1° UA – Classe 2°- SD3 ANNO 2009-10

Educazione scientifica
Ricostruire le tappe fondamentali dell’evoluzione umana
Di Annarita Ruberto

Linea Guida condivisa. Sviluppo armonico della persona Compito unitario in situazione. Ricostruire con Google Maps il percorso dell’evoluzione
dell’uomo, dai primati (40 milioni di anni fa) sino all’homo sapiens sapiens di Pavilland. Selezionare allo scopo risorse digitali (immagini, testi, suoni e filmati) da inserire negli spazi appositi della mappa virtuale. (Un esempio concreto è consultabile sul mio blog didattico, all’URL: http://scientificando.splinder.com/post/15108270/L%27evoluzione+dell%27uomo)

Obiettivi formativi.
1. L’alunno sa descrivere il significato di evoluzione dei viventi. 2. Sa individuare le principali tappe dell’evoluzione dell’uomo, confrontando immagini, analizzando filmati e altre risorse specifiche. 3. Dalla comparazione con gli altri viventi, sa distinguere l’unicità della “storia dell’uomo” che comprende, insieme a quella biologica, l’evoluzione culturale.

Attività laboratoriali. Si esemplifica, in via meramente esemplificativa, un’ipotesi di percorso
apprenditivo, articolato in sei fasi. I docenti lo moduleranno flessibilmente sulla base della propria realtà –classe. In ogni caso, si darà ampio spazio all’operatività degli alunni. 1° FASE: “Accertamento dei prerequisiti e input motivazionale”
http://scientificando.splinder.com Pagina 1

Questa fase è di estrema importanza per rilevare il bagaglio cognitivo acquisito dagli alunni in ambito formale ed informale, accertato il quale si procederà in maniera mirata all’attivazione dell’itinerario apprenditivo vero e proprio.
QUESTIONARIO 1: “Quello che già sai” DOMANDE RISPOSTE

…………………………………………… …………………………………………… …………………………………………… …………………………………………… …………………………………………… …………………………………………… …………………………………………… …………………………………………… Quale poteva essere l’atmosfera della Terra 4 miliardi ……………………………………………. di anni fa? La Terra, durante i millenni ha subito notevoli trasformazioni, sia rispetto alla sua struttura che rispetto al suo clima. Gli scienziati, inoltre, ci dicono che per millenni essa è stata disabitata, che un bel giorno sono comparse le prime forme di vita e che in seguito, con il passare del tempo, sono arrivate le piante, gli animali e finalmente l’uomo. Secondo te, la vita sulla Terra è sempre esistita? ……………………………………………. .……………………………………………

Come pensi sia comparsa e si sia sviluppata la vita ……………………………………………. sulla terra? .…………………………………………… Che tipo di esseri viventi saranno state le prime forme …………………………………………… di vita? …………………………………………… Hai mai sentito parlare della comparsa dell’uomo? ..................................................................... Quale pensi sia stata la sua origine? Cerca di ..................................................................... esprimere la tua ipotesi in merito. ..................................................................... L’uomo era già presente quando esistevano i ..................................................................... dinosauri? .................................................................... Qual è, secondo te, l’animale più simile all’uomo e ..................................................................... perché? .....................................................................

Input motivazionale. L’occasione per introdurre l’argomento potrebbe essere fornita dalla lettura di alcuni brani tratti da “Il pollice del panda” di Jay Gould, grazie alla quale si potrebbero porre ai ragazzi domande del tipo:
http://scientificando.splinder.com Pagina 2

-

“Quali sono i cambiamenti avvenuti nell’uomo e negli altri esseri viventi da quando sono comparsi sulla Terra?”

-

“Quali sono le ragioni di questi cambiamenti?” Il percorso di apprendimento dovrebbe fornire risposte a tali domande. Un altro spunto potrebbe scaturire dalla visita virtuale al sito “Mini Darwin alle Galápagos– L’evoluzione raccontata dai bambini”( http://www.minidarwin.it/) dove è documentata la tappa più famosa del viaggio che Charles Darwin ha compiuto intorno all’America Meridionale dal 1831 al 1836, le isole Galápagos, ripercorsa dal 28 dicembre 2006 al 9 gennaio 2007 da sette ragazzi e due scienziati.

Figura 1 Tempi di svolgimento: 1 ora 2° FASE: “Confrontiamo le caratteristiche dell’uomo con quelle delle scimmie antropomorfe” Una volta introdotta operativamente la tematica dell’evoluzione, non sarà difficile stimolare nei ragazzi domande del tipo: “Ma noi uomini da dove veniamo? “Siamo stati sempre come oggi oppure siamo cambiati nel tempo?”
Pagina 3

http://scientificando.splinder.com

A questo punto si potrebbe svolgere un’attività di osservazione per rilevare le differenze e le analogie con i nostri “parenti più stretti”: le scimmie antropomorfe, appartenenti come gli uomini all’ordine dei primati.

Figura 2

Figura 3

QUESTIONARIO 2

Osservate, in figura 2, la diversa posizione assunta dal gorilla e dall’uomo per muoversi. Su che cosa si appoggia per muoversi il ................................................................................ gorilla? ................................................................................ E l’uomo? ................................................................................ ................................................................................

Osserva, in figura 3, e confronta ora i due diversi tipi di presa. Quali sono le somiglianze e le differenze ................................................................................. tra le due prese? ................................................................................ Che cosa puoi dedurre dalle osservazioni ................................................................................. fatte? ................................................................................

A questo punto sarà scattata la molla della curiosità e andremo ad immergerci nella “storia” naturale dei primati.
http://scientificando.splinder.com Pagina 4

Tempi di svolgimento: 1 ora 3° FASE: “La comparsa dei primati” Risulterà utile visitare la pagina web (all’indirizzo: http://www.anisn.it/omodeo/omodeo/primati.htm) dove è possibile ripercorrere la storia naturale dei primati, iniziata circa 40000 anni fa, e studiare la loro struttura e organizzazione. Gli alunni selezioneranno immagini e altro materiale utile ad elaborare il compito unitario in situazione con l’impiego di Google Maps.

Figura 4- Cranio di Australopithecus afarensis

http://scientificando.splinder.com

Pagina 5

Figura 5- Scheletro di Lucy, Australopithecus afarensis (3,2 milioni di anni fa)

Figura 6 - Ricostruzione di Lucy con piccolo Si sottoporranno agli alunni alcune immagini relative, ad esempio, all’australopithecus afarensis, vissuto all’incirca 4 milioni di anni fa o meno, stimolando riflessioni e domande, nel corso di attività collaborative.
QUESTIONARIO 3

L’andatura degli Australopitecini era uguale a quella dell’uomo moderno? Giustifica la tua risposta. Il bacino femminile, come risulta dai reperti era leggermente diverso. Presumi che il parto avvenisse con le stesse modalità?
Il capo era molto diverso: la scatola cranica (neurocranio) aveva la stessa capacità di quella di uno scimpanzé. Sapresti indicare le principali differenze rispetto a quello dell’uomo moderno? Se lo incontrassimo oggi, l’australopiteco ci apparirebbe come un robusto pigmeo villoso, munito di un capo simile a quello di un gorilla con mandibola e mascella prognate, dentatura potente. E verosimile questa affermazione?

......................................................... ......................................................... ......................................................... ......................................................... ........................................................ ......................................................... ......................................................... ......................................................... ......................................................... ......................................................... ......................................................... .........................................................

Tempi di svolgimento: 1 ora e 30 min.

http://scientificando.splinder.com

Pagina 6

4° FASE: “Dai primati agli ominidi...all’homo habilis, il nostro vero antenato” Si farà cogliere il passaggio dai primati agli ominidi, per arrivare al nostro vero antenato “homo habilis”, esplorando, ad esempio, un sito web straordinario "JOURNEY OF MANKIND" (http://www.bradshawfoundation.com/journey/timeline.swf), dove è possibile seguire il percorso interattivo ideato da Stephen Oppenheimer, un viaggio virtuale globale dell'uomo moderno, iniziato circa 160000 anni fa. Con attività realizzate in piccolo gruppo, gli alunni saranno guidati a comprendere come la ricerca di Oppenheimer si basi sulle evidenze derivate dallo studio combinato dei fossili, la climatologia, l'archeologia, il DNA e il cromosoma Y. L’esplorazione di JOURNEY OF MANKIND offrirà ulteriori risorse per la realizzazione del compito unitario con Google Maps.

Figura7- Uno screenshot dal sito web “Journey of Mankind” Tempi di svolgimento: 1 ora e 30 min. 5° FASE: “Dall’homo erectus...a noi”

http://scientificando.splinder.com

Pagina 7

In questa fase si farà comprendere agli alunni il rapporto tra stazione eretta, bipedismo e sviluppo umano. La consultazione del testo di John E. Pfeiffer “The emergence of Man”, fornirà un’utile guida per il raggiungimento dell’obiettivo. Altro utile supporto è il sito web

www.cronologia.leonardo.it. I ragazzi saranno chiamati a realizzare in gruppo mappe concettuali e flowchart illustrativi del percorso, che, dall’evoluzione dell’homo erectus, ha portato all’uomo moderno.

Figura 8- Homo erectus Tempi di svolgimento: 1 ora e 30 min. 6° FASE: “L’homo sapiens sapiens e l’evoluzione culturale”

Si segnala, come ottima risorsa per lo sviluppo di questa fase conclusiva, un video ( http://www.videoscienza.it/Common/Mod_711.asp?VideoID=260) reperibile su VideoScienza (www.videoscienza.it), in cui si può guardare e ascoltare l'intervista "Come siamo diventati esseri umani?", rivolta al paleoantropologo Ian Tattersall ( uno dei più importanti studiosi dell'evoluzione della nostra specie). Tattersall, ospite a Milano del Darwin Day, risponde a domande come: “Quando, e soprattutto come, è avvenuto il passaggio alla specie umana?” Quando l'uomo è diventato homo sapiens?”

http://scientificando.splinder.com

Pagina 8

Alla fine di questa fase, gli alunni realizzeranno, come lavoro di classe, una mappa riassuntiva o cartellone che illustrino le tappe dell’evoluzione umana.

Figura 9 – Mappa dell’evoluzione umana

Tempi di svolgimento: 2 ore

Verifica, valutazione, monitoraggio
Considerato che questionari, esercitazioni, mappe concettuali e flowchart, svolti nelle diverse fasi delle attività laboratoriali, concorrono alla verifica delle conoscenze e delle abilità acquisite in itinere, si propongono degli esempi di test e quesiti per svolgere un’ulteriore verifica complessiva di fine unità. Per le conoscenze A. Secondo Darwin il risultato dell’evoluzione è: la scomparsa di alcune specie;
http://scientificando.splinder.com Pagina 9

l’adattamento della specie all’ambiente; un profondo cambiamento dell’ambiente. B. L’uomo attuale si distingue dalle specie di uomo vissute in epoche passate: perché possiede il linguaggio verbale; perché è capace di progettare e costruire strumenti e inoltre comunica mediante un linguaggio complesso; perché è capace di camminare e di mantenere la stazione eretta. C. Collega le definizioni della colonna A ai termini corrispondenti elencati nella colonna B. A 1. Primati 2. Ominidi 3. Australopithecus afarensis 4. Homo habilis 5. Scimmie antropomorfe B a. Forme di uomo che si sono succedute nel tempo b. Scimpanzé, gorilla, orango. c. Il primo uomo capace di lavorare ciottoli d. L’ordine più evoluto dei mammiferi e. Il nostro più antico progenitore.

D. Ripercorri a grandi linee il percorso evolutivo che dai primati porta agli ominidi. E. Che cosa si intende per evoluzione culturale? *Con gli esercizi A, B ed E, si verifica il raggiungimento degli obiettivi formativi 1 e 3, con gli esercizi C e D quello dell’obiettivo formativo 2. Per le abilità

http://scientificando.splinder.com

Pagina 10

A. Quale o quali caratteristiche dell’uomo, tra quelle elencate, sono necessarie per praticare le seguenti discipline sportive? Giustifica la tua risposta. 1. Andatura bipede 2. Vista nitida e tridimensionale 3. Mano prensile a. Tennis......................................................... b. Nuoto.......................................................... c. Ciclismo......................................................... d. Calcio............................................................. e. Pallanuoto......................................................... f. Corsa............................................................... g. Sci................................................................ h. Tuffi.............................................................. i. Pallavolo....................................................... j. Salto in alto B. Dall’Homo habilis...all’Homo sapiens sapiens. Riordina esattamente questa sequenza.

C. Spiega perché l’adattamento alla vita sugli alberi ha portato a modificazioni della mano e della visione. D.Spiega perché l’evoluzione del linguaggio, e soprattutto il passaggio dal linguaggio parlato a quello scritto, ha favorito l’evoluzione culturale dell’uomo. E. Prospettive e problemi dell’uomo moderno. Che cosa dobbiamo tener presente per la salvaguardia del nostro futuro e dell’ambiente che ci circonda? Perché

http://scientificando.splinder.com

Pagina 11

*Con gli esercizi A, C, D ed E, si verifica il raggiungimento degli obiettivi formativi 1 e 3, con l’esercizio B quello dell’obiettivo 2. Il livello dell’accettabilità si ritiene raggiunto quando: sono stati svolti con esattezza gli esercizi A, C e D, per le conoscenze, e gli esercizi A, B e C, per le abilità; sono stati svolti tutti gli esercizi previsti, con imprecisioni e inesattezze non superiori al 40%. Tenuto conto che la valutazione del processo apprenditivo degli alunni non avviene in un’unica soluzione, ma si svolge in itinere, si utilizzeranno schede specifiche per il suo monitoraggio, per l’autovalutazione da parte dell’allievo, per la verifica e la valutazione degli apprendimenti e del comportamento. Si propone di seguito una scheda per l’autovalutazione da parte dell’alunno.

http://scientificando.splinder.com

Pagina 12

SCHEDA RIASSUNTIVA DI AUTOVALUTAZIONE

Ho svolto le verifiche degli obiettivi formativi relativi alle seguente UA:

Ricostruire le tappe fondamentali dell’evoluzione umana
Tipo di verifica Data di svolgimento

Ho acquisito le seguenti conoscenze e abilità: Conoscenze 1. Significato di evoluzione dei viventi. 2. Principali tappe dell’ominazione. 3. Caratteristiche biologiche e culturali dell’evoluzione umana. 1. 2. 3. Abilità Saper descrivere il significato di evoluzione dei viventi. Individuare le principali tappe dell’evoluzione dell’uomo. Distinguere le caratteristiche biologiche e culturali dell’evoluzione umana

Ho raggiunto i seguenti punteggi: Conoscenze 1.................. 2.................. 3.................. Punteggio Abilità 1.................. 2................... 3.................... Punteggio

http://scientificando.splinder.com

Pagina 13

Osservazioni personali 1. Nella verifica conclusiva dell’Unità ho raggiunto un livello........................................... 2. Posso concludere che ho appreso in modo soddisfacente? Sì, perché.......................................... No, perché ........................................

3. Quali errori commetto?.................................................................................................. 4. Quali difficoltà incontro?..............................................................................................

Annarita Ruberto

http://scientificando.splinder.com

Pagina 14

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful