You are on page 1of 23

Guida al

Computer

Sintesi Lezioni
171-180
http://thegoodly.com/2017/02/13/guida-al-computer-sintesi-lezioni-171-180

AUTORE: Carlo Porta
SITO: http://www.thegoodly.com

Bentornato Goodlier, bentornata.
Diciottesima decade terminata e quindi avanti tutta col riepilogo. Nella lezione
171 hai visto come verificare se Windows 10 è attivato ed in caso negativo
come realizzare tale azione.
L'attivazione permette di verificare l’originalità della tua copia di
Windows o non contravvenga le Condizioni di licenza della Microsoft.
Verrà impiegato il Product Key o il diritto digitale, il un nuovo metodo di
attivazione in Windows 10 che non richiede l'immissione di un codice Product
Key. In caso di licenza legittima, la Microsoft assocerà alla configurazione
hardware del tuo dispositivo un codice univoco che ti consentirà di
attivare la tua copia del sistema operativo per sempre, anche dopo
formattazione e reinstallazione pulita del sistema operativo e senza inserire di
nuovo il Product Key.

Come verifico l’attivazione?
Ecco un paio di modi:
1. Clicca col pulsante destro del mouse sul pulsante “Start”
e dal menù
che si genera individua il pulsante “Sistema”. Cliccaci sopra e dalla
finestra che si apre individua la zona in basso “Attivazione di
Windows”.
2. Clicca sul pulsante “Start”
e poi su “Impostazioni”. Nella pagina che
si presenta individua “Aggiornamento e sicurezza” e poi ancora dalla
lista dei pulsanti sulla sinistra clicca su “Attivazione”.
In entrambi i casi se il
computer non è dotato di un
accesso ad internet, il sistema
risulterà non attivo e quindi
dovrai connetterlo alla rete
per attivarlo. Dopo qualche
manciata di secondi,
automaticamente, Windows
10 verrà attivato ed avrai acquisito il codice per l’utilizzo con diritto
digitale della tua copia
su quella data macchina
e per quella specifica
edizione. Inoltre avrai in
aggiunta la dicitura che
Windows è attivato con
un diritto digitale.

Nel caso l’attivazione non avvenga in automatico clicca sul pulsante “Attiva”
per eseguire l’azione manualmente.

Per quanto vale?
La licenza con diritto digitale è stata legata all’hardware ed è valida fintantoché
durerà il tuo PC. Nel caso in cui tu esegua modifiche significative alla struttura
hardware del tuo computer come la sostituzione della scheda madre e/o il
disco rigido, Windows 10 potrebbe non essere più attivato.
Nella lezione 172 ti ho spiegato come tornare alla precedente edizione di
Windows 7 o 8.1, entro un mese da quando hai eseguito
l’aggiornamento, con dei semplici clic e senza perdere i tuoi dati.
Passato il mese o se hai eseguito l’aggiornamento a 10 senza mantenere nulla,
come fosse un’installazione pulita, potrai tornare alla versione precedente o
attingendo alla partizione di ripristino creata da te o dal costruttore oppure
utilizzando il DVD o la pendrive d’installazione e reinserendo il product key in
tuo possesso.

Come si esegue?
Recati sul pulsante “Start” e clicca
col tasto sinistro del mouse.
Individua la sezione
“Impostazioni” e cliccaci sopra.
Ora, nella nuova schermata clicca
sul pulsante “Aggiornamento e
sicurezza”. Nella sezione che si
presenta trovi una lista di
sottosezioni sulla sinistra tra cui
“Ripristino”; cliccaci sopra.
Troverai vari pulsanti tra cui
“Torna a Windows 8.1” oppure 7
naturalmente e subito sotto il pulsante “Per iniziare”. Clicca su quest’ultimo.
Fornisci un feedback ad un sondaggio con un segno di spunta e trascrivi
eventualmente un messaggio. Poi clicca su “Avanti”. Ti verranno mostrate
alcune note da sapere e dopo averle lette clicca su “Avanti” un paio di volte.
Infine cliccando su “Torna a Windows 8.1” o 7 si avvierà il downgrade. Nel

giro di qualche decina di minuti avrai di nuovo il desktop del vecchio sistema
operativo. Dalla sezione “Sistema” del pannello di controllo, assicurati che il
O.S. sia attivato.
Dalla lezione 173 iniziamo ad utilizzare Windows 10, partendo da cosa vediamo
all’avvio. Potrai vedere la schermata principale del desktop in alto a sinistra
trovi l’icona del cestino che potrai spostare e personalizzare a tuo piacere.
La systray, sempre in basso a destra, con varie icone come alcune
applicazioni, connessioni di rete, centro operativo, notifiche, volume,
data ed ora. In basso la barra delle applicazioni, personalizzabile, con delle
ricorrenze e novità. Già conosciute sono le icone per il browser, chiamato
Edge, Esplora file e il collegamento allo store della Microsoft.

Le differenze coi precedenti
Il ritorno del tasto “Start” in basso a sinistra è una nota importante.
Il menù presente nel tasto “Start”
contiene link alle applicazioni
(APP), impostazioni, utente e
alimentazione del sistema. Contiene
un’area personalizzabile che richiama
le piastrelle conosciute in Windows 8.
Accanto al tasto “Start” alcune icone
che riconosci di applicazioni e
qualcosa di nuovo. Una lunga barra
di ricerca la fa da padrona che è
collegata alla novità dell’assistente
vocale chiamata “Cortana”.
La casella di ricerca ti consente di ottenere risultati da APP, impostazioni,
store, file o dal web. L’interazione potrà anche essere vocale proprio grazie
all’assistente virtuale “Cortana”.
Accanto il pulsante per avviare
“Visualizzazione attività”. Se ad
esempio hai aperto diverse
applicazioni, cliccando su questo
pulsante, tutte le finestre delle
applicazioni si ridurranno in
dimensioni e si affiancheranno.
Potrai così passare dall’una
all’altra con semplicità. Cliccando di
nuovo sul pulsante annullerai la

visualizzazione ridotta per tutte le finestre. Con la “Visualizzazione attività”
inserita noterai in basso a destra un pulsante con simbolo “+” chiamato
“Nuovo desktop”. Sono i desktop virtuali di Windows 10. Per migliorare
la gestione delle finestre, puoi creare dei desktop alternativi nei quali
poterle spostare, suddividendole magari per categoria e passare da l’una
all’altra con semplicità. Una volta creati i desktop potrai anche eliminarli,
cliccando sulla classica “X” in alto a destra e tutte le finestre torneranno in
un’unica visualizzazione totale, senza perdere nulla del lavoro svolto fino a
quel momento. Con la visualizzazione multitasking con diverse finestre attive,
puoi trasformare il desktop in una visualizzazione a finestre scorrevoli
come accadeva in Windows 8.1. Trascina una finestra verso un lato e lo
schermo si dividerà in due. La finestra trascinata occuperà metà schermo,
mentre le altre si spartiranno l’altra metà.
Nella lezione 174 ho descritto il pulsante “Start” e di quello che permette di
eseguire. Può offrire diverse opzioni in base a come ci clicchi sopra col
mouse. Cliccando col tasto destro del mouse accedi ad un menù che hai
visto in Windows 8.1, con una lista di sezioni delle impostazioni e del
pannello di controllo che tratteremo in seguito, ma che forse ben conosci dai
precedenti O.S.
Cliccando con il pulsante sinistro si apre un menù che ti consente di
visualizzare diversi elementi.

Cosa trovo?
Innanzi tutto sul lato destro il
menù a piastrelle che conosci
da Windows 8. In esso puoi
interagire con le piastrelle come hai
già imparato nella lezione 143 e
relativo videotutorial. Puoi
incrementare il numero di icone
trascinandole direttamente. In alto
trovi il nome dell’utente che ha
avviato il sistema operativo. Cliccandoci sopra visualizzi un piccolo menù che
ti permette di accedere alla sezione di modifica dell’account o per
gestirlo.
Subito sotto il pulsante “Blocca” con cui puoi bloccare il PC o meglio
posizionarlo sulla schermata di blocco che, se impostata, richiederà la
password per poter accedere di nuovo al desktop. Non si chiuderanno i
programmi avviati. Infine il pulsante “Disconnetti” chiuderà tutte le

applicazioni avviate e disconnetterà l’utente dal sistema operativo. Anche
in questo caso potrebbe essere richiesta una password per accedere di nuovo
al desktop se impostata. Sotto all’icona del nome trovi la lista delle
applicazioni utilizzate più frequentemente, per poterle aprire rapidamente
in caso ti serva senza perdere tempo nel ricercarle. Ancora sotto la lista delle
App installate recentemente. Sotto ancora, trovi il pulsante che ti consente
di aprire il programma “Esplora file” e di seguito quello che ti dà accesso alla
sezione delle “Impostazioni” a cui dedicherò attenzioni in futuro. Scendendo
ancora trovi il pulsante di alimentazione del sistema operativo. Cliccaci
sopra per vedere le opzioni:
1. Sospendi
2. Arresta il sistema
3. Riavvia il sistema
Cliccando sulla prima il PC rimane acceso con un minimo consumo
energetico. Le App infatti rimangono aperte in modo da essere presenti in
modo più rapido alla riattivazione del PC. Esso si posizionerà in una condizione
di ibernazione (tipo standby) compreso
il monitor ed il processore con
ventola annessa. Per ridargli vita potrai
premere il tasto di accensione (che
lampeggerà), muovendo il mouse o se lo
avesse il tasto funzione dedicato sulla
tastiera. Il pulsante “Arresta il PC”
chiude tutti i programmi e spegne il
computer, mentre il terzo pur chiudendo
tutti i programmi lo riavvia. Sotto questo
pulsante potrai trovare “Tutte le app”.
Una lista molto lunga dei programmi
preinstallati col sistema operativo e quelli
che hai installato autonomamente. La
visualizzazione è in colonna, ma
cliccando sul pulsante 0-9 la
trasformerai in lettere per un accesso tramite nome.
La lista delle App si presenta come icone o cartelle. Ogni icona/App avrà un
proprio sottomenù che genererai cliccandoci sopra col pulsante destro
del mouse. Altre avranno anche una freccia tipo il segno di maggiore “>”, alla
destra dell’icona. Cliccandoci sopra vedrai cosa ti offre. Potrai aggiungere al
menù start il collegamento del programma o rimuoverlo se presente;
aggiungerlo alla barra delle applicazioni se l’utilizzo e frequentissimo;
eseguire il programma come amministratore, se per il suo avvio necessita

tali credenziali; aprire il percorso del file eseguibile per vedere dove
ubicato; non mostrare più nell’elenco dove è presente ora; accedere alla
sezione dedicata per disinstallare il programma; visionare le proprietà ed
altre funzioni che possono essere specifiche per il programma. Tornando a
spiegare la sezione delle piastrelle ricorderai la versatilità. Posizionando il
mouse sui bordi dell’interfaccia, potrai ridimensionarla in altezza e
larghezza. Ogni piastrella può essere personalizzata in dimensioni
(piccola, media, orizzontale o grande) e posizione. Alcune sono animate
con aggiornamenti, grazie alla connessione internet, e potrai disattivare la
loro animazione se non ti piace. Rimarranno immagini statiche. Cliccandoci
sopra col pulsante sinistro del mouse e spostandole, potrai organizzarle per
categorie o creare dei gruppi dandogli dei nomi a tuo piacere.
Esiste anche una sezione dedicata alla gestione del menù “Start”. Clicca sul
pulsante “Start”, individua il pulsante “Impostazioni” e poi la sezione
“Personalizzazione”. Giunto qui scegli la sottosezione in oggetto.
Troverai dei cursori che potranno attivare o disattivare la relativa opzione:
1.
2.
3.
4.
5.
6.

Mostra più riquadri
Mostra occasionalmente suggerimenti in Start
Mostra le app più usate
Mostra le app aggiunte di recente
Usa modalità a schermo intero per Start
Mostra gli elementi aperti di recente nelle Jump list in Start o
nella barra delle applicazioni.

La prima opzione permette una
visualizzazione di molte più
piastrelle qualora ce ne fossero
da visualizzare. La seconda
opzione visualizza alcune App
consigliate nel menù “Start”. La
successiva opzione la lista della
App che utilizzerai di più e la
quarta la lista dei programmi
ultimi installati. La quinta
opzione trasforma il menù “Start” a schermo intero tornando all’interfaccia
che già conosci di Windows 8. L’ultima ti mostra gli elementi (file) che
sono stati aperti di recente nei vari programmi, visualizzandoli all’interno
dei menù della cartella del programma insieme alle altre opzioni. Ciò può
essere visualizzato nelle liste dei programmi recenti nel menù “Start” o nella
barra delle applicazioni. Su ognuno di questi elementi a sua volta potrà
essere generato un proprio menù col tasto destro del mouse per la gestione di

questi elementi singolarmente. Sotto tale elenco, infine, c’è un pulsante con la
scritta: “Scegli le cartelle da visualizzare in Start”. Cliccaci sopra e
troverai altri cursori da attivare/disattivare che ti consentiranno di
aumentare il numero di elementi che potrai visionare nel menù “Start”.
Una maggior o minor rapidità di accesso agli elementi.
Ecco la lista:
 Esplora file
 Impostazioni
 Documenti
 Download
 Musica
 Immagini
 Video
 Gruppo Home
 Rete
 Cartella personale
Nella lezione 175 sempre per il pulsante “Start”, ma nel menù che si genera
col tasto destro del mouse. Ci potranno essere delle minime differenze in base
al dispositivo che utilizzi o edizione di Windows, ma troverai:
















Programmi e funzionalità
Opzioni spegnimento
Visualizzatore eventi
Sistema
Gestione dispositivi
Connessioni di rete
Gestione disco
Gestione computer
Prompt dei comandi
Prompt dei comandi (amministratore)
Gestione attività
Pannello di controllo
Esplora file
Cerca
Esegui
Chiudi o disconnetti
Desktop

Programmi e funzionalità
Questo pulsante avvia la sezione che ti permette di disinstallare o
modificare i programmi. Cliccando sopra al programma potrai infatti avviare
la procedura di disinstallazione o modificarne i parametri.

Opzioni spegnimento
Da qui accedi alla sezione per personalizzare il risparmio energetico del
tuo dispositivo. Puoi ottenere le migliori prestazioni a scapito di un maggior
consumo o degradarle risparmiando energia o ancora scegliere un equilibrio tra
le due precedenti opzioni.
Visualizzatore eventi
In questa sezione vengono memorizzati tutti gli eventi che avvengono nel
computer, al sistema operativo ed ai programmi. Utile in caso di ricerca
guasti.
Sistema
La sezione fornisce informazioni di base relative al PC. Edizione di
Windows, tipo di processore, quantità di R.AM., nome computer e gruppo di
lavoro e stato di attivazione.
Gestione dispositivi
Questa è la sezione dedicata ad interagire con l’hardware installato nel PC.
Puoi rimuovere i driver, aggiornarli, visionare le proprietà delle
periferiche o disattivarle.
Connessioni di rete
Qui puoi vedere le connessioni disponibili per il tuo dispositivo ed
interagire con le stesse. Puoi attivare o disattivare la connessione, eseguire
diagnosi, visionare le proprietà, ecc.
Gestione disco
La sezione dedicata alla gestione delle partizioni dei dischi rigidi o
periferiche di archiviazione del computer. Attenzione nella sua gestione
perché puoi ridimensionare, eliminare, formattare, rinominare, ecc.

Gestione computer
Una sezione molto corposa che permette una piena gestione del computer.
Impostare delle pianificazioni, visionare gli eventi e le prestazioni
hardware, gestire le cartelle da condividere, gli utenti connessi al PC e
le unità di archiviazione. Una buona conoscenza è importante per utilizzare
questa sezione.
Prompt dei comandi (amministratore)
La doppia sezione del Prompt dei comandi prevede l’apertura di una
finestra in cui inserire i comandi di riga come utente normale o come
utente con diritti di amministrazione. Questo secondo caso è necessario in
quanto alcune funzioni sono eseguibili solo se si è in pieno possesso dei diritti
di amministrazione della macchina.
Gestione attività
Apre una finestra utile per visionare quali processi e applicazioni sono
avviati con possibilità di terminarli con un semplice clic del mouse.
Delle colonne evidenziano l’impiego delle risorse del PC. Altre sezioni
prevedono la possibilità di monitorare le prestazioni delle risorse, la cronologia
delle applicazioni utilizzate, quali si avviano all’accensione del PC, gli utenti
collegati ed i dettagli delle applicazioni utilizzate e la gestione dei servizi di
Windows.
Pannello di controllo
Avvia la corposa sezione del Pannello di Controllo del sistema
operativo dove puoi gestirlo in maniera granulare. Tutto passa di qui
anche se probabilmente col tempo sparirà trasferendosi nella nuova sezione
delle “Impostazioni”.
Esplora file
Avvia il programma di esplorazione dei file e cartelle.
Cerca
Apre una finestra con cui potrai eseguire le ricerche all’interno del tuo
dispositivo o sul web. Interagirai via tastiera o voce tramite l’assistente
vocale Cortana.
Esegui
Apre una piccola finestra con cui potrai avviare i programmi semplicemente
digitando il loro nome o la relativa sigla.

Chiudi o disconnetti
Visualizza le opzioni di alimentazione del computer. Puoi spegnere il PC,
riavviarlo, mandare in sospensione il computer o disconnettere
l’utente (Esci).
Desktop
Semplicemente permette di visualizzare il desktop se hai molte
finestre aperte. Come potrai vedere ogni sezione presenta molte altre opzioni
e per questo ti rimando alle spiegazioni svolte nelle precedenti lezioni trattate
per Windows 7 e 8.1, in quanto praticamente identiche a queste presenti in
Windows 10.
Nella lezione 176 di nuovo il Pannello di controllo.
Oggi ti parlerò del “Pannello di controllo” di Windows 10. Già hai avuto
modo di conoscerlo e visionarlo nella lezione 96 e rispettivo videotutorial per
Windows 7 e nella lezione 154 con annesso video per Windows 8.1 Update.
Troverai delle differenze ed uguaglianze tra Windows 10 ed i precedenti, ma
sono senz’altro utili come approccio iniziale e supporto.

Come accedo?
Cliccando col tasto destro del mouse sul pulsante “Start”. Dalla lista clicca
sopra il pulsante omonimo.

Cosa vedo?
Quando accedi al pannello, puoi selezionare il tipo di visualizzazione delle
ulteriori sezioni del sistema operativo in 3 modalità.
Potrai visualizzarle per:


Categoria
Icone grandi
Icone piccole

Selezionando per “Categoria” ogni sezione sarà raggruppata per tipologia.
Non avrai quindi una visione globale delle sezioni perché suddivise appunto per
categoria. La visione per Icone grandi o piccole è a mio modo di vedere più
esplicita per una visione d’assieme e per completezza. La lista delle sezione
contiene delle voci comuni ai vari sistemi operativi, ma alcune sono

diverse per versione ed anche per software installati. Le categorie
diverse rispetto a Windows 7 e Windows 8.1 o inserite in altre zone sono:


Lingua
Opzioni Esplora file
Sicurezza e manutenzione

Lingua
Consente di personalizzare le preferenze della lingua e le impostazioni
internazionali. Se vuoi cambiare la lingua di visualizzazione e/o di input con
la tastiera o la formattazione di data, ora e numeri potrai aggiungerne e,
tramite la connessione internet, scaricare il language pack se disponibile.
Opzioni Esplora file
Personalizza la visualizzazione di file e cartelle quando si avvierà il programma
“Esplora file”. È la stessa funzione di “Opzioni cartella” nei precedenti
sistemi operativi.
Sicurezza manutenzione
Consente di rivedere i messaggi recenti e di risolvere i problemi del
computer. Sono tutte notifiche di qualcosa che non rientra nella normale
attività di manutenzione e sicurezza. Mancanza di antivirus o suo non
aggiornamento, firewall disattivato, backup non trovato o non realizzato,
controllo account utente non attivato, problemi di funzionalità Windows rilevati,
ecc.
Nella lezione 177 ho introdotto l’ultimo corposo aggiornamento importante
messo a disposizione della Microsoft lo scorso agosto chiamato Anniversary
update per Windows 10.

Cos’è?
È un aggiornamento gratuito rilasciato in
corrispondenza del primo anniversario dal
rilascio di Windows 10. La versione è
numerata con codice 1607 che potrai
verificare mandando in esecuzione il
comando “winver” dalla casella “Esegui”
o dal “Prompt dei comandi”.

Quali novità?
Ecco cosa andrà ad intaccare principalmente:
 Interfaccia menù “Start” diventa più compatto comprendendo tutti i
pulsanti per l’interazione
 Windows ink per scrivere sullo schermo del dispositivo come se
usassimo la penna su un foglio di carta
 Cortana migliorata l’assistente vocale
 Microsoft Edge con migliori prestazioni ed integrazioni delle estensioni
 Windows Defender per un aumento della protezione del PC
 Windows Hello per l’accesso e autenticazione biometrica
 Centro operativo con più opzioni
 Aggiornamenti con una gestione più personalizzabile

Come lo ottengo?
Puoi avviare l’aggiornamento in maniera manuale dal sito della Microsoft.
Cliccando sul pulsante “Aggiorna ora” scaricherai un eseguibile Windows 10
Upgrade.
Puoi ottenere invece il file
“ISO” tramite il pulsante
“Scarica ora lo
strumento”. Scaricherai
un piccolo programma
Media Creation Tool che ti
permetterà di scaricare il
file ISO e creare il
supporto con il quale eseguire l’aggiornameno o l’installazione. Il download
del file immagine è di circa 3GB. Queste due possibilità sostanzialmente
portano allo stesso risultato. Dopo aver scaricato il file ed avviando l’eseguibile,
partirà una procedura guidata che ti porterà ad aggiornare Windows 10 in
modo simile a quanto hai visto fare nei passaggi da Windows 7 o 8.1
Update verso Windows 10 nella lezione 169 con tutorial annesso o per
eseguire un’installazione pulita nella lezione 170 e videotutorial.
Potrai semplicemente aggiornare il sistema operativo o creare un
supporto d’installazione (DVD o USB) ed eseguire successivamente
l’aggiornamento come visto nella lezione 168 e video. Durante
l’aggiornamento, i file ed i programmi installati non verranno intaccati
a meno che non impieghi il file ISO, nel qual caso durante il processo potrai
decidere se mantenere i tuoi file e programmi o spazzare via tutto con
un’installazione pulita. Creando un supporto ti sarà utile per installare

Windows 10 (1607) o aggiornarlo su più PC. Avviato l’aggiornamento, in
una prima fase verranno verificate le caratteristiche del tuo PC per rilevare
eventuali conflitti. Successivamente verrà eseguito il download con un
tempo variabile. In seguito avverrà la vera fase di aggiornamento.
Terminato l’aggiornamento, in caso di problemi, potrai tornare alla versione
precedente come spiegato nella lezione 172 e videotutorial. Quanto appena
scritto è valido solo se hai eseguito un aggiornamento mantenendo file
e programmi. Nel caso avessi aggiornato alla versione 1607 con
installazione pulita, non ci saranno più i file necessari per tornare
indietro. Se tutto funziona correttamente, è conveniente liberare un bel po’
di spazio nel disco rigido eliminando svariati GB di cartelle e file di
aggiornamento e la precedente versione di Windows 10. Aprendo “Esplora
file” sotto la cartella C potresti trovare le seguenti cartelle:


ESD
Windows.old
Windows10Upgrade
L’operazione potrebbe avvenire in
automatico su richiesta del sistema
operativo, al presentarsi del desktop
post aggiornamento.

Nella lezione 178 ti ho descritto il centro notifiche.

Cos’è?
È una funzione che permette di interagire con il sistema
operativo ed i programmi installati grazie a delle
notifiche che esso o programmi ti forniscono. Si trova nella
systray in basso a destra accanto all’orologio. Quando il sistema
operativo o un programma devono fornirti una notifica, lo fanno
in questa sezione. È costituito da un piccolo rettangolo in
trasparenza, tipo fumetto, che diventa bianco quando il sistema
deve comunicarti una notifica.

Come funziona?
Cliccandoci sopra compare una barra laterale in cui trovi una descrizione della
notifica che ha avuto evento. Cliccando a sua volta sulla notifica potrai
ottenere ulteriori informazioni sulla stessa, interagire col programma
che l’ha generata o più semplicemente cancellarla cliccando sulla
classica “X”. In basso alla barra trovi altri pulsanti per “azioni rapide” che ti
permetteranno di accedere a varie sezioni per cambiare le impostazioni del
computer. Questa ultima sezione è personalizzabile; potrai decidere quali
pulsanti far comparire. I pulsanti che
possono comparire sono:








Rete
Tutte le impostazioni
Connetti
VPN
Nota
Modalità tablet
Posizione
Non disturbare
Proietta

Il primo pulsante “Rete” ti permette di
accedere alle impostazioni della tua rete,
vedere i parametri o disattivarla. Tutte
le impostazioni entri nel cuore del
sistema operativo con la possibilità di
visionare e cambiare tutto o quasi. Il
pulsante Connetti ti permette di
collegare il PC a periferiche esterne come
schermi o dispositivi senza fili o
proiettare qualcosa sul tuo schermo da
periferiche esterne. Con VPN puoi creare
una virtual private network, una rete
virtuale privata con cui poter navigare
migliorando la tua sicurezza. Con Nota
puoi appuntare ciò che devi ricordarti
come avessi un post-it sfruttando il programma OneNote della suite di Office.
“Modalità tablet” trasforma la visualizzazione per l’uso di un tablet. L’opzione
“Posizione” attiverà la geolocalizzazione del tuo dispositivo per poter essere
impiegata da alcuni programmi che lo richiedono. Il pulsante Non disturbare
attiva la modalità per non essere disturbati, quindi niente notifiche dai

programmi. L’ultimo di questa lista “Proietta” permette di scegliere come
visionare il desktop se solo su un monitor o più avendone a disposizione.
La lista appena descritta potrà variare in base all’edizione del sistema
operativo, eventuali aggiornamenti installati o dispositivi utilizzati. Inoltre non
tutte saranno attivabili se il dispositivo che utilizzi non supporta tale
funzionalità. Per decidere quali di questi pulsanti far comparire e quali
nascondere vai su “Tutte le impostazioni” e poi clicca sulla sezione
“Sistema”. Nella nuova finestra scegli “Notifiche e azioni” ed infine sotto la
sezione azioni rapide trovi “Aggiungi o rimuovi azioni rapide”.
Cliccaci sopra e scoprirai dei cursori ti consentiranno di attivare o disattivare
l’icona di collegamento nel centro notifiche. Tornando indietro nella sezione
notifiche, vari cursori imposteranno tipologie di notifiche o ancora mostrarne o
no. Infine puoi decidere se avere notifiche da alcuni programmi (mittenti).
Possono anche variare in base ai programmi installati. Per disattivare l’icona
del centro notifiche invece clicca in una zona
vuota sulla barra delle applicazioni e scegli
“Impostazioni”. Nella finestra avrai già la
selezione su “Barra delle applicazioni”;
scorri finché trovi la zona “Area di notifica” e
clicca su “Attiva o disattiva icone di
sistema”. Spostando il cursore del “Centro
notifiche” scomparirà dalla vista nella
systray. Puoi anche scegliere quali altre icone
visualizzare o meno nella systray. Tornando
indietro nell’Area di notifica trovi anche un
altro pulsante “Seleziona le icone da
visualizzare sulla barra delle
applicazioni.” Un cursore in alto permette di
raggruppare le icone se disattivato oppure di
visionarle tutte. Altri cursori ti permetteranno di personalizzare le icone da
scegliere.
La lezione 179 è dedicata all’assistente vocale di Windows
10 chiamata Cortana.

Cos’è?
È l’assistente vocale digitale di Windows 10. Lo scopo è
aiutarti, nell’uso del pc e/o dispositivi, con le attività
quotidiane. Maggiore sarà il tuo utilizzo, più personalizzata
alle tue esigenze sarà l’esperienza d’uso e le performance

dei risultati.

Come funziona?
Se hai la necessità di cercare qualche informazione su internet, nel tuo
computer o avviare un’applicazione puoi utilizzare l’assistente. Nella
barra delle applicazioni trovi una casella con cui puoi interagire. Qui è di stanza
Cortana. Nella casella di
testo, “chiedimi qualcosa”,
potrai digitare ciò che cerchi.
In alternativa se hai un microfono collegato al tuo PC, cliccando sull’icona
relativa, potrai parlare
direttamente con l’assistente
per chiedere informazioni o
avviare programmi. Con un tempo
variabile, ma di norma molto
breve, in base all’elaborazione
della tua richiesta l’assistente ti
evidenzierà ciò che hai cercato
nella colonna della sua sezione o
eseguirà quanto richiesto. Per il
microfono è necessario che sia
attivo, funzionante e
configurato. Dalla sezione delle
impostazioni, clicca sulla sezione “Data ora e lingua”. Da qui nella sezione
“Microfono” seleziona il cursore dello stesso attivandolo ed eventualmente
seleziona le applicazioni che possono usarlo, agendo in base alle tue necessità.
Poi, recati nella sezione “Riconoscimento vocale, input penna e
digitazione” ed infine sul pulsante “Per iniziare” che si trova sotto
microfono. Lo configurerai in base alla tua voce per migliorare i risultati. Ora,
ancora sotto, trovi la sezione “informazioni correlate” e quindi clicca sulla
frase di sotto sulle impostazioni sulla privacy. Nella nuova pagina trovi “Info
su di te”. Leggi e dovresti cliccare su ”Familiarizza con me”. Una volta
attivata questa funzione la puoi disattivare cliccandoci di nuovo sopra. La lista
delle operazioni che ti permette di eseguire l’assistente è molto ampia.
Ecco un accenno:




Visualizzare promemoria in base a data/ora, luoghi o persone
Monitorare pacchi, squadre, interessi e voli
Inviare e-mail e SMS
Gestire il tuo calendario e mantenerti aggiornato
Creare e gestire elenchi











Chiacchierare e giocare
Trovare dati, file, luoghi e info
Aprire qualsiasi app nel tuo sistema
Ottenere informazioni su condizioni meteo e temperatura
Ottenere notizie varie su diversi argomenti
Ascoltare musica e/o riconoscere una canzone
Eseguire operazioni matematiche
Impostare un allarme o sveglia
Info su traffico e percorsi
Intrattenimento
Ecc.

Inoltre sulla colonna di sinistra trovi dei pulsanti:
1.
2.
3.
4.

Home
Appunti
Impostazioni
Feedback

Il pulsante “Home” ti riporta alla schermata iniziale
di Cortana. Il secondo pulsante ti permette di
prendere appunti rapidamente. Con impostazioni
gestisci i settaggio di Cortana. Con l’ultimo puoi
inviare feedback per l’assistente. Come contorno se
hai un telefono con Windows installato oppure un
qualsiasi altro telefono con l’assistente Cortana
installata potrai sincronizzare le notifiche tra computer e cellulare. Potrai
avviare il dialogo con l’assistente anche in automatico se esegui
un’impostazione ben definita. Una volta aperta la sezione d’interfaccia
dell’assistente, clicca sul pulsante delle impostazioni e attiva l’opzione :
“Permetti a Cortana di rispondere a Ehi Cortana”.
Ora senza cliccare sull’icona del microfono potrai
semplicemente chiamarla ed interagire con lei. Sta
a te determinare la varietà d’informazioni e modus
operandi nell’interazione con l’assistente, non
limitando la creatività nel sapere cosa chiedere.
Per il completo funzionamento è anche
necessario l’accesso alla posizione e all’account
Microsoft. Per completezza la Microsoft indica che
alcune funzionalità dell’assistente potrebbero non
essere disponibili in tutti i paesi. Infine una nota sulle
ricerche. Cortana utilizza il motore Bing e tutte le
ricerche eseguite vengono memorizzate, per renderlo
più personalizzabile alle tue aspettative, ma possono essere cancellate

dall’icona a forma di libro cliccando sul pulsante “Gestisci tutto quello che
Cortana sa di me”. Si accede ad una pagina dove poter rimuovere i dati
memorizzati. Nel caso tu voglia, dicendo la parola “Aiuto” potrai ricevere
informazioni sui comandi da impostare. Le informazioni descritte si
riferiscono alla versione Windows 10 Anniversary update, quindi
eventuali differenze sono possibili in successivi aggiornamenti o tua versione
ancora non aggiornata. Ultima cosa. Cortana si può non utilizzare, ma la sua
disattivazione può avvenire solo agendo nel cuore del sistema
operativo. Se non la vuoi utilizzare, nascondi la sua interfaccia, clicca in una
zona vuota della barra delle applicazioni col tasto destro del mouse, individua
la voce “Cortana” e scegli “Nascosta” dal menù.
Nell’ultima lezione della decade siamo andati a vedere la sezione delle
impostazioni in Windows 10.

Cos’è?
In Windows 10 trovi questa sezione dedicata alle impostazioni già presente
in Windows 8, ma notevolmente più ampia ora. È la sezione che probabilmente
prenderà il posto del Pannello di controllo, comunque ancora accessibile nel
sistema operativo. Forse già avrai visto che alcune opzioni di quest’ultimo
rimandano alla sezione delle impostazioni di seguito spiegata. In questa
stanza potrai personalizzare il tuo sistema operativo, configurarlo e
cambiarlo.

Come accedo?
La più rapida è cliccare sul
pulsante “Start” ed individuare
l’icona ingranaggio che ti proietta
in questa sezione.

Cosa vedo?
Una pagina con dei pulsantoni
che corrispondono a varie
categorie, ognuna delle quali
presenterà altre sottosezioni in
cascata, stile struttura ad albero
tipo esplora file. Ci sarà da
perderci le testa per quante ce ne
sono. Alcune richiameranno quanto

trattato nelle sezioni del Pannello di controllo dei precedenti sistemi operativi,
altre saranno nuove o seminuove. Nel corso del prosieguo dell’attività, questa
sezione potrebbe anche subire implementazioni da parte della Microsoft. Nel
momento in cui scrivo le categorie sono:
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.

Sistema
Dispositivi
Rete e Internet
Personalizzazione
Account
Data/ora e lingua
Accessibilità
Privacy
Aggiornamento e
sicurezza

1. Sistema
La prima sezione ti permette di configurare le impostazioni dello schermo,
delle notifiche, delle applicazioni, mappe, dell’alimentazione del PC,
ecc.

2. Dispositivi
Sezione utile per visionare, installare e configurare periferiche come
stampanti/scanner, tastiere, mouse e dispositivi bluetooth, gestire l’autoplay,
la digitazione, ecc.

3. Rete e Internet
Per visionare, gestire e configurare una rete via cavo, wireless, remota,
virtuale, tramite proxy, ecc.

4. Personalizzazione
Puoi personalizzare il tuo desktop con colori, sfondo, schermata di blocco,
tema, suoni, menù start e barra di applicazioni.

5. Account
Per impostare visionare e selezionare l’account di accesso a Windows
10 in locale o tramite account Microsoft. Ricorda che alcune funzionalità di
Windows richiedono l’accesso tramite quest’ultimo per poter funzionare. Anche

per variare la password, il pin o accesso a rete aziendale o aggiungere utenti
potrai recarti in questa sezione, ecc.

6. Data/Ora e lingua
Per variare le impostazioni e formato di data, ora, lingua, impostazioni
microfono, area geografica ed altro.

7. Accessibilità
Per gestire le impostazioni, per chi presenta problemi nell’uso del PC per
la vista, in gestione del mouse, della tastiera, sottotitoli o assistente vocale.

8. Privacy
Sezione ampia per gestire la privacy nel sistema operativo. In pratica
raffinerai la gestione delle informazioni e l’utilizzo delle periferiche in base ai
programmi installati. Decidere entro certi limiti ciò che la Microsoft può sapere
su di noi, i contatti, programmi impiegati, calendario, E-mail, chiamate,
messaggi, la nostra posizione e sul nostro utilizzo del dispositivo e molto altro.
Utile anche per poter rendere Windows 10 plasmato alle nostre necessità.

9. Aggiornamento e sicurezza
Forse la sezione più importante in quanto detiene le impostazioni per
mantenere aggiornato il sistema operativo come il vecchio Windows
Update, poter eseguire un backup per la salvaguardia dei dati e del sistema
operativo stesso ed eventualmente porre rimedio ad un malfunzionamento
con un ripristino. Inoltre gestire la sicurezza con il programma antivirus
Windows defender integrato in Windows 10. Anche info sullo stato di
attivazione del sistema operativo o aggiornare il product key. Se sei uno
sviluppatore o sperimentatore, questa è la tua sezione per poter accedere al
programma Windows Insider per ottenere in anteprima le novità dei
successivi aggiornamenti e renderti utile allo sviluppo e miglioramento del
sistema operativo. Nell’arco dei prossimi mesi tratterò queste sezione, anche
se non sarà possibile effettuare una spiegazione dettagliata per ovvie ragioni di
quantità delle stesse.
Bene sei pronto/a per il quizzone.
Ora un forte saluto e Stay Tuned… Till death do us part! Ciao Goodlier.

Carlo
P.S.= Buona formazione e condivisione Goodlier.
Puoi scegliere di seguire il percorso anche su:




YouTube
Facebook
Twitter
Pinterest
Google +

NOTE PER IL LETTORE E POSSESSORE:
LICENZE D’USO
Quest'opera è stata rilasciata sotto la licenza Creative
Commons Attribution - NonCommercial-NoDerivs 2.5 Italy.
Per leggere una copia della licenza visita il sito web:
http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/it/ o
spedisci una lettera a Creative Commons, 171 Second Street,
Suite 300, San Francisco, California, 94105, USA.
This opera islicensed under a Creative Commons Attribuzione
- Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia License.
Tu sei libero: di riprodurre, distribuire, comunicare al
pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e
recitare quest'opera.
Attribuzione — Devi attribuire la paternità dell'opera nei modi
indicati dall'autore o da chi ti ha dato l'opera in licenza e in
modo tale da non suggerire che essi avallino te o il modo in
cui tu usi l'opera.
Non commerciale — Non puoi usare quest'opera per fini
commerciali.
Non opere derivate — Non puoi alterare o trasformare
quest'opera, ne' usarla per crearne un'altra.