You are on page 1of 1

Codice cliente: 3261609

10

Corriere Imprese

Luned 31 Ottobre 2016

BO

TERRITORI E CITT

Rimini Fiera celebra le nozze con Vicenza


La quotazione slitta per al 2018
Il nuovo polo si chiama Italian Exhibition group
Nel 2017 restyling dei quartieri e acquisizioni

n nuovo polo sulla scena degli exp italiani,


che svetta per valore e
numero di kermesse.
Pronto gi dal 2017 a investire sui propri quartieri per
arrivare nella primavera dellanno dopo a Piazza Affari, quando
sar possibile presentare il primo bilancio utile. Mentre Parma
torna sui suoi passi e riconsidera
lidea dellaggregazione a tre sulla via Emilia e mentre Bologna
aspetta ancora di capire cosa
vuole fare da grande, ferma a un
piano industriale che stenta a
concretizzarsi, Rimini perfeziona
la sua fusione con Vicenza Fiera
e presenta Italian Exhibition
l Lorenzo
group spa (Ieg), una societ che
Cagnoni,
gi con il nome altisonante la
numero uno
dice lunga sui suoi obiettivi futudi Rimini Fiera e ri.
di Italian
La road map avviata nei mesi
Exhibition group scorsi tra la Romagna e il Veneto
(Ieg)
arrivata venerd scorso al termine. Le assemblee dei soci dei due
l Matteo
poli hanno approvato la nascita
Marzotto,
di una sola compagine societapresidente di
ria, creando di fatto il primo
Fiera di Vicenza esempio di integrazione tra fiere.
e vicepresidente Un primato che si estende anche
di Ieg
alle cifre. Italian Exhibition
group con 61 prodotti in portafoglio e 160 tra eventi e con-

Chi sono

gressi diventa il primo soggetto a livello nazionale per numero


di manifestazioni (laggressiva
Milano ne conta rispettivamente
114 e 36). Secondo le stime il
2016 di questa nuova societ si
chiuder con un fatturato aggregato di 119 milioni di euro, facendone il secondo player italiano;
Ebitda al 19%, pari a 22,1 milioni
di euro, che lo posiziona al primo posto in termini di redditivit; Ebit all11%, pari a 13,6 milioni
di euro e un patrimonio netto di
oltre 100 milioni. I dipendenti
sono 270. La rivale Milano
conti alla mano nel 2015 ha
registrato 337.339 milioni di ricavi; Ebitda a 43.594 milioni; Ebit
a 11.958 milioni; cash flow a
32.065 milioni. Il personale meneghino ammonta a 783 unit.
Le risorse per crescere insomma ci sono. Tanto che previsto
un piano di investimenti per finanziare il restyling dei due

La previsione
Il 2016 si chiuder con
un fatturato aggregato
di 119 milioni di euro e
un Ebitda a 22,1 milioni

quartieri fieristici di Rimini e Vicenza; e poi per sostenere uno


sviluppo per linee esterne, ovvero lacquisto di manifestazioni
che andranno a rimpolpare il
portafoglio eventi. A prendere le
decisioni in merito sar un consiglio damministrazione in cui si
riflette il peso di Rimini: presidente e ad stato nominato Lorenzo Cagnoni; vicedirettore generale Carlo Costa, attuale diret-

tore amministrazione, Finanza e


Controllo; in cda siederanno poi
Barbara Bonfiglioli, Daniela Della
Rosa, Maurizio Renzo Ermeti, Lucio Gobbi, Catia Guerrini, Simona Sandrini. Con loro Luigi Dalla
Via da Vicenza Fiere, che esprime
il vicepresidente, Matteo Marzotto, e il direttore generale, Corrado Facco. Lazionariato di Italian
Exhibition group spa fa capo a
Rimini Congressi srl (che include

Ingresso
La fiera
di Rimini
al tramonto

Comune di Rimini attraverso Rimini Holding, Camera di Commercio di Rimini e di Provincia


di Rimini), Regione Emilia-Romagna, GL Events, King Spa, Salini Impregilo, Fiera Invest Spa;
Comune di Vicenza, Camera di
Commercio di Vicenza, Provincia
di Vicenza per il tramite di Vicenza Holding e altri soci privati
Per le prospettive che si
schiudono con la conclusione
dellintegrazione tra Rimini e Vicenza e per la previsione che altri
dossier ancora aperti possano
trovare risposta in tempi accettabili ha annunciato Cagnoni
lorizzonte temporale entro il
quale il nostro percorso di quotazione potrebbe trovare una sua
definizione, mercati permettendo, pu essere collocato nella
primavera del 2018. Per quella
data avremo anche il consuntivo
2017, primo anno della nostra
nuova fase derivante dallintegrazione.
Questa integrazione rappresenta un fatto storico non solo
per Rimini Fiera e Fiera di Vicenza aggiunge Marzotto ma
anche perch d vita ad un soggetto fieristico che, da precursore assoluto, crediamo potr essere ulteriore polo aggregatore e
impulso allo sviluppo di un vero
sistema fieristico italiano.
Core business della nuova societ sar il bello e ben fatto
italiano, ovvero cibo, ecologia,
tecnologia, intrattenimento, turismo, trasporti, wellness, gioielleria e moda, innovazione e lifestyle.
Andrea Rinaldi
RIPRODUZIONE RISERVATA