You are on page 1of 29

ISSN 0484-8942

REVUE -------------------------------------------------- NUMISMATIQUE


Dirige par

Secrtaires de la rdaction

C. Morrisson, M. Amandry,
M. Bompaire, O. Picard

C. Grandjean
A. Hostein

2010

(166e volume)

Publie avec le concours de lInstitut National des Sciences Humaines et Sociales


du Centre national de la recherche Scientifique

---------------------------------------------------Socit franaise de numismatique


Diffusion : Socit ddition Les Belles Lettres
2010

Comit de publication
Directeurs
Mme C. Morrisson, MM. M. Amandry, M. Bompaire, O. Picard
Secrtaires de la rdaction
Mme C. Grandjean (cat.grandjean@free.fr)
M. A. Hostein
Charg des comptes rendus
M. A. Hostein (hosteinantony@yahoo.fr)
Comit de lecture
MM. J. Andreau, G. Aubin, F. Baratte, J.-P. Callu, M. Christol,
M. Dhnin, Mme S. Estiot, M. X. Loriot, Mlle M.-C. Marcellesi, M. M. Pastoureau.
La Revue numismatique parat annuellement. Elle est la proprit de la Socit franaise de numismatique qui en est lditeur et en assure le service tous ses membres jour de cotisation pour lanne
concerne, lors de sa parution. La cotisation a t fixe pour 2010 50 et 55 pour les membres
rsidant ltranger.

Socit franaise de numismatique


58, rue de Richelieu F-75002 Paris
http://www.sfnum.asso.fr
La Revue numismatique est galement diffuse par la
Socit ddition Les Belles Lettres
95 Boulevard Raspail, F-75006 Paris
Tl. : 01 44 39 84 20, Fax : 01 45 44 92 88.
Les abonnements sont payables la Socit ddition Les Belles Lettres Compte chque postaux
Paris 336 57 P
Le champ couvert par la Revue numismatique comprend la numismatique et lhistoire montaire et
stend larchologie, lhistoire conomique, lhistoire de lart ainsi qu lpigraphie, la sigillographie
ou la glyptique dans leurs rapports avec ltude des monnaies, mdailles et documents montiformes.
La Revue recherche des tudes de haut niveau et de premire main, publication de documents
nouveaux ou nouvelle interprtation de documents connus. Les articles sont retenus en fonction de leur
qualit scientifique et de lintrt du document prsent. Les rubriques de la Revue sont indicatives et
correspondent aux divisions historiques traditionnelles : numismatique celtique, grecque, romaine,
byzantine, mdivale, moderne et contemporaine, orientale, mdailles et jetons, histoire de la numismatique et des collections. Des notes synthtiques faisant le point sur une question ou un dbat ont leur
place dans les Miscellanea (la Socit franaise de numismatique prfrant rserver la publication des
articles brefs au Bulletin de la Socit franaise de numismatique).
Les langues admises sont, outre le franais, lallemand, langlais, lespagnol et litalien.
Les manuscrits complets et conformes aux instructions aux auteurs doivent tre remis au secrtariat
le 1er juillet de lanne qui prcde la parution. Aprs avoir t confis plusieurs rapporteurs et examins par le comit de lecture, ils sont dfinitivement retenus lorsque le conseil de gestion de la Revue
numismatique se runit, en janvier, pour adopter le budget de la Revue qui parat dans lanne.
La Revue ne rend compte que des ouvrages qui sont adresss au secrtariat avec la mention Revue
numismatique. Les ouvrages sont remis des spcialistes proposs par les directeurs au Comit de
lecture. La publication rapide dans le bulletin bibliographique ne doit pas nuire au caractre informatif
et critique des comptes rendus et il est possble de rendre compte simultanment et synthtiquement de
plusieurs ouvrages.
La Revue numismatique se rserve le droit de refuser toute publicit sans avoir fournir de motif
sa dcision.

SOMMAIRE
Hommage Jean-Nol Barrandon
Bibliographie des travaux de Jean-Nol Barrandon

Tmoignages
Jean-Pierre Callu La naissance dun projet, la RCP 483 (1974-1976)

23

Hlne Nicolet-Pierre Recherches sur la composition mtallique de quelques


sries de monnaies antiques frappes dans le monde gen

27

Olivier Picard Vingt-cinq ans de recherches sur les monnaies grecques avec
Jean-Nol Barrandon

35

Franoise Dumas De Philippe Auguste Charlemagne. Recherches sur largent


des monnaies en compagnie de Jean-Nol Barrandon

41

Articles
Grard Aubin avec la collaboration de Sylvia Nieto Liaisons de coins et or
gaulois

51

Frdrique Duyrat, Julien Olivier Deux politiques de lor. Sleucides et


Lagides au iiie sicle avant J.-C.

71

Thomas Faucher Gravure et composition mtallique des monnaies lagides ....

95

Suzanne Frey-Kupper, Clive Stannard Les imitations pseudo-Ebusus/Massalia


en Italie centrale : typologie et structure, prsence dans les collections et dans
les trouvailles de France

109

Jean-Nol Barrandon (), Arnaud Suspne, Arwen Gaffiero Les missions


das au type divvs avgvstvs pater frappes sous Tibre : lapport des analyses
leur datation et leur interprtation

149

Maryse Blet-Lemarquand, Marc Bompaire, Ccile Morrisson Platine et plomb


dans les monnaies dor mrovingiennes : nouvelles perspectives analytiques ....

175

Lucile Beck, lise Alloin, Ulrich Klein, Thierry Borel, Claire Berthier, Anne
Michelin Le trsor de Preuschdorf (Bas-Rhin) xviie sicle. Premiers rsultats dune tude pluridisciplinaire

199

Articles
Franois de Callata Les plombs types montaires en Grce ancienne : monnaies (officielles, votives ou contrefaites), jetons, sceaux, poids, preuves ou

fantaisies
?

219

Louis Brousseau Le monnayage des Serdaioi revisit

257

Jean Hourmouziadis Gold Staters and Silver Drachmae - A Die Study

287

Aurel Vlcu, Bogdan Constantinescu, Roxana Bugoi, Ctlina Puna Some


considerations on Dacian gold coins of Koson type in the light of compositional
analyses

297

Giovanni Gorini La monetazione di Ariminum

311

Pierluigi Debernardi Plated coins, false coins?

337

Shpresa Gjongecaj Le monnayage de Phoinik sous lempire romain

383

Sylviane Estiot propos dun mdaillon indit de lusurpateur Julien (284285 AD) : son rgne et son monnayage

397

Georges Gautier Une justification opportune du systme ttrarchique par


limage montaire de diffusion courante : la srie de nummi bustes accols
mise Trves en 298 ap. J.-C.

419

Vincent Drost, Sylviane Estiot Maxence et le portrait militaire de lempereur


en Mattiobarbulus

435

Henri Pottier Le monnayage de la Syrie sous loccupation perse (610-630).


Complment

447

Vincent Genevive, Guillaume Sarah Le trsor de deniers mrovingiens de


Rodez (Aveyron). Circulation et diffusion des monnayages dargent dans le
Sud de la France au milieu du viiie sicle

477

Jrme Jambu Une histoire de la Monnaie de Caen lpoque moderne (16931772)

509

Franois Thierry La monnaie du Xinjiang dans deux ouvrages rcents

537

Bulletin bibliographique

553

Supplment : Franoise Dumas Jean Lafaurie (1914-2008)

609

Index

615

Instructions aux auteurs

627

Table des matires

633

Giovanni Gorini*

La monetazione di Ariminum1
Rsum Aprs plusieurs travaux sur le monnayage de latelier de Ariminum, on a dtermin
la chronologie des missions aprs la dduction coloniale de Rome avec une phase de monnaies
coules (264 c.-241 av. J.-C.) et une phase de monnaie frappe de rduction quadrunciale (241217 av. J.-C.) suivi dune rduction terunciale (217-210 av. J.-C.) suivant le phnomne de la
dvaluation de la monnaie romaine rpublicaine. Cette chronologie repose sur la mtrologie aussi
que sur la documentation archologique et des trouvailles montaires associes avec des monnaies
romaines et de Ariminum. Ltude iconographique du droit avec tte de Gaulois la dtermin
comme la tte dune divinit gallo-romaine locale (Arimnus?). En appendice se trouve un
catalogue des exemplaires connus.
Summary After many works on the Ariminum mint, we arrive to establish the chronology of its
issues after the deduction of the Roman colony with a phase of cast coins (264 c.-241 BC), a
phase with coins minted at quadrunx standard (241-217 BC) and an issue at teruncial standard,
following the devaluation of Roman Republican coinage. This chronology is founded on metrological and archaeological evidence and on finds of Roman coins associated with Ariminum
coins. The iconography of the obverse with a Gaul head is explained as a local Gaul-roman god
(Arimnus?). An Appendix there is a catalogue of known coins.

La colonia di diritto latino di Ariminum, creata nel 268 a.C.2 allincrocio


delle strade tra il Nord e il Piceno e lungo il Marecchia che con la sua valle
metteva in collegamento con Arezzo e la valle del Tevere, rappresenta un avamposto romano per la conquista della pianura padana e similmente a Cosa, colonia
del 273 a.C., non batt mai argento, ma si limit a produrre solo monete di bronzo
per un periodo limitato di tempo nel III sec. a.C. Dai dati in nostro possesso
questa monetazione sembra essere stata modesta come volume, almeno a giudicare dal numero di esemplari superstiti e come diffusione sul territorio, tuttavia
essa risulta di estremo interesse non solo per la storia della citt antica, ma
anche per le vicende delle emissioni dellItalia Centrale, essendo la zecca italica
* Universit di Padova, Dipartimento di Archeologia. Email: giovanni.gorini@unipd.it.
1.Un sentito ringraziamento al Dr.M.Biordi, dirigente dei Musei Comunali di Rimini per il
generoso invio di fotocopie e materiale inedito, allamico M.Crawford per la proficua discussione
sulle diverse stesure del presente contributo e a A.Burnett per la lettura dellarticolo e gli utili
consigli. Ovviamente la responsabilit di quanto affermato rimane tutta mia.
2.Sulle vicende storiche che determinarono la creazione della colonia vedi H.Galsterer,
Coloni, Galli e autoctoni. Le vicende della colonia di Rimini ai suoi albori, in F.Lenzi (d.), Rimini
e lAdriatico nellet delle guerre puniche. Atti del Convegno Internazionale di studi Rimini,
25-27 marzo 2004, Imola, 2006, p.11-17 con ampia bibliografia. J.Ortalli, Rimini: la citt, in
M.Marini Calvani (d.), Aemilia. La cultura romana in Emilia Romagna del III secolo a.C.
allet costantiniana, Venezia, 2000, p.501-506; L.Braccesi, Rimini Museo Archeologico.
Rimini imperiale II-III secolo, Villa Verucchio, RN, 2003.
RN 2010, p.311-335

312

Giovanni Gorini

pi settentrionale della penisola. I tipi presenti sulle due facce delle monete
sono in parte originali ed hanno attirato lattenzione, da parte degli studiosi
locali, gi dal 700, con una abbondante bibliografia, che tuttavia non ha risolto
i diversi problemi che questa monetazione pone3. Laspetto iconograficamente
pi discusso certamente limmagine del Dritto che compare su tutti gli esemplari della serie fusa che stata concordemente descritta come la testa di un
Gallo. Mentre lesecuzione stilistica del numerario non particolarmente
raffinata od elegante, e testimonia, quasi certamente, una tecnica non locale,
documentando la presenza di maestranze centro italiche, forse di ascendenza
etrusca o laziale.
Tra le poche cose su cui c concordia tra gli studiosi il fatto che da un
punto di vista tecnico la monetazione si pu dividere in due classi. Il primo
gruppo comprende laes grave, ossia monete di bronzo assai grandi e pesanti
ottenute con il procedimento della fusione e di cui troviamo una esauriente
catalogazione nellopera ancora insuperata dellHaeberlin4, da integrarsi con
quella del Campana5. Il secondo gruppo comprende invece un unico nominale,
sempre in bronzo, ma coniato6. Lattribuzione della serie fusa ha dato qualche
3.Vedi una breve storia degli studi in M.Biordi, Il Quincunx dellantica monetazione fusa di
Ariminum, in Quincunx. Temi iconografici nel marchio della Camera di Commercio Industria
Artigianato e Agricoltura della Provincia di Rimini, Rimini s.d. (ma post 1995), p.11-23; Id., La
collezione numismatica, in G. Susini (d.), Analisi di Rimini antica. Storia ed archeologia per un
museo, Rimini, 1980, p.224-229; Id, I materiali numismatici dei et romano-repubblicana
conservati nel museo della citt di Rimini, in A. Calbi, G. Susini (d.), Pro poplo arimenese. Atti
del Convegno Rimini antica. Una res publica fra terra e mare, Rimini, 1993, Faenza, 1995
(= Epigrafia e antichit, 14), p.417-436; E.Ercolani Cocchi, Il materiale numismatico dellet
antica, in Analisi di Rimini antica, op.cit., p.209-223; Ead., Il territorio di Ariminum avamposto
della colonizzazione, in E.Ercolani Cocchi, A.L.Morelli, D.Neri (d.), Romanizzazione e
moneta. La testimonianza dei rinvenimenti dallEmilia Romagna, Quaderni dellEmilia Romagna, 10, Firenze, 2004, p.29-42; N.F.Parise, Libbre e bronzo librale nellItalia antica, in Italia
ommnium terrarum parens, Milano, 1989, p.581-599 in particolare p.591; M.T.Falcioni
Amorelli, La monetazione nellarea medio-adriatica, in G.Paci (d.), Miscellanea di studi
marchigiani in onore di Febo Allevi, Agugliano, AN, 1987, p.105-117; S.Balbi De Caro, Aes
grave italico con testa di Gallo - Ariminum III secolo a.C. Roma Medagliere del Museo Nazionale Romano (n.601), in I Galli e lItalia, catalogo della mostra, Roma, 1978, p.259-260; Ead.
Le monete fuse con la testa di Gallo, in I Celti, Catalogo della mostra (Venezia Palazzo Grassi),
Milano, 1991, p.290-291. Una sintetica ricapitolazione da ultimo in G. Bandelli, Romani e
Picenti dalla stipulazione del foedus (299 a.C.) alla deduzione di Firmum (264 a.C.) in M.Luni,
S.Sconocchia (d.), I Piceni e la loro riscoperta tra Settecento e Novecento, Urbino, 2008,
p.337-351 (p.350, n.66).
4.E.J.Haeberlin, Aes grave: das Schwergeld Roms und Mittelitaliens, Frankfurt-am-Main
1910.
5.A.Campana, Umbria. Ariminum (289-240 a.C.), in Corpus Nummorum Antiquae Italiae
(zecche minori), Panorama Numismatico, Suzzara Mantova, 1993, p.17-31.
6.Le migliori catalogazioni del materiale compaiono oltre che nei cataloghi dei maggiori
collezioni BMC, Berlino, Parigi, in A.Campana, Umbria. Ariminum (289-240 a.C.), cit., ed anche
nelle opere di F.Panvini Rosati, La monetazione di Ariminum, Studi Romagnoli, XIII, 1962,
p.159-173; E.Ercolani Cocchi, Il materiale numismatico dellet antica, op.cit., p.211-223,
RN 2010, p.311-335

La monetazione di Ariminum

313

problema in passato in quanto essendo anepigrafe non era cos certa la sua
appartenenza alla zecca di Ariminum, infatti il Sydenham propose a suo tempo
unattribuzione a quella di Sena Gallica7, tuttavia la realt dei ritrovamenti
dellultimo secolo, ha confermato una circolazione in Rimini e nellimmediato
circondario,cos da far concludere con certezza che questo gruppo appartiene alla
colonia romana di Ariminum. Se quindi lattribuzione certa come la divisione
nei due gruppi, di cui quello fuso precede quello coniato, non cos per la definizione dello standard ponderale di riferimento e la cronologica delle due serie.
Per quanto attiene al primo aspetto, credo che chiaramente si evinca che la
serie fusa si basa su di un asse teorico di gr 379 secondo alcuni8 e meno fondatamente di gr 364,2 secondo altri9. Tale piede monetale si riscontra anche ad
Hatria nel Piceno: gr 371,8310, nella zecca dei Vestini, gr 380,911 e risulta essere
lo stesso in uso in altre zecche della costa adriatica12 e fa riferimento ad un
sistema decimale.
Da questa divisione deduciamo che il sistema relativo ai nominali tra Ariminum
e la sua madre patria Roma, non era lo stesso e quindi non possiamo usare i
termini asse, quadrante o triente per definire le singole monete, inoltre, in
secondo luogo chiaro che questa unit non era suddivisa in 12 parti come a
Roma, ma queste emissioni appartengono ad un sistema decimale che corrisponde
a quello normalmente usato lungo la costa adriatica nel terzo secolo a. C. e
destinato a soccombere con laffermarsi nellarea della moneta romana dopo la
Seconda Guerra Punica13.
Per quanto riguarda laltro aspetto, vero punto dolens della classificazione di
queste monete quello della cronologia di emissione, che ha affaticato la critica
storica e numismatica senza giungere a delle conclusioni finora condivise da
tutti gli studiosi, spesso con ripetizioni o con proposte del tutto ipotetiche, non
tav. LXIV; M.Biordi, La collezione numismatica, in Analisi di Rimini antica, op.cit., p.225229; Id., I materiale numismatici di et romano-repubblicana conservati al Museo della Citt di
Rimini, in A.Calbi , G.Susini (d.), Pro poplo arimenense, Bologna, 1995, p.417-436 etc. vedi
ora il Catalogo dellasta Artemide Aste di San Marino del 18 dicembre 2005, n.30-38.
7.E.A.Sydenham, Aes grave. A study of the cast coinage of Rome and central Italy, London,
1926, p.138, ripreso da B.K.Thurlow, I.G.Vecchi, Italian cast coinage, London, 1979, p.30.
8.E.J.Haeberlin, Le basi metrologiche del sistema monetario pi antico dellItalia media,
RIN, 1910, p.397 ss.
9.Historia Numorum, London, 2001, terza ed., p.17 (= HN).
10.HN, p.18.
11.HN, p.18.
12.In particolare a Venusia e Luceria, che presentano per un asse, pi leggero, rispettivamente di gr 336 (HN, p.82) e di gr 327 (HN, p.79). Cf. anche il peso rinvenuto a Marzabotto
E.Brizio, Relazione degli scavi eseguiti a Marzabotto presso Bologna dal Novembre 1888 a tutto
Maggio, 1889, in Monumenti antichi dei Lincei, 1, 1889, col. 313, tav. X e M. Cattani, Il sistema
ponderale di Marzabotto, AIIN, 42, 1995, p.21-79.
13.Cos gi S.L.Cesano, La monetazione delle citt adriatiche dei Senones e del Piceno
nellet preromana, in Atti e memorie della Deputazione di Storia Patria per le Marche, s. V, V,
1942, p.109-117.
RN 2010, p.311-335

314

Giovanni Gorini

fondate su alcuna prova scientificamente accettabile. Si pertanto reso necessario


affrontare il problema su basi radicalmente nuove, pur con tutto il bagaglio
conoscitivo che la moderna critica storica e numismatica ha prodotto negli
ultimi quarantanni14, per cui in assenza di tesori che includano le emissioni di
Ariminum e quelle di altre zecche, per cui sarebbe possibile una seriazione pi
precisa ed affidabile, dobbiamo affidarci ai pesi, ai tipi, alle eventuali riconiazioni
e alle poche attestazioni di ritrovamenti associati ad altro numerario o in strati
archeologicamente databili per altra via.
Va notato che nel terzo secolo a.C. assistiamo allestensione del modello
monetale di Roma alle altre comunit che si trovano sotto la sua influenza e
particolarmente le colonie latine. A questo proposito si possono riscontrare due
caratteristiche: da un lato la preferenza alla emissione di serie comprendenti
esemplari in bronzo fuso pesante (aes grave) rispetto allargento ed una presenza
dei marchi di valore su quelli emessi15 e dallaltro al loro progressivo adeguamento alla evoluzione del numerario romano. Entrambi questi elementi si
riscontrano nelle emissioni della costa adriatica in particolare oltre che a Ariminum
anche a Firmum, Hatria, Luceria e Venusia, nella comunit dei Vestini ed anche
altrove ad esempio in Val di Chiana16. Cos luso di segni di valore caratterizza
le emissioni anche della colonia di Brundisium, fondata nel 244 a. C., inoltre
affinit pi strette si possono trovare con lo sviluppo della monetazione di
Venusia,che, similmente ad Ariminum, passa da una fase fusa con segni di
valore ad una coniata17. Appare chiaro che tutte queste zecche abbiano iniziato
ad emettere moneta dopo il contatto con Roma, una convinzione che era gi del
Mommsen18 e tale orientamento stato confermato da tutta una serie di studi19,
tuttavia il sistema ariminense non si uniforma a quello romano repubblicano
pesante,ma sembra inserirsi tra la serie dellaes grave romano ridotto (gr 270
circa) e quello dellasse della serie etrusca anepigrafa del tipo della ruota/cratere
(asse di gr. 193), che simile al peso del quincunx (193 gr), cio leggermente
pi leggero di quello contemporaneo a Roma. Date queste premesse e queste
14.Infatti punto di arrivo delle conoscenze dellottocento e punto di partenza dei nuovi studi
rimane il contributo di F.Panvini Rosati, La monetazione di Ariminum, Studi Romagnoli, XIII,
1962, p.159-173, ristampato in G.Pisani Sartorio (d.), Monete e medaglie. Scritti di Francesco
Panini Rosati, vol. I-II, Suppl.al n.37 del Bollettino Numismatico, Roma, 2004.
15.A.Burnett, La monetazione di Venosa e il suo rapporto con quella delle coeve colonie
latine dellarea adriatica, in M.Salvatore (d.), Il Museo Archeologico Nazionale di Venosa,
Matera, 1991, p.29-38.
16.G.Gorini, La monetazione, in S.Fortunelli (d.), Il museo della citt etrusca e romana
di Cortona. Catalogo delle collezioni, Firenze, 2005, p.363-372.
17.A.Burnett, La monetazione di Venosa, op.cit.
18.T.Mommsen, Histoire de la monnaie romaine, tr. Blacas, Paris, 1865, vol. I, p.192, notizia
gi ripresa da L.Tonini, Sullantichit dellasse librale riminese. Osservazioni letterate alla
R. Deputazione di Storia patria in Bologna, Rimini, 1872, p.5-6.
19.Si veda per tutti il recente HN, terza ed. un sintesi della bibliografia su questa zecca
raccolta anche da SNG France, 6, I, Paris, 2003 a cura di A.R.Parente.
RN 2010, p.311-335

La monetazione di Ariminum

315

somiglianze non casuali, si comprende come non sia stato emesso il pezzo pi
pesante, da 10 once (Asse), che sarebbe stato un nominale troppo al di fuori
della realt economica di Ariminum, quale risultava negli anni successivi alla
deduzione coloniale, ma si prefer emettere solo il pezzo da cinque once, pur
utilizzando il sistema ponderale in uso localmente. Tuttavia emettendo questo
divisionale si cerc che potesse armonizzarsi con il peso della moneta romana
contemporanea con la quale sono documentati ritrovamenti associati. Ritengo
pertanto che una data anteriore alla fondazione della colonia sia decisamente
improponibile20, in quanto, come aveva gi ben visto la Cesano21 per le emissioni
italiche adriatiche: tutte le serie ebbero inizio sotto linflusso e ad imitazione
di Roma22 e a questa conclusione concordano il Crawford23 e il Parise24, oltre
che lo Zuffa25 per quanto concerne limitatamente la colonia di Ariminum. La
stessa HN suggerisce una datazione tra il 268 e il 225 a.C.26, che va certamente
accettata in senso lato27. Inoltre, stando alle deboli testimonianze archeologiche
emerse dagli scavi negli strati precedenti alla colonia28 non esisteva una
Ur-Ariminum29, che avesse unautorit politica e una dimensione statale tale
da emettere delle monete che avessero un rapporto tra loro e che rispondessero
ad un sistema metrologico condiviso da altre comunit dellarea adriatica, per
cui si dovr concludere che linizio della monetazione sia avvenuto su impulso
delle autorit romane, dopo la fondazione della colonia stessa.
20.Contra da ultimo E. Ercolani Cocchi, Il territorio di Ariminum avamposto della colonizzazione, in E.Ercolani Cocchi, A.L.Morelli, D.Neri (d.), Romanizzazione e moneta. La testimonianza
dei rinvenimenti dallEmilia Romagna, Firenze, 2004 (= Quaderni di Archeologia dellEmilia
Romagna, 10), p.29-42 (p.39 che riassume la vasta bibliografia precedente sullargomento).
21.L.Cesano, La monetazione delle citt adriatiche dei Senones e del Piceno nellet preromane,
op. cit.
22.L.Cesano, La monetazione, op.cit., p.136.
23.M.Crawford, CMRR, p.43-47.
24.N.Parise, Libbre e bronzo librale nellItalia antica, in C. Ampolo et al. (d.), Italia ommnium
terrarum parens, Milano, 1989, p.581-599.
25.M. Zuffa, Nuove scoperte di archeologia e storia riminese, Studi Romagnoli, XIII, 1962
(ma 1964), p.85 ss.; Id., I Galli sullAdriatico, in I Galli e lItalia, Roma, 1978, p.138-162.
(p.143).
26.HN, p.17
27.Cf. in particolare le riflessioni relative al peso della libra in Etruria, ma valide anche per
la zecca di Ariminum di J. Morcom, NC, 2002, p.433. Per un quadro dinsieme delle zecche italiche
v. A. Burnett, Coinage and currency in Italy from Hannibal to Augustus, AIIN, 29, 1981 [1983],
p.125-137; Id., La documentazione numismatica, in Tramonto della Magna Grecia. Atti del 44o
convegno di studi sulla Magna Grecia, Taranto, 24-28 settembre 2004, Taranto, 2005, p.161-178.
28.Vedi in particolare la relazione di M.G.Maioli, Resti di un insediamento preromano a
Rimini: Lo scavo allex convento di S. Francesco. Relazione preliminare, in Celti ed Etruschi
nellItalia centro-Settentrionale dal V sec. a . C. alla romanizzazione, Atti del Colloquio Bologna
1985, Imola, 1987, p.381-392.
29.J. Ortalli, Ur-Ariminum, in F. Lenzi (d.), Rimini e lAdriatico nellet delle guerre
puniche. Atti del Convegno Internazionale di Studi Rimini, 25-27 marzo 2004, Imola, 2006,
p.285-311 (p.294-295).
RN 2010, p.311-335

316

Giovanni Gorini

A questo punto ritengo che la prima serie della monetazione di Ariminum


non pu che essere datata durante la prima guerra punica (264-241 a.C.) ed
essere nata per un impulso romano, ma con una propria autonomia ponderale,
per rispondere alle esigenze dellarea monetale adriatica e pi in generale dellager Gallicus, con cui la popolazione preesistente la formazione della colonia
si trovava ad aver relazioni economiche e di scambio. A queste conclusioni
spinge anche, come vedremo, la tipologia dei due spezzati da cinque e quattro
once, che riflettono motivi militari (scudo e spada con fodero) sulle loro facce.
Il fatto che la serie fusa sia anonima, similmente ad altre serie etrusche e italiche30,
documenta come anche ad Ariminum si senta il riflesso della monetazione di
Roma che nelle sue prime fasi fuse in parte anonima a conferma di una circolazione locale, allinterno di una comunit che non abbisogna dellindicazione
dellautorit emittente, in quanto ben nota a tutti gli utenti del nuovo mezzo di
scambio. Il rapporto con la monetazione romana si manifesta maggiormente nel
241 a.C. quando anche ad Ariminum31, dopo la fine della Prima Guerra Punica,
si ha una riduzione del piede monetale delle monete fuse. Infatti da questo
momento il peso standard dellesemplare da cinque once si accosta a quello del
semisse romano (135 gr)32 con una riduzione che potremmo definire quadrunciale,
cio si porta il peso del quincunx al peso del quadrunx e conseguentemente si
riducono le frazioni, ivi compresa la semiuncia fusa (figura1), facendo di fatto
riferimento ad un asse teorico adriatico di gr 280 circa, simile al peso dellasse
romano ridotto e si introduce una semiuncia coniata (figura2).

Figura 1 - Ariminum, semiuncia fusa gr 20,1, diam. 26 mm. Asta Artemide, 2005, n.36
=R. Bertozzi, La monetazione di Ariminum, opuscolo stampato in proprio, Rimini, 2005, tav.II.

30.G. Gorini, La monetazione, op.cit., n. 15, p.363-372.


31.Naturalmente il riferimento va alla riduzione monetale attuata da Roma M. Crawford,
RRC, p.44, forse da porre in relazione a quella di Ierone II a Siracusa (M. Caccamo Caltabiano,
Le riforme monetali siracusane e leconomia di guerra, in M.Caccamo Caltabiano, B.Carroccio,
E. Oteri (d.), Siracusa ellenistica. Le monete regalo di Ierone II, della sua famiglia e dei
Siracusani, Soveria Mannelli, 1997, p.128-132) e sono noti gli interessi di Ierone II in Adriatico
(G. Gorini, Aspetti della presenza della moneta greca in Adriatico, in L.Braccesi, S.Graciotti
(d.), La Dalmazia e laltra sponda. Problemi di archaiologa adriatica, Firenze, 1999, p.172;
G. Millino, Ierone II, Roma e lAdriatico, Hespera, 17, 2003, p.105-127).
32.M. Crawford, RRC, p.43
RN 2010, p.311-335

La monetazione di Ariminum

317

Figura 2 - Ariminum, semiuncia coniata.


Auktionshaus H. D. Rauch GmbH, Auction 85, 26 November 2009, n.51.

La supposta riduzione ponderale si rende necessaria proprio per spiegare, in


maniera razionale, la caduta di peso notevole per esemplari che presentano la
stessa tipologia e lo stesso valore nominale e che molto difficilmente avrebbero
potuto circolare insieme, per cui ritengo che da questo momento la monetazione
di Ariminum segua le vicende della moneta di Roma, compreso il passaggio alla
coniazione per il nominale minore della serie: la semiuncia.
Infatti si pu ipotizzare che anche ad Ariminum, come avvenne a Roma, vi
sia stata una riduzione per cui il peso della quincuncia, circa gr 190/189,5 fu
fatto uguale a quello della quartuncia, cio gr 151,50. A questo punto partendo
da questa nuova base, si ottiene unoncia ridotta di gr. 30,3, base dei nuovi
pesi delle monete e cio c. gr 90,9 per la teruncia, gr 60,6 per la biuncia e gr
15,15 per la semiuncia fusa33 e poco dopo anche coniata. Queste monete inoltre
circolarono per un certo periodo di tempo contemporaneamente come del resto
avveniva a Roma, si veda, ad esempio, lemissione Crawford n.27 che comprende esemplari fusi ed esemplari coniati.
Fu in questo momento, cio il 241 a.C., alla fine della Prima Guerra Punica,
che venne anche introdotta la nuova semiuncia, con una nuova tipologia, anche
se legata a quella degli esemplari fusi. Inoltre questa nuova moneta venne
coniata e non pi fusa, a somiglianza della riforma a Roma. Successivamente
anche la semiuncia coniata subisce una svalutazione e con la riforma dellasse
romano sul piede semilibrale del 21734 a.C. si adegua alle altre seminunce presenti
nellarea adriatica, prima tra tutte quella di Roma di cui si possono richiamare
le seguenti. Mercurio/Prora (C. 38/7) e Busto femminile /Cavaliere (C. 39/5).
La prima ha un peso che oscilla tra un massimo di gr 9,32 ed un minimo di

33.Si noti in particolare anche le affinit tipologiche tra il R/ della semiuncia ariminese, la
conchiglia e quella simile del Dritto del sestante (M.Crawford, RRC, 25/8) del medesimo periodo.
34.M.Crawford, Ancient devaluations: a general theory, in Les devaluations Rome.
poque rpublicaine et impriale, Rome 13-15 novembre 1975, Roma, 1978, p.147-155. Inoltre
sulle difficolt economiche di Roma nella Seconda Guerra Punica, che portarono alle successive
svalutazioni della moneta bronzea vedi M.Crawford, Coinage and Money under the Roman
Republic, Italy and the Mediterranean Economy, London, 1985, p.60-62.
RN 2010, p.311-335

318

Giovanni Gorini

gr4,3135, la seconda tra gli 8,20 e i 4,3436 ed entrambe si collocano tra il 217 e
il 215 a.C. quindi un po dopo quelle di Ariminum,ma pur sempre, a mio avviso,
in un medesimo orizzonte cronologico, nel quale si possono collocare anche le
semiuncie di Ancona37, recentemente alzate nella loro cronologia al 225 a.C.
sulla scorta di un possibile rapporto con il bronzo riformato di IeroneII38.
In questi anni, infatti, era avvenuta una ulteriore riduzione dellasse romano
repubblicano39 che il Crawford incline a collocare dopo la battaglia del
Trasimeno nel 217 a.C., dopo un anno di sconfitte40.
La scelta dellanno 217 a.C. per questa nuova riforma ad Ariminum per la
semiuncia coniata non senza significato, se il console di quellanno assunse la
sua carica proprio a Rimini e non a Roma41 e Livio ricorda il comportamento
tracotante di Flaminio causa di sciagure per la citt e per Roma, tali da comportare
un ricorso al Santuario di Diana, secondo unacuta interpretazione di Braccesi42.
Una conferma di tutto questo quadro cronologico, si ha considerando con
particolare attenzione gli scarsi ritrovamenti in cui la moneta di Ariminum
appare associata con numerario romano o in cui esemplari fusi e coniati sono stati
rinvenuti nello stesso strato archeologico. Iniziamo dal ritrovamento dellarea
di palazzo Pugliesi43, dove si rinvenuto un quadrante della serie fusa di Roma
D/Mano R/Mano sinistra databile al periodo 269-266 a.C.44 e del peso di
gr72,2045 associato con un biunx riminese del peso di gr 77,50, che conferma

35.Pesi rilevati dai 346 esemplari schedati dallHaeberlin, in Aes grave, p.112-115.
36.Pesi rilevati dai 79 esemplari schedati dallHaeberlin, in Aes grave, p.140-141.
37.M.Asolati, Per la storia di Ancona greca: elementi di datazione della monetazione,
Hespera 9, 1998, p.141-152 (p.147).
38.R.Rossi, La monetazione di Ankon: indizi per una nuova cronologia (in c. di s.). Ringrazio
lautore per avermi mostrato questo studio in anteprima.
39.Liv. XXI, 16, 3-6; cf. M. Crawford, War and finance, JRS, 1964, p.29-32.
40.M.Crawford, RRC, p.43, n. 4.
41.Liv, XXI, 63, 14.
42.L.Braccesi, Ariminum un profilo storico, in Rimini Museo Archeologico. Rimini imperiale II
e III secolo, Rimini, 2003, p.36-37.
43.G.Riccioni, Materiali rinvenuti nellarea del palazzo Pugliesi, in Arte e civilt romana
nellItalia Settentrionale dalla repubblica alla tetrarchia. Catalogo II, Bologna, 1965, p.122123. Il ritrovamento avvenne insieme a ceramiche ellenistiche della seconda met del III sec. a.C.
in uno strato argilloso(p.122), che richiama un analogo strato rinvenuto nello scavo del palazzo
Battaglini, insieme a monete arcaiche (p.111) e ceramiche riferibili al III-II sec. a.C., il tutto
coerentemente con la nostra cronologia. Nulla aggiungono E.Ercolani Cocchi, Il materiale
numismatico dellet antica, op.cit., n.2, p.211-223 (p.213), idee ribadite in La moneta fusa
nelleconomia dellItalia antica, in F.M. Vanni, S. Bussi (d.), La moneta fusa nel mondo antico.
Quale alternativa alla coniazione?, Arezzo, 19-20 settembre 2003, Milano, 2004, p.119-159
(p.145-152); M.Biordi, I materiali numismatici di et romano-repubblicana conservati nel
museo della citt di Rimini, in Pro poplo arimenese, Faenza, 1995, p.417-436 (p.428).
44.M.Crawford, RRC, n.21/4.
45.Questo peso del quadrante presuppone un asse di gr 265 (RRC, p.138) e con una datazione
che si accorda pienamente con la nostra ricostruzione delle vicende della zecca di Ariminum.
RN 2010, p.311-335

La monetazione di Ariminum

319

lo stretto rapporto tra le due monete come proposto pi sopra. Tale contiguit di
relazione con il numerario romano anche confermata dai ritrovamenti di
monete romane della serie dellaes grave e delle successive riduzioni avvenuti
a Rimini e nel suo territorio46.
Altro punto fermo nella cronologia delle emissioni di Ariminum stata considerata la scoperta di un deposito votivo accanto alle mura della citt per il quale si
proposta una cronologia insostenibile allo stato attuale delle nostre conoscenze
e cio una proposta delle emissioni fuse anteriormente alla deduzione della
colonia latina ed il passaggio a quelle coniate al 268 a.C. con la fondazione
della citt, per cui le mura sarebbero databili a questi anni47. Purtroppo lanalisi
archeologica corretta ed accurata di cui va atto allautore, poggia su alcuni
presupposti non dimostrati, come ha gi acutamente osservato il Vitali48. Infatti
la solida datazione stratigrafica [] a conferma del fatto che la cinta difensiva
di Rimini stata eretta in un momento assai precoce, contestualmente o immediatamente dopo la fondazione della colonia49 non trova alcun fondamento
obiettivo in dati di scavo o tecnico costruttivi o archeologici, se non sulla presenza
di materiale numismatico, la cui cronologia per stata accettata acriticamente.
Infatti le monete coniate riminesi non possono risalire, a mio avviso, ad oltre il
241 a.C. in quanto non esiste alcuna moneta coniata del medesimo peso, n a
Roma, n nelle altre zecche etrusche e italiche dell Italia Centro-meridionale

46.E. Ercolani Cocchi, Il territorio di Ariminum, op.cit., n. 2, p.29-42, Catalogo, p.130-133.


A questi esemplari si possono aggiungere dal recupero Soprani (15/7/1963): 2 sestanti e 2 oncie
sestantali romane repubblicane; da San Giuliano Mare, deviazione del fiume Marecchia,
(1/21933): 1 sestante e 1 semiuncia della serie semilibrale e 1 oncia sestantaria; 1 asse sestantario
dalla deviazione Marecchia (d/173); ed 1 dalla casa ex Battaglini, Rec. Nisi 1961 e 1 oncia (N/44);
1 asse sestantario dal Palazzo Diotallevi, vano M(N/12). Ringrazio sentitamente il dr. M.Biordi
per la generosa segnalazione di questi dati inediti.
47.J. Ortalli, Le mura coloniali di Ariminum e il deposito monetale di fondazione con
semiuncia a Testa di Gallo, tudes celtiques, XXVII, 1990, p.103-118 e Id., Nuove fonti
archeologiche per Ariminum: monumenti, opere pubbliche e assetto urbanistico tra la fondazione
coloniale e il principato augusteo, in A.Calbi, G.C.Susini (d.), Pro poplo arimenese, Faenza,
1995, p.475-480; Id., Rimini: la citt, op.cit. Il deposito votivo con la presenza della deposizione
di un cane trova ora confronto in unaltra deposizione a carattere sacrale di due cani, di cui
uno senza testa, avvenuta a Padova in uno scavo cittadino (I colori della terra. Storia stratificata
nellarea urbana del Collegio Ravenna a Padova, in F. Cozza, A. Ruta Serafini (d.), Arch.Veneta,
27-28, 2004-2005 [2007], p.93-96 a cura di C. Rossignoli).
48.D. Vitali, I Celti da Rimini al Po osservazioni e spunti per una discussione, in Storia di
Bellaria-Bordonchio-Igea Marina. Ricerche e studi sul territorio dalle origini al XIII secolo,
Rimini, 1993, p.65-83 (p.78-83). Tra laltro J. Bonetto, Mura e citt nella Transpadana romana,
Portogruaro, 1998, circa linquadramento cronologico delle cinte murarie, nota come le notizie
dei rinvenimenti non sono corredate da precisazioni stratigrafiche e una percentuale significativa
dei circuiti quindi forzatamente datata sulla sola base di considerazioni storiche generali di non
assoluta affidabilit (p.22) e questo sembra valere anche nel caso di Rimini, in cui si preso il
dato numismatico acriticamente, trasponendolo in ambito storico con conclusioni non condivisibili.
49.J. Ortalli, Nuove fonti archeologiche, op.cit., p.478.
RN 2010, p.311-335

320

Giovanni Gorini

precedente questa data50. Invece secondo una congettura, molto plausibile, la


data di costruzione delle mura andrebbe ricondotta agli anni 240-220 a.C.51 ed
in questo caso si renderebbe giustizia della cronologia corretta per le due serie
monetali riminesi, potendosi datare il donario con la consacrazione delle mura,
verosimilmente al termine delloperazione, negli anni intorno al 236 a.C.52.
Infatti bisogna ricordare che nella storia di Ariminum, come gi avvertiva il
Mansuelli53, la prima dura prova fu sostenuta nel 236a.C.54 quando i Boi e
Galli Gesati55 mossero su Ariminum, per cui, da supporre che, dopo aver superato
questa prova certamente drammatica, i coloni molto probabilmente decisero di
consacrare le mura della citt negli anni 236/235 a.C. circa56. Una occasione per
una rapida conclusione dei lavori pu essere stata anche lo scontro con i Galli:
Telamone 225 a.C. e conquista di Mediolanum nel 222 a.C. La consacrazione
delle mura precederebbe di qualche anno la conclusione della Via Flaminia
(220 a.C. circa), per cui molto probabile che il rito di fondazione si sia
svolto proprio in questi anni. Infatti data la contiguit di numerario fuso e di
quello coniato, lavvenimento va posto alla fine del 237 a.C. o allinizio del 236
a.C. Infatti al 241 a.C. abbiamo datata la riforma monetale quadrunciale che
introduce la moneta coniata anche ad Ariminum sul modello di quello che era
accaduto a Roma57.

50.Cf. N.K.Rutter, Historia Numorum, London, 2001, alle schede relative delle zecche
italiche, le date iniziali e/o terminali vanno, a mio avviso abbassate di alcuni anni o almeno di
20 anni, secondo lo schema seguente:
300-250 a.C.
(cronologie proposte 225-205 a.C).
Ancona
Rimini
268-225 a.C.
(cronologie proposte 264-210/205 a.C).
264-225 a.C.
(cronologie proposte 264-225 a.C).
Firmum
Hatria
275-225 a.C.
(cronologie proposte 275-225 a.C).
Vestini
275-225 a.C.
(cronologie proposte 275-225 a.C).
280-240 a.C.
(cronologie proposte 260-220 a.C).
Iguvium
Tuder
280-240 a.C.
(cronologie proposte 270-220 a.C).
51.D.Vitali, I Celti e i Romani, in Storia di Bellaria, Bordonchio Igea Marina, Rimini,
1993, p.78 ss.
52.Laggravarsi delle vicende della Seconda Guerra Punica possono aver indotto a questa
cerimonia di consacrazione. Cf. F.Ceci, Linterpretazione di monete e chiodi in contesti funerari:
esempi dal suburbio romano, in Culto dei morti e costumi funerari romani, Atti del convegno,
Roma 1-3 aprile 1998, Roma, 2001, p.243 256.
53.G.A.Mansuelli, Ariminum (Rimini), Regio 8. Aemilia, Roma Istituto di Studi Romani
1941, p.26.
54.Polyb. II, 21
55.Cf. Polyb. II, 21, 4-6; Zon.II, VIII, 18; V.Cicala, Il culto di Diana, in Rimini divina,
Rimini, 2000, p.44.
56.Il Vitali parla di costruzione delle mura (op.cit., p.81), tuttavia sembra molto strano che
la colonia romana sia rimasta per oltre ventanni senza mura, pi verosimile pensare ad una
consacrazione, posteriore alla erezione delle mura stesse.
57.M.Crawford, RRC, p.40-44 e p.627, n.1. Cf. anche H.B.Mattingly, Coinage and the
Roman State, NC, 137, 1977, p.203.
RN 2010, p.311-335

La monetazione di Ariminum

321

Conferma di questi avvenimenti si verifica proprio nel deposito di fondazione delle mura58 di Ariminum, in cui la semiuncia fusa pesava gr 17,1 e le
due semiunce coniate rispettivamente gr 6,2 e 5,659, il che induce a ritenere
questo deposito deposto negli anni 236 a.C. circa in quanto il peso delle semiuncia
coniata riminese corrisponde a quello della analoga moneta romana della riduzione
semilibrale. Infatti il deposito, presentando contemporaneamente monete fuse e
coniate, testimonia come le due monete per un certo periodo abbiano circolato
contemporaneamente dopo la riduzione quadrunciale e questo pu ben essere
stato il momento terminale della costruzione della mura che si armonizza molto
bene se poniamo al 241 a.C. circa linizio delle monete coniate e quindi possiamo
collocare il deposito di fondazione o meglio di consacrazione delle mura,
forse al termine della costruzione nel 236 a.C. nellimminenza dello scontro
con le truppe dei Celti.
Infine un interessante testimonianza potrebbe provenire da alcuni esemplari
di bronzetti coniati di Ariminum riconiati su tipi di difficile identificazione. Mi
riferisco in particolare agli esemplari del Museo Archeologico di Rimini
nn.D/142 e D/148 per cui si potrebbe pensare ad una riconiazione su un triente
di Roma (gr 4,96), sul modello ad esempio delle monete di Venusia dove
abbiamo un terminus post quem del 210 a.C., almeno per la fine di questa
serie60. Altre sono forse su di su sestante romano (C. 97/20b) o su di un sestante
di Brindisi (esempio SNG. France, I, n.157 su SNG, France, n.1490/1491).
Si tratta di riconiazioni non chiare e poco sicure, per cui questo elemento ne
inficia la prova documentaria, ma certamente gli esemplari citati denotano la
presenza di un riconio e sar questa una strada da intraprendere in futuro, con
un pi accurato esame degli esemplari disponibili, per meglio definire i limiti
e la portata della monetazione coniata di Ariminum.
Concludendo, se teniamo presente il quadro cronologico del aes grave
romano, secondo la ricostruzione del Crawford61, passando dalle serie pesanti a
quelle alleggerite e le confrontiamo con quelle di Ariminum, possiamo proporre
lo schema seguente:
ROMA

264-242 a.C. Ruota (RRC, n.24, asse gr 272 c.)


241 a.C. Serie leggere Giano/Mercurio
241-235 a.C. Tipi vari /ROMA
225-217 a.C. Serie librale della prora
217 a.C. Semilibrali (RRC, n.38; asse gr 132 c.)

RIMINI

Gallo/scudo (193 gr /asse gr 380 c.)


asse 280 c.
Gallo/scudo (140 gr); Vulcano/guerriero coniato
Vulcano/guerriero coniate ridotte

58.Cf. S.Stevens, Charons obol and other coins in ancient funerary pratice, Phoenix, 45,
1991, p.215-229; per un recente ritrovamenti di un altro deposito di fondazione con 3 denari
tardo repubblicani ed augustei v. C. Perassi, Ricerche archeologiche nel cortile dellUniversit
Cattolica. La necropoli tardo antica. Atti delle giornate di studio Milano, 25-26 gennaio 1999,
Milano, 2001, p.102-103 con bibliografia specifica.
59.J. Ortalli, Le mura coloniali di Ariminum, op.cit., n.46, p.118.
60.A.Burnett, La monetazione di Venosa, op.cit., n.14, p.32
61.M.Crawford, RRC, 1974, p.44
RN 2010, p.311-335

322

Giovanni Gorini

Lultima riduzione a Roma e ad Ariminum avviene nel periodo annibalico,


con cui l a poco termina anche lattivit della zecca essendo venuta a mancare
lesigenza di effettuare pagamenti una volta terminata la guerra ed entrata la
colonia nel sistema monetale romano repubblicano62. Questultima riduzione,
in concomitanza con quella semilibrale romana, potremmo definirla terunciale
in quanto il peso dellasse teorico di riferimento si avvicina ai valori di 114 gr,
ma le monete ben presto si adeguano al peso delle semiuncie romane e di tutta
larea adriatica con cui si trovano a dover dialogare. Termina cos la lunga storia
delle svalutazioni della moneta di Ariminum, in stretta connessione con quelle
documentate per la moneta romana. Questo quadro di riferimento lo schema
allinterno del quale riteniamo che debbano inserirsi le serie fuse e coniate riminesi.
Va tuttavia osservato che il criterio del peso non un criterio cronologico
assoluto e probante, infatti sappiamo come sarebbe erroneo utilizzare solo questo
elemento per giungere ad una classificazione cronologica delle emissioni del III
e del II sec. a.C.63. Nel nostro specifico caso gli standard ponderali individuati
per le diverse emissioni, ad esempio, non sempre si accordano con quelli in
vigore a Roma, almeno per le prime emissioni, le pi pesanti, mentre si pu
agevolmente ritenere che le altre della riduzione quadrunciale si accordino
con la riduzione ponderale di Roma conseguente della Prima Guerra Punica.
Comunque, se ribadiamo, difficile ritenere che questa zecca abbia iniziato ad
emettere moneta prima di Roma, si deve convenire che lemissione sia avvenuta
o in contemporanea o, come preferisco, leggermente dopo la deduzione della
colonia c. il 264 a.C., per cui questo criterio pondometrico pu fornire solo una
indicazione generica e di riferimento64. Infatti nel terzo secolo a.C. molte citt
etrusche ed italiche emettevano moneta in bronzo fuso come Roma e a loro
volta queste serie hanno seguito a grandi linee levoluzione delle serie romane
repubblicane, passando da una fase librale ad una fase semilibrale65. Appare
quindi probabile che la caduta dei pesi anche in queste serie abbia seguito quella
della madrepatria. Va considerato anche che lesperienza monetale del bronzo
fuso etrusco e romano nascono separatamente66 su di una base duodecimale,
mentre quella di Ariminum e di altre aree dellItalia centrale ed adriatica si
rivolgono al sistema decimale67.Cos se in base ai valori ponderali abbiamo
distinto due fasce cronologiche, la prima cui appartiene la serie delle monete
fuse ed una seconda cui appartengono le monete coniate pi leggere, tale distinzione
62.A.Burnett, La documentazione numismatica, op.cit., n.26, p.170-172.
63.A.Burnett, La monetazione di Venosa, op.cit., n.16, p.34.
64.Vedi per i problemi di serie affini T. Hackens, La mtrologie des monnaies trusques des
plus anciennes, in Contributi introduttivi allo studio della monetazione etrusca. Atti del V convegno
del Centro Internazionale di Studi Numismatici, Napoli, 1975, Roma, 1977, p.221-272 (p.221-225).
65.P.Marchetti, Les rductions mtrologiques des monnaies romaines en bronze qui prsentent
une proue au revers, in Numismatique antique. Problmes et mthodes, Nancy - Louvain, 1975, p.75-88.
66.M.Crawford, CMRR, p.43, ma anche p.14-15.
67.N.F.Parise, Libbre, op.cit., n.23, p.586-593.
RN 2010, p.311-335

La monetazione di Ariminum

323

appare chiara anche osservando il quadro generale della diffusione degli


esemplari in oggetto. Infatti il primo gruppo sembra aver avuto una circolazione
prevalentemente nella citt e nei suoi dintorni, salvo il rinvenimento allAlcudia
de Carlet (Valencia) in Spagna dove nel 1989 stato ritrovato un Quincunx68
evidente souvenir di qualche combattente alla seconda guerra punica; il
secondo gruppo invece si diffonde soprattutto a Rimini, come confermano
numerosi rinvenimenti cittadini avvenuto in passato69 ed anche un ripostiglio di
una ventina (di monete) sparse, tutte di bella forma talune fior di conio rinvenuto
nel 1869 facendosi la chiavica in Via San Nicola alle falde del Monte Cavallo
a circa 2 metri di profondit70. Inoltre si hanno ritrovamenti anche in localit
vicine come da ultimo lesemplare rinvenuto a Cattolica, significativamente
nelle sostruzioni della via coloniale che precedette la Via Flaminia del 220 a.C.71,
quindi in perfetto assetto con la datazione da noi proposta. Inoltre la dispersione
del numerario coniato avvenne in unarea pi ampia dellItalia centro-settentrionale ritrovandosi, tra laltro a Suasa a valle di Castelleone e di San Lorenzo
(Ancona)72 e in diversi santuari italici da Este nel Veneto, a Sarsina e San Cesario
in Emilia, a Tortoreto in Abruzzo73, segno di una centralit della zecca e di contatti
estesi lungo circuiti legati al movimento di persone e di soldati nellItalia antica.
Rimangono da ipotizzare le possibili cause che possono aver portato alla
fusione di queste serie. Certamente va esclusa quella commerciale74, n si pu
parlare di economia monetale75, tutte chiavi di interpretazioni che non reggono
innanzitutto perch emissione anepigrafa e quindi non chiaramente identificabile
e riconoscibile al di fuori del confine della citt, poi per lalto valore intrinseco
almeno nella prima serie ed infine sulla base del contesto generale della civilt
riminese del IIIo sec. a.C.,che sembra riflettere pi una comunit di carattere
militare che dedita agli scambi monetali. Mancano a tuttoggi notizie di ritrovamenti di tesoretti di numerario in argento e gli stessi esemplari erratici in argento
sono estremamente rari. Ritengo pertanto che sia pi opportuno orientarsi verso
le normali cause che determinano lemissione della moneta nellantichit, per
68.P.P.Ripolls, Un quincunx trobat a lAlcudia de Carnet (Valencia), Saguntum, 24, 1991,
p.163-165. M.Biordi, Quincunx, op.cit., n. 2, p.20.
69.Ora ricordati diligentemente da C.Ravara Montebelli, Archeologia e storia di un territorio
di confine, Roma, 2008, p.57-68.
70.M.Biordi, Quincunx, op.cit., p.22 ove cita L.Tonini, Sullantichit dellaes librale
riminese. Osservazioni letterate alla R. Deputazione di Storia Patria in Bologna, Rimini, 1872,
p.5 e segg.
71.C.Ravara Montebelli, Archeologia e storia, op.cit., p.61.
72.G.Geronzi, Trovamenti presso il Cesano, Rassegna Numismatica, XXVII, 1930, p.363 -365.
73.Forse fino a Muro Leccese: A.Travaglini, Inventario dei rinvenimenti monetali del
Salento. Problemi di circolazione, Roma, 1982, p.178
74.Sostenuta senza prove ad esempio per una serie etrusca dalla F.M. Vanni, La serie etrusca
della Ruota, Rassegna di studi del Civico Museo Archeologico e del Civico Gabinetto Numismatico
di Milano, fasc. LXVII-LXVIII, 2001, p.7-71 (p. 23).
75.E. Ercolani Cocchi, Il materiale numismatico, op.cit., n. 2, p.215.
RN 2010, p.311-335

324

Giovanni Gorini

cui ritengo che inizialmente queste monete siano state fuse principalmente per
ragioni militari, divisione del bottino o pagamenti della comunit (noli marittimi,
danni di guerra, trasporti e/o sovvenzioni militari etc.) e solo con le riduzioni
ponderali successive e soprattutto con lemissione di quelle coniate, siano state
utilizzate come strumento liberatorio. Il passo successivo sar stato quello di
essere disperse, fuori dellabitato riminese, come offerte per i santuari76 o deposte
in tombe, come simbolo di stato sociale77. Va rilevato che se le emissioni fuse
erano anepigrafi, segno di una circolazione circoscritta e limitata a persone che ne
conoscevano la provenienza, lindicazione dei valori e la presenza di frazioni
nasce dallesigenza di comporre delle somme precise, piuttosto che pensare ad
un uso che potesse favorire le piccole transazioni commerciali o di mercato.
Inoltre questi esemplari fusi sono particolarmente pesanti e la loro stessa circolazione, come si visto, piuttosto limitata e circoscritta nello spazio78. Altro
dato interessante finora la scarsa testimonianza di ritrovamenti isolati nella
campagna, come loncia fusa da Bordonchio79. Questi ritrovamenti, a mio avviso,
si giustificano solo come depositi casuali o votivi o sepolcrali, quasi i resti di
pagamenti effettuati per forniture e servizi alle truppe presenti in zona. Questo
sistema di tributi fa riferimento forse ai foedera stabiliti come quelli stretti con
le diverse comunit etrusche80 o alle indutiae, che imponevano obblighi ben
precisi verso Roma da parte dei contraenti, come sembra confermare successivamente il riconoscimento di Roma81. Le fonti sembrano chiare al proposito se nel
209 a.C. dodici colonie furono costrette a pagare un grosso contributo in uomini
ed in denaro alle casse romane82. Accanto a questi pagamenti una possibile
causa dellemissione di queste monete fuse pu essere stata il pagamento delle
spese per la costruzione della Via Amerina83 che secondo la recente ipotesi di
Coarelli84 avrebbe avuto un prolungamento fino a Rimini e solo in un secondo
76.Si vedano gli esemplari delle stipi di Tortoreto, Este, San Cesario etc.
77.Si vedano la tomba di Covignano, area del nuovo seminario, scavo del 1969 Soprintendenza
Archeologica dellEmilia Romagna in E.Ercolani Cocchi, Il materiale numismatico, op.cit.,
p.216, 220 ed ora Ead., Il territorio di Ariminum, op.cit., n. 2, p.40.
78.Cf. E. Ercolani Cocchi, Il materiale numismatico, op.cit., p.215, 220
79.D. Vitali, I Celti da Rimini al Po. Osservazioni e spunti per una discussione, in Storia di
Bellaria-Bordonchio-Igea Marina. Ricerche e studi sul territorio dalle origini al X III secolo,
Rimini, 1993, p.77, del peso di 35 gr circa.
80.W.V.Harris, Rome in Etruria and Umbria, Oxford, 1971, p.97.
81.Liv., XXVII, 10-11: Signini fuere et Norbani Saticulanique et Fregellani et Lucherini et
Venusiani et Brundisini et Hadriani et Firmani et Ariminenses [] harum coloniarum subsidio
tum imperium populi Romani stetit.
82.Liv., XXVII, 9, 13-14; XXIX, 15
83.Ameria s.v. a cura di Hlsen, PW, I, 1894, col. 1826
84.F.Coarelli, Colonizzazione romana e viabilit, in La colonizzazione romana tra la
guerra latina e la guerra annibalica, Atti del convegno Acquasparta 29-31 maggio 1987, in
DArch, VI, 2, 1988, p.35-48; Id., Colonizzazione e municipalizzazione: tempi e modi, in DArch.
Ser. III, 10, 1992, 1-2, p.21-30; Id., Perugia e la Via Amerina, in La storia e larcheologia di
Perugia nellantichit, Atti del Convegno di Perugia del 6-7 Febbraio 2004, in c.d.s.
RN 2010, p.311-335

La monetazione di Ariminum

325

momento questo ultimo tratto sarebbe confluito nella nuova via che, voluta dal
tribuno della plebe del 232, durante la sua censura (220-219 a.C.) verr chiamata Flaminia85. Se cos fosse si avrebbe la conferma della data da noi proposta
per linizio della monetazione di Ariminum, poco dopo la fondazione della
colonia, in coincidenza della costruzione del collegamento con Roma86.
Venendo ora alla iconografia della serie sar il caso di soffermarsi a riflettere
sulla tipologia delle monete dove al dritto compare, a mio parere, limmagine
di una divinit maschile legata al mondo della guerra di ascendenza locale,
sulla scia di quanto documentato nella stipe di Villa Ruffi a Covignano, sito in
cui convergono influssi dallEtruria settentrionale interna che si inseriscono in
una compagine centro-italica87. La devozione in questo caso si rivolge a numi
della guerra e tale potrebbe essere la divinit gallo-romana del dritto delle monete,
sia fuse che coniate. Se questa identificazione possibile ci troveremmo di
fronte ad una rappresentazione di una divinit indigena legata alla guerra che
poi si evolver in Vulcano, lartefice delle armi nella sua officina, che compare
nella serie coniata.
Quanto ai possibili confronti con divinit celtiche possiamo fare riferimento
alla statuetta fittile da San Lorenzo in Strada (Riccione 1866) raffigurante un
genio o Demone alato con torques88 e armillae ai polsi del III / II sec. a.C.89
(figura 3), alla statua di pietra di una divinit da Euffigneix (Haute Marne) I
sec. a.C., che presenta il torques e forse i baffi90 (figura 4); alla stele di pietra
raffigurante il dio Cernunno, seduto tra Apollo e Mercurio, da Reims (Marne)
del I secolo d.C.91, alla statua di divinit guerriera in lamina di bronzo lavorata
a sbalzo con occhi incrostati di pasta vitrea di Saint-Maur-en-Chausse (Oise)
del I sec. d.C.92 Accanto a questi confronti si pu anche fare riferimento alle due
85.Gi il M.Crawford, La moneta a Roma e in Grecia, Bari, 1982, p.99 e CMRR, 1985,
p.29 aveva prospettata lintroduzione a Roma delle didramme argentee del tipo ROMANO
(RRC, n.13/1) per affrontare le spese militari e per finanziare la costruzione della Via Appia tra
Roma e Capua. Ad analoghe conclusioni arriva M. Casagrande per le monete di Gubbio (Per uno
studio delle monete di Gubbio, Annali Istituto Italiano di Numismatica, 53, 2007, p.81-114
(p.92)) per cui si potrebbe estendere lipotesi anche per quelle di Rimini, daltronde sappiamo
da Svetonio (Vita Augusti, 30) che Augusto impose di destinare parte del bottino di guerra alla
sistemazione della Via Flaminia.
86.Circa il rapporto colonia - costruzione della strada vedi lesempio eloquente della Via
Caecilia evidentemente iniziata in coincidenza della fondazione di Castrum novum: M.P.Guidobaldi, La romanizzazione dellager Praetutianus (secolo III-I a.C.), Perugia, 1996, p.184, 310.
87.A.Fontemaggi, O.Piolanti, I luoghi del sacro: testimonianze della devozione nel territorio
riminese dalla protostoria, in Rimini Divina, op.cit., p.15-31 (p.22, seconda colonna).
88.Sui torques vedi ultimamente: H.Hautenauve, Les torques dor du second ge du fer en
Europe. Techniques, typologies et symbolique, Rennes, 2005.
89.M. Biordi, Quincunx, op.cit., n. 2, p.35, ill. XIX.
90.I Celti, catalogo della mostra a Palazzo Grassi, Milano, 1991, p.505.
91.I Celti, op.cit., p.513 in questo caso il dio barbato e con torques ha le corna, ma il rapporto
con il cd. Gallo delle monete riminesi molto convincente.
92.I Celti, op.cit., p.330; M. Biordi, Quincunx, op.cit., p.29, ill. IX.
RN 2010, p.311-335

326

Giovanni Gorini

Figura 3 - Statuetta fittile da San Lorenzo in Strada (Riccione),


rinvenuta nel 1866, III-II sec.a.C., M. Biordi, Quincunx.
Temi iconografici nel marchio della Camera di Commercio
Industra Artigianato e Agricoltura della Provincia di
Rimini, Rimini s.d. (ma 1996) p.35, fig. XIX.

statuette bronzee da Cortona di Culsans e di Selvans entrambe con torques e


endromidi e riferibili alla prima met del III o del II secolo a.C.93. Altro possibile ipotesi potrebbe essere quella di una identificazione in una divinit indigena
locale, forse Arimnus, sorta di divinit fluviale, si pensi alle raffigurazioni del
fumi Nilo, Danubio e Tevere, rappresentati come una figura maschile. In ultima
analisi possiamo concludere che si tratta del volto di una divinit maschile,
molto probabilmente locale ed eponima (Arimnus?) di cui ignoriamo le caratteristiche, ma non certamente di una generica testa di Gallo.
Quanto alla figura della serie coniata e cio al tipo di Vulcano si tratta di un
tipo generalmente raro sulle monete di zecche italiche e siciliane, ma presente
in particolare a Mitistrato, Lipari, in Etruria a Populonia e Vetulonia, nel Sannio
ad Asernia, mentre a Roma compare in un insolita denominazione il dodrans
del 127 a.C.94 e del 126 a.C.95 e su di un denario serrato del 125 a.C.96. Rimane
tuttavia una divinit pi italica venerata prevalentemente alla periferia del
mondo della citt di Roma. Al rovescio la figura del soldato con lo scudo ovale,
93.S.Fortunelli, I santuari urbani e suburbani, in Il Museo della citt etrusca e romana di
Cortona. Catalogo delle collezioni, Firenze, 2005, p.255-256 e scheda a p.263-264.
94.RRC 263/2 M. METELLVS M.F.
95.RRC 266/2 C. CASSI
96.RRC 314/1 L.COT e su alcune monete di imitazione spagnola recentemente illustrate da
C. Stannard, Numismatic evidence for relations between Spain and Central Italy at the turn of the
second and first centuries BC, SNR, 84, 2005, p.47-79, p.55: Vulcan in central Italy, n.8, 10, 19, 22,
e p.60. Il tipo di copricapo tuttavia va distinto da quello del berretto frigio, per cui vedi: A.Savio, Il
berretto frigio sulla moneta greca: un viaggio da oriente ad occidente, RIN, 103, 2002, p.51-69.
RN 2010, p.311-335

La monetazione di Ariminum

327

Figura 4 - Statua in pietra di divinit celtica da Euffigneix


(Haute-Marne) I sec. a.C., Saint-Germain-en-Laye, Muse
des Antiquits Nationales, I Celti, catalogo della mostra,
Venezia, 1991, Milano, 1991, p.505.

rimanda ad un ambiente etrusco e medio-italico97. Da questi elementi possiamo


dedurre come siano stati radicati i culti locali, che i Romani avranno cercato di
assimilare ai propri ed infatti gli scavi relativamente recenti hanno posto in luce
resti di un insediamento preromano a Rimini: lo scavo del ex. Convento di San
Francesco98 che sembra confermare una presenza indigena precedente linsediamento coloniale.
Pertanto vista nel suo complesso questa monetazione mantiene una propria
autonomia ponderale ed anche tipologica, anzi questultima con la proposta del
volto di una divinit locale, conferma ancora di pi la volont di Abstand rispetto
a Roma, per circolare in un mercato etnicamente e culturalmente composito99.
Infine con la serie leggera e coniata si affianca a tutta la monetazione medioitalica della fine del III sec. a.C., ma dopo pochi anni anche queste cessarono,
cos come avvenne per le emissioni di tutte le altre comunit italiche entrate
ormai nel dominio di Roma.
Tuttavia essa appare come una componente di un certo interesse della vita
politica e culturale nonch economica, della colonia romana e risulta destinata
a ricoprire un ruolo non secondario nelle vicende monetali della seconda met
del III sec. a.C. nellItalia centrale.
97.J. Gunby, Oval shield representations on the Black sea littoral, Oxford Journal of Archaeology,
19 (4), 2000, p.359-365.
98.Vedine la relazione preliminare di M.G.Maioli, Resti di un insediamento preromano
a Rimini, op.cit. in Celti ed Etruschi, Atti del Convegno, p.381-392 e da ultimo J. Ortalli, UrAriminum, op.cit., n. 28.
99.D. Vitali, I Celti da Rimini al Po, op.cit., p.82.
RN 2010, p.311-335

328

Giovanni Gorini

CATALOGO100
La struttura delle emissioni si articola nei seguenti nominali, che sulla base dei
segni di valore presenti sulle rispettive facce si possono cos riassumere:
a) Serie dell aes grave fusa pesante (standard librale di gr 380 circa)
(264-241 a.C. circa)
I.1 Quincuncia101
D/ Testa maschile con baffi e torques di una divinit locale, forse Arimnus
R/ Scudo ovale e segno di valore ooooo
gr 200,40
Asta Artemide, 2005, n.30
gr 196,40
Berlino, H.
gr 193,30
Roma, 1554
gr 193,21
Biordi, n.1, p.256
gr 187,35
Berlino, H.
gr 185,00
Rimini
I.2 Quadruncia102
D/ Testa maschile come sopra
R/ Spada e fodero, segno di valore oooo
gr 185
Bologna da Covignano
gr 163,1
Asta Artemide, 2005, n.31
gr 158,46
Sternberg, XV, 1985, 176
gr 157,53
Berlino, H.
gr 156,60
Berlino, H.
gr 142,93
New York, ANS = Sambon, 1907a, 272
gr 139,00
Napoli, 334
I.3 Teruncia103
D/ Testa maschile come sopra
R/ Tridente e segno di valore ooo
gr 122,10
Rimini (Biordi, n.2)
gr 115,03
Berlino, H.
gr 115,00
Copenhagen, 55
100.I dati ponderali sono stati ripresi da A. Campana, Umbria: Ariminum, op.cit., n. 4 con
poche integrazioni.
101.HN, n.2.
102.HN, n.3.
103.HN, n.4 con variante nei globetti sul Rovescio ora a destar, ora a sinistra del tridente.
RN 2010, p.311-335

La monetazione di Ariminum

gr 113,25
gr 112,40
gr 112,00
gr 111,40
gr 109,84
gr 107,48
gr 107,20
gr 105,74
gr 104,20
gr 103,08
gr 101,60
gr 100,85
gr 100,00
gr 99,50
gr 96,00

329

Pesaro Museo Oliveriano


Sambon, 1907b, 28
Ratto, 1932, 107
Napoli, 335
Milano, 1
Londra, BMC, 1
Roma, 1555
Berlino, H.
Sambon, 1907b, 27
Bologna
Rimini, 2a
Berlino, 1
Paris, 116 = SNG, n.151
Roma, 1556
Ratto, XXI, 1939, 27

I.4 Biuncia104
D/ Testa maschile come sopra
R/ Delfino e segno di valore oo
gr 85,75
Sambon, 1907b
gr 82,70
Rimini 3
gr 81,20
Ex Coll. Gnecchi = Haeb., n.2
gr 80,50
Bologna
gr 77,75
Berlino, H.
gr 77,50
Rimini da palazzo Pugliesi
gr 77,20
Sotheby, 1925, 83
gr 75,95
Berlino, 2
gr 75,77
Berlino, H.
gr 74,95
Milano, 2
gr 74,30
Copenhagen
gr 73,94
Londra, BMC, 2
gr 73,48
Glasgow
gr 73,41
Aarhus, 28
gr 72,95
Rimini, 3b (Haeberlin, 8)
gr 72,90
Parigi, 117 = SNG, n.152
gr 72,63
Rimini, 3c (Haeberlin, 12)
gr 71,70
Berlino, 3
gr 71,70
Vaticano
gr 71,50
Roma, 1557
gr 71,41
Londra, BMC, 3
104.HN, n.5.
RN 2010, p.311-335

330

Giovanni Gorini

gr 71,11
gr 70,60
gr 69,80
gr 69,20
gr 68,85

New York, ANS = Cahn, 1911, 254


Torino, 428
Bologna
Roma
Pesaro

I.5. Uncia105
D/ Testa maschile come sopra
R/ Rostro a tridente e segno di valoreo
gr 39,40
Roma, 1560
gr 39,31
Berlino, ex Kassel
gr 38,35
Verona
Mnchen
gr 38,27
gr 38,12
Rimini, 4 (H. 4)
gr 37,17
Berlino, H.
gr 37,14
Londra, BMC, 4
gr 36,80
San Pietroburgo
Parigi, 118 = SNG, 153
gr 36,63
gr 36,53
Berlino, L.
gr 36,43
Milano
gr 35,70
Copenhagen
gr 35,67
Napoli, 336
gr 35,60
Roma, 1561
gr 35,49
Londra, BMC, 5
gr 35,19
Berlino, H.
gr 35,10
Firenze
gr 35,03
Berlino, H.
gr 35,00
Ratto ,1928, 195
gr 34,99
Rimini, 4a (H. 17)
gr 34,71
Milano, 5
gr 34,35
Vaticano
gr 34,34
Haeberlin 20 = ex Hamburger
gr 34,28
Haeberlin 21 = ex Rollin
gr 34,20
Asta Artemide, 2005, n.35 (rostro a s.)
gr 34,13
New York, ANS = Hamburger, 1925, 139
gr 34,08
Rimini (rostro a s.)
gr 33,22
Berlino, H.
gr 32,75
Torino, 429
gr 32,50
Ratto, 194
gr 32,22
Vaticano
gr 31,80
Roma, 1560
105.HN, n.6.
RN 2010, p.311-335

La monetazione di Ariminum

331

I.6 Semiuncia106
D/ Testa maschile come sopra
R/ Conchiglia
gr 27,29
Modena (H.1)
gr 24,00
Haeberlin, n.2 = ex coll. Kellner
gr 23,05
Berlino, H
gr 21,74
H. 4 = ex coll. Garrucci
gr 21,72
Milano, 6
gr 20,36
Parigi, 119 = SNG, 154
Asta Artemide, 2005, n.36
gr 20,02
Rimini, 5 (H. 6)
gr 18,94
Rimini, 5a (H. 7)
gr 18,92
Roma, 1563
gr 18,40
gr 18,20
Berlino, 6
gr 18,12
Rimin, 5b
gr 18,02
Londra, BMC, 6
Rimini, 5c
gr 18,00
II. Aes grave serie ridotta quadrunciale (standard gr 280 circa)
(241-217 a.C. circa)
II.1 Quincuncia
gr 153,67
gr 140,94

LAlcdia de Carnet (Valncia)107


Rimini, 1a

II.2 Quadruncia
gr 128,85
gr 116,54
gr 95,22

Torino
Berlino, H.
Berlino, H. (frammentato)

II.3 Teruncia
gr 95,88
gr 95,45
gr 85,9

New York, ANS


Glasgow
Asta Artemide, 2005, n.32

106.HN, n.7.
107.P.P.Ripolls, Un quincunx trobat a LAlcdia de Carnet (Valncia), Saguntum, 24,
1991, p.163-165.
RN 2010, p.311-335

332

Giovanni Gorini

II.4 Biuncia
gr 67,20
gr 67,00
gr 67,00
gr 66,90
gr 66,87
gr 66,80
gr 66,80
gr 66,42
gr 64,20
gr 61,54
gr 59,50
gr 59,00
gr 57,10
gr 55,52
gr 54,50
gr 52,58
II.5 Uncia
gr 30,85
gr 30,80
gr 30,56
gr 30,30
gr 30,20
gr 29,28
gr 27,13
gr 25,00
gr 24,95
gr 23,89

Glasgow, 3
Kunst Mnzen, 24, 1984, 6
Ratto, XXI, 1939, 28
Bologna
NFA Leu III, 1985, 206
Sambon, 1907a, 275
Sotheby, 1925, 84
Berlino, H.
Asta Artemide, 2005, n.33
Haeberlin, 27 = ex Hamburger
Firenze
Sambon, 1907a, 274
Roma, 1559
Rimini
Berlino, H.
Milano (frammentata)
Berlino
Roma, 1562
Haeberlin, 28
Bologna
Haeberlin, 20 = ex coll. Guiducci
Sambon, 1907a, 277
Napoli, 337
Torino, 430
M.u.M., 47, 1972, 122
Asta Artemide, 2005, n.34 (rostro a d.)

II. 6. Semiuncia fusa


gr 17,80
gr 17,63
gr 17,54
gr 17,50
gr 17,44
gr 17,15
gr 17,10
gr 16,74
gr 16,57
gr 16,35
gr 16,22
RN 2010, p.311-335

Torino, 431
Sambon, 1907b, 31
Berlino, H.
Rimini
Berlino, H.
Sambon, 1907a, 278
Rimini, deposito votivo lungo le mura
Napoli, 338 (H. 17)
Asta Artemide, XX, 12 Apr. 2008, n.37
Bologna
Venezia

La monetazione di Ariminum

gr 15,75
gr 15,60
gr 14,70
gr 13,49

333

Berlino
Asta Titano, 18/1984
Berlino, H. (H.20)
Haeberlin, 22 = ex Hamburger

A questa serie segue un unico nominale sempre in bronzo, ma coniato:


II.7 Semiuncia108
D/ Testa maschile con pileo a sinistra, forse Vulcano
R/ Guerriero andante a sinistra con scudo ovale, lancia e spada; allesergo ARIMN
gr 10,00
gr 8,66
gr 7,96
gr 7,76
gr 7,60
gr 7,36
gr 7,26
gr 7,25
gr 7,16
gr 7,15
gr 7,06
gr 7,02
gr 6,98
gr 6,95
gr 6,93
gr 6,92
gr 6,90
gr 6,90
gr 6,88
gr 6,87
gr 6,86
gr 6,86
gr 6,86
gr 6,86
gr 6,84
gr 6,83
gr 6,67
gr 6,65
gr 6,64

Bologna da Covignano
Napoli, S. 366
Parigi, FG 60 = SNG, n.155
Rimini, 6
Berlino, L.
Milano, 7
Rimini, 6a
Oxford
Berlino, 4
Oxford
Auktionshaus H. D. Rauch GmbH, 26 Nov. 2009, n.51
Rimini, 6b
Klagenfurt, 6
Rimini, 6 c
Weber, 199
Rimini, 6d
Londra, BMC, 8
Rimini, 6e
Klagenfurt, 7
Cambridge, M. 144
Basel, 24
Oslo
Rimini, 6f
Stockholm
New York, ANS, 104
Berlino, 6
Lindgren, 153
CNG, El. Auction 130 4 Gen.2006, n.130
Asta XVIII Artemide 9 Dic. 2007, n.7

108.HN, n.8.
RN 2010, p.311-335

334

Giovanni Gorini

gr 6,60
gr 6,60
gr 6,49
gr 6,48
gr 6,36
gr 6,28
gr 6,20
gr 6,17
gr 6,15
gr 6,14
gr 6,10
gr 6,93
gr 5,99
gr 5,98
gr 5,88
gr 5,88
gr 5,87
gr 5,85
gr 5,84
gr 5,79
gr 5,75
gr 5,72

Rimini, 6g
Sarsina
Numismatica Ars Classica, 5 Mar. 2009, n.481
Toronto
Londra, BMC, 7
Weber, 198
Berlino, 1
Milano
Napoli, 619
New York, ANS, 101
Copenhagen, 59
Sambon, 1907a, 280
Klagenfurt
Parigi, FG 61 = SNG, n.156
Berlino, 5
Asta Artemide, 18 Dic. 2005, n.37109
Rimini, 6h
Budapest
Rimini, 6i
Sternberg, XI, 1981, 12
Athens, E.9
Asta Artemide, 18 Dic. 2005, n.38

III. Serie ridotta terunciale (standard gr 114 circa ) (217-210 a.C. circa)
III.1 Semiuncia ridotta
D/ Stesso tipo del precedente
R/ Stesso tipo del precedente
gr 5,71
gr 5,67
gr 5,67
gr 5,63
gr 5,58
gr 5,44
gr 5,37
gr 5,37
gr 5,37
gr 5,35

Rimini, 6k
Toronto
Aarhus, 29
Mnchen, 47
Berlino, 5
Mnchen, 46
New York, ANS, 102
Sambon, 1907a, 279
Asta Artemide, XX, 12 Apr. 2008, n.38
Rimini, 6l

109.Probabile riconio su esemplare non identificabile, piuttosto che cresta da infrazione del
conio come indicato nel Catalogo dasta.
RN 2010, p.311-335

La monetazione di Ariminum

gr 5,22
gr 5,16
gr 4,95
gr 4,92
gr 4,80
gr 4,73
gr 4,70
gr 4,63
gr 4,62
gr 4,55
gr 4,44
gr 4,30
gr 4,18
gr 4,15
gr 4,03
gr 3,73
gr 3,63
gr 3,62
gr 3,56
gr 3,50

335

Rimini, 6m
Berlino, 2
Toronto
Asta, Aes rude, 4/1979, n.12
Asta Titano, 28, 1987
Glasgow, n.1
Glasgow, n.2
Rimini, 6n
Berlino, 3
Oslo
Napoli, 620
Napoli Santangelo, 367
Berlino, H.
Rimini, 6o
Dresden n.266
CNG, El. Auction 139, 10 Mag. 2006, n.4
New York, ANS, n.103
Sambon, 1907a, 281
Berlino, L.
Napoli, 621

RN 2010, p.311-335