You are on page 1of 11

GESU-MODELLO DI UN SAGGIO ESISTITO NEI CARPAZI CAPITOLO 27

Cercherò in questo capitolo di spiegare e analizzare tutte le testimonianze che riguardano Zamolxe, perche la sua somiglianza e i suoi insegnamenti sono identiche con quelli di Gesù. Vedete questo popolo dei daci non hanno mai avuto un panteon degli dèi. Zeuta Gebeleizis, Apollo, Zamolxe erano la stessa persona che prendeva un altro nome, ma li suo ministero su la terra era sempre lo stesso. I geti o daci erano un popolo monoteista, anche se la parola non rispecchia la verità: nel senso che loro non hanno mai adorato la divinità e non hanno mai costruito temp li e idoli. La divinità era per loro un maestro quale li spiegava su le cime delle montagne i l legame del uomo con universo. Le montagne e le foreste della Romania sono misteriose, e su diversi massici le colone di luce, di vapore e di energia sono dei fenomeni che erano conosciuti dai vecchi tempi. Vorrei analizzare la figura di Gesù, che cosi come sappiamo tutti si distingueva tantissimo dai tutti i giudei. Era di altezza media, e di una bellezza senza uguale. I capelli erano lunghi e castani e aveva occhi azzurri. La barba era dello stesso colore con i capelli e la sua faccia esprimeva tantissimo amore e bontà. Era un contrasto molto forte con gli ebrei che avevano lunghe barbe nere e la pelle abbronzata. I falsari della bibbia lo descrivono come lui va ha predicare il regno del cielo e la notizia della risurrezione dei morti. Ma quando mai? Gesù e il nome che loro hanno dato a Zamolxe dacico per non poter essere riconosciuto e localizzato, che insegnava agli uomini che erano immortali e che lo spirito che e energia del Padre, e dentro di loro ed e per questo che l uomo e immortale. Invece per i falsari della bibbia Gesù predicava agli uomini che erano carne, sangue, mortali e buoni ha niente, quale potevano avere l immortalità per la grazia di dio. Belle cagate. Svegliatevi noi siamo l universo, noi siamo dio noi siamo uno solo e nello stesso tempo tanti e siamo fratelli con tutte le creature del universo. Zamolxe era il grande sacerdote degli daci che scompare nelle visc ere della terra per tornare a diventare un dio, un sacerdote e un re. In altre parole l uomo che con la sua morte diventa dio e re o sacerdote e re, non e un pover o mortale, lui e l essenza del Padre del universo e la sua forza e nascosta nel corpo mortale, ma l uomo e immortale. Il messaggio e quello di capire da solo chi sei e quale è la tua essenza. Ancora una volta il vero insegnamento di Zamolxe e stato falsifi cato nella bibbia dei extraterrestri per imprimerci nella mente il fatto che noi non siamo niente, l umanità non valle niente perche mortale. Torniamo un può al libro del imbroglio, la bibbia per riassumere la storia dei vecchi patriarchi e della creazione. Adamo e l uomo da quale e nata tutta l umanità, ma questa visione che noi abbiamo della nascita del umanità, e solo un simbolo che rappresenta la radice della vita. Dico questo perche Adamo si può ridurre benissimo

al ADN (rumeno) o DNA (italiano), che e la vera radice della vita, e non e tutto. Siamo statti abituati a credere che il corpo umano contiene tre quarti d acqua e poi altri diversi elementi chimici. E, be, non e cosi. Noi tutti i abitanti dalla terra abbiamo la base della nostra materia il carb one e non l acqua. La vecchiaia di qualsiasi reperto antico viene sottoposta al confronto con C12, perche il carbone e l elemento che si può unire con tutto, e può creare una moltitudine di forme di vita. L atomo di carbone e composto da: 6 elettroni, 6 protoni e 6 neutroni, e allora il numero di uomo attribuito alla bestia e in verità 666, ed e il numero della vita, e non della morte. La precisazione che e un numero di uomo ha anche un'altra spiegazione. OM (rumeno), uomo (italiano) e il simbolo della divinità su la terra. OM e il dio su la terra, noi non siamo nessuno, noi siamo la manifestazione del Padre sul pianeta TERRA, e la verità ancora una volta ci fu nascosta con astuzia. Il numero 666, cosi tanto contro versato significa la rinascita del umanità. Alla stessa cifra si arriva se facciamo il totale di tutti i numeri partendo dal uno fino al numero sacro 36, 1+2+3+4+5 36= 666. Studiamo un può le origini del ministero di Gesù in confronto con quelle di Zamolxe: 1- Gesù era il figlio del uomo e sicuramente questa espressione non si riferisce a Maria e Giuseppe, ma al fatto di essere anche lui un essere universale, molto più saggio di noi, che viene dalla stessa radice con uomo, precisamente la radice umanoide che è nel universo. -Zamolxe era anche lui un uomo, che si distingueva dai altri per la sua saggezza e bontà. 2- -Gesu viveva con i suoi genitori su una montagna dove era la chiesa da dove i abitanti del viaggio volevano buttarlo giù nel precipizio, andava spesso ha meditare su una montagna, e la sua morte avviene su una montagna. -Zamolxe viveva in una montagna, in una grotta meditava e il suo contato con la spiritualità avveniva su la montagna, la sua sparizione per 3 anni nella grotta che simboleggia la morte, avvenne sempre su la montagna, e la sua rinascita e su la montagna. 3- -Gesù pregava sempre il suo Padre, ma non lo ha mai adorato , e insegniava che uomo tornerà in vita e sarà immortale. -Zamolxe pregava il Padre e non lo adorava, lui insegnava solo che l uomo e immortale. 4- -Gesù muore e ritorna dopo tre giorni come spirito materializzato nella carne, diventando divino come il Padre. -Zamolxe, va nella grotta dove sta tre anni. Il quarto anno torna in superficie il popolo non lo chiama più uomo o sacerdote, ma dio. Il sacerdote uomo diventa il re dio. 5- Gesù quando predicava al umanità, era il sacerdote che parlava della via verso l immortalità, invece al suo ritorno era re immortale, era dio uomo.

-Zamolse insegnava ai geti che erano immortali, che la morte e solo un passaggio da la vita mortale al immortalità, e che l uomo era un dio. Zamolxe,era un uomo reale che mori come qualsiasi uomo mortale, per ritornare dopo su la terra come essere spirituale, materializzato in un corpo e quale divento poi per il suo popolo un dio. Lui e la persona vera , esistita su la terra, di quale sono tante testimonianze scritte, in confronto con Gesù giudeo. Zamolxe ha fatto dal suo popolo dei veri eroi, che non avevano paura della morte e del dolore, e del suo popolo grande e vittorioso parlano tutte le scritture antiche. Sono questi i personaggi reali dopo quale la chiesa ha scritto il suo squall ido libro. Sentite un altro argomento: Gesù e Messia, i due nomi attribuiti al personaggio del nuovo testamento fanno pensare molto, cosi come anche l affermazione che lui e il figlio di Davide, perche questi nomi non sono a fatto giudee. Nel territorio della Dacia, le cita si chiamavano DAVA o DAVE, che significa luogo, posto, patria, origine. Erano tantissime, sparpagliate su tutto il territorio, come per esempio: Sucidava, Moldava, Buridava, Sangidava , Argedava. Probabilmente vi chiedete che cosa centra tutto ciò con Gesù. Centra e anche ta nto. In ansi tutto, che non esiste nessuna testimonianza del esistenza di un re Davide, ( a parte la bibbia), che ha regnato in Giudea; e detto questo non può esistere un Gesù figlio di Davide: ma può esistere DAVA, la patria di Gesù. Se sostituiamo Ges co n Get abbiamo Getdava, la patria degli geti. Gesù nella lingua rumena viene chiamato Isus, e se analizziamo il significato di queste due parole i e sus otteniamo este sus che significa e sopra . Allora Gesù figlio di Davide, non e altro che il figl io della patria dei geti che e sopra, o pure figlio di Davia ciò e il figlio di Dacia, e nel mio aiuto, viene il secondo nome di Gesù che e Messia. Ai tempi di quale stiamo parlando, una parte del territorio della Moesia era parte della Dacia, e allora Mo esia si può leggere Messia, come anche il nome fasullo di Mosè. E Cristo? In rumeno questo nome si pronuncia Cristos o Hristos e non posiamo non far notare la sua uguaglianza con il Danubio. Isto con Istro e Istos con Istros . Adesso vi faro leggere una parte delle testimonianze scritte riguardo a Zamolxe sacerdote. Cosi come ho sentito io dai eleni che abitano sulle rive di Helesponto e su quelle del Ponto Euxin, Zamolxis di quale loro parlano e un mortale- e stato il schiavo di Samos, precisamente di Pitagora, che era il figlio di Minesarchos. Dopo di che diventò libero, si arricchì molto e tornò nella sua patria, perche i traci erano molto poveri e questo Zamolxis - conoscente del modo di vita ionio, e di abitudini tranquille di quelle tracie, perche ha avuto legami con i greci e con Pitagora, un grande pensatore di questi,- ha costruito una casa per radunare tutti i uomini, dove, si dice, lui li riceveva e li metteva ha banchettare, tutti i capi dei paesi, dicendoli che ne loro ne i loro discendenti non moriranno, ma andranno in un posto dove avranno parte di tutte le bontà. Nel tempo quando si facevano i banchetti e quando lui

diceva queste cose, iniziò ha costruire una abitazione sotto terra. Quando fu pronta, lui scese nella sua casa, e visse li per tre anni. Traci volevano tanto di riaverlo e lo piansero e fecero lutto per lui. Nel quarto anno lui li apparse, e cosi Zamolxe fecce i suoi insegnamenti degni di credere. Cosi si racconta delle sue imprese. In quanto Zamolxe e la sua casa di sotto terra, ne meno io non posso respingere quelle dette, ma non li credo tanto; mi sembra però che lui ha vissuto molti anni prima di Pitagora. Sarà Zamolxe uomo o pure una divinità dei localini, dobbiamo accontentarci con quello che abbiamo detto. Quest i geti erano cosi. Herodoto, Storie, lv , 95 -96. Il racconto di Herodoto assomiglia assai tanto ai banchetti che Gesù faceva con i farisei e con esattori di tasse, non vi pare? Raccontano uni che Zamolxe e stato lo schiavo di Pitagora, figlio di Mnesarc hos da Samos. Liberato da li lui fece altre cose. Pero, mi sembra che Zamolxis a vissuto molto prima di Pitagora. In immortalità credono anche terizi e crobizi. Loro dicono che i morti partono da Zamolxe e che torneranno. Da sempre loro hanno creduto che tutto queste cose sono vere. Portano doni e banchettano come il morto ritorna. Hellanicos, Abitudini barbare. in lessico di Photios, Zamolxe.. Mnaseas (dice) che i geti adoravano Cronos, chiamandolo Zamolxe. (Mnaseas, frammento,23.) veramente si dice che da arianni, Zathrausthes fecce credere che una buona divinità i dette le leggi da lui fatte. Dai geti, quale si credono immortali, Zamolxe sostiene anche lui che entrò in contato con la dèa Hestia, e dai giudei, Mosè, con la divinità che lui chiama Yhwe (Dioda di Sinai, Biblioteca storica, 1, 94, 2.) Zamolxis era un uomo buono e filosofo, perche era stato il discepolo di Pitagora; e se in quei tempi il romano sarebbe stato cosi come oggi, per la sua volontà diventava il suo amico. Pero, se si considera che si deve lottare e soffrire per la libertà, ottiene la fama di filosofo, cioè di uomo libero. Apollonios di Tyana. Pitagora aveva un altro adolescente, che veniva dalla Tracia, che si chiamava Zamolxe, perche alla nascita fu coperto con una pelle di or so. Traci chiamano quella pelle zalmos che significa amato. Pitagora lo ha insegnato di capire i fenomeni celesti, e le cerimonie per gli dèi. Qualcuno dice che era chiamato Tales, ma i barbari lo adorano come Heracles Qualcuno dice che Zamoxis signi fica uomo straniero Porphyries, iatc lui Pitagora, 14,15 . Io (troiano) . solo, ho avuto il coraggio di andare contro la nazione che abita dopo l istmo, e ho distrutto la nazione degli geti, quale erano più guerrieri di qualsiasi uomo che ha vissuto allora. Questa non per la forza del loro corpo, ma per il fatto che il loro Zamolxe li convinse di essere cosi. Credendo che non muoiono, ma che solo cambiano la loro casa, loro partono ha lottare come vano altri ha intraprendere un viaggio. Miamis apostato, re,22. nel loro secondo luogo, cioè Dacia, Tracia e Moesia, goti hanno avuto re Zamolxe, di quale molti scrittori di anale ci dicono che era un filosofo di una grande saggezza. Prima hanno avuto il saggio Zeuta, dopo fu Deceneo e il terzo fu Zamolxe di quale

abbiamo parlato prima. Allora, ai goti no n li mancarono gli uomini qualle li impararono filosofia. Iordanes, Getica, 39. E interessante come Herodoto presenta geti. Secondo lui questi erano un popolo povero e senza cultura cosi come lo era anche Zamo lxe, il loro saggio che per la sua illuminazione e stato istruito da Pitagora. Ma sempre lui ,Herodoto dubita che questi due erano contemporanei. Una cosa invece ci dice chiaro Geti erano monoteisti, e il loro dio non aveva delle statue. Vediamo perche d ico che Herodoto era un bugiardo. Platone (427 -347ac) ha vissuto dopo di lui, e afferma che Zamolxe era esistito come persona e che lui ha studiato le scritture del grande saggio. Nei giorni di Aristofano (445-386ac) i oracoli di Abaris/Zamolxe erano let te pubblicamente nel mondo greco. A questo, vorrei aggiungere che i guaritori di Zamolxe erano i più conosciuti nel mondo antico, perche erano preparati molto di più di quelli grechi e per sostenere l affermazione sentiamo che ci racconta Platone: Visto che Harmide e della stessa parere con me, mi confortai, e trovai il credo in me, poco a poco mi tirai su e dissi: sempre cosi anche con questo cantico, Harmide, lo imparato quando facevo militate da un medico traco, uno dei discepoli di Zamolxe, di quale si parla che hanno il potere di portarti al immortalità. Questo medico traco diceva che hanno ragione i greci per fare questa osservazione di quali ti parlai. Ma aggiunse lui, Zamolxe, il nostro re, che e un dio, diceva che non si possono guarire gli occhi senza occuparci della testa, e testa senza corpo, cosi come non si può guarire il corpo senza spirito, e che proprio per questo sono cosi tante malattie che i medici grechi non possono guarire, perche non conoscono il tutto del uomo per poterlo curare. Charmides. Perche i vangeli parlano della stessa cosa insegnata da Gesù ai ebrei, quando questa e una scrittura che testimonia che molto prima i geti conoscevano che lo spirito e quella che guarisce il corpo? Fino qua le conclusioni possono essere queste: y Zamolxe, di quale tutti dicono che fu lo schiavo e discepolo di Pitagora (ma da quale non sono sicuri che fossero contemporanei), tornando a casa predicava che lo spirito e immortale. y Zamolxe insegnava alla gente che la morte non e motivo per piangere , ma per ridere, perche la morte del corpo significava la nascita dello spirito, che e immortale, e che tutti gli uomini sono immortali. La loro morte significava cambiare la casa, perche tutti andavano in un posto pieno di felicità e bontà. y Gli insegnava delle cerimonie di inizio per capire i misteri della spiritualità. y Zamolxe parti per tre anni ha abitare la sua casa situata nelle viscere della terra, e nel quarto anno torno tra di loro, convincendoli in questo modo che l uomo che tutti credevano morto, rinasceva, pronto per una vita nuova.

y Lui non era un dio, era un uomo di una saggezza di quale nessuno non poteva essere uguale con lui. y Insegnava agli uomini che le malattie del corpo non si possono guarire se non si conoscono quelle dello spirito. y Faceva i suoi insegnamenti fuori, nelle montagne, dove lo spirito di ogni uno di loro era in contatto diretto con universo da quale veniamo tutti. y Parlava di un Padre, creatore di tutto l universo, ma non ha mai detto ha nessuno di adorarlo. y Catechizzare e una abitudine zamolxiana, non cattolica, e praticavano il culto del sole. Cerchiamo di capire quale sono i rituali di iniziazione che Zamolxe insegnava agli uomini, e dove venivano fate. Strabon Geografia vll, 3- 5 scrive: cosi questo monte e stato riconosciuto sacro e cosi lo chiamano anche i geti; il suo nome e Kogaionon, ed era lo stesso con il nome del fiume che scorreva vicino a lui. Al inizio, Zamolxe fu scelto grande prete del più venerato dei loro dèi, e dopo un tempo fu anche lui scelto come dio. La casa del grande prete era anche questa in una grotta del monte Kogaionon, e qui, nei tempi di dolore venivano per consultare i oracoli anche i re. I autori grechi raccontano che i daci chiamavano i loro preti viaggiatori tra le nuvole Herodot riga v, 94 guarda come si credono immortali i geti: loro credono che non muoiono e che quello che sparisce dal nostro mondo, va nel mondo di Zamolxe. Qualcuno lo chiama Gebelezis. Nel quinto anno loro mandano a Zamolxe un inviato, scelto a sorte, che deve chiedere al maestro l esito di diverse cose che a loro interesano. Guardate come lo mandano: uni tra di loro tengono con la punta in su tre spade, e altri prendono l inviato dalle mani e dai piedi e alzandolo in aria lo butano nelle spade. Se questo muore, significa che Zamolxe e con loro, ma se non muore allora viene umiliato e discreditato e loro devono mandare un altro uomo. Questi traci, quando tuona e fulmina, tirano in su con i loro archi minacciando la divinità, perche loro non credono in nessuna divinità eccetto la loro. Herodoto ci dice che la persona che viene scelta deve esser la più brava e il più grande guerriero. Cercherò di riassumere quello che ho detto fino adesso e nello stesso tempo vi dico dove e localizzata in Romania questa montagna. La montagna di quale parlano tanti testi che si riferiscono al culto Zamolxiano, e una montagna sacra. I geti non hanno mai adorato i loro dio, lo hanno solo consultato e hanno portato qualche dono per lui. Nelle montagne alte, in una grotta, in contatto stretto con la natura viveva il loro grande prete Zamolxe, ed e per questa che loro lo chiamavano il monte santo. In questo contesto non parliamo di Zamolxe il dio, ma di Zamolxe il grande prete. Sappiamo che da questo monte sorgeva un fiume che aveva lo stesso nome con la montagna, e che sempre li era una grotta dove viveva il grande prete.

Nelle montagne carpatiche e difficile localizzare tale posto perche sono tantissimi luoghi che assomigliano tra di loro ma c e un posto che e diverso tanto dai altri, n on per le caratteristiche fisiche del posto, ma per il potere del energia che c e li. Vediamo che cosa e l iniziazione di quale Zamolxe, il grande prete vuole insegnare l umanità. La religione ci insegna che questa e la via che deve percorrere il discepo lo per arrivare alla rinascita nello spirito, ma questo non e un insegnamento cattolico, questo e un insegnamento zamolxiano. Il grande saggio dei Carpazi, quando lasciò i suoi uomini per andare nella sua casa sotto terra, simboleggiava la morte della persona per il mondo, la morte fisica del corpo e questo e il primo livello. Il suo ritorno in superficie significava la rinascita nello spirito che non può stare nel mondo sempre,(lui non si fece vedere a tutti, ma solo a poche persone). Cosi come abbiamo visto, lui per tre anni interi non si fecce vedere, ma quando iniziò il quarto anno usci in superficie e questo e il secondo livello. Il terzo livello significa la conoscenza spirituale di te stesso che ti porta al contatto con l universo e con il mondo spirituale. Il fatto che i preti camminavano tra le nuvole ci danno la certezza che questo posto era situato in una montagna dove la cima era coperta dalle nuvole. Il monte Kogaiono, il monte sacro dei daci e individuato in Romania con il monte Bucegi, perche in questo monte c e un fiume che ha il suo sorgente proprio li, e quale passa vicino a una grotta molto conosciuta dove il suo punto più inaccessibile si chiama l altare. In più ,dentro, ce una sala che si chiama sala di Decebal e nel antichità si chiamava la grotta di Decebal. Questo posto e il santuario degli daci, il centro supremo del mondo. Li e il polo degli geti, l axis hiperboreis, axis mundi, Cardines mundi che e composta dalle tre montagne che si trovano intorno alla grotta: Gavane, Omu e Varful Ocolit. In questo posto il cielo comunica con la terra tramite grandissime spirali di energia, li e posto dove l acqua e la più pura di tutto il mondo e ce una zona dove la fatica e i dolori spariscono, ma di questo vi parlerò un'altra volta. Personalmente, non credo nel racconto di Herodoto dove parla che i geti buttavano una persona scelta tra i più bravi dai loro uomini, per morire nelle spade. Questo era probabilmente una illustrazione delle fase della iniziazione per trovare la spiritualità, che cosi come abbiamo visto doveva passare tre livelli. Quando ho iniziato a scrivere questo libro, anche dal inizio mi sono sempre chiesta da dove venivano veramente i insegnamenti che la chiesa attribuiva a Gesù. La deferenza colossale che esiste tra il vecchio e il nuovo testamento, l opposto che esiste tra il sanguinoso dio padre che non ha niente che fare con la bontà e l amore del figlio mi hanno fato sempre pensare. I insegnamenti di Gesù, che dovevano portare l umanità verso la via della conoscenza di se stessi e dello spirito che e dentro ognuno di noi, dovevano avere una fonte reale, e guarda caso la base della dottrina cattolica e proprio la vita reale degli daci. Gesù non può mai essere esistito perche non ce nessuna fonte che può sostenere questa teoria, invece Zamolxe, l uomo, e esistito, e anche i suoi insegnamenti possono essere documentati.

Zamolxe e il figlio del uomo che viene dal Padre per insegnare ai uomini che loro non sono dei semplice mortali, fatti dalla carne, e quale non valgono nul la come ci dice la chiesa, al contrario, gli uomini sono una grande forza, una delle più belle delle creazioni che il Padre ha fatto. La vita mortale del uomo e solo un esperienza che ci aiuta ha crescere, e evolvere verso la conoscenza di noi stessi. Lo s pirito che c è in noi, non e una cosa nascosta dal creatore che noi non dobbiamo conoscere. Siamo noi che non la vediamo. Non per caso e detto hanno occhi ma non vedono, hanno orecchio ma non sentono. Il fatto che siamo stati imbrogliati non e colpa nostra, ma se perseveriamo ha pensare e lasciare tutto cosi, questa si, che sarà la nostra colpa. Vediamo che cosa ci insegna veramente Zamolxe: 1. Lo spirito di ognuno di noi e immortale e la morte del corpo e solo il momento della sua nascita, della sua liberazione dalla materia. 2. La morte fisica significa la nostra risurrezione nello spirito, e l inizio per cominciare una nuova vita spirituale. 3. La montagna sacra, e il punto dove la terra comunica con l universo tramite i flussi grandissimi di energia. 4. La risurrezione spirituale avviene dopo tre giorni o tre anni della morte fisica. 5. Le malattie non sono una punizione del Padre, ma la cattiva comunicazione tra la materia e lo spirito. 6. I suoi viaggi e i insegnamenti che dava ai uomini, per trovare la via vers o il contatto con universo, non hanno niente a che fare con il catechismo con quale ci ha abituati la chiesa. 7. Insegnare agli uomini che lo spirito e immortale, non significa che lui predicava una religione valida solo per quelli che lo ascoltavano, ma indirizzare ognuno di noi ha conoscere che lo spirito universale e dentro tutto il creato del Padre e che noi siamo il tempio in quale lui ha messo questa energia infinita. 8. Lui, come Gesù, era un figlio del uomo che conosceva la via per la spiritualità, che ci porta al Padre: la sua missione era di far conoscere alla gente la meraviglia del immortalità dello spirito 9. Lui ha fato conoscere le tre fase che si devono percorrere per arrivare alla perfezione. Ed e da li che sono nati i culti nelle chiese. Prima era la vita terrena, che nel tempio e la sala dove entravano tutti gli uomini, la seconda e la rinascita, che nei tempi era la sala santa, dove entravano solo i preti, e la terza e la perfezione, il legame che l uomo ha con universo, e che nei tempi era uguale con santus sanctorium, dove i preti entravano solo quando si celebravano le feste. 10. Lui insegnava che l uomo è un essere immortale, perche l uomo è un essere che ha dentro di se una grande forza e una grande potenza, e che la paura non è una sua caratteristica. Il fatto che siamo mortali quando viviamo dentro

la materia, non significa che la nostra vita finisce qui e che noi non siamo buoni ha nulla, perche OM o uomo e un dio. 11. La terra santa della Romania, non si deve int endere come siamo abituati che è la terra santa del Israele, dove e morto o nato Gesù. No, miei fratelli. La terra è santa in Romania e si chiama cosi perche qui e il punto principale del legame tra la terra e il universo. L energia più potente che viene dal universo e va fino in centro della terra e proprio li. E li la chiave quale fu nascosta da migliaia di anni da loro, perche la chiave della conoscenza e il posto dove la terra comunica con universo. Loro hanno portato lontano l attenzione di tutti di questo posto per poterci dominare. Quando la razza dei alieni che ci dominano hanno preso il potere assoluto del nostro pianeta, questo portale fu chiuso, e si attivo quello del medio oriente, ma con poca potenza, sufficiente pero per poter farli viaggiare nei mondi oscuri, da quale loro vengono. Un altro portale grandissimo legato con tutto di quello rumeno si trova in Tibet, e quello e sorvegliato di persone molto fidate e istruite. La chiave per aprirle tutte e in Romania, ma li non e alcun pericolo perche nessuno non lo sa. La svastica e un simbolo del legame tra la terra e universo, Cardines Mundi, Axis Mundi, Axis getico e l Axa che lega il nostro pianeta con il mondo universale. Credete che il nuovo Gerusalemme arriverà dai cieli? E un falso, perche quando loro affermano che arriverà dal alto, in verità significa che arriverà dal nord, dalla terra rumena, dove i cieli si apriranno e l umanità potrà vedere l universo nella quinta dimensione. Non vi pare che i insegnamenti zamolxiani sono i veri insegnamenti che dobbiamo seguire? Non vi pare che la chiesa ha falsificato cosi tanto tutto, e che noi secondo loro non arriveremo mai ha capire tale meraviglia? Gesù che parla in parabole che solo loro capiscono, e a quale danno le più bissare interpretazioni, i misteri e le bugie con quale hanno coperto i nostri occhi per non vedere la verità, la paura, peccato e il sentimento di colpa che incutono in noi, sono solo il modo per tenerci incatenati, di ascoltare e seguire solo loro. Il potere e i loro soldi siamo noi, ignorante e fiduciose pecore che dobbiamo avere un solo pastore secondo loro. Ma la loro colpa più grande e il fatto che con la loro bibbia hanno rubato l identità di un popolo, e la verità che appartiene a tutta l umanità della terra. Inutile ha pensare che non sanno niente, pe rche altri erano prima. La chiesa e la più bugiarda, sanguinosa, ipocrita, ladra, lussuosa, ricca, omicida tra tutte le istituzioni che noi uomini abbiamo mai avuto e conosciuto. Nelle sue biblioteche, giace la verità e la storia di tutta l umanità. Se son o cosi coretti perche nessuno non li deve vedere? Quale e la verità con quale si vantano? Se sono loro i guardiani della giustizia e della verità perche ci nascondono tutto? Semplice. Perche sono loro quelli che hanno ucciso la verità e quelli quale con la loro vita lo hanno difesa. Perche sono

loro i lupi nella pelle di pecora, e perche sono loro che hanno costruito il loro impero su le bugie, sofferenze, umiliazione e dolore di milioni di persone e popoli. Ho trovato un messaggio antico che si chiama Herto Valus e quale comprende i insegnamenti zamolxiani per il popolo, le cosi dette Leggi Belagine, dopo di quale la chiesa ha preparato il discorso di Gesù su la montagna. Cercherò di fare la più buona traduzione possibile. Felici i pionieri che a loro e la vittoria, nelle terre sante Felici quelli che piangono, che quelli in bianchi cieli si conforteranno. Felici quelli miti che di loro sarà la terra. Felici quelli che hanno fame e sono assetati dopo la conoscenza. Quelli si sazieranno e mai non digiuneranno Felici quelli che lavorano, la terra facendo giardino, che raccoglieranno i frutti celesti Felici anche quelli misericordiosi, che quelli saranno perdonati. Felici quelli con la coscienza pulita, che il loro cibo sarà la luce. Felici quelli che difendono la pace che saranno chiamati i figli del cielo Felici quelli esiliati o castigati per la giustizia, il paradiso sarà loro. Sono questi le leggi che Zamolxe ha dato al suo popolo. Era lui su ,nella montagna che chiamava tutte le persone per banchettare, ber e e mangiare per farli conoscere che non devono avere paura di niente, per che la vita non finisce con la morte, era lui che diceva la verità alla gente, non Gesù costruito dalla chiesa, che ha detto sempre il contrario delle vere parole zamolxiene. In quel periodo e successa una cosa che a segnato l inizio del primo millennio. Il tempo vecchio cessò, e iniziò un altro che fu contato in ordine crescente, partendo dal anno uno, cioè al incontrario di prima. Partendo da quella data iniziarono due periodi: prima e dopo di Cristo. Perche, se lui non e mai esistito? Lui no, ma Zamolxe, si. In quel anno, Zamolxe, il sacerdote che per quattro anni fu sotterrato nella sua grotta, e per quattro anni il suo popolo lo pianse e i fecce lutto fuori, aspettando di vederlo uscire perche la sua mancanza affiggeva tutti, in quel anno lui si fecce vivo, in quel anno rinasceva Zamolxe il dio. Decebal fu il re quale viveva e regnava in Dacia a quei tempi. Lui andava nella montagna sacra per parlare con il suo dio che dalla sua rinascita non si faceva vedere a tutti. Zamolxe era il dio di Decebal, e proprio lui segnava la fine di un epoca. Il suo nome ci dice tutto. DECE, significa dieci, e BAAL o BAL, significa divinità. Allora furono 10 divinità dal inizio della nascita della nuova umanità fino in quel momento, e Zamolxe era ultima tra di loro. Decebal era ultimo uomo che lo poteva vedere e parlare con lui nella grotta che porta il suo nome, nella montagna santa di Kogaion. Anche il grande sacerdote del più grande re della Dacia, Burebista, di quale parleremo in seguito, aveva un nome che disegnava lo stesso periodo di dieci divinità e quale a vissuto prima di Decebal. Lui si chiamava Deceneu. In rumeno dio o dèi precisamente la divinità vengono chiamate partendo dalla parola DE U. Noi chiamiamo dio, Dumnezeu, Demnezei, Deumnezeu. Loro, questi grandi re erano i ultimi che hanno avuto

contatto con i esseri di luce che insegnavano al uomo la via verso casa. L umanità era lasciata nelle mani della razza che ci aveva conquistato e qua le da quel momento si monoteismo e l uomo inizio l adorazione di dio di questo mondo. FONTI:GABRIELA DOBRESCU-BIBBIA IL LIBRO DEGLI EXTRATERRESTRI