You are on page 1of 23

A.

Riccadonna

RUOTE DENTATE
Le ruote dentate permettono la
trasmissione del moto circolare
continuo tra due alberi a breve
distanza.
Sono dotate di una serie di denti
lungo la circonferenza
I denti ad evolvente di circonferenza
assicurano:
- continuit del movimento
- costanza del rapporto di trasmissione

__M5.2

DISEGNO TECNICO (Hoepli)

A.Riccadonna

Ingranaggio

formato da due ruote dentate

La ruota dentata montata


sullalbero motore detta:
MOTRICE
La ruota dentata montata
sullalbero condotto detta
CONDOTTA
Il Verso di rotazione della
ruota condotta contrario a
quello della ruota motrice.
Se si vuole lo stesso verso
di rotazione devo inserire
una ruota OZIOSA
__M5.2

DISEGNO TECNICO (Hoepli)

A.Riccadonna

Le ruote dentate permettono la trasmissione tra assi:


 paralleli
 concorrenti
 ortogonali
 sghembi

__M5.2

DISEGNO TECNICO (Hoepli)

A.Riccadonna

Caratteristiche geometriche
 Circonferenza primitiva  d
 Circonferenza di testa  da
 Circonferenza di piede  df
 Circonferenza di base  db
 Retta dazione
 Angolo di pressione
alfa=20
 Passo

p

 Numero di denti

z

 Modulo

m

 Rapporto dingranaggio  u
__M5.2

DISEGNO TECNICO (Hoepli)

A.Riccadonna

Dentiera di riferimento
 addendum

 ha = m

 dedendum

 hf = 1,25 m

 altezza del dente

 h = 2,25 m

 gioco

 g = 0,25 m

__M5.2

DISEGNO TECNICO (Hoepli)

A.Riccadonna

in VISTA

__M5.2

in SEZIONE

DISEGNO TECNICO (Hoepli)

A.Riccadonna

Ingranaggi in vista / sezione

__M5.2

DISEGNO TECNICO (Hoepli)

A.Riccadonna

Sezione: zona di ingranamento

__M5.2

DISEGNO TECNICO (Hoepli)

A.Riccadonna

Ingranaggi : Pignone - Dentiera

__M5.2

DISEGNO TECNICO (Hoepli)

A.Riccadonna

Ingranaggi : Ingranaggio a vite

__M5.2

DISEGNO TECNICO (Hoepli)

10

A.Riccadonna

Ingranaggi : ad assi sghembi

__M5.2

DISEGNO TECNICO (Hoepli)

11

A.Riccadonna

Ingranaggi cilindrici a denti diritti


R e la z io n i g e o m e tr ic h e p e r il
p ro p o rz io n a m e n to d i
r u o te d e n ta te c ilin d r ic h e a d e n ti d ir itti
S im b o lo

D e n o m in a z io n e

m o d u lo

n u m e ro d e n ti

d ia m e t r o p r im it iv o

d = m z

passo

p = m

ha

addendum

ha = m

hf

dedendum

h f = 5 /4 m

a lte z z a d e n te

h = 2 ,2 5 m

da

d ia m e t r o d i t e s t a

da = d + 2ha

df

d ia m e t r o d i p ie d e

df = d - 2hf

la r g h e z z a r u o t a

b = 1 0 m

a n g o lo d i p r e s s io n e

= 20

db

d ia m e t r o d i b a s e

d b = d c o s

ra p p o rto
d in g r a n a g g io

u = z2/ z1

in t e r a s s e

a = m ( z 1 +
z 2 )/2

__M5.2

R e la z io n e

DISEGNO TECNICO (Hoepli)

12

A.Riccadonna

Proporzionamento - esempio
Dati (Figura 2.14): modulo m = 3; numero dei
denti del pignone z1 = 15; numero dei
denti della ruota z2 = 30.
1) Calcolo dei diametri delle circonferenze
primitive
il diametro primitivo: d = mz
d1 = mz1 = 315 = 45 mm
d2 = mz2 = 330 = 90 mm.
In figura le circonferenze primitive delle due
ruote sono tangenti, per cui sar facile
calcolare anche la distanza tra gli assi a
(interasse) delle due ruote:
a = m(z1+z2)/2= 3(15+30)/2 = 67,5 mm

__M5.2

DISEGNO TECNICO (Hoepli)

13

A.Riccadonna

Proporzionamento - esempio
2) Calcolo della geometria dei denti
delle ruote (ha, hf, h, g)
importante ricordare che, per
ingranare, le due ruote devono
avere lo stesso modulo.
ha = m = 3 mm

3) Calcolo del diametro di testa (da)


Il diametro di testa il diametro
esterno della ruota.
da = d + 2ha
da1 = 45 + 23 = 51 mm
da2 = 90 + 23 = 96 mm

hf = 5/4 m = 1,253 = 3,75 mm


h = ha + hf = 3 + 3,75 = 6,75 mm

4) Calcolo del diametro di piede (df)


Il diametro di piede tangente al
fondo dei vani tra un dente e laltro.
df = d - 2hf
df1 = 45 - 23,75 = 37,5 mm
df2 = 90 - 23,75 = 82,5 mm

__M5.2

DISEGNO TECNICO (Hoepli)

14

A.Riccadonna

Ingranaggi cilindrici a denti ELICOIDALI


I denti sono orientati secondo eliche cilindriche
ogni dente un tratto di elica
si considerano due tipi di moduli: mn - mt

mn  dente

__M5.2

mt  ruota

DISEGNO TECNICO (Hoepli)

15

A.Riccadonna

Relazioni tra passi e moduli

Relazione tra i passi:

pn = pt cos b
Relazione tra i moduli

mn = mt cos b

__M5.2

DISEGNO TECNICO (Hoepli)

16

A.Riccadonna

Ingranaggi cilindrici a denti elicoidali


Relazioni geometriche per il proporzionamento di
ruote dentate cilindriche a denti elicoidali
(Figura 2.18)
Simbolo
Denominazione
Relazione
mn
modulo normale
ha
addendum
ha = mn
hf
dedendum
hf = 5/4mn
h
altezza dente
h = 2,25mn
angolo dellelica

mt
modulo trasversale
mt = mn/cos
d
diametro primitivo
d = mtz
da
diametro di testa
da = d + 2ha
df
diametro di piede
df = d - 2hf
b
larghezza ruota
b = 8-10mn
Pe
passo dellelica
pe = dtg
angolo di press. normale
e
e = 20
u
rapporto dingranaggio
u = z2/ z1
a
interasse
a = mt(z1+ z2)/2

__M5.2

DISEGNO TECNICO (Hoepli)

17

A.Riccadonna

Ingranaggi conici a denti diritti


Gli ingranaggi conici hanno gli assi di rotazione concorrenti in un punto
Fasi per lesecuzione del disegno:
coni primitivi: d, d
coni complementari
dimensioni dei denti: ha, hf
profilo del dente
fascia dentata
contorno ruota
fori

__M5.2

DISEGNO TECNICO (Hoepli)

18

A.Riccadonna

Ingranaggi conici a denti diritti


Relazioni geometriche per il proporzionamento di ruote
dentate coniche a denti diritti
Simbolo

Denominazione

modulo

numero denti

diametro primitivo

angolo tra gli assi

angolo primitivo del cono

ha

addendum

ha = m

hf

dedendum

hf = 6/5m

altezza dente

h = 2,2m

larghezza dei denti

b = 5-8m

angolo di addendum

tga = 2sen/z

angolo di dedendum

tgf = 2,4sen/z

angolo di testa

a = + a

angolo di piede

f = + f

angolo di pressione

= 20

rapporto dingranaggio

u = z2/ z1

__M5.2

Relazione

d = mz

DISEGNO TECNICO (Hoepli)

19

A.Riccadonna

Ingranaggi a vite
Relazioni geometriche per il proporzionamento di vite
trapezia e ruota dentata
Simbolo

Denominazione

mx

modulo assiale

mt

modulo trasversale

mt = mx

mn

modulo normale

mn = mxcos

numero denti ruota

numero principi vite

px

passo assiale vite

px = mx

pz

passo elicoidale

pz = pxz

angolo dellelica

angolo di press. normale

diametro primitivo

d1 = mxz1/tg

da

diametro di testa

da1 = d1+2mn da2 = d2+2mn

df

diametro di piede

df1 = d1-2,5mn df2 = d2-2,5mn

ha

addendum

ha = mn

hf

dedendum

hf = 5/4mn

rapporto dingranaggio

u = i/z

de2

diametro di tornitura

de2=da2+2ha2(1-cosn/2)

__M5.2

Relaz. vite

Relaz. ruota
-

d2 = mtz2

DISEGNO TECNICO (Hoepli)

20

A.Riccadonna

Dati da indicare sui disegni


RUOTE DENTATE CILINDRICHE A DENTI DIRITTI
Dati da indicare nella quotatura
 Diametro del foro con relativa zona di tolleranza.
 Diametro di testa con relativa zona di tolleranza.
 Larghezza di dentatura.
 Tolleranza di oscillazione radiale della superficie
di testa e tolleranza di oscillazione assiale delle
facce della ruota.
richiesta l'indicazione della superficie di
riferimento
 Rugosit delle superfici dei fianchi della
dentatura e, eventualmente.

CARATTERISTICHE DELLA DENTATURA


Modulo

Numero denti

Dentiera di riferimento
Diametro primitivo

__M5.2

DISEGNO TECNICO (Hoepli)

UNI 6587
d

21

A.Riccadonna

Dati da indicare sui disegni


RUOTE DENTATE CILINDRICHE A DENTI
ELICOIDALI
Dati da indicare nella quotatura
 Diametro del foro con relativa zona di tolleranza.
 Diametro di testa con relativa zona di tolleranza.
 Larghezza di dentatura.
 Tolleranza di oscillazione radiale della superficie
di testa e tolleranza di oscillazione assiale delle
facce della ruota.
richiesta l'indicazione della superficie di
riferimento
 Rugosit delle superfici dei fianchi della
dentatura.

CARATTERISTICHE DELLA DENTATURA


Modulo normale
Numero denti

mn
z

Dentiera di riferimento

UNI 6587

Angolo dell'elica

Diametro primitivo

__M5.2

DISEGNO TECNICO (Hoepli)

22

A.Riccadonna

Dati da indicare sui disegni


RUOTE DENTATE CONICHE A DENTI DIRITTI
Dati da indicare nella quotatura
 Diametro del foro con relativa zona di tolleranza.
 Diametro di testa con relativa zona di tolleranza.
 Larghezza di dentatura.
 Angolo di testa
 Angolo del cono complementare esterno.
 Tolleranza di oscillazione radiale della superficie
di testa e tolleranza di oscillazione assiale delle
facce della ruota.
richiesta l'indicazione della superficie di
riferimento
 Distanza della superficie di riferimento:
a) dal vertice del cono primitivo con relativa
zona di tolleranza;
b) dal piano della circonferenza di testa con
relativa zona di tolleranza;
c) dal piano della circonferenza di testa del cono
complementare interno;
d) dalla superficie di bloccaggio
 Rugosit delle superfici dei fianchi della
dentatura.

__M5.2

C AR ATTER ISTIC H E D E LLA D EN TATU R A


M odulo norm ale

N um ero denti

D entiera di riferim ento

U N I 6588

D iam etro prim itivo

A ngolo prim itivo di riferim ento

DISEGNO TECNICO (Hoepli)

23