You are on page 1of 44

Archive All • Download Newest

LA PARABOLA
La parabola, teoria e formule di
geometria analitica | Studenti.it
studenti.it
La parabola come grafico di una
funzione | Treccani, il portale del sapere
treccani.it

Archive All • Download Newest

Upgrade to Instapaper Premium for
$2.99/month or $29.99/year to get up to
50 articles at a time, full-text search,
unlimited highlights, and to support
Instapaper’s development. Upgrade to
Instapaper Premium today!

La parabola, teoria e formule di
geometria analitica | Studenti.it
studenti.it • Archive • Like & Archive •
Like

La
parabola,
teoria e formule di
geometria
analitica
La parabola: approfondimento su
uno degli argomenti più importanti di
geometria analitica. Spiegazioni con
grafici, formule ed esempi
LA PARABOLA - Sei al terzo anno
di scuola superiore e ti stai per
accingere a studiare la parabola? Se la

geometria analitica e la matematica non
fanno per te e hai bisogno di un aiuto per
comprendere meglio queste materie,
ecco per te un comodo schema in cui
troverai tutte le informazioni e le dritte
che ti servono sulla parabola
geometrica!
Inoltre, cliccando sulla nostra sezione di
Matematica, potrai avere ulteriori
approfondimenti
e
lezioni
sul
programma di terzo, quarto e quinto
liceo!
Matematica: spiegazioni ed esercizi
su iperbole e parabola
LA PARABOLA
La parabola è il luogo geometrico dei

punti equidistanti da una retta
(direttrice) e da un punto (fuoco). La
retta passante per il fuoco e
perpendicolare alla direttrice si chiama
asse della parabola.
L'asse della parabola è un asse di
simmetria e interseca la parabola nel
vertice.
Una parabola con asse parallelo all'asse
y è rappresentata da un'equazione del
tipo:
y = x2 + bx + c
con a 0.
Nel grafico seguente è rappresentata una
parabola generica (con asse parallelo
all'asse y), e sono evidenziate le sue
caratteristiche fondamentali (si veda la
tabella riportata poco più sotto).

Concavità e "apertura" della parabola
dipendono dal parametro a.

.

ELEMENTI CARATTERISTICI

CASISTICA

Equazione di una parabola con asse

parallelo all'asse x
E' del tipo:
x = ay2 + by + c
con a 0.
Matematica: spiegazioni ed esercizi
del 3° anno
Determinazione dell'equazione della
parabola
Anche nell'equazione della parabola
(come in quella della circonferenza)
sono presenti tre coefficienti a, b e c.
Per poterli determinare occorrono in
genere tre condizioni.
Alcune possibili condizioni sono le
seguenti:
• sono note le coordinate del vertice e

del fuoco;
• sono note le coordinate del vertice (o
del fuoco) e l'equazione della direttrice;
• la parabola passa per tre punti non
allineati;
• la parabola passa per due punti e si
conosce l'equazione dell'asse;
• la parabola passa per un punto e sono
note le coordinate del vertice (o del
fuoco);
• la parabola passa per un punto e sono
note le coordinate dell'asse e della
direttrice.
Vediamo un esempio:
Scrivere l'equazione della parabola con
asse parallelo all'asse y che ha vertice
in V(1,2) e passa

per il punto A(2,1).
Si considera l'equazione generale di una
parabola con asse parallelo all'asse y:
y = x2 + bx + c
Si impongono le condizioni date. Si noti
che la conoscenza delle coordinate del
vertice equivale a due condizioni.

da questo si ricava

sostituendo il valore di b nelle altre due
equazioni, si ha:

da cui, infine:

Si noti che l'equazione di secondo grado
in a, fornisce anche la soluzione a = 0:
questa però non è accettabile, dal

momento che l'equazione generale di una
parabola
non rappresenta
una
parabola se a = 0.
Pertanto, la parabola cercata ha
equazione: y = - x2 + 2x + 1
Approfondisci anche gli altri
argomenti di Geometria Analitica:
- Geometria Analitica: Generalità
introduttive
- RETTA
ELLISSE
: Casistica - Equazione di una parabola
con asse parallelo all'asse x

Articoli correlati

Disequazioni
Secondo
Grado
seconda parte

di
-

Le disequazioni sono studiate
secondo i seguenti casi:… Continua

Disequazioni
di
Secondo Grado - terza
parte
Le disequazioni sono studiate
secondo i seguenti casi:… Continua

Disequazioni
Secondo
Grado
quarta parte

di
-

Le disequazioni sono studiate
secondo i seguenti casi:… Continua

La
circonferenza:
spiegazioni e formule
di geometria analitica
La circonferenza: studio di uno degli
argomenti più importanti di geometria
analitica, con formule, grafici ed
esempi… Continua

La retta, definizioni e
formule di Geometria
analitica (parte I)
La retta: studio di uno degli
argomenti più importanti di geometria
analitica con definizioni, formule ed
esempi… Continua
studenti.it • Archive • Like & Archive •
Like

La parabola come grafico di una
funzione | Treccani, il portale del
sapere
treccani.it • Archive • Like & Archive •
Like
La lezione introduce le funzioni del
tipo y = ax2 + bx + c in modo visivo,
dinamico e collegato con la realtà. Gli
studenti sono quindi guidati ad
individuare le caratteristiche salienti di
queste funzioni e a consolidare un
efficiente procedimento per tracciarne il
grafico. Particolare attenzione viene
dedicata a una snella applicazione delle
isometrie e a un’efficace utilizzazione di
un software di geometria dinamica.

RIFERIMENTI DIDATTICI
La parabola tradizionalmente fa
parte dello studio delle coniche, che,
secondo le recenti Indicazioni nazionali,
viene trattato nel secondo biennio in tutti
i licei, ma il tema ‘Funzioni
quadratiche’ rimane uno dei pilastri
dell’insegnamento della matematica
nella scuola secondaria fin dal primo
ciclo. Così si trova una sostanziale
identificazione
nella
trattazione
dell’argomento in tutti i licei, pur con
qualche diversità nella distribuzione
temporale: lo studio della parabola
come grafico di funzione inizia al I
biennio con la funzione y=x2, per
proseguire al II biennio con lo studio

delle funzioni del tipo y = ax2 + bx + c
(collegate alla parabola) ancora nel I
biennio dei soli Licei scientifici, ma nel
II biennio degli altri Licei.
Proprio la consolidata tradizione e
la notevole ricchezza di applicazioni
all’algebra, alla geometria e alle scienze
possono presentare delle notevoli
difficoltà nella pratica didattica: da un
lato selezionare attentamente i punti
essenziali dell’argomento sia nella
teoria che (soprattutto) negli esercizi per
evitare di dedicarvi troppo tempo e
tralasciare altri temi pure importanti,
dall’altro cogliere l’occasione per
costruire negli studenti competenze nella
modellizzazione e nell’ottimizzazione,
ridimensionando il tempo dedicato allo

sviluppo di abilità nella manipolazione
algebrica,
come
esplicitamente
raccomandato anche nelle Indicazioni
nazionali.
Per questo può essere utile un
gruppo di sette lezioni, pronte per l’uso
in aula, che costruiscono l’intero
percorso
per
un apprendimento
elementare del tema, completato anche
da un buon numero di esercizi. Parte
integrante delle lezioni sono brevi video
e simulazioni che sintetizzano o
richiamano in modo visuale e dinamico
concetti e proprietà essenziali. Le sette
lezioni sono:
La parabola come grafico di una
funzione. La lezione guida gli studenti a
scoprire la funzione quadratica in modo

visivo, dinamico e collegato con la
realtà, per arrivare al grafico della
parabola d’equazione y = ax2 + bx + c e
alle sue proprietà. Particolare attenzione
viene
dedicata
ad
una
snella
applicazione delle isometrie e ad
un’efficace utilizzazione di un software
di geometria dinamica.
La circonferenza. La lezione
introduce la circonferenza in modo
visivo, dinamico e collegato con la
realtà. Gli studenti sono quindi guidati a
individuare
alcune
proprietà
caratteristiche della circonferenza, a
scriverne l’equazione cartesiana e a
consolidare un efficiente procedimento
per disegnare una circonferenza di
equazione data. Particolare attenzione

viene dedicata a una snella applicazione
delle traslazioni e a un’efficace
utilizzazione di un software di geometria
dinamica.
La parabola come luogo dei punti.
La lezione inizialmente guida gli studenti
a scoprire in modo visuale e dinamico la
parabola come luogo dei punti
equidistanti da fuoco e direttrice, per
studiare da un punto di vista geometrico
sintetico la forma della curva. Gli
studenti trovano quindi l’equazione
cartesiana della parabola e risolvono
alcuni classici problemi di geometria
analitica. Particolare attenzione è
dedicata
al
confronto
di
più
procedimenti per risolvere uno stesso
problema, ad una snella applicazione

delle isometrie, ad un uso didatticamente
efficace di un software di geometria
dinamica e al ruolo del fuoco nelle
applicazioni.
L’ellisse.La lezione guida gli
studenti a scoprire in modo visuale e
dinamico l’ellisse come luogo dei punti
che hanno costante la somma delle
distanze dai due fuochi, per studiare da
un punto di vista geometrico sintetico la
forma della curva; si trova quindi
l’equazione cartesiana dell’ellisse e gli
studenti risolvono alcuni classici
problemi di geometria analitica.
Particolare attenzione è dedicata ad una
snella applicazione delle trasformazioni
del piano, ad un uso didatticamente
efficace di un software di geometria

dinamica e alla presenza dell’ellisse
nella realtà, nelle scienze e nell’arte.
L’iperbole. La lezione guida gli
studenti a scoprire in modo visuale e
dinamico l’iperbole come luogo dei
punti che hanno costante la differenza
delle distanze dai due fuochi, per
studiare da un punto di vista geometrico
sintetico alcune caratteristiche della
curva. Si trova quindi l’equazione
cartesiana dell’iperbole per studiare
l’eccentricità della curva e risolvere
alcuni classici problemi di geometria
analitica. Particolare attenzione è
dedicata ad una snella applicazione
delle trasformazioni del piano, ad un uso
didatticamente efficace di un software di
geometria dinamica e alla presenza

dell’iperbole nella realtà e nella
scienza.
Le coniche. Una snella sintesi di
questo classico argomento, affrontato da
vari punti di vista: della storia della
matematica,
della
geometria
tridimensionale, delle applicazioni nella
realtà e nella scienza.
Le coniche nelle prove d’esame.
La lezione guida gli studenti a risolvere
problemi e quesiti dati agli Esami di
Stato e alle prove iniziali all’Università.
Non mancano occasioni per presentare e
commentare più procedimenti per
risolvere lo stesso quesito.
Un’osservazione importante. Solo
l’ultima lezione richiede di aver svolto
tutte le precedenti, ma le altre lezioni

non
richiedono
una
rigorosa
propedeuticità, perciò possono essere
proposte agli studenti con una notevole
flessibilità: possono essere distribuite
durante un lungo arco temporale e ogni
lezione può anche essere frazionata in
due lezioni di un’ora.

Impostazione della lezione

In questa lezione si trovano attività,
che formano due ‘atomi di lezione’: studiare, anche con il supporto delle
simmetrie, il grafico di funzioni del tipo
y = ax2; - studiare, anche con l’aiuto
delle traslazioni, il grafico di funzioni
del tipo y = ax2 + bx + c .
Questi due ‘atomi’ possono essere
proposti al momento più opportuno per
ogni classe, aggregandoli nel modo che
l’insegnante ritiene più efficace,
mantenendo
le
necessarie
propedeuticità. Ma, a mio avviso, è
preferibile
proporre
le
attività,
nell’ordine in cui sono presentate, in
un’unica lezione di due ore o in due
lezioni non necessariamente vicine nel
tempo, utilizzando tutto il materiale qui

fornito e cioè: due presentazioni per
sostenere la parte di lezione frontale
dell’insegnante, due schede di lavoro
progettate per guidare il lavoro di
gruppo degli studenti e due file
Geogebra per sostenere studenti e
docente nell’uso di un software di
geometria dinamica.
È consigliabile organizzare la
lezione in un’aula dotata di LIM (o di
proiettore collegato al computer). I
materiali sono disponibili, oltre che nei
formati PDF, scaricabili nella sezione
Lezione e Verifica, anche in formato doc
e ppt, scaricabili da questo link.

Prerequisiti

La prima parte della lezione richiede
conoscenze di base su: - l’equazione di
una retta; - il concetto di funzione, ad
esempio come proposto nella lezione
Incontriamo le funzioni; - le simmetrie
assiali, ad esempio come proposto nella
lezione Simmetrie e curve simmetriche.
La seconda parte della lezione richiede
anche conoscenze di base sulle
traslazioni, come ad esempio nella
lezione Traslazioni e curve traslate.

ATTIVITÀ 1. Grafico di
parabole con equazione del
tipo y = ax2
L’attività è organizzata in tre fasi,

che alternano presentazioni frontali
dell’insegnante e lavoro di gruppo degli
studenti.
A.
Lezione
frontale
dell’insegnante. L’insegnante segue la
prima presentazione (slide 1 - 7) per
mostrare leggi del tipo y = ax2 suggerite
dalla realtà e avviare il lavoro di
gruppo.
B. Lavoro di gruppo degli studenti.
La prima scheda di lavoro allegata guida
gli studenti a richiamare il grafico delle
funzioni y = x2 e y = -x2 per
individuarne vertice e asse di simmetria.
Il primo file Geogebra allegato conduce
poi
gli
studenti
a
osservare
dinamicamente il grafico di funzioni del
tipo y = ax2 al variare del coefficiente

a.
C.
Lezione
frontale
dell’insegnante. L’insegnante riprende
la proiezione della prima presentazione
(slide 8 – 14) sostenuta dal file
Geogebra allegato per commentare gli
esiti della scheda di lavoro e
puntualizzare i punti più significativi e,
in particolare, come varia il grafico di y
= ax2 al variare di a.

ATTIVITÀ
2.
Parabole
traslate e funzioni del tipo y
= ax2 + bx + c
L’attività

di

nuovo

alterna

presentazioni frontali dell’insegnante e
lavoro di gruppo degli studenti.
A.
Lezione
frontale
dell’insegnante. La lezione frontale
dialogata è sostenuta da una seconda
presentazione (slide 1 – 4) e comincia
col richiamare su un punto delicato delle
traslazioni: si applicano le equazioni di
una traslazione per calcolare le
coordinate dei punti trasformati, ma si
applicano le equazioni della traslazione
inversa per scrivere l’equazione di una
curva trasformata. Viene quindi avviato
il lavoro di gruppo.
B. Lavoro di gruppo degli studenti.
La seconda scheda di lavoro allegata
guida gli studenti a determinare vertice e
asse di simmetria di una parabola

traslata per scriverne l’equazione in due
forme: y = a(x –p)2 + q o y = ax2 + bx
+ c. Gli studenti sono poi condotti a
riconoscere e disegnare funzioni
quadratiche scritte in una delle due
forme individuate prima. Il secondo file
Geogebra allegato conduce gli studenti a
osservare la parabola ottenuta, con la
possibilità di variare i coefficienti
nell’equazione della curva.
C.
Lezione
frontale
dell’insegnante. L’insegnante riprende
la seconda presentazione (slide 5 – 14)
sostenuta dal file Geogebra allegato per
commentare gli esiti della scheda di
lavoro, puntualizzare e ampliare alcuni
punti importanti, fra i quali: - il
procedimento per tracciare il grafico di

una funzione del tipo y = ax2 + bx + c ,
- i casi particolari del vertice che si
trova sull’asse delle x o sull’asse delle
y; - le parabole che si incontrano nella
realtà.

ALTRE ATTIVITÀ
Si può applicare una funzione
quadratica del tipo y = ax2 + bx + c per
risolvere problemi di ottimizzazione,
basandosi ad esempio sulla lezione
Incontriamo problemi di ottimizzazione
prima delle derivate. E si possono
proporre altre attività sul tema,
attingendo al ricco materiale prodotto
nel piano M@atabel, come ad esempio

Aree e pavimentazioni, esploriamo le
funzioni quadratiche, oppure Rettangoli
e fontane.
Si può anche stabilire un solido
collegamento con lo studio della fisica,
basandosi ad esempio sulla lezione La
caduta dei gravi e sul video Moto dei
proiettili. Proporre ricerche in inglese
può essere interessante specialmente per
i licei linguistici o per una lezione CLIL;
particolarmente adatti a questi casi
possono essere video e documenti
indicati nelle risorse.

Voci correlate

> Funzioni quadratiche
> Parabola

Bibliografia
Autore Titolo Edizione
Maraschini W., Palma M., Problemi e
Strumenti della Matematica, Volume di
approfondimento,
Paravia
2002
Maraschini W., Palma M., Coniche
elementari, Paravia 2002 Castelnuovo
E., Gori Giorgi C., Valenti D., La
Matematica nella Realtà, La Nuova
Italia 1998 Brandi P., Salvatori A.,
Modelli Matematici elementari, Bruno
Mondadori 2004 Cannizzaro L., M.
Menghini M. (a cura di) Schede di

lavoro Nucleo di Ricerca C.N.R.Università di Roma ‘La Sapienza’ per la
Ricerca e la Sperimentazione nella
Scuola Secondaria Superiore

LA VERIFICA
Propone con gradualità soprattutto
quesiti che richiedono immediate
applicazioni della lezione, ma anche
quesiti che richiedono personale
rielaborazione. Il questionario si può
proporre alla classe divisa in piccoli
gruppi per fini diagnostici e formativi
oppure ai singoli studenti per una
valutazione individuale .
treccani.it • Archive • Like & Archive •

Like

Archive All • Download Newest

Upgrade to Instapaper Premium for
$2.99/month or $29.99/year to get up to
50 articles at a time, full-text search,
unlimited highlights, and to support
Instapaper’s development. Upgrade to
Instapaper Premium today!