You are on page 1of 7

Patrick Stübing e sua sorella Susan, entrambi di Lipsia, rispettivamente 29 e 24 anni,

dicono di amarsi. Hanno 4 figli, due dei quali disabili,


tre in affidamento. I due hanno vissuto la loro
infanzia divisi nella Germania dell'Est comunista e si
sono conosciuti quando erano già grandi. Patrick fu
adottato da un'altra famiglia e conobbe i suoi parenti
biologici non prima del suo diciottesimo anno di età.
Il suo vero padre era già morto, ma egli riuscì a
trovare la madre, Annemarie, e sua sorella Susan
solo nel 2000. Sei mesi dopo la riunione, la madre
Annamarie morì per un attacco di cuore. Presto
Susan e Patrick s'innamorarono e cominciarono ad
avere una relazione. Colpevoli di incesto, sono stati
più volte condannati e costretti a trascorrere lunghi
periodi lontano l'uno dall'altra. Ma dopo ogni separazione forzata, si sono rimessi insieme.
«Vogliamo che la legge che presenta l'incesto come un crimine sia abolita», ha specificato
Patrick Stübing, che ha passato due anni in carcere e rischia un ulteriore pena proprio
perché non ha messo fine alla relazione con sua sorella. «Non ci sentiamo colpevoli di
quello che è accaduto», hanno affermato tutti e due in una dichiarazione rilasciata ai
media locali. La storia ha diviso non solo la Germania, ma anche i Paesi vicini, come il
Belgio, l'Olanda e la Francia, dove l'incesto non è proibito per legge. La maggior parte dei
dottori interessatisi al caso ha sottolineato che è giusto rispettare le regole della natura,
dato che i figli nati da fratelli e sorelle hanno maggiori possibilità di presentare
malformazioni e malattie. «Noi dobbiamo abolire una legge che appartiene al secolo
scorso e che non ha più senso», ha detto Jerzy Montag, portavoce del Partito verde
tedesco VITA. «Vogliamo vivere come una famiglia normale», hanno dichiarato i due
amanti, mentre il loro legale, Endrik Wilhelm, che porterà il loro caso davanti alla Corte
Costituzionale, dice che i due hanno buone possibilità di vincere la loro battaglia. Egli
imposterà la sua linea di difesa specificando che nessuna legge tedesca proibisce a
persone anziane o disabili di avere bambini, anche se queste corrono seri rischi di
generare figli con malformazioni fisiche e mentali. Anche i fratelli e le sorelle, a questo
punto, dovrebbero avere gli stessi diritti e non essere discriminati. Per il momento, la Corte
Costituzionale, che sta esaminando il ricorso del loro avvocato sulla costituzionalità della
legge che vieta l'incesto, ha deciso, in attesa di un giudizio definitivo, che la pena inflitta a
Patrick dopo l'ultima condanna, 2 anni e mezzo di carcere, debba essere sospesa. Per il
momento quindi, fratello e sorella potranno vivere insieme per la prima volta senza il
timore di essere arrestati o di correre il rischio che i loro figli vengano affidati ad un istituto
statale come è avvenuto in passato. «È una questione che interessa sia i diritti della
famiglia sia la libertà sessuale», afferma l'avvocato Wilhelm. «Susan e Patrick non hanno
fatto del male a nessuno». Sbagliato. Hanno fatto del male ai loro due figli, nati disabili, e
fanno del male alla società tutta, poiché l'accoppiamento tra congeniti è contro natura, lo
sanno anche le bestie.

Il caso d'incesto che divide la Germania, Corriere della Sera, 28 febbraio 2007

Brother and sister fight for right to continue their incestuous affair, Independent, 26
febbraio 2007
Dopo l'aborto, il sesso gay e lesbico, lo
stupro, in tv è arrivato anche l'incesto. È
caduto così anche l'ultimo tabù del piccolo
schermo britannico. La più seguita soap
della BBC, “EastEnders”, in onda in prima
serata e vista in media da cinque milioni di
spettatori, a luglio del 2001 ha mostrato
l'amore tra una madre e un figlio.
Protagonisti della scena, che ha provocato
scandalo prima ancora di essere
trasmessa, due degli attori inglesi più
amati, Martin Kemp, celebre per aver fatto parte della band Spandau Ballet, e Sheila
Hankock, rispettivamente nella parte di un imprenditore di successo e della madre, donna
sulla sessantina che sta morendo per dei problemi di cuore. Quando il figlio le si avvicina
per baciarla sulla guancia, lei gli prende il viso tra le mani e ne cerca febbrilmente le
labbra. Dopo il bacio, lui si allontana disgustato, ma la madre insiste, si lecca le labbra
dicendo: «Lo sai che lo vuoi anche tu». La Family Concern, associazione per la difesa
delle famiglie, si è detta «sconcertata che la BBC abbia deciso di affrontare un tema così
delicato in una soap che va in onda in prima serata e che è seguita anche da telespettatori
molto giovani». Julian Brazier, deputato dei Tories, ha commentato: «È scandaloso che la
televisione pubblica del Regno Unito decida di spendere i soldi dei contribuenti per
promuovere l'incesto». La BBC ha difeso la decisione di mandare in onda il bacio
incestuoso sottolineando che «i telespettatori di EastEnders sanno distinguere tra finzione
e realtà».

Incesto in tv, Londra protesta, Corriere della Sera, 25 luglio 2001

In Francia ha suscitato clamore la storia di Jacqueline e André: separati poco dopo la


nascita, si sono incontrati da adulti e si sono innamorati. Ora vivono insieme da cinque
anni. Come loro gli spagnoli Daniel e Rosa, che oggi hanno due ragazzi di 20 e 13 anni:
figli di una coppia separata, si sono incontrati per caso in un bar dopo vent’anni e si sono
innamorati. La loro storia è diventata un film tv, “Mas que Hermanos” (“Più che fratelli”). In
Francia, come in Belgio, le leggi che condannavano l’incesto furono abolite da
Napoleone. Anche in Spagna è stato depenalizzato, ma il matrimonio tra consanguinei
non è ancora possibile. La Svezia è l’unica in Europa che permette il matrimonio tra fratelli
che condividono un solo genitore. Un permesso che però va richiesto al County
Administrative Board. Variegata la situazione statunitense, dove l’incesto è punito
diversamente da Stato a Stato. Così nel New Jersey non c’è alcuna pena per i
maggiorenni, mentre in Massachusetts è prevista la reclusione fino a vent’anni per attività
sessuali con un parente più stretto del cugino di primo grado. In Giappone l’incesto è
legale, anche se generalmente considerato immorale. La legge che lo condannava fu
abolita nel 1881. Non ci si può tuttavia sposare tra consanguinei. In Israele l’incesto
compiuto tra persone consenzienti che hanno entrambe compiuto la maggiore età non è
reato, mentre è punita la relazione incestuosa con un minorenne. In Brasile, infine, la
norma più strana: la legge permette l’incesto solo in alcuni casi, ovvero, zio e nipote
possono avere una relazione, ma a patto che prima si siano sottoposti a controlli genetici.

Incesto INCHIESTA La Repubblica delle Donne maggio 2008


PSICOLOGIA EVOLUZIONARIA

Nel mondo animale, la tendenza ad accoppiarsi con i consanguinei viene penalizzata dalla
selezione naturale, dato che riprodursi con parenti stretti aumenta notevolmente la
probabilità che i figli abbiano malattie letali o altamente invalidanti. Può succedere che un
animale si accoppi con un parente stretto perché non lo riconosce come tale, ma in tutte le
specie esistono meccanismi più o meno raffinati per minimizzare questo rischio). Il biologo
Tommaso Pizzari dell'Università di Leeds e colleghi, studiando le femmine del gallo rosso
della giungla (Gallus gallus), hanno scoperto che immagazzinano un numero di
spermatozoi minore se provengono dai loro fratelli e che di questi spermatozoi ben pochi
raggiungono le uova, anche quando i maschi nel tentativo di compensare ne producono di
più. In un articolo pubblicato sulla rivista Proceedings of the Royal Society London B, i
ricercatori suggeriscono che i maschi, e forse anche le femmine, siano in grado di
riconoscere la parentela, anche se non è chiaro come riescano a farlo o come le galline
discriminino il seme dei fratelli. «Una possibilità - spiega Pizzari - è che espellano gli
spermatozoi subito dopo l'accoppiamento».

Incesto fra galline Le Scienze 30 settembre 2004

John Tooby e Leda Cosmides, due scienziati della University of California di Santa
Barbara, promotori della Psicologia Evoluzionaria (che studia la mente umana in una
prospettiva evolutiva), hanno pubblicato una ricerca su Nature sostenendo che la
repulsione verso l'incesto non è tanto frutto di tabù socio-culturali, come sosteneva Freud,
ma piuttosto un prodotto dell'evoluzione. Secondo i due scienziati, l'orrore per l'incesto è
naturale, istintivo, proprio perché deriva dall'evoluzione: «Funziona indipendentemente
dalle convinzioni razionali», dice Leda Cosmides. Per arrivare a questo risultato, i
ricercatori hanno posto domande a 600 volontari, e hanno osservato che sia il rifiuto di
considerare il sesso con un fratello, sia i sentimenti altruistici verso di lui, erano
proporzionali al tempo che avevano passato insieme a casa. L'effetto è particolarmente
forte nel caso di un fratello piccolo accudito dalla madre: «In questo caso l'altruismo verso
di lui è molto forte, così come l'orrore all'idea di averci rapporti sessuali». Le donne sono
più sensibili degli uomini a questo effetto: «Basta un vago sentore di fratellanza e con
quell'uomo hanno chiuso», spiega Cosmides. Va dunque rivista la teoria edipica di Freud,
secondo cui siamo naturalmente attratti dai nostri consanguinei e solo le imposizioni
sociali ci impediscono gli incesti che altrimenti sarebbero spontanei, anche la natura lavora
ci mette del suo. Sarebbe interessante sapere cosa ne pensano i due scienziati del caso
di Patrick e Susan.

Center for Evolutionary Psychology

IL CASO DICO

In Italia, ci sono state forti polemiche in merito ai "DICO" - "DIritti e doveri delle persone
stabilmente COnviventi", il testo del disegno di legge varato dal Consiglio dei Ministri l'8
febbraio 2007, redatto dagli staff legislativi dei due Ministri Barbara Pollastrini (Pari
Opportunità) e Rosy Bindi (Famiglia), presentato all'esame del Senato della Repubblica. Il
ministro Bindi, in un'intervista ha tenuto a precisare, a seguito delle numerose critiche
provenienti dagli ambienti cattolici, che alla stesura del testo del decreto «hanno
collaborato molti giuristi cattolici», guidati dai proff. Renato Balduzzi, presidente del MEIC
(Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale) e Stefano Ceccanti, ex presidente della FUCI
(Federazione Universitaria Cattolica Italiana). I beneficiari degli effetti del disegno di legge,
qualora approvato in via definitiva dalle Camere, sarebbero i
conviventi, ovvero «due persone maggiorenni, anche dello
stesso sesso, unite da reciproci vincoli affettivi, che convivono
stabilmente e si prestano assistenza e solidarietà materiale e
morale». Tra le numerose critiche piovute sul disegno di legge,
oltre alla contrarietà verso l'istituzione di "una specie di
matrimonio", espressa dalla gerarchia della Chiesa Cattolica ed
in sostanza fatta propria, seppure in diverse misure e
sfumature, da partiti, politici, associazioni di ispirazione
cattolica, l'Avvenire, il giornale dei vescovi, ha criticato il fatto di
voler far entrare le questioni affettive, private, in un codice
pubblico, paventando il rischio di «introdurre la legittimazione
dell'incesto». Secondo Avvenire, l'affetto è qualcosa che per
sua natura esula dalla dimensione giuridica, «che il diritto non
ha mai disciplinato perché non è in grado di disciplinare». In
particolare, dice Avvenire, l'incesto verrebbe legittimato in
quanto con "vincoli affettivi" si allude a nient'altro che rapporti sessuali.

DICO - Wikipedia

ZOO

“Marina e la sua Bestia”, film pornografico diretto da Renato


Polselli nel 1984, è il primo film in assoluto con scene di zoofilia
o zooerastia: l'attrice Marina Hedman, meglio nota come Marina
Frajese, ex-moglie del noto giornalista Paolo Frajese, ha un
rapporto sessuale con un cavallo. Al Sundance Festival, il
prestigioso festival americano del cinema indipendente creato da
Robert Redford, il film "Zoo", di Robinson Devor, presentato nel
2007, ha creato parecchio scompiglio. La pellicola è ispirata ad
una storia vera: nel 2005 un uomo morì dopo aver fatto sesso
con uno stallone arabo. La vicenda portò alla scoperta di una
comunità alquanto strana e perversa: individui zoofili che fanno
sesso con animali. Un giornalista del Los Angeles Time ha
definito il film «elegiaco e stranamente poetico. Non è per niente
esplicito nell'evocazione di un rapporto ricostruito attraverso
l'audio e un serie di interviste. Il film è notevole, elegante, lirico,
strano e stranamente bello». A chi ha chiesto al regista il perché di questa pellicola, lui ha
risposto: «Il sesso uomo-animali accade davvero. È parte di ciò che siamo». Il fenomeno
in effetti esiste, e non solo al cinema (in particolare nel genere pornografico), ma anche
nella realtà. È emerso "grazie" a Internet. Il titolo del film si riferisce proprio all'appellativo
con cui si autodefinisce la comunità web degli amanti di questo genere di sessualità:
"zoos", appunto. Ma non è tutto: nello Stato di Washington non esiste un articolo del
codice che punisce la cosiddetta "bestiality", per cui la pratica di fare sesso con animali
non è considerata illegale. E non è illegale anche nella civilissima Svezia, dove, secondo
uno studio, dagli anni '70 ad oggi sono avvenuti oltre 200 rapporti sessuali con animali, in
particolare cavalli. Sempre secondo lo studio, la maggior parte dei casi è stata scoperta
dai veterinari e dalla polizia dopo il 2000. Il governo, dopo aver appreso i dati, si è detto
preoccupato per un aumento degli abusi sessuali sugli animali. Lo studio ha rilevato 209
casi di abusi sessuali, 161 dei quali diretti a cavalli, 18 a cani e 17 a bovini. La zoofilia o
zooerastia, in Italia non è attualmente considerata reato. Anche se numerose associazioni
animaliste, tra le quali l’AIDAA (Associazione Italiana in Difesa degli Animali e
dell’Ambiente) si sono schierate contro questo fenomeno, definendolo, in ogni caso, una
forma di maltrattamento degli animali. Soprattutto quando entra in campo lo “zoosadismo”.

Film porno con animali e reato di zoopornografia: la prima condanna in Italia,


ecoblog, 11 febbraio 2010

“Taboo” di Kirdy Stevens è il nome di una delle più celebri saghe cinematografice di
grande successo per quanto riguarda il cinema porno legale. Iniziata nel 1980, non si è
ancora del tutto conclusa. Il tabù affrontato è quello dell'incesto, in particolare quello tra
madre e figlio. In estrema sintesi, la trama è la seguente: una donna di circa 40 anni,
Barbara Scott, viene abbandonata dal marito ma poco dopo seduce il figlio adolescente
Paul, diventando la sua amante. Il successo di “Taboo” ha permesso di realizzare
numerosi sequel, in cui anche altri membri della famiglia Scott hanno dei rapporti sessuali.
Nell'estate del 2006, la Standard Digital (oggi chiamata Addictive Entertainment) ha
pubblicato un cofanetto contenente le prime sei edizioni di “Taboo” ed ancora una volta il
pubblico ha dimostrato di gradire. Nel 2007, la AVN (Adult Video News) ha inserito “Taboo
1” nella lista dei 101 film pornografici più importanti nella storia. Su Internet, di questi tempi
esiste una grande quantità di pornografia in cui sono rappresentati sia l’incesto che la
zoofilia (insieme alle più turpi forme di porno-sessualità), considerata legale (a meno che
non vi siano coinvolti dei minori). Il chè fa sorgere il sospetto che si voglia legittimare e
incoraggiare queste perversioni psico-sessuali. Jeffrey Masson (“Incest, Pornography and
the Problem of Fantasy”', in Michael Kimmel (ed.) “Men Confront Pornography”) sostiene
che l’incesto pornografico è “il vero nucleo della pornografia, la sua forma prototipa”, e che
"tutta la pornografia è fondamentalmente votata a promuovere l’incesto».

Taboo (film series) - Wikipedia

Negli Stati Uniti, nel Missouri, a casa di


Burrell Mohler Sr., 77 anni, un uomo al centro
di un caso di abuso sessuale su bambini
comprendente stupro, sodomia e rapporti con
animali, è stato trovato numeroso materiale
pornografico riguardante l’incesto insieme a
riviste con titoli come “Family Taboo” (della
casa di produzione di Larry Flint), “Best of
Family Secrets”, “Best of Family Touch”. Le
violenze, a cui hanno partecipato anche i suoi
4 figli, sono andate avanti per anni ai danni
delle nipotine fin dall’età di 5 anni. Il caso era emerso ad agosto del 2009, dopo la
denuncia di una delle vittime, oggi 26enne. La ragazza aveva raccontato di come il
capofamiglia, i suoi quattro figli, tra i 47 e i 52 anni, avessero sistematicamente violentato
lei, le sue quattro sorelle e il fratello tra il 1988 e il 1995. Gli stupri pedofili erano preceduti
da cerimonie “matrimoniali” nel corso delle quali le bambine dovevano raccogliere fiori per
adornare la loro acconciatura e indossare vestiti speciali. Dopo una di queste cerimonie, la
giovane ha riferito di essere stata “sposata” ad uno dei suoi zii e di essere stata condotta
fino a un pollaio. La donna ha ricordato che suo nonno ha messo una coperta sulla porta a
vetri e ha detto «divertitevi bene». La ragazzina è stata poi costretta ad accoppiarsi con un
cane e ad assistere alla sodomizzazione del fratellino. Inoltre, tre delle bambine violentate
per anni dal nonno e dai suoi quattro figli adulti, furono anche costrette a uccidere. Negli
scavi fatti attorno alla fattoria la polizia ha rinvenuto un osso umano, una suola di scarpa,
una carta di credito e un paio di occhiali. Burrell Edward Mohler obbligò le nipotine,
all'epoca di cinque, sei e otto anni, ad aiutarlo a rapire uno sconosciuto in un centro
commerciale di Independence che fu portato nella fattoria di Bates City: lì Burrell minacciò
di morte le bambine spingendole ad assassinarlo e poi le costrinse anche a scavare la
scavare la fossa per seppellire la vittima. Più recentemente, si è fatta avanti un'altra vittima
della fattoria dell'orrore: si tratta di una donna che non è parente dei Burrell che sostiene di
esser stata tenuta prigioniera per due anni in uno scantinato dove fu ripetutamente
violentata; avrebbe avuto anche un bambino, che morì e fu seppellito dai suoi aguzzini in
un box.

Missouri: un padre e i suoi 4 figli arrestati per stupri in famiglia Corriere della Sera
13 novembre 2009

Father, 4 Sons Arrested On 14 Sex Charges Kansas City News 11 novembre 2009

Per l'antropologo fondatore del metodo strutturalista, Claude Lévi-Strauss, la prima regola,
il primo tabù, che l'uomo si è dato, ha riguardato il campo della
sessualità: è proprio mediante il tabù dell'incesto, quella norma,
sacra e inviolabile, che vieta matrimoni e rapporti sessuali tra
consanguinei, che la sessualità è culturalmente disciplinata; se
questa regola non c'è, la sessualità è bestiale, è animalesca. Il
tabù dell'incesto è uno dei primi "paletti" che ha fatto emergere
l'uomo civilizzato dalla barbarie. Secondo Freud, i tabù che
l’uomo si è imposto per contrastare i suoi bestiali impulsi
aggressivi e sessuali, hanno dato origine ai rituali, che sono un
mezzo attraverso cui l'uomo tiene a bada le forze distruttive che
minacciano continuamente l'ordine sociale (nel suo scritto “La
Religione delle Origini”, Anati parla della presenza di
comportamenti rituali già negli animali, dei quali si trovano
tracce nella religione dell’uomo preistorico - australopiteco - e
nel rapporto con i fenomeni naturali). In estrema sintesi, il
pensiero espresso da Freud in "Totem e Tabù" è il seguente: i divieti più antichi diedero
luogo alle leggi sul totemismo; il totemismo si fonda completamente sul culto del totem,
ovvero un oggetto, concreto o astratto, naturale o soprannaturale, un simbolo, il cui
significato serve ad aggregare gruppi di individui in clan, tribù, società. Il totem corrisponde
a ciò che oggi chiamiamo “valori di appartenenza”, ciò in cui crediamo, ci riconosciamo e
ci identifichiamo. Forme di totemismo contemporaneo sono ad esempio i simboli di unità
nazionale come le bandiere, gli stemmi, oppure, il crocifisso e i santi patroni della religione
cristiana; i tabù servono invece a sancire le regole, e, implicitamente, le sanzioni:
trasgredirli significa sperimentare la non-appartenenza, la perdita di identità, la perdita di
senso comunitario. L’instaurazione del tabù fu fondamentalmente rivolta all’evitamento
dell’incesto, dei rapporti sessuali all’interno dello stesso clan, e alla costituzione di un
ordinamento sociale più esteso. La spinta pulsionale libidinosa che in alcuni casi portava
(e porta) alla violazione del tabù, rendeva necessaria l’espiazione della colpa attraverso
cerimoniali di evitamento dell’oggetto desiderato o di suoi sostituti (sublimazione). I divieti
si sarebbero poi organizzati in un patrimonio psichico ereditario tramandato,
probabilmente per rinforzo, cioè per successive violazioni del tabù stesso, costituendo
quella legislazione psichica che Freud ha definito “complesso di Edipo”. La perfetta
esecuzione dei rituali di espiazione serviva a gestire il peso dell’autoaccusa e a garantire
un sistema punitivo atto ad alleviare la persona dal senso di colpa per aver commesso il
misfatto. Nel corso della storia, sono stati di volta in volta riconosciuti e negati al
totemismo carattere religioso e carattere universale (a volte è stato considerato tipico di
una fase del progresso culturale, altre volte se ne è constatata l'assenza nei popoli più
primitivi). Secondo Claude Lévi-Strauss, «il totemismo partecipa della conoscenza; le
esigenze alle quali risponde, il modo stesso in cui cerca di soddisfarle, sono in primo
luogo d'ordine intellettuale. In questo senso non ha nulla d'arcaico e di lontano». La
questione torna prepotentemente d'attualità, in un mondo ormai pluri-secolarizzato, porno-
globalizzato, orfano del sacro, in cui feste e rituali sono stati completamente spogliati della
loro funzionalità trascendentale, piegati alla logica feticista del consumo. Un mondo senza
più trasgressione, dato che non c’è più un sistema di valori condivisi, che regredisce verso
uno stato di caos neo-barbarico dominato dalla violenza degli istinti primordiali.

Totem and Taboo - Wikipedia

LINKS

ABUSO

RAPPORTO PEDOFILIA

PORN FOR THE MASSES

CULTURA DELLO STUPRO

PORNO IMPERO

IL PORNO IMPERO COLPISCE ANCORA

PORNOCULTURA

L’ANTICRISTO

LA COSPIRAZIONE DEL SILENZIO