You are on page 1of 22

3

2004

arch. Jean Pierre Antorini

CH- Lugano

Indici

Indice analitico

Parte prima

pag.9

Prefazione
Feng shui, medicina del paesaggio
Postilla per il lettore
La Cina e lOriente
Cronologia dinastie
Le origini della civilt cinese
Il pensiero cinese: religioni e scuole di pensiero
Lazione contraria alla Natura (wei) e il suo opposto (wu wei)
Il Polo Supremo
Le teoria delle due forze fondamentali
Il concetto del Chi e del Li

pag.11
pag.12
pag.14
pag.15
pag.17
pag.20
pag.22
pag.24
pag.25
pag.29
pag.31

Parte seconda

pag.35

Lastronomia
Il sistema degli hsiu
Cicli sessagesimali
Corrispondenze tra il calendario gregoriano e il ciclo sessagesimale
I dieci Tronchi celesti
I dodici Rami terrestri
Serie duodecimali
Calendario cinese
Le sei Energie celesti

pag.36
pag.37
pag.39
pag.40
pag.41
pag.42
pag.43
pag.45
pag.46

Parte terza

pag.48

Scienza cinese
I Cinque Agenti o Elementi (wu-hsing)
Le correlazioni simboliche
Colori, misure e dimensioni feng shui
Il sistema del Libro dei Mutamenti
Pa kua, gli otto trigrammi
Pseudoscienze
Sciamani, wu e fang shih
Geomanzia
La bussola geomantica lo pan
Segno e simbolo
Alcune tecniche base di intervento: tracciare una Mappa Geomantica
I quadrati magici
I Nove Palazzi

pag.49
pag.50
pag.55
pag.57
pag.58
pag.60
pag.65
pag.66
pag.67
pag.69
pag.71
pag.72
pag.92
pag.95

Parte quarta

pag.96

Feng shui: origini storiche


Le due scuole feng shui
Sistema del feng s hui
Il sangue della terra: il Chi
Sha chi
Lacqua (shui)
Il vento (feng)

pag.97
pag.105
pag.106
pag.107
pag.109
pag.110
pag.115

Parte quinta

pag.117

Il concetto di forma
Valutare il paesaggio perch forma o oggetto?
Le forme della terra e i due principi
Le forme e simboli feng shui
Le montagne (shan)
Il Drago (lung)
Le Vene del Drago (lung mei)
Cercare il riparo del drago
Riparo del drago (hsueh)
Le quattro direzioni principali
Il riparo del drago moderno
Classificazione delle forme
Classificazione secondo le Nove Stelle Mobili
Forme e simboli infausti
Possibili accorgimenti e contromisure
Larte del giardino
Tempio o monastero

pag.118
pag.121
pag.123
pag.125
pag.128
pag.130
pag.132
pag.136
pag.138
pag.140
pag.142
pag.143
pag.148
pag.150
pag.152
pag.154
pag.155

Epilogo

pag.156

Bibliografia

pag.158

Ringraziamenti

pag.164

Indice delle figure

Figura 1
Figura 2
Figura 3
Figura 4
Figura 5
Figura 6
Figura 7
Figura 8
Figura 9
Figura 10
Figura 11
Figura 12
Figura 13
Figura 14
Figura 15
Figura 16
Figura 17
Figura 18
Figura 19
Figura 20
Figura 21
Figura 22
Figura 23
Figura 24
Figura 25
Figura 26
Figura 27
Figura 28
Figura 29
Figura 30

Carta geografica della Cina


Diagramma del Polo Supremo Thai Chi Thu
Ho Thu e Tai Chi
Le forme-elemento delle montagne
Derivazione del Pa Kua dal Tai Chi
Derivazione dei sessantaquattro esagrammi dal Tai Chi
Gli otto trigrammi ed i Cinque Agenti
Le ventiquattro direzioni azimutali
Mappe dei Nove Cicli
Lo Shu e Ho Thu moderni
Cerchio del Cielo Anteriore e Posteriore
Lo Shu e Ho Thu antichi
Cielo Posteriore o Ordine di Wen
Configurazione delle acque sul territorio cinese
Anello delle Nove Stelle e la direzione delle acque
Studio della direzione delle acque utilizzando i trigrammi
Gli otto trigrammi con i Cinque Agenti
Tavola dei venti secondo il ciclo di Fu Hsi (Cielo Anteriore)
Influenza della radiazione solare sui pendii di un rilievo
Montagna yang
Carta geografica della Cina con indicate le montagne shan
Genesi delle montagne
Le tredici Vene del Drago
Il riparo del Drago secondo la cartografia cinese
Il riparo del Drago moderno
Le combinazioni dei Cinque Agenti
Ciclo di Reciproca Produzione (o Ciclo ideale)
Ciclo di Reciproca Distruzione
Le sette stelle dellOrsa
Nove stelle associate al quadrato magico

pag.19
pag.26
pag.33
pag.54
pag.62
pag.63
pag.64
pag.73
pag.75
pag.93
pag.94
pag.98
pag.100
pag.111
pag.112
pag.113
pag.114
pag.116
pag.124
pag.127
pag.129
pag.131
pag.134
pag.139
pag.142
pag.143
pag.145
pag.145
pag.148
pag.149

Indice delle tabelle

Tabella 1
Tabella 2
Tabella 3
Tabella 4
Tabella 5
Tabella 6
Tabella 7
Tabella 8
Tabella 9
Tabella 10
Tabella 11
Tabella 12
Tabella 13
Tabella 14
Tabella 15
Tabella 16
Tabella 17
Tabella 18
Tabella 19
Tabella 20
Tabella 21
Tabella 22
Tabella 23
Tabella 24
Tabella 25
Tabella 26
Tabella 27
Tabella 28
Tabella 29
Tabella 30
Tabella 31
Tabella 32
Tabella 33
Tabella 34

Le Sei Energie
I Ventotto Hsiu
Il ciclo sessagesimale
I Dieci Tronchi
I Dodici Rami Terrestri
Le ventiquattro direzioni del calendario cinese
Ciclo annuale
Ciclo giornaliero
Correlazioni simboliche
Correlazioni simboliche
Correlazioni simboliche
I sessantaquattro esagrammi
Sequenza del Cielo Anteriore
Sequenza del Cielo Posteriore
I quattro punti cardinali associati allo Ho thu moderno
I quattro punti cardinali associati al Lo shu moderno
Associazione trigramma-colore-numero
Associazione direzione-trigrammi-Rami-Tronchi
Ere e Cicli
Le otto direzioni pi il centro
Andamento del flusso di energia
Associazione Ere-Cicli con stella dominante
Stelle fauste e infauste dei Nove Palazzi
Stelle e loro effetto
Significati attribuiti alle coppie di combinazioni
Combinazioni distruttive
Le stelle dominanti
Prima e dopo il solstizio destate
Stella dominante di ciascun individuo
Attivit dei Cinque Agenti
I Dodici Palazzi
Forme del letto dei fiumi
Direzione del braccio del corso del fiume
Superficie dei bacini energetici

pag.34
pag.38
pag.40
pag.41
pag.42
pag.43
pag.46
pag.47
pag.55
pag.56
pag.56
pag.59
pag.60
pag.61
pag.69
pag.70
pag.70
pag.72
pag.74
pag.79
pag.82
pag.82
pag.83
pag.84
pag.84
pag.85
pag.87
pag.89
pag.89
pag.91
pag.108
pag.114
pag.114
pag.137

Parte prima

Non c immagine al mondo in cui manchi il centro: esso il punto dello spazio da
cui comincia la visione, assumendo il valore di centro e fulcro universale. Esso
coincide con il punto di prima e pi importante umanizzazione dello spazio. Nel
senso che in quel punto avviene il primo, profondo, umbilicale rapporto con la vita
universale, consacrato cio dalla rivelazione (ecco la componente mitica, storica,
dellimmagine del mondo) attraverso il quale luomo entra in rapporto con luniverso.
Simbolicamente esso coincide con qualcuna delle forme che reggono lordine
spaziale e temporale delle cose, delle entit prime della vita universale, quali il sole,
lanimale, lalbero, la montagna o altri elementi di mediazione (..) Quello spazio che
richiama allentit mediatrice si distingue dal resto, che indifferente e anonimo.
Solitamente recinto; oppure si distingue nel paesaggio per la presenza stessa di
quegli elementi, collina, albero sacro, che lo isolano, lo determinano e gli
conferiscono un significato preciso.a

Turri Eugenio, Antropologia del paesaggio, Edizioni Comunit, Milano ,1974, p.110

10

Prefazione

11

Feng shui : Medicina del Paesaggio


Oggi diventato difficile portare a termine un progetto con le limitazioni imposteci
dalla matassa burocratica sempre pi confusa ed intransigente, alla quale si
aggiunge una spietata concorrenza che crea ulteriori difficolt innescando un
processo evolutivo distorto e fazioso, lo chiamano il Futuro, processo evolutivo
rapido e doloroso nel quale ambiente risulta essere solamente una limitazione
spaziale da rendere il pi elastica possibile.
Per questo ed altro, si sta formando un nuovo pensiero che investe anche le
discipline umanistiche e in generale tutta la cultura di questo fine millennio, segnali di
uno scenario trasformista come quello nel quale viviamo. Anche scienze come la
ecologia si specializzano superando confini fino ad oggi mai contemplati offrendo
nuove opportunit che la nostra cultura fino ad oggi aveva trascurato protesa verso
altri traguardi.
Essendo larchitettura unattivit teorica che segue la trasformazione del naturale da
parte delluomo, indubbiamente la pi coinvolta dalla rivoluzione culturale, e la pi
bisognosa di un ritorno allecologia ed ad un umanesimo da troppo tempo
trascurato. Abbiamo bisogno quindi di unarchitettura come attivit di trasformazione
del naturale che determini le reali esigenze grazie allinterpretazione di segnali che
albergano in noi, come quelli di equilibrio ed armonia, ma che ritroviamo facilmente
anche in natura. Gi in passato per costruire la casa occorreva una profonda
conoscenza delluomo, del resto la concezione religiosa non ammetteva separatismi
(religione dal latino religere legare unire).
Il pensiero razionale, che ha poi determinato la rivoluzione tecnologica e scientifica,
ha progressivamente abbandonato luomo dal concetto della casa come specchio
del cosmo, ben radicata invece, negli antichi.
Per questo, particolare attenzione merita la pratica cinese del feng shui, vera e
propria arte del vivere in armonia con la natura e mezzo efficace per trarne il
maggior beneficio e prosperit , dove la terra concepita come entit viva e animata
dallo spirito.
La vera origine difficile da stabilire, in quanto i cinesi integrarono nel corso dei
secoli elementi sempre pi precisi e strutturati, ma si pensa sia nata nellantica Cina
circa 3000 anni fa, dove larte sempre stata molto pi attenta al paesaggio che non
alla figura umana proprio per la tendenza di quella cultura a intravedere nel
paesaggio il macrocosmo correlato al microcosmo uomo .
Le premesse del feng shui datano forse dellepoca di Confucio (-IV al -VI secolo)a,
ma questarte si strutturata nei secoli che seguirono grazie a molti trattati.
Nel IX secolo comparve la Scuola Yang Yun-sung che mise a punto un approccio
pi sistematico al paesaggio. Col passare del tempo, larmonia paesaggistica serv
anche a mire operative, e rinforz la concentrazione del potere nella capitale
imperiale: al simbolo cominciava a mischiarsi il controllo.
Oggi il feng shui diventato unarte molto pi cittadina e ormai si pratica anche in
Occidente, mentre ufficialmente scomparso nella Cina comunista. Molti esperti,
tuttavia, lesercitano ancora ad Hong Kong, a Taiwan, in Corea negli Stati Uniti e
nelle comunit cinesi; anche il Giappone ha il suo feng shui che ha dettato le proprie
leggi alle citt, ai templi, ma anche allinterno delle case, nei giardini, nellarte di
disporre piante ed oggetti in ambienti chiusi ed aperti.
Il feng shui, letteralmente vento e acqua, stato definito come larte di adattare le
dimore dei vivi e dei morti per stabilire una cooperazione ed unarmonia con le
correnti del soffio cosmicob (Chi). evidente che il ruolo dellesperto, o geomante,
molto importante perch comporta diversi aspetti volti al compimento della sua
funzione: astronomo, astrologo, geometra, agrimensore, numerologo e studioso
delle proporzioni; si assume la responsabilit di far s che la forma e laspetto del
a

Considerato che la civilt cinese non possiede un riferimento cronologico corrispondente al nostro A.D., ho ritenuto
opportuno indicare con un ( +) o un ( - ) tale cronologia, seguendo lesempio dei testi da me consultati.
b
Vedi Parte quarta, p. 96

12

paesaggio non subiscano modifiche che potrebbero disturbare il corso armonioso


dellenergia vitale (Chi). Egli pu migliorare il paesaggio, riequilibrarlo e cercare,
infine, i siti migliori per edificare intervenendo anche nelle case.
Il suo strumento la bussola geomantica (Lo pan), che gli consente di decifrare le
propriet del luogo e tutte le influenze che vi agiscono in funzione dellabitante.
Fisicamente un disco circolare con al centro un ago magnetizzato, con un numero
di cerchi concentrici che varia (da 8 a 38) a seconda delle dimensioni e del costo
dello strumento sui quali sono rappresentati simboli, numeri e trigrammi tali da
permettere una lettura a trecentosessanta gradi su tutti gli aspetti astronomici e
zodiacali di un particolare sito (o di un individuo che in quel particolare luogo deve
insediarsi) individuandone i flussi positivi (Tsin chi ) e quelli negativi (Sha chi ). La
bussola in realt non altro che la chiave daccesso alluniverso del pensiero
cinese o almeno, credo, ad una parte di esso.
Questi aspetti della cultura e tradizione cinese ci mostrano quanto sia radicato ed
indissolubile il legame tra Cielo-Uomo-Terra. Non sorprende che questultima sia
considerata la quintessenza il legame fra tutti gli altri sempre al centro di un
dispositivo, epidermide , involucro di energia vitale simile cio allessere umano
(intesa come entit biologica). Per questo motivo il feng shui frequentemente
associato alla medicina cinese , nel caso specifico allagopuntura. Ecco come un
maestro feng shui, Guy-Charles Ravier esprime sinteticamente ed efficacemente
tale concetto:
(..) il feng shui la combinazione di molteplici (diverse) discipline orientali, ma
anche occidentali, strettamente legate fra loro. Come tutti i processi globalizzanti,
impossibile considerarla una scienza esatta nel senso occidentale del termine. Noi la
definiremo come Scienza Tradizionale, intendendo con questo un sistema empirico
nella sua globalit ma radicato su una vera e propria teoria coerente ad un lungo
periodo di pratica nella propria sfera culturale di origine.a

Ravier Guy-Charles, Trait pratique du feng shui, Edition de lAire, Lausanne, 1991, p. 65

13

Postilla per il lettore

La particolarit e lampiezza dellargomento impongono alcune precisazioni


riguardanti le leggende e gli episodi storici, sociali, religiosi e filosofici della cultura
orientale, ai quali faremo riferimento. Ben consapevole della inattuabilit di una
sintesi adeguata del pensiero cinese, ho ritenuto comunque opportuno proporre al
lettore una modesta panoramica su alcuni degli argomenti proposti. Nelle successive
sezioni ho tentato di individuare ed isolare quei concetti che in seguito ho scoperto
essere indispensabili per una corretta cronologia degli avvenimenti, a favore di una
maggiore fruibilit delle informazioni. Voglio sottolineare che nonostante i riferimenti
storici siano estremamente sintetici, sono il risultato di una ricerca approfondita, che
si esplicitamente mossa in questa direzione per tessere una maglia
sufficientemente resistente, e per distinguere gli argomenti attendibili da quelli
improbabili e fantasiosi.

14

La Cina e lOriente
Che cos lOriente ? Non una realt naturale, ma unidea, e pi precisamente
unidea occidentale, con una storia e una patologia, impregnata di miti e di significati
nascosti (..). LOriente rappresenta laltro, ci che si pone di fronte a noi come
estraneo e straniero: proprio questa estrema alterit conferma limmagine che
abbiamo di noi e definisce la nostra identit. a
Nel primo 900 in Occidente fiorita un ondata di entusiasmo nei confronti del
pensiero e della tradizione dellantichit Indiana e Cinese, soprattutto per il
buddismo, il taoismo e lo yoga che andata consolidandosi nel corso degli anni.
nata la necessit di superare lostacolo tra due culture estremamente diverse, che
con il termine orientalismo tentava esprimere, e che offriva la giustificazione
ideologica al senso di spaesamento e allesagerata immaginazione che aveva
caratterizzato latteggiamento dellOccidente nei confronti dellOriente. In realt il
fascino esercitato sullOccidente dalla cultura Orientale era andato maturando sin dal
XVI secolo, quando i missionari Gesuiti incominciarono a stabilirsi in Asia. Lidillio
con lOriente, che ha rappresentato un aspetto cos peculiare della vita culturale del
nostro secolo, sarebbe certamente sbocciato anche senza il contributo di Carl
Gustav Jung.b Dobbiamo comunque riconoscere che i suoi scritti siano di grande
importanza per lapporto fornito al dialogo tra Oriente e Occidente. Le mitiche
immagini del favoloso Oriente abbondano in Europa sin dallepoca del viaggio in
Cina di Marco Polo, nel XIII secolo, ma lapertura della mentalit moderna alle idee
orientali incominci in realt con lopera missionaria svolta nella seconda met del
XVI secolo dai Gesuiti, le truppe dassalto della controriforma cattolica. Non si
trattava di predicatori bigotti e limitati il cui unico scopo era la conversione dei popoli
pagani dellOriente al vero credo di Cristo. Erano invece religiosi colti e di ampie
vedute che, nella loro formazione, avevano assorbito le idee lungimiranti
dellumanesimo rinascimentale e che, durante la loro missione, avevano continuato a
far giungere in Europa cronache dettagliate e coinvolgenti sulle credenze e sulle
abitudini dei popoli orientali. Le idee che riportarono furono accolte con favore e
avidamente discusse dai filosofi dellepoca ed ebbero una profonda influenza,
spesso non adeguatamente rilevata dagli studiosi, sulla genesi del pensiero
illuministico. La Cina confuciana fu il loro principale oggetto di interesse forse alla
luce dei tentativi eroici ma inefficaci del Matteo Riccic, di adattare il culto e la dottrina
a

Clarke John J., Jung and Eastern thought. A dialog with the Orient, J.J. Clarke Routledge, London and New York,
1994, II, pp. 27
b
Carl Gustav Jung 1875-1961), psichiatra svizzero e fondatore della psicologia analitica. Egli affronta seri studi
nellambito della filosofia e della religione. Sono gi qui delineati gli orientamenti epistemologici ( teorie della
conoscenza ) che guideranno il pensiero di Jung : il criterio empirico e il criterio fenomenologico. Questi due
orientamenti sono alla base dei due interessi fondamentali di Jung : quello per le scienze naturali e quello per i
problemi religiosi e filosofici. La contraddittoriet di questi due interessi e la necessit di una loro sintesi traccia
litinerario intellettuale del filosofo, che sar quello di cercare il fondamento empirico-storico dei valori spirituali, per
inserirli nel mondo della conoscenza storico-scientifica. Nel 1929 pubblica il commento psicologico al Segreto del
fiore doro, antico testo cinese di alchimia taoista, dove inoltre mette in risalto limportanza del pensiero orientale per
la sua funzione complementare al razionalismo del pensiero occidentale. Questo tema viene ulteriormente
sviluppato nel 1948, in occasione della introduzione allo I Ching , il famoso libro oracolare cinese. Jung esprime
cos, allinterno del movimento psicoanalitico, quella esigenza storica che attualmente investe diversi ambiti della
cultura europea, lesigenza di fondare nelluomo le radici affettive di una nuova immagine di s che superi il limite
della particolarit egoistica per abbracciare il divenire storico e sociale dellumanit.
c
Matteo Ricci (1552-1610), padre gesuita italiano, la maggior figura che la storia del cristianesimo in Asia annoveri
fra le sue pagine. Ricci comprese come lunico modo di svolgere un apostolato efficace fosse quello di agire
dallinterno stesso del mondo cinese riducendo al minimo gli aspetti di novit rappresentati dalle nuove dottrine, e
sottolineando invece la convergenza del messaggio cristiano con molti degli insegnamenti espressi dagli antichi
saggi cinesi. Ottenuto nel 1582 il permesso di entrare e di risiedere in Cina, vicino a Cantone, il Ricci visse qui
assumendo le vesti e i modi dei monaci buddhisti prima, dei dotti confuciani poi, e si preoccup non di predicare le
proprie dottrine ma di vincere con lesempio e la cultura la diffidenza dei monaci e dei dotti locali. Egli ottenne cos di
poter proseguire per Pechino dove giunse a guadagnarsi la simpatia dellimperatore. Gli errori dottrinali che i cinesi
professavano andavano piuttosto ascritti ai travisamenti con cui i commentatori moderni avevano inquinato il senso
del testo antico. Ricci avvert limportanza che potevano avere nel mondo cinese le cognizioni scientifiche che
lEuropa veniva elaborando e fece inviare a Pechino astronomi e matematici. Fu cos che nel 1611 lUfficio del
Calendario, sorta di accademia astronomica e posizione chiave dellamministrazione imperiale, venisse affidato ai

15

cristiani al confucianesimo. Una breve individuazione del fenomeno religioso nel


mondo culturale cinese (e in particolare nei momenti antichi) particolarmente
difficile per la mancanza di alcune caratteristiche che vengono considerate in
occidente peculiari al fenomeno stesso. Una delle caratteristiche del mondo primitivo
cinese sembra essere la divisione abbastanza netta tra una religione ufficiale
articolata in un mito in cui evidente un riflesso abbastanza razionale e cosciente ed
una religione popolare che entrer ben presto in crisi. Una gran parte di credenze e
di leggende popolari andr mantenendosi in vita ad un livello che potremmo definire
folcloristico e popolare, gli elementi pi rilevanti della religione andranno subendo un
processo continuo di razionalizzazione fino a perdere quasi completamente le
originarie caratteristiche per divenire soltanto simboli di concetti di principi astratti ,
non si creata insomma tutta quella letteratura epica che ha fissato una serie di miti
e di leggende in moduli classici accettati in seguito per sempre.

gesuiti ai quali rimarr quasi ininterrottamente sino al 1838. Lazione del Ricci segner il massimo sviluppo
dellazione e della presenza occidentale in Cina, anche con una situazione politica ermetica e dalle complesse
sfumature. Nel XVI secolo i cristiani erano numerosissimi, anche se al momento dellunificazione del paese le cose
mutarono al peggio. Comunque, verso il terzo decennio del XVII secolo la prima pagina occidentale in Asia
orientale poteva dirsi praticamente conclusa, anche se i gesuiti occupavano ancora lUfficio del Calendario in cui
per erano praticamente assediati. Gli occidentali svilupparono e condussero in Cina un dialogo culturale di cui
vanno forse segnalati alcuni aspetti fondamentali. Il primo costituito dalla introduzione della scienza moderna. La
validit della scienza occidentale (di cui erano particolarmente apprezzate le risultanti tecnologiche) colp
favorevolmente il mondo orientale. Il giudizio positivo su questa aspetto della nostra cultura si giustapponeva a
quello nel complesso negativo sulla metafisica e sulla teologia cristiana. Infatti uno dei grossi problemi
nellaccostarsi allAsia orientale, trovare il linguaggio in cui rendere concetti e dottrine elaborate in un altro tessuto
culturale. Con la Bolla papale Ex quo singulari che condannava definitivamente la posizione dei gesuiti e sanciva
lilliceit per i cattolici cinesi del culto verso gli antenati, limperatore e Confucio, segnava il fallimento del
cristianesimo in Cina attraverso un paziente e sapiente uso del metodo analogico.

16

Epilogo
Il feng shui stato studiato da esperti antropologi e sinologi con un approccio
puramente scientifico, ecco un modo sbagliato per avvicinarsi ad esso. In verit
questarte ci offre la possibilit di guardare alle cose del mondo con un occhio
diverso, attento a un universo dinamico non statico, non una collezione di oggetti
esposti solo per chi in grado di guardare. Non solo la teoria taoista ammette
lesistenza di unenergia insita nelle cose, o pi esattamente nella natura, ma nella
cultura orientale esiste la consapevolezza di tale presenza ed convinta del compito
primo del genere umano, rispettare tale equilibrio, preservare larmonia. Capire il
feng shui significa cogliere questo rapporto tra natura ed umanit che ancora oggi
considerata dalla tradizione taoista, elemento cruciale di tutto il suo pensiero.
Parlando di divinazione luogo comune pensare ad una qualche forma di magia o
predizione del futuro, anche se in realt esiste unaltra componente fondamentale,
quella intuitiva. Questo quanto il taoismo vuole trasmettere da secoli, leggere il
paesaggio e la natura, le sue forze in modo da poter interpretare una condotta di vita
migliore o comunque consigliabile. Il taoismo ed il feng shui non pretendono
sviluppare un sesto senso ma semplicemente aumentare il nostro grado di sensibilit
verso eventi ed avvenimenti che non rientrano pi ( o quasi ) nella nostra sfera vitale.
Il rispetto della natura non argomento sconosciuto, e da secoli il taoismo ne spiega
gli equilibri ed il nostro rapporto con essa, trovare il proprio posto che non sia
dominante ma nemmeno passivo. Non fa altro che spiegare come la conoscenza, il
sapere sia il mezzo per avvicinarsi al perfetto equilibrio. Luomo non altro che un
involucro del flusso vitale (Tao) ed ci che ci differenzia da tutte le altre cose. Il
flusso il tutto in continuo movimento e rinnovamento, meno siamo attaccati al
nostro involucro pi facilmente percepiamo lenergia che ci lega al tutto.
Anche i Celti erano convinti del flusso energetico come lo erano gli Antichi Greci,
sebbene entrambi avessero un approccio scientifico al paesaggio, come dimostrano
i loro interventi sul territorio. Lo stretto legame tra dimora e natura era quindi gi
molto radicato anche nella cultura occidentale come ricorda Heidegger nel suo
Poesia, Linguaggio e Pensiero dove sostiene che la reale condizione della dimora
persiste in quanto luomo non ha mai cercato di dimorare (nel senso inglese del
focolaio domestico). Da alcuni anni ormai, in architettura si utilizzano, a volte
inconsapevolmente, alcune regole fondamentali proprie del feng shui. Quindi ovvio
che dobbiamo confrontarci con il paesaggio in modo diverso; alcuni geografi ed
ecologisti sostengono che per capire dobbiamo aprire la nostra mente ed il corpo a
nuove
esperienze
lasciandoci
coinvolgere
anche
sentimentalmente.
Progressivamente si delinea la necessit di concepire il paesaggio come una fitta
maglia di luoghi che assorbono e sostengono un complesso motore di articolate
interazioni tra ci che sicuramente esiste ed palpabile ed invece ci che pi
sensibile, emotivo, intellettuale e spirituale. Le sensazioni che abbiamo osservando il
paesaggio sono infinite ma estremamente duttili e volatili. necessaria una ferma
consapevolezza della realt per poterla cogliere nei suoi diversi aspetti, positivi e
negativi. Per questo motivo importante offrirsi al paesaggio con ingenuit, senza il
peso di gravosi preconcetti filosofici o grandi teorie scientifiche. Forse in natura
necessario un po dello stesso spirito critico usato nei confronti dellessere umano. Il
feng shui propone poeticamente ci che oggi noi cerchiamo di raggiungere
freneticamente,(anche se parte di esso radicato su ferme regole matematiche)
introducendo per un elemento fondamentale, lintuizione.

156

Il filosofo francese Gaston Bachelard parla di poetica dello spazio e sostiene che i
segreti delluniverso sono racchiusi nei sogni, nellimmaginazione e nella poetica.
Luomo feng shui crede nellintuizione come elemento che trasforma il metafisico in
sensibile. Questa pratica molto lontana da una semplice credenza popolare o
superstiziosa o da un postulato che non regge il confronto scientifico e che deve
essere accettato come tale, esso ci rivela alcuni dei misteri nascosti aiutandoci a
seguire la via dellequilibrio naturale invitandoci ad un comportamento ed ad un
rispetto pi realistico e pi vicino alla natura di quelli che fino ad oggi hanno
governato in modo prepotente.

157

Bibliografia
AA.VV., Flora Europea, vol. I-IV,
Cambridge, 1964-80.

BOERSCHMANN Ernst, Picturesque


China. Architecture and Landscape
based on Travels in China. 19061909, traduzione inglese di L.
Hamilton, T. Fischer Unwin, Londra,
1924.

AA.VV., Teoria della conservazione e


pratica del riuso, Dip. di conservazione
delle risorse architettoniche ed
ambientali della Facolt di Architettura
del Politecnico di Milano, s.d.

BOYD Andrew, Chinese Architecture


and Town Planning 1500 b.C.- 1911
a.D., The Mac Millan Company, New
York, 1968.

ABELAIN Robert, La geomancie


chinoise:
le
veritable
Yi-King,
R.Laffont, Paris, 1991.

BORIANI
Maurizio,
SCAZZOSI
Lionella, Problemi di manutenzione e
gestione parchi e giardini di interesse
paesaggistico, storico e botanico.
Analisi di alcuni casi campione, s.n.,
Milano, 1993.

ALEXANDRE Rem, Geobiologia, Red


Studio Redazionale, Como,1985.
ALTENBACH, LEGRAIS G., BOUNE,
Trait dcobiologie de lhabitat :
cosmo-tellurisme,
gobiologie,
biologie de lhabitat, Feng shui,
G.Trdaniel, Parigi, 1993.

id.,
Giardino
e
paesaggio:
conoscenza, conservazione, progetto,
Alinea, Firenze,1996, p.156.

id., Habitat et sant. Comment


ameliorer sa sant, augmenter son
bien-etre et preserver la qualit de vie
pour la biologie de lhabitat et la
geobiologie, Altkirch Cosmitel, 1987.

id., Il giardino ed il tempo:


conservazione e manutenzione delle
architetture vegetali, Guerrini e
Associati, Milano Bovisa, 1992, p.202.

BACHELARD G., Psicanalisi delle


acque, Red Studio Redazionale,
Como, 1987.

id.,
Natura
e
architettura:
la
conservazione
del
patrimonio
paesistico, Guerrini e Associati, Milano
Bovisa, 1992.

BASCAP Giacomo C., (a cura di)


Ville e Parchi del Lago di Como, Studi
e ricerche di economia comasca, edito
da Camera di Commercio, Industria e
Agricoltura, Como, 1966.

BORSI Franco, PAMPALONI Geno,


(a cura di), Monumenti dItalia. Ville e
Giardini,
Istituto
Geografico
de
Agostini, Novara, 1984.

BAUDRY Jean, Petits jardins, Librarie


Centrale des Beaux-arts, ed. Massin,
Paris, s.d.

BRAIBANT Christian, Une bussole


de Feng Shui, Arlon, 1989.
BURKHARDT V. R., Chinese Creeds
and Customs, South China Morning
Post Publication, Hong Kong, 1982.

BENNET Steven J., Pattern of the sky


and the Earth. The Chinese Science of
Apply Cosmology, in Chinese
Science,
n.
3,
University
of
Pennsylvania, 1978, pagg.1-26

CAPRA Fritjof, Il Tao della fisica,


Adelphi, Milano, 1982.
CARDONA Giorgio Raimondo, La
foresta di piume. Manuale di
etnoscienza, Biblioteca Universale
Laterza, Bari, 1993.

BLOFELD John, Il segreto ed il


sublime, Mondadori, 1977.

158

scienza cinese del paesaggio, red


Edizioni, Como, 1995.

CATALANO Mario, PANZINI Franco,


Giardini storici: teoria e tecniche di
conservazione e restauro, Officina,
Roma, 1985.

FABRE Jean Charles, Casa tra terra


e cielo, Ed. Amrita, Torino.

CONGZHUO Chen, Larte dei giardini


cinesi, Arcana Editrice, Milano, 1987.

FENG Yu Lan, The Spirit of Chinese


Philosophy, Beacon Press, Boston,
1967.

CLEMENT Pierre, Architecture du


Paysage en Asie Orientale, Librarie de
Beaux Arts, Parigi, 1981.

id., A History of Chinese Philosophy, 2


voll., trad. ingl., Princeton University
Press, Princeton 1973 (ristampa).
FEUCHTWANG Stephan D.R., An
Anthropological Analysis of Chinese
Geomancy,
Editions
Vithangna,
Vientiane (Laos), 1965.

DAVID Yannick, Feng Shui. La casa


in armonia col cosmo, L et
dellacquario, Bresci, Torino, 1994.
DE BARY William Theodore ( a cura
di ), Sources of Chinese Tradition,
Columbia University Press, New York,
1970.

FIORIANI Camillo, Giardini dItalia,


ed. Mediterranee, Roma, 1960.
FORET Philippe, Les concepts
geomantique des trois capitales Qing,
Paris, 1994.

DE GROOT Jan Jacob Maria, The


Religious System of China, 6 voll., J.
Brill, Leiden, 1897.

GAGN Steve, MANN John, Il Ki


delle nove stelle, Macro edizioni, s.l.,
1989.

DOOLITTLE p.J., Social Life of the


Chinese, New York, 1867.

GOVERT John Dennis, Feng Shui.


Art and Harmony of Place, Daikakuji
Publications, Londra, 1993.

DORE p. Henry, Researches into


Chinese Superstitions, trad. ingl. 15
voll.,
Tusewei
Printing
Press,
Shanghai, 1912-1933.

GRAHAM D.C., Folk Religion in South


West China, Washington, 1961.

DUYVENDAK J.J.L., Tao T Ching. Il


libro della Via e della Virt, Adelphi,
Milano, 1973, n 46.

GRANET Marcel, La civilisation


Chinoise: la vie pubblique et la vie
prive, Albin Michel, Paris, 1968.

EBERHARD W., Chinese Festivals, H.


Schuman, New York, 1952.

id., Il pensiero cinese, Adelphi, 1991

id., Dizionario dei simboli cinesi, Ed.


Seghers, 1984.

HENDERSON
John
B.,
The
Development and Decline of Chinese
Cosmology,
Columbia
University
Press, New York, 1984.

EDDE Grard, Sant et habitat selon


les traditions chinoises du Feng Shui,
Albin Michel, Parigi,1988.

HENRY B.C., The Cross and the


Dragon, New York, 1885.

EDKINS p. Joseph, Feng Shui, in


Chinese Recorder and Missionary
Journal, Fuchow, Marzo, 1872.

HO Kwok Man & OBRIEN


Gli Otto Immortali del
Leggende e favole del
popolare, SE, Milano, 1994,

ERNEST J. Eitel, Feng-Shui, Spirito


della natura e arte dellabitare: la

159

Joanne,
taoismo.
taoismo
con una

postfazione di Martin PALMER (pp.


105-137).

id., Feng Shui, Power of the


Environment. A Study of Chinese
Architecture, Academy Editions, 1995.

HS Francis L.K., Under the


Ancestors Shadows. Chinese Culture
and Personality, Stanford University
Press, seconda edizione riveduta,
Stanford, 1967.

LIPPMANN Hans Christian, Feng


Shui : Chinesche geomantie als eine
anregung fuer die landschaftsplanung
in Deutschland, Berlin ; Instituts fuer
Landschaftsekonomie;
TV
Berlin,
1993.

Id., I Ching, o Libro dei Mutamenti,


Adelphi, Milano, 1991.

LIU Wu Chi & YUCHENG LO Irving,


Sunflower Splendour, University of
Indiana Press, Bloomington (Ind.),
1975.

JAULIN Robert, La gomancie. Essai


danalyse formelle, Mouton, Parigi-Den
Haag, 1966.

LYLE Emily (a cura di), Sacred


Architecture in the Traditions of India,
China, Judaism and Islam, University
Press, Edinburgh 1992.

JOHNSTON R.F., Lion and Dragon in


Northern China, Londra, 1910.
KATZ D., La psicologia della forma,
Bollati Borringhieri, Torino, 1979.
KERN
Hermann,
Labirinti,
Feltrinelli, Milano, 1981.

LYNCH David, Limmagine della citt,


Marsilio, Venezia, 1964.

ed.

MARFORI Mark D., Feng Shui.


Discover Money, Health and Love,
Dragon Publishing, Londra, 1992.

KESWICK Maggie, The Chinese


Garden, Rizzoli International, New
York, 1978.

MASSON Giorgina, Giardini dItalia,


Garzanti editore, 1961 (ed. orig. Italian
Gardens, Thames and Hudson LTD,
London, 1961.)

KNAPP Ronald G., The Chinese


House, Oxford University Press,
Londra, 1990.

MELIS Giorgio & DEMARCHI Franco


(a cura di), La Cina contemporanea,
Edizioni Paoline, Roma, 1979.

LAM Kam Chuen, The Feng Shui


Handbook, Gaia Books, Londra, 1995.
LAURENCE
Architecture,
London, 1989.

G.Liu,
Academy

Chinese
Editions,

MICHELL John, Lo spirito della terra.


Lenergia del mistero vivente, red
edizioni, Como, 1988 (ed. Orig.
Thames & Hudson, Londra, 1975).

LAVIER J.A., Les secrets du Yi King,


Edition Sand, s.l.,1984.

id., Introduzione a EITEL p. Ernest J.,


Feng Shui. The Science of Sacred
Landscape in Old China, Synergetic
Press, Tucson, 1988.

LIP MON HAR Evelyn, Chinese


Geomancy. A Laymans Guide to
Feng Shui, Times Edition Pte Ltd.,
Singapore, 1979.

id., Lo spirito della terra o il genio del


luogo, Ed. du Seuil, 1975.

id., Feng Shui for Business, Times


Edition Pte Ltd., Singapore, 1986.

MAN - HO KWOK OBRIEN, JOANNE


, Le Feng Shui, G.Trdaniel, Paris,
1995,
( trad.de langlais Bernard Dubant).

id., Feng Shui for the Home, Times


Edition Pte Ltd., Singapore, 1986.

160

MARTEL Froncois, Les Luopan du


Feng Shui, analyse formelle des
bussoles de geomancie chinoise,
Thse del lcole des Hautes Etudes
en Science Sociales, Paris, 1978.

PORTER p. L.C., Feng Shui, or How


the Chinese Keep in Tune with Nature,
in Chinese Recorder and Missionary
Journal, Fuchow, Dicembre, 1920.
POZZANA
Mariachiara,
Giardini
storici: i principi e tecniche della
conservazione, Alinea, Firenze,1996.

NORBERGSCHULZ
Christian,
Genius Loci, Electa , Milano, 1981.
NIPPERT-ENG Christena E., Home
and Work. Negotiating Boundaries
throught Everyday Life, The University
of Chicago Press, Chicago, 1995.

id., Materia e cultura dei giardini


storici:
conservazione,
restauro,
manutenzione, Alinea, Firenze, 1989.
RAMBACH
Suzanne, Giardini di
longevit, Ed. Skira, Ginevra, 1987.

NEEDHAM Joseph, Science and


Civilisation in China, 4 voll., University
of Cambridge Press, Cambridge,
1956-1962 (trad. it. Einaudi, Torino,
1984).

RAVIER Guy-Charles, Trait pratique


du Feng-Shui. Mdicine chinoise du
paysage et de lhabitat (Adaptation
lOccident),
Editions
de
lAire,
Losanna, 1991.

Novak F.A., Enciclopedia illustrata


delle piante, Milano, 1965.

id., Lettura orientale dei siti e


costruzioni occidentali mediante il
Feng Shui, Quaderni del CRES.

OBRIEN Joanne & HO Kwok Man,


The Elements of Feng Shui, Element
Books Ltd., Shaftesbury (Dorset),
1991.

id., Geomancie - Chine - Occident feng shui (manuel)

OLIVIERI
D.,
Dizionario
di
Toponomastica, Lombarda Ceschina,
Milano,1961.

ROBERTS
A.,
A
Syntonal
Reappraisal, Zodiac House, Somerset,
1981.

OTTINO DALLA CHIESA Angela,


Villa Carlotta, Ente Villa Carlotta,
Tremezzo-Cadenabbia,1981.

ROSEMONT Henry jr., Exploration in


Early Chinese Cosmology, Scholar
Press, Chico (California).

PAOLILLO Maurizio, Il giardino


cinese, una tradizione millenaria,
Guerini e Associati, Milano, 1997.
PALMER Martin,
OBRIEN J.

ROSSBACH Sarah, Feng Shui, The


Chinese Art of Placement, E.P.
Dutton, New York, 1983 (trad. it. Feng
Shui. Larte di disporre lo spazio,
Costa & Nolan, Genova, 1992).

vedi HO K.M. &

PANZINI Franco, CATALANO Mario ,


Giardini storici: teoria e tecniche di
conservazione e restauro, Officina,
Roma, 1985.

id., Interior Design with Feng Shui,


Arkana
(Penguin
Books),
Harmondsworth (Middlesex), 1987,
introduzione di Lin Yun.

PENNICK Nigel, The Ancient Science


of Geomancy, Thames & Hudson,
Londra, 1979.

id., Feng Shui: Its context and


meaning, ( by Sang Hae Lee ), Ann
Arbor;
university
Microfilm
International, Ithaca N.Y., 1986.

PIGNATTI S., Flora dItalia, vol. I-III,


Bologna, 1982.

id., Le concepts geomantique de trois


capitales Qing, Philippe Foret in

161

Amenager lespace,( sous la direction


de Flora Bouchon ), Presses de
luniversit de Paris-Sorbonne, Paris,
1994, pagg. 122-138.

id.,
Cosmos
and
Hearth.
A
Cosmopolites Viewpoint, University of
Minnesota Press, Minneapolis, 1996.
TRIPODI Graziadei, Il restauro come
e perch, ed. scientifiche italiane,
Napoli, 1981.

SERENI E., Storia del paesaggio


agrario italiano, Laterza, Bari, 1961.
SIKMAN Lawrence & SOPER
Alexander, The Art and Architecture
of China, Yale University Press, New
Haven (Conn.), 1989 (ed. Orog. The
Viking Press, New York, 1978).

TURNER F.S., Feng Shui, Cornhill


Magazine Ltd., Londra, 1874.
TURRI
E.,
Antropologia
del
Paesaggio, Edizioni di Comunit,
Milano, 1974.

SKINNER
Stephen,
Geomanzia
cinese, Manuale di Feng Shui,
Astrolabio-Ubaldini, Roma, 1985 (ed.
orig. The Living Earth Manual of Feng
Shui. Chinese Geomancy, Routledge
& Kegan Paul, Londra, 1982).

id., Semiologia del paesaggio italiano,


Longanesi, Milano, 1980.
WALTERS Derek, Chinese Astrology,
Aquarian
Press,
Wellingborough,
1986.

id., Astrologia terrestre. Larte della


geomanzia,
Astrolabio-Ubaldini,
Roma, 1984.

id., Feng Shui,


Londra, 1988.

SOPER ALEXANDER COBURN, The


Art and Architecture of China, III ed.,
Harmondsworth, Baltimore Penguin
Books, 1968 - XXVIII.

Pagoda

Books,

id., Chinese Geomancy. Element


Books Ltd., Shaftesbury (Dorset),
1991.
WARING Philippa, The Way of Feng
Shui.
Harmony,
Health
and
Happiness, Souvenir Press, Londra,
1993.

SPADA
MAURIZIO
,
Luomo
lambiente la casa, verso unetica
bioecologica della architettura, Guerini
ed Associati, Milano, 1992.

WHEATLEY Paul, The Pivot of the


Four Quarters, Aldine Press, Chicago,
1971.

STEINER Rudolf, Verso un nuovo


stile di architettura, Ed. Triades, Parigi.
STEINHARDT Nancy Shatzman,
Chinese
Traditional
Architecture,
China Institute in America, New York,
1984.

WILLIAMS
C.A.S.,
Outlines
of
Chinese Art Motives, Shanghai, 1932.
WOLFRAM Eberhard, Dizionario dei
simboli cinesi, Ed. Seghers, 1984.

SULLIVAN Michael, Arts of the


China, seconda edizione interamente
riveduta, University of California
Press, Berkeley, 1979.

WONG Eva, Feng shui. The Ancient


Wisdom of Harmonious Living for
Modern Time, Shambala, Boston &
London, 1996.

TUAN Yi-Fu, Topophilia. A study of


Environmental Perception, Attitudes,
and Values, con una nuova prefazione
dellautore, Columbia University Press,
Morgenside Edition, New York, 1990.

WU N.I., Chinese Architecture, Studio


Vista, London, 1968.
YANG C.K., Religion in Chinese
Society, University of California Press,
Berkeley, 1967.

162

YOON
Hong
Key,
Geomantic
Relationship between Culture and
Nature in Korea, E. Langstaff, South
Pasadena (California), 1976.

YATES p. M., Ancestral Worship and


Feng Shui, in Chinese Recorder and
Missionary Journal, Fuchow, vol. I,
1868.

Testi consultati

163