You are on page 1of 2

Piattaforma politica del Coordinamento palermitano

TFA II CICLO
Noi corsisti del TFA II CICLO di Palermo, dopo esserci riuniti in assemblea il 23 maggio
2015 e aver deciso di comune accordo la costituzione di un Coordinamento palermitano,
abbiamo letto e sottoscritto all'unanimità la piattaforma politica diramata dal Coordinamento
TFA Lombardia. Le richieste e le rivendicazioni dei colleghi lombardi sono, infatti, le
seguenti:
All’ Università Bicocca si è costituito un Comitato di Coordinamento TFA Lombardia
che condurrà una battaglia a livello Nazionale affinché a docenti e aspiranti tali del
I e II ciclo TFA, insegnanti giovani, entusiasti e competenti, venga riconosciuto il
sacrosanto diritto dell’immissione in ruolo senza concorso!
Nel gran chiasso, in mezzo alle mille parole spese per discutere della bontà o meno
della riforma della scuola in via di approvazione, è passata sotto silenzio la
situazione degli abilitati TFA .
Frequentare tali corsi rappresenta per tutti noi un enorme sacrificio, sia dal punto di
vista economico che dal punto di vista organizzativo. L’iscrizione al TFA ci è infatti
costata 2500 euro e i corsi hanno una cadenza quotidiana, intervallata da esami;
inoltre, in aggiunta a tali corsi, gran parte di noi già insegna e deve gestire l’orario
lavorativo e le ore di tirocinio a scuola.
Il governo in questo momento non considera la nostra categoria, i nostri sacrifici!
Non va dimenticato che per entrare nel novero dei “fortunati tieffini” abbiamo
superato con una modalità concorsuale tre prove estremamente selettive! Questa
scrematura iniziale ha "falcidiato" migliaia di persone.
Come se non bastasse, per altri sei lunghi mesi, abbiamo sostenuto altri esami con
l'obiettivo di arrivare alla tanto agognata abilitazione.
A poche settimane dalla fine di questo supplizio, ci troviamo immersi nella totale
incertezza sul nostro futuro e ci chiediamo che senso abbia avuto partecipare a
questo TFA!
Infatti, secondo la Riforma attualmente in discussione, non avremo alcun diritto
all’assunzione, diritto riservato solo a coloro i quali hanno frequentato le SSIS e che,
in virtù di esse, sono stati inseriti nelle GAE (Graduatorie ad esaurimento), senza
dover svolgere alcun concorso.
Noi non abbiamo potuto frequentare le SSIS solo ed esclusivamente per questioni
anagrafiche, essendo state eliminate nel 2007 e sostituite solo nel 2012 con il TFA.
Riteniamo quindi un nostro diritto quello di essere inseriti nelle stesse GAE o in
nuove graduatorie che prevedano l’immissione in ruolo senza concorso!
Sarebbe un’ingiustizia clamorosa sottoporci a un altro concorso che prevederà
sicuramente le stesse prove già sostenute e superate per le selezioni e durante il TFA.
DICIAMO NO A UN CONCORSO CHE VERIFICHEREBBE PER L’ENNESIMA
VOLTA LE NOSTRE CONOSCENZE e COMPETENZE! - DICIAMO NO AD UN
CONCORSO PERCHÉ È UN NOSTRO DIRITTO RIENTRARE NELLE GAE! - LE

Pur vivendo in condizioni di marginalità ancora più umilianti. chi di noi ha parenti. molti degli insegnanti che rientrebbero nel più volte ridimensionato piano straordinario di assunzioni hanno chiesto a gran voce di stralciare la risoluzione dell'annosa questione del precariato da una riforma che rischia di minare le stesse basi democratiche della scuola pubblica italiana.NOSTRE AZIONI DI PROTESTA CONTINUERANNO IN QUESTI GIORNI ATTRAVERSO VERIE AZIONI. il problema del precariato resta una questione tutt'altro che eludibile. Non a caso. Dalla Lombardia a Palermo.facebook. IMPOSSIBILI SENZA UN INVESTIMENTO ECONOMICO REALE Contattateci su: www. ci sentiamo di aggiungere che la decisione di escludere da un piano pluriennale di assunzioni decine di migliaia di precari e/o docenti in formazione è ascrivibile a una volontà tutta politica. sperando nel coinvolgimento di tutti i colleghi disseminati per l'Italia. la voce deve essere una sola:  RICONOSCIMENTO DEL VALORE CONCORSUALE DEL TFA  PIANO PLURIENNALE STRAORDINARIO PER L'ASSUNZIONE DI TUTTI GLI ABILITATI/ABILITANDI  RIFORME VERE E UTILI PER IL MONDO DELLA SCUOLA.com/groups/1595131594090182/ . continuiamo a condividere appieno la posizione di chi in questi mesi ha scioperato o è sceso in piazza contro la buona scuola. Ciò nonostante. condivisibili tanto nel merito. chi di noi svolge il tirocinio nelle scuole. Agli argomenti del coordinamento lombardo. amici o figli coinvolti all'interno del complesso mondo della scuola sa benissimo che il settore scolastico necessita ADESSO di una massiccia immissione di docenti. la decisione di selezionare ulteriormente tutti coloro che hanno conseguito o stanno conseguendo un'abilitazione è figlia di ciechi soprusi e dinamiche lobbistiche cui ci opporremo con tutte le forze. Chi di noi insegna. le esigenze superano qualunque proposta questo governo abbia voluto fare. I numeri ci sono. quanto nel metodo della proposta politica.