You are on page 1of 2

LA PARABOLA E LA SUA EQUAZIONE

:
Assegnati nel piano un punto F e una retta d, si chiama parabola la curva piana luogo geometrico
dei punti equidistanti da F e da d.
Il punto F e la retta d vengono detti rispettivamente fuoco e direttrice della parabola. La retta
passante per il fuoco e perpendicolare la direttrice si chiama asse della parabola. Il punto V in cui si
interseca il suo asse è detto vertice della parabola.
L'equazione della parabola con asse coincidente con l'asse y e vertice nell'origine:
F(0 ; f ) la direttrice è quindi una retta parallela all'asse x
F(

;

) coordinate del fuoco
equazione della direttrice

All'aumentare di a diminuisce l'apertura della parabola. Se a è invece negativo, l'apertura
diminuisce all'aumentare del valore assoluto di a.
La parabola con asse parallelo all'asse y
L'equazione della parabola con asse parallelo all'asse y:
ascissa del vertice:
ordinata del vertice:
A ogni parabola con asse parallelo all'asse y corrisponde un'equazione del tipo
con
e viceversa.
Le caratteristiche di una parabola di equazione
Asse:
Vertice:
Fuoco:
Direttrice:
Casi particolari:
– Se b=0 l'equazione diventa
. La parabola ha vertice V(0 ; c) e il suo asse di
simmetria è l'asse y
– Se c=0 l'equazione diventa
. La parabola ha vertice V(
; ) e passa
sempre per l'origine di O. Infatti le coordinate (0 ; 0) soddisfano l'equazione.
– Se b=0 e c=0 l'equazione diventa
. Ritroviamo la parabola già studiata con
l'asse coincidente con l'asse y e vertice nell'origine.
La parabola con asse parallelo all'asse x
Eq. parabola con asse parallelo all'asse x:
La concavità della parabola è rivolta verso la direzione positiva se a > 0 e verso la negativa dell'asse
x se a < 0.

. Si possono avere 3 casi: – se Δ > 0 la retta è secante – se Δ = 0 la retta è tangente – se Δ < 0 la retta è esterna alla parabola LE RETTE TANGENTI ALLA PARABOLA: Dato un punto P e una parabola il punto p può essere: esterno alla parabola (due rette tangenti). del vertice o del fuoco – La parabola è tangente a una retta data e passa per due punti. Dell'asse – La parabola passa per un punto e sono note le coord. retta e eq. si procede nel seguente modo: – si scrive l'eq. della direttrice – La parabola passa per 3 punti non allineati – La parabola passa per due punti e si conosce l'eq. di tangenza Δ = 0 – si risolve rispetto a m l'equazione ottenuta e si sostituiscono nell'equazione del fascio gli eventuali valori determinanti Formula di sdoppiamento IL SEGMENTO PARABOLICO: Se una retta è secante una parabola nei punti A e B il segmento AB e l'arco di parabola AB delimitano una parte di piano chiamata segmento parabolico. Possibili condizioni: Sono note coord.Asse: Vertice: Fuoco: Direttrice: LA POSIZIONE DI UNA RETTA RISPETTO A UNA PARABOLA: Retta secante – due punti di intersezione Retta tangente – un punto di intersezione Retta esterna – nessun punto di intersezione Retta parallela all'asse della parabola – un punto di intersezione per trovare le intersezioni bisogna risolvere il sistema tra eq. parabola si ottiene l'eq. COME DETERMINARE L'EQUAZIONE DI UNA PARABOLA: Come nella circonferenza anche nella parabola dobbiamo avere tre informazioni per trovare l'equazione. del fascio di rette e della parabola – si pone la cond. interno alla parabola (nessuna tangente) Per determinare le equazioni delle eventuali rette tangenti. sulla parabola (una retta tangente). del fascio di rette passanti per P – si scrive il sistema di eq. vertice e fuoco – Sono note le coord. Tracciamo la retta parallela ad AB e tangente alla parabola e consideriamo su di essa le proiezioni di A' e B' di A e B. di secondo grado: le cui soluzioni sono le ascisse dei punti di intersezione della parabola con la retta. Si può dimostrare che l'area del segmento parabolico è uguale a 2/3 dell'area del rettangolo AA'B'B. Queste informazioni sono dette condizioni. del vertice o del fuoco e l'eq.