You are on page 1of 72

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

ATECO 7 - Sicurezza degli impianti


di Paolo Bianco - Ingegnere, libero professionista, consulente per gli impianti dellAzienda
USL di Rimini

Impianti di riscaldamento e condizionamento


.
.
.
.
.
.
.

Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Cenni costruttivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Sicurezza e manutenzione degli impianti termici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Apparecchi in pressione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Utilizzi sanitari del vapore pulito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Sicurezza e manutenzione degli impianti frigoriferi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Manutenzione degli impianti e dei terminali idronici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.

5
5
7
12
13
16
21

pag.
pag.
pag.
pag.

23
23
26
27

Illuminazione degli ambienti di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.


Illuminazione di emergenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.

28
30

Distribuzione dei gas medicali


Cenni costruttivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. Gas comburenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. Gas infiammabili e gas inerti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. Continuita` del servizio gas . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.

Illuminotecnica
.
.

Impianti elettrici
.
.
.
.
.
.
.
.

Legislazione e normativa tecnica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


Elettrotecnica generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Il rischio elettrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Equipotenzialita`, masse e contatti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Interruzione automatica dellalimentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Bassissima tensione, luoghi MARCI e sovratensioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Locali ad uso medico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Ridondanza e alimentazione di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.

33
33
34
36
40
46
49
56

Verifica degli impianti elettrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.

60

Manutenzione e verifiche elettriche


.

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas


Verifiche nei locali medici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.
. Sicurezza e qualificazione degli operatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.
. Lavori su apparecchiature elettriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.
.

62
62
64

Appendice: la conformita` degli impianti


Documentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.
. Impianti negli edifici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.
. Progetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.
. Manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.

67
67
67
68

Bibliografia

69

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.

REDAZIONE
Per informazioni in merito agli argomenti
trattati scrivere o telefonare a:

AMMINISTRAZIONE
Per informazioni su gestione abbonamenti,
numeri arretrati, cambi dindirizzo, ecc.
scrivere o telefonare a:

IPSOA Redazione

MENSILE DI FORMAZIONE
E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Casella Postale 12055 - 20120 Milano


telefono (02) 82476.022 - 023
telefax (02) 82476.436
e-mail: sicurezzambiente@ipsoa.it

EDITRICE
Wolters Kluwer Italia s.r.l.
Strada 1, Palazzo F6 - 20090 Milanofiori Assago (MI)
DIRETTORE RESPONSABILE
Donatella Treu

IPSOA Servizio Clienti


Casella postale 12055 20120 Milano
telefono (02) 824761
telefax (02) 82476.799
Servizio risposta automatica:
telefono (02) 82476.999

ABBONAMENTI
Gli abbonamenti hanno durata annuale e si intendono
confermati per lanno successivo se non disdettati
entro la scadenza a mezzo semplice lettera.
ITALIA - Abbonamento annuale: E 100,00

REDAZIONE
Donatella Armini, Marta Piccolboni, Maria Lorena Radice

ESTERO - Abbonamento annuale: E 200,00

REALIZZAZIONE GRAFICA
Ipsoa - Gruppo Wolters Kluwer

Arretrati: prezzo dellanno in corso allatto della richiesta

FOTOCOMPOSIZIONE
ABCompos s.r.l.
20089 Rozzano (MI) - Via Pavese, 1/3-Tel. 02/57789422
PUBBLICITA`:

db Consulting srl Event & Advertising


via Leopoldo Gasparotto 168
21100 Varese
tel. 0332/282160
fax 0332/282483
e-mail: info@db-consult.it
www.db-consult.it
Autorizzazione del Tribunale di Milano n. 438 del 18 giugno 1999
Tariffa R.O.C.: Poste Italiane Spa - Spedizione in abbonamento Postale
D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, DCB Milano
Iscritta nel Registro Nazionale della Stampa
con il n. 3353 vol. 34 Foglio 417 in data 31 luglio1991
Iscrizione al R.O.C. n. 1702

Prezzo copia: E 9,00


STAMPA
GECA s.p.a. - Via Magellano, 11 - 20090 Cesano Boscone (MI)
DISTRIBUZIONE
Vendita esclusiva per abbonamento
Il corrispettivo per labbonamento a questo periodico
e` comprensivo dellIVA assolta dalleditore
ai sensi e per gli effetti del combinato disposto
dellart. 74 del D.P.R. 26/10/1972, n. 633
e del D.M. 29/12/1989
e successive modificazioni e integrazioni.
Egregio abbonato,
Ai sensi dellart. 13 del D.Lgs. n. 30.6.2003 n. 196. La informiamo che i Suoi dati
sono conservati nel data base informatico del titolare del trattamento, Wolters Kluwer
Italia S.r.l. Responsabile del trattamento: Ufficio MID. Lelenco aggiornato di tutti i responsabili del trattamento potra` essere richiesto per iscritto allUfficio MID presso la
sede della societa`. I Suoi dati saranno utilizzati dalla nostra societa`, da enti e societa`
esterne ad essa collegati, nonche da soggetti terzi, titolari autonomi del trattamento,
solo per linvio di materiale amministrativo-contabile, commerciale e promozionale.
Ai sensi dellart. 7 del citato D.Lgs., Lei ha diritto di conoscere, aggiornare, rettificare,
cancellare i Suoi dati, nonche di esercitare tutti i restanti diritti ivi previsti, mediante
comunicazione scritta a Wolters Kluwer Italia S.r.l., Ufficio MID, Milanofiori, Strada
1-Palazzo F6, 20090 Assago (Mi).

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Impianti
di riscaldamento
e condizionamento
 Premessa
Dopo la prima lezione interamente dedicata agli impianti di climatizzazione e idrici, verranno affrontati in questa seconda parte gli argomenti relativi agli impianti di riscaldamento e condizionamento e
quelli rilevanti per luso e la distribuzione dei gas medicali.
Infine, si cerchera` di fornire alcune indicazioni in merito ai temi predominanti tra quelli afferenti al vastissimo tema del rischio elettrico
(argomento specificamente introdotto nel nuovo TU sicurezza [1]) e
alle apparecchiature e agli impianti elettrici in generale.
Si ricordi sempre che gli argomenti impiantistici sono tra loro legati
indissolubilmente, visto che il concetto chiave e` sempre piu` destinato ad essere quello dellintegrazione tra i vari impianti; ad esempio
gli impianti di condizionamento sono apparecchi caratterizzati da
consumi elettrici molto elevati, e le problematiche poste dagli impianti di distribuzione dei gas medicali e combustibili hanno importanti riflessi sulle prescrizioni relative al controllo del rischio di
esplosione, argomento che incide fortemente sulla classificazione
delle apparecchiature elettriche utilizzabili.
Per organicita` di trattazione, in questa seconda parte saranno affrontate inoltre le problematiche illuminotecniche, sia relative allilluminazione normale, sia di emergenza.

 Cenni costruttivi
A rigore, un impianto che non realizza il controllo dellumidita` relativa non potrebbe essere chiamato impianto di climatizzazione, anche se a livello normativo la situazione e` piuttosto confusa, e le norme UNI stesse a volte impiegano climatizzazione invernale come
sinonimo di riscaldamento, cosa che ovviamente non e`.
Comunque sia, con riscaldamento e condizionamento si intendono
in questo lavoro tutti gli impianti non ad aria, ovvero tutti gli impianti che funzionano utilizzando per il trasporto del calore mezzi diversi
dallaria stessa (che quindi tramite essi non viene ricambiata, al massimo ricircolata allinterno del medesimo ambiente).
Fondamentalmente un impianto di riscaldamento puo` ritenersi costituito dallalimentazione di un combustibile (liquido o gassoso),
che viene fornito ad un generatore di calore, il quale tramite il processo di combustione trasferisce calore a un fluido vettore (che puo`
essere, piu` frequentemente, acqua oppure vapore), il quale poi viene
distribuito tramite una rete fino ai terminali: questi terminali possono essere deputati al diretto riscaldamento degli ambienti (come i

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Impianti idronici

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Espansione
diretta

radiatori o i pannelli radianti), oppure al trattamento dellaria negli


impianti di climatizzazione (batterie di scambio termico delle UTA
e dei fancoil).
Allo stesso modo, un impianto di condizionamento sara` costituito da
un gruppo frigorifero (equivalente del generatore, ma generalmente
alimentato elettricamente, sicche lequivalente del combustibile non
ce`), da un fluido termovettore (di solito acqua refrigerata) da una
rete e da terminali, a volte gli stessi del precedente (es. ventilconvettori), piu` spesso distinti.
Anche se a livello normativo e` in atto uno spostamento sempre piu`
deciso dellimpiantistica verso la soluzione dellimpianto di climatizzazione ad aria, sulla spinta di requisiti minimi di ricambio, in modo
da garantire una maggiore salubrita` degli ambienti, la necessita` delluso di questi impianti e` comunque imprescindibile.
Lelevato costo energetico dellutilizzo dellaria come vettore di calore, infatti, rende improponibile la realizzazione di impianti a tuttaria: la soluzione maggiormente adottata, tanto in ristrutturazione
che in nuova realizzazione, quindi, e` quella di realizzare un impianto
ad aria dotato dei requisiti minimi di ricambio imposti dalla normativa, e utilizzare poi impianti idronici (che utilizzano cioe`, lacqua come vettore) come integrazione.
A questa soluzione tradizionale sempre piu` va affiancandosi il ricorso a impianti del tipo ad espansione diretta, basati cioe` su un vettore
energetico che non e` piu` lacqua, bens` un fluido refrigerante (in particolare nelle ristrutturazioni, o comunque nellintegrazione frigorifera, ad esempio con i sistemi ben noti).
Come quelli ad aria, anche gli impianti idronici sono per loro natura
centralizzati, portando quindi a delle problematiche specifiche allinterno delle centrali tecnologiche (anche solo per una semplice questione dimensionale, vista lestensione che possono raggiungere i
complessi ospedalieri): i due impianti sono poi fittamente interconnessi, visto che e` compito dellimpianto di riscaldamento e condizionamento provvedere ad alimentare le batterie con cui le centrali
trattano laria (Figura 1).
Viceversa gli impianti ad espansione diretta, anche quando non basati su climatizzatori autonomi, sono di estensione relativamente limitata, a causa dei limiti normativi cui sono sottoposti.
Come ultima annotazione, non si deve dimenticare che in una struttura ospedaliera, a meno che non si faccia ricorso a servizi esterni,
vi e` sempre la necessita` di disporre di vapore acqueo, anche al di
fuori dellumidificazione: esso viene impiegato infatti sia nei processi di cottura degli alimenti, sia soprattutto in quelli di sterilizzazione
di indumenti ed attrezzature di lavoro chirurgiche. Compiti fondamentali, che richiedono che il vapore stesso sia dotato di particolari
caratteristiche, tali da far nascere in ambito tecnico la denominazione vapore pulito.

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Figura 1 - Impianto idronico

 Sicurezza e manutenzione
degli impianti termici
Per la loro diffusione, gli impianti termici e in particolare i generatori di calore sono stati oggetto di legislazione specifica fin da tempi
che si possono considerare remoti; il primo riferimento in materia di
controlli di sicurezza relativi a questi impianti e` infatti il R.D. 824/
1927 [58] (tuttora vigente, anche se numerose volte aggiornato).
Rimandando gli aspetti relativi allalimentazione al capitolo dedicato
ai gas combustibili, il primo e fondamentale elemento da considerare in un impianto termico e` ovviamente il generatore: il discrimine
fondamentale in materia e` il D.P.R. 660/1996 [59], che sotto un titolo
apparentemente neutro in realta` introduce le procedure di conformita` e marcatura CE per i generatori di calore; si tratta di un vero e
proprio anno zero ai fini della sicurezza di queste apparecchiature; la presenza in un impianto di un generatore precedente a questo
decreto (o comunque non conforme) andra` valutata come fonte di
rischio primaria, predominante rispetto a qualsiasi altra considerazione (e` la statistica sugli incidenti a fornire questa indicazione: i generatori di entrata in esercizio precedente al decreto sono la prima
causa di incidente).
Limpianto termico e` caratterizzato anche dalla presenza di un fluido
termovettore, che puo` essere acqua calda (soluzione piu` comune),
acqua surriscaldata (soluzione oramai abbandonata quasi ovunque,

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Generatori
di calore

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Denuncia ISPESL

Dispositivi
di sicurezza

per le problematiche di regolazione che comporta), oppure vapore


(soluzione tradizionale degli impianti ospedalieri di grandi dimensioni, per via della necessita` di produrre comunque vapore per gli
utilizzi sanitari).
Sommariamente, liter procedurale da rispettare per garantire la sicurezza di un impianto termico consiste in primo luogo, ai sensi
del decreto suddetto, nella cosiddetta denuncia di impianto termico
allISPESL.
Ogni impianto termico deve infatti essere progettato nel rispetto dei
requisiti di sicurezza previsti dal D.M. 1 dicembre 1975 [60], che stabilisce, di concerto con il R.D. 824/1927, gli accessori di sicurezza
che devono accompagnare il generatore di calore per garantirne il
corretto funzionamento; allegate al decreto stesso sono infatti le cosiddette raccolte ISPESL, consistenti in una collezione di indicazioni
di progettazione dei dispositivi di sicurezza stessi, che variano in primo luogo a seconda del tipo di fluido vettore, come detto, ed in secondo luogo a seconda che il combustibile sia solido, liquido o gassoso.
Per i generatori ad acqua calda, che costituiscono la tipologia piu`
diffusa, le prescrizioni sono stabilite dalla Raccolta R (ultima edizione 2005, per armonizzarla con la norma UNI 10412-1 [61]), per lacqua surriscaldata le prescrizioni discendono dalla Raccolta H, mentre per i generatori di vapore non esiste una raccolta univoca, ma
valgono le prescrizioni del R.D. 824/1927 per gli apparecchi di sicurezza, oltre che le parti applicabili di numerose ulteriori raccolte
ISPESL (VSR, VSG, M, S): lentrata in vigore della direttiva cosiddetta PED (dedicata agli apparecchi in pressione), che verra` affrontata
poco piu` avanti, ha reso necessaria una fase di armonizzazione delle
suddette specifiche nazionali alla direttiva europea, culminata nellemanazione della Raccomandazione CTI 02-5 [62].
Come si vede, la legislazione in materia e` parecchio complicata: ogni
centrale termica di potenzialita` sopra i 35 kW (cioe` tutte, in ambito
sanitario), comunque, deve essere accompagnata dalla relativa pratica ISPESL ai sensi del D.M. 1 dicembre 1975: in essa dovra` essere
dimostrata la conformita` normativa degli apparecchi e dei dispositivi di protezione alla normativa vigente; tali apparecchi sono (o possono essere, in relazione al tipo di impianto):
vaso di espansione: e` il componente piu` importante, in quanto garantisce la possibilita` allacqua contenuta nellimpianto di espandersi e contrarsi con la temperatura, senza causare ne disservizi ne
scoppio delle tubazioni per eccessiva pressione; per questo motivo,
e` esplicitamente vietato che siano presenti dispositivi di intercettazione posti tra generatore e vaso stesso; puo` essere di tre tipi:
1) vaso aperto: e` una tecnologia diffusa negli impianti con una certa
eta`, in quanto si tratta di realizzare una semplice vasca a contatto
con laria da porre nel punto piu` alto dellimpianto (solitamente in
copertura delledificio): a questa semplicita` (ed economicita`) costruttiva fanno da contraltare alcune problematiche di gestione

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

(quali ad esempio lingresso di ossigeno in rete, che puo` portare a


corrosione delle tubazioni);
2) vaso chiuso a membrana: e` la tipologia piu` frequente negli impianti di piccole dimensioni; elimina i problemi del vaso aperto,
non richiedendo particolari attrezzature grazie alla precarica (in pratica, la variazione di volume e` ottenuta attraverso una membrana
flessibile che separa lacqua da un gas compresso, solitamente aria:
la variazione di pressione del liquido fa s` che la membrana comprima piu` o meno laria, la quale assorbe le variazioni di volume);
3) vaso autopressurizzato: e` una tipologia di vaso impiegato per impianti di grandi dimensioni: invece della precarica (impiegabile solo
per piccoli volumi), la membrana e` tenuta in pressione da un sistema
di pompaggio a pressione variabile, che si adatta alle variazioni dellimpianto: tale sistema e` ovviamente piu` delicato, e richiede un continuativo controllo dellefficienza del sistema di pressurizzazione.
valvola di sicurezza e valvola di scarico termico: sono impiegate
nel caso di vaso chiuso (di qualunque tipo): garantiscono rispettivamente che nellimpianto non siano presenti una pressione o una
temperatura tali da provocare problemi al generatore (con possibile
scoppio di questultimo), intervenendo al raggiungimento dei valori
limite: oltre alla criticita` del dimensionamento (secondo le norme
gia` richiamate), poiche queste valvole intervengono espellendo allesterno il fluido in eccesso, risulta critico anche il posizionamento
delle stesse: se lasciate allinterno dei locali CT infatti esse possono
costituire pericolo per loperatore, che potrebbe trovarsi inavvertitamente esposto ad emissione di acqua calda a temperatura di 80-100
8C (quando non proprio vapore), con le prevedibili conseguenze:
tubo di sicurezza: si tratta di un accessorio impiegato con il vaso
aperto, e dal funzionamento simile alla valvola di scarico (fondamentalmente interviene come scarico di troppo pieno, ad evitare
uno sversamento del vaso);
se il generatore e` adibito anche alla produzione dellacqua calda
sanitaria (caso non molto comune in ambito ospedaliero), sara` presente anche la relativa valvola di sicurezza sul circuito ACS;
indicatori di livello: si tratta di un accessorio specifico per generatori di vapore (ogni generatore deve disporre di almeno due di essi),
atto a verificare che il livello dellacqua in caldaia sia tale da non lasciare scoperte le superfici di riscaldamento dei tubi attraverso cui
passano i fumi (situazione catastrofica per la tenuta dei tubi stessi,
non piu` raffreddati dal liquido).
Gli obblighi in materia non si fermano alla fase di avvio dellimpianto stesso, ma prevedono una verifica a scadenze quinquennali di
tutti i dispositivi di sicurezza (a cura della AUSL competente);
per i generatori di vapore, oltre che alle verifiche iniziali (in cui sara`
prevista anche una prova idraulica secondo le indicazioni del R.D.
824/1927), e` prevista una serie di prove periodiche sia sui generatori
stessi (prova a caldo e visita ispettiva interna, a cadenze biennali
alternate, di modo che ogni anno sia effettuata almeno una delle

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Emissioni
in atmosfera

10

due), sia sui dispositivi di sicurezza e protezione (a cadenza decennale).


Quale che sia il fluido, un processo di combustione produce ovviamente anche dei fumi, che devono essere immessi in atmosfera: la
legislazione in materia ha subito alcune evoluzioni, a partire dalla
prima e fondamentale legge 615/1966 [63] (con relativo regolamento
di attuazione, D.P.R. 22 dicembre 1970 n. 1391 [64]), rimasta in vigore fino allemanazione del D.Lgs. 152/2006 [41].
Ladeguamento alle prescrizioni contenute in questultimo decreto
per gli impianti ad uso civile e` obbligatorio entro il 29 aprile 2009,
scadenza oramai non molto lontana (anzi gia` scaduta, in quanto la domanda di autorizzazione andava presentata 18 mesi prima, e cioe` entro il 29 ottobre 2007); allegata alla denuncia deve essere presentata
la misura dei valori di emissione (come da Allegato X alla parte V) e i
documenti che attestano lespletamento delle manutenzioni e delle
prove richieste per lavvio (come da libretto di centrale, vedi infra).
La disciplina relativa alle emissioni in atmosfera e` contenuta nella
parte V del D.Lgs. 152/2006; in particolare, lart. 269 regola la richiesta di autorizzazione che, ai sensi del comma 14, risulta obbligatoria
per impianti alimentati a gasolio di potenza superiore a 1 MW e a gas
metano di potenza superiore a 3 MW (queste soglie sono piuttosto
facili da superare in ambito ospedaliero, giacche per potenza dellimpianto si intende la somma di tutti i singoli generatori presenti).
Comunque sia, per tutti gli impianti termici civili sopra i 35 kW, lAllegato IX alla parte V del D.Lgs. contiene i requisiti tecnici che gli
impianti stessi ed i loro componenti devono rispettare, mentre lAllegato X disciplina i requisiti in materia di valori limite di emissione,
a seconda della tipologia di combustibile, come richiesto dal Titolo
III (che si applica a tutti gli impianti termici).
Per gli impianti che superano le soglie dellart. 269 si applicano le
disposizioni del titolo I: devono essere soddisfatte le prescrizioni
in materia di convogliamento dei fumi (art. 270), rispettati i valori
di emissione di cui allallegato I (art. 271), misurati secondo le metodiche di allegato VI: gli impianti civili sopra soglia, cioe`, vengono
in tutto assimilati agli impianti industriali.
Gli impianti che risultano sotto le soglie indicate, invece, devono rispettare invece le prescrizioni del Titolo II.
Si noti che il decreto prevede labilitazione alla conduzione sopra i
230 kW per i manutentori (vedi oltre), la denuncia di cui si e` gia` detto (entro 90 giorni per i nuovi impianti), ma soprattutto leffettuazione di analisi delle emissioni, da operarsi con cadenza almeno annuale (art. 286); queste ultime potranno essere evitate, solo per gli impianti ricadenti in Titolo II, tramite lattestazione delle manutenzioni
richieste ai sensi dei decreti sul risparmio energetico (v. infra).
Infine, se limpianto supera la soglia di 1,163 MW, andranno previsti
sistemi di misurazione in continuo dei principali parametri chimicofisici, quali temperatura e pressione alla base dei camini, percentuale in volume di CO2, CO e H2, con obbligo di registrazione dei dati in

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

continua sopra i 2,326 MW (si rimanda ancora allallegato IX per ulteriori indicazioni).
Quanto visto in precedenza non esaurisce certo gli adempimenti
previsti per le centrali termiche: un ruolo sempre piu` preponderante
negli adempimenti previsti e` quello della legislazione in materia di
risparmio energetico; per effetto del recepimento delle direttive europee, la legislazione essenziale e` costituita dalla legge 10/1991 [24],
dal D.P.R. 412/1993 [25] e dal D.Lgs. 192/2005 e s.m.i. [26].
Dal punto di vista della conformita` normativa, ogni impianto termico deve essere corredato della relativa pratica che, ai fini impiantistici, prevede il progetto dello stesso e dimostra il rispetto dei requisiti in materia di rendimento e possibilita` di regolazione del medesimo. La questione ha importanti ricadute anche sulla sicurezza, in
quanto i decreti citati impongono di individuare un responsabile dellesercizio e della conduzione dellimpianto stesso.
Tale figura (che solitamente e` la ditta incaricata della manutenzione,
secondo la disciplina del Terzo Responsabile come prevista dal
D.P.R. 412/1993) ha il compito dellesercizio e della manutenzione
dellimpianto.
Cio` significa che egli deve far osservare le vigenti prescrizioni in materia di effettuazione dei controlli e delle verifiche periodiche (come
stabilite dal D.Lgs. 192/2005 e s.m.i.), con la relativa compilazione
del libretto di impianto o di centrale (verosimilmente questultimo,
per potenzialita` sopra i 350 kW); in particolare, essa prevede leffettuazione delle analisi di combustione e di controllo dei fumi con cadenza di almeno due volte lanno durante il periodo di esercizio (annuale, sotto i 350 kW).
Lesercizio e la conduzione dellimpianto sono inoltre regolati da
norme nazionali che stabiliscono le operazioni di controllo e di manutenzione preventiva da effettuarsi con le relative tempistiche minime: e` stato recentemente completato il loro riesame completo,
che ha portato allemanazione della serie di norme UNI 8364 [65];
non si sottovaluti, a riguardo, limportante aspetto di controllo della
corrosione allinterno dellimpianto stesso, regolato in modo approfondito da UNI 8065 [66] e UNI 7550 [67].
Non devono essere sottovalutati, inoltre, i requisiti di qualificazione
del personale (che in impianti di grandi dimensioni come quelli
ospedalieri sono particolarmente stringenti); si distinguono ancora
una volta in base al fluido termovettore:
per gli impianti ad acqua calda, i conduttori dovranno risultare dotati del cosiddetto patentino di abilitazione ai sensi del D.M. 12 agosto 68 [68];
per gli impianti a vapore, i conduttori dovranno invece essere abilitati ai sensi del D.M. 1 marzo 1974 [69], il quale stabilisce anche diversi livelli (4 differenti gradi di abilitazione) a seconda della producibilita` di vapore del generatore stesso (cioe` della quantita` di vapore
prodotto in termini di tonnellate/ora).
A questo proposito, un aspetto non indifferente che deve essere te-

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Risparmio
di energia

Conduzione

11

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Serbatoi interrati

nuto in considerazione per gli impianti a vapore: a seconda della potenzialita`, il gia` R.D. 824/1927 e s.m.i. prevedono la presenza continua di un manutentore abilitato durante tutto il periodo di funzionamento dellimpianto (salvo le esenzioni di cui al D.M. 21 maggio
1974 [70] art. 41 e sgg.), il che obbliga listituzione di un turno completo sulle 24 ore del personale della manutenzione (ovviamente abilitato, con patentino da fuochista) da dedicare alla sorveglianza della centrale termica stessa.
Un ultimo aspetto merita di essere richiamato: per ragioni di ridondanza, spesso le caldaie di un ospedale, anche quando alimentate a
gas di rete, sono del tipo policombustibile, in modo da poter disporre
di una riserva di gasolio per eventuali emergenze; tale riserva solitamente e` contenuta in un serbatoio interrato, cui (dopo il controverso
annullamento del D.M. 246/1999 [71]) si applicano le prescrizioni del
D.M. 20 ottobre 1998 [72]; tale decreto prevede il compimento di una
serie di operazioni di verifica una volta raggiunta una certa eta` di
esercizio del serbatoio stesso: vista e considerata la pericolosita` dellispezione interna di ambienti chiusi di questo tipo (recentemente
spesso in cronaca nera) si raccomanda grande attenzione nella predisposizione di tutte le misure di sicurezza necessarie.

 Apparecchi in pressione

Attrezzature
in pressione

Direttiva PED

12

In questo paragrafo si vuole dapprima sottolineare come gli impianti


di distribuzione del vapore possono avere ben altri componenti soggetti alla stessa disciplina (che include anche il D.M. 21 novembre
1972[73], il D.M. 21 maggio 1974 [70], e il D.M. 1 dicembre 1975
[74]), oltre ai generatori: in questi impianti infatti solitamente e` presente un circuito di vapore denominato anello primario, da cui tramite scambiatori di calore a fascio tubiero si dipartono circuiti secondari, o a loro volta a vapore (vedi paragrafo successivo) oppure ad
acqua calda, destinati allalimentazione delle utenze finali (boiler
per acqua calda sanitaria, batterie di scambio termico, radiatori, ecc).
Questi componenti, se ricadenti nel campo di applicazione del decreto, dovranno ovviamente subire un iter analogo, sia in fatto di
autorizzazione e avviamento (con relativa denuncia ISPESL), sia ovviamente in fatto di verifiche periodiche e di dismissione finale.
A questa legislazione di origine nazionale, negli ultimi anni si e` andata via via sempre piu` sovrapponendo la normativa di origine europea, conseguente allemanazione della direttiva 97/23/CE, cosiddetta
direttiva PED (Pressure equipment directive).
Larticolazione di recepimento della suddetta e` la seguente:
il D.Lgs. 93/2000 [75] recepisce e attua la direttiva PED succitata:
esso stabilisce, a seconda del contenuto in termini di fluido pericoloso oppure no, del volume e della pressione del componente, e del
tipo di componente stesso (serbatoio, tubazione, ecc) la classificazione delle apparecchiature soggette in categorie da I a IV (con crescenti requisiti di prova); a seconda della classificazione, la marca-

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

tura dovra` essere accompagnata da una documentazione di complessita` via via crescente, con un certo numero di prove di tipo e
di qualificazione, che per le categorie piu` elevate deve essere certificata da un organismo notificato (quale ad esempio lISPESL);
il D.M. 329/2004 [76] che disciplina, a seconda della categoria in
cui sono classificate le attrezzature, le verifiche sia di primo impianto (che prevedono anche la relativa denuncia allISPESL, con modalita` non dissimili da quelle gia` viste per gli impianti termici), sia periodiche; in particolare sono previste sia verifiche di funzionamento
(con periodicita` stabilita nellallegato A del decreto stesso) sia verifiche di integrita` (a cadenza decennale);
il D.Lgs. 311/1991 [77] disciplina la marcatura CE, la messa in servizio e lesercizio dei cosiddetti recipienti semplici in pressione (per
i quali in virtu` della loro minore pericolosita` sono consentite regole
piu` lasche).
Lesame dei requisiti previsti dalla direttiva esula dagli scopi del presente lavoro; si segnalano le seguenti linee guida empiriche:
nellallegato II al D.Lgs. 93/2000 sono indicati, per ogni categoria, i
cosiddetti moduli (e cioe` le serie di prove, certificazioni e la documentazione richiesta per la conformita` alla direttiva), nonche i metodi per la classificazione delle apparecchiature stesse (trattasi di 7
diagrammi pressione-volume): sara` duopo in sede di valutazione del
rischio, oltre che di collaudo delle attrezzature stesse, richiedere la
documentazione completa che risulta dalla classificazione suddetta;
oltre al concetto di apparecchio a pressione, per la direttiva e` essenziale il concetto di insieme (e cioe` raggruppamento di componenti dotati di funzionalita` unitaria, e venduti assieme): la presenza
su un insieme a pressione (es. una macchina frigorifera) di un componente classificato (es. levaporatore del gruppo frigorifero stesso)
estende la necessita` di certificare linsieme nella categoria piu` alta
dei componenti che lo compongono (e quindi un gruppo frigo con
evaporatore in categoria III, per esempio, dovra` recare apposita marcatura CE in categoria III anche di tutto il gruppo); questa regola
non vale per gli accessori di sicurezza (che solitamente sono sempre
in categoria IV, e cioe` la massima);
e` molto importante che la verifica di funzionamento, cos` come
quella di integrita`, siano svolte da personale adeguatamente qualificato e dotato delle necessarie certificazioni di qualita`; in particolare
la verifica di integrita` e` un procedimento particolarmente critico, in
quanto solitamente non e` possibile/sufficiente una verifica ispettiva
interna, sicche si deve ricorrere a prove piuttosto complicate (come
ad esempio la spessimetria ultrasonica delle pareti dei recipienti per
verificarne lintegrita`).

 Utilizzi sanitari del vapore pulito


Tecnicamente allinterno di un ospedale il vapore puo` venire utilizzato per i seguenti compiti:
mezzo vettore del calore per il riscaldamento e la produzione di

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

13

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Sterilizzazione

14

acqua calda sanitaria, in reti estese (soprattutto se di concezione


non recentissima);
mezzo di umidificazione dellaria, in situazione invernale (lumidificazione ad acqua presenta diversi problemi di igienicita`; v. infra, la
parte relativa alla manutenzione);
mezzo di sterilizzazione di indumenti e attrezzature mediche.
Il secondo e il terzo di questi usi vengono normalmente definiti come utilizzi di vapore pulito. Si deve infatti considerare che per sua
natura ogni circuito metallico che contenga acqua (quale quella di
condensa, che si forma sulla rete di ritorno del vapore) e` soggetto
a corrosione.
Per motivi legati al contenimento dei consumi energetici, le sostanze chimiche contenute nelle acque di condensa in caldaia sono presenti con concentrazioni 8-15 volte maggiori, ragion per cui occorre
controllare chimicamente il sistema, per evitare il danneggiamento
dellimpianto.
Detto controllo viene attuato tramite laggiunta di additivi, tipicamente deossigenanti (per ridurre la quantita` di ossigeno libero nellacqua, che e` il fondamentale veicolo di corrosione) e alcalinizzanti
(per mantenere il pH dellacqua a livelli alcalini, appunto, lontani
dalle zona acida dove la corrosione e` piu` accentuata): questo tipo
di prodotti e` incompatibile in parte con luso per umidificazione, e
del tutto con luso per sterilizzazione.
La normativa europea EN 285 [78] definisce i requisiti di base per
assicurarsi che il processo di sterilizzazione avvenga secondo le
condizioni di calore umido, senza eccessiva umidita`, e senza casuali
e localizzati danni alle condizioni della sterilizzazione, dovuti ad eccessive quantita` di gas non condensabili definendo i seguenti limiti:
il volume dei gas non condensabili non deve superare 3,5 ml per
ogni 100 ml di acqua rimossa (questa non e` equivalente ad una frazione pari al 3,5% del volume del vapore, come erroneamente affermato nellEN 285 punto 13.3.2);
il surriscaldamento misurato nellespansione del vapore alla pressione atmosferica non deve superare i 25 8C, misurato con il metodo
dato nella EN 285 par. 24.3.;
il valore di asciugamento non deve essere minore di 0,9 (o, se devono essere sottoposti al processo solo carichi di metallo, non minore di
0,95) quando e` misurato con il metodo dato nella EN 285 par. 24.2.
In Tabella 1 sono indicati i requisiti che devono essere rispettati dal
condensato del vapore, secondo UNI EN 285, confrontati con quelli
delle acque potabili, ben piu` laschi; come si vede, particolarmente
stringenti risultano i requisiti su pH, ferro, conducibilita`, durezza e
fosfati (in particolare pH, conducibilita` e fosfati sono a valori normalmente incompatibili con quelli derivanti dai trattamenti anticorrosivi del circuito delle condense).
Si comprende quindi come luso di vapore diretto (cioe` con un unico
circuito direttamente collegato agli usi puliti) dovrebbe essere
sempre evitato, in quanto esso non consente un trattamento del cir-

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Tabella 1 - Requisiti per vapore pulito a confronto


con acque potabili
Contaminanti [unita` di misura]

D.Lgs. 31/2001

EN 285

Grado di alcalinita`

[pH]

6,5 - 9,5

5-7

Ammonio, NH4

[mg/l]

0,5

0,2

Calcio e magnesio

[mg/l]

300

0,5

Durezza totale

[ppm CaCO3]

200< <1500

Metalli pesanti

[mg/l]

Ferro, Fe

[mg/l]

0,2

0,1

Cadmio, Cd

[mg/l ]

0,005

0,005

Piombo, Pb

[mg/l]

0,05

0,05

Cloruro, Cl

[mg/l]

250

0,1

Nitrato, NO3

[mg/l]

50

0,2

Solfato, SO4

[mg/l]

250

0,5

Residui di evaporazione

[mg/l]

1500

30

Silicati, SiO2

[mg/l]

0,1

Fosfati, P2O5

[mg/l]

10

0,1

Conduttivita` a 20 8C

[mS/cm]

2500

Aspetto

Chiaro, incolore, incolore,senza sedimenti

0,1

cuito con prodotti volatili (che cioe` sono in grado di viaggiare nel
vapore stesso), ma solo con prodotti che operano nella fase liquida:
cio` costringe, con gli anni, per rispettare le normative, a perdere via
via il controllo della corrosione del circuito delle condense, con problemi via via crescenti.
La soluzione, qualora non sia possibile la produzione elettrica (che in
certe situazioni puo` rappresentare la scelta piu` conveniente) e` quella
di realizzare allora sistemi con scambiatori intermedi (Figura 2), da
portare nelle immediate vicinanze degli utilizzatori: in tal modo si realizzano due circuiti separati, uno generale (e molto piu` esteso) che puo`
essere trattato con i prodotti chimici piu` efficienti senza problematiche di compatibilita`, e uno secondario di relativamente piccole dimensioni, non trattato e dunque compatibile con luso da vapore pulito.
In assenza di questa soluzione, la valutazione del rischio dovra` ovviamente prevedere la verifica periodica che il vapore prodotto sia
effettivamente definibile pulito (cos` come sopra specificato, a seconda dellutilizzo).
Una soluzione alternativa praticabile con un certo costo e` quella allora di dosare, mediante laggiunta di ulteriori pompe dosatrici, i medesimi prodotti utilizzati in caldaia direttamente nella rete del ritorno condense (ove non costituiscono problema di contaminazione, in
quanto il vapore ha gia` effettuato il suo lavoro, e i prodotti sono non
volatili).

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

15

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Figura 2 - Sistemi con scambiatori intermedi

Per concludere, si ricordi che, come e` intuitivamente facile da capire osservando la lista dei parametri di Tabella 1, grande rilevanza ha
anche la scelta del materiale: per le reti dedicate al trasporto di vapore pulito e` delezione dunque la scelta degli acciai inox (in versione a saldare), da AISI 304 L ad AISI 316 L (con preferenza per questultimo).

 Sicurezza e manutenzione
degli impianti frigoriferi

Ciclo frigorifero

16

La macchina frigorifera tipica e` un apparecchio che funziona con un


ciclo a compressione (Figura 3): un gas refrigerante viene dapprima
compresso da un compressore, poi attraversa un condensatore, dove cede il calore allambiente esterno (aria o acqua a seconda del tipo di macchina), indi passa tramite una valvola di laminazione e raggiunge un evaporatore (tramite il quale sottrae calore al fluido refrigerato, solitamente acqua, espandendosi), dopodiche viene nuovamente compresso.
Questa basilare esposizione consente gia` di capire quali sono i rischi
associati a questo tipo di impianti:
in primo luogo per le apparecchiature che contengono fluidi in
pressione esiste un quadro normativo di notevole complessita`, sia
di origine italiana che europea (direttiva PED);
in secondo luogo, i gas refrigeranti costituiscono pericolo sia per
lambiente che, potenzialmente, per la salute umana, e devono quindi essere gestiti di conseguenza;
inoltre, macchine come i compressori generano in ambiente un ru-

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Figura 3 - Macchina frigorifera

more decisamente elevato, con i conseguenti problemi di esposizione degli addetti alla manutenzione;
infine, lo smaltimento del calore sottratto in ambiente, se effettuato tramite condensazione ad acqua, comporta il pericolo di sviluppo
di contaminazione batterica, e in particolare da legionellosi.
Per quanto riguarda il primo aspetto, si sono gia` presentati tutti i riferimenti normativi: le prescrizioni principali da seguire sono contenute nel D.M. 21 novembre 1972 [73] e nei D.Lgs. 93/2000 [75] e D.M.
329/2004 [76].
In particolare, a seconda del contenuto di fluido e della pressione, il
recipiente andra` classificato in una delle seguenti tre classi:
classe A: recipienti soggetti alle sole verifiche di costruzione (in
fabbrica);
classe B: recipienti soggetti alle verifiche di costruzione e anche di
primo impianto (ovvero in sede di installazione e primo avviamento,
a cura dellISPESL);
classe C: recipienti soggetti alle verifiche di cui alla classe B, oltre
che alle verifiche periodiche (a cura della ASL), che consistono in
prova di funzionamento dopo un anno da quella di primo impianto,
e verifica completa decennale (tramite ispezione, oppure prova di
tenuta a pressione).

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Recipienti di gas
a pressione

17

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Direttiva PED

Gas fluorurati

Impatto acustico

18

Inutile dire che i gruppi frigoriferi asserviti a complessi ospedalieri,


per le loro dimensioni dovute alla notevole richiesta di carico frigorifero, normalmente sono classificati in classe C (prodotto
P*V>8.000 kgf/cm2*l oppure P> 12 kgf/cm2).
Inoltre, i gruppi frigoriferi a compressione di costruzione successivi
al 2000 ricadono nellambito della direttiva PED gia` richiamata: solitamente e` levaporatore il componente piu` critico (spesso e volentieri in categoria IV e cioe` la massima), oltre al presso stato e alla
valvola di sicurezza (certificati a parte in quanto accessori di sicurezza).
Come gia` ricordato, la presenza di un componente (levaporatore, di
solito marchiato dal produttore) dellinsieme (quale il gruppo frigorifero certamente e`) classificato, rende obbligatoria marcatura e
classificazione dellintero gruppo, documentazione di cui andra` verificata la presenza e rispondenza in sede di collaudo.
Oltre a questo, a seconda della categoria, il D.M. 329/2004 stabilira` la
frequenza e articolazione delle verifiche periodiche e di primo impianto.
Per quanto riguarda la presenza di gas refrigeranti, due provvedimenti hanno un particolare impatto sulla questione:
il D.P.R. 147/2006 [79]: tale provvedimento istituisce il libretto di
impianto anche per gli impianti frigoriferi, per analogia con quelli
termici, e impone una verifica periodica del contenuto di refrigerante, e delle eventuali perdite (semestrale sopra i 100 kg di fluido contenuto, annuale tra 3 e 100 kg); si noti che, pur essendo in teoria il
campo del decreto limitato ai soli gruppi contenenti refrigeranti tipo
R22, il Regolamento CE n. 842/2006 [80] ne estende la validita` anche
ai refrigeranti piu` moderni quali R134a ed R407c; dal punto di vista
pratico, quindi, ogni impianto frigorifero di potenzialita` superiore al
multisplit (allincirca dai quattro componenti in su) dovra` essere dotato del suo libretto e sottoposto a verifica periodica;
la norma UNI 378-1 [81] pone dei limiti alla massima concentrazione possibile di gas refrigeranti che puo` svilupparsi per una perdita
allinterno dei locali con presenza continuativa di persone (indicati
come locali di classe A), pari rispettivamente a 310 gr/m3 per
lR407C, 440 gr/m3 per lR410A; percio` limpiego di impianti ad espansione diretta e` consentito purche la carica complessiva di fluido refrigerante espressa in kg non sia superiore a Cf = Lp x Vol (con Vol =
volume della stanza piu` piccola). Questa e` la motivazione per cui gli
impianti ad espansione diretta possono avere estensione limitata in
ambito civile e sanitario: la necessita` espressa dalla norma di considerare lintero volume del refrigerante come potenzialmente immesso nella camera piu` piccola ne limita fortissimamente la potenzialita`
complessiva utilizzabile. Per superare questo limite, lunica maniera
e` utilizzare lacqua come fluido termovettore intermedio (in tal modo
il gas refrigerante rimane confinato in centrale frigorifera, nella quale
non vi e` per definizione presenza continuativa di persone).
Per quel che concerne il terzo punto, alla normativa vigente in ma-

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

teria di impatto acustico (costituita da legge 447/1995 [27] e D.P.C.M.


14 novembre 1997 [28]), che si applica a gruppi frigoriferi installati
allaperto, con le relative misure di impatto acustico assoluto e differenziale (a seconda della zonizzazione), andranno aggiunti i requisiti in materia di protezione dei lavoratori dallimpatto acustico, ai
sensi del D.Lgs. 81/2001 [1] Titolo VIII Capo II (artt. 187 e sgg.) e della recentemente rieditata UNI 9432 [82], che stabilisce criteri e modalita` da seguire per lesecuzione delle misure stesse. Non si approfondisce ulteriormente largomento delle misure, rimandando alle
pubblicazioni specifiche, di facile reperibilita`.
Per quanto riguarda sia limpatto acustico differenziale che quello
sui lavoratori esposti, pero`, non ci sono molte soluzioni disponibili:
macchine frigorifere della potenza dei MW quali quelle installate nei
complessi ospedalieri sono facilmente capaci di produrre anche 100
dB(A) di pressione sonora ad un metro di distanza, il che in pratica
rende la cofanatura afonizzante lunica soluzione pratica applicabile
per riportare il livello di esposizione a valori accettabili (oltre che
consentire linstallazione dei gruppi in zone residenziali, quali normalmente sono quelle in cui si trovano gli ospedali); la situazione
andra` attentamente valutata soprattutto in fase progettuale, per la
relativa difficolta` di intervento a realizzazione gia` effettuata.
Infine, visto anche lambiente ospedaliero che fa da sfondo a questo
Corso, non si puo` non dedicare unattenzione particolare ai gruppi
frigoriferi con condensazione ad acqua: la condensazione del gas refrigerante e` quelloperazione che sottrae il calore al gas, per cederlo
allambiente.
Essa puo` essere svolta ad aria (tramite limpiego di batterie e relativi
ventilatori) oppure ad acqua, tramite scambiatore e circuito idraulico; la soluzione ad acqua garantisce migliori efficienze, ed e` lunica
praticabile quando la potenza dei gruppi supera il valore del MW (situazione abbastanza frequente in ambito ospedaliero); in tal caso,
ovviamente, non e` pensabile di poter utilizzare acqua a perdere (soprattutto per il costo dellapprovvigionamento della stessa), ragion
per cui si utilizzano dispositivi chiamati torri evaporative (Figura 4).
In questi apparecchi, il calore viene dissipato favorendo levaporazione dellacqua nebulizzandola e facendola passare attraverso una
corrente daria; levaporazione avviene normalmente a temperature
intorno a 25-35 8C: si capisce bene quindi come si sia in presenza
di un apparecchio che per sua natura produce grandi quantita` di acqua nebulizzata nel campo di proliferazione della legionella, acqua
che poi viene pure dispersa in ambiente una volta evaporata. Storicamente, infatti, le piu` gravi e diffuse epidemie di legionellosi sono
state provocate proprio da questi componenti.
Non potendo approfondire largomento (si veda [53] per una completa esposizione delle fonti disponibili), come indicazione vale
quanto detto a livello generale per gli impianti idrici. La strategia
di riduzione del rischio deve essere basata necessariamente su quattro pilastri:

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Torri evaporative

Strategia
antilegionella

19

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Figura 4 - Torri evaporative

corretta progettazione: scelta dellubicazione, tenendo conto dei


venti dominanti e di una distanza minima da prese daria ed edifici
(indicativamente 10-20 metri), accessibilita` di tutti i componenti
(in particolare il pacco alettato), separatori di gocce ad altissima efficienza, materiali lisci e non porosi;
corretta strategia di trattamento: occorrera` prevedere un trattamento continuo a base di biocida a largo spettro (oltre che un prodotto chimico antincorrosivo e antincrostante, per proteggere lefficienza dellimpianto stesso; si ricordi a tal proposito di effettuare i
controlli stabiliti da UNI 8864 [83]), che pero` per prevenire fenomeni
di assuefazione dovra` essere integrato da un secondo biocida, da dosare a shock con intervalli casuali, oppure da alternare al primo,
sempre con periodi non prefissati (in quanto il batterio ha dimostrato di sapersi adattare ad intervalli regolari);
corretta strategia di controllo: e` opportuno campionare sia sul circuito subito a valle delle pompe di ricircolazione, sia nel bacino/
spurgo della torre stessa; andranno eseguiti periodiche verifiche
sia di conta batterica totale, a cadenza mensile (soglia di attenzione
107 UFC/l, di pericolo 108 UFC/l), sia di legionella vera e propria, a
cadenza trimestrale (attenzione 103 UFC/l e pericolo 104 UFC/l);
corretta manutenzione: lesecuzione di regolari procedure di puli-

20

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

zia e sanificazione in fase di avviamento e di fermo del circuito assicura che non venga fornito al batterio un ambiente favorevole,
quali quelli caratterizzati da biofilm, incrostazioni, depositi e accumuli di umidita` stagnante.
Poiche la strategia di riduzione del rischio non puo` quindi prescindere da operazioni di pulizia periodica (indicativamente due volte allanno) della torre, e` evidente anche la necessita` di proteggere gli
stessi operatori della manutenzione durante lesecuzione delle stesse:
a riguardo, utili indicazioni per la valutazione del rischio potranno essere trovate nelle norme francesi [84] e nelle linee guida OSHA [85].

 Manutenzione degli impianti


e dei terminali idronici
Per loro natura, fortunatamente gli impianti di riscaldamento impiegano terminali che lavorano principalmente o esclusivamente tramite effetti radianti e convettivi (quali radiatori e pannelli radianti):
questo tipo di componenti non comporta praticamente nessun rischio per la sicurezza, non provocando ricircolo (cioe` movimentazione dellaria ambiente) ed essendo priva di parti in movimento.
Anche se lacqua dei radiatori puo` in teoria raggiungere anche gli 80
8C, le probabilita` che si verifichi una rottura di entita` tale da portare
allustione di una persona e` assolutamente trascurabile, per non dire
del tutto impossibile.
Di fatto, lunico rischio significativo di questo genere di impianti
(centrali termiche a parte) e` quello dovuto allaccumularsi della polvere, dovuto alla difficolta` di pulire i corpi stessi: per questo motivo
in tutti i reparti sanitari sara` preferibile impiegare radiatori tubolari
in acciaio, piu` facili da pulire rispetto a quelli classici a piastra in
ghisa, anche se di rendimento leggermente inferiore.
Le cose si fanno invece assai diverse nel caso degli impianti di raffrescamento, che solitamente (pannelli radianti a parte) sono costituiti appunto da terminali che ricircolano laria ambiente, con tutti i
problemi igienici che questo puo` comportare.
Terminali di questo tipo, come i condizionatori autonomi e i ventilconvettori, sono da evitare in tutti i casi in cui le persone presenti
negli ambienti siano da considerare particolarmente a rischio, come
nel caso di pazienti infettivi, immunodepressi o geriatrici; per maggiori informazioni si rimanda allapposita appendice delle linee guida del CDC [54], che a riguardo e` molto dettagliata; si segnala che
per i fancoil installati in reparti ospedalieri essa richiede la dotazione di un filtro con arrestanza gravimetrica minima del 68% (ultimamente stanno apparendo sul mercato sistemi di filtrazione di tipo
elettrostatico dedicati a questi apparecchi: la situazione normativa
al riguardo pero` non e` ancora ben definita).
Tanto i fancoil quanto gli split presentano inoltre difficolta` di accesso e pulibilita` di tutte le parti; dovrebbero quindi essere evitati in tutte le aree in cui lambiente e` passibile di contaminazioni (come le

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Radiatori

Terminali ad aria

21

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

cucine, oltre che naturalmente in tutti i locali sterili), che poi tendono a concentrarsi in questi apparecchi per la natura stessa del loro
funzionamento.
Spesso e volentieri limpiego di queste apparecchiature e` pero` purtroppo inevitabile, soprattutto nelle strutture esistenti, per ragioni
di spazi tecnici che non consentono altri tipi di impianto piu` ingombranti.
Per il controllo del livello di rischio si dovra` in tal caso stabilire unadeguata cadenza periodica di manutenzione, che includa rigenerazione e sostituzione dei filtri, pulizia delle bacinelle di raccolta condensa in regime estivo, e soffiatura/aspirazione delle batterie di raffrescamento/riscaldamento per evitare che diventino sede di accumulo di detriti.

22

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Distribuzione dei gas


medicali
 Cenni costruttivi
Lospedale e` una macchina che per il suo funzionamento abbisogna
dellapporto di numerosi gas. Il primo e piu` ovvio di questi e` naturalmente il gas metano, le cui problematiche di sicurezza, per ragioni di
spazio, vanno rimandate ad un lavoro dedicato alla prevenzione incendi.
Oltre a questo, per lo svolgimento delle operazioni sanitarie, possono venire impiegati numerosi gas tecnici, che sinteticamente si possono cos` classificare:
gas comburenti, quali il protossido per le anestesie, lossigeno per
la respirazione di emergenza, e laria compressa ad alta e bassa pressione per lalimentazione dei compressori delle macchine medicali;
gas inerti, quali lanidride carbonica, e lazoto (utilizzato sia in forma gassosa, per la produzione di aria medicale insieme allossigeno,
sia in forma liquida, per le esigenze di refrigerazione di congelatori e
frigoriferi clinici);
gas anestetici (in particolare alogenati): questi ultimi non sono dotati in genere di un vero e proprio impianto di distribuzione, essendo
somministrati direttamente in sala operatoria attraverso macchinari
e bombole portatili dedicate, tuttavia il loro impatto sui sistemi impiantistici non e` affatto trascurabile;
impianti del vuoto e di evacuazione: a rigore questi impianti non
trattano veri e propri gas medicali, ovviamente; le loro caratteristiche fanno pero` s` che, anche a livello normativo, vengano ad essi
del tutto assimilati.
Non si puo` non ricordare che, trattandosi di dispositivi medici in tutto e per tutto equiparati ai farmaci (D.Lgs. 219/2006 [86]), i gas medicali sono soggetti a una normativa specifica loro dedicata.
In Figura 5 e` indicato sinteticamente uno schema di principio di un
sistema di distribuzione dei principali gas medicali.

 Gas comburenti
Dal punto di vista costruttivo (Figura 5), ogni impianto di distribuzione gas medicali e` composto da una centrale (dove il gas stesso
viene stoccato, in bombole o serbatoi criogenici), da una rete di distribuzione ad alta pressione (necessaria per minimizzare il costo di
esercizio) che funge da dorsale, da dei riduttori di pressione che alimentano le reti dei singoli reparti (a bassa pressione per ragioni di
sicurezza degli operatori) e da dei terminali di erogazione. Per massimizzare la sicurezza di esercizio normalmente le reti (sia ad alta
che a bassa pressione) vengono realizzate ad anello con valvole di

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

23

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Figura 5 - Sistema di distribuzione dei principali gas medicali

Gas comburenti

24

intercettazione, collegando meta` delle diramazioni su ciascuno dei


due rami, di modo che un eventuale disservizio consenta comunque
di mantenere in funzione almeno meta` dellimpianto; per lo stesso
motivo, normalmente vengono previsti doppi gruppi di riduzione
della pressione.
Dal punto di vista progettuale, e` assolutamente ineludibile il rispetto
delle prescrizioni del D.M. 18 settembre 2002 [87] (regola tecnica antincendio per le strutture sanitarie), il quale impone che la dorsale
ad alta pressione debba alimentare direttamente (tramite riduttori,
appunto) tutti i compartimenti antincendio: non e` cioe` ammissibile
alimentare un compartimento prelevando il gas dalla rete a bassa
pressione che serve un altro compartimento (Figura 6): ogni zona
compartimentata dovra` dunque essere dotata del proprio quadro
di riduzione e di intercettazione (posto nel filtro antincendio di accesso al reparto stesso insieme agli allarmi, se presente).
Gli impianti di distribuzione dei gas medicali, in considerazione della loro criticita`, sono soggetti a una normativa vasta ed assai articolata, che sinteticamente si puo` dividere in due gruppi:
1) normative di prodotto, che stabiliscono le caratteristiche di conformita` dei singoli componenti (terminali, riduttori di pressione, misuratori di flusso, innesti, tubazioni, etc.): sinteticamente, tutti questi componenti devono essere marchiati CE e rispondere ai requisiti
posti dalle relative norme UNI EN di prodotto; un caso particolare e`
quello degli attacchi presa (i terminali cioe`, a cui vengono collegati
gli apparecchi che utilizzano i gas stessi): in molte strutture, infatti,
vengono utilizzati gli attacchi cosiddetti UNI/AFNOR, ovvero che dispongono di corpo secondo le norme UNI, ma presa secondo la normativa francese AFNOR: naturalmente per ragioni di uniformita` di

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Figura 6 - Alimentazione intercompartimentale

lavoro, la situazione esistente andra` sempre tenuta presente nel momento in cui si intervenga con ampliamenti e nuove realizzazioni;
2) normative di sistema: sono quelle che piu` ci interessano, e stabiliscono i requisiti che gli impianti devono possedere, oltre che naturalmente i criteri progettuali e di dimensionamento; attualmente sono utilizzate le norme UNI EN 737-2 [88] per gli impianti di evacuazione, e UNI EN 737-3 [89] per gli impianti di distribuzione dei gas
(in vigore fino al 2010, verranno in seguito sostituite dalla nuova normativa UNI EN ISO 7936-1 [90] di recente emanazione, attualmente
di applicazione facoltativa); unaltra norma di fondamentale importanza e` la UNI 11100 [91], che stabilisce le necessarie operazioni
di manutenzione periodica.
Largomento e` piuttosto vasto e complicato, per cui ci si limita a fornire alcune indicazioni di ordine generale.
E` evidente che i gas piu` importanti a livello di valutazione del rischio saranno quelli comburenti, per il loro evidente impatto sul rischio di incendio.
Per quanto riguarda gli aspetti minimi di prevenzione da prendere in
considerazione (quelli imposti cioe` dal D.M. 18 settembre 2002), fortunatamente, in un numero sempre maggiore di strutture sanitarie si
va dismettendo luso del protossido di azoto (qualora si trovi limpianto tuttora in funzione e` opportuno dunque discutere del fermo
con la direzione sanitaria), sicche in pratica come gas comburenti
restano lossigeno e laria compressa (decisamente meno critica
del primo). Si ricordi che i terminali dei gas devono distare almeno
20 cm da qualsiasi terminale e/o parte attiva elettrica.
Oltre alle operazioni di collaudo funzionale che la normativa obbliga

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

25

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

ad effettuare prima della messa in funzione dellimpianto (che consistono fondamentalmente nel rilevare, con strumenti appositi, che
il gas esca con la giusta pressione e portata da ogni terminale), la
cronaca non troppo lontana ci ricorda che e` fondamentale verificare
il corretto collegamento delle tubazioni ai terminali dedicati, per evitare errori di inversione con effetti potenzialmente mortali sui pazienti; questa verifica andra` obbligatoriamente condotta per ogni
singola presa installata.
E` quasi scontato ricordare che la posizione di tutti i terminali deve
essere concordata con il personale che poi utilizza il reparto vero e
proprio, in quanto la presenza di tubazioni varie uscenti dai terminali deve essere valutata attentamente, in modo che non finisca per intralciare i movimenti degli operatori stessi.

 Gas infiammabili e gas inerti


Gas anestetici

Gas inerti

26

A livello di gas anestetici i rischi principali sono inquadrabili in due


filoni:
rischio tossicita`, che viene controllato tramite limpiego della ventilazione forzata superiore ai 15 vol/h (ad esempio in sala operatoria); oltre a questo, i gas anestetici devono essere appositamente
aspirati tramite un sistema di evacuazione degli stessi dotato di prese e tubazioni proprie;
rischio infiammabilita`, che oggi fortunatamente e` annullato dallimpiego di nuovi formulati non piu` infiammabili: un tempo era necessario mantenere un controllo molto stretto dellelettricita` statica,
tramite il controllo di un livello minimo di umidita` dellaria ambiente
e limpiego di pavimenti elettroconduttivi (tali da portare lintero locale allo stesso potenziale elettrico): oggi questa seconda precauzione non e` piu` necessaria, ed e` sufficiente limpiego di pavimenti statico-dissipativi, tali cioe` da evitare la formazione di scariche elettrostatiche che possono essere rischiose per il paziente (che e` sottoposto a un rischio elettrico particolarmente alto; v. infra, nella parte
relativa agli impianti elettrici).
Inutile dire che e` opportuno confrontarsi, in sede sia di progetto di
nuovi reparti che di valutazione del rischio di quelli esistenti, con i
responsabili sanitari della struttura, al fine di individuare le caratteristiche dei composti effettivamente utilizzati.
I gas inerti, per la loro intrinseca stabilita`, sono intuitivamente i piu`
sicuri; anchessi tuttavia non sono esenti da rischi specifici.
Il principale e` quello di soffocamento, dovuto allo svilupparsi di
unanomala elevata concentrazione del gas stesso nel locale, con
conseguente diminuzione dellossigeno.
Fondamentalmente il rischio per i sistemi di distribuzione di anidride carbonica e` autolimitato, in quanto questi sono basati sullo stoccaggio e distribuzione a partire da bombole, le quali non hanno una
portata sufficiente a saturare un locale non stagno, quali pressoche
sempre sono quelli in oggetto.

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Non cos` invece per lazoto, che essendo utilizzato per lalimentazione di apparecchiature criogeniche, in taluni locali (es. banche del seme, o delle cellule staminali) puo` generare portate assai consistenti,
con conseguente significativo rischio di generare unatmosfera non
respirabile.
In questo caso sara` necessario prevedere un sistema di estrazione di
emergenza, attivato da una sonda apposita di concentrazione, con
una portata minima superiore ai 20 vol/h (in modo che latmosfera
non respirabile venga rapidamente espulsa dal locale stesso: la depressione creata richiamera` naturalmente aria respirabile dagli interstizi delle strutture e degli infissi).

 Continuita` del servizio gas


Infine, occorre ovviamente valutare il rischio dovuto allinterruzione
dei servizi di erogazione dei gas medicali stessi: e` fondamentale disporre di una certa ridondanza, per far s` che un guasto non comporti il blocco completo dellimpianto (il che costituisce una condizione
di rischio molto grave per i pazienti: si pensi alla mancanza di ossigeno, o dellaria medicale che alimenta i polmoni artificiali); cio` viene ottenuto con i seguenti criteri:
la distribuzione di alta e bassa pressione deve essere realizzata ad
anello, con valvole di sezionamento e rami terminali collegati alternativamente su uno e laltro dei due rami dellanello stesso: in tal
modo un guasto sullimpianto e` aggirabile mettendone fuori uso solo
la meta`;
i sistemi di riduzione della pressione, almeno per lossigeno (che
come e` facile comprendere e` il gas piu` critico), devono sempre comprendere un doppio riduttore, in modo da disporre di una riserva;
le prese terminali di erogazione dovrebbero essere sempre doppie,
almeno per ossigeno e vuoto;
infine, le norme prevedono la presenza di un sistema di alimentazione di riserva in tutti i casi in cui limpianto e` alimentato da un serbatoio criogenico (il caso piu` frequente e` sempre quello dellossigeno); tale riserva sara` costituita da una o piu` rampe di bombole, con
sistema di inserimento automatico sulla linea in caso di mancata
erogazione dal serbatoio principale;
per la stessa ragione, anche per limpianto del vuoto e` prevista una
ridondanza simile, con limpiego di appositi gruppi preassemblati
dotati di piu` pompe, di cui una o piu` costituiscono riserva in caso
di guasto.

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

27

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Illuminotecnica
 Illuminazione degli ambienti di lavoro

Illuminamento

28

Per la sua influenza sulle condizioni di benessere psicofisico lilluminazione viene spesso associata alle condizioni termoigrometriche
(temperatura, umidita` e velocita` dellaria ambiente) allinterno della
definizione di microclima.
Tale e` anche limpostazione delle linee guida ISPESL [12], alle quali
si rimanda per uninfarinatura generale dellargomento e per utili indicazioni specifiche. Qui vengono fatti per completezza brevi cenni.
La normativa che regola le prestazioni e caratteristiche dellilluminazione ordinaria (artificiale) negli ambienti di lavoro e` fondamentalmente costituita dalla UNI EN 12464-1 [92], coadiuvata da alcune
normative specifiche che normano alcuni aspetti di dettaglio, che
in questa sede si possono trascurare.
E` evidente che lilluminazione naturale, anche se presente (si consideri come caso contrario quello delle sale), non e` sufficiente per lo
svolgimento dei compiti complessi e delicati che il personale espleta
nei locali medici; intuitivamente ci si rende conto quindi che occorrono delle lampade. Ogni lampada assorbe una determinata potenza
elettrica, grazie alla quale genera nel locale un flusso luminoso (la
cui intensita` dipende dalla efficienza del corpo illuminante e dal modo in cui linvolucro ed eventuali specchi lo riflettono/rifrangono).
Questo flusso luminoso si diffonde allinterno del locale, dando origine allilluminamento.
Una descrizione intuitiva del fenomeno si puo` limitare alle definizioni delle principali grandezze illuminotecniche:
illuminamento: misurato in lux, corrisponde al flusso luminoso
che si ritrova attraverso una determinata superficie (generalmente
un piano parallelo al pavimento del locale, situato ad unaltezza
compresa tra 1,0 e 1,5 m a seconda dellapplicazione; per i locali medici solitamente si sceglie 1,0 m); se non viene specificato altrimenti,
si intende solitamente nel significato di illuminamento medio (indicato con Em): e` il parametro fondamentale per una buona ergonomia
dei locali, che la norma definisce caso per caso, a seconda della destinazione degli stessi e dellattivita` svoltavi;
uniformita` di illuminamento: rapporto tra il valore medio di illuminamento Em e il valore minimo dellilluminamento stesso sulla medesima superficie (importante per evitare fenomeni di affaticamento
visivo dovuti a continui riadattamenti dellocchio a valori di illuminamento diversi); questo indice dovra` essere sempre pari ad almeno
0,5, e raggiungere almeno 0,7 nelle zone di lavoro (cioe` su quella parte di superficie del piano su cui si misura lilluminamento, dove si
compiono le visite o le operazioni);
indice generale di resa dei colori (generalmente indicato con Ra):
stabilisce in percentuale quanto naturali appaiono i colori degli

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

oggetti quando illuminati con una determinata lampada, rispetto a


come apparirebbero se illuminati dalla luce naturale del sole; per i
nostri scopi, sara` sufficiente dire che tale indice deve essere almeno
pari ad 80 in tutti i casi, e pari a 90 in alcuni casi particolari (laboratori farmacologici, locali autopsie, visite dermatologiche);
indice di riduzione dellabbagliamento molesto (UGR): definito
dalla norma UNI 11165 [93], e` un numero compreso tra 10 (abbagliamento minimo) e 30 (abbagliamento massimo); il valore e` fornito dal
costruttore dellapparecchio, e come indicazione generale dovra` essere contenuto entro 19 per tutti i locali strettamente ad uso medico,
e entro 22 per gli altri locali (corridoi, bagni, sale di attesa).
La garanzia del raggiungimento delle prestazioni esposte e` un problema prettamente illuminotecnico generalmente in capo al progettista elettrico (anche perche una volta installati i corpi illuminanti, si
puo` fare ben poco per risolvere i problemi): a livello di prevenzione
normalmente ci si limita a verificare il livello di illuminamento Em,
cosa che puo` essere agevolmente fatta con una semplice sonda luxmetrica; in Tabella 2 sono indicati i requisiti illuminotecnici per le
piu` frequenti tipologie di locali medici (tali requisiti devono essere
intesi come valori minimi).
Una particolare annotazione deve essere fatta riguardo le sale operatorie: le linee guida ISPESL attualmente prevedono (a parte la lampada scialitica che deve garantire almeno 10.000 lux sul campo operatorio), un livello di illuminamento medio pari a 1.000 lux, requisito
estremamente oneroso se applicato allintera sala (le cui dimensioni

Illuminazione
normale

Tabella 2 - Requisiti illuminotecnici nei locali medici


Tipo di locale o attivita`

Em (lux)

Corsie, corridoi (notte)

50-100

Locali visita per reparto maternita`

300

Laboratori e farmacie

500

Ispezione colori farmaci

1000

Sala autoptica

500

Diagnostiche: locali visita e trattamento

500-1000

Dialisi

500

Endoscopia, radioterapia

300

Sale di attesa, corridoi (giorno)

200

Locali visita oculistica, otorinolaringoiatria

500-1000

Odontoiatria

500

Sale parto

300

Rianimazione

300

Sale operatorie - preparazione e risveglio

500

Sala operatoria

1000

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

29

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Illuminazione
speciale

oggigiorno superano spesso i 40 m2). Tale requisito andra` dunque applicato alla sola zona di lavoro (cioe`, anche in caso di tavolo operatorio mobile, solo alla zona in cui e` prevedibile che si trovino effettivamente operatori medici e paziente); nella zona circostante, il requisito potra` essere ridotto della meta` (500 lux); analogamente si
procedera` negli ambulatori, con 300 lux nella zona di lavoro e 200
nella zona circostante.
In molti locali, in particolare gli ambulatori chirurgici, le sale operatorie e i laboratori, ma non solo, e` pratica comune eseguire compiti
che richiedono livelli di illuminazione completamente differenti: si
pensi per esempio al caso dellambulatorio, ove il medico prima visita i pazienti (compito visivo che richiede illuminamento elevato) e
poi si reca al proprio computer per inserire i dati della refertazione
(compito che al contrario viene svolto in modo piu` ergonomico con
un livello di luce piu` basso). Questo suggerisce lopportunita` in tutti
i locali caratterizzati da queste esigenze di installare dei corpi illuminanti dimmerabili (cioe` il cui flusso luminoso puo` essere regolato in
modo continuo tramite apposita manopola), o quanto meno di dividere le lampade su piu` linee e multipli interruttori (tipicamente 1/3
su una linea e 2/3 su unaltra), di modo che si possa regolare almeno
in parte il flusso luminoso, e il conseguente livello di illuminamento.

 Illuminazione di emergenza

Illuminazione
di riserva

30

Per uniformita` di trattazione, in questo paragrafo si riportano alcune


considerazioni relative allilluminazione di emergenza, segnalando
che per essere comprese al meglio esse forse richiederebbero di
aver gia` letto la parte relativa alla definizione dei locali medici e
quella sullalimentazione di sicurezza: una spiegazione intuitiva introdurra` i concetti che poi saranno dettagliati nelle parti suddette,
dedicate allesame delle parti specifiche della norma CEI 64-8 [94].
Secondo la norma UNI EN 1838 [95], lilluminazione di emergenza e`
suddivisa nelle due categorie principali di illuminazione di riserva
(destinata cioe`, a supplire a una mancanza dellilluminazione, per
consentire di continuare il lavoro) e illuminazione di sicurezza (volta a consentire cioe` lesodo delle persone dalledificio in condizioni
di sicurezza visiva, appunto); questultima e` suddivisa a sua volta in
illuminazione per lesodo (destinata ad indicare i percorsi e le vie di
fuga), antipanico (destinata a garantire il livello minimo di illuminamento da garantire per consentire lesodo stesso) e dedicata alle
aree ad alto rischio (autoesplicativa).
Per quanto riguarda lilluminazione di riserva, la norma CEI 64-8 stabilisce delle prescrizioni minime: nei locali di gruppo 1 (fondamentalmente, ambulatori non chirurgici) dovra` essere presente almeno
un corpo illuminante con alimentazione di sicurezza, mentre nei locali di gruppo 2 (dedicati agli interventi chirurgici, tra cui le sale
operatorie) dovranno avere tali caratteristiche almeno la meta` dei
corpi illuminanti.

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Si segnala poi che per legge in sala la lampada scialitica deve essere
dotata della propria batteria, con almeno unora di autonomia.
Le prescrizioni della CEI 64-8 per i locali di gruppo 2 in realta` sono
da considerarsi un nucleo minimale indispensabile, che nella pratica
andra` poi decisamente integrato per costituire un livello di sicurezza
superiore, con costi tutto sommato di scarso peso rispetto allaumento di sicurezza garantito: e` prassi comune infatti porre, almeno
nei locali piu` critici (sale operatorie e simili, terapie intensive, ecc.),
il 50% dellilluminazione sotto alimentazione di continuita` assoluta
(UPS) e il restante 50% sotto alimentazione privilegiata (alimentata
cioe` tramite gruppo elettrogeno, che interviene entro 15 secondi), di
modo che anche uninterruzione totale dellalimentazione normale
non impedisca di portare a termine gli interventi (garantendo 2
ore di autonomia al 100% e il restante tempo, una volta scaricate
le batterie dellUPS, al 50% del livello di illuminamento grazie al
gruppo elettrogeno).
Qualsiasi riduzione del livello di ridondanza esposto, anche se tecnicamente a norma, andra` attentamente considerata in sede di valutazione del rischio, con opportune procedure di gestione dellemergenza.
Per quanto riguarda lilluminazione di sicurezza, le prescrizioni della
norma UNI dovranno per i locali medici essere sempre mediate con
quelle del D.M. 18 settembre 2002 [87]; il combinato disposto dei due
riferimenti porta ai seguenti requisiti: dovra` essere garantito un illuminamento minimo pari a 5 lux (misurato a 2 m di altezza), con una
resa cromatica Ra >= 40, con unautonomia che dovra` essere come
anticipato pari almeno a 2 ore (anche per le lampade cosiddette
autonome, e cioe` alimentate con una singola batteria, invece che tramite un sistema di alimentazione di continuita`, in gergo UPS).
Lalimentazione delle lampade di emergenza deve inoltre essere del
tipo ad interruzione breve (e cioe` intervenire entro 0,5 s dallinterruzione dellalimentazione dellilluminazione principale), e cioe` esse
devono essere alimentate tramite batterie autonome o UPS centralizzati; lautonomia di 2 ore potra` essere ridotta della meta` qualora
lalimentazione sia successivamente garantita anche dal gruppo elettrogeno.
A questo proposito, alcuni professionisti sostengono che per effetto
di questa prescrizione, le uniche lampade di emergenza idonee sarebbero quelle del tipo cosiddetto elettronico (le quali non dovendo
caricare il reattore, a differenza di quelle tradizionali fluorescenti, si
accendono istantaneamente, senza lampeggiare per alcuni momenti); in realta` tale interpretazione e` da ritenersi esageratamente rigorosa, in quanto il D.M. stesso parla di intervento dellalimentazione (e non dellilluminazione), e la norma EN 1838 richiede che i
corpi illuminanti di sicurezza raggiungano il 5% di luminosita` in 5 secondi e il 50% in 60 secondi, ragion per cui le lampade fluorescenti
normali sono da considerarsi pienamente adeguate.
Infine, giova ricordare che lilluminazione di sicurezza dovra` essere

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Illuminazione
di sicurezza

31

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

sottoposta a manutenzioni e verifiche periodiche (in particolare con


verifica semestrale e revisione quadriennale completa degli apparecchi), come specificato nella recente UNI 11222 [96]. Sempre piu` gli
apparecchi autonomi stanno venendo soppiantati da apparecchi alimentati da soccorritori dotati di centralina di gestione (cosiddetto
sistema Dardo, dal nome commerciale di un produttore) che consentono di ottenere in tempo reale la situazione di ogni corpo illuminante (autonomia e funzionalita` delle batterie compresa); in caso
non siano presenti, le operazioni di verifica dovranno essere svolte
effettivamente (interrompendo cioe` lalimentazione e cronometrando lautonomia).

32

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Impianti elettrici
 Legislazione e normativa tecnica
Il rischio elettrico e` certamente uno degli aspetti piu` complessi e
concreti della prevenzione degli infortuni: il D.Lgs. 81/2008 [1].
Lo spazio per questa trattazione non consente certo una completa
disamina degli argomenti relativi allimpiantistica elettrica, tuttavia
e` necessario svolgere almeno unintroduzione di base alle tematiche
principali, di modo che gli aspetti piu` specifici tipici dei locali medici possano venir compresi.
Dal punto di vista normativo, la legge 186/1968 [97] assegna alle norme CEI il ruolo di regola dellarte, per cui gli impianti realizzati secondo tali norme si considerano corrispondenti alla regola dellarte
a tutti gli effetti: a tali norme dunque ci si dovra` attenere, e in particolare alla CEI 64-8 [94] che regola la distribuzione in bassa tensione
(e nella sezione 710 contiene le prescrizioni relative ai locali medici). Sempre per ragioni di spazio, si analizzera` preminentemente la
bassa tensione, anche se occorre tenere sempre in mente che gli edifici sanitari, per via della loro dimensione, spesso sono alimentati in
media tensione (e per i complessi piu` grandi anche un intero anello
di piu` centrali di media).
Lo scopo di questa parte non puo` essere quello di costituire una rigorosa trattazione della sicurezza dellimpiantistica elettrica (obiettivo per cui lo spazio e` certamente non sufficiente, e gia` affrontato
da autori di ben altra caratura [98]): la trattazione si limitera` a fornire una comprensione, a volte solo intuitiva, dei fenomeni che ne regolano gli aspetti fondamentali e imprescindibili, che fornisca i concetti basilari per garantire quella ragionevole sicurezza che e` richiesta in materia.

 Elettrotecnica generale
Dando per scontata la conoscenza dei concetti base dellelettrotecnica, quali tensione, corrente, circuito monofase e trifase, bastera` ricordare che in Italia lenergia elettrica, allinterno delle strutture civili quali quelle qui in esame, viene distribuita in alternata a 50 Hz a
400/230 V (dove 400 V e` la tensione tra due fasi, 230 quella tra una
fase ed il neutro, ossia il conduttore destinato alla richiusura delle
correnti); a questi quattro conduttori (tre fasi piu` il neutro) si aggiunge la cosiddetta terra, ovvero il conduttore di protezione,
sul cui scopo si tornera` diffusamente in seguito, concentrando lesame sugli impianti elettrici veri e propri, tralasciando le problematiche degli impianti speciali (rivelazione incendi, allarme, diffusione
sonora, ascensori).
Nel corso di questa parte, sulla scorta delle indicazioni legislative
sopra richiamate, sara` momentaneamente trascurato il concetto di

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

33

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

valutazione del rischio, nonostante questa sia esplicitamente richiesta dallart. 80 del TU sicurezza [1]: questo per il semplice motivo
che la legislazione vigente, sulla scorta della legge 186/1968 (le cui
indicazioni sono state ribadite una prima volta nel D.P.R. 447/1991
[99] e una seconda volta nel D.M. 37/2008 [100] e nellallegato IX
del TU sicurezza [1]) considera il rispetto delle norme CEI un livello
minimo garantito e imprescindibile, al di sotto del quale il rischio e`
inaccettabile per espressa presa di posizione del legislatore. La valutazione del rischio di cui allart. 80 del D.Lgs. 81/2008, dunque, e` in
certo qual modo resa piuttosto semplice da questa definizione del
livello accettabile: bastera` (si fa per dire) valutare la conformita` dellimpianto alle normative CEI: qualora esso sia conforme, il rischio
sara` definito accettabile, qualora invece il livello di sicurezza non
sia equivalente, il rischio sara` automaticamente inaccettabile.
Si noti tuttavia che la legge 186/1968, pur nella sua grande importanza, non prevede sanzione alcuna, lasciando quindi applicabili solo le
norme accessorie, per cui paradossalmente realizzare un impianto
elettrico non a norma non e` punibile, fino a che non interviene un
incidente o si dichiara il falso (per esempio nella dichiarazione di
conformita` ai sensi del D.M. 37/2008).
Allinterno del generico problema del rischio elettrico, i locali ad uso
medico tipici delle strutture sanitarie costituiscono una branca con
rischi specifici di particolare gravosita`, riconosciuta anche dal fatto
che per essi e` sempre obbligatorio il progetto elettrico da parte di
professionista abilitato, qualunque sia la dimensione dellimpianto
e delledificio che li ospita.

 Il rischio elettrico

Incendio

34

Ogniqualvolta e` presente un impianto di distribuzione dellenergia


elettrica, per il modo stesso in cui la corrente elettrica funziona, nascono alcune problematiche di sicurezza comuni a tutti gli impianti.
In aggiunta a queste, la particolare vulnerabilita` dei locali medici (e
dei pazienti che li occupano) fa nascere delle ulteriori problematiche specifiche: una breve disamina delle questioni principali e` necessaria per comprendere appieno largomento. Tra i rischi generali
sinteticamente si distinguono i seguenti.
Rischi di incendio dovuti a corti circuiti e sovraccarichi: nel caso di
funzionamento anomalo di uno degli apparecchi alimentati dallimpianto (o anche dellimpianto stesso) possono verificarsi correnti
di intensita` superiore a quanto previsto in fase di progetto; e` noto
che ogni corrente elettrica, per effetto joule produce calore, sicche
e` possibile che una corrente di intensita` piu` elevata provochi il riscaldamento delle apparecchiature elettriche fino al cedimento dellisolante, le cui proprieta` dipendono anche dalla temperatura (sovraccarico); una condizione di contatto anomalo a bassa resistenza
tra due parti a tensioni diverse prende invece il nome di corto circuito, ed e` caratterizzata da una corrente di intensita` molto elevata, che

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

si sviluppa con grande rapidita`. In entrambi i casi il risultato finale e`


che se la corrente non viene interrotta tempestivamente, si verificano scintille e archi elettrici (correnti che attraversano laria ionizzandola) che facilmente portano alla formazione di incendi.
Rischio di ustioni: poiche la corrente porta con se calore, il suo passaggio attraverso il corpo umano puo` provocare ustioni anche molto
gravi nel passaggio attraverso la pelle, o anche in corrispondenza di
archi elettrici nelle vicinanze della persona; in particolare cio` si verifica negli incidenti a tensione media e alta, in quanto al crescere
della tensione gli effetti termici diventano predominanti. Danni di
questo tipo sono presenti nel 25% degli infortuni mortali totali, ma
in oltre il 90% di quelli in alta tensione.
Rischio di elettrocuzione: quando una fibra muscolare e` sottoposta
ad una tensione (in particolare alternata) questa interferisce con i
normali segnali di comando della muscolatura da parte del sistema
nervoso; si verifica cos` uneccitazione periodica delle fibre, che ne
provoca una contrazione incontrollabile (del che la vittima rimane
attaccata al contatto perche impossibilitata a ritrarsi, come si ritrarrebbe se si trattasse di contatto col calore); poiche nelle normali situazioni di contatto la corrente attraversa il corpo umano dagli arti
superiori verso i piedi, i polmoni sono investiti dal flusso di energia
elettrica, con conseguente rischio anche di asfissia (responsabile di
circa il 6% delle vittime di incidenti elettrici).
Tra i rischi specifici sinteticamente si distinguono i seguenti.
Rischio di fibrillazione ventricolare: e` un rischio che e` presente in
realta` in tutti gli impianti elettrici, e corrisponde allinterferenza della corrente elettrica nel funzionamento regolare del muscolo cardiaco: si tratta di gran lunga del fenomeno piu` pericoloso (responsabile
di quasi il 90% dei decessi per folgorazione); nei locali medici il rischio risulta particolarmente aggravato, per la possibilita` che apparecchi elettromedicali in tensione siano applicati direttamente sul
paziente, e addirittura in corrispondenza del muscolo cardiaco stesso, sicche una corrente di pochi milliampere, tranquillamente tollerabile in situazioni normali, diventa letale per via dellintimo contatto (manca la protezione della pelle): per questa ragione tale rischio
(detto rischio di microshock) viene affrontato dalle norme, a seconda dellattivita` chirurgica prevista, con prescrizioni specifiche.
Rischio dovuto a interruzione di servizi essenziali per la vita: e` facile immaginare come i pazienti, per le loro critiche condizioni di
salute, possono dipendere in tutto o in parte dal funzionamento
di macchinari di vario tipo: si comprende bene quindi che in molte
situazioni e` necessario un qualche sistema di ridondanza dellalimentazione, per evitare che un guasto possa mettere fuori servizio
questi sistemi essenziali; in aggiunta a cio`, durante interventi con
rischio di conseguenze sulla salute (es. in sala operatoria) e` ovvio
che deve essere garantita una qualche forma di sicurezza, per evitare che vengano a mancare le condizioni di illuminazione e/o funzionamento di determinate apparecchiature necessarie alle operazioni:

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Ustioni

Elettrocuzione

Fibrillazione
ventricolare

Interruzione
di servizi vitali

35

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Tensione limite
di contatto

tutte queste esigenze hanno importanti riflessi sul modo in cui gli
impianti elettrici nei locali medici vengono progettati, sia dal punto
di vista della ridondanza della distribuzione (linee multiple per evitare che un singolo guasto possa isolare dei reparti) sia della alimentazione (con la presenza di sistemi di alimentazione di sicurezza sia statici, come gli UPS, sia basati su motori a combustione,
quali i gruppi elettrogeni).
Semplificando il concetto della resistenza elettrica del corpo umano,
per quanto i percorsi della corrente allinterno del corpo possano essere vari, in buona sostanza esso puo` essere approssimato con una
resistenza del valore allincirca di 2000 Ohm: cio` consente, statisticamente, tramite la legge di Ohm (V = R * I) di trasformare quelli che
sono limiti di pericolosita` della corrente elettrica (le cui intensita` e
frequenza sono responsabili degli effetti sopra indicati), in soglie di
sicurezza basate sulla tensione, decisamente piu` semplici da controllare a livello progettuale, e da verificare in sede di prova.
La pericolosita` di un valore di intensita` di corrente (e quindi della
relativa tensione) dipende dal tempo per il quale la stessa rimane applicata alla persona: e` possibile ricavare delle curve tensione/tempo
che indichino la soglia di pericolosita` del contatto con una parte
elettrica: queste curve (che dipendono dalle condizioni ambientali)
hanno tutte un andamento asintotico per il quale al di sotto di un
certo valore minimo di tensione il tempo diventa ininfluente, e anche una tensione indefinitamente applicata non risulta pericolosa.
Tale livello di tensione viene convenzionalmente posto, per la corrente alternata, a 50 V in condizioni normali, e a 25 V in condizioni di
rischio particolari (quali quelle che si verificano nei locali medici).

 Equipotenzialita`, masse e contatti


Il termine colloquiale tensione altro non e` che labbreviazione pratica del piu` corretto differenza di potenziale elettrico: e` intuitivo
capire che se si parla di differenza, devono esserci due termini: la
tensione infatti e` sempre definita rispetto ad un livello di riferimento, che viene posto a tensione pari a zero (tale livello nellimpianto
elettrico corrisponde al punto denominato centro stella del trasformatore che alimenta limpianto stesso).
Quando due parti a tensione diversa sono messe in comunicazione
tramite un percorso (con una determinata resistenza), si genera la
corrente elettrica e, a causa della intrinseca resistenza del corpo
umano, si puo` parlare solo di tensioni pericolose, invece che di correnti.
Allora, e` evidente che le tensioni pericolose possono venir controllate in due maniere: o impedendo che tra le due parti a potenziale
diverso si generi il contatto (interponendo quello che viene chiamato isolamento), oppure al contrario impedendo che queste due parti
si vengano a trovare a tensione diversa, collegandole quindi tra di
loro con un collegamento di resistenza relativamente piccola.

36

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Questo concetto e` comunemente denominato equipotenzialita`, ed e`


quello che sta alla base della misura di sicurezza piu` comune ed indispensabile: la presenza dellimpianto di terra. Tale impianto risulta
necessario per vari motivi:
in primo luogo vi e` la necessita` in ogni impianto di disporre di un
punto che sia ad un potenziale noto, e questo e` appunto il luogo in
cui limpianto si trova a contatto con il terreno (ovvero e` il nodo
principale dellimpianto di terra stesso, che per la cabina corrisponde al centro stella del trasformatore);
in secondo luogo occorre assicurarsi che, allinterno di un determinato impianto, delle parti metalliche non possano portarsi a una
tensione elevata rispetto ad altre per lingresso di tensioni esterne
allimpianto stesso: tale condizione si raggiunge garantendo che tutte le parti metalliche normalmente non in tensione siano tra di loro
collegate con il conduttore di protezione (cosiddetta terra, cavo
giallo-verde, che dora in poi sara` indicato per brevita` con PE): in
questo modo si garantisce appunto lequipotenzialita` delle stesse;
infine il terreno e` un conduttore elettrico, anche se di resistenza
non trascurabile: e` quindi conveniente garantire un intimo contatto
tra le parti metalliche non in tensione dellimpianto e il terreno stesso, di modo che eventuali guasti disperdano verso terra correnti elevate (e quindi piu` facilmente individuabili dai dispositivi di protezione come condizioni anomale di funzionamento). La strategia opposta, quella cioe` di isolare limpianto dal terreno (ad es. tramite pavimenti isolanti) e` decisamente piu` onerosa, e applicata solo in casi
particolari.
I due concetti sono tra loro complementari, tanto che se un componente viene protetto con un isolamento rinforzato (o doppio, cioe`
aggiuntivo rispetto a quello principale necessario per proteggere
dalla folgorazione), allora ce` la possibilita`, e in taluni casi lobbligo,
di non collegarlo a terra.
Una fondamentale operazione di verifica della conformita` dellimpianto di terra e` lesame delle sezioni dei conduttori sia di protezione, che dei conduttori di terra (che cioe` vengono posati nel terreno
per garantire lequipotenzialita` intorno alledificio): in Tabella 3 sono

Equipotenzialita`

Conduttore
di protezione

Tabella 3 - Dimensioni minime dei conduttori di terra


e protezione
Conduttore
EQP (collegamento
principale)

equipotenziale

EQS (collegamento equipotenziale supplementare)


PE (conduttore di protezione), essendo
S la sezione del conduttore di fase ed
Sp quella del PE

Sezione minima
1/2 della sezione del PE, con un minimo di 6 mm2
2,5 mm2 se con protezione meccanica
4 mm2 senza protezione meccanica
se S = 16 mm2 Sp = S
se 16 < S = 35 mm2 Sp = 16 mm2
se S > 35 mm2 Sp = 1/2 S

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

37

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Masse e masse
estranee

Contatti diretti
e indiretti

38

indicati i valori minimi degli stessi, secondo la norma CEI 64-8 e 6412 [101].
Fino ad ora si e` fatto riferimento a parti metalliche dellimpianto:
e` tempo di introdurre un concetto piu` rigoroso, vale a dire quello di
masse e masse estranee.
La massa e` parte conduttrice, facente parte dellimpianto elettrico,
che puo` essere toccata e che in condizioni ordinarie non si trova
in tensione, ma vi puo` andare in caso di cedimento dellisolamento
principale; esempi di masse sono la carcassa di un motore, linvolucro metallico di un quadro o di un apparecchio elettrico, una canalina metallica di alloggiamento dei cavi elettrici; da questa definizione si capisce che se la carcassa e` protetta da un isolamento doppio o
rinforzato, essa non e` una massa, in quanto nel caso dellisolamento
principale non va in tensione (grazie alla presenza dellisolamento
supplementare); si noti altres` che una parte conduttrice che puo` andare in tensione solo per contatto con una massa, non diventa massa
a sua volta. Appare chiaro dunque che le masse, per definizione, devono essere collegate a terra tramite il PE, in modo da garantirne sia
lequipotenzialita`, sia la circolazione della corrente di guasto di valore tale da consentire lintervento delle protezioni.
La massa estranea e` la parte conduttrice, non facente parte dellimpianto elettrico, in grado di introdurre un potenziale; sono masse
estranee ad esempio le tubazioni metalliche degli impianti idrici e
di riscaldamento (interrate o meno); per introduzione di potenziale
si intende che se queste parti fossero isolate da terra, e andassero
per qualche motivo in tensione, potrebbero portare a contatto con
le persone delle tensioni pericolose (es. una tubazione idrica che
porta la tensione allinterno di un bagno); si tenga presente inoltre
che una persona che toccasse contemporaneamente una massa in
tensione e una massa estranea presenterebbe una resistenza verso
terra molto inferiore a quella che viene assunta nella definizione
del livello di tensione pericolosa: per tutti questi motivi si capisce
come le masse estranee in molti casi debbano essere collegate a terra, proprio come le masse.
A questo punto bisogna fare una distinzione fondamentale, per quanto riguarda i rischi dovuti a contatto del corpo umano con parti elettriche in tensione:
contatti diretti: sono quelli per cui si viene in contatto con parti
elettriche normalmente in tensione (anime di cavi, morsetti, contattori elettrici, etc.), nel senso che il normale funzionamento dellimpianto prevede che su di esse vi sia una tensione elettrica; possono
essere dovuti a incauto comportamento delle persone, cos` come a
guasto dellisolamento (si pensi a un cavo scoperto dal rivestimento
come esempio);
contatti indiretti: sono quelli per cui si viene in contatto con una
parte normalmente non in tensione (cioe` la tensione perviene per
il tramite di una massa); questi ultimi sono meno frequenti, ma altrettanto pericolosi in quanto rappresentano una condizione anoma-

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

la di funzionamento dellimpianto, per cui le persone vengono in


contatto con parti metalliche su cui non si aspettano di trovare tensioni pericolose.
La protezione dai contatti diretti avviene principalmente tramite luso di involucri e barriere isolanti, ed in certi casi mediante ostacoli
(es. reticelle) tali appunto da impedire il contatto tra le persone (tipicamente le dita, o un eventuale utensile non isolato) e le parti in
tensione dellimpianto.
Puo` avvenire anche tramite luso degli interruttori differenziali (o
meglio, gli interruttori differenziali, installati per proteggere dai contatti indiretti, proteggono anche da quelli diretti).
A seconda delle caratteristiche di isolamento richieste (che derivano sia dal tipo di personale che puo` trovarsi ad operare sulle apparecchiature, sia dalle condizioni ambientali del luogo), si definisce
grado di protezione di un involucro un numero di due cifre, preceduto dalla sigla IP (es. IP 44 o IP 68), il significato del quale e` spiegato
nella Tabella 4; talvolta e` necessario prescrivere solo la protezione
delle persone e non delle apparecchiature; in tal caso il grado di protezione viene espresso come IPXXA dove A e` una lettera tra A e D il
cui significato e` quello indicato nella stessa tabella.
La protezione dai contatti indiretti puo` avvenire anchessa in vari
modi, il piu` diffuso dei quali e` linterruzione automatica dellalimentazione (v. piu` in dettaglio nel prossimo paragrafo); altro metodo di
protezione che ci interessa particolarmente e` luso di circuiti cosid-

Grado
di protezione

Tabella 4 - Significato delle cifre del codice IP


Lettera
Prima cifra (protezione
contro la penetrazione
di corpi estranei)

Seconda cifra (protezione contro la penetrazione


di acqua)

Cifra

Protezione delle apparecchiature

Protezione delle persone

Non protetto

Non protetto

<= 50 mm diametro

Dorso della mano (A)

<= 12,5 mm diametro

Dito (B)

<= 2,5 mm diametro

Attrezzo (C)

<= 1,0 mm diametro

Filo (D)

Protetto contro la polvere

Filo (D)

Totalmente protetto contro la polvere

Non protetto

Caduta verticale

Caduta di gocce con inclinazione 158

Pioggia

Spruzzi dacqua

Getti dacqua

Getti potenti

Immersione temporanea

Immersione continua

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

39

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

detti a bassissima tensione di sicurezza (dove cioe` la tensione e` presente, ma cos` bassa che la resistenza tipica del corpo umano la rende non pericolosa), tra cui si annoverano anche i sistemi con trasformatori di isolamento, tipici delluso medicale.

 Interruzione automatica
dellalimentazione

Interruttore
automatico

40

Linterruttore automatico e` talmente diffuso da rappresentare in pratica un sinonimo di impianto elettrico: si tratta di un dispositivo di
sicurezza atto ad interrompere il circuito elettrico su cui e` montato,
e a spegnere il relativo arco elettrico (che si forma perche, il contatto inizia ad allontanarsi, la corrente fluisce non piu` nel solo metallo,
ma attraverso laria ionizzandola) fino a un certo valore massimo di
corrente che viene chiamato potere di interruzione.
Non si deve confondere questo dispositivo con gli interruttori di comando (quali quelli utilizzati per accendere e spegnere le luci): questi ultimi non solo non intervengono automaticamente, ma non sono
in grado di garantire la separazione elettrica del circuito (se operati
manualmente in caso di guasto, fondono per via dellarco elettrico,
senza interrompere il flusso di corrente).
Linterruttore, di per se, e` un dispositivo cieco: il comando ad intervenire gli viene dagli sganciatori (o rele), i quali sono fondamentalmente di due tipi:
1) rele di massima corrente: sono i cosiddetti magnetotermici, sensibili alla sola corrente di linea (che si sviluppa cioe` sulla fase, o sulle tre fasi): lo sganciatore magnetico interviene in tempi molto brevi,
ma per correnti molto elevate (almeno 10 volte la corrente nominale); lo sganciatore termico invece interviene piu` lentamente, ma in
un tempo proporzionale al valore della corrente (di solito da 3 a 5
volte la nominale), sicche in pratica il primo e` il piu` indicato per proteggere limpianto dal cortocircuito, il secondo dal sovraccarico; per
il modo in cui sono costruiti, questi rele non hanno una sensibilita`
molto elevata, in quanto misurano la corrente di linea, e dunque sono limitati inferiormente dal valore della corrente nominale stessa
(quella cioe` che fluisce sulla linea in funzionamento normale), altrimenti interverrebbero intempestivamente, impedendo il normale
funzionamento dellimpianto;
2) rele differenziali: tramite lutilizzo di un toroide ferromagnetico,
questi sganciatori sono sensibili alla differenza di corrente tra la fase (o tra la somma delle tre fasi) ed il neutro; poiche per le leggi di
Kirchoff la somma delle correnti nel nodo di un circuito deve essere
pari a zero, in pratica questa differenza equivale alla corrente di dispersione verso terra: si comprende quindi come questi apparecchi
godano di una sensibilita` nettamente superiore a quelli del tipo precedente, tanto che sono in grado di intervenire selettivamente per
dispersioni anche di pochi milliampere (10 mA o 30 mA sono infatti
tra i tipi piu` comuni).

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

La strategia per garantire la sicurezza e` concettualmente semplice: i


dispositivi di interruzione devono essere tarati in modo tale che
quando si verifica un guasto, e un conseguente contatto indiretto,
essi intervengano prima che nel suddetto contatto vengano superati
i limiti di tensione pericolosa gia` ricordati (50 V in condizioni ordinarie, 25 V in condizioni particolari, tra cui i locali medici), che verra`
indicato genericamente con UL; il modo in cui questo risultato viene
garantito dipende pero` dal sistema di distribuzione adottato, che
puo` essere di tre tipi differenti, individuati da una sigla di due lettere, la prima dedicata al centro stella del trasformatore (ovvero al
neutro), la seconda alle masse.
Il sistema piu` diffuso e` il cosiddetto TT (Figura 7), dedicato alle
utenze domestiche di piccola entita` (alimentate in bassa tensione
senza cabina), dove la prima T corrisponde al fatto che il neutro e`
collegato a terra, e la seconda al fatto che sono collegate a terra anche le masse, ciascuno dei due con il proprio impianto (cioe` il collegamento a terra delle masse e` indipendente da quello del centro
stella).
Si osservi il circuito di guasto indicato in Figura 7: per contenere la
tensione sulla massa a valori inferiori a UL occorrerebbe realizzare
resistenze dellimpianto di terra dellordine di:
RE 

UL
U0

UL

Sistema TT

 RN

che per U0=230 V e UL=50 V corrisponde a RE<0,3 Ohm, valore mol-

Figura 7 - Sistema TT

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

41

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Sistema TN

to difficile da raggiungere (anche perche le condizioni di resistivita`


del terreno non sono costanti nel tempo, quindi con valori cos` bassi
non ci sarebbe garanzia di efficacia); anche considerando la curva di
sicurezza tensione-tempo, dovremmo comunque realizzare impianti
di terra con RE<= UL/I5S (dove I5S e` la massima corrente che provoca in 5 secondi lintervento delle protezioni), e cioe` dellordine di 1
Ohm. Lunica possibilita` per garantire la sicurezza in questo caso e`
ricorrere allinterruttore differenziale: la condizione da rispettare diventa RE <= UL/Idn (Idn = corrente di intervento del dispositivo differenziale), che e` molto facile da rispettare: con 30 mA, si ottiene
una RE di oltre 1000 Ohm, con 0,5 A abbiamo ancora 100 Ohm, quando realizzare impianti con RE di poche decine di Ohm e` piuttosto
semplice.
Il sistema dedicato alle utenze di notevole entita` (di solito con cabina propria) e` invece il cosiddetto sistema TN: il centro stella e` ancora collegato a terra, mentre le masse sono collegate al neutro (tramite il conduttore di protezione PE, che verra` considerato sempre distinto da questultimo, in quanto nei locali medici e` obbligatoria tale
distinzione, che prende il nome di sistema TN-S), come mostrato in
Figura 8.
Si osservi il circuito di guasto: esso non si richiude piu` attraverso
limpianto di terra (che e` unico), per cui la resistenza di terra diviene
del tutto ininfluente per la sicurezza; la condizione da rispettare sara`
allora Ia <= U0/Zs, con Ia corrente di intervento delle protezioni e Zs

Figura 8 - Sistema TN-S

42

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

impedenza dellanello di guasto (limpedenza puo` essere definita intuitivamente come resistenza dei circuiti).
A seconda della tensione U0 tipica del circuito, la norma fissa un
tempo di intervento che dovra` essere rispettato dal dispositivo (Tabella 5); per i circuiti che non alimentano prese a spina, tale tempo e`
invece pari a 5 secondi.
In ogni caso, poiche Zs e` limpedenza di una serie di conduttori elettrici, il suo valore e` decisamente basso, sicche Ia risulta abbastanza
elevata da consentire la protezione anche con sganciatori del tipo a
massima corrente (a maggior ragione con interruttori differenziali),
sicche il sistema TN e` intrinsecamente piu` sicuro di quello TT.
Lultimo sistema, visibile in Figura 9, e` il cosiddetto sistema IT, dove
il neutro e` isolato da terra (o connesso a terra tramite unimpedenza

Sistema IT

Tabella 5 - Tempo di intervento delle protezioni


nei sistemi TN
Tempo di interruzione (s)
U0 (V)

Condizioni ordinarie

Condizioni particolari

120

0,8

0,4

230

0,4

0,2

400

0,2

0,06

>400

0,1

0,02

Figura 9 - Sistema IT

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

43

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

di valore molto elevato), mentre le masse sono collegate a terra. Il


vantaggio di questo sistema e` che il circuito del primo guasto a terra,
visibile in figura, non si richiude attraverso un vero e proprio collegamento, bens` attraverso le cosiddette capacita` parassite della linea rispetto al terreno, le quali hanno unimpedenza elevatissima:
la corrente di guasto Id che si genera e` di valore cos` basso, che la
condizione di sicurezza RE * Id <= UL e` soddisfatta con grande facilita`.
Il grande vantaggio, pero`, e` che tale primo guasto a terra non e` in
alcun modo pericoloso per le persone, e dunque puo` permanere senza compromettere la continuita` di esercizio (cioe` limpianto puo`
continuare a funzionare).
Nel caso di un secondo guasto, invece, come si vede in Figura 10, il
sistema diventa normalmente equivalente al sistema TN (lo si fa avvenire apposta, distribuendo il neutro, perche se diventasse equivalente al sistema TT occorrerebbero ulteriori costi per installare protezioni differenziali).
La superiore affidabilita` del sistema IT lo rende una scelta preferibile rispetto agli altri ove vi siano esigenze imprescindibili di continuita` del servizio: esso e` tipico dei sistemi di distribuzione in media tensione, ed anche, nella sua versione IT-M, dei sistemi con trasformatore di isolamento per uso medicale.
Fin da subito pero` si nota che un secondo guasto vanifica laffidabilita` cercata, e dunque questo sistema deve essere sempre accompagnato da un dispositivo di controllo dellisolamento, che segnali lav-

Figura 10 - Equivalenza IT-TN

44

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

venuto primo guasto (altrimenti non identificabile), di modo che si


possa programmare al piu` presto lintervento di ripristino dellisolamento stesso.
Non e` necessario addentrarsi ulteriormente nei numerosi aspetti
specifici dei sistemi di distribuzione (problemi a carico dei progettisti di impianti): occorre segnalare pero` una questione fondamentale,
qualunque sia il sistema adottato: la selettivita` delle protezioni.
Ogni impianto complesso, infatti, e` suddiviso su piu` livelli gerarchici: da una cabina (o anello di cabine) viene alimentato un quadro generale (o piu` quadri), dal quale si diparte lenergia verso i quadri di
settore o di zona, che a loro volta alimentano quelli di piano o di reparto, ai quali fanno infine capo i terminali o i quadri e centralini dei
singoli locali (Figura 11): in ciascuno di questi livelli sono installate
delle protezioni, le quali possono tutte quante rilevare il guasto e disalimentare il circuito a valle di loro stesse.
Nellipotesi di una presa a spina in un ambulatorio in cui viene perforato lisolamento, per cui si verifica un corto circuito; gli interruttori che rilevano il guasto saranno molteplici: quello del centralino
di stanza che protegge la linea prese, quello del quadro di reparto
che protegge la linea degli ambulatori, quello del quadro di settore
che alimenta la parte di edificio, fino a quello del quadro generale.
E` evidente che solo lintervento del primo di tutta questa catena
di interruttori rappresenta una conclusione desiderabile del corto
circuito: lintervento di qualunque altro interruttore nella catena, ac-

Selettivita`

Figura 11 - Schema impianto complesso

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

45

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

cettabile ai fini del guasto stesso (che certamente viene eliminato),


non e` pero` accettabile ai fini della continuita` del servizio, perche a
seconda del livello di intervento vengono disalimentate porzioni
sempre piu` ampie delledificio, in cui non vi e` guasto alcuno.
Questo problema, noto come problema della selettivita` verticale
(esiste anche quella orizzontale, in cui cioe`, interruttori allo stesso
livello intervengono intempestivamente per via di condizioni anomale dei circuiti), puo` essere risolto teoricamente in due modi: diminuendo la sensibilita` delle protezioni lungo i livelli (per esempio,
gli interruttori differenziali sui terminali interverranno per correnti
pari a 30 mA, quelli sui quadri intermedi per 300-500 mA, quelli
sul quadro generale per 1000 mA), selettivita` amperometrica, oppure
ritardando intenzionalmente lintervento delle protezioni di livello
piu` alto (immediato per i terminali, con 0,3-0,5 secondi di ritardo
sui quadri intermedi, con 1 secondo di ritardo nel quadro generale),
selettivita` cronometrica.
Nella pratica i due metodi vengono impiegati entrambi contemporaneamente, anche se la parte del leone e` svolta dalla selettivita` cronometrica (che le norme stesse prescrivono, prevedendo ad esempio che lintervento sui circuiti non terminali possa avvenire entro
5 secondi nei sistemi TN, 1 secondo nei sistemi TT), la cui presenza
risulta dunque di fondamentale importanza per garantire interventi
tempestivi delle protezioni ed evitare disservizi.

 Bassissima tensione, luoghi MARCI


e sovratensioni

Sistemi SELV

46

Laltro metodo di protezione dai contatti indiretti che ci interessa


particolarmente e` quello che fa uso di sistemi a bassissima tensione.
Se ne distinguono di due tipi:
sistemi SELV (safety extra low voltage): deve rispettare tre condizioni: essere alimentato da una sorgente autonoma o di sicurezza,
avere una separazione di protezione verso gli altri sistemi elettrici,
non avere punti a terra
sistemi PELV (protective extra low voltage): si differenzia dal
SELV in quanto dispone di almeno un punto collegato a terra.
In Figura 12 a) e` mostrato un tipico circuito SELV: la sorgente autonoma puo` essere una batteria o un gruppo elettrogeno, quella di sicurezza e` invece un trasformatore di sicurezza (cioe` dotato tra gli
avvolgimenti di un isolamento doppio, scelta preferibile, oppure di
uno schermo metallico collegato a terra), che realizza grazie allinterruzione del circuito elettrico propria del suo funzionamento la separazione tra i due circuiti primario (cioe` a monte del trasformatore
stesso) e secondario (a valle, circuito SELV vero e proprio).
Come si vede in Figura 12 b), un circuito PELV e` intrinsecamente
meno sicuro di un SELV, in quanto nel PELV tramite la messa a terra
e` possibile che la persona si trovi sottoposta alla tensione primaria
(e dunque puo` doversi interrompere lalimentazione), mentre con il

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Figura 12 - Circuito SELV e PELV

SELV essa e` sempre al massimo soggetta alla tensione secondaria


del trasformatore.
I sistemi SELV sono impiegati per esempio per lalimentazione delle
lampade scialitiche in sala operatoria.
I sistemi di tipo SELV sono spesso inoltre gli unici che possono essere installati negli ambienti cosiddetti a maggior rischio elettrico:
sono classificati in questo modo vari tipi di ambienti, tra i quali vale
la pena di evidenziare, per la loro onnipresenza, solamente i locali
contenenti bagni e docce: la sezione 7 della norma CEI 64-8 definisce 3 zone differenti, a seconda della distanza dalla zona che contiene lacqua vera e propria (volume interno alla vasca o doccia, denominata zona 0), come si vede nella Figura 13.
A seconda della zona in cui ci si trova, agli impianti elettrici installati sono richiesti determinati requisiti, riassunti in Tabella 6.
A questi requisiti si aggiunge la necessita`, che si ripropone nei locali
ad uso medico, di effettuare nei locali un collegamento equipotenziale supplementare tra tutte le masse e le masse estranee (cioe`
per esempio, se le tubazioni dellimpianto idrico sono state collegate
a terra nel punto in cui entrano nelledificio, cosiddetto collegamento equipotenziale principale, cio` non e` sufficiente: occorre un ulteriore collegamento tra tutte le tubazioni che entrano nel locale bagno, e tutte le masse ivi presenti, da portare ad un nodo equipotenziale appositamente dedicato al locale).
Prima di approfondire le prescrizioni dedicate espressamente ai locali medici, una breve digressione sui luoghi cosiddetti MARCI (a
MAggior Rischio in Caso di Incendio). Questi luoghi sono individuati
in accordo con la sezione 751 della norma CEI 64-8 [94], come quelli
in cui, per le particolari caratteristiche (elevato affollamento, presenza di combustibili/infiammabili in grande quantita`/grande altezza/ecc) il rischio incendio e` maggiore che negli ambienti ordinari:
per quanto la definizione sia in parte opinabile, gli ospedali sono

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Locali bagni
e docce

Luoghi MARCI

47

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

espressamente elencati, dunque negli ambienti ospedalieri andranno


prese le precauzioni aggiuntive richieste da questa sezione della norma, tra le quali le piu` importanti sono:
le condutture installate non sotto traccia (o protette con grado di
protezione inferiore a IP 4X) devono essere protette per impedire il
propagarsi dellincendio; cio` si puo` raggiungere impiegando cavi
non propaganti lincendio (secondo CEI 20-22) oppure cavi resisten-

Figura 13 - Ambienti a rischio elettrico: classificazione

Tabella 6 - Impianti elettrici nei locali bagni e docce


Oggetto

48

Zona 1

Zona 2

Zona 3

Grado di protezione

IP X4 (IP X5 se si fa uso di getti dacqua per la pulizia)

IP X1 (IP X5 se getti)

Condutture in vista o incassate meno di 5 cm

Ammesse per apparecchi senza rivestimento metallico

Ammesse

Cassette di derivazione

Vietate

Ammesse

Apparecchi di comando

Ammessi solo interruttori SELV 12 Vac/30 Vcc

Prese a spina

Vietate

Ammesse con trasf. di


isolamento per rasoio

Ammesse se SELV, con


trasf. di isolamento o differenziale <30 mA

Utilizzatori

Ammessi solo scaldaacqua e apparecchi SELV

Come Zona 1, oltre ad apparecchi di classe I e II


per illuminazione, riscaldamento e idromassaggio

Ammessi

Vietate

Ammessi

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

ti al fuoco (ad isolamento minerale secondo CEI 20-36); nei luoghi


ad elevata densita` di persone andra` preferita la scelta di cavi a basso
sviluppo di fumi tossici (secondo CEI 20-38), per quanto non vi sia
un obbligo normativo;
nei circuiti terminali non protetti almeno IP 4X e` richiesta linstallazione di interruttori differenziali;
i cavi multipolari non protetti IP 4X devono contenere al loro interno anche il conduttore PE (questo perche tenerlo separato riduce
la probabilita` di intervento dellinterruttore differenziale in caso di
guasto a terra);
i componenti, gli apparecchi di illuminazione (lampade escluse) e
i motori devono avere grado di protezione almeno IP 4X.
Unultima considerazione relativamente ai possibili rischi elettrici:
tanto il D.Lgs. 81/2008 (allegato IV) quanto la norma CEI 64-8 (sez.
443) rendono obbligatoria la valutazione del rischio relativamente
alle sovratensioni di origine atmosferica.
Tale valutazione, che dipende da molteplici fattori, tra cui forma della struttura, ubicazione sul territorio, estensione dellimpianto, e una
cui descrizione approfondita esula dagli scopi di questo lavoro, andra` condotta secondo le norme del comitato tecnico CEI 81, e in particolare secondo la recente serie di norme CEI 81-10 [102].
Se dalla valutazione la struttura non risulta autoprotetta, occorre intervenire per limitare il rischio, in uno o entrambi i modi seguenti:
installando un sistema di protezione dalle fulminazioni (LPS, lightning protection system), costituito solitamente da una rete magliata
che protegge ledificio secondo il principio della gabbia di Faraday
(capta i fulmini e li scarica a terra attraverso i dispersori dellimpianto di terra);
installando dispositivi di protezione delle apparecchiature allingresso delle linee esterne nei quadri (apparecchi chiamati SPD, surge protective device), che hanno il compito di tagliare le onde delle
sovratensioni indotte.

Sovratensioni

 Locali ad uso medico


Nei locali medici, per il fatto che possono essere applicati al cuore
elettrodi di apparecchi elettromedicali, il rischio di fibrillazione cardiaca e` molto piu` alto del normale, perche dato lintimo contatto con
il muscolo cardiaco anche una corrente normalmente inavvertibile
puo` diventare letale, tanto che si parla di rischio di microshock.
A causa della criticita` del tipo di apparecchi presenti (e di conseguenza, operazioni intraprese), i locali medici vengono innanzitutto
classificati dalla CEI 64-8 sezione 710 [94] come segue:
locali di gruppo 0: nei quali non si utilizzano apparecchi elettromedicali con parti applicate;
locali di gruppo 1: nei quali si fa uso di apparecchi elettromedicali
con parti applicate anche invasivamente, ma ad eccezione della zona
cardiaca;

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Classificazione

49

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Zona paziente

locali di gruppo 2: nei quali si fa uso di apparecchi elettromedicali


con parti applicate destinate ad essere utilizzate in interventi intracardiaci oppure in operazioni chirurgiche.
La classificazione dei locali e` fondamentale e propedeutica per qualsivoglia valutazione del rischio elettrico in ambito sanitario, in quanto da essa dipende tutta una serie di prescrizioni e requisiti che non
possono essere ottenuti se non presenti, se non con operazioni di ristrutturazione di notevole invasivita`: e` dunque essenziale (anche a
protezione del professionista incaricato da malintesi) che essa venga sottoscritta esplicitamente dai responsabili sanitari della struttura o del reparto (ad esempio mediante luso di una piantina controfirmata, da mantenere costantemente aggiornata); per facilitare la
dimestichezza con questo aspetto, in Tabella 7 sono indicate alcune
attivita` tipiche con la relativa classificazione.
I locali di gruppo 0 non presentano ovviamente problemi particolari:
essi sono difatti considerati dalle norme alla stregua di ambienti ordinari; nei locali di gruppo 1 e 2, invece, dove vi e` impiego di appa-

Tabella 7 - Classificazione dei locali ad uso medico


Gruppo
Tipo di locale

Ambulatorio senza apparecchi con parti applicate

Ambulatorio con apparecchi con parti applicate

Ambulatorio chirurgico

Camera di degenza

Sala di preparazione e/o risveglio

Sala parto (senza operazioni chirurgiche)

Sala per anestesia

Sala per applicazione cateteri cardiaci

Sala operatoria

Sala terapia intensiva

Diagnostica radiologica, radioterapia

Dialisi

Endoscopia

Fisioterapia, idroterapia

Risonanza magnetica, ECG ed EEG, med. nucleare

Angiografia

Urologia

Sala prematuri

Sala gessi

Locale per uso estetico (con apparecchi di cui alla legge 4 gennaio 1990 n. 1)

50

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

recchi elettromedicali, risulta di fondamentale importanza il concetto di zona paziente (Figura 14): essa e` definita come linsieme di tutti
i punti dello spazio circostante con cui il paziente puo` entrare in
contatto direttamente, o per tramite del personale presente.
Il concetto dovrebbe essere abbastanza chiaro: cio` che puo` dare origine ad un contatto col paziente e` pericoloso, e dunque soggetto a
prescrizioni; lindividuazione della zona paziente e` un passo fondamentale, per il quale si deve tener conto anche del fatto che il supporto su cui il paziente si trova (es. letto di terapia intensiva, oppure
tavolo operatorio) spesso non e` fisso, ma liberamente mobile (il che
ovviamente rende zona paziente tutto il locale): si considera il supporto in quanto la zona paziente si deve considerare solo quando il
paziente e` in contatto con parti elettromedicali applicate, il che ovviamente lo obbliga ad essere posizionato su tavolo, letto o sedia (la
normale deambulazione del paziente e` cioe` esclusa, perche in queste
condizioni il rischio elettrico viene considerato ordinario, non essendoci ancora lapplicazione di elettrodi).
Le prescrizioni piu` restrittive del normale vincolanti per i locali medici, dunque, si applicano solo nella zona paziente: molte prescrizioni sono comuni o simili per i due gruppi, ragione per cui dapprima

Figura 14 - Zona paziente

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

51

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Gruppo 1

Gruppo 2

vengono enunciate schematicamente, per poi spiegarle in modo piu`


dettagliato ununica volta.
Per i locali medici di Gruppo 1 valgono le seguenti prescrizioni:
e` obbligatorio il progetto da parte di professionista;
la tensione limite di contatto e` pari a 25 V come visto; cio` significa
che nei sistemi TT la tensione limite e` UL=25 V, mentre nei sistemi
TN e IT linterruzione deve avvenire nei tempi previsti dalla Tabella 8;
la tensione dei circuiti SELV e PELV non deve superare 25 V in alternata, con le parti attive protette dai contatti diretti;
i circuiti che alimentano prese a spina fino a 32 A devono essere
protetti con interruttore differenziale con Idn <= 30 mA di tipo A
o B;
deve essere effettuato il collegamento equipotenziale supplementare nella zona paziente, con un solo sub-nodo tra masse/masse
estranee e nodo equipotenziale del locale;
le prese e gli interruttori devono distare almeno 20 cm da qualsiasi
attacco per i gas medicali (per evitare il rischio di infiammare questi
ultimi).
Per i locali medici di Gruppo 2 valgono le seguenti prescrizioni:
e` obbligatorio il progetto da parte di professionista;
nei locali di gruppo 2 non possono transitare condutture che alimentino altri locali, neanche se alimentano circuiti di sicurezza
(questa prescrizione vale per tutto il locale a qualsiasi altezza, anche
fuori della zona paziente);
lalimentazione di tutti gli apparecchi situati nella zona paziente
deve avvenire tramite un sistema IT-M (cioe` con un trasformatore
di isolamento), tranne per apparecchi radiologici o di potenza oltre
5 kVA;
tutti i circuiti del locale non alimentati da IT-M (cioe` fuori della zona paziente) devono essere protetti con differenziali da 30 mA di tipo A o B;
la tensione limite di contatto e` pari a 25 V come visto; cio` significa
che nei sistemi TT la tensione limite e` UL=25 V, mentre nei sistemi
TN e IT linterruzione deve avvenire nei tempi previsti dalla Tabella
8;
la tensione dei circuiti SELV e PELV non deve superare 25 V in alternata, con le parti attive protette dai contatti diretti e le masse collegate al nodo equipotenziale;
deve essere effettuato il collegamento equipotenziale supplemen-

Tabella 8 - Tempi di interruzione massimi nei locali


medici
Sistema TN (TN-S)

52

Sistema IT

U0 (V)

t (s)

U0/U (V)

Neutro
non distribuito t (s)

Neutro
distribuito t (s)

120

0,4

120/240

0,4

1,0

240

0,2

240/400

0,2

0,4

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

tare nella zona paziente, con un solo sub-nodo tra masse/masse


estranee/poli di terra e nodo equipotenziale del locale: ad esso vanno collegate tutte le masse e le masse estranee, oltre che il polo di
terra di tutte le prese a spina del locale;
la resistenza dei conduttori di protezione ed equipotenziali non deve superare 0,2 Ohm;
le prese a spina alimentate IT-M non devono essere intercambiabili con quelle alimentate da rete eventualmente presenti nello stesso
locale;
le prese e gli interruttori devono distare almeno 20 cm da qualsiasi
attacco per i gas medicali (per evitare il rischio di infiammare questi
ultimi); inoltre devono essere alimentate da almeno due circuiti distinti, oppure protette contro le sovracorrenti in almeno due gruppi;
deve essere garantita lalimentazione di sicurezza, secondo le prescrizioni che saranno illustrate nel paragrafo successivo.
Dei requisiti relativi allilluminazione normale e di sicurezza si e` gia`
detto nel capitolo apposito.
Per quanto riguarda la tensione limite di contatto ed i sistemi SELV,
cos` come di interruzione automatica dellalimentazione, gli interruttori differenziali sono obbligatori, ma sono permessi solo due dei tre
tipi esistenti:
tipo AC (che potremmo chiamare normale): per questi interruttori lo sgancio e` assicurato solo quando le correnti verso terra sono
del tipo alternato sinusoidale;
tipo A: lo sgancio e` assicurato per correnti verso terra alternate sinusoidali e unidirezionali pulsanti;
tipo B: lo sgancio e` assicurato per correnti verso terra alternate sinusoidali, unidirezionali pulsanti e unidirezionali continue.
La ragione per cui nei locali medici sono permessi solo i tipi A e B
dipende dalle caratteristiche degli strumenti elettromedicali, che per
via delle numerose componenti elettroniche possono dare adito a
correnti di guasto di tipo particolare, le quali devono ovviamente essere rilevate per garantire la sicurezza del paziente.
In aggiunta a questo, e` prevista la realizzazione del collegamento
equipotenziale supplementare (detto EQS). In pratica oltre al normale collegamento al conduttore di protezione (effettuato tramite
limpianto di terra principale), allinterno del singolo locale deve costituirsi un nodo ulteriore, al quale vanno collegate le masse e masse
estranee, per garantire ulteriormente equipotenzialita` (questo perche possono essere pericolose anche tensioni molto piccole: la resistenza di un cavo elettrico, per quanto relativamente bassa, non e`
mai nulla, dunque la lunghezza del percorso fino al nodo equipotenziale per i locali medici risulta significativa).
Le prescrizioni specifiche di equipotenzialita` per i locali medici
(dentro e fuori la zona paziente) sono parecchie e vengono riassunte
nella Figura 15 per i locali di gruppo 1 e nella Figura 16 per i locali di
gruppo 2.
Occorre infine tener presente che nei locali medici e` possibile inter-

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

EQS

53

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Figura 15 - Equipotenzialita` locali medici di gruppo 1

Figura 16 - Equipotenzialita` locali medici gruppo 2

54

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

porre tra terminale e nodo al massimo un unico sub-nodo, come mostrato in Figura 17; da cio` discende ad esempio che e` vietato collegare le prese in cascata, come si fa normalmente nei locali ordinari.
Il problema della selettivita` verticale assume particolare rilevanza
nei locali medici di gruppo 2, in quanto in essi deve essere garantita
la continuita` assoluta, anche in caso di primo guasto a terra (e dunque non possono essere impiegati differenziali nella zona paziente,
ma solo fuori): trascurando il problema della pericolosita` del guasto
per un momento, anche se in qualche modo forzassimo le protezioni
del locale a non intervenire, avremmo comunque lintervento delle
protezioni di livello superiore (piano, settore, quadro generale): occorre quindi un sistema che garantisca che leventuale guasto non
solo determini correnti non pericolose, ma anche di entita` tale da
non far intervenire le protezioni esterne intempestivamente: queste caratteristiche sono quelle proprie del sistema IT, che quindi viene sempre impiegato nei locali medici di gruppo 2, tramite linterposizione di appositi trasformatori di isolamento per uso medicale, e
prende dunque il nome di sistema IT-M.
Il trasformatore di isolamento per uso medicale e` un apparecchio
specifico (monofase, di potenza massima 10 kVA, anche se oggi si
impiegano modelli tra i 5 e i 7,5 kVA), che deve rispettare non solo
le prescrizioni della norma generale CEI 96-3 [103], ma anche quelle
specifiche della norma CEI 96-16 [104]; deve essere installato in

Sistema IT-M

Figura 17 - Sub-nodo

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

55

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

prossimita` dei locali stessi (altrimenti aumenta la capacita` parassita,


e dunque la corrente di guasto) e garantisce che un primo guasto a
terra non influisca sul funzionamento dellimpianto.
Naturalmente, occorre affiancarlo con un dispositivo di controllo
dellisolamento (conforme alla CEI 85-28 [105]), che interviene quando la resistenza verso terra del sistema IT-M scende sotto i 50 kOhm
(cioe` sperabilmente ben prima che si abbia una vera e propria perforazione); questultimo deve essere dotato di un sistema di allarme
ottico-acustico e anche di un circuito di prova, per verificare che il
dispositivo stesso sia funzionante: in questo modo si garantisce che
il primo guasto, quando si verifica, venga segnalato, di modo che terminate le operazioni non differibili si possa mettere il locale fuori
servizio e provvedere al ripristino.

 Ridondanza e alimentazione
di sicurezza

Ridondanza

56

Fino ad ora si e` soprattutto trattato di come minimizzare i rischi per


la sicurezza nel caso in cui un impianto elettrico si trovi a funzionare
in maniera anomala (con il caso tipico del guasto dellisolamento
verso terra).
In sintesi, la protezione piu` diffusamente applicata e` concettualmente la piu` ovvia: individuare il funzionamento anomalo, ed interrompere il funzionamento dellimpianto prima che questo possa danneggiare alcuno.
Questo tipo di strategia di intervento ovviamente non tiene conto
dei casi in cui il problema e` proprio che lalimentazione elettrica
non puo` essere interrotta, pena rischi per la salute dei pazienti:
per questo motivo, e` necessario (o almeno buona pratica) che gli impianti siano per quanto possibile ridondanti, di modo che un guasto
su un componente, e la relativa messa fuori servizio, non comprometta totalmente lo svolgersi delle operazioni; questa ridondanza
parte dai terminali del locale (con prese multiple alimentate sotto
interruttori diversi, per esempio), e risale lungo la distribuzione dellenergia fino a raggiungerne la sorgente stessa (cioe` la rete elettrica), rispetto alla quale nei reparti piu` critici deve essere prevista almeno unalternativa disponibile.
Per quanto riguarda la ridondanza, essa normalmente viene applicata fin dal punto di ricevimento dellenergia, in cabina elettrica: e`
prassi comune infatti nei complessi ospedalieri di grandi dimensioni
(sopra i 500 posti letto) disporre di piu` allacciamenti distinti alla rete (nella posizione di ricezione), e di un anello di cabine di trasformazione e relativi quadri generali.
Il concetto guida e` che fino al raggiungimento del quadro di reparto,
il percorso dellenergia deve sempre essere doppio (per cui ad esempio, si prevederanno due linee distinte di collegamento tra il quadro
di settore e quello di reparto), e ciascuno dimensionato per trasportare tutta la potenza necessaria, di modo che un singolo guasto pos-

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

sa essere reso inoffensivo semplicemente commutando tutto su di


ununica linea.
Chiaramente non e` possibile pensare di alimentare ogni terminale
con due distinte linee, sicche dal quadro di reparto (o di piano) si
accetta invece che la linea sia unica, purche ovviamente le utenze
vengano alimentate a gruppi (di modo che anche un eventuale guasto su un terminale ne mette fuori uso una determinata percentuale,
ma non tutti).
Questo tipo di ridondanza chiaramente e` sufficiente ad escludere
problemi purche sia disponibile lalimentazione della rete elettrica:
un guasto sulla stessa che obblighi il gestore (ad esempio lENEL)
ad interrompere i propri impianti, benche relativamente poco probabile (la rete di media e` esercita con sistema IT) e` sempre possibile, e
deve quindi essere considerato, prevedendo opportune fonti alternative di energia.
Le norme (sempre CEI 64-8 sez 710) classificano lalimentazione di
sicurezza in classi, a seconda del tempo di intervento (alle classi corrispondono fondamentalmente tipi di apparecchiature distinte, per
le caratteristiche della tecnologia impiegata), di cui di seguito si riportano le piu` importanti:
Classe 0: alimentazione di continuita` (disponibile istantaneamente):
e` il caso di sistemi speciali di alimentazione dedicati a servizi di tipo
informatico (elaborazione dati), o di monitoraggio del paziente;
Classe 0,5: alimentazione ad interruzione breve (disponibile entro
0,5 secondi): e` il caso dei cosiddetti UPS, ovvero gruppi di continuita` elettrica basati su batterie di accumulatori statici;
Classe 15: ad interruzione media (disponibile entro 15 secondi): e`
il caso dei gruppi elettrogeni, ovverosia generatori di emergenza basati su motori endotermici diesel o turbine gas; per le caratteristiche
dovute al modo in cui sono realizzati, prima di poter erogare potenza
questi apparecchi hanno infatti necessita` di un certo tempo di avviamento (per raggiungere il giusto regime di rotazione); in compenso
possono raggiungere potenze ed autonomie decisamente piu` elevate
dei precedenti.
Questa veloce esposizione dovrebbe essere gia` sufficiente a comprendere che queste alimentazioni di sicurezza non sono alternative,
bens` complementari: sara` necessario che tutte le attivita` mediche
(e possibilmente lintero complesso sanitario, con lesclusione degli
apparecchi di grande potenza quali gruppi frigoriferi destinati al
comfort, acceleratori radioterapici, etc.) siano servite almeno da
gruppo elettrogeno (alimentazione cosiddetta privilegiata), mentre
verranno serviti dallalimentazione di continuita` tramite UPS tutti i
locali in cui vi siano specifiche esigenze; si noti a tale proposito
che non e` necessario che gli UPS alimentino tutti i terminali e apparecchi di un locale: cos` e` per locali critici, come le sale operatorie,
ma spesso potra` valutarsi sufficiente riservarne solo una parte, che
in tal caso dovra` essere resa riconoscibile rispetto al resto (per
esempio con prese colorate in verde o rosso, anziche nel normale

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Alimentazione
di sicurezza

57

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

bianco). Un esempio di tipologie di locali e requisiti e` riportato in


Tabella 9.
Le prescrizioni della norma CEI 64-8/7 vanno confrontate poi con
quelle del D.M. 18 settembre 2002, il quale per le attivita` soggette impone a sua volta tempi di intervento e di durata dellalimentazione di
sicurezza a seconda del tipo di impianto di sicurezza (rivelazione incendi, diffusione sonora, illuminazione, etc.); i requisiti sono riassunti in Tabella 10.

Tabella 9 - Alimentazione di sicurezza richiesta


per i locali medici
Classe alim sicurezza
Tipo di locale o attivita`

Breve (t<0,5 s)

Degenza

Media (t<15 s)
X

Sala parto

Sala per endoscopie

Sala per ECG/EEG

Ambulatorio di gruppo 1

Sala per urologia, idroterapia, fisioterapia

Sala per anestesia, preparazione, risveglio

Sala gessi

Sala operatoria, terapia intensiva

Sala angiografia, applicazione cateteri cardiaci

Sala emodialisi

Risonanza magnetica, medicina nucleare

Sala prematuri

Tabella 10 - Requisiti per lalimentazione di sicurezza


degli impianti
Alimentazione di sicurezza
Tipo di impianto

58

Classe interr.

Autonomia

Rivelazione incendi

Breve

30 min

Allarme

Breve

30 min

Illuminazione di sicurezza

Breve

120 min

Impianti idrici antincendio

Media

120 min

Elevatori antincendio

Media

120 min

Impianto di diffusione sonora

Media

120 min

Servizi di sicurezza (imp. elettrici critici)

Breve

60 min

Apparecchi elettromedicali (scialitiche, etc.)

Breve

60/180 min

Impianti elettrici sotto gruppo elettrogeno

Media

24 ore

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Tralasciando le caratteristiche costruttive e circuitali che devono


avere le alimentazioni di sicurezza, per quanto riguarda gli UPS si
ricorda che essi devono essere di tipo appositamente dedicato ai locali medici (perche gli apparecchi elettromedicali hanno spesso elevate correnti di spunto, e dunque occorre un UPS appositamente costruito); il locale inoltre deve disporre di adeguata ventilazione, in
quanto le batterie possono emettere gas esplosivi durante il processo di carica, secondo quanto previsto dalla norma CEI 21-39 [106]; la
formula da rispettare e` la seguente:
Q = 5 x n x C x Igas x 10-5

Locali batterie

dove Q e` la portata daria (in m3/h), C e` la capacita` (in Ah) e n il numero degli elementi accumulatori, ed Igas e` la corrente specifica (per
unita` di capacita`) di carica che produce gas, espressa in mA/Ah.
Qualora venga adottata la ventilazione naturale, la superficie minima complessiva delle aperture (che devono essere almeno due) dovra` essere pari ad A = 28 x Q con A espressa in cm2.
I valori caratteristici di Igas a seconda del processo di carica e del
tipo di batteria, sono indicati in Tabella 11 (per altri tipi di batterie
riferirsi al valore indicato dal costruttore).
Per quanto riguarda i gruppi elettrogeni, essi sono destinati ad operare in isola (cioe` senza collegamento con la rete ordinaria), e dunque deve essere previsto un apposito dispositivo di commutazione
(che viene considerato servizio di sicurezza, e dunque se motorizzato deve disporre di una propria alimentazione a batteria), e relativi
interblocchi meccanici che impediscano di mettere il gruppo in parallelo alla rete. E` appena il caso di ricordare che i gruppi sopra la
potenza di 25 kW sono attivita` soggetta ai controlli dei Vigili del Fuoco, con relativa regola tecnica verticale (D.M. 22 ottobre 2007 [107]).
Dal punto di vista dellimpiantistica elettrica, fondamentale e` la presenza del comando di emergenza (che in questo caso, oltre a interrompere eventuali alimentazioni elettriche ausiliarie come nel caso
della cabina MT/bT, deve spegnere il motore e bloccare accensione e
afflusso di carburante).
In questo paragrafo si sono mantenute distinte le due facce della ridondanza e dellalimentazione di sicurezza, anche se e` evidente, a
questo punto, che si tratta di due aspetti che devono essere coordinati insieme, al fine di raggiungere quello che e` un obiettivo unico, e
cioe` la massima continuita` del servizio.

Gruppi
elettrogeni

Tabella 11 - Valori di corrente di carica


per la ventilazione
Tipo di batteria

Carica tampone
(mA/Ah).

Carica rapida
(mA/Ah)

Al piombo, aperta

20

Al piombo, regolata con valvole

Al nichel cadmio, aperta

50

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

59

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Manutenzione e verifiche
elettriche
 Verifica degli impianti elettrici

Definizione

Esami a vista

60

Fino ad ora sono stati esaminati i requisiti strutturali degli impianti


elettrici: quelli cioe` che devono essere previsti in fase di progetto,
per poter essere rispettati contestualmente alla realizzazione degli
impianti stessi.
Naturalmente, anche il piu` sicuro degli impianti, se non viene correttamente mantenuto, nel tempo non garantisce piu` le prestazioni richieste: cio` e` particolarmente critico nel caso dei componenti destinati a garantire la sicurezza dellimpianto stesso, in quanto questi
componenti sono normalmente inerti, rimanendo fermi in attesa
di intervenire solo al verificarsi di condizioni anomale: il loro eventuale malfunzionamento dunque non e` affatto evidente, motivo per
cui nasce la necessita` di istituire un regime di prove periodiche volte
ad assicurare una ragionevole affidabilita` dei dispositivi stessi.
Cio` e` tanto piu` vero nel settore sanitario, dove il malfunzionamento
di un sistema di sicurezza e` potenzialmente assai piu` catastrofico, in
quanto esercita i suoi effetti sui pazienti, spesso indeboliti rispetto a
una persona in salute, e talvolta del tutto impossibilitati alla fuga.
La norma CEI 64-8 [94] definisce la verifica degli impianti come linsieme delle operazioni mediante le quali si accerta la rispondenza alle prescrizioni normative.
Sinteticamente le verifiche possono essere suddivise in due grandi
sottogruppi:
gli esami a vista, ovvero quelle operazioni che possono essere compiute anche senza lausilio di strumentazioni vere e proprie da collegare allimpianto stesso (e anche con limpianto non in funzione);
le prove, ovvero linsieme delle misure dei parametri importanti
per la sicurezza e delle verifiche funzionali dellimpianto e dei suoi
dispositivi di comando automatico e manuale.
La dizione esame a vista non deve trarre in inganno: questa verifica infatti e` alquanto piu` approfondita di quanto intuitivamente lespressione non lasci presagire; in particolare andranno verificati i
seguenti aspetti:
conformita` dellimpianto alla documentazione tecnica
conformita` dei componenti alle caratteristiche ambientali
controllo della presenza di barriere tagliafiamma e precauzione
contro la propagazione del fuoco e degli effetti termici
efficienza della protezione dai contatti diretti (es. verifica della
presenza di barriere, involucri, ostacoli)
corretta taratura delle protezioni contro contatti indiretti, corti circuiti, sovraccarichi
conformita` alle prescrizioni normative dei dispositivi di sezionamento dei circuiti

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

presenza ove necessario dei dispositivi di comando di emergenza


identificazione di circuiti, interruttori, morsetti, scatole
conformita` del tipo di cavi e delle modalita` di posa
sezione minima dei conduttori secondo norma
idoneita` di connessioni e colorazioni (in particolare neutro e PE)
accessibilita` dei nodi di terra
collegamento a terra di tutte le masse e masse estranee
corretta dimensione di dispersori e conduttori di terra e protezione.
Per quanto riguarda invece le prove, esse dipendono dal tipo di distribuzione impiegata e dalle scelte in materia di sistemi di sicurezza
e protezione impiegati; largomento e` cos` vasto che meriterebbe un
lavoro apposito; si indicano di seguito le principali prove e misure:
continuita` dei conduttori di protezione ed equipotenziali principali
e supplementari;
resistenza di isolamento dellimpianto;
separazione dei circuiti (per sistemi SELV e PELV);
resistenza di isolamento dei pavimenti (ove impiegati pavimenti
isolanti);
verifica dellintervento delle protezioni di interruzione automatica
dellalimentazione;
prova di polarita`;
prova di tensione applicata;
prove funzionali e di comando dellimpianto;
controllo dei sistemi di protezione contro gli effetti termici;
misura della caduta di tensione (max 4% complessivo);
sfilabilita` dei cavi, se prevista.
Fino ad ora le verifiche sono state intese come verifiche iniziali (e
cioe` di collaudo), ma le norme indicano anche la necessita` di procedere a verifiche, e relative revisioni, periodicamente.
Per quanto riguarda le tempistiche di effettuazione delle verifiche
periodiche, la norma CEI 64-50 [108] fissa per gli impianti elettrici
in generale negli ambienti ordinari una tempistica consigliata pari
a tre anni.
Alcuni tipi di impianti particolarmente critici, come gli impianti di
terra e quelli di protezione dalle scariche atmosferiche, sono invece
regolati dal D.P.R. 462/2001 [109], il quale ne prescrive la verifica periodica quinquennale nei luoghi di lavoro ordinari, biennale nei locali ad uso medico e nei luoghi a maggior rischio in caso di incendio
(oltre che la denuncia alle autorita` competenti in fase di messa in
esercizio).
Si ricordi a tal proposito che le verifiche previste dal D.P.R. suddetto
non possono essere svolte semplicemente da una ditta in possesso
dellabilitazione a operare sugli impianti elettrici: devono essere obbligatoriamente affidate ad un ente pubblico quale ARPA, ASL o
ISPESL, oppure ad un organismo notificato, secondo le relative direttive europee.

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Prove

Verifiche
periodiche

61

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

 Verifiche nei locali medici


I locali ad uso medico sono particolarmente critici sotto laspetto
del rischio elettrico. Questa criticita` si riflette anche nelle verifiche
periodiche, le quali, oltre a tutte le verifiche previste per gli ambienti
ordinari, di cui al paragrafo precedente, devono essere integrate con
prove appositamente dedicate (per quanto riguarda i locali medici di
gruppo 1 e 2, visto che quelli di gruppo 0 come detto sono assimilati
ad ambienti ordinari).
La descrizione dettagliata delle modalita` di tali prove esula dagli
scopi di questa trattazione; in Tabella 12 ne sono indicate tipologia
e periodicita`, cos` come prescritte dalla norma CEI 64-8/7 [94].
Queste prescrizioni valide per tutti i locali medici, per le sale operatorie in particolare si sovrappongono a quanto previsto nelle linee
guida ISPESL [10] (in Tabella 13 ne e` riportato un sunto).

 Sicurezza e qualificazione
degli operatori
Figure
professionali

La norma CEI 11-27/1 [110] individua numerose figure professionali


specifiche che sono coinvolte nei lavori di manutenzione sulle apparecchiature elettriche.
Responsabile dellimpianto e` colui al quale e` affidata la conduzione
dello stesso, e che quindi in occasione di lavori deve collaborare con
gli esecutori dei lavori stessi (ad esempio applicando le necessarie
operazioni di sezionamento e messa a terra degli impianti); al termi-

Tabella 12 - Verifiche elettriche nei locali medici


secondo CEI 64-8/7
Operazione

62

Frequenza

Prova funzionale dei dispositivi di controllo dellisolamento,


sui sistemi IT-M (gruppo 2)

Semestrale

Controllo delle tarature dei dispositivi di protezione regolabili

Annuale

Prova dei differenziali con luso del pulsante di prova

Mensile

Verifica della continuita` dei collegamenti equipotenziali supplementari (gruppo 1)

Triennale

Misure di resistenza dei collegamenti equipotenziali supplementari (gruppo 2)

Triennale

Prova funzionale dellalimentazione dei servizi di sicurezza a


batteria

Semestrale

Prova funzionale dellalimentazione dei servizi di sicurezza


con motori a combustione, a vuoto

Mensile

Prova funzionale dellalimentazione dei servizi di sicurezza


con motori a combustione, sotto carico, per almeno 30 min.

Quadrimestrale

Prova di effettivo intervento degli interruttori differenziali

Annuale

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Tabella 13 - Verifiche elettriche nei locali medici


secondo LG ISPESL
Operazione

Frequenza

Verifica del funzionamento dei dispositivi di allarme e sicurezza

Mensile

Verifica del collegamento al nodo equipotenziale dello schermo


di separazione degli avvolgimenti del trasformatore disolamento

Semestrale

Verifica del funzionamento degli interruttori differenziali

Semestrale

Misura della resistenza del pavimento, se si usano anestetici infiammabili

Quinquennale

Verifica del funzionamento dellimpianto di emergenza

Annuale

Verifica dellefficienza dellimpianto di terra

Biennale

Verifica dellequalizzazione del potenziale

Biennale

Verifica della resistenza di isolamento

Biennale

ne delle operazioni, e` suo compito aggiornare la documentazione


per rispecchiare le eventuali modifiche.
Preposto ai lavori e` colui che e` responsabile delle operazioni di manutenzione, e quindi si occupa di organizzare i lavori, assegnare i
compiti, verificare la presenza delle condizioni di sicurezza, verificare ladeguatezza delle attrezzature e delle altre misure di protezione.
Persona esperta (PES) e` un addetto ai lavori in possesso di una specifica istruzione in merito al rischio elettrico (a livello impiantistico
e anche normativo), tale da saper valutare i rischi e prendere le opportune misure di sicurezza.
Persona avvertita (PAV) e` un addetto ai lavori con formazione adeguata per operare in sicurezza se istruito correttamente da una PES.
Persona comune (PEC) e` un lavoratore che non ha esperienza e
istruzione in campo elettrico (es. un muratore incaricato delle assistenze murarie), e pertanto puo` operare solo in assenza completa di
rischio elettrico (in assenza di tensione, cioe`) oppure sotto la stretta
sorveglianza di PES o PAV.
Persona idonea (PEI): e` lunico lavoratore che e` abilitato a svolgere
lavori sotto tensione (cioe` in prossimita` di parti attive alimentate e
non protette).
La CEI 11-27/1 stabilisce anche i contenuti dei corsi per i lavoratori
che vogliano assumere la qualifica di PES, PAV o PEI; lattribuzione
della qualifica, a seguito del conseguimento dellattestato di frequenza dellapposito corso, e` pero` una responsabilita` specifica del datore
di lavoro (il quale puo` assegnare la qualifica di PEI a chi svolge un
corso di livello 2, e di PES a chi svolge un corso di livello 1, mentre
la qualifica di PAV puo` essere conferita per semplice affiancamento
per un certo periodo ad una PES). Nulla dice invece la norma sui requisiti che deve possedere il preposto ai lavori, la quale e` dunque lasciata ai soli decreti generali in materia di sicurezza del lavoro (anche se e` evidente che questo e` sufficiente solamente qualora il pre-

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Formazione

63

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

posto non partecipi allesecuzione dei lavori stessi; viceversa dovra`


essere dotato delle idonee qualifiche a sua volta).
Oltre alladeguata formazione, il personale destinato ai lavori elettrici deve essere dotato degli idonei dispositivi di protezione individuale (DPI), che devono possedere numerose caratteristiche e che sono
regolati e definiti da numerose norme.
Nella Tabella 14 sono presentate le indicazioni della guida CEI 0-10
[111] per la dotazione minima di dispositivi, a seconda delle operazioni di manutenzione da svolgere (nel caso di lavori sotto tensione,
come spiegato nel paragrafo successivo).
Per la comprensione della Tabella, si consideri che i DPI di Classe 00
sono idonei ad essere utilizzati fino a 500 V in corrente alternata (750 V
in continua), e quelli di Classe 0 fino a 1,0 kV in corrente alternata (1,5
kV in continua); i guanti isolanti, inoltre, possono essere utilizzati anche per manovre a tensioni superiori, sicche vengono definite per essi
anche le classi 1-2-3-4 (rispettivamente per 7,5-17-26,5-36 kV in AC).

DPI

 Lavori su apparecchiature elettriche


Il compito fondamentale per la valutazione del rischio durante lavori
elettrici e` lindividuazione delle parti attive che possono costituire
fonti di pericolo per gli operatori della manutenzione stessi.
Sinteticamente, ad eccezione dei circuiti SELV e PELV alimentati a
tensione inferiore a 25 V in luoghi ordinari, tutte le altre componenti
attive, qualunque sia il valore di tensione, sono fonti di possibili situazioni di pericolo (si noti che, parlando di contatti diretti, come parti
attive si intendono le fasi e il conduttore di neutro, ma non il PE).
Si consideri la Figura 18: in essa sono indicate le zone definite dalla
norma CEI 11-27/1 [110], e in particolare:
zona di guardia (definita attorno alla parte attiva dalla distanza di

Zone pericolose

Tabella 14 - Dotazione di DPI a seconda delle operazioni da svolgere


Guanto
0

Visiera

Quadri e scatole di derivazione

Installazione schermi provvisori

Gruppi di misura energia elettrica

Interruzione circuiti senza organi di manovra

Attivita`

Guanto
00

Misura di grandezze elettriche

Attacco di derivazioni temporanee a distanza

Sostituzione di lampade
Sostituzione di fusibili senza rischi di corto circuito

Vestiario
ignifugo

X
X

Installazione di dispositivi di messa in cortocircuito

Installazione di dispositivi di messa a terra

Rivelazione di presenza/assenza tensione

64

Occhiali

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Figura 18 - Zone pericolose

guardia DL): e` lo spazio entro il quale non e` ammesso laccesso di


persone o oggetti estranei allimpianto non isolati e accessibili alle
persone stesse;
zona prossima (definita attorno alla zona di guardia dalla distanza
di guardia DV): e` la zona piu` prossima alla zona di guardia entro la
quale loperatore puo` trovarsi ad agire;
zona di lavoro: e` lo spazio (non indicato in figura) entro cui possono muoversi le persone durante lesecuzione di un lavoro: tale zona deve essere delimitata e deve essere indicato il divieto di accedervi alle persone non autorizzate.
Lesecuzione dei lavori sugli impianti elettrici e` regolata, oltre che
dalla gia` vista CEI 11-27/1, anche dalla CEI 11-48 [112]; a seconda
del rischio connesso, la prima di queste due classifica le lavorazioni
eseguibili nel modo seguente:
lavori non elettrici: quelli effettuati lontano da impianti elettrici, o
comunque in presenza di impianti a norma e parti attive protette
(possono essere effettuati da qualunque operatore);
lavori fuori tensione: sono quelli svolti su di un impianto sezionato e
messo in sicurezza (possono essere effettuati da PEC, tranne che per
la parte di messa fuori tensione, che deve essere svolta da PES o PAV);
lavori in prossimita`: quando loperatore entra nella zona prossima
con il corpo o con oggetti (in questo caso deve essere obbligatoriamente prevista la protezione delle parti attive con barriere o distanziamento e vigilanza): possono essere svolti da PES oppure da PAV
appositamente istruita;
lavori sotto tensione: si distinguono in lavori a contatto (quando
loperatore entra nella zona di guardia con il corpo o con oggetti)
e in lavori a distanza (quando entra nella zona di guardia solo con
attrezzi isolanti, rimanendo al di fuori della zona prossima); questi
lavori sono consentiti solamente per tensioni fino a 1000 V in alternata (1500 in continua), cioe` sono limitati alla bassa tensione, e possono essere eseguiti solo da PEI.

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Classificazione

65

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Cabine MT/bT

Sezionamento
di sicurezza

66

Chiaramente la scelta del tipo di lavoro, comportando rischi elettrici


drasticamente diversi, non e` mai arbitraria (nel qual caso ovviamente si scegliera` sempre la procedura meno rischiosa tra quelle indicate), ma dovuta a condizioni al contorno ineludibili: ad esempio nel
caso di un impianto che non possa essere disalimentato per esigenze
di continuita` del servizio, si ricorrera` ai lavori sotto tensione, mentre
nel caso di intervento vicino ad un impianto del genere, dovranno
essere adottate le procedure dei lavori in prossimita`.
In tutte le situazioni in cui e` possibile, e` preferibile ricorrere al fermo concordato dellimpianto stesso, in modo da poter eseguire i lavori elettrici fuori tensione (cio` e` particolarmente valido in ambito
sanitario, dove anche se loperatore della manutenzione risulta correttamente protetto, un intervento delle protezioni potrebbe causare
danno al paziente che fosse eventualmente servito dallimpianto).
Un caso particolare e` quello delle cabine elettriche di trasformazione MT/bT: in esse i lavoratori saranno esposti a rischi aggiuntivi, tra
cui particolarmente rilevanti sono:
rischio di contatto accidentale: durante i lavori occorre tenere
chiuse porte e finestre delle cabine stesse (per evitare ad esempio
lingresso di pioggia), e rimuovere i ripari (es. le reti che bloccano
laccesso alle parti attive) solo dopo la completa messa fuori tensione della cabina stessa;
rischio chimico: la presenza di componenti isolati in olio (trasformatori, condensatori di rifasamento, interruttori) puo` comportare il rischio di esposizione a PCB; la presenza di attrezzature isolate in SF6
(gas isolante sempre piu` largamente impiegato in sostituzione dellolio) deve essere trattata secondo le prescrizioni della CEI 17-72 [113];
rischio di manovra intempestiva: le manovre effettuate sulla rete
di media tensione, soprattutto in presenza di anelli con piu` cabine
in parallelo, devono essere valutate attentamente prima di venire
compiute, in quanto e` possibile che anomalie di funzionamento diano luogo a situazioni inattese: fondamentale in questi casi laccortezza del preposto ai lavori.
A conclusione di questa parte, unannotazione relativa ai lavori non
elettrici: per essere tali, e` necessario che gli impianti elettrici vengano sezionati e messi in sicurezza. Ebbene, non si dimentichi tra i lavori non elettrici quelli che gli operatori della manutenzione si trovano ad eseguire sugli impianti meccanici, di cui si e` trattato nella
prima parte del corso (ventilatori delle UTA, pompe degli impianti
idronici, compressori dei sistemi di condizionamento): tutte queste
apparecchiature sono collegate a motori alimentati elettricamente;
le norme dunque prevedono la presenza di dispositivi sezionatori
su ciascuna di esse, le quali devono essere visibili alloperatore stesso mentre compie i lavori, ragion per cui a livello di valutazione del
rischio, qualora il quadro di alimentazione di queste apparecchiature
si trovi fuori dal campo visivo, sara` fondamentale verificare la presenza di un sezionatore a bordo macchina.

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Appendice: la conformita`
degli impianti
 Documentazione
La normativa italiana (ma anche europea) pone un notevole rilievo
sullaspetto della documentazione, sia relativamente agli impianti
veri e propri, intesi come consistenza strutturale e dotazione di attrezzature tecnologiche, sia relativamente alla gestione effettiva, e
quindi alle relative operazioni periodiche di manutenzione e verifica.
In particolare per ogni intervento e` necessario produrre la relativa
documentazione che va a comporre la dichiarazione di conformita`
degli impianti alla regola dellarte (fino a poco tempo fa basata sul
combinato disposto della legge 46/1990 [114] e del D.P.R. 447/1991
[99], oggi quasi integralmente sostituiti dal D.M. 37/2008 [100]).
In particolare, lemanazione del nuovo D.M. 37/2008 introduce radicali novita` per quanto riguarda gli interventi di manutenzione, fino a
marzo di questanno regolati dal D.P.R. 380/2001 [115], le cui definizioni lasciavano una liberta` decisamente piu` ampia.

 Impianti negli edifici


Il decreto si applica alle seguenti tipologie di impianti:
impianti di produzione, trasformazione, trasporto, distribuzione,
utilizzazione dellenergia elettrica, impianti di protezione contro le
scariche atmosferiche, nonche gli impianti per lautomazione di porte, cancelli e barriere;
impianti radiotelevisivi, antenne e impianti elettronici in genere;
impianti di riscaldamento, di climatizzazione, di condizionamento
e di refrigerazione di qualsiasi natura o specie, comprese le opere di
evacuazione dei prodotti della combustione e delle condense, e di
ventilazione ed aerazione dei locali;
impianti idrici e sanitari di qualsiasi natura o specie;
impianti per la distribuzione e lutilizzazione di gas di qualsiasi tipo, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e ventilazione ed aerazione dei locali;
impianti di sollevamento di persone o di cose per mezzo di ascensori, di montacarichi, di scale mobili e simili;
impianti di protezione antincendio.
A differenza della precedente legge 46/1990, il decreto si applica poi
a tutte le tipologie di edifici, ponendo finalmente un termine alla storia infinita delle proroghe del capo V del D.P.R. 380/2001.

 Progetto
Oltre a questo, la principale novita` e` che il progetto diventa sempre

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

67

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

obbligatorio: sopra certe soglie di potenza dovra` essere redatto obbligatoriamente da un professionista abilitato, al di sotto sara` redatto a cura del responsabile tecnico dellimpresa (art. 5).
Il medesimo articolo 5 stabilisce che i progetti contengono almeno
gli schemi dellimpianto e i disegni planimetrici nonche una relazione tecnica sulla consistenza e sulla tipologia dellinstallazione, della
trasformazione o dellampliamento dellimpianto stesso, con particolare riguardo alla tipologia e alle caratteristiche dei materiali e
componenti da utilizzare e alle misure di prevenzione e di sicurezza
da adottare.
Ribadisce inoltre la presunzione di conformita` alla regola dellarte
non solo per le norme CEI, ma anche per le norme UNI.

 Manutenzione
Unaltra innovazione di larga portata si trova nella definizione di ordinaria manutenzione: gli interventi finalizzati a contenere il degrado normale duso, nonche a far fronte ad eventi accidentali che comportano la necessita` di primi interventi, che comunque non modificano la struttura dellimpianto su cui si interviene o la sua destinazione duso secondo le prescrizioni previste dalla normativa tecnica
vigente e dal libretto di uso e manutenzione del costruttore.
Si tratta di una notevole variazione rispetto alla definizione di manutenzione ordinaria prevista dal citato D.P.R. 380/2001, per il quale
rientrava nella manutenzione anche lampliamento dellimpianto
(senza specificare alcuna soglia dimensionale). Le strutture sanitarie, almeno le piu` grandi (e in particolare quelle gestite dalle ASL),
sono spesso dotate di servizi tecnici interni: in tal caso esse effettuano gli interventi direttamente sugli impianti, tramite luso di proprio
personale.
La nuova definizione di manutenzione ordinaria fa s` che dal punto
di vista della documentazione, praticamente per ogni intervento che
non si limiti al ripristino di funzionalita` andate perse per guasti o logoramenti, anche la semplice aggiunta di una presa elettrica, dovra`
essere redatta e conservata la dichiarazione di conformita` (con relativi allegati, tra cui il progetto come sopra descritto, e in particolare
per gli impianti elettrici i risultati dellesecuzione delle verifiche di
messa in servizio).

68

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

Bibliografia
[1] D.Lgs. 1 aprile 2008, n. 81 Testo unico in materia di sicurezza e
igiene del lavoro
[2] D.P.C.M. 20 luglio 1939 Approvazione delle istruzioni per le costruzioni ospedaliere
[3] Circolare 22 novembre 1974, n. 13011 Specifiche tecniche degli
impianti
[4] D.M. 5 agosto 1977 Determinazione dei requisiti tecnici sulle case di cura private
[5] D.P.C.M. 27 giugno 1986 Atto di indirizzo e coordinamento dellattivita` amministrativa delle regioni in materia di requisiti delle case di cura private
[6] D.M. 16 giugno 1990 Classificazione delle case di cura private
convenzionate nelle fasce funzionali A, B e C 6
[7] D.P.R. 14 gennaio 1997 Approvazione dellatto di indirizzo e
coordinamento alle regioni e alle province autonome di Trento e
di Bolzano, in materia di requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per lesercizio delle attivita` sanitarie da parte delle
strutture pubbliche e private
[8] UNI 10339:1995 Impianti aeraulici ai fini di benessere: Generalita`, classificazione e requisiti
[9] UNI EN 13779:2008 Ventilazione degli edifici non residenziali.
Requisiti di prestazione per i sistemi di ventilazione e di climatizzazione
[10] ISPESL: Linee guida per la definizione degli standard di sicurezza e di igiene ambientale dei reparti operatori
[11] UNI EN ISO 7730:1997 - Ergonomia degli ambienti termici - Determinazione analitica e interpretazione del benessere termico mediante il calcolo degli indici PMV e PPD e dei criteri di benessere termico locale.
[12] Microclima, aerazione e illuminazione nei luoghi di lavoro - Requisiti e standard - Indicazioni operative e progettuali - Linee Guida
Versione finale 1 giugno 2006
[13] www.gcammarata.net
[14] UNI EN ISO 7726:2002 Ergonomia degli ambienti termici Strumenti per la misurazione delle grandezze fisiche
[15] AHSRAE 52.1:1992 Gravimetric and Dust Spot Procedures for
Testing Air Cleaning Devices Used in General Ventilation for Removing Particulate Matter e 52.2:1999 Method of Testing General
Ventilation Air Cleaning Devices for Removal Efficiency by Particle
Size
[16] UNI EN 779:2002 Particulate air filters for general ventilation Determination of the filtration performance e UNI EN 1822:1998
High efficiency air filters (HEPA and ULPA) - Part 1: Classification,
performance testing, marking
[17] www.ariacube.com
[18] ISO 14644-1:1999 Cleanrooms and associated environments of
air cleanliness

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

69

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

[19] AIA Guidelines for Design and Construction of Hospitals and


Health-Care Facilities, 2001, estratto reperibile in Guidelines for
Environmental Infection Control in Health-Care Facilities, a cura
del CDC (Center for Disease Control and Prevention), Atlanta 2003
[20] Manuale di biosicurezza nei laboratori, terza edizione 2005,
WHO in collaborazione con ISPESL
[21] UNI EN 12128:2000 Biotecnologie: laboratori di ricerca, sviluppo e analisi
[22] U.S. Dept. Of Health and Human Services, CDC - NIH, Biosafety in Microbiological and Biomedical Laboratories, April 1999
[23] GMP Good Manifacturing Practice Norme di buona fabbricazione - Volume 4 - Medicinali per uso umano e medicinali veterinari
edizione 1999, agg. 2003
[24] Legge 9 gennaio 1991 n. 10 Norme per lattuazione del Piano
energetico nazionale in materia di uso razionale dellenergia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia
[25] D.P.R. 26 agosto 1993 n. 412 Regolamento recante norme per la
progettazione, linstallazione, lesercizio e la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini del contenimento dei consumi di
energia, in attuazione dellart. 4, comma 4, della legge 9 gennaio
1991, n. 10, cos` come modificato dal D.P.R. 21 dicembre 1999 n.
551
[26] D.Lgs. 19 agosto 2005 n. 192 modificato dal D.Lgs. 29 dicembre
2006 n. 311 Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nelledilizia
[27] Legge 26 ottobre 1995 n. 447 Legge quadro sullinquinamento
acustico
[28] D.P.C.M. 14 novembre 1997 Determinazione dei valori limite
delle sorgenti sonore
[29] D.P.C.M. 5 dicembre 1997 Determinazione dei requisiti acustici
passivi degli edifici
[30] UNI 8199:1998 Collaudo acustico degli impianti di climatizzazione e ventilazione
[31] UNI EN 12097:2006 Rete delle condotte - Requisiti relativi ai
componenti atti a facilitare la manutenzione delle reti delle condotte
[32] Libro Bianco dellAICARR Linee guida sulla manutenzione degli impianti di climatizzazione ed. 2005, www.aicarr.it
[33] Atto di coordinamento della conferenza Stato-Regioni, provvedimento 5 ottobre 2006 approvazione dello Schema di linee guida
per la definizione di protocolli impiantistici di manutenzione predittiva sugli impianti di climatizzazione
[34] Linee guida nazionali del 27 settembre 2001 Accordo tra il Ministro della salute, le regioni e le province autonome sul documento
concernente: Linee guida per la tutela e la promozione della salute
negli ambienti confinati
[35] L.R. Liguria 2 luglio 2002 n. 24 Disciplina per la costruzione,
installazione, manutenzione e pulizia degli impianti aeraulici

70

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

[41] D.Lgs. 3 aprile 2006 n. 152 Codice dellambiente


[42] R.D. 27 luglio 1934, n. 1265 Testo unico delle Leggi Sanitarie
[43] D.Lgs. 2 febbraio 2001 n. 31, Attuazione della direttiva 98/83/
CE relativa alla qualita` delle acque destinate al consumo umano,
integrato dal D.Lgs.. 2 febbraio 2002, n. 27
[44] UNI 9182:1993 Impianti di alimentazione e distribuzione di acqua calda e fredda. Criteri di progettazione, collaudo e gestione
[45] D.M. 21 dicembre 1990 n. 443, Regolamento recante disposizioni tecniche concernenti apparecchiature per il trattamento domestico di acque potabile
[46] D.M. 6 aprile 2004 n. 174 Regolamento concernente i materiali
e gli oggetti che possono essere utilizzati negli impianti fissi di captazione, trattamento, adduzione e distribuzione delle acque destinate al consumo umano
[47] D.M. 21 marzo 1973 Disciplina igienica degli imballaggi, recipienti, utensili, destinati a venire in contatto con le sostanze alimentari o con sostanze duso personale
[48] D.Lgs. 26 maggio 1997 n. 155 Attuazione delle direttive 93/43/
CEE e 96/3/CE concernenti ligiene dei prodotti alimentari
[49] Provvedimento 13 gennaio 2005 Linee guida recanti indicazioni
sulla legionellosi per i gestori di strutture turistico-ricettive e termali
[50] Provvedimento 13 gennaio 2005 Linee guida recanti indicazioni
ai laboratori con attivita` di diagnosi microbiologica e controllo ambientale della legionellosi
[51] European Working Group for Legionella Infections: European
Guidelines for Control and Prevention of Travel Associated Legionnaires Disease, January 2005, http://www.ewgli.org
[52] Controllo della legionellosi negli impianti idrosanitari, a cura
di ing. Paolo Bianco, su Riscaldamento Climatizzazione Idronica n. 2
(febbraio)/ 2007
[53] Controllo della legionellosi negli impianti: confronto tra linee
guida internazionali, a cura di ing. Paolo Bianco, su Riscaldamento
Climatizzazione Idronica n. 8 (agosto)/ 2007
[54] Guidelines for Environmental Infection Control in Health-Care
Facilities, a cura del CDC (Center for Disease Control and Prevention), Atlanta 2003
[55] EN 806-1:2006 Specifications for installations inside buildings
conveying water for human consumption - Part 1: General
[56] Linee guida su acque e soluzioni per dialisi, pubblicate sul
Giornale Italiano di Nefrologia, anno 22, n. 3/2005, pp. 246-273, reperibili su www.ispesl.it
[57] D.P.R. 15 luglio 2003 n. 254 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dellarticolo 24 della legge 31
luglio 2002, n. 179
[58] R.D. 12 maggio 1927 n. 824 Approvazione del regolamento per
lesecuzione del R.D. L 9 luglio 1926 n. 1331 che costituisce lAssociazione Nazionale per il Controllo della Combustione
[59] D.P.R. 15 novembre 1996 n. 660 Regolamento per lattuazione

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

71

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

della direttiva 92/42/CEE concernente i requisiti di rendimento delle


nuove caldaie ad acqua calda, alimentate con combustibili liquidi o
gassosi
[60] D.M. 1 dicembre 1975 Norme di sicurezza per apparecchi contenenti liquidi caldi sotto pressione
[61] UNI 10412-1:2006 Impianti di riscaldamento ad acqua calda Requisiti di sicurezza
[62] CTI R-2:2005 Raccomandazioni del Comitato Termotecnica Italiano per luso delle raccolte ISPESL, revisione 95, nellambito della
direttiva 97/23 CE
[63] Legge 13 gennaio 1966, n. 615 Provvedimenti contro linquinamento atmosferico
[64] D.P.R. 22 dicembre 1970 n. 1391 Regolamento per lesecuzione
della L. 13 luglio 1966, n. 615, recante provvedimenti contro linquinamento atmosferico, limitatamente al settore degli impianti termici
[65] UNI 8364-1:2007 Impianti di riscaldamento - Parte 1: Esercizio, UNI 8364-2:2007 Impianti di riscaldamento - Parte 2: Conduzione, UNI 8364-3:2007 Impianti di riscaldamento - Parte 3: Controllo e manutenzione
[66] UNI 8065:1989 Trattamento dellacqua negli impianti termici ad
uso civile
[67] UNI 7550:1985 + A1:1993 Requisiti delle acque per generatori
di vapore e relativi impianti di trattamento
[68] D.M. 12 agosto 1968 Disciplina dei corsi per il conseguimento
del patentino di abilitazione alla conduzione degli impianti termici
[69] D.M. 1 marzo 1974 Norme per labilitazione alla conduzione di
generatori di vapore
[70] D.M. 21 maggio 1974 Norme integrative del regolamento approvato con R.D. 824/1927
[71] D.M. 24 maggio 1999 n. 246 Regolamento recante norme concernenti i requisiti tecnici per la costruzione, listallazione e lesercizio dei serbatoi interrati (abrogato dalla Corte Costituzionale)
[72] D.M. 20 ottobre 1998 Requisiti tecnici per la costruzione, linstallazione e lesercizio di serbatoi interrati
[73] D.M. 21 novembre 1972 Norme per la costruzione degli apparecchi a pressione
[74] D.M. 1 dicembre 1975 Norme di sicurezza per apparecchi contenenti liquidi caldi sotto pressione
[75] D.Lgs. 25 febbraio 2000, n. 93 Attuazione della direttiva 97/23/
CE in materia di attrezzature a pressione
[76] D.M. 1 dicembre 2004 n. 329, Regolamento recante norme per
la messa in servizio ed utilizzazione delle attrezzature a pressione e
degli insiemi di cui allarticolo 19 del D.Lgs. 25 febbraio 2000, n. 93
integrato con la: Circ. Ministero delle attivita` produttive del 23 maggio 2005
[77] D.Lgs. 27 settembre 1991 n. 311 Attuazione delle direttive n. 87/
404/CEE e n. 90/488/CEE in materia di recipienti semplici a pressione, a norma dellart. 56 della legge 29 dicembre 1990, n. 428

72

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

[78] UNI EN 285:2006 Sterilizzazione - Sterilizzatrici a vapore Grandi sterilizzatrici


[79] D.P.R. 15 febbraio 2006 n. 147 Regolamento concernente modalita` per il controllo ed il recupero delle fughe di sostanze lesive della
fascia di ozono stratosferico da apparecchiature di refrigerazione e
di condizionamento daria e pompe di calore, di cui al regolamento
(CE) n. 2037/2000
[80] Regolamento CE 17 maggio 2006 n. 842 del Parlamento Europeo
e del Consiglio su taluni gas fluorurati ad effetto serra
[81] UNI EN 378-3: 2002 Impianti di refrigerazione e pompe di calore - Requisiti di sicurezza ed ambientali - Installazione in sito e protezione delle persone
[82] UNI 9432:2008 Acustica - Determinazione del livello di esposizione personale al rumore nellambiente di lavoro
[83] UNI 8884:1988 Caratteristiche e trattamento delle acque dei
circuiti di raffreddamento e di umidificazione
[84] Legionella et tours aerorefrigerantes - Guide de bonnes pratiques (Ministere de la sante` et des Solidarities) ed. 6/2001
[85] OSHA (Occupational Safety and Health Administration) Technical manual, section III, chapter 7: Legionnaires disease, ed. 2004
[86] D.Lgs. 24 aprile 2006, n. 219 Attuazione della direttiva 2001/83/
CE (e successive direttive di modifica) relativa ad un codice comunitario concernente i medicinali per uso umano, nonche della direttiva 2003/94/CE
[87] D.M. 18 settembre 2002 Approvazione della regola tecnica di
prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e lesercizio
delle strutture sanitarie pubbliche e private
[88] UNI EN 737-2:1999 Impianti di evacuazione dei gas anestetici
[89] UNI EN 737-3:2000 Impianti per gas medicali compressi e per
vuoto
[90] UNI EN ISO 7396-1:2007 Impianti di distribuzione dei gas medicali - Parte 1: Impianti di distribuzione dei gas medicali compressi e
per vuoto e UNI EN ISO 7396-2:2007 Impianti di distribuzione dei
gas medicali - Parte 2: Impianti di evacuazione dei gas anestetici
[91] UNI 11100:2004 Guida alle prove di accettazione ed alle verifiche periodiche di sicurezza e di prestazione dei dispositivi medici Impianti di distribuzione dei gas medicali e del vuoto
[92] UNI EN 12464-1:2004 Illuminazione dei posti di lavoro - Parte
1: Posti di lavoro in interni
[93] UNI 11165:2005 Illuminazione di interni - Valutazione dellabbagliamento molesto con il metodo UGR
[94] CEI 64-8:2005 Illuminazione di interni - Valutazione dellabbagliamento molesto con il metodo UGR
[95] UNI EN 1838:2000 Illuminazione di emergenza
[96] UNI 11222:2006 Impianti di illuminazione di sicurezza negli
edifici - Procedure per la verifica periodica, la manutenzione, la revisione e il collaudo
[97] Legge 1 marzo 1968 n. 186 Disposizioni concernenti la produ-

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti

73

Lezione 2: Impianti termici, elettrici, distribuzione gas

zione di materiali, apparecchiature, mac-chinari, installazione ed impianti elettrici ed elettronici


[98] V. Carrescia, Fondamenti di sicurezza elettrica, Edizioni TNE
[99] D.P.R. 6 dicembre 1991 n. 447 Regolamento di attuazione legge
n. 46 del 1990, in materia di sicurezza degli impianti
[100] D.M. 22 gennaio 2008 n. 37 Regolamento ... recante riordino
delle disposizioni in materia di attivita` di installazione degli impianti
allinterno degli edifici.
[101] CEI 64-12:1998 Guida per lesecuzione dellimpianto di terra
negli edifici per uso residenziale e terziario
[102] CEI 81-10:2006 Protezione contro i fulmini
[103] CEI 96-3:2006 Sicurezza dei trasformatori, delle unita` di alimentazione, dei reattori e prodotti similari. Parte 1: Prescrizioni generali e prove
[104] CEI 96-16:2001 Sicurezza dei trasformatori, delle unita` di alimentazione e similari. Parte 2-15: Prescrizioni particolari per trasformatori di isolamento per alimentazione di locali ad uso medico
[105] CEI 85-28:1998 Sicurezza elettrica nei sistemi di distribuzione
a bassa tensione fino a 1 kV AC e 1,5 kV DC - Apparecchi per prove,
misure o controllo dei sistemi di protezione. Parte 8: Apparecchi per
il controllo dellisolamento nei sistemi IT
[106] CEI 21-39:2002 Prescrizioni di sicurezza per batterie di accumulatori e loro installazioni. Parte 2: Batterie stazionarie
[107] D.M. 22 ottobre 2007 Approvazione della regola tecnica di
prevenzione incendi per la installazione di motori a combustione interna accoppiati a macchina generatrice elettrica, o a macchina operatrice a servizio di attivita` civili, industriali, agricole, artigianali,
commerciali e di servizi
[108] CEI 64-50:2001 Guida per lintegrazione nelledificio degli impianti elettrici utilizzatori e per la predisposizione per impianti ausiliari, telefonici e di trasmissione dati - Criteri generali
[109] D.P.R. 22 ottobre 2001 n. 462 Regolamento di semplificazione
del procedimento per la denuncia di installazioni e dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche, di dispositivi di messa a terra di impianti elettrici e di impianti elettrici pericolosi.
[110] CEI 11-27/1:2002 Esecuzione dei lavori elettrici. Parte 1: Requisiti minimi di formazione per lavori non sotto tensione su sistemi
di Categoria 0, I, II e III e lavori sotto tensione su sistemi di Categoria 0 e I
[111] Guida CEI 0-10:2002 Guida alla manutenzione degli impianti
elettrici
[112] CEI 11-48:2005 Esercizio degli impianti elettrici
[113] CEI 17-72 Apparecchiature ad alta tensione - Utilizzazione e
manipolazione del gas esafluoruro di zolfo (SF6) nelle apparecchiature ad alta tensione
[114] Legge 5 marzo 1990 n. 46 Norme per la sicurezza degli impianti
[115] D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia.

74

Corso: ATECO 7 - Sicurezza degli impianti