1: Funzione d’onda asintotica di diffusione La forma asintotica dell’equazione di Schr¨dinger si interpreta facilmente con l’ausilio della figura o accanto. Si distinguono due parti: l’onda piana incidente corrispondente alle particelle incidenti di impulso p e un’onda sferica uscente dal centro del potenziale che corrisponde alle particelle interagenti con il potenziale. Queste ultime possono uscire in qualunque direzione, ma con probabilit` diversa data a dalla ampiezza fp,p . Notiamo che il segno + nell’esponenziale corrisponde ad onde sferiche uscenti, mentre il segno meno ad onde sferiche entranti.

CAPITOLO 10. PROBLEMA A DUE CORPI: STATI DEL CONTINUO

53

10.2

Sezione d’urto di diffusione elastica

Negli esperimenti di collisione si misura la sezione d’urto per avere informazione sul meccanismo d’interazione. La sezione d’urto ` il rapporto tra il numero di particelle rivelate sul rivelatore posto all’angolo Ω e (per unit` di tempo) sul numero di particelle incidenti sulla targhetta (per unit` di tempo). Teoricamente a a ` il rapporto tra il flusso uscente per unit` di angolo solido dΩ nella direzione p ed il flusso incidente e a per unit` di superficie nella direzione p a σ(Ω) =
dΦout dΩ dΦin dS

=

dΦout dS dΦin dS

r2

(10.12)

dove dS = r2 dΩ Il flusso entrante nella direzione p ` uguale alla corrente nella direzione p ˆe ˆ dΦin p = p · Jin = p · [ ˆ ˆ (ψ ∗ ψ − ψ ψ ∗ )] = =v dS 2im m (10.13)

dove abbiamo solo preso la parte di ψ corrispondente all’onda piana incidente. La corrente uscente nella direzione p ` ˆ e dΦout ∂ ∂ v = pˆ · Jout = p · [ ˆ (ψ ∗ ψ − ψ ψ ∗ )] = (ψ ∗ ψ − ψ ψ ∗ ) = 2 |fp,p |2 dS 2im 2im ∂r ∂r r (10.14)

dove ora abbiamo considerato la parte della funzione d’onda che corrisponde all’onda sferica uscente. Nel ∂ calcolo si ` utilizzata la propriet` p · = ∂r . Si sono trascurati termini dell’ordine di 1/r4 . Considerando e aˆ il rapporto tra le due correnti finiamo con σ(Ω) = |fp,p |2 (10.15)

10.3

Approssimazione di Born per la sezione d’urto di diffusione elastica

L’ampiezza di diffusione, Eq.(8.11), si pu` porre sotto forma di serie di potenze dell’interazione V , applio cando ripetutamente l’equazione di Schr¨dinger alla funzione d’onda ψ che appare sotto segno d’integrale. o Si ottiene facilmente fp,p = − m 2π 2 dr e−ip
·r /

V (r )[eip·r

/

+

dr e−ip

·r

/

V (r )eip

·r

/

+ .....]

(10.16)

Se l’interazione ` sufficientemente debole, si ci pu` aspettare che i termini successivi al primo siano e o trascurabili. Il troncamento al primo ordine della serie si chiama approssimazione di Born: in pratico consiste nell’approssimare la funzione d’onda esatta nell’equazione Eq.(8.4) con la sua forma asintotica, che ` l’onda piana. Si ha allora in approssimazione di Born e fp,p ≈ − m 2π 2 dr e−i(p
−p)·r /

V (r )

(10.17)

˜ e La funzione V ` la trasformata di Fourier del potenziale. I due vettori p e p differiscono solo in direzione. Indicando con θ l’angolo tra le rispettive direzioni, si ha (p − p)2 = 2p2 (1 − cosθ) = 4p2 sin2 (θ/2) (10.18)

CAPITOLO 10. PROBLEMA A DUE CORPI: STATI DEL CONTINUO

54

10.4

Scattering da potenziale nucleare e coulombiano
e−µr r

Consideriamo il caso del potenziale di Yukawa V (r) = V0 (10.19)

Osserviamo, en passant, che questo potenziale ` il limite statico della interazione tra due nucleoni basata e sullo scambio di mesoni. Il raggio d’interazione ` inversamente proporzionale alla massa del mesone e scambiato e quindi l’interazione di Yukawa ` a raggio finito diversamente dal caso coulombiano (che ` e e a raggio infinito). In effetti l’interazione di Yukawa contiene come caso limite l’interazione coulombiana per µ → 0, che ` consistente col modello che anche l’interazione coulombiana sia mediata dallo scambio e di particelle. Queste ultime sono i fotoni, aventi appunto massa nulla. La trasformata di Fourier del potenziale di Yukawa si calcola facilmente ˜ V = 4πV0 4πV0 = 2 + µ2 (p − p) (2psin(θ/2))2 + µ2 (10.20)

Quindi si calcola la sezione d’urto di diffusione elastica. Nel caso limite di diffusione da potenziale coulombiano (µ = 0) si ottiene 1 m2 V02 · (10.21) σ(θ) = 2 )2 (2π sin4 θ 2 che coincide con la formula classica di Rutherford per collisione fra due cariche puntiformi. L’approssimazione di Born per la diffusione coulombiana risulta un’ottima approssimazione poich` l’intensit` del e a campo coulombiano ` piccola. Quest’ultima ` governata dalla costante di struttura fine e e α= il cui valore 1 mce2 ≈ 2 137 (10.22)

1 giustifica appunto il troncamento al primo ordine della ampiezza di diffusione.

CAPITOLO 10. PROBLEMA A DUE CORPI: STATI DEL CONTINUO

55

γ

-∞ *

*

+∞

Figura 10.2: Poli della funzione di Green

10.5

Appendice
= 1, r − r = s

Effettuiamo l’integrale dell’ Eq.(10.5) facendo uso del teorema dei residui. Posto l’integrale si scrive e−ip s I = dp 2 p −p 2

(10.23)

Si estende prima l’integrando nel piano p complesso quindi si chiude il dominio d’integrazione mediante il semicerchio γ di raggio R → ∞ nel semipiano superiore, come illustrato in figura. L’integrale su γ da un contributo nullo poich` l’esponenziale converge a zero per Imp > 0. Avendo trasformato il dominio e d’integrazione in un circuito chiuso possiamo applicare il teorema dei residui, secondo cui I ´ uguale a e 2πi per a somma sui residui nei poli interni al circuito I= p dp e−ip s = p2 − p 2 p dp e−ip s (p − p )(p + p ) (10.24)

Ricordiamo che la piccola quantit` immaginaria aggiunta all’energia che ha consentito l’inversione del a kernel si ritrova (scegliamo il segno pi˘ in p + i quindi abbiamo due poli come in figura di cui solo il polo ) p = p + i contribuisce all’integrale. Calcolato il residuo, troviamo I = πe−ips (10.25)

10.6

Problemi

Calcolare in approssimazione di Born la sezione d’urto di diffusione elastica per il potenziale V (r) = V0 θ(r0 − r) e confrontare con la sezione d’urto classica.

© sÄ ªpÏ ”pj©¨ {© Î £    ° ®¯ ­ Æ ° ® ¯ ­ ¤ae”Ç£ ‰À¯ ­ ¬ sʉ£ ‰¿¯ ­ ¬ dwÆ ’f’“qhmc”g„q’im‘˜ƒy‘Wˆf‘y•”hfp„‘f—•t‘`hcqq@p‡’Wes”qmgcrƒ˜™™tcpng‰—W”~qhi™‘˜ƒy‘W‰™’˜fch“mtcY—W‘ˆsÍ “`i gi ˆf f • “b “‚ • •†gi` rb “b`‚` yy W ˜ gri v ˆ“b W f • g y„ f gri ˆ ª”´Ì”pj©¨ {© © £   ° ®¯ ­ Æ ° ® ¯ ­ Æ ° ®¯ ® ¯ ­ Æ Ëah”²¦ ‰À¯ ­ ¬ s·É¦ r¿¯ ­ ¬ dwǦ ‰s­ ¬ dʉ£ ° ¯ ­ ¬ swÆ ®¯ ­ bw ˆ†© c„—fqpÉ£ ° ®¯ ­ ¬ ®¯ ·otcƒi™q`‘ˆ‡V”Ç£ ° ¯ ­ ¬ ®¯ ·mcxw‡’Wexb• ° ¯ ­ dt5c”’gƒfe‰ƒd’dhf”t˜pqm’b™™eib—f‘ˆiˆ†Å ­ Æ gr W ˜ ˆ È {© ­ ÆW v “ ¬ fr Wi db “b ygi “ g ˜ f ªaÄ ”pj©¨ {©    ± ± ®¯ ep¸¦ À¯ u¦ ¿ ¯ u¦ ~± £ ¯ ± ªpà ”pj©¨ {©    À¯ ¿ ¯ ¬ pe¸¦ ° Á­ ¬ ° …­ ™¦ ° ®¯ ­ ¬ £ ° ¯ ­ ¬ ®¯ ˜‘WpYtcps„’ˆ‘f‘y”ngv ± •iWrig y ‘W”g’ell‘gte¸‰¾glsyq‘`—•Ys™’˜¾ge‘b—•pgqeuqp‘Why‘f—•”c¾©qphgYexbƒy‘Wp’if |U’“ƒ“t©Yqƒi‘Wef5q©hW‘fƒyW²hio‘WpYtcps„’ˆ‘f‘y”ngv y “bx •`b rW •b y yW„ f • ˆ •`b br yb„ b Wi fd • Wr Wd •g„ fr ˆ f •iWrig y ‘W”’gebll‘gte·YW½eq¶ge‘b—•p‘gte»™eibqq°„ q’`¯ h“hh·›{‰‘Wƒycƒi”Yt¼”q‘‘W”’gell‘gte¼q@…W ®¯ @qxw»¯ tcY™q—`‘ˆ”eqchicpX y “ x •`b r ¢ fr • ˆ •`b g ˜ f „ fxu ª W W‚Wr igi y “bx •`b i` ± W v griW ˜ ˆb fr f` g ˜ • ± “bx •`b i ¹ f ™eibfauº{ ®¯ oWyphg”l‘gte¸pngv ® ‡tr ® ­ ²‘gl‘b—•p‘gteu‘glc’i™˜YWƒ•t¸q·”©tcYWoqxw…† o‘W”’gellgt”¸”ngv ¬ • ˆ •`b •b f y Wr i` rb Wri • W v ± y “bx •`b i ¢f –tr ° ¯ ­ ·geb‘—•p‘g•te·q©™eibfYtir—fcpg } c’g”ƒgƒvivq‘‘WƒyWˆ‰«™q`ˆp–—f@qxw¶phx‘flc‘yq`•ƒyf@qhi™‘˜ƒy‘Wuq@µ«W ¬ • ˆ ` b i ` g ˜ y W ˆ i { “ f „ ˆ W W ˜ ˆ b ˆ W v g • b y W „ W f • i ` …W § ° ®¯ ® ¯ ± ° ® ¯ ¬ ¥ ‰s­ ¬ 1²£ ‰s­ cp¢ ª {© ”´³”pj©¨ ‘f”‘g—•n•pxlgt”«r‰ˆfpgh”bl‘gte™qpng‘vpqpngf„qn`†ttglsyq‘`—•Ys™’˜m™YW—•’ˆfpqt™c”’bc”gh•’“m”‡¡ |U‡…W ¥ 1”ltr y W •`b W y “ x •`b gi ˆgi v ˆ f v fr •b y yW„ f b ˜ ˆ i` fr bi fi f ˜b “ ¢ Wxg ª‰’©”pj©¨ {© § ¦¥ ¢ £ u‡p¤¢ f f • W`rfr b ˜ ˜ ˆ “ W ˜ v W ˆ ˆg„ bi fi f ˜b ¡ “ W v g ˜ fig„„` q’im‘˜ƒy‘W‡qt„q‰t™”gt’b‡™”ƒgffxˆƒy”’x‘fny‘vm‘b‘ˆpf‰seibq”‘g•’“™e‡™ib1qxwt™eibq”fqqhu ” œ   œ œ Ÿ—ž  œ  ™Ž— –” •Ž” ’   Ž ƒeo‡r‡pE‰o3g1–u5o%m›šA˜oVoƒge“3p‘A… Œ YrrŠ Š‹ Š {Wi db ˆ y„„b fr gr W ˜ v vW ˆ gi` Wr f y ˆz b “y y„ fi‚g† fr “g ˆ ˆ • Wx ˆ W ˜ v†W pq”’gƒf”th˜fˆagcqe„q™qh‘gn•™tngfzƒfYf—„tqq‡t‰hWcxw’v‘f™ngiv—fs‰tƒ˜’Wqpgqˆqp”qpW’ytpq—`f‡Waƒipl—g~™”ƒgq”qxwv ’bhxb—•t‘`…WaƒiWY‘Wq~™eibqY„ƒqlb… •’f’“fte‘WaƒiqaY‘W€yst–q”’gƒf”™’˜fˆagqcesqftt‘gn•™cqcn`ivesqfqa~™eibqqƒ`ƒvtcf } fx • • • ˆ y„ g ˜ fiW ‚ { •` • W`X fr Wi db ˆ y„„bfrfr W ˜fi “bfrf`X g ˜ f„ vg |{‘fl‘bh•q`’ˆ‘f§ƒfqtƒbiv—fs5qphgYe‘bƒ•Wc„YWahif kU‡‘Wexbqn`‘vp1fqƒy‘Wy”s„ • “ y Wr ˆz Wi fd y y • “ y y ˆg Wy •g …xwxvƒyfo‘b—•eb‰tq”’gƒfch`p—g©ib™WY”o—gahgp””‘baeltw‘Wq™ƒ˜Wu”qtcpsqrpngqpqY”pgtirf §©™”geb kU©ongivqpm‘˜eb W W „ • ˆ W W i d “ ˆ “ y W x b ˆ f ‚ ‚ • i b x vW y „ ˆ i g i W ` X i ` ˜ v W g i W ‚ y U r g ˜ • “ g f i g y Wpglib’“h“ƒfvag kUV™”ƒga™ƒ˜‘Wj•iˆfaƒf’v’fq™ƒ˜Wacxwhfgƒyfehgp—gdWaƒi™exb—•eb‰–‘bh•”g’ˆ‘fV‘WƒyWˆ‰‡†cƒypqhiqpg€r qxwtttsqphgYecaYW VT y • ˆ “ W ˜ v f ˆ “ „ ˆ f v g „ W „ “ ˆ • W ˜ • ˆ W “ y ˆ W …g ` „ W ‚ f y v u f r W i f d b ` X U &  6 SRQ 1" )¥& HF " P I G  7543# 6 " 2  E543# !CA@1¥ 6 " 2 D B 9 88 " !    ¨ ¨ ¦¤ ¢  ©§¥£¡  

0" ( (  1)'& $ %# " $

… ® „ ƒ  €  Î Î ¬ } { ¬ Î Î ©  Î Î ¬ ¬ Î Î © Æ ¿® ª {© aƒÄ’©”pj©¨ Î ¤£ ®® „ ¿® „ ‘®†k‚‘7° pY©s~|‡zx s”‰¤Æ 7° ”‰© tƒ spYº‰£ ‰± gaespX •ib` hi…n†p˜q˜ c˜£ “ ”‰ˆ€iʒWexbpY™eqcp€g¾ge‘b—•w’gh“Yt¾ib”‘‚ƒyqYW kUh“”b q’itxr”u™’˜fq˜ƒ“q©q”’gƒfYW‘y”ƒgucq`ˆ‰q»ƒbtplgq„ f ªÎ £ †Î †© £ ¨ “ •iW ˜bri  • ˆ “Wr f Wi “ W f yg g y„ Wr Wi d y v bi ˆWi vgx y igi Wi fdb y yW„ ˆW {}{ xv s u s ƒ “ di •g„ i` gri WiW‚ †g ˜ • Wr Wi “ “ ”qtqphgYec‘yq‘`—•Ysoxbj•‰q` i q~|‡zywp th £ Fp th £ r’WeibƒfqYWefuqotsexbƒyqY”„s™”geb kU’“ƒ“tqc”‘gy—•ƒ•hWYW kU’“q—`ˆ nW‘v’ˆpe©fm”ƒb©‘gj•‰q` i pt—W‘ˆ”b kUp”qq’`©‘g—•n•‘W’yt‘tWaexbj•ang²qƒg’v‘fy•n•’Wƒ“©f™eƒbuc¶p©g—•pf”‘g—•egpqƒip”‘gtirf §r f‚b g„ ˜ v ˆW {d ˆ “ g‚i “ fr W •i ˆ v p W g„ ˜ v i` rb ˆg„ • ˆ g W‚ y U g ˜ •b i` g ˜ W ˆi { yW W Wr • ˆ gi` W„ g •b y W„ gr W ˜ f f„ ˆ i` i v g ˜ ˆ mpge¶qt™eib‘fƒytir—fs”g } pWYqƒipƒ‚tq‘glxbj•@qq˜ƒyf‘”’xfecyc`•ƒyfqttgƒ•™†’“‘’gq™ƒ˜WYW cp”ng«m”’b‘fy—•c’`h““ ™ k{fpg—•ƒ•”l‘gte’f”Ytfaƒic”fmpng~’W™q”gˆ “ n ”ltr y Wx •`b “‚Wr • Wig„ ˜ v “ gi Wxg i “ “ n ¿ ¯ ¤£ i “ oi “ U“ ƒ ªÃ {© pY’©”pj©¨ ± n m h plb…ª •ƒf’v’fq™ƒ˜Weƒyfq(ƒW’vtshif |U“ “„ ˆ W„ l fr g ˜ W ˜ ¨ y “bx •`b “‚b Wi db`XW bi` W ˜ v ˆgi y ˆ Wi fdb`XW ˆW`X “ •b ˜ b y  f v ™eibf—•ƒ•™”€gA‘f”’gellgt”f’f””˜c”’gƒfesp‰rsq5™png5ƒWvaq”ƒg’v‘fˆ—f‡qphgYecaY‰‘b—•Ycp˜hW”’bƒf’v‘fyetrt‘˜”€g«hi‰‘b••‘fnytu ° ®¯ ® ¯ ­ ± ¦ ° ® ¯ i ® ¯ ­ ° i ® ¯ ¬ ® ¯ ­ i ‰s­ ¬ ”“dwÆ ¿ ¯ ˜º£ ‰s­ ¬ k”“dÊÆ ƒj“s­ ¾§ ¬ j“swÆ “ h ª³ {© ”‰’©”pj©¨ W • g ˆ ª • ` • i v v b r i g i e c£ e cƒi’Wf—•”fq›†a‘gtq’yf‘ya”ng™–ppq‘g¢fe i v y • W “„ ˜ db ”ng«W”‘baƒi™ƒ˜’Wq™”ƒgv ’gƒfes—„ˆ ’g€“¨ ¯ p’i‘qphgYƒd’W”‘gqÁt‘Wpge‘bYspg kU©tcYnWcqh‘gyai d{ ¿ ¯ @WaƒiqYWa”ƒg«q’i™˜YWdh“f ’ f W i f f y „ f r y • yW „ “ g r i v ` r • ™ ± • Wi •i v W f y • rW ˜ •iW •i v W f • f f f • W`r “ ˆ gig fxx y„ ˆ • “big‚ yg fr fi fd y “ gri “„„ Y3WaYqƒi‘Wppng“qhi™‘˜ƒy‘W5’“u—–q’im‘˜ƒy‘W©qqÊhgp—g¾qp”’xhaxbqp—gwb "h•’fecp””‘g—•p5q5qphgYeibƒ“‘W¶’WÊtseƒbiv’fqqeÈ ° ®¯ ­ ¬ ”“®¯ wÆ ‰˜¦ ° –­ ¬ ”“®¯ ·Æ ®¯ ¸£ ° ®¯ ­ »§ ¬ ”“®¯ ·Ç¦ ° …­ sp¢ ¬ ”“®¯ ÊÆ ª© {© ‰”’©”pj©¨ ­ ¿ ¯ ± ¿¯ ­ ± ¬ ­ Æ ¿¯ ¬ ¥ ­ W •g ’ db ˆ • ˆ Wi gri f y W { fi Wr • ˆ •`b i` cƒi’Wf—•”fˆ ¯ P’gƒf”c„pg•eg„ƒ“c‰tse‘b•n•’W”‘gV¦sgh•qcnzqm‘gl‘b—•p‘gtepq‡…W ig ± f yW Wfr • ˆ “‚W ’ db ˆ • ˆ“b gr W yb„„b y` ¬ • ˆ “ W v •i v gr Wi •†b “b ”qi ®¯ ‡’bp‚Yqƒists‘fl‘b—•s’f”Ytr ¯ 7’gƒf”c„pg•egs”~tcƒicƒiW•esqeÁqq„ ° ®¯ ­ «ge‘b—•r’g–qxw~ga”ƒg‰tsƒiqYWecqirhf”x xb”ƒgce©uqxw…›†pV ”pj©i¨fYW |U¾™eibtcYWch„–‘”qphgYexbƒyqY”Yt5t¶nWivtc’iˉ”ƒgv ®¯ oWphg”llgt”b kUh“”‡faYqƒi‘W—•”cqeb y v i b …W W v ª { © { X “ g ˜ f r i y f  { W i f d W i W ‚ W r f r f r f ˆ i ± y “ b x • ` “ b • i W y b „ „ fe‘b—•–hfp‚ ° ‡†®¯ ­ ·™eib™eibqw } k{fe‘b—•·l`v q©c”tcps„iˆf‘y”ƒgv ib”‘‚ƒyqY©‘bˆ‰W—•¶ibh“”«xw‘vYs»gh•qcƒzt¶‘glxbj•agt”·q` • ˆ “ ¬ g ˜ f ˜ f • ˆ f „ g i g r i g y f W i W ˆ ˆ “ b …W y W „ f i W r • ˆ • ` b i r b y g „ i g i … ƒ W „ f “ f W i W W r …W W i f d W ˆ i v f • b y y W „ f W “ f f v ˆ v W ”©xb—•psupq©Î r„ƒyf@Wh•m’˜’fd’“‘‘WƒyqY”ƒ‚qqpqphgYexbƒytir—fs”ngwhi©‘glc‘yq‘`—•Ys™’˜©hg’“ƒ“phx’f…h“Áqƒ`Êhif —gpƒb…ƒ“e‚ ” œ  Ÿ—ž  œ  ™Ž— –” •Ž” ’   Ž ƒeo‡‰ep g1–u5o%m›šA˜oVoƒge“3p‘A… Œ €rrŠ ‹Š {b y “  ˆ ˆ “ cp’‚f”biˆeb ‰‘bˆ‰W—•mib’“q—`ˆ gig‚ •g ˆ b y„ “b W ˆ vv ˆ fi db ˆ y„„ È ª {© {X Í { ¨ “`i gr ˆ x t e •iWig„ ˜ q”pqƒi‘W—•e†—fq™’˜‘fq™’b’“e~phxf‘ˆYnWYc`„q”’gƒf”th˜fˆagcqe–›{ªpÏ ”pj©i¨sdeY€ynv pibh“caqtcƒiW‘ˆYW ywvuh sWaYq”f™”ngv ’bdˆrqp”ngv ¥ et–fe‘b—•p‘gtee’f”Yt@W”s¶ib’“ƒ“qi ° ¿¯ ­ rt–faƒic”fmpngp’WpW—•q`• qenfoq”’gƒf”caY¶‘b—•Yq` i “ † e c£ a i ¢ f r • ˆ • ` b “ ‚ W r ˆ b y W ¬ fr • Wig„ ˜ v “ • br v Wi db`XW ˆW ¯ Cg ± h ªÎ { pY’©”©pj©¨ ¿¯ ­ ° ® ®¯ ±­ ¾§ ®®g ·Æ £ ° …­ ¬ ®g ÊÆ ¬ ­ ª e c£ ¨ ¥ ¢ f r • ˆ • ` b “ b “ ‚ • • ˆ g r i f y „ W i • qfdbasp„t‘fl‘b—•p‘gte‘fyh•e’f”†f•t`@`mtse‘b•n•’W”‘gq1qYhW‘f—•eg Y ± f yW “b W f yg g y „ “b W i f y v “ • ˆ y „ „ y W f@‘glb‘—•p‘gteb kUh“”b‰qphgYƒd‘Wypngo„™{ ¿ ¯ ¼¦ ®¯ ± `¯ «’bp‚YqƒiW kUh“”mq’itxr”o™h˜‘fqƒ”‰qphgYƒd‘Wypngo’bq‘baƒiWY‘Wqq”‘b™qxwv ˆ • ˆ •` “ Wi f y v bT ± ° ® ¯ ¬ ®¯ ­ Æ ‰s­ ¾§ ¬ s·‰£ ¿ ¯ ± ª {© pX ”pj©¨ W •g ˆ ª {© {X “ grib “„„b qƒi’Wf•e§fÁpÏ ””—©’¨f‰W kU™tceY’v’fqq”1W ° ®¯ ­ ©‘gl‘b—•thg’“q`mqcexb—•n•’W”‘gVW ¬ • ˆ “ ˆ gri f y ° ®¯ ­ ¬ ‰˜¦ ° …­ ¬ ®¯ ²£ ° ®¯ ­ ¾5¦ ° –­ sp¢ ª {© pV ”pj©¨ ¿ ¯ ± ¿¯ ± ¬ § ¿¯ ¬ ¥ W •g ˆ W f y cƒi’Wf—•”f‡chitxr”g g y„ b T •b yW„ f • ˆ “ W„ yW‚ f y vu fr Wi db`X “ W v “ U•i fi Wi •g ˆ Wd W f y “ ™h˜‘fqg“eU‘glc‘yyq‘`—•Ys™˜’«‘gl‘b•—«’g‡yƒf‡Y”q’itpg€r qxwtVtmq”’gƒf”caYW |Umqxw@g‘y•”b ‰pYhWc‰qYhW‘f—•”†f«‘gƒyY‰q’itxr”g |U’“eÈ {|c”’gƒfespX‰§tmcƒi‘W•lƒbmcq`‡qYhW‘f•—”ffˆtc‘gyqrY™rtcpng‰—W1mm’˜‘fqˆƒ“t‡q’it‘rprgˆ‰W—•m’g’“ƒ“tq’i™˜YWrtceib’f”es”eS fi db` W fr b v bi Wi •g † y ˜W ˜ gri v ˆ W g y„ Wr W f yg ˆ ˆ Wr f f y • gri “‚b`‚ ¯¬ ª ©  À¯ eRQ{”pj©¨ ´ªhÂp¸¦ ° d­ ¬™¦ ° ¿…­ ™¦ ° ®¯ ­ ¬n¨´ªÂep¸¦ ~ʦ ‰Ê¦ ®¯ |±ËV´ª’”²¦ ° Á­ ™¦ ° …­ ™¦ ° ®¯ ­ ¬ƒ¨ou‡p ¨¢  À ¯ ± ¿ ¯ ± ¨ £   À¯ ¬ ¿ ¯ ¬ ª§ ¦¥ ƒWqYWef§t1’WfY—Wp’iÁY”q’ita‰g€ qxwq†t‡q”’gƒf”caYW |Umxb”™™eibqqq’`h“hhu di •g„ fr y ˆ f yW‚ fr y vu fr Wi db`X “ yg g ˜ f„„ fx

³ aÄ

& ! I 6 ¥ $ & G   ) ¥ $ ! 6 © ¥ 4 ¡ B A @   ! $ ! 6 © ¥ 4 ¡  ¥ ) ) © & £ £ ¡ ¥ $ ¥ $ © § !    ©  © § ¥ £ ¡ %P27© ¤¢F7E¤¨5D9C7! 79'#87¨5#3210('%¤¤¤#" ¨¦¤¢  H

l ”

y •u Í – {©© y` f exbaqg•n•W ƒ’©”pqxbqph‚gÅ
¡

¡

¡

6 5 7

4

0 ()

2 31

%  " & $#

!   

 



¤ 

¤ ¨

¦ £

›{q”lexbaqg•n•W €WV’f’“ƒ“”’x’f1W‘yq’i1tira’xt„fthg’“ƒ“phx’fmhgp”q’i—fpq˜chgƒfhsqƒip”‘gtirf §r ª y •u ¨ W “ • f W f f r ˆ W “ “ g ‚ ˆ i ` …W v † g W ‚ y U g ˜ • W r W ˆ “ W ± f W i W f r “ W “ W r W i d y W W W r “ y b f W f r W ` X i ` r …W ™”geb kU’“ƒ“t‘‘gy•n•f—„‘’gh“Ytr À mib”‘‚ƒyqY„tt’gh“Y”’xhf†ƒ“t‡q”’gƒf”‘bYqƒipƒ‚ttib1‘Wec’i™h˜’fƒ“qrqacqt~@ƒg’v‘fy•n•’Wƒ“tf™eƒbv W g„ ˜ ƒ“qrg•n•W W VA|{‘fl‘b—•p‘gtefhhx‘f—•n•f„’ˆ‘fc™‰W ¿® ƒ ®¿ ƒ £ ¿ À e‘Waƒi™h˜’“nfpb ˜llg‘yt—fp”‘Weib”ng‰—Wec”’gƒfesp‰W kU‡tcY”’x”g’ˆ– Wr U T • ˆ •`bf W yf r ± • W v  bx • ˆ† y “ v ˆ Wi db`X “ griW “ f Î ¿® ƒ £ ®¿ ƒ Π˃ …W y b “ b i g ‚ f r b r • b ˜ “ y “ b rW”Yƒd’d’fecp”eibt™q1nWiv‘fyltmibrxb”’gh“”c† … ¿® ƒ £ ° ””³ ‘ƒ s‰t¼‰£ ¿® PW ° Yq³ qƒ f”e³ ÎÎ ¬ ¬Î©³ Æ ƒ Ω ¬ ¬ÎÎ Æ ƒ g˜f˜f ‰£ ®¿ Em”’b™”’bqw } { ° Yt³ ¬ ‘glxbj•¼hg“W ° pe³ ¬ ‘gl‘b—•¼hgwq”gˆ ‘Weibqq”ƒgƒvp·†c„ pqxw1fe‘b—•‡ƒf’vcq1hf“ Î © • ˆ “ Î Î • ˆ “ g i y f „ „ v b …g ` ƒ W v • ˆ f i ` i „ ƒ i ªÌ {© ”‰’©”pj©¨ ª h h  Vª ƒ ¨ „ ª ƒ ¨ ¿® „ ª ƒ ¨  …i k € £ i ‰© ¨ © m WaYm’˜’“nf” b •iW v bx • fu {W`Xi “b`X y “g‚ b • W ˜g ˜ fr • ˆ W`r W m ƒ fr y “g‚ib yb„ “ •  f g ˜ W ˆi l‘gyAt‰”qacch`”carW”’bp”q”mi @‘gaƒi™”™ƒtƒfe‘b—•tqt1ƒyf„ i “ 0“ 'qrW”’bp”q”m‘W—•”c«’bƒ‘f—•lb qhi«m”’b‘fƒyq’rfc”g } {khf’“qh™q”g„’fecagƒftgfh•”™˜ i “ 0“ PnWivf‘ylt„q†faYmYhWY’f”‡W”’bpngiveY†t~t‰hWcxw’v‘ftYgv f { W i W ‚ W r • ˆ g i ` y W “`i gi ˆ “b`X Wr “g ƒ •b ˜ fr •iW ˜ “W “‚ y “ “bv fr Wr f y } ”‘WƒyqY”Yt‘ge‘b—•‘qq‡Ys„ b •b y W„ yg • “ y “„„b g ˜ fyygr fr f ª lhx‘flc‘yq`•ƒyf@’b‘f”YW@ib™W”ƒbivhfqce©™eibqqptstc’iq` i ›{‰© £ v e ‰ pÎ £ v e ‰ ‰© h £ v e ‰ pÎ © £ ¨ª © £ ¨ª © £ ¨ª £ v ¤„ §fe‘b—•thf”c”q5q”qc”f—„iˆ‘fypngv ®À ‡ib”‘‚ƒycƒiW |U’“eÁxwiv”fd‘WƒyqY”Ytd‰g—•Ycp‡tl›†kª v h Y ¤ ³ Î £ ¨ • ˆ “ b ` ‚ ` g i g r i g y ± f W “ b …W f g „ W i W ‚ W r …W ˆ W ` X b ˜ © Î £ £ ¨ • vW • g y„ “ ˆ Wi db y yW Wr W “‚ vWx f g ˜ W ˆi ¤ ʐge‘bh•nfƒv‰©ge‘b—•ˆ ™h˜‘fqdq—`‘c”’gƒfesyq‘`—•Ys„ ’b’“ƒ“qÁ‘f—•n•W dhfptnW‰”hhip™”’b‘fƒytirfc”g } { ®® „  ~|‡z3tcY—W‘ˆYW }{ x g r i ˆ à & ! I ¥ $ H© & G   ) ¥ $ ! 6 ¥ 4 ¡ B A @   ! $ ! 6 ¥ 4 ¡ ¥ ) ) © & £ £ ¡ ¥ $ ¥ $ © § !    ©  © ¥ £ ¡ pÄ %P267¤¢F7E¤¨©5D9C7! 79'#87¨©5#3210('%¤¤¤#" ¨§¦¤¢ 
'    ¦ ¤ £  ¤  ¦ ¤ £  ¤  ¦ ¤ £  ¦   ¦ ¤ ¤ © ¨ ¦ ¤ §¥ ¢ £ ¡

E1 / 4

E1
E1 / 4 - |V01| E1 / 4 E1 / 4 + |V01|

¤ 

§  

§ 

© 

  



{ yWx f yW “Wr ˆ vvW yW„ b ˆ bi` y„ ˜ ˆ y ˆ “bi fd yb c‘bY”m’bp‚YqƒiW kUh“Ytmg‘ˆYnWYY–Ys™t’˜f—•msq‡Wq™Y—Wmsbv ”b‡’WecphgYeibf”x gr W ˜ “ ˆ • ˆby “ • W ˜bri  • ˆ Wr f Wi “b •b ˆ y„„b b ˆ W`Xi “b`X W v W`‚ ˆ y ttgƒ•msq—`@‘bebpc™hW”‘baƒi™”qc”€g«ge‘b—•©hg’“ƒ“qqib”‘‚ƒyqYW kUh“”«xblt’˜—f‘ˆp‘gqq”@t’˜f—•tqacq’`ecatqxwtq”Y—Wolb… n•’Wfq„ ‘gq¶‘b—•Yqa»5 { ° ¯ ­ ¬ ‘flxbj•agt”…’f”Yteq’i™˜YWwhi¶sbv h•faƒiq’rf |U’“ƒ“q«qphgYe‘baY—W‰Wqcexby cc¶‘g—•eqh‘gya’if tsƒi”b y„ ˆW`X b • ˆ •`b “‚Wr f f y • f • W Wr Wi fd •i ˆ y„„ bi` •gr • gr Wx ¬­ ® ²£ °° ­ ˜¯ wÆ ¯ h ® ± °° ­ ˜¯ ·Æ ¯ ± ¯ h £ ªÃ {© pe´³”pj©¨ ± À ¬ ­ ¬¬ ­ wh¬ À¬ ­ Æ ­ Æ ¯ ­ ¬ ·° h¬ wÆ ° ¬­ Æ ­ ª³ {© ””´³”pj©¨ ° ­ ¬ ¯ ÊÆ ­ ‡w­ u¢ ˜·Æ h £ ° ­ u‡¢¬­¬ ˜·Æ £ ± ¬­ ­ °¯¬ ¬­ b fu {Wi fd W ˆi v f b ˆ Wr • ˆ “ Wr W f ¡ ¡ fr db ˆ Wi W`Xi “b`X • ˆ gi` rb W cw§hA”qphgYexbƒytir—fs”ngo’irtƒ˜‘Wj•iˆfƒ“t‘fl‘b—•§hfpƒ‚te•ƒyfhy’“eÉt™’gƒfes—„™hg’“ƒ“c˜cpsqh`”cam‘glxbj•™qqq”tg•n•f—„iˆfy ¢ r f r W y “ b x “ b “ b ` ‚ ` r g y g f ˜ …W “ • W ˜ b r i  • “ W r f W i “ W v g ˜ ˆ g f { b …ft“hgt‰™˜~”’gelÁeq’Wecpq¾t‘‘W”q’i™‘p’Wexbaƒi™eqs”€gp‘gl‘b—•ˆ ’gh“Yt©ib”‘‚ƒyqYW kU‘qxw¶m”’b‘fy—•p™’˜‡ qtƒ˜‘Wj•iˆ—fˆ ƒ“qr hW“”‘baƒi™”bqc”€g»‘glxbj•Ê’gprm’˜q’i™‡ƒfqʙh˜q’i™‡’“¼Y5hf”ƒbthg5™h˜q’i™¾q”g‡m’˜q’i™ef—•Yq` i qib”‘‚ƒycƒiW |U’“ƒ“tr W • W ˜ r i  • ˆ “ …W f f f ˜ W r g f f ˜ f r W “ v “ f f f ˜ g i ˆ f f f ˜ ˆ W { f W W hgqY™Vy”’gelsh“f~ceYYdh™’˜q’im‡qxws’fh“Yqa~q”g1c”’bqpgh•h“™”‡~ibh“Ytc‘fl‘b—•p‘gtefhfp”pq”’gƒf”b kU1YYhd™’˜q’im–cxw~’b’“ƒ“cpX frW ˜ “bx gibd f f f ˜ W v “W`X gi ˆ bi fi f ˜b ¡ “Wr • ˆ •`b “‚†Wi d “ bd f f f ˜ W v W` …W b ˆ y f • b T { b ˆ v W i d b b f f ˜ f r f v y „ “ W r b • i b ` X y b „ • i v “ …W f  f uY’vf‘ˆ”ibn“v“’b‘f”‘g—••n’Wexby¶†wqY’vf‘ˆ”ibn“oq”’gƒf”¾™’˜q’i™–t¾hgq’„nfshi‘fqeYt¶Y’v‘fj•iˆfa”ca«W•es”‘gya”ƒg“ibo»dh•–¤tr hgch„ƒfchi‘fq†“ %‰ƒypqhifqp€r g qwxtƒt~q”’gƒf”caYW |U’“e‰Waƒi’Wel’xqaY1t‘d•e t«hgq’„nfshi‘fq„’“~qxw‘‘glxby—•p™’˜t„… pƒgq™eibqqeÈ f v y „ ™ { W ‚ y v u f r W i d b ` X “ b • “ b f ` X W …W f f r f v y „ f W v • ˆ g f r ˆ v g ˜ f y y ° ­ u¸Ë± ° ­ ¬ ª© {© ‰t´³”pj©¨ ¬ ¢ £ yW‚ fr y vu fr Wi db`XW “b g ˜ f yb y f yb¬ ­ Æ Wi fd ybx “ gri ˆW r Y”q’ita‰g€ qxwq†t‡q”’gƒf”caYm’b’“em™eiba’x‘fy”‰ibf”‘b‘y•cy”t˜ ‰qphgYeibf”l‰ib™tcY—W‘ˆY@YW ° ­ u¢ ˜ ‰Ë± ° ­ ‡ Æ ªpe´³”pj©¨ Î {© ¬ ¬­ Æ£ ¬­ g ˜ f •g yy ˜W ˜ b yy ˜W ˜ gr W •g ™eibqƒi‘W—•em‘gqrYm™™‘gqrYm™tsƒiexby•ehu °  u¢ ‡wǦ ° ­ u¢ ‡ Æ h ˗±ª °  ‡wǦ ° ­ ˜ Æ h ¨ ­¬ ¬­ Æ ¬ ¬­ £ ­¬­ Æ ¬­ ªX {© p~’©”pj©¨ 
      '          

 

¡ 

 

§ ¨

§

¤ ¦ ¤ ¥

‘baY”’xttqibf”chipet™h˜mlb… •qc` kUtgechi™’˜hfY…ƒy”tf”tr •iW fr† yb f‚b ˜ f fi “ •b f “W Wxb g„g †”cxwq”qphgYecaY‡‘WpYtYƒWY‘Wqm’b’“ƒ“ci °  ¬ opngv °  ‘‘Whyq‘`•‘fj•a—g™™eib—f‘ˆpfhqibf”‘b‘y•cy”‡rqphgYeibf”™ib˜xwƒvp’bf W v † W i f d b ` X W • i W r v y „ W ­ f i ­ ¬ f ˆ ˆ g ˜ ˆ g „ † y f y b …W W i f d y b x “ …W v °  u¢ ˜·Ç¦ ° ­ u¢ ˜ ‰£ °  ‡w£˜¦ ° ­ ‡ £± ªV {© p~’©”pj©¨ ­¬ ¬­ Æ ¬ ¬­ Æ ­¬­ Æ ± ¬­ Æ g ˜ fi •g†Î £ ± gr Wig„ ™”’bqYW•etq˜ml tcƒic”fm˜ ™ °  u¢ ˜wǦ ° ­ u¢ ‡ ‰£ °  ˜Ê£˜¦ ° ­ ‡ ˜¦ ° ­ ‡w£l ª {© eQ ’©”pj©¨ ­¬ ¬­ Æ ¬ ¬­ Æ ­¬­ Æ ± ¬­ Æ ± ¬­ Æ ± Wi fd ybx “ g ˜ f W fr f`X W Wi db “b ygi fr y •  f yy W ˜ g y„ “b g ˜ yg qphgYeibf”mibt™eibq`•n•W tshiqa1˜q”’gƒf”Yƒd’d’fet˜pq§t~‘W”‘g—•lb ˆ’“™gcrƒ˜™™™h˜‘fq§”m™eibf•”AW ° wÆ ­ ªÏ {© pY’©”p©j¨ Î ²£ ° ­ u‡¢¬­¬ ˜·Æ Çl ¬­ £ ± – d •f  f r gf „f v if y „ f r W ˜ g i “f g • • g h–Ftt’qhƒc’q„t1mpq’™—”—ˆ bx gr W ˜ ˆW { f ¡ fr db W ¬ • “Wr fi fd ybx “ W l©ttgƒ•mp‘gj•‰q` i Y•ƒyWf’yh“‡Át©’gƒf”c„ˆ hg’“ƒ“ci ° ­ w‘gl‘b—•ˆ ’gh“YtVqphgYeibf”qhW’“eb ‘g—•ƒ•s„’ˆ‘fy ° ­ u¢ ˜'u’gt‰m˜ ¬ ¬ ­ Æ frW y “ b x W y b i d ˆ r • i ` „ f W r y “ b “ b f ` X W ¢ f r • ˆ • ` b “ W r b y y “ W „ W ‚ f r €g y v ”’gelgƒ“trtlb… n•’Wf”c”’gƒf”‘b—•gftAfaqc†YttƒbxvƒyƒW’v‘ftibh“”‰’Welhxcp‰gtAfe‘b—•p‘gteghfpƒ‚ttY‘vYnWivfq’b5ƒyfeƒypqhiqps‘gqxwtu fr Wi db X Wr Wi fd “ y “ W v ˜ ˆg f { ¢ bi fi f ˜b ¡ fr •ib`X b t“q”’gƒf”c`aYW |U’“ƒ“q“qphgYq`’”g’ˆ‘fÊib“qxw·g™”’b‘fy—•p™’˜‡ »wc”’bc”gh•’“m”‡~t¼ngivfa”cawtƒ˜‘Wj•iˆfˆ q·ge5 i` •b { ˆ cƒbiv—fsz W i f • f ˆ • ˆ b y v y „ „ b i ` • • …W W „ q”’gƒf’dq‘`p’i©ib’““q—`¶gl‘b”s©hgƒfvƒt‘gqqewq…ftr xb—•lxbydfˆqxwxvƒyf‘‘Why‘fƒy€WƒWq„ qq©Waexbj•aq”q¶g f… } ”qphgYexbƒytir—fs”ngv y b r …W • i ˆ g i g i { W i f d W ˆ i hi»ƒg’vfs“tƒ˜‘Wj•iˆf—5ƒ“t»qcpng‰W—¾¾ibqr”ƒbÁ†c™ƒ˜‘WtYpxp™”ng…qxbqt‰nWt‘gq“’b»tsshgp””‘baelp™˜pqƒi¼q»xb—•ps„ f ˆz b ˆ Wr bri v ˆ b fy ˜ v g yrW W ˜ v † y`r v y„ “ b ˜ † f‚‚ •ibx W yg W i` yg ˜ v W v f† “ v f„ ˆ •ib W„ “ di •g„ f W v Wr f y igi W ˆWr b g ˜ frib W v “bi fd yb ”ƒgrqxwAh“sc’g”ngYv’ct’bf‰‘Waec‘yyq`•ƒyf~’WeibƒfqYW”sgh“rqwxrt‰hWqwxiv‘f©”q1‘Wƒyphx‘fny‘vYq‘q™eibtc”rqxw~’WecphgYeibf”x gttgƒ•mƒ’“‘’gf”‘b‘ya”ngvV‡‰c‘blshi™‘˜yƒWƒ•t»ƒif‰…W hgpngiveYVtrqxbqtr‰nWtgcqib‰q”ƒbY”o… g ƒfth‰qib”ƒgƒvivq™Waƒi™YWaƒi’Wnfsz r W ˜ f y •i “ È { •b f Wr Wy “ “bv f y` v y„ “ Wr vvb v Wu { “ f„ • W ˜ • v  ˆ •ib y W„ “ fd •g„ W ˆi • W v • W W y g •b y W„ gr W ˜ Wr f “bx b t`ˆp’bf‘Wa”cyc`•ƒyftWh”’bYqƒi‘Wefsƒ“qrpb… h•—fcYWa’if kU“tqxw©g•lb sƒ“qittr‰hWfiˆfo”’xfec‘yq`•ƒyfpttgƒ•mdƒ“tplb… •q’r’felo„T ƒ~o‰ƒe n—V11š p‘A… Œ rrŠ — œ ™ ™”—   Ž ‹Š
¢ £   ¡

Ä ”Ä

& ! I 6 ¥ $ & G   ) ¥ $ ! 6 © ¥ 4 ¡ B A @   ! $ ! 6 © ¥ 4 ¡  ¥ ) ) © & £ £ ¡ ¥ $ ¥ $ © § !    ©  © § ¥ £ ¡ %P27© ¤¢F7E¤¨5D9C7! 79'#87¨5#3210('%¤¤¤#" ¨¦¤¢  H

"

"

¡

¡

"

¤

À V u ”¤£ m± Ä ge dx ® ªX {© p|´³”pj©¨ u ± ³ h £ 2Tx £w` À Y s À " { X  € ¿ " { X  € Ì © ±³ ¿ ± r b W “ b i g f d y g „ g y „ W y g • •  i ` i f W w v f ˆ z vb • f • i b ` u @”‡h”c”’ƒ‘”f”‘q‡‘”lb @qo’˜cx’s‰shaespX hW˜‘Wƒy’Whfp”ngY”xb™m”’bf‘ˆpf1m‘glcphgfcYm’˜tp~tcƒi‘Wf1hW”‘bpƒ‚Wa’if kUchv À m ¿ " { £ À m ¿ " v ’fh“q”’b‘fel†ttgaƒi™eibq‰eƒb†h“o”g } “ “‚ vv y g ˜ ˆg„ W •bi ˆiW frb Wr y ˆ “ y • “† fy ybx fr • W ˜ fy ˜ v f i h ¬ À "v h ¿ "v ¬ X v À ¿ ªV {© p|´³”pj©¨ ®® ¬ v$ À s  v$ ¬ ¬ dʉ£ ¿ ® ± ®® ­ Æ bhge db pi££b 2w` À Y s ªÀ V ¨ " v X  € " v X  € £ ° d­ ¬ ª { © { X “ g r i “ „ „ b † • i W ˜ b • b y W „ y “ “ v …g ` „ ˆ f i “ W W ` r f • W i “ ` y W r U aX p”—©’¨fYW kU‰tseƒbiv’fqqes”WaYm”lhx‘flc‘yq`•ƒyf‡‘Weib”ƒg’v”ƒb‘†c§—fqpg‘y—•ƒ•hWY1qt„mxby˜q”’gf’ˆqcƒ„‘W‰ib’“ƒ“t‘‘g—•n•W W VT s ³ t® v v ªQ {© e´³”pj©¨ u ± 1pV £ s s ³ h £ s s ³ h £ ® ® ± ª ƒ¨ª |³¨ ª ƒ¨ª |³¨ fr f`X†Wi “W fi‚g W„ giW‚ y f f tc’iqac”qpg‘y—•ƒ•hWY§q”p–ƒyf‰qY”pgtirtr g ˜ • Wr W ˜b “ fr f Wi “ “gx •b`X ˆW “ y f‚‚ y Wr • W ˜b W fr “Wr W yb v`i y ™”geb kU’“ƒ“t1™eaƒ‚’W„t™ib”‘‚ƒyqYW kU‡Wh•””t‘gy•lca1‘WƒyWˆ‰™‘bh•q—`iˆ‘f‰’g”pexbƒ“t‘‘gaƒi™e‰ƒdƒd™’˜t†Yt~‡W”Y’Wn“chmƒbiv‘feƒbv ’b’“ƒ“q™’gqqptqp‘b†ƒ“t‘‘g—•n•W 5ƒyfqk†q”‘gy•n•’Wƒ“~qq„™‘b‘y˜q”’gƒf”‘bYWahif kU™YqY—W‡c’gnfsq‘bec‘yq`•ƒyf™h˜™ib”‘‚ƒyqYW kUm‘bphg’“eÈ W r f „ „ g r r y W r W W „ f i W W ` r f • W i d y • “ b d i ˆ …W v † • b y W „ f f W i “ y “ s s v ªÏ {© pe´³”pj©¨ £ ® ³ v £ ª ƒ¨ª À |³r ¨ ³ 1v vW f g „ W ˜ “ W i • W ˜ v y „ W † y w g q f r f ‚ ‚ y f f ˆ ˆ y f ‚ ‚ y f W x g Áxwiv”fqcsbv† n•™mib˜v W c˜‘Waƒi™e‘b’ˆƒfY‘Wq‡tYc”Áatmhgp”exb’“‡nW‘v’ˆq‘`•‘fj•a—gem’g”””‘b§’“‡”ltr b h g e d b ` Y X Vv £ pi2fb 2ca¨s WVª À " v ¿ " v ¨ d­ ®® ªÌ {© ””´³”pj©¨ ftshiqa”l‡ƒbivf”ƒb1cc‰png…nW‘v’ˆpe1ƒg’Wn“cht’“‡xb”–cxw˜‰qƒi‘WƒyW t‡’bm”ƒg˜qY”pgtirf §1mpgeb kUh“Yt1hg’“ƒ“cpqq‡g‘ˆYW—•1hg“ r f`XTW³ y v bi` i v f‚b v`i f yg W v bd fr “ i v giW‚ y U r g ˜ • “Wr W`Xfr ˆ ˆ Wyy y ˆ ˆWfr gi ˆ v fr “ • W ˜bri  • ˆ “† y y ˆ • ˆ •g„ ˆfi W W`r f • Wi d y • “ W sqYW”b§fˆ‰ˆtrqqƒ`vp’bƒft5’Wexbaƒi™eqs”€g~‘glxbj•mhgp”‘Wexbqn`‘v”xby‡—W‘ˆY‘Wefffˆq”‘gy•n•’Wƒ“˜qt§~xby‡q”’gƒf”‘bYWahif kU5hu
¡

8 SR 6 P I D F 6 D 4 B 8 @ 8 6 4 UTGQHGHG9EC51A9753

%' )' % 210(&%

¡

¢ £

k{q”‘gy•n•’Wƒ“1qq‰xbymphxf’ˆcqƒ„‘Wrq”’bcr”’gqpng~’WeibƒfqYWef’“‡™qhi™‘˜ƒy‘W™m’˜fh•q` |U“ f i W W ` r f • g “ ` y g i f y ˜ “ ` v “ d i • g „ f …W W f • g “ †cYhWƒ“chsYt©”’xf•lxby—•e©qeibq‰”’gq”ƒgv s™”ƒb…ƒ“qdq”‘gy•n•’Wƒ“‘qqÁYtqq”’bqpgh•h“™”‡q’Wpq”gˆ !¥ qW ¥ ‘”ltr g v`i “Wr g • •b gi fy ˜ “` g„ ˜ v Wi fi W W`r fWr Wi fi f ˜b ¡ “ gi ¢  ¢ Wxg ¬ À $ h ¿ #"$¬ ¦ ¥ ¢ ¦  ¥ ¢ £ ªÄ {© al´³”pj©¨ À s e!pÊÁp¤¢ – W xf y v ”’ƒˆ fmseibq”‘g•’“™e‡mc`™„ƒ|{c”‘gy—•ƒ•hWY1qt1WaYqƒi‘Wppngmƒbivq”‘gy•n•’Wƒ“‡fqh‰sq@Yˆq”‘ge‘gq1qt‡WaYqƒi‘Wppngtƒg’Wn“sai ˆ bi fi f ˜b ¡ b ˆ b T fi “W W`r •iW •i v fi W Wy`i bi` rW fi • y„ W`r •iW •i v v` i` bw W fr g ˜ • U T { “bi fd ybx W`X i v W v g •b y yW„ gr W ˜ “ v ˆ g ˜ y •i b W v† “W f qtcqhg’fƒ“†tq™”‘glb V…”’WecphgYeibf”t’g’“ƒ“qa©”ƒgrqxwqphx‘flc‘yq‘`—•Ys‘qh‘gn•™„pngtib—f‘™YWYWa”‘gy rqxwfc’ghfY†tr g ˜ • Wr W ˜b “fr f Wi Wr “ “ v f g ˜ W ˆi v Wi db ˆ y„„bfrfr W ˜fWr Wi fd ˆ f W ˜ ™”geb kU’“ƒ“ts™”pƒ‚’Whteib”‘‚ƒyqYW kU’“ƒ“t‡’g”ƒg’v”ƒbt’“–m”’b‘fƒyq’rfc”ƒgVq”’gƒf”th˜fˆagcqetttttgƒ•™pYtdqphgYexby—•c’`h“’“s™”g }  Ž œ  ” œ  ž —  œ ™ ™ ŸŸ  ” Am‰ƒ”‰–½Somne — ¥A†‰ƒo’  ’ ™ ~— © ©‘A… o© nY‡ ©  ©A˜j¨ƒ‡p  ¦reƒ © nmƒeoɤ ™   Ž ¥  •  ™ ™ ¥  Ž —§   ¥ —    ™ —™   ”  œ ¢‹ Š £rrŠ {Wi fdb y W„ fr W f ”qphgYec‘yq`•ƒyft~chi™‘˜ƒyW• i` rW •b y yW„ f W f • i` f bi fi f ˜b ¡ “ yW f fr fr •  “br g Wi fdb y W„ Wr • “b q«Ymglsyq‘`—•Ys™’˜‡qhi™‘˜ƒy‘W«c«’irseibq”‘g•’“™e‡™ib‡WYt’rh’xtttg•lb ˆ”qm˜qphgYec‘yq`•ƒyfm’b’“ƒ“qmlb… •‘faƒiW |U’“eqr WYtc’inf‘vY‘Wqr˜hW’“q”ƒbivhfqce5qttgƒ•™f’“rg”Yfc””«i 9pq”’gƒf”c‘yq`•ƒyf~ib~q”’b’“”‘gya”ƒg5qxw§™˜’ˆq”ƒbYY™ˆƒft‰ƒbiv—fsz y W r ˆ y „ b f y “ „ „ b …W g r W ˜ f ˆ b v f i ‚ g ™ { W i d b y W „ “ g i “ • i v W v f f i v v W ˜ W r ˆ Wi f • “br Wr W fr “g   { W ˜ ˆ ˆ ˆ “Wr gigrg‚ • ˆ f v f fdb ˆ • ˆ i` “ ˆ W fxi q”’gƒf’dq‘`p’if |U’“eq1tsƒifh„t™gh•”©¡c’b‘fyƒ•™m’˜fr‘bˆ‰W—•‰ibh“Yt‰c”tt”§‘flxbj•§qƒ`ˆ‰hgYec„p‘g—•”—goqe‘Wƒy’Whfpƒ‚ƒWv‡qƒi’Whh”ngv †qib‘fyn•™™’˜—fm‘b•ƒyƒWmsqt‡tt”mtƒ˜‘Wj•iˆ—fYt™ceibqpgh•h“™e5™’b˜—WqshgcmY—W‰…ƒyA¢”qphgYexbƒytir—fs”ngo’i‰tYW—•’ˆfeqr W ˜ ˆ v bi` fr Wrg‚ b ˆ “Wr bi fi f ˜b ¡ “ ˆ† f„ ˜ ˆW W W {Wi fd W ˆi v f b ˜ ˆ “b W r i W f r W “ b i d y b x g r W ˜ “ W r “ • i v b “ y y „ f …W b x y „ f r d b ˆ • ˆ f “ ˆ W ˜ ˆ v tcYs’„ttr’Wes”’gƒfeib‘felottgn•™VYt™hW”‘b‘ypYnW@tƒ˜’Wq”‘gqƒ’“m©llgcVt«’gƒf”c„pg•egVh“m‘Wƒy’Whfpƒ‚nW‘vt™”g } k{… pƒgm…W igi yW W‚ { Wx “ •iW ˜bri  • ˆ “b yg„ fdb ˆ • ˆ Wi Wi d ybx “ ˆ v “ • f fdb ˆ • ˆ “ ”q5WYqƒipqi ™ c‘gƒy”˜’We‘baYm”qcp€g~ge‘b—•m’g’“erxb—•psrhgYec„p‘g—•egƒ“ceq”’gƒf”’b‘fel‰’b‰—gpƒb§exb‘’ipT hgYec„p‘g—•”—g§eb b‚ yb„„b g “ U ˆW`X W v yWr v ˆ W vib Wyy •g W {b ˆ “Wr Wx “ • W ˜bri  • ˆ “b bx y aqƒi‘W—•”cq”m™’˜fh•q` ‰j•‰qa5qxw˜WYtYƒWƒvc`5cxwce‡‘WƒyfqYW‘yeA¢qtƒ˜‘Wj•iˆ—f§Ytr‘gƒy”5hW”‘baƒi™”qc”€grge‘b—•‰’gh“”~llgq„ ft‡’gƒfes—„ag—•”—gsh“–hsq’infivax o—…`c1gaeca˜‘be‘bqƒ`ƒvp‘—…`q‡‘gp”‘b5lb… e‘b…‘Wae‘bh•q`’ˆ‘f˜’bp‚YqƒiW VAc‘g•YnW‘v–Waƒi™esq`•”fq”g r d b ˆ • ˆ f …W U g f U f „ • i b ` X • y v b f „ • i • y ˆ • i “ y f y W U T { “ ˆ • W ˜ b i y g „ „ hgYec„p‘g—•eg¼q¼hi»tÁY•ƒyfhy’“e‡q»’gƒf”c„»’g¾g•t`·’i¼”q»™h˜chi™e’“«‘WeY‘vYnW‡qow‰tirf s¼phW”‘baƒi™”qc”€g f d b ˆ • ˆ i ` f b ˜ † W f ¡ f r d b ˆ “ • • f i g i g f f ˜ f y b y v f r …W b W U T { “ • W ˜ b r i ge‘b—•m’gh“Ytrib”‘‚ƒycƒiW |U’“efq”’gƒf”™’˜fˆagqce5‘W’yq`‘yj•ang˜W”‘bYspt”mb‘ˆpfˆ—f1‘d•–wqm’gq’„nfc’ifc§h“˜™”ng™™eibtYƒ˜ • ˆ “Wr f W “bfi db ˆ y„„b f ˆ v y yW„grb ˆg„ ˆ f  fr f v y„ f W ˜ v g ˜ frW Ì & ! I ¥ $ H© & G   ) ¥ $ ! 6 ¥ 4 ¡ B A @   ! $ ! 6 ¥ 4 ¡ ¥ ) ) © & £ £ ¡ ¥ $ ¥ $ © § !    ©  © ¥ £ ¡ aÄ %P267¤¢F7E¤¨©5D9C7! 79'#87¨©5#3210('%¤¤¤#" ¨§¦¤¢ 
©

¤     

"

¡

¡

{  V fr • ˆW y “bx “b y W„ ˆ f qÏ ¡yQ h ttg—•eb‰5‘W”’gel§”‡‘W”’g‘fƒyfq—`~‘W•™’˜hf“ i` W`Xi` ˜ v f ˆ v  Ï “bi fd ybx y “bx f † ¢ bi fi f ˜b “ g • y • ˆW y “bx f i qqcpsqrpngonW‘v’ˆq‘`•‘fj•ang¶Ï ¢lQ h ’WecphgYeibf”lq‘W”’gel…h“V»“c”’bqpgh•h“™”‡¡ |U’“eb phx‘flibƒ“‘W¶‘g—•eb‰q‘W”’gel…h“w”ngv hW”‘baƒi™’˜fYs„™Wphg”ƒ’“otc”ƒbshzfaƒiq’rpqxwotcel‘xƒyWˆa«™”’btsh`ƒ“c”g } cg”Y@‘gj•‰qa»’ioqƒi™’˜es”’xflsyq‘`—•Ys„ “ • W yW ˆ y “bx f gri v • W f †W v grib ˆg g ˜ fr vi { ˆbv ˆW`X f g W “b †g •b y yW gr W ˜ “b y W„ ˆ W y ˆ bx y„ fr db ˆ • ˆ Wr “„ ˆ b ˆW “ •i ˆg igi † “bi fd yb ttgƒ•m–”pWphg‘fƒyfq`¶ibƒ“phx‘f–—f“llgcet¶’gƒf”c„pg•eg‡ƒ“q“lb… •ƒf’v’fq™ƒ˜W»tƒ˜‘Wy—•Y“’bo‘Wp”‘b—•p·”qs”’WecphgYeibf”x g r W ˜ f f r f { g • b y W „ g r W ˜ “ W   Ä f • i ³ …W “ • W W ˆ y “ b x “ b r W i d f x W r b ttgƒ•mg’“†tshiq` i s”’xfecyc`•ƒyfqttgƒ•™†Ytr ƒ s Ï ¢†‘g‘ya”ngv ƒ s ‰t’Wexbaƒi™h˜‘fƒyf„~Wphg”gecrq”’gƒf”’bhYt‘„T ªÌ {© ”pà ”pj©¨ ƒ s Ï ¢lQ h º1± ®  h u ®  ¦ u ®  h £ ® ¨   Ï £ u Ä Ì 1± 2V ·1± À 2³ sª ‘± hW”‘baƒi™”qc”€g “ • W ˜bri ge‘b—•uhg’“ƒ“t»ib”‘‚ƒyqYW kUetshiqaX W pà s Ì Êƒbiv‘feƒb˜toq”’gƒfYW‘y”ƒg¾„²›{ppà s Ì h —©q4£ ® 5ƒyf»cefu™h˜chi™‡“ ™ • ˆ W r f W i “ f r f ` ³ …W y v f r W i d y v b T ª ³ ¨³  W„ bw ˆ g f f ˜ ªÄ {© aeà ”pj©¨ ± ÌÄ ±   £ ª ¨ u c h u c4V ¦ u À± (³ h sf‘± W •g ˆ f f •f • • W ˜ ˆb gr W   fi W W`rf • Wi “`„ y “b qƒi’Wf•es—fh|†chi™‘˜ƒyWqs‘f—•t‘`…mYhWf‘ˆ”rtsƒiW•n•p¡›{ª qpg‘y—•n•’Wƒ“‡qts‡xby…c”’g—fiˆqqYW‡ibh“”–nW‘v’ˆ‘fƒy€Whfs—f–xw‘vYs‡g””h’i”ngv y ˆ …W y W „ • g x f W fx ig ¨ v i v v gr W ˆ ˆ • W “„ ˆ ªX {© {X “br Wi •g ˆ ª ­ f frW ˜ y “bx f Wiz qƒi’Wh‘”ci À s qU3”ƒg~Ptsƒiq‘`•‘fj•a—g˜Waƒi™ƒ˜ƒW’v’fq™ƒ˜WAp³ p”—©’¨fsÍ kUh“”q5qYhW‘f—•”sfsf¨ ®® «hi~’gt‰md”’gelˆh“5qcti ™ ªÃ {© p”à ”pj©¨ u ± V 1s2f£ À ƒ ¦ ¿ ƒ fr f 0  br Wr W fr bi fi f ˜b “ igi bri Ur Wi di tc’iq` i n{ª 1%q‰tcƒif’„t™ceibq”‘g•’“™e5¡ kU«pqmqcpg §~c”’gƒfqq€` ’b“ …xwiv”f„ s )pq¾qphgYqƒi‘W—•e ¨b s wibqqpt¾ƒbiv‘feƒbw’b“ s YhWƒ“ch‡ƒ“t¾Y’v‘feYÊibh“”ÊtcYq`h•f—•pg¾y³ s À th £ ƒ vW f g  i g i – W i f d • ³ f „ „ g r y v g v ` i W r b y b v “ b g r i W ˆ ˆ v s g W‚ y f fr g ˜ • “Wr W`X br W •g ˆ ª ­ • ˆ Wi Wi “W i ˆ v fr “ di •g„ f yW U qƒip”‘gt’r‡t¾mpgeb kUh“Yt»’b’“ƒ“cp»q©cƒi’Wf—•”efts¤¨ ®® “‘glxbj•u’gƒ“qoqpg‘y—•ƒ•hWYwqƒ`vp’bƒf‡t©’WeibƒfqYW”s¶’bp‚YqƒiW VT ª³ {© ”pà ”pj©¨ u  1 À± (³ h £ À '¦ ¿ s ® v g f ‚ ‚ b bw ˆ frf f • cfp&qqhi™‘˜ƒy‘W« # f g• i b•y W W { $’bi maex—YA¦ P’”””‘y ’“f ® (qpg‘y—•ƒ•hWYW kUh“Yt™hgp”exb”pYW s %ƒbivf”ƒbtib1™ƒg’Wn“ch„Ytmƒbivf”ƒbtibh“”‘tcƒic`h•f—•pgˆ e "£ ƒ h u ¤cƒi”‚ v W i “ “ W r f ‚ ‚ y “ b r  y v “ W v ` i “ W r y v “ b g r W ˆ !À ± £ g W ‘gtirf §™™”‘glb |U’“ƒ“tmƒbivfƒ•q’infrib”‘‚ƒycƒiW |U’“eq1qYhW‘f—•”ff…f¨ ®® ‰‘glxbj•™hg’“ƒ“c5qpg‘y—•ƒ•hWYqqƒ`vp’bƒft‰Y’v‘fn•q’inf‰’bp‚YqƒiW VT y U r g ˜ • Wr W v f W “br Wi •g ˆ ª ­ • ˆ Wi Wi “W i ˆ v fr b W v f yW U  ª© {© ‰qà ”pj©¨ Î ª ®® ¬ ª ®® ­  ª ¨ ± ¸£ ° f¨ s­ u¢ ƒ¬f¨ dÊÆ  £ fql ‘bƒ•hWq™png™ceibqpgh•h“™e5¡ kU’“ƒ“t‘’gtY™…”’gel’“™YYhd™’˜q’im˜ “„ ˜ v bi fi f ˜b Wr frW ˜ y “bx f bd f f f W v  fr y “bx f y v b g ˜ frib Wxgr † yW f ¡ fr fdb ˆ “Wr db ˆ • ˆ i` y„ v s £ v i qxw·t«‘W”’gel…’“‘W”ƒbxvƒyƒW¶“m”’bqce@”lts‰—•Ys’y’“eet“hgYec„¶’gh“Yt¶’gƒf”c„pg•egwq«Wc”ng· ® v »8”ngv b h g e d b ` Y V v £ ª  ®® pi2fb pca¨s X Wsf¨ s­ ªÎ {© p”à ”pj©¨ bri U r Wi di  “†  W ˜ yb„ “Wr y ybx “ È {W³ b y  U vbv U “ • qcpg §~c”’gƒfqq€`‰ibq„‘gyƒ•m”‘b”cYt˜‘Weib‘feleƒplt1Wphg‘fƒy€Wt’if s ¢”ƒW”YtW ™’Wexbeg• ƒbivf”ƒb~cc–Waƒip‡q”‘gy•n•’Wƒ“~‘gyh•eb kUh“”q‡~YhWƒ“chcecrg—•pf™”ngr™YW—•’ˆfˆh“tpngeWˆiˆ””‘bYWahi‡q”‘gy•n•’Wƒ“tqƒ`vp’bƒf‡—Wˆ y v bi` • Wxb Wi W “ “br W g v`i“br ˆg„ ˜ v b ˜ ˆ f i v f‚ y • f Wi W i ˆ v W ˜ v † g v ` i f r W W i “ W i ˆ v • W i d • “ “ g W r f f r W ` X …W b ˜ f y ˜ “ ` v W i “ ` „ y W ™”ngˆcYhWƒ“chAh“p‰rqpg‘y—•ƒ•hWYpqn`‘v”ibnf«‘b‘y1q”’gƒf”‘b‘y—•eb kUr‘Why’f”fƒyqchigt@hg’“ƒ“qarpteibqrphgqpngrc”’g—fiˆqqYWq’b’“ƒ“tr g•n•W W |Uc‘b5c‘bY”5qcpg §…qphgYqq€`‡’b’“eVqphgYet’˜—f‘ˆp‘gqq”5cpqq5cqdrt’˜fh•q` Y—•Yqaqtc’iqae”‘WaƒinWpb jiˆtqtgd…W “ † y  { y W x b r i U r W i f d i  “ b W i f d b ˆ y „ „ b b i g ` y b i ` …W b “ U ˆ W ` X f r f ` X † • v f r r ˆ ‘becyc`•ƒyfm’˜5qc”g §eqphgYqq€`5ibr”ƒg5xblib”ƒg’v”ƒb‡ib”‘‚ƒycƒiW |U’“eÁq”’gƒfYW‘y”ƒg˜ib5YqYtYƒWY‘Wq‰’i‡g—•’ˆh˜™eibqqe–™”g } •b y W„ f bri U r Wi fdi  “ i v • “ “ v f W “b Wi d y v “ bdiWr v y„ f fx g ˜ fyyb W ˜ {qtYW—•’ˆfdYtCpseibq”‘g•’“™e‡pib’“ƒ“tr ’gt‰m1phg”lsƒ“qr ™h˜q’i™sYtoƒbxvƒynWiv‘fo’b‘‘Wes`—•ƒ•W ™”ltp’gƒfes—„ag—•”—gÁh“f b ˜ ˆ “Wr ¢ bi fi f ˜b ¡ W frW ˜ y “bx W g f f ˜ “Wr y “ yb W Wxgr db ˆ • ˆ W”b‘ˆs‘…W ’Wec’„nfc’i‘fqptƒ˜’Wq”‘gq…“ 3phW”c”’gƒf”’b‘fel¶ttgn•™Á”ƒg«qxwc”q‘We‘bapgy “eq…—f@WaƒiqYnW‰Wc©hgpngiveY…“ ™ y ˆ z “ b v y „ b “ y y „ ™ { “ b i d y b x g r W ˜ “ v W v i b y • i b vg ` „ ˆ • W r v y „ “ “ b v
¡

{ À ® 5qphgYeth˜f‘ˆp‘gqqe†t~q’im‘˜ƒy‘Wrqc”ƒgYW„ƒ“tr ± Wi fdb ˆ y„„b fr W f • gri v ˆ W hgpngiveƒbAemWYtYƒWtgq«™mYWhltˆ”‘W”ph‚‘f‘†|†tshiqa™q‘glc‘yq`•ƒyf™h˜‰Wphg”lg”@‘g—•ƒ•s„’ˆ‘fq’g”ƒgƒvivqrǔce~ƒ s e ¨Ã “ “ v “ b y W r v y „ g ˜ ˜ y x g r † y g y b f r f ` X W • b y W „ f y “ b x “ b W y “ f „ vW i g i ª Ä W f y U y„ “b W f y • f† “ • W yW ˆ W`X fr Wi db ˆ y„„b big`y bi` ˆ yg • y “bx f •i ˆ q’it‘rpg o’˜fc§erq’i™˜YW§’“qphW”‘baƒi™’˜fYs„‘hg’“ƒ“cpgt5c”’gƒfet’˜—f‘ˆp‘gqq”tc”cq™cq™ib—ftƒg’v‘f”YW˜Wphg”lh“1‘Wae‘b—•pg ig {  V “ • W yW ˆ y “bx “ v • •i i v bx W v † Ä £ ªÄà ¦ VÎ ”e‚ mƒ s Ï ¢yQ h hW”‘baƒi™’˜fYs„™Wphg”ƒpngoge‘ba”‘g€yt”ƒgo™qxwgmƒ s Q h ƒ s he¼1‰© h ¨ £ ¿ ® ¼¦ ®® ± Y ® ± ± …@”’xflsyq‘`—•Ys1chitxr”t™’˜fce‘’ghfY„tt™”‘glb |U’“ƒ“q~hW”‘baƒi™ecc”€g™‘gl‘b—•‘’gh“Yt™’bp‚YqƒiW |U“ ƒ s ´Ì¡‰© h £ u p”g } W g •b y yW„ W f yg g y„ “b “W fr g ˜ • Wr “ • W ˜bri  • ˆ “Wr f yW   à ± i Ï & ! I ¥ $ H© & G   ) ¥ $ ! 6 ¥ 4 ¡ B A @   ! $ ! 6 ¥ 4 ¡ ¥ ) ) © & £ £ ¡ ¥ $ ¥ $ © § !    ©  © ¥ £ ¡ pÄ %P267¤¢F7E¤¨©5D9C7! 79'#87¨©5#3210('%¤¤¤#" ¨§¦¤¢ 

4© P § 8R ¥ P D P 8 @ 8 6 4 fH¨fE¦fR Q¡S 1A9753

£' )' % ¤10(&%

À R¿ ( W P I f S ` I G ( P ` f S U 4 f W S D B 4 S I 4 f W •( ( 6 D f D P f U ( ” 8 ` I CCACwYIˆVI7†§10CaV(r7V4Y`w1I†ECAF4cDas(F0C7V‰1bc(cSr†EC˜d€dU1bi§CHFI1DFeREwXIq@gcIHAG 10(CŒc(rHV4Y`wXI—ECqT4YDq14TUAHEFfRŒF(s0E7T4cDH‚qECƒd€dU1biŒCwsIhseCEH1I•T4•CwXIVUFSFDs0E7V4Y`qVI7†¤10CeCwsIh7Ervƒ” P ` f S U 4 f W S D G 4 D P D B b 4 ‰ 4 f W •( ( 6 ( f D D P f U 0 I f D B S ` I G ( P D f D e 4 W p ( ( 8b(ƒ D b Ux DP (f De `f S b66 b (f Dƒ I6 hhHCFfRw‚IP Cd€ReRzCwsIh7d4whY(vc(EC7d4AF4F010CAv•4HQi†1Gc(` 0 P (Pf( DP D U D S U (f‡I6 ` 04P 0 S( 4e (P ( DP 0 S 0 S Dƒ4 0 D b46 `4 (P 0 (‰I 74EŒREhgF6R¾h¤CXWxFf†YIw14e10CiEi†1Gc(7Cˆd4f`1DFUFDCc6hQvC1fCE1fis6CˆF4F0CcWQsIwYI…1(cUTSHH…s(HF4hceHE†V47‚F‰VD1bRQT4qHRP 8 w½ R…‚™„} Y~uŒQh u » } ¶ } ¶ · y } ¶ }¶ ¼ RvºY~uAjc¹XY~uƒˆh ¸@Y~uŒQh u µ ¼ Av´³ µ †™´³ h s(F0C7‰V1bc(cSrQT4s0h(RqVI7†–0hRƒCwsIh74Erv( ut…c(rhAFGF0XDH‚4ƒc(FbFDs0CHV4Y`ˆ†7T4YDVSwi„r² Ct9T}gv( utˆRg714TUFDCC)z€8H‘…R‚™„T}ih( ttF07CP DB4 SI 0 P `I G (P (f De Wp 0 `f( U ‹ DB S I G SI6  8 8p 0 IPf 066 o  8… 8p 04 c(s`CE1˜RP“CHcIˆCd€TUDYgeFDs0E7‰chY(VSwQF(0—cƒhg“1f(cTS1D)gRŒCwsIh7d4whY(vc(EC7d4“F4F010pQEcI7c4VSgAc(rHV4Y`FS‘CdH@VDT410HEHXIU Df ( If S ( S˜ DB4 b SI b(B ( ’ DP (f De `f S b66 b ( ' 8 ` S˜ `f D fW P4 ` (ƒf If S b S 0ƒ f( G ‡I ` 0( If 4‰ DB4 SI 0 (Bf ( ’ DP (f e ` S b66 b (f b(‰ D C7d4™`vc(ecD`7V4Y`eFDH…V(cb`rhA—gg6†1GV(yhCfˆCHF4VDb7FDF0C7V‰1bc(cSrƒF(•Vƒ1birhY(TS1DpeCaEHFI1D7d4r1fc(hV(CC7d4ˆT4F010C†V4VShHhX(TUr‰ u±cDr7d4™`rXIˆCfHV4Y`hV(sDF0CH4‚V‰1bc(VSw…F(0ƒV(cbr1f†Gˆi6†G1V(yhCQC7T4VD7–VDd4™`esDw)1bwCsfCw‚IP Cd€ReCaEHFI1D7d4r1fc(hV(CC7d4ˆT4F010)' `f S U I S b DB SI ` ( I ` 0(f If b4‰ ` S 0ƒ (ƒ D b Ux DP (f e ` S b66 b ( °¢£ ¯ ¦£ ©£ ­ © « £ ¦ ©¨Ÿ§ ¦£¥£¢ ¡ ¡Ÿ ¤)†ˆpeX¥p®’©¬“AXª)qe†p–p¤“j… ž h†a› › œ 8( S˜ DB4 b S wCd€TUYDgiFDs0E7c‰hY(VSwI DP D D ` D S b S( ( Uf4 If S 4 D G4 DP (P Dƒ 0 0 (‰IP‡ S U Df4 U( G 0 f U ` ( G4 0 U ReCFfAVG1bV(jFfqY(VShV(Cc6hqCd€EH•CwYIˆhFU†HEsfCˆF4F010CyHw1ƒF(ƒF(qHREE14TUYDVSHT4X0•14TUC7h1Uh†QT4jH1IQcIr1f†7r1ƒF(s0wXI3s0D 1biaT4YDšdqT4s0hR…XITUVDH1IV(qiCCFWs0“c‰…sI˜CdP7EwsƒVDqcIrHErg1biaT4YDpF(F0cDR„†Vƒ1bi“1fc(FSh)iR5EHFI1D7d4r1fc(hV(CC7d4ay” ( 6 S Ž ™ 0 ( P b ` I 6 6 D S 0 4 b 4 W b ` f 4 W p ( 6 S ` W •( ( B D ( ’ D P ( f e ` S b 6 6 b 4 t81DFUcDg—VDV4s`CcWFSVDcDcSvc(Y`§sDw7QC7d4Y`wg6 S˜ ` 0 b S S 0ƒ4 If bI •( ( 6 ` f 0 4 D W p ( I f S ‡ b ( ƒ D P b U x D P ( b ( B ( ’ D P D f e ` S b 6 6 b ( W P 0 D ‰ ` W – ` S 0 ƒ 4 ( d€dU1biycDrhs(H‚F‰CrhQEHcIEhhHCFfRrvI Cd€CeRƒ•cƒhg“1fc(TS1D)eREu‡CHFI1DHV4r1fc(hV(CCHV4ƒCRƒF(QT4r‚d4Y`R–)u8cDd4™`–sDw7ƒCd€U cIY`wVIY`RFWC‡sDF0CH‚V‰1bc(VSw—s(F07‘V4s`CCFBVDcbY`7—dF(7d4Hi†1Gc(qCwsIhCsWwHh( ut„CXW”Ff@EVƒ1bi“1fc(FSh))R—CHFI1DHV4r1fc(hV(CCHV4„RP S ` D 6 D B 4 S I 0 4 D W ` 4 •( 0 b I 6 ` ( f D e 0 I ‰ 0 D U D ‡ ( B D ( ’ D P ( f e ` S b 6 6 b D ( GIf D ` S 4‰ ( U ‡4 S fW DP 4 D G4 DP (f e 0I 0 ( S(P DP I `4 b 04 IPI G fW UWP ` †HCgs0jVIY`7cI©QCd€3CQ1GV(™`TScD’CRjhFU†HEsfCˆCHFI1DCFWHw1‰( tt†V(1bws‰VDXbVUhR5RjHF‰cD7Ecfhc(s`7©RR†’CQ1(ERRVIcbrsfD  8… H‘…R‚™„}  s cu€~u†QVh s Yu€‚u)—ˆY‚uŒˆh } { }|{ y } V47QcGw~I™‹wV4VbpF(s0E7c‰hY(VSwI `4 b S ` DB4 b S V4Y`hCz‘HF(7d4HiAhc(QEHFI1DCFWHw1‰5Rˆc(wcI7V4hgwI uts0Hˆc(r1fCEHiY6TSVDcbwXI©T4cDHV4s`CCQCwsIh7QVGH~IY‹Hd4cbjT4F010R†cIY`1`i1Œhg6 S(W Ž 8 0 bI6 G ` (f e 0I ( DP b ` b(6 04 ` (PfI b U b DfW (f De4 b S ` (P ( ( b( d4QVGH~IY‹Hd4cbŠ—F(s0CHc‰hY(VSw†T4s0hR‰n s l ˆcI7V4Y`†FIF07‘cIY`1`gc6TScD†sICh††HFI7‡s0††7T4CC7‘VICƒhAdREwXIhc())o `4 b S ` h DB4 b SI 0(P k ` S 04 ( b DP( G b 04‰ D I G DBB4 bB G( G IPf U S 0  8… vF„R‚™„} n s  } {  } | ks y n m k m ƒel 1kvsYu€‚udˆch‚vsYu€~upq{ r3l zg3l xh Xk3l w w 4€ S u `f 0 g§YD…vsac(rHV4Y`FSD ttF074 n s k ` S (f 4‰ ` S 4 S D ( U IPf( G S o 8 n m k ` S (f h DB4 SI (P DP( G b 04 —3l rcI7V4Y`jsIF010CqcIVb3YD“Q1GV(™`TScD@s0†Cd€jREh†CYWVSp†qq3l ’VIV4Y`jsIF010EiQs(F0CH‚V‰1bc(VSw—F4F010C“FIRvAawsIH‚‰ F0•FIC†1Gc(ha1biQ†7T4cDhRFPcDEwg…gg†hc(–7C—CHRg1fis6RACd€3cDd4f`EYWTScD•ˆV4c`HiyVD7gHFI1D7d4™`dHCecD7V4Y`dFfˆQ1GV(™`TSYDS D D6 S( (6 I G b( SfI 2 8I6 G ` 04P IfIP ( DP ( U ` 0 b 4 bI6 b4f e S fIf ` S D 4 fW DP ( S˜ DB4 b SI DP b D G 4 ” 8 `f4Wp 4 G S fW DP b4f e S fIf ` S ( S(P ( U ‡I6 C@RˆEd€FUcDg3FDs0CHc‰hY(VSw@C—d4CcWFS†“–•E1IFUVDwHEr“†hc(Y`FScD’C@C@cDHEHFI1DHV4Y`‘wC@VDV4Y`QHF‰cD1bcUvRˆCd€3Ei†1Gc(` 04P ` (P ( DP b(ƒ D b Ux DP (f e4Wp 0 DP DWp ( 0 bI6 G `Df e S ` 0 S DP I G DBB4 9 8 64 2 ( 7E…c(r1fRg1fis6R„hHCFfRw‚IP Cd€RyCaEHFI1D7gwv( utRgsfCrq§FD7d4HiAhc(gCHFI1DHF4c0Hd4cbaF(AYIVSEXWVUTSRQAHF4EC7A@75310)' ! & ! %  $ # "    !  ¨ ¨ ¦¤ ¢  ©§¥£¡   

“ 8… wF„R‚™„} €x n u V’5Y‚} y n }u ‡Y‚uRpµ µ ‡ ‘w T4RvAaCwsIhsecDwiAF4F010CˆcI7†§hRqCHFI1DHErh( ttAEcDQsICh†„HFI7§F0QRE1fCE1fV(Cg7À E‚¿F}ihAT4s0Hz D P( G ( f D S I 6 ( P ` I G 0( P ( f e 4 W p 0 4 € Sw D P( G b 0 4‰ D I P ( P b 6  8 8 p( 0 4 8 w‰ R…‚™„} } 7…pzl p  l y n µ 7…p} „ ‚p µ ‚ z5Y~u} µ ³ ‡ ˆw 8 w7 R…‚™„}  } }  }„ l ‚ y n } 7…p˜vlY‚uR†p´ 7…pH‚p µ ƒz‡Y~uRp w V(r1f†7F‰cDY`1`gc6TScD†CwYIp˜c(rHV4Y`FSD ttF074 ` ( G4 ( b If S ` `f 0 sICh†G”YITSCC6†FGšv(‘CHFI1DFeYDrg6 V4wsIF07“7qpzl CEwI ’CHFI1DCE~W‹ gCW hH‚4 s †c(r7d4™`TSD utF07”F4F0101(FUVDY`HE6 F4‘“x DP( 0W D P (f SI b 04  } 4Pf t P (f ef 4f 4‰(‰ u `f 04 b4 0 (  8… 7À R‚™„} º 7qp†yi€Y‚u5t · §—c¹€Y‚u5t ¸y }u  } } yº } · Y~u‡µ t 3™´³ u µ  8… w² R‚™„} € xu} t y ºu} u u} · yY‚5w§vY~’v€Y‚¤r ¸y Y~u¤µ r 3™´³ } µ If S `I G 0(P Df e4Wp( ( ”  ’ DP(6 EHcI†VI7†hR§CHFI1DHErhqg€8z…1(FUChis0D I G G } (Bf ( DP f e ` S b66 b (f b46 0(P 0W6 D P( `4 D bI U } t ( } r If D †7T4cDY`1`(†H~I—cƒbhg“h(YTS1Dp’iR)(EHFI1D74dr1fc(hV(CC7d4ŒF4F010C…F4F0101(FUVDY`HE…T4s0hR†YITSCC†FGQhqd4EFfRdPH“XIgY~u‡#@Y‚u¤sCHF4“x 8 04f Sf D Df ` G  i 0 ef `I6 fW P4 SI6 ` S 0 b46 4fW 06 S b(6 I G ( SfI H(F7gHFIYDEh(†sGRTPCCW—cIHI†xFfDp7qp}†%(F74T1DChc(7ixEjHqV4Y`wiHcIc`7cI•T4s0hX(TUcDc`7EqECq‚4• s`XDTUFDC†1Gc(ahg•AHF4VD1bCFPcDEHg2 §¥ £g ¦ £ ¢ e d © y)7hz¤“f!©« Ÿ ¤¤Œ)e§ c„¨YeeqXŸ0`e€§© ¨X© W €œ†a› X £ ¢ ª £ b ª © ¥ ¥ a Y £ œ 8 S U Df U( G 0 f U Dƒ 04f4 (6 D‡ ` ( G4 ( b‡4f Df D G4 ’ 0 ( 0 ` E14TUYDVSHT4X0A14TUCH141Uv††F4—H1IƒT4HHFI7g7QV4c`X`~(c‹1bi“sfCwc(r1f†H‚F‰cDc`X`iY6TSVDRCEHF4CwcIs`s0†Hp†F4qaF(7d47cI` V(7T4HwC7—cIr1f†wAeF0iws(HV4HcIˆcITSCC†sGD ut©H1IeFD7d4Hi†1Gc(CHFI1DHF4c0Hd4cbŒCwsIh7V4HcIiu‡CHFI1DHF4c0Hd4cb–RyVDHVId41bChH31DRP b 0Iƒf4 ` ( GI G D‡ 0 ` ` 0W6 0 f U 0 bI6 ` Df e S ` ( Df De ` b Df e S ` DP b ` (f(ƒ ( Ž ™ D ( f e 4 U ` ( D 0 ( P 4 b ‹ f U b 0 W 4 f W •( b 6 b 6 S ( W Ž 8 ( D f I f 4 U D f e 4 b S ` ( †’sfˆEHFI1D7hgs˜cDr1fRTP“T4s0hRjQcGh~(RH1Iˆc(wsIVD1bV(f`C©ECQ†4• X`F(cDCwcIE“V4Y`hCz©HCd€TUCwC7h@CHFI1DH†VGH~IY‹Hd4cbˆs(F010RP cIs`CƒH˜FIF010Cz14TUYDVSHT4X0˜14TUCH141Uv†ŒFfpv•4H˜d4f`FDs0E7V4Y`gEHFI1D7V‰1bc(EH1ICRR†1GV(H1IV(55F(VDcbX`††FGYDad4cb@EHFI1D7T410V(˜F4pV4wsIF074 DB G4 (f S U Df U( G D Dƒ DB S (f e4 Sf UDPD b ` ( ( G S ` (f e b 0 b 0 I G D ‰ D @ 8 ` I G 0 ( P ` f S U 4 f W S S S ( S b ` ( f ( ƒ D •( ( 6 ( f D D P f U 0 ( ( G S D P ( f AHF4“VIcbs`„¢EcIH†ihRzV(r7V4Y`w1IŒgC…cIcSvc(Y`ŒcIcSv…T4YD)V(HVId41bChH—s0zd€dU1bi)CwsIhseRgHXIAT4pŒF4VDcb1`A†FGYD§R˜CHFI1De B 4 G b I ‹ S 4 b ` 4 0 0 ( W p b ( 6 ( ` f 4 D b 4 ‰ f D 4 D S 4 f 4 D f I ` 0 D G 4 ’ 4 0 •( € U b ( 6 ( f I D e D P f I U 4 0 I 6 G ( ` I S S ( ` S I 0 0 ( f •( 4 D b ` ( G G D VQcw~™wVVŒFF1Cr„1i˜cr7TcHrFŒFcŒg7TCHVfF†7pATzdVhg˜CHF1FREwXAF†i†1cŒccvcY†FF1C˜qFVc1A†FYS DP (f De4 b S ` 4fWDP b ` b( (ƒ D f U 4f Df D G4 ’ 0(P (f e `W G G U 0 ( U I G DP UfI 2 8 ( R„CwsIh7QVGH~IY‹Hd4cbaEEER„V(HcI7V4hC1fwgF0QH1IqE7T4CwcIs`s0†7z…T4s0hR)CHFI1DHV4RŒ†HXIƒF4)Ed€ƒ†7T4REFWX0Ewg¤EF4VDcb1`AG B G D S D P ( f I D e 4 G b I ‹ S 4 b ` 4 0 0 ( P ( b I ` 4 b ( f ( ƒ 0 D f I U ( b 4 ` W G G I U ( ‰ ( P 4 f 4 D f I 0 D G 4 ’ 4 ¹ y H ¹ •( € U f F 4 D P f D W %sc–C˜Cwsh7QVH~YHdc†TshRacwcd1E1H–s“wXqcHVRŒ†HX…w1RQg7TCHVf`F†7p•F0 š—Iq§dg†G–RgsCzŽ  8… H‘9R‚™„} º  —V¹“‘h· ´ » ˆ@•h G¢´ UQPr™¹ˆh G¢´ aQP} ‚vsYu€~u†j™¹vsYu€‚u} | { y H ¹ ¹ y  SR T }  SR » y  } {  T4cDVbX`††sGcDyRP ( G SD 4 S Df˜ D (f De4 b S ` 0 b(6 `4 b S ` 4f Df D G4 ’ 0H ¹ f U I G D DP D ` ‹ D 8 h 4P ` ( ( QsGcDhV(f`EERFfgCwsIh7QVGH~IY‹Hd4³ cbaT4hg˜V47QcG³w~I™‹wV4Vb˜E7T4CHVI³f`F0†7z…F4EIˆH1I…AHF4Ed€FURgsficDc`‚4Rvf¢“ƒEqV4d41bE1fHƒ F4VDcb1`†AFGcDxT4ŒhgˆV(r7T4cDH‚“Ff©T4YDxE7T4CHVIf`F0†7zxT4ˆd€EQGqCwsIhseRgHXIdF4•Cd€E7—†sGVDCc6h( ”HXIdV4RŒ†HXIU ( G S 0 b ( 6 ` f b 4 ‰ D S 4 f D f D G 4 ’ 0 •( U f F 4 ( f D D P f U 0 ( U f 4 ( b S h f U ` W G G 4f Df D G4€ 0 ( U ` ‹ D b 04 ( G SDP (f De4 b S ` 4fWDP b ` (f(ƒ D h DB4 b S 0 ( E7T4CHIVf`F0†7EaT4‡Cd€qcIc`‚4RF0pd4HFIF07˜F4VDcb1`A†FGYDgRgCwsIh7QVGH~IY‹Hd4cb˜ECRC5V(HVId41bChHRF05•( )F(s0CHc‰hY(VSwI tt‡“x 8 ` 4 S b 6 •( I 6 EV47‚V‰1bc(hV(Ca“i†1Gc(` 10C—4• f`h(C1fwH†HI ut¤YDSw14¤CŒ7d4cbr1f‘vfEgg†hc(¤HCˆc(r1fCE1fis6CEsf†CwsIh7EVBCVWY`hg“EE…1biqEcfhc(Y`hQc(rhs(CŒ74 tt0 (P D (ƒI G 0 U D DB G ` ( D 8I6 G ` 04P ` (P ( DP D (f De4 b b(6 4fW (6 I b S( `f DB G f U ` ( ` D (W fW G U I ` 0 D 4 S f f U (P U4 S(W 8 `I G 0(P `f S U 4fW 4f Df HXI—c(r1fwƒ7d41bV(wFf—CrpECƒwXI‘dVIT4HcIFSdQ1GV(™`TSYD”CW HXI“Rw141Uw†VI™`vCzŽ gcI7†„hR—V(r7V4Y`w1IdgCq•( EHF4EHcI` B 0 D G 4 ’ 4 0 I 0 0 W f •( b B G ( G P f I U ( S 0 D 4 b I 0 0 4 I 6 G ( ` 0 4 P ( ` f ( G 4 D U D 0 6 S ( ( P f ( 6 D P f I f 4 f 4 D f I ` 0 D G 4 ’ 4 0 ( Cs†7z•Tƒ(qsFC“…jIVCŒ1†ˆIREwXvY3sˆVwsF7—g†1VyHCŒVr1†7df`1FFCchARE1iFRxHEQE7TCwcss†7z•Tƒ“x  8… r¿ R‚™„} Y~uƒj¹ u ¼ gY~uƒj¹ u µ }¶ y }¶ ¼ †™´³ µ A™´³ 4P b(Bf ( ’ DP (f e4Wp C†cƒhg“hY(TS1DpyRqCHFI1DHErh( tt0 c4VShV(™`©g7T4CHIVf`F0†7pxF40ˆ†Y~u} ¶ )CXWU’FfjYI“pw14‡10)jEE7T4CHVIf`F0†7z©F4©V4s`cDhA•c(c`7EjˆEHFI1D7d4Y`7V4Vb“E)A S S 4 f D f D G 4 ’ •( h D D S U ( ' 8 4 f D f D G 4 ’ 0 b ( G b 4 6 4 ( f e ` ` 4 f 8 b D f W ( f e b S ` f W 4 ` 4 I f S f D e ` f S b 6 6 b ( W P 0 •( D I 6 ‡ b ( ƒ D P b U x D P ( f D e 4 S b 6 6 CT4DV7V4s`CCgCHFI1DH4QcGw~I™‹wV4Vb)4EEzEP‡V(r1ƒF(0zCwYI“DCwsIh7V4rhY(vc(CE7d45ER„s(5d€TUHihhHCFfRrvI Cd€CERgCwsIh7EcfhV(CCHV4b F4F010EfjCd€E7’E7V4`Cƒ†H1I‡gcƒbhg“hY(TSD1pzRP“CHFID1H4Vr1fc(hV(CCHV4‘T4F010CrCHV4RŒ†HXIU ©( dc(xCd€r†7T4RdPH1IFU„@ ( ( Uf4 If W G G U ‡ (Bf ( ’ D (f e ` S b66 b (f If `W G G ¹ h S ( U I G D b D 4f Df D G4 ’ 0 f U b `W G G U (‰( EHF4CwcIs`s0†Hp†F4—H1Iqc(HV4RŒAwXIqHhRP h 9 I6 ` 04P ` (P ( DP D `f( G 0 S( S t‰( g†1GV(§7E…c(r1fRg1fis6RgsfqV(wh†7V4s`XDTUFDCY6vzV(1bc(VSh( ihRP h 9
7 8

¿

© § © 4  1 ¥ ) ©¥ ' ¡ $ "   ©  © §¥ £ ¡ 6!53#20¨(#&%#!¨¦¤¢ 

8 b(Bf ( ’ DP (f e4 D (P D DP Df e b 04P ` 0 U D‰ b S( I G D66 S ( gcƒhg“hY(TS1DpyRqCHFI1DHEFfAVG1bV(X`RgsfC—EHFI1D7T410V(as(F07E†VIT4H1IEsf“˜c(hY(VSh††7T4CCHc4qCd€U ‡“p 4—VDT4XDRcIcSwaV(r1f†1GV(whs(H1‰V(C†CC7§1DFUVD™`TScDr7gwecDc`X`—X§FDHCu‡1DCp¤C14TUcDY`TScDr7Er˜CHFI1Dhc(VbH1IAT4ac(HEFfAVG1bV(X`RP 3 4 ` U S4 ` ( `f 04 b 6 I f f4‰ `f4Wp ( ( 0ƒ ef o 8 `f4Wp (f e b U 0 b4 D ( 4 4 D f 0 •( f I f ‡ ` f b I 6 D S 0 D e ` I 6 0 ( P 4 b ‹ 0 ` f 4 W p ( 6 ‡ ( U ( W S f U ( ' 8 e 4 S ( f 4 ƒhFUCEW utpxHCrHV(r7V4c`Hi†sGƒF4cDas(HF4hC1fV(7iihR…QVGH~IƒF4…VIr7Er„1bi“HCd€pEH1ƒc(EwXIa)3EFI1D7gY6†sIF010E…Q1GV(™`TSYDS 10CŒCwsIh7hhseFD7hRsIqF4F010C•d4CYWTS†•gC•EACd€§“p 4CHFI1DFecDwi•T4s0hR“sIRv†ˆXITUcD7V4RwErqVIY`H14VU—FIˆ†7T4XDVUwCwXITUcDb (P (f De4e 04U 0 (P b D G 4fW 4P ( U ‡ 3 (f SI6 0(P DP( G ` bP4Wp b S 0 I G SIf D U D 0 bƒ ` 0(f ( D ` 04P ( 0 De `I6 (P 4 ` `4 (P 04P (P ( DP I 0 t S(W Ž 84 `f4W C1W†FfƒF(7d4Hhc(rsfD uts0hCŒEsf†VG1bc(–7EAAs(HF4hC1fV(7i310RqhVe1bc(•V47s‰VD1bRqF4F07E†CE1fis6C—†FGcDs`CW v™`vCzƒChFUVD™`TScDr7gwp ( f b U 4 b 6 0 •( ( D b ` I b ` D ± “ y n n EHFI1D1eV(VbHXIp†FGVDC„T4@)CFf†cGhc(„hcehc(Hs0E’zqŒp T p d€FUwg¤1(cUTScDHEc6p20FfEsf†VG1bc(Hv0D HEd€FUcDcSwF410wFDs0E7T4cDH‚‰ •( D I 6 b 4 S 1   D ( D ` 8 ( S U D B b 4 s(3hgŒHcIs`F0AHpRR5CHFI1DHErh( ttŒHXI5Cd€TUcDY`FSVDwHErrFDF0w C7V‰1bc(w cSrgF(s0hRRRh†rcDwsIHr3hgzcƒhg“1fc(TS1D)RR5CHFI1DHErh( tt0 0 b(6 f D G4 ’DP (f e4Wp 0 f U ( `f4Wp DB4 SI 0(PDP( G b 04‰D b(6 b(B ( ’DP (f e4Wp V4VbzhChs(H‚F‰Crh( utaCEXD)Ed€˜1IFUcDcSwF410)CFfAVG1bV(RF0„aCsf†VG1bV(aAFGVDCCv0D qƒp sf‡c(7F4wXITU7haEC7„c(7s‰VD1bR)F(‡HRP ` 4 e f 0 4 D W p 0 4 P U ( U S U ( D ` D •( ( D ` I b 6 8 n D ` 0 0 4 U I f f 4 ‰ ` 4 ( P 0 ( ‰ I  8… r1¿F„R‚™„}  T p k  p k µ w … »   7$ p #…}  h7…} „ l Cp ‚ 7$ p } HHH £ „ y7$ p } H £ y … » T p y ((( » T º )g'&7$ p #…pX}7$ p } HHH £ ² £ » } k }„ k „ »  7$ p T qpX}7$ p } HH £ „ –7$ p #…p1}7$ p } H %H$ p ˆ£ · µ µ  h7…pHl Cp µ ‚ y p y n 7…p•µ £ } 4€Dx8 n µ y Ey“@qŒp "w a$ p 4 I b `4 b 0"4 – DP b S D 0 De `I6 D I G D66 D S „ 8… 8p ¢ (f e4Wp 0 I G DPf b b (f˜ 0 •CVfHVIY`zHFIr#e¤RƒF(cDhY(dsfŒs(HF4hC1fV(7ieF0ˆ†7T4CCEsWF0“Y‰…™(vHF„R‚™„T}i!EHFI1D7gwv( utQ†7T4REhc(CF6VDŒCgyHV4` w o 8( `f4WpDf b wCd€FUVD™`TScDrHEr—EHFI1D1eV(VbHXIU s(F010C©d1IFUcDcSwF410jCsf†VG1bV(` C“V(1bCwCFfcDY`FSR‘†7T4YDVSwi)C1WU FfgXITUYDVSHT4X0—c(r1f†H‚F‰cD7QsGcDcSrcIEC7rRR†”sfds‰wH1‰( (P ( S U ( D fW (Wƒ DP I G SI6 D D ‡ S U ` ( G4 `4 S b664 IPI G D 4 0I 4 S D ( U b ( S 4 •I W 6 S U D f D P f U 0 4 W p ` S 4 0 B b 6 D ( f I 6 S ( W p f W G U ( S U 0 ( W p 4 Q1Gc(Y`TSYD—s0zCd€zV(7d4Y`1`gc6HA–CiYD—XD—CHFI1DFeREwXI—sDHErŒVIY`7cI…Q1GF(CwcIC—F0pCwgicDzCrECŒH1Iz…1IFUcDcSwF410ŒFIs0hCrƒCP c(r1f†FG714TURwV4ƒV4Y`wXIVU—YDaCd€TUAHEFfRiFDF0C7T4cDHiC—Ch†EVDHFI7—1DRŒcIr1f†7d4Y`wg†wXI§s0“u‡cD7EHFI1DCh†gcDHh—Ed€“i—1DRP ` ( 0 DP b S S S ( D G4 DP DB b4‰DP DP( G b 04‰ (P ` ( G bI6 G U D `4f ef( G S4U D UI6 ( • 4 RC“p–gXITUYDVSHT4X0„c(s`†sGFD“CcW3Y`h~(Rhc(E@¢ Rz†hc(w1IV(“s0zCH1IcUTSCcWs`cDY`w1IeF8F8s8iCHFI1DHErh‡–EXITUcDcSwF410zcIrhAHV4c`Hi†HXIU 0DP0 o 8 S U D 00 S S ‹f b€ DP 4 G b ` D If D S U 8Df e4Wp( ( ” 8 S U `f( G bI6 G fW 4€ 0W6 0(P DP( G b 04‰ D ( Uf4DP DWp‡ f D G4 ’DP (f e4Wp( 4Pf U S 04 ` ( D ` ( 04 b ‹ CzEzcITSCC†sGD uts0hR˜FIRvA3wsIH‚“F0gEd€E7CRgsfCrHyHcIs`F0AHpRR‡CHFI1DHErhpCEH1Ihc(zT4F07˜14TUcDr1fRTP5c(r1f†FG7QcGw~I@•( n ƒp u ½ 8… whF„R‚™„} n } T n pƒp w ‘µ i y 5Y~u} µ cITSCC†sGD uts0hRˆsICh†‡HFI7F0)1bi†cI7†hRaCwHFI1DHErh( ttŒˆ§Hwf 1I—r QVGH~IŒF4F010CysDHF4hC1fV(7i„1biŒVIr7V4c`1b3 0 W 6 0 ( P D P ( G b 0 4 ‰ D ( 6 ` I G 0 ( P ( f e 4µ W p 0 …   ‡ U µ  4 b ‹ ( P 0 D e ` I 6 ( 6 ` f ( n Œp p … 8… HvF„R‚™„} n } yn  y } pŒp w ‘µ i zxr … zn 7…p‘µ i d4HFIs0HA1IFUEH†cGH˜V(HVIwT4s0F0XDVUµ wyRqs(HF4whC1fV(7iRac(r7V4µ cSvwS c(hc(rFf—Y•WC†cIH14F0AAHF4VD1bCFPcDEHg2 b 04 DfI b4 b ` SI DP 0 De `I6 DP `f b ` D D6 S U D I G ( SfI 8r D ` bP4Wp 3IFf§XDTUcDd4RwEr†I VD7hEsfFD7u‡cDr7d4™`rXIgFD7T41DE1fc(HggREcDHhg1DEECFf†cGhc(RVDcbs`7ˆFfwHr 7…p‘i XITUCH†VG7„c(wcI7F4F0s01DcUrERzs(HF4hC1fV(7iQCQsfD b4( 0 `f S U 0 e `I6DP S4U (fD D b ` 04 D‡  y  } DfI b4 b ` SIDP 0 De `I6 fW F4F0101(FUVDY`HEqECq“&©7qp†i CXW51bi„c(r7d4™`rXI…XITUVDcbY`1`s(hqg†H14ˆCQFfac4dS1b††FGzhFUVD7hqF4F0101(FUVDY`HEqEEERqcIH14is0D b46 4fW I r¨ y  } D U (6 `f S U 0( I6 G U fW D ( G D 4 b4U b46 4fWDP S U ‡EFIF0C“„as(HF4hC1fV(7iEF0CCXWˆFf˜V4hgFBFDaF4F0101(FUVDY`HEaF4F010C‡F(7g7EacIH14is0„†wXIwu‡FD7T4XDhic6CYDw14ECEXWTU7ˆFf„s(F0CFBYDVSwi‡Q• I g2 0 W f •( 0 D e ` I 6 D D U D b ( 0 b 4 6 ( P 0 4 f 4 B S U D ( G U 0 U ( S S U D f 0 4 D D S I 6 •( D 8qn £ §sIRv†)HFI7yhR…c(rhs(RwV4wyF0jH1IU n ¦¥ c(r1fF(RHd4H–10RqsIRv†)HFI7es0aV(7T4CƒH14VUQc4VSwiycD©HCf ¥ D P( G b 04‰ 0( P ` f D P bƒ D f £ ` DP bƒ (P DP( G b 04‰ D b DB G S SI6 S fI ( U I (w G n } ( G U S U ` f ( G b I 6 G U f W 4 € f I f n } 0 b ( ( ƒ D D P D W Ž 8 0 D e ` I 6 ( Cd€aC1f†˜4 ‡Y‚u¤r †HXI˜XITUYDVSHT4X0acIrhAHV4c`Hi†HXI†w CzEAHC’„Y~u‡t s(HV4hC1fwƒFfRREFfCz¤ws(HF4hC1fV(7iR10RP c(r1fF(RHd4HRhRasIRv†ewG wsIHrHCpd4T4Hw1ƒV(gAcIFSEC†sGD ttF010C˜FIRh†3HFI7RhRqg†1GV(r10C5CHFI1DHF4VD7zF45Cd€˜AHF4“VIy– ` D P b ƒ 0 ( P D P ( b 0 4 ‰ 0 4 P ` 0 I b •( 0 W 6 ( P D P ( G b 0 4 ‰ 0 ( P I 6w ` ( f ( f e b 4 ‰ 0 ( U I G D ‰ b p p „ 8… vHF„R‚™„} n 7qp•µ £ @7qpzl 7…pqµ £ 7…p} „ l ‚ ³ y  } w y  }  } µ  µ y  }  }  }„ l T  }  } @7…p˜l p µ 7…p•¤£7…pw£‚ (º 7qpz™l7…pˆ£ · p µ 7qp7"‚ z¤vºYY~u¤qr†yi€Y‚u5t · ´ y } u µ  }„ l y n } } } µ ³´ µ CH³f ´ FI1DHErhŒCEwXIhc(†F4F010CˆsIRv†5wwb sIHs0Œd4H5A‚uYInb AHF4EwD sf†7³G™´ V4¢ ‡ ( e 4 W p ( 4 P f U S ( P D P ( G 0 4 ‰ D I Gˆ D µ S 8 D S b6 G U D `f( G S U `f( G bI6 G ws(F0CFBYDg1fV(C†HXIgsfac(rhAH14TUYDVSHT4X0†cIrhAHV4c`Hi†HXIU fW 4€ I6 G `0(P b U0(f (f D SI6 0(f (f De4 D b (P 0 ( U ` ‹ D I bP(   84 S U b D ` 4f CqEŒg†hc(ChR…cIVSwXIghC)CwsIhsecDwiqT4s0hC)CwsIh7EFf†cGhc(1`REFfD ut)Cd€—cDc`‚4RFf…†1GV(Rh¤¡ChFUcDVSHT4X0qT4cDwcIY`1`s(HV4VbaECW YWŒ‚Eƒ—YDŒF4F0101(FUVDY`HEŒF4˜Cd€ƒhgs˜CHFƒYD—HC˜Cd€§F0wE14TUYDVSHT4X0ŒF4VDHVIY`X`F(7d4cbƒECzCHhY(ŒF4F0101(FUVDY`HEŒEC—RaCHFI1DFeYDrg6 S 4‰IW G S b46 0 ( U 4U Df S fIf ( U D‡ S U b D ` 4fW (Wƒ S b46 4fW DP (f SI F4F010CŒFIRh†5HFI7gF0—CFfAVG1bV(EVDcbs`7—vf&wCd€TUcDr7Er—sDF0CHF4VD7pws‰VDY`1`gc6FSVD˜s(F010R—RvAiVDHFI7g•HXI˜c(7F4CŒ7hcUgd~`yz( (P DP( G b 04‰ D D D ` 04 D 8( `f4Wp DB b4‰ ( ( b (P DP( G b 04‰D f U ` DB G4 S } 6 d`~—zCd€TUYDVSHT4X0§FDs0E7T4cDH‚˜F(•H1I—wcIs`s0†HpR˜CHFI1DHErhŒ†FGVDCƒT4F07A14TUcDr1fRTPpV(r1f†sGHQcGw~IpƒCHFI1DHErhŒV4Y`hCzŽ } p ( S U D B b 4 ‰ 0 f U f D G 4 ’ D P ( f e 4 W p ( 4 b 6 0 4 ` ( D ` ( 0 4 b ‹ •( ( f e 4 W p ( S ( W ¿ © § © 4  1 ¥ ) ©¥ ' ¡ $ "   ©  © §¥ £ ¡ 6!53#20¨(#&%#!¨¦¤¢ 
‰ 8  

    

  

   

  



©

¥

¥

§

¥

§

¥ ¨

§ ¥ ¦

84€ S fIf (Pf tP ( U46 ( EE§cD“wCaREwI §QVIY`X`Ed€1UHg10RP VIr1f†7rcƒHF4F074 tt†“ c(s`†sGFDyh)gwREwI §ˆVIY`1`Cd€1UwE10CAVIwh†7wVƒ7T4F07–C…AwCF0qREhc(CQE1f†HCh~(†cIY`hCzŽ ` ( G4 b 0 0 D 0 0( ' 8(Pf t P ( U46 (P `f( G4 b 04 DP ( GIf D (Pf b6 I ( GIf ‹ S(W 8  x†H1IxX(VUhV(Xb’T4F010X(´ TUcDc`7g6 EEzRdCHFI1DHh1eFeFD714RFI’T4s0hCxEHFI1D7gsf†VG1bc(1`REFfD utxEd€’V4Vb™`r†©CHFI1DHF4hc(b V4Y`hCzŽ u (G U S U b4 4fW DP (f e4 0 U 0 0(f (f e4 D (P 0 ( U SI G (f e 0 S(W € V… 7 8… wF„R‚™„} s 3 m} 3 }  u } cDVShHF‰RyC†hc(Œ˜V(EFfRdPH“XI†d4cb˜´ CwsIh7EFf†cGhc(X`CEsfyRCHFI1DHF4hc(zCHwsIHE7qV(7d4cbY`w†FGRA†HF4cDcSrg6 b( DP D6 G ` 4 `4 D bI U ` (f De4 D b (P D DP Df e 0 b (€ƒ 04f4 b SI DP I G SI ‡ 0W6 P( (f D SI6 ` (f e4 D (P D DP Df De b 04 bI6 ( U bWP U b6 S S 0 IPf 066 EcITSCC†sGD h—CwsIhsecDwixd4cb•CHFI1DHEFfAVG1bV(X`Rgsf„R‡CwsIh7T410V(—F(F07xd4Y`wg“Cd€dV4ERh1(“VICxc4VShV(™`†F4‘Rg714TUFDCC)o € À 8… 7‚F„R‚™„} y   € y  u ³ —vºwq“™} €™uw…“} ‡ · „ —vºw…“Y} €Y‚u™} · 4€ S E§YD…( ‡ECHV4RŒ†HXIˆwCCcDVShHF‰R—C†1Gc(qps(F010E´( wwECHV4RŒAwXIisDHEHCiC†1GV(˜)c(7EsfCVPwr1IpF()c(Vbr1f†HwCd€qAHF4“V‰1bc(cSS If `W G G U fIf b( DP D6 ` 4 Wp‡If `W G G U 04WƒWD6 ` 4 `4 D bI U 0 ` ( G‡( U I G D € ² 8… whF„R‚™„} u r…“‡t r…“} Y~u}  } » y c(rhAFGF0XDH‚4‹ `f( U V4w1ƒ(crFfpcDjCHIF1DHErhrQFGcDC‘–” gcIHAz10R©V(r7V4Y`w1I’ECj•( YITSCC†FGD utjCd€x1(FUCzXD©EHFI1D7gwv‘CEwXIhc(ry” b ` D S (f e4Wp( 4 b6 4 8 `I G (P `f S U 4fW 0W6 0 ( U DP U (f e4Wp( 4Pf U S 4 u u 9 8… HvF„R‚„™} “ ’y “ Y~u‡µ t µ ’y Y‚u} µ µ } If S 0W6 D P( (f SI6 b(6 `I G (P Df e4Wp( 0 ( 0 b46 4fW ( EHIcˆYITSCC†FG•v˜EHFI1DFeYDrg)hg†VI7†10C—EHFI1D7gwvqs(Ad41bisBFDAF4F0101(FUVDY`HEAEC‡1b3 8(Pf t P ( U46 0(P `f( G4 b 0 ( HRgHI §QcIY`1`Cd€1UwEhRŒVIwh†7wVƒ7T4F074 ttF010RP cIrH1Iƒ1b(Chc(†w‰1R”‘s8F88¤C4• f`VD74TC“7d4Hƒ–Cd4Y`X`EHVƒ7V4qT4s0HCjhE7V4Y`TSR‚P“CHFI1DHF4hHF‰cDRjcId47gC74 @Qu8cDwcIT410ws‰VD@†V(1bHƒ `f U f ` ( (P ‡ b 0Wf b ‡ (€ b ` 04P 4ef D } (f e 0( b DP ` b466 t ” b ` ( b D ( B CFHHHV†4ˆEC7‰qCwscFDFFHX†T0sHCyV`whHV1†1qFF1XTcc7gqsqCdˆiHC…CHFYTFswXyRecr1†Fchgchysw1CAdcrH1EsD f WD ƒ ƒ 4 b I f f 4 ( f ID S 00 I U 4 0 4 P D f ( ƒ b ( G ( (00 ( UD ` b 4 6 (0 ( € U I 6 I P ( f ID SD00 I U D P D ` f ( GD b ( 6 S ( D0 ƒ ( f 4 b ` f I U f cDS†EHFI1D7gcWs`YDS—V4Y`hCWzˆCd41b(iFBsDqF4F0011(FUVDY`bHE6—F4F010C—cIHh@10C“p 3 i†1Gc(@10CqF4VD7A†HXI†V(7EFf†7V4hdHj†7T4RE)o (f e4 S( Ž 8 0 4 (P S4U (f ‡ I6 ` (f b4‰ ( G U b4 D G S( P4 I G DPf £ «¦ j“ŒYª « 3y‡“36“¡ ¤j« eAz£ Uƒ¤q1Ÿ¨aa ª§§£ eYYŸ a£ ª§ ¦ XŸ°¢ œ †a›
£ ¤ ¢   ¡

“ G

9

© § © 4  1 ¥ ) ©¥ ' ¡ $ "   ©  © §¥ £ ¡ 6!53#20¨(#&%#!¨¦¤¢ 

U Á Æ Ã¨ TŠ ckU ‡ Æ lÅÄ € ¨ à ¨ ¨ € | à ¨ ¨ … ƒ ‚ € Ç ‰ SÁ … bv b‚ˆ caV„aWpE Æ ‚ € É} € ´Èo‰‡¤˜| Ê ckU TŠ à º¨ à ¨ ‡ Æ “ÅÄ ¨ º¨ ¨ ‰ … | € ‚ € € É} | E‚ €„ “ E aSG—qEaW‹fp5D Æ Æ Æ Æ Š ckU TŠ ¨ Ç glÅÄ ¨ ‘lÅÄ »¨ ‰ … ´È‰ ¬ o‡«ª‡… ‰ ¬ o‡«ª‡… € c‡ I‰ ¬ o‡«ª‡… ‡ } à q¨ Gpdºqf`gyGFchcWVf‰`akXdEXtE`ad„gqe‰qE‹hcqg`Pobt€Wdjr ‰dUT dI r¦ ™kÀ%‰gºqfSgh‰wXcWVf‰`ak…dEVFSm¿ ER hf e Ev b„ bƒP‚ˆE F pP b p Ev f e €fR  Tˆ ¨ vE ¨ pER hf e FEv E„ bƒP‚ˆE FP T € h… „ P p E R F b ƒ h f R b s E E „ b ƒ F f v E b v p h E R goft€‰‰€ tElhttE‡ÁWSatYcq‚€qhGpdtVESdP‰cG„tE`d§VF’…cWVf‰cV‚WS‰w’qEWqfsrPGpdSf qfoh‰ccwnqEWqfsrPGpaG„SwdFxcr”’qfVhccq‚’g‰qEwkxfWcSdfGbStP‰qEV„b §IaSdfGb`rPG„tEcc`rPmtPohGhwcvob‹f’PVF‰wQqESg˜PVFSmrPlhycr”“ €E‚ˆbv p h E E— b E “ bY € f e pvE ¾ TE„ ƒ p h † v E„ ƒ h pRR p Ev € “ FEv €PY FP € E ½¼ckU TŠ ¨ ¨ »¨ ‰ … ‰ ¬ q‡«ªˆ‡… ‰ ¬ q‡«ªˆ‡… € I‰ ¬ q‡«ªˆ‡… } » ¨ E„ ƒ Ff q’cSdfGbaV‚WSGvE bw%qEWqf`tP‰gW‘‰qƒ‰qEºcttEVpaa‹¹wtdEVFaVYqbq€ga5©T cgqfsrPGpaG„S— v p h pERf f p h „‚ b„ Ev b €fR† ¦ Pv h E E ¨ sE p h E E — b “ ³ ² ± ¯ ® pE XqEWqfsrPGpaG„Sfc‹‚fdFb r¸·o¶ˆµd´®‘³–QV°jS­ ¨ §E„ ƒ Ff E bv p h pERf E‚v p v h b f e ©WcSdfGbcd‚SWGvuwqbWqf`tP‰gWpcwttEqpcc|‚ ztfqpd„wg`Pobt€Wsd“¬f‰€ R o‡«ª‡dU… c‰U dn¦ ¥†| VF‰wwaSdPcWqfVhVFgS˜iPVF‰wwofWGPhGF5D T Š T ˆ F E v P „ b „ b e P { F E v € “ E € }‰ … Qk“¬q‡«ªˆ‡d€ ‰ … ›   Ÿ˜š›ž £ ¢ ›   Ÿ˜ž ›œ›š ™ ™˜ Ž‘‹¡5tx5y‘Gq ¤'Ž‘‹¡5thg˜u˜xŽp~— ‰w%” ”– • T F b R € € „ h b P € F E “ E v b p “ P e r f h P p E R f v f e b F € p h h sf ‚ R € h „ E cPSGfG““c‘dPqbg–Ps Vhoba‰qEd„gao‚gP’cr”tw‰dEcr”“qbg“sf‹bwwzaSdvqb`atYcq‚qhGpdgww‘Žd„gVfWof’qEStPqhsrPqpguc§qbpqE‰‘e ‘eSwqeWc„ gg‰qEu`cgqEG„caG„dVRcXVESdP‰cG„tE`du‰wŽqfohGhdGE ImT SiSdvqb`dP‰qEqqftpohGhgqRudfp‹Et“WcW‹fyobycG‚hwv FP pf fR e h FPv h Ev E bv F bƒ hfR FEv E † Œ vP f h F p E € F €f„ “ € b “ b € | dUckU o‰‡ƒ TŠ … ‰ … o‰ˆ‡†„˜~| … ƒ ‚€ | } P„ b„ b eP { FP a`PcWqfVhVFg`mgdPdF`cv tfskGƒdƒqb‰qEoh`tPSGPmg‰qEohd€qbXc˜dPwhadgGetE5qfqhGpGEXchGpdycSGfq“€SSncr”zdb`PGbc‰qE`dycxqEqh`wgV„5tfsatYct‚oh‰ggde5wGetElh€ob€ hP p h p “ P e € „‚ b’ TfR h “ „‚ ER f„ b—P E “ F ƒ„ hfR Pv hfv b hP p pER b P FGcydbdFGFSdvdbirPqpucSdfGbdƒobg`rPqptaVfGb§Scr”“qb`gWhcSdfGbdƒqba`rPqpqcSGfawad„Xar”hcWVf‰`atYct‚oh‰gptE`PSGfd“tbohSa©d„ug`PtbGpwvob€ E v E F h b „ € „ h sE “ r E h „ P ‚ ˆ b „ € „ h f „ “ ‚ v b E “ b „ b ƒ P p p E R p F p P R b f e E e„f H TfR e h FPv h Ev E bv b„ ƒP p ER f e h h F bR “ €E‚ˆ b ifR h FPv h„Ev„E bv b b„ bƒP wWnmad‘‰qEf`cyqbG„caG„dVRcfcSdfGbSatYcq‚qhGpdig`PqbqhsrPqpgdfSqfVhcSGPutflhkc©V„jadgGetE`ahtbW‰wa‰gdRwad„fcWVf‰`aY qecq‚qhGpdywi‰aG„qE‰tEc™d„˜‰Scd„wW–f•v cr”wxw‘cSdfGbSa‰E ‡†dFGFw…cSdfGbcd‚Sqf€qbywxwwqfGhguqf`tPqhsrPqpigSdPca`XWVUSQIGF5D p ER bv Pƒ € pR b pE— b p “’ bv E„ ƒP‚ˆ Ev E„ ƒ F p bv bv E e h h h f e bYYP U T RP H E  & A B$ 7 @!9 7 9 %" 7  ( 8 8 & $ 4" ( 2 0 ( 6513$ 1 1)' & C  9@(

$"  %#!  

¨ ¨ ¦¤ ¢  ©§¥£¡  

† † ” „ ˆ Q Š TŠ ‰dUckU ‘ 0™ ‘ …Ê ‘ ‘“ ‘ ˆ g3‘ ® Å ˆ • “ e ‰ … cSdfGbStPVh‹b‰‰dwt–Ps VhVbdFcSacSVY…P tfc¼p tP‰%¬F s¬ tPˆ †G„qE‰Q€ tEc†p … … cƒ‚SÄR tPt %¢V ofWGPX¬ tflhk€€ cƒ‚ i“„}WqESVp tPcG‚q“W}€ tPtptucgobpcaSGf‰qEgdFg‰E tPtplh€cd„ob€ E „ ƒ “ “ E b v b Y R ‰ h R p ˆ a z € “ E ˆ C T p h sf ‚ R € f v „ “ € b v b • qEaR r ƒ VUT ad—b aWco‚€tbmcd„gqe‰qEtgdeqbaddFb ” ˆ † tPWVfdF`zSdE`rPW‰g`caWˆfztfstPoh…dfdFGFc„ ’psstfqpgob…cG„WStfwdvb € q`P  hp ~ T P „ f p E b p h f p R p F P r F h „ E e P v „ v h € E h P P v h € f‰ E — p bv f h Œ ƒP € pE bv E‚v FR e h„ † y ER E„ € p €E €E‚ˆ bv „P„ p p h € P wºgS‰e qf`P I…† ‡Á …¥Tc|{b S…„ dfGbSaq‚Vhqb‘qEt€‰SdvwwcwºdPa‘‰qEƒ SGf“ ¬ ˆ gd† GpdXcWVfqbq€kqEaoRkurPlhkc©w…"W}htEƒ SaSqf€qbºrPcq‚qhwq‚tplhºfŒ ” ˆ † † Ä ˆ¬ † Q † Ä ¼ TŠ kdUckU ‘ “ e u U Qs¬ k t¶µ q Ffvu… ²d® ­ Q U –Q‰ ¬ k t¶µ q wd…® vu²¯ ­ ‘ ‘ ‘“ ‘ ˆ gf‘ ® Å ˆ • ‰ u‚ x ¯ ‰ … a V V ¬ € ƒ ‘SdPaG„qEqh} `’ttE`at‚oh‹hj‹guaob€ f eV b h f E p P E E s f ‚ R fR e hF € F p h †Œ d‘‰qEjcq‚tVEStPWG—tEWd„b ©©T † VrŽe Sgd‘SGPfSwqfwzswtdE`PGbc‰qE`ddF’sE cSdfGbStP‰wdvqbaW‹fŽV„gqfSGPuGF5D T TE fR e “ FP h‚vfv F ƒ„ hfR b E„ ƒ pE €„ “ b € “ E ‡ c‘t ssYXb³r o¶ºƒj–~²po ƒ m® ­ ” ‘“ ‘ ˆ ’e Æ ‘ ® Å € jo ® } … ln ƒ µ q U TŠ SdUckU “ ‰ … V … ¬ ‰ $Sˆ‡†ƒ $S‡ k ¬ R V } ” dUckU TŠ ‘ ‘“ à ‘ ˆ ’e Æ k ¬ ‘ ® Å ˆ • “ ‰ Wƒ … V ¬ ‰$S‡… ƒ $S‡ iR V } f e bYYP E„ ƒ p h b E„ E b pf f pRFPbv b‚ I T pvP‚ˆ F‚vf e E g`PccSyà cSdfGbStP‰qEd„…PdFGFc’cd„wrvSggVetbc§`uwad„cm&atfwSawdfcwwgGFwv qfqh‹hj‹QGpd5tE`agSGfq“%cr”mqESPjw%qEWqfqhsPxaiV„pgteSˆfWvSrPqpdqbw‡rtbsatYcq‚qhGpdgVegqb`tPohWqfc`XrPqpXofkqEaggVetb‘hc‚ ‰oh‰aWˆ E E E R pP R e € E “ € v b v p h v „ ‚ƒ b P p € h € hP p E R b h € h ‚P h € p R r f F † €E ‚ E hP p pER b E„ ƒ Ff E bv p h pER F ER h v b f„ E bv €E‚ I à „ “ ¨ p bY e € f e €f qtfsatYct‚oh‰ggdepcSdfGbaV‚WSGvxcXqEWqf”`tP‰gWf ¥†’Gpdxqboh`Pfd„ucW‹ft“d€tbGpj‘chtblhkcmi‹Tº¨ W‹fÀXtE`PcXSGPt“ug`Pobt€Wy‚  ckU TŠ ‘ ‘“ ¨ ‘ ˆ gf‘ ‘ ” ³ ‘“ ˆ ’3‘ ˆ • “ e “ e ” ™ ’” ‘ „b b v f p h b ‰ … V ‰ } ˜V } ˆ “ dV§zstqjq€ ¬ hƒ«ª‡… qE`rPlh€b ‡†dF`P ” “ ˜qf`tPohqdfVF‰cws–ssqftpfqb€ h„ F ‘ h € FE„ PvPv h qE`rPlh€b ‡†dF`‘cr”§cwGetElh€obydFXcr”q–Ps VhVbdFc`gStfcywi‰‰GƒdEcg`qdPdF`cv‡ h„ FP E “ rP € b E “ bYPY pR bv Pƒ bR eP FP tP`c…©wVetb‘hc‚ ‰¬† oh‰am–jqtfsrPlhºVfdF`XdE`rPG„—`yc‡P}e gSˆfxtfsrPlhºVfdF`c…cSdfGbdƒobg`rPqphwi¢xsPs ‘hdbVFa`aWqfcudP…qESad„‘teGptE‹hwv h P v sE P F € E ‚ I T ‰ h € F P F h ƒg v „ v h € F P v E „ € „ h b v ˆ • b Y P Y p R F p P b E E bv bv b‚ h h b’ bv h € h‚P F—Ev E„ €fRR pv € P„‚ E e ” ‘ h F rE„ b €fRR pv € b wywgV„cˆ tPoh`tPtpQz¤T wQtbsrPlhqfwSQdbS‰wicSdfqbWdc`rPzsofacq‘W‹f“ x³ “ ’tfstPoh€ dfhScWVf‰VƒqbWdc`rPzsofywv VfaVRGbaV„tbcgGFw5qESa’PdFco‚S|r tEGpSdvtb‹pt“‰wdwad„c’g‰qEtp`y¢atfqpVh`icwd„5qEVhSWyqEqhGpGEpqfsrPlh…ccwd„yqEVhSS˜qEqhGp‹E%sPs GpSstfqph b “ p R E v € P Y F €W E € E v b v b ‚ ˆ f e h f ‚ T F P „ ‚ b F f v “ h € f „ ‚ b F f v “ E v € qbŽgWqfsP ¥†StE‘hWSgqE`rPpcWVf‰`PwSrPtpVpb ‡†ŽwgG„qEGhgdRtb‘ar”Žqfa‰oE©‰cfjqf`tPohºqfq€kqEohVfdFGFcºgStfsP ‡†gtEcgGeqEºrPohWgR € f e h F r Ffv h„ h E„ bƒ bv F fv E p E “ €„ € FE„ r ‰ h € € € E„ f e h F pR € pf „f„ E„ bƒP p pER P Œ Tˆ ‡ b pE E bv h “E h € f„‚ b Pv h € f e h FrE„ bƒ h FP b‚ € C SctcWVf‰`atYct‚oh‰gguxw¤„dPWq—‰cG„uwiqf`tPVh‹bG“kiqf`tPohiccd„gssqftp§obigWqfsP ¥†cScWVf‰`rPGptEWd„b ‡†dF`itf‘hcWG—qE©“„7T † tE`PSWc`‘‰aG„c‰tEˆp…w‘‹f“qbswWqfGpzaSgxŽe W…dg`GPc…cv „dgGetEucy‰g…qf`dPwWtPtpdp%aG„dE’%VEStPG„gScaSˆfv p Ff—„P Pƒ E‚ˆ v bv hP e “f„f e T TE fR e “ „‚ P € fR h „‚ pER h bv b E bv E F h E ePv„ qf`tPoh¤VfdFGFcsstfqp5qb€ ©ar”†aG„SWqfcdvmw¤gSqf`Éc†g`Pqb‰wdvqbaW‹f©GEcdv©dEŽqESqPt€gg‰y‚ SaSdfGbdƒobaStPtp5wv h € E„ Pv h h P E “ f E— p b bv f e hP „‚ f e pE €„ “ E b F p €¹ pE TE„ €„ h b –Ps VhVbdFc`gStfc©dEE cWVf"Gƒ} dEGFqE˜w©dESS‰qEp a`‰‰Vƒdb`kqE˜ob5cWVf‰VƒqbaStPtpqEoh‰c§r”r“GpdycWVf‰VƒwgS‹f“ VE5aW©tE`Pwat‚lh€ b Y P Y p R F E „ ƒ‰ € b v F f — f „ P ƒ F P p € b „ b € „ h € E ‚ ˆ s E E R b „ b b v „ F b ‚ ˆ p b v b f e F — f ¾ b v‰ E € E v F P … „ v P E F „ ‚ P v E „ € „ h F “ f v p R E „ r f e h F E v b „ ‘SdPdbSWxgT wtfqpohGhgqRVfdFGFcºtfqpVh`†c‚ SVfdFGFWVvdbcºc‘aSdfGbdƒobaStPtpqdPuGPwSstfcgcg‘Wqf`P ¥†VF‰w©cWqftpoh‹hdEGFE dbS„SGf©wa‰S`|— rPGptEV„©Že S©dg`‰Q“FBT Že SE ‹f“qb‹haS`wWqftpoh‹hdEGFE ggSGP¤c„WP yd‘‰qE„aXGpd©tflhgWqfohSof€ F — „ “ f v „ E€ h b T T E f R e P “ C T T E „ — P e fR e “ „‚ v € fR e h „‚ ER €fR h f e h „ ‚ b v € “ b b R e € E p E R h E‰ e b … f e b Y T h b € f R e h b v f v p E „ ‚ p E R P e € F ‘Wqf`P cQw©qfSGPxdF©Vfa‘‰oEk…‰gqqEG„g¤d„™gSdPcaY u gqfsrP‘hgdeVbF d‘‰qEnw™wwdfqb‰gR c…‰g©g‰qEohd€qbxco‚€ ‹Et“d€W`5cr”5cWVf‰`rPGptEWd„’acgwXdfVF‰cyadf‹b…yxV„ytEG„c‰tEˆpcttPG„qE‰tEccqb˜cr”twGedEcWqfcwamrPStgSdPtbWWqfj u b — P E “ E „ b ƒ h b P „ ‚ b v F E ‚ ˆ sE “ r I w b h E ‚ ˆ v b v h € p R € E “ P F Y p R „ ‚ p f f e h „ p › t  ž˜ p h       œ ˜ Ž7srygpŽqi‘‹¡5‹ŸyŽpxš g few%” –• ³µ ³µ ³µ d ckU TŠ Q à º¨ » Æ » Æ ÅQ » Æ Å P X Y³ R ‰ … a a a ‚ ‰ S‡ T S cb@fS $… `S $‡ ‰ $Sˆ‡… UT$S‡ ³ R WV‰ Ä f‰$Sˆ‡… UT$S‡ ³ R Ä I‰ ¬ q‡«ªˆ‡… … ‚ } E„ hf € p € b fv„PRR b c‰VEtbohS§obtdEqb‰oEd„‘ca`aacV‚dFzov€ E hf e FEv E„ bƒP‚ˆ F fv„ p h † Œ TfR h FPv h Ev E bv b hP p pER bv E e Ev €PY FP f„ € b„ utf`gu‰wXcWVf‰`akE ¥†wwaStPWG—qEd„b ImgggGetEfScyqbG„wgG„dVRwyzVvtbsatYct‚oh‰ghwwqfGh‘hGbcXoEWawPVFSucWofycSdfGbƒ eP‚ˆE €E‚ I T hP p pER b P„ b„ b eP { FP h‚vfv b eP bv E E F— h pf p “ b P” f F † €E‚ˆ P sak5qEoh‰cm&atPsgqYct‚oh‰ggde’a`PcWqfVhVFg`mpPVFSgqbcscg‹b“g`ad„w§qbqh‹hj‹gVbW%tfsrPSdqRW‹fad„ta…gVetb‘hc‚ ‰oh‰aWXge rStE`atYcq‚qhGpdXdE`PGbaG„qESgh`awtPsPSWG—tEywad„cXicWVf‰`rPGptEWd„b §pcSdfGbStPG„qE‰tEccStPudPdFGFaiqfS‘y‰wXcWVf‰`a‰E ©Œ h „ P p E R F ƒ h f R F P v h F f p b v b ‚ ˆ sE E „ b ƒ h † v E „ ƒ h € p R R p E „ h f e F E v E „ b ƒ P ‚ ˆ † E à HGckU TŠ ¨ F® ¨ ‰ D ckU … € o‰º¨ ƒ ì } o‰‡… ƒ º¨ Æ Æ lÅÄ … TŠ ȇ† à ‰ … ‰ ¬ o‡«ª‡… o‰‡… ƒ } ‰ ¬ o‡«ªˆ‡… ‡ P” € E„¹ aqbpcaw“„C

¼

© £ A ! §  ¡ 4 ! § 6 ! 4 6 ! £¥ 4 ¡ 1¥ § ¡ ) # ' § # ! £ ¡¥ # © !   ©  © §¥ £ ¡ "B&¢@509¢8&"¤7&$532(00("&&%$"¢§ ¨¦¤¢ 

ˆ¶zw® 9 D C@9B A ²¯ ­ " ­ 8 " ³u  TŠ ‰dUckU ‰ … ¬ } oft€‰dEcgSGfgtfGpgcz§‰wtVES‰tE%tEohSa‘dPdF`agtfscv € FR e “ E e‚„ FEv FP p pPR FPv hP sXtEStfohGhS%VESdP‰ƒcG„tE`d§VFwWc„`Pc˜ar”d“tbswStf‹pwcW‘%waW‘c‘tf‘haq‚VhqbohW‹f’XcSdfGbSdPwWtP§c‘dg`GPdF§cG‚ºd„XqfS‰GF5D E p E v F b h f R b r E b R E h P e “ f „ f e E v „ f P v b € “ sE E „ ƒ b v p b v f R e “ b b “ b € P “ E 0 0 7¼ 4 0 1¼ d UdckU TŠ Q Q 2 3 2 3 5 62 r­ r­ ‰ … a … U | } V‰ 'd’cdwtWg‘dtc§`gaqccg`cSt‘dg`˜{ " „b E „b v p f f eb p R F P P ” b € r P „ Pb „ f hFb e P dPdFGFcv™GP“gStfsqEtohSa©PwvaG„tEohGh‘e   T " ) 'E " ³ & „ U Q %cSdfGbSdP‰qEqVEdF`av ‹f“qbGhcSSwqE ‹f“qbtpoh‹hdEGFE E b e hP pPR F f E ( ‡ b „ ƒ F p FP E„—P e f R e “ P h P F E f F † € ‚ ˆ E P b– p b # " p E v F ƒ „ h f R h „ E v P T T E f R e P “ F E v P ƒ „ € p R ggSGPuFSiqf`WG—dEps™gVetb‘hc‚ ‰oh‰EaW…cr”“wwVewsrvSfGd“}5$T !tEStfohG‰Ghr Sp…dE`PGbc}‰qESgttEW‰S–˜Že Sidg`‰h‰ww‰c‰oEkqEa©V„b ‡ ‹f“‘Wqf`˜EcStfqpqh‹hdEGFtdfSfWcV„qbg‰wpPaSdPaSqfVhdFb‘S˜pPtcd„b‹“ztcuos‚c’g`Pqb‰wdvqbaWnxWcSdfGb‰VE‰oEjw’dPWS‰qE5tE`tPqhSdgVeb b e hP „ E F — €FEv „ b„ eP { F f bv Pv bR f e pE €„f H TE„ ƒ F € bv Ff— p h„ pfR tPtp‘hSP fcx‹Et“d€btcq‚`GPt“acG‚tPcSSaSdfGbdƒob€aStPtpcw’ssP ‘hdbVFa`PaWfqcR’PdFGFwydE`PGb`goR5tEohSa’dP%g`PVbW‹f“`‰%ˆfctPW`rP`a’qfoh‰aWi“„C F † „‚ p h €b “ vrE„ „ hbv bY Y p Ev F ƒP € pPR F f e F FP“ v p— pPR €E‚ˆ G¡G™©¢ ©Ž…G¡5t˜ hhXxŽ™  r•w%”  ¡     ¢ ›    Ÿ   œ œ ¡ š ™ –• T f R e h F P v E v „ E b v „ f „ E “ r f R e h b v b „ ‚ E R b Y P Y p R F sE P h P “ b „ € b ‚ T E „ b ƒ b v E ad‘‰qEjScpwa‰gdRwSc’cr”gad‘‰qE§cw–Ps VhccyGpd‘–Ps VhVbdFcSaStfc‘dP’qsdvqbs‰gV¹cSd—obŽos‚©¢ScWVf‰`PwSrPqpdpb ‡†dFGFwv tPsrPcwwPdF`tVESaSdfGbtƒSdStfctyaSdfGbdƒobaStPtpwitfGpgczuVF’§r”r“Gpddad‘‰qE§W‹fptEW‰gqeS‰cd„VbtGEq“kqEGpw–Ps VhVbdFcSaStfcgfŒ h p ‚ v F P F P „ p f R p R sE b „ € „ h b v E e ‚ „ b sE E R r f R e h F “ h „ E p P E F € “ b Y P Y p R P ™ ” Å ˆ• G UT Š 2dckU ‡ ‘“ ‘ ˆ “ 3‘ e ˆ Q † Å ¤ ‘  ¼ ‰ … ‰¬ … V ¬ €ƒ } tPG„WVvwv kVUa‰U d‰E ¥†c‹‚gcv h E b Š TŠ Tˆ Fb “ P © § ¨³ ‰ …   ¤E ®   D dckU UT Š deVbF  ‰ … ‰ … } ‡ ‡  V V ƒ‚Ä t “ b ¿ bv FEv E„ ƒ„ v Ev E„ bƒPƒ FP SrPVpmfwgrP‘h‰wpcSdfGbacˆ‚8dPdFGFw’cWVf‰`‰‰Vƒdb`kqEp P„ € € €E ac‚ oft€‰tElhoft€‰ºsE £ ™ GpdºqEVh‘dedbQ“FdaGP“gSqf`™rPcq‚qhwt‚qpoh€ PVF‰wyobkqESgdRb ¥†F W‹fºcSdfobt€‰acSGf“ d„Qdb`rPqpqh‹hdoR€ ER b F C T b e hP p h FEv € hf „ “ E„ €E„„ b F E E” p Ev E„ ƒ p h F pER p”f ¥ b D Pv h p E—„ “ Ffv P pR F pE v E„ bv„ “ €E‚ cSd—qb™VEdFGFw©aSdfGb`rP‹htEctRGpqE~ d„b ¥†i‰giaSQ¦€GFdE5„c†rPsrPcq‚qh‹hSaS‹f„rP‘hWS†wdeqbc†Pu‰gR ˆ‚aSdfGbdƒwaSGf„tPoh‰cmI †Å dUckU TŠ ‡ dQ ˆ ‡ ‰ SÁ … E F h sE T T f R e P “ E v E „ h v E v b E „ F € F € b € f R sE E „ b € „ h F € f ar”“’dE`rP%yŽe WE‘dg`‰fGFwtcWqfSˆfFGFw‘¬ PSt—Gpc‰E ¥†’} oEwdfSqf’dEdFcVYqbt€Wd%…cWVf‰VƒqbaStPtp‘dP…dPqbt€Wcr ˆ † Q † ¤ “SrPVpm’wv rP‘h‰wv¤PVFScaG„Et†¢"wVEStPWgg‰qE©tEohSa¤P¤qfS‰%StPɓ„C T £ ™ tEGpgcq‚q€WP uamqb¬ ™wa`rP…S— b ¿ b FE FP Ev h ˆ • bv F pfR e h pPR F €P“ F h E e € sf ‚ R €‰ E E v „ p tE„Gg`‰d“cW‹ft“Wtf‹p“bgqsE € cWVfb‰VƒqbWdqR‰yw„d‘‰qExdFqtEG„gVeSwqeW5D gofWGP†‘de~ tbcyVFuqE‰SdvqbGpq“kwqEG„dE‹bi¢q‚x5¦ h E eP bR € e E„ €f €E bv fR e h b h E FP pf T € “ f pR b pE €Ev h “ ¡ € † ” ˆ † † GÊdUcŠkU T ‘ „ ‘ “ e ¼ 0™ ‰ ¬ ˆ † ‚ † … ƒ‚Ä jÊ V ‘ ¬ ‘“ € ƒ ‘ ˆ gf‘ V ® Å } ˆ • ‰ … V a E„ ƒ ““ b cSdfGbStPVh‹b‰‰qEd€wv b v b P Y p R F h „ € p R • “ E ‚ T p p € h sf ‚ R f p R b v € E v p P T wsPs ‘hdbdFcY`aWqfadPºPrW‰oEkqEaRc`rPp ˆ Bsof‰ ¬ €WGP©‚ qfoh‰…€ aWˆ t “„C WqEStPcG‚q“WtPtpucnob€ ‘detbcIdF„‰E tPtplhƒ kw~u€tEohSaR r dUT gV—b P„f p E b p h fv„ “ € aScq‚€qbyc„dgqe‰qEmwaWf‹‰qEadFb e ˆ † PtWVfdF`Sjmqf`tPVh‹b‰‰’qf`tPohpVfdFGFc„ ˜%ssqftpwqb%c‰SW‰— qfwvcwtgStfsP ‡†‰ xtE¥Ác…p ccR |{…  p FPr ‰ h ““E h € E h P Pv h € f„E p bbv f e h F ‚R ƒ ¬ ƒ "} E h„P‚ˆ b„ b €„ p € § TŠU p‚ cr”“qb`a§cWVf‰Vƒqba`rPu(WVUa‰ºtPaSd—b
assorbimento E0 Ek

{

Š

emissione stimolata Ek E0

© £ A ! §  ¡ 4 ! § 6 ! 4 6 ! £¥ 4 ¡ 1¥ § ¡ ) # ' § # ! £ ¡¥ # © !   ©  © §¥ £ ¡ "B&¢@509¢8&"¤7&$532(00("&&%$"¢§ ¨¦¤¢ 

f„‚ vP FP‚—‚ f pf b e € †vEv p Ff—„P h E ef e Ev b„ b b pR F h Pƒ E bv acºStVESaSa‘’tEScd„gmtEGpqEt€‰E d‰w§qbSdPWScSqbG„gW‘fGbw§cWVf‰GƒdEStfctVE‘rPqp…‰aG„tEGpj‘wgPF 9 qE‰oEt€‰E jGvwdbdFGFSdvdbtcwf‘rPqp5tE`PSWc`wtfW‰gSgwg‰aG„tEGpj‘wgPF 9 p € † Ev E F E‚v b h p Ff—„P h„E ef e bv Pƒ E bv ¥idbVF‰SdvVbtcc…rPqp…PSt—Gpc‰wg‰aG„tEGpj‘w‘PVFS’dE`gSc’tEGpqEq€kE jGvc©ºe Sgdg`GPuGFwcWqfSˆfFGbw‘PSt—Gpc‰E ¥†F 9 FE F E‚v b h b E„E bv Pƒ E bv FP FP‚—‚ € † Ev T TE fR e “ Ev b„ h v Ev b E„ § b b pR FE‚ˆ Pv €E ERb„ €„ h StE‘hcdYStfc’dEVF‰cwctoEt€‰gteGpddaSdfGbdƒobaStPtp’VEF qE‰cSaV„tblh€wjwpcStfG„qEaSGfdGb˜cr”zScWVf‰GƒdEGFqEgw˜dESWG—tEtttPqh‹hWSSqf˜f‹b“cStfqpqh‹hdEGFgVbdFGFWVvdbprPqp%‰d“tbWSa˜cWVf‰Vƒqba`rPqph p E ‚ — b v b v f „ h € „ “ “ E “ r E „ b € b v F f p P E — — € sE b „ E E F h P h „ P ‚ ˆ E „ b € „ P„‚ E “rfR hFPv h Ev E bv P hP p ER pf h FEv E b pf f pRFP h €f e f e bYYPrfv Ev “„f acycr”zadgGetEc`a˜qEG„caG„dVRct–dvqb`atYcq‚qhGpd%dPtbS‰qE’PVF‰w5cd„wrvStgVetbccStqfsrPqpohWgtg`PccSWgwaG„caV‚GFaSnH D T Š c½¼ckU U y Xˆ 0 Q ˆ 0 ‰ … ªƒ a@} bv b‚ˆ P caV„aWga” qbpVEStP‰cG„W©“„0SU y 0ar”a`isstfqpfobwrPSdfVFS§SqEq€WP ¥†uŽqEq€WP ¥†XcWqftpohGhVE‰E ¥†VF‰wutf`gu‰wXcWVf‰GƒtEVpcXgS‹f“ € F pE E— C T 0 8 E “ „ P P v h € p F P r 7 € F f  € F E „ F FEv hf e FEv E„ b bv E e f e E €„ “ E’ T p ƒ F E„E— E Ev € p Ff—„P h„E ef eFEv E„ b b pR F € E„ b €bv Ff p F E “ ‘SdPtbGpcdvqbaSGf˜zuWqES‰}P ‰Vƒdb`rPGpc‰S5WGvwdobytE`PSWc`ptfW‰gSgg‰w5cWVf‰GƒdEStfctPVFcq‚5cWVf‰GƒdEGFqEgwtPSWG—tEtdP˜cr”a„ u ½¼ckU TŠ U ‘ X ˆ 6Q ˆ 4 ‘ 4 ‰ SÁ … tP‰SdvwtcSdfGb‰VE‰}F oEfc…PSWG—tE…PF X ¦„qf`tPohgaccr “ c’GE‰Wd„zag`PtbGpwvobgS‹f“ h„E bv E„ ƒ € bv Ff p ˆ “ h € f„‚ bv “Ev brf e E €„ E’ T 4 p Ff—„P h E ef e b € F € P” € E„ €„ h F §E„ ƒ F € bv Ff— p Pvf‚„ P„‚ b‚ˆ f e bv p zmWU Yˆ5tE`PSWc`utfG„gSghVFpqEudfSqfiahobpaSdfGbdƒobaStPtpgPQWcSdfGb‰VE‰oEywgPSS‰qE¬i–sauacuci‘SdPzstff€ } 1 3q  E 2q © % E % q  q0% (Æ ) ) ) ) Æ ) © ”  2 1 ' )¢ Ê TŠ s½¼ckU “ ˆ ¦“ ‘ ˆ “ ‘“ ¦ge ¤ ¢ ¤ R ‰ … ¬ t¬¬ ¬ ‰ z¬ ‰ … V R ¬ … bv b‚ˆ % caV„aWgr E &) © $ #ytb`PSd%qEsgV„wrvSzGfŽd„b ! qEWqfsrPGpdSf ©Œ " sE p F f R h P b p f “ p h ER† ” Å 7¼ ” ‘“ ! ¬ ‘ ˆ “ cet ¨sr Å 7¼ ” 0 0 Š TŠ `½¼ckU ‘“ ! ‘ ˆ ’e ˜Q ˆ ‡ “ ‡ “ Ä } ¬ ‘“  2 ‘ ˆ ge ‰ … ‰¬ … Ä } ¬ È ª € |Ç ¬ E‚ € E e “ F FP“ € hP e bv h E † cWG—qEt‘W‹f‘dPW‹f“`‰fobtGEd“tbqp`gfwwqfG„gGedEGFE ©Œ ” ” 0 ¼ TŠ S½¼ckU ‘“  2 ¦ge ­ ‘ ˆ “ ‘ ˆ “ ‘“ ¦ge 3 r ‰ … rPSdfdFF € u a §S¬f ccd‚gggSGPf‰wtVE}SdP‰c¬ƒ G„tE`qGFwtcWVf‰GƒtEVpc‘Pt’gSccd‚wqfd€ca‘deb ‡†dFGFwv p T  — „ F f R e “ F E v F b h € dR ƒ E v E „ b b v F E ƒ f — „ F F ‚ R E f E„ ƒ bv F f e b e €P E b F p €¹ E ‚ TE„ €„ hbv hP ebv h E F p F FP“ f e €fR E„ ƒP cSdfGb‰qEdpw%dPm‘SdPgcq‚t€SyGEwvQVEnqESqPt€guGpy}WcSdfGbdƒobg`rPqpzwx‹E“qbtpswzw’qfG„gGedEGFE ¥†©qESdPW‹f“`‰mg`Pobt€WdQcSdfGbSge ‘eqbq€qfac`’tPoh‰aWw“„C ScWVf‰Vƒqba`rPqpcwQGEd“tbqp`wcwtqfG„g‰VE‰E ¥†ntE`PSGfd“SGP’g`Pobt€WdIcWVf‰`wdeobt€WtfcR R € pRRP €E‚ˆ TE„ b €„ hbv hP ebv h E e F F p F F “ f e €fR E„ bƒP € p ˆ cSP Pth€ „ E W‚ Vvb ‘„ T C T  %rlkGcc©“ºe SE Ph E v 3 2 fR e “ Ev F ƒ hfR Ff bvbv E„ bƒP € pRR €PY bR E b p FP p € pP f fR Ff F‚ e ggSGPcGFcxdE`PGbaG„qESga“FC T dfSdVRwccQcWVf‰`wdeobt€WtfccSP oft€Sa‘os‚cxcV„ctvWf ¥†VFSWGbt“StPoh‰tEqpS%€ g`ae Pqbq€ € gW‡rdbSdVRtb‘haXgV„b © sE b f R b v „ p fRR b € hP e b “ gacV‚dFzovgqf`w`Pcr”ar 9 D C9B A ²¯ ­ ‰ w’VEtbGpqEV„gdccd‚VFzqvwVfdFGFc…rP… SdfVFF u T Gfd“gStfsgqf‰gcz„  „ ) ) r”“Sdjwa`rPS— bv € b fRR b € E„ p b e hP pE e‚ f R R „ f „ b e h P E R f E F P r P b e h P F € h „ € “ ‰ h E e P h p R f} R e “ b E “ p f R e “ b gaStfqph Sc˜‘Wqf`uGpd„cG„gde`xc‰d“gStfs†P`GPt“€ o‚©tE`tPohWGfqEG„g`‰d“tbsrPcsE d‘… SGP%VF¬cr”†rPohWggSGf¤¨f§ nH ¥ Š U TŠ w½¼ckU U ¦G kU  ¼ Å  ¼ ¤ U 4 r­ ‰ … } ¬) b “P c‹‚gcv V ) „ ­ † ¢ £  ‡ ½¼ckU TŠ ¤ ¬Å V ¼ ‰ Wƒ … } Å ¼ } ¼ } P” € p Tf E— p bbv f e h F E a§obgr rPSdfVFF u grcG„WStfwvr wwgSqf`P ¥†yGpdR ) „ ­ 4 £¢¡–gcr”cScr”“cWqftpoh‹hdEGFE   ‡ sE E “ r E b „ bcSdfGbdƒqba`rPqp’dEVF‰c…tPVhSSzd„SGf…PSt—Gpc‰E ¥†dFGFw‘‰‰GƒwaStPWwtcd„wrvSf ‡†dFGFw’tEGpqEq€kE jGvc©ºe SVgdg`GPuGFwcWqfSˆfF`cgrPstPh „ € „ h F E „ F f v b “ b E „ E v P ƒ E v „ p — b v E b p E v € † E v T¬ T E f R e “ E v b „ h v b P v h eoWgqRSrPqptdPWq—‰cG„E ‡†%cr”gqfqhsPj`cpgSdPtbohSx(WcSdfGbSdPwWtPjwgd‘SGP§GFcXcaWf X‰‰GƒcWccd‚XP˜tE`wdeqboh…g`PdbSSx¾ pf € h b pE F E “ h vFPv f e pP ‚ TE„ ƒ bv p bv fR e “ Ev Pv„ † v Pƒ E”—„ F F pP € f e F—f Ê © £ A ! §  ¡ 4 ! § 6 ! 4 6 ! £¥ 4 ¡ 1¥ § ¡ ) # ' § # ! £ ¡¥ # © !   ©  © §¥ £ ¡ "B&¢@509¢8&"¤7&$532(00("&&%$"¢§ ¨¦¤¢ 

§

§ ¨

T p h ERf „‚ „f I b fR e h b E “ bv h WqEWqfsrPGpdSŽc’sE Sa„ yw d„wgg‰qEjdFtcr”gdPz–tPqhwq‚h f e b p b TfR h E b E„E p h E„ bƒP b p Ev b bv b “ pR bv p € P„‚† ¦ T E bv E b E E ‘SdPctvW‹f“y# gggGetEtwPSt—Gpc‰˜StPtcWVf‰`ad„gqe‰qEGhwad„uwqVfcdR‹bgV„tbchwwtPqhSqfuaaa55aqPr€GpWGvGEd“zpwPSt—GpaG„E ‡†dFGFwv EcSdfGbSaV„gteGptE‹hwiPdFGFc‘‰‰GƒtEoh‰‹Ead„widfVFSsqv‰qEV„b ¥†%VfW‹fG““cŽ&‚§ cR m‘ca`rPSos‚c…tPWVfdF`aWVEStPG„gScaSˆf„tfsrP‘hGbG“‰E „ ƒ P b E v E „ P ƒ p “ b b v F P p h F sE F b R b € sE E v „ p — b R p F P r F h E e P v „ v h “ fq`tPohdfVF‰wv ˆ yPSt—GpaG„E ‡†qqEStPcq‚€‘w‰gwwge cqgW‹f#ddgGeqEh cw‰gR wŽcWVf‰`P ‡†g`PcV„W`wgVeŽz’ h € FE ‡ b E F p p b e pER fvf „‚ E e “ € fR „‚ pE bv E„ bƒ F f e b b—P e b E ƒ Å  ¼ ™ ˜Q ˆ ‡ Â`½¼ckU TŠ ‡ § E df‹“ b ‰ … ‰¬ … „  d Š c½¼TckU ¼ 0™ ˆ † P f„¹ Ev„ €E € bYPY pR F E ica%wa‰qEoh‰qb‘–Ps VhVbdFc`g„ StfcgdP’cr”“ ‰ … ¬ qE‰wad‚F‹aW‹f’f‘SdPqbt€WfdSagdebcd„‘%geVtbcwdF’gWwcqbwaVYtbqpSGfcVbW‹f‰d“c‘os‚cntEcgGeqEa5ca`rPc‹‚t“SrPu(T ¼ 0™ ˆ † ƒ‚Ä pEv “„ “ e € Rrf b e f pR b fRfv h‚ h„ “ F “ bR bR pR €b fv„ p € p € P h „ E v f “ b b b e b ¹ b p ‚ — ¹ b v E h P p f € b „ b ƒ € f P ” p Y e E e f v „ “ ƒg P E „ ƒ „ v P aqb‰wa„SdqRd€tbqppW‹fjgVec„dgjqbVhc„awd„w„SGf“ rPcSagwkSv tEskqƒW‘qeacWVf‰`PVFdF‹bt“WpaptfcX‰‘tcaSGf‰qE@`}F %cSdf–Gb‰ ¬acˆ‚… mftŒ € ‰ … ” ˆ † G ½¼ckU TŠ ‘ „™ † ‘ ‘ ˆ “ e ˆ ¼ ‰ ¬ ˆ … ƒ‚Ä …Ê a ‘ ‘“ € ¦’3‘ V ® Å } ¢• ‰ … V ‰ ¬ … t V ¬ ºƒ † SG“ Sdw–U gngdd`cv „ f U UT ¼ T ˆ ¦ PFF P PvP p € €E‚ I € FP p h FE b—P E “ h„ € “ F bƒ hf „ ––‰d“tbxob€ foWGP“ tfhlkcm7T’ydfdF`svq‰qEd„b ¥†FV‰c„iEGq“€SSºcr”ºqE`rPlh‹fŽVESdP‰cG„tE`dR c‚ –Ps Vh‹b@c}Fdbƒ “ gGeqEg‰g‰E ™‘SdP… tbGpcdvqbaSnH R € p R f e E €„f ¡ ›ž   š›  ›   Ÿ˜   š›ž› ¢  ™ $yc ‹˜… ˜Ž˜› Ž‘‹¡5tŽG6 5hyŽ w%” –•
¥ ¦ £ ¤ ¢   ¡

© £ A ! §  ¡ 4 ! § 6 ! 4 6 ! £¥ 4 ¡ 1¥ § ¡ ) # ' § # ! £ ¡¥ # © !   ©  © §¥ £ ¡ "B&¢@509¢8&"¤7&$532(00("&&%$"¢§ ¨¦¤¢ 

Capitolo 14

ANCORA SUL MOMENTO ANGOLARE
14.1 Composizione di momenti angolari

Per un sistema quantico costituito da N componenti, ciascuno di momento angolare li (i=1,N), spesso e il ` ˆ = li che governa le proprieta’ angolari del sistema piuttosto che i momenti momento angolare totale L angolari li dei singoli componenti. Anche nel caso di una singola particella, dotata di spin, spesso piu’ importante e la somma di momento angolare orbitale e di spin j = l + s piuttosto che i due momenti ` separatamente. Consideriamo il caso di due soli momenti angolari e discutiamo le proprieta’ della somma L = l1 + l2 2 2 rispetto alle proprieta’ dei singoli. Gli operatori l1 ,l2 ,l1z e l2z commutano e quindi hanno un insieme completo di autostati simultanei che denotiamo con |l1 m1 l2 m2 >. Gli operatori L2 , Lz , l1 edl2 commutano e quindi hanno anch’essi un insieme completo di autostati simultanei che denotiamo con |(l1 l2 )LM >. I due insiemi descrivono lo stesso spazio, cioe’ sono rappresentazioni diverse dello stesso spazio, e pertanto sono legati da una trasformazione unitaria |(l1 l2 )LM >=
m1 m2

|l1 m1 l2 m2 >< l1 m1 l2 m2 |(l1 l2 )LM >

(14.1)

I coefficienti della trasformazione vengono chiamati coefficienti di Clebsch − Gordon e sono di ampio uso in MQ. Le loro propriet´ e i lori valori si possono determinare facilmente dal fatto che formano una a 1 trasformazione ortogonale . I valori classici del momento angolare totale L sono compresi nell’intervallo |l1 − l2 | ≤ L ≤ l1 + l2 . Gli autovalori quantistici sono quantizzati ma e’ ragionevole assumere che i valori estremi siano coincidenti con quelli classici. Possiamo dare un argomento a favore di questa ipotesi. Il numero totale di autostati, nella rappresentazione disaccoppiata, e’ N = (2l1 + 1)(2l2 + 1). Nella rappresentazione accoppiata il il numero totale dev’essere lo stesso, ed in fatti, poiche’ per ogni L si hanno 2L+1 valori di M, allora
l1 +l2

N=
|l1 −l2 |

(2L + 1) =

1 [|l1 − l2 | + (l1 + l2 )] · [(l1 + l2 ) − |l1 − l2 | + 1] = (2l1 + 1)(2l2 + 1) 2

(14.2)

ricordando che per una progressione aritmetica la somma degli elementi e’ uguale al semiprodotto della somma degli elementi estremi per il numero dei termini. Questo risultato conferma l’assunzione fatta.
1i

loro valori si possono assumere reali e quindi la trasformazione unitaria diventa ortogonale

57

CAPITOLO 14. ANCORA SUL MOMENTO ANGOLARE

58

I coefficienti < l1 m1 l2 m2 |(l1 l2 )LM > di Clebsch-Gordon sono nulli eccetto che M = m1 + m2 e |l1 − l2 | ≤ L ≤ l1 + l2 . Essendo che formano una trasformazione ortogonale si ha < l1 m1 l2 m2 |(l1 l2 )LM >< l1 m1 l2 m2 |(l1 l2 )LM >= δm1 m1 δm2 m2
LM

(14.3) (14.4)

< l1 m1 l2 m2 |(l1 l2 )LM >< l1 m1 l2 m2 |(l1 l2 )L M >= δLL δM M
m1 m2

Queste proprieta’ sono fondamentali per determinare i valori dei coefficienti di Clebsch-Gordon. Particolari proprieta’ che seguono applicando l’ortogonalita’ sono le relazioni di ricorrenza
± CLM < l1 m1 l2 m2 |(l1 l2 )LM ± 1 >

= Cl1 m 1 < l 1 m 1

l2 m2 |(l1 l2 )LM > 1|(l1 l2 )LM >

(14.5)

+ Cl2 m 2 < l 1 m 1 l 2 m 2 dove
± CLM =

L(L + 1) − M (M ± 1)

(14.6)

14.2

Operatori tensoriali: teorema di Wigner-Eckart

Studiamo alcune proprieta’ generali degli operatori della MQ in relazione al loro comportamento per rotazione. Solo per fissare le idee consideriamo rotazioni spaziali. ˆ Un operatore O si chiama scalare se e’ invariante per rotazione. Un operatore scalare corrisponde ad uno scalare del calcolo vettoriale. Abbiamo visto dalle rotazioni infinitesime che l’invarianza per rotazione ˆ ˆ implica che [Li , O] = 0. Un operatore scalare non cambia il momento angolare di uno stato, infatti ˆ ˆ ˆ ˆ ˆˆ ˆ L2 (O|τ, LM >) = [L2 , O]|τ, LM > +OL2 |τ, LM >= 2 L(L + 1)(O|τ, LM >) ˆ ˆ ˆ ˆ ˆˆ ˆ Lz (O|τ, LM >) = [Lz , O]|τ, LM > +OLz |τ, LM >= M (M + 1)(O|τ, LM >) (14.7) (14.8)

Il numero quantico τ riassume gli altri numeri quantici che definiscono lo stato in considerazione. Un ˆ operatore scalare soddisfa una notevole proprieta’. In base all’azione degli operatori L± sugli autostati del momento angolare illustrata nel precedente capitolo sul momento angolare si ha ˆ < τ , LM |O|τ, LM >
1 ˆˆ = [L(L + 1) − M (M − 1)]− 2 < τ , LM |OL+ |τ, LM − 1 > 1 ˆ = [L(L + 1) − M (M − 1)]− 2 < τ , LM |L+ O|τ, LM − 1 > ˆ = < τ , LM − 1|O|τ, LM − 1 > .

(14.9) (14.10) (14.11)

cio’ mostra che gli elementi di matrice di un operatore scalare tra autostati del momento angolare non ˆ dipendono dalla proiezione del momento angolare. Ricordando inoltre che O non cambia il momento angolare dello stato, allora questi elementi di matrice sono anche diagonali in L ed M ˆ ˆ < τ , L M |O|τ, LM >= δLL δM M < τ ||OL ||τ > . (14.12)

Questo e’ il teorema di Wigner − Eckart nel caso di operatori scalari. ˆ Un insieme di tre operatori Oi formano un operatore vettoriale O se per rotazione si trasformano come ˆ ˆ ˆ U + Oi U =
j

ˆ Rij Oj

(14.13)

CAPITOLO 14. ANCORA SUL MOMENTO ANGOLARE

59

ˆ dove R e’ la matrice di rotazione (di vettori ordinari) corrispondente all’operatore di rotazione U . ˆ Analogamente agli operatori scalari, gli operatori Oi devono obbedire a specifiche regole di commutazione se devono formare un operatore vettoriale. Queste regole si determinano a partire dalle rotazioni infinitesime. Assumiamo z come asse di rotazione e δα un angolo infinitesimo, allora applicando l’Eq.(13) si ha   1 −δα 0     i ˆ O − δα [Lz , O] =  δα (14.14) 1 0 O     0 0 1 Ricordiamo che O e’ un vettore colonna e quindi la precedente equazione e’ in realta’ l’insoeme di tre equazioni. Sviluppando si ottiene facilmente (14.15) √ ˆ ˆ Dalle tre componenti cartesiane dell’operatore O si puo’ costruire l’operatore vettoriale O1 = −1/ 2[Ox + √ ˆ y ], O2 = 1/ 2[Ox − iOy ], O3 = Oz . Nel caso dello operatore di posizione r/r ≡ x/r, y /r, z /r, passando ˆ ˆ ˆ ˆ ˆ iO ˆ ˆ ˆ in coordinate polari e ricordando l’espressione delle armoniche sferiche di momento angolare l=1, l’oper(1) (1) (1) atore posizione si puo’ rappresentare nella forma Y1 (r/r), Y−1 (r/r), Y0 (r/r). In effetti le armoniche sferiche, come funzioni di operatori, formano una classe dei tensori sferici irriducibili. In particolare il vettore precedente e’ un tensore sferico di primo ordine a tre componenti. Definiamo, in generale, tensore (λ) sferico di ordine λ, Tµ , l’insieme dei 2λ + 1 operatori (−λ ≤ µ ≤ λ, dove µ varia per unita’ intere) che per rotazione si trasformano secondo la legge ˆ ˆ(λ) ˆ U + Tµ U =
µ (λ) ˆ (λ) Rµ,µ Tµ .

ˆ ˆ [Oi , Lj ] = i

ijk Ok

ˆ

(14.16)

Questa legge si traduce, come prima, in relazioni algebriche tra le componenti del tensore
± ˆ (λ) ˆ(λ) [L± , Tµ ] = Cλ,µ Tµ±1

(14.17) (14.18)

ˆ(λ) ˆ(λ) [Lz , Tµ ] = µTµ dove
± Cλ,µ =

λ(λ + 1) − µ(µ ± 1)

(14.19)

Per gli operatori tensoriali vale il teorema di Wigner-Eckart in una forma che e’ la generalizzazione dell’Eq.(11). La dimostrazione parte dagli elementi di matrice dei commutatori dell’eq.(13) tra autostati di momento angolare
± ˆ (λ) ˆ(λ) < n , L M |[L± , Tµ ]|n, LM >=< n , L M |Cλ,µ Tµ±1 |n, LM >

(14.20)

ˆ che applicando, nel membro di destra le proprieta’ degli operatori L± , si riscrive CL ,M < n , L M ˆ(λ) 1|Tµ ]|n, LM >
± ˆ(λ) = CL,M < n , L M |Tµ ]|n, LM ± 1 > ±1 ˆ(λ) + Cλ,µ < n , L M |Tµ±1 |n, LM >

(14.21) (14.22)

Questa e’ una equazione formalmente identica, cioe’ con gli stessi coefficienti, della equazione di ricorrenza per i coeffienti di Clebsch-Gordon, dimostrata nel capitolo precedente. La corrispondenza e’ tra gli

CAPITOLO 14. ANCORA SUL MOMENTO ANGOLARE

60

ˆ(λ) elementi di matrice < n , L M |Tµ±1 ]|n, LM > ed i coefficienti di Clebsch-Gordon < LM λµ|(Lλ)L M >. Ne segue che i due devono essere uguali a meno di una costante indipendente da M, M , µ. Scriviamo quindi < L M λµ|(L λ)LM > ˆ(λ) √ < n , L M |Tµ ]|n, LM >= < L ||T (λ) ||L > . 2L + 1 (14.23)

√ Il termine 2L + 1 e’ introdotto per convenienza. Tutte le proprieta’ di momento angolare dell’elemento di matrice dell’operatore tensoriale sono quindi concentrate nei coefficienti di Clebsch-Gordon, cioe’: M −M =µ |L − L | ≤ λ ≤ L + L (14.24) (14.25)

Il teorema di Wigner-Eckart ha una ampia applicazione in MQ; interviene infatti nel calcolo degli elementi di matrice di operatori di transizione di diversa multipolarita’. Per esempio si applica per calcolare le transizioni elettromagnetiche in approssimazione di dipolo, che abbiamo trattato prima, cioe’ nel calcolo degli elementi di matrice di Y1µ tra livelli elettronici. Si ha in tal caso < n l m |Y1µ |nlm >= < l m 1µ|(l 1)lm > √ < n l ||Y1 ||nl > . 2l + 1 (14.26)

con le regole di selezione m − m = µ e |l − l| = 1 (transizione di dipolo).

Capitolo 2

STATI E VARIABILI DINAMICHE IN MECCANICA QUANTISTICA
2.1 Stati di un sistema quantico come vettori dello spazio di Hilbert

Nei capitoli successivi vedremo le leggi della MQ, ma prima dobbiamo fissarne il formalismo, che abbiamo gi` iniziato a descrivere nel paragrafo precedente per il caso dell’esperimento di Stern-Gerlach. In generale a un esperimento fisico ` finalizzato a misurare una osservabile (per esempio stato di polarizzazione di una e sorgente di atomi paramagnetici). L’apparato sperimentale ` formato da una sorgente S che prepara e il sistema fisico in uno stato definito, un opportuno dispositivo con cui il sistema interagisce (campo magnetico, targhetta,...) ed una serie di rivelatori che definiscono tutti e soli gli stati finali in cui il sistema viene osservato. L’esperimento viene ripetuto N volte, nel modo in cui si ` discusso prima, ed e il risultato finale ` costituito dal numero di conteggi Nn su ciascun rivelatore n-imo e dalla rispettiva e probabilit` Pn = Nn /N . Qualunque sia lo stato iniziale, lo spettro degli stati finali ` sempre lo stesso; a e al contrario la distribuzione delle probabilit` Pn fra gli stati di rivelazione dipende in maniera essenziale a dallo stato iniziale. In forza del principio di sovrapposizione possiamo associare agli stati del sistema quantico i vettori di uno spazio lineare astratto (spazio di Hilbert). L’insieme dei suoi vettori di base ` costituito da tutti e i possibili stati in cui il sistema si viene a trovare dopo una misura. Questi vettori formano un insieme completo ortonormale. La completezza implica che uno stato qualunque |ψ > del sistema preparato dalla sorgente S possa scriversi come sovrapposizione lineare dei vettori di base |ψ >=
n

An |n >

(2.1)

e l’ortonormalit` dalla relazione a < n|m >= δn,m (2.2)

dove il simbolo δn,m ` la delta di Kronecker. L’ortogonalit` dei vettori di base riflette l’incompatibilit` e a a dei rispettivi stati di rivelazione. Per esempio nel caso dello Stern e Gerlach con atomi di argento, se la sorgente prepara atomi polarizzati ↑ (per esempio atomi uscenti da un precedente Stern & Gerlach, dove la componente ↓ ´ stata soppressa) si avranno atomi solo nel rivelatore corrispondente alla polarizzazione e 9

CAPITOLO 2. STATI E VARIABILI DINAMICHE IN MECCANICA QUANTISTICA

10

↑, come espresso dalla Eq.(1.23). I coefficienti di sovrapposizione An sono fissati (a meno di un fattore di fase) dalle probabilit` Pn associate al numero dei conteggi Nn ottenuti in un insieme di misure, cio` a e Pn = |An |2 = | < n|ψ > |2 (2.3)

Va sottolineato che stati di rivelazione e probabilit` associate sono definiti da operazioni di misura. Quello a che ancora resta da determinare ` la fase delle ampiezze di probabilit`. e a

2.2

Osservabili fisiche come operatori nello spazio di Hilbert

La completezza degli stati |n > si pu` esprimere in forma simbolica nel modo seguente: consideriamo il o modulo quadro dello stato |ψ > dell’ Eq. (2.1) e applichiamo la Eq. (2.3) < ψ|ψ >=
n

< ψ|n >< n|ψ >=
n

< ψ|Pn |ψ >= 1

(2.4)

Pn = |n >< n|

(2.5)

Il simbolo Pn , applicato ad un vettore di stato |φ >, lo proietta nello stato |n >, e quindi stabilisce una corrispondenza tra vettori dello spazio di Hilbert. Una corrispondenza ` quello che chiamiamo operatore: e quindi Pn ` un operatore. Siccome Pn trasforma uno stato qualunque nello stato |n > viene chiamato e operatore di proiezione. Sommando su tutti gli stati di base si ottiene dall’Eq. (2.4) Pn = I
n

(2.6)

dove I rappresenta l’operatore identit`, che trasforma uno stato in s´ stesso. L’Eq.(2.6) ` un modo di a e e esprimere formalmente il fatto che gli stati |n > formano un insieme completo ortonormale. L’Eq. (2.6) rappresenta non l’unica ma solo una possibile realizzazione dell’operatore identit`, come vedremo in a seguito. Tornando alla descrizione dei dati sperimentali, un apparato ` generalmente finalizzato a misurare e una osservabile fisica O. Ad ogni rivelatore ` associato uno stato |n > a cui corrisponde un valore definito e per l’osservabile, che chiamiamo On . Ripetendo l’esperimento un gran numero N di volte abbiamo tutto lo spettro dei possibili valori O1 , O2 , .., On , .., con le rispettive probabilit` P1 , P2 , ..., Pn , ... Lo spettro dei a valori, che O puo prendere, non dipende dallo stato |ψ > di preparazione della sorgente, ma vi dipendono le rispettive probabilit`. A causa di questo comportamento probabilistico del sistema dobbiamo invocare a gli ingredienti della statistica per descrivere i fenomeni osservati e i risultati di misura. Primo di tutti il valor medio dell’osservabile O. Adoperando il formalismo sinora sviluppato e la definizione di valor medio, si ha < O >=
n

On |An |2 =
n

< ψ|n > On < n|ψ >=< ψ|(
n

On Pn )|ψ >

(2.7)

La quantit` in parentesi ` la somma degli operatori di proiezione sui singoli stati di rivelazione della a e osservabile O ciascuno moltiplicato per il corrispettivo valore On associato al rivelatore n-imo. Questa quantit` definisce un operatore O che associamo alla variabile dinamica O. a O=
n

O n Pn

(2.8)

CAPITOLO 2. STATI E VARIABILI DINAMICHE IN MECCANICA QUANTISTICA

11

In questo modo abbiamo introdotto l’operatore corrispondente alla osservabile O nella forma di rappresentazione spettrale di O. Il valor medio si scrive quindi < O >=< ψ|O|ψ > (2.9)

Altri valori medi associati ai risultati di misura si possono scrivere in maniera altrettanto semplice nel formalismo di Dirac. Un valor medio particolarmente importante ` lo scarto quadratico medio della e osservabile O: (∆O)2 =
n

(On − < O >)2 |An |2 =< ψ|(O− < ψ|O|ψ >)2 |ψ >

(2.10)

2.3

Propriet` generali di stati e osservabili fisiche a

Una volta associato un operatore O nello spazio di Hilbert alla osservabile O, i risultati di misura On ed i rispettivi vettori |n > acquistano il significato di autovalori ed autovettori, rispettivamente, dell’operatore O. Infatti si ha O|k >=
n

On |n >< n|k >=
n

On δnk = |k > Ok

(2.11)

o anche O|Ok >= |Ok > Ok (2.12)

che ` l’equazione agli autovalori per l’operatore O. Siccome i valori assunti dalla osservabile O sono e numeri reali l’operatore corrispondente deve essere un operatore autoaggiunto. Definiamo l’aggiunto di un operatore nel modo seguente < ψ|O+ |φ >=< φ|O|ψ > (2.13)

∗ il che equivale a scambiare On con On nell’Eq. (2.8). Se gli autovalori sono numeri reali O = O+ e l’operatore si dice autoaggiunto. Una ulteriore condizione perch´ un operatore possa rappresentare una e osservabile fisica ` che i suoi autostati formano un insieme completo di stati. Infatti se cos` non fosse, ci e ı sarebbero degli stati che non possono essere espressi come sovrapposizione lineare degli autostati di O e quindi per questi stati quella osservabile non potrebbe essere misurata. Il carattere operatoriale delle osservabili in MQ solleva un problema di enorme importanza. Se gli operatori A e B corrispondenti a due osservabili hanno un insieme completo di autostati simultanei allora essi commutano. Infatti scrivendo le rispettive equazioni agli autovalori

A|An Bm >= |An Bm > An B|An Bm >= |An Bm > Bm moltiplicando la prima per B e la seconda per A e sottraendo membro a membro otteniamo (BA − AB)|An Bm >= |An Bm > (Bm An − An Bn ) = 0

(2.14) (2.15)

(2.16)

poich´ i rispettivi autovalori commutano essendo numeri. In generale i due operatori, che non commutano, e sono incompatibili,cio` non si possono assegnare simultaneamente valori definiti per le corrispondenti e

CAPITOLO 2. STATI E VARIABILI DINAMICHE IN MECCANICA QUANTISTICA

12

osservabili. Questo succede per la coppia posizione ed impulso di una particella, per le componenti del momento angolare, etc. In conclusione, nel formalismo della MQ gli stati di un sistema quantico vengono descritti da vettori dello spazio di Hilbert e le osservabili fisiche da operatori autoaggiunti. I loro autovalori rappresentano tutti e soli i possibili risultati di misura ed i corrispondenti autostati gli stati di rivelazione. Il carattere operatoriale delle osservabili fisiche solleva il problema della commutativit` fra le osservabili fisiche. a

Capitolo 3

TRASLAZIONI SPAZIALI
3.1 Operatore di posizione e funzione d’onda

Supponiamo di effettuare delle misure di posizione di un sistema quantico preparato dalla sorgente S nello stato |ψ >. Ripetendo l’esperimento troveremo il sistema nella posizione r con probabilit` | < r|ψ > |2 . a In base al principio di sovrapposizione scriveremo |ψ >= d3 r ψ(r) |r > (3.1)

La funzione ψ(r) =< r|ψ > ` una ampiezza di probabilit` speciale e prende il nome di funzione d’onda. e a Il calcolo della funzione d’onda di un sistema quantico ` uno degli obbiettivi fondamentali della meccanica e quantistica. Per esempio la funzione d’onda di un elettrone interagente col nucleo atomico, di una particella collidente su una targhetta, di un atomo in uno stato condensato e via dicendo. L’Eq. (3.1) non differisce dall’Eq. (2.1) se non per il fatto che in quel caso gli autovalori della osservabile formavano un spettro discreto mentre ora formano uno spettro continuo. Quindi la somma va sostituita dall’integrale. Si trova che lo spettro dei valori (autovalori) dell’operatore di posizione coincide con quello della meccanica classica: un sistema quantico ` localizzabile in qualunque punto, compatibilmente con i e vincoli esterni. In virt` dell’ipotesi di localizzabilit` possiamo assumere che la posizione di un corpo sia una variabile u a dinamica anche in meccanica quantistica e che quindi possa rappresentarsi come operatore autoaggiunto r i cui autostati siano gli stati in cui il sistema possa essere misurato, cio` e r |r >= |r > r (3.2)

dove r sono gli autovalori, cio` le possibili posizioni nello spazio in cui il sistema viene rivelato una volta e sottoposto ad osservazione. Gli autostati formano uno spettro completo, quindi un qualunque stato del sistema |ψ > si pu` o esprimere come sovrapposizione degli autostati di r ,d’accordo con l’Eq. (3.1). Autostati di r appartenenti ad autovalori diversi sono ortogonali,cio` < r |r >= 0 per r = r . Cosa succede nel caso r = r ? e Proiettiamo l’Eq. (3.1) sullo stato |r > < r |ψ > = = d3 rψ(r) < r |r > ψ(r ) 13 d3 r < r |r > (3.3)

CAPITOLO 3. TRASLAZIONI SPAZIALI

14

Nel secondo passaggio abbiamo applicato il fatto che il solo contributo viene dal punto r = r . L’integrale che resta deve essere finito, in particolare uguale ad 1. Affinch` ci´ accada l’integrando dev’essere infinito. e o Una possibile realizzazione di questo comportamento si ottiene mediante la funzione a gradino: f (x) 1 2L = 0 = se |x| ≤ L se |x| > L (3.4)

che per L → 0 tende all’infinito ma nello stesso tempo mantiene uguale ad 1 l’area del gradino. Questa

Figura 3.1: Funzione gradino. Al limite per L → 0 diventa una funzione δ di Dirac. funzione ` in realt` un funzionale e prende il nome di δ di Dirac. e a Dobbiamo osservare che l’operatore autoaggiunto r ` in realt` un operatore vettoriale, cioe l’insieme e a di tre operatori, cio` x,y e z, tanti quanti sono necessari per localizzare nello spazio un corpo (si potevano e anche scegliere per es. le coordinate polari o cilindriche). I tre operatori di posizione sono compatibili tra di loro nel senso che sono simultaneamente misurabili, ipotesi implicita nella assunzione di localizzabilit`. a Questo implica che essi commutano l’un l’altro [x, y] = [x, z] = [y, z] = 0 (3.5)

Gli stati |r >= |x , y , z > sono quindi autostati simultanei dei tre operatori x, y, z appartenenti agli autovalori x , y , z rispettivamente, cio` e x |x , y , z >= |x , y , z > x y |x , y , z >= |x , y , z > y z |x , y , z >= |x , y , z > z (3.6) (3.7) (3.8)

Ribadiamo che l’ipotesi che le tre componenti dell’operatore ˜ commutano discende dall’ipotesi di lor calizzabilit` dei sistemi quantici. Il che non ` ovvio, perch` ad esempio vedremo che le componenti del a e e momento angolare non commutano tra di loro, quindi non sono simultaneamente misurabili.

3.2

Traslazioni spaziali ed operatore impulso

Siamo ora nelle condizioni di costruire l’operatore di traslazione spaziale. Effettuiamo una traslazione rigida del nostro sistema del vettore −a nel riferimento O. Questa operazione ` equivalente a traslare e

CAPITOLO 3. TRASLAZIONI SPAZIALI

15

/ a

O

O’

/ r0

Figura 3.2: La distribuzione di probabilit` ψ(r) ´ la stessa per O ed O’, ma per esempio il massimo che a e O vede in r0 O’ lo vede in r0 − a. il riferimento O di a, che sposta l’origine da O in O’. Se non intervengono cause esterne che possano modificare l’omogeneit` dello spazio, le propriet` del sistema restano invariate per traslazione rigida, in a a particolare la funzione d’onda traslata ` uguale a quella non traslata, quindi come ` illustrato in Fig. (3.2) e e si ha ψa (r − a) = ψ(r) (3.9)

dove con |ψa > abbiamo indicato il vettore di stato traslato. La traslazione genera una corrispondenza biunivoca fra vettori di stato dello spazio di Hilbert e quindi sar` descritta in meccanica quantistica da a un operatore Ua . In particolare per gli stati di posizione si ha Ua |r >= |r − a > (3.10)

A causa della invarianza delle ampiezze di probabilit`, Eq. (3.9), Ua ` un operatore unitario, infatti a e ψ(r) = ψa (r − a) =< r − a|Ua |ψ >=< r|U+ Ua |ψ > a (3.11)

che unita al requisito di esistenza dell’operatore inverso U−1 = U−a porta alla propriet` che definisce un a a operatore unitario Ua U+ = U+ Ua = 1 a a (3.12)

L’esistenza dell’operatore inverso ` garantita dal fatto che una traslazione del vettore a seguita da una e traslazione del vettore −a riporta il sistema nella posizione iniziale, quindi Ua U−a = 1. Ne segue che U−a = U−1 . a Possiamo anche introdurre le traslazioni infinitesime assumendo a2 a, perch` comunque una e traslazione finita si pu` sempre ottenere da una serie infinita di traslazioni infinitesime e queste ulo time sono pi` facili da studiare. Sviluppando l’ Eq.(3.9) (con r + a al posto di r) in serie fino al primo u ordine si ha < r|Ua |ψ >= ψa (r) = ψ(r + a) = ψ(r) + a · da cui Ua = 1 + i a·p ˜ (3.14) ψ (3.13)

avendo introdotto l’operatore p che gode della propriet` a < r|p|ψ >= i ψ (3.15)

CAPITOLO 3. TRASLAZIONI SPAZIALI e nel caso in cui |ψ >≡ |r > < r|˜ |r >= p i < r|r >= i δ(r − r )

16

(3.16)

L’operatore p prende il nome di generatore della traslazione e risulta autoaggiunto in virt` del carattere u unitario di U˜ e per l’introduzione dell’unit` immaginaria i. La costante = h/2π, che ha le dimensioni a a di una azione, viene introdotta qui per rendere adimensionato il prodotto p · a, che ha anche le dimensioni di una azione. Ma vedremo in seguito che h va identificata con la costante di Plank. In analogia con il caso classico in cui il generatore delle trasformazioni canoniche infinitesime corrispondenti alle traslazioni spaziali risulta l’impulso totale del sistema, ora identifichiamo il generatore delle trasformazioni unitarie infinitesime che descrivono in MQ le traslazioni spaziali con l’osservabile impulso della MQ. Una traslazione finita puo essere ottenuta come una successione di traslazioni infinitesime applicando la legge di composizione: Ua = = = Ua1 Ua2 · · · UaN e e
i i

(3.17) e
i

a1 ·˜ p a·˜ p

e

i

a2 ·˜ p

aN ·˜ p

(3.18) (3.19)

dove ai (i = 1, N → ∞) sono traslazioni infinitesime tali che ai = a. Dalla Eq. (3.15) costatiamo che l’azione dell’operatore impulso sugli stati nella rappresentazione delle coordinate diagonali, cio` sulle funzioni d’onda del tipo ψ(r), ` quella del gradiente. Possiamo quindi e e scrivere l’equazione agli autovalori per l’operatore impulso nella rappresentazione delle coordinate i ψp (r) = p ψp (r) (3.20)

dove p ` l’autovalore corrispondente all’autofunzione ψp (r). Quest’ultima rappresenta la funzione d’onda e di una particella d’impulso definito p , cio` una particella libera. L’equazione precedente ` una equazione e e differenziale omogenea del primo ordine la cui soluzione generale ` e ψp (r) = ( 1 3 i p ·r ) e 2π (3.21)

La soluzione esiste per ogni autovalore dell’impulso p e quindi una particella libera pu` avere qualunque o impulso come nel caso classico. La costante ` stata fissata in modo da normalizzare opportunamente lo e stato del sistema. Mentre la funzione d’onda dipende dalla posizione, il suo modulo quadro ` costante in e tutto lo spazio, cio` la probabilit` di trovare una particella d’impulso definito ` la stessa in tutti i punti e a e dello spazio. La particella ` quindi completamente delocalizzata. Naturalmente questa ` una situazione e e ideale poich` non ` possibile preparare un sistema in uno stato con impulso perfettamente definito. In e e base al principio di sovrapposizione un sistema pu` trovarsi nello stesso tempo in pi` stati d’impulso o u il che consente al sistema di trovarsi in una regione limitata dello spazio. Infatti se l’impulso ` definito e ip·r/ entro un certo intervallo di valori, allora possiamo sovrapporre le funzioni d’onda e di quell’intervallo d’impulsi per avere la funzione d’onda del sistema (pacchetto d’onde) ψ(r) = cost · dp e
i

r·p

cp

(3.22)

Questa funzione d’onda ` piu o meno localizzata nello spazio a seconda della forma della funzione peso e c(p) .

CAPITOLO 3. TRASLAZIONI SPAZIALI

17

Possiamo considerare anche l’equazione agli autovalori per l’operatore p2 /2m, che vedremo in seguito corrispondere alla energia cinetica di una particella libera. E’ una propriet` generale che una funzione a f (O) di un operatore O ha come autostati gli stessi autostati dell’operatore e come autovalori la funzione f (Oi ) degli autovalori Oi dell’operatore O. Ne segue che p2 p |p >= |p > 2m 2m o nella rappresentazione delle coordinate
2 2

2

2m

ψp = ψp

p 2m

2

(3.23)

Quindi le onde piane sono anche autostati della Hamiltoniana di una particella libera. Una situazione pi` realistica ` quella di una particella libera ma vincolata entro un volume finito. Basti pensare ad un u e gas ideale contenuto in un volume V. In questo caso l’equazione agli autovalori dev’essere risolta con la condizione che la funzione d’onda al di fuori del volume in cui la particella ` contenuta sia nulla. e Consideriamo per semplicit` il caso unidimensionale in cui la particella ` costretta a stare in un segmento a e |q| < L. Le soluzione della Eq. (3.21) devono allora soddisfare le condizioni ψ(−L) = ψ(L) = 0 (3.24)

Separiamo prima la parte reale dalla parte immaginaria dell’equazione agli autovalori. Ci` facendo ci o ritroviamo con due equazioni accoppiate che possono essere disaccoppiate passando alle derivate seconde. Alla fine parte reale e parte immaginaria di ψ soddisfano entrambe ad una equazione della forma della (3.23). La soluzione generale sar` una combinazione lineare di due soluzioni particolari, che sono le a funzioni seno e coseno, quindi ψ(q) = u cos(kq) + v sin(kq) (k ≡ Le condizioni al contorno sono soddisfatte dalle soluzioni i) ψn (q) = cost · cos(kn q) kn = (2n + 1)π 2L nπ L (3.26) p ) (3.25)

ii) ψn (q) = cost · sin(kn q)

kn =

(3.27)

con n intero. Incontriamo qui per la prima volta il caso in cui l’impulso e quindi l’energia En =
2 2 kn

2m

(3.28)

sono quantizzati come conseguenza del fatto che il sistema ` confinato in una regione limitata dello e spazio. Vedremo che questa ` una propriet` generale dei sistemi quantici che si trovano localizzati in e a una regione limitata dello spazio, cio` in uno stato legato. Dalle equazioni (27) e (28) risulta che lo e stato di impulso pi` basso si ha per n=1 ed ` proporzionale ad 1/L. Al limite per L molto grande lo u e spettro ` praticamente continuo, mentre per L molto piccolo il primo valore d’impulso ´ molto grande. e e Questo propriet` importante nello studio delle nanostrutture, dove appunto solo particelle con impulsi a molto elevati posso muoversi.

CAPITOLO 3. TRASLAZIONI SPAZIALI

18

3.3

Relazioni di indeterminazione di Heisenberg

Gli operatori p e r non commutano, il ch` ha profonde implicazioni sulle propriet` delle rispettive variabili e a dinamiche. Ricaviamo prima le regole di commutazione. Effettuiamo una traslazione infinitesima sulla osservabile r. L’osservabile traslata ra si pu` determinare in due modi. Primo: o Ua rU† |r >= Ua r|r + a >= Ua |r + a > (r + a) = |r > (r + a) = (r + a)|r > a da cui segue che Ua rU† = r + a; a secondo: Ua rU† = (1 + a i a · p)r(1 − i a · p)r = r + 1 [a · p, r] (3.30) (3.31) (3.29)

Combinando i due risultati, si ottiene a = i [a · p, r], ossia [x, px ] = [y, py ] = [z, pz ] = i [x, py ] = [x, pz ] = [y, px ] = · · · = 0 (3.32) (3.33)

Quindi componenti di posizione ed impulso nella stessa direzione non commutano e pertanto non possono possedere un insieme completo di autostati simultanei, per cui le rispettive variabili dinamiche non sono simultaneamente misurabili. La nozione di stato della meccanica classica quindi viene confutata dalla meccanica quantistica. Precisiamo che il fatto di non essere simultaneamente misurabili significa per` o che non si possono misurare con precisione assoluta, ma solo con una certa indeterminazione. Vedremo ora che questa indeterminazione ` fissata dalle propriet` di commutazione appena derivate. I limiti e a della simultanea misurabilit` di posizione e impulso prendono il nome di relazioni di indeterminazione di a Heisenberg, che andiamo a dimostrare. Consideriamo un sistema quantico che si trova nello stato [ψ > normalizzato ad uno. Siano q0 e p0 posizione ed impulso medio, rispettivamente ( ` sufficiente trattare il caso unidimensionale). Definiamo e |ψq >= (q − q0 )|ψ > Dalle regole di commutazione segue 2iIm < ψq |ψp >=< ψq |ψp > − < ψp |ψq >=< ψ|[q − q0 , p − p0 ] >= i da cui Im < ψq |ψp >= 2 (3.36) (3.35) |ψp >= (p − p0 )|ψ > (3.34)

Ricordando che la parte immaginaria di un numero complesso ` minore o uguale al suo modulo, applicando e la diseguglianza di Schwartz si ha Im < ψq |ψp >≤ | < ψq |ψp > | ≤ ||ψq > | · ||ψp > | = < ψq |ψq > < ψp |ψp > (3.37)

Interpretiamo le quantit` in parentesi. Inserendo dentro ciascuna ampiezza una risoluzione dell’identit` a a in termini di autostati di coordinate e di autostati d’impulso, rispettivamente, si ha < ψq |ψq >= (q − q0 )2 | < q |ψ > |2 ≡ (∆q)2 (3.38)

CAPITOLO 3. TRASLAZIONI SPAZIALI < ψp |ψp >= (p − p0 )2 | < p |ψ > |2 ≡ (∆p)2

19 (3.39)

Le due grandezze rappresentano gli scarti quadratici medi di posizione ed impulso, rispettivamente. Da (3.37) e (3.38) in definitiva abbiamo ∆q∆p ≥ /2 (3.40)

Questa diseguaglianza esprime il principio di indeterminazione di Heisenberg che stabilisce precisi limiti alla accuratezza con cui possiamo misurare simultaneamente posizione ed impulso di un sistema quantico. Il suo contenuto ` in netto contrasto con la nozione classica di stato, che ` appunto basata sul fatto che e e posizione ed impulso di una particella possono essere assegnati simultaneamente. Due casi estremi si presentano: la posizione del sistema ` ben definita, cio` ∆q = 0, allora il suo impulso ` assolutamente e e e indeterminato, in altri termini ∆p = ∞ e viceversa se il suo impulso ` perfettamente determinato come e nel caso delle onde piane allora il sistema ` completamente delocalizzato, cio` ∆q = ∞. e e Possiamo illustrare il principio di indeterminazione con svariati esempi come nella diffrazione da una fenditura, oppure nella costruzione di un pacchetto d’onde. Si pu` anche mostrare che, se |ψ > ` una o e funzione d’onda gaussiana l’Eq. (3.41) vale con il segno di uguaglianza e quindi ad uno stato descritto da una funzione d’onda gaussiana corrisponde la minima indeterminazione nella assegnazione simultanea di coordinate ed impulsi. Una istruttiva applicazione del principio d’indeterminazione riguarda la stabilit` dell’atomo. Uno a dei problemi della fisica classica era la sua incompatibilit` con l’atomo di Rutherford . Infatti dal a punto di vista classico un elettrone non pu` mantenersi in un’orbita stazionariae attorno al nucleo, o perch´, in quanto particella carica, variando la sua velocit` dovrebbe emettere onde elettromagnetiche e a e, spiralizzando attorno al nucleo da cui ` attratto, dovrebbe cadere su di esso. Ma ci` non accade. Il e o principio d’indeterminazione ci da una giustificazione qualitativa: infatti, cadendo nel nucleo l’elettrone avrebbe una posizione localizzata sul nucleo e nello stesso tempo perdendo energia finirebbe con l’avere anche impulso anche definito, cio` nullo, contro il principio di indeterminazione. Quello che succede ` che e e l’elettrone va ad occupare uno stato in cui posizione ed impulso sono tali che l’energia totale (cinetica e potenziale) ` la minima possibile compatibilmente con il principio d’indeterminazione. Assumendo che lo e stato dell’elettrone corrisponda alla minima indeterminazione possibile per cui ∆q∆p = /2 ` possibile e stimare il raggio dell’atomo d’idrogeno. Intanto, poich` il potenziale coulombiano generato dal nucleo ` e e a simmetria sferica, la funzione d’onda dell’elettrone nello stato di minima energia dev’essere sferica e la posizione media dell’elettrone deve coincidere con il centro della sfera e quindi con il nucleo stesso posto nell’origine, cio` q0 = 0. Inoltre anche l’impulso medio deve essere nullo altrimenti l’elettrone col tempo e si allontanerebbe dal nucleo. Calcoliamo l’energia media < H >= < ψ|p2 |ψ > e2 − < ψ| |ψ > 2m r (3.41)

dove e ` la carica dell’elettrone ed anche del nucleo (protone). Definiamo < 1/r >= 1/r, inoltre < p2 >= e (∆p)2 . Assumiamo inoltre che ∆r ≈ r. Dalle relazioni di indeterminazione allora segue ∆p = 2∆r r0 (3.42)

dove abbiamo trascurato il fattore due in questa analisi semiqualitativa. Sostituendo questa espressione nell’energia media restiamo con una funzione di r. Lo stato fondamtentale ` quello di minima energia e per cui uguagliando a zero la derivata determiniamo il raggio dell’elettrone nello stato fondamentale. Si trova subito
2

r0 =

me2

(3.43)

CAPITOLO 3. TRASLAZIONI SPAZIALI

20

Questa ` l’espressione del raggio dell’elettrone nell’atomo di idrogeno, che viene anche ottenuta risolvendo e esattamente l’equazione di Schr¨dinger per l’atomo di idrogeno. r0 viene chiamato raggio di Bohr. o

Capitolo 4

DESCRIZIONE QUANTISTICA DI FENOMENI ELEMENTARI
Ci occupiamo qui di applicare il principio di sovrapposizione a semplici sistemi fisici. La periodicit` a spaziale degli eventi coinvolti in questi esperimenti ci consente di applicare anche le propriet` quantisa tiche delle traslazioni nello spazio. I sistemi di cui ci occupiamo sono reticoli cristallini, che offrono un laboratorio naturale per gli esperimenti di interferenza di particelle. Diffrazione da cristalli ` ottenibile e ˙ con raggi X poich` questi hanno lunghezze d’onda confrontabile con la spaziatura reticolare D ≈ 1A. e Ci chiediamo quanta energia occorre ad un elettrone per avere una lunghezza d’onda di un Angstrom. Partendo dalla Eq.(1.7) di de Broglie, rimpiazziamo la velocit´ dell’elettrone con la sua energia cinetica a T (al limite non relativistico). Si ottiene λ= h hc =√ . 2mv 2mc2 T (4.1)

dove m ` la massa dell’elettrone ≈ 0.5 · 103 eV e T ` misurata in eV. La costante di Planck vale e e h = 6.2410−16 eV · sec Risulta facilmente 12 λ≈ √ T (4.2)

(4.3)

quindi, per avere una lunghezza d’onda di un Angstrom, l’energia cinetica dev’essere dell’ordine di 144 eV .

4.1

Esperimento di Young

Riprendiamo l’esperimento di Young delle due fenditure. Il fascio emesso dalla sorgente potr` essere a costituito di fotoni, elettroni, neutroni o altro. Ciascuna particella emessa viaggia con impulso costante p, quindi si trova il uno stato di onda piana |p >. La particella attraversa o la fenditura F1 o la fenditura F2 cambiando direzione. Lo stato finale ` ancora descrivibile asintoticamente con un’onda piana |p > e con p = p ma in una direzione che forma un’angolo θ con la direzione di incidenza(vedi Fig.4.1). Il cambiamento di stato della particella nell’attraversare una o l’altra delle due fenditure si pu` imputare o ad un operatore A per cui la probabilit` di attraversamento della singola fenditura ` data da a e P0 (x) = |A(x)|2 = | < p|A|p > |2 , 21 (4.4)

CAPITOLO 4. DESCRIZIONE QUANTISTICA DI FENOMENI ELEMENTARI

22

ˆ u

/ p′
θ

{

/ p
Figura 4.1: Schema dell’esperimento di Young. Vedi anche Fig. 1.1 dove x ` il punto sullo schermo nella direzione di p . La natura di A non ` importante in questo contesto. e e Le due fenditure sono uguali ma spostate l’una rispetto all’altra di D nella direzione u ortogonale a quella ˆ di incidenza, quindi le due ampiezze di probabilit` differiscono per una semplice traslazione di D. Se a chiamiamo una A(x), come appare nell’Eq. (1), l’altra sar` data da a AD (x) = < p|U+ AUD |p > D = = < p|e
− i pu D

(4.5) |p > , (4.6) (4.7)

Ae
i

i

pu D

< p|A|p > e

p Dsinθ

dove pu ` l’operatore impulso che genera una traslazione nella direzione u ortogonale alla direzione e ˆ dell’impulso delle particelle incidenti e quindi pu |p >= 0 pu |p >= |p > p sinθ . (4.8)

Una volta note le due ampiezze A(x) e AD (x) il principio di sovrapposizione impone che, quando entrambe le fenditure sono aperte, l’ampiezza totale sia la somma delle ampiezze e la probabilit` che la particella a raggiunga il punto x sullo schermo ` e P (x) = | < p|A|p > + < p|A|p > e = P0 (x)|1 + e
i i

pDsinθ 2

|

(4.9) (4.10) (4.11)

pDsinθ 2

|

= 4 P0 (x) cos2 ( pDsinθ/2) ,

i

che coincide con l’Eq. (1.4). In effetti P0 (x) non dipende da x e (quindi dall’angolo) poich`, se la fenditura e ` puntiforme, la particella prende con uguale probabilit` qualunque direzione (nel caso di diffrazione da e a singola fenditura).

4.2

Reticolo di diffrazione

Il reticolo di diffrazione ` la idealizzazione unidimensionale della superficie di un cristallo fatta di atoe mi equidistanziati. La distanza D fra due atomi, detta anche passo rerticolare, ` confrontabile con la e lunghezza d’onda di elettroni di poche centinaia di elettronvolt. Questo fatto consent` di rivelare per la ı prima volta l’interferenza di elettroni (diffrazione di Davisson e Germer,1927), che non si pu` ottenere o con le due fenditure dove la distanza non si pu` tecnicamente rendere cos` piccola come D. o ı Consideriamo una serie di N centri diffusori (N dell’ordine di grandezza del numero di Avogadro) disposti lungo la direzione u ad egual distanza D l’uno dall’altro. Questi costituiscono una idealizzazione ˆ

CAPITOLO 4. DESCRIZIONE QUANTISTICA DI FENOMENI ELEMENTARI

23

/ p

/ p′

ϑ
Figura 4.2: Diffrazione alla Bragg.

D

di un reticolo unidimensionale di passo reticolare D. Un fascio di particelle (una alla volta) incide sul reticolo e, dopo diffusione elastica (|p | = |p|) da uno dei centri diffusori, viene diffratto in una certa direzione. Vogliamo calcolare la probabilit´ di diffusione all’angolo θ. Il fenomeno ` simile a quello di a e Young eccetto che, invece di avere interferenza da due fenditure, abbiamo interferenza da molteplici centri diffusori. Chiamiamo < p|An |p > l’ampiezza di diffusione dal centro diffusore n-imo. Ancora una volta le ampiezze di diffusione di due centri contigui differiscono per una traslazione di D. Generalizzando l’Eq. (4.7) ad N centri diffusori abbiamo P (x) = P0 (x)[1 + e
i

pDsinθ

+e

i

p2Dsinθ

+e

i

p3Dsinθ

+ · · ·|2 ,

(4.12)

essendo N · D = L ed L lunghezza del reticolo(L i pDsinθ si ottiene P (x) = P0

D). Sommando la successione di ragione ∆φ =

sin2 [N ∆φ/2] . sin2 [∆φ/2]

(4.13)

Invece di mettere in evidenza la probabilit` associata all diffusione da un singolo centro, mettiamo in a evidenza la probabilit` massima che si ottiene per θ = 0(o x = 0). Si ha facilmente a P (x) = P (0) sin2 (N ∆φ/2) (N ∆φ/2)2 (4.14)

Questa espresione ` una generalizzazione dell’Eq. (4.11) a cui si riduce per N=2. Si vede facilmente che e l’interferenza da molteplici centri diffusori esalta l’entit˜ del fenomeno. a

4.3

Riflessione da doppio strato

Consideriamo un fascio di elettroni di impulso p che incidono sulla superficie di un cristallo. Gli elettroni si possono riflettere sul primo piano reticolare o, se hanno sufficiente energia, possono riflettersi sul secondo. Ogni elettrone emergente con impulso p viene o dal primo o dal secondo strato di ioni, come illustrato in Fig. (4.2). Per determinare la probabilit` dell’elettrone con impulso p dobbiamo applicare il principio a di sovrapposizione delle ampiezze P (θ) = | < p|A|p > + < p|U† AUs |p > |2 s (4.15)

poich` i due eventi differiscono solo per una traslazione s, come indicata in figura. Applicando le due e equazioni agli autovalori (p · s) |p > = |p > p D sinθ (p · s) |p > = |p > p D sinθ, (4.16) (4.17)

CAPITOLO 4. DESCRIZIONE QUANTISTICA DI FENOMENI ELEMENTARI
θ π−θ

24

θ π−θ

Figura 4.3: Diffusione di particelle identiche.Sopra: indistinguibili

particelle distinguibili.

Sotto:

particelle

nella equazione precedente, dopo un p` di trigonometria si arriva a o P (θ) = P0 (θ)|1 + e
2i

pDsin[θ] 2

| .

(4.18)

I massimi di inteferenza si hanno per 2Dsinθ = nλ, dove n ` un numero intero e λ = h , in accordo alla e p relazione di de Broglie, Eq. (1.7). Questa legge coincide con la legge di Bragg per la diffrazione di raggi X da un cristallo.

4.4

Diffusione di particelle identiche

In meccanica classica due particelle identiche sono distinguibili poich` possone essere sempre seguite e nelle rispettive traiettorie. La MQ mette in crisi il concetto di traiettoria e quindi anche il concetto di distinguibilit` di particelle identiche. Le conseguenze di ci` sono profonde sia nella fisica atomica e a o subatomica che nella fisica di molte particelle. Due particelle collidono elasticamente. Nel riferimento del centro di massa la collisione, vista classicamente, cio` adoperando il concetto di traiettoria, si presenta e come illustrato in Fig.4.3. Volendo fare una trattazione quantistica, dobbiamo evitare di far ricorso alle traiettorie per descrivere la collisione; introduciamo invece un rivelatore nella direzione all’angolo θ. Se le due particelle sono diverse (una rossa e una blu per esempio, nella parte superiore della figura) il rivelatore ` in grado di identificare il tipo di particella rivelata e quindi possiamo distinguere se la collisione e ` avvenuta secondo il processo a sinistra o quello a destra nella figura. Ma se le due particelle sono identiche e (entrambe rosse nella parte inferiore della figura), il rivelatore non ` in grado di distinguerle e quindi e non possiamo sapere quale processo ` avvenuto, se quello di sinistra o quello di destra. Si presenta qui e una situazione analoga all’esperimento di Young delle due fenditure, dove non sapevamo quale delle due fenditure era attraversata dalla particella. Come in quel caso, anche ora dobbiamo applicare il principio di sovrapposizione. Chiamiamo f (θ) l’ampiezza di diffusione della particella di sinistra all’angolo θ (processo di sinistra) e f (π − θ) l’ampiezza di diffusione all’angolo π − θ (processo di destra). La probabilit` che a una particella (non importa quale visto che sono identiche ed indistinguibili) raggiunga il rivelatore sar` a in virt` del principio di sovrapposizione u P (θ) = |f (θ) + eiδ f (π − θ)|2 (4.19)

Il fattore di fase (di modulo uno) ` stato introdotto poich` l’ampiezza di diffusione definisce la sezione e e d’urto a meno di un fattore di fase (vedremo in Cap.10 che σ = |f |2 ), che diventa essenziale quando la sezione d’urto scaturisce da pi` processi come in questo caso. Se effettuo una rotazione di π, si ha u P (θ) = |f (π − θ) + eiδ f (θ)|2 = |f (θ) + e−iδ f (π − θ)|2 (4.20)

CAPITOLO 4. DESCRIZIONE QUANTISTICA DI FENOMENI ELEMENTARI

25

10 dσ/dω, b sr (c.m.)

-1

1

0.1

0

20

40

60

80

100

120

angolo nel baricentro, gradi

Figura 4.4: Distribuzione angolare nella diffusione elastica carbonio su carbonio.La linea continua ` la e previsione teorica assumendo che le particelle sono identiche; i cerchi sono i dati sperimenatali. Poich` il sistema ` simmetrico per una rotazione di π le due probabilit` devono essere uguali e quindi e e a −iδ iδ iδ e = e , cio` e = ±1. In definitiva si ha e P (θ) = |f (θ) ± f (π − θ)|2 (4.21)

La sovrapposizione delle due ampiezze da luogo ad effetti di interferenza che vengono normalmente riscontrati in esperimenti di collisione tra particelle identiche (vedi Fig.4.4 ). L’ambiguit` del segno non si pu` dirimere se non nel contesto della MQ relativistica. Si trova che il a o segno pi` si ha nel caso di particelle con spin intero (bosoni), il segno meno a particelle con spin semintero u (fermioni).

4.5

Stato di due particelle identiche

Consideriamo ora la funzione d’onda di due particelle, diciamo a e b. Supponiamo per semplicit` che le a due particelle siano non interagenti. Se le due particelle non sono identiche allora si ha ψ(r1 , r2 ) = ψa (r1 )ψb (r2 ) (4.22)

Se le due particelle sono identiche, scambiando le due particelle la funzione d’onda deve restare invariata a meno di un fattore di fase, quindi ψ(r2 , r1 ) = ψa (r2 )ψb (r1 ) = eiδ ψ(r1 , r2 ) (4.23)

Dopo un secondo scambio che porta un altro fattore di fase, la funzione d’onda deve ritornare quella di prima, per cui si deve avere e2iδ = 1, cio´ eiδ = ±1, come prima. Quindi la funzione d’onda o resta e invariata per scambio di due particelle (simmetrica) o cambia segno (antisimmetrica). Queste condizioni sono soddisfatte automaticamente dalle funzioni d’onda della forma ψ(r1 , r2 ) = ψa (r1 )ψb (r2 ) ± ψa (r2 )ψb (r1 ) (4.24)

Il segno + vale per bosoni, il segno − vale per fermioni. La funzione d’onda di due fermioni, per r1 = r2 , ` nulla. Quindi due fermioni identici non possono occupare la stessa posizione. Generalizzane do questo risultato possiamo affermare che due fermioni identici non posson occupare lo stesso stato. Questo ` il principiodiesclusionediPauli. Il suo ruolo ` fondamentale in molti campi della fisica sia su e e scala microscopica (atomi, nuclei,...) che su scala macroscopica (fenomeni quantistici macroscopici come superconduttivit`, superfluidit`,ecc). a a

Capitolo 5

TRASLAZIONI TEMPORALI
5.1 Operatore di evoluzione temporale

Rivediamo l’esperimento di Stern-Gerlach nella dimensione temporale. Il sistema (singolo atomo) viene preparato nello stato |ψ(t0 ) > all’istante t0 , quindi attraversa il campo magnetico disomogeneo e viene rivelato nello stato |ψk > dal rivelatore k-imo all’istante t. La probabilit` di transizione viene rapprea sentata dal modulo quadro dell’ampiezza < ψk |ψ(t) >. In virt` del principio di sovrapposizione lo stato u |ψ(t) > ` dato da e |ψ(t) >= < ψk |ψ(t) > |ψ(t) > (5.1) L’evoluzione temporale dello stato da t0 a t si pu` pensare come una corrispondenza biunivoca tra stati, e che definisce un operatore nello spazio degli stati |ψ(t) >= U(t, t0 )|ψ(t0 ) > (5.2)

L’operatore U(t, t0 ) prende il nome di operatore di evoluzione temporale e descrive una traslazione lungo l’asse dei tempi. La probabilit` sommata su tutti i possibili stati finali dev’essere ugual ad 1 a prescindere a dal tempo t per cui si ha | < ψk |ψ(t) > |2 = = = = Ne segue che U(t, t0 ) ` unitario. e U† (t, t0 )U(t, t0 ) = U(t, t0 )U† (t, t0 ) = 1 (5.7) | < ψk |U(t, t0 )|ψ(t0 ) > |2 < ψ(t0 )|U† (t, t0 )|ψk >< ψk |U(t, t0 )|ψ(t0 ) > < ψ(t0 )|U† (t, t0 )U(t, t0 )|ψ(t0 ) > 1 (5.3) (5.4) (5.5) (5.6)

assunto che esiste anche l’operatore inverso U−1 (t, t0 ) = U(t0 , t). L’esistenza dell’operatore U(t, t ) equivale ad assumere che anche in meccanica quantistica le leggi del moto sono deterministiche. L’operatore di evoluzione per un tempo molto piccolo δt differisce dall’operatore identit` per un a termine proporzionale a δt U(t + δt, t) = 1 − 26 i δt H(t) (5.8)

CAPITOLO 5. TRASLAZIONI TEMPORALI

27

dove H(t) prende il nome di generatore della traslazione temporale, e, in analogia con le corrispondenti trasformazioni canoniche classiche, va identificato con l’osservabile Hamiltoniana del sistema all’istante t. La traslazione per un tempo finito t − t si ottiene dividendo l’intervallo in N (→ ∞) intervalli infinitesimi tali che N · δt = t − t e quindi dalla legge di composizione segue U(t , t) = = U(t , t1 )U(t1 , t2 ) · · · U(tN −1 , tN )U(tN , t) e
− i δtH(t ) − i δtH(t1 )

(5.9) (5.10)

e

···e

− i δtH(tN )

Questa espressione non ` sommabile eccetto che in casi eccezionali, cio` quando l’Hamiltoniana presa a e e tempi diversi commuta con se stessa [H(ti ), H(tj )] = 0 (5.11)

Solo in questo caso infatti il prodotto degli esponenziali ` uguale allo esponenziale della somma degli e esponenti, cio` e U(t , t) = e− = e−
i

δt[H(t )+H(t1 )+···H(tN )
t t

(5.12) (5.13)

i

dτ H(τ )

A questa classe appartiene la Hamiltoniana indipendente dal tempo. In quest’ultimo caso si ha U(t , t) = e−
i

H·(t −t)

(5.14)

Negli altri casi per valutare l’operatore di evoluzione temporale si fa ricorso a metodi di approssimazione di cui si parler` nel capitolo sulla teoria perturbativa dipendente dal tempo. a

5.2

Equazioni del moto

Nei casi di sommabilit` l’evoluzione temporale dello stato di un sistema ` governata semplicemente dalla a e legge |ψ(t ) >= e−
i t t

dτ H(τ )

|ψ(t) >

(5.15)

Osserviamo che per la classe delle Hamiltoniane indipendenti dal tempo U(t , t) dipende solo dalla durata t − t e non dai due istanti di tempo t e t’ separatamente. Infatti una Hamiltoniana indipendente dal tempo non viola l’uniformit` del tempo e quindi le propriet` del sistema non dipendono dall’istante scelto a a come origine dell’asse dei tempi. Hamiltoniane indipendenti dal tempo corrispondono in genere a sistemi isolati o sottoposti a perturbazioni costanti nel tempo. In generale si ha |ψ(t ) >= U(t , t)|ψ(t) > (5.16)

sicch` lo stato del sistema all’istante t’ viene determinato univocamente dallo stato all’istante t, ove e sia nota la Hamiltoniana nell’intervallo t − t. Pertanto l’evoluzione dinamica di un sistema in MQ ` e deterministica come in meccanica classica; quello che ` profondamente diversa ` la nozione di stato, e e che in MQ ha un significato probabilistico. Consideriamo ad esempio una particella. Classicamente possiamo assegnare una posizione definita r(t) allo stato della particella all’istante t, e questa cambia al trascorere del tempo secondo le leggi della dinamica classica. La posizione r(t) evolve in maniera deterministica. Quantisticamente possiamo assegnare una funzione d’onda ψ(r, t) alla particella, che

CAPITOLO 5. TRASLAZIONI TEMPORALI

28

assegna la probabilit` di trovarla nei vari punti dello spazio all’istante t. Al trascorrere del tempo ψ(r, t) a varia secondo le leggi della meccanica quantistica. Ora ψ(r, t) e non r(t) varia in maniera deterministica. L’Eq. (17) ` di per se una equazione del moto per lo stato di un sistema quantico; alternativamente e possiamo formulare le equazioni del moto per gli stati come anche per l’operatore di evoluzione temporale in forma differenziale. Consideriamo una traslazione δt infinitesima i (5.17) |ψ(t + δt) >= U(t + δt, t)|ψ(t) >= (1 − δtH(t))|ψ(t) > Isolando al primo membro il rapporto incrementale dello stato, ricaviamo la cosiddetta equazione di Schr¨dinger dipendente dal tempo o d |ψ(t) >= H(t)|ψ(t) > (5.18) dt Per un fissato istante di tempo t0 arbitrario, lo stato |ψ(t) si pu` scrivere U(t, t0 )|ψ(t0 ) >, per cui o l’equazione precedente si trasforma in una equazione del moto per l’operatore di evoluzione una volta eliminato lo stato ausiliario |ψ(t0 ) >, cio` e i d U(t, t0 ) = H(t)U(t, t0 ) (5.19) dt Consideriamo un sistema con Hamiltoniana indipendente dal tempo. Una classe di soluzioni dell’equazione di Schr¨dinger ` quella per cui la dipendenza dal tempo pu` essere isolata in un fattore di fase, cio` o e o e i i |ψ(t) >= exp(− E t)|ψ > (5.20)

Questi stati, ove esistano, rivestono grande importanza poich` valori medi di osservabili fisiche O (ine dipendenti dal tempo) rispetto a questi stati son costanti nel tempo. Infatti si verifica immediatamente che < ψ(t)|O|ψ(t) > = < ψ|O|ψ > (5.21)

e per questo vengono chiamati stati stazionari. Un sistema che si trova in uno stato stazionario mantiene nel tempo le sue propriet` fisiche. Applicando su uno stato stazionario l’equazione di Schr¨dinger a o dipendente dal tempo,Eq. (19), si trova subito che H|ψ > = |ψ > E (5.22)

Questa equazione rappresenta la condizione affinch` uno stato sia stazionario e prende il nome equazione e di Schr¨dinger indipendente dal tempo. Riconosciamo nella equazione precedente una tipica o equazione agli autovalori, cio` l’equazione agli autovalori per la Hamiltoniana H. Concludiamo alloe ra che gli stati stazionari del sistema sono gli autostati |ψE > appartenenti ai rispettivi autovalori E. La ricerca delle propriet` stazionarie nel tempo di un sisitema fisico equivale quindi alla risoluzione dell’ea quazione agli autovalori per l’Hamiltoniana H. Studieremo nei prossimi capitoli la risoluzione di questa equazione per una variet` di sistemi quantici. a

5.3

Propriet` generali degli autostati della Hamiltoniana a

L’equazione di Schr¨dinger pu` essere posta in una forma in cui risulta pi` immediato capire quali o o u propriet` devono avere le sue autofunzioni affinch` possano rappresentare stati di un sistema reale. Cona e sideriamo per semplicit` il caso di una particella in un potenziale. Consideriamo l’Eq. (19) espressa in a termini delle autofunzioni i
2 ∂ ψ(r, t) = − ∂t 2m 2

ψ(r, t) + U (r)ψ(r, t)

(5.23)

CAPITOLO 5. TRASLAZIONI TEMPORALI

29

Moltiplichiamo questa equazione per ψ ∗ (r, t) e la sua complessa coniugata per ψ(r, t), quindi sottraiamo membro a membro. Il termine di potenziale scompare poich` il potenziale ` reale (escludiamo nel pree e sente contesto potenziali complessi che vengono usati in MQ per descrivere fenomeni di assorbimento). L’equazione risultante ` allora e i
2 ∂ |ψ(r, t)|2 = − ψ ∗ (r, t) ∂t 2m 2 2

ψ(r, t) − ψ(r, t)

2

2m

ψ ∗ (r, t)

(5.24)

Introduciamo le due grandezze ρ(r, t) = j((r, t)) = |ψ(r, t)|2 2im ψ ∗ (r, t) ψ(r, t) − ψ(r, t) ψ ∗ (r, t) (5.25)

(5.27) in termini delle quali l’equazione precedente si scrive ∂ ρ(r, t) + div j(r, t) = 0 ∂t (5.28)

Questa equazione ha la forma di una equazione di continuit`. Per esempio nel caso della fluidodinamica a questa equazione rappresenta la conservazione della materia: se consideriamo un volume V attraversato da un fluido in movimento la variazione istantanea di fluido all’interno del volumetto ( ∂ρ ) ` uguale al ∂t e flusso uscente attraverso la sua superficie div j. In questo contesto si ha a che fare con grandezze assodiate alla funzione d’onda; usando il linguaggio della fluidodinamica, chiamiamo ρ(r, t) densit` di probabilit` a a e div j(r, t) densit` di corrente di probabilit`. L’equazione di continuit` precedente esprime allora la a a a conservazione della probabilit` associata al moto di un sistema quantico. Affinch` una funzione d’onda a e possa rappresentare lo stato di un sistema quantico dev’essere continua in ogni punto dello spazio dov’` e definita altrimenti nei punti di discontinuit` la probabilit` non sarebbe definita o avrebbe due valori a a distinti. Inoltre anche la sua derivata dev’essere continua altrimenti la conservazione della probabilit` a potrebbe risultare violata. Nel caso in cui il potenziale abbia punti di discontinuit` queste due condizioni a devono essere imposte esplicitamente per delimitare la classe delle soluzioni fisicamente accettabili, come vedremo nel prossimo capitolo.

Capitolo 6

¨ EQUAZIONE DI SCHRODINGER STAZIONARIA: Buche di Potenziale
Consideriamo lo studio di stati stazionari di sistemi elementari. Il sistema pi` semplice ` quello di una u e particella libera, la cui Hamiltoniana si identifica con l’energia cinetica H= p2 2m (6.1)

Essendo H funzione dell’impulso i suoi autostati sono anche autostati dell’impulso che, come abbiamo gia visto nel Cap. III, sono le onde piane. La loro espressione completa si ottiene aggiungendo alla parte spaziale la parte temporale tipica degli stati stazionari. Quindi abbiamo ψt (q) = cost ∗ e
i

(Et−pq)

(6.2)

Il sistema pi` semplice dopo la particella libera ` quello di due particelle (di massa uguale, per semplicit`) u e a mutuamente interagenti. Assumendo che il potenziale d’interazione dipenda solo dalla distanza tra le due particelle, la Hamiltoniana si scrive H= p1 2 p2 2 + + v(q1 − q2 ) 2m 2m (6.3)

Introducendo, come in meccanica classica, la coordinata del centro di massa Q = (q1 + q2 )/2 e la coordinata del moto relativo q = q1 − q2 ed i corrispondenti impulsi canonicamente coniugati, cio` l’impulso e totale P = p1 +p2 e p = (p1 − p2 )/2 si pu` separare il moto del centro di massa (CM) dal moto relativo. o Il moto del CM ` quello di una particella libera di massa M = 2m, mentre il moto relativo equivale al e moto di una particella di massa pari alla massa ridotta delle due particelle (cio` m/2 nel caso di masse e uguali) sottoposta ad un potenziale centrale con centro nel baricentro. L’indipendenza dei due moti si riflette nel fatto che la Hamiltoniana del sistema si possa riscrivere come somma di due Hamiltoniane non accoppiate da coordinate comuni, cio` e H= p2 P2 + + v(q) ≡ HCM (P) + Hrel (p, q) 2M m (6.4)

In termini di autofunzioni l’indipendenza dei due moti si riflette nel fatto che una qualunque autofunzione del sistema si scriva come il prodotto di una autofunzione del moto (libero) del baricentro per una autofunzione del moto relativo, cio` (omettiamo la parte temporale) e ψ(q1 , q2 ) = cost · eiP Q/ · ψrel (q) 30 (6.5)

¨ CAPITOLO 6. EQUAZIONE DI SCHRODINGER STAZIONARIA: BUCHE DI POTENZIALE

31

dove l’autofunzione del centro di massa ` scritta gi` nella forma di onda piana. In definitiva il problema e a del moto delle due particelle interagenti si traduce in quello del moto di una particella in un campo di potenziale. Ci occupiamo di studiare prima le propriet` generali dell’equazione di Schr¨dinger di una particella a o di massa m sottoposta ad un potenziale unidimensionale. Il pi` semplice tipo di potenziale ` la buca di u e potenziale    V0 per |q| < l V (q) =   0 altrove La buca di potenziale si caratterizza per la presenza di punti di discontinuit` dove il potenziale varia a bruscamente da zero ad un valore costante non nullo. Potenziali a corto raggio come il potenziale nucleare o il potenziale ionico si possono approssimare con buche di potenziale; potenziali a lungo raggio come il campo coulombiano non possono essere approssimati da buche. La buca ` attrattiva per V0 < 0 e repulsiva per V0 > 0 (ricordiamo che la forza f = −grad v). E’ e importante ricordare sempre che quello che ha significato fisico ` la differenza di potenziale tra due punti, e di cui uno si pu` fissare all’infinito. Quindi V0 < 0 significa V0 (P ) − V0 (∞) < 0. In genere si pone o V0 (∞) = 0 Nonostante le semplificazioni adottate molte propriet` del sistema ancora rivestono carattere generale. a L’equazione di Schr¨dinger si scrive o [− d2 + V (q)]ψE (q) = EψE (q) 2m dq 2
2

(6.6)

che studieremo nei due casi, di buca attrattiva e buca repulsiva. Consideriamo prima la regione dove il potenziale ` nullo, cio` |q| > l. Qui la funzione d’onda soddisfa e e l’equazione − d2 ψE (q) = EψE (q) 2m dq 2
2

(6.7)

La soluzione dipende dal segno di E: se E ` positiva la soluzione ` di tipo onda piana (oscillante), se E ` e e e negativa e maggiore di V0 la soluzione ` di tipo esponenziale (crescente o decrescente); infine se E < V0 e non c’` nessuna soluzione fisicamente accettabile poich` si avrebbe un moto con velocit` immaginaria, e e a come nel caso classico. Il caso E > 0 viene interpretato come lo stato di una particella che si trova non confinata in una regione finita dello spazio, per esempio una particella che, avvicinandosi alla buca, interagisce con questa, ma la sua energia ` tale che non ne resta intrappolata, ma se ne allontana. Questa situazione clase sicamente corrisponde al moto su orbita illimitata, cio` una collisione elastica di una particella da un e centro diffusore. Vedremo che l’equazione di Schr¨dinger ha sempre soluzione per E > 0: l’insieme degli o autostati appartenenti ad autovalori E > 0 forma lo spettro continuo della Hamiltoniana. Il caso V0 < E < 0 corrisponde ad uno stato confinato nello spazio poich` la funzione d’onda decresce e esponenzialmente al di fuori della buca (la soluzione esponenzialmente crescente dev’essere scartata perch` e corrisponderebbe ad una probabilit` che cresce indefinitamente per q → ∞). Questo stato equivale a classicamente ad un moto su un’orbita chiusa. Essendo E < 0 la particella resta intrappolata entro la buca anche se esiste una probabilit` finita di trovarla nelle immediate vicinanze. Vedremo che stati legati a esistono solo per valori speciali di E (negativo) e quindi formano uno spettro discreto della Hamiltoniana. Quest’ultima situazione rappresenta la quantizzazione dell’energia e non ha analogo classico. Per E < V0 la particella, come gia’ detto, si muoverebbe all’interno della buca con impulso immaginario, in quanto

¨ CAPITOLO 6. EQUAZIONE DI SCHRODINGER STAZIONARIA: BUCHE DI POTENZIALE

32

0.2

0

-0.2

-0.4

-0.6

-0.8

-1

-1.2 -10 -5 0 5 10

Figura 6.1: Prime autofunzioni di una buca attrattiva E − V0 e negativo e quindi classicamente questa soluzione va scartata. Va anche scartata dal punto di vista quantistico perche’ in tal caso la media dell’energia cinetica sarebbe negativa. In pratica l’argomento fisico ` lo stesso. e

6.1

Buca attrattiva V0 < 0

Consideriamo in dettaglio il caso di V0 < E < 0, che ` descritto in Fig.6.1 con tre autovalori di energia. e Come va affrontata la risoluzione della equazione di Schr¨dinger? Come abbiamo visto, all’esterno della o buca la soluzione ` di tipo esponenziale decrescente per cui la soluzione si scrive e (I) (III) ψE (q) = a ekq ψE (q) = c e
−kq

per q < −l per q > l

(6.8) (6.9)

dove k = 2mE/ 2 . All’interno della buca E − V0 ` positivo (E > V0 ). La soluzione ` di tipo oscillatorio e e e pu` scriversi come una combinazione di seno e coseno o comunque, con una opportuna ridefinizione dei o coefficienti, nella forma (II) ˜ ψE (q) = b sin(kq + φ) per |q| < l (6.10)

˜ dove k = 2m(E − V0 )/ 2 . Abbiamo quattro coefficienti da determinare. Uno di questi resta arbitrario poich` , essendol’equazione di Schr¨dinger una equazione omogenea, la soluzione ` determinata sempre e o e a meno di una costante arbitraria. I tre restanti parametri si determinano dalle condizioni di continuit` a della funzione d’onda e della sua derivata nei punti di separazione delle tre regioni, cio` e ψI (−l) = ψII (−l) ψII (l) = ψIII (l) ; ; ψI (−l) = ψII (−l) ψII (l) = ψIII (l) (6.11) (6.12)

Quattro equazioni sono ridondanti per determinare tre parametri, tuttavia non dobbiamo dimenticare che stiamo risolvendo una equazione agli autovalori ed i possibili valori del parametro E devono essere determinati. Una delle equazioni serve allora a selezionare i valori permessi per l’energia. Nel caso di energia positiva si aveva una equazione in meno per cui qualunque valore di E > 0 era autovalore

¨ CAPITOLO 6. EQUAZIONE DI SCHRODINGER STAZIONARIA: BUCHE DI POTENZIALE

33

R T I -l II +l III

Figura 6.2: Buca repulsiva dell’equazione di Schr¨dinger. Riscriviamo esplicitamente le quattro condizioni al contorno o ˜ a e−kl = b sin(−kl + φ); ˜ c e−kl = b sin(kl + φ); ˜ ˜ a k e−kl = b k cos(−kl + φ) ˜ ˜ −c k e−kl = b kcos(kl + φ) (6.13) (6.14)

Ricavando a/b e c/b dalle prime due e sostituendo nelle seconde due si ottiene ˜ k ˜ cos(kl − φ) k ˜ k ˜ ˜ sin(kl + φ) = − cos(kl + φ) k ˜ sin(kl − φ) = (6.15) (6.16)

Combinando le due equazioni ricaviamo φ = nπ/2 dove n ` un intero arbitrario e sostituendo questo e valore in una delle due restiamo con l’equazione che stabilisce gli autovalori dell’energia ˜ tan(kl − nπ/2) = ˜ k k (6.17)

Questa equazione non pu` essere risolta analiticamente. Per ogni fissato valore di n (intero) si determina o numericamente un valore dell’energia En . L’autovettore corrispondente ψn ` dato dalle Eq. (8,9,10). e dopo aver sostituito E = En ed i valori dei coefficienti determinati dalle condizioni al contorno. Un caso interessante di buca attrattiva ` V0 = −∞, che simula (nel caso tridimensionale) un box a pareti rigide e contenente un gas ideale.

6.2

Buca repulsiva V0 > 0

In questo caso nessuno stato legato ` possibile. Le soluzioni fisiche possono avere solo energia positiva. e La risoluzione dell’equazione di Schr¨dinger procede allo stesso modo di prima. All’esterno della buca o la forma della soluzione si fissa tenendo conto che lo stato stazionario corrisponde ad una particella che viene dall’infinito (supponiamo −∞) e, interagendo con la buca, pu` attaversare la buca e proseguire o o rimbalzare e tornare indietro. Classicamente queste due possibilit` sono alternative: se E > V0 la a particella attraversa la buca, se invece E < v0 rimbalza. In MQ ammetteremo che entrambe le cose possano accadere qualunque sia l’energia. Consideriamo separatamente i due casi E < v0 ed E > v0 • E < V0 In conformit` a quanto detto cerchiamo soluzioni della forma a   e−kq + R ekq     ˜ ˜ −k q ψ(q) = + b ek  ae     S e−k q per q < −l
q

|q| < l per q > l

¨ CAPITOLO 6. EQUAZIONE DI SCHRODINGER STAZIONARIA: BUCHE DI POTENZIALE

34

˜ dove k = 2mE/ 2 e k = 2m(v0 − E)/ 2 . Osserviamo che R ` il coefficiente dell’onda riflessa e mentre S ` il coefficiente dell’onda trasmessa. Calcoliamo la corrente a sinistra ed a destra della e buca. Si ottiene facilmente j< = k 2 |S| m j> = k (1 − |R|2 ) m (6.18)

Ricordiamo che per stati stazionari div j = 0, cio` la corrente ` costante in tutti i punti; ne segue e e |S|2 + |R|2 = 1 (6.19)

la cui interpretazione ` semplice: la probabilit` di riflessione |R|2 pi` la probabilit` di trasmissione e a u a 2 |S| esauriscono tutte le possibilit`. In altri termini la particella o viene riflessa dalla barriera o la a attraversa. Le condizioni al contorno consentono di determinare tutte le quattro costanti a, b, R ed S. Con semplici calcoli si pu` determinare il coefficiente di trasmissione che risulta o T = |S|2 = 4E (v0 − E) 2 ˜ 4E (v0 − E) + v0 sinh2 (2kL (6.20)

Il coefficiente di riflessione viene determinato dalla Eq. (19). Il risultato pi` importante qui ` che |S|2 u e ` diverso da zero. Non ostante l’energia della particella sia inferiore alla altezza della barriera esiste e una probabilit` finita che la particella attraversi la barriera. Questo effetto puramente quantistico a viene chiamato tunneling. • E > V0 In questo caso vanno cercate soluzioni della forma   e−kq + R ekq  per q < −l    ˜ ˜ ψ(q) =  a sin(k q) + b cos(k q) |q| < l     S e−k q per q > l ˜ dove k = 2mE/ 2 e k = 2m(E − v0 )/ 2 . Notiamo che dentro la buca le soluzioni sono di tipo oscillatorio poich` E > v0 . Procedendo analogamente al caso precedente si calcola il coefficiente di e trasmissione. Diamo in alternativa l’espressione del coefficiente di riflessione, che ` e |R|2 = 1 − |S|2 =
2 ˜ v0 sin2 (2kL) 2 sin2 (2kL) ˜ 4E (E − v0 ) + v0

(6.21)

In questo caso il risultato pi` importante ` che, non ostante l’energia della particella sia maggiore u e dell’altezza della barriera, esiste una probabilit` finita che la particella venga riflessa. Questo ` a e anche un effetto puramente quantistico.

Capitolo 7

Rotazioni e momento angolare
7.1 Rotazioni

In meccanica classica le rotazioni nello spazio costituiscono una classe di trasformazioni canoniche il cui generatore ` il momento angolare orbitale. Una rotazione si pu` sempre decomporre in tre rotazioni e o indipendenti, una attorno all’asse x, una attorno all’asse y ed una attorno all’asse z cos` come una ı traslazione si pu` sempre decomporre in tre traslazioni indipendenti. La differenza sta nel fatto che per o le traslazioni l’ordine in cui si effettuano le tre traslazioni indipendenti ` arbitrario e questo implica il e fatto che i generatori px ,py e pz commutano, mentre nel caso delle rotazioni l’ordine ` essenziale come ` e e illustrato nell’esempio della figura. Un corpo posto lungo l’asse y positivo viene sottoposto a tre rotazioni antiorarie di π/2 nell’ordine Rx (π/2),Ry (π/2),Rz (π/2): il corpo ritorna nella posizione di partenza. Se effettuiamo le rotazioni in ordine inverso il corpo si colloca lungo l’asse y negativo. La conseguenza di ci` `, come vedremo sotto, che i generatori lx ,ly ed lz non commutano il ch` ha profonde implicazioni oe e sulle propriet` del momento angolare. Le rotazioni vengono descritte da matrici 3 × 3 nello spazio reale. a
z z z z

y x x

y x

y x z

y

z

z

z

y x

y

y

y

Figura 7.1: Tre rotazioni indipendenti ciascuna di 90 gradi attorno ai tre assi. Sopra l’ordine ` Rx , Ry , Rz ; e sotto l’ordine ` Rz , Ry , Rx . Il risultato finale dipende dall’ordine! e Indichiamo con Rz (δφ) una rotazione infinitesima di δφ attorno all’asse z. L’effetto della rotazione sul 35

CAPITOLO 7.

ROTAZIONI E MOMENTO ANGOLARE

36

vettore r in coordinate polari ` e x = rcosθ cos(φ + δφ) = r cosθ (cosφ − sinφ δφ − 1/2cosφ δφ2 ) = x − y δφ − 1/2 x δφ2 y z = rcosθ sin(φ + δφ) = y + x δφ − 1/2 y δφ2 = z

Analogamente possiamo ricavare le rotazioni Rx (δφ) e Ry (δφ) attorno all’asse x e y rispettivamente. Adoperando la notazione matriciale possiamo scrivere    Rz (δφ) =    1 − 1 δφ2 2 δφ 0 −δφ 1−
1 2 2 δφ

   0    1 0

0

La rotazione Ry (δφ) si ottiene da Rz (δφ) scambiando y con -z (il segno meno per avere sempre una terna sinistrorsa), quindi   1 − 1 δφ2 0 δφ 2       Ry (δφ) =  0 1 0    −δφ 0 1 − 1 δφ2 2 La rotazione Rx (δφ) si ottiene invece scambiando semplicemente x con z e pertanto    Rx (δφ) =  0   0 1 1− 0
1 2 2 δφ

 0 −δφ
1 1 − 2 δφ2

  .  

δφ

Il fatto che la rotazione dipende dall’ordine in cui le tre rotazioni indipendenti vengono effettuate comporta che le matrici di rotazione corrispondenti non commutano. Calcolando i commutatori si trova facilmente al secondo ordine in δφ Rx (δφ)Ry (δφ) − Ry (δφ)Rx (δφ) = Rz (δφ2 ) − I (7.1)

Le altre relazioni di commutazione si ottengono permutando circolarmente xyz. Andiamo ora alla MQ, dove le rotazioni spaziali verranno descritte, come le altre trasformazioni di simmetria, da operatori unitari. Per una rotazione infinitesima δφ attorno all’asse v scriviamo ˆ Uv (δφ) = 1 − ˆ i δφ · l (7.2)

dove δφ ha la direzione e il verso di v . Identifichiamo il generatore di una rotazione attorno all’asse v con ˆ ˆ la proiezione del momento angolare attorno a quell’asse. Cos` come esistono delle ben definite regole di commutazione delle matrici di rotazione devono anche ı esistere altrettanto precise regole di commutazione tra gli operatori di rotazione e quindi tra i rispettivi

CAPITOLO 7.

ROTAZIONI E MOMENTO ANGOLARE

37

generatori. Per ottenerle facciamo l’assunzione fondamentale che esista un isomorfismo tra il gruppo degli operatori di rotazione ed il gruppo delle matrici di rotazione, cio` le regole di commutazione che valgono e per le matrici di rotazione valgono anche per gli operatori di rotazione. Facciamo una breve digressione. Uno pu` immaginare di estendere la nozione di rotazione a spazi o diversi dallo spazio reale per cui valgono le stesse regole di commutazione e quindi definire i generatori chiamandoli ancora momento angolare con analoghe propriet` di quelle che andremo a derivare subito. a Questo ` il caso delle rotazioni nello spazio intrinseco di un sistema quantico, chiamato anche spazio e dello spin (o momento angolare intrinseco). Quest’ultimo fu introdotto per spiegare nell’esperimento di Stern e Gerlach lo splitting di molti atomi in un numero pari di componenti (ma anche altri fenomeni). Secondo l’ipotesi dello spin infatti il momento angolare totale di un elettrone per esempio si compone del suo momento angolare orbitale (intero) e dello spin (semintero) j =l+s (7.3)

che da luogo ad un numero pari di componenti secondo la regola 2j + 1 che dimostreremo nel seguito. Assumiamo allora che le regole di commutazione (Eq.(7.1)) siano soddisfatte dagli operatori di rotazione in meccanica in MQ, cio` e Ux (δφ)Uy (δφ) − Uy (δφ)Ux (δφ) = Uz (δφ2 ) − 1 (7.4)

e circolando si scrivono le altre. Scrivendo esplicitamente gli operatori U in termini dei rispettivi generatori jx ,jy ,jz , troviamo le regole di commutazione tra le componenti del momento angolare (nel seguito riserveremo il simbolo l al momento angolare orbitale e j al momento angolare totale): [jx , jy ] = i jz , [jy , jz ] = i jx , [jz , jx ] = i jy . (7.5)

Poich` i generatori delle rotazioni non commutano tra di loro, le rotazioni stesse formano un gruppo non e abeliano. Generelizzando l’espressione classica potremmo definire il momento angolare orbitale in MQ come l = ˜ × p da cui potremmo ricavare le regole di commutazione di l dalle regole di commutazione tra r ˜ posizione ed impulso. Si trova facilmente che questa procedura porta allo stesso risultato. Ma la procedura seguita ` piu generale perch` interessa non solo l ma j, e quindi altre forme di momento angolare come e e discusso prima.

7.2

Propriet` del momento angolare a

Dalle regole di commutazione Eq. (7.5) si vede che le componenti del momento angolare formano un’algebra chiusa. Questa ` la ragione di fondo per cui le propriet` del momento angolare in MQ si possono e a dedurre con metodi puramente algebrici, senza dover ricorrere alla risoluzione di equazioni differenziali. Partiamo dal fatto che le componenti di j non commutano tra di loro , quindi non si possono determinare autostati simultanei delle tre componenti. In altri termini ad un sistema quantico non si possono assegnare le tre componenti del momento angolare e nemmeno due. Tuttavia osserviamo che il modulo quadro del momento angolare j2 = j2 + j2 + j2 ` invariante per rotazioni e quindi commuta con ciascuna x y z e delle componenti. Allora si possono determinare autostati simultanei di j2 e di una delle componenti. Convenzionalmente si sceglie jz . Possiamo quindi risolvere le equazioni agli autovalori j2 |jm > jz |jm > = = |jm >
2

j(j + 1)

(7.6) (7.7)

|jm > m

CAPITOLO 7.

ROTAZIONI E MOMENTO ANGOLARE

38

Gli autovalori sono espressi in unit` di che, come il momento angolare, ha le dimensioni di una azione; a tuttavia negli sviluppi algebrici che seguono porremo = 1 per semplicit` di scrittura. Gli autovalori di a j2 si sono scritti nella forma j(j + 1) (con j > 0) per convenienza ma ci` non porta a restrizioni poich´ o e devono comunque essere positivi o nulli. Gli stati |lm >, in quanto autostati di osservabili fisiche, devono soddisfare alle relazioni di completezza ed ortonormalit` a |jm >< jm|
j,m

= =

1 δjj δmm

(7.8) (7.9)

< jm|j m >

Definiamo due operatori ausiliari j± = jx ±ijy , che sono l’uno aggiunto dell’altro. Si dimostrano facilmente a partire dalle Eq.(7.5) le seguenti regole di commutazione [jz , j± ] [j+ , j− ] = ±j± = 2jz 0 (7.10) (7.11) (7.12)

[j2 , j+ ] = [j2 , j− ] = da cui si deducono le identit` a j j± = j2 − jz (jz ± 1) Dall’Eq.(7.12) segue che j± |jm > ` autostato di j2 : e

(7.13)

j2 j± |jm >= j± j2 |jm >= j(j + 1)j± |jm > Dall.Eq. (7.10) segue che j± |jm > ` anche autostato di jz : e jz j± |jm >= [jz , j± ]|jm > +j± jz |jm >= ±j± |jm > +mj± |jm >= (m ± 1)j± |jm > Dalle Eq.(7.13) segue poi che il modulo quadro dei vettori j± |jm > < jm|j j± |jm >= j(j + 1) − m(m ± 1) ≥ 0 L’equazione precedente equivale ad un sistema di due disequazioni la cui soluzione da −j ≤ m ≤ +j

(7.14)

(7.15)

(7.16)

(7.17)

Applicando p volte l’operatore j+ ad un autostato |jm > si ottiene un autostato con autovalore m+p. Ci sar` un pmax per cui m + pmax = j, essendo j l’estremo superiore degli autovalori di jz . Analogamente, a applicando q volte l’operatore j− ad un autostato |jm > si ottiene un autostato con autovalore m-q. Ci sar‘a un qmax per cui m − qmax = −j, essendo -j l’estremo inferiore degli autovalori di jz . Sottraendo membro a membro le due relazioni segue che 2j = pmax + qmax , quindi i possibili valori di l sono o numeri interi o numeri seminteri. Gli m sono anch’essi interi o semionteri e variano di unit` intere da -j a +j. Il a loro numero ` 2j+1.Per esempio per j=2, i possibili valori di m sono:-2,-1,0,1,2. Lo spettro degli autovalori e di jz si osserva sperimentalmente nell’esperimento di Stern e Gerlach: il numero delle componenti in cui si decompone il fascio di atomi dopo aver attraversato il campo magnetico disomogeneo ` uguale al numero e degli autovalori di jz e quindi, in virt` della regola 2j+1, questo numero ci dice quanto vale j, in particolare u se il numero delle componenti ` dispari, j ` intero, se ` pari j ` semintero. L’osservazione di un numero pari e e e e 1 di componenti, cio` j semintero, ` una evidenza dell’esistenza dello spin s = 2 dell’elettrone. Vedremo e e

CAPITOLO 7.

ROTAZIONI E MOMENTO ANGOLARE

39

dopo che se il momemto angolare ` puramente orbitale (no spin) i suoi autovalori sono numeri interi e e cos` anche gli autovalori della sua proiezione jz . ı In conclusione abbiamo determinato lo spettro degli autovalori simultanei di j2 e jz . Gli autovettori si generano applicando ripetutamente l’operatore j+ (operatore di innalzamento) o j− (operatore di abbassamento) allo stato |jm >. Il problema ` che dobbiamo conoscere almeno uno degli autostati per e generare gli altri; vedremo nel prossimo paragrafo come determinare in particolare l’autostato |jj > con m=j.

7.3

Momento angolare orbitale in coordinate polari

Nel precedente paragrafo si aveva in mente rotazioni che includono anche lo spin come generatore. In questa sezione restringiamo la nostra analisi al caso delle rotazioni nello spazio il cui generatore ` il e momento angolare orbitale l. Vediamo come le funzioni d’onda ψ(r) si trasformano per rotazioni nello spazio. Ricordiamo che il vettore di posizione r per rotazioni infinitesime dell’angolo δφ attorno alla direzione u si trasforma secondo la legge ˆ r + δr = r + δφ × r (7.18)

dove il vettore δφ ha la direzione di u il modulo δφ ed il verso ` quello da cui si vede la rotazione avvenire ˆ e in senso antiorario. Consideriamo l’effetto della trasformazione infinitesima sulla funzione d’onda < r|Uu (δφ)|ψ > = ˆ = = ψ(r − δr) ψ(r) − δφ × r · ψ(r) − δφ · r × ψ ψ. (7.19) (7.20) (7.21)

Nella prima linea abbiamo applicato l’operatore di rotazione sul vettore di sinistra e quindi nella seconda linea abbiamo sviluppato in serie di Taylor al primo ordine in δφ. Nell’ultima linea abbiamo scambiato il prodotto scalare col prodotto vettoriale. Dalla espressione dell’operatore di rotazione, Eq. (7.2), segue i < r|δφ · lu |ψ >= δφ · ˆ
uψ ˆ

(7.22)

Ricordando che p → ( /i) , possiamo esprimere il momento angolare orbitale in termini dell’impulso, ˜ cio` ˜ = r × p. Questa espressione ` equivalente all’espressione classica del momento angolare orbitale. el ˜ e Consideriamo una rotazione infinitesima attorno all’asse z. In questo caso, poich`φ ` nella direzione e e di z, abbiamo lz = i (x∂y − y∂x ). Ora una rotazione infinitesima attorno all’asse z corrisponde ad una variazione dell’angolo azimutale φ di δφ senza variazione dell’angolo radiale θ. Si verifica facilmente i (x∂y − y∂x )ψ = ∂ψ i ∂φ (7.23)

L’espressione di una rotazione attorno all’asse x o all’asse y in coordinate polari ` meno semplice poich` e e in questi casi varia non solo φ ma anche θ. Riportiamo semplicemente le espressioni di l+ ed l− che saranno utili nel seguito ∂ ∂ + icotθ ]ψ (7.24) < r|l± |ψ >= e±iφ [± ∂θ ∂φ Dalle Eq. (7.23) e (7.24) si deduce l’espressione di l2 in coordinate polari l2 = l+ l− + lz (lz + 1) = −[ 1 ∂ ∂ 1 ∂2 (sinθ ) + ] sinθ ∂θ ∂θ sin2 θ ∂φ2 (7.25)

CAPITOLO 7.

ROTAZIONI E MOMENTO ANGOLARE

40

Abbiamo ora quanto serve per determinare gli autostati del momento angolare orbitale |lm > nella rappresentazione delle coordinate polari. Chiamiamo ψlm (r) la funzione d’onda del sistema che ` autofunzione e simultanea di l2 ed lz . L’equazione agli autovalori per lz nella rappresentazione delle coordinate polari si scrive in virt` dell’Eq. () u ∂ψ(r, θ, φ) = mψ(r, θφ) (7.26) i ∂φ L’integrale di questa equazione ` e Ylm (θ, φ) = flm (θ)eimφ (7.27) A questo punto possiamo trarre una importante conclusione. Per poterle interpretare come ampiezze di probabilit` queste autofunzioni devono essere ad un sol valore, in altri termini l’esponenziale dev’essere a tale che eimφ = eim(φ+2π) (7.28) per cui m dev’essere intero e quindi anche l dev’essere intero. Gli autovalori del momento angolare orbitale sono quindi numeri interi. Vedremo invece che la dipendenza dallo spin pu` generale o autovalori del momento angolare totale che sono numeri seminteri. Consideriamo infine lo stato |ll > che gode della propriet` l+ |ll >= 0 poich` m ≤ l. Quest’ultima in a e coordiante polari si scrive < r|l+ |ll > = = ∂ ∂ + icotθ ]|Yll (θ, φ) = ∂θ ∂φ ∂flm (θ) ei(1+l)φ [ − lcotθflm (θ)] = 0. ∂θ eiφ [ (7.29) (7.30)

L’equazione differenziale che ne segue ammette come soluzione sinl θ. Quindi l’autofunzione simultanea di l2 ed lz ` e Ylm (θ, φ) = cost · sinl (θ)eimφ (7.31) La costante si pu` fissare imponendo la normalizzazione ad 1. Una volta determinata l’autofunzione o appartenetegli autovalori l ed m=l, si possono determinare le altre autofunzioni appartenti agli autovalori l ed m < l applicando ripetutamente l’operatore l− , nella forma data dall’Eq. (7.24), all’autofunzione Yll . Le funzioni d’onda Ylm si chiamano armoniche sferiche e formano un insieme completo ortonormale, come imposto dal fatto che l2 ed lz sono osservabili fisiche. Quindi
∞ l ∗ Ylm (Ω)Ylm (Ω ) = l=0 m=−l ∗ dΩ Ylm (Ω)Yl m (Ω) =

δ(Ω, Ω ) δll δmm

(7.32) (7.33)

dove Ω ≡ (θ, φ) e dΩ ≡ dsinθ dφ Queste equazioni corrispondono alle propriet` di completezza ed a ortonormalit` degli stati |lm > date dalle Eq.(7.6) e (7.7). a

7.4

Spin

La presenza dello spin si manifesta tutte le volte che atomi (dotati di spin) entrano in interazione con campi magnetici come nel caso dell’esperimento di Stern e Gerlach o nel caso dell’effetto Zeeman. In entrambi i casi si deve supporre che ciascun elettrone, oltre a possedere un momento angolare orbitale l

CAPITOLO 7.

ROTAZIONI E MOMENTO ANGOLARE

41

possegga un momento angolare di spin s dovuto al moto intrinseco. Quest’ultimo ha per l’elettrone un 1 modulo pari ad 2 . I due momenti angolari si accoppiano nel momento angolare totale j =l+s (7.34)

La presenza dello spin (semintero) genera momenti angolari totali seminteri e quindi la separazione di fasci atomici nell’espeimento di Stern e Gerlach in un numero intero di componenti corrispondenti alle 2j+1 proiezioni di j nella direzione del campo magnetico. Analogamente genera nell’effetto Zeeman lo splitting di un livello elettronico in un numero 2j+1 pari di livelli in presenza di un campo magnetico. Lo spin dell’elettrone ha tutte le propriet` algebriche del momento angolare. Avendo lo spin valore 1 ci a 2 1 sono due soli valori della proiezione lungo un asse arbitrario (che assumeremo come asse z), e cio ± 2 . Dal punto di vista geometrico si pu` assumere che lo spin genera rotazioni nello spazio dello spin, che, o come detto, ha due dimensioni. I due stati di spin sono autostati simultanei di s2 ed sz : s2 |s, sz > = sz |s, sz > =
2

s(s + 1)|s, sz >

(7.35) (7.36)

sz |s, sz >,

dove s = 1 ed sz = ± 1 . Nel seguito poniamo |s, sz >≡ |sz >. I due autostati dello spin formano un 2 2 insieme completo ortonormale nello spazio di Hilbert a due dimensioni. Essendo l’autovalore di s2 uguale a 3 2 , si ha anche 4 s2 = s2 = s2 = z y x 1 4
2

.

(7.37)

Si introducono poi s± che trasformano uno stato nell’altro. Il loro quadrato, non potendo variare sz di due unit` e identicamente nullo: a` s2 = s2 = 0 + − Da qui seguono le regole di anticommutazione sx sy + sy sx = sy sz + sz sy = sz sx + sx sz = 0 (7.39) (7.38)

Si suole introdurre s = 1 σ. Le matrici 2x2 che rappresentano σ nello spazio dello spin prendono il nome ˜ 2 di matrici di Pauli e rivestono grande importanza nello studio dello spin. Avendo σz autovalori ±1 la matrice corrispondente si scrive    1 σz =  0 0  . −1

Per gli elementi di matrice di σx,y osserviamo che gli elementi diagonali sono nulli di cui ci si convince scrivendoli in termini di σ± e osservando che < ±|σ+ |± >=< ±|σ− |± >= 0. Gli elementi non diagonali si ottengono facilmente dalle Eq.i (37)-(39). In definitiva si ottiene       1 0  0 −i  0 1     σx =  .  , σz =   , σy =  0 −1 i 0 1 0

7.5

Rotatore rigido

Rotazioni nello spazio sono comuni ad atomi e molecole e danno luogo alle cosiddette bande rotazionali, cio spettri di energia dovuti all’accoppiamento delle transizioni elettroniche con stati di rotazione dell’intero

CAPITOLO 7.

ROTAZIONI E MOMENTO ANGOLARE

42

sistema. Per un moto rotatorio in tre dimensioni nello spazio reale la Hamiltoniana si scrive H =
2 2 lx

2I

x

+

2 2 ly

2I

y

+

2 2 lz

2I

z

,

(7.40)

dove l e il momento angolare orbitale e Ii il momento d’inerzia lungo l’asse i. Se Ix = Iy = Iz il rotatore ` ` isotropo. Se il momento d’inerzia costante si parla di rotazione rigida. Se la rotazione avviene attorno e ad un asse, diciamo l’asse z, allora interviene l2 nella Hamiltoniana. L’equazione agli autovalori della z Hamiltoniana di un rotatore isotropo rigido e la stessa di quella di l2 ed quindi ` H|lm > = l = |lm > 2I
2 2 2

l(l + 1) . 2I

(7.41)

Autostati con lo stesso autovalore l ma con diverso di m hanno la stessa energia. Si dice allora che 2 l’autovalore di energia El = l(l+1) ` 2l+1 volte degenere, giacch` vi sono 2m+1 autostati distinti e e 2I appartenenti allo stesso l. Considerazioni analoghe si fanno per rotazioni associate allo spin o al momento angolare totale.

Capitolo 8

OSCILLATORE ARMONICO
8.1 Potenziale di oscillatore armonico

L’oscillatore armonico riveste un ruolo di grande importanza, in quanto sistemi stabili nei pi` svariati u campi della fisica possono effettuare oscillazioni armoniche. Infatti un sistema che si trovi in uno stato di equilibrio stabile effettua oscillazioni di tipo armonico se viene sollecitato da una debole perturbazione. Consideriamo per semplicit` un sistema unidimensionale sottoposto ad un generico potenziale V (q), a dotato di minimo nel punto q0 . Il sistema, inizialmente in equilibrio in qo , viene perturbato debolmente in modo che si sposta poco dalla posizione di equilibrio. Il moto del sistema si determina sviluppando V (q) in serie di Taylor intorno al punto q0 . Poich` V (q0 ) = 0 il primo ordine non nullo ` il secondo e e ordine, quindi per piccole oscillazioni si pu` approssimare o 1 V (q) = V (q0 ) + V (q)|q=q0 (q − q0 )2 . 2 Ponendo q0 nell’origine,V (q0 ) = 0 e V (q0 ) = mω 2 il potenziale si scrive nella forma 1 mω 2 q 2 , 2 che genera piccole oscillazioni di un corpo di massa m con frequenza angolare ω. Fenomeni in cui si presentano oscillazioni armoniche sono: oscillazioni di elettroni nel campo coulombiano dell’atomo, vibrazioni di atomi in una molecola, vibrazioni di ioni in un reticolo cristallino, oscillazioni del campo elettromagnetico in una cavit`, ecc. a V (q) =

8.2

Oscillatore armonico classico

L’Hamiltoniana di un oscillatore armonico classico `: e p2 1 + mω 2 q 2 2m 2 Dalle equazioni del moto di Hamilton si trova la soluzione generale: q(t) = qi cos(ωt + φ) dove qi e φ sono determinate dalle condizioni iniziali. Quindi si calcola l’energia H= E = = = 1 1 m · q 2 + mω 2 q 2 2 2 1 1 2 2 mω qi sin2 (ωt + φ) + mω 2 qi 2 cos2 (ωt + φ) 2 2 1 mω 2 qi 2 . 2 41 (8.1) (8.2) (8.3)

CAPITOLO 8. OSCILLATORE ARMONICO Al variare delle condizioni iniziali l’energia varia con continuit` ed assume sempre valori positivi. a

42

8.3

Oscillatore armonico quantistico

Dal punto di vista quantistico dobbiamo sostituire le variabili numeriche classiche q e p con gli operatori q e p, che soddisfano le regole di commutazione [q, p] = i . L’operatore Hamiltoniano H= p2 1 + mω 2 q2 2m 2 (8.4)

determina con i suoi autovalori ed autovettori le propriet` dell’oscillatore quantistico. L’equazione di a Schr¨dinger o ( 1 p2 + mω 2 q2 )|ψn > = En |ψn > 2m 2 (8.5)

si pu` risolvere con un metodo algebrico (proposto da P.A.M. Dirac). Introduciamo i tre operatori o a a† ≡ ≡ ip mω (q + ) 2 mω ip mω (q − ) 2 mω (8.6) (8.7) (8.8)

N ≡ a† a, che soddisfano le regole di commutazione [a, a† ] = 1 [N, a] = −a [N, a† ] = a† .

(8.9)

L’equazione di Schr¨dinger si riscrive nella forma o 1 ω(N + )|ψn >= En |ψn > 2 (8.10)

H ed N hanno gli stessi autostati |ψn >≡ |n >. Se indichiamo con n gli autovalori di N allora gli 1 autovalori di H sono En = ω(n + 2 ). L’operatore N ha semplici propriet`: a • a+ |n > ` autostato di N appartenente all’autovalore n + 1 e • a|n > ` autostato di N appartenente all’autovalore n − 1 e • gli autovalori n sono tutti i numeri interi positivi compreso lo zero. Le prime due propriet` sono semplici conseguenze delle regole di commutazione Eq.(8.9); la terza propriet` a a + 2 si dimostra come segue. Intanto n ≥ 0 poich` < n|N|n >=< n|a a|n >= ||a|n > || ≥ 0. Inoltre, e dato un autostato n, applicando ripetutamente l’operatore a si arriva necessariamente ad uno stato am |n >∼ |n − m >= 0 che implica n = m ed essendo m intero anche n ` intero. Chiamiamo |0 > lo stato e con autovalore nullo. Applicando ripetutamente l’operatore a† si possono costruire tutti gli autostati di N:

CAPITOLO 8. OSCILLATORE ARMONICO

43

|1 > = a† |0 > a† (a† )2 |2 > = √ |1 >= √ |0 > 2 2 (a† )3 a† |3 > = √ |2 >= √ |0 > 3 3! ...... . ............. (a† )n |n > = √ |0 > n! Questi sono anche autostati di H ed i rispettivi autovalori sono 1 En = ω(n + ) 2 (n = 0, 1, 2, 3, ...) (8.11)

La principale caratteristica dello spettro di energia e che i livelli sono equidistanti l’uno dall’altro con ` una distanza pari a ω e ci` rende facilmente identificabili le oscillazioni collettive negli spettri nucleari, o atomici e molecolari. L’energia ω prende il nome di quanto di eccitazione perch` ` l’unit` di energia e e a (pi` piccola) con cui si costruisce l’intero spettro dell’oscillatore armonico. L’applicazione di a+ (a) u aggiunge (sottrae) un quanto allo stato |n >, da cui il nome di operatore di creazione (annichilazione). L’operatore N conta il numero di quanti nello stato |n > e prende il nome di operatore numero. Lo stato fondamentale |0 >, che ` il vuoto di quanti , ha energia non nulla, pari a 1 ω, chiamata energia e 2 di punto zero. Questa ` una conseguenza del principio di indeterminazione ∆q∆p ≥ /2, che per lo e stato fondamentale dell’oscillatore armonico vale con il segno uguale (minima indeterminazione). Infatti consideriamo il valor medio della hamiltoniana in uno stato generico < H >= < p2 > 1 + mω 2 < q2 > . 2m 2 (8.12)

Sostituiamo < p2 > con ( 2 /4 < q2 >) e quindi cerchiamo il minimo (il che equivale a determinare lo stato fondamentale) che si ottiene per < q2 >= 2 /4m2 ω 2 . Questo valore, sostituito a sua volta in 1 < H > da giusto l’energia di punto zero, 2 ω.

8.3.1

Autofunzioni dell’oscillatore armonico

Per calcolare le autofunzioni dell’oscillatore armonico ψn (q) ≡< q|n > seguiamo un metodo iterativo che parte dalla determinazione di ψ0 (q) ≡< q|0 >. Consideriamo la relazione che definisce lo stato fondamentale come vuoto dei quanti d’azione a|0 >= 0. Moltiplicando a sinistra per < q| e riesprimendo a in funzione di p e q otteniamo: mω ip < q|q + |0 >= 2 mω mω d (q + )ψ0 (q) = 0. 2 mω dq (8.13)

Questa e un’equazione differenziale del primo ordine che si integra facilmente. La soluzione con il corretto ` fattore di normalizzazione e ` ψ0 (q) = mω π
1 4

e− 2

1 mω

q2

Una volta determinata la funzione d’onda dello stato fondamentale, le altre funzioni d’onda possono essere ricavate in maniera iterativa applicando ripetutamente a ψ0 (q) l’operatore a+ espresso in termini

CAPITOLO 8. OSCILLATORE ARMONICO

44

di p e q, con delle semplici operazioni di derivazione. Come illustrazione vediamo come si genera il primo stato eccitato.Applicando l’eq. (8.7) si ottiene: ψ1 (q) = < q|1 >=< q|a† |0 >= = 4 π mω
3 3 1/4

mω d (q − )ψ0 (q) 2 mω dq
q2

(8.14) (8.15)

q e− 2

1 mω

Iterativamente si generano tutte le altre autofunzioni dell’oscillatore armonico. I polinomi a fottore dell’esponenziale (polinomi di Hermite) formano un insieme completo ortonormale.

CAPITOLO 8. OSCILLATORE ARMONICO t
0.7 n=0 classico 0.6 0.6 0.7 n=1 classico

45

0.5

0.5

0.4

0.4

0.3

0.3

0.2

0.2

0.1

0.1

0 -10 0.7

-5

0

5

10

0 -10 0.7

-5

0

5

10

n=3 classico 0.6 0.6

n = 10 classico

0.5

0.5

0.4

0.4

0.3

0.3

0.2

0.2

0.1

0.1

0 -10

-5

0

5

10

0 -10

-5

0

5

10

Figura 8.1: |ψn |2 (q) per quattro autostati dell’oscillatore armonico. La probabilita’ classica, Eq.(18), e’ rappresentata dalla linea tratteggiata.

8.3.2

Limite classico

Consideriamo un sistema sottoposto ad un potenziale di oscillatore armonico unidimensionale. Dal punto di vista quantistico |ψn (q)|2 rappresenta la probabilit` di trovare il sistema nel punto q quando si trova a nello stato eccitato n-imo. Una analoga probabilit` pu` essere definita anche dal punto di vista classico. a o Il sistema compie una oscillazione tra qi e −qi in un semiperiodo T /2 = π/ω. Di questo tempo la frazione dt = dq/q viene spesa per compiere il percorso da q a q + dq. Quindi la probabilit` che la particella si ˙ a trovi nell’intervallo q, q + dq ` data da e P (q)dq = 2dq dt = T /2 Tq ˙ (8.16)

Ricordando che q(t) = qi cos(ωt) e q = −qi ωsin(ωt), si ha ˙ q = ωqi ˙ da cui P (q) = 1 π qi 1− 1
2 1 − q 2 /qi

q2 2 qi

(8.17)

(8.18)

La probabilit` classica ` graficata in Fig.1 assieme alla corrispondente probabilit` quantistica, quest’ultia e a ma per diversi autostati dell’oscillatore armonico. Per stati di bassa energia si osserva un forte discrepanza tra le due grandezze, che tuttavia si affievolisce man mano che l’energia cresce. Si ha perfetto accordo per n → ∞. In altri termini, ad alta energia la quantizzazione dell’energia diventa sempre meno significativa poich´ En >> ω, ed il sistema si comporta classicamente. e

Capitolo 9

PROBLEMA A DUE CORPI: STATI LEGATI DELL’ATOMO DI IDROGENO
Il sistema pi` semplice ` quello di due particelle interagenti, per esempio un protone ed un elettrone u e interagenti per via della forza elettrostatica (campo coulombiano). La Hamiltoniana ` e H= p2 p2 1 + 2 + V (|r1 − r2 |) 2m1 2m2 (9.1)

dove 1 si riferisce al protone e 2 all’elettrone. Notiamo che m2 m1 . A seconda delle condizioni iniziali, le due particelle formano stati legati (atomo di idrogeno) o stati di diffusione. Entrambe le classi di stati corrispondono a soluzioni dell’equazione di Schr¨dinger o H|ψ >= E|ψ > Gli stati legati corrispondono a valori di E < 0, gli stati di diffusione ad E > 0. (9.2)

9.1

Separazione del moto del centro di massa

Il potenziale regola il moto relativo delle due particelle, mentre il moto del centro di massa ` quello di una e particella libera in assenza di forze esterne. I due moti non sono accoppiati, quindi la funzione d’onda del sistema si scrive ψ(r1 , r2 ) = eiP ·R/ ψ(r1 − r2 ), (9.3) dove R e P sono coordinata ed impulso del baricentro, rispettivamente. L’equazione di Schr¨dinger del o moto relativo si scrive p2 + V (r))ψ(r) = Eψ(r) (9.4) ( 2m dove p ` l’impulso del moto relativo, r = r1 − r2 ed m la massa ridotta. In pratica m ` la massa e e dell’elettrone, Poich` la massa del protone ` molto pi` grande della massa dell’elettrone, m ≈ m2 e il e e u moto relativo ` in pratica il moto dell’elettrone nel campo del protone. Dato che l’interazione dipende e solo dalla distanza tra le due particelle il potenziale del moto relativo (nel riferimento del baricentro) ` a e simmetria sferica. 47

CAPITOLO 9. PROBLEMA A DUE CORPI: STATI LEGATI DELL’ATOMO DI IDROGENO

48

Vcentr

1/r2

totale Vcoul 1/r

r

Figura 9.1: Potenziale dell’atomo d’idrogeno

9.2

Separazione del moto angolare

Poich` il potenziale ` a simmetria sferica il moto radiale ed il moto angolare non si accoppiano e possono e e essere trattati separatamente. Infatti, in analogia alla meccanica classica l’energia cinetica si decompone nell’energia cinetica del moto radiale e nell’energia centrifuga. Quest’ultima ` proporzionale ad l2 , quindi e le autofunzioni di H si possono fattorizzare in autofunzioni del moto relativo ψl (r) per le armoniche sferiche cho sono autofunzioni di l2 per cui p2 l2 r + + V (r))ψl (r)Ylm (Ω) (9.5) 2m 2mr2 2 2 p l(l + 1) = Ylm (Ω)( r + + V (r))ψl (r) (9.6) 2m 2mr2 Se oil potenziale non fosse a simmetria sferica la funzione d’onda sarebbe una sovrapposizione di armoniche sferiche. ( = ( p2 + V (r))ψl (r)Ylm (Ω) 2m

9.3

Equazione radiale

Resta da risolvere l’equazione per il moto radiale. Daremo qui lo schema di risoluzione e per i dettagli rimandiamo a Messiah, Cap.IX e Cap.XI. Per ogni fissato valore di l si ha
2 l(l + 1) p2 r + + V (r))ψl (r) = Eψl (r) (9.7) 2m 2mr2 d’accordo con l’Eq.(9.5). Si tratta di studiare per quali valori di E si hanno soluzioni fisicamente accettabili, cio` che descrivano stati legati. Il problema viene affrontato come segue: si studia la soluzione e ψ(∼ 0) in prossimit` dell’origine r ∼ 0, la soluzione asintotica ∼ ψ(∞) per r → ∞ e quindi si cercano le a soluzioni nella forma ψ(r) = ψ(∼ 0)ψ(∼ ∞)fl (r) (9.8)

(

in maniera che le condizioni all’origine ed all’infinito siana automaticamente soddisfatte e si deve solo determinare fl (r).

CAPITOLO 9. PROBLEMA A DUE CORPI: STATI LEGATI DELL’ATOMO DI IDROGENO

49

• comportamento all’origine In prossimit` dell’origine la barriera centrifuga, che va come r−2 , prevale a sul potenziale coulombiano, che va come r−1 , e l’equazione radiale si pu` approssimare o (− 1 d2 r+ 2m r dr2
2 2

l(l + 1) )ψ(∼ 0) = 0, 2mr2

(9.9)

dove il primo termine ` p2 . La soluzione fisicamente accettabile ` rψ(∼ 0) = rl+1 . e r e • comportamento all’infinito All’infinito il campo coulombiano ed il campo centrifugo si possono trascurare e l’equazione radiale si scrive (− 1 d2 r − E)ψ(∼ ∞) = 0 2m r dr2
2

(9.10)

la cui soluzione fisicamente accettabile ` rψ(∼ ∞) ∼ e−kr , dove k = −2mE/ 2 . L’esponenziale e negativo garantisce una rapida diminuzione della probabilit` di trovare l’elettrone allontanandosi a dalla regione d’interazione. • equazione radiale Incorporando le due soluzioni estreme nella funzione d’onda, l’equazione d’onda radiale diventa una una equazione di Laplace per la funzione fl (r). Introducendo l’espressione del campo coulombiano V (r) = −e2 /r,dove e ` la carica dell’elettrone, e la costante a = 2me2 , e l’equazione radiale si scrive in termini della variabile adimensionata x=kr [x d2 d 1 + 2(l + 1 − x) − 2(l + 1 − )]fl (x) = 0 2 dx dx ka (9.11)

Sviluppando fl (x) in serie attorno all’origine l’equazione radiale si trasforma in un sistema infinito di equazioni algebriche per i coefficienti ci (c0 = 1) (2l + 2)c1 2(2l + 3)c2 ....... = = 1 ) ka 1 2(l + 2 − )c1 ka 2(l + 1 − (9.12) (9.13) (9.14)

La soluzione viene chiamata serie ipergeometrica confluente e pu` essere studiata asintoticamente per o −kr r → ∞. Si trova che fl diverge pi` rapidamente di quanto e u converga. Quindi con questa classe di soluzioni non ci sono stati legati. L’unica possibilit` ` che per speciali valori dell’energia la serie si a e riduca ad un polinomio, perch` qualunque polinomio per r → ∞ diverge meno rapidamente di quanto e l’esponenziale converga. Questa classe di soluzioni ` accettabile. Si vede cos` in dettaglio come nasce e ı la quantizzazione dell’energia quando si vogliono determinare soluzioni che corrispondono a stati legati, cio` funzioni d’onde la cui probabilit` associata va rapidamente a zero al di fuori di una regione limitata e a dello spazio. Vediamo in dettaglio come nascono gli stati legati. Scegliamo il parametro E tale che ka = 1/l + 1 allora dall’Eq.(9.11) c1 = 0, dall’Eq.(9.12) c2 = 0 e cos` tutti gli altri coefficienti. Per questa scelta di E la ı soluzione fl = c0 = 1 e la funzione d’onda radiale completa si scrive a meno del fattore di normalizzazione ψl (r) = rl e−kr (9.15)

1 ı Scegliamo ora il parametro E tale che ka = l+2 , allora c1 = 0, ma c2 = 0 e cos` anche tutti gli altri coefficienti. Per questa seconda scelta di E la funzione d’onda radiale completa si scrive

ψl (r) = rl e−kr (1 + c1 )

(9.16)

Su questa linea si generano tutti gli autovalori ed autovettori della Hamiltoniama che corrispondono a stati legati.

CAPITOLO 9. PROBLEMA A DUE CORPI: STATI LEGATI DELL’ATOMO DI IDROGENO

50

0 -1.5 -3.4

continuo

l=2 l=1

-13.6 l=0 Spettro dell'atomo di idrogeno

Figura 9.2: Spettro dell’atomo d’idrogeno

9.4

Spettro dell’atomo di idrogeno
2 2 kn

Per induzione dai due casi precedenti si ricava facilmente la formula generale degli autovalori En (n = ν) En = 2m = 1 2m l + 1 + n
2

(n = 0, 1, 2, ....)

(9.17)

En dipende da n’ e da l attraverso la combinazione n=l+1+n’, che prende il nome di numero quantico principale. A un dato n corrisponde un definito autovalore di energia, ma non un singolo autostato che dipende anche da altri numeri quantici, cio` l ed m. Fissato n, l varia da 0 a n-1 e ad ogni l corrispondono e 2l+1 valori di m, per cui la degenerazione del livello energetico En ` data da e
n−1

N =
0

2l + 1 = n2

(9.18)

Concludendo gli autostati dell’atomo di idrogeno sono autostati simultanei di H l2 ed lz caratterizzati dai numeri quantici n,l ed m: ψnlm (r) = ψnl (r)Ylm (Ω) (9.19) Notiamo che la funzione d’onda radiale non dipende da m. Lo stato fondamentale corrisponde ad n=1,l=0,m=0 con energia E1 = 2 /2ma2 , dove a prende il nome di raggio di Bohr, perch` rappresenta e l’ordine di grandezza delle dimensioni dell’atomo di idrogeno. Ricordando la definizione di a si trova che a 0.53A e quindi E1 −13.5 eV. L’energia decresce come n2 , quindi E2 = E1 /4,E3 = E1 /9,.... avvicinandosi a zero molto rapidamente. E=0 ` la soglia del continuo, cio` il confine tra lo spettro di e e energia degli stati legati e quello degli stati non legati. Quest’ultimo prende il nome di continuo perch` e non ` quantizzato, in quanto non corrisponde a nessuna condizione di confinamento. In effetti corrisponde e a stati di diffusione come vedremo dopo.