You are on page 1of 11

Manuale di scrittura

e comunicazione
Per l’università Per l’azienda
di Francesco Bruni
e di Gabriella Alfieri, Serena Fornasiero,
Silvana Tamiozzo Goldmann
Con una Grammatica in pillole di Francesca Malagnini
Terza edizione a cura di Alessio Cotugno e Francesca Malagnini

LA LINGUA ITALIANA
IN PRATICA

Ancora l’egocentrismo������������������42 blocchi del testo: capitoli. inviti....1 Caratteristiche del testo 2.. Parlare e scrivere: due attività Finestra 1. tempi Capitolo secondo narrativi.. Leggere e capire: connessioni Bibliografia�����������������������������������������������46 linguistiche tra e nei capoversi���������91 3 . Lettura come identificazione dei Finestra 2.. La comunicazione faccia a faccia����������������������������������������27 6.. Egocentrismo della lingua e informativo��������������������������������59 comunicazione faccia a faccia����������18 4... Dal parlato allo scritto����������������������35 Finestra 3.1 Messaggio per segreteria 4... Il linguaggio del corpo�����������������25 6.... L’autonomia della scrittura��������������40 Capitolo quarto Dallo scritto allo scritto Finestra 1.. La didascalia�������������������������������83 4. Nessuno o nessuno?���������������������44 gerarchia degli argomenti����������������90 Domande��������������������������������������������������45 3. Dall’intervista trasmessa per televisione all’intervista stampata��41 1.. I testi informativi�����������������������������59 4. in quanti modi la si Bibliografia�����������������������������������������������29 può raccontare)��������������������������71 6. I testi regolativi��������������������������������54 1....2 Tipi di testo narrativo (che cos’è Domande��������������������������������������������������29 una storia.. Altri tipi di comunicazione parlata���23 4... Scrivere oggi������������������������������������17 4. personaggi������������������73 Parlato e scritto 6. I testi narrativi���������������������������������70 Finestra 4...65 Finestra 2.. Lettura come individuazione della Finestra 4.... Intrecci di parlare e scrivere������������23 telefonica...3 Fabula e intreccio.2... I testi descrittivi�������������������������������66 Finestra 3.....2.64 4...... Quando io e tu non si alternano����24 4.. L’io parla a sé stesso��������������������25 5...3 Annunci. Conversazioni letterarie����������������43 2.2 Avvisi.... Ordito e trama in una terzina 2..2 Altri tipi di testo informativo������63 3... Tipi di testo��������������������������������������47 Capitolo primo 2. La lingua come sostituto Domande��������������������������������������������������85 dell’esperienza���������������������������������37 Bibliografia�����������������������������������������������85 5..1 Caratteristiche del testo narrativo������������������������������������70 Finestra 5...... La lista���������������������������������������������51 Modi della comunicazione linguistica 3. Il ciclo di Sant’Orsola��������������������80 distinte���������������������������������������������31 Finestra 2.......... capoversi������������������������������������������87 Finestra 3... paragrafi.63 Finestra 1..Indice Premessa��������������������������������������������������9 Capitolo terzo Tipi di testo SEZIONE PRIMA 1. Il contesto comunicativo���������������28 6......2. Alcune caratteristiche del parlato����33 dantesca������������������������������������82 3....4 Le conclusioni di una scrittrice��� 78 1. Le funzioni della scrittura����������������38 6.

Un’argomentazione 8. 3. Il riassunto: criteri per condensare 7. La stesura�������������������������������������� 166 Esercizi�������������������������������������������������� 123 5. tesine�������������������������������������� 183 e le sue premesse��������������������� 139 8. Premessa alla composizione libera���131 5. Una composizione umoristica������� 154 7.1 L’argomento e la tesi��������������� 132 6. Lunghezza del testo e prefemminista�������������������������� 155 informazione���������������������������������� 106 Finestra 3.3 Il discorso argomentativo tesi. La riscrittura di un testo.���������������� 112 personaggi������������������������������� 157 Esercizio 1���������������������������������������������� 114 Domande������������������������������������������������ 158 Esercizio 2���������������������������������������������� 114 Il punto sugli esercizi di composizione���������� 158 Esercizio 3���������������������������������������������� 114 Bibliografia��������������������������������������������� 159 Finestra 1. appunti.2 Breve sosta sull’argomentazione generi testuali�������������������������������� 181 e sulle basi del testo����������������� 138 7. Libro e lettore: la lettura 5. Il flusso dell’informazione: interattiva���������������������������������������� 94 argomento principale all’inizio 5.Indice 4. Il testo argomentativo breve���������� 132 figure?�������������������������������������������� 178 3.5 La lingua un invito al vocabolario������������������ 196 dell’argomentazione����������������� 140 10. Parlare per figure e scrivere senza 3. Dalla scaletta alla stesura Finestra 5. La scrittura funzionale e i suoi 3. Tra riassunto e riformulazione: intermedia������������������������������������� 164 prima pagina e pagine interne����� 120 4. Riformulare: un pezzo di Capitolo sesto bravura����������������������������������� 117 I temi di concorso Finestra 3. Riassunto e lunghezza del testo. L’analisi del titolo��������������������������� 162 Finestra 4. La prosa professionale: relazioni. schede 6.4 Principali tecniche rapporti e perizie��������������������������� 193 argomentative�������������������������� 139 9. Narratori e carattere dei 10. Metafore ricevute e metafore autonomo��������������������������������������� 127 inventate���������������������������������������� 177 2. Sulla composizione di un testo 4. Le parole del riassunto������������������� 110 Finestra 4. Il riassunto di un testo 1. Per concludere: parlare alla testa 4. I modi figurati�������������������������������� 173 1. 3. Riformulare per iscritto un testo o nel corso del testo?��������������������� 144 scritto: parafrasi. Tra descrizione e riassunto���������� 119 3. La prosa argomentativa: manuali. Lettera e figura������������������������������ 171 documentazione 3. Dal testo libero al testo con e riassunto��������������������������������������� 97 documentazione����������������������������� 150 6. La revisione����������������������������������� 167 Esercizi di riassunto���������������������������������� 123 Domande������������������������������������������������ 168 Domande������������������������������������������������ 125 Bibliografia��������������������������������������������� 125 Capitolo settimo Il linguaggio figurato Capitolo quinto La produzione del testo: avviamento alla 1. Lettere e figure������������������������������� 169 composizione libera e alla scrittura con 2. Il testo argomentativo medio���������� 141 e non al cuore�������������������������������� 199 4 . Il tempo disponibile����������������������� 161 letterario��������������������������������� 118 2. Modi antiquati e riboboli: 3. Una parafrasi���������������������������� 115 Finestra 2. Fra generale e particolare�������������� 152 l’informazione���������������������������������� 99 Finestra 1. Antonio contro Bruto������������������ 156 9.����� 104 Finestra 2.

2 Il congiuntivo��������������������������� 288 7. Metafore e modi di dire������������������ 208 computer e Ron-Jon: un paragone 3. La discussione della tesi di laurea�� 268 Capitolo ottavo Finestra 1. Nota grammaticale sulle parole Domande������������������������������������������������ 278 straniere in italiano������������������������ 210 Il punto sulla battitura del testo����������������� 278 Finestra 1. La tesi di laurea: l’argomento. Anglomania������������������������������������ 209 per contrasto���������������������������� 276 4. i soldati in guerra. revisione e italiana. L’ortografia. La citazione bibliografica������������ 269 Occhio alla parola Finestra 2. La tesi di laurea: la documentazione 2. La penna sulla stampata di 2. La distribuzione dell’informazione funzionale�������������������������������������� 200 fra testo e note������������������������������� 259 Domande������������������������������������������������ 204 13. Aspetti grafici��������������������������������� 281 esame��������������������������������������������� 220 1. Le relative precedute da virgola���� 302 una sosta sull’arte di non fotocopiare e alcune massime per sopravvivere Finestra 4. La tesi di laurea: la schedatura (con Finestra 3. Nuove frontiere per maschile e italiane)������������������������������������������ 235 femminile��������������������������������������� 294 8. Sigle o acronimi����������������������������� 293 per sopravvivere nelle biblioteche 4. La tesi compilativa������������������������� 222 1. la gestione un poeta���������������������������������� 304 dell’informazione��������������������������� 249 Domande������������������������������������������������ 305 11. L’elaborato conclusivo di un 1.3 L’accento���������������������������������� 284 5.2 Elisione e troncamento������������ 283 4.3 L’uso di ne������������������������������� 291 (con cinque regole indispensabili 3. Gli appunti����������������������� 217 autodiagnosi 2.1 Ortografia��������������������������������� 281 3.1 Il passivo���������������������������������� 286 docente e dell’argomento. La tesi di laurea: ancora sulla Finestra 1. Spiegazioni grammaticali������������ 297 documentazione����������������������������� 243 Finestra 2. il piano di lavoro����������������������������������������� 231 2. L’esposizione orale������������������������ 224 1. Contro l’anglomania dei politici���� 211 Il punto sulla presentazione della tesi���������� 278 Finestra 2. Morfologia�������������������������������������� 286 6. Indice 11. Espressioni latine in uso�������������� 212 Il punto sull’impaginazione della tesi����������� 279 Domande������������������������������������������������ 216 Il punto sulla bibliografia�������������������������� 279 Bibliografia��������������������������������������������� 216 Il punto sull’organizzazione complessiva della tesi e l’impostazione dell’indice����������� 279 Capitolo nono Bibliografia��������������������������������������������� 279 Scrivere (e parlare) per sopravvivere all’università Capitolo decimo 1.4 Pronuncia e scrittura��������������� 286 dell’esposizione������������������������������ 227 2. Esposizione orale e tempi 1. La revisione����������������������������������� 264 Bibliografia��������������������������������������������� 204 14. La tesi di laurea: la citazione���������� 252 Bibliografia��������������������������������������������� 305 5 . Come si usa il dizionario�������������� 298 9. Impostazione grafica e accessori���� 265 15. Scrivere e parlare nell’università Dubbi grammaticali. i destinatari. La bibliografia finale������������������ 274 1. Lingua parlata e lingua scritta alla tesi di laurea)�������������������������� 244 in Italia: ieri e oggi�������������������� 302 10. Associazioni discutibili fra le Esercizi�������������������������������������������������� 275 parole��������������������������������������������� 207 Finestra 3. Finestra 5. La tesi di laurea: la scelta del 2. Prontuario di fraseologia 12.

Lieto di conoscerla: Rossi Mario la lettera e il curriculum vitae�������� 370 o Mario Rossi?������������������������������� 323 4. Il curriculum vitae europeo����������� 393 Bibliografia��������������������������������������������� 344 Esercizi�������������������������������������������������� 398 6 . il carteggio���������������� 352 1. Modelli di lettere���������������������������� 353 2. Tempo della scrittura e tempo Problemi di italiano avanzato della lettura. Alla ricerca del lavoro�������������������� 367 Capitolo tredicesimo Io e tu. Il mittente: formule di conclusione vitae: avanzare una candidatura di e firma������������������������������������������� 338 propria iniziativa��������������������������� 390 8. Inizio. Tutto quello che non si deve Domande������������������������������������������������ 342 scrivere nel curriculum vitae�������� 393 Due modelli di lettera�������������������������������� 343 Finestra 2. Lo stampo burocratico������������������� 307 1. Il mittente: l’indirizzo��������������������� 338 7. L’io e i suoi sostituti����������������������� 325 curriculum vitae���������������������������� 371 3. La scrittura professionale e i suoi 2. Il curriculum vitae «libero»������������ 391 Finestra 1. La chiarezza comunicativa������������� 308 destinatari: farsi capire������������������ 345 3. La lettera���������������������������������������� 346 3. 2. La circolare������������������������������������ 351 Bibliografia��������������������������������������������� 313 5. Il tu e i suoi sostituti: modi di 5. La domanda di assunzione: 1. centro e fine del 2. Il fax��������������������������������������� 363 3. Alcune costruzioni������������������������� 315 7. Nomi e verbi���������������������������������� 310 2. La presentazione materiale della lettera�������������������������������������������� 351 Capitolo dodicesimo 6. Il destinatario: indirizzo e titoli di aggiornamento������������������������������� 374 cortesia������������������������������������������ 330 6. Ancora il curriculum vitae: modi rivolgersi al destinatario���������������� 327 e ordine dell’esposizione. Altri modelli di lettere e curriculum 7. Il destinatario: formule di inizio����� 336 di curriculum vitae: rispondere agli annunci pubblicati dalla stampa���� 377 6. Qualche esperimento su 8. La domanda di assunzione: parte iniziale. Moduli burocratici���������������������� 340 Finestra 1. Il controllo della punteggiatura������ 318 Il punto sulla sistemazione tipografica��������� 365 Esercizi�������������������������������������������������� 319 Bibliografia��������������������������������������������� 365 Domande������������������������������������������������ 320 Bibliografia��������������������������������������������� 320 Capitolo quindicesimo La caccia al lavoro: la domanda di SEZIONE Seconda assunzione e il curriculum vitae 1. parte finale della lettera la lettera����������������������������������������� 368 3. usi. Generalità sulla lettera: comunicare Finestra 1. Modelli di lettere di candidatura e 5. 4. mittente e destinatario: indirizzo. Il discorso riportato: dal diretto Esercizi�������������������������������������������������� 364 all’indiretto������������������������������������ 318 Domande������������������������������������������������ 364 Esercizi�������������������������������������������������� 318 Il punto sulla lettera��������������������������������� 365 4.Indice Capitolo undicesimo Capitolo quattordicesimo Tono e stile dell’informazione La lettera 1. Le parole comuni����������������������� 311 per informare e persuadere����������� 347 Domande������������������������������������������������ 313 4. La data������������������������������������������� 339 8. La posta elettronica������������������������ 361 punteggiatura e sintassi����������������� 315 Finestra 1.

..521 due modi di stesura del verbale����� 451 Bibliografia��������������������������������������������� 523 4.....................517 3....... Sequenza o riorganizzazione: XI..... La preposizione. Il verbo........515 2.... I B................. Dal progetto al pieghevole�������������� 412 Domande������������������������������������������������ 432 II...... Cenni di sintassi della verbale di una riunione������������������ 441 proposizione e del periodo.... L’avverbio.............480 Bibliografia��������������������������������������������� 433 V..511 scrittura professionale VIII... Riformulazioni e VII....478 il programma di un congresso��������������������� 433 IV.......... Indice  omande������������������������������������������������ 400 D Domande������������������������������������������������ 458 Modelli (I A....... Informazione normale e informazione in eccesso�������������� 457 Indice degli argomenti������������������������� 537 7 .. II.................... L’economia dell’informazione e il sottinteso���������������������������������� 454 Risposte agli esercizi��������������������������� 525 Finestra 1. L’articolo...............484 VI..........513 1............................. La congiunzione.................... Il pronome (o sostituente).... La lettera di convocazione e il X....................... La relazione����������������������������������� 407 I......474 Il punto sul pieghevole contenente III....... Il nome.................... L’aggettivo.............492 Capitolo diciassettesimo  Dall’orale allo scritto. Cenni di analisi logica.464 2.. Cenni sulla punteggiatura......... III) di curriculum vitae Modello di verbale������������������������������������ 459 (con lettera di accompagnamento)401 Il punto sulla lettera di convocazione����������� 460 Il punto sulla lettera di accompagnamento���� 405 Il punto sul verbale����������������������������������� 460 Il punto sul curriculum vitae����������������������� 405 Bibliografia �������������������������������������������� 460 Bibliografia��������������������������������������������� 405 Capitolo sedicesimo Appendice Le scritture professionali Grammatica in pillole 1............. Un verbale di polizia���������������������� 435 IX......................

quali la parafrasi e il riassunto. la revisione. Le fasi di mente. sulle modalità di scrittura di alcune tipologie di testo (la lista. aggiungere. descrittivi. 3. scritto dunque in assenza di un modello da rielaborare. tre fasi: composizione del testo 1. ed esamineremo dapprima le modalità di stesura di un testo libero. In questo capitolo passiamo alla composizione di un testo originale. aiutano la riflessione mentale: è utile buttar L’ideazione giù in forma di schema i passaggi principali dell’argomento. sui due principi della coerenza (di argomento) e della coesione (grammaticale e testuale). Nella composizione dei testi il metodo di lavoro prevede. e deve tener conto del lettore o dei lettori per cui scrive. senza preoccuparsi dell’ordine di successione. modificare • il testo argomentativo: l’argomento e la tesi • i criteri di stesura di un testo vincolato non professionale • l’informazione sull’argomento principale di un testo: due strategie • i testi con documentazione limitata 1. Si possono scrivere i vari punti come vengono in mente. regolativi. i testi narrativi. per associazione di idee. Sulla composizione di un testo autonomo Fino a questo momento la nostra attenzione si è concentrata sulla nozione di te- sto. Anche l’autore più smaliziato deve riflettere su ciò che sta per scrivere.Capitolo quinto La produzione del testo: avviamento alla composizione libera e alla scrittura con documentazione Gli argomenti di questo capitolo: • la scaletta e la progettazione di un testo • per la revisione del testo: suggerimenti • la riformulazione: tagliare. informativi. informativi) e su alcune modalità di ri- formulazione o rielaborazione testuale di testi scritti da altri. 127 . per chiarire anzitutto a sé stesso qual è l’argomento. Carta e penna. disponendo intorno a un nucleo centrale (mappa o scaletta centrale) i diversi aspetti del proble- ma. oppure scrivendoli in forma di lista (mappa o scaletta a lista). l’ideazione o il piano o progetto o scaletta. la stesura. 2. schematica. o computer. successivamente quelle di un testo con vincoli.

Ma anche in questo caso la scaletta è utile: se. A questo punto. Rimarrà. e che si rivelano nel momento in cui si scrive. La scaletta. Quindi. Un altro vantaggio della scaletta è. sono la composizione di una scaletta (che riporti tutte le idee che vengono in mente alla rinfusa sull’argomento indicato nel titolo). quando cioè chi si prepara a scrivere riflette sulla successione dei contenuti. la disposizione gerarchica delle stesse secondo il criterio che riterremo più opportuno. quella propedeutica alla ste- sura di un testo. quando eravamo alle prese con lo svolgimento di un tema. su che cosa è meglio esprimere prima e che cosa è meglio scrivere dopo. perciò. La composizione Ricapitolando. i punti salienti della prima fase. arriva alla conclusione che occorre concentrarsi sui vantaggi e gli aspetti positivi della vacanza in montagna: 128 . che sarà arricchito o cor- retto o tagliato nel corso della scrittura. la riorga- nizzazione delle informazioni e il loro raggruppamento. così riveduta. aneddoti. secondo alcuni. Che poi questa forma definitiva si raggiunga dopo vari ripensamenti è esperienza comune. esempi. fornisce uno scheletro utile alla distribuzione delle unità e sottounità del testo. che nella stesura del testo si è spesso insoddisfatti di ciò che si scrive. o progetto del testo. la scaletta è parte di quella progettazione che deve essere alla base di un testo. L’autocritica è sana. La scaletta aiuta a individuare gli argomenti (idee. In ogni modo. è un momento intermedio importante tra la riflessione puramente mentale e la stesura di un testo compiuto. la scaletta è una guida alla stesura. che è studentessa. nuove idee vengano alla mente. esperienze da raccontare). e collabora all’ideazione del testo. ci pensa un po’ su per metterlo a fuoco. è una fatica. L’ordine degli argomenti potrà essere migliorato dopo la fase ideativa. Più spesso accade che. saremo pronti per la stesura perché sapremo che cosa dovremo scrivere e secondo quale or- dine. buttata giù liberamente. e si giunge a un risultato imprevisto. Rossana. breve o lungo. e che ci si allontani dall’ipotesi iniziale. La scaletta può esser buttata giù senza troppe preoccupazioni di ordine e forma. Il testo modifica e migliora la scaletta. Scrivere un testo. s’individuano soluzioni migliori di quelle considerate in un primo momento. e una delle ricompense che spingono ad af- frontarla consiste proprio nella scoperta di connessioni e conseguenze che non si erano viste neanche dopo una lunga riflessione. e nello stesso tempo di isolare le fasi del discorso permettendo di affrontarle una per una. La scaletta. fatti. Può darsi che la scaletta funzioni. La scaletta. e che il testo ne riproduca fedelmente le singole indicazioni e la rete ipotizzata per collegarle. Un esempio di A partire da un argomento molto semplice e volutamente generico come scaletta «La vacanza in montagna». nel passaggio dallo schema al concreto della scrittura. ma questa permette di avviarne concretamente la costruzione. da definire come scrivere quanto abbiamo abbozzato. impegnativo o leggero. ha l’effetto rassicurante di fornire un tracciato d’in- sieme. ma se è eccessiva porta a una specie di inibizione che impedisce ai pensieri di prendere forma compiuta. scrivendo. è solo un’ipotesi della stesura effettiva: questa differirà anche di molto rispetto al punto di partenza. ciò avviene anche perché si dispo- neva di una base di partenza. che tutti abbiamo avuto sui banchi di scuola.Capitolo quinto Lo scopo consiste nel formulare un’ipotesi di intelaiatura del testo da scrivere.

faccio esercizio fisico. che ci spinge a congedare il testo. in montagna l’aria è buona. ricordando che il testo che stia- mo scrivendo dovrà essere scandito secondo un inizio. senza preoccuparsi troppo dell’inizio: se cominciare a scrivere dall’inizio è difficile. un centro e una conclusione. È un’esperienza di tutti. e imparare a leggerlo con occhio distaccato. Dopo avere scritto l’inizio. vita meno frenetica attività che non è possibile svolgere mancanza di impegni scolastici.1. Dopo che l’argomento sarà stato esposto insieme con l’informazione principale sarà più facile anche l’inizio del testo. § 6). 6.(cap. il nostro testo prenderà via via forma. conviene cominciare comunque a scrivere. 4]). se il tono è giusto. dice il Vangelo. Partendo da una scaletta è più facile superare l’ansia del foglio bianco che La stesura non si sa come riempire. eppure è importante resistere al primo impulso. con un’applicazione più chiara della regola delle cinque wh. 5. la gente è ospitale. tendiamo a liberarcene. 129 . 2. ho molto tempo libero. La produzione del testo: avviamento alla composizione libera e alla scrittura con documentazione ambiente non inquinato. cap. è forse il più difficile. Ma è molto più semplice cogliere i difetti di un testo altrui che di uno proprio (così come. in montagna sono a contatto diretto con la natura: i colori del cielo di giorno e di notte sono molto diversi da quelli a cui sono abituata vivendo in città. si aggiungeranno le informazioni contenute nella nostra scaletta e rag- gruppate secondo l’ordine dato dopo la composizione della scaletta. in città. vita all’aria aperta. e se neppure la scaletta è sufficiente a sbloccarsi. 4. se è chiaro. § 4. Non dobbiamo pro- porci un capolavoro. e la regola vale anche per l’inizio: forse andrà bene. per esempio: 1. 3. stare attenti alla combinazione dei sin- goli elementi. e ci accorgeremo con sollievo che la diffi- coltà iniziale che ci preoccupava è risolta dal testo che abbiamo davanti. Rossana annota liberamente alcuni spunti nella scaletta che segue. dal momento che le informazioni sono già state pensate. strut- turando una scaletta a lista. La revisione to: terminato il testo. III. è bene entrare diretta- mente nel cuore dell’argomento. Invece vale il consiglio che fun- ziona per tutti i testi: rileggersi e correggersi. dei periodi e del testo nel suo insieme. si bada alla pagliuzza nell’occhio del nostro prossimo e non alla trave nel nostro occhio [Matteo 7. IV. ho buoni amici. esercizio fisico e sport tempo libero Oppure. bene o male. una volta che esso sia stato. amicizie. Correggersi non solo per rimediare a er- rori linguistici o ortografici. e certo il più trascura. se mira all’essenziale. ma per valutare se il testo è scritto (cioè pensato) bene. in montagna gestisco le attività della giornata come voglio io senza dover pensare alla scuola e ai suoi orari. ciò che abbiamo già scritto. composto. senza biso- gno di aggiunte. Il terzo momento. la revisione. contatto con la natura rapporti sociali: cordialità montagna della gente. Bisognerà allora. selezionate e gerarchizzate.

3. Cicerone. e numero. i nomi di persone. Fido. fedeltà. uno stormo. cose: Laura. Al-Huwārizmī. animali. per esempio: Venere. invece. un arcipelago). I nomi concreti sono quelli che i sensi dell’uomo percepiscono: porta. luce. finestra. indicano idee. la dea della bellezza → è una venere (ragazza molto bella). mostro della mitologia classica. animali. un’isola). Alcuni nomi propri sono diventati comuni. quando sono collettivi indicano un insieme (un’or- chestra. maschile e fem- minile. Cincinnato. 2. animali. I nomi astratti. cose: donna. il dio Adone → è un adone (ragazzo molto bello). I nomi comuni e propri I nomi si caratterizzano secondo più distinzioni. oggetti. condottiero romano → essere un cincinnato (essere una persona sem- plice nonostante i meriti politici e militari acquisiti per mezzo del proprio valore). libro. retore latino → quel ragazzo fa da cicerone (spiega ciò che si sa su un argomento). I nomi concreti e astratti Una seconda distinzione è quella di concreti e astratti. deserto. concetti astratti e concreti. per esempio: algoritmo → deriva dal matematico arabo del IX secolo. popolo. Numerosi nomi comuni italiani derivano da nomi propri (Serianni 1997:74). ecc. cavallo. 474 . emozioni. La prima è: nomi comuni. Il nome ha una flessione grammaticale e si distingue per genere. È quindi tutto ciò a cui noi diamo un significato e a cui corrisponde un significante. 1. I nomi individuali e collettivi Quando sono individuali. nomi propri. e tutto ciò che non è percepibile dai nostri sensi: amore. singolare e plurale. che è la sequen- za di suoni che trasmette il significato. costellazione. La funzione del nome è fondamentale perché indica persone. un uccello. medusa → deriva da Medusa. I nomi collettivi indicano una pluralità: sciame.Grammatica in pillole II. montagna. Venezia. animali o cose indicano una unità (un musicista. odio. Il nome Indica ciò che denominiamo e che appartiene alla realtà e all’irrealtà. quando indicano genericamente persone. quando indicano precisamente persone. ecc.

il musicista. la moto. la persona. un’omicida). il carisma. il maschio. la principessa). 475 . Un caso a sé investe l’uso del maschile e del femminile per i forestierismi. la donna. il libro) e femmi- nili quelli che terminano in –a (la ragazza. il fuco. la bontà. il tintore. il principe. la sentinella (fino a poco tempo fa di genere femminile per indicare un soldato di guardia ma oggi usato anche per le soldatesse). Molti nomi che terminano in –a ed in –e possono valere per ambo i generi e si distinguono dall’uso dell’articolo (il collega. il soprano (anche se ora si sente spesso una soprano) e solo femminili: la guida. la mano. la vite. la madre. Diamo alcuni cenni riguardo alle distinzioni prevalenti: a) sono per lo più maschili i nomi che terminano in –o (il ragazzo. ma la lente. b) i nomi che terminano in vocale accentata –è. ma la pipì) mentre quelli che terminano in –à. Il genere Due sono le grandi distinzioni presenti nell’insieme dei nomi o sostantivi italiani: i nomi di genere maschile e i nomi di genere femminile. l’oste. la mela). I nomi che nel passaggio di genere cambiano significato sono detti ‘falsi cambia- menti di genere’: il collo (parte del corpo) ≠ la colla (composizione chimica che serve ad attaccare due o più elementi). il genero. un’artista. la tosse). l’ape. X. il foglio (di carta su cui scrivere) ≠ la foglia (vegetale). la scrofa. il marito. la parente. per esempio per il maschile l’atleta. l’ uomo. un artista. I nomi che terminano in –e possono appartenere a entrambi i generi (il limone. – da –a → –essa (il poeta. Sono indipendenti i nomi che hanno una forma diversa per il maschile e per il femmi- nile corrispondente: il padre. la sorella. la maestà ma il podestà). il problema. il maiale. la radio. il tema. l’eroe. Grammatica in pillole 4. – da –tore → –trice/ –tora/–essa (il redattore. il fratello. § 4. il pa- rente. rondò. la poetessa). il poeta. il montone. il dottore. Sono solo nomi maschili: l’architetto. colibrì. un omicida. la musi- cista). Molti nomi presentano una forma maschile e una forma corrispondente femminile che si costruisce cambiando il suffisso: sono i cosiddetti nomi mobili. la mamma. –ì. – da –e → –a /–essa (l’infermiere. il marasma. la redattrice. la badessa. il custode. – da –o → –a (il gatto. la recluta. l’abate. la femmina. la pecora). la collega. sono in mag- gioranza femminili (la città. il papà. Tuttavia numerosi sono i casi che non rientrano nella regola. la vittima. All’interno di queste due cate- gorie vi sono numerose particolarità. la nuora. I nomi che terminano in –ista possono essere usati per entrambi i generi e si distinguono dall’uso dell’articolo (il farmacista. la farmacista. la infermiera. la tintora. il panno (di tessuto) ≠ la panna (dolce). –ò sono in maggioranza maschili (caffè. e per il femminile l’eco (la eco). la moglie. la gatta). la custode. la dottoressa). Per i nomi di cariche istituzionali al femminile si veda il cap.