You are on page 1of 12

Lineagrafica

11-2003

CONTROLLO E MANUTENZIONE
Per una resa ottimale dell’impianto nel tempo e secondo le normative di sicurezza è necessario eseguire una corretta manutenzione
e monitoraggio dell’intera installazione sia per l’automazione, sia per le apparecchiature elettroniche installate e per i cablaggi ad
esse effettuati da parte di personale qualificato.
- Automazione oleodinamica: un controllo di manutenzione ogni 6 mesi circa.
- Apparecchiature elettroniche e sistemi di sicurezza: un controllo di manutenzione mensilmente.

La marcatura “CE” attesta che l’automatismo soddisfa i requisiti
essenziali alla Direttiva Europea art. 10 CEE 73/23, relativa alla
dichiarazione del costruttore di conformità agli articoli prodotti sotto
la famiglia di norme ISO 9000=UNI EN 29000. AUTOMAZIONE IN
CONFORMITÀ ALLE NORME DI SICUREZZA EN 12453, EN 12445.
MARCHIO EUROPEO CHE ATTESTA LA
CONFORMITÀ AI REQUISITI ESSENZIALI DELLE
DIRETTIVE 98/37/CE
• DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ
• AVVERTENZE GENERALI
• NORME EN 12453, EN 12445
• NORME CEI EN 60204-1
• CERTIFICATO DI GARANZIA A RICHIESTA DEL CLIENTE

Lo sviluppo della MECCANICA FADINI è sempre stato basato
sulla garanzia della qualità dei propri prodotti e sull’esistenza
di un sistema di “CONTROLLO TOTALE DELLA QUALITÀ”
che garantisce il mantenimento nel tempo dei livelli
qualitativi ed un costante aggiornamento alle Norme
Europee nel quadro di un continuo processo di
miglioramento.

®

Made in Italy

I

®

s.n.c.

FABBRIC A AUTOMAZIONI C ANCELLI

Spazio riservato al rivenditore
La ditta costruttrice si riserva di apportare modifiche al prodotto senza preavviso.

Via Mantova, 177/A - 37053 Cerea (Verona) Italy - Tel. 0442 330422 r.a. - Fax 0442 331054 - e-mail: info@fadini.net - www.fadini.net

LIBRETTO D’ISTRUZIONI
®

indicato per quelle tipologie di cancelli con pilastri di grandi dimensioni e per chiusure con masse pesanti.3). Es: per una apertura verso l’interno della proprietà l’osservatore si posizionerà all’interno e vedrà alla sua destra l’Aproli 280/700 Robusto Destro. e vedrà alla sua destra l’Aproli 280/700 Robusto Destro.l’Aproli Batt 280/700 Robusto va installato su cancelli con ante non superiori ai 3. Si consiglia l’utilizzo dell’Aproli 280/700 Robusto per ante di lunghezza massima di 3.… . attriti nelle cerniere. mettendo a nudo la base di ancoraggio a pilastro. visibili una volta tolto il cofano di protezione: infatti Destra e Sinistra si intendono per un osservatore posizionato davanti alle due ante da aprire con il senso di apertura verso l’osservatore stesso (Fig. togliere quindi il cofano di protezione svitando le 2 viti di fissaggio – A (Fig.Controllare che la struttura del cancello da motorizzare sia adeguata alla applicazione da installare:nessuna anomalia nella struttura metallica. venendo incontro alle più esigenti richieste di installazione grazie all’utilizzo del braccio a gomito in acciaio e al terminale “telescopico” di presa sull’anta. AL QUALE SI RACCOMANDA LA BUONA TECNICA DI INSTALLAZIONE E DI SEGUIRE LE NORME DI SICUREZZA VIGENTI. IMPORTANTE: L’INTERA INSTALLAZIONE DEVE ESSERE EFFETTUATA DA PERSONALE TECNICO QUALIFICATO. PER UNA PERFETTA APPLICAZIONE E FUNZIONALITA’ DELL’APROLI 280/700 ROBUSTO SI RACCOMANDA DI SEGUIRE ATTENTAMENTE I SEGUENTI PUNTI ESPLICATIVI E RELATIVI DISEGNI. A questo punto svitare le 4 viti di serraggio – B posizionate sotto l’automazione (Fig.Nessun ostacolo al movimento dell’anta da aprire: rialzi eccessivi nel terreno. .Le ante del cancello devono essere installate e livellate in piano COPRI ASTA DI PROLUNGA COFANO DI PROTEZIONE STAFFA DI ATTACCO SULL’ANTA VITE DI FISSAGGIO COFANO .APROLI 280/700 ISTRUZIONI DA SEGUIRE PER L’INSTALLAZIONE DELL’AUTOMAZIONE ROBUSTO Come prima operazione sfilare tutto il braccio a gomito svitando l’apposita vite di fermo avvitata sull’albero di rotazione.A L’Aproli 280/700 Robusto è un apricancello oleodinamico da esterno per ante battenti. Sx APROLI 280/700 ROBUSTO SINISTRO OSSERVATORE POSIZIONATO FRONTALMENTE “CONTRO” IL SENSO DI APERTURA DELLE ANTE Dx APROLI 280/700 ROBUSTO DESTRO FIG. Le automazioni hanno stampato sul martinetto idraulico la sigla Sx (Sinistro) e Dx (Destro). IMPORTANTE: . di cui una delle due si trova all’interno aprendo il coperchietto con la chiave personalizzata.Rinforzare se necessario il punto di attacco sull’anta della Staffa di Attacco del Braccio a gomito .0 metri di lunghezza si deve sempre installare l’elettroserratura. PRIGIONIERO DI FISSAGGIO GRUPPO MOTORE ELETTRICO MARTINETTO IDRAULICO GENERALITÀ . cardini e cerniere di movimento delle ante in perfette condizioni .2). così facendo si riesce a togliere il gruppo motore elettrico-martinetto idraulico. viceversa una apertura verso l’esterno della proprietà l’osservatore si posizionerà all’esterno.2). rinforzare i punti deboli. 3 2 3 .0 metri per un peso massimo di 300 Kg.1) BASE DI SUPPORTO E DI ANCORAGGIO A PILASTRO BRACCIO A GOMITO ROBUSTO SINISTRO ANTA CHIUSA PILASTRO PILASTRO BRACCIO A GOMITO SINISTRO BRACCIO A GOMITO DESTRO APROLI 280/700 ROBUSTO SINISTRO ANTA APERTA ANTA APERTA STAFFA DI ATTACCO SULL’ANTA APROLI 280/700 ROBUSTO DESTRO BATTUTA DI ARRESTO IN APERTURA VISTA IN PIANTA DEL CANCELLO CON DUE APROLI 280/700 ROBUSTI INSTALLATI FIG. 1 TERMINALE ASTA DI PROLUNGA TELESCOPICA VITE DI FERMO BRACCIO A GOMITO SULL’ALBERO DI ROTAZIONE BATTUTA DI ARRESTO IN CHIUSURA ANTA CHIUSA BRACCIO SNODATO SINISTRO VITI DI SERRAGGIO – B GRUPPO MOTORE ELETTRICO – MARTINETTO IDRAULICO ESPLOSO DEI COMPONENTI PRINCIPALI DELL’APRICANCELLO APROLI 280/700 ROBUSTO SINISTRO FIG.Per ante oltre i 2. 2 DISPOSIZIONE DI DUE APROLI 280/700 ROBUSTI Prima di procedere alla installazione e funzionamento dell’Aproli 280/700 Robusto è fondamentale capire l’esatta disposizione delle singole automazioni sull’impianto.Si consiglia di applicare rigidamente a pavimento le battute di arresto in apertura e in chiusura e di verificarne la solidità già dalle prime prove di funzionamento dell’automazione.0 metri di lunghezza . (Fig. con Blocco Idraulico Bidirezionale.

3).Controllare che la struttura del cancello da motorizzare sia adeguata alla applicazione da installare:nessuna anomalia nella struttura metallica. togliere quindi il cofano di protezione svitando le 2 viti di fissaggio – A (Fig. IMPORTANTE: . PER UNA PERFETTA APPLICAZIONE E FUNZIONALITA’ DELL’APROLI 280/700 ROBUSTO SI RACCOMANDA DI SEGUIRE ATTENTAMENTE I SEGUENTI PUNTI ESPLICATIVI E RELATIVI DISEGNI. Sx APROLI 280/700 ROBUSTO SINISTRO OSSERVATORE POSIZIONATO FRONTALMENTE “CONTRO” IL SENSO DI APERTURA DELLE ANTE Dx APROLI 280/700 ROBUSTO DESTRO FIG. (Fig. di cui una delle due si trova all’interno aprendo il coperchietto con la chiave personalizzata.0 metri di lunghezza . Es: per una apertura verso l’interno della proprietà l’osservatore si posizionerà all’interno e vedrà alla sua destra l’Aproli 280/700 Robusto Destro. 1 TERMINALE ASTA DI PROLUNGA TELESCOPICA VITE DI FERMO BRACCIO A GOMITO SULL’ALBERO DI ROTAZIONE BATTUTA DI ARRESTO IN CHIUSURA ANTA CHIUSA BRACCIO SNODATO SINISTRO VITI DI SERRAGGIO – B GRUPPO MOTORE ELETTRICO – MARTINETTO IDRAULICO ESPLOSO DEI COMPONENTI PRINCIPALI DELL’APRICANCELLO APROLI 280/700 ROBUSTO SINISTRO FIG.A L’Aproli 280/700 Robusto è un apricancello oleodinamico da esterno per ante battenti. rinforzare i punti deboli. venendo incontro alle più esigenti richieste di installazione grazie all’utilizzo del braccio a gomito in acciaio e al terminale “telescopico” di presa sull’anta.APROLI 280/700 ISTRUZIONI DA SEGUIRE PER L’INSTALLAZIONE DELL’AUTOMAZIONE ROBUSTO Come prima operazione sfilare tutto il braccio a gomito svitando l’apposita vite di fermo avvitata sull’albero di rotazione. con Blocco Idraulico Bidirezionale.Per ante oltre i 2.Si consiglia di applicare rigidamente a pavimento le battute di arresto in apertura e in chiusura e di verificarne la solidità già dalle prime prove di funzionamento dell’automazione. viceversa una apertura verso l’esterno della proprietà l’osservatore si posizionerà all’esterno. e vedrà alla sua destra l’Aproli 280/700 Robusto Destro. mettendo a nudo la base di ancoraggio a pilastro.Rinforzare se necessario il punto di attacco sull’anta della Staffa di Attacco del Braccio a gomito .2). 3 2 3 .0 metri per un peso massimo di 300 Kg. A questo punto svitare le 4 viti di serraggio – B posizionate sotto l’automazione (Fig.2). IMPORTANTE: L’INTERA INSTALLAZIONE DEVE ESSERE EFFETTUATA DA PERSONALE TECNICO QUALIFICATO. indicato per quelle tipologie di cancelli con pilastri di grandi dimensioni e per chiusure con masse pesanti. PRIGIONIERO DI FISSAGGIO GRUPPO MOTORE ELETTRICO MARTINETTO IDRAULICO GENERALITÀ .1) BASE DI SUPPORTO E DI ANCORAGGIO A PILASTRO BRACCIO A GOMITO ROBUSTO SINISTRO ANTA CHIUSA PILASTRO PILASTRO BRACCIO A GOMITO SINISTRO BRACCIO A GOMITO DESTRO APROLI 280/700 ROBUSTO SINISTRO ANTA APERTA ANTA APERTA STAFFA DI ATTACCO SULL’ANTA APROLI 280/700 ROBUSTO DESTRO BATTUTA DI ARRESTO IN APERTURA VISTA IN PIANTA DEL CANCELLO CON DUE APROLI 280/700 ROBUSTI INSTALLATI FIG.0 metri di lunghezza si deve sempre installare l’elettroserratura. AL QUALE SI RACCOMANDA LA BUONA TECNICA DI INSTALLAZIONE E DI SEGUIRE LE NORME DI SICUREZZA VIGENTI. 2 DISPOSIZIONE DI DUE APROLI 280/700 ROBUSTI Prima di procedere alla installazione e funzionamento dell’Aproli 280/700 Robusto è fondamentale capire l’esatta disposizione delle singole automazioni sull’impianto.… . cardini e cerniere di movimento delle ante in perfette condizioni .Nessun ostacolo al movimento dell’anta da aprire: rialzi eccessivi nel terreno. . visibili una volta tolto il cofano di protezione: infatti Destra e Sinistra si intendono per un osservatore posizionato davanti alle due ante da aprire con il senso di apertura verso l’osservatore stesso (Fig.l’Aproli Batt 280/700 Robusto va installato su cancelli con ante non superiori ai 3. Le automazioni hanno stampato sul martinetto idraulico la sigla Sx (Sinistro) e Dx (Destro). Si consiglia l’utilizzo dell’Aproli 280/700 Robusto per ante di lunghezza massima di 3. attriti nelle cerniere. così facendo si riesce a togliere il gruppo motore elettrico-martinetto idraulico.Le ante del cancello devono essere installate e livellate in piano COPRI ASTA DI PROLUNGA COFANO DI PROTEZIONE STAFFA DI ATTACCO SULL’ANTA VITE DI FISSAGGIO COFANO .

quindi collegata al terminale dell’asta con una vite. Terminato il fissaggio della base di ancoraggio inserire e fissare il gruppo motore elettrico-martinetto idraulico mediante le 4 viti di serraggio – B (Fig.0 m 20 mm dal filo Pilastro 40 BATTUTA DI ARRESTO IN CHIUSURA A PILASTRO STAFFA DI ATTACCO SULL’ANTA ANTA CHIUSA B 110 VITI DI SERRAGGIO – B GRUPPO MOTORE ELETTRICO – MARTINETTO IDRAULICO TERMINALE ASTA DI PROLUNGA TELESCOPICA ANTA APERTA BASE DI SUPPORTO E ANCORAGGIO A PILASTRO C G° D INTERASSE 460 mm. .4-B) . 4-B GRUPPO MOTORE ELETTRICO – MARTINETTO IDRAULICO PILASTRO FIG. La staffa di attacco viene fissata con viti ad un montante robusto dell’anta oppure saldata rigidamente.A FIG. Di seguito viene riportata una tabella in cui sono indicate alcune quote di installazione.80 m 3. 4-C .0 m 4.5).7) (non in dotazione).Togliere il braccio a gomito svitando la vite di fermo posizionata assialmente sull’albero di rotazione (per entrambi le Aproli Dx e Sx) (Fig. Le quote riportate devono ottenere una automazione che riesca a chiudere in maniera decisa l’anta in battuta di chiusura. 7 COFANO DI PROTEZIONE COFANO DI PROTEZIONE FISSAGGIO AL PILASTRO Mediante l’ausilio di una livella si procede al fissaggio della base di supporto con opportuni tasselli ancoranti a seconda della tipologia del pilastro (Fig.4-A) . 520 mm. 580 mm BATTUTA DI ARRESTO IN APERTURA FIG.APERTURA DELL’APROLI 280/700 ROBUSTO Per eseguire l’installazione bisogna prima procedere allo smontaggio e mettere a nudo i singoli componenti. fondamentale per procedere ad una installazione ottimale per un buon funzionamento. ottenendo un interasse tra il braccio a gomito e la staffa di attacco pari a 460 mm. Per l’altezza di fissaggio a pilastro si deve considerare in quale punto viene collegato il braccio snodato sull’anta del cancello: preferibilmente su di un montante robusto. 520 mm oppure 580 mm.Togliere il cofano di protezione svitando le due viti – A di fissaggio del cofano.Per estrarre il gruppo motore elettrico – martinetto idraulico dalla base di supporto. La staffa di attacco (Fig. 6). svitare le quattro viti di serraggio – B posizionate sotto la base di supporto (Fig. 6 5 . da prendere solamente come riferimento (Fig. la quale presenta diverse soluzioni di montaggio poiché dispone di fori di aggancio con il copri asta telescopica in 3 diverse misure di lunghezza(Fig.0 m 5.8). 5 4 FIG. non obbligatorie. PREDISPOSTA PRIMA DELL’INSTALLAZIONE ALL’INTERNO DEL PILASTRO BASE DI SUPPORTO E ANCORAGGIO A PILASTRO FIG. BRACCIO A GOMITO SINISTRO TASSELLI ANCORANTI LIVELLA BASE DI SUPPORTO E ANCORAGGIO CAVO ELETTRICO DI ALIMENTAZIONE GIÀ INSERITO ALL’INTERNO DI UNA TUBAZIONE.8). 8 FIG. (Fig.5) 400 x 400 (mm) 500 x 500 (mm) 600 x 600 (mm) 700 x 700 (mm) 800 x 800 (mm) 900 x 900 (mm) BRACCIO A GOMITO E ASTA TELESCOPICA DI ATTACCO Sul braccio a gomito in acciaio viene imbullonata l’asta di prolunga.0 m 3.6) deve essere imbullonata oppure saldata ad una distanza stabilita dopo le prime prove manuali di apertura e chiusura dell’anta secondo le quote indicative di installazione (Fig. 4-A Misure del pilastro VITE DI FISSAGGIO COFANO .4-C) SERRATURA DI PROTEZIONE GRUPPO MOTORE ELETTRICO MARTINETTO IDRAULICO COPERCHIETTO DI PROTEZIONE CHIAVE PERSONALIZZATA VITE DI FERMO BRACCIO A GOMITO SULL’ALBERO DI ROTAZIONE BRACCIO A GOMITO DESTRO FIG.0 m 1. ed aprire il coperchietto con la chiave personalizzata in dotazione (Fig. COPRI ASTA DI PROLUNGA A (mm) B (mm) C (mm) D (mm) G° Anta cancello 510 560 560 580 620 650 200 250 300 350 400 450 460 460 460 580 580 580 50 60 / 140 135 50 100° 100° 95° 95° 90° 90° 2.Spostare lateralmente il copri serratura posizionato frontalmente e sul lato sinistro del cofano di protezione (per entrambi le Aproli Dx e Sx).

ottenendo un interasse tra il braccio a gomito e la staffa di attacco pari a 460 mm. fondamentale per procedere ad una installazione ottimale per un buon funzionamento. 4-B GRUPPO MOTORE ELETTRICO – MARTINETTO IDRAULICO PILASTRO FIG. Le quote riportate devono ottenere una automazione che riesca a chiudere in maniera decisa l’anta in battuta di chiusura. 5 4 FIG. 4-C . 6 5 . 7 COFANO DI PROTEZIONE COFANO DI PROTEZIONE FISSAGGIO AL PILASTRO Mediante l’ausilio di una livella si procede al fissaggio della base di supporto con opportuni tasselli ancoranti a seconda della tipologia del pilastro (Fig. 520 mm oppure 580 mm. non obbligatorie.0 m 5. La staffa di attacco viene fissata con viti ad un montante robusto dell’anta oppure saldata rigidamente.Per estrarre il gruppo motore elettrico – martinetto idraulico dalla base di supporto. Di seguito viene riportata una tabella in cui sono indicate alcune quote di installazione. 520 mm.5).Togliere il cofano di protezione svitando le due viti – A di fissaggio del cofano.0 m 20 mm dal filo Pilastro 40 BATTUTA DI ARRESTO IN CHIUSURA A PILASTRO STAFFA DI ATTACCO SULL’ANTA ANTA CHIUSA B 110 VITI DI SERRAGGIO – B GRUPPO MOTORE ELETTRICO – MARTINETTO IDRAULICO TERMINALE ASTA DI PROLUNGA TELESCOPICA ANTA APERTA BASE DI SUPPORTO E ANCORAGGIO A PILASTRO C G° D INTERASSE 460 mm.Togliere il braccio a gomito svitando la vite di fermo posizionata assialmente sull’albero di rotazione (per entrambi le Aproli Dx e Sx) (Fig. COPRI ASTA DI PROLUNGA A (mm) B (mm) C (mm) D (mm) G° Anta cancello 510 560 560 580 620 650 200 250 300 350 400 450 460 460 460 580 580 580 50 60 / 140 135 50 100° 100° 95° 95° 90° 90° 2.0 m 1. quindi collegata al terminale dell’asta con una vite. 580 mm BATTUTA DI ARRESTO IN APERTURA FIG. 4-A Misure del pilastro VITE DI FISSAGGIO COFANO .4-A) .5) 400 x 400 (mm) 500 x 500 (mm) 600 x 600 (mm) 700 x 700 (mm) 800 x 800 (mm) 900 x 900 (mm) BRACCIO A GOMITO E ASTA TELESCOPICA DI ATTACCO Sul braccio a gomito in acciaio viene imbullonata l’asta di prolunga. (Fig. Terminato il fissaggio della base di ancoraggio inserire e fissare il gruppo motore elettrico-martinetto idraulico mediante le 4 viti di serraggio – B (Fig.80 m 3. ed aprire il coperchietto con la chiave personalizzata in dotazione (Fig.6) deve essere imbullonata oppure saldata ad una distanza stabilita dopo le prime prove manuali di apertura e chiusura dell’anta secondo le quote indicative di installazione (Fig.APERTURA DELL’APROLI 280/700 ROBUSTO Per eseguire l’installazione bisogna prima procedere allo smontaggio e mettere a nudo i singoli componenti.A FIG. PREDISPOSTA PRIMA DELL’INSTALLAZIONE ALL’INTERNO DEL PILASTRO BASE DI SUPPORTO E ANCORAGGIO A PILASTRO FIG. 8 FIG. svitare le quattro viti di serraggio – B posizionate sotto la base di supporto (Fig. BRACCIO A GOMITO SINISTRO TASSELLI ANCORANTI LIVELLA BASE DI SUPPORTO E ANCORAGGIO CAVO ELETTRICO DI ALIMENTAZIONE GIÀ INSERITO ALL’INTERNO DI UNA TUBAZIONE. 6). da prendere solamente come riferimento (Fig.4-C) SERRATURA DI PROTEZIONE GRUPPO MOTORE ELETTRICO MARTINETTO IDRAULICO COPERCHIETTO DI PROTEZIONE CHIAVE PERSONALIZZATA VITE DI FERMO BRACCIO A GOMITO SULL’ALBERO DI ROTAZIONE BRACCIO A GOMITO DESTRO FIG.4-B) . la quale presenta diverse soluzioni di montaggio poiché dispone di fori di aggancio con il copri asta telescopica in 3 diverse misure di lunghezza(Fig.0 m 4. . Per l’altezza di fissaggio a pilastro si deve considerare in quale punto viene collegato il braccio snodato sull’anta del cancello: preferibilmente su di un montante robusto. La staffa di attacco (Fig.7) (non in dotazione).0 m 3.8).Spostare lateralmente il copri serratura posizionato frontalmente e sul lato sinistro del cofano di protezione (per entrambi le Aproli Dx e Sx).8).

durante la fase dei cablaggi e collegamenti elettrici. 9 6 7 . bisogna usare RELÉ STATICI. collegandoli in parallelo alle singole fasi dei motori elettrici.25 W max 1) PROGRAMMATORE “ELPRO 13 CEI” CON RADIO JUBI 433 AD INNESTO 2) INTERRUTTORE GENERALE MAGNETO – TERMICO DIFFERENZIALE TIPO 0.: A PROTEZIONE USCITA 24 V MORSETTI N. SI SPEGNE ALL’IMPULSO DI STOP LED 6: RADIO.5 mm2 per una distanza massima di 50m. o applicazioni varie. che dà il servizio di non apertura quando sono oscurate. 14 1 13 CEI 13 12 2 BATTENTE . si effettuano le prime prove di funzionamento.MONOFASE SUPPORTO SCHEDINA RADIO COMANDO 11 MORSETTO PER IL COLLEGAMENTO PULSANTIERA PULIN 3 4 5 6 7 ALIMENTAZIONE 24 V 1° CANALE 26 27 28 3 F4 A ZERO ANNULLA IL TEMPO DI RITARDO + 0 8 MICROPROCESSORE F5 TEMPO DI RITARDO ANTA IN CHIUSURA FUSIBILE 630 mA FUSIBILE 1 Amp. TOGLIERE l’alimentazione elettrica 230 V (interruttore di linea staccato. FOTOCELLULE B ALIMENTAZIONE 230 V MONOFASE LED 1: SI ILLUMINA QUANDO LA SCHEDA É ALIMENTATA LED 2: SI SPEGNE QUANDO C’È UN OSTACOLO DAVANTI ALLE FOTOCELLULE LED 3: APRE. altrimenti con relé normali si creano disturbi al microprocessore. il temporizzatore di pausa 08 e il ritardo delle ante in chiusura 07 (Fig. 9 2 -FOTOCELLULA 2° COPPIAContatto fotocellula interna N. motore elettrico. non autorizzate dalla ditta stessa. del trasmettitore oppure di una pulsantiera a muro l’automazione inverte il movimento che sta compiendo (si consiglia di leggere attentamente il foglio di istruzioni allegato al programmatore elettronico).A. 1 radio ricevente 7 CONTATTO RADIO CONTATTO PULSANTE CHIUDE N. .5 Amp.C. CON DUE IMPULSI CONSECUTIVI SI APRONO TUTTE E DUE LE ANTE TUTTE LE MANOVRE APRE.B: questo programmatore è collaudato per aprire cancelli solo con accessori Fadini. poi chiude automaticamente. CHIUDE E INVERTE LA MARCIA.C. Per impostare il lavoro in Automatico oppure in Semiautomatico si agisce sul dip-switch “B”: . ATTENZIONE: Nel caso in cui i motori elettrici hanno poco spunto causa la scarsità di corrente elettrica.Contatto Radio: contatto 7 e 8 sulla morsettiera del programmatore elettronico Elpro 13 CEI (Fig. NON TAGLIARE il cavo elettrico per esigenze di installazione. fotocellule.03A 3) SCATOLA DI DERIVAZIONE 4) APROLI 280/700 ROBUSTO SX 5) FOTOCELLULA A COLONNETTA POLO 44 PROIETTORE 6) BATTUTA DI ARRESTO IN APERTURA 7) TRASMETTITORE JUBI SMALL 433 8) ELETTROSERRATURA 9) FOTOCELLULA A COLONNETTA POLO 44 RICEVITORE 10) APROLI 280/700 ROBUSTO DX 11) SELETTORE A CHIAVE CIFRATA PRIT 19 12) LAMPEGGIATORE MIRI 4 CON ANTENNA BIRIO INSERITA 13) FOTOCELLULA POLO 44 PROIETTORE 14) FOTOCELLULA POLO 44 RICEVITORE 5 COMUNE 7 4 COMUNE 6 3 CONTATTO PULSANTE APRE N. telecamere.13 + PAUSA F2 FADINI 9 FUSIBILE 5 Amp.Finecorsa.Lavoro Semiautomatico: Levetta n°3 del dip-switch “B” in posizione OFF . Per distanze superiori ai 50 m si consiglia di utilizzare cavi elettrici di sezione 2 mm2 . 9).10).Lavoro Automatico: Levetta n°3 del dip-switch “B” in posizione ON. regolando il temporizzatore di lavoro 09 impostato per un tempo superiore di 4 – 5 secondi del tempo reale di apertura dell’anta. LA SEGUENTE FIGURA RAPPRESENTA INDICATIVAMENTE GLI ACCESSORI ESSENZIALI PER IL FUNZIONAMENTO DELL’IMPIANTO. 9). aggiungere due condensatori da 12 µF (uno per ogni motore elettrico). CONTATTO RADIO Dis. 10 1 2 3 4 5 6 7 8 Quando si devono usare più coppie di fotocellule. ad esempio accensioni luci. di quelle ammesse.5 µF 6 FUSIBILE FUSIBILE LAMPEG.COLLEGAMENTI ELETTRICI AL PROGRAMMATORE ELETTRONICO ELPRO 13 CEI Prima di ogni collegamento leggere attentamente gli schemi elettrici allegati.9). N. In fase di chiusura inverte il senso di marcia 8 12. IMPORTANTE: Tutto l’impianto elettrico deve essere collegato a massa (Fig. La ditta costruttrice non risponde di garanzia nell’utilizzo di accessori. 2 coppie di fotocellule N. ecc…. GIATORE 630 mA M2 MOTORI ELETTRICI MONOFASE LAMPEGGIATORE 230 V .3W max USCITA ALIMENTAZIONE ELETTROSERRATURA COMUNE 8 Carico massimo ammesso N. Fig. . Una volta terminati tutti i collegamenti elettrici.C. dato l’impulso di apertura il cancello esegue l’apertura. mentre per la chiusura bisogna dare un impulso in chiusura (contatto 5 e 8 sulla morsettiera del programmatore Elpro 13 CEI) . il cancello esegue l’apertura.A. SI ILLUMINA ALL’IMPULSO DI APERTURA LED 4: CHIUDE. IMPORTANTE: ESEGUIRE UNA ANALISI DEI RISCHI SECONDO NORMATIVE EN 12445 ED EN 12453 ED INTERVENIRE CON DISPOSITIVI DI SICUREZZA DOVE OCCORRE. INTERRUTTORE BLOCCO PORTA TEMPO DI LAVORO + APRE E CHIUDE CONDENSATORI DIP-SWITCH ON ON 1 2 3 4 5 F3 F1 OFF 6 7 8 9 10 11 12 13 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 4 USCITA 24 Vca SPIA 24 V . N° 2014 MORSETTIERA DEL MOTORE ELETTRICO APROLI SINISTRO FIG.10). IL QUALE VA PERSONALIZZATO A SECONDA DELLE DIVERSE ESIGENZE E CARATTERISTICHE DELL’AMBIENTE A DISCREZIONE DELL’INSTALLATORE E DELL’UTILIZZATORE. ad ogni impulso del selettore a chiave. 12 . COMUNE M1 CONTATTO PULSANTE BLOCCO N. si deve ricorrere ad un trasformatore ausiliare posto esternamente al programmatore. lampeggiante vengono eseguiti con cavi elettrici di sezione da 1. pulsantiera.5 µF 1 CONTATTO N.Alimentazione. si ferma in pausa per il tempo impostato dal potenziometro 08. SI ILLUMINA ALL’IMPULSO DI CHIUSURA LED 5: STOP. CONTATTO PEDONALE CON UN SOLO IMPULSO SI APRE UNA SOLA ANTA 3 12. SI ILLUMINA AD OGNI IMPULSO RADIO N.B: per applicazioni speciali. dato l’impulso di apertura (contatto 4 e 8 sulla morsettiera del programmatore Elpro 13 CEI). e accessori si possono usare cavi con fili da 1 mm2 (Fig.

NON TAGLIARE il cavo elettrico per esigenze di installazione. Una volta terminati tutti i collegamenti elettrici.: A PROTEZIONE USCITA 24 V MORSETTI N. non autorizzate dalla ditta stessa.Finecorsa.5 µF 1 CONTATTO N. CONTATTO RADIO Dis. IMPORTANTE: Tutto l’impianto elettrico deve essere collegato a massa (Fig. che dà il servizio di non apertura quando sono oscurate. N° 2014 MORSETTIERA DEL MOTORE ELETTRICO APROLI SINISTRO FIG. 1 radio ricevente 7 CONTATTO RADIO CONTATTO PULSANTE CHIUDE N. SI ILLUMINA ALL’IMPULSO DI APERTURA LED 4: CHIUDE. CONTATTO PEDONALE CON UN SOLO IMPULSO SI APRE UNA SOLA ANTA 3 12. In fase di chiusura inverte il senso di marcia 8 12. 12 .B: per applicazioni speciali. . ATTENZIONE: Nel caso in cui i motori elettrici hanno poco spunto causa la scarsità di corrente elettrica.9). 10 1 2 3 4 5 6 7 8 Quando si devono usare più coppie di fotocellule. IL QUALE VA PERSONALIZZATO A SECONDA DELLE DIVERSE ESIGENZE E CARATTERISTICHE DELL’AMBIENTE A DISCREZIONE DELL’INSTALLATORE E DELL’UTILIZZATORE. e accessori si possono usare cavi con fili da 1 mm2 (Fig. FOTOCELLULE B ALIMENTAZIONE 230 V MONOFASE LED 1: SI ILLUMINA QUANDO LA SCHEDA É ALIMENTATA LED 2: SI SPEGNE QUANDO C’È UN OSTACOLO DAVANTI ALLE FOTOCELLULE LED 3: APRE. di quelle ammesse.Lavoro Semiautomatico: Levetta n°3 del dip-switch “B” in posizione OFF .A. ad ogni impulso del selettore a chiave. 2 coppie di fotocellule N.C. si effettuano le prime prove di funzionamento. motore elettrico.B: questo programmatore è collaudato per aprire cancelli solo con accessori Fadini. aggiungere due condensatori da 12 µF (uno per ogni motore elettrico).MONOFASE SUPPORTO SCHEDINA RADIO COMANDO 11 MORSETTO PER IL COLLEGAMENTO PULSANTIERA PULIN 3 4 5 6 7 ALIMENTAZIONE 24 V 1° CANALE 26 27 28 3 F4 A ZERO ANNULLA IL TEMPO DI RITARDO + 0 8 MICROPROCESSORE F5 TEMPO DI RITARDO ANTA IN CHIUSURA FUSIBILE 630 mA FUSIBILE 1 Amp. poi chiude automaticamente. SI ILLUMINA AD OGNI IMPULSO RADIO N. 9 6 7 . 9 2 -FOTOCELLULA 2° COPPIAContatto fotocellula interna N. TOGLIERE l’alimentazione elettrica 230 V (interruttore di linea staccato. SI SPEGNE ALL’IMPULSO DI STOP LED 6: RADIO. INTERRUTTORE BLOCCO PORTA TEMPO DI LAVORO + APRE E CHIUDE CONDENSATORI DIP-SWITCH ON ON 1 2 3 4 5 F3 F1 OFF 6 7 8 9 10 11 12 13 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 4 USCITA 24 Vca SPIA 24 V . telecamere. 9).COLLEGAMENTI ELETTRICI AL PROGRAMMATORE ELETTRONICO ELPRO 13 CEI Prima di ogni collegamento leggere attentamente gli schemi elettrici allegati. La ditta costruttrice non risponde di garanzia nell’utilizzo di accessori.A.13 + PAUSA F2 FADINI 9 FUSIBILE 5 Amp. lampeggiante vengono eseguiti con cavi elettrici di sezione da 1. fotocellule.3W max USCITA ALIMENTAZIONE ELETTROSERRATURA COMUNE 8 Carico massimo ammesso N. si ferma in pausa per il tempo impostato dal potenziometro 08. SI ILLUMINA ALL’IMPULSO DI CHIUSURA LED 5: STOP. CHIUDE E INVERTE LA MARCIA. si deve ricorrere ad un trasformatore ausiliare posto esternamente al programmatore. Per distanze superiori ai 50 m si consiglia di utilizzare cavi elettrici di sezione 2 mm2 . . 14 1 13 CEI 13 12 2 BATTENTE .5 mm2 per una distanza massima di 50m. durante la fase dei cablaggi e collegamenti elettrici.10). CON DUE IMPULSI CONSECUTIVI SI APRONO TUTTE E DUE LE ANTE TUTTE LE MANOVRE APRE. collegandoli in parallelo alle singole fasi dei motori elettrici. dato l’impulso di apertura (contatto 4 e 8 sulla morsettiera del programmatore Elpro 13 CEI). ad esempio accensioni luci. o applicazioni varie.03A 3) SCATOLA DI DERIVAZIONE 4) APROLI 280/700 ROBUSTO SX 5) FOTOCELLULA A COLONNETTA POLO 44 PROIETTORE 6) BATTUTA DI ARRESTO IN APERTURA 7) TRASMETTITORE JUBI SMALL 433 8) ELETTROSERRATURA 9) FOTOCELLULA A COLONNETTA POLO 44 RICEVITORE 10) APROLI 280/700 ROBUSTO DX 11) SELETTORE A CHIAVE CIFRATA PRIT 19 12) LAMPEGGIATORE MIRI 4 CON ANTENNA BIRIO INSERITA 13) FOTOCELLULA POLO 44 PROIETTORE 14) FOTOCELLULA POLO 44 RICEVITORE 5 COMUNE 7 4 COMUNE 6 3 CONTATTO PULSANTE APRE N. altrimenti con relé normali si creano disturbi al microprocessore.10). il temporizzatore di pausa 08 e il ritardo delle ante in chiusura 07 (Fig.Lavoro Automatico: Levetta n°3 del dip-switch “B” in posizione ON. regolando il temporizzatore di lavoro 09 impostato per un tempo superiore di 4 – 5 secondi del tempo reale di apertura dell’anta. GIATORE 630 mA M2 MOTORI ELETTRICI MONOFASE LAMPEGGIATORE 230 V . 9).25 W max 1) PROGRAMMATORE “ELPRO 13 CEI” CON RADIO JUBI 433 AD INNESTO 2) INTERRUTTORE GENERALE MAGNETO – TERMICO DIFFERENZIALE TIPO 0. del trasmettitore oppure di una pulsantiera a muro l’automazione inverte il movimento che sta compiendo (si consiglia di leggere attentamente il foglio di istruzioni allegato al programmatore elettronico).C. il cancello esegue l’apertura. bisogna usare RELÉ STATICI. IMPORTANTE: ESEGUIRE UNA ANALISI DEI RISCHI SECONDO NORMATIVE EN 12445 ED EN 12453 ED INTERVENIRE CON DISPOSITIVI DI SICUREZZA DOVE OCCORRE. dato l’impulso di apertura il cancello esegue l’apertura. N. ecc…. LA SEGUENTE FIGURA RAPPRESENTA INDICATIVAMENTE GLI ACCESSORI ESSENZIALI PER IL FUNZIONAMENTO DELL’IMPIANTO.C. COMUNE M1 CONTATTO PULSANTE BLOCCO N. pulsantiera.5 Amp. Per impostare il lavoro in Automatico oppure in Semiautomatico si agisce sul dip-switch “B”: .Alimentazione. Fig.Contatto Radio: contatto 7 e 8 sulla morsettiera del programmatore elettronico Elpro 13 CEI (Fig.5 µF 6 FUSIBILE FUSIBILE LAMPEG. mentre per la chiusura bisogna dare un impulso in chiusura (contatto 5 e 8 sulla morsettiera del programmatore Elpro 13 CEI) .

5) Prima del programmatore applicare un interruttore magneto-termico differenziale del tipo 0. . 3) Per installare due coppie di fotocellule i collegamenti si fanno in serie con il contatto normalmente chiuso 1-2. premendo il pulsante “apre” due volte di seguito. LED n. .1A. LED n.1A. sono relative alla possibilità di funzionamento con “colpo d'ariete”. Il funzionamento come cancello con passaggio pedonale (dip-switch n° 6 ON) tramite il pulsante “apre” morsetti 3-4.P.5. quindi abbassare la leva per consentire. oltre alle tradizionali proprie del programmatore Epro 9. COPERCHIETTO DI PROTEZIONE LEVA DI SBLOCCO MANUALE – S ALL’INTERNO PER SBLOCCARE ABBASSARE LA LEVA DI SBLOCCO MANUALE – S LEVA DI SBLOCCO MANUALE – S FIG.) collegati ai morsetti 12-13 e a preservare il programmatore stesso da corto circuito dell'impianto durante la fase di installazione. . LED n. . . 2: “Fotocellule” normalmente illuminato. 4) Se non si usa nessuna pulsantiera fare il ponte tra i morsetti 6-8. a questo punto. 16-17-18 del motore elettrico.” è attivo soltanto da cancello completamente chiuso.3 W) di tutte le posizioni ed i movimenti del cancello (cancello chiuso = spia spenta .Controllare le fotocellule che siano in contatto normalmente chiuso.cancello in apertura = spia lampeggio lento . . 11 9 . consente l'apertura in una sola anta e la richiusura della stessa in modo automatico dopo il tempo di pausa. è possibile.Mentre si ha il ritardo in chiusura nei contatti n. Il contenitore dell’Elpro 13 CEI ed il relativo coperchio sono in materiale plastico resistente agli urti e protetti dalle intemperie con il grado di protezione IP 437. Sul coperchio è presente la manopola di comando di pronto intervento per lo stacco della tensione elettrica in caso di necessità. 12-13 prevista per alimentare n.Collegare l'altra coppia ai morsetti 1-2 Il funzionamento di questa coppia è normale cioè non ferma durante l'apertura e INVERTE IN FASE DI CHIUSURA. Fatta l'alimentazione monofase 230 V 50 Hz ai morsetti 24-25 si deve accendere il “led rosso". Se non usate la 2a coppia di fotocellule lasciare il ponticello ed usare il Dip-switch N. collegare la coppia di fotocellule interna al cancello al morsetto siglato “2a” coppia.Collegamenti al motore elettrico n. 11 prevista per lampadina 24 V .” Se selezionata la funzione “colpo d'ariete” (dip-switch n° 7 ON). rispetto all'inizio del movimento dell'anta per agevolarne lo sgancio della stessa.cancello in chiusura = spia lampeggio veloce). si accende il lampeggiatore di segnalazione e dopo tre secondi parte l'automazione. * Uscita 24 V ~ morsetti n. a cancello chiuso il lampeggiatore funziona ancora per tre secondi. 5: “Blocco” normalmente illuminato.logica azionamento dei relé ottimizzata per consentire un grosso aumento di affidabilità degli stessi. Per il temporizzatore 8 di PAUSA la regolazione va fatta a seconda delle esigenze di sosta. Si spegne se viene premuto il relativo pulsante. 7) NOTA BENE MANCATO FUNZIONAMENTO DEL PROGRAMMATORE .11).DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO PROGRAMMATORE ELETTRONICO ELPRO 13 CEI PER CANCELLI A BATTENTE Accertarsi che tutti i collegamenti elettrici siano eseguiti secondo lo schema allegato. . DIP-SWITCH “B” N° 1 OFF = FOTOCELLULA NON FERMA IN APERTURA INVERTE IN CHIUSURA N° 2 OFF = RADIO INVERTE N° 3 OFF = NON CHIUDE IN AUTOMATICO N° 4 OFF = SENZA PRELAMPEGGIO N° 5 OFF = RADIO NON BLOCCA A TASTO PREMUTO. LED n. La leva di sblocco manuale -S è accessibile aprendo il coperchietto del cofano di protezione tramite chiave personalizzata.03 Ampère ad alta sensibilità. . . Altre funzioni e migliorie sono incluse nel programmatore “ELPRO 13 CEI”: . all’anta di essere libera di muoversi (Fig.tempo di funzionamento dell'elettroserratura aumentato a 2 secondi ed anticipato di 100 msec. 8 FUNZIONAMENTO E CARATTERISTICHE TECNICHE APPLICATIVE Il programmatore “Elpro 13 CEI” incorpora tutte le funzioni richieste oggi ad un cancello del tipo a battente nelle più disparate situazioni ed il dispositivo di “blocca porta”. LOGICA DI FUNZIONAMENTO DEL PROGRAMMATORE: dato l'impulso. In chiusura la coppia di fotocellule N° 2 invertirà la marcia del cancello. qualora venisse a mancare l’alimentazione elettrica oppure per le prime prove manuali di apertura e chiusura. . SBLOCCO MANUALE Lo sblocco manuale dell’Aproli 280/700 Robusto consente il movimento dell’anta manualmente. . 3: “Apre” si illumina premendo il relativo pulsante. . Si spegne soltanto con ostacolo interposto tra le fotocellule. di servizio ad una sola anta pedonale ed inoltre alla possibilità di bloccare la corsa del cancello tenendo premuto il tasto radio. 1: Si illumina quando la scheda è sotto tensione. agire sul DIP-SWITCH "B" posizione 4. Le funzioni aggiuntive presenti. PARTONO RITARDATI L’UNO RISPETTO ALL’ALTRO N° 1 ON = FOTOCELLULA FERMA IN APERTURA N° 2 ON = N° 3 ON = N° 4 ON = N° 5 ON = RADIO NON INVERTE IN APERTURA CHIUDE IN AUTOMATICO CON PRELAMPEGGIO RADIO BLOCCA A TASTO PREMUTO N° 6 ON = SERVIZIO AD UNA SOLA ANTA PEDONALE DA CANCELLO CHIUSO N° 7 ON = COLPO D'ARIETE ATTIVO IN APERTURA DA CANCELLO CHIUSO N° 8 ON = ELIMINA IL RITARDO ANTA IN APERTURA. Durante la pausa il lampeggiatore funziona. Se viene installato all'aperto occorre una scatola di protezione per proteggerlo dai raggi solari o dalla pioggia.tempo di lavoro indipendente dalla regolazione del ritardo anta in chiusura (il tempo del ritardo anta in chiusura viene sommato al tempo di apertura). Il servizio “S. Il radiocomando è sempre attivo per entrambe le ante con il contatto 7-8.aggiunta di un fusibile da 1 Ampère sulla linea a 24 V. 6) FUNZIONAMENTO CON 2 COPPIE DI FOTOCELLULE INDIPENDENTI Lasciare il Dip-switch N° 1 in posizione OFF. LED n. il quale da il segnale che la scheda è sotto tensione. mediante la regolazione del temporizzatore n. Per togliere il tempo di segnalazione del lampeggiatore in apertura (prelampeggio). 6: “Radio” si illumina ad ogni impulso proveniente dal radio comando o da eventuali pulsanti.cancello aperto = spia accesa .Controllare la tensione con il tester che sia 230 V monofase. Il temporizzatore 9 del tempo di lavoro APRE e CHIUDE deve essere superiore alla corsa del cancello.P.tutte le possibili combinazioni degli 8 dip-switch possono essere selezionate a piacimento non essendoci combinazioni che creano conflitti tra di loro. LED n.3 W max. SI APRE SUBITO N° 6 OFF = FUNZIONAMENTO A 2 ANTE N° 7 OFF = COLPO D'ARIETE ESCLUSO N° 8 OFF = RITARDO ANTA IN APERTURA. il colpo di inversione si verificherà solamente con il cancello chiuso completamente (tutte le manovre successive. 19-20-21: si ritarda in apertura con ritardo a tempo fisso. 4: “Chiude” si illumina premendo il relativo pulsante. I DUE MOTORI PARTONO INSIEME SPIA ACCESA = CANCELLO APERTO SPIA LAMPEGGIO LENTO = CANCELLO IN APERTURA SPIA LAMPEGGIO VELOCE = CANCELLO IN CHIUSURA SPIA SPENTA = CANCELLO CHIUSO 1) Il programmatore deve essere installato in un luogo asciutto. diretto a proteggere gli accessori (radio-fotocellule-ecc. Quest'ultima interverrà anche in fase di apertura arrestando il cancello in presenza di ostacolo.presenza nell'uscita per spia di segnalazione (24 V . con il cancello in movimento. 7 nel tempo desiderato. l'apertura di entrambe le ante.Controllare che non ci sia una caduta di tensione tra il programmatore e il motore elettrico.Per i motori usare cavi non inferiori a mm2 1. non provocheranno situazioni di potenziale pericolo con il cancello che invece di aprire chiude per qualche istante) inoltre il "colpo d'ariete" è attivo in fase di spinta per entrambe le ante anche nel funzionamento ad una sola anta pedonale. 2 coppie di fotocellule più n. Uscita spia morsetto n. 1 per selezionare il funzionamento. Descrizione funzioni “COLPO D'ARIETE” e “S. 2) Se non si usano le fotocellule fare il ponte tra i morsetti 1-2.Controllare i fusibili dell'alta tensione. 1 radio ricevente.

Collegamenti al motore elettrico n. Quest'ultima interverrà anche in fase di apertura arrestando il cancello in presenza di ostacolo. Le funzioni aggiuntive presenti. Si spegne se viene premuto il relativo pulsante. 7) NOTA BENE MANCATO FUNZIONAMENTO DEL PROGRAMMATORE . 5: “Blocco” normalmente illuminato. Si spegne soltanto con ostacolo interposto tra le fotocellule.tempo di lavoro indipendente dalla regolazione del ritardo anta in chiusura (il tempo del ritardo anta in chiusura viene sommato al tempo di apertura). . * Uscita 24 V ~ morsetti n. con il cancello in movimento.” Se selezionata la funzione “colpo d'ariete” (dip-switch n° 7 ON). premendo il pulsante “apre” due volte di seguito. 6: “Radio” si illumina ad ogni impulso proveniente dal radio comando o da eventuali pulsanti. LED n. Il radiocomando è sempre attivo per entrambe le ante con il contatto 7-8. Descrizione funzioni “COLPO D'ARIETE” e “S.Controllare la tensione con il tester che sia 230 V monofase.cancello in chiusura = spia lampeggio veloce). DIP-SWITCH “B” N° 1 OFF = FOTOCELLULA NON FERMA IN APERTURA INVERTE IN CHIUSURA N° 2 OFF = RADIO INVERTE N° 3 OFF = NON CHIUDE IN AUTOMATICO N° 4 OFF = SENZA PRELAMPEGGIO N° 5 OFF = RADIO NON BLOCCA A TASTO PREMUTO. di servizio ad una sola anta pedonale ed inoltre alla possibilità di bloccare la corsa del cancello tenendo premuto il tasto radio. 3: “Apre” si illumina premendo il relativo pulsante. 11 prevista per lampadina 24 V . 1 radio ricevente. Il funzionamento come cancello con passaggio pedonale (dip-switch n° 6 ON) tramite il pulsante “apre” morsetti 3-4. 2) Se non si usano le fotocellule fare il ponte tra i morsetti 1-2. agire sul DIP-SWITCH "B" posizione 4.Controllare le fotocellule che siano in contatto normalmente chiuso. LOGICA DI FUNZIONAMENTO DEL PROGRAMMATORE: dato l'impulso. l'apertura di entrambe le ante.tutte le possibili combinazioni degli 8 dip-switch possono essere selezionate a piacimento non essendoci combinazioni che creano conflitti tra di loro. .cancello in apertura = spia lampeggio lento . 1 per selezionare il funzionamento. Uscita spia morsetto n. . Se viene installato all'aperto occorre una scatola di protezione per proteggerlo dai raggi solari o dalla pioggia.Per i motori usare cavi non inferiori a mm2 1.) collegati ai morsetti 12-13 e a preservare il programmatore stesso da corto circuito dell'impianto durante la fase di installazione. 1: Si illumina quando la scheda è sotto tensione. 4) Se non si usa nessuna pulsantiera fare il ponte tra i morsetti 6-8. all’anta di essere libera di muoversi (Fig. La leva di sblocco manuale -S è accessibile aprendo il coperchietto del cofano di protezione tramite chiave personalizzata. Per il temporizzatore 8 di PAUSA la regolazione va fatta a seconda delle esigenze di sosta. LED n.Controllare che non ci sia una caduta di tensione tra il programmatore e il motore elettrico. 19-20-21: si ritarda in apertura con ritardo a tempo fisso. 6) FUNZIONAMENTO CON 2 COPPIE DI FOTOCELLULE INDIPENDENTI Lasciare il Dip-switch N° 1 in posizione OFF.11).5.1A.Collegare l'altra coppia ai morsetti 1-2 Il funzionamento di questa coppia è normale cioè non ferma durante l'apertura e INVERTE IN FASE DI CHIUSURA. 3) Per installare due coppie di fotocellule i collegamenti si fanno in serie con il contatto normalmente chiuso 1-2. a cancello chiuso il lampeggiatore funziona ancora per tre secondi.1A. Per togliere il tempo di segnalazione del lampeggiatore in apertura (prelampeggio).P. LED n. . . 5) Prima del programmatore applicare un interruttore magneto-termico differenziale del tipo 0.” è attivo soltanto da cancello completamente chiuso. SBLOCCO MANUALE Lo sblocco manuale dell’Aproli 280/700 Robusto consente il movimento dell’anta manualmente.3 W) di tutte le posizioni ed i movimenti del cancello (cancello chiuso = spia spenta . PARTONO RITARDATI L’UNO RISPETTO ALL’ALTRO N° 1 ON = FOTOCELLULA FERMA IN APERTURA N° 2 ON = N° 3 ON = N° 4 ON = N° 5 ON = RADIO NON INVERTE IN APERTURA CHIUDE IN AUTOMATICO CON PRELAMPEGGIO RADIO BLOCCA A TASTO PREMUTO N° 6 ON = SERVIZIO AD UNA SOLA ANTA PEDONALE DA CANCELLO CHIUSO N° 7 ON = COLPO D'ARIETE ATTIVO IN APERTURA DA CANCELLO CHIUSO N° 8 ON = ELIMINA IL RITARDO ANTA IN APERTURA.Controllare i fusibili dell'alta tensione.Mentre si ha il ritardo in chiusura nei contatti n. .cancello aperto = spia accesa . . oltre alle tradizionali proprie del programmatore Epro 9. In chiusura la coppia di fotocellule N° 2 invertirà la marcia del cancello. qualora venisse a mancare l’alimentazione elettrica oppure per le prime prove manuali di apertura e chiusura. diretto a proteggere gli accessori (radio-fotocellule-ecc.tempo di funzionamento dell'elettroserratura aumentato a 2 secondi ed anticipato di 100 msec. .DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO PROGRAMMATORE ELETTRONICO ELPRO 13 CEI PER CANCELLI A BATTENTE Accertarsi che tutti i collegamenti elettrici siano eseguiti secondo lo schema allegato.logica azionamento dei relé ottimizzata per consentire un grosso aumento di affidabilità degli stessi. il colpo di inversione si verificherà solamente con il cancello chiuso completamente (tutte le manovre successive. 7 nel tempo desiderato. 12-13 prevista per alimentare n. 8 FUNZIONAMENTO E CARATTERISTICHE TECNICHE APPLICATIVE Il programmatore “Elpro 13 CEI” incorpora tutte le funzioni richieste oggi ad un cancello del tipo a battente nelle più disparate situazioni ed il dispositivo di “blocca porta”. collegare la coppia di fotocellule interna al cancello al morsetto siglato “2a” coppia. consente l'apertura in una sola anta e la richiusura della stessa in modo automatico dopo il tempo di pausa. 4: “Chiude” si illumina premendo il relativo pulsante.3 W max. 2 coppie di fotocellule più n. a questo punto. sono relative alla possibilità di funzionamento con “colpo d'ariete”. SI APRE SUBITO N° 6 OFF = FUNZIONAMENTO A 2 ANTE N° 7 OFF = COLPO D'ARIETE ESCLUSO N° 8 OFF = RITARDO ANTA IN APERTURA. non provocheranno situazioni di potenziale pericolo con il cancello che invece di aprire chiude per qualche istante) inoltre il "colpo d'ariete" è attivo in fase di spinta per entrambe le ante anche nel funzionamento ad una sola anta pedonale.P. Il contenitore dell’Elpro 13 CEI ed il relativo coperchio sono in materiale plastico resistente agli urti e protetti dalle intemperie con il grado di protezione IP 437. quindi abbassare la leva per consentire. rispetto all'inizio del movimento dell'anta per agevolarne lo sgancio della stessa. è possibile. Altre funzioni e migliorie sono incluse nel programmatore “ELPRO 13 CEI”: . 11 9 . LED n. I DUE MOTORI PARTONO INSIEME SPIA ACCESA = CANCELLO APERTO SPIA LAMPEGGIO LENTO = CANCELLO IN APERTURA SPIA LAMPEGGIO VELOCE = CANCELLO IN CHIUSURA SPIA SPENTA = CANCELLO CHIUSO 1) Il programmatore deve essere installato in un luogo asciutto.03 Ampère ad alta sensibilità. Se non usate la 2a coppia di fotocellule lasciare il ponticello ed usare il Dip-switch N. Fatta l'alimentazione monofase 230 V 50 Hz ai morsetti 24-25 si deve accendere il “led rosso". . 2: “Fotocellule” normalmente illuminato. . Sul coperchio è presente la manopola di comando di pronto intervento per lo stacco della tensione elettrica in caso di necessità. COPERCHIETTO DI PROTEZIONE LEVA DI SBLOCCO MANUALE – S ALL’INTERNO PER SBLOCCARE ABBASSARE LA LEVA DI SBLOCCO MANUALE – S LEVA DI SBLOCCO MANUALE – S FIG. si accende il lampeggiatore di segnalazione e dopo tre secondi parte l'automazione. mediante la regolazione del temporizzatore n. Il servizio “S.aggiunta di un fusibile da 1 Ampère sulla linea a 24 V. LED n.presenza nell'uscita per spia di segnalazione (24 V . Il temporizzatore 9 del tempo di lavoro APRE e CHIUDE deve essere superiore alla corsa del cancello. 16-17-18 del motore elettrico. . Durante la pausa il lampeggiatore funziona. . LED n. il quale da il segnale che la scheda è sotto tensione.

3 MPa (30 bar) Temperatura di esercizio..........................................0............1 MPa (10 bar) Pressione max erogabile pompa...a.12)................... Pressione di esercizio media............................................................–20°C +80°C Olio idraulico................. pertanto bisogna togliere il cofano di protezione (Fig........230 V c... 12 10 11 ..............23 s Coppia nominale ......N° 137˙000 COFANO DI PROTEZIONE MISURE D’INGOMBRO 400 105 APROLI 280/700 ROBUSTO SINISTRO VITE DI FISSAGGIO COFANO ....................................................20 Kg Tempo di apertura. mentre il registro verde regola la forza di spinta dell’anta in apertura (Fig............... NOTA: all’atto del montaggio in fabbrica su ogni singolo Aproli 280/700 Robusto vengono distinti per colori differenti i due registri di pressione idraulica: sull’Aproli Destro e sull’Aproli Sinistro il registro rosso regola la forza di spinta dell’anta in chiusura...........................................85 l/min........ Pausa 30 s........................12)........47 cicli/ora Totale cicli annui per 8 ore di lavoro al giorno...............................................................250 W Corrente assorbita ...............................................................Apertura 23 s................. in questo modo si metterà a nudo l’automazione e i singoli registri di regolazione.1......................................137 Nm PRESTAZIONI Ciclo di servizio: ............................................ Frequenza ................... Chiusura 23 s Tempo ciclo completo ................OIL A 15 FADINI by AGIP Peso statico attuatore con braccio .................................................................. agendo prima con la chiave personalizzata sul coperchietto....................................................0........................................................... sui quali è possibile lavorare con un cacciavite piatto......S SENSO ANTIORARIO= MENO FORZA DI SPINTA 580 LEVA DI SBLOCCO MANUALE ..12 µF Velocità rotazione motore ........................... Servizio intermittente.........................................................76 s N° cicli ora ...................18 KW (0.......2 A Condensatore...........................................................................REGOLAZIONE DELLA FORZA DI SPINTA SULL’ANTA Nelle prime operazioni di manovra bisognerà tarare la forza di apertura e chiusura che ogni singolo Aproli 280/700 Robusto esercita sulle ante....S3 Portata pompa idraulica P3................A REGISTRO ROSSO= SPINTA IN CHIUSURA REGISTRO VERDE= SPINTA IN APERTURA 345 150 140 407 APROLI 280/700 ROBUSTO DESTRO REGISTRO VERDE= SPINTA IN APERTURA 260 REGISTRO ROSSO= SPINTA IN CHIUSURA 190 240 220 SENSO ORARIO= PIU’ FORZA DI SPINTA LEVA DI SBLOCCO MANUALE .................................................50 Hz Potenza assorbita .............................................S 570 10 580 150 520 570 520 30 10 460 460 SX DX 50 52 52 50 FIG. APROLI 280/700 ROBUSTO SINISTRO APROLI 280/700 ROBUSTO DESTRO VALVOLE DI REGOLAZIONE FORZA DI SPINTA VALVOLE DI REGOLAZIONE FORZA DI SPINTA DATI TECNICI MOTORE ELETTRICO CENTRALINA IDRAULICA Potenza resa..........................1˙350 g/min.......25 CV) Tensione di alimentazione ................

.137 Nm PRESTAZIONI Ciclo di servizio: ......S 570 10 580 150 520 570 520 30 10 460 460 SX DX 50 52 52 50 FIG.......................–20°C +80°C Olio idraulico...A REGISTRO ROSSO= SPINTA IN CHIUSURA REGISTRO VERDE= SPINTA IN APERTURA 345 150 140 407 APROLI 280/700 ROBUSTO DESTRO REGISTRO VERDE= SPINTA IN APERTURA 260 REGISTRO ROSSO= SPINTA IN CHIUSURA 190 240 220 SENSO ORARIO= PIU’ FORZA DI SPINTA LEVA DI SBLOCCO MANUALE ....................23 s Coppia nominale .............20 Kg Tempo di apertura................................. in questo modo si metterà a nudo l’automazione e i singoli registri di regolazione...........................................................76 s N° cicli ora ....1..............47 cicli/ora Totale cicli annui per 8 ore di lavoro al giorno.............50 Hz Potenza assorbita .......... NOTA: all’atto del montaggio in fabbrica su ogni singolo Aproli 280/700 Robusto vengono distinti per colori differenti i due registri di pressione idraulica: sull’Aproli Destro e sull’Aproli Sinistro il registro rosso regola la forza di spinta dell’anta in chiusura......................... Chiusura 23 s Tempo ciclo completo ............................. 12 10 11 ......................250 W Corrente assorbita ........... Servizio intermittente...........................1 MPa (10 bar) Pressione max erogabile pompa............................................................OIL A 15 FADINI by AGIP Peso statico attuatore con braccio ..............................85 l/min.....12)........................................18 KW (0.........REGOLAZIONE DELLA FORZA DI SPINTA SULL’ANTA Nelle prime operazioni di manovra bisognerà tarare la forza di apertura e chiusura che ogni singolo Aproli 280/700 Robusto esercita sulle ante........................................12 µF Velocità rotazione motore ............. sui quali è possibile lavorare con un cacciavite piatto....................a.. Frequenza .............................. APROLI 280/700 ROBUSTO SINISTRO APROLI 280/700 ROBUSTO DESTRO VALVOLE DI REGOLAZIONE FORZA DI SPINTA VALVOLE DI REGOLAZIONE FORZA DI SPINTA DATI TECNICI MOTORE ELETTRICO CENTRALINA IDRAULICA Potenza resa..............................................................................2 A Condensatore..................... pertanto bisogna togliere il cofano di protezione (Fig.....N° 137˙000 COFANO DI PROTEZIONE MISURE D’INGOMBRO 400 105 APROLI 280/700 ROBUSTO SINISTRO VITE DI FISSAGGIO COFANO .0........25 CV) Tensione di alimentazione .....S3 Portata pompa idraulica P3.........12).......................................................................... Pausa 30 s....................................................................................................1˙350 g/min.....S SENSO ANTIORARIO= MENO FORZA DI SPINTA 580 LEVA DI SBLOCCO MANUALE ............. Pressione di esercizio media..........................0...3 MPa (30 bar) Temperatura di esercizio.... mentre il registro verde regola la forza di spinta dell’anta in apertura (Fig.........Apertura 23 s....................................................230 V c.................................................................................. agendo prima con la chiave personalizzata sul coperchietto..........................................................................

Tel. . 0442 330422 r.fadini. EN 12445.Automazione oleodinamica: un controllo di manutenzione ogni 6 mesi circa. ® Made in Italy I ® s.37053 Cerea (Verona) Italy . EN 12445 • NORME CEI EN 60204-1 • CERTIFICATO DI GARANZIA A RICHIESTA DEL CLIENTE Lo sviluppo della MECCANICA FADINI è sempre stato basato sulla garanzia della qualità dei propri prodotti e sull’esistenza di un sistema di “CONTROLLO TOTALE DELLA QUALITÀ” che garantisce il mantenimento nel tempo dei livelli qualitativi ed un costante aggiornamento alle Norme Europee nel quadro di un continuo processo di miglioramento.Apparecchiature elettroniche e sistemi di sicurezza: un controllo di manutenzione mensilmente.net . 177/A . relativa alla dichiarazione del costruttore di conformità agli articoli prodotti sotto la famiglia di norme ISO 9000=UNI EN 29000. Via Mantova.Lineagrafica 11-2003 CONTROLLO E MANUTENZIONE Per una resa ottimale dell’impianto nel tempo e secondo le normative di sicurezza è necessario eseguire una corretta manutenzione e monitoraggio dell’intera installazione sia per l’automazione. sia per le apparecchiature elettroniche installate e per i cablaggi ad esse effettuati da parte di personale qualificato. FABBRIC A AUTOMAZIONI C ANCELLI Spazio riservato al rivenditore La ditta costruttrice si riserva di apportare modifiche al prodotto senza preavviso. La marcatura “CE” attesta che l’automatismo soddisfa i requisiti essenziali alla Direttiva Europea art.c.n.Fax 0442 331054 . AUTOMAZIONE IN CONFORMITÀ ALLE NORME DI SICUREZZA EN 12453. MARCHIO EUROPEO CHE ATTESTA LA CONFORMITÀ AI REQUISITI ESSENZIALI DELLE DIRETTIVE 98/37/CE • DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ • AVVERTENZE GENERALI • NORME EN 12453. .e-mail: info@fadini. . 10 CEE 73/23.net LIBRETTO D’ISTRUZIONI ® .a.www.