You are on page 1of 11

Superstudio pi, VIA TORTONA 27, MILANO

Copyright

Mayur, il festival che celebra la danza e la musica indiana in tutte le sue sfumature
L'arte in India non separata dalla vita, non puro ornamento o intra5enimento, ma parte intrinseca di essa.
La musica e la danza, prima della nascita delle danze classiche, ruotavano intorno alle a:vit basilari della gente rurale e tribale, ne
era parte integrante. Musica e danza servivano ad esprimere emozioni ed esperienze e anche ad elevare lo spirito.

Da sempre, la danza ha funzione di collegamento tra i mondi.Talvolta, danzando pu accadere di ricevere importanC comprensioni,
rivelazioni e addiri5ura visioni del futuro o del passato.
Si danza per rinnovarsi, per ricrearsi e per il piacere stesso del movimento che rilassa e illumina il S. La danza un anCco rituale
che conduce alle radici dellEssere, una praCca di autoguarigione a benecio dellumanit intera.

Mayur celebra tu5o questo a5raverso lesplorazione della musica e della danza indiane con arCsC internazionali indiani che
a5raverso la loro passione e maestria ci riveleranno larte pura.

Con il trascorrere del tempo, i moC dellanimo sono staC codicaC in


accordo ai modi e alle tradizioni locali. In India, la danza sacra ha un
aspe5o parCcolarmente ranato che ricorda ancestralmente il
movimento degli di raguraC nelle sculture rupestri degli adornaC
templi. Pi di 2000 anni fa, Bharata Muni scrisse lo Natya Shastra, o
la scienza del teatro, che include una elaborata guida alla danza sacra
indiana. In questopera, Bharata Muni dice che Brahma, il demiurgo
delluniverso, allinizio dei tempi port sulla Terra la scienza di natya,
ovvero danza e teatro. A quanto pare, Bharata Muni possedeva una
mente capace di calarsi in profondit nei misteri di tale conoscenza
che proviene dalla meditazione e dalla contemplazione yogica. La sua
visione interiore di bellezza, ritmo perfe5o e nobili a5ribuC del
movimento simbolico furono un o:mo prerequisito per la
compilazione del suo manuale.


E sorprendente che gran parte delle danze sacre indiane seguano
tu5ora le dire:ve e le regole sClate nello Natya Shastra.
Si dice che quando la danza sacra eseguita nel modo appropriato, le
enCt divine e gli esseri celesC che il danzatore rappresenta si
manifestano sul palco. La danza diviene allora una sola cosa con la
realt innalzando la coscienza umana dalla dimensione mondana a
quella celesCale. Poich tale praCca richiede limpiego disciplinato
del corpo e di tu: i suoi mezzi di espressione, nello Natya Shastra
sono codicate dieci principali posture del corpo, trentasei della
mano, nove del collo e tredici della testa. Al danzatore richiesto di
coordinare in modo preciso il ba:to dei piedi, i gesC delle mani, i
movimenC del corpo, delle braccia e della testa, ma anche degli
occhi, del collo e delle sopracciglia, il tu5o sincronizzato con il ritmo
intricato di una percussione

Se5e sono le danze classiche dellIndia: Bharata Natyam (la pi anCca, 5000 anni circa) in Italia la
pi conosciuta perch viene insegnata nelle scuole abbastanza regolarmente, Kathak (nel quale
aondano le origini del amenco), Manipuri (con inuenze folk locali), Odissi (sinuosa e sensuale
che ha ispirato gli scultori dei templi), Kathakali (potente e mascolina: una danza dove anche il ruolo
femminile era, in passato, impersonato solo da uomini), Mohini A7am (femminile e vicina al
misCcismo della madre terra: versione femminile del Kathakali), Kuchipudi (dove i danzatori
eseguono la loro danza anche in equilibrio su dei pia: di metallo e a volte con una brocca piena
dacqua in equilibrio sulla testa e delle candele accese).
Queste danze aondano le sue radici nei miC, nelle leggende, nei riC indiani, e raccontano imprese
di eroi e di dei.



In India esistono molte danze folk e popolario.
Molte danze popolari sono eseguite da persone comuni, piu5osto che ballerini professionisC.
Accade spesso che in occasioni speciali, gli abitanC del villaggio si riuniranno e cantare e ballare, accompagnandosi
con una variet di strumenC popolari.
Tali occasioni speciali includono la raccolta, la semina, i matrimoni e le feste religiose.
A volte le danze popolari sono eseguite da professionisC. Non vi l'isCtuzione del teatro popolare.
MusicisC professionisC, a5ori e danzatori viaggiano di villaggio in villaggio eseguendo i loro drammi danza.
Sarebbe pi corre5o dividere queste danze popolari in due categorie: popolari e tribali. La dierenza tra i due
culturale. Danze popolari sono le estensioni rurali della popolazione indiana pi grande.



Il termine BOLLYWOOD nasce dalla fusione di Bombay e Hollywood e comprende tu5a la
produzione cinematograca indiana in lingua Hindi e Urdu. Ovvero quella coloraCssima forma
di danza che con le sue evoluzioni spe5acolari e cive5uole che mimano passione, desiderio e
bisCcci di amanC, fa capolino nei lm made in Bombay.
Fenomeno no a poco fa noto solo ai maniaci di India, ma con cui ormai- dopo kolossal teatrali,
incursioni delle troupe indiane sul lago di Como e in piazza Duomo a Milano, e la superstar Shah
Rukh Khan che occhieggia sui bus Atm dagli spot della maggiore compagnia area indiana
molto noto anche allItalia.

HINDUSTANI TRADITIONAL INDIA



23 Maggio India soul
Concerto al consolato indiano
Con Imran Khan


FROM KOLLYWOOD with love
7 Giugno- Bollywood dance workshop
11.00-13.30 avanzato
15.00-17.30 open level

7 Giugno ore 21.30 CHENNAI EXPRESS
Show with George Jacob

26 Luglio SUMMER MELA






BOLLYWOOD DIWANA
INTENSIVE WEEK con Karan Pangali

Giov. 11 Giugno
20.00-21.15 Kathak Master class-OPEN level
Ven. 12
19.30-20.45 Bollywood Master class-OPEN LEVEL

Sabato 13 Giugno 2015
14.30-17.30 Kathak Master class-OPEN LEVEL

Domenica 14 Giugno 2015
15.00-18.00 Bollywood Master class- intermediate
level (min 1 anno di studio di danze).
SHOW:
Domenica 14 Giugno ore 21.30 " DREAMING
INDIAcon la straordinaria partecipazione di
KARAN PANGALI.

SPLENDOUR of MUGHUL ERA
Intensive weekend with ANUJ MISHRA & NEHA
SINGH
28 Giugno 2015 11-13.30-15.00-17.30
29 giugno ore 21.30 Mehl & Kathak performance
con Anuj Mishra

22 Maggio 2015- ore 21.00 Imran Khan in concert


23 Maggio 2015-ore 19.30 India soul al consolato generale dellIndia
7 Giugno 2015-ore 21.30 From Kollywood with love con George Jacob
14 Giugno 2015-ore 21.30 Dreaming India con Karan Pangali
29 Giugno 2015-ore 22.00 Mehl con Anuj Mishra& Neha Singh
26 luglio 2015 all day-SUMMER MELA

Direzione arCsCca: Maya Devi


Maya Devi (Monica F.) la prima e unica insegnante di DANZE FOLK DEL RAJASTHAN e Kalbeliya in Italia.Membro di CID UNESCO,
consiglio internazionale della Danza.
E' l'unica allieva italiana di SUA DEVI, una delle pi grandi maestre di Kalbeliya e di Gulabo Sapera, la pi grande danzatrice di danze del Rajasthan al
mondo.Oltre a essere insegnante di danze meditaCve , Devi Dance, Hindi bollywood dance, Flamenco contemporaneo e Hindi Flamenco
Ricercatrice spirituale, insegnante di Meditazione e yoga.
Dal 1996 viaggia in India seguendo un percorso spirituale profondo sulla tradizione Shaktas della Grande Dea The living goddess tradiCon e
apprende le danze indiane e sacre durante lunghi soggiorni di studio : le danze folk del Rajasthan con la Guru Vandana, la danza Kalbeliya presso i
villaggi gipsy degli incantatori dei serpenC e con la maestra Sua Devi, la danza Odissi con Rekha Tandon a Bhubaneswar, la danza Khatak con Guru
Kamal Maharaj e la danza Su da maestri Indiani.
Nel 2005 a Milano inizia i suoi studi di Flamenco a5raverso soggiorni in Andalusia studiando con grandi Maestri della danza come: Isabel Bayon,
Rafaela Carrasco, Antonio el Pipa, Olga Pericet, Blanca Del Rey, Eva La yerbabuena, Angel Munoz, Belen Maya e Mercedes Ruiz.
Studia Palmas y compas con El Londro, El Gamboa de Jerez, Antonio Mejias, SanCago Lara e Antonio Porro in Italia.
Maya ha fondato MUDRARTE nel 2009 per diondere gli insegnamenC di Yoga e Danza.
E' inoltre Insegnante e Dire5rice creaCva della scuola di formazione di danze folk indiane della e compagnia RAJPUT MAHARANI.
A O5obre 2010 si esibita al Palasesto di San Giovanni M. in onore di AMMA, la grande Guru indiana e Madre dell'abbraccio. Una delle poche
danzatrici ammesse a questo evento mondiale.
A Febbraio 2011 debu7a con la compagnia Sua Devi Kalbeliya a Udaipur-Rajasthan danzando per un importante evento organizzato dal Maharaja
di Udaipur sul LAKE PALACE.
Sempre a Febbraio 2011 si esibisce a Delhi con la compagnia BOLLYWOOD NAACH fondata da Rahul Verma, uno dei coreogra di Danza
Bollywood pi quotaC dell'India.
Dal 2010 si dedica a diondere le Danze Nomadi della GIPSY ROUTE e crea il fesCval NOMAD DANCE FEST dedicato a tu5e le danze gipsy e nomadi
dall'India all'Andalucia che ha debu5ato a DANZA IN FIERA a Febbraio 2011 a Firenze.
Maya Cene corsi e stage a Milano e tu5a Italia e si esibisce in famosi teatri e all'Estero in FesCval internazionali della Danza con la sua compagnia
RAJPUT MAHARANI. Ogni anno organizza INDIA DANCE TOUR , un viaggio dedicato alla danza per le persone che vogliono conoscere da
vicino le danze e la cultura indiana.
PER LA BIOGRAFIA COMPLETA DI MAYA visitare il sito www.maharanidance.com

All rights reserved