You are on page 1of 1

03/05/2016

Questa giornata di tirocinio si svolge allinterno della classe della tutor. Anche questa
giornata, come quella di ieri, ricca di attivit. A prima ora i bambini vengono portati
da unaltra insegnante in aula video mentre io, la mia collega e linsegnante
rimaniamo in aula a preparare lattivit che i bambini devono svolgere: incolliamo le
forme delle loro manine su dei cartoncini e poi loro dovranno sistemare delle stecche
colorate per formare la cornice. Questo quadretto il regalo per la festa della mamma.
Al loro rientro in classe la maestra fa svolgere loro questattivit. Al termine li lascia
una decina di minuti liberi di giocare. Messi da parte i giochi, i bambini si siedono a
semicerchio per passare ad unaltra attivit ma durante questo cambio D. inizia ad
avere le sue solite crisi e io, sotto preciso consiglio della tutor cerco di fermarlo e cerco
di farlo stare calmo. Il bambino continua tra grida, urla e pianti per una decina di
minuti, poi con linsistenza dellinsegnante che cerca di farlo stare tranquillo e seduto
alla sedia, si tranquillizza. Linsegnante cos inizia lattivit e chiede ai bambini di dirle
qualcosa sulla loro mamma e, come successo nella giornata precedente, scrive tutte le
risposte che i bambini le danno. Anche questa volta i piccoli ripetono la poesia della
mamma e fanno un girotondo. Al termine di questattivit notiamo che due bambine L
e S davanti alle cartelle al muro dove si trovano i disegni di tutti compagni riconoscono
a quali bambini appartengono. Incuriositi da questo, prendiamo tutte le cartelle e,
mettendole sul banco, chiediamo di chi sono: due bimbe e un bimbo riconoscono quasi
tutte le cartelle di appartenenza ai bambini. Al termine della giornata i bambini
giocano tra di loro.
Anche in questa giornata, come in quella precedente, ho notato tante sfaccettature e
tanti comportamenti la tutor mette in atto in aula per educare e formare i suoi alunni.
Ogni suo gesto non lasciato al caso. Ci comunica ogni volta, sia a me, sia alla mia
collega, il perch di una determinata azione che attua con i suoi alunni. Adesso noto
tanti piccoli particolari a cui prima non davo importanza. Questi bambini giorno dopo
giorno fanno passi da giganti. Le pratiche educative messe in atto danno i suoi frutti
velocemente, ad esempio allinterno della classe c una bambina che frequenta la
classe da circa 20 giorni ed ha 2 anni e mezzo. La bambina non conosceva alcuna
regola scolastica ed in poco tempo riuscita ad adattarsi, e pian piano inizia a
chiamare linsegnante ( se pur raramente) per chiederle qualche permesso. Avrei
preferito vivere tutto il mio percorso alla scuola dellinfanzia in questo modo perch
sto imparando tantissimo dalla tutor.