Università degli studi di Roma La Sapienza Facoltà di Scienze della Comunicazione a. a.

2006-2007

IL PUBBLICO EDITORE: NUOVE FRONTIERE PER LA TELEVISIONE NELL’EPOCA DEI NUOVI MEDIA. IL CASO NESSUNO TV.

Cattedra: Sociologia della Comunicazione I Candidato: Ilaria Nicosia Relatore: Prof. ssa Romana Andò Correlatore: Dott.ssa Barbara Mazza

INTRODUZIONE..................................................................................................................................... p. 4 CAPITOLO PRIMO I NUOVI MEDIA 1.0 La terza grande mediamorfosi........................................................................................................... p. 6 1.1 Rappresentazione numerica.............................................................................................................. p. 7 1.2 Interattività..........................................................................................................................................p. 9 1.3 Multimedialità......................................................................................................................................p. 11 1.4 Convergenza......................................................................................................................................p. 12 2.0 Lo spazio navigabile...........................................................................................................................p. 13 2.1 La forma data-base............................................................................................................................p. 14 2.2 L’ipertesto...........................................................................................................................................p. 15 3.0 Il cyberspazio......................................................................................................................................p. 18 3.1 I primi utilizzatori: tecno-elite e hacker................................................................................................p. 20 3.2 Le comunità virtuali.............................................................................................................................p. 21 3.3 Il weblog..............................................................................................................................................p. 23 CAPITOLO SECONDO IL PUBBLICO EDITORE 2.0 Pubblico o utente? Le audiences diffuse............................................................................................p. 29 2.1 Il concetto di pubblico.........................................................................................................................p. 32 2.2 Lo studio etnografico e i Cultural Studies: il mondo sociale delle audience effettive.........................p. 33 2.3 Le subculture......................................................................................................................................p. 39 2.4 Il fandom: p2p analogico.....................................................................................................................p. 42 2.5 Il media attivismo: ricombinazione mediatica......................................................................................p. 46 CAPITOLO TERZO NUOVE FRONTIERE PER LA TELEVISIONE: IL CASO NESSUNO TV. 3.0 Switch-off: problemi di una transizione difficile....................................................................................p. 50 3.1 La rimediazione televisiva: dal network al networking.........................................................................p. 54 3.2 2004 Odissea nello spazio: Nessuno va sul satellite...........................................................................p. 57 3.3 Multimedialità allargata e copy-left.......................................................................................................p. 59 3.4 Dal blog al blob: i video dei vloggers dalla rete al satellite...................................................................p. 61 3.5 Blog Generation: un nuovo pubblico nella tv........................................................................................p. 64 3.6 Le mie elezioni: smart mobs e networked-cinema...............................................................................p. 66 3.7 La tv-comunità: dall’audience al rank...................................................................................................p. 68

CAPITOLO QUARTO LA FRONTIERA, TRA SCONFINAMENTI E RIDEFINIZIONI 4.0 Flusso, data-base, palinsesto, rizoma...................................................................................................p. 71 4.1 Nessuno mi può giudicare: la rimediazione del blog, tra routines produttive e selezione dei video......p. 73 4.2 Diritti di frontiera: lo sconfinamento della tv e la ritirata del blog............................................................p. 75 4.3 Il pubblico spettacolo dell’assimilazione ri-creativa................................................................................p. 77

CONCLUSIONI............................................................................................................................................p. 81 APPENDICE................................................................................................................................................ p.82 INTERVISTA /A.......................................................................................................................................... p.83 INTERVISTA /B...........................................................................................................................................p.89 LIBERATORIA.............................................................................................................................................p.97 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...................................................................................................................p. 99

INTRODUZIONE
“E’ stato lo spirito di frontiera americana, fatta di personaggi dubbi, avventurieri, a costruire l’America, a farne un paese con una doppia anima, irrazionale e razionale, caotica e ordinata. Ora siamo alle soglie di una nuova epoca storica ed è come se ci trovassimo a dover costruire una nuova America”- Alberto Abruzzese Cartografata minuziosamente tutta la superficie del globo, fotografato il pianeta dal satellite, conquistata la luna, esplorato Marte, il mondo globalizzato sembrerebbe non consentire altre esplorazioni. Eppure, un nuovo spazio si configura sotto i nostri occhi e sotto le nostre dita; uno spazio di frontiera che non ha che fare con la geografia, ma con l’immaginazione e la creazione, il legame umano e le pratiche sociali: la nuova frontiera sono le nuove tecnologie, e lo spazio peculiare che definiscono, il cyberspazio. Il digitale, con il suo carattere di linguaggio universale, modifica profondamente il rapporto che gli individui intrattengono con gli oggetti culturali; questi, trasformati in dati numerici e algoritmi, possono essere usati e riusati, manipolati, modificati a piacimento da qualunque utente; la rete, locomotiva post-moderna, ha abbattuto le distanze fisiche, aprendo un nuovo spazio di relazione e azione, il cyberspazio. E’, questo, un territorio in cui convivono anime diverse, anche opposte, e i cui confini, a un tempo, si dilatano e si restringono: tra colonizzazioni e riserve, tra steccati e spazi ancora incontaminati, dobbiamo costruire una nuova America. In tale processo, i vecchi media broadcast sono alla ricerca di modalità di abitazione di questo nuovo spazio, profondamente diverso dal terreno liscio della comunicazione di massa, unidirezionale e standardizzata. La televisione, in particolare, non ha ancora trovato la strada che le consenta di conquistare il suo piccolo appezzamento di cyberspazio, e procede per sperimentazioni e ricombinazioni dei suoi elementi: il palinsesto si decostruisce a favore del data-base; la tv si fa più simile al computer, riproducendo i formati e le modalità di fruizione del web. Questa conquista deve però fare i conti con la geografia del territorio: l’oceano dei dati è infatti puntellato di arcipelaghi, in cui abitano e convivono comunità di individui in comunicazione tra loro, ognuno a un tempo autore e lettore, spettatore e performer. I blog, in particolare, si sono rivelati la Killer Application di Internet, coinvolgendo sempre più individui nella “grande conversazione” che è la rete. Come conquistare queste isole sfuggenti e mobili? Come ristabilire un contatto con il pubblico-utente, abituato a interagire on-line e a scegliere i suoi contenuti? Il pubblico-editore della rete può ancora essere cinto nella riserva dell’audience, gabbia concettuale che elimina le diversità e le sfaccettature del consumo culturale? Può la televisione decostruirsi, mettersi in discussione e trovare nuove strade di legittimazione presso il pubblico? Questa ricerca tenta di rispondere a tali domande, attraverso una ricognizione del territorio e delle condizioni culturali che ne hanno permesso la costituzione. Alla comprensione delle caratteristiche strutturali dei nuovi

media, che consentono all’individuo di diventare medium, si associa l’analisi di come questa evoluzione sia congruente e parallela al passaggio dalla società industriale a quella post-industriale, in cui la mediatizzazione della vita ha reso gli individui consapevoli dei meccanismi della produzione culturale e in grado, quindi, di muoversi da un ruolo all’altro: da membro del pubblico a autore, da enunciatario ad enunciatore. Definito il quadro teorico, si procederà all’analisi di un caso di studio, l’emittente satellitare Nessuno Tv, in cui le logiche e le culture di rete irrompono nel medium televisivo, modificandone i dispositivi. L’emittente si propone come primo esperimento di tv partecipata, luogo in cui trovano spazio le produzioni culturali del pubblico, considerato non come una massa di individui da catturare, ma come insieme di soggetti che partecipano ad un progetto editoriale. Attraverso la sinergia con il “popolo della rete”, Nessuno Tv propone un modo nuovo di intendere la televisione: non più finestra sul mondo, ma piazza, luogo di incontro e scambio reciproco. La televisione, rompendo il limite dell’unidirezionalità, diventa una lunga conversazione.

CAPITOLO PRIMO I NUOVI MEDIA
1.0 La terza grande mediamorfosi I nuovi media rappresentano l’attraversamento di una frontiera, lo spartiacque tra un prima e un dopo, tra il vecchio e il nuovo. Ma quali sono le caratteristiche dei nuovi media che ne determinano l’attributo di novità? Quali sono in definitiva le proprietà strutturali che segnano una discontinuità sul piano evolutivo? Nell’analizzare le modificazioni dell’ambiente mediale dovute alle nuove tecnologie, Roger Fidler conia il termine “mediamorfosi”, definendolo come “la trasformazione della comunicazione dei media, generalmente causata dalla complessa interazione di bisogni percepiti, pressioni politiche e competitive, innovazioni sociali e tecnologiche” . L’innovazione tecnologica, infatti, non è qualcosa che “succede” ad un certo punto della storia umana, ma un processo che mette in gioco tecnologia, nuova e preesistente, interessi politicoeconomici e forze sociali. L’analisi di Fidler sull’adozione della tecnologia FM per la trasmissione radiofonica, mette in luce come la tecnologia di per sé non sia sufficiente alla sua diffusione nel mercato, ma dipenda in larga parte da fattori contingenti, che possono funzionare da acceleratori o freni . Lo stesso discorso è valido oggi per i nuovi media, le cui origini possono essere fatte risalire agli esperimenti per la macchina universale di Leibniz, passando per la macchina analitica di Babbage, il progetto EDVAC e così via fino al World Wide Web di Tim Berners Lee: solo nell’ultima metà del XX secolo le innovazioni tecnologiche (linguaggio digitale, commmutazione a pachetto), interessi politici (seconda guerra mondiale e guerra fredda), ed economici (industria informatica), bisogni sociali emergenti (terziarizzazione) hanno fatto esplodere la tecnologia, rendendola accessibile e diffusa. La nuova tecnologia, una volta entrata nel sistema mediale che le preesiste, lo modifica costringendo i vecchi media a rimodellarsi, ri-mediarsi secondo la teoria di Bolter e Grusin: “Le tecnologie della comunicazione formano un network, o un ibrido, che può esprimersi in termini fisici, sociali, estetici ed economici. L’introduzione di una nuova tecnologia non comporta solo la creazione di nuovo hardware e software, ma piuttosto il modellamento (o rimodellamento) dell’intero network” . In questa dinamica anche gli agenti umani e la società di cui sono parte, mutano progressivamente sulla scorta dei nuovi linguaggi introdotti: così la parola, secondo l’impostazione di Fidler la prima grande mediamorfosi, permise di organizzarsi in gruppi e di affrontare problemi complessi; la scrittura, seconda grande mediamorfosi, separò la parola dal contesto spazio-temporale, permettendo la conservazione della memoria collettiva e la nascita del pensiero astratto. I nuovi media si configurano oggi come la terza grande mediamorfosi, poiché introducono nella cultura umana una nuova classe di linguaggio, il digitale. Per comprendere i nuovi media dobbiamo allora
3 2 1

1 2

Roger Fidler Mediamorfosi. Comprendere i nuovi media Milano 2000 p. 30. Nella fattispecie il primo ostacolo all’adozione del nuovo standard venne dalle industrie, per le quali l’AM era un sistema collaudato che continuava a produrre guadagni; tale situazione fu capovolta dall’avvento della tv, che erose parte di tali profitti orientando le stazioni radio verso i costi più bassi dell’ FM; un altro imponente ostacolo fu rimosso dal Public Broadcasting Act del 1967, che distribuiva frequenze in FM per nuove stazioni radiofoniche pubbliche; infine il cambiamento dei costumi sociali e l’emergere della categoria del teen-ager spingeva per una maggiore offerta di musica, che sulle frequenze AM non trovava spazio. Tutto questo permise a un invenzione degli anni ’30 di esplodere solo negli anni ’60, cioè un trentennio dopo. 3 J. Bolter, D. Grusin Remediation. Competizione e integrazione tra media vecchi e nuovi 2002 p. 42.

focalizzare preliminarmente la nostra attenzione su come essi comunicano, sul loro funzionamento, “sulle convenzioni emergenti,sulle modalità ricorrenti di progettazione e delle forme chiave” . Insomma sul loro linguaggio. 1.1 La rappresentazione numerica Il linguaggio digitale è un metodo di codifica che descrive gli oggetti mediali in termini di sequenze di zero e uno, cioè di bit: “il bit è un modo di essere: sì o no, vero o falso, dentro o fuori, nero o bianco” . Come afferma Manovich, il digitale costituisce l’ontologia dei nuovi media, l’essenza che li distingue come “nuovi” rispetto ai precedenti oggetti mediali. Possiamo pensare al linguaggio digitale come un’ulteriore semplificazione degli strumenti che l’uomo ha approntato per descrivere la realtà: come l’alfabeto fonetico divide il continuum dell’esperienza in un numero ridotto di segni, i fonemi, il linguaggio digitale si serve di due soli segni, zero e uno, per rappresentare l’intera gamma delle esperienze e delle produzioni umane. Da codice che permetteva la comunicazione tra l’uomo e la macchina-elaboratore, siamo passati negli ultimi venticinque anni al digitale come linguaggio universale, in grado di tradurre tutti i formati mediali attraverso la loro conversione da analogici a digitali. La conversione da analogico a digitale avviene tramite due operazioni: il campionamento e la quantificazione dei segnali. Il primo divide il segnale analogico continuo a intervalli regolari, eliminando le informazioni ridondanti e componendolo in un numero variabile di unità discrete; la frequenza del campionamento determina la risoluzione, cioè la qualità dell’immagine o del suono, la sua “somiglianza” con la versione analogica. La quantificazione consiste nell’attribuire ad ogni campione un valore numerico. E’ proprio la quantificazione, in effetti, che rende gli oggetti digitali nuovi rispetto ai loro parenti analogici: già il cinema e la televisione avevano diviso il continuum della rappresentazione in unità discrete, i frames; quello che non era possibile era rendere le unità indipendenti le une dalle altre: nel montaggio cinematografico analogico, per esempio, si può operare modificando l’ordine dei frames, ma non sui componenti all’interno del singolo frame. La numerizzazione trasforma il contenuto in dato su cui si può operare tramite funzioni matematiche. Questo ci immette nel secondo principio costitutivo dei nuovi media, la modularità. Manovich la definisce come la struttura frattale dei nuovi media: “ così come un frattale rimane invariato su scale diverse, il nuovo medium mantiene sempre la stessa struttura modulare. Gli elementi mediali, immagini, suoni, forme o comportamenti, vengono rappresentati come insiemi organici di campioni discontinui (pixel, poligoni, voxel, caratteri, script). Questi elementi vengono assemblati in strutture di dimensioni più vaste, ma continuano a mantenere le loro identità separate” . Per fare un esempio basta pensare alla modalità di programmazione del linguaggio HTML: la pagina web è composta di due moduli -head, body-; ogni modulo si compone di stringhe di testo continuamente modificabili da parte del programmatore - utente: per esempio, per cambiare un’immagine della photo gallery di un sito, basterà modificare una linea di testo, e questa operazione lascerà invariati tutti gli altri elementi che compongono la pagina. La qualità fondamentale della numerizzazione è, dunque, quella di rendere i media programmabili: separando i dati dagli algoritmi che li processano, e che li rendono visibili e
6 5 4

4 5

Lev Manovich Il linguaggio dei nuovi media Milano 2002 p. 30. Nicholas Negroponte Essere digitali Milano 1999 p. 3. 6 L. Manovich 2002 op. cit. p. 50.

riconoscibili come oggetti culturali (immagini, suoni, testi), i media digitali determinano una virtualizzazione dell’informazione. Riprendendo l’accezione filosofica del termine virtuale possiamo definirlo come “ciò che esiste solo in potenza e non in atto. Il virtuale sta a monte della concettualizzazione effettiva e formale; entità che esiste in potenza finché non viene attualizzata” . I dati numerici rappresentano allora l’informazione in potenza, che si attualizzerà solo nel momento in cui vengono tradotti dall’applicazione con cui sono stati creati. Anche l’attualizzazione però non è sempre predeterminata dal virtuale: “le attualizzazioni della stessa entità virtuale possono essere molto diverse tra loro [...] Il virtuale è una fonte inesauribile di attualizzazioni” . Un nuovo oggetto mediale può infatti essere declinato in versioni molto diverse tra loro: invece di riprodurre tante copie identiche - principio della standardizzazione tipico della comunicazione di massa - il digitale consente di riprodurre tante versioni diverse di uno stesso oggetto mediale, senza che questo intacchi l’originale; questa osservazione introduce il terzo principio dei nuovi media, la variabilità: a partire da un determinato gruppo di dati iniziali, da una collezione di descrizioni o di modelli, un programma può calcolare un numero indefinito di manifestazioni visibili, udibili o tangibili diverse, in funzione della situazione o della richiesta degli utenti. Quindi, i media computerizzati hanno uno statuto ibrido: da un lato sono oggetti culturali riconoscibili (una foto, un film, una melodia); dall’altra sono dati informatici su cui si possono compiere delle operazioni (selezionare, tagliare, incollare) che modificano sostanzialmente il rapporto che intratteniamo con gli oggetti culturali stessi. I media digitali si compongono dunque di un livello culturale e un livello informatico destinati a integrarsi sempre di più: “dato che i nuovi media nascono grazie al computer, vengono distribuiti via computer, e sono archiviati sui computer, la logica del computer non può che influenzare quella tradizionale dei media. Ciò significa che il livello informatico finirà inevitabilmente per condizionare il livello culturale [...] Naturalmente quello che io chiamo “livello informatico” non rimane fisso e immutabile, ma cambia nel tempo. Mentre l’hardware e il software continuano a evolversi, il computer assume funzioni, compiti e procedure diverse, questo livello vive una costante trasformazione. In definitiva il livello informatico e il livello culturale si influenzano a vicenda” . Questo ragionamento ci conduce a un altro principio dei nuovi media, la transcodifica culturale: “nel gergo dei nuovi media transcodificare un oggetto significa tradurlo in un altro formato. La computerizzazione della cultura produce gradualmente una transcodifica analoga di tutte le categorie e di tutti gli oggetti culturali. Ciò vuol dire che le categorie e i concetti culturali vengono sostituiti, a livello di significato e/o di linguaggio, da nuove categorie e nuovi concetti che derivano dall’ontologia, dall’epistemologia e dall’uso dei computer” . A partire dalle caratteristiche strutturali dei nuovi media vediamo ora quali possibilità aprono sul piano della produzione e fruizione degli oggetti culturali. Le tre principali conseguenze del linguaggio digitale sono l’interattività, la multimedialità e la convergenza.
10 9 8 7

7 8

Pierre Levy Cybercultura. Gli usi sociali delle nuove tecnologie Milano 2002 p. 51. P. Levy 2002 op. cit. p. 51. 9 L. Manovich 2002 op. cit. p. 69. 10 L. Manovich 2002 op. cit. p. 70.

1.2 Interattività L’interattività è una particolare modalità di interazione tra il computer e l’utente, che si articola in due specie: l’interattività come dialogo tra utente e macchina, in cui l’intervento dell’utente attiva procedure di indirizzamento e controllo, necessarie a far svolgere al computer dei compiti; e l’interattività intesa come possibilità di dialogo in tempo reale tra due utenti attraverso un dispositivo tecnologico connesso alla rete. Questo rapporto dialogico tra macchina e uomo avviene attraverso un codice comune, che traduce le intenzioni dei partecipanti allo scambio comunicativo in un codice comprensibile a entrambi. Questo codice è l’interfaccia uomo-computer: “chiamiamo interfacce tutti i supporti materiali che permettono l’interazione tra l’universo dell’informazione digitalizzata e il mondo ordinario” . Dalla nascita del computer ad oggi, le interfacce sono andate progressivamente allontanandosi dal linguaggio macchina, per giungere negli anni ‘70 a un sistema semplificato che sostituiva alle stringhe di comando l’uso combinato di icone e strumenti di puntamento: l’interfaccia grafica utente (GUI). Narra Negroponte: “usare un computer trent’anni fa era un po’ come pilotare lo sbarco sulla luna: era infatti riservato a pochi iniziati, che conoscevano le formule magiche necessarie per manovrare queste macchine, usando a volte un linguaggio primitivo e a volte neanche quello (semplicemente usando degli interruttori e osservando il lampeggiare di lucette)” . Gli studi sulle GUI fecero passi da gigante a partire dal 1971 con le ricerche della Xerox e del MIT, ma comparsero sul mercato solo dieci anni dopo, grazie alla realizzazione del Macintosh da parte di Steve Jobs; l’idea è semplice e rivoluzionaria allo stesso tempo: se il computer è uno strumento di lavoro, le sue funzionalità possono rendersi visibili mutuando oggetti e concetti dall’ambiente lavorativo, l’ufficio e il tavolo da lavoro. Le metafore del cestino, delle cartelle e dei documenti organizzati in archivi gerarchici, gli strumenti di puntamento, che consentono all’utente di visualizzare se stesso e le proprie azioni sotto forma di icone simulacrali, rendono il computer una tecnologia “user friendly” e ne determinano la diffusione come strumento personale; tali metafore istituiscono pertanto un codice - l’interfaccia - che permette all’utente di agire sui dati contenuti nel computer. Seguendo Manovich, che estende ai media digitali le posizioni della linguistica strutturalista, un codice non è mai un mero veicolo di informazione, non è neutro, ma anzi, esercita un’influenza sui messaggi che trasporta: “il codice fornisce una sua visione del mondo, un suo sistema logico o ideologia” . Nella diversa maniera che hanno di rappresentare e rendere visibili i dati, le interfacce rappresentano un diverso modo di pensare il mondo: un mondo organizzato logicamente secondo un ordine gerarchico nel caso della GUI; un mondo “appiattito”, non gerarchico e reticolare nell’ipertesto e nel world wide web. Negli anni ’90 un’ulteriore fase si apre per il computer e, di conseguenza, per l’interfaccia: da strumento di lavoro a medium per l’intrattenimento. “Negli anni ’90, con la sempre maggiore diffusione di Internet, il ruolo del computer si trasformò da tecnologia specifica (calcolatore, processore di simboli, manipolatore di immagini, etc.) a filtro per l’intera cultura, ovvero a forma di mediazione per tutti i tipi di produzione artistica e culturale [...] Tutta la cultura, del passato e del presente, veniva ormai filtrata dal computer, con la sua
13 12 11

11 12

L. Manovich 2002 op. cit. p. 98. N. Negroponte 1999 op. cit. p. 88. 13 L. Manovich 2002 op. cit. p. 91.

particolare interfaccia uomo-macchina” . In questo passaggio fondamentale si delinea una trasformazione radicale del rapporto che gli individui intrattengono con le immagini e la cultura in generale: transcodificando gli oggetti culturali, i media digitali da un lato incorporano interfacce precedenti, la pagina stampata, l’immagine fotografica e cinematografica; dall’altro rimodellano tali interfacce secondo i principi di funzionamento che li contraddistinguono. In particolare i media digitali modificano lo statuto della rappresentazione: l’immagine è sia spazio illusorio sia strumento d’azione, sia originale nella sua particolare attualizzazione, sia standardizzata nel suo essere dato. L’articolazione dell’immagine in un doppio livello, informatico e culturale, ha conseguenze sull’effetto realtà: “I nuovi oggetti mediali ci ricordano continuamente la loro artificialità, la loro incompletezza. Ci presentano una perfetta illusione salvo poi rivelare il meccanismo” . Da questo punto di vista i nuovi media oscillano tra le due logiche dell’immediatezza trasparente e dell’ipermediazione descritte da Bolter e Grusin. Nel ripercorrere la storia della rappresentazione in Occidente, i due autori mostrano come gli artefatti culturali siano attraversati da due tensioni contrapposte: il desiderio di rappresentare la realtà “così com’è”, creando immagini perfettamente realistiche, che ha condotto gli uomini a sviluppare apposite tecnologie - dalla prospettiva albertiana alla fotografia - e la consapevolezza della mediazione tecnologica, le cui tracce sono presenti e visibili nella rappresentazione, caratterizzata da uno stile che “privilegia la frammentazione, l’indeterminatezza e l’eterogeneità” . In ambito pittorico, possiamo allora leggere l’impressionismo come il primo momento di rottura con la tradizione, che aveva, fino ad allora, privilegiato l’immediatezza, per inaugurare l’inizio di una feconda esplorazione da parte degli artisti delle potenzialità comunicative dell’interfaccia. Da allora, passando per le avanguardie storiche, il modernismo, il dadaismo, fino alla net art contemporanea, sempre più l’arte ha giocato con le due logiche dell’immediatezza e dell’ipermediazione: “all’interno
17 16 15

14

della

logica

dell’ipermediazione,

l’artista

(o

programmatore multimediale o web designer) cerca di rendere lo spettatore consapevole del medium come medium e di far sì che si rallegri di questa scoperta” . Nei nuovi media, tuttavia, la ricerca della trasparenza non si è “arresa” all’ipermediazione strutturale dell’ambiente informatico: la realtà virtuale ne è un esempio, mentre i web designer lavorano alla progettazione di un ambiente in cui “l’interfaccia scompare sullo sfondo esperienziale mentre l’analogia sulla quale si basa il software (macchina da scrivere, tavolo da disegno, scatola dei colori ecc.) passa in primo piano” . Nel frattempo, l’esperienza di fruizione dei nuovi media presenta ancora i segni di una forte mediazione: l’attesa del caricamento della pagina web o dell’immagine da un archivio; l’articolazione dello spazio di visualizzazione in finestre sovrapposte, anziché in un’unica “finestra sul mondo”; l’oscillazione continua tra partecipazione e azione, tra spettatore e utente, rendono l’immagine digitale non realistica, ma metarealistica: l’utente è consapevole della natura artificiale della rappresentazione eppure si lascia coinvolgere. “I nuovi media incorporano delle illusioni in stile cinematografico nell’ambito più vasto di una superficie di controllo interattiva. L’illusione è subordinata all’azione, la profondità alla superficie, la finestra sul mondo è subordinata al pannello di controllo. Nata per ipnotizzare la platea, l’immagine cinematografica,
18

14 15

L. Manoviche 2002 op. cit. p. 90. L. Manovich 2002 op.cit. p. 259. 16 W. J. T. Mitchell Picture Theory, Chicago 1994 in J. Bolter, D. Grusin 2002 op. cit. p. 56. 17 J. Bolter, D. Grusin 2002 op. cit. p. 67. 18 Simon Penny Critical Issue in Electronic Media, New York 1995 p. 55, in J. Bolter, D. Grusin 2002 op. cit. p. 57.

macchina illusoria e terapeutica per eccellenza, diventa ora una piccola finestra sullo schermo del computer, uno dei tanti flussi che arrivano attraverso la Rete, uno dei tanti file sul nostro disco fisso.” 1.3 Multimedialità La multimedialità discende dalla codifica digitale di tutti i formati mediali: per dirla con le parole chiare e concrete di Negroponte “i bit si possono mescolare facilmente. Si possono usare e riusare, insieme o separatamente. L’insieme di audio, video e dati viene chiamato multimedia; sembra complicato, ma non è altro che una mescolanza di bit” . Tuttavia, la possibilità di “mescolare” diversi formati non è una novità esclusiva dei nuovi media: un film con colonna sonora e sottotitoli sarebbe, secondo questa accezione, già un multimedia; un’enciclopedia illustrata è altrettanto composta di due diversi media, la parola stampata e l’immagine. La multimedialità centripeta, intesa cioè come integrazione di diverse forme mediali non è un elemento innovativo, e può essere forse descritta più correttamente con il termine multimodalità: multimodale è un media che veicola messaggi che si compongono di diverse sostanze espressive e che coinvolgono pertanto più sensi, diverse “modalità sensoriali” . Multimediale può essere considerato, invece, un medium che, componendosi di più formati, si arricchisce della qualità dell’interattività: “la possibilità di una fruizione attiva da parte dell’utente, in grado di determinare con le proprie azioni le reazioni del sistema o dell’utente che interagisce con lui” . Dunque, un multimedia, è un oggetto che si compone di più formati mediali interconnessi che l’utente può richiamare quando vuole e nell’ordine che ritiene migliore per la sua comprensione o per il suo intrattenimento; è un oggetto da cliccare, selezionare, aprire ed esplorare. Ancora Negroponte: “è importante pensare alla multimedialità come qualcosa di più di una Esposizione mondiale privata o di un “son et lumière” dell’informazione, in cui vengono mescolati spezzoni video audio e dati. Poter passare liberamente dall’uno all’altro è l’obiettivo fondamentale della multimedialità” . Da un altro punto di vista, quello dell’industria, possiamo intendere il multimedia come un prodotto progettato e pensato per essere distribuito su più media: un esempio è costituito dal settore Educational della RAI, in cui i contenuti sono realizzati per generi e distribuiti attraverso una pluralità di canali: tv generalista e tematica, radio, web, libri. Potremmo definire questa strategia multimedialità allargata o polimedialità. Come afferma Parascandolo “la multimedialità non è né una tecnologia né, tanto meno, un prodotto, ma una precisa modalità di progettazione, realizzazione e distribuzione integrata di prodotti concepiti in diverse versioni per molti media” . Un esempio piuttosto evidente di questa strategia è rappresentato dai format come Big Brother, pensati e prodotti per poter essere distribuiti su più piattaforme mediali, dalla televisione in chiaro a quella satellitare, dal web al telefonino: in ogni passaggio da un medium ad un altro, i contenuti vengono adattati, ripensati in
24 23 22 21 20 19

19 20

L. Manovich 2002 op. cit. p. 265. N. Negroponte 1999 op. cit. p. 8. 21 P. Levy 2002 op. cit. p. 65. 22 Nicoletta Vittadini Comunicare con i new media, in G. Bettetini, F. Colombo Le nuove tecnologie della comunicazione, Milano 1993 pag. 143. 23 N. Negroponte 1999 op. cit. p. 69. 24 R. Parascandolo La televisione oltre la televisione. La tv pubblica nell’era della multimedialità, Roma 2000 p. 90.

funzione delle possibilità del singolo medium; in questo modo la serie ottiene il massimo della copertura mediale, ottiene la ridondanza necessaria per catturare l’audience, senza apparire ripetitiva. Come vedremo nell’ultimo capitolo questa strategia è stata scelta anche dal nostro caso di studio, l’emittente Nessuno tv: i suoi contenuti sono pensati e realizzati per essere trasmessi sul web, dal satellite, via etere e in radio. 1.4 Convergenza L’altra faccia della multimedialità è il processo di convergenza, cioè la progressiva integrazione dei supporti che riunisce differenti mezzi di comunicazione sotto regimi operativi (diffusione, comunicazione, informatica) simili e contigui. Nella formulazione originale di Negroponte e dei suoi colleghi del MIT, la convergenza si connotava in senso centripeto, cioè come trasfusione di tutti i contenuti precedentemente fruiti attraverso diversi media dentro il personal computer, supporto elettivo dei media digitali: “la crescita del pc sta avvenendo a un ritmo così veloce, che la futura tv basata su architetture aperte verrà a coincidere esattamente con il pc [..] In futuro non ci sarà più un’industria di televisori. Essa sarà invece più o meno come un’industria di computer: schermi dotati di un’enorme quantità di memoria e una grande potenza di elaborazione” . Indubbiamente il personal computer è al centro della dinamica di convergenza: innanzitutto, perché è esso stesso frutto della convergenza di due tecnologie precedentemente distinte, il computer miniaturizzato e il monitor; in secondo luogo perché ne è, per così dire, il motore, per via della sua multifunzionalità strutturale (strumento di lavoro, mezzo di comunicazione, fornitore di intrattenimento e informazione); è grazie all’integrazione avvenuta per suo tramite tra informatica e telecomunicazione, all’origine di Internet, che l’utente può sia fruire contenuti broadcast (con tutte le differenze date dal linguaggio digitale: ipertestualità, logica del database, fruizione on demand), sia intraprendere conversazioni del tipo uno-uno o molti-molti. E’ pur vero però che queste caratteristiche si stanno estendendo anche ad altri dispositivi grazie alla tecnologia wireless, rendendo il computer solo uno dei supporti possibili per i contenuti digitali, e realizzando pertanto un tipo di convergenza centrifuga: più mezzi ospiteranno tecnologie digitali per arricchire le loro funzionalità di origine. Un caso particolarmente evidente è quello dei telefoni cellulari di terza generazione che, usando lo standard UMTS (Universal Mobile Telecommunications System), permettono di connettersi tramite wi-fi a Internet e, grazie alla banda larga, raggiungere ogni genere di oggetto mediale. Sono già disponibili versioni di serial televisivi (la serie americana “Lost” e la fiction italiana “Un posto al sole” per citare solo due esempi), pensati per la fruizione sullo schermo del cellulare, più piccolo ma con risoluzioni impensabili fino a pochissimi anni fa. Persino film girati con il telefonino. La stessa tecnologia può essere applicata potenzialmente a tutti i dispositivi digitali connessi in rete: “microprocessori a prezzo contenuto incominciano ad essere incorporati in mobili, edifici e prodotti che sono disponibili sul mercato, dai coperchi alle scatole da scarpe, e provvisti di invisibili dispositivi di comunicazione. Quando si mettono in collegamento con Internet gli oggetti concreti e i luoghi della nostra vita quotidiana, i mezzi di comunicazione portatili si trasformano in congegni indossabili con funzione di telecomando per il mondo fisico” .
25 26 26 25

N. Negroponte 1999 op. cit. p. 42. Howard Rheingold Smart mobs. Tecnologie senza fili, la rivoluzione sociale prossima ventura Milano 2003 pag. 6.

Senza incappare nel rischio della logica della “polifunzionalità incontrollata”, cioè la progettazione di dispositivi che presentano numerose funzioni, di cui però non è chiara l’utilità, Marinelli suggerisce di distinguere una convergenza “secondo tecnologia” da una convergenza “secondo funzione” . La prima è potenzialmente applicabile a tutti gli artefatti tecnologici che parlano il linguaggio digitale e possono essere connessi alla rete; la seconda provvede a progettare strumenti dotati di tecnologie integrate allo scopo di fornire servizi aggiuntivi funzionali al supporto da cui si fruiscono: di nuovo l’esempio migliore è il cellulare; ma pensiamo anche alla televisione dotata di set top box dal quale l’apparecchio “sordo” che era la tv terrestre diventa interattivo, permettendo la navigazione tramite browser e la fruizione on demand; alle game console in grado di funzionare da lettori di cd e dvd; al pod-cast. Come affermano Bolter e Grusin “si pensa, spesso erroneamente, alla convergenza come se comportasse una soluzione tecnologica unica, ma in realtà, quando fanno la loro comparsa, queste nuove tecnologie cominciano a rimediare tutte le altre esistenti, mixandole con modalità e quantità diverse, con l’obiettivo di produrre strumenti e pratiche sociali. Convergenza significa maggiore diversificazione per le tecnologie digitali che abitano la nostra cultura” . Il processo di convergenza configura pertanto un nuovo livello di pervasività delle tecnologie di comunicazione: un ubiquitous computing che abbatte le barriere tra naturale e artificiale, tra mondo fisico e sua rappresentazione. In questa dinamica, i cui sviluppi sono solo agli inizi, “sembra che nessun medium possa in questo momento storico funzionare indipendentemente, costruendo il proprio spazio di significati culturali separato e privo di contaminazioni” . Tutti i media coinvolti nel processo di ibridazione sono destinati a rimodellarsi, ripensare le proprie funzioni e caratteristiche, i propri usi e le proprie estetiche. A ri-mediarsi, appunto. 2.0 Lo spazio navigabile La logica di funzionamento fin qui descritta, basata sulla separazione di contenuto (dati), layout di presentazione (interfaccia) e dispositivo di visualizzazione (terminale video fisso o trasportabile), configura una nuova interfaccia culturale basata su due componenti essenziali, due forme chiave: “userò il termine interfaccia culturale per descrivere un’interfaccia uomo-computer-cultura, cioè le modalità con cui i computer presentano i dati culturali e consentono di interagire con essi” . Queste due modalità sono il data-base e l’ipertesto come spazio navigabile. Per chiarezza espositiva analizzeremo le due forme separatamente, fermo restando che l’una non può prescindere dall’altra: l’ipertesto è una delle possibili modalità di “attraversamento” di un data-base, “una narrazione interattiva (che potremmo chiamare ipernarrazione in analogia con l’ipertesto) si può intendere come la sommatoria di più traiettorie che attraversano un database”.
31 30 29 28 27

27 28

A. Marinelli op. cit. 2004 pag. 151. J. Bolter, D. Grusin 2002 op. cit. pag. 260. 29 J. Bolter, D. Grusin 2002 op. cit. pag. 82. 30 L. Manovich 2002 op. cit. p. 98. 31 L. Manovich 2002 op. cit. p. 283.

2.1 La forma data-base Tecnicamente il data-base consiste in una raccolta strutturata di dati, organizzati secondo una logica che permetta la più facile procedura di information retrivial secondo gli scopi e le condizioni di accesso dell’utente. Tuttavia, la sua logica permea la cultura contemporanea in maniera molto più profonda, modificando contemporaneamente la figura dell’autore e quella del fruitore. L’autore è, infatti, sempre stato considerato nella storia colui che da forma a un’idea attraverso un’opera originale e unica. Con la logica del data-base, invece, l’artista ha a disposizione una serie di materiali, di oggetti già esistenti: il suo lavoro creativo consisterà nel manipolarli, modificarli e ricombinarli in maniera del tutto particolare, nell’attualizzare quei dati in una particolare forma che non può, dunque, prescindere dalla specifica modalità di visualizzazione, cioè dall’interfaccia. Anche questo non è un cambiamento che avviene contestualmente alla diffusione dei computer, ma era già in nuce all’epoca dei media di massa: come ci ricorda Benjamin, già la standardizzazione della riproduzione meccanica aveva sostanzialmente modificato lo statuto dell’opera d’arte, che uscendo dal museo e materializzandosi in un numero indefinito di copie, perdeva l’aura data dalla sua unicità. I media digitali compiono, tuttavia, un ulteriore balzo in avanti rispetto alla riproducibilità tecnica: non solo l’opera non è unica, ma è virtuale. La sua attualizzazione in una forma definita è solo una delle combinazioni possibili a partire dai dati di cui si compone, riproducibili su scale diverse e infinite volte. Trasformando l’oggetto culturale in dato variabile e processabile si entra nell’era della riproducibilità digitale: da tecnologia, il data-base si trasforma in forma estetica. Artisti come i dj e i vj sfruttano e estremizzano la logica del data-base, creando opere e performance uniche, a partire da moduli di materiale già esistente, attraverso un processo di destrutturazione e ricomposizione in forme nuove e originali, in tempo reale. L’unicità è doppiamente messa in discussione: da un lato, l’opera si compone a partire da frammenti preesistenti; dall’altro, caratterizzandosi come performance, non è unica e immutabile, ma sempre diversa, variabile ogni volta che si manifesta. Anche su un altro piano, quello della progettazione di oggetti e spazi abitativi, la logica che si persegue è sempre più quella dei moduli componibili: la multinazionale svedese Ikea è l’esempio lampante di come anche lo spazio intimo dell’abitazione diventi la combinazione e ricombinazione di oggetti e moduli, a loro volta componibili, uguali nell’origine, diversi nella loro contestualizzazione particolare. L’estetica del data-base diventa allora metafora della condizione post-moderna: l’identità è il risultato della scelta, sempre mutevole e derogabile, di un modello, uno stile di vita tra i tanti possibili; la selezione tra un numero variabile di opzioni, e la composizione di elementi discreti in un tutto organico, ma instabile e mutevole, si configura come la modalità di costruzione del sé che ha sostituito il ruolo e la classe sociale come elementi distintivi, come categorie significanti attraverso le quali il soggetto si definisce; è giunto il tempo della “fine della caratterizzazione dell’uomo come essere sociale, definito dal posto che occupa nella società, che ne determina condotta e azioni” . Il processo di individualizzazione che caratterizza la società contemporanea consiste proprio nel trasformare l’identità da “cosa data” a “compito individuale”, scaricando sull’individuo le responsabilità e i rischi delle sue
32

32

Alain Touraine Can we live together, equal and different ?, in European Journal of Social Theory, novembre 1998, pag. 177.

scelte: “Il mondo diventa una gamma infinita di possibilità: un contenitore ricolmo di innumerevoli opportunità ancora da inseguire o già sfumate” . 2.2 L’ipertesto L’archiviazione delle informazioni nel data-base prelude all’articolazione di una modalità di accesso, che renda tali informazioni raggiungibili e consultabili. Proprio la constatazione della mole di conoscenza accumulata dall’uomo e dispersa in milioni di supporti materiali nel mondo, conduce il ricercatore americano Vannevar Bush a riflettere sul progetto di una macchina in grado di rendere archiviazione e consultazione facili e immediati. Nel saggio del 1945 “As we may think” Bush scrive: “The difficulty seems to be, not so much that we publish unduly in view of the extent and variety of present day interests, but rather that publication has been extended far beyond our present ability to make real use of the record. The summation of human experience is being expanded at a prodigious rate, and the means we use for threading through the consequent maze to the momentarily important item is the same as was used in the days of square-rigged ships” . La critica di Bush è dunque rivolta alle modalità di archiviazione delle informazioni tipica della cultura umana, l’indicizzazione, cioè la tendenza a catalogare i dati secondo indici alfabetici o numerici. L’autore nota come questa forma di organizzazione del sapere sia lontana dal funzionamento della mente umana che, invece, lavora per associazione. Bush pensa e progetta una macchina, il memex (contrazione di memory expansion) che, combinando differenti tecnologie analogiche, avrebbe permesso all’utente di archiviare e consultare informazioni, libri, comunicazioni personali attraverso una procedura di richiamo dei dati basata sull’associazione semantica. Cosa più importante di tutte, il memex avrebbe dovuto consentire la creazione di collegamenti stabili tra documenti diversi, attraverso la loro semplice selezione e la pressione di un tasto da parte dell'utente. La macchina di Bush non vide mai la luce, ma la sua eredità venne raccolta negli anni sessanta da ricercatori come Ted Nelson e Douglas Engelbart che, avvantaggiandosi delle tecnologie digitali, realizzano l’ipertesto, cioè un sistema di organizzazione dei contenuti basato su moduli testuali, chiamati nodi, connessi tramite legami, definiti hyperlink: “con ipertesto intendo una scrittura non sequenziale, testo che si dirama e consente al lettore di scegliere; qualcosa che si fruisce meglio davanti a uno schermo interattivo. Così come è comunemente inteso un ipertesto è una serie di brani di testo tra cui sono definiti legami che consentono al lettore differenti cammini”
35 34 33

.

L’ipertesto, dunque, realizza una sorta di esplosione del testo lineare in frammenti che si ricompongono in un tutto significante e molteplice, esplicitazione della costellazione di rimandi intertestuali di cui ogni testo si compone. Alla sequenzialità narrativa, in cui i rinvii si manifestano solo nell’attività cognitiva del lettore, si sostituisce la multilinearità interattiva, cioè la possibilità di percorrere le linee di fuga del senso, che si diramano in testi legati tra loro per coerenza tematica, ma autonomi per significato: da sentiero della

33 34

Zigmund Bauman Modernità liquida Bari 2002 pag. 61. Vannevar Bush As we may think, 1945 http://www.ps.uni-sb.de/~duchier/pub/vbush/vbush-all.shtml. 35 Teodhor Nelson Leterary Machines Padova 1992.

conoscenza il testo diventa mappa dei sensi possibili. Tale mappa descrive uno spazio in cui il significato si articola su due livelli: un livello semantico e un livello sintattico. Al primo, definito spazio logico, corrisponde la ratio che organizza la rete in cui i singoli nodi trovano collocazione e che si basa sull’associazione semantica e spaziale (relazioni di prossimità/lontananza, inclusione/esclusione, similarità/dissimilarità); la sua organizzazione si costruisce dunque sulla base di una struttura topologica che costituisce la manifestazione del progetto testuale e dell’intenzione comunicativa dell’autore: il testo svela la sua struttura, parla di sé mentre comunica altro. L’associazione semantica tra i nodi realizzata dal link, tuttavia, non è una proprietà del link stesso, ma solo una convenzione stabilita e riconosciuta dall’utente: è l’uomo che attribuisce significati, mentre la macchina si limita a legare due entità sulla base della loro localizzazione, a prescindere dal loro contenuto o proprietà. Da questo punto di vista, le prospettive per la progettazione di un Web semantico potrebbero modificare la natura dei collegamenti, rendendo i computer “intelligenti”, in grado cioè di leggere il contenuto di un testo e capirne il significato. L’architettura di questa nuova versione del web si basa sulla codifica dei dati su più livelli: a un primo livello, ad un oggetto (qualunque esso sia) viene attribuito un indirizzo univoco URI (Uniform Resource Identifier), che identifica l’oggetto in questione come una risorsa; tale risorsa viene codificata tramite il linguaggio XML che sostituisce l’attuale HTML, e descritta attraverso RDF (Resource Description Framework) per l’insieme degli attributi che possiede e delle relazioni con altre risorse. Con questo sistema il web trasforma la sua natura da contenitore di informazioni in banca di dati. Rendendo i link significanti, non solo per l’uomo, ma anche per la macchina, molte operazioni svolte manualmente potranno essere automatizzate: comprendere il significato dei testi presenti sulla rete; creare percorsi in base alle informazioni richieste dall'utente, guidandolo poi verso di esse (in alcuni casi si può anche sostituire all'utente); spostarsi di sito in sito collegando logicamente elementi diversi dell'informazione richiesta, saranno operazioni affidate a software conosciuti come agenti intelligenti, o, secondo la metafora di Negroponte, maggiordomi digitali. Sulla base dell’organizzazione topologica dei significati, si possono classificare diverse tipologie di ipertesto; Nelson parla di ipertesti a brani, in cui l’autore predispone delle connessioni di unità di testo leggibili secondo vari ordini; a liste incernierate, in cui si rende possibile una lettura comparata di diversi testi (“un elemento poteva essere un titolo importante in una versione e un banale paragrafo in un’altra”); ipertesti a finestre, in cui i singoli moduli aprono finestre sulle citazioni in modo da esplicitare il co-testo di un brano, ripreso in un testo nuovo e in esso ricontestualizzato . Al secondo livello di articolazione l’ipertesto così strutturato si rende visibile all’utente in uno spazio, la pagina sul monitor, sul quale i frammenti testuali, eterogenei per contenuto e linguaggio, si dispongono secondo una logica di disseminazione opposta alla ricomposizione semantica dello spazio logico. Il significato si articola pertanto a livello sintattico, cioè sul piano delle relazioni tra le componenti diverse della pagina (sintassi interna), e dell’ipertesto con il resto della struttura reticolare (sintassi esterna). La pagina ipertestuale organizza i moduli testuali in un quadro sinottico, in cui la fruizione si orienta in primis come sguardo d’insieme, attento a cogliere le relazioni tra i significanti più che il significato che essi veicolano, le relazioni spaziali più che i contenuti informativi.
36

36

Teodhor Nelson 1992 op. cit. pp. 1/16.

Come suggerisce Bettetini , può allora essere utile applicare a questo livello il concetto di topografia planare di Thurelmann, definito come “il complesso dei fenomeni di spazializzazione che si incontrano ogni volta che un testo viene manifestato nello spazio attraverso una materia sensibile” . Tali fenomeni possono essere analizzati ricorrendo all’analisi del livello plastico di articolazione del significato, in cui le forme significano a prescindere dal loro riferimento figurativo, in base alla loro configurazione e disposizione spaziale. Il testo elettronico è iconico. Non è obiettivo di questo lavoro approntare un’analisi semiotica della pagina ipertestuale, ma la riconduzione dell’ipertesto alla sua dimensione spaziale permette di coglierne le dinamiche fruitive, che si caratterizzano appunto come percorsi e attraversamenti di spazi “adirezionali e multiplanari”
39 38

37

in cui l’oggetto della

conoscenza non sono solo i contenuti, ma anche lo spazio che li ospita. Percorsi a volte privi di progettualità, se non la scoperta ludica di nuovi territori, in cui il principio guida è perdersi anziché trovare: sono esperienze in cui lo scopo conoscitivo è l’osservazione della struttura reticolare in cui ci si muove, al di là dei singoli nodi che si incontrano/attraversano, il metatesto più che il testo: “l’attenzione e l’interesse del lettore si rivolgono all’articolazione del labirinto più che al contenuto delle sue stanze” . La dinamica fruitiva che si delinea è dunque quella dell’esplorazione di “tutte le grandi dimensioni di uno spazio nuovo” , accessibile attraverso la porta-link, in cui ogni singola lettura costruisce significati diversi e originali, per percorsi, scopi e tempi. La monologicità del testo tradizionale si rompe in schegge di significato non ordinate gerarchicamente, ma “appiattite” in un unico spazio che le rende ugualmente rilevanti. Il lettore non procede speditamente lungo un cammino rettilineo univoco e irrevocabile, ma naviga in un mare senza confini: “Per la prima volta il lettore ha a disposizione uno spazio agito, uno spazio specificamente disegnato per l’interazione tra testo e fruitore: uno spazio che rompe la barriera tra dentro e fuori, stravolgendo le dimensioni del patto comunicativo previste dai vecchi media” . Nell’esplorare l’ipertesto, il lettore coopera alla sua costruzione e muta la sua condizione da spettatore a spett-attore , i cui contributi variano a seconda della natura dell’ipertesto in questione. In un ipertesto chiuso (in cui cioè l’utente può solo selezionare link creati dall’autore dell’ipertesto) nonostante la molteplicità dei percorsi possibili, tale pluralità non è infinita, poiché i rimandi intertestuali sono comunque limitati dalle scelte autoriali, delineate nello spazio logico a monte della manifestazione concreta dell’ipertesto. Diverso il caso degli ipertesti aperti, in cui l’interattività consiste non solo nell’attraversare una soglia cliccando un link, ma nella possibilità per il fruitore di modificare lo spazio che esplora, aggiungendo legami o contenuti ulteriori, divenendo così co-autore del testo in un processo di generazione continua e potenzialmente infinita. In un ipertesto aperto e in rete, chi è l’enunciatore e chi l’enunciatario? Chi è l’intelligenza produttrice di sapere? Con l’ipertesto “le funzioni di lettore e autore si trovano intrecciate tra loro molto più profondamente di quanto non fossero mai state prima” . L’ipertesto nella sua forma più radicale si configura come Opera (infinitamente) Aperta .
45 44 43 42 41 40

37 38

Gianfranco Bettetini, Barbara Gasparini, Nicoletta Vittadini Gli spazi dell’ipertesto, Milano 2002 p. 78. Felix Thurelmann La doppia spazialità in pittura: spazio simulato e topologia planare 1991 pp. 55-56. 39 G. Bettetini, B. Gasparini, N. Vittadini 2002 op. cit. p. 102. 40 G. Bettetini, B. Gasparini, N. Vittadini 2002 op. cit. p. 135. 41 René Berger Il nuovo Golem. Televisione e media tra simulacri e simulazione, Milano 1992. 42 A. Marinelli 2004 op. cit. p. 103. 43 Jean-Louis Weissberg Le compact réel/virtuel, in AA.VV. 1989, pp 7/28. 44 George Landow Ipertesto. Il futuro della scrittura, Bologna 1993 p. 87. 45 Umberto Eco Opera aperta 1962.

3.0 Il cyberspazio Un’ultima e fondamentale rivoluzione nella comunicazione umana va infine citata per completare questa breve panoramica sui nuovi media: la nascita e l’enorme sviluppo di Internet. La Rete nasce applicando il concetto di nodo non più al singolo modulo di contenuto, come nell’ipertesto, ma alla macchina computer nella sua interezza, rendendo possibile la condivisione in tempo reale di risorse di calcolo e intellettuali in tutti gli angoli del pianeta. Dal punto di vista tecnico il funzionamento si basa su due elementi: l’utilizzo delle linee di telecomunicazioni come vettori di dati attraverso la codifica e decodifica del segnale digitale/analogico per mezzo del modem; la commutazione a pacchetto, ovvero la divisione dei bit che compongono il messaggio da trasmettere, in pacchetti indirizzati singolarmente e ricomposti a destinazione; tali pacchetti di dati percorrono la rete toccando vari nodi e possono essere associati ad altri pacchetti con altre destinazioni e provenienze. Questi due elementi permettono due vantaggi enormi: il primo è che i contenuti, viaggiando su vettori comuni, non sono sottoposti a controlli, poiché disciplinati dallo stesso codice che regolamenta la normale corrispondenza postale o le normali conversazioni telefoniche; l’altro è relativo all’utilizzo dei protocolli aperti e consiste nella saturazione della banda disponibile, che permette di sfruttare al meglio l’infrastruttura, e nella flessibilità consentita dal sistema: viaggiando separatamente e toccando diversi punti della rete, si aggirano eventuali problemi dovuti a guasti o interruzioni nella linea. Questo secondo aspetto è, in effetti, ciò che ha guidato le ricerche di Paul Baran, che ideò la commutazione a pacchetto per fornire al dipartimento della Difesa USA un sistema di comunicazione invulnerabile a eventuali attacchi nucleari. Il passo successivo fu rendere i protocolli di segmentazione e indirizzamento standardizzati, permettendo di far comunicare tutti i nodi tra loro: di questo si occuparono Robert Kahn, Vincent Cerf e il Network Working Group, che nel 1978 definiscono quella che é tuttora l’architettura di Internet, basata sui protocolli TCP/IP. Il TCP (Transfer Control Protocol), si occupa di segmentare le informazioni in pacchetti, indicare l’applicazione che le ha generate e verificare che arrivino correttamente al destinatario; l’IP si occupa invece dell’indirizzamento, cioè di inviare e instradare il pacchetto. In questo modo si è reso possibile mettere in comunicazione i diversi network di computer che tra gli anni sessanta e settanta si erano via via formati sotto la spinta dei gruppi accademici e delle tecnoculture libertarie, creando il network dei network: Internet. Con questa conformazione Internet giunge negli anni novanta: da allora nuovi nodi si sono aggiunti con un ritmo di crescita sorprendente, che ha scatenato un acceso e variegato dibattito. Da una parte i media che, sentendosi minacciati dal nuovo medium, lo presentano come ricettacolo di contenuti devianti, fonte di isolamento e alienazione sociale; aspetti, questi, indubbiamente presenti in rete, ma non necessariamente maggioritari e sicuramente non esclusivi... ma come ormai tutti sappiamo “only bad news are good news”. Dall’altra, gli stessi media hanno iniziato a tentare una colonizzazione del nuovo mezzo attraverso la sperimentazione di forme di presenza on line, che ancora oggi procedono tra la semplice trasmigrazione di contenuti sul web e la ricerca di formule ibride in grado di sfruttare al meglio il nuovo ambiente. Nel dibattito non potevano inoltre non inserirsi i governi e l’industria delle telecomunicazioni, che si sono concentrati su aspetti quali la regolamentazione di un medium strutturalmente anarchico e decentralizzato, e il potenziamento dell’infrastruttura materiale: da quest’ultimo punto di vista si è dato molto rilievo al progetto

delle “autostrade dell’informazione”, reti a banda larga per far fronte all’aumento del volume di dati scambiati, dovuto sia all’aumento dei nodi della rete, sia alla tipologia dei dati stessi che, comprendendo sempre più audio, video, grafica e animazioni, richiedono software di compressione e maggiore capacità trasmissiva dell’infrastruttura. Tutti questi sono aspetti assolutamente rilevanti e interconnessi: maggiore capacità di banda avremo, maggiori possibilità espressive si apriranno; più forme di controllo applicheremo alla rete, più muterà la natura del medium. Tuttavia, ciò che appare più urgente e utile ai fini del presente lavoro, è comprendere i meccanismi di addomesticamento della tecnologia da parte degli utenti, l’utilizzo concreto che determina un cambiamento epocale nella gestione dell’informazione, nel consumo e nella produzione di conoscenza . Concordiamo dunque con Levy nel sostituire il termine autostrada dell’informazione, troppo connotato in senso tecnologico, con il termine, sicuramente un po’ romantico, ma efficace, di cyberspazio. Non è solo questione di sottigliezze terminologiche, ma di impostazione concettuale: la rilevanza di Internet sul piano sociale è data dall’apertura di un nuovo spazio virtuale di interazione: “il cyberspazio non è un’infrastruttura, ma è un certo modo di servirsi delle infrastrutture esistenti” . 3.1 I primi utilizzatori: tecno-élite e hackers L’architettura della rete descritta in precedenza non può prescindere dagli utenti/produttori che l’hanno progettata e migliorata e dalla specifica cultura di cui facevano parte: “i sistemi tecnologici sono una produzione sociale. La produzione sociale è modellata dalla cultura. Internet non fa eccezione. La cultura dei produttori di Internet ha plasmato il mezzo. Questi produttori sono stati, allo stesso tempo, i suoi primi utilizzatori” . Così come per comprendere i nuovi media abbiamo dovuto analizzarne il linguaggio, per afferrare il potenziale del nuovo spazio di interazione globale dobbiamo risalire a chi l’ha forgiato e con quali ideali. Spesso si parla di utopie tecnologiche e di relative distopie: emancipazione mondiale versus grande fratello digitale. Il nostro parere è che, al di là della propaganda, occorra guardare alla Rete come qualcosa che contiene in sé entrambe le tensioni, e che sta a noi, all’uso che vorremo farne, propendere per l’una o per l’altra: “non si tratta, dunque, di ragionare esclusivamente in termini di impatto (quale sarà l’impatto delle autostrade elettroniche sulla vita politica, economica o culturale?) ma anche di progetto (per quali fini sviluppare le reti digitali di comunicazione interattiva?)” . Dal momento che oggi ci troviamo di fronte a importanti decisioni tecniche, normative e tariffarie, che muteranno inevitabilmente la forma delle reti, è opportuno ritornare alle origini di Internet per ritrovare la cultura che l’ha supportata e fatta crescere. “You can't understand where mind-amplifying technology is going unless you understand where it came from”
49 48 47 46

.

Quali sono state dunque le basi culturali dello sviluppo di Internet? Quali soggetti hanno lavorato al network dei network e con quali scopi ed orientamenti? Innanzitutto la comunità degli accademici. Non gli accademici, ma la comunità: la differenza è sostanziale. L’attività cooperativa è stata infatti da subito la caratteristica fondante delle ricerche sul networking: cooperazione significa scambio e condivisione di saperi
46 47

P. Levy 2002 op. cit. p. 120. Manuel Castells Galassia Internet, Milano 2002 p. 45. 48 Pierre Levy L’intelligenza collettiva. Per un’antropologia del cyberspazio, Milano 2002 p. 15. 49 Howard Rheingold The virtual community, 1993, http://www.rheingold.com/vc/book/index.html

con l’unico fine dell’implementazione e del miglioramento del sistema. L’evoluzione tecnologica è un bene in sé, non ha bisogno di giustificazioni o applicazioni specifiche (se così non fosse non sarebbe certo semplice spiegare l’entusiasmo che illustri intellettuali liberali hanno profuso nel progettare soluzioni militari in piena guerra fredda). D’altra parte ciò che si stava costruendo era un’infrastruttura dedicata al lavoro di gruppo, alla libera circolazione della conoscenza: la libertà è perciò l’altra spinta allo sviluppo della Rete. La filosofia libertaria trasmigra in ambito informatico dalle controculture degli anni settanta, improntate alla lotta per la libera espressione e per l’emancipazione dall’ideologia del capitale, dai governi e dal sistema mass mediatico, che la sostiene ed alimenta; in questo contesto nasce la cultura Hacker. La libertà si esprime a due livelli: a un primo livello la cultura hacker, in quanto controcultura, è assolutamente svincolata da inquadramenti istituzionali; anche laddove i membri fossero impegnati in attività di ricerca per istituzioni, universitarie o di altro genere, resta sempre un forte senso di autonomia, e il riferimento ultimo è alla comunità più che all’istituzione: “esiste un sentimento comunitario nella cultura hacker, fondato sull’appartenenza attiva a una comunità, strutturata intorno alle consuetudini e ai principi di un’organizzazione sociale informale [...] Anche nella cultura hacker c’è un’organizzazione, ma essa è informale; ovvero: non è imposta dalle istituzioni della società” . La libertà intesa in questo senso si coniuga dunque con la cooperazione e sfocia nella pratica della “cultura del dono”: la condivisione in rete dei contributi dei singoli hacker produce un riconoscimento all’interno della comunità proporzionale all’utilità del contributo stesso. Ad un altro livello la cultura hacker intende la libertà come lotta per la libertà di espressione. Nel mondo del linguaggio digitale libertà di espressione ha un significato molto preciso: libertà del software. “La rapida diffusione dei protocolli aperti non ci sarebbe stata senza la libera e aperta distribuzione del software e l’utilizzo cooperativo delle risorse che è diventato il codice di comportamento degli hacker della prima ora” . Non a caso una delle icone della cultura Hacker è Richard Stallmann, fondatore della Free Software Foundation e creatore di GNU, il sistema operativo che, pur basandosi su UNIX, si emancipa dal suo copyright (GNU sta per Gnu Not Unix), che riunisce attorno a sé l’idea del codice sorgente del software come progetto aperto e collaborativo. La messa in sinergia delle competenze è infatti l’unico strumento che consente di ottenere risultati ottimali; l’apertura del progetto tende al coinvolgimento di quanti più contributi possibili e, allo stesso tempo, alla migliorabilità illimitata del sistema stesso, pensato dagli utenti per gli utenti. In senso più ampio la libertà di espressione rappresenta la libertà di creazione, manipolazione e uso dei nuovi strumenti del comunicare. Se non tutti gli utenti sono hacker, tutti i cybernauti vivono un ambiente che è diretta emanazione degli ideali della tecno-élite accademica e della cultura hacker, imperniati sulla partecipazione attiva alla libera circolazione dei saperi e delle competenze. Intorno a tali saperi e competenze gli utenti si orientano, si muovono, popoli nomadi, coagulandosi in forme di socialità nuove, mobili e in divenire: comunità che non condividono uno spazio fisico, ma vivono nello spazio virtuale del cyberspazio.
51 50

50 51

M. Castells 2002 op. cit. p. 55. M. Castells 2002 op. cit. p. 34.

3.2 Le comunità virtuali “People in virtual communities use words on screens to exchange pleasantries and argue, engage in intellectual discourse, conduct commerce, exchange knowledge, share emotional support, make plans, brainstorm, gossip, feud, fall in love, find friends and lose them, play games, flirt, create a little high art and a lot of idle talk. People in virtual communities do just about everything people do in real life, but we leave our bodies behind. You can't kiss anybody and nobody can punch you in the nose, but a lot can happen within those boundaries. To the millions who have been drawn into it, the richness and vitality of computer-linked cultures is attractive, even addictive” . Nel passaggio dalla cultura hacker, e del mondo informatico in generale, alla società nel suo complesso, possiamo notare due movimenti: da un lato, come già detto in precedenza, gli usi sociali della Rete sono fortemente permeati dai valori promossi e praticati dai primi utilizzatori; lo spirito comunitario e la spinta libertaria animano le comunità di “non-informatici” esattamente come i network dei primi esperimenti di timesharing; dall’altro, la società con tutte le sue sfaccettature e diversità, permea la Rete, rendendola un luogo in cui tali diversità possono esprimersi liberamente e diventare motivi di aggregazione spontanea per persone disperse geograficamente: “There is no such thing as a single, monolithic, online subculture; it's more like an ecosystem of subcultures, some frivolous, others serious. The cutting edge of scientific discourse is migrating to virtual communities, where you can read the electronic pre-preprinted reports of molecular biologists and cognitive scientists. At the same time, activists and educational reformers are using the same medium as a political tool. You can use virtual communities to find a date, sell a lawnmower, publish a novel, conduct a meeting” . Le comunità virtuali ripropongono dunque la socialità del mondo fisico, ma ne ampliano i confini: anzi, li eliminano. Il concetto di comunità è sempre stato piuttosto ambiguo, vertendo sulla distinzione di Toennies tra comunità e società: comunità come luogo idilliaco in cui l’individuo è protetto da appartenenze e pratiche consolidate; la società come luogo dell’anonimato che può condurre all’anomia se non disciplinato dall’organizzazione burocratica. Ora, il fatto che il mondo sia globalizzato, che la modernità abbia sradicato l’individuo dal suo contesto di appartenenza per inserirlo in metropoli anonime e caotiche, è un dato acquisito; meno discusso è invece il fatto che l’urbanizzazione non ha eliminato la comunità tout court, ma ne ha modificato il significato, la composizione, le modalità di formazione: non più dato di fatto immutabile, la comunità di appartenenza diventa una scelta basata su ideali e valori condivisi: ”il passaggio chiave è dalla comunità al network come forma centrale di interazione organizzativa” . Le comunità diventano allora “reti di legami personali che forniscono socialità, supporto, informazione, un senso di appartenenza e d’identità sociale” . Il novecento è stato il secolo dell’associazionismo, dell’unione degli individui per classi (movimenti operai), gender (femminismo), etnia (movimenti per i diritti delle minoranze); ma anche gusti musicali, artistici, letterari. Tutti questi movimenti si basano sulla comunanza di obiettivi e retroterra culturale, ma il loro essere comunità
55 54 53 52

52 53

H. Rheingold 1993 op. cit. H. Rheingold 1993 op. cit. 54 M. Castells 2002 op. cit. p. 126. 55 Barry Wellman Phisycal place and cybersplace: the rise of networked individualism, in “The International Journal of Urban and Regional Research”, 2002 p. 1.

dipende ancora in gran parte dal costituire una massa critica fisica, che condivide uno spazio comune: non c’è movimento operaio senza la fabbrica. La Rete, come luogo di interazione privo di confini, supplisce al limite spaziale, permettendo agli individui di incontrarsi e scoprirsi nella loro somiglianza e diversità, di discutere, confrontarsi e in definitiva formarsi anche senza interazione faccia a faccia. La rete come network dei network è allora il luogo privilegiato della costruzione di soggettività dinamiche e comunitarie. Nel 1968 Licklider e Taylor scrivono a proposito delle comunità virtuali: “In most fields they will consist of geographically separated members, sometimes grouped in small clusters and sometimes working individually. They will be communities not of common location, but of common interest...”. Tale modello di socialità è ciò che Castells definisce individualismo in rete : dopo la transizione dalla predominanza delle relazioni sociali primarie - famiglia e comunità - a quelle secondarie - basate sull’associazionismo - ci troviamo ora di fronte ad una nuova modalità di organizzazione sociale, fondata su “network io-centrati”, “comunità di scelta” e interazione individualizzata, basate sulla selezione di tempo, luogo e compagni dell’interazione. Questo non significa accettare la tesi secondo la quale internet e le comunità on-line producono individui isolati e alienati rispetto al contesto reale: spesso anzi si verifica un contatto tra mondo on-line e off-line, sia come prosecuzione nello spazio fisico di relazioni virtuali, sia come traduzione in azione politica di movimenti nati in rete: i cittadini filippini che nel 2001, attraverso uno scambio capillare di SMS, si sono dati appuntamento per protestare contro Marcos, riuscendo a deporlo; il “popolo di Seattle”, che attraverso la Rete ha organizzato la protesta contro il summit del WTO; la Critical Mass, che dal 1992 porta in strada con le loro biciclette migliaia di persone, sono esempi di quelle che Rheingold chiama smart mobs , folle intelligenti. A dispetto, infatti, della descrizione sociologica della folla come aggregato in cui l’individuo, protetto dall’anonimato, assume comportamenti antisociali, le smart mobs si caratterizzano per un grado elevato di coordinamento e un uso consapevole e tattico delle reti sociali e delle tecnologie di comunicazione. Questo uso tattico delle tecnologie a scopi politici configura il passaggio dal networking alla netwar. Netwar è un termine coniato da John Arquilla e David Ronfeldt per descrivere la combinazione di reti sociali, tecnologie di comunicazione e organizzazione decentrata all’interno del conflitto politico: “Netwar is an emerging mode of conflict in which the protagonists - ranging from terrorist and criminal organizations on the dark side, to militant social activists on the bright side - use network forms of organization, doctrine, strategy, and technology attuned to the information age [...] These protagonists are likely to consist of dispersed organizations, small groups, and individuals who communicate, coordinate, and conduct their campaigns in an internetted manner, often without a central command [...] What all have in common is that they operate in small, dispersed units that can deploy nimbly - anywhere, anytime. [...] The tactics they use range from battles of ideas to acts of sabotage - and many tactics involve the Internet” . Al di là comunque della connotazione politica delle smart mobs, ciò che emerge è, da un lato, l’uso di Internet e delle tecnologie mobili in generale, come prosecuzione della vita sociale “reale” di individui e gruppi; dall’altro, la trasposizione del modello culturale e organizzativo proposto da Internet, all’interno della società: condivisione e messa in sinergia di saperi e competenze; relazioni e transazioni orizzontali basate
56 57 58 57 56

Manuel Castells, 2002 pag.127. Howard Rheingold 2003 op. cit. 58 John Arquilla, David Ronfeld Networks, netwars, http://firstmonday.org/issues/issue6_10/ronfeldt/index.html RAND 2001.

and

the

fight

for

the

future

sulla fiducia sono sempre meno utopie e sempre più realtà: società come E-bay o Google traggono profitti considerevoli offrendo un servizio gratuito grazie al rapporto fiduciario che instaurano con gli utenti. In questo senso l’articolazione della società in collettivi intelligenti prefigura nuove possibilità per gli agenti umani, poiché il lavoro intellettuale non è subordinato a organizzazioni o centri decisionali, ma converge con quello di altri individui costruendo un’intelligenza in fieri, aperta e collettiva: “un’intelligenza distribuita ovunque, continuamente valorizzata, coordinata in tempo reale, che porta a una mobilitazione effettiva delle competenze” . Le nuove tecnologie di comunicazione diventano allora il principale motore dell’intelligenza collettiva: sia lo spazio in cui i collettivi intelligenti si formano, sia lo strumento attraverso il quale si organizzano; il cyberspazio come “infrastruttura tecnica del cervello collettivo o dell’ipercorteccia delle comunità viventi” . Concludendo, le società manifestano una nuova forma di organizzazione: la rete. Sostituendosi all’opacità dell’organizzazione burocratica, la trasparenza della rete permette nuove forme di partecipazione ed emancipazione. Dalle prime BBS , ai newsgroup , gli individui hanno imparato a relazionarsi non con un universo di informazioni preconfezionate e anonime, ma con altri individui, con cui parlare, approfondire, progettare, scambiare. Nel XXI secolo appena iniziato, l’evoluzione delle comunità virtuali ha visto l’esplosione di un nuovo modo di articolazione dell’esperienza in rete: il weblog, un sito personale che i lettori possono commentare, linkato ad altri analoghi, con cui costituisce una comunità. Pur avendo le sue radici nei primi esempi di comunità in rete, il blog presenta caratteristiche peculiari che ne hanno decretato il successo. In primo luogo, a differenza delle BBS e dei newsgroup, i blog non hanno confini stabiliti, ma abitano tutta la Rete, la attraversano e ne sono attraversati, consentendo la creazione di comunità dinamiche e a crescita esponenziale, accessibili da qualunque device connesso in rete (ipod, telefono cellulare, PSP); inoltre, il sistema di interazione previsto tra autore del blog e utente-visitatore, articolato in post e commenti, permette di evitare lo spam e le tensioni che hanno caratterizzato i newsgroup: se un commento non è pertinente, semplicemente verrà ignorato. Vediamo allora più in dettaglio cosa è un weblog e perché possa essere considerato la Killer Application di Internet. 3.3 Il weblog Weblog è una parola coniata nel 1999 dalla contrazione di web e log e viene generalmente tradotta come “diario di bordo”, o diario personale (o “intellettuale”, secondo la precisazione di Granieri ), poiché il contenuto del blog sono generalmente le riflessioni, le preferenze e le opinioni di un individuo . Un weblog è definibile come: “un sito web che contiene un diario personale on-line con riflessioni e hyperlink dell’autore e commenti dei lettori” .
59 60 65 64 63 61 62 60 59

P. Levy 2002 op. cit. p. 34. P. Levy 2002 op. cit. p. 31. 61 Una BBS (o Bulletin Board System) è un computer che utilizza un software per permettere a utenti esterni di connettersi ad esso attraverso la linea telefonica. 62 Un newsgroup è uno degli spazi virtuali creato su una rete di server interconnessi per discutere di un argomento (topic) ben determinato. 63 Giuseppe Granieri Blog Generation Bari 2005 p. 28. 64 Non mancano comunque casi di blog collettivi: per esempio Slashdot. 65 Casaleggio Associati Focus: La blogosfera e i media. La diffusione dei blog e il declino dei media 2006 p. 3, http://www.casaleggio.it/rapporto.asp?articleID=286&titolo=Focus:%20La%20Blogosfera%20e%20i%20Media.

Ciò che differenzia i blog dalle altre esperienze di connettività presenti in rete è, infatti, il fatto di raggruppare i contenuti intorno a un individuo, anziché per topics, stabilendo relazioni molto strette tra soggetti e fornendo uno strumento di forte identificazione. Questo fa sì che i blog non siano classificabili “per generi” o per argomenti, poiché ogni post
66

è l’espressione degli interessi, variabili, dell’autore: “un blog è un’applicazione
67

del network sociale che rappresenta l’elemento singolo del sistema: l’individuo” . Ma fa anche sì che all’interno della blogosfera
68

si instaurino relazioni forti tra persone, nonché un meccanismo di

fiducia/reputazione che regola le informazioni pubblicate: se qualcuno pubblica informazioni inesatte o addirittura false, gli altri blogger smentiranno immediatamente l’informazione e classificheranno il blogger in questione come inaffidabile. Il meccanismo è lo stesso che regola la visualizzazione delle pagine web su Google, il Page Rank. Il Page Rank è un algoritmo (noto solo in parte) che interpreta il numero di link a una pagina come un valore, “un voto del webmaster nei confronti del sito cui punta il collegamento” : il link assume un valore di scambio, diventa la valuta di Internet. E’, lo si intuisce subito, una logica profondamente diversa da quella dei media tradizionali: nel sistema dei vecchi media, infatti, le diverse emittenti sono in lotta per l’attenzione e il tempo del pubblico, tentando in tutti i modi di trasportare gli spettatori sui propri contenuti e allontanandoli dalla concorrenza. Nella blogosfera succede esattamente l’opposto, e cioè l’autore di un blog “dirotterà” l’utente verso altri contenuti e altri siti usando due strumenti: il blogroll
70 69

e il link alla fonte.

Il primo, generalmente posto in colonna a sinistra o a destra del corpo centrale, occupato dai post, contiene i link ad altri blog; il blogroll rappresenta la manifestazione visibile dell’orizzonte di appartenenza e degli interessi dell’autore, fornendone un ritratto che si va ad aggiungere a quello delineato dai post pubblicati; i link alle fonti delle informazioni di cui il post tratta, invece, permettendo agli altri utenti di reperire l’informazione originale ed eventualmente continuare a commentarla sul proprio blog, mettono in moto la grande conversazione della Rete; citando il blog che l’ha commentata per primo, si otterrà una sorta di storia dell’informazione. In questo senso il blog rappresenta l’espressione migliore e più compiuta dell’ipertesto così come definito da Bettetini, Gasparini e Vittadini: “macrotesto composto di microtesti, tra loro connessi in una mappa-labirinto esplorabile dall’utente, in cui sono presenti non solo le origini dei rimandi intertestuali, ma anche le loro destinazioni. L’ipertesto si manifesta allora come visibilizzazione della struttura testuale in cui sono inclusi anche gli strumenti della sua interpretazione [...] rete semantica e concettuale intorno a un argomento” . Il meccanismo del Page Rank determina una sorta di classifica tra blogger, che trasferisce in rete la legge di potenza, secondo cui il 20% della popolazione detiene l’80% della ricchezza, convalidando la regola del “rich get reacher”: ciò significa che nella blogosfera il 20% dei blogger detiene l’80% dei link, decretando chi ha il diritto di ottenere lo status di “blogstar”. Ciò non significa tuttavia che la blogosfera sia statica: anche un nuovo arrivato può ottenere la sua visibilità, se rispetterà le regole della conversazione: aggiornare il blog,
71

66 67

“I pensieri i testi e le immagini pubblicati dall’autore del blog” da Casaleggio Associati 2006 op. cit. p. 15. Peter Kaminski http://peterkaminski.com/archives/000219.html. 68 “L’insieme dei blog con elementi comuni appartenenti ad un certo insieme” Casaleggio Associati 2006 op. cit. p. 13. 69 Giuseppe Granieri 2005 op. cit. p. 41. 70 “La lista dei link ad altri blog, presenti in un determinato blog. E’ un modo per segnalare la qualità dei contenuti di un altro blog o per esprimere la relazione di appartenenza con un altro blogger” Casaleggio Associati 2006 op. cit. p. 13. 71 Gianfranco Bettetini, Barbara Gasparini, Nicoletta Cittadini 2002 op. cit. p. XIII.

rispondere ai commenti, linkare la fonte, presentare un buon numero di connessioni con altri blog ed esserne a sua volta linkato. Il sito più noto per il monitoraggio dei blog è Technorati, che valuta il posizionamento dei blog a livello mondiale valorizzando il numero di blog che ne linkano un altro: nella classifica mondiale il primo posto lo guadagna www.boinboing.net, mentre in Italia è il blog di Beppe Grillo (www.beppegrillo.it ) a registrare il numero maggiore di link . Ma, ancora più importante, tali applicazioni sono aggregatori di contenuti, che sfruttano le tag
73 72

attribuite ai

post e li visualizzano per contenuti comuni; in questo modo è allora possibile sondare gli umori della rete: l’argomento più discusso, l’informazione più cercata, il film più apprezzato. Durante le presidenziali americane del 2004 la CNN ha accreditato Technorati come fonte per seguire la Convention dei Democratici, dimostrando l’utilità dei tag nella presentazione delle informazioni e anticipando le funzionalità rivoluzionarie del web semantico per la ricerca dei dati. In effetti, se guardiamo alle origini dei blog, essi nascono proprio dalla volontà di alcuni utenti di filtrare e selezionare l’oceano di informazioni presenti sul web: in questo senso si può dire che i weblog abbiano fatto da detonatore per il feed RSS, acronimo di Really Simple Syndacation . I feed RSS sono una tecnologia che consente, attraverso un client software detto “news aggregator”, di visualizzare automaticamente le informazioni provenienti da altri siti selezionati dall’utente e ricevere i titoli degli aggiornamenti appena pubblicati: “Per usare una descrizione efficace, la syndacation è simile al lavoro di un’agenzia di stampa che trasmette le notizie ai suoi clienti senza preoccuparsi dell’impaginazione, che sarà poi effettuata dagli utenti finali” . Questo perché, come abbiamo visto, i post sono permalink, ovvero possiedono un proprio URL a partire dal quale il post può essere reperito univocamente. Attraverso la circolazione dei post, i blog favoriscono lo scambio di opinioni e il contatto tra cybernauti; si è configurata pertanto una blogosfera come un “gigantesco word-of-mouth” , un passaparola basato sul feedback degli utenti stessi, che si comportano in definitiva come Stackelberg Leaders : il vantaggio relativo di mentire e ingannare gli altri utenti-consumatori di informazione è inferiore a quello dato da un rapporto di fiducia a lungo termine. Questo perché il weblog non è, generalmente, anonimo: “prima dei weblog l’identità in Rete non aveva uno storico, non aveva un indirizzo e non aveva una voce [...] L’identità è la base per la reputazione, la responsabilità è un valore aggiuntivo” . Punti di riferimento per la navigazione, centri di discussione e formazione dell’opinione pubblica, strumento di espressione personale e socializzazione, i weblog si sono rivelati la Killer Application di Internet: la dimensione attuale della blogosfera conta 35,3 milioni di blog con 50.000 post all’ora
79 78 77 76 75 74

ed è indubbiamente

destinata a crescere. Un numero di voci che negli anni ha imparato a farsi ascoltare dai media tradizionali e dall’opinione pubblica off-line: “Internet ha trasformato definitivamente le necessità di aggregazione, non le

72 73

Fonte: Casaleggio Associati su dati Technorati, 2006 Casaleggio Associati 2006 op. cit. p. 6. “Riferito a un post indica la categoria di appartenenza, ad esempio ecologia o politica” Casaleggio Associati 2006 op. cit. p. 15. 74 Altre interpretazioni dell’acronimo sono Rich Site Summary e RDF Site Summary. 75 G. Granieri 2005 op. cit. p. 101. 76 G. Granieri 2005 op. cit. p. 51. 77 Viene definita Stackelberg Leader (dal nome dell’economista tedesco) un’azienda che si comporta nel modo ottimale nell’ottica del consumatore. 78 D.A. Whetten, A. Mackey A social Actor Conception of Organizational Identity and its Implication for the Study of Organizational Reputation, in G. Granieri op. cit. p. 52.
79

http://www.technorati.com/weblog/.

ha eliminate del tutto, ma le ha cambiate in maniera significativa. Pensiamo ad una sezione o sottosezione qualsiasi di un quotidiano: ci sono decine di persone che on-line competono con noi costruendo contenuti specifici per quell’area” . Un esempio particolarmente evidente è la copertura della guerra in Iraq da parte del blog di Salam Pax (dear_raed.blogspot.com), da cui sono stati tratti un libro e un film; o il blog di Pino Scaccia nei giorni terribili del rapimento di Enzo Baldoni. La cronaca recente ha registrato sempre più casi in cui i blogger hanno assunto la funzione di “cani da guardia”, non solo del potere, ma anche dei big media: dal blogger italiano Macchianera (www.macchianera.net) che, con un semplice copia-incolla, ha rivelato gli omissis del rapporto Calipari, alle dimissioni dell’anchorman della Cbs Dan Rather, colpevole di aver esibito in onda un documento militare del ’72, che svelava i favori riservati all’allora recluta George W. Bush; i dubbi espressi da un blogger circa l’autenticità di quel documento hanno ricevuto in poche ore decine di conferme, svelando che era stato scritto al computer: cosa semplicemente impossibile 34 anni fa. Questo non significa che i weblog sostituiranno i vecchi media broadcast nella diffusione dell’informazione. Tuttavia è innegabile che i mass media dovranno fare i conti con un pubblico più attento ed esigente, che ha voglia non solo di ascoltare, ma di essere ascoltato: “il weblog è una nuova avventura per il giornalismo” . Negli ultimi anni, inoltre, i weblog si sono arricchiti di contenuti multimediali, come grafica, foto, audio e video; i videoblog - o vlog -, in particolare, stanno tentando ibridazioni tra Internet e televisione attraverso il videocasting: la ricchezza ipertestuale e interattiva dei media digitali, con la ricchezza sensoriale dell’audivisivo. Tra i vlog più famosi ricordiamo Crash Test Kitchen (www.crashtestkichen.com), Mobuzz Tv (www.mobuzztv.com) e il documentaristico Green Green Water (greengreenwater.com), nato per dare voce alle popolazioni indiane di Manitoba, danneggiate dalla costruzione di una centrale idroelettrica. Dal punto di vista tecnico, oltre a una videocamera, un computer per il montaggio e una connessione veloce, appare fondamentale lo spazio fisico su un server e la disponibilità di piattaforme di distribuzione dei video: tra i primi a fornire una soluzione per l’archiviazione dei filmati è stata la fondazione Internet Archive (www.archive.org), che tramite il sito www.ourmedia.org, offre banda e spazio gratuito agli utenti, che possono decidere se porre le proprie creazioni sotto licenza Creative Commons
82 81 80

o sotto copyright

tradizionale; per quanto riguarda invece l’aspetto distributivo, segnaliamo il sito www.mefeedia.com, da cui è possibile raggiungere circa 400 videoblog; tali opportunità non sono sfuggite al grande protagonista del web, Google, che ha lanciato la versione Beta di Google Video: attraverso questo plug-in chiunque, semplici utenti, televisioni e produttori professionisti, potranno uploadare i propri video e renderli ricercabili attraverso Google. Ma il fenomeno più interessante appare la trasmissione dei vlog in tv, di cui parleremo diffusamente nel terzo capitolo, analizzando il primo esperimento in questo senso, l’emittente satellitare NessunoTv (www.nessuno.tv). Quella che si sta verificando è allora “una sorta di chiusura del cerchio in cui il pubblico non è più recettore passivo della comunicazione, ma diviene strumento attivo di produzione di contenuti, anche dal punto di

80

C. Schroeder Digital Frontiers: One Book You Should Read This Year, in http://wwww.mediapost.com/dtls_dsp_news.cfm?newsID=265357. 81 G. Granieri 2005 op. cit. p. 119. 82 Creative Commons è un’organizzazione no-profit che ha prodotto un copyright più flessibile, pensato in funzione della libera circolazione e diffusione delle opere e dei saperi, in particolare in ambiente digitale. Si tratta delle Creative Commons Public Licenses (CCPL), sei licenze che permettono all’autore di riservare alcuni diritti, autorizzando tutti gli altri (traduzioni, adattamenti, campionamenti ecc.).

vista operativo e non solo come ospite/oggetto delle trasmissioni” . Questa chiusura del cerchio appare determinata più da un cambiamento culturale, favorito e accompagnato da una disponibilità tecnologica a basso costo, che dalla tecnologia in sé: “Da questo punto di vista i blog consentono di sperimentare sul versante della produzione mediale riconnettendo la forma di rappresentazione dei vissuti ai vissuti stessi. Costruiti sui linguaggi di massa, rappresentati dai prodotti culturali che abbiamo imparato a consumare, ci troviamo oggi a poter oscillare sull’altro versante, quello della produzione, delle forme di riappropriazione della rappresentazione. Siamo stati socializzati ai linguaggi mediali, li abbiamo praticati ed incorporati sul lato del consumo, siamo stati sollecitati ad attivarci e partecipare ai prodotti mediali, in modi discreti e massicci dalle telefonate da casa ai programmi costruiti sulle storie del pubblico sino alle possibilità dischiuse dalla responsiv television. Questo oggi si associa ad una crescita di disponibilità nel quotidiano di tecnologie di produzione e distribuzione sempre più simili tecnicamente a quelle dei media mainstream e praticabili a partire da abilità che spesso non richiedono una specializzazione tecnica ma una capacità di saper abitare i media ed apprendere nell’abitarli” . Nel prossimo capitolo analizzeremo le origini di questa progressiva socializzazione al linguaggio mediale, ripercorrendo le tappe dello spesso difficile rapporto tra attività delle audience e unidirezionalità dei media mainstream, mediatizzazione dell’ambiente sociale e fisico e modalità di abitazione di tale spazio.
www.Technorati.com: dimensioni di crescita della blogosfera.
84

83

83 84

Ivan Montis Il videocasting. Nuovi media crescono in Link. Idee per la televisione n. 4 / 2005 p. 254. Giovanni Boccia Artieri dal blog media mondo, aprile 2005 http://media-mondo.blogspot.com/2005_04_01_mediamondo_archive.html.

CAPITOLO SECONDO IL PUBBLICO EDITORE

2.0 Pubblico o utente? Le audiences diffuse La trasformazione dello spettatore in spett-attore, che determina il passaggio dalla fruizione passiva di un flusso di informazioni all’azione su un certo numero di dati, è ciò che caratterizza il rapporto che oggi intratteniamo con i media digitali. Non c’è dubbio che i nuovi media segnino una svolta nel rapporto tra medium e ricevente, rendendo realtà quello che fino a non molto tempo fa era un ossimoro, il pubblico-editore; ma non è nei nuovi media che questo processo si origina. Rientra piuttosto in una più vasta trasformazione sociale e culturale, che si articola lungo due poli: lo statuto del sapere nella società contemporanea, e l’evoluzione del sistema capitalistico dal fordismo al post-fordismo. Questi due poli definiscono il continuum della società performativa, ovvero il contesto in cui si origina il pubblico editore. Vediamo allora quali sono i passaggi che ne determinano lo sviluppo. La modernità fonda, con l’Illuminismo, l’idea di scienza come sistema coerente, che ruota sul perno del pensiero speculativo: il vaglio della ragione, il sapere sul sapere come garanzia di correttezza e validità. Ma proprio la speculazione, mettendo continuamente in discussione i saperi acquisiti, crea quella riflessività della modernità che produce “un’erosione interna del principio di legittimazione”, una frattura del sistemascienza in mille frammenti, “una rete immanente e per così dire ‘piatta’ di investigazioni” . Il sapere non prelude più all’azione e non da una spiegazione organica del reale, ma si limita a trasmettere conoscenze giudicate come acquisite (almeno fino a quel momento). In questo modo, l’idea di progresso come progetto razionale dell’umanità, al centro della modernità, viene meno, caratterizzandosi invece come dinamica autonoma, fuori dal controllo, fuori dalle categorie di etico e giusto: “What kind of thought is able to sublate Auschwitz in a general (either empirical or speculative) process towards a universal emancipation?” . L’autonomia del sapere che, a partire da una divisione della ragione in teoretica e pratica, aveva fondato l’idea di emancipazione, di conoscenza come volontà, mostra la sua natura discorsiva, il suo statuto di gioco linguistico: la scienza non legittima sé stessa, né l’azione dello Stato e dell’umanità. L’istanza enunciativa - politica, scienza, istituzioni - perde la sua autorità, sostituita dalla coesistenza di saperi diversi e contraddittori, di fonti di conoscenza in competizione tra loro. In questo processo anche il concetto di cultura subisce un ripensamento: non più la cultura, sistema organico e ordinato di conoscenze, tradizioni, modelli, opere; ma le culture: tradizioni, rituali, forme simboliche condivise da un gruppo umano, e dunque non universali, ma particolari, situate. La pluralità dei saperi legittima l’assurgere di forme simboliche prima disprezzate al rango di forme culturali degne di analisi scientifica. Nelle società occidentali questo ha significato l’estensione del campo culturale ai prodotti popolari: i film, non solo d’autore, la musica, più tardi la televisione, diventano oggetti di culto che raccontano la società contemporanea; la pop art esplora i segni e i simboli della contemporaneità attraverso la zuppa Campbell’s e il volto di Marilyn Monroe.
85 86

85

86

J. F. Lyotard La condizione post-moderna Milano 2005 p. 72. J. F. Lyotard Defining the post-modern in The subcultural reader a cura di S. During Londra 1999 p. 142.

Il sapere si riduce ad essere informazione-merce venduta e dispersa nei circuiti della comunicazione computerizzata. Il sapiente, trasformato in scienziato, compie l’ultima separazione dall’ideale romantico dell’intellettuale-artista: se già Benjamin sottolineava la trasformazione dell’autore in operaio dell’industria culturale, oggi lo stesso intellettuale non è che un membro del nuovo proletariato cognitivo. E’ nato il “cognitariato” . Questo processo, traslato nel campo delle comunicazioni di massa, determina l’instaurarsi di un nuovo rapporto tra emittente e ricevente. Seguendo il modello proposto da Bordevijk e Van Kaam (1986), all’allocuzione - il modello da uno a molti - in cui chi parla è legittimato a parlare, ne ha l’autorità riconosciuta, si sostituiscono la consultazione (cioè la ricerca di un contenuto in un data-base) e la conversazione - il modello trasmissivo da uno a uno; modelli, questi, che ricalcano la moltiplicazione delle fonti di informazione e conoscenza e il declino dell’autorità della comunicazione ufficiale. A questo declino del sapere a discorso-merce non è estranea la trasformazione del sistema economico: con l’esplosione della società dei consumi, negli anni del dopoguerra, la società, oltrepassando la soglia della “sua propria abbondanza”, si consacra alla “sopravvivenza aumentata” . Il capitalismo maturo, dopo aver trascorso gli ultimi duecento anni nella produzione di merci e lavoratori, comprende che la sua stessa sopravvivenza è legata alla produzione di un terzo polo, indispensabile: i consumatori. Questo significa, da un lato, permettere ai lavoratori di accedere alle merci, riducendo l’orario di lavoro e sostituendolo con il tempo libero; dall’altra, significa far apparire le merci come necessarie, desiderabili, investendole di un valore simbolico: “la semiosi entra nell’economia [...] come lavoro che produce attese di mondo: la pubblicità, la televisione, la produzione di opinione, di immaginario, di mitologie” . Il discorso dei media, perciò, non è che la spettacolarizzazione della merce, il suo investimento simbolico attraverso la dimensione patemica ed evocativa; il suo valore aggiunto tramite investimenti emotivi, merce feticcio, determinati socialmente nell’autoriproduzione della macchina spettacolare stessa. Il valore di scambio diventa superiore e decisivo rispetto al valore d’uso; la merce perde le sue qualità materiali, per divenire riflesso, apparenza, spettacolo: “Lo spettacolo è il capitale a un tal grado di accumulazione da divenire immagine” . Sul piano sociale, lo spettacolo osservato diviene spettacolarizzazione di sé, ovvero performance. La performance può essere definita come “a kind of activity in which the person performing accentuate his or her behaviour under the scrutiny of others. That accentuation is deliberate even if uncounscious” . Mediatizzazione della vita, ubiquità delle rappresentazioni mediate tecnologicamente, conducono alla pervasività della performance, non più, o non solo, legata alla messa in scena teatrale, ma costitutiva della vita quotidiana degli individui: “Simoultaneosly, the mediatisation of developed society disperses the theatrical by inserting performance in everyday life - everytime we switch into the media we are immediately confronted by a performative world of representational styles” . Così come lo spettacolo è integrato , cioè inscindibile dalla realtà che apparentemente si limita a descrivere e che in realtà sottilmente costruisce, l’esperienza performativa è invisibile: “So deeply infused into everyday
87 88

87

88

89

90

91

92

93

Franco Berardi Il Sapiente, il mercante, il guerriero. Dal rifiuto del lavoro all’emergere del cognitariato Roma 2004. G. Debord La società dello spettacolo Bologna 1997. 89 F. Berardi 2004 op. cit. p. 94. 90 G. Debord 1997 op. cit. p. 64. 91 N. Abercrombie, B. Longhurst Audiences Londra 1998 p. 40. 92 B. Kershaw The politics of postmodern performance Manchester 1996 p. 133. 93 Nei Commentari alla società dello spettacolo Debord riflette sulla metamorfosi dello spettacolare dopo la fine del bipolarismo: lo spettacolo diffuso - il modello statunitense, che prevedeva la libera scelta tra un set di beni/modelli in competizione tra loro - e lo spettacolo concentrato - il modello dei regimi totalitari, in cui l’ideologia si riassume intorno a

life is performance that we are unaware of it in ourselves or in others. Life is a costant performance; we are audience and performer at the same time; everybody is an audience all the time. Performance is not a discrete event” . Ma, pur essendo invisibile, la performatività trasforma concretamente i comportamenti: il percepire sé stessi come attori induce gli individui al narcisismo. Lash (1980) caratterizza la personalità narcisista come una rottura dei confini tra il sé e gli altri, il narcisista ha bisogno degli altri per vedere sé sesso: “the narcisist depends on others to validate his self-esteem. He cannot live without an admiring audience […] for the narcisist the world is a mirror” . Un’altra caratteristica fondamentale del narcisista è l’impossibilità di soddisfare il desiderio: “narcisism makes the person feel that, at the moment of gratification, this is not what he wants” . Se nella formulazione di Lash il narcisismo è inquadrato come comportamento patologico, per Abercrombie e Longhurst è invece caratteristico della società contemporanea, in cui il secolarismo e il capitalismo “leggero”, post-fordista, provocano un ripiegamento dell’individuo su se stesso : “Nei nostri tempi, con Dio in congedo prolungato o del tutto assente, il compito di pianificare e preservare l’ordine è ricaduto sulle spalle degli esseri umani” . L’identità, allora, non è più il frutto di credenze, tradizioni o appartenenze, ma un progetto riflessivo , scelta tra modelli ed esempi veicolati dai media e acquistabili negli shopping mall di tutto il mondo. I media diventano un’importante risorsa per l’immaginazione, forniscono modelli di comportamento e diffondono stili, stabiliscono l’orizzonte verso il quale l’io si muove. Il consumo rende tale movimento perpetuo: la scelta tra un set di opzioni-prodotti è infinita, mai definitiva, sempre derogabile. Il desiderio è il motore immobile delle nostre identità, ridotte ad essere “an endless programme of wanting” . A partire da queste osservazioni, Abercrombie e Longhurst individuano un nuovo tipo di “comunità immaginata”, che emerge nelle società performative, la diffused audience. La diffused audience può essere definita come una situazione in cui l’esperienza di far parte di un pubblico non è legata a un particolare evento, spettacolo o canale mediale, ma è una caratteristica che contraddistingue l’esperienza quotidiana, in tutti i suoi molteplici aspetti. Le diffused audience emergono allora nell’intersezione di quattro fattori: 1) quantità di tempo che gli individui investono nel consumo mediale; 2) pervasività dei media nella vita moderna; 3) società performativa; 4) dinamiche di spettacolarizzazione della vita e del mondo accompagnate da un atteggiamento narcisista. Nella società performativa si realizza pertanto un dissolvimento dei confini tra performer e pubblico: “since people are simoultaneosly performers and audience members, cultural consumers become cultural producers and viceversa. Being a member of a diffused audience is not necessarly to be in the position of receiving a message from a producers of messages; it is not like being addressed by a producer”
100 99 98 97 96 95 94

.

una personalità dittatoriale - si fondono nello spettacolo integrato: “il senso dello spettacolo integrato è che si è integrato nella realtà stessa man mano che ne parlava [...] Così adesso questa realtà non gli sta più di fronte come qualcosa di estraneo [...] Lo spettacolo si è mischiato a ogni realtà, irradiandola.” G. Debord 1997 op. cit. p. 194. 94 N. Abercrombie, B. Longhurst 1998 op. cit. p. 72. 95 C. Lash The culture of narcissism Londra 1980 p. 10. 96 N. Abercrombie, B. Longhurst 1998 op. cit. p. 91. 97 Z. Bauman Modernità liquida Roma 2002 p. 53. 98 A. Giddens Le conseguenze della modernità Bologna 1994. 99 C. Campbell The romantic ethic and the spirit of modern consumerism Londra 1987 p. 58. 100 N. Abercrombie, B. Longhurst 1998 op. cit. p. 75.

Il pubblico è dunque molto più di un semplice ricevente di messaggi codificati da un’emittente: è un insieme di individui impegnati nella manipolazione di oggetti mediali; manipolazione che implica l’interiorizzazione di una serie di competenze e abilità circa la produzione e il funzionamento del linguaggio dei media. L’esempio più evidente è il montaggio cinematografico: corpi frammentati la cui ricomposizione è affidata allo spettatore, che riempie i vuoti, ricostruendo figure e tempi. Tutto questo lavoro cognitivo è svolto con assoluta naturalezza, quasi inconsapevolmente; la facilità con la quale leggiamo il film è indicativa di quanto il suo linguaggio sia stato assimilato e faccia ormai parte del nostro bagaglio di conoscenze implicite. Abercrombie e Longhurst parlano di competenze tecniche, analitiche e interpretative: nella prima categoria rientrano l’apprezzamento delle qualità della recitazione, la sceneggiatura, i costumi, la regia e i movimenti della macchina da presa; per competenze analitiche gli autori si riferiscono al riconoscimento di ricorrenze e schemi che definiscono uno specifico genere (film d’azione, sentimentale, commedia etc.); le competenze interpretative coinvolgono infine la capacità di confrontare un testo con altri testi o con la realtà, e dunque arrivare a giudizi di valore comparativi. Il linguaggio dei media, così incorporato e fatto proprio, diventa la base per la fruizione e manipolazione degli oggetti mediali che rendono lo spettatore produttore. Se vogliamo comprendere i comportamenti e l’individualità nella società performativa, e come questa conduca all’emergere del pubblico-editore, occorre analizzare il rapporto tra soggetto e media: cosa è un pubblico e cosa significhi farne parte; qual è il grado di legittimazione dell’emittente nell’incontro con lo spettatore situato nel proprio contesto; come le logiche e i linguaggi mediali sono incorporati e fatti propri, trasformando il pubblico passivo in performer e produttore simbolico. 2.1 Il concetto di pubblico Pubblico è un termine familiare all’industria e alla ricerca sui media ed entrato nell’uso comune. E’ tuttavia un concetto piuttosto problematico poiché, dal momento in cui i mass media hanno fatto la loro comparsa, il pubblico come temporanea formazione sociale non è più identificabile come un aggregato di individui compresenti, ma si è disperso e reso anonimo. Janice Radway sottolinea tale passaggio ricordando il significato etimologico della parola: audience in inglese si riferisce infatti all’atto individuale di ascoltare nell’ambito dell’interazione verbale faccia a faccia (to give audience); solo più tardi è stata usata come termine collettivo per indicare i destinatari dei messaggi veicolati da apparecchiature elettroniche, la cui composizione e i cui comportamenti non sono direttamente visibili e indagabili (Radway, 1988). Come afferma McQuail, “I problemi riguardo a tale concetto sono dovuti soprattutto al fatto che una sola e semplice parola viene applicata ad una realtà sempre più composita e complessa, aperta a differenti formulazioni teoriche in contrasto tra loro”
101

. Lo stesso McQuail tenta comunque una categorizzazione delle

tipologie di pubblico, così come sono state concettualizzate, partendo dalla separazione (per sua ammissione puramente formale) tra pubblico originato dalla società e pubblico originato dai media. A loro volta, queste categorie si articolano in due ulteriori livelli, macro o micro, a seconda delle formazioni sociali oggetto dell’analisi. Incrociando queste quattro variabili si ottiene uno schema che, seppur rigido, è un punto di partenza per comprendere la multidimensionalità del concetto. Pubblico originato dalla società:
101

D. McQuail L’analisi dell’audience Bologna 2001 p. 11.

Livello macro-sociale: 1. Pubblico come gruppo sociale: gruppo sociale che preesiste indipendentemente dalla sua identificazione come pubblico. Appartiene a questa categoria il pubblico dei media locali, della stampa quotidiana, della tv nazionale e dei media alternativi, dalla stampa radicale di partito, fino al web. 2. Pubblico come insieme di gratificazioni: possibilità dei pubblici di formarsi e riformarsi sulla base di necessità, preferenze o interessi connessi ai media. Il termine insieme indica che sono individui dispersi senza legami reciproci, ma uniti provvisoriamente da una serie di bisogni, che può avere natura sociale; questo tipo di ascolto ha gradualmente soppiantato il pubblico più tradizionale in conseguenza della differenziazione della produzione e dell’offerta mediale per venire incontro alla domanda. Livello micro-sociale: 3. Pubblico del mezzo: coloro la cui percezione di sé o il cui comportamento li identifica come utenti regolari e fedeli di un mezzo; può però essere esteso a tutti coloro i quali sono raggiunti da un messaggio mediale. Ormai la maggior parte dei pubblici è talmente sovrapposta che non c’è una grande differenziazione se non nei termini di affinità soggettive e frequenza relativa di ascolto. 4. Pubblico del canale o del contenuto: rappresenta il significato dominante del termine pubblico, il solo che abbia un immediato significato pratico e un chiaro valore di mercato; implica un progetto di pubblico come prodotto dei media, poiché è quello che più si adatta alla misurazione con indici di ascolto. Quest’ultima tipologia, il pubblico come “prodotto dei media”, ha in effetti finito per assorbire gli altri significati, producendo una corrispondenza semantica che ha omogeneizzato e oggettivato in cifre e proiezioni statistiche una realtà invece complessa e varia; come ci ricorda Hartley “il pubblico non è affatto un oggetto ‘reale’ o esterno alla sua costruzione discorsiva”
102

.

La ricerca di Ien Ang (Ang, 1998) si propone di esaminare le modalità attraverso cui i media costruiscono il concetto di pubblico, per destrutturarlo e rivelarne la complessità. Nel discorso dei media, il pubblico appare come un aggregato misurabile di individui che guardano un determinato canale a una certa ora, o un insieme di preferenze che orienta le scelte di programmazione. Questo dipende dal fatto che la televisione esiste come impresa grazie agli introiti pubblicitari; il pubblico è la merce di scambio, la moneta che regola il sistema broadcast come buisness: “Le diverse forme di conoscenza istituzionale sull’audience sono, per definizione, forme di conoscenza interessata, legate inestricabilmente all’esercizio di un potere [...] Questo ci conduce a pensare che, se le istituzioni televisive hanno bisogno di conoscere l’audience per poter stabilire e mantenere una relazione, non sono invece interessate a indagare che cosa la gente in realtà pensi, provi e faccia nel corso del suo rapporto quotidiano con la televisione”
103

.

Ciò che interessa dal punto di vista commerciale non è conoscere l’esperienza del consumo televisivo degli individui che “guardano la televisione”, ma sapere quanti sono e quali categorie demografiche occupano questi individui, cioè la dimensione dell’audience e la sua composizione. Per ottenere questa “mappa” le imprese, insieme agli istituti di ricerca, hanno messo a punto modalità di rilevazione dei dati con l’intento di poter descrivere il pubblico e anticipare le sue preferenze. In questo modo si stabilisce un nesso tra superiorità numerica e popolarità, rendendo possibile la “mercificazione dell’audience”: “misurare l’audience ha una rilevanza economica, in quanto crea lo standard di prezzo necessario in base al quale determinare le quote pubblicitarie. Questo standard viene stabilito rispetto al numero di persone che guardano i programmi
102

J. Hartley Invisible fictions: television audiences, paedocracy, pleasure, 1987 in S. Moores Il consumo dei media Bologna 1998 p. 9. 103 I. Ang Cercasi audience disperatamente Bologna 1998 pp. 35/39.

in cui compaiono le inserzioni pubblicitarie, e dà luogo al cosiddetto prezzo per mille che le reti, in teoria, possono esigere, e i pubblicitari pagare”
104

.

Ma non è solo attraverso le conoscenze empiriche che le emittenti costruiscono il pubblico televisivo. Altre procedure, decisamente informali, conducono alla definizione di un pubblico implicito, ovvero l’insieme delle credenze, delle immagini e delle percezioni che gli autori televisivi hanno a proposito dei destinatari dei loro messaggi: “queste immagini dell’audience rappresentano le credenze soggettive e intuitive dei produttori [...] Per i produttori, l’audience è più che altro una categoria culturale, che si costruisce in base a diverse fonti, incluse l’esperienza che hanno derivato da programmazioni precedenti, le proiezioni personali su chi componga la loro audience, e la conoscenza dell’ambiente in cui lavorano”
105

.

Anche in questo caso l’obiettivo è oggettivare, semplificare e rendere programmabile la variabilità irrazionale delle scelte di consumo mediale; come afferma Maria Pia Pozzato: “Si potrebbe dire che la tv si comporti in questi casi come quelle macchinette che mescolano automaticamente le carte: prende in considerazione l’intero grande ‘mazzo’ nazionale delle persone, lo rimescola a piacimento e infine distribuisce per segmenti, trasceglie fra ruoli parziali, o assegna a qualcuno un ruolo momentaneo”
106

.

Tuttavia, negli anni ottanta, la disponibilità di nuove tecnologie di trasmissione e fruizione, dal cavo al satellite, dal videoregistratore al telecomando, portarono alla luce i limiti delle misurazioni effettuate con strumenti tradizionali. Quando infatti una famiglia ha a disposizione non dieci, ma cento canali; quando può “saltare” da un canale all’altro senza soffermarsi mai su nessun programma in particolare; quando può decidere di differire la visione del programma rispetto ai tempi della sua trasmissione registrandolo su VHS, la misurazione elettronica si complica. Segmentazione e frammentazione sono i termini che definiscono questa nuova situazione, sempre più diffusa grazie alle nuove tecnologie digitali; con il termine segmentazione ci si riferisce alla maggiore omogeneità dei pubblici di uno stesso canale o contenuto, dovuta alla specializzazione dell’offerta mediale e alle maggiori opportunità di scelta tra canali; per frammentazione si intende invece “il processo attraverso il quale la stessa quantità di attenzione è dispersa su un numero sempre maggiore di fonti mediali” dovrebbero fornire resoconti più congruenti con la realtà. Nel 1987 fa il suo ingresso sulla scena il people meter, il cui scopo è quello di rimediare alle imprecisioni del meter; in Italia è attualmente in corso la riforma dell’Auditel, che dovrebbe trasformare le rilevazioni, da quantitative a qualitative, e ampliare le fonti mediali monitorate, includendo i canali via satellite e internet. Rimane, comunque, l’interrogativo di quanto una tale descrizione del pubblico, ottenuta tramite rilevazioni elettroniche, o tramite proiezioni di un “pubblico modello”, possa essere fedele all’esperienza di consumo, e quanto, in definitiva, sia utile ai fini di comprendere cosa la gente fa con i media. Questo non deve, tuttavia, condurre a un abbandono del concetto di pubblico, ma a una sua problematizzazione, in grado di portare alla luce le pratiche connesse al consumo mediale. A questo scopo Ang ricorre alla differenziazione tra “audience televisiva”, ovvero il pubblico così come è inteso dalle imprese mediali, e “mondo sociale delle audience effettive”, per descrivere invece “le pratiche e le esperienze
107

. Per far

fronte a questa nuova situazione sono state messe a punto tecniche di rilevazione più sofisticate, che

104 105

Ivi, p. 111. Ivi, p. 62. 106 M. Pozzato Dal gentil pubblico all’auditel Roma p. 101. 107 D. McQuail 2001 op. cit. p. 179.

dinamiche, disperse, infinite e contraddittorie proprie della vita quotidiana della gente che si riunisce in un pubblico televisivo” (Ang, 1998)
108

.

Fiske propone di analizzare l’attività del guardare la televisione come l’articolazione di due componenti interconnesse, la soggettività dei membri del pubblico e la testualità, intesa come il potenziale di significati che un testo televisivo propone ai suoi spettatori: “making sense of popoular television, then, is the process of activating meanings from it, and this process is controlled within more or less determined boundaries by the socially situated viewer”
109

.

I confini e le posizioni dello spettatore, la sua soggettività, non sono tuttavia stabili, ma diversificati ed eterogenei, dipendenti dalle appartenenze sovrapposte che contraddistinguono la nostra società: classe, genere, etnia, età, esperienze fatte nel corso della nostra vita e situazione di consumo, funzionano come un co-testo rispetto al programma televisivo. Tali appartenenze ed esperienze modificano i significati che attribuiamo al testo mediale, rendendo l’esperienza dell’ascolto molto diversificata, e i significati estrapolati anche in aperta opposizione rispetto all’intentio autoris. Può così capitare che un gruppo di Aborigeni legga i film western integrandoli nel proprio vissuto e nella propria cultura, attraverso lo sviluppo di una categoria culturale che accomuna Indiani d’America, Afro-Americani e Aborigeni stessi nella lotta contro l’imperialismo americano
110

; il significato del testo è totalmente sovvertito, permettendone la fruizione grazie alla “riscrittura”

da parte dello spettatore. Per comprendere la dinamica di appropriazione della rappresentazione simbolica da parte degli individuispettatori occorre allora abbandonare una nozione rigida e quantitativa di audience televisiva, per focalizzare l’attenzione sulle pratiche ed esperienze, sui significati che le audience effettive attribuiscono al consumo mediale e ai suoi specifici contenuti.

2.2 Lo studio etnografico e i Cultural Studies: il mondo sociale delle audience effettive L’approccio teorico che più di ogni altro ha contribuito a problematizzare il concetto di pubblico è indubbiamente quello del Centre for Contemporary Cultural Studies di Birmingham e riconducibile all’area dei Cultural Studies. Innanzitutto per il metodo: applicando l’etnografia, metodologia mutuata dall’antropologia e dalla sociologia, ai processi di significazione operanti nella cultura popolare, i cultural studies permettono di studiare il fenomeno del consumo mediale nelle sue concretizzazioni quotidiane, spostando l’attenzione della ricerca sul ricevente piuttosto che sull’emittente, sulla significazione anziché sugli effetti. Questa impostazione emerge nel passaggio dal paradigma comportamentista, che aveva caratterizzato la ricerca fino agli anni sessanta, al paradigma semiotico: non il significato, ma la significazione. Quelli che per la teoria comportamentista erano gli “effetti”, per i cultural studies sono le “interpretazioni”; quello che era il messaggio diventa il testo, configurazione articolata di segni, la cui natura polisemica può dar luogo a differenti letture; il ricevente si eleva a lettore. Nella socio-semiotica l’inserto della dimensione sociologica di analisi arricchisce gli studi sulla significazione, analizzando le relazioni tra variabili sociali - classe, gender,
108 109

I. Ang 1998 op. cit. p. 51. J. Fiske Moments of television: neither the text nor the audience in Media studies. A reader a cura di P. Marris e S. Thornham Edimburgo 2004. 110 Dallo studio di Hodge e Tripp Children and Television.

etnia ecc. - e interpretazione di un testo. Emerge il concetto di “capitale culturale”

111

, ovvero l’insieme di

risorse simboliche cui l’individuo ricorre per comprendere la propria realtà; ma soprattutto ci si sofferma sulla relazione tra capitale economico e capitale culturale: in altre parole, la classe sociale influenza il gusto e la capacità di dare senso agli eventi e agli oggetti della vita quotidiana. Ciò che i Cultural Studies in effetti colgono è la componente ideologica soggiacente i testi mediali, i significati nascosti che contengono. Rifacendosi alle teorizzazioni di Althusser egemonia di Gramsci
113 112

relative all’ideologia e al concetto di

, i cultural studies individuano nei mass media l’estensione del controllo esercitato

dalle classi dominanti sulle classi subalterne, controllo ottenuto attraverso la costruzione del consenso. I media forniscono rappresentazioni del mondo, chiavi di lettura, credenze, che diventano senso comune, affermazioni con valore di verità; in questa naturalizzazione si nasconde il loro potere ideologico. Nell’analizzare il processo di mediazione, Silverstone individua tre strategie testuali, usate alternativamente dai media per persuadere, piacere o sedurre: la retorica, la poetica, l’erotismo. “La pubblicità è l’industrializzazione della retorica, che marchia la sua commercializzazione. I notiziari e i documentari ci forniscono la sostanza del mondo reale in forme, strutture e toni che ci persuadono della loro veridicità e onestà”
114

. Culler

115

distingue a questo proposito i cinque modi attraverso i quali un testo costruisce la

verosimiglianza: il primo è la rivendicazione di rappresentare un mondo reale, e si basa sull’aspettativa che ciò che viene rappresentato sia semplice, coerente e vero; il secondo fa leva sulla rappresentazione di una conoscenza condivisa, considerata naturale, ovvia e autoevidente a chi vi partecipa: “questi richiami testuali sono culturalmente specifici e dipendono, per esempio, dalla presenza di stereotipi culturali. Possiamo considerare questo aspetto della verosimiglianza, ideologico”
116

. Il terzo modo è dato dall’appartenenza del
117

testo a un genere riconoscibile: il genere serve a istituire un patto con il lettore, “tale da rendere operative certe aspettative rilevanti e permettere l’adesione o la deviazione da certi modi di intelligibilità accettati” ; il quarto modo è quello che Silverstone definisce come riflessività di secondo grado, ovvero il riconoscimento dell’artificialità del testo, che tramite questa sorta di autocoscienza, afferma la sua autenticità; il quinto e ultimo modo è l’intertestualità: “attraverso la parodia, l’ironia, il pastiche, o anche soltanto attraverso il

111

Il concetto nasce nella ricerca di Pierre Bourdieu La distinction sulle differenze di gusto tra le classi sociali nella Francia del 1968; sebbene B. non si sia avvalso di strumenti etnografici, questo studio condivide con i cultural studies l’interesse per le pratiche quotidiane di consumo, i significati attribuiti dai consumatori a tali pratiche e agli oggetti che coinvolgono. 112 Nella teorizzazione di Althusser l’ideologia è intesa come espressione dinamica delle relazioni che gli individui intrattengono con le condizioni reali dell’esperienza, “la qual cosa suppone, al tempo stesso, un rapporto reale e un ‘rapporto vissuto’, ‘immaginario’. L’ideologia è allora l’espressione del rapporto degli uomini col loro ‘mondo’, ossia l’unità (surdeterminata) del loro rapporto reale e del loro rapporto immaginario con le loro reali condizioni di esistenza”. Tale rapporto è continuamente ribadito da quelli che Althusser definisce Apparati Ideologici di Stato: la scuola, la famiglia, le organizzazioni religiose e massmediatiche, definendo codici di comportamento e distribuendo saperi, “interpellano” gli individui trasformandoli in soggetti; i soggetti sono pertanto gli individui assoggettati all’ideologia. Le citazioni sono tratte da L. Althusser Per Marx Roma 1967 p. 209. 113 Gramsci individua nel consenso l’elemento chiave del potere e attribuisce agli intellettuali un ruolo fondamentale nella costruzione del consenso: “Gli intellettuali sono i ‘commessi’ del gruppo dominante per l’esercizio delle funzioni subalterne dell’egemonia sociale e del governo politico, cioè del consenso spontaneo dato dalle grandi masse della popolazione all’indirizzo impresso alla vita sociale dal gruppo fondamentale dominante, consenso che nasce storicamente dal prestigio (e dunque dalla fiducia) derivante al gruppo dominante dalla sua posizione e dalla sua 113 funzione nel mondo della produzione” . A. Gramsci Gli intellettuali e l’organizzazione della cultura, Roma 1991 in R. Grandi I mass media tra testo e contesto Milano 1994 p. 114. 114 R. Silverstone Perché studiare i media Bologna 2002 p. 72. 115 J. Culler Structuralist poetics. Structuralism, linguistics and the study of literature Londra 1975. 116 R. Silverstone 2002 op. cit. p. 79. 117 J. Culler 1975 op. cit. p. 147.

riferimento a un altro contenuto e a un’altra forma, i testi si riferiscono l’uno all’altro e così facendo affermano un certo tipo di naturalezza”
118

.
119

Queste modalità di costruzione del testo mediale costituiscono la loro poetica, intesa come “insieme delle leggi generali che presiedono alla nascita di ogni opera” . Ma i testi possiedono anche un loro erotismo, cioè la capacità di sedurci, di farci provare piacere in senso fisico, coinvolgendo il nostro corpo: la sensazione di godimento dato dalla sorpresa, la scoperta, lo sconvolgimento del consolidato. La ripresa dal vivo, in tempo reale, di un corpo in movimento - l’azione di un calciatore, il ballo di un’artista - scatena l’identificazione, il riconoscimento, la sorpresa: “per tutti noi ci sono momenti, perfino sullo schermo, in cui il crudo e fisico eccitamento della vita, l’esplosione di forza o di abilità o di bellezza trascende i piaceri normali e placidi del consumo dei media, scoppia nei nostri sensi senza annunciarsi prima, ma sempre desiderata e pregustata”
120

. Queste strategie testuali danno al testo mediale un’illusione di trasparenza, una percezione di

naturalezza della rappresentazione, che può essere in tal modo confusa con la realtà; l’ideologia è così nascosta, resa aproblematica e autoreplicantesi nel discorso dei media. Una tale visione non deve però condurre a ritenere l’assoggettamento degli individui come un fatto ineluttabile. Ed è questo il maggior punto di divergenza dei Cultural Studies con la Scuola di Francoforte e il marxismo classico: svelando le matrici ideologiche dei messaggi mediali, l’individuo può svincolarsi dal controllo della classe dominante e dall’egemonia culturale cui è sottoposto. La lettura può essere un atto sovversivo. Il terreno dello scontro sociale cessa allora di essere il campo politico ed economico, per far spazio alla cultura, il linguaggio, lo scontro agonistico dei giochi linguistici: è attraverso i significati che circolano in una data società che potere e resistenza si confrontano e scontrano. Il pubblico dei media diventa allora il soggetto di questa resistenza all’egemonia; resistenza che si estrinseca nell’attività di interpretazione dei testi mediali. Il manifesto di questo nuovo approccio allo studio del pubblico, che prenderà il nome di Critical Audience Studies, è il saggio di Stuart Hall “Encoding/decoding model in television discourse”. Hall parte dalla critica al modello informazionale, che descrive la comunicazione come un circuito chiuso, per adottare invece un modello più complesso, che articola il processo comunicativo in momenti distinti, tra loro collegati, analoghi a quelli individuati da Marx nella produzione industriale: produzione, circolazione, distribuzione/consumo e riproduzione. A differenza però dei beni materiali, i prodotti mediali sono discorsi, cioè “veicoli segnici di un genere particolare, organizzati, come qualunque forma di comunicazione o di linguaggio, attraverso l’operazione di codifica entro la catena sintagmatica di un discorso. Così, in un determinato momento (quello della produzione/circolazione) gli apparati, le relazioni e le pratiche di produzione emergono sotto forma di veicoli simbolici, costituiti all’interno delle regole del linguaggio. E’ in questa forma discorsiva che avviene la circolazione del ‘prodotto’ ”
121

.

Il discorso dunque presuppone un codice che permetta di trasmetterne il significato; ma il codice, l’abbiamo visto brevemente nel primo capitolo a proposito dell’interfaccia, non è trasparente, descrive il reale entro i suoi termini: “La realtà esiste al di fuori e al di là del linguaggio, ma è sempre mediata da e attraverso il linguaggio: quello che possiamo conoscere e quello che possiamo dire deve essere prodotto ne, e

118 119

R. Silverstone 2002 op. cit. p. 80. T. Todorov Introduction to poetics Minneapolis 1981 p. 6 cit. in R. Silverstone 2002, op. cit. p. 76. 120 R. Silverstone 2002 op. cit. p. 89. 121 S. Hall 1980 op. cit. p. 68.

attraverso il linguaggio. La ‘conoscenza’ discorsiva è il prodotto non della rappresentazione trasparente del ‘reale’ nel linguaggio, ma dell’articolazione del linguaggio con i rapporti e le condizioni reali”
122

.

In questo modo il linguaggio organizza il mondo che vuole descrivere, modellandolo secondo le classificazioni della società, della cultura e della politica: “Le diverse aree della vita sociale sembrano essere mappate intorno a campi discorsivi, organizzati gerarchicamente in significati dominanti e preferiti”
123

.

Tuttavia queste mappe di significato, pur essendo dominanti, non sono chiuse, ma dipendono da “regole performative - regole di competenza e uso, o di logica pratica - che cercano attivamente di imporre o promuovere un campo semantico rispetto all’altro”
124

. Ciò significa che la costruzione dell’ordine culturale

dominante implica un processo di legittimazione della decodificazione secondo i limiti delle definizioni dominanti in cui il messaggio è stato codificato; occorre dunque che ci sia corrispondenza tra codifica e decodifica. Ma se, come abbiamo visto, il processo comunicativo è descrivibile come un’articolazione di momenti correlati, (produzione, circolazione, distribuzione/consumo e riproduzione), eppure distinti, nessun momento è interamente determinato da quelli precedenti; non è cioè scontato che ci sia piena corrispondenza tra codifica e decodifica: “questa corrispondenza non è già data, bensì costruita; non è ‘naturale’ ma è il prodotto di un’articolazione fra due momenti distinti, il primo dei quali non può determinare o garantire quali codici saranno usati nella decodifica”
125

. Ben lungi dal sogno di una comunicazione “perfettamente

trasparente”, Hall postula una “teoria della comunicazione sistematicamente distorta”. Il grado e il tipo di distorsione dipendono dalle possibili combinazioni tra le diverse articolazioni dei due momenti. L’ipotesi di Hall, che diventerà il suo contributo più apprezzato, è che esistano tre posizioni che regolano la decodifica di un discorso televisivo: la posizione dominante egemonica, la posizione negoziata e quella opposizionale. Nel primo caso lo spettatore decodifica il messaggio usando il codice di riferimento con cui è stato codificato, assumendone il significato connotativo senza fraintendimenti. Particolarmente interessante è l’analisi che Hall conduce sulle routines produttive nei telegiornali: il professionista dei media codifica un messaggio che è già stato dotato di senso in modo egemonico, poiché sono la politica, le istituzioni, e in definitiva, la classe dominante che determinano i campi semantici entro cui collocare un evento; questa operazione può essere pensata dunque con una metacodifica che, basandosi su un codice professionale (o, a questo punto, un metacodice) “relativamente indipendente”, riproduce le definizioni dominanti “mettendo in secondo piano la loro qualità egemonica, soppiantata da codici professionali che mettono bene in vista le questioni apparentemente neutre e tecniche, come la qualità dell’immagine, il valore delle notizie e della loro presentazione, la qualità televisiva, la ‘professionalità’ ecc.” una dopo l’altra, garantiscono la neutralità del messaggio. La seconda posizione è quella definita negoziata. In questo caso lo spettatore decodifica il messaggio combinando logiche adattive a logiche opposizionali: dal punto di vista del significato globale del messaggio, accorderà una posizione privilegiata alle definizioni dominanti; allo stesso tempo, però, contratterà tali definizioni in funzione del suo contesto situato, delle sue condizioni locali. Una decodifica negoziata può, per
126

. Un tentativo di eliminare l’ideologia dei testi

mediali attraverso un’equa distribuzione dei tempi e degli spazi: come a dire, due ideologie contrapposte,

122 123

Ivi, p. 73. Ivi, p. 78. 124 Ibidem 125 S. Hall 1980 op. cit. p. 80. 126 Ivi, p. 81.

esempio, essere quella di un cittadino statunitense che, pur concordando con la necessità di far fronte al pericolo del terrorismo transnazionale, non sarà disposto ad una limitazione delle sue libertà civili, sancite dalla Costituzione, tramite il Patriot Act. La lettura negoziata è pertanto il luogo della contraddizione tra ordine dominante e logiche situate. Il terzo tipo, la posizione opposizionale, è il caso in cui lo spettatore riesce ad individuare nel messaggio sia il suo significato letterale, sia quello connotativo, e lo decodifica in modo completamente opposto: “lo spettatore scompone il messaggio nel codice preferito, allo scopo di ricomporlo entro qualche cornice di riferimento alternativa”
127

. E’ il caso, per esempio, di uno spettatore che decodifica l’espressione

”esportazione della democrazia” come “imperialismo”. Con questo saggio si sancisce perciò il funzionamento della “politica della significazione”, ovvero la “lotta per il discorso”; una lotta cui lo spettatore partecipa attivamente. Le ricerche portate avanti dal CCCS hanno fatto luce su dinamiche di fruizione ben più complesse della semplice ricezione di messaggi da un’emittente a un ricevente, mostrando un pubblico estremamente attivo, competente e creativo: così, non solo gli spettatori decodificano i testi, ma sono anche in grado di produrne di nuovi a partire dal materiale esistente. Questo ci fa tornare al principio che informa questo capitolo, e cioè come e quando il pubblico inizia a diventare editore, dimostrando l’estrema attualità e validità dell’impostazione culturalista: come afferma Sonia Livingstone “Mediated communication is no longer simply or even mainly mass communication ( ‘from one to many’ ) but rather the media now facilitate communications among peers (both ‘one to one’ and ‘many to many’). Does this means that the concept of the audience is obsolete? Or does the growing talk of ‘users’, instead of audiences, fall into the hyperbolic discourse of ‘the new’, neglecting historical continuities and reinventing the wheel of media communications research?”
128

.

Nell’esplorare le continuità storiche di cui parla la Livingstone, analizzeremo tre aree di interesse in cui la ricerca critica sulle audiences ha prodotto numerose evidenze, e che possono essere intese come le matrici originarie del nostro pubblico editore: le subculture, il fandom e il media attivismo. 2.3 Le subculture Nel passaggio dalla teoria sociale funzionalista al modello strutturalista, anche il concetto di subcultura subisce una ridefinizione. Lo studio delle subculture nasce infatti in relazione e contrapposizione al concetto di società, intesa come organismo in cui ogni parte è funzionale al mantenimento del sistema complessivo. I gruppi sottoculturali sono allora descritti come deviazione dalla norma, come problema sociale: i vagabondi, i mendicanti, i ladri che affliggono Londra sono l’oggetto delle prime riflessioni, databili già a partire dal XVI secolo
129

, e delle prime analisi sociologiche.

Il primo studio etnografico sulle subculture, “London Labour and London Poor”, di Henry Mayhew, raccoglie le interviste pubblicate dal 1861 al 1862 sul giornale Morning Chronicle, e da lui svolte tra i criminali e la gente di strada dei quartieri suburbani di Londra; tali soggetti sono descritti in relazione al loro rapporto con il lavoro, e divisi pertanto in due categorie, chi lavorerà e chi non lavorerà, i secondi “possessing nothing but
127 128

Ivi, p. 84. S. Livingstone The Challenge of changing audiences 2004 European Journal of Communication. 129 E’ del 1560 il testo di John Awdeley “The fraternity of vagabonds”, in cui l’autore delinea una tassonomia della marginalità in termini di sottocultura.

what they acquire by depredation from the indoustrious, provident, and civilized portion of the community”

130

.

In una società capitalista, fondata sull’etica del lavoro e sulla sacralità della proprietà privata, i vagabondi, i senzatetto, i mendicanti, “as well as itinerant, moving across property rather than settled within its orderly confines”
131

, sono descritti come improduttivi, parassiti, “caterpillars in the Commonwealth”

132

.

Anche Marx, ne “Il Diciotto Brumaio di Luigi Bonaparte” (1851-1852), condannerà questi soggetti, etichettandoli come lumpenproletariat, individui che, in quanto improduttivi, sono privi di coscienza di classe, e dunque di potere rivoluzionario; il loro interesse è rivolto esclusivamente alla soddisfazione dei propri bisogni immediati; le loro attività hanno più a che fare con la sfera del divertimento e dello svago piuttosto che con l’etica del lavoro: “vagabondi, soldati in congedo, forzati usciti dal bagno, galeotti evasi, birbe, furfanti, lazzaroni, tagliaborse, ciurmatori, bari, ruffiani tenitori di postriboli, facchini, letterati, sonatori ambulanti, straccivendoli, arrotini, stagnini, accattoni, in una parola, tutta la massa confusa, decomposta, fluttuante, che i francesi chiamano la bohème”
133

.

Alla condanna severa si alterna, durante l’ottocento e i primi decenni del novecento - quando la sociologia delle subculture approda alla criminologia-, un approccio paternalistico, di derivazione illuminista: lo studio delle subculture come comprensione che prelude all’azione riformatrice dello Stato e delle organizzazioni di solidarietà
134

. Analizzando il lavoro di Mayhew, Andrew Tolson

135

individua nell’uso dell’intervista,

l’attualizzazione dell’approccio moderno alla “governabilità”, così come descritto da Foucault (1979): il discorso sociologico, la cui legittimazione emerge dalla mediazione professionale, costituisce una formazione discorsiva tesa alla classificazione, supervisione e controllo delle popolazioni urbane. La prima teoria generale sulle subculture è il lavoro di Albert K. Cohen, “A general theory of subcultures” (1955). L’autore inizia la sua discussione definendo l’azione sociale come un costante sforzo da parte degli individui di risolvere problemi; tali problemi emergono dall’intersezione di due fattori: la situazione e il quadro di riferimento entro cui l’attore si muove. Il quadro di riferimento, il punto di vista del soggetto sul problema, è ciò che gli fa percepire il problema come tale; ne deriva che un’efficacie soluzione comporterà una qualche modificazione del suo punto di vista: “The actor may give up pursuit of some goal which seems unattainable, but is not a solution unless he can first persuade himself that the goal is afterall, not worth pursuing; in short, his values most change”
136

. Se diversi attori, posti di fronte a situazioni problematiche, propongono soluzioni

di adattamento analoghe, gradualmente si determinerà uno slittamento verso un nuovo, comune, quadro di riferimento: “The emergence of these group standards of this shared frame of reference, is the emergence of a new subculture. It is cultural because each actor’s participation in this system or norms is influenced by his perseption of the same norms in other actors. It is subcultural because the norms are shared only among

130

Henry Mahyew London labour and London poor Londra1868 p. 3, in Ken Gelder The subcultures reader Abingdon UK 2005 p. 4. 131 K. Gelder 2005 op. cit. p. 3. 132 William Harrison Description of England 1587 in K. Gelder op. cit. p. 3. 133 Karl Marx Il Diciotto Brumaio di Luigi Bonaparte, 1852 da http://www.progettomarx.it/biblioteca.htm. 134 A questo proposito Hebdige ricorda l’opera di Mary Carpenter: la sua guerra all’ignoranza e all’incompetenza della famiglia come agenzia di socializzazione, spinse il governo inglese a costruire strutture diversificate, che suddividevano i ragazzi della working-class in tre categorie, ognuna delle quali destinata a diverse istituzioni scolastiche : Ragged School, scuole industriali, riformatori. Una realtà raccontata con estrema poesia da Charlie Chaplin ne “Il monello”. 135 Andrew Tolson Social Surveillance and Subjectification. The emergence of subculters in the work of Henry Mayhew 1997 K. Gelder op. cit. p. 175. 136 Albert K. Cohen A general theory of subcultures 1955 in K. Gelder op. cit. p. 51.

those actors who stand somehow to profit from them and who find in one another a sympathetic moral climate”
137

.

Questa definizione della subcultura diverge completamente dalle letture funzionaliste, ed ha due conseguenze fondamentali, che verranno esplorate compiutamente dalla Scuola di Birmingham: la sottocultura è una risposta culturale alle pressioni della struttura sociale (sia in termini di adattamento - è il caso dei mods nell’analisi di Cohen - sia di resistenza - è il caso dei punk analizzati da Hebdige); i membri del gruppo sono consapevoli della loro appartenenza alla subcultura, che diventa la scelta di un preciso stile di vita: “one’s beliefs, values and cultural meaning have become explicit categories of action. Furthermore, the ordinary man tends to conceive of these categories as a set making up a whole - a lifestyle or cohesive social world”
138

.

Gli studi sulle sottoculture diventano allora la mappatura di questi mondi, la descrizione delle forme di negoziazione della sottocultura con l’ordine dominante; negoziazione che avviene attraverso il rituale, lo stile, il linguaggio: “They adopt and adapt material objects - goods and possesions - and reorganise them into distinctive stiles which express the collectivity of being-as-a-group. These concerns, activities, relationship, materials become embodied in rituals of relationship and occasion and movement. Sometimes, the world is marked out, linguistically, by names or an argot which classifies the social world exterior to them in terms meaningful only within their group perspective, and maintains its boundaries”
139

.

Questa modalità di produzione culturale, in cui i beni di consumo sono “adottati e adattati” è quella che caratterizza le sottoculture come nuove rispetto ad altre formazioni culturali: “Fondamentalmente è dalla maniera in cui gli oggetti sono usati nella sottocultura che la sottocultura si distingue da formazioni culturali più ortodosse”
140

. De Certeau descrive tali usi come una forma di tattica, un saper fare dei consumatori-

lettori, contrapposta alla strategia dell’istanza produttrice: laddove la strategia implica la delimitazione di un luogo circoscritto come proprio, che funge da base per la gestione dei rapporti con un’esteriorità distinta, la tattica “ha come luogo solo quello dell’altro [...] Deve approfittare, grazie ad una continua vigilanza, delle falle che le contingenze particolari aprono nel sistema di sorveglianza del potere sovrano, attraverso incursioni e azioni di sorpresa, che le consentono di agire là dove uno meno se lo aspetta. E’ insomma astuzia, un’arte del più debole”
141

. I consumatori, come cacciatori di frodo, estrapolano tramite le loro incursioni nel territorio

nemico significati di cui si appropriano nell’uso dei beni stessi. Per definire questo processo creativo, analogo a quello dei movimenti surrealisti e dadaisti, Hebdige ricorre al concetto di bricolage: ne “Il pensiero selvaggio” (1962) Lévi Strauss conia questo termine per descrivere il modo in cui le società primitive creano un sistema coerente di connessioni tra oggetti, che spiega e da senso al loro mondo. Tali sistemi coerenti non sono, tuttavia, chiusi e definitivi, ma capaci di infinite estensioni e ricombinazioni, dando luogo a nuovi significati: “Toghether objects and meaning constitute a sign, and, within any one culture, such signs are assembled, repeatedly, into characteristic forms of discourse. However, when the bricoleur re-locates the significant object in a different position within that discourse, using the same overall repertoire of signs, or when that object is placed within a different total ensemble, a new discourse is constituted, a different message conveyed” (Clarke, 1975).
137 138

Ivi, p. 56. John Irwing Notes on the status of the concept subcultures 1970 in K. Gelder op. cit. p. 75. 139 John Clarke, Stuart Hall, Tony Jefferson and Brian Roberts Subculture, cultures and class 1975 in K. Gelder op. cit. p. 97. 140 Dick Hebdige Sottocultura. Il fascino di uno stile innaturale Genova 1983 p. 116. 141 M. De Certeau L’invenzione del quotidiano Roma 2001 p. 73.

Le sottoculture, estrapolando i beni di consumo dal loro originario contesto e associandoli in nuovi insiemi coerenti, ne sovvertono i significati originari e ne creano di nuovi: “Il punk esemplifica nel modo più chiaro l’utilizzazione da parte della sottocultura di questi moduli anarchici [...] Come i ‘ready made’ di Duchamp [...] gli oggetti più irrilevanti e più impropri - una spilla, una gruccia di plastica, un pezzo di televisore, una lametta da barba, un assorbente igienico - potevano essere portati entro la provincia della non-moda punk”
142

.

In questo modo, l’intero mondo dei beni di consumo e della cultura popolare diventa un immenso data-base, da cui attingere per costruire nuove province di significato, e intorno alle quali fondare comunità coese e creative. Tali comunità possono essere in aperta opposizione ai valori della società dei consumi, acquisendo una dimensione politica: hippies, beats, in seguito i punks, si definiscono come alternativi rispetto alla mainstream culture, e danno luogo a produzioni culturali, dal campo musicale a quello artistico, la cui diffusione è affidata a propri organi di informazione e comunicazione, riviste, fanzines distribuite fotocopiando l’originale, dischi e film autoprodotti; “Certain organizational effects of punk rock may turn out to be harbingers of a future, more widespread medium. In particular, the very small-scale of ‘do it yourself’ world of small labels but especially of home-made taped music represented the virtual dissolution of the barrier between performer and audience”
143

. Da questo filone nascerà quello che oggi definiamo “media

attivismo”, e che va dalla stagione dei cento fiori, fino al net attivismo contemporaneo: da Radio Alice a Indymedia ciò che cambia è il mezzo, non lo spirito. A volte, invece, tali comunità non hanno un’aperta connotazione politica, ma creano ugualmente connessioni tra individui che condividono le stesse passioni e interessi. E’ il caso del fandom dei media: i gruppi di fans non si limitano ad ascoltare, vedere, consumare i prodotti dell’industria culturale, ma li utilizzano come materiale grezzo per produzioni “di secondo grado”: a partire dalle storie diffuse dalle “macchine dei sogni” (cinema, televisione, musica, radio), nuove storie possono essere narrate ricombinandone gli elementi. Analizziamo allora più nel dettaglio queste due aree sottoculturali, poiché è qui che possiamo individuare l’origine del nostro pubblico editore. 2.5 Il fandom: p2p analogico Il fandom dei media è un fenomeno che nasce contestualmente alla diffusione dei mezzi di comunicazione di massa e alla spettacolarizzazione di manifestazioni fino ad allora non destinate ad un grande pubblico: il termine fan viene utilizzato per la prima volta in riferimento ai sostenitori delle squadre di sport, come il baseball o il football; in seguito l’espressione viene estesa alle cosiddette “matineé girls”, accusate di preferire gli attori alle opere recitate a teatro. Col passare degli anni l’idea diffusa che associa il fan al fanatico, cioè colui che nutre un’ammirazione esagerata, quasi un’idolatria, verso i personaggi dello star system, non cambia, ma anzi si rafforza. Come dimostrato da Jenkins Spock’ T-shirts streched over their bulging stomachs”.
145 144

, i fans sono visti come individui privi

di senso critico e di una vita personale soddisfacente, “nerdy guys with glasses and rubber vulcan ears, ‘I got Da queste immagini-stereotipo del fan, e da episodi estremi, quali quelli di Charles Manson e Dwight Chapman, ampliamente strumentalizzati dalla stampa e dai

142 143

D. Hebdige 1983 op. cit. p. 119. Dave Laing Listening to Punk in K. Gelder op. cit. p. 456. 144 H. Jenkins Textual poachers. Television fans and partecipatory culture New York 1992. 145 Ivi, p. 9.

mass media, il fan viene descritto come uno psicopatico, affetto da una frustrazione che non sa gestire, e che tenta di superare nell’adorazione irrazionale dei personaggi famosi. Nel saggio ”Fandom as pathology: the consequences of characterization”, Joli Jenson tenta di dare una spiegazione di questa associazione semantica tra fan e comportamento deviante. L’autrice distingue due tipi di discorsi a proposito del fandom: il solitario ossessivo, e la folla urlante. In un caso il fan è visto come un individuo isolato dalla normale vita sociale, non in grado di intrattenere relazioni con altri individui. Per compensare questa inadeguatezza, il fan sostituisce le relazioni sociali con relazioni para-sociali: in un testo del 1956 Horton e Whol definiscono la relazione media-audience come una forma di interazione para-sociale, cioè un surrogato di interazione sociale, che tenta di riprodurre il contatto e la prossimità della conversazione faccia a faccia; gli autori suggeriscono che “when the para-social relationship becomes a sobstitute for autonomous partecipation, when it proceeds in absolute defiance of objective reality, then it can be regarded as pathological”. Il fan è allora un individuo che ha perso la capacità di distinguere la realtà dalla finzione, il mondo reale da quello mediatico: questo spiega il suo isolamento, sintomatico di una patologia. Nell’altra versione del fandom, è la folla urlante ad essere fonte di preoccupazione, a causa dell’irrazionalità che la caratterizza e che la rende potenzialmente pericolosa: “In this literature, fans are characterized as easily roused into violent and destructive behaviour, once assembled into a crowd”
146

. I comportamenti dei

fans durante i concerti o durante gli avvenimenti sportivi sono spesso associati all’uso di droghe o agli effetti ipnotici della musica, o alla presenza di pulsioni violente che trovano uno sfogo nell’identità ultras o hooligan. Jenson riconduce queste due immagini del fandom alle idee più generali riguardo la modernità: “Each fan type mobilizes related assumptions about modern individuals: the obsessed loner invokes the image of the alienated, atomized ‘mass man’; the franzied crowd member invokes the image of the vulnerable, irrational victim of mass persuasion”
147

. Il fandom è visto come una risposta all’influenza pervasiva dei mass media e

alla disgregazione della società nell’epoca moderna. Tuttavia, osservando il fenomeno da vicino, l’esperienza di essere un fan appare molto più complessa di quanto non sembri dai resoconti giornalistici: non solo folle urlanti o individui pericolosi, ma una comunità organizzata, comunicante e viva; capace di entrare in conflitto con il sistema mediale, di opporvisi e di creare propri produzioni culturali. Tali sono le conclusioni dello studio etnografico compiuto tra la fine degli anni ottanta e l’inizio dei novanta da Henry Jenkins, e riportato nel testo “Textual Poachers. Television fans and partecipatory culture”. Il titolo della ricerca è un riferimento alla teoria del quotidiano di Michel De Certeau, e vuole sottolineare l’attività dei fan come opposizione creativa alla passività indotta dalla televisione: i fans sono nomadi, si muovono nel mediascape, lo attraversano; “scrivono sui margini dei prodotti culturali”, usano e riusano i testi mediali, vi costruiscono pratiche sociali e identità comunitarie, creano propri canali mediali in cui discutere. Una fan writer spiega a Jenkins cosa sia per lei il fandom di Star Trek: “Trekfandom....is friends and letters and crafts and fanzines and trivia and custumes and artwork and filksongs and buttons and film clips and conventions - something for everybody who has in common the inspiration of a television show which grew far beyond its tv and film incarnations to become a living part of world culture”
146

148

. Il fattore decisivo non è

Joli Jenson Fandom as pathology: the consequences of characterization, in The adoring audience a cura di Lisa A. Lewis Londra 2001 p. 13. 147 Ivi, p. 14. 148 H. Jenkins 1992 op. cit. p. 45.

l’oggetto del fandom in sé, quanto piuttosto la condivisione con gli altri fans: come abbiamo visto parlando delle comunità virtuali, alle forme di associazione e identità basate sulle relazioni primarie (famiglia e comunità locale) e secondarie (associazionismo), si sostituiscono nella società performativa, network iocentrati, comunità di scelta e interazione individualizzata, “reti di legami che forniscono socialità, supporto, informazione, un senso di appartenenza e di identità sociale”
149

. Il fandom è, allora, un network in cui “much

of the pleasure lies in the fan talk that it produces, and many fans report that their choice of their object of fandom was determined at least as much by the oral community they wished to join as by any of its inherent characteristics”
150

.

Nell’analizzare le pratiche di fruizione dei fans, Fiske parla di produttività, una lettura dei testi mediali che li arricchisce di significati, rendendoli parte della vita quotidiana del suo pubblico; tale produttività si articola in vari gradi: una produttività semiotica, una enunciativa e una testuale. La prima è caratteristica della cultura popolare nel suo insieme, più che del fandom in particolare, e consiste nel trarre significati identitari ed esperienze sociali dalle risorse simboliche veicolate dalla cultura del consumo: “the Madonna fans who made their own meaning of their sexuality rather than the patriarchal ones were engaging in semiotic productivity”
151

. Ad un secondo livello questi significati, interiorizzati e vissuti

individualmente, vengono condivisi con altri fans attraverso il dialogo; la circolazione di significati attraverso la conversazione (o lo stile, come insieme di segni che dichiarano un’appartenenza) è un tipo di produttività che determina l’emergere di nuovi significati, nuovi punti di vista sull’oggetto del fandom: per esempio, quando le spettatrici delle soap-opera analizzate dalla Hobson riconducono le esperienze e i comportamenti dei personaggi alle loro vite quotidiane
152

.

Attraverso la conversazione i confini tra produzione e ricezione si mescolano, si confondono, fino a sparire: “Fandom here becomes a partecipatory culture which transforms the experience of media consumption into the production of new texts, indeed of a new culture and community”
153

. Il terzo tipo di produttività delineato

da Fiske, la produttività testuale, è infatti l’emergere all’interno del fandom, di testi prodotti dalla comunità, per la comunità: “because fan text are not produced for profit, they do not need to be mass-marked, so unlike official culture [...] they are narrowcast, not broadcast texts”
154

.

Jenkins riporta un vasto numero di esempi di produzioni “di secondo grado”, racconti in cui lo spettatoreautore riscrive il plot originario, modificandone la struttura: a volte questi racconti sono un approfondimento della storia personale dei protagonisti e dei personaggi minori, che ne spiegano meglio azioni e decisioni; a volte, invece, rovesciano la prospettiva e raccontano la storia dal punto di vista dei “cattivi”: tra questi “a smaller number provide sharp critiques... asserting a world view where the program bad guys may in fact be fighting on the morally superior side”
155

; per esempio quando i fans di Star Trek mettono in questione la

logica che sorreggeva la serie negli anni ‘60, in piena guerra fredda, e presentano il capitano Kirk e l’Enterprise come agenti del controllo della Federazione, in realtà un regime totalitario votato alla soppressione degli altri popoli. In alcuni casi, i fans giocano con l’intertestualità televisiva, producendo dei veri e propri cross-over di serie televisive: storie in cui Scott Hayden (protagonista della serie Starman)
149

Barry Wellman Phisycal place and cyberspace: the rise of networked individualism, in The international journal of urban and regional research 2002 p. 1. 150 J. Fiske The cultural economy of fandom in L. A. Lewis 2001 op. cit. p. 38. 151 Ivi, p. 37. 152 D. Hobson Crossroads: the drama of a soap opera Londra 1982. 153 H. Jenkins 1992 op. cit. p. 46. 154 J. Fiske 2001 op. cit. p. 39. 155 H. Jenkins 1992 op. cit. p. 168.

assiste ad un omicidio e viene interrogato da Crockett e Tubbs (Miami Vice); o in cui Sam Beckett (Quantum Leap) si trova ad occupare il corpo di altri personaggi di serie famose, dai marziani di War of the Worlds a Indiana Jones. In tutti questi esempi linguaggio. Per alcuni fans, infatti, la riscrittura si confronta con la stessa sostanza espressiva dell’opera originaria. Avremo perciò ascoltatori che formano band, fenomeno inaugurato dal punk e dalla sua mentalità do it yourself, che ha prodotto moda, stile, registrazioni “casalinghe” su nastro magnetico. Così come avremo fans di serie televisive che creano video: le puntate vengono registrate e archiviate dalla comunità su VHS, costruendo un data-base aperto a tutti i partecipanti della comunità. Un membro dei California Crew, un collettivo di video artisti, racconta: “Between us, we have practically everything. Some of our peaple have 800 tapes because they’ve been taping since the ‘70s [...] If I want to know when Simon & Simon filmed at the Sheriton Universal, I know the person in the group to call to find the right shot”. Questi esempi mostrano che il peer to peer non nasce su Internet, ma fa parte di un’attitudine culturale, una familiarità con gli oggetti della cultura popolare, che conduce al desiderio di una loro appropriazione da parte del pubblico. I video artisti usano infatti le registrazioni come materiale grezzo per storie alternative: le immagini, estrapolate dal loro contesto originario, vengono remixate e commentate da canzoni, che ne diventano la sceneggiatura. Per esempio K. F. seleziona delle immagini dalla serie Starsky e Hutch e le monta sulla canzone “Leaving the straight life behind”, di Jimmy Buffet: il testo della canzone da alle immagini nuovi significati, “shifting from a pop fantasy about escaping from mundane constraints into a celebration of coming out”
158 156

“the fan simply wanted more stories than the producers provided. Fan writers
157

respond to the community desire to continue these narratives”

: lo spettatore parla, e non un solo

. Produrre video di questo genere implica una grande dimestichezza con il

materiale mediale, ma anche con la tecnologia. Non ancora disponibili le work stations digitali, tutto viene creato con il VCR, che richiede una notevole capacità tecnica: “’I needed you’, a Star Trek video which is 3 ½ minutes in length employs 55 shots (of which less than half are linked by internal edits); the images are selected from many series episodes and four of the feature films. Cuts are timed so that the shot change with each edit line and at several places, she makes multiple shot changes within a single line”
159

. L’estetica del

data-base prescinde dalla digitalizzazione dei contenuti, ed è piuttosto riconducibile alla pratica sottoculturale del bricolage e del cut up come modalità di creazione tipica del post-moderno. Il fatto che gli archivi siano aperti e gratuiti rafforza ancora di più il senso di appartenenza alla comunità: per ottenere la puntata persa su VHS basterà rivolgersi ad un membro della comunità, a nessun costo se non quello dalla cassetta su cui registrare e le eventuali spese di spedizione. Una comunità con caratteristiche analoghe a quelle dei bloggers del nuovo millennio: le fanzines, come la Rete, offrono lo spazio per costruire e tenere viva la conversazione tra fans; sono autoprodotte e distribuite gratuitamente fotocopiando l’originale; non seguono regole di mercato, tanto che “Established publisher often publicize newer zines, running advertisements for them free of charge....established editors see these

156

Jenkins elenca “dieci modi per riscrivere uno show televisivo”, ovvero dieci tecniche testuali di cui i fans si servono: ricontestualizzazione; espansione del backgraund; rifocalizzazione; riallineamento morale; passaggio di genere; crossover; dislocazione del personaggio; personalizzazione; drammatizzazione; esplorazione della dimensione erotica. Jenkins 1992 op. cit. pp. 162-177. 157 H. Jenkins 1992 op. cit. p. 164. 158 H. Jenkins 1992 op. cit. p. 225. 159 Ivi, p. 244.

newer publications not as competition but rather as welcome additions to the community”

160

. Esattamente

come il blog, un link ad un altro autore non costituisce una perdita, ma un arricchimento; proprio come in rete, il rapporto tra autori e lettori è personale e diretto; i due ruoli si sovrappongono continuamente, ciascuno è lettore e scrittore allo stesso tempo. Il fandom realizza e anticipa appieno questa transizione dal pubblico passivo al pubblico editore: liberando la sua forza creativa e costruendo propri significati, riscrive i testi e da luogo ad una shadow cultural economy
161

al di fuori dell’industria culturale delle grandi corporations.

2.6 Il media attivismo: ricombinazione mediatica Il media attivismo non può essere considerato una sottocultura, ma piuttosto il punto di convergenza programmatica di diverse sottoculture, che condividono il progetto di liberazione del reale dalla sua spettacolarizzazione mediatica, e degli individui dal dominio delle big corporations sull’ecologia sociale e mentale. L’espressione media attivismo irrompe nel linguaggio comune nel 1999, durante le giornate di Seattle, ma le sue origini risalgono alle lotte studentesche ed operaie degli anni ‘60-‘70: dal movimento californiano Free Speech, alle radio libere italiane e Autonomia Operaia, passando per l’esperienza situazionista del maggio francese, il punto nodale della lotta di liberazione ed emancipazione passa dall’economia politica alla politica della significazione. Studenti e operai uniti nella lotta corrisponde al riconoscimento del mutamento avvenuto dall’epoca industriale a quella post-industriale: la condizione dell’operaio sostituito dalle macchine e dello studentemacchina, il cui sapere è al servizio delle imprese, procedono sullo stesso terreno; questo terreno è il linguaggio, l’immaginazione, l’infosfera come territorio occupato dalla macchina capitalista, dai monopoli mediali. Un territorio da riconquistare. La battaglia si gioca allora su due piani. Da un lato eliminare l’ideologia celata nei messaggi mediali: offrire una contro informazione non viziata dalla logica economica, creando media indipendenti in grado di ritrovare un rapporto immediato con la realtà. Dall’altro, sovvertire la struttura molare della comunicazione di massa, proponendo dispositivi di comunicazione che rendano l’individuo padrone dell’immaginario: “marxianamente parlando, l’obiettivo è riappropriarsi dei media in quanto mezzi di produzione, piuttosto che mezzi di rappresentazione”
162

.

Media tattici, contro le strategie dell’impero mediatico. Lo slogan “Don’t hate the media, become your media” è il punto di svolta dell’empasse in cui la scuola critica era entrata. Se, come affermato da McLhuan, le tecnologie di comunicazione determinano anche la forma mentis di una civiltà, la sua organizzazione cognitiva, la generazione videoelettronica subisce una mutazione in cui “si atrofizza la capacità di immaginare creativamente, ma si acquisiscono nuove competenze di lettura e di orientamento in un universo semiotico prevalentemente immaginario, competenze di manipolazione semiotica sempre più complessa, di elaborazione di segnali sempre più veloci”
163

. Per questo appare inutile e sterile un accanimento contro il

demone medium, che si traduce in nostalgia per la cultura alfabetica; è proprio l’uso alternativo
160 161

Ivi, p. 159. J. Fiske 2001 op. cit. 162 Matteo Pasquinelli Media Activism Roma 2002 p. 14. 163 Franco Berardi Skizomedia. Trent’anni di media attivismo Roma 2006 p.16.

dell’immagine che, invece, può palesare le contraddizioni che il dominio delle classi egemoni, esercitato attraverso il senso comune, determinano nelle nostre società. Il media attivismo può allora creare un’interferenza semantica nei messaggi che inondano il madiascape, detournando i messaggi e le immagini diffuse dal potere: “nella battaglia della comunicazione sociale vediamo avanzare uno strano soldato, che non usa le armi dell’opposizione ragionevole, ma combatte la follia con la follia, la suggestione con la suggestione, la falsità con la falsificazione creativa. Questo soldato è un attivista mediatico che usa le armi della pubblicità sovvertita, e per questo lo hanno chiamato subvertiser”
164

. Il subvertising, nato con la rivista canadese Adbusters, ma riconducibile alle esperienze di

sabotaggio linguistico delle avanguardie artistiche, dal surrealismo al dadaismo, dal situazionismo alla beat generation, lavora sul margine di indeterminatezza dei messaggi mediali, costituisce una strategia di sabotaggio semiotico: la più famosa campagna degli Adbusters è una “rivisitazione” della bandiera americana, dove al posto delle 53 stelle che ne rappresentano gli Stati, compaiono 53 loghi di aziende multinazionali, dalla Nike alla Microsoft, dalla McDonald alla Coca Cola. In questo modo si traduce in immagine l’idea del dominio del capitalismo sugli Stati, utilizzando per i propri scopi lo stesso linguaggio che si vuole incriminare
165

.

Un’altra strategia del media attivismo è la destrutturazione dei media stessi, la creazione di un cortocircuito nel loro funzionamento che “punta a manomettere le concatenazioni, le interfacce, a ricombinare e rifinalizzare il dispositivo, non solo il contenuto”
166

. L’uso della diretta telefonica, inaugurata dalle radio libere

degli anni ’70, appare oggi come la più blanda delle forme di partecipazione da parte del pubblico; ci ricorda interi pomeriggi di Domenica in e fagioli in un barattolo. Tuttavia, fu la prima rottura del modello unidirezionale che, fino ad allora, era parso un tratto ineliminabile della trasmissione radiofonica e televisiva. Alcuni anni dopo, l’esperienza delle Street Tv punta a contagiare con quel modello anche la televisione. Scrive Macchina, di Candida Tv: “Avevamo una visione della tecnologia televisiva ispirata all’etica hacker: la televisione può essere fatta da tutti, ognuno può metterci le mani sopra [...] Infiltrare un mass medium come la televisione per noi significava...dirottare le traiettorie del consumo televisivo. Spostare il fuoco dell’attenzione dai meccanismi di fruizione a quelli di produzione”
167

.
168

L’idea di una tv comunitaria, che è alla base delle esperienze delle Telestreet, è l’idea di una tv costruita dal basso, dalle comunità urbane: “non tv ‘comunitaria’, ma tv ‘divenire comunità” . Questo significa creare strutture produttive aperte e connettive, in cui alla mentalità del public access si sostituisce il modello del community access: mentre nel primo caso si tratta di un servizio che dall’alto viene offerto acriticamente a tutta la cittadinanza, nel secondo è la cittadinanza che costruisce e fruisce la televisione, assicurando la presenza di tutte le minoranze e i gruppi che ne fanno parte. L’esempio migliore di questo programma di contaminazione della televisione con le logiche di rete, è offerto dalla televisione via cavo di Amsterdam: dopo i ripetuti assalti dei pirati della comunicazione, tra gli anni ‘70 e gli anni ‘80, alle infrastrutture del sistema televisivo cittadino, le autorità decisero di costituire un altro canale che riportasse questi programmi, peraltro molto seguiti, nella legalità. Open Access Channel, posto sotto l’amministrazione di Salto, un’organizzazione nominata dal governo, è un canale via cavo che dal
164 165

Ivi, p. 68. Sul sito della rivista è possibile trovare materiali di vario genere: articoli, video, persino un “kit di contropotere mediatico”. http://www.adbusters.org/home/ 166 Franco Berardi 2006 op. cit. p. 22. 167 Macchina, Candida Tv Candida. La tv elettrodomestica in M. Pasquinelli 2002 op. cit. pp. 106-107. 168 Ivi, p. 144.

1989, quando la tv pirata Staats tv Rabotnik coprì i risultati delle elezioni, si fa avanguardia del progetto di apertura della tv alla cittadinanza: studi aperti al pubblico e programmazione indipendente. Come raccontano i protagonisti di quest’avventura mediatica, Nicole Smits e Raoul Marroquin, “Rompendo le regole dell’alta qualità, la produzione di programmi televisivi diventa semplice come usare il telefono. Questo ha prodotto un nuovo approccio: chiunque può fare televisione in ogni momento”
169

.

Il media attivismo degli anni ‘90 trova infine un ambiente perfettamente congeniale nella Rete, strutturalmente rizomatica e costruita a partire da un’idea del sapere e della conoscenza come bene pubblico, anziché come fonte di profitto: “Il punto fondamentale che oggi si pone per la prima volta è la possibilità di un uso democratico di massa dei media”
170

.

Indymedia è sicuramente l’esempio più imponente di network media attivo: una rete capillare di media center indipendenti, gestita localmente, con processi decisionali non gerarchici, e che è stata in grado di compiere una potente integrazione tra movimenti e media alternativi. La copertura dei Social Forum e delle manifestazioni di Seattle, Davos, Washington, Praga, Napoli, Genova etc. non ha avuto pari perché filmata, gestita e raccontata da una quantità di occhi elettronici, aggiornamenti on-line in tempo reale, dirette radiofoniche, irrealizzabili per qualunque pachiderma del broadcast mainstream. Indymedia realizza la convergenza, non solo tra tecnologie, ma tra tecnologie e corpo sociale. A un livello di minore strutturazione, i blog e i vlog si stanno diffondendo come mini-media tattici, la cui potenza è però paragonabile a quella dei grandi network: il meccanismo di funzionamento e la facilità di accesso, li rendono particolarmente adatti ad una diffusione virale e contagiosa delle notizie prodotte dal basso; notizie che vengono valorizzate tramite i link che ricevono nella blogosfera. Uno dei problemi cui il media attivismo in rete deve far fronte è, infatti, il rischio di creare altro ‘rumore bianco’, contenuti che non si distinguono dalla massa di informazioni on-line. Da questo punto di vista, il blog può presentarsi come una soluzione ottimale, grazie alla sua doppia funzione: da una parte, con il meccanismo del permalink e del commento, è la “tappa di partenza per un’indicizzazione altra dell’informazione alternativa”
171

; dall’altra

permette la creazione di una comunità che dibatte e partecipa, sempre aperta, basata sulla riconoscibilità dei partecipanti: “Ciò che determina il successo di un contenuto on-line è la capacità di creare e sfruttare networks, di ottenere attenzione, link e segnalazioni da parte di quell’imprevedibile e sconfinato sciame di operatori della rete”
172

.

I blog hanno avuto, e continuano ad avere, un ruolo notevole nella copertura dei grandi eventi mondiali: dallo Tsunami, durante il quale vlog improvvisati con telecamere amatoriali e videofonini furono usati come vere e proprie agenzie di informazione; alla guerra in Iraq, dove soldati-blogger americani e civili-blogger iracheni discutono, si confrontano e analizzano insieme gli avvenimenti che li coinvolgono direttamente. Televisione che segue logiche di rete e rete che si fa filtro delle informazioni, come una redazione televisiva. Il media attivismo propone una ricombinazione delle logiche e delle modalità di comunicazione dei diversi media; una ricombinazione che ne modifica i presupposti, consentendone la liberazione. Nel prossimo capitolo vedremo come un’ulteriore ibridazione sia già all’opera: Nessuno Tv. Come una scatola cinese, la televisione si compone delle voci dei blogger, si fa portavoce della comunità on-line,

169

Nicole Smits e Raoul Marroquin Esperimenti tecnologici nella televisione di Amsterdam in M. Pasquinelli 2002 op. cit. p. 153. 170 Davide Sacco, Sapienza Pirata, Internet evade dal pc in M. Pasquinelli 2002 op. cit. p. 41. 171 Ugo Vallauri Weblog. Informazione indipendente tra comunità reali e virtuali in M. Pasquinelli 2002 op. cit. p. 48. 172 Franco Berardi 2006 op. cit. p. 75.

fornisce ai contenuti dei vlog la visibilità e l’attenzione della trasmissione satellitare, diffondendo voci locali nel mediascape globale. Questo modello rappresenta una soluzione originale alla rimediazione televisiva, contemporaneamente, opportunità e minaccia per le industrie televisive esistenti.

CAPITOLO TERZO LA TELEVISIONE NELL’EPOCA DEI NUOVI MEDIA. IL CASO NESSUNO TV
3.0 Switch-off: problemi di una transizione difficile. La rimediazione è la grande sfida che il digitale pone ai vecchi media; sfida che coinvolge entrambi i poli della comunicazione: le emittenti, che devono gestire una transizione capace di mettere in discussione posizioni acquisite, routines produttive e infrastrutture consolidate; il pubblico, che deve imparare a conoscere e fruire un medium in trasformazione. Per la televisione questo processo è particolarmente tormentato: nata e cresciuta in un regime di oligopolio, dovuto alla scarsità delle frequenze via etere e alle forti barriere all’accesso, assiste ora al dissolvimento di queste due condizioni, che ne avevano determinato struttura e dispositivo comunicativo centro-periferia. Il digitale consente, infatti, una liberazione dello spettro di frequenze, che modifica la conformazione del mercato: da un lato, comprimendo i segnali e servendosi di infrastrutture di trasmissione digitali (satellite o multiplex), moltiplica i canali utilizzabili; dall’altro la convergenza tecnologica rende difficile tracciare i confini tra un medium e un altro, creando nuove opportunità, ma anche nuovi competitors; pensiamo, ad esempio, alle compagnie di telecomunicazioni, che stanno entrando nel mercato audiovisivo grazie alla messa a punto di tecnologie quali l’UMTS o il DVB-H
173

: come si organizzeranno i rapporti tra questi due settori industriali

tradizionalmente separati? La tv si limiterà a fornire contenuti? E quali? Il cellulare diventerà il luogo del simulcast dei canali analogici (o digitali terrestri), o di contenuti specificamente progettati per una fruizione mobile? A queste domande si dovrà dare risposta. Un’altra forte fonte di insicurezza ed instabilità proviene dalla tv multichannel satellitare: i contenuti premium, come il calcio e i film di prima visione, e la fruizione di bouquet sempre più compositi, modificano l’attitudine del pubblico verso la tv generalista; si è venuta, pertanto, a creare una disaffezione alla televisione analogica proprio tra quei target che i vertici televisivi, e soprattutto i pubblicitari, ricercano costantemente, cioè i giovani e i professionisti dei centri urbani. Un ultimo aspetto riguarda infine l’ampliamento della banda disponibile per la trasmissione tramite protocollo IP, che rende disponibile la IPtv: i costi contenuti e la disponibilità di tecnologia la rendono un formidabile strumento per una reale apertura del mercato. Quello che la televisione deve affrontare al momento è, in sintesi, una profonda revisione industriale, che investe le infrastrutture tecnologiche e i rapporti tra comparti produttivi (fornitura di contenuti, gestione della rete di trasmissione); ma anche una sorta di autoanalisi, che le faccia ritrovare il suo ruolo nel tessuto sociale e un nuovo appeal per il pubblico, sempre più abituato a una modalità di fruizione dei contenuti più flessibile (Tv on Demand, p2p) e a una massiccia migrazione verso il medium computer; come affermano Lisa di Feliciantonio e Michele Mezza, “la convergenza sistemica tra computer e televisione, seppure non realizzata nei nuovi codici tecnologici, sicuramente verificabile nel corpo vivo delle platee di utenti che vedono al loro

173

L’UMTS è una tecnologia di trasmissione broadcast via rete cellulare, mentre il DVB-H si serve del protocolllo IP per trasmettere dati, audio e video sul telefono cellulare.

interno coincidere operatori della rete con telespettatori della tv, rende inevitabili corti circuiti fra diversi moduli comportamentali”
174

.

Non stupisce, dunque, che il driver del mutamento tecnologico e culturale della televisione sia stata, accanto all’alta risoluzione, l’interattività: il digitale terrestre (DTT) si afferma come tecnologia in grado di fornire quell’ormai mitico canale di ritorno, che permette all’utente-telespettatore di interagire con e attraverso il medium, di arricchire cioè i contenuti televisivi tramite ipertesti legati ai programmi, o di effettuare transazioni commerciali, grazie appunto alla trasmissione bidirezionale dei segnali. I punti nevralgici dell’interattività televisiva sono il decoder, l’anima del DTT, che dopo una fase di profonda diversificazione, andrà probabilmente incontro ad una standardizzazione tecnologica; il canale di ritorno dallo spettatore ai suoi server; la guida elettronica ai programmi, che dovrebbe riprodurre in tv la modalità di fruizione del browising. Le forme che l’interattività televisiva può assumere sono diverse, e, seguendo la descrizione di Davide Bogi
175

possono essere schematicamente descritte a partire da una distinzione in due tipologie. Un primo

gruppo di formati interattivi riguarda l’interattività intorno al contenuto dei programmi: l’enhanced tv, testi o grafica con funzione di approfondimento di specifici contenuti, visualizzabili in porzioni dedicate dello schermo; i servizi interattivi del tipo televoting, quiz, e-mail, pubblicità interattiva. Il secondo gruppo di servizi riguarda, invece, l’impostazione dell’offerta: avremo pertanto i virtual channel, magazine tematici che offrono contenuti testuali o grafici, non necessariamente correlati a un canale o a un contenuto specifici; i walled garden, sorta di portali da cui l’utente può fruire dei servizi transattivi, dunque con contenuti indipendenti dalla programmazione dell’emittente (t-commerce, home-banking); il video on demand (VOD), che prevede la costruzione di libraries tra cui l’utente sceglie il contenuto desiderato, consentendo una fruizione personalizzata, non legata alla predisposizione di un palinsesto. Questo modello si è declinato in maniera diversa a seconda dei Paesi oggetto della transizione: in ognuno di essi prevalevano differenti modelli economici (per esempio, prevalenza della tv commerciale su quella pubblica e viceversa), culturali (alfabetizzazione informatica, centralità del medium televisivo rispetto ad altri media, come stampa, cinema, internet) e politici (intervento o meno dello Stato nella transizione). Sostanzialmente si sono avute due tipologie di transizione: una in cui lo Stato ha lasciato che fosse il mercato a stabilire standard tecnologici e tipologie di business, e una seconda, in cui il regolatore ha trovato opportuno intervenire per garantire la permanenza del concetto di servizio universale nel nuovo panorama digitale, preferendo il modello free to air. La soluzione market driven, adottata in un primo momento da Gran Bretagna e Spagna, consiste nell’attribuire un ruolo trainante alla pay tv, come vettore per allargare il numero delle “famiglie digitali”. Il vantaggio di questo modello consiste nel non prevedere un impegno finanziario da parte dello Stato, poiché sono gli operatori delle piattaforme a farsi carico dei costi per la messa in opera della rete di trasmissione, per la realizzazione di contenuti originali e per il sostegno alla diffusione dei ricevitori digitali. Tuttavia è una strategia che presenta anche forti criticità: la difficoltà principale consiste nella penetrazione nel mercato di soggetti nuovi (ITV in Gran Bretagna e Quiero Tv in Spagna), che devono competere con i canali satellitari già esistenti (Sky sopra tutti, affermatasi come monopolista di fatto del satellitare); questo ha condotto ad un innalzamento vertiginoso dei prezzi dei contenuti premium e ad una scarsa raccolta pubblicitaria, dovuta
174

L. di Feliciantonio e M. Mezza Switch over. Scenari e obiettivi della tv al tempo del digitale terrestre Milano 2004 p.

31.
175

Davide Bogi La televisione interattiva, in Francesco De Domenico, Mihaela Gavrila, Augusto Preta (a cura di) Quella deficiente della tv. Mainstream television e multichannel Milano 2002 pp. 136-138.

all’incertezza degli inserzionisti circa l’audience effettivamente raggiunta dai nuovi canali. A questo va aggiunta un’offerta di contenuti, composta da pochi canali e da pochi o inesistenti servizi interattivi, non in grado di conquistare il segmento alto del mercato televisivo, già soddisfatto dai canali via cavo e satellitari. Dopo ripetute crisi, entrambe le piattaforme digitali si trovano costrette a chiudere. Il modello free to air è stato, invece, adottato da Paesi quali Svezia, Finlandia e Stati Uniti, i quali hanno puntato sulla continuità con la televisione analogica, con l’obiettivo di conquistare i telespettatori non disposti a pagare per contenuti televisivi che ha sempre percepito come gratuiti; in questo caso è lo Stato, tramite i ministeri competenti e le Autorità di regolamentazione, a distribuire la capacità trasmissiva, selezionando direttamente i programmi parte del line up digitale. In questa tipologia di transizione si definisce pertanto una situazione molto simile a quella della scarsità delle frequenze terrestri: lo Stato seleziona i canali più meritevoli di trasmettere sulla base di criteri quali il pluralismo, la diversità, la tutela dell’identità nazionale, con l’obiettivo di fornire ai telespettatori un’offerta di canali maggiore senza costi aggiuntivi. Questo modello presenta, dunque, una rigidità intrinseca nel processo di licensing, che rischia di annullare il principale fattore di vitalizzazione del digitale, cioè l’apertura a nuovi soggetti; il fatto, inoltre, che lo Stato non appronti nessun tipo di finanziamento, rende il modello ibrido, affidato alle forze di mercato, ma segnato da grossi limiti per le emittenti nelle scelte editoriali. Queste esperienze hanno condotto verso un terzo modello di transizione, in cui lo Stato entra prepotentemente nel settore del DTT attraverso la predisposizione di strumenti di regolamentazione e di sostegno industriale. E’ in questa fase che le emittenti di servizio pubblico si interessano al digitale: la concorrenza dei canali satellitari rende palese la difficoltà della tv analogica nel conquistare un’audience sempre più frammentata; ma soprattutto mostra l’incapacità di venire a capo di quel processo di delegittimazione, iniziato con l’ingresso della tv commerciale nel panorama mediatico, che conduce ad una crisi nel rapporto tra medium ed audience. La soluzione prevede pertanto la costituzione di un’offerta digitale di canali in chiaro, non in concorrenza, ma complementare alle piattaforme a pagamento, con un ruolo trainante da parte delle emittenti terrestri, sia pubbliche che commerciali. Questo modello presenta indubbi vantaggi, quali la possibilità di raggiungere un ampio numero di utenti interessati ad avere una maggiore offerta, ma non disponibili a pagare; inoltre, può essere un forte fattore di traino per l’industria dell’elettronica, rinvigorita dalla vendita di decoder e televisori. Il maggiore svantaggio consiste però proprio nel coinvolgimento diretto dello Stato: in primo luogo per l’onere finanziario di un sostegno - diretto o indiretto al settore televisivo, tutto a carico delle emittenti terrestri e dello Stato; in secondo luogo per l’inevitabile distorsione della concorrenza che gli strumenti di policy pubblica inseriscono nel mercato, penalizzando cavo e satellite, o prevedendo una transizione “blanda”, che non coglie le reali potenzialità dello strumento. L’Italia ha seguito questo terzo modello, ed ha perciò sperimentato sulla sua pelle gli svantaggi che presenta: lo switch-off alla transizione. Il sistema televisivo italiano muta radicalmente negli anni ’80: l’irrompere di Mediaset provoca l’incrinarsi di un modello di televisione che aveva caratterizzato non solo l’Italia, ma tutta l’Europa; un modello imperniato sul ruolo sociale della tv, definita un servizio universale, la cui mission “educare, informare, intrattenere”
176

è stato infatti rallentato dalla particolare situazione che caratterizza dagli anni ‘80 il

nostro sistema radiotelevisivo, cui si sono aggiunte le resistenze dei due gruppi principali, Rai e Mediaset,

176

Lo spegnimento delle frequenze analogiche e il passaggio al digitale.

poteva essere garantita solo dalla proprietà delle emittenti da parte dello Stato, che avrebbe assicurato alla comunicazione televisiva obiettività, completezza ed imparzialità. La logica commerciale costringe il servizio pubblico ad adottare comportamenti concorrenziali, mutandone alla lunga i caratteri originari ed obbligandola ad una rincorsa senza sosta degli indici di ascolto; il fatto che il servizio pubblico si fosse sviluppato in un regime di finanziamento misto, in parte tramite canone annuo, in parte tramite raccolta pubblicitaria, ha aggravato la disaffezione del pubblico alla Rai, che agli occhi degli utenti non appare diversa dalla tv commerciale, fruita gratuitamente. A questo si aggiunge, dal 1994 ad oggi, ed in particolare nel quinquennio 2001-2006, il conflitto di interessi dell’ex-premier Berlusconi, proprietario di Mediaset e, in quanto capo del governo, in grado di nominare il C.d.A. Rai. Il duopolio, solo in minima parte scalfito dalla presenza di La Sette, diventa monopolio di fatto, tanto che l’Italia finisce al 43° posto della classifica mondiale della libertà di espressione, dietro Paesi come il Belin e il Costa Rica
177

, suscitando la preoccupazione di giornalisti, intellettuali e pubblico stesso.
178

Il sistema televisivo italiano risulta così bloccato, e il dibattito sul digitale terrestre non può che risentirne: persa l’occasione di un ingresso della Rai nel settore della pay tv nel 1995 , la transizione epocale verso il digitale viene percepita dai due competitors più come una minaccia e un onere, che come un’opportunità; le distorsioni connaturate al sistema televisivo italiano determinano perciò l’emergere di “soluzioni, norme e modelli del tutto artificiosi, dove i veri risvolti di ogni decisione non vanno ricercati negli obiettivi e nelle ambizioni che il paese si pone rispetto al suo ruolo sul mercato internazionale della comunicazione, quanto invece nelle formule politiche che possono derivare dal primato di questa o quella impresa tv”
179

.

Il dibattito sul digitale riceve una prima spinta dal Libro bianco sul digitale terrestre, un testo del 2000 con cui l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni introduce le opzioni praticabili per la transizione. Tali opzioni sono due: la prima si basa sull’attuazione del piano di assegnazione delle frequenze, che dovrebbe liberare quattro multiplex (sedici canali), da utilizzare in parte per il simulcast di programi esistenti, in parte per programmi nuovi; il secondo prevede invece una transizione “a macchia di leopardo”, in cui i servizi digitali sono avviati laddove vi siano frequenze disponibili, assegnate ai broadcaster tramite il trading delle frequenze
180

. Questa seconda soluzione presenta, però, indubbie problematicità: consentire alle emittenti di

acquistare frequenze da altri operatori, significa porre i concessionari televisivi esistenti in una posizione privilegiata, creando distorsioni nella concorrenza difficilmente recuperabili, e aggravando ulteriormente la staticità del sistema complessivo. La legge Gasparri
181

opta, tuttavia, per questa soluzione, lasciando, inoltre, liberi i futuri operatori di rete di

decidere business plan e piani editoriali, senza esercitare alcun vincolo rispetto alla programmazione da veicolare. Questa scelta determina una situazione in cui né l’offerta né i soggetti coinvolti nella transizione risultano sostanzialmente diversi dal mondo analogico: le emittenti nazionali, infatti, “gestendo di fatto il processo, decidono di mantenere audience di massa su alcuni canali, riempiendo i multiplex con canali di

177

Reporters sans frontieres, classifica mondiale della libertà di stampa 2005, http://www.rsf.org/IMG/pdf/CM_2005_Eu.pdf. 178 E’ di quell’anno il decreto Gambino, ministro delle Poste e delle Telecomunicazioni del governo Dini, con cui si inibiva alla Rai di entrare nel mercato della pay tv. 179 L. di Feliciantonio e M. Mezza 2004 op. cit. p. 113. 180 Per trading delle frequenze si intende la cessione dei diritti di utilizzo delle frequenze da parte di emittenti locali a favore di soggetti in grado di acquistare e di utilizzare tali frequenze per la trasmissione digitale. 181 Legge n. 66, 2001. Il testo è consultabile sul sito del Ministero delle comunicazioni all’indirizzo http://www.comunicazioni.it/it/index.php?IdPag=836.

scarso valore [...] per creare poca competizione ai propri canali e replicare nel mondo digitale il predominio dei canali generalisti”
182

.
183

Rete 4, già dal novembre 2002

in attesa di essere trasferita sul satellite, rimane al suo posto grazie al

decreto approvato dal governo Berlusconi la notte del 23 dicembre 2003: basta modificare i criteri per il calcolo delle frequenze, considerando non più il limite del 20% sui canali irradiabili da ciascun soggetto, ma calcolando quello stesso 20% sulla somma dei programmi televisivi diffusi sia in tecnica digitale che analogica. Un escamotage che conduce alla proroga sine die del periodo di transizione e a un congelamento del mediascape italiano nello status quo: i canali sono gli stessi, i programmi anche. L’appuntamento con il cambiamento viene così mancato, deludendo le aspettative di chi vedeva nel DTT l’inizio di un nuovo modo di fare televisione e la possibilità di un’apertura del mercato tale da rendere l’offerta maggiore e migliore. 3.1 La rimediazione televisiva: dal network al networking La delusione, temuta o auspicata, delle prime iniziative di DTT deve essere il segnale della necessità per la nostra “cattiva maestra” di percorrere strade diverse, che la inducano a ritrovare presso il pubblico modalità di legittimazione come strumento di informazione, e appeal come fonte di intrattenimento. Incalzata dalla concorrenza di altri media, in primis Internet, la televisione si trova a dover interagire con un pubblico che in più di cinquanta anni ha abbandonato la sua condizione di ascoltatore passivo, ed ha imparato la “cattiva lezione” diventando produttore e performer. La transcodifica culturale, operata dai nuovi media, offre in questo senso “una straordinaria occasione tecnologica, culturale e sociale - per ripensare i sistemi comunicativi e mediali, per costringerli a un dialogo che non tollera forme di sbarramento e altezzosi isolamenti. [...] Il dialogo però non avviene in astratto; assume piuttosto le condizioni tecnologiche, le interfacce, le strutture comunicative e anche le utopie maturate nel contesto delle ICT come elemento costitutivo, come segno di discontinuità che delinea la transizione a una nuova epoca delle forme comunicative umane” ma anzi ostacola apertamente. A questo proposito, ci sembra opportuno proporre una distinzione teorica all’interno della logica della rimediazione, che determina la forma del dialogo vecchi-nuovi media espressa da Marinelli: una rimediazione secondo l’estetica digitale, e una rimediazione secondo la sua logica. Nel primo caso il dialogo avviene su un piano formale, all’interno del quale la televisione opera una trasposizione delle estetiche dei nuovi media all’interno dei suoi linguaggi: il narrowcasting, la tv on demand trasformano i contenuti televisivi in file di un data base, navigabile attraverso le EPG
185 184

. Una transizione che il DTT non compie,

, destrutturando così il

flusso televisivo. Lo stile a finestra, caratteristico per esempio dei tg, imita lo stile delle pagine web, ponendo

182 183

L. di Feliciantonio e M. Mezza 2004 op. cit. p. 113. E’ del 20 novembre 2002 la sentenza della Corte Costituzionale n. 466 che dichiarava la «illegittimità costituzionale dell'articolo 3, comma 7, della legge 31 luglio 1997, n. 249 (Istituzione della Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui sistemi delle telecomunicazioni e radiotelevisivo), nella parte in cui non prevede la fissazione di un termine finale certo, e non prorogabile, che comunque non oltrepassi il 31 dicembre 2003, entro il quale i programmi irradiati dalle emittenti eccedenti i limiti di cui al comma 6 dello stesso articolo 3, devono essere trasmessi esclusivamente via satellite o via cavo». Dal sito dell’associazione italiana dei costituzioanlisti: http://www.associazionedeicostituzionalisti.it/materiali/speciali/messaggiociampi031215/index.html. 184 A. Marinelli Connessioni. Nuovi media, nuove relazioni sociali Milano 2004 p. 55. 185 Electronic Programs Guide.

la tv a cavallo tra immediatezza e ipermediazione: “Paradossalmente, lo stile a finestra, tipico del computer, è più evidente in quei programmi che offrono una visione trasparente degli eventi in diretta [...] Questo atteggiamento porta a quello che può essere chiamato ‘look CNN’, nel quale l’immagine televisiva del conduttore è coordinata con la grafica e con una molteplicità di sottotitoli che integrano il flusso informativo, così che l’emittente broadcast somiglia sempre più a un sito web o a un applicativo multimediale”
186

.

La somiglianza, però, non è equivalenza: la televisione rimane, infatti, un mezzo broadcast, da uno a molti, senza possibilità per l’utente di sperimentare le forme di attività e partecipazione che caratterizzano la rete, e alle quali si è ormai abituato. L’iperteso chiuso del narrowcasting e della tv on demand permette solo l’esplorazione di link predisposti dall’emittente, senza possibilità per l’utente di dare il suo contributo. L’interattività che ne risulta è qualcosa di molto più simile al vecchio teletext, che all’ambiente di rete, che dichiara, invece, di voler riprodurre; i contenuti tra i quali l’utente può navigare sono, infatti, informazioni circa il programma in onda - orario di inizio, durata, titolo, breve descrizione - ridondanti rispetto ad altre fonti mediali, per esempio la pagina dei programmi televisivi sui giornali quotidiani o il televideo. L’unico servizio davvero innovativo sembra essere dunque il t-commerce, un servizio che su Internet ha ottenuto, dopo i primi timori per la sicurezza dei dati, uno sviluppo notevole: basti pensare al numero e all’entità delle transazioni on line, per esempio nel settore del trasporto aereo, dove la possibilità di acquistare esclusivamente tramite internet ha determinato un abbattimento dei costi tale da far emergere un numero elevatissimo di nuove compagnie. Ci si chiede, tuttavia, quanto la tv si presti a un tale utilizzo: intanto perché è già disponibile dal medium computer, dove è nato e continua a fiorire; e poi perché appare come un servizio decisamente lontano dalla televisione, cui si richiede informazione e intrattenimento, più che la possibilità di acquistare beni o servizi. Rischia insomma di essere solo un altro esempio di riproduzione pedissequa dei formati del web, lasciando inalterato il meccanismo comunicativo e la natura della tv. La rimediazione secondo la logica dei nuovi media mira, al contrario, a trasferire all’interno della televisione le prassi e le modalità di fruizione tipiche dei nuovi media: l’interattività, non solo con la macchina, ma con gli oggetti culturali nella loro forma di dati e, soprattutto, con gli altri individui-utenti. E’ possibile, oggi, trasferire all’interno della televisione le caratteristiche fondamentali dei nuovi media, cioè la partecipazione alla produzione e circolazione di immaginario e di conoscenza, e la creazione di formazioni sociali coese, le comunità virtuali. Già nel 1995 Negroponte aveva intuito che la partita tv-pc si giocava su un piano diverso da quello su cui si stavano muovendo le industrie: “Invece di pensare al prossimo passo nell’evoluzione della televisione in termini di maggior risoluzione, miglior colore o più programmi, pensate a un cambiamento nella distribuzione dell’intelligenza -o, più esattamente- allo spostamento dell’intelligenza, da chi trasmette a chi riceve”
187

.

La sfida consiste perciò nel decostruire il modello trasmissivo della televisione, nel sostituire l’allocuzione con la conversazione, spostando e moltiplicando i centri di produzione, trasformando il pubblico, disperso e anonimo, in una comunità di utenti attivi e partecipativi, che contribuiscono alla programmazione e al palinsesto: trasformare il network televisivo in networking multimediale. In questo modo si potrebbe venire a capo di quella crisi di legittimazione che investe in generale tutte le fonti di enunciazione tradizionali, ma particolarmente la tv, in quanto concentrazione di poteri polico-economici e

186 187

J. D. Bolter e R. Grusin Remediation. Competizione e integrazione tra media vecchi e nuovi Milano 2005 p. 222. N. Negroponte Essere digitali Milano 1995 p. 10.

luogo in cui la produzione di realtà è affidata a gerarchie professionali consolidate ed isolate dal mondo delle audience effettive. La televisione può riacquistare il suo ruolo di promozione dell’innovazione e della coesione sociale, a patto di modificare la sua natura: cessare di essere una finestra sul mondo, per diventare un’arena pubblica di discussione, una trasposizione del sociale sullo schermo, il racconto che la società fa di se stessa. Le logiche e le prassi che caratterizzano la rete, incontrando quelle televisive, creano un corto circuito dovuto alle profonde differenze che intercorrono tra televisione e rete: “nel primo caso le regole sono quelle dello spettacolo (della rappresentazione) e, quindi, di una piattaforma espressiva storicamente e socialmente consolidata nel quadro delle estetiche di massa; nel secondo caso si tratta di una piattaforma espressiva più complessa [...] Essa consiste soprattutto di relazioni sociali ad alto indice partecipativo, pratiche di comunicazione da molti a molti, di vocazioni comunitarie, dunque di originali forme di autoproduzione, autogoverno e connessione interattiva fra culture storicamente escluse dai modi tradizionali di produrre realtà”
188

.

Date queste condizioni di partenza, sembrerebbe impossibile una fusione e una sinergia tra due media così lontani tra loro, quasi opposti; eppure è proprio questa decostruzione ed apertura la strada che la rimediazione potrebbe percorrere per rivitalizzare la televisione e renderla competitiva nel nuovo panorama digitale. Una rimediazione secondo la logica dei nuovi media potrebbe, pertanto, fornire alla televisione due vantaggi immediati: innanzitutto una legittimazione del medium, non più percepito come roccaforte del potere politico o come abbassamento del livello culturale del suo pubblico, ma come luogo di incontro e scambio, come aggregatore di comunità; in secondo luogo potrebbe condurre ad un’accelerazione del processo di alfabetizzazione informatica presso quei settori della società familiarizzati al medium televisivo, ma ancora poco disinvolti nell’uso dei media digitali. La rivoluzione democratica proposta dagli entusiasti del digitale non può, infatti, non scontrarsi con le reali condizioni di esistenza del sistema mediale, con quell’intreccio di fattori economici e politici che hanno lavorato congiuntamente nella definizione del DTT; occorre allora domandarsi quale sia il vero fattore di democrazia, se la maggiore offerta (laddove si verifica) o la partecipazione al dibattito pubblico. La scelta di Nessuno tv come caso di studio dipende proprio dalla sperimentazione che l’emittente sta compiendo in questa direzione: Nessuno tv è il primo caso di tv partecipata e di ibridazione tra logiche di rete e logiche televisive, con l’obiettivo di sovvertire il paradigma comunicativo imperante nella società di massa e fornire al medium televisivo nuova aderenza alla realtà del suo pubblico. Lo studio si è avvalso dell’osservazione delle routines produttive e dell’offerta dell’emittente, analizzando in particolare le realizzazioni concrete del progetto di apertura al pubblico: i programmi Blog Tv e Blog Generation, e il film prodotto dall’emittente, “Le mie elezioni”. Particolarmente utili si sono rivelate le conversazioni, riportate in appendice al presente volume, con l’amministratore delegato di Nessuno Tv, Bruno Pellegrini, e con l’autore dei programmi oggetto dell’analisi, Marco Esposito. L’osservazione si riferisce al periodo che va dal novembre 2005 al giugno 2006.

188

A. Abruzzese, citato in L. di Feliciantonio e M. Mezza 2004 op. cit. p. 20

3.2 2004 Odissea nello spazio: Nessuno va sul satellite. Nessuno Tv nasce nel 2004 da un’idea di Bruno Pellegrini, ex produttore Rai, e Luciano Consoli, editore di testate come LiberaL e il Riformista, e attualmente Presidente della rete. La sua fondazione si connota come reazione alla crisi del panorama mediale italiano: “Nessuno nasce per mettere in discussione lo stato attuale dei mezzi di comunicazione. Uno stato che vede un oligopolio politico-economico detenere il controllo dei media e quindi dell’informazione. Noi crediamo invece che nessuno, ovvero tutti debbano avere il controllo dei media”
189

.
190

Nella sua prima fase, dal 2004 all’inizio del 2005 Nessuno Tv entra nel panorama mediale come società fornitrice di contenuti per il canale Planet Tv di Sky che mandare in onda delle cassette registrate.”
191

; la novità fondamentale di Nessuno tv consiste nella

produzione di programmi in diretta per i bouquet satellitari, “che non prevedevano altro fino a quel momento . Già in questa prima fase si distingue, dunque, per una forte spinta verso l’innovazione, e per un’attenzione particolare allo sviluppo in profondità delle tematiche politico-sociali: “Ci si rivolge a Nessuno non per avere l'ultima notizia prima degli altri, ma per capirla meglio degli altri, per approfondire e dibattere temi ed eventi che altrove vengono bruciati in una giornata o più spesso nemmeno trattati”
192

.

La programmazione viene però interrotta, e l’emittente riorganizza la propria struttura produttiva: “i risultati furono talmente buoni, che gli pseudo-editori di Planet decisero di rescindere d’arbitrio il contratto e di farsi da soli la trasmissione. A quel punto si impose la scelta di prendere noi un canale satellitare per evitare di sottostare a questo tipo di angherie”. Nel gennaio 2005 la Nessuno Tv s.r.l., proprietà di Bruno Pellegrini e Paolo Rossetti, con la partecipazione di due società, la Data & Management e la lussemburghese Cored Holding, inaugura un proprio canale satellitare, l’890 di Sky. Nonostante la soddisfazione per questa guadagnata autonomia editoriale, la collocazione non rispetta i contenuti dell’emittente, finita tra i canali pornografici; ancora oggi è perciò in lotta con Sky per l’assegnazione di un canale nella fascia dei 500, riservata alle emittenti all news. Dal punto di vista economico, si caratterizza come servizio pubblico gratuito, senza canone né pubblicità commerciale. Il 70% dei finanziamenti sono pubblici, e provengono dal Fondo per le agevolazioni di credito alle imprese del settore editoriale, istituito dalla legge n. 62 del 7 marzo 2001. Legge, questa, entrata nell’occhio del ciclone in seguito all’inchiesta della trasmissione di RaiTre, Report, del 23 aprile 2006: è sufficiente fondare un giornale, o un’emittente radio-televisiva, che figuri come organo di un movimento politico, e dunque abbia l’appoggio di almeno due esponenti della politica (deputati, senatori, membri di partito), per avere diritto al Fondo per il sostegno all’editoria. L’autore dell’inchiesta, Bernardo Iovene, mostra come tale legge sia stata applicata a diverse testate, la cui natura di movimento politico risulta essere solo un escamotage per ottenere il finanziamento
193

. La cifra che lo Stato italiano spende annualmente è pertanto
194

passata dai 28 milioni di euro previsti dalla legge del 1981
189

, ai 667 milioni attuali

195

. La legge Gasparri,

Bruno Pellegrini intervista a Punto.com disponibile sul sito: http://www.altratv.tv/html/nessuno_tv.htm. 190 In questa prima fase produce programmi come Insider e A schiena Dritta, condotti da Giancarlo Santalmassi, ex vicedirettore del Tg2 dal 1987 al 1993, e Turbo Tg, telegiornale satirico animato da Stefano Disegni. 191 Bruno Pellegrini, intervista in appendice. 192 Giancarlo Santalmassi sul sito di Nessuno Tv: http://www.nessuno.tv/site/it/nessuno/istituzionale/cosa_facciamo.asp. 193 Giuliano Ferrara, fondatore del Foglio, nell’intervista parla di “trucco legale”. 194 Legge 5 agosto 1981, n. 416. Il testo è consultabile sul sito della Federazione italiana giornalisti:

infine, all’articolo 7, equipara i canali tematici a diffusione satellitare alle radio di partito, garantendone l’accesso ai contributi di Stato. Anche Nessuno Tv fa pertanto parte dei beneficiari del Fondo, non solo come canale satellitare, ma anche come proprietaria della testata giornalistica “La tv di Nessuno”, organo di informazione dell’associazione Ulisse, fondata dai senatori Franco Debenedetti (Ds) e Luigi Zanda (Margherita), per promuovere la libertà di espressione e il pluralismo dell’informazione. Un escamotage? “E’ giusto che lo Stato investa nella ricerca e nello sviluppo e nel pluralismo delle opinioni, che sostenga diverse voci e progetti di ricerca e sviluppo nel campo dei media, e per questo motivo mi sento abbastanza sereno di averli presi. Che poi il fine della legge fosse quello di dare dei soldi in più ai partiti politici... in questo momento abbiamo trovato delle risorse per fare dei progetti che altrimenti non sarebbero potuti essere finanziati, in quanto, per colpa di altre leggi, fatte ancora peggio di questa, il mercato pubblicitario è strozzato e quindi non si può innovare in questo Paese, se non perdendoci un sacco di soldi [...] Se non ci fossero non avremmo sperimentato la blog tv, non avremmo fatto la video partecipazione, non avremmo creato un ambiente dove si può discutere di politica in modo diverso rispetto al precedente.” (Bruno Pellegrini). Insomma, senza pubblicità non per scelta, ma per necessità: “Il mercato pubblicitario, dove vede delle teste e un posizionamento, in teoria dovrebbe investire perché ha dei ritorni sul tipo di audience che andrà a cercare. Purtroppo il nostro mercato pubblicitario è in mano a due sole concessionarie di pubblicità e non è culturalmente preparato a premiare progetti innovativi specifici, segmentati, di target”. Con questo assetto Nessuno Tv inizia la sua avventura: la programmazione si arricchisce di altre trasmissioni di approfondimento
196

, con un’offerta basata sull’attualità e sul talk show. Una scelta che ha due

motivazioni principali: la prima è il target di riferimento, un pubblico di età compresa tra i 25 e i 45 anni, la cui necessità di informazione non è soddisfatta dai media mainstream; la formula del talk show consente di fornire questo servizio puntando sull’approfondimento anziché sulla novità, mantenendo, ed è questa la seconda motivazione, costi bassissimi. E’ in questa seconda fase che parte anche il progetto Blog-Tv, cui segue Blog Generation. Sono le esperienze più innovative, che tentano di ripensare la natura stessa della televisione tradizionale: “Come fosse un contatto tra due pianeti, o una fusione nucleare, stiamo assistendo ad un fenomeno unico di contaminazione tra due media e di fusione tra due linguaggi molto diversi. Uno estremamente codificato, burocratico, centralizzato, obsoleto come quello televisivo. L’altro anarchico, destrutturato, diffuso e molto innovativo come quello dei blog” (Bruno Pellegrini). Vediamo allora qual è il nuovo fluido che si ottiene dalla fusione tra blogosfera e mediasfera e come è stato possibile realizzare questa ibridazione.

http://www.gusnazionale.org/Leggi/legge_editoria.htm. 195 Il testo e il filmato dell’inchiesta sono disponibili sul sito della trasmissione, http://www.report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0,7246,243%255E90227,00.html. 196 Come Reporter, condotto da Paolo Mondani; ControAdinolfi, di Mario Adinolfi; EffeDi, di Franco Debenedetti; Presa Diretta, di Aldo Torchiaro.

3.3 Multimedialità allargata e copy left Il progetto di apertura della televisione al pubblico e alle logiche di rete non sarebbe stato possibile senza una revisione dei confini del medium televisivo e delle sue peculiarità. Il processo di convergenza è stato pertanto affrontato non in senso centripeto, come nel caso del DTT, ma in senso centrifugo, prendendo la forma che abbiamo definito multimedialità allargata: non un unico apparecchio di ricezione che riassume in sé tutte le funzioni, ma molteplici supporti mediali sui quali distribuire e “spalmare” l’offerta dell’emittente. “Limitarsi a un unico medium poteva essere una strategia efficiente quando questo medium era egemone e poteva influenzare l’opinione pubblica; ma anche in quel tempo lì, le campagne di comunicazione, piuttosto che i progetti e i format, i programmi più efficaci, erano quelli che riuscivano in qualche modo a sfruttare e a fare leva sulle caratteristiche dei diversi mezzi [...] C’è sempre stata una strategia del multimediale, tanto più oggi. Quello che si sta facendo non può essere ridotto a occupare uno spazio televisivo [...] il progetto comunicativo deve saper sfruttare efficientemente tutti i diversi mezzi che sono a disposizione per massimizzare il proprio valore”. Oltre che dal satellite, Nessuno Tv è perciò fruibile in streaming dal web: tramite un link sull’home page del sito è possibile scaricare sul proprio computer (o qualunque altro device connesso alla rete) il software peercast; terminato il download inizia in automatico lo streaming. Il limite della trasmissione su internet è principalmente dovuto alle ancora consistenti carenze di copertura del territorio delle tecnologie adsl o fibra ottica: a fine 2005 c’erano in Italia 6,7 milioni di connessioni adsl
197

,

che arrivavano a 7 milioni con le altre tecnologie di accesso, essenzialmente la fibra ottica; nonostante il numero di utenti continui a crescere, il rapporto Anfov colloca l’Italia in posizione di inferiorità rispetto agli altri paesi Ocse, dopo la Spagna e subito prima del blocco costituito dai Paesi dell’Est Europa
198

. E’ un problema

cui si dovrà presto dare soluzione per colmare il digital divide, ormai considerato da governi e organizzazioni internazionali una limitazione dei diritti della persona nella società dell’informazione. Come affermato un po’ enfaticamente da Marco Esposito durante la nostra intervista: “Un pc non connesso a Internet è un pc morto. Io ritengo che l’adsl dovrebbe essere un diritto garantito dalla costituzione”. Purtroppo, però, il problema esiste, così come esiste una scarsa penetrazione del satellite: non tutti sono infatti disposti a pagare per contenuti televisivi che, sebbene più pregiati, sono offerti gratuitamente dalla tv analogica. Per questo Nessuno Tv trasmette, tramite accordi di syndacation, anche sulle reti locali terrestri; oltre ad avere rapporti ormai consolidati con la maggior parte delle reti locali italiane (circa trenta), i programmi sono messi a disposizione di qualunque emittente ne faccia richiesta: basta inviare un’e-mail alla redazione con il programma e la puntata desiderati, per ottenerla senza costi. Tutti i programmi dell’emittente sono infatti copy-left: la logica e la cultura di rete rompono così uno dei capisaldi del mercato televisivo, la proprietà dei programmi e dei contenuti prodotti o acquistati dall’emittente. Abbiamo visto come la logica di mercato, soprattutto nel terreno dei contenuti premium, abbia creato un rialzo dei prezzi che ha letteralmente tagliato fuori dalla competizione nuovi soggetti, annullando di fatto la promessa del digitale di moltiplicare le voci nel mediascape.

197
198

Rapporto Anfov, Affari & Finanza 19/06/06 anno 21 n. 23 Rapporto Anfov, disponibile sul sito http://www.anfov.it/.

La logica del copy-left non cerca il profitto, né l’esclusiva sui prodotti, ma crea ugualmente valore: innanzitutto permette di avere una visibilità non relegata ad un solo medium, o ad un solo canale, ma estesa all’intera filiera dell’industria audiovisiva; attraverso una politica del marchio, che renda riconoscibile il contenuto come prodotto da Nessuno Tv, si ottiene un tipo di marketing molto efficace, senza costi aggiuntivi rispetto a quelli della creazione del programma. In secondo luogo permette di instaurare un rapporto fiduciario con il pubblico e con i partner degli accordi, basato sulla percezione di un interesse non economico al progetto editoriale, ma in qualche modo etico: diffondere la voce di nessuno, e quindi di tutti, è un valore in sé, così come, lo abbiamo visto parlando della nascita di Internet, per la cultura hacker l’innovazione e la partecipazione al miglioramento del sistema sono scopi che non hanno bisogno di motivazioni economiche. Già in questa impostazione è ravvisabile, dunque, una rimediazione della tv che accoglie le istanze della cultura di rete, sovvertendo il paradigma televisivo. Ci rendiamo conto della difficoltà di applicare un tale modello industriale a realtà non finanziate da fondi pubblici, realtà che hanno dunque necessità di creare profitti per produrre contenuti di qualità. E’ pur vero però che l’abbattimento dei costi legati alla produzione audiovisiva è ormai una realtà, in particolare per quanto riguarda l’hardware: telecamere, work station per il montaggio e la post produzione hanno costi minimi se comparati con quelli dell’analogico; la multimedialità allargata elimina la necessità di un’infrastruttura invasiva e costosa, totalmente a carico dell’emittente. Solo la necessità di preservare professioni e tecnologie già esistenti sta rallentando una trasformazione per la quale esistono già le condizioni tecnologiche. Pur riconoscendo, dunque, la difficoltà di applicazione alla realtà industriale, riteniamo che il copy-left applicato ai contenuti televisivi sia un primo passo verso la sua rimediazione secondo le logiche dei nuovi media. Un’altra piattaforma di trasmissione è la radio: attraverso un accordo con Radio Città Futura ed EcoRadio, alcuni programmi
199

sono registrati negli studi radiofonici, e mandati in onda su entrambe le piattaforme. Il

risultato è una radio che si guarda e una tv che, finalmente, si ascolta: l’approfondimento della radio e la visibilità dello speaker arricchiscono il linguaggio dei due media, e ne ampliano la diffusione. Anche qui le opportunità, oltre che di linguaggio, sono di visibilità e di richiamo per un pubblico diverso da quello televisivo: l’ascoltatore radiofonico assiduo potrebbe, infatti, decidere di fruire quello stesso contenuto su un medium differente da quello cui è abituato; vedere lo speaker mentre conduce la trasmissione e decidere, in seguito a questa esperienza, di dedicare parte del suo consumo mediale a Nessuno Tv. Il fatto poi che Mario Adinolfi, conduttore di Reporter, abbia un’altra trasmissione autonoma su Radio Città Futura in un altro orario, ed un’altra ancora su Nessuno Tv, permette di creare un’osmosi tra audience dei due media, sostituendosi alla lotta per l’attenzione che i media affrontano quotidianamente gli uni contro gli altri. Anche questo approccio non è che una trasposizione televisiva della logica del linking tipica della cultura di rete, e in particolare del blog: la strategia dell’emittente non punta alla permanenza del pubblico sul proprio canale, ma al suo movimento da una piattaforma all’altra, da un canale all’altro, senza temere la concorrenza tra emittenti e media diversi, ed anzi, alleandosi per una copertura diffusa del mediascape. Ma il partner più rilevante è, senza dubbio, Il Cannocchiale, piattaforma blog del quotidiano Il Riformista: è attraverso la sinergia tra comunità di blogger ed emittente, che Nessuno Tv può procedere con il suo programma di contaminazione e apertura della televisione ai linguaggi e agli utenti della rete.

199

Reporter e Stampa e Regime.

La collaborazione nasce nell’ottobre del 2005 per rendere possibile la realizzazione di Blog Tv: per ottenere l’adesione dei bloggers, Nessuno tv si allea con Il Cannocchiale, che nel frattempo mette a disposizione la possibilità di inserire dati audio-video, trasformando alcuni dei suoi blog in vlog. L’accordo non è di natura commerciale: “E’ una collaborazione gratuita che porta audience e bloggers a noi e nuovi bloggers a loro; Il Cannocchiale ha molte iniziative, per esempio l’inserto cartaceo su Il Riformista; diciamo che così hanno anche l’inserto televisivo”. L’home page della community ha una sezione dedicata alle notizie di Nessuno: il lancio di Blog Tv prima e Blog Generation poi, le richieste di adesione per il film, il tema della puntata di Blog Generation. E, ovviamente, il link www.nessuno.tv. Anche questo non fa che allargare l’audience della tv, e inoltre, crea un contatto con il mondo del blogging. Un ultimo partner fondamentale è Digital Magic che ha fornito MyCast, un sistema di comunicazione per la video partecipazione del pubblico di Blog Generation. Con questo impianto concettuale e con questa strategia pervasiva, Nessuno Tv si avvia verso la sperimentazione della televisione partecipata. 3.4 Dal blog al blob: i video dei vloggers dalla rete al satellite. Introdotto da una breve sigla, accompagnata da una grafica accattivante, Blog Tv è una finestra sul mondo della produttività delle audience: i video in onda sono i video estrapolati dai vlog della rete, prodotti e postati dagli autori dei vlog stessi. Provenendo dall’ambiente di rete, i video recano con sé le tracce di questa genitura, profondamente diversa dallo stampo che da forma ai contenuti televisivi: la trasfusione di frammenti audiovisivi, originariamente dislocati lungo una miriade di nodi-individui, nella scatola televisiva, modifica completamente la loro natura e il loro significato; in questo salto le possibilità di innovazione dei linguaggi di entrambi i media sono potenzialmente infinite, dipendenti solo dalla fantasia dei video maker e degli autori televisivi, nella combinazione e ricombinazione dei file, nel gioco con la loro duplice natura, di dato informatico e oggetto culturale. E’ attraverso questa esperienza che Nessuno Tv propone un modo nuovo di intendere la tv e il suo pubblico: non una massa amorfa da catturare, ma un insieme di individui impegnati nella manipolazione di oggetti mediali, nella produzione di immaginario, e in grado, quindi, di partecipare al palinsesto e alla programmazione dell’emittente: “Blog tv è un’estrema contaminazione dei mezzi, non tanto nella fase distributiva, che sinceramente mi interessa anche meno, quanto nella fase produttiva e creativa, che invece è la nuova novità; da tempo le tv distribuiscono i propri programmi su internet, però fatti così, per la televisione e poi messi a disposizione di tutti su internet o sulle cassette. La vera novità è la fase produttiva e creativa: per la prima volta le persone sono state abilitate a fare comunicazione audio video con le due lire della telecamera che c’ho davanti” (Bruno Pellegrini). La nascita di Blog Tv è stata anticipata, come accennavamo sopra, dall’evoluzione della piattaforma di blog Il Cannocchiale, in piattaforma per il vlogging: questo ha creato le premesse perché nuovi video maker nascessero all’interno della comunità, dunque in un ambiente già fortemente coeso e caratterizzato dallo scambio gratuito delle proprie produzioni.

L’accordo tra Nessuno Tv e Il Cannocchiale ha fatto sì che l’emittente avesse un accesso privilegiato alla comunità, effettuando una campagna di marketing dall’interno: il fatto che fosse la piattaforma stessa a promuovere il progetto di Blog Tv ha reso più semplice la conquista della fiducia dei vloggers e più efficace la comunicazione del progetto. Dal punto di vista legale, sia i vlogger che l’emittente sono tutelati dalla firma di una liberatoria nel momento in cui l’utente decide di partecipare alla trasmissione: “E’ una liberatoria che consente di trasmettere i video senza incorrere in rischi di violazione del copyright, e allo stesso tempo è un’assicurazione per Nessuno tv che questi contenuti non vengano venduti a terzi in esclusiva” d’ora
201 200

.
202

Il programma consiste in un’ora giornaliera di Blog Tv italiana, suddivisa in quattro blocchi da un quarto . I video vengono trasmessi sul satellite e archiviati per tutta la giornata sul sito di Nessuno Tv , dove i vlogger possono controllare se sono stati selezionati e a che ora saranno messi in onda. La sequenza dei video non segue una struttura narrativa, ma si abbandona all’eterogeneità che caratterizza la blogosfera; abbiamo visto come il blog sia un oggetto mediale di natura particolare, non classificabile per generi (anche se ci sono certamente dei temi e delle issues privilegiate in ognuno), ma intorno alla personalità dell’autore: “un blog è un’applicazione del network sociale che rappresenta l’elemento singolo del sistema: l’individuo”
203

. Sono i suoi interessi, la sua personalità, le sue opinioni sul mondo, che determinano i

contenuti del blog. Questo fa sì che ogni video che compone Blog Tv non sia parte di un plot: la puntata non è un racconto, ma una raccolta di frammenti, il cui significato è racchiuso tra l’inizio e la fine del singolo video; il video successivo non assume un significato nuovo o aggiuntivo rispetto al precedente, ma racconta un’altra storia, con codici e linguaggi propri, e registri comunicativi totalmente differenti. L’estetica del data base entra prepotentemente a contaminare la narrazione televisiva, tradizionalmente lineare, destrutturandola in un flusso audio-video sconnesso e scomposto. Potremmo dire che BlogTv realizza una trasformazione del blog in blob, un fluido mediatico che invade lo schermo, privo di forma e di confini
204

. Opinionisti, media attivisti locali, lezioni di cucina, consigli e

informazioni sul mondo

dell’alimentazione vegana e biologica; ma anche cortometraggi, racconti di viaggio, remix di immagini registrate dalla televisione, da film o scaricate dalla rete: Blog tv è tutto questo.

200 201

Marco Esposito, intervista in appendice. I primi due blocchi vanno in onda dalle 19,15 alle 19,30 e dalle 20,15 alle 20,30, inframezzate da Presa Diretta e seguiti da ControAdinolfi, programmi di punta dell’emittente, attribuendo dunque a Blog Tv una funzione di traino; un altro inserto è a chiusura di Blog Generation, dalle 18,20 alle 18,35 e presenta un quarto d’ora di blog tv internazionale (soprattutto statunitense); poi dalle 23 alle 23,30 c’è un’altra fascia di blog tv italiana. 202 I video sono elencati in una colonna a destra della home page con fermo immagine del video, titolo, indirizzo del blog da cui proviene e ora di messa in onda; ciccando sul fermo immagine è possibile vedere il filmato; non è invece possibile scaricarlo, per rispettare l’accordo stabilito alla firma della liberatoria. 203 Peter Kaminski, http://peterkaminski.com/archives/000219.html. 204 Nella puntata del 7 giugno 2006, per esempio, la sequenza dei video segue questo ordine: Retracto, un video di Wouq che presenta il progetto di una rivista d’arte; Skeleton Gig, di Ledz, che mostra lo spettacolo di strada di un burattinaio; Donna Estate, di Drogamaro, un video realizzato in grafica 3D; Casa Batillò, di Beginning with I, il video del suo viaggio in Spagna; Grazie, di Lilly Davis in cui l’autrice si pronuncia a favore del ponte sullo stretto di Messina; Il curato di campagna, di Maurizio Dovigi, che riporta l’opinione del vlogger sull’ultima riunione dell’esecutivo; Sindaco di Gela, di Comunicalo, un video informativo, realizzato sullo stile dei servizi giornalistici, sull’esternazione del Sindaco a proposito dell’ultimo video game sulla mafia, Il Padrino; Il corvo Joe, di BlogBlob, un cortometraggio di ottima qualità tecnica; La squadra di Antonio Masotti, in cui le immagini della riunione di governo del 4 giugno 2006, tratte dal tg2, sono commentate dalla radiocronaca di una partita di calcio; in questo modo l’autore realizza un’associazione tra la formazione della squadra di governo e l’azione sul campo di una squadra calcistica, proponendo una lettura ironica degli avvenimenti di politica interna.

Per comprendere l’eterogeneità dei contributi, facciamo alcuni esempi più concreti; sceglieremo due autori, particolarmente significativi per il numero di passaggi televisivi ottenuti, tanto da sancirne lo status di blogstar di Nessuno Tv: Maurizio Dovigi e Antonio Masotti. Maurizio Dovigi
205

ha un vlog (anzi, tiene a specificare di essere stato il primo in Europa ad averne aperto

uno) dal novembre 2003, e un archivio video, perciò, decisamente consistente. I suoi video hanno una durata media di circa tre minuti, e consistono in una sorta di editoriale sui temi di attualità più dibattuti. L’interpretazione di Dovigi del Vlog è pertanto una traduzione nel linguaggio audiovisivo del post tradizionale, verbale: come il post è l’opinione dell’autore, la sua visione su un tema oggetto di discussione, più in generale il suo “pensiero del giorno”, così il video-post è questa stessa opinione, da lui espressa davanti a una telecamera; la riconoscibilità dell’autore, che sul blog è data dal contesto di lettura, nel video viene conservata mostrandone il volto. Questa tipologia di vlog può essere letta come esemplificativa del discorso sulla performatività delle audience, e degli individui in generale, nella società post moderna: le tecniche oratorie, l’espressività e la persuasione del public speech sono incorporate e fatte proprie; l’uomo comune, il nostro Leo Bloom italiano, si trasforma nel leader d’opinione, il cui vlog conta ben 185.699 visite
206

, e i cui video hanno ulteriore risonanza nella messa in onda sul satellite. L’individuo, da ascoltatore,

si fa attore: la sua esistenza è vissuta come continua performance di fronte a un pubblico, come messa in scena della propria personalità, del proprio pensiero. Ben lungi dalla condizione di anonimato della società di massa, la società performativa si compone di individui-attori i cui pensieri e le cui sensazioni assumono narcisisticamente la rilevanza accordata alle elite intellettuali o ai membri dello star system. Il secondo caso, Antonio Masotti
207

, si differenzia dal primo per l’uso che fa del linguaggio audiovisivo e per

il significato che attribuisce ai video-post: i suoi lavori, anch’essi di durata molto breve, circa due minuti, sono un remix di spezzoni video tratti dai telegiornali nazionali, da trasmissioni in onda sulla tv in chiaro, da film celebri o da video trovati sulla rete. Il significato del video nasce dalla giustapposizione di tre differenti linguaggi: il montaggio, che stabilendo una corrispondenza semantica tra i singoli spezzoni e la loro successione, stabilisce già un primo livello di significato; la musica, o gli effetti sonori, sono un ulteriore canale di comunicazione che indirizza la lettura del video; il linguaggio verbale, attraverso l’uso di titoli in sovraimpressione, infine, completa e esplicita il senso che l’opera vuole complessivamente comunicare. Questa tecnica di produzione ricorda il bricolage e il cut up, che avevamo descritto a proposito della produzione sottoculturale: gli oggetti di consumo (compreso il consumo culturale), sono estrapolati dal loro contesto tradizionale e caricati di nuovi significati. Con il fandom l’estetica dell’uso, come concettualizzato da De Certeau, diventa il motore per la produzione di narrazioni seconde a partire dai testi veicolati dai mass media: il cross-over, il riallineamento morale, la rifocalizzazione sono tutte strategie testuali che mirano a decostruire il senso originale e a raccontare storie diverse da quelle diffuse nel sistema mediale. Ma anche il media attivismo si basa sulla stessa logica, decostruendo tramite il subvertising e il detournément i significati ideologici celati nel senso comune, facendone così esplodere le contraddizioni. I video di Masotti usano e riusano frammenti video provenienti da telegiornali, film e documentari in chiave ironica, e sono perciò riconducibili a un uso del vlog come riappropriazione della semiosi, come affermazione di un significato altro rispetto a quello diffuso dalla mainstream culture.

205 206

http://nofilter.splinder.com/. Dato riferito al 3 giugno 2006 . 207 http://antoniomasotti.ilcannocchiale.it/.

Attraverso le sue diverse anime, Blog Tv porta in televisione la frammentarietà e le estetiche dei nuovi formati: brevi, visivamente “sporchi”, basati sul remix di materiale pre-esistente o sulla autorappresentazione narcisistica degli individui performers. Ma ancora più importante, porta in tv la performatività del pubblico, che trova un suo canale di visibilità al di fuori della rete. La televisione diventa uno spazio di libera espressione nelle mani del pubblico, un luogo in cui l’immaginario si diffonde e procede in senso inverso rispetto al percorso tradizionale: dal corpo sociale, attraverso una molteplicità di canali, giunge al centro di irradiazione televisiva, per poi diffondersi e ritornare al punto di origine. E ricominciare il suo percorso di riscrittura e commento. Forse, per una volta, l’affermazione “è quello che il pubblico vuole” ha un suo fondamento. 3.5 Blog Generation: un nuovo pubblico nella tv. Blog Generation è un programma interamente dedicato al mondo del blogging. Il format è quello del talk show: un argomento di discussione viene lanciato all’inizio della trasmissione tramite un filmato che ne spiega i punti fondamentali, e alcuni ospiti iniziano un dibattito moderato dal conduttore. Fin qui niente di nuovo. La particolarità del programma sta nella tipologia di ospiti, nella modalità della loro partecipazione e nella scelta del tema di discussione. Sono infatti i bloggers che vengono invitati a partecipare e commentare la notizia in trasmissione: tramite le web cam e un sistema di comunicazione, che l’utente attiva da un link sull’home page, i bloggers possono intervenire di persona al dibattito, dire la loro come fosse un post sul proprio blog. Lo studio, molto piccolo e semplice, sembrerebbe uno studio virtuale: il conduttore è seduto su uno sgabello, e alle sue spalle troviamo una parete con due piccoli monitor-oblò, sui quali appaiono i filmati oggetto del dibattito e i volti degli spettatori che partecipano alla trasmissione. Il conduttore introduce gli interventi e dialoga con i partecipanti, ma l’aspetto più interessante è senza dubbio il dialogo che gli stessi video partecipanti intrattengono tra loro, replicando l’uno alle affermazioni dell’altro, precisando, rispondendo. In questo modo un formato ormai classico della tv, quale il talk show, si rinnova a partire dal superamento dei suoi limiti strutturali: la partecipazione del pubblico nel classico talk è, infatti, limitata alla partecipazione in studio, “delle cattedrali nel deserto di Cologno Monzese o di Saxa Rubra, dove vengono deportati con degli autobus”; l’alternativa, cioè la partecipazione tramite telefono, non permettendo la presenza fisica dell’interlocutore, ne sancisce in qualche modo l’inferiorità rispetto al conduttore e agli ospiti in studio: ha un tempo di intervento limitato e una qualità decisamente scarsa rispetto a un collegamento video, che permette di usare anche la comunicazione non verbale. “La video partecipazione è più congeniale al mezzo televisivo, al contrario della telefonata, è un modo di arricchire la trasmissione; inoltre quando è l’utente semplice a collegarsi, succedono sempre cose carine: il passante che si incuriosisce, la telefonata dall’amico sul cellulare dell’utente collegato con noi...”. La visibilità del pubblico determina l’emergere di leader d’opinione, persone la cui partecipazione è un appuntamento fisso, che si trasformano in veri e propri personaggi televisivi: “Se tu riesci a creare il personaggio, la trasmissione ne guadagna: è come se avessi un ospite fisso. Timoteo per esempio è giovane, spontaneo e diretto, mentre molti ripropongono modalità di intervento più tradizionali. Chi è più spontaneo può invece risultare più simpatico, più alla portata”. Anche in questo caso una grande spinta alla

partecipazione è il narcisismo e la voglia di identità forti e riconosciute: diventare personaggio televisivo è alla portata di tutti, basta volerlo; le adesioni in trasmissione dimostrano quanto un tale desiderio sia diffuso. Il tema della trasmissione è il mondo del blog e la blogosfera, un argomento ancora poco conosciuto al di fuori della comunità. Per questo la strategia dell’emittente ha puntato su un’evoluzione del programma in due fasi: “La prima è stata quella settimanale, che è andata avanti da metà ottobre 2005 fino ad aprile 2006 […] In questa fase abbiamo scandagliato il mondo dei blog, è stato come se li avessimo accompagnati verso la conoscenza di questo nuovo mondo: abbiamo spiegato prima cosa è un blog, perché i blog potevano essere rivoluzionari. Anche perché altrimenti sarebbe stato incomprensibile per chi ci avesse seguito”. In questa prima versione gli ospiti non sono solo bloggers, ma “esperti” invitati dalla redazione, presenti in studio o raggiunti da tradizionali collegamenti televisivi via satellite. Il programma nasce, dunque, inizialmente come un’esplorazione e un’analisi di questo nuovo strumento di comunicazione, di cui si intravedono subito le potenzialità rivoluzionarie. Terminato il processo di familiariarizzazione con l’oggetto blog, si è passati perciò alla seconda fase: “La fase del quotidiano, più corto, dura 20 minuti ed è completamente diverso come format: in studio siamo io o Bruno e le web cam e basta, cosa che era successa solo una volta in BG settimanale. Sono tre, quattro anche cinque interventi a puntata, a seconda di quante persone intendono video partecipare”. E’ in questa seconda fase che il contatto tra blog e tv si fa più interessante, poiché può abbandonare l’argomento blogging dal punto di vista tecnico-teorico, ed affrontarlo nelle sue manifestazioni concrete, mutuarne i meccanismi e le logiche: dal racconto del blog, alla pratica del blogging. Vediamo come. A differenza del classico talk, i temi del dibattito non sono decisi dalla redazione e calati dall’alto, ma individuati dai bloggers stessi attraverso i loro percorsi in rete. Come abbiamo visto analizzando il blog, ogni post ha un indirizzo univoco (permalink), denominato con un tag, grazie al quale programmi detti aggregatori (Technorati in testa), possono stabilire una classifica dei blog più visitati e, soprattutto, dei post più linkati. Questo consente di monitorare la blogosfera e palesare quali sono i movimenti degli utenti al suo interno: la notizia più letta, il blog più seguito, il post più commentato. La redazione di Nessuno tv recupera questa notizia e la propone al suo pubblico, portando il dibattito dalla realtà virtuale della blogosfera a quella quasireale della mediasfera: “ogni giorno c’è un tema tratto da uno degli argomenti che hanno ricevuto il rank maggiore secondo Technorati; la trasmissione si chiude invece con una pillola particolarmente commentato e raccontandolo con un tono abbastanza leggero”. In questo modo la tv diventa l’altra faccia, il complemento, di Technorati: mentre il sito, infatti, coagula il variegato mondo dei blog intorno a parole chiave, eliminandone le sfaccettature e annullando le singole posizioni, Blog Generation compie il percorso inverso, riproponendo la scomposizione della notizia nelle voci che l’hanno resa tale; dalla notizia si ritorna così al fatto, e da questo alle opinioni e alla conversazione, che arricchiscono la notizia stessa, riconducendola alla sua matrice fondamentale, cioè la componente umana, la soggettività degli individui. Questo consente una maggiore rappresentatività del dibattito rispetto alla realtà, rompendo il circolo vizioso dell’autoreferenzialità, che troppo spesso caratterizza i talk show televisivi: la notizia è stata valutata e trattata dal pubblico, e sarà da lui dibattuta e sviscerata; la mediazione dell’emittente è la condizione che
208

dedicata alla piattaforma

del Cannocchiale, in cui si parla di un post in particolare della giornata, cercando di sceglierne uno

208

Breve servizio costituito, in questo caso, da una grafica che riproduce la pagina di un blog e il post di cui si parla, letto da una voce fuori campo, lo speaker.

consente di mettere in contatto gli interlocutori al di fuori di internet. Bruno Pellegrini la vede così: “Chi ci guarderà sul satellite o sul mobile in quel momento non è al computer, e magari vuole e ha bisogno di sapere nell’altro mondo, quello che lui visita quattro o cinque volte al giorno, cosa sta succedendo: è un servizio”. Come per i video di Blog Tv, infine, la conversazione e la circolazione della notizia non si fermano alla trasmissione televisiva, ma continuano il loro percorso nei gangli del sistema mediale, tornando in rete. La trasmissione tv è infatti accompagnata da un suo blog sul Cannocchiale, dove gli utenti possono trovare ogni mattina il tema di discussione della puntata pomeridiana e l’archivio delle puntate sotto forma di post: “Questa pillola
209

finisce poi sul blog della trasmissione, e questo fa aumentare il giro della community: io

lascio un commento a quel post, creando il dibattito intorno all’argomento; tutta la comunità conosce la trasmissione, quindi va sul blog e commenta la pillola speakerata e questo aumenta la comunità intorno alla trasmissione”. Questo gioco di attraversamento di territori mediali diversi, garantisce a Nessuno un feedback continuo e una crescita esponenziale del proprio pubblico: non dimentichiamo che i blogger sono in primo luogo autori, ed hanno pertanto un loro pubblico, presumibilmente a sua volta autore. La strategia di sconfinamento della tv nella rete determina, perciò, un circolo virtuoso in cui il pubblico può crescere proporzionalmente alla crescita della comunità blogger: che abbiamo visto proseguire con ritmi sorprendenti (vedi Fig. p.). In un frammento temporale di circa mezz’ora, la televisione apre le porte-monitor al disordinato mondo delle audience effettive, permettendo di mostrarne la competenza (sia culturale che tecnologica), e la voglia di partecipare alla realtà, altrettanto disordinata, in cui viviamo. Ma, soprattutto, la rottura dei confini televisivi e la creazione di una presenza dell’emittente in rete, consentono di estendere l’attenzione del pubblico ben oltre la mezz’ora di programma, trasformando l’esperienza di guardare la televisione, nell’esperienza di far parte di una comunità di autori-lettori continuamente in dialogo tra loro: la tv non è più un sistema di allocuzione, ma un luogo di conversazione.

3.6 Le mie elezioni: smart mobs e networked-cinema L’ultimo esperimento di casa Nessuno Tv unisce televisione e rete in un viaggio verso la contaminazione di un ulteriore territorio mediale, il cinema. “Le mie elezioni” è il primo film interamente costruito a partire dai contributi video dei vloggers italiani, chiamati da Nessuno e dal Cannocchiale a documentare le due giornate di elezioni politiche dell’aprile 2006. Lo scopo del progetto era produrre un documentario che raccontasse un momento molto delicato della società italiana, colpita da tensioni sul piano politico tali da rendere questa tornata elettorale particolarmente importante, soprattutto per quanto riguarda la libertà di informazione e il sistema dei media. Il progetto è stato lanciato dall’emittente nei mesi precedenti le elezioni attraverso un banner, sia sul sito di Nessuno tv che su quello del Cannocchiale, che invitava i vloggers, e i video-maker in generale, a filmare, con qualunque mezzo, dalla telecamera professionale ai videofonini, tutto ciò che potesse descrivere l’atmosfera pre-elettorale: le sensazioni degli italiani al voto, le loro opinioni circa il governo in carica e l’opposizione, le speranze per il futuro. L’iniziativa ha ricevuto subito un gran numero di adesioni: “Il film è
209

Il post selezionato dal Cannocchiale con cui si conclude la puntata.

arrivato al momento giusto, nel senso che era un anno esatto dall’inizio della blog tv e quindi avevamo un buon numero di vloggers che potevano partecipare, eravamo già sopra i 100. Poi l’evento ha permesso di estendere la partecipazione ad altri bloggers che non avevano mai lavorato con noi [...] E’ stato un momento decisivo, siamo cresciuti di numero, siamo passati da 100 a 150”. Il materiale è stato quindi raccolto dall’emittente che, con la direzione del regista Stefano Mordini, ha selezionato, tra le centinaia pervenuti, i contributi più significativi: “E’ stato un lavoro molto stressante, perché i filmati erano tantissimi e concentrati su due giorni; la scelta definitiva è spettata a Stefano, il mio compito era coinvolgere e far partecipare più possibile i vloggers e raccogliere il materiale, scremarlo dicendo a Stefano cosa si poteva aspettare da ogni filmato. Prima di dargli il materiale gli avevo illustrato un po’ tutti i nostri blogger: che tipo di video facevano, come sapevano usare la telecamera e devo dire che tra alcuni di loro ce ne sono di veramente bravi”. I vloggers, coordinati dall’emittente, si organizzano, e da comunità di individui, che procedono parallelamente ma individualmente, diventano una smart mob
210

: come gocce d’acqua, si insinuano per due

giorni tra gli spazi delle manifestazioni, tra le cabine elettorali; scivolano nei bar e chiedono opinioni, commenti, riflessioni, anticipazioni. Gli italiani si prestano al gioco: rilasciano interviste, dichiarazioni di voto, speranze e timori per il futuro. La qualità tecnica delle immagini è secondaria rispetto ai contenuti e alla drammatizzazione operata dal montaggio e dalla traccia audio. Ma soprattutto passa in secondo piano rispetto alla ricerca del realismo, della spontaneità di un racconto fatto dai protagonisti: mentre giornali e telegiornali si affannano a riportare le dichiarazioni dei candidati e dei partiti, le dispute e le proiezioni sull’esito delle votazioni, questo film sposta il palcoscenico, da quello dei candidati, a quello degli elettori. Il risultato è una fotografia dell’Italia contemporanea composta da tante voci, un film corale, successione di micro-racconti che, come in un puzzle, solo nella perfetta unione dell’uno con l’altro, mostrano un’immagine completa: “Con due lire e con lo sforzo di tutti siamo riusciti a fare un documentario che nessun altro network ha fatto, dando una reale e veritiera rappresentazione di quello che è successo”. “Le mie elezioni”, selezionato al Bellaria film Festival, è un esperimento di networked-cinema, che capovolge le regole della produzione cinematografica: nonostante l’organizzazione industriale del film abbia bisogno di una divisione del lavoro che chiama in causa diverse professionalità, la figura dell’autore (regista o sceneggiatore) è, nel circuito cinematografico, ancora preponderante; la sceneggiatura, da lui scritta o tradotta nello storyboard
211

, nasce a monte della realizzazione, che procede dunque sulla base di una

struttura narrativa precostituita. In questo caso, invece, il film non ha un vero e proprio autore: non solo perché girato da centinaia di “microautori”, ma perché il regista non ha una sceneggiatura cui fare riferimento, né un’idea di quali immagini potrà servirsi per costruire la sua narrazione. Potremmo dire che non avendo costruito il suo data-base, il regista deve esplorarlo per estrarne frammenti con cui far nascere una storia, un significato. Il suo ruolo è perciò più simile a quello del v.j., basato sul remix, anziché sulla creazione di un’opera unica e lineare.

210
211

H. Rheingold Smart mobs. Tecnologie senza fili, la rivoluzione sociale prossima ventura Milano 2003

Lo storyboard è un disegno usato per progettare la realizzazione di film o altri progetti audiovisivi: è composto da disegni che creano sulla carta un premontaggio di quello che si intende realizzare, una sorta di versione del film a fumetti.

La sperimentazione delle contaminazioni, rese possibili dalla codifica binaria degli oggetti culturali, può dunque realizzarsi in tutti i media, che vogliano accogliere le istanze della cultura e della società postmoderna, abbandonando la logica del network per far propria quella del networking. Questo progetto, come blog tv, manifesta la partecipazione degli individui alla vita sociale e alla costruzione di conoscenza e immaginario, indicativa di una rottura del rapporto fiduciario con le istituzioni mediali tradizionali: “Il problema vero è che con la tv si era spaccato il mondo, tra chi ne faceva parte, cioè i giornalisti, i politici, i personaggi dello spettacolo, e chi era ridotto a una coach potato, che stava lì e doveva sorbirsi tutto quanto, leggere i giornali in cui si parlava di loro ed ambire ad essere loro, come nel Grande Fratello. [...] Adesso si stanno rivoltando le cose: abbiamo capito che loro non riescono a rappresentare la realtà, la nostra realtà, che sono staccati dal nostro senso comune [...] Con “Le mie elezioni” abbiamo visto che non è così, la realtà è molto diversa da come ce la stanno raccontando, e il loro racconto è fatto esclusivamente per conservare il loro privilegio, perché qualsiasi racconto diverso li rivolterebbe subito [...] Questa è la battaglia che è in atto, perché in qualche modo dovremo aver ragione di questa distonia, tra una rappresentazione fine a sé stessa e la realtà così com’è”. Il farsi media dei vloggers è la consapevolezza dell’importanza politica della rappresentazione e dello spazio che separa il segno dalla realtà, e attraverso la codifica, la realtà raccontata dalla realtà decodificata. Riappropriarsi della semiosi, del racconto, è allora l’unica strategia possibile per agire nella realtà, per osservarla per quello che è, al di là del senso comune diffuso dalle istituzioni: i nuovi media, e le logiche che li sorreggono, rendono possibile ora combattere la lotta per il discorso su un piano di parità con gli affabulatori mediatici di professione, svelare i meccanismi del racconto e usarli per puntare i riflettori laddove in genere regna il buio. 3.7 La tv-comunità: dall’audience al rank L’esperienza di Nessuno Tv invita a trarre alcune considerazioni circa la praticabilità di una rimediazione della televisione secondo le logiche dei nuovi media: quale tv otterremo dalla miscellanea di vecchi e nuovi media, comunicazione di massa e masse in comunicazione? Il passaggio che si può osservare è nel diverso rapporto del pubblico con l’emittente. Nessuno Tv, aprendo il progetto editoriale alla collaborazione del pubblico-editore modifica lo statuto della tv, da “scatola parlante”, che divide il mondo fra chi fa comunicazione e chi si limita ad ascoltarla, a luogo di un progetto comunitario, in aggregatore di network sociali: “siamo una meta-community, perché gli interessi di questi vloggers sono diversi, sono già community per il loro gruppo di amici, vivono già in altre community come il Cannocchiale. Quello che noi dobbiamo riuscire a fare è farli riunire intorno a noi e renderli consapevoli ed essere trasparenti nei loro confronti, di quello che stiamo facendo, non tanto per noi stessi, quanto per dare ancora più forza al movimento”. Essere trasparenti significa in primo luogo non intervenire sulle produzioni del pubblico, non censurare, né tagliare o manipolare i contributi dei bloggers, o le video partecipazioni: “Non abbiamo nessuna selezione, né censura e vorremmo in tutti i modi evitare di farla”; “io non metto nessun filtro, non ho mai detto a nessuno ‘questo non lo puoi dire, chiudi questa web cam’, e neanche Bruno l’ha mai fatto. Sotto questo punto di vista è un piccolo successo il fatto che la video partecipazione sia spontanea, da un mese comincia ad andare da sola, senza invitare i bloggers”.

La trasparenza conduce alla creazione di un rapporto fiduciario con l’emittente, un rapporto che si traduce nella fidelizzazione del pubblico-editore alla tv: in Blog Tv “a volte c’è persino il gruppo d’ascolto per quel video; addirittura c’è un’associazione culturale
212

che partecipa a blog tv che fa i comunicati stampa [...] I

bloggers vengono spesso sul mio blog per informarmi di aver inserito un nuovo post, o sul blog di Bruno”. Il rapporto fiduciario con l’emittente è, in un progetto di tv partecipata, un ingrediente irrinunciabile, poiché consente alla programmazione di poter continuare: “Alcuni rapporti con gli storici sono diventati poi anche se vuoi rapporti personali e molti di questi sono diventati video partecipanti di Blog Generation”; nella preparazione del progetto “Le mie elezioni”, “si era creato un rapporto di fiducia con loro, e di comunicazione ormai abbastanza esistente per cui nel momento in cui sono andato a contattarli, anche telefonicamente perché ormai avevo anche i numeri di telefono! -, ho avuto risposta positiva da quasi tutti, tranne chi non era in Italia o chi era impegnato in quei due giorni, per esempio chi faceva lo scrutatore”. Rafforzare i rapporti personali all’interno della comunità è la strategia che consente di avere un feedback dal pubblico, sia in termini di ascolti, che di partecipazione alla produzione del palinsesto. La fidelizzazione dell’audience, così centrale per tutti i media, tanto da giustificare spese di centinaia di milioni in rilevazioni e campagne marketing, avviene per Nessuno Tv in modo totalmente gratuito: riproducendo il meccanismo del rank all’interno della logica televisiva, l’emittente non deve più convincere l’audience a sintonizzarsi, ma solo fare in modo che la comunità aumenti di numero, facendola parlare di sé sul proprio blog, o sul proprio canale (radio o tv locale). Il fatto di essere una meta-community permette, infatti, che l’audience di Nessuno sia la risultante della sovrapposizione di pubblici provenienti da media diversi: bloggers, ascoltatori radiofonici, spettatori televisivi. Il punto di maggior forza è, ovviamente, il pubblico-editore composto dai bloggers: non solo perché è quello che più di ogni altro partecipa al progetto comunitario, e dunque è più legato all’emittente: ma anche perché consente una moltiplicazione potenzialmente infinita. Allargando la partecipazione a un numero sempre maggiore di individui-nodi, Nessuno Tv ha costruito una campagna di marketing virale che procede da sola, per passaparola e linking. Esplorando i blog del blogroll, sull’home page dell’emittente, si nota subito la grande diffusione di uno strumento essenziale e potentissimo: i banner di Nessuno Tv. Questi banner sono sostanzialmente di due tipi. Il primo tipo è il logo di Blog Tv, ed è una sorta di dichiarazione di appartenenza alla comunità: il blogger informa i suoi lettori della partecipazione al progetto, e contemporaneamente li invita a fruire delle sue creazioni anche dal satellite. Il meccanismo della blogstar fa sì che l’emittente possa avvalersi di testimonial d’eccezione, persone la cui influenza sulla comunità è decretata dalla comunità stessa, più che da una strategia di spettacolarizzazione del personaggio; in questo modo il prodotto è stato filtrato e garantito dai leader della comunità, e può, dunque, essere consigliato a tutti gli altri membri. Consiglio che diventa invito alla partecipazione e al coinvolgimento nel progetto. A questo proposito è illuminante il caso scatenato dall’assenza temporanea dal palinsesto e dal vlog di Antonio Masotti. In quell’occasione i membri della comunità hanno reagito, e tre vloggers hanno prodotto un video che riproduce lo stile di Masotti, a lui dedicato, in cui si dichiara ammirazione e preoccupazione per il timore di non vedere nuove opere: in quella occasione “si è creata una sottocomunità di fans del vlogger”. Poco tempo dopo, ecco comparire un nuovo video-post della star di Nessuno.
212

Il centro culturale Filonide, http://www.filonidetaranto.it/.

L’altra tipologia di banner è il link diretto, non al sito di Nessuno, come nel precedente tipo, ma alla diretta televisiva: un bottone è dedicato allo streaming live; un altro al software peercast, nel caso l’utente non abbia mai seguito l’emittente e debba installare il programma necessario alla visione dal pc. In questo caso il blog dirotta l’attenzione del suo pubblico verso la fruizione di Nessuno tv, predisponendo non solo una vetrina per l’emittente, ma un ingresso privilegiato all’audience, che finisce catapultata nel bel mezzo del flusso televisivo. La Tv partecipata, cioè decostruita attraverso l’acquisizione delle logiche dei nuovi media, produce, in conclusione, tre vantaggi sorprendenti: programmi senza costi di produzione, perché ceduti gratuitamente dai vloggers; un’audience potenzialmente infinita ed estremamente fidelizzata; una campagna marketing, anche questa gratuita, e assolutamente efficace, grazie al meccanismo virale del banner e della metacommunity. Le logiche dei nuovi media, aprono, dunque la strada ad un nuovo modello di business per la tv: non più impresa che produce nuovi contenuti e li distribuisce attraverso costose infrastrutture, ma spazio che il pubblico prima riempie e poi guarda. Quello che si ottiene è una tv a costo zero e un’audience garantita. Un buon risultato, indubbiamente. Ma cosa succede ai blog nel passaggio dalla rete al satellite, dal rizoma al flusso? Nel prossimo capitolo cercheremo di comprendere quali significati assume la rimediazione televisiva del blog, e come questi possano essere indicativi di un conflitto in corso per il territorio aperto dalla frontiera dei nuovi media.

CAPITOLO QUARTO LA FRONTIERA, TRA SCONFINAMENTI E RIDEFINIZIONI
E’ il segnale di un Rifiuto. Mi piacerebbe pensare che tale Rifiuto avesse un valore, che tali gesti avessero un significato, che sorrisi e sogghigni avessero una certa qual validità sovvertitrice, anche se, in ultima analisi, essi restituiscono solo il lato oscuro del regolamento, solo il graffito sul muro di un carcere. - Dick Hebdige Sottocultura, il fascino di uno stile innaturale, 1979. Coloro di cui si parla volentieri sono i ribelli più felicemente spettacolari, i ribelli che si ama odiare, poi si ha la disonestà di mostrarsi delusi dal loro conformismo, senza il quale, precisamente, non si sarebbe mai accettato di costituirli pubblicamente in innovatori. Così la cultura dominante gioca con la sua contraddizione centrale: il bisogno e il terrore di una novità che sarebbe la sua morte. - Internationale Situationniste, n. 6, agosto 1961.

4.0 Flusso, data-base, palinsesto, rizoma Finora abbiamo visto come le logiche di rete possano contaminare la televisione, rendendola un aggregatore di network sociali e un luogo che accoglie la comunicazione dal basso. In questa trasfusione di formati e in questo rovesciamento di rapporti di produzione, tuttavia, alcune costanti del mezzo televisivo non possono essere rimosse, ma anzi, intervengono a bilanciare la rimediazione, modificando alcune delle caratteristiche fondamentali dei nuovi media, ed in particolare del blog. Il punto fondamentale su cui avviare la riflessione è il diverso statuto del tempo nei due media, a partire dal quale gli oggetti culturali acquistano caratteristiche peculiari, che li distinguono in quanto a meccanismi di produzione e modalità di fruizione. La televisione è un medium fortemente basato sul tempo: ha a disposizione ventiquattro ore e le deve “riempire” di immagini, suoni, parole. Il risultato di questa operazione è quello che Raymond Williams definì il flusso: “In tutti i sistemi sviluppati di radiodiffusione l’organizzazione caratteristica, e quindi l’esperienza caratteristica, è quella della sequenza o flusso. Questo fenomeno, di un flusso programmato, è dunque forse la caratteristica che definisce la radiodiffusione, allo stesso tempo, come tecnologia e come forma culturale”
213

.

Il flusso implica una pianificazione rigorosa, che avviene attraverso lo strumento fondamentale del network televisivo, il palinsesto. Il palinsesto è una continua cancellazione e riscrittura da parte della struttura produttiva di combinazioni possibili di “pezzi” isolati, i programmi, dato un tempo limitato: la giornata, la settimana, la stagione televisiva, l’anno, il triennio (che rappresenta il momento delle scelte editoriali di fondo, il posizionamento dell’emittente rispetto alla concorrenza, l’identità di rete). Questa modalità di disposizione e fruizione degli oggetti culturali, basata sulla trasmissione sequenziale di contenuti audiovisivi, decisi da gerarchie consolidate (autori, programmisti, editori) e disposti verticalmente, è profondamente diversa dall’esplorazione, tendenzialmente individuale, più o meno casuale, di uno spazio
213

R. Williams Television: technology of cultural form 1974, in Roberto Grandi I mass media fra testo e contesto Milano 1994 p. 101.

navigabile, forma culturale che caratterizza, invece, i nuovi media. Nel nuovo ambiente digitale e interconnesso la comunicazione si disperde in uno spazio strutturalmente rizomatico: “uno spazio infinito senza centro, senza alcun ordine che non sia quello del desiderio, della ricerca creativa e della guida di sé. Uno spazio infinito di azione reciproca, di proiezione condivisa di mondi”
214

.

Questo spazio privo di confini definisce una modalità di organizzazione dei contenuti orizzontale, senza centro, né periferia: il data-base e l’ipertesto. Entrambe queste forme culturali lavorano per compresenza, per archiviazione cumulativa di oggetti comunicativi nella loro dimensione virtuale (di dati informatici). Il tempo televisivo e il tempo digitale hanno, inoltre, una diversa valenza sul piano sociale, definiscono un diverso rapporto degli individui rispetto al contesto in cui vivono. La televisione, medium della modernità fordista, organizza il tempo sulla base di una divisione della giornata in intervalli significativi per la società nel suo complesso: i programmi del prime-time serale corrispondono all’organizzazione del tempo degli individui in lavoro e non lavoro, lavoro di giorno e tempo libero durante la sera e nei week-end; il telegiornale della mattina, del pranzo e della sera corrisponde all’organizzazione della giornata lavorativa dei cittadini, cui si da modo di seguire, tutti alla stessa ora, il racconto del mondo e della società. Non è un caso che gli studiosi della diffusione degli apparecchi radiotelevisivi in Italia negli anni del boom economico, a partire da Tullio De Mauro, vi abbiano individuato una delle spinte fondamentali alla creazione del sentimento nazionale e alla diffusione della lingua italiana nelle province dove ancora si usavano i dialetti. Più in generale, la televisione ha compiuto quella cucitura del tessuto sociale in una comunità nazionale, descritta da Anderson in Comunità immaginate
215

.

Il tempo nei nuovi media, in rete in particolare, ha, al contrario, uno statuto del tutto peculiare: né esclusivamente sociale, né esclusivamente soggettivo. E’ una sorta di tempo soggettivo della società, in cui il sociale si scompone nei suoi elementi singoli, gli individui: ne segue i ritmi, ne asseconda i pensieri. E’ un tempo che riproduce e porta in evidenza i mutamenti avvenuti nella modernità liquida
216

, post-fordista: il

lavoro flessibile, basato sulla conoscenza e sullo scambio di informazioni, ha rotto i confini tra tempo di lavoro e tempo libero, rendendo superflue e poco congruenti con la realtà dei soggetti le suddivisioni in fasce orarie standardizzate, uguali per tutti; ma ha anche reso l’appartenenza ad una comunità una questione di scelta individuale, non necessariamente legata alla dimensione nazionale, ma risultato della formazione di network io-centrati, sempre più spesso trans-nazionali. Uno spazio infinito e un tempo finito, il tempo sociale e il tempo soggettivo: sono questi gli elementi che differenziano le due forme culturali, trasmissione broadcast e comunicazione orizzontale. E’ perciò con queste dicotomie che la rimediazione deve fare i conti; è qui che incontra le asperità delle superfici che sovrappone. Per quanto all’avanguardia, Nessuno Tv è comunque un’istituzione mediale broadcast. E’ comunque televisione. Questo significa che le sue logiche fondamentali si sovrappongono a quelle di rete, che il flusso, incontrando il data-base, vi agisce, modificandolo. Attraverso l’analisi delle routines produttive che costruiscono il palinsesto di Nessuno Tv, vedremo quali rimediazioni subisce il blog, e attraverso questo, come si definiscono il ruolo e la figura del blogger rispetto all’impresa televisiva.

214 215

F. Berardi Skizomedia. Trent’anni di mediattivismo Roma 2006 p. 4. B. Anderson Comunità immaginate Roma 1996 216 Z. Bauman Modernità liquida Roma 2002

4.1 Nessuno mi può giudicare: la rimediazione del blog, tra routines produttive e selezione dei video. La sostituzione dell’orizzontalità spaziale con la verticalità temporale, determina una transizione della forma blog da rete di rimandi ipertestuali, compresenza in uno spazio di molteplici produzioni culturali, a flusso, sequenzialità di segmenti che, come abbiamo visto, modifica il blog in blob. Questo passaggio ha due conseguenze. In primo luogo, una conseguenza estetica e fruitiva: il blog, estrapolato dal suo contesto di ideazione, subisce degli interventi da parte della struttura televisiva che ne modificano i caratteri. In secondo luogo, una conseguenza sul piano della produzione e distribuzione, che consiste essenzialmente nel processo di gatekeeping e selezione dei video da parte dell’emittente. Vediamo questi due elementi più nel dettaglio. L’inserimento del vlog nella programmazione ha richiesto alla struttura televisiva uno sforzo di contestualizzazione necessario per non snaturare eccessivamente i video. Nel loro contesto naturale, infatti, questi attivano significati dialogando con altre informazioni circostanti: il profilo dell’autore, la grafica, i link presenti nel blogroll, i post verbali, i commenti degli altri utenti. Tutti questi elementi funzionano come un cotesto rispetto al video, arricchendone la comprensione. In televisione questi elementi co-testuali sono eliminati; al loro posto rimane un’unica traccia della provenienza dei video dall’ambiente di rete, cioè l’indirizzo del vlog da cui sono estratti: “Togliendo il video dal suo contesto originale, non dico lo snatura, ma lo cambia sicuramente: per esempio mentre nel blog l’autore può inserire un titolo, che spiega meglio il significato del video, noi inseriamo nella maschera video che sta andando in onda” (Marco Esposito). La maschera e l’indirizzo del blog (e l’eventuale testo, non sempre presente), usati congiuntamente, sono la marca della doppia enunciazione del video: la maschera uniforma e ingloba la diversità dei contributi e li colloca all’interno del tutto omogeneo di Blog Tv; l’indirizzo web dichiara, al contrario, l’autonomia della fase creativa rispetto alla fruizione televisiva, rimandando l’approfondimento del significato del singolo contributo all’esplorazione del suo luogo di nascita, il vlog dell’autore. Potremmo dire, dunque, che la televisione non aggiunge senso, ma, anzi, omette dei significati: “Non credo che la televisione aggiunga particolarmente al linguaggio utilizzato dai vlogger, ma che sia semplicemente una vetrina che possa stimolare la produzione ancora maggiore di questi video da parte della comunità dei vloggers, un modo di farsi vedere, di essere lì anche nel mezzo considerato mainstream” (Bruno Pellegrini). Nel caso de “Le mie elezioni”, l’omissione non viene dichiarata, poiché la struttura narrativa, assicurata dal film, permette di integrare perfettamente i video gli uni con gli altri rendendone la lettura lineare, nonostante la costruzione tramite collage. Da questa esperienza sta emergendo una nuova consapevolezza circa le possibilità espressive della Blog Tv, che si concretizzeranno, probabilmente, in un restyling della trasmissione nella prossima stagione: “Arrivati a questo punto è necessaria una trasformazione: il blob è una prima espressione, ed è giusto che sia stato così. Adesso bisogna andarli a tematizzare: per esempio creare una maschera diversa che divida per argomento -attualità, citizen journalism, news, politica- in modo che siano più contestualizzati.” (Marco Esposito). Dello stesso parere Bruno Pellegrini: “Ci dovrà essere assolutamente una direzione artistica,
217

217

solo

il titolo del blog da cui il video è tratto; questo impone di mettere un testo accanto per contestualizzare il

Per maschera si intende un elemento grafico che crea intorno ai video una cornice omogenea.

giornalistica, editoriale, autoriale che faccia più comunità, e quindi si formeranno vari gruppi di vloggers, che magari svilupperanno un programma basato sui loro video fatti all’esterno e lo porteranno in televisione; lì ci sarà un’organizzazione, una formattizzazione
218

, probabilmente, di quello che è. Adesso è una semplice

trasposizione, ma si dovrà capire come aggiungere valore a queste risorse, quindi che tipo di direzione dare, nella selezione, nell’organizzazione, nella miscellanea che si va a fare”. A questa omissione di significatività, o meglio, a questa risemantizzazione, si aggiunge un problema di inclusione/esclusione, che deriva dalla necessità di selezionare i contributi sulla base del tempo loro concesso, cioè un’ora di trasmissione. Questa selezione, come abbiamo anticipato, non avviene su basi politiche o ideologiche, e segue invece criteri estetici, di adeguatezza rispetto al mezzo televisivo: "La selezione non è legata ad alcun giudizio sui contenuti e le idee espresse ma alle caratteristiche di qualità, linguaggio, tecniche di compressione, inattaccabilità legale e al tempo e lo spazio fisico a nostra disposizione"
219

.

Seppur trasparente, è chiaro che il ruolo del gatekeeping, che nella blogosfera si trova a valle del processo creazione -produzione- distribuzione, cioè direttamente nell’utente finale, in televisione è ricoperto da una persona appartenente alla redazione, che agisce sulla base di una direzione artistica e editoriale: “La puntata si costruisce al mio arrivo la mattina, quando controllo tutti i vlog dei nostri video blogger e finché non arrivo a un’ora non mi fermo” (Marco Esposito). Durante l’intervista chiediamo a Marco Esposito di spiegarci i criteri e le prassi con i quali costruisce ogni giorno Blog Tv: “Dopo un anno i criteri si sono standardizzati e routinizzati. La prima cosa è la conoscenza del vlogger: c’è il vlogger che se non si vede selezionare due video consecutivi ti scrive [...] Tu hai le chiavi del regno, ma se vuoi la partecipazione del pubblico devi essere pronto a darle”. Quindi, in primo luogo, il mantenimento della relazione fiduciaria; in secondo luogo la qualità dei video: “Devi dare dei riferimenti, per questo abbiamo aggiunto la blog tv internazionale, perché questo può essere un riferimento, uno standard, anche dal punto di vista stilistico ed estetico” (Marco Esposito). La rimediazione del blog da parte della televisione definisce, dunque, due elementi di novità: la ricontestualizzazione del video originale all’interno del palinsesto televisivo; la formattizzazione del vlog, che da forma culturale originale e priva di criteri estetici standardizzati, si “normalizza” in cornici significanti appartenenti alla televisione tradizionale. Molto interessante da questo punto di vista il caso di Road Tv
220

: “Da dicembre abbiamo iniziato a creare

degli appuntamenti fissi; ad esempio il venerdì alle 23 c’è l’appuntamento con roadtv.ilcannocchiale.it, un nostro video blogger che ci segue da settembre e che ha inventato un format in cui dei ragazzi napoletani che sono poi bloggers- vanno in giro per le strade di Napoli a parlare con i passanti; hanno fatto anche, non so se ti ricordi, “Colpo di fulmine” con Alessia Marcuzzi altro blogger storico è Leofilm
222 221

... ecco una versione di quel format nel vlog [...] Un

, che è un critico cinematografico, ed è diventato un po’ un punto di

riferimento della comunità per la scelta dei film da andare a vedere; ogni lunedì, chi vuole sapere cosa

218

Espressione che allude ad una trasformazione del contenuto audiovisivo in format, modulo standardizzato e pertanto riconoscibile e replicabile 219 Dal testo della liberatoria per aderire a Blog Tv, presente in appendice e all’indirizzo web: http://www.nessuno.tv/site/it/nessuno/nessuno_presenta/blogtv/btv_liberatoria_invio_video.asp. 220 http://www.roadtv.ilcannocchiale.it/ 221 Trasmissione televisiva in onda tra il 1995 e il 1997 su Italia Uno. 222 http://leofilm.ilcannocchiale.it/

pensa dei film nelle sale, trova un suo videopost in onda sempre alla stessa ora. Altri sono Interact tv

223

che

ci fornisce ‘Non leggere’ e ‘In cucina’: è il nostro ‘Gusto’, una versione in cui la casalinga si apre il blog, con la sua telecamerina si registra mentre cucina la sua ricetta, la mette online e a disposizione di tutta Europa tramite noi, di tutto il mondo tramite internet” (Marco Esposito). Quel che possiamo dedurre da questi esempi, è che la rimediazione sia un processo reciproco: il vlog diventa riproduzione di format; la tv si fa luogo di networking. Il vlogger lavora come un autore televisivo, mentre la redazione televisiva lavora come un vlogger: da un lato, tramite bricolage e cut up, come nel caso del film; dall’altro, creando una sua presenza riconoscibile in rete, non solo come emittente televisiva, dunque, impersonale e burocratica, ma come insieme di persone che fanno parte della community: “L’aver aperto un blog mio ha aiutato molto la creazione di un rapporto tra di noi: io vado sul loro blog, loro vengono sul mio” (Marco Esposito). La conclusione è che il processo di ibridazione tra televisione e blog sia più profondo, e investa, più in generale, i ruoli e i reciproci rapporti tra bloggers e struttura televisiva: il passaggio dalla rete al satellite determina la modificazione della produzione culturale da cluster di un data-base a segmento di palinsesto e, attraverso tale passaggio, inquadra il lavoro del blogger da dono alla comunità a tassello della produzione dell’emittente; l’autore dell’emittente, per contro, diventa sempre più simile al net-surfer, che al creatore di contenuti. Il rapporto tra bloggers e Nessuno Tv si definisce in un momento molto preciso della partecipazione al progetto editoriale, la firma della liberatoria. La liberatoria rappresenta, pertanto, la linea di confine tracciata da Nessuno Tv all’interno della blogosfera, attraverso cui marcare un territorio che si espande e si dilata. Lo sconfinamento della tv nelle logiche di rete produce, specularmente, la ridefinizione della capacità creativa del blog, in favore di un ampliamento della sua visibilità. 4.2 Diritti di frontiera: lo sconfinamento della tv e la ritirata del blog. La possibilità per l’emittente di usare e riusare il materiale video dei vloggers ha richiesto la definizione di un quadro legale all’interno del quale definire i diritti e gli obblighi delle due controparti. Per questo motivo nasce la liberatoria
224

, il documento che sancisce le relazioni tra pubblico-editore ed emittente.

La prima constatazione da fare riguarda la cessione dei diritti di utilizzo del materiale. Coerentemente con la logica del copy-left e del dono, il blogger si impegna a concedere “a Nessuno TV S.r.l. il diritto, ma non l’obbligo, di conservare, diffondere nonché sfruttare e consentire di sfruttare il Materiale, sia sul proprio sito www.nessuno.tv che attraverso la TV digitale e analogica, satellitare e terreste, in tutto o in parte, anche rieditandolo, senza limiti di territorio, di durata e di passaggi, anche mediante cessioni totali o parziali a terzi. I predetti diritti sono concessi gratuitamente e irrevocabilmente”. La gratuità delle collaborazioni permette a Nessuno Tv di avere oggi “una redazione di 150 persone, e in più distribuite sul territorio: in questo modo abbiamo notizie da Messina, Palermo, Milano, Roma...per esempio c’è un nostro blogger di Sesto Fiorentino che ci aggiorna settimanalmente sullo stato di avanzamento dei lavori [...] a Napoli abbiamo una street tv che ci ha inviato il filmato dello spettacolo di Beppe Grillo. Fortunatamente copriamo tutto il territorio e questo ci è tornato utile per “Le mie elezioni”. [...] C’è chi è

223 224

http://www.interactv.it/ Il testo completo è riportato appendice.

andato per noi a Piazza Santi Apostoli ad aspettare l’uscita di Prodi e poverino ha fatto le tre di notte” (Marco Esposito). La gratuità non esclude, tuttavia, la previsione di un suo sfruttamento commerciale: “Riconosco il diritto di NessunoTV di effettuare il più ampio sfruttamento pubblicitario dello stesso [materiale video] nelle forme decise, ad esempio mediante l’inserimento di spot, altre forme di pubblicità, manifestazioni, concorsi a premi, giochi, programmi e spettacoli vari”. Nessuno Tv è un’emittente non commerciale non per scelta, ma per necessità, per una difficoltà cioè, da parte del mercato pubblicitario italiano ad investire nel progetto: “Purtroppo il nostro mercato pubblicitario è in mano a due sole concessionarie di pubblicità e quindi vanno tutte lì, Sipra e Publitalia, Rai e Mediaset, e non è culturalmente preparato a premiare progetti innovativi specifici, segmentati, di target” (Bruno Pellegrini). Questa situazione potrebbe però modificarsi in seguito ad un’apertura del mercato ad altri soggetti, o alla voglia di investire da parte dei due soggetti esistenti; o, semplicemente, il suo modello potrebbe essere mutuato da un’impresa commerciale. Un tale cambiamento renderebbe i contributi dei vloggers fonte di un profitto non ridistribuito tra i produttori dei contributi stessi. Quel che i bloggers ottengono è, per contro, l’attribuzione dell’opera: “I predetti diritti sono concessi gratuitamente e irrevocabilmente alla condizione che appaia sempre in grafica, in qualità di autore del contenuto, l’indicazione del mio nome nelle forme ritenute più adeguate”. Dunque il blogger che entra a far parte di Nessuno, uscendo dalla rete ed entrando in tv, ottiene una visibilità che amplia i confini del suo pubblico e del suo messaggio: “Credo che sia paragonabile, se vuoi, da un punto di vista di organizzazione, da un punto di vista sociologico, a una rivoluzione: tante persone che cominciano a manifestare qualcosa in maniera disaggregata, e che invece poi trovano il modo, magari per qualcuno che ci investe, gli da le risorse, di esporsi in una maniera ancora più efficace e di rivoltare il sistema così come era costituito” (Bruno Pellegrini). Nel fare questo il blogger, da un lato, ottiene lo scopo di diffondere il più possibile la sua voce in quanto “nessuno”, nell’ottica, cioè, di una riappropriazione dello spazio simbolico da parte dell’uomo comune, non più soggiogato al discorso dominante; dall’altro mostra la componente narcisista del suo essere performer, la voglia di apparire e diventare “star”: “the narcisist [...] cannot live without an admiring audience […] for the narcisist the world is a mirror”
225

.

Il rapporto definito dalla liberatoria mostra gli elementi chiave che ci permettono di leggere il fenomeno Nessuno Tv all’interno del quadro teorico della società dello spettacolo: la merce, nella sua conquistata immaterialità, ha subito un’ulteriore metamorfosi, in cui è il consumatore stesso che produce il plusvalore, diventando produttore dello stesso spettacolo che consuma; è l’individuo che diventa merce spettacolare, in un circuito autonomo e autoreplicantesi. Il capitale, dal canto suo, si limita a permettere che il circuito funzioni, così da accumulare profitti: in Big Brother e negli altri reality show, la struttura televisiva commercializza la voglia degli individui di apparire e ottenere i suoi “cinque minuti di celebrità”
226

; altre forme
227

di business sorgono dallo sfruttamento della spinta relazionale degli individui, dalla loro voglia di comunità e ampliamento di network sociali, come dimostra il successo imprenditoriale di siti per il dating, da Meetic
225 226

a

C. Lash The culture of narcissism Londra 1980 p. 10. G. Debord La società dello spettacolo Bologna 1997. 227 Meetic conta attualmente 19,9 milioni di iscritti in Europa ed ha una media di 23.700 nuove iscrizioni al giorno (dati riferiti all’anno 2005-2006); i suoi servizi coprono 13 Paesi europei, tre aree geografiche (anglosassone, ispanica,

Friendster: “Friendster è un sito web che permette alle persone di articolare in modo esplicito il loro network sociale, di presentarsi attraverso un profilo [...] Friendster incoraggia gli utenti a partecipare anche se non sono alla ricerca di un partner, partendo dal presupposto che probabilmente anche questi conoscono un gran numero di amici che sono interessati, fungendo così da connettori”
228

.

Nel caso di Nessuno Tv lo sfruttamento commerciale avviene su entrambi i piani: la combinazione di individualismo narcisistico e adesione comunitaria sono le spinte sociali che permettono di assicurarsi programmi, audience e marketing senza costi. Questa metamorfosi si inserisce nel passaggio, più ampio, dal capitalismo industriale, fordista, a quello postindustriale, cognitivo: “con il termine capitalismo cognitivo si intende focalizzare l’attenzione sul rapporto dialettico tra i due termini che lo compongono. Il termine capitalismo determina la permanenza, nella metamorfosi, delle variabili fondamentali del sistema capitalistico: il ruolo guida del profitto e del rapporto salariale, o più precisamente le differenti forme di lavoro dipendente dalle quali viene estratto il plusvalore. L’attributo cognitivo mette in evidenza la nuova natura del lavoro [...] che grazie alla costituzione di un’intellettualità diffusa, ha condotto all’aumento del lavoro immateriale e intellettuale.”
229

Nel nostro caso, le competenze delle audience diffuse sono al servizio di un profitto che non contempla un rapporto salariale, ma che ne riproduce la direzione verticista: “L’editore che si vorrà confrontare con questa moltitudine di vloggers, dovrà essere in grado, carismaticamente o no, di attribuire senso, di incanalare, di farsi seguire, quindi di gestire questa comunità; una sorta di condottiero di questo nuovo esercito” (Bruno Pellegrini). Gestire la comunità, condurre l’esercito, creare il personaggio, formattizzare: tutti elementi che hanno poco a che vedere con l’autonomia editoriale, lo scambio paritario, l’originalità, che sono i caratteri del blog e della comunicazione in rete. La struttura molare della televisione trasforma la comunicazione molecolare della rete. In questo modo, il potere di rottura ed innovazione dei linguaggi e di riappropriazione del racconto sociale e personale, reso possibile dalla pratica del blogging, viene “anestetizzato”. Cinti in una riserva controllabile, i nuovi comunicatori, da concorrenti, diventano alleati. 4.3 Il pubblico spettacolo dell’assimilazione ri-creativa. Un tipo di dinamica tale, che crea un movimento a spirale tra innovazione e conservazione, tra esplorazione di spazi ai margini del circuito mainstream, e recinzione di confini in questi spazi, era già stata descritta da Hebdige, quando notava come le sottoculture, dopo una prima fase di rottura di codici e forme culturali stabilizzate, subiscano un processo di integrazione: “Quando la sottocultura comincia ad assumere una serie di atteggiamenti perfettamente vendibili, quando il suo lessico (sia visivo che verbale) diviene sempre più

asiatica) e la Cina. E’ il primo portale per il dating in Italia, per tempo di permanenza dei visitatori e per numero di iscrizioni, più che raddoppiate nel corso dell’ultimo anno. Nel primo trimestre del 2006 ha chiuso il suo fatturato con una crescita del 74%, per un giro d’affari di 43 milioni di euro e un utile operativo di 8,2 milioni (+118%). Dati Affari&Finanza, supplemento a La Repubblica, 19 giugno 2006. 228 M.D. Boyd Friendster and publicly articulated social network Berkeley 2004, in F. Comunello Reti nella rete. Teorie e definizioni tra tecnologia e società Milano 2006. 229 D. Lebert, C. Vercellone Il ruolo della conoscenza nella dinamica di lungo periodo del capitalismo: l’ipotesi del capitalismo cognitivo, in C. Vercellone (a cura di) Capitalismo Cognitivo. Conoscenza e finanza nell’epoca postfordista Roma 2006 pp. 22-30.

familiare, allora il quadro di riferimento a cui si può convenientemente assegnare si fa sempre più evidente.”
230

Questo processo avviene attraverso due strategie, spesso sovrapposte e usate congiuntamente: la forma merce e l’ideologia. Nella forma merce, la produzione sottoculturale, sia essa uno stile (di abbigliamento, musicale, artistico, letterario, cinematografico), o un comportamento, viene inserita nel circuito della produzione di massa, rendendola indistinguibile dalla cultura di consumo: “Una volta rimosse dal loro contesto privato [...] sono codificate, rese comprensibili, immediatamente trasformate in pubblica proprietà e in merce che dà profitto”
231

.

Nell’integrazione ideologica, l’alterità della sottocultura viene negata attraverso la familiarizzazione con i codici che le sono propri, e questo, a sua volta, può avvenire in due modi: “La prima: l’Altro può esser reso banale, esser naturalizzato, addomesticato. In questo caso la diversità è semplicemente negata. Come alternativa l’Altro può essere trasformato in esotismo insignificante, un puro oggetto, spettacolo, clown”
232

.

Nessuno Tv da un lato, rende familiare lo strumento del blog all’interno del contesto televisivo, dunque non necessariamente in antitesi, ma complementare alla comunicazione unidirezionale; dall’altro commercializza la produzione di immaginario e di comunicazione da parte del pubblico, sfruttandone non solo le abilità, ma le connessioni e il network sociale. La formattizzazione del blog, la creazione di personaggi televisivi con appuntamenti fissi, la necessità di una durata e dei criteri estetici e stilistici standardizzati permettono di normalizzare, di rendere familiare, e, dunque, di incorporare il blog all’interno dei meccanismi televisivi. E rivenderlo, così, ai suoi autori. La possibilità di applicare alla pratica del blogging i processi di formazione ed evoluzione delle sottoculture, va incontro, però, alla difficoltà oggettiva di interpretare tale fenomeno in un quadro unitario e stabile. Le voci della blogosfera sono costitutivamente molteplici e diverse, anche opposte: diari personali e microagenzie di stampa; manifestazione di un atteggiamento narcisista, ma anche costruzione di comunità attive al di fuori della rete. Da questo punto di vista appare difficile assegnare al blog un valore propriamente sottoculturale, né tantomeno, controculturale: non sempre il blog manifesta atteggiamenti alternativi o oppositivi alla cultura dominante. Nel caso di Blog Tv, anzi, alcuni vloggers riproducono stili comunicativi propri della televisione mainstream. Lo strumento blog si presenta, inoltre, con forti elementi di limitazione creativa, dovuti alla standardizzazione dell’interfaccia proposta dalla piattaforma: il servizio che questa offre è, per l’appunto, quello di semplificare al massimo l’usabilità, predisponendo una “scatola” che l’utente finale deve solamente riempire, seguendo i percorsi e i comportamenti inscritti nell’interfaccia stessa. Ciò che accomuna i bloggers, tuttavia, sono proprio queste modalità di fruizione e utilizzo: è l’abitazione degli stessi spazi virtuali il minimo comune denominatore che determina standard condivisi e codici di condotta. Più precisamente, permette di percepirsi come una comunità, e pertanto assimilarne e rispettarne i codici: linkare la fonte della notizia postata, di cui il blogger deve, pena l’esclusione dalla comunità, accertare la veridicità; commentare e rispondere ai commenti; aggiornare frequentemente il blog; partecipare alla conversazione. Questi principi base, validi a prescindere dall’uso che si fa del mezzo, e cioè dei contenuti
230 231

D. Hebdige Sottocultura. Il fascino di uno stile innaturale Genova 1983 p. 103. D. Hebdige 1983 op. cit. p. 105. 232 Ivi, p. 107.

specifici che questo veicola, fanno sì che i bloggers condividano uno steso quadro di riferimento. Da questo punto di vista possiamo estendere al blog la definizione di sottocultura data da Albert Cohen: “The emergence of group standards of shared frame of reference, is the emergence of a new subculture. It is cultural because each actor’s participation in this system or norms is influenced by his perception of the same norms in other actors. It is subcultural because the norms are shared only among those actors who stand somehow to profit from them and who find in one another a sympathetic moral climate”
233

.

Il blog è, dunque, sia oggetto tecnologico, medium, che pratica sottoculturale: per questa ragione interviene sui vecchi media, rimediandoli; contemporaneamente subisce un processo di progressiva assimilazione, che ne favorisce lo sfruttamento commerciale nella cultura di massa e nell’industria culturale. Se accettiamo questo assunto, possiamo tirare le fila del nostro discorso, ovvero le nuove frontiere che i media digitali aprono per la comunicazione televisiva: uno sconfinamento della tv nel nuovo spazio di comunicazione sociale, il cyberspazio, e, per questa via, un’osmosi tra vecchia comunicazione broadcast e nuova comunicazione orizzontale. Accogliendo non tanto le estetiche, quanto le logiche dei nuovi media la tv può ristabilire un contatto con la propria audience, di cui riconosce la natura molteplice, e non riducibile a proiezioni statistiche monolitiche, ma anzi coinvolgendo le diverse soggettività che la compongono in un progetto comunitario che li vede protagonisti. Per fare questo deve assumere comportamenti riconducibili agli elementi di contatto e condivisione del suo referente: copy-left, attribuzione delle opere ai propri autori; mobilitazione dello spettatore da un canale mediale all’altro anziché conquista di un’attenzione esclusiva; creazione di comunità attraverso il passaparola e mantenimento di una conversazione libera ed aperta. L’elezione della blogosfera a spazio privilegiato di presenza in rete, determina la fidelizzazione di un tipo di audience molto particolare: un’audience con un’audience. Questo permette una diffusione virale del marchio di Nessuno Tv, che innesca un circolo virtuoso di crescita, non solo di utenti raggiunti, ma degli utenti coinvolti, aumentando la disponibilità di contenuti per il palinsesto. Agendo sul blog, la televisione ne modifica alcuni tratti essenziali, lo integra nella sua forma culturale, diametralmente opposta per tradizione e struttura. Il palinsesto si impone sull’ipertesto, determinando una decontestualizzazione che ne ridefinisce il significato: non più inserito in un tutto coerente, il video del vlog non mantiene traccia, se non nell’indicazione della sua provenienza, del suo autore, né del suo significato complessivo. Diventato blob, il blog si accinge a subire un’ulteriore metamorfosi per venire incontro alla logica lineare della narrazione televisiva: diventare format, programma televisivo come tutti gli altri, fonte di profitti come tutti gli altri. Nella società dello spettacolo, il pubblico-performer si fa media, e scegliendo il medium mainstream per eccellenza, la tv, diventa esso stesso spettacolo. La lotta per il discorso si gioca, allora, non tanto sull’essere nessuno, rappresentare l’uomo comune, quanto sull’ambire ad essere qualcuno, un io che si prende il diritto di occupare il tempo televisivo con le proprie istanze, con i propri racconti. Cedendone i diritti di utilizzo. La relazione che Nessuno tv stabilisce con il suo pubblico-editore è, dunque, duplice: i confini tra generazione di profitti dalla produzione creativa dei vloggers e offerta di spazio per la diffusione di una comunicazione diversa, tra commercializzazione del narcisismo performativo e sviluppo di un progetto di riappropriazione dello spazio di rappresentazione, sono estremamente labili, in continuo movimento e
233

Albert K.Cohen A general theory of subcultures 1955 in K. Gelder op. cit. p. 56.

ridefinizione: “A questo punto non è secondo me tanto importante discutere su quale sarà l’effettivo risultato finale, a cosa sarà ridotta la televisione, perché sarebbe una discussione sterile [...] Possiamo però decidere da che parte stare, nel senso che mi sembra abbastanza ovvio che qualsiasi movimento di resistenza, anzi qualunque resistenza a questo movimento sia controproducente per l’intero panorama dei media e della società; si tratterebbe praticamente di arginare un fiume con pochi ciottoli, non è possibile più arginarlo. Se si potesse dare un suggerimento, sarebbe quello di cavalcare il più possibile questa ondata, questo cambiamento, e cercare di sperimentare il più possibile, per non farci trovare fermi” (Bruno Pellegrini). In un suo video, Masotti gioca su questo doppio livello: fermo-immagine di Bruno Pellegrini che conduce Blog Generation; loop di un brano audio tratto dal film “Star Wars” che recita: “La resistenza è inutile, voi sarete assimilati”. Masotti scherza con i testi: ponendo Nessuno tv nella posizione dell’eroe della resistenza (mediale) alle prese con l’egemonia dei media mainstream, le dedica un tributo; contemporaneamente ne dissacra lo status, attraverso un uso delle immagini che le pone sullo stesso piano di qualunque altra immagine del mediascape. Anche Nessuno Tv non è che infosfera, proliferazione di immagini ed immaginari. Chi sarà assimilato? La tv dalla rete, o i bloggers dalla tv? La resistenza è quella sottile linea che separa la realtà dalla rappresentazione, e questa dalla mistificazione. L’esperienza della Tv partecipata rappresenta una prima, vera e profonda modificazione della struttura televisiva, e può essere un punto di partenza per il futuro: per la tv un modello di business e una riconquista dell’audience e della sua credibilità; per il pubblico una contaminazione della tv con le proprie istanze; per le sottoculture della rete una nuova spinta per spostare ancora più lontano le sue frontiere, inventare altre concatenazioni possibili.

CONCLUSIONI
Questo lavoro è nato con il proposito di descrivere un’esperienza, una delle forme che la televisione potrebbe assumere a partire dalla rivoluzione digitale. Per farlo è stato necessario intraprendere un viaggio alla scoperta di territori inesplorati, nelle periferie della comunicazione di massa: dal punk ai blog, da Star Trek alla televisione partecipata. Durante questo viaggio sono stati descritti e fotografati panorami e dettagli, paesaggi e immagini: abbiamo visto la narrazione lineare esplodere nell’ipertesto e ricomporsi nel bricolage e nel cut-up; abbiamo visitato la galleria delle produzioni sottoculturali, le sue possibilità di innovazione dei codici; abbiamo assistito alla trasformazione del blog in blob. Ancora più importante, abbiamo conosciuto gli abitanti di questi spazi: le abitudini, le modalità di relazione, la cultura di rete. Abbiamo osservato i comportamenti degli individui-performer sfuggire alle categorizzazioni rigide della scienza statistica, per assumere il controllo della rappresentazione di sé stessi e del mondo; siamo entrati nella blogosfera, ne abbiamo descritto le interfacce e i meccanismi, fino a seguirne lo sconfinamento e l’incorporazione nella struttura televisiva. In questo viaggio ci siamo accorti che quei confini che si pensavano invalicabili sono stati attraversati, spostati, ridisegnati nella lotta tra innovazione culturale e integrazione commerciale, tra liberazione della creatività individuale e assoggettamento alla legge del profitto. L’esperienza di Nessuno Tv è emblematica di questo processo: nell’integrazione di forme culturali provenienti dall’ambiente di rete, la struttura televisiva riesce a innovare i propri linguaggi, a ristabilire il contatto che i media mainstream avevano perso con il loro pubblico, risolvendo l’incontro con il digitale in un successo commerciale. Nell’infiltrare la televisione, il pubblico-utente, incastrato nella scatola parlante, ottiene, tuttavia, la visibilità del medium mainstream per eccellenza, contaminandolo con le proprie produzioni e portando in primo piano le proprie istanze. Qualunque sia il risultato finale, ciò che conta è che vecchie forme culturali e gerarchie consolidate si stiano mettendo in discussione, che il cyberspazio non sia solo un altro canale mediale, ma il terreno di coltura di esperienze e sperimentazioni che travalicano il mondo virtuale, per diffondersi anche in quello reale. La nostra speranza è che il lettore torni da questo viaggio un po’ più ricco; che le culture e le esperienze di cui abbiamo parlato siano entrate nella sua mente non come semplice ricordo, ma come stimolo per un nuovo viaggio, per nuove traiettorie da disegnare, nuove rotte nel mare del sistema mediale. La frontiera non è un confine.

APPENDICE

INTERVISTA /A: BRUNO PELLEGRINI, AMMINISTRATORE DELEGATO NESSUNO TV s.r.l. STUDI DI NESSUNO TV, ROMA 09/06/2006 PARTE1: NASCITA DI NESSUNO TV Nessuno è partita 4 anni fa con l’idea di creare una nuova televisione partecipata dal pubblico. Inizialmente si prevedeva addirittura di far partecipare il pubblico al sostegno della televisione attraverso finanziamenti o sottoscrizioni come avviene in America con grandi network . Partì TeleSogno che diciamo aggregò tante forze, tipo quella della Dandini, Santoro ecc. ma poi miseramente fallì per la pavidità degli imprenditori che ci dovevano sostenere. A quel punto, con le poche risorse rimaste, decidemmo di continuare; ci facemmo dare in appalto degli spazi di palinsesto su Planet tv, per fare la prima trasmissione in diretta dei bouquet satellitari, che non prevedevano altro fino a quel momento che mandare in onda delle cassette registrate. Santalmassi condusse quindi questo spazio di approfondimento quotidiano, fino a che i risultati furono talmente buoni, che gli pseudo-editori di Planet decisero di rescindere d’arbitrio il contratto e di farsi da soli la trasmissione. A quel punto si impose la scelta di prendere noi un canale satellitare per evitare di sottostare a questo tipo di angherie. Con altri nuovi soci, tutti finanziatori privati, quindi senza nessuna grande risorsa industriale o editoriale dietro, aprimmo il canale alla fine dell’anno scorso. Nessuno tv incorpora, in parte, gli obiettivi iniziali, cioè avere una televisione molto partecipata dal pubblico; questo in due modi: il primo con gli studi aperti al pubblico (e questo è il primo esperimento in Europa e il secondo al mondo), degli studi che non sono delle cattedrali nel deserto di Cologno Monzese o di Saxa Rubra, dove vengono deportati con degli autobus dentro questi teatri di posa, ma degli studi che possono vivere come questo nostro locale, con caffè, libreria ecc. , a contatto con la realtà quotidiana. Secondariamente, cavalcando quelle che sono le grandissime, enormi potenzialità che piano piano ci siamo resi conto ha dischiuso la rivoluzione digitale nel campo dei media. E questo credo che sia il filone più interessante su cui stiamo lavorando; credo anche che siamo probabilmente i primi, il fronte più avanzato di lavoro quantomeno in Italia su questo filone, che è quello della video partecipazione, piuttosto che del pubblico editore. Assomiglia molto a quanto successe qualche centinaio di anni fa quando Gutenberg inventò la stampa a caratteri mobili. Si passò dal medioevo, non solo sociale, ma anche della comunicazione, a un nuovo rinascimento, dove la cultura e l’informazione, venne portata più o meno a livello di tutti e non rimase appannaggio dei nobili e del clero. In quel momento l’umanità, la società, la cultura, fecero un passo in avanti. Noi siamo adesso in un’epoca storica molto simile, che probabilmente verrà ricordata dalle future generazioni come la preistoria di una nuova era. Fa parecchio ridere, se vuoi anche rabbrividire, come ci sia scarsa consapevolezza di questo intorno a noi e come, non solo l’opinione pubblica e l’umanità, ma anche personaggi che dovrebbero essere un po’ più illuminati e lucidi non si rendono conto di quello che sta succedendo e continuino imperterriti a guardarsi l’ombelico in una società decadente come quella italiana. Andando in giro negli altri paesi ti rendi conto che sono davvero molti passi in avanti: hanno una rapidità e una lungimiranza diversa dalla nostra.

PARTE 2 : IL FUTURO DELLA TV Si procede per contaminazione, nel senso che i mezzi, anche precedenti, non vengono soppiantati, ma si evolvono, in quanto hanno delle caratteristiche diverse. La tv avrà sempre delle caratteristiche diverse come mezzo rispetto a internet; stiamo parlando a questo punto di una contaminazione totale, dove comunque la televisione rimarrà, ma dovrà rivedere il proprio ruolo. A questo punto non è secondo me tanto importante discuter su quale sarà l’effettivo risultato finale, a cosa sarà ridotta la televisione, perché sarebbe secondo me una discussione sterile, non abbiamo le basi per la comprensione adesso, non possiamo saperlo. Possiamo però decidere da che parte stare, nel senso che mi sembra abbastanza ovvio che qualsiasi movimento di resistenza, anzi qualunque resistenza a questo movimento sia controproducente per l’intero panorama dei media e della società; si tratterebbe praticamente di arginare un fiume con pochi ciottoli, non è possibile più arginarlo. Se si potesse dare un suggerimento, sarebbe quello di cavalcare il più possibile questa ondata, questo cambiamento, e cercare di sperimentare il più possibile, per non farci trovare fermi, con un ritardo di decenni rispetto ad altri paesi che hanno compreso meglio questo tipo di fenomeno e che hanno investito delle risorse per il cambiamento. E’ necessario evolversi, è necessario mettersi in discussione. Ora il problema è come è possibile che la tv italiana si metta in discussione dopo che ha vissuto di rendita per così tanto tempo, chi si può mettere in discussione? Probabilmente le poche speranze le possiamo riporre sulle nuove televisioni che stanno nascendo perchè ne Mediaset, così gonfia di profitti può mettersi in discussione, perché ormai talmente sono grossi i privilegi che combatterà fino alla morte per evitare di perderli, né una Rai completamente lottizzata dal potere politico, sia di destra che di sinistra, che ha perso di vista assolutamente la sua vocazione di sevizio pubblico, per diventare un servizietto per i partiti politici. Quindi probabilmente, se c’è una speranza per l’Italia come paese, è riposta o nelle facoltà individuali di questi nuovi soggetti, questi nuovi media individuali, questo pubblico editore; o nella lungimiranza di qualcuno di questi nuovi network che sta nascendo. PARTE 3 : CONVERGENZA E MULTIMEDIALITA’ Limitarsi a un unico medium poteva essere una strategia efficiente quando questo era egemone e poteva influenzare l’opinione pubblica. Ma anche in quel tempo lì, le campagne di comunicazione, piuttosto che i progetti e i format, i programmi più efficaci, erano quelli che riuscivano in qualche modo a sfruttare e a fare leva sulle caratteristiche dei diversi mezzi. Ricordo esperimenti di programmi che andavano in onda in contemporanea in radio e televisione e che comunque avevano a disposizione un ufficio stampa che cominciava a far parlare le persone di quel programma sui giornali. C’è sempre stata una strategia del multimediale, tanto più oggi. Quello che si sta facendo non può essere ridotto a occupare uno spazio televisivo, il progetto comunicativo deve saper sfruttare efficientemente tutti i diversi mezzi che sono a disposizione per massimizzare il proprio valore. Per quanto riguarda noi siamo sul satellite, abbiano trenta reti locali, andiamo in onda su internet, abbiamo un accordo con Il Cannocchiale, molti programmi vengono distribuiti via pod-cast piuttosto che dispersi in rete, perché il progetto è quello di farci conoscere il più possibile. Il nostro progetto, soprattutto della Blog tv, è un’estrema contaminazione dei mezzi, non tanto nella fase distributiva, che sinceramente mi interessa anche meno, quanto nella fase produttiva e creativa, che invece è la vera novità; da tempo le tv

distribuiscono i propri programmi su internet, però fatti per la televisione, e poi messi a disposizione di tutti su internet o sulle cassette. La vera novità è la fase produttiva e creativa: per la prima volta le persone sono state abilitate a fare comunicazione audio-video con le due lire della telecamere che c’ho davanti. Le immagini dello tsunami, della metropolitana di Londra, altre immagini che diventano segnali, simboli, cioè mediologicamente importanti, vengono prodotti non da grandi network, ma dalla gente comune; e questo è spaventosamente eccitante, perché ha dell’influenza, avrà degli effetti, non solo sui media, ma anche sulla società. Quindi è la fase produttiva, lì c’è ancora molto da imparare, lì siamo veramente nella preistoria, perché ancora non si è capito come fare, come si organizzerà questa moltitudine, attorno a che cosa riuscirà ad organizzarsi per contrastare efficacemente lo strapotere dei network tradizionali. PARTE 4: TV, SMART MOBS, COMMUNITY Più che una community, mi piacerebbe riuscire a trovare il modo per aggregare le forze e renderle ancora più potenti. Sai diventare una community poi è strano, è diverso; si poi saremo anche una community, una meta-community probabilmente, perché gli interessi di questi vlogger sono diversi, sono già community per il loro gruppo di amici, vivono già in altre community come il cannocchiale. Quello che noi dobbiamo riuscire a fare è farli riunire intorno a noi e renderli consapevoli ed essere trasparenti nei loro confronti: di quello che stiamo facendo, non tanto per noi stessi, quanto per dare ancora più forza al movimento. Credo che sia paragonabile, se vuoi, da un punto di vista di organizzazione, da un punto di vista sociologico, a una rivoluzione: tante persone che cominciano a manifestare qualcosa in maniera disaggregata, e che invece poi trovano il modo, la modalità, magari per qualcuno che ci investe, gli da le risorse, di esporsi in una maniera ancora più efficace e di rivoltare il sistema così come era costituito. PARTE 5: LE MIE ELEZIONI Con due lire e con lo sforzo di tutti siamo riusciti a fare un documentario che nessun altro network ha fatto, dando una reale e veritiera rappresentazione di quello che è successo. Perché poi il problema vero è che con la tv si era spaccato il mondo, tra chi ne faceva parte, cioè i giornalisti, i politici, i personaggi dello spettacolo, e chi era ridotto ad una couch potato, che stava lì e doveva sorbirsi tutto quanto, leggere i giornali in cui si parlava di loro ed ambire ad essere loro, come nel grande fratello. Questo meccanismo assomiglia molto a quello di un campo di concentramento, dove c’è il loro e c’è una miriade di gente, che nonostante sia in numero maggiore, non riesce a organizzarsi. Ecco, adesso si stanno un po’ rivoltando le cose: abbiamo capito che loro non riescono a rappresentare la realtà, la nostra realtà, che sono staccati dal nostro senso comune; i politici, i giornalisti e tutta quella gente là, per colpa loro, perché si è rinchiusa in una sorta di limbo, un po’ come potevano essere i nobili negli ultimi giorni di Pompei, a guardarsi l’ombelico e a pensare che erano la civiltà più splendida del mondo, quando intorno a loro il mondo stava cambiando e stava distruggendosi e rivoltandosi e c’era il caos. Siamo esattamente nello stesso modello, solamente che ancora i media tradizionali hanno un’influenza nel farci percepire che quasi quel modello continua ad essere quello reale. Ecco, con le mie elezioni abbiamo visto che non è così, la realtà è molto diversa da come ce la stanno raccontando e il loro racconto è fatto

esclusivamente per conservare il loro privilegio, perché qualsiasi racconto diverso li rivolterebbe subito. E questa è la battaglia che è in atto, perché in qualche modo dovremo aver ragione di questa distonia tra una rappresentazione fine a sé stessa e la realtà così com’è. PARTE 6: BLOG GENERATION La tv partecipata risponde a due idee: una, che non solo le persone possono realizzare i propri video, mandarceli e farceli mandare in onda, ma che possono interagire in diretta con una web cam con un videofonino con gli altri programmi. La vecchia telefonata poneva il pubblico ad un livello inferiore rispetto a chi stava in televisione; adesso il pubblico sta quasi allo stesso livello, perché ci mette anche la faccia, e quindi non può essere staccato prepotentemente, sta quasi alla pari con il conduttore. Questa cosa qui la stiamo cercando di incorporare in tutti i nostri programmi. La seconda esigenza cui risponde Blog Generation è una comprensione del target, nel senso che quello cui ci vorremmo rivolgere sono quelle persone che potremmo definire “internet generation”, abituate a un certo tipo di informazione, che la vanno a ricercare in certi tipi di siti, nei blog, su La Repubblica, su Il Cannocchiale ecc.. Questo programma quotidiano deve rispondere proprio a questo, ad aggiornare questa internet generation di quello che succede nel mondo di internet, di cui loro fanno parte. Chi ci guarderà sul satellite o sul mobile in quel momento non è al computer, e magari vuole, ha bisogno di sapere nell’altro mondo, quello che lui visita quattro, cinque volte al giorno cosa sta succedendo. E’ un servizio, e così in effetti è la risposta del pubblico. PARTE 7: SELEZIONE DEI VIDEO Non abbiamo nessuna selezione, né censura e vorremmo in tutti i modi evitare di farla. Certo quando il palinsesto sarà affollatissimo probabilmente qualche scelta la dovremo fare, ma chi la farà non dovrà assolutamente farlo su basi politiche, ma quantomeno su basi estetiche. Ci sarà un coordinamento, ci sarà una direzione editoriale, insomma, però sarà chiara e trasparente quale sarà la scelta. PARTE 8: RAPPORTO VLOG E TELEVISIONE Non credo che la televisione aggiunga particolarmente al linguaggio utilizzato dai vlogger, ma che sia semplicemente una vetrina che possa stimolare la produzione ancora maggiore di questi video da parte della comunità dei vloggers; un modo di farsi vedere, di essere lì, anche nel mezzo considerato mainstream, nel mezzo alto. Ma sono proprio due comunicazioni diverse: il prodotto che noi mandiamo in onda è stato ideato per internet, quasi non avrebbe senso che andasse in tv se non per farsi vedere ancora di più. In una nuova fase probabilmente nasceranno dei prodotti ideati sia per internet che per la tv, che potranno fidelizzare sia il pubblico della rete che il pubblico da casa: quando cresceremo noi, quando cresceranno i vloggers. In questo momento non c’è un reale valore aggiunto dato dalla tv ai vloggers, se non, ripeto, per una visibilità.

PARTE 9: I VLOGGERS E IL RUOLO DELL’EDITORE TELEVISIVO Ci deve essere una voglia comune, in questo momento, di rappresentare se stessi, di far vedere che ci siamo; e questo è l’obiettivo, sfumato, ma molto comune. In un secondo momento, quando questo passaggio l’avremo svolto, ci dovrà essere assolutamente una direzione artistica, giornalistica, editoriale, autoriale che faccia più comunità, e quindi si formerano vari gruppi di vloggers, che magari svilupperanno un programma basato sui loro video fatti all’esterno, e lo porteranno in televisione; lì ci sarà un’organizzazione, una formattizzazione, probabilmente, di quello che è. Adesso è una semplice trasposizione, ma si dovrà capire come aggiungere valore a queste risorse, quindi che tipo di direzione dare, nella selezione, nell’organizzazione, nella miscellanea che si va a fare. Le mie elezioni è un caso di questo tipo: non è successo niente di diverso dal fatto di prendere i video e mandarli in onda; però i vloggers si sono coordinati, c’era un obiettivo comune di rappresentare due giorni in particolare, sono stati selezionati e montati ed è uscito un prodotto che effettivamente è di una qualità maggiore rispetto a un’ora qualsiasi di Blog tv, perché ha un senso. Ecco, questa attribuzione di senso, dovrà essere il ruolo di questo nuovo editore, o dell’editore che si vorrà confrontare con questa moltitudine di vloggers; dovrà essere in grado, carismaticamente o no, di attribuire senso, di incanalare, di farsi seguire, quindi, di gestire questa comunità; una sorta di condottiero di questo nuovo esercito. PARTE10: FINANZIAMENTO Nessuno tv si finanzia esclusivamente con il rimborso previsto per l’editoria, alla pari di quelle che possono essere le radio o i giornali di partito. E’ giusto che lo Stato investa nella ricerca e nello sviluppo e nel pluralismo delle opinioni, che sostenga diverse voci e progetti di ricerca e sviluppo nel campo dei media, e per questo motivo mi sento abbastanza sereno di averli presi. Che poi il fine della legge fosse quello di dare dei soldi in più ai partiti politici... In questo momento ho trovato, abbiamo trovato, delle risorse per fare dei progetti che altrimenti non sarebbero potuti essere finanziati, in quanto, per colpa di altre leggi, fatte ancora peggio di questa, il mercato pubblicitario è strozzato, e quindi non si può innovare in questo Paese, se non perdendoci un sacco di soldi. Che dire, se non ci fossero non avremmo sperimentato la Blog tv, non avremmo fatto la video partecipazione, non avremmo creato un ambiente dove si può discutere di politica in modo diverso rispetto al precedente. Quindi non vorrei dire il fine giustifica il mezzo, perché secondo me va cambiata radicalmente questa legge, con un’altra che premi questo tipo di progetti qui; quindi sia adesso che nel futuro me li sarei presi comunque, probabilmente invece qualcun altro non sarebbe stato legittimato a prenderli. PARTE11: PUBBLICITA’ Il mercato pubblicitario, dove vede delle teste e un posizionamento, in teoria dovrebbe investirci perché ha dei ritorni sul tipo di audience che andrà a cercare. Purtroppo il nostro mercato pubblicitario è in mano a due sole concessionarie di pubblicità e quindi vanno tute lì, Sipra e Publitalia, Rai e Mediaset, e non è culturalmente preparato a premiare progetti innovativi specifici, segmentati, di target, perché continua ad essere gonfiato e drogato da queste due grandi concessionarie. Siamo un po’ nell’epoca Telecom prima

della privatizzazione, dove chiunque, anche il piccolo imprenditore, volesse entrare nel mercato si prendeva delle stangate enormi, perché Telecom poteva fare degli sconti notevoli. A 15 anni di distanza oggi c’è un mercato più libero nelle telecomunicazioni, che consente anche un’innovazione di prodotto, maggiore valore distribuito al consumatore. Ci sono studi classici, di economia aziendale e politica, che dimostrano come, nel monopolio, il valore all’interno di un mercato venga tenuto e trattenuto dal produttore, e come solamente in situazione di concorrenza perfetta, il valore venga distribuito in tutti quanti gli operatori, e dal produttore al consumatore soprattutto. Valore è anche che progetti come il nostro per trovare risorse devono rivolgersi da altre parti; questo è il problema italiano.

INTERVISTA /B: MARCO ESPOSITO, RESPONSABILE BLOG TV E BLOG GENERATION STUDI DI NESSUNO TV, ROMA 9/06/2006 ILARIA NICOSIA: Come nascono Blog Tv e Blog Generation? MARCO ESPOSITO: Blog Tv è la premessa per Blog Generation, perché ha consentito di entrare nel mondo dei blogger, conquistarne la fiducia e studiarne le dinamiche. I. N.: Quando nasce il progetto di BlogTv? M. E.: Nel marzo del 2005 c’è stata la prima riunione sui video blog. E’ nata in collaborazione con Il Cannocchiale, che ha inserito sulla sua piattaforma la possibilità di inserire video. Questi blogger, che diventavano video blogger, nello stesso tempo concedevano a Nessuno Tv la liberatoria per trasmettere sul suo canale satellitare i loro video. I. N.: In cosa consiste la liberatoria? M. E.: E’ una liberatoria che consente di trasmettere i video senza incorrere in rischi di violazione del copyright, e, allo stesso tempo, è un’assicurazione per Nessuno tv che questi contenuti non vengano venduti a terzi in esclusiva. Dopo la liberatoria è nato il bottone, a dicembre: ha avuto subito un grande successo e molti blogger inseriscono sia il bottone di Blog Tv che quello di Nessuno tv. Questo a testimonianza che c’è un legame forte, ed evidentemente è una cosa che a loro piace, altrimenti non la farebbero. Ci tengono anche a partecipare, ad avere commenti su quello che loro fanno e scrivono. Alcuni rapporti con gli storici sono diventati poi anche, se vuoi, rapporti personali, e molti di questi sono diventati video partecipanti di Blog Generation. Per questo ti dicevo che Blog Tv è la premessa per Blog Generation, perché è stata la base per poi costruire tutto il resto. I. N.: Raccontami ancora della nascita di Blog tv... M. E.: Sì, abbiamo cominciato piano piano, e si è andata mano a mano strutturando anche dal punto di vista del palinsesto, acquisendo una sua propria fascia oraria, che è sempre stata quella delle 20,00, del prime time, con una funzione di traino per il resto dei programmi, prima del Contro Adinolfi e dopo Presa diretta, le due trasmissioni di punta della rete. Crescendo il numero dei videoblogger... I. N. : Che sono attualmente? M. E. : All’inizio eravamo pochissimi, ora siamo cresciuti andando oltre i confini del Cannocchiale e siamo sui 150. Questo consente di fare un’ ora di palinsesto di Blog Tv italiana al giorno, ogni giorno nuova.

La puntata si costruisce al mio arrivo la mattina, quando controllo tutti i vlog dei nostri video blogger e finché non arrivo a un’ora non mi fermo. Il lunedì infatti è il giorno da una parte più semplice da una parte più complicato: il materiale è tantissimo, anche perché il week end favorisce la produzione. Oggi come oggi costruiamo 4 fasce di Blog Tv: la prima va in onda alle 19,15, prima di Presa Diretta, ed è un quarto d’ora di Blog Tv italiana; poi alla fine di presa diretta, dalle 20,15 alle 20,30 un altro quarto d’ora di Blog Tv sempre italiana; un altro inserto è a chiusura di Blog Generation, che va in onda dalle 18,00 alle 18,20 (anche se ora per i mondiali abbiamo anticipato l’appuntamento alle 17,45), e presenta un quarto d’ora di Blog Tv internazionale, soprattutto statunitense; poi dalle 23 alle 23,30 c’è un’altra fascia di Blog Tv. In questa fascia oraria, da dicembre, abbiamo iniziato a creare degli appuntamenti fissi: ad esempio il venerdì alle 23 c’è l’appuntamento con roadtv.ilcannocchiale.it, un nostro video blogger che ci segue da settembre e che ha inventato un format in cui dei ragazzi napoletani -che sono poi i blogger- vanno in giro per le strade di Napoli a parlare con i passanti; hanno fatto anche, non so se ti ricordi “Colpo di Fulmine” con Alessia Marcuzzi, ecco una versione di quel format sul vlog. Quello è diventato un appuntamento fisso. Un altro blogger storico è Leofilm, che è un critico cinematografico, ed è diventato un po’ un punto di riferimento della comunità per la scelta dei film da andare a vedere; ogni lunedì, chi vuole sapere cosa pensa dei film nelle sale, trova un suo videopost in onda sempre alla stessa ora. Altri sono Interact Tv che ci fornisce “Non Leggere” e “In Cucina”: è il nostro “Gusto”, una versione in cui la casalinga si apre il blog: con la sua telecamerina si registra mentre cucina la sua ricetta, la mette on line e a disposizione di tutta Europa tramite noi, di tutto il mondo tramite internet. I videopost, oltre ad essere reperibili nei blog degli autori, linkabili dal sito, sono messi a disposizione sul sito con titolo, anteprima, nome del blog e orario di messa in onda. Quindi anche il video blogger, una volta entrato a far parte della nostra squadra va sul sito, vede se è stato selezionato e a che ora andrà in onda il suo video. I. N. : Dunque, Il blogger per scoprire se è stato selezionato deve controllare sul sito.. M. E. : Bé, all’inizio li avvertiamo, ma quando capiscono bene il meccanismo vanno da soli. Io sono rimasto sorpreso soprattutto all’inizio, per la qualità dei video prodotti; quando vidi i primi video blog l’anno scorso, rimasi stupefatto: non mi aspettavo né una tale capacità tecnica, né tanta inventiva. Poi col tempo forse ci si abitua, però all’inizio avevano proprio una forza dirompente, vedevi cose talmente dissacranti che non le avresti viste da nessuna altra parte. Era un periodo tra l’altro in cui c’era il conclave per la nomina del nuovo Papa, c’erano le elezioni regionali, quindi è coinciso con un momento particolare della vita della società; in questo contesto si è verificata la necessità di una comunicazione diversa rispetto a quella istituzionale, troppo rigida. I video blogger facevano e dicevano delle cose che nella tv tradizionale non avresti visto. I. N. : Pensi che Nessuno tv possa essere un momento di raccordo tra televisione tradizionale, e la voglia di rompere quel modello? M. E. : Si mischiano un po’ le due cose. Non so, Presa diretta per esempio è una trasmissione più tradizionale. I. N. : Quali sono i criteri che ti guidano nella selezione del materiale, così abbondante?

M. E. : Dopo un anno i criteri si sono standardizzati e routinizzati. La prima cosa è la conoscenza del vlogger: c’è il vlogger che se non si vede selezionare due video consecutivi ti scrive; se si dice che i blogger sono esibizionisti, il vlogger forse lo è ancora di più: ha fatto un lavoro, sa che ha la possibilità di andare in onda, se non succede, ti chiede perché; alcuni ci hanno anche scritto dicendo “mi avevate detto che andavamo in onda alle 20,03 e invece sono andato alle 20,11”...insomma a volte sono difficili da gestire. I. N. : C’è un grande scambio tra te e i blogger... M. E. : Bè, l’aver aperto un blog mio ha aiutato molto la creazione di un rapporto tra di noi: io vado sul loro blog, loro vengono sul mio. I. N. : Altri fattori che hanno concorso alla creazione di questo rapporto? M. E. : Sono stati due i momenti decisivi: uno l’inizio di Blog Generation, l’altro la creazione del film. Il film è arrivato al momento giusto, nel senso che era un anno esatto dall’inizio della Blog Tv, e quindi avevamo un buon numero di vlogger che potevano partecipare, eravamo già sopra i 100. Poi l’evento ha permesso di estendere la partecipazione ad altri blogger che non avevano mai lavorato con noi. Ma soprattutto si era creato un rapporto di fiducia con loro, e di comunicazione ormai abbastanza esistente, per cui nel momento in cui sono andato a contattarli, anche telefonicamente (perché ormai avevo anche i numeri di telefono!), ho avuto risposta positiva da quasi tutti, tranne chi non era in Italia o chi era impegnato in quei due giorni (per esempio chi faceva lo scrutatore). Anzi nei giorni che hanno preceduto l’anteprima sentivamo l’attesa, la pressione, soprattutto dopo il trailer che abbiamo presentato per Pasqua, quindi una decina di giorni dopo le elezioni; dopo la trasmissione del trailer abbiamo avuto un’impennata di ascolti, perché tutti quelli che avevano visto i propri filmati premiati, hanno cominciato a bombardarci di mail, volevano sapere notizie del film; gli altri invece volevano sapere se erano stati selezionati o meno. Quella è stata la parte se vuoi un po’ più infelice per me, perché dovevo comunicare ad alcuni che non erano stati selezionati. Ancora oggi ho ricevuto mail di chi mi diceva “non capisco perché non sono stato selezionato..”. In realtà la scelta non era mia, ma del regista, Stefano Mordini. E’comunque stato un momento decisivo, siamo cresciuti di numero, siamo passati da 100 a 150. I. N. : Questo film sancisce anche l’uscita della comunità dal circuito sia del Cannocchiale che di Nessuno tv, il suo riconoscimento all’esterno M. E. : Il film è venuto molto bene e infatti è stato selezionato per partecipare al Bellaria film festival. E’ stato un lavoro molto stressante, perché i filmati erano tantissimi e concentrati su due giorni; la scelta definitiva è spettata a Stefano, il mio compito era coinvolgere, far partecipare più possibile i vloggers e raccogliere il materiale, scremarlo dicendo a Stefano cosa si poteva aspettare da ogni filmato. Prima di dargli il materiale gli avevo illustrato un po’ tutti i nostri blogger: che tipo di video facevano, come sapevano usare la telecamera e devo dire che tra alcuni di loro ce ne sono di veramente bravi. I. N. :

Quali sono i vloggers più quotati? M. E. : Donne e libertà di stampa, ma anche Maurizio Dovigi, uno dei primi vlogger in Italia, che fa cose molto provocatorie, fa il suo editoriale con un linguaggio molto particolare: inquadrature dall’alto, dalla macchina...sono Lunadivelluto. A far parte della Blog Tv ci sono anche le web tv e lì abbiamo una comunicazione più istituzionale; Messina web tv ci ha mandato molto materiale, ma era molto tradizionale, sembrava più un tg se vuoi. C’è chi andato per noi a piazza Santi Apostoli ad aspettare l’uscita di Prodi e poverino ha fatto le tre di notte! I. N. : Parliamo di blog generation M. E. : La particolarità di blog generation è sicuramente la video partecipazione: tramite Mycast, che è un sistema di comunicazione messo a disposizione da Digital Magic, le persone da casa si possono collegare, muniti di microfono e webcam, con il nostro sito, dove c’è un link per la video partecipazione; linkando si accede a un front end: basta riempire i campi ed acconsentire all’uso dei dati nel rispetto delle leggi sulla privacy, e a quel punto si entra in video moderazione; lì ci siamo io o la mia collega Carola, che accogliamo le persone, scalettiamo gli interventi a seconda di quanti ce ne sono, e poi li mandiamo in onda. I. N. : Il tema della puntata come viene scelto? M. E. : Blog Generation ha avuto due fasi: la prima è stata quella settimanale, che è andata avanti da metà ottobre fino ad aprile. Era una sorta di talk show, in cui in video partecipazione c’erano i bloggers, ma anche personaggi contattati da noi. In questa fase abbiamo scandagliato il mondo dei blog, è stato come se li avessimo accompagnati verso la conoscenza di questo nuovo mondo: abbiamo spiegato prima cosa è un blog, perché i blog potevano essere rivoluzionari. Anche perché altrimenti sarebbe stato incomprensibile per chi ci avesse seguito. Finita questa fase abbiamo cominciato la fase del quotidiano, più corto, dura 20 minuti ed è completamente diverso come format: in studio siamo io o Bruno e le web cam e basta, cosa che era successa solo una volta in Blog Generation settimanale. Sono tre, quattro anche cinque interventi a puntata, a seconda di quante persone intendono video partecipare. Questa trasmissione è fatta in collaborazione con Il Cannocchiale: la mattina perciò scegliamo l’argomento e lo comunichiamo al Cannocchiale e sul blog della trasmissione; quindi tutta la comunità è informata su quella che è la nostra iniziativa, e su tutte le variazioni della trasmissioni, tramite la newsletter, sia del sito, che del blog. Il tema è generalmente d’attualità: ogni giorno c’è una pillola che è tratta da uno degli argomenti che hanno ricevuto il rank maggiore secondo Technorati; la trasmissione si chiude invece con una pillola dedicata alla piattaforma Il Cannocchiale, in cui si parla di un post in particolare della giornata, cercando di sceglierne uno particolarmente commentato e raccontandolo con un tono abbastanza leggero. Questa pillola finisce poi sul blog della trasmissione, e questo fa aumentare il giro della community: io lascio un commento a quel post, cose che attirano molta attenzione. Poi abbiamo vlogger più creativi, meno documentaristici, basati su animazioni: non so, Avanzidicuore, Antonio Masotti, Talentosprecato,

creando il dibattito intorno all’argomento; tutta la comunità conosce la trasmissione, quindi va sul blog e commenta la pillola speakerata e questo aumenta la comunità intorno alla trasmissione. In effetti il post nella sua versione televisiva subisce dei mutamenti e degli adattamenti: viene sintetizzato, letto da uno speaker e riletto nella sua versione televisiva. I. N. : Qual è l’ostacolo maggiore alla video partecipazione

M. E. : Può sembrare strano, ma l’ostacolo più grande è ancora tecnico: di capacità di banda, di compatibilità tra i loro strumenti e i nostri; la web cam inoltre non è uno strumento così diffuso come si può pensare, nonostante costi pochissimo; oppure c’è chi ha l’adsl, usa il pc per lavorare, ma magari scopre solo con noi che ha la scheda audio rotta da un anno. I. N. : Quindi Blog Generation può essere considerato anche uno strumento di alfabetizzazione informatica, date dei motivi per essere connessi M. E. : Sì, molte persone si sono comprate la web cam , qualcuna l’abbiamo regalata anche noi, qualcuno si è fatto mettere a posto il computer... Se tu riesci a creare il personaggio, la trasmissione ne guadagna: è come se avessi un ospite fisso. Timoteo per esempio è giovane, spontaneo e diretto, mentre molti ripropongono modalità di intervento più tradizionali. Chi è più spontaneo può invece risultare più simpatico, più alla portata. I. N. : Quali sono, secondo te, le matrici che portano le persone a partecipare: è puro esibizionismo, o ci sono altre componenti? M. E. : L’esibizionismo è una componente, ma c’è una voglia di esprimersi clamorosa. Poi c’è anche quella di non fidarsi più dei media tradizionali, si è rotto un rapporto. Questo è stato il motivo per cui ho aperto il mio primo blog, e per cui molti hanno fatto lo stesso. Ormai i meccanismi sono piuttosto palesi: quello che è successo nel mondo del calcio, per esempio, dove i giornalisti prendevano ordini da Moggi o chi per lui... Ci sono le condizioni perché l’individuo si faccia media, affinché le oligarchie dei mass media vengano spazzate via. Negli USA c’è un movimento dei blogger molto importante. In Italia c’è una debolezza intrinseca della blogosfera, che non riesce ad incidere sulla realtà come dovrebbe e potrebbe; forse oggi ci sono le condizioni, si inizia a muovere qualcosa: penso a macchianera e la scoperta degli omissis del caso Calipari. I. N. : Pensi che Nessuno Tv possa rappresentare uno stimolo per la blogosfera a muoversi diversamente, e a cogliere tutte le potenzialità del blog? M. E. : Devi dare dei riferimenti, per questo abbiamo aggiunto la blog tv internazionale, perché questo può essere un riferimento, uno standard, anche dal punto di vista stilistico ed estetico. Parliamo chiaro: a Blog Tv ci

sono delle cose carine, ma anche cose meno interessanti; il fatto di metterle lo stesso serve a mantenere il rapporto con il video blogger, che rimane comunque un rapporto di fiducia. Essendo una collaborazione totalmente gratuita, la ricompensa è la messa in onda e non puoi deluderli. Il loro comportamento va comunque premiato, però in un’ ora ci sono venti minuti buoni, quaranta un po’ sonnacchiosi, e allora occorre fare delle scelte. Se tu dai dei riferimenti stilistici questi vengono colti: la comunità automaticamente va subito a fare commenti ai vlogger più bravi, che diventano leader e trascinanti. Per esempio pensa ad Antonio Masotti: si è creata una sottocomunità di fans del vlogger. I. N. : Come cambia il significato di un video dal blog alla tv: si può parlare di una trasformazione dal blog al blob? M. E. : Assolutamente sì, e infatti bisogna pensare a un’evoluzione sotto questo punto di vista: da una parte il blob è tendenzialmente molto bello, perché puoi vedere Berlusconi che fa le corna e poi il vlog di destra e poi quello serio e poi il cartone animato. Però questo accostamento, togliendo il video dal suo contesto originale, non dico lo snatura, ma lo cambia sicuramente: per esempio mentre nel blog l’autore può inserire un titolo, che spiega meglio il significato del video, noi inseriamo nella maschera solo il titolo del blog da cui il video è tratto; questo impone di mettere un testo accanto per contestualizzare il video che sta andando in onda. Cerchiamo comunque di toccarli il meno possibile: l’unica cosa che ogni tanto facciamo è tagliarli se sono troppo lunghi; lo standard del video blog ideale sono 2-3 minuti, fino a 5 e 30 tolleriamo; a volte, specie nella fascia oraria delle 23 metto anche cose più lunghe, sono arrivato a mettere anche cose di 18 minuti, a volte perché era richiesto, a volte perché c’era persino il gruppo d’ascolto per quel video; addirittura c’è un’associazione culturale che partecipa a Blog Tv che fa i comunicati stampa...lì diventa difficile tagliare. I. N. : Dovete scendere a compromessi... M. E. : Sicuramente sì: tu hai le chiavi del regno, ma se vuoi la partecipazione del pubblico devi essere pronto a darle; se tagliamo mettiamo un titolo, in cui si spiega che per vedere il video intero bisogna visitare il sito www....ilcannocchiale.it . I. N. : State recuperando, con questi esperimenti, un rapporto diretto con l’audience? M. E. : Per quanto mi riguarda assolutamente sì: loro vengono spesso sul mio blog per informarmi di aver inserito un nuovo post, o sul blog di Bruno... I. N. : Pensi che la vostra esperienza possa insegnare qualcosa ai media mainstream? M. E. : Penso che la video partecipazione sia la caratteristica fondamentale di nessuno tv e può diventare molto diffusa, qualunque trasmissione può avvalersene. La video partecipazione è più congeniale al mezzo televisivo, al contrario della telefonata, è un modo di arricchire la trasmissione; inoltre quando è l’utente semplice a collegarsi, succedono sempre cose carine: il passante che si incuriosisce, la telefonata dall’amico sul cellulare dell’utente collegato con noi...

Il futuro forse può essere quello di non scalettarle proprio, aprire al flusso continuo. Già adesso si crea una bella conversazione: io non metto nessun filtro, non ho mai detto a nessuno “no questo non lo puoi dire, chiudi questa web cam”, e neanche bruno l’ha mai fatto. Sotto questo punto di vista è un piccolo successo il fatto che la video partecipazione sia spontanea, da un mese comincia ad andare da sola, senza invitare i blogger, che partecipano da soli. Certo un po’ di attività di marketing sui blog c’è sempre, però è anche molto spontanea. I. N. : E questa attività di marketing in cosa consiste? M. E. : Prima di tutto il blog della trasmissione è stato fondamentale, perché è diventato un punto di incontro. Poi oramai abbiamo un database di tutte le persone che hanno video partecipato; anche il fatto di lasciare un commento al post selezionato per la pillola finale di Blog Generation incrementa la video partecipazione. Il Cannocchiale ci ha dato, inoltre, una grande visibilità, dunque arrivano sempre nuovi video partecipanti. I. N. : Quali sono i termini dell’accordo con Il Cannocchiale? M. E. : E’ una collaborazione gratuita che porta audience e blogger a noi e nuovi blogger a loro; Il Cannocchiale ha molte iniziative, per esempio l’inserto cartaceo su Il riformista; diciamo che così hanno anche l’inserto televisivo. I. N. : Qual è una possibile evoluzione di Blog Tv? M. E. : Arrivati a questo punto è necessaria una trasformazione: il blob è una prima espressione, ed è giusto che sia stato così. Adesso bisogna andarli a tematizzare; per esempio creare una maschera diversa che divida per argomento: attualità, citizen journalism, news, politica...in modo che siano più contestualizzati. Sicuramente ci sarà un cambiamento per settembre. I. N. : Ed ogni cambiamento viene comunicato ai blogger? M. E. : Certo, sempre I. N. : E’ come se 150 persone facessero parte della redazione...è mai capitato che un blogger desse dei suggerimenti che sono stati poi effettivamente seguiti? M. E. : Arrivano continuamente suggerimenti, soprattutto rispetto agli argomenti di Blog Generation. Così come arrivano le critiche: per esempio avevamo inserito l’editoriale all’interno di Blog tv e qualcuno si è arrabbiato, la comunità si è ribellata e così lo abbiamo eliminato. Noi l’avevamo messo perché si prestava: durava 5 minuti, televisivamente parlando era la collocazione migliore; ma siamo stati accusati per il fatto che quello non era un vlog e che non potevamo metterlo con la maschera di blog tv... E’ davvero come se avessimo una redazione di 150 persone, e in più distribuite sul territorio: in questo modo abbiamo notizie da Messina, Palermo, Milano, Roma... per esempio c’è un nostro blogger di Sesto

Fiorentino che ci aggiorna settimanalmente sullo stato di avanzamento dei lavori; a Napoli abbiamo una street tv che ci ha inviato il filmato dello spettacolo di Beppe Grillo. Fortunatamente copriamo tutto il territorio, e questo ci è tornato utile per “Le mie elezioni”. Il citizen journalism è sicuramente una parte fondamentale del blogging e del vlogging; per esempio un tema cui abbiamo dato molto spazio è stata la vicenda di Federico Aldovrandi: abbiamo fatto due puntate speciali di mezz’ora su di lui con i vlog a lui dedicati; la madre, grazie al suo blog, è riuscita a riportare la sua storia all’attenzione della stampa e dei grandi media nazionali, riaprendo il caso. E questa è una grande conquista della blogosfera italiana: il passo successivo è l’attesa che si rompa questo muro e si superi il digital divide. Per esempio l’adsl dovrebbe essere un diritto costituzionale: chi non ce l’ha è tagliato fuori da un mondo, dal circuito comunicativo. Un pc non collegato a internet è un pc morto. La mia paura è che ci sia una piccola elite che va avanti, mentre gli altri saranno costretti a restare pubblico, appagati solo dalle gioie della identificazione televisiva.

TESTO DELLA LIBERATORIA DI PARTECIPAZIONE A BLOG TV Io sottoscritto (nome e cognome): nato a (città): il (data di nascita): residente a (indirizzo esteso): provincia (sigla): codice fiscale: in relazione al video allegato dal titolo: (di seguito il “Materiale”) concedo a NessunoTV Srl il diritto, ma non l’obbligo, di conservare, diffondere nonché sfruttare e consentire di sfruttare il Materiale, sia sul proprio sito www.nessuno.tv che attraverso la TV digitale e analogica, satellitare e terreste, in tutto o in parte, anche rieditandolo, senza limiti di territorio, di durata e di passaggi, anche mediante cessioni totali o parziali a terzi. I predetti diritti sono concessi gratuitamente e irrevocabilmente alla condizione che appaia sempre in grafica, in qualità di autore del contenuto, l’indicazione del mio nome nelle forme ritenute più adeguate. Inoltre, dichiaro e garantisco: - che non ho concesso a terzi diritti confliggenti e/o in contrasto con i suddetti diritti; - che ho pieno titolo, legittimazione e tutte le liberatorie necessarie per concedere tali diritti a a NessunoTV Srl; - che ho provveduto a eventuali compensi, spese e oneri di ogni tipo verso tutti coloro che appaino nel Materiale o hanno comunque partecipato alla sua realizzazione; - che il materiale non contiene elementi di pubblicità diretta, indiretta e/o subliminale e nulla che violi le leggi, regolamenti o diritti di terzi. Terrò indenne NessunoTV da qualsiasi pretesa venga mossa in merito a tutto quanto precede ed agli usi che NessunoTV e i suoi aventi causa faranno del Materiale in ottemperanza a quanto sopra, manlevando e NessunoTV da qualsiasi azione o pretesa che possa, in relazione a ciò, essere mossa o avanzata da terzi, anche per l’esercizio dell’azione in giudizio ove ciò costituisca un fatto reato. Dichiaro che sono al corrente e non ho alcuna obiezione al riguardo che il Materiale e/o i programmi o i siti nei quali potrebbe essere inserito e tutto ciò che potrebbe essere realizzato con tutto o parte dello stesso, potrebbe essee veicolo di pubblicità e riconosco il diritto di di NessunoTV di effettuare il più ampio sfruttamento pubblicitario dello stesso nelle forme decise, ad esempio mediante l’inserimento di spot, altre forme di pubblicità, manifestazioni, concorsi a premi, giochi, programmi e spettacoli vari. Nota sul trattamento dei dati personali Nel rispetto della L. 675/96 sulla tutela della privacy, idati forniti a corredo della presente pagina saranno memorizzati nella base dati di NessunoTV Srl ed avranno valore esclusivo per la liberatoria. Tali dati verranno utilizzati per la gestione e l'erogazione del servizio, e non saranno ceduti a terze parti né resi pubblici in alcun modo ad esclusione del titolo del mio sito/blog che verrà inserito nella lista di partecipanti al

progetto BlogTV. Il titolare dei dati può richiedere la variazione o cancellazione dei dati inviando una comunicazione a: info@nessuno.tv. La cancellazione dei dati si considera come contestuale rinuncia ai servizi.

Riferimenti bibliografici:
ABERCROMBIE, N., LONGHURST, B. Audiences Londra 1998 ALTHUSSER, L. Per Marx Roma 1967 ANDERSON, B. Comunità immaginate Roma 1996 ANG, I. Cercasi audience disperatamente Bologna 1998 BAUMAN, Z. Modernità liquida Roma 2002 BERARDI, F. Il Sapiente, il mercante, il guerriero. Dal rifiuto del lavoro all’emergere del cognitariato Roma 2004 BERARDI, F. Skizomedia. Trent’anni di media attivismo Roma 2006 BERGER, R. Il nuovo Golem. Televisione e media tra simulacri e simulazione, Milano 1992 BETTETINI, G., COLOMBO, F. Le nuove tecnologie della comunicazione, Milano 1993 BETTETINI, G., GASPARINI, B., VITTADINI, N., Gli spazi dell’ipertesto, Milano 2002 BOLTER, J. GRUSIN, R. Remediation. Competizione e integrazione tra media vecchi e nuovi 2002 BOYD, M.D. Friendster and publicly articulated social network Berkeley 2004 CAMPBELL, C. The romantic ethic and the spirit of modern consumerism Londra 1987 CASTELLS, M. Galassia Internet, Milano 2002 COMUNELLO , F. Reti nella rete. Teorie e definizioni tra tecnologia e società Milano 2006 CULLER, J. Structuralist poetics. Structuralism, linguistics and the study of literature Londra 1975 DEBORD, G. La società dello spettacolo Bologna 1997 DE CERTEAU, M. L’invenzione del quotidiano Roma 2001 DE DOMENICO, F., GAVRILA, M., PRETA, A. (a cura di) Quella deficiente della tv. Mainstream television e multichannel Milano 2002

DI FELICIANTONIO, L. E MEZZA, M. Switch over. Scenari e obiettivi della tv al tempo del digitale terrestre Milano 2004 DURING, S. (A CURA DI) The subcultural reader Londra 1999 FIDLER, R. Mediamorfosi. Comprendere i nuovi media Milano 2000 GELDER, K. The subcultures reader Abingdon UK 2005 GIDDENS, A. Le conseguenze della modernità Bologna 2004 GRANDI, R. I mass media fra testo e contesto Milano 1994 GRANIERI, G. Blog Generation Bari 2005 HEBDIGE, D. Sottocultura. Il fascino di uno stile innaturale Genova 1983 HOBSON, D. Crossroads: the drama of a soap opera Londra 1982 LANDOW, G Ipertesto. Il futuro della scrittura, Bologna 1993 LASH, C. The culture of narcissism Londra 1980 LEVY, P. L’intelligenza collettiva. Per un’antropologia del cyberspazio, Milano 2002 LEVY, P. Cybercultura. Gli usi sociali delle nuove tecnologie Milano 2002 LEWIS, L. A. (a cura di) The adoring audience Londra 2001 LIVINGSTONE, S. The Challenge of changing audiences 2004 European Journal of Communication LYOTARD, J. F. La condizione post-moderna Milano JENKINS, H. Textual poachers. Television fans and partecipatory culture New York 1992 KERSHAW, B. The politics of postmodern performance Manchester 1996 MANOVICH, L. Il linguaggio dei nuovi media Milano 2002 MARINELLI, A. Connessioni. Nuovi media, nuove relazioni sociali Milano 2004 MARRIS, P. E THORNHAM, S. (a cura di )

Media studies. A reader Edimburgo 2004 MCQUAIL, D. L’analisi dell’audience Bologna 2001 MONTIS, I. Il videocasting. Nuovi media crescono, in Link. Idee per la televisione n. 4 / 2005 MOORES, S. Il consumo dei media Bologna 1998 NEGROPONTE, N. Essere digitali Milano 1999 NELSON, T. Leterary Machines Padova 1992 PARASCANDOLO , R. La televisione oltre la televisione. La tv pubblica nell’era della multimedialità, Roma 2000 PASQUINELLI, M. Media Activism Roma 2002 POZZATO , M. Dal gentil pubblico all’auditel Roma RHEINGOLD, H Smart mobs. Tecnologie senza fili, la rivoluzione sociale prossima ventura Milano 2003 SILVERSTONE, R. Perché studiare i media Bologna 2002 THURELMANN, F. La doppia spazialità in pittura: spazio simulato e topologia planare 1991 TODOROV, T. Introduction to poetics Minneapolis 1981 VERCELLONE, C. (a cura di ) Capitalismo Cognitivo. Conoscenza e finanza nell’epoca postfordista Roma 2006 WILLIAMS. R. Television: technology of cultural form Londra 1974

Webografia
Adbusters, http://www.adbusters.org Anfov http://www.anfov.it/ Arquilla, J., Ronfeld, D. Networks, netwars, end the fight for the future http://firstmonday.org Associazione dei costituzionalisti italiani http://associazionedeicostituzionalisti.it

Bush, V. As we may think, 1945 www.ps.uni-sb.de/~duchier/pub/vbush/vbush-all.shtml Casaleggio Associati Focus: La blogosfera e i media. La diffusione dei blog e il declino dei media 2006 http://www.casaleggio.it Federazione italiana giornalisti http://www.gusnazionale.org Marx, K. Il Diciotto Brumaio di Luigi Bonaparte, 1852 da http://progettomarx.it/biblioteca.htm Ministero delle Comunicazioni http://www.comunicazioni.it Nessuno Tv http://www.nessuno.tv Peter Kaminski http://peterkaminski.com/archives/000219.html. Report http://www.report.rai.it Reporters sans frontieres http://www.rsf.org Rheingold, H. The virtual community, 1993 http://www.rheingold.com/vc/book/index.html Technorati www.technorati.com

Weblog
Antonio Masotti http://antoniomasotti.ilcannocchiale.it/ Crash test kitchen http://www.crashtestkichen.com Green green water http://www.greengreenwater.com I Media Mondo http://media-mondo.blogspot.com Interact tv http://www.interactv.it/ Leofilm http://leofilm.ilcannocchiale.it/ Macchianera http://www.macchianera.net Maurizio Dovigi

http://nofilter.splinder.com/. Meefedia http://www.mefeedia.com Mobuzz http://www.mobuzztv.com RoadTv http://www.roadtv.ilcannocchiale.it