You are on page 1of 17
Sono forte o no? Mi piace arrivare a delle c onclusioni, specialmente nel mondo del bodybuilding.

Sono forte o no?

Mi piace arrivare a delle conclusioni, specialmente nel mondo del bodybuilding. Mi piace dire “ohhhh, finalmente ho capito”.

... ... non la usa c'è La Raw Powerlifting Federation viene al caso
...
...
non la usa
c'è
La Raw Powerlifting Federation viene al caso

E qui, finalmente, metto una pietra sopra una questione che mi ha sempre interessato: determinare una scala di misura OGGETTIVA per dire “sono bravo” o “faccio pena”.

(Squillino le trombe, please) Qui c'è la risposta!

Questo è un articolo per i nerd dei topi da biblioteca, quelli con gli occhiali più spessi di tutti. Non è nemmeno un pezzo per fare colpo sulle donne, perciò i grossi possono non leggere.

L'articolo di Ado sul ranking è stato illuminante, perchè mi ha fornito un sacco di idee incredibili, e questo pezzo è la continuazione e conclusione di quest'altro

In pratica Ado ha scartabellato sul web e ha trovato la Raw Powerlifting Federation, una federazione americana di PL dove non sono ammesse attrezzature tipo corpetti, maglie e fasce. Il powerlifting raw (raw – grezzo, cioè senza “nulla addosso” a differenza di quello geared – attrezzato) è più vicino ai movimenti da palestra dato che si tratta di una codifica tramite regolamento delle alzate classiche da palestra, panca, squat, stacco.

Mi raccomando, non voglio innescare polemiche idiote sull'uso dell'attrezzatura (solitamente da parte di chi manco l'ha mai usata ma che pone la discussione come se questa roba fosse “barare”). Io ho usato tutto il set di roba da PL, l'ho usato e lo riutilizzerò, ho un rapporto di amore e odio fortissimo proprio perchè usare questa roba è difficile e complicato. Il PL dell'IPF è geared, con tutte le abilità per usare questi strani tools. Un lifter che usa l'attrezzatura deve avere una abilità in più, non in meno rispetto a un lifter che non la usa.

Però le classifiche geared non ci aiutano a trovare statistiche utilizzabili in palestra, perchè

l'attrezzatura e il tizio da palestra

.. nostro per fare un po' di conti: mi sono scaricato i ranking del 2005, 2006, 2007 in modo da avere

una piccola base dati su cui lavorare.

Poi un bel po' di artigianato informatico: estrazione delle tabelle da .pdf a .xls, preparazione dei dati, un po' di minimi quadrati e di funzioni approssimanti, una spruzzatina di risolutore di Excel che è uno strumento fantastico, pacchi di tabelle, grafici colorati per fare scena. Et voilà, la parvenza di uno studio scientifico che sembra uno studio scientifico ...

Sono forte o no? Mi piace arrivare a delle c onclusioni, specialmente nel mondo del bodybuilding.

Quelli che vogliono solo il risultato finale possono leggere il paragrafo Tabellina e Graficino, e capire subito se “sono forti”

Regole generali

Le regole per le tre alzate di questa federazione sono praticamente identiche a quelle IPF, che sono severe e rendono le alzate molto impegnative. In pratica, 100Kg di squat e 80Kg di panca seguendo questo regolamento non sono risultati che capitano per una botta di culo (è un tecnicismo, non so se è chiaro il concetto di botta di culo), ma sono sicuramente tutti meritati.

Brevemente, cco a cosa dovete essenzialmente attenervi:

  • Nella panca e nello squat il movimento inizia su comando di qualcuno, pertanto fatevi dare

1
1

il via da un amico, che deve farvi partire quando siete completamente fermi e stabili

  • Nello squat dovete scendere fino ad avere il punto superiore del ginocchio sopra la cresta iliaca, oppure, in un'altra formulazione, deve essere evidente che il femore dalla parte dell'anca è circa 5 centimetri più basso che dalla parte del ginocchio (ok, non è la regola ma

...

dài

...

fare così va bene)

  • Nella panca dovete appoggiare sullo schienale con le spalle e la parte alta delle chiappe, i piedi devono essere completamente a contatto con il suolo, l'apertura massima delle mani è di 81 centimetri misurati fra gli indici (non sto a dire che il centro del bilanciere deve

corrispondere con il centro del vostro naso ... )  Nella panca si appoggia il bilanciere
corrispondere con il centro del vostro naso
...
)
Nella panca si appoggia il bilanciere sul petto e si riparte su comando, perciò fatevi dare il
via (o press) da un vostro amico che dovrà farvi ripartire dopo una evidente pausa al petto
Nello stacco non dovete infilare le ginocchia sotto il bilanciere, e dovete riappoggiare su
comando.
Tutti i movimenti sono validi se sempre in una stessa direzione e simmetrici, perciò non è
possibile che il bilanciere torni indietro, anche se si può fermare, né avere il bilanciere storto
Tutti i movimenti si chiudono ad articolazioni bloccate, e ci deve essere qualcuno che vi
dice che l'alzata è finita, verificando che siate nella posizione finale in maniera stabile.
Non mi sembra poi niente di trascendentale, fate così e avrete delle alzate belle da vedere a parità di
Kg rispetto a chi non esegue in questo modo. Poi, se siete dei maniaci della massa e fate la panca a
10 centimetri dal petto perchè così lo stimolo è maggiore, che dire
guida, questo è sicuro.
...
meglio voi di uno che beve e
Però per confrontarvi con quello che scriverò dovete seguire queste regole, perchè sono quelle
seguite dalle persone da cui ho ricavato le statistiche.
Una domanda a cui è difficile rispondere
Una domanda interessante è questa: sulla base del mio peso, quale è un “buon risultato” nelle tre
alzate classiche da palestra?
Il riferimento al proprio peso corporeo è necessario per equiparare i risultati: uno di 100Kg
solleverà più Kg rispetto a uno di 50Kg, e serve un criterio di confronto.
Come risposta non ci sono altro che i numerelli di McRobert, da cui viene che un buon risultato è
dato dal 150%, 200%, 250% del proprio peso corporeo rispettivamente in panca, squat, stacco.
Se io peso 80Kg, un ottimo risultato in una garetta semi-seria in palestra sarà pertanto dato dalle
seguenti alzate: 120-160-200.
E' così? O c'è qualcosa che non funziona bene? Mmmmm a senso tutti dopo un po' capiamo che c'è
qualcosa che non gira bene.
Se pesassi 70Kg l'equivalente sarebbe 105-140-175, se pesassi 90Kg l'equivalente sarebbe 135-180-
225. Stiamo parlando di persone di 70Kg, 80Kg, 90Kg “muscolose” allo stesso modo, ma risulta
evidente nell'esperienza in palestra che è più facile vedere uno di 70Kg fare 105Kg di panca che
uno di 90Kg farne 135Kg.

Il peso relativo è cioè un primo approccio al problema, ma mostra abbastanza velocemente dei limiti importanti.

Il problema

Dopo un po' che si bazzica l'ambiente si scoprono i coefficienti Wilks che in pratica cercano di equiparare le prestazioni di atleti di corporature diverse. I risultati sono molte volte inaspettati, e chi non è abituato a maneggiarli di solito contesta (perchè in pratica i coefficienti “avvantaggiano”

il via da un amico, che deve farvi partir e quando siete completamente fermi e stabili

2

quelli pesanti).

Noi ricostruiremo adesso un po' di coefficienti, diciamo i coefficienti di LittlePavel, così non ci confondiamo ..

Alla fine fornirò un sacco di tabelline simpatiche, e potrete scordarvi di tutta questa pallosità, però come diceva il mio professore di Analisi, “almeno una volta nella vita dovete vedere perchè certe cose funzionano”. Vediamo la teoria.

La regola del peso relativo prevede che variazioni lineari di peso corporeo comportino variazioni lineari nella forza, cioè se Tizio pesa 10Kg più di Caio, i 10Kg diventano 15Kg in più di panca, perchè una panca “forte” è data dal 150% del proprio peso corporeo, e questo vale anche per tutte le variazioni.

quelli pesanti). Noi ricostruiremo adesso un po' di coefficienti, diciamo i coefficienti di LittlePavel , così

Ora vi chiedo di seguire un ragionamento di principio, che però è la spiegazione che viene utilizzata in questi casi, supportata da evidenze empiriche riconosciute.

Sappiamo che peso corporeo e il relativo volume siano fra loro proporzionali (quello strano simbolo fra P e V) tramite la densità corporea, ma il volume sarà proporzionale a sua volta ad una lunghezza al cubo. Perciò il peso e la lunghezza sono proporzionali tramite un legame non lineare.

Sappiamo che la forza è proporzionale alla sezione muscolare, che a sua volta è proporzionale ad una lunghezza al quadrato. Sostituendo alla lunghezza il precedente risultato si ottiene che la forza non è proprozionale al peso tramite un legame lineare, ma non lineare.

quelli pesanti). Noi ricostruiremo adesso un po' di coefficienti, diciamo i coefficienti di LittlePavel , così

Lo so che tutta questa trattazione sa di magia matematica, perchè è labile il passaggio verso la lunghezza. E' importante notare che deve comunque esistere un legame fra lunghezza di un muscolo, suo volume e sua sezione trasversa: per quanto possa essere complessa questa legge, sostituendola nelle formule si ottiene che la forza è comunque proporzionale al peso tramite un legame non lineare, non alterando il senso del risultato.

A senso (vi chiedo di usare molta visualizzazione) uno di 100Kg non ha il bicipite il doppio di quello di uno di 50Kg, perciò fra peso e sezioni muscolari (perciò forza) non c'è un legame di proporzionalità lineare.

Un po' di dati

Ho estratto i risultati di 338 atleti che hanno concorso in gare complete, suddivisi in varie categorie

quelli pesanti). Noi ricostruiremo adesso un po' di coefficienti, diciamo i coefficienti di LittlePavel , così

3

di peso in questo modo:

di peso in questo modo: Le categorie sono le conversioni in Kg dell'equivalente in libbre, per
di peso in questo modo: Le categorie sono le conversioni in Kg dell'equivalente in libbre, per

Le categorie sono le conversioni in Kg dell'equivalente in libbre, per questo non ci ritroviamo con le nostre, lo stesso per le alzate.

A sinistra il grafico delle alzate per categoria

Per ogni categoria di peso riporto tutte le alzate dei vari atleti, per questo compaiono tutte quelle strisce verticali.

Non sono i dati che vorrei, in quanto avrei preferito per ogni alzata il peso reale dell'atleta e non la sua categoria, ma questo passa il convento e ci adatteremo. Del resto non è che dobbiamo mandare lo shuttle in orbita e un errore non ucciderà nessun astronauta.

Posso adesso operare in questo modo:

  • Per ogni categoria e per ogni tipo di alzata (panca, squat e stacco) calcolo la media di tutti i valori. In pratica passo dalle “strisce di punti” sui grafici a dei punti (uno per striscia)

  • Calcolo il rapporto di questi numeri con il peso della categoria stesso, determinando pertanto la percentuale di peso corporeo sollevato

A questo punto ho quello che voglio: dei valori che mi dicono quanto devo essere forte sulla base del mio peso corporeo.

Se questo è il concetto, il procedimento sarà differente perchè cercherà una curva che approssimi i dati al meglio possibile, in modo da potermi calcolare i valori anche per pesi di atleti non contemplati nelle categorie.

Sono necessarie delle considerazioni sul campione di riferimento.

...
...

risultati

Notate come le categorie più basse abbiano anche molti

queste persone? Boh

... armi. In più la categoria inferiore mette tutti insieme,

sia quelli al limite, sia quelli 20Kg sotto.

Come scelta, perciò, elimino dall'analisi le categorie inferiori a 66Kg e superiori a 99Kg. In pratica, considero un intervallo di peso fra 66 e 99Kg che comprende quello del palestrato medio.

Non conoscendo la “qualità” degli atleti, suppongo che a queste gare partecipino persone di tutti i tipi (leggendo i risultati non può che essere così), tutti

di peso in questo modo: Le categorie sono le conversioni in Kg dell'equivalente in libbre, per

sorprendentemente bassi. Del resto, chi sono

magari gente alle primissime

di peso in questo modo: Le categorie sono le conversioni in Kg dell'equivalente in libbre, per

4

insieme: sia quello con 200 di squat a 80Kg, sia quello con 120 ...

Per evitare una dispersione dei dati considero per ogni gara su 3 alzate solo i migliori 5 partecipanti che di solito lottano tutti in un intervallo di pesi abbastanza contenuto.

Comunque, ho effettuato i confronti in una doppia analisi, considerando tutti gli atleti delle categorie interessate, sia i primi 5 di ogni manifestazione. Ho approssimato i dati con queste curve:

lineare, potenza, esponenziale, parabolica, e ho scelto la curva approssimante migliore.

Spero che vi basti questo come versione corta della descrizione metodologica, perchè quella lunga è più mortale di una nube di Yprite.

insieme: sia quello con 200 di squat a 80Kg, sia quello con 120 ... Per evitare
insieme: sia quello con 200 di squat a 80Kg, sia quello con 120 ... Per evitare

Analisi della panca

insieme: sia quello con 200 di squat a 80Kg, sia quello con 120 ... Per evitare

Vi illustro comunque un risultato parziale, per la panca, tanto per avere un'idea del procedimento. Consideriamo la tabella in alto: la colonna Kg sollevati contiene le medie per ogni categoria dei sollevamenti effettuati, le altre i dati approssimati. La funzione approssimante che vince il tapiro è la “parabola”, non mi voglio buttare in considerazioni fisiologico-fantascientifiche sul perchè la parabola approssima la curva meglio dell'esponenziale.

Perciò ho una curva che approssima i miei dati e che allo stesso tempo mi permette di ottenere dati significativi anche per un peso di 68Kg, di 95Kg e così via.

La tabella in basso è il risultato considerando i primi 5 di ogni gara, anche in questo caso la “parabola” vince.

insieme: sia quello con 200 di squat a 80Kg, sia quello con 120 ... Per evitare

Nella tabella ho riportato i valori delle alzate per categoria, sia per l'analisi su tutto il campione che per quello limitato ai primi 5 di ogni manifestazione. Si nota come le medie dei “più bravi” siano maggiori dell'intero campione, una conferma di quello che ci aspettavamo.

Il maggiore incremento si ha nella categoria 67Kg, dove vi è una differenza di 5Kg. Questo

insieme: sia quello con 200 di squat a 80Kg, sia quello con 120 ... Per evitare

5

significa che c'è molta differenza, in categoria 67Kg, fra quelli più bravi e tutti gli altri. I dati, però, non ci dicono perchè ciò avvenga.

significa che c'è molta differenza, in categoria 67Kg, fra quelli più bravi e tutti gli altri.
è una ipotesi non supportata da nulla, e magari la spiegazione è che sono tutte ipotesi.
è una ipotesi non supportata da nulla, e magari la spiegazione è che
sono tutte ipotesi. Questa ipotesi si confermerebbe o confuterebbe con una

Più interessante è calcolare il rapporto fra i pesi sollevati e il peso corporeo. Nella tabella le ultime due colonne a destra sono il rapporto con il peso corporeo dei sollevamenti calcolati su tutto il campione e sui primi 5 più bravi.

E' interessante notare come i rapporti non siano costanti fra loro, ma abbiano un picco intorno alla categoria 81Kg. Mi sarei aspettato un andamento decrescente, invece di un comportamento simile:

all'aumentare del peso corporeo la forza relativa diminuisce.

Invece, in questo caso, le categorie centrali sono più forti di quelle estreme, che siano tutti gli atleti o solo quelli più bravi.

Sarebbe ulteriormente interessante uno studio dei dati dei primi due, o dei primi e basta, o dei record per ogni categoria. Ma questa non è una tesi universitaria, ma solo un modo di passare il tempo.

Potrei ipotizzare che le variazioni in diminuzione di peso corporeo rendano più problematico un

esercizio come la panca, ma

... c'è un errore nel metodo scelto, nel campione di riferimento.

Potrei ipotizzare che le categorie 67Kg sono composte da atleti giovani e non maturi rispetto ad un 81Kg che è il 67Kg cresciuto. Però la statistica sui primi 5 dovrebbe essere scremata di questi casi, dato che i primi 5 sono i più forti, e i più forti sono gli atleti maturi, anche nei 67Kg.

Potrei dire tutto, ma

... analisi per classi di età, semplicemente. Non avendo i dati, rimane una illazione. Faccio però presente che in moltissimi casi le persone tendono a prendere per buone le ipotesi come spiegazioni definitive o addirittura nemmeno le considerano, diffondendo il risultato finale e basta.

Questo è il punto: una analisi con metodi decenti su dati incontrollati può fornire dati sbagliati. Io vi dico tutte queste cose perchè siate coscienti dell'utilizzo che ne farete, poi se volete dire che i 67Kg sono delle seghe rispetto agli 81Kg, è una vostra scelta.

significa che c'è molta differenza, in categoria 67Kg, fra quelli più bravi e tutti gli altri.

Fatto sta che alla fine, i rappresentanti di questa federazione sono comunque esseri umani, appassionati di pesi, pertanto sicuramente più simili alle persone da palestra rispetto a dei recordman stellari. Mi sbilancio nel dire che questi risultati siano spendibili per il lettore di questo articolo.

Osservate la riga delle medie. In media si solleva nella panca al massimo il 142% del proprio peso corporeo. Non il 150% come da numerelli di McRobert. Non è una differenza di poco conto. Per me che sono 82Kg significa che “sono forte” se sollevo 116Kg oppure lo sono se sollevo 123Kg, 7Kg di differenza! Ho utilizzato la statistica sui primi 5 di ogni specialità, perchè se avessi usato l'altra con media al 138% sarei forte già con 113Kg.

Nel proseguimento delle analisi utilizzerò la statistica sui primi 5.

significa che c'è molta differenza, in categoria 67Kg, fra quelli più bravi e tutti gli altri.

6

Nel grafico ho riportato i pesi sollevati per categoria, e le percentuali rispetto al peso corporeo.
Nel grafico ho riportato i pesi sollevati per categoria, e le percentuali rispetto al peso corporeo.

Nel grafico ho riportato i pesi sollevati per categoria, e le percentuali rispetto al peso corporeo. Le categorie centrali sono le più “forti” in assoluto.

Nel grafico ho riportato i pesi sollevati per categoria, e le percentuali rispetto al peso corporeo.

Ecco il risultato finale: ho riportato per tutte le categorie una serie di curve:

  • La curva blu rappresenta il 150% del peso corporeo, la “regola McRobert”

Nel grafico ho riportato i pesi sollevati per categoria, e le percentuali rispetto al peso corporeo.

7

La curva viola rappresenta il 142% del peso corporeo, come da media calcolata sui primi 5

  • La curva rossa rappresenta il calcolo effettuato con i risultati per ogni categoria

In nessun caso, perciò, si supera il 150% del peso corporeo, perciò la regola McRobert sovrastima il risultato per “essere forte”. La curva al 142% sottostima “l'essere forte” per le categorie centrali che si avvicinano invece più alla regola McRobert.

L'ultima curva è quella che rispecchia maggiormente i dati e perciò sarà quella che useremo per la tabella finale.

Analisi dello squat

 La curva viola rappresenta il 142% del peso co rporeo, come da media calcolata sui
 La curva viola rappresenta il 142% del peso co rporeo, come da media calcolata sui

Ora che abbiamo capito come operare, ecco il risultato per lo squat. Anche in questo caso le categorie centrali sono quelle più forti, la differenza fra gli estremi è però minore che per la panca.

 La curva viola rappresenta il 142% del peso co rporeo, come da media calcolata sui

8

In media si solleva il 185% del peso corporeo, pe rciò anche in questo caso la
In media si solleva il 185% del peso corporeo, pe rciò anche in questo caso la
In media si solleva il 185% del peso corporeo, pe rciò anche in questo caso la

In media si solleva il 185% del peso corporeo, perciò anche in questo caso la “regola McRobert” sovrastima l'”essere forti” nello squat dato che per esserlo non occorre sollevare il 200% del proprio peso.

Analisi dello stacco

In media si solleva il 185% del peso corporeo, pe rciò anche in questo caso la

9

Ta tahhhh! Colpo di scena! Nello stacco l'andament o dei sollevamenti rispetto al peso corporeo è
Ta tahhhh! Colpo di scena! Nello stacco l'andament o dei sollevamenti rispetto al peso corporeo è

Ta tahhhh! Colpo di scena! Nello stacco l'andamento dei sollevamenti rispetto al peso corporeo è decrescente, seguendo cioè l'ipotesi che all'aumentare del peso la forza relativa diminuisce.

Perchè? Anche qui la risposta corretta dovrebbe essere: “non abbiamo sufficienti informazioni per spiegare il differente comportamento”, che abbreviata diventa “boh!”

Avrei delle ipotesi, una delle quali è che lo stacco è un esercizio che coinvolge tutti i muscoli del corpo, mentre la panca solo quelli della parte superiore, ma anche a “bassa abilità” rispetto allo squat. Perciò è maggiormente rappresentativo della forza pura, aderendo meglio alla legge non lineare descritta all'inizio dell'articolo.

10
10

Ma ...

sono ipotesi, e se non possono essere dimostrate, vale sempre il “boh!”

In media si solleva il 232% del peso corporeo, e anche nell'ultima alzata la “regola McRobert” sovrastima l'”essere forti” nello squat dato che per esserlo non occorre sollevare il 250% del proprio peso.

Tabellina e graficino

Ma ... sono ipotesi, e se non possono essere dimostrate, vale sempre il “boh!” In media
..
..

Ecco il risultato che vi interessa: “io sono forte se” leggendo il mio peso corporeo sulla riga di questa tabella scopro che sollevo in panca, squat, stacco quanto è scritto nelle tre caselline corrispondenti.

Non avevo il simbolo delle forbicine, peccato. Ritagliate la tabellina e appiccicatela su un

cartoncino. Poi appendetela ad un muro. Oppure plastificatela a colori il grafico seguente.

Ma ... sono ipotesi, e se non possono essere dimostrate, vale sempre il “boh!” In media

I più scientifici si possono stampare

Che vi piacciano o meno certi risultati, questi vengono da una analisi di una base statistica. Sono convinto che, per quanto il campione di riferimento non sia ben controllato, come regola del pollice potete utilizzare 142%-185%-232% invece di 150%-200%-250% per avere un risultato più realistico.

Tutto questo vale, ovviamente, se eseguite le al zate come descritto. Questo è assolutamente necessario. Altrimenti sballate ancora di più la statistica.

Per questo è inutile che mi diciate che in palestra c'è uno di 50Kg che alza 100Kg di panca. Come li solleva? Lo fa il fermo al petto? Riparte a comando?

E poi, siete forti solo se lo siete in tutti e tre gli esercizi, mentre in palestra c'è gente che di squat solleva quanto di panca perchè “io gioco a calcio e lo squat mi rallenta”.

Ma ... sono ipotesi, e se non possono essere dimostrate, vale sempre il “boh!” In media

11

Altre tabelline e altri graficini Ok, a questo punto abbiamo una bella tabella che ci dice
Altre tabelline e altri graficini Ok, a questo punto abbiamo una bella tabella che ci dice

Altre tabelline e altri graficini

Ok, a questo punto abbiamo una bella tabella che ci dice quanto siamo forti. Andiamo un po' oltre.

Sempre sul sito della Raw Powerlifting Federation è presente la classificazione degli atleti sulla base del totale delle alzate.

Altre tabelline e altri graficini Ok, a questo punto abbiamo una bella tabella che ci dice

Tutti i numeri si intendono drug-free, gli atleti sono drug-free, c'è l'antidoping. Per fortuna! Non sia mai che scelga le classifiche sbagliate, quelle dove c'è scritto “drug-addicted” ...

Nel grafico seguente un risultato interessante, a mio avviso: ho calcolato il rapporto percentuale fra i totali e i pesi delle categorie.

Notate come le curve non siano decrescenti, ma abbiano un massimo intorno alle categorie 67Kg, per poi scendere. Si evidenzia un comportamento simile a quello riscontrato nell'analisi delle singole alzate, e questo mi conforta: sembrerebbe che effettivamente non siano le categorie più leggere ad avere la forza relativa maggiore.

Sarebbe appunto interessante studiare i motivi.

Altre tabelline e altri graficini Ok, a questo punto abbiamo una bella tabella che ci dice

12

... ... ), e lo A questo punto, con un po' di magie matematiche ho rica
... ... ), e lo
...
...
),
e lo

A questo punto, con un po' di magie matematiche ho ricavato una possibile suddivisione delle classi per le singole alzate, è possibile costruire le tre tabelle allegate al termine dell’articolo che potete ritagliare, plastificare, inquadrare o semplicemente usare come carta igienica

Adesso faccio due conti, per provare:

Io peso 82Kg.

“sono forte se” sollevo 155Kg-119Kg-191Kg. Il totale di 465 mi porrebbe in un livello compreso fra Class II e Class I

In realtà ho in un test completo 190Kg-125Kg-230Kg. Il mio totale è pertanto 545Kg, che nel ranking della RPL mi pone ad un livello compreso fra Class I e Master

Se considerassi le mie tre alzate migliori ma effettuate in momenti diversi otterrei 200Kg-

140Kg-260Kg il cui totale è 600 che mi pone fra Master e Elite (wow stasera!)

offro la pizza a tutti

Se considero la classifica nelle 3 alzate separate, nello squat sono sempre fra Master e Elite, nella panca sono fra Class I e Master, nello stacco sono Elite.

 Conclusioni
Conclusioni

Questo a conferma di quanto sapevo: ho la panca indietro (ora poi nel post-crack stacco avanti. Del resto, io sono uno stacchista

In questo articolo spero di aver fornito informazioni utili per rispondere all'annosa domanda che da millenni viene espressa in palestra, in migliaia di varianti: “quanto sono forte”.

Attraverso le prestazioni degli atleti di una federazione di powerlifting che gareggia raw, cioè usando solo la cintura da sollevamento pesi, abbiamo ottenuto:

L'evidenza empirica che i numeri di McRobert sovrastimano i risultati necessari per essere considerati “forti”

Una nuova tabella per determinare quanto si debba sollevare nei tre “big” per essere considerati “forti” rispetto al proprio peso corporeo

... ... ), e lo A questo punto, con un po' di magie matematiche ho rica

13

  • Un ranking per classificare in maniera più precisa i valori delle alzate, direttamente dai criteri di questa federazione

Penso che ci sia materiale per molte riflessioni. Chi è interessato, posti i propri record per un confronto.

 Un ranking per classificare in maniera più pr ecisa i valori delle alzate, direttamente dai
 Un ranking per classificare in maniera più pr ecisa i valori delle alzate, direttamente dai

14

15
15
16
16
17
17