You are on page 1of 34

1

Introduzione al corso "Antico Testamento/Pentateuco"


Anno Acc. 2011-12
Appunti sulle lezioni introduttive
Il corso AT/Pentateuco
richiesta la lettura previa dei libri del Pentateuco dalla traduzione CEI. La conoscenza
del contenuto di questi libri, sar considerata gi acquisita durante le lezioni.
Bisogner anche scegliere un volume di "Storia di Israele", argomento affrontato solo
occasionalmente durante il corso. bene sapere che l'argomento (storia di Israele), sar anche
oggetto di esame.
Non posso indicare un unico volume come manuale per il corso di Pentateuco, diventa
perci necessaria la presenza alle lezioni.
Per l'esame sar richiesto:
- Lo studio di uno dei libri di "Storia di Israele" indicati durante il corso;
- Lo studio dell'introduzione e degli approfondimenti esegetico-teologici proposti in
classe (ho gi indicato alcuni possibili riferimenti bibliografici sui fogli del "programma")
- La lettura dei testi o degli studi esplicitamente indicati durante le lezioni.
Per il nostro corso potremmo seguire diversi approcci alla materia.
La via della tradizione: il racconto biblico letto come inizio della storia salvifica. Molte
questioni nate negli ultimi secoli di approfondimento, ci sfuggirebbero, o ci terrebbero
impegnati tanto a lungo da interrompere ben presto il nostro percorso (per esempio la storicit
di racconti come i primi undici capitoli della Genesi);
La via monografica: un libro del pentateuco da analizzare nel dettaglio evitando di
prolungarci su questioni introduttive, scegliendo inoltre un taglio specifico nella lettura del
testo. Ma questa via, che pure presenta il grande vantaggio dell'approfondimento, lascerebbe
fuori questioni estremamente importanti per chi studia la Sacra Scrittura come Rivelazione
divina alla base dell'edificio teologico e della vita cristiana.
La nostra scelta: scegliamo un'impostazione classica che passer da una introduzione
generale a premesse ermeneutiche a saggi di esegesi e di teologia biblica.
Se solo si prova ad osservare il panorama che fa da sfondo ai libri biblici, pur
limitandolo ai soli primi cinque libri, si nota la quantit di considerazioni previe e di
conoscenze scientifiche necessarie per compiere una lettura almeno corretta dei testi. N si
pu pensare di approfondire ciascun ambito in maniera specialistica come pure non si potr
per questo rinunciare del tutto all'impresa, almeno per rendersi conto delle diverse
problematiche di cui tener conto.

Molteplicit di approcci allo studio dell'AT


Se evidente che lo studio della Bibbia in una Facolt Teologica non lo stesso che si
pu fare in una facolt di letteratura antica, altrettanto evidente (cfr. Introduzione generale
alla Sacra Scrittura) che non si possono ignorare quelle questioni che hanno a che fare con il
Pentateuco in quanto frutto dell'attivit umana, perci condizionata nel tempo e nello spazio.
Si pone cos la necessit di considerare problemi che vanno dalla composizione letteraria dei
nostri testi, alla storia della composizione del testo, alle epoche storiche di cui essi parlano, al
contesto storico-geografico in cui questi testi nacquero, alle influenze letterarie con altri scritti
dell'Oriente Antico (Cronologia, Geografia, Storia, Archeologia, Ambiente culturale-letterario
dell'Antico Oriente ecc.).
Sono perci molteplici le prospettive che possono regolare il nostro studio.
Le questioni che affronteremo in concreto sono:
Pentateuco/Torah, tradizione greca e tradizione ebraica; tradizione ebraica e tradizione
cristiana.
Cosa il Pentateuco, come si colloca all'interno dell'AT e dell'intera Bibbia. Perch
parlare di un Pentateuco e non di un tetrateuco o di un esateuco o enneateuco cos come
propongono alcuni studiosi (il problema di natura essenzialmente storico-ermeneutica).
Quale lo stato attuale degli studi storico-critici sul Pentateuco. Quali le sue
caratteristiche teologico-letterarie?
Quale rapporto tra la storia narrata dal Pentateuco e la storia come realt verificabile.
Quali sono gli approcci scientifici al Pentateuco come parte della Bibbia ebraicocrisitana.
Parlare del Pentateuco dal punto di vista scientifico, come faremo espressamente nella
prima parte del corso utile ma, tenendo fede all'interesse che ci ha condotto ad occuparci di
questi libri, tenteremo una lettura esegetica di alcuni testi dai diversi libri, per aprire degli
orizzonti di riflessione teologica. Saranno cos lette alcune parti dei cinque libri e studiati
esegeticamente con l'intenzione di fornire una metodologia, se possibile ricca, non ridotta ad
un unico metodo di lettura, di alcuni brani scelti.
Con queste premesse ovvio che non tutto potr essere svolto nelle lezioni. Si tenga
inoltre presente che come primo corso biblico, vi da sopportare una fatica maggiore
relativamente, ad es. alla storia e geografia di Israele; archeologia; critica testuale e cos via.

3
Tutti sforzi che faciliteranno, ed questa la ricompensa, uno studio approfondito delle altre
parti della Bibbia.
La parte relativa ai libri storici sar affrontata negli incontri seminariali.

IL TESTO E LA CRITICA TESTUALE DELL'AT


L'argomento stato gi affrontato nel trattato generale di Introduzione alla Sacra
Scrittura per cui qui si riprenderanno le principali nozioni relative all'AT.
Come noto non possediamo scritti autografi degli autori biblici. Questo sarebbe
problematico anche solo supporlo dato il carattere di composizione per accrescimento proprio
degli scritti biblici, non confrontabili, per es., con un romanzo composto da un autore
moderno. Il principale testo critico su cui leggiamo o da cui traduciamo la parte maggiore
dell'AT la Biblia Hebraica Stuttgartensia (= BHS) da integrare in parte (per noi cattolici)
con la Bibbia dei LXX diffusa soprattutto nell'edizione del Rahlfs per quanto concerne i libri
della Sapienza, 1-2 Maccabei, Giuditta, Tobia e le parti deuterocanoniche di Daniele e di
Ester.
Le edizioni ebraica e greca sopra citate, sono dette edizioni critiche, nate cio da un
lavoro di ricerca e di confronto tra i diversi manoscritti, pi o meno antichi, che ci sono stati
trasmessi nel tempo in diverse copie. Alla base dei testi che noi abitualmente leggiamo in
traduzione, vi sono dunque edizioni critiche che forniscono un testo ricavato dal confronto tra
i diversi manoscritti che talvolta presentano tra loro varianti pi o meno rilevanti. Il lavoro
della critica testuale appunto quello di confrontare tra loro le diverse varianti per stabilire,
sulla base di criteri scientifici, un testo che per quanto possibile sia il pi vicino a quello che
doveva essere il testo originale. Nel campo biblico il lavoro, pur complesso e minuzioso per la
peculiarit del testo in questione, facilitato rispetto ad altri scritti antichi per la qualit dei
manoscritti sempre molto accurati. Nonostante ci vi un certo numero di "varianti", casi in
cui i manoscritti non concordano tra loro, che bisogna analizzare per la proposta di quella
ritenuta migliore.
Come si diceva il cammino all'indietro, verso un ipotetico testo originario, si complica
per il lungo processo di formazione e di stabilizzazione a cui i testi sono andati incontro nella
loro evoluzione.
Per il testo ebraico distinguiamo solitamente in tre periodi:
1. fluttuazione del testo: fin verso la fine dell'epoca veterotestamentaria si ha
testimonianza (per es. confrontando i testi ebraici con quelli della LXX) di una certa
fluttuazione del testo nei diversi manoscritti. Ci risulta, per esempio da alcuni casi di

4
trasposizione di passi; per es. i vaticini di Geremia nel TM (= Testo Masoretico) si trovano
nei cc 46-51 mentre nei LXX si ritrovano da 25,14ss.
Non solo trasposizione: il testo di Geremia dei LXX di un ottavo pi breve del TM. Vi
sono anche divergenze nei vocaboli. I testi ritrovati a Qumran, dopo la famosa scoperta
archeologica che port alla luce manoscritti biblici che vanno dal II-III sec. a.C. al I d.C., pur
confermando l'antichit del TM presentano in qualche punto maggior vicinanza con il testo
dei LXX.
2. fissazione del testo consonantico: dal I sec. a.C. al VI d.C. si impone un tipo testuale
ebraico, un testo autorevole che sar utilizzato sia come base per nuove versioni in greco
(Simmaco, Aquila, Teodozione), che dal TM come pure dalle citazione dei rabbini e nelle
traslitterazioni delle exapla origeniane.
3. fissazione del testo vocalico: dal 500 al 900 d.C. Opera dei Masoreti (da
MSR=tramandare) che svolgono un'opera accuratissima, curando sin nel dettaglio i propri
manoscritti, sino a conservare anche l'errore di trascrizione fatto da predecessori e riportato
nel testo (Ketib), con l'indicazione laterale della correzione (Qer). In basso ed in alto rispetto
al testo posero dei commenti, anch'essi utili per la critica testuale: masora grande; ai margini
del testo la masora piccola e alla fine la masora finale.
In questo modo le varianti si ridussero a poca cosa.
Tra le migliaia di codici esistenti si scelto, come testo base delle edizioni critiche
moderne (Kittel, Stuttgartensia), il Codice di Leningrado del 1008-1009 d.C.. Si tratta di un
TM vocalizzato dalla famiglia di ben Asher (l'altra famiglia di vocalizzatori Ben Naphtali,
ebbe poco seguito).
Qualche informazione sulla MASORA per l'uso dell'AT ebraico:
MASORA FINALIS: liste al termine di ciascun libro della Bibbia Ebraica, che
solitamente presentano un conto dei versetti del libro, ma possono includere anche
informazioni addizionali sul libro o su sezioni del testo. Cos, per il Deuteronomio ci viene
riferito che il libro ha un totale di 995 versetti; che il suo punto centrale si trova inin 17,10;
che ha 31 sedarim e che nella Torah ci sono in tutto 5.845 versetti, 167 sedarim, 79.856
parole e 400.945 lettere. Queste informazioni costituiscono una sorta di controllo generale del
testo.
MASORA MARGINALIS: si tratta di note che i masoreti hanno inserito al margine del
testo. Quella ai margini laterali viene chiamata Masora Parva (Mp), mentre quella che si trova
nell'alto e nel basso del testo viene detta Masora magna (Mm). Le note contenute
commentano il testo, preservano tradizioni non-testuali, identificano infrequenti parole o
combinazioni di parole, identificano il punto centrale di un libro o di grandi sezioni del libro,
forniscono alcune informazioni statistiche e contengono liste di concordanze. Va notato che la

5
Mm non contenuta nello stesso volume della BHS ma pubblicata in un volume a parte
"Masora Gedolah". Questo consiste in liste di termini, assomiglia ad una concordanza.
Del Testo Ebraico esisteva una pluralit di forme nel I sec. a.C;. Certamente nel 100
d.C. esisteva la forma che poi sar quella del TM insieme ad altre. Esistevano fino a
quell'epoca testi (o un testo) proto-masoretico (ne sono testimonianza, per es. il Pentateuco di
Qumran o i manoscritti di Wadi Murabbaat come pure quelli di Nahal Hever. Dopo lunghe
vicende il Testo proto-masoretico divenne il testo tipo dei masoreti, sottoposto, a partire dai
primi decenni dell'era cristiana, a un dettagliato lavoro di fissazione.
Per le forme testuali ebraiche non-masoretiche
1) Manoscritti di Qumran: vi sono forme masoretiche e forme non masoretiche. Con
Qumran siamo andati a testi pi antichi di 1000 anni! In questo sito sono stati ritrovati
molteplici tipi di testo ma il TM viene sostanzialmente confermato nella sua validit.
2) Pentateuco Samaritano: molto antico (tra il I e il IV a.C.). Si allontana dal TM in
6.000 casi; in 1.900 di questi casi concorda con la LXX. Esistono versioni antiche del PS:
greco Samaritikon. Il codice pi antico per il PS risale al 1115 d.C., Cambridge.
3) Frammenti della Genizah del Cairo (scoperti nel 1890), circa 200.000, in una
edizione curata dal Kahle. Seguono il TM con poche varianti.
4) Papiro Nash: II sec. a.C; . il pi antico che possediamo. Contiene il Decalogo e lo
Shem (Dt 6,4)
Aggiungiamo infine che il lavoro critico che si fatto per l'edizione del Kittel e poi per
quella Stuttgartensia non una novit in assoluto. Gi nell'antichit si avvertiva la necessit di
un testo su cui basarsi. Per la BH (Bibbia Ebraica) Textus Receptus fu la Bibbia rabbinica
scoperta a Venezia nel 1518 contenente il testo dell'AT assieme alla Masora e al Targum ed
una selezione di commenti giudaici medievali. Fu la norma per tutte le Bibbie Ebraiche
stampate, fino ai testi pi recenti.
TRADUZIONI
LXX. La prima traduzione e la pi importante per il ruolo che avr nella formazione del
canone cristiano. La sua formazione leggendariamente descritta dalla lettera dello PseudoAristea (II a.C.). Il Pentateuco molto fedele al testo Ebraico. Cos pure i libri storici. Per altri
testi vi qualche problema in pi. Su circa 350 citazioni dell'AT nel NT, 300 sono prese dai
LXX, considerato testo ufficiale nella Chiesa cristiana dei primi secoli. Solo per il libro di
Daniele venne utilizzato Teodozione. A tale uso si adeguarono i Padri come pure la liturgia.
Revisioni e traduzioni giudaiche in greco furono originate dall'imperfezione del testo ma
soprattutto per il suo uso cristiano (portata messianica dei brani sfruttati dai cristiani).

Revisione giudaica anonima, ritrovata nel 1952 nel deserto di Giuda, forse quella citata
da Origene e Girolamo.
Aquila (130-140 d.C., traduzione pedissequa di cui possediamo solo scarsi frammenti);
Teodozione (180 d.C., somiglianza con i LXX, preferito dalla Chiesa per il testo di
Daniele).
Simmaco (200 d.C., convertitosi, in seguito, al cristianesimo). Riproduzione letterale del
TM, utilizzata da Luciano e S.Girolamo.
Esaple: opera origeniana della prima met del III secolo distrutta nel VII secolo,
presenta in sei colonne parallele i testi Ebraico - Ebraico traslitterato - Aquila - Simmaco LXX rev. - Teodozione. L'opera and perduta. Possediamo solo riferimenti in autori che la
citano e diverse trascrizioni della V colonna.
Bisogna inoltre dire che esistono diverse versioni antiche dell'AT greco (Vetus Latina,
Copta sahidica (sud), Copta boarica (nord), Armena, gotica, georgiana (V sec. nel Caucaso),
ecc., importanti testimoni per la ricostruzione critica del testo.
Targumim: dall'aramaico targum = interpretazione. Si tratta di traduzioni in aramaico
per i giudei che progressivamente abbandonarono l'ebraico a favore del pi universalmente
conosciuto aramaico, fatte dapprima solo oralmente, poi messe per iscritto. Esistono
Targumim pi o meno completi che riguardano tutti i libroi dell'AT. Segnaliamo il Targum
Palestinese del Pentateuco: esemplare completo nel Codex Neofiti I del Vaticano, I sec. d.C.
Abbiamo pure il Targum di Gerusalemme, sempre per il Pentateuco, chiamato anche PseudoGionata, con un particolare sviluppo di angeologia e demonologia. Infine il Targum di
Onkelos (Babilonia).
Pescitt (siriaco) = comune, semplice. Si tratta della traduzione siriaca. Il siriaco molto
simile all'aramaico. Gi dal II sec.d.C.. Influenza della LXX e del TM.
Antiche traduzioni latine:
Vetus Latina. Denominazione convenzionale che indica qualunque traduzione latina
antica della Bibbia (A + NT), anteriore allla Volgata di S.Girolamo. Deriva da un testo dei
LXX pi un testo greco del NT vicino al gruppo D.

7
Da molte tradizioni parziali si formano tradizioni pi complete (una di tipo africano ed
una di tipo europeo). Girolamo ed Agostino verso il 400 si lamentavano del grande numero di
esemplari della Bibbia diversi l'uno dall'altro. Risale almeno in parte al II sec. d.C. (ideata
soprattutto per la plebe che non conosceva il greco). La Vetus Latina importante soprattutto
per la critica del testo biblico. E' stata ampiamente impiegata per la formazione della Volgata.
Il salterio ed altri libri (Sapienza, Ecclesiaste, Baruq, 1 e 2 Maccabei) sono entrati nella
Vulgata dalla Vetus Latina revisionata da Girolamo. Cos pure per il NT
La Vulgata la traduzione latina di tutti i libri biblici usata dalla Chiesa latina come suo
testo ufficiale. Vulgata Editio (edizione popolare) cos denominata in modo definitivo da
Trento nel 1546. Per la maggior parte si tratta della traduzione di S.Girolamo (390-405).
Baruq, Ecclesiasticus, Sapienza, 1 e 2 Maccabei dalla Vetus Latina
Salterio gallicano revisionato da S.Girolamo
Vangeli: correzione di Girolamo dalla Vetus Latina
Altri libri del NT forse ad opera di Girolamo.
Per l'AT Girolamo si servito di un testo H (= ebraico) molto simile al TM. Traduzione
a senso, non servile (cerca di rendere in latino il pensiero espresso in H). Si cerca una certa
eleganza. Per il NT egli prese, a base della sua traduzione, un testo molto vicino al codice B.
Non volle cambiare, ordinariamente, il vocabolario della Vetus Latina.
Per i problemi sull'autenticit della Volgata e sulla storia della Volg., cfr. Corso di
introduzione generale alla S.Scrittura.

Pentateuco una parola greca, significa "le cinque teche" (contenenti i cinque rotoli).
una denominazione semplicemente indicativa della forma materiale sotto la quale si
presentano questi scritti. La denominazione degli stessi cinque libri in ebraico Torah (=
insegnamente, preferito rispetto alla traduzione abituale in "Legge").
Tra i primi problemi che si pongono a chi affronta questa parte dell'AT perch i primi
cinque libri della Bibbia costituiscano una parte a s stante. Una domanda, questa, che
riceveva nella tradizione giudaica e cristiana una risposta semplice: sono i libri di Mos. Mos
il grande legislatore, cos come ne parla sia la tradizione giudaica che quella
Neotestamentaria e cristiana. Non v' dunque problema nel ritenere che questi libri, composti
da Mos, fossero considerati nell'insieme come il grande, fondamentale patrimonio della fede
di Israele e della Chiesa consegnatoci da Mos.
La cosa pu apparire non tanto ovvia se si legge in successione il pentateuco, i primi
cinque libri, con il sesto libro dell'AT, Giosu. La narrazione che va dall'inizio della storia

8
umana alla morte di Mos, e che ha come parte centrale e predominante il cammino del
popolo ebraico verso la terra promessa, si interrompe proprio alle soglie di quella terra. La
promessa resta incompiuta, a compierla sar Giosu e dal libro omonimo in poi si continuer
a descrivere la storia di Israele nella terra promessa senza soluzione di continuit fino alla
caduta di Gerusalemme sotto i colpi del babilonese Nabucodonosor.
Questo primo problema in cui ci si imbatte meno strano di quanto si possa
immaginare. Perch il Pentateuco considerato una unit? Diciamo subito che la risposta
offerta dalla tradizione sar probabilmente l'unica valida ma, per comprendere che la faccenda
non cos semplice come sembra, bisogner passare attraverso le fasi della ricerca storicocritica che pi volte arrivata a porre questa stessa domanda (perch una unit), offrendo
diverse soluzioni.
Il problema dell'unit del Pentateuco ha anche un risvolto propriamente letterario. Si
pu dire un testo letterariamente uniforme?
Gi ad una prima lettura dei libri del Pentateuco, si osserver come in un quadro
narrativo che va dall'inizio della storia del mondo (Gen 1-11) alla morte di Mos alla vigilia
dell'entrata nella Terra promessa (Deuteronomio) vengono presentati materiali di tipo
legislativo. Pi rare invece sono le sezioni poetiche.
Il materiale di tipo narrativo non si presenta come "storico" nel senso moderno della
parola. La descrizione della storia salvifica si apre infatti con un prologo sulla storia dei
primordi (Gn 1-11) con caratteristiche particolari che permettono accostamenti ai racconti
cosmogonici antichi o anche a miti di ambiente mesopotamico ed anche pi diffusi.
Naturalmente, al di l della forma dei racconti bisogner soprattutto osservare i punti di
originalit di questi racconti. Di tipo decisamente diverso la storia patriarcale che si estende
dal capitolo 12 al 50 della Genesi (ricordo che qui stiamo solo dando un quadro generale, di
tipo fenomenologico, gli approfondimenti saranno successivi e distingueranno ulteriormente
le cose). Una successione genealogica che passa attraverso Abramo, Isacco, Giacobbe,
Giuseppe e i suoi fratelli, per concludersi con l'ambientazione di Israele in Egitto, fase che
precede immediatamente la vicenda dell'esodo. La storia patriarcale ha caratteri diversi dalla
storia delle origini. Qui prevale un tipo di racconto che ha a che fare con tradizioni tribali e
familiari. Scene di vita, promessa e adempimenti (bench parziali) scandiscono le fasi della
successione patriarcale. La vicenda esodica occupa gran parte del Pentateuco, andando ben
oltre il libro dell'Esodo. Qui parti narrative di tipo abbastanza vicino all'epopea di eroi storici
dell'antichit, si alternano a parti di tipo legislativo, tanto ben rappresentate da occupare
persino l'intero libro del Levitico.
Il materiale legislativo appare innanzitutto in due ampi blocchi:
1. in connessione con la rivelazione del Sinai (Es 19-40 + Lev + Nm 1,1-10,10)

9
2. in connessione con l'arrivo a Moab, alla vigilia dell'ingresso nella terra promessa (Nm
22-36 e Dt).
3. materiale legislativo sparso, legato a contesti narrativi diversi (comandi, leggi,
ordinanze cfr. Gn 1,28-29; 9,1-7; 17,9-15; Num 10,10-21,35).
Pi ancora di questa diversit di materiali, spesso ben connessi dal punto di vista della
narrazione, hanno sempre suscitato interrogativi e provocato varie risposte, alcune
contraddizioni, anacronismi, differenze stilistiche...
Alcuni casi pi evidenti:
- L'uso dei nomi di Dio: in Gn 1,1-2,4a "Elohim", in Gn 2,4b-3,24 "YHWH Elohim"
- Nel racconto del diluvio certe contraddizioni sono particolarmente evidenti: in Gn
6,19 Dio d ordine a No di introdurre una coppia di animali per ogni specie; in 7,2 si parla di
sette coppie di animali puri ed una di animali impuri;
- di Sara si racconta due volte l'episodio della sua "cessione", da parte di Abramo, al
faraone (Gn 12,10-13,1) e ad Abimelek (Gn 26,6-11)
- in Gn 20,1 si dice che Abramo lev le tende di l... senza per aver fatto riferimento
ad Abramo in precedenza
- in Es 19,25 si dice che Mos scese dal monte verso il popolo per parlargli, in 20,1,
senza accennare a risalite, Mos detta il decalogo dal monte;
- si notano spesso ripetizioni, qualche volta doppioni. Cos per la creazione, per il
diluvio, per il rapimento di Sara, per l'espulsione di Agar. Due volte si parla dell'Alleanza tra
YHWH ed Abramo (Gn 15,1-21 e 17, 1-27);
- talvolta per lo stesso nome di luogo si danno etimologie diverse: Bersabea in Gn 21,
31 il "pozzo del giuramento", in 26, 26-33 "il pozzo dell'abbondanza";
- si registrano cambiamenti bruschi di stile: da uno stile vivace, attento ai particolare
(Gn 2,4b-3,24) a quello pi sobrio di Gn 22,1-14, a quello pi schematico e teologizzante di
Gn 1,1-2,4a.
- si registrano, inoltre, diversit di vocabolario: "io" lo si trova nella forma ani oppure
anoki;
- diversi nomi per lo stesso luogo: il caso pi noto proprio per il monte Sinai (Es
19,11.18) altrove Oreb (Es 3,1; 17,6);
Non sono mancati, sia nella tradizione giudaica che in quella cristiana tentativi per
spiegare di volta in volta tali differenze o incongruenze. In particolar modo le letture
midrashiche da parte ebraica e quelle allegoriche da parte cristiana, hanno superato tali
problemi invitando ad andare al di l della lettera del testo.

10
L'idea che il Pentateuco fosse l'opera di Mos, il grande legislatore di Israele, il profeta
pi grande, nell'antichit e fino a qualche secolo fa non veniva messa in dubbio. Abbiamo
testimonianza di questa idea gi nella Bibbia stessa: Dt 1,1: "Parole di Mos presso il
Giordano"; Esdra 3,2 "legge di Mos, l'uomo di Dio"; 2Cron 25,4 citando Dt 24,16 ne parla
come di un passo del libro di Mos; cos pure nel NT: Lc 24,44 "il libro di Mos", Mt 8,4;
19,8; Mc 7,10; Rom 10,5 "si legge Mos); e Filone (Sulla vita di Mos II 291) e Giuseppe
Flavio (Antichit IV 326). Questa idea resister a lungo, sia pure con qualche variante, come
per es. l'intuizione di quel grande conoscitore cristiano della Bibbia che fu S.Girolamo il quale
riteneva che il Pentateuco fosse stato scritto da Esdra sulla base di note di Mos.

LO STUDIO MODERNO DEL PENTATEUCO


Su questo argomento cfr. Albert de Pury (dit par), Le Pentateuque en question, Labor et
fides 19912 qui utilizzato.

Per chiarezza seguiamo qui le principali tappe storiche. Si tenga presente che possiamo
distinguere innanzitutto in due grandi periodi: il primo pre-critico, in cui il commento e lo
studio della Bibbia avveniva a partire solo dalle sue indicazioni interne (la Bibbia cio era
assunta a norma di verit in senso complessivo); e periodo critico. Per il periodo della critica
alla Bibbia, vi un grande momento di sintesi rappresentato dalla teoria di Wellhausen che
perci fa un po' da spartiacque, dal punto di vista storico, tra un prima e un dopo. Oggi ci
troviamo decisamente in un periodo in cui avvertita da pi parti l'esigenza di un
superamento (completo o parziale) della teoria Wellhausiana.
Ma andiamo con ordine:
Con l'evo mederno, ma soprattutto con l'illuminismo si diffonde un atteggiamento pi
scettico verso la tradizione e i suoi contenuti e pi aperto all'apporto della ragione umana, anzi
la fiducia nelle possibilit di questa, finir per negare, in un apparente aut-aut, il dato
tradizionale.
Anche nel campo religioso, ed in particolare nei confronti della Bibbia questo
atteggiamento nuovo non tard a farsi sentire.
La situazione precedente a Graf-Wellhausen
Gi Jean Astruc (1684-1766), medico di Luigi XIV, H.B.Witter e J.G.Eichhorn (17521825) avevano notato che diverse tensioni interne al Pentateuco dovevano essere spiegate per
l'esistenza di documenti distinti. Ma che l'origine, lo sviluppo e la crescita del Pentateuco

11
ponessero un problema in s non l'avevano ancora veramente capito. Collocare l'edizione o la
redazione all'epoca di Esdra (Spinoza, Richard Simon) poneva inevitabilmente la qustione di
spiegare la "preistoria" dell'opera letteraria, ricostruire il ponte esistente tra gli avvenimenti
narrati e la redazione finale all'epoca di Esdra. Nasceva la questione delle fonti. R.Simon,
autore di una nota Histoire critique du Vieux Testament (1678), in 3 volumi, aveva proposto
un processo di composizione graduale che avrebbe condotto dagli appunti di Mos alla
redazione del testo finale. Vi furono naturalmente reazioni energiche alle nuove proposte di
Simon, tanto che la sua opera, quattro anni dopo, fu messa all'indice. Nascevano,
inevitabilmente le domande su come fosse avvenuto tale processo. Durante i due secoli
successivi furono sviluppati tre modelli teorici:
a) L'ipotesi documentaria suppone alla base dell'attuale Pentateuco due, tre o quattro
trame narrative continue (dei documenti, appunto, o fonti) che, redatte in epoche e luoghi
differenti, sarebbrero state giustapposte, talvolta integrate le une alle altre da redattori
successivi.
b) l'ipotesi dei frammenti suppone l'esistenza di un numero indeterminato di racconti
sparsi e di testi isolati (senza continuit narrativa). Questi testi sarebbero stati uniti da uno o
pi redattori.
c) l'ipotesi dei complementi ammette l'esistenza iniziale di un'unica trama narrativa
continua. Nel corso dei secoli tale trama avrebbe ricevuto numerose aggiunte e complementi.
Per l'antica ipotesi documentari bisogna citare Karl-David Ilgen (1736-1834) che,
riprendendo l'idea di Astruc e Eichhorn, e restringendo come i due predecessori le sue
osservazioni alla Genesi, riconobbe ben 17 documenti differenti che attribu a tre diversi
scrivani: due "lhoisti" e un "jahvista".
Per l'ipotesi dei frammenti, in particolare Alexander Geddes (1737-1802) e Severin
Vater (1771-1826), a partire dalla difficolt di estendere l'ipotesi documentaria alle altri parti
legislative del Pentateuco, proposero che fosse pi giusto ridursi a parlare di frammenti,
anzicch di "documenti". In maniera diversa i due autori spiegarono le fasi redazionali,
lasciando per irrisolti alcuni problemi, come quello dei passi paralleli o la parentela di certi
passi dispersi del Pentateuco.
L'ipotesi dei complementi fu un tentativo di uscire dall'impasse delle due precedenti
proposte. Heinrich Ewald (1803-1875), propose di prendere in considerazione il Pentateuco e
anche Giosu (gli inizi dell'ipotesi dell'esateuco). Vi , sostenne il professore di Gottinga,
un'unica trama narrativa che va dalla creazione all'ingresso in Canaan. Questa trama,
caratterizzata dal nome di Elohim e riconoscibile in alcuni avvenimenti e codici legislativi
maggiori, fu arricchita a mano a mano da complementi tra i quali possibile riconoscere dei

12
pezzi di un documento "jahvista". Friedrich Tuch vedr nel documento "jahvista" non uno
scritto andato perduto, ma un semplice carattere redazionale.
Le ricostruzioni erano ancora incomplete e presentavano lati oscuri. Bisogna soprattutto
considerare quale tipo di Storia di Israele si prendeva in considerazione nei secc. XVIII-XIX.
Il problema della differenza tra fatti crudi e storia biblica verr posto gradualmente a
partire dal XVII sec. Ma solo con Reimaurus il problema assume tuta la sua virulenza. Pi
pacatamente un autore inglese, H.Prideaux far iniziare la sua "Storia di Israele" (1716-1718)
dall'VIII sec. a.C., sostenendo che fino a quel tempo le fonti bibliche non fossero degne di
fede.
W.M.L. De Wette (Manuale di introduzione critico storica alla Bibbia, 1817) segn una
svolta nelle ricerche storiche sul Pentateuco, stabilendo, per primo, un legame preciso con un
fatto storico: il libro ritrovato nel Tempio da Giosia nel 621 a.C. (cfr.2Re 22-23) era il
Deuteronomio! Vi era cos almeno un punto di riferimento, un libro composto un po' prima o
durante quella riforma. Tuttavia lo studioso sosteneva che sugli avvenimenti narrati dal
Pentateuco, la ricerca storica aveva ben poco da sperare, trattandosi di "Miti". Viene cos
avviata una riflessione pi approfondita sul rapporto tra critica letteraria e critica storica.
Mentre la critica letteraria cercava di stabilire i limiti testuali e di accertare i generi e le
caratteristiche delle fonti sottostanti attraverso tre punti di vista: linguaggio, composizione ed
origine dei testi, la critica storica tenter di determinare il valore degli scritti biblici come
documenti storici, sia per quanto riguarda i fatti narrati che per l'insegnamento ed il contenuto.
Heinrich Ewald (Storia del popolo d'Israele, 5 voll. I ed. 1843-1855) accentuer la distanza
tra storia santa e storia reale. L'esateuco presenta la storia come l'evoluzione verso la vera
religione, con progressioni e regressioni. Primo punto culminante dell'evoluzione Mos e
l'Alleanza del Sinai. Non sempre questi studiosi furono guidati da un rifiuto di posizioni
teologiche; talvolta, come nel caso di De Wette, i nuovi metodi venivano applicati con
l'intento di verifica delle posizioni dogmatiche.
Come si visto la maggior parte dei problemi fondamentali sul Pentateuco furono posti
gi prima di Graf e Wellhausen:
il problema dell'autore o degli autori con il problema dell'"autenticit"

il problema delle "fonti"


il problema delle tradizioni (orali o scritte) e della loro trasmissione
il problema del legame tra le fonti e la storia
il problema del divenire del Pentateuco e della datazione delle tappe fondamentali.

13
Bisogna notare che non mancarono stimoli equilibratori rispetto all'esigenza criticoscientifica che ormai guidava gli studiosi di Bibbia. Segnaliamo in particolare la personalit di
Herder (1744-1803), poeta maestro di Goethe, che svilupp un tipo di esegesi intuitiva a base
razionalistica, priva cio dei contenuti teologici e dogmatici, ma aperta ad una lettura
spirituale.Quest'atteggiamento, che influenzer studiosi come J.G.Eichhorn (1752-1827), ha in
comune con l'altro il rifiuto di vincoli teologico-dogmatici ritenuti vincoli per una ricerca
seria, ma restava aperto ad una lettura anche spirituale del testo. L'opera di Eichhorn
Einleitung in das Alte Testament (1780-1783) divenne in tal senso un modello di tale
approccio.

Die neuere Urkundenhypothese


La "nuova ipotesi documentaria"
Nel 1853, Hermann Hupfeld (1796-1866), present, in reazione alle ipotesi dei
frammenti e dei complementi, una versione riveduta e corretta dell'ipotesi documentaria. Fu
conosciuta come "nuova ipotesi documentaria". Il Pentateuco sarebbe stato composto a partire
da tre documenti indipendenti e paralleli:
1. elohista di base (E1) poi P (sacerdotale)
2. secondo documento elohista (E2) la futura fonte E
3. un terzo documento che utilizzava il nome YHWH, futura fonte J .
Le tre fonti furono riunite con grande abilit da un redattore ulteriore un po' alla maniera
delle armonie evangeliche.
Secondo Hupfeld l'ordine cronologico era: 1.P; 2.E; 3.J; 4.D. (quest'ultimo sarebbe un
documento non parallelo). Si trovano gi i tre pilastri della teoria di Graf - Wellhausen:
a) il riconoscimento della validit dei criteri della critica letteraria (in particolare
attraverzso l'uso dei nomi divini);
b) l'esistenza di tre documenti paralleli pi uno non-parallelo (il Deuteronomista);
c) la datazione di D (De Wette)
Ma per Hupfeld come per tutti i suoi predecessori era il documento E1 (P) a contenere
l'essenziale della Legge, documento collocato alla base dell'edificio. Precisamente la messa in
questione di questo ultimo elemento costituir il punto di partenza per la "rivoluzione
wellhausiana".
Fu Eduard Reuss (1804-1891 ad avere l'intuizione che le leggi cultuali del Pentateuco
appartenevano ad una fase pi tardiva della storia di Israele. Il suo allievo Karl Heinrich Graf
(1815-1869) fornir la prova di questa intuizione: n il Deuteronomio, n i profeti n i libri

14
storici (da Giosu a 2Re), conoscevano le leggi sacerdotali (GRAF, Die geschichtlichen
Bcher des Alten Testament, 1866). Per il quadro narrativo in cui erano inserite bisognava
senz'altro spostarne la datazione al periodo dell'esilio babilonese. A.KUENEN, (in La religione
di Israele, testo olandese del 1869-70), il primo che introdusse la sigla P per l'autore
sacerdotale, defin i caratteri di questa fonte: continua, composta in Babilonia durante l'esilio.
Graf fece sue queste conclusioni. Cos la cronologia delle fonti veniva completamente
rovesciata.
Ad operare una sintesi di quanto fino a quel punto osservato dai diversi studiosi, fu
Julius Wellhausen (1844-1918) nella sua opera Die Composition des Hexateuchs und der
historischen Bcher des Alten Testament apparso gi in quattro articoli dal 1876 al 1878 e poi
in un unico volume .
Divide innanzitutto in tre le fonti del Pentateuco: Jehovista (J/E), Deuteronomista (D) e
Sacerdotale (P che egli indicher con Q). Wellhause diceva gi, come poi sar confermato da
tanti studiosi, che difficile distinguere tra le due fonti J ed E, ciascuna delle quali avevano
subito almento una triplice edizione successiva. La fonte J/E viene datata all'VIII sec. ed
difficle risalire oltre. D dell'epoca di Giosia (VII sec.) e P appartiene all'epoca post-esilica.

15

Schema della teoria di Wellhausen:


J1
J2
J3
VIII sec.
fine VII sec.
VI sec.

E1
E2
E3
J+E
D
JED

fine VI-V sec.


composizione di
Pg (materiale storico)
+Ps (materiale legislativo
=P
V secolo

JED+P
Redazione definitiva del Pentateuco, in
relazione alla riforma di Esdra

Il racconto delle fonti JE e P si estende, per il Wellhausen, fino alla storia della
conquista. Per questo lo studioso parla non di Pentateuco ma di Esateuco.
Naturalmente queste conclusioni sono strettamente connesse alla visione della Storia di
Israele. Individua i tre periodi maggiori che fanno da sfondo alla composizione delle fonti del
Pentateuco: l'epoca monarchica (JE), la riforma di Giosia (D) e il periodo post-esilico, quello
della ricostruzione di Israele (P). Queste tre tappe fondamentali possono essere verificate
facendo attenzione all'evoluzione di alcune istituzioni visualizzate nella seguiente griglia:

16

SANTUARIO

SACRIFICIO

FESTE

JE

Molteplicit di
altari e santuari

Assunto ma
spontaneo e di
tipo naturale

Feste di tipo
agricolo;
celebrazioni
gioiose

Nessuna
distinzione tra
clero e laici

Quote per le
offerte non
stabilite

E' comandato un
unico luogo di

Generalmente
come JE.:

Generalmente
come JE

Tutti i Leviti
sono ministri

Qualche regola
sulle tariffe da

culto

Ezechiele
mostra qualche
tentativo di
regolamentazione

(Pasqua ed
Azzimi sono
combinate)

dell'altare

parte del
popolo

Centralizzazione
E' presupposto un
unico luogo di
culto

Regolati;
sottolineata la
propiziazione;
ci si occupa del
come, quando e

Regolate dal
calendario; non
pi festa del
raccolto; viene
aggiunto il

I Leviti sono un
ordine
inferiore. solo
gli Aronniti
sono sacerdoti

Regolazione
estrema dei
sacrifici,
decime e altre
imposte

per chi

Giorno
dell'Espiazione

CLERO

TASSE

sacerdotali.

La legge perci non alla base dell'Israele antico, ma alla base del giudaismo, dall'epoca
post-esilica. L'epoca dell'autore Sacerdotale caratterizza l'inizio del giudaismo.
La storia di Israle descitta dal Wellhausen risente dell'influsso hegeliano:
1. Epoca monarchica (JE), religione naturale
Tesi
2. Prima dell'esilio (D) emergenza del particolare
Antitesi
3. epoca post-esilica (P) culminazione dell'idea specifica
Sintesi.
Si nota, rispetto all'evoluzione Hegeliana verso lo spirito assoluto, una sorta di
involuzione finale, verso la sclerotizzazione e la decadenza. Si nota altres una predilezione
del periodo antico rispetto a quello pi recente, in linea con il romanticismo tedesco ereditato,
in questo, anche da autori come Alt, Noth, von Rad.
Sviluppi della teoria di Graf-Wellhausen

17

Un primo problema tra gli studiosi che accolgono la teoria, quello della datazione
delle fonti. Per J le datazioni oscillano tra il X e il VII sec.; per E tra il 900 e il 700; per P
durante o dopo l'esilio.
Un secondo problema riguardava l'individuazione e quindi l'estensione delle fonti.
Un terzo problema, pi ampio, fu relativo all'origine e alle caratteristiche delle fonti.
Inizia un processo di distinzione all'interno stesso dei documenti per individuare le fonti
originarie, gli sviluppi successivi e le redazioni finali.
I tentativi di riconoscere all'interno della stessa fonte gli strati pi antichi, le successive
redazioni... (cosa che gi Wellhausen aveva introdotto con il suo J1,J2, J3 ecc.) costituiranno
l'occupazione di tutti quei critici, la maggioranza, che riterranno sostanzialmente valida la
sistemazione wellhausiana come punto di partenza per successive limature della teoria
documentaria. Di fatto, questo tipo di ricerca porter ad una sorta di dissezione dei testi con
un numero non precisabile di proposte alternative. Si entra in un impasse che mostra il limite
vero della cosiddetta teoria wellhausiana: non possibile risolvere definitivamente quei
tentativi di classificazione sulla sola teoria letteraria delle fonti. Per quanto riguarda il
problema dell'estensione (soprattutto di JE e di P), sempre pi diffusa fu l'opinione che tale
lavoro comprendesse anche la storia della conquista, una conclusione peraltro logica alla
lunga storia esodica del Pentateuco. Si parler cos di Esateuco. Ma anche qui i pareri non
furono unanimi: vi fu chi intravide le due fonti anche in Giudici (dunque: Eptateuco), o fino a
Samuele (Ottateuco) o al libro dei Re (Enneateuco, per es. Hlsher, nel 1952).
Gunkel e la "Formgeschichte"
L'aiuto ad uscire dall'impasse, come si diceva, doveva giungere dall'esterno.
Gi contemporaneamente al lavoro di Wellhausen, altri studiosi studiavano per altri
versi, l'origine della Bibbia. In particolare quegli autori che formarono la cosiddetta scuola
della "Religionsgeschichte" (Wolf Graf Baudissin /1874-1927/, Albert Eichhorn /1856-1926/,
Hermann Gunkel /1862-1932/ e Hugo Gressmann /1877-1927/). Bisogna andare al di l della
determinazione delle fonti letterarie dei testi biblici, arrivare fino alle tradizioni, alle idee, alle
radici sociologiche religiose e culturali, lo studio del contesto. Contrariamente ai
"panbabilonisti" che nel confronto con il mondo del medioriente antico vedevano
nell'ebraismo un semplice sottoprodotto , di qualit inferiore, della civilt babilonese,, gli
sutori sopra citati intendevano retrocedere nella ricerca, dalle fonti letterarie al contesto
storico in cui si erano formate, fino ad individuarne i nuclei primitivi. Gunkel fu precisamente
colui che riusc a trasferire le idee della Religionsgeschichte agli studi di Antico Testamento.
Il processo all'indietro sostanzialmente possibile giacch le singole forme letterarie non sono
individuali, ma costituiscono forme tipiche. Definendo bene le diverse forme letterarie

18
attraverso elementi linguistici, di contenuto ecc. possibile individuare un determinato
genere, una forma tipica. Applicando le sue intuizioni alla Genesi e ai Salmi, Gunkel fonda la
scuola della "storia delle forme". Proprio nell'introduzione alla Genesi, il grande studioso
espone il suo programma: La Genesi una raccolta di leggende indicando, con queste
parole certo forti (III ed. di Genesi, nel 1910) che gli Autori delle fonti del Pentateuco sono in
realt raccoglitori di racconti che provengono da cicli di leggende e di tradizioni orali.
Con il suo approccio nuovo Gunkel pone due questioni nuove rispetto a Wellhausen:
1. La questione della storia preletteraria del Pentateuco e del ruolo della tradizione orale;
2. La questione del radicamento delle tradizioni, il cosiddetto Sitz im Leben, con
l'individuazione dei diversi contesti sociali e storici. Per la maggior parte delle leggende della
Genesi, bisogna pensare alle riunioni serali delle famiglie antiche intorno al fuoco. Adulti, e
soprattutto bambini, ascoltavano intensamente gli anziani che raccontavano storie sull'alba del
mondo. Il lettore odierno si unisce a quel gruppo di ascoltatori, tendendo con essi l'orecchio.
Cos le domande, nello studio dei testi, diventano: chi parla? A chi? In quali circostanze
storiche, politiche, sociali, religiose? Le stesse domande vanno poste non solo alle fonti, ma
ad ogni stadio di raccolta successiva e rielaborazione di quelle fonti in redazioni successive.
Cos, per quanto riguarda le Genesi, Gunkel ritiene che punto di partenza furono racconti
isolati, leggende che circolavano in diversi contesti familiari. Raccolte e narrate da narratori di
tipo pi "professionale", cominciarono a formare delle unit maggiori, cicli di leggende che
poi saranno collegate tra loro. L'incoerenza, le ripetizioni ecc. che spinsero a formulare le
ipotesi di elaborazioni di documenti, si giustificano, ancor pi semplicemente in questa
variet di provenienza delle singole "leggende". Se Gunkel non contesta la teoria
Wellhausiana, non sembra nemmeno che essa abbia un ruolo necessario di supporto alle sue
tesi. Infatti J, E, P, per Gunkel non sono personalit individuali, ma piuttosto "scuole di
narratori". Per il libro dell'Esodo il lavoro di Gunkel sar continuato da Gressmann, Moses
und seine Zeit, Gttingen 1913.
Anche se non fu considerata particolarmente, in questi studi, il problema della storia di
Israele (interessavano pi le situazioni tipiche che quelle specifiche, queste teorie ebbero
riflessia anche sugli studi storici. L'interesse alle epoche pi antiche, pre-monarchiche,
coinvolse gli studiosi di storia. Cos, verso gli anni 30, Albrecht Alt (1883-1956) e Martin
Noth (1902-1968) si occuparono particolarmente dell'epoca pre-monarchica.
Alt identifica il dio di cui parlano i patriarchi, con quelle divinit venerate
particolarmente nei clan nomadici. Un dio che non ha nome proprio, ma designato come il
dio di... e il nome dell'avo a cui si rivel per primo. La Genesi porta dunque le tracce di una
religiosit pre-israelitica. I patriarchi, eroi folcloristici del passato, diventano i fondatori del
culto e per conseguenza personaggi storici della preistoria d'Israele. Cos gli avvenimenti

19
esodici e l'installazione in Canaan si iscrivono come processo di sedentarizzazione, in un
contesto "storico".
M.Noth, pi reticente rispetto all'Esodo e a Mos, ricostruisce il "sistema delle dodici
trib di Israele" e l'ufficio dei "giudici", le istituzioni premonarchiche. La lega sacra delle
trib, sul modello delle anfizionie greche, fornisce il quadro storico in cui rintracciare l'origine
di Israele.
W.F.Albright e i suoi allievi, contribuirono non poco, con le loro ricerche archeologiche,
a consolidare il clima di fiducia nel rintracciare le origini pi lontane di Israele.
Avvenne un ri-orientamento degli studi sull'Israele antico che conferiva interesse nuovo
alla storia pre-monarchica di Israele.
Studi relativi al materiale legislativo avevano condotto a collocare in epoca preesilica
molto del materiale legislativo. Per il decalogo, o per un decalogo primitivo, si intravedeva la
effettiva possibilit di un collegamento a Mos. Insomma la legge diventa, dopo tutti questi
studi, una componente riconosciuta come antica, nel materiale del Pentateuco, all'opposto
della proposta wellhausiana.
A parte la questione storica, le posizioni degli autori sopra indicati, portarono alla
formulazione di nuovi contributi sullo studio del Pentateuco.
I contributi maggiori di M.Noth, possono essere riassunti in tre punti principali:
a. Nel suo libro su Giosu lo studioso non riscontra l'esistenza delle fonti JEP. D'altra
parte l'impostazione stessa di quelle fonti, lascia supporre che si concludessero con la storia
dell'ingresso in Canaan. Dunque quella parte dovette essere soppressa per far spazio all'attuale
storia della conquista. L'esateuco, di cui parlava Wellhausen, ridiventa Pentateuco, anzi,
Tetrateuco. Il Deuteronomio infatti, ad eccezione del cap. 34, fu attaccato alla storia
precedente, solo da quando l'opera storiografica deuteronomista (DtrG, da Dt a 2Re), scoperta
da lui stesso, stata attaccata al Pentateuco.
b. P, al contrario di quanto detto sino ad allora, per Noth una fonte piuttosto narrativa
che legislativa.
c. Come Gunkel, Noth (berlieferunsgeschichte des Pentateuch, 1948) punta la sua
attenzione sugli stadi preletterari delle tradizioni del Pentateuco, ma diversamente da quegli,
che si occup delle piccole unit alla base delle tradizioni, Noth intese studiarne il divenire
fino alla forma letteraria. Tutte le tradizioni del Pentateuco, secondo Noth, s'iscrivono in una
prospettiva decisamente pan-israelitica, il che significa che queste tradizioni, nella forma in
cui ci sono accessibili, presuppongono l'esistenza dell'entit storica di Israele, ovvero la
federazione delle dodici trib. Si tratta dunque del periodo che va dai "giudici" all'epoca
monarchica, coesistendo sia la tendenza pan-israelitica, che l'autonomia e le istituzioni
confederali tribali. in quel periodo che si formano le tradizioni, mentre gli autori del
Pentateuco (J, E, P) operano soprattutto una rilettura delle tradizioni gi formatesi

20
precedentemente. Cosa ha potuto condurre, dallo stadio di tradizioni eterogenee, alla
formazione di tradizioni pan-israelitiche? Rifacendosi a von Rad, Noth individua la prima
concezione di una tradizione pan-israelitica nelle celebrazioni cultuali della lega sacrale
dell'Israele premonarchico. A fare da catalizzatori, alcuni grandi temi, forse contributi di
differenti gruppi. I temi pi antichi, intorno ai quali il materiale si va a strutturare, sono la
storia dell'uscito dall'Egitto, e l'ingresso in Canaan. Lateralmente a questi due temi principali,
Noth indica il tema della promessa fatta ai partriarchi, la condotta nel viaggio nel deserto
e la rivelazione al Sinai. Questi temi, originariamente indipendenti, sono stati collegati tra
loro attraverso itinerari, genealogie e transfert di eroi, in maniera da formare una trama
narrativa continua. Tutto ci gi prima della messa per iscritto.
La sintesi di Noth, insieme ai contributi di Von Rad, si imporr alla maggioranza degli
studiosi almeno fino agli anni 70 e ne sono un riflesso i commenti, le storie, i testi
comunemente utilizzati nei nostri studi sul Pentateuco. Oggi proprio questa visione di una
tradizione israelita gi costituita in tutti i suoi elementi normativi prima dell'avvento della
monarchia, che viene messa ampiamente in questione.
Gerard von Rad (1901-1971) e M. Noth si sono influenzati reciprocamente.
In Das formgeschichtliche Problem des Hexateuch, 1938, von Rad parte dall'Esateuco
nella sua forma finale per ritrovare la sua origine e le sue caratteristiche originarie. Il nucleo
dell'Esateuco preservato nei "credo storici" di Dt 26,5b-9; Dt 6,20-24; Gs 24,2b-13. Il primo
di questi, il pi antico il piccolo credo storico. Al centro di questo l'esodo e il dono del
paese. La storia patriarcale non appare che nel brevissimo ricordo del padre arameo
(probabilmente Giacobbe-Israele). Storia delle origini e dono della Legge al Sinai, sono
completamente assenti. Questi credo si svilupparono nel contesto del culto, la festa delle
Settimane e, all'epoca premonarchica, la "festa dell'alleanza di Sichem", che von Rad ritiene
essere la celebrazione annuale dell'anfizionia israelitica. A partire da questi credo e
aggiungendo la tradizione del Sinai, radicata nella festa delle Tende, lo J ha costruito la trama
fondamentale dell'Esateuco. Cos, diversamente da Noth, il ruolo delle fonti e particolarmente
di J, torna ad essere fondamentale.
J pi un autore, dunque, che un redattore, come invece per Gunkel. il primo a dare
alle antiche tradizioni una forma letteraria, aggiungendo del suo. Aggiunge un prologo
(patriarchi) e un prologo al prologo (origini Gn 2-11). Il suo scopo soprattutto teologico: la
monarchia davidica costituisce il compimento di una volont divina. il Krygma dello
Yahvista ben rappresentato nella promessa di Gn 12,1-3. J rappresenta quell'epoca
illuminata che fu l'epoca salomonica salomonische Aufklrung. E e P fanno la figura dei
parenti poveri di J, rappresentano tendenze retrograde. Studiosi successivi tenteranno di
individuare il krygma proprio all'elohista (H.W.Wolff) e al sacerdotale (W.Zimmerli).

21

Le introduzioni della fine anni 60 e anni 70 davano l'impressione di un consenso


fondamentale alle principali questioni sulla formazione del Pentateuco (cos G.Fohrer,
O.Kaiser, H.Cazelles). In particolare J datata X-IX sec., E fine dell'VIII, D tra la fine dell'VIII
e l'inizio del VI, P tra il VI. e il V. Sulla formazione delle tradizioni si erano imposte le idee di
Noth e di von Rad. Eppure osservando da vicino i lavori esegetici della stessa epoca, si nota
una certa variet di opinioni circa l'estensione, l'origine, l'intenzione, la datazione e l'ordine
cronologico delle fonti, segno che ad una concordanza di superficie, tra gli studiosi, non
corrispondeva una vera unanimit di sostanza.
I segni di un disaccordo possiamo rintracciarli gi a partire dall'epoca di Wellhausen:
J.W.Colenso, per es. insisteva gi nel 1865 su una edizione deuteronomista dell'Esateuco, una
posizione che oggi riscuote vivo interesse. Colenso si avvalse di criteri stilistici per mostrare
la presenza della mano deuteronomista in testi tradizionalmente attribuiti a J ed E, come per
es. Gen 15 e 22. Vernes, gi nel 1891 considerava il Pentateuco come un prodotto dell'et
postesilica, un programma di restaurazione della comunit giudaica tra il V e il III sec. Altri
contestarono, ben presto, il criterio dei nomi divini come guida per la distinzione delle fonti
(1903 Dahse). A.Klostermann, nel 1893, insisteva che punto di partenza per l'analisi del
Pentateuco doveva essere il Deuteronomio, e non l'opera Jehowista: il Pentateuco
cristallizzazione di racconti intorno alla legge.
Un problema particolarmente discusso, sin dal principio, stato quello della fonte
Elhoista. Per questo lo stesso Wellhausen aveva preferito parlare della fonte Jehowista. Dalla
constatazione della difficolt a rintracciare i frammenti di questa fonte (O.Procksch), alla
conclusione che in realt non era mai esistita (P.Volz e W.Rudolph). Lo stesso S.Mowinckel,
nel 1964, sosterr che in effetti E solo un Jahvista variata.
La scuola scandinava
Un'attenzione particolare va riservata a studiosi non-tedeschi (come la maggioranza di
quelli sin qui richiamati), che svilupparono la ricerca in altre direzioni. Gli esponenti di questa
scuola si ritrovarono su tre principi maggiori:
1. Le tradizioni veterotestamentarie hanno un'origine cultuale;
2. Prima dell'esilio la scrittura non giocava alcun ruolo nella trasmissione delle
tradizioni, tutte trasmesse per via orale;
3. La critica letteraria tradizionale sbaglia nell'occuparsi di tradizioni e redazioni
preesiliche scritte.
La teoria tradizionale dei documenti non pu spiegare veramente le incongruenze e le
contraddizioni dei testi con la teoria delle fonti. Essi invece si spiegano a partire dalla
considerazione che differenti tradizioni orali erano state fedelmente conservate fino alla loro

22
messa per iscritto (I. Engnell 1945). Lo stesso S.Mowinckel esponente della scuola
scandinava, bench su posizioni morbide rispetto alla teoria wellhausiana. Dai tedeschi queste
critiche furono pressoch ignorate, oggi vengono recuperate alcune riflessioni avvenute in
quel contesto.
Crisi della teoria wellhausiana e Nuova critica
Ragioni ed effetti delle critiche alla teoria wellhausiana
Riscoperta dell'importanza del fenomeno deuteronomio-deuteronomista (dt-dtr) nel
Pentateuco.
Gi Noth a proposito dell'esateuco, segnatamente nei commenti a Esodo e Numeri, aveva
segnalato le caratteristiche dtr del tetrateuco. Ma soprattutto Lothar Perlitt, in La teologia
dell'Alleanza, cerc di dimostrare come i testi dell'AT che parlavano della berit non potevano
essere anteriori al movimento deuteronomico. Molti testi attribuiti a J o ad E venivano cos
attribuiti a dtr, con una prospettiva storica del tutto diversa. Molti furono gli interventi di
specialisti in questo senso, fino a L.Rost, W.Richter, e J.Ph.Hyatt, (pubblicazioni negli anni
60) che sostennero che il cosiddetto credo storico di Dt 6; 26; Gs 24, considerato da von Rad
il nucleo del Pentateuco, furono frutto della teologia deuteronomista. Come si vede teologia di
von Rad e teoria wellhausiana furono messe profondamente in crisi gi in questi studi.
Messa in questione della ricostruzione della storia premonarchica di Israele.
La ricostruzione dell'Israele premonarchico venne fondata dagli studiosi che accolsero
sostanzialmente la teoria wellhausiana, sull'antichit della fonte J. Mettendo in questione lo
schema, anche la ricostruzione storica viene messa in questione.
a. Il Dio dei padri, di cui aveva parlato Alt, solo un modo per collegare tra loro i
racconti patriarcali. Riflettono una religiosit postesilica.
b. Le promesse ai patriarchi: reinterpretazione esilica della tradizione patriarcale.
c. L'epoca patriarcale non pu essere ricostruita sulla base di racconti che riflettono
piuttosto la situazione della monarchia, qualcuno (Van Seters), ritiene addirittura che
riflettano l'epoca esilica.
d. Installazione a Canaan. Gottwald (The Tribes of Yahweh. A Sociology of Liberated
Israel. 1250-1050 B.C.E., 1979), in particolare, mostrer come l'allevamento di piccolo
bestiame non indica un tipo di vita nomade, rappresenta piuttosto una attivit specializzata
propria ad una popolazione sedentarizzata. Sviluppa cos un nuovo modello per spiegare la
formazione, su suolo israelita, di una confederazione di trib. Si trattato di un processo
rivoluzionario interno alle trib cananee: gli abitanti delle regioni montagnose sarebbero
insorti contro le citt della pianura detentrici di un potere feudale.

23
e. L'anfizionia delle dodici trib, la nota tesi di M.Noth, fu attaccata su tutti i fronti. In
particolare Hermann, G.Fohrer, R.de Vaux e altri, hanno messo in dubbio la stessa esistenza
di una lega costruita secondo il principio dell'anfizionia.
Dell'Israele premonarchico di cui avevano parlato Alt, Noth, von Rad, rimase ben poco.
Il problema, come si visto, strettamente legato a quello delle fonti: con la messa in
questione dell'antichit e della consistenza della fonte J, ogni tentativo di giungere allo sfondo
storico premonarchico, rimane illusorio.

Lo studio sincronico della Bibbia.


Soprattutto con l'esegesi francofona, poi americana, le ricerche strutturaliste (soprattutto
Greimas) influenzeranno gli studi biblici a partire dalla fine degli anni 60. Ricordiamo in
particolare due riviste: Semeia e Semiotique et Bible (C.A.D.I.R., Lyon). Oggetto dello studio
il testo nella sua forma finale, al termine di una evoluzione testuale che non entra in oggetto.
Naturalmente, al di l delle metodologie di tipo sincronico che si apriranno a partire da questi
stimoli, ne trover beneficio la stessa critica storico-letteraria, utilizzando le osservazioni di
struttura testuale per approfondire la determinazione delle unit testuali (per es N.Lohfink sul
Deuteronomio e J.L.Ska sull'Esodo). Utile la lettura di un classico dello studio narrativo: ALTER R., L'arte della narrativa biblica, Queriniana, Brescia 1990. Accanto a questi stimoli
nuovi, vi quello di B.S.Childs con la nuova tendenza del "canonical criticism" (Introduction
to the Old Testament as Scripture, Philadelphia 1979): il Pentateuco non pu essere compreso
se non a partire dai cinque libri di Mos nella loro forma canonica.

Sulla formazione del Pentateuco, la prima met degli anni 70 caratterizzata da una gran
quantit di posizioni e messe in questione. La teoria wellhausiana messa fortemente in crisi,
ma senza lalternativa di una teoria altrettanto generale.
Nuovi approcci della critica letteraria
Si tratta di proposte varie, sostenute da differenti studiosi. Sarebbe lungo entrare nei
dettagli. Basti ricordare alcune principali proposte:
- ridimensionamento della fonte Jahvista (Weimar, Zenger, Vermeylen);
-nuova teoria dei complementi con datazioni tardive (Van Seters, Schmitt):
reinterpretazioni successive.
A porre in questione l'insieme della teoria letteraria ricevuta, sar H.H.Schmid, nel 1976
con la sua opera Der sogennante Jahwist. Lo studioso non propone un sistema alternativo, ma
mette in luce i punti deboli del precedente. Analizzando lo stile, il genere letterario e la
tematica di brani attribuiti normalmente allo J (prende a spunto M.Noth), dimostra che tale
attribuzione risulta impossibile. I testi pi importanti attribuiti allo J presuppongono infatti,

24
nell'analisi di Schmid, il profetismo dei sec. VIII e VII e si avvicinano alla teologia dtr. Queste
tradizioni attribuite allo J, inoltre, non sono mai presupposti nei testi di provenienza
preesilica, prova eloquente ne il silenzio dei profeti dell'VIII e del VII secolo. Lo J da
collocare all'epoca esilica. Ne risulta un rovesciamento della Geistesgeschichte israelita. In
tale concezione i profeti non hanno rivendicato un ritorno al periodo premonarchico (von
Rad), ma hanno messo in questione la religione nazionale e reale nel nome di una concezione
nuova tra Dio e Israele. Solo dopo questa messa in questione profetica della situazione di
Israele, si formano quei racconti sulla creazione, i patriarchi, l'Esodo. J, per Schmid,
contrariamente a von Rad, non un teologo ben profilato, ma una sigla che indica un processo
redazionale e interpretativo (si avvicina, sotto questo profilo, a Gunkel).
Come si vede, si afferma sempre pi l'importanza del dt/dtr. Un allievo di Schmid,
Martin Rose, ha prolungato le osservazioni del maestro, mostrando che i testi cosiddetti
Jahvisti, presuppongono la storia deuteronomista Dtr/G. L'intera narrazione J sarebbe stata
concepita in funzione della storiografia Deuteronomista, ne sarebbe stato il preludio. I
cosiddetti credo storici, del von Rad, sarebbero stati dtr, serviti allo J come modelli per la
composizione del tetrateuco. Si risponde insomma a quel problema sollevato dal M.Noth:
dove erano finiti i racconti della conquista di Canaan scritti dallo J, dal momento che quelli
attuali sono dtr? Rose risponde che in realt bisogna rovesciare la prospettiva: il Tetrateuco
stato composto cos come , e non ha mai previsto dei racconti della conquista, poich
esattamente per la storia della conquista di Canaan, quindi come preludio a dtr, che quei
racconti sono stati concepiti. La stessa opera di introduzione a Dtr/G sarebbe stata composta
da autori sacerdotali P. In secondo momento le due introduzioni a Dtr/G sarebbero state fuse.
Rolf Rendtorff (Das berlieferungsgeschichtliche Problem des Pentateuh, BZAW 147,
Berlin/New York, 1976) propone, in maniera pi radicale, un superamento puro e semplice
della cosiddetta teoria documentaria, ricorrendo piuttosto al recupero di "temi" del
Pentateuco. Le grandi unit che formano il Pentateuco, per es. Gn 1-11; Gn 12-50... vissero
indipendentemente dall'insieme del Pentateuco e conobbero diversi processi redazionali. In
ciascuno di questi complessi, si riconoscono unit pi antiche e unit aggiunte, tanto da
allargare le unit, per es. il ciclo di Abramo.

Il modello di BLUM
Discepolo di Rolf Rendtorff ne ha ripreso lidea fondamentale1 circa un superamento
alquanto radicale della teoria documentaria, ricorrendo piuttosto che alle antiche elaborazioni
teologiche che quella teoria proponeva, al recupero di "temi" del Pentateuco. Le grandi unit
1

Cf. R. RENDTORFF, Das berlieferungsgeschichtliche Problem des Pentateuh, BZAW 147, Berlin/New York
1976.

25
che formano il Pentateuco, storia delle origini, storia patriarcale, storia dellesodo, vissero
indipendentemente e conobbero diversi processi redazionali. In ciascuno di questi complessi,
si riconoscono unit pi antiche e unit aggiunte, che nel tempo estesero quelle unit
originarie, come ben visibile per il ciclo di Abramo. per solo nell'epoca postesilica, come
mostra il suo discepolo, E. Blum, che le diverse unit, verranno collegate nell'insieme che poi
costituir il Pentateuco. In particolare Blum sostiene che la formazione del Pentateuco
dipende da due composizioni redazionali di epoca post-esilica: la composizione KD
(composizione Deuteronomistica) e la composizione sacedotale KP (priesterliche
Komposition), osservando peraltro che proprio tra la tradizione patriarcale e quella di EsodoNumeri si pu constatare una cesura evidente, a conferma delle tesi di Rendtorff, tra la
tradizione patriarcale e quella esodica.2 Lidea di una tradizione indipendente del racconto
delluscita dallEgitto (Es 1-15), alla base delle composizioni redazionali di epoca esilica o
post-esilica, viene comunque sostenuta da diversi studiosi, e con differenze specifiche
(P.Weimar, E.Zenger, E.A.Knauf, R.Albertz; W.Osvald). Su questa ipotesi, che suppone
dunque una fase tradizionale precedente al lavoro redazionale di epoca esilica o post-esilica
lavorano, con posizioni differenziate, diversi studiosi. In particolare E.Blum e E.Otto
sostengono lesistenza di una Vita di Mos di epoca Neoassira, concentrando lattenzione
sul VII sec. a.C., un periodo sempre pi indicato dagli studiosi come fondamentale per
comprendere la formazione delle tradizioni o se si vuole il contesto in cui si produce un
racconto mitico sulle origini di Israele a partire da antiche storie di fuoriusciti dallEgitto.3 In
questo caso Mos avrebbe in realt costituito lantitipo del feudatario neoassiro, cosa che
sembrerebbe confermata in particolare dal racconto della sua nascita (Es 2) per molti aspetti
confrontabile con la leggenda della nascita del re Sargon di Akkad risalente allVIII sec. a.C.
Dunque nella ricostruzione letteraria di Blum le tradizioni su Esodo-Mos potrebbero risalire
a prima della caduta del regno del nord (722 a.C.) ma solo dopo questa data entreranno a far
parte di un insieme narrativo pi ampio che comprende, insieme al racconto delluscita, e a
quello della permanenza in Egitto, anche il viaggio nel deserto e il soggiorno al monte di
Dio.4 Sar poi con il lavoro di KD presacerdotale che il racconto di Mos-Esodo verranno
elaborati in maniera decisiva estendendosi da Es 1 a Dt 34. Per lunione con la storia dei
patriarchi egli indica invece la fonte KP, posteriore, ma di non molto, alla redazione KD, il
cui piano ormai si estende dalla creazione di Gn 1 alla morte di Mos Dt 34. In tale quadro il
2

Cf in particolare E. BLUM, Studien zur Komposition des Pentateuch, BZAW 189, Berlin/New York 1990.
Gi nell'antichit numerosi autorevoli esegeti e teologi giudei e cristiani, hanno scelto di leggere il testo come
Vita di Mos: cfr Giuseppe FLAVIO, Ant. 2,201 - 4,321; Filone; GREGORIO DI NISSA, La vita di Mos; ma
anche, per es. M.BUBER, Mos. La rivelazione e l'alleanza (1946); SEGRE, Mos (1975)... Si ricordi anche
lultima tormentata opera di S. Freud, Mos e la religione monoteistica, 1930. Particolare, per linterpretazione
che si d alla vicenda, spesso segnalata dai contemporanei mass-media, la proposta di rilettura dellegittologo
Jan Assmann, professore di Egittologia alluniversit di Heidelberg che con il suo Moses the Egyptian. The
Memory of Egypt in Western Monotheism, apparso per la prima volta in inglese nel 1997 (trad. It. dal tedesco:
Mos legizio, Adelphi, 2000): Il collegamento di Mos con lEgitto ben pi profondo di quanto la stessa
Bibbia lasci immaginare. In realt il vero padre del monoteismo fu il faraone Ekhnaton la cui memoria fu
condannata dai suoi successori e oppositori alloblio. Cos che mentre Mos una figura della memoria ma non
della storia, Ekhenaton sarebbe una figura della storia ma non della memoria
4 E. BLUM, Studien, 216.
3

26
rapporto di Dio con Israele viene collocato nel contesto ben pi ampio della storia di Dio con
il creato, il che getta nuova luce, sotto il profilo teologico, sugli stessi avvenimenti della storia
di Israele.5 Lopposizione al faraone opposizione al caos; la comunione con Israele, suo
popolo, la comunione che Dio volle sin dalla creazione di Adam. Nello stesso tempo la
comunione di Yhwh con Israele prolungamento e anzi realizzazione di quanto voluto sin dal
principio con la creazione del mondo e delluomo.6
Termine di questo processo compositivo, secondo Blum, la redazione del Pentateuco
Sacerdotale, nella sua forma definitiva, quella che noi conosciamo, dove testi sacerdotali sono
uniti a testi non-sacerdotali in un processo compositivo che non ricerca larmonizzazione dei
testi precedenti, ma che ne accetta anche le discontinuit in un complesso sostanzialmente
ibrido. Proprio questa caratteristica porta a ipotizzare un motivo storico contingente per la
composizione del Pentateuco proveniente dallesterno piuttosto che dallinterno dello stesso
Israele. La spinta decisiva sarebbe cio giunta dalla prassi imperiale persiana di riconoscere
leggi e regole cultuali locali ai paesi o alle etnie sottomesse. Si tratta della cosiddetta
autorizzazione imperiale, una autorizzazione cio concessa sulla base di una proposta da parte
giudaica che avrebbe dovuto presentare le caratteristiche di un unico documento riconosciuto
da parte di tutte le componenti (o almeno delle principali) interne al giudaismo. ci che
spiegherebbe, stando allipotesi di Blum, la composizione ibrida del Pentateuco.
Un altro allievo di Rendtorff, Frank Crsemann (siamo ormai negli anni 80), applicher
le stesse considerazioni a Gen 2-12. Si tratta di una sorta di nuova ipotesi dei frammenti,
riveduta e corretta. Racconti antichi, talvolta anche molto antichi, uniti successivamente
insieme fino allo sforzo redazionale postesilico che condurr alla formazione del Pentateuco.
Il modello detto di Mnster (Zenger)
Nella proposta di Zenger (intr. AT 157), lambiente pi propizio in cui collocare la prima
redazione di una storia patriarcale (Gn 12-50) sarebbe quello di Giuda, allindomani del
disastro del 722 che vide la fine dello stato di Israele (del Nord) sotto i colpi dellAssiria. In
questo momento critico si spiega bene il filo del discorso storico individuabile nella storia
patriarcale e cio lunit ancestrale di Giuda e Israele, dovuta ai comuni progenitori.
Loriginaria, comune unit descritta attraverso le storie dei patriarchi fonda la coscienza di un
popolo unico in relazione ai popoli vicini e li distingue da essi.
Nella stessa epoca (VIII sec. a.C.) andrebbe collocata anche la formazione del racconto
dellesodo dallEgitto, altra maniera di spiegare loriginaria unit delle dodici trib di Israele
condotte dal Dio guerriero Jahwh al possesso della Terra.
Il momento della formazione di vere e proprie ricostruzioni della storia del passato di Israele,
va collocato un secolo pi tardi, in contrasto con la potenza Assira che domina non solo nel
Nord ma anche in Giuda, sottomessa, con leccezione di Gerusalemme. Si tratta dunque di
una letteratura di resistenza che oppone alla condizione attuale di prevalenza dellAssiria e
5
6

E. BLUM, Studien, 288.


E. BLUM, Studien, 332.

27
della sua fame conquistatrice, lidentit di un popolo (considerato nella sua totalit Nord e
Sud) e il suo legittimo diritto alla terra. Storia dei Patriarchi e storia dellEsodo vengono cos
unite a formare un unico ininterrotto racconto di origini funzionale alle pretese di identit
nazionale portate avanti da Giosia e dei suoi tentativi di estendere il regno includendo il
territorio del nord (in questo cf la ricostruzione storico archeologica di Finkelstein e Liverani,
pur con le loro differenze). Nasce cos, attraverso il processo redazionale che cuce insieme i
diversi cicli narrativi anche attraverso il ricorso alla composizione di testi ponte, il complesso
letterario che va da Gn2 a Gs 24, un esateuco che descrive la storia delle origini del popolo
di Israele fino alla conquista della Terra Promessa. Costituisce quella fonte, gi delineata da
Wellhausen, che si pu definire JE, cio il frutto della fusione delle tradizioni di Israele con
quelle di Giuda nello specifico contesto della resistenza antiassira, con la differenza che per
Wellhausen si trattava di fusione di fonti scritte, rispettivamente J ed E, e non solo di
tradizioni). Il mito di fondazione dellIsraele del Nord (lesodo dallEgitto) viene a formare
parte cos di ununica storia nazionale. Il centro teologico di questo progetto nella
fondamentale nozione di alleanza che lega Israele al suo Dio (monolatria) che fa da
contrasto alla nozione di alleanza che si ritrova nella cultura Assira dove il rapporto stabilito
tra il popolo (e i popoli vassalli) e il re. Nello stesso contesto della riforma di Giosia, con
origini ancora anteriori rintracciabili gi nel contesto del regno di Ezechia (quindi dallinizio
dellVIII sec.a.C.), Zenger e la scuola di Mnster collocano la composizione graduale del
Deuteronomio inserito definitivamente nel contesto del Pentateuco allepoca dellesilio
completando il grande quadro storico che va da Gn 2,4 a 2 Re 25 (Braulik G. ritiene invece
che linserimento sia avvenuto gi precedentemente, sotto Giosia formando il complesso
narrativo Dt-Gs 21). dunque nel tempo immediatamente successivo allesilio che nasce
lopera storica Deuteronomistica che ingloba la precedente opera JE nel quadro generale di
una descrizione della storia di Israele che va dalle origini (da Gn 2,4) alla caduta di
Gerusalemme (2Re 25) e che inquadra la situazione attuale e le storie precedenti, secondo lo
schema offerto dal centrale libro del Deuteronomio, nella dinamica fedelt/infedelt
allalleanza con Jhwh. Con lopera storica Deuteronomistica, sotto il profilo dunque della
composizione letteraria evidente che non si di fronte ad un Pentateuco, quanto piuttosto ad
un enneateuco, cio ad una ricostruzione storico teologica che parte dalle origini (Gn 2,4) per
terminare con la caduta di Gerusalemme (2Re 25) comprendente nove libri.
In modo indipendente dal lavoro deuteronomistico, nel periodo della ricostruzione del
Tempio (520-515) si venne formando la terza fonte del Pentateuco, la fonte P (da
Priesterschrift) e cio una descrizione della storia di Israele incentrata non sullidea teologica
dellAlleanza, quanto piuttosto sul culto di Jhwh e sulla centralit del tempio di
Gerusalemme. Anche qui si parla di un processo di formazione di cui si distinguono
sostanzialmente due fasi, la prima rispondente ad un abbozzo di storia sacerdotale (PG dove G
sta per Grundschrift, scritto di base) e lintegrazione progressiva con ampliamenti in relazione
al culto (PS dove S sta per Supplementum). Le due diverse opere si presentavano in origine
come concorrenti e alternative tra loro; a questa fase segu quella della fusione delle due opere
storiche (probabilmente dovuta a Neemia nel contesto della erezione di Giuda a provincia,
dopo il 450 a.C. cf Zenger, introduzione, 162).

28
solo verso il 400 a.C. che verr distinto, allinterno della grande opera storica che si
presentava come enneateuco (Gn, Es, Lv, Nm, Dt, Gs, Gdc, 1-2 Sam, 1-2Re) un Pentateuco,
come risulta dalla promulgazione fatta da Esdra dei cinque libri come Torah. Ci richieder
ancora (e fino allepoca dei Maccabei) dei ritocchi dovuti in particolare alla mancanza,
nellattuale struttura del Pentateuco, della conquista della Terra (cf per es. lintegrazione di
questo arrivo nella terra promessa con il trasferimento e seppellimento di Giacobbe
dallEgitto a Canaan).
Il modello sopra esposto, detto di Mnster (cf Zenger), riprende come si visto alcuni aspetti
tipici della teoria documentaria, pur presentando diverse differenze: per J ed E non si pu
parlare di documenti ma piuttosto di tradizioni riunite in un documento solo nellesateuco
dellepoca di Giosia. Del resto lidea sembra corrispondere pi fortemente proprio allipotesi
wellhausiana secondo cui si doveva parlare appunto di un documento JE. Nella teoria
documentaria sviluppata negli anni successivi a Wellhausen si attribu a J e ad E la
consistenza di veri e propri documenti che riflettevano nel loro diverso ambiente di nascita, le
idee teologiche e politiche nate in periodi antichi della storia dellIsraele antico. Qui invece si
pensa ad essi come composizioni relative a singoli cicli e non a disegni unitari relativi al
quadro della storia di Israele in quanto popolo unitario, scelto da Dio sin dalle origini. solo
allopera di D da una parte e di P dallaltra che si attribuisce la paternit di un lavoro letterario
unitario, ispirato realmente ad una concezione teologica centrale (Alleanza per luno e Culto
per laltra).
Per altre posizioni cf. Zenger.

Bilancio
Oggi difficile sostenere la teoria documentaria nella sua proposizione classica,
wellhausiana, cos come i suoi prolungamenti in Gunkel, Noth, von Rad. L'interesse si
concentra sempre pi sulla fase della redazione. L'attenzione si concentra soprattutto sul
periodo esilico e postesilico. Non per possibile riconoscere un consensus comune tra gli
studiosi contemporanei intorno alle questioni di fondo, se non su due punti:
1. La tradizione deuteronomista diventata il punto di riferimento principale per il
Pentateuco.
2. Vi convergenza nel riconoscere specificit ai testi detti "sacerdotali". Il disaccordo
rimane nel determinare se P un'opera letteraria autonoma o solo una fonte redazionale.
Le questioni principali nella ricerca attuale sul Pentateuco:
1. Il Pentateuco si compone di parti legislative e parti storiche. Non a caso
l'interpretazione ebraica e quella cristiana si sono differenziate proprio per l'accentuazione
data all'una o all'altra: per i giudei Torah, Legge, per i cristiani storia. Proprio su questa
dicotomia nel campo dell'interpretazione, c' forse qualcosa da approfondire anche in

29
relazione alla formazione del Pentateuco. Il Pentateuco nasce come insieme di leggi a cui dare
un quadro storico, o come insieme narrativo in cui furono inserite sezioni legislative? In
questo quadro si inserirebbero le risposte di coloro che ritengono tardiva l'origine dell'insieme
narrativo del Pentateuco. Alcuni studiosi pensano al processo compositivo della Torah in
linea con la tradizione giudaica successiva: le sue parti narrative sarebbero nate come
midrashim alle parti legislative antiche.
2. La redazione finale e P
Il problema della redazione finale: si tratta di P o di un redattore diverso? La redazione P
precedente o posteriore alla redazione dtr?
P un documento continuo o solamente una fonte redazionale? E se vera l'ultima
ipotesi, P intende scrivere una storia o introdurre la legge? Oggi molti autori pongono in
questione la datazione esilica, preferendone una postesilica.
3 La redazione finale e dtr
Testi dtr nel Pentateuco sono riconosciuti alquanto frequentemente. Che relazione con la
redazione dtr? Tale redazione precedente o posteriore alla redazione P?
Il problema dell'origine del Pentateuco.
a. all'origine del Pentateuco cos come ci stato consegnato, esiste un progetto letterario
d'insieme? Interessante, tra le altre, la posizione di Van Seters (The Yahvist as Historian,
conferenza tenuta a Friburgo il primo febbraio 1986): il concetto nasce nello spirito Yahvista
postesilico che, alla maniera dei primi storiografi greci (Hellanikos, Erodoto), visto come
uno "storiografo intellettuale". Come i suoi cugini greci lo Yahvista forgia una tradizione
nazionale facendo uso di miti e leggende locali, inserendole in un quadro cronologico
complesso che va da un tempo "mitico" ad un tempo "storico". Cos il concetto d'origine del
Pentateuco sarebbe, in definitiva, il frutto, secondo Rose, della teologia deuteronomica e,
secondo Van Seters, della riflessione individuale di uno storiografo. Tutto ci, sia se
concepito da una collettivit (Rose) che da un individuo (Van Seters), comunque da
collocare nel postesilio. Nasce spontanea l'obiezione posta da de Pury: possibile pensare che
nel Regno di Israele o in quello di Giuda non sia mai nato il bisogno di proporre in una forma
o in un altra il discorso della propria origine? Ci dovrebbe metterci in guardia dall'attribuire
la prima riflessione globale sulla storia di Israele a un gruppo esilico, e il primo tentativo di
dargli forma narrativa a un gruppo postesilico.
5. Unit maggiori dietro al Pentateuco?
Rendtorff ha tentato di dimostrare che il Pentateuco si componeva di unit maggiori
eterogenee, ciascuna proveniente da un contesto differente e dopo aver percorso ciascuna una
sua storia di trasmissione e redazione. Quali sarebbero queste unit maggiori? Se si percepisce

30
con evidenza una rottura tra patriarchi ed Esodo, pi difficile stabilire demarcazioni
all'interno dell'Esodo.
stato osservato come la maggior parte degli studi sulle fonti del Pentateuco abbiano
preso in considerazione il libro della Genesi. Rendtorff ha osservato, da parte sua, come il
carattere deuteronomico/deuteronomista si riveli pi nettamente nei testi da Es a Nm che nella
Genesi. Ci si pu domandare, a partire dalle osservazioni sin qui fatte, se Gn 12-35 e Es-Nm
non rappresentino due varianti concorrenti e indipendenti circa l'origine del popolo di Israele.
Os 12 sembra invitare i suoi uditori a scegliere tra le due storie di origine: quella di Giacobbe
(che presenta in maniera negativa) e quella dell'uscita dall'Egitto sotto Mos, grandemente
valorizzata. La storia patriarcale costituirebbe un primo tentativo di progetto globale
attraverso cui Israele avrebbe tentato di rendere conto della sua identit. Resterebbe da
determinare quando e dove sarebbe nato e si sarebbe sviluppato il progetto totale che ingloba
storia patriarcale e uscita dall'Egitto. In tal senso ha grande importanza il romanzo di
Giuseppe, l'elemento di unione tra le due storie. Alla storia di Giuseppe andata,
ultimamente, l'attenzione di molti studiosi (Whybray, Ruppert ecc.).
Resta il problema della storia delle unit maggiori. A partire da Gn 12-35, ma anche per
1-11 e per Es -Nm, sembra si affermi comunque l'idea classica della riunione di unit
precedentemente minori: storia di Abramo, storia di Giacobbe ecc.
6. Tradizioni del Pentateuco nelle altre parti dell'AT
un altro settore su cui va l'attenzione degli studiosi, in particolare verso i profeti.
Rendtorff parla della non trasmissione dei temi del Pentateuco. Molti personaggi e temi sono
assenti nella letteratura preesilica: Abramo, Isacco, Giuseppe, la tradizione del Sinai. Si tratta
per di argumenta e silentio che portano a poco.
7. La tradizione orale
Osea 12 mostra come le tradizioni di Giacobbe e dell'Esodo erano conosciute nell'VIII
sec. a.C.: gli basta farvi allusione. Tali tradizioni dovevano circolare, indipendentemente dallo
loro messa per iscritto.
Sul genere: "Storia di Israele"
Abbiamo visto come lo studio letterario del Pentateuco si evoluto negli ultimi due
secoli, passando attraverso la grande proposta wellhausiana che ancora oggi costituisce il
punto di partenza per teologie e divulgazioni, e superandola.
Abbiamo pure considerato, naturalmente, la messa in questione, in maniera sempre pi
radicale della "storicit" dei libri del Pentateuco, o, per esprimerci meglio, la rilevanza
scientifica delle testimonianze letterarie offerte dal Pentateuco.

31
Se questo problema profondamente connesso con le teorie letterarie, si pensi al Gunkel
e alle sue "leggende" sui patriarchi o alle tendenze pi recenti che vedono nell'opera
deuteronomistica la vera mano che sta dietro la composizione dell'intero Pentateuco o
Tetrateuco, vogliamo qui affrontare pi da vicino l'argomento specifico della disciplina che va
sotto il nome di "storia di Israele, e delle pubblicazioni di cui disponiamo.
L'argomento non di secondaria importanza dal momento che parliamo di Rivelazione
Storica, di storia di salvezza. La tradizione cristiana elenca i primi cinque libri della Bibbia,
ricordiamolo, tra i libri storici della Bibbia (cfr. Il Mess. della Salv. 2, pp.15-30).
Non si tratta perci solo di un interesse esterno, di recuperare un quadro di riferimento
verosimile, ma del riferimento ai fatti narrati e alla loro storicit.
Possiamo cos definire gli ambiti a cui facciamo normalmente riferimento e che talvolta
confondiamo: la storia che interessa la composizione dei libri biblici, l'ambientazione cio
della composizione dei libri (secondo la teoria documentaria dal X al V sec. a.C.) e la storia o
le storie raccontate in quei libri (dalla creazione del mondo al XIII sec. a.C.
Da oltre un secolo le conoscenze sul mondo del Vicino Oriente Antico, grazie alle
scoperte archeologiche, molto progredita. Si tratta del mondo in cui ebbe origine la civilt
occidentale.
URUK, antichissima citt dell'Iraq meridionale stato uno dei siti archeologici che ha
dato maggiori soddisfazioni agli studiosi, riportandoci a quell'ambiente antico (3.000 a.C.) in
cui la nostra civilt impar a scrivere, a edificare citt, ad organizzare uno stato. Pi di 5.000
anni fa!
Ma in generale su queste antiche civilt orientali restano molte lacune.
La "storia di Israele" si presenta come un genere letterario moderno, nato in Germania
nel secolo scorso dall'incontro dello storicismo con la teologia.
Ricordiamo in particolare la Geschichte des Volkes Israel di H.A.Ewald (1843-1868) e
l'opera del Kittel, con lo stesso titolo (1888). Le opere dedicate alla storia di Israele nascevano
con un'impronta fortemente teologica da cui cercarono di liberarsi autori come J.Wellhausen
(Geschichte Israels 1881) e B.Stade (Geschichte des Volkes Israel 1887-8).
UN autore che diede un impulso nuovo alla ricerca storica su Israle fu senza dubbio il
gi citato M. Noth con la sua Geschichte Israels del 1950 pubblicato in italiano dalla Paideia
nel 1975. SI ricorder la sua intuizione di fondo: la teoria dell'anfizionia e la nascita di Israele,
come popolo, all'indomani dello stanziamento in Canaan. Anche questa storia risente molto
della prospettiva teologica dello studio biblico.
Con un impianto di tipo classico, dai patriarchi ad Alessandro Magno, veniva pubblicata
pi tardi la Geschichte Israels in alttestamentlichen Zeit, 1973 (trad. it. Queriniana Brescia
1977).

32
Con una ampiezza ancora maggiore la storia di G.Fohrer, Geschichte Israels. Von den
Anfngen bis zu Gegenwart, 1977 (trad. Paideia, Brescia 1980): arriva fino alla visita di Sadat
a Gerusalemme nel 1977.
In tutti questi testi citati sopra il dato biblico, anche se riconosciuto frutto di elaborazioni
teologiche e letterarie viene considerato, in diversa misura, testimonianza che tutto sommato
riporta un contenuto storico da riconoscere di volta in volta alla luce del contesto del Vicino
Oriente e dei fenomeni che l si verificarono.
Giovanni Garbini, studioso italiano, ne fa una critica severissima nel suo Storia e
ideologia dell'Israele Antico, Paideia 1986 (cfr. pp.15ss.)
Intanto negli Stati Uniti si andato sviluppando un filone pi legato alle ricerche
archeologiche e meno a quelle letterarie. Di questo genere l'opera di J.Bright, The History of
Israel del 1958 in cui si manifesta un tono apologetico a base archeologica gi inaugurato da
W.F.Albright, e dal quale prenderanno spunto autori minori per pubblicazioni di volta in volta
tese a dimostrare come nuovi dati dell'archeologia diano ragione alla storicit dei racconti
biblici.
Nello stesso filone, in quello naturalmente pi serio, si colloca l'opera di De Vaux
Histoire ancienne d'Isral (1971-73) e quella in collaborazione di J.H.Hayes-J.M.Miller,
Israelite and Judean History del 1977.
Tali opere hanno ricevuto giudizi diversi non sempre molto positivi, anche se presentano
lati pregevoli.
interessante in tale contesto, dare uno sguardo alle pubblicazioni italiane che,
naturalmente, hanno risentito fortemente dei grandi filoni sopra descritti.
L'accettazione del testo biblico come fonte storica caratterizza opere antiche come quella
di Cesare Balbo "Meditazioni storiche" del 1842 e ancora pi l'opera del notissimo
G.Ricciotti, Storia di Israele Torino 1932. Proprio quest'ultimo autore, che conduce le sue
osservazioni contro le posizioni critiche per l'Antico come per il Nuovo Testamento,
relativizza la critica wellhausiana ma soprattutto il suo fondamento filosofico che portava ad
una messa in crisi della storicit della Bibbia. Accetta di discutere criticamente il materiale
biblico seguendo, come nelle opere di alcuni studiosi tedeschi gi ricordati, il testo biblico.
A.Vaccari, nell'introduzione al II volume di "La Sacra Bibbia" del 1957 affermer: "Per
gli scritti biblici la narrazione storica non fine a se stessa... la loro storia religiosa, non
civile... ma ci offrono eccellenti materiali per la ricostruzione anche della storia civile di quei
tempi (in "La Sacra Bibbia, Firenze 1957, pp. 9-10).
Le prospettive critiche lanciate dagli studiosi tedeschi saranno raccolte in Italia da A.
Soggin, lo stesso autore dell'Introduzione letteraria all'Antico Testamento. Lo studioso, nella
sua "Storia di Israele pubblicato dalla Paideia nel 1984 sancisce l'ingresso ufficiale della
storiografia tedesca nelle biblioteche italiane. La storia, sostiene con enfasi, comincia con

33
Davide; la cosiddetta storia patriarcale va considerata piuttosto una proto-storia, nata negli
ambienti della corte Davidico Salomonica per illustrare le origini gloriose del popolo e della
monarchia di Israele. Certo la protostoria raccoglie, nell'attuale forma ampiamente
rimaneggiata dagli autori delle fonti del Pentateuco, tradizioni sostanzialmente valide, di cui
per difficile, se non impossibile, descrivere il percorso tradizionale e l'effettivit storica.
Il problema sempre pi, come sostiene Gian Luigi Prato in una recensione alla Storia di
Israele di Fohrer in La Civilit Cattolica 1981 v.III, p.610: "La questione di fondo in realt
non quella dei risultati aggiornati, ma dell'impostazione generale di una storia di Israele, per la
quale, almeno per il periodo pre-davidico, lo stesso materiale biblico non deve essere il punto
di partenza di una ricostruzione che in pi punti non concorda con i dati della storia orientale"
e ancora: " pi che mai essenziale definire con chiarezza quale sia la natura delle fonti che si
possono utilizzare, e quale sia l'ottica storiografica specifica entro cui il materiale va
collocato. Altrimenti si costretti a seguire il canovaccio biblico, riempiendolo di dati pi o
meno consistenti a seconda delle epoche e soprattutto in base ad un criterio di verosimiglianza
applicato ai singoli blocchi del materiale biblico".
Riportiamo ancora un passo di Garbini: Sappiamo bene che non esiste una storiografia
ideologicamente neutra e che ogni narrazione storica riflette, pi o meno velatamente, una
determinata visione del mondo. Ci che contraddistingue la storia narrata dall'AT da tutte le
altre non la presenza di una motivazione ideologica che guida l'esposizione degli
avvenimenti, ma il fatto che la motivazione ideologica ha un valore determinante e non di
rado condiziona e dirige la stessa narrazione storica, per questo parliamo di storia "sacra".
Questo forte carattere "sacro" della storia di Israele fa gi dubitare della cosiddetta fonte
Deuteronomista (cronologia, imprese, parentele e dinastie potevano essere manipolate a
piacere). Quanto pi si va indietro (conquista, giudici), pi problemi ci sono.
Protostoria. Poi il periodo patriarcale senza tempo e senza storia: mito razionalizzato. La
"storia" dei patriarchi una favola creata dagli studiosi tedeschi. L'autore biblico ha dato
indicazioni che pongono chiaramente questi uomini (che incontrano Dio e vivono centinaia di
anni) al di l della storia.
Quindi: necessit di fonti esterne (dirette). "La mancanza di iscrizioni storiche ebraiche
non pu pi essere considerata un caso: essa diventa un problema storico che deve essere
affrontato come tale".
Garbini insomma sostiene che si pu parlare di storia probabilmente a partire dall'epoca
postesilica, e che tutto quanto precede irrecuperabile ai fini di una corretta storiografia.
Dello stesso autore cf. Scrivere la storia dIsraele, Paideia, Brescia 2008.
Pure molto utile la lettura del libro di M.LIVERANI, Oltre la Bibbia. Storia Anticha di
Israele, ed. Laterza, Bari 2003; esso si mostra chiaramente come tentativo di una descrizione

34
della storia di Israele che assume la testimonianza dei libri biblici come la particolare
testimonianza che un popolo d delle sue origini, lasciando aperti tutti gli interrogativi che
vengono da un atteggiamento da studioso della storia che cerca i dati su cui poter lavorare
indipendentemente dal peso che il testo biblico ha per un giudeo o un cristiano.
La prospettiva di fondo che, mi sembra, rimane valida, guidata dalle seguenti
considerazioni:
1. che la Bibbia non un libro di storia, ma descrive la storia della salvezza, cio una
lettura dei fatti, degli avvenimenti che ne gi interpretazione. Che nella descrizione di questa
storia salvifica vengono anche utilizzati racconti mitici (Gn 1-11) e leggendari, trattati alla
stessa stregua del materiale storico. Si tratta cio di una lettura teologica degli avvenimenti di
cui l'uomo biblico venne a conoscenza dai miti che circolavano nel suo ambiente, dai
racconti leggendari dei Patriarchi, i fondatori antichi di Israele, dalle storie della conquista e
dei re. Tale racconto tende a descrivere, sotto forma di racconto, il dispiegarsi del rapporto di
Dio con l'uomo nella preistoria, nella storia antica ed in quella pi recente di Israele. ovvio
che la verosimiglianza degli avvenimenti narrati aumenti quanto pi ci avviciniamo ai periodi
in cui le fonti furono composte.
2. che la storia biblica pu aiutarci, come una qualunque fonte antica, mai scevra da
elementi teologici (ed ideologici) che la storiografia deve verificare sulla base di dati
archeologici e letterari. In tal senso si tratta della storia come scienza positiva che tende a
stabilire la successione dei fatti, le loro cause, i loro effetti. Il materiale biblico va dunque
interpretato per questo genere di ricostruzione. Attenzione a considerare che nessuna storia
dell'antichit rispetta le caratteristiche oggi esigite da uno storiografo. Le avvertenze di
Garbini, inoltre, sull'ideologia di Israele, sfociano facilmente in quelle che noi definiamo le
prospettive di fede, la lettura teologica degli avvenimenti. Certamente se l'intento di chi studia
la Sacra Scrittura quello di ricostruire la storia dei fatti, essa va sottoposta al tipo di esame
critico a cui va sottoposto qualunque altra fonte dello stesso genere.
3. Questo tipo di problematica non deve indurci a pensare che opera dell'esegeta corretto
sia quella di scartare ci che non verificabile storicamente. La Bibbia si presenta al credente
come Parola di Dio, chiede al lettore di assumere l'atteggiamento della fede, non a-scientifico
o a-storico, ma cosciente della natura e del significato complessivo dell'opera. In tal senso per
noi, come ovvio, non meno rivelativo un testo che assume elementi della mitologia
mesopotamica per esprimere il punto di vista del credente in Yhwh, come il racconto del
diluvio, rispetto ad avvenimenti pi vicini a possibili ricostruzioni storiografiche (come, per
es., la storia della monarchia dei due Regni di Israele e Giuda).