You are on page 1of 5

lng.

Mascolino Renato
Dr.ssa Carmela MINASOLA
BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Vico Campochiaro,2 93012 Gela

(CL)

COLAZIONE

L) Latte Zymil o jogurt alla frutta 0,1 a giorni alterni


2) fette biscottate (4) o biscotti (4) o cereali (gr.4Ol;

$"..Jr' ("'^*,-l-

4.tn,ur('P.-o.,

fl
L "[^.tt-' >-,,6" &",At*rr".-

PRANZO

1) pasta (gr.80) o riso (gr.80) o patate (gr.28O);


2) secondo piatto (vedi tabella nutrizionale);
3) insalate miste o verdure cotte o ortaggi;
4) un frutto

3 cucchiaini da caff di olio

di oliva

CENA

1) verdura cotta o minestrone senza pasta o insalate miste o ortaggi;


2) secondo piatto (vedi tabella nutrizionale);

3)
4)

pane

gr

60

4 cucchiaini da caff di olio

di oliva

un frutto

l jogurt alla frutta 0,1- o un frutto o una spremuta

+ 2 crackers (se necessario)

dolcificare con poco fruttosio o dolcificante


l volta la settimana puo' mangiare una pizza margherita o aifunghi
o ortola na

Tel. Fax: 0933-911880 Cell: 349 8131889/3476433057

e-mail:

ca rme

laminasola

libero,it

PFANzo---> N. 1... scglre

CENA _>

N. .LJ.. SCELTE

UC}VA CON PANE GRA'T-T

FIOCCHIDI LAT

CBEMA DIFORM

ITIAG RA

Ur..ru, * urr,./u t'y'liru,'L,

SEMPLICE METODO DI DOSAGGIO


elrqJq ep

oiolqeqq

oulA Ep or0ltlsslq

)uo,lle
ql ep !?zzel

I I IN

.lT

8is

l;

,51! lE

Eti

lH

ilslfi

o
o

'g
E

lq

o
o

o
o

q)

o
-

o
,6

- ln umldo con Pomod' o con Poco vlno


. tn umldo con clplle
- ln unldo con lcdano c carotc
- cotla con limone e Poca farlna
. cotlo ln poco vlno con Prrzcmolo,

llmone

- cruda con !ucco dl llmon (3olo bovln)

UOVA
. alla coque
. sodc
- ln tgane con Poco llltc
- ln tcgonc con pomodolo cd cstlstlo

dlcarnc
- ln frltl4l usafldo psrle dell'ollo

assegnato ln dlet!
- k. fr'ttat[ con aplnacl
- ln klttata con verdlre mste

-:2N

N
l-

I(!

. al ferrl o sl forno

6=

<9
z*a
tJ

.o

,9

CARNE

.gllo

f--

oser oulelLl93l!

El

oser opl.lcx'3

di

ep Eulzzel

ol

<r.
Jo-

rl.lo,lp
QJJec

<c
6o
Z.

C\

I
6
0
6

(!

tr

E!(<

st

NE

q)

53o

JO

o
c
o-

PRODOTTI DEL MARE


- ai lcrrl
- sl crrtocolo
- ln qmldo con pom. c/o con Poco vino
. bollilo con pochlsrma maloncsc
- cotto con aucco di lirl]onc con Poca
fErlns
' ll lonno alvapor pu c5lcrc 8pzrettato
c condlto oon pochl sotlcati !l nrfuralc

*-

-x[u l*:"13

e-fi ail tcarmelaminasola libero.it

rat

UJ

'

Btoloco NUTRlzloNlsra. t roLoco l'-tt'tErurnFe'


disturbi dol com porlam nto alim enlare e della nuirizione
gtudio:Vico Carn@hiaro, 2 - 93012 Gela (CL)
Tel./Fax 0933 91 1880' Cell. 349 S131889/347 6433057

ul

Lip.
Paol

Gluc,

9r,
gr,

Vit.

9r,

Vit,

Vd.

NERG. KcaI
A.

ljr s.

A. gr.

gr

gr.

Col61.

mg.

mg,

Fe

m9.

Bl
B2

86
Vil.812
Vit. C
B cnr.

m9,
m9,
mg.
mcg.
mq.
mq.

R]PORTARE LA PFESENTE
ABELLA PER LE
SUCCESSIVE CONSULTMIONI

TABELLA NUTRIZIONALE

EGETALI

vrdurei bolllti, con llmonc o pogo ceto


!altalc ln Pdclla con csttatlo dl
corn, cotte vopol, llps6rate
con Pomodofo altrllto di calne
ed sroml, crudr ln lnolala,
logumi: bollitl, rlpa36atl con pomodoro,
rlpass6li con cslratto dl carne
ad aronrl.
patate: al cartocclo, !l forno, al pom
340 8131880 / 347 6433057
Servizio di diololoqla o nutrizloro - Gela (CL) - T.1/Fax 0933 91 tBSO Cell

fi '

BiLE AFPROft{"IARE
{n FR#B[-MA ihl M(Jffi(}
MIVERSO?
" .iJ
F3gSI

,,

r-!
.:.',

I,

t,.

rt,
..:.]

r:..'

OBESITA' ED ECCESSi PONDERALI'


O ADIPOSITA' ED OBESITA' ADOLESC ENZIALI E
. ADIPOSIIA' ED OBESITA' IN MENOPAUSA
O INTOLLERANZE ALIITENTARI'
MAGREZZE ECCESSIVE . DISMETABOLISI\4IC
NUTRIZIONE IN GRAVIDANZA ED ALLATAIVIENTO
O DISTURBI DEL COMPORIAI!1ENTO ALIN]ENTARE
(anoressia, bulimia, disordin da abbuifate compulsive)

'

oi.,-

'

'.:::::.'

FATTORI GENETICI

iNi

I fattori genetici sono immodificabili.

La loro corretta conoscenza deterrnina una


efficace e positiva risposta sia al trattamento
che alla gestione de peso nel tempo.
iW

;5
!;
xn

ire!

FATTORI AMBIENTALI

o
0)

9l

Lo studio e l'osservazione dei fattori ambientali


permette di evidenziare quelli problematici e di

3t))

gestirli, quindi, attraverso opportune strategie

operative.

FATTORI SOCIO . CULTURALI

comportamento reattivo nei confronti delle


false informazioni prodotte dai mass media e
dai vari operatori dell'industria della dieta con
conseguente processo auto-educativo.
Un'accurata riabilitazione alla percezione dei
segnali corporei (fame e sazet) porta ad una
modificazione del comportamento alimentare
con riflessi positivi sulla gesiione del peso
corooreo a breve ed a lungo termine.

n
L

'--i-,
\, I
'l'r

'E

--+

@
'r-

',4

3:
i!

RIABILITAZIONE NUTRIZIONALE
Chi compie un lavoro di riabilitazlone e di
rieducazione alimentare smaltisce il suo
sovrappeso e diventa autonomo di fronte al
cibo, anche se spesso si ritrova ad avere
qualche chilo in pi rispetto a quello che
aveva sempre pensato come il suo peso
ideale e, soprattutto, non ha pi bisogno di
maestr o ricette perch insieme ai chili in pi
ha smaltto anche insicurezze. ansiet e disagi
di fronte al problema "cibo": una questione
giorno.

CIBO:
ANSIA, PIACERE O
NATURALE
QUOTIDIANITA'?

&;

[:

U FATTORI INDIVIDUALI

da affrontare e rsolvere almeno tre volte

oz

La co[retta nformazione produce un

al

l
!

NUTRIZIONISTA

f-=

Folder lnformativo

I
/

FATTORICHE
INFLUENZANO IL PESO
CORPOREO

ffi

Ir

coSA DtcE LA nrcenn

sqENl'r'go__

LA DIETA FORTEMENTE
IPOCAI-ORICA E' LA
SOLUZIONE GII.'STA PER
RISOLVERE IL PROBLEMA

-)

OBESITA'?

_*i

EFFETTI DELLA DIETA


FOR'f M hJTE IPOCATORICA

P}-

I,od,v,,ruar,

FATTORI GENETICI
Sono imrnodificabili.
La dieta non pLlo cambiare la costituzione

facendo diventare esile chi di


co

I
F.Lr,ir

rllit,;f 'r.,,rr

I rn!oroe'rrr

llel I obe..rtn

FATTORI GENETICI
E' stato osservato che nelle famiglie dove
compare l'obesit pi facile che si verifichino
altri casi di obesit l'ereditariet incide sul
peso corporeo per il 30o/o.

..

si attribuisce
sempre molta importanza, incidono in maniera
modesta sui complicati meccanismi che

gestiscono il peso corporeo, La forza di


volont e la determinazione a dimagrire puo
influire sul peso corporeo solo per il 5%.

&*

utilizzare le proteine corporee per


sddisfare le proprie necessit energetiche.
Ne consegue una rduzione delle masse
muscolari e del metabolismo basale.

limenta re.

FATTORI SOCIO-CULTURALI

h"

peso pu rappresentare un apprezzamento

ll semidigiuno o una dieta fortemente ipocalorica

fan]e

e di

saziet nell'intento, da

dell'organismo,

di

dr

parte
riportare l'introito calorico

ai valori normali.

FATTORI INDIVIDUALI
La dieta, attraverso i ripetLiti fallimenti,

annulla I'autostima

ALTERAZIONE DEI SEGNALI DI


FAME E DI SAZIETA'
alterano imeccanismi che regolano il livello

ad eve nti sociali.

PERDTTA Dt MASSA MUSCOLARE


La denutrizione calorica costringe l'organismo

ad

sociale ma in seconda istanza determina


isolarnento poich I'esecuzlone d una
dieta non consente di poter partecipare

FATTORI SOCIO-CULTURALI
I modelli corporei proposti dalle societ

FATTORI INDIVIDUALI
I fattor individuali, ai quali

La dieta determina confusione ed


isolamento. lnizialmente, la perdita di

porta ad un uso improprio dei cibi. Le abitudini


alimentari acquisite e l'ambiente alimentare
incidono sul peso per il 30%.

FATTORI AMBIENTALI
La dieta fa scattare meccanismi fisici e
psicologicr. quali fame e desiderio di cibi
proibiti, tali da peggiorare il rapporto con
I'am biente

FATTORI AMBIENTALI
Un ambiente allmentare molto stimolante

occidentali, la disponibilit di cibo e la cultura


occide ntale orientata verso l'eccessiva
magrezza incidono sul peso per il 35%.

stituzio n e robusta.

RIDUZIONE DEL CONSUMO DI ENERGIA


La riduzione eccessiva dell'apporto calorico
costringe l'organismo a mettere in atto
strategie difensive tal da abbassare la propria
richiesta metabolica. Per effetto della
riduzione del consumo metabolico, dopo un
certo periodo di tempo, anche rimanendo a
dieta, il peso non s riduce e I'assunzione
anche di poche calorie in piu, rispetto a
quelle prescritte, produce un rapido aumento
del peso.

e fa nascere una

sensazione netta di perdita delie proprie

capacit e della propria efficacia.

.-

NEVROSI DA SEMIDIGIUNO
Ad una iniziale euforia per la perdita di peso
segue sempre una crescente irritabilit e
depressione. Quando la perdita di peso, per
gli effetti descritti, si arreste si ha una perdita
netta della fiducia in se stessi e nelle proprie
capacit con conseguente perdita di autostima.