You are on page 1of 15

Quadripoli adattatori

Teoremi
DPD Productions
subsection DPD Theories
version e.0.0

c 2015 DPD Productions



Le informazioni contenute nelle presenti pagine sono state verificate e
documentate con la massima cura possibile. Nessuna responsabilit derivante
dal loro utilizzo potr venire imputata allAutore coinvolto nella loro creazione,
pubblicazione e distribuzione.
Alcuni diritti riservati.
Documento prodotto con LATEX.

Questo documento rilasciato con licenza


Creative Commons BY-SA 4.0

Attribuzione Stessa licenza


http://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0/
Attribuzione Devi riconoscere una menzione di paternit adeguata,
fornire un link alla licenza e indicare se sono state effettuate delle modifiche. Puoi fare ci in qualsiasi maniera ragionevole possibile, ma non con
modalit tali da suggerire che il licenziante avalli te o il tuo utilizzo del materiale.
Stessa licenza Se remixi, trasformi il materiale o ti basi su di esso, devi
distribuire i tuoi contributi con la stessa licenza del materiale originario

Indice
Indice

1 Introduzione
1.1 Nomenclatura . . . . . . . . . . . . .
1.1.1 Circuito generico . . . . . . .
1.1.2 Cosa si intende per quadripolo
1.2 Attenuazione . . . . . . . . . . . . .
1.2.1 Attenuazione e Guadagno . .
1.2.2 A e AQ . . . . . . . . . . . . .
1.2.3 Quadripoli in cascata . . . . .

.
.
.
.
.
.
.

5
5
5
5
6
6
6
6

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

2 Tripolo a L
2.1 Circuito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.1.1 Mnemonici . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.2 I assioma di Peressoni sui tripoli a L . . . . . . . .
2.3 I teorema di Peressoni sui tripoli a L . . . . . . . .
2.4 II teorema di Peressoni sui tripoli a L . . . . . . . .
2.4.1 I caso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.4.2 II caso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.5 I teorema di Vsuh (Si legge Vishush) sui tripoli a L
2.6 Considerazioni sul delta particolare . . . . . . . . .
2.7 III teorema di Peressoni sul tripolo a L . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

7
7
7
8
8
9
9
9
10
11
11

3 Tripolo a T
3.1 Circuito . . . . . . . . . . . . . . . .
3.1.1 Mnemonici . . . . . . . . . . .
3.1.2 Applicazione ai tripoli a L . .
3.2 I teorema di Peressoni sui tripoli a T
3.3 I teorema di Mastro sui tripoli a T .
3.3.1 Applicazione ai tripoli a L . .

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

13
13
13
14
14
15
15

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

Capitolo 1
Introduzione
1.1
1.1.1

Nomenclatura
Circuito generico
RI
I1

O1

RC

QP
I2

O2

Figura 1.1: Circuito con quadripolo generico


I circuiti presi in esame in questo manuale saranno, per semplicit, composti da un generatore di tensione (E) e la sua resistenza interna (RI ), una
resistenza di carico (RC ) e un tripolo/quadripolo (QP ) che adatta il circuito
in modo da avere il massimo trasferimento di potenza dal generatore alla
resistenza di carico.
I nomi dei componenti potranno variare allinterno del manuale: infatti
in alcune sezioni verranno sostituiti con dei nomi che sono pi significativi
relativamente al contesto in cui si trovano.

1.1.2

Cosa si intende per quadripolo

In questo manuale, per semplicit, si indicheranno col termine quadripolo,


sia i tripoli che i quadripoli (quando non diversamente specificato).
Infatti i tripoli sono quadripoli con due poli equipotenziali.

1.2

CAPITOLO 1. INTRODUZIONE

Attenuazione

1.2.1

Attenuazione e Guadagno

In questo manuale si parler sempre di attenuazione (A), e mai di guadagno


(G), questo perch si trattera di solo quadripoli resistivi che non hanno un
guadagno.
Si ricorda comunque che in tutte le formule si pu sostiruire lattenuazione
con linverso del guadagno:
1
AX =
GX

1.2.2

A e AQ

Con AQ si intende lattenuazione introdotta da un quadripolo, con A lattenuazione totale di un circuito rispetto al generatore.
Se un circuito adattato allora A = 2AQ , in quanto RI uguale allimpedenza
immagine ingresso del quadripolo.

1.2.3

Quadripoli in cascata
I1

VI0

O1

Q0P
I2

I1
0
VO

O2

O1

VO00

Q00P

VI00

I2

O2

Figura 1.2: Due quadripoli in cascata


AQ = A0Q A00Q
Dimostrazione
VO0 = VI00 = x

A0Q

A00

VI0
VO0
VI00
VO00

=
=

VI0
x
x
VO00

A0Q A00Q =

VI0 x
V0
00 = I00 = AQ
x VO
VO


Capitolo 2
Tripolo a L
2.1

Circuito
RO

RTO
RV
RTV

Figura 2.1: Circuito con quadripolo a L


con RV 6 RO
Il generatore di tensione E pu stare
o nel ramo di RO oppure nel ramo di RV

2.1.1

Mnemonici

Si scelto di cambiare il nome dei componenti 1 per motivi di memorizzazione, infatti con i nomi in figura 2.1 risulta molto pi semplice memorizzare le formule.
1
2

rispetto alla figura 1.1


in realt se il generatore si trova in questo ramo non sono in parallelo

CAPITOLO 2. TRIPOLO A L
RTV
RTO
RV
RO

Resistenza
Resistenza
Resistenza
Resistenza

verticale del tripolo


orizzontale del tripolo
in parallelo2 alla verticale
in serie alla orizzontale

Tabella 2.1: Mnemonici per il tripolo a L in figura 2.1

2.2

I assioma di Peressoni sui tripoli a L

Enunciato
Il delta particolare del tripolo a L (
) definito dalla seguente formula:
Formula

=1

2.3

RV
RO

I teorema di Peressoni sui tripoli a L

Teorema

RTO = RO

RV
RTV =

Dimostrazione
RO =
=

(RTO + RTV )RTO =

(RO
+ RV )RO =

s

RV =

RO

RO 1

v
u
u
t

RV

+
RO
=

RV
RO

RO RO =

(RTO //RTV )RTV =

+ RV RO =
q

RO
+ RV

RO
=

(RO RV + RV ) RO =

2
RO
= RO

u
RTO RTV
R
u RO RV
V =
RTV = t
R
V
RTO + RTV
RO
+

s
v

u
RV
RV
RO RV
RO RV
u


=t
RV =
RV =
R
RO
+ RV
RO RV + RV

RO 1 V + RV

v
u
u RO
t

RO

2.4. II TEOREMA DI PERESSONI SUI TRIPOLI A L


s

q
q
RO RV
RV = RV RV = RV2 = RV
RO

2.4
2.4.1

II teorema di Peressoni sui tripoli a L


I caso
RTO

RV

VI

RTV

VO

RO

Teorema

AQ = 1 +
Dimostrazione
VI
VI
AQ =
=
O
VO
VI ROR+R
T

RO + RTO
RTO
RO

=
+1=1+
=1+
RO
RO
RO
O

2.4.2

II caso
RTO

RO

Teorema

VI

RTV

1+

AQ =
1

VO

RV

10

CAPITOLO 2. TRIPOLO A L

Dimostrazione
VI
=
AQ =
VO
VI

VI
RTV //RV
RTO +RTV //RV

RTO
RTO + RTV //RV
=
+1=
RTV //RV
RTV //RV


R
RO
V + RV
RO
RV 1+
RTO (RTV + RV )
=
+1=
+1=
+1=
R
2
V RV
RTV RV
R
V

RO
(1 +
)

=
+1 =
+1 =
RV
RV +1 =
RV +1 =
RV
1

1
+
1

(1

)
RO
RO
RO

+
+1

1+

+1=
=
=
1

2.5

I teorema di Vsuh (Si legge Vishush) sui


tripoli a L

Enunciato
0
Dati due circuiti aventi resistori uno RO ed RV , laltro RO
e RV0 , se il rapporto
fra i due resistori uguale nei due circuti, allora i tripoli a L che li adattano
avranno la stessa attenuazione.

Teorema
RV
R0
= V0 AQ = A0Q A = A0
RO
RO
Dimostrazione

I caso

AQ = 1 +

=1+

v
u
u
t1

u
u
RV
RV0
t
= 1 + 1 0 = A0Q

RO
RO

II caso

RV
RO
RV
RO

1+ 1

1+

AQ =
=
1

11+

1+ 1
=

RV
RO

RV
RO

1+ 1
=

RV0
0
RO

RV0
0
RO

= A0Q


2.6. CONSIDERAZIONI SUL DELTA PARTICOLARE

2.6

11

Considerazioni sul delta particolare


06
61

Dimostrazione

RV

6 RO
RV > 0

R
O

>0

06

RV
RV
61061
6106
61
RO
RO


2.7

III teorema di Peressoni sul tripolo a L

Teorema

RTO
RTO + RTV

=
Dimostrazione

RTV

RTV

R
RV
T
= 1 RT
= 1
1 + V
=1

= 1
O
RO
RTO
RTO

1
1+

RTV
RTO

RTO
RTO + RTV


13

Capitolo 3
Tripolo a T
3.1

Circuito
RI

RTI

RTO

RTV

RC

Figura 3.1: Circuito con quadripolo a T

3.1.1
RTV
RTI
RTO

Mnemonici
Resistenza verticale del tripolo
Resistenza in ingresso al tripolo
Resistenza in uscita al tripolo
Tabella 3.1: Mnemonici per il tripolo a T in figura 3.1

14

CAPITOLO 3. TRIPOLO A T

3.1.2

Applicazione ai tripoli a L

Un tripolo a L non altro che un tripolo a T avente RTI oppure


RTO con resistenza 0, pertanto tutti i teoremi seguenti saranno
validi anche per i tripoli a L facendo attenzione ai nomi dei
resistori.

3.2

I teorema di Peressoni sui tripoli a T

Teorema

Una volta fissati i valori di RTI e di RTO possibile calcolare


la resistenza RTV , per adattare il circuito, meidante la seguente
formula:
RTO RI RTI RC
RTV =
RC RI
Se il valore RTV dovesse risultare negativo bisogna procedere al
cambio dei valori di RTI e/o di RTO .
Dimostrazione

RTI

RTO

RTV

RI

RC

Se il quadripolo adattato gli ohmmetri segneranno rispettivamente: 1 = R2I e 2 = R2C

RI
2
RC
2

RI //[RT

+ RTV //(RTO + RC )] =

R //[R
C
TO

+ RTV //(RTI + RI )] =

RTV (RC RI ) = RTO RI RTI RC RTV =

RI
2
RC
2

RTO RI RTI RC
RC RI

3.3. I TEOREMA DI MASTRO SUI TRIPOLI A T

15

1

3.3

I teorema di Mastro sui tripoli a T

Teorema

AQ =

RI + RTI + RTV
RTV

Dimostrazione
Il passaggio 3 si ottiene per il teorema di Thvenin

AQ =

VI
RI + RTI + RTV
VI
=
=
R
VO
RTV
VI RI +RTTV+RT
I


3.3.1

Applicazione ai tripoli a L

Se si considera RTI oppure RTO con resistenza 0, allora la formula


applicabile ai tripoli a L:
I caso: AQ =

RI + RTV
RTV

RI + RTO + RTV
RTV
dove RI la resistenza interna al generatore, RTV la resistenza
verticale del tripolo a L e RTO la resistenza orizzontale del
tripolo a L.
II caso: AQ =

Sono stati omessi i passaggi intermedi in quanto sono molto lunghi e sono una semplice
risoluzione del sistema