You are on page 1of 2

Diario di bordo 1 02/05/2016

In questa giornata di tirocinio svolgo 5 ore di osservazione tutor allinterno della sua
classe. una classe della scuola dellinfanzia con bambini di 3 anni. Questa giornata
allinterno della classe molto intensa e ricca di attivit e giochi. Inizialmente la tutor
fa svolgere delle schede a tre bambini che non lavevano svolte nelle giornate
precedenti, successivamente lascia i bambini per qualche decina di minuti liberi di
giocare. Io mi siedo insieme alle bimbe e le aiuto a costruire un puzzle delle
principesse. Una volta completato faccio alcune domande sui colori che vediamo in
questo puzzle. Rimesso tutto a posto svolgono unattivit di pittura: devono dipingere
su un foglio il cielo blu. La tutor li segue molto in questa attivit e mostra loro come si
dipinge. Al termine di questattivit la maestra fa sedere tutti i bimbi in semicerchio e
fa delle domande ai bambini sulla loro mamma. Ognuno di loro le dice il nome della
loro mamma e racconta un avvenimento che le capitato. La tutor registra tutte le
parole o le frasi che i bambini formulano e ci fa osservare che attraverso queste
semplici domande pu osservare e analizzare tante competenze che il bambino
acquisisce pian piano. Al termine di questattivit i bambini, recitano a piccoli gruppi la
poesia della mamma e dopo averla recitata fanno un grande girotondo! I bambini si
risiedono e la tutor prende un grande tappeto dove i bimbi si siedono e consegna a
loro delle tessere di legno. Poi da un sacchettino tira delle altre tessere che
completano quelle che erano state precedentemente consegnate ai piccoli: a secondo
di ci che rappresentato nella tessera che la maestra tira fuori i bambini devono
capire chi tra di loro ha la tessera mancante. Al termine di questo gioco cattura la mia
attenzione un bambino D. che non avevo notato tanto subito. D, presenta un
linguaggio povero e con alcune parole di difficile comprensione e ha delle crisi molto
forti e che a detta dellinsegnante si devono bloccare il prima possibile: grida,
piange,corre, urla e si botta a terra senza avere nessuna preoccupazione del male che
si pu procurare. La maestra ha unottima capacit di tranquillizzarlo: prima lo ferma,
gli parla e lo accarezza per far sentire a lui il contatto. Dopo un po riesce a
tranquillizzarlo. Durante lattivit delle tesserine D. ha una buona capacit di collegare
le tessere mancanti. La sue crisi iniziano soprattutto nel momento di cambio di
attivit. Dopo lintervallo, linsegnante presenta ai bambini un altro gioco per
sviluppare il concetto di uno, pochi, tanti: sistema tre cerchi a terra e davanti ad
ognuno sistema tre ciotole in cui sistema dei colori; i bambini devono saltare
allinterno del cerchio che ha davanti la ciotola con la quantit di colori indicata
dallinsegnante. Attraverso questo gioco i bambini memorizzano molto bene il
concetto perch si impegnano a mantenere lattenzione. Al termine di questaltra
attivit i bambini escono fuori e giocano tra di loro. Al rientro, facendo un balletto
prendono il loro zainetto e si siedono in attesa delluscita.
Durante questa giornata di tirocinio ho completamente cambiato la mia visione della
scuola dellinfanzia: ho visto molte cose che i bambini possono fare, ho scoperto
giochi, tecniche per mantenere lattenzione, attivit che aiutano a crescere e molte
altre cose che mi hanno messo davanti ad una realt che non immaginavo. Le
giornate organizzate dalla tutor sono ricche di attivit mai banali e sempre con uno
scopo educativo. Ho notato come lAlessi analizza e raccoglie tutto quello che i
bambini dicono o fanno. Ogni gioco che lei presenta non soltanto un modo per
intrattenere i bambini, ma ha in s un carico di insegnamenti. Inoltre ho molto
osservato il suo modo di porsi ai bambini, come gli parla, li ascolta. Una cosa che ho

notato molto stata il suo modo di parlare ai bambini quando sbagliano: si inginocchia
abbassandosi alla loro altezza e li guarda molto negli occhi; non li sgrida ma utilizza
molto lo sguardo per comunicare. stata assolutamente una giornata ricca
dinsegnamenti sia per i bambini, sia per me che al termine di questa giornata ho
potuto notare molte di quelle sfumature che nellesperienza nella classe precedente
non ero riuscita a cogliere.