You are on page 1of 3

La crisi

in tribunale:
truffe e finte

garanzie
g^~^\ ltre alla corruzione, al|
f trivirusrischianodiin~\. J tossicare il tessuto eco*
nomico e sociale del nostro
paese, gi provato dalla crisi
economica. L'allarme arriva
dalla procura della repubblica di Roma, dove una serie di
inchieste rivelano l'esistenza
di un lato criminale della
crisi, fatto di garanzie fittizie,
bancarotte pilotate, truffe sugli incentivi pubblici, e di
un'enorme evasione fiscale.
Come per Tangentopoli, non
si tratta di episodi isolati, bens sistematici, che traggono linfa dalla crisi economica
e al tempo stesso ne fungono
da moltiplicatore.
uncampo difficile dapenetrare perch vi si impiega-

no tecniche sofisticate, vorticose girandole di societ collegate, maschere finanziarie,


dice Nello Rossi, procuratore
aggiunto della capitale e responsabile del pool sulla criminalit finanziaria. I segnali che abbiamo, sfociati in numerosi processi in corso, sono inquietanti proprio perch
descrivono un "fenomeno",
da contrastare con un mix di
repressione e di prevenzione, aggiunge, seduto nel suo
ufficio di piazzale Clodio.
Ad agosto, chi resta a Roma ha diritto a una certa dose di pigrizia, privilegio impossibile inprocura, dove alla quotidiana attivit investigativa si aggiunge l'esigenza
di riflettere sul filo rosso dei

procedimenti avviati e in divenire. Una riflessione che


Rossi accetta di fare anche
con II Sole 24 Ore.
Ha fatto scalpore, a luglio, il
processo sul dissesto economico-finanziario dell'importante gruppo finanziario Agile-Eutelia, operante nel settore delle telecomunicazioni e
dell'information technology:
a portare il gruppo alla gravissima situazione di insolvenza
per milioni di euro anche nei
confronti di migliaia di lavoratori sarebbe stato un articolato sistema di frode. All'alba
del 9 luglio, sessanta finanzieri hanno portato in carcere otto persone e effettuato 22 perquisizioni in tutta Italia.

Economiafegiustizia. Allarme della procura di Roma: la crisi alimenta garanzie fittizie, bancarotte pilotate, truffe sugli incentivi ed evasione

Spuntano lefideiussionitossiche
Il procuratore Rossi denuncia il sistema delle societ-fantasma poi spogliate e condotte al fallimento
* Continua da pagina i

l reato contestato la bancarotta fraudolenta per distrazione, ma il meccanismo utilizzato quello delle societ collegate, per cui i beni dell'impresa in decozione vengono distratti in favore di altre societ del
gruppo "informale", destinate a
sopravvivere. Nel caso specifico, secondo l'accusa, Agile stata svuotata di tutto, tranne
che dei lavoratori, e 11 milioni di
euro sono defluiti verso altre
societ del gruppo. il segno
di una tendenza, riflette Rossi, ricordando che a un certo
punto la societ ha tentato di
evitare il fallimento proponendo davanti al Tribunale un concordato e, a sostegno di questa
proposta, ha portato delle fideiussioni. Fideiussioni fittizie, firmate dalla Cofiart, un'altra societ nota alle cronache e
alle aule di Piazzale Clodio, col-

pita da arresti e sequestri.


Con una buona dose di ironia - osserva Rossi - il ministro
Tremonti ha detto che l'Italia
stata relativamente al riparo della tempesta dei derivati perch
danoi si maneggiapoco l'inglese
finanziario. vero. Ma si conosce abbastanza bene il latino e
l'antichissimo istituto della fideiussione. E cos nato il sistema delle fideiussioni fittizie, garanzie patrimoniali amplissime,
rilasciate spesso per somme
enormi da societ che non hanno i requisiti di solidit patrimoniale e finanziaria per garantire
alcunch. Si tratta di fideiussioni particolarmente allettanti
perch costano meno delle garanzie effettive e vengono usate,
spiega sempre Rossi, per gli scopi pi svariati: Garantire la solvibilit di imprese che partecipano a gare pubbliche, sorreggere
ingannevoli proposte di concor-

dato o improbabili piani di risanamento di imprese in difficolt, ottenere cospicue rateizzazioni dei debiti tributari. Peccato,
per, che in questi casi la fideiussione sia soltanto un pezzo di
carta. Il creditore, sia esso un
privato o il fisco, non ha d fronte
un garante effettivo cui rivolgersi in caso di inadempimento del
debitore principale, ma una societfantasma che, dopo aver incassato per qualche anno il prezzo delle false fideiussioni, viene
spogliata e condotta al fallimento. Osserva, quindi, Rossi: Le fideiussioni fittizie possono avere
lo stesso effetto squilibrante
sull'economia dei derivati tossici, come i "credit default swap"
(titoli che garantiscono un imprenditore contro il fallimento
dei propri debitori), che non vengano onorati dai soggetti che li
hanno rilasciati.
Il reato contestato, in queste

ipotesi, quello di abusivismo finanziario, previsto dall'articolo


132 del Testo unico bancario e,
nel caso di Cofiart, ha portato in

LI
Netta vicenda Eutelia-Agite
le polizze abusive di Cofiart,
da altre indagini emersa
la fantomatica Kuban Bank

Reati finanziari. Nello Rossi,


procuratore aggiunto a Roma e
responsabile del pool capitolino
sulla criminalit finanziaria

carcere 7 persone. L'inchiesta


ancora in corso e non l'unica.
particolarmente preoccupante - aggiunge Rossi - che il fenomeno delle fideiussioni fittizie si
sia diffuso anche sfruttando un
istituto positivo come i confidi,
introdotti da una legge del 2003
per agevolare l'accesso al credito delle piccole e medie imprese. In sostanza: le stesse associazioni di settore possono fare da
trait d'union tra le banche e le
piccole e medie imprese associate in un consorzio; i confidi diventano una sorta di intermediari e di garanti, che sollevano gli
istituti di credito dall'onere
dell'istruttoria e garantiscono la
solvibilit dei loro associati. Su
questo schema virtuoso si inserisce un'attivit criminale; un consorzio fidi come Cofiart pu travalicare il suo raggio di azione e
presentarsi sul mercato a rilasciare polizze fideiussorie, ovviamente in modo abusivo.
Cos, per tornare ad Agile,
quando la societ port in Tribunale, a sostegno della proposta
di concordato, le fideiussioni di
Cofiart, il Pm d'udienza ebbe
buon gioco a rivelare che il pre-

sunto fideiussore era sotto inchiesta. E il Tribunale dichiar il


fallimento di Agile.
Pi in generale, le indagini ed
i procedimenti in corso dicono
che nel settore delicatissimo delle attivit riservate alle banche
(la raccolta e l'impiego del risparmio, il rilascio di fideiussioni) si sono immessi, sempre abusivamente, istituti di credito come la fantomatica Rappresentanza italiana della Kuban
Bank, i cui dirigenti sono stati
arrestati e sono in attesa di processo, o finanziarie spregiudicate come la Finabo, tuttora al centro di un'indagine che vede in veste di persone offese centinaia
di piccoli risparmiatori.
Dunque: collegamenti tra societ per pilotare le bancarotte,
false fideiussioni. E non solo.
Hanno avuto un'impennata
anche i trasferimenti all'estero
delle societ, finalizzati a evitare
la dichiarazione di fallimento in
Italia e i conseguenti processi
per bancarotta fraudolenta. <<il
filone del futuro, dicono in Procura, mantenendo il pi stretto
riserbo sulle indagini incorso, riguardanti un numero elevatissimo di societ. un meccanismo
inquietante, pericoloso e assolutamente da contrastare, segnala Rossi, dopo averlo ricostruito: l'impresa pu essere dichiarata fallita entro un anno dalla cancellazione nel registro delle imprese, ma, se si trasferisce
all'estero, dopo un anno non pu
pi fallire in Italia. Con la conseguenza che i suoi dirigenti non
possono pi essere chiamati a rispondere in sede penale per fatti
di bancarotta fraudolenta.
diventataunadelle strategie
pi frequenti per evitare il processo ed evadere il Fisco, con cui
hanno debiti molte societ nel
mirino degli investigatori, decisi
a dare battaglia. Anzitutto, dimostrando che il trasferimento
all'estero finalizzato al successivo fallimento pu essere considerato nullo perch in frode alla
legge, e poi puntando a individuare gli ideatori e i venditori di
questa tecnologia dell'evasione fiscale, un vero e proprio
pacchetto offerto a imprenditori senza scrupoli.
Infine, un altro strumento, in
s utile e positivo, che ha subito

una vera e propria torsione criminale quello degli incentivi


per l'informatizzazione delle imprese: un'accurata indagine della Procura romana ha rivelato
collusioni tra ex-funzionari del
ministero delle attivitproduttive (ora dello sviluppo economico), alcuni responsabili della
concessionaria competente a
svolgere l'istruttoria (Mcc, Medio credito centrale) e i consulenti delle imprese presentatrici
delle domande di concessione
di credito fiscale nel quadro dei
ed aiuti de minimis. Con il risultato di liste mendaci delle imprese aventi diritto, che spesso, poi,
ne facevano subentrare altre
(fuorigraduatoria) alloro posto;
e con l'ulteriore risultato
dell'indebito arricchimento
delle societ beneficiarie, destinatarie di crediti fiscali, e danno
del ministero dello sviluppo economico, che erogava fondi destinati a incentivare lo sviluppo delle tecnologie informatiche a soggetti in concreto privi dei requisiti previsti.
Con questo sistema truffaldino evaporata pi della met
dei soldi pubblici, a beneficio
di tanti (funzionari pubblici,
commercialisti) ma non delle
imprese aventi diritto. Una voce di spesa pubblica apparentemente dinamica, positiva, si
trasformata cos- osserva Rossi - in una voce parassitaria, perch incentivi mirati all'innovazione tecnologica delle imprese si sono dispersi in mille rivoli e solo in parte hanno raggiunto imprese realmente meritevoli e interessate.
Un panorama preoccupante,
dunque. Ma il numero dei procedimenti e delle ordinanze di custodia cautelare emesse a Roma, insolite per questi reati, tipici dei colletti bianchi, testimoniano che l'attivit di contrasto
del versante criminale della crisi sta diventando sempre pi intensa e sistematica. Anche perch la procura, i nuclei specializzati di polizia valutaria e tributaria della Gdf e l'unit di informazione finanziaria della Banca di
Italia - conclude Rossi - hanno
imparato a lavorare a stretto
contatto sui "fatti" e sui "fenomeni", unendo, come mai prima, forze e competenze.
Donatella Stasio

Gli strumenti

FIDEIUSSIONE
il contratto regolato dagli articoli
1936 e seguenti del Codice civile,
concuiunsoggetto(ilfideiussore)
garantisce, con tuttoilsuo
patrimonio, l'adempimento di
un'obbligazione assunta da u n
a Uro soggetto (debitore
principale).

sfruttando un istituto positivo


cornei confidi: consorzi tra
imprese con lo scopo di favorire
l'accesso al credito delle
consorziate e, nel caso di loro
insolvenza, di garantire le banche
con i propri fondi. Non sono
abilitati all'intero complesso di
operazioniriservateagli
intermediari finanziari.

[l fenomeno delle fideiussioni


fittizie si diffuso anche

4
AIUTI DE MINIMI

IMPRESA ALL'ESTE
CONSORZI DI GARANZIA

della legge fallimentare gli


imprenditori... possono essere
dichiarati falliti entro un anno
dalla cancellazione dal registro
delle imprese.

Il trasferimento all'estero di
un'impresa comporta la sua
cancellazione dal registro delle
imprese. In base all'articolo 10

Sono sovvenzioni alleimprese


limitate a un triennio e inferiori
alla soglia di 200mila euro
erogabili senza obbligo di
preventiva notifica alla
Commissione europea. Possono
assumereanche la forma di crediti
di imposta utilizzabili dalle
imprese beneficiarie.

I l processa Agile-Eutelia. Per gli inquirenti romani alla base del dissesto
economico-finanziario del gruppo finanziario Agile-Euteliafne/fc'/ro/o
manifestazione dei lavoratori dell'azienda di Tic davanti olla sede Rai di
Torino il4 gennaio scorso) a sarebbe un articolato sistema di frodi