You are on page 1of 2

Sartre

Vita
Nato a Parigi nel 1905 e morto nel 1980, Sartre è stato un geniale poligrafo che si è visto a suo agio
nello scrivere i più diversi generi letterari:dal saggio letterario al romanzo (La nausea,1938 L'età
della ragione 1945) alla composizioe di opere teatrali (le mosche 1943, a porte chiuse 1945,) o
pamphlet politici ( l'antisemitismo 1946). In nessuno di essi è assente un certo contenuto filosofico ,
ma i principali scritti filosofici sono : L'essere e il nulla 1943,L'immaginazione 1936, Le parole
1963, quest'ultimo gli valse il premio Nobel per la letteratura che egli rifiutò,infine sono apparsi
postumi opere tra cui ricordiamo L'Intelligibilité de l'Histoire 1985.
Esistenza e libertà
Sarte comincia la propria attività di scrittore con ricerche che hanno per oggetti l'io,l'immaginazione
e le emozioni. Il punto di partenza di queste ricerche è l'intenzionalità della coscienza anche se fin
dal principio Sartre si oppone ad un'interpretazione esistenzialistica di questa nozione.
Nel saggio "la trascendenza dell'Ego" Sartre afferma che " L'io non è un abitante della coscienza",
con la quale intende dire che l'io non costituisce una sostanza chiusa in sè stessa,ma una struttura
relazionale costitutivamente aperta al mondo e agli altri. La coscienza viene intesa come "essere
nel mondo " e le stesse emozioni come una possibile maniera di vivere i rapporti con la realtà;
Lo svenimento davanti ad un pericolo imminente,ad esempio, è per Sartre, non è che la negazione
del pericolo, la volontà di annientarlo senza utensili,ma con una sorta di fuga.
Particolare importanza assume la funzione dell'immaginazione,Per Sartre l'immaginazione è
direttamente collegata alla libertà. L'immaginazione è per lui un modo attraverso cui la coscienza
trascende la realtà alla luce di un posssibile, come tale essa esprime la capacità umana di negare
il mondo, in qualsiasi momento o situazione.
Questi concetti ritornano in parte nell' opera L'Essere e il Nulla (1943), in cui l'autore si interroga
sulle strutture dell'essere in particolare per lui l'essere si manifesta in :
Essere in sé, che si identifica con tutto ciò che non è la coscienza, dunque con la realtà che ci
circonda
Essere per sè, si identifica con la coscienza stessa, la quale ha prerogativa di essere presente a se
stessa e alle cose.
Se l'in sé è il dato che la coscienza ha davanti a se medesima,come qualcosa di opaco,che è il ciò
che è, l'essere per sé è invece la coscienza che, essendo presenza alle cose ha la capacità di attribuire
loro dei significati.
Per questa sua prerogativa Sartre chiama il "per sé" NULLA ovvero la coscienza che sorge come
potenza nullificatricve de puro dato e come fonte di significati rispetto all'in sé,affermare che
l'uomo è coscienza o per sé, equivale a dire che l'uomo è libero poichè annulla la realtà dandogli
dei significati.
Dunque la libertà,coincide con la struttura stessa dell'esistenza per cui l'umanità risulta condannata
per costituzione ontologica ad essere libera; ma il fatto di essere libera vuol dire quindi che l'uomo è
responsabile di ciò che gl'accade e tutto è responsabilità delle scelte dell'uomo per cui nulla di
ciò che succede all'uomo può essere detto " inumano", Quindi per Sartre non esistono casi
accidentali,Se io sono mobilitato in una guerra,questa guerra è la mia guerra, e io la merito.
Questa libertà fa si che l'uomo sia in "uno stato endemico di continua conflittualità con gl'atri".

Dalla "Nausea " all' " impegno"
nella condizione umana Sartre vedo un qualcosa di paradossale,infatti l'uomo pur essendo libero di
fronte al mondo, l'uomo non è libero di essere libero,cioè pur scegliendo il senso del suo
essere,non può scegliere il suo essere stesso, ovvero il fatto di essere "gettato" nel mondo e di
esistere come libertà. Ma il fatto di essere nel mondo e quindi di non decidere di nascere,per l'uomo
e gl'altri enti è qualcosa di assurdo,ossia non ha spiegazione del fatto medesimo di esistere; per cui
l'uomo cerca di dare senso con scopi e fini a qualcosa che senso non ha.
L'esperienza emotiva di tale assurdità dell'esistenza è la "Nausea" nella quale Sartre descrive le
vicende di Roquentin, un professore di storia che cerca di scoprire la "perfetta gratuità"
dell'esistenza,ovvera la sua mancanza di senso.Sebbene l'uomo abbia cercato di superare tutto

ciò con le metafisiche e le religioni,la consapevolezza di ciò rimane insita in ogni individuo . Da
ciò scaturisce la volontà dell'uomo di essere DIO, provando così sià ragione che fondamento di sé
stessi,attuando una sintesi fra i due esseri; ma ciò è impossibile in quanto "le Ragioni e gli Scopi"
dell'esistenza sono qualcosa che inventiamo noi soltanto dopo essere venuti al mondo,prima l'uomo
è soltanto materia bruta ,Nel suo sforzarsi di essere Dio, l'uomo è dunque è destinato allo scacco
,tant'è vero che sartre presenta l'uomo come "Dio mancato".

La critica della ragione dialettica
Nella critica della ragione dialettica Sartre si propone di identificare le condizioni formali della
storia: la sua tesi fondamentale è che la struttura dialettica del corso storico è da considerarsi come
un processo in divenire ,che si caratterizza come una totalizzazione mai conclusa e sempre in
via di farsi. Questo perchè la dialettica, secondo Sartre è un processo il cui soggetto è l'uomo con i
suoi bisogni ,come tale va concepita all'interno dell'esperienza vissuta,in base al principio che
l'uomo subisce la dialettica in quanto la fa e la fa in quanto la subisce.
Proprio in virtù di ciò, la storia ha in sé la possibilità dell'alienazione, ossia che diventi succube
dei prodotti stessi delle sue attività.
L'alienazione è possibile anche nei rapporti tra gl'uomini ,infatti egli distingue tra concetto di
"serie" e "gruppo":
la serie costituisce il mero collettivo,una molteplicità discreta di individui formata da una "pluralità
di solitudini" latentemente ostili tra loro, dunque è un rapporto intersoggettivo in cui l'individuo non
vive un'autentica esperienza di unione con gl'altri ( spesa al supermercato, in metropolitana)
Il gruppo costituisce la negazione della serialità,è un'organizzazione in cui gl'individui sono
caratterizzati da un'unità d'intenti, all'interno del quale ognuno si sente capo e gregario verso gl'altri.
Tale situazione si ha per esempio di fronte un nemico comune verso il quale tutti si
coalizzano,tuttavia passato il momento di tensione, il gruppo deve lottare per restare tale e non
ritornare alla condizione di serie.Ciò si ottiene mediante uno stato crescente di terrore,obbedienza e
il controllo dispotico che si condensa nell'attribuzione di tutto in potere in mano ad un'unica
sovranità portando i componenti del gruppo ad un nuovo stato di alienazione che rischia di sfociare
in una nuova serialità alienata, nella quale gl'individui,spogliati della loro individualità, si sentono
di nuovo estranei l'uno all'altro e alla comunità reale.