SLC - CGIL FISTel - CISL UILCOM - UIL

Sindacato Lavoratori Comunicazione Federazione Informazione Spettacolo e Telecomunicazioni Unione Italiana Lavoratori della Comunicazione Roma, 18 febbraio 2010

COMUNICATO
Il 17/09/2009 le Relazioni Industriali Telecom hanno riferito alle OO.SS. l’esistenza di una trattativa di vendita della società SSC al gruppo Engineering Italia. I lavoratori SSC hanno rappresentato, anche con scioperi e manifestazioni, le loro preoccupazioni sulle possibili ricadute occupazionali dell’operazione di vendita, fino all’ultimo appuntamento decisionale sulla proposta di acquisto, indicato dalla stessa Azienda nel CdA Telecom Italia del 2 dicembre scorso. Il CdA del 2/12/2009 non ha preso alcuna decisione in merito al destino di SSC ed in particolare all’ipotesi di cessione a Engineering. E’ seguito un periodo di silenzio assoluto da parte di Telecom, rotto soltanto da quanto detto – dietro richiesta Sindacale – in sede di definizione del PdR per SSC. In quella occasione Telecom ribadiva ancora che tutte le strade, vendita compresa, erano ancora percorribili; che il prossimo CdA di Telecom del 25 febbraio 2010 avrebbe deciso in merito; e che nelle trattative con il Gruppo Engineering non sono al momento previste ipotesi di tutela dell’occupazione in SSC, essendo tale tema di totale competenza del potenziale acquirente. Appare palese che i lavoratori di SSC non possono essere eternamente in attesa “del prossimo CdA”: vogliamo ribadire la nostra ferma contrarietà all’ipotesi di vendita della società SSC per tutti i motivi che abbiamo espresso in sede ministeriale (comunicato Unitario “SSC com inc MiSE 11-11-09”), negli incontri con l’azienda, nei numerosi volantini diffusi durante gli scioperi e le manifestazioni e che qui sintetizziamo: • • • • • Il timore che la vendita preluda a tagli occupazionali per i quali Telecom si scaricherebbe di tutte le responsabilità sociali, cosi come già accaduto per altre società (vedi Tils e recentemente Tess); La riorganizzazione (per diminuire i costi ed aumentare l’efficienza di SSC) potrebbe farla Telecom Italia nell’ambito del riassetto dell’intera IT, senza demandarla ad altri (ieri Accenture oggi Engineering); Il non vedere in questa operazione una logica industriale, ma meramente finanziaria che comunque non concorrerebbe in modo significativo a sanare l’indebitamento di Telecom; L’inevitabile depauperamento di know how che subirebbe l’informatica del Gruppo e lo stesso processo di gestione delle applicazioni SW Corporate con la necessità, da parte di Telecom, di dover ri-acquisire con costi maggiorati, professionalità analoghe sul mercato; La convinzione che l’informatica Italiana vada valorizzata e non depauperata, in base a modeste convenienze del momento

Nel prossimo CdA di Telecom Italia si forniranno le linee guida del piano industriale del gruppo: riteniamo fondamentale che SSC sia inserita a pieno titolo in quel piano, come azienda del gruppo che svolge un ruolo fondamentale nell’IT di Telecom. Ribadiamo ancora una volta che l’espansione di SSC sul mercato esterno può continuare anche rimanendo di proprietà del gruppo Telecom ed eventualmente attraverso partnership con altre aziende, mantenendo le competenze informatiche e di processo all’interno del perimetro Telecom. Le Segreterie nazionali SLC FISTel UILCOM
Affiliazione ad UNI Union Network International

RSU SLC FISTel-UILCOM
SLC FISTel UILCOM Tel. 06-42048212 Fax 06-4824325 Tel. 06-492171 Fax 06-4457330 Tel. 06-8622421 Fax 06-86326875

Related Interests