Non voglio fare sorprese, non le so fare.
Questo libro vuole essere un modo simpatico per
ironizzare su alcuni colleghi batteristi che
pubblicano metodi didattici a loro nome ma che,
in realtà, non sono altro che collages di esercizi
ritmici concepiti nel corso della storia della
batteria da nomi famosi, quali: Gene Krupa,
Buddy Rich, Joe Morello, …etc.

Ripeto, non voglio fare sorprese, non le so fare.
Eccovi allora una mia proposta, una selezione di
esercizi famosi con i veri nomi dei loro Autori.
Con l’augurio che abbiate modo di crescere
sempre di più.
Livio Campus

Ciao, io sono Livio Campus e anziché scrivere il mio curriculum come di solito si fa su i metodi di
batteria tradizionali ho deciso di descrivere le mie esperienze musicali in modo più narrativo e
meno formale.
Io suono ormai da tempo come batterista indipendente.
In tutti questi anni ho collaborato sia in studio che in situazioni live con diversi cantautori e
formazioni musicali italiane e straniere, provenienti alcune dal festival di Sanremo o
cantanti/musicisti italiani o stranieri, portandomi a casa sempre un grosso bagaglio di esperienze.
Ho avuto esperienze Rai e Mediaset e ho registrato parecchie volte in sala di registrazione con
diversi artisti su diversi stili musicali.
Tutto questo mi ha permesso di costruire un grosso bagaglio didattico e d’esperienza che ho
potuto trasmettere come insegnante in diverse scuole di musica della capitale. I miglioramenti che
i miei allievi hanno ottenuto sono stati sempre per me fonte di soddisfazione, spece quando, a
volte, alcuni hanno ottenuto buoni risulati nel campo del mercato musicale.
Questo libro, come già detto, è una sintesi degli studi fatti da me in passato. Per chi fosse curioso
di sentirmi e vedermi suonare, puo farlo utilizzando il mio dvd di esordio “Shut Up And Play”
scaricabile dal mio sito www.liviocampus.com come copia gratuita e ridotta.

www.liviocampus.com
Nel mio sito, inoltre, troverai altri file audio, video e materiale per la didattica.

tamburi di diametro piccolo (compreso tra 8 e 14 pollici. ma ne esistono modelli in carbonio ed in plastica. Il modello delle bacchette è descritto da una sigla. crash. splash. come nelle fanfare militari odierne. profili e forme per poter personalizzare il suono del musicista e della musica che si vuole comporre. usate per il rock e pop. circa 40 centimetri. L'attuale batteria nasce da problemi di spazio. In seguito le esibizioni si spostarono dalle strade ai locali. le mani. conica. La lunghezza è standard. In seguito ogni etnia presente in America diede il suo contributo. sebbene oggi sia sempre suonata con l'apposito pedale per cassa. sebbene i tamburi singoli abbiano radici ben più antiche. lungo le strade di New Orleans (Louisiana). china. Sono bilanciate al centro. Alcuni modelli tipici di bacchette sono: • • • • • 5A: le più usate. soprattutto nella musica elettronica. Esiste una vasta gamma di modelli di piatti ognuno disponibile in vari diametri. ma bilanciate in coda. Per personalizzare la propria batteria. Sono bilanciate al centro. o un numero maggiore di tom. dipende anche dalla casa costruttrice la quale può realizzarne dei modelli leggermente più lunghi o più corti (1 cm circa). in corteo. i rod (bacchette composte da fasci di legno) e i mallet (battenti). Importante anche il bilanciamento delle bacchette che può essere in testa. il rullante. 5B: un po' più spesse delle 5A. spesso alcuni modelli esistono solo per alcune case costruttrici. . abbastanza pesanti. in generale favoriscono l'esecuzione a volume basso. usate per l'hard rock. sono bacchette molto versatili e si possono adoperare per tutti i generi musicali. che perfezionarono la produzione dei piatti adoperando il loro modo di fondere e martellare il rame e l'ottone. quindi si fuse la grancassa con il rullante militare. il musicista può aggiungere uno o più piatti splash. infine un timpano. 7A: bacchette molto leggere. I piatti che possono essere annessi ad una batteria sono: ride. allo scopo di creare un suono acuto che si contrapponesse al suono grave dei tamburi. al centro o in coda. più piatti. ed ogni elemento dell'attuale batteria era suonato da una singola persona. 2B: bacchette molto pesanti. composta da un numero e da una lettera. piatti e altri strumenti a percussione disposti in modo tale che possano essere suonati da un solo musicista. ed era impossibile ospitare sul palco cinque/sei musicisti che si dedicassero alle percussioni. come suggerisce anche il vecchio nome inglese kick drum (tamburo a calcio). uno o più tom tom (detti più semplicemente "tom"). Le bacchette: I batteristi solitamente suonano la batteria con le bacchette. ma possono usare anche strumenti diversi come le spazzole. crash.Nella foto qui a fianco vi è la disposizione classica di una batteria a 5 pezzi. ossia tra 20 e 36 cm) ed i turchi. La genesi avviene con la fusione di vari componenti percussivi durante le esibizioni bandistiche fino a formare una batteria di tamburi molto simile alle odierne. negli Stati Uniti. Sono bilanciate al centro. hi-hat detto anche charleston. con i vari singoli nomi in inglese. c'erano enormi bande che suonavano per strada. che importarono i tom. 8D: bacchette per il jazz. Sono bilanciate al centro. In principio la grancassa era suonata con il piede. Fin dal jazz del 1920 la batteria è stato uno strumento fondamentale della musica popolare. usate tipicamente per suonare il jazz. infatti in principio. come i cinesi. La punta delle bacchette può essere di varia forma: ovoidale (la più comune). sferica. Le tipologie di bacchette in commercio sono varie. spessori. I tamburi che compongono una batteria completa sono: la cassa. Sono realizzate principalmente in legno di noce. coniugato o sostituito in seguito dalla drum machine. il materiale con cui è realizzata la punta può essere legno o plastica. Storia: Le origini dello strumento risalgono alla seconda metà del XIX secolo. La batteria è uno strumento musicale composto da tamburi. cilindrica. A questa batteria primordiale vennero in seguito aggiunti i piatti.

.

Per correttezza nei confronti delle case editrici e degli autori di questi libri vi ricordo che stampare questo pdf è un reato. scaricabile gratuitamente e in modo totalmente legale.com potrai trovare altro materiale didattico e non didattico. Alcuni di questi libri sono storia della batteria e vanno tutelati.liviocampus.Grazie per aver scaricato questo pdf. scelti da metodi famosi di batteria. Sul mio sito web www.liviocampus. spero vi sia utile per prendere degli spunti didattici. Vi informo che questo pdf è stato realizzato per prendere visione di alcuni esercizi da me affrontati. Se vuoi fare lezioni di batteria con me inviami una mail dal mio sito web.com . www. Io non mi assumo alcuna responsabilità a riguardo per stampe illecite di questo pdf. Con questo vi auguro buon studio.

.

.

.

Studiarlo con il Charleston a mano in ottavi. Il Libro è in Inglese e dove troviamo (R) “right” daremo un colpo con la mano destra e dove troveremo (L) “Left” daremo un colpo con la mano sinistra. Studiarlo così come è scritto con il charleston in quarti. Studiare ogni esercizio per 20 battute in maniera lenta per acquisire la diteggiatura nel modo migliore . dopo di che aumentare la velocità del metronomo a poco a poco senza mai sforzare. variando le varie dinamiche tra Piano. . facendo la diteggiatura con la cassa (R) e la diteggiatura con il tamburo rullante (L). e fare la diteggiatura (L) con la cassa. 12) Studiare (R) con le mani ad unisono sul rullante e timpano. Studiarlo cassa e charleston con lo stiking di Bajon. Diversi modi per affrontare lo Stick control 1) 2) 3) 4) 5) 6) 7) 8) 9) 10) Studiarlo così come è scritto Studiarlo così come è scritto con la cassa in quarti. Studiarlo in modo classico con il charleston a piede in ottavi. e invertendo la diteggiatura con la cassa (L) e la diteggiatura con il tamburo rullante (R).Stick Control Come affrontare lo studio dello Stick Control di George Lawrence Stone. Studiarlo spostando la mano sinistra sul charleston e tenendo la mano destra sul rullante. Medio e Forte. Studiarlo così come è scritto con la cassa sul 1 e 3 e il charleston sul 2 e 4. Studiarlo spostando la mano destra sul charleston e tenendo la mano sinistra sul rullante. 11) Studiarlo con il Charleston a mano in ottavi. Per chi studia la doppia cassa o il doppio pedale applicare lo stick control con i seguenti esercizi: 13) Studiarlo in modo classico con le casse 14) Studiarlo in modo classico con le mani ma tenendo un ostinato di sedicesimi con le casse 15) Studiarlo con la mano (R) sul charleston e tenere la mano (L) sul rullante con un ostinato di casse in sedicesimi 16) Studiarlo con la mano (L) sul charleston e tenere la mano (R) sul rullante con un ostinato di casse in sedicesimi 17) Studiarlo con le casse portando con le mani il charleston in ottavi e il rullante sul 2 e 4 18) Studiarlo con le casse portando con le mani il charleston in ottavi e il rullante su tutti i 4° 19) Studiarlo con le casse portando con le mani il charleston in ottavi e il rullante solo sul 3 20) Studiarlo con i 12 diversi ostinati di charleston riportati nella pagina dei tempi del "Gary Chaffee" e mettendo il rullante sul 2 e sul 4 applicare lo stick control con le casse. Studiarlo cassa e charleston con lo stiking di Samba.

  .

  .

  .

e fare la diteggiatura con la cassa (R) e fare la diteggiatura con il tamburo rullante (L). Studiarlo cassa e charleston con lo stiking di Bajon.com li vi troverai anche il mio dvd e altre cose riguardo la didattica. Scarica gratis audio e video legalmente dal mio sito: www. . Studiarlo in modo classico con il charleston a piede in ottavi.Come affrontare lo studio delle sestine e i trentaduesimi dello Stick Control di George Lawrence Stone. Studiarlo spostando la mano destra sul charleston e tenere la mano sinistra sul rullante Studiarlo spostando la mano sinistra sul charleston e tenere la mano destra sul rullante Studiarlo con il Charleston a mano in ottavi. Studiarlo in modo classico con il charleston in quarti. e fare la diteggiatura (L) con la cassa. Studiarlo cassa e charleston con lo stiking di Samba. Per chi studia la doppia cassa o il doppio pedale applicare lo stick control con i seguenti esercizi: 13) Studiarlo in modo classico con le casse 14) Studiarlo con le casse portando con le mani il charleston in quarti sulla pagina delle terzine e in ottavi sulla pagina dei trentaduesimi e il rullante sul 2 e 4 15) Studiarlo con le casse portando con le mani il charleston in quarti sulla pagina delle terzine e in ottavi sulla pagina dei trentaduesimi e il rullante su tutti i 4° 16) Studiarlo con le casse portando con le mani il charleston in quarti sulla pagina delle terzine e in ottavi sulla pagina dei trentaduesimi e il rullante solo sul 3.liviocampus. Diversi modi per affrontare lo Stick control 1) 2) 3) 4) 5) 6) 7) 8) 9) 10) Studiarlo in modo classico Studiarlo in modo classico con la cassa in quarti. 11) Studiarlo con il Charleston a mano in ottavi. 12) Studiare (R) con le mani ad unisono sul rullante e timpano. Studiarlo in modo classico con la cassa sul 1 e 3 e il charleston sul 2 e 4. e invertiamo la diteggiatura con la cassa (L) e fare la diteggiatura con il tamburo rullante (R).

  .

  .

portando con le mani il charleston in ottavi e il rullante sul 2 e 4. cioè: 1.5 sopra citati con le casse. Diversi sono i modi per affrontare queste 2 pagine: 1. dove vi è segnato.2. Dopo aver affrontato tutte e due le pagine con il rullo a 5. Immaginatevi ora le due pagine così come le vedete nella figura di riferimento qui sotto e mettere. Affrontate le due pagine lentamente cercando di essere i più puliti possibile nell’esecuzione di ogni singolo esercizio. Farlo così come è scritto. riaffrontatele sostituendo il rullo a 5 con il rullo a 7 (figura di riferimento) 6. Dopo di che affrontare questi altri esercizi: 8) Studiare gli esercizi 1. Colpi doppi sui trentaduesimi. rifare con i piedi gli esercizi 1.5 sopra citati. Ogni singolo esercizio va fatto più volte (minimo 4 battute per rigo) prima di scendere al rigo successivo.15 avranno la diteggiatura che cambia ad ogni inizio di riga.5 sopra citati con le casse. Sempre con i colpi doppi sui trentaduesimi ma pressati. portando con le mani il charleston in ottavi e il rullante solo sul 3. Ora riaffrontate le pagine con il rullo a 5 pressato (figura di riferimento) 7.Technique Pattern di Gary chaffee Se vi interessa velocizzare e perfezionare particolarmente il rullo a colpi singoli o il rullo a colpi doppi questo è l’esercizio più indicato.7.2. Ora riaffrontate le pagine con il rullo a 7 pressato (figura di riferimento) Figura di riferimento Per gli amanti della doppia cassa o doppio pedale.4. quindi se iniziamo l’esercizio n°1 con la mano destra. 5.4.2.5 sopra citati con le casse.9.3. un rullo a 5. la battuta successiva sarà eseguita con la mano sinistra. 10) Studiarlo gli esercizi 1. 9) Studiare gli esercizi 1.11. 3.4.13. a colpi singoli. 2. tutto questo ovviamente senza mai fermarvi.5.4. portando con le mani il charleston in ottavi e il rullante su tutti i quarti. 4. tenendo ben presente che tutti gli esercizi dispari.2. .

.

.

Applicarle in questi diversi modi: 1) 2) 3) 4) 5) 6) 7) Studiare in modo classico come è scritto Studiare in modo classico con la cassa in quarti Studiare in modo classico con il charleston a piede in quarti.Buddy Rich Drum Method Queste 3 pagine del “Buddy Rich Drum Method” servono per sviluppare le terzine di ottavi e le terzine di sedicesimi. . Nel mio sito in oltre. Studiare cassa e charleston con lo stiking di bajon. Per chi studia la doppia cassa o il doppio pedale svolgere i seguenti esercizi: 8) 9) 10) 11) 12) Studiare in modo classico con le casse Studiare in modo classico con le mani ma tenendo un ostinato in terzine di ottavi con le casse Studiare con le casse portando con le mani il charleston in terzine di ottavi e il rullante sul 2 e 4 Studiare con le casse portando con le mani il charleston in terzine di ottavi e il rullante su tutti i 4° Studiare con le casse portando con le mani il charleston in terzine di ottavi e il rullante solo sul 3 Scarica dal mio sito www. video e materiale per la didattica. troverai altri file audio.com una copia gratuita di “Shut Up And Play” il mio dvd di esordio. Studiare cassa e charleston con lo stiking di Samba. Studiare in modo classico con la cassa sul 1 e 3 e il charleston a piede sul 2 e 4 Studiare in modo classico con il charleston a piede in ottavi.liviocampus.

.

.

.

.

16. Ricordandoci che per far sentire al meglio l’accento dobbiamo cercare di suonare piano tutte le altre note non accentate. 18. Studiare come è scritto con la cassa sul 1 e 3 e il charleston a piede sul 2 e 4. 4. Studiarlo raddoppiando tutto in sestine a colpi singoli. Studiare come scritto ma con il charleston a piede in quarti. Studiare con le casse portando con le mani un tempo classico in 12/8 (rullante sul 2 e 4). 10. 8. 5. 13. 12. 14. . Per chi studia la doppia cassa o il doppio pedale applicare a queste pagine i seguenti esercizi: 11. Studiare con le casse portando con le mani un tempo classico in 12/8 (rullante solo sul 3). In queste pagine del Syncopation affrontiamo lo studio degli accenti sulle terzine. 7.Accenti sulle terzine Il “Syncopation” di Ted Reed è uno dei mie libri preferiti e secondo me uno dei più interessanti. Studiare raddoppiando tutto in sestine a colpi singoli. Studiare raddoppiando tutto e usando i doppi colpi nel raddoppio. Leggere e fare tutto sul rullante così come è scritto e mettendo la cassa in quarti. 9. 6. Sostituire gli accenti delle acciaccature in modo da creare dei Flam. Diversi modi per affrontare queste 7 pagine di terzine 1. 3. Sostituire gli accenti con delle acciaccature in modo da creare dei Flam con le casse. Studiarlo raddoppiando tutto e usando i doppi colpi nel raddoppio. Studiare mettendo al posto degli accenti dei colpi di piatti con cassa. Scarica gratis audio e video legalmente dal mio sito: www. 15. Studiare mettendo gli accenti sui tom. Studiare con le mani ad unisono sul rullante e timpano. 2.liviocampus. Leggere e fare tutto sul rullante così come è scritto. Studiare con le casse portando con le mani un tempo classico in 12/8 (rullante su tutti i 4°).com li vi troverai anche il mio dvd e altre cose riguardo la didattica. Studiare in modo classico con le casse. 17. Studiare in modo classico con le mani ma tenendo un ostinato in terzine con le casse.

.

.

.

.

.

.

.

19. 3. 10. Studiare in modo classico con le casse. una con tutti gli accenti sulla mano destra e poi rifare tutte le pagine con gli accenti sulla mano sinistra). Rifarlo di nuovo come scritto ma con un ostinato charleston e cassa Samba. Studiare con le mani ad unisono sul rullante e timpano. Studiare come scritto ma con il charleston a piede in quarti. Studiare raddoppiando tutto con le casse in trentaduesimi e usando i doppi colpi nel raddoppio. Leggere e fare tutto sul rullante così come è scritto Leggere e fare tutto sul rullante così come è scritto. Studiare mettendo gli accenti sui tom. Studiare mettendo apposto degli accenti dei colpi di piatti con cassa. Studiare con le casse portando con le mani un tempo classico in 4/4 (rullante solo sul 3). Sostituire gli accenti con delle acciaccature in modo da creare dei Flam con le casse. 16. 20. 12. 6. Rifarlo di nuovo come scritto ma con un ostinato charleston e cassa bajon. 5. 14. Studiare in modo classico con le mani. Studiare raddoppiando tutto in trentaduesimi a colpi singoli (l’esercizio va fatto 2 volte. Studiare con le casse portando con le mani un tempo classico in 4/4 (rullante su tutti i 4°). Studiare raddoppiando tutto e usando i doppi colpi nel raddoppio. Sostituire gli accenti con delle acciaccature in modo da creare dei Flam. Studiare raddoppiando in trentaduesimi a colpi singoli. Studiare con le casse portando con le mani un tempo classico in 4/4 (rullante sul 2 e 4).Accenti sulle quartine Il “Syncopation” di Ted Reed prevede pure delle pagine di quartine di sedicesimi molto simili alle pagine di terzine già affrontate prima. Studiare come è scritto con la cassa sul 1 e 3 e il charleston a piede sul 2 e 4. Per chi studia la doppia cassa o il doppio pedale applicare a queste pagine i seguenti esercizi: 13. 15. 9. tenendo un ostinato in quartine di sedisesimi con le casse. mettendo la cassa in quarti. 8. 7. 18. dobbiamo cercare di suonare piano tutte le altre note non accentate. 4. 17. Ricordandoci che per far sentire al meglio l’accento. . Diversi modi per affrontare queste pagine di quartine 1. 11. 2.

.

.

.

.

alcuni di questi libri sono storia della batteria e vanno tutelati. Io non mi assumo nessuna responsabilità riguardo.Per i prossimi due libri: Drummer Note (libro in giapponese) e Dante Agostini lettura a prima vista 1 Non c’è molto da dire. -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Questo pdf è stato realizzato per prendere visione di alcuni esercizi da me affrontati su dei metodi famosi di batteria. Rifate le stesse pagine invertendo le mani nei tempi rock. Per correttezza nei confronti delle case editrice e degli autori di questi libri vi ricordo che stampare questo pdf è un reato. 1. Cercate di portare a metronomo gli esercizi più velocemente e più puliti possibile. stampe illecite di questo pdf. dovete solo leggere e applicare sulla batteria gli esercizi riportati nelle prossime pagine. . Affrontate tutti i tempi rock con la mano destra sul charleston e la mano sinistra sul rullante. quindi la mano sinistra sul charleston e mano destra sul rullante. Queste pagine potete farle in due modi. 2.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

liviocampus. spero vi sia stato utile per prendere degli spunti didattici. Sul mio sito web www. Per correttezza nei confronti delle case editrice e degli autori di questi libri vi ricordo che stampare questo pdf è un reato. Vi ricordo di nuovo che questo pdf è stato realizzato per prendere visione di alcuni esercizi da me affrontati su dei metodi famosi di batteria.com . Se vuoi studiare con me inviami una mail dal mio sito internet che è: www. Io non mi assumo nessuna responsabilità riguardo. Con questo vi saluto e vi ringrazio per l’attenzione.com potrai trovare altro materiale didattico e non didattico. stampe illecite di questo pdf.Grazie per aver visionato questo materiale. scaricabile gratuitamente e in modo totalmente legale. alcuni di questi libri sono storia della batteria e vanno tutelati.liviocampus.