You are on page 1of 2

Prova di filosofia – III ALs (Dalle origini ai pitagorici

)
1) Per i pitagorici, l'affermazione secondo la quale “tutte le cose sono numeri” significa che:
a. Tutte le cose sono esprimibili attraverso rapporti numerici
b. Nel mondo esistono realmente solo i numeri
c. Tutte le cose possono essere ordinate e messe in relazione tra loro
d. I numeri sono l'essenza della matematica
2) L'apeiron di Anassimandro può essere definito come:
a. Il principio infinito e indeterminato da cui nascono tutte le cose
b. Il processo di separazione dei contrari
c. Un complesso di elementi fisici eterogenei
d. La sostanza di tutte le cose
3) La dottrina dell'infinità dei mondi e del loro ciclo eterno di nascita e morte si trova in:
a. Anassimandro
b. Eraclito
c. Talete
d. Pitagora
4) Le fonti della filosofia greca sono costituite da:
a. Socrate, Platone e Aristotele
b. Opere dei filosofi e testimonianze degli scrittori posteriori
c. Testimonianze degli scrittori posteriori
d. Le opere dei doxografi
5) La filosofia è nata storicamente:
a. In Grecia nel V sec. a. C
b. In Grecia nel VI sec. a. C.
c. In Grecia e in Oriente nel IV sec. a. C.
d. In Oriente in epoca non precisata
6) La dottrina filosofica di Talete ci è nota attraverso:
a. I suoi scritti giunti fino a noi
b. La testimonianza di Aristotele
c. I frammenti delle sue opere
d. L'aneddoto della serva di Tracia
7) Il principio dell'ipse dixit designa:
a. L'autorità del maestro
b. La sapienza del filosofo
c. La parola della tradizione
d. La dottrina della scuola pitagorica
8) Nel pensiero di Anassimene, l'aria è:
a. Il principio del movimento e del mutamento
b. Uno dei quattro elementi di cui si compone l'intera realtà
c. La materia del cosmo
d. L'anima del mondo

La tradizione religiosa era dominante e impediva la libera discussione 14) Secondo Anassimandro. Il peccato c. Terra 12) Il significato della dottrina pitagorica della metempsicosi è: a. Acqua b. È universale. tra il mito e la filosofia: a. La nascita b. Non vi erano contatti culturali con Atene c. La resurrezione del corpo c. La trasmigrazione delle anime dopo la morte in corpi di altri uomini o animali d. C'è un rapporto strettissimo. La società spartana era organizzata secondo un rigido assetto militare b. perché alcune istanze filosofiche sono già presenti nel mito d. La filosofia dipende culturalmente dalla scienza orientale d. La purificazione dell'anima dalle influenze negative del corpo 13) A Sparta non si è sviluppata in senso proprio una ricerca filosofica perché: a. La filosofia nasce in Occidente e raggiunge il suo massimo sviluppo in Oriente *** . perché tutti i cittadini hanno diritti politici c. L'immortalità dell'anima b. Non vi erano istituzioni democratiche d. La filosofia è nata in Oriente b. perché fin dall'inizio la filosofia si pone in contrasto con il mito 11) Il principio unificatore in Talete è: a. Fuoco c. Vento d. Non c'è nessun rapporto.9) La democrazia in Grecia: a. È il fattore che ha ostacolato lo sviluppo della filosofia d. La colpa 15) La tesi degli “orientalisti” sull'origine della filosofia afferma che: a. La morte d. C'è un rapporto indiretto. La filosofia dipende culturalmente dai testi sacri delle religioni orientali c. l'“ingiustizia” che tutti gli esseri devono espiare è: a. perché la filosofia è una forma di pensiero mitico c. È limitata. perché la filosofia è ricerca razionale della verità b. È stata fondata da Socrate 10) Dal punto di vista storico. perché solo una parte dei cittadini è libera b. C'è assoluta opposizione.