You are on page 1of 301

Informazioni su questo libro

Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google
nellambito del progetto volto a rendere disponibili online i libri di tutto il mondo.
Ha sopravvissuto abbastanza per non essere pi protetto dai diritti di copyright e diventare di pubblico dominio. Un libro di pubblico dominio
un libro che non mai stato protetto dal copyright o i cui termini legali di copyright sono scaduti. La classificazione di un libro come di pubblico
dominio pu variare da paese a paese. I libri di pubblico dominio sono lanello di congiunzione con il passato, rappresentano un patrimonio storico,
culturale e di conoscenza spesso difficile da scoprire.
Commenti, note e altre annotazioni a margine presenti nel volume originale compariranno in questo file, come testimonianza del lungo viaggio
percorso dal libro, dalleditore originale alla biblioteca, per giungere fino a te.
Linee guide per lutilizzo
Google orgoglioso di essere il partner delle biblioteche per digitalizzare i materiali di pubblico dominio e renderli universalmente disponibili.
I libri di pubblico dominio appartengono al pubblico e noi ne siamo solamente i custodi. Tuttavia questo lavoro oneroso, pertanto, per poter
continuare ad offrire questo servizio abbiamo preso alcune iniziative per impedire lutilizzo illecito da parte di soggetti commerciali, compresa
limposizione di restrizioni sullinvio di query automatizzate.
Inoltre ti chiediamo di:
+ Non fare un uso commerciale di questi file Abbiamo concepito Google Ricerca Libri per luso da parte dei singoli utenti privati e ti chiediamo
di utilizzare questi file per uso personale e non a fini commerciali.
+ Non inviare query automatizzate Non inviare a Google query automatizzate di alcun tipo. Se stai effettuando delle ricerche nel campo della
traduzione automatica, del riconoscimento ottico dei caratteri (OCR) o in altri campi dove necessiti di utilizzare grandi quantit di testo, ti
invitiamo a contattarci. Incoraggiamo luso dei materiali di pubblico dominio per questi scopi e potremmo esserti di aiuto.
+ Conserva la filigrana La "filigrana" (watermark) di Google che compare in ciascun file essenziale per informare gli utenti su questo progetto
e aiutarli a trovare materiali aggiuntivi tramite Google Ricerca Libri. Non rimuoverla.
+ Fanne un uso legale Indipendentemente dallutilizzo che ne farai, ricordati che tua responsabilit accertati di farne un uso legale. Non
dare per scontato che, poich un libro di pubblico dominio per gli utenti degli Stati Uniti, sia di pubblico dominio anche per gli utenti di
altri paesi. I criteri che stabiliscono se un libro protetto da copyright variano da Paese a Paese e non possiamo offrire indicazioni se un
determinato uso del libro consentito. Non dare per scontato che poich un libro compare in Google Ricerca Libri ci significhi che pu
essere utilizzato in qualsiasi modo e in qualsiasi Paese del mondo. Le sanzioni per le violazioni del copyright possono essere molto severe.
Informazioni su Google Ricerca Libri
La missione di Google organizzare le informazioni a livello mondiale e renderle universalmente accessibili e fruibili. Google Ricerca Libri aiuta
i lettori a scoprire i libri di tutto il mondo e consente ad autori ed editori di raggiungere un pubblico pi ampio. Puoi effettuare una ricerca sul Web
nellintero testo di questo libro da http://books.google.com

l a

su

A o

euaatsUILIIOIIIer

Mnchen

Napoli

ANNO I.

Luned 15 Ottobre 1860

Milano - N. 1 -

G0L0

IL P

GIORNALE POLITICO POPOLARE DELLA SERA


Esee tutt'i giorni anche festivi, tranne le solennit.

PREZZO D' ABBONAMENTO MENSILE

Napoli a domicilio
Provincia franco di posta. . . .
Trimestre semestre ed anno in proporzione.
Per l'Italia superiore, trimestre.
-

Le vere e stabili amicizie si fondano


sulla franchezza.

Perci il nuovo giornale dice schietta


mente al pubblico napoletano chi sia, e
donde venga-il pubblico sapr cos che
voglia, e ove vada.

Il PUNGolo di Napoli fratello al PUN


Golo di Milano.

Quest' ultimo nacque sotto la domina


zione stranierafu grido, sfida e prote
sta costante d'un popolo che voleva esse
re, ed -tutta la giovane letteratura lom
barda vi collabor-ebbe dall'Austria so

spensioni e soppressione- i suoi scritto


ri carcere ed esilio.

Mu'ati i tempi , mut forma ma non


propositi risollev la propria bandiera

risse sopra:

lo Stabilimento tipografico dell'Ateneo


Vico S. Maria Vertecoeli, N. 9.

7, 50

L. It.

Un numero separato costa Un grano.

PROGRAMMA

L'Ufficio di Redazione, e la distribuzione principale presso

30
45

gr.

--

--

Si ricevono Inserzioni a Pagamento.

- --

si locali che gli venissero trasmessi, pur mo per l'uno, con tutta la venerazione che
ch in armonia colle opinioni e le viste abbiamo per l'altro, diciamo francamente che
del Giornale- ricever inoltre inserzioni
n l'uno n l'altro han detto al paese il vero

stato delle cose.

verit ad amici e nemici, sempre, a ogni

Si pubblicatutt'i giorni anche festivi, tran


Gli che il governo Dittatoriale, ch' pur

ne le solennit.

composto di uomini liberalissimi, ha l'abitu

ni popolari la Nazione prima di tutto e

di tuttiindipendenza assoluta da uomini


e da partiti, per quanto forti e potenti

il

possibile ingerenza governativa; perci in o a ragione, crede che pel momento tutt' i
fine solleciter con ogni sua forza i miglio suoi pericoli gli vengano da quella parte. ''
ramenti materiali e morali urgentemente Noi siamo ben lungi dal giustificare quel
richiesti dalle presenti condizioni del pae grido e anzi ci uniamo di cuore alle gene
se, e dalle sue impazienti aspirazioni al rose parole di Garibaldi che disse: Muoia nes
l'avvenire.
. . . perch tutti pos
nessuna Italiano
suno lavorore
quindi una sono
avr q
Il PUNGolo di Napoli
fare l' Italia una.
p

Direzione e Redazione speciale, stabili


in questa Citt e composte in gran par Ma se si vuole che il popolo non esca dal
te da cittadini, e dar regolari corrispon seminato, bisogna toglierlo dai vaghi allarmi,
denze da Torino, da Milano e dagli altri bisogna dirgli schietto e tondo: Si tratta di
centri principali d'Italia, come pure da questo e di quest'altro sentiamo mo' che ne
Parigi e da Londra, valendosi perci dei pensi.
mezzi di cui pu disporre per la sua du Ed appunto ci che nessuno si incaricato
plice contemporanea esistenza.
di fare Al popolo sabato mattina ha par
Il PUNGolo di Napoli accoglier nelle lato Conforti, al popolo pi tardi ha parlato
Proprie colonne quegli articoli su interes Garibaldi ma con tutta la stima che abbia

- :lia, un Re d'Italia, una Nazione a pagamento.

italiana massimo e leale sviluppo di li


bert interne-larghe e benefiche istituzio

-oo-

tudine di tutti i Governi conservatori, quella di


governare fuori del popolo.

L'ULTIMA CRISI

Siccome per la questione sciolta ieri, pu

Venerd mattina il nostro buon popolo Na riaccendersi domani, cos crediamo bene di
Alle sua inconcussa fedelt a tale ban
poletano sent dire che c'era crisi ministeria spiegare al popolo le cause o i pretesti della
e a tale programma il PUNGoLo di le sabato sera sent dire che la crisi era supe crisi da cui uscito,
di

COSlo.

Milano deve la popolarit di cui gode.


Il uscolo di Napoli

solleva la stessa rata ma nessuno n di quelli che governa

Vi un fatto, una idea su cui tutti gl'Ita

bandiera- vi scrive sopra lo stesso pro


gramma-al pari del fratello, terr salda

no, o che dovrebbero governare, n dei gior liani sono d'accordo, quella cio di voler fare
nalisti, che pure avrebbero anch'essi il dovere l'Italia una, ond' esser forti per poter fare e

gli chiedesse: Siete con noi? dir altamen

crisi era nata, e come questa crisi erasi sciolta.

la nostra nazionale independenza,


l'una, immutabile l'altro- e a chiunque d'illuminarlo, gli fecero sapere perch questa conservare
e difenderla da amici e da nemici.
Abbiamo detto che su ci siamo tutti d'ac
te : Sono e sar sempre col gran partito Eppure si trattava , o almeno avrebbe do
gl' Italiani-perch se vi alcuno
del popolo italiano.
vuto trattarsi, di lui, e da una parte e dall'al cordotutti
che pensi diversamente, gli uno che vuol far
Cos spera di acquistarsi titoli al favo tra si parlava in suo nome.
li Napoli.
Egli, il buon popolo, si agit per quel na gl'interessi dell'Austria, o de'suoi vassalli, e
'I PUNGolo di Napoli si propone di con turale istinto che gli fa presagire, e presenti quindi non un Italiano.

ciliare gl'interessi generali d'Italia con

re un pericolo e una minaccia ma la fu

Solamente alcuni vogliono che cominciamo

quelli speciali di queste Provincie, facen


intanto ad unire insieme i 22 milioni d'Ita
dosi organo dei loro bisogni, dei loro de un'agitazione vaga, incerta, confusa, come il liani che sono gi liberi per esser forti e po
sentimento che la ispirava perch non aveva
siderii, della loro volont.

Perci propugner il discentramento


amministrativo in quelle pi larghe pro
porzioni che sono compatibili col vincolo

della Unit nazionale; perci chieder pei


Comuni le pi ample libert e la minor

n un punto di partenza determinato, n una ter liberar da noi soli gli altri Italiani che
non lo sono - altri vogliono che si cominci
meta certa a cui tendere.
Siccome poi aveva bisogno di formulare, di prima a liberare gl' Italiani della Venezia e
concretare in qualche modo i proprii timori, di Roma, e che non ci uniamo fra noi che
cos grid: Morte a Mazzini, perch, a torto quando saremo tutti liberi
-

IL PUNGOLO

Ad impor condizioni? E siamo da capo colle


Garibaldi appartiene a questa seconda opi diffidano della libert, e della nazione Noi
canto nostro abbiamo pi fede e nell'una precauzioni contro un uomo.
nione la maggioranza del paese alla pri dal
e nell'altra - per cui slidlan nn solo il
Delle due una o queste condizioni sono in
ma Vi sono delle buone ragini da una
Conte di Cavur n mille Cavour a fermar ia coi bisogni, coi desideri della intera
parte e dall' altra.
la nazione quando essa voglia realmente all
Se si fosse organizzato qui nella Italia me dare innanzi Tutto sta nel educare la na nazione o non lo sono.
ridionale qualche cosa di stabile - se si fosse zione a saper volere - ed questo che tutti i Nel primo caso, quando saremo uniti, non le
frmuleremo come condizioni, ma come volont
dato a questo provvisorio, che si voleva pro
nazinali, e siccome la nazione sola padrona
trarre fino alla completa liberazione d'Italia, liberali dovrebbero fare
Ma
per
riescirvi
bisgna
cominciare
col
dar
un carattere di sicurezza, e di durata; se si le tutta la coscienza della sua forza, e non col d s, cosi tradurr in atto le proprie volont,
piaccia o non piaccia a questo od a quel mi

fosse fondato qualche cosa che potesse resta

re; se si fosse cominciato a dare una forza dirle: Bada che vi un uomo pi forte di te. nistero,
Nel secondo caso, neghiamo assolutamente
al paese che lo garantisse dai pericoli del ne ra, era ane, alla crisi di g
- -

- -

ad una parte d'Italia il diritto d'imporle alle


presente, e promettesse di renderlo atto a timi giorni.
Gli uomini che volevano ritardare l'annes

altre parti sorelle. Bisogna esser logici non

qualche cosa per l'avvenire anche noi for

se non avremmo trovato la necessit d'affret sione, o la fusione il nome non muta la co vogliamo che il Piemonte si sovrapponga a noi,

tare tanto questa unione, e avremo mo detto: sa girarono, come suol dirsi, la posizione, ma non dobbiamo volerci sovrapporre noi ad
che la Italia meridionale e la settentrionale s'in e misero in campo che il voto del paese do alcuno.
veva essere formulato da un'assemblea, che a

Siamo d'accordo che lo Statuto Piemontese


tendano nello scopo finale che ciascuna poi vrebbe stabilito le condizioni a questa unione.
non dev'essere le colonne d'Ercole della libert
vi cooperi coi propri mezzi e che l' una
Gli uomini che credevano doversi affrettare
Italiana-d'accordo che vi son leggi viziose o
controlli l'azione dell'altra.
questa
unione,
combattevano
l'assemblea
non sufficientemente liberali, e che bisogna cor
Ma siccome gli uomini che sostenevano do
La crisi ministeriale nata da clo.
reggere le une, e allargare le altre; non ci non

versi prolungare il provvisorio sino ad opera

il Prodittatore, Marchese Pallavicino, e la deve essere imposto per volont di una parte

finita che sono pure onestissimi Italiani


saliti al potere, non seppero convincere coi maggioranza dei Ministri, erano Pel plebisci d'Italia, bens eseguito per volont espressa di
fatti il paese che il provvisorio poteva durare to il sig. Crispi ed alcuni amici i tu a la nazione.
Tenete di non essere ascolta i 2 Siete nove
senza produrre sfasciamento nell'amministra paldi erano per l'assemblea - Il generale
zione, debolezza nell'interno, incertezza do tatore propendeva per questa-da ci la dimis milionivarrete sempre come tali nel Par
vunque siccome non pensarono a fondare sione del Prodittatore e dei Ministri - da cio lamento, come nella nazione.

la improvvisa venuta in Napoli di

Gari

nulla, neppure l'esercito cos crediamo che


abbia ragione il popolo quando dice: Questo
provvisorio non pu durare senza logorare

Dubitate delle ingiustizie o delle parziali a d i

questo o di quel Ministro? Ma i Ministri non du


Ebbene invece di spiegare al popolo tutt rano, se la nazione non li sostiene, e la nazione

baldi.

tutte le forze del paese, per modo che al dato

ci, lo si tenne completamente all'oscuro

giorno, intisichito, illanguidito, senza esercito,


senza finanze, non potr contribuire come de
ve e pu alla guerra finale, e i 22 milioni d'I
taliani liberi non potranno agire come 22 mi
lioni-ma nel gran libro mastro dei conti nazio
nali, all'epoca della scadenza, l'Italia meridio
nale figurerebbe come nove milioni di passivo,

tutto da ci i suoi esagerati allarmi, la sua

di

non sostiene n le ingiustizie n le parzialit.


La discussione ci trasse pi in la che non vo
levamo andare. Torniamo a noi.

inquieta agitazione.
Noi non siamo di quelli che vogliono il Go
-

Garibaldi, da quel gran liberale ch'egli ,


verno in piazza ma vogliano i governi lo venne a Napoli per decretare l'Assemblea, e dar
gici La rivoluzione va trattata come la ri torto agli uomini che l'avversavano.
Ma quando fu qui, e vide il popolo cos con
voluzioneSe governate in nome del popolo ,
corde
e compatto nel voler affrettare la unione,
quando si tratta del suoi interessi interrogate

che incepperebbero, imbarazzerebbero, anzich il popolo, ma per averne una chiara risposta, per escire da un provvisorio che lo paraliz

za, e lo spaventa, diede una gran lezione a tutti


aiutarli, i tredici milioni di attivoe perci bi fategli una chiara domanda:
Invece si ridusse da un canto la cosa alle i liberali, sagrilic, senza risentimenti e senza
sogna escire da questo stato al pi presto pos
proporzioni di una rivoluzione di Palazzo-dal cruccio, come senza vanto e senza pompa, la
sibile.
propria opinione a quella della maggioranza:
Perch e su ci bisogna parlar chiaro l'al.ro il giornalismo si limit a fare delle per
resto il plebiscio e gli uomini che lo sostene
il popol nostro non n Cavouriano n anti sonalit-il Nazionale a dire delle ingiurie al
signor
Crispi-l'Indipendente
a
romanticizzare vano, e i campioni della idea opposta si riti
Cavouriano poco gl' importa di sapere chi
Tal'0ll0.
sia il ministro che regge gli affari dei tredici politicandoe cos dal piu
milioni d' Italiani con cui vogliamo confon c la cosa per le persone.

al meno si dimenti

Au essi non si pu apporre che un torto, quello

Il progetto dell'Assemblea non avea che il


derci sa che non vi nessun Ministro pi
forte della volont nazionale, e che il giorno torto della inopportunit.
Un mese fa, la poteva essere una idea possi:
in cui un Ministro qualunque volesse ritarda

di aver voluto lottare con la pubblica opinione,


mino all'ultimo estremo, di aver cercato qual
che volta di violentarla, di aver ali.eposto il loro
convinciulen.o a quello della tuaggioranza , e

re o paralizzare l'azione nazionale, la nazio bileadesso la era una idea impossibile. Dop

ne farebbe senza di lui, farebbe contro lui, quaranta giorni di un provvisorio

di aver quindi cos.reto la maggioranza ad at

dissolvente,

e, comincerebbe col rovesciarlo.


Anzi fra gli errori di questa epoca, noi cre

non si pu venir a parlare ad un paese

quello che vanno facendo certi liberali, a

sit del paese di escire dal precario urgente,

di un

terrarli per vincerli.

il peggio per essi che si consumarono in

progetto che lo prolunga, Dio sa per quant una lotta impossibile.


diamo gravissimo quello di avvezzare il popo perche da un Assemblea possono sorgere diffi
Per sostener questa lotta hanno dovuto ri
lo ad aver paura di un uomo eppure gli colt gravi, n facili a risolversi -e la neces
correre a mezzi ch erano in opposizione ai prin
pro

posito del Conte di Cavour Vogliono pren

dere le loro precauzioni contro di lui Egli

cipii che hanno professato per tuta la loro vita;


immediata.

E poi a che servirebbe l'Assemblea ?

A for

diplomatizza troppo, dicono essi, e ci addor mulare il voto del popolo.

menter tutti cogli oppiati ministeriali per

Quando si tratta di esprimere un sentimento

cui l' opera del nazionale riscatto si fermer e di esprimerlo con un si o con un no, il popolo
sa farlo da s, e non ha bisogno di delegare ad
al punto in cui ora si trova.
Ebbene questi liberali hanno torto essi altri la propria autorit.

per cui abbiamo veduto gli uomini che furono


sempre ardenti difensori del piu largo sviluppo
della libert interne, fondare i pieni poteri dei
Governatori, e non ideare altro governo possi

bile che il Dittatoriale; perci abbiam veduto gli


uomini che reclamano la pi ampia libert di

m
IL PUNGOLO

u
rez=

opinione per s e per gli amici, sconoscerla in male che ve ne abbia fatto cenno. La lotta par gione giorni scorsi, essa vede con naturale
lament
altri.

[..

are vivace nei primi di, s'acqueta, e pare rincrescimento che si prolunghi questo stato

quasi assopita. Il partito radicale, venen d'angoscia. Il plebiscito, togliendola colla mag
Il bene per la causa della libert si , che oggi
do in parlamento, si fece illusione sul vero stato giore sollecitudine dalla presente precariet, la
questi uomini
caduti

appunto perch I10Il dell'opinione pubblica nel Regno, e forse sper


sono
porrebbe fra qualche giorno, sotto la protezio
ban messo in pratica loro principii Euna utile di rovesciare facilmente il gabinetto. Era un'in ne immediata dell' esercito e della flotta ita
lezione a tutti, e peggio per chi non sapr ape ganno. Il conte di Cavour, poco popolare al liana, e costringerebbe forse la guarnigione
profittarne. Gli uomini si sono logorati, ma i principio delle spedizioni in Sicilia, afforz la della fortezza ad una capitolazione sotto que
sua popolarit colla spedizione delle Marche e sto punto di vista i timori dei Messinesi sono
principii restano, e pi splendidi e gloriosi dell'Umbria. Non vi parlo dell'avvenire; ma certam
ente giustificati.
che mai.

quanto al presente, non v' a dubbio che lo sti


Onore a Garibaldi che, nel suo grande ani marlo cadente o vacillante un sogno.-Fu sui
mo di Eroe e di cittadino, ha compreso la gran campi di astelfidardo, e sotto le mura d' An
cona, che partito
e ebbe la sconfitta
de verit, che noi, suoi caldi ammiratori, ma Parlamentareil ; ed si radical
vero, che di tutta la sini
non adulatori n di lui n di alcuno, gli abbia stra, due soli oratori impresero a parlare con
mo detto in altre pagine, che cio egli era Dit tro il progetto di legge. Verr la rivincita,
tatore non per fare la propria volont, ma quel lo credo, e lo so. Verr, quando si dibatte
ranno le questioni di libert interne; allora Ca
la della nazione.
vour cadra, e forse cadr per non risollevarsi

-- e

Il Re accogliendo la deputazione Napoleta


na, dichiar di essere apparecchiato a compie
re i voti dell'Italia meridionale per l'unificazio
ne della patria, appena questi sieno liberamen

te, e solennemente manifestati, con una spon

tanea votazione. Queste parole parrebbero pale

sare implicitamente la volont del Re di non


A Garibaldi era inutile dirlo esso com' pi, ma oggi forte anche pegli errori dei suoi venire a Napoli se non dopo il plebicisto. Il

il pi eroico Italiano, anche il pi onesto; ma


non era inutile ricordarlo a que suoi amici che
osavano dire a lui, gran cittadino come gran

guerriero, di passare la spada dalla

destra

alla sinieira, per governare cio di gover


nare colla forza.

l suoi amici volevano fare di lui un Oliviero

ritardo non sarebbe in qualunque modo che di

stessi avversrrii.

Una notizia traspirata dai gabinetti del mini pochissimi giorni.


-Oo-c
stero, correva qui in questi giorni. Si diceva
che il governo di Torino avesse rifiutato a quello
Questa mattina, poco prima del mez
di Napoli qualche milione, richiesto per far
fronte alle spese nell'Italia meridionale. Se il zogiorno, giunsero in Napoli 800 Giova
fatto vero, com'io lo credo, merita d'essere ni inglesi che vengono volontari, a por
riprovato e biasimato acerbamente.-Sono me si sotto gli ordini del Generale Garibal
schinit, sono errori imperdonabili, e sui quali
combat

per
tere con noi la guerra del
Cromwell- egli per la fortuna d'Italia, e pel suo il parlamento dovrebbe muovere un'interpellanza di
l'indipendenza e della libert d'Italia. Ap
onde cosiffatte grettezze fossero sconfessate dai
avvenire, resta Garibal
di.

la rappresentanza nazionale.
---

Nostra corrispondenza

COSE INTERNE

Torino /2 ottobre 1860.

Ieri a sera ebbe luogo una dimostrazione, a


era capo il padre Gavazzi. Lo scopo era l'at
La nostra citt non quest'anno, come suole cui
terramento dei castelli che sono come una co
in autunno, spoglia e deserta. ll Parlamento, e stante minaccia alla citta-Quali ragioni milita
le questioni che vi si dibattono, d'importanza ri abbiano persua
so il Generale Garibaldi a non
vitale al paese, traggono i nostri villeggianti ordina
disfacimento sino dal giorno del suo
alla citt. Dopo la partenza del Re, e il dispac ingressrne ilNapoli
o in
, noi non sapremo dire ;
cio che ci annunziava il suo ingresso nel regno
per certo, che stim

utili in qualche eventua


li
di Napoli, tutti stiamo attendendo la notizia del lit, alla difesa della
dacch gli parve di
citta,
suo arrivo nella capitale. Crediamo, e non a
li sussistere Oggi il pericolo d'un colpo
torto, parmi, che la presenza dell'esercito re lasciar
di mano per parte delle truppe regie, divenuto
golare faciliter le operazioni di guerra contro impossi
bile, e noi crediamo che, se tale la con
Capua, e che fors'anco, stretti da due parti, i
vinzio
ne
regi concentrati nelle poche fortificazioni di napole del Dittatore, il desiderio del popolo
tano sara appagato. E per vero di dire,

Terra di Lavoro saranno forzati a capitolare,

parnti, tutti a famiglie ricche e agia

te dell'Inghilterra, questi giovani genero

-e

che uno storico liberalissimo, che aveva scontata

si consentirono di abbandonare la loro

patria, le loro famiglie, i loro affetti per


Propugnare l idea umanitaria che trionfa
ggi in Italia, come prodromo d'una no

Wella civilt, e base ad una nuova forma

di diritto pubblico. Furono accolti come


ritavan, e gli applausi del popolo na
poletano, li avr potuti convincere, in
qual modo, quest'atto di abnegazione e

di fratellanza per noi, sia qui

apprezza

to. La guardia nazionale li attendeva sulla


piazza di S. Francesco ove sfilarano re

candosi al Serraglio. Equipaggiati sem


plicemente, ma bene, palesavano nei loro

volti, le abitudini signorili della loro vi


ta, e facevano sembrare a noi tanto mag

risparmiando sangue, e nuove sciagure all' lia


la sua devozione alla causa della patria, coll'e giore il loro sacrifizio.Crediamo di sa
lia. Un altro vantaggio che il paese ritrarr silio,
e il di cui parere non poteva quindi essere pere che attenderanno qui gli ordini del
dall'assistenza dell'esercito occidentale, sar
quello d'impedire lo sbandamento dei resti delle sospetto, consigliava di non atterrare mai il for Dittatore, per avviarsi quanto prima, al
le Sant'Elmo, ma ridotto a difesa del paese, campo di faccia a quel nemico che sono
truppe regie, alle quali, nei principii, Garibaldi conserv
arlo. Sebbene non disconosciamo l'auto
venuti a combattere. E questa una nuo
per necessit politica e materiale, dovette con

rit della sua parola, singolarmente in fatto di va e splendida prova dell'entusiasmo che
militari, non possiamo per dividere una
Aggiungete che i volontarii, per quanto il cose opinio
nella libera Inghilterra la causa
tale
ne Il forte Sant'Elmo, minaccia Na eccita
loro amore alla patria possa moltiplicare le lo
Italiana.
poli
pi
degli
quanto
altri,
govern
per
tiran
e
,
i
ro forze, anno sacrosanto diritto ad un p di nici, possano, volend rifabbr
icare, a proezione
o,
cedere la libert di andarsene alle case loro.

--

riposo. Quattro mesi di guerra continua, con


combattimenti lunghi e accaniti, marcie disa
strose, senza tuttocci che pu servire ad allen
tare le fatiche del campo, senza esercito di ri
serva, sovente senza possibilit di cibo, sono
miracoli che non si riscontrano facilmente nelle

storie del mondo, e che son dovuti unicamente


al generoso sentimento che li animava, e alla
imperturbata costanza dell'uomo antico che

lro capo. Ora, dopo tanti atti d'abnegazione

de'loro delitti, siffatte difese , dovere indecli


nabile per un governo nazionale e liberale di
toglierle dalla vista dei cittadini.
Il Prodittatore, al quale ricorse a nome del
popolo adunato, il signor Gavazzi, disse, com'e
ra naturale, che avrebbe atteso gli ordini del
generale Garibaldi Nelle ultime notizie dare
mo la sua risposta.
---

nazionale, potranno almeno rattemprare le loro

- Questa mattina correva per la citt la


voce, che l'esercito nostro avesse incomincia

to l'attacco contro Capua. Noi ci credia

mo in caso d' affermare che la notizia per


lo meno prematura La grossa munizione d'as

sedio non parti di Napoli che ieri a sera, e


sarebbe impossibile che per questa mattina

fosse gi stata distribuita ai vari parchi d'ar.


tiglieria. per fuor di dubbio che la resi
stenza dei regi a Capua va ad esser posta alle

forze nel riposo, ed apparecchiarsi all'ultima e Da Messina giungono notizie di allarmi nel ultime prove, e che fra alcuni giorni Napoli
cessato d'avere i trinceramenti nemici a
grande lotta che seguer le estreme battaglie popolo per la convocazione dell'assemblea, la avr
due sole ore di cammino.
per l'indipendenza della patria.
quale protrarrebbe di qualche tempo, l'annes
Scusate se volendo e dovendo parlarvi di qui, sione della Sicilia al regno occidentale. La si
---

mi son lasciato trascinare a considerazioni, che tuazione di Messina differisce sensibilmente da


Oggi
voi stesso, e meglio di noi, avrete gi fatte, di quella degli altri paesi dell'isola. Sotto il fuo clami:
morando sul teatro degli avvenimenti. Ma come co della fortezza, e nella continua trepidazione

sono le idee, e i pensieri di Torino, non forse di un bombardamena, di cui ebbe qualche sag

furono emanati i seguenti pro

leri, tutto commosso per l'affettuosa dimo

strazione onde vi piacque onorarmi, non seppi

IL PUNGOLO

4
esprimervi con parole la gratitudine che sento
vivissima nel profondo dell'anima. Io vi rin

PoPOLI DELL'ITALIA MERIDIONALE.

ll marchese di Montezemolo, senatore del


Regno e governatore di Brescia, nominato Re

Le mie truppe si avanzano fra voi per raf.


Commissario in Sicilia.
grazio, Cittadini, della prova di stima e d'af. fermare l'ordine. Io non vengo ad imporvi la gioUna
parte dell'esercito che oper nelle Mar
fetto di cui mi foste cortesi; e v'assicuro che
-

mia volont, ma a far rispettare la vostra.


il vostro plauso mi sara sprone a proseguire
Voi potrete liberamente manifestarla: la
animosamente in quella via che dee condurci Provvidenza che protegge le cause giuste ispi
alla meta del nostri desiderii. Noi vogliamo rer il voto che deporrete nell'urna.
una patria armata e forte; noi vogliamo l' I
Qualunque sia la gravit degli eventi, io

che retrocede verso il settentrione d'Italia dove


sverner, poich piace all'Austria crescere i
presidii ai nostri confini. Pare che nelle Due
Sicilie non entreranno pi di tre delle nostre
divisioni con il relativo complemento di ber
talia una ed indivisibile e noi l'avremo !
attendo tranquillo il giudizio dell' Europa ci saglieri e di artiglieria.
,
Ora cessino le popolari dimostrazioni le qua vile e quello della storia, perch ho la co
Un telegramma del Morning-Post da Pa
li , se continuassero , sarebbero inopportune scienza di compiere i miei doveri di Re e di

rigi 8 ottobre, reca:

ed anche pericolose. Calma ed ordine. Che se

italiano.

gliare e punire i felloni, essendo fellonia l'a


gitare e il dividere il paese, quando i citta

colla stabilit delle monarchie.

ll barone Mayer dei Gravenegg, segretario


individui, o sette, s' ardissero a turbar l'or
In Europa la mia politica non sar forse dell'ambasciata austriaca a Roma, passato
,
dine, io, da Voi spalleggiato saprei imbri inutile a riconciliare il progresso dei popoli per Parigi inviato a Marsiglia, ove si imbar
dini sono chiamati a

votare

cher per Civitavecchia e Roma. Egli ap

Dato da Ancona addi 9 ottobre 1860.

l'unificazione

portatore della risposta del gabinetto austriaco


alla nota circolare, indirizzata il 18 settem

VITTORIO EMANUELE.

d'Italia.

Farini.
SS.

UFFICIALI E MILITI

DELLA

GUAFDIA NA

zIoNALE !
--

bre, dalla santa sede alle corti europee.


La legge sull'annessione fu sanzionata
dalla Camera di Torino il giorno 11 con 290
voti contro 6.

Continuate ad aver fiducia in me: io sento di

Siamo in grado di assicurare che S.


meritarla, e di meritar quella del Dittatore che
volle temporaneamente affidarmi le sorti di M. il Re Vittorio Emmanuele giunto
queste nobili provincie. Ancora pochi giorni, e oggi a Giulia.
N0TIZIE TELEGRAFICHE
l'Italia sar in gran parte del Popolo italiano.
Ecco dunque, o Signori, l'opera nostra felice
Parigi 10 ottobre (mattina).
mente iniziata e proseguita: al tempo il termi
Il Governo austriaco ha ordinato che vengano
Si confermano le notizie di Messina
narla.
riaccesi i fanali nelle coste della Dalmazia e del
lntanto mi piace ripetervi le parole del Ditta Il governatore di quella citt arrivato l'lstria.
-- ---

tore: morte a nessuno e vica l Italia/

Napoli, 15 Ottobre 1860.


Il Prodi ttatore

GIoRGIo PALLAv1c1 No TRIvULzio.

Da Vienna si annunzia essere inesatta la notizia


stamane a Napoli e ripartito subito pel
campo. A tranquillare il paese egli do seeondo la quale lord J. Russell avrebbe inviato con

vette promettere che l'assemblea non si temporaneamente a Vienna il dispaccio inviato a To

riunir e che la votazione si far per


plebiscito. Il prodittatore Mordini tele

graf a Garibaldi che tutta la Sicilia era


agitatissima, e che se non si accorda il
quando il Popolo desidera qualche cosa da plebiscito non risponde della pubblica
Lui, gl'invii una deputazione. Perci il Popo tranquillit. Si attendono le decisioni
lo di Napoli consideri come nemici della li del Dittatore esse non possono essere
Il nostro Diitatore GARIBALDI col suo di
scorso di ieri l'allro ha detto , che allora

T! Il0.

Parigi 10 ottobre (sera)

(Pers.) Corre voce, che le potenze non riconosce


ranno il blocco di Gaeta.

L'ambasciatore russo Kissele partito per Var


SlVld.

Il barone Hbner, giunto a Parigi, fa un quadro


assai triste della situazione dell'Austria.

Si attende il prossimo arrivo del Visir per tratta

bert coloro i quali cercano di riunirlo per

diverse dalle disposizioni che prese per


fargli gridare a basso i castelli o di spingerlo Napoli L'omaggio che il Generale rese re sull'affare del prestito turco e sulle differenze
della Siria.

ad altre dimostrazioni. Per ci che riguarda


il S. Elmo, GARIAALDI ha promesso che sar
sempre in mano della forza Nazionale, e il
Re Galantuomo manterr certamente questa
promessa.

alla pubblica opinione di Napoli, sagrifi


candole la propria, vorr certamente ren
derlo alla pubblica opinione della Sicilia.

Parigi, 11 ottobre (mattina)


Dresda, 10. Il corrispondente viennese del Gior
nale di Dresda annunzia che la Russia richiama il
suo ambasciatore da Torino.

Berlino, 10. La Gazzetta prussiana reca che il


principe reggente partir il giorno 20 per Varsavia.
non far uai altro che il bene del Popolo.
Sappiamo che tutte le truppe Piemon Sar accompagnato dal ministro della guerra.
Fidatevi pertanto intierameate in Lui.
tesi arrivate, furono spedite al campo, e
Parigi, 11 ottobre.
poste dal Re con giusta delicatezza sotto Madrid, 10. Si d per positivo avere la Spagna
Napoli, 15 Ottobre 1860.
--

GARIBALDI figlio del Popolo, e ccme tale

gli ordini di Garibaldi.


Il Generale Comandante la Citta

proposto di riunire a Gaeta un Congresso di potenze


cattoliche.
-

e la Provincia di Napoli

-e

l progressisti preparansi a lottare nelle elezioni

S. TURR.

Crediamo sapere di positivo che una nota municipali.


Parigi 11 retardato
Il primo risponde, in parte almeno, al mandata dal Conte di Cavour al sig. Theuve Pietroburgo oLo Czar parte domani er Var
voto che abbiamo espresso nel nostro ar nel espone le ragioni che dovrebbero indurre SdVld.
le Potenze a riunirsi in Congresso per san
Parigi, 12 ottobre, sera.
ticolo di fondo = cio rende noto al pae zionare
il diritto pallico degl' Italiani e rassi
(Pers.) La seconda divisione di Lione, che doveva
se che la crisi passata, e che il Pro curare la pace d' Europa inducendo l'Austria andare
a Roma, ha ricevuto contrordine.
Dittatore resta Meno male !
a cedere verso compenso le province italiane
ll principe Salm, inviato in missione importante
Il secondo risponde alla domanda fatta ch'essa tiene ancora e che le cagionano i pi verbale a Roma, fu ricevuto dal Papa
ieri dal popolo pello smantellamento delle gravi imbarazzi. Cos il Pungolo di Milano.
Parigi, 13 ottobre (mattina).
Berna, 12. Il marchese di Turgot recasi a Parigi,
castella. Ne riparleremo.
avendo ottenuto un congedo di sei mesi.
La Corrispondeeza Bullier dice d'essere
Costantinopoli, 3. ll signor Bulwer chiese udien
in grado d'affermare che a Varsavia la Rus za dal Sultano per giustificazione personale. Corre
sia e la Prussia presenteranno all'Imperator con persistenza la voce che il visir percorrer vari
ULTIME NOTIZIE.
d'Austria il programma d'un Congresso euro paesi d'Europa con una missione finanziaria.
I giornali dell' Italia superiore giunti peo per assestarc definitivamente la qnestione Il governatore di Saida aveva arrestato il drago
italiana. Questo programma sarebbe gi ac manno dell'Olanda: due fregate olandesi avendo mi
ad ora
- --

tardissima recano un proclame del


anche dalla Francia e dall'Inghilterra nacciato di cannoneggiare la citt, il dragomanno
Re Vittorio Emanuele ai popoli dell'Ita cettato
e mirerebbe a riconoscere il diritto nazionale venne rilasciato.
lia Meridionale. L'angustia del tempo non degli italiani, sanzionando i fatti compiuti e Madrid, 12. La stampa ministeriale attacca viva
ci permette di darlo per esteso. Compi eompletandoli colla cessione della Venezia mente la politica del Piemonte.
remo questo dovere domani. Eccone pe. alla Monarchia Italiana.
-

J. COMIN Direttore.
Leggesi nella Gaz. di Torino del 12.
r la chiusa che ne riassume il concetto:
NAPOLI STABILIMENTo TIP. DELL'ATENEo, Vico S. M. Vertecoeli N. 9 p. p. DoMENIco CASTELLINI Gerente Responsabile.

ANNO I.

Milano

Luned 16 Ottobre 1860

Napoli

N. 2

IL PUNIG0L0
GIORNALE POLITICO POPOLARE DELLA SERA
Esce tutt' i giorni anche festivi, tranne le solennit.
L'Ufficio di Redazione, e la distribuzione principale presso
lo Stabilimento tipografico dell'Ateneo
Vico S. Maria Vertecoeli, N. 9.

PREZZO D'ABBONAMENTO MENSILE


.

Napoli a domicilio
Provincia franco di posta.
Trimestre semestre ed anno in proporzione.
er l'Italia superiore, trimestre. . . .

gr.
-

L. It.

Un numero separato costa Un grano-

30
45

7, 50

Si ricevono Inserzioni a Pagamento.

Ha tira

IL PLEBISCITO

aria Aieap

ai

24rtSsaNar tararzista atfr vi

era

a 1atta di betuana

-:

Non vogliamo dire con ci che il po le, l'operaio al pari del proprietario, il

polo a Napoli ed in Sicilia abbia chiesto cittadino al pari dell'uomo della campa

il plebiscito, e l'abbia chiesto con tanta


Si vuole il plebiscito abbiam detto ostinazione, voluto con tanto convincimen
ieri e non si vuole l'Assemblea si to senza sapere che cosa chiedesse e che
vuole il plebiscito a Napoli lo si vuo cosa volesse.
le in Sicilia con pari energia Nove
Ma il popolo ha chiesto e voluto il
milioni d' Italiani sono chiamati dal ple plebiscito non tanto per s stesso come
biscito a disporre liberamente di s me per la sua pratica applicazione, non tanto
-

desimi e dei loro destini.

come un diritto, ma come un mezzo.

Ma che cosa plebiscito? che cosa


Spieghiamoci Il popolo nostro, nella
vuol dire plebiscito?
sua grande, immensa maggioranza, ha
Ben pochi si curarono di spiegare al due volont ben chiare, ben determina
popolo tutta la importanza, tutta la forza te, ben precise non vuole i Borboni,
= che non una paro e il loro giogo che lo ha degradato e
la , ma una idea , e non una di quelle abbrutito e vuole uscire al pi presto
idee nebbiose, vaporose, che si disegna possibile da un provvisorio che lo affan
no talora splendide e distinte nell'oriz na tra mille incertezze e lo spaventa con
zonte, ma che , se tenti impadronirtene mille pericoli.
Al disopra di queste due volont ha
per dar loro corpo e vita, ti si scio
gliono tra mano, e non ti lasciano una idea, un'ambizione, un convincimen
-

gna, tutti quanti abitano in un dato Re


gno, sono chiamati a decidere sui pro
pri destini, a scegliere liberamente, spon
taneamente la forma di governo da cui
intendono, e vogliono esser retti.
E insomma la volont del popolo so
stituita al diritto divino.

Sino a questa epoca gloriosa in cui


viviamo non erano conosciuti

che due

diritti il diritto di conquista, e il di


ritto divino.

Il primo voleva dire che un popolo


perch' era il pi forte, perch in guerra
la sorte lo aveva aiutato, si sovraponeva
ad un altro popolo, spesso pi colto, pi il
luminato, e gli dava le proprie leggi, le
proprie istituzioni, i propri usi, anche a
costo di sostituire la barbarie alla civilt.

Il secondo non era che una bugiarda

tola idea dell'Italia una, libera, indi maschera del primo Una data famiglia

che la stanchezza de'tuoi inutili sforzi

no il plebiscito una idea piena di pendente l'ambizione di appartenere regnava sopra un popolo che spesso non
fatti, e di risultati ; una idea piena di
significato nel presente, e nell'avvenire
una di quelle idee che quando sono e
nunciate, vivono; e quando vivono cam

ad una grande nazione, e quella, pi era il suo, con cui non aveva spesso
nobile, di cooperare a formarla-il con nulla di comune, n le tradizioni n le
vincimento che per far presto a fare l'I speranze, n gli affetti, n gli odi e
talia tutta, l'Italia una , per far presto se qnalcuno avesse chiesto per qual di
minano, corrono, si propagano, si diffon a formare di questa Italia divisa una Ita ritto ci fosse, gli si rispondeva: per di
dono, e divorano il tempo e lo spazio lia indivisibile, non v' che un sol mezzo ritto divino: cio in altre parole, perch
una di quelle idee che, appena nate, cre esser forti, e per esser forti, un sol mezzo Dio voleva cos Veniva uno di questa
scono, si sviluppano, si fanno adulte, si la unione immediata di 23 milioni d'Ita famiglia ch'era un tiranno, e che tortu
fanno giganti ; una di quelle idee che , liani in un Regno solo.
rava o imbestialiva il suo popolo ma
come il nostro Vesuvio, possono divora Nel plebiscito il nostro popolo vidde quel popolo doveva tacere sempre pel
re un mondo e crearne un altro; una di il modo per dar compimento alle sue vo diritto divino, cio sempre perch Dio
quelle idee infine che , come i principi lont per porre in atto la sua idea , voleva cos e se foste andati a risa
proclamati dalla rivoluzione Francese, la sua ambizione, il suo convincimento lire all' origine, vi sareste accorti che in
sconvolgono tutto il passato, e sulle rovi e lo chiese, e lo volle, e quasi, diremo, molte di queste famiglie il preteso dirit
to divino nasceva da un un furto, da una
ne della vecchia storia fondano la storia lo impose per questa.
dell'avvenire.
Non indag pi in l, non chiese di estorsione, da un assassinio, o da qual
che cosa di simile.
Il nostro giornalismo, occupato troppo pi.
a combattere contro fantasmi, a cui pre Quando il popolo sapr che cosa vuol
Tutta la vecchia Europa, e il suo vec
stava un corpo e una forza che non a dire plebiscito, lo vorr non solo per la chio diritto publico era dunque basato so
vevano, occupato in massima parte a far sua pratica applicazionema per s stes pra una violenza, e una ipocrisia.
si paladino di dati uomini contro altri so non solo come un mezzo, ma come
Naturalmente n la violenza, n la ipo
uomini, invece di sollevarsi a difensore un diritto.
crisia durano a lungo.
La rivoluzione dell'89 scosse le basi
Plebiscito vuol dire suffragio univer
di dati principi contro altri principi
ebbe il torto di non avere per anco spie sale suffragio universale vuol dire che di quel vecchio edifizio ma neppur
gati al popolo nostro tutti i mille sensi tutti gli uomini indistintamente, qualun essa dur a lungo, poich alla violenza
di questa parola che gli andava ripeten que sia la loro condizione, il ricco al pari sostitu la violenza La violenza certa
do ogni giornoplebiscito.
| del povero, il plebeo al pari del nobi era necessaria a distruggere ma non
l

IL PUNGOLO
me-e

libero ognuno nel santuario della propria co


Un popolo non appartiene che a se scienza,
e ferma la civile autorit, resistetti
l'89 distrusse il vecchio, ma non cre il medesimo ecco che cosa vuol dire il apertamente a quella ostinata e provocante

pu creare Perci la rivoluzione del

nuovo Essa aveva adempito con que suffragio universale.

fazione, che si vanta la sola amica e tutrice

sto il compito che la Provvidenza le de


stinava quello di demolire spettava
alla rivoluzione nostra quello di edificare, il manifesto del Re ai popoli dell'I
La rivoluzione dell'89 distrusse a col talia meridionale, che qu pubblichiamo
pi di ghigliottina, di cannone a noi per esteso, un documento di altissima
toccava di edificare colle schede del suf.

dei troni, ma che intende a comandare in


nome dei Re ed a frapporre fra il principe

fragio universale.

ed il popolo la barriera delle sue intolleranti


passioni.
Questi modi di governo non potevano es

sere senza effetto per la rimanente Italia. La

importanza, non solo pei popoli a cui concordia del principe col popolo nel propo
dell'indipendenza nazionale, e della
diretto, ma per tutti gl' Italiani non nimento
libert civile e politica, la tribuna e la stam

Coi trattati del 181 5 si credette di redi


per tutti gl' Italiani, ma per tutta pa libera, l'esercito che avea salvata la tra
ficare la Europa sulle sovine del vecchio solo
Europa.
dizione militare italiana sotto la bandiera tri
edifizio demolito dalla rivoluzione ma
colore, fecero del Piemonte il vessillifero e il
Esso

il
primo
documento
che
pro
quei diplomatici non si accorsero ch e clama in faccia al mondo non pi il Re braccio
d'Italia. La forza del mio principato
dificavano sul vuoto, senza comento che

gno di 11 milioni non pi il Regno


valesse a tenere assieme quei rottami di
23 milioni, ma l'Italia tutta.
e Metternich che fu uno dei principali Con una franchezza muova nei fasti
architetti di quella restaurazione ebbe, | diplomatici, il Re d'Italia proclama il di
quasi a castigo, vita si lunga da veder ritto Italiano, e se ne costituisce , per
ne il principio dello sfasciamento.
Cos i trattati del 15 divisero la Italia volont del popoli, campione e difensore.
Dopo questo ardito manifesto impos
in piccole frazioni , e alzarono barriere sibile
che il Re d'Italia si fermi egli

non deriv dalle arti di una occulta politica,

ma dall'aperto influsso delle idee e della pub


blica opinione.
Cos potei mantenere nella parte di popolo
italiano, rifinita sotto il mio scettro, il con
cetto di una egemonia nazionale, onde na
scer dovea la concorde armonia delle divise
provincie in una sola nazione.

L'Italia fu fatta capace del mio pensiero :

che si credettero insormontabili tra l'una


e l'altra soffiarono nelle antiche me

vide mandare i miei soldati sui campi


deve liberar le sue provincie della Ve quando
della Crimea accanto ai soldati delle due gran:
deve ottenere la sua Capitale di potenze occidentali. lo volli far entrare il
morie, alimentarono lo spirito di muni nezia
Roma.
diritto d'Italia nella realt dei fatti e degli
cipalismo, attizzarono i pregiudizi, i ran
I
popoli
dell'Italia
meridionale
sono
cori, i sospetti, le gelosie per tener di chiamati Domenica a sancire coi loro interessi europei.
Al congresso di Parigi i miei legali, P,
visi Italiani da Italiani col loro dirit
rono parlare per la prima volta all' Europa
voti
un
tal
manifesto.
to divino alla mano regalarono un Prin
vostri dolori. E fu a tutti manifesto come
Il d dopo della votazione, esso sar dei
cipe Austriaco agl' Italiani di Toscana
la
proponderanza
dell'Austria in Italia fosse
manifesto dell'Italia all'Europa e l'I infesta all'equilibrio europeo, e quanti peri
un altro Principe Austriaco agl' Italia iltalia
sar.
coli corressero la indipendenza e la liber
mi di Modena una Principessa Austria
del Piemonte, se la rimanente penisola non
ca agl' Italiani di Parma a noi rega
Ai popoli dell' Italia meridionale.
fosse francata dagli influssi stranieri.
larono i Borboni, famiglia mezza Austria
Il mio magnanimo alleato, l'imperatore Na
MANIFESTO
ca e mezza Spagnuola e appena se la
poleone III, sent che la causa italiana era
sciarono una dinastia Italiana, sorveglia In un momento solenne della storia nazio degna della grande nazione sulla quale i?"
ta, e asserragliata da bajonette straniere, nale e dei destini italiani, rivolgo la mia pa ra, i nuovi destini della nostra patria fur
a voi, popoli dell'Italia meridionale, che, inaugurati da giusta guerra. I soldati italiani
nell'angolo estremo del vecchio Piemon rola
mutato lo Stato nel nome mio, mi avete man combatterono degnamente accanto alle i
te e in nome del diritto di conquista
oratori di ogni ordine di cittadini, ma legioni della Francia. I volontari accorsi da
Vollero rendere Austriaci gl' Italiani di dato
istrati e deputati del municipii, chiedendo stutte le provincie e da tutte le famiglie ita
Lombardia e della Venezia.
i essere restituiti nell'ordine, confortati di liane sotto la bandiera della Croce Sabauda,
Ed ecco ora che il suffragio univer libert, ed uniti al mio regno.
addimostrarono come tutta l'Italia mi av
sale distrugge le barriere con tanta fa Io voglio dirvi quale pensiero mi guidi, e investito del diritto di parlare e di combat
tica e tant'arte innalzate, spegne di un quale sia in me la coscienza dei doveri che re in nome suo.
adempiere chi dalla Provvidenza fu po
soffio pregiudizi, rancori, sospetti deve
La ragione di stato pose fine alla g
sto sovra un trono italiano.
atterra di un colpo lo spirito di muni Io salii al trono dopo una grande sventura ma non i suoi effetti, i quali si andarol
cipalismo e fa che dal suo cadavere nazionale. Mio padre mi diede un alto esem splicando sotto la inflessibile logica degli av
e dei popoli.
sorga lo spirito di nazionalit rove pio, rinunziando la corona per salvare la di venimenti
Se io avessi avuto quella ambizione che
-

- - - - - -

scia i troni Austriaci e innalza nei loro

gnit e la libert dei suoi popoli. Carlo Alberto imputata alla mia famiglia da chi n" fa

rottami il trono Italiano-caccia in ban cadde coll'armi in pugno, e mor nell'esi addentro nella ragione dei tempi, io avrei po

do le famiglie straniere, spergiure tutte


e tutte codarde e proclama a dispetto
della vecchia Europa, l'Italia una, il Re
gno Italiano.

glio; la sua morte accomun sempre pi le

tuto essere soddisfatto dallo acquisto della l


sorti
della mia famiglia a quella del popolo i bardia. Ma io aveva speso il sangue prezioso
taliano, che da tanti secoli ha dato a tutte le de'
miei soldati non per me, ma per l' ltalia.
terre straniere le ossa dei snoi esuli, volendo

lo aveva chiamato gl'italiani alle armi

al

rivendicare il retaggio di ogni gente che Dio cune provincie italiane avevano Inuta 10 gli or
Tale la forza, tale il senso dell'at ha posta fra gli stessi confini, e stretta insie dini interni per concorrere alla guer d'in
to che siamo chiamati a compiere.
me col simbolo d'una sola favella.
dipendenza dalla quale i loro principi abbot
Diritto divino e diritto di conquista lo mi edacai a quello esempio, e la memo riano. Dopo la pace di Villafran, quelle
voglion dire schiavit, e avvilimento ria di mio padre fu la mia stella tutelare.
provincie dimandarono la mia protezione c
la Corona e la parola data, non poteva iro i minacciato ristauro degli antichi gr
monopolizzazione dei popoli , annienta perFra
me esser dubbia la scelta mai.
centrale eran la n
mento della umana dignit.
Raffermai la libert in tempi poco propizia i Se i fatti dell'Italia alla
quale noi aveva
seguenza
della
guerra
Suffragio universale vuol dire libert, libert, e volli che esplicandosi essa gittasse
il
sistema
delle in
mo invitato i popoli, se
vuol dire indipendenza dei popoli, rial radici nel costume dei popoli, non potendo io tervenzioni
straniere
doveva
essere
P
sempre
zamento della umana dignit vuol dire avere a sospetto ci che ai miei popoli era sbandito dall' Italia, io doveva cns e
insomma i popoli non pi venduti e com caro. Nella libert del Piemonte fu religiosa ire in quei popoli il diritt di legalmente
mente rispettata la eredit che l'animo presa
prati al mercato, ma padroni di s.
manifestare i voti lor:
Come il Vangelo distrusse la schiavi go del mio augusto genitore aveva lasciat e liberamente
i
il mio ritirai
governo,
essitrupp:
fecero essi
g
verno
ordinato;
le mie
OT
gli Italiani.
t degli individui il suffragio univer tutti
Cole franchigie rappresentative, colla pp dimion forze regolari, ed a gara di
sale distrugge quella dei popoli.
lare istruzione, colle grandi opere pubbliche,
dia e di civili virt vennero in tant "
Qualunque altra forma con cui si di colla libert dell' industria e dei traffici, cercai zione
e forza,
che solo per violenza
di
accrescere
il
benessere
del
mio
popolo
e
straniera
avrebbero potuto ess vinti.
sponga di un popolo, dev'essere d'ora in
volendo si rispettata la religione cattolica, n
poi irrita e nulla.
-

IL PUNGOLO
Grazie al senno dei popoli dell'Italia cen bligo il farlo perch nella attuale condizione
trale, l'idea monarchica fu in modo costante di cose non sarebbe moderazione, non sareb

GUARDIA

NAZIONALE.

affermata, e la monarchia moder moral be senno, ma fiacchezza ed imprudenza il non leri le truppe dell'esercito occidentale, co
mente quel pacifico moto popolare. Cos l'I assumere con mano ferma la direzione del minciarono a rilevare da alcuni posti la
talia crebbe nella estimazione delle genti ci moto nazionale, del quale sono responsabile guardia nazionale, e seguiranno probabil
mente a custodirli, sino a che lo permetta
vili, e fu manifesto all'Europa come gl'Ita dinanzi all'Europa.
i bisogni del campo. Era giusto che la
Ho fatto entrare i miei soldati nelle Marche no
guardia nazionale di Napoli riposasse da un

liani sieno acconci a governare s stessi.

Accettando la annessione, io sapeva a quali e nell'Umbria, disperdendo quella accozzaglia


difficolt europee andassi incontro. Ma io non di gente di ogni paese e di ogni lingua che servizio assiduo, e forse soverchio, nel quale
poteva mancare alla parola data agl'Italiani qui si era raccolta, nuova e strana forma d'in dimostr , come ogui classe di cittadini ab

bia compreso le necessit del momento, e


nei proclami della guerra. Chi in Europa mi tervento straniero e la peggiore di tutte.
taccia di imprudenza, giudichi con animo ri
lo ho proclamato l'Italia degl' Italiani, e come nessuno rifuggisse dal sottoporsi a pro
posato, che cosa sarebbe diventata, che cosa non permetter mai che l'Italia diventi il nido ve durissime e pesanti, per giovare al paese,
diventerebbe l'Italia il giorno nel quale la mo di sette cosmopolite che vi si raccolgano a tra
narchia apparisse impotente a soddisfare il mare i disegni o della reazione o della dema
gogia universale.
bisogno della ricostituzione nazionale.
Per le annessioni , il moto nazionale, se
Popoli dell'Italia meridionale/
non mut nella sostanza, pigli forme nuo
ve: accettando dal diritto popolare quelle belle
Le mie truppe si avanzano fra voi per raf
e nobili provincie, io doveva lealmente rico fermare l'ordine: io non vengo ad imporvi

contribuendo all'ordine e alla quiete. E uno


spettacolo che consola quello di vedere come

l'istituzione della guardia nazionale qui , ab


bia poste radici profonde, e abbia dato frutti
da meritare la riconoscenza del paese.Napoli
in tre mesi di vita pubbica, in uno di vita
libera, fatto manifesto al mondo, quali e
quanti
elementi generosi nascondesse sotto le
noscere l'applicazione di quel principio, n la mia volont, ma a fare rispettare la vo
strettoie della servit borbonica. La guardia
mi era lecito il misurarlo colla norma dei Stra.
nazionale la naturale custode delle libert
miei affetti ed interessi particolari. In suffra
Voi potrete liberamente manifestarla : la
del
paese ; ad essa confidata la salvaguar
gio di quel principio, io feci, per utilit del Provvidenza che protegge le cause giuste, is
dia
degli interessi pi cari e pi sacri, quan
l'Italia, il sacrificio che pi costava al mio pirer il voto che deporrete nell'urna.
cuore, rinunziando a due nobilissime provincie
Qualunque sia la gravit degli eventi, io do, come avverr fra non molto, l'esercito
del Regno avito.
attendo tranquillo il giudizio dell'Europa civi regolare sar chiamato a compiere l'indipen
Ai principi italiani che han voluto essere le e quello della storia, perch ho la co denza , a far rispettare la volont e la di

miei nemici, ho sempre dati schietti consigli, scienza di compiere i miei doveri di Re e di gnit della nazione. Allora anche la guardia

risoluto, se vani fossero, ad incontrare il pe


ricolo clie l'accecamento loro avrebbe fatto

italiano!

In Europa la mia politica non sar forse

nazionale di Napoli, come quella di Torino,


all'appressarsi dell'esercito austriaco nel 1859,

correre ai troni , e ad accettare la volont inutile a riconciliare il progresso dei popoli assumer la nobile missione di proteggere so
la , e difendere il paese. Ci grato di ag
dell'Italia.
colla stabilit delle monarchie.
-

Al Granduca io aveva indarno offerta l'al

leanza prima della guerra. Al Sommo Ponte


ice, nel quale venero il capo della religione
ei miei avi, e dei miei popoli, fatta la pace,
indarno scrissi offerendo di assumere il vica
riato per l'Umbria e per le Marche.
Era manifesto che quelle provincie, conte
nute soltanto dalle armi di mercenari stra

nieri, se non ottenessero la guarentigia di


governo civile ch'io proponeva, sarebbero
tosto o tardi venute in termine di rivoluzione.

In Italia so che io chiudo l'ra delle rivo


luzioni.

giungere ch' essa all'altezza del compito


che l'attende.
-es

Dato da Ancona, addi nove ottobre milleot


LA

t0CentOSeSSanta.

VITTORIO EMANUELE.
Farini.
- --

COSE INTERNE

POSTA -

Da molto tempo il servizio postale di Na


poli ggetto di lagni per parte degli italiani
d'occidente che dimorano in questa citt, o
che appartengono all'esercito. Si accusano di
lentezza gli impiegati, di inscienza i capi uf
ficio, d' incapacit tutti. Le accuse sono in
parte, vere in parte esagerate, ma il fatto

Non ricorder i consigli dati per molti an


ni dalle potenze al Re Ferdinando di Napoli.

Sunto dei decreti pubblicati dal Gior che il servizio postale infelicissimo, non
posto in dubbio da alcuno. Gli uffici di distri
I giudizi che nel congresso di Parigi furono nale Ufficiale.
proferiti sul suo governo, preparavano natu Concessione ai signori Adami e Lemmi della co buzione delle lettere sono augusti, gli impie
gati sono quei medesimi che bastavano in pas
ralmente i popoli a mutarlo, se vane fossero struzione delle Ferrovie dell'Italia Meridionale col sato
ai bisogni del paese, ma che sono in
le querele della pubblica opinione e le prati l'aggiunta di tre articoli che modificano sostanzi sufficienti oggi, con una popolazione di 30m.
che della diplomazia.

almente il primo contratto. In forza di questi tre


Al giovane suo successore io mandai offe articoli la Societ Adami e Lemmi si sottopone al persone nuove, le quali, tutte o quasi tutte,
nno corrispondenze estese coll'occidente d'I

rendo alleanza per la guerra dell'indipenden le condizioni e modificazioni che piacer al Par
za. L pure trovai chiusi gli animi ad ogni lamento Nazionale di apportare al contratto. Dip talia. Di qui : un'occupazione assidua, im
affetto italiano e gli intelletti abbuiati dalla pi si obbliga di rilasciare alla Societ De la Hau possibile pegli impiegati; uno scontento con
passione.

te le linee ferroviarie delle Puglie e degli Abruz tinuo, irritante per coloro che chiedono let
arlamento Sono itere e giornali, e non li possono avere, nel
nominati: il march. di Rivadebro, Eduardo Serra, l'attuale penuria di personale, se non parec
Maggiore della Guardia Nazionale del Distretto di chie ore dopo l'arrivo dei vapori postali.
Castrovillari - il sig. Gaetano Martinez, Maggiore In una citt di 500 m. anime, gli uffici di
della Guardia Nazionale del Distretto di Napoli, posta dovrebbero abbondare d'impiegati, dovreb
eccettuata la Capitale-e il march. Giulio Drago. bero tenersi aperti, giorni feriali, e non fe

Era cosa naturale che i fatti succeduti nel zi, sempre col beneplacito del

l' Italia settentrionale e centrale sollevassero


pi e pi gli animi nella meridionale.

In Sicilia questa inclinazione degli animi


ruppe in aperta rivolta. Si combatteva per la
libert in Sicilia, quando un prode guerriero netti, colonnello della Guardia Nazionale del 2.. riali, dalle 9 del mattino sino alle 8 della
devoto all'Italia ed a me, il generale Garibal Abruzzo Ulteriore Sono nominati: il sig. Raffae
di, salpava in suo aiuto. Erano Italiani: io le Brissa, Ispettor controloro del Registro e Bollo sera. Invece tutto cammina disordinatamente,
e mentre il personale oppresso sotto il peso
non poteva, non doveva rattenerli!
- il sig. Callisto Cappelli, lngegnere alunno del d'un lavoro che lo confonde, e lo istupidisce,

i La caduta del Governo in Napoli rafferm, corp di Ponti e Strade- il sig. Giuseppe Lazza il pubblico, o non servito, o servito tardi
quello che il mio cuore sapeva ; cio quanto ro, Direttore degli Annali Civili, in luogo del sig.
malamente. Invitiamo il Governo a porre
sia necessario al Re l'amore, ai Governi la Stanislao Gatti dimissionario e il sig. Gius. An erimedio
a questo stato di cose incompatibile
tonio Tommasi, uffiziale di prima classe nel mini
stima dei popoli!
coi nuovi bisogni, e colle esigenze sempre
stero
di
Polizia,
in
luogo
del
sig.
Pasquale
de
Lu
Nelle Due Sicilie il nuovo reggimento si i
naugur col mio nome. Ma alcuni atti diedero cia, destituito. accettata la rinunzia del sig. crescenti della civilt, e del progresso.-E a
'questo proposito, reclamiamo onde i servizi

Crispi alla carica di Segretario di Sta


a temere che non bene s'interpretasse per ogni Francesco
to degli affari esteri - aperto al Ministero dei telegrafici sieno finalmente posti a disposizio
rispetto quella politica che dal mio nome lavori
pubblici un credito suppletorio di Ducati, ne del pubblico, e non rimangano esclusivo
rappresentata. Tutta l'Italia ha temuto che, al 25 019.-Gl'impiegati
siciliani del soppresso mini privilegio del governo.
'ombra di una gloriosa popolarit e di una stero degli affari di Sicilia,
non che quelli delle

probit antica, tentasse di riannodarsi una Segreterie di Stato, continueranno a percepire il


fazione pronta a sacrificare il vicino trionfo loro soldo, finch rimarranno in disponibilit Ri
nazionale alle chimere del suo ambizioso fa mane sospeso fino a nuova disposizione il Decreto
natismo.
degli 11 sett. 1860, relativo all'incameramento dei

Tutti gli Italiani si sono rivolti a me per


ch scongiurassi questo pericolo. Era mio ob-

beni delle mense Arcivescovili e Vescovili.


-

-e

S.

CARLO.

L'altra sera a S. Carlo avvenne scandalo e


tumulto.

Il pubblico, invitato ad uno spettacolo nuovo

IL PUNGOLO
trov invece uno spettacolo vecchio e indecoro censuri l' invasione degli stati pontificii da
so e per la Citt e pel teatro La sua tolle parte della Sardegna, dichiara essergli al tutto
ranza fu stancata La Impresa abus troppo impossibile intervenire, eccetto che nella via
dei tempi a tutt'altro volti che a spettacoli tea i diplomatica ordinaria.
L'Havas afferma che la Baviera e l'Au
trali La Sopraintendenza o non c' o come
non ci fosse aspetta i giorni di gala e intan stria, nella prossima seduta della Dieta, fa
to non crede che valga la spesa di soprainten ranno la proposta che la Confederazione ri
guardi come caso di guerra l'attacco della
dere per un pubblico che non di gala.
Ma quella sera il pubblico non era disposto Venezia,
L'imperator d'Austria presiede quasi gior
a mandarsi gi quel boccone amaro della Tra
viata-n voleva imitare il buon padre Giacob nalmente le deliberazioni sugli affari militari,
be che s'impalm tranquillamente la guercia alle quali assistono l'arciduca Alberto, l'arcidu

strazioni di cui oggi si parlava con insistenza.


Chiunque, alla vigilia del plebiscito, e a due
ore dai nemici, tenta direttamente o indiretta

mente di turbar l'ordine, o un pazzo che non


sa quel che si faccia , o un nemico della
patria.

Abbiam fede che gli uomini onesti di tutt'i


partiti converranno con noi.
si

- .

. ,

ci

Ieri mattina poco dopo le tre ore antimeri


diane, una colonna di 8000 regi, uscita da

Lia (eredo certo che fosse guercia) invece della ca Guglielmo, il barone di Hess, il conte Cren Capua, si dirigeva verso l'estrema sinistra del
neville ed altre sommit militari. Ultimamente nostro esercito ne dintorni di S. Angelo. At
vaga Rachele.
taccata vivacemente dai nostri avamposti, dei
Reclam come reclama il Pubblico quando fuvvi invitato anche il generale Benedeck.
La Gazzetta di Breslavia pretende che la quali formava parte, anche un corpo piemontese,
va in collera e Labano, o l'Impresa, dovette ri
prendersi Lia, e restituire il danaro incassato. nomina del nuovo comandante dell'armata d'l dovette ripiegare verso la fortezza lasciando
Sappiamo bene che le autorit hanno ben al talia cadr sull'arciduca Alberto, e che il gene buon numero di morti e di feriti sul terreno. Si
tropel capo, e che, come c' un Municipio che rale Benedeck rester provvisoriamente gover disse che una parte di quella colonna, avan.
zatasi per altra via , sia rimasta divisa dal
Partiva da Vienna, il giorno 8, per l'Italia, corpo principale , e fosse nella eventualit
non pensa alle poste, ec. ec., ci pu ben anche
d'esser tagliata fuori dai nostri. Il fatto per
essere un'Autorit qualunque che non pensa una batteria di cannoni di grosso calibro.
Il conte Lichnowscki, ciambellano del pa non si avverr, ma i regi della colonna mag
agli spettacoli.
Ad ogni modo poich il far de voti non im pa, giunse in Vienna, con dispacci da Roma. giore, respinti su tutti i punti e perdenti, verso
plica l' obbligo in alcuno di esaudirli, faccia L'allocuzione del papa fu col recata da lui. Il le otto, cio cinque ore dopo la sortita, rien
mo voto che si pensi un p anche ad un Teatro prelato fu ricevuto, il giorno dopo il suo arrivo, trarono in Capua. Le nostre perdite furono
valutate a 100 uomini circa fra morti e feriti.
che ha memorie artistiche gloriosissime e dall'imperatore.
Questa mattina il generale Garibaldi pass
ll duca di Modena giunse il 1 ott. a Verona.
che ora caduto pi in basso di un Teatro di
| E esatta la notizia di molte persone arre in rivista a Caserta un corpo di altri 6000 uo
provincia.
S. Carlo non S. Carlino per fortuna di state nella Venezia e nell'Ungheria e mandate a mini , composto della brigata Heber, dei vo
lantari inglesi arrivati ieri, e d'altri corpi,
Josephstadt.
quest'ultimo.
E ben vero che a S. Carlo ha promesso di
Com' noto la Spagna e il Portogallo che dovevano rimpiazzare il servizio degli
pensarci Dumas- ma se intanto ci pensassimo si commuovono per la condizione in cui tro avamposti.

non pensa ai feriti, un Direttore delle poste che

natore d'Ungheria.

noi un tantino ? . . . Eh ! che ne dite ?

vasi il Papa. Rios Rosaz fu mandato da Ma

-e

drid a Roma per offerire a Pio IX un asilo


azz

e-oo-c orza

Come prevedevamo, Garibaldi annu ai de

in Spagna e tutti quei soccorsi dei quali po sideri della Sicilia e ieri stesso vi fu pubbli
cato il decreto pel plebiscito. I comizii vi si
N la Spagna piglia a cuore solamente la riuniranno come in Napoli il 21.

trebbe avere mestieri.

NOTIZIE ESTERE ED ITALIANE

-e

L' Ind. Belge crede che l' Italia, nei li causa della potest temporale, imperocch pen

DISPACCIO ELETTRICO.

miti in cui ha ristretto la sua azione, non ab

sa anche a Francesco Il. La regina ha man

bia nulla a temere della

dato a Siviglia il suo decoratore per arreda Il Segretario Generale di Teramo al Direttore

conferenza di Var

savia. L'Austria troppo impacciata nelle re il palazzo dell'Alcazar, destinandolo a re


sue faccende interne per intrapprendere una sidenza dello spodestato parente.

guerra aggressiva : la sua condotta nelle cose


di Roma e di Napoli prova abbastanza la sua
impotenza. La Prussia disinteressatissima
nella questione ; la Russia infine, per far che
facciano a Pietroburgo i partigiani della po
litica retriva del defunto imperatore Nicol,
non ne disposta, n in grado-quand'anche
lo volesse di prendere l'iniziativa d' uua

del Giornale Officiale Napoli.


Ho l'onore trasmetterle le parole pronunziate

Si pretende che il Papa, venendo a lasciar ad un dipresso dal Governatore de Virgilii e la


Roma, non anderebbe in Spagna, in Baviera, in risposta del Re nel varcare i confini del Regno.
Austria od in Avignone, ma nel Belgio, nel ca
Interpetre de'voti di questi popoli Abruzze
stello di mons. Merode, ove di grandi prepara a si, del Governo di Napoli e delle Autorit del
tivi si sarebbero fatti per accogliere il Capo del primo Abruzzo, vengo per la seconda volta a
cattolicismo.
a fare omaggio alla Maest Vostra in questo
confine del Regno.
-e

crociata contro la libert italiana.

Nove milioni di sudditi non anelano che la


( Maest Vostra.

L Presse crede prematura la notizia

RECENTISSIME

eserciter una grande influenza sull'abbocca

Frangete o Sire questi limiti ingrati, che


dividono Italia dall'Italia, prendete, prendete
possesso di questo nostro Paradiso fino ad o
leri noi abbiamo intitolato il nostro articolo ra governato dai demoni.
di fondo : L'ultima crisi.
Siate il Padre di tutta la famiglia Italiana
Quel titolo era pi che altro, un voto, una e fatela felice.
Il Re stendendo la mano al de Virgilii ha ri
speranza. Il voto resta ancora; la speranza
che abbiamo concepito la nutriamo tuttora , sposto ad un dipresso in questi termini:
Sono grato a sentimenti che ella mi espri
bench oggi corrano voci ancora vaghe e in
determinate, che indicherebbero nuove incer me in nome di questa popolazione, per la qua
tezze e nuove oscillazioni.
le io sento il maggiore affetto e non ometter
Agli uomini di tutt'i partiti noi diciamo nulla per promuoverne il bene, aggregandola
indistintamente che il paese stanco di que c alla gran famiglia Italiana di cui fa parte.
Uniscano i miei a loro sforzi e l'Italia sar
ste agitazioni, che lo tengono continuamente

mento di Varsavia, che si limiterebbe ad uno

nella precariet e nell' angustia. Vi un

scambio di cortesie.

momento in cui ogni partito deve cessare dalla

specciata dalla Patrie, secondo la quale le


grandi Potenze avrebbero protestato contro gli
ultimi atti del nostro governo. In tutto si ri
durrebbe invece a semplici proteste orali de
gli ambasciatori delle tre Potenze del Nord
accreditati a Torino.

Leggesi nel Corriere Merc. di Genova:


Scrivono da Berlino , che la dichiarazione

fatta dal governo piemontese, che non attac


cherebbe la Venezia e ch' egli rispetterebbe
Roma, ha prodotto una favorevolissima im

pressione. Si spera che quest'aggiustamento

Mapoli 16 ottobre fs60.

fatta.

Allora stese di nuovo la destra al Governato

Il gabinetto prussiano persevera, del rima lotta ; se non vuol perdere la propria dignit re de Virgilli che present al Re le deputazioni
mente, nella via liberale, come l'attesta la no e se non vuol mancare alle leggi dell'onest. e segnatamente quella di Chieti, la quale fece
mina di 18 Pari a vita teste nominati. Tutti
Quando la nazione parla, e parla ad alta e anche essa i suoi omaggi per bocca del signor
i personaggi chiamati alla Camera dei Signori chiarissima voce, i partiti che non sono d'ac avvocato Aquila.
nutrono idee liberali ; e se la loro nomina cordo con lei devono allontanarsi dalla scena

Indisi avanz sul Ponte fra le clamorose ac

non d al potere una sicura maggioranza nella politica, protestare , se credono, ma tacere. clamazioni della popolazione, che lungo la via
l vincitori son vincitori i vinti son vinti ripeteva gli evviva al Re.
Canera, essa, dice la Gazzetta di Colonia,
La scena fu sublime e commovente.
una nuova prova della volont del Governo di quelli non devono insultare, questi non devo
romperla coll'antico regime.
no cospirare, perch potrebbe nascere il caso
Giulia 16 ottobre ore 12 112 antimeridiane.
Un dispaccio di Parigi al Morning-Post che per colpire il partito avversario vibrino
Napoli 16 ottobre 1860.
-

TeCa :

il ferro alla cieca e si rendano parricidi.

Il gabinetto austriaco, sebbene severamente

Diciamo questo a proposito di certe dimo

J. COMIN Direttore.

NAPOLI STABILIMENTo TIP. DELL'ATENEo Domenico Castellini Gerente Responsabile.

ANNO I.

Mercoled 17 Ottobre 1860

Napoli

Milano

in
-

GIORNALE POLITICO POPOLARE DELLA SERA

PREZZO D' ABBONAMENTO MENSILE

Napoli a domicilio . . . . . . .

gr.

Provincia franco di posta . . . . .


Trimestre semestre ed anno in proporzione.
Per l'Italia superiore, trimestre.

30

Esce tutt' i giorni anche festivi, tranne le solennit,


L'Ufficio di Redazione, e la distribuzione principale presso
lo Stabilimento tipografico dell'Ateneo
Vico S. Maria ertecoeli, N. 9.

45
L. It.

7,50

Si ricevono Inserzioni a Pagamento,

Un numero separato costa Un grano.

borio Romano, che del resto non certo l'uo- le Chiese Domandiamo al Governo se a ci

UN' INTERPELLANZA
-

Domenica il giorno fissato pel plebiscito


Domenica nove milioni d' Italiani sono chia

mati a pronunziare sui loro destini e su quelli


dell' Italia.

mo che noi vorremmo veder ora al potere,


aveva in certo modo avvezzato il popolo a
conversar col governo. Esso gli parlava spes
so, e il popolo ci aveva preso gusto: gli pa
reva di governare assieme coi Ministri, e la
grande popolarit di Liborio Romano aveva
origine, crediamo, unicamente da ci.
Il Ministero Conforti ha un tortoquello di
non parlare al pubblico mai, neppur quando,

si provvide.

Il plebiscito avrebbe dovuto essere spiegato


dal pergamo Lo fu?
i

Vi , o almeno vi dovrebb essere, in Na


poli un'autorit cittadina, un Municipio.
o E ben vero che quest'Autorit non fece mai

udire la sua parola, n per invocare la piet


Quali disposizioni furono prese onde dispor
e la carit cittadina in soccorso dei feriti, n
li a questo grand'atto ? Ecco una domanda
per annunziare al popolo l'arrivo dei soldati
che noi rivolgiamo agli uomini del governo. come in questo caso, il farlo di estrema dell'Italia settentrionale perch il popolo li po
A questo atto bisognava dare il carattere necessit. Nell'ltalia Centrale, Farini e Ri tesse accogliere, secondo le nobili parole di
d'una grande solennit, perch il decidere sul casoli fecero precedere al decreto del plebi Garibaldi, come fratelli ben vero che noi
proprio avvenire il pi importante diritto scito un proclama, con cui se ne spiegava al non troviamo la mano di quest'Autorit in
che possa esercitare un popolo libero ed popolo il senso e le cause-qui non solo non nessun luogo, eppure potrebbe e dovrebb'es

anzi un popolo non pu dirsi veramente li si fa questo, ma non si d neppure tutta la servi dovunque, anche ove non pu n deve
bero quando in un modo o nell'altro non necessaria pubblicit al decreto che convoca i esservi la mano del governo ben vero

l'abbia compito. .

comizii,

La una imperizia governativa che si at


Ne dubitiamo Il decreto che convoca il tacca ad un sistema che per noi deplora
popolo ne Comizi, lo abbiam letto nei vari bile, quello di tenere il popolo pi che si pu
giornali, ma non lo abbiamo veduto affisso fuori della cosa pubblica, sistema che in que
agli angoli delle vie e questo ci pare un st'epoca abbian veduto seguito persino dagli
Vi si pensato ? vi si provveduto?

ch'esso non si occupa che assai poco e assai


male dei pubblici Spedali, affatto nulla della
polizia stradale ben vero che a Napoli
ogni annunzio che viene al popolo su cosa
che gli prema sapere, su notizia che gli stia

a cuore, non passa per altro canale che per


gravissimo errore non tutto il popolo legge uomini che si vantano, e in parte sono, amici quello del Ministero di Polizia sudicio no
me che bisognerebbe abolire ben vero che
i giornali, per cui se nelle altre citt del Re e fautori delle pi larghe libert.
Strane contraddizioni collo spirito dell'epoca
il diritto di credere che una met della po che mette il popolo al disopra di tutti.
In Francia, un ministro, un amico di Na
polazione non sappia ancora neppure di essere
poleone III, che non certo un gran liberale,
chiamata a votare.
Si tratta d'un popolo nuovo alle forme di pure costretto a riconoscere come sesta gran
libert di un popolo a cui un governo bruta de potenza, la pubblica opinione e l'uomo
le vietava di pensare di un popolo a cui che non si china alle altre cinque, si fa piccino
ogni iniziativa era stata proibita sotto pena dinnanzi a questa, e l'accarezza, e le fa la
del carcere... e di qual carcere! Questi qua corte, e ogni volta che deve compiere un gran
ranta giorni da che data la sua liberazione, de atto, cerca di guadagnarsi prima l'appog
non possono avergli data una molta giusta gio della pubblica opinione.
Qui, uomini liberali, che per la libert han
idea della libert. Finora non gli si disse,
non gli s'inculc che una cosa: Lasciate fa. lottato e patito, mostrano di non curare af
re a chi tocca - glielo dissero in tutti i modi fatto la pubblica opinione, o accapigliandosi
e su tutti i tuoni Per fortuna che quegli con essa, come Bertani e Crispi per far trion
cui toccava fare era Garibaldi, cio il piu o fare la propria , o trattando il popolo, co

il Municipio di Napoli non trov una parola

nesto degli onesti-diversamente con questo si me il Ministero Conforti, con la trascuranza

ene il popolo sappia preparare al suo Re la

gno si seguito l'esempio di Napoli, abbiamo

stema si poteva andare ben oltre In questi


quaranta giorni il nostro popolo fu condanna
to ad agitarsi per commozioni che non na
scevano in lui stesso, e nelle sue viscere,
ma che gli venivano dall'alto, e a cui spesso
comprendeva nulla o ben poco.

per rallegrarsi della vittoria del 1 ottobre


che liber la citt da un urgente pericolo
ben vero che se domani cadesse Capua il
Municipio non romperebbe il suo maestoso si

lenzio, n per annunziarlo al popolo, n per


congratularsene seco.

Tutto ci vero, incontrastabile ma, se

dobbiam credere al Nazionale, che in fatto di


cose cortigianesche autorit competente, il

Municipio si sta occupando a preparare le fe.

ste per l'arrivo, pi o meno prossimo, I no


stro Re Se il Municipio prepara de i" fe

ste, vuol dire proprio che v' un Municipio.


Che l'arrivo del Re d'Italia fra noi sia una
festa nazionale, sta bene ma teniam fede

"

con cui da certi pedanti si tratta un profano, festa pi bella


tutte quelle che gli potr
e si crede aver fatto abbastanza per lui rico allestire il Municipio.
.
noscendo un suo diritto.
Ad ogni modo, noi non crediamo che il
.
il
Il
Certamente noi non diciamo al Governo Municipio libero di un popolo libero non ab
d'influire sul voto-di raccomandare al popolo bia proprio altro mandato al mondo che quel
di votare pel si o pel no ma gli diciamo, e lo di gran cerimoniere per le occasioni di ga

Tutto ci non d'indole tale da educare il gli ripetiamo che non basta avere emanato la.Gli altri Municipi d'Italia, e specialmen
popolo alla giusta iniziativa che la libert gli il decreto del plebiscito che bisogna farlo te quelli di Lombardia i non lo hanno certo
assicura-perci non certo, preparato ad e sapere e in modo tale che nessuno possa igno creduto. " ".
", ,,
sercitarla ora convenientemente.
rarlo, che bisogna spiegarne il senso e le Comunque, il Municipio di Napoli potrebbe,
Bisognava dunque compierne in questi po cause, che bisogna, provvedere perch questo ci sembra, senza derogare per nulla alla pro
chi giorni la educazione politica-fargli la dot. primo esercizio del pi santo diritto, a cui per pria dignit, cogliere questa occasione del
la prima volta chiamato, il popolo dell'Ita
trina, il catechismo della libert.
per dire una parola a suoi concitta
o
-

A ci
mente.

"s

--

il Governo non provvide menoma


-

--

- - --

Nell'ultima epoca del Regno Borbonico, Li

lia Meridionale, sia celebrato come una so lIll.


In fin dei conti affare che lo riguarda da
lennit nazionale.
i ,
Il plebiscito avrebbe dovuto esser letto nel vicino perch speriamo che almeno i Signo

10

4 -

IL PUNGOLO

=pio. Da noi
a,

ri del Municipio non vorranno credere che

Nostra corrispondenza

l'essere del Municipio li dispensi dall'essere

Parigi 18 ottobre 1860

cittadini.

Potrebbe darsi del resto che c'ingannassimo


e che quesignori abbiano di cos strambe idee
per la testa.

Fra tanto silenzio universale non si ode al

tra voce, cha parli al popolo del plebiscito se


non quella del Padre Gavazzi. Un avviso pre
ventivo annunzia al pubblico le ore e i luo

ghi di questo nuovo spettacolo.

Finch il padre Gavazzi parla in

piazza, al

Popolo, non ci troviamo nulla a ridire

l'esem
dato, e ne date tuttavi
la colonna della piazza Vendome l per
narrare i prodigi della nostra storia, dal mo
mento che la scuola politica del Cardinale de

Fleury, e le scioperate abitudini dei suoi sue


Gli splendidi ed eleganti salons della bon cessori, non furono pi la guida cieca del po
ne compagnie parigina, sono in questo mo polo francese. Allora, come disse il gran
mento quasi affatto deserti. Tuttoci che brilla de Imperatore, nous avons lave la honte de
per bellezza, per nome, per riputazione la Rosbach.
sciato la capitale, e va vagando, come porta
Il barone di Hbner giunto qui alcuni gior
la moda, fra i piaceri convenzionali delle no ni or sono, svelava ieri, alla tavola d'un gen
stre case di campagna. Parigi nel mezzo tiluomo inglese, membro del Parlamento, con
giorno di Francia, cio vi si rovesciato come sincerit poco diplomatica, la condizione pre

la

suole tutti gli anni, per rivenire a primi di no

Sente

" Austria.

Sebbene io discostassi

, imprecando alla a detestable con alquanto da lui , mi venne pur fatto di co


a ha un lato buono e praticamente utile vembreine
suetud
d'annoiarsi fra l'esame analitico
di cui bisogna ben tener conto. gliere queste parole, che chiudevano un di
Solamente poniamo un dubbio che il padre d' una magnolia, e i miracoli portentosi d'un scorso enin, la position n'est plus tenable.
Gavazzi possa sempre dare al pubblico idee cedro del libano, applicato alle emicranie dei Questo vi consoli, giacch vi condurr a Ve
parassiti. Chi ville presso Saint-Germain, nezia, per quanto le sentenze dogmatiche del
molto giuste sull'argomento di cui tratta.
Non mettiamo certamente in dubbio il pa Saint-Cloud, e lungo tutta questa bella via Constitutionnel, redatte dal sig. Boniface, pos
sino a Versailles, muore di dispetto a Parigi, sano ornarsi delle apparenze d' ammonizioni
e invoca l'inverno apportatore di vita pi IT)IIlaCCIOSe.
ratoria lo trasporta tanto che spesso perde il spensierata, d' amori, e d'illusioni gioconde
filo del discorso, e, perdutalo una volta, non ll freddo mondo politico, e diplomatico si vive

triotismo del bizzarro oratore, ma egli va sog


gett a distrazioni s eccentiche la foga o

- ---

frattanto accigliato Le conferenze di Var


sempra lo raccapezza.
UR
. Due volte lo abbiamo udito a. parlare dei savia, per quanto si cerchi di scemarne l'im DISCORSO DEL CONTE CAVO
feriti, a S. Carlo e ai Fiorentini, e due volte portanza, e s'affetti di annientarle con rebus
lo abbiamo udito terminare parlando dei ma. a doppio senso, preoccupano la mente degli uo Siamo dolenti che l'angustia dello spazio

permetta di pubblicare per esteso il


iali - il che ben peggio che il mescolare mini di stato. Un tale , amico mio , che si non ciso,
con cui il Presidente del Consiglio
discor
pe
di
Princi
del
casa

in
sera
l'altra
scontr
a
e,
le cose sacre alle profan che non piacev
i, appoggiava il progetto di legge
Ministr
dei
ad Orazio.
V..., col sig. di Thouvenel, mi narrava , co
oni, presentato alla discussione e
annessi
sulle
a
a
quasi
atico
riusciv
non
o
diplom
abile
l'
Del resto, poich nessun altro fa, teniam me
ere
.

conto al P. Gavazzi delle buone intenzioni

celare sotto il velo de'suoi modi facili, la seve alle deliberazioni della Camera Ne scegli

i nostri lettori
e siamo disposti a mandargli buone tutte le rit d'un contegno per lui inusitato. E bens mo i tratti pi sisaglienti onde
to
giusto
o
concet
un
formar
possan
vero che il giorno appresso, quando gi il sig. siero che lo informava tutto intero. del pen
sue possibili o impossibili divagazioni.
men
llanza,
riassu
di Kisselef, partito da Parigi ai primi giorni
Chiuderemo questa interpe
ll conte di Cavour dopo una sintesi rapida
do ci che, a nostro modo di vedere, dovreb della passata settimana, avrebbe dovuto esse
opinioni della Camera, e dopo un sguar
delle
tto
Pie
e
di
gabine
del
ia,
corrier
un
re a Varsav
be fare il Governo.
ettiva sulle annessioni del
Esso dvrebbe annunziare al popolo il ple troburgo, giuuto quasi inaspettato, mut le do di storia retrosp
le, e sulle condizioni politiche

- - -

biscito, affiggendo per le cantonate il decreto rughe della fronte del Ministro degli affari e l'Italia centra
le anno precedute, e seguite ; si pone
che convoca i comizi, pubblicato con tutto il steri, in un sorriso di bonomia quasi patriar che
are la quistione dell'italia meridio
esamin
ad
e la importanza ch' esige un simile cale.
a quel punto delicato, che tocca
affront
e
nale,
re
La questione che sembra doversi dibatte
Atto.
ri
Gabinetto di Torino, coll'illu
del
dissapo
i
a,
so

non
e
Poloni
povera
della
Capital
nella
ma
Dovrebbe fare un procla al popolo spie

"

gandone le cause e il significato e facen lamente, come vanno dicendo con insisten stre generale Garibaldi.
dogli comprendere che cosa sia il diritto di za scolocata i Giornali di Germania, la que Un dissenso profondo egli dice si manifestato
cui per la sua continua protesta contro l' op stione d'Italia, e delle annessioni monstrotreu fra il Generale ed il Ministero (movimento a'attenzione
pressione Borbonica, e per le vittorie dei vo ses secondo la definizione d'un legittimista, profonda). Questo dissenso non era stato provoca
lontari Italiani venuto in possesso, e che il ma quella bens della Turchia Europea, e del to da noi, e se motivi di pubblico servizio non a

manifesto del Re gli assicura e gli garantisce.

dominio del Danubio E inutile di farsi illu

vessero imposto ad un illustre ammiraglio l'obbli

Il Municipio a sua volta dovrebbe alzare sione La Russia guarda a Costantinopo go di abbandonare il suo stallo per andare a ri
li, con quello stesso desiderio con cui voi altri prendere il comando della sua squadra, egli po
la voce e parlare ai propri concittadini.
Come riunione di cittadini liberi, come au italiani guardate a Roma; e come per voi il trebbe fare testimonianza dello spirito col quale fu

torit indipendente dal Governo, esso pu dire possesso della sede dell'antico impero termi rono dettate le istruzioni sia officiali sia confiden
ner col divenire una necessita d' esistenza;

ci che al Governo non permesso.

ziali che gli abbiamo date quando egli part alla

Egli pu svolgere la formula su cui il po. cos per la Russia, Costantinopoli e l'impero volta di Palermo .
polo chiamato a pronunziare.

Pu dire cosa significhi la Italia una, la I


talia indivisibile pu dire che cosa ci gua
dagner il popolo a che il Regno delle due
Sicilie sparisca, e sorga il regno Italiano.

greco, saranno la fase ultima dello sviluppo


delle aspirazioni irrompenti della razza Slava.

Ma l'Austria abbandoner la sua vecchia po


litica tradizionale? Conceder per placare gli
sdegni dell'Imperatore Alessandro, che la

- ,

Non solo il Ministero non provoc il dissenso,


ma fece quanto stava in lui onde non fosse porta
to a cognizione del paese. Finch fu possibile il
dissimularlo lo si fece ; ma quando un pubblico
scritto, ma quando una missione in certo modo so
lenne dimostr che questo dissenso esisteva, il go
verno del Re credette ci costituire una circostan

Al Municipio di Napoli spetterebbe il dirit Russia assorba la Turchia ? Si accontenter


to e il dovere di dar l'esempio a tutt'i Muni in ricambio degli sbocchi del Danubio? That
cipi delle Provincie proclamando festa na is the question , come dicono i nostri vicini za abbastanza grave onde fosse suo debito di chie
dere al Parlamento se quel disparere non modifi
zionale il giorno in cui il popolo del Regno d'oltre-Manica.
il giudizio da lui pochi mesi proferito intor
cava
nte
ratame
esser
ap
entra in signoria di s stesso e dopo
Voi vedete che tengo delibe
stato tanti secoli venduto, comprato, barattato partata la Francia dalla questione che, se no alla nostra politica. Mi pare che un tale pro
come una mandra, per la prima volta dice : condo me, va ad agitarsi nelle conferenze di cedere, lungi dall'escere ingiurioso, sia altamente
Io voglio cosi - e disponendo perch una tal Varsavia. Essa fu lasciata in disparte con ap onorevole per il generale Garibaldi (bravo).
festa sia degnamente celebrata.
parenze di minaccia; ma le epoche delle coa
Prosegue quindi la narrazione degli atti e
-

Si tratta di festeggiare la nascita di un po lizioni sono passate, le sante Alleanze non so.

della condotta del Ministero nella dolorosa

no pi possibili. D'ora in avanti nessun mu congiuntura, e ponendo la ipotesi d'un voto


Governo, il Municipio faranno essi tutto tamento potr farsi sulla carta degli Stati Eu di fiducia della Camera verso il Gabinetto,
ropei, senza il concorso della Francia e del soggiunge.

polo libero.

"

CIO

Non lo speriamo le abitudini dell'uno, e l'Italia Quasi 70 milioni d'uomini formano

l'apatia dell'altro non si smentiranno neppure un nucleo contro il quale si frangerebbero i

a Se poi il vostro suffragio ci sar favorevo

tentativi dei caldi partigiani dell'evo medio, le , noi nutriamo fiducia che quello abbia ad
o
nostro
il
compit
Ad ogni modo noi avremo
e dei diritti di potestas et gladii. La voce esercitare una grande influenza sull'animo ge
dovere.
delle masse, inascoltata un tempo , suona neroso del generale Garibaldi (bene). Noi nu

questa volta.

fiducia che egli prester maggior fede


imperativamente, e qualunque individualit triamo
dei rappresentanti della Nazione che
voce
alla
ente

i
fermam
,
re
volont
scompa dinanz alla
pronunciata, d'una nazione. E voi ne avete non a quella dei tristi (con forza) che cer

IL PUNGOLO

11

cano di separare uomini che hanno pure ala Rossano il signor Michele Ardiccio, maggiore

Veneto si prendono le stesse precauzio


cremente lavorato per molti anni per il trionfo della Guardia Nazionale pel Distretto di Lagone mi,Nel
ma inutilmente. Persino l'officiosa Patrie
della causa nazionale (applausi). Se ci ac f il signor Domenico Antonio Tupputi, confessa che, davanti all'Italia unita, questa
corderete il vostro voto, noi, animati sem
Tenente dello Stato Maggiore della Guardia
lungo durare nell'anor
pre dal medesimo spirito di conciliazione che Nazionale di Napoli il signor Giacomo Raciop provincia non potr a
abbiamo sin qui dimostrato, fatto anzi pi vi
vo dalle parole generose che furono a voi ri
volte, non solo dai nostri amici politici , ma
anche da coloro che noi forse potevamo te
mere di dover annoverare fra i nostri avver

pi, Segretario Generale della Intendenza della Pro


vincia di Basilicata, in luogo del signor France

malit della sua condizione.

sco Lattari destinato ad altre funzioni. Il cav.

La Venezia-essa dice-aspirer con pas


sione a rientrare nella famiglia italiana, e fin

Filippo de Rossi, Direttore del Tavoliere di Pu

ch ci non siasi ottenuto rimarr fatalmente

glia, esonerato dalla carica.-Il Prefetto di Po in preda all'insurrezione morale. L'Austria al

lizia, signor Gaetano Chiola, avendo chiesto la


sarii: animati da questi sentimenti (con calore) sua esonerazione dalla carica , nominato Teso
noi andremo incontro al generale Garibaldi, riere della Cassa di sconto, in luogo del signor
e mostrandogli l' ordine del giorno proposto Pasquale Delcarretto, destituito. condonata
dalla vostra commissione, ed al quale noi di la pena di sei mesi di prigionia a Felice Menale
gran cuore ci associamo ( bene, bravo), ed e Gaetano Rugnesso. E accordata sul debito
additandogli pure il voto di fiducia della Ca pubblico dello Stato una pensione di ducati tren
mera , noi inviteremo il generale, non a no ta al mese a Giovanna Crisar, vedova di Dome
me nostro, ma a nome dell' Italia, a porgerci nico Romeo, morto per la patria nel 1847, ed

la sua volta in faccia a questa situazione, sa


r costretta a stabilire un eterno cordone sa
nitario tra il Veneto e la rimanente Italia.

Questa provincia dell'impero d'Austria non sa


r pi uno Stato ma una galera. Il sovrano
star tanto male quanto i sudditi. Potrebbe
ci durare? No; evidente che l'Austria non
induger molto a chiedere d'essere sbarazzata

fardello .
una somma di duc. quattromila, pagabile in una da un tale
la sua destra (applausi vivissimi).
L'Agenzia Reuter ha il seguente tele
sola volta, ai quattro figli di esso Romeo.-E a
Continua poi a parlare, per rispondere ad bolito l'alunnato di Giurisprudenza presso il Pro gramma da Roma, 8 ottobre:
alcune obbiezioni mosse dal Deputato Ferra Curator Generale della Gran Corte dei Conti.
Affermasi che il papa ha rifiutato un soc

ri, e prova come sieno destituite di fonda

mento. Si volge quindi alla questione di Ve


nezia e di Roma, e su quest'ultima procla
me netto franco il pensiero del Governo con

ordinata pel giorno 22 corrente la compilazio corso pecuniario offertogli dal re Vittorio E
manuele e dall'imperatore Napoleone.

me delle matricole dell' Esercito Meridionale di


terra.

Il papa rimarr a Roma.


x

o-ooc

Dicesi che monsignor de Merode ricever


la sua dimissione.

queste parole.
NOTIZIE ESTERE ED ITALIANE

La nostra stella, o signori, ve lo dichiaro


apertamente, di fare che la citt eterna,

Un corriere da Pietroburgo giunto alla

L'Opinione crede falsa la notizia data legazione russa. E apportatore di dispacci del
Courrier du Dimanche, che l'Austria a suo governo in cui si consiglia il papa a non
dal
sulla quale venticinque secoli hanno accumu
protestato, con una nota all'Inghilterra, partir da Roma, n a pubblicare la scomuni
vesse
lato ogni genere di gloria, diventi la splen
ma a limitarsi per il presente a protesta
dida capitale del Regno Italico. (Strepitosis di non credersi pi vincolata, dopo gli ultimi ca,
l'invasione della Sardegna.
contro
re
principio
non
avvenimenti
dell'Italia,
dal
di
prolungati
applausi).
simi e
intervento.
La Gazz. di Roma ha una importante
Accenna al modo da seguire per raggiun Le ragioni addotte dell'Opinione sono: che dichiarazione in cui confessa che la somma,
gere questo grande scopo, ed afferma che la l'Austria non ha mai ammesso il principio di che dalla piet dei fedeli stata offerta al
libert afforzando l'idea religiosa, concilicr non-intervento e che quindi non era necessa loro comun Padre, ascende a tutt'oggi ad un

ed unir ci che oggi pare diviso.


Si volge finalmente a Venezia, e pone in
nanzi le insuperabili difficolt che si oppon
gono ora alla guerra contro l'Austria, ma
spera non lontano il momento, in cui la stessa
opinione pubblica di Germania ricuser di farsi

complice del supplizio di Venezia.

Chiude il lungo discorso con queste parole.


Io non so se possa lusingarmi di avere dis
sipati tutti i vostri dubbii e fatti persuasi tutti i

ria una nuova dichiaraziane; che l'Austria, do milione e seicento mila scudi, e fa novello in

vendosi fra pochi giorni radunare i tre poten vito a questo piet s avara e si lenta. ll go
tati del Nord, attender a dare un indirizzo

verno romano afferma che mentre non s'in

alla sua politica verso l'Italia finch non sia durrebbe giammai ad accettare qualsivoglia
offerta di somme che per patti e condizioni
Osserva pure l'Opinione che se l'Austria non venisse fatta da uno o da molti fra coloro
intervenuta, ci si deve all'influenza della che diconsi grandi della terra, non saprebbe
diplomazia estera, specialmente inglese, ed ai d'altra parte ricusare l' obulo che spontaneo
suoi interni imbarazzi.
continuer a venirgli dai fedeli dell'Orbe Cat
si concertata colla Russia e colla Prussia.

Il corrisp. parigino dell'Espero crede sa

tolico.

Si conferma da tutte le parti la notizia della


membri della Camera della rettitudine delle inten pere con fondamento che l'Austria non far
rioccupazione di Viterbo per parte delle truppe
dell'ingresso
Sardegna
colla
belli
casus
un
zioni del ministero, della opportunit della politi
come pure della dichiarazione of
ca che esso vi consiglia. Io spero tuttavia che non dell'armata italiana nel regno di Napoli. Il francesi
Goyon che l' occupazione
mi taccerete di presunzione se io manifesto un ar Gabinetto viennese consigliato in ci dall'ln ficiale del generale
francese si limiter a Viterbo, Velletri Fro
limiterebbe
un
ad
Prussia,
ghilterra
dalla
si
e
dente desiderio, una viva speranza, ed che voi
energica ma puramente difensiva nel sinone, Civitavecchia e Comarca.
sarete per dare alla presente legge un voto una attitudine
Veneto.
La Nazione di Firenze non sa rendersi
nime il quale, mentre eserciter non poco peso
L' Opinion Nationale, dopo aver accen una ragione precisa di questo fatto. Pare per
nei consigli dell' Europa, coll'immensa sua au
torit, soffocher nel suo nascere quel germe di nato le possibili conseguenze dell' entrata del che l'Inghilterra abbia protestato contro l'oc
discordia che apparve nelle provincie meridionali Re a capo della nostra armata nelle Due Si cupazione di Viterbo, la quale vulnerando il
principio del non-intervento, ne lascia intero
e che, se si lasciasse sviluppare, renderebbe for cilie soggiunge:
se in possibile la pi grande, la pi magnanima im Il Re di Napoli protester come ha pro il monopolio alla Francia.

presa che sia stata data ai popoli di compiere . testato il Papa. La sua protesta sar senza

magnanimo ardire ai popoli di Sicilia e di Napoli,


in nome di Vittorio Emmanuele restituiva agli -

dubbio appoggiata dall'Austria, dalla Baviera


dalla Spagna e da altre Potenze. Ma alla fin
fine l'Europa riconoscer i fatti compiuti, poi
ch essi realizzano i voti di venticinque milio
ni d'Italiani .
L'eterna conferenza di Varsavia va sempre
pi riducendosi alle sue vere proporzioni. La
Patrie crede che quest'avvenimento non man
chi d'una certa importanza, ma non vede in
esso uno di quei fatti decisivi che pesano sui

taliani tanta parte d'Italia .

destini delle nazioni. La Gaz. di Colonia di

La Camera approva quindi l'ordine del gior


no formulato come segue.

La Camera dei deputati, mentre plaude alta


mente allo splendido valore dell'armata di terra e
di mare e al generoso patriottismo dei volontari,
attesta la nazionale ammirazione e riconoscenza
all'eroico general Garibaldi, che, soccorendo con

Le quali parole furono

coperte

--

COSE INTERNE
Sunto dei decreti pubblicati dal Gior

nale Ufficiale del 16 ottobre.

conferenza. I fogli austriaci, smessa la prima


burbanza, ne parlano con sconforto. Noi non
crediamo punto, dice l'Ost-Deutsche-Post, a
una risurrezione della Santa Alleanza, che op
porrebbe la Russia, l'Austria e la Prussia al
l'Inghilterra e alla Francia.

lici: Fui arrestato nel mio cammino .

Questa per non che una mera induzio


ne. La verit tra poco.
Alla Gazzetta di Torino scrivono in data
del 10 corrente:

Oggi il Monitore mette la seduta della vo


stra Camera sotto la rubrica Italie, senza in

proporzioni allarmanti. Si crede che l'Au

",

prima volta ; se non fu un errore, indizio si


gnificativo.

L' entrata dell'armata regolare italiana nel


regno delle Due Sicilie un passo ardito,
ma divenuto necessario. Per ha agito sulla
nostra borsa in senso di ribasso. Si parlava
In Ungheria l'agitazione degli animi pren pure alla borsa che l'Austria minaccia sul Min

de
. Son nominati: il signor Marcello Lopez, mag stria sottoporr tra non molto l'intero paese a
Rio

giore dei

zione uno spediente che l' Inghilterra presta


alla Francia, a beneficio dell' Italia, perch,
l'Imperatore possa dire agli agitatori catto

da fragoro ce che l'Austria stessa non spera molto dalla dicare, n Piemonte n Torino. questa la

si e generali applausi.
-

Per siffatta protesta il citato giornale in

dotto a credere essere il fatto dell'occupa

un rigoroso stato

d'assedio.

cio e sul Po.

Se le potenze nordiche non si muovono que


sta volta, l'Italia fatta; se si muovono, l'Italia

12

- 5:r

Na
si far, Dio lo vuole. Ma
condizionediindi
una l'impresa
sia presto compita ; che
poli

ll Sindaco voleva probabilmente dir MoDENA. stro baavo generale Turr Egli ha gi co
ll fatto sussiste, esso avvenne a Firenze, a minciato a porre ordine ad alcuni abusi, d'al

spensabile di sicurezza per tutti.


Modena, a Bologna, di sbagliato non c'era tronde inevitabili in un'epoca come questa,
La leva, ossia il contingente annuo in Fran
ordinando che sia arrestato, qualnnque vesta
cia di 100 mila uomini, dei quali non si pren che la localit.
dono che 40 mila; quest'anno si prende tutto in i Pensi il Municipio a correggere bene i suoi la onorata uniforme dell'esercito meridionale,
-

tero.

proclami.

L'armata di Roma pu esser portata a 60 mi


la uomini in pochi di. Tutti i preparativi son

e non possa giustificare di farne parte sap


piamo anzi che qnalche arresto fu eseguito
in seguito a tale disposizione,

IL SINDACO DI NAPOLI

fatti a questo scopo.

Il fiasco dell'allocuzione papale solenne; Le

Pape a dpass le but par le violence de son

AI SUOI CONCITTADINI

Ora ci aspettiamo da lui un' altra disposi

Napoletani !

langage, son le parole che sortono dalla coscien


za degli stessi clericali.

ll Municipio di questa Metropoli sente il

Scrivono da Torino al Pungolo di Mi

debito di rammentare ai buoni cittadini il do

zione che vieti ad ufficiali e soldati dell'eser


cito meridionale le vesti bizzarre che non so

no quelle del corpo cui appartengono, ed ar

mi, che non siano le militari.


vere che tutti hanno di concorrere nella pros

'lano:

Noi dobbiamo oggi brevemente sostare -

desideriamo per lo stesso esercito me

Lo
noi non facciamo, cio, subito la guerra al sima votazione a suffragio universale.
Noi dobbiamo far sapere all'Europa, se i ridionale, che deve presentarsi in atteggia
l'Austria per due motivi: 1. perch non sia

mo ancora preparati e bene organizzati e for Napoletani vogliono unirsi al resto della fa

mento serio ai fratelli dell'esercito occidentale.

Non vogliamo le pedanterie del regolamen


ti 2. perch l'Europa tutta ce lo vieta. miglia Italiana, e se vogliono essere governa
Uniamo 22 milioni d' Italiani, organizziamoci,
ma non crediamo convenienti i capricci
to,
EMMANUELE, il Re Galan
siamo forti, e il primo motivo sparir, e spa ti da VITTORIO
di una fanciullesca vanit.
-

rir nel tempo stesso il secondo. Perocch la

il nostro avve

tuomo. Si tratta di decidere

Siamo certi che parliamo in nome di quella


ragione per cui l'Europa ci vieta di romper nire, e l'avvenire d'Italia. In questo caso l'a
maggioranza dei volontarii che non han
gran
guerra all'Austria si appunto la lamentata stenersi dal votare, non solo biasimevole o
nostra debolezza; essa teme che sopraffatti

no se non un'ambizione, quella di esser


dalla potenza austriaca, noi possiamo aver scitanza, ma mancare al pi sacro dei do primi ai pericoli, se non un vanto, che pos
nuovamente bisogno della Francia per soste veri cittadini.
sono profferirc a fronte alta, quello di aver
merci, e dalla lotta tra la Francia ed Austria
Coloro che sono la parte pi colta e civi

dipenda la guerra universale. Ma quando le di questa grande citt , non dimentichino fatto il debito proprio come lo fanno gli
l' Europa ci vegga abbastanza forti per tener che essi hanno ancora il dovere di far com Eroi.

testa da soli alla nostra nemica, essa modifi

cher certamente le sue opinioni attuali. La prendere agli altri, la suprema importanza

nostra forza poi non consister solamente nel dell'atto che il nostro invitto e generoso DIT

Pregati inseriamo la seguente lettera:

formidabile esercito, nella squadra numerosa


TATORE ci chiama a compiere.
ed agguerrita, nella finanza prospera, ma, e
sopratutto, risulter dal concorso unanime Le liste elettorali sono gi fatte, ogni elet
della Nazione, con tutti i suoi mezzi materiali tore ricever la sua tessera, perch si presen

Gabinetto del Dittatore delle Due


Sicilie

e morali.

Caserta 14 ottobre 1860

ti con essa a votare. La libert del suffragio

'Signor Avvocato,
a
Non ancora deciso, scrive il corrispon
dente torinese del Patriota, il sistema di am sar scrupolosamente rispettata ; ed il Muni
Per quanto si da voi operato in favore
ministrazione che sar seguito nelle provin cipio sicuro che Napoli non vorr esser se della causa d'Italia, io vi dichiaro con piena
cie meridionali. Esistono due progetti ; se conda a nessuna delle altre citt italiane, le mia soddisfazione che avete ben meritato della
condo l'uno di essi il reame napolitano sareb quali dierono tutte esempio di mirabile zelo Patria.
Aggradite i miei saluti e credetemi
be diviso in quattro o cinque grandi centri di
-

nel concorrere al suffragio universale A Fi


governo, ai quali si accorderebbe la maggior renze, a Milano, a Bologna, i vecchi ed i ma
iibert di azione possibile: secondo l'altro pro
getto verrebbero nominati per le varie provin lati si fecero trasportare innanzi all'urna, per
cie dei Direttori, che dipenderebbero da S. M. deporre il loro voto, potremmo noi non imi
in Napoli o da chi sar per rappresentarla, tare il generoso esempio?

Vostro,

G. GARIBALDI.
All' Egregio Signor
Avvocato D. Liborio Romano.

v'ha chi pretende che a capo del governo nel

16 Ottobre 1860.

regno di Napoli sara nominato Farini.

DISPACCIO ELETTRICO.

Il sindaco.-A. COLONNA
-e

Il Governatore di Meramo al Dittatore ed

ai Ministri.

RECENTISSIME

Oggi correva voce per Napoli che i Bor


Il Re VITToRio MMMANUELE qu giun
Oggi il miracolo fu operato, il muto di nici avossero attaccati i nostri avvamposti get to all'una pomeridiana.
tando un ponte nel Volturno.
Partir domani per Chieti, indi per Popoli
Napoli, cio il Municipio, ha parlato.
e Solmona.
categoricamen
di
smentire
in
grado
Siamo
Ad ora tarda fu affisso per Napoli il seguente
Pescara 16 Ottobre, ore 9.30 pomeridiane.
te questa voce Tutto si riduce a qualche
proclama del Sindaco, signor Colonna.
Il Direttore Bellelli al Pro-dittatore, a
Ma la forma materiale cos meschina, e fucilata per un falso allarme.

il linguaggio cos stentato che il nostro arti

-e-

tutti i Ministri ed alla signora Marchesa

Villamarina.

-,

colo resta nella sua interezza.

Vediamo in questi giorni molti giovani vo


la strada di Giulia fino a Pescara
Non cos che un Municipio libero invita lontarii aggirarsi per le vie di Napoli in accon il Lungo
Re VITTORIO EMNANUELE stato accolto
un popolo alla votazione. Se lo tenga per detto ciature cos bizzarre che mal si addicono alla con entusiasmo indicibile da per tutto. Il Cle
il nostro Municipio.
seriet di quell'intrepido esercito volontario ro continua a presentarsi a capo delle popo
E poich parliamo di questo proclama ne che ha operato ed opera miracoli di valore, lazioni. Forse il Re si tratterra un giorno a
Pescara. I
correggiamo un errore, che vogliam credere e di abnegazione.
Questa sera, all'arrivo in Chieti di S. E. il
sia un errore di stampa, perch non voglia Alcuni di qnesti giovani portano alla cin Marchese di Villamarina, grande illuminazio
-

mo credere gli uomini del nostro Municipio tura pngnale certo unicamente per vezzo ne, e grande dimostrazione. L'E. S. ha ar
affatto ignari dei pi importanti avvenimeuti giovanile, e per vaghezza di esterno appara ringato al popolo.
-

della storia contemporanea.


to ma queste armi non convengono ai sol
A Milano non si fe votazione per suffragio dati di Garibaldi.
universale.
Noi richiamiamo su ci l'attenzione del no
-

Chieti 16 ottobre, ore 8 pomeridiane.

Napoli 17 ottobre 1860.

COMIN Direttore

NAPOLI Stabilimento rie. DELL'ATENEO Domenico Castellini Gerente Responsabile.

ANNO I.

Gioved 18 Ottobre 1860

Napoli

Milano

N. 4

L0
GIORNALE POLITICO POPOLARE DELLA SERA
PREZZO D'ABBONAMENTO MENSILE

Napoli a domicilio
Provincia franco di posta .
Trimestre semestre ed anno in proporzione.
Per l'Italia superiore, trimestre.
-

Esce tutt' i giorni anche festivi, tranne le solennit.


gr.
.

L. It.

30
45

L'Ufficio di Redazione, e la distribuzione principale presso


lo Stabilimento tipografico dell'Ateneo
Vico S. Maria Vertecoeli, N. 9.

7, 50

Un numero separato costa Un grano.

LA LEGGE SUI LE ANNESSIONI


-

L'apertura del Parlamento a Torino, in un'

epoca inusitata; i fatti delle Marche e del


l'Umbria, la condizione precaria dell' Italia
meridionale, l'attitudine minacciosa dell' Au
stria sul Mincio e sul Po, avevano consolida

ta l'opinione, che la Corona domandasse i


pieni poteri.
Il partito liberale, che ricorda ancora il

mal'uso fattone dopo la guerra del 1859, pel

Si ricevono Inserzioni a Pagamento.

Napoli 18 ottobre 1860.

All'ombra di questo diritto svaniscono tutte


le passate reticenze, si dileguano i dubbi, le
oscillazioni, e l'ltalia si proclama da s, pro
priet intangibile degli italiani.
A fronte di questo grande principio , da
vanti a quest'atto d'esempio nuovo fra noi,
l'opposizione Parlamentare pieg. Una men
te, che si compiace nei labirinti della dialet
tica , e trova fascino ad esercitare il nobile
ingegno alle difficolt della contraddizione,
combatt la proposta di legge, proclamando
la necessit per l' Italia di ordinarsi a confe.
derazione. Ma la voce del deputato Ferrari si
confuse fra i rumori della Camera, e l'autorit

Il Giornale Ufficiale pubblica il seguente De


Creto:

Per adempiere ad un voto indisputabilmente


caro alla Nazione intiera
Decreto

Che le Due Sicilie le quali al sangue Italiano


devono il loro riscatto e che mi elessero libera
mente a Dittatore, fanno parte integrante dell'Ita
lia una ed invisibile, con suo Re costituzionale
Vittorio Emmanuele ed i suoi discendenti.

Io deporr nelle mani del Re, al suo arrivo


la dittatura conferitami dalla nazione.
riordinamento interno delle nuove provincie di
I Pro-Dittatori sono incaricuti della esecuzione
Lombardia, si presentava alla Camera col pen stessa della sua parola non bast a procacciargli
siero antecedentemente fissato di combattere
l'attenzione della rappresentanza nazionale. Gli del presente Decreto.
qualunque proposta di legge, la quale ten Italiani portano oggi scolpita profondamente una
S. Angelo 15 ottobre 1860.
desse ad allargare l'autorit e i diritti del verit, attinta all' esperienza della loro pro
G. GARIBALDI.
governo, a scapito dell'autorit e dei diritti pria storia , e alle sciagure della loro pas
Lo stesso Giornale vi aggiunge immediatamen
della nazione.
sata fortuna. L' unit vuol dire la forza,
Il discorso del presidente del consiglio di vuol dire la grandezza, la prosperit, l'avve te, pur nella parte ufficiale, le seguenti parole:
legu tutt' i timori Il ministero dichiar nire. La divisione, sia pur mascherata dal
Questo decreto non cambia per nulla la situa
formalmente che, non solo non avrebbe do nome di confederezione, vuol dire debolezza, zione. Il plebiscito avr irrevocabilmente il suo
mandato i pieni poteri, ma che li avrebbe ri miseria , servaggio. Le repubbliche antiche effetto per decisa volont del Dittatore il d 21
fiutati qualora gli fossero offerti. La proposta prosperarono perch erano in armonia colle del corrente mese, e tutto indica che ad una immen
di legge tendeva invece, ad investire il go ripartizioni territoriali degli stati politici d'al sa maggioranza uscir dall'urna il voto della uni
verno del diritto di annettere le provincie del lora. Oggi per vivere una vita propria bi ficazione italiana. Il Dittatore col precitato decre
l'Italia meridionale, allorch con libero voto sogna essere o forti o miseri. A ci forse te non ha fatto nulla di pi di quello che ha
avessero dichiarato di voler formare una sola
la Svizzera, e la repubblica di S. Marino de tante volte significato non altri decreti, quali co
famiglia colla parte settentrionale della peni vono la loro esistenza politica, la loro auto stantemente ho intitolati Vittorio Emmanuele
Re d'Italia. Infine il Dittatore non ha voluto che
sola.
nomia.
esprimere in questa forma il suo voto che fu il
L'opposizione Parlamentare, che ferveva
Ecco perch la legge, che riassumeva il pensiero di tutta la vita.
giorni innanzi, nelle sale degli ufficii, s'acque pensiero , il bisogno, la maggiore aspirazio
t, s'ammoli, e quando la discussione sulla ne dell' Italia, raccolse una s splendida mag
Noi le accettiamo come parte integrante del
legge proposta fu aperta alla Camera, due gioranza. Essa adunque , ancora pi che un decreto stesso, come un complemento necessa
soli deputati parlarono contro, e la rappresen voto di fiducia al Ministero, fu una conferma rio, una necessaria spiegazione di un tal De
Crelo.
tanza nazionale la sanzion a un immensa
all' idea d'unit , a quell'idea, che il popolo
Queste parole garantiscono al popolo il pie
maggioranza
napoletano riassumeva silenziosamente or so
Fu un voto di fiducia al presente Ministero, no quaranta giorni sotto le finestre del gene no ed assoluto diritto di confermare o non
o non fu invece che l'espressione unanime rale Garibaldi, e che il generale stesso ban confermare il decreto di Garibaldi.
ll Dittatore ha voluto dare alla nazione una
d' un pensiero che domina tutta la nazione ? diva vigorosamente l'altro ieri dai poggioli
prova pubblica e incontrastabile delle sue leali
Esaminiamo brevemente questa nuova legge della Foresteria.
La legge sulle annessioni formul, costitu ,
Nessun italiano , senza offendere il senti intenzioni-La nazione non ne avea certamen
consacr una forma di nuovo diritto interna
mento nazionale, potrebbe oggi farsi sosteni te bisogno ma l'accetta riconoscente, come
zionale. Essa disse all'Europa al disopra delle tore di sistemi federativi.
uno splendido omaggio alla sua volont e de
questioni di equilibrio politico, al disopra delle
In conseguenza del nuovo diritto italiano, gno dell'Eroe che lo rende.
L'altr jeri abbiamo detto che Garibaldi
idee di legittimit, v' un altro diritio, v' il regno occidentale, sanc anticipatamente le
un' altra idea V' a il diritto di ogni nazio votazioni di questa nobile parte della patria, riteneva nel suo gran cuore d' Italiano, e di
ne di disporre di se stessa, senza soggiacere in forza di questo nuovo diritto, il popolo na liberale di essere Dettatore per fare la volon
alle superbe violenze d' altre nazioni, che s'ar poletano e siciliano depone la scheda nell'ur t delle naziode, e non per fare la propria.
rogano d'inalzarsi a tribunale v' l'idea di na, sotto la salvaguardia e la garanzia del
Noi non vediamo, non possiamo, n dobbia
scuotere catene obbrobriose, di rovesciare chi l'intera nazione. La legge fu eminentemente mo, n vogliamo vedere in questo Decreto al
5

governa tiranneggiando, e di ricercare

chi nazionale. Dopo la gloriosa iniziativa delle


regge, colla sola guida delle leggi, della giu Marche, e dell' Umbria , un parlamento ita

stizia, della volont nazionale.

tro che ci.

Se questo Decreto non lasciasse libero e


intatto
il plebiscito, sarebbe violato il diritto
liano non avrebbe potuto negare la sua san

La nuova legge costituiva adunque la crea zione ad una legge, che mutava un desiderio imperscrittibile che ha ogni popolo di poter
zione d'un nuovo diritto il diritto italiano. in diritto, un aspirazione in un fatto.

disporre di s medesimo.

IL PUNGOLO

14
Non certo Garibaldi, il pi gran libe

rale, il pi vero liberale, che disporrebbe


di nove milioni di italiani senza consultare

ricolo ma la nazione non ha conferito dit


tature ad alcune.

ch questi scrisse la dimissione, che fu firmata

dagli altri colleghi. ll Generale nell'accettarla


Se vi uomo a cui la conferirebbe sen preg i membri del consiglio a rimanere in of

za timori e senza apprensioni, questi sarebbe ficio provvisoriamente finch non si sarebbe com

la loro volont.

Egli sa bene che questo fatto sancirebbe certo Garibaldi ma, anche in ci teniamo posto un altro governo.
tutte le arbitrarie disposizioni fatte sin qui dei al principio - e al Re diremo che il suo pri
Cosi il consiglio si sciolse, ed i Ministri si
popoli dalla prepotenza brutale o dalla ipo mo atto dev'esser quello di deporre una Dit accomiatarono. Ma dopo alcuni minuti, il Mi
tatura che la nazione crede inutile, e di go nistro dell'Interno ritorn indietro per avere
crita diplomazia.
-

Se si della
distrugge
o si"
nega o s'infirma
il
principio
volont
subire

vernare con lei, e con la liberta.

il principio del diritto di conquista.

non comprendere che noi, quando si tratta di sano che egli non conosceva e dal quale non

una copia della dimissione data, e fu allora

Il generale Garibaldi troppo liberale per che trov presso il Generale l'Ammiraglio Per

Gli ben vero che Garibaldi ha la co libert, vogliamo prendere bene le nostre pre

era conosciuto. Le osservazioni che egli fece


scienza che il suo voto quello della nazio cauzioni non per lui, n pel Re - ma pei innanzi al Dittatore ed all'Ammiraglio dimo
ministri del Re, in favore dei diritti delle na stravano, se non altro, la sua franchezza ; e
ne- ben vero ch'egli si pu credere auto zione.

rizzato ad agire dal nuovo diritto italiano


ch'egli ha, si pu dire, creato prima che

fosse proclamato.

non importa di memorarle.

Garibaldi, dice il Giornale Ufficiale, ha vo


Nel giorno seguente il Dittatore invit il
luto esprimere in qnesta forma il suo voto. Marchese Pallavicino a recarsi nel palazzo del

Sotto questo punto di vista, il Decreto la sua residenza alle due pomeridiane. E a
Ma questo diritto non pu sussistere se
degno
di lui la pi nobile risposta nei vendo questi dimandato se gli era permesso di
non sancito dalla maggioranza della na
dubbii codardi di chi non lo comprendeva ab condurre anche il Ministro degli Affari Inter
zione. Questa maggioranza non esiste fino bastanza.
a che non siamo 22 milioni.

Allora soltanto si avr il diritto di ope

ni, rispose il Dittatore che anzi lo desiderava.


Nel palazzo d'Angri, all'ora indicata, il Mar
chese Pallavicino ed il Ministro Conforti tro

rare in nome e per l'utile della nazione.


COSE INTERNE

In quanto a noi mettiamo i principi prima

di tutto e accettiamo quindi il principio del

varono il signor Cattaneo, il sig. Crispi , il


sig. Saliceti ed il sig. De Luca. Era anche
presente il Generale Trr.

suffragio universale, non dissimulandosi pun


Abbiamo lamentato nel giorni passati Si discute (cominci il Dittatore) se con
to che le sue prime applicazioni furono e l'assoluto
silenzio del Governo circa l'ul
possono essere deplorabilmente fuorviate.
venga convocare, dopo il plebiscito, un'as
tima
crisi
ministeriale abbiamo detto semblea Napolitana come si convocata in
E appunto perch sappiamo quanto il prin
cipio della libert sia sacro all'Eroe che ad che questo silenzio, lasciando vagare i Sicilia. Alcuni opinano pel si, altri pel no.
essa ha consacrato la vita, ci permettiamo cittadini in congetture, nuoceva alla co Vorrei che si cercasse un mezzo di conci
alcune osservazioni sul suo Decreto.
sa publica, e non era d'altra parte con liazione tra i pareri opposti .
Le due Sicilie, vi detto, devono al san
gue Italiano il loro riscatto.

Queste parole possono lasciare un dubbio

Pallavicino e Conforti dichiararono che la

sentaneo ai principi di libert, a quali


base la pubblicit nel suo pi largo
b

conciliazione cercata era impossibile: che es

si, avendo consigliato l'atto che chiama il po


che, per l' onore d'Italia, e di queste provin senso-Ci grato ora di vedere nel Gior polo a decretare, se vuole l'unione di queste
cie in particolare, e per l'utile della causa nale ufficiale riparata questa mancanza.
provincie al regno italico, rimanevano fermi,
-

comune non vorremmo potesse sorgere mai

ove si volesse convocare un'assemblea, nella

che cio si escludesse con tali parole la coo

Ecco le parole del Giornale Officiale, gi data dimissione.


Invece il sig. Cattaneo sostenne, che l' As
In un giornale che si pubblica in Napoli, fu semblea
era necessaria dopo il plebiscito, co

perazione energica, e vitale che questi po


poli diedero alla loro liberazione.
stampata una immaginosa istoria intorno alla
Incentrastabilmente senza l'opera di Gari crisi ministeriale di questi ultimi giorni. Credia me quella che dovea accettarlo o respingerlo:
baldi, e senza quella de' suoi eroici volonta amo nostro debito, per la parte che riguarda il si dichiar federalista : manifest il pensiero
che un'assemblea dell'Italia meridionale dovea
ri essi gemerebbero ancora sotto il giogo Ministero, di rettificare i fatti.
Borbonico ed essi devono eterna ricono
Nel giorno di Venerdi scorso il Dittatore si fare alcune condizioni al patto d'unione col
Sgenza e a Garibaldi ed a'suoi.

Ma incontrastabilmente ancora-ed importa

rec in Napoli, e convoc in sua presenza il

l'Italia settentrionale.

Il sig. Aurelio Saliceti difese con variati ar

Marchese Pallavicino (che la sera avanti nel

che l'Europa losappia questi popoli coopera Quartier Generale avea date le sue dimissioni) gomenti la stessa opinione del Sig. Cattaneo.
Questa opinione fu respinta con molta ener
rono al loro riscotto e vi cooperarono efficace e tutti Minisiri. Mostr di non essere pienamen
IIIEnte,
te sodisfatto della politica seguita per due prin gia e con molta copia di argomenti dal Proditta
Vi sono due generi di protesta contro un cipali motivi ; cio che si erano esonerati dal tore Marchese Pallavicino. A cui venne compa
dominio tiranuico e violento vi la in
governo di alcune provincie uomini d'azione, gno il Ministro Conforti e sostenne, che alla so
surrezione, e la rivoluzione morale L'una compagni suoi negli ultimi gloriosi fatti, e vranit del popolo, che si manifesta con suffra
pu essere talvolta impossibile-l'altra non lo che non gli si erano spediti colla sollecitudine gio universale e diretto, non pu soprastare al
mai-la forza pu comprimere l'una, l'altra che impongono le necessit attuali, i fondi richie cuna assemblea; e che l' assemblea sempre
delegata e mandataria del popolo e non pu di
consuma e distrugge la forza.
sti per i bisogni dell'esercito e della guerra.
Nessuno- e Garibaldi certo meno di ogni Al che rispose il Ministro degli affri interni, sfare e giudicare ci che ha decretato. Chiam le

altro negher ai popoli delle due Sicilie il che se avea dovuto, con suo rincrescimento, re condizioni, che si voleano imporre al governo di
vanto di aver operato la pi stupenda, la vocare alcuni Governatori, lo avea fatto perch Vittorio Emmanuele, il pomo della discordia git
pt completa delle rivoluzioni morali nes si erano mostrati poco esperti ne' loro officii, e tato nel campo italiano, ed opin che avrebbero
suno - e Garibaldi certo meno di ogni altro perch nello stato in cui si trova il paese era resa l'unificazione della Penisola, se non impos
negher che questa rivoluzione morale gli condizione e necessit suprema riordinar subito sibile, assai difficile. E poi-egli soggiunse
abbia scemato le difficolt del cammino, ap tutte le amministrazioni. Anche la pace, come noi opporremmo Parlamento a Parlamento;
pianato e distrutto gli ostacoli, e risparmia la guerra, ha le sue imperiose necessit; onde chi non prevede che il Parlamento di To
to molto e molto sangue Italiano, che avreb conchiuse, che pure stimando ed ammirando gli rino vota la risposta di non accettare annes
be altrimenti tracciato un solco doloroso e uomini d'azione, egli dovea provvedere, senza sioni condizionate? Sarem dunque noi creato
ri di scisma italiano? Eterneremo il provviso
terribile da Reggio a Napoli.
umani riguardi, alla dignit del Ministero.

. Per quanto chiaro sia in proposito il pen


siero di Garibaldi la sua parola poteva
e doveva forse essere pi esplicita, se non

ll Ministro delle Finanze dimostr medesima rio? E darem ragione agli stranieri
mente che non avea tardato in alcun modo a da no delle nostre discordie?
No, noi Napoletani non dobbiam
re i fondi richiesti.

che rido
fare con

Per noi, per gli stranieri, che ci frantendo

dizioni che son cose da medio evo. Noi non

liamo con una chiarezza incontrastabile.

E continurono simiglianti discorsi. Se non


o vogliono frantenderci, anche quando par che il Ministro Conforti, esservando che il Dit ci diamo ad una potenza straniera, a cui sia

Il Generale dice Io deporr nelle mani del tatore si mostrava alquanto dubbioso. Io veg
o mi par di vedere (disse con tutto rispet
e, al suo arrivo, la Dittatura conferitami a go
to),
che il Dittatore non mostra nel Ministero
dalla nazione.
quella intera fiducia che questo crede di me
Adagio con le Dittature! inutile l'esa ritare. Permetter quindi che noi ci ritiriamo,
are se la nazione si sia esautorata in fa e che il potere passi in altre mani . Alle

necessario imporre de'patti; noi ci diamo a


noi stessi, alla nostra gran patria che fu il
sospiro di tanti secoli, alla Italia Una e in
divisibile. Dall'altra parte, gl' Italiani della
Emilia e della Toscana, di quella gentile

Toscana che vanta s nobili memorie, non

Nore di alcuno noi crediamo che noL'ul quali parole prima di rispondere il Dittatore posero condizioni, ma si preoccuparono so
lustre Garibaldi ebbe la dittatura da queste medit
alquanto; poi soggiunse: Ebbene, si io di riunire le sparse membra della italia
provincie in un l momeuto di crisi e di pe
faccia come dice il Ministro Conforti . Perlo na famiglia. Questa, questa l'idea grande

che dee dominare tutte le altre. Perch non Faremo brevissime osservazioni su ci-Ogni del pericolo, cos lo nel d delle giu
dobbiamo imitare i nostri fratelli? Perch dob partito pu lottare pel trionfo delle proprie idee, ste retribuzioni.
biamo domandar privilegi quasi non fossimo e nel suo interesse fa bene usarlo ma nessun
partito deve mentire alterando in tal modo i
figli della medesima patria?
Pregiatissimo sig. Direttore.
conchiuse con molto calore: Noi Napo fatti.
E
litani non consentiremo giammai a quest'on

Il fatto d'armi ch'ebbe luogo ai Ponti della


Se lo fa si disonora-Perch' questione di o
Valle il giorno 1 ottobre merita per la sua
ta che alcuni ci vorrebbero imporre i noi nesta.
r

che fummo tanto calunniati nel mondo, noi


non vorremo certo colle nostre pretese muni

cipali tramutar le vecchie calunnie in no


Il Giornale ufficiale pubblica un decreto col quale
velle accuse: noi non vogliamo altro se non
attribuzioni, il personale, ed i fondi del sop
le
a
che si faccia l'Italia e presto. E mi ma
raviglio come una quistione siffatta si pos presso Ministero di Presidenza, rimangono aggre
sa tanto agitare in presenza del Generale gati al Ministero dell'interno. Altro decreto ordina

formazione di un nuovo spedale nel locale del


a Garibaldi, che la personificazione dell'u la
Ges, capace di 400 letti, i quali furono gi offerti

nit italiana. .

pio Monte della Misericordia-nomina una com


Dopo le quali parole il Dittatore esclam dal
missione
di sorveglianza composta dei sig. Luigi
ASSEMBLEA:
FAC
voGLIO
SI
con forza: NoN
Rossi, Luigi Attanasio, Cav. Francesco Uappella,

CIA L'ITALIA.

importanza di essere riferito in tutt'i suoi det


tagli con imparzialit. La relazione uffiziale
che venne comunicata dal generale Bixio al
Dittatore in data del 6 corrente manca, per
dire il vero, di varie fr queste interessanti

particolarit, e di una preliminare descrizio


ne delle posizioni occupate da taluna delle
nostre colonne prima del combattimento. A
complemento di quanto manca in essa rela
zione cercher supplire con questa mia, che
voi avrete senza dubbio la compiacenza di
pubblicare, attenendomi io strettamente al ve

Parrillo, e Pasquale Persicoordina alla ro. L'ala destra della posizione era affidata
Questa la vera istoria. De racconti fav Giuseppeil versamento
per le spese di un mese, di alla Brigata Eberhardt, vale a dire il ponte
losi che parlano di firme avute con fondi segre finanza
Ducati 6000.

dell'acquedotto, la strada Consolare, e le al


Il Professore D. Guglielmo Gasparrini nomina ture di destra che comprendono i molini di
to Amministrator generale delle acque e Foreste, e Valle. Per occupare tutti questi punti il nu
della Caccia, in luogo di D. Giovanni Andrea Ro mero delle nostre forze giungeva a poco pi
meo, di cui accettata la rinunzia.- accetta pure di 1000 uomini, e non di 1502 come si disse
la rinunzia del sig. Gennaro Sambiase duca di Mal nel Rapporto uffiziale, dacch il 1 Battaglio
vito alla Carica d'ispettor generale delle Poste, ed ne del 2 Reggimento veniva diretto il giorno
nominato in suo luogo il sig. Antonio Capece innanzi agli avamposti di Limatola. A mante
latro. Il signor Federico Bracciale ispettor so nere questa importante posizione di destra, ab
prannumerario delle Poste, messo in ritiro con de bisognava profittare meglio di quanto si fece
creto del 5 settembre, richiamato in attivit. ll degl' accidenti favorevoli di terreno che essa
tenente colonello D. Giuseppe Colelli nominato presentava, vale a dire, munire di qualche
Guardia Generale delle acque e Foreste colle fun artiglieria il molino e la strada che vi con
-

ti, e di colpi di scena alla francese, sia giudice


pubblico.
--

Leggesi pure nel Giornale ufficiale i seguen


ti dispacci telegrafici.
Palermo a Napoli.
Ho dato ordine di pubblicarsi il Decreto del

plebiscito per il giorno 21 colla formalit di


Napoli. Domani ordiner al Governatore di

Messina di dirigersi direttamente e subito a zioni d'Ispettore.- confermato d'Ingegnere diret duce, ed avere fr mani un numero assai
Messina.
Faro 15, ore 3 p. m.
Da Piale 6 p. m.
Dato da Salerno 16, ore 1.30 a. m.

Napoli 16 ottobre 1860,


Il Prodittatore di Sicilia al Dittatore,

Tutto procede egregiamente. Anche stase

tore di prima classe al sig. Alessandro Zecca.


maggiore di forze onde spingersi alle estre
I servigi delle petriere e scogliere, e del cava me alture di destra, e cos salvarsi da qual
mento dei porti del Continente, rientreranno negli siasi, altrimenti facile, sorpresa. Invece di
ordinari carichi della direzione di Ponti e strade, tutto questo la nostra poca forza , affaticata
e delle Bonificazioni. Passer sotto la direzione
da continue marce e contromarce, occupava
delle strade Ferrate l'incarico che, come l'altro, debolmente i molini , la strada che vi sale ,
aveva il sig, Quaranta di somministrare i dadi per ed il Ponte dell'Acquedotto , e tanto debol
la costruzione del tratto di Ferrovia da Cajaniello mente, che gl' avamposti dell'estrema destra
a S. Germano-ll sotto-Governatore del distretto
erano facilmente accessibili all'inimico senza

ra, come ieri sera, la citt illuminata. Sul di Vallo traslocato nel distretto di Pozzuoli in
l'imbrunire tutte le carrozze deviarono dalla luogo del sig. Luigi Castaldi che rimane in atten

colpo ferire. Ci farebbe ritenere che nel pia

no generale di difesa, si volesse abbandona


re questa posizione appena minacciata dal
nemico per concentrare tutte le forze sulla
sinistra, la quale era considerevolmente mu
nita di difese e guardata da 4 a 5000 uomi
ni. Alle quattro pomeridiane del giorno 30
sig. Luigi Siccardi da destinarsi ad altre funzioni. settembre venne ordine di partenza da Madda
ll sig. Felice Catone nominato sotto Gover loni, ove si era restituiti da poche ore, per
natore nel distretto di S. Angelo Lombardi, in i Ponti della Valle; quivi la Brigata Eber
luogo del sig. Vitaliano Trapasso, il quale tra hardt, prendeva le sue ordinarie posizioni
slocato nel distretto di Montelone in vece del si
di destra menomata per altro di un Battaglio
gnor Raffaele Colelli che rimane esonerato.
ne come si disse. Alle ore 6 e 12 antimeri
diane del 1 ottobre giungeva un corriere di
see
Campo per avvertire il Comando dell' avvici
narsi dell'inimico, ed allo stesso punto fum
attaccati da forze notabilmente superiori,
mo
apprezzia
ufficiale,
egregio
cui
Un
di

passeggiata e seguite dal popolo vennero a zione di altre funzioni. L'avvocato Angelo Santan
Palazzo. La dimostrazione fu imponente. Par gelo nominato sotto Governatore, e destinato nel
lai di voi, dell'Unit Italiana e di Vittorio Em distretto di Vallo in luogo del sig. Gianelli. Il sig,
manuele. Immense le grida d' evviva del po Carlo de Angelis nominato sotto-Governatore, e
polo. Al teatro un'ovazione. Il contento ge destinato nel Distretto di Campagna in luogo del
nerale.

Palermo 16, ore 12 pomeridiane.


Questo dispaccio viene dal prodittatore Mor
dini, uomo che notoriamente era avverso al

l'idea della immediata annessione, ma one

st uomo anzitutto e che non dissimula i fatti,


e riconosce l'autorit della pubblica opinione,
e piega ad essa la propria. E cos va fatto.

Ora l'Indipendente di Dumas pubblicava

nel suo numero 4 il dispaccio particolare che mo l'ingegno e il carattere, c'invia la


qui riproduciamo testualmente.
seguente lettera, che tende a riparare una
Palermo 14 ore antimeridiane. tanto ingiusta, quanto generale dimenti
canza relativa al bravo Colonnello Dunyov
Il decreto del 9 ottobre sul plebiscita ha ch'espose
valorosamente la sua vita il 1

ormai dominanti le alture estreme di destra.

Il Reggimento che primo si trovava di fronte


al nemico, era quello sotto gl'ordini del Te
nente Colonello DUNYov Ungherese di nasci
ta, prode per sostenute battaglie contro gli au

p" qui un pessimo effetto.

t e

striaci nella Campagna del 1848 e 49, e per


. In Messina essendosi sparsa voce che il ple ottobre, e giace ora sopra un letto di do lunghe vicende e prigionia patita nella sua
biscito era stato " dal
Patria. Il reggimento era diviso nei varii ap
lori coperto d' onorate ferite.
baldi mentre il decreto per l'Assemblea era
assegnatigli, suonato il segnale di
postamenti
pubblicarla
apria
e
Noi siamo lieti di

i"

pera del Pro-dittatore Mordini, si fatta una

allarme il Tenente Colonello stesso si poneva

mo volentieri le nostre colonne ad ogni alla testa dell' unico Battaglione rimastogli,
dimostrazione popolare in favore del suffragio simile
rettificazione, che sia ad un tem
che si trovava al centro dell' attacco, e col
universale diretto. Ha influito a tale manife

po un atto di giustizia e un debito di ri l'esempio, secondato da tutti i suoi uffiziali,


zione il Governatore di Reggio, il quale conoscenza.
animava queste giovani truppe, per la prima
spinto dal Ministero Napoletano aveva inon
volta al fuoco, alla pi valida resistenza, nella
dato Messina con un diluvio di decreti del 9. Un sol uomo, oltre il suo amico da convinzione
che il terreno si dovesse difendere
9ggi la calma ritornata, essendo noto che cui abbiamo la lettera non si dimen
il Dittatore approva la convocazione dell'As. ticato del bravo Colonnello Dunyov. Que fino agl'estremi, malgrado i difetti accennati
semblea, in Sicilia, e che il decreto del ple st'uomo Garibaldi e doveva esser per una difesa. L'Eroe ungherese alla testa
biscito del Pro dittatore Pallavicino, e non cosi - Ove si tratta de suoi valorosi, Ga dei suoi, tre volte attaccato, tre volte respin
geva l'inimico, che da due lati veniva e in
del generale Garibaldi.
ribaldi dovunque come lo nel d
-

grossava munito di artiglierie. La mischia du

IL PUNGOLO
-----

-r-esa-s--sveer-rexp-rasmettere:trars-ree

rava accanita, quando il Tenente Colonello,

rino della dimissione del Pallavicino in se

periale di Francia, e quello finora residente pres

colpito gravemente da una palla nemica, ca. guito ad una conferenza col Dittatore, vi fu SO Francesco lI a Gaeta, sono chiamati a Var
deva ferito sul campo, unitamente a due altri accolta dalla pubblica opinione come la no SaVla.
suoi Capitani e Ufiziali. Allora ogni idea di tizia di una sciagura.
Negli Stati Pontificii la Francia limit la sua
resistenza venne meno, ed il reggimento si Sappiamo come sia passata la bufera.
guarentigia alla sola provincia di Comarca.
ripieg disordinato in gran parte sulla via di
E compiutamente inesatto che l'Inghilterra
Maddaloni. Ferito e caduto ii Tenente Colo E notevole un articolo della Patrie intitolato abbia proposto all'Austria di appoggiarla nel ca
-

nello DUNYov ancora incoraggiava i suoi colla la Question autrichienne.


so che venisse ad essere attaccata sulle rive del
La Patrie, riconosce ch vi una quistione l'Adriatico,
voce, quando miracolosamente veniva sottratto
alle mani dell'inimico fr le di cui fila quasi austriaca in Europa, mentre l'anno scorso nega

restava. Ripiegati i nostri dalle alture di dei


stra dai Ponti sulla via di Maddaloni lungo il
monte che sorge a sinistra, il nemico s'im
possessava compiutamente delle posizioni da
noi prima occupate, e postando la sua arti:
glieria minacciava gravemente la sinistra. F
allora che il Generale Bixio fece tutte quelle

vano a Vienna che vi fosse una quistione Italia

(Pers. Parigi, 13 ottobre (sera.)

na! A quest'ora dovrebbero aver compreso che


le quistioni che non ci sono ancora, si creano

Il generale Hautpoul giunto a Deir-elKamar.


assai facilmente. Vedremo in segnito se l'artico
La Patrie smentisce che la Francia abbia,
lo della Patrie un capriccio del giornalista o come ne corse voce, offerto, in una al Piemon
un ballon d'essai slanciato da alto luogo.
te, un sussidio al Papa.
Il Debats dichiara che non pu in verun mo
cariche brillanti e tutte quelle mosse che ci do accettare le teorie del signor Boniface, il
(Agenzia Stefani).
diedero vinta definitivamente la giornata dopo quale nel Constitutionnel attribuisce all'ingres

otto ore di fuoco, ed in questo riguardo il

so dell'esercito italiano di Vittorio Emanuele

Costantinopoli, 6. Il visir ritornato. Una

Rapporto uffiziale del combattimento vera nelle provincie napoletane il carattere d'una nota del ministro di Russia si lagna che il visir
mente alla lettera storico. Nulla pu essere violazione del principio del non-intervento. sia tornato prima di aver compiuta la sua mis

superiore allo slancio mostrato da quelle trup Il Dbats nega ricisamente che il Constitution
pe, nulla di pi mirabile dei loro rapidi e nel riceva ispirazioni dal governo, e la ragione
compiuti risultati. Quello che si volle far co che ne adduce si che quel giornale sempre
noscere con questo scritto si era che se la smentito dai fatti.
destra perdeva le sue posizioni nol fu n su
bito,n senza resistenza, ma che ci avvenne per

sione.

Parigi 13 ottobre (sera).


Lettere da Berlino affermano che la Prussia
non richiamer il suo ministro da Torino.

Varsavia. Una corrispondenza della Gaz

Costantinopoli , 12 ottobre.
il poco numero delle nostre forze, per nessu zella di Colonia del 9 ottobre da Berlino, af.
contegno
specialmente
al
appoggiandosi
ferma,
Nella notte accadde un incendio nell'inter
na preventiva difesa e dopo una lotta disu
guale ed ostinata che valse la vita di molti e del Giornale di Pietroburgo, che dal conve no del porto. Venti bastimenti furono brucia
la perdita dei migliori uffiziali. Voleva che ci gno di Varsavia pu uscire un avvicinamento ti, molte barche, ed i vecchi ponti pure bru
tutto venisse ricordato ad omaggio della ver dell'Austria alla Russia, ma non, senza dubbio, Clati.
ri e giustizia, s di cui si fondano ed han un'alleanza di queste due potenze. Quanto poi
no vita tutte le nostre aspirazioni patriotiche. alla Prussia, ecco che cosa leggesi nel corris
pondenza medesima:
Napoli 16 ottobre 1860.
-

Uno dei combattenti OVARY.


--

Ecco la lettera che jeri Garibaldi scriveva


al suo intrepido Colonello.
CoLoNELLO DUNYov.
-

Il pi arrabbiato pessimista non potrebbe gedo d'un mese.


indursi a credere che la Prussia del di dog
Costantinopoli, 3.-L'ambasciatore inglese sir

gi, quali che possano essere le disposizioni Bulwer ebbe udienza dal Sultano per giustifica
vicondevoli dell'Austria e della Russia, sia zione personale. Si persiste a voler inviare il Wi
per mostrarsi piu benevola verso dell'Austria
Europa con missione finanziaria. Il gover

sir in

di quello che siasi mostrata a Baden verso gli natore Salda ha arrestato il dragomanno dell'O
Stati secondarii. E in Vienna s'era gi pre landa. Due fregate Olandesi avendo minacciato
sentito , che la pubblicazione del decreto del di cannonneggiare la citt, fu rilasciato.
29 settembre sulla Camera dei Signori non

Ad uomini come voi non bastano elogi , e mira punto a corroborare la speranza che il

per parte mia desidero soltanto che per il be

Parigi, 13. - Berna, 12 L'ambasciatore

francese, sig. Turgot, parte per Parigi con con

Madrid, 12. La stampa ministeriale attac

partito reazionario si era affrettato di conce ca vivamente la politica del Piemonte.

le della vostra patria e della mia, sia con pire sul convegno di Varsavia .
servata al nostro affetto , ed alla nostra gra
titudine la preziosissima vostra vita. Con vero

Parigi, 14 ottobre.

-e

afetto vostro.

Caserta 17 ottobre 1860.


G. GARIBALDI.

Dal Moniteur.- I francasi hanno occupato

stabilitavi una municipalita, e


Un avviso dei generale Turr comandante Der-el-laamar,
Cristiani in possesso delle loro ca
rimesso
a
desiderii
rispondeva
ai
provincia,
la citt e
sino a Gib-Seinin, dove
dei Napoletani, dichiarando che il Dittatore se. Si sono avanzati
Pasci il 2 ottobre.
raggiungere
Faud
vano
iraspor
d'artiglieria
di
Direzione
ordin alla
tare dal forte S. Elmo tutti i cannoni che vi

La 'resoe dice , ci eccetto l'Inghilterra,

le grandi potenze ricusano di riconosce


si trovano. Appena eseguito quest'ordine si tutte
re il blocco di Gaeta.

RECENTISSIME

dar mano alla demolizione del forte.

Veniamo assicurati che un decreto del Dit


Da un nostro carteggio particolare in data
troppo
tardi
sopprime il Ministero della Marina, il
ci
giunse
tatore
che
corr.
di Torino 14
per essere pubblicato nel nostro numero d'og quale da ora innanzi sara concentrato nella

gi, e che riserviamo a domani, prendiamo le

Parigi, 15 ottobre.

Dal Moniteur d'oggi. Il Nunzio recandosi a


Roma in congedo per alcune settimane, aven
do sollecitato l'onore di presentare innanzi di
partire i proprii omaggi all'Imperatore, fu
immi
positiva,
essere
Diamo come notizia
ricevuto ieri.

sola direzione Generale.

seguenti notizie.
e Bertani, dopo la sua dichiarazione con
ciliativa, e con lui Macchi , Castellani Fan uente l'abolizione dei dazii con le altre pro
Il Moniteur smentisce formalmente l'esi
toni, e gli altri dell'opposizione radicale vo vince del Regno settentrionale.
di un dispaccio di Grammont a Lamo
stenza
tarono questa volta in favore della legge per
ricire contenente l'annunzio di soccorso im
Ministero
.
proposta
dal
annessioni
le
mediato di truppe francesi. Fu unicamente in
Si conferma che Farini sia destinato Luo
viato un dispaccio al Console di Francia in
gotenente a Napoli, e il conte di Monti emolo
N0TIZIE TELEGRAFICHE
Ancona con cui davasi assicurazione che l'in
a Palermo, Cordova andr con lui come se
vasione degli Stati pontificii lungi dal farsi con
gretario delle Finanze .
(Agenzia Italiana)
autorizzazione del governo dell'Imperatore,
Col vapore che vi reca questa mia, giun
eccitava altamente la sua disapprovazione. Non
vostri
con
geranno in Napoli alcuni illustri
Parigi, 12 sera.
trattavasi
per anco allora d'accrescere l'effet
cittadini che qui si trovano, Poerio, Mancini,
tivo dell'armata a Roma.
Vengono
il
a
dare
Massari
altri.
ed
Scialoja,
La riunione di un congresso prossima ad
-

loro voto in favore dell' annessione .

effettuarsi : l'idea ne favorevolmente accolta

Lo stesso nostro corrispondente ci annunzia


che la notizia sparsasi in quel giorno a To

dalle varie Potenze.

L'ambasciatore di Russia presso la corte im

J. C0MIN Direttore.

NAPOLI STABILIMENTo TIP. DELL'ATENEo DoMENIco CASTELLINI Gerente Responsabile.

ANNO I.

Venerd

Napoli

19

Milano

(obre 1860

N. 5

IL PUNG0L0
GIORNALE POLITICO POPOLARE DELLA SERA
l

Esce tutt' i giorni anche festivi, tranne le solennit.

PREZZO D'ABBONAMENTO MENSILE

Napoli a domicilio
. gr.
Provincia franco di posta .
Trimestre semestre ed anno in proporzione.
. .
L. It.
Per l'Italia superiore, trimestre.
Un numero separato costa Un grano.

lo Stabilimento tipografico dell'Ateneo


Vico S. Maria Vertecoeli, N. 9.

M. DUMAS E L'ITALIA

L'Ufficio di Redazione, e la distribuzione principale presso

30

pm

4 , 50

Si ricevono Inserzioni a Pagamento.

cia che ha per custodira mezzo milione di Garibaldi governasse a modo suo, e che noi
soldati, pu darsi lo spsso di dire: Tutte le ci lasciassimo governare come piace al sig.

L'Italia ha sempre chiesta una cosa agli nazioni sono sorelle senza temere che nes Alessandro Dumas, e c'insegna quali sono i
stranieri , sia che le fossero aperti nemici, suna in forza di questa toria, le domandi, con veri interessi degl' Italiani, e con qnal siste
sia che si dicessero o fossero suoi amici, pi le dolci, o le brusche di voler dividere la ma devono formare l' Italia.
o meno sinceri.

roba sua e senza pericolo che ov'essa rifiuti

Essa disse loro costantemente : Lasciateci la buona sorella tenti di prendersela, col di

Il primo crede di aver il diritto di darci le ro


manzine e i consigli, perch venne col suo eser

cito ad aiutarci a cacciare d'Italia lo straniero.


aggiustar le cose nostre da noi lasciate che ritto del pi forte.
le nostre liti domestiche ce le disputiamo in
L'altro, il sig. Dumas, si crede in diritto
Ma l'Italia, che ha una nazionalit in via
famiglia lasciate che le nostre malattie, pa di formazione, e che non ha il mezzo milione d'insegnarci ad essere Italiani perch passeg
-

lesi o segrete, le curiamo da noi.


di soldati a secondarla, bisogna che vada be gi le coste della Sicilia sul suo yacht, per
Signor no non l'abbiam mai potuto otte ne cauta e che se arrischia la formula sonan ch scrisse quattro lettere al bravo Carini, e
nere-tutti ci han voluto dare consigli, tutti te delle fratellanza universale di tutte le na forse perch di pascolo alla vivace imagina
si sono eretti nostri avvocati, nostri medici, zioni, vi aggiunga una restrizione, ben chia zione della nostra giovent coi suoi brillanti
nostri tutori-ci han trovoto malattie che non ra ed esplicita purch ciascuno resti a ca romanzi.
-

avevamo per procurarsi la compiacenza di ap

sol Stld.

Noi non gli contrastiamo nessuno di questi

plicarci i loro cerotti, i loro cataplasmi, bre


Ci diranno che predichiamo la politica della titoli, e l'ultimo meno degli altri noi ab
vets, o non brevets e han finito spesso diffidenza, e un poco anche quella dell'egoismo. biamo pella sua fantasia splendida, inesauri
per appiccicarci il contagio delle loro malat Sia pure la pratica l per darci ragio bile, un ammirazione sincera noi siamo an
tie.Non abbiam mai potuto amministrare il

ne. Se tutto il mondo non si fosse creduto in

che disposti a perdonargli il brutto cambio

nostro come ci pareva e piaceva. Oh si! - diritto di darci consigli, lezioni, suggerimenti, che volle fare tramutandosi da romanziere in
ora ci trovavano troppo avari, e ci davano esempii, a quest'ora saremmo nazione.
uomo politico, acconsentendo a lasciare l'am
lezioni di splendidezza; ora ci trovavano trop
Gli questo diritto che dobbiamo contra mobigliamento feerique dei palazzi incantati

po prodighi, e ci davan lezioni di economia stare a tutti gli estranei, sieno essi, lo ripe che la sua immaginazione soltanto sa e pu
Le lezioni erano spesso tutt'altro che buone, tiamo, amici o nemici nelle cose ltaliane creare, per le anticaglie di Ercolano e di
non dobbiamo immischiarci che noi ltaliani. Pompei, e lasciando che la sua fantasia si
ma noi le abbiamo pagato sempre salate.
Se stiamo malati, non vogliamo specifici ammuffisca nelle sale del Museo Borbonico,
Napoleone l diceva: Laviamo la biancheria
sporca in casa e dava con ci un grande stranieri che spesso sono veleni ci guarire in un atmosfera troppo pesante per lui ma
consiglio non solo alle famiglie, ma anche ai mo con medicinali che abbiamo in casa se non siamo pnnto disposti a lasciare ch'egli
popoli specialmente a quei popoli che, co abbiamo biancheria sporca, ce la vogliamo la entri nei nostri dissidii domestici, che alzi egli
me l'Italiano, non sono forti abbastanza, per vare in casa.
pur la sua voce in questa confusione di favelle
arrischiare certi lussi umanitari.
Siamo storpii siamo gobbi sar com che minaccia di convertire la nostra politica
-

piangeteci, se lo volete ma non vogliamo in una nuova Torre di Babele.


Noi abbiam fretta di edificare il sig. Du
biam potuto far mai Gli stranieri ci han i vostri sistemi ortopedici Abbiamo il diritto
mas
se ne persuada e non vogliamo fer
portato via la cenere ed il sapone per ven di restare gobbi e storpii e vogliamo con
Ebbene noi il bucato in casa non l'ab

marci a mezzo, come quei della torre di Ba


derci poi a peso d'oro la lor cenere ed il loro servarci questo diritto.
bele,
per la confusione delle lingue.
l
sapone, o perch noi lo mandassimo ai lor la Ci che diciamo per le grandi cose, lo di
-

vandai- e in un modo o nell'altro rimestava ciamo per le piccole.

Gli perci che non gli lasceremo d'ora

Lo diciamo per Napoleone lll e lo diciamo in poi soffiare nel fuoco delle nostre discordie
le rattoppature, e scoprire cos o le nostre pel sig. Alessandro Dumas, pere et seul, co n venirci ora a parlare di confederazione o
delle varie nazionalit Italiane.
magagne, o la nostra miseria.
m'egli si chiama.
Abbiam detto che solo i popoli forti pos L'uno ci d dei consigli sul Constitutionel Il sig. Dumas si persuada che noi italiani
sono permettersi certi lussi umanitari ci spie e sul Moniteur, e ci d spesso la ramanzina non riconosciamo la nazionalit Napoletana,

no i nostri cenci, per trovarvi le macchie e

ghiamo La Francia, per esempio, che ha e vorrebbe che facessimo l'Italia a modo suo. la nazionalit Toscana, la nazionalit Par
L'altro ci d anch'egli dei consigli e delle mense, Modenese, Romana, la nazionalit Lom

una nazionalit cos saldamente costituita che

forse ha il difetto di esserlo troppo la Fran romanzine sull'Indipendente, e vorrebbe che barda, e la nazionalit Veneta.

18

IL ENGOLO

Per noi non vi che la nazionalit Italiana. e Savoja ; Cavour llora fu fatto forte dei

Caserta 18 ottobre 1860

Del resto di tutto ci parleremo pi diffu nuovi elementi della amera, specialmente dai
La Rassegna passata dal Dittatore alla di
deputati dell'Emilia della Toscana, che in
samente in altro articolo.
grandissima maggionza appoggiarono la sua visione del Generale Trr il giorno 15 otto
politica.

bre in Caserta, rester impressa per sempre

Se ora il Rattazzi vesse continuata la guer nella memoria di quanti ebbero la fortuna
ra, il gabinetto Caur sarebbe uscito cer di assistervi, come un grande avvenimento

Mostra corrispondenza

tamente vittorioso dia lotta, ma ne avrebbe della loro vita e dell'epoca. A questa divisio
subiti dei colpi fatal
ne si trovano uniti i volontarii inglesi arriva
Rattazzi invece si lealmente avvicinato al ti il giorno innanzi, nonch la legione un

Torino 14 ottobre.

Il voto della Camera elettiva che ha sancito Suo avversario , creando fosse suo debito di gherese formata da Cavalleria e fanteria. Il
la legge sulle annessioni non fu la vittoria di coscienza di sosteneril Gabinetto in una qui generale Dittatore dopo di aver passato le
alcun partito, ma quella della nazione. Non stione in cui egli veeva compromessi i prin file di questi valorosi riuniva tutti gli uffiziali, e
si trattava di sapere se nelle passate gare, cipi costituzionali. Qundo fu publicata la let postosi in mezzo, scuoprendosi, diresse loro

negli avvenuti dissidii, avesse ragione una parte tera di Garibaldi a Fusco e u informato che queste solenni parole. Mi reca grande pia
o l'altra, se meglio questi o quegli uomini pochi di prima il Gainetto aveva offerto al cere il trovarmi in mezzo dei miei compagni
avessero servito la patria, ma traviavasi nel lie le sue dimissioni egli stesso si fece a d'armi, egli diceva; e quivi commosso so

l'agone una quistione ben pi ardua e solen. consigliare S. M. d tener fermo e di non spendeva per alcuni istanti la parola.....

noi

ne, bene superiore a tutte le lotte personali, accettare le rinunzie lei ministri. Il conte di abbiamo compiuto in poco tempo delle gran
l'avvenire d'Italia, l'indirizzo da dare alla po Cavour che lo seppe, lo lece a mezzo di un di cose. La nostra soddisfazione si quella

litica del Governo del Re in questo momento comune amico ringraiare, e la pace fu cosi di aver sempre vinto, ci che non era altri
menti possibile che con eroi tanto valorosi come
decisivo. E la Camera l'ha decisa secondo il tacitamente conchiusi
sentimento universale

del

quella saviezza tradizionale del carattere

paese ,

Secondo
pra

Schieratasi col minstero l'opposizione costi voi siete. Questo fatto ci guarentisce nuove
tuzionale, non rest fu avversa che qualche vittorie, e mi fa piacere il credere di poter an

tico degli uomini di Stato Italiani. Essa segu


la norma di condotta per l'avvenire, conci

individualit isolata, che non torma partito: cora contare su voi quando la patria, la li
Ferrari, illustre filosco e scrittore, che corre bert ci chiameranno. La nostra causa ebbe la

liando nel tempo stesso tutt'i riguardi, rico dietro colla fantasia a una sua prediletta idea simpatia di tutto il mondo civile, e la nobile
d'Italia federativa, bene diversa dall' Italia nazione inglese che finora ci aiutava tanto
Tale il giudizio che Torino ha quasi una vera e vivente, che si sente irascinata con colle sue simpatie manda oggi i valorosi i

noscendo tutt' i meriti personali.

nimemente recato sull'ultimo voto della Ca entusiasmo alla sua unit nazionale: Sineo gli per combattere i nemici dell'indipendenza
meritano un'eterna e
mera. Intanto la legge gi stata presentata onesto patriotta, ma oppositore sistematico ltaliana. Tali sacrifizii
al Senato, che ha subito scelta la sua com Per ismania di parlare sempre e di tutto, e viva riconoscenza ma non dobbiamo dimen
-

missione appartenente tutta alla maggioranza spesso a sproposito, genio incompreso che ticare i nostri fratelli ungheresi che sparge
ministeriale. Anche a questa Camera, il suc Passeggia i portici in attesa d'un portafoglio: vano tante volte e con tanto valore il loro
cesso sar pari a quello ottenuto fra i depu Cavalleri, spirito limitato, che porta nella po sangue sui campi di battaglia per la nostra
tati; non avremo che un discorso del mar itica i piccoli sofismi forensi: Sanna-Sanna, causa E nostro dovere che noi prendiamo
chese Brignoni in senso clericale. L'onorevole un Sardo di cui non conosco i particolari, e la loro causa come nostra (Grandi applausi
marchese ha l'intonazione dell'Armonia e del altri due che non si sa chi sieno, e serviro e grida di viva l'Ungheria), e quando suo.
Cattolico. Esso colse l'occasione della

presen

za in Torino di quel visconte Quatrebarby.


che fu governatore della piazza d'Ancona du

no a formare il numero di sei nello scrutinio ner l'ora per la nostra sorella, che ci trovi

ronti ad accorrere alla sua liberazione; e per

SeCreto.

DeTldini ,

uopo le sue

u ciulal'aziolli concl

dalo lo faremo.... Viva l' Ungheria .

rante l'assedio, per protestare con un pranzo liative, e con lui Castellani Fantoni, Macchi Tali brevi ed energiche parole, dette con
diplomatico contro lo spossessamento del e gli altri dell' opposizione radicale votarono quell'accento irresistibile proprio del Washin
volta in favor della legge.
gton Italiano, avevano ognuno elettrizzato e
S. Padre. Ma costoro sono ridotti a queste questa
Fra gli oratori ministeriali si fecero notare commosso si videro bagnarsi di lagrime gli
ultime ed innocue risorse.
L'opposizione clericale del tutto sparita Per brio d'esposizione e Iorza ui logica al occhi di vecchi ed imperterriti soldati Po
dal campo politico attivo. Alla Camera elet cuui nuovi deputati dell' italia centrale : il scia le truppe sfilarono innanzi a lui e quando
tiva essa non conta un solo deputato; al Se sig. Armelongni di Parma, gi segretario del giunsero, alla carriera, gli ussari ungheresi
nato poche e meschine reliquie d'un tempo dittatore Fatiui, il sig. Minghetti, uistinto giu tutti alzando il loro Repi gridarono Eljen
e d' un sistema per sempre caduto ; che non reconsulto dolognese, desauato a quanto sen Garibaldi .
hanno nemmeno il coraggio della propria opi bra ad una bella carriera politica, Scialoja
nione, tranne il vecchio fanatico di cui vi Napolitano. Il sig. Lamarina fece dello Sato
feci cenno.
della Sicilia pittura a colori oscuri, che ven
COSE INTERNE
ue pi convalidata che smentita uale parole
Gli avversari del Gabinetto appartengono

del De Pretis, sorto a confutario.

tutti ad un colore pi avanzato di lui.

Ma sar bene che vi spieghi come la legge

Stiamo attendendo il maturarsi degli avve

, siamo lieti di pubblicare il

Pregati
minenti nel uezzogiorno u' 1tana con inten
attuale ha potuto ottenere la quasi unanimi sissimo
proclama,
seguente
desiderio.

t, mentre il numero consue o dell'opposizio


ne supera il settanta nel seno della Camera

Farini si dice destinato luogotenente a Na

MUNICIPIO DELLA CITT DI NAPOLI.

poli. Non si prevede ancora ci potra essere

elettiva.

Il forte dell' opposizione l'antico centro il suo successore, uell interim al Ministero.

SEzioNE STELLA

Cittadini.
il lugotenente per la Sicilia il marchese
sinistro capitanato dal sig. Rattazzi. Di prin

a
Nizza.
gi
governatore
di
Montezemolo,
cipii decisamente monarchico - costituzionali,
Chiamati nei solenni comizi ad esprimere il
un probo patriotta e gode fama di abile an
questo partito nel suo seno parecchi uo. ministratore.
voto, pensate che questo il primo atto
vostro
pose
in
lo
Il conte di Cavour
mini cospicui oltre il Rattazzi, quali De Pre
che dal popolo napoletano venga
di
sovranit
dimoranti
col
qui
notabili Siciliani
rapporto
tis, che fu prodittatore in Sicilia, Miglietti in
Se
l'Italia una pareva la terra pro
esercitato.
un pranzo che diede loro a questo scopo.
-

ex-ministro di grazia e giustizia, ed altri. Fu

troppo
nel 1848 form
i volteministero
al potere,democratico,
poi ilcirca
al
i"

Cordova andr con lui a Palermo come Se messa, cui invano aspiravano gli Ebrei, il lavo
gretario delle finanze. Lsso servir a anello ro di tante generazioni ora giunto alla sua pie

1855 si avvicin al conte di Cavour, che comin congiunzione tra il paese e in rappresen
oiava ad essere potentissimo nello Stato, e con tante del nuovo governo.
l'imbarazzi diplomatici della situazione
chiuse il cos detto connubio, ossia l'unione
di giorno in giorno. Il congresso di
rescono
dei partiti parlamentari di centro destro, e cen

nezza, e Voi avrete la gloria il debito di com


pierlo, Voi di proclamarlo all'Europa attonita
di tanto miracolo. L'Italia Una sotto la Signo
ria d'un Re, cui per esprimere la sua grandez

za noi diamo un titolo unico a principe, di Re


tro sinistro, i quali restarono come una fa Varsavia s'annuncia minaccioso conto la li Galantuomo, sar la terza volta maestra al mon
ostili.
di
eventualit
e
gravido
Italiana,
bert
l'ibrida
alleanza dei
lange compatta contro
Non ultimo imbarazzo ci viene dalla Fran do di civilt. L'Italia guidata da un Re guer
neri dell'estrema destra e dei rossi dell'estre
ma sinistra.
nell' argomento della rioccupazione di vi. riero sar la regina dei due Mari, riconquistan
In occasione della crisi ministeriale dello rbo. E un colpo scagnatoci dall'animosit do quanto l'estranea prepotenza le tolto l'l
talia Indipendente dallo straniero, ordinata a
scorso gennaio, il partito Rattazzi erasi diviso papista del Generale Goyon.

sdegnosamente da Cavour, e gli diede aspra


battaglia nella discussione del trattato di Nizza

libero reggimento costituzionale, acconcio alla


grandezza del nuovo Regno, sar il frutto di tan
to sangue versato, sar il patto con cui il popo

IL PUNGOLO
lo Napoletano sottopone la propria sovranit,

19

A maggiore conferma d'un dispaccio tele

ora da lui riconquistata a quella della gran fa grafico da noi publicato ieri, riportiamo quanto liane gi condotto a fine, e l'arciduca Leo
poldo, direttore del genio, deve recarsi ad i
miglia latina.
Segue,
spezionarle.
Cittadini. Nel compiere quest'atto solenne
a nuova Gazzetta prussiana. Organo
Il Toulonnais annunzia che il giorno 20
pensate che il dritto che esercitate, che la re del gabinetto Schleinitz nega che
la Prus corrente deve esser imbarc
ata a Tolone nna
denzione di questa terra si lungamente straziata sia abbia protestato contro l'ingr
esso delle
non l'avete ottenuta che per opera di GIUSEPPE truppe sarde nel napoletano. Il nostro 3.a divisione destinata a rinforzo del corpo
francese stanziato
Roma, quale sar por
GARIBALDI e dei suoi gloriosi compagni.-La
governo essa dice non pu non deplo tato cos a 50 milaa uomini. ilCon
questa 3.a
gratitudine e l'adorazione verso quest'Uomo rare cosiffat
ti avvenimenti: tuttavia esso sa
divisione partir il maresciallo Vaillant che
predestinato non pu disgiungersi negli animi
che non ha diritto d'ingerirsi nelle cose in
-

vostri dal sentimento della vostra esistenza, da

quello della vostra grandezza, e dalla felicit


avvenire delle generazioni italiane.
L' Eletto
LUIGI DE MoNTE.
---

Il giornale Ufficiale publica moltissimi decreti di


destituzione che ci impossibile di riassumere per
difetto di spazio, preferendo di dare ai nostri let

tori le ultime notizie che ci giunsero coi giornali


del 16. Un decreto ristabilisce la scuola di ballo

soppressa con decreto 8 maggio 1840. Nomina la


sopraintendenza dei Regi teatri col Duca di S. Do
nato alla testa. Il Prodittatore, accettando la di

missione del signor Crispi di segretario di Stato


pegli affari esteri , assume esso la firma di tal
segretariato. Gli attuali battaglioni della Guardia

assumera il comando in capo dell'esercito d'I


terne dell'ltalia. Se l'occasione si presen talia.
tasse per accomodare definitivamente la que
Togliamo dal giornale di Roma che il ge
stione italiana, il governo prussiano s'ado nerale Lamori
cier ex comandante in capo delle
-

prerebbe con zelo perch la pace fosse ras truppe pontificie, arrivat con un vapore
o
da
sicurata , e i legittimi interessi nazionali Marsig
lia a Civitavecchia, era ripartito subito
soddisfatti. Quest' il compito della Prussia.
da col, e giunto a Roma.
l circoli liberali tedeschi, se si deve cre
Notizie da Parigi recano che il discorso del
dere ad un diario indipendente di quel paese conte di Cavour alla Camera produsse col una
la Gazz. della Germania Meridionale, accol grandissima impressione.
gono con vera soddisfazione le notizie, che
Riferiamo qualche brano d'uno splendido
dimostrano la Prussia decisa a non assumere
articolo del signor Lemoinne, pubblicato dal
alcun impegno relativamente alla politica ita Ionrna
l des Dbats sul manifesto del re:
liana dell'Austria, stringendo con essa un trat
Rubico
Il
ne dunque passato. Questa fra
tat0.
classic
se
a
e famigliare ha dovuto presentar
Tutte le classi della popolazione austriaca si al pensiero
tutti quando il re Vittorio E
sono profondamente convinte che il possesso manuele prese dila risoluzione d'entra
re nel re
delle provincie italiane il cancro roditore
gno di Napoli. Non vi pu essere quistione pi
della monarchia.
n di federazione, n di dualismo: non secon

Nazionale di Napoli sono aumentati di due com


L'Agenzia Reuter, parlando del
pagnie, e queste come le altre portate a 200 no
mini. ll decreto regola quindi il servizio, e pre Varsavia, ne stabilisce il compito
scrive il regolamento disciplinare della guardia in nare le basi d'nn programma per
so da tenersi prossimamente onde
generale.

pi possibile che o l'unit o l'anarchia,


convegno di do noiprimo
soldato d'Italia non ha altra alterna
ed
il
nell'esami
un congres tiva che la via del trono o quella dell'esiglio. .
regolare la

Noi non intraprenderemo a giustificare diplo


quistione italiana. ll programma di Varsavia
matina
mente il passo fatto da Vittorio Emanue
nominativi di Certificati di rendita al 5 010 iscritta verrebbe quindi sottoposto all'approvazione del le. Quello
che lo legittima ai nostri occhi si
dell'In
Franci
ghilter
la
a
questa
e
Da
ra.
noti
sul gran libro, in Cerlificati al latore.
rispon
che
esso
de all'appello della nazione ita
Seguono quindi gli altri decreti di nomine, e de zia si capiscono due cose: la prima che in liana. L'ingrandime
nto della Casa di Sovoia o
stituzioni.
cima ai pensieri di Napoleone sta sempre l'i
ispirer
di qualsia
Un decreto concede il tramutamento dei titoli

dea d'un Congresso, il quale per dovr var

azz

oooo ooxa

NOTIZIE ESTERE ED ITALIANE

care di molto i confini della quistione italia


na, e la seconda che l'imperatore dei Fran
cesi tenta ogni mezzo che possa scemare im
portanza, nell'opinione pubblica, all'abbocca

si altra casa ci
ebbe, si pu ben
pensarlo, una perfetta indifferenza, se non fosse

legato ad interessi d'un ordine pi elevato: ma


noi pensiamo che in questa occasione Vittorio

Emanuele sia ben pi ambizioso di quello che

L'articolo del Costitutionnel firmato Boniface


mento di Varsavia, e rappresentare il conve per avventura possa parere. La Lombardia era

di cui parlava l'altro ieri il nostro corrispon


dei sovrani d'Austria, di Russia, e di gi una bella gemma aggiunta alla Corona di
dente parigino, ci giunge oggi per intero nei gno
Prussia , siccome bene inteso colla Francia Sardegna, e quando la Toscana, i ducati e le
Romagne sono venuti ad annettersi, certamente
giornali del 16. Quest articolo, dopo aver SteSSa.
esaminata la condotta del Piemonte nelle Mar

un simile acquisto era bastevole a contentare

che e nell'Umbria, misura ed esagera l'impor


Ecco l'attuale situazione dell'Ungheria dei vasti desiderii. Ma di mano in mano ch'esso
tanza dell'ingresso delle truppe sarde nel gi qual tratteggiata da un carteggio della ha veduto ingrandirsi il suo regno, Vittorio E
Regno napoletano, e con tuono da sommo
sacerdote , conchiude.

Gazzetta di Colonia:

manuele ha compreso che si ingrandivano i suoi

I cittadini i pi pacifici e pi rispettati, av impegni e i suoi doveri. Non siamo pi in tem

Per tal modo, da qualunque punto di vista vocati, notai, possidenti e capitalisti, sono bru
si voglia vedere la cosa , impossibile non talmente arrestati in casa loro od in piena
deplorare la condotta del Piemonte. L'inva via, e spediti a Kuffstein o Teresiemstadt sen
sione degli Stati della Chiesa e quella degli z'altra forma di processo, e senza che possa
Stati napolitani creano per lui una responsa no sapere e nemmeno indovinare le colpe che
bilit che sarebbe inutile attenuare perch si sono loro attribuite. Nessuno pi sicuro del
caratterizza da s. Cmpito nostro non di la sua libert, e la conseguenza necessaria
esagerarla, n di impicciolirla, ma sempli di questo terrorismo sar di dare capi abili e

pi in cui i popoli si prendano d'amor platonico


per questa o quella stirpe reale; essi non si dan
no che ai sovrani che li servano. Noi l'abbiamo

detto soventi volte, il Piemonte non si trova og

gid alle testa d'ltalia, che perch colla sua co


stanza col suo coraggio, colle sue lotte, e per
fino colle sue disfatte, fu la protesta costante del
diritto nazionale, e il suo re non diventa oggi

cemente di constatarla.

risoluti, appartenenti a classi agiate, ai pove re d'Italia che perch ha sempre tenuto alto il
ll Piemonte risponsabile in faccia all'Eu ri disgaaziati che per sfuggire alla leva si vessillo e la spada dell'indipendenza. Egli dice
ropa dell' iniziativa che ha preso. L'Europa rifugiano a centinaia nelle selve di Cakongi. va un giorno che se avesse potuto credere che
costituisce una giurisdizione che si preoccupa Non un esagerazione quando si parla di la repubblica potesse meglio della monarchia
naturalmente delle grandi perturbazioni di cui bande di migliaia d'uomini, riuniti nelle fore liberare l'Italia, si sarebbe egli stesso fatto il
l'Italia teatro nei giorni che corrono. Noi ste che cominciano gi ad organizzarsi mili suo primo soldato, ed ha meritato che gli si cre
crediamo che a lei, ed a lei sola competa il tarmente, ed hanno trovato una quantit con desse.
Ma lo stato dell'Italia, e pi ancora quello
diritto di ripristinare il diritto sconosciuto, e siderevole d'armi nascoste nelle foreste nel
dell'Europa indicano abbastanza che la monar
di richiamare i governi che se ne scostano al 1848 e nel 1849.
chia, e la monarchia la pi accentrata possibi
rispetto delle leggi che obbligano tutti gli
ll Novelli ta di Amburgo scrive, in data di le, il pi efficace mezzo di questa liberazione
Stati, perch le stesse hanno fondamento nella
giustizia, nella civilt e nell'interesse dei Vienna 6 ottobre, ci che segue:
La diffidenza eolla quale il governo austria
popoli, o
I popoli delle Due Sicilie invocano Vittorio
l'assic
accogl
co
urazion
Sardeg
ie
della
e
na
Emanu
di
ele per due ragioni: perch non voglio
Dopo tuttocci rammentiamo ai nostri let non voler attaccare il Veneto, spiegabile no cadere
nell'anarchia, e perch ancor meno
tori la formale smentita del Debats, il quale col mezzo di alcune comunicazioni fatte, di
voglio
ricade
no
re sotto una dominazione che
esprimendo un'opinione eguale a quella del cesi, recentemente dalla diplomazia inglese
potrebbe ristabilirsi che al prezzo di spa
nostro corrispondente di Parigi, afferma che sulle intenzioni della Sardegna medesima e non
ventose vendette. ll re non deve, non pu ricu
il Costitutioenel non riceve ispirazione dal go della Francia. Per gli armamenti non saran sarsi a quest'appello: esso mancherebbe alla
verno. Tutto si ridurrebbe quindi alle predile no sospesi, ed anzi si proseguiranno con mag
sua missione, alla volont popolare che lo ha
zioni particolari offese nel signor Boniface.
gior alacrit. L'armamento delle fortezze ita design

ato Re d'Italia. Accettando, egli arri

IL PUNGOLO
20

-ra

e-m

inato il governo del re a spedirvi dei nistri ordiner il richiamo da Torino del rap
schia molto, vero, in faccia all'Europa : determ
enti
la protezione dei sudditi sardi. presentante spagnuolo.
bastim
ma ricusando egli arrischierebbe tutto in fac D' allora inper
Le LL. MM. lasciano oggi Saragozza.
poi la situazione non ha fatto che
cia all' ltalia ....
onato la
sco
abband
ha
II
rare.
France
peggio
Ch'egli s avanzi, e quando avr stabilito
Parigi f ottobre.
capitale ed ha in tal modo, in faccia alla
sull'ltalia rigenerata un governo regolare, sua
o Emanuele ai
sto
Vittori
M.
S.
di
manife
Il
zione, abdicato al suo trono. La guerra
l'Europa, come disse il conte di Cavour, popola
se a Pari
onale,
alia
produs
meridi
dell'It
popoli
ani
e
sce
napolit
Stati
negli
infieri
civile cha

canger d'opinione, e quando gli italiani


o regolare mettono in gi una favorevolissima impressione.
a
avranno compiuta la conquista dell' opinione, l' assenz delo govern ii nei quali riposa l'or
L'Austria continua a consigliare al Papa di
princip
i
pericol
gran
,
avran
come hanno fatto quella della libert
rimanere a Roma.

no irrevocabilmente vinta la loro causa e ri dine sociale.

preso nel mondo il loro legittimo posto.


---

RECENTISSIME
Jeri a sera correva voce per la citt di una
sommossa in senso reazionario nei dintorni

d'Isernia. La guardia nazionale di Salerno,


accorsa per ristabilire l'ordine, avrebbe sofferto
perdite gravi. Crediamo che il governo avr

gi provveduto perch la calma ritorni nel


paese, e perch non si rinnovino all'avvenire
cosiffatti tentativi.
Una nostra colonna nelle vicinanze di Be

nevento, comandata dal Maggiore Caldesi, ven


ne attaccata vivacemente dai regi, afforzati

da gran numero d'abbruzzesi. I nostri soffri


rono non piccolo danno, ma non abbandona
rono la posizionc.
Jeri a sera furono richiamati al campo tutti

quei soldati Garibaldini che si trovavano a


Napoli in permesso taluno spieg quest'ap,
pelio come un sintomo d'attacco da parte dei
regi. Noi crediamo di sapere che le condi
zioni dei due campi rendono poco probabile

ll marchese di Turgot, ambasciatore france


rit del regno di Napoli hanno fatto perve se a Berna, parte in congedo; le relazioni tra
In questa congiuntura i cittadini e le auto

nire a S. M. il re Vittorio Emanuele degli la Francia e la Svizzera sono per soddisfa


indirizzi coperti di numerose firme imploran centi.
do l'aiuto del sovrano a cui la provvidenza E inesatto che il sig. De-Falloux abbia avu
ha confidato il compito di pacificare e di ri to recentemente un'udienza dall'Imperatore.
Coblenzt, 12. Il principe di Assia Darmstadt
costruire l' Italia.
Dietro ai doveri che gli sono imposti da fidanzato alla principessa Alice d'Inghilterra.
dev'essere giunto a Roma ie
questo mandato il Re, mio augusto padrone,
ha ordinato che s'invii un corpo d'armata a ri, 14.
Napoli. Questa misura che porr fine ad uno
Parigi f ottobre, sera.
stato di cose che potrebbe degenerare in a
che il ministro francese in
voce
Corre
Pers.
narchia, preserver l'Italia e l'Europa ed evi
,
ra
in permesso, non ritorne
ora
Turgot
Isvizze
ter maggiori spargimenti di sangue.
Colgo questa occasione per presentare a vo r pi al suo posto.
Si dice che il conte Rechberg abbandoner
stra eccellenza, ecc., ecc.
prossimamente il ministero.
La Revue Europenne afferma che il Con
ll Journal des Debats nel far notare l'impor
tanza del Manifesto di Vittorio Emmanuele ai gresso, provocato dalla Francia, accettato
popoli dell'italia meridionale, conclude con que dall'Inghilterra.
Dicesi che Lamoricire sia giunto oggi a
ste parole:
Roma.
Noi speriamo che questo linguaggio si gra
Gli sponsali della principessa Alice d'Inghil
ve, si calmo e si temperato del re Vittorio E
ebbero luogo il 12 a Coblenza.
terra
manuele, quest'appello solenne alla ragione
La Patrie smentisce che sieno insorte delle
ed alla coscienza pubblica, saranno ascoltati
lterra e la Francia in Cina.
e meditati come debbono esserlo, nei consigli difficolt fra l'Inghi
d'Europa .
Torino 15 ottobre, sera.

quest'attacco, e molto quello dei nostri.

"ritir
-

Leggesi nella Patrie :

qui arrivata da Ancona la deputazione

Si era sparsa voce per la citt che il gabinet napoletana, composta dei signori Bonghi, Bla
Veniamo a sapere che il generale Garibal to sardo, allo scopo di mantenere nell'interno sio, principe Colonna, marchese d'Afflitto, ed
di accettata la presidenza della compagnia un'unione tanto necessaria al bene d'Italia, si altri.
delle Ferrarie dell' Italia Meridionale. Gli ar era impegnato col partito d'azione di mettersi
ticoli addizionali al contratto, e questa accet in istato d'assalire la Venezia entro sei mesi,

tazione, faranno cessare, lo speriamo, una nel caso che la libert di questa provincia non

Parigi f ottobre (sera).

Vilna, 13. Il treno imperiale giunto. Im

polemica, che alimentata da ire di parte , avesse potuto ottenersi in via diplomatica. Que menso entusiasmo. L'imperatore ha significato
pass i confini della discussione serena, lam sta nuova, che annunciamo con ogni riserva, la propria soddisfazione agli amministratori del
bi quelli dell'accecamento e della prevenzione.
-

In vista della attitudine minacciosa dell'Au

la ferrovia.
era accreditatissima.
Londra, 15.
Dalle misure che sono state ordinate sem

rigi, cacciando, caduto e s' rotto una gamba.

tivo dell'armata italiana giunger alla cifra di

Lo stato di sua salute era iersera soddisfa

che avr un materiale di


stria le nostre truppe si concentrano lungo la 250, 000 uomini e
ico
eria
per numero e perfezione.
magnif
artigli
i,
ate
da Cialdin
linea del Po Sono comand
A Torino pare che si faccia molto calcolo
Cucchiari e Durando. Lamarmora difende sem

.
pre la linea del Mincio
Sarebbe intenzione dell' Austria intervenire
in favare del Papa. Ma se essa veramente
risoluta ad un tal passo, questo, crediamo,
non verrebbe effettuato se non dopo l'abboc

Cente.

Parigi 15 ottobre (sera).

Corf, 12. aspettata la flotta inglese, che

sulle risorse che saranno fornite dall'Italia me


passer qui l'inverno allo scopo d'invigilare
ridionale. l soldati dell'armata del re di Na
sull'Adriatico.

poli saranno fusi coi reggimenti piemontesi, e


Costantinopoli, 14. Ali pasci nominato
nelle Calabrie e negli Abruzzi, provincie di spi ministro degli esteri.
rito altamente militare, si troveranno gli ele

camento di Varsavia; sempre, ben inteso, il menti necessarii alla formazione di nuovi

I consolidati a 92 718.

Parigi, 16 ottobre (mattina).

risultato di cotesto abboccamento sia favore corpi.

Quanto alla fiotta italiana, noto che essa


vole agl'intendimenti dell'Austria,
isce l'oggetto delle cure particolari del
costitu
Da altra parte si pretende che il generale
Lamarmora sar chiamato presso il re in Na governo piemontese. A mezzo degli acquisti
che si fanno in questo momento e delle gran
poli; in questo caso il generale Cucchiari di
risorse trovate a Napoli, questa flotta co
ge
Cial
che
rebbe
aggiun
si
posto,
suo
il
prende
in pochi mesi una forza navale im
stituir
dini, appena rimesso dalle febbri che lo tra

vagliano a Bologna, raggiunger anch'egli il


re a Napoli. La prima notizia ci sembra pi
probabile, trattandosi tanto pi della necessi

portantisslma.

speare inviato straordinario del re Francesco

Shanghai, 19 agosto. Gl'insorti attaccarono

Shanghai, ma vennero respinti. Gli europei


hanno formato corpi di volontarii. Le truppe
alleate occuparono la citt e forti di Petang.
Dovevano assalire il 15 corrente i forti di Taku

(Taitccou). l chinesi si preparano alla resi


Stenza.

Perugia, 15 ottobre.
--

Il governo pontificio, restaurato a Viterbo,

t di organizzare l'armata meridionale.


ll Times del 12 pubblica la seguente Nota
indirizzata dal conte Cavour al barone Win

Il Times dice che il conte di Pa

bra risultare che nel corso di sei mesi, l'effet

NOTIZIE TELEGRAFICHE
(AGENZIA STEFANI).

Il a Torino:
Parigi, 14 ottobre.

vi commette arbitrii dimettendo in massa gli

impiegati. L'emigrazione cresce a dismisura.


ll regio commissario generale concede d'ur
genza ai molti esuli il ricovero nei conventi.
Sono costituiti comitati a sollievo degli emi
grati.

Signor Barone,
Madrid, 13. L'Epoca annunzia che, non ap
la regina sar giunta, il Consiglio dei Mi
pena
Napoli durante questi ultimi mesi hanno gi
Gli avvenimenti che hanno avuto luogo a

J. C0MIN Direttore.

NAPOLI STABILIMENTO TIP. DELL'ATENEo DoMENIco CASTELLINI Gerente Responsabile.

ANNO I.

Napoli

Sabato 19 Ottobre 1860

Milano

N. 6

IL PUNIG0L0
GIORNALE POLITICO POPOLARE DELLA SERA
PREZZO D'ABBONAMENTO MENSILE

Napoli a domicilio . . . . . . . . . . gr.


30
Provincia franco di posta . . . . . . . . . .
45
Trimestre semestre ed anno in proporzione.
Per l'Italia superiore , trimestre. . . .
L. It. 7, 50
Un numero separato costa Un grano.

Esce tutt' i giorni anehe festivi, tranne le solennit.


L'Ufficio di Redazione, e la distribuzione principale presso
lo Stabilimento tipografico dell'Ateneo
Vico S. Maria Vertecoeli, N. 9.
|

Si ricevono Inserzioni a Pagamento.

Perch Francesco II non ha abbandonato settentrione essi seguono con l'ansia di una
i
suoi
Stati, come il Granduca di Toscana, e mortale trepidazione i passi dell'Imperatore
I) () M A NI
il Duca di Modena perch si racchiuso Francesco Giuseppe che si reca a Varsavia,
Domani i popoli dell' Italia meridionale de nel suo covo di Gaeta ? perch ordina ai essi studiano tra la paura e la speranza il ci
cideranno dei loro destini - domani essi, per suoi soldati di resistere a Capua e a Messina? piglio e il sorriso dello Czar Alessandro.
Che spera Francesco II ? in che confida
la prima volta dopo tanti anni di schiavit . Perch il Papa si ostina a rimanere in Roma,
faranno atto di sovranit Non v' ha dubbio e con la sua fuga non protesta contro quella Pio IX?
Sperano che l'assolutismo si colleghi contro
ch' essi non ne comprendano tutta l'impor ch'ei chiama odiosa ed eretica spogliazione dei
tanza per quelli a cui essa non spiega

suoi diritti?

la libert il vecchio contro il nuovo il

Credete voi che Francesco II speri nella preteso diritto dei Sovrani contro il sacro di
ta da un ragionamento della intelligenza che
calcola e prevede, rivelata da un moto isten interna reazione e creda che i suoi soldati ritto dei popoli sperano che la Russia di
tivo del cuore che sente, ed ama.
possano vincere la forze riunite dei due eser mentichi l'oltraggio di una grande ingratitu

Ma il voto che domani questi popoli depor- citi Italiani?-Credete voi che Pio IX- quel dine che l'Austria ottenga, a forza di u

ranno nell'urna non solamente voto decisi Pontefice che a tuti i consigli, a tutte

le ri miliazioni
e di concessioni, perdono di quel
vo per essi lo altres per le sorti d'Italia mostranze dell'Europe intera, ha sempre rispo l'oltraggio sperano infine di rovesciare sul

sto: Non possumus, che ha per massima fon

tutta.

l'Italia orde di Croati e orde di Cosacchi -

Ormai i destini dei vari popoli che forma-ldamentale: o tutto o nulla-abbia d'improv sperano di soffocare la nazionalit Italiana nel

no questa grande nazione italiana sono cos viso mutata l'ambiziosa sua ostinazione, e si sangue de'suoi figli, e allora, protetti dalle or
strettamente congiunti fra loro, che uno di rassegni alle anguste proporzioni dello Stato de straniere i Borboni sbuccherebbero da loro
essi non pu disporre di s senza pure di che ora gli resta, e si faccia illusione al pun covi, e il Papa aspetterebbe a Roma gli Au

sporre del presente e dell'avvenire di tutti. I to di credere, di sperare che gli sia possibile

striaci che riconducano i suoi cardinali nelle


Il voto che domani questi popoli deporran- conservarlo a lungo, e si rassegni alla umi perdute Citt.

no nell'urna non significa solamente ch'essi liante protezione Francese, che detesta quanto
non vogliono pi quel governo che le nazioni il sentimento nazionale Italiano?
civili di Europa hanno chiamato la negazio- Credete voi che l'Austria, inchiodata dalle
ne di Dio non significa solo che per essi baionette Francesi e dalle nostre sul letto an
finita l' abbiettezza della schiavit , che sono gusto e indecoroso del non intervento, vi sia

In questa speranza Francesco II sogna di


rialzare in Napoli le forche, come suo pa
dre, come il primo Ferdinando, di ripopolare
di martiri Italiani le sue galere gli Ajossa.
i Maniscalco, e la lor degna compagnia non

risorti a dignit di uomini, e di popolo che si lealmente accomodata, e vi dorma un son gli mancano certo i carnefici ci sono
non conteranno pi come mandre le quali no tranquillo, senza i trabalzi di un sogno Franaesco Il aspetta le vittime.

per null'altro valgono se non per la lana che tormentose ? credete voi che essa possa assiste

In questa speranza, il Cardinale Antonelli,

si pu loro tosare, e che quando sono ben re alla formazione della nazionalit Italiana, nel nome d' un Dio di pace e di amore pre
bene tosate di prima e di seconda mano non senza comprendere che la sua signoria in l
para le liste di proscrizione, e compila le

servono ad altro, e si traggono impunemente italia per sempre finita, e che la sua domi sentenze di morte che il Vicario di Cristo non
al macello non significa solo che d'ora in nazione sulla Venezia per sempre cessata ? sottoscriver, ma, con ipocrita restrinzione men
poi questi popoli saranno iscritti nel

libro

Noquand'anche noi non lo dicessimo ad tale, lascer eseguire.

d'oro delle nazioni civili, ch'essi pure potran- ogni momento, e ad altissima voce, il Papa sa
E poi l'uno e l'altro diranno, quando l'I
no arrecare la loro opera al gran lavorio del- che la capitale dei Regno Italiano, voluta dalla talia per opera loro sar mutata in un campo
la civilt e della libert non

significa

solo

mazione, e fermamente voluta, Romal'Au santo o in un ergastolo, come disse il mare

che d'ora in poi al soffio fecondatore delle stria sa che la nazione Italiana non avr n sciallo Sebastiani nel silenzio che segu ai
libere istituzioni

essi

vogliono

veder

risorge-

pace n tregua finch non le avr strappato

massacri di Varsavia: L' ordine regna Gli

re l'antica grandezza morale e intellettuale, di mano gli ultimi tre milioni d'Italiani a cui dunque nel Congresso di Varsavia che fida
e rifiorire il materiale ben essere.

Tutto ci molto ma il voto di domani

significa che l'Italia sar e questo voto


necessario perch l'Italia sia.
Dimostriamolo.

no i nostri nemici l' Austria, il Papa, il


essa proibisce invano di essere Italiani.
In che spera dunque Francesco II ? in Borboni.
che confida Pio IX 2 che attende l'Austria?

E inutile il farci illusione: qualunque possa

Da Gaeta e da Roma, il Borboie ed il Pa essere il risultato di quel congresso certo

pa tendono ansiosamente lo sguardo verso il che tra i Sovrani del Settentrione che vi si

IL PUNGOLO
22

me=
Noi siamo col paese che vuole la con
Un'altra parte della stampa, serena, conscien
radunano abbiamo alcuno che ci nemico im
ziosa, orgogliosa della sua forza, cammina di cordia, l'indipendenza e la forza. Nel
placabile.
ritta, proverbiando e motteggiando di tratto in
noi vediamo solo il prin
Guai per noi se quel Congresso ci trova tratto, le aspirazioni sanfediste del partito nero. l'uomo politico
le azioni della vita pri
sindacarne
cipio:
divisi in due Stati!non esiter a cacciarsi vio
pu turbare, con
Se il congresso di Varsavia

vata atto disonesto che lasciamo di buon

lentemente tra l'uno e l'altro, e impedir per apprensioni pi o meno fondate, il pensiero grado a chi se ne vale come di condi
dello sviluppo sollecito dei nuovi principi, non
sempre che si riuniscano.
allenta menomamente la fede intera nel loro zione ad esistere.
Perci urgente che da Varsavia i Poten trionfo finale. La civilt prosegue sempre sen
Rispettiamoci se vogliamo essere ri
tati del Nord veggano l'Italia costituita in un za arrestarsi, e l'idea nuova, valicata da gran spettati.
e la Newa, ebbe accoglienze
Regno forte di 23 milioni, il Re Vittorio E tempoal la BeresinaL'imperatore
Abbiam riprodotte queste parole perch'esse
Alessandro, pro
liete
Kremli.o.
manuele, onesto e prode, alla testa di una motore infaticabile e passionato dell'abolizione riassumono completamente il nostro pensiero.
Nazione concorde e risoluta a difendere i di della schiavit nella barbara Russia, non pu
Noi pure, al pari del nostri amici e compa
ritti rivendicati.
venire difensore di servit in Europa. Egli che gni di Milano, siamo nauseati delle abbiette
personalit con cui si vituperano a vicenda
Allora forse ci penseranno due volte a usarci infranse le dighe, poste all'intelligenza nell'Im due partiti che sono entrambi fuori della na
pero da Nicol, non pu tramutarsi in fanati
violenza. Allora noi potremo dir loro: L'Ita co protettore di oscuratismo.
zione, e che pretendono alzare la voce delle
lia come voi la creaste nel 15 non esiste pi,
La Prussia, combattuta da due diversi princi loro individuali passioni al disopra della voce
dei grandi interessi nazionali.
esiste la Italia come noi la vogliamo, e co pj, reprime a stento l'ambizione di farsi centro |i solenne
Siamo stanchi di vedere il Nazionale da un
Ger
in
rinnovare
e
liberale
tedesco,
partito
del
me noi l'abbiamo creata , disfatela se lo po
mania le glorie e gli utili del Piemonte in Ita canto insultare continuamente il sig. Crispi,
tete. Non esiste pi Regno di Napoli, non lia. Un dispaccio di jeri negava ch'essa avesse e gli uomini che pensano come lui, anche
esiste pi Regno di Piemonte come non esiste ritirato o volesse ritirare il suo ambasciatore dopo che essi furono vinti, e si ritirarono, o
messi fuori, dalla lo ta; come dall'al
pi Regno Lombardo-Veneto,Granducato di To da Torino. Qualche giornale aveva affermato fron
non perinetiamo al sig. Dumas nel
canto
tro
che il principe Reggente di Prussia doveva rap
-

scana, Regno Pontificio, Ducato di Modena,

e di spargere maligne insi


presentare gl'interessi Inglesi a Varsavia, ma suo Indipendent
nuazioni contro uomini di cui noi, Italiani,
sue rovine, o con esse potete riedificare il ti ministeriali, avversa qualunque idea di al apprezziamo altamente la intemerata onest,
leanze tedesche. L'Austria sola vorrebbe ri i come i signori Conforti e Pallavicino, che han
passato
bandiera di Lipsia, ma i tempi, e no pensato, operato e sofferto, essi, per l'Ita
sollevare
Ben disse un giornale dell'Italia superiore. gli uominilasono
mutati, e il Nord confessa can lia, e per la libert, quando il sig. Dumas in
E urgente di compiere l'annessione dell'Italia didamente che dalle conferenze di Varsavia pu quanto alla prima non l' a che viaggiata,
meridionale alla vigilia della Conferenza di avvenire un avvicinamento fra l'Austira e la spesso calunniata, e quasi sempre fr.intesa

Ducato di Parma; esiste la Italia, e solo sulle un'articolo del Morning Post, che s'ispira a fon

in quanto alla seconda si limitato deside


Varsavia; e, quali che siano le disposizioni e Russia; mai un'alleanza. La Prussia per dip rarla.
affermano)
lo
giornali
suoi
i
tutti
quasi
(e
pi
gli intendimenti dei Sovrani che col si rac non si piegher mai a sostenere la politica
Al Nazionale noi diciamo che non abbia
mo mai diviso le idee politiche del sig. Cri
colgono, presentare loro un fatto compiuto e Austriaca in Italia.
compiuto in forza del dritto nazionale e in
Intanto il proclama del Re ai popoli dell'Ita spi, che anzi spesso le abbiam combattute,
lia meridionale fu accolto favorevolmente a Pa che abbiam deplorato l' impari duello in cui
del
virt del Suffragio Universale. I campioni
opinione, che
rigi, ove le pretensioni, e le ubbie della Spa erasi cimentato con la pubblica con
cui le re
Diritto Divino non abbiano a rallegrarsi nep gna
pertinacia
la
biasimata
abbiam
giunsero inascoltate, come in Inghilterra
pur per un istante di un dissidio che non derise. Il Times consiglia al governo di S. M, sisteva, che abbiamo applaudito al trionfo
pi che apparente ; e fremano, in quella ve Cattolica di non uscire dai limiti del non-inter della pubblica opinione su quella di una mi noranza che tentava farle violenza ma ag
ce, pell'imponente aspetto della nostra con vento, con parole che vestono tutte le apparen
ze di una minaccia.

cordia.

Ecco perch abbiamo detto che il voto dei

popoli meridionali, il voto che daranno do


mani non decide soltanto dei loro destini, ma
con essi di quelli dell' intera ltalia.
Napoletani, volete che l'Italia sia?-Domani
lo deciderete.

RIVISTA POLITICA

Ma l'Austria, confortando il papa a rimane


re in Roma, e mostrandosi in attitudine difen
siva ai nostri confini, ingrossa tacitamente. Tut
te le notizie che giungono dal Veneto, e quelle
che troviamo nella Gazzetta di Colonia, ci per
suadono che a Vienna si pensa deliberatamente
ad una guerra contro l'ItaliaL'Austria dovreb
be sapere tuttavia, (e l'opinione pubblica nel suo
paese lo proclama senza velo) che l'Italia fu ed
il suo cancro, ma potrebbe divenire la sua tom
ba. Una parte dell'esercito nostro che si diri

La situazione politica si raggruppa attorno


non solo piu importante del presente, ma anche
piu fecondo di fatti per l'avvenire. L'imperato
re di Russia, lasciato Pietroburgo, si avvi gi
verso la capitale della Polonia. A quest'ora le

ve vedere e giudicare se non il principio che

egli rappresenta, che l'insulto non ragione,


e ch' esso non fa che inasprir le questioni coi
rancori personali, che infine chi rimesta il fan

go delle personalit per gettarle in viso ai suoi


avvevsarii, s' infanga egli stesso.
All' Indipendente poi del sig. Dumas noi
chiediamo: Che direbbero i Francesi se uno

di noi andasse in mezzo a loro a coprire di


scherno e di oltraggi ci che la Francia cre
de aver il diritto e il dovere di rispettare?
Noi lo dimandiamo al sig. Dumas medesimo?
geva su Napoli, veduta l'attitudine dell'Austria S'
egli sente e non ne dubitiamo la di

sul P, ritorn a guardia dei confini.

alle conferenze di Varsavia. l'avvenimento

giungeremo che nell'uomo politico non si de

gnit deila sua nazione, ci risponder che i


Francesi saprebbero imporre silenzio a questo

CONCORDIA !! CONCORDIA!!

straniero Dal

canto

nostro

noi

sentiam

troppo la delicatezza del popolo Italiano, per


non assicurare a nostra volta il sig. Dumas
Leggiamo nel nostro giornale di Milano:
che nessun Italiano si permetterebbe di farlo.
Noi alziamo la voce in nome del senso co
Da Palermo, e da fonte pi o meno

conferenze saranno incominciate. La stampa en ufficiale, ci pervengono scritti e stampati mune, in nome della nazione intera contro gli
ropea divisa in due campi. I partigiani ferventi con insistente preghiera d'immediata pu acerbi rimbrotti, le gravi accuse, le perfide
delle vecchie idee, stigmatizzatori arrabbiati di blicazione.
questa nuova, vigorosa, e altera civilt che
Sono fazioni sciagurate che si vitupe
sorge sopra altre basi, sopra altro diritto, rano a vicenda, e vorrebbero dei loro
anno organo in Germania la Gazzetta Crocia,
ta di Prussia, come in Francia le Monde, fratricidi dissensi complice la stampa o
e la Gazzette de France, come in Italia, L'Ar neSta.

monia e il Cattolico. Costoro veggono a Varsa


via la fucina di nuove catene per l'umanit

insinuazioni che si scagliano in questi giorni


a vicenda le due fazioni estreme, i loro capi,
ed i loro organi.
Noi alziamo la voce per domandare concor

dia, quella concordia di cui s grande


il bisogno perch ai nostri nemici soltanto

Lo diciamo una volta per tutte: code giovano pur troppo queste nostre ire fraterne,
ste abbiette personalit ci nauseno. Noi perch la concordia ci valse dall'Europa quella

Sperano la reazione sanguinosa, che rovescian non fummo mai n col ministero, n con stima riverente e profonda che fu tanto utile
dosi sull'Europa da Parigi a Madrid, da Napoli chi lo combatte, allorch annessionisti ed alla causa nostra , perch essa fu la nostra
a Torino, riproduca al mondo l'esempio dei anti-annessionisti colle loro lentezze e col forza, perch essa sola deve porci in grado
sanguinosi saturnali del Cardinal Ruffo, e val
ga a ricoprire per lungo corso d'anni, di tene
bre e di terrore la mente dei popoli.

di compiere l'impresa nostra, di arrivare alla

le loro improntitudini posero per un istan nostra met; di liberare cio i fratelli che ancora
te in forse l'avvenire della latria nostra. genono sotto la tirannide austriaca e pretina.

IL PUNGOLO
fTERE-sera:merarrs ra: zr

rsm

rrr-ro

ax

sa

s...

all.

Si e io 3.

3.-

fa a si

Tutti i cittadini di queste Provincie doman nistero sotto gli ordini dell'Ammiraglio Persano. stione sopra un punto religioso, non vi sa
dano, esigono, impongono la concordia , Il capitan di Vascello Amilcare Anguissola, in con rebbe d'uopo d'una preghiera della Spagna,
additando le mura di Capua e di Gaeta, nu siderazione dei servigii resi, promosso a Retro per congregarle.
merando i tentativi della reazione, e rammen Ammiraglio.
L'altra domanda di questa Corte ancor
Il Giornale officiale contiene inoltre una quan
tando con devota piet il sangue generoso che
intempestiva. Essa pretende che per il
pi
segna il cammino percorso dalla idea Italiana. tit di nomine, destituzioni, esonerazioni e messe quadruplice trattato del 1718, la corona delle
ritiro,
in
ristrettezza
che
del
la
nostro
giornale
Quello sangue d' italiani e non di parti
Due Sicilie stata ceduta dall'Auslria al ra
non ci permette di riportare.
giano.
mo Spagnuolo della Casa dei Borboni, e che
-

Tutti gl' Italiani domandano, esigono, im

questa convenzione territoriale, dopo essere


stata l'oggetto di negoziati susseguenti nel se

pongono la concordia pei dolori, e la serena


dignit di Venezia che dimenticano affatto co
loro che vengono a parlare di confederazioni,

NO'iIZIE ESTERE ED ITALIANE

colo scorso, fu finalmente riconosciuta e con


fermata dall' art. 114 del trattato di Vienna

Scrivono da Roma al corriere di

e di antonomie, che tentano d'inacerbire i ran

Genova.

del 1815. Quindi il governo spagnuolo vuol

cori, i sospetti , le diffidenzedi Venezia, la

La grande capitale piena gia di vita e di provare che i diritti della dinastia caduta di
gloriosa martire, che insegna a tutti i popoli moto, ora trista e deserta, mentre che il Va Napoli furono guarentiti dall' Europa, 45 an
come sappiano soffrire coloro che hanno una ticano sembra una babilonia perch quivi tut
ni or sono, e che l'onore obbliga Potenze

le

vera fede, un vero sentimento nell'anima.

to confusione e disordine. Tutti comandano

ll pubblico, la patria, l'interesse comune


chieggono che non vi sien pi annessionisti o
ante-annessionisti. Domani il popolo avr par
lato. Nessuno deve turbare la sua decisione, e

ma nessuno dirigge. Il S. Padre spaventato, perduto.


il cardinale Antonelli trema anch'esso, non
Tali sono le domande che il governo Spa
sapendo a qual partito appigliarsi, in mezzo gnuolo presenta per aiutar la causa disperata
alle complicazioni che egli stesso ha contri dell' assolutismo e della pretesa legittimita
buito a suscitare.

europee a restituire a questa casa il trono

tutti devono rispettarlo.


Il turbine che ha rovecciato test il Borbo
Il pubblico, la patria, l'interesse comune
chieggono che gli Italiani finiscano dallo in ne dal suo trono minaccia la porta del Vati
giuriarsi a vicenda, che a quello spirito di cano. Quivi sono dei clubs, e si fanno dei pre
-

concordia e di unanimit ch' si vivo e po


tente nella gran maggioranza della Nazione,
attingano le loro ispirazioni anche quei pochi
lndividui, che vogliono essere gli interpreti del

i' opinion publica e sono invece si spesso gli

organi di ambizioni di parte, di interessi di


casta, di risentimenti individuali.

ll pubblico, la patria, l'interesse comune


esigono che tutti gli uomini onesti dimenti

chino tsto le ambizioni personali, ch ob


blino i passati errori, che domandino e ac
cettino il concorso unanime, la cooperazione

nella penisola italiana. Noi credevamo che


questa specie di logica diplomatica avesse com

piuto il suo tempo. Se un numero di governi

indipendenti pu imporre un sovrano od una


parativi in pieno giorno. Tutto pronto non dinastia ad altri Stati pure indipendenti, a
si aspetta che il segnale.
che si riduce l'indipendenza di qnello Stato a
Quindi giorni or sono, il papa era deciso ad cui questo sovrano, questa
dinastia impo
abbandonare liona, nonostante le assicurazio
sta ? Quale pu essere inoltre l indipendenza
ni che gli furono allora date dal generale Go del principe che regna in virt di un autorit
yon. Dopo aver presa una tal risoluzione e che egli deve ad altri sovrani? E chiaro che
fissato anche il giorno della partenza per la simile stato cadrebbe nella soggezione d'un
Spagna, Pio IX ricev una lettera privata del altro, e che uu simile re non sarebbe che
l imperatore nella quale l'esorta caldamente un proconsole.
di rilnanere in lioma dandogli ogni specie di
dSSICUI'd Z10lle.
Da un articolo del Debats, no o organo del
La lettera aggiunge che l'Imperatpre di governo Francese, ricaviamo il segnen e bra

idente di tutti coloro che amano la patria sposto - a non consentire ad un attacco qua no, che aiuta a spiegare l'attitudine delia Fran

con rete intenzioni, che infine nei supremi


momenti in cui versa la causa nazionale tutti
gl' italiani non ricordino altro se non di esser
figli d'Italia tutti, e tutti fratelli e soldati gli
uni per gli altri.
-Go-c ---

lunque a Roma sia per parte di Garibaldi


sia per parte di Vittorio Emanuele, e che
sebbene abbia delle ragioni per credere che,
questo attacco non accadr, pure ha ordi
nato che l armata d occupazione a Roma
fosse portata a 25, 000 uomini sotto il co
mando del maresciallo Mac-Mahon. Que

piere l'opera che la Francia ha s gloriosamente


incominciata di affrancare l'Italia dalle Alpi

all'Adriatico. In altre parole, Vittorio Emanue


le, Cavour e Garibaldi hanno intrapreso una

sta lettera autentica non ostante quello che rivoluzione, Noi tutti, Francesi del diecinove

COSE INTERNE

si potesse dire in contrario.

Si conferma la voce che Lamarmora sia chia


mato presso la persona del Re,

cia, minacciosa da un lato, amica dall'altro.


Il re Vittorio Emanuele,Cavour ed il generale
Garibaldi, dice il Debats hanno impreso di com

per essere

Frattanto il S. l'adre continua ed

simo secolo, noi abbiamo preceduto l'ltalia


essere

nella carriera in cui oggi marcia; noi abbia

inquietissimo, ed anche ieri sera parlava al mo veduto passare tre o quattro rivoluzioni,

probabilmente destinato ad un grande coman Ministro spaguuolo del suo desiderio di partir e fra queste rivoluzioni avvene da noi appro
do militare nell'Italia meridionale. Sarebbe da Roma. Peraltro il Card. Antonelli che da vate, accettate, glorificate e difese colla pen
surrogato
nel suo posto attuale dal generale qualche giorno in sincero accordo coll' Im na e colla parola.)
Cucchiari.
peratore la quanto pu per dissuaderne il Pa

- Sunto dei Decreti pubblicati dal


Giornale Ufficiale del 19 ottobre,
Tutto l'Esercito

Regno d'Italia posto sul piede di quello del


" Per paga, che per disciplina,
divisa e leggi militari,
Carabinieri
esclusi i pensione
non mensile
Reali. accordata una
di
-

du; 25 alla siguora Errichetta

Lahonia, vedova

La rivoluzione che compiesi nella Penisola

pa, che del resto, credetelo, non partir per dessa meno giusta, meno legittima e meno
Ora. D
necessaria di ogni altra delle rivoluzioni che
noi abbiamo accettate o difese ! Nessuno al

Gli affetti di famiglia nno ride tato nella


Corte di Spagna il parossismo della protezio
ne. La sua attitudine ricorda qualche scena
del romanzo di uno dei suoi piu illustri citta
dini. La parte della Spagna essenzialmente
Donchisciottesca. La stampa inglese confuta
da un lato, e copre di sarcasmi dall'altro le

certo oserebbe pretenderlo. Or dunque, le ri


voluzioni si fanno con mezzi rivoluzionarii;

Vittorio Emanuele, Cavour e Garibaldi sno


rivoluzionarii, essi non ripudiano questo tito
lo, e noi non lo ripudiamo per essi; imperoc
ch codesto titolo la loro scusa e costitui
sce il loro diritto. Coloro che sono senza pec

di Gaetano Trevisani, letterato benemerito e mar


re della causa italiana. istituito in pit esigenze spagnole. Il Times e il Daily News si cato slancino la prima pietra a
re presso l'Amministrazione generale delle Mo uniscono a protestare contro queste frenesie
Catalane.
Da altra parte lo stesso giornale da To
nete per sopraintendere e regolare la coniazio
- Il Real Museo Borbonico

ne

assumer il nome

di Museo Nazionale di antichit e i ,


la Real Biblioteca Borbonica quello di Biblioteca
Nazionale. decretato un nuovo organico nel

Ministero della

istrnzione Pubblica, con tre Ri

Il governo spagnuolo, dice il Daily News,


la nell' inte esse della legittimit italiana due
douande che un governo forte non sarebbe
in grado di sostenere, e che rendono un go
verno debole ridicolo. L'una che un con

rino quanto segue:

Desta nuove inquietudini l'attitudine dell Au


stria. Nulla ancora di positivo, ma voci, arti

coli sparsi nei giornali di Lombardia che tra

discono questi timori. Si fa ritornare una par

partimenti, ciascuno dei quali avr due carichi


te dell'armata del mezzogiorno. Tre divisioni
Ptivo personale. Ai Macchinisti napole gresso di Potenze cattoliche si aduni simile a soltanto vanno a Napoli. Io so che fu fatta al
tani " accordata l'assimilazione e l'onorificenza quell che si raccolse a Gaeta nel 1849, af
ministero della guerra un'ordinazione di ses
di uffiziali secondo il loro grado, ed un aumento fine di guarentire i dominii territoriali della santa
mila coperte di accampamento a fabbri
di trattamento. pubblicato e messo in vigo Santa Sede. E certo assai opportuno un con
canti
inglesi.
E a questo proposito, i rappre
gresso
punto
Garibaldi
Vittorio
sul
che
e
E
" Regolamento Organico della Marina

nt pel Corpo amministrativi, e segreterie


-

cettata la rinunzia alla


carica
-

illanuele trionfano, per cos dire, su tutta la sentanti dell'industria francese si lamentano

di esssre posti in disparte a profitto degli ln


Mi Mi
ac linea. Questa proposizione non richiede com
glesi.
Ma in sostanza questi apparecchi accen
di Ministro della nienti: perch se le Potenze cattoliche, che
-

--

litari, che per la Maestranza di

- --

presentata dal Capitan di v" Amil Sno quasi tanto divise fra loro nella verten mano che si riguarda una campagna d'inverno
are, Anguissola. Il Capitan di Fregata Antonio romana quanto lo sono i cattolici e i pro come possibile
Sandri prende provvisoriamente la firma del In
A confermare le voci che piriano di pro
-nti, fossero disposte a discutere la qui

Marina

IL PUNGOLO

24

==
babile imminenza di guerra con l'Anstria tro

in ci che riguarda la situazione fatta al Pa fissi su Varsavia, meno forse perch'essa atten
pa subordinata alle
decisioni di Varsavia.

viamo nella Gazzetta di Colonia:

Malgrado le asserzioni di Cavour, che il Pie

de dall'abboccamento dei tre Sovrani del Nord


Sugli accordi dell'Ausria colla Russia l'In la soluzione di una questione che interessa par

monte non minacci per ora menomamente la dipendance Belge a quanto segue:
ticolarmente la parte meridionale del nostro
Venezia, i preparativi militari si continuano a
La Russia pare d'accordo coll' Austria so continente, che perch certe fazioni politiche
lacremente. Partono senza interruzione convo

gli di militari alla volta di mezzogiorno, e


quasi sempre di notte, probabilmente per non
impedire il grande movimento di passaggieri,
in particolare nei luoghi vicini a Vienna duran
te il giorno. Veniamo d'altra parte a sapere
che parecchi reggimenti di confinarii furono

pra un punto importante, quello di non agire. persistono a vedere in questo congresso di prin
Ieri si annunziava che l Austria, comunque cipi un focolare contro-rivoluzionario.
Si sotto questo punto di vista che convie
biasinasse l'invasione degli Stati Pontifici, si

limitava a intervenire diplomaticamente. Oggi ne giudicare le voci senza numero e contfad


una notizia giunta all'Agenzia Reuter, ci in ditorie sparse da giornali stranieri, e che so
forma che la Russia consiglia il Papa di li no l'eco sia di speranze sia di apprensioni di
unitarsi, quanto ad ora, a protestare contro partiti. Le opinioni sono sopratutto divise sul

inviati in Dalmazia, ed otto batterie a Fiume. l'invasione piemontese.


Nell'arsenale di qui si lavora senza riposo.

l'attitudine della Prussia colla questione ita


liana. Secondo gli uni, il gabinetto di Berlino

Il trasporto delle mercanzie completamen

Leggiamo nel Moring Post.


Vari giornali annettono molta importanza a
vetture di 3 classe servono al trasporto delle pretese assicurazioni date al Papa dal gover
no francese riguardanti l'in.egrita, dei suoi Sta
truppe.

sarebbe perfettamente d'accordo coll'Austria e

te cessato sulla ferrovia di Trieste ed anche le

la Russia per la stretta applicazione del prin


cipio della legittimit agli ultimi avvenimenti
che hanno scosso la Penisola. Il Principe Reg

ti. Il governo francese non ha giammai par gente, scrivono da Berlino, sarebbe assediato
Un vivace articolo del Daily News organo lato n voluto parlare che della conservazio dal partito legittimista che trova un forte ap
ministeriale inglese paragona l'alleanzn fran ne dell'autorit del S. Padre sul territorio pro poggio nelle Corti di Monaco, di Dresda, di
cese alla tedesca, e proclama che la politica priamente romano.
Vienna e in quelle del Re di Prussia. Si col
Si per questa mira che la Francia ha rin lega a questi tenta ivi la presenza della Regi
inglese l'espressione della volonta del po

polo Esso dice:

--

forzato la sua armata d'occupazione, e non in na di Sassonia, sorella della Regina di Prus
D'altra parte,

Lasciamo che gli organi diplomatici del vista degli Stati della Chiesa, come si affetta sia e dell'arciduchessa Sofia
di credere.

l' Alemagna si sfognin in discorsi a propo

corrispondenze che si credono bene informate

sito della conferenza di Coburgo o di Varsa


Berlino. - ttispetto alle voci di Congresso, affermano che il governo prussiano lungi
via; i nostri cugini alemanni, come li chia che furono ripetute in questi ultimi giorni, scri dal dividere a riguardo dell'Italia le vedute

miamo per tan e buone e costose ragioni, de vono da Berlino, alla Gazz. di Colonia:
ducano pure se voglino, ogni sorta di con Non dubbio alcuno, che la Francia si
clusioni di pretese affinit e solidariel; noi adoperata e palesemente e in segreto per uet
ci railegriamo, per parte nostra
di essere
giunti a questa fortunata convinzione che, tere insieme un Congresso. Il motivo principa
le sembra fosse il desiderio di controperare
merc l'assenza totale di ogni ingerenza, sia alla possibilit d'una
coalizione e di evitare
come principio, sia c politica, il buon ac le apparenze di rimanere isolata favorendo in
cordo dei governi di Francia ed Inghilterra direttamente il moto italiano. Non si pu cre
pu
ancora
ravvisarsi
e divenir
anzi pidi forte,
per la
simpatia
ed il mutu
rispetto
due de, e che a questo Congresso si giunga, mas
inamente cime un invito formale non fu an
grandi nazioni vicine, che qualunque alleanza Sicora
fatto ad alcuno. E cosi pure una sem
v

legittimiste della Corte di Vienna, e che non


separer la sua politica da quella del gabinet
to inglese.

Queste due versioni non sono poi cos in


conciliabili come si sarebbe disposti a creder

lo. Non fu mai un segreto che il ministero


prussiano composto d'elementi eterogenei, e
che certi membri del gabinetto non si unisco
no che difficilmente alle idee liberali profes
sate dai loro colleghi. Pu accadere dunque
che in certi momenti meno critici, i dissensi
di coalizione....
plice conghiettura che debba essere stabilito si facciano largo e imprimano alla politica ge
Si ha l' uso, ad Asburgo, di dimenticare il programma di questo Congresso a Varsavia. nerale del gabinetto di Berlino quella impron
che in tutti i calcoli della politica inglese e
ta d'incertezza che fa fuorviare l'opinione.
-

--

siste un elemento di primo ordine, il quale si


chiama il popolo inglese.
Ora, il popolo inglese costituisce, da se
Abbiamo notizie diretto dalla Sicilia le quali
solo, un fatto ben altrimenti importante che confermano
il paese accolse con grande
qualunque riunione di potenze, sia a Varsa entusiasmo ilche
decreto del plebiscito. Il ri
via, sia altrove.

RECENTIssue

- -

NOTIZIE TELEGRAFICHE

Benevento 18 ottobre 1860.


. . Quanto pi la politica del
sultato
della
di domani sara splen La truppa Piemontese comandata dal Gene
governo francese verso l' Italia sar liberale, didissimo. - votazione
Tutta la popolazioue porta il si rale De Sonnaz da Dentecane qui giunta al
tanto piu ferine saranno le simpatie crescenti
sul cappello.
l'una p. m. Sono due mila uomini di ogni ar
dell' Inghilterra, perocch non per dar batta
ed artiglieria
glie al manne, ma bensi per imprimere vigo:
Jer notte i Borbonici spinsero una ricognizio maQuantunque
si fosse saputo poche ore pri
re e forza a principi inglesi, l'Inghilterra si ne, contro i nostri avvampostiGl'Inglesi ebbe
ma,
pure
tutte
le Autorit ed i cittadini sono
ro
l'onore
delle
armi,
da
essi
vivamente
recla
arma oggidi.
usciti in
-

folla ad incontrarli, e con bande mu


Noi rammentiamo volentieri che i nostri mato. Si sono battuti col sangue freddo e la per
buoni rapporti colla Francia non ci hanno mai tinacia che distingue quella nazione Ebbero sicali ne han festeggiato l'arrivo.

costato somme enoriui. Possiamo noi dire al morto un capitano e dieci uomini circa fuori di
trettanto dell'Alemagna!

Al Generale de Sonnaz stato fatto indi


rizzo e felicitazioni dal Governatore, dal Sin

combattimento. I Borbonici furono respinti


Arrivarono al campo artiglierie ed artiglieri daco e dal Maggiore della Guardia Nazionale.

dell'esercito settentrionale.
Leggesi nella Presse:
Pare certo che il principe reggente debba
Sappiamo che il nuovo Sopraintendente dei
rappresentare gl'interessi inglesi nell' abboc Teatri,
Duca di S. Donato, proibi l' andata in
camento di Varsavia. ll Courrier du Diman
che conferma oggi i ragguagli che pubblica iscena a S. Carlo dello spettacolo che dove
vamo ieri a questo proposito. Per conseguen va produrvisi questa sera, trovandolo indecoro
za smentisce quelli che abbiamo dato secondo so e pel Teatro e per la citt.
Noi lodiamo questa energica misura E
un dispaccio telegrafico rispetto ad una nota
tempo che si avvezzino tutti a rispettare il
delia corte di Austria a quella di Roma.
Publico.
E assolutamente falso, dice quel giorna
le , che l'Austria abbia inviato una nota al
Riportiamo per esteso questo articolo della
la Santa Sede per avvertirla che non poteva
-

Ovunque passavano si gettavano loro nembi di


fiori e ghirlande. l balconi tutti ornati con ban
diere tricolori e fregiati di arazzi e di dama
schi. Le donne, gli uomini, i vecchi, i ragaz
zi battendo palma a palma li applaudivano ;
in faccia a tutti si leggeva la contentezza, la

gioia, la quale si manifestava con voci frago


rose, con evviva, e benedizioni al nostro ma

gnanimo Re Vittorio Emmanuele ed all'Italia,


Il Governatore CARL0 TORRE.

---

far nulla in suo favore e che la corte di Vien Patrie, perch esso ci sembra riassumere a
ma intendeva rinchiudersi in un attitudine di meraviglia lo stato dell'opinione publica sul

aspettativa.
L' Austria non ha fatto simili dichiara
zioni scritte a nessuno, ancor meno a Roma.

I consigli e le spiegazioni che ha potuto e


dovuto dare al papa, furono trasmessi verbal
mente e comunque sia in modo confidenziale.
Una risoluzione definitiva da parte dell'Austria

Al momento di mettere in torchio ve

niamo a sapere che ll generale Sonnaz,

Congresso di Varsavia. Come il fatto politico comandante la vanguardia dell' esercito


pi importante di questi giorni, le conferenze settentrionale sbarcata a Manfredonia, tro
delle tre grandi otenze del Nord, preocupa
no naturalmente l'attenzione degli uomini po vasi oggi ad Arienzo a pochissima distan
litici d'Europa. Ecco come la Patrie giudica za da Maddaloni, ove sar questa sera.
questa situazione.
J. COMIN Direttore.
L'opinione pubblica in Europa ha gli occhi

NAPOLI STABILIMENTo TIP. DELL'ATENEo DoMENIco CASTELLINI Gerente Responsabile.

ANNO I.

Domenica 21 Ottobre 1860

Napoli

Milano

N. 7

IL PUNGOLO
GIORNALE POLITICO POPOLARE DELLA SERA
PREZZO D' ABBONAMENTO MENSILE

Napoli a domicilio
. gr.
30
45
Provincia franco di posta . . . .
Trimestre semestre ed anno in proporzione.
L. It. 7, 50
Per l'Italia
trimestre. costa Un grano.
Un superiore,
numero separato
-

Esce tutt' i giorni anche festivi, tranne le solennit.


L'Ufficio di Redazione, e la distribuzione principale presso

lo Stabilimento tipografico dell'Ateneo


Vico S. Maria Vertecoeli, N. 9.

Si ricevono Inserzioni a Pagamento.


soggetti al predominio della influenza France
se. Per ci, come non vide di buon occhio l'an
Il Regno Italiano di 23 milioni ormai un nessione dell' Italia centrale, cos non vedr
FATTO COMPIUTO.
certamente di buon occhio quella dell'Italia
Il voto dei popoli meridionali il voto di meridionale per cui se avesse potuto impe
dire questa, come tent d'impedir quella , lo
oggi lo ha reso tale.
La egoistica teoria dei fatti compiuti valse avrebbe fatto con tutto il cuore.
Ma una volta fatta, la Francia non solo
per tanto tempo contro di noi pur tem
po che ora noi la invochiamo in nostro fa non si muover per distruggerla, ma sar co
VOre.
stretta a proteggerla.
Questa necessit le viene dalla natura delle
Il Regno del 23 milioni un fatto compiu
cose.
0 l'Italia, o l'Austria, padrona asso
to Non basta un fatto compiuto che
luta
dall'
ultimo lembo della Sicilia all'estre
da oggi esiste l'Italia.
ma
punta
delle Alpi. Non vi altra alterna
Finch una cosa in formazione, finch
ferve il lavorio che la crea, si pu impedire tiva possibilen la Francia se lo dissimula.
L'Austria alle Alpi vuol dire una minaccia,
che la si faccia Ma fatta una volta, bisogna

I FATTI COMPIUTI

Napoleone potr dire all'Europa diplomatica:


Disapprovo ci che gl' Italiani hanno fatto
l'han voluto fare a mio dispetto, malgrado le
mie sgridate, ed il mio cipiglio, ma ora
fatto n si pu disfare se non con la vio

lenza, ed in tal caso io dovrei unirmi all'I


talia, perch lo esige la mia conservazione,
e la sicurezza della Francia

Posta questa necessit della Francia ed ami

messo il fatto compiuto del Regno Italiano, ne


viene che non si pu distruggerlo che con una
guerra generale.

Ora quali sono le Potenze che possono ave


re interesse a questa guerra e che sono in
gre
i sostenerla?
ma l'Austria sola non lo pu

L'Austi

o accettarla o distruggerla. Gli perci che un pericolo perenne per la Francia-vuol di fare quindi ha hisogno di cercar delle al
noi abbiamo detto : FATE FATE, e FATE re il suo abbassamcnto morale e politico- e leanze.
gran
PREsto Gli perci che tutti gl' Italiani l'abbassamento della Francia vuol dire il de

s'impazientavano, si allarmavano, si spaven cadimento della dinastia Napoleonica.

Napoleone Ill troppo buon Francese, e


tutti gl' Italiani gridavano ad una vocc : AN troppo buon Napoleonide per cooperare negli

tavano di ogni indugio Gli perci che

NESSIONE ANNESSIONE, quantunque una stesso a questo risultato.

tempo ch'essa le va mendicando

alcuni mesi or sono a Tplitz, ora a Varsavia.


Se il fatto non fosse compiuto qualche cosa
avrebbe potuto ottenere Una violenta pres
sione diplomatica non costa nulla o costa
ben poco e il principio del diritto divino
merita pure, da parte delle Potenze che si fon

Se ci aiut nella guerra della indipendenza,


parola sacra e autorevole dicesse loro: Aspet
TATE Gli perci che gl' Italiani accol se ha speso in essa il sangue e l'oro della
sero con gioia il manifesto del Re che tron Francia, non lo ha certamente fatto per la idea dano sovresso, qualche sagrifizio.
Ma il fatto compiuto-e per distruggerlo
cava la via ad ogni pentimento, ad ogni esi Italiana. Sarebbe una follia il crederlo
tanZa.
una utopia il pretenderlo. Lo fece perch vo bisogna fare la guerra e la guerra costa
Bisognava affrettarsi adire alla Europa diplo leva sull' abbassamento dell'Austria fondare denaro, e pi che denaro.-Ora per fare una
matica: ll Regno Italiano fatto disfa la grandezza della Francia, e sulla grandezza alleanza offensiva e difensiva, bisogna avere
telo, se ci riescite prima che la Europa di della Francia la stabilit della sua dinastia. comunanza d'interessi, e di reali interessi.
Esiste ella questa comunanza fra due sole
plomatica avesse tempo di dirci: State facen
Havvi di pi. In forza di qual principio
do ci che non ci garba i sospendete ; non esiste questo fatto compiuto ? In forza del suf Potenze di Europa?
fate.
Lo esamineremo in un prossimo articolo.
fragio universale. Ora se la dinastia Napo
Questo pericolo ora evitato vediamo se leonica regna in Francia, lo deve allo stesso
esiste realmente l'altro pericolo che l'Europa principio. Qual l'altro principio, il prin
ci usi violenza e voglia distruggere ci ch' cipio avversario che pu aver interesse a di
ALL' IR II) E
-

fatto.
Francamente noi nol crediamo.

struggerlo? Il principio del diritto divino.

Questo principio la condanna di Napoleo

ne Ill e dei Napoleonidi. Se Napoleone la


scia atterrar l'uno e trionfare l'altro, questo,
appena vincitore, gli chieder in virt di
quale diritto egli usurpi il trono di Enrico V.
da lei ideata, ci lasciava divisi, e quindi de Anche per ci la politica Imperiale dovr ,
boli per cui non solo non avremmo mai po bon gr, mal gr, difendere ci che fu fatto

tuto darle ombra, ma saremmo stati sempre


-

L' Iride di Venerd nel suo articolo di fon

do slancia gravissime accuse contro il Mini

Si detto che la Francia, o almeno il Go


verno Imperiale, teme l'Italia unita Non cre
diamo che la tema ma certo avrebbe prefe
rito che fosse altrimenti. La confederazione,

in Italia.

stro della guerra, gen. Cosenz.

L' Iride gli chiede che cosa abbia fatto da


quando Garibaldi entr in Napoli e rispon
de categoricamente che ha fatto nulla, o pres
soch nulla.

L'Iride avrebbe voluto dal Regno cinquan


tamila volontari si duole che sotto le mura
di Capua non ve ne sieno invece che appena

26
i

IL PUNGOLO
-asse

cinque o seimila e di questo fatto rovescia zio . . . ci limiteremo a dire ch'esso ben
Il palazzo di Chiatamone suo egli lo
deplorabile.
ebbe dal Dittatore, che, a dir suo, gli aveva
tutta la colpa sul Ministero di guerra.
Noi non ce ne facciamo certamente i difen
Ma vi una frase che spiega perch l'Iri promesso un Palazzo sin da Palermo e si
sori anche a noi parve e pare che su que de adopera questo nome la frase a cui ac compiacque accettarlo per non mostrarsi in
sto argomento siasi fatto assai poco quan cenniamo compendiata nella parola inter grato verso Garibaldi.
Non vero sempre il signor Dumas
tunque non sappiamo se possa bastare l'opera, vento.
E che? l'Iride chiama intervento l'accorre che lo attesta non vero che questo Palaz
per quanto efficace ed attiva, di un Ministro
della guerra per creare corpi numerosi di re d'Italiani in soccorso d'Italiani per compie zo gli sia stato tolto per alloggiarvi il segui
re la liberazione di altri Italiani?
to del Re. Quantunque lo abbia per decreto
volontari.
Davvero l'iride ha uno strano frasario e del Dittatore, si premurer (la parola te
Certamente non solo non si pens affatto a
creare un esercito dell'Italia meridionale, ma sul diritto lt; iiano ha delle idee assai biz stuale) a prestarlo al Re per tutto il tempo
che rimane in Napoli ma diversamente
si pens invece a sciogliere con mal cauto Zarre.
consiglio l'esercito che si aveva e che si po
Dunque, per la stessa ragione, quando noi in casa sua e non crede di muoversi.
Da queste parole ogni buon galantuomo po
teva tentare di tenere, in parte almeno, riu Italiani liberi voleremo in soccorso della Ve
nito, e utilizzarlo, non fosse altro, come nu nezia si dir che noi interveniamo nel Veneto. trebbe credere che il Dittatore abbia regalato
cleo di un esercito futuro.

Fosse anche l'esercito settentrionale

esclu

il Palazzo di Chiatamone a Dumas-e siccome

Certamente il Ministro della guerra ha in sivamente Piemontese, cesserebbe per questo nassuno potrebbe credere che Garibaldi di
ci la sua gran parte di torto e sotto que dall' essere Italiano ?
sponga a capriccio dei beni nazionali, cos
sto punto di vista ci uniamo all' accusa mos
Ove comincia di grazia, e dove termina la ognuno, letto quell'articolo, chieder quali
sagli dall' Iride.

queste parole Certamente tale non fu il pen


siero di chi le scrisse ma lo spirito di par
te lo trad, e fece che la penna gli scorresse

sieno gl'importanti servigi che volle premiare


Ammesso che l'ingresso dell'esercito setten con quello splendido dono-e siccome in con
trionale negli antichi confini del Regno Na clusione il vero donatore sarebbe la nazione,
poletano sia, come lo chiama l'Iride, un in ch la sola proprietaria vera e reale di quel
tervento , ne verrebbe ch' esso sarebbe una Palazzo, se ne arguirebbe che questi servig
violazione del principio di non intervento, per devono essere veramente nazionali e ci sa
cui il signor De Clemente verrebbe alle con rebbe da meravigliasi che mentre ne lascia
clusioni stesse del signor Boniface del Consti tanti senza premio, mostrandosi spesso ingra
tutionnel con la sola differenza che que ta verso i suoi figli, si mostra: cos eccessi
st' ultimo parla in nome d'interessi stranieri, vamente grata verso uno straniero.
Ad evitare tutte queste domande e tutte
mentre il signor De Clemente dovrebbe par
queste supposizioni crediamo bene ridurre le
lare in nome d'interessi nazionali.
Per ammettere che sia un intervento la ve cose alle vere loro proporzioni.
Se non siamo male informati e crediamo
nuta delle truppe Italiane dell'Italia superiore

oltre il punto che si era prefisso.

in soccorso ai volontarii che formano l'esercito di non esserlo tutto si ridurrebbe a ci.

Italia dell' Iride ?

Ma il nostro confratello va pi in l, ed
accusa il Ministro della guerra di esser a giun
1o fino a far mancare le munizioni ai volon

tarii che pugnavano sotto le mura di Capua .

La un'accusa questa assai grave Un


Ministro che fa mancare ai soldati, in tempo
di guerra, quand' essi sono di fronte al ne
mico le mnnizioni, si chiama con altro voca
bolo un traditore.

Lasciamo all' Iride tutta la responsabilit di

Garibaldi avrebbe concesso al sig. Dumas


Il generale Cosenz, l'amico di Garibaldi, dell' Italia meridionale, onde compiere in loro
uno fra i migliori Generali del nostro eserci concorso la liberazione di queste Provincie, bi di abitare un anno nel Palazzo del Chiatamo
to, ch' espose bravamente la sua vita per la
patria, nel 48 a Venezia, nel 59 sui campi
di Lombardia e nel 60 su quelli di Sicilia,
troppo al disopra di tali sospetti e l'accusa
dell' Iride resta prova e testimonianza delle in

sognerebbe ammettere una nazionalit napole


tana, e un'autonomia, una esistenza speciale
dell'ex-Regno di Napoli e in tal caso sarebbe
un intervento anche la impresa di Garibaldi.
La logica la logica e bisogna subirla.

temperanze a cui pu trarre lo spirito di parte.


Ma ci che aggrava l'accusa si che l' I

ride vuole venire.

Si domanda se a tali conclusioni che l'I

ne La stessa concessione fu fatta ad altri

con la sola differenza che questi, non dando


a tale concessione una si vasta interpretazio
ne, si limitarono ad occuparne una stanza mentre il sig. Dumas si credette da esso au

torizzato ad occupare il piano inferiore, e il

piano superiore, e il giardino e il padiglione.


Non crediamo che il Dittatore abbia fatto

ride stessa spiega la causa per cui il Mini


--

un Decreto Dittatoriale per alloggiare il sig.

stro della guerra avrebbe cos slealmente o

Dumas.

perato.

IL PALAZZO DI CIIIATAMON E

Si direbbe quasi, soggiunge essa imme


diatamente, che si avesse avuto la mira di
Che il sig. Alessandro Dumas sia uno scrit
rendere necessario l'intervento delle truppe tore di vivacissima immaginazione noi lo sa
Piemontesi.

L' avere ospitalit in una casa non vuol


dire esserne i padroni bene stabilirchia
ro questo punto, perch tutti gli ospiti nostri,

credendosi in casa propria, non ci chiudano


Egli per, quasi temesse ci sia in Napoli un bel giorno sul viso la porta di casa nostra,
qualcuno che lo ponga in dubbio, si sforza di o non ci costringano a domandar loro il per
pevamo.

Su questa frase, faremo brevissime osser


vazioni.

Gli invero deplorabile che il giornaralismo,


il quale ad un popolo nuovo come il nostro
dovrebbe farsi educatore e maestro, gli insi
nui false idee , e si adoperi quasi a radicare
in lui vecchi pregiudizi, che furono sin qui

messo di rimanervi.

darne ogni giorno prova nel suo Indipendente.


Nel numero di jeri, per esempio, dopo aver
passato in rivista assieme all'Arcangelo e a

Satana, e anche a nostro Signore Ges Cristo


tutt'i
regni della terra, scende da quelle ma
la vera causa della nostra debolezza e della
giche altezze, ahbandona i soprannaturali col
nostra schiavit.
laboratori del suo Bollettino politico, e si de

Anzi tutto, tempo che la stampa Italiana


non chiami pi l'esercito settentrionale col
nome di uno solo degli elementi che lo com
pongono.-Non vi pi esercito Piemontese,
come non vi pi esercito Napoletano.

Nostra corrispondenza

Parigi 15 ottobre 1860.

Quest'oggi devo cominciare la mia lettera

gna occuparsi delle cose mondane e positive. da una rettificazione. Vi scrissi l'altro ieri che

Vi un regno che gli sta tanto a cuore il sig, di Kisselef era partito per Varsavia

quanto tutt' i regni della terra insieme riuniti alcuni giorni innanzi, e che un Corriere di
stavano a cuore di Satana e di Ges Que Gabinetto, giunto qui poco dopo, aveva can
sto regno, pacifico e tranquillo, ove l'illustre cellati i timori pel Congresso dei sovrani del
L'esercito settentrionale composto di Pie romanziere domina solo ed assoluto Signore, Nord. Or eccovi come l'errore avvenne- Al
montesi, di Lombardi, di Veneti emigrati, di gli il Palazzo di Chiatamone.
cuni giorni prima di scrivervi, attraversando

Toscani, di Emiliani n pi, n meno del

Chi lo crederebbe? Alessandro Dumas

io quella strada che dalla grande Rue Monte

che sa crearsi colla bacchetta magica della


l volontari che accorsero alla chiamata di sua fantasia le splendide delizie di Montecri
Garibaldi sono essi pure Piemontesi, Lombar sto, si preso di uno strano, inmenso, invin
di, Veneti, Emiliani, Toscani L'elemento cibile amore per l' ombroso giardino del Chia
volontario entra per gran parte nella forma
zione dell'esercito settentrionale e l' Iride tamone, ove qualche nuova ninfa Egeria gli ri
vela i misteri della politica di Dio ch' egli si
certo non ignora che nella spedizione delle degna spiegare al popolo attonito de' suoi sei
Marche e dell'Umbria, a Castel Fidardo, co mila associati.
me nella presa di Ancona, e nell'assalto a L'illustre romanziere, il rivelatore della po
Perugia le brigate del volontari si sono co litica di Dio, il confidente delle viste politi
perte di gloria.
che di Satana e di Ges, ci si mostra nel suo
Perch dunque l'affettazione di chiamarlo numero di ieri, estremamente proprietario,
l'esercito Piemontese? Se un errore, per proprietario come lo pu essere un droghie

martre sbocca pei boulevards dello stesso nome


e quindi prosegue nel sobborgo, mi scontrai nel

l'esercito meridionale.

ch insegnarlo al popolo? Se un'arii re qualunque.

la carozza dell'Ambasciatore di Russia che in

equipaggio da viaggio pareva incamminarsi


allo scalo della ferrovia del Nord. Sicuro, an:
che perci che si andava dicendo nei circoli
pi acccreditati della capitale, che il sig. di
Risseleff, malgrado tutte le sue assicurazioni

in contrario, avrebbe dovuto recarsi a Var

savia, non dubitai ch'egli vi si avviasse in quel


giorno. Era vero che partiva, e parti difatti,

come appurai poco dopo, ma non oltrepass


Hvre ove, si rec e si reca sovente a visitar

vi, ne' mesi autunnali, la vecchia contessa Ba.

IL PUNGOLO
Russa di nome e di cuore. Tre giorni appres
so ritorn e trov qui il corriere, di cui vi
parlai, con dispacci da Pietroburgo, ed ora
davvero fa preparativi di viaggio, e ne pare

spensieratamente obliati: n il rimedio era pi

27

accordato il ritiro colla pensione di giustizia

possibile con un potere che tutti vedevano al cav. Francesco Bracci Direttore del soppresso
crollante, e sapevano destinato a morire in Ministero degli affari di Sicilia, non che ai signo

un tempo piu o meno breve. Da l'altro ieri ri Ab. G. Scavone e Salvatore Parisi, Uiiiii

la citta in festa, e la via Toledo presenta Ripartimento, ed ai signori Salvatore Russo e G. B.


La moda port questa settimana sur le uno dei pi singolari spettacoli, che ricordi Campo, Uffiziali di carico. Sono nominati: Il
terrain du jour come si dice, il Proclama la nostra povera storia. Se la Dittatura nella signor Giuseppe Ciliberti, Maggiore della G. N.
del vostro Re. I partiti, come avviene, si di sua troppo lunga durata, avesse fruttato qual di Napoli in luogo del signor Fabrizio Dentice,
visero. Coloro che dopo aver servito, e giura che miglioramento a questo paese, coloro che Duca d'Accadia, a cui si accorda il ritiro il si
ta fede a parecchi governi, dalla ristaurazio l' anno esercitata (non parlo di Garibaldi, gnor Gio. Donnarumma, Maggiore onorario della
ne alla republica democratica del 1848 , si che non ebbe mai altro pensiero che il bene G. N. del Distretto di Palermo il signor De
fanno oggi, servendo tuttavia l'impero, apo nostro e d'Italia), non sarebbero oggi l'og metrio Salazar Maggiore della G. N. di Napoli ,
stoli ferventissimi di leggittimit, e di non so getto di tutti i risentimenti. Ci accusano d'in ed Ispettor Generale della Qmadreria dello Stato
quali equilibri; riprovano l'infrazione, com'es governabilita, ci accusano di incontentabilita, il Conte Andrea Carducci, Maggiore della G. N.
si la chiamano, del diritto delle genti, e tac di genio sommovitore, ma se il mondo sapesse di Napoli, in luogo del signor Cesare della Val
ciano d'ambizione deregle Vittorio Emanuele, come e quanto abbiano pazientato per l'alno le, Marchese di Casanova, destinato allo Stato Mag
e profetizzano catastrofi. A questi corvi di cat re d'Italia, le calunnie dei nostri nemici ca giore il signor Giuseppe Moccia, Governatore
dell'Albergo dei Poveri, in luogo del signor Raf
tivo augurio, fanno singolare contrasto le no drebbero derise. A Napali sanno di qual mo faele
" gi nominato Direttore del Ministe
stre donne eleganti, e gli articoli di M. Le do noi fummo governati dalla Casa di Bor,
ro
dell'Interno
il signor Vincenzo Dono, Com
bone,
e
come
ci
lasci
Ebbene-nulla
quasi
moinne. In fatto di questione italiana, la socie
missario di Polizia di 1 rango, e il sig. Lorenzo
t parigina, eccettuata per buona parte del si mutato.
Ricordo come taluno mi dicesse al tem Alemagna , Ispettore di Polizia di 1 rango il
Faubourg St. Germain, dato l'esempio d'u
na costanza che credo rara nella nostra sto po della Prodittatura Depretis, che in un'epo signor Orazio Podalino, Usciere maggiore presso
la Prefettura di Polizia, in luogo del sig. Vin
ria Le belle e languenti sacerdotesse , che ca di transizione non era possibile innovare, cenzo
d'Ambrosio chiamato ad altre funzioni
percorrendo tutti i giorni i Champs Eliss che le angustie dell'erario non concedevano
e il Bois de Boulogne s'annojano della costan d'altra parte di distogliere denaro necessario il signor Principe di Luna, Sopraintendente dello
za del sole, e riguardano questo ridentissimo al santo scopo della guerra, per far opere Stabilimento di S. Eligio, ed i signori Cav. Sci
Volpicella e Carlo Capomazza, Governatori
paradiso, come una monotonia fatigante d' utilit publica. Ma io che sapeva come il pione stesso
Stabilimentoil signor Valerio Forti,
ebbero ed anno il coraggio virile di udire denaro si sciupasse; come il paese, quasi sen dello
Consigliere
d'Intendenza
in Teramo, in luogo del
za
debito
publico,
serbasse
risorse
straordina
pronunciata quasi tutti i giorni l'Italia, senza
signor
Girolamo
La
Cananea,
destituito. Sono
dolersene. Garibaldi sta sopra tutto, e credo rie per chi lo avesse compreso, come inline, nominati Eletti della Citt di Napoli
signori Do
che gli perdonerebbero fino l' incuria della se i tempi non concedevano di fare smisura menico Schiani, Francesco Colletta, iGiovanni
Ca
sua tollente guerriera, e la vivacit di taluna tamente, erano d'altro canto propizi, per la racciolo d' Avellino, Antonio Winspeare, e mar
delle sue frasi, in grazia, del fascino irresi forma con cui il paese si reggeva, a riordina chese della Polla Giovambattista Villano, in luogo
stibile ch'egli esercitato sulla giovent ita menti radicalissimi, lasciavo dire l'oratore, dei dimissi marii Francesco Giura , Giovanbattista
liana, e della onest antica del sino carattere sperando nell' avvenire. Allora gli errori fu
rono molti, e il piu grave, anche pratica Capuano, Giuseppe Catalano dei Duchi di Cirel
privato.
mente,
fu che la libert incutesse paura a chi la, Rodrigo Nolli e Luigi Giordano. Un Decreto
La nostra stampa vi in generale favore
suppletorio al regolamento della Guardia Nazionale
vole e mentre il Constitutionnel latra per governava, e che, dopo averla professata in stabilisce le norme per coloro che possono esser
bocca or dell'uno or dell'altro de' suoi scrit principio per tutta la vita, giunto il momen chiamati a farne parte, per coloro che debbono
tori; i giornali pi accredidati, il Debats, l'O to di attuarne la benefica applicazione, se ne esserne esentati , e per coloro infine che possono
pinion nationale, le Sicle, e fino la Patrie, temessero le conseguenze.
essere dispensati dal servizio.
affrettatissimo.

sotto la ruvida scorza di M. Delamarre, in

Vi voluto fare questo piccolo quadro re

segnano e spandono dottrine di fede italiana. trospettivo, perch' esso vi aiuter a spiegare

Il seguente il Decreto, gi da noi

Taluni sono vecchi amici vostri, ma alcuni non solo il nostro malcontento passato, ma la annunziato, sull'abolizione dei Dazii col
altri, vero, sono nuovi convertiti. Ma che nostra esagerata contentezza presente. Ve lo
dissi da principio la questione aveva nu le provincie dell'Italia occidentale:
rileva se vi aiutano egualmente?
IN NoME DI SUA MAESTA'
L'Italia incomincia a provare le dolcezze tato faccia. Al governo che sar eletto dal

della fortuna; soyez forts, vousserez respects. nostro voto, spettano obblighi pur molti, e
VITTORIO EMMANUELE RE D'ITALIA
forse s'ignorano tutti i nostri bisogni, a noi
speriamo che una volta manifestati, vi prov Il pro-dittatore in virt dell'autorit a lui delegata
--

Palermo 18 ottobre f60

veder. Chi direbbe, per esempio, al cnti

Veduto il Decreto del 24 settembre ultimo;

mentali d'occidente, che noi non abbiamo una

Sulla proposizione del Ministero delle Finanze


strada interna che si possa percorrere senza deliberata in Consiglio del Ministri;

Alla vita lungamente dubbiosa de tempi pas


sati, va ormai snccedendo la speranza di or pericolo ? Che non abbiamo affatto istruzione

Decreta

dine, di libert, di stabilit di Governo. Que publica ? Che tutti quei pochi istituti di be

Art. 1. A contare dalla pubblicazione del pre


sti poteri effimeri d' un giorno o d'una setti neficenza furono il mezzo di cui il governo sente
Decreto le merci delle altre provincie unite
Borbonico si valeva, per ristorare le cadenti

mana, che coprendosi del santo nome di li


bert, violavano sciaguratamente quella dei
cittadini, van scomparendo per sempre. L'am

fortune dei suoi servitori ?

dell'Italia saranno considerate come indigene e per

ci ammesse allo stesso trattamento di queste nei


Perdonatemi se ricado, mio malgrado, nelle
.
.
ministrazione malfida, le finanze esauste , le lamentazioni, ma i fatti mi vi trascinano, e porti napoletani:
Il trasporto di tali merci sar considerato come
ribalderie trionfanti sotto i vecchi proconsoli, gli oggetti che veggo appena esco dalla mia
-

dilegueranno, lo spero, all'ombra di un'autori.


t regolare, e sotto la salvaguardia dei

casa, mi mostrano tutto il male che si fat


rap to , tutto il bene che non si voluto fare.
Avrete sentito della dimostrazione fatta l'al
po

di cabotaggio, quando seguito con legni di ban


diera nazionale. Saranno perci applicabili a me

desimi le nostre leggi doganali.


doganali lungo la frontiera colle Mar
tra essere permesso di dire come ad un Pro tro jeri a Mordini. Tutte le carozze che cheLee linee
coll'Umbria sono abolite.
dittatore, due mesi or sono: Il paese non puo percorrevano il nostro passeggio ai giardini Per la Sicilia rimarranno in vigore gli attuali
avere maggiore libert della mia volonta .
inglesi, si volsero al palazzo Reale. Fu un o
fino a che non sar quivi adottata la
In fatto la Sicilia non faceva oggi mai pi maggio reso al suo carattere. Egli che av regolamenti
Tariffa italiana.
questione politica della sua annessione ; ma versava la politica dell'annessione, quando
Art. 2. I dritti fissati nella Tabella annessa al
era divenuta necessit di vita, la fine d'un vide l'opinione publica si manifestamente con Decreto del 24 di settembre prossimo passato sul
governo impossibile, che ci travagli con varia traria alla sua politica, la modific, piegan la uscita di alcune merci continueranno ad essere
fortuna per oltre quattro mesi. A ci solo do. do al voto universale. Cos egli si partir da
in forza.
vete attribuire la gioia indescrivibile che Palermo lasciando dietro a s sentimenti di provvisoriamente
Art. 3. Le merci straniere provegnenti da por
stima
e
di
riconoscenza.
giono qui la publicazione del plebiscito
ti-franchi di Livorno, Genova ed Ancona paghe
Gli animi erano stanchi, e tutti sospirava

ooo e
ranno nelle Dogane di arrivo i dritti stabiliti dal

presentanti della nazione. A nessuno pi

no, di uscire da questo caos che non si


le Tariffe in vigore.
pu
al certo dire Governo. Mordini ebbe
I legni con tali prodotti non potranno, altrove
COSE INTERNE
la fortuna di giungere ultimo, n alcuno,
fare operazioni che nelle Dogane di 1 classe, a
dire il vero, pu dolersi di lui, ma verano
Sunto dei Decreti pubblicati dal Giora norma della legge del 19 giugno 1826.
mali gi troppo radicati; v'erano abusi troppo nale Ufficiale del 20 ottobre.
Art. 4. La esportazione degrani per le provin
-

IL PUNGOLO

28

-a

nale. Tale, sarebbe la base di questo progetto doppio benefizio Le truppe del Borbone si
cie dell'Italia e per la Sicilia provvisoriamente di
legge. E uno dei primi che sarebbero sot trovano dunque contra due fuochi la com
-

vietata.

pleta liberazione di queste Provincie non pu


Art. 5. L'esecuzione al Ministro delle Finanze. tomessi al Corpo legislativo all'apertura della quindi potrarsi pi a lungo
Il giorno del
prossima sessione .
plebiscito ne d loro la consolante certezza.
Napoli 18 ottobre 1860.
-

Annunziavasi l'altro ieri, secondo i gior


Il Ministro

---

nali di Tolone, che la nostra squadra di Na


Oggi sul mezzogiorno arriv a Napoli il Ge
pel dipartim. delle Finanze
poli era richiamata. Un nuovo dispaccio so
Barone GIACoMo CoppoLA. GIORGIO PALLAVICINO. praggiunto nelle ventiquattr'ore ha trasmesso nerale Dittatore a sancirc, e a rendere pi
ordini contrari. Non solo l'ammiraglio Le Bar importante con la sua presenza nella Capitale
il grande atto, che
Il Pro-Dittatore

-e

oggi compiono questi po


bier de Tinan rimarr a Napoli, ma la frega
poli
merc
sua
redenti
in signoria di loro
Troviamo nel Giornale Ufficiale di ta a vapore Descartes deve portarvi i ricam
SteSS1.
bi domandati per la flotta, ed il Bauphale
jeri :
ha ricevuto l' ordine di portarle dei viveri.
FERROVIA ITALICA MERIDIONALE
L'illustre Carlo Cattaneo ha lasciato Napoli
Non si sa, dice il Toulonnais, citato dal D
---

bats a che cosa attribuire questo improvviso per ritornare alla operosa sua solitudine di
Lugano E a deplorare che quest' alta e
cambiamento.
Generale!
vivacissima intelligenza non abbia potuto re
Il decreto col quale provvedeste alla costru
care a queste Provincie quei frutti che l'Ita
zione delle ferrovie che devono aprire nuova
lia aveva il diritto di chiederle, e di aspet
LE STATUE REALI
era di floridezza a queste terre predilette dal
tarSene.
la natura, sfruttate da diuturna oppressione,
ll Municipio di Napoli, non sapendo in qual
Travolto, forse suo malgrado, nelle sterili
e dalla vostra mano ristorate a libert, chia modo celare alla vista di Vittorio Emanuele, dispute de'partiti politici che agitarono Napoli
ma ad una splendida opera di ben pubblico le due statue Borboniche che stanno nel largo in questi ultimi giorni, consum in essi quel
molti uomini che voi poteste conoscere alla di S. Francesco di Paola, pens di farle ri la energica attivit che poteva spargere in que
prova dell'amor patrio in tempi infelici, sicch coprire con baracche di tavola, che saranno, sto fertile suolo cosi larga sementa per l'av
non potrete dubitare ch'essi stimeranno supre facilmente a lor volta ricoperte di stracci pi venire.
mo loro dovere di far coi loro atti onore al o meno damascati. L'idea uscita dalla mente
vostro nome. Anzi, affinch questo nome glo dei signori del Municipio, non raggiunge cer
Domani, a quanto ci assicurano, parte per
rioso resti indivisibilmente associato alla loro tamente la felicit artistica del pensiero espres Palermo il signor Crispi Come tutti gli uo
impresa e sia loro perpetuo conforto a leale so, riguardo a quelle statue, dal P. Gavazzi, mini di partito, fu troppo amato e troppo o
incolpabile condotta, essi vi fanno preghiera il quale aveva progettata la loro decapitazio diato, troppo encomiato e troppo biasinato.
che vogliate rimaner loro capo col titolo di ne, e la sostituzione a quelli stessi busti delle Il suo torto principale fu quello di essersi
Preside della Societ ferroviaria dell'ltalia Me teste di Vittorio Emanuele e di Garibaldi. impegnato in una lotta colla pubblica opinio
AL DITTATORE GARIBALDI

--

un fatto che il criterio artistico , e il senso

ridionale.

ne da cui doveva prevedere di non poter usci

Il tronco che compir fra pochi mesi la comune non sono di tutti. Ma per tornare al
fausta congiunzione di Napoli con Roma vo Municipio, noi lo preghiamo di considerare,

re che vinto

Il fervore della lotta gl'impedi di udire il

gliono essi che sia chiamato FERRovIA GA che quelle due statue sono una pagina di sto veroVedutolo, volle forse dissimularlo a s
RIBALDI, affinch sia perpetuo ricordo della ria, che la storia non si cancella, che se in stesso Ritirandosi a tempo poteva rimane
Francia i diversi geverni che si sono succe re intatto nol fece, e si spezz.
gratitudine dei popoli,
In nome della Societ ve lo chiedono i suoi duti, avessero voluto distruggere tutti gli og
La pubblica opinione vincitrice perdona ed
getti d'arte che ricordavano signorie cadute, obblia quelli che non perdonano sono i par
fondatori.
avrebbero gettato a terra mezzo Parigi. La co titi.
Napoli 17 ottobre 1860.
lonna della piazza Vendome da una parte, la
-

- --

Pietro Augusto Adami

statua di Enrico l'V sul Ponte nuovo dall' al

tra , quella di Napoleone agli invalidi, quella


Oggi il Re trovasi a Popoli.
di Luigi XIV in piazza Vittoria. A tuttocci
Caserta 18 ottobre 1860.
aggiungiamo che oltre ad essere una pagina
Signori P. A. Adami e Adriano Lemmi storica, pure una lezione storica.-Bastava,
NOTIZIE TELEGRAFICHE
ad esempio dei posteri, apporre sul piedestallo
Napoli.
Il Governatore di Molise al Dittatore ed ai
una leggenda che svelasse
fortune, e
Ministri di Guerra e dello Interno e Po
Mi grato accettare la Presidenza della So in poche parole racchiudessele i loro
casi
della lo
ciet ferroviaria dell'ltalia Meridionale, che
lizia in Napoli.
ro rovina.
vi siete compiaciuti di offrirmi.
Al momento mi giunge il seguente telegram
Il bene che verr all'Italia da un'impresa
Era una famiglia di tiranni
Ad. Lemmi.

Nazionale compita con tanto patriottismo, sa


r una caparra della felicit che io ho cer
cato di promuovere nella cara nostra Italia,

ma dal Generale Cialdini da Isernia.

ed caduta.

Spinga pure la di lei Colonna domani all'al

Queste parole tornerebbero d'insegnamento


alle generazioni venture, le barracche, le de
ed invito tutti i patrioti ad aiutarla.
Ricevete i miei saluti affettuosi e credetemi capitazioni sono o ibridismi, o patemi fan
ciulleschi; e dippi n' deturpata la Piazza.
Vostro sempre
Che
il Re vegga le statua; a lui, uscito gran
G. GARIBALDI.
de per virt, e per devozione alla causa della
- e

N O T I Z I E

ba verso Boiano: dal canto mio mander una

riconoscenza fin oltre Pettoranello. Non pi

lontano, perch ho le truppe stanche. Il Ge

nerale Borbonico Scotti volle prevenirmi que


sta mattina al Macerone con cinque o sei mi
la uomini. Ho fatto prigioniero lui, una cin
patria, non increscer di riguardare caduti co quantina di uffiziali, sette ad ottocento soldati
loro che nno calpestata la nazione, e disco (la maggior parte del 1. di Linea), una se
zer
zione di Artiglieria, ed una bandiera. Il re
nosciuta la virt. t
.
sto fu disperso fino al Ponte del Volturno
-

--

Scrivono da Parigi al Salut public, di


Lione:

verso Venafro.

Trasmetta la notizia a Napoli.


Faccia pubblicare che fucilo tutt'i paesani
Il concorso alla votazione grande Il po armati che piglio, e do quartiere soltanto al
polo lietissimo La citt ha un aspetto di le truppe. Oggi ho gi incominciato.
festa e di serenit che da molto tempo non
Firmato-ll Generale CIALDINI.
presentava Le notizie dalle Provincie sono
Domani all'alba far partire la colonna da
eccellenti Ottimo preludio alla votazione
fu il dispaccio di Cialdini che pubblichia qui.Campobasso 20 ottobre ore 11. 45 pomeri
mo a suo luogo Esso toglie tutte le pre diane-Trasmesso il 21 ottobre ad ore 6 an
occupazioni Sappiamo che la colonna dei timeridiane per linea occupata.
Borbonici distrutta da Cialdini percorreva quel
Napoli 21 ottobre 1860.
le Provincie per riscuotervi la tassa di guerra
imposta loro da Francesco II La prima
J. COMIN Direttore.

RECENTISSIME

Parlasi in questo momento d'un progetto


di legge che sarebbe stato sottomesso al Con

siglio di Stato, concernente la creazione d'u


na forte riserva nell' armata. Questo progetto,
la cni iniziativa verrebbe, dicesi, dall'lmpera

tore, sarebbe l'applicazione delle idee che S. M.


ha pubblicato ad un'altra epoca su questa gran

de quistione. Una riserva di 180.000 uomini,


che si potrebbe chiamare sotto le armi quasi
instantaneamente, avrebbe questo vantaggio
ch'essa diminuirebbe l'effettivo dell'armata at

tuale e sgraverebbe il bilancio della guerra,


senza nuocere agl'interessi della difesa nazio vittoria dell'esercito settentrionale quindi un

NAPOLI STABILIMENTo TIP. DELL'ATENEo DomENIco CASTELLINI Gerente Responsabile.

ANNO I.

Milano

Luned 22 Ottobre 1860

Napoli

N. 8

G0L0

IL

(IORNALE POLITICO POPOLARE DE LA SERA


li

PREZZO D' ABBONAMENTO MENSILE

Napoli a domicilio . . . . . . .
Provincia franco di posta . . . .
Trimestre semestre ed anno in proporzione.
Per l'Italia superiore, trimestre.

gr.

30

. . .":

Esee tutt' 1 giorni anche festivi, tranne le solennit.

L'Ufficio di Redazione, e la distribuzione principale presso


lo Stabilimento tipografico dell'Ateneo
Vico S. Maria Vertecoeli, N. 9.

L. It.

7, 50

Si ricevono Inserzioni a Pagamento.

Un numero separato costa Un grano.

egli l'Italia di 28 e non vi alcuno in Eu si sagrificano che davanti ad una necessit

I FATTI COMPIUTI

ropa, neppur l'Austria, che lo ignori, o se incontrastabile, evidente e incalzante.


lo dissimuli.

Tutte le Potenze di Europa che sarebbero

II.

Tutto ci sia detto per incidenza e per fra loro riunite dalla comune diffidenza della
Abbiamo ieri promesso di esaminare ra provare che l'alleanza con la Francia, non Francia, sono l'una dall'altra separate da'reali
pidamente in quali condizioni si trovino le essendo pi l'alleanza del forte col debole, e positivi interessi.
Perci da un canto tutt'i tentativi di coali
grandi Potenze di Europa nei loro reciproci non presenta pi gli stessi pericoli.

rapporti, e dinnanzi a quello che si pu ora


chiamare fatto compiuto del Regno Italiano,
dell' Italia una e forte.

Riassumiamoci.

zione, e i colloqui di Baden, di Tplitz e di Co


Per distruggere il fatto compiuto del Re blentz, ed ora quello di Varsavia e dall'al
gno d'Italia bisogna fare la guerra. inu tro canto il cattivo esito di tutti questi tenta

Per distruggere questo fatto compiuto-ab tile dimostrarlo. Tutti gl'Italiani lo sentono; tivi, e ad ogni sforzo che si fa per un riav
biam detto bisogna fare la guerra e la i sagrifizii immensi, e la fermezza degl' Ita vicinamento, il succedere immediato, quasi i
guerra non solo contro l'Italia, ma contro liani lo provano all'Europa.
stantaneo, di un allontanamento maggiore.
Non si pu far la guerra all'Italia senza
l'Italia e la Francia la quale checch ne
Russia e Inghilterra hanno entrambe lo sguar
dicano i suoi giornali ufficiosi, e checch di che la Francia, per natural istinto di con do fisso su quel letto ove agonizza il grande
cano dall'altra parte fra noi gli apostoli delle servazione, muova in suo aiuto.
malato, che si chiama l'Impero Ottomano. A
ltalia e Francia voglion dire un esercito di mendue agognano alla maggiore e pi splen
chimere la nostra naturale alleata, e non
pu restare insensibile al nostro pericolo, n quasi un milione di eccellenti soldati ci dida parte della sua eredit.
Ma al capezzale di quel moribondo sta la
immobile ad una guerra a cui noi fossimo pro vuol dire in altri termini che per far la guer
vocati.

ltalia e Francia riunite, non vuol pi dire,

come l'anno passato, Francia e Piemonte, cio


il forte protettore del debole, che gli pu
sempre rinfacciare l'aiuto prestatogli come un
benefizio supremo , e gli pu dire con pi o
men ragione: Senza di me tu avresti nulla di
quanto col mio soccorso ottenesti.
Italia e Francia riunite vogliono dire due

ra a noi, bisogna che l'Austria, la quale Francia, guardiana vigile e temuta. Essa tie
ha interesse immediato a farla, possa combi ne una mano sul polso del morente, e studia
nare una buona alleanza.
sovr'esso il lento ma sicuro approssimarsi del
Vi un solo sentimento comune tra le va la morte e l'altra mano tiene sovra lo
rie Potenze di Europa questo sentimeuto scrigno che racchiude le desiderate ricchezze.
la gelosia per la Francia, il timore delle am
Essa e qui sta realmente il talento poli
bizioni Napoleoniche. Questo sentimento si tico di Napoleone III essa si atteggiata
accresciuto a dismisura dopo l'annessione in modo, che senza il suo consenso non si pu
alla Francia di Savoia e di Nizza. A questo toccare a quello scrigno.

forti congiunti vorr dire tra brevissimo sentimento comune si devono i varii tentati

Ora gli questo consenso che le due pre

tempo un esercito complessivo di quasi un vi, sempre falliti, e sempre rinovantisi, delle tendenti rivali cercano di accaparrarsi in un
milione di soldati due flotte potenti, e l'al varie Potenze di porsi in qualche modo d'ac modo o nell'altro, o colle lusinghe o con le
leanza di due entusiasmi irresistibili.
cordo fra loro per garantire s stesse e l'av minaccie e di questa rivalit la Francia si
Siate forti, ci scriveva ieri il nostro corri venire da queste ambizioni.
serve per tenerle in iscacco amendue.
Se un sentimento potesse esser base salda
Se ha bisogno di avere docile la Russia,
spondente Parigino, siate forti e sarete ri
ad
una
coalizione,
certo
a
quest'ora
l'
Euro
mostra
di accostarsi di pi all'Inghilterra
spettati. bene che il popolo Italiano co
minci ad aver la coscienza della sua forza pa sarebbesi ancora coalizzata contro la Fran se ha bisogno di aver propizia l' Inghilterra
ma pi di tutto necessario che se ne convin cia, come lo fu contro il primo Napoleone. si mostra tutta sorridente e compiacente alla
cano i ministri che fanno gli affari di questo Ma allora si trattava di un pericolo esistente, Russia.
l
E in questo modo la Francia che sarebbe
popolo e pi di tutti il conte di Cavour, reale-con cui non si poteva temporeggiare
che si accusa, e non a torto, di troppa com adesso non si tratta che di un allarme, di completamente isolata, forte ad un tempo
piacenza al potente alleato. Ci che il Pie una minaccia.-Ora se il pericolo va al diso dell'alleanza Inglese contro le velleit prepo
monte di cinque milioni non poteva osare di pra degl'interessi, e li fa tacer tutti finch'esso tenti della Russia, dell'alleanza Russa contro
-

profferire, ci che il Regno senza nome di passato, non cos ove tutto si limita ad le usurarie esigenze dell' lnghilterra.
11 milioni non poteva che balbettare, il Re un timore. C' sempra tempo - ove l'ap

Non pu darsi, chiederete voi, che le due


gno ltaliano di 23 milioni lo pu dire ad alta prensione divenga certezza di fare ci che eredi rivali si colleghino assieme per iscaccia
voce, tanto pi che, moralmente almeno, prima non si fatto. Gl'interessi reali non re la incomoda guardiana, quitte a combatte

30

IL PUNGOLO

re poscia fra loro per dividersi i tesori rac Gian-Battista Michelini oratore infaticabile, Guardie Cittadine, creato col Decreto del 6 otto
ma prolisso, opprimente, e piaga della Ca bre; il signor Nicolangelo Petitti, Sotto-Ispettore
chiusi nello scrigno conquistato?
mera, incominci a seguendo l'usato costu del medesimo Corpo, col grado di Tenente Colon

No-perch entrambe sanno che fino a tan me a a perdersi in dettagli, a divagare fra i nello; e Comandante dei Battaglioni i signori Gae
to siavi quella guardiana, nessuno tocca a rumori sempre crescenti della destra ministe tano Colisano e Fiovanni Vigilante col grado di
riale e del centro. Uomo onesto e puro, Tenenti Colonnelli e i signori Raffaele Morcaldi e

quello scrigno, e che il giorno in cui fosse al


Raffaele di Villascusa col grado di Maggiori.
lontanata , potrebbe, nel momento in cui le qualche volta ascoltato malgrado la monoto
Domani daremo il resto dei decreti.

nia della sua voce, e lo scarso vigore del suo


ragionamento; ma ieri la Camera fu spieta
dersene i tesori, un altro lontano parente in tamente inflessibile, si ch il lungo discorso

due eredi combattessero fra di loro per divi

--

s -

rimase a puro e solo profitto delle pareti par


Incalzando l'ora, il conte di Ca-l
Questo lontano parente l'Austria, la qua lamentari.
vour, con quella forma che caratterizza il suo

volarne la massima parte.

PROTESTA

le, essa pure, ha dei grandi interessi in O metodo di discussione, e che sovente pare ce. Del regio commissario generale per le provin
cie dell'Umbria inviata al generale Goyon,
riente e spera nella divisione della grande lare sotto la frase severa il sarcasmo o il
eredit.
dileggio, dimostr l'inconvenienza di sfruttare sull occupazione di Viterbo.
V'ha di pi la Russia brama vivamente tempo prezioso, alla conclusione del contratto
Signor generale
della Ferrovia, protraendo e assottigliando la
raccoglier tutta la successione dell'Impero discussione indeterminatamente. Posto quindi
Leggendo la Nota del Moniteur, io sono in
Ottomano, o almeno la sua massima parte ai voti il progetto di legge, pass ad una mag dotto
a credere che l'occupazione di Viterbo
da Pietro il Grande in poi questa la ga gioranza di 179 voti contro 32. La strada non sia che una misura puramente militare.
gliarda ambizione, l'ambizione ereditaria dei percorrer quella parte del litorale del medi Quindi spero che mi sar dato di continuare
terraneo che dal confine francese a Voltri, e in questa provincia la protezione del re Vit
Romanoff-ma, ci che le importa al disopra
dalla stazione della piazza del principe a Ge torio Emanegele.
di tutto, si che non cada in mano dell'In nova va alla Spezia, e a Sarzana fino alla
Che se invece si opponessero a ci le vostre
ghilterra non averla per s un utile di citt di Massa.
istruzioni, non mi resterebbe che a trasmetter
meno; ma che altri l'abbia un pericolo, e Al venerabile Senato la legge sulle annes vi la nobile missione di proteggere questa po
sioni aveva incontrata la scrupolosa disappro polazione, la quale si era pronunciata per la
un grave pericolo di pi

vazione del marchese Brignole Sale di Geno


e per la libert con un'unanimit
L'inghilterra a sua volta spera di far bene va. A lui, la sua coscienza, sotto la salva nazionalit
commovente, riserbandole peraltro il suo dir
i suoi affari in Oriente ma ci che le sta guardia dell'Armonia e del Cattolico, fu in ritto di deliberare sulla propria sorte.
Signor generale, se dubitassi solo un mo
veramente a cuore, ci ch' essenzialmente vi citamento a protestare, ma la sua santa pa
rola non istrapp un voto agli altri senatori,
tale per lei si che la Russia non sia l'erede che sanzionarono la legge con soli 10 voti
contrari.
principale.
L'ex rappresentante a Torino di France
stes
gli
per
cercano
Quindi e l'una e l'altra

si motivi di allontanare pi che sia possibile


il giorno in cui la contrastata eredit debba
essere o dell'una o dell'altra-ed ecco perch

mento che gli oppressi non fossero per avere


da voi una piena e valida protezione, io senti
rei di mancare ai sentimenti di rispetto e di

gratitudine che noi tutti abbiam consacrati al

sco II di Borbone, cav. Winspeare protest la Francia ed all'imperatore.


contro l'ingresso delle truppe occidentali nel In estranei paesi pu farsi velo alla verit,
gi regno napoletano, e chiese i suoi passa ed essere falsata la quistione di Roma dallo

porti. Pare per che lascier qui un incari spirito di partito; ma in mezzo a queste po
que polazioni che soffrono non dato deludere l'e
guardiana-ciascuna delle due, temerebbe di sta precauzione sia trovata generalmente inu videnza dei fatti, e mal si saprebbe negare che
non si collegheranno mai per cacciar via la cato d'affari, per quanto, a dire il vero,

tile: - Un'altra notizia correva ieri per la il dominio clericale divenuto intollerabile a
citt. - Si diceva che il sig. di Taleyrand non tutti. Nella provincia di Viterbo, come ovun
Eceo perch la Inghilterra sar sempre o tornerebbe pi a Torino, ma vi sarebbe sur. que, il voto universale starebbe a protestare
ve non vi la Russia-la Russia sempre ove rogato dal signor Turgot, gi rappresentante da qual parte sia il diritto e la giustizia, o da

farlo a beneficio, e vantaggio dell'altra:

uon vi la Inghillerra.
Se queste due Potenze non si riuniscono fra

loro non vi ponno essere grandi coalizioni pos

della Francia presso la Confederazione Sviz quella del popolo o da quella del governo di
2era ,
Roma.

Abbiatevi, signor generale, l'espressione del

COSE INTERNE

la mia perfetta osservanza.

Sibili.

Sunto dei decreti pubblicati dal Giornale


Ufficiale in un supplemento al N. 28
voglia
l'Austria e della Prussia a cui pare

Perugia, 9 ottobre 1860.

Resterebbero le alleanze della Russia, del

accennare il colloquio di Varsavia.

del 20 ottobre.

Il Commissario generale del re

per le provincie dell'Umbria

G. N. Pepoli
I Giudici di Circondario cessano di essere uffi
ziali di polizia ordinaria; tali funzioni saranno e A S. E. il generale conte De Goyon, aiutante
di campo di S. M. l'imp. dei francesi, co
sercitate dai Sindaci dei rispettivi Comuni. Il
soldo degli Amministratori generali dei Dazi in mandante il corpo di spedizione a Roma.
Nostra eorrispondenza
diretti novellamente fissato ad annui duc. 2000.
publica una esposizione par
Torino 18 ottobre 1860.
Sono nominati il signor Filippo Fleicher, Ricevi La Nazione
ticolareggiata dei casi di Viterbo, corredata di
,
del
luogo
in
Castellammare
di
Distretto
tore
del
Vi scrivo poche parole perch v' poco da signor Gaetano Filangieri, Duca di Cardinale eso tutti i documenti officiali che le servono d'il
raccontarvi che possa riguardare pi partico nerato - il Decio de Magistris, Percettore del Cir lustrazione. La coscienza pubblica in Italia
larmente i vostri lettori. Dopo la votazione
condario di Mugnano, in luogo del conte Giacomo non meno offesa dal fatto della occupazione

Di questa c'intratteremo domani.

della legge sulle annessioni il parlamento, Gaetani, esonerato il signor Bernardo de Riso,
sebbene sia ancora in numero, va per sce Ricevitore generale nella Calabria ulteriore 2,
mando di giorno in giorno, e le sedute di in luogo del Marchese Gaetano Gallarauo, desti
nessuno di scarso interesse, si prolungano
- il signor Luigi Olivieri, Ricevitor gene
bens tante volte sino ad ora tardissima, ma tuito
tale in Molise, in luogo del signor Alessandro
languono per difetto di vitalit. Molti deputati
il signor Scipione Capone,
ripreso il cammino della loro citt, e non Mugno, esonerato

francese e del suo ime che dal modo onde es

sa fu operata. La protesta del municipio si con


chiude colle seguenti parole:
Questo municipio come depositario della

publica fiducia non pu ritirarsi senza prote

stare che ha subta, non accettata la restau

Maggiore della Guardia Nazionale del Distretto di razione del Governo Clericale, e senza dichia
ritornerann che ad autunno finito. per Sant'Angelo dei Lombardi Il signor Giuseppe rare che la provincia di Viterbo ha il diritto
singolare di vedere come anche in uistioni Belli, Governatore nella Provincia di Principato di decidere della sua sorte col proprio voto;
secondarie, il presente gabinetto goda la i ulteriore, in luogo del signor Francesco de Sanctis, e se l'ha fatto test invano, bench tanto spon

ducia della Camera. Jeri si port in discus

nominato Direttore dell'Istruzione pubblica il

taneamente ed unanimemente, non intende per

sione il progetto di legge per la costruzione signor Francesco Bguno di Bella, Maggiore della dere il diritto, il quale formalmente si riserva,
d' una Ferrovia lungo il litorale ligure. Era Guardia Nazionale pel Distretto di Mei, e il si proclamando che questa popolazione desidera
incontestata la maggioranza in favore del pro " Pasquale Amodio, Maggiore della Guardia e vuole appartenere al Regno costituzionale di

getto, ma sorsero, come accade, individualit azionale pel Distretto di Matera il sig. Fran Vittorio Emanuele II.
a combatterlo; altre a volerlo modificato, cesco
Donato, Ispettore Generale del Corpo delle La Gazzetta di Roma

del 12 riferisce che

IL PUNGOLO

31

il governo pontificio veniva il 10 corrente ri

due Sovrani non avrebbe luogo se non fosse r si sarebbe ancora deciso rispetto alla desi
messo pure in Nepi, Campagnano e Ronci convenuto, e se non si volesse evitare uno gnazione di un capo di stato maggiore gene
gnone. Cos le popolazioni del Patrimonio di scandalo. l'interessi dei due Stati, lungi dal rale, che sarebbe in ogni caso il generale Be
San Pietro, rivendicatesi in libert all'annun ravvicinarsi, sono si allontanati di pi e le for
zio che le armi francesi si sarebbero ristrette me cortesi e benevole dell'abboccamento per
alla tutela della persona e della sede del Pa sonale nulla cangieranno a questa situazione.
pa, or sono da quelle armi date in balia alla Qui non si potuto sapere per quali motivi
ferocia delle clericali vendette.
le disposizione della Russia, che sono state
favorevoli per un certo tempo all'Austria, sian
subitamente modificate. Si suppone che questo
si
NOTIZIE ESTERE ED ITALIANE
cambiamento sia stato operato da nuove aperture
-Il Nord crede che l'impulso degli attua della Francia relative al progetto d'un con
li avvenimenti ci condurr inevitabilmente a gresso delle Potenze. ln ogni caso non fassi
un congresso. L'Europa, esso dice, ha il pi illusione sull'attuale stato delle cose a Pietro
grande interesse a ci che la questione ita burgo, ed accettando con riconoscenza la ne
liana venga senza indugio assestata, non tan diazione del Principe reggente di Prussia, nuo
to per le reazioni, le rivoluzioni e pericoli che vamente offerta, si anticipatamente convin
si trarrebbe seco un intervento, quanto per ti ch essa non avr alcun risultamento, e con
l'influenza che una condizione di cose cos a seguentemente si stanno prendendo le dovute

normale eserciterebbe sugli altri paesi di Eu


ropa. Cl interessa in diverso grado tutte le

IlllSull'0 9.

lungo al compimento d'un voto generale.

ni, dice teruinando il Giornale di Pietrobur

nedeck.

Il consiglio dei ministri, tenuto il 10 al pa


lazzo sotto la presidenza dell'imperatore Fran
cesco Giuseppe, fu esclusivamente consacrato
agli affari dell'Ungheria. La maggior parte

dei magnati, membri del gran consiglio del


l' impero che si trovavano ancora a Vienna,
venivano convocati a quel consiglio.
Le discussioni sarebbero state talmente ani

mate, che l' Imperatore avrebbe dovuto a pi


riprese richiamare alla calma gl'interlocutori.

Dopo lunghi dibattimenti si sarebbero separa


ti senza risultamento, non avendo consentito i

consiglieri ungheresi a veruna modificazione


al programma adottato colla maggioranza di
34 voti, nell' ultima seduta del consiglio del
l'impero.

Il Giornale (francese) di Pietroburgo


L'indomani del suo ritorno a Vienna, il si
Potenze. L'Austria sola cerca di allontanare rompe il silenzio tenuto finora sull'abbocca gnor marchese di Moustier, ambasciatore di
il momento in cui un decreto internazionale mento di Varsavia. Senza tener conto degli Francia, ebbe una lunga conferenza col con
le torr l'ultima speranza di una restaurazio articoli allarmisti di certi giornali, il foglio te di Rechberg.
russo dichiara che l'abboccamento dei tre So
ne violenta.
Sembra, definitivamente confermato che
Per l'Europa non soffrir che le mire e vraui non potr avere che risultamenti felici il Papa, dietro le ripetute assicurazioni venu
goistiche dell' Austria si frappongano pi a per la pace europea. L'accordo dei Sovra tegli dalla Francia e da altre Potenze, abbia
Il congresso, conchiude il Nord, destina go, ravvicina le nazioni ed allontana la

to a emendare, a completare, a riedificare


l'opera del 1815 una necessit politica, es

guerra .

affatto deposto, per ora, il pensiero di ab


bandonar Roma.

Giusta per quanto scrive il corrispondente

Queste sono saggie parole a cui non si pu parigino dell'Independance, adottando il pro

so avr luogo , noi lo ripetiamo, perch che far plauso, perocch a Pietroburgo, co
assolutamente l'unico mezzo di restituir la pa me a Londra o a Vienna, si sa che oggi le
ce e la sicurezza all'Europa e di chiuder l' alleanze dei sovrani non sono possibili che
ra delle rivoluzioni.
alla condizione di essere conformi ai voti ed
Allora si vedranno i governi rappresen agli interessi dei popoli.
tare, non gi gl'interessi esclusivamente dina
Giova per constatare, scrive la Patrie,
stici e i principii d'una politica negativa, ma che varie corrispondenze di Vienna e di Ber
gl'interessi veri e legittimi delle nazioni. Al lino ai giornali tedeschi affermano
che i rap

lora essi si riuniranno per fondare , sur una porti fra le Corti di Russia
e d'Austria si so
transazione universale, un ordine di cose re
raffreddati da vari giorni.
no
un
poco
clamato dalle idee e dai bisogni del nostro -Scrivono da Dresda, 10 ottobre, al Cour
tempo,

getto di immediata partenza da Roma, Pio IX


non aveva punto l'idea di fermarsi in questa

o quella localit; sibbene intendeva di percor


rere da un capo all'altro l'Europa, (meno l'I
talia, speriamo) come un missionario, e pas
sando per la Spagna, il Portogallo, il Belgio
e, ultima , la Germania, fare un appello al
cottolicismo intero e bandirci la croce addos
so come a miscredenti

Si legge nella Gazzetta Militare di


Torino :

Si afferma che nell'occasione dell'ingresso


Sappiamo da fonte certa che il Principe di Vittorio Emanuele a Napoli Garibaldi gli
Il corrispondente berlinese del Morning reggente terr una conferenza in piccola te andr incontro, e che il Re gli stender la
Herald scrive a quel foglio che lord John nuta
col barone Schleinitz e lord John Riis mano dicendogli all'incirca: Salute a Voi,
rier du Dimanche:

Si legge nella Patrie:

Russell, durante il suo soggiorno a Coburgo,

sell.

ma spedito giornalmente dispacci a Berlino, a


Pietroburgo, ed anche a Vienna, per impe

Essi esamineranno insieme , ed a cuore a lascieremo pi .


Contemporaneamente
perto, tutta la situazione, e finiranno per ca

Maresciallo: spero che da qui innanzi non ci


-

saranno creati Mare

gnare quei governi ad accettare, almeno ta der d'accordo


su certi principii, che il Prin scialli i Generali Fanti, Lamarmora, De Son
citamente, gli atti del Piemonte e le conse
naz e Cialdini.
guenze della rivoluzione nei differenti Stati cipe reggente potr manifestare a Varsavia e
dell'Italia.

Il corrispondente del Morning Herald trae

farli del pari adottare dagl'imperatori Alessan


dro e Francesco Giuseppe, ch, con grande

nostra sorpresa, invece di tre Sovrani nella


da questo fatto la conchiusione molto giudi capitale
del Granducato polacco, se ne trove
ziosa, che entra nella politica del ministero

RECENTISSIME

inglese di far riconoscere i violenti mutamen ranno col quattro. L'assenza materiale, se
A Napoli ieri il concorso alla votazione
posso esprimermi cos , della regina Vittoria
ti che si sono operati nella Penisola.
continu per tutto il giorno numerosissimo.
Varsavia,
da
scemerebbe
non
nulla
in
le
de
E bene di ricordarsi, a questo proposito,
che saranno prese in quell'augusta a L'ordine pi esemplare e la pi cordiale le
che il Morning Herald l'organo dei tory, cisioni
tizia vi ha presieduto. Il paese si mostrava
dunanza.
vale a dire degli avversari del gabinetto at Leggesi nell'Opinion
felice di essere escito da uno stato provviso
e di Torino:
tuale, e che " , conseguentemente, ac
Una lettera da Berlino alla corrispondenza rio che lo allarmava. Jeri sera per moto Spon
cogliere, con diffidenza, tutto quanto questo Hovas
reca che il conte Cavour ha inviato un taneo tutta la Citt fu illuminata, illuminato
giornale riferisce sui fatti ed operazioni del mi memorandu
fu pure il Teatro S. Carlo.
m alle corti estere per giustificare e affollatissimo
nistero. Nullameno, noi troviamo nell'Observer
Vi si rappresentava per la prima volta un
l'ingresso
delle
truppe
piemontesi
regno
nel
di
foglio che difende la causa dei vighs, una no Napoli, e che la Prussia rispondera con una Ballo di attualit che ricordava alcune ssene
tizia che, indirettamente, conferma l'attitudi

ne attribuita dal Morning Heralda lord John

protesta.

della campagna del 1859. .

Non crediamo che la Prussia risponda, per

Il pubblico colse la occasione per un li

semplicissima ragione che quella nota non


L'Observer dice che le Potenze continenta la
Sussiste.
li avrebbero dichiarato di non riconoscere il
Diffatti il manifesto del Re, che stato
blocco di Gaeta, ma che l'Inghilterra non si
rendeva inutile una nota diploma
sarebbe unita a questa pratica. Parrebbe a pubblicato,
essendo
tica,
in esso ampiamente svolte le
dunque che le tre potenze del Nord non sian
si sino al presente rese ai consigli di cui par ragioni che indussero il governo a spedire
delle truppe nel regno di Napoli,
la il Morning Herald.
Scrivono da Vienna all'Agenzia Havas,
.-La Gazzetta Nazionale di Berlino ha da in
data del 12 ottobre:
Vienna, in data dell'11 ottobre:
I risultati delle negoziazioni tra la nostra Oggi si assicurava che l'Imperatore avesse
Corte e quella di Pietrobargo sono stati cos firmato la nomina dell'arciduca Carlo Alber

mostrazione politica. Le truppe


Piemontesiune
le Francesi sfilarono
sul palcoscenico
fra
turbinio, un delirio di applausi. Si credette

Russell.

vedere in un Generale Piemontese e in un

Maresciallo Francese, il nostro Re, e l'impe

ratore Napoleone, e il Publico li accolse, come,


avrebbe accolto quei due Personaggi e come

dopo Magenta, li accolse difatto la ricono


scente Milano.

Noi non amiamo nei grandi teatri,

che

de
di

vono essere sacri all'arte, questo g

spettacoli, che sono ottimi isvece pei teatri

to in qualit di comandante in capo la secon popolari ma registriamo questo


Pco soddisfacenti, che l'abboccamento dei da
armata austriaca nella Venezia; nulla per

fatto come

IL PUNGOLO

versale per decidere della loro sorte. In poche


cronisti politici, appunto pel senso politico

N0TIZIE TELEGRAFICHE

ch' essi racchiudono.

Il pubblico ieri sera pareva convinto della

(AGENZIA TETEGRAFICA ITALIANA).

verit che abbiam jeri proclamato nel nostro

ore si ebbero migliaia di firme. Il popolo au


menta sempre in folla a firmare.
Parigi f ottobre.
Fiacchezza. Era corsa voce

articolo che cio l'alleanza tra Francia e

Parigi 16 ottobre (sera).


Italia una necessit per entrambe e pa
reva che coi suoi applausi la volesse in certo
Accordo tra Francia ed lnghilterra sulle ba
mondo sancire.
si del prossimo congresso pel regolamento de

minacciasse.

Perugia f9 ottobre.
Oltre l'indirizzo al Re, circola iu Orvieto

un indirizzo all'Imperatore. Le firme supera

gli affari d'Italia.

--

che l'Austria

Il principe reggente di Prussia sar accom

no 2000 in ambedue

Dai paesi e monti circostanti accorrono Sin


Le notizie che ci giungono dalle Provincie pagnato a Varsavia da Schleinitz e dal mini
ci fanno sapere che la giornata di ieri fu so stro della guerra Roon.
daci seguiti dagli abitanti, non che da gran
lennizzata ovunque come lo fu a Napoli.
Il nunzio apostolico partir da Parigi mer numero di campagnuoli che vengono ad au
La reazione aveva fatta correre la parola coled.
mentare le firme.
d'ordine per uno sforzo supremo, e ieri era
Parigi, 18 ottobre.
E inesatto che la squadra francese ora a
Lettere di Varsavia stabiliscono che sono
appunto il giorno fissato ma le sue speran Napoli faccia ritorno a Tolone.
ze andarono fallite- vi furono appena due o (Dispaccio particolare della Perseveranza) insorte in questi ultimi giorni delle discussio
ni tra la Russia e la Prussia. La Russia so
tre tentativi in piccoli villaggi- tentativi cos
Parigi fo ottobre, sera.
senza conseguenza come senza importanza.
la
protesta contro la politica adottata dal ga
Corre voce che lor Palmerston sia atteso a
binetto di Torino. La Francia e l'Inghilterra
Il pi grave fu a Montesanna presso Sala.
Fu dato ordine alla Guardia Nazionale di mar Compigne dall'Imperatore.
Il Siecle pubblica un dispaccio di Lamori sono d'accordo sugli affari d'Italia.
ciare a reprimerlo ma bast l'annunzio di
Parigi f ottobre (sera)
tale misura perch tutto rientrasse nell'ordine. Clere.
Credesi che la Francia rinuncier a far oc
Parigi fi ottobre.
La Corrispondenza austriaca, del 16, di cupare Orvieto.
ce che i conti Nadaski
- -

e Thun sono risoluti

Si afferma che il futuro Congresso si terr

i
In Calabria, vicino a Reggio, un Vescovo di ritirars dal ministero. La Gazzetta di Mo a Brusseles.
Torino /8 ottobre
ca un dispaccio di Torino, il quale
naco
pubbli
che mostrava avversare la votazione, fu arre
La legge per l'abolizione del Concordato e
stato dalla Guardia Nazionale onde sottrarlo dice che gli ambasciatori di Russia e di Prus
al furore del Popolo. Sappiamo che questa sia protestano formalmente contro l'entrata della patente matrimoniale austriaca, venne
mane furono spediti ordini perch sia rila del territorio napoletano. Quello di Russia do adottata in seduta notturna questa sera con
195 voti favorevoli, e 4 contrarii.
manderebbe i passaporti.
sciato immediatamente in libert.
Domani si voter un indirizzo al Re.
La Patrie dice che tosto proclamata l'an
nessione, Garibaldi rassegner i poteri politi
Parigi f ottobre.
ci assumer il titolo o le funzioni di Coman
Non ritornando a Torino il conte Stachel
Jeri il Generale Garibaldi dopo aver depo dante in capo le forze di terra e di mare del
berg, sar pure richiamato da Pietroborgo il
sto il suo voto nell'urna, si rec a far visita l'Italia meridionale, e si
occuper esclusiva
al suo intimo amico Colonello Daveri, che gia mente di preparare la guerra per la prossima ministro sardo ; le due legazioni saranno di
ce malato all'Albergo La Reine d'Angleterre. primavera. A questo scopo far appello ai vo rette dai rispettivi segretari.
Si manifestano sintomi di grave agitazione
Vi si rec verso alle 3 pom. rest a pran
zo con lui, e lo lasci oltre alle 6 pom.-Il lontarii di tutta l'Enropa.
in Austria.
Parigi Madrid /7 ottobre.
La buona intelligenza tra la Francia e l'ln
popolo che lo aveva seguito non si stacc dal
La Regina tornata. Nel passaggio di Puer ghilterra rassicura per ora contro una prossi
le soglie che non l'ebbe riveduto, e risaluta
tasol un giovine le tir un colpo di pistola ma guerra.
to coi suoi fervidi applausi.
che and fallito. Credesi che quest'individuo
Parigi 20 ottobre
o
pe reggente parte
Berlin
/9.

li
Princi
sia pazzo.
o
ta
ana
Berlin
La
Gazzet
/7.
prussi
affer
ia.
domani
per
Varsav
Il Municipio di Napoli ha conferito la cit
Schlcinitz essendo ammalato, Grunner
tadinanza al Prodittatore, March. Pallavicino, ma che il convegno di Coblenza ha consoli
dato e assicurato le relazioni della Prussia e surrogher a Varsavia.
ond' egli potesse dare il proprio voto per la
dell' Inghilterra. Quanto piu sono complicati
formazione di quella Italia una e indivisibile in
questo momento la situazione e il sistema
che fu il sogno e il pensiero di tutta la sua degli
Stati d'Europa, tanto piu grande la
vita. Jeri nello scendere dall' aver compito
DISPACCIO DIRETTO DEL PUNGOLO
tare
soddisfazione
-

--

di poter consta
un accordo
quell'atto egli fu fatto segno di viva dimostra reciproco su quistio
ni
nti.
grandi
ed
importa
zione di affetto e di stima dalla Guardia Na
L'articolo termina cosi:

zionale, e dal Popolo.

Mentre il colloquio di Varsavia prova i

(AGENZIA STEFANI) (1).


Torino 21 Parigi 20.
Il Courrier du Dimanche pubblica lettere

buon accordo della Prussia coi vicini, il ri di Londra affermanti cha Hbner venuto in
sultato felice della conferenza di Coblenza mo
ne a Parigi per preparare il Governo
Domani sar al campo tutta la divisione stra ehe la Prussia sa curare gl'interessi di missiose
france
al prossimo intervento dell'Austria
dell'esercito settentrionale, comandata dal Ge grande importanza che la legano all' Inghil
in ltalia ed assicurarsi se Napoleone torne
neral Fanti-Si assicura vi si recher con es
terra.
rebbe in aiuto del Piemonte.
so lo stesso Generale.
--

Bairut. 8. Scoppi una sommossa a Dama

Finora Thouvenel non ha dato alcuna ri

sco contro le imposte di guerra turche. Beau sposta concludente: tuttavia l'Austria attacche
fort distribuisce sovvenzioni ai cristiani.
rebbe soltanto quando avesse ricevuto il con
a
Correv oggi la voce di una nuova vittoria
senso
morale di Russia e Prussia.
Parigi 17 ottobre, sera.
di Cialdini-certo se vi fu scontro, l'esito non
cio uffiziale annunzia che la Prus
Un
dispac
ze
Le corrisponden di Berlino e Pietroborgo
pu essere dubbio ma sino a questo punto sono
na hanno richiamato recipro
sia
e
la
Sardeg
molto rassicuranti; esse, a malgrado del
nulla conferma che lo scontro sia avvenuto.
--

della persistenza di alcuni giornali, conferma

no che uessuna protesta fu fatta al Piemonte

camente i loro ambasciatori.


Rendita Francese 68, 75

dalle potenze del Nord.


te
Sono smenti

Consolidati inglesi 93 118:

le dicerie di modificazioni mi

1) L'agenzia Stefani fond anche in Napoli un


ufficio per la trasmissione dei dispacci telegrafi

movimenti del nostro esercito settentrionale,


Perugia 18 ottobre.
si dispongano ad evacuare la piazza.
Circola in Orvieto un indirizzo al Re. La
Saranno essi in tempo? A Cialdini la cura citt e la provincia lo ringraziano per il pro
di rispondere a tale domanda-certo esso non tettorato e fanno omaggi
o di devozione e di

ci. Il Pungolo ha concluso con essa regolare

Pare che i Borbonici di Capua temendo di

esser tagliati fuori da Gaeta merc i rapidi

nisteriali.

lasci tempo a Lamoriciere di cacciarsi in An gratitudine. Esprimono il desiderio


di tronca
Cona.
re ogni indugio per appartenere all'italiana
famiglia; chiedono l'immediato suffragio uni

eontratto, per cui i nostri letrori saranno d'ora

in poi in giornata di tutte le notizie di qualche


importanza.
La Direzione.

J. COMIN Direttore.

NAPOLI STABILIMENTo TIP. DELL'ATENEo Domenico Castellini Gerente Responsabile.

ANNO I.

Marted 23 Ottobre 1860

Napoli

|L P

Milano

N. 9

G0L0

GIORNALE POLITICO POPOLARE DELLA SERA


Esee tutt' i giorni anche festivi, tranne le solennit.

PREzzo D'ABBONAMENTO MENSILE


gr.

30

L'Ufficio di Redazione, e la distribuzione principale presso

45

Trimestre semestre ed anno in proporzione.

lo Stabilimento tipografico dell'Ateneo


Vico S. Maria Vertecoeli, N. 9.

Per l'Italia superiore, trimestre. .


. L. It. 7,
Un numero separato costa Un grano.

Si ricevono Inserzioni a Pagamento.

Napoli a domicilio . . . . . . .
Provincia franco di posta . . . . .

.
.

ti i suoi artifizii, per attirare, se le riesce, alla deve consigliare la diplomazia se vuol elevar

COSA DEVE FARE L'EUROPA?

sua causa altre potenze.

si all'altezza degli avvenimenti per dirigerli e

L'Inghilterra spende i milioni per arma riacquistare il prestigio e l'influenza che da


Sotto questo titolo il Nord ha un impor re le sue coste, e mentre si mostra ardente molto tempo ha perduto.
tantissimo articolo nel quale prende a tratta per l'unit italiana difende il dominio austria
re il modo di giugnere ad una soluzione del co nella Venezia con manifesta contraddi
AL NAZIONALE
la quistione italiana, la quale, si pu dire, ha zione.
La Prussia e con essa la Germania illu
ormai assunto proporzioni cos gigantesche,
Il Nazionale si adonta di alcune parole
che non pi possibile lo assistervi impassi minata, sono arrestate nel loro progresso dal che noi gli abbiam rivolto ; senza chieder

bili spettatori , e pone in tal modo la qui la organizzazione della confederazione germa gliene prima il permesso parole che non
nica che le fa in certa guisa solidali coll'Au credevamo certo, n crediamo , ancora in
stione:
stria,
e cos liberali all'interno e retrive al fondate ed ingiuste.
Vi sono due guise di considerare gli av
Egli ci d sulla voce come un professore
l'estero.
venimenti che si compiono in Italia, due prin
a scolari, e non pare disposto a tollerare che
La Francia imbrogliata nelle sue mos i giovani dieno consigli agli anziani La
cipii, due interessi da prendere in considera
se
dal sospetto che svegliano in Europa i ri maestosa dignit della toga, in cui si avvolge
zione. Si possono esaminar sotto il punto di
cordi
della politica del primo impero, e per teatralmente gli par compromessa da questo
vista antico e convenzionale, e sotto quello del
un interesse pi immaginario che reale si ve nostro ardire che per poco non chiama de
magocico e rivoluzionario.
nuovo diritto nazionale; sotto il punto di vi
de costretta a sostenere a Roma un potere
Pap Nazionale ci dice in conclusione :
sta degl'interessi della vecchia Europa del
che
le

apertamente
ostile,
ed
a
frapporre
Ignorantelli!
non avete inteso lo spirito nostro.
1815, o sotto quello degli interessi dell'Euro
Sia detto con tutta la maggior venerazio
alla
sua
politica
ostacoli
arrestando
a
Roma
pa moderna e civilizzata.
ne per l'anzianit e per la toga, ma noi cre
Al punto di vista dei principi retrivi del l'opera dell'unit italiana, come se Roma non diamo proprio di averlo inteso benissimo ...
1815, gli avvenimenti d'Italia non sono giu fosse degli italiani al pari delle altre citt d'I e forse anche troppo.

stificabili e li violano manifestamente, ma

talia.

Sarebbe per caso giust mo questo che vi


d tanta molestia? Potrebbe anche darsi.

Il Nord osserva come il principio d'inter


nello stesso tempo ne sono la pi severa con
Sia detto, senza offendervi Pap, Nazionale,
vento abbia sempre nociuto allo sviluppo delle ma non mica la prima volta che i giova
danna.
ll Nord passa quindi ad esaminare se con nazionalit , e fosse stato origine di perpetue mi dan consigli di saggezza ai vecchioni-Se
venga all'Europa il farsi paladina di questa guerre a solo beneficio dei sovrani, perch le i vecchioni se li meritano, di chi la colpa?
Sar un brutto secolo questo, ma il se
vieta politica antinazionale, traccia un vivo grandi nazioni sono sempre abbastanza forti
colo dei giovani Convien pur rassegnarvisi,

quadro della situazione attuale delle principa per bastar a se stesse, e non hanno bisogno pap Nazionale

che s'intervenga in loro favore, e conchiude:


Assordati dalle scalmanate declamazioni
dell'Indipendente,
e dell' Iride da una parte

L'accordo
dei
governi
fra
loro
e
coi
lo
La Russia prima del 1856 commise pari
dagli
strilli
del
Nazionale
dall'altra abbiam
ro
popoli
sar
sostituito
alla
discordia,
e
un
erreri, versando inutilmente per cause non
detto: Fate un p di silenzio lasciate par

li potenze.

sue il sangue dei suoi soldati e profondendo i ra di pace e di benessere succeder a quel
suoi tesori ; e cos si alien le simpatie dei la delle guerre e delle rivoluzioni. Le poten
popoli perch voleva sostenere colla forza un ze non daranno pi l'ffliggente spettacolo di
regime e principii che non avevano pi ragion una politica versipelle.
di esistere.
E impossibile ristabilire i vecchi dogmi
L'Austria sull'abisso del fallimento, non del diritto pubblico europeo: necessita invece
ha pi un difensore, non ha pi credito in ed agevol cosa fondarne uu nuovo.
Il primo partito provocherebbe una guer
Europa, e, moralmente parlando, non pi
una grande potenza, perch la personifica ra generale, non condurrebbe che a nuove de
zione di questo regime, perch fu ed an lusioni: il secondo assicurer la pace e la pro
cora il pi grande ostacolo alla realizzazione sperit universale dell'Europa per lunghi anni.
degl'interessi legittimi della nostra societ mo
L' Europa dee sceglier adunque questo
derna, e per far credere ad una apparenza partito se chiamata a congresso per tratta
di potenza costretta a mettere in moto tut re la quistione ltaliana. Ci deve fare, e ci

lar la nazione che grida concordia / con


cordia /

Il Nazionale si offende per questo A

udir lui nessuno ha combattuto pi cavalle


rescamente di lui i propri avversari A u
dir lui, egli ha sempre schivato ogni paro
la o allusione (notate bene! ) che offendes
se il carattere di coloro dai quali dissentiva.
e che si potesse marchiare del nome di per
sonalit ?

Dicono che cogli anni si perde la memo


ria ma il Nazionale non dovrebbe essere
ridotto a tale stato.

C' bisogno di citare frasi, periodi, artico


li, numeri e date, per farlo risovvenire di ci

ch'egli vuole o finge dimenticare?


Non lo crediamo Ad ogni modo ce ne

IL PUNGOLO

34

appelliamo alla ferma memoria del Pubblico.

Se pure il Nazionale non crede che il Pub


blico sia troppo giovane per leggerlo e per
intenderlo.

Decisamente il Nazionale il giornale dei

Nostra corrispondenza

lit di vicini avvenimenti in Oriente, onde non

trovarsi sorpresi e divisi al momento decisivo.


V ,

Londra 15 ottobre 1860.

Miss Parkes a poste le basi d'una nuova e sin


L'Articolo del Costitutionnel fatto il giro di golare societ, di cui voi non avete forse neppure

Londra, e tutti i nstri giornali grandi e piccoli, l'idea. Si tratta di occupare le donne agl'im
vecchi ciascuno ha le proprie tendenze.
serii
o professionisti di kumor, l'nno analizzato pieghi come gli uomini, e di salvare cos dalla
Del resto in quanto alla nostra giovinezza,
accuratamente
, voltato, e rivoltato , per appen miseria molte famiglie, alle quali mancato il pa
badi bene Siamo men giovani assai che non
sembriamo. Appunto perch veniam dall'Ole derlo alle vecchie muraglie di Buchingam Palace. dre, vien meno il pane. Miss Parkes propose gli
na abbiamo un anno di vita politica sulle spalle Davvero le dottrine del signor Boniface qui paiono

pi del Nazionale e in un anno di vita conservare la data dei primi e dei secondi Stuard.
politica (specialmente a di nostri) si appren
dono molte cose fra cui anche a intendere Quando la sorpresa del publico lnglese, incomin
lo spirito di un giornale, e a sapere che i ciava a vestire le forme della inquietudine sulle
pompieri amano gl'incendi, e spesso l'intrat intenzioni della Francia a vostro riguardo, un
tengono per farsi creder necessari.
nuovo articolo del Costitutionnel dichiar, con me
Il Nazionale pi giovane in realt di noi
ma gli uno di quei giovani che si fingono raviglia generale, che le parole del sig. Boniface
vecchi perch credono la giovinezza un non erano che l'espressione della sua particolare
torto, e sperano d'imporre coll'apparente vec opinione. A noi lnglesi, questa leggerezza di
chiaja. Sono piccole ipocrisie usate dagli as biasimare l'impazienza d'un altro popolo che so
sistenti che aspirano a diventar Professori, fre, pare una pazzia da manicomio, e per quanto
o da quegli scolari che aspiravano al premio
la stampa cattolico-romana voglia tacciare il nostro
della diligenza.
Alla scuola non eran certamente quelli fra interesse per voi di propaganda Calvinista, noi la
i nostri compagni che stimavamo di pi.
sciamo ad ognuno la propria religione, ma applau
In quanto a noi il Nazionale che preten diamo a chi si libera da tiranni che funestavano

impieghi ai telegrafi, le sopraintendenze agli ospi


tali, e alle case correzionali. Il suo discorso

pronunciato all'apertura della societ, prov come


sussista il bisogno di questa istituzione, giacch
aperto un registro per accogliere i nomi di quelle
signore che desideravano impiegarsi, in poco tem
po, fu coperto di domande. Se si potesse ve
dere quante di quelle dame che passeggiano 0xford
street, e Couvent garden, soffrono di privazioni,
imposte loro dai falsi riguardi sociali, davvero ci
sarebbe di che applaudire sinceramente all'inazia
tiva presa da Miss Parkes.
-

de conoscerci da Milano, ha torto di sperare una terra come la vostra. Ad accrescere nel
che il mite Cielo di Napoli abbia prodotto

COSE INTERNE

in noi una qualsiasi utile e benefica muta popolo inglese l'entusiasmo per voi, e il disprezzo
pei vostri nemici, venne publicata giorni sono nel
Noi siamo e saremo sempre a Napoli, ci Times una lunga lettera di Lord Lanover sulle pri
che fummo, siamo, e saremo a Milauo.
Col abbiam fatta guerra accanita, impla gioni Napolitane da lui visitate.-Lord Lanover pi
cabile a tutti gli uomini delle transazioni, conosciuto nel Continente sotto il suo primo nome
che dopo essere stati o servili cortigiani, o di Vernon Smith , fu segretario della Compagnia

Pubblichiamo ben volentieri queste af


fettuose e nobili parole, che alcuni gio
vani volontarii depongono come un fiore
sul sepolcro d'un amico caro e perduto.
Generose e semplici , come l'anima di
chi le dettava , sono un omaggio all'e

zione d'animo e d'indirizzo.

complici paurosi dell'Austria, venivano, ca


muffati da buoni Italiani, a parodiare dei

sentimenti che non comprendevano, e abbiamo


dato opera ad escluderli dalla rappresentan
za nazionale.

Col abbiam combattuto i corifei dei par


titi e i servitori dei ministri - sapendo che

dagli uni e dagli altri poteva venire gran ma


le alla causa nostra.

stinto e una testimonianza di amore al

industriale delle Indie al tempo del Ministero Pal l'Italia. Il pensiero


si consola di speran
merston nel 1857, e gode riputazione meritata. ze per l'avvenire di questa nostra patria,
Le sue parole completarono la miseranda descri quando pu contemplare questi esempi
zione, che fece alcuni anni or sono, del governo di abnegazione , di entusiasmo, di sa
Borbonico Sir Gladston, le cui narrazioni solleva crificio. Due figli d'una stessa fami
rono lo sdegno dell' Europa civile, ed autorizza glia sono morti combattendo per l'Italia!!!
rono pi tardi, in pieno Parlamento, la qualifica
UNA PAROLA

Col abbiam combattuto gli uomini che con zione di a negazione di Dio data all'assieme di

le basse cortegianerie del pensiero e della pa quelle assurde atrocit. Oggi tuttoci che si rac

sul LA TOMBA DI PIETRO MAZOTTI

rola van mendicando dal Potere onori, titoli,


conta non giunge nuovo, ma riproducendo alla
volontario milanese
e portafogli.
Il Nazionale ha torto di sperare che ab memoria fatti conosciuti e detestati, ne ravviva il morto di 24 anni a Caserta il 17 ottobre 1860.
biamo mutato animo e indirizzo.
reccapriccio.
Noi continueremo per questa via. forse
Il 1. ottobre a S. Maria e su tutto il re
Tutte queste ragioni, e quella superiore a tutte, sto della linea che circonda Capua, s'impe
questa la via dei giovani. Avrem noi la for
tuna di far viaggio col Nazionale ? Lo desi addottata come base di diritto publico internazio gnava una battaglia che doveva segnare un
deriamo.
nale da noi, di lasciare cio , che ognuno faccia nuovo trionfo per la causa italiana. Nel fu
A Milano abbiam parlato alto e forte, e il piacere suo in casa propria , vi sieno garanzia rore della mischia, fra i primi volontarii di
come la coscienza, e la convinzione ci detta
Garibaldi, si vedeva un giovane dalla faccia
vano e non abbiamo ne chiesto ad altri, n della inutilit degli sforzi dei nostri nemici, per mesta e serena ad un tempo, dal cui sguar
da altri accettata la intonazione-n acconsen rinvenire aiuti morali, e materiali onde opprimer do traluceva la convinzione del principio per
timmo mai ad abbassare o ad alzare la voce vi. Lord Jhon Russel, lasciato ai giorni passati cui esponeva la vita, senza aspettazione o
secondo il forte o il piano, l'accelerate, o il il Castello di Bedford, ove erasi recato a visitar lusinga di compensi ; e questo giovane eri
-

rallentate che ci venisse indicato da questo o

tu , o diletto Pietro.

quel Direttore di Orchestra, neppure quando vi il Duca , fratello suo primogenito, part alla
Il fischio delle palle nemiche non arrestava
fosse un Ministro. Contiamo anche a Napoli volta di Coblenza con eguali istruzioni. Credete a d'un passo la tua gloriosa marcia, e forse,
di fare lo stesson mitezza di cielo o in me, e forse l'avvenire mi dar presto ragione, mentre t'avanzavi, volgevi il pensiero ai tuoi
fluenza di esempio ci pu cambiare.
che n la Russia, n la Prussia pensano punto studii matematici quasi compiuti, al tuo fra
A Milano, ed a Napoli siamo rimasti indi
tello caduto lo scorso anno sui campi di
pendenti ad un tempo e ad un modo da partiti ad intervenire, o ad incoraggiare interventi in S. Martino, alla tua famiglia che tanto tu

e da Ministeri.-Su questo punto possiam rispon ltalia. Le discussioni di Varsavia non toccheranno di amavi.
dere del passato, del presente, e dell'avvenire. voi che per incidenza, dacch la questione che
Infelice ! Ti vedemmo procedere avanti di
Per quanto si creda generalmente che la interessi pi vitali per la Russia non altri noi colle fronte alta e sicura, indi ti perdem
vecchiaia, 9 vera o simulata logori gli en menti l'Italiana ma l'Orientale.
mo di vista: poco dopo ti mirammo disteso al
tusiasmi, e fecondi il positivismo del calcolo,
suolo, incoraggiare collo sguardo i timidi e
0do parlare con singolare insistenza di alleanze sorridere ai forti : ma la palla che t aveva
vogliamo sperare che Papa Nazionale non
sia, ne voglia parere vecchio cosi da non po triplici, quadruple, Nordiche, e che altro. Credo passato il petto t'impediva d'inseguire pi ol:
ter pi dir ci che noi diciamo,
di potervi assicurare che la Russia pi lontana che tre quel nemico, che tanto odiavi, perch
In quanto al passato, aggiusti egli i suoi mai dall'unirsi all'Austria, e che la Prussia vorrebbe nemico d'Italia.
conti-In quanto al presente ed all'avvenire,
Infelice! Noi potemmo far poco per te, men

gli promettiamo se lo vedremo incespicare di forse vedere la sua secolare nemica, caduta an tre tu soffrivi fra le miserie di un ospitale,
tirarlo per la falda dell'abito.
cora pi basso che oggi non sia. Vi ripeto, a Var tu , avvezzo a tutti gli agi della vita dome

Siamo buoni figliuoli, noi giovani !

savia si vorrebbe porsi d'accordo per le eventua stica ! ma ben lo sapevi che non per nostra

IL PUNGOLO

35

colpa fu scarsa l'assistenza, perch tu spi condannato per causa politica a 19 anni di ferri e sar concepita in questo senso. Ammessa l'esat
rando pronunciavi ancora i nostri nomi uniti morto miseramente, accordata la pensione vita tezza di questi particolari, l'attitudine della
a quelli dei tuoi genitori, e delle tue sorelle.

lizia di mensuali duc. 20.

Prussia nella questione italiana sembrerebbe

Noi non potemmo prender commiato da te,


ma abbiamo ancora delle cartuccie , ed un

so

oooo

esser questa: il gabinetto di Berlino biasima la

a -

condotta del Piemonte sotto il punto di vista


del diritto; ma come esso simpatizza in fon
do col movimenlo unitario d'Italia e sopratut
to come tiene molto a non separarsi in tale

fucile il nemico oggi in Capua come il 1


ottobre, e a noi resta ancora la speranza di
poterti vendicare.

NOTIZIE ESTERE ED ITALIANE

Si crede che appena i popoli delle Due questione dal gabinetto britannico egli accon
Sicilie avranno manifestato il loro voto per sente
a conservare un'attitudine d'aspettativa.

Alcuni amici studenti

l'annessione, le potenze cercheranno di meri

tarsi la benevolenza della pubblica opinione

Leggesi nel Morning Post del 17 ott:

La storia dell'Italia durante questi ultimi


Ci viene spedito cortesemente il primo fa riconoscendo, col miglior garbo che sapran
undici anni non ha fatto che registrare i con
scicolo d' un lavoro intitolato. Il Papato no, i fatti che si sono compiuti in Italia.

Primato e Temporale Inconciliabilit dei

La Revue Europenne, organo officioso del sigli vanamente dati al papa, al re di Na

due poteri per Rocco Escalona Riser governo francese, si esprime su questo propo poli, ai duchi e granduchi austriaci dai mi
gliori e pi saggi fra i loro sudditi, dagli
bandoci di dare il nostro giudizio su que: sito nel modo seguente:
L' Europa sola riunita in congresso ha uomini di Stato i pi imparziali, i pi mo
st opera appena ce lo consenta il tempo per
l'esame, e lo spazio nel giornale, adempiamo l'autorita di sostituire il principio legale del derati, i pi assennati del resto d'Europa.
intanto ad un grato dovere, annunziandone la diritto e della giustizia, alla condizionc sol
In conseguenza del disprezzo col quale que
-

publicazione, e raccomandando il libro ai no tanto di fatto che sussiste in Italia; nessun po sti avvertimenti sono stati accolti, e delle ri
polo ha diritto di attribuirsi una tale missio voluzioni frutto di questo disprezzo, il re Vit

stri lettori.

ne, o di accettare in faccia alla storia una torio Emanuele il solo sovrano italiano che

tale risponsabilit. La Francia non ha questa riunisca nella sua persona, ed il prestigio della
l'Inghilterra, la Prussia e la Russia sua corona, ed un grande attaccamento per
continuazione del sunto dei Decreti pub pretesa;
sono potenze straniere o sospette ; in quanto quella indipendenza nazionale che l'Italia ha

blicati nel supplemento al n. 38 del all'Austria le rimembranze di 7 secoli, ieri tanto a cuore. Appunto da questa unione deri
Giornale Ufficiale:

ridestate, le vietano di arrogarsi questo com vano per lui il diritto e l'obbligo di parlare e
pito. Bisogna adunque ricorrere all'imponente di agire in nome d'Italia. Questo diritto e que
Rimame abolita la commissione temporanea isti arbitrato dell'Europa per decidere una quistio sto dovere devono avere una pi alta misura
tuita con Decreto del 25 sett, ultimo per tutto ne dalla quale dipendono la pace del mondo che non la lettera dei doveri internazionali; lo
ci che riguarda i beni della Cessata Casa Reale, ed il risorgimento e la libert di un gran ro misure sono le necessit ed i bisogni dei
milioni d'uomini che compongono la grande fa
e n' regolata l'Amministrazione in avvenire. popolo.
La direzione e compilazione del Giornale Officiale
E pi avanti continua : Per una serie di miglia italiana, non che i giudizii dell'Europa
e l'amministrazione e la stamperia che ne dipen fatti dei quali noi siamo stati con emozione civile e della storia ai quali giudizii ne appella
dono, gli affari della Tipografia Nazionale, e la spettatori, non si tratta pi per l'Italia che di il re, la sua coscienza dicendogli che egli a
Revisione delle opere teatrali, formeranno da
rivendicare la propria unit. Non forse venu dempie ora i suoi doveri come re e come ita

"

in poi un Ripartimento separato del Ministero de

to il tempo per l'Europa di farsi in nome dei

liano.

l'Interno e Polizia. E destinato a dirigere questo ri grandi principii di diritto e dell'equilibrio ge

Il Daily News, ricordati i decreti promul


partimento il sig. Biagio Miraglia da Strongoli. E ac nerale, arbitra di questi grandi e nuovi desti gati
dal governo del re nelle Marche e nel
Domenico
cettata la rinunzia data dai signori
Anzelmi ni, di separare le aspirazioni legittime dagli l'Umbria sulla libert di coscienza, sull'egua
e Niccola Corcia all'uffizio di componenti la Com slanci inconsiderati, di ricollocare finalmente, glianza di tutti i cittadini innanzi alla legge,
missione per la revisione delle opere Teatrali, ed colla sua mano potente, quei popoli liberali soggiunge:

discaricato dall'ufficio medesimo il sig. Filippo sulla via nella quale i loro padri percorsero
Cirilli. La novella Commissione sar composta dal una lunga carriera di glorie?
l'Ufficiale Capo di Ripartimento, Direttore del Gior
Ecco finalmente come si esprime la Rvue
male Ufficiale, che funzioner da presidente dai rispetto al congresso di Varsavia : Quando
sig, Pasquale Colucci e Pietro Micheletti come Re
esamini il vero significato del colloquio che
visori, e dal sig. Pasquale Marino come Segretario; si
Sono messi al ritiro con facolt di far valere i lo sta per aver luogo a Varsavia, dopo che si
avr tenuto ragione dei motivi di cortesia che
ro dritti alla pensione il marchese D. Tommaso de presiedono a quell'atto dei varii
Rosa, D. Quintiliano de Matteis e D. Luigi San si trover la prova del bisogno sovrani, vi
sentito dalle

severino conte di Chiaromonte Vice-Presidente della

Gli avvenimenti memorabili che succedono

ogni giorno in Italia ci riempiono di tanta me


raviglia che decreti siffatti, ciascuno dei qua
li compie una rivoluzione morale e sociale,

passano quasi inosservati. Eppure, dee essere


ben grande il rinnovamento in quella terra,
cui soli due anni fa il padre Mortara percor

reva in cerca del proprio figlio, a lui con i

niquo sacrilegio rapito in nome di Cristo. Cer

gran Corte dei Conti, il Commendatore D. Pom corti del Nord di porsi d'accordo rispetto agli to, senza timore di esser tenuti per supertizio
pilio Petitti avvocato generale a sua richiesta, e i avvenimenti dei quali noi siamo spettatori. si, noi crediamo che nelle presenti calamit

consiglieri D. Domenico Lalli che parimenti ne . Sar questo una specie di congresso prepara
fece richiesta, cavalier D. Biagiantonio Mandarini torio, parziale ed esclusivo, senza carattere e
e D. Vinaenzo Caracciolo Il cav. D. Luigi senza unione, che rester senza risultato, ma
Terzi avvocato generale della gran Corte dei Conti che indica apertamente lo scopo che l'Euro
nominato Vice-Presidente. Al cav. D. Ludo pa si propone di raggiungere. dunque u
vico Viscardi avvocato generale della gran Corte nicamente da un congresso che si potr otte
dei Conti ed agente del Contenzioso attribuito il nere qualche cosa e questo congresso pro
soldo giusta l'organico. L'Avvocato D. Cesare vocato dalla Francia ed accettato dall'Inghil
Marini nominato consigliere della gran Corte dei terra.
La Rvue dichiara esser falso tutto quanto
Conti, come pure l'avvocato D. Giuseppe de Si
mone.- Alla vedova e figli di Stanislao Lamensa si detto rispetto alla parte presa dall'Inghil
condannato per causa politica a 30 anni di ferri, terra nelle trattative che precedettero il col

del Papa si scorge la giusta punizione di tan


ti delitti contro l'umanit, delitti di cui il fur
to del fanciullo Mortara non d che una de
bole idea.

Un dispaccio dell'Agenzia Italiana pretende


che lettere di Varsavia stabiliscano che sono

insorte in questi ultimi giorni delle dissensio


ni tra la Russia e la Prussia. La Russia so

la protesta contro la politica del gabinetto di


Torino ; su questo proposito, togliamo dalla
Patrie:

Un giornale di Dresda annuncia che fu

loquio di Varsavia.

e quindi per grazia deportato in America, morto


fatta a Torino una protesta regolare dai mi
gloriosamente combattendo per la Patria in Paler
nistri di Prussia e di Russia.
Prussia
punto
d'inviare
Torino

La
sul

a
mo, accordata pensione vitalizia di mensuali una Nota che stata concertata a Coblenza
Crediamo di poter asserire che queste due
duc. 30. Ai figli del Popolano Giovanni de Cle fra Schleinitz e Russel.
potenze hanno biasimata la condotta attua
mente , " causa politica morto in Ventotene in
le del Piemonte, ma non ancora giunta
Il corrispondente berlinese dell'Indpendan
sieme col suo figlio Salvatore, accordata una

Belge dice che l'abboccamento di Coblenza


pensione vitalizia di duc. 30 al mese. Alla ve ce
ha fatto constatare l'accordo fra la Prussia e

alcuna informazione autentica che confermi

dova e figli del popolano Giuseppe Caprio condan l'Inghilterra sulla quistione orientale, e sugli
nato per causa politica a 24 anni di ferri e morto

mensuali duc. 20. Alla vedova e figli di Luigi

L'Agenzia Reuter pubblica un dispac


cio di Parigi che annunzia correr voce che

italiani. In quanto concerne la questio


in carcere, accordata una pensione vitalizia di affari
ne italiana, la Prussia ha una politica che rap
presenta in qualche parte un muro mediante

l'esistenza d'una protesta diplomatica gene


rale .

Leanza per causa politica condannato a pena ca


principe Petrulla si recher a Varsavia in
senso ch'essa riguarda in modo differente il
caricato d'una missione.
pitale e quindi morto nel bagno di Nisita, ac nel
parte
del
diritto
principii.
non
la
essa
dei
e
Ma
cordata la pensione vitalizia di duc. 30 mensuali. Scrivono da Berlino alla Gazzetta di Coper questo alla sua politica d'aspetta
Alla vedova e figli dell'avvocato Leonardo Porta, rinunzia
tiva. La Nota che dev'essere inviata a Torino. lonia, che la Russia ha cercato di determina

IL PUNGOLO
granatiere della Francia, parte per l'Italia piemontesi nel regno di Napoli fatte a Torino
re il gabinetto prussiano a richiamare il suo allo scopo di offrire
a Garibaldi quella spada dagli ambasciatori di Russia e Prussia.
rappresentante di Torino, ma che la Prussia che Napoleone I, allora
Un dispaccio particolare della Presse da To
console, aveva rega
non ha voluto, in questa circostanza, separare lata a colui che nell' esercito
francese aveva rino afferma invece che nessuna protesta per
si dal gabinetto britannico.
dato le pi grandi prove di bravura e di di iscritto non stata trasmessa finora dai mini
stri di quelle potenze.
sinteresse.
te
Il corrisponden parigino del Morning
Devesi dunque considerare, cos
Post scrive in data del 14 ottobre:

Troviamo nel Corr. Merc. di Genova:

la Presse,
la notizia data dal foglio ufficiale di Monaco

Ricevo un'importante comunicazione da Vien


Se siamo bene informati il governo avreb
na, che dice: Il gabinetto di Vienna ha be impedito ogni ulteriore partenza di ufficia come prematura.
fatto un'alleanza contro la Francia ed il Pie
Leggesi nella Gazzetta di Prussia:
li prigionieri di guerra e rimandatala a cose
monte; ma siccome i vantaggi, quand'anche finite. Tale misura
Si parla molto della prossima riunione di un
sarebbe
stata
provocata
da
l'esito fosse fortunato, sarebbero quasi esclu informazioni
prevenutegli che a Roma e siasi Congresso incaricato di regolare gli affari d'I
sivamente per l'Austria, io non credo che il anche
a Gaeta se ne fossero accolti alcuni dei talia. Pretendesi persino di conoscere le con
gabinetto di Pietroburgo vi acconsentir . Lo partiti.
dizioni preliminari mediante le quali l'Austria
scrittore bene informato, e le sue informa
Assicurasi infatti che 400 circa dei prigio
zioni, come le sue considerazioni, sono degne nieri fra gregarii ed ufficiali abbiano raggiun
di nota.
to i resti dell'armata pontificia : e si sa che
La Gazzetta di Magonza aveva annunzia a Roma non tengono conto alcuno degli ob
to che il governo belga aveva firmato un trat blighi giurati dai prigionieri nelle capitolazioni.

acconsentirebbe a questa riunione. Dietro le


informazioni che abbiamo prese la sola cosa

tato che autorizza l'Inghilterra ed anzi l'obbli

tiche ordinarie-non vi furono ancora su que


sto argomento trattative propriamente dette. Se

certa si che la Francia desidera un Con

gresso, che la parola Congresso stata ver

ga, secondo le circostanze, a far entrare una

balmente pronunziata nelle relazioni diploma


d'altronde i negoziati fossero aperti effettiva

flotta nell'Escaut in caso di una guerra con

mente su questo argomento, non dubitiamo pun


to che l'Inghilterra, la Prussia e l'Austria ac
Da questa mattina circolava con insistenza consentano a questo Congresso.
Tutto ci viene smentito energicamente da
una corrispondenza diretta da Parigi all'Inde la voce della presa di Capua. La citt era
Il sig. di Hubner ex-ambasciaiore d'Au
in festa, e taluno assicurava di aver letto il stria a Parigi stato chiamato a Vienna, co
pendance Belge.
dispaccio che
Ministero della si la Presse, per prendere il portafoglio del
In Ungheria desta grave rumore l'arresto polizia. Per lo annunziavaa al
noi fino ad una l'interno vacante per la dimisione del sig. Na
del conte Karoly, accusato di essersi posto in ora dopo quanto consta
mezzogiorno, nulla di positivo si dasdy. noto che il signor di Hubner sta
relazione nel suo viaggio di Parigi con un co sapeva
al
Governo
la notizia era stimata to l'anno scorso ministro della polizia per qual
mitato di emigrati, per averne aiuti a prepa prematura. Ci chee pare
indubitato si che che settimana e che egli ha dato la sua di
rare la rivoluzione d'Ungheria.
i regi, minacciati dalla marcia dell' esercito missione in seguito del rifiuto dell'imperatore
Si va da alcuni giorni notando una sen occidentale, e dal campo di S. Maria, aveva d'accettare il suo programma politico concer
sibile modificazione di linguaggio nella stam no incominciato ad abbandonare la linca del nente l'Ungheria.
pa officiosa francese verso Vittorio Emanuele, Volturno, dopo aver perduto Caiazzo.
Troviamo nella Gazzetta di Torino;
di cui giorni sono, sindacava acerbamente gli
L'Agenzia telegrafica italiana affermava che
nel
atti il Constitution
si umostra indignato del
non ritornando a Torino il conte di Stachel
le invettive che la stampa clericale prodiga al

tinentale, e a metterla al coperto sotto il fuo

RECENTISSIME

co della cittadella di Anversa.

nostro Re ; e il Pays , giornale dell'Impero

La Casa del Re ebbe l'ordine di trovar

berg, sar pure richiamato da Pietroburgo il

cade in estasi di ammirazione davanti al suo si in Napoli per il giorno 25 corrente, e se ministro sardo. Bench questo telegramma sia
manifesto ai popoli dell'Italia meridionale, di non siamo male informati, Vittorio Emanuele tolio da uno simile della societ Havas-Bullier,

cendo che Vittorio Emanuele si esprime con entrerebbe in questa capitale la susseguente pervenutoci coi giornali d'oggi, che aggiunge
avere il principe Gortschakoff fatti rimettere
tutta la maest della sua situazione .
domenica, 28.
Corre voce che i soldati del Duca di Mode i passaporti al nostro ambasciatore; noi per
informazioni assunte abbiamo motivo di rite
Il Siecle pubblica una collezione di di na abbiano occupato
i distretti al di qua del nere inesatta la notizia. Un indizio contrario
spacci, estratti dalle carte del generale

Lamo Po, che il trattato di Villafranca abbandona

riciere e dei suoi amici. Essi sono edificantis

simi e iniscono di screditare il governo dei


cardinali , le cui mire ambiziose e dispotiche

va all'Austria.
-

si vollero identificare alla causa della reli

Leggesi nell'Opinion Nationale:


gione.
Dagli accennati dispacci resulta non essere
La maggior parte dei giornali commentano
soltanto l'Austria che spediva dei soccorsi al il proclama di Garibaldi agli abitanti di Mo
Papa. Anche il Borbone di Napoli ne promet lise che annuncia che un attacco generale con
teva di considerevoli, ed eransi gia iniziate tro la Venezia avr luogo nella prossima pri
in proposito delle pratiche col re stesso.
mavera. Noi non vogliamo renderci garanti
Dall'esame di questi dispacci resulta del pa della giustezza esatta delle previsioni del Dit
ri che le popolazioni erano ben lungi dall'es tatore, ma evidente che la guerra contro
sere affezionate al governo pontificio, che an l'Austria scoppier in un prossimo avvenire
zi si era costretti ad usar con esse il pi gran se la corte di Vienna persiste ad insultare l'I
talia continuando di tenere sotto il giogo Ve
rigore.
In ultimo, dal tenore di alcuni degli accen nezia e i territorii rinchiusi nel quadrilatero.
nati dispacci si argomenta che per contenere
Una cessione amichevole il solo pegno
e dirigere l'armata pontificia occorreva una di pace che l'Imperatore Francesco Giuseppe
mano di ferro, che gl'Irlandesi in particolare possa d'ora innanzi dare all'Europa, sotto il
si abbandonavano a tutte le sfrenatezze, e che punto di vista della questione italiana,
riesciva quasi impossibile di sottometterli. Lo
Questo sacrifizio penoso ma divenuto
stesso dicasi della gendarmeria papalina.
necessario, perocch se il capo della casa
Scrivono da Ancona alla Gazz. di Torino: d'Absburgo facesse ancora appello alle armi,
Il cardinale vescovo di Ancona e il suo vi la lotta allargandosi, si propagherebbe in tut
cario sono stati tradotti in villeggiatura obbli te le provincie meridionali dell'impero. Il ga
gata per aver diramato una circolare median binetto austriaco dee sapere che non la stel
te la quale si proibiva di dar sepoltura in luo la dei re, ma bens quella dei popoli che do
go sacro ai soldati piemontesi mentre a Sini mina sull'orizzonte.
gaglia non fu negata.
Un dispaccio di Berlino pubblicato dai
Una lettera da Parigi reca la notizia che il giornali francesi reca che la Nouvelle Gaz

ce lo fornirebbe la circostanza che il sig. De


Stachelberg ha fatto appigionare in questi
giorni un nuovo appartamento in Torino, via
Lagrange.
- --

NOTIZIE TELEGRAFICHE
DISPACCIO DIRETTO DEL PUNGOLO
Torino 23.

Vienna 21.-La Gazzetta Ufficiale pubblica


un manifesto dell'Imperatore che sancisce nuo
ve istituzioni discentralizzatrici ed una rappre
sentanza di tutte le classi nelle diete provin
ciali. La Costituzione d'Ungheria ristabilita.
Sono, date varie disposizioni relative alla Ser
bia. E promessa alla Transilvania una Costi
tuzione analoga a quella d'Ungheria. Il ba
rone Way nominato Cancelliere d'Ungheria.
ll Costitutionnel del 22 dice che Napoleone

ha ricevuto un Autografo dallo Czar che de


finisce il carattere dell'abboccamento di Var

savia in modo da togliere ogni significato o


stile alla Francia.
-

--

Al momento di mettere in torchio ci giun


ge la notizia positiva che i regi nno evacuato
Capua, e che il generale Bixio vi entrato
con una colonna dei nostri.

zette de Munich annunzia essere state trasmes

signor Guillard de Kersausie, il nipote di Cor


ret de La Tour d'Auvergne, detto il primo se delle proteste in forma contro l'ingresso dei

J. COMIN Direttore.

NAPOLI STABILIMENTo rip. DELL'ATENEo Domenico CAsrELLINI Gerente Responsabile.

ANNO I.

Milano

Mercold 24 Ottobre 1860

Napoli

10.

IL
GIORNALE POLITICO POPOLARE DELLA SERA
PREZZO D'ABBONAMENTO MENSILE

Napoli a domicilio

Provincia franco di posta . . . . .


Trimestre semestre ed anno in proporzione.

.
-

Esce tutt' i giorni anche festivi, tranne le solennit.


gr.

30

L'Ufficio di Redazione, e la distribuzione principale presso

45

lo Stabilimento tipografico dell'Ateneo


Vico S. Maria Vertecoeli, N. 9.

Per l'Italia superiore, trimestre. . . . . L. It. 7, 50


Un numero separato costa Un grano.

Si ricevono Inserzioni a Pagamento.

suiti-quindi i governi militari per soddisfar


gli
uni, e il Concordato per satollare le am
I DISPIACCI DI JERI
bizioni degli altri- ecco perch la camarilla
militare e gesuitica, di cui era ed attorniato
Gli avvenimenti annunciati dagli ultimi di il giovine lmperatore, appoggiava caldamente
spacci diretti, che ci furono comunicati dall'A presso di lui questo sistema che, irritando i

da un isolamento che la condannava a restar

sene spettatrice fremente, ma immobile, della


rapida, miracolosa ricostruzione della nazio
nalit ltaliana.

Nel convegno di Varsavia erano riposte


tutte le sue speranze.

A Varsavia essa avrebbe invocato l'alleanza


genzia Stefani sono di troppa importanza per popoli, rovinando l'erario, preparava la ca
Russa in nome dello stesso principio ch'en
le questioni Europee in generale e per la que duta dell'Austria.
stione Italiana in particolare, perch non ce
Tutto ci spiega la lunga e pertinace resi trambe rappresentanoquello del diritto divi
ne occupiamo specialmente, e non esaminia stenza della volont personale dell'Imperatore noin nome dello stesso pericolo, che, a
mo le cause che li hanno prodotti, e le con a tutt'i consigli che gli venivano da tutte le suo dire, le minaccia entrambe, il risorgere
seguenze logiche che ne possono derivare.
parti, persino dal seno della sua famiglia, per delle nazionalit.
Accenniamo qui di passaggio che se l'Au
Il decreto dell' lmperatore d'Austria, an mutare un sistema che non poteva sussistere
nunciatoci dal telegrafo, distrugge tutto l'e se non scavando un abisso e preparando una stria col risorgere delle nazionalit ha tutto
da perdere-perch l'Impero si sfascia, e si
difizio che da undici anni la politica austriaca mina sotto il trono Imperiale.
si affannava ad innalzare , ed a stabilire.
La rivoluzione morale della Lombardia, le riduce alle proporzioni anguste e povere del
Schwarzemberg, successore, ed in gran parte disfatte delle armi austriache a Magenta, ed l'Arciducato d'Austria, unica sede della na
continuatore di Metternich, erasi accorto che a Solferino, la inazione degradante a cui fu zionalit austriaca (se pure essa realmente
non si potevano tenere riunite assieme le tan condannata, i progressi rapidi, quasi diremo sussiste)la Russia all'opposto non ci ha che

te e s diverse nazionalit da cui composto


l'Impero Austriaco, che stringendole assieme
come un fascio di verghe, e legandole con
anelli di ferro Egli compose quel fascio
sald quegli anelli- vi scrisse sopra: Viribus
unitis e disse: Ecco, io ho fatto l'Impero

l'irrequieta ambizione personale di Francesco

vorticosi della crisi finanziaria, progressi con a guadagnare, perch la nazionalit Slava al
tro cui ormai non sonvi pi che rimedii ra largherebbe a dismisura i confini dell'Impero,
dicali-tutto ci doveva essere una irrefraga e la compenserebbe ad usura della perdita
bile conferma a questi consigli- ma non ba della Polonia, che il risorgere delle nazio
nalit le toglierebbe.
st a vincere la volont dell'Imperatore.
Ora se l'Austria alla vigilia di quel collo
Tutte le nazionalit alzarono la voce, e pro
quio,
anzich stringere pi forte il vincolo di
testarono con fermezza, con coraggio, con
ferro
che
tiene unito l'Impero, lo scioglie
ardire : gli uomini della nobilt pi devota al
trono si fecero organi di quelle proteste gli segno evidente che ormai ben poco ella
ma l'Imperatore si chiuse l'orecchio per non spera da quel tanto vantato colloquio, e che
udirle-o tutto al pi rispose al grido dei pi cerca altri appoggi.
Del resto, vogliam pure non tener calcolo
incalzanti bisogni con promesse s vaghe e s
delle
notizie di tutti i giornali esteri meglio in
lontane che parvero ed erano forse una

Giuseppe. Senza n grande animo n gran

derisione e un insulto.

Austriaco.

- Quel sistema che negava a tutte le nazio


nalit ogni diritto, e contendeva loro ogni
parola, che metteva Vienna sul collo a tut
te, e le costringeva a chinarsi tutte da

vanti alla volont dell'Imperatore, lusingava

formati, che si accordano nell'asserire come il

de ingegno per riporre la sua ambizione nel

Ed ora d'un tratto l'Imperatore medesimo ravvicinamento tra l'Austria e la Russia lun
riformare l'Impero e nel metterlo in armonia scioglie con la sua mano gli anelli di ferro ge dal progredire, pi si avvicinava il giorno
coi tempi e con la civilt, troppo inebriato che tenevano unito quel fascio di verghe, e del colloquio di Varsavia, e pi andava raf

di potere per accorgersi ch' edificava sopra scancella dalla sua divisa il motto Viribus
basi gi scosse e vicillanti, egli aveva quel unitis.
tanto di volont che basta per credere che il
Perch egli sia stato trascinato a quest'atto
volere sia sempre potere- per cui il sistema importante, conviene dire che le necessit ,
di Schwarzemberg lo ebbe appassionato e vio da cui vi fu indotto, fossero ben imperiose.
lento esecutore.
Esaminiamo quali posson essere queste ne.
Quel sistema non poteva sussistere senza la cessit.
violenza- violenza materiale per ischiacciare
Da molto tempo l'Austria aveva riposto tutte
i popoli e tenerli compressi-violenza morale le sue speranze sopra un riavvicinamento con

per abbrutirli-quindi necessarii soldati e ge la Russia Era questo il solo modo di escire

freddandosi ma una prova certa che ormai


l'Austria ha ben poco da sperare su questo ritrovo
tanto desiderato, tanto mendicato, e tanto o

stentato, l'abbiamo nella lettera autografa,


che, stando al dispaccio di ieri, il Constitu
tionnel anuunzia inviata dallo Czar all'Impe

ratore Napoleone-lettera che definisce il ca


rattere di quell'abboccamento in modo da to

gliergli ogni significato ostile alla Francia,


Per quanto siamo avvezzi alle menzogne po

IL PUNGOLO
litiche, e per quanto sappiamo che nel lin

Si pu affermare senza tema d'ingan mandare se l'Imperatore ancora pronto a

soddisfarle colle bombe di Windischgratz.


guaggio diplomatico la parola significa il pi narsi - che tali sono infatti le viste dell' Au
Sorgeranno i Croati a domandare se devo
delle volte l'opposto del suo valore apparente, stria ma ov' essa spera di trovar elementi
eternamente morir di fame, come quest'an
no
non possiamo a meno di attaccare una gran di forza, non pu, a nostro avviso, trovare
per sagrificare tutt' i loro figli a satollare
no
che nuovi elementi di debolezza,
de importanza a questa lettera dello Czar.
destino di tutte le signorie condannate a "l'ambizione d'un uomo e ad impinguare i ter
lettere non entra nelle
La politica fatta per

reni d'Italia.
abitudini degl'Imperatori Russi. Senza un gran cadere ch'esse ricorrano a quei mezzi che a
Degl' Italiani non parliamo-perch gl'Ita
essi
quando
solo
motivo lo Czar non avrebbe scrittose lo ha vrebbero potuto salvarle,
liani nulla chieggono e nulla accetterebbero
fatto, ci prova ch'egli voleva dare un gran non possono che precipitare la loro caduta.
a.
dissimo valore alle spiegazioni date alla Fran L Austria si trova ora nella stessa condi dall'Austri
ha in Vienna stessa un par
basta.-Vi
N
cia, e quasi offrirle, col proprio antografo, un zione di Francesco li quando pubblicava da tito, un forte parti o, chi stanco della in
pegno della loro sincerit. Ci varca i con Portici la costituzione del 25 giugno nelle
-

fini dei riguardi internazionali, ed entra sul


campo dei rapporti amichevoli Una nota di
plomatica Russa pu mentire come una nota

sinora fu conculcato.
stesse condizioni in cui si trov ella medesi solenza militare da cui

Questo partito spaventato dalla crisi finan

ma nel 1848.

Adesso come allora la sua condanna com ziaria che sale, sale ogni giorno, e, come la

ad una le mem
diplomatica qualunque ma lo Czar Alessan pendiata in poche parole TRoppo TARDI! cancrena, guadagna ad una
Egli sa che per
sociale.
corpo
gran
del
bra
dro non avrebbe scritto oggi in un senso per Le concessioni che ora ella accorda agli

severando per questa via, non gi per anni ma


Ungheresi, che promette ai Serbi ed ai Tran
solo per mesi, si va incontro al fallimento
Il riavvicinamento fra l'Austria e la Russia silvani, furono troppo a lungo contrastate, e
dello Stato e sa quale abisso profondo
non poteva compiersi che a danno della Fran troppo ritardate, perch quei popoli non si ac
corgano che le furono strappate da una estre esso sia, e quante fontane sarebbero travolte in
operar domani in un altro.

cia-i buoni rapporti tra la Francia e la Rus


sia non possono essere mantenuti o rannodati
che lasciando l'Austria nel suo isolamento.
Mettendo assieme la lettera dello Czar a

Napoleone, e l'atto Imperiale Austriaco del


21 corrente, si vede che l'Austria ha perduto
la speranza di togliersi da questo isolamento
merc un'alleanza con la Russia, e che tenta
ora di farlo, accostandosi alla Germania co
Stittizionale vale a dire ch'essa ridotta ad

iniziare una nuova politica, e ad aspettarne i

quella voragine. Questo partito ha gi inda


ma necessit.

gato la causa di tanti pericoli, e l'ha trovata


Essi non possono farsi illusione appena
nel sistema di violenza impiegato per soffo
questa necessit che le ha imposte sar ces
mantener sog
sata, le mal concesse franchigie saranno ri care in casa la libert, e per
getta la infelice Venezia-l'ha trovato nell'e
tolte Essi comprenderanno quindi esser giun
sercito che inghiotte tutte le risorse dello Sta
to il momento per approfittare del mezzo che
to , e lo sfrutta miseramente. Per restaurare
fu concesso ad ottenere il tutto che voglio
il credito pubblico non vi ha che un mezzo
no e a dettar condizioni e chiedere ga
ridurre a met l'esercito-per ridurre a met
ranzie.

l'esercito bisogna fondare all'interno la li


L'Ungheria non pu aver perduta la memo

bert, e liberarsi dalla Venezia. La opinione


frutti, che non matureranno forse mai, e che ria che un'altra volta l'Austria le fece que
in Austria convinta di ci.
ad ogni modo non possono maturare s presto. sto mal giuoco che nel 48 essa fu condi publica
Non l'avversano che alcuni nobili incorre
V ha di pi l'atto Sovrano annunciatoci scendente alle esigenze Magiare, e si mostr
dal telegrafo, rivela che il fremito delle na pronta a soddisfarle, finch ebbe rovesciati i gibili, i militari, e il pretume.
zionalit compresse era assai pi minaccioso suoi invitti battaglioni su questa povera Italia, Alla testa di questo partito, vasto, impo
nente, sono le grandi fortune finanziarie-esso
che in realt non credevamo Lo sapevamo e, quando l'Italia fu vinta, invoc l'ajuto comprende in s tutto il popolo , a cui estre
della nazionalit Ungherese ma se il serio Russo per ischiacciar la Ungheria, e incaric mi bisogni non si provvede per soddisfare
pericolo dell'Austria le fosse venuto soltanto Haynau di compiere le mperiali promesse.
quelli dell' esercito ci vuol dire ch' real
Nessun dubbio quindi che la Ungheria si inente forte, e che ha in s la potenza d'a
da quella parte, non la vedremmo ora cercare
di accontentare con insufficienti promesse e lasci cogliere un'altra volta al medesimo lac gire.
Se sinora si limit a mormorii biechi e mi Serbi e Transilvani.
cio. Se la storia muta d'insegnamenti ai nacciosi, gli perch un violento sistema di
compressione gli teneva le sbarre alla bocca
L'atto Imperiale del 21 ottobre rivela tutta Sovrani, non lo del pari ai popoli.
i
la debolezza dell'Austria. Ora, se noi non sia Quindi l' agitazione dell'Ungheria lunge ceppi ai piedi, e le catene alle mani.
decreto imperiale non pu a meno
ho cos feroci da dire che il cadavere d'un dallo scenare, aumenter per queste conces di L'ultimo
allentargli, sia pur per un'ora, sbarre, cep
memieb odora sempre bene, diremo per che sioni, e si far minacciosa sempre pi, n l'Au pi, e catene. Il primo movimento ch'egli po
la impotenza di un nemico, gi s formidabile, stria avr pi il mezzo di reprimerla con la tr fare, lo impiegher a liberarsi affatto
ci allieta e ci rassicura.
violenza. Il sistema di repressione, rallentato e dalle une e dagli altri.
-

Allora parlera forte-si numerer-si schie


Si dir che l'Austria volle con questo atto un giorno, distrutto per sempre.
rer sotto i suoi capi-e converr pure o mi
presentarsi al Congresso di Varsavia facendosi
Pei governi che si basano sulla violenza trargliarlo, o venire a patti con lui.
-

forte delle concesse riforme ma una Poten viene un giorno in cui si trovano a quest'al

za che non pu chiedere appoggio e soccorso


se non facendo getto e ammenda di tutto il
suo passato, non pu dare alcuna garanzia per
l'avvenire, e nessuno quindi s'impegner se
riainente con lei e per lei.

ternativa da un canto la

ln questo ultimo caso, esso si accorger di


impossibilit di essere il pi forte, e vorr tuttoe far be

ne. Guai ai popoli che si lasciano sfuggire il


prolungare la violenza, dall' altro la impos loro giorno.
sibilit di protrarre la propria vita altrimenti.

Nel primo caso, un popolo mitragliato non

Questo giorno venuto pei Borboni, ed ora un popolo soddisfatto e bisogna tenerlo
esso viene per l'Austria.

Si dir che l'Austria vuole prepararsi alla


Le concessioni fatte all'Ungheria-per quanto
eventuali di una guerra in Italia, rassicu monche, imperfette, ingannevoli-ridesteran
randosi in casa, e concedendo poche promes no la gelosia, e le pretese delle altre nazio
se che nulla le costano-per ispremere dai nalit di cui si compone l'Impero.
popoli illusi il loro sangue ed il loro denaro:
I Serbi non resteranno paghi alle prese di
si metteranno anzi in rapporto queste conces sposizioni. I Transilvani esigeranno che si tra
sioni con la missione di Hbner a Parigi (di cui ducano tosto in atto le fatte promesse. Sor
il telegramma dell'altr jeri) e si vedranno in geranno i Boemi ad accampare i loro diritti,
le loro tradizioni, le loro pretese e a do
questa le occulte ragioni di quelle.

ben custodito.

Ecco le conseguenze che logicamente devo


no nascere dal decreto limperiale, annunciato
ci dal telegramma di jeri.
Il suo vero movente fa la debolezza dell'Au
stria all'interno ed all'estero. le sue conse

guenze saranno nuovi elementi di debolezza


ammassati sopra gli antichi.

Quel decreto una confessione d'impoten


za A noi ed ai popoli dell'Austria il trarne

paruto

---

--

39

IL PUNGOLO
Nostra corrispondenza dal campo
Caserta il 22 ottobre.

Nella previsione della non lontana caduta

di Capua dobbiamo alla storia del suo as


sedio ricordare un fatto, che dimostra il va

che ignoravamo, e ignoriamo tuttavia, l'au


torit politica o governativa del sig. Pantaleo,
che non ci noto, se non per la strana
mistura del suo abito , parve di non dover
ci ricredere per la sua semplice asserzio
ne (che male traspirava dal bollettino firmato
del suo nome) da quanto si divulgava per la
citt da pi ore, ed era d'altro canto confer

A noi, pare anzitutto che il Comando della


nostra Guardia Nazionale avrebbe dovuto in

una Citt dell'importanza e dell' estensione di


Napoli, restringere alla sola necessit indecli
nabile i posti da guardare, diminuire il nume

ro delle pattuglie. e procurare ogni mezzo per


ridurre il servizio a proporzioni ragionevoli.
Non sappiamo vedere p. e. l'utilit d'un posto

lore con cui si combatt sempre dai nostri vo


lontari, avvenuto il giorno 8 del corrente mato da un dispaccio che aveva tutta l'appa di guardia al Real Casino di Chiatamone, ove
mese e non abbastanza ricordato dalla stam renza d'essere uscito dal governo. Tuttavia il il signor Dumas si starebbe tranquillissimo e'
pa. La terza Brigata della Divisione Medici signor Pantaleo, misticismo a parte, aveva sicuro anche senza la compiacenza di sapersi
sotto il comando del Colonnello Brigadiere ragione. Il generale Garibaldi che dicevano guardato. Cos pure al palazzo del Conte di
Eberhardt occupava in quel giorno gli avam entrato a Capua era invece a Napoli, e nulla, Siracusa, che mentr ei si Torino o altrove,
posti a S. Angelo; quando nelle ore del po tranne lo sgombro di Cajazzo, v'era di mu potrebbe rimanere sotto la custodia del pop
meriggio da un vivo fuoco di fucileria ed ar tato nel campo nemico e nel nostro. E a de tiere della famiglia. Accenniamo a questi due
tiglieria veniva improvisamente attaccata. Mal plorare che avvengano simili errori, a de casi perch sono quelli che ci caddero pi
grado che il Colonello Brigadiere Eberhardt, plorare dippi che questi errori sieno masche facilmente sotto gli occhi, e preghiamo il Co
non avesse al momento e in quel punto pi rati da forme ufficiali, e raffermati dal silen mando della Guardia Nazionale a volersi preoc
di 150 uomini disponibili, pure Egli vi si po zio indolente del governo. Se ieri mattina cupare della condizione eccezionale in cui sono
neva alla tesa e li guidava contro l'inimico quando usci il dispaccio che si diceva giunto posti moltissimi cittadini in causa di servizio.

per forze di gran lunga superiore. La lotta al Prodittatore, il Ministero della Polizia si A Torino, a Milano, a Firenze, a Bologna il
fu accanitissima; i borbonici pi volte respin fosse affrettato a smentirlo, avrebbe rispar servizio della Guardia richiede un giorno so
ti, ritornavano, sempre rinforzati per nuove miata questa pena al signor Pantaleo, e non pra venti, sopra trenta, e in tempi normali,
truppe uscite da Capua, all' offesa , tentando avrebbe lasciato il paese tutto il giorno nel sopra sessanta, mentre a Napoli, se non siamo

colla pi grande tenacit di girare la nostra dubbio a chi dovesse prestar fede. Speriamo, mali informati, ne richiede uno sopra quattro,
sinistra. Dopo molte ore di lotta il nemico fu ad ogni modo, anzi siamo certi, che la noti e spesso per riviste, funzioni, parate, sciupa,
costretto a ritirarsi su tu.ta la linea incalzato zia non fu che anticipata di qualche giorno, con singolare noncuranza, un tempo prezio

dai nostri Il Colonnello Brigadiere Eberhardt e che fra poco il generale Garibaldi entrer
in tutta la giornata primo fra i primi, attac davvero in Capua.
cava sulla linea di ritirata con venti uomini

circa due squadroni di cavalleria appostati alla


Cappella S. Lazzaro e in questo fatto mo
strava un valore superiore ad ogni elogio
quivi , il prode ungherese, aiutava colle sue

sissimo ai cittadini.

Vogliamo sperare che il Comando della Guar


dia Nazionale, convinto di queste ragioni ,
vorr porvi un rimedio, che valga a conciliare
i bisogni del servizio colla libert dei cittadini.

I LA GUARDIA NAZIONALE

proprie armi i pochi bravi che erano seco a


Il Giornale Ufficiale pubblico giorui sono
distruggere i lavori di batteria eretti dall'ini alcuni decreti risguardanti il servizio, e l'orga
mico, e poi perseguitando con ardore istan namento della Guardia Nazionale di Napoli.
eabile il nemico fino alle mura di Capua, tal Uno di questi decreti tendeva ad accrescere
mente vi si appressarono da sentire la voce il numero dei militi, aumentando di due com

Sunto dei decreti pubblicati dal Gior


nale ufficiale.
In data del 22 ottobre:

Varii decreti contengono nomine, promozioni


onorificenze e messe al ritiro nella Marina nazio

Biagio Caranti, Uffiziale di Ri


degl' uffiziali borbonici, incoraggiante la trup pagnie ogni battaglione, e portando l'effettivo nale. ll signor
del Pro-Dittatore, auto
Segretario
e
partimento
pa ad una nuova sortita. Non poteva andare d'ogni compagnia a ducento uomini, onde far
sottoscrivere la corrispondenza del Mini

dimenticato quest'interessante opisodio come fronte alle molte esigenze del servigio.

quello che oltre a testimoniare la perizia e il


valore del distinto Colonnello ungherese Ebe

voce generale, e vera, che la Guardia

rizzato a
stero degli Affari Esteri. La Prammatica 2 de

la legge del
nazionale della Citt gravata straordinaria Monialibus del 12 novembre 1563,gennaio
1831,

rhardt, dimostra ancora i prodigi operati ed i mente, e che il sistema tenuto fin ora, obbli 21 giugno 1826, il Decreto del 15
sacrifizii durati dai nostri volontarii.Fu an gando i cittadini ad un servizio esagerato, ed ogni altra disposizione riguardante il divieto
prospetto ed altre vedute sopra i Mo
che nel 1 ottobre che questa brigata-in gran porta nocumento agli interessi particolari, che d'introspetto,
nasteri con clausura o senza, Conservatori ed 0
Noi
trascurati.
essere
ostr,
ricac
necessit
per
devono
numero composta di Bresciani-m
case di studentato e novizia
ciando il nemico dal Ponte della Valle, un abbiamo applaudito al sentimento d abnegazio spizi di donne, esulle
valore straordinario. Il Colonnello sudetto ven. ne della Guardia nazionale, abbiamo ammi to di giovani, su qualunque altro edifizio di pia
sono abrogati. Il presente Decreto ,
ne toccato allora d'una palla, che fortunata rato il suo contegno in pi congiunture, nelle corporazione,
al passato, in quanto concerne
anche
applicabile
co
soldato
di
doveri
i
conciliare
mente gli rompeva l'orologio da tasca, senza quali seppe
nello stato primiero, con la
cose
delle
ritorno
il
gli obblighi di cittadino; abbiamo encomiato
offenderlo. ry L.
le bende, ripari ed altri osta-,
l'aspetto militare e serio dei diversi battaglio rimozione di tutte
o servit imposte agli edifizi privati a pro
ni, e ripetiamo ancora ch'essa meritato e coli,
fitto dei luoghi suddetti. Per la protezione del
merita la riconoscenza del paese. Ma il servi dritto
comune non sono di ostacolo i giudicati, le
zio della Guardia nazionale non giusto n convenzioni,
C 0 S E INTER N E
le prescrizioni, e generalmente qual-.
possibile, se non in quanto, richiedendo al cit sivoglia altro atto o fatto compiuto, che si hanno
tacino una parte del suo tempo, non lo co come non avvenuti, senza che per possa ripeter
Napoli 24 ottobre 1860.
stringe a sacrificarlo tutto intero, e non lo si il dato o pagato in virt dei titoli ed atti a
Una notizia portata iermattina, non si sa pone nella dura alternativa, o di mancare al
boliti col presente Decreto.
come n da chi, annunziava la capitolazione
-

suo dovere verso la patria, o di violare i suoi

di Capua, e l'ingresso in quella citt del ge obblighi verso la famiglia.-Se la Guardia na


nerale Garibaldi. Il Padre Gavazzi gridando zionale non si componesse che di cittadini ric
con bandiere per la via Toledo conferm chi, o agiati, un servizio anche gravoso, seb

la buona nuova, che s'andava gi prima bene ingiusto, potrebbe essere possibile; ma
bisbigliando fra la gente. Noi abbiamo detto l'operaio che vive del proprio lavoro, l'impie
che fino ad un ora dopo mezzogiorno nulla gato che alimenta la famiglia prestando l'o

In data del 23 ottobre:


Sono esonerati i Percettori delle Contribuzioni

Dirette D. Giuseppe Ferrari, D. Enrico d'Agosti


no e D. Tommaso Severino. D. Giuseppe Avi

tabile reintegrato nella Percettoria della Sezione


S. Ferdinando; D. Alfonso Imperiale tramutato

da questa in quella di Montecalvario. Sono no

di sicuro era pervenuto al Governo, ma quan pera sua a private amministrazioni, il profes minati Percettori D. Gabriele Costa per la Sezio
do ci venne mostrato un dispaccio diretto al sionista che deve usare della sua libert , e ne S. Lorenzo, e D. Vincenzo Fittipaldi per la
conte di avour, e che aveva tutte le forme
del suo tempo per coltivare le proprie cliente

Sezione S. Carlo all'Arena. Il signor Luigi Co

d'un avviso ufficiale, non abbiamo potuto ne le, non possono senza danno dei proprii inte
gar fede ad una notizia che era d'altra parte ressi, e dell'economia domestica, sottostare ad

lella, Consigliere della Gran Corte dei Conti,

attesa come una necessit pei regi, e la con un servizio di pi giorni per settimana. A noi
seguenza logica della marcia dell'esercito oc consta p. e. che il primo battaglione della
cidentale verso l'altra sponda del Volturno. Guardia nazionale, nel corso di dieci giorni

erzi nominato Vice-Presidente. ll signor Pa


squale Stocco nominato Pagator Generale della

romosso ad Avvocato Generale, in luogo del cav.


Tesoreria Generale, in luogo del signor Ferdinan

Verso le cigdue pom. e quando gi il gior abbia prestato un servizio di sei, ai quali se do Albano, ch' ritirato con facolt di liquidare 'n
nale stava per uscire apparve affisso per la si aggiunge il tempo necessario ad un riposo pensione che gli compete. Il signo 'o .....asi
citt uno scritto di frate o prete Pantaleo che dopo la fatica delle 24 ore di guardia, risul Caracciolo di Melissano, Uffiziale di Ripartimento
in istile mistico e sibillino pareva disdire il la che di una settimana un sol giorno rimane della Direzione generale di Ponti e Strade, eso
dispaccio pubblicato poche ore prima. A noi di libert ai cittadini.
I nerato da tale carica.
-

IL PUNGOLO

40

Pregati pubblichiamo il seguente

la nazione italiana e il libero e regolare svolgi

Jeri Re Vittorio Emanuele ha fatto il

mento delle sue grandi facolt, apre all'Euro suo ingresso in Isernia in mezzo agli applausi
pa una nuova era di prosperit, di progresso ed acclamazioni della commossa popolazione.
A V V I SO.
Veniamo assicurati che il marc. di Vil
e di pace.
La novella Soprintendenza de'Teatri e Spet
Possa, o Sire, l'affetto e la fede che in Voi lamarina, il quale erasi recato a complimen
tacoli nella sua ferma e decisa volont di ripone l'Italia sostenere il vostro e nostro co tare il Re negli Abruzzi, di ritorno
fra noi.
ricondurre il nostro Teatro Massimo all'anti raggio nelle difficili prove, che forse ci divido
co splendore, rattrovasi spesse volte combat no ancora dal giorno in cui un nuovo e mag

ar

-09-

rr

La votazione superate le speranze, e l'a


tuta dal dovere di non fare mancare lo spet giore Parlamento, riunito intorno a Voi, accla
tacolo e dalle difficolt di fare al tutto spa mi il liberatore augusto col titolo che deve spettazione generale. Crediamo superflno di
rire gl'innumerevoli abusi introdotti per mol associare indissolubilmente i destini d'ltalia a dare in dettaglio la cifra delle singole pro
vince ove i n furono in numero proporziona
tissimi anni. Un contratto esistente, degno so quelli della vostra nobile stirpe.
tamente impercettibile.
lo del Governo passato, e un prospetto di ap
Le cifre della capitale sono 106: 024 Si,
palto gi approvato restringono le molte vol
31 N 3000 astensioni.
--

te il suo operare. Spera quindi che il Pub

Scrivono da Parigi all'Ind. Belge:

Il blocco di Gaeta non essendo stato rico


blico vorr tenere conto di queste ragioni e
non farle troppa colpa se deve talvolta per nosciuto dalle Potenze , e la presenza di un DISPACCIO DIRETTO DEL PUNGOLO
mettere spettacoli monchi e non dell'altezza numero di bastimenti di diverse nazioni in quel
AGENZIA STEFANI.
del Teatro. Essa per nutre speranza di pre posto non permettendo delle operazioni na
Torino 22.
sto fermare un contratto a migliori condizio vali contro la piazza, un contr'ordine, a quan
La Patrie del 22 dice:
ni per la prossima stagione teatrale.
to pare, stato mandato all'ammiraglio Per
Assicurasi che una nota di Russel al Gabi
sano, il quale doveva rinnovare contro l'ulti netto di
Napoli 23 Ottobre 1860.
Pietroburgo riconosce il dritto asso
mo rifugio del Re di Napoli il tentativo ch' luto dell'Austria
sopra Venezia, soggiungendo
Il soprintendente-SAN DONATO cos bene riuscito ad Ancona.
che per tutte le altre parti d' Italia il dritto
A Roma si pone in dubbio l'arrivo del di non intervento deva essere assolutamente
maresciallo Vaillant, annunziato dalla stampa praticato dall'Europa.
- --

NOTIZIE ESTERE ED ITALIANE

francese. Ov'egli per dovesse recarvisi, cre

desi che avrebbe solo una missione militare e

Troviamo nell'Indipendente di jeri Marted,

ma che il gen. Goyon, personalmen il seguente dispaccio telegrafico che riprodur


L'angustia delle nostre colonne c'im politica,
te devoto e accetto al Papa, conserverebbe il ranno testualmente.
ped di pubblicare ieri l'indirizzo di rin suo comando.
Milano 14 ottobre.
graziamento al Re che la Camera dei De Scrivono da Torino essere stato molto
Il treno imperiale partito da Pietroburgo
putati di Torino vot per acclamazione. notato, nella seduta in cui fu discusso il voto giunto qui in mezzo ad una folla immensa di
L'indirizzo fu redatto dal Prof. Gior di fiducia , il silenzio del deputato Mancini entusiasmi. La
strada eccellente , il servizio
gini per incarico speciale del Presidente. che aveva annunziato un discorso. Questo si puntuale.
-

lenzio stato interpretato come foriero d'un


L'Imperatore ha espresso la sua viva sod
portafoglio
si fatto brillare agli occhi disfazione al Consiglio ed al Direttore della
pleta la storia di questa memorabile tor dell'onorevolechedeputato.
Infatti, bisogner pu grande societ delle strade ferrate Russe.
nata parlamentare crediamo nostro dove re che l'elemento napolitano
sia rappresentato
Trattandosi di un documento che com

re pubblicarlo quest'oggi.
Ecco l' indirizzo :

INDIRIZZO A S. MAEST

nel gabinetto in cui il sig. Jacini rappresenta

Non sappiamo comprendere, quale sia il

la Lombardia, e il sigr Corsi la Toscana. Per treno lmperiale che da Pietroburgo sia giunto
quanto forte sia la febbre dell'unit, d'uopo direttamente a Milano, e che quel popolo, che

sempre tener conto , sino a un certo punto, conosciamo benissimo, possa aver accolto con
entusiasmo.-Le nostre lettere da Milano non
dei
vecchi elementi municipali.
Sire,
-Si annunzia che saranno ben presto man ci annunziano nulla di simile.
Crediamo quindi che si tratti invece di un
Questa Camera, che deve la sua origine al dati ad Ancona due o tre battaglioni di Guar
le recenti annessioni dell'Emilia e della Tosca dia Nazionale mobilizzata, affinch l'armata dispaccio da Wilna, e non da Milano di
na sar presto sciolta da un evento egualmen di linea sia intieramente disponibile.
spaccio che noi abbiamo pubblicato nel no
te fortunato, l'annessione di nuove e pi e
L'ordine dato alla squadra francese di stro numero di Venerd 19 corrente ma in
stese provincie, per la quale potr dirsi, se lasciar le acque di Napoli mostrava evidente tal caso non sappiamo comprendere come l'In
non in fatto, certo virtualmente compiuta la mente che la Francia, durante la presa di dipendente non lo abbia pubblicato che je
liberazione e l'unificazione dell'intiera penisola. possesso del trono di Napoli per parte di Vit ri, 23. Cos nessun Parlamento ebbe mai una storia torio Emmanuele,
intendeva restarsene in di
pi gloriosa di questo, perch i termini fra i sparte. E vero che dovevano rimanerci due

quali si trova compresa la sua breve esisten fregate, ma a queste era molto facile di u

- -

L Onorevole Direzione del Giornale Il Pun

za sono veramente, e resteranno, i fatti pi scire in crociera, mentre i fatti si sarebbero golo pregata pubblicare il seguente articolo.
grandi del nostro nazionale risorgimento,
perch a lui fu dato di ratificare il primo
di questi due fatti e di apparecchiare il se
condo, mediante il pieno e leale concorso

compiuti. Ora quell'ordine fu ritirato. La squa

L'Agenzia telegrafica istituita a Torino sino

dra resta nel porto di Napoli: ma far essa dal 1852 dal signor Avvocato Guglielmo Ste
gli onori reali a Vittorio Emanuele quando fani ed autorizzata dal Governo Sardo pe'di

far il suo ingresso solenne in Napoli? Stare spacci elettrici politici commerciali, ottenuta
mo a vedere.

regolare concessione da questo Governo, apre


La Gazzetta di Perugia pubblica due de in Napoli apposito Ufficio per la pronta tra
Ma i deputati delle provincie che gi si creti del Regio Commissario generale straor smissione e diffusione de'dispacci si nazionali
chiamano o presto si chiameranno antiche, dinario per le Provincie dell'Umbria, marche che esteri.
L'Agenzia di Torino spedisce telegraficamen
non potrebbero separarsi senza pensare che se G. N. Pepoli.
Col primo, considerando che la Fortezza di te a Napoli tutte le notizie che essa riceve dai
a Voi principalmente, o Sire, si deve il me
rito dei maravigliosi successi ai quali ebbe Perugia fu eretta e restaurata dai Pontefici vari centri d'Europa, comprese quelle interne
per reprimere l'audacia dei Perugini, e che un d'Italia e specialmente quelle di Torino, Mila
ro l'onore di cooperare.
Ma essi crederebbero di non essere stati in popolo rivendicato a libert non deve avere no, Genova, Firenze e Bologna, il sunto degli
terpreti fedeli della nazione che rappresenta altro freno che la legge e l'affetto pel Prin atti Ufficiali, le deliberazioni pi importanti
no se il loro ultimo atto non fosse un'espres cipe liberamente eletto-la Fortezza di Peru del Parlamento Nazionale e del Regno, non
che il corso de'fondi pubblici di Parigi, Lon
sione solenne di quella profonda, devota rico gia data in libera propriet al comune.

che si gloria d'aver prestato alla politica del

vostro Governo.

noscenza che in tutti i modi e in tutte le oc


casioni Vi ha manifestata l'Italia.

Col secondo, considerando che l'emigrazione

dra etc.

delle vicine Provincie, ritornate sotto il giogo


L'Agenzia stabilita provvisoriamente in Via
E nessun momento per far giungere fino a Clericale, aumenta in modo solenne e commo Toledo N. 269 secondo piano, ed aperta

Voi l'omaggio della nazionale riconoscenza po vente; ch' urgente provvedere al ricovero di dalle ore 9 a. m. alle 5 p. m.
Il Rappresentante

trebbe essere pi opportuno di quello nel qua chi s nobilmente ha perduto il tetto natio, e
le ia al V. alla testa del suo valoroso eser che i Conventi sono edificati per onorarvi Dio
cito affretta il compimento dell'impresa, che as con ogni opera di carit-i Conventi sono sot
urando l'unit del Regno, l'indipendenza del toposti all'obbligo di ricoverare l'emigrazione.

TETTONI LUIGI ENRICo.


J. COMIN Direttore.

NAPOLI Stamerrore dell'Ateneo Domenico Castellini Gerente Responsabile.

ANNO I.

Gioved 25 Ottobre 1860

Napoli

Milano

11.

IL PUNG0L0
GIORNALE POLITICO POPOLARE DELLA SERA
PREZZO D'ABBONAMENTO MENSILE

Napoli a domicilio . . . . . .
.
Provincia franco di posta . . . .
Trimestre semestre ed anno in proporzione.
Per l'Italia superiore, trimestre.
-

. . gr.
.

|
30
45

Esce tutt' i giorni anche festivi, tranne le solennit,

L'Ufficio di Redazione, e la distribuzione principale presso

|l
li
-

L. It.

lo Stabilimento tipografico dell'Ateneo


Vico S. Maria Vertecoeli, N. 9.

7, 50

Un numero separato costa Un grano.

Si ricevono Inserzioni a Pagamento.


-

ATTUALITA

sfer i bisogni ; pronti sempre, da parte no undici morti, tra cui un uffiziale, e molti feriti.
stra, a richiamarlo ai grandi principii della Le perdite dei reazionarii furono assai pi gra
vi Tra

Napoli 25 ottobre 1860.

i loro morti si conta il marchese

libert , se per caso ne deviasse.


d'Ajossa, figlio al celebre Direttore di Polizia.

Una delle leggi che vorremmo veder attuata


prima di tutto quella sull'accattonaggio,
provero. Ci anno accusato di essere troppo
Un altro tentativo reazionario non meno
attaccati alle questioni di politica estera, di "Napoli ricca , straordinariamente bella, e po grave ebbe luogo a Lanciano. Anche l si
prediligerle con manifesta preferenza di trat polosa ; piena di vita presente, e di memorie distinse moltissimo la Guardia Nazionale che
tarle, di discuterle con soverchio amore nel passate ; afflitta da questa gran piaga. Po disperse i paesani armati della reazione, or
ganizzati in bande. Evidentemente France
nostro giornale, mentre dimentichiamo spesso, veri seminudi, accusa e vergogna del gover
Alcuni amici nostri ci anno fatto un rim

troppo spesso, ci che riguarda l'amministra no caduto, percorrono la citt, e vi spando


zione interna del paese. Il rimprovero giusto, no la tristezza, si coricano , sotto questo
ma ecco le nostre scuse. Noi crediamo prima cielo mitissimo , lungo le vie, offrendo uno
di tutto, che i tempi di travolgimenti, di trepi spettacolo di miseria che stringe il cuore, e
dazione, di transizione, come sono questi in turba la ragione. Le case pei poveri, gli asili
cui viviamo, sieno poco propizi ad avviare infantili, le istituzioni industriali, che aprano
miglioramenti interni sino a tanto che la sfoghi alla classe operaja, devono essere atti

sco II, ligio alle tradizioni ai famiglia, vor

rebbe risuscitare i tempi del Cardinal Ruffo,

di Fr Diavolo, e di Mammone, organizzan


do ed armando il brigandaggio, ed eccitan
dolo a rapine e ad eccidii contro gli abitanti
delle citt. Ma-ce ne duole per Francesco II
quei tempi non ritornano pi-la moderna

civilt non pu tollerarlo e crediamo che


tutta Europa, anche quella parte che ci
nazione non formata, sino a tanto che la vate nel pi breve spazio di tempo possibile. meno amica, si alzerebbe concorde per dire
al Borbone che il Principe, cui non restano
gnerra continua sul nostro territorio, e che la Bisogna istruire il popolo, educarlo, per for altri soldati che i compri briganti, e che non
zarlo ad uscire dalla miseria che lo umilia, e avendo saputo n conservare, n difendere n
grande idea dell'unit nazionale commuove e
abbrutisce. Bisogna allargare il sistema riconquistare il trono , tenta la vendetta del
lo
scuote la mente di tutti; pochi o nessuno pen
d'istruzione, e imporlo come un obbligo; soc l'assassino, non ha pi alcun diritto a re

sa a questioni che divengono, a paragone del


gnare, cessa di essere un Re anche decaduto,
movimento generale, d'un interesse quasi se correre l'operajo con banche di sconto, e al per diventare un capo di briganti.
leviare in tutti i modi possibili la dura condi
A Lanciano si fecero 300 e pi arresti
condario. Sebbene convinti di questa ragione,
zione del basso popolo nel paese. Il decreto ma molte bande armate sono vaganti pei
fedeli al nostro programma, nei pochi giorni
amministrazioni laiche tutti gli monti, e minacciano la quiete del paese e la
di vita del nostro giornale, non abbiamo mai che ritorna ad
beneficenza, ci sembra un lieto pre vita degli abitanti. Queste bande commettono
dimenticato questo dovere, e fummo e sia - istituti di
rapine e omicidii, e spargono il terrore nei
sagio delle nostre speranze.
dintorni. La Guardia Nazionale fa miracoli
mo dolenti che il poco spazio, e il rapido
In quanto a noi, lo ripetiamo, vi consacra di valore e di abnegazione, ma non pu ba
mutarsi della politica europea, non ci abbia
remo tutte le nostre cure, e coglieremo, come stare a compiere il disarmo di queste bande.
no consentito fin'ora di attendere, come avrem
Furon chiesti rinforzi, e un'Autorit mili
oggi
facciamo, tutte le occasioni che le noti
mo voluto, alle questioni di amministrazione
tare che dia esempii pronti e severi. Credia
zie interne ci porgeranno, per esaminare i mi mo poter assicurare che oggi stesso si man
interna.
glioramenti
necessarii al paese, studiarne le deranno a quella volta due compagnie di trup
Il nostro paese ancora in una fase ecce
pa regolare. Altra truppa si manda a Cosenza,
zionale- sotto una dittatura temporaria, eser condizioni , palesarne i bisogni.
per impedire nuovi tentativi reazionarii nelle

citata da uomini onesti, ma che non potreb


bero, se pur lo volessero, rivolgere intera
A Palmi in Calabria poco lunge da Reggio
mente le loro cure ai bisogni interni. Questo
tentativo reazionario ebbe proporzioni pi
il
stato precario toglie a noi il coraggio di rim vaste
e pi minacciose che altrove-La rea
proverare l'inazione, certamente biasimevole, zione gi preparata e organizzata colse il mo

Calabrie. Cialdini ha insegnato come si deb


ba agire con questi sintomi di brigandaggio.
Bisogna distruggerlo in dal principio, e non
lasciargli tempo di diventare un pericolo e
una vergogna per lo Stato.
-

in cui si trascina sovente il governo, in quelle mento in cui la Guardia Nazionale stava nella
cose che a noi stessi sembrano di prima ne piazza al fascio d'arme per assalirla con una
fucilata che le pioveva addosso dalle
cessit. Una tale condizione andr a cessare vivissima
Ca80 VICIIMe.
fra breve, e subbentrando un governo regola

La Guardia Nazionale si comport con rara


re, sciolto dagli imbarazzi, e dalle angustie energia-Il combattimento fu lungo e ostina
della guerra, noi vogliamo sperare che ac to-Dopo tre ore di fuoco, i reazionarii, sni
dati dai loro covi, furono in parte arrestati, in

Altre mene Borboniche furono scoperte dal


Governo. Jeri due individui furono arrestati

sul vapore che veniva dalla Sicilia. Eran


costoro due agenti Borbonici che a Messina
avevano avuto lunghe e segrete conferenze col

Fergola e con altri capi dei Regii. Il governo

contenter i desideri del paese, e ne soddi. parte dispersi. La Guardia Nazionale ebbe era stato prevenuto del loro arrivo, come pure
del nome che avevano assunto, e dello scopo

f.

42;

=
Riceviamo da Capua una interessantissima e cosi la notizia si diffuse per le caserme e

che si proponevano. Si rinvennero loro in

i accampamenti, malgrado le precauzioni

Napoli per ordirvi la trama di un movimento

ei Generali, e vi sparse un generale sgo

che non possiamo pubblicare intera


dosso carte compromettenti. Essi recavansi in lettera
per riguardo alla persona da cui ci viene, e
che potrebbe dalla lettera stessa essere rico
nosciuta. Diamo per ai nostri lettori alcuni

reazionario.

mento.

Le truppe sono stanche il loro apparen

te vigore tutto fittizio esso nasceva dalla


dei ragguagli ch'essa contiene.
za di finirla presto, e di essere larga
abile
dipinta
viene
ci
Capua
formid
Questa
Jeri fu pure eseguito un altro stranissimo assai men formidabile e minacciosa che noi speran
mente compensate son parole di Frauce
-

arresto. Il Ministero di Polizia venne in pos

sco IIdei patimenti sofferti. Le busse che


sesso di una lettera che un giovine impiegato non la supponiamo. fortezza, ci scrive il no aggiustarono loro i Garibaldini han sensibil
una
non

Capua

di un Ministero scriveva a suo padre, uffiziale,


antico e arrabbiato Borbonico, che comanda stro corrispondente, n tampoco una cittadel
ad uno dei forti non sappiam se di Capua o la, una citta murata, con alcuni fortini,
che non solo non presentano alcun gravissimo
di Gaeta.
ad un attacco serio e rego
Il buon figlio ragguagliava il buon genitore ostacolo, ma chebero
certamente resistere. I
potreb
non
lare
di quanto facevasi in Napoli, e lo teneva in
giornata di tutti i movimenti di truppe che Borbonici non l'hanno potuta tenere si a lun
o
giungevano a sua cognizione, e figuratevi se go, se non pel loro numer e pi di tutto
costui non sar stato un ardente e impaziente perch voi mancavate e dei mezzi necessari
gli approcci ad una fortezza qua
cacciatori di notizie. Pare diffatti che ben po per fare
, e di un numero di soldati sufficienti
lunque
.
ondente
tico
se
corrisp
co sfuggis al patriot
La lettera terminava eccitando i Borbonici a difendere i lavori di terra dalle vigorose
sortite

con

mente modificate queste speranze e l'arrivo


dei Piemontesi le ha distrutte del tutto. Trae
tene voi le conseguenze.
Ieri si assicurava ch'eran venuti ordini per

cui i Borbonici li avrebbero di

ad aver pazienza, e a tener fermo che gi

lo sgombro immediato di Capua, e pel concen


tramento sopra Gaeta
--e--

Che fa la nostra flotta?


Ieri abbiamo riferito sulla fede dell' Ind.

Belge che il bravo ammiraglio Persano aveva


ricevuto ordine di sospendere le operazioni

i.
contro Gaeta a cui si accingeva con quell'ar.
a Napoli qualche tafferuglio sarebbe nato di sturbat
E certo per che se quando avete occupato dore che lo distingue, e che giustifica il motto
certo , e che gli amici non si lascerebbero
-

Cajazzo lo facevate con una forza bastante a


scappare la buona occasione ed egli lo sa mantenervisi , i Borbonici avrebbero dovuto della sua divisa: Toujours de l'audace/
Da informazioni attinte posteriormente cre
ato
,
si
era
adoper
che
egli
peva di sicuro
sgombrare Capua al piu presto.
esatta questa notizia Il contrordine
diamo
com'erano intesi.
Avrebbe bastato una vostra colonna di due
co di Gaeta venuto di fatto da To
l'attac
per
o
Il buon impiegato ebbe al propri Ufficio la
le colline e impedire a rino, e si assicura motivato da riguardi di
notizia contemporanea della sua destituzione, mila uomini per girar
Capua di vettovagliarsi. Ora dovete sapere plomatici.
e del suo arresto.
Noi invitiamo il Governo a mostarsi forte che a Capua si manca di tutto-non vi fie
Noi non sappiamo n comprendere, n spie
e fermo, e a non transigere in alcun modo no, non vi paglia, non vinouno zigaro lo gare questa condotta e questi riguardi.
Diffatti o esiste l'antico diritto Europeo
con simil razza di traditori. Noi siamo in si paga 10, 12, e sino 15 grana.
no gli og o il Governo Italiano si crede autorizzato ad
manca
cui
in
giorni
dei
sono
Vi
tempo di guerra una di queste rivelazioni getti di prima necessit per la vita-da pochi
pu costare migliaia e migliaia di vite e di giorni soltanto vi in Capua un p di farina, agire in nome di un diritto superiore agli al
tri, in nome del nuovo diritto ltaliano, procla
vite care e preziose-Un funzionario pubblico
,
che tradisce il Governo che serve due vol ma non supera le 500 cantaia a ci si ri mato con tanto ardire e tanta franchezza dal
duce l'approvigionamento della cosi detta lor Manifesto del Re.
-

te traditore-In tempo di guerra vigono leg

gi specialiSi abbandoni il reo a queste leg

Se esiste l'antico diritto che creava un Re

tezza.

Lo spirito della soldatesca si mantiene ec


gi. Si raccolga un Consiglio di guerra-e si citato
con artifizi e menzogne che non paiono
giudichi con scrupolosa ma rigida giustizia il vere. Non
vi iola che non s'inventi, e che
eolpevole.
ignorante e superstiziosa, non cre
quella
gente,
Questo fatto del resto deve convincere il
fole han posto negli ordini del
e
queste

da
ione
t
o

gno Sardo, e un Regno di Napoli, il Regno


Sardo l'ha violato apertamente coll' ingresso

rocartico il quale crede che chi sia stato do.

re Gaeta n l'attenna, n la scusa.

delle sue truppe nel Regno di Napoli, e col


l'acconsentire che una parte di queste truppe
combatta assieme ai volontari di Garibaldi

Govern della necessi di una epuraz


ed escono dalle labbra stesse del So contro i soldati del Borbone e questa viola
accurata negl'Impiegati-Anche qui comincia giorno,
Nella ultima rivista egli assicur i

vrano
a prevalere lo stupido e brutale sistema bu soldati che un forte esercito Austriaco marcia zione e si grande e manifesta che il rispetta
a gran giornate in loro soccorso. La marcia

Se all'incontro il Gabinetto di Torino, co

gualmente di un altro dimenticando che si di questo esercito seguita giorno per giorno,
si assegnano le tappe che ha percorse, e si
serve un tiranno, ma che per la patria si edeterm
ina il giorno in cui lo si vedra final
pera, e che per operare ci vuole cuore, fede, mente arriva
re Gii ulilziali, meno ignorani,
e coscienza tre virt queste che rare volte
,
in massima parte, credano all'a
quanto
per
assai si trovavano nei buoni servitori del Bor
aco,
non lo ritengono tanto immi
Austri
iuto
bone. Questo sistema offende il sentimento na
zionale e la coscienza pubblica, demoralizza nentee perci sono assai meno animati del

me prima di lui Garibaldi , agisce in nome

cile e buon servitore di un padrone, lo sia e

e in virt

del

diritto Italiano in tal caso

questo diritto gl'impone l'obbligo di non ar


restarsi dinanzi a Gaeta , come non si
arrestato dinanzi ad Ancona. Qual differenza
esiste tra l' una e l'altra Piazza? Che la

flotta sia a Napoli o sia a Gaeta, ci non


la soldatesca. Ad alcuui anche - convien dir
il paese, e crea difficolt sempre nuove al Go lo per l' onore d Italia pesa moltissimo la pu mutare la questione diplomatica l'an
verno.-La mala prova che di questo sistema idea di battersi assieme agli Austriaci e pro tico diritto violato egualmente.
Ci ricorda, a proposito della spedizione
si fece in Lombardia, non vorremmo la si ri
babilmente sotto a loro ordini per sono i
Pare impossibile che il Governo non com pochi.
Mi si assicura e da persona a cui presto
prenda come, se la macchina governativa sa comple
che a Gaeta sbarcano ogni
r affidata agli uomini del passato, non potr giorno tada fede
vapori Austriaci e Spagnuoli, nuovi
,

nelle Marche e nell'Umbria, aver udito dalla


bocca di un Ministro medesimo queste paro

mai fare il bene, per quanto lo vegga e lo

remo presto ci lasceran fare, e se vinceremo


avremo ragione. Se non facciam presto, ver
ranno gl'imbrogli e non faremo piu n.

non per affetto, ma per abitudine, per me

assai pi pericoloso che l'andare sino alla

tentasse fra noi

le: L' esito dipende dal far presto - se fa

i che l'Austria umanda al lor..one mi


voglia-Le sue migliori intenzioni urteranno rinforz
a anche che vi giungono inolti di
assicur
si
A proposito di Gaeta ricordiamo a quel
in tante e tali difficolt (che sollever contro
cito
a
ia
di
ex-eser
l'
formav
che
canagl
qnella
ro queste parole Una volta comincia;
Minist
di esse la resistenza passiva, la burocratica
cire, non esclusi molti ufficiali. Questo ta la via dell'ardire , il fermarsi a mezzo
apatia degl'Impiegati che servono il paese Lamori
il modo di rendere eterna la durata di uno
di cose intollerabile. Perdio! che fa la fine. Alla epoca nostra, nelle attuali condi
stiere, per cupidigia) che saranno distrutte svia stato
flotta ancorata nel Golfo di Napoli?
nostra
zioni di Europa, diplomaticamente come mi
te, paralizzate, n potranno tradursi in pra
Ha fatto ne'Borbonici una grande impressio litarmente, la riescita sta nel far presto.
tica mai,
ne la notizia dell'ingresso nel luegno dell eser
Sbrighiamoci al pi presto possibil di Ca
E ci tanto pi deplorabile in quanto che cito
- parlo coll antico linguaggio. pua e di Gaeta, e avremo ragione.
ntese
Piemo
sappiamo, come molti degli uomini che per le
-

l nostri soldati ignoravano perfettamente que


Patria hann sofferto e lottato, giacciano com sto
fatto ma per quante misure abbiano
letamente dimendicati, mentre si cercano gli
i Capi Borbonici, non hanno potuto im
preso
indifferenti, e persino gli avversari.
e fuggiasco del corpo di Scot i
Il Mazionale esulta delle loro conversioni pedire a qualch
cchio
are
aver

Cosa fatto capo ha


-

E a proposito di strategia, veniamo.

assi

di un aulico di

all'ore
di confid
ne mena gran vanto-in quanto a noi non
curati che i sette ed ottomila uomini di trup
le ccettiamo perch non le crediamo sincere. veduto, coi propri occhi veduto l'esercito Pie
dell'Italia superiore che occupavano la li
pe
e
lezio
prime
le
gi
dato
aveva
che
montes
Ma ritorneremo su ci.
-

ni-questo amico lo confid ad un altro amico, nea dei nostri avvamposti a Sant'Angelo ab

43

IL PUNGOLO

nell'Emilia, le ricamavano con mirabile co


biano ricevuto ordine di ripiegarsi su Mad li distingue la comunanza di aspirazioni, e
daloni.
di patimenti che lega ormai con nodo indis reggio a rischio della vita.
Donne Napoletane i nostri reggimenti di
Ci si dice che Maddaloni un punto im solubile le due Nazioni avrebbe dato a que
volontari
non le hanno avute per anco Le
portantissimo, e che bisognava tenerlo forte sta funzione una solennit imponente ed elo
mente, perch un colpo ardito e gagliardo quente, e l'eco di Viva l' Ungheria che sa attenderanno essi lungamente?
Se questo dono non pot essere un ecci
tentato su quel punto potrebbe compromette rebbe stato innalzato in Napoli ci sarebbe
re le nostre posizioni e scoprire la Capitale. stato rimandato da Pest col grido di Viva tamento al valore e non ve n'era duopo,
ch ogni eccitamento inutile ove parla l'a
In fatto di mosse strategiche noi ci propo l'Italia.
niamo di mantenere il massimo riserbo e
Le ultime notizie avrebbero aggiunto impor more di patria almeno ch' esso giunga in
ci proponiamo di non discuterle, prima di tanza a questa funzione. Sarebbe stata una tempo per essere un pegno di riconoscenza
-

tutto perch ci mancano gli elementi di farlo energica risposta all'Austria che colle ultime eterna, indelebile.
Volete voi che ci credano ingrati tutti, e
con scienza e coscienza e poi perch questo sue concessioni mostra la perfida speranza di

voi, nostre donne, senza fede, senza entusia


soddisfare l' esigenze degli Ungheresi per git
smo,
senz' affetto le tre grandi virt della
scussione possa riescire dannosa.
tarli poscia contro l' Italia.
donna ?
Nondimeno in questo fatto speciale ci occor
La funzione fu rimandata ad un altro gior

il solo caso in cni crediamo che

re ovvia una osservazione.


Perch non si mandano

la

di

no i nostri lettori ne indovinano la causa


a Maddaloni le

Oggi forse vi sar attacco generale sul Vol

truppe dell'Italia superiore che sono a Napoli turno, e Ungheresi ed italiani stanno forse
ed a Caserta? Con ci si otterrebbe l'intento santificando le loro fratellanza in modo ben

Un decreto del Prodittatore, che publichia


mo per intero a causa della sua importanza

di tener fortemente quella importante posi pi solenne.


nella rubrica Cose interne, toglie dalle mani
Abbiamo detto che matrina della bandiera clericali qualunque amministrazione di luoghi
zione senza togliere agli avvamposti una for
za di cui molto utile la presenza col, e sarebbe stata la gentile e giovane figlia del pii. ll considerando del ministro dell' interno,
che fu gi posta sotto gli ordini di Garibal Generale Dittatore.
che precede il decreto, traccia una breve sto
di. I riguardi di delicatezza verso un tal uomo
Questo fatto ci fa pensare alle nostre don ria degli istituti di beneficenza sotto il passato
non sono mai troppi qualunque fatto che ne. Hanno esse fatto abbastanza il loro dove governo, e dimostra come il Clero con pa
possa essere o sembrare una mancanza a que re verso la patria ?- Vogliamo lasciare ad ziente costanza abbia saputo rendersi deposi
sti riguardi, o a cui possa darsi una tale in esse, al loro patriottismo la cura d'interrogar tario insindacabile di sostanze destinate dalla
terpretazion. un errore assai grave che si si e di rispondere. Esse-ne siamo certi- sa piet , e dalla carit cittadina a beneficio, e
dovrebbe evitare, anche a costo di un peri ranno le prime a dire: no.
conforto dei poveri. Il governo Borbonico, a
colo o di un sagrifizio.
Intendiamoci , amabili lettrici noi non vi cui la maggior parte del Clero era stromento
facciamo una colpa di quanto non faceste di potere e mezzo di sistema dispotico, pre
sappiamo che avreste desiderato farlo, ma vi miava largamente col denaro dei poveri i ser
Oggi devono giungere 200 carabinieri del rattenne un mal inteso riserbo, che invero vigi dell'elemento sacerdotale.
Il decreto chiama le passate amministrazio
l'Italia superiore A questi saranno uniti i ca bello assai nella donna, ma se soverchio
rabinieri che si sono formati in Napoli. Su diventa o pare apatia, o freddezza e non cu ni a presentare i loro conti, e a rifondere,
questi e sulla loro formazione sentiamo sol ranza. Le vostra mancanze si devono attribuire il denaro avanzato qualora ve ne fosse.-Noi
levarsi lagni ed accuse da tutte le parti alla nessuna abitudine di vita politica ad applaudiamo il governo di questa misura, e
Pare che nella scelta degl'individui non siasi una educazione bigotta, e grettamente super lo incoraggiamo in questa via. Tratte dal mo
badato abbastanza alle inoralit politica e stiziosa, con cni la ingegnosa ed accorta ti nopolio d'una casta, le ricchezze destinate a
questo sarebbe un grrvissimo errore, trattan rannide Borbonica si adoperata a interdire sollievo della pover saranno feconde di mi
dosi di un Corpo che non ha solamente una esi alla donna ogni azioneperch i Borboni sa glioramento per quella classe, i cui bisogni
stenza militare ma ch' ad un tempo Corpo pevano qual santa e nobil missione sia chiama morali e materiali devono destare il pi vivo
ta ad esercitare la donna, e come sia poten interesse in un governo libero e nazionale.
militare e politico.
-

Si assicura che siensi accettati ne' suoi ran te la iniziativa che viene da lei.
-

Intendiamoci, belle lettrici-noi non vi vo


ghi alcuni fra i pi accaniti satelliti dell'an
tico regime, e che fra i custodi delle libere gliamo veder accorrere agli avamposti, bizza
istituzioni siensi lasciati iscrivere alcuni di ramente mascherate da Maggioresse, o da Co
quelli che ne hanno sciabolato gli amici. lonnellesse, trascinando sciaboloni pesanti, con
Se ci fosse, come mai potrebbero questi uo pugnali e revolvers-Quelle strane commedie
mini, avvezzi a punire ogni parola di liber ci nauseano e c' irritanoci nauseano nelle
ta, comprenderne ora lo spirito e garantirne donne che non sanno rispettare la grande se
riet di questa epoca nostra c'irritano per
l'uso impedendone l'abuso?
Le facolt che la legge accorda ai Cara noi che le tolleriamo. Noi vogliamo la don
binieri son molte, troppe fors'anco. Si disse na, donna-ma come tale, senza escire da quel
esser ci necessario per rafforzare la loro au delicato pndore che la fa rispettabile e santa,
torit morale nell'esercizio delle loro funzio

senza

tramutarsi in un ussero o in un dra

ni Sta bene e appunto perch questo Cor gone, la donna ha una nobile missione da
po deve avere una grande autorit morale, compiere. I feriti mancano di tutto veglino
conveniva procedere assai guardinghi nell'am le donne a provvederli di bende e di filacci
missione. Se realmente vi furono tra noi am veglino a che i loro letti non manchino di
messi uomini politicamente malnoti, sospetti, o lenzuola- a che i bravi nostri volontari non
temuti, quale autorit morale possono aver essi manchino di camicie. Quei poveri giovani
sul popolo?
che hanno spesso lasciato nelle loro case gli
Quest'errore figlio dello stesso sistema che agi di una vita tranquilla, giocondata dalle
cure di una madre, dall'affetto di una sorella,
abbiam deplorato parlando degl'impiegati.
Chiudiamo queste parole col rendere una trovino al loro letto di dolore in voi, donne
giustizia ai Carabinieri dell'Italia superiore, ed Napoletane, la madre, la sorella lontana
Il pudore che violenta il vostro patriottismo
ch'essi seppero sin qui meritarsi ad un tempo

COSE INTERNE

Sunto dei decreti pubblicati dal Giorna


le Uficiale del 24 ottobre:
Un decreto, firmato Garibaldi, stabilisce che, ces

sati i bisogni della guerra e costituita l'Italia con


Vittorio Emanuele, il Tesoro di Napoli dovr som
ministrare immediatamente la somma di duc. 12,000

per l'ingrandimento del Collegio lalo-Greco di


S. Adriano. istituita una Guardia Nazionale a

Cavallo nelle provincie dell'Italia meridionale. Es


sa sar formata di 4 Reggimenti. Ogni reggimen

to sar composto da due Divisioni, e ciascuna

di

queste da due Squadroni. accordato il ritiro


colla pensione di giustizia al sig. Paolo Versace,
Direttore del Ministero degli Affari Esteri, ed ai

signori comm. Raffaele Stahly e cav. Ferdinando


del Pozzo, Ufficiali di Ripartimento Il signor Gu

glielmo Afan de Rivera, essendo Ricevitore ed aven


do ottato per questo ufficio, esonerato dall'altro
di Ufficiale di 2 classe nel Ministero degli Affari

Esteri. ordinato che di tutti gli atti pubblici,


i notai formeranno due originali, l'uno in carta da
l'amore e il rispetto del popolo, e mostrarsi e lo soffoca, e lo reprime non quel senti bollo, l'altro in carta comune. I secondi originali
mento santo dinnanzi a cui ci chiniamo saranno entro il termine legale inviati al Ricevito
insieme bravi soldati e buoni cittadini.

un povero e gretto culto della forma ester re del Registro e Bollo, il quale li far pervenire
p
-e

Oggi doveva aver luogo in Piazza di San


Francesco una solenne funzione Il corpo

ma che vi fu appreso da un gesuitico bigot al Presidente della Camera Notarile, per essere
liSIIl0.
depositati negli Archivii Promozioni ed aumento
I nostri Ospitali son deserti di pietose visi, di soldo ad alcuni uffiziali del Ministero dei Lavo

degli Ungheresi doveva ricevere la propria tatrici e mancan di tutto Donne Napole
bandiera n'era matrina la figlia di Garibal tane, voi, pietosissime, dovrete dunque appren
di Il Generale Dittatore avrebbe conse dere dalle straniere la pi benefica e vera
gnata con le sue mani ai valorosi volontari piet, la piet patriottica?

ri Pubblici. Sono creati due nuovi posti di Capi


d'Ufficio di secondo rango nella Direzione Genera

le delle Poste per le lettere a destinazione dell'Ar


mata Piemontese, e pel richiamo in Amministrazio
Le donne Venete sotto l'oppressione Austria ne generale del servizio delle lettere a domicilio -

Ungheresi la lor nuova bandiera.

Il sangue che questi generosi hanno sparso ca ricamavano le tricolori bandiere pei reg Durante l'assenza del signor Filippo de Blasio, Di
per la causa nostra il valore militare che gimenti dei volontari che si raccoglievano rettore del Ministero dei Lavori Pubblici, ne assu

IL PUNGOLO

44

me le funzioni il signor Giovanni Andrea d'Andrea,


Direttore del Ministero di Grazia e Giustizia. Il

FUT

TRT

Veniamo assicurati che S. M. il Re si fer


Tutte le notizie che abbiamo dal campo
concorrono a confermarci nelle nostre pre mer due giorni ad Isernia, ove giungendo tro

signor Raffaele Torre nominato Ispettor Genera visioni.


I Borbonici si son ritirati dal Volturno, ab
le delle Prigioni nelle Provincie Continentali in luo
go del signor Michele Gallo chiamato ad altre fun bandonando alcuni materiali con cui stavano
zioni. Il soldo degli alunni dell'Amministrazione costruendo un punto pel passaggio.
Un capitano dei nostri pass il fiume a nuo
Generale dei luoghi penali portato da quattro a

v i miseri avanzi d'una reazione sanguinosa.


Il paese quasi deserto accusava col suo aspet
to di desolazione il feroce tentativo del Vesco

vo, che dimenticando il sacro carattere eccle

siastico, si fece capo di assassini, e sacerdo

ducati sei al mese. Nomine d'alunni nel Ministe to, portando quei materiali sulla riva nostra. te di atrocit.

ro dei Lavori Pubblici, ed altre promozioni nel


detto Ministero.
IN NOME DI SUA MAESTA'

VITTORIO EMMANUELE RE D'ITALIA

Jeri dovevano gettarsi dai nostri quattro ponti


Il Ministro Farini, che accompagna il Re si
sul fiume e, se non siamo male informati, il propone, a quanto dicesi , di esporre in un
passaggio fu gi cominciato ieri stesso, e un MEMoRANDUM questi casi al giudizio dell'Eu

Battaglione dei Garibaldini era gi sulla riva

ropa.

destra.

- --

Il pro-dittatore in virt dell'autorit a lui delegata


Si assicura che a Capua non sienvi pi che
Sappiamo esser giunto in Napoli il Capita
due reggimenti. I Borbonici si concentre no Nobili, aiutante di campo del Generale
Sulla proposizione del Ministro dell'Interno;
rebbero dietro il Garigliano.
Jeri e jer l'altro mattino vi fu presso Ga

Udito il Consiglio de'ministri,


Decreta

Art. 1. I Decreti del 1. febbraio 1845, 6 set ribaldi Consiglio


tutti i generali.
tembre 1852, non che i Rescritti del 4 marzo 1856

Fanti.
-e

di guerra a cui presero parte

Il ritardo del Vapore postale da Geno

Jeri sera il generale si coric per tempo, va, rendendo impossibile per oggi la di

e 18 maggio 1857 sull'Amministrazione dei luo e aveva dato ordine perch tutto il suo Stato stribuzione dei giornali, siamo forzati di
ghi pii laicali e stabilimenti di Beneficenza, sono Maggiore fosse presente per le due antime limitarci alle sole notizie interne se i
aboliti.

ridiane.

Art. 2. I Consigli degli 0spizii d'ora innanzi,


e ino a novella organizzazione, saranno composti
dal Governatore della Provincia Presidente , e da

La Gazzetta di Torino annunciava che il

giornali di questa sera recheranno noti


zie d'importanza daremo domattina un
Supplemento straordinario.

tre Consiglieri laici scelti tra i cittadini del Ca Re sarebbe in Napoli il 28 corrente.-Le no
poluogo e dei Comuni vicini, pi distinti per ca stre informazioni al contrario recherebbero che
pacit e patriottismo. Il Segretario Generale del la venuta fra noi del Re, salvo impreviste cir
la Provincia sar il Vice-Presidente di dritto.
Per la Provincia di Napoli il numero dei Con

--

DISPACCI ELETTRICI

costanze, non avverr prima del cinque o sei Il Segretario Generale del Governo in Sicilia
al Prodittatore in Napoli.

dell'imminente novembre.

siglieri sar di cinque, parimenti tutti laici,


Art. 3. Le commissioni Amministrative Comu

nali nel numero prescritto dalle Istruzioni Mini


steriali dei 20 maggio 1820, saranno ugualmen

Confermo il dispaccio d'oggi delle ore


due Favorisca partecipare al Dittatore, do
Questa mane alla Darsena avvenne un de ve si trova, i seguenti primi risuitati della vo
-- - - -

plorabile fatto. Tra gli onerai scoppi una


te composte di laici.
Art. 4. Le Cappelle e Congregazioni del San sommossa contro i capi di quelle o cine.
Dalle parole quegli sciagurati vennero ai
tissimo Corpo di Cristo, di fondazione laica, ritor
fatti-V'era
chi soffiava negli sdegni frementi,
neranno alla dipendenza laicale, cui vennero sot
e sperava trarne partito a suoi perfidi fini-l
tratte col rescritto del 18 maggio 1857.
capi
inermi, soli, furono brutalmente massacra
Art. 5. Tutti i beni e rendite dei luoghi pii
laicali e Stabilimenti di Beneficenza passati alla ti. Le truppe regolari dell'Italia superiore in

dipendenza Chiesastica pel rescritto del 4 marzo viate sul luogo ristabilirono l'ordine, e impe
1856 saranno immediatamente restituiti all'ammi dirono che il tumulto volgesse a peggio, arre
nistrazione laica.
Art. 6. I Vescovi ed altre Autorit Chiesasti

tazione:

Termini, elettori 3414, votanti 3249, tutti si.


Patti, elettori 1646, votanti 1646, tutti si.
Noto, elettori 2145, votanti 2118, tutti si.
Alcamo, votanti 3038, pel si 3024, pel no 14.
Piazza, 3700 votanti, tutti si.

Molo di Girgenti, elettori 883, votanti 754,


tutti si.

stando cinque individui, accusati di aver su

Favare, elettori 2337, votanti 2227, tutti si.


Naso, elettori 1372, votanti 1321, tutti si.

scitato quella scena di sangue.

Avola, elettori 1696, votanti 1646, pelsi1642,

Ci mancano ulteriori dettagli. Noi deploria pel no 3.


mento di tutti i beni su mentovati renderanno il mo questo fattoma deploriamo altresi che il
Montallegro, elettori 345 tutti votanti si.
Cefal, elettori 2363, votanti 1687, pel si
conto dei frutti effettivamente percepiti finora, re Governo non abbia saputo prevenirlo ed evi
1682, pel no 4, nullo uno.
stituendo l'avanzo se ve ne ha, dedotti i pubblici tarlo.
Era noto l'odio degli operai per questi ca
Pauco, elettori 896, votanti 862, tutti si.
pesi e gli esiti contemplati negli atti di fondazio
ne ed antichi stati discussi. Un regolamento spe pi-eran note le minaccie note le accuse che
Da per tutto graude esultanza. Sarebbe pre
ciale fisser il termine ed il modo in che tal con gl'incolpavano (se a torto o a ragione noi non ziosa qualche notizia di codeste provincie.
to debba rendersi.
sappiamo ) di aver usato sotto i Borboni bru
Palermo 22, ore 10, 30 aut.
Art. 7. Abolita del tutto negli affari della spe tali trattamenti verso gli operaj.
Perch non si provvide o a far giustizia se
cie l'ingerenza Clericale, rimane alle Commissioni
Comunali ed ai Consigli la cura di mettersi di ac giustizia era a farsi, o in ogni modo a rimuo
cordo con l'Autorit Chiesastica per l'adempimento vere le cause o i pretesti a nuovi disordini?
Parigi, 21 settembre.
delle opere di culto da praticarsi sul tenore degli Ecco le conseguenze della incuria ministeriale
Vienna
21.L'Imperatore
parte questa sera
due cadaveri, un delitto, e la giustizia umana
atti di fondazione e stati discussi approvati.
Art. 8. l ministri dell'Interno e degli affari Ec chiamata a punire perch non si seppe preve per Varsavia. Vi sono state grandi luminarie
a Vienna e a Pesth I fondi anno rialzato. Il
clesiastici sono incaricati della esecuzione del pre Illre,
che, che han tenuto fin oggi il possesso e godi

NOTIZIE TELEGRIFICHE

Maresciallo Benedeck nominato Comandante

sente Decreto.
--

dell' armata nella Venezia.

Napoli 23 ottobre 1860.


Il ministro dell'Interno -

Il Pro-Dittatore

RAFFAELE CONFORTI.

GIORGIO PALLAVICINO
- --

RECENTISSIME
Jeri sera il sig. marchese Pallavicino
ricevette il seguente dispaccio:
Torino 24 ottobre 1860.
Marchese Pallavicino Prodittatore.

Varsavia 21 Il Reggente di Prussia, pri


pere che i movimenti del corpo comandato da ma del quale era andato lo Czar arrivato
Cialdini e di quello comandato dal Re in per alari10-1l2 in mezzo alle acclamazioni popo
sona furono cos rapidi e decisivi che l'eser
DISPACCI ELETTRICI PRIVATI.
cito Borbonico trovasi stretto e angustiato in
modo da rendere molto pronta una soluzio
(AGENZIA STEFANI)
ne definitiva.-Le mosse dei corpi Garibaldini
sarebbero combinate con quelle dell'esercito
Torino 24 Napoli 24 (sera, tardi)
dell' Italia superiore. Ci si accorderebbe con

Da nostre notizie particolari veniamo a sa

queste parole molto significative che uscirono " stato pubblicato in Ancona il Decreto del

Napoli.
dalla bocca di un' alto personaggio: Fra po la convocazione dei Comizii pei giorni 4 e 5
L'Italia esulta pello splendido risultato del co Napoli sar assai sorpresa per una no novembre. Il plebiscito per l'annessione sta
plebiscito che al suo senno, alla sua fermez tizia di vitale importanza, che non preve to accolto con entusiasmo.
Fondi Francesi 68, 95

za, ed al suo patriotismo in gran parte do deva certo tanto vicina e che la colmer
vuto. Ella si acquistato cos nuovi e gloriosi di allegrezza

Consolidati - 93. 00

titoli alla riconoscenza delle nazioni.


-

C. CAVOUR.

J. COMIN Direttore.

NAPOLI STABILIMENTo TIP. DELL'ATENEo DoMENIco CASTELLINI Gerente Responsabile.

ANNO I.

Venerd 26 Ottobre 1860

Napoli

Milano

12.

G0L0

|L P

GIORNALE POLITIC0 P0P0LARE DELLA SERA


PREZZO D' ABBONAMENTO MENSILE

Napoli a domicilio
Provincia franco di posta .

Esce tutt' i giorni anche festivi, tranne le solennit,


gr.

45

L'Ufficio di Redazione. e la distribuzione principale presso


lo Stabilimento tipografico dell'Ateneo
Vico S. Maria Vertecoeli, N. 9.

so

Si ricevono Inserzioni a Pagamento.

30

Trimestre semestre ed anno in proporzione.


Per l'Italia superiore, trimestre.

Un numero separato costa

RIVISTA POLITICA
Napoli 26 ottobre 1860.

L. It.

in grano.

7,

nuova politica italiana e un'omaggio al vec- quanto essa sia concepita in termini pi o me
ino rivestiti delle consuete forme diplomatiche.
chio diritto publico Europeo.
Diffatti l'Imperatore di Russia. quel sovra La Russia e la Prussia adunque, con imper
cettibile variazione nel modo, non nno avuto
no che il simbolo dell'
assolutismo . e del

I due fatti pi importanti della giornata ,

di mira se non la manifestazione del loro dis


diritto divino in Eurona , non avrebbe potuto

dopo il congresso di Varsavia, sono senza


vedere con indifferenza la violazione delle vec senso, e del loro biasimo, ma senza un'al
dubbio la partenza dell' Ambasciatore di Rus chie norme anguste su cui riposa la sua stessa lusione a nuove misure, senza neppure l'ap
sia da Torino, e la nota del ministro prus potenza. ll suo silenzio come quello della Prus parenza d'una minaccia per l'avvenire.
sia avrebbe sanzionato un nuovo diritto inter

I giornali inglesi fanno constatare la diver

Cavour. Sono due atti politici il cui valore non nazionale, avrebbe scalzato quello consacrato
pu essere disconosciuto, e che ravvicinati al dai secoli , e accettato dalle vecchie monar
l'attitudine ostile dell'Austria, alla nuova fase
chie Europee.
della sua politica interna verso l'Ungheria,
Questa spiegazione, in armonia colle opi
rabbujano l'orizzonte, gi da tempo, poco nioni di una gran parte dei giornali pi ac

genza d'opinioni sorta in questi ultimi giorni


fra la Prussia e l'Inghilterra sul terreno della
questione italiana. Era certo che il Governo
inglese non avrebbe disconfessato l'indirizzo
dato alla sua politica ; e mentre Lord John
Russel, proclamava il rispetto ai diritti del
l'Austria sulla Venezia , il suo organo in In
ghilterra, il Daily News, lacerava la, Prussia
predicando alla Francia la necessit della sua
alleanza coll'Italia. Noi non sapremmo davvero
come conciliare il linguaggio violento di que
sto giornale, coll' asserzione dell'Opinion Na
tionale di Parigi, che accenna apertamente ad
un'alleanza Anglo-Prussiana. Ma un fatto che

siano, in risposta alla circolare del conte di

chiaro. Vi sar colleganza fra questi diversi creditati, trova una conferma ed un riscon
atti, o non saranno piuttosto l'espressione tro nella Nota del sig. di Schleinitz all'Am
parziale di opinioni partitamente professate ? basciatore prussiano a Torino (che riprodu
La Russia, la Prussia e l'Austria si saranno
ciamo pi avanti ).

ormai, prima di parlarsi, accordate sopra una


In questa Nota , d'un grande valore politi
linea politica da seguire in comune? Noi non co. il Gabinetto di Berlino
prende ad esami
lo crediamo.
nare le cause che, giusta il Memorandum del

Il richiamo del conte Stackelberg da Tori conte di Cavour, anno indotto il governo del
no, cio della legazione che lo rappresenta Re, ad imprendere la spedizione delle Mar

va, fu annunciato pi volte, e contradetto; e che e dell'Umbria; e senza disconoscore l'im ajuta a spiegare le mutate, o modificate relazio
ricordiamo come la Gazzetta di Torino del
portanza del nuovo diritto di nazionalit in ni del Gabinetto inglese con quello di Berlino,
giorno 20, disdicesse tale notizia, affermando essa invocato, rileva, come un sistema
cosif. il raffronto delle date della nota prussiana, e
dell'abboccamento del ministro degli esteri
anzi che l'ambasciatore di Russia aveva , al fatto, ove prevalesse, sconvolgerebbe

tutti
cuni giorni dopo il Memorandum Cavour, ac gli ordini antichi, renderebbe vacillante qua d'Inghilterra col signor di Schleinitz. Il primo
caparato un nuovo appartamento per l'inver lunque signoria, e innalzerebbe sopra gli a convegno a Coblenza ebbe luogo il giorno 12,
no. Ad ogni modo il fatto giuntoci per tele vanzi di quanto si fosse distrutto, una forma e la lettera prussiana porta la data del 13.
grafo, era desunto da un articolo del Giornale nuova di diritto delle genti. Il nostro corri Del resto questi nuovi dissensi sono pure fatti
Ufficiale del Regno, n pu essere negato. spondente di Parigi, a questo proposito, fa palesi dal manifesto ravvicinamento della Fran
I giornali francesi, ricevuti questa mattina giustamente osservare che la lettera del cia e dell'Inghilterra, dal linguaggio dei gior
si domandano a che pu mai condurre llIna Ministro Prussiano presenta
naturalmente nali dei due paesi, e dalla progettata gita di

siffatta rottura di relazioni diplomatiche, e

delle contraddizioni, che il linguaggio di Lord Palmerston a Compiegne,

Mentre le grandi quistioni Europee si discu


maravigliano perch'essa abbia potuto influire, plomatico mal riusci a mascherare .
come fece, sulla Borsa di Parigi. L' Indpen Checch ne sia, la Nota prussiana conchiu tono a Varsavia, e l'attrito di due opposti
dance Belge asseriva a questo proposito che
de Invitati a pronunciarci sopra tali atti, principi, minaccia di sconvolgere gli attuali
ingerenza armata da parte della Rus e sopra tali principii Noi NoN PossiAmo ordini politici, il fanatismo religioso agita in
Francia le coscienze, e valendosi della piet
sia negli affari d'Italia, non sicuramente CHE
DEPLoRARLI profondamente e sincera
fra le intenzioni attuali del Gabinetto mente, esprimendo nel modo il pi esplici degli uni, dell'idotismo degli altri, si afforza

Russo, n nelle probabilit politiche dell'av to, e il pi formale la nostra disapprova

dell'accecamento di tutti.

enire . Quale significazione avrebbe adun zione sia di questi principii, sia dell'appli
que quest'atto, se non pare di natura a ge cazione che si creduto di poterne trarre .
nerare dissensi maggiori? A noi , senza pre Evidentemente la Nota prussiana si limita
venzioni, esso sembra una disapprovazione alla
ad una pura e semplice disapprovazione, per

Lione, che fidando sull'apparente indulgenza

La Gazzetta di

del Governo imperiale, alimentava, e

inco

raggiava gli spiriti devoti al partito pretino,


fu soppressa. Il nostro corrispondente parigi

IL PUNGOLO

46
mo augura con ragione, che questa lezione
possa tornare di giovamento agli altri organi
clericali, come La Gazzette de France e Le
Monde, che paiono trascinarsi pella medesi

avr saputo valutare anti l'atto stesso che invoca il principio del non-in
cipatamente i motivi di un tal ritardo. Perch, tervento in favore d'Italia, non indietreggia
nicazione, V. Ecc.
da una parte,

ella sa quanto noi desideriamo dinnanzi alle infrazioni le piu flagranti dello

mantenere i buoni rapporti col gabi di stesso principio nei suoi rapporti cogli altri
Stati ltaliani.
Torino, e dall'altra, le regole fondamentali
Invitati a pronunciarci sopra tali atti, e so
SOI10
troppo
presenti
al
| della nostra politica
ma via.
suo spirito perch ella non ab dovuto pre pra tali principii, noi non possiamo che deplo
Una notizia che aveva allarmata la Borsa sentire la profonda divergenza di principi, che rarli profondamente e sinceramente, e credia
adempiere ad un dovere rigoroso, espri
di Parigi, unendosi all'altra del richiamo del qualsiasi spiegazione doveva necessariamente mo
mendo nel modo il pi esplicito e il pi for
,

l'Ambasciatore Russo da Torino, era quella mettere in ritievo tra noi e il governo del re male la nostra disapprovazione sia di questi
vittorio Emanuele. Ma in faccia al crs s

di un Ullimatum Austriaco al governo italia

pre pi rapido degli avvenimenti noi non s principii, sia dell'applicazione che si credu
no, con cui gli si poneva a condizione di premmo prolungare un silenzio, che potrebbe to poterne trarre.
invitandovi, signor Conte, a dar lettura del
pace, lo sgombero delle Marche, dell'Umbria, dar luogo a deplorabili malintesi e gettare una presente
dispaccio al signor Conte di Cavour
falsa luce sui nostri veri sentimenti. All'og
e dell' Italia meridionale. E inutile di dire che getto
dunque di prevenire appreziazioni erro ed a lasciargliene copia, colgo quest'occasio
un tale documento non esiste, e noi crediamo nec, d' ordine di S. A. R. M. il Principe Reg ne, ecc.
Firmato SCHLEINITZ
io vi esporr senza riserva il modo on
che l'Austria abbia fatto troppo dura esperien
gente,
za dei suoi ultimatum nel 1859, per volerne e noi consideriamo gli ultimi atti del g
-

rinnovare il tentativo. I suoi apparecchi mili no sardo e i principi sviluppati nel suo pre
tari, la caduta del suo vecchio sistema all'in citato memoraudum.

Nostra corrispondenza

Tutti gli argomenti di questo documento


Parigi 2/ ottobre
terno, le carezze all'Ungheria, e la nomina mirano al principio del dir assoluto delle
nazionalit.
Certo,
noi
siamo
lg
dal voler
L'attenzione generale, sospesa per un mo
del generale Benedek a comandante dell'eser
nella Venezia, sono certamente una prova delle , l'alto valore dell'idea nazionale mento, aspetta le prime notizie della riunione
sue intenzioni ostili verso

di noi. Cos pure Essa il movente essenziale altamente pro di Varsavia, dalla quale per altro non posso
clamato della nostra stess politica, la quale no attendersi risultamenti immediati, e dir

in Germania avr sempre per P. lo svi quasi, materiali, ma piuttosto la tendenza no


fini, lungo la linea del Mincio e del P, luppo e la riunione in una organizzazione piu vella che prender la politica del governo rus
confermano la presenza di truppe, poste sul efficace e pi potente delle lor nazionali. Ma so. I pi eminenti rappresentanti della diplo:
tutte le notizie che ci giungono dai nostri con

nell'atto che attribuisce al primp delle na mazia russa non sono stati invano chiamati
completo piede di guerra.
zionalit
una importanza in88 il gover presso il loro sovrano, chiaro ch'essi dovran
Pur non di meno, ad onta di cosiffatte ap
no prussiano non potrebbe " la giu no rischiararlo sulle condizioni attuali della
parenze noi persistiamo a ritenere che il prin stificazione d'una politica che rinunciass politica generale e ricevere le sue istiuzioni.
-

cipio del non-intervento sar rispettato. Che se rispetto dovuto al principio del diritto. In quel
La famosa protesta della Prussia, annunzia
ta
piu volte e pi volte smentita, stata que:
l'Austria, disprezzando i consigli dell'Europa, la
'vece,
lungi
dal
risguardare

"
patibili questi due principii, egli pensa che
e l'autorit d un nuovo diritto, generalmeute inicamente nella via legale riforme e sta mattina pubblicata da alcuni dei giornali
francesi. Non gi veramente una protesta,
assentito, ci assalisse sul P, noi abbiamo dati rispettando i diritti esistenti, sia pesulesso ad
ma una risposta al Piemonte. Il sig. di Schlei
positivi per credere che non vi avrebbe gran un governo regolare di realizzare i legittitui nitz non nega certamente il principio delle
nazionalit, ma gli oppone la legalit, voluta
di vantaggi, n vi fa ebbe grandi progressi. voti delle nazioni.
Secondo il memorandum sardo, il tutto do dal dritto delle genti. Questo dualismo assai
Le altre potenze, vedendoci aggrediti, compren
vrebbe cedere alle esigenze delle aspi difficile a conciliare. Ond' che la lettera del
deranno finalmente questa grande verita, che nazionali, e tutte le volte che l' opinione si Ministro Prussiano presenta naturalmente delle

cio la pace del mondo non pu ottenersi se fosse pronunziata in favore di quest p contraddizioni che il linguaggio diplomatico
che

non soddisfacendo ai bisogni, ed appagando i zioni, le autorita esistenti non avrebbero


ad
voti d' una nazione che per la sua posizione ad abdicare il loro potere diunan

mal riesce a mascherare.

una

slini le manifestazione

geografica, e la sua condizione morale, og

ora una massima tanto diametraluente p

Checch ne sia, questa lettera prova chia


ramente che l'armonia tra la Prussia e l'ln

ghilterra, armonia che faceva gi cantar vit:

gimai arbitra della quiete presente e avvenire di posta alle regole le piu elementari del diritto toria ai fogli legittimisti e clericali, non cos
tutta l'Europa. L'articolo del Costitutionnel, di delle genti non potrebbe trovare la sua appli perfetta quanto essi la credevano e la vanta
vano recentemente. Il dire del sig. de Schlei
i piu gravipolitico
pericolie Pl
l
cui ci giunge oggi un sunto per telegrafo, cazione
d'Italia, senza
per l'equilibrio
de 1
nitz poco conforme alle vedute ed alla
dimostra come questa opinione sia divisa dalla Europa. Col sostenerla si abbandon politica inglese riguardo all'Italia. Del resto
stampa Ufficiale francese, e fortemente appog delle riforme per gettarsi in quella del la stampa Inglese, e principalmente il Daily

luzioni.della
Intanto,
appoggiandosi su
giata dal Governo. Un ltalia organizzata e po soluto
nazionalita italian e senz'avere
tente, esso dice, nell interesse dell'Europa. ad allegare alcuna altra ragione, il governo
Una nuova imprudenza costerebbe all'Austria di S. M il Re di Sardegna ha domandat

Avetes, organo di Lord John Russell, dice chia:


ro di non ammetter communit di principii

tra la Prussia e l'Inghilterra, salvo che il prin

cipe Reggente non faccia, a Varsavia, gran

la Venezia, e ci risparmierebbe di dovere, in la Santa Sede il rinvio delle sue truppe di concessioni di principii alla politica lngle

un tempo pi o meno breve, rompere quei italiane, e senza neppure attenuere


questo, ha invaso gli Stati pontifici
confini che sono un'offesa alla dignit della di
occupa presentemente la maggior parte.
nazione, e una continua minaccia alla sua
Sotto questo stesso pretesto, le insurrezioni
SiCU TeZZd,
che scoppiarono in seguito a questa invasione
-se--

sono state sostenute, l'armata che il Sovrano

Pontefice aveva tornato per mantener l'ordine


NOTA DEL SIG. DE SCIILEINITZ AL SIG. stata attaccata e dispersa. E lungi dall'arre
CONTE BRASSIER DE ST. SIMON.
starsi in questa via ch egli prosegue in onta
al diritto internazionale, il governo sardo ha
Coblenza f8 ottobre
Signor Conte

se. L'interesse evidente della Francia, dice il

Daily News e di stringersi da una parte

al

l'Inghilterra
all' degli
Italia.affari
Su questo
punto il foglioe dall'altra
del Ministro
esteri
d'accordo col giornale della City. Ecco le

precise parole del Times : Tutto

calcolato,

l'interesse dell'Imperatore dei Francesi si trova

oggi nella causa dell'Unit italian , ess

gli

di certamente una grande alleanza monar


chica in Europa, mentre invece se, ora che,
iatto test dar ordine alla sua armata di pas ma fatto tanto cammino, se ne allontanass,
un alleanza, e forse non ne gua
sare su diversi punti le frontiere del regno di perderebbe
dagnerebbe un'altra in sua vc, Se abban

il governo di S. M. il Re di Sardegna, fa Napoli, collo scopo manifesto di venire in


i 1alia, si alienerebbe il Piemonte ,
cendoci comunicare per l'intermezzo del suo aiuto dell'insurrezione ed occupare militarmen donasse
metterebbe
con l'Inghilterra,
e per:il
ministro a Berlino il memorandum del 12 set te il paese. In pari tempo, sottoposto alle si
derebbe tutto ilmale
terreno
che ha fortificato
piemontesi un progetto di legge ted suo trono aei sentimenti delle nazioni liberali
tembre, sembra aver anche voluto impegnarci Camere
a fargli parte dell' impressione che questi ul dente ad effettuare nuove annessioni in virt
).
timi atti e i principii, con cui egli ha cercato del suffragio universale, e ad invitare in tal d'Europa
Questa brama
di pi strett ravvicinamen
modo
le
popolazioni
italiane
a
dichiarare
for
di giustificarli, hanno prodotto sul gabinetto di
to tra la Francia e l'Inghilterra da Prt
malmente
la
decadenza
dei
loro
principi.
Gli
S. A. R. il Principe Reggente. Se prima d'og
del gabinetto e della nazione inglese, acqui-,
gi noi non abbiamo risposto a questa comu in questa maniera che il governo sardo, nel
-

47

IL PUNGOLO

s -s-e

sta molta importanza in faccia all'imminente stesse di quelle contenute nell' altra celebre
riunione di Varsavia. Il viaggio del signor brochure: Le pape et le congrs.
di Persigny a Parigi non mica estraneo a
Vi noto anche un altro opuscolo l'Eglise
questa idea. Il Ministro francese venuto te. en Hongrie.
un'enumerazione di giusti rim
st qui per esporre di viva voce all'Impera proveri della chiesa cattolica ungherese con
tore la situazione, tal quale gli stata comu tro il governo di Vienna. Essa porta la data
nicata da Lord Palmerston a Broadland, ove
i due uomini di stato han passato una setti

di Buda-Pesth; ma stata pubblicata a Parigi.


Non vi parlo, che per la forma, della

merosa armata. Si annunzia in pari tempo

che una parte delle bande irresponsabili di


Garibaldi chiamata dalla estremit meridio
nale dell'Italia alle frontiere della Venezia e
della Lombardia. Turr deve formare colla sua

brigata di volontarii l'avanguardia dell'arma


ta sarda.

L'Ost-Deutsche-Post fa in seguito intrave

mana insieme; ed il suo viaggio avr certa Russie rouge del Principe Troubetz koy, che dere i pericoli imminenti di questa situazione.
mente per conseguenza l'adozione d'una po vorrebbe la Gallizia annessa alla Russia , e Le truppe comandate da Turr non appena sa
litica piu intimamente uniforme tra i due pae che risveglia tutte le idee del Panslavismo.
si. Essa contrabilancer le disposizioni che sa Ho scelto queste tre o quattro fra le molte,
ranno prese dalle grandi potenze del Nord perch hanno attirato maggior attenzione.
a Varsavia, ove fossero ostili al trionfo delle

ranno giunte sul Po e sul Mincio che cerche


ranno d'eseguire colpi isolati sul territorio au

striaco. Si provocher l'insurrezione su tale


e tal punto e, grazie all'appoggio dei Gari

--

idee liberali.

Il partito clericale si agita sempre pi in

di giorno in giorno pi vi.


rulento contro l'Italia in generale, e contro
il Piemonte in particolare. Il governo Fran

COSE INTERNE

Francia e diviene

baldini, ne risulteranno delle scaramucce pi


o meno importanti. Ora, se l'Austria conside
ra questi combattimenti rivoluzionarii d'avam
posti come il principio della vera guerra e si

Sunto dei Decreti pubblicati dal Gior spinga avanti, la Sardegna si dichiarer la
nale Ufficiale del 25 ottobre.
parte attaccata. Essa non vorr accettare la
". "
agita",
pubblicato un nuovo Regolamento per la no responsabilit di ci che faranno i corpi fran
.
atterla. "
Questa
mattina
il Moniteur ha pubblicato il decreto che sop mina dei graduati della Guardia Nazionale di Na chi di loro propria volont. Quale sar allo
prime la Gazzetta di Lyon, uno degli or poli L'avv. signor Damaso Pugliatti nomina ra la condotta della Francia? Il foglio austria
gani piu " del legittimismo e dell'ultra to Consigliere del Governo della provincia di Ca co sembra credere che la Francia vedrebbe
labria Ulteriore 1.- Somo nominati Segretarii in questo fatto una violazione del principio
" "" " il decreto prece gonerali
della Tesoreria Generale i Cav. Gennaro del non-intervento, ed interverrebbe anch'essa
-

i" ministro, rapporto


" ( se possibile) alla

che fara aprir gli oc

Bifani e Domenico Viterbo in luogo dei signori

Gazette de France

Raffaele Catalano e Gennaro Venditti messi al ri

"""
Simil natura,al il onde"
cui lin
:- -,

alla sua volta.

Ci che fa d'uopo all'Austria, dice con

tiro. Il signor Francesco Quarto nominato Ispet cludendo l'Ost-Deutsche-Post, si una dichia

guaggio divenuto intollerabile


tor genarale di Contabilit in luogo del Viterbo razione breve , positiva e pubblica, che un
Da altra parte, non deb bo tacere (per es promosso. Seguono altri decreti di promozioni attacco contro le sue frontiere sar considera
sere imparziale ) che lo s tesSo Moniteur ri nel personale del Ministero delle Finanze. I si to come un attentato alla sicurezza dell'Euro
-

produce un p assiduaamente gli estratti del


Giornale di Roma; il che sembra indicare
da parte di questo g overno una tendenza pi
favorevole
alla causa del Papa. Vuolsi che
l' I

gnori Emmanuele Donzelli e Francesco Costa so

ropa, sia esso fatto coll'appoggio o senza del

no reintegrati nel Ministero delle Finanze, e sono la Francia , dal Piemonte stesso o dai suoi

nominati il primo Uffiziale di Carico di 3 Classe,

corpi franchi; che l'Austria, la quale provvi

il secondo Uffiziale di 2 Classe, 1o rango. So soriamente si trova in istato di respingere l'i


peratore abbia detto al Marchese di Ca. no messi al ritiro, col diritto alla pensione di giu nimico senza soccorso straniero, non pu es
re che egli non approvava l'intervento pi. stizia, i signori Pasqnale Cipriani, Gaetano Croc sere arrestata nella persecuzione di quest'ini
e Giovanni Scarola, uffiziali nel Ministero del mico da alcuna disposizione del trattato di
" nelle Marche e nell' Umbria . Ma leco Finanze.
I signori Luca Savarese, Prorazio Villafranca, al contrario una volta che il Pie
" "sario ad osteggiarlo c' gran
-

nale della Gran Corte dei Conti, e Bruno Cafaro, monte abbia direttamente o indirettamente co

qui che la partenza di Monsi sono nominati uffiziali di Carico di 3 rango. I minciato la guerra contro l'Austria, il trattato
gnor Sacconi per Roma sar seguita da un signori Alessandro Gicca e Beniamino Ippolito so di Zurigo sar lacerato e il Piemonte dovr
viaggio del duca di Gramont a Parigi per no nominati il primo uffiziale di 2 Classe 2 ran solo sopportarne tutta la responsabilit
motivi di salute per ora pOSSO assicurar go, il secondo uffiziale di 3 Classe 2 rango. Ora, la dichiarazione di cui l'Austria ha
i che nulla di positivo pu dar credito a ll Ricevitore Doganale di prima Classe signor An bisogno, da chi sar fatta? Dalla Prussia o
questa voce. Pare anzi che nell'ultima con tonio Onofri nominato Controloro attivo di pri dalla Russia ? A dir vero, rost-Deutsche-Post,
ferenza che Monsignor Sacconi ha avuto con ma Classe. Il signor Francesco Fiore-Serra senza farvi troppo assegnamento, crede per
l' Imperatore, questi, sicuro che il Papa non nominato Ricevitore del Distretto di Nicastro, in che il pericolo troppo imminente perch

lascerebbe Roma, gli abbia risposto parole luogo del principe Capece Zurlo, esonerato. Il queste Potenze esitino un momento a preve
a calmare le apprensioni dei Messo pon signor Leopoldo Zoleo nominato Controloro dei nirlo. Non si pu ancor dire fino a che pun
tificio. Almeno questi se n' mostrato pago. Dazii Indiretti di seconda Classe. Sono aboliti i to la fiducia del foglio austriaco sia fondata,
Si ritorna a parlare d'un

cambiamento nel

due posti d'Ispettori sedentarii creati con risoluzio ma il Nord, riproducendo l'articolo, di cui

personale del Gabinetto francese. Il signor ne del 13 giugno di questo anno, e sono in loro abbiamo dato una breve analisi, si crede au

Thouvenel non certamente un caldo

par

vece ristabiliti nella Gran Dogana di Napoli i quat torizzato a farlo seguire dalle seguenti osser

ggiatre della causa italiana, ma il richia tro uffizii di Controloro sedentaneo. Il signor vazioni :
Noi abbiamo delle ragioni per dubitare
mo dell'ambasciatore francese da Torino Luigi Verdinois, Direttore dei Dazii Indiretti di
non che qualche articolo di biasimo al pie. 3 Classe, promosso alla 2 Classe; il signor che il Convegno di Varsavia dia all'Ost Deut
monte pubblicato espressamente nei fogli se Aniello Scialoia, Ispettore di 1 Classe nomi sche-Post la soddisfazione che affetta di spe
mi-ufficiali ( e non nel Moniteur con egli nato Direttore di 3 Classe in luogo del signor rare; ma ci di cui permesso molto pi di
l avrebbe desiderato ) lo fanno restare agli Verdinois; il signor Felice Pierri, gi impiegato dubitare, si la previsione che l' astensione
affari.

Doganale, nominato Ispettore di 1 Classe.

dell'Europa negli affari d'Italia sia il segnale

Ricomincia il mvimento delle brochures. Il colonnello Livio Zambuccari nominato Ispet d'una guerra generale. Noi sappiamo che a
L ora suprema dell'Italia dell' ex-rappesen tor Generale dell'esercito Nazionale.
Vienna si ha il vezzo di battere sulla spada,

tante all'Assemblea del 1848, signor Mio


uno di questi opuscoli, ed il pi recente.
Eccone la conclusione: La logica dei
fatti mi porta naturalmente a dire che gl' i
taliani possono andare a Roma per isceglie

ma sappiamo pure che, dopo le lezioni

dell'an

---

NOTIZIE ESTERE ED ITALIANE

no scorso, ci si penser su due volte prima


di gettare il fodero
li La Gazzetta d'Asburgo pretende sapere

L'attitudine minacciosa, che prendono a

che il governo austriaco aveva giorni fa, ri

re questa citt, farne la capitale dell Italia vicenda l'Austria e il Piemonte, preoccupa se
una, e stabilirvi la sede del loro governo. riamente, e non senza ragione, tutti gli ani
I soldati francesi sono nella citt santa per mi. Un giornale di Vienna, noto organo au
proteggere la persona spirituale, questo il striaco, l'Ost-Deutsche-Post vi scorge un sin

cevuto da Asburgo delle comunicazioni atte ad


esercitare una pressione liberale sul gabinet
to e ad affrettare la pubblicazione delle rifor

voto, questi sono le intenzioni del loro ca tomo di conflagrazione pi o meno lontana.
po supremo.
La quistione della guerra, dice questo fo

me promesse all'impero. Trattavasi dell'invio


di una forte squadra inglese nell'Adriatico per
proteggere, al bisogno, i porti e gl'interessi

Si parla anche d'un altro opuscolo che a glio, si avvicina sempre pi alle nostre fron commerciali dell'Austria; ma l'invio di questa
vrebbe per titolo Entrevue de Varsovie e tiere. Dacch Ancona caduta nelle mani di squadra sarebbe stato subordinato a concessio
per autre un alto personaggio politico. (Per Vittorio Emanuele, tutta la nostra costa ni liberali. Del resto, aggiunge la Gazzetta,
ora no l nomino, perch ignoro ancora se costantemente esposta a tutti gli attacchi, non non si tratta pi di rinnovare la Santa Al

l'opuscolo gi scritto, sar o no pubblicato) esclusi i fiumi che circondano le frontiere del leanza, ed probabile che il colloquio di Var
Le conclusioni di quest'opuscolo sarebbero e l'Austria, e su cui l'inimico concentra una nu savia non riuscir che ad una protesta con

IL PUNGOLO

48
t-ausasserter e ras:gri:2

vi: s a 3 in r ttalizz-

tro l'estensione della situazione rivoluzionaria,

rtri

RECENTISSIME

ed a conferenze generali sui provvedimenti a


La Gazz. Militare dice che son quasi
prendersi per impedire che il movimento ri
voluzionario si propaghi nelle provincie slave. compiuti gli studi per la fusione dell'armata
La Patrie smentisce ricisamente la noti napoletana colla nostra. Pare che a tal fine

zia che il sig. Hubner siasi recato a Parigi verranno chiamati sotto le armi tutti i giova
colla missione che gli attribuiva il Courrier ni del continente napoletano che per l'et ne
hanno l' obbligo, e distribuiti in proporzione

du Dimanche, quindi soggiunge:

Noi non discuteremo voci che non sem fra tutti i reggimenti attuali, da cui si trar

brano riposare che su semplici congetture, ma ranno le compagnie necessarie a formare il

2 tto

as ..:

Peas

its:Ar

ai

doppiare, in questo momento di attivit e


di zelo per preservare lo Stato dai danni di
nna improvvisa invasione. Tuttavolta da Pe
rigi, come da Londra, sonosi ricevute am
pie e formali assicurazioni che l'Austria in
tende starsene sulle difese, e ch' essa poco
disposta a sostenere una nuova guerra.
Quanto all'attitudine delle altre grandi po
tenze a riguardo dell'Italia, siate sicuri che,
a malgrado delle proteste e del richiamo de

noi ci rifiutiamo, ino all' ultimo momento, a nucleo d' altri reggimenti, il cui numero non gli ambasciatori da Torino, il giorno non
lontano in cui l'Europa civile potr mostrare
credere a questo progetto d'intervento dell'Au finora stabilito.
che verranno con apertamente quella simpatia ch'essa oggi nu
inteso

ufficialita
All'
stria. Il gabinetto di Vienna troppo occu
tre in segreto per la nostra causa.
pato in questo momento a scongiurare nell'in servati i gradi.

mi
quale
dalla
crisi
formidabile
una
terno
Leggiamo nella Gazzetta di Perugia:
La nostra flotta parte questa sera per
nacciato, per pensare a uscire dalla sua atti
Sappiamo che a Viterbo cresce imponentis Gaeta.
tudine difensiva. I soli nemici della casa d'A sima l'emigrazione. I ciericali stessi sono sgo
sborgo potrebbero consigliare all'imperatore mentati di questa solenne ed energica prote
simili avventure. Noi lo ripetiamo: queste vo sta contro il restaurato governo. Intanto cir
N0TIZIE TELEGRAFICHE
ci d'intervento ci fanno rimanere increduli.
cola un indirizzo dei Viterbesi a Napoleone,
La Gazzetta di Torino ha questo dispac
Troviamo in una lettera parigina essere e vien coperto di gran numero di firme.
particolare:
cio
politici
circoli
nei
domani.
accreditata
molto
daremo
Lo
opinione
Parigi, 20 Ottobre (ore 11.40 pom.).
di Londra e di Ginevra, che l'Imperatore Na
Sebbene le uostre notizie raggruppate
Si ritiene che l'Austria attaccher se Var
lettera
Czar una
poleone abbia
Kis nella Rivista politica d'oggt facessero consta savia le sar favorevole.
al sig.
confidato
M. haallo
che S.scritto
autografa
La Francia domanda spiegazioni sui concen
selef perch sia rimessa nelle sue proprie ma tare una divergenza di vedute politiche, fra
--

ni. Questa letera, secondo quel che se ne l' Inghilterra e la Prussia, pure non possiamo
passare sotto silenzio queste parole dell'Opi
dice, sarebbe una nuova conferma imperiale nion
Nationale.
in favore d'una politica conservatrice.-Si pu
Nationale crede dunque che l'al
L'Opinion
So
credere alla lettera, ma non al contenuto.

tramenti austriaci.

Il Consiglio dei marescialli riunito.


Parigi 22 ottobre
Metternich giunger mercoledi.

Patrie: Assicurasi che una Nota di lord


no certi impegni che Napoleone non uso a leanza anglo-prussiana verra sanzionata nel con
prendere in parola, e molto meno in iscritto. siglio di gabinetto del 20. Si spera chechelord
Russell al gabinetto di Pietroburgo ri
Jhon
si
Palmerston approfitter del meeting,

La Gazzetta di Lione, foglio clericale e


diritto assoluto dell'Austria sopra
il 26 del corrente, per far conosce ilsoggiungend
o che per tutte le altre
legittimista, stata soppressa. E degno di no raduner aalLeeds
Venezia,
pubblico i resultamenti di questi parti d'Italia il diritto di non intervento deve
conoscere
ne
che
dell'interno,
ministro
del
rapporto
il
ta
ha proposto la soppressione. Eccone il sunto:

negoziati.
essere praticato assolutamente dall'Europa.
Il soggiorno dell'Imperatore austriaco a (Vedi nelle recentissime le parole del Daily
sato che conveniva lasciare una larga libert Varsavia non oltrepasser i due giorni. Si con News),
alle osservazioni dei giornali; ma la tolleran: ferma positivamente che il convegno fu solle
Varsavia, 22 (sera). L'imperator d'Au
za sarebbe una debolezza, se le discussioni citato dalla Corte di Vienna, e che a France stria qui giunto fu ricevuto dallo Czar alla
degenerassero in ostilit ingiuriose, in provo sco Giuseppe non venne fatto alcun invito uf. stazione della ferrovia. Lo Czar vestiva l'uni

Nelle circostanze attuali, il governo ha pen:

cazioni colpevoli. Da alcuni giorni si pro


dotto un raddoppiamento di violenze in

forme austriaca; L'Imperatore l'uniforme russa.

ficiale d'intervenirvi.

La Gazzetta di Monaco del 22 ha da To

quel

Londra, 20 ottobre. La stampa inglese rino 21, che gli ambasciatori di Prussia, Spa
la parte della stampa, che ha la pretensione
di rappresentare la causa sacra della Chiesa. continua a mostrare una certa irritazione a gna e Portogallo fanno preparativi di par
Un atto di fermezza diviene necessario: le co proposito dell'abboccamento di Varsavia. Il tenZa.

scienze sono turbate, l'autorit e la fede so Times contesta ai tre sovrani del Nord il di
programma, per sottomet
no indebolite dalla confusione che lo spirito ritto di redigere un
one
una simile

Parigi 23 ottobre.
Dal Constitutionnel del 23 : Grandguillot
dell' Europa;
rallegrasi coll'Austria relativamente alle rifor
di partito cerca di stabilire tra le passioni e tere all'accettazi
gl'interessi religiosi. Si compromette la reli intrapresa, secondo il giornale della City e co me, deplora che non sia inviato a Venezia un
gione facendo discendere i principii i piu ri: stituirebbe una impertinenza che ferirebbe cer governatore generale invece di un governato

tamente il sentimento generale dell'Europa .


complicit dei risentimenti
spettabili fino alla che
il paese ha tante, vol Il Daily-News, protestando non meno ener
o delle ambizioni,
te ripudiate La Gazzetta di Lione si se gicamente contro qualunque rinnovellamento

re militare.

DISPACCI ELETTRICI PRIVATI,

della S. Alleanza, cerca d'attenuare il senso

gnalata in prima linea per i suoi appelli in

(AGENZIA STEFANI)

ll
cessanti all'agitazione, per la perfidia dei suoi dell' ultima nota di Russell al Piemonte.
neces

Venezia
la
che
riconosce
Daily-News
op
attacchi contro il governo e pel disdegno
posto ai benevoli avvisi dell'amministrazione. saria all' Italia; tutto ci che lord Russell ha

Torino 25. Napoli 25 (sera tardi).


Il Constitutionnel del24 contiene un artico

Nel numero del 17 specialmente, essa giun voluto dire, si che l' Italia deve astenersi lo considerato semi-uffiziale , sulla politica
ta ad un eccesso ch impossibile di tolle da qualunque aggressione prenatura contro francese in Italia. Respinge le accuse di chi
l'Austria.
rimprovera la Francia di non intervenire con
rare.
la rivoluzione, e di chi vorrebbe vederla
A Parigi sono stati notati come sintomi L'agitazione grandissima tra le popo tro
sostenere il movimento italiano e tutte le sue
di
l'invio

stato
primo
Il
fatti.
bellicosi due
lazioni slave. 2,000 Turchi sbarcarono nel por
50,000 fucili della fabbrica di Saint-Etienne to austriaco di Ragusi per comprimere qua conseguenze. Dimostra che la Francia non de
in Piemonte il secondo un credito di 75 lunque movimento nel versante occidentale dei ve seguire n l'una n l'altra di queste con
dotte. Agendo contro l'Italia, Napoleone tra
milioni aperto al ministero della guerra in monti dell'Erzegovina.
direbbe la propria origine: appoggiando la ri

Francia. Ridotti per questi fatti al loro giu


sto valore, noi vediamo ch' essi non possono

Scrivono alla Perseveranza da Torino, voluzione dovrebbe rompere contro Russia,


22 ottobre:

essere indizii di prossima guerra. In quanto


ai fucili, non la prima volta che la Fran

Prussia ed Austria. L'articolo conchiude rite

In seguito ai recenti atti emanati da Vien nendo possibile un Congresso per assestare gli
e che possono interpretarsi siccome una affari d'Italia. L'interesse dell'Europa richiede
na,
quan
in

Piemonte
al
fucili
suoi
i
cia vende
e potente. L'Eu
to poi al credito, esso pu agevolmente spie minaccia di guerra contro l'Italia, furono qui che l'Italia sia organizzata
la
atto della sua giu un
con
consolidando
ropa
,
in
opporre
per
misure
necessarie
le
prese
garsi coll'aumento della guarnigione di Roma
caso di assalto, energica resistenza. Assicu risdizione si mostrerebbe previdente e giusta.
e coi bisogni della spedizione in China.
Francesco II, in una nota rimessa al rasi che fra le disposizioni adottate quella L'articolo firmato dal Segretario della Re
dazione.
Corpo diplomatico residente a Gaeta, protesta di portare ad ottanta il numero dei batta
Fondi francesi. . . . 68,85
,
Nazionale
Guardia
della
mobilizzati
glioni
contro il voto del plebiscito che dichiara nul
93
. . . . .
Consolidati
lo e di nessuno effetto. Vedremo quale rester alla quale verrebbero affidate le piazze forti
Regno.
del
senz' effetto, la protesta o il plebiscito.
J. COMIN Direttore.
-

"

La prudenza consigliava al governo di rad

NAPOLI STABILIMENTo TIP. DELL'ATENEo Domenico CastELLINI Gerente Responsabile.

ANNO I.

Milano

Napoli

13

GIORNALE POLITICO POPOLARE DELLA SERA


- - -- - --

PREZZO D'ABBONAMENTO MENSILE


.

Esce tutt i giorni anche festivi, tranne le solennit.


gr.

30
45

Napoli a domicilio . . . . .
e
Provincia franco di posta . . . .
Trimestre semestre ed anno in proporzione.
L. It. 7, 50
Per l'Italia superiore, trimestre. . . .
Un numero separato costa Un grano.
-

zee

,se

L'Ufficio di Redazione, e la distribuzione principale presso


lo Stabilimento tipografico dell'Ateneo
Vico S. Maria Vertecoeli, N. 9.

|
Si ricevono Inserzioni a Pagamento.

r.: 5 E3

un' onda ne porta a mucchia, un'altra ne stria e la Russia la consiglia d'andar cauta

I FATTI COMPIUTI
III.

spazza via pi di quanto vi avea prima portato.

nel collegarsi a suol poderosi vicini - La sua

L'Austria non pu essere potenza liberale alleanza con essi non pu che rafforzarli en
per quanto ora ne scimieggi il fare e il lin trambi, ed accrescere cosi la propria debo

guaggio; ella sa bene che solo il vincolo del lezza a loro confronto, aumentando i pericoli
L'articolo del Constitutionnel sulla poli l' assolutismo pu tenere unite le varie e si di una posizione gi da s pericolosa.
-tica Francesa in Italia, di cui ieri il telegrafo disparate membra di cui composta , e che
Nn crediamo quindi ad una seria allean.
ci

rec un sunto, e che fu considerato co non hanno naturale coesione fra loro.

za della Prussia coll'Austria e la Russia. -

me semi-uffiziale, una conferma di quanto


La Prussia invece lo per natura, e de Ne far mostra, e minaccia perenne per te
noi abbiam detto nel nostro primo articolo I v'esserlo per interesse. Essache non si nere in iscacco la Francia; date certe circo
fatti compiuti inserito nel numero del 21 compone - come l'Austria , di varie naziona stanze potr anche venire ad un alleanza di
corrente,

Facciamo l'Italia, abbiam detto , e la


Francia non solo non si muover per distrug
gerla, ma sar costretta a proteggerla .
Questa necessit le viene dalla natura

lit, ma ch' essenzialmente potenza Tede


sca-ha la necessit di soddisfare lo spirito,
le tendenze, l' esigenze del popolo Tedesco
che, come tutt i popoli progrediti nella civil

fensiva ma ad un'alleanza offensiva, non


si lascier trascinar mai, perch sa che in

questa per lei sarebbero tutt'i pericoli, per

gliLaaltri
tutt'i guadagni.
vera e la natural alleata della Prussia
t, vuole la libert come unica fonte di be
delle cose. "
nessere civile, morale, e materiale, come l'Inghilterra come, a sua volta, la natu
La Francia deve proteggerla, abbiam detto unica base di grandezza politica.
ral alleata dell'Inghilterra la Prussia.
in conclusione, per non veder l'Austria pa

Se volesse avversare questo spirito, queste

L'una potenza esclusivamente marittima,

drona dell' ltalia dall' ultimo lembo di Sicilia

tendenze, quest'esigenze, non lo potrebbe. come l'altra potenza esclusivamente terre


alla estrema punta delle Alpi, e quindi pi L'Austria lo ha potuto sin qui, perch sin qu stre quindi nessun pericolo di rivalit,
forte della Francia e minacciosa non solo, ma

s valsa di una nazionalit per soffocare le e di concorrenze la loro unione pu au

pericolosa per lei.


aspirazioni d'un'altra.
Napoleone deve proteggerla per non iscon
V ha di pi il popolo Germanico, come
fessare il principio del suffragio universale in il popolo Italiano, aspira ad unificarsi ap
forza di cui l'Italia sussiste, e in forza di cui punto perch vuole la grandezza e la libert.
egli, Napoleone, regna sulla Francia-e di Come la Russia da Pietro il Grande in poi
struggere questo principio in favore di quello aspira ad assorbire l'Oriente, cos la Prussia
del diritto divino, ch' la condanna di Napo da Federico lI in poi aspira a porsi a capo
leone lll e dei Napoleonedi.
della nazionalit Germanica, e a stabilire con
Che cosa dice ora il Constitutionnel in modo
questo primato, e sovresso le basi della unit
(asserisce iltelegramma), semi-uffiziale? Agen Germanica.
do contro l' Italia Napoleone tradirebbe la
Gli appunto questa tradizionale aspirazio
propria origine. Son quasi le stesse nostre ne di famiglia che la port ad essere la eter
-

mentar le forze di entrambe, e nessuna pu


temere dell'altra.

Entrambe hanno le stesse diffidenze; l'In

ghilterra diffida della Francia, e della Rus


sia teme l'ambizione e dell'una e del

l'altra, ed ha interesse ad opporsi all'ingran


dimento di amendue la Prussia ha gli stes
si timori e lo stesso interesse.

L'Inghilterra potenza liberale e prote:


stante i la Prussia, alleandosi a lei, non of

fende il sentimento de suoi popoli, n dal pun


to di vista della libert, n da quello della

parole: la logica una sola e conduce alle me na rivale dell'Austria in Germania Il gior religione.
L'alleanza con la Inghilterra non pu mai
-

desime conclusioni, da qualsiasi punto si parta. no in cui essa si facesse alleata dell'Austria
Appoggiando la rivoluzione, prosegue il in Italia, e l'aiutasse a riconquistare la sua
pubblicista Francese, Napoleone dovrebbe rom preponderanza, adoprerebbe il proprio oro ed

obbligare la Prussia a rinunziare alle secolari


sue aspirazioni, e ad abdicare al primato Ger

pere contro Russia, Prussia ed Austria.

il proprio sangue a fondare la grandezza del manico; anzi in certo modo glielo assicura,
Ed ecco che siamo ricondotti alla possibi la rivale, e il proprio abbassamento.
rendendola pi forte verso l'Austria medesima.
lit di un'alleanza delle tre Potenze del Nord,
L'Inghilterra non pu avere una politica
Il vero motivo che la rende poco bene
di cui nel nostro secondo articolo i fatti com vole all'Italia la diffidenza verso la Fran aggressiva; ma unicamente difensiva, e, dire
piuti avevamo promesso d'intrattenerci all'in cia. La Prussia sa benissimo che l' ltalia mo quasi, precauzionale la Prussia pel suo
domani.
una volta fatta, l'Italia unita, il Regno d'Ita iuteresse deve seguire la stessa politica, guar
Ed ecco che l' attualit ci richiama all' a
lia sar il naturale alleato della Francia, co dinga ed accorta, che custodisce il
dempimento di quella promessa, da cui l'at me ora la Francia lo dell'Austria , e teme e non arrischia per ci l'avvenire.

tualit ci aveva distolto.

che venga un giorno in cui possa aiutarla a


Gli appunto in questa possibilit che noi prendersi le frontiere del Reno per ci se
non crediamo. Un'alleanza, lo ripetiamo, non potesse impedire che l' Italia si formasse lo
pu aver basi salde che sopra una reale e farebbe assai volontieri ma per distrugge
positiva comunanza d'interessi. Qualunque re ci ch' fatto, bisogna fare la guerra, e
alleanza che si edifichi sopra altre basi dura la Prussia sa che la guerra non tornerebbe
come il castello di carte che il fanciullo in
a profitto che dell'Austria, e ch'essa potrebbe

presente,

N basta il giorno in cui la Prussia fosse


alleata coll'Austria, la Inghilterra dovrebbe

stringersi alla Francia e all'Italia per impe


dire la preponderanza Russa, e il trionfo delle
idee illiberali.

La Prussia al pari che l'Inghilterra hanno


interesse a che questa necessit non si presen
nalza per giuoco, e che il pi lieve soffio ba correre il rischio di dare alla Francia il prete ti-e la loro alleanza pu impedirla. . .. .
sta ad atterrare. La pi istabile di tutte poi sto che cerca, e di affrettare ci che vuol e
Gli per ci che noi crediamo ad un'allea 1
certamente quella delle apprensioni e dei ti Vitare.
za Anglo-Prussiana nell'interesse d'impedir, il
mori essa come l'arena sulla spiaggia
La posizione stessa della Prussia tra l'Au cozzo del Nord coll'Occidente, in cui entram

IL PUNGOLO

50

la indipendenza, l'ordine e la libert.


hanno molto da perdere, e d'impedire l'ingran pretesti di salute. ll principe Gagarin, giovane mezzod
L'indipendenza per la quale una nazione dee
dimento della Francia, e la preponderanza gentiluomo Russo, rimase primo segretario bastare
a s stessa, l'ordine che riposa sulle
della Russia-e crediamo che l'alleanza An d'ambasciata , e rappresentante presso la no
,
Prussiana sia infatti escita dai colloquii di stra Corte. Pi tardi si comprese che era nella grandi verit del cristianesimo la libert che
segnando
colla
legge
i
diritti
di tutti e i do
mente
del
governo
italiano
dare
di
al
nuovo
oblenza.
Ora se la Prussia -come noi crediamo diritto la pi larga significazione, e la Rus veri di ciascuno, nobilita a un tempo gli af
popoli e la forza degli imperi.
colla Inghilterra, non pu essere colla Russia, sia vide che valicato il Rubicone s'intendeva fettiIn dei
tanto solenne momento, il Senato del
passare
di
pure
Garigliano
il
ed
Volturno.
il
e coll'Austria, perch non vi pu essere la In
Allora, dopo lungo scambio di dispacci in ci Regno, dopo aver col suo voto concorso alla
ghilterra.
riunione delle genti italiane e confortato nel
za
ana
Da quest'allean Anglo-Prussi
l'Italia fra, le legazione Russa ebbe ordine di par suo
cammino il governo di V. M., vuole di
e
conte
il
Sacchi,
da
tire,
parte
nostra,
di
ha ella seriamente a temere
rettamente ricordarvisi, o sire, ed offerirsi coo
abbandonare
l'ietroburgo.
te
No:- l'Inghilterra manifestamen d opera
Ricorderete come l'ambasciata di Russia a peratore ad estendere e consolidare nella patria
attiva ed efficace a tutelare la formazione del
comune lo Statuto che V. M. salvava a Nova
l'Italia unita. E perch? Per due cause Torino fosse rimasta vacante dal 1848, e non
ra e custodiva a Torino: onde in questo patto
sia
ritornata
se
non
dopo
la
guerra
di
Cri
prima di tutto perch'ella sa che questo il so
lo modo di toglierla alla influenza Francese, mea, e le oneste accoglienze fatte dal Re, e fondamentale di franchigie e di sicurt gl'ita
che, divisa, dovrebbe subire per sottrarsi al dalla famiglia Reale, come da tutto il paese, liani trovino virt, prosperit e grandezza, e
l'Austriaca e poi perch anche una volta all'imperatrice madre, moglie di Nicol, e senza discordie, senza improntitudini si compia
la splendida opera che Carlo Alberto magna
costituita, l'Italia non pu avere che una po sorella al Re di Prussia.
nimo iniziava, e che voi, o sire, proseguite

6"

litica difensiva giuocherebbe troppo grosso

giuoco a porre tutto ci ch'ella ha guada


gnato sul tappeto verde di una politica ag
gressiva-e nol far mai Un'altra potenza
come l'Italia che abbia tutto a perdere nelle

Un'altra notizia che aveva destato l'allar

me era quella , sparsasi senza alcun fonda col patrio ardimento d'italiano, di soldato e
mento, dell'ultimatum Austriaco. Il Ministero di re.

della Guerra non mi pare per sopraffatto, n

pauroso , ed io sono inclinato a credere che

Ecco l'indirizzo dei Viterbesi all'impe


convulsioni violente di una guerra Earopea, ove all'Austria cogliesse il triste pensiero di ratore
Napoleone, promesso da noi ieri.
assalirci
da
sola,
terminerebbe
col
trovarsene
la pace di Europa pu assicurare.
Resterebbe l'alleaaza della Russia coll'Au pentita. Il nostro esercito, grazie al servizio

stria - Essa sarebbe possibile se l'Austria delle guardie nazionali, si trova tutto scaglio
fosse forte come lo era, o lo sembrava nel 48 nato sul Mincio e sul Po. Ora pare che con

- Ma ora n lo , n lo sembra. troppo


debole perch la Russia possa sperare molto
da lei - sa che in questa societ essa por
rebbe il cento, e l'Austria il dieci-per cui

A Sua Maest l'Imperatore dei Francesi

Abbiamo lasciato la patria, il tetto dei pa


un nuovo decreto saranno mobilizzati altri 40 dri nostri, le mogli ed i figli per non soppor

battaglioni di guardia nazionale, e serviranno tare il dolore di vedere la bandiera di Solfe


in caso di bisogno a guardia delle fortezze, rino restauratrice della mala signoria dei preti.

e formeranno la riserva dell'esercito attivo.


Abbiamo lasciato le dolcezze della vita do
Da tuttocci comprenderete che qui non si mestica, abbandonato il lavoro, sospeso il no
dizioni tali che l'Anstria non potr accetta dorme, n si educano illusioni di pace uni stro commercio, affrontato le sciagure e le la
versale, e se l'Austria vorr attaccarci, vi ri grime dell'esiglio per mostrare a voi che noi
re senza segnare la propria decadenza.
. Ecco perch non crediamo nell'alleanza Nor peto, ci trover apparecchiati. Si stanno ma pure vogliamo essere liberi cittadini di una
dica, davanti al fatto compiuto dell'Italia una. turando i progetti per la riorganizzazione del grande nazione.
, Ora il Constitutionnel, organo della politica l'esercito napoletano che diverr per le sue Abbiamo dato cos partendo il nostro voto
Napoleonica, domanda un Congresso Europeo tradizioni, e il suo fondo militare d'un gran alla monarchia cestituzionale di casa Savoia,
Per consolidare l'Italia con un atto della sua de aiuto. Ma abbisognerebbe qualcuno che lo al Sovrano generoso che per restaurare fra
giurisdizione.
ricompenesse costi, e superat cosi le prime noi l' ordine morale ha affrontato lo sdegno
Ed appunto di questo argomento che noi difficolt si potesse poi fonderlo senza timori della diplomazia!
ci occuperemo in un prossimo numero.
nell'esercito nostro.
Lo seguiremo dovunque l Sappia l'Europa
Si stanno lavorando e delineando progetti per che, perduta la patria , sacrificheremo anche
e
la nuova Sala del Parlamento , che dovrebbe la vita per concorrere al riscatto d'Italia.
essere posta nel gran cortile del solito palaz: Sire, sappiamo che si tenta impedire che la
Nostra corrispondenza
zo Carignano. Vi confesso, che trattandosi di nostra voce, che le nostre querele giungano

non acconsentirebbe a stringerla se non a con

cosa che non pu a meno di non essere prov sino a voi.


visoria, trovo il sito preferibile a qualunque I nostri nemici osano dire che abbiamo ap
Siamo stati pi giorni in una grave agita altro, ma ove si potesse pensare qui , ad un plaudito al ritorno dell'odiato governo.
zione. Tutte le notizie che ci venivano dall'e edifizio duraturo, non vedrei la ragione di
Non li credete, Maest: essi studiano ingan
farlo nell'interno d'un altro palazzo. La rap narvi. Credete a noi, che in voi amiamo l'al
stero parevano convergere ad un unico scopo, presentanza
dovrebbe avere un lo leato del nostro re, il generoso soldato che
quello cio di raggravare maggiormente la cale a s, enazionale
che unisse alle comdit della espose
la sua vita per liberarci dal giogo stra
nostra presente condizione politica. Non v'
niero.
dubbio (n il negarlo gioverebbe) che l'o posizione, la severa dignit dell'ufficio.
Torino 23 ottobre 1860.

rizzonte abbastanza oscuro, e che l'aria


manda un odore di elettricita, foriero di bur
rasca. Pur tuttavia non credo d' ingannarmi,

Torino rideviene deserto ancora per pochi

L'italia non ingrata, sire: l'ingratitudine

ed ultimi giorni Domani parte la Casa del per voi la professano coloro ai quali oggi le
Re alla volta di Napoli, ove si fermer cer: vostre schiere hanno reso l'infelice nostra pro

se affermo che tante e cos insistenti trepida tamente qualche settimana, se pure nuovi
zioni sono esagerate, e sebbene sovente ab e pi gravi avvenimenti non richiamaranno
biano scusa in un amore santissimo del paese, S. M. alla sede del governo. La protesta del
a me pare che ricordino troppo spesso le ti governo prussiano, resa pubblica soltanto ie
mide angustie degli anni passati. Che volete? ri, diminu l'impressione formata dalle previ

VlInCla.
--

COSE INTERNE

Eravamo accostumati all'umilt e alla pover sioni sulle congetture, e sui - si dice . Duo
Sunto dei Decreti pubblicati dal Gior
ta, ed ora questa gran patria, quasi tutta le il biasimo del Gabinetto di Berlino, ma dor
nale
Ufficiale del 26 ottobre.
rebbe maggiormente al Governo di non ave
unita, ci pare tante volte un sogno.
accordata una pensione di duc. sei mensuali al
La partenza dell'Ambasciata Russa ci ad re adempiuto il suo dovere in faccia al pae
color , ma non ci sorprese. Il gabinetto di se. Di atti che riguardano l'Italia, il Ministe la signora Vincenza Capparelli, vedova di Angelo
Pietroburgo per quanto possa essere illumina ro deve prima conto alla nazione, poscia al Raffaele Cappuccio, morto combattendo la reazio
ne di Montemiletto. Lo Stato Maggiore del Ge
to, e proclive alle nuove idee, non poteva l'Europa.
nerale Comandante la Guardia Nazionale delle Pro
certamente n spiegare, n giustificare il mo
vincie Continentali dell'Italia Meridionale sar com
vimento italiano. Le annessioni dell'Italia cen
Ecco
testo
il
dell'indirizzo
a
S.
M.
e
re
il
posto di un Uffiziale superiore, due Capitani e
trale lo avevano commosso, e finch ri
mase il conte Stackelberg affett le forme steso dall'onorevole senatore De-Gori a InOIme quattro Uffiziali subalterni. Sono quindi nomina
d'una cortesia misurata al termometro. Quan del Senato e per incarico del presidente:

do al governo del Re parve di dover rom


Pere le ultime dighe che separavano uno stes
so fiume, e proclamare il diritto italiano

Sire,

Seguitata dall'esercito valoroso, incontrata

".

Placido Carafa di Noia e barone Giovanni de Jo

l'ambasciatore di dai generosi volontarii, invocata ed acclamata rio; Sottotenente il sig. Eugenio Assante. Sono
temporariamente la capitale sotto da tanto popolo, la M. V. reca agl'italiani del promossi a Maggiori nell'arma di Artiglieria i Ca

professarlo praticamente
Russia lasci

, e

ti: Maggiore del detto Stato Maggiore il sig. Fran


cesco Pinelli; Capitani i sigg. Giovanni Filangie
ri e Duca di Castrovillari ; Luogotenenti i

51

IL PUNGOLO

pitani di prima classe signori Crescenzo Montagna gl'inviti dei signori Eletti saranno ricevuti senza
e Gaetano Fonseca. E accordata agli uffiziali scuse o opposizioni Speriamolo anche noi.
Una sottoscrizione apertasi in Salerno per le fa
di carico Giovanni Vignolo e Domenico Lo Gatto
ed all'uffiziale di prima classe Girolamo Clerici del niglie bisognose delle vittime della reazione in Aria
Dipartimento della guerra la sanatoria all'interru no ha dato la somma di ducati 388, la quale
zione sofferta nel corso dei loro servizii. La ve venne scrupolosamente distribuita. Lode ai buo
dova e figliuoli del Maggiore Simone Schiaffino, mi Salernitani.
Una somma di ducati 2,000 stata messa
morto in battaglia per la causa della patria, go
dranno della pensione eguale al soldo che gode a disposizione del Governatore di Terra di Lavoro
va il defunto. La stessa disposizione data per per essere distribuita alle vittime dei saccheggi
la vedova e figliuoli del colonnello Montanari, e ed incendii consumati dai Borbonici in quella pro
per la vedova e figliuoli del colonnello Brocchi. vincia. Mille ducati sono gi stati ripartiti ai cit
Sono aumentate alla pianta organica del Collegio tadini di Cajazzo rifuggitisi a Napoli proporziona
di Marina le seguenti piazze : un ripostiere, tre tamente ai loro urgenti bisogni.

La Press di Vienna non crede essa pure


ai risultati della conferenza e appalesa un cer
to cattivo umore a riguardo della Prussia. Es
sa attribuisce a questa potenza l'intenzione di
preservarsi contro la Francia e di non impe
gnarsi verso l'Austria. La Presse esclama, non

altri camerieri, e tre altri facchini. Tutt'i re

Una Commissione di medici e chirurgi omio

senza

scritti e decreti come pure ogni altra disposizio


ne che accordi privilegi ed immunit personali a
favore degli ecclesiastici, tanto nelle materie civi
li quanto nelle penali, rimangono abrogati. Va

patici di Napoli ha offerto al Dittatore di aprire


uno Spedale Omiopatico per curare i feriti, sotto
la direzione del professore dottore Giovanni Etto
re Mengozzi. ll Dittatore ha accettato l'offerta, ed
all'uopo sono state destinate dette sale nel Convento
di S. Domenico Maggiore e nell'abolito Monastero

giorno del pericolo la Prussia possa fare as


segnamento sull'appoggio della flotta inglese
meglio che l'Austria non ha potuto contare
sull'aiuto dei battaglioni prussiani.
Si legge a questo proposito nel Nord.
Eccoci alla vigilia dell'avvenimento che tie

dei Gesuiti.

ne in sospeso l'attenzione generale e al quale

rie promozioni ed aumento di soldo ad alcuni uf


fiziali del ministero delle Finanze. L'alunno del

l'amministrazione generale dei Luoghi Penali, sig.


Eduardo Capuano, promosso ad uffiziale di 3.
classe 1 rango. ll sig. Rosario Coscia no
minato lngegnere Alunno Aspirante del corpo di
Ponti e Strade. Varie promozioni ed aumento
di soldo ad alcuni uffiziali ed impiegati nella Di
rezione Generale delle Poste. ll sig. Francesco
Frate, rimanendo privo degli averi e del posto nel
Ministero dei Lavori Pubblici nominato defini

tivamente Vice Ispetto

Generale delle Prigioni

delle varie provincie continentali. Il sig. Vale


rio del Mercato nominato Ingegnere Alunno a
spirante del Corpo di Ponti e Strade. Il sig.
Luigi Settembrini nominato Direttore del Mini

stero dei Lavori pubblici in rimpiazzo del sig. Fi


lippo de Blasio, di cui si accetta la rinunzia.
ll sig. Achille Sannia, sostituto alla Cattedra di

Ora, la Prussia regola da lunga pezza la

sua condotta su quella dell'Inghilterra: dun


que a Londra e non a Varsavia che si deci
deranno le sorti

della Venezia. l vascelli

dell'Inghilterra, dice conchiudendo il foglio


viennese, sono mobili e sempre pronti, mentre

che le armate della Russia devono prima es


sere ragunate.

rancore : Noi

desideriamo

che nel

--

il mondo politico si sforzato di dare un va


lore
cos esagerato. Non v'ha dubbio; il con
Un decreto Prodittatoriale abroga qualunque

vegno di Varsavia un avvenimento politico


disposizione del cessato Governo a favore degli di
cui fa d'uopo tener conto, ma prende la
ecclesiastici, tanto in materie civili, quanto
sua
importanza meno dalla presenza dell'lm
nelle penali Questo decreto pu ritenersi
peratore
d'Austria che dai rappresentanti i
come una continuazione, e un complemento
all' altro sulle Amministrazioni dei luoghi pii, pi eminenti della diplomazia russa chiamati
il loro sovrano per rendergli conto del
di cui abbiamo parlato giorni sono. Era leg presso
la situazione e ricevere le sue istruzioni. Si
ge e sistema dei Borboni accarezzare il par avrebbe dunque torto se si aspettasse da que
tito clericale, ma non pu essere, n in prin
cipio n in fatto , legge o sistema d'una am sto abboccamento dei risultati immediati, ma
ministrazione regolare e giusta, di creare uno teriali e tradotti in fatti politici: si vedr piut
Stato nello Stato. La chiesa era divenuta un tosto nell' indirizzo generale che piglier la
politica della Russia il senso delle conferenze
potere, e tutti i cittadini che appartenevano che
stanno per aver luogo. nostra opinione,
al sacerdozio sfuggivano all' autorit delle

Geometria descrittiva nella scuola di applicazione leggi che pur valevano pegli altri.

lo ripetiamo, questo senso non potrebbe esse

che pacifico.
ll prete, il vescovo, non , n pi, n me re -Una
corrispondenza di Berlino alla Gaz.
tedra medesima in luogo del sig. Francesco Pao no di un altro cittadino qualunque. Il ca di Genova,
senza contendere l'accordo che

di Ponti e Strade, nominato Professore della Cat

lo Tucci, a cu si acccorda il ritiro con la pen rattere sacro di cui rivestito non pu di

sione di giustizia. Il sig. Niccola Attanasio


destinato a funzionare temporaneamente da Inten
dente presso l'Amministrazione generale dei Luo
ghi Penali, invece del colonnello ordinatore Giu
seppe de Dominicis, dimissionario. Sono appro
vate in massima alcune disposizioni fatte dall'Or
ganizzatore Generale della Telegrafia Elettrica nel

si sarebbe stabilito in una certa misura fra

spensarlo dai suoi doveri come membro del


e la Prussia, cerca di presenta
corpo sociale la sua missione semplice l'Inghilterra
mente morale, e la sua autorit non pu, n re la nota del gabinetto britannico sotto un
deve essere esercitata fuori della cerchia au aspetto che ne diminuirebbe di molto l'impor
gusta, assegnatagli dalla provvidenza. Se il tanza. Secondo questa corrispondenza, lord
John Russell e il barone di Schleinitz si sareb

Clero si fosse sempre, e strettamente attenuto a

questo principio, avrebbe afforzata la religio bero intesi su questo punto che l'Inghilterra
Territorio Napoletano, intorno agli Impiegati tele ne, l'avrebbe resa universalmente venerata , e la Prussia dovranno astenersi egualmente da
grafici.
avrebbe risparmiati al mondo scellerati esem qualunque intervento militare o diplomatico
--

pi di sangue, e nessuno gli avrebbe rimpro

negli affari d'Italia.


In quanto alla Nota indirizzata dal barone

verato di aver trascorsi lieti, i tempi pi ca


Troviamo nello stesso Giornale Ufficiale:
di Schleinitz al sig. Cavour la corrispondenza
Il Ministro di agricoltura, industria e commeroio lamitosi al genere umano.
fa
osservare che la censura inflitta in quella
di Torino ha consentito che i fondi pubblici Na Ci gode di vedere che il governo, compreso Nota alla condotta del Piemonte espressa
politani abbiano legale corso nelle Borse di Tori di questa verit, prosegua arditamente nella colla moderazione e la convenienza usata nel
no e di Firenze; e per reciprocanza i fondi Pie via delle riforme.-Verr un giorno in cui la le relazioni diplomatiche. Finalmente, secon
montesi e oscani abbiano corso legale nella Bor Chiesa, tornata ai sublimi principii della sua do la medesima corrispondenza, l'invio di quel
istituzione primitiva, facendo apostolato di ca la Nota alla vigilia del giorno indicato per il
sa di Napoli.
rit e di amore, risorger dalle rovine in cui
la trassero gl'interessi di questo mondo, e convegno di Varsavia veniva interpretato in
- Sono invitati tutti quei cittadini, che han da comprender come queste leggi, ch'essa chia senso poco favorevole alla politica austriaca;
to ricetto nelle loro case a militi feriti od infermi m e chiama severe ed ingiuste, fossero poli vi si scorgeva la prova che la Prussia era
dell'Esercito Meridionale, a darne conoscenza de ticamente necessarie, e religiosamente gio decisa a non far nulla di pi e a non pren
---

signandone il nome, cognome, patria e grado, al

dere nessuna risoluzione pi energica.

vevoli.

Colon. Pigozzi, nel Palazzo della Foresteria. So

no del pari invitate alla stessa partecipazione tutte


le Commissioni di carit privata che hanno intra

NOTIZIE ESTERE ED ITALIANE

assordato dai richiami e dalle lagnanze generali


per ritardo, dispersione, e talvolta anche per au
mento di tassa, massime nei giornali, invita i Di
rettri e Sottodirettori delle Poste ad essere pi

vigilanti, e gl'impiegati tutti pi zelanti, e pi o


nesti. - Speriamo che non sia fiato buttato via.

- ll Municipio, impossibilitato a provvedere ul

re assolutisti terranno a Varsavia, noi abbia

mo l'intima convinzione ch'esso non pu ri

preso cura gratuita dei detti militi.

- ll Direttore Generale delle Poste, Bellelli,

Ecco come si esprime il Siecle:


In quanto alla specie di Congresso che i

L'interesse del giorno versa naturalmen ferirsi che ad eventualit impossibili a verifi
te sull'abboccamento di Varsavia. l giornali carsi, e che il tempo delle coalizioni aggres

inglesi e tedeschi continuano a commentare la sive irrevocabilmente passato. Le tre Po


conferenza dei tre Sovrani; tutti , comunque tenze del Nord hanno d'altronde abbastanza
posti a diversi punti di vista, sono concordia a fare in casa loro se vogliono ricalcare lo
pensare che la conferenza non partorir che spirito liberale che vi si propaga rapidamente,
senza venire a gettare una sfida insensata ai
deboli risultamenti.
L'Ost-Deutsche Post, di Vienna, nulla at

popoli che hanno risolutamente adottato i prin

teriormente d'alloggi gli uffiziali, non essendovi tende dal congresso di Varsavia. Le triplici cipii della sovranit popolare e del voto uni

pi post nelle Locande o Case mobigliate, ricor alleanze, secondo questo giornale, non sono
re alla filantropia dei cittadini, perch sopraggiun pi possibili; non vi sono che le alleanze a due
gendo l'armata Piemontese gli uffiziali sieno ospi che possano oggimai esercitare una influenza

tati nelle case dei privati. Il Municipio spera che

decisiva.

versale,

Leggiamo nel citato giornale:


I fogli semi-ufficiali hanno energicamente

smentito la pretesa missione del sig. Hubner.

IL PUNGOLO

52

Ezze

I -

Noi non avevamo bisogno di questa smentita de Martimprey sarebbe rimpiazzato dal mare
per sapere che l'Austria non pu intervenire sciallo Randon, il quale renderebbe il mini
negli affari italiani. Questa Potenza non pu stero della guerra al maresciallo Vaillant. In
aver dimenticato che in segnito alle nostre fine si parlato della creazione d'un reame
vittorie di Magenta e di Solferino, essa ha algerino pel Principe Imperiale col marescial

Marina che invitava tutti gli operai a recarsi


entro 24 ore ai loro consueti lavori sotto com

minatoria della perdita dell'impiego-domani


ne riparleremo.

ceduto la Lombardia alla Francia , e che se lo Mac Mahon come vicer.

Tutte queste voci, o altre analoghe, sono


Jeri, dopo passato il Volturno il bravo
questa provincia appartiene oggi al Piemonte,
gli in virt d'una retrocessione che la Fran state gi sparse in precedenti occasioni senza Generale Bixio, cadutogli il cavallo sotto, eb
cia non pu lasciare attaccare sotto qualsiasi verificarsi, e noi non sappiamo ch'esse ab be fratturata una gambaTrasportato a Na
biano in questo momento maggior fondamen poli, dopo esser stato curato e fasciato, dor
pretesto.
mi la notte, ed ora siamo lieti di annunziare
to o probabilit di realizzarsi.
:
Austriaca
Gazzetta
nella
Leggesi
Il 20 il nunzio del Papa monsignor Sac che in via di miglioramento.
Si sa di buona fonte che il principe Met
ternich e il conte Apponyi attenderanno il coni doveva lasciar Parigi. Questa sua parten
-e

ritorno del conte di Rechberg da Varsavia za considerata come definitiva, e se ne con


chiude che Pio IX abbandoner immediatamen

L'altro ieri siamo incorsi in un errore


prima di restituirsi ai loro posti a Parigi e a
Londra. naturale che il ministro degli af te Roma, se i resultati del convegno di Var involontario circa il tentativo reazionario at
fari esteri abbia bisogno d'intendersi con que savia non saranno conformi ai suoi desiderii tribuito a Palmi, avvenuto invece in un paese
del suo distretto domani publicheremo una
sti due rappresentanti dell'Austria sui risulta e agli interessi della sua politica.
ti dell'abboccamento di Varsavia.
Leggiamo in una corrispondenza da Ro lettera in proposito.
Scrivono da Parigi al Journal de Geneve: ma che il fainoso colonnello Nardoni ha chie
La grande notizia del giorno il concen sto e gli stato accordato il ritiro. Neppure
Notizie autentiche che riceviamo dal campo
tramento certo di un corpo di 3.000 austriaci di simili briganti vogliono pi servire il Go
-

sulla riva destra del Po, a Rovere. Le let


tere che annunciano questo fatto aggiugono
che, per ordine dell'autorit militare, dove

vansi raccogliere a qualunque costo, per la


data del 20 corrente, tutti i mezzi possibili

di trasporto per un vero corpo d'armata, di


cui non dicono la forza. Da

ci mille com

mentari. Insomma questa situazione intera

annunziano che i regi inseguiti dal nostro e

VeI'Il0 TOImaIl0.

Leggesi nell'Espero, foglio torinese:


La legge elettorale nuova, salvo la tavola
di circoscrizione del varii distretti, gi alle
stita. Intorno ad essa sar forse d'urgenza ri
chiesto l'avviso della sessione legislativa del
Consiglio di Stato; ma ad ogni modo la me
desima sar in pronto per essere promulgata

sercito fuggono verso il Garigliano. Un corpo


dei nostri presentatosi ieri sopra un collina,
detta S.Paolo, poco al di qua del villaggio di
Casale, costrinse una forte colonna dei bor

bonici a battere in ritirata. Altri distacca


menti dei nostri scendendo dalle colline circo
tosto dichiarata l'annessione. Calcolando che

mente offensiva sembra essere il principio


della fine, per poco che le conferenze di Var questa sia decretata al pi tardi ai primi gior stanti comparvero sotto Cascano, ove s'impegn
savia spingano ed incoraggiscano l'Austria in ni di novembre e che la promulgazione della un forte combattimento, il quale durava tut
legge elettorale e la formazione delle liste e tavia al momento che partiva la persona che

questa via bellicosa.

Scrivono da Berlino al Morning Chronicle: sigano un paio di mesi, potrannosi convocare ci rec queste notizie erano le 7 p. m.
Il successo della Gazzetta del Popolo di i collegii per la seconda quindicina del gen
azz-09
Berlino uno dei segni i pi importanti del naio ed il Parlamento nuovo per la seconda
sentimento publico nel nord della Germania, met del febbraio.
Il Tenente-Colonello Stefano Dunyov, che

Questo giornale rappresenta l'opinione dei li

L'Opinione annunzia che saranno mobi

berali Alemanni i pi avanzati, e la sua diffu lizzati altri 40 battaglioni di Guardia Nazio
sione aumenta rapidamente. Non passa giorno nale. Ci in vista di alcune eventualit che
che questo giornale non attacchi il governo necessiterebbero l'azione simultanea dell'inte
austriaco, difendendo in pari tempo la causa ro esercito iialiano.
Lo stesso giornale dice:

della libert italiana.

Non guerra per sostener l'Austria! Tale


il principio di questo foglio, le cui colonne
riboccano giornalmente di predizioni fatali di
rette contro l'Austria, minacciata, dic'esso,
d'impiegare le sue ultime risorse in una lot
ta impossibile, per prolungare la sua esi

stato deciso di fabbricare la sala per le


adunanze pubbliche della Camera dei deputati
nel cortile del palazzo Carignano. Questa sala
sar costrutta in ferro, legno e vetri, e l'as
suntore dell'impresa si obblig a darla finita
per il principio di marzo prossimo.

venne gravemente ferito il giorno 1

ottobre

nel fatto dei Ponti di Valle, stato nominato

Colonello per rescritto Dittatoriale, ed il reg


gimento da esso comandato in quella memo

rabile giornata porter d'ora innanzi il suo


nome. Questa promozione si meritamente
devaluta a chi tanto ci distinse a pro della
nostra causa, una nuova prova della giu

stizia che guida costantemente nei suoi atti il


governo Dittatoriale.
a

-99

Il disegno dell'ingegnero Peyron.


Rileviamo dall'Espero che il cav. Ar

Slenza.

Qui si crede generalmente che tali senti


DISPACCIO ELETTRICO
menti emanino dal signor de Schleinitz, pas nulfo, colonnello dei Carabinieri fu promosso
sando pel canale del signor Auerswald. Che al grado di generale nello stesso Corpo, e fu Il Generale MILBITz al Generale TRR
ci sia vero o no, in ogni modo il linguaggio incaricato dell'organizzazione di un Corpo di
Napoli.
di questo giornale in questo momento richia 9 mila Carabinieri nell'Italia meridionale.

Ieri mattina Sua Maest il Re VITTORIO

ma l'attenzione.
-

Il corrispondente parigino del Manche


ster Guardian attribuisce

EMMANUELE si trovava alla testa di quattro

a Vittorio Emma

nuele le seguenti parole, dirette al sig. Tal


leyrand prima della sua partenza: Non
e mia la colpa, io non posso farvi nulla. Se

RECENTISSIME
Troviamo nell'Opinione di Torino:

Divisioni a Monte Croce, ivi s'incontr col Dit

tatore, e pass in rassegna parte dello Eser


cito Meridionale la sera Sua Maest era a

non fo la guerra all'Austria la primavera Oggi ebbe luogo il colloquio di Varsavia: Teano, il Dittatore trovavasi a Calvi.
Si annunzia che la Russia ha dichiarato di
prossima, dovr farla agl'Italiani.
S. Maria 27 ottobre 1860.
lo preferisco il primo caso ; perch , in riconoscere il diritto dell'Austria sulla Venezia,
ogni evento, e checch possa accadere. io

ma in pari tempo di mantenere la politica del

e mi trover molto meglio dopo una guerra non intervento in Italia, e che questa dichia
e contro lo straniero che dopo una guerra razione pure stata fatta all'imperatore Na
e contro i miei compatriotti.
poleone nella lettera autografa dell'imperatore
Si legge nell' Indpendance Belge Al Alessandro. Pare quindi che a Varsavia l'Au
cune rivalit, insorte di recente tra l'elemen stria non trover un incoraggiamento ad una
to civile e l'elemento militare in Algeria, e nuova guerra in Italia; ma coll'Austria val
che hanno causato la dimissione in massa del

gono raramente i consigli della prudenza e

Consiglio generale d' Algieri, hanno fatto na bisogna prepararsi a qualsiasi eventualit.
scere la voce d'un rimpasto completo nel
l'amministrazione della Colonia Africana del

---

Napoli 27 Ottobre 1860.


-

AGENZIA TELEGRAFICA ITALIANA,

Parigi 22 ottobre, sera.


La Borsa rialzata e poi ribassata in se
uito della falsa voce che la lettera autogra

a dell'imperatore Alessandro all'imperatore


vecchia.
Napoleone fosse
recente ed assai rassicurante pel
-

La lettera
la Francia, e del ritorno del principe Napo Jeri notte si rinnovarono i disordini alla mantenimento della pace contro la coalizione
leone al Ministero di cui il conte de Chasse
arresti. Questa
loup-Laubat attualmente il titolare. A que Darsena, e si fecero parecchi
J. COMIN Direttore.
della Direzione della

sto proposito si pure detto che il general mattina usc un'avviso

NAPoli siamento tre dell'Ateneo Domenico CastELLINI Gerente Respons

ANNO I.

Domenica 28 Ottobre 1860.

Napoli

N. 14

it

ai
(

i
ott.
li ,

ria
bi
9.

GIORNALE POLITICO POPOLARE D

PREZZO D' ABBONAMENTO MENSILE

Esee tutt'i giorni anche festivi, tranne le solennit.


L'Ufficio di Redazione, e la distribuzione principale presso

Napoli a domicilio . . . . . . . . . . gr.


30
45
Provincia franco di posta . . . . .
Trimestre semestre ed anno in proporzione.
L. It. 7, 50
Per l'Italia superiore, trimestre.
-

lo Stabilimento tipografico dell'Ateneo

Vico S. Maria Vertecoeli, N. 9.

Un numero separato costa Un grano.

L' ITALIA E IL CONGRESSO


EUROPEO

Si ricevono. Inserzioni a Pagamento.

delle paure che le fece provare il primo Im

"

Perocch, o l'Austria s'arrende e la questio

pero, credette false le parole del nuovo Im ne sar sciolta pacificamente, o non s'arrende
peratore a Bordeaux, e tutta intenta a premu e allora essa romper guerra un'altra volta
nirsi contro un pericolo che non esisteva, si per uscire dalla questione del Congresso.

Dinanzi a questo dilemma diviene una que


Facciamo alla vigilia della lotta, ci che lasci cogliere all'improvvista dal reale peri
colo per le idee dell'antico diritto pericolo stione di somma importanza, diviene urgente
Napoleone III disse queste parole all'Euro che si avanzava, e s'ingrossava senza ch'es lo studiare come la questione Italiana si pre
senterebbe al Congresso dato che questo a
pa prima che si rompesse la guerra all'Au sa se ne avvedesse.

faremmo all'indomani di una vittoria

Gli cosi che i Moldo-Valacchi comincia vesse luogo.


Nelle circostanze presenti un Congresso de
ancor pi violenta, le ripet di nuovo coll'or rono a tentare il primo esperimento di questo
nuovo diritto pubblico. Gli cos che nel Con gli Stati europei se deve avere uno scopo, non
gano del Constitutionnel.
stria ed ora, alla vigilia forse di una crisi

Il Congresso l'ultima parola della politica gresso di Parigi fece capolino la questione i
taliana, proclamata altamente dinnanzi a quel
Si pu non amare Napoleone III, e pel col la vecchia Europa che le negava non solo o
po di stato a cui deve il potere e perch lo gni scioglimento, ma persino ogni ragione di
Napoleonica.

fond sulle rovine della libert, ma non si

esistere.

pu averne che uno solo. I grandi congres


si che seguirono ai disastri degli eserciti na

poleonici, potevano sciogliere programmi di


versi e nell'intento e nel sistema. Erano con

ferenze che si tenevano in seguito

a una se

Ora per quanto le Potenze conservatrici si rie di guerre che avevano rovesciati molti
pu negare ch'egli non rappresenti la politi
ca d'innovazione e ch'egli non sia la perso contorcessero per non riconoscerla, essa non troni, elettrizzato di speranze e di nuove idee
nificazione coronata della rivoluzione, il cam iscomparve per questo, e come la valanga molte nazioni ; ma che non avevano potuto
pione del nuovo diritto publico, che dice alle che al primo suo formarsi non che una n abbattere un sistema, n edificare un prin
nazioni : Siete libere di darvi il vostro ordi manata di neve-la questione italiana quasi cipio. perci vero che dopo 5 lustri di
namento politico, di costituire la vostra so acquistasse forza dagli stessi ostacoli, crebbe guerra tra il Diritto rivoluzionario rappresen
tato dalla Fraucia e i Diritti dinastici rappre
vranit nazionale per mezzo del suffragio uni ad ogni passo e divenne gigante.
versale diretto , e di organizzarvi senza che
Napoleone, dal momento che il problema sentati dalla Coalizione, si pot impunemente
alcuno possa immischiarsi nei fatti vostri. era stato annunciato all'Europa nel Congresso fare la restaurazione ultra legitimista ed ul
La sua origine lo costringe ad esser tale il di Parigi, non cess un istante di chiedere la tra-reazionaria del 1815.
I congressi del 1814, 15 e 22 si adunava
iorno in cui disertasse questa bandiera sareb discussione, e quando pi energicamente la do
e suicida.
mand in nome della pace allora l'Au no per istudiare combinazioni atte a ridurre a
Per giungere a stabilire questo nuovo di stria, per esimersi dall'andare a un Congres sistema gli arbitrarii diritti della conquista,
e a dividere un Europa che accettava la leg
ritto pubblico bisognava scrollare le basi del so, ruppe la guerra al Piemonte.
vecchio edifizio innalzato dalla Sacra Allean
Ora la Francia ritorna in campo di bel nuo ge dettata da un milione di bajonette e an
za, e condurre le stesse Potenze, che li aveva vo coll'idea del Congresso, e va dicendo che cora non conosceva le forze di un popolo in
-

no sottoscritti, a distruggere i trattati del 15, necessario di regolare la questione italiana.

rivoluzione.

Il momonto in cui noi versiamo ben di


e a porre il nuovo diritto pubblico come fon
Ora tutti sanno e tutti comprendono che mo
damento alla riedificazione politica dell'Eu mento pi opportuno dell'attuale non si potreb verso. - Se l'idea di un Congresso si pre
ropa.

be offerire per un Congresso opportuno pel senta opportunissima in questo punto; se ra

Non vi erano che due mezzi per riescire ad gran bene che potrebbe fare per le somme
un tal risultato: o bandire la guerra a tutta calamit che potrebbe evitare.
Europa, e correrne le incertissime sorti o
In queste circostanze in mezzo a tutto
condurre le cose in modo col secondare lo svi questo fermento sollevato dalla lotta tra gli e
luppo delle idee nazionali e coll'aiutare la cri lementi d'un mondo novello che sorge e le te
si inevitabile, da questo sviluppo prodottache naci resistenze d'un mondo vecchio che crol
le potenze conservatrici fossero tratte irresi la alla vigilia del pi gigantesco conflitto,

gionevole il desiderio di vederla ridotta ad ef


fetto, gli perch ci troviamo ad un bivio

Napoleone, perch non pensasse che una se suno nega che uno sforzo supremo delle Po

questo il terribile dilemma che si pre

che non presenta altra uscita fuorch o il


Congresso o la guerra.

O il Congrosso coll'accettazione spontanea


e sincera del nuovo diritto che ha pottito e

splicarsi e circondarsi di tutti gli elementi di


stibilmente a discutere quei trattati del 15 chi non vede l'opportunit di gridare alle Po forza e di stabilit in Europa il diritto na
che non avrebbero voluto neppure mettere in tenze quelle parole di Napoleone: Facciamo zionale e colla nuova sistemazione dell'Eu
questione giammai.
alla vigilia della lotta quello che faremmo al ropa che questo diritto richiede ; ovvero la
guerra con tutti gli orrori di una rivoluzione
Il primo partito avrebbe collegato tutta la l'indomani d'una vittoria!
Europa contro la Francia, e la memoria di
Nessuno contesta che giammai occasione pi che non avrebbe che un solo esempio nella
Waterloo era troppo presente al nipote del primo opportuna si presentasse per un Congresso; nes storia.
-

conda Waterloo condurrebbe indubbiamente


ad una nuova Sant'Elena.

tenze mediatrici possa piegare l'Austria l'Au


stria ch' lo scoglio alla pace e all'ordine del
Perci egli scelse il secondo partito e l'Europa Ad ogni modo l'annunzio di prati
quando diceva a Bordeaux: l'Impero la che d'un Congresso per terminare la questione
pace, egli svelava all'Europa il suo vero pro Italiana l'avviso dell'imminente, ma inevita
gramma politico.
bile, soluzione del gran problema dell'indipen
L'Europa conservativa, tutta piena ancora

denza italiana.

senta all'Europa dilemma che fu scongiu


rato per dodici anni, dal 1848 a questa par
te; ma che, se ha concesso tregua ai despoti,

non lo ha fatto se non per acquistare nuove

forze collo estendere nei popoli il sentimento


dei Diritti Sovrani delle Nazioni.

---

La questione italiana sarebbe, per cos dire,

IL PUNGOLO

54 .

la causa e il titolo della convocazione del Con: 1859 quello che invece fu fatto all'indomani Ziccardi, Rettore del Liceo di Lucera, il sacerdo
te D. Francesco Coronati, Rettore del Collegio di
gnesso - ma per prevenire la gigantesca crisi di Solferino.
Potenza. Durante la conservazione dei Licei Pro
gi
non
fu
Villa
Solferino
di
l'indomani
E
che minaccia l'Europa, bisognerebbe porma
gli studenti di tutte le provincie, contro
vinciali,
no a ben altre quistioni. Il dilemma evi: franca, ma la capitolazione d'Ancona, e la le disposizioni
del Decreto del di 2 aprile 1857,
del

giorni
che
avverr
tra

caduta
pochi
dentissimo: colla sanzione e col compimento
della rivoluzione italiana la sistemazione in l'ultimo baluardo della monarchia Borbonica sono abilitati a venire in Napoli, ove loro piaccia,
ed a studiare, e fare gli esami presso questa U
Europa del Diritto nazionale - ovvero la guer in Italia,
degli studii. I soccorsi agli Studenti e
ra dell' Italia ricostituita per redimere le pro
Ma chi potrebbe dirci l'indomani d'una nuo niversit
poveri sono tolti. ll fondo assegnato a
Letterati
vince che ancora sono manomesse dalla tiran:
va campagna?

Ora ci senbra avere spiegato chiaramente il


nide austriaca.-Ma questa guerra sarebbe il
segnale dell'insurrezione dell Ungheria, della compito dell'Italia innanzi al Congresso-L'I
talia deve ripetere dalle Potenze Roma, Ve
ina, di tuttaTessaglia,
Bosnia, dell'Erzegov
la Polonia.e nezia e ogni lembo di terra italiana tenuto
della Galizia e della
fors'anche
dunque evidente che un nuovo Congresso da stranieri; ma l'Italia deve altres sovrap
il quale, a somiglianza di quello di Parigi del porre all'opera nefasta del 1815 l'opera nuo
1856, non facesse se non. formulare le que va della rivoluzione; deve far riconoscere il

tali soccorsi addetto alla fondazione di una scuo

la magistrale. In testimonianza di onore data

una pensione di anni ducati trecentosessanta a Gian


nina Milli sui Ruoli provvisori della Tesoreria Ge

nerale. L'Istituto d'Incoraggiamento, le Societ


Economiche e le Scuole di Arti e Mestieri dipende
ranno da ora innanzi dal Ministero di Pubblica I

struzione, cos per la parte scientifica come per


stioni e tentasse di non iscioglierle ma di pro vessillo dei diritti nazionali.
la
ama.inistrativa. La pena residuale dei
rogarle, adesso non conterebbe nulla, non da
Con questo vessillo che fu la sua risurre ferriparte
che dovrebbe espiare Vincenzo Lattari di Pao
-

zione, ch' la sua forza e la sua gioria, l'I la in Calabria Citra, condonata. La vedova

; non protrarrebbe
rebbe risultamento alcuno
i pericoli della Situazio
ne; anzi, probabilmente, precipiterebbe gli av
venimenti, coll'anticipare l'urto dei principii.

Luisa Asmundo ammessa a fruire la pensione


sacrosanti, a far sanzionare il codice dei Di dell'
intero soldo che percepiva il marito in at

che sono in quistione-

della vittoria in fronte colla forza di oltre

neppur d'un giorno

talia deve presentarsi a ripetere i suoi diritti

ritti nazionali, come chi parla coll'aureola tivit di servizio, computandone gli arretrati a

seconda del grado. Sono destituiti dai loro


precisauente il problema ch'era stato po trecento mila baionette e di una flotta pode rispettivi ufflzii varii uffiziali nel ministero del
-

sto dalla Francia all'epoca dei viaggi di lord rosa, e pu dire: sta in mio potere lo scate la Guerra, e sono nominati non pochi Commissa
Cowley a Berlino ed a Vienna fare alla vi: nare a difesa dei Diritti nazionali quanti so rii ed Ispettori di Polizia.
gilia del conflitto quello che si farebbe all'in no in Europa Magiari, Polacchi, Slavi e Gre
Leggesi nel detto Giornale Ufficiale:
domani della vittoria; colla differenza, pero ci. Compire pacificamente in Europa l'ope
che allora si trattava solamente della questio ra ormai troppo avanzata per poterla ar

ne Italiana, mentre adesso - quantunque le

-La riapertura dell'Universit degli Studi di Na

poli e di tutte le sue dipendenze avr luogo nel di

restare della rivoluzione, questo, ma que 1. del venturo mese di dicembre.

Potenze o reazionrrie o conservatrici si studii sto soltanto pu essere il cmpito d'un Con
no dissimularlo ci sono pure di mezzo nna gresso che voglia assicurare la pace europea.
questione Ungherese, una questione Polacca,
Presentare alla diplomazia il programma

del riordinamento dell'Europa sulla base dei


una questione Greco-Slava.
Diritti e dell'indipendenza delle Nazioni
speranze,
fervono
parte
Dall'una
dall'altra
s'hanno timori gravissimi, speranze e timori che compiendo l'opera della rivoluzione italiana,

-e

REAZIONE E TORBIDI.

Sappiamo di certa fonte che gli insorti rea


non furono ancora apertamente in tutto pa e restituendo agli Italiani le provincie ancora zionarii, raccoltisi in numero di 5000, anno
lesati. Ma trattandosi di un congresso per as occupate da stranieri questa la missione, formato un campo a S. Giovanni presso Man
sicurare la pace europea 3 pisgna pure for la sola missione che l'Italia possa sostenere fredonia Essi respinsero le truppe del gene

mulare con sincerit e i timori dell'una parte nel Congresso.

rale Romano, e si sparsero per le campagne

e le speranze dell'altra.

commettendo stragi inaudite, e minacciando


di eccidio e di saccheggio le citt circostanti.
Sono capitanati da ufficiali e sotto-ufficiali delle

- e-

L'Italia alla prossima primavera, senza fa

re sforzi che gettino nello squilibrio gii ele


menti della potenza sua-come fa l'Austria che
per tenere un esercito sproporzionato dilapida
le finanze ed esaurisce essa stessa i proprii e

lementi vitali pu schierare tra il Mincio e


il Po 350 mila soldati.

E quando l'Italia si presentasse con 350 mila


baionette, con seicento cannoni, con tre gran

di parchi d'assedio e con una flotta formida


bile a ripetere dall'Austria le provincie italia
ne, che l'Austria tiene ancora incatenate, l'Eu
ropa non avrebbe diritto d' impedire agli ita
liani di esigere quello che sacro diritto de
gli Italiani - l'Europa non potrebbe immischiar

si nel conflitto... Ma, acceso il conflitto, come


potrebbero Ungheresi e Slavi starsene oziosi
vedendo l' Austria impegnata con trecentocin
antamila soldati- vedendola alle prese con
se non per numero, certo di gran tratto

i"

superiori per islancio e per sentimento a quelle

COSE INTERNE

sbandate o disciolte truppe Borboniche.


Dalla Capitanata abbiamo che a

Gargano

Sunto dei Decreti pubblicati dal Gior le insurrezioni reazionarie, eccitate da alcuni
agenti di Francesco II, che spargono oro, e
nale Ufficiale del 27 ottobre.
promettono impunit, van prendendo vaste pro
Il Signor Scipione Capone nominato Mag porzioni.
giore della Guardia Nazionale del distretto di san
a deplorare che il governo lasci afforza
i Angelo de lombardi.-Alla vedova e figli di Pao re e ingigantire questi movimenti, e non vi ab
lo Agosto morto in carcere per causa-politica, bia provveduto quando il farlo era di pi facile
accordata la pensione vitalizia di mensuali ducati esecuzione. Invece di consumare il tempo in
venti. All'Avvocato signor Francesco Avellino di formulare
per aumenti di paghe, o per
Napoli accordata l'onorificenza di Maggiore del nomine ad decreti
impieghi, fatte precipitosamente, e
la Guardia Nazinale. Lo stato Maggiore del Ge
nerale Comandante la Guardia Nazionale della Cit tante volte con sorpresa e scandalo dell'opi
nione publica, si doveva pensare seriamente
t e Provincia di Napoli sar composto di - Un alla sicurezza interna del paese. Le popola
Colonnello Capo dello Stato Maggiore, - Tre Co zioni sono lasciate in preda al primo reazio
lonnelli,-Cinque Luogotenenti Colonnelli e Mag nario ardito che sa riunire intorno a s una
giori, Dieci Capitani, Quindici Luogotenenti.
L'antico Ducato di Benevento dichiarato Pro cinquantina d' uomini. La storia di Napoli a
vrebbe dovuto insegnare come questi moti rea
vincia del Regno Italiano. Un apposita legge de zionari
sieno peste che si riproduce ad ogni

dell'Austria stessa?E la rivoiuzione una vol terminer la sua nuova circoscrizione nel fine di
mutar di fortuna d'un governo, e come sia do
ta scoppiata nelle vaste regioni Danubiane e ampliarne il territorio proporzionatamente alle al vere indeclinabile di prevenirli abilmente, o di
appoggiata indirettamente dall' esercito italia tre Provincie.-Il sig. Antonio Ranieri nomina
comprimerli precipitosamente, onde, allargan
no guerreggiante in Italia, chi potrebbe ar to Sopraintendente del Reale Albergo dei Poveri dosi,
non divengano pi tardi flagelli latenti

restarla in suo cammino mentr'essa scop in luogo del sig. Federico del Re di cui accettia
mo la rinuncia nominato Governatore del Rea
gne dell'Epiro e della Tessaglia fino alle spon le Albergo dei Poveri il sig. Michele Persico in
de della Vistola?
luogo del signor Francesco Avellino di cui ac
Son questi i timori, queste sono le speran cettata la rinuncia. Il Sig. Raimondo Milone
ze che or conviene apertamente dichiarare. nominato Consigliere dell'Intendenza di Napoli in
Vinchiatur, de
Giuseppe
luogo del
Perocch, se si vuole veramente prevenire stituito.
unaLongo
accordata
pensione mensuale di
Signor
pierebbe quasi a un punto solo dalle monta

alle popolazioni, e minacce continue alla si


curezza e alla tranquillit dello Stato.

Sappiamo che il passaggio del Corpo d'ar

mata comandato dal generale de Sonnaz per


la Capitanata lascio desiderio che si fosse spe
dito un presidio di truppe regolari. Invitiamo
il Governo ad affrettare quest'invio, lo invi

una cos vasta e sanguinosa catastrofe, con


tiamo a pesare le consegueuze che il difetto
viene pure accomodarsi a fare per convinzio ducati 12 a Marianna la Sangiovannara, Anto di sollecitudine e d'energia potrebbe trarre
nietta Pace, Carmela Furitano, Costanza Leipne

ne ci che i popoli farebbero pi tardi per


diritto della vittoria e con ispirito di vendet cher e
rimane
ta contro l'antico sistema.
A quest'ora ben si pu dire quanto provvi cerdote
de fosse il consiglio della Francia quando pro Bari; il

paese. Purtroppo la inconsiderata misura


Pasquarella Proto.-Il Liceo del Salvatre sul
chiuso per un anno.-Sono nominati il Sai di sciogliere i vecchi corpi d'esercito regio,

D. Girolamo Nisio, Rettore del lice di e rimandarli liberi, cagion e cagiona cotali
can. D. Amedeo Carnevale rettore del Col disastri alle popolazioni. Noi speriamo che

pneva di fare alla vigilia della guerra del legio Tulliano di Arpino; il Can. D.

Giuseppe quest'esempio far finalmente persuaso il Mi

IL PUNGOLO

55

nistero della necessit di usare mezzi rigorosi


per ricondurre l'ordine e la quiete.

Quello che diciamo circa i moti reazionari


lo intendiamo applicato anche alla continua
minaccia di commovimenti per parte degli o
perai di vari rami della pubblica amministra
zione. Sappiamo che dopo la sommossa della
Darsena, ieri si temeva quella degli operai dalle

Publichiamo per intero il Manifesto au


striaco. Esso ci porge una nuova prova,
che la politica della Casa d'Absburgo s'in
forma alla massima del principe di Tal
leyrand quando diceva.
Dio dato la parola all'uomo per
nascondere il suo pensiero .

poste, dei telegrafi, e di Pietrarsa, cagionata


MANIFESTO IMPERIALE

dal malcontento per la loro condizione. giu


sto che chi lavora, sia pagato abbastanza da

Al MIEI POPOLI !

poter vivere senza stenti, e in ci il Governo

Quando ascesi al trono dei miei antenati,


non sarebbe biasimato, se spendesse per mi
gliorare la condizione degli operai publici, la monarchia era in preda a violenti scosse.
una parte di quel tanto denaro che va sciu
Dopo una lotta profondamente dolorosa pei
pato altrimenti. Ma fatta giustizia a reclami paterni miei sentimenti, si fece sentire nei
onesti, il Governo deve por fine a questi con miei paesi, come in quasi tutti gli Stati vio
tinui pretesti di malcontento. La publica opi lentemente scossi del Continente europeo, pri
nione si sdegna in udire queste eterne querele, ma di ogni altro il bisogno di un piu stretto
e ne accagiona chi non sa n prevenirle, n concentramento del potere governativo. Lo
spegnerle.
richiedevano il bene pubblico e la sicurezza

voluto dire che gl'interessi dell'Inghilterra


nell'Adriatico esigano che l'Austria conservi
la Venezia perpetuamente. E notorio che il
governo ha emesso una opinione affatto con
traria.

Venezia necessaria all'Italia.

Ve

nezia dev'essere un giorno completamente ita


liana. Ma se una guerra fosse intrapresa dal
l'Italia prematuramente, e se il Piemonte fosse
forzato a gittarsi ancora una volta nelle brac
cia della Francia, potrebbe non essere dell'in
teresse dell'Inghilterra che una flotta francese

occupasse Venezia per s lungo tempo che


un'armata francese ha test occupata la Lom
bardia.

degno di un ministro inglese di preve


dere coi suoi consigli una tale eventualit.

Finora noi non abbiamo tratto n promeseo


di trarre un colpo per la libert italiana, e
certo non saremo tanto stupidi da mantenere

il dispotismo austriaco, neppure per la soddi


sfazione di piacere ai Coburghi o di far le

numero dei tranquilli abitanti corna ai Bonaparte.


del maggior
Monarchia.

della

Il nostro corrispondenle parigino ci scri

Le passioni suscitate, e le dolorose rimem ve sapere da buona fonte che secondo i con

Ecco la lettera annunciata ieri circa il branze di un recente passato, rendevano im certi stabiliti tra l'Imperatore e lord Palmer

fatto attribuito a Palmi, avvenuto invece possibile un libero movimento degli elementi, ston dall'una parte, e tra lord John Russell e
nel paese di Cinquefronde, comune di che ancora poco prima trovavansi in lotta.
il ministro prussiano Schleinitz, l'inghilterra
quel distretto. Ci duole che quest'errore Volendo conoscere i desideri ed i bisogni non appena sar ufficialmenie notificato il re

sia corso circa un paese di meritata fa dei vari paesi della monarchia, colla mia sultato del plebiscito dell'Italia meridionale ma patriotica, e di non comune virt patente 5 marzo a c., ho istituito e convo inviter le grandi Potenze a un Congresso ge
Impero. nerale a Parigi. A questo Congresso il Regno
nazionale Coglieremo sempre volentie cato il mio consiglio rinforzato dell'rassegna
stesso
e la Spagna dovrebbero prendere par
proposte
dallo
Valutate
le
ri ogni occasione di rendere omaggio ai temi, mi sono determinato ad emanare col d'Italia
te come sesta e settima grande Potenza.
sentimenti d'un paese che tanto meri giorno d'oggi un diploma, che regoli l'orga
A detta del medesimo corrispondente, il mi
tato della causa nazionale.

nismo della Monarchia e la posizione dei sin nistro Schleinitz non sarebbe andato alle con
goli regni e paesi nei rapporti di diritto pub ferenze di Varsavia per la ragione che gli im
bico, e che renda pi saldo il loro legame pegni presi da esso con lord John Russell gli

rnatissimo sig. Direttore.

Leggesi nel numero 11 del pregevolissimo politico, creando una rappresentanza del com
suo giornale che a Palmi in provincia di Reg plesso della monarchia.
Io adempio al mio dovere di Sovrano, con
gio avesse avuto luogo un tentativo di rea
zione in vaste e minacciose proporzioni, e vi ciliando in tal modo le tradizioni, lo spirito
si leggono descritti i particolari di esso.-Ve delle precedenti istituzioni ed i voti dei miei
ri quei fatti, sono stati malamente attribuiti a popoli coi reali bisogni della mia monarchia,
Palmi; avendo quel tristo tentativo avuto luo ed affidando con piena tranquillit al senno
i" invece in Cinquefronde, paese anch'esso maturo ed al patriottismo dei miei popoli il

impediscono di accedere a qualunque compro


messo colle potenze che fondano ancora la
loro politica sul Diritto divino. A questo pro
posito, il corrispondente fa osservare che la

Prussia regno costituzionale, e che il Mini


stero risponsabile della politica del gover
no. Il Reggente, come parente ed amico del

lo Czar, non poteva esimersi dall'accettare l'in

delle vito dello Czar alla conferenza di Varsavia;


ella provincia, e patria degli Ajossa che vi prospero sviiuppo e la consolidazione
istituzioni da me date, o richiamate in vita. ma in assenza del capo del Ministero il Reg
A nome di tutto un paese per sentimenti Ne attendo con fiducia il felice successo dalla gente non pu compromettere la politica prus

lasciaron la vita.

nazionali a niun altro secondo nelle provin protezione e dalla grazia dell' Onnipotente, siana in impegni definitivi.
Leggiamo nell'Opinione del 24.
cie meridionali d'Italia, d'un paese che, dopo nelle cui mani stanno le sorti dei principi, e

Dispacci da Vienna recano che le conces


rifiuter la sua benedi
da catastrofe del 15 maggio 1848, formava un dei popoli, e che non
convincimento
coscenzioso
profondo
e
del governo non hanno destato l'entusia
sioni
al
zione
campo di armati sui monti circostanti per re
smo che il governo attendevane.
muovono le paterne mie cure.
sistere alle truppe del Nunziante, spedito dal onde Vienna,
Le metalliche che erano rialzate nel gior
il 20 ottobre 1860.
Borbone a domare la rivolta calabrese e con
la concordia de'suoi cittadini rendeva nel 49

FRANCEsco GIUsEPPE m. p.

vani gli sforzi degli sgherri del dispotismo a


menare innanzi una sola processura crimina

le-a nome infine d'un paese, che, ancora

NOTIZIE ESTERE ED ITALIANE


- Si ha da Londra, in data del 22 ottobre:

no in cui quelle concessioni furono annunzia

te, ribassarono nel giorno successivo. Ci pro


va la poca fiducia che si ripone nella situazio
ne dell'impero.

Un giornale tcdesco annunzia che l'Au


sta per nominare l'ex-duca di Modena du
stria
cerca
canto
da
Morning-Post
rali, e minacciato dalla presenza delle navi Mentre che il
Venezia (!). Se ci vero, dice la Patrie
di
ca
borboniche, che incrociavano le costiere , e suo di provare che l'Austria non si dipartira
due volte duca, ma senza ducato.
si
trover
afferma
nei
che
vici da una attitudine d'aspettativa,
da forte nodo di truppe concentrate
Napoletani
e i Siciliani che sono a Pa
l

ni paesi, festeggiava ed accoglieva l'invito il Gabinet.o austriaco ha assicurato nel modo


Garibaldi cos freneticamente ed unanimemen il pi positivo l'ambasciatore di Francia a rigi hanno votato per l'annessione presso il
incaricato d'affari sardo.
te da meritare l'onore che Egli telegrafasse Vienna, che l'Austria decisa a non inter signor Groppallo,
a -969--non
che
a
fino
fatti
d'Italia
Messina,
fossero
affari
onde
venire negli
al Governatore di
non cedute da Regii le vicine fortezze litto

onori a Palmi ( e Messina festeggi col gri


do viva Palmi ), in nome di tal paese, io oso

sar attaccata.

pregarla, signor Direttore, di voler corregge


re l'errore incorso, e ridare cos la buona sti zioni da lord John Russel, sull'abboccamento

ma ad un colto paese che ha tutto fatto

per di Coblenza:

meritarla, inserendo nelle colonne del suo fo.


glio la presente.

Nel nostro numero d'ieri, e precisamente

- Ecco le parole testuali del Daily News, nel primo articolo corse un grave errore di
foglio che riceve ordinariamente le sue ispira stampa che ci affrettiamo a correggere.
Vi detto La Prussia sa benissimo che

l' Italia una volta fatta, l'Italia unita, il Re

Noi siamo lieti d'apprendere che il risul gno d'Italia sar il naturale alleato della
tato dell'abboccamente di Coblenza stato di Francia, come ora la Francia lo dell'Au

E protestandole i pi sentiti ringraziamenti, rendere pi cordiali le relazioni tra l'Inghil


ho l'onore di profferirmi,
Di lei

Umilissimo e Devotissimo
V. COSENTINO.
- 20

--

stria .

terra e la Prussia. Ma se da ci s' inferisce

Le ultime parole dovevano dire: come ora

che l'Inghilterra abbia assunto un impegno

la Francia lo dell Italia.


Siamo certi che i nostri lettori avranno cor

qualsiasi verso le potenze del nord o ch'eliasia


si mostrata disposta a collegarsi con esse con retta, leggendola, l'orribile sconciatura e non
tro l'Italia, chi cos la pensa s'inganna stra avranno creduto che noi potessimo gettare
namente sui fatti.
sulla Francia la gravissima calunnia di esse
Lord John Russell non ha mai detto, n re naturale alleata dell'Austria.

IL PUNGOLO

56

se-e
avesse avuto luogo, scandali e violenze.Era
L'imperator d'Austria sar raggiunto a
dovere del Governo il prevenire gli uni e le Varsavia dal principe d'Assia, che comanda

Venezia.
Un dispaccio del conte di Cavour, in data altre Diffatti il generale della Guardia Na- nella

Viene
smentita la notizia che il principe
zionale
espose
al
padre
Gavazzi
la
cosa,
e
lo
da Torino 25 corrente, reca che il Parlamento preg di rinunziare alla predica.
i di Petrulla vada a Varsavia.
Nazionale fu prorogato.
.
Ma il sagrifizio di una predica troppo

Continuano i passaggi di truppe nel Ve

grave, perch il P. Gavazzi vi acconsentisse

neto. Si vuole che l'esercito austriaco di oc

Un telegramma giunto al Prodittatore e al cos di leggieri. Protest che nessuno gli po cupazione in quella provincia d'Italia sar
marchese di Villamarina, reca:

teva togliere il diritto di parlare, e che la portato a 220 mila uomini.

ll 26 la vanguardia del 4 corpo di armata predica avrebbe avuto luogo,


Le perquisizioni e gli arresti sono all'ordi
comandato dal Re in persona sulle alture di
ne del giorno nel Veneto.
Quali
misure
abbia
preso
il
Governo
noi
S. Giuliano, a met strada fra Teano e Sessa, ignoriamo- ma speriamo saranno tali da im
Hanno avuto luogo considerevoli traspor
incontr il nemico in forza.
pedire nuovi disordini.
di materiali da guerra per tre giorni sulla
Dopo una fucilata di due ore, e qualche
Del resto il P. Gavazzi ha predicato tanto ferrovia di Lione. Si dice, come conferma di
colpo di cannone, il nemico si ritirato per e nei teatri, e nelle piazze, e nelle chiese, e tali approntamenti, che il ministro della ma
Sessa sul Garigliano, lasciando in potere dei dai palchetti, e dalle carrozze, e dal pergamo rina diede ordine di tenere a disposizione del
nostri buon numero di prigionieri.
i
che una predica di meno non pu certo sce governo un certo numero di navi da guerra
Le nostre perdite furono pochissime.
mare la stabilita riputazione dei suoi polmo pronte per trasporti di truppe. L'ordine sa
ni, n quella del suo torace - la cui solidit rebbe stato trasmesso a Tolone ed a Mar

Jeri il Re pass la giornata agli avamposti mette in ogni predica alla prova violenta dei siglia.
tra S. Angelo e S. Maria. Con quell'ardi colpi disperati che vi picchia sopra egli stesso.

-e

re che lo distingue, si spinse molto innanzi


Abbiamo parlato giorni sono della cattiva
sotto Capua. Egli s'intrattenne famigliarmente
organizzazione
delle poste, abbiamo dimostrato
Troviamo nel Giornale Ufficiale un decreto
con varii ufficiali e soldati dei corpi volonta
d'un migliore servizio coll' at
rii, informandosi di tutt' i dettagli dei mera che toglie i soccorsi agli studenti e letterati l'impossibilit
tuale
organamento,
vecchio , difettoso , im
vigliosi fatti da essi compiti , e mostrando di poveri, e pi sotto quello che trascriviamo morale sappiamo ora che una commissione
apprezzarne da abile generale, e da.intrepido letteralmente.
d'impiegati si present ieri al segretari ge:
soldato tutta la importanza, e il valore. Lo
In testimonianza di onore data una pen nerale perch fosso mutato e si fece di ci
- --

accompagnavano il Generale Sirtori, ed altri sione di annui duc. 360 a Giannina Milli . supplica al Prodittatore. Avendo ora raccolto
generali Garibaldiani.
Decreti siffatti non nno bisogno di com dati di fatto, ci riserviamo di trattare diste
menti; essi sono un oltraggio alla coscienza pu

samente quest'argomento e lo faremo in

Sull'incontro del Dittatore col Re abbiamo blica Mentre con mano avara si toglie a cominciando da domani.

chi studia stentando e lottando colla pover


ancora pochissimi particolari.
Sappiamo solo che lo stesso Cialdini and a t, dall'altra si prodiga in testimonian
prendere Garibaldi a Caserta, portandogli una za d'onore a chi vive nell'agiatezza, e gua
lettera molto cordiale del Re. E nota l'a dagna largamente e senza fatica fra gli ap
micizia personale che lega Vittorio Emanuele plausi sulle scene Noi non disconosciamo
e Garibaldi. L'uno non parla dell'altro che il merito poetico della signora Milli, ma non
con affetto e commozione Sono due anime comprendiamo quali doveri abbia verso di lei
oneste degne di comprendersi e di amarsi. lo Stato Non comprendiamo queste testi
Quando il Dittatore fu in presenza del Re si monianze d'onore fatte col danaro del pub
scoperse il capo e gli disse: SALUTE AL RE blico erario tempo che cosiffatte dilapi
dazioni cessino, tempo che il Ministero com
D'ITALIA.
A Garibaldi spettava in fatti il diritto di prenda che la sua guida deve essere il giusto
salutarlo per primo con questo titolo che la e l' onesto, non la predilezione, o l'avversio
ne Intanto che molti impiegati dei publici
nazione ormai gli ha conferito.
Vittorio Emanuele, commosso gli strinse la dicasteri lavorano non pagati, o pagati scar
mano dicendogli: SALUTE AL MIGLIORE DEI samente, si profonde il denaro in tributi sen
MIEI AMICI. Certamente per Garibaldi era timeutali. Intanto che la citt offre il mi

serando spettacolo d' una intera popolazione

questo il pi caro saluto.

norileParigi
telecafiche
23 ottobre (sera).
L'Austria dichiara di mantenersi in

attitu

dine difensiva.

L'ambasciatore di Prussia rimane a Torino.


i principe di Metternich arriver domani a
Parigi.
s

IlOrvieto
conte non
Persigny
ancora in Francia.
sar occupato dai francesi.
pienna, 23. Lievi disordini a Presburgo
contro gl'Israeliti.
Parigi 23 ottobre (sera).
-

Vienna, 23. La borsa in ribasso. Quanto


alle provincie, esse hanno accolto tutte con
gioia il manifesto imperiale, sovratutto le classi

colte dell'Ungheria e della Croazia . .


parsavia, 23. L'Imperatore visit ieri lo
nare ! Domani ritorneremo sulle prodigalit Czar, e mezz'ora dopo il principe Reggente.
Alla sera
tutta la Corte
interveniva
governative, parlando delle meschine retribu Oggi
a mezzogiorno
grande
rivistaal teatro
Lo Czar
zioni degli impiegati della posta.
comandava le manovre. L'ambasciatore, au
striaco
qui: si assicura non trovarvisi il duca
Il sig. marchese di Montezemolo, desi di Montebello. Sono eseguite delle conver
gnato regio commissario in Sicilia, parte que sazioni confidenziali tra i ministri delle grandi
sta sera per la Toscana, d'onde si recher a potenze, altre ne seguiranno. Si rine. Pi
Napoli a prendere gli ordini di S. M. prima certo che non avranno luogo conclusioni di
di raggiungere la sua destinazione. .
trattati.
.
Il giorno 25, il conte Cavour spediva l'or
Parigi 24 ottobre (sera).

Si assicura che fra breve il Re saluter con senza tetto e senza pane, il ministero consa

cra il denaro publico a testimonianza d' o

altro titolo il migliore dei suoi amici.


se -

Jeri sera arrivarono in Napoli, affidati alla


benemerita nostra Guardia Nazionale circa una
ottantina di prigionieri. Essi son tutti Au

striaci, quegli austriaci che la ipocrisia Bor


bonica chiama Bavaresi.
-- --

Quest' oggi il padre Gavazzi doveva predi

care nella Chiesa del Ges nuovo, come gof.

famente la si chiamava, quasi vi fosse un dine che rimanda alle case loro tutti i pri

Ges vecchio, o si trattasse di un Negozio gionieri fatti a Macerata.


di mode e che ora il Padre Gavazzi vor

si ha da Vienna-Lievi disordini a Pesh.

Arresti nell'esercito e nel clero. ..


17, af
accenna il telegramma da Torino alla Gaz fermano avere gli ambasciatori domandato che
-

Nessuno dei tre ambasciatori, ai quali

Le lettere giunte da Costantinopoli,

rebbe battezzare del Ges risorto,


Pare per che ci non garbasse molto ai zetta di Monaco, ha sin oggi comunicato al la Turchia d'Asia, come quella d Europa, ven
popolani di quel quartiere. Era stato detto governo sardo l'ordine di richiamo per parte
ga visitata.
- - ---loro che il Padre Gavazzi a Londra erasi fatto dei rispettivi gabinetti. " "
ll
prolungamento
del
soggiorno
delle
truppe
protestante, e a quei popolani, in cui il sen
Sembra che Minghetti possa essere no francesi in Siria riuscendo indispensabile, as
timento religioso portato agli eccessi della minato ministro dell'interno in surrogazione sicurasi che le potenze vi manderebber i lo superstizione, sembrava che da una sua pre di Farini destinato al governo di Napoli.
ro contingenti.
dica sarebbe stata profanata la Chiesa.
La Spagna esorta l'Europa a protestare
"
Parigi 24 Ottobre (sera).
Certamente noi deploriamo questi pregiudi contro gli avvenimenti delle Due Sicilie, e
L'ambasciatore
austriaco, Metternich, arri"
zii - ma per distruggerli, non bisogna pren fa valere l'articolo 104 dell'atto del Con va questa sera a Parigi. Hubner parte, Im0Il
derli di fronte conviene sradicarli dal po. gresso di Vienna.
.
.
.
. .
La Svizzera fu avvertita che a Varsa gi per Venezia, ma per Vienna.
polo a poco a poco con l'opera lenta ma si
-

cura della civile educazione.

. ..

Fatto st che minacciavano, ove la predica

NAPoli

via si terr parola di lei c della sua con

J. COMIN Direttore.

dizione.
l

ii

sta metro e per Ateneo Domenico CasrELLINI Gerente Resp

ANNO I.

Luned 29 Ottobre 1860.

Napoli

Milano N. 15

GIORNALE POLITICO POPOLARE DELLA SERA


PREZZO D'ABBONAMENTO MENSILE
. . gr.
Napoli a domicilio . . . . . .
Provincia franco di posta . . .
-

30

Esce tutt' i giorni anche festivi, tranne le solennit.


L'Ufficio di Redazione, e la distribuzione principale presso

45

lo Stabilimento tipografico dell'Ateneo


Vico S. Maria Vertecoeli, N. 9.

'Trimestre semestre ed anno in proporzione.


-

Per l'Italia superiore, trimestre.

L. It.

50

Si ricevono Inserzioni a Pagamento.

Un numero separato costa Un grano,

vento, Campobasso, Vapore di Francia, pi contumelie da un canto, lo stordimento, la

LA POSTA

Vapori da Genova: al Marted non arriva che maggiore confusione dall'altro, scene scandalo

se, teoricamente ingiuste, praticamente natu


Abbiamo parlato altra volta dell'attuale or il Vapore da Malta, e al sabato, o nessuno, rali.
l.locali delle singole officine piceoli, an
o un solo vapore. Da ci un'irruzione di cor
ganizzazione delle poste. Abbiamo detto come
gusti, mal costrutti, e ne quali una riparti

la lentezza e la inesattezza del servizio fosse rispondenze, uno o pi giorni della settimana,

zione pi estesa, e quindi di opi facile ese


ro oggetto di lagni per parte degli italiani oc e nessuna lettera, nessun giornale negli altri;
pegli impiegati un lavoro a trabalzi, esage cuzione riesce impossibile. I cittadini accalca
cidentali che

dimorano in Napoli, o che ap

ti, stipati, davanti la piccola inferriata, e, nel


partengono all'esercito. Abbiamo accennato al rato . opprimente oggi . nullo o quasi nullo la difficolt di farsi udire, devono affrontare
domani.

l'angustia dei locali, alla scarsezza degli im

piegati con una popolazione nuova di 30 mila


persone, le qnali tutte, o quasi tutte, anno e

e sostenere una lotta personale per ricevere


Se le partenze e gli arrivi dei vapori dal
una lettera. Se le officine di distribuzione in
l'occidente d'Italia, fossero regolati ragionevol

luogo di tre, fossero cinque, e se invece di due


stese corrispondenze coll'occidente d'Italia. Da mente, la posta potrebbe fare un servizio me impiegati, che
non possono materialmente, ba
ci, abbiamo detto, un'occupazione assidua, no gravoso agli impiegati, pi utile ai citta stare, ve ne fossero,
quattro, il servizio, pro
impossibile pegli impiegati, uno scontento con dini. Aggiungiamo che in una citt dell' im cederebbe con pi regolarit, con la soddisfa
tinuo, irritante per il pubblico, che diritto portanza di Napoli, la pi grande, la pi po zione del pubblico, e con maggiore decoro
ad un servigio sollecito, esatto, regolare. Ab polata citt d'Italia, indecoroso che non pegli impiegati, dello Stato.
biamo lamentato che la distribuzione delle debba giungere

ogni giorno un corriere di

Un terzo difetto, e il pi grave, perch pro

lettere, e dei giornali non si facesse se non

Francia, e un corriere da Genova.

parecchie ore dopo l'arrivo dei Vapori posta


li: abbiamo invitato il Governo a porre ripa
ro ad uno stato di disordine, che provocava
tante volte scene indecorose pegli impiegati,
involontarie ma irrompenti pei cittadini.
L'altro ieri una commissione d'impiegati,
convinta della impossibilit di proseguire a

Il secondo difetto nell'attualc organamento prio ad alimentare l'immoralit, e a renderla


delle poste , abbiamo detto, la scarsezza de giustificata, se esistesse, quello che riguar
gli impiegati V' di che meravigliare, quan da le paghe degli impiegati. Era sistema ver
do si afferma che la ripartizione di tutte le gognosamente, inveterato, sotto il Governo Bor

questo modo, fece una supplica al Prodittato


re, onde la posta avesse una nuova organiz

zazione pi conforme ai bisogni del publico


servizio, e alle idee di giustizia che devono
informare un'amministrazione nazionale, basa

ta sopra leggi oneste, non sopra gli arbitri

lettere e di tutti i giornali che possono arri bonico di non aggravare il pubblico erario di
vare dal Globo, si fa da un solo impiegato. peso soverchio, retribuendo i funzionarii dello
Quando al Luned, al Mercoledi , al Venerdi
arrivano le poste di quindici paesi di provin
cie estesissime, e quelle di Francia e dell' I
talia occidentale, si domanda in qual modo,
tutte queste corrispondenze possono essere clas
sificate da un solo impiegato. Dopo essere
stata classificata la tassa postale di ogni let
tera, e di ogni giornale, le corrispondenze pas

avari, che erano retaggio del passato Governo.


L' organizzazione attuale delle poste pecca sano alle singole officinc di distribuzione e
nel disordine con cui sono regolati, o non so qui incomincian le dolenti note .

Ogni officina di distribuzione, e sono tre,


no regolati, gli arrivi . pecca nella scarsezza
degli impiegati, e nella loro cattiva riparti non che due soli impiegati, incaricati di u
zione, pecca d' immoralit nelle retribuzioni dire i nomi, di esaminare le lettere, e, verifi
che si danno a questi impiegati che, costretti cata e riscossa la tassa postale, consegnarle ai
ad un lavoro assiduo di molte ore, o non so cittadini. Bisogna convenire anzitutto, che mol
ti degli impiegati postali, non accostumati ad
no pagati, o lo sono miseramente.
Gli arrivi, invece di essere regolati ordina un lavoro di tale gravit, e convinti dell'im
tamente in modo che ogni giorno vi sia quel possibilit di bastare ai bisogni del pubblico
dato lavoro, si succedono disordinatamente, servizio, dopo qualche ora di quelle pene d'in

stato in modo che potesse bastare ai loro bi


sogni, e a provvedere al mantenimento delle
loro famiglie. Si lasciava invece, o che lan

guissero in una povert lagrimevole se onesti,


o che taglieggiassero i privati se lo comportava
la trista tendenza del loro carattere. Da ci

nacque, e crebbe quella riputazione d'immo


ralit che pesava sui publici funzionari sotto
la caduta dinastia, riputazione, ingiusta nella
sua applicazione generale, meritata e giustis
sima nei casi speciali, ma purtroppo nume
rosi. Allora si soleva mandare i favoriti po
veri in Sicilia a presiedere le commissioni di
beneficenza, onde tornassero arricchiti. Allera

si violavano le leggi di procedura dai Governa


tori per utile particolare, e si abusava della
carica per influire sui giudicati dei Tribunali.
Dai pi alti gradini si scendeva ai pi bassi,

e l'immoralit era una catena, le cui anella,

onde mentre al Luned p. e. arriva la posta ferno, istupidiscono. Di l le grida confuse, passavano attraverso tutto l'organamento dello
Stato.
:
-

di Puglia, Calabria, Abbruzzo, tutto il cam e non intelligibili, n intese dei chiedenti, gli
mino della ferrovia, S. Germano, Sora, Bene equivoci, gli errori degli impiegati, le ire, le

Que

stema prevalse naturalmente anche

IL PUNGOLO

58

I come mai ne abbandona i principii , in nome


nell'organizzazione delle Poste. Qui si trova mensi materiali da guerra, due parchi d'arti dei quali soltanto questa mostruosa figlia del
i,
fortificazion campi trincerati, com
no uomini, che dopo dieci lunghi anni di ser glieria,
pletano l'apparato guerresco. V'ha di pi: in principio del secolo potrebbe rivivere? Come
vizio gratuito in qualit di alunni, percepi cominciarono ad arrivare in Italia i Croati mai scopre ella agli occhi dell' Europa le sue
scono finalmente una paga che non supera i confinarii, che come sapete non si tolgono dai interne piaghe, la sua debolezza, quando
quattro ducati al mese. Vi sono impiegati loro focolari se non in caso di guerra guer appunto ne ricerca il sussidioma?per intrapred
reggiata, come si dice nello stile burocratico dere una guerra pericolosissi
intelligenti, che, obbligati ad un lavoro conti dell'Austria; e finalmente il duca di Modena
Dunque, l'Austria prevede il nessuno suc
nuo di parecchie ore, dopo 14 anni di servi alla testa di un corpo delle sue vecchie trup cesso delle sue pratiche in Varsavia e vuol
zio, anno una paga di 15 ducati al mese. pe, rimastogli fedele, e di alcuni battaglioni prepararsi una forza sufficiente per far da s,
d'austriaci nascherati da ducali si trova nei o almeno pensa ad assicurarsi le spalle con
Ora,

come pu vivere una famiglia intera con


distretti di Borgoforte e Gonzaga, sulla destra tro la rivolta, mentre sar impegnata nella
cinque carlini al giorno? egli giusto che chi riva del P.
lotta!

occupa tutto il suo giorno nel servizio del


Non si tratta quindi di semplici indizi al
pubblico, debba stentare la vita ? Ci che di larmanti, ma di fatti reali, quasi del princi
ciamo per la capitale vale tanto pi per le piare stesso delle ostilit.
Ad onta di ci, io non so credere che l'Au
provincie, ove lo stato degli impiegati postali stria ci attacchera. Come mai, si oppone,
sarebbe quasi incredibile, se la miseria non avrebbe ella profuso tanto denaro nelle ben
parlasse con eloquenza piena di verit, e non note strette finanziarie, in cui versa, per limi

Ma lasciamo questo argomento, che non

pu per oggi essere trattato che con ipotesi,


e con ragionamenti, i quali valgono assai po
co, massime allorch si ha da fare con un av
versario come l'Imperatore Francesco Giusep
pe, spirito balzano, orgogliosissimo, infatuato
della sua possanza, e capace quant'altri mai di

lasciarsi trascinare dalla passione o dal ca


Egli che l'Austria, a mio avviso, si face priccio.
Il telegrafo ci reca ad ogni ora l'esito del
va una strana illusione sulle disposizioni del
l'Europa a suo riguardo. Essa confidava di lo scrutinio da Napoli e da Sicilia. Magnifi
aver gi l'opinione tedesca tanto commossa in ca, stupenda dimostrazione d'un popolo di 10
suo favore che il Governo prussiano si tro milioni d'anime! Voi superate nella unanimi
vasse per forza irresistibile avvinto al carro t del vostro voto quello che gi diedero l'E

tarsi ad una vuota minaccia?

facesse fede dei fatti.

Noi abbiamo accennati i principali difetti


del presente organamento postale, li abbiamo
accennati perch abbiamo intera fiducia ch'essi
verranno quanto prima emendati. Invitiamo e

preghiamo il Governo ad occuparsene, invitiamo della sua fortuna. Il mal successo di Baden, milia e la Toscana. Il nostro cuore ne esul

il Ministero, le cui inconsiderate prodigalit, e l'effimero successo di Tplitz le diedero le ta, e risponde riconoscente al vostro slancio
sono registrate quasi ad ogni numero della traveggole. La Prussia ha potuto far la civetta

di fratellanza.

Domani partir da Torino il Marchese Mon


Gazzetta Ufficiale, a provvedere decorosamen pur qualche tempo ; messa per al punto di tezemolo, regio Commissario per la Sicilia.
un
prendere
risoluto,
partito
ritorn
nel
pri
te alla condizione degli

impiegati dello stato. mitivo riserbo, alla benevola neutralit del Prima di recarsi alla sua destinazione, si re

1859; e questo non era per certo quanto cher in Toscana e a Napoli a prendervi gli

Lo invitiamo categoricamente a smettere le ste


stimonianze d'onore, e a pensare a testi
monianze di dovere. Quando i pubblici fun
zionari saranno pagati equamente, allora solo

l'Austria le chiedeva. Tra Tplitz e Varsavia ordini del Re.


Giunto a Palermo, lo raggiungeranno come
il reggente interpose Coblenza; e Coblenza
scrissi i notabili Siciliani designati gi a
vi
basta a neutralizzare gli effetti dei due primi,
fissando chiaramente la posizione del Governo capi dell'amministrazione dell' Isola. Fra essi

Lafarina. Questa scelta, a dirvi il vero, di


di Potsdam.
universalmente, perch ha un sembiante
te immoralit, e il servigio dello stato sar
In quanto alla Russia tutti sanno quello che spiace
d'ostilit a Garibaldi. Il Governo nazionale che
essa vuole. Si potrebbe decidere l'Austria a
pi regolare, e pi onesto.
va a fondarsi in Sicilia non deve per nulla

scompariranno le tracce lasciate dalle passa

favorire le pericolose aspirazioni dello Czar in


Oriente per averlo amico e forse ausiliario in
Italia ? Ma ci equivarrebbe a tradire tutti i
pi vitali interessi proprii , e a rompere tutti
i suoi rapporti col restante d'Europa. L'Au

--

somigliare ad un partito, che si sovrappone


ad un altro. Esso deve dimenticare, e conci

liare; e sopratutto raccogliere intorno a s


tutti gli elementi utili del paese , il sig. La
Torino 23 ottobre.
stria ha sul Danubio un avvenire immancabile farina avr senza dubbio fra questi un posto
distinto, ma per ora sarebbe opportuno che
Anche il Senato ha oggi chiuso le sue tor e glorioso, sul P non potrebbe conseguire si tenesse in seconda linea.
Nostra corrispondenza

un effimero trionfo , che ricomincerebbe


nate. Approv tutte le leggi che aveano avuta che
Dicesi che il barone Bettino Ricasoli abbia
l'era delle rivoluzioni e delle reazioni violente.
la sanzione della Camera elettiva, quasi senza
la sua dimissione. Sarebbe un grave
offerta
L'alleanza Russa esige un corrispettivo evi
discussione, espresse in pi circostanze per
pel
danno
paese; e spero che si giunger ad
caro,
troppo
tale
dentemente
,
che
nemmeno
mezzo dei suoi oratori la propria fiducia nel
evitarlo.
ministero, incoraggi la politica abile e glo l'Austria, gi avvezza all'esorbitanti usure, non ll motivo che lo determin, vuolsi che sia

", "

redense tanta parte della nostra

si tacque
ria"

tria,fatti
indi
dei

potrebbe pagare.

pa

il rifiuto di 6 milioni di lire chieste dal baro

D'altra parte, l' Iugh.lterra col gravissimo

aspettando
il compi
p
pimento

fondo delle sue ricchezze, della sua potenza ne al ministero per compensare i danni sof
dai comuni e dai privati per requisizioni
Avrete letto l'indirizzo al Re, esteso dal Se marittima, della sua sterminata influenza, e ferti
militari
nel passaggio delle truppe francesi in
i
o
complicazion
le
evitare
di
nell'impegn
tutta
natore Gori; breve, e del pari animoso ed
Toscana.
Il ministero che si oppose a che fos
efficace, ebbe gli applausi della publica opi di guerra generale.
Il10ne.
La politica della Francia pi che mai sero compensati i danni di questa stessa na
tura in Piemonte, doveva per ragion di giu
Strana anomalia ! Nel seno della Camera fitta al non-intervento, che l'ancora cui stizia
anche in Toscana. D'altronde
elettiva, la parola pi ardita fu sempre quella esclusivamente affidata la pace dell' Europa. lo statoopporsi
delle iuanze vieta una spesa
attuale
del Governo; nel Senato invece i Venerandi Essa lo difendera ad ogni costo, e non per
tanto
rilevante,
ad ogni modo non si po
padri fecero a gara di coraggio e di fran mettera mai che l'opera sua sia distrutta dalla trebbe fare senzachel'autorizzaz
ione delle Ca
chezza imperterrita, nelle loro arringhe, deli vendetta Austriaca.
Illere.
neando ai ministri la via dell'avvenire,
Questa situazione d'Europa genera in me la
Ricasoli avr , speriamo, ceduto
Questa differenza tra l'una e l'altra Sezione persuasione della improbabilita della guerra, adllunbarone
primo
impeto di dispetto, ma poi rico
del Parlamento si scorge anche nel tenore dei ad onta che i segni precursori di essa si fac noscer la validit
degli argomenti che stan
rispettivi indirizzi al Re, che in ambedue i ciano ogni giorno piu urgenti.
no
sua
proposta.
la
contro
rono votati per acclamazione.
Ci non toglie che noi non dobbiamo pre
-

Cessato il Parlamento, cess pure il furore pararci come se la guerra dovesse scoppiare
vita politica in Torino. Se ne allontana. domani. Ed , ve lo assicuro, quello che fac
COSE INTERNE
rono in folla depntati, senatori, giornalisti ciamo.
Le nuove concessioni dell'Austria trovarono
uomini politici d'ogni colore, d' ogni provin
cia, Italiani e Stranieri. Tutta l'attenzione ora in Europa una straordinaria unanimit di giu Sunto dei Decreti pubblicati dal Gior
cncentra nell'ascoltare il rumor di armi dizii.
Ufficiale in un Supplemento al N 44
le giunge da oltre Mincio. L'Austria ha a que Da ogni parte si disse ch'esse non sono che nale
del
27
ottobre.
ra raccolto nelle provincie venete llIl e una macchina di guerra contro l'Italia. Se Un decreto
del Prodittatore Mordini stabilisce

della

sercito di 150mila uomini , e dall'lsonzo a cos non fosse, il momento sarebbe stato as
bach ... a Trieste, nell'Istria ed a Fiume sai inopportunamente scelto. Se l'Austria ten che la stanza da letto, occupata dal generale Ga
ne tiene in iscaglioni un altro di 100 mila. Im de a Varsavia a ricostituire la Santa Alleanza, ribaldi in Palermo, nel padiglione annesso al Pa

IL PUNGOLO
59
-re
lazzo Reale, sopra Porta Nuova, sia conservata in dei piccoli principii Alemanni possono rifiutar
- Ecco le considerazioni che fa il Nord
perpetuo nello stato in cui presentemente si trova, si di riconoscere il nuovo stato di cose ; la sul richiamo vicendovole dell'ambasciatore rus
e coi mobili di cui attualmente fornita. Ordina forza delle cose ricondurra l' ambasciatore a so da Torino e del sardo da Pietroburgo:
inoltre che il presente Decreto sia inciso sopra Torino, e, all'uopo, si far ammeno dell'alta ll ministro di Russia conte Stackelberg as
una tavola di mai mo, e questa sia collocata al approvazione dei principotti tedeschi, come la sente, come noi l'abbiamo detto, da Torino,

l'ingresso di detta stanza Sono messi al ritiro

Francia ha fatto ammeno di essere riconosciu

27 Professori dell'Universit degli Studii, due dei

state richiamato uffizialmente dal suo governo.

ta dall'ultimo Duca di Modena.

In conseguenza il gabinetto di Torino ha ri

quali col soldo intero, e tre con la met del sol

do- ne sono poi destituiti due, Gaetano Sanseve

ll Morning Chronicle pubblica un lungo chiamato il march. Sauli ministro di Sarde


articolo

in

cui dimostra tutta la inverosimi

gna a Pietroburgo. Nondimeno, e noi insistia

rino e Giuseppe Avolio Il sig. Niccol Tom glianza della voce corsa che l'Imperatore di mo su questa circostanza, non il governo
maseo nominato Presidente della Sociel Reale Russia
avesse cercato di attirare il Governo russo che gli ha spedito i suoi passaporti; un
di archeologia, di scienze e di belle arti, in luo francese in una confederazione, la quale avreb tal passo equivarrebbe ad una dichiarazione di
go del sig. Roberto Savarese, di cui si accetta
la rinuncia Rimane facoltato il Presidente del

be per oggetto di mantenere e proteggere i

guerra.

diritti monarchici.

L'interruzione dei rapporti amichevoli ed uf


fiziali fra i due governi non ancora una rot

Tribunale Civile di Reggio a sottoscrivere i primi


Il trattato di Vienna, dice il foglio ingle
e secondi fogli di udienza civile e commerciale la se, si odioso a tutti gli uomini ragionevoli di
sciati senza firma dal passato Presidente. Le sen Europa, lo soprattutto al sovrano regnante
tenze mancanti di ragionamento saranno motivate di Francia. Prima che sien trascorsi molti
dal Presidente di quel tribunale o da uno dei Giu mesi, forse molte settimane, tutti gli spiriti
dici dal medesimo destinato. Il signor Raffaele assennati ed imparziali riconosceranno ele la
del Pezzo, giudice della G. C. civile in Napoli,

tura. Sebbene possa dar luogo a conclusioni

opposte a qnelle che noi sosteniamo ed esser

interpretate come un trionfo degli intrighi del


l'Austria, noi non vediamo niente che debba
farci cambiar parere. Noi aspettiamo invece

politica di Napoleone III non ha cessato d'es la fine, la quale prover che noi abbiamo ra.
messo al ritiro colla pensione di giustizia, li sere
la stessa sin dal significativo discorso in
signor Filippo Capone, Sostituto Procuratori Gene dirizzato al barone di Hubner, che annunzia gione di non lasciarci dominare da false appa
rale colle funzioni di Procurator Generale del Re va al mondo che l'ltalia doveva esser li renze. La Russia ha la sua politica propria ,
e noi non sappiamo perch un tale atto da par
alla G. C. Criminale di Chieti, nominato Giu bera .
te sua, sarebbe in un senso austriaco, france
dice della G. C. Civile in Napoli, in luogo del Lo stesso giornale stabilisce in seguito che se,
tedesco, o inglese, piuttosto che in un sen
signor del Pezzo ritirato. Il signor Francesco
invano che la Russia vorrebbe salvar so russo. Noi lasceremo dunque gli organi del
de Lugo, Giudice di G. C. Criminale, ritirato per gli
lAustria, minacciata di dissoluzione, e biasi la stampa austriaca inebbriarsi di queste pre
le vicende del 1848, richiamato in attivit ed ma
lord John Russell di aver voluto prendere teso successo e gridare trionfo , quanto a noi
destinato Giudice della G. C. Criminale di Napo
li - disciolta la Commissione straordinaria sot col governo prussiano impegni che non posso rimarremo fedeli alle nostre previsioni, con
to la denominazione di Giur, creata in Avellino no mai essere favorevoli alla causa popolare. la piena fiducia che la politica russa prima,
e dopo l'abboccamento di Varsavia
Per giudicare gl'imputati dei movimenti reazionari - La Press foglio settimanale di Londra durante
rimarr russa, e non altro che russa.
Q
giornale
tory,
ed
organo
abituale
del
signor
a"enuti in Ariano e Montemiletto. Gl'imputati sa.
) pubblica in testa alle sue colonne - Scrivono da Konisberga, in data del 21
ranno giudicati secondo le vigenti L. L. di pro Disraeli
ottobre, a Indpendance Belge:
cedura Penale.- condonata la pena residuale la seguente nota:
di 7 mesi di ferro a Domenico Castaldo. Giro. Parecchi giornali di questo paese e del Il governo Russo, che aveva domandato al
lamo Marino, gi condannato alla pena della reclu continente aununziano che un accordo perfetto, gabinetto di Berlino le sue intenzioni sul ri
sione, riabilitato ai pubblici uffici. L'azione sulle quistioui attuali di politica estera, si chiamo da Torino dell'inviato prussiano, rice
penale a carico di Giuseppe Martelli, da Catanza stabilito tra i governi della Gran Bretagna e vette una risposta concepita in questo senso,
per omicidio in persona di Francesco Lemme, della Prussia; noi crediamo dover dichiarare che il governo prussiano di parere che ora
abolita condonata la pena residuale di re che risulta dalle nostre informazioni una con sia troppo tardi: e che se si fosse voluto pren
dere una tale misura, sarebbe abbisognato di
legazione che dovrebbe espiare Carmela Schiavet clusione differente.
Noi speriamo, vero, che gli abbocca prenderla immediatamente dopo l'invasione del
ta per reato di privata lotteria. condonata la
- - -

pena di circa altri dieci mesi di prigionia a Fran menti del barone Schleinitz e di lord John

terril OTiO TOmano.

cesco Rizzo di Salvia Pietro Matachione per Russell abbiano dissipato i sentimenti d'irrita
-leggesi nel Journal de Saint-Ptersbourg
grazia riabilitato allo esercizio dei dritti civili
zione prodotti dagli acerbi ed imprudenti di del 14 corrente:
Rimane condonata a Salvatore Giglierano la pena spacci del ministro inglese, l'anno scorso, ma
Non sar presa a Varsavia alcuna decisione
Punti di divergenza assai gravi esistono anco che possa esser fatale al mantenimento della
residuale che deve espiare.

ra tra i due governi non solo in rapporto al pace europea. Questo convegno non segner,
- 2-99 o e

la quistione italiana, bensi in ci che risguar come si finge di credere in alcuni luoghi, nel

da la politica generale a seguirsi dalle


NOTIZIE ESTERE ED ITALIANE
- Il Siecle fa le sequenti notevoli consi

gran

la stampa estera, il principio d'una nuova e

di potenze nelle perturbazioni che sembrano

poca nella quale tre grandi potenze inaugure

minacciare l'avvenire dell'Europa .

rebbero un sistema di coalizione aggressiva e

- Da un esteso carteggio di Parigi, 21, to

derazioni sulle cose nostre:


L'Italia si affranca da s stessa, senza in gliamo i seguenti brani:
Rimpetto alle complicazioni
tervento straniero, e il movimento unani

di pressione violenta sulla politica interna de


gli Stati.

attuali, la Fran

- Si scrive da Pietroburgo che due giorni

cia non se ne sta in ozio. Al ministero della


me delle popolazioni baster a far trionfare guerra
si fanno grandi lavori e grandi prepa
la nobile causa della sua indipendenza. L'en
rativi,
n
i 75 milioni votati in credito al bud
trata di Vittorio Emmanuele nell'Umbria e nel get della guerra
sono semplicemente, come si
regno di Napoli non pu in verun modo es
vuol
far
credere,
per sopperire alle spese del
Sere paragonata ad un intervento. Sono i mem
spedizione di Siria e a quella della Cina.
bri d'una sola famiglia che si son elevati per la Posso
altres assicurarvi che da tre o quat
riunirsi, per impedire il rinnovamento di mas.

prima della sua partenza per Varsavia, l'Im

giorni le ferrovie da Parigi a Lione, e da


sacri come quelli di Perugia e metter fine al ro
Lione
Mediterraneo, trasportano continua
l'intollerabile dispotismo dei Borboni di Na mente al
munizioni alle frontiere della Savoia ed

peratore Alessandro si fatto render conto


dal conte Panin dello stato in cui trovasi la

quistione deil' emancipazione dei servi.

Questo

fatto pare abbia dato luogo alla voce che in


breve l'abolizione del servaggio sarebbe stata
realizzata, ma non probabile che le cose
sieno tanto avanzate.

Molti giornali esteri, parlando dell'invio


in ltalia dell'arcidnca Alberto e dell'arciduca

poli.

ai porti del Mediteranneo.

Le truppe che vanno a compiere l'affran


camento d'Italia sono tutte italiane, e noi non
vediamo ci che i governi stranieri potrebbe

ro, avere a ridire alla costituzione d'un

unico, sanzionato dal voto libero delle

regno
popo

Guglielmo, sembrano considerare questa mi

Posso darvi come sicuro che lord John sura come un indizio delle idee aggressive
Russell, invitato da una Nota del Governo rus. dell' Austria.
La Patrie del 25 dichiara quest'ipotesi ine
r, a voler manifestare qnali sarebbero le in
-

tenzioni della politica inglese nelle attuali e satta e crede sapere che il viaggio dei due

lazioni. Non sono pi i tempi in cui i popoli mergenze d'Italia, dichiar formalmente che il principi non ha altro scopo che di render conto
erano il patrimonio dei re e dei papi; il dirit gverno di Sua Maesta la regina Vittoria della situazione del paese al punto di vista pu

risoluto a rispettare ed a far rispettare il


pubblic riconosce oggi a tutte le nazioni principio
di non intervento,
il diritto di scegliere i governi sotto cui voi Il principe di Metternich , ambasciatore

ramente difensivo.

ll Siecle fa le seguenti osservazioni sul


le strombettate concessioni dell'Austria:

gliono vivere. Sono questi i principii che la

Dubitiamo assai che il governo austriaco


d'Austria a Parigi, aspettato qui mercoled.
Francia ha proclamati nel 1789, e che sarai Col
suo arrivo cadono tutte quelle voci mal pensi davvero ad attuar le misure ora procla
no un giorno adottati da tutte le nazioni,
La Russia pu attestare il suo SCOntento fondate, le quali pretendevano che egli aspet mate: noi ricordiamo le varie promesse, i di
a Vienna il ritorno del suo sovrano da versi saggi di costituzione coi quali, da dodi
col richiamo del suo ambasciatore , e taluni rebbe
Varsavia.
ci anni a questa parte, adesc i suoi popoli.

60
-

- -

-e

tico sia

ci rendeva complici della

le, pericolosa; essa

- - ---

-----

un partito.

,, ,

fra

"

cia in Europa, quale sostenitrice di diritti di

che tutti comprendono .

favorevole alla causa italiana, e in

generale ad una politica che collochi

Le promesse furono sempre violate, i saggi


zione rivoluzionaria.
fallirono il loro scopo. Le nuove istituzioni situa
Ci
faceva rompere colla Russia, colla Prus
.( ch costituzione non le chiameremo ) non sia, e coll' Austria, ci conduceva alla guerra
furono promulgate che per rannodar l'opinio universale. L'imperatore cambiava di parte :
ne nel momento in cui l'Imperatore d'Austria da moderatore della rivoluzione, ne diveniva
si reca invano a tentare di trascinare l'Impe
pacificatore dell'Europa, ne dive
ratore di Russia in un'alleanza semi-offensiva, il capo; da ore;
da arbitro nelle quistioni di
terr
il
niva
che gli permetterebbe di avventurarsi un'altra , equilibrio, egli perdeva i titoli della sua com
volta alla fortuna delle armi in Italia. L'invio
nza ; da rappresentante della volont na
del generale Benedek e degli arciduchi nel Ve pete
le, egli non era pi che lo strumento di
ziona
o
oni
un significat
neto, da alle fatte concessi

sconosciuti, e la renda forte coll'appoggio


morale delle popolazioni. Si disse, e i cir
coli pi informati della capitale lo ripetevano

con insistenza, ch'egli dovesse rimpiazzare il


signor di Thonnevel, le cui idee politiche non
concordavano collo svolgimento attuale della
questione italiana.

Nulla per ebbe ad avverarsi sino ad ora,


e per quanto le maniere dell'Imperatore col

conte di Persigny avvalorino le ciarle de'po

Quindi la Francia non pu favorire in lta


n le annessioni rivoluzionarie, n le rea
lia
Essa dice che le nuove istituzioni non si pos
assolute, o
zioni
sono giudicare che dalla prova. Le Costitu
Qual linea bisogna seguire ? Qui l'articolo
ano
cea,
e non oper
azioni non sono una pana
entra nell'esame delle condizioni politiche di
sempre, prova ne sia la Costituzione concessa ciascuna delle grandi potenze dell'Europa ri
in ea tremis dal re di Napoli, la quale sebbe guardo all'Italia, e conchiude che il congres
ne valesse quanto la Costituzione piemontese,
so possibile.
.
. .
nessuno la volle 9.
definisce la parte della Francia. Termi
Scrivono alla Patria da Ancona, il 27, naVicos:
L'Italia organizzata e potente or
che una commissione d'ingegneri era giunta mai un interesse europeo, l'Europa consacran
col, e che vi si incominceranno presto im dola con un atto della sua alta giurisdizione,
portanti opere di fortificazioni. Vi si debbono si mostrerebbe previdente quanto giusta .

Siecle,
-

La Presse dello stesso avviso del

liticanti, tutto si riduce a partite di piacere o


di caccia.

- - -

La partenza dell'Imperatore per Compigue

seguir a quel che parc domani, o dopo do


mani.-L'Imperatrice rimarr a Parigi. ll ge

nerale del Genio Frossart partito con una


missione militare.

--- --

RECENTISSIME
Dalla riva destra del Volturno li 27 ottobre.

raccogliere numerosi approvvigionamenti ed un


materiale da guerra considerevole.

Il

In fretta due righe sull'erba ed a matita.

-e

Questa piazza forte diverr l'arsenale ma


, rittimo del Piemonte nell' Adriatico. Essa

L'altro ieri un reggimento di Medici ha pas

Da una corrispondenza di Parigi sato pel primo il Volturno, sopra un ponte

destinata, per la sua prossimit a Venezia ed giuntaci troppo tardi per essere publicata costrutto in fretta, e la di cui durata, ahim!
al golfo di Trieste, a rappresentare una gran per intero togliamo i brani seguenti, che fu troppo precaria.
parte allorch avranno luogo le operazioni la riassumono.
Jeri passaggio della 2 Brigata Granatieri
contro Venezia

di Lombardia.

Parigi 23 ottobre 1860.

-Un dispaccio telegrafico accenna che non

Oggi-cosa insperata-visita del Re, il qua


signor Sacconi, nuncio apostolico a Parigi,
La publica opinione scossa fortemente dal le fece sperare a Medici la pronta resa di Ca
l'ultimo articolo del Constitutionnel sulla po
giunse la mattina del 23 a Civitavecchia.
Troviamo nella Gazzetta di Genova litica francese in Italia, si volge ora ad un pua.
Giunse senza seguito, e ripart tosto per gli

nuovo punto della nostra situazione politica.


Un opuscolo uscito ieri, e che seppe acqui
l'ammiraglio inglese Mundy ha avuto ordine starsi (non so con quanta verit) la riputa

del 25;

a1

al

nr

un

Sappiamo in modo positivo da Napoli che

avamposti.

I Garibaldini lo salutarono del loro leale e

solito entusiasmo.
dal suo governo di mettere a disposizione di zione di discendere in linea retta da luoghi
Caiazzo occupato

fortemente dai nostri.

Francesco ll e della sua famiglia un vascello altissimi, svolge chiaramente questa intrica
Saprete della vittoria di Sessa-il Re l'ha
da guerra all'oggetto di essere trasportato fuo tissima questione. L'opuscolo s'intitola L'al: annunziata, egli stesso a noi - dunque in
teanza inglese e l'Alleanza Russa. Difatti dubitabile.
ri degli Stati Italiani.
chiaro anche per chi non ambisca l'epiteto
Capua circondata.
d'uomo di stato, che questa pure l'alterna
---99 e
Stamane noi dopo breve fucilata abbiamo
A ine spinto gli avamposti nostri in presso le mura
lagi,Francia.
oggi si trova
tiva ,ine cui
clie
me,
con
in
Pari
molti
a
cos
pare
olo
-

Diamo un sunto pi esteso dell'artic


del Constitutionnel, di cui il telegrafo diretto in onta alla lettera dello Czar, e alle assicu
non ci rec che un breve ed incompleto cenno: razioni, e protestazioni di amicizia fatte al
l'Imperatore da Alessandroll,e per bocca del suo
nel

della fortezza.

del 24 stampa, colla fir ministro prima di lasciare la nostra capitale, il


Il Constitution
ma del Segretario della Redazione, sotto il gabi
a francamente
netto delle Tuilerie si volg
titolo di PoliTICA FRANCESE IN ITALIA un all'alleanza
inglese, e cerchi di afforzarla ,

pi che il principio della fine.


-

Ci scrivono da Caserta:

Jeri l'altro un distaccamento di 10 ussari

ungheresi in pattuglia a Calvi, si riposava,


la con nuovi lega
mi
gorir
e
rinvi
, in un osteria ; quando tutto a un
beve
e
ment
mo
re
le
Da questa tendenza deriva forse l' ulti trattndo
Comincia col respinge energica
o la casa fu circondata da 18 cacciatori

articolo che considerato semi-ufficiale.

--1 a -

accuse contro il governo dell'imperatore da


coloro che gli rimproverarono di non interve

e:
tutioionnel
vstrnel
cose nale
del Costi
artic
quel gior
di sulle
linguagg
e il olo
mutato
corso di pochissimi giorni, come il nuv p
scolo mi pare nato a sconfortare le lusinghe
mento italiano in tutte le sue conseguenze.
di Varsavia, e quelle tutte del mondo vecchio
La politica francese non poteva, senza com
ante.
promettere i suoi principii pi incontestabili, e croll
Gli allarmi eccitati alla borsa dall'attitudine
i Suoi essenziali interessi, tenere l'una o l'altra ostile dell'Austria a vostro riguardo, van.:
di queste due condotte
mandosi col confermarsi delle dichiarazioni del

nire in ltalia contro la rivoluzione e da colo


ro che vorrebbero vederlo sostenere il movi

Agendo contro l'Italia, l'Imperatore tradi Gabinetto di Vienna al sig. Thouvenel. E r


rebbe la sua origine, perderebbe il carattere to che l'Austria, checch se ne dica, non Vr
onde l'ha rivestito il suffragio universale di cher i suoi attuali confini, e che non vi
cui l'eletto, si spoglierebbe dell'autorit ne r impedito da alcuno di compiere il l
cessaria al Sovrano della Francia per il bene grande atto di unione cogli stati dell'Italia oc
cidentale. La Francia oggi a tale che nn
dell'Europa.
L'Imperatore render maggior servizio al pu , senza cedere la sua dignit, e violare,
principio dell'autorit quanto pi equo sar i principi che fanno la base del Govern
periale, permettere che il vostro nuovo dirit
stato pei popoli.
D'altronde, l'intervento non poteva essere to sia conculcato dalla forza, e che una P
che una occupazione militare della Penisola. tenza estera distrugga ci che voi con tanta

Che avrebbero detto l'Italia, l'Inghilterra, l'Eu

forza di volont avete edificato.

a cavallo del Borbone, e il loro sergente en

trando intim agli Ungheresi di arrendersi.


Questi prendendo le loro armi uscirono, e in
cominciarono una lotta contro i regi, che eb

be fine dopo alcuni colpi, col fare prigioniero


tutto il distaccamento Borbonico.

La benedizione delle bandiere Ungheresi si


far mercoledi venturola matrina sar la si

gnora marchesa Rosalia de Spidalotta.


- - -- -- ve

i questa mattina alle 3 antimeridiane inco


minci il cannoneggiamento, e il bombarda
mento contro Capua si attendeva la briga

ta Bergamo, che, arrivata jersera, parti dopo


poche ore per il campo. E certo che il bom
bardamento non cesser , se la guarnigione

di Capua non domandeu a capitolare.


Ieri il Re pranz a S. Angelo. Il gene
rale Cialdini fu invitato alla tavola di S M.

La presenza del conte di Persigny a Parigi


Esse avrebbero veduto nella Penisola cos dato luogo, com'era naturale, ad un'infinit

ropa ?

protetta un'Italia francese.

J. COMIN Direttore,

di commenti sapete come questo diploma

L'altra attitudine era egualmente impossibimerrore

NAPOLI Sta

per Atesso Domenico Castrills Gorente Responsabile,

ANNO I.

Marted 30 Ottobre 1860.

Napoli

Milano N. 16

|L PU
GIORNALE POLITICO POPOLARE DELLA SERA
PREZZO D'ABBONAMENTO MENSILE

Napoli a domicilio . . . . . . .
.
Provincia franco di posta . . . . .
Trimestre semestre ed anno in proporzione,
Per l'Italia superiore, trimestre. . .

Esee tutt' i giorni anche festivi, tranne le solennit.


gr.

L. It.

30

L'Ufficio di Redazione, e la distribuzione principale presso


lo Stabilimento tipografico dell'Ateneo
Vico S. Maria Vertecoeli, N. 9.

7, 50

Un numero separato costa Un grano.

Si ricevono Inserzioni a Pagamento.


I

- Ai sa-tena selezisa

e serve - a

nuove, terminer coll'affrettare la dissolu durre gli effetti materiali che producono quel

RITISTA POLITICA

zione di qnel vasto ma screpolante e infraci le del Vesuvio, non v'ha dubbio che in que
sti due mesi di Governo Dittatoriale Napoli

dito edifizio.

Napoli 30 ottobre 1860.

avrebbe subito le sorti di Pomnei, e, come

Le apprensioni ridestate dagli armamenti quella fu sepolta sotto i monti di lava, questa

minacciosi dell'Austria ai nostri confini, acque lo sarebbe stata sotto monti di carta.
La situazione politica dell'Europa in que
Il ministero aveva promesso al paese di non
tate in Europa per le assicurazioni del Gabi
essere inerte, e se il nominare e il destituire
sta settimana si riassume assai brevemente. Il
netto di Vienna, si mantengono abbastanza
congresso di Varsavia sul quale s'erano ac vive nell'italia occidentale, ove, conoscendosi si pu chiamare attivit, convien pure con
fessare che ha mantenuto largamente la sua
cumulate tante apprensioni, e tante speranze,

per lunga esperienza

mala

promessa . . . . troppo largamente! Il

la
fede del Gover
ridotto al suo vero valore, giudicato dalla
no austriaco, si temono anche solo i disastri paese inquieto per vedere la enorme fatica
a cui ogni giorno si sobbarcano i Ministri, e
stampa imparziale come un atto d'importanza
occupazione

momentanea. Tuttavia noi grida loro: Riposatevi un p prendete fia


d'una
proseguiamo a ritenere che l'Austria non com te . . . . che diamine / con questa corsa af,
avevano glorificato e preconizzato l'alleanza metter oggi quest'errore, e che se lo faces fannosa che avete intrapreso, finirete per
Nordica, oggi confessano che il Congresso se , solleciterebbe in suo danno la soluzione logorarvi la vita.
Se si numerassero tutt'i decreti dell'attual
non ebbe altro scopo che il ravvicinamento
finale della questione italiana. Di ci fanno Ministero, e si stabilissero alcuni raffronti sta
secondaria. Gli stessi giornali tedeschi che

personale di due sovrani che dopo la guerra fede gli organi stessi pi accreditati della pub tistici, non sarebbe difficile il dimostrare che
d'Oriente erano rimasti divisi . Non adunque
blicit inglese. Il Morning Post in un lungo esso ha emanato pi decreti in un mese che
alleanze

minacciose, non ritorni di sistemi


articolo sulle cose nostre, dopo avere discus Napoleone I non ne abbia emanati in due
odiati e caduti. L'Austria dopo essersi umi sa la presente situazione
anni ora se Napoleone ebbe fama di gran
dell' Italia , con

liata a chiedere la conferenza, dovette com.


prendere che i sogni, ch'essa educa in segre
to, non muteranno mai la tendenza attuale

de legislatore, regolandoci su questa propor

chiude:

zione dobbiam dire che i nostri Ministri sono

e L'Italia adunque raccolga tutte le sue for dieci volte pi grandi legislatori di Napo
ze e si assicuri bene quanto ha conquistato.

degli spiriti politici in Europa.


Quando il tempo sar venuto ed esso verr
A confermare per noi questa verit venne assai prima che non si aspetti la Venezia
oggi intero sui giornali italiani l'articolo del sar affrancata e la formula d'una Italia li
Constitutionnel per quanto riguarda la Francia, bera dalle Alpi all'Adriatico avr la sua com

leone.

A dire il vero, pare ch'essi abbiano un tal


convincimento, e pi di tutti il Barone Gia

como Coppola, Ministro di Finanze, il quale


trova quindi naturale d'intestare i suoi decre
ti con questa formula: Noi, Barone Giacomo

Coppola, abbiamo decretato.


venne la unanimit della stampa inglese per pleta illnstrazione
nel corso naturale degli
Nessuno incolper certo questa formula di
l'Inghilterra, e le stesse dichiarazioni dei fogli

avvenimenti, ricevendo ancora la sanzione del troppa umilt.

prussiani circa il gabinetto di Berlino. chia l'Europa. ben

Adagio un poco, signor Barone! Ch'Ella


questa speranza che tien vi
ro che l'Europa non violer mai i precetti ve le simpatie dell'Inghilterra verso l'Italia ; conti per due, per dieci, per venti, pu darsi
benissimo ma che sia proprio Lei che ce
del non-intervento, n permetter, come dice ma essa in pari tempo si astiene
dall' attiva lo viene a dire, con sua buona licenza la ci
va ieri il nostro corrispondente parigino, che cooperazione, e cordialmente desidera vedere pare un tantino
grossuccia. Aspetti, aspetti,
sieno violati dall'Austria.
che le altre potenze seguano anch'esse la stes signor Barone, che lo dica il paeseanche a
Le concessioni all'Ungheria accolte con sa politica saggia, pacifica ed utile ad tem costo di aspettar troppo tempo. Capisco be
un
ne. - ll parlare in singolare Le pare, si
entusiasmo, secondo la stampa ufficiale, eb. po stesso.
gnor
una usanza troppo demoratica,
bero invece, secondo la testimonianza di gior Cos assicurato e garentito il non-interven troppoBarone,
rivoluzionaria il noi plurale pi
indipendenti,
-

accoglienze parziali e fred to, assicurata la libera azione nostra sul vo. decoroso, pi conservativo. Ma che vuole,
nali
de a Pesth ; pi fredde, quasi sdegnose, nel
signor Barone parla in singolare anche il
rimanente dell'impero. Questa torre di Babe. stro paese, l'avvenire oggimai non pu falli Re, pu ben rassegnavisi la Eccellenza Vostra.
Son frivolezze queste... d'accordo! ma
le , strano assembramento di tante lingue, di re-L'unit e la grandezza della patria italia
tante nazionalit, prov disgusto di vedere

ma irrevocabilmente affidata a mani italiane. le son frivolezze che rivelano gli uomini.
La macchina ministeriale, che d cento de

prediletta l'Ungheria sopra tutte le altre pro

creti, redatti, firmati e piegati, al minuto,


aument da alcuni giorni la sua velocit.
Il noto adagio motus in fine velocior si giu
sua nuova Costituzione ci mostrer il tempo.
La valanga delle nomine e delle destitu stifica
pienamente.
Noi crediamo tuttavia che l'attrito vivace di zioni si rovescia anche oggi dalle compatte
signor
Biagio Miraglia non pu riposare
Il
popoli si diversi, eccitato dall'urto di idee colonne del Giornale ufficiale. La una vera un momento Lo svegliano di notte. Che
eruzione e se questa eruzione potesse pro c' ? - Duecento nomine del Ministero delle

vincie.-Quale vantaggio trarr l'Austria dalla

PIAGHE DEL PAESE

IL PUNGOLO

Finanze da stamparsi nel numero di domani sapevano n comprenderne la mente ed il cuo si collocava in sua vece un altro impiegato
che al pari, e talvolta pi del dimesso, aveva
Impossibile ! Il ministero della pubblica istru re, n attuarne la intenzioni.
pubbliche prove di bassa e codarda ser
dato
governava
che
non
del
Dittatore,
nome
Il
zione l'ha sequestrato per suo conto con tre
-

perch combatteva e vinceva, fece tollerare vilit.


Il Mondo vecchio e il Mondo nuovo gior
A dispetto dei comandamenti, il povero dal popolo gli errori degli uomini che avreb
Giornale Ufficiale deve uscire anche di festa. bero dovuto governare per lui, mentr egli naletto cittadino cit nomi e addusse pro
I tipi ne sono scandolezzati, e gemono addo combatteva per loro e per tutti, e che inve ve che mettono veramente schifo e vergogna
ma son documenti, son fatti, e i fatti e i
lerati, stanchi , consumati dalla febbrile at ce sgovernavano in nome suo.
e
della
pensiero
indipendenza
grande
ll
documenti non si distruggono.
tivit del Ministero Conforti.
Che potr rispondere il Ministero?
Ma affrettiamoci ad uscir dallo scherzo, e della unit nazionale ha soffocato i lamenti, e
e
con
pazienza,
aspettasse
che
popolo
il
fece
Si grider, ne siam certi, allo scandalo,
diamo un occhiata retrospettiva a questi due
mesi di Governo Dittatoriale ora appunto che soffrisse di un canto di essere ogni giorno alla personalit Ma noi domandiamo: d
questa epoca sta per chiudersi, e una nuova agitato per questioni che non comprendeva, chi la colpa?

cento nomine !

nel suo seno e sof


La colpa degli scandali, la colpa delle per
vedere
posposti i suoi gran sonalit vostra Signori Ministri Siete
di
dall'altro
frisse
Possano gli errori dell' una essere utile e
di e vitali interessi generali ai piccoli e gretti voi che mutando un necessario, un doveroso
pratica lezione all' altra !
omaggio alla pubblica opinione, in una offesa
Qual traccia lascer dietro di s il Gover interessi individuali.
Cosa strana ma vera ! Uomini di opposti alla medesima, la costringete ad accuse gra
no Dittatoriale? qual la semente che avr
e che non nascevano

sta per iniziarsi.

gettato in questo terreno cos vergine e cosi partiti, liberali avanzati, e liberali moderati, vi, e la ponete nella necessit di documen
fecondo? e quindi qual la messe che si repubblicani e conservatori, liertani e Roma tare le proprie accuse.
Noi non amiamo un Governo Dittatoriale,
ripromette di raccoglierne? Quali sono le no, Crispi e Conforti, sono tutti caduti nei me

istituzioni a cui legher il suo nome? Qual desimo errore: hanno dimenticato che esistesse qualunque esso sia. Se vi per un caso
la via che lascia indicata, prescritta al suo il popolo, che le sue piaghe grondassero san in cui questa forma di governo possa presen
Successore?

Certo gli avr mancato il tempo di condur


re a termine molti edifizi ma ove sono i

gue, e ch'esigessero cure radicali e imme tare tali vantaggi da superarne i danni gra
vissimi, gli quando si tratti di un paese in
diate.
Cosa strana a dirsi ma vera ! Garibaldi

cui vi sia tutto da innovare, tutto da riediti

care, ove ci sia da distruggere il vecchio per


piani? ove si erano getati le basi? ll paese ha chiam d'intorno a s alcune delle piu alte fondare
il nuovo sulle sue rovine.
necessit di saperlo, se deve reclamare dal intelligenze Italiane e disse loro: Fate il
In tal caso la Dittatura sola pu operare
nuovo Governo la continuazione, il compimen bene vi d i mezzi e il potere di farlo e
queste alte intelligenze, colte dalla vertigine validamente, con la prontezza, con la risolu
to di questi edifizj.
Se gli uomini che furono all' amministra dei loro amici, si consumarono discutendo se tezza ch'esige la gravit del male a cui si de
zione della cosa pubblica, durante questi due l'annessione doveva farsi subito o protrarsi, se ve porre rimedio libera dagli impacci del
mesi di Governo Dittatoriale , dovessero ri per voto di popolo o per voto di Assemblea le discussioni parlamentarie, e delle legali
spondere a queste domande, dovrebbero fare e mentre si disputava di ci a Palazzo Angri, sanzini, che in tempi normali sono garanzie
una straordinaria, una spaventosa confessione e alla Foresteria, a Caserta e a Chiatamone, alla libert, ma in tempi e in condizioni ec.
di completa impotenza.

non si udivano gli operai che domandavano la cezionali

Sono senza dubbio ritardi.

Ebbene - gli uomini che governarono il


Non facciamo eccezioni comprendiamo voro; non si udiva la plebe, numerosa, lace
nello stesso biasimo, nella stess accusa, nella ra, affamata, che batteva alle porte, e doman paese in questi due mesi, ebbero la Dittatu
stessa condanna il Ministero Romano, la Se dava pane, il pane del corpo e quello dell'a ra e non se ne valsero per creare dalle fonda
menta qualche cosa di stabile e ne abusa
greteria Dittatoriale e il Ministero Conforti. nima il lavoro, e la educazione.
Eppure son queste le domande che il paese
Poi, passate le agitazioni politiche, venne la rono per creare impieghi e impiegati, facendo
rivolge a' suoi governanti, in mille forme, in volta degl'interessi personali. Le anticamere spreco del denaro pubblico.
A nulla valse la esperienza di ci che man
mille guise diverse-con lo sciopero degli o del Prodittatore, dei Ministri, dei loro Segre
perajcoi giusti lagni della Guardia Naziona tari si riempirono di una folla, affamata d'im , e ancora incompleto negli altri paesi
le-coi reclami dei cittadini- con la spaven pieghi, come un'altra, che formicola per le vie d'Italia - a nulla la esperienza di ci che vi
tosa mendicita che inonda, che contamina di Napoli, affamata di pane con la sola esiste, o vi desiderato e lo ripetiamo
le vie della nostra Citta.

differenza che ove quella composta di die

Qual traccia lascerete dietro di voi? - La ci, questa lo di migliaia e migliaia.

tutti incorsero nel medesimo errore gli uo.


mini che fidano troppo nel Ministero Cavour,

e gli uomini che ne diffidavano troppo.


traccia di risentimenti Inal provocati che il
I Ministri pensarono a sfamar l'una, e
Avessero almeno provveduto alla piaga pi
nuovo Governo dovr far disparire, e che non obbliarono l'altra lnvece di chiudere agl'in
potr se non a gravissimo stento.
quieti supplicanti la bocca col dir loro che sanguinosa di questi paesi, al pauperismo-e
Quali sono le istituzioni a cui legherete il prima si doveva pensare alle istituzioni , e avrebbero potuto farlo prendendo le istituzioni
vostro nome? Non una.
poi agli uomini, si affrettarono a far dei sod delle altre parti d'Italia, e corregendone gli
Qual il principio che col vostro sistema disfatti a rischio e pericolo di creare per ogni errori, riempiendone i vuoti, le mancanze
potevano farlo istituendo le case per gli ope
avete fondato ? Il principio dello interesse contento mille malcontenti.
La tirannide Borbonica, pi che sugli uo ra , le associazioni di mutuo soccorso, le
personale.
Qual la via che tracciaste al vostro suc mini, si basava sulle istituzioni il Ministero scule serali - o dinando grandi opere pub
misure radicali per alimen
cessore? la via del favoritismo.
non tocc alle istituzioni. Su trenta o quaran bliche, prendendo

Son parole assai amare-ma questa pure ta decreti che pubblica ogni giorno la Gaz
la verit-n pi giova il dissimularlo Uon zetta Ufficiale, non ve n' uno solo che por
viene che il governo che subentra sappia che ti una radicale riforma a questa o quella
la pubblica opinione non accetta quanto si viziatura della pubblica amministrazione.
Si direbbe che i Ministri abbian trovato
fatto in questi due mesi, e reclama altamen
te, urgentemente, l'attuazione di quanto in que un'amministrazione pubblica fondata sopra si
sti due mesi non si neppure pensato a fare stemi cosi giusti, cosi santi che bastasse mu
come non ne esistesse il bisogno ma che tare il personale perch tutto funzionasse re
diciamo il bisogno ? la urgente, la inevita golarmente.
bile necessita.
E il personale fu mutato a caso, 8 capric
Guai per tutti gli uomini che da due me cio, senzo norme prestabilite, senza un crite
si in poi han governato il paese, se la gran rio fisso, spesso senza cause, talora persino
de figura di Garibaldi non avesse protetto col senza pretesti le destituzioni, le nomine, le
la sua ombra maestosa tutti questi errori, tutte promozioni, gli aumenti de soldi, le pensioni,
queste miserie, tutta quest'apatia della pubbli tutto, regolato da una legge unica, e assolu
ca amministrazione.

ta il favore del Ministro.

tare la industria del paese facendo infine


una buona legge sulla publica beneficenza
tanto piu che non potevano ignorare come sia

viziosa e imperfetta quella che regola in Pie


inne questo ramo importante della cosa pu
blica.

Ma nulla fecero di ci non pensarono


neppure alla sicurezza pubblica, non pensarono
a dare largo sviluppo alla istituzione della

Guardia Nazionale - che poteva essere il


nucleo della grande forza nazionale.

A nulla pensarono , a nulla provvidero se


non a noinine, a destituzioni, ed a ricom
pense - stabilendo quasi la massima che i

servigi resi alla patria si valutino a denaro,


e si paghino con le pensioni, come quelli resi

Guai se la riconoscenza all'Eroe, che assi


Da ci una sequela infinita d'assordanti re dai loro servitori ai Borboni, e diffondendo
cur a questi popoli l'avvenire, non avesse fat clami, di lamenti incresciosi, di recriminazio radicando cosi sempre pi nel popolo quella
corruzione che i lorbuni avevano eretto a

to tollerare gli errori del presente.

ni, di accuse, di calunnie, di personali in

Guai se l'ammirazione pel Grande che ope


rava miracoli di abnegazione, di valore, di

vettive.

Con lo stesso Decreto si destituiva un im

massima di governo.
Abbiamo accennato gli errori commessi dal

Patriottismo non avesse fatto qualche volta di piegato, perch devoto ai Borboni, e si au Governo Dittatoriale-domani diremo ci che
menticare la inettezza degli uomini, che non inentava il soldo, o si promoveva e persino domanda il paese al Governo del Re.

IL PUNGOLO
tra essi

sisasis:

sa

a ze,

e si

---

63
-

ir Irza
-

.-.-.-. . . . . . . . . . . .

ss 4-sa-ara ex-assae sara

sa dovrebbe ricevervi, non una piccola, ma una hanno messo queste due potenze , si produca
potenza di piu. Il Piemonte al quale si chie fra loro una guerra all'aprirsi della buona
deva il suo nome, andato a cercare un nuo stagione: ini, da qui ad allora, si spera che
Sunto dei Decreti pubblicati dal Gior vo battesimo alla sorgente originale, e ritorno l'Europa si costituir mediatrice, e arrester
con un culnolo di titoli gloriosi; egli non si in tal modo avvenimenti le cui conseguenze
nale Ufficiale del 29 ottobre.
Un decreto, firmato Garibaldi, stabilisce la som chiama piu solamente Torino, si chiama an: sarebbero incalcolabili.
Parma, lologna, Pa
Troviamo nell'Opinione.
ma di sei milioni di ducati, da distaccarsi dal va cora, Milano, Firenze, Roma!
questi
tutti
Iorse
e
Napoli
lermo,
e
conferma la notizia che il ministro ple
Si
Burloni.
confiscate
ai
lore delle rendite iscritte
uoni di battesimo precedono il graude e do nipotenziario di Spagna presso la nostra corte
per essere con equa estinazine distribuiti alle utuante
noue di famiglia: L'Italia.
sara richiamato. Non pero ritirata la Le
vittime politiche dal 15 maggi 1848 in poi, di
interverr
in questa assemblea gazione, la quale verr affidata ad un segre
gli
E
queste provincie continentali. Sar a tal uopo no di potenze, non piu dunque
solo col suo diritto, una colla la T10.
minata dal Governo una Giunta d'integerrimi cit
mandato
di piu di zu inilioni
da
che
1orza
sua
il
Crediamo che il nostro governo richiamer
tadini, i quali faranno la distribuzione dell'accen di annue e di tutta una nazione
che, stanca di esso pure il barone Tecco, lasciando un se
nata somma. Le dimande dei danneggiati debbn

COSE INTERNE

presentarsi alla Giunta nello spazio di quattro mesi, discordie, u anarchia, di schiavitu, si riunisce gretario a dirigere la Legazione.
ll colloquio di Varsavia ha avuto termine
termine improrogabile.- Al signor Aurelio Salice in una sola idea, un solo abbraccio, una su

ti accordato il chiesto ritiro ed una pensione di la passione eu esclauia e Italian qua'ropa

priuma del giorno che i sovrani radunati ave

annui ducati 2500 accordata piena grazia al triau - Voglio i ltalia! Voglio la mia patria!

vano determinato. Credesi che non solo non

barone Giuseppe Bentivegna da Crleone, il quale

- il Siecte riproducendo i articolo del Con stato stabilito un accordo, ma che non ne fu

cos riabilitato a tutti dritti civili ed al pubbli statutionnel, a cui ilon e negato un carattere rono neppure lissate le basi.

ci uffizi. Sono nominati: Presidenti del banco semiufficiale, ulce che questo e un mantiesto,
Un articolo della Gazzetta Prussiana, la
in Napoli i signori cav. Paolo Rogondini e la cli, il quale ben lontano di essere ostile alla cau cui conclusione in sostanza favorevole alla
Michele Avitabile, in luogo dei signori marchese sa italiana, come se ne era fatta correre pre causa italiana, inquantoch riconosce la ne
de Bisogno e marchese Sersale, dimissionari; Vi

veliti Vaule ute la voce, Saringe vie illeglio i 1c

ce-presidente signor Carlo Giorello in luog del

galui esiste uti tra la Francia e l Italia e si il governo di Berlino non potesse intendersi

barone Carbonelli, destituito;

cessita di cambiamenti in ltalia , prova come

Governatori ordinari uchiara arancamente, senza aubagi, per l'u colla corte di Vienna ed appoggiarne i pro

italana, invitando in oltre i Furopa a poSill.


signor Antonio Laterza e Tomaso Folinea: Gover uit
A Trieste il diploma inperiale fu accol
natore negoziante signor Francesc, Sorvillo e Go riculuOsct:l'la.
vernatore onorario signor Rodolfo Englen - Il si - Scrivono da Trieste, 23 ottobre alla Per to con assoluta indifferenza. Ebbe luogo una
luiuminazione officiale.
gnor Francesco Congedo, uliziale nella Direzione Scl cluli ed
Generale della Cassa d'Ammortizzazione e Pubbli

La uducia non vuole rinascere; e le Borse

Anche a Vienna ci fu poco entusiasmo. Un

co Demanio nominato Custode dell'Edificio di sono in apprensione d una guerra. Si sa che carteggio della Perseveranza dice che i tede
S. Giacomo. Sono nominati: Presidente del Ban i Austria maceva i suoi conti sopra Varsavia. schi si sen.ono umiliati, che all'Ungheria si

co di Bari il signor Nicola Guarnieri, in luogo Forse saranno conti senza l oste; ma le voci abbia con esso molto pi che al resto della
del duca di Torrito esonerato, e Governatori del cile correva uo qua intorno erano molto belli Monarchia. si pentono ora di non essere stati

detto Banco i signori Francesco Saverio Favia e cose. Si parlava d'impegnare il duca di Mo
Gabriele Anelli, in luogo dei signori Teodoro Pap deua in un tentativo di ricuperare il suo Sta
palettere e Giuseppe Santoliquido esonerati.- Il lo colle poche sue truppe e con altri merce
Controloro sedentario dei Dazii lndiretti, signor uari ua su arruolati. Avrete letto nei giorna
Salvatore Crispo, destituito.- Il Tenente dei li aus.ro-italica , ch egli si avea fatto venire
Dazii lndiretti di prima classe, signor Gregorio qualune deputazione dal Ducato, che gli por

piu turbolenti.
Scrivono da Parigi:
a Le notizie pervenute da Varsavia al mo

stro governo e a personaggi di alta conside


razione sono ben diverse da quelle date dai
telegralo. Eo Czar fu accolto a Varsavia in
Brunelli, promosso a Controloro di prima clas tava il gruo di dolore di que paesi. Una vol mezzo a un silenzio glaciale. La mattina s'e

se. accordata una pensione di mensuali duca ta in Peguato il duca, l'Austria, sua naturale ra veduto alfisso a le cantonate delle citta un
ti 15 alla signora Concetta Maurizia Colonna, ve alleata, dovea accorrere a salvarlo.
cartello a stampa che portava queste parole:
barone Gaetano Costa.- Sono ritirati

dova del

un documento, che leggiamo nell'Os A tre corvi che si gettano sopra un cada

colla pensione di giustizia gli Uffiziali di Carico sero. Triestino, puo aversi come una
Giustizia,
signori Fer
del ministero di Grazia e

prova

Uc l'o',

Annunciasi che la flotta inglese avrebbe


governo austria
dinando Azzariti e Clemente Tosti.- Sono nomi delle aggressive intenzioni del
idee che la diffondere nell'eserci lasciato Beyruth per traslocarsi nell'Adria
ueste
e
co,
Direttori dei dazii indiretti di 1 classe,
nati 3

to. E l'ordine del giorno del generale de Zay


3 di 2 classe, e 4 di 3 classe, pi 3 Ispettori ling
alla partenza dell'infanteria aus riaca stan
d'altri
luogo
classe,
in
di 1 classe, e 6 di 2
lata in liastadt per alla volta d'Italia. Eccone
sia promossi, sia ritirati o destituiti.- Il Capito un brano cue uon potrebbe essere pi violen
lo 80 dello Stato Discusso della Telegrafia elettri
la guerra tosse gla dichiarata:
ca di questo corrente anno aumentato della som to seMalvuloutieri
io partire queste valo

ma di duc. ottomila, ad oggetto di poter far fron rse truppe, ma iovedo


comprendo
la premura e
te alle spese occorenti per doversi sollecitamente
stabilire un secondo filo sulla linea di elettro-Te 1 in pazienza con cui il loro petto attende il
che li conduca pi presto al teatro
legrafia fra Napoli e Martinsicuro, nello scopo di uloueuroavvenimenti,
ed in cui sara loro con
facilitare la corrispondenza tra le Provincie meri di serii
dionali e settentrionali d'Italia.

cess di spiegare le banutere per 1 onore ed

tico.

Secondo un dispaccio della Perseveran

za da Parigi, 25, Lamoricire sara nominato


a laoma principe o conte.
il marchese G. Ricci, noninato dal mi

nistro Cavour ispettore della gla inarina na


politana, partiva ieri da Genova per Napoli
sul piroscato Authaen. I signori Penco e lian
daccio accompagnano il detto ufficiale di ina
l'iild.
- --- --

il diri.to uell'Austria .

- Francia continuano sempre gli appa

Norizie

l'eccini illilitari. Fu

ESTERE ED ITALIANE

-Si legge nel riassunto politico dei avord.


Tranne alcuni rari organi del partito rea
zionario, la stampa e generaluente d'accoruo
per non aumettere alla conferenza di Varsavia
che una luportanza secondaria e di non piu
attenderne risulta, i positivi, come dichiarazio
ui , tulpegui, trattati e alleanze, una sortaluto

un'utluenza tutta morale di pacificazione e ai

decisa

Ci giungono direttamente ual Caupo del lie


tutti i regginenti d'un nuovo battoglione, che le seguenti importanti notizie di cui possiamo

ra il titolo di battaglione di riserva. Questo garentire aureustcita.


sstenua ha per line di creare , col umezzo di
Gi sin uan nostro numero di sabato scorso
u seuplicissima misura ,

una riserva di abbiano annunziato un lato u arne sotto Ca

1vv,0vo uuuutui, sempre pronti ad entrare in scano, che non uoveva coulondersi col fatto
Catiupagua.

- Si inuuncia che , in vista delle attuali


circoS auze , Sara aumentato di 4.000 uomini
il corpo spedizionario in Siria.
- Leggiatuu Iuella tratrie:

conciliazione. Quindi gia cominciano a dissi


i giornali italiani annunciano che l'Austria
parsi le tetre visioni che una ce. ta politica e il rienoute fanno sulle rispettive frontiere
si applicava ad accumulare intorno a questo
abboccamento, di cui avevamo delinito su dal euorui concentrazioni di truppe. Il fatto
esatto; tua sembra che queste misure minta
prucipio, il vero carattere.

RECENTISSIME

la Iorinazione in

d'arme di S. Giuliano, annunziato posterior


ulente da un uispaccio ufficiale.
ora veniamo a sapere cue il fatto d arine

di vascano ebbe maggiore importanza che non


sembrasse dalle prime notizie. Si pu dire che
su una vera battaglia. Le truppe nostre, che
vi presero parte, appartenevano all'esercito oc
cidentale ed erano comandate dal valoroso ge
uerale Clancini. 1 borbonici, uessi in piena

ri , ulatgrado la loro importanza e la loro rotta, la sera di venerdi, si ricoverarono, in


- il Leouto, parlando uella probabilita di gravita,
non abbiano altro che uno scopo di fuga precipitosa, dietro il Garigliano, Sgn
un uongresso che potrebbe risultare dall'ab leusivv, tanto
da una parte che dall'altra.
lorando completamen e Sessa. Sabato inattino
buccatimento di Varsavia, dice:
situazio
generalmente che, per

la
Si teue
i nostri spinsero a Sessa una ricognizione di
Se l'Europa si riunir in un Congresso es ne in cui le annessioni che si sono compiute cavalleria.
Domenica mattina, alle 10 a me,

IL PUNGOLO

64

- Si ha da Nuova York, 13 ottobre:


vi giunse il Re attorniato dal suo Stato mag che la colonna del Gen. Romano, battuta in
Durante la processione un individuo tolse
giore, alla testa di circa 30 mila uomini del un primo scontro, riattacc con grandissimo
mira il principe di Galles, l'insult e gli
di
ardire,
sconfisse
gl'insorti
di
li
reazionari,
e
l'esercito occidentale. La popolazione di Ses

un colpo. Il principe pot schivare il col


sa e dei villaggi circonvicini si rovesci tutta sperse, l'insegu, ne fece moltissimi prigio tir
po diretto contro di lui. L'individuo ingle
ad incontrarlo. E indicibile l'entusiasmo con nieri.
A proposito di ci ci sia lecito dire al Go se , e credesi sia pazzo .
cui fu accolto il Re e l'esercito. Vittorio Ema
(Ritardato) Parigi 26 ottobre (sera).
nuele n'era visibilmente commosso. Eran con verno che se non giova dissimulare i fatti gra
La Patrie dice che la notizia relativa al
lui il generale Cialdiui e il ministro Farini. vi addormentando la popolazione per poter
congresso,
dormire
data dall'Opiniou Nationale, non
con
gioverebbe
moltissimo
tener
essa,
Appena giunto si rec al Duomo ove tutto
il clero lo attendeva sulle soglie, e lo riceve la a giorno dei fatti lieti che la rassicurano appoggiata sovra alcuna informazione auten
le confortano.
va con omaggio di riverenza e d'affetto. Fu e Ma
il Ministero continua nel suo sistema di
intuonato il solenne inno di grazie al Signo
ricordarsi
non
mai che vi un popolo a cui
re per le ottenute vittorie. Quell'inno trovava

un'eco fervida nel cuore dell'accalcata ed e sta a cuore la questione della propria esistenza.

sultante popolazione, dissanguata dai balzelli

tica.

Il Pays dice che le informazioni dell' Opi


nion Nationale sono inesatte.

L'Opinion Nationale pretende sapere che


l'Austria proporrebbe d' impegnare trattative

Il signor A. Dumas nell'Indipendente d'og col governo francese per venire ad una solu
crudelt, a cui si era abbandonata la soldate gi assicura che Vittorio Emanuele non entre zione pacifica ed equa della questione italia
sca indisciplinata e violenta di Francesco II. r nella Capitale e nel Palazzo di France na. Ove l' Austria non vi riescisse , ricorre
rebbe alle armi di accordo co' sovrani suoi

borbonici, insanguinata ancora dalle enormi

Terminata la funzione, fra gli evviva e le bene sco JI. ( sic ) finch questi avr un piede
dizioni della folla, che s'era nel frattempo stra nel Regno da dove respinto.
ordinariamente accresciuta, il Re a piedi si
Con buona pace del signor Dumas noi non

amici.

rec al palazzo ove aveva preso stanza il ge crediamo che n la Capitale n il Palazzo

confermata autenticamente.

nerale Cialdini. lvi ricevette le autorit del

naese e varii cittadini e signore impazienti di

sieno di Francesco II: l'una e l'altro sono della


nazione.

salutare il primo Re d'Italia, e tutti accolse


colla sua franca cordialit, intrattenendosi cos

circa due ore. Indi si rec a stanza in un casino,

NOTIZIE TELEGRAFICHE

fuori di Sessa, annesso all'albergo di S. Agata.

Questa notizia ha grande bisogno di essere


AGENZIA TELEGRAFICA ITALIANA

Parigi 26 ottobre (sera).


La politica imperiale favorevole al prin
cipio delle nazionalit.
terminato il colloquio di Varsavia.

La riunione di un prossimo congresso

Il quartier generale ora a Sessa. L'eser


cito occidentale scaglionato da Cascano si

(AGENZIA STEFANI. )
sempre incerta.

Parigi 25 ottobre (sera)


Il principe di Metternich ha dichiarato al
no a Gambafelice, vale a dire a 5 miglia da E giunto l'internunzi
pontificio.
l'imperetore Napoleone che l'Austria conser
Sessa e tre dal ponte di ferro del Garigliano. Leggesi nell' Opinion oNationale:
le truppe borboniche trovansi concentrate sulla Si assicura che l'incaricato di affari del ver l'attitudine difensiva.
riva opposta del Garigliano. Dal ponte di fer la Russia a Parigi avrebbe ricevuto ieri il di (Dispaccio particolare della Perseveranza).
ro furono levate le tavole ed allentate le viti,
Parigi 26 ottobre, ore 5 40 p. m.
spaccio seguente: Varsavia. Tutto va bene.
ond' essere in grado di toglierlo, ad una oc Il
L'Opinion Nationale pubblica una nota, che
principio della riunione di un congresso
-

emana dall'ambasciata austriaca, in cui si di

correnza.

stato adottato. Comunicate a chi di dirittto.

Siamo assicurati poi che una parte dell'e

chiara, che un attacco immediato contro il

Parigi, 26 ottobre (mattina).


Piemonte non pnnto nell'intenzione dell'Au
giov.
Stamane l'imperatore d'Au stria.
Varsavia,
ra, onde, distrutta la reazione che ivi solle stria ha visitato lo Czar.
Metternich incaricato di pratiche di
I tre sovrani e i loro
vava la testa, scendere per le colline al di l
plomatiche
colla Francia per la soluzione pa
e ricongiungersi coll'esercito occiden ministri tennero quindi una conferenza, la cifica della questione italiana. Soltanto do
quale dur un'ora.
tale.
fossero fallite, e d'accordo coi sovrani
Vienna, 25. In occasione delle illuminazio poch
che si trovano nello stesso punto di vista e
Nel mentre siamo lieti di dare queste noti
a
disordini
Pesth
seguiti
di nessuna di diritto, essa potr ricorrere alle armi per
zie ai nostri lettori, non possiamo ammeno di mi sono
dai monelli. mantenere i diritti dei principii stipulati nel
dire che altamante ci sorprende il silenzio ser importanza, cagionati sovratutto
Parigi 26 ottobre.
bato dal Governo su cosa che tanto sta a
l'ultimo trattato.
dell'opposizione an
Madrid,
26.
partito
ll
cuore di tutto il paese. Eppure il Ministro
congresso
ieri
al
nunzi
ch'egli
muoverebbe
Conforti era l'altr ieri al quartier Generale !
Parigi 27 ottobre (mattina).
interpellanze circa alle relazioni coll'estero. Il

sercito meridionale abbia preso la via di So

"se

Eppure, reduce appena, trov il bisogno di par


ll Moniteur promulga la convenzione addi
lare in un proclama ai Cittadini, per impedi governo si dichiarato pronto a rispondere ; zionale
al trattato di commercio tra Francia
ma
interpellanze
le
vennero
aggiornate.
re perturbazioni che non erano minacciate, e
e
Inghilterra,
intorno a nuovi diritti doganali
La
Spagna
avendo
protestato
contro
l'en
per annunziare che ha preso le opportune mi
trata
nel
territorio
romano
e
nel
napolitano,
applicabili
col
1 novembre 1860.
sure per impedirle, come se il farlo non fos
fu dato

ordine all' ambasciatore di lasciare


se dovere del suo ministero, come se non a
Torino,
ove rimarr un incaricato di affari
vessero dovuto esser prese che da ieri soltan
to, quando cio il pericolo di perturbazioni della Spagna.
Palermo, 25 ottobre.
era meno probabile che mai!
Risultato della votazione nella citt di Pa
Noi comprendiamo che il ministro di Poli
zia sentisse il bisogno di ricordare ai Citta lermo :
Inscritti
Votanti
Si
No
Nulli

dini la sua esistenza, ma poteva farlo con


mezzo certo assai pi gradito, dandoci qual
che notizia di ci che per noi quistione vi
tale.

40507
36267
36232
20
15

Leggesi nello stesso giornale:

L'Opinion Nationale pubblica una nota,


che sarebbe stata comunicata ad alcuni cor

rispondenti dall'ambasciata d'Austria. Siamo


in grado di smentire l'origine attribuita a que
sto documento e dichiarare d'una maniera
formale ch'esso si fonda su dati assolutamen
te falsi o .

Varsavia, 26. L'imperatrice vedova di


Russia gravemente ammalata.

Lo czar partir dopo mezzogiorno. Il prin

---

cipe reggente questa sera.


Perugia, 26 ottobre, ore 3 pom.
E giunta una compagnia della Guardia Na
Da notizie particolari di buona fonte cre
Perugia, 27 ottobre.
diamo poter riassumere cos le cose militari. zionale bresciana. Il popolo e la Guardia Na
Il marchese Pepoli and ad Orvieto e vi
Garibaldi spinge le operazioni su Capua zionale di Perugia sono andati in massa ad fu ricevuto con entusiasmo indescrivibile. Gran
-

mentre l'esercito orientale opera energicamen


te sul Garigliano, deciso, a quanto ci assicu
rano, ad affrettare con ogni possa una defini
tiva soluzione.
---

L'altro ieri abbiamo annunciato di un cam


po reazionario, forte di 5000 uomini a S. Gio

lncontrarla con bandiere e fiori.


Lo citt in festa.

folla di popolo e una cavalcata di signori e

signore andarono ad incontrarlo. Festa duran

Parigi, 26 ottobre (sera).


te la notte
Varsavia, 26. Per indisposizione soprag
ll marchese Pepoli pubblic varii decreti fa
giunta all'imperatrice vedova di Russia, fu vorevoli all'agricoltura e all'istruzione pub
dato contr'ordine per sospendere la festa della blica.
CaCCla.

Tutta la popolazione porta il si sul cappello


L'Imperatore d'Austria partito questa mat in segno del voto d'annessione.
tina.
VaIlIll.
Lo Czar e il principe reggente partiranno
Nel mentre confermiamo la esattezza di quel
J. COMIN Direttore.

la notizia, siamo in grado ora di annunciare questa sera.


NAPOLI

STABILIMENTo TIP. DELL'ATENEo Domenico CastELLINI Gerente Responsabile.

ANNO I.

(n t)

. -

GIORNALE POLITICO POPOLARE DELLA SERA


, 1 -

---

- --

- -- - - -

T-

PREzzo D ABBONAMENTO MENSILE


Napoli a domicilio

e - . . . . .

Provincia franco di posta. . . .

. . . gr.

30

. . . . .

45

Trimestre semestre ed anno in proporzione.


Per l'Italia superiore, trimestre.

. .

m-

L'Ufficio di Redazione, e la distribuzione principale presso


lo Stabilimento tipografico dell'Ateneo
Vico S. Maria Vertecoeli, N. 9.

L. It. 7, 50

-- -

Un numero separato eesta In grano,

q
b. no

, il

che dovr o potr tenere dopo fatta l'annes gravissimi errori che furono i commessi nel
sione.
.
l'atto di ridurre ad effetto le annessioni della

q o

P E R L' A VV EN IR E
ais

Si ricevono Inserzioni a Pagamento,

VERITA
dR, Tel
-, e,

Esce tutt' i giorni anehe festivi, tranne le solennit.

TTTT-TI

i t

via,

il

Eppure la questione del passato, se poteva


che aveva

Lombardia e dell' Italia centrale,

Quand si parlamento in torinesi discus riuscire utile a qualche individuo

i 3

Bisognava dirgli che il dissidio nato fr la

se la legge sulle annessioni di queste Provin bisogno o desiderio di porgere spiegazioni re politica del conte di Cavour e le generose a

cie, le nostre popolazioni

speravano di udir lative ai propri atti o a quelli de suoi amici

spirazioni di Garibaldi - se fu alimentato ed

formulato qualche saggio consiglial over: politici, non aveva per in s medesima molta aumentato da passioni, da ambizioni, e da in
n del Re i consigli che, fondandsi spe importanza non era tale n da ravvicinare fluenze individuali-ebbe la sua vera sorgente
cialmente sulle vere lor condizioni sulle vere partiti radicalmente avversi e perci inconci nelle recenti memorie della politica di assor
e di consorteria, che tenne dietro alle
lor necessit, avrebbe potuto essere pratic liabili n da condurre a risultati rilevanti bimento
lab to
mente utile ea quelli cui fosse diretto, e a nell'ordine dei positivi interessi della libert. antecedenti annessioni
In
fin
dei
conti
il
governo
ha
dovuto
fare
Bisognava infine ammonirlo chiaramente,
quelli per cui fosse dato,
a
a
Lo speravano tanto pi in quanto che sa quello che la Nazione lo ha sollecitato ad francamente, dei molti, dei gravi doveri che
pevano benissimo come alcuni fra i pi notevoli operare se ha scosso a tempo una inerzia il mandato di compiere l'annessione dell'Italia"
capi della opposizione liberale erano venuti a che comprometteva i pi vitali interessi, non meridionale gl' impone, in vista appunto del
tv
i sott al
Napoli, e vi avean dimorato per tempo-se non fu suo il merito dell'iniziativa, come sua non compimento dei destini d'Italia.
La
pront'
annessione
era
richiesta,
voluta
,

la
gran
parte
del
merito
sul
compimento
lunghissimo certo bastante a formarsi una

idea complessiva delle condizioni, e della vo dell'opera, la quale a dispetto di inframet imposta non solo dalla volont di queste po
lont del paese, e

qualcun aveva "a parte

pi o meno attiva nella publica amministrazio


ne di quei primi giorni di liberazione.

Lo speravano tanto pi in quanto che sa

tenti ambizioni e di caparbie opposizioni polazioni, ma da quella di tutta l'Italia - il


partito che vi si opponeva e la voleva ritar.
arrivata felicemente a buon termine.
La vera e grave questione ch'era inchiusa dare era quindi gi vinto dalla pubblica opi
nella proposta fatta dal Ministero, non fu nep nione, prima che combattesse in Parlamen
pure sfiorata. Quando il conte di Cavour ha to. Il trionfo fu dunque molto, troppo fa

perano che alcuni fra questi capi eran uomini


d'ingegno ardito, e di altissima mente, e spe domandato l'autorizzazione a fare l'annessione cile al conte di Cavour.

ravano che del loro acuto e vivace ingegno dell'Italia meridionale, non si poteva ravvi In un momento in cui il concetto della so
si fossero valsi non a teorizzare sulle loro in sare nella proposta soltanto una questione di lidariet nazionale ha guadagnato gli animi di
dividuali opinioni, ma a studiare la publica partito o d'una preferenza da accordarsi al tutti gli italiani, e in tutta la Nazione s' dif.

opinione, a indagarne le cause, e a preve l'una o pinttosto all'altra fazione per coro fuso il convincimento che l'indipendenza e la
derne gli effetti.

il

--

E perci tesero avidamente gli orecchi ad

ogni eco di quelle discussioni sperando udire

l'aspettata parola ma l'aspettarono invano.


Sar questo a suo tempo un grave conto

unit italiana.
e
Ci che rende sommamente importante il
potere conferito al governo dal voto del Par
lamento, che per esso fu data facolt al
governo di provvedere al nuovo assetto gover
nare l'opera dell'

libert d'Italia si

devono completare ed

assi

curare col riunire in grande e potente Stato


le forze d'Italia, l'annessione dell'Italia meri

dionale per s medesima non era un assunto

che presentasse gravi difficolt.


che il partito progressista e liberale avr da ag nativo dell'Italia meridionale. Qui era il Ma assodare questo potente Stato su solide
giustare con gli uomini che lo rappresenta vivo della questione: qui era propriamente il basi, assicurarne l'avvenire questa non si
vano al parlamento Nazionale-i quali lo fe quesito capitale, di cui il Parlamento avreb facile impresa.
cero passare, con le loro appassionate illusio be dovuto occuparsi di proposito e con ben l L'annessione dell'Italia meridionale deve se

ni, per un partito senza talento pratico,

diva

pi positiva utilit, che non derivasse da di gnare il punto di partenza di una politica schiet.
tamente italiana: a questo patto solamente l'an
gatore, utopista, e quindi impossibile ad am scussioni retrospettive ed irritanti.
ministrare la cosa publica.
Ed precisamante di ci che il Parlamen nessione pu gettarle salde fondamenta dell'U
nit italiana, pu essere l'iniziativa di un lu
Fatto sta che tuti i Deputati , i quali han to non si punto occupato.
In0 contestato al governo del Re il voto di
Bisognava dire al Governo del Re che la minoso avvenire per la patria nostra.
-

fiducia e il mandato pelle annessioni, non si la grave crisi da cui uscito a stento e, co
sono occupati se non di indagare la condotta me dice Dante, con lena affannata crisi
tentita dal

governoe nella questione dell' Italia

Bisogna che il governo ponga da un canto


le

passioni tutte di partito, che rompa l'angu

che poteva compromettere l'avvenire della na gusta cerchia delle aderenze, che allontani
meridionale ma non hanno pensato a quella zione ebbe la sua radice negli errori, nei gli interessati adulatori che studi a fondo

, i

IL PUNGOLO

66

le condizioni di questi dieci milioni d'italiani


che vengono a stringersi attorno al vessill i
taliano che, cercando i suoi cooperatori in
quegli uomini che senza spirito di parte, e
non mossi da ambizioni personali, hanno e il
merito dell'intelligenza e quello ancor pi del

inaugurare, coll'annessione dell'Italia meridio amici franchi, che per compiacenza adulatrice
nale, una politica spregiudicata-veramente non gli nascondano o attenuino il vero, che
non gli mostrino un paese fittizio, ma che gli
liberale-puramente italiana.
Entrando in Lombardia il governo di re mostrino il paese quale realmente- co'suoi
Vittorio Emanuele s' buttato in braccio a urgenti bisogni, colle sue vere aspirazioni.
-

una consorteria che sfrutt per proprio conto


esclusivo i nuovi destini della patria comune,
della libert a popolazioni che tutto si ripro e cre mille imbarazzi al governo e gravi in
mettono da un regime nazionale e liberale convenienti al paese nell'ltalia centrale fu a
l'onest, faccia ben tosto sentire i

beneficii

il governo se sollecito dell'avvenire del

dottato un sistema di favoritismo che fece del

Ed appunto ci che noi ci proponiamo di


fare.
-- --

POSTA CITTADINA
Abbiamo ricevuto la seguente lettera,

la Nazione non si illuda pella imponente il governo un partito, una setta E questo fu che pubblichiamo volentieri a comple
nanimit che si manifesta dall'un capo all'al il principale, il pi grave dei suoi errori, quel mento del nostro articolo sull' ammini

tro della penisola per quel Principe, che ha lo da cui vennero ad esso e al paese pi gravi, strazione delle poste.
Pregiatissimo sig. Direttore
,
fatto sua la Causa d'italia e con essa la re pi dolorose conseguenze.
Lessi nel numero 15 del suo giornale un'ar

Se ci avvenisse anche nell'Italia meridio ticolo che trattava dei difetti dell' amministra
si solidali i suoi proprii destini.
Il governo non pu ignorare che se Lom nale chi potrebbe calcolarne i deplorabili ef zione delle poste, e mi permetto di aggiun
gerle alcune osservazioni mie, ch'ella potr
bardia, Emilia e Toscana vanne liete e super fetti?
Egli adunque tempo che i nuovi destini pubblicare, qualora le creda di qualche uti
be pei gran passi che la causa nazionale ha
lita pratica in quel ramo importante dell'a
fatti esse per deplorano profondi e gravis della patria, compiutisi non per merito esclu zienda governativa. Io spero che le sue paro
simi disordini amministrativi, e sopratutto uno sivo del Governo, o di questo o quell'uomo, le, e la manifesta impossibilit di continuare

spirite sistematico di sovrapposizione che ha

o di questo o quel partito, ma sopratutto e il servizio postale con l'attuale organamento,


fornito e fornisce tuttora serii argomenti di ci non sar mai ripetuto abbastanza per spingeranno il governo a porvi un pronto ri
medio. Mi pare anzi tutto che sarebbe neces
censura ai nemici della causa nazionale ed a

merito dell'abnegazione, del patriottismo degli sario domandare al Ministero, che gli offici

gli oppositori ad ogni costo.


Noi non vogliamo qn richiamane nemonie
irritanti non vogliamo gettare semi di di
scordia in un momento in cui supremo il
bisogno di concordia, e di unit di aspirazioni
e di intenti.

ltaliani, conducano anche il governo stesso a postali rimanessero aperti, com'ella accenn
una politica che l'appoggi, sul vero merito, in altro suo articoletto, dalle 9 ore del mat

sulla virt, sulla adesione della gran maggio tino fino alle 8 della sera, di ogni giorno in
ranza dei cittadini: una politica la quale nel distintamente Questa misura, lasciando un
pi largo corso di tempo per ricuperare le
la soddisfazione delle legittime aspirazioni dei lettere, riparerebbe all'inconveniente dell'ag

popoli nello svolgimento delle libere istita glomeramento della gente agli sportelli delle

Ma appunto perch siamo franchi e leali zioni nel concorso di tutti gli ordini e di officine di distribuzione. Sarebbe inoltre ne

amici del Governo del Re; appunto perch non


vogliamo veder rinnovati all'Italia i pericoli
che le vennero dai recenti dissidii ; appunto
perch ci sta a cuore lo svolgimento rapido
e progressivo delle forze nazionali e l'asso

tutti i cittadini onesti e devoti alla patria, rac cessario che i vari offici figliali dei sin
goli quartieri della citt, come ricevono le
colga gli elementi dell'avvenire d'Italia.
corrispondenze, cos le distribuissero regolar
Jeri abbiamo accennato gli errori del Go inente aumentando, per quanto possa abbiso

damento delle basi dell' avvenire d' Italia

l' interesse di un partito, e non della grande

verno Dittatoriale-Essi si possono riassumere

gnare, il numero dei fattorini di posta, i qua

tutti nell'aver operato come un partito, nel li vestiti colla loro uniforme, uscissero per la

appunto perch abbiam l'occhio fisso a Roma, generalit.


Conviene
e il pensiero di Venezia nella mente e nel

citt un'ora dopo l'arrivo di ciascun vapore,


e non una sola volta al giorno, come oggi si
usa di fare. E inutile ch'io dica che le offi

che il nuovo Governo operi in sen cine figliali devono avere lo stesso regolamen

so opposto ch'egli non abbia in vista che i to dell'amministrazione centrale, e che deb
bono quindi essere obbligate ad un eguale o
lare al Governo del Re gli errori che nel grandi interessi della generalit-che non por rario, e non chiudersi, come ora fanno, due
passato ha commessi, n scemare la gravita ti seco idee, forme prestabilite a cui adatta o tre ore prima della partenza della posta
cuore crediamo dover nostro non dissimu

re il paese, ma che le idee, le forme, le i dall'officina centrale. Il metodo tenuto oggi


dalle officine dei quartieri, le rende quasi inu
stituzioni
adatti al paese.
E perci, a nome di queste popolazioni, a
tili, giacch i cittadini sono costretti o di

dell'esigenze dell' avvenire.

Queste ha nel suo bellissimo corpo tre pia portare le loro lettere parecchie ore prima
nome di tutta l'Italia, pel suo medesimo inte
resse non solo, ma ci che piu importa pel ghe inuense, gravi, sanguinose-son queste della partenza, o di recarsi, attraversando
bene della nazione, invitiamo il Governo del piaghe che reclamano le prime cure del nuo tutta la citt, alla posta centrale.
VO Governo.

Re a tenere ben fisso in mente, che il voto di


fiducia non gli fu conferito tanto per compie

Esse sono la ignoranza della plebe il pau

re l'atto dell'annessione per s medesimo, perismo, la corruzione.


Cne il nuovo governo non porti seco i suoi
quanto per dare all' Italia Ineridionale una
uomini-essi
non conoscono i bisogni, la natu
amministrazione conforme ai bisogni di que
ra, l'indole di queste popolazioni, e perdereb
ste popolazioni, a cui fu conteso per si lun
go tempo ogni barlume di civilta-che per si bero per istudiarle un tempo cu e necessario
lungo tempo furono compresse sotto un siste ad operare-ina li scelga tra es e. , e ne
ina di abbrutimento e di corruzione, che non sono, e molti , e altamente benemeriti dalla

per riuscito a spegnerne i nobili istinti, ad


ucciderne, a pervertirne, a traviarne il senti
neuto nazionale, ma che ha lasciato traccie

profonde, cui importa di far scomparire, estir


pando la radice del male.

Un altro miglioramento reclamato dai com


mercianti del paese quello della sicurezza
degli arrivi, e delle partenze. Questi arri
vi, per quanto possono essere calcolati , con
le naturali differenze cagionate da viaggi di
inare, dovrebbero essere regolarmente, e tutti
annuuciati come le partenze, le quali oggi
avvengono disordinatamente, e senza un'ora
prestabilita ed immutabile. Accade sovente

che un Vapore, di cui annunziata la par


tenza per un dato giorno, e ad una data ora,
causa nazionale-ma non in cerchi n tra le muti improvvisamente e giorno, e ora , in
gannando l'aspettazione del pubblico. Ogni va
classi privilegiate, n tra gli uomini di par pore di partenza dovrebbe avere una cassetti
tito, ne tra quelli che gli taran ressa d intor na postale a bordo, onde chi non fu in teme
no non transiga cogli uomini che furono po di depositare le proprie corrispondenze al
le officine, lo possa fare un ora o due dopo
strumenti o complici della tirannide Borboni a bordo del Vapore. Tutto ci, com'ela vede

Si ricordi il Governo del Re ch' necessario ca non li blandisca per conciliarseli -sono benissimo , oltre ad essere di giovamento al
non perdere un istante, non frapporre alcun strumenti che non possono giovare alla feli commercio in particolare, e ai cittadini tutti!
in generale, non graverebbe d'alcuna spesa lo

dugio per far loro gustare i benifici tutti cita di un popolo non cerchi d'avere ad Stato, e faciliterebbe anzi il servizio postale
della libert.
ogni patto dei buoni servitori, e degli arden stesso, allegerendolo di non poche corrispon
Si ricordi il Governo del Re ch' egli deve ti partigiani ma cerchi di procurarsi degli denze.
-

: IL PUNGOLO
I

67

-reeree aezazaz szera-asa-rea-a


- - - -

Mi permetta che avendo parlalo del com

IL SINCACO DELLA CITT DI NAPOLI

mercio per quanto riguarda la posta, tocchi


di volo un miglioramento reclamato general

mente per le R. Dogane. Mi sarebbe impos

AI SUOI CONCITTADINI

La filantropia di cui il Popolo Napolitano

sibile, ed ella stessa forse potrebbe non con ha dato in ogni tempo chiarissime prove, non

sentirmi abbastanza spazio nelle colonne del poteva per certo venir meno nei solenni e
gloriosi giorni che corrono; e per fattosi ap
dei bisogni di questo ramo della pubblica am pena un invito a privati di non mettere osta

suo Giornale, se volessi trattare distesamente

ministrazione. Mi limiter quindi accennarle


agli alloggi che ogni Eletto sar per da
un miglioramento di facile esecuzione, e di coli
re nelle lor case agli inviti Uffiziali delle Mi
poco o nessun dispendio per il governo. l fac lizie Piemontesi, gi molti sono corsi sponta
chini delle Dogane oltre ad essere in numero
proporzionatamente minimo , presentano l' a nei ad offerirli. Della qual cosa il Municipio
sapendoli ringraziare abbastanza , e per
spetto della pi singolare confusione. Sarebbe non
non lasciare nel medesimo tempo ignoto que

desiderabile che aumentati abbastanza da po


ter soddisfare alle richieste del commercio, s'altro bellissimo esempio di carit cittadina,

- -

-- - -

zienza, le porte del quadrilatero si apriranno,


e l'Austrta non potr resistere alla tentazione
d' inghiottire la sua insolente e facile preda.
Che succeder allora ? ll Constitutionnel lo
dice assai chiaramente , quando dichiara in
nome dell' Imperatore - essere perfettamente
convinto che un'attitudine puramente difensi
va la linea di condotta adottata dall'Austria,
e che essa non intende di deviarne. Se l'Au

stria si muove, perduta-sesta ferma, sal


va ? That is the question, per parlare la
lingua del Times.
Registriamo le seguenti notizie che to
gliamo da due post scriptum di una lettera
da Gaeta al Nouvelliste di Marsiglia, non
-

si fatto sollecito ad aprire un registro, ove senza avvertire i nostri lettori che il corri
i nomi di tutti coloro i qua spondente naturalmente persona devota alla
loro placca indicante il numero progressivo, liVerranno
anzi chesegnati
peso credono che sia debito causa di Francesco II, e che perci le noti
vestissero pure la loro bleuse uniforme, colla

a essero uno o pi capi che li sorvegliasse

l'spitalit a fratelli che combattono per


ro, e fossero compensati delle loro fatiche dare
la a nstra, per quindi renderli palesi al

zie da esso date vanno

accolte col massimo

riserbo:

secondo una tariffa fissata dalla Direzione del

Gaeta, 17 ottobre. Gli uffiziali dei basti


le Dogane. Questo miglioramento introducen pubblic. Il perch in continuazione dell'avi. menti francesi hanno detto ier sera che l'am
do un po' d'ordine nel carico, nello scarico, e s di gi pubblicato a 25 di questo mese, ve: miraglio, nel recarsi a far visita al Re, l'a
nel trasporto dei colli, gioverebbe insieme alla niamo ra a pregare chiunque ne abbia l'op. veva assicurato che lo
della sua presen
peditezza e regolarit del servizio, e alla con portunita a non voler porre tempo in mezzo za in queste acque era scopo
d'impedire il blocco ,
commendevol
volgere
per
generoso
in
un
e
e
izione stessa dai facchini di Dogana.
come pure di difendere all'uopo Gaeta da qual
Se ella, signor Direttore, si compiacer di atto quello che non sarebbe che una cosa im siasi
attacco.

posta: ed iscrivendo il proprio nome mostra Gaeta, 17 ottobre. Le mie lettere erano
profitter anche in avvenire della sua corte re col fatto che questo bel paese non ad
in Francia,
sia, per accusarle i difetti, e additarle i mi altro inferiore per civilt di costumi e per a gi sul vapore che deve portarle
quando ho saputo che il Vice-Ammiraglio
-

far capitale di queste mie osservazioni, io ap

glioramenti che sono generalmente domanda more alla causa della libert e dell'indipen
Barbier de Tinan accreditato presso il Re
ti dal commercio, in quei rami della pubblica denza d'Italia.
coi poteri di ministro plenipoteaziario.
Montoliveto
ottobre
1860.
29
amministrazione, che pi lo riguardano da vi
Dicesi che stia per essere conchiuso un
01Il0.
Il sindaco. A. COLONNA.
trattato di commercio tra l'Inghilterra e l'Au
-

--

COSE INTERNE

-9o e re

NOTIZIE ESTERE ED ITALIANE

Sunto dei Decreti pubblicati dal Gior L'Havas ha da Berlino, 30 ottobre:


Secondo lettere particolari di Vienna, le ri
nale Ufficiale del 30 ottobre.
test pubblicate dal governo austriaco
forme
Sono nominati: il barone Luigi Vercillo, Gover
hanno
cagionato
poca soddisfazione. Qui si spe
natore nella Provincia di Calabria Citeriore, in luo rava di meglio che
il semplice ritorno alla
go del signor Pietro Compagni dimissionario; il si situazione
anteriore al 1848,
gnor Giacomo Giuliani, Governatore nella Provin
cia di Abruzzo Citeriore, in luogo di Concezio de

stria. Cos la Gazzetta di Torino.

I membri delle deputazioni della Camera


elettiva e del Senato del regno, che devono

recare a S. M. gl'indirizzi votati alle due


Camere, fanno i loro preparativi di partenza
per adempiere alla loro missione non appena
Vittorio Emanuele sar entrato nella capitale
partenopea.

ll Ministero dei Lavori Pubblici

To

in
Si assieura che la Baviera ha l'intenzione, rino ha emanato, iu data del 26 ottobre, la
lioratiis dimissionario ; il signor Cataldo Nitti, nel caso fosse attaccata la Venezia, di pren seguente ordinanza:
dere in seno della Dieta l'iniziativa di una
Governatore nella Provincia
di Terra di Bari, in

Direzione generale delle Poste.

luogo del cav. Vincenzo Rogadei dimissionario. proposta tendente a garantire all'Austria il pos
ll signor Nicola de Sanctis, Archivario nell'archi sedimento di questa parte d'Italia. La dieta di
vio provinciale di Principato citra, destituito. chiarerebbe essere interesse dell'Alemagna che
Il signor Nicola Gigli, professore dell'Universit l'Austria conservi la Venezia, ed essa dovreb
degli Studii nella Facolt di Giurisprudenza, be quindi prendere delle misure per assicura
nesso al ritiro. E egualmente posto al ritiro il re definitivamente il possesso di questa pro
signor Francesco Briganti, professore della Univer vincia alla casa di Absburgo.
Egli assai possibile che ci non sia che
sit degli studi nella Facolt di Medicina.
stabilito un nuovo organico nell'insegnamento Ut una voce simile a quella che corse ultimamen
niversitario, il quale comprender sei facoll con te sull'occupazione del Tirolo per parte delle
64 cattedre; sono quindi nominati 47 professori truppe bavaresi, voce che gli organi semi-uf
titolari della regia Universit degli Studii; per le ficiali del governo bavarese furono solleciti a
cattedre vacanti si apre un concorso di meriti a smentire. In ogni caso, se un simile aggiusta
tutti gl'Italiani; dippi sono nominati 7 professori mento fosse stato conchiuso fra l'Austria e la

qui il sabato da Genova, trasportata al ve

emeriti in detta Universit. E accettata la dimis Baviera, ci proverebbe che a Vienna si

nerdi a sera con approdo a Napoli.

A cominciare da luned prossimo, 29 cor

rente, il servizio marittimo di trasporto dei


dispacci tra Genova e Napoli, verr eseguito
a 5 corse settimanili. Queste avranno luogo:
Da Genova e da Napoli nei giorni di lune
d , venerdi e sabato direttamente.

nei giorni di marted e gioved con ap


pulso a Livorno.

Le partenze sono fissate da Genova dopo


l'arrivo dell' ultimo convoglio della ferrovia,
e da Napoli alle 6 di sera.
La corsa su Palermo che ebbe luogo in
-

sione data dal sac. D. Vincenzo Lamberti dal po deposta la speranza di ottenere dalla Prussia

--- -9 -

sto di Rettore del Collegio Medico-Cerusico, ed la garantia della Venezia.


nominato in sua vece il professore signor Camillo
- Il Morning IIerald crede sapere che lord

Dall' Agenzia telegrafica Sleani riccviamo la


de Meis. Sono messi al ritiro colla pensione di Russell avrebbe fortemente insistito presso di seguente lettera ch publichiamo come nostra gir
" i signori Francesco Rosati, Presidente del Schleinitz affinch la Prussia non s'impegnasse stificazione verso i lettori del Pungolo:
'rotomedicato, ed Achille Vergari, Capo d'uffizio a garantire all'Austria il possesso della Ve

Onorevole signor Direttore.

dello stesso Protomedicato. Sono quindi nominati nezia. Ragionando su questa notizia, il gior
del Ministero napoletano spedito a To
il signor Gaetano Lucarelli, in luogo del Rosati, nale tory arriva a conchiudere che il dispac rinoUn'ordine
trasmissione di tutti i dispacci
impedisce
il signor Gioacchino Palombo uffiziale di 2 clas cio di Russell , in data 31 , al gabinetto di politici. Queste laproibizione
che temporanea
se in luogo del Vergari, e il signor Salvatore Torino non era che una finta diplomatica de e l'Agenzia spera fra pochinongiorni
di poter tra
Sogliano, in luogo del Palombo. Il carico per stinata a guadagnare tempo, e che, prima di smettere
ricevere dispacci tanto dello Stato che
gli affari personali del Ministero di Grazia e Giu pronunziarsi, il governo inglese vorrebbe in esteri. e
-

stizia elevato a Ripartimento, e n' nominato durre il gabinetto di Berlino a rifiutare la sua

Nel comunicarle tale notizia, le significo che il


Uffiziale il signor Giandomenico Romano, uffiziale garanzia all'Austria.
di lei abbonamento avr principio il giorno in cui
del carico sudetto.
Quello che sembra costante fino al giorno
ll Re Vittorio Emanuele ha conferito la Croce d'oggi, sono i buoni rapporti fra i governi saranno riattivate le linee telegrafiche, non com

" Cavaliere dei SS. Maurizio e Lazzaro al signor

putando i dispacci arretrati.


Tanto per sua norma, mentre mi pregio di
-

inglese e prussiano.

Pasquale de Virgilii, governatore di Teramo, ed - ll Times, analizzando l'articolo del Con


il signor generale Veltri, governatore militare di stitutionnel dice : Un giorno o l'altro, il
Teramo.
giovine imperatore perder di nuovo la pa

segnarmi.

Devotiss. Servo
LUIor ENRIco TELToni.

--

t.

RECENTISSIME

del

Da una forte e sana educazione

Sappiamo che la reazione ha tentato in va vasi il signor Marchese di Villamarina, la sua

ri punti di risollevare il capo, eccitata dalle consorte, il Prodittatore, e molti altri spetta polo dipende la libert e la grandez

d'Italia.

meue e dall'oro dei Borboni ma godiamo tori fatto silenzio il generale Garibaldi, in

in pari tempo di accertare che la Guardia Na


zionale, sostenuta da un sufficiente nerbo di

cominci.

- - -

Viva Vittorio Emmanuele! Viva ritalia

- -

Viva il Cristianesimo!

NAPOLETANI.

forze regolari, l' ha ben tosto repressa e ha

Pallavici
dato una dura lezione ai ciechi strumenti di
Oggi nn bel giorno , un gran gior
i
no,
Matrina
delle
bandiere,
raccolsero
la eletta
una tirannide, che, sforzandosi ad eccitare la no bello, grande perch rannoda
comitiva
in
un'amichevole
colazione
di due
guerra civile, conferma la propria condanna, con nuovo vincolo la fratellanza che le

Il Generale Trr, e la Marchesa

i cento coperte a cui assisteva il Generale

e vi aggiunge le maledizione dei popoli.

ga l'Italia alla Ungheria-I popoli liberi Garibaldi, il Prodittatore, il Marchese Villafia

A parecchi dei contadini insorti , fatti pri son solidali fra loro. Gli Italiani liberi
i rina con la sua famiglia, lo Stato Maggiore
gionieri, si rinvennero indosso somme rilevan
i
della Guardia Nazionale, quello del Generale
non
possono,
non
devono,
non
vogliono
to di denaro persino due e tre mila ducati.
| Garibaldi, e quello del Gen. Trr, ed alcuni
Alcuni di essi, colti colle armi e con dimenticarlo-n lo dimenticheranno,

(Qui il popolo ruppe in fragorosi ap i cittadini.


Generale Turr alz un brindisi all'Italia
cui si dovunque segnalata la reazione furo plausi gridando: Viva Garibaldi Il Ge ed Ilall'Ungheria
che non accetter mai la
no fucilati all'istante. Il paese reclamava nerale rispose ):
impudente
menzogna
dell'Austriaca costituzi
questa misura energica di rigore certo de
Gl'Italiani liberi! S, lo sarauno tutti e ne, perid' arte con cui si tenta invano con
plorabile, ma necessaria.
presto.
nel 1848 di spingere gli Ungheresi contro i
se
Da una vita consacrata tutta alla causa fratelli Italiani.
vinti autori dei massacri e delle atrocit con

as

Questa mattina alle ore 9 nella piazza di della libert, al pensiero della nostra na A questo Garibaldi rispose con un brindisi
S. Francesco di Paola si celebr la benedi zionalit
aggiungendo: Ho piena fede
null'altro io raccolsi, null'altro io all'Ungheria
zione delle bandiere, che la marchesa Spida
l'Ungheria si varr dell'accordata costituzione
lotta di Palermo, mandava in dono alla le voglio racogliere che il diritto di dire come se ne valse il popolo Napoletano.
gione Ungherese. I bravi Ungheresi, coman il vero sempre, dirlo del pari ai potenti
Altro brindisf fu innalzato dal Gen. della
dati dal conte Telecki, erano schierati sulla ed al popolo.
Guardia Nazionale Marc. Topputi, a cui Ga

"

piazza alla destra dell' altare eretto per que-

Odimi dunque, popolo generoso di que ribaldi rispose con un brindesi alla Guardia

sta solennit. La guardia nazionale stava sta grande e bella Metropoli, e se io meri Nazionale, pieno di parole di affetto e stima
dirimpetto, un corpo di volontarii garibaldini to qualche cosa da te, credi alle mie pa pei servigi ch'essa rese e rende alla patria.
occupava il lato sinistro, la musica e lo stato role.
Il Gen. Topputi propose un brindisi al Pro
-

Maggiore dell' esercito settentrionale era nel


mezzo della piazza. Poco dopo le nove il

dittatore Marchese Pallavicino-Garibaldi al

Il cancro, la rovina d'Italia nostra fu lora alzandosi disse: S , viva il mio amico

generale Garibaldi arrivava da Caserta, e di rono sempre le ambizioni personali e Pallavicino! viva il martire dello Spielberg! il
Veterano della libert e della indipendenza d'I
scendeva presso l'altare, ove la signora mar ancora lo sono.
-

--

chesa Pallavicino matrina d'una delle bandie


l'ambizione personale che accieca il talia.
re, e che rimpiazzava , anche per l'altra, la Papa-Re, e lo spinge ad avversare que
Dopo la colazione Garibaldi si rec a visi
figlia del nostro Dittatore, stava col generale sto movimento nazionale cos grande, co tare il bravo colonnello Dunyov a cui oggi
Trr, e il conte Telecki. Dopo la benedizio
fu amputata una gamba in seguito alle ripor
-

ne, il generale Garibaldi, prese in mano le s nobile, cosi puro,.... s, cos puro....

tate ferite.

--

-- -

bandiere, e consegnandole alla Legione, disse ch' unico nella storia del mondo.
in mezzo ad un profondo silenzio.
In nome dell' Italia riconoscente vi

il Papa-Re che ritarda il momento

- - - - -- - - -

-- -

I. COMIN Direttore.

--- -

della completa liberazione d'Italia. Il


NSERZIONI A PAGAMENTO
rimetto queste bandiere, quale ricom solo ostacoto, il vero ostacolo questo.
ISTITUTO MARTINELLI
lo sono cristiano, e parlo a cristiani
pensa del sangue, da voi, o generosi,
A Toledo coll'ingresso Str. Nuova Monteoliveto n.28
versato per la redenzione d'Italia. Esse son buon cristiano, e parlo a buoni cri Per formare l' Italia bisogna formare gl'Italiani,
stiani.
seguiranno il vostro costume, e vi con
e nella giovent sta appunto l'avvenire d'Italia.
durranno sempre alla vittoria. L'indi Io amo e venero la religione di Cri Ai pedestri tirocini, alle grette regole, alle idee che
pendenza e la libert d' Italia stretta sto, perch Cristo venne al mondo per prima bisognava soffocare in sul nascere ai giova
netti, idee pi vaste, sentimenti pi liberi devonsi
mente legata , all'indipendenza e alla sottrarre la umanit alla schiavit per succedere.
cui
Dio
non
l'ha
creata.

Ma
il
Papa,
libert dell'Ungheria! Viva l'Ungheria !
L'egregio Direttore Luigi Martinelli aveva gi
che vuole schiavi gli uomini , che do compresa
lrruppero vivissimi applausi.
tutta l'importanza d'una simile educazione,
Il Generale Stefano Trr, dopo il giuramen manda ai potenti della terra ceppi e ca o da ben quattro anni veniva ispirando i numerosi
-

to prestato dalla intera Legione Ungherese, tene per gl' Italiani, il Papa Re sconosce suoi allievi nelle nostre istorie, e nelle patrie tradi
alle bandiere, volgendosi prima verso l'infan Cristo, mentisce alla sua religione.
zioni. Ma or che son franti i
che ci ligavano,

"

teria pronunci un lungo discorso, in lingua

Nelle Indie si riconoscono e si adora quel che prima compivasi nel silenzio, e, direi quasi

Ungherese, dal quale togliamo queste belle no due genii quello del bene e quello nol mistero, apertamente egli ora verr svolgendo
parole a Prodi, io sono fiero di voi. Voi del
nelle sue istituzioni. E a noi che ogni anno assistenl
male.
in piccolo numero, contro nemici, sempre nu
mo ai suoi pubblici esami dati in presenza di cospi
-

merosi avete mantenuta la riputazione guer


riera della nazione Ungherese. Il passato
mi arra dell'avvenire. lo sono certo che

il vostro valoroso comandante vi condurr sem

Ebbene il genio del male per l'I


talia il Papa-Re.
Nessuuo frantenda le mie parole-nes
suno confonda il papismo col cristianesi
mo la religione della libert , con la
politica avara e sanguinosa delta schia
-

cua ed erudita gente mai ci venne fatto di scorgere


alcuno dei soliti apparati di eterne recitazioni, che

sono polvere d'oro per abbagliare. N a dire con


parole quanta lode sia dovuta al Martinelli per la sa
via scelta dei suoi profesrori, la cui fama a tutti
nel nostro paese. Da essi vedemmo le lettere,
e arti, e le principali branche della scienza con
vit.
chiaro metodo esposte ai discenti
,
Ripetete ci ripetetelo vostro do- Degli alunni poi che tien seco a convivere, in

pre a nuovi trionfi e Rivoltosi quindi al picco


lo corpo di cavalleria, continu
A voi Ussari cosa posso io dire? montati
da poco sui vostri cavalli, avete dimostrato in
breve tempo il vostro coraggio. lo sono
dicibile la cura, che prende il Martinelli, per modo
convinto che quando, stabilita l'indipendenza Vere.
e la libert d'Italia, noi rientreremo in Unghe
Vot cbe siete qui, voi, parte educata e che quelli tra lo studio, e le istruttive ricreazioni
ria, voi accostumati alle vittorie, disperderete colta della cittadinanza, avete il dovere p risentono la lontananza dei loro parenti.
l'inimico coll'impeto dell'Uragano Viva Vit di educare il popolo educatelo ad es
L'Istituto omai popoloso di oltre dugento Alun
torio Emmanuele Viva Garibaldi l-Qneste pa
si aprir con migliori auspici ai 5 del prossimo
role furono accolte da numerosi evviva, e dal

sere cristiano, educatelo ad essere Ita

grido nazionale Elijen Italia, Elijen Garibaldi/ liano. La educazione d la libert,


Queste parole furono, accolte da immensi l' educazione d al popolo i mezzi, la
applausi. Garibaldi, attraversata la piazza potenza per assicurare e difendere la
re

"

"ovembre.

n apposito regolamento, che nell'Instituto,


d miglior contezza del modo, e di quanto si s'in

segna

al

NAPOLI Stabilimento rie. Dall'Ateneo Domenico Casralisi Gerente Responsabile.

-il-

A M.

ANNO I Napoli

Gioved 1. Novembre 1860.

Milano N. 18

GIORNALE POLITICO POPOLARE DELLA SERA


PREZZO D'ABBONAMENTO
Napoli a domicilio . . . . . .
Provincia franco di posta . . . . .

MENSILE
.

. gr.
.

30

Esee tutt' 1 giorni anche festivi, tranne le solennit.


L'Ufficio di Redazione, e la distribuzione principale presso

45

lo Stabilimento tipografico dell'Ateneo


Vico S. Maria Vertecoeli, N. 9.

Trimestre semestre ed anno in proporzione.


Per l'Italia superiore, trimestre. . . .
L. It.
Un numero separato eesta Un grano.

IL PAUPERISMO

7,

Si ricevono Inserzioni a Pagamento.

Il povero nudo, o seminudo, popola le stra menomare il pauperismo ? Fino dai tempi di
de, i caff, le piazze, elemosinando e lamen Carlo Ill, erasi edificata una casa di ricovero

Abbiamo chiuso il nostro articolo di jeri, tando, senza che un lontano suono di quelle pei poveri, ma, rimasta a meno gigantesche

riassumendo in tre punti i maggiori bisogni misere voci giunga a percuotere le orecchie di proporzioni del progetto, trascurata negli an
del paese: il pauperismo, l'ignoranza della noi Barone Giacomo Coppola o di Raffaele mi successivi, rivolte le rendite ad altri usi,

Conforti

Noi lo diciamo francamente e leal e a soddisfare la natura rapace del satelliti


mente,
lo
diciamo al Ministero presente , lo Borbonici, langu , e ora pure giace monu
grondano sangue, che minacciano d'incan
crenire, di estendersi, di uccidere ogni vi diremo al Ministero venturo: fino a tanto che mento deserto , o quasi, della carit di tem
talit nella grande maggioranza della popola non si sar provveduto al ben essere delle pi molto meno progrediti dei nostri. Noi chiu
classi povere, fino a tanto che l'accattonag diamo queste poche parole, scongiurando il
zione Napoletana.
Noi ci proponiamo di discutere questi biso gio non iscompaja dal paese, cacciato da governo a fare qualche cosa; lo invitiamo ad
gni, per quanto lo comporta e la strettezza, provvedimenti giusti e pietosi, noi lotteremo usare di questi estremi momenti d'autorit
e l'indole del nostro giornale-ci proponiamo ostinatamente.-Non passer giorno nel quale per lasciare al paese una sola prova benefica
di richiamare seriamente l'attenzione , e le non rivolgeremo questa domanda avete della sua amministrazione. Fra tanto spreco
cure del governo sopra oggetti che, a parer provveduto ? come avete provveduto ?
di denaro, in mezzo ad esempi deplorabili di
nepotismo
ministeriale, fra le precipitate de
nostro, divengono di giorno in giorno accuse
Un decreto del Dittatore, dettatogli dal cuo
severe alla nuova amministrazione, la quale re, assegnava un fondo di sei milioni di du liberazioni, improntate di manifesta incapa
in due mesi d'esistenza non seppe trovare il cati a sollievo di coloro che avevano patito cit, innalzi almeno, a sua giustificazione,
tempo d'occuparsene come avrebbe dovuto.
per la causa nazionale. Questo decreto non un'istituzione salutare, che, liberando il paese

plebe, la corruzione. Sono tre piaghe che

Il pauperismo la piaga latente, quella sembr a noi n s illogico, n si inoppor dalle angustie del pauperismo, segni pel po
che ci sembra reclamare pi urgente il rime tuno come parve ad alcuni giornali di Napo vero un'epoca di miglioramento, e di riabi
li. Non abbiamo veduto in esso un traffico litazione.

dio, quella, alla quale il rimedio, sia detto


a vergogna e rimprovero del ministero, era
forse di pi facile esecuzione, e fu pi cini
camente trascurato. Lungo tutte le pi fre
quentate vie della Capitale, i cittadini sono

retrospettivo della devozione alla patria, non


abbiamo compreso le sentimentali abnegazioni
di chi ricusa un compenso in denaro , e ne
accetta uno , sotto forma di emolumenti , a

funestati dalla vista d' una miseria che turba

sine - cure; non abbiamo saputo spiegarci blicata una comica ordinanza che rivela tutta

- e

INGENUITA' MINISTERIALI

ll ministero della guerra ha l'altr ieri pu

impotenza pratica, la debolezza, la incer


l'anima, dall'aspetto di mali sociali che so quale vergogna potesse ricadere sopra un'uo la
tezza della nostr amministrazione.
no un oltraggio alla civilt del secolo, e alla mo che dopo dodici lunghi anni d'esiglio, fra
Questa ordinanza porta che tutti i volonta
-

natura stessa del governo che amministra que gli stenti e la fame, ritornato in patria spo
ste provincie. Uscito dal voto, e sorretto dal stato dalla lunga assenza, senza modo di cam
plauso popolare, che fece il governo Dittato pare, non chiede, ma accetta un pane che
riale per questa povera parte di popolo? Quale gli offre il paese.
Ma parve a noi pure che la somma passas
compenso ebbero que miseri dalla rigenera
zione della patria ? Si pubblic mai una sola se i limiti dell'equit, e che le difficolt della
parola che dimostrasse la coscienza nel mini ripartizione avrebbero generato confusione,
-

rj oziosi che sono in Napoli vengano messi


a disposizione del Colonnello Forbes.
Fermiamoci a queste parole. Come! vi sono
in Napoli dei volontari oziosi ? Noi lo sa
pevamo, ma volevamo ignorarlo per non es
sere costretti a rivolgere un'amarissima ac

cusa al Ministero della guerra ed ora ap


punto il Ministero della guerra che ce lo vie

ne a dire col pi gran sangue freddo, quasi


stero di questo lor sacrosanto dovere? Ma recriminazioni, ingiustizie. Mancava certa si trattasse di cosa naturalissima.
frattanto la Gazzetta Ufficiale ci manifesta tutti mente alla misura la possibilit pratica. Al
Mentre una parte dei nostri eroici volonta
i giorni le largizioni, i premii , gli aumenti lora ci siamo chiesti, quale utilit il paese rj era schiacciata sotto il peso di fatiche in
sostenibili, mentre una parte di essi doveva
di stipendii per chi servito un governo, o

avrebbe risentito se una parte almeno di quella


li serviti tutti e due, ci registra le prodi somma si fosse disposta ad alleviare i mali subire sino a venticinque giorni d'accampa
mento, logorando cos co patimenti e i disagi
galit ministeriali fatte col pubblico denaro, della classe indigcnte, a fondare ospizi di ca una vita preziosa alla patria, vi erano in Na

ci dimostra, quasi a scherno di chi soffre ina rit, case di lavoro, asili per l'infanzia, ri poli dei volontari oziosi? E voi, sig. Di
scoltato, la sorridente fortuna delle consor coveri pei vecchi, e pegli infermi. In due rettore del Ministero della guerra, non avete
terie, chiamate a sedere lietamente a questo mesi di vita, fra un'inondazione di decreti, provveduto ad utilizzare queste forze, che a

vete lasciate irruginire nell'ozio? Voi non a

gran banchetto dello stato.

lo ripetiano, che fece il nuovo governo per vete pensato a formarne dei battaglioni, ed in

viarli agli avamposti e dare lo scambio a ri-di ognuno di essi dovrebbe avere i ruoli
quelli che vi erano da oltre un mese, e le esatti, e sui ruoli comporre i quadri della uf
ficialit.
cui forze erano oramai esauste dai contin
ci dovrebbe occuparsi egli stesso, il
allarmi, dagli attacchi
E non escite dal vostro inesplicabile letargo Ministro della guerra, ch' pure una delle no
che quando l'esercito occidentale ha sostitui stre pi distinte specialit militari Esso ha
to nella
linea i volontari di Garibaldi. torto di essersi scoraggiato alle prime diffi
manda
Vi son vi furono volontari oziosi a Napo colt, e quasi rinunziando al
li!..ma di glii la colpa? Del ministero che o to, rovesciar tutto il peso del Ministero so
ha sin ora ignorato che vi fossero, o prima pra un Direttore, che, sentendosi impotente
d'ora non ha saputo o voluto utilizzarli-Nel a reggerlo. non sa come meglio trarsi d'im

c"

"

i".

"

l' un

caso nell'altro il

Ministero

ha man

Il maggior bisogno dell' Italia quello d'in


fondere nella giovent lo spirito militare
Non crediamo che il miglior mezzo per riu

"

sia quello di esercitare il mestiere del

soldato.
E non tutto! Come vi sono degli Uf
ficiali che hanno bisogno di essere istruiti
nei principii fondamentali del milite?

Ed il Ministero di guerra che fa di que


ste strane confessioni?

Ed esso cos dabbene da supporre che vi

"

"

paccio che rovesciandolo, a


Ufficiali che si dichiarino da se mede
volta, sple spal
cato al proprio avere,
sini, indegni di esserlo, andando a scuola dei
le di questo o quel Colonello.
Ma quest'ordinanza non terminata essa principi fondamentali del milite?
E come provvede ora a ci , cui avrebbe

dovuto provvedere di mano in mano che si un vero gioi

d'ingenuit ministeriale.

Noi crediamo che prima di ci avrebbero

Il Ministero, che finalmente si deciso il pudore di dar la loro dimissione.

riunivano in Napoli dieci, venti volontari o

ziosi?

prendere una quasi disposizione relativa ai vo


Cos il Direttore della guerra, come s'inti
i lontari oziosi, quella cio molto sbrigativa di tola il sig. Zambeccari, o pinttosto il Diret
-

Con una misura vaga, indeterminata-mete


tendoli a disposizione del Colonnello Forbes
il che in altri termini vuol dire, lavandosene,
come Pilato, le mani, e rimandandoli ad E
rode.

Ci perdoni il Colonnello Forbes la similitu


dine,
Mettendoli a disposizione del Colonello For

metterli a disposizione del Colonnello Forbes, tore del Ministero della guerra - come ci
si scusa in certo modo di questo eccesso di sembrerebbe pi giusto si dovesse chiamare

cos avesse egli avuto il pudore di non publi


Questa misura non per una punizione, care la sua ordinanza !
Chi diamine la pu creder tale ?Ritenete
voi forse che quei buoni giovani, che si sono
iscritti volontari, non lo abbiano fatto se non
COSE INTERNE
per avere un pretesto di restarsene criosi per
le vie di Napoli? L' organizzarli non forse
Sunto dei Decreti pubblicati nel Sup
in voi un dovere-lo ripetiamo e un diritto?
energia, e di attivit.

per far che? Ci penser il Colonnello


orbes-Ma tocca a voi, Sig. Direttore del Mi
mistero della guerra il pensarci il Colonnello
Forbes non pu essere che un esecutore delle Vi credete in dovere di giustificarvi con essi plemento del Giornale Ufficiale, N. 46
vostre disposizionich, se voi non vi sentite di ci che li togliete ad un ozio, certo ad es del giorno 30 ottobre.

Il signor Filippo Susanna nominato Conserva


tore
dei Privilegi nella Provincia di Calabria ul
Credete voi che si possa organizzare un e

in grado di prenderle, non affidate ed altri l'a. si increscioso com' indecoroso pel paese?

dempimento dei vostri doveri, cedete a pi


2, in luogo del signor Giuseppe Lepiane, di
abili, o a pi volenterosi il vostro posto.
sercito senza energia, senza fermezza, mo tra
messo.
ll signor Domenico Lopresti nominato
strandosi
cos
timidi
ed
incerti
?
Non basta I volontari stessi hanno il di.

Direttore dei Dazii Indiretti di 1 Classe, in luo


ritto di sapere dal Ministero che si voglia fare La ordinanza, invita (perch non disse a go
del signor Vincenzo Longo, sul cui conto sa
di loro. Saranno essi divisi in vari corpi? dirittura prega?) tutt i volantari che si tro: r provveduto.
Il signor Domenico Clausi rein

formeranno essi un corpo a s? Il Mini t'almO i" suddetta categoria (la CATEGo
stero li mette a disposizione del colonnello RIA DEI voLoNTARI oziosr il Ministero
Forbes, e crede con ci aver compito il debito della guerra istituisce da senno delle strane
proprio.
CATEGORIE ) a presentarsi alla Caserma di
-

a proposito di ci, un'altra osservazione,

Noi vediamo ogni giorno le cantonate di Na


poli tappezzate di avvisi di arruolamento, di
proclami di arruolatori, capitani e colonnelli,
che invitano i volontari ad iscriversi in corpi
che spesso hanno nomi bizzarri o, ciarlata
neschi.

Abbiamo letto un proclama per una Com

tegrato nella carica di Ricevitore Distrettuale, e


destinato al Distretto di Monteleone, in luogo del
signor Francesco Saverio Francica, esonerato.
Il signor Vincenzo Oliva nominato Ispettore di
Resina di Portici, tre miglia al sud di Napoli. 2 classe dei Dazii lndiretti. a sua richiesta
E nessun termine fissato a questa presen
tazione nessuno comminatoria a quelli che messo al ritiro, colla pensione di giustizia, il si
gnor Filippo del Toro, lspettore generale delle
rimanessero nessuna parola che la rende Contribuzioni dirette e Direttore della Provincia
obbligatoria.
di Napoli Sono conceduti il grado e gli onori
Non ci voleva una grande penetrazione per di Uffiziale di Ripartimento al signor Gaetano del
prevedere che invitando i volontari oziosi, a Bono, Uffiziale di carico di 1 rango del Ministe
presentarsi, quando loro pare e piace, in una ro delle Finanze. Sono conceduti gli onori di U
Caserma a tre miglia da Napoli, non si face fiziale di carico al signor Alfonso di Felice, i
-

pagnia della morte, che sar , diceva il Co


lonnello arruolatore, la prima a frontare al va altro che promuoverne e facilitarne lo

nemico (testuale) sappiamo di un corpo di


cavalleria, crediamo Inglese, a cui nulla man

sbandamento.

fiziale di 1 Classe del Ministero delle Finanze.

ll signor Augusto Quadri percettore del Circonda

Ci vuole uua grande abnegazione davvero rio di Piedimonte, tramutato in Acerra, in luo
per fare tre miglia, allo scopo di porsi a di. go del signor Giuseppe Salvatore Pianell, destitui
ca pi: lilla, panne i cavalli
Tutto ci accusa la incuria e la debolezza sposizione di questo o di quel Colonello.
to. E concessa la chiesta dimissione al signor
Si pu obbedire ad un ordine ma nessu Carlo Serio, Controloro delle Contribuzioni diret
del Ministero di guerra.
heuria, perch non pensa n ha mai pen no si terr obbligato di rispondere ad un si te. ll signor Tommaso Mazzei nominato Ri
sao a fare ci ch' egli avrebbe pure il diritto, mile invito.
cevitore distrettuale di Rossano, in luogo del si
Eppure se vi era misura necessaria, urgente, gnor Luigi Nunziante, esonerato. Sono nomina
e il dovere di fare. Spetta al Ministero lo sia.
bilire la formazione dei nuovi corpi, e lo sce altamente reclamata dal decoro stesso dell'e ti, il signor Giovanni Carducci, Ispettore dei da
gliere gli ufficiali a cui affidare il delicato, sercito meridionale, era questo - ed ecco in zii indiretti di 1 classe, invece del signor Luigi
qual modo vl ha provveduto il Ministero della Arnulfo ritirato, ed il signor Pasquale Imb I
incarico di organizzarli e di comandarli.
-

Debolezza, perch tollera che altri si arro guerra . . . . quando si finalmente deciso spettore dei dazii indiretti di 2 Classe, invece
del signor Luigi Vial destituito. Sono dal ven
ghi un mandato che non ha, e che nessuno gli a provvedervi.
L' ultimo periodo dell' ordinanza in discor.
ha conferito - lasciando cos penetrare, la
confusione ove sarebbe necessario, l'ordine, so questo, che riproduciamo alla lettera:
e la regolarit, e nascere scandali che poie-. Gli Uffiziali dei volontari non gi pratici
va prevenire prima, che nascessero, e che, del mestiere, saranno istruiti nei principii fon

nali, non sempre sa riparare,

damentali del milite.

turo anno soppresse le indennit assegnate ai Di


rettori dei dazii diretti per la compilazione dei ruo

li dell'im osta fondiaria e per le mutazioni di quo


ta. Col fondo di queste indennit saranno aumen

tati gli stipendii degl'impiegati al detto servizio.

Da ci ne viene che vi sieno taluni arruor E che? a volontari, anzi ad Ufficiali di vo


lati in due corpi, e sin in tre r tali altri lontari, si parla del mestiere e qual questo
C l' emigrano continuamente da un
corpo al mestiere? quello di combattere per la in
l' altro, come li trae il capriccio, il vezzo,
dipendenza del proprio paese. Davvero noi
compiangiamo il sig. Zambeccari, se in ci non
la lusinga di pompose promesse.

L'architetto signor

aetano Forte e nominato -

spettore Generale delle Contribuzioni dirette e Di


rettore della Provincia di Napoli. stabilito un
nuovo Piano Organico nella Direzione Generale

di Ponti e Strade. Quindi un gran numero di pro

nto danno derivi da ci, e al pubbli vede che l' esercizio di un mestiere, e se non mozioni e nomine di Soprannumeri e di Alunni
co erario, e alla consistenza dell'esercito me sa trovare parole pi generose da rivolgere a nella stessa Direzione - Sono adottati varii prov
ridionale, inutile il dire,
volontari.
pel Collegi Italo-Greco di S. Adriano,
-

"

In quanto a noi sappiamo che la pi parte in Calabria Citra:- Alcune promozioni nel Mini
avvis, dovrebbe chiamare i volontari ad ar degli iiciali volontari spezzerebbero la loro stero degli Affari Esteri. Sono poi nominati nel
ruolarsi-stabilire un deposito per cadauno ai spada, se credessero di esercitare un mestie detto Ministero, Uffiale di Carico il signor Giu
Il Ministero della guerra, soltanto, a nostro

un Uffi-. r e i pochi, che rimarrebbero, non sono certi seppe Ruggiero, ed Uffiziali di 2 Classei signo.
vari
ognunoe di
essi destinare
ciale corpi-ad
organizzatore,
alcuni
" istrutto

quelli su cui la patria potrebbe contare di pi. ri Achille Mirti della Valle, alunno diplomatico ;

IL PUNGOLO
Nicola Miraglia, Giacomo Nordone e Luigi Mari Parigi sono piene di discussioni riguardanti le

l
-

- -

conosce i trattati di Vienna. E se noi minac

nucci, alunni consolari, e il signor Angelo Comel probabilit di una guerra imminente. Noi non ciamo l'Austria, bene ch'essa sappia che noi
lo Il Calligrafo del Ministero degli Affari E prestiamo alcuna fede a tutte queste dicerie, siamo nell'anno 1860 n.
steri, signor Antonio Raimo, dispensato da ogni e, a nostro parere, non si ha ragione alcuna
ulteriore servizio. messo al ritiro colla pensio di sgomentarsi. La guerra, se scoppiasse, sa
NOTA RUSSA
ne di Giustizia il signor Marco Arati, Corriere di rebbe terribile e assumerebbe le pi formida
Gabinetto. Sono messi in disponibilit i signori bili proporzioni. E una ragione di pi perch
Federico Santesilia, uffiziale di Carico, e Ignazio non abbia luogo. L'Imperatore d'Austria, pos
Ci affrettiamo a pubblicare per intero
Folgore, Uffiziale di 1 classe del Ministero degli siamo esserne certi, non ha mandato il sig. la Nota del Gabinetto di Pietroburgo al
Affari Esteri Sono dispensati da ogni ulterioro Hbner a Parigi per chiedere se la Francia
di Russia a Torino , con
servizio gli " " i i" Luigi rimarrebbe neutrale nel caso di una guerra l'ambasciatore
de Goyzueta e Ferdinando de Goyzueta. Il signor in Italia. Un movimento ofensivo dell'Austria la quale gli si ordina di chiedere i suoi
Angelo Giovine, giudice del Tribunale Civile in Ter contro l' Italia sarebbe virtualmente un at passaporti.
ra di Lavoro, nominato Uffiziale di Ripartimento tacco contro la Francia medesima Quindi
Il linguaggio di questa Nola, per quan

nel Ministero degli Affari Ecclesiastici, in luogo del l'Imperatore non potrebbe restare colle mani to possa sembrare aspro, non ci reca
signor cav. Campobrin, messo al ritiro, a sua richie alla cintola se l'Allstria portasse le sue armi in sorpresa.
sta, colla pensione di giustizia e col grado e gli ono Italia. Gli uomini di Stato lo sanno e perci
La Russia troppo interessata a scon
ri della carica che lascia.
azz -oo

noi non crediamo alla gnerra,


Quel poco che apprendiamo da Varsavia

rom -

NOTIZIE ESTERE ED lTALIANE

fessare qualunque solidariet con nuovi


internazionali, per usare qualsiasi
diritti
non meno contrario alle eventualit di una
ombra
di moderazione in questa congiun
principio
che
il
prossima guerra. Ci dicono
di un congresso europeo trovi fautori a Var tura. La Polonia l come un'accusa ,

Lo spirito pubblico, dice la Patrie, da savia, e i giornali francesi, che si credono e come una minaccia. Le opinioni par
pi giorni molto preoccupato, per il concen. organi officiosi del pensiero imperiale, accol ticolari dell'Imperatore Alessandro, per
austriache sul Po inferio

tramento di truppe
gono con eguale sollecitudine l'idea di un con quanto sieno tinte di liberalismo, dove
re. Se siamo bene informati, gli agenti del gresso.
vano necessariamente modificarsi allorch
gabinetto di Vienna in Europa attribuirebbero
In quanto a noi siamo d'avviso che un

a queste misure un carattere puramente di congresso nulla potrebbe per la pace di Eu


fensivo. L'Atstria non avrebbe rinunciato a
ropa o per lo scioglimento della quistione ita
negoziare, e non sarebbe impossibile che il liana.
Un congresso non potrebbe conferire
principe di Metternich fosse latore di nuove all'Austria un miglior titolo di possessione
proposizioni.
per la Venezia: solamente facendo accettare
E' Ost-Deutsche Post assicura, dietro un i termini di una cessione della Venezia me
carteggio da Pest, che la Dieta ungherese diante una indennit pecuniaria, un congresso
non potr riunirsi che fra sei mesi. Questo potrebbe rendere all'Europa nu immenso ser
spazio di tempo, osserva la Patrie, ci sembrr vigio. Questo congresso per non darebbe a
un p lungo in presenza della situazione si Vittorio Emanuele un titolo migliore di quel
-

fosse sorto il sospetto, che un nuovo


principio consacrato, e accettato, poteva,
in un tempo pi o meno lontano, esser
volto contro la sua stessa potenza in Po
lonia.

Pietroburgo, 28 sett. (10 ott. )


Mio principe,

Dacch i preliminari di Villafranca posero


guerra in ltalia, fu compita nella
termine
complicata e si difficile in cui trovasi il go. lo che ha o che sta per ottenere dalle sue penisola alla
una serie d'atti contrari al diritto, i
verno austriaco.
uuove provincie.
quali crearono col quella situazione anor
Scrivono da Torino, 28 ottobre, alla
Tltoli conferiti da una mezza dozzina di so male di cui noi vediamo ora svolgersi le ul
Perseveranza:
vrani che sono interamente estranei alle popo time conseguenze. Il governo imperiale in da
Le ultime informazioni ricevute da Parigi lazioni, di chi pretendono disporre, furono una principio che le cose prendevano quella pie
assicurano che il principe di Metternich fu
| sorgente di calamit per coloro che ricevero
credette suo dovere di richiamare l'atten
suo governo incaricato di comunicare all'Im no cotesti titoli e per le nazioni ch'essi gover ga,
del Governo Sardo sulla responsabilit
zione
intenzione
della
peratore dei Francesi essere
che esso assumerebbesi se lasciavasi trasci
pre
rivoltanti
queste
riscontro
di
narono.
A
corte di Vienna di ripristinare in Italia uno tese dei monarchi di Europa, il popolo ingle nare a passi pericolosi.
stato di cose conforme alla pace di Villafran se proclama e difende il p icinpio del non in
Noi abbiamo rivolte le nostre amichevoli ri
ca e al successivo trattato di Zurigo. L'Au tervento come l'unica sicurezza del bene del mostranae a questo governo, allorch la rivolu
stria chiede quindi, o che Napoleone lli in le nazioni e della tranquillit e della pace del zione di Sicilia cominci a ricevere dal Piemonte
tervenga a questo scopo in Italia, o ch'egli mondo.
quell'aiuto morale e materiale, per cui sol
almeno lasci intervenire l'Austria medesima.
ll Morning Chronicle, organo della poli
quei moti " prendere le propor
tanto
Questa notizia, sparsasi in Parigi, aveva ca tica francese in Inghilterra, chiude coi seguen zioni
a
gionato grande agitazione, la quale fu accre

cui

" i" avviso,


A

la que

eccedeva la sfera delle complicazioni


termini un suo articolo sul Congresso:
sciuta dalla nota dell'ambasciata austriaca ti Ci ripugna il pensare che i monarchi ra stione
locali. Essa toccava direttamente ai principii
pubblicata dall' Opinion Nationale. A malgra dunati a Varsavia abbiano in mente di forma ammessi come regola dei rapporti internazio
toccata questo foglio, si

a
do della smentita
re una triplice alleanza nell'interesse della rea nali e mirava a scuotere la base su cui pog
ha motivo di credere che la nota in iscorso zione. Fino ad ora l'Inghilterra si astenne sa gia l'autorit dei governi costituiti. Noi ac
fosse vera, ma ch' essa non era punto desti
nata ad aver pubblicit.

ll principe di Metternich ebbe l'altro ieri,


una lunga conferenza col sig. Thouvenel, e
oggi, domenica, doveva essere ricevuto in u.
dienza da S. M: l' Imperatore.
Prevedevasi gi da lunga pezza che l'Austria
sarebbe venuta a un tal passo: n l'abbocca
mento di Varsavia serviva a smentire tale pre

viamente da ogni intervento armato in Italia. cogliemino con profondo rammarico i motivi
Era nostro desiderio che gl'italiani si mostras allegati dal conte di Cavour, motivi, che a suo

sero degni della libert che cercano di acqui dire non gli permettevano di opporsi pi effica
stare. Ebbene, essi hanno provato di essere i cemente a quelle mene, e ci restringemmo a
uomini. Gl'Italiani hanno trovato un Re che

si identificata colla causa pi nobile per la


siasi mai combattuto in Europa, dal gior
visione. - Ora si fanno mille congetture sul quale
cui si assise sul trono della Granbre
ip
no
la risposta che il sovrano della Francia sar taglia quell'uomo
che fu il suo grande mo

per fare all'ambasciatore austriaco, ma nes.

suno dubita ch'essa non possa esser favore


all'Italia. Ove si abbisognasse d'una no

prender atto della dichiarazione con cui egli

seppe conseguire questo magnanimo intento, le sconfessava.


un Re la cui ambizione personale e dinastica Con questa sua

dello.

attitudine il governo impe:

riale convinto di aver dato alla Corte di

Torino un pegno sincero


mantenere buoni rapporti
ma il Governo Imperiale
tempo eziandio di aver

del suo desiderio di


colla detta Corte ;
pens nello stesso
sufficientemente fat

Ai monarchi ora radunati a Varsavia noi to intendere le risoluzioni che S. M. l'lm


."
imputeremo disegni colpevoli; ma bene peratore sarebbe costretto a prendere, il i".
non
vella prova dell'inalterabile simpatia della na che sappiano
che dalle loro deliberazioni di no in cui il Governo Sardo si lasciasse influen
francese pel movimento

zione e del governo

pender se il popolo inglese debba starsi iner zare da quegl'impulsi che il sentimento dei
italiano, il recente articolo del sig. De la te
o cooperare al compimento dell'opera cos doveri internazionali l'aveva sino allora in
Guerronire ce la fornirebbe molto opportuna bene
Su questo punto l'Inghil dotto a ripudiare.
mente. Frattanto il nostro governo, con una terra incominciata.
Mi duole il dire che dopo cio che ora av
d'accor
sono
Francia
e
la
solerzia che altamente l'onora, provvede a do. Ci che vogliono oraperfettamente
pit
Inglesi

la
gli
queste risoluzioni non potrebbero pi a
viene
tenersi pronto a qualsiasi avvenimento.
cei. Ma non si assoggetteranno ad alcuna pa -lungo essere differite.
"r3, Veres, organo di lord i"
le cui condizioni siano somiglianti a quel-l in mezzo alla pace la pi profonda,
-

senza

nte mtempo mercongresso "vi Taver ricevuto alcuna provocazione, senza fare
Le corrispondenze di Torino, di Vienna, di ln lnghilterra
vive una generazione che non egli stesso alcuna dichiarazione di guerra, il

72

IL PUNGOLO

ne
Governo Sardo diede ordine alle sue truppe di nali che godono le confidenze ministeriali. ne della Semiramide non poteva aver luogo
varcare le frontiere degli stati Romani L'Imperatore part allora bruscamente da Var causa la indisposizione ... Indovinate di chi?
patteggi apertamente colla rivoluzione trion savia, e agli amici della pace poco lasciarono Del primo ballerino, Sig. Fissi
E' vero, per se le nostre informazioni non
fante a Napoli : ne sanzion gli atti colla a sperare le sue disposizioni, seppure non ver
c'inganno, che il primo ballerino Sig. Fissi
presenza di truppe piemontesi e con quella ranno modificate dalla riflessione.
L'attitudine degli altri monarchi del Nord doveva sostenere la parte di Assur.
di alti funzionari sardi, che furono posti alla
testa delle forze della rivoluzione senza cessare sarebbe stata tale da disingannare l'Austria
Oggi S. Carlo chiuso. Davvero si abusa un
dal rimanere al servizio del Re V. E. Final ove avesse fatto assegnamento, ricominciando p troppo deiio lunganime pazienza del Pub
mente esso ha test coronato questa serie di la guerra, sopra un'assistenza qualunque da blico.
Anche su ci torneremo pi estesamente.
violazioni del diritto annunziando, alla faccia loro parte. Disposti a prestarle il loro soc.
-

dell' Europa, la sua intenzione di accettare corso quando venisse dalla Sardegna aggre:
l'annessione al reame di Piemonte

dei terri

NOTIZIE TELEGRAFICHE

dita ne' suoi possedimenti della Venezia, essi

torii appartenenti a sovrani che sono ancora si mostrarono risoluti a lasciar sopportare a
nei loro Stati, e che difendono la loro auto lei sola le conseguenze della sua politica ove
rit contro i violenti assalti della rivoluzione. volesse gettarsi in una nuova guerra in favo
Per qussi atti il Governo Sardo non ci re della ristorazione.
Verra l'Austria a pi miti consigli o inti
permette ora pi di considerarlo estraneo
ai moti che hanno sconvolta la penisola. mer di bel nuovo al Piemonte una guerra,
Esso ne assume tutta la responsabilit e si a cui concorrerebbe inevitabilmente la Fran
pone in contraddizione flagrante col diritto cia? Non andr molto che i fatti ci toglie
internazionale. La necessit che esso alle ranno da questa penosa perplessit.
Intanto sappiamo che le potenze intente a
ga di combattere l'anarchia non lo giustifi
cherebbe, poich' esso null'altro fa che cam mantenere la pace in Europa non si riman
minare con la rivoluzione per raccoglierne l'e gono di dar opera ad uffici e minaccie per
redit, non per arrestarne il progresso e ripa rimuovere l'Austria dai suoi arditi propositi.
rarne le iniquit. Pretesti siffatti non sono am
Forse a quest' oggetto non estraneo l'or
messibili. Questa non una quistione d'inte dine che ebbe la squadra inglese di Bairuth
ressi meramente italiani, ma d' un interesse di far vela verso l'Adriatico e l'avviso dato ,
generale comune a tutti i governi. E una que secondo ci annunzi il Times, al colonnello

(Dispaccio particolare della Lombardia.)


Parigi 26 ottobre sera.
All'ambasciata russa arrivato un dispaccio

stione che si rannoda

direttamente a quelle

Thurr di star pronto a partire colla sua legio

che annunzia avere la Prussia aderito bento

sto alle proposta fatta dallo Czar di definire


la questione italiana in un congresso in cui
anche l'Italia sarebbe rappresentata come una
grande potenza. Ma l'Imperator d'Austria a
vrebbe respinta sdegnosamente la proposta u
scendo in espressioni non molto riservate. Al
palazzo di Rnssia si crede che le conferenze
e

di Varsavia non avranno seguito.


( Agenzia telegrafica Italiana )
Parigi 27 ottobre (sera).
Il governo francese prende le misure oppor
tune per fare cessare lo spaccio di false no
-

tizie.

stato ben conchiuso a Varsavia il propo


eterne leggi senza cui non potrebbe sussistere ne per una ignota destinazione.
Siamo in questo momento informati che in nimento di stabilire un prossimo congresso.
ordine sociale, n pace, n sicurezza in
La notizia corsa che il generale Bedeau
Europa.
seguito a recenti e formali assicurazioni del
S. M. l'Imperatore giudica impossibile che governo austriaco sarebbero dileguate le ap
la sua legazione possa pi a lungo risiedere prensioni che si avevano di imminenti estilit
l dove le pu accadere di essere testimone per parte di quel governo. Quindi le nostre
d'atti che la sua coscienza e le sue convin truppe che erano scaglionate lungo le frontie
zioni riprovano. S.M.Imperiale si vede costretta resi disponevano a fare movimenti di ritirata
a por termine alle funzioni che voi adempite verso l'interno, e gi una nuova brigata era

deve prendere il comando dell'armata francese


a Roma ha poco fondamento.
Parigi 27 ottobre (sera).
Berlino: Varsavia, venerdi. Il colloquio
conserv sino alla fine il suo carattere perso
nale. Nella conferenza di ieri tra i sovrani e

alla corte di Sardegna. perci volere del ritornata a suoi quartieri d'inverno a Parma. i ministri non fu preso verun impegno verba
le, non fu firmata stipulazione, ne verun pro
nostro augusto padrone, che voi, appena lette
tocollo.
queste istruzioni, domandiate i vostri passa
Le informazioni che abbiamo dal campo con
Vienna 27. L'Imperatore giunto sta
porti, e lasciate sull'istante Torino con tutto corrono nell' assicurare che domani si comin
mane.
il personale della legazioue.
cier con tutta energia il bombardamento di
Borsa debole, ma animata.
Informerete il conte Cavour dei motivi di Capua.
Parigi 28 ottobre (mattina).
guesta suprema decisione, e gli darete lettura
che in tre o quattro giorni al pi
Marted avr luogo una rivista della Guar
del presente dispaccio, lasciandogliene copia, la Sisuaritiene
guarnigione, che gi scarseggia di vi dia Imperiale.
Ricevete, mio principe, ecc.
veri sar ridotta a capitolare.
---

Il cannoneggiamanto di questi giorni ebbe ferta della Prussia di cannoni rigati per le

per iscopo di proteggere i lavori di approcci.

-pe

RECENTISSIME
della

Gazzetta

fortezze federali.

In occasione della notificazione del blocco


Il risultato complessivo del plebiscito sar di Ancona (Gaeta?) la Dieta ha dichiarato che
promulgato Sabato, 3 corrente.
non potrebbe acconsentire alla politica gene

Sono importanti le seguenti considerazio


ni

Francoforte sabato.La Dieta accetta l'of

GORCIAKoFF.

Il signor Conforti assicura che dobbiamo rale della Sardegna in Italia.


Perugia 28 ottobre.

di Genova sulla situa questa lieve anticipazione alla sua immensa

zione:

energia. Ma della energia del sig. Conforti

La luce comincia a farsi sui

Orrieto. 27. Grande dimostrazione popo

risultamenti

non sinora convinto che- il sig. Conforti. lare nel pubblico anfiteatro al marchese Pe
poli. Fu gridato Viva l'annessione: il popolo
della conferenza di Varsavia. Ben si apposero
- -e

i primi dispacci annunziando che non si fece

Il Re d'Italia, secondo gl'ultimi ragguagli levossi tutto come un sol uomo ad applau

alcun accordo, che non vi furono n conclu non sar in Napoli che tra l'8 o il 9 del me dire.

sioni, n trattati. In fatti non poteva altrimen se corrente.-Crediamo per che anche que
ti accadere fra potenze le cui viste ed interes

sta data sia subordinata ai movimenti ed alle

Venne aperta una soscrizione popolare per


un busto in marmo al conte di Cavour.
Perugia 28 ottobre.
Il marchese Pepoli ha consegnato le ban

si erano fra loro diametralmente opposti. L'Au operazioni militari.


stria aveva dato all'Ungheria, che pi d'ogni
ai battaglioni della guardia nazionale.
altro le inspirava serii timori, una specie di
Domani sar in Napoli una brigata della di diere
Le bandiere furono donale dal marchese e
costituzione per pacificarla e potere con pi
-

visione Thurr Onde assumere il servizio della


sicurezza ripigliare la guerra in Italia. Che
Citt,
questi fossero i suoi intendimenti abbastanza zionale.allegerendone in parte la Guardia Na

dalla marchesa Pepoli e dalla principessa Bo


naparte. Il discorso di Pepoli fu interrotto so
dal grido di Viva il Re. La citt in
A questo proposito diremo che troviamo assai vente
festa.
-

lo dimostrano, oltre i continui apprestamenti

guerreschi nella Venezia e sulle rive del Po,


la recente nomina dal generale Benedeck al strano che si addoppi il peso di un servizio

(Dispaccio particolare della Perseveranza.)


gravissimo con inutili parate di gala o di mes
Parigi 28 ottobre, ore 5 40 p, m.
che si devono tutto al pi riservare a tem
ll Constitutionnel torna a parlare del Con
Austria si present al Congresso sperando sa,
gresso, e rinforzando il precedente articolo,
di far trionfare i principii della legittimit e pi normali.

comando della armata d'Italia.

dei diritti istorici violati nei fatti che si com

piouo in Italia. E' positivo che nulla ottenne

-a

dichiara che l'Italia appartiene a s stessa,

Jeri era annunciata a S. Carlo la prima cita l'esempio della formazione del Regno di

dalle potenze del Nord, i cui sovrani rimase rappresentazione della Semiramide con artisti,

Prussia.

ro fedeli a quella politica di prudenza e di gi s'intende, quasi tutti nuovi ed ignoti. A


conciliazione che ci avevano predetto i gior sera si tolse l'avviso-la prima rappresentazio

J. COMIN Direttore.

NAPOLI STABILIMENTo TIP. DELL'ATENEo Domenico Castellix Gerente Responsabile.

ANNO I.

Napoli

Venerd 2 Novembre 1860.

Milano N. 19.

GIORNALE POLITICO POPOLARE DELLA SERA


PREZZO D'ABBONAMENTO MENSILE

Napoli a domicilio

. .

. .

. .

s ,i

Provincia franco di posta .


Trimestre semestre ed anno in proporzione.
Per l'Italia superiore, trimestre.
L. It.
Un numero separato costa Un grano 7, 50

Esee tutt' 1 giorni anche festivi, tranne le solennit


L'Ufficio di Redazione, e la distribuzione principale presso
lo Stabilimento tipografico dell'Ateneo
Vico S. Maria Vertecoeli, N. 9.
Si ricevono Inserzioni a Pagamento.

va avversare gli avvenimenti che si matura derii, ma voglia conservare la sua preponde
vano in Italia, senza mentire alla sua stessa ranza sulle altre potenze, al momento in cui
divenire suicida. Quegli articoli il Borbone sar costretto ad abbandonare per
Da ieri correva nel paese una singolare origine, e
Granguillot, si publicavano sempre il territorio italiano.
signor
dettati
dal
notizia- si diceva che la flotta francese an
Noi speriamo che affrettate le operazioni
corata davanti a Gaeta avesse impedito alla nei giorni in cui il congresso di Varsavia sta
nostra, comandata dal conte Persano, di in va per radunarsi. Cos assumevano tutto il militari dal lato di terra, avr presto fine l'ul
crociare in quelle acque, vegliando al blocco carattere d'un programma politico della Fran tima fase di questa brillante campagna. Noi
della fortezza. Si aggiungeva che il Go cia Imperiale. Dopo ci, come considerare speriamo che, organizzata l'Italia e potente,
verno lmperiale avesse spediti ordini precisi, l'opposizione di Gaeta? vuole la Francia con nessuno pi avr di che paventare dei nostri
per impedire qualunque tentativo d'attacco da servare quella fortezza a Francesco II, come pericoli, e che come dovremo provvedere da

G A E TA

parte nostra dal lato di mare. Per quanto una il patrimonio di S. Pietro al pontefice ?

noi soli a preservarcene, cos sapremo custo

Mentre la squadra frese sembra proteg dire da qualunque attentato la dignit della
nazione.
mo troppo accostumati al doppio senso del gere moralmente Gaeta, il governo Imperiale

siffatta notizia abbia d'inverosimile, noi sia

la politica francese per rimanerne meravi non oppone alcun ostacolo al progredire del
gliati.

nostro esercito dalla parte di terra , e se le


-

Il Governo Imperiale ci fece provare assai

Nostra corrispondenza

nostre informazioni, come crediamo, sono esat

duramente le umiliazioni della debolezza, e te, nessun ostacolo pure ci sar fatto, n al
gli obblighi della riconoscenza, quando, occu l'attacco, n al bombardamento di quella for

Parigi 26 ottobre.
Il principe di Metternich ambasciatore d'Au
tezza.-Imbarazzati dalle manifeste contraddizio stria arrivato qui ieri. Si voleva che fosse
pate dall'esercito nostro le terre di Viterbo,
latore d'un foglio autografo del suo Sovrano;
ci costrinse ad evacuarle davanti ad un'in ni d'una tale politica, dobbiamo confessare di
non
cos. Egli he gi veduto l'Imperatore
timazione del generale comandante in capo le non comprenderla. Se la base del nuovo di dei francesi, e verbalmente gli ha domandato

forze dell'occupazione francese in Italia. Il ritto internazionale il principio del non-in da parte della potenza di cui rappresentan
nostro esercito si ritrasse, seguito da innume

tervento, se questo principio, proclamato dal te, quali sarebbero le intenzioni della Fran
Piemonte,
la Francia, e dall'Inghilterra, accettato da cia nel caso d'una collisione col

revole emigrazione, che dopo aver protestato


collisione non provocata da parte dell'Austria.
per la patita violenza, suggellava quelle tutta l'Europa, il fondamento della politica
La risposta stata differita a Mercoled
nobili parole abbandonando volontaria il pro imperiale, come avviene che si giunga a violar prossimo, 31 corrente. Le conferenze di
Varsavia debbono aver suggerito a Napoleo
prio paese. Ora, se la notizia della squadra lo ora riguardo a Gaeta? E come si limita la ae
III questo ritardo.
violazione al lato di mare ?
-

francese dinanzi Capua vera-e noi la cre


diamo tale l'Imperatore Napoleone ci pone

Forse, ma non posso assicurarlo, allo stesso


Propensi a giudicare con indulgenza i no argemento, o almeno alla contro-parte di es
una seconda volta nella necessit di ricordarci stri amici , come a combattere con violenza so, devesi attribuire il prossimo arrivo del
i nostri nemici, noi crediamo che la missione cav. Nigra, atteso qu per una missione stra
che siamo deboli, e che fummo beneficati.
della Francia a Gaeta debba essere di conci ordinaria del suo governo.

Ma come gli atti politici d'un governo deb

gabine

assicurato che le rela

tto qu
Il
bono necessariamente partire da un sistema liazione fra noi e la Russia, fra noi e la Spa zioni tra la Prussia e l'Inghilterra non sono
state affatto modificate dal convegno di Co
preconcetto ed adottato, vorremmo poter spie gna, fra noi e la Prussia.
Esse sono rimaste tali quali erano. Del
blentz.
amiche
squa
poco
le
Present
ostili,
o
e
i,
gare questa nuova attitudine della Francia.
resto io so positivamente che i due rappre
potreb
venire
tra
potenz
queste
bero
e,
di
dre
Gli articoli del Constitutionnel, che ragio
ebbero col alcun colloquio, sal
scinate ad atti di aperta ostilit contro di noi, sentanti non

nevolmente sono considerati come gli avvisi


ne'momenti del nostro conflitto cogli avanzi
della linea che deve percorrere e seguire la Borbon
ici di Gaeta. La Francia, amiamo rite
politica imperiale, si manifestarono in questi
nere, previdente, e paurosa per le conseguen
ultimi giorni, favorevolissimi alla causa lta
ze d'un attrito, al quale essa non potrebbe in
liana.

vo quello che poterono intavolare, intratte

nendosi nel vano d'una finestra durante un

concerto musicale. Quanto alla politica ingle

se rispetto all'Italia, essa non punto mu


tata. L'Inghilterra non pu avere una poli
tica anti-italiana ; se volesse tentarla, nessun

alcun modo rimanere estranea, e fedele d'al ministro si troverebbe per sostenerla, perch
Quel giornale giunse perfino ad affermare
tra parte al negato riconoscimento del blocco il ministero non avrebbe la fiducia della na
essere nell'interesse dell'Europa che vi sia
zione.
Gaeta, si oppone alla sua esecuzione.
di
un'Italia organizzata e potente, dichiar inol
Qu siamo ancora sotto l'influenza dell'ar
Riassumendo, crediamo che la Francia non
tre che il governo dell'Imperatore non pote abbia alcuna idea che avversi i nostri desi ticolo del Constitutionnel, (sottoscritto Bo
niface n e scritto in alto luogo; lo stile e la

IL PUNGOLO

74,

forma essendone del Visconte de la Guron liance anglaise, ou l'Alliance Russe? L'au l' esercito occidentale con a capo il comune
nire, e le idee del gabinetto particolare tore consiglia alla Francia la seconda. A suo Liberatore Vittorio Emanuele. Che differenza
delle Tuileries). Come la brochure intitolata avviso la lega franco-russa comporrebbe nel di disciplina e di spirito militari tra i bravi i
tempo stesso la quistione italian, la quistio taliani occidentali e gl' immorali borbonici, tra
le pape et le Congres, ebbe per risultament ne
germanica e la quistione turca. Ma l'au lo schiavo coronato, che ci schiacci finora,
di non far radunare il congresso, cos l'ar
ticolo del Constitutionnel avr invece per ri tore dimentica l'Inghilterra, cui per tutta offa ed il Re galantuomo. Suol dirsi per, e non

sultamento l'adozione dell'idea d'un congre: concede l'Australia. A mio avviso, e quantun senza ragione, che i guai son necessarii per
que venga da un pubblicista di nome, non addottrinamento dell'umanit; cos gli errori
so; beninteso che in esso il Piemonte sara questa
una brochure politica, ma un paradosso. del 48 ci servirono di scuola pel presente; la
naturalmente ammesso a difendere la sua cau
sa, o piuttosto la causa italiana. Cos facen P. S. l Opinion Nationale annunzia che a scuola del presente ha fatto ricredere i pi
Varsavia stato deciso che si riunir il con

do, l'Imperatore dei francesi avr giovato al

retrivi; talch una la voce che qui echeg

gresso. , vendo a tal oggetto preso infor gia: Dio mio, non pi Borboni, non pi sol
l'Italia, perch se riesce a far adottare il con: mazioni
trovo che la notizia per dati borboniani! Solo dispiace, veder ancora
gresso, questo non potendo radunarsi in trpp lo meno positive,
immatura, non volendo dir intera

freve tempo, avr dato tutto l' agio al te mente immaginata. Del resto lo scioglimento taluni ostinati, e massime nel gregge prete
sco, pei quali questi miracoli di fede, di con
Vittorio Emmanuele di riconstituire l'Italia ,
e di mettere innanzi ci che ha nome di fatto del congresso di Varsavia le toglie ogni im cordia non giungono a sradicare pregiudizii

compiuto il certo che l'articolo del Con

portanza.

inveterati, e scellerate aspirazioni d'una ser

vit oggi impossibile,

stitutionnel, manifestando chiaramente e net

tamente il pensiero dell'Imperator Napoleo


Riceviamo da un nostro amico del di
ne III, stato riprodotto da tutt' i giornali,
qualunque ne sia il colore, e commentato fa stretto di Gaeta la seguente lettera, che
vorevolmente dalla stampa, salvo dall'Union, ci d un saggio delle condizioni di quel
dalla Gazz. di Francia e dall'Ami de la Re la provincia negli ultimi giorni della do
ligion. Era ben naturale !
minazione Borbonica.
-

L'articolo fu corretto alle Tuileries, Inan

COSE INTERNE
Sunto dei Decreti pubblicati nel Gior

"

Ufficiale, N. 47, del giorno 31 ot

tOble.

dato in bozzo al signor Groppallo incaricato

31 ottobre
degli affari di Sardegna dopo la partenza del
Agl' Ispettori di Polizia di primo rango Ferdi
Mio caro amico
|nando Lacosta e Giovanni Miraglia sono accordati
cav Nigra, e spedito telegraficamente a Var
onori e grado di commissarii di terzo rango.
savia, non appena pubblicato, dai vari rap Dal giorno in cui le soldatesche del Borbo gli
3
presentanti dei sovrani col riuniti. Esso per ne, sparse per vari luoghi, vennero a conglo E nominato lspettore di Polizia di secondo rango
il
signor
Anselmo
Chiarizia
Sono
nominati
G,
ora assicura che la Francia si opporr fer
inerarsi tutte tra Capua e Gaeta, un'iliade di vernatri del Pi Mnte delle Sette opere di Mi-,
mamente alla supremazia austriaca in Italia. guai
si rovescio addosso a queste paciiiche sercordia i signori Gabriele Capuano, fuca Mi
Ma per chi sa bene leggere tra un rigo e l'al popolazioni,
scena che puo trovare riscou chele Caracciolo di Brienza, e Marchese di Rende
tro, il senso dell'articolo in quistione molto tro soltanto una
uei piu tristi tellupi della nostra Giovanni Siciliani, in surrogazione dei signori
pi largo.
i Qui fissa per fermo che la riunione di storia. Sopratuinodo sbrigliate ed animate dallo Commendatore Antonio Spinelli, del rincipe di
del malvagio Luinistero un Gaeta, u Torella e del Duca di Cajanelio.
l sig. An
Varsavia non avrebbe ottenuto un risultato sgoverno
IulteSi alla pi v il una lagna di popolo, quasi
tonio Trama, Uiziale graduato di 1 classe e
-

abbastanza grave e serio per occuparsene piu


che tanto. Il dispaccio elettrico arrivato sta di alterego investimer guinarono ua per tutto Professore sostituto alla Cattedra di Paleografia,
Contristati i cittadi al Grande Archivio, destituito. - il signor Do
mane annunzia che la riunione sciolta. La lo sgomento e il
ni dagli insulti, dovettero sottostare a balzelli menico Gizio, spettore di Polizia di primo ran
malattia dell'Imperatrice, ha detto un alto
riscossi di viva forza, come a dire me - go, rimane a sua richiesta esonerato della sud
personaggio quando gli stato sommesso il gravosi
ta
della
londiaria; tassa sull'industria; requi detta carica, per essere chiamato ad altre fun
dispaccio telegrafico, somiglia molto al reu

"

ma che ha impedito al barone di Schleinitz


di rendersi a Varsavia.
- L'Opinion Nationale ha avuto un bel trion
fo, col suo articolo (scritto dai sig. Gueroul)
quasi contemporaneamente a quello del Con

sizioui di granaglie e di animali di qualunque zioni - Luigi Fittipaldi nominato Ispetto


specie - e tutto ci senza pagare un obolo e re della Direzione Generale delle Poste con du
sotto pena di lucilazione ai renitenti. Persua cati 50 il ns, ltre la pianta organica. Va
uiti aulco, che se un altro mezzo mese los rie promozioni nella Direzione Generale delle Po
So
sero l'aumaste ira noi quelle orde vandaliche, o ste e nel Ministero dei Lavori Pubblici.

stitutionnel. Ha avuto sopratutto un successo uovevauo divorarci l'un l'altro, o tutti unorir di

di popolarit. Se non che, naturale che faule. Ma credi tu, che quantunque colle violen
Gueroult abbia potuto parlar piu chiaro, e te loro ricerche trovassero tutto, si acconten
soprattutto spingersi piu oltre del giornale tassero? l iuganni! al turto si accoppiava l'in
ministeriale, perch non impegna il Governo sullo e il disprezzo; talche l' ottiuo cittadino

n presi dei provvedimenti relativi ai Telegrafi ad


ala, o semafori, pel servizio delle scoverte marit
time. - La Giunta della Biblioteca Nazionale

sciolta. - Il Sacerdote D. Vito Fornari nomi

nat Prefetto della indicata Biblioteca Nazionale,

di proporre il riordinamento organi


nei suoi articoli, bensi la propria opinione sindaco D. Giuseppe Dinella, dissangua osi per coll'incarico
co
di
essa
Biblioteca
e la riforma del Persona
soccorrere la truppa, si ebbe per tutto guider
(questa volta, a vero dire, avvalorata da
le - Il Prefetto della Biblioteca Nazionale Ca
quella dell'universale). Come lo scritto del done delle busse dal generale Merolla. 111 casa nonico D. Giovanni Rossi messo al ritiro con
di D. Benedetto Urgoli di S. Donato, dopo di a

signor de la Guerronire fu corretto alle Tui

la pensione eguale all'intero soldo, ritenendo gli


leries, quello del signor Gueroult fu letto, non ver dato per pasto ai cavalli gran quantit di onori ed il grado della carica che lascia. So
grano, misero fuoco a tutte le porte e liuestre

dir corretto, al palais-royal, che, come sa


no ritirati con la pensione di giustizia i Sa
pete, la residenza del principe Napoleone. della casa, e vuotarono per terra tutto l'olio ri cerdoti D. Giustino Quadrari 1. Billiotecario, e
A proposito di questo principe, l'Indepen
dance belge smentisce la notizia corsa sul suo
futuro viaggio di circumnavigazione. ll fo.
glio di Brusselle doveva limitarsi a smentire

posto nelle lagene e il vino delle botti. Nella

D. Domenico Coppola, 2. Scrittore della stessa


masseria del dottor D. l'elemaco Trabucco, Biblioteea.
Il Canonico D. Gaetano Sanseve
chlatuata l'ontanella, furono comumessi molti
eccessi a solo fine che i fratelli irabucco si rino destituito dall'ufficio di 1. Scrittore di es
sa Biblioteca Nazionale.- provveduto alla sordesignavano come liberali. In casa dei fratelli

l'altro viaggio, veramente favoloso, del prin


te delle persone addetto al Liceo del Salvatore
cipe Napoleone a Varsavia. Ma quello intor Teo di S. Croce, prima di partire, i Lancieri rimaso chiuso. -- Un ginnasio per l'insegnamento
no al mondo avr luogo, e forse nella pros rubarono danaro e posate di argento. Tutte le secondario, intitolato dal glorioso nome di Vitto
sima primavera. Il signor Giorgio de la Gue

ronniere, figlio del Consigliere di Stato, au


tore delle celebri brochures, comander il na
viglio del principe.
Questa mattina sono arrivati a Parigi circa
-

ubbliche casse involate. Ma nel 26 ottobre


Emmanuele, verr aperto il primo di gen
passato, verso il umezzodi, si ulutarono le no rio
naio del 1861, nel locale che fu casa e Colle
stre sorti. Ecco i Piemontesi sbucar nel vil io dei PP. Gesuiti. Il detto ginnasio avr
laggi di S. Giuliano, presso le vicinanze di Ca elle Scuole pubbliche per tutti i gradi dello in
sale di Carinola, a fronte de regi collocati e segnamento, ed un alunnato con Scuole interne.

cnto soldati dell'armata pontificia, in uno imboscati nelle colline, che dalla Montagna La pensione mensuale di ogni alunno fer
stato
di miseria ostentata. i cosi detti mar. Spaccata si protendono sino a Cascano. Sim
ilr1 di Castelfidardo hanno voluto darsi la

mata a ducati dodici. Le rendite del Liceo del

pegn tra loro un vivo fuoco di moschetteria


sddisfazione di questa ridevole messa in sce e di artiglieria, il quale fin al sopraggiunger
lo spettacolo non ha avuto grande suc della notte. I regi rotti e fulminati dai valo
Argomento per la Gazette de France rosi bersaglieri piemontesi volsero in precipi

Salvatore vengono addette alle spese del nuovo


ginnasio, supplendo la Real Tesoreria e la Pro
vincia a quello che mancher nello assestamento
del nuovo stato discusso. Varie promozioni, nel

e per l'Union di domani !

personale del Ministero della Guerra.

i" che ha fatto qualche impres


, in questi ultimi giorni intitolata l'Al

tosa fuga al Garigliano.

E cosi sottratti ad un penosissimo incubo

avemmo la fortuna di gioire tra i mil ti den

- - - - -e - -

-,

IL PUNGOLO

75

ra
-

NOTIZIE ESTERE ED ITALIANE

che l'Austria s'impegni facilmente in una lot chiara che la sua posizione quella di arbi
ta contro il Piemonte e la Francia, se essa tro e di moderatore della rivoluzione italiana

Il Congresso di Varsavia che, al dire non ispera soccorso dalle potenze che essa con e proclama che un'Italia organizzata e poten
dei giornali austriaci, doveva rinnovarla San sulta in questo momento?
ta Alleanza con tutte le strepitose imprese che
Pare si confermi che il Papa ed il re di
segnarono la funesta memoria, del 1815 il Napoli aspetteranno il risultato dell'abbocca
Congresso di Varsavia, questo spettro terribi mento dei tre sovrani per la doppia risoluzio
le con cui l'Austria da due mesi va sgomen ne, necessaria, in tutti i casi, bentosto per il
tando l'Italia gi finito.
secondo, facoltativa pel primo, di lasciare ci
Il 26, dopo mezzod, fu tenuta una confe che loro rimane ancora dei loro Stati .

te ormai necessaria nell' interesse di Euro


pa. L'articolo semi-officiale del Constitution

nel d'ieri una spiegazione data agl'Italiani.


Dice che non pu venire attivamente in loro
aiuto senza romperguerra colla Russia la Prus
sia e l'Austria, ma anche un avvertimento

alle altre potenze ch'egli sempre risoluto d'im


Si legge nella Rivista politica dello stes pedire che s'intervenga in Italia sino a che
r un'ora Cosa sia accaduto in quel collo so giornale:
gli Italiani compiranno da s stessi la loro ri
quio nessuno lo sa: fatto si che la sera
Oltre la notizia data dall'Opinion natio voluzione. Egli propone di nuovo che una vol
l'Imperatore d'Austria, insalutato ospite, se male e commenti interminabili che si fanno ta fatta questa rivoluzione, sia consolidata da
ne parti a gran precipizio. Il telegrafo che sul significato ed i risultati probabili dell'ab un congresso europeo. questo di certo un
ha dimenticata la sua abituale breviloquenza boccamento di Varsavia , si parla pure, nel incoraggiamento a Vittorio Emanuele e a Ga
renza fra i tre Sovrani conferenza che du

per descriverci i particolari del ricevimento mondo politico e finanziario, delle intenzioni
fatto a Francesco Giuseppe a Varsavia, non dell'Austria riguardo all'Italia.
ci dice neppure che partendo l'Imperatore d'Au
Quelli che credono ad una guerra im
stria abbia mandato a salutare chicchessia, o minente citano ad appoggio della loro opi
abbia ricevuto omaggi di congedo da veruno. nione parecchi fatti o voci di un carattere po
Le grandi caccie che dovevano aver luogo do co rassicurante, come la riunione tra Ostiglia
po le conferenze furono messe fuori di que e Rovere, di 50 mila Austriaci provveduti di
stione uno di qua, l'altro di l i tre Sovra un eccellente materiale di ponti apparecchia
ni scapparono con tanta furia come se giuo ti per essere gittati sul Po, e di ambulanze
cassero a chi facesse pi presto. Ci voleva i militari fornite di tutto; il prossimo arrivo a
un pretesto per coprire la cagione della cata Parigi del sig. Nigra, con una nuova missio
strofe, e s'ebbe ricorso ad uno dei vecchi spe ne da parte del gabinetto di Torino; le pra

dienti diplomatici: la malattia dell'Imperatrice tiche fatte presso l'Imperatore del conte Grop
vedova, la quale, come ognun sa, inalatic pallo incaricato d'affari del Piemonte, per es
cia da pi di un anno.
sere illuminato sul contegno che terrebbe la
ll corrispondente Parigino del Nord gli Francia nel caso di un'aggressione militare
scriveva in data del 25 ottobre:
dell'Austria contro l'Italia; la partenza di un
Mancano continuamente notizie: Varsavia
reggimento di Zuavi da Parigi per Lione; la
assorbe l'attenzione, e ciascuno interroga que prossima formazione, nell'armata francese, dei
sta sfinge, che, sino al presente, non rispon quarti battaglioni, coue essi esistevano al tem

ribaldi onde si affrettino a dar l'ultima mano

all' opera loro. Il congresso potr aggiustare


la vendita della Venezia e trovare un asilo per
il Papa; ma Vittorio Emanuele deve essere con
vinto che, sino a tanto che un re si manter
r colle armi in mano in qualche canto di I
talia, una riunione di teste coronate non po
tr acconsentire mai che gli sia tolta la co

T0Ila.

Nell' Invalido Russo leggiamo il brano

seguente, al quale bisogna annettere una cer


ta importanza, se quel giornale passa per or

gano officioso del gabinetto di Pietroburgo:


I risultati dell' ingresso di Vittorio Emma
nuele non si faranno punto aspettare. Capua
e Gaeta cadranno. Francesco II si ritirera a

Siviglia. Il suffragio universale di Napoli e .

Sicilia elegger per Re Vittorio Emmanuele,


e l'Europa a titolo di fatto compiuto ne accet
ter l'avvenimento. Pu benissimo darsi

che
de che con fanfarre e con strepiti di festa; il po dell'ultima campagna d'Italia, ecc., sintomi dall'attuale
caos nasca un regno forte, pro
convegno danza, e s'esso cammina, va assai di una lotta prossima e di precauzioni pi gra
lento ; del resto, si comincia ad adattarvisi; vi che non comporterebber la situazione, se si spero ed organizzato. Sar solo da compian
aspettavasi a ci, ed ecco che anche i gior fosse convinti a Torino ed a Parigi delle in gersi che a raggiungere questo scopo sia im
nali alemanni che avevano fatto tanto chiasso, tenzioni dell'Austria di restare sulla difensiva. piegata la forza, cio, a nostro avviso, il mez
zo pi triste e pi infedele.
abbassano il tono; non pi l'Europa che
Tuttavia dobbiamo dire che a Parigi, nei
Scrivono da Pesth, 2l corrente, all'Ost-
sta per vedersi riorganizzata, sono buone re circoli officiali, non si crede ad un'esplosione
lazioni che stanno per rinascere tra due so impreveduta delle ostilit e che, a Torino pu Deutsche-Post, ch' pure organo : Austriaco,
vrani che la guerra di Crimea avea disuniti. re , le preoccupazioni eccitate dal contegno quindi una confessione ufficiale.
Pur troppo la gioia che andava qua e l
L'Imperatore d'Austria crede di aver fatto dell'Austria sono un poco meno vive da al
timidamente manifestandosi, venne brutalmen
abbastanza per poter contare sugli Unghere cuni giorni.
si, e procedendo colla massima atacrit, man
- Da quanto ci dato rilevare da due car te soppressa da alcuni fatti di incredibile sfrena
da il generale Benedeck a Venezia. E noto teggi, uno all'Opinione da Verona, 25 ott., e tezza, per non adoperare termini pi espressivi.
Al palazzo municipale s'improvvis questa
come questo generale, Ungherese di nascita, l'altro alla Perseveranza dal Confine manto
uno dei migliori, se non il migliore, del vano, 27 detto, gli apparecchi di guerra, che sera un'illuminazione, e quell'esempio venne

l'armata austriaca. Egli comandava a Solferi ha fatto e tuttora va facendo l'Austria nel Ve imitato dalla scuola reale superiore, da alcu

no l'ala sinistra, che poco manc non cangias neto, sono veramente straordinarii. Le Citt ni altri edificii pubblici e da private abitaziose la sorte della giornata.
pi ingombre di truppe sono Venezia, Verona ni. Immediatamente una turba di ragazzi si
E certo che la situazione sempre pi te e Mantova. L'intera forza dell'Austria in Italia raccolse presso la scuola reale e cominci a
sa sulla frontiera lombarda dell'impero austria

si fa ascendere a meglio che 250 mila uomi fischiare ed a vociferare; fu un vero charivari,

co; la ferma volont del governanti pu esse ni. Ci non ostante continuano sempre dal Ti si gettarono pietre a molte finestre di quell'e
re la pace; la disciplina delle armate pu es rolo e da Nabresina gli arrivi di nuove truppe dificio, talch si dovettero spegnere i lumi.
sere ammirabile; ma, come si dice, sonovi di e di munizioni da guerra, ed in questi ultimi Dalla scuola reale quella turba si rec sulla
giorni, nei quali i fucili sparano da s. La giorni specialmente da bocca. Cannoni e car piazza del palazzo comunale, tir sassi contro
parola rivincita , dicesi, pronunziata sovente riaggi se ne trovano preparati da Vienna a ie finestre di una casa privata, e cos i pochi
nell'armata austriaca; dal canto suo, l'armata Verona in tutte le stazioni della ferrovia. Sul lumi che potevano essere stati accesi in segno
italiana si sente chiamata da suoi fratelli di
la riva destra del Po sono preparati
pon di una vera gioia, vennero ben presto spenti.
Venezia; ancora una volta, questa una situa ti alla Sebastiani, formati ciascuno due
da due cosa veramente deplorabile che nessuno re-.
zione che non pu prolungarsi indefinitamen grosse barche di ferro del Lloyd , unite con presse gli eccessi di quei monelli, e che nes
te, un equilibrio che la minima circostanza apposita impalcatura e rimorchiate da un va suno abbia potuto reprimerli. Del resto nella
pu rompere assolutamente.
pore. Tali ponti permettono il passaggio per massa del pubblico regnava un grande ordi
Si scriveva pure da Parigi all'Indepen ogni volta di 2000 uomini di fanteria col pro ne, ed a quelle dimostrazioni non si pu da
dance Belge:
porzionato numero di artiglieria e cavalleria. re troppo grande importanza.
e ll vostro corrispondente di Varsavia si li Ora resta a vedersi, ammesso che l'Austria | Troviamo nell'Espero, foglio torinese:

mita saggiamente a congetture per tutto ci sia decisa a rompere la guerra, se attaccher
Il vescovo di Saragozza si adoper tanto
che concerne il grande incidente politico ri al Po o al Mincio. Se attaccasse, com' pi presso Maria Isabella, che questa promise di
guardo al quale egli ha missione d'informar probabile, verso l'Emilia, non lo far certo dare quanto in suo potere a sostegno del Pa
vi; ma io noto con piacere che le sue appre prima di aver armato di tutto punto i forti pa e di re Francesco il suo cugino. Anche
ziazioni preventive si accordano colle mie e

sulla destra del Po. Per far ci occorreranno il nunzio and direttamente a Saragozza per
che egli non
suppone siaVarsavia.
per uscireSeun
gran alquanti giorni, i quali saranno, ne siam certi, darle alcune comunicazioni venute direttamen
conferenze
di
dunque
messi a profitto anche dal Governo piemonte te dal Vaticano. Si fu in conseguenza di si

che dalle

le probabilit d' una-coalizione fossero defint se e da qualche altro che pure dovrebbe es fatti maneggi che il ministero O'Donnell ri- ,
tivamente allontanate, non v' ha dubbio che servi interessato.
chiam l'ambasciatore che aveva presso la cor
quelle di una guerra non fossero considerevol
te; ma, a quanto sembra, non fara altro per
- Leggesi nel Times:
mente diminuite; perocch, chi si persuader
Finalmente Napoleone ha parlato. Egli di secondare i voti del clero.
-

76

IL PUNGOLO

e==
Scrive la Gazzetta di Torino:
Questa mattina circa alle 11, la guar a languire fra gli stenti, mentre prestano l'o
Pare che appena verr dal ministro di Spa nigione innalz bandiera bianca. Al pera loro al paese.
gna comunicato al presidente del Consiglio momento in cui scriviamo si sta trattan
Ricordiamo al signor Direttore delle Poste
l'ordine di richiamo per parte del suo gover

che la norma del magistrato dev'essere la giu

no, il nostro rappresentante a adrid verr do per la capitolazione.

stizia, non la sordida fiscalit.

-e

pure richiamato.

-e

L'Opinione scrive:
Al momento di porre in torchio rice
Il duca di Modena o, per meglio dire, Fran
Scrivono da Parigi, in data del 28: alla
cesco d' Este, ha venduto al principe Giova viamo da un nostro amico, Ufficiale nel Gazzetta di Torino.
melli i suoi beni che erano verso l'Adige per corpo dell'esercito nostro accampato pres
Oggi il principe di Metternich ed il ba
1,200,000 lire, ma il Giovanelli al momento so Sessa, le seguenti righe scritte a ma rone Hbner vennero ricevuti in udienza dal
del pagamento domand il ribasso di 50,000 tita.
l'imperatore : io non pretendo rivelarvi i se
lire e una cauzione su beni che il duca pos
Qui tutto va a meraviglia.Lo spi greti di gabinetto, ma ho argomento per assi
sede in Germania; a queste due condizioni as rito delle truppe ottimo. Ti so dire curarvi che le parole dette dall'imperatore a
senti il venditore.

L'ex-generale dell'ex armata papalina, di positivo che Mercoled 4 corrente vi


Lamoricire, pubblica nel Giornale di Roma sar attacco generale su tutta la linea del
un articolo, nel quale dichiara esser vero ci Garigliano. Sar un affare decisivo.

gli inviati austriaci ebbero un senso aperta


niente favorevole alla causa italiana. Non so

se gli inviati abbiano compiuta la loro mis

che asseriva il Moniteur del 15 ottobre, che

sione o se, dopo il colloquio, stimassero vano


il prolungarla; fatto che fecero subitamen

cio, durante l'invasione delle Marche e del

te i preparativi per la partenza da Parigi .

Crediamo sapere che la nostra squadra


l'Umbria per parte delle truppe piemontesi,
egli non aveva ricevuto alcun dispaccio del si presont alle foci del Garigliano. La
l' Ambasciatore di Francia a Roma. Soggiun

ge per che il giorno 10 settembre gli giun


se in Spoleto da Mons. Pro-Ministro delle Ar

mi un dispaccio telegrafico, il quale gli an


nunziava esser pervenuta all'Ambasciata di

Francia la notizia che l'Imperatore aveva


scritto al re di Piemonte per dichiarargli che di fondo.

se esso attaccasse gli Stati del Papa, egli vi


si sarebbe opposto colla forza .
Asserisce inoltre che il 16 settembre facen
do sosta a Monte Santo, fra Macerata e Lo

- ll Times stampa un primo articolo sulle

flotta francese, che era ancorata appunto concessioni austriache:


Conclude che i precedenti di 12 anni la
dalle foci del Garigliano a Gaeta, si circostanza
in cui vennero fatte le riforme
ritirata dinnanzi alla nostra squadra, con l'intenzione evidente di farle servire come ap
vergendo tutta a Gaeta. Ci conforme parecchio ad estere vendette e come illusio
rebbe le supposizioni del nostro articolo ne devono prevenire i popoli contro di es
se, e farne augurar male.
Rivolgendosi agli Ungheresi, specialmente

ss

lusingati dai rescritti imperiali, esprime la spe


Qualche nuovo movimento reazionario ranza che non si lascino gabbare, e che non

avvenuto nei fondi degli Ajossa a Cin paghino le insidiose concessioni facendosi

reto, ricevette dal pro-Ministro delle Armi co quefronde ma senza grave importan gli sgherri dell'Austria nella oppressa Venezia.
municazione del dispaccio seguente, diretto an
teriormente da S. E. il duca di Grammont
al console di Francia in Ancona:

za. La nostra forza tale da compri


mere qualunque attentato- Cos una no

N0TIZIE TELEGRAFICHE

L'imperatore ha scritto da Marsiglia al re stra lettera da Palma.


di Sardegna, che se le truppe Piemontesi

Madrid 28. Rios Rosas va a Roma. La

penetrano nel territorio Pontificio, egli sa

decisa di osservare un'assoluta neu


Il Nazionale Vi ieri annuncia che il Spagna
r forzato ad opporvisi: ordini sono gi da
tralit
verso
l'Italia, preparandosi in pari tem
ti per imbarcare truppe a Tolone e questi risultato del plebiscito fu il seguente.
po alla difesa(?)
rinforzi arriveranno senza dilazione. Il go
PER IL s 1, 293, 518
Parigi 29 ottobre.
verno dell'imperatore non tollerer la col
Per il n
10, 301
Patrie:
Metternich
e
Hbner
furono ricevuti
pevole aggressione del governo sardo. Come
Sappiamo diffatti che un dispaccio che

vice-Console di Francia voi dovete regolare


la vostra condotta in conseguenza.
Firm. Grammont.

jeri il Ministro Conforti spediva al Con


te di Cavour, portava appunto queste ci

jeri dali Imperatore.


Assicurasi che Hbner partir stassera per
Vienna.

Berna 29.-Le rielezioni triennali pel con


Dichiara infine che appena arrivato in An fre. Ora si domanda al ministro Con
cona il 18 settembre, egli si assicur che il forti, perch non ha creduto bene di far siglio nazionale del popolo svizzero hanno
signor di Courey, console di Francia in questa

conoscere anche al paese il risultato del dato ieri una splendida sanzione alla politica

citt, aveva ricevuto questo dispaccio ed allo le sue energiche misure di cui si van moderata. L'opposizione elvetica and com
ra soltanto ne fece pubblico il contenuto per tato... Crede egli forse che ci interessi pletamente fallita.
mezzo di una notificazione.
Londra 29 ottobre (ore 10 e 30 ant.)
Staremo a vedere che cosa risponderanno a meno il paese del Conte di Cavour, e
Il principe di Metternich ha date spiegazio
siffatte asserzioni gli organi ufficiali ed officio che il Conte di Cavour abbia maggiori
ni al signor Thouvenel sulla politica austria
diritti del paese a saperlo ?
Davvero sono meschinit che fan com ca. Queste spiegazioni si riassumono in quat
Leggiamo nella Gazz. di Genova:
tro punti:
Nel mentre che l'armata piemontese sta ala passione.
1. L'Austria applicher lealmente le rifor
cremente rinforzandosi per investire seriamente
si del Governo francese.

me promesse nell'ultimo diploma imperiale.

Capua e Gaeta, l'Inghlterra non trascura i suoi


buoni uffizi per ridurre il re Francesco a desiste

Siamo lieti d'annunciare che le nostre paro

2. Essa continuer a mantenere un conte

re da una resistenza che oramai non avrebbe al

le sull'amministrazione delle Poste ebbero un

gno difensivo. Gli armamenti nel Veneto han

tro oggetto che un inutile spargimento di san primo risultato. La Direzione generale delle no solo per iscopo di respingere qualunque at

gue. Egli perci, che, come annunziammo, poste introdusse, nel servizio due miglioramen
ti; fu protratto cio sino ad un'ora prima del
la partenza dei Vapori il diritto d'importazio

l'ammiraglio Mundy avrebbe posto a disposi


zione del re Francesco un vascello quando e
gli si determiuasse ad abbandonare il territo
rio napolitano. Sembra per altro che gli uffi
zi dell'Inghilterra non abbiano ancora ottenu
to alcun effetto, giacch non sarebbero i me

ne; e le corrispondenze di arrivo verranno d'o

taCCO.

3. L'Austria non abbondoner il sistema del


non-intervento.

4. L'Austria d'avviso che un Congresso

ra innanzi distribuite per la citt tre volte al non potrebbe riuscire ad una soluzione prati
giorno.

ca quando non fosse preceduto dall'adozione,

Noi auguriamo bene da questo primo passo, per parte delle potenze, di un programma co
desimi efficaci a distruggere le speranze che ma migliorando, come si fa il servizio, vor mune, la quale pare problematica.
il re di Napoli fondava sui risultamenti della remmo vedere aumentato proporzionatamente
Parigi 29 ottobre, ore 5 15 p. m.
conferenza di Varsavia.
il personale delle officine, e regolata per mo
do la sua sorte da non essere pi o una con
Corre di nuovo la voce della partenza del
danna alla miseria, o un'incitamento alla cor Papa da Roma.
RECENTISSIME
ruzione Che gl'impiegati postali di Napoli
Il Pays smentisce le cattive notizie ultima
Il bombardamento di Capua cominci sieno
parificati a quelli delle altre provincie mente giunte dalla Cina.

ieri alle 4 pom. e fu spinto durante la italiane, e non sieno costretti, con oltraggio
notte con grandissima energia.
alla dignit d'uomo, e di publico funzionario,

J. COMIN Direttore.

NAPOLI STABILIMENTo TIP. DELL'Ateneo Domenico CasrELLINI Gerente Responsabile.

ANNO I.

Milano N. 20.

Sabato 3 Novembre 1860.

Napoli

GIORNALE POLITICO POPOLARE DELLA SERA


PREZZO D'ABBONAMENTO MENSlIE

Napoli a domicilio

. .

Provincia franco di posta .

.
.

. ..
.

| Esee tutt' i giorni anche festivi, tranne le solennith

si

30
45

L. It.

7, 50

gr.

L'Ufficio di Redazione, e la distribuzione principale presso


lo Stabilimento tipografico dell'Ateneo

Trimestre semestre ed anno in proporzione.

Vico S. Maria Vertecoeli, N. 9.

Per l'Italia superiore, trimestre.

-- -

Si ricevono Inserzioni a Pagamento.

Un numero separato eosta Un grano.

PRIMA PIAGA.
IL Governo HA Esso PR ovvEDUTO AL
PAUPERISMo ?

CoME vI HA PR ovvEDUTo ?
-

pubblica istruzione, ed anche ad assegnargli il gl'insegna a considerare il lavoro non come


posto che deve occupare nelle processioni o una punizione, ma come un mezzo di con
nelle cerimonie pubbliche.-Ci fa onore alla servare la propria dignit.
Insegnate al popolo a leggere e a serivere,
previdenza del signor Ministro, e mostra che
e
non
lo vedrete pi preferire l'accattonaggio
all'occasione pu essere un buon maestro di
ai mezzi onorati e onorevoli di guadagnare la
cerimonie.
Pens a riorganizzare la Universit e a di propria sussistenza. Insegnate al popolo a
istribuire cattedre a tutti i suoi amici. - Per leggere e a scrivere, e, chiamandolo a parte del
fortuna che tra gli amici del signor Ministro benefizii della libera stampa, gli darete la
coscienza dei suoi diritti e dei suoi doveri, e
vi sono uomini insigni e buoni patriotti!'
Pens a fondare le scuole normali, in cui ne farete, senza quasi ch'egli stesso lo sap
per ogni provincia possono essere ammessi non pia, un vigile custode degli uni, e un operoso
pi di 60 alunni, e 120 per Napoli il che adempitore degli altri,
Insegnato al minuto popolo a leggere ea
forma in tutto il Regno circa mille alunni so
scrivere,
e imparer che cosa sia, e quanto
vra sette milioni di abitanti la proporzione
valga
patria,
e libert-e amer l'una el'al
ci sembra eloquente abbastanza per non farle"
tra non per istinto, ma per convincimento.
commefiti.
-

sECONDA PIAGA

LA IGNORANZA POPOMAR E.
-

Abbiamo detto che le tre piaghe del paese


sono il pauperismo, la ignoranza, e la cor
ruzione.

In quanto alla prima ne abbiamo parlato,


diffusamente - da oggi in poi cominciamo a

--

Insegnategli a leggere e a scrivere, e di un


Ma in tutti questi provvedimenti non si
bile domanda al Governo-domanda che suo pens che ad una classe sola della popolazio popolo schiavo, e spesso mezzo e strumento

rivolgere la nostra eterna, ostinata, implaca

rimprovero, e una

ne, la classe agiata, quella in cui la igno di schiavit, farete un popolo libero.
Credete voi che se la ignoranza la pi com
disposti a ripeterla ogni giorno finch, o dal ranza deve essere meno profonda-quella che
l'attuale governo, o da quello che gli succe ha i mezzi di tagliersene - quella infine per pleta, la pi brutale non gli avesse corrotto
der, in qualche modo sia provveduto.
cui la ignoranza non una desolante, una il senso del bene, la reazione avrebbe trova

Da llll

condanna e siamo

fatale necessit-quella ove essa pu arrecare to tra esso i suoi partigiani?

Parliamo ora un p delle altre due,

Perch la parte eletta e colta, e quindi li


Tra tutt'i Ministri, quello che si occupa pi danni minori.
degli altri a fare, ci sembra il sig. De Sanctis.
berale,
della popolazione, ha temuto s a lun
In fin dei conti che ci sia uno di pi o uno
-

Anch'egli colto dalla vertigine, dalla fre di meno che apprenda la filosofia della sto
nesia, che tormenta i suoi colleghi, la frenesia ria, o la storia della filosofia, poco rileva al
delle destituzioni e delle nomine.
ben essere pubblico che siasi in grado di
inutile riandare ora se tutte quelle desti apprendere e l'una e l'altra oggi piuttosto che
tuzioni furono giuste, e se tutte le nomine domani, anche questo non di vitale neces

go dei lazzari? Perch questi furono s a

lungo un'arma della tirannide?-Perch era


no ignoranti. Per buona sorte l'istinto ge
neroso fu in essi pi forte del mal seme get

tato dall'ignoranza essi sentirono ci che


non erano in grado di comprendere, e amaro
non sieno state ingiuste, e che molte delle
Ci che importa, che urge si che il po no la Italia e la libert perch il cuore di
ceva loro irresistibilmente di amarlas
seconde sieno ottime.
polo nella sua parte la pi numerosa, il po

sono buone- gi molto che tutte le prime sit al paese.

Ma se volete utilizzare a profitto della na


Ci prova che la frenesia del Ministro De pole, che non pu pagarsi un maestro , il po
Sanctis d'indole pi benigna di quella dei polo che non aspira a diventar Dottore, Me zione e della libert questa parte gagliarda'

dico, Avvocato, Ingegnere, il basso, il mi e numerosa della popolazione, conviene to


nuto, il povero popolo esca dallo stato di ab glierla dalla ignoranza in cui immersa lucidi intervalli e che in questi pensa un brutimento in cui lo ha tenuto per tanti anni diversamente sar sempre un pericolo, un pee
p anche alle istituzioni.
una dominazione che ne aveva fatto la base, so, e una vergogna e la nazione italiana
Qualche cosa ha riorganizzato, qualche edi il perno del suo sistema governativo.
avr sempre una delle sue membra affette da
fizio ha puntellato. - E meno male!
, Insegnate al popolo a leggere e a scrivere, paralisi,
suoi colleghi.
Dobbiamo anche convenire ch'egli ha dei
-

Ma anch'egli ha un torto gravissimo-in poi pensate ai corsi Universitarii.-I benefici

Una buona e saggia amministrazione avreb

vece di cominciare l'edifizio dalle fondamenta, della educazione popolare sono infiniti, e be quindi dovuto cominciare dal fondare le
lo cominci dal tetto,

istantanei.

Pens
a istituire il Consiglio superiore della
(
-

- - -

- --

scuole

popolari ,

dall'istituire le scuole prima

Essa toglie il popolo minuto all'ozio-essa rie, dal seminarle per tutto il paese.
--

--

IL PUNGOLO

78

Prevediamo la obbiezione che ci si far stro-un maestro di una scuola primaria che questa duplicit gesuitica, per quest'astuzia di
plomatica ?-La franchezza, e l'audacia. Alle
Ci spetta ai Comuni. E come, diremo noi sappia insegnare a leggere e a scrivere, un mene tortuose bisogna opporre le situazioni

un Ministero che abusa dei pieni poteri sino po' di morale, un po'di aritmetica, lo si trova
a rimpastare tutto il sistema giudiziario, assai facilmente.
Vi nel nostro paese, come in tutte le pro
cos tenero delle libert, e delle competenze
vincie
d'Italia, una miseria, forse pi doloro
Comunali?
I Comuni l ma avete pensato voi a render sa di tutte le altre, perch la miseria la
quale non pu accettare la beneficenza che

nette, alle tenebre la luce.

Che la Francia riconosca Vittorio Emma

nuele quale Re dell' Italia unita. Ch'essa di


chiari al papa che le necessit della situazio

ne Europea non le permettono pi di proteg


gere a Roma il suo potere temporale, e che
essa cerchi un accomodamento onorevole fra

li idonei ai tempi nuovi, ed ai nuovi biso


del cattolicismo e Vittorio Emanuele
gni? Se dobbiamo giudicare dal Municipio solleva il pauperismo, ed quindi costretta ad il capo
Ch'essa dichiari all'Austria che qualunque
di Napoli, e dalla sua completa inazione, dob abbandonarsi ad un accattonaggio, non meno

"" " ,

che l' offensiva presa

sarebbero
considerate dal
l'accattonaggio degl' impieghi.
la Francia come una dichiarazione di guerra,
Vi sono a migli e migliaia dei giovani, e seguite da un'intervento immediato; e noi
affermare che dinanzi ad una risolu
degli uomini, ch'ebbero una certa educazio siamo
zione espressa cos categoricamente, tutte le
ne, e che non hanno n l'attitudine, n, ben
"
verrebbero a di
di sovente, la forza fisica necessaria all'eser
Piu sicuramente che su questo
cizio di un mestiere.
rreno la Francia sarebbe sicura d'incontrare
Cercate un mezzo ad essi troverete dei il concorso dell'opinione publica in Inghilterra
e altrove.
buoni maestri per le scuole popolari-e ado
l'Imperatore non lasciarsi arrestare
prerete cosi i denari dello Stato con doppia | da Possa
consigli timidi, da convinzioni vacillanti,

immorale, non meno indecoroso dell'altro,

biam dire recisamente che no.

ll Ministero attuale ha una tremenda re

sponsabilit ebbe il potere di fare il bene,


e nol fece.

Non basta un Ministero che sa di essere

transitorio deve per coscienza, per delicatezza


limitare la propria azione ai provvedimenti di
assoluta, di parentoria necessit.

i"

Fra questi, i due primi, i due pi vitali erano

la riorganizzione della pubblica beneficenza


e la organizzazione fondamentale della istru utilit-liberando il paese da due accattonag da prudenze impaurite, da inimicizie masche
gi e sollevando due miserie ad un tempo.
rate, che si agitano forse attorno di lui per
zione popolare.

Questa non poteva differirsi senza colpa e

Val bene la spesa che un Ministro se ne ingannarlo, e per perderlo ! Ch' esso ricordi

la Francia sempre il paese delle gran


occupi, anche a costo di ritardarsi la com che
di cause, e delle grandi devozioni; ch'essa non
degli Studi Universari, e la fondazione del piacenza di fissare il posto del Consiglio su consentir mai a nascondere la sua bandiera
per farsi perdonare i suoi principi ; ch' la
nelle pubbliche cerimonie.
Consiglio superiore, non solo poteva differirsi, periore
Noi

che
non
siano
Ministri crediamo stessa Francia le cui popolazioni nno saluta
ma forse il farlo era un dovere.
che la prima occupazione sarebbe assai pi to con entusiasmo la sua partenza per l'Italia.
La istruzione popolare e primaria ha biso nobile e dignitosa della seconda.
Ch'egli continui a portare coraggiosamente la
a e

senza vergogna mentre la riorganizzazione

gni speciali secondo le condizioni in cui tro

Pare

che il signor Ministro non

vansi le classi popolane nelle varie Provincie

sua bandiera, ch' esso sia fedele alle sue al


la pensi leanze, ch'esso parli alto e fermo ai suoi vec
chi nemici, che si concertano contro di noi, e

Ce ne duole per lui.


Italiane. Uno stesso sistema d'istruzione po cosi.
polare non pu essere applicato al basso po Dal canto nostro sino a che egli non avr
polo della Lombardia, della Toscana, e a provveduto alla istruzione primaria, alla edu
-

la Francia sar di cuore con lui.

Fino a che la Francia sar d'accordo col


suo Governo, fino a che il suo braccio po

tente si stendar a proteggere l' Italia, la coa


quello delle nostre Provincie. Pei due pri cazione del popolo, noi crederemo ch'egli ab lizione
pu parlare, ma camminare giam
bia
mancato
al
piu
santo
dei
suoi
doverie
mi qualche cosa si fatto sin da molti anni
mai .
,
,
verr giorno in cui il paese gliene chieder

addietro, e dagli anteriori Governi pel no


i

i
stro nulla si fatto mai. L bastava mi strettissimo conto.
-Nostra corrispondenza

gliorare, accrescere, sviluppare qui con


-

vien fondare di pianta.

roLITICA FRANCESE

- All'incontro i bisogni delle classi colte so

a -

Parigi 28 ottobre.

La riunione di Varsavia ha detto la sua ul

. Il nostro corrispondente Parigino parlava ie tima parola. Essa pu riassumersi in questa ,

no dovunque gli stessi o analoghi assai da ri dell'importanza attribuita all'ultimo articolo


verit: I tre Sovrani hanno potuto vedersi,
cui si rileva che il sistema universitario pu del Constitutionnel sulla politica luperiale - tentare d'intendersi, ma ciascuno rimaso
essere conforme in tutta Italia e lo de Questo articolo, che l'angustia uelle nostre co fermo nella propria politica. noto qui, per
lonne ci toglie di riprouurre, nou e altro che ch tutto traspira, che l'Austria, la sola che
v'essere per l'utile della nazione.
Il Ministero nel sistemare gli studi Univer un esposizione piu o meno un avata dei fatti poteva guadagnare qualche cosa a questa riu
dal principio del 18o sino ad oggi. nione, non ha gran fatto ad esserne conten
satari in Napoli, non tenne, o tenne poco avvenuti
Come una semplice narrazione esso si astiene, sta. La quistione della Venezia resta qual era.
conto delle condizioni in cui si trovano le al dal riassumere gli avvenimenti, e dal conchiu Sarebbe stato proposto all'Austria di far ri-
tre Universit Italiane per cui vediamo no dere. Una, a proposito delle nuove condizioni spettare alle potenze occidentali il principio di
l'esempio della Prussia, e trova slil non-intervento nel caso di una collisione col
minati Professori uomini che occupano gi dell'ltalia,
golare che l'Europa si mostri oggi piu diffi Piemonte. Le sorti della guerra avrebbero al
cattedre in altre Universit il che produrr cile di quello che sia stato un secolo audietro lora deciso di quella della Venezia, perch
-

imbarazzo, difficolt, inceppamento nel siste riguardo l' Elettorato un brandeburgo trasior questa guerra non avesse che due antagonisti:
Piemonte ed Austria. Se non che nel caso che a
ma generale della istruzione superiore Italiana. mato iil Regno di Prussia.
un altro articolo dell'Upunioni teationale fir l'Austria fosse vincitrice, essa dovrebbe rispet
Che pi.? Vediamo il Ministro occuparsi
dal sig. Gueroula la riscontro singolare tare il trattato di Zurigo e non contendere la
del lusso di nominare Professori onorari nella amato
quello dei Constitutionnet. Il successo po Lombardia alla Sardegna. A ci l'Austria ha
Universit prima di aver fondato neppure polare di quest'articolo il l l'ancia, accennato risposto che queste condizioni erano per lei

inaccettabili, perch in virt di esse il Pie


monte non avrebbe niente a perdere, ed in
vece potrebbe guadagnare la Venezia. Ed ec
co come la quistione veneziana rimasta
mente,
ci
fanno
un
dovere
di
darne
un
sunto
tutti a comperarsi dei vasi di fiori mentre i
era.
ai nostri lettori. Il sig. Gueroult dopo aver e qual
suoi figli morivano di fame.
i
La lettera al conte Cavour scritta dal prin-
saminata lealmente la situazione della Fran
Il sig. Ministro dovrebbe anch'egli pensare cia riguardo l'Italia, dopo aver svelate, senza cipe Gortchakoff non ha prodotto qui una gran
reticenze, le intenzioni segrete dell'Austria con de impressione. Essa non che un corollario
prima al pane, e poi ai fiori.
o una pretesa giustificazione della misura pre
questione va anche esaminata da un al tro di noi, dopo aver interpretate le coperte sa dalla Russia, di richiamare il suo amba
tendenze
del
Congresso
di
Varsavia,
cosi
con
sciatore
da principe
Torino. diMettete
nella ebilancia
la
tro-punto di vista.
tinua.
lettera del
Gortchako
l' articolo
Per ogni scuola primaria ei vuole un mae-l Quale adunque l'antidoto naturale per

una scuola primaria e popolare il che ci ci dal nostro corrispondente nella lettera pa
ricorda quel povero diavolo che avendo gua rigina pubblicata ieri, la altezza dello scritto
dagnato al lotto un po' di quattrini, li spese re, e la linea politica ivi propugnata ardita
-

IL PUNGOLO

79

ne-e=
pnbblicato d'ordine superiore dal Constitution
nel dopo il richiamo dell'ambiasciatore fran
cese. Essi hanno lo stesso peso ed egual va
lore. Come la Francia, la Russia non appro
va l'intervento del Piemonte nel Regno di Na

go del signor Pizzicaro ritirato. Il signor Mi

COSE INTERNE

chele Fabiani fu Decio nominato giudice di cir


condario
di 1 classe capoluogo di provincia, ed
Pubblichiamo questa circolare che il

signor Biagio Caranti incaricato della


poli; ma dal non approvare all' opporvisi la firma del Ministero degli affari Esteri ha
distanza grande; or, su questo punto, chec diretto agli Ufficiali Capi di Ripartimen

destinato in quello di Catanzaro, in luogo del


signor Politi Oristanio promosso. - In ogni Pro
vincia vi sar una Scuola normale primaria ma
schile ed una femminile. Il numero degli alunni

ch se ne dica dagli allarmisti, la Russia non to. Riservandoci di esaminarla pi det non potr eccedere pi di 60, eccetto la scuola
ha fatto n pi n meno di quel che fece la tagliatamente in un prossimo numero, di Napoli in cui possono giungere fino a 120.
Gli alunni sono nominati dietro concorso, eccet

Francia. Come dunque poteva far impressione

non possiamo a meno per di non lodar

la lettera di Gortchakoff?

la come una misura altamente morale, e to coloro che gi da tre anni sono con lode mae

primarii pubblici. L'insegnamento durer tre


un provvedimento reclamato dalla giusti stri
anni. I professori di ogni scuola maschile saran
no trovo nuovi ordini al Ministero di Guerra, zia e dalla regolarit, in un Governo in no cinque con un Direttore. Le scuole normali
femminili avranno una Direttrice, due maestre as
sia per richiamo di riserve, sia per fabbrica formato a principi sani e liberali.
sistenti
e quattro professori. Il signor Gaetano
zione di projettili, sia per trasporto o acqui
Intanto non diminuiscono le voci di guerra,
n le misure militari; al contrario ogni gior

Napoli 1 Novembre 1860.

sto di munizioni. Se ne usciremo senza con.

flitto, diceva ieri nell'uscir dal consiglio dei

Cammarota nominato Direttore della Scuola nor

male primaria maschile di Napoli. La signora

Signore

Ministri un alto personaggio, potremo chia

Anna Bonino nominata Direttrice della Scuola

marci ben fortunati ! E lo diceva in mo


do da far credere al suo interlocutore che la

Importa sommamente che le pubbliche am normale primaria femminile di Napoli.- ac


ministrazioni siano di nobile esempio ai citta cordata alla signora Camilla Minervini vedova Aiel
dini nello smettere e rinunciare agli usi ed lo, e madre del defunto Giambattista Aiello, u
ai favori proprii del dispotismo , per assu ma pensione vitalizia di ducati diciotto al mese
mere le imparziali e semplici costumanze del sui ruoli provvisorii della Tesoreria Generale.
regime di libert, ora che esso si felicemen Dopo la vita della suddetta vedova Aiello la pen
te inaugurato anche in questa illustre parte sione istessa sar goduta dalla sua figliuola si
dell'Italia.
gnora Colomba Aicllo, vedova Vegliante, sorella
A tale scopo, con l'approvazione del Signor germana del defunto. La Commissione provviso

guerra gli sembrava inevitabile. Non Roma,


non Napoli, come potrebbero parerlo a pri
ma giunta, che farebbero nascere la guerra,

la sola Venezia ; perch solo l non si pu


invocare la politica del fatto compiuto.
ll principe Napoleone va e viene da Parigi
a S. Cloud e da S. Cloud a Parigi Le ra

gioni patenti di questo via-vai sono quelle del Prodittatore, interinalmente Ministro degli affa ria di Pubblica lstruzione sciolta. E stabilito
l'Algeria e della collisione sortavi fra i due ri Esteri, ho gi stabilito che alcuni redditi invece un Consiglio generale di Pubblica Istru
poteri ; ma le ragioni latenti sono le cose speciali di questo Ministero che per l'addietro zione, presieduto dal Ministro. ll Consiglio sar
d'Italia. Ci tanto vero che ad ogni novello si solevano, poco decorosamente, dividere fra composto di cinque membri, oltre a un Vice Pre
viaggio del principe a S. Cloud si nota qual il Ministro ed i principali impiegati, siano ora sidente e ad un Secretario con voto. Vi sar
che comunicazione sotto forma di articolo di

intieramente devoluti al pubblico tesoro.

inoltre un Consiglio straordinario, il quale, oltre

A ci aggiungo che tutti gli assegni detti ai cinque membri detti avanti, sar composto di
fondo nell'Opinion Nationale. Questo giornale
impropriame
nte straordinari e che si corrispon altri dieci. Questo si riunir una volta al me
facilmente uscir sano e salvo dalla recente
dono
incarichi
voluti speciali, come quel se, salvo i casi straordinarii. Seguono altre di
per
imputazione di spaccio di notizie false. Si
della cifra, passaporti, spedizione ed altro, sposizioni di organico. Sono nominati Con
parlato dapprima d'un avvertimento, poi d'un lidebbano
cessare.
siglieri Ordinarii di Pubblica lstruzione : Ra
processo, oggi sento dire che, grazie ad un'alta
Tali
incarichi
non hanno nessuna ragione faele Piria, Salvatore Tommasi, Giuseppe Pisanelli,
influenza, o non vi sar processo, o il gior per essere riguardati
come al di la del lavo Ruggiero Bonghi, Giuseppe Battaglini.- Sono no
nale uscir immune d'ammenda.
-

Mi si detto da persona autorevole che il


general Lamoricire aspettato in questi gior
mi ad Angers, ov' la moglie e la famiglia.
Egli non si tratterrebbe che pochissimo tem

ro che ogni impiegato nell'obbligo di disin minati, Consiglieri Straordinarii di Pubblica lstru
pegnare, e quindi non danno diritto ad un par zione: Luigi Dragonetti, Pietro Leopardi, Giovan
ticolare compenso. Conviene che i Signori in mi Vignate, Giuseppe Ferrigni, Ernesto Capocci,
piegati si convincano che l' essere chiamati a Guglielmo Gasparrini, Camillo de Meis, Fortuna
servire il proprio paese, non gi un'occa to Padula, Antonio Ranieri, Domenico Morelli.

po in Francia, e tornerebbe a Roma. Ma per


sione di provvento o mezzo di fortuna, ma il nominato Vice-Presidente del Consiglio di Pub
quanto la notizia mi giunga da buona fonte, soddisfacime
nto di un dovere, e una speciale blica Istruzione, Saverio Baldacchini.- E noni
la credo inverosimile.
onoranza che ricevono.
nato Segretario Generale di Pubblica Istruzione
Avvertesi qui una grande apprensione nei
Antonio Ciccone. Sono nominati professori 0
Quando
paese
equamente
compen
il
gi
li
partigiani della causa italiana per causa del sa
norarii della Regia Universit degli Studii: Sd
lor
lavoro,
ogni
altro
assegno
del
giu
non
ravvicinamento, preteso o no, della Prussia
spreco delle sostanze della nazio verio Baldacchini, Nicol Tommaseo, Ludovico Pa
e dell'Inghilterra. Il ravvicinamento delle due stificato,
ne, delitto cont, o la patria. Gli assegni stra sini, Paolo-Anania De Luca, Ernesto Capocci.
politiche vero, a quanto ho potuto giudi ordinari
divenuti ordinari per la loro conti
carne nelle sfere diplomatiche; ma l'appren nuazione, non giustificati da straordinarieta di
NOTIZIE ESTERE ED ITALIANE
sione ingiusta. Non gi l'Inghilterra che lavoro o di circostanze, non hanno pi nes
si ravvicinata alla Prussia, questa secon suna ragione d'essere e quindi sono aboliti.
Non si conosce ancora, e forse non si
da potenza che si ravvicinata alla prima.
Ci non toglie che occorrendo lavori vera conoscer tanto presto, il risultato della con
Or non a temere che l'Inghilterra, la na mente straordinari il Ministro non possa ag ferenza di Varsavia. Tutto si riduce dunque
zione come il gabinetto, s'intepidisca per la
-

causa italiana.

giungere all'assegno ordinario una gratifica a congetture pi o meno verosimili. Stando

Non credete a quanto si dice sulla vantata zione speciale.

ad un carteggio da Berlino, la quistione di un


Congresso sarebbe stata agitata tra i sovrani,
e questo progetto avrebbe incontrato disposi
zioni abbastanza favorevoli. Altre corrispon

soddisfazione dell'Ungheria dopo la pubblica


zione degli ultimi atti del governo austriaco.
Sunto dei Decreti pubblicati dal Gior denze assicurano che a Varsavia l'Austria si
Sonovi , qui, molti ungheresi; essi sono me
diocremente contenti. Non bisogna illudersi: nale Ufficiale nel Supplemento al N. 47, trovata quasi isolata, e che notossi una gran
le sorti dell'Ungheria non sono molto dissi e nel N. 48 del 2 novembre:
de sostenutezza tra gli ufficiali russi e gli uf
mili da quelle della Venezia. Che importa la
UNA MEDAGLIA COMMEMORATIVA DI ARGENTo sARA' ficiali austriaci.
forma di governo. L'Ungheria si contentereb CONIATA 1N ONORE DEI VOLONTARII CHE SOTTO GLI Su questo convegno la Lombardia dice:
be d essere retta da un governo assoluto a ORDINI DEL
ll modo onde terminato il colloquio di
DITTATORE PRESERO PARTE ALLE CAM
condizione di divenire indipendente. L'Austria PAGNE DI SICILIA E Di Naroli,
Varsavia non sembra molto incoraggiante per
lo sa; n si fa illusione. L'arrivo del princi
-- -- - - - - gli amici della ristorazione. Si dice che fu
La pensione di grazia di ducati sei mensili gi troncato per grave malattia sopraggiunta al
pe di Metternich un alto fatto diplomatico.
-

L'Imperatore dei francesi non ha ricevuto accordata al signor Giovanni Tagliaferri, Cancel l'augusta madre dello Czar; ma primo a par

lettere autografe, ma, in una lunga conferen liere di giudicato di circondario in ritiro, au tire fu l'imperatore d'Austria, che doveva a
za, il messo austriaco ha esposto il pensiero
mentata a ducati diciotto mensili pagabili su fon vere meno fretta, e l'imperatore di Russia e

dell' Imperatore d'Austria, l'Ungheria e la di della Tesoreria. Il signor Luigi Pizzicaro,


Venezia sono stato messe innanzi. Vuol dire
che l'Austria non affatto tranquilla riguar giudice del Tribunale civile in Catanzaro, mes
do all
a, l .

. . -

il Reggente di Prussia non sono partiti ch


dieci o dodici ore piu tardi.
La Corrispondenza Havas ha allo stes
-

so al ritiro con la pensione di giustizia. Il si


gnor Miehele Politi oristanio, giudice di 1 clas so proposito da Berlino, 26 ott.:

se al Circondario di Catanzaro, nominato giu


Diverse corrispondenze s'accordano a di
| dice del Tribunale civile in Catanzaro, in luo re che l'Austria si trovava a Varsavia in una

IL PUNGOLO

80

Anche una tale funzione dovrebb'essere ce..


specie d'isolamento. Si assicura segnatamente da prigionieri fatti dai piemontesi nell'ultima
che le relazioni degli ufficiali russi ed austria campagna. Lamorieire giunto qui per render lebrata convenientemente.
ll popolo ci pensi.
ci non erano in niente amichevoli. L'impera conto al Papa dell'opera sua, n' ripartito: e
tore Francesco Giuseppe mostra molta riser gli solo tenne la sua parola. Gli altri tutti,
va ed anche un certo contegno. Se ne con presi e rimessi in libert senza condizioni, si
Appena ieri sera si diffuse per Napoli la
chiude che i suoi voti non hanno ricevuto a affrettarono di ritornare al servizo del Papa. notizia della capitolazione di Capua, il popolo
Varsavia l'accoglienza ch'egli sperava. L'asten E vero che il Papa gli ha sciolti da ogni vin si sparse, festoso e acclamante per le vie -,
zione dei Polacchi contribuisce a scemare lo colo di promessa: ma i piemontesi furono ben, Toledo e le contrade principali furono splen
strepito delle feste. Le dame specialmente bril ingenui a credere alla parola d'onore di que
Sta sorta di soldati!
lano per la loro assenza.
Troviamo nella Gazzetta di Torino:
Colle precedenti concordano le seguenti
A cagione della presenza nel porto di Gae
notizie del Nord:
Riceviamo oggi, quantunque un poco in ta dell'intiera spuadra francese e di molti le
ritardo, una prima lettera del nostro corri gni di altre potenze estere, che si oppongono,
spondente di Varsavia. Egli si limita a darci al blocco di quella fortezza, e rendono perci,
un breve riepilogo delle sue impressioni le qua difficili le operazioni per un assalto immedia

didamente illuminate-la gioja fu universale.


L'istinto e il cuore del popolo non lo in
ganna mai- egli comprende che vi son delle
feste pi necessarie e pi belle delle feste uf
ficiali.

La gioia del popolo faceva singolare con


trasta col silenzio tenuto dal Governo-Napoli,
non ebbe una cos importante notizia se non

li, tuttavia, constatano certe circostanze signi to, l'attacco dalla parte delle nostre truppe perch il generale Milbitz per dovere di uffi
ficanti, come, per esempio, la differenza, che differito di alcuni giorni.
cio la telegraf al generale Turr, e perch
fu molto notata, tra l'accoglienza simpatica
il generale Turr ebbe il buon senso di pub
e cordiale che ha ricevuta a Varsavia il Prin
blicare il ricevuto dispaccio insegnando cosi
al Ministro dell' interno il suo dovere.

cipe reggente, ed il contegno rispettoso, ma


freddo, della popolazione e della nobilt ri

RECENTISSIME
-

guardo al monarca austriaco .

Quest'oggi a mezzogiorno ebbe luogo la


Una lettera dal campo del Re che jeri
Una lettera infine diretta all'Ofice Cor
respondence fa notare che al ballo del prin proclamazione del risultato complessivo del abbiam pubblicata annunziava per oggi, sa
bato 3 Nov. , (e non mercoled 4 , come per
cipe Gortschakoff non vi erano che venticin plebiscito.
Se non erano le salve delle artiglierie, pro errore fu stampato) un attacco generale al
que dame e circa trecento cavalieri tutte
le polacche erano assenti che l'Imperatore babilmente una gran parte della popolazione Garigliano Dai dispacci che pubblichiamo
pare che l'attacco abbia avuto luogo, e che
Alessandro ball la polacca colla principessa lo avrebbe ignorato.
Ci voleva molto buon volere a scoprire sul l'esito ne sia stato pienissimo.
Gortschakoff e il Principe Reggente colla
signora Kalergis e che l'imperatore d'Au le cantonate delle vie quel pezzettino di carta
stria rimase solo tutta la sera; egli aveva l'a mingherlino e invisibile che annnnziava, con
Si conferma

la notizia da noi data jeri che


spetto freddo ed accigliato, mentre gli altri un probabilmente il compimento dell'atto il la flotta Francese alle foci del Garigliano sia
pi grande, il pi solenne che un popolo, si ritirata d'innanzi alla nostra, lasciandole pie
principi mostravansi gioviali e cortesi,
redento
in sovranit di s stesso, possa eser na libert d'azione.
Leggesi nel Times il seguente telegram
ma di Reuter, in data di Vienna 25 ottobre: citare.

Siamo pure assicurati che l'ammiraglio Fran


ll ministero dell'interno non economo e
Il cardinal primate di Ungheria ha rice
cese abbia ricevuto dall'Imperatore ordini che,
che nella carta dei suoi proclami.
vuto l'ordine d'incominciare i preparativi per sparagnino
Questo avviso non fu affisso che ad ora tar modificheranno il suo contegno a Gaeta - e
l'incoronazione di Sua Maest come Re d'Uu
che Francesco II, abbia dichiarato al Corpo di
dissima
gheria che avr luogo in Presburgo la pros IleVa. il Giornale Ufficiale non lo conte plomatico la sua decisione di ritirarsi in Ispa
sima primavera .
Siamo alle solite. Il Ministro Conforti cal gna Diamo questa ultima notizia con qual
Lord Palmerston, nel suo soggiorno a
che riserva,
- - -- - -Leeds, ha pronunciato parecchi discorsi, nei cola il popolo per nulla.
Affaccendato
a
nominare
impiegati
e
a
dare
quali non v'ha la minima allusione alla poli pensioni, non si ricordava pi n
del plebiscito, Ecco i dispacci oggi pubblicati. tica; in un meeting per, tenuto il 26 otto
-

sua proclamazione,
bre nella stessa citt, il primo ministro del ga n Ildella
conte di Cavour ne sapeva gi da due
binetto britannico pronunciava un ultimo di

DISPACCI ELETTRICI.

scorso che appaga alquanto la curiosit pub giorni il risultato che il popolo lo sapesse DI QUEsTA MATTINA 3 NoveMBRE 1860
blica. Il nobile Lord ha ricordato i servizi o lo ignorasse, poco premeva.
Quale idea volete voi che si formi questo Il generale della Rocca al generale Turr
che l'Inghilterra ha reso alla causa liberale
in Napoli
popolo,
nuovo alla vita publica, dell'atto ch'es
ed allo stabilimento della libert in pi paesi
so
ha
se
vede
compito,
che
i
Ministri
gli
dan
Domani nella giornata giungeranno per
di Europa: nel Belgio, in lspagna, e in Por
la Ferrovia in Napoli circa 9000 prigio
togallo. Noi abbiamo usato della nostra no s poca importanza ?
-

Bisogna avvezzarlo a calcolare le solennit,


influenza, ha detto lord Palmerston, non col
nazionali come solennit nazionali- e perci
dare degli ordini, non coll'intervenire a mano convien
farle celebrare come devono essere

armata nel destino degli altri popoli, ma col

nieri Borbonici. I convogli cominceranno


alle ore 10 a. m, e si seguiranno di mez
z'ora in mezz'ora. Ogni convoglio con

l'appoggiar coloro che si aiutano da s mede celebrate.


Per la proclamazione del plebiscito i mu terr circa 600 uomini compreso la scor
simi . - Riguardo all'Italia il nobile Lord si
nicipii di Milano, e di Firenze hanno ordi ta. Credo che il locale pi adatto per
espresse nel modo seguente:
Noi vediamo ora in un'altra parte del nato publiche feste, e luminarie di esultanza. alloggiarli sia la caserma dei Granili.
E il Governo locale, e il Municipio di Na
l'Europa meridionale effettuarsi mutamenti, che
2 nov. 1860, ore 10, minuti 113 pom,
io spero, potranno condurre allo stabilimento poli che cosa hanno fatto? Nulla.E trop
Farini al Pro-Dittatore
in Italia di un sistema tanto favorevole alla po poco !

Sapete voi, popolo Napoletano, che cosa si


felicit ed alla prosperit degl'italiani, quanto fatto
Il generale della Rocca ha preso Ca
oggi in Piazza di S. Francesco, su
certi governi che esistevano in quel paese, fu
pua.
La guarnigione ha capitolato, do
quel
gramo
tavolato,
malamente
addobbato
rono disgraziatamente contrarii a codesta pro
sperit (applausi). Ma la nostra azione non da quattro cenci bianchi e neri, alla presen mattina depositeranno le armi sugli spalti
za di pochi curiosi, e di una parte della della porta di Napoli. Il generale della
che l'azione dell'opinione.
Rocca fu encomi delle sue truppe, e di
Noi lasciamo che gl'Italiani facciano i lo Guardia Nazionale?
Ve lo diremo noi perch nessun altro s'in quelle del Generale Garibaldi. La nostra
ro propri affari, e tutto ci che noi speria
farvelo comprendere:
flotta recato molti danni a Borbonici ol
ino e desideriamo egli che altri paesi segua carica di SI
FATTA LA ITALIA.
-

no il nostro esempio (applausi), e che le po

Ci che oggi si compito a Napoli far e


polazioni di que paesi, che hanno avuto tanti
doni dalla natura, siano lasciate libere di as sultare tutta Italia ma pi di ogni altra
parte Roma e Venezia.
sestare le loro cose in quel modo

tre il Garigliano. Le nostre truppe han


no gi passato il fiume, li inseguono per

veder modo di raggiungerli nella ritira


ta verso Gaeta, Arrivano molti prigionie
sembra pi appropriato al loro benessere, alla
o
Sappiamo
che
domani
si
distribuirann
le
ri
fatti dai nostri Bersaglieri.
loro felicit . (applausi)
3 nov. 1860, ore 2, minuti 30 a. m.
- Scrivono da Roma ad un giornale di To medaglie commemorative decretate dal Muni
che ad esse

--

Timo:

cipio di Palermo ai volontari che fecero par

... Da parecchi giorni Roma innondata te della prima spedizione.

J. COMIN Direttore.

NAPOLI - Srabilimento tir. DELL'Arenzo Domenico Castellini Gerente Responsabile.

ANNO I.

Domenica 4 Novembre 1860.

Napoli

Milano N. 21.

IL PU
GIORNALE POLITICO POPOLARE DELLA SERA
PREZZO D'ABBONAMENTO MENSILE

Napoli a domicilio

. .

Provincia franco di posta . . . .


Trimestre semestre ed anno in proporzione.

gr.
-

Vico S. Maria Vertecoeli, N. 9.

L. It.
Per l'Italia superiore, trimestre. . . .
Un numero separato costa Un grano.

PRIMA PIAGA

30
45

| Esce tutt' i giorni anche festivi, tranne le solennit.


L'Ufficio di Redazione, e la distribuzione principale presso
lo Stabilimento tipografico dell'Ateneo

7, 50

Si ricevono Inserzioni a Pagamento.

Se il signor Ministro dell'Interno e della non per fare il bene, ma per usare una vio

polizia ha voluto sopprimendo la Torre di lenza, per commettere un arbitrio.


IL GoverNo HA Esso PR ovveduto AL Babele sgomentare la stampa e imbavagliar
Credete voi forse che ne sia scemata in voi
PAUPERISMO ?

la, sappia che vi una stampa che uon si la colpa, per ci che avete colpito un giorna

COME VI HA PRovveduto ?

lascia sgomentare, n tollera il bavaglio.


Non si tratta qui della Torre di Babele

--

le umoristico, anzich un giornale politico?

Vi siete ingannato-L'arbitrio sempre arbi

si tratta della libert dalla stampa che avete trio qualunque ne sia il colpito, chiunque
SECONDA PIAGA

offesa col vostro decreto. Noi non difendia colpisca.


mo il giornale soppresso: difendiamo il princi
Come tutti gli uomini liberi sono solidali

IL GovERNO HA Esso PRovveduto ALLA


ISTRUZIONE PoPoLARE ? . . . E come ?

pio, che avete leso combattiamo la soppres della loro libert tutta la stampa solidale
de' suoi diritti-come tutta la stampa , e de
sione illegale.
v'essere
eguale dinnanzi alla legge che sola
Quando Garibaldi ha cacciato dalla Sicilia
pu
giudicarla
e punirla.
La Farina quando Depretis ne pose in ban
ARBITRJ MINISTERIALI
Voi
avete
promesso
la promulgazione della
do Paternostro quando il Dittatore esigli
Nel Giornale Ufficiale di ieri troviamo un da Napoli Silvio Spaventa, e Mordini da Pa legge che protegge e regola la stampa nell'I
decreto del Ministro dell'Interno e della Poli lermo l'Av: Casalis, noi abbiam detto:
talia superiore non manteneste la promessa
zia, signor Conforti, col quale, in virt dei
Liberali, rispettate la libert-non fatevi per aver sempre in mano il mezzo di soffoca
poteri straordinari a lui conferiti dalla Dit
tatura, sopprime il giornaletto umoristico la

matricidi.

L'opinione pubblica d'Italia fu inesorabile

Torre di Babele.

re una voce che vi desse noja o molestia.


Non monta-esiste una legge Napoletana
Non esaminiamo quale ella siaFrancesco II

con quei fatti non li perdon neppure a Ga


ribaldi quale ha pure verso l'Italia tito ha potuto accettarla-ci basta Ma poco ri
ordinato, di cui si vale il signor Conforti li tali che n voi, signor Conforti, n alcun leva-buona o cattiva, questa legge esiste
Lasciamo la ridicola formula dell' abbiamo

applicatela.
con l'avida compiacenza di chi nuovo al altro ministro :1 c rt o vantare.
Voi dite: la Torre di Babele ha offeso per
potere, e ne vuol gustare tutte le dolcezze, e Fu inesorabile, non perch amasse La Fa
sone
inviolabili.
si pavoneggia in esse.
rina, non perch si curasse di Paternostro, di
-

La formula del plurale fu inventata da quei Casalis, di Spaventa ma perch non perdo

Sia ne giudichi la legge, e se vi reato,

Sovrani che credevano di concentrare in s n ad uomini, che per tutta la loro vita avean lo punisca-ma non siete voi, Sig. Ministro,

stessi, per la grazia di Dio, tutto lo Stato.

L'Avv. Conforti, il Ministro di Garibaldi,

lottato contro l'arbitrio, di sancire con le loro che dovete dichiarare ad un tempo la colpa
e la pena.

azioni l'arbitrio.

Prima, perch cos operando sostituite l'ar


ha due volte torto di valersene e giusto nel
Eppure le agitazioni convulse che travaglia
bitrio,
la volont vostra all'autorit della leg
giorno in cui il popolo, ricuperata la propria vano il paese, potevano, non legittimare, ma
ge

appunto
come i ministri assoluti di un
sovranit, alza la potente sua voce per dire: scusare una misura che tendeva ad impedire
Lo Stato sono io.
potere
assoluto.
fosse il paese agitato di pi i suoi pericoli
E poi perch, cos operando, voi siete ad
Ma qui si tratta ben d'altro che di formu esterni potevano giustificare i rimedi estremi
un tempo giudice e parte. Dietro il Ministro
le la forma nasconde questa volta la so adoperati all'interno.
-

stanza. Possiamo concedere la prima alla


Ma voi, signor Conforti, quando il paese
pompa ministeriale del signor Conforti non perfettamente tranquillo all'interno, quando la
gli possiamo concedere l'altra.
promulgazione della sua volont gli assicura
Abbiam pubblicato il nostro Giornale per i diritti di popolo libero, in un giorno di fe
dir sempre il vero, ed a tutti al Potere ed sta, alla vigilia di scendere dal vostro posto,
al Popolo ai governati ed ai governanti.
perch il Regno di Napoli sta per isparire da
Siam usi da un pezzo a difendere le ra vanti al Regno d'Italia, quando i pericoli estre
gioni della libert, contro ogni arbitrio da ni sono in gran parte cessati voi, vi ricor
qualunque parte esso venga n il cipiglio date di avere ancora di fatto i poteri straor
del signor Conforti ci far dare addietro, o dinari ( che in diritto sono cessati dal d che
deviare dal nostro cammino.

che punisce, il paese vedr sempre l'Av: Con

forti che si vendica di un acre motteggio che


lo ha colpito.

Se ci sia decoroso pel Ministro, giudicate


lo voi dal canto nostro noi vi diciamo che

ci non giova pnnto a radicare nel popolo il


rispetto all'autorit.
Voi invocate i poteri straordinari conferiti a
voi dalla Dittatura.

I poteri straordinari vi furono conferiti per


supreme
necessit, per supremi pericoli del
parl la volont popolare) ve ne ricordate,

IL PUNGOLO

e
=

-as

paese ma se voi sfoderate quest'arma terri che dopo l'ultima mia, poterono in alcuna la legge montetaria, di quella sulla coscri
guisa modificare la situazione politica. Noi ci ziotte, e dei provvedimenti sulla sicurezza pub
bile delle grandi battaglie o per tagliarvi u troviamo ancora in quell'altalena di speranze blica, da applicarsi tosto nelle
provincie Na

na mela, o per allontanare una ragnatela che e di dubbi, che vi descriveva pochi giorni or poletane e Siciliane.
Dopo il voto d'annessione, Vittorio Emma
vi dia noja sul viso, il popolo avr il diritto sono : la stessa domanda preoccupa tutte le
menti

avremo
pace

o
guerra

stessa
la
fittele
assumer il titolo di Re d'Italia, al co
di riprendere la sua arma, che vi ha confi
incertezza in tutte le risposte:

dato, e di dirvi: Voi non sapete che sia que

Il mal successo di Varsavia ormai con

spetto dell'Europa. Si annuncia che il barone

Poerio sar incaricato di una missione diplo

st'arma lasciatela.

statato, e indubbio. L'imperatore d'Austria matica a Londra per far riconoscere dal Go
L'aver usato dei poteri straordinari dopo pot inoltre nella capitale Polacca acquistar verno della Regina Vittoria i fatti compiuti,
che il popolo ha ricuperato col plebiscito la la convinzione della antipatia profonda che insieme al nuovo titolo.
la sua poli, ca e la causa da lui rappresenta
propria sovranit, aggrava l'abuso.
ta destano universalmente in tutta l'Europa.
COSE INTERNE
Solo un estremo pericolo pu scusarvi Se esso procrastin l' attacco cui lo si vuol
---

mostrateci che la Torre di Babele metteva preparato in vista della conferenza di Varsa

Sunto dei Decreti pubblicati dal Gior

in pericolo la salute della patria ed allora, via, come mai dovr etfettuarlo ora che que nale Ufficiale, nel N. 49 del 3 novem
sto avvenimento ben lungi dall' appagare le

davanti alla supria necessit, taceremo.

sue speranze, le ha tutte distrutte D'altra bre:


Il pretesto da voi addotto non vale-La Tori parte, la Francia che, poche setimane fa, si
Il signor Antonio de Honestis, Giudice della Gran
re di Babele non ha pubblicato che una sola Inostrava fredda e quasi bisbetica verso di Corte Civile di Napoli, nominato in missione Pre
fetto di Polizia col soldo annesso a questa carica.
caricatura - L'offesa alla persona inviolabile noi, ha poi assunto un atteggiamento cosi de
ciso in nostro favore, che non lascia dubbio La Casa Reale della cessata Dinastia Borbonica

del Re, a cui allude il Decreto, non sussiste sulla sua intenzione di ripigliar le nostre di sciolta per quanto riguarda le seguenti categorie:
Riprodurne l'imagine, anche alterandola, non fese qualora venissimo aggrediti. Non parlo Capi di Corte onorarii; Cerimoniere ; Cavalieri di
offenderla.

Se ci fosse, tutti i giornali con caricature

dell'Inghilterra e della Prussia medesima, con Compagnia; Gentiluomini di Camera con esercizio;
Maggiordomi di Settimana; Gentiluomini di Came
ra di entrata; Cavaliere di Onore, Dama di 0no

venute a Coblenza non certo nelle viste del


Gabinetto di Vienna. Tutto ci renderebbe ve

dell'alta Italia sarebbero rei se ci fosse, rosimile la supposizione che l'Austria, per ora re, e Cavallerizzo della Regina; Dame di Compa
"la caricatura del tte, che tollerate ogni sera almeno, s' adatti a lasciar passare gli avve gnia; Dame di Corte. Il signor Andrea Cipollet
ta attualmente incaricato dell'Archivio del Ministe
e a S. Carlo nel ballo, e ai Fiorentini nel nimenti, e attenda congiunture pi a lei pro
ro degli Affari Esteri nominato Vice-Archivario
colle armi al braccio.
oppo tardi, sarebbe una offesa alla sua in pizie
il suo soldo elevato a ducati cinquanta men
ed
Ma intanto gli arrivi di truppe e di mate
quanto sono gli attuali suoi averi. I signo
vilabile persona.
riali da guerra nel Veneto non ismettono sili,
Il publico crede che la vera causa non sia punto. Non gia che le cifre enormi riferite ri Raimondo de Goyzueta, Console Generale di 1
classe a Marsiglia; Francesco Galera, Console Ge
iella' unica caricatura, ma nei vari articoli dalla Perseveranza e dall'Opinione, siano e nerale di 2 classe a Civitavecchia; Commendatore
satte, ma da calcoli abbastanza fondati si de Mayer, Console Generale di 3 classe a Bordeaux,
ve credere che nei possessi italiani dell'Au e Felice Kaskel Console Generale di 3 classe a
Babele ha publicato.
stria stanziino a quest'ora circa 150 mila uo Dredsa sono destituiti. E creato un Ospizio per
in tal caso, se il disapprovare il caos che mini. Avvi inoltre un altro esercito di 100 gl'Invalidi militari. Vi saranno raccolti tutti colo
vi avete introdotto, e il favoritismo, e l'arbi mila, disposto a scaglioni tra il Tirolo, la ro che per ferite riportate in difesa della Patria
Carinia, e l'illiria. Questi dati mi vengono saranno rimasti inabili al lavoro. addetto al cen
trio che la regolano, e lo spreco del denaro somministrat
i da un appaltatore delle vettova nato ospizio il Real sito di Quisisana, il quale ri
pubblico, e la cinica non curanza per gli ur
e

sulla poblie amministrazione che la Torre di

rie e dei foraggi militari, il quale conosce per

cever immediatament

tutte le rinnovazioni e le

genti bisogni del paese, che non fu mai scossa filo e per segno le quantita delle sommini opere che siano convenevoli aggiungervisi pel suo

"u"da reclami, n da lamenti se il disap


provare energicamente tutto ci delitto, tut
'i giornali di Napoli sono rei ad un modo,
e con essi tutto il popolo Napoletano ,

strazioni che si fanno in tutte le provincie oc nuovo destino. Il signor Francesco Giordano
nominato Direttore del Ministero dei Lavori Pub

cupate dai varii corpi.

L'Austria, gi tanto rovinata nelle sue i blici. Le scadenze per gli effetti commerciali so
nanze, si assoggetta essa alle ingenti spese che no prorogate di dieci giorni; purch per l'ultima

sono necessarie pel mantenimento di questo delle dette proroghe non oltrepassi il trentuno del
stato di cose, soltanto per fare una vana mi prossimo dicembre.
E il Pungolo si mette in prima lista fra naccia, mentre, evidentemente, un esercito di Il Ministero della guerra invita tutti i sotto-u
questa natura sarebbe esuberante alla difesa?
I l'el.
fiziali destituiti per le vicende politiche del 1820,
vuol essa insomma attaccare ?
Riassumiamo
Comunque sia, certo che ci sembra che a far pervenire al pi presto possibile nel Coman
Voi sig. Ministro avete violato la libert l'Europa cammini in mezzo ad una quantita do della Piazza di Napoli il loro nome coi docu
di barili di polvere fulminante colla lanterna menti comprovanti il grado che si avevano in quel
uella stampa - e faceste legge dell'arbitrio. in
mano. Una favilla basterebbe a produrre l'epoca e la loro dimissione.
La stampa, gelosa dei suoi dritti, vi accusa
ll Ministero delle Finanze fa noto che avendo
una terribile esplosione.
"di arbitrio al tribunale della pubblica opinione. Noi non solo non la temiamo, ma vi ci pre il Prodittatore preso in considerazione le sciagure
Essa gode solo di non trovare a piedi di pariamo con animo tranquillo e risoluto. Per sofferte dalla signora Vinccnza Pisa, orfana del
meno

i vostri beneficati.

hel Decreto il nome del March. Pallavicino desiderio generale sarebbe che questa defini Maggiore Vincenzo, per le persecuzioni patite dal
veterano e intrepido campione della libert.

tiva crisi fosse aggiornata per qualche mese, padre, con determinazione de'33 corrente ha dispo
affinch avessimo agio di raccogliere ed orga sto in favore della medesima che le sia pagata u

dopo ci, sig. Ministro Conforti, sopprime nizzare insieme alle nostre tutte le forze del na pensione di grazia di D. 20 al mese.
te pure anche il Pungolo, se lo volete.
l'Italia meridionale.
il comm. Minghetti giunto a Torino e st Veniamo assicurati che nell' organizzazione
Esso avr compito il suo dovere, parlandovi
per
assumere il portafoglio dell'Interno. Esso del Reggimento d'infanteria Marina si sono
il vero - voi avete mancato al vostro, non
-

ha gi preparata una circolare da dirigersi

sapendolo ascoltare.

commesse, e non si sono riparate, delle ingiusti

a tutti i governatori e gli intendenti di pro


Noi preghiamo la direzione di Marina di
Ma l'abuso che serve alle collere del sig. viticia, che sar il programma della nuova zia.
verificare i fatti e di occuparsene. Vi sono

Conforti, uccider il Ministro Tenetevelo per

amministrazione.

dimenticanze, o errori, o indugi che possono

La designazione del Lafarina quale diretto recar danno alla riputazione di ufficiali ono

detto.
- -ee--

Nostra corrispondenza
Torino 31 ottobre.

re dell' interno per la Sicilia sembra si con rati, n permesso, in tempi come questi,
dimenticarlo. La ricostituzione della nostra
Stato, e bench la nomina non sia ancora marina pure una delle necessit pi urgen

fermi. Esso fu intanto creato Consigliere di

comparsa sulla Gazzetta Ufficiale, accetta gi ti del paese, e per quanto ci noto si fa po
le congratulazioni degli amici.

co e male. Torneremo su questo argomento,

ll lavoro d'unificazione in tutti i rami in cui e lo tratteremo pi distesamente. - per ora

li ritardo frapposto alle mie lettere attri possibile di effettuarla senza l'intervento del
l'itelo piuttosto che a mancanza dei corri. le Camere, s'intraprender immediatamente e

spondente, all'assenza totale di nuovi iti sar spinto con tutta alacrit.0do parlare del

basti averlo accennato.


a

83

IL PUNGOLO
sa

far

ga

Un avviso del Direttore delle poste annun ti importanti notizie, attinte, a quanto pare, a Barbier de Tinan non volesse riconoscere il
blocco di Gaeta, e che in una conferenza con
ziava che la impostazione delle lettere pei Pi fonte autorevole:
La conferenza di Varsavia si sciolta sen Francesco II gli avesse promesso di opporsi
roscafi poteva aver luogo sino ad un'ora pri
za alcun risultato rilevante, e senza che ne colla sua flotta ad ogni attacco per mare,
ma di quella fissata per la loro partenza.
Jeri il Vapore Roma si annunciava di par seguisse alcuna convenzione o alcuna intelli smentita. Essa era una spiri osa invenzione
della Gazette e del Messager,
tenza alle 6 pom.e alle 4 1p2 era gi leva genza fra le potenze convenute.
ta dalla Posta la cassetta per le lettere
La proposta d'un Congresso non soste
Il Moniteur de la Fotte, giornale semiuffi
Non basta prendere bnoni provvedimenti; bi nuta dal gabinetto inglese, e posso aggiunge ciale, smentisce l'asserzione dei giornali cle
sogna vegliare alla loro esecuzioneci pensi re con tutta sicurezza, neppur da quello di ricali, osservando che una tale determinazio
il sig. Direttore delle poste.
Berlino. L'Inghilterra preferisce che l'Italia sia ne sarebbe contraria al principio di non-inter
prima riunita, e quindi riconosciuta gradual vento proclamato dalla Francia.
La missione della squadra francese ha uno
mente dalle potenze d'Europa; a meno che la
scopo
speciale e manifesto, essa compie la
quistione
da
porsi
innanzi
al
Congresso
non
NOTIZIE ESTERE ED ITALIANE
sia di trovar il modo come i Francesi possa missione che incombe a qualsiasi flotta in pae
no lasciar Roma e gli Austriaci la Venezia. se estero, quello di proteggere i propri con
- Togliamo dall'Opinione quanto segue:
Il governo prussiano, per suo proprio in nazionali. Ogni altra interpretazione poggia
La notizia data, alcuni giorni sono, che teresse, sinceramente desidera veder la quistio sul falso.
l'Austria faceva delle obbiezioni alla propo ne italiana il pi presto che puossi accomo
I fogli di Vienna recano le ultime noti
sta di un congresso per l' assestamento d' I data, e sebbene esso non sia in grado d'offri zie dell'Ungheria. Esse non sono per loro con
talia, ora pienamente confermata.
re all'Italia alcun aiuto per liberare la Vene fessione troppo soddisfacenti. Pare che un pic
Nel colloquio di Varsavia non si potuto zia, nondimeno persuaso che la pace d'Eu colo partito, scrivono essi , abbia deciso di
stabilire un programma generico del congres ropa non sicura finch la Venezia, o qual turbare la simpatica accoglienza delle nuove
so, ed a Vienna il conte di Rechberg avrebbe sivoglia parte della penisola ilaliana, dipen istituzioni. Nei fatti del 22 sembra purtroppo
---

dichiarato agli inviati di Francia e l'Inghil.

dente .

che la grande prudenza usata dalla forza

terra che prima di decidersi, l'Austria abbi


- Da una corrispondenza del Nord, in data
sogna di conoscere le intenzioni dei loro ri di Parigi, rileviamo che quel partito reazio
spettivi governi, non potendo aecettare un nario che nel congresso di Varsavia, travede
congresso, qualora la teoria de fatti compiuti va gi la ristorazione della Santa Alleanza e

fosse ammessa dalle altre potenze.


Dicesi altresi che il barone Bach abbia da
Roma avvertito il conte di Rechberg che nep
pure il cardinale Antonelli favorevole alia
proposta di un congresso.

Certo si che a Roma si preferirebbe l'in

pubblica non abbia potuto del tutto evitare

qualche ferimento. Il numero grande dei fe


riti portati all'ospitale di san Rocco era di
dodici ; nelle prigioni sette. Uno dei primi

il pieno trionfo del legittimismo, attribuisce morto. Come la Costituzione del 25 giugno
il mal esito del Congresso medesimo al prin venne inaugurata in Napoli collo stato d'asse
cipe Gortchakoff. La passione, dice il cor dio, il nuovo regime in Ungheria s'inaugu
rispondente, triste consigliera, specialmente ra colle bajonette.
La Gazzetta di Trieste del 24 confessa
allora che si informa a spirito di partito e ad
ira clericale. Ci tanto vero, che posso con che la illumiuazione fu brillante, per quanto

tervento dell'Austria; ma le probabilit di un tutta sicurezza accertarvi di ci che l'unico


aggressione sono diminuite, e la Francia e personaggio che viene da lei costituito rispon
lughilterra avendo chiesto al gabinetto di sabile del non-successo di tutti i bei piani di
Vienna delle spiegazioni intorno a rinforzi di reazioni e di ristoraztoni il principe Gor
truppe mandati nel Veneto, esso ha risposto tchakoff. Aggiunger che ieri sera in un sa
che era soltanto una precauzione, consigliata lon dove l'Austria non malvisa, fu pronun
dalla situazione e dalle minacce della rivolu ciata la frase seguente: Faremo tanto e poi
zione italiana.
tanto, che in fine Alessandro II sar costret
Il dispaccio di questa sera annunzia non to a cangiar ministro -

poteva esserlo, venendo improvvisata; ed a


notare invece che la illuminazione venne fat

ta il 23 e che il 21 si sapevano le riforme.


ll Municipio mand ad avvisare per tutte le

case con una speciale intimazione. Anche l'O


st-Deutsche-Post confessa che la illuminazio

ne sulle vie, per le quali dovea passare S. M.

andando a Varsavia, venne ordinata dal Mu


nicipio. Cos si fece a Gratz, secondo lo stes
avere il colloquio di Varsavia avuto alcun ri
Scrivono da Parigi alla Gazzetta di To. so giornale A Vienna la nessuna impressione
sultato, perch l'Austria e la Prussia si sono rino, in data del 30 ottobre:
fatta dal manifesto imperiale si scusa col dire,
opposte alla revisione dal trattato del 1856,
Vi mando cos come la raccolgo della voce che veune stampato nella Gazzetta, invece che
riguardante la Turchia.
pubblica, la notizia che corre a Parigi in affisso ai muri.
-

Trattative per questa revisione erano state questo uomento, cio che oggi alla rivista
Un nuovo modo di festeggiare le riforme
aperte tra la Russia e la Francia, e credia militare fatta dall'imperatore a Longchamp le austriache venne usato dai cittadini di Capo
ino che non siano ancora interrotte. Si sa che truppe abbiano gridato a pi riprese vive l'I distria. Essi innalzarono quattro bandiere tri
colori!
la Russia annette una grande importanza alla talie /
revisione del trattato del 1856, il quale d'al Qui prevale ormai l'opinione che l'Austria Volendo credere al corrispondente di To
tronde riconosciuto fonte di grandi difficolt abbia abbandonato ogni progetto di interven: rino della Corrsp. Bullier, prima di partire

anche dalle altre potenze, che non sembrano to in Italia ; anche la Borsa mostra di cre per Coblenza, il signor di Schleinitz ebbe nn

opporsi a modificazioni, senonch per evitare

derlo.

colloquio col signor Launay, ambasciatore

pi gravi complicazioni.

Non vi che Roma la quale creda ancora sardo a Berlino, e in questo colloquio il mi
- Ecco come si esprime l' ufficiosa Patrie al convegno di Varsavia ed attenda l'Austria nistro prussiano diede la pi completa assicu
sui risultati del famoso abboccamento di Var invadente l'Italia, in nome della nuova coali razione che il governo di Berlino non cedereb
savia:
zione / L'illusione sar di breve durata, e il be mai alle istanze dell'Austria, e che lasce
Sappiamo poca cosa dell'abboccamento di faut che anche questo resto di quistione sia rebbe Vittorio Emanuele libero di formare l'l
-

Varsavia, ma abbastanza per affermare che i e forse fra non molto-risoluto. Lo stato pre talia come ei volesse. Anche la Russia, pro
tre sovrani si sono separati senza aver nulla sente delle poche terre che sono ancora sog
concluso, senza essersi messi d'accordo su gette al dominio clericale, non che provvi
quel certo progetto di alleanza offensiva e di sorio, e quelle, forse pi presto che non cre
fensiva, che non aveva forse mai esistito che dano, entreranno a far parte della grande fa
nella immaginazione degli allarmisti, e che un miglia italiana.
giornale francese, il Monde, proclamava gi
Leggiamo nel Siecle:

che Pio IX manda a

come un benefizio per l'Europa.

prova due cose, che Gaeta scarseggia di mn

Persone ordinariamente bene ragguagliate


giungono sino a dire che la conferenza di

Varsavia non avr neppur servito a restrin


gere i vecchi legami di amicizia e d'intimit

I fogli di Londra annunciano che la regina


Vittoria ha ordinato che il Parlamento britan
nico sia di nuovo prorogato dal 6 novembre
al 3 gennaio prossimo.
Ci prova che il governo britannico ras

rotti dagli avvenimenti. Ma questo non che sicurato sulle prossime eventualit, e che, fe

segue quel corrispondente, quand'anche abbia


richiamato il suo ambasciatore, non ha muta

to parere e ci lascer fare.

- -

Un carteggio del Movimento da Civita


vecchia d notizia di molti barili di polvere
Francesco II , il che

nizioni e che i disperati si aiutano.

L'Opinione dice che i dispacci di Roma


non confermano quello di Parigi che il Papa

pensi a cercare asilo in altro Stato.


La Gazz. di Torino del 31. reca.

. .

una semplice particolarita di storia aneddoti, dele al principio di non intervento, sempre af Il commendatore Minghetti assume oggi il
ca che non ci riguarda. Quello che c'inter, fezionato alla causa della indipendenza e del portafoglio dell'interno.
-

ressa e ci tocca direttamente il risultato lla libert, non teme la coalizione.


litico e pratico dell'abboccamento, e " La Gazzetta di Genova conferma quan

risultat, convien pur dirlo, interamente fa to da noi si detto sulla presenza della flot

Leggiamo nella Gazzetta di Genva del


31 ottobre.

La Brigata Aosta avendo ricevuto l'ordine

vorevole agl'intendimenti ed alla condotta ta francese nelle acque di Gaeta. Questo gior di partire alla volta di Napoli, essa fa i suoi
della Francia,
nale scrive :
t
La Perseveranza ha da Londra le seguen La notizia che l'ammiraglio francese Le preparativi per imbarcarsi questa sera.
-

IL PUNGOLO
84

eeeee

meeee

za, poco pi,- La Sopraintendenza ha il do tore dell' Opinion nationale, accusato della
vere di vegliare a che i diritti del pubblico pubblicazione di falsi documenti. Guroult fu
interrogato ieri,
Lo spettacolo di ieri sera a S. Carlo fu un non sieno manomessi.
(Dispaccio dell'Agenzia Tel. Italiana)
Ci si annunzia che per la venuta del Re
vero scandalo musicale . . . una vera profa
Parigi 30 ottobre, sera.
si stia allestendo uno spettacolo possibile
nazione artistica.
E pensare che fu commessa in quel Tea e sta bene. E ginsto che al Re si offra Il sig. di Grammont protesta contro l'as
tro che ha tradizioni d'arte si grandi e si ri uno spettacolo non indegno dell'arte italiana. serzione del generale Lamoricire di promesse
TEATRO S. CARLO

Ma per provvedere allo spettacolo del Re

spettabili in quello stesso Teatro ove Ros

fatte del soccorso della Francia.

Il colloquio di Varsavia si ridotto a sem

sini e Donizzetti fecero rappresentare per la non si deve dimenticare completamente che

anche il publico re in teatro e che gli plici proposizioni cortesi


La Russia stata generalmente favorevole
L' opera annunziata per ieri sera era la Se si deve rispetto

prima volta i loro piu colossali capi lavori

miramide - Semiramide, che dopo tante esi

all'Italia.

al publico, in un giorno in cui esso era di

Il sig. di Persigny sar tosto a Londra.


(Dispaccio particolare della Perseveranza. )

Pesi l' egregio Sopraintendente che ha


tanze e tanti pentimenti , alfine si presentava mente e cuore d' artista queste ragioni e
provegga.

buon umore, e un publico di buon nmore

Parigi 30 ottobre (sera).


Il ministro dell'interno Billault atteso que
Malgrado ci, se s'interpellassero uno ad uno
Si assicura che il Re sar a Napoli marte
a Parigi.
gli spettatori, nessuno certo oserebbe sostene di 6 corrente-Si assicura pure che domani sa staLasera
Patrie dice che le disposizioni militari

RECENTISSIME

sempre disposto alla indulgenza.

re di aver assistito alla Semiramide.

r in Napoli il Com. Farini, nominato Luo dell'Austria nella Venezia mirano soltanto alla
lnvece della imponente Regina quale usc gotenente dal Re nell'Italia meridionale. E difesa.
dalla vasta mente di Rossini, si ebbe la im sia il ben arrivato.
Essa afferma che respinger energicamente
pudenza di gettare d'innanzi al Publico un
attacco alla Venezia.
ogni
troncone mutilato, lacerato, insanguinato, a
L'ottavo corpo ricostituito sar comandato
Questa mattina nella piazza di S. Francesco dall'arciduca Alberto.

cui mancava gran parte delle membra e si

aggrav la colpa dicendogli : Questa Semi di Paola ebbe luogo la distribuzione delle me
daglie che il Municipio di Palermo destinava
ramide.
-

Parigi 3/ ottobre.

Pietroburgo 30. La presenza dell'Impe

Che cosa dunque si crede che sia il Publi a quei giovani generosi che avevano formato ratore ha fatto passare una notte tranquilla
parte della prima spedizione di Sicilia.
all'lmperatrice. La malattia non bene ca
co Napoletano ?
Non abbiamo mai assistito ad un simile
Il Generale Garibaldi le consegnava egli ratterizzata, ma le forze diminuiscono grada
scandalo Semiramide senza il duetto fra

stesso ai suoi prodi compagni, e pronunci

tamente.

Assur ed Arsace, senza quello fra Assur e Se alcune parole di lode e di ammirazione per co

miramide, senza l'aria di Assur tre dei pezzi loro che, sotto la sna guida, compirono una

Parigi, 31 ottobre (sera).


La Patrie smentisce la voce corsa che il

vitali, fondamentali dell'opera!-E non parliamo delle pi gloriose imprese che ricordi la storia. governo austriaco abbia prevenuto i varii ga
della esecuzione essa fu al di sotto di ogni
La medaglia porta lo stemma della Citt di binetti ch'esso era deciso ad inviare un ulti
critica ove se ne eccettui l'orchestra, che Palermo da un lato, colle parole in giro Mar 772 dittm.
sola ha sostenuto le antiche glorie di S. Carlo. sala, Calatafimi, Palermo. Dall'altro l'iscri
Serie e sicure informazioni stabiliscono che
Noi amiamo e stimiamo il Duca di S. Do zione e ai valorosi seguaci di Garibaldi, il l'Austria vuol restar sulle difese, e che Be
nato, Sopraintendente dei RR. Teatri ma Municipio di Palermo redento.
nedek ha ricevute istruzioni positive in questo
non possiamo n dobbiamo tacere il vero alla
SenS0.
Sopraintendenza.
Madrid, 29. O'Donnell rinnova la dichia
Pro
il
Sessa
di
Campo
pel
Oggi

partito
Le vogliamo tener conto delle difficolt che
e che la Spagna decisa ad osservare
razion
e
cino,
se
re
Mi
ai
assiem
Pallavi
Marche
dittato
le sono create da un contratto gi in corso,
are al Re il risultato del una completa neutralit circa agli affari del
present
onde
nistri
e da un prospetto di appalto di gi approva plebiscito. Ci sembra che avrebbero dovuto l'Italia. Egli protesta contro le parole del de
to ma tutto ci non la giustifica di aver
sentanza della Citt. putato Aparci, che ha emesso dubbi sulla
permesso l'andata in iscena di uno spettacolo unirsi anche una rappre
iealt dell'amicizia dell' imperatore dei fran
come la Semiramide di ieri a sera, e di aver
tollerata le orrenda mutilazione che se ne fece.
Da una lettera da Sessa giuntaci questa cesi per la Spagna.
a
ione,
ci si dir, era necess mattina togliamo quanto segue:
Questa mutilaz
Dall'egregio Sopraintendente dei Regi
L'attacco contro i borbonici al Garigliano Teatri
ria Il cantante che sosteneva la parte di
, Duca di San Donato , riceviamo
Assur, non poteva reggere al peso dei tre cominciava il Venerdi , e vi prendeva parte
-

-- -- - -

con preghiere d'inserzione il seguente av

pezzi che furon tagliati.


Ma e perch date la Semiramide se non

anche la flotta alla foce del

avete i cantanti che la possano eseguire ?

tese sia gi sceso dalla parte della strada Ci

Aderendo al desiderio del detto signor

La parte di Assur appunto una delle prin vita-Farnese ed abbia tagliato la comunica
cipali difficolt a una buona esecuzione di zione tra il Garigliano e Gaeta.

Sopraintendente invitiamo gli altri Gior

questo capolavoro e voi credete di supera

fiume.

Si assicura che un corpo d'armata piemon

nali a riprodurlo.
SOPRAINTENDENZA
Se non siamo male informati, il benemerito
-, -

re le difficolt, tagliando netta la parte, e ridu


cendola alle proporzioni di un comprimario? March. Pallavicino sar nominato
Che la Impresa lo faccia, passi siamo da Generale di queste provincie.
lungo tempo avvezzi alle limprese senza co

Governatore

--

scienza artistica e senza decoro ma che la

Sopraintendenza lasci fare ecco ci che ci

Un secondo decreto del sig. Conforti pub


blicato questa mattina sopprime un'altro Gior

sorprende.

Essa ha un diritto supremo che nessun ca

VISO.

nale I tuoni .

Non possiamo che riferirci al nostro articolo


ll Segretario di stato per l'interno ci
fondo
di
ta
quello di proibire l'anda in iscena di uno

pitolato o prospetto d'appalto le pu togliere,

spettacolo indecoroso. Se ne valga e tenga rinnova con molta generosit gli esempi dei

DEI TEATRI E SPETTACOLI.

Le persone le cui domande dei palchi e se


die di platea sono state iscritte nei notamenti
aperti in questa Sopraintendenza fino al N,
in quello dei palchi, e fino al N; in quello
delle sedie di platea, potranno domani dalle
12 alle 5 p. m. recarsi nell'ufficio di detta
Sopraintendenza nel teatro del Fondo per ri
tirare un cartellino, contra il quale, previo
il pagamento, sar dato dal Bollettinaio del

chiuso il teatro sino a che non si possa of principi liberali da cui animato.
Teatro S. Carlo il corrispondente biglietto.
frire al pubblico uno spettacolo almeno de
Dove fino alle ore 12 del giorno appresso
ICHE
GRAF
NOTIZIE TELE
cente. La Impresa sar ben costretta a
non curassero di venire a prendere il mento
vato cartellino non avranno pi alcun dritto,
provvedere
(AGENZIA STEFANI. )
Dal canto nostro, noi accertiamo la So
ed
il palco o la sedia di platea sar venduta
Parigi 30 ottobre.
praintendenza che nessuna direzione teatrale
esa
a;
puree l'impr
dallae iImpres
altri
ad
io
a
di
colloqu
Il
News:
30.
Daily
Londr
ione
sentaz
sa
e
in Italia avrebb permes la rappre
Sedie che
di palchi
vender
biglietti come
potr
ria
ia
to,
avendo
senza
l'Aust
risulta
della Semiramide, come la si diede ier sera Varsav fu
non sieno stati ritirati fino alle 3 p. m. del
in uno dei tre primi teatri Musicali d' Eu e la Prussia respinto la domanda della Rus
sia per la revisione del trattato del 1856.
ropa.

Il publico ha il diritto di avere ci che gli

ll Courrier dice essere inesatto che Hbner

viene annunziato.-Jeri a sera gli fu annun sia partito per Vienna. Il Droit dice che un
ziata la Semiramide e non n'ebbe che mez processo fu intentato contro Guroult , redat

giorno che si dar lo spettacolo.


Napoli 4 Novembre 1860.
J. COMIN Direttore.

NAPOLI STABILIMENTo TIP. DELL'ATENEo Domenico Castellini Gerente Responsabile.

ANNO I.

Napoli

Milano N. 22.

Luned 5 Novembre 1860.

IL PUNGOLO
GIORNALE POLITIC0 POPOLARE DELLA SERA
PREZZO D' ABBONAMENTO MENSILE

Napoli a domicilio

30
gr.
. . . . . . .
45
Provincia franco di posta . . . . . . .
Trimestre semestre ed anno in proporzione.
L. It. 7, 50
. .
Per l'Italia superiore, trimestre.
Un numero separato costa Un grano
-

PRIMA PIAGA
IL Governo
PAUPERISMo?

HA ESSO PROVVEDUTO AL

L'Ufficio di Redazione, e la distribuzione principale presso


lo Stabilimento tipografico dell'Ateneo
Vico S. Maria Vertecoeli, N. 9.
-

Si ricevono Inserzioni a Pagamento.

me per infrangere le catene dei fratelli, che le sue parti, di risorgere unita e forte, e di
gemono ancora sotto la tirannide pretesca e presentarsi nella sua maestosa grandezza din
straniera.

Sono i nemici d'Italia che tremano, men

CoME VI HA PR ovveroUto ?
-

SECONDA PIAGA

tre noi esultiamo perch la nostra gioia

nanzi a lui per dirgli: Voi avete mentito


l' Italia esiste.

L' Europa, complice o testimonio di quella

la loro condanna Sono i preti che trema divisione, ripet anch'essa: Non vi Italia
no i cattivi preti del Papa-Re, ambiziosi di e ogni qual volta la maledizione che partiva

dominio, strumento di tirannia Sono gli da un patibolo, o la scossa che le veniva da


Austriaci che fremono e coprono colla minac una congiura le diceva: l' Italia soffre la
cia il dispetto.
Europa guardava i trattati del 15, studiava la
-- - -99 e
In Europa nessuno s'illude n amici, n Carta geografica che fu compilata dai suoi
IL RE D'ITALIA
avversari nostri il Regno di 23 milioni d'I vecchi diplomatici, e poi si stringeva nelle
Il Re d'Italia, il primo Re d'Italia, sta per taliani ha il diritto di chiamarsi Regno d'Ita spalle, e concludeva: Che Italia' non vi
giungere in una delle sue Capitali Napoli lia, perch questo regno esiste, perch i po Italia.
saluter fra poco quel Principe che merit poli Italiani vogliono libera e padrona di s
Quell'uomo che voleva far disparire l'lta
IL GoveraNo HA ESSO PROVVEDUTO ALLA
ISTRUZIONE Popol.ARE ? . . . E COME ?

dalla nazione riconoscente due nomi gloriosi, tutta l'Italia esiste per completarsi, non lia, e che credeva esservi riescito, aveva basa
quello di Re galantuomo, e quello di primo pu esistere che completandosi.
to il suo piano sulla divisione L'Italia fu
soldato della indipendenza Italiana.
Il completamento d' Italia lo scopo ad un sbocconcellata Fra una parte e l'altra s'in
Le accoglienze che il popolo napoletano tempo e la condizione della sua esistenza nalzarono muraglie di pregiudizi municipali,
gli prepara saranno degne dell' importante n gl' Italiani avranno mai pace, n sosta, fin di golosie antiche, e di nuovi rancori e
avvenimento che con questo fatto si compie. ch questo scopo non sia raggiunto, finch custodi di quelle muraglie, mantenitori di
Non parliamo delle pompe ufficiali, perch questa condizione di vita non sia compiuta. quelle divisioni si colloc un Arciduca Au
non si tratta qui del ricevimento comune
Non illusioni fiacche, n pi fiacche spe striaco a Modena, un'altro a Firenze, un
di un Monarca, col solito corredo di cerimo

ranze. Non andiamo incontro ad una epoca di Borbone a Napoli, un'altro a Lucca prima,

nie senza vita, di feste senza gioia, di ap riposo, e di quiete andiamo incontro ad una a Parma poi, e il Papa Re a Roma e l'Au

plausi comperati coi danari del paese che non epoca di lavorio operoso, incessante, infatica stria si pose custode de' suoi custodi, sgherro
applaude, di quelle feste insomma che face bile. Gl'italiani non possono riposare che a de' suoi sgherri a sorvegliare coloro , che
sorvegliavano i popoli per conto suo.
vano dire al popolo: Si danza a Corte.... ma Roma e a Venezia.
Ma ora i popoli Italiani si sono riuniti,
i violini li paghiam noi.
Qualunque voce che si alzasse per dire a
No, nella venuta del Re d' Italia a Napoli gl'Italiani: Fermatevi sarebbe soffocata da atterraudo le muraglie innalzate con tanta fa
il popolo nostro festegger il primo fatto della 23 milioni di voci che griderebbero: Avanti ! tica per tenerli divisi i loro custodi, i loro
vita nazionale gli applausi di Napoli echeg avanti ! e guai se quell'incitamento non aguzzini scomparvero.
geranno per tutta Italia, perch essi porte fosse ascoltato potrebbe convertirsi in mi Ora un popolo di 23 milioni d'uomini li
beri e volenti si presenta all'Europa, con la
ranno ovunque la buona novella che l'Italia naccia.
fatta.
Chi non ha lena per proseguire il viaggio, testa alta, con la mano sulla spada, con l'al
N ci si venga a dire che questo uno si arresti, se vuole, e ove crede il popolo tra appoggiata al cannone, ancora fumante, di

sterile vanto che l'Italia non e non pu italiano non pu fermarsi a numerare i trai Palestro, di Varese, di Como, di S. Martino,
essere senza Roma e senza Venezia - nessu nards, egli cammina senza volgersi addie di Calatafimi, di Palermo, di Milazzo, di Ca
no ci venga a dire che mentre a Napoli si tro e se l'uomo che porta la sua bandie stelfidardo, di Perugia, di Ancona, di S. An
esulta, a Roma e a Venezia si piange.
ra si ferma estenuato di forze e di coraggio, gelo, d' Isernia, del Volturno, del Garigliano,
Non si piange n a Roma, n a Venezia ve n' subito un altro che la prende dalle e le dice: L' ITALLA RICONOSCETELAs
si lotta, si soffre, e si aspetta non si pian sue mani tremanti, la risolleva bella e glo
Ora un popolo di 23 milioni d' uomini; il
ge n, mentre a Napoli si esulta, ma anche riosa, e procede innanzi.
popolo dal cui seno uscito un Eroe come
col i popoli trabalzano di gioia perch gli
Non vi Italia fu detto smperbamente Garibaldi, che ha alla testa un Re come Vit
applausi di Napoli portano loro l' annunzio da chi credeva di averla divisa tanto e cos torio Emanele , marcia in colonna serrata,
che 23 milioni d' Italiani si sono riuniti insie bene, che le fosse imponibile di raccogliere co'suoi invincibili battaglioni di soldati e di

IL PUNGOLO
i i

assestaz, sgaastra

nby, ma l' accoglienza che le sue


volontari alla fronte, verso l'Austria, e le di itare in mezzo a questi popoli la fiaccola della Norma
e
declamazioni trovano sempre alla Ca
gotich
reazione.
ce: RIDATEMI CIo CH' MIO
nera dei Comuni fa fede della verit di ci
Quanto valgano le proteste di un Re che sche vi dico.
Ecco che cosa vuol dire la entrata in Na
ebbe mai popoli, e che non ha pi eser
non
La notizia dell'attentato contro il giovine
poli del Re Vittorio Emanuele.
pe di Galles a New York, fece a Lon
princi
to
pi
mostra
gia
ha
lo
Europa
la

cito
Da qu egli deve chiamarsi Re d'Italia
cattivissima impressione, e commos
una
dra
il Regno de3 milioni ha il diritto di avere volte.
se, come del resto era naturale, tutto Win
-

il suo nome, perch ha i mezzi di difenderlo, Napoletani, siam dunque lieti. Salutiamo dsor Castle. La regina ne rimase atterrita, e
l il Re che viene come lo salut Garibaldi: correva voce che fosse stato spedito ordine al
da chiunque osasse contrastarglielo.
duca di Newcastle perch l'erede al trono ritor
E questo sar un'altro importantissimo fatto VIVA IL It:: D ITALIA.
nasse immediatamente in Inghilterra. Lord e
eremo
suo
il
che la entrata del Re in Napoli sancisce e Con questo grido noi gli ricord

icheremo il suo avvenire.

passato e gl'ind
proclama.
Quel grido gli ricorder Roma e Venezia.
anze
im
questo
o
circost
quali
in
Ora vediam
o immanuele le ha certo nel cuore-il
Vittori
portante avvenimeuto si compie.
a non pu certo dimenticarle ma
d'Itali
Re
o
Capua nostra il Garigliano passat
ici
gli alla nazione spetta il diritto e il dovere di ri
dal nostro esercito vincitore i Borbon
luggono diunanzi, e rinchiudonsi in Gaeta.
cordargliele.
Gaeta! pu esser questa fortezza un serio
Quel grido dir all'Europa che Napoli e
ostacolo alla compieta liberazione di queste sulta perch la Nazione sorge e che la sua
|gioja non allegrezza egoista, gioia na
provincie?
Noi nol ci ediamo certo non

ci dissimu zionale

Lady Palmerston frattanto viaggiano accla

mat il Nord dell'Inghilterra, ed ebbero ac


coglienze lietissime dappertutto. Si disse che

in tale congiuntura il Nobile Lord avesse pro


nunciatl discorsi importanti; ma un giornale
dell'altra sera L'Eapress li riassumeva

tutti in poche parole dette in tuono di celia,


e destituite di qualunque colore politico. Le

sue idee, le sue tendenze, le sue simpatie,


sono oggi mai si generalmente manifeste che

tutti sanno come pensi sulle grandi questioni


del giorno. La popolarit di questo uomo di
Stato da noi non trova forse alcun riscontro

Quel grido gli ricordera ci che deve alla nella nostra storia parlamentare, se non nel
e, che gli d la corona d'Italia, e meglio primo e nel secondo Pitt Tutti gli altri,
nazion
er
com
a,
il
e,
ficolt terribil estrem che affrett
Erskine e Canning compresi, non la raggiun.
pimento dei nostri destini. Gli inganni e l'o ancora l'affetto degl'Italiani.
sero, e quanto al duca di Wellington la sua
Quel grido gli ricorder Garibaldi ch' riputazione colossale ebbe sempre avverso il
ro del Borbone gli tengono ancora riuniti d'in
torno 20,000 uomini e pi. Questo eserci grande, ch' forte, perch fu l'interprete degli gran partito Whig. Voi ricorderete tutte le
no di Lord
to, insufficiente a tener la campagna contro il affetti, delle speranze, delle volont di tutta la ciarle divulgatesi allora del conveg
liamo la sua importanza ma vi una dif.

nostro, senza capi, senza entusiasmo, anzi mo nazione salutandolo RE D'ITALIA.


ralmente disfatto, sta unito solamente dalla intera Italia libera, e forte.
paura e dall'inganno per ci Francesco

Italia

John Russell col ministro di Prussia circa gli


affari d'Italia, la Nota attribuita al gabinetto
inglese, e che si diceva indirizzata a Pietro
burgo, e le perseveranti assicurazioni del

nostro ministro degli affari esteri per quanto

Borbone nulla pu tentare con esso Eppu

Nostra corrispondenza

re questo esercito non pu restare chiuso in


Londra 28 ottobre 1860.

Gaeta, senza rendere impossibile la difesa.

riguardava il possesso austriaco della Vene


zia. Io credo di potervi assicurare, che le
idee della Prussia non modificarono

punto i

D'altronde quali speranze restano ormai a


Le violente invettive del Daily News a pro principii su cui si appoggia il nostro governo,
che la Nota alla Russia un sogno, e che
Francesco II ? Il congresso di Varsavia si posito del congresso di Varsavia andarono cal quanto
alle assicurazioni circa la Venezia es
ieri
ancora
e
i
giorni,
ultimi
questi
in
mandos
sciolto senza che dalla capitale della Polonia a sera la stampa inglese, compreso il giornale se sono riassunte in un dispaccio a Sir Hu
gli venisse una parola di incoraggiamento e della City, aveva ripreso la sua andatura cal dson ambasciatore inglese a Torino, nel quale
di conforto.-Egli sperava che di l si alzasse ma e serena, ma improntata di quel fino tatto si consiglia solo al vostro governo di rispet
ci, di attendere
una voce minacciosa che arrestasse il cammi pratico che caratterizza l'uomo di stato ingle tare per ora i conini austria
smorzatura ad afforzarvi, e organizzarvi, onde quando la
questa
che
dubbio
Non
se.
v'
no dell'esercito di Re Vittorio. Quell'eserci di tuono venne da informazioni esatte sui col lotta dovr ricominciare, voi possiate avere

to a Mola, a due miglia da Gaeta, e forse loquii dei tre sovrani si disse da taluno,
a quest'ora egli ne ha udito fischiare le pal
le il saluto che gli manda Cialdini. Egli sperava che l'Austria, irrompendo dal

la sicurezza materiale della vittoria.

ed io per ragioni mie sono inclinato a cre

E' inutile di farsi illusionel'indipendenza,

derlo, che il Foreign Office siasi valso questa

e l'unit d'Italia sar sempre propugnata dal

si, e
volta della vivacit dei grandi suoi organi, l'Inghilterra perch sta nei suoi interes
e
tra
di
costum
nostro

non
che
sapete
voi
ile
urare
probab
un
scongi
come di un mezzo a
e

Po, gl'inviasse da col i suoi battaglioni-ma pericolo. Difatti il Times, il Morning Post, scurare ci che pu tornare di qualch utilit
il Po ben guardato, l'Austria, pi isolata il Daily News parevano aiutarsi l'un l'altro, al nostro paese.
a l'apertura

far prova di chi gridava di pi. Intanto


che inai dopo il colloquio di Varsavia, si di evenne
la notizia che il barone di Hbner, men
batte con le difficolt interne che , credendo tre l'imperatore d'Austria stava a Varsavia,
"placare, ha reso pi urgenti, ed inchioda avesse visitato Lord Cowley alla sua villa di
ta ne'suoi confini dalle intimazioni dell'Euro Chantilly, e se l' ebbe come indizio di rap
pa. Egli sperava persin nella Spagna e porti amichevoli con quella potenza.

Voi sapete che l'antico ambasciatore au


ra la speranza del disperato ma la Spagna striaco a Parigi gode riputazione meritata di
con la sua dichiarazione di neutralit gli di uomo illuminato e l.berale per quanto lo com

Un decreto della Regina prorog


del Parlamento al 3 gennaio. E' un'indizio

sicuro che nessuna complicazione politica pu


avvenire in questo tempo. Cos, per quest'an
no, gli onorevoli deputati della Contee, non
saranno forzati a subire le nebbie tristissime
del novembre.
- ---

S. Maria di Capua 4 Novembre 1860,


Torno in questo momento dall'aver visitato
Per ultimo, sper nella Francia la credet inglesi a giudicare gli uomini colle viste del Capua, e vi scrivo subito onde parteciparvi le
l'isola, anno attribuito al signor di Hubner impressioni che ne ricevetti. Noi, da qui, era
te debole e spaventata e si lusing che per non
so quale progetto di indipendenza italia:
che la fortezza
allontanare il nembo che si avvanzava dal na, che si dovrebbe conciliare colla dignii vamo ben lungi dal credere import
anza. I ri
fosse nel fatto di cosi poca

porta la natura del suo governo. Propensi gli

ce: Pensa a te stesso.

Nord, avrebbe protetto i suoi diritti. Ora dell'Impero Austriaco. Fatto sta che sono pari che si vedevano dal nostro campo costi
sogni-Lord Cowley, collega del sig. di Hub tuivano in fondo tutte le fortificazioni di que
egli sa che la Francia gli protegge il solo ner,
non avuto probabilmente altro scopo,

i diritto che resti ad un Principe, il quale non invitandolo alla sua villa che di conversare sta piazza, che forte della nostra debolezza de
nza di
seppe difendere la propria corona, e che fu qualche ora con un vecchio amico. Checch ve il lungo assedio all'assoluta manca
it
in noi
a,
ossibil
erie
e
brecci
da
all'imp
artigli
i
gran
una
ve"
tuttocc
a
fondo
in

v'
sia

il ne

rvesciato dalla volont

diritto

de' suoi popoli

alzare le parallele vegolari.


rit, una verit che vi giova: in Inghilterra di Da
quanto o potuto vedere, mi pare che la
it
io
che
popolar
la vostra causa di tale

della fuga.

si lascer egli cogliere a Gaeta ? no vorrei quasi affermare non esservi propria
ne lo far, n potrebbe farlo. Egli fuggi mente un partito per quanto meschino e im
. Non parlo di Lord
e
Prtestando, fuggir tentando forse di

get

potent

che la avversi

citt stessa abbia pochissimo sofferto del bom


bardamento, e nulla o quasi nulla le fortifi
cazioni. Qualche casa rimase tocca, e si dice

IL PUNGOLO
passare errrisvizzer-rsse-i-e-

r-r

rea

sestese a sassate a

razzassezzeseas

che sia morta una sola persona del milita vento e l'operoso Chirurgo Direttore per le talia, puossi affermare che nulla, proprio nul
ri della guarnigione non uno. Si stavano ad cure prestate ai feriti, se ne part in mezzo la fu conchinso. E lo stesso ambasciatore di
dossati agli spalti, e le bombe passavano so alle fragorose acclamazioni del popolo raccol Francesco II a Berlino ebbe test a confessa
pra senza offenderli. Diffatti tutti quelli che tosi in gran folla fuori le porte del Chiostro. re, in un dispaccio diretto al suo sovrano a
si trovavano negli ospitali, e sommavano qua
Gaeta, che quant atix affaires d'Italie, les
confrences de Varsavie ont abouti di moins
si ad un terzo della guarnigione, erano mala
ti non feriti, e la pi gran parte di mal d'oc
qu'a
rien .
NOTIZIE ESTERE ED ITALIANE
chi, a tal punto che di questa sola malattia
La stampa inglese esorta continuamente
sommavano ad oltre due mila. Una bomba
Le corrispondenze di Parigi dell'Ind. Bel il governo austriaco a cedere la Venezia per
cadde nella Cattedrale, e fracass il tetto del ge
non sono pi ridondanti, come erano due denaro, e a non esporsi a vedersela conquista
la sacristia, senza per colpire nessnno. pur giorni sono, di tutte quelle voci gravi che ci re senza ottenere nulla. Il Times di questo
troppo a deplorare che si abbia dovuto ricor presentavano la guerra siccome imminente.
Se avviso e rivolge i seguenti consigli a quel go
rere al mezzo del bombardamento; tanto pi parlano ancora di apparecchi militari che fan Vermo:
a deplorare che il poco danno fu risentito dai no l'Austria, il Piemonte e la Francia, esse
Speriamo che nessuna seduzione, di quelle
cittadini, e non dalla truppa, dalle case par non disconoscono che questi preparativi
che sarebbe in potere del governo austriaco
pos
ticolari, non dalla Fortezza. Ma era necessario sono
assai bene spiegarsi colla previsione di d'impiegare, decider la nazione Ungherese ad
di porre un termine ad un'assedio che andava lotte future che scoppierebbero
possedi aiutarla a conservare il Veneto, o ad assoget
divenendo disastroso per malattie, e ad una mento della Venezia, senza che pel
si debbano tare l'Italia centrale. E sufficiente infamia che
resistenza che dopo gli ultimi fatti, e l'arrivo connettersi agl'intendimenti che avrebbe l'Au la libera Ungheria abbia mandato i suoi sol
dell'esercito settentrionale diventava ostinazio
stria di prendere sin d'ora l'iniziativa di una dati a schiacciare gli Italiani nel 1848; que
ne, e ostentazione.
sta infamia stata crudelmente espiata col
aggressione contro l'Italia.
La guarnigione ammontava, a quel che si
Le informazioni dell' Agenzia Reuter ten l effusione del pi nobile sangue della na
- ---

dice, ad oltre dieci mila uomini con sei ge derebbero d'altronde a riassicurare completa
nerali Ora tutti questi signori divengono i mente
l'Europa sull'imminenza di una rottura
difensori della patria, e si spediscono a Geno della pace.
va per essere incorporati nel nostro esercito.
L'Iud. Belge non crede di garantire l'au
Comprendo la necessita di una tale misura ,
tenticit
questi dati, nella forma precisa
ma la deploro. certo che non porteranno fra i onde sonodi enunciati
dall'Agenzia Reuter, ma
nostri soldati sentimenti di devozione alla cau
disposta

ammetterli
ad
siccome quelli che
sa del paese, n grande amore alle nostre i
molto si accostano, in sostanza, al linguag
stituzioni. Aggiungete che nell'ufficialit vi fu gio
che il principe di Metternich ha dovuto
rono, in questi ultimi tempi, e singolarmente tenere
a Parigi.
dopo la battaglia del 1 ottobre, avanzamen
concordano del resto perfettamente col
Essi
ti rapidissimi, quale premio alla costanza di le notizie
di Varsavia trasmesse alla stessa In
mostrata nel combatterci, e che quindi , pa
Belge.
dp.
ll corrispondente di questo gior
recchi di questi ufficiali, conservando com'
naturale i loro gradi, avranno dal nostro Go nale esamina la situazione particolare dell'Au
verno la conferma di ricompense ottenute con stria di rimpetto alla Russia, dirimpetto alla
Prussia, e viene a concludere che mancandole
tro di noi. Molti si dolgono ora di essere sta
ti ingannati dal Borbone affermano che al gli incoraggiamenti che sperava forse ottene
1 ottobre Francesco II aveva loro promesso re dall'uno o dall'altra di queste potenze, il

zione.

Sembra a pena possibile che lottando con


tro al processo degli avvenimenti, l'Austria pos
sa conservare ancora sotto le sue strette la pal
pitante Venezia. Essa potrebbe ora ottenere un
giusto equivalente, ed il doppio benefizio della
riduzione della sua armata, e col danaro ver

sato nel tesoro vuoto potrebbe ancora salvar


si dalla bancarotta; ma l'occasione potra man
care e non ritornar pi, e la diplomazia, la
spada, o le interne convulsioni potranno far
le perdere questi possessi senza alcun equiva
lente.

Se la politica dell'impero Austriaco deve es


sere realmente riformata in senso liberale,
a desiderarsi che noi vediamo qualche sinto
mo del suo liberalismo. Ma che l' imperatore
d'Austria non creda imporci col suo governo

predica la libert al di dentro, e sostiene


gabinetto di Vienna si vedrebbe oggi mai nel che
colla forza delle armi la schiavit al di
che sarebbero venuti a Napoli senza spargi la
impossibilit
mandare
di
ad
effetto
i
suoi
mento di sangue, che, ad ogni modo,
fuori.

li avreb
be sciolti dal giuramento etc. In vece fu di bellicosi disegni.
Scrivono da Vienna alla Boersenhalle :
chiarato lo stato d'assedio nella fortezza, e i
Siamo assicurati da buona fonte che i per
feriti che tornavano dopo la battaglia del 1
ottobre, si persuasero che tutto era un siste sonaggi del seguito dell'imperatore Francesco
Giuseppe hanno trovato il principe Gortscha
ma di menzogne.
Nella fortezza, resa dunque a discrezione, hoff assai pi imbevuto di aspirazioni france
e raccomandati gli uffiziali alla clemenza del si che non supponevano. Da ci spiegasi il
Re, si trovarono quasi 300 cannoni, 20,000 contegno oltremodo sostenuto, che si manife
fucili, varie migliaia di sciabole, 500 cavalli, st dopo l'arrivo di Francesco Giuseppe nelle
e magazzini provvedutissimi di vestiario. Mol relazioni dei diplomatici rianifi a Varsavia.

(Dai giornali giunti stamane)


Leggiamo nella Patrie:
Tutto fa credere che non ci siamo inganna

ti, e che la politica di moderazione trionfer


in Europa. I timori erano legittimi - bisogna
convenirne, e pi gravi complicazioni poteva
no sorgere da un momento all'altro. La guer
ra stata una questione d'ora, diceva due an

ti dei soldati avevano capitolato altrove , Crediamo sapere che il principe Gortschakoff ni or sono uno statista inglese. Si potrebbe
moltissimi appartenevano a que'corpi sbanda pose sul tappeto il progetto di un congresso ripetere il motto ed aggiungere che, grazie a
ti ne' primi scontri con Garibaldi nelle Cala proposto dalla Francia. Or dunque l'Austria Dio, l'ora passata.
La moderazione ha il sopravvento, e per es
conosce benissimo i motivi che dispongono la
Ora si pu dire la campagna finita; la ca Russia in favore di questo progetto, e sa a sere giusti verso l'Austria bene rimarcare
pitolazione di Capua, e la sconfitta del Gari qual prezzo il gabinetto di San Pietroburgo che l'imperatore Francesco Giuseppe non avea
gliano affretteranno senza dubbio la resa di sosterrebbe in un congresso le pretensioni del voluto partir per Varsavia senza promulgare
aeta, e la partenza di Francesco II per la l'Austria in Italia. E' questo passo del princi la Costituzione Ungherese. Importa poco che
pe Gortschakoff che ha motivata la grande si conoscano i moventi secreti che hanno
sua antica e nuova patria, la Spagna.
riserva mostrata a primo aspetto dal conte di inspirato al gabinetto di Vienna questa ener:
s
-99---Rechberg, eome pure dai diplomatici prussia gica misura, ma certo che l'Austria mostr
ni. Anche la Prussia avversa al con con essa all'Europa che capace di conces
Il giorno 3 del corrente, il dittator Garibal gresso, e sa ch'esso
non servirebbe che a fa sioni, e che non s'incaponisce a dire: Perisca
di si rec a visitare i feriti giacenti nell'ospe vorire gl'interessi della Francia e della Russia.
l'impero piuttosto che un principio!
dale di S. Agostino La Zecca. Ricevuto dal
-Scrivono da Brusselle alla Perseveranza,
Gazzetta
La
Colonia,
di
parlando
del
mes
Chirurgo Direttore, sig. Antonio Jannuccelli suno risultato
in data 30 ottobre:
Convegno
del
Varsavia
di
fa
di Sessa e dai Padri tutti del Convento, volle
Il sig. Hubner sa ora che la Francia biasi
essere dal primo minutamente informato sullo notare che nei giorni che lo precedettero, si
scambiavano numerosi dispacci tra le Corti ma il Piemonte, ma che essa garentisce in
stato dei singoli feriti, ed ebbe per tutti pa di Parigi e di Pietroburgo.
Italia, in tutta Italia lo stato attuale del Pa
brie.

nole piene di affetto e di conforto. Prese spe La Gazzetta assicura che la Francia ha pa soltanto.
ciale interesse del capitano Guter, con cui fatto
sulla quistione orientale certe proposte
Il sig. Hbner, quand'ebbe udienza, ha do
s'intrattenne buona pezza, e richiestolo infine ehe sono
state ricevute con soddisfazione.
mandato spiegazioni complete su tutto ci che
se mai abbisognasse di qualche cosa, il ca
- dl corrispondente torinese della Perseve si fatto in Italia da Villafranca fino al ple
pitano rispose altro non bramare che la vita
ranza, per solito ben informato, scrive a quel biscito delle Due Sicilie, l'Austria desiderava
e il braccio per combattere ancora per l'U giornale in data 31 oltobre:
aver risposta sopra ciascun punto separato: i
nit ed indipendenza d'Italia. In bacio del
Gli accordi presi a Varsavia sembrano rife Ducati, Napoli, gli Stati del Papa, Venezia,
Dittatore commosso
fronte
sulla
di quel ge rirsi all'eventualit di uua guerra sul lieno, Ottenute le risposte, l'Austria passava su tutto,
neroso fu il pi bel compenso di si mobile ai probabili
moti rivoluzionari in Polonia, in sottoscriveva anche all' unit , se la Venezia
entimento. Ringraziati quindi i Padri del Con Ungheria, ecc.;
ma per quel che concerne l'l veniva garentita.

88

IL PUNGOLO

ll Daily-News alludendo alla notizia che


La garanzia riposa nel trattato di Zurigo.
Sinora nell'alta Italia correva un proverbio
Laonde, il sig. Hbner lasci Parigi senza a l'ammiraglio francese abbia l'ordine di impe che feriva l'amor proprio dei Muuicipi di Cu
ver ottenuto maggiore successo che il suo pa dire l'investimento di Gaeta dal lato del mare,
drone a Varsavia. In somma a Varsavia fu qualifica quest'ordine come un atto di inter
consigliato all'Austria di conservare una pru vento e crede che sia in aperta contraddizio
dente difensiva, a Parigi le si fecero sentire i ne colle dichiarazioni contenute nel noto ar
ticolo del Constitutionnel:
pericoli d'un'aggressione.
A noi non s'appartiene, termina dicendo il
Leggesi nella Borsenhalle, in data di
Vienna, 27 ottobre:
giornale inglese, riconciliare queste contrad
La conferenza di Varsavia ebbe un buon dizioni dell' imperatore. Noi non vogliamo ri
risultato; essa pose fine alle illusioni del ga cercarne i motivi, ma considerando soltanto i
binetto di Vienna. La Russia s' lasciata ca fatti, noi ci crediamo in diritto di domandare;

neo e di Abbiategrasso. Erano essi i capri e


spiatori di tutte le corbellerie Municipali.
Quando si voleva dire che un Municipio
non pensava a nulla, non prevedeva nulla ec.

si diceva gli il Municipio di Cuneo o di


Abbiategrasso.
Quei due Municipi inviarono un indirizzo
di ringraziamento al Municipio di Napoli
Essi han la certezza che d'ora in poi si dir
gli come il Municipio di Napoli all'ingres

dere la maschera, epper l'Austria non far i ove quella sincerit, e quell'onest che do so del Re.
vrebbe pur segnalare la politica del governo
Eppure da un mese il Municipio non pen
francese ? Innanzi all'incongruenza mostruosa sava ad altro che alle feste non si occupava
di quest'intervento, bensi tempo che Luigi d'altro che delle feste.

passi precipitati che dapprima era per avven


tura disposta a fare , e che avrebbero potuto
recar seco le conseguenze pi funeste per la
monarchia. Si dice che, in conseguenza dei

Napoleone dichiari autenticamente e senza ri

Figuratevi poi se avesse provveduto alle ur

risultamenti del convegno, il conte Rechberg tardo quale la sua vera politica in Italia, genze cittadine ?
dar forse la sua dimissione.
perch l'Europa non pn n dee rimanere pi
La Perseveranza riceve dall'Agenzia Reu a lungo vittima di tutti questi misteri e di tan
S. M. il Re a Caserta- ll Prodittatore e
ter la seguente comunicazione telegrafica:
te nuove sorprese.
i
Ministri
si sono recati oggi (e non jeri) co
Londra / novembre, ore 10. 50.
Noi abbiamo la ventura di sapere che il l a presentare al Re il risultato del plebi
ll conte di Rechberg ha spiegato come se
--

principe reggente di Prussia ha presentato a

gue il convegno di Varsavia al corpo diplo


inatico:

L'Austria intavol tre quistioni:


Se la Russia e la Prussia riconosceranno i

fatti compiuti in Italia;

Varsavia un nobile contrasto

scito.

colla condotta

Con ci cessano i loro poteri ordinari e stra


dell' imperatore dei francesi. Il principe reg ordinari Lo ricordiamo al sig, Conforti che
gente, operando secondo lo spirito del collo potrebbe dimenticarlo.
quio di Coblenza, ha rifiutato sia di sotto
scrivere qualsivoglia dichiarazione, sia di ri
Richiamiamo l'attenzione dei lettori sul no

Quale sar la loro attitudine, se il Piemon chiamare il suo ministro da Torino.


te, in un attacco contro l'Austria, fosse soste
Vi posso dire per positivo, dice il cor

stro carteggio da Capua.

nuto da un'altra potenza;


Che cose farebbe la Prussia, se la guerra
scoppiasse e venisse trasferita sopra una parte
del territorio germanico.
ll conte di Rechberg ha pure annunciato

rando su Mola.

rispondente della Lombardia, che il conte Ca


vour sta redigendo un Memorandum alle alte
potenze sulle barbarie perpetrate, e su quelle
che perpetrar si volevano ad Isernia, e per
tutto ove le orde borboniche potevano arriva

Sappiamo che il nostro esercito sta ope


-

a sera correva la voce della partenza


che l'Austria diriger una circolare a suoi re. Lungo il cammino percorso dal nostro Re di Jeri
Francesco II Borbone per la Spagna-Si
rappresentanti all'estero sul convegno di Var si trovavano ancora i cadaveri giacenti inse
nora questa notizia non confermata.
SilVld.
polti col capo mozzo. Le teste spiccate dal bu
Riferiamo dal Nord:
sto venivano portate a Capua, dove Francesco
Fu dato ordine a un vapore della nostra
Vi noto che il conte Stackelberg, il qua ll faceva pagare in altrettanti scudi tali inau
le era gi da qualche tempo in Germania dite barbarie, che superano quelle degli Ur marina di tenersi pronto a partire e a dispo
sizione di un illustre personaggio. - Credia
quando fu deciso a Pietroburgo di rompere le ban, e di Francesco Giuseppe I.
Leggiamo nella Gazzetta di Torino: mo che si tratti della partenza del Generale
relazioni col gabinetto di Torino, si rec a
Varsavia per assistervi alla conferenza. Il con voce esser giunta una Nota del Gabinetto in Garibaldi come Wasinghton egli si ritira
--

te Cavour mentre in seguito alla decisione del glese assai favorevole alla politica del nostro nella vita privata, e domander alla sua Ca
prera riposo e salute Diamo questa notizia
governo.
da Pietroburgo, diresse su questo medesimo
Il principe di Carignano ha firmato il de con grande riserva. Siamo certi che il Re
argomento una lettera al conte Stackelberg, creto di nomina del marchese di Montezemo d'Italia far di tutto per conservare presso di
s quello ch' realmente il migliore de suoi
con cui gli espresse tutto il dispiacere ch'ei lo a Commissario straordinario in Sicilia.
amici e speriamo ancora ch'egli vi riesca.
provava unitamente al suo augusto signore,
r
via
Ad ogni modo l'Italia sa che pu sempre con
per non veder pi ritornare a Torino lui con
governo russo richiamava la legazione sarda

tare su lui-egli sa che puo sempre contare

te Stackelberg, il cui carattere franco e leale


era s altamente stimato e dal Re Vittorio E

sull'Italia.

RECENTISSIME

--

manuele, e dal conte Cavour, e godeva le pi

vive simpatie nella societ torinese.


Il conte Cavour aggiunse che comprendeva
e valutava i motivi i quali provocarono la ri
soluzione del governo russo: ma che sperava
non essere la medesima per immutare i rappor
ti d'amicizia e di simpatia che esistono pure sem
pre fra i due paesi.
Il conte Stackelberg rispose al conte Cavour,
che lo ringraziava dei sentimenti cordiali e
spressi a suo riguardo, come pure della me

Pare che il Re non arriver domani , ma


DISPACCI ELETTRICI.
Mercoled. Ci conferma in questa quasi-certez
Parigi, 1. novembre.
za il silenzio del Municipio e del Governo.
Si assicura che dobbiamo questo ritardo alla
Pietroburgo, giovedi. L'imperatrice ve
solerzia, all'attivit , alla intelligenza del no dova morta alle 8 del mattino.
stro infaticabile Municipio.
Madrid, 31. O'Donnell ha rinnovato anche
Pare ch'esso, all'annunzio dell'arrivo del B e, oggi l'assicurazione che, riguardo agli affari
siasi destato dal sonno in cui era immerso, e
siasi ricordato

di un tratto che una

d'italia, la Spagna intende osservare la neu

volta o tralit.

l'altra il Re dovea pur arrivare. Allora non


Costantinopoli, 24 l ministri cercano il mo
moria del Re accennata nella sua lettera, alla sapendo trovare miglior partito accorse dal do di migliorare le finanze.
Il Levant IIerald ebbe un terzo avverti
quale si dichiarava sensibilissimo, e che egli Re, e invoc la sua bont, la sua clemenza,
sperava in egual modo che la rottura diploma la sua magnanimit perch volesse compia mento,
tica non sarebbe una inimicizia.
Parigi, 2 novembre, sera.
cersi, degnarsi di ritardare al buon popolo di
Un simile scambio di politezze fa onore al Napoli la gioia del suo arrivo.
Costantinopoli, 27. E' stato negoziato a
la diplomazia moderna, che si mostra sempre
Il Re rest un p sospeso ed incerto. Parigi un prestito di 400 milioni di franchi.
L'internunzio austriaco si rotto una gam
pi all'altezza degli avvenimenti.
Ma come? non mi desiderano a Napoli ?
Scrivono da Londra alla Gazzetta d'Au Certo, Maest, ma . . . . Coraggio, Sin ba. Il suo stato pericoloso.
gusta che Luigi Kossuth pubblicher fra poco daco, continuate. Ma gli pel ricevimen (Dispaccio particolare della Perseveranza)
un manifesto ai suoi compatriotti, per esor to .... Non ci siamo ancor preparati . . .
Parigi, 2 novembre, sera.
tarli a non accettare la costituzione del Go E che .. convien preparare il popolo ?...
La Patrie annuncia che la Francia si op
-

verno austriaco.
Parlasi della convocazione in Roma di

Non il popolo, Maest, ma gli addobbi.. posta al bombardamento di Gaeta per non

Eppure cos Da due mesi si sa che il porre a pi grandi pericoli la giovane famiglia
un concilio, a cui avrebbero a prender parte Re deve venire Da quindici giorni e pi lo reale, estranea agli attuali avvenimenti.

tutti i vescovi di Europa, ed in cui verrebbe si aspetta-ma il Municipio non ancora pre
ro agitate varie quistioni relative al Papato.

parato ad accoglierlo.

J. COMlN Direttore.

NAPOLI STABILIMENTo tip. DELL'ATENEo Domenico CAsTELLINI Gerente Responsabile.

ANNO I.

Napoli

Milano N. 23.

Martedi 6 Novembre 1860.

GIORNALE POLITICO POPOLARE DELLA SERA


Esce tutt'i giorni anche festivi, tranne le solennit.i
L'Ufficio di Redazione, e la distribuzione principale presso
lo Stabilimento tipografico dell'Ateneo

PREZZO D'ABBONAMENTO MENSILE

Napoli a domicilio . . . . .
Provincia franco di posta . . . .
Trimestre semestre ed anno in proporzione,
Per l'Italia superiore, trimestre.

Vico S. Maria Vertecoeli, N. 9.


L. It.

Un numero separato costa Un grano.

RIVISTA POLITICA

Si ricevono Inserzioni a Pagamento.

del congresso che si voleva fissare, come se to riguardo alle nuove patenti imperiali del
sta grande potenza. Evidentemente era il pen l'Austria e che avete pubblicato. Questa let
siero dell'Inghilterra che domina sovente, tera esige una risposta ed una protesta.

Napoli 6 novembre 1860.

Nessuno contesta certamente al sig. Sze

quasi suo malgrado, la condotta politica del

mere il diritto di essere soddisfatto delle con

Le notizie che ci giunsero nel corso della Princine Reggente.


Questo quadro poco lieto per l'Imperatore cessioni che l'Imperatore d'Austria ha test
settimana, e quelle pi recenti recateci da
fatte all'Ungheria, ma credo poter affermare
giornali di ier sera, anno contribuito a getta d'Austria, ammorz, com'era naturale, i suoi
che in tutta l'emigrazione ungherese non v'
re sempre maggior luce sul temuto congresso ardori bellicosi ; ed un fatto constatato or
del signor
-

di Varsavia. Incominciato gi con tristi au

mai da tutta la stampa europea, compresa l'au uno solo che divida la opinione

Szemere. Non qui il luogo di discutere i


spicii, fu rotto precipitosamente a cagione striaca, che qualunque timore di subite colli
dell'improvvisa malattia, dell'imperatrice Ve sioni intieramente dilegato. Un indizio sin decreti, di cui sembra che il signor Szemere
s gran rumore; ma noi dobbia
dova, che il telegrafo di ieri ci annunzi golare, ma assai rimarchevole delle relazioni voglia menar
mo alla verit, all'Ungheria, a noi stessi, di
morta. L'Imperatore d'Austria che accarezza poco cordiali del Gabinetto di Pietroburgo verso
una parola. Noi faremo un semplice
dirne
atore
Rus
dell'Ambasci
partenza

la
l'Austria,
va la speranza di ottenere almeno l'appoggio
quesito.
morale della Russia, per aggredire l'Italia, so da Vienna in congedo. Pu senza dubbio
-

rimase deluso. Gli uomini di stato Austriaci,

avvenire che un ambasciatore lasci una cor

Cosa questa Dieta sovrana che non ha

l' imposta? che


che avevano accompagnato a pompa il loro te, anche amica, per gustare un p di riposo, il diritto di discutere e votare
leva mili
sulla
controllo
alcun
esercita
non
sovrano a Varsavia, si dolsero, ino dai primi ma assolutamente inverosimile che questo
momenti, di trovare nel primo ministro di Rus fatto avvenga quando si sul punto di con. tare? che non pu esprimere un'opinione, un
voto nelle questioni internazionali?
sia tendenze e simpatie apertamente francesi. chiudere un'alleanza.
La questione ungherese lungi dell' essere
Tutte queste circostanze, e il manifesto mal
I freddi e manierati complimenti di etichetta
come pretende il sig. Szemere, rima
risolta,
come
rasserenato,
nno
dell'Austria,
contento
subbentrarono alle prime espansioni della bri
ne ci che fu sinora. Nulla mutato nella
gata Viennese, mentre il principe di Gortscha osservava ieri il nostro corrispondente da Lon
koff non mutava le forme del suo contegno dra, la stampa in Inghilterra, ed ora tutte le situazione. L'Ungheria del 1860 fedele alle
non curante. Queste nebbie, dopo avere invaso esortazioni dei periodici d'oltre-Manica, si ri sue tradizioni non smentir l'Ungheria del
l'atmosfera dei ministri, salirono gradatamente volgono all'Ungheria per eccitarla a non fida 1848.
Vogliate ecc.
sino ai loro principi, e tutte le relazioni con re nelle concessioni Austriache, a non illu
-

cordano nell'affermare che l'addio fu cosperso dersi, lasciandosi trascinare contro l'Italia, a
per l'Imperatore d'Austria di non poca ama perseverare nella sua attitudine severa e ri

Parigi 28 ottobre 1860.


G. KLAPKA.

A confermare sempre pi i sentimenti e

TeZZa.

pulsante.

A ci anzi, e ad un tentativo fallito per par


te del Conte di Rechberg, rappresentante nel
Gabinetto Viennese della politica Russa, si at
tribuisce in generale la notizia della sua pro
babile dimissione. Diffatti, cadute le speranze
che si nutrivano su quella potenza, il sacrifi
cio fatto ad essa, or fa un anno, del Conte di
Buol, diveniva inutile, e quel ministro pu ri
prendere tranquillamente il suo posto.
La Prussia dal canto suo, pur biasimando
la condotta coraggiosa del Gabinetto di Tori

N pare che le ammonizioni sincere e ami spressi in questa dignitosa dichiarazione, com
chevoli della stampa inglese fossero necessarie parir, a quanto dicesi, un Proclama di Kos

per guidare l'opinione pubblica in Ungheria, sut, il quale varr a dissipare le ultime il
e all'estero. Dopo le scene, nell'occasione del lusioni del gabinetto di Vienna.
Quanto alla Spagna, il Maresciallo O'Don
le feste comandate per le nuove patenti Au
striache a Pesth, un atto solenne d' uno dei nl dichiar apertamente ch'essa pensa a te

pi illustri capi del partito liberale Unghere

nersi neutrale nelle contese nostre con Fran

se fa fede davanti all'Europa delle opinioni, cesco II. N, per verit, le sue minacce
e delle risoluzioni di tutta l'emigrazione di turbavano menomamente i nostri riposi, come
quel nobile paese. Questo documento pubblica non ci avrebbe commosso il cipiglio del Bel
to nella Presse di Parigi appartiene, a nome gio, o gli sdegni della Sublime Porta. Ad
ogni modo, chiaro che l'Europa consacra
no, non trovava che si dovesse perci intra di tutti, al generale Klapka. Eccolo:
no compiuti, e che l'Italia contava oggimai

col suo silenzio, o colla sua approvazione


pi o meno palese, i nuovi avvenimenti ma

23 milioni d'uomini uniti sotto un solo Gover

Ho letto la lettera che il signor Szeme turatisi e consumatisi in Italia in questi ulti

prendere una guerra; e dacch i fatti s'era

Sig. Redattore,

no, proponeva ch'essa dovesse formar parte re, antico ministro di Ungheria, vi ha scrit mi tempi.

90

IL PUNGOLO

-azars

rare ora

a cr:

- -- -

- - - - -

-a

a --- ---

--

a
-

PRINCIPI I E CONSIGLI

::

::serre

zererstars -

naugurare col il Regno di Vittorio Emma


COSE DI UNGHERIA

nuele, e li trovai siffattamente ostili a tutto

Riproduciamo un importante brano di un e a tutti, in ci che riguarda quei regimi


che dovetti ritenere molto fondati
L'Indpendance dice che i torbidi di Pesth
carteggio Torinese del Pungolo di Milano - iprovvisorii,
miei dubbi.
furono
gravissimi. Secondo il Nouvelliste
perch le idee in esso esposte sono pure com
d'Hambourg,
la causa di questi torbidi sareb

Il
Regno
di
Vittorio
Emmanuele
fonda
pletemente le nostre, e costituiscono quel pro
be
stato
uno
spiacevole
malinteso. In un pri
to
sulla
volonta
unanime
della
Nazione,
gramma che il nostro giornale seguir costan
mo
proclama
difatti
il
generale
Benedek avreb
sull'entusiasmo
generale,
sulla
necessita
stes
temente, e difender con ogni sua possa a
be annunziato il ristabilimento dell'antica co
sa
dei
fatti
italiani,
pu
considerarsi
il
pi
Napoli ed a Milano.
In questo brano si trova indicato quale, a forte governo che abbia esistito. Ora, perch stituzione ungherese. Il popolo senti di ci u
soddisfazione sincerissima e generalissima,
nostro avviso, debba essere l'atteggiamento dovrebbe e so rimpicciolirsi nelle passioni na
dei partigiani, e cercare nell'effimera loro ma fu ben presto amaramente disingannato al

del nostro Governo nella quistione di politica


energia una forza che gli pu assai pi lar
estera, quale la sua condotta nelle importan gamente
essere data dalla conciliazione di
ti, nelle vitali quistioni interne, che il nuovo
tutte
le
opinioni
?
ordine di cose, e l'annessione di queste pro

Noi
confidiamo
pur sempre ad onta delle
vincie, che raddoppia lo Stato, non ponno a
meno di sollevare.

lorch pubblicossi il testo delle ordinanze.


Se ci si conferma, osserva l'Indpen lance,
render difficilissimo il cmpito della nobilt
e del clero, i quali in un intento di modera

contrarie apparenze nel senno e nel patriotti zione e di conciliazione, hanno aderito al nuo

A questo duplice titolo richiamiamo l'at smo di chi regge il culmine della piramide vo programma del loro sovrano.
Dall'Ungheria continuano a giungere no
tenzione dei nostri lettori sulle parole del no nelle cose dello Stato, e sopratutto nell'attua
tizie
poco favorevoli, la Sferza, noto orga
zione
sincera
delle
nobili
parole
del
nostro
Re:
stro corrispondente Torinese.
Ecco il brano in discorso.

l'Italia degli Italiani

no austriaco-clericale, che lo dichiara. La tran

quillit non fu turbata, ma evidentemente si va


Il corrispondente Torinese parla della linea
Il nostro amico di Torino ha ragione. Con organizzando un'opposizione sistematica. Gli
politica seguita in questi ultimi giorni dal viene che il popolo Italiano cominci ad avere antichi diritti sulla leva militare e le imposte,
giornale di Torino, L' Opinione, che gene il sentimento delle proprie forze ma per in come pure la riunione delle partes adnea ae
ralmente si crede l'organo del Ministero, e fonderlo alle masse, conviene che il Governo Croazia, Slanovia , ecc alla corona di santo
pi in particolare del Conte di Cavour.
mostri d'averlo egli stesso.
Stefano, servono di pretesto almeno, se non di
E' tempo di farla finita con tutte l'esitanze meta, all'opposizione suindicata. L'opposizione
La politica dell'Opinione incomincia a di
ventare un problema curioso pe' suoi lettori. e le menzogne, e le reticenze, e i doppi sen sta ventilando la questione, se sia politicamen
Un giorno essa belligera ad oltranza, e vi si, che potevano essere una dolorosa necessit te pi ragionato di agitare il paese nel senso
parla della necessita di liberar la Venezia, e politica pei deboli, ma che nei forti sarebbe di non mandare rappresentanti alla Dieta pri
non solo una colpa e un errore, ma un ele ma che il governo non abbia soddisfatto alle
vi mette la quistione d'indipendenza sul tap mento
di debolezza.
tre domande suddette, ovvero se si ha da pro
peto, ad onta che il primo ministro nel suo
I
forti,
disse un astuto diplomatico, posso vocare la nomina di deputati che assumano
discorso alla Camera elettiva abbia dimostra
to la necessit e l'intenzione del Governo di no avere il coraggio di essere onesti uomini l'obbligo di dichiarare nella prima seduta che
aggiornarla. Un altro di essa si rimpiatta tut anche in politica-e l'essere onesti pei forti essi si ritirano, se la vecchia Ungheria non
viene rimessa nella totalit dei suoi diritti e
ta dietro il principio del non-intervento e si fa questione di tornaconto.
E' tempo che la politica del Governo Ita del suo territorio antimarziano 1848.
timida e piccina, quasi abbia paura di provo liano
cessi di essere devota e sommessa ad
A Pesth ebbe luogo una nuova dimostra
care la suscettivit dei nostri cari vicini d'ol
alcuna
influenza straniera tempo ch'essa zione: essa, se ne togli la diversit di condi
tre-Mincio. Un terzo di propugna ad un punto

mentisca alla sua origine, n sconfessi zione sociale del defunto, porge un singolare
in un medesimo articolo la pace e la guerra nen
riscontro colla dimostrazione di Milano alla
Chi mi sa dire che cosa voglia veramente il lo scopo a cui tende.

La nazione vuole Roma e Venezia le vuo morte di Dandolo. Ecco cosa scrivono da Pe
giornale ministeriale? E possibile che l'al
le
non con la impazienza istantanea del gio sth, in data del 26, alla Presse di Vienna:
talena degli avvenimenti sia la causa delle
vanile
entusiasmo, ma colla ferma, incrollabi
Si celebrarono i funerali di Vribres, l'arti
sue frequenti mutazioni, ma in tal guisa rie le volonta
dell'uomo maturo che sa attende giano morto in conseguenza delle ferite ripor
sce impossibile di formarsi un criterio delle
idee del governo, e di sapere in quali acque re, ma non rinunzia al suo proposito, e si tate nella mischia di cui vi scrissi. Gi prima
del mezzogiorno il popolo s'era cominciato ad
ci troviamo. Miglior servizio renderebbe la prepara a compirlo
stampa ufficiosa se si accingesse a destare E' tempo che all'interno cessi l'applicazione affollare intorno all'ospitale, e la folla cresceva
nelle moltitudini, il sentimento della propria di quel principio che usci un giorno dalla di minuto in minuto. N'era cagione la voce
forza, la dignit della nuova posizione che bocca stessa del Conte di Cavour: Il Governo sparsa che la tumulazione dovesse aver luogo
le vittorie recenti e il volere unanime del un partito.
prima che fosse trascorso il tempo stabilito
No - il Governo del Regno d'Italia non dalla legge. Alle quattro, il corteo funebre si
popolo hanno creata all'Italia.
CoNVIENE soPRATUTTo INCULCARE CHE pu essere un partito dev'essere la nazione. pose in moto. La bara era portata da suoi ca
LA GUERRA Col L'AUSTRIA NoN puo' NE I partiti hanno passioni che loro impedisco merati. Giunta d'innanzi al teatro, il corteo
DEVE EVITARSI, MA CHE QUIsTIoNE DI no di vedere il vero e di apprezzarlo, hanno si ferm, e la bara fu benedetta, di l fu por
TEMPO, E CHE SE LA si RITARDA, GLI vendette da compiere, e ricompense da dare tata al Museo, dove fu posta sul carro e por
UNICAMENTE NELLo scopo D'IMPRENDERLA il Governo dev'essere al disopra di tutto ci. tata al cimitero della Josephstadt.

Le amministrazioni di Bertani prima, di Con


positivo, scrive un carteggio del Nuo
forti poi, sono cadute sotto il peso della publi vo Giornale di Francofort, che la nuova co
Il contegno dei governi di Napoli e Sicilia ca riprovazione perch'erano un partito, e agi stituzione content discretamente l'alta aristo
continua a temere impensierito il Ministero. rono la partito la questo tutti i loro erro crazia magiara, ed i suoi clienti delle campa
Ci sembra che quei governi non siansi seria ri, le loro colpe, le loro aberrazioni da ci gne ; ma che le citt e i piccoli nobili sono
mente acconciati alla loro condizione di pre l'assoluta incuria delle grandi necessit del pae sempre di cattivo umore. Anche i Magnati non
cariet, e non abbiano ben compreso che il se, e lo spreco dal publico denaro in premi, in accettano la costituzione se non come un prin
compito loro si limita piuttosto alla conserva ricompense, che la nazione non comprendeva, cipio, e per svilupparla in senso del dritto i
zione, di quello che non debba estendersi al e la straordinaria contusione nei pubblici im storico. In complesso le concessioni ritardano
la creazione di ordini nuovi. Parecchi decre. pieghi, e le nomine assurde, e le destituzioni secondo il citato giornale, lo sviluppo insur
rezionale dell'Ungheria.
ti e provvedimenti si di massima, come di in arbitrarie.
teresse privato, emanati anche dopo la vota
ll Cardinale Primate, di cui ridiventa gran
Se il governo del Re lascia che intorno a
zione del plebiscito, recheranno degli imbaraz s si raccolgano gli uomini di un altro par de il potere colla nuova Costituzione, pronun
zi al governo che sta per succedere. Gi si tito, e che merc sna al partito che cade si zi a Gran un discorso alle corporazioni che
prepara con dichiarazioni semi-ufficiali l' opi sostituisca un partito, esso pure pieno di pas gli fecero una visita di ringraziamento. Men
sioni, e di memorie, e di pregiudizi tornere tre esort tutti a rallegrarsi, non pot nascon
mion publica a vederli abrogati.
Non vi dissimuler il timore che uno spi mo agli stessi errori, alle stesse colpe, agli dere che grandissime sono le difficolt, che
rit, quasi di sistematica opposizione contro stessi danni, agli stessi rigori della pubblica bisogna avere pazienza, portare la croce an
quello che si fatto finora, non domini in opinione, e forse alle stesse impotenti e deplo cora qualche tempo, e tendere all'antica po
sizione legale della patria Magiara.
condotta del ministero nella scelta degli im rabili lotte con essa.
CoN MAGGIoR VANTAGGIo E con PIU' vAsTA
COPIA DI MEZZI D'OFFESA.

piegati e nelle disposizioni da emanare in Na


Poli e in Sicilia. Io ebbi occasione di parla

re con parecchi degli uomini designati ad i

IL PUNGOLO
COSE INTERNE

91

altri Stati a regolare le quistioni europee. Ep di Zurigo stipula in fatti che la Venezia reste
per il gabinetto di Vienna dichiara che nel r posta sotto l'autorit di S. M. I. e R., ci

le presenti circostanze e non si dipartir dal era a condizione che questa provincia facesse
Troviamo quanto segue nel Giornale sistema
di non intervento, salvo che non suc
Ufficiale di ieri :
cedano avvenimenti inopinati che gli ampo parte della Confederazione progettata. Ora, si
sa che nulla di quest'ultimo progetto stato
nessero il dovere d'uscire dalla sua Post realizzato.
QUINTO GRAN COMANDO MILITARE
zione d'aspettativa per guarentire i propri
Non fuori di proposito il ricordare, poi
Dal Quartier Gen. di S. Maria il 3 novembre 1860 interessi.
Ma, aggiunse il principe Metternich, ino ch vi parlo di questo trattato. che un altro
articolo riconosceva la necessit di riforme in
ll Re Vittorio Emmanuele con un telegram
nua inviatomi questa notte m'incarica di ester a questo momento il gabinetto di Vienna non dispensabili nell'amministrazione del governo
-

prevede tale eventualita, cosicch esso rimane pontificio. I due limperatori dovevano unire i
nare l'alta sua soddisfazione alle truppe co risoluto
di osservare rettamente e lealmente il loro sforzi a questo scopo. Si sa pure che nulla
mandante dall'E V.
principio di non intervento. Il principe Metter, di simile stato ottenuto: ci che diminuisce
lo sono lietissimo di essere prescelto a por nich
non cerc menomamente di dissimulare

di mlto, bisogna confessarlo, la responsabi

tare a conoscenza dell'E. V. tali sovrani sen

armamenti nel Veneto. E dichiaro al con


timenti: e sono tanto pi lieto, in quanto che gli
trario che l'Austria spender il suo ultimo uo lit del governo francese negli avvenimenti
fui, in questi pochi giorni, testimonio dell'ec mo e il suo ultimo scudo a difendere la Ve successivi che spodestarono Pio IX della mag
cellente spirito militare che regna nell'Eserci nezia e che vuol dare, coll'impieg di lul gior parte de' suoi Stati.
to Meridionale.

Il pronto successo ottenuto si deve in gran

te quante le sue forze, una sanguinos e

ai piemontesi nel caso che il reglan


parte alla coraggiosa e longanime operosit zione
di un esercito, che perseverando nel combat tuomo volesse assalire l'Austria. Egli diede
quindi chiaramente a intendere che la corte
tere giornalmente le forze nemiche, le prostra di
Vienna non acconsentir mai a st
va in modo da farle cedere al primo urto.
patto
in niuna trattazione a cedere la re
Debbo poi personalmente ringraziare l'E. V.
nezia
contro un compenso pecuniario:
per la cordiale ed efficacissima cooperazione
Finalmente il principe Metternich stato
prestatami in questa circostanza dai suoi ge
incaricato di far capire al governo francese,
nerali e dalle sue truppe.
non si potrebbe sperare dall'adunanza d'un
Spero che le buone relazioni tra i due eser che
congresso alcun utile pratico, fin a tanto che
citi si faranno ogni giorno pi intime. La con
della questione italiana non
cordia di tutti gli Italiani l'arra pi sicura nell'appreziazione
si ottenga un migliore accordo fra le grandi
del trionfo della causa nazionale.

potenze. Gi la questione della partecipazione


Il generale d'armata
DELLA ROCCA
A S

E.

- --

- L'Opinione dopo aver dichiarato che l'Au


stria ha mandato a Gaeta dei generali e del
le munizioni, crede che quella Potenza non
abbia del tutto smesso le sue velleita bellicose.

Continuano, dice l'ufficioso foglio torine


se, gli invii di rinforzi di truppe nella Vene
zia, e pi ancora di materiali e munizioni di
guerra.

Bench si vada ripetendo che l'Austria non


ha intenzione d'aggredire, le disposizioni mi
litari da essa prese negli ultimi giorni impon

gono al nostro governo l'obbligo di stare pa


rato a qualsiasi eventualit.

ai consigli del congresso incontrerebbe insu

Un'aggressione dell'Austria pu essere giu


Perabili ostacoli, poich, astraendo da tutti gli dicata un errore gravissimo ed anco poco pro
altri riguardi politici e di diritto, l'Austria babile, dopo che l'imperatore Francesco Giu

Il Dittatore Genera e Garibaldi

non potrebbe mai concedere che il Piemonte seppe ebbe si poco incoraggiamento a Varsa
apparisse giudice nella propria causa, men via ed travagliato da tante difficolt dell'in
tre le potenze occidentali finora propugnaro terno; ma, come abbiamo gi osservato, ci

in Caserta.
-

la ammissione del Piemonte ai congresso. che pare pi inverosimile potrebbe avverarsi,


A smentire le dicerie che alcuni malevoli no
L'Austria
tanto meno in ci in quanto che trattandosi di un governo, le cui deliberazio.
fan correre sul patriottismo dei cittadini di A la Prussiaceder
e la Russia hanno gi dichiarato ni dipendono esclusivamante dal capriccio del
riano, pubblichiamo la seguente lettera:
positivamente di esser della medesima opi SOVI'ano.
Quartier generale di Ariano 16 ottobre 1860. nione .
Conviene tuttavia osservare che n a Vien

Non voglio lasciare questa generosa citt


ma n a Parigi si crede ad un attacco, e ne
senza ringraziarla, signor sindaco, in modo
pure una prova il rialzo dei fondi publici.
particolare per la zelante operosit colla qua - Sono degne di nota le seguenti conside Leggesi nel Nord del 31 ottobre:
le ella si prest, a piena soddisfazione mia, razioni del corrispondente parigino dell'Inde Il nostro corrispondente di Pietroburgo parla
Belge sugli ultimi avvenimenti po del sincero rincrescimento dal quale fu colpito
in Pro della colonna di reali truppe da me co. fidance
mandata, e pregarla nel tempo stesso d'espri litici:
il pubblico russo per la partenza della lega Tutto stato detto sull'abboccamento di zione sarda da questa capitale. Questi rincre
mere alla Guardia Nazionale, non che alla po
polazione tutta, la mia gratitudine per la cor Varsavia, e non si porebbe che ripetersi con scimenti sono una nuova prova delle vive sim
diale e festosa accoglienza fatta a me ed ai cludendo che nulla uscito da queste confe patie che la nazione russa professa per la causa
miei soldati: alta testimonianza della loro fer. Tenze, tanto annunziate, che debba avere qual italiana, che si rivolgono tanto all' individuo
mezza di proposito nel volere l'Italia unita sot che influenza sugli avvenimenti attuali. Cos che al personaggio politico. Il marchese Sauli

il glorioso scettro di S. M. il Re Vittorio cominciasi a credere se non alla pace completa, nel suo soggiorno a Pietroburgo seppe conci
Emmanuele.
Per l meno ad una tregua molto prolungata. liarsi la stima e l'amicizia di tutte le classi.
. L'Austria, il fatto certo, ma rigettato - Scrivono da Vienna 29 ultimo al Gali
Il General comandante
gli atti del Piemonte, sui discorsi bellicosi gnani:
s- e

DE SoNNAz

Al Sig. Sindaco della Citt di Ariano


a- e--

NOTIZIE ESTERE ED ITALIANE

del Parlamento di Torino , sull'attacco della


L'Imperatore giunse da Varsavia colla ferro
Venezia altamente annunziato per la primave via di Schoenbrunn. S. M. era molto seria e

ra: i formidabili preparativi di guerra accu pensierosa, Fece sapere alle autorita che sta
mulati da essa in quest'ultima provincia.
vano ad aspettarla che non voleva alcuna sor
ssa ha dato al governo francese le pi ta di dimostrazioni.
Psitive guarentigie che quest'attitudine presa Questa dichiarazione pose nell' imbarazzo i

Il seguente carteggio da Parigi della Gaz da lei non aveva che una significazione pura civici magistrati i quali dovettero opporsi ad u.
tta d'Augusta ci fornisce alcuni particolari mente difensiva. Resta a sapere se questa mo na processione in onore dell'Imperatore, pro
sul tuono del linguaggio, adoprato dal principe derazione e questa prudenza non risultino, pel posta dagli Studenti.
di Metternich a Parigi nelle sue conferenze col gabinetto di Vienna, da disinganni provati dal
Le notizie dell'interno dell'Impero annunzia
ministro Thouvenel e coll'Imperatore. Ecco il l svrano a Varsavia. Ora si pretende che no che le recenti concessioni lmperiali non a
in cambio di queste disposizioni concilianti, di vevano disgraziatamente prodotto quei favore
carteggio:
ncessioni fatte dall'Austria alla pace voli effetti che si aspettavano. Nella Stiria e
.." tutto l'ambasciatore austriaco ha IIla "
nifestato la ferma risoluzione dell'imperatore dell'Europa, si sarebbe tentato, dopo il ritorno nella Carinzia particolarmente le Costituzioni

Francesco Giuseppe di dareeno nel modo pi del principe di Metternich ,

di ottener dalla accordate furono mal ricevute.

leale e nella maggiore estensione alle riforme Francia la sua garantia per la conservazione
trattato
Venezia,
locch sembra gi consacrato
ncesse al suo popolo, stante che il rinvigo dal
di Zurigo.
rimento del governo austriaco giace appun
Si aggiunge che su questo punto l'Impe

nella sua interna rigenerazione in a tan


to che il gverno austriaco non ha sciolto que re avrebbe evitato d'impegnarsi. Ma in tutti
sto compito difficile come complicato, io i casi, e quale che sia l'autenticit dei rag
ggli che circolano su questa trattativa in
puo pensare a intervenire direttamente i pegnata,
bene il ricordare che, se il trattato

Lamoricire sta per pubblicare la rela


zione intorno all' ultima sua campagna. Pare
che sulla domanda del papa, egli siasi indot
to a modificarla, per renderne possibile la pu
blicazione. Questa relazione conteneva tratti
troppo amari per la Francia.
Lettere di Roma dicono che lo stesso

Francesco Il giudica la propria posizione di

92

IL PUNGOLO

il

perata: Il marchese Zappi stato nomi conferenza di Varsavia pu ormai esser con ze, con una misura poco provvida fa aumen
tar d' un franco a libbra una merce, che
quasi tutta consumata nell'infima classe. Una
immenso quantit di pipe di gesso culottico so

nato generale

delle truppe papaline. Il ge siderato come certo. Il principe di Metternich


ha pi volte, dacch ritornato, favellato col
Il signor di Corcelle ed il principe di Li l'Imperatore dei Francesi. Nell'ultimo colloquio
gne sono partiti per Genova e Torino per por fu messa di bel nuovo in campo la dimenticata
tar soccorsi ai prigionieri di guerra e prepa idea della Confederazione, e l'Austria doman
nerale Schmidt sar messo in ritiro.

no

state

trovate

nel cortile delle Tuileries.

Questa significante dimostrazione voleva dire:


rare la loro liberazione
dava che le si assicurasse la possessione del giacch ci s'impedisce di fumare, ecco le pipe,
Le truppe francesi a Roma ascendono a la Venezia , mantenendosi per essa la condi non ci servono pi Varii arresti sono stati

fatti, ma se non si provvede diversamente, gli

zione indicata in Villafranca , val dire di far

15.000 tromini.

arresti

Il papa ha ricevuto 200,000 duros (pi di parte d'una Confederazione italiana. Tutto quel

non

diminuiscono certamente il mal

lo che l'Austria ha potuto ottenere finora dal


la Francia, il principio di non intervento da
serbarsi anche nel caso che l'Italia, o, come
essa dice, il Piemonte l'attaccasse. Ma, anche
con questo simulacro di promessa, non avver
rebbe mai che la Francia permetterebbe al

pu nascer qual
che grave avvenimento. Quest'aumento porte
r, vero, da trenta milioni al pubblico era rio; ma non giusto che gravitino sul basso
popolo. Era pi equo aumentare il prezzo dei
sigari di lusso; o anche quelli da due soldi

Turr doveva prender parte, sia stata aggior errore. Quest' inviato straordinario nell'An

so alle cantonate: la notizia d'una vittoria

un milione di lire) provenienti dal danaro di

S. Pietro, raccolto nel Messico.


La Patrie accennando al dispaccio in
data di Napoli 23, annunziante che il gene

contento, e da S1 lieve causa

rale Turr erasi imbarcato colla sua divisione


per destinazione ignoti, soggiunge che diffat
ti, il 21, il generale ricevette da Garibaldi or l'Austria di estender il suo dominio sulla Lom in su. La pipa, generalmente, il sollievo del
l'operaio, del soldato, dell'Artigiano.
dini nel senso del dispaccio in discorso ; ma bardia o in altra parte quasiesi dell'Italia.
Al momento di chiuder la presente, mi si
Il barone di Hubner non partito per Vien
che dopo , questi ordini furono revocati. Di
cesi elie l'operazione, alla quale il generale na, come i giornali l'hanno annunziato per annunzia che un dispaccio telegrafico affis

jon dove andato a veder sua figlia. pro riportata dal Corpo di spedizione anglo-fran

giata.
-, a

is

babile che in seguito riparta per Vienna.


cese in Cina. Oggi uno dei cinque giorni
L'addio di Klapka ai suoi amici e compa in cui non si pubblicano giornali; (Ognissan

a
-

- ,

il

to

triotti stato una buona e bella dimostrazio ti ). Il governo non ha voluto ritardare sino
Napoli 5 novembre 1860
Il Segretario Generale del Governo al Gene ne in favore dell'Ungheria. L'illustre proscrit a domani l'annunzio di questa vittoria. Do
rale bitt tore, Prodittatore, Duca di Ver

to ha parlato del prossimo risorgimento della mani l'avr il Moniteur, e con pi ampi par
sua patria, rispondendo cosi a quel che si disse ticolari. La pace con l'Impero Cinese ne sar

dura e Generale Tirr in Napoli.


il Presidente deila Suprema Corte di Giusti della soddisfazione dimostrata dall'Ungheria la conseguenza, ed in questo caso i soldati
zia ha promulgato solennemente il risultato del alla promulgazione dell'atto Sovrano di Fran francesi andati col passeranno in Cocincina,
ove la resistenza pi seria.
Plebiscito. 432.034 voti pel Si, e 667 pel N. cesco Giuseppe.

Entusiasmo generale.
Palermo 4, ore
poin.
5, ore 7 a:lin.

agio

e ! e

- tri, i

azzi:

- i ti

Non credete alle voci sparse sul grido di

Questa mane giunto anche un dispaccio

Viva l'Italia, che vuolsi levato dalle mili

telegrafico con l'annunzio dell'opposizione fat

zie francesi alla rivista di jeri l'altro. Alcuni ta dell'ammiraglio Barbier de Tinan alla flot
hanno anche preteso che questo grido era ta italiana intesa ad attaccar Gaeta. L'impres
stato alzato in seguito di ordini dati, e che il sione prodotta da quest'annunzio stato il
Governo avrebbe voluto cosi mostrare che lo

RECENTISSIME

pi vivo malcontento. Dappertutto dicevasi :


Ov' dunque il principio di non intervento?

spirito militare favorevole alla causa italia

na. Non c' stato n l'ordine, n il grido. perch non lasciare gl'italiani combettere tra
Tutte le recentissime interne d'oggi si rias

L'esercito non contrario alla causa italia


na; ma le cose d'Itaila vanno abbastanza

loro?

stifilono nell'arrivo del Re che avverr positi


vamente, come ieri abbiamo annunciato, do bene perch non vi sia bisogno di suscitare
i tagli, lercoledi, alle ore 10 antin.
entusiasmo guerriero nei soldati francesi. Ove

il la sera stessa si rechera a S. Carlo.

- --

DAL CAMPO

Mola di Gaeta 5, mezzanotte

vi fosse collisione in avvenire tra l'Austria

i Municipio affretta i lavori pel ricevimen e l'Italia, l'esercito francese non mostrerebbe
Caro amico
to-ma im