You are on page 1of 1

L’INFORMAZIONE il Domani PRIMO PIANO DOMENICA 7 FEBBRAIO 2010 3

LA GIORNATA STORIA Sul web

DEL RICORDO Terribili


massacri
C on "massacri delle foi-
be" o, più comune-
mente, foibe si intendono
gli eccidi perpetrati ai dan-
ni di migliaia di cittadini ita-
Nella foto a destra, un momento liani per motivi etnici e po-
dell’iniziativa organizzata ieri da litici alla fine e durante la se-
Rifondazione. Sopra, l’intervento conda guerra mondiale in
di Andrea Galli (Lega Nord) Venezia Giulia e Dalmazia.
Tali eccidi furono per lo più
NEGAZIONISMO Le accuse del professor Volk all’incontro organizzato da Rifondazione comunista compiuti dall'Armata Popo-
lare di Liberazione della Ju-

«Foibe, quel vittimismo di Stato»


goslavia: furono coinvolti
prevalentemente cittadini
italiani di etnia italiana e in
misura minore e con diver-
se motivazioni, anche citta-
dini italiani di nazionalità

Dibattito acceso con Andrea Galli (Lega): «Non nascondete le stragi» slovena e croata. Il nome
“foibe” deriva dagli inghiot-
titoi di natura carsica dove
furono gettati e, successiva-
di Veronica Negrelli cuore nel pozzo”, andato in on- basarsi su dati seri e documen- nalista, che interpreta le vicen- diamante di quell’operazione mente, rinvenuti i cadaveri

«L e Foibe sono diventate,


ormai, una questione tra
fascisti e antifascisti, non tra slo-
da sulla Rai, ma Volk ha puntato
il dito anche su un altro aspetto:
«La questione più importante
tati». In riferimento alle dichia-
razioni di Dapinguente sulla co-
stituzione di una memoria uni-
de in termini nazionali. Il testo
della legge che ha istituito la
Giornata del Ricordo è una pre-
di costruzione di una nuova me-
moria nazionale condivisa, di u-
na nuova identità, di un nuovo
di centinaia di vittime. Per
estensione i termini "foibe"
e il neologismo "infoibare"
veni e italiani». Con queste pa- ed interessante da approfondi- ca che unisca le giornate del 27 sa in giro per chi conosce la sto- orgoglio ed egemonia culturale sono diventati sinonimi de-
role il ricercatore della sezione re è quella dell’esodo, di cui l’I- gennaio e del 10 febbraio, così ria; perché non ci indigniamo basate sul vittimismo e sul na- gli eccidi, che furono in
Storica della biblioteca Nazio- talia sembra essersi completa- Volk: «Mi indigna il tentativo, per altri morti? Pensiamo ai zionalismo più trito: “gli italiani realtà perpetrati con diver-
nale slovena e degli studi di mente dimenticata: l’80% delle che sta dilagando a livello na- campi di concentramento fran- sono buoni e vanno difesi”. Il se modalità. Nonostante la
Trieste Sandi Volk ha chiuso iniziative del 10 febbraio riguar- zionale, di mettere sullo stesso cesi in Tunisia, dove 41300 ita- parlamento ha deciso di scrive- ricerca accademica abbia
l’incontro che Rifondazione dano le foibe. Piuttosto che la piano foibe, esuli e genocidio e- liani morirono solo perché ita- re la storia direttamente: la leg- chiarito gli avvenimenti,
Comunista, circolo Guernica e Giornata del Ricordo – ha com- braico. Si sta costruendo una liani. La giornata del Ricordo è, ge che istituisce la commemo- nell'opinione pubblica ita-
Coordinamento Lavoratori Re- mentato con tono provocato- storiografia nazionale e nazio- in questo momento, la punta di razione è corredata da afferma- liana il tema delle foibe con-
sistenti Modenesi hanno voluto rio - avrei pensato ad istituire la zioni mai avvalorate. Il testo è tinua a generare polemiche
dedicare al dibattito “Basta con “Giornata della vergogna” per pieno di prese in giro, ambigui- sulle responsabilità che fa-
le menzogne (fasciste e non) quanto perpetrato dallo stato li- tà che fanno affidamento sull’i- scismo e comunismo han-
sulle Foibe”. Si temevano aspre berale nelle colonie in Africa. gnoranza della gente. E Galli no avuto nella vicenda.
contestazioni e pesanti reazio- Accetto ogni critica e sono fa- conferma la volontà di costrui- (da Wikipedia)
ni, ma di infuocati vi erano gli vorevole al dibattito, ma deve re questa nuova ideologia».
animi, attenti e seri, dei compa-
gni di Giliani. Solo il leghista An-
drea Galli ha espresso lo sbalor- n RICONOSCIMENTI Lo studioso boccia anche le celebrazioni
dimento per l’iniziativa, venen-
do tacciato da un coro di uditori
di aver proposto «la sua storia».
A microfoni spenti, Volk ha così
«L’80% delle onorificenze
è stato consegnato
«Sulle medaglie ai parenti:
commentato l’intervento del
consigliere comunale: «Sono
deluso; nell’affermare che nelle
a persone che per legge
non potevano riceverle»
ci sono troppe ambiguità»
Foibe sono morte dalle 12000
alle 30000 persone, Galli ha ci- to di una persona uccisa in no. Nella sua città natale gli
tato semplici affermazioni, “sti-
me”, non il risultato di una ri-
cerca scientifica. Ma questo,
«I n occasione del conve-
gno del 2008 “Foibe: la
verità. Contro il revisioni- Da sinistra, il professor Sandi Volk e Francesco Giliani (Rifondazione)
combattimento: Ettore Lu-
biana, caduto il 4 febbraio
’44. Il caso più clamoroso ri-
hanno dedicato una targa co-
me “martire dell’Italianità”.
Aspetto positivo della legge:
purtroppo, accade sempre; smo storico” - ha raccontato guarda Vincenzo Salentino, presentare domande entro il
nessuno, nei tanti incontri a cui Sandi Volk - condussi una ri- istituito la Giornata riporta non a servizio dell’It alia ». presentato come l’ul ti mo 2014: per quella data avremo
ho partecipato, è stato in grado cerca specifica sulla meda- che tale riconoscimento non Nessuno sa che dalle nostre prefetto di Zara italiana, nato dati precisi. Antonio Ruffini,
di confutare la mia documenta- glia che ogni anno, in occa- può essere attributo a sogget- parti - io sono slavo di Trieste a Rosolini e arrivato a Zara di Termoli, è stato ricono-
zione. La realtà che ci circonda sione della giornata del Ri- ti su cui pendevano sentenze - solo volontariamente si po- nel ’19 con l’esercito, fonda- sciuto come infoibato quan-
è questa: chi fa ricerca storio- cordo, viene conferita ai di- per crimini gravi sulla perso- teva entrare in formazioni ar- tore del fascismo zaratino e do esistono documenti che
grafica viene subito tacciato di scendenti dei “infoibati”. Si na, o a individui caduti in mate. L’80% dei “premiati” funzionario delle camicie ne- attestano il contrario. Così
essere negazionista». Da parte tratta di medagliette brunite combattimento, ovvero «che hanno militato in formazioni re e giudice di quel tribunale per Francesco Alfieri, ucciso
sua Galli aveva così commenta- che riportano la scritta “l’Ita- hanno fatto parte volontaria- armate non a servizio dell’I- che dava veste legale alle rap- dai fascisti italiani.
to la relazione del ricercatore: lia ricorda”. La legge che ha mente di formazioni armate talia. C’è almeno un caso cer- presaglie dell’esercito italia- (V.N.)
«Senza ricorrere a malizia o spi-
rito provocatorio – ha sostenu-
to – le parole di Volk sono va- PDL Critiche agli organizzatori dell’iniziativa e all’Istituto Storico che ha concesso la sala
ghe: pochissimi i dati riportati,
deboli gli argomenti proposti.
Le foibe sono state un dato di
fatto incontrovertibile, una del-
«E’ un tentativo di falsificazione, basta!»
le pagine più sporche della sto- «Umilia e strumentalizza la sofferenza di chi è morto o è stato esule in Patria»
ria italiana. Basta minimizzarle
o negarle». Niente di più lonta-
no dalla posizione di Volk, che
ha respinto ogni tabù reclaman-
«I l tentativo di falsificazione della storia che Rifon-
dazione sta tentanto di mettere in atto è inam-
missibile ed umilia la composta sofferenza di chi ha
fesa nei confronti di chi ha subito senza colpa tante
ingiustizie, come quei tanti italiani che furono co-
stretti all'esilio o peggio gettati nelle foibe. Riteniamo
do «ricerche serie che accerti- vissuto, esule in Patria, un dramma che per sempre ne inoltre del tutto inopportuno l'aver concesso la sala
no la cifra esatta dei morti, con ha segnato la vita. Invece di voler strumentalizzare e dell' Istituto Storico per un’iniziativa di tale genere,
nomi e cognomi. Lo Stato – ha falsificare a tutti i costi la storia a fini politici, gli espo- contraria allo spirito di promozione della conoscenza
continuato - dovrebbe finanzia- nenti di Rifondazione farebbero meglio a rileggersi la storica e offensiva della dignità dei molti esuli Istriani
re ricerche storiche, non cele- storia e a riflettere su quanto è accaduto tra il 1945 ed e Dalmati. Speriamo che iniziative del genere non si
brazioni come la Giornata del il 1948 in Istria e Dalmazia». L’invito arriva da due e- ripetano più e che prevalga, a quattro giorni dalla ce-
Ricordo del 10 febbraio o fic- sponenti del Pdl, il consigliere comunale e regionale lebrazione del "Giorno del Ricordo", un ricordo sen-
tion del tutto false, costruite a Andrea Leoni e il consigliere provinciale Matteo Ma- tito e veritiero - concludono i due consiglieri di cen-
scopo propagandistico». Lo Il Bus de la Lum (Belluno), con il monumento agli infoibati laguti. «Un'iniziativa del genere è senza dubbio un' of- trodestra - da tutte le forze politiche modenesi».
sceneggiato in questione è “Il