You are on page 1of 3

Calcio e… regole

I principi del Fair play e il
regolamento interno
generale

Autore: Angelo Iervolino dell'avversario avendo un
atteggiamento corretto.
Credo che l’ultimo punto
Se si chiede ad un bambino <<
racchiuda tutto il significato di
chi è il giocatore bravo?>>
uno sport corretto ed
risponderà sicuramente con
dei grandi nomi d’impatto, educativo.
grandi attaccanti, grandi Non per niente la FIFA ha
portieri e così via. Se gli si preso questo impegno
chiede cosa ricorda di una ufficiale, racchiuso sotto il
partita finita con tanti gol con nome fair-play, per migliorare
grandi campioni ma dove è
ed aumentare il rispetto delle
successo qualcosa fuori dalle
regole del fair-play, il bambino regole nel calcio, stipulando i
quasi sicuramente nelle cose cosiddetti principi del fair-
che ricorderà elencherà anche play:
quell’aspetto poco educativo.
La parola sport significa
letteralmente: 1.Complesso di
attività, prove, esercizi fisici, 1. Giocare per divertirsi.
giochi individuali o collettivi, 2. Giocare con lealtà.
atti a sviluppare forza e agilità 3. Attenersi alle regole del
gioco.
fisica, a scopo di semplice
4. Portare rispetto ai
svago o di competizione 2.
compagni di squadra,
gioco o esercizio praticato, agli avversari, agli arbitri
specialmente all'aria aperta, e agli spettatori.
per diletto o per esibizione; 5. Accettare la sconfitta
l'insieme delle competizioni con dignità.
atletiche e delle attività 6. Rifiutare la corruzione, il
doping, il razzismo, la
connesse 3. competere per
violenza e qualsiasi cosa
migliorare il proprio corpo, ma possa arrecare danno
significa anche educare la allo sport.
propria mente nel rispetto
7. Fare tante partite per semplice regole
donare l'incasso a coloro comportamentali , non tante
che ne hanno bisogno. perché altrimenti diventano un
8. Aiutare gli altri a
peso, ma che danno subito
resistere ai tentativi di
delle priorità da seguire per il
corruzione.
9. Denunciare coloro che proprio comportamento a cui
tentano di screditare lo il mister tiene molto.
sport.
10. Onorare coloro che
difendono la buona 1. Rispetto verso il
reputazione dello sport.
prossimo e dare aiuto in
caso di necessità
Un comportamento civile, 2. Lealtà verso i compagni
educato è alla base della e gli avversari
buona convivenza. Anche 3. Essere puntuali agli
dentro al campo non bisogna appuntamenti
dimenticarsi che si sta (allenamenti, partite,
comunque facendo parte di riunioni, ecc) per
una comunità di persone che rispetto dell’allenatore e
condividono lo stesso dei compagni di squadra
interesse. Comportarsi nel 4. Obbligo di adattarsi alle
modo migliore anche a fari scelte del mister,sia
spenti, fuori dal campo, può tecnico-tattiche che
essere anche una prova comportamentali
tangibile che la società 5. Obbligo di silenzio
sportiva funziona ed insegna durante il
anche a rapportarsi. riconoscimento e
Proprio per questo il primo durante le spiegazioni
esempio deve essere dato del mister
dalla società, e quindi 6. Accettare senza mai
dall’allenatore. Non discutere le decisioni
dimentichiamo, specie con i arbitrali, anche quando
più piccoli, che i giovani sono platealmente
calciatori tendono ad sbagliate
apprendere tantissimo e ad 7. Dare aiuto (se possibile)
emulare il proprio allenatore, e rispetto all’avversario
per questo a maggior ragione infortunato
bisogna essere anche esempi 8. Al termine della gara, a
di lealtà sportiva. prescindere dal risultato,
Fuori e dentro al campo credo salutare avversari ed
che i giovani calciatori arbitro
debbano seguire delle
9. Tutte le strutture, le
attrezzature, sono di
tutta la società sportiva,
per questo bisogna
avere rispetto e cura di
questi.
10. Non far assolutamente
uso di sostanze proibite
per migliorare le proprie
prestazioni

Ovviamente ogni allenatore
avrà altre regole, magari in
più a queste dieci, per il
gruppo, ma credo che in linea
teorica queste sono le dieci
presenti nel regolamento di
ogni allenatore.