You are on page 1of 17

Amadori-Lussardi Introduzione alla teoria della relatività

Appendice A

A.1 Tensore energia−impulso nella materia
Le leggi di conservazione delle grandezze fisiche possono essere espresse in
modo generale ed in forma tensoriale partendo dalla seguente considerazione.
Consideriamo un ente fisico classico continuo indicato da m e caratterizzato dalla
funzione densità ρ(x, y, z, t) definita da
dm
%=
dV
dove V è il volume spaziale tridimensionale euclideo. La legge di conservazione
dell’ente m è allora espressa da

Z I
% dV = − %v dS (A.1)
∂t
dove il primo integrale è eseguito su di un dato volume, il secondo integrale è
eseguito sulla superficie che contorna il volume, dS = dS ·n è l’elemento di superficie,
essendo n il versore normale alla superficie stessa, e infine v è la velocità.
Questa equazione è detta equazione di continuità ed esprime il fatto che la
variazione nel tempo dell’ente contenuto all’interno di un volume assegnato eguaglia
la quantità di ente che entra od esce dal volume stesso. Introducendo la densità di
corrente j definita come j = %v l’equazione di continuità diventa

Z I
% dV = − j dS.
∂t
Applicando il Teorema di Gauss si ottiene
∂%
div j + =0
∂t
Questa è l’equazione di continuità in forma differenziale. Poniamoci ora in M4 e
definiamo il quadrivettore densità di corrente
J i = (c%, %x,
˙ %y,
˙ %z).
˙

113

Generalizzando ai tensori di tipo (1. Ciò rappresenta la generalizzazione di quanto già visto circa il moto di una particella nel campo gravitazionale. 1) l’equazione di continuità sarà data da ∇j Tij = 0. Consideriamo un sistema fisico formato da materia classica continua immersa in un campo gravitazionale. Questa definizione soddisfa le nostre esigenze. il campo gravitazionale è considerato assegnato a priori per cui ci si può soffermare solo sul moto della materia. Non intraprenderemo lo studio di tensori energia−impulso per il campo elettromagnetico e il campo gravitazionale.2) rappresenta la forma matematica generale di una legge di conservazione. Per questo sistema. tutte espresse. ∂xi Questa equazione mostra l’espressione quadrdimensionale dell’operatore divergenza nello spazio M4 .2). Amadori-Lussardi Introduzione alla teoria della relatività 114 Appendice A L’equazione di continuità diventa ∂J i = 0. Consideriamo un semplice sistema fisico formato esclusivamente da materia classica continua immersa in un campo gravitazionale dato. la materia risente del campo gravitazionale (che ne determina il moto) ma non influisce su di esso. 358): Tij = (p + ε)ui uj − pgij (A. ovviamente. in funzione delle coordinate. la formula (A. Per questo sistema.3) essendo p la pressione. ε = %c2 la densità di energia e ui la quadrivelocità. definiamo il tensore energia−impulso della materia. (A. In questo sistema. . Qui. Per i nostri scopi poniamo (vedi [5]. definiamo il tensore energia−impulso della materia Tij in modo che sia simmetrico e che sia soddisfatta la (A. pag. Passando allo spazio E4 la divergenza deve essere eseguita utilizzando la derivazione covariante.2) Estendendo poi il concetto di continuità.

echo "<b>Simboli di Christoffel</b> (il carattere ’_’ indica la derivata parziale) <p>". for ($m = 0. $i++) { for ($k = 0.1 Programma tensori // simboli di Christoffel echo "<hr>". $k++) { for ($l = 0.arrigoamadori. $l <= $n. Amadori-Lussardi Introduzione alla teoria della relatività Appendice B Seguono i listati dei principali blocchi dei programmi in PHP di calcolo numerico utilizzati per la RG. $i <= $n. $l++) { $rga = "0". $m++) { if ($h[$i][$m] != "0") { 115 . $k <= $n. $m <= $n.htm B. reperibili anche presso la pagina web http://lnx. for ($i = 0.com/CalcoloNumerico/calcolonumericolnx.

$rk.} if ($m == 2) {$rm = "x2". } if (strpos($g[$m][$l].} if ($l == 3) {$rl = "x3". if ($l == 0) {$rl = "x0". $rk = "".} if ($m == 1) {$rm = "x1". "]".} if ($k == 2) {$rk = "x2".(" .} if ($l == 2) {$rl = "x2". Amadori-Lussardi Introduzione alla teoria della relatività 116 Appendice B $rga = $rga . ") * [". "[]")) { $rga = "0".} if ($k == 0) {$rk = "x0". $rm = "".} if ($k == 3) {$rk = "x3". $g[$m][$l] . if (strpos($rga.} if ($l == 1) {$rl = "x1". } if (strpos($g[$k][$l]. ")_" .} if ($m == 0) {$rm = "x0".} if ($k == 1) {$rk = "x1". $h[$i][$m] . .} if (strpos($g[$m][$k].} if ($m == 3) {$rm = "x3". $rl)) { $rga = $rga . $rl = "". $g[$m][$k] . ")_" . $rm)) { $rga = $rga . ")_" . " + (" . } $rga = $rga . $g[$k][$l] . " + 1/2 * (" . $rk)) { $rga = $rga . " . $rl. $rm. " + (" .

$rga = str_replace("x1". $i++) { for ($j = 0. $j . $k . $rx1. $rga = str_replace("x2". } } } } } for ($i = 0. $rga). $i++) { for ($k = 0. $i <= $n. $rx3. $j++) { for ($k = 0. $rga). $k <= $n. for ($i = 0. $k++) { $rga = $ga[$i][$j][$k]. $rga = str_replace("x0". "<br>". $rga). $i . Amadori-Lussardi Introduzione alla teoria della relatività Appendice B 117 } $ga[$i][$k][$l] = $rga. echo "<b>Tensore di Ricci</b> (il carattere ’_’ indica la derivata parziale) <p>". $rx0. $rga = str_replace("x3". $rga . echo "ga" . $rga). " = " . $k <= $n. $rx2. } } } // tensore di Ricci echo "<hr>". $j <= $n. $i <= $n. $k++) .

if ($k == 0) {$rk = "x0". } } for ($l = 0. $l . $k . if ($l == 0) {$rl = "x0".} if ($k == 3) {$rk = "x3". $l . Amadori-Lussardi Introduzione alla teoria della relatività 118 Appendice B { $rR = "0". $l++) { $rl = "".ga" . "_" . for ($l = 0. $l <= $n.} if ($l == 3) {$rl = "x3".} if ($k == 2) {$rk = "x2".} if ($k == 1) {$rk = "x1". " . $rl)) { $rR = $rR . " + ga" . $l++) { $rk = "". $i . $i .} if (strpos($ga[$l][$i][$l]. $rk)) { $rR = $rR .} if (strpos($ga[$l][$i][$k]. $l <= $n. $rl. "_" .} if ($l == 2) {$rl = "x2". $l . $l++) .} if ($l == 1) {$rl = "x1". } } for ($l = 0. $rk. $l <= $n.

$m++) { if ($ga[$l][$i][$k] != "0" and $ga[$m][$l][$m] != "0") { $rR = $rR . " * ga" . } } for ($i = 0. } } } for ($l = 0. $rR = str_replace("x2". $rR = str_replace("x1". $rx0. $m . $rx1. $rR). $m <= $n. $rR = str_replace("x0". " + ga" . $rR). $i <= $n. } } } $R[$i][$k] = $rR. $l . " * ga" . $rR). $m. $k . $m++) { if ($ga[$m][$i][$l] != "0" and $ga[$l][$k][$m] != "0") { $rR = $rR . $l++) { for ($m = 0. " .ga" . $j++) { $rR = $R[$i][$j]. $i . $i++) { for ($j = 0. $m. $l . $l <= $n. $k . $m <= $n. Amadori-Lussardi Introduzione alla teoria della relatività Appendice B 119 { for ($m = 0. $j <= $n. . $l . $m . $i . $l . $rx2.

$rx3. "<br>". $rRR . $rRR = str_replace("x2". ")". $R[$i][$j] . $j . " = " . Amadori-Lussardi Introduzione alla teoria della relatività 120 Appendice B $rR = str_replace("x3". $i . $rx3. $rx2. $RR = "0". $rx0. $i++) { for ($j = 0. $i <= $n. echo "<b>Curvatura scalare</b> (il carattere ’_’ indica la derivata parziale) <p>". $rRR = str_replace("x1". $rRR = str_replace("x3". echo "<b>Tensore di Einstein</b> . $j <= $n. $j++) { if ($h[$i][$j] != "0" and $R[$i][$j] != "0") { $RR = $RR . for ($i = 0. echo "R_" . $h[$i][$j] . $rRR). } } // curvatura scalare echo "<hr>". $rR). $rx1. $rRR = str_replace("x0". $rRR). $rR . // tensore di Einstein echo "<hr>". ") * (" . "<br>". } } } $rRR = $RR. echo "R = " . " + (" . $rRR). $rRR).

$i <= $n. $RR . if ($R[$i][$j] != "0" and $g[$i][$j] != "0") { $rG = $rG . $i++) { for ($j = 0. $rG). $R[$i][$j] . } } for ($i = 0. $rx0. $g[$i][$j] . " = " . $rG . $rx3. $rG = str_replace("x3". $i . $i <= $n. } } . $rG = str_replace("x1". $i++) { for ($j = 0. $j . $rG = str_replace("x0". ")". for ($i = 0. "<br>". $rG). ") * (" . $rx2. $j++) { $rG = "0 ". $rG). } $G[$i][$j] = $rG. $rG = str_replace("x2". ") - 1/2 * (" . "+ (" . $j <= $n. Amadori-Lussardi Introduzione alla teoria della relatività Appendice B 121 (il carattere ’_’ indica la derivata parziale) <p>". $rG). $j++) { $rG = $G[$i][$j]. echo "G_" . $rx1. $j <= $n.

$rpunto1 = $rpunto0 + $rduepunti0 * $ds. $t1 = $t0 + $tpunto0 * $ds.$rg) / (2 * $r0 * $r0 * $r0)) * $tpunto0 * $tpunto0 + ($rg / (2 * $r0 * ($r0 .($rg / ($r0 * ($r0 .$rg) * $fipunto0 * $fipunto0.r) $x = $r1 * cos($fi1). $tpunto0 = $tpunto1. $y = $r1 * sin($fi1). $i++) { // approssimazione della geodetica $tduepunti0 = . $fiduepunti0 = . $fipunto0 = $fipunto1. $r0 = $r1.($c * $c * $rg * ($r0 . ---> disegno punto (x.2 Programma Moto di una particella nella me- trica di Schwarzschild for ($i = 1.(2 / $r0) * $rpunto0 * $fipunto0.} . $fi1 = $fi0 + $fipunto0 * $ds. ---> disegno punto (fi. $rduepunti0 = .$rg))) * $rpunto0 * $rpunto0 + ($r0 .$rg))) * $tpunto0 * $rpunto0. $r1 = $r0 + $rpunto0 * $ds. Amadori-Lussardi Introduzione alla teoria della relatività 122 Appendice B B. $fipunto1 = $fipunto0 + $fiduepunti0 * $ds. $rpunto0 = $rpunto1. $fi0 = $fi1. $i <= $ni.y) // iterazione $t0 = $t1. $tpunto1 = $tpunto0 + $tduepunti0 * $ds.

Amadori-Lussardi Introduzione alla teoria della relatività Appendice B 123 B. $fiduepunti0 = . $y = $r1 * sin($fi1).r) $x = $r1 * cos($fi1). $fi0 = $fi1. $i <= $ni.$rg) * $fipunto0 * $fipunto0. $rpunto0 = $rpunto1. $r1 = $r0 + $rpunto0 * $ds. $fi1 = $fi0 + $fipunto0 * $ds. $i++) { // approssimazione della geodetica $rduepunti0 = ($rg / (2 * $r0 * ($r0 .(2 / $r0) * $rpunto0 * $fipunto0. $fipunto0 = $fipunto1.$rg))) * $rpunto0 * $rpunto0 + ($r0 .3 Programma Propagazione della luce nella me- trica di Schwarzschild for ($i = 1. } . $rpunto1 = $rpunto0 + $rduepunti0 * $ds. $fipunto1 = $fipunto0 + $fiduepunti0 * $ds. ---> disegno punto (x. ---> disegno punto (fi.y) // iterazione $r0 = $r1.

Amadori-Lussardi Introduzione alla teoria della relatività 124 Appendice B .

Birkhauser. Roma 1925. Springer−Verlag. [5] Lev Davidovic Landau e Evgenij Mihajlovic Lifsic. Boringhieri. Meccanica. Boston 1992. [8] Gregory Naber. [7] Corrado Mencuccini e Vittorio Silvestrini. Calcolo Tensoriale. trad. Roma 1999. 125 . University Of Chicago Press. Stock editore. Geometria contemporanea: metodi e applicazioni. Amadori-Lussardi Introduzione alla teoria della relatività Bibliografia [1] Manfredo Perdigao Do Carmo. [10] Barry Spain. [9] Carlo Rovelli. Lezioni di Calcolo Differenziale assoluto. Liguori editore. [3] Stephen Hawking e George Ellis. Roma 1988. Editori riuniti. Cambridge university press. Torino 1965. The large scale structure of space-time. New York 1992. Edizioni cremonese. Riemannian Geometry. Quantum gravity. Editori riuniti. Cambridge university press. [2] Boris Dubrovin. Chicago 1984. Teoria dei campi. [4] Lev Davidovic Landau e Evgenij Mihajlovic Lifsic. Persico. di E. Cambridge. Napoli 1995. Cambridge. The Geometry of Minkowski Spacetime. New York 1973. Fisica Generale I e II. General relativity. Roma 1971. New York 2004. [11] Robert Wald. Anatolij Fomenko e Sergej Novikov. [6] Tullio Levi Civita.

Amadori-Lussardi Introduzione alla teoria della relatività 126 Bibliografia .

35 127 . 17 equazione delle onde. 12 campo elettrico. 77 equazione di d’Alambert. 18 contrazione. 29 brane. 13 differenza tra tensori. 19 campo elettromagnetico. 15 50 energia potenziale. 56 derivata covariante di un vettore cova- accelerazione di gravità. 18 gravitone. 41 energia cinetica. 87 equazioni di Eulero−Lagrange.innalzamento degli indici. 55 derivata intrinseca. 17 equazione di continuità. 109 energia a riposo. 36 curvatura scalare. 51 densità di carica. 68 curvatura. 12 cambiamento di coordinate ammissibile. 111 densità di corrente. 75 riante. 67 d’alambertiano. 44 costante dielettrica del vuoto. 70 geodetica. Amadori-Lussardi Introduzione alla teoria della relatività Indice analitico abbassamento degli indici. 49 forma differenziale. 110 forza di Lorentz. 16 derivata covariante di un vettore contro. energia meccanica. 84 coordinate. 68 formula di Leibniz. 18 derivata covariante di un invariante. 112 buco nero. 63 algebra esterna. 87 equazione parallelismo. 108 gradiente. 111 dilatazione di Lorentz. 56 variante. 63 impulso. 59 identità di Bianchi. 18 campo gravitazionale costante. 113 campo gravitazionale. 51 eventi simultanei. 65 campo statico. 55 coordinate geodetiche. 87 equazioni di Einstein. 59 costante cosmologica. 13 cono di luce. 90 campo stazionario. 64 big crunch. 28 etere. 19 convenzione di Einstein. 69 futuro assoluto. 64 azione. 53 espressione differenziale mista. 34 equazioni di Maxwell. 55 contrazione di Lorentz. 53 differenziale assoluto. 71 derivata covariante di un tensore. 18 funzionale di energia. 62 intervallo di genere spazio.

q). 68 tensore energia−impulso. 80 trasformazioni di Lorentz. 18 tensore di tipo (p. 108 52 onde elettromagnetiche. 111 modello chiuso. 53 linea d’universo. 37 spazio piatto. 81 modello piatto. 54 vettore covariante. 35 simboli di Christoffel. 51 punto d’universo. 29. 86 laplaciano. 70 passato assoluto. 112 modello aperto. 32 lunghezza propria del regolo. 19 tensore completamente simmetrico. 32 vettore tangente. 52 tensore di Ricci. 70 permeabilità magnetica del vuoto. 70 lunghezza di un vettore. 56 spazio di Minkowski. 15 meccanica relativistica. 11 lagrangiana. 114 potenziale scalare. 28 spazio isotropo. 31 secondo principio della meccanica. 45 quantità di moto. 30 vettori ortogonali. 16 principio di equivalenza. 65 principio di relatività generale. 33 simbolo di Kronecker. Amadori-Lussardi Introduzione alla teoria della relatività 128 Indice analitico intervallo di genere tempo. 55 potenziale vettore. 13 . 111 tempo omogeneo. 78 supergravità. 57 quadriaccelerazione. 50 polo. 14 principio di equivalenza forte. 52 primo principio della meccanica. 76 trasformazioni di Galileo. 18 tensore metrico. 16 raggio gravitazionale. 51 pseudometrica di Lorentz. onda gravitazionale. 18 tensore simmetrico. 15 spazio omogeneo. 19 principio di relatvità galileiana. 50 sistema di riferimento inerziale. 22 velocità della luce. 30 spazio curvo. 70 metrica di Schwarzschild. 13 trasporto per parallelismo. 23 principio di minima azione. 15 vettore controvariante. 18 somma tra tensori. 12 sistema sincrono. 36 tensore di Riemann. 94 stringhe. 79 principio di relatività ristretta. 11 tempo proprio. 61 intervallo nullo. 51 prodotto interno. 39 quadricorrente. 52 tensore completamente antisimmetrico. 87 momento angolare. 14 terzo principio della meccanica. 97 raggio vettore quadridimensionale. 111 tempo universale. 15 modello lagrangiano. 112 metrica galileiana. 16 tensore antisimmetrico.

D. Luca Lussardi (Brescia. ha insegnato nelle scuole superiori.Amadori-Lussardi Introduzione alla teoria della relatività Arrigo Amadori (Cesena. ha ottenuto il Ph. Ora svolge attiività di divulgazione scientifica e nel 2007 ha fondato il Circolo Matematico Cesenate di cui è presidente. 1950). in Matematica a Pavia nel 2005. 1977). Ora è borsista in Analisi Matematica presso il Politecnico di Torino. laureato in Fisica a Bologna nel 1975. . laureato in Matematica a Brescia nel 2001.