Quaderni di calcio

Esperienze dilettantistiche sarde

Sandro Mura

1

Quaderni di calcio Esperienze dilettantistiche sarde

Il modulo 4:5:1

Si ringrazia Valerio Mura per l’intera produzione grafica.
2

Esperienze dilettantistiche sarde. Il modulo 4:5:1

Sommario

1.Introduzione 2.Lo sviluppo 3.I ruoli 4.Il contropiede 5.La didattica 6.Conclusioni 7.La settimana tipo 8.Terminologia . Bibliografia essenziale . Biografia dell’autore

3

1. Introduzione

Nel proporre questo lavoro, frutto delle esperienze maturate in tanti anni di calcio passati nei campi polverosi del nord Sardegna e del nuorese, non ho la pretesa di convincere chi leggerà queste pagine di essere stato tra i primi ad utilizzare il modulo 4:5:1 tra i dilettanti. Tuttavia, penso che, in quegli anni brillanti e ricchi di soddisfazione per me, per la Polisportiva Padria e per i giocatori, ai quali va tutta la mia stima e gratitudine, estesa naturalmente anche a tutti gli altri allenati nelle successive esperienze di Bosa e Pozzomaggiore, l’applicazione di quell’assetto tattico fu quasi involontaria e conseguenza di un continuo adattamento dettato dalle difficoltà che, chi opera nei campionati dilettantistici, affronta

quotidianamente. Il modulo, apparentemente difensivo, nasceva dalla necessità di sopperire al divario tecnico, poi in parte rivelatosi infondato, con altre squadre, alcune delle quali, Macomer, Nuorese e Portotorres su tutte, determinate, in virtù della loro storia e blasone, a risalire immediatamente dalle categorie inferiori. Affrontare quelle gare con la convinzione che, stando tutti dietro la linea della palla, occupando tutti gli spazi per poi colpire attaccando le zone scoperte degli avversari, creava tra me e i giocatori grande complicità nell’accettazione e nel rafforzamento di una mentalità prudente, difensiva ed orientata al raggiungimento del massimo risultato in ordine alle situazioni psicologiche, fisiche, tecnicotattiche che riuscivamo a costruire durante la gara.

4

FIG. 1 .
Pol. Padria stagione calcistica 1997 – 98. Campionato Regionale di 2° categoria.

Presidente : Cocco Vice allenatore : Sias Altri giocatori utilizzati : Sardu, Casu, Fonnesu, Cossu, Chelo, Ezzis, Meloni P.P, Tiloca T.

5

FIG. 2
Pol. Padria stagione 1998– 99 . Campionato Regionale di 1° categoria.

Presidente : Cocco Vice allenatore : Sias Altri giocatori utilizzati : Sardu, Chessa L., Poddighe, Sias M., Sias S, Serra, Faedda.

6

FIG. 3
Pol. Padria stagione 2000/2001 . Campionato Regionale di 1° categoria

Presidente : Sias Franco. Altri giocatori utilizzati : Sardu, Barrocu, Budroni, Dominici , Faedda, Marrosu, Mele P., Mele M., Mele P., Poddighe.

FIG. 4
Bosa stagione 2001/2002. Campionato Regionale di 1° categoria

Altri giocatori utilizzati: Appeddu Antonio, Fara, Mari, Spada, Masala P.

7

FIG. 5
AS Pozzomaggiore stagione 2005/2006 (da gennaio 2006). Campionato Regionale di 1° categoria.

Altri giocatori utilizzati: Corongiu, Fara, Maiore, Mari, Migoni, Mele, Poddighe.

FIG. 6
Pozzomaggiore stagione 2006/2007. Campionato Regionale di 1° categoria

8

Altri giocatori utilizzati : Cannaos, Cuccuru, Dominici, Migoni, Salis, Scanu.

In Italia
La Roma di Spalletti stagioni 2007/2009

FIG. 7 4:5:1 più offensivo (Vucinic
rendono e Taddei, seconde punte, utilizzati in fascia lo schieramento

certamente più offensivo).

L’Alghero di Corda stagione 2009/2010

FIG. 8 4:5:1 più difensivo (
Rais e Le posizioni di Demartis, tornanti rendono lo

instancabili,

schieramento certamente più difensivo).

9

In Europa Il Liverpool di Benitez campione d’Europa FIG. 9

1

2. Lo sviluppo

Il 4:5:1 è un sistema di gioco che garantisce copertura ed equilibrio e, nello sviluppo della fase offensiva con l’eventuale sbilanciamento avversario, una combinazione di situazioni di gioco d’attacco semplici e concrete. L’occupazione totale della propria metà campo, la vicinanza tra i giocatori e quindi dei reparti, la restrizione degli spazi anche visivi degli avversari, sono espressioni del modulo e in esso trovano le condizioni interpretative ottimali. Considerata la presenza di un gran numero di centrocampisti, per gli avversari è difficile costruire gioco e rifornire gli attaccanti. Tuttavia, visto che si dispone di un solo giocatore nella linea d’attacco, il centrocampo ha la responsabilità di dettare i tempi della manovra e di rifornire la punta centrale e le ali. Come tutti gli schieramenti, durante la gara, si può avere la necessità di cambiare sia per rafforzare la fase difensiva sia per aumentare la forza propulsiva. A mio avviso, tuttavia, nelle situazioni di recupero del risultato non è necessario operare grandi stravolgimenti tattici ma è consigliabile spostare in avanti, a catena, i reparti come a fianco illustrato.

1

FIG. 10
4:5:1 difensivo

FIG. 11
4:5:1 offensivo con spostamento a catena dei reparti

1

Il modulo 4:5:1, nei campionati dilettantistici, va interpretato a uomo, in quanto il gioco a zona richiede, per poter essere assimilato, più tempo e maggiore disponibilità che, in una squadra che svolge solo due sedute di allenamento settimanali, non è possibile ottenere. In più, la domenica, le gare vengono dirette da un solo arbitro non coadiuvato dai due guardalinee ufficiali e, pertanto, per lui diventa difficile valutare azioni al limite del fuorigioco ( specie fuori casa, quando condizionamenti vari lo inducono in errore). Inoltre, le esercitazioni per il gioco a zona sono più articolate e richiedono tempo e spazio. Di conseguenza, tenere al freddo e sotto la pioggia per svariati minuti i giocatori, non è conveniente: meglio lavorare su un modulo tattico per il cui apprendimento bastano poche e mirate esercitazioni. Un altro motivo della scelta del modulo è dettato dal convincimento che in esso possono trovare collocazione giocatori dalle differenti caratteristiche, rendendone più facile l' adattamento ai vari ruoli.

1

Schieramento giocatori nel modulo 4:5:1. Figura 12

Le principali prerogative tattiche dello schieramento sono : terzini bloccati, ali dinamiche che assicurano la copertura dell’intera fascia, il ribaltamento dell’azione dopo la riconquista della palla e corse di arretramento di venti metri, in diagonale, del trequartista su inizio azione avversaria .

1

3. I ruoli

Nell' indicare le qualità tecniche, tattiche, atletiche e psicologiche, descrittive del modello ideale di giocatore, mi preme evidenziare che, specie a livello dilettantistico è difficile che, ruolo per ruolo, l'atleta le possieda tutte ; è peraltro sufficiente che ne possieda solo alcune.

Portiere

E’ importante, perché si esprima su buoni livelli, che sia sempre al massimo della serenità e della concentrazione. Non è fondamentale che sia altissimo ma è importante il suo piazzamento inteso come capacità di difendere lo specchio della porta, di coprire l’area di rigore piccola e di partecipare alla tattica difensiva.

Difensori centrali

Devono possedere spiccate doti di intuizione, tempismo nelle chiusure e nella marcatura, senso della posizione e guidare a voce i compagni di reparto. Tendenzialmente, devono essere ben strutturati, forti nel contrasto ed avere centimetri utili per prevalere nel gioco aereo. Possibilmente, almeno uno dei due, deve avere sufficiente tecnica, calcio lungo per innescare il contropiede e corto per far ripartire l’azione quando la squadra avversaria è raccolta nella propria metà campo.

1

Terzini Devono possedere aggressività nella marcatura, facilità di corsa e resistenza organica necessaria per effettuare le diagonali difensive. In fase di possesso palla diventano il primo punto di riferimento, sia per i centrali difensivi che per i centrali di centrocampo, per poter dare avvio all’azione d’attacco. Mediani e mezze ali Poiché nella fase difensiva entrambi devono abbassarsi a protezione della difesa, devono possedere doti di interdizione e di chiusura. Nella costruzione della manovra devono esprimere ordine, sagacia tattica ed ampia ed immediata visione di gioco per avviare una veloce circolazione di palla. Devono, inoltre, garantire equilibrio difensivo e non è necessario che uno dei due possieda facilità di corsa poiché raramente si propone in fase offensiva ma effettua soprattutto movimenti in orizzontale. In fase d’attacco, l’altro centrocampista deve trasformarsi in mezz’ala. Pertanto, dal punto di vista atletico, deve essere coordinato e resistente per potersi inserire, con intensità e con i giusti tempi, per affiancare le ali, la punta centrale ed il trequartista. Un altro dei suoi compiti è la ricerca della conclusione in porta dalla media e lunga distanza.
mediani bassi proiezione mezzala

1

Le ali

Come caratteristiche fisico – atletiche devono essere veloci, coordinate e resistenti per garantire la copertura sugli inserimenti degli esterni avversari. Inoltre, devono possedere un buon bagaglio tecnico per effettuare dribbling, cross e conclusioni. Intelligenti e creative, nello spazio creato dalla boa centrale devono “tagliare” e mettere in difficoltà la retroguardia avversaria.
§ L’ex allenatore del Cagliari Marco Gianpaolo utilizza le ali in maniera invertita nel senso che posiziona il destro naturale a sinistra e viceversa, sostenendo che quando convergono al centro esse effettuano le conclusioni in porta con il piede preferito ( esempio Pasquale Foggia, mancino puro che agisce sempre partendo dalla corsia destra). Personalmente, ritengo che l’ala che calcia col destro debba agire, preferibilmente, nella fascia destra mentre quella mancina nella fascia sinistra poiché, più frequentemente, essa deve trovarsi pronta ( tranne quando effettua i tagli ) in zona cross piuttosto che in zona tiro.

Il trequartista

Non è importante che venga incontro per costruire gioco, personalmente preferisco che agisca in zona centrale avanzata a ridosso della punta centrale. In fase difensiva deve svolgere la prima azione di disturbo sul regista avversario quando questi inizia l’impostazione del gioco.
1

E’ il giocatore più importante della squadra poiché dalla sua imprevedibilità e fantasia dipende l’efficacia della gran parte delle azioni offensive. Deve possedere, pertanto, intelligenza nell’effettuare corse di orientamento e notevoli qualità tecniche per l’attuazione del suo principale compito: la rifinitura. Ottimo dribbling, passaggi smarcanti per i compagni da effettuare di prima intenzione ed inoltre velocità di inserimento, rapidità di esecuzione ed intuito nel servire le ali che tagliano, sono fondamentali. Deve ricercare la conclusione sia sotto porta che dalla media distanza e possedere doti balistiche per ottimizzare i calci da fermo dalla breve distanza.

La punta centrale

E’ la boa centrale della squadra, gioca tendenzialmente spalle alla porta e deve essere dotato fisicamente per fare sponde, difendere la palla per permettere la risalita della squadra con conseguenti inserimenti in zona tiro delle ali, della mezz’ala, del trequartista e proporsi, lui stesso, per la conclusione nelle varie zone dell’area di rigore. Per questi compiti deve quindi possedere doti acrobatiche, capacità di penetrazione, forza d’urto ed abilità nel gioco aereo, specie nella finalizzazione. Ritengo che non debba svariare troppo ma attaccare gli spazi in profondità.

1

4. Contromisure agli altri moduli 4:5:1 contro 3:5:2

Figura 13

Spostando il 2 sull'altra punta, con 3 sistemato sul centrocampista avanzato di destra ( scorrimento del 4 in zona centrale ) e posizionati gli altri giocatori a presidio delle varie zone del campo, potremmo mettere in

1

difficoltà la difesa avversaria con 9 e 10 che” ballano ” continuamente tra i difensori centrali avversari ( specie se lenti ) e aprono sulle fasce per gli inserimenti delle ali ( 7 e 11) e della mezz’ala ( 8).

4:5:1 contro 4:4:2

Fig. 14

2

Si prevedono due marcature a uomo ( 2 e 5 sui rispettivi attaccanti ) e zona a metà campo ( 7, 8, 4, e 3 a presidiare uomini e zone di competenza ) con 11 attento ai ripiegamenti (centrale e laterale) a sostegno rispettivamente del 4 e del 3. Nell’azione offensiva sono fondamentali, per scardinare la linea difensiva avversaria ( composta da quattro giocatori e quindi in superiorità numerica su 10, 9 e 11), i movimenti del 10 che si deve inserire a destra per l’uno – due con 7 e/o 9.

4:5:1 contro 4:3:3 schierato a uomo
NB : con i numeri squadra schierata con il 4 : 5 : 1 con le palline squadra schierata con il 4 : 3: 3

fig. 15

2

Si prevedono tre marcature a uomo ( 2, 5 e 3 sui rispettivi attaccanti avversari ) e marcature a zona a centrocampo. Diventa importante la superiorità numerica che le ali ( 7 e 11 ) e il trequartista ( 10 ) riescono a creare nell’uno contro uno sui rispettivi avversari.

4:5:1 contro 4:3:1:2

Fig. 16

2

Si prevedono tre marcature a uomo ( 2 e 5 sui rispettivi attaccanti e 3 sul trequartista avversario). Preferisco pensare positivo e liberare da compiti di marcatura la mezz’ala ( 8 ) e il mediano ( 4 ) per poter avviare la manovra dalla linea ( mediana ) centrale. E’ presumibile che il “ nostro” 10 venga marcato a uomo dal “ loro” centrocampista centrale difensivo. Pertanto, 7, 9 e 11 devono creare superiorità numerica nell’uno contro uno sui rispettivi marcatori naturalmente supportati, nell’azione offensiva, da 8 e 10.

5. Il contropiede Il contropiede è una soluzione di gioco imprevedibile, di non facile applicazione ma anche difficile da contenere da parte di chi lo subisce. Per la conquista della palla è necessario accorciare gli spazi, sia in verticale che in orizzontale. Nella pallacanestro si avvia soprattutto nelle fasce laterali mentre nel calcio è da praticarsi prevalentemente nella zona centrale poiché, con due o tre passaggi, l’azione offensiva, se ben articolata, risulta letale. Il raddoppio della marcatura o l’intercettamento del passaggio ha come obiettivo la trasformazione dell’azione difensiva in offensiva. La manovra deve essere rapida per non consentire la riorganizzazione del reparto difensivo avversario; pertanto, non appena la palla viene riconquistata, non si deve ricercare immediatamente il passaggio in profondità in quanto, nel modulo 4:5:1, il centravanti spesso non è veloce; è preferibile, invece, effettuare un passaggio di preparazione (ad esempio sulle ali che poi chiudono con assist dalle fasce per la conclusione della punta centrale o del trequartista). Si può optare anche per una fulminea trasmissione di palla per la punta centrale la quale scatta in profondità per poi tornare repentinamente indietro e proporsi, in appoggio, per il taglio delle ali o gli inserimenti, in
2

zona tiro, della mezz’ala e del trequartista. Infine, ritengo che il contropiede vada condotto con almeno tre, quattro giocatori.

6. La didattica Sottolineo l’importanza della semplificazione della proposta didattica nel senso che occorre allenare i giocatori con esercitazioni semplici, chiare, di facile comprensione ed apprendimento, adeguate alle difficili condizioni di lavoro (allenamenti in notturna, sovente al freddo o sotto la pioggia, possibilità di svolgere solo due sedute settimanali, giocatori stanchi dalla dura giornata di lavoro). Quindi, fatta questa premessa, è opportuno ricercare l’efficacia nella semplicità seguendo alcune regole : a) proporre combinazioni poco articolate poiché l’assimilazione di tante varianti causa dispendio energetico e mentale; b) durante le esercitazioni tattiche i giocatori devono essere schierati sempre nel loro ruolo ( si facilita in tal modo il lavoro dell’allenatore e la ricerca di un impianto di gioco lineare e concreto); c) utilizzo di un linguaggio semplice come quello che si utilizzava tempo fa e che ci ha accompagnato, per tantissimi anni, giocando nelle piazze e nei cortili delle scuole e delle chiese ( pertanto, i giocatori di fascia saranno ali e non esterni alti, i difensori di fascia terzini e non esterni bassi e così via).
2

Esercitazione n° 1 FIGURA 17

Obiettivi tattici : collegamento tra reparti, trasmissione della palla per linee orizzontali e verticalizzazione sulla punta centrale. Concetti disciplinari : concentrazione massima e non chiamare la palla.

Didattica : si divide il campo in tre settori con squadra schierata per ruoli secondo modulo.

2

Si effettua una rapida circolazione della palla tra difensori alla ricerca dello spazio giusto per la trasmissione della palla stessa ad uno dei due centrali di centrocampo. Successivamente , uno dei due mediani 4 riceve da 2 che sulla stessa diagonale ( asse 2 – 4 – 9 ) serve 9. La punta centrale ( 9 ) gioca, spalle alla porta, indietro per trequartista 10 che, in profondità, serve una delle due ali ( 7 o 11 ) che taglia per andare a concludere. E’ essenziale l’avanzamento dei reparti man mano che la palla passa da un settore all’altro. La punta centrale ( 9 ), crea spazio per il taglio dell’ala. Il 10 avanza fino al limite per ricevere e/o concludere su eventuale respinta del portiere. Il 9 chiude centralmente, il 7 sul secondo palo rispetto al taglio dell’11. NB - Viceversa, effettuare movimenti alternativi sul taglio del 7.

Esercitazione n ° 2.

FIG.18

Obiettivi : sviluppo azione d’attacco dalle fasce laterali. Allenare i giocatori al ripiegamento repentino sulle transizioni avversarie ( ossia sulle trasformazioni delle azioni da difensive in offensive ).

Sull’ intero rettangolo di gioco si affrontano due squadre ( rossi e blu ) . Nelle zone laterali, delimitate dai cinesini, si può muovere solo un giocatore per corsia ( giallo ) che attacca con la squadra in possesso palla.

2

Nelle corsie laterali non possono entrare altri giocatori . Dopo due – tre passaggi, si deve aprire il gioco sulle fasce e, contemporaneamente, mantenendo le giuste posizioni, si tenta lo sfondamento in area di rigore avversaria per ricevere il cross dalla fascia ed andare a conclusione. Ogni cinque minuti i due giocatori di fascia ( gialli ) vengono sostituiti da altri ( uno rosso e l’altro blu che indossano le casacche gialle ) prendendone , viceversa , il posto ( ed indossando l’uno la maglia blu e l’altro quella rossa ).

Variante : al momento della trasmissione della palla nella corsia laterale può entrare un altro giocatore (ad esempio uno rosso, se la palla è in possesso della squadra rossa ) il quale, fatta una sovrapposizione, riceve ed effettua il cross in area. Al momento del cross (alto) o assist (basso) i giocatori delle due squadre ( in possesso e in non possesso ), su tutto il perimetro dell’area di rigore, devono mantenere il giusto posizionamento ( difensivo ed offensivo). Ritengo che, a conclusione dell’azione, in area, debbano sfondare non più di tre giocatori ( uno sul primo palo, uno centralmente ed uno sul secondo palo ) con altri due posizionati appena fuori dall’area per concludere sull'eventuale ribattuta corta. In chiave difensiva, invece, nell’area devono stare in cinque più altri due posizionati fuori area a chiudere gli spazi sui giocatori che entrano in possesso palla sulla eventuale imprecisa ribattuta.

2

Esercitazione n ° 3

FIG.19

Obiettivi : sviluppo schema per il contropiede con recupero palla a metà campo.

2

Senza uscire dal campo stabilito ( 20 x 55 metri ), cinque giocatori cercano di mantenere il possesso palla contro una squadra composta dallo stesso numero. Quando la situazione di gioco lo consente, l’allenatore fa un segnale e la squadra inizia, immediatamente, un contropiede verso la porta avversaria; ciò significa che entrambe le squadre possono uscire dal campo delimitato per contrattaccare o difendere. Si raccomanda di dare il segnale per il contropiede quando la situazione di gioco lo permette. Se viene perso il possesso della palla, gli avversari passano a loro volta al contropiede, sino a quando segnano o perdono palla.

Esercitazione n ° 4

FIG. 20

Obiettivi : allenamento sulle palle inattive. Si esercitano le qualità balistiche ed, in particolare, la capacità di marcare e smarcarsi nonché il mantenimento costante della concentrazione, fattore chiave della prestazione.

Si posizionano, una di fronte all’altra, due porte regolamentari, difese da due portieri. Lateralmente ci sono quattro giocatori, due per lato, che si allenano al cross da effettuarsi in tutte le maniere possibili. In mezzo all’area ci sono due squadre composte di cinque giocatori ciascuna che lottano per difendere ed attaccare contemporaneamente. L’aspetto prettamente fisico va migliorato dando intensità all’esercitazione.

2

Esercitazione n° 5

FIG. 21

Obiettivi : perfezionamento ( velocità e precisione) di un semplice schema offensivo

Gioco a tre sulla catena di destra.

3

Da 2 a 7 che favorisce l’inserimento di 8 in profondità. Conduzione della palla da parte di quest'ultimo e cross a cercare 10 inseritosi nello spazio creato dal movimento della punta centrale ( 9 ) e dell’ala ( 11 ).

Esercitazione n ° 6

FIG. 22

Obiettivi : prioritariamente atletici. Miglioramento della potenza aerobica.

Gara a campo ridotto da area ad area. Tutti i giocatori devono correre, la palla è sempre buona nel senso che non ci sono falli laterali e la linea di demarcazione del fondo campo non è categorica. Non ci sono palle inattive da battere, in linea con la necessità di dare un ritmo costante all’impegno fisico. Tatticamente, si abituano i giocatori ad affiancare i compagni durante la fase del possesso e a rincorrere gli avversari quando si perde la palla.

3

6. Conclusioni

Al termine di questo breve lavoro, consentitemi di fare alcune considerazioni. La prima è che il 4:5:1, interpretato con la presenza di ali dinamiche votate alla copertura di tutta la fascia, con il trequartista pronto a contrastare, nella mediana avversaria, il portatore di palla e con i terzini bloccati nella linea difensiva quando si viene attaccati da cinque, sei giocatori, se semplificato nell’applicazione e nella preparazione, è un modulo utilitaristico attraverso il quale si ottimizzano le risorse e gli spazi a disposizione. La seconda è che gli allenatori devono avere un sano realismo ed affrontare le gare con spirito di osservazione e valutazione, riconoscendo, anche a priori, le qualità tecniche ed organizzative degli avversari, spesso palesi. La terza è che un modulo che garantisce equilibrio, compattezza e risultati, costituisce l’ideale contromisura agli altri schieramenti. Infine, avendo riscontrato che chi utilizza il 4:5:1 nella esplicazione

descritta, allora come oggi, viene spesso tacciato come “difensivista”, penso che, oggi come allora, le etichette e i luoghi comuni non debbano condizionare la personalità e le idee di un allenatore di calcio.

3

7. La settimana tipo
15’ analisi gara precedente

Mercoledì

15’ attivazione generale (corsa blanda + stretching + mobilità articolare arti superiori) 20’ lavoro tattico ( 4:5:1 da opporre alla squadra che si deve incontrare la domenica in relazione al suo modulo-vedi una delle esercitazioni descritte20’ lavoro atletico ( sviluppo della potenza aerobica - corse con variazioni di velocità es. 2 serie da 5’ ) 45’ lavoro tecnico ( partitelle su spazi ridotti )

Venerdì

20’ 10’ 15’ 60’

attivazione generale (esercizi arti sup. ed inferiori in movimento + stretching ) rapidità tra i coni (scatti sui 10 mt in vari modi - dritto , indietro , in diagonale)

schemi offensivi e/o esercitazioni su palle inattive. partita a tutto campo

NB : una volta al mese è utile far svolgere una gara amichevole.

Al termine della seduta del venerdì, suggerisco di organizzare una cena ( se la domenica precedente si è vinto pagano i dirigenti, se si è perso i giocatori e l’allenatore, se si è pareggiato il conto va diviso tra tutti).

……… alcuni allenatori sanno che molte partite si risolvono, anche, nella cena del venerdì.

3

8. Terminologia
di arretramento : movimenti svolti spalle alla porta e di fronte alla palla, tesi alla copertura dello spazio di competenza senza perdere la visione del gioco e delle posizioni avversarie

corse

di deviazione :

movimenti tesi ad eludere la marcatura avversaria, a creare disorientamento alla difesa ed a favorire l’inserimento dei giocatori in zona tiro

di orientamento : movimenti tesi ad indirizzare l’azione in una determinata zona del campo

tecnica : attitudine del giocatore ad un determinato gesto tecnico ( es. calcio con il collo piede, colpo di testa ecc.)

inclinazione
tattica : attitudine di un giocatore ad un ruolo o ad un modulo piuttosto che ad un altro

penetrazione

capacità, connessa alla forza d’urto dell’attaccante, di superare la linea difensiva avversaria

posizionamento

giusta collocazione del giocatore, nel rettangolo di gioco, in relazione al tempo, allo spazio e alla palla

tagli

corse in diagonale delle ali, funzionali allo scardinamento della difesa avversaria

3

Bibliografia essenziale

Notiziario del settore tecnico. Vari numeri dal 1994 ad oggi.

Periodico “ l’allenatore” . Vari numeri dal 2006 ad oggi.

Cherubini R. – Il modulo 4 - 2 -3- 1 . Editore www.allenatore.net.

Fascetti – Scaia – Schemi ed esercitazioni d’attacco – Edizioni nuova Promos

Mazzali S. – La zona nel calcio : tecnica , tattica, e ruolo creativo . Editore Società Stampa Sportiva Roma.

Molinas E – Argiolas I. – L’ insegnamento delle abilità tecniche del gioco del calcio – Società Sportiva Roma

Wein Horst – Programmi vincenti nel calcio. Koala libri.

3

Biografia

Sandro Mura ( 2.11.67 ) è di Padria. Laureato in Scienze Politiche, vive e lavora a Sassari. Allenatore di 3° categoria, ha militato, da giocatore, nel Pozzomaggiore (dalle giovanili alla prima squadra), nel Padria, nel Mara e nel Cossoine. Da allenatore ha guidato il Mara (giovanili), il Padria, il Bosa ed il Pozzomaggiore. Ha coltivato la passione per il calcio sin da bambino e, nel tempo, ha studiato ed approfondito l’applicazione dei vari moduli tattici. Nel 2002 ha svolto un breve stage presso il Chelsea allora allenato da Claudio Ranieri. Ha frequentato tre corsi di comunicazione e numerosi corsi formativi organizzati dall’ Associazione Allenatori della Provincia di Sassari .

3

La collana “ Quaderni di calcio. Esperienze dilettantistiche sarde” includerà tre numeri. Oltre a questo, finito di stampare il 15 marzo 2010, nel secondo sarà dato spazio all’organizzazione e al precampionato, mentre, nel terzo, ci si soffermerà sugli aspetti psicologici dello spogliatoio di una squadra dilettantistica. L’autore conta di ultimare il lavoro entro la prima metà del 2011.

3