You are on page 1of 6

PIANO DI LAVORO

IC ZAGAROLO
CLASSE…. SEZ ….
SCUOLA SECONDARIA I GRADO
DISCIPLINA : …………………….
INSEGNANTE : …………………..
Anno scolastico

2013/2014
1. SITUAZIONE DI PARTENZA

Composizione della classe: alunni ……… m ……. f ……
Livello
della
classe 􀀀
medio alto 􀀀
medio 􀀀

medio
basso 􀀀
basso

Tipologia della
classe 􀀀
vivace 􀀀
tranquilla 􀀀

(poco)
collaborativa 􀀀
passiva 􀀀
problematica

Osservazioni
(individuazione del contesto socio-culturale)
…………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………
FASCE DI LIVELLO

Individuate sulla base di

x Prove di ingresso 􀀀
Griglie
di
osservazione
opportunamente
predisposte
dai docenti
dalla scuola elementare
x Osservazioni sistematiche
x Informazioni fornite dalla scuola elementare

1 POTENZIAMENTO
Alunni

N ………%.........

2 CONSOLIDAMENTO
Alunni

N ………%........

3 RECUPERO
Alunni

N ………%.....

ALLIEVI BES
Cognome Nome

LINEE GUIDA CONDIVISE
1. SENSO DELL’ESPERIENZA
(Sviluppo armonico della persona)

Prendere consapevolezza delle proprie potenzialità e risorse.

Gestire responsabilmente l’ambiente frequentato

Riflettere sui comportamenti di gruppo e svolgere pratiche collaborative.

Riflettere sul sé, sulla realtà circostante e sul proprio corpo.

2. ALFABETIZZAZIONE CULTURALE DI BASE
(Sapere integrato)

Acquisire i linguaggi delle discipline come punti di vista e chiavi interpretative per simbolizzar
e rappresentare il mondo

Fornire contributi disciplinari per favorire l’esercizio della cittadinanza attiva.

3. CITTADINANZA
(Progettazione attiva)

Costruire il senso della legalità e l’etica della responsabilità

Rispettare i valori della costituzione italiana.

Favorire l’uso della lingua italiana in modo complementare agli idiomi nativi e alle lingue com

Utilizzare la lingua scritta come strumento di organizzazione concettuale e accesso alla cultur

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U.A.
TITOLI

NUCLEI TEMATICI

U.A.

Il corpo e le sue funzioni
senso percettive

La corsa resistente e veloce
La mobilità

Il movimento del corpo e la
sua relazione nello spazio e
nel tempo<

L’elasticità
Ginnastica vertebrale e
respirazione
Addominale
Coordinazione statica e
dinamica
Il salto in alto e lungo

Il linguaggio del corpo come
modalità comunicativo
espressiva
Il gioco,le regole,lo sport,il fair
play
Salute benessere prevenzione
e sicurezza

OBIETTIVI
APPRENDIMENTO
1.Potenziamento fisiologico:
resistenza, velocità, forza,
mobilità,elasticità.
2.Potenziamento della
Coordinazione statica e
dinamica.
3. Miglioramento dell’ e
quilibrio statico e dinamico.
4.Consolidamento abilità
apprese.

AT
A’

_Test
_Corsa resistente e vel
_Esercizi a corpo libero
piccoli e grandi attrezz
_Esercizi di potenziame
mobilità
_Partite
_partecipazione a gare
manifestazioni sportive

Il quadro

5Miglioramento della .

La cavallina
La spalliera
La palla

rapidità di esecuzione gesti
motori nuovi.

Il gioco

6.Potenziamento
dell’espressione motoria e
comunicazione.

Pallavolo
Pallacanestro
Il gesto
espressione e co

motorio

:

Municazione non verbale
Alimentazione
benessere

sport

7.Il gioco( prima). Il gioco
strutturato (seconda). Il gioco
strutturato, tecniche e regole
(terza).
8.Fair play.
9 conoscenza del. corpo e
delle sue funzioni anche in
relazione all’attività motoria.
10. Conoscenza dei principi
alimentari in relazione al
benessere dell’individuo.
11.Saper intervenire in
situazioni d’emergenza.
12. Rispettare sé stessi e gli
altri

TRAGUARDI NELLE COMPETENZE

L’alunno è consapevole delle proprie competenze motorie sia nei punti di forza che n
.

Utilizza le abilità motorie e sportive acquisite adattando il movimento in situazioni diverse.
Utilizza gli aspetti comunicativo relazionali del linguaggio motorio per entrare in relazione con

Attivamente i valori sportivi ( fair play ) come modalità di azione quotidiana e di rispetto delle r

Riconosce,ricerca e applica a se stesso comportamenti di promozione dello “ star bene “ in ord
E rispetta criteri di base di sicurezza per sé e per gli altri.
E’ capace di integrarsi al gruppo assumendosi delle responsabilità e di impegnarsi per il bene

4b Progetti
I MILLE DI MIGUEL Giochi Sportivi studenteschi. Primo intervento ( solo classi terze )

4c Attività di recupero /sostegno/potenziamento
xrecupero individuale
 lavori differenziati per fasce di livello
xattività extracurricolari
 corsi di recupero

5. METODOLOGIA
5a Metodologia

xLezione frontale
 Lezione dialogata
xLavoro individuale
 Lavoro in “coppie d’aiuto”
xLavori di gruppo 􀀀
eterogenei al loro interno 􀀀
per fasce di livello 􀀀
altro _l’azione educativa seguirà lo schema .:stimolo-rispostarinforzo________________________________________________

6. STRUMENTI



Libro di testo
Testi didattici di supporto
Stampa specialistica

Tracciati, tabelle, schemi e schede
xConversazioni, dibattiti, critiche, deduzioni,
intuizioni

Schede appositamente predisposte
Computer e siti internet ,CD, DVD
xUscite sul territorio
 Sussidi audiovisivi film e documentari
 Strumenti musicali
 Carte ,foto aeree e satellitari grafici
 osservazione di paesaggi

Impiego sistematico di testi
Elaborati su tema dato
Processi associativi di comparazione
xApprendimento per ripetizione
 Apprendimento di contenuti mediante scoperta


Ambiente tecnico (palestra ) e naturale piccoli
E grandi attrezzi –palle, palloni, bacchette,ect

7.VERIFICA E VALUTAZIONE
La valutazione avverrà sulla base delle osservazioni sistematiche dei processi d’apprendimento e
riguarderà i livelli di formazione e di competenze conseguiti.
Si procederà ad una valutazione formativa (osservazioni sistematiche, test oggettivi, schede
operative, relazioni scritte ed orali, produzione di testi argomentativi ed espositivi) ed una
valutazione sommativa che partendo dai livelli di partenza, evidenzierà il progresso personale
effettivamente raggiunto.
Le verifiche periodiche, oggettive e/o contestualizzate definiranno:
 risultati di apprendimento
 risultati di formazione
 risultati di contesto.
Nel caso in cui si dovessero registrare ritardi nell’apprendimento , si predisporranno attività di
recupero per far raggiungere agli alunni in difficoltà gli obiettivi minimi

7a. Modalità di verifica
prove scritte





prove orali








quesiti vero/ Falso
libera
scelta multipla
completamento
altro
interrogazioni
discussione
intervento
ascolto
dialogo
altro
test
lavoro individuale e di gruppo

prove pratiche

Zagarolo ………………………………
Docente

Il