WÜRTH

TERMOTECNICA
Manuale tecnico

Würth Srl
Via Stazione 51
39044 Egna (BZ)
Tel. 0471 828 111
Fax 0471 828 600
www.wuerth.it
clienti@wuerth.it

Le informazioni contenute in questo manuale sono soggette a modifiche senza preavviso. Würth Srl si riserva il diritto di apportare modifiche e
miglioramenti al prodotto quando ritenuto opportuno. Questa pubblicazione descrive lo stato del prodotto al momento della pubblicazione della
stessa e in nessun modo potrà riflettere il prodotto futuro.

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo documento può essere riprodotta con sistemi elettronici, meccanici o altri, senza l’autorizza-
zione scritta della Würth Srl.

INDICE

Tubazioni Prineto................................................. 3 Tecnica di giunzione
del sistema Prineto ...........................................29
Caratteristiche delle tubazioni Prineto.......................................................................... 5
Norme........................................................................................................................................................... 5 Caratteristiche delle giunzioni Prineto ...................................................................... 30
Materia prima ........................................................................................................................................ 5 Panoramica attrezzature ........................................................................................................... 31
Produzione ................................................................................................................................................ 5 Individuazione sistema a colori ........................................................................................... 32
Reticolazione ........................................................................................................................................... 5 Preparazione della procedura d’espansione .......................................................... 33
Garanzia di qualità mediante controllo esterno ....................................................... 5 Espansione ............................................................................................................................................ 34
Bassa rumorosità.................................................................................................................................. 5 Inserimento del raccordo .......................................................................................................... 35
Resistenza chimica .............................................................................................................................. 5 Procedura di compressione della boccola ................................................................ 36
Stoccaggio ................................................................................................................................................ 5
Colpi d’Ariete .......................................................................................................................................... 5
Sedimentazioni ...................................................................................................................................... 5 Impianti idrico sanitari Prineto ....................37
Contenuto d’acqua ............................................................................................................................ 5
Caratteristiche fisico-meccaniche del PE-X e PE-MDX ........................................... 5 Nozioni generali .............................................................................................................................. 39
Tubo Stabil................................................................................................................................................. 6 Contenuto d’acqua dei tubi Prineto
Tubo Flex..................................................................................................................................................... 6 per installazioni idrico sanitarie .......................................................................................... 40
Tubo Riscaldamento .......................................................................................................................... 6 Corrosione esterna ......................................................................................................................... 40
Tubo RAP PE-X ........................................................................................................................................ 7 Utilizzo con scaldaacqua istantanei ............................................................................... 41
Tubo RAP PE-MDX ............................................................................................................................... 7 Utilizzo con cavi elettrici elettroriscaldanti ................................................................. 41
Dati tecnico-dimensionali dei tubi Prineto .................................................................. 8 Regola di flusso in installazioni miste.............................................................................. 41
Condizioni d’esercizio dei tubi Prineto ........................................................................ 9 Disinfezione .......................................................................................................................................... 41
Resistenza all’invecchiamento............................................................................................... 10 Acqua piovana .................................................................................................................................. 41
Dilatazione termica lineare e compensatori Prova di pressione degli impianti idrico sanitari .................................................. 42
di dilatazione angolari ............................................................................................................... 12 Protocollo di prova pressione per impianto idrico sanitario........................ 42
Fascette a punto fisso e di scorrimento ......................................................................... 15 Esempi di montaggio terminali Prineto ..................................................................... 44
Inflessione dei tubi flessibili PE-X ......................................................................................... 16 Rubinetto d’arresto Prineto.................................................................................................. 46
Lavorazione a basse temperature ..................................................................................... 16 Rubinetto d’arresto corto Prineto ................................................................................... 47
Messa a terra...................................................................................................................................... 16 Progettazione e dimensionamento
Curvatura................................................................................................................................................ 16 degli impianti idrico sanitari ................................................................................................... 48
Distanza minima tra i raccordi ............................................................................................. 17 Perdite di carico dei tubi Prineto
Isolamento delle tubazioni....................................................................................................... 18 negli impianti idrico sanitari.................................................................................................... 52
Isolamento reti d’acqua fredda sanitaria .................................................................... 18
Isolamento reti di fluidi riscaldati ........................................................................................ 19
Tubazioni preisolate ...................................................................................................................... 21 Impianti di riscaldamento
Tubi Prineto preisolati .............................................................................................................. 21 tradizionale Prineto .........................................57
Tubo Multistrato Würth preisolato................................................................................. 22
Nozioni generali .............................................................................................................................. 59
Installazione ......................................................................................................................................... 60
Raccordi Prineto .................................................25 Additivi per acqua di riscaldamento ............................................................................... 60
Corrosione esterna ......................................................................................................................... 60
Raccordi ..................................................................................................26 Principali tipologie di distribuzione delle tubazioni............................................ 61
Materiale ................................................................................................26 Esempi di allacciamento ai radiatori............................................................................... 62
Raccordi filettati ......................................................................................26 Valvole termostatiche a bassa inerzia termica ....................................................... 63
Corrosione esterna .................................................................................26 Dichiarazione di conformità delle valvole termostatiche ............................... 65
Filettatura ................................................................................................27 Prova di pressione degli impianti di riscaldamento ............................................ 66
Passaggio ad altri sistemi.......................................................................27 Protocollo di prova pressione per impianto
Coefficienti di perdita di carico localizzata dei raccordi Prineto ....28 di riscaldamento ............................................................................................................................... 67

INDICE 1

........................... 98 Tabella delle lunghezze equivalenti per resistenze accidentali .................................................... 92 Breve descrizione sistema RAP Bugnato Top .................................................................. 130 Breve descrizione sistema RAP Binario .................................. 92 Breve descrizione sistema RAP Bugnato Silence ........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................ 122 Tipologie di posa dei tubi......................................................... 162 Bilanciamento idraulico ........................................................................................ Top e Silence .................................1 Prova di pressione degli impianti di riscaldamento a pavimento ............................................... 120 Nozioni generali ........ 94 Verifica delle condizioni dell’edificio ................................................................................................................................................................ 88 a pavimento ............................................................................................................................................................................................................................................................................................. 116 in un edificio plurifamiliare ................. 137 Riferimenti normativi .............................. 166 Indicazioni di posa sistema Tacker ...................................................................... 69 Bugnato Standard........................................................................ 68 Indicazioni di posa sistema Metodo di calcolo semplificato della rete di riscaldamento ........ 97 Tabelle per dimensionamento di massima delle linee Massetto............................................................ 116 Perdite di carico dei tubi Prineto negli impianti Cronotermostato digitale a parete.................................................................................. 95 Tabelle per dimensionamento di massima delle linee Tagli dei massetti ............................................................................................................................................................................................................................... 88 Protocollo di avviamento iniziale del riscaldamento Riscaldamento a pavimento ............................................................... 103 Cassetta d’ispezione da incasso ........................................................................................................................................... 88 Tabelle di dimensionamento di massima Diffusione dell’ossigeno..... 138 Striscia perimetrale e pannelli isolanti ....................................................................................................... 101 Regolazione a punto fisso................................................................ 91 Diagrammi di rendimento da prove termotecniche ........................................................................... 143 Collettore RIVER e RIVER-PLUS ................................................................ 139 Indicazioni per l’installazione dei tubi .................................................... 89 Progettazione e dimensionamento degli impianti Temperatura superficiale del pavimento ..................................................... 119 Avviamento iniziale del riscaldamento a pavimento........................................................... 101 Certificazioni Prineto........... 117 di riscaldamento (60°C) ......................... 100 Collettore di distribuzione .....................87 a pavimento .................. 91 Perdite di carico dei tubi RAP PE-X e PE-MDX (40°C) ..................................................... 141 Resistenza termica dell’isolante secondo UNI EN 1264-4................................................................................................................... 110 2 INDICE ..................................................................................................................... 72 Testina elettrotermica ................................................................................... 127 Breve descrizione sistema RAP Tacker .................................................................................... 97 di diramazione con tubi Prineto .............................................................................................................................................. 118 Impianti di riscaldamento Protocollo di prova pressione per riscaldamento a pavimento RAP ...................................................... 103 Solare Termico ................................. 121 Vantaggi degli impianti a pannelli radianti ........................................................................................................................................................................................................... 140 Pavimentazioni ............................... 117...................................................................................................................................................................................... 89 per il calcolo delle quantità ...................................................................................................................................................................................................................................................................................................................... 133 Breve descrizione sistema RAP Bugnato Standard ................................................ 93 Impianti aria compressa Prineto .................... 109 Contenuto d’acqua tubi “solar” .......................................... 70 Termostato digitale a parete ................................................... 107 Perdite di carico tubi “solar” ................................................................................................ 94 Prineto Aria Compressa ....... 90 di riscaldamento a pavimento ................................................................................................................................ 112 dell’impianto di riscaldamento ................. 114 Esempio di calcolo semplificato per un appartamento Regolazione della temperatura ambiente .......... 96 principali con tubi Prineto............................................Progettazione e dimensionamento Indicazioni di posa sistema Binario ................. 161 Gruppo di miscelazione a punto fisso POSEIDON................ 99 Caratteristiche tecniche dei pannelli isolanti RAP .........................................

TUBAZIONI PRINETO TUBAZIONI 3 .

Note: 4 .

plastica riduce enormemente la possibilità di rali e metodi di prova.94 ca.25 l/m i quali vengono ottimizzati per la lavorazione Stoccaggio Ø 32 (33 x 4. Nell’ambito sedimentazioni o di fanghi all’interno dei tubi. Ø 63 (63 x 6.65): 1. vengono (in litri al metro) dei tubi Prineto in ambito sanitario. pressione ed all’invecchiamento. 0. contro la trasmissione dei rumori o Ø 32 (32 x 4.8): 0. Ø 16 (16 x 2.4): 0.08 l/m Produzione sostanze conosciute. PE-X – requisiti gene.25 l/m Materia prima metallici. la DIN 16892/93: tubi in polietilene controllo DVGW con il numero di registrazione levigatezza delle pareti interne dei tubi in reticolato ad alta densità. Tubo RAP PE-MDX (grigio chiaro) lene a media densità PE-MDX per impianti di Ø 17 (17 x 2.16 l/m I tubi in PE-X sono efficaci.0): 0. Prineto sono resistenti.0): 0.9): 0. ad Ai tubi sanitari è stato assegnato il marchio di sostanze contenute nell’acqua. il quale Resistenza chimica Ø 20 (20 x 2.42 l/m Come materia prima di base viene utilizzato delle vibrazioni.20 l/m viene termostabilizzato mediante l’aggiunta di Il processo di reticolazione aumenta la additivi contro la degradazione termica.0): 0.6): 0. DW 8306BN0286. 16 UNI EN ISO 527 Allungamento a rottura (%) ca.0): 0.35 0. 0. nei tubi in materiale termoplastico. Le norme periodicamente controllate le più importanti Tubo Flex (nero) e rilevanti relative alle varie tipologie di tubo proprietà qualitative. resistenza del polietilene alla maggior parte Tubo Stabil (bianco) delle sostanze chimiche. grazie alla struttura amorfa il polietilene ad alta densità ed elevato peso ed al modulo di elasticità che caratterizza le Tubo RAP PE-X (grigio) e molecolare (disponibili anche tubi in polieti. proteggendoli dalla luce fino Ø 50 (52 x 5. Bassa rumorosità Ø 20 (20 x 2.0): 0. Ø 25 (26 x 4. Sono più di mille le Ø 14 (14 x 2. tedesco del settore acqua e gas). Ciò è inoltre certificato to sono impermeabili all’ossigeno secondo formazione di ostruzioni causate da crescita di nei fogli di lavoro del DVGW (ente di controllo la DIN 4726 e la DIN 4724. Tubo Riscaldamento (rosso) sono elencate separatamente nei corrispon.11 l/m denti capitoli. 450 UNI EN ISO 527 Modulo di elasticità (N/mm²) ca.007 DIN 1988 TUBAZIONI 5 .007 0. Colpi d’Ariete la con reticolo tridimensionale.42 l/m del polietilene ad elevato peso molecolare. dal punto di vista microbiologico. 550 UNI EN ISO 527 Resistenza all’urto a -20°C nessuna rottura nessuna rottura UNI EN ISO 179/180 Resilienza a -20°C nessuna rottura nessuna rottura UNI EN ISO 179/180 Resistenza a tensione 8 bar. alle quali le tubazioni Ø 16 (17 x 2. rispetto ai tubi Ø 25 (25 x 3. non permette il I tubi in PE-X consentono di ridurre presentarsi. I tubi per riscaldamen. Caratteristiche fisico-meccaniche del PE-X e PE-MDX PE-X PE-MDX Norma Grado di reticolazione (%) ≥ 65 ≥ 65 DIN 16892 Densità (g/cm³) ca.93 UNI EN ISO 1183 Resistenza a trazione (N/mm²) ca. Ø 20 (21 x 3.20 0. in particolar modo nel caso di alte temperature di esercizio.20 DIN 53752 Rugosità interna del tubo (mm) 0. notevolmente gli effetti fastidiosi del “Colpo della drastica diminuzione della resistenza alla d’Ariete”.86 l/m imballi originali. Ad esempio dell’accordo di controllo stipulato con l’istituto il foglio di lavoro DVGW W270 certifica di ricerca Ofi e con il centro materie plastiche Contenuto d’acqua l’idoneità.0): 2.4): 0.31 l/m Reticolazione al momento della loro installazione.CARATTERISTICHE DELLE TUBAZIONI PRINETO Norme Garanzia di qualità Sedimentazioni I tubi PRINETO soddisfano le norme di settore mediante controllo esterno I tubi in PE-X sono piuttosto repellenti alle dei relativi campi d’applicazione come. di Vienna e del Sud-Germania (SKZ). 400 ca. 23 ca.32 DIN 52612 Coeff. di dilatazione termica lineare (mm/mK) 0. materie plastiche. 600 ca. L’estrema esempio. I tubi Prineto sono da immagazzinare negli Ø 40 (42 x 4.04 l/m La reticolazione.5): 0.16 l/m cessi di estrusione in moderni impianti dedicati. cioè l’unione delle catene molecolari del polietilene in una macromoleco.2): 0.13 l/m riscaldamento a pannelli radianti). 80° C nessuna crepa nessuna crepa ISO 16770 Coducibilità termica (W/mK) 0.11 l/m La produzione del tubo avviene mediante pro.

• nelle installazioni idrico sanitarie Impiego funge da barriera all‘ossigeno e riduce le dilata. mento Il rivestimento in “foglio di alluminio più guaina Impiego in PE-MD” conferisce stabilità al tubo in PE-X. più legante. numero di registrazione DVGW. serie tubo S 3. prova Metraggio corrente. serie tubo S 3. Composizione: strato in PE-X. indicazione del produttore. Caratteristiche I tubi Flex sono flessibili ed additivati con I tubi Riscaldamento sono flessibili. denominazione. materiale.2-0.2. denominazione.10 bar/70°C) + EVOH sauerstoffdicht nach bar/70°C) 26160733021 DIN 4726 27230436201 Esempio: (0343m) Stabil-Rohr 20 IVT DVGW DW-8501AT2606 PE-Xb 20x2. serie tubo S 3. numero di produzione 16892/93 S 3. indica- N° di registrazione DVGW: DW-8501AT2606 zione del produttore. N° di registrazione DVGW: secondo DIN 4726.025 mm/mK.2 SKZ (20 bar/20°C . appositi stabilizzatori per renderli resistenti ai Il rivestimento EVOH funge da barriera alla Coefficiente di dilatazione lineare raggi UV diffusione dell‘ossigeno nell’acqua di riscalda- secondo DIN 53752: 0. Pressione nominale: PN 20. Metraggio corrente. secondo DIN 1988 • nelle installazioni di riscaldamento zioni lineari di circa 1/5 rispetto ai tubi base in secondo UNI EN 12831 semplice PE-X Impiego • nelle installazioni idrico sanitarie secondo DIN 1988 • nelle installazioni di riscaldamento secondo UNI EN 12831 • nelle installazioni di riscaldamento a pavimento secondo UNI EN 1264 e DIN 18560 6 TUBAZIONI .2 OFM (20 bar/20°C . denominazione. numero di produzione indicazione del produttore. più legante.20 mm/mK. (alcol etilvinilico) Marcatura più strato di copertura in PE-MD Metraggio corrente. DIN 53752: 0. diametro. numero di registrazione Marcatura DVGW. normativa.8 mm saldato testa a testa. Marcatura di laboratorio. più DW-8306BN0286 Composizione: strato in PE-X. materiale. Tubo in PE-X nero secondo Tubo in PE-X rosso secondo DIN 16892/93. più foglio di alluminio dello spessore di 0.20 mm/mK. impermeabile all’ossigeno DIN 16892/93. nume.8 DIN 16892/93 S 3. più legante.10 Pressione nominale: PN 20.8 DIN Caratteristiche Caratteristiche 16892/93 S 3.2 (20 bar/20°C pressione. Esempio: (8454m) PE-X-Rohr 20 IVT DVGW Esempio: (0121m) Heizohr 20 IVT PE-Xb normativa. ro di produzione diametro. bar/70°C) 26160733021 Coefficiente di dilatazione lineare secondo Coefficiente di dilatazione lineare secondo DIN 53752: 0.2.8 DIN 20x2. indicazione di pressione.1 mm di spessore di rivestimento in EVOH 0.2.10 . indicazione di DW-8306BN0286 PE-Xb 20x2. materiale. Pressione nominale: PN 20. impermeabile all’ossigeno secondo DIN 4726.Tubo Stabil Tubo Flex Tubo Riscaldamento Colore Colore Colore Bianco Nero Rosso Descrizione Descrizione Descrizione Tubo in PE-X naturale secondo DIN 16892/93. diametro. prova di laboratorio. normativa.

1 mm di spessore di rivestimento in EVOH EVOH (alcol etilvinilico) (alcol etilvinilico) Marcatura Marcatura Metraggio corrente. Metraggio corrente. denominazione.0 DIN 16894 sauerstoffdicht nach DIN 4726 + EVOH sauerstoffdicht secondo DIN 4724 110207080301 110207080301 Caratteristiche Caratteristiche Pressione nominale: PN 16. solo per impianti di riscaldamento. Inoltre è disponibile. anche il tubo Colore Colore Multistrato Würth preisolato. Pressione nominale: PN 13. diame- tro. DIN 18560 e UNI EN 1264 DIN 18560 e UNI EN 1264 TUBAZIONI 7 .Tubo RAP PE-X Tubo RAP PE-MDX Nota: Tubazioni preisolate A completamento della gamma di tubazioni sono disponibili alcuni diametri dei tubi Stabil e Riscalda- mento. indicazione del produttore. (MD) secondo DIN 16894.20 mm/mK. forniti completi di isolazione. denominazione. Il Il rivestimento in EVOH funge da barriera rivestimento in EVOH funge da barriera alla alla diffusione dell‘ossigeno nell’acqua di diffusione dell‘ossigeno nell’acqua di riscalda- riscaldamento mento Impiego Impiego • nelle installazioni di riscaldamento • nelle installazioni di riscaldamento a pavimento secondo DIN 4726. Composizione: strato in PE-X. a pavimento secondo DIN 4726. Coefficiente di dilatazione lineare secondo Coefficiente di dilatazione lineare secondo DIN 53752: 0. materiale. normativa. secondo DIN 16892. I tubi RAP PE-MDX sono altamente flessibili. impermeabile all’ossige. più legante. numero di produzione Esempio: (0121m) Flächenheizrohr 17 IVT Esempio: (0121m) Flächenheizrohr hochflexi- PE-Xb 17x2. normativa. impermeabile no secondo DIN 4726.20 mm/mK. all’ossigeno secondo DIN 4724. più legante.0 DIN 16892 + EVOH bel 17 IVT PE-Xb (MD) 17x2. più più 0. DIN 53752: 0. indicazione del produttore. numero di produzione tro. diame. Tutte Grigio Grigio chiaro le predette tubazioni vengono fornite in comode matasse. Per approfondi- menti sull’argomento si rimanda al Descrizione Descrizione paragrafo “Tubazioni preisolate” alla Tubo in PE-X grigio ad alta densità (HD) Tubo in PE-X grigio chiaro a media densità fine di questo capitolo. materiale. I tubi RAP PE-X sono flessibili.1 mm di spessore di rivestimento in 0. Composizione: strato in PE-X.

120 0.2 33.0 12 17.683177 Stabil 16 17 x 2.2 4.732708 Riscaldamento 32 32 x 4.469005 Flex 32 32 x 4.65 40 52.4 2.5 254.4 3.0 23.65 0.298600 Stabil 50 52 x 5.0 18.163 2.144 0.0 23.098 0.0 10 14.9 201.0 51.8 162.0 4.0 0.8 15 20.4 0.2 1.254 3.0 18.397782 Flex 16 16 x 2.732708 Stabil 40 42 x 4.4 2.820623 .6 2.821902 Stabil 63 63 x 6.855 0.8 15 20.9 25 33.8 0.2 105.8 Dati tecnico-dimensionali dei tubi Prineto Diametro Diametro Spessore Contenuto Spessore Spessore Sezione Tubi Peso Diametro DN esterno interno parete d‘acqua alluminio PE-X interna Prineto (kg/m) (mm) (mm) (mm) (l/m) (mm) (mm) (mm²) TUBAZIONI Stabil 14 14 x 2.238 0.2 4.0 20 26.1 9.2 105.106 0.6 2.4 25 32.2 12 16.2 4.8 4.308 0.732708 Stabil 32 33 x 4.4 254.5 0.630 0.469005 Riscaldamento 25 25 x 3.2 14.2 0.098 0.0 14.8 12 17.423 4.0 6.106 2.4 0.043 0.0 3.9 5.7 162.2 11.201 1.163 2.5 254.061930 Stabil 20 21 x 3.069 0.382 0.0 23.860163 Riscaldamento 20 20 x 2.8 0.2 12 16.163 0.423 4.254 0.9 132.8 0.238 0.2 4.0 4.2 40.4 15 21.0 2.8 162.2 2.1 105.35 0.314 0.0 50 63.2 0.860163 Flex 25 25 x 3.5 0.153 0.6 1313.133 1.5 20 25.0 1.302 2.3 422.9 0.254 3.6 2.0 16.211 0.0 13.0 2.4 0.0 15 20.5 20 25.4 25 32.4 2.0 18.0 11.090 0.4 3.382 0.6 4.6 32 42.683177 RAP 17 17 x 2.0 14.683177 Riscaldamento 16 16 x 2.860163 RAP 20 20 x 2.7 855.477 0.0 3.2 3.4 422.4 422.423 0.4 2042.2 2.6 0.0 0.153 0.104 0.106 2.9 69.732290 Flex 20 20 x 2.948 1.0 11.469005 Stabil 25 26 x 4.0 0.

Tubo RAP.2 mm 28 x 1.5 mm 32 x 4.5 anni (riferite ad un ciclo di vita di 50 anni).5 mm 25 (26 x 4. 90°C per 1 anno e 100°C per 100 ore. d’esercizio 10 bar Note: – Classe di applicazione 2 = Distribuzione acqua calda sanitaria 70°C – Classe di applicazione 3 = Non assegnata – Esempio: il profilo di temperatura d’uso per 50 anni per la classe 5 è di 20°C per 14 anni seguito da 60°C per 25 anni. Tabella comparativa diametri delle tubazioni (secondo DIN 1988 parte 3) DN Tubo Tubo Tubo Tubo Tubo in acciaio in acciaio inox in rame PE-X Stabil 10 3/8“ 12 15 x 1 mm 15 x 1 mm 16 x 2. d’esercizio 10 bar MDX per impianti di riscaldamento a pannelli radianti nella norma DIN 4724.0 mm) 25 1“ 28 x 1.65 mm) 50 2“ 54 x 1. Classe di applicazione 4 = Riscaldamento a pavimento e radiatori a bassa temp. Tubo Riscaldamento e Tubo Stabil La suddivisione dei sistemi di tubazioni 20°C per 2.4 mm) 20 ¾“ 22 x 1. Inoltre Temperatura di guasto 100°C fino a 100 ore dalle norme di cui sopra si potranno evincere Pressione max.Condizioni d’esercizio Tabella di classificazione delle condizioni d’esercizio secondo UNI EN ISO 15875 dei tubi Prineto Classe di applicazione 1 = Distribuzione d’acqua calda sanitaria 60°C Tubo Flex e Tubo Stabil Le condizioni d‘esercizio degli impianti idrico Temperatura d’esercizio 60°C per 49 anni sanitari e di riscaldamento con tubi in PE-X Temperatura max.5 anni avviene mediante classi di applicazione.2 mm 16 (17 x 2.8 mm 20 (21 x 3. mentre quelle dei tubi in PE- Pressione max. d’esercizio PE-X 10 bar le pressioni massime di esercizio: Pressione max.5 mm 35 x 1. d’esercizio PE-MDX 4 bar Classe di applicazione 5 = Radiatori ad alta temperatura Tubo Riscaldamento e Tubo Stabil 20°C per 14 anni Temperature d’esercizio 60°C per 25 anni 80°C per 10 anni Temperatura max. d’esercizio 90°C per 1 anno Temperatura di guasto 100°C fino a 100 ore Pressione max.4 mm 32 (33 x 4.0 mm) DIN 2440 per tubi in acciaio di medio peso UNI EN 1057 per tubi in rame UNI EN ISO 1127 per tubi in acciaio inossidabile DIN 16892 / 16893 per tubi in polietilene reticolato ad alta densità Foglio di lavoro DVGW 542 per tubi multistrato TUBAZIONI 9 .8 mm) 15 ½“ 18 x 1 mm 18 x 1 mm 20 x 2.6 mm) 40 1 ½“ 42 x 1. d’esercizio 70°C per 2.5 mm 42 x 1. d’esercizio 80°C per 1 anno vengono descritte e stabilite nella norma UNI Temperatura di guasto 95°C fino a 100 ore EN ISO 15875.5 mm 40 (42 x 4.5 mm 50 (52 x 5.9 mm) 32 1 ¼“ 35 x 1. nelle Temperature d’esercizio 40°C per 20 anni quali sono stabilite le temperature massime di 60°C per 25 anni esercizio per un determinato lasso di tempo Temperatura max.2 mm 22 x 1 mm 25 x 3.5 mm 54 x 2 mm 63 (63 x 6. 80°C per 10 anni.

d’esercizio d‘esercizio (bar) 10 20.5. rende noti i valori della pressione max.7 100 15.0 Tubo 16 x 2.8 10 18.9 Durata minima d’esercizio 50 anni 10 12.4 5.1 Esempio: 50°C 50 14. Diagramma delle curve di regressione per tubi in PE-X x Prove secondo DIN 16892 ➞ Pressione max. d’esercizio Tensione di riferimento in MPa per tubi in PE-X per flusso d’acqua secondo DIN 16893 fattore di sicurezza 1.8 10 TUBAZIONI . a seconda del diametro del tubo può essere 50 17.4 25 20.2 sicurezza 1. Tensione di riferimento (MPa) x 10 x 2 x Spessore parete tubo (mm) 25 15.9 = 40°C d‘esercizio (bar) (Diametro esterno tubo (mm) .0 95°C 5 8.2 1 9.2) 50 11.9 30°C Con l‘ausilio del diagramma soprastante.5 risulta ammissibile una pressione max 25 10.2 5 10.3 25 14.2.3 MPa 50 12.7 calcolata la relativa pressione massima d‘esercizio con l’aiuto della seguente formula: 100 17.1 20°C Periodo d’esercizio in ore ➞ 50 20.9 : 1.2 Pressione Anni Periodo d’esercizio in anni Temperatura max. serie di tubo s3.1 Pressione max.3 ➞ secondo DIN 16893 Tabella 5 con fattore di 80°C 10 10.6 10 14.5) per 50 anni 1 9.1 25 17.6 10 16.2 bar (16. d’esercizio ammissibile nei tubi in PE-X in funzione della tempera- tura del fluido e della durata in esercizio.RESISTENZA ALL’INVECCHIAMENTO Il diagramma delle curve di regressione da pressione interna del PE-X secondo DIN 16892.3 x 10 x 2 x 2.Spessore parete tubo (mm) 50 15.2 100 13.3 (16 .8 Temperatura d’esercizio 70 °C 60°C 25 12.3 10 9.6 ➞ secondo curva 5.0 100 19.5 10 11.5 90°C 5 9.2 p in bar = = 16.9 bar 70°C 25 11.1 d‘esercizio di 11.

d’eserci- Prove secondo DIN 16894 zio per tubo RAP PE-MDX 17x2.6 10 8.2 80°C 10 6.9 100 13. d’esercizio ammissibile nei tubi in PE-MDX.3 5 6. rende noti i valori della pressione max.5 70°C 25 7.3 Periodo d’esercizio in anni 50 7.0 20°C 50 13.4 60°C 25 8.0 95°C 5 4.2 40°C 25 11. Anni Temperatura d’esercizio d’esercizio (bar) 10 14.0 50 11. in funzione della temperatura media del fluido e della durata in esercizio. a seconda del diametro del tubo può essere calcolata la relativa pressione massima d’esercizio. TUBAZIONI 11 .Il diagramma delle curve di regressione da pressione interna del PE-MDX secondo DIN 16894. fattore di sicurezza 1.6 50 9.6 Con l’ausilio del diagramma soprastante.4 50 8. Diagramma delle curve di regressione per tubi in PE-MDX Pressione max.4 Tensione di riferimento in MPa 50 12.7 10 12. utilizzando lo stesso procedimento e la stessa formula validi per i tubi in PE-X (vedi pagina precedente).6 ➞ 30°C 25 12.0 per flusso d’acqua secondo DIN 16894.0 Periodo d’esercizio in ore ➞ 15 6.4 10 11.8 50°C 25 9.5 Pressione max.0 10 9.2 10 7.2 25 14.

5 mm trasportano acqua fredda con una materiale impiegato: fW (arrotondato a 10 mm) temperatura di 10°C. meccanica sui raccordi che va eliminata instal. Differenza di temperatura: ∆θ (K) LB.0 mm ambiente di 25°C. ne a +10°C.5 fStabil ≈ 36. sono da considerare le lunghezza di seguito specificata (per conferire differenze tra la temperatura di posa stessa e al tubo la possibilità di movimento). PE-X 25 = 1000 mm ∆L = αi x LS x ∆θ lunghezze minime dei compensatori angolari per i tubi flessibili PE-X (tubo Riscaldamento oppure Dilatazione termica lineare: ∆L (mm) e tubo Flex) e per i tubi Stabil. la dilatazione del tubo LB = fW · √ (∆L · dTubo) In base al materiale impiegato risulta: d’acqua calda fino a 60°C sarà maggiore rispetto ad una posa ad una temperatura Lunghezza del ∆LPE-X (50 K. lunghezza A seconda della temperatura ambiente durante lando punti fissi e compensatori angolari della di tubazione dilatabile: 6 metri. la posa delle tubazioni. la temperatura minima e massima di esercizio La differenza di temperatura è pari a: del sistema di tubazioni. Stabil 25 = 580 mm Lunghezza tubazione dilatabile: LS (m) Il calcolo si basa sulla differenza di Coefficiente di dilatazione lineare: temperatura prevista (in Kelvin) e la dilatazione αi (mm/mK) del tubo.025 mm/mK grandi si potrà evincere la dilatazione termica lineare in millimetri. a seconda del materiale impiegato (tubo flessibile o Stabil). Tubo Prineto 25.20 mm/mK (tubo flessibile o Stabil) dalle due tabelle più αStabil = 0. traccia. 12 TUBAZIONI . essendo il materiale delle tubazioni spesso in grado di assorbire tale effetto. nelle installazioni sotto il compensatore angolare. A seconda del materiale impiegato αPE-X = 0. fPE-X ≈ 27. è invece indispensabile tenere conto di tale fenomeno installando punti fissi e punti scorrevoli. Ad esempio: La lunghezza minima del compensatore angolare viene calcolata come segue: ∆θ (60°C .5 Per il tubo da 25 sono necessarie le seguenti La dilatazione termica lineare viene calcolata lunghezze minime di compensatori angolari: con la seguente formula: Nelle tabelle alla pagina seguente sono riportate le dilatazioni termiche lineari e le LB. l’effetto della dilatazione termica risulta trascurabile.10°C) = 50 K • Se la posa avviene ad una temperatura ambiente di 5°C. Esempio: una dilatazione termica lineare del sistema di rante l’esercizio delle tubazioni e le forze che Colonna montante d’acqua calda. Con il valore individuato (arrotondato) e il diametro del tubo. sottoposte quindi a salti termici non trascurabili. 6 m) = 7. Nelle installazioni a vista. Il coefficiente di dilatazione della ne risultano. si potrà desumere dalle due tabelle più piccole Indicazione: la lunghezza minima richiesta per Solitamente.INDICAZIONI DI POSA DELLE TUBAZIONI Dilatazione termica lineare e compensatori di dilatazione angolari Le variazioni di temperatura determinano La dilatazione termica lineare generata du. 6 m) = 60. temperatura tubazioni. compensatore angolare: LB (mm) Dilatazione termica lineare: ∆L (mm) oppure • Le tubazioni d’acqua fredda posate a Diametro esterno del tubo: dTubo 30°C si accorciano se d’inverno Fattore relativo al tipo di ∆LStabil (50 K. posa della tubazio- plastica è superiore a quello del metallo. determinano una sollecitazione massima d’esercizio 60°C.

0 5 1.0 36.5 0.0 8.0 24.0 21.0 4.3 0.0 2.8 1.5 3. 8 2.0 7 1.0 8.0 22.0 18.5 4 1.0 13.0 2.0 31.5 Esempio: 6 1.300 1.5 4.0 40.5 15.0 4.5 35.5 12.5 3.0 10.0 13.200 1.5 2.0 20.0 6.0 30.0 6.3 4.0 20 5.0 27.5 3.0 10.5 8.0 Lunghezza minima Ø tubo fino 10 mm 15 mm 20 mm 25 mm 30 mm a 5 mm del compensatore angolare 14 250 440 530 600 700 770 in mm per tubi Prineto Stabil 16 300 460 560 660 740 800 A seconda del diametro del tubo e della 20 340 500 600 700 800 880 misura di dilatazione termica lineare si ricava 25 400 580 700 800 900 1000 la lunghezza minima del compensatore 32 430 620 780 890 1000 1250 angolare.8 9.3 13.0 6.5 14.5 5.0 12.0 9. 10 K 20 K 30 K 40 K 50 K 60 K 70 K 80 K 90 K 100 K tubo in mm dei tubi Prineto Stabil in m coefficiente di dilatazione termica lineare 1 0.5 6.5 20.0 40.5 9.0 15.0 7.0 8.0 30.8 2.3 6.5 mm 12 3. 10 K 20 K 30 K 40 K 50 K 60 K 70 K 80 K 90 K 100 K tubo in mm dei tubi Prineto PE-X in m (Tubo Flex e Riscaldamento) 1 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20 coefficiente di dilatazione termica lineare 2 4 8 12 16 20 24 28 32 36 40 medio ca.0 10. si accorcia o si allunga 10 2.0 9.8 3.5 45.0 28.0 17.0 8.0 2.0 3.0 17.5 10.300 1.0 45.0 50.200 1.3 22.400 1.5 6.0 7.0 6.5 15.0 10. 40 480 690 850 1000 1200 1400 50 540 780 950 1200 1400 1530 63 600 880 1100 1400 1600 1700 TUBAZIONI 13 .0 35.5 1. 0.0 16.5 15.0 14.8 5.0 al variare della temperatura della parete 9 2.5 28.0 12.3 12.3 14.025 (mm ogni metro di tubo 2 0.8 18. 0.5 18.0 1.0 15.000 1.0 25.0 40.0 3.3 3.0 3.5 12.5 5.5 21.3 2.5 27.0 1.100 1.0 6.0 32.0 16 4.0 12.0 16. si accorcia o si allunga di 60 mm 10 20 40 60 80 100 120 140 160 180 200 12 24 48 72 96 120 144 168 192 216 240 14 28 56 84 112 140 168 196 224 252 280 16 32 64 96 128 160 192 224 256 288 320 18 36 72 108 144 180 216 252 288 324 360 20 40 80 120 160 200 240 280 320 360 400 Lunghezza minima fino a Ø tubo 30 mm 40 mm 50 mm 60 mm 70 mm 80 mm 90 mm 100 mm 20 mm del compensatore angolare 16 500 600 700 750 850 900 950 1.350 1.8 4.8 1.250 A seconda del diametro del tubo e della misura 25 600 700 850 900 1.0 22.20 (mm ogni metro di tubo 3 6 12 18 24 30 36 42 48 54 60 ed ogni K) 4 8 16 24 32 40 48 56 64 72 80 5 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100 Esempio: 6 12 24 36 48 60 72 84 96 108 120 7 14 28 42 56 70 84 98 112 126 140 un tubo Prineto Flex di 6 m di lunghezza.5 5.100 in mm per tubi Prineto PE-X 20 550 650 750 850 900 1.0 14 3.5 un tubo Prineto Stabil di 6 m di lunghezza.5 2.3 7.0 ed ogni K) 3 0.0 5.0 24.3 1.8 10.8 10.8 7. al 8 16 32 48 64 80 96 112 128 144 160 variare della temperatura superficiale del tubo 9 18 36 54 72 90 108 126 144 162 180 di 50 K.3 2.0 20.0 20.5 1.0 18 4.200 1.0 31.0 24.000 1.0 7.0 12.0 18.0 11.5 25.5 7.050 1.8 17.0 4.0 15.0 11.450 lunghezza minima del compensatore angolare Dilatazione termica lineare Lungh.0 4.000 1.350 di dilatazione termica lineare si ricava la 32 650 800 900 1.3 7.0 di 7.250 1.5 5.5 medio ca.5 del tubo di 50 K.5 9.0 10.5 36.0 20.Dilatazione termica lineare Lungh.

I compensatori angolari vengono predisposti Al primo piano, la fascetta di scorrimento
L B2 L S4
ad angolo retto sulla parte dilatabile del tubo 3 si dovrà montare ad una distanza dalla co-
ed hanno il compito di assorbire la sua spinta lonna montante corrispondente alla lunghezza 2
di dilatazione. del compensatore angolare LB1, in modo da
compensare il movimento di dilatazione LS1
P.2°
Il seguente grafico rappresenta lo schema ed eliminare le sollecitazioni meccaniche che
(sezione verticale) dell’impianto d’acqua calda agiscono sul raccordo a “T”. Per il fissaggio
L S2
di un edificio con tre unità abitative. della colonna montante, si dovranno utilizzare L B1
Per ammortizzare il peso della colonna mon- esclusivamente fascette di scorrimento, così da
tante viene applicata una fascetta a punto fisso garantire un movimento fluido verso l’alto.
3
1 nel lato inferiore della stessa in corrispon-
denza della traccia di salita. La spinta di dilata- A seconda della distribuzione dei tubi, si
zione dell’intera colonna montante LS2 viene dovranno eventualmente prevedere altri com- P.1°
ammortizzata dal compensatore angolare pensatori angolari per le spinte di dilatazione
LB2 situato al secondo piano dell’edificio. A nei tratti LS3, LS4 e LS5. L S3
tale scopo è necessario montare la fascetta a
punto fisso 2 sul tratto di tubazione orizzonta- L S1
le al secondo piano, mantenendo una distanza
dalla colonna montante pari alla lunghezza 1
del compensatore angolare LB2. P.T.

L S5

Esempio di fascetta a punto fisso

Fascetta a punto fisso

Fascetta di scorrimento

Rubinetto d’arresto

Se a causa di condizioni costruttive vengono
LS1 LS2 applicati dei punti fissi sia all’inizio (ad es. il
punto d’incrocio della tubazione principale)
che alla fine (colonna montante verso l’alto)
L B2 di un tratto di tubazione, le forze generate
dovranno essere assorbite da un compensato-
re angolare ad “S”, come rappresentato nel
LB1
grafico a sinistra (sezione orizzontale).

L S3

L B3

Colonna montante verso l’alto

14 TUBAZIONI

Una situazione analoga si verifica in presen-
za di lunghe tubazioni a pavimento per il
Radiatore collegamento dei radiatori. Si dovranno evitare
sollecitazioni meccaniche sui raccordi di allac-
ciamento alla valvola del radiatore, installando
le tubazioni a forma di “S” oppure prevedendo
L B1 L S1
un punto fisso prima del radiatore. Consigliamo
Raccordo a “T” questi accorgimenti se la lunghezza dell’allac-
ciamento LS1 è superiore a 4 metri. Punto fisso a pavimento

LS1 LS2 LS3 LS4 LS5 LS6

L B6

LB1 LB2 L B3 L B4 L B5

In caso di installazione lineare delle tubazioni la lunghezza totale della tubazione in tratti montati dei punti fissi in mezzo ai compensatori
dove non fosse possibile assorbire tutte le forze possibilmente uguali, in modo da ottenere le angolari ad “omega” (Ω) ed alla tubazione
di dilatazione all’inizio ed alla fine dell’im- stesse lunghezze dei compensatori angolari. rettilinea. Nel compensatore angolare ad
pianto, ad esempio cambiando di 90° la L’esempio pratico potrebbe essere quello “omega” non si possono montare altre fascet-
direzione delle tubazioni, si dovranno inserire di una tubazione di distribuzione ubicata in te. Anche in questo caso per guidare il tubo
dei compensatori angolari ad “omega” (Ω). La cantina e lunga 60 metri, la quale viene divisa saranno utilizzate delle fascette di scorrimento.
posizione dei punti fissi sarà stabilita dividendo in tratti dilatabili da 10 metri. Vengono quindi

Fascette a punto fisso e di scorrimento
Le fascette a punto fisso bloccano saldamente zione con i raccordi. Le fascette di scorrimento In caso di installazioni orizzontali a vista, le
le tubazioni ed hanno la funzione di impedire non devono presentare parti che possano fascette di scorrimento fungono anche da
i movimenti dei tubi stessi, dovuti alla dilatazio- danneggiare la superficie esterna del tubo. Per supporti e contribuiscono (se posizionate in
ne termica, nella zona della loro installazione. evitare un serraggio eccessivo, dette fascette numero sufficiente) al mantenimento della
Vanno posizionati, di norma, in corrisponden- sono solitamente complete di distanziali di linearità delle tubazioni in presenza della
za di diramazioni, gomiti, ecc. per impedire scorrimento sulle viti. dilatazione termica.
che le spinte di dilatazione possano scaricarsi
proprio in tali punti. Si realizzano mediante
l’impiego di collari rigidi rivestiti solitamente in
materiale gommoso (per evitare danneggia- Distanza max. in metri tra i supporti per tubi Prineto posati orizzontali a vista
menti del tubo) che vengono fortemente serrati Diametro tubazione 16 20 25 32 40 50 63
attorno alla tubazione.
Tubo PE-X acqua fredda 0,70 0,75 0,80 0,90
Al contrario, le fascette di scorrimento non Tubo PE-X acqua calda (> 40°C) 0,60 0,65 0,75 0,85
devono compromettere la dilatazione termica
del tubo, permettendone invece lo scorrimento Tubo Stabil acqua fredda 1,00 1,00 1,25 1,50 1,50 1,75 1,80
assiale (in entrambi i sensi). Per questa ragione Tubo Stabil acqua calda (> 40°C) 0,80 0,90 1,00 1,10 1,30 1,45 1,50
vanno posizionate lontano dalle zone di giun-

TUBAZIONI 15

Inflessione dei tubi flessibili PE-X
I tubi disposti orizzontalmente tendono ad zioni. Fascette rivestite in gomma e serrate for- flessibili PE-X 16 e 20 posati nel massetto o
inflettersi tra le fascette di fissaggio. In caso di temente possono garantire la stessa inflessione sottotraccia ed isolati, non sono necessarie mi-
tubi per l’acqua fredda 25 e 32, l’inflessione tra i fissaggi. Con una distanza di un metro tra sure particolari per compensare la variazione
sarà quasi impercettibile. Al contrario nei tubi le fascette ed un aumento della temperatura di di lunghezza.
per l’acqua calda, la variazione di lunghezza 50 K, il tubo subirà un allungamento di 8 mm Nell’ambito delle installazioni a vista (ad es.
causata dal surriscaldamento rende evidente provocando una inflessione di ca. 4 cm. distribuzioni al piano interrato), i tubi Stabil
l’inflessione dei tubi tra le fascette. Se, ad esempio per motivi di estetica, non sono più adatti dei tubi PE-X, data la loro mag-
Questa inflessione dovrà essere considerata fosse ammessa alcuna inflessione, è opportu- giore stabilità e la minore dilatazione lineare
anche nella scelta della direzione delle tuba- no ricorrere all’utilizzo dei tubi Stabil. Per i tubi in caso di surriscaldamento.

Lavorazione a basse Messa a terra
temperature
I tubi Prineto non dovrebbero essere I tubi Prineto sono costituiti da materiale
lavorati a temperature di gelo (eventualmen- plastico non conduttore di elettricità. Questi
te preriscaldare i locali di installazione). In tubi non possono quindi essere utilizzati come
caso di stretti raggi di curvatura ed in caso impianto di messa a terra elettrica. In caso di
di espansioni il tubo verrebbe fortemente riparazione di reti idrauliche in metallo (ad es.
“affaticato”. La capacità elastica del materiale in vecchi edifici) bisogna accertarsi che non
del tubo diminuisce al calare della temperatu- vi sia da ripristinare un eventuale preesistente
ra. Se si rendesse necessaria la lavorazione a impianto di messa a terra tra le vecchie tuba-
dette basse temperature, il tubo dovrà essere zioni in metallo. Le nuove tubazioni Prineto
preriscaldato. In caso contrario le curvature inserite sono quindi, in questo caso, da bypas-
e le procedure di espansione vanno effet- sare elettricamente.
tuate lentamente e con movimenti regolari.
Verificare che la parte di tubo espansa non
presenti eventuali danneggiamenti (ad es. una
sovradilatazione).

Curvatura
Tubi PE-X / PE-MDX: Tubo Stabil
Raggio di curvatura minimo a mano libera Raggio di curvatura a mano libera Si sconsiglia la curvatura a caldo, in quanto
riferito all’asse del tubo riferito all’asse del tubo per le misure per ottenere una curvatura stabile e duratura,
= 8 x diametro esterno del tubo da 16 a 32 il materiale dovrebbe essere riscaldato fino
Ad es.: 8 x Ø 16 mm = 128 mm; = 5 x diametro esterno del tubo al punto di fusione del cristallo, che si aggira
8 x Ø 20 mm = 160 mm; e così via Ad es.: 5 x Ø 17 mm = 85 mm; attorno ai 135ºC. Eventuali danni alla struttura
5 x Ø 21 mm = 105 mm; e così via della tubazione non sono esclusi nemmeno
Raggio di curvatura minimo con condotti mediante l’utilizzo di un ventilatore ad aria.
curvati Dopo la curvatura i tubi Stabil tendono legger-
= 5 x diametro esterno del tubo mente a raddrizzarsi. Di conseguenza curvare
Ad es.: 5 x Ø 16 mm = 80 mm; detti tubi con un angolo ulteriore di ca. 15º
5 x Ø 20 mm = 100 mm; e così via rispetto a quello che servirebbe per la posa.
Raggio di curvatura minimo per il tubo Stabil
Assicurare il raggio di curvatura utilizzando 16 e 20 riferito all’asse del tubo Avvertenza:
condotti curvati o un tassello a gancio in = 4,5 x diametro esterno del tubo Non curvare i tubi direttamente
plastica per il fissaggio dei tubi al sottofondo. ottenibile con molle piegatubi o con utensili di sui raccordi pressati.
Posare il tubo in modo tale che a seguito della curvatura.
dilatazione termica lineare il tratto di curvatura
non si pieghi.

16 TUBAZIONI

La distanza minima tra i raccordi dipende dalla misura z degli estremi dei raccordi da unire (la misura z di ogni raccordo è riportata nelle rispettive schede info di prodotto) e dalla lunghezza minima del tubo necessaria a realizzare il raccordo. se un raccordo a T con attacco centrale femmina viene impiegato in combinazione con un gomito a 90º maschio (vedi foto sopra). i con l’aggiunta dell’ingombro Xi per il posizionamento della forcella dietro 36 alla boccola: Ltubo. Ciò potrebbe risultare utile ad es. Detta lunghezza minima del tubo Ltubo. i (mm) Per calcolare l‘interasse minimo tra i raccordi bisogna aggiungere alla ricavata 221 lunghezza minima del tubo le misure z di entrambi i raccordi: Ltot = Ltubo. racc.Distanza minima tra i raccordi In presenza di specifiche condizioni costruttive. ad esempio. può risultare necessario montare i raccordi quanto più vicini l’uno all’altro (ad es. min. i + za + zb Esempio con tubo Stabil 50 con gomito e raccordo a “T” da 50: LStabil 50 = 123 mm zgomito 50 = 48 mm z2. LStabil 50 = 123 per espansione Maggiore è il diametro del tubo. maggiore sarà anche la distanza tra gli assi dei raccordi. in caso di stacco del tubo da una colonna montante). T 50 = 50 mm Ltot 50 = 123 + 48 + 50 = 221 mm Nell’esempio l‘interasse minimo tra i raccordi (distanza tra gli assi) sarà di 221 mm. Questa distanza si potrà ridurre. in caso di stacco di una tubazione dalla distribuzione principale nello scantinato. min. i + Xi 15 ingombro per Esempio con tubo Stabil 50: posizionamento forcella raccordo a T Lboccola 50 = 36 mm XStabil 50 = 15 mm LStabil 50 = 3 x 36 + 15 = 123 mm 50 48 Le lunghezze minime del tubo necessarie alla realizzazione di un raccordo Prineto sono riportate nella seguente tabella: Diametro tubo 14 16 20 25 32 40 50 63 Lunghezza minima tubo 48 66 75 93 106 111 123 130 Ltubo. quando l’altezza minima di passaggio non deve essere compromessa. i dipende a sua volta dalla lunghezza della boccola da utilizzare Lboccola. TUBAZIONI 17 . i = 3 x Lboccola. min. min.

stabiliti e specificati dal a limitare la perdita di calore dei fluidi vettori per la dilatazione termica lineare. 9 mm che la coibentazione rappresenta una in ambiente riscaldato barriera il cui scopo è essenzialmente Tubazione canalizzata. ai sensi della norma DIN 1988.0 0.3 28. isolandole secondo norma DIN 1988.6 0.2%. Dette tubazioni vanno protette dal ri.060 8.1 0. vicino a tubazioni calde Tubazione in fessura muraria. ma della trasmissione acustica. il libero movimento anche ulteriori requisiti. la riduzione committente (ad es. posandole ad una sufficiente sanitaria è disciplinato dalla norma DIN 1988 distanza dalle tubazioni d’acqua calda e/o parte 2. cantina) di gelo.045 4.3 6. 4 mm colonna montante Tubazione libera a parete. Tubazione canalizzata.9 11.1 16.0 16. preced.025 2. capitolato).6 5.035 3. parte 2.3 0.2 24. adempiono anche ad altri ed importanti canica ecc.8 18 TUBAZIONI . 4 mm pericolo di raggiungimento del punto in ambiente non riscaldato (ad es. 13 mm lo in assoluto. 9.040 4 9 13 0. preced. certamente non di escluder.) (9 mm tab.1 0.0 0.) (13 mm tab.Isolamento delle tubazioni Le isolazioni delle tubazioni non servono solo compiti come.3 19. ad esempio.) non può superare lo 0. preced. II. 13 mm vicino a tubazioni calde Tubazioni su solaio in cemento 4 mm La tabella seguente assegna gli spessori dello strato isolante per materiali aventi valori diversi di Avvertenza: conduttività termica.6 8. o 13 mm. precedente in riferimento agli spessori dello strato isolante. III corrispondono alle condizioni di installazione analizzate nella tabella Prineto vanno protetti dalla corrosio.030 2. Di conseguenza i Conduttività termica Ambito di utilizzo materiali isolanti devono essere privi dello strato isolante I II III di nitriti ed il contenuto di ammoniaca (W/mK) (4 mm tab.9 13. e rispettivamente 4. L’ammoniaca. 4 mm quello di ritardare l’instaurarsi di tale senza tubazioni calde fenomeno. 0. scaldamento ed eventualmente dalla formazio- Valori indicativi degli spessori minimi dello strato isolante nella coibentazione di Avvertenza: tubazioni d’acqua fredda sanitaria. In determinate circostanze i raccordi Gli ambiti di utilizzo I. Talvolta possono essere richiesti Isolamento reti d’acqua fredda sanitaria L’isolamento delle tubazioni d’acqua fredda ne di condensa. E’ opportuno tenere presente Tubazione libera. l’ammina. in un contratto d’opera o o ad impedire che gli stessi si riscaldino. possono provocare un’eventuale tensocorrosione. tabella 9: Di frequente la coibentazione dei tubi viene erroneamente interpretata Spessore dello strato isolante Condizioni di installazione come soluzione di sicura affidabilità di conduttività termica λ = 0. ne esterna. la protezione mec.040 W/mK nel tempo.0 4.2 10.4 19. i sali di ammonio o il biossido di zolfo Valori equivalenti dello spessore dello strato isolante in mm in funzione della conduttività termica: ecc.050 5.055 7.8 7. idonea a scongiurare il Tubazione libera.

P. prevenire la formazione di condensa nelle tubazioni acqua fredda • Per tubazioni correnti entro strutture non affacciate né all‘esterno né su locali non riscaldati ai sensi della norma DIN 1988. non sono da intendersi come coiben- tazione. all’interno del tubo protettivo vanno classificate come non coibentate.030 13 19 26 33 37 40 0.042 22 32 43 54 59 64 0. Come dice il nome stesso. La messa in opera della coibenta.046 26 38 50 62 68 74 0. Diametro esterno della tubazione (mm) ca utile dell’isolante (W/mK) < 20 da 20 a 39 da 40 a 59 da 60 a 79 da 80 a 99 > 100 0. Avvertenza: i valori minimi dello spessore del materiale isolante sono ricavati per interpolazione lineare Il tubo corrugato o il tubo protettivo dei dati riportati nella tabella 1 stessa.R. seguente): Tabella 1 Conduttività termi.044 24 35 46 58 63 69 0. gli spessori di cui alla tabella 1. devono essere 40°C: e funzionali dei materiali coibenti e di quelli da coibentate separatamente. TUBAZIONI 19 . del. 26 agosto 1993. sono fissati dalla seguente Tabella 1 (estratto liquida o vapore. dell‘involucro edilizio. dell’allegato B del D. vanno moltiplicati per 0.048 28 41 54 66 72 79 0.5 da eventuali danneggiamenti o per (Categoria B della figura a pag. verso l‘interno del fabbricato ed i relativi spessori minimi dell‘isolamento ne meccanica della tubazione interna che risultano dalla tabella 1. valvole.050 30 44 58 71 77 84 • Per valori di conduttività termica utile dell‘isolante differenti da quelli indicati in tabella 1.3 Di conseguenza le tubazioni posate (Categoria C della figura a pag. vanno moltiplicati per 0. Spessore minimo di isolante da porre in opera in funzione della sua conduttività e del diametro esterno della tubazione (Categoria A della figura a pag. seguente). senza strozzature o riduzioni di spessore. il • I montanti verticali delle tubazioni devono essere posti al di qua dell‘isolamento termico tubo protettivo funge solo da protezio. in mm e della conduttività termica del materiale zione deve essere effettuata in modo da garan. 412/93) in funzione isolate per garantire un maggiore risparmio della temperatura del fluido termovettore. comprese le curve. Avvertenza: Le tubazioni devono essere coibentate in modo uniforme.R.Isolamento reti di fluidi riscaldati Il D. vengano adeguatamente le condizioni termoigrometriche dell’ambiente. le flange.P.038 18 28 37 46 51 56 0. saracinesche e quant’altro possa configurarsi come ponte termico. n. quali ad esempio le tubazioni di mandata e isolante espressa in W/mK alla temperatura di tire il mantenimento delle caratteristiche fisiche ritorno dell’impianto termico. tenendo conto in particolare della Gli spessori minimi del materiale isolante le tubazioni trasportanti fluidi riscaldati.032 14 21 29 36 40 44 0. 412 prevede che costruzione. Tubazioni portanti fluidi a temperature diverse.036 17 25 34 43 47 52 0. in fase permeabilità al vapore dello strato isolante.040 20 30 40 50 55 60 0.034 15 23 31 39 44 48 0. del diametro esterno della tubazione espresso energetico. i raccordi. seguente).

P. e non affacciate né all’esterno né su locali non (Vedi spessori tabella 1 alla pagina to termico dell’involucro edilizio. (Vedi spessori tabella 1 alla pagina (Vedi spessori tabella 1 alla pagina precendente moltiplicati per 0. 412 Categoria A Categoria B Categoria C Isolamento di tubazioni esterne. gara. 26 agosto 1993.Esempio di coibentazione di rete trasportante fluidi riscaldati secondo D. perimetrali degli edifici al di qua dell’isolamen.R.5) 20 TUBAZIONI . verso l’interno riscaldati. n. precendente) del fabbricato.3) precendente moltiplicati per 0. cunicoli. Isolamento di tubazioni correnti sulle pareti Isolamento di tubazioni correnti entro strutture ges. locali caldaia. cantine.

412 del 26/08/93 (in Di seguito riportiamo una tabella con indicate re le pagine iniziali di questo capitolo.8) Caratteristiche isolante Spessore mm 6 6 6 / 10 10 6 10 Conducibilità termica λ 0.4) (26 x 4.036 0. comma 4.0) (17 x 2.2) (20 x 2.036 0.P. permettendogli un notevole risparmio due fasi di lavoro (posa del tubo e successiva relativi all’isolamento del tubo stesso. specifiche dei tubi Prineto elencati.0) (16 x 2.8) (21 x 3. L’isolante è protetto esternamente da una pellicola in LPDE che conferisce mag- gior forza e protezione meccanica all’isolante stesso. 2037 n. 4. 16 Riscald.Tubazioni preisolate Le tubazioni preisolate hanno il grande pregio di tempo e di costi. riuscendo pertanto a mantenere inalte- rate nel tempo tutte le sue proprietà. della legge le proprietà dell’isolante a seconda del tipo visto dal Regolamento Europeo (EC) n. Il materiale isolante utilizzato per il rivestimento delle predette tubazioni è il Polietilene espanso Reticolato. del 29. 10/91) e valido per tubazioni correnti in e del diametro dei tubi Prineto preisolati. n. attuazione dell’art.036 Resistenza alla diffusione del μ 5297 5297 5297 5297 5297 5297 vapore acqueo Autoestinguenza CL1 CL1 CL1 CL1 CL1 CL1 Lunghezza rotolo m 50 50 50 25 50 50 TUBAZIONI 21 . Lo spessore di rivestimento ambienti riscaldati entro strutture non affacciate Per eventuali approfondimenti sulle proprietà dei tubi Prineto preisolati è conforme a quan. riducendo di agevolare l’installatore nella posa degli è già preisolato si rende possibile l’unione di di conseguenza sia i tempi di lavoro che i costi impianti. consulta- to previsto dal D.R. Dal momento che il tubo isolazione) in un unico passaggio.06.036 0. Caratteristiche tecniche Stabil 14 Stabil 16 Stabil 20 Stabil 25 Riscald. conformemente a quanto pre. inodore ed esente da clorofluorocarburi (CFC) dannosi per l’ambiente. 20 Tubi Prineto (14 x 2. Il materiale dell’isolante è atossico.2000.036 0. forniti completi di isolamento. Tubi Prineto preisolati La gamma dei tubi Prineto preisolati si compone di alcuni diametri dei tubi Stabil e dei tubi Riscaldamento.036 0. né all’esterno né su locali non riscaldati.

2037 del 29. causa principale dei fenomeni tubo in tubo in corrosivi. esternamente da una pellicola in LPDE che singoli corpi scaldanti. Il tubo di alluminio è indeformabile e garan. stabilità e durata La grande flessibilità e leggerezza permettono un notevole risparmio di tempo in fase di installazione. collettori naturali del polietilene vengono migliorate di canica all’isolante stesso.R. 10954-1 “Sistemi di tubazioni multistrato neamente la pressione dei raccordi. locali non riscaldati. 0878 900 031). 22 TUBAZIONI . conformemente a (art.40°C +95°C Max pressione operativa = 10 bar Resistenza alla corrosione Superficie interna estremamente liscia e compatta che previene l’accu- mulo e la sedimentazione di depositi. Per l’allacciamento ai terminali (ad es. La piegatura risulta perciò estremamente semplice e veloce. della legge n.Tubo Multistrato WÜRTH preisolato (solo per riscaldamento) Il tubo Multistrato Würth è costruito in base uniforme su tutto il tubo. non risente dell’”effetto memoria”. consentendo una grande riduzione del numero di giunzioni. tubazioni correnti in ambienti riscaldati entro Questa tubazione è composta da un tubo di causa di eventuali corrosioni alle componenti strutture non affacciate né all’esterno né su alluminio saldato longitudinalmente testa a metalliche di un impianto. Il tubo. lati è conforme a quanto previsto dal D. contribuendo tra l’altro alla capacità di a mantenere inalterate nel tempo tutte le sue appositi adattatori di allacciamento (ad es. Utilizzare questi adattatori in e delle pressioni del tubo e garantendone inodore ed esente da clorofluorocarburi (CFC) combinazione con il raccordo di giunzione maggior durevolezza. 10/91) e valido per tisce. tubo in PE-X alluminio PE-X Alto grado di impermeabilità Lo strato di alluminio permette ai tubi Multistrato Würth di sostenere alte pressioni e nel contempo impedisce ai gas e all’ossigeno di pene- trare all’interno delle tubazioni. 0878 900 034).2000. maneggevolezza. te all’alluminio di mantenere uno spessore (EC) n.P. testa. metallo-plastici per acqua fredda e calda”. per effettuare la giunzio- Il processo di saldatura testa a testa consen. Grazie al processo di reticolazione le qualità conferisce maggior forza e protezione mec. Tutti e Il materiale isolante utilizzato per il rivesti. Lo spessore di Proprietà principali: membrana membrana adesiva adesiva Alta resistenza termica e meccanica Range temperatura di utilizzo = . anche sullo strato in rivestimento dei tubi Multistrato Würth preiso- alle indicazioni riportate nella norma UNI polietilene il che consente di distribuire omoge. 412 del 26/08/93 (in attuazione dell’art. riuscendo pertanto e/o valvole per radiatore) si utilizzano gli molto. 4. dannosi per l’ambiente. l’impermeabilità all’ossigeno. n. inoltre. Leggerezza. sopportare meglio il carico delle temperature proprietà. comma 4. L’isolante è protetto collegamento dal collettore di distribuzione ai collegamento. Il materiale dell’isolante è atossico. dotato di uno strato interno ed esterno di Polietilene Reticolato (PE-Xb/Al/PE-Xb). quanto previsto dal Regolamento Europeo ne di due tubi Multistrato. I tubi Multistrato Würth trovano il loro tre i livelli sono tenuti assieme ermeticamente mento della predetta tubazione è il Polietilene impiego negli impianti di riscaldamento per il e indissolubilmente tramite due strati adesivi di espanso Reticolato.06. grazie allo strato interno di alluminio. art.

647 0.447 1.994 1.854 0.707 5.746 4.541 0.326 16.149 0.036 Resistenza alla diffusione del vapore acqueo μ 5297 5297 Autoestinguenza CL1 CL1 Lunghezza rotolo m 50 50 Perdite di carico tubi Multistrato Würth a 50°C 16 x 2.25 0.492 14.023 0.741 18.43 0.40 3.199 0.04 0.248 0.332 1.099 0.03 0.25 2.653 55.698 1.049 0.622 0.413 0.434 0.442 2.530 3.188 0.50 2.036 0.243 0.201 Raggio di curvatura minimo con piegatubi esterna 5 x Ø est.541 0.349 0.119 0.538 92.20 1.386 0.895 48.01 0.490 0.736 0.0 Caratteristiche tubo Diametro esterno mm 16 20 Spessore parete mm 2.05 0.43 Dilatazione termica mm/mK 0.353 1.796 6.769 27.420 0.278 0.030 0. Caratteristiche isolante Spessore mm 6 6 Conducibilità termica λ 0.06 0.621 0.037 0. 4 x Ø est.0 Spessore alluminio mm 0.096 73.02 0.619 4.636 1.125 0.244 10.146 0.736 41.15 1.907 0.995 7.265 0.60 2.647 0.0 Portata Velocità Perdita di carico Velocità Perdita di carico (l/s) (m/s) (mbar/m) (m/s) (mbar/m) 0.09 0.45 2.248 TUBAZIONI 23 .113 0.025 Rugosità interna μ 7 7 Diffusione ossigeno mg/l 0 0 Grado di reticolazione % 65 65 Contenuto acqua l/m 0.027 0.30 2.10 0.65 3.245 0.211 40. 6 x Ø est.497 2.25 Temperatura max di esercizio °C 95 95 Pressione max di esercizio bar 10 10 Conducibilità termica W/mK 0.239 29.700 0.0 20 x 2.35 3.088 0.08 0.990 23.025 0.0 2.884 8.348 1.088 0.378 0.176 0.809 0.398 1.55 2.Caratteristiche tecniche Tubi Multistrato Würth 16 x 2.996 0.298 0. Raggio di curvatura minimo con molla interna 3 x Ø est.07 0.488 34.234 55.254 0.0 20 x 2.

Note: 24 .

RACCORDI PRINETO RACCORDI 25 .

2%. isolandoli con materiali dezincatura. cemento. Il materiale dei • Trattati termicamente ammoniaca) i raccordi Prineto vanno protetti raccordi è dunque ammesso nelle installazioni • Ampie garanzie di resistenza alla dalla corrosione esterna. mediante opportuno rivestimento. Raccordi filettati Avvertenza: Proteggere i raccordi e le boccole Al sistema Prineto resistente alla corrosione in caso di contatto prolungato con sono associati anche adeguati raccordi filettati l’umidità (ad es. i sali di ammonio o il biossido di zolfo ecc. 26 RACCORDI . impermeabili all’acqua. Tutti i raccordi standard (ad es. Gli elementi leganti e la trasformazione strutturale termica del corpo del raccordo offrono ampie garanzie contro i fenomeni di tensocorrosione e corrosione perforante. generalmente a causa di cattiva installazione. isolazioni. consentono la lacerazione della boccola né • Nessun rumore d’acqua corrente durante il processo di compressione né in • Un raccordo per tutti i tubi posizione montata. L’ammoniaca. dove l’aria contiene qua sanitaria TrinkwV 2001. detergenti UNI EN 1254-3) e successivamente trattate sanitaria TrinkwV 2001 ecc. dezincatura CuZn36Pb2As in stalle da bestiame. Le proprietà del materiale non • Elevata portata di flusso to di ammoniaca non può superare lo 0. nel caso di tubazioni in ottone speciale o ottone rosso resistenti alla interrate). (eccetto quelli per i tubi RAP) I raccordi concepiti specificatamente per l’allacciamento dei radiatori.) devono essere privi di nitriti ed il contenu- termicamente. installazioni nell’acqua riportati nella normativa sull’ac. i raccordi a T. non è però pos- sibile escludere totalmente eventuali processi corrosivi.RACCORDI I raccordi Prineto possono essere utilizzati con tutte le tubazioni Prineto (eccetto i rac- cordi per i tubi RAP). • Componenti di lega secondo possono innescare il processo della tensocor- norma DIN 50930-6 rosione. Il materiale è conforme alla norma DIN Raccordi standard Prineto Corrosione esterna 50930 parte 6. Proteggere i raccordi e le boccole dal contatto con l’opera muraria o con il massetto (installazioni sottotraccia). i gomiti o i terminali) possono essere impiegati sia nelle installazioni sanitarie che in quelle di riscaldamento. sostanze aggressive o corrosi- ve. e garantisce quindi il rispetto dei valori limite delle sostanze contenute • Ottone speciale resistente alla In determinate circostanze (ad es. 534 che ne certifica le caratteristiche. Materiale I raccordi Prineto sono prodotti in ottone speciale resistente alla dezincatura CuZn36P- b2As (CW 602 N secondo norma UNI EN 1254-3). In casi particolari ed isolati.5. Di conseguenza i materiali a diretto Le boccole vengono prodotte in ottone • Basse perdite di carico contatto con la raccorderia (ad es. gesso. CuZn39Pb3 (CW 614 N secondo norma • Rispetto della normativa sull’acqua espansi e schiume di montaggio. sono in ottone CuZn38Pb1. l’ammi- sanitarie secondo il foglio di lavoro DVGW W tensocorrosione na.

25 x G 3/4“ art. Ne sono escluse le prolunghe per rubinetti con con filettatura a tenuta filettatura cilindrica interna ed esterna. ad es. parte 1 – Filettature a tenuta: filettatura interna cilindrica (Rp). • Terminali con filettatura interna Rp oppure con filettatura non a tenuta esterna R (ad es. Nella descrizione di questi prodotti deve R essere riportata la dicitura “idoneo per tubi in Filettatura esterna conica. I materiali e prodotti ermetizzanti ammessi per la filettatura non devono provocare tensocor- rosione. i pezzi avvitabili ed i dadi per raccordi (G). 0878 640 040) con filettatura non a tenuta RACCORDI 27 . Passaggio ad altri sistemi Utilizzando i seguenti raccordi è possibile passare da altri sistemi di tubazioni al sistema G Prineto e viceversa: Filettatura interna cilindrica. filettatura esterna conica (R). plastica” ed il marchio di controllo DVGW con filettatura a tenuta (ad es. 0878 343 290) • Chiusure ad avvitamento non a tenuta come pezzi avvitabili o terminali con dado girevole (ad es. Rp Filettatura interna cilindrica. terminale diritto G femmina con dado girevole Filettatura esterna cilindrica. terminale diritto maschio 25 x R 3/4“ art. nastro in teflon). Queste filettature sono conformi alla norma UNI ISO 228 - Filettature non a tenuta. terminale diritto per brasatura 20 x L 18 art. 0878 641 360) • Terminali per brasatura (per saldature su tubi in rame.Filettatura Identificazione delle filettature Le filettature sono conformi alla norma DIN 2999.

4 terminale diritto femmina 0.3 Intermedio unione del flusso 0.7 separazione del flusso 1.0 Terminali correnti opposte con separazione del flusso 1.7 gomito a 90° 0.4 Terminale a 90° doppio passaggio con separazione del flusso 0.0 passaggio 0.7 correnti opposte con unione del flusso 3.4 unione del flusso 0.3 Raccordo a T separazione del flusso 1.5 Rubinetti d’arresto 0.7 Collettore uscita dal collettore 0.3 Gomito Terminale a 90° con flangia 0.7 correnti opposte con separazione del flusso 1.9 raccordo a stringere 0.4 passaggio con separazione del flusso 0.8 unione del flusso 1.0 Curva d’allacciamento 0.3 passaggio con separazione del flusso 0.3 entrata nel collettore 1.5 terminale diritto maschio 0.4 correnti opposte con unione del flusso 3.7 separazione del flusso 1.0 Terminale diritto con flangia 0.9 intermedio diritto 0.7 gomito a 45° 0.4 separazione del flusso 1.4 Raccordo a T con attacco centrale terminale diritto femmina con dado girevole 0.7 passaggio con separazione del flusso 0.4 correnti opposte con unione del flusso 3.3 raccordo Eurocono 0.5 28 RACCORDI .3 terminale diritto per brasatura 0.3 riduzione o allargamento 0.4 riduzione o allargamento 0.3 intermedio diritto ridotto 0.4 riduzione o allargamento 0.3 separazione del flusso 1.3 passaggio con separazione del flusso 0.4 Terminale a 90° con flangia doppio attacco gomito a 90° maschio 0.0 correnti opposte con separazione del flusso 2.Coefficienti di perdita di carico localizzata dei raccordi Prineto secondo DIN 1988 ξ ξ Descrizione Descrizione (adimensionale) (adimensionale) Terminale a 90° (corto e lungo) 0.7 Raccordo a T con attacco laterale Terminale a soffitto 0.

TECNICA DI GIUNZIONE DEL SISTEMA PRINETO TECNICA DI GIUNZIONE 29 .

Il foglio di lavoro DVGW W di boccola da utilizzare per la realizzazione • Nessuna guarnizione O-Ring 534 disciplina i raccordi ed i collegamenti per delle varie giunzioni Prineto. all’espansione del tubo collaudi. 20. 25 e 32 e per il tubo RAP 20 sono • Giunzione successivamente color ottone non trattato. marchio di controllo DVGW. 30 TECNICA DI GIUNZIONE . • Elevata portata di flusso grazie qua potabile. di controllo con il Centro per le materie plasti- che di Würzburg (SKZ) e l’Istituto di Ricerca Le boccole vengono fornite in due colorazioni OFI di Vienna. senza l’impiego di alcun mastice aggiuntivo. • Estesa superficie di tenuta i tubi nell’installazione di condutture per l’ac. stabilendone i relativi requisiti e Le boccole per i tubi PE-X (Flex e Riscaldamen. L’estremità del tubo viene precedentemente espansa per consentire l’alloggiamento del raccordo. le giunzioni sono immediata- mente in grado di sostenere sia carichi di pressione che di temperatura. to) 16. viene garantita la massima e diverse per facilitare l’identificazione del tipo Vantaggi: costante qualità. con i relativi color ottone nichelato (vedi paragrafo “Indivi- do il foglio di lavoro DVGW W 534 assieme numeri di registrazione DW8501AT2149 e duazione sistema a colori” in questo capitolo).Caratteristiche delle giunzioni Prineto Le giunzioni a compressione con boccola di Ai raccordi Prineto è stato assegnato il per i tubi Stabil nonché per i tubi RAP 17 sono scorrimento Prineto sono state testate secon. a tutti i tubi Prineto. Grazie ad un accordo DW 8501AT2606. mentre le boccole ruotabile e regolabile • Boccola di bloccaggio bi-direzionale La chiusura a tenuta e la forza assiale di serraggio tra raccordo e tubo vengono garantite dalla pressione del materiale PE-X o PE-MDX provocata dalla boccola di scorrimento sul corpo del raccordo. Una volta ultimate.

16.) Cassetta di montaggio Stabil 14-20 ed elettrico ESZ 2 (a dx. per il taglio dei 16. per il taglio dei tubi diametro 32. espansore e la compressione delle boccole completo di testine d’espansione 14. per l’espansione dei tubi con dispositivo (accessorio di completamento) e per la compressione delle boccole espansore e la compressione delle boccole per l’espansione dei tubi con dispositivo fino al diametro 20 (solo tubo Stabil). completa di portaforcelle 16-20 combinata e forcelle 14. Dispositivi espansori Testine d’espansione Forcelle (accessori di completamento) (accessori di completamento) (accessori di completamento) per l’espansione dei tubi con utensile elettrico per l’espansione dei tubi con pinza per la compressione delle boccole con pinza o a batteria. 20. completo di testine d’espansione fino al diametro 32. 32. A e forcelle 16. 16. Kit espansione/lavorazione KSZ Utensile a batteria ASZA (a sx. dispositivo espansore. 25.) per pressatrici ASZA e ESZ 2 per il taglio e l’espansione dei tubi. completo di forcelle fino al diametro 32 (in alto). 20. 32. 25. portaforcelle A e testina d’espansione manuale o con il relativo di compressione manuale KSZ o con utensile d’espansione. fino al diametro 63. (necessari accessori di completamento!). fino al diametro 63. 32. 20. elettrico o a batteria e portaforcelle A TECNICA DI GIUNZIONE 31 . 25. tubi fino al diametro 63 (in basso).Realizzazione delle giunzioni Prineto per tutti i tipi di tubo Panoramica attrezzature Troncatubi Kit espansore manuale MAZ Kit pinza a forcella MSZ per il taglio facile e veloce dei tubi fino al per il taglio e l’espansione dei tubi fino al Per la compressione delle boccole diametro 20 (al centro). 20.

boccola). il lato frontale (verticale) delle forcelle Pulire i raccordi sporchi e scartare quelli danneggiati. raccordi e boccole in confezione originale. sempre nella stessa direzione. (invertendo solamente la forcella lato Pulire e lubrificare regolarmente tutte le parti movimentate degli utensili manuali. leggere le istruzioni d’uso. Tenere pulita l’attrezzatura di montaggio.Individuazione sistema a colori Grazie al metodo di individuazione del sistema a colori. tubi Riscaldamento e tubo RAP 20 Per tubi Stabil e tubi RAP 17 Per tubo Stabil 14 Consiglio: Attenzione: Nella pinza di compressione. Rispettare inoltre le indicazioni sulla sicurezza. è facile realizzare le varie giunzioni Prineto: Tubazioni e boccole Boccola color ottone: tubi Flex (nero). 32 TECNICA DI GIUNZIONE . tubi Riscaldamento (rosso) e tubo RAP 20 (grigio chiaro) Boccola nichelata: tubi Stabil (bianco) e tubi RAP 17 (grigio e grigio chiaro) Forcelle Forcella F gialla per il raccordo Forcella F gialla per il raccordo Forcella F gialla per il raccordo Forcella S nera per la boccola Forcella S argentata (nichelata) per la boccola Forcella S nera per la boccola Per tubi Flex. nel caso del tubo Stabil 40. eccetto Utilizzare esclusivamente attrezzatura originale Prineto. con testine d’espansione che presentano dove vengono montate contrapposte segmenti allargatori rotti o staccati. ad es. montare Utilizzare possibilmente tubi. 50 e 63 Non lavorare con utensili difettosi. Osservare le istruzioni d’uso e di montaggio! Prima della messa in funzione delle attrezza- ture elettriche.

Preparazione della procedura d’espansione Avvitare completamente e fino in battuta la nel processo d’espansione si trovi proprio nella testina d’espansione. inserire il dispo. scorrere quanto basta. speciali per i tubi RAP e per il tubo Stabil 14. il tubo interno. della tubazione. in base al diametro del zona di allargamento del tubo stesso. sulla pinza d’espansione non in tensione Nel caso di tubi preisolati od inguainati. in modo da evitare che sitivo espansore nel portaforcelle A fino in battuta (finché avviene lo scatto) ed inserire Innestare i segmenti della testina d’espansione poi quest’ultimo nell’utensile elettrico ESZ 2 o completamente e fino in battuta all’interno nell’utensile a batteria ASZA fino in battuta. men- tre la boccola nichelata color argento per i tubi Stabil bianchi ed i tubi RAP 17 grigio e grigio chiaro) ed applicarla alla tubazione facendola Nelle espansioni elettriche. Tagliare ortogonalmente il tubo con il troncatu- bi a cricco o il tagliatubi. Riscaldamento e Stabil si utiliz- zano le stesse testine d’espansione. Tutti i segmenti prima spostato indietro o accorciato il rivesti- allargatori della testina d’espansione non mento.Testine d’espansione 63 20 50 17 40 14 32 25 20 16 Pinza d’espansione abbinata a testine d’espansione Pinza d’espansione abbinata a testine d’espansione standard. TECNICA DI GIUNZIONE 33 . Scegliere la boccola adatta al tipo e al diametro del tubo (boccola color ottone per i tubi Flex neri. tubo. Per i tubi Flex. tubi Riscalda- mento rossi e tubo RAP 20 grigio chiaro. facendo attenzione a non danneggiare devono presentare difetti. va o sul dispositivo espansore.

Corretto Errato Processo d’espansione con ASZA Espansione corretta Innesto incompleto del tubo Consiglio: Si risparmia tempo di posa. Tra la prima e la seconda espansione. Il processo d’espansione viene faci- ne. L’espansione di tutti i tubi flessibili (PE-X. Se si rendesse necessa- ria la lavorazione a dette basse tempera- ture. in quanto la capacità elastica del materiale del tubo diminuisce al calare della temperatura. Attenzione a non lubrificare ed azionare l’interruttore di avvio fino a quando il pistone di scorrimento non raggiunge percetti. do il tubo nella stessa posizione. 34 TECNICA DI GIUNZIONE . In Errato Errato caso contrario le curvature e le procedure di espansione vanno effettuate lentamente e con movimenti regolari. In caso di stretti raggi di curvatura ed in caso di espansioni il tubo verrebbe fortemente “affaticato”. posizionare il commutatore di direzione su “R” e azio. Questa procedura è necessaria per ottenere una superficie interna del tubo liscia. Verificare che la parte di tubo espansa Espansione sotto sollecitazione di flessione Taglio obliquo del tubo non presenti eventuali danneggiamenti (ad es. 50 e 63 va effettuata due e poi. senza dare strappi e senza pompare! Durante l’espansio. PE-MDX) e dei tubi Stabil 40. infine. compresse tutte le boccole. volte. nare l’interruttore di avvio fino a quando il pistone di scorrimento non raggiunge percettibilmente il punto posteriore di inversione. 30º mantenen. di espansione con utensile a batteria ASZA azionare l’interruttore di avvio fino Attenzione: a quando il pistone di scorrimento. basta effettuare una sola espansione. In caso. Osservare le istruzioni per l’uso.Espansione In caso di espansione con la pinza d’espansione manuale. A questo punto. litato se il cono dell’espansore viene regolarmente pulito e leggermente In caso di espansione con utensile elettrico ESZ 2 posizionare il commutatore di direzione su “V” lubrificato. chiudere lentamente e con movimenti Consiglio: regolari la pinza stessa fino in battuta. il tubo dovrà essere preriscaldato. Non espandere la boccola! liberando l’espansione realizzata. una sovradilatazione). non inclinare i tubi. o viceversa. per evitare che il gras- bilmente il punto anteriore di inversione. per allentare la tensione. troppo il cono. invece. torna indietro automaticamente. so eccedente possa entrare nel tubo. ruotare l’attrezzo d’espansione di ca. Avvertenze: I tubi Prineto non dovrebbero essere la- vorati a temperature di gelo (eventualmen- te preriscaldare i locali di installazione). in una seconda fase di lavoro. Per i tubi Stabil dal 14 al 32. dopo un forte scricchiolio. se vengo- no prima espansi ed inseriti tutti i tubi. Non espandere i tubi sotto sollecitazione di flessione.

Riscaldamento e Stabil 32 3 mm di fessura Tubo Stabil 40 nessuna fessura Tubo Stabil 50 nessuna fessura Tubo Stabil 63 nessuna fessura Fessura per diametro 32 Curvare il tubo direttamente nel punto della giunzione pressata provoca rotture alla parete del tubo. Ampiezza massima della fessura per ogni diametro: Tubo Stabil 14 nessuna fessura Tubo Flex. Corretto Errato Raccordo innestato correttamente Raccordo innestato in maniera errata Nei tubi di diametro 20. Riscaldamento e Stabil 20 1 mm di fessura Tubo RAP 20 1. una fessura da 1 mm fino ad un massimo di 3 mm a seconda del diametro) tra l’estremità del tubo ed il collare del raccordo. inserire il raccordo nella tubazione.5 mm di fessura Tubo Flex. Prestare attenzione alla corretta posizione del raccordo. dopo l’innesto del raccordo. Nei tubi flessibili il tempo per l’inseri- mento del raccordo è limitato. Giunzione sezionata TECNICA DI GIUNZIONE 35 . Riscaldamento e Stabil 16 nessuna fessura Tubo RAP 17 nessuna fessura Tubo Flex. Innestare completamente il raccordo nel tubo espanso fino in battuta del collare. Riscaldamento e Stabil 25 2 mm di fessura Tubo Flex. 25 e 32 la lunghezza del tratto di tubo espanso è tale da lasciare. in quanto l’estremità del tubo espansa inizierà a restringersi.Inserimento del raccordo Terminata l’espansione. espandere nuovamente il tubo. Se il restringimento dovesse essere eccessivo. Questo è normale e non deve destare alcuna preoccupazione.

premendo completamente la leva con un unico fino a quando il pistone di scorrimento. i mente. ESZ 2 (Ø 16-63) posizionare il commutatore di direzione su “V” ed azionare l’interruttore di avvio fino a quando il pistone di scorrimento non raggiunge percettibilmente il punto anterio- Consiglio: re di inversione. per allentare la tensione. Prima della messa in funzione delle sione delle boccole misura 50-63. liberando la giunzione realizzata. di compressione con utensile a Pulire periodicamente il mandrino le KSZ (Ø 14-20) il processo va effettuato batteria ASZA azionare l’interruttore di avvio della pinza di compressione a cric. cuscinetti vanno rimontati nella giusta In caso di compressione con utensile elettrico sequenza (vedi sopra).Procedura di compressione della boccola Preparare la pinza di compressione inserendo Accostare manualmente la boccola all’estremi. eliminando polvere e sporcizia. A questo punto. Processo di compressione manuale con KSZ. Corretto Errato Posizionamento corretto della forcella F Posizionamento errato della forcella F sul collare del raccordo con MSZ. un forte scricchiolio. prima a mano. La giunzione subirà una sovrapressione. Avvertenza: Per facilitare il processo di compres. leggere le consigliamo di utilizzare il lubrificante e azionare l’interruttore di avvio fino a quando istruzioni d’uso. torna indietro automatica- Attenzione: nel pulire il mandrino. il pistone di scorrimento non raggiunge percet. poi con l’aiuto della chiave a zione sistema a colori” in questo capitolo). 50 e 63 inserire le boccola. Nella pinza di compressione a cricchetto MSZ una forcella F ed una S in base al tipo e al tà di tubo espansa. boccola) siano ben posizionati e centrati nelle rispetto al tubo e all’andamento allineato della Una volta in posizione. In caso. diametro del tubo (vedi paragrafo “Individua. tibilmente il punto posteriore di inversione. Agganciare le forcelle della pinza di compres. procedura di compressione è terminata. 36 TECNICA DI GIUNZIONE . Consiglio: In caso di compressione con pinza manua. Rispettare inoltre le a secco PTFE Würth Art. La scattare completamente fino in battuta. Fare attenzione che questi ultimi (collare + attenzione all’aggancio assiale dell’utensile ni delle frecce siano l’uno verso l’altro. Processo di compressione elettrico con ESZ 2 / ASZA. Nei sione aperta al collare del raccordo ed alla cricco. comprimendo la boccola fino al rag- tubi Stabil di diametro 40. sul collare del raccordo. infine. Prestare forcelle in modo tale che i simboli delle direzio. indicazioni sulla sicurezza. (Ø 14-32) azionare il dado in senso orario. giungimento del collare del raccordo. ed S. movimento. Successivamente allentare il dado. posizionare il commutatore di direzione su “R” attrezzature elettriche. dopo chetto. 0893 550. le forcelle devono apposite scanalature delle relative forcelle F boccola.

IMPIANTI IDRICO SANITARI PRINETO IDRICO SANITARIO 37 .

Note:

38

Nozioni generali

Per la progettazione, l’installazione e l’eserci- Le installazioni idrico sanitarie devono, inoltre, alimentari e sui generi di uso corrente (LMBG).
zio degli impianti idrico sanitari negli edifici soddisfare i seguenti requisiti: I tubi Prineto sono stati sottoposti ad analisi
vanno osservate le seguenti norme e regola- microbiologiche in base al protocollo DVGW
menti: 1. Evitare il peggioramento della qualità W 270 e conformemente autorizzati, ed atte-
• DIN 1988: Regole tecniche per impianti dell’acqua potabile all’interno stati idonei anche dal punto di vista tossicologi-
idrico sanitari dell’impianto installato nell’edificio co, nonchè fisiologico.
• UNI EN 806: Specifiche relative agli 2. Rispettare le caratteristiche fisiche,
impianti all‘interno di edifici per il chimiche e microbiologiche I componenti di lega di tutti i materiali metallici
convogliamento di acque destinate al dell’acqua stabilite nel regolamento impiegati nei sistemi di installazione Prineto
consumo umano sull’acqua potabile (TrinkwV) in che entrano a contatto con l’acqua potabile,
• UNI EN 1717: Protezione corrispondenza dei punti di prelievo sono a norma DIN 50930-6 e garantiscono
dall‘inquinamento dell‘acqua potabile 3. Garantire la funzionalità per l’intera quindi il rispetto del regolamento sull’acqua
negli impianti idraulici e requisiti
durata della vita del prodotto potabile TrinkwV 2001. Il materiale impiegato
generali dei dispositivi atti a prevenire
4. Garantire al consumatore i necessari per i raccordi è un ottone speciale resistente
l‘inquinamento da riflusso
valori di esercizio di pressione e alla dezincatura (CW 602 N secondo norma
• Regolamento TrinkwV 2001:
scorrimento dell’acqua UNI EN 1254-3).
Regolamento sulla qualità dell’acqua
5. Rispettare i parametri limite consentiti
destinata al consumo umano
per il rumore da scorrimento Gli elementi dell’impianto idrico sanitario
• Raccomandazioni KTW:
dell’acqua devono essere progettati per una pressione
Raccomandazioni dell’ente sanitario
6. Evitare l’ingresso di impurità massima di esercizio pari a 10 bar. Nelle
di controllo a riguardo delle materie
nell’acqua potabile dalla rete idrica tubazioni d’acqua fredda non deve essere
plastiche impiegate nel trasporto di
acqua potabile pubblica superata una temperatura del fluido di 25ºC.
• Direttiva modello linee e tubazioni La temperatura dell’acqua calda non deve
(MLAR): Direttiva modello sui requisiti Una progettazione professionale dell’impianto superare di regola i 48ºC, +5°C di tolleranza
tecnici ed antincendio delle linee e che ne consideri la funzionalità ed i materiali (eccetto ad es. in caso di disinfezione termica).
tubazioni da impiegare, è determinante per il rispetto dei I tubi ed i raccordi vanno progettati per una
• DIN 4109: Isolamento acustico negli suddetti requisiti. durata di esercizio di almeno 50 anni.
edifici
• UNI EN 1254: Rame e leghe di rame - Tutte le materie plastiche ed i materiali non
Raccorderia idraulica metallici dei sistemi di installazione Prineto
• DIN 50930: Corrosione dei materiali che entrano a contatto con l’acqua potabile,
metallici all’interno di tubazioni, soddisfano le raccomandazioni KTW sulle
serbatoi e apparecchi sottoposti a materie plastiche impiegate nel trasporto di
corrosione per mezzo di acqua acqua potabile, nonché la legge sui prodotti

IDRICO SANITARIO 39

Le dilatazioni provocate in esercizio e le forze Contenuto d’acqua dei tubi Prineto Corrosione esterna
risultanti devono essere considerate ed assorbi- per installazioni idrico sanitarie
te tramite installazione di compensatori ango- (in litri al metro) In determinate circostanze (ad es. installazioni
lari e punti fissi. (vedi paragrafo “Dilatazione in stalle da bestiame, dove l’aria contiene
termica lineare e compensatori di dilatazione Tubo Flex (nero) ammoniaca) i raccordi Prineto vanno protetti
angolari” nel capitolo “Tubazioni“). Cavedi Ø 16 (16 x 2,2): 0,11 l/m dalla corrosione esterna. L’ammoniaca,
e tracce nell’opera muraria sono ammessi Ø 20 (20 x 2,0): 0,16 l/m l’ammina, i sali di ammonio o il biossido di
soltanto se non ne pregiudicano la stabilità. Ø 25 (25 x 3,5): 0,25 l/m zolfo ecc. possono innescare il processo della
L’installazione a vista va fatta in base allo stato Ø 32 (32 x 4,4): 0,42 l/m tensocorrosione.
dell’arte in materia. Di conseguenza i materiali a diretto
Tubo Stabil (bianco) contatto con la raccorderia (ad es. isolazioni,
Le tubazioni d’acqua fredda sanitaria vanno espansi e schiume di montaggio, detergenti
Ø 16 (17 x 2,8): 0,11 l/m
protette dal surriscaldamento e dalla forma-
Ø 20 (21 x 3,4): 0,16 l/m ecc.) devono essere privi di nitriti ed il contenu-
zione di condensa. Per limitare le perdite di
Ø 25 (26 x 4,0): 0,25 l/m to di ammoniaca non può superare lo 0,2%.
calore delle tubazioni d’acqua calda, va
Ø 32 (33 x 4,9): 0,42 l/m
osservato il D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 ai
Ø 40 (42 x 4,6): 0,86 l/m
fini del risparmio energetico (vedi paragrafo
Ø 50 (52 x 5,65): 1,31 l/m
“Isolamento reti di fluidi riscaldati” nel capitolo
Ø 63 (63 x 6,0): 2,04 l/m
“Tubazioni“).

In conformità al protocollo DVGW - W 551,
Per motivi igienici, il sistema di tubazioni va ac-
nelle parti di rete con oltre 3 litri di contenuto
d’acqua, sono necessarie le tubazioni di curatamente risciacquato prima della messa in Attenzione:
ricircolo. Per motivi di risparmio energetico, funzione e sottoposto ad una prova di pressio- Proteggere i raccordi e le boccole
le pompe di ricircolo non possono funzionare ne secondo norma DIN 1988 (vedi paragrafo in caso di contatto prolungato con
a ciclo continuo. Inoltre, nelle reti di ricircolo, “Prova di pressione con acqua sanitaria”). l’umidità (ad es. nel caso di tubazioni
bisogna fare attenzione a non superare una Il risciacquo intermittente con una miscela aria- interrate), isolandoli con materiali
velocità di scorrimento massima dell’acqua acqua descritto nella norma DIN 1988 viene impermeabili all’acqua. Proteggere
pari a 0,5 m/s. eseguito per rimuovere eventuali residui di i raccordi e le boccole dal contatto
precedenti lavorazioni o focolai di corrosione con l’opera muraria o con il massetto
nelle tubazioni in metallo. L’effettuazione di (installazioni sottotraccia), cemento,
questa procedura relativamente dispendiosa gesso, sostanze aggressive o corrosi-
anche nel caso di tubazioni nuove e prive ve, mediante opportuno rivestimento.
residui preesistenti, è a discrezione dell’instal-
latore.
E’ tuttavia necessario che le tubazioni idrico
sanitarie vengano risciacquate accuratamente!

40 IDRICO SANITARIO

Utilizzo con scaldaacqua istantanei Regola di flusso in installazioni miste Disinfezione

Alcuni produttori di scaldaacqua elettrici per La regola di flusso è basata sulla scala Per la decontaminazione degli impianti idrico
la preparazione dell’acqua calda sanitaria di nobiltà dei metalli e stabilisce che nella sanitari Prineto consigliamo la disinfezione
sconsigliano di utilizzare i loro prodotti con le direzione del flusso dell’acqua, i metalli non termica con temperatura di 70ºC come da
tubazioni in plastica. nobili vadano installati prima di quelli nobili. protocollo DVGW - W 551. Detto protocollo
Di solito questa raccomandazione vale per Ciò serve ad evitare un possibile indebolimen- stabilisce che una disinfezione continuativa
le serie più vecchie e per alcuni scaldaacqua to dei metalli non nobili per effetto di reazioni degli impianti idrico sanitari Prineto con l’im-
a regolazione idraulica. In questi apparecchi elettrochimiche che potrebbero portare al piego di prodotti chimici è possibile esclusiva-
un sensore di portata regola il riscaldamento fenomeno dell’acqua rossa. mente nel rispetto del regolamento sull’acqua
dell’acqua corrente a seconda che il punto di Per i metalli è quindi necessario procedere, potabile TrinkwV 2001.
prelievo d’acqua calda sia aperto o chiuso. rispetto al flusso dell’acqua, con elementi di
Nel caso si verificasse uno spegnimento pari o superiore nobiltà, e mai il contrario. Una volta terminata la depurazione dell’ac-
ritardato anche minimo del processo di riscal- Di seguito riportiamo la giusta progressione qua potabile, il contenuto di cloro all’interno
damento, si potrebbe generare un sovrariscal-
(dal meno nobile al più nobile) di tre elementi dell’impianto non può superare il valore massi-
damento con brevi ma elevatissimi aumenti
molto diffusi nelle installazioni idrico sanitarie: mo di 0,3 mg/l.
di pressione e temperatura, che superano i
acciaio zincato ➞ rame ➞ acciaio inox. Non
parametri di utilizzo consentiti per i tubi
è quindi corretto, ad es., posare un tratto di Acqua piovana
Prineto. Di conseguenza sconsigliamo
tubazione in acciaio inox per poi proseguire
l’impiego dei tubi Prineto in combinazione
con l’acciaio zincato. La qualità e la composizione chimica dell’ac-
con questi apparecchi.
qua piovana sono soggette a fattori regionali
Si consigliano prevalentemente apparecchi a
Se una parte di impianto idrico sanitario in ed industriali, e quindi possono variare di
regolazione elettronica, idonei all’impiego con
acciaio zincato (metallo non nobile) viene molto. Consigliamo l’impiego delle tubazioni
i tubi in plastica.
sostituito con tubi e raccordi Prineto in ottone Prineto in questo ambito solo a partire da
Utilizzo con cavi elettroriscaldanti speciale (metallo nobile), si crea una installa- un valore di pH dell’acqua piovana di 6,5 e
zione mista. Ciò è ammesso dalla norma DIN superiore. E’ inoltre necessaria la valutazione
I tubi Prineto sono adatti ad essere impiegati 1988 parte 7 e soddisfa le regole di buona dei parametri delle sostanze corrosive, come il
con cavi elettroriscaldanti. La temperatura tecnica. cloruro, il nitrato, il solfato, il nitrito e l’ammo-
massima di detti cavi scaldanti non può supe- niaca, nonché dell’acidità.
rare i 90ºC. Sono comunque da osservare le In queste parti di impianti misti consigliamo
indicazioni del produttore dei cavi stessi. Per comunque di limitare al massimo il numero dei
una trasmissione ottimale del calore, consiglia- raccordi.
mo di fissare il cavo riscaldante alla superficie
del tubo, applicando del nastro adesivo
alluminizzato su tutta la sua superficie.

IDRICO SANITARIO 41

Prova di pressione degli impianti idrico sanitari

Gli impianti idrico sanitari vanno sottoposti La prova di pressione con acqua va 3. Subito dopo la prova preliminare
ad una prova di pressione con acqua ai effettuata come segue: ha inizio la prova principale (senza
sensi della norma DIN 1988 parte 2 sezione ripristinare nuovamente la pressione
11.1 “Riempimento e collaudo delle reti di 1. La rete di tubazioni va riempita con iniziale!). La pressione della prova
tubazioni”. acqua sanitaria fresca. Assicurarsi, principale corrisponde dunque alla
Si tratta di una prova sia di pressione che di re- inoltre, che le tubazioni siano pressione finale della prova prelimi-
sistenza, da effettuarsi a tubazioni ancora sco- completamente sfiatate nare. L’impianto è considerato a
perte. La prova va protocollata ed il protocollo 2. Preparare la prova preliminare tenuta, se dopo 2 ore dall’inizio
deve essere controfirmato dal committente e alimentando tutto l’impianto alla della prova principale, il calo di
dal tecnico specializzato che l’ha effettuata pressione massima d’esercizio pressione è inferiore a 0,2 bar e se
(collaudatore). moltiplicata per 1,5. Ripristinare la non vengono riscontrate delle perdite
pressione iniziale una volta dopo
Le proprietà del materiale dei tubi in plastica 10 minuti ed una seconda volta dopo
comportano una dilatazione del tubo durante 20 minuti. Dopo altri 10 minuti Vedi “Protocollo di prova pressione per impian-
la prova di pressione, che porta ad una (in tutto 30 minuti dall’inizio) ha to idrico sanitario” alla pagina seguente.
diminuzione della pressione stessa. Anche le inizio la prova preliminare (senza
variazioni di temperatura del fluido falsano ripristinare nuovamente la pressione
l’esito della prova. Per questi motivi, durante la iniziale!). L’impianto è considerato
prova, dovrebbe essere mantenuta una tempe- a tenuta, se entro 30 minuti
ratura del fluido possibilmente costante, e la dall’inizio della prova preliminare,
pressione iniziale dovrebbe essere ristabilita il calo di pressione è inferiore a 0,6
più volte dopo la dilatazione dei tubi. bar e se non vengono riscontrate
delle perdite

42 IDRICO SANITARIO

Protocollo di prova pressione per impianto idrico sanitario
secondo DIN 1988-2

Oggetto:

Committente:

Collaudatore:
Indicazione tratto di prova

16 m
bar rimessa in pressione
20 m

max. d‘esercizio
P1 < 0,6 bar P2 < 0,2 bar
25 m

prova preliminare
32 m

Pressione
Stabil 40 m
Stabil 50 m

1,5 x
Stabil 63 m prova principale
10 20 30 60 120 180 min

Prova preliminare (durata 30 minuti)

Inizio ora
Fine ora
Indicazioni:
Pressione di prova (1,5 x pressione max. d‘esercizio) bar La temperatura dell’acqua di prova
Pressione dopo 30 minuti bar deve essere tenuta il più possibile
costante.
Pressione dopo 60 minuti (fine prova preliminare) bar Riempire le tubazioni con acqua.
Calo di pressione (max. 0,6 bar) bar Sfiatare completamente le tubazioni.

Prova principale (durata 2 ore)

Inizio ora
Fine ora

Pressione alla fine della prova preliminare bar
Pressione dopo 2 ore bar
Calo di pressione (max. 0,2 bar) bar

Esito della prova di pressione preliminare e principale

Prova di pressione superata si no

Constatati difetti di tenuta si no

Firma collaudatore

Luogo, Data Firma committente o delegato

IDRICO SANITARIO 43

Le viti possono essere estratte e sostituite.Esempi di montaggio terminali Prineto Fissaggio del terminale a 90° direttamente al supporto I terminali a 90° (sia corti che lunghi) sono muniti di viti a testa cilindrica M5 con intaglio a croce e di rondelle insonorizzanti e termoi- solanti. della relativa differenza di lunghezza tra i due. La misura dalla parete (t) per il terminale a 90° corto. Installazione in traccia/nicchia con supporto preforato sagomato 70/150 Terminale lungo a 90° 16 x Rp 1/2” Terminale lungo a 90° 20 x Rp 1/2” Terminale doppio a 90° 16 x Rp 1/2” Terminale doppio a 90° 20 x Rp 1/2” Terminale corto a 90° 16 x Rp 1/2” Terminale corto a 90° 20 x Rp 1/2” Terminale lungo a 90° 20 x Rp 3/4” Terminale lungo a 90° 25 x Rp 3/4” Installazione a parete con supporto preforato sagomato 70/150 Terminale lungo a 90° 16 x Rp 1/2” Terminale lungo a 90° 20 x Rp 1/2” Terminale doppio a 90° 16 x Rp 1/2” Terminale doppio a 90° 20 x Rp 1/2” Terminale corto a 90° 16 x Rp 1/2” Terminale corto a 90° 20 x Rp 1/2” Terminale lungo a 90° 20 x Rp 3/4” Terminale lungo a 90° 25 x Rp 3/4” Installazione in traccia/nicchia con supporto preforato variabile 80/400 Terminale lungo a 90° 16 x Rp 1/2” Terminale lungo a 90° 20 x Rp 1/2” Terminale doppio a 90° 16 x Rp 1/2” Terminale doppio a 90° 20 x Rp 1/2” Terminale corto a 90° 16 x Rp 1/2” Terminale corto a 90° 20 x Rp 1/2” Terminale lungo a 90° 20 x Rp 3/4” Terminale lungo a 90° 25 x Rp 3/4” Pezzo ad U con barra filettata per il fissaggio del collare del tubo di scarico 44 IDRICO SANITARIO . cambia rispetto a quello lungo. a seconda del tipo di supporto.

min. IDRICO SANITARIO 45 . 0878 650 130 o 140) mediante l’apposito dado speciale. Installazione in pareti “leggere. Installazione a parete con supporto preforato variabile 80/400 senza pezzo ad U per collare tubo di scarico Terminale lungo a 90° 16 x Rp 1/2” Terminale lungo a 90° 20 x Rp 1/2” Terminale doppio a 90° 16 x Rp 1/2” Terminale doppio a 90° 20 x Rp 1/2” Terminale corto a 90° 16 x Rp 1/2” Terminale corto a 90° 20 x Rp 1/2” Terminale lungo a 90° 20 x Rp 3/4” Terminale lungo a 90° 25 x Rp 3/4” Installazione in pareti “leggere” con supporto preforato sagomato 70/150 Terminale lungo a 90° 16 x Rp 1/2” Terminale lungo a 90° 20 x Rp 1/2” Terminale doppio a 90° 16 x Rp 1/2” Terminale doppio a 90° 20 x Rp 1/2” Terminale corto a 90° 16 x Rp 1/2” Terminale corto a 90° 20 x Rp 1/2” Terminale lungo a 90° 20 x Rp 3/4” Terminale lungo a 90° 25 x Rp 3/4” max.portanti” con terminale flangiato Esempio di montaggio terminale flangiato Terminale per cassetta di risciacquo Prineto Dopo il montaggio della valvola a squadra viene fissato nella cassetta il terminale per cassetta di risciacquo Prineto (Art.

Pos. 5 – 15 mm fuori dal muro • Applicare la rosetta (Pos. coperchio di protezione. 2 Prolunga Pos. Materiale del corpo base del raccordo: ottone resistente alla dezincatura. 6 Calotta Dispositivo di arresto Sempre a filo muro min. e può essere collegato fino a 90°C (stadio di pressione PN 10). 46 IDRICO SANITARIO . 3) fino in battuta ed avvitare quest’ultima alla prolunga fino a filo muro • Applicare il dispositivo di arresto (Pos. nel caso di distribuzione a più negli impianti idrico sanitari e di riscaldamento valvola. secondo tempo può essere sostituito l’inserto in plastica cromata con placchette colorate Riscaldamento oppure Stabil senza bisogno di corpo valvola. 3 min. rossa e blu. 65mm – max. 6) alla vite motrice della calotta • Applicare la manopola (Pos. prolunga per piani oppure a zone). 2) sul mandrino (Pos. Materiale dell’inserto corpo valvola: ottone. 7 Placchetta colorata Pos. acciaio inox. 1) lasciandola ca. Montaggio finale • Rimuovere il coperchio di protezione • Applicare la scanalatura interna del mandrino (Pos. 4) alla calotta premontata (Pos. 130mm Ø 20 Installazione al grezzo • Dopo il montaggio del corpo valvola sotto traccia inserire il coperchio di protezione. 122mm Ø 16 5 – 15mm Pos. 1 Mandrino Pos. 4 Rosetta Pos.Rubinetto d’arresto Prineto Il rubinetto d’arresto Prineto viene utilizzato Il rubinetto d’arresto Prineto è abilitato Fornito completo di: come valvola di intercettazione di un tratto secondo DVGW ed è utilizzabile sotto traccia Corpo base del raccordo con inserto corpo di rete (ad es. 73mm – max. 1) alla parte superiore della valvola • Avvitare la prolunga (Pos. 6) Attenzione: Il flusso dell’acqua deve scorrere nella direzione indicata dalla freccia sul corpo base del raccordo. In un profondità variabili. ulteriori passaggi. manopola direttamente alle tubazioni Prineto Flex. 5 Manopola Pos. 5) al dispositivo di arresto (Pos. EPDM. rosetta cromata.

mm (Ø 20). 4 Pos. 4 Rosetta Rosetta min. 34mm – max. 15mm – max. l’utilizzo del dispositivo da parte di persone non profondità di installazione standard di 58 mm (Ø il comando della valvola avviene per mezzo di autorizzate (ad es. 4 Rosetta Pos. 1) alla parte manopola a farfalla (Pos. La mano- copertura. 26mm – max. Montaggio finale Montaggio finale • Rimuovere il coperchio di protezione • Rimuovere il coperchio di protezione • Applicare la scanalatura interna del • Applicare la scanalatura interna della dispositivo di arresto (Pos. 2 Prolunga min. 4) alla applicare la rosetta spingendola fino a filo sul corpo base del raccordo. 3 Rosetta min. calotta cromata (Pos. 47mm min. 4 Pos. 3 Calotta cromata Pos. 66mm Ø 20 Pos. 51 mm – max.). 1 Pos. 2 Vite Pos. 2) alla parte • Avvitare la vite (Pos. Al posto 16) oppure di 66 mm (Ø 20). 3) ed nella direzione indicata dalla freccia • Applicare la rosetta (Pos. 43 mm – max. Nel caso venisse superata la max. questa può essere un adeguato cacciavite a taglio (non fornito) della manopola viene applicata una calotta di comunque aumentata mediante l’utilizzo della direttamente nel dispositivo di arresto. protezione. asili. 153 mm Ø 16 5 – 15 mm Pos. Sotto a questa calotta si trova una prolunga per rubinetto d’arresto corto (art. 4) IDRICO SANITARIO 47 . 0878 pola a farfalla non sarà quindi più necessaria. Nel caso di utilizzo della prolunga. 161 mm Ø 20 Dispositivo di arresto Calotta cromata KK KK KK IVT IVT IVT XX XX XX Rubinetto d’arresto corto Rubinetto d’arresto corto con prolunga Installazione al grezzo Installazione al grezzo • Dopo il montaggio del corpo valvola • Dopo il montaggio del corpo valvola sotto sotto traccia inserire il coperchio di traccia inserire il coperchio di protezione. 3) fino in battuta muro (Pos. scuole ecc. 1) alla parte superiore della valvola superiore della valvola • Avvitare la prolunga (Pos. Pos.Rubinetto d’arresto corto Prineto Il rubinetto d’arresto corto Prineto trova piccola manopola a farfalla per il comando del 680 037) fino a 153 mm (Ø 16) oppure 161 particolare impiego laddove si voglia evitare dispositivo. 58mm Ø 16 min. 1 Manopola a farfalla Pos. 2) e la calotta superiore della valvola ed eventualmente Attenzione: cromata (Pos. 3) alla parte superiore regolarne la lunghezza Il flusso dell’acqua deve scorrere della valvola • Avvitare la calotta cromata (Pos.

2/1.2/1. che risulta sufficiente a vincere l’altezza della Si consiglia.84 calda 8/25x3.36 acqua 2. di erogazione diante programmi di calcolo. di massima è la velocità di flusso.Progettazione e dimensionamento degli impianti idrico sanitari secondo DIN 1988 parte 3 La base per la progettazione ed il dimensiona. DIN 1988 parte 3 dell’inizio della progettazione.8/1. La UNI EN 1717 sostituisce casa (ca. allo stesso modo.8/1.0x2.4/1. delle tubazioni e dei raccordi.8/1.8/1.53 3/20x2.77 9/32x4.77 10/32x4. Parte di tubatura massima velocità di scorrimento L’esatto dimensionamento con il calcolo delle di calcolo in base alla durata portate viene oggi solitamente eseguito me.5 m/s Schema idrico sanitario di un edificio Vasca Doccia WC Lavabo 1/20x2.8/2. Tratti con passaggi in rubinetti con ridotte perdite basato sulla DIN 1988 parte 3. Esempio per un edificio unifamiliare: La grandezza limite per un dimensionamento mento degli impianti idrico sanitari è la norma viene presupposta una pressione di alimenta.4/2. secondo Tabella 5.5/1.5 m/s 2 m/s di carico za delle tubazioni non vengono considerate. senza Linee di consumo l’utilizzo di costosi software di progettazione.8/1. 5 m/s 2 m/s di carico guito illustrato.84 4/16x2. Reti di ricircolo 0. viene di se.50 m/s.46 2/20x2. di la UNI EN 806. In questo metodo di calcolo le Tratti con passaggi in rubinetti con elevate perdite perdite di carico dei raccordi e della lunghez.89 Produttore 5/25x3.57 5/20x2.53 * 2/20x2. Il punto di partenza per il dimensionamen- to è la pressione minima di alimentazione dell’acquedotto. dell’acqua di 2. 8 m = 0.5/2.84 1/16x2.77 Lavatrice Irrigazione 7/25x3.5/1.89 11/32x4.5/1.89 3/20x2. DIN 1988 “Regole tecniche per installazioni zione dell’acquedotto di 4 bar.4/1. come pure.60 Allacciamento edificio *Numero tratto / Diametro tubo / Velocità di scorrimento 48 IDRICO SANITARIO . che deve essere nota prima Massima velocità di scorrimento di calcolo.8 bar) e le perdite di carico non oltrepassare una velocità di scorrimento parzialmente la DIN 1988 parte 4.84 Lavello Lavastoviglie Doccia WC Lavabo 4/20x2. 2. all’interno di edifici residenziali. ≤ 15 min > 15 min Un calcolo di massima delle portate idriche Linee di collegamento 2 m/s 2 m/s per un piccolo progetto di costruzione.53 6/25x3.8/1. idrico sanitarie”.8/1.

00 Sciacquatoio per orinatoi DN 15 . .50 l/s). DIN 1988. .15 - Miscelatore per lavelli da cucina DN 15 0.07 l/s Lavabo = 0.15 Rubinetto di scarico con aeratore DN 15 . ogni tratto di tubazione. . 0. .10 0. 0.37 l/s).10 0. .07 0. parte 3 Portate nominali per prelievo di solo acqua acqua miscelata sanitaria fredda Tipo di punto di erogazione d’acqua sanitaria o riscaldata VR fredda VR calda VR l/s l/s l/s Rubinetto di scarico senza aeratore DN 15 . 0.37 l/s di acqua calda in totale 0.07 0. zione d’acqua allacciati.15 Lavatrice domestica DN 15 . 0.07 - Cassetta di sciacquo WC DN 15 .07 - Miscelatore per lavabi DN 15 0. 0.15 l/s Doccia = 0.07 0.07 l/s Nel tratto n° 2 devono quindi scorrere Nel tratto n° 3 devono quindi scorrere in totale solo 0. IDRICO SANITARIO 49 .15 l/s Vasca da bagno = 0. 0. sono alla base del calcolo.15 Soffione per docce di lavaggio DN 15 0.15 l/s Doccia = 0. 0. parecchiature. 1. si ricava il volume di portata Valori delle portate nominali dei punti di erogazione d’acqua sanitaria più utilizzati. secondo Tabella 11.50 Rubinetto di scarico con aeratore DN 10 . .15 l/s Cassetta sciacquo WC = 0. 0. .30 Lavastoviglie domestica DN 15 .25 Miscelatore per docce DN 15 0.07 - Miscelatore per bidet DN 15 0.15 - Miscelatore per vasche da bagno DN 15 0. A seconda del numero dei punti di eroga.30 Rubinetto di scarico senza aeratore DN 20 . suddiviso in acqua I valori delle portate nominali delle singole ap- calda e fredda.15 0. viene calcolato separatamen. nel tratto n° 3 della rete Nel caso invece del tratto n° 2 della rete acqua fredda sono allacciati i seguenti quattro acqua calda sono allacciati solo tre punti di punti di erogazione del piano primo: erogazione del piano primo: Vasca da bagno = 0. riportati nella seguente tabella.13 l/s Lavabo = 0.Come si può notare nello schema precedente necessario (portate totali VR in litri al secondo). .20 Sciacquatoio secondo DIN 3265 parte 1 DN 20 .50 l/s di acqua fredda (portata totale = 0. . te.13 Ad esempio. (portata totale = 0.15 0.

0.24 20. 3.70 A seconda della destinazione d’uso dell’edi.15 87. 4.05 10.65 0.55 133 4.26 2.29 0.55 345 5. singoli prelievi di progetto totale di progetto totale di progetto temporaneamente tutti i rubinetti di erogazio. per portate 8.69 9.72 2.5 l/s ne. vanno individuate.75 406 5. 10.5 l/s > 0.75 0.50 126.15 Le portate di progetto sono le portate 0.85 maggiore o minore a 0.45 120.48 0.10 23.78 16. 6.74 3.30 base a cui vanno dimensionate le reti di 0.23 13.38 0.08 5.17 3. Nel caso di 11.80 1.20 92. ≤ 0. ad esempio.49 1.41 7.62 3.54 4.90 66.Individuazione delle portate di progetto in relazione alle portate totali per edifici residenziali.95 ne con portata nominale > 0.70 0.88 2.72 0.21 0.00 493 5. 12.13 1.21 6.48 12.02 4.75 170 4.86 2.11 2.05 225 4.83 3. 1.45 318 5.56 3.08 3.90 196 4.80 zione con singolo prelievo (portata nominale) 10.20 16.30 280 4.13 2.10 3.55 43.40 305 4.55 140 4.03 0.31 1.21 3.32 2.06 0.55 0.15 0. scuole.62 2.74 1.70 1. le portate di progetto.39 0.25 16.50 0. cliniche.70 52.04 0.80 parità di portate totali.90 edifici residenziali.71 3.15 25.60 0.90 456 5.00 215 4. pensioni.04 8.89 1.35 18.75 55.28 1.95 205 4.05 2.10 portate di progetto.25 97.20 0.45 ospedali.05 21.56 1.50 40.05 14.44 1.51 3.89 2. centri sportivi ecc.35 tabelle dalla n° 13 alla n° 17 riportate nella 5.87 1. a 9.05 1.70 162 4.90 0. a 1. Tab. possono 12.26 3. le cosiddette 0.30 103.01 3.65 totali dei rubinetti installati. 13.75 in esame siano allacciati rubinetti di eroga. 2. Ne consegue che le portate di 3.05 78.60 0. 1.50 1.65 374 5.10 235 4.30 17.85 62.15 246 4.45 risulta molto pratico e conveniente utilizzare 0.54 2.29 0.60 in relazione al tipo di utenza e alle portate 1.15 3.95 2.76 11.60 147 4. alberghi.05 progetto avranno valori più elevati.40 Per determinare dette portate di progetto 0.04 3.20 257 4.50 3.67 1.00 74.10 Di seguito è illustrata la tabella riguardante il 3.55 0. parte 3 Siccome è molto improbabile che nel Portata totale con Portata Portata Portata Portata Portata bagno del primo piano vengano aperti con.55 di ricavare direttamente le portate di progetto 1.33 2.65 getto vengono suddivisi in due parti distinte.80 6. singoli rubinetti di erogazio.40 18.10 14.25 zo dell’impianto e sono le portate in 0.80 178 4.99 14.80 2.81 0.58 17.55 7.35 292 4.45 20.63 5.95 70.95 474 5.08 3.03 3.50 appositi diagrammi o tabelle che consentono 0.40 DIN 1988 parte 3 (uffici.45 1.85 albergo.41 3.30 utilizzata per l’esempio.70 390 5.65 155 4.40 114.60 46.12 1.83 0.10 83.70 seconda del caso in cui nel tratto di tubazione 9.22 1.85 439 5.50 331 5.25 268 4. consultare le ulteriori 5.60 360 5. 0.20 Per la progettazione di reti idriche in edifici con 4.17 2.50 50 IDRICO SANITARIO .60 totali fino a 20 l/s i valori delle portate di pro.40 35.35 distribuzione.50 7. la probabilità che tutte 2.79 4.58 3.92 1.70 1.).71 2.45 38.76 2.85 187 4.68 2.50 l/s.45 3. in relazione alle portate l/s l/s l/s l/s l/s l/s l/s totali per acqua calda e fredda.20 massime previste nei periodi di maggior utiliz.06 1.27 1.50 l/s.87 0.41 1. 8.15 caso degli edifici residenziali.08 2.80 422 5.17 1.41 3.95 mente è molto più alta rispetto ad un edificio 2.48 2.80 58. risultano diverse: in un 2.04 2.35 33.59 0.00 1. 0.30 31.00 essere unicamente i WC con flussometro.10 0.40 19.15 2.51 3.95 0.20 27.00 residenziale.05 512 5.15 15.25 destinazione d’uso diversa rispetto a quella 4.25 29.90 le docce vengano utilizzate contemporanea.80 0.36 9.65 49.85 0.35 108.17 1.65 3.28 2. 12 DIN 1988.75 ficio (tipo di utenza).78 1.60 Come deducibile dalla tabella. 6.

30 l/s viene sempre allacciato con mbar/m x 40 m = 1.30 20 1.89 1 0. il diametro di tubo necessario (utilizzando le arrotondata a 0. solo 0. il erogazione d’acqua .66 0.50 l/s di acqua • nel tratto n° 3 con 0. da 0. tubo Prineto 20 con il quale si 11) ➞ rilevare la corrispondente portata di • nel tratto n° 2. ma non esonera l’installatore o il pro- calcolati nella portata di progetto. di 0. nella rete sarebbe di 2. vengono il tubo Prineto 20 con il quale si quedotto viene prima calcolata la portata tota- rilevati i diametri delle tubazioni di entrambi i ottiene una velocità di scorrimento le di tutti i punti di presa acqua calda e fredda tratti. ne risulta quindi che: quindi che: ogni singolo tratto di tubazione: • nel tratto n° 3. sviluppo di semplici calcoli di portate considerarsi come apparecchi con ni.20 16 1. La I vari diametri rilevati vengono quindi portata di progetto.20 16 1.30 20 1.25 20 1.84 3 0. a questo punto nota. Tabella di progetto rete acqua fredda: Tabella di progetto rete acqua calda: Portata Portata Diametro Velocità Portata Portata Diametro Velocità Tratto Tratto totale di progetto tubo di scorrimento totale di progetto tubo di scorrimento tubazione tubazione VR [l/s] V [l/s] Prineto v [m/s] VR [l/s] V [l/s] Prineto v [m/s] 1 0.45 25 1.60 25 2.37 l/s v = 2.00 m/s.50 0. prodotte dai raccordi e dal dislivello acqua fredda. rilevata la corrispondente velocità di scorrimento v (max.8 ➞ 2.53 2 0.03 m/s ➞ 36. nare il diametro della tubazione generale di cercata nella colonna di sinistra delle tabelle.40 20 2.30 l/s di acqua tabelle delle perdite di carico a fine capitolo).77 6 0.40 l/s di acqua calcolare la portata totale (somma delle fredda (portata totale 0.40 25 1. e.37 l/s di ottiene una velocità di scorrimento progetto (utilizzando la tabella 12) ➞ ricavare acqua calda (portata totale 0.60 l/s) diventano Prineto 16.57 0. 2.53 4 0. invece. Infatti.75 32 1.36 8 0.89 0. A questo punto dimensio- portata di progetto.60 Indicazione: Il precedente metodo di calcolo Attenzione: Attenzione: semplificato è solamente un aiuto allo I rubinetti per irrigazione sono da Nel caso di lunghi sviluppi di tubazio.40 l/s di portata di progetto. flusso continuo e non possono essere considerate le perdite di carico.77 9 1.80 32 1. calda non può essere utilizzato il tubo Utilizzando le tabelle delle perdite di carico Prineto 16.46 m/s. Questo una perdita di carico d’attrito di 1. Si adopererà.84 2 0.48 spiega anche. sia della singola porta- re al valore ammesso di 2. invece. Per l’allacciamento generale dell’edificio all’ac- dei tubi alla fine di questo capitolo.22 l/s! IDRICO SANITARIO 51 .45 25 1.00 m/s per tra l’ingresso dell’acqua nell’edificio e ta del lavello che della lavastoviglie.35 0.50 m/s).48 bar)! Consiglio: un tubo Prineto 20.Per entrambi i tratti di tubo precedentemente Per entrambi i tratti di tubo in esame ne risulta Questo procedimento dovrà essere ripetuto per analizzati. viene segnati nella pianta o nello schema.84 5 0. e quindi superio. Un tubo Prineto da 20 x 2.53 5 0. La grandezza limite in queste tabelle è la v = 1.46 3 0.07 0.20 0.80 m/s.utilizzando la tabella solo 0.25 20 1.8 con gettista da una corretta progettazione Un irrigatore può rimanere in funzio.77 10 1.98 0. uno sviluppo di 40 m ed una velocità dell’impianto idrico sanitario secondo namento per tempi prolungati e quindi media di flusso di 2.35 0. genera le regole di buona tecnica! va calcolato separatamente. le linee di collegamento. il rubinetto di erogazione posto nella Ne consegue quindi una portata totale posizione più alta.50 l/s fredda non può essere utilizzato il tubo singole portate nominali di ogni punto di arrotondata a 0.30 l/s di portata di progetto.57 7 1.22 0.89 11 1.73 0.66 0. perché un rubinetto da bar (dalle tabelle di perdite di carico 1/2” con una portata di scarico di 20 x 2. ingresso nell’edificio.20 0. successivamente.10 32 2.25 20 1.89 4 0. Si adopererà.84 m/s.30 20 1. la velocità di flusso considerate le perdite di carico cucina bisogna tenere conto. in corrispondenza dei relativi tratti di tubo.38 l/s) diventano • nel tratto n° 2 con 0. da 0.37 0.22 0. devono essere ovviamente per la composizione di un preventivo.29 0. cominciando dal diametro di tubo più piccolo. con un In questo valore non sono ancora Per la diramazione al lavello da tubo Prineto 16.

75 0.17 0.08 0.21 1.66 6.39 2.24 1.06 0.22 36.18 54.02 0.68 38.07 0.70 35.70 17.10 0.12 1.67 0.07 0.32 22.52 53.09 0.35 18.07 34.14 17.84 31.46 51.68 0.11 0.38 2.04 15.96 34.47 3.69 0.05 0.40 4.23 0.31 1.45 0.06 0.56 0.31 1.40 0.12 0.17 1.19 1.Perdite di carico dei tubi diametro 16 x 2.55 1.37 63.61 8.89 0.17 1.04 0.12 0.98 17.46 67.23 0.04 0.17 0.34 2.02 0.26 2.98 10.77 9.74 0.08 0.42 37.41 0. Tubo Stabil 16] 20 x 2.25 0.04 11.93 19.08 0.58 0.87 1.37 1.41 0.33 2.13 1.76 8.18 15.38 0.83 5.55 72.15 40.15 13.36 11.95 12.57 1.03 0.13 0.43 22.06 0.89 31.09 0.11 12.33 0.01 0.82 0.24 2.89 42.10 0.80 2.32 1.07 25.18 1.35 2.23 2.86 0.70 0.05 0.23 5.2 Perdite di carico dei tubi diametro [Tubo Flex 16.52 55.36 2.23 15.78 41.20 1.40 2.25 0.68 5.84 0.04 0.09 0.08 50.72 27.28 24.40 0.64 0.39 49.28 7.92 0.27 59.03 0.90 0.89 51.92 9.42 0.21 1.96 32.55 0.55 3.75 0.74 6.22 0.86 8.76 0.43 0.18 0.45 1.27 2.19 1.66 25.27 0.19 0.33 47.77 0.06 0.20 1.26 1.27 1.78 29.24 0.67 21.74 0.87 0.87 29.23 20.98 0.43 2.41 19.19 52 IDRICO SANITARIO .22 1.49 3.98 0.14 0.22 3.25 2.18 1.56 0.21 0.79 2.29 1.01 0.07 11.37 2.23 1.16 0.13 0.80 0.96 0.42 25.50 0.39 48.16 0.11 1.60 24.8 [Tubo Flex 20.02 45.75 9.12 0.06 0.36 0.85 10.29 16.14 1.67 27.55 13.80 7.39 7.90 33.22 2.49 0.94 41.21 29.61 14.16 1.31 18.73 0.72 0.09 0.80 0.21 42.41 2.83 0.97 19.03 36.13 0.94 0.72 35.99 46.15 1.57 3.13 16.23 6.56 8.61 4.47 21.47 0.09 2.28 4.28 1.25 1.28 1.59 0.54 22.18 0.23 23.89 28.27 45.09 38.38 2.04 10.66 39.96 26.70 0.89 32.94 0.03 22.80 0.15 0.28 0.06 0.57 5.61 32.63 6.84 0. Tubo Stabil 20] Portata Velocità Perdita di carico [mbar/m] Portata Velocità Perdita di carico [mbar/m] [l/s] [m/s] 10°C 60°C [l/s] [m/s] 10°C 60°C 0.83 0.17 14.01 0.36 1.30 1.52 0.51 29.80 39.73 12.

004 3.07 0.589 7.109 0.997 6.208 0.494 0.321 4.140 10.26 1.314 1.39 1.869 1.43 1.118 0.319 35.511 0.30 1.123 0.321 5.431 0.196 0.32 1.63 2.192 0.072 0.456 0.60 2.161 31.707 4.533 17.249 0.540 29.458 8.49 1.786 0.295 26.379 0.859 17.391 27.749 0.667 0.05 0.54 2.494 0.825 5.147 0.729 21.468 10.61 2.819 8.848 0.359 0.01 0.28 1.425 3.169 10.393 1.760 0.908 0.314 15.057 0.401 0.611 18.602 0.926 25.113 9.21 0.063 0.279 34.590 0.572 17.41 1.589 3.10 0.108 0.336 26.422 6.865 3.240 33.33 1.17 0.364 0.415 14.870 0.095 0.46 1.11 0.177 1.459 28.218 11.31 1.196 7.321 0.965 26.943 7.885 0.252 24.51 2.504 1.690 20.495 14.179 10.647 0.071 0.061 8.432 1.25 0.196 0.37 1.022 8.47 1.634 30.56 2.450 20.629 3.59 2.22 0.494 0.157 0.329 21.847 23.275 0.454 15.075 0.27 1.375 14.36 1.297 12.397 37.52 2.263 0.493 16.50 1.714 0.24 0.851 2.043 28.284 0.270 0.796 5.662 0.09 0.886 24.243 0.100 9.865 6.38 1.083 29.039 0.795 IDRICO SANITARIO 53 .786 5.425 0.472 2.316 1.647 0.631 0.287 4.336 13.02 0.079 0.18 0.34 1.470 0.263 23.427 0.912 0.251 23.42 1.427 0.06 0.20 0.885 11.819 0.57 2.35 1.796 4.289 22.511 2.899 13.747 4.261 0.668 4.123 13.362 12.217 2.44 1.862 0.515 40.981 0.354 1.366 0.785 0.55 2.236 0.48 1.582 1.924 0.148 16.177 0.58 2.5 [Tubo Flex 25.476 39.03 0.45 1.189 0.383 20.801 0.14 0.028 0.148 0.64 2.266 25.004 27.864 6.550 2.531 19.783 9.62 2.358 36.768 21.808 22.436 38.Perdite di carico dei tubi diametro 25 x 3.08 0.601 2.454 0.690 14.19 0.23 0.318 0.650 19.742 31.004 0.04 0.626 0.13 0.16 0.122 30.626 18.186 0.40 1.817 0.005 0.750 0.258 12. Tubo Stabil 25] Portata Velocità Perdita di carico [mbar/m] Portata Velocità Perdita di carico [mbar/m] [l/s] [m/s] 10°C 60°C [l/s] [m/s] 10°C 60°C 0.12 0.904 6.021 0.53 2.201 32.982 7.616 11.29 1.735 18.15 0.996 16.803 0.

45 1.770 0.892 18.736 1.33 0.923 6.112 7.568 2.924 0.193 1.12 0.872 2.901 0.277 10.34 0.326 1.923 0.142 0.95 2.324 0.217 0.366 26.540 9.840 4.799 0.361 7.189 0.06 0.405 0.24 0.035 3.071 0.Perdite di carico dei tubi diametro 32 x 4.21 0.148 0.80 1.10 0.750 0.757 3.16 0.474 0.916 0.02 0.012 0.044 0.19 0.20 0.006 0.04 0.994 5.43 1.35 0.05 0.00 2.37 0.017 6.695 2.50 1.90 2.355 0.254 0.247 24.572 0.675 0.970 5.946 5.312 0.55 1.024 0.22 0.199 0.27 0.46 1.03 0.194 0.135 7.484 29.49 1.260 0.544 2.633 0.733 3.301 0.770 0.621 0.028 0.646 0.743 0.28 0.194 0.378 1.628 2.11 0.498 0.050 0.301 9.053 15.497 1.901 8.035 13.432 2.402 1.25 0.575 0.589 5.362 0.054 2.419 10.26 0.36 0.60 1.457 1.362 18.828 4.30 0.041 6.523 1.591 2.40 0.44 1.47 1.923 5.781 3.560 0.095 0.129 22.29 0.394 0.964 0.079 0.41 0.166 0.088 6.275 0.594 1.245 0.32 0.07 0.349 0.520 1.449 1.710 3.241 0.335 4.75 1.18 0.110 5.662 2.475 0.428 0.08 0.008 0.438 0.362 4.113 0.85 2.429 0.081 0.473 1.085 4.237 0.70 1.459 0.459 3.883 1.656 14.377 5.13 0.159 7.241 2.39 0.65 1.073 0.926 0.837 0.852 4.308 0.736 1.538 12.213 0.094 0.48 1.129 3.554 0.652 0.163 0.108 0.829 2.899 4.321 0.639 2.31 0.356 1. Tubo Stabil 32] Portata Velocità Perdita di carico [mbar/m] Portata Velocità Perdita di carico [mbar/m] [l/s] [m/s] 10°C 60°C [l/s] [m/s] 10°C 60°C 0.847 5.022 0.15 0.148 0.804 4.026 22.031 54 IDRICO SANITARIO .652 0.42 0.058 0.163 16.686 3.284 0.648 5.036 1.09 0.678 3.38 0.244 3.599 4.047 0.602 0.193 0.901 3.109 12.4 [Tubo Flex 32.917 0.824 1.23 0.011 20.331 0.14 0.326 0.01 0.065 6.17 0.840 0.615 2.095 0.118 0.141 0.854 0.058 0.426 1.332 0.875 4.05 2.228 0.650 20.573 0.774 16.300 0.183 7.

05 1.643 1.330 1.812 12.70 1.453 2.179 0.131 10.800 0.803 1.609 1.162 1.687 3.738 0.126 1.30 0.75 2.021 2.382 2.545 4.761 2.675 7.061 9.10 0.95 1.768 0.345 6.006 6.932 0.169 4.536 0.585 1.20 0.337 0.973 1.65 1.65 [Tubo Stabil 50] Portata Velocità Perdita di carico [mbar/m] Portata Velocità Perdita di carico [mbar/m] [l/s] [m/s] 10°C 60°C [l/s] [m/s] 10°C 60°C 0.05 0.234 1.944 0.045 1.622 8.608 0.135 0.606 5.871 11.055 10.632 1.90 1.30 0.564 3.167 IDRICO SANITARIO 55 .747 5.756 1.25 0.167 5.228 0.20 2.837 2.85 0.35 0.989 2.311 13.377 0.735 1.75 0.084 12.877 2.60 1.20 0.026 0.20 0.20 2.221 15.874 1.345 1.292 0.138 0.70 1.702 2.90 2.598 6.370 5.181 0.010 0.988 12.020 0.637 9.468 1.831 1.174 1.979 9.911 6.228 5.852 1.695 9.915 1.117 0.175 0.455 18.998 3.15 1.442 0.236 0.403 6.283 12.500 1.796 1.046 13.464 0.00 2.00 1.60 1.386 5.578 8.894 0.50 0.759 2.277 0.00 0.05 0.70 0.651 9.678 2.044 1.90 1.481 1.571 11.108 0.369 11.163 14.509 2.20 1.249 2.844 1.80 2.522 6.818 2.30 1.60 1.874 2.052 4.157 3.812 10.168 3.807 10.666 2.489 1.256 7.854 2.872 1.228 0.312 2.796 0.372 1.50 1.307 1.436 13.068 0.583 1.754 10.461 7.294 4.058 0.563 0.486 1.572 19.512 14.738 0.55 1.377 8.10 2.363 0.346 6.10 2.751 7.218 3.218 4.167 0.10 0.219 0.485 0.451 6.761 1.076 0.40 0.817 1.966 0.668 11.038 0.600 7.286 5.542 1.304 0.200 1.526 1.446 5.762 8.280 16.409 0.40 0.220 0.234 0.066 4.50 0.6 [Tubo Stabil 40] 52 x 5.30 0.381 0.472 1.309 10.827 8.00 2.045 1.608 0.111 4.351 0.30 1.40 1.520 7.007 9.105 13.338 16.352 1.134 0.877 3.60 0.409 0.80 0.251 2.929 12.082 0.964 6.877 5.040 2.089 0.50 1.142 3.105 3.006 0.162 7.864 15.930 8.533 0.152 0.640 2.935 3.913 2.457 0.45 1.15 0.676 1.70 2.685 1.80 0.00 1.25 1.444 4.Perdite di carico dei tubi diametro Perdite di carico dei tubi diametro 42 x 4.281 2.332 9.55 0.65 0.20 1.659 3.35 1.10 0.131 1.60 0.95 2.044 3.024 0.481 0.90 2.760 2.145 0.50 1.90 0.157 2.299 0.982 10.007 0.341 1.85 2.30 2.360 13.45 0.207 11.10 1.383 4.066 3.40 1.569 3.994 3.561 1.903 8.416 1.906 4.837 2.577 7.032 0.627 0.80 1.80 2.981 2.70 0.10 1.40 1.

70 1.301 9.127 0.811 6.20 2.234 2.099 1.197 5.350 9.285 0.789 5.50 1.30 2.00 1.059 4.512 1.139 0.038 0.50 1.439 1.40 1.568 8.90 1.840 3.070 0.10 2.941 8.587 0.484 2.695 3.381 4.000 0.098 0.979 2.881 1.900 3.661 4.80 1.392 0.60 1.00 2.175 2.60 0.764 3.30 1.203 8.981 1.056 7.664 5.259 0.009 4.224 4.077 0.50 0.20 0.974 0.468 5.90 0.399 2.60 1.20 2.049 0.294 0.188 0.198 4.126 1.371 3.448 10.90 2.147 0.077 2.007 7.992 3.40 2.245 0.401 1.832 1.90 0.541 3.664 1.840 7.570 2.538 0.350 1.711 0.80 0.452 56 IDRICO SANITARIO .469 4.783 1.70 0.428 0.40 0.003 4.319 8.496 3.05 0.20 1.831 2.50 0.918 2.10 1.595 2.00 0.073 2.870 0.870 1.538 4.70 1.224 3.327 0.842 5.134 6.00 0.117 6.154 8.259 5.30 0.50 2.0 [Tubo Stabil 63] Portata Velocità Perdita di carico [mbar/m] Portata Velocità Perdita di carico [mbar/m] [l/s] [m/s] 10°C 60°C [l/s] [m/s] 10°C 60°C 0.80 2.615 5.111 3.240 4.70 2.762 5.90 1.109 3.323 3.252 9.948 4.909 6.00 1.526 0.10 0.70 0.958 7.222 1.702 4.461 4.715 2.632 0.10 1.399 10.028 2.30 1.636 1.484 7.Perdite di carico dei tubi diametro 63 x 6.768 1.60 2.600 1.518 4.747 0.420 4.789 6.80 1.643 0.566 4.143 5.40 0.029 4.323 3.105 8.152 5.354 0.126 2.30 0.142 2.20 0.316 1.441 0.570 1.074 3.322 3.241 0.024 0.546 11.497 10.343 0.948 4.483 1.513 0.80 0.10 0.624 2.925 2.201 7.925 2.745 2.273 3.713 5.578 3.196 0.944 1.734 1.301 3.860 6.40 1.490 0.450 6.108 3.365 2.011 0.339 0.003 0.768 2.789 0.20 1.685 1.10 2.764 1.097 4.60 0.930 1.

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO TRADIZIONALE PRINETO RISCALDAMENTO TRADIZIONALE 57 .

Note: 58 .

Metodo di calcolo del carico termico di progetto Tutti i tubi in materiale plastico impiegati per • UNI EN 12828: Impianti di riscalda. riscaldamento ad acqua calda I tubi Prineto Riscaldamento sono al di sotto In alcuni casi.R.Installazione e m³ di acqua calda al giorno. questi molto resistenti alle variazioni di messa in servizio dei sistemi di tura dell’acqua di 40ºC. 0878 343 120). collettore (o “a ragno”).Progettazione dei all’ossigeno secondo la norma DIN 4726. nei semplici adattatori di • DIN 18380: Impianti di riscaldamento di questo valore massimo. mentre i tubi Stabil allacciamento a stringere con anello.1 g di ossigeno per es. La Ove possibile. possono essere • DIN 4109: Isolamento acustico negli impiegati negli impianti di riscaldamento. mentre nei raccordi Eurokonus energetica degli impianti di riscalda. il e produzione centralizzata di acqua sono impermeabili all’ossigeno al 100%. il riscaldamento devono essere impermeabili Consiglio: mento negli edifici . Inoltre sono disponibili una dei materiali da costruzione e degli serie di raccordi speciali realizzati in ottone elementi costruttivi pregiato e adatti esclusivamente agli impianti • Direttiva modello linee e tubazioni di riscaldamento (ad esempio i terminali diritti (MLAR): Direttiva modello sui requisiti con superficie nichelata). Prineto questa eventualità viene mento e climatizzazione Per installare un impianto di riscaldamen. totalmente esclusa. ad una tempera.Lgs. 192/05: Attuazione della le valvole dei radiatori o con gli stacchi dei direttiva 2002/91/CE relativa al collettori) sono disponibili i seguenti rendimento energetico nell’edilizia elementi: • D. In linea di massima vengono per tubi multistrato considerati tutti i tipi di posa. è possibi. mento negli edifici . • EnEv: Normativa sul risparmio to possono essere utilizzati tutti i raccordi energetico dell’impianto idrico sanitario (ad es. art. L’installazione • DIN 4726: Tubazioni in plastica delle tubazioni può avvenire sotto forma di • UNI EN 1254: Rame e leghe di rame impianto monotubo (o “ad anello).Nozioni generali Per la progettazione. di impianto . tecnici ed antincendio delle linee e tubazioni In base alle direttive DVGW. con • D.). ne dell’ossigeno pari a 0. per tubi Prineto Stabil e PE-X l‘installazione. 412/93: Regolamento recante • Adattatori di allacciamento a stringere norme per la progettazione. raccordi • DIN 4102: Comportamento al fuoco a T. e materiale del tubo potrebbe “rilassar- calda sanitaria quindi entrambi idonei all’installazione negli si” comportando un allentamento del • DIN V 4701-10: Valutazione impianti di riscaldamento. l‘esercizio e la • Adattatori di allacciamento con manutenzione degli impianti termici raccordo a compressione per tubi degli edifici ai fini del contenimento Prineto Stabil e PE-X (Raccordo dei consumi di energia Eurokonus Prineto) RISCALDAMENTO TRADIZIONALE 59 . l’installazione e l’eserci.P.Raccorderia idraulica a due tubi (o “a T”) oppure di impianto a • UNI EN 12831: Impianti di riscalda. dado. pur non essendo più ammessi per risparmio energetico negli edifici gli impianti idrico sanitari. consigliamo l’impiego sistemi di riscaldamento ad acqua norma stabilisce un valore limite per la diffusio. Con il sistema di tubazioni Prineto. anche i raccordi • DIN 4108: Isolamento termico e nichelati. • Adattatori di allacciamento a stringere zio degli impianti di riscaldamento negli edifici le realizzare il collegamento dei radiatori sia per tubi in rame e tubi in acciaio dolce è necessario attenersi alle seguenti norme e in caso di ristrutturazioni che di nuovi impianti • Adattatori di allacciamento a stringere prescrizioni: di riscaldamento. essendo damento negli edifici . temperatura nell’impianto in funzione. gomiti ecc. Per la edifici giunzione con elementi Eurokonus (ad es. dei raccordi Eurokonus Prineto (ad • UNI EN 14336: Impianti di riscal.

ed al dosaggio. L’ammoniaca. inserendo com. Proteggere i raccordi e le boccole dalla corrosione esterna. Prineto è idoneo al passaggio di glicole etile- Corrosione esterna In determinate circostanze (ad es. l’ammi. I tubi Prineto sono dispo- e delle conseguenti forze risultanti. 60 RISCALDAMENTO TRADIZIONALE . installazioni rosione. in caso di contatto prolungato con na. generate della muratura stessa. 0892 302 025).Installazione Tenere conto delle dilatazioni termiche lineari ammesse solo se non pregiudicano la stabilità colonne montanti. nel caso di tubazioni possono innescare il processo della tensocor.) devono esse. Additivi per acqua di riscaldamento I tubi Prineto e gli elementi dei raccordi nico e glicole propilenico. re privi di nitriti ed il contenuto di ammoniaca l’umidità (ad es. sostanze aggressive o corrosive. i sali di ammonio o il biossido di zolfo ecc. Contro il pericolo di In ogni caso rispettare le indicazioni del pro- sono resistenti all’acqua da riscaldamento e gelo consigliamo l’utilizzo dell’Anticongelante duttore in riferimento alle condizioni d’impiego ad eventuali additivi. detergenti ecc. gesso. Cavità e tracce nelle opere murarie sono Stabil per le tubazioni posate a vista o come superficie da riscaldare. isolandoli con materiali impermeabili all’acqua. interrate). isolazioni. Di conseguenza i materiali a diretto in stalle da bestiame. dove l’aria contiene contatto con la Attenzione: ammoniaca) i raccordi Prineto vanno protetti raccorderia (ad es. Il sistema di tubazioni Würth (Art. me di montaggio. 85 kW con salto termico 20 K e velocità di pensatori angolari e punti fissi (vedi paragrafo In ragione della loro scarsa dilatazione termica scorrimento 0. fluido.2%. espansi e schiu. Proteggere i raccordi e le boccole dal contatto con l’opera muraria o con il massetto (installazioni sottotraccia). consigliamo l’impiego dei tubi Prineto con lo stesso prodotto. cemento. non può superare lo 0. mediante opportuno rivestimento. dalla caldaia fino alla ni“).5 m/s) offrendo quindi la possi- “Dilatazione termica lineare e compensatori lineare in caso di variazioni di temperatura del bilità di installare tutta la rete di distribuzione di dilatazione angolari” nel capitolo “Tubazio. nibili fino al diametro 63 (potenza termica di dall’esercizio dell’impianto.

Principali tipologie di distribuzione delle tubazioni Impianto a collettore (o “a ragno”) E’ il tipo di distribuzione più usato nell’edilizia. Caratteristiche: • pochissimo tubo e raccordi • utilizzo del ritorno del radiatore precedente come mandata del successivo • prestazioni tra i vari radiatori non uniformi • impossibilità di regolare il singolo terminale RISCALDAMENTO TRADIZIONALE 61 . Caratteristiche: • poco tubo • derivazioni ai radiatori tramite raccordi d’incrocio a “T” • posa delle tubazioni attraverso il locale direttamente verso i radiatori • possibilità di regolare il singolo terminale Impianto monotubo (o “ad anello”) Tipologia di impianto utilizzato in passato nell’edilizia a basso costo. utilizzando un’unica tubazione. Caratteristiche: • molto tubo e pochi raccordi • radiatori intercettabili singolarmente • possibilità di regolazione ambiente per ambiente • ottima equilibratura del sistema Impianto a due tubi (o “a T”) Si tratta di una distribuzione che consiste nel servire in parallelo con due tubazioni (mandata e ritorno) i diversi corpi scaldanti che prendono il fluido dal tubo di mandata e lo scaricano su quello di ritorno. che consiste in una distribuzione ad anello lungo il perimetro dell’ambiente da scaldare in cui i corpi scal- danti sono posti in serie. con due tubazioni (mandata e ritorno) ciascuno. dal quale vengo- no alimentati i singoli corpi scaldanti. Il fluido caldo dalla caldaia viene portato ad un collettore di distribuzione.

Collegamento alla valvola radiatore tramite tubo Prineto Riscaldamento (rosso) e curva d’allacciamento Prineto. Collegamento alla valvola radiatore tramite tubo Prineto Riscaldamento (rosso) e tubo Prineto Stabil (bianco). 62 RISCALDAMENTO TRADIZIONALE .Esempi di allacciamento ai radiatori Collegamento alla valvola radiatore tramite tubo Prineto Stabil (bianco).

Le valvole termostatiche rendono ogni locale La temperatura del locale è regolata da un ter- autonomo.5°C Isteresi: ≤ 7 K Tempo di risposta (Z): ≤ 23 min. Le valvole per radiatori con attacco ferro ven- gono invece utilizzate prevalentemente nelle Testa termostatica a cera ristrutturazioni di vecchi impianti termici.5°C a 28. la temperatura.5 essere allacciati.5 Possibilità di limitazione e blocco della regolazione La regolazione a 20°C corrisponde alla posizione “3” RISCALDAMENTO TRADIZIONALE 63 . tubi in rame e (3/4“ su richiesta) tubi in acciaio dolce. radiatori). e sia con attacco Max pressione statica d’esercizio: 10 bar Eurokonus che con attacco per tubo ferro. tramite gli appositi adattatori Filetto attacco tubo: 3/4“ Eurokonus presenti nella gamma. mostato posto all’interno della testa termostati- zione di temperatura dei singoli terminali (ad ca. attraverso il quale viene modulato il flusso Le valvole termostatizzabili Würth sono Valvole termostatizzabili disponibili (con il relativo detentore): Materiale: ottone nichelato sia a squadra che diritte. Campo di regolaz. dell’acqua (W): 0.5°C a 27. 0878 900 071) Filetto: M 30 x 1. quindi un elevato comfort e un d’acqua calda in entrata nel corpo scaldante. Max temperatura d’esercizio: 120 °C Max pressione differenziale: 1 bar Alle valvole per radiatori con attacco Euroko- Filetto attacco radiatore: 1/2“ o 3/8” nus (sia termostatizzabili che manuali) possono Filetto testata: M 30 x 1. mento tra un corpo valvola termostatizzabile notevole risparmio energetico come richiesto È possibile limitare il campo di regolazione del- ed una testa termostatica.5 K Tempo di risposta (Z): 23 min. es.: da 6.5 • testa termostatica con termostato ad Possibilità di blocco della regolazione espansione di liquido (art. consentendo una propria regola. 0878 900 072) La regolazione a 20°C corrisponde alla posizione “3” Testa termostatica a liquido Termostato ad espansione di liquido Campo di regolaz. tubi Prineto Stabil e oppure 3/8“ o 1/2“ femmina Riscaldamento. Effetto della temp. tubi multistrato.8 K Campo di inalterabilità elemento termostatico: -15°C/+60°C Filetto: M 30 x 1. da normative nazionali e internazionali.5°C Isteresi: 0. oppure bloccare la manopola su un valore stabilito.1 K valvola sono disponibili in 2 tipologie: Campo di inalterabilità elemento • testa termostatica con termostato ad termostatico: -15°C/+50°C espansione di cera (art. dell’acqua (W): ≤ 1.: da 6. Le teste termostatiche da applicare al corpo Effetto della temp.Valvole termostatiche Würth a bassa inerzia termica Per valvola termostatica si intende l’accoppia. dove Termostato ad espansione di cera si trovano spesso tubazioni in ferro.

0878 900 138) composto da: • 1 valvola a squadra termostatizzabile • 1 detentore a squadra • 1 testa termostatica • 1 fascetta antifurto per teste termostatiche Con filetto attacco radiatore 1/2“ e di attacco tubo 3/4“ Eurokonus oppure 1/2” femmina Tutte le valvole termostatiche Würth sono sul corpo valvola che sulla testa termostatica) ne di impianti di climatizzazione invernale con costruite a regola d’arte. secondo le prescrizio. con pompe di calore ad alta efficienza o con termostatiche per radiatori – Requisiti e metodi tion) che garantisce tale requisito. sono in possesso del marchio di conformità impianti dotati di caldaie a condensazione. ni tecniche della norma UNI EN 215: “Valvole CEN (European Committee for Standardisa. requisiti richiesti precedentemente analizzati. risultano quindi essere delle valvole a bassa dunque. essendo questo un 19/02/07 e successive modifiche ed integra. Per riunire quanto precedentemente detto in un unico articolo. Rispondendo a tale normativa Le valvole termostatiche Würth rispondono. requisito richiesto dalla norma stessa. Ciò è zioni. 0878 900 070) ed il “Kit radiatore attacco ferro” (Art. per poter usufruire delle agevolazioni fi- dimostrato anche dal fatto che le valvole (sia scali del 55% in caso di interventi di sostituzio- 64 RISCALDAMENTO TRADIZIONALE . impianti geotermici a bassa entalpia. sono stati inseriti in gamma anche il “Kit radiatore attacco Eurokonus” (Art. anche a quanto richiesto dal Decreto Alla pagina seguente riportiamo la dichiara- inerzia termica (ovvero con tempo di risposta del Ministro dell’Economia e delle Finanze del zione di conformità che attesta il rispetto dei inferiore ai 40 minuti). di prova”.

attestata dai seguenti certificati: Licence Nr. 0878 900 070 / 138 – sono costruite a regola d’arte. 0878 900 071 / 072 e le valvole termostatizzabili Art. DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ La sottoscritta Würth Srl. 0878 900 075 / 079 / 081/ 085 / 130 / 132 / 134 / 136 nonché le teste termostatiche e le valvole termostatizzabili comprese nei Kit radiatore Art. n. n. recante: “Disposizioni in materia di detrazioni per le spese di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente. secondo le prescrizioni tecniche della Norma UNI EN 215 “Valvole termostatiche per radiatori . 06 – Identity Number: 50 – Country Code: I Licence Nr. ai sensi dell’articolo 1. 51 Dichiara sotto la propria esclusiva responsabilità che le teste termostatiche Art. 01 – Identity Number: 50 – Country Code: I rilasciati da UNI Dichiara infine che le caratteristiche tecniche dei predetti dispositivi di regolazione sono rispondenti a quanto richiesto dal Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 19 febbraio 2007 e successive modifiche ed integrazioni. comma 349. 296” Harald Santer Responsabile Prodotti RISCALDAMENTO TRADIZIONALE 65 .Requisiti e metodi di prova” – sono dotate di certificazione di conformità alla menzionata norma europea. della legge 27 dicembre 2006. con sede ad Egna (BZ) in Via Stazione.

(senza ripristinare nuovamente la pressione un’ulteriore protezione dal gelo. Una volta riempito l’impianto. La prova va protocollata risultino completamente sfiatate esercizio consentita.5 bar. liquido antigelo o temperare l’edificio. consigliamo di riscaldare gra- to ad acqua calda vanno sottoposti ad una con acqua dal punto più basso dualmente l’impianto e di verificarne prova di pressione con acqua per verificarne dell’impianto. Anche le variazioni di temperatura del fluido falsano l’esito della prova. sopraelencate normative è stata effettuata la 1 bar. come stabilito dalla In base alla norma DIN 18380 (pubblicazio. durante la prova. utilizzare del ne di esercizio dell’impianto moltiplicata per altri 30 minuti. chiudere il dei tubi elimina le tensioni di posa. ad es. finché le tubazioni non la tenuta alla massima temperatura di la stabilità e la tenuta. norma DIN 1717 Attenzione: ne 12-2002) l’impianto deve essere testato ad 3. se non vengono riscontrate delle prova. approvvigionamento acqua (ad. e essere indicato in base a quale delle due 24 ore il calo di pressione è inferiore ad cambiando l’acqua almeno tre volte. Riempire lentamente la rete di tubazioni fredda. La norma UNI EN 14336 ammette anche Dopo un’ulteriore mezz’ora (in tutto 1 ora Se per il normale esercizio dell’im- prove con aria o gas inerti ed in tal caso la e 30 minuti dall’inizio) ha inizio la prova pianto non dovesse essere necessaria pressione di prova sarà di massimo 0. 1. zione 01-2005) l’impianto deve essere testato Ripristinare la pressione iniziale una volta In caso di rischio di gelo adottare ido- ad una pressione corrispondente alla pressio. es. dopo 30 minuti ed una seconda volta dopo nee precauzioni. Il riscaldamento ed il protocollo deve essere controfirmato dal 2. l’acquedotto). a sinistra). committente e dal tecnico specializzato che collegamento con la rete di l’ha effettuata (collaudatore).3. La prova si intende superata se nell’arco di svuotando e lavando l’impianto. che porta ad una diminuzione della pressione stessa. il iniziale!) liquido antigelo deve essere eliminato Nel protocollo di prova di pressione deve 4. 66 RISCALDAMENTO TRADIZIONALE . dovrebbe essere mantenuta una tempe- ratura del fluido possibilmente costante. 1. Per questi motivi. alla normativa scelta come riferimento mandata e di ritorno vengano allaccia- della prova stessa (vedi riferimenti normativi te ai giusti attacchi del raccordo! In base alla norma UNI EN 14336 (pubblica.Prova di pressione degli impianti di riscaldamento Ultimata l’installazione e prima della chiusura La prova di pressione con acqua va effettuata delle tracce murarie a parete e a soffitto ed come segue: Consiglio: eventualmente prima della gettata del massetto Dopo la prova di pressione ad acqua o di altra copertura. perdite e se nessuna parte del sistema presenta deformazioni permanenti Le proprietà del materiale dei tubi in plastica comportano una dilatazione del tubo durante la prova di pressione. gli impianti di riscaldamen. Preparare la prova alimentando tutto Utilizzando i raccordi d’incrocio a T una pressione corrispondente alla pressione di l’impianto alla pressione stabilita in base fare attenzione che le tubazioni di scarico della valvola di sicurezza. e la pressione iniziale dovrebbe essere ristabilita più volte dopo la dilatazione dei tubi.

3) della valvola di sicurezza) Oggetto: Committente: Collaudatore: Indicazione tratto di prova Stabil 14 m 16 m 20 m bar rimessa in pressione Pressione di prova 25 m Δp <1. Prova (durata 24 ore) Sfiatare completamente le tubazioni. 1. Inizio ora Fine ora Pressione all‘inizio della prova bar Pressione dopo 24 ore bar Calo di pressione (max.Protocollo di prova pressione per impianto di riscaldamento effettuata secondo DIN 18380 (pressione di scarico secondo UNI EN 14336 (pressione di esercizio x 1. Data Firma committente o delegato RISCALDAMENTO TRADIZIONALE 67 .0 bar) bar Esito della prova di pressione Prova di pressione superata si no Constatati difetti di tenuta si no Constatate deformazioni di parti della rete si no Firma collaudatore Luogo. Riempire le tubazioni con acqua.0 bar 32 m Stabil 40 m prova Stabil 50 m Stabil 63 m 30 60 90 min Preparazione (durata 90 minuti) Inizio ora Fine ora Indicazioni: La temperatura dell’acqua di prova Pressione di prova stabilita bar deve essere tenuta il più possibile Pressione dopo 90 minuti (inizio della prova) bar costante.

38 20 (Risc.0 172.2 27.6 6.493 200 0.8 77.4 11.0 43.5 4.0 481 201 0. termico dell’edificio in base alla norma UNI EN 12831.2 14.0 72.6 262 200 0.8 97 200 0.4 4.45 25 (Risc.1 4.6 3.7 2.1 7.0 7.5 2.0 129.454 200 0.3 2.34 16 (Risc.7 103.250 Pa/m Conversione unità di misura di pressione: 1 bar = 100 kPa = 1000 hPa = 10mWs 100 Pa (1.5 58.5 m/s Tubazioni di distribuzione generale fino a 1.7 22.00 68 RISCALDAMENTO TRADIZIONALE .100 Pa/m Grandi impianti di riscaldamento 100 .53 32 (Risc.6 129.395 170 1.6 8.0 mbar (0.1 1.001 bar) = 10 mmWs Potenza termica massima delle tubazioni Prineto: Valori relativi ai tubi Prineto Riscaldamento e Stabil con diversi salti termici e tenendo come grandezze limite le perdite di carico o la velocità di scorrimento. Salto termico 10 K 15 K 20 K 25 K m R w Diametro tubazione Max.0 215. Questi valori si riferiscono a tratti di tubazioni rettilinei e non considerano le perdite di carico di eventuali raccordi e/o valvole.3 146 201 0. Criteri generali Velocità di scorrimento massima consigliata: Tubazioni di collegamento ai corpi scaldanti fino a 0.8 955 200 0.1 16.81 50 (Stabil) 51.Progettazione e dimensionamento dell’impianto di riscaldamento La base per la progettazione ed il dimen. potenza termica Q [kW] [kg/h] [Pa/m] [m/s] 14 (Stabil) 1. e Stabil) 3.0 hPa) = 1.200 Pa/m Impianti di riscaldamento a pavimento 200 . e Stabil) 1.7 2.63 40 (Stabil) 29. e Stabil) 5. e Stabil) 11.94 63 (Stabil) 86.0 m/s Perdita di carico massima consigliata: Piccoli impianti di riscaldamento 50 . L’esatto dimensionamento con il calcolo delle sionamento degli impianti di riscaldamento portate viene oggi solitamente eseguito me- è rappresentata dal calcolo del fabbisogno diante programmi di calcolo.

in caso di ristrutturazio- dei raccordi e delle lunghezze delle tubazioni. sarà incarico del progettista o dell‘instal- radiatori installati. Stabilita dal progettista mediante il calcolo del fabbisogno termico in base alla norma UNI QLocale = q · ALocale EN 12831 (carico termico ΦHL). locale viene ragionevolmente suddivisa tra i ni). latore dell’impianto di riscaldamento fare una Nel dimensionamento semplificato dell’im. consentita Alocale (m²) R (Pa/m) Moltiplicando il fabbisogno termico specifico Potenza termica di progetto per ogni Stabilita solitamente a seconda della grandez.Metodo di calcolo semplificato della rete di riscaldamento Di seguito viene descritto il calcolo semplificato Se nel locale interessato è presente un solo Fabbisogno termico specifico della rete di tubazioni in un piccolo edificio in radiatore. RISCALDAMENTO TRADIZIONALE 69 . va effettuato uno schizzo dello schema del Salto termico σ (K): percorso (sezione verticale dell’impianto). Se in un locale vengono Nel caso in cui non sia nota la potenza termi- non vengono considerate le perdite di carico installati più radiatori. per il calcolo della potenza termi- vamente nella pianta va disegnato il percorso pianto. in caso di più piani. Consiglio: Nei bagni. Per ogni θM e θR (°C) menti dell’edificio in questione. per la superficie dell’ambiente da riscaldare. stima del fabbisogno termico specifico (W/ pianto. dell’edificio. la potenza termica del ca di progetto (ad es. le grandezze limite sono la perdita di Temperatura di mandata e di ritorno m²). senza ricorrere all’utilizzo di costo. il fabbi- sogno termico specifico stabilito per gli altri locali dovrebbe essere leggermen- te aumentato. a causa della temperatura ambiente richiesta più elevata. In questo procedimento termica del radiatore. θM . le relative superfici. si ottiene la potenza termica di progetto del Qlocale (W) locale. singolo locale za dell’impianto (vedi pagina precedente). del locale dovrà essere uguale alla potenza q (W/m²) si software di calcolo.θR = σ (K) Superfici di ogni singolo locale Per il calcolo della rete di tubazioni sono da riscaldare necessari i seguenti parametri: Perdita di carico max. ca di progetto di ogni locale sono necessarie previsto delle tubazioni ed. la potenza termica di progetto dell’edificio costruzione. locale va stabilito il numero dei corpi scaldanti Stabilita dal progettista. Successi. La differenza tra questi Stabilito il fabbisogno termico specifico ed il punto in cui andranno installati. a seconda del tipo strutture e dei serra- carico o la velocità di scorrimento. due valori determina il salto termico dell’im.

perdita di carico (R): 200 Pa/m radiatore 7 / 680 W radiatore 5 / 600 W radiatore 2 / 500 W Cucina Camera 1 17 m2 15 m2 Soggiorno 45 m2 6 / 25 / 70.32 1 / 16 / 61.36 2 / 16 / 109.86 radiatore 1 800 W Corridoio 7 / 25 / 92.70 3 / 16 / 180.Temperatura di ritorno θR = 70°C – 55°C = 15 K 70 RISCALDAMENTO TRADIZIONALE .73 4 / 20 / 95.Esempio di calcolo semplificato per un appartamento in un edificio plurifamiliare • Fabbisogno termico specifico (q): 40 W/m² (Bagno 50 W/m²) • Temperatura di mandata (θM): 70°C • Temperatura di ritorno (θR): 55°C • Max.75 radiatore 6 / 880 W 22 m2 Bagno Camera 2 17 m2 15 m2 radiatore 8 / 850 W radiatore 4 / 600 W radiatore 3 / 500 W *Numero tratto / Diametro tubo / Perdita di carico Esempio di calcolo della “Camera 1”: Potenza termica di progetto QLocale = Fabbisogno termico specifico q · Superficie del locale ALocale = 40 W/m² · 15 m² = 600 W Salto termico σ = Temperatura di mandata θM .05* 5 / 20 / 144.

99 16 Tratto 3 2400 137. starà al progettista o all’installatore decidere risulta inferiore ai 200 Pa/m fissati di progetto. del tratto.2 61.59 0. Il tratto n° 7 verrà quindi posato con il K) indica la colonna della tabella da utilizzare quindi essere collegato con entrambi i diametri.14 32.09 15.52 0. la perdita di carico tubazioni.13 0.39 0. In questo scritto vuole essere esclusivamente un aiu- caso.32 16 Radiatore 4 600 34.53 m/s.73 20 Radiatore 7 680 40.34 salto termico ottenuto (nel nostro esempio 15 m/s. oppure utilizzando il tubo Stabil (o do. Al tratto n° 7.45 16 Tratto 2 1800 103.12 m/s. anche in base al bilanciamento idraulico.11 20.14 32. bazioni.29 70.86 16 Radiatore 3 500 28. sarà tenza collegata (somma di tutte le potenze dei di carico.94 16 Tratto 6 4560 263.69 Pa/m con una Esempio di calcolo dell’appartamento in esame Tratto Potenza termica Portata Velocità di Perdita di Diametro tubo di rete [W] [kg/h] scorrim. il tubo Stabil 25 si avrebbe una perdite di carico alla fine di questo capitolo.5 16 Tratto 5 3880 217.09 15.69 0.59 0.5 16 Tratto 7 5410 309. utilizzando il tubo se si utilizzasse il tubo Stabil 20.66 0. per ottenere Bagno = 850 W 600 W di potenza con un salto termico tra In questo caso (5410 W con 15 K). ci si sposterà nella tabella del diametro precedentemente.7 20 Radiatore 6 880 51.39 0. tubo Stabil 25. Esso non esonera l’installato- in caso di calcolo semplificato.27 109.45 16 Radiatore 2 500 28. Nella pianta o nello schema di progetto potenza richiesta (nel nostro esempio 600 W) verranno riportate le indicazioni del numero con una determinata perdita di carico massima Per ogni tratto dovrà essere calcolata la po.75 Pa/m con 0.99 Pa/m con 0.75 25 Nel caso di elevata prevalenza della pompa di circolazione delle rete.08 11. in quanto la perdita di carico per la verifica dei dati dei vari diametri di tu.62 16 Tratto 1 1300 74.83 0. Impiegan- viene effettuata in base alle tabelle delle 0. Il Riscaldamento) 16 solo 15. La ricerca del tubo adatto a fornire la con quale.12 26.18 0. da tabelle. locali allacciati) ed il relativo diametro delle Se per la potenza richiesta.34 92. re o il progettista da una corretta proget- tazione dell’impianto di riscaldamento. Il radiatore di questa stanza potrebbe m/s.08 26. però. sono Anche per le colonne montanti e le distribuzio- della tubazione in esame dovesse risultare collegati in totale ni generali.54 0.05 25 Radiatore 8 850 51. del diametro del tubo e della perdita fissata (nel nostro sempio 200 Pa/m).La scelta del diametro del tubo da utilizzare 32. effettuata a partire dal diametro più piccolo.58 0.09 perdita di carico di soli 92.99 16 Tratto 4 3000 171.35 Pa/m con una velocità di scorrimento di velocità di scorrimento di 0.86 16 Radiatore 5 600 34.66 0.29 95.37 144. Di conseguenza tubazioni e quindi redigere un preventivo sconsigliamo l’utilizzo di tale grandezza limite di massima. si avrebbe Stabil 14 si avrebbe una perdita di carico di una perdita di carico di 267. invece. e così via. La Cucina = 680 W tubazione che alla potenza richiesta avrà una Camera 1 = 600 W Tutti i dati ricavati potrebbero essere anche perdita di carico inferiore a quella prefissata Soggiorno = 1800 W riassunti in una tabella: sarà quella adatta all’installazione. la scelta del diametro del tubo vie- superiore a quella prefissata da progetto (200 5410 W: ne effettuata in base al procedimento descritto Pa/m).36 180. mandata e ritorno di 15 K.97 0. può essere utilizzata Attenzione: come grandezza limite per il dimensionamento Il metodo di calcolo semplificato qui de- anche la velocità di scorrimento. secondo le regole di buona tecnica! RISCALDAMENTO TRADIZIONALE 71 . ad esempio. le perdite di carico massime to per dimensionare facilmente la rete di consigliate verranno superate. immediatamente superiore.86 0. Camera 2 = 600 W Corridoio = 880 W Nella “Camera1”. [m/s] carico [Pa/m] Prineto Radiatore 1 800 45.

10 42.57 0.09 0.99 0.88 0.77 818.93 0.17 56.08 111.04 91.45 314.04 68.81 2.036.41 271.78 131.37 221.05 5.55 449.69 673.12 32.09 5.03 1.90 4.52 21.67 639.43 289.000 257.95 0.800 217.25 77.25 0.52 74.05 85.61 540.53 34.15 0.01 2.19 154.400 160.65 0.600 263.73 8.89 2.20 75.36 146.02 1.20 206.5 K 10 K 15 K 20 K termico Potenza Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita di carico di carico di carico di carico [W] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] 100 11.06 0.36 0.62 500 57.37 221.76 0.28 142.71 171.58 494.200 240.91 17.04 4.05 85.05 163.43 0.59 0.37 221.36 166.61 540.89 0.39 0.14 39.04 0.82 51.06 9.97 1.35 25.73 8.79 0.38 120.36 0.79 856.36 6.45 47.18 0.72 0.28 142.52 407.18 65.12 32.38 120.97 0.82 45.55 449.52 60.600 183.79 0.00 2.900 217.88 1.30 0.77 0.29 0.23 97.76 80.46 326.35 205.76 0.33 190.11 0.32 175.32 0.73 0.64 5.89 1.10 23.35 1.15 47.87 171.82 116.18 0.03 2.72 0.100 240.76 0.98 0.84 0.12 32.99 0.00 1.57 479.01 3.95 3.39 0.83 197.21 86.43 289.46 4.46 0.500 171.000 257.37 214.14 2.60 0.099.64 589.26 121.37 0.36 146.25 0.099.47 339.00 194.74 124.90 128.97 1.41 266.76 90.43 289.63 2.53 34.00 63.164.81 64.78 34.200 252.67 639.46 0.600 206.76 0.231.83 197.46 108.85 200 22.58 0.77 0.04 103.24 108.22 93.29 0.45 0.200 275.19 154.91 1.62 12.09 19.08 4.78 1.89 1.78 0.81 1.300 149.73 744.85 974.14 107.19 55.65 0.400 292.41 4.15 1.22 0.24 0.97 1.01 97.64 160.58 137.98 0.54 154.81 400 45.76 0.057.30 5.142.06 9.64 589.Perdite di carico dei tubi diametro 14 x 2.37 30.14 42.82 103.900 249.036.16 0.08 15.38 0.800 240.20 206.56 0.91 0.17 0.30 189.90 114.69 0.200 137.58 0.50 0.24 108.98 0.55 449.15 40.49 366.36 221.17 0.79 0.01 1.85 974.52 2.04 68.19 73.400 275.59 509.18 0.20 72 RISCALDAMENTO TRADIZIONALE .34 200.057.21 86.29 0.100 126.68 0.24 108.83 0.39 0.52 407.62 1.15 0.61 800 91.44 308.231.02 0.08 14.96 0.97 0.000 114.85 974.09 149.09 0.79 856.18 65.90 0.03 2.87 171.76 799.86 300 34.49 0.142.48 0.46 326.36 0.82 3.52 0.62 11.15 47.600 223.20 0.70 690.19 137.54 5.18 0.16 0.700 194.20 0.76 0.01 1.34 94.19 0.26 125.25 77.11 25.73 744.91 1.77 0.59 0.13 0.76 799.49 1.10 42.38 237.96 0.60 0.500 286.04 3.231.16 53.93 0.36 0.04 4.15 0.39 0.41 266.77 818.11 120.56 17.30 160.000 286.39 0.0 a 60°C [Tubo Stabil 14] Salto 7.81 28.90 0.000 229.98 0.300 263.800 249.34 94.83 0.79 0.08 126.85 974.56 0.71 6.58 0.700 232.61 540.67 1.38 0.86 0.73 1.33 190.15 0.86 0.35 900 103.52 60.21 81.19 0.90 0.76 2.78 38.369.81 894.50 0.86 5.58 137.53 421.82 1.37 2.08 0.82 51.31 0.73 477.64 180.73 744.56 700 80.322.32 0.43 0.20 0.51 393.65 605.400 232.27 133.30 189.25 68.49 366.57 0.50 0.69 673.58 0.20 1.77 98.04 103.93 1.11 4.200 223.37 0.66 0.30 160.82 914.400 275.38 0.18 65.11 0.97 1.98 0.59 0.19 5.55 0.73 51.69 0.32 180.39 0.49 366.53 421.400 252.61 540.93 1.12 32.95 0.82 914.06 9.21 600 68.800 206.66 6.94 1.70 690.36 0.58 0.04 0.200 266.22 0.30 160.58 494.30 143.322.88 1.80 0.29 147.80 0.20 183.95 85.231.90 128.35 25.39 243.65 605.25 2.16 53.000 229.800 275.20 79.49 366.24 108.20 79.32 180.17 0.600 240.08 15.91 17.11 3.40 254.69 0.05 163.27 133.81 894.40 254.58 0.08 111.35 22.97 0.69 0.81 57.37 214.28 0.76 1.09 19.45 314.17 0.64 180.62 1.78 4.97 0.57 479.78 0.36 0.

76 0.500 171.39 0.43 244.01 0.38 6.99 22.78 699.57 404.28 0.41 222.90 898.000 343.27 128.48 2.66 512.59 423.49 0.32 0.43 0.56 0.76 0.03 1.72 154.41 300 34.41 222.45 34.75 653.400 378.95 143.11 97.60 0.36 0.42 2.60 206.23 79.89 154.66 0.10 19.03 2.55 0.700 309.19 249.00 149.000 286.96 1.86 55.59 0.11 23.68 543.18 53.27 4.45 267.33 0.66 800 91.80 0.76 0.28 117.34 8.32 2.46 2.05 4.44 194.400 160.36 180.06 111.90 0.17 81.29 125.53 1.57 394.24 3.119.400 389.43 189.15 0.400 366.26 103.87 0.60 232.87 847.11 292.55 3.58 160.62 1.09 15.5 K 10 K 15 K 20 K termico Potenza Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita di carico di carico di carico di carico [W] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] 100 11.58 0.69 0.41 5.75 12.800 206.75 653.09 4.90 0.22 137.37 0.71 146.006.09 0.50 315.16 42.062.68 543.76 0.01 5.38 201.68 0.14 32.19 0.24 86.08 51.77 0.38 0.77 1.33 152.98 0.79 0.39 0.38 201.50 0.18 0.76 74.02 0.58 0.88 2.35 167.47 291.47 0.40 0.60 442.800 275.09 15.76 0.32 0.69 4.48 0.51 332.17 0.72 0.50 38.000 343.71 146.02 1.36 0.2 a 60°C [Tubo Riscaldamento 16.15 39.97 0.36 180.25 93.18 53.87 847.43 189.35 206.77 51.16 0.86 103.72 608.54 0.600 395.73 240.800 321.96 0.46 85.36 0.69 564.30 131.21 72.42 60.57 0.200 298.200 355.81 747.17 46.32 94.15 0.92 73.32 68.46 275.89 0.10 240.66 522.50 0.63 481.42 236.62 0.11 0.65 1.01 0.72 608.07 9.11 20.87 120.72 137.08 12.87 0.94 30.18 0.24 88.23 79.55 85.07 263.54 367.86 17.78 0.100 240.72 0.18 53.35 183.86 103.72 154.48 299.18 0.66 512.14 0.57 1.27 128.12 26.36 0.09 15.21 163.87 120.45 0.75 500 57.54 367.52 341.08 0.81 747.72 608.78 0.98 0.08 166.33 155.54 2.66 17.57 40.95 0.08 1.86 0.69 0.74 0.35 206.42 200 22.79 0.29 0.45 267.000 114.02 1.29 120.19 249.46 275.18 47.48 299.79 0.84 796.32 108.26 116.96 1.38 171.37 0.45 34.76 2.60 0.54 367.600 309. Tubo Stabil 16] Salto 7.86 0.15 252.21 70.86 91.45 267.06 111.05 4.86 3.63 481.52 0.36 0.90 898.61 451.25 0.08 6.95 979.07 9.60 232.32 131.09 15.93 0.99 25.27 114.700 194.97 0.61 451.200 361.11 3.97 0.09 120.78 126.66 522.46 0.42 236.97 257.50 315.600 298.82 223.42 60.73 0.58 0.47 6.99 1.43 244.99 25.04 0.57 404.94 0.200 252.40 214.66 700 80.18 0.63 481.26 101.09 0.21 70.65 0.11 0.47 0.77 51.01 0.72 608.47 291.94 0.19 59.900 332.70 575.45 267.08 11.27 109.59 0.86 821.78 4.000 343.39 208.96 0.36 0.006.51 332.39 0.72 5.90 898.02 1.43 0.58 0.62 28.500 286.17 80.58 5.20 0.54 0.27 109.79 1.77 676.07 266.50 0.64 2.99 0.800 332.Perdite di carico dei tubi diametro 16 x 2.32 143.46 64.11 23.12 26.84 796.15 39.26 3.33 155.52 341.32 77.56 0.77 0.06 7.300 263.69 0.99 0.39 0.20 66.32 4.69 197.14 32.08 42.93 0.20 0.93 952.96 68.62 21.98 0.36 180.000 229.78 699.97 257.05 4.300 149.06 7.31 0.02 600 68.24 0.32 4.03 2.35 0.21 163.22 137.58 0.16 0.63 481.04 1.26 107.90 0.79 217.148.59 0.15 0.800 326.54 0.20 0.34 161.58 0.20 66.97 0.94 0.39 208.31 134.32 94.87 124.15 37.83 0.12 27.35 RISCALDAMENTO TRADIZIONALE 73 .39 1.17 2.69 0.26 98.40 214.27 109.96 68.08 0.98 0.65 0.24 88.04 0.200 137.600 183.76 0.17 171.83 0.38 0.17 0.38 0.22 0.88 63.38 194.23 79.86 17.50 34.03 2.60 442.91 0.20 61.30 0.91 1.25 0.19 0.57 0.13 0.79 0.73 240.62 0.81 747.59 423.57 394.06 7.14 32.400 275.99 900 103.32 143.46 57.36 180.88 0.34 161.98 0.17 0.77 45.58 180.17 0.39 0.17 171.95 5.50 1.87 400 45.600 321.97 229.69 564.900 217.95 0.17 48.16 42.32 77.46 85.32 143.69 197.80 0.06 0.30 131.08 42.75 11.25 93.29 0.18 53.08 0.88 98.84 0.27 109.41 222.35 2.400 309.15 0.80 1.46 0.82 223.200 366.54 367.29 125.22 0.29 0.17 90.58 180.34 8.89 5.39 0.100 126.44 251.77 0.

44 0.33 119.94 732.59 321.26 80.91 0.32 171.18 0.28 87.000 573.03 74.19 197.500 171.21 51.82 579.94 0.900 217.70 442.02 1.85 616.58 103.96 0.700 309.32 0.14 25.07 7.99 361.300 263.08 9.07 85.25 1.800 321.56 0.76 0.86 309.76 91.20 47.78 532.72 900 103.21 4.47 217.39 158.40 161.41 1.07 85.51 250.26 79.45 202.28 240.18 0.22 60.20 48.93 0.13 0.46 5.56 0.41 172.53 267.30 0.83 0.90 680.21 194.63 360.10 15.80 154.87 0.59 0.46 1.91 0.800 498.11 0.55 285.85 68.06 5.71 0.57 303.49 233.15 28.88 257.07 4.45 64.98 0.13 23.80 0.23 64.12 21.45 0.67 366.29 0.13 23.88 0.38 0.61 340.14 26.84 3.74 486.03 400 45.88 229.400 464.81 120.09 0.54 0.12 19.47 217.04 3.40 0.25 51.43 187.95 0.74 0.16 0.19 0.51 300 34.66 400.44 194.34 249.49 233.28 90.39 158.50 111.17 0.25 4.82 183.72 25.39 0.03 1.69 0.38 151.58 0.200 252.73 163.35 0.41 143.18 39.99 42.25 45.17 0.15 0.22 57.43 180.800 435.70 128.12 19.58 0.53 47.94 0.35 131.200 596.82 17.16 0.25 0.01 0.700 194.000 229.68 0.69 232.57 0.18 0.11 98.01 97.67 412.08 263.47 34.98 0.82 579.32 113.09 395.66 0.11 16.79 0.34 122.39 0.16 1.43 180.50 242.14 25.01 13.73 475.100 240.47 34.25 51.84 447.93 429.38 0.29 95.07 7.01 0.97 0.23 64.06 0.99 0.53 267.65 0.70 4.79 0.76 0.17 0.46 149.94 732.10 0.66 5.09 11.200 481.08 9.36 0.07 126.72 22.100 126.27 84.40 161.69 0.59 321.35 131.64 1.600 527.28 87.61 94.36 0.000 114.16 21.76 3.56 107.46 0.02 842.04 2.43 183.08 355.73 0.70 11.15 28.31 252.38 0.17 35.73 0.14 77.96 214.57 0.29 0.14 68.72 25.32 171.98 0.31 104.33 2.400 550.58 240.99 2.400 389.59 321.34 122.18 39.15 30.43 183.45 206. Tubo Stabil 20] Salto 7.94 0.16 33.37 0.55 285.97 0.19 0.76 103.66 154.22 0.88 654.23 309.82 206.31 107.10 2.38 151.99 42.18 124.20 1.58 0.64 38.48 108.47 217.52 0.03 1.84 8.37 141.06 5.70 442.05 4.04 2.43 0.26 79.90 0.76 0.29 95.31 107.59 0.34 249.98 0.200 366.37 144.200 533.01 13.62 2.98 0.36 0.24 1.15 28.51 250.06 5.000 515.300 149.66 154.36 0.73 332.39 0.79 0.35 166.14 137.45 2.22 55.16 33.31 104.54 0.51 3.07 8.19 378.17 36.77 0.19 45.84 0.28 240.46 700 80.76 103.62 0.62 63.22 60.82 17.14 2.06 5.04 2.06 189.87 0.400 275.02 0.72 0.58 116.69 206.53 343.37 0.59 0.86 275.12 0.09 11.58 223.82 206.99 0.14 0.98 786.01 0.21 51.58 0.37 275.50 0.02 0.01 13.80 5.70 128.15 0.55 0.50 0.50 0.66 51.05 6.42 73.39 0.92 0.31 0.09 11.48 4.49 0.96 0.58 0.76 509.90 0.03 1.20 47.67 411.19 43.41 5.56 294.33 0.43 5.03 2.84 85.63 360.01 0.20 0.04 2.11 0.03 1.80 0.22 57.37 141.32 113.25 74.43 187.90 0.41 172.51 0.05 4.53 800 91.14 137.89 0.15 200 22.11 17.53 0.76 0.15 0.500 286.23 0.85 68.46 0.08 0.37 0.51 0.32 0.18 0.58 0.81 326.10 15.50 30.15 0.41 172.95 0.15 55.22 55.43 0.58 3.21 131.96 214.66 1.13 146.45 202.20 0.86 0.25 217.29 95.66 0.35 6.01 3.23 120.22 0.39 0.97 0.50 111.91 693.86 629.82 74 RISCALDAMENTO TRADIZIONALE .61 94.69 232.62 350.66 137.57 303.800 550.93 0.86 0.53 267.70 500 57.06 189.80 0.36 0.Perdite di carico dei tubi diametro 20 x 2.71 292.25 72.73 163.27 84.08 9.25 72.26 2.01 0.33 119.60 0.62 0.5 K 10 K 15 K 20 K termico Potenza Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita di carico di carico di carico di carico [W] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] 100 11.01 2.22 60.58 0.37 275.24 69.12 19.88 257.30 0.04 0.78 0.99 1.69 0.72 0.64 34.29 0.000 343.07 8.79 544.18 42.90 266.28 0.17 0.35 131.45 57.47 0.66 286.25 0.04 0.56 171.83 0.000 458.23 4.26 90.43 160.97 0.45 298.25 74.21 54.04 3.400 160.81 120.47 217.19 45.200 137.900 332.600 183.600 412.600 298.600 481.65 380.56 6.24 0.14 77.16 31.09 0.21 51.73 0.41 172.51 600 68.32 0.29 95.39 0.46 28.84 8.48 0.23 64.30 0.70 114.70 12.12 19.99 321.79 0.400 504.39 1.36 0.16 31.76 0.13 146.13 22.24 40.46 17.18 39.78 0.47 0.20 0.76 0.35 131.51 5.800 206.77 0.60 0.23 64.08 0.37 144.18 39.44 194.69 0.26 79.08 0.00 0.65 0.54 0.8 a 60°C [Tubo Riscaldamento 20.42 343.03 81.58 223.19 197.77 0.

07 RISCALDAMENTO TRADIZIONALE 75 .66 400.01 8.14 0.81 561.82 579.58 8.84 604.91 0.08 929.97 773.75 0.66 11.400 424.53 267.86 9.76 509.00 814.99 12.67 412.000 558.95 0.72 459.53 343.91 0.94 0.Perdite di carico dei tubi diametro 20 x 2.93 8.54 280.23 0.82 14.53 0.55 1.42 386.57 307.33 0.70 442.93 0.68 389.81 7.56 9.92 0.200 470.59 321.35 0.65 380.66 0.000 515.69 7.26 0.83 7.30 0.98 786.50 0.31 9.66 395.73 475.04 352.77 0.600 492.54 0.86 309.63 365.400 538.90 0.95 752.91 0.44 0.12 0.8 a 60°C [Tubo Riscaldamento 20.32 0.13 10.000 458.90 680.800 447.88 654.56 300.88 6.000 515.600 567.56 294.78 532.5 K 10 K 15 K 20 K termico Potenza Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita di carico di carico di carico di carico [W] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] 6.88 654.42 13.84 0.000 630.17 404.800 504.92 706.33 0.81 326.19 0.50 242.59 421.800 584.60 336.03 857.51 254.99 361.200 527.73 0.05 0.73 0.67 411.31 8.54 0.34 0.98 0.19 378.13 0.31 283.21 378.45 335.600 435.14 0.69 1.800 561.600 550.000 601.86 629.58 0.84 9.69 426.72 464.88 8.80 556.70 442. Tubo Stabil 20] Salto 7.21 7.37 0.68 421.73 0.48 229.94 732.71 292.80 0.51 0.09 395.74 486.000 573.38 369.200 412.08 9.74 0.61 318.000 401.89 1.76 472.25 7.93 429.96 759.65 380.400 481.62 350.

08 0.13 16.60 30.54 213.91 0.21 39.98 0.02 2.13 16.78 3.53 199.28 34.900 163.02 0.51 188.49 176.06 185.09 4.12 14.20 0.82 0.27 73.05 2.62 165.06 4.44 4.31 130.56 82.39 121.13 17.28 64.20 36.31 6.91 0.19 33.11 144.76 96.12 15.18 31.25 56.09 8.02 0.82 223.62 6.000 343.98 0.81 700 60.98 1.96 0.04 103.09 0.47 240.98 0.26 59.98 25.16 24.64 0.94 5.78 0.03 1.100 94.06 0.30 75.65 63.200 533.67 45.34 131.24 0.30 0.21 41.23 45.01 10.83 0.76 80.67 0.16 5.66 0.58 0.04 1.79 0.57 116.14 20.32 0.04 0.27 63.27 94.30 75.04 2.17 0.20 36.77 0.900 249.38 0.16 24.03 1.04 1.400 206.07 76 RISCALDAMENTO TRADIZIONALE .18 0.17 27.15 0.76 0.53 166.65 0.99 6.10 11.03 1.98 0.11 0.27 2.32 0.13 17.18 0.11 12.73 0.01 10.34 1.17 27.95 116.200 103.03 0.57 24.69 0.99 0.57 0.11 0.200 189.96 321.21 0.01 0.73 47.22 42.15 22.24 0.86 366.09 9.20 20.16 137.36 0.09 9.01 2.36 10.06 154.71 0.06 800 68.05 3.09 0.19 0.11 13.15 163.12 300 25.700 232.07 5.91 81.88 0.15 0.11 13.38 111.04 1.14 20.06 4.18 0.12 14.08 7.08 7.58 0.67 51.02 0.77 252.60 89.37 0.67 55.23 0.24 52.88 3.60 0.28 67.15 22.79 0.200 361.17 27.06 4.74 60.02 0.56 68.53 229.49 0.45 0.08 6.32 0.14 0.69 0.74 0.18 126.12 0.07 6.25 54.09 0.06 4.57 103.81 111.31 108.52 0.62 137.57 0.39 120.86 0.56 0.51 0.000 515.09 9.21 39.74 343.30 75.14 20.56 309.04 85.52 0.56 3.15 22.40 500 42.86 0.800 412.43 142.45 0.10 249.20 37.31 0.59 79.39 0.16 128.57 85.11 13.56 2.08 6.28 146.06 4.67 92.00 0.95 0.59 11.03 38.08 0.55 1.60 74.39 0.97 0.000 171.67 2.33 86.95 0.92 194.76 0.800 240.23 45.78 0.93 0.35 98.47 183.03 34. Tubo Stabil 25] Salto 10 K 15 K 20 K 25 K termico Potenza Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita di carico di carico di carico di carico [W] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] 100 8.40 124.87 17.76 90.14 355.01 0.20 35.29 8.300 111.39 0.86 275.000 257.98 27.00 171.08 8.01 0.01 0.47 206.04 2.83 98.36 101.57 123.23 48.94 0.72 0.28 48.25 56.29 0.18 3.45 153.76 0.80 0.44 275.79 0.35 0.10 11.35 0.200 447.06 4.36 105.08 6.59 0.47 0.08 6.36 0.74 72.14 18.60 253.07 5.89 99.04 68.29 0.54 0.400 550.54 0.34 92.51 298.03 0.42 58.07 5.39 213.44 91.66 4.27 63.18 29.39 118.53 0.55 0.01 0.48 0.09 8.28 40.21 40.18 151.400 292.84 0.600 309.26 59.16 114.74 180.93 34.90 0.73 1.20 0.38 0.51 1.15 22.28 67.20 51.600 223.52 2.57 1.86 68.47 0.87 5.500 128.20 37.68 332.46 37.51 4.400 464.97 0.88 0.34 92.18 6.59 13.23 49.13 0.13 17.15 0.88 2.74 160.46 0.86 2.39 0.65 75.95 0.23 45.12 137.19 33.09 9.39 0.01 0.20 61.89 0.00 143.41 171.16 0.29 71.18 30.12 15.60 0.73 0.13 16.000 429.31 81.44 110.25 0.24 52.83 0.39 0.92 0.76 0.14 1.65 1.38 0.58 0.11 12.80 286.56 0.16 24.600 395.03 41.04 200 17.44 21.12 0.05 197.86 57.98 17.200 275.08 8.22 42.44 4.74 0.33 0.79 0.61 0.08 7.51 4.04 1.000 85.11 12.30 0.38 111.85 0.94 0.59 0.96 0.100 180.98 0.50 0.03 1.43 0.5 a 60°C [Tubo Riscaldamento 25.97 0.15 0.18 0.04 2.16 25.05 3.58 0.06 0.09 9.73 0.40 0.28 2.02 0.34 158.95 97.59 600 51.62 0.81 189.11 13.29 70.75 232.14 18.48 149.800 498.10 0.600 137.400 120.18 30.18 2.59 12.23 45.69 0.12 15.56 77.19 33.06 4.800 154.03 1.17 26.Perdite di carico dei tubi diametro 25 x 3.44 30.19 33.98 22.14 19.68 0.17 0.86 64.25 124.93 28.86 171.76 0.53 257.01 0.66 3.41 206.01 65.18 5.01 0.85 42.05 3.05 2.300 197.09 9.77 0.47 164.10 107.14 20.07 5.70 0.20 0.24 400 34.11 120.96 51.76 0.11 266.17 0.02 0.500 214.02 1.600 481.59 0.10 11.31 85.95 217.18 30.800 326.37 0.24 50.22 0.94 0.48 0.74 192.32 83.50 0.400 378.03 1.28 0.58 240.05 2.97 0.700 146.98 0.33 0.43 5.02 0.58 0.08 7.53 200.58 0.20 17.05 3.24 51.44 0.16 24.59 0.36 0.87 0.17 28.41 131.01 0.64 44.42 0.56 226.36 0.77 0.43 263.10 11.51 5.27 0.90 0.17 0.16 0.36 0.99 0.48 178.44 103.11 12.55 0.34 900 77.08 0.03 1.80 0.05 3.22 42.84 240.47 220.30 0.75 206.20 0.06 214.36 0.07 5.03 1.67 55.91 0.62 154.06 5.23 49.19 0.26 59.71 0.

33 89.18 421.00 620.600 653.64 0.98 0.000 902.74 7.96 15.89 0.000 825.52 194.43 142.85 0.200 619.05 0.94 554.Perdite di carico dei tubi diametro 25 x 3.88 491.52 0.33 0.80 8.000 601.33 0.94 0.14 0.90 0.73 0.66 0.03 654.80 417.47 8.000 928.44 147.08 9.87 0.86 0.31 78.80 343.65 10.20 8.88 0.60 253.64 395.99 603.74 0.69 0.08 337.96 361.11 550.79 408.90 516.51 14.33 573.75 9.29 601.84 447.800 756.83 1.45 282.74 653.000 773.34 92.45 153.61 260.45 538.89 506.44 309.200 705.91 0.48 0.13 21.39 121.68 311.88 497.40 369.92 233.000 859.000 687.96 401.29 240.84 0.94 554.57 295.87 447.18 0.37 0.06 0.83 443.95 630.27 62.45 153.84 292.75 375.71 342.35 100.84 460.29 72.44 146.38 9.12 0.54 209.58 0.38 111.91 0.000 687.80 0.66 0.29 68.75 375.35 97.17 1.47 164.26 59.95 756.35 0.32 85.22 504.32 0.40 126.06 0.56 481.33 644.47 0.92 535.69 268.90 6.65 429.53 11.46 159.000 945.81 425.55 0.59 244.75 375.86 412.66 0.27 389.49 176.41 131.69 0.74 412.39 0.06 0.86 0.53 558.56 226.000 859.77 12.03 654.33 88.22 23.000 791.99 7.51 335.33 26.66 296.48 0.70 335.92 0.400 808.85 0.99 515.75 0.37 107.28 65.43 316.42 137.09 0.86 479.91 0.98 318.26 0.96 412.09 0.14 472.95 0.67 0.29 0.47 288.46 160.35 96.30 0.53 275.88 0.000 945.32 82.27 18.25 0.29 424.83 443.95 261.000 802.74 492.31 79.30 0.400 722.000 859.44 330.61 263.88 0.84 0.33 687.11 25.000 816.77 283.14 0.85 0.89 0.19 0.86 17.53 0.30 75.51 192.800 584.88 0.50 0.94 554.91 0.50 184.26 56.49 176.94 554.74 722.45 153.72 378.30 254.51 0.90 378.96 481.69 327.13 515.37 106.91 0.30 0.32 83.79 7.36 103.75 375.94 0.000 773.000 894.25 RISCALDAMENTO TRADIZIONALE 77 .07 527.08 561.92 20.68 311.99 619.06 300.92 435.63 272.73 0.79 408.54 0.67 404.84 460.89 323.51 0.45 0.000 859.600 739.44 13.01 634.96 19.23 0.88 0.34 0.17 9.15 0.56 22.27 0. Tubo Stabil 25] Salto 10 K 15 K 20 K 25 K termico Potenza Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita di carico di carico di carico di carico [W] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] 6.07 24.33 0.13 550.83 1.06 515.600 567.56 226.25 53.77 302.71 342.67 326.69 470.03 0.74 386.24 0.44 0.36 101.000 730.76 0.77 391.00 0.13 458.000 917.05 309.12 0.07 0.65 227.62 267.64 282.75 247.11 584.53 200.66 296.61 687.41 131.90 516.20 0.85 0.68 0.13 0.38 116.58 235.200 791.81 431.69 322.400 636.600 825.34 92.5 a 60°C [Tubo Riscaldamento 25.65 0.64 282.93 0.77 0.60 253.86 479.53 200.73 0.54 0.800 670.41 131.43 138.88 0.66 352.45 0.85 7.27 0.98 593.48 168.27 0.65 8.42 0.79 0.800 842.000 745.56 226.73 0.74 16.55 218.20 8.76 7.72 27.51 343.63 1.85 0.84 9.73 358.51 0.38 111.54 0.00 378.

98 0.68 73.07 3.60 0.05 2.39 0.67 263.000 429.88 6.59 292.01 7.78 0.83 0.96 401.400 120.36 0.24 98.05 2.67 89.68 171.32 0.11 10.01 0.76 0.82 1.93 0.00 0.09 6.16 17.79 0.59 0.48 0.62 0.93 114.45 0.08 5.36 85.29 17.77 0.38 266.900 249.15 17.01 0.06 2.15 0.300 197.00 51.66 99.12 137.02 0.79 0.600 223.44 0.11 9.69 0.01 0.68 158.32 80.04 1.99 197.58 0.04 1.03 199.52 0.18 2.38 2.19 24.15 15.59 0.20 0.02 0.600 309.88 0.17 19.09 6.14 4.30 0.86 0.71 0.73 0.58 0.47 0.20 0.98 0.06 0.02 0.41 229.00 85.00 45.14 15.49 63.37 80.59 3.56 389.12 11.75 300.000 85.46 51.07 4.19 23.11 9.00 0.35 0.58 0.72 91.02 0.95 64.08 5.01 332.21 29.26 41.14 233.02 0.98 0.69 0.04 1.90 160.03 0.000 257.07 4.18 0.39 0.06 77.82 0.50 0.000 343.87 0.40 275.42 0.06 68.39 44.27 45.12 10.01 7.76 0.06 3.94 4.06 0.05 2.01 0.05 2.36 5.18 600 51.36 0.08 5.98 0.18 11.000 171.20 0.58 4.32 0.02 0.09 0.12 11.10 8.04 0.76 0.90 192.59 0.400 464.18 22.02 163.13 12.21 34.08 6.77 0.07 3.95 0.19 171.72 178.73 0.24 700 60.07 4.22 58.02 0.04 1.47 81.21 0.95 0.95 57.61 220.32 0.33 0.01 0.05 2.41 189.54 0.800 412.40 88.600 481.08 0.18 21.09 8.75 0.93 137.16 19.11 9.05 2.79 0.23 33.200 275.28 49.13 12.800 584.11 8.03 0.14 0.03 1.25 39.01 0.14 13.31 68.05 2.22 72.26 116.01 0.56 0.07 4.91 0.18 0.74 151.20 27.700 146.19 25.96 0.97 0.31 0.59 0.92 343.11 5.45 240.07 4.18 22.11 0.36 76.20 26.46 61.09 0.36 20.56 0.72 4.43 21.80 0.21 41.36 2.49 309.05 2.06 3.74 0.15 15.62 60.41 257.24 36.97 0.93 355.03 1.08 5.94 0.08 6.69 0.35 1.66 1.66 0.05 2.03 0.60 0.17 20.99 0.97 0.52 0.08 130.88 0.54 0.300 111.14 15.08 5.45 42.14 13.36 0.06 3.01 7.11 9.14 14.26 43.72 0.32 96.43 171.02 0.700 232.07 4.77 94.59 27.57 0.20 0.38 0.35 0.200 103.75 2.90 0.24 37.12 500 42.61 206.70 1.05 2.00 2.80 120.16 0.11 9.22 0.01 200 17.76 0.26 42.38 84.32 800 68.04 366.79 154.30 6.86 0.79 0.15 16.26 0.400 206.78 206.89 0.26 123.03 1.86 227.12 10.15 6.59 25.48 249.58 0.97 0.19 206.17 20.12 0.500 214.64 0.10 7.53 0.21 30.93 5.94 0.47 0.03 4.01 0.12 10.94 0.17 0.18 12.73 30.29 0.82 120.800 154.55 3.18 0.47 116.54 217.39 0.67 6.17 0.900 163.02 0.04 1.61 0.19 25.36 0.17 0.03 1.06 82.06 3.76 0.16 17.33 64.600 137.84 0.68 0.35 0.98 0.28 214.08 4.04 37.03 1.94 1.20 26.03 0.10 8.98 34.21 38.16 0.29 52.88 34.51 0.08 108.08 5.16 17.800 498.61 183.06 3.06 2.47 252.14 13.23 35.33 0.98 0.74 126.88 28.11 9.21 1.26 103.78 51.83 2.600 567.83 0.02 0.38 0.22 107.80 0.05 2.400 292.01 7.30 0.95 0.89 0.19 0.43 0.400 550.17 20.14 14.03 1.49 1.07 1.10 0.07 400 34.37 0.67 0.05 5.79 185.95 0.92 0.96 0.14 13.12 11.03 0.15 16.13 12. Tubo Stabil 32] Salto 10 K 15 K 20 K 25 K termico Potenza Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita di carico di carico di carico di carico [W] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] 100 8.15 16.16 17.01 0.16 2.11 9.83 3.Perdite di carico dei tubi diametro 32 x 4.09 6.76 0.200 533.08 4.16 19.36 146.25 378.01 0.100 94.47 6.06 2.04 1.72 103.32 60.4 a 60°C [Tubo Riscaldamento 32.15 16.03 0.06 3.18 13.02 0.68 143.67 137.59 1.72 47.24 0.800 240.000 601.88 298.22 31.96 275.32 90.200 189.77 0.04 300 25.08 5.37 286.01 7.08 0.72 149.70 65.91 0.01 0.06 3.36 124.12 0.68 131.34 67.49 75.31 56.14 14.24 0.00 55.47 283.85 0.04 1.39 0.00 103.27 0.77 79.03 166.49 0.95 68.90 180.67 165.73 0.57 0.09 0.58 0.90 78 RISCALDAMENTO TRADIZIONALE .18 0.73 111.03 0.60 2.40 0.47 97.15 0.36 0.78 232.10 8.90 0.11 9.74 0.12 11.04 1.59 22.400 378.02 0.39 0.02 0.03 0.55 2.25 5.06 3.64 5.20 27.200 361.45 0.00 0.76 0.99 92.09 7.18 22.70 0.10 8.07 4.32 4.09 6.04 1.36 17.11 0.46 0.55 0.36 0.200 447.33 0.19 0.93 128.95 2.55 0.58 0.29 0.30 0.99 0.58 40.35 71.13 12.67 154.48 0.65 0.37 0.50 0.80 0.82 144.06 3.00 0.67 74.05 6.05 2.23 33.39 0.39 213.09 6.14 194.08 0.09 6.800 326.91 0.06 2.15 0.50 0.13 12.47 24.01 0.500 128.26 17.20 321.28 0.100 180.000 515.69 0.38 0.58 48.05 2.30 55.78 30.05 2.04 1.71 0.39 240.50 1.15 0.01 0.25 39.89 85.88 0.600 395.25 0.17 0.13 0.23 0.02 3.78 0.40 900 77.72 110.01 0.06 3.61 240.01 223.07 4.07 4.

57 0.375.27 0.21 29.54 1.68 228.272.88 335.37 515.800 756.53 147.84 329.246.12 0.41 96.800 670.031.00 0.46 687.30 323.14 816.02 464.332.40 0.86 0.43 102.48 29.68 228.000 1.43 102.547.38 859.73 0.92 16.46 773.18 0.375.73 0.34 67.77 0.94 405.53 326.000 1.46 117.84 0.83 324.88 14.72 7.27 558.29 52.82 0.79 299.34 67.27 45.51 527.71 9.490.48 124.79 299.61 859.75 274.67 7.88 1.68 429.49 129.72 435.88 361.15 1.135.91 0.05 573.54 154.000 1.62 196.34 67.91 0.27 44.78 0.28 1.73 0.81 0.547.800 842.72 251.55 160.20 361.14 447.45 19.95 411.000 1.18 0.37 515.31 58.41 35.46 825.478.74 0.84 0.547.77 0.203.24 36.11 9.16 18.53 492.29 404.06 0.71 352.24 37.50 472.56 18.50 132.67 0.92 0.78 0.35 73.81 0.73 0.86 722.21 0.29 561.37 78.73 0.49 127.85 0.98 434.45 0.600 653.78 33.37 458.20 15.146.91 687.39 288.21 963.000 773.73 369.04 412.15 0.61 550.031.41 11.72 1.30 0.77 38.54 0.51 0.47 302.66 0.88 0.24 0.61 1.80 1.82 745.45 0.000 1.59 945.30 0.19 23.200 619.66 8.59 40.160.17 20.203.200 705.600 825.14 0.45 112.78 247.66 0.37 78.200 791.02 464.96 0.61 25.25 39.000 1.50 447.547.35 70.97 1.77 284.63 202.51 138.000 1.97 917.22 31.30 0.34 0.42 98.72 1.04 424.32 60.03 0.61 8.64 0.33 470.289.96 420.66 43.63 8.05 644.000 1.73 262.000 1.57 166.91 0.93 394.461.88 0.375.400 636.85 337.72 20.05 26.42 0.261.20 0.031.169.54 0.88 0.86 345.45 412.83 0.52 0.28 47.21 902.49 RISCALDAMENTO TRADIZIONALE 79 .410.000 1.000 859.09 0.98 9.17 19.27 0.76 928.61 8.21 28.600 739.14 0.000 1.67 316.75 269.72 730.25 41.46 0.65 212.33 378.41 93.89 0.Perdite di carico dei tubi diametro 32 x 4.05 687.19 25.81 314.066.91 0.000 1.14 0.000 1.06 0.000 1.87 350.21 30.47 122.92 412.71 245.60 185.13 0.95 584.79 299.07 0.21 36.000 1.23 0.39 22.504.54 151.66 0.39 0.88 282.99 446.09 0.96 13.418. Tubo Stabil 32] Salto 10 K 15 K 20 K 25 K termico Potenza Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita di carico di carico di carico di carico [W] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] 7.42 0.42 100.000 945.68 228.22 31.05 0.96 420.54 154.23 33.85 337.33 0.031.85 0.49 0.289.96 481.19 756.33 37.44 0.27 0.76 280.000 687.90 0.48 0.80 0.17 0.17 601.88 0.63 0.78 9.97 1.000 1.75 0.461.86 0.75 0.91 0.02 464.23 33.36 76.99 442.52 143.64 206.90 377.97 41.01 538.33 65.90 377.203.000 1.96 1.26 42.000 1.27 45.32 60.92 295.000 1.47 122.36 76.84 421.41 93.37 343.55 0.318.57 166.59 177.49 1.09 515.444.000 1.30 30.61 189.68 228.68 0.19 630.96 268.07 791.54 261.60 0.341.02 464.77 0.74 0.96 32.19 0.75 0.000 1.62 8.000 1.27 45.96 330.21 802.72 1.20 26.85 27.000 1.30 378.69 0.18 22.82 318.85 0.20 27.85 0.81 0.90 377.000 1.74 0.33 0.000 1.06 0.98 0.58 0.79 299.51 138.45 112.36 0.75 0.31 57.117.03 0.22 318.80 7.000 1.93 0.203.32 62.81 0.99 28.47 0.06 309.96 309.100.87 0.88 0.25 39.38 84.12 0.65 337.90 377.000 1.76 0.72 1.000 1.83 0.70 241.80 653.79 0.000 1.37 550.51 0.400 808.49 1.51 24.52 143.78 0.39 481.27 343.57 166.66 42.4 a 60°C [Tubo Riscaldamento 32.57 166.089.93 0.97 428.78 0.97 44.513.81 0.20 27.53 149.77 504.33 0.78 0.16 997.25 0.85 0.15 0.22 32.59 395.65 0.09 619.47 12.000 1.45 112.074.37 21.11 0.62 196.23 34.45 112.93 398.54 0.000 1.88 357.32 0.000 1.72 255.51 0.41 275.29 50.25 10.82 894.74 0.19 24.28 974.18 21.49 1.93 34.46 31.73 262.117.38 81.79 0.37 0.400 722.000 1.21 29.77 23.59 180.53 0.28 49.04 17.80 0.50 132.28 48.40 88.15 254.375.000 1.08 0.94 0.66 215.29 0.30 55.238.72 859.52 39.92 386.39 0.48 0.43 0.29 52.87 9.44 107.58 45.54 0.84 988.94 0.306.433.

07 2.02 0.24 0.13 8.28 1.81 0.87 687.60 0.01 0.89 0.04 0.10 4.36 47.60 0.12 802.91 0.09 4.71 1.47 120.90 515.50 87.64 1.26 27.75 0.47 544.000 2.17 12.000 1.65 0.61 123.21 279.87 225.00 0.83 0.85 825.87 0.76 3.85 687.77 0.02 0.59 114.34 42.500 644.92 14.60 257.39 0.20 6.13 7.000 171.03 0.837.39 56.13 8.22 21.62 0.49 0.98 0.90 619.20 0.00 3.25 189.719.000 429.74 16.000 1.45 70.75 0.000 1.031.68 481.16 28.45 0.03 0.29 745.87 0.94 0.79 206.12 902.77 730.00 408.08 3.36 7.50 87.11 6.318.33 0.60 0.000 2.13 8.92 722.074.79 8.35 45.12 7.461.14 26.30 34.49 0.29 154.14 0.834.665.35 47.37 2.000 1.55 0.97 0.500 214.000 1.46 0.44 0.39 56.95 0.11 0.42 63.06 2.20 0.56 1.96 0.95 7.28 31.32 40.43 487.04 1.78 0.01 0.95 22.000 257.06 1.07 2.12 1.98 0.579.03 13.31 36.27 0.500 128.418.55 214.10 5.01 300 25.78 0.332.089.06 1.14 1.84 212.74 343.27 275.01 0.10 816.16 11.80 630.47 0.11 22.12 7.000 515.31 37.21 18.63 0.85 0.58 0.67 997.34 42.30 35.05 17.07 2.99 0.25 0.47 76.45 70.000 85.98 1.78 1.32 38.32 429.95 0.24 23.89 1.000 2.05 1.43 584.76 1.92 24.85 0.00 200 17.73 165.08 515.13 1.00 0.493.22 21.92 0.54 0.08 550.891.91 0.13 103.203.01 0.65 447.15 10.82 85.29 0.85 773.08 21.08 3.35 46.96 0.09 0.16 11.97 0.96 200.95 0.14 644.91 0.10 4.06 1.203.289.22 21.90 23.6 a 60°C [Tubo Stabil 40] Salto 10 K 15 K 20 K 25 K termico Potenza Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita di carico di carico di carico di carico [W] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] 100 8.66 0.321.73 10.06 2.86 128.85 31.45 70.500 386.08 21.53 19.27 28.52 0.80 0.29 894.69 0.88 0.55 1.30 0.34 42.58 110.32 1.03 0.26 286.69 0.95 0.95 0.53 95.04 0.51 0.24 23.36 49.36 223.18 0.000 2.01 400 34.01 0.00 0.79 193.00 0.605.85 0.375.47 78.79 0.98 29.07 17.43 0.03 0.92 0.99 0.91 0.05 1.12 1.66 0.89 1.11 6.77 0.031.547.97 292.98 0.18 14.88 0.18 14.77 791.86 5.25 25.97 33.60 0.08 3.57 0.08 171.547.74 412.719.11 6.160.80 988.55 68.000 1.15 10.235.78 188.00 0.02 0.28 31.76 0.261.18 14.01 0.45 0.23 2.50 0.38 32.031.16 34.Perdite di carico dei tubi diametro 42 x 4.92 0.29 33.05 17.56 104.88 0.00 0.94 0.40 59.46 0.18 14.38 52.57 0.74 386.69 0.03 0.71 0.66 0.84 1.54 0.01 6.11 1.56 104.000 1.62 13.09 4.14 573.86 0.22 21.03 11.89 0.32 39.33 51.20 0.03 0.27 42.43 65.25 25.031.46 326.662.67 0.53 365.05 1.13 7.000 1.500 472.96 240.289.85 0.46 74.49 0.85 0.23 0.82 429.246.92 85.000 1.15 10.27 11.73 0.805.39 0.00 4.891.64 0.000 2.75 143.30 0.08 3.000 343.06 1.80 0.44 150.79 171.375.32 0.44 1.89 238.00 0.80 0.375.48 0.63 28.11 6.03 1.26 17.38 0.54 98.76 1.42 0.28 31.135.36 49.70 309.20 0.55 0.01 0.80 1.44 0.08 3.000 859.80 1.37 51.58 0.63 0.09 1.32 0.63 80 RISCALDAMENTO TRADIZIONALE .000 2.21 0.67 144.490.85 0.61 123.36 0.47 0.000 2.93 0.74 0.20 16.52 0.17 12.04 1.203.81 0.88 945.37 50.14 9.26 4.81 0.75 171.433.55 57.19 15.12 0.02 859.000 2.08 3.97 0.59 0.81 0.26 322.63 0.20 16.94 0.73 0.55 3.68 401.20 0.23 22.32 859.17 12.146.17 12.02 0.24 558.56 6.42 63.86 18.14 687.98 0.10 472.500 558.063.066.61 0.78 0.77 1.13 85.90 0.81 0.48 0.19 15.14 9.15 0.52 92.27 257.24 8.04 1.500 730.500 300.55 5.07 2.000 773.27 20.39 56.78 0.72 0.00 4.72 0.50 0.41 60.82 0.14 9.70 154.01 0.000 1.35 107.37 0.91 0.94 1.20 17.90 0.38 236.751.90 0.000 945.000 687.35 0.00 0.29 33.91 0.36 27.43 0.28 0.94 315.12 6.149.01 0.00 25.29 15.00 0.10 5.60 0.88 0.58 0.27 28.100.81 1.43 67.81 200.93 0.20 18.77 1.24 24.82 974.21 300.94 0.40 12.15 9.02 500 42.21 18.88 0.75 177.98 0.64 133.31 0.60 601.46 0.06 1.60 117.27 229.95 0.407.777.31 36.09 4.06 0.76 0.75 0.000 1.12 963.26 343.26 0.17 0.76 1.28 31.94 378.04 1.08 458.48 81.76 1.34 42.55 64.86 137.01 0.97 0.74 0.93 0.74 0.000 1.38 30.03 0.98 0.01 5.000 2.79 0.10 5.08 0.26 26.65 372.82 515.117.83 0.37 343.977.88 0.77 0.80 756.88 0.03 12.00 0.01 0.86 114.25 24.89 917.27 29.21 9.76 0.09 4.72 1.000 2.47 653.000 601.07 3.71 9.56 0.17 0.633.21 19.02 10.11 5.66 0.02 8.01 0.70 257.43 0.01 0.52 859.00 0.117.40 0.07 2.12 1.84 0.66 928.86 0.500 816.34 0.92 251.

57 0.272.579.98 278.19 1.009.6 a 60°C [Tubo Stabil 40] Salto 10 K 15 K 20 K 25 K termico Potenza Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita di carico di carico di carico di carico [W] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] 34.73 165.60 0.76 1.10 2.98 278.224.50 0.751.49 82.000 2.407.547.85 38.948.01 293.78 0.93 1.93 2.93 0.70 0.000 2.12 50.80 1.63 128.923.67 144.24 0.49 83.805.44 67.60 0.42 64.95 37.40 1.000 2.76 180.82 40.50 87.000 3.54 0.02 2.178.47 77.31 0.84 212.67 144.203.50 0.48 80.000 3.000 2.95 265.46 0.000 2.40 58.65 0.76 1.70 154.000 3.Perdite di carico dei tubi diametro 42 x 4.61 0.341.848.80 196.31 1.73 165.43 1.77 1.364.74 0.54 100.84 212.98 0.000 2.444.82 1.76 55.76 45.000 2.57 109.80 70.63 0.77 1.09 1.27 0.762.56 104.235.02 RISCALDAMENTO TRADIZIONALE 81 .46 0.41 1.504.794.95 0.292.74 173.44 1.41 61.18 0.306.71 158.000 2.77 1.21 0.93 256.69 0.676.120.000 3.47 78.77 60.44 85.91 245.69 1.21 1.461.00 2.000 2.923.34 35.36 0.05 314.719.75 0.000 3.063.50 87.12 1.92 0.000 2.375.009.63 0.89 238.84 212.866.522.98 2.78 188.72 0.579.54 0.57 0.89 0.513.47 0.82 204.464.93 2.80 1.149.68 0.38 1.63 130.095.47 0.45 44.02 302.59 114.89 41.54 0.77 182.67 0.57 0.69 151.000 2.934.410.95 265.39 56.90 1.095.44 1.13 1.61 123.13 1.54 0.350.53 95.547.57 0.42 1.56 104.891.000 3.152.235.66 0.238.96 1.478.719.000 2.006.72 0.65 137.98 80.89 1.45 70.15 0.13 65.80 39.000 2.46 74.590.579.633.61 123.73 1.22 1.60 118.13 90.02 42.33 0.063.66 0.71 0.407.000 2.71 0.38 53.01 293.59 2.39 0.169.76 75.96 0.76 1.21 43.000 2.891.98 1.15 0.69 0.72 2.73 0.78 188.52 91.67 0.12 36.

04 0.38 41.75 558.11 4.17 189.78 894.17 9.000 85.14 2.74 0.92 0.65 a 60°C [Tubo Stabil 50] Salto 10 K 15 K 20 K 25 K termico Potenza Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita di carico di carico di carico di carico [W] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] 100 8.26 11.95 20.07 1.25 0.289.36 4.17 0.97 0.633.34 0.44 52.000 2.00 300 25.64 214.86 0.83 0.00 928.10 42.79 0.31 33.000 429.36 0.23 0.837.777.76 0.92 0.54 0.37 193.891.31 0.16 365.02 257.99 0.03 0.977.74 988.000 2.10 3.000 601.85 0.57 0.16 9.77 0.01 0.01 1.03 21.02 17.93 0.20 0.97 0.04 0.135.375.30 0.45 4.24 18.00 3.99 0.000 859.246.22 15.32 0.000 1.25 20.75 0.20 12.28 23.75 0.24 687.60 386.46 0.06 28.77 0.39 0.35 35.18 11.25 902.38 1.20 13.11 4.55 1.07 2.03 0.72 0.38 0.58 0.75 0.000 1.81 0.09 3.60 859.37 0.07 10.06 1.21 14.85 0.24 722.45 0.500 214.82 1.57 0.99 1.26 0.80 0.98 0.43 0.16 8.90 1.41 85.20 13.29 25.01 0.547.88 0.81 0.00 0.04 0.05 1.85 1.81 0.05 1.20 0.27 3.000 2.98 0.87 0.34 343.160.43 0.58 1.203.20 13.08 2.47 1.38 40.031.48 0.80 0.891.11 4.23 16.42 1.02 0.461.17 10.58 1.74 343.15 7.01 0.02 0.35 791.01 0.32 0.074.22 15.67 5.79 240.719.22 15.235.01 0.59 0.90 0.39 0.66 0.69 0.19 12.95 315.79 1.15 8.95 0.03 0.00 0.203.47 0.11 4.00 0.46 0.12 0.31 28.24 0.00 0.70 29.20 0.06 34.49 0.98 0.Perdite di carico dei tubi diametro 52 x 5.15 0.67 137.20 3.46 25.78 309.63 0.00 0.97 0.72 18.00 6.95 0.89 0.51 0.000 1.37 32.35 0.95 0.73 0.82 0.04 1.490.02 17.719.000 343.42 0.30 27.05 0.51 68.79 200.500 816.67 12.13 6.09 3.91 0.66 0.26 21.63 0.000 687.01 0.01 10.19 12.00 0.70 9.17 10.146.98 0.60 550.47 59.17 9.60 515.18 11.01 13.805.03 27.31 1.500 730.95 0.12 51.60 279.01 0.95 0.08 2.88 0.21 14.000 2.00 0.05 326.45 55.37 206.78 0.000 1.000 2.03 0.29 447.02 0.43 1.46 687.01 12.37 171.05 1.06 7.44 0.17 0.99 816.62 0.91 0.62 1.33 31.000 1.08 2.27 1.500 128.81 0.91 0.33 0.36 37.60 0.88 0.78 745.99 730.19 12.03 0.24 644.10 3.09 0.605.98 23.15 7.21 7.91 0.27 22.13 6.35 34.04 0.99 143.52 0.00 0.418.100.332.066.84 0.14 6.04 0.85 0.000 2.88 0.64 0.20 64.07 2.58 687.00 0.41 1.93 0.01 500 42.40 44.88 0.02 17.02 0.10 4.53 472.96 0.00 0.834.321.12 5.94 0.08 2.000 1.34 619.60 0.27 22.27 544.500 558.91 0.60 0.59 859.06 1.20 57.02 481.60 412.12 5.00 0.93 0.18 0.318.40 0.46 0.79 515.24 573.500 472.16 8.44 0.78 0.49 107.60 16.031.07 2.07 15.71 24.86 0.579.34 515.79 429.14 0.46 773.27 82 RISCALDAMENTO TRADIZIONALE .13 6.51 292.000 2.02 0.27 21.11 171.02 0.000 945.16 9.58 917.89 0.69 0.08 2.14 6.55 0.15 8.67 0.60 90.90 0.30 26.03 0.12 5.751.00 1.39 42.52 0.60 0.000 515.18 11.94 236.84 1.49 63.85 0.25 20.27 0.01 0.78 0.94 0.58 0.01 0.063.56 5.375.23 17.07 1.000 1.69 0.87 0.00 0.58 14.96 945.24 17.15 7.33 31.15 17.78 257.44 974.00 0.07 2.06 1.04 22.04 0.02 0.83 154.27 653.77 0.08 2.63 0.25 963.149.01 8.11 13.07 2.01 11.85 0.12 5.17 10.28 630.117.34 286.57 30.96 601.85 0.67 128.56 0.08 0.06 1.00 0.09 3.21 13.05 1.45 487.40 44.96 0.20 0.21 0.000 773.28 22.500 300.14 6.00 0.05 1.48 0.92 0.79 1.80 0.08 2.000 2.60 343.34 33.36 37.66 0.49 0.04 0.665.99 171.09 3.29 25.18 11.53 72.031.20 0.71 0.06 1.32 19.60 458.03 0.30 0.19 1.98 0.117.60 0.28 0.000 1.26 257.12 5.57 223.28 756.65 1.50 1.74 0.03 1.95 378.02 401.46 31.23 16.45 584.000 2.90 0.32 29.01 0.24 26.55 0.00 0.24 17.50 0.53 8.96 300.00 4.000 1.29 372.25 20.22 15.00 0.05 0.76 0.92 6.58 86.15 8.000 1.05 1.61 0.37 8.95 0.47 0.29 25.94 0.203.05 408.06 0.06 1.94 0.43 1.84 1.031.10 3.98 0.500 386.73 0.53 997.00 5.83 0.05 1.09 3.20 68.66 0.04 0.375.42 48.78 0.289.03 0.11 0.15 7.46 825.25 19.30 85.01 0.12 5.79 1.60 21.53 120.493.53 429.84 859.41 103.88 150.79 0.49 0.03 1.28 24.00 400 34.34 322.86 28.58 0.09 3.91 0.88 0.88 0.16 1.000 2.500 644.13 6.000 171.547.10 4.81 0.50 0.79 6.000 1.76 0.25 802.74 0.00 200 17.000 1.65 1.88 9.07 2.45 0.407.26 229.000 257.433.67 114.089.24 18.33 85.261.29 0.97 0.10 1.72 0.04 0.662.23 16.56 81.54 0.26 275.55 76.05 1.65 0.43 0.

29 0.582.267.063.694.82 156.000 4.13 2.73 0.61 0.439.45 55.34 33.46 0.410.000 3.267.47 59.82 1.000 3.38 0.15 1.34 32.203.000 3.80 150.948.00 0.238.299.57 0.57 82.50 0.64 0.66 0.47 59.44 52.97 210.35 36.65 0.07 RISCALDAMENTO TRADIZIONALE 83 .27 0.44 52.19 49.525.86 0.46 1.15 0.31 38.86 3.64 100.643.000 4.83 0.000 2.63 0.71 42.471.38 41.85 1.69 116.127.547.35 120.000 3.32 0.46 57.000 3.91 125.00 65.42 48.38 0.98 0.57 0.000 4.91 187.62 95.28 24.66 0.461.020.65 105.407.92 0.00 221.36 37.719.75 132.82 156.65 60.92 1.71 0.000 3.547.000 3.67 110.478.29 0.56 79.579.85 1.99 1.33 0.12 0.76 138.50 65.59 88.272.611.30 0.50 1.39 0.31 29.513.18 0.73 3.77 141.955.26 0.72 2.000 4.78 0.97 1.36 37.66 47.44 0.60 0.42 49.611.95 3.32 29.92 2.16 1.74 0.794.05 1.79 146.48 50.88 1.67 0.24 0.30 26.64 100.87 174.848.19 2.50 0.21 2.66 90.55 76.43 50.43 1.03 2.084.25 36.45 54.45 1.55 1.26 21.353.20 2.33 2.28 23.54 0.23 3.872.000 3.235.729.29 25.86 3.79 1.127.063.149.58 2.57 0.815.50 65.12 1.40 2.89 181.000 3.29 1.95 204.60 0.66 1.64 0.24 2.579.654.58 86.54 0.58 86.000 4.91 187.808.49 3.54 0.522.52 70.55 76.000 3.120.30 0.729.69 0.46 1.000 4.93 0.00 1.38 39.46 0.18 0.31 27.50 0.26 0.68 0.84 162.35 2.37 39.90 0.55 76.955.67 0.40 44.62 0.009.41 0.75 0.375.70 0.439.181.17 2.000 3.26 0.43 46.000 4.47 0.89 1.000 4.23 0.000 4.33 31.000 4.41 47.46 110.86 171.60 3.000 3.616.13 2.39 42.006.65 a 60°C [Tubo Stabil 50] Salto 10 K 15 K 20 K 25 K termico Potenza Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita di carico di carico di carico di carico [W] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] 34.72 0.77 0.62 95.86 43.636.92 48.866.85 166.57 0.86 3.Perdite di carico dei tubi diametro 52 x 5.095.35 0.41 46.21 100.292.16 1.20 115.47 40.685.444.35 35.40 44.000 3.25 20.65 105.805.299.95 0.20 135.33 31.89 0.42 0.67 109.891.000 3.22 45.719.55 1.28 2.063.000 4.44 1.235.73 127.32 0.762.44 52.86 130.869.84 1.213.341.03 233.27 37.697.000 4.80 150.000 4.350.33 0.85 168.31 0.38 0.934.36 36.71 0.96 0.439.94 140.58 41.464.439.73 127.74 2.923.64 2.23 0.590.751.91 2.407.59 89.224.32 3.27 22.72 95.95 201.36 0.977.69 0.751.84 0.84 162.000 4.78 144.23 0.72 0.23 2.91 187.47 0.30 0.79 55.041.91 1.00 1.299.13 1.61 92.51 68.35 2.10 75.000 4.504.35 0.53 73.37 0.02 229.33 32.000 3.63 0.31 28.39 2.095.54 0.364.012.20 0.299.65 1.15 0.633.106.03 44.87 174.306.95 3.71 121.68 113.86 2.009.19 0.783.53 1.91 187.46 2.82 70.63 0.27 0.40 0.51 68.64 2.891.62 2.21 0.61 0.726.152.783.84 80.03 85.44 0.45 53.76 138.48 62.41 0.169.51 0.000 4.869.34 0.16 0.25 19.84 2.96 1.650.69 116.35 34.24 0.98 214.10 1.25 35.000 4.27 1.923.43 0.000 3.13 2.16 1.32 30.13 105.676.579.91 2.73 127.55 2.000 4.15 1.00 221.73 127.585.23 0.38 0.514.178.

67 550.04 300.341.57 0.63 0.04 0.410.03 0.47 0.000 1.00 0.06 2.50 0.07 1.24 13.98 0.20 10.97 917.57 0.39 171.77 408.81 0.66 0.500 300.21 11.76 0.06 1.292.00 0.06 1.44 0.01 17.06 1.00 11.97 0.000 2.00 0.48 171.17 7.07 1.58 0.90 0.25 14.46 0.76 0.74 32.87 0.41 189.32 988.63 2.03 0.97 1.43 1.20 9.444.85 0.000 429.85 372.77 0.65 756.49 1.54 0.81 0.62 0.000 3.78 0.10 2.09 2.85 0.44 0.94 1.0 a 60°C [Tubo Stabil 63] Salto 10 K 15 K 20 K 25 K termico Potenza Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita di carico di carico di carico di carico [W] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] 100 8.000 1.23 12.73 0.203.46 0.04 0.36 28.75 0.28 6.26 15.94 26.58 0.762.14 103.12 4.461.06 1.000 687.44 40.00 13.01 21.49 0.88 0.56 0.81 0.70 0.46 0.27 0.42 0.74 0.00 3.24 137.19 8.29 0.000 2.45 0.54 0.07 1.238.38 0.08 2.19 9.10 802.57 0.31 343.28 619.05 0.10 36.03 0.01 0.10 85.19 9.07 558.923.71 0.15 6.504.662.88 0.12 0.94 0.82 859.48 206.03 0.46 1.03 0.000 601.91 279.235.05 0.02 0.000 1.48 46.13 5.80 0.80 29.579.82 0.73 0.719.07 1.01 18.01 17.05 0.17 7.78 0.02 0.43 0.94 0.61 16.500 472.02 0.37 0.10 3.24 114.60 0.88 0.04 0.66 0.49 0.00 300 25.03 0.60 0.04 0.31 0.25 14.00 0.418.03 1.000 3.15 23.00 0.37 30.19 8.09 2.70 945.611.55 223.00 4.92 0.60 0.58 40.11 0.53 2.00 200 17.01 0.86 0.60 0.02 0.31 150.75 0.76 0.07 64.375.97 41.58 0.07 3.01 0.23 1.94 0.02 1.01 0.04 0.49 601.461.08 2.20 0.00 0.20 5.65 1.60 9.23 745.31 0.805.00 8.75 0.633.26 0.97 1.01 0.30 20.00 0.97 1.000 2.61 0.00 0.03 42.39 0.75 0.55 0.95 0.40 34.08 1.04 0.590.33 23.13 4.27 16.48 0.95 0.17 322.117.63 200.14 5.75 35.07 1.96 0.39 31.66 0.676.55 0.02 0.94 12.97 0.30 20.98 0.04 0.01 22.80 17.01 0.11 1.000 773.61 386.04 51.01 0.14 5.15 5.46 365.25 0.38 315.65 0.500 558.73 0.07 33.22 19.06 1.891.66 9.Perdite di carico dei tubi diametro 63 x 6.15 5.500 644.03 2.63 0.490.77 0.20 39.58 1.43 0.27 17.88 0.29 19.49 48.95 0.64 0.35 143.83 0.47 0.000 1.83 1.000 3.99 0.10 2.59 0.06 1.05 1.18 8.50 0.00 500 42.68 0.52 859.81 0.88 2.95 0.56 2.48 1.00 0.000 945.32 6.00 0.30 20.407.89 0.01 0.04 0.01 0.03 791.97 0.15 5.837.01 0.000 3.09 2.54 8.85 0.547.38 378.65 630.02 0.02 34.719.65 1.21 11.40 24.11 30.16 6.02 1.29 19.375.23 13.97 257.000 1.000 2.000 2.19 9.407.332.13 4.25 1.18 8.08 1.96 0.45 0.87 1.12 4.79 229.074.100.33 23.04 0.94 573.02 1.267.17 7.78 0.37 7.91 0.06 1.03 0.97 309.90 0.38 1.11 3.79 0.60 544.97 1.98 0.10 2.44 20.05 2.00 0.000 3.71 257.92 0.04 0.94 687.40 1.23 894.94 644.439.117.69 0.01 1.49 1.000 1.28 2.79 257.120.24 128.10 3.49 1.47 44.43 1.15 6.61 343.42 37.000 2.34 0.289.00 0.031.72 0.93 0.66 928.13 4.60 653.23 12.33 0.000 257.10 963.04 0.77 0.00 400 34.26 15.89 1.43 0.93 0.08 2.181.04 0.14 0.16 6.71 0.34 25.00 1.178.16 7.79 0.23 0.03 0.90 0.306.40 0.46 37.17 107.000 2.12 4.96 487.95 0.633.19 8.18 8.85 0.000 1.05 0.07 1.67 515.90 22.00 6.350.99 0.30 0.21 11.00 0.25 1.38 429.19 8.82 38.05 0.09 2.17 0.80 0.203.98 0.05 0.08 1.006.74 0.000 343.22 11.07 1.891.500 214.74 1.87 1.24 5.92 0.87 0.25 14.375.97 1.20 9.96 0.43 0.53 1.89 0.74 2.000 1.17 286.09 0.63 0.41 0.63 240.04 1.56 1.05 0.61 412.71 0.09 13.203.433.69 0.948.25 1.83 1.20 0.160.14 85.29 472.82 1.11 1.02 28.05 0.35 0.81 0.135.03 0.85 0.88 0.36 42.22 12.40 0.95 0.08 2.38 0.30 0.90 730.11 3.96 816.04 0.12 3.04 0.48 8.834.46 42.149.67 25.94 0.03 0.76 84 RISCALDAMENTO TRADIZIONALE .15 6.01 0.089.38 515.16 6.000 2.375.93 0.500 730.22 27.000 1.18 8.83 0.72 0.97 974.25 14.91 0.261.79 11.272.63 1.000 2.08 0.751.719.68 0.58 214.353.14 5.500 128.91 0.01 0.525.11 3.11 3.24 0.04 0.20 0.39 0.67 1.493.20 0.69 0.009.10 3.000 85.98 0.24 14.500 386.03 0.12 3.92 1.42 825.14 5.35 26.000 859.35 1.48 193.27 0.031.00 0.000 1.500 816.321.11 401.02 0.031.85 447.35 0.000 3.20 9.20 10.53 1.97 0.07 326.095.24 0.42 687.18 8.42 773.10 902.47 0.88 0.96 584.63 0.01 1.11 3.91 0.53 2.28 0.00 0.41 35.19 120.41 687.29 722.11 3.74 0.37 0.32 0.40 33.23 13.36 0.07 57.31 1.54 0.67 21.21 0.031.13 4.60 0.69 0.22 11.51 28.00 0.57 0.92 1.000 171.063.98 0.84 0.94 429.063.00 5.43 15.68 236.01 0.09 2.01 17.17 0.20 0.23 1.28 18.17 7.09 2.92 0.246.31 21.32 22.35 171.16 7.91 0.00 0.01 859.977.15 0.06 1.36 0.68 0.00 0.14 5.28 515.17 343.605.86 0.235.52 0.000 3.28 18.000 2.000 1.16 1.91 0.72 10.00 10.16 7.02 0.12 85.169.46 0.15 6.11 481.42 31.02 0.02 0.43 38.547.55 997.48 0.777.52 0.60 0.12 3.066.49 0.13 4.78 0.74 0.02 0.16 7.44 0.39 0.02 0.146.72 0.27 16.000 1.98 0.00 12.12 1.15 0.01 0.06 1.18 8.07 1.80 0.85 0.01 0.12 3.32 22.79 275.32 0.23 13.203.13 4.67 458.78 0.289.42 7.18 0.05 0.06 0.09 2.000 3.22 12.000 2.16 4.29 154.665.51 0.88 0.00 0.805.18 0.11 3.66 0.88 292.09 2.95 0.07 68.547.318.000 515.

60 3.34 0.224.58 65.694.85 3.11 RISCALDAMENTO TRADIZIONALE 85 .65 4.21 10.000 6.85 0.66 0.76 0.15 0.783.05 184.654.23 65.23 0.878.869.35 0.98 163.579.815.94 4.65 60.13 4.78 108.106.89 5.65 80.88 133.000 4.000 5.76 104.803.79 0.534.27 17.878.65 0.21 0.213.000 4.02 195.451.39 200.82 118.66 0.65 2.127.85 2.299.76 0.706.127.26 0.44 40.000 7.846.51 52.47 0.000 7.233.579.663.65 4.514.94 1.000 4.77 0.28 18.80 0.67 0.26 16.29 0.439.32 23.83 0.29 0.33 0.62 0.43 38.611.000 5.56 61.90 1.18 5.331.869.26 2.33 49.16 0.89 4.22 11.99 1.159.68 0.96 156.26 0.17 4.82 118.751.28 2.36 27.61 0.61 70.94 80.04 0.10 3.82 118.55 2.91 2.09 2.89 0.56 2.02 175.76 3.27 2.28 18.93 0.152.88 0.42 37.478.57 2.719.61 0.89 5.57 1.79 50.01 170.89 0.92 0.01 172.471.66 5.934.58 65.88 4.547.63 0.063.38 31.55 59.299.94 2.47 44.000 6.20 5.54 56.095.84 124.65 115.70 0.585.955.51 210.42 0.56 60.70 90.10 0.050.87 75.685.25 215.020.60 4.56 2.53 135.616.878.34 6.364.66 4.23 13.80 112.33 0.65 4.88 5.16 85.00 0.56 61.98 0.394.59 4.751.67 84.04 170.85 126.891.588.94 149.60 155.27 16.53 54.02 46.68 85.22 4.76 0.50 0.000 5.00 0.26 2.94 149.66 81.235.53 110.57 0.35 26.07 0.15 0.650.72 4.987.42 5.439.445.61 1.62 73.30 0.31 125.20 0.99 0.57 0.000 3.000 3.308.732.51 52.47 44.73 97.69 0.37 30.96 0.87 130.25 15.729.21 11.99 166.53 54.Perdite di carico dei tubi diametro 63 x 6.88 1.76 0.55 58.000 6.866.579.308.51 51.34 4.23 0.54 0.18 0.54 0.783.33 23.697.65 1.65 185.000 6.70 90.000 6.000 6.32 0.362.12 0.85 3.91 141.26 15.000 6.77 107.674.50 50.15 0.000 7.16 2.23 0.267.40 33.018.07 0.13 0.000 7.95 160.60 3.89 137.29 18.000 6.03 0.88 133.73 0.64 0.000 7.808.92 1.47 44.65 180.76 104.92 0.79 5.374.15 0.99 5.90 139.190.94 149.97 160.643.41 35.20 3.738.99 0.79 111.35 26.23 0.99 2.46 0.78 175.57 63.34 140.439.80 3.50 49.44 39.000 6.95 0.30 0.22 12.955.041.50 0.305.000 6.90 0.56 2.51 0.92 0.159.60 0.26 0.000 5.0 a 60°C [Tubo Stabil 63] Salto 10 K 15 K 20 K 25 K termico Potenza Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata di carico di carico di carico di carico [kg/h] [W] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] 43.75 101.80 2.59 45.64 0.45 47.37 30.000 6.35 26.91 120.22 3.86 128.299.729.23 12.37 29.000 4.38 0.54 0.522.99 1.000 6.000 7.000 7.96 158.70 90.74 99.448.25 55.39 2.07 0.65 1.31 4.69 0.26 15.000 6.000 6.99 166.53 0.000 3.891.726.149.084.89 205.872.794.63 75.11 0.23 1.944.159.093.34 25.84 0.07 0.92 0.32 0.24 0.923.63 0.012.38 30.54 56.29 19.97 70.36 3.58 65.49 48.018.30 0.31 2.19 0.64 77.28 1.000 7.74 100.000 6.848.000 6.58 65.299.636.84 0.27 0.04 1.90 1.38 0.56 105.159.82 0.38 150.592.000 5.38 0.39 32.76 2.38 0.000 4.46 0.41 0.68 0.72 3.72 0.000 6.000 7.588.50 0.30 20.77 190.464.89 48.407.17 44.20 10.58 1.61 71.82 118.222.34 24.523.44 0.06 95.67 1.30 0.64 77.503.448.000 7.513.72 3.22 11.70 90.84 0.009.29 145.80 3.53 90.977.43 165.582.878.97 3.94 149.165.018.06 2.91 143.000 3.86 0.018.85 130.13 1.72 0.73 95.063.

Note: 86 .

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO RAP RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 87 .

pompe di calore ed circostanti. La proporzione tra convezione ed benessere termico dal punto di vista psicofisi. °C 16 18 20 22 24 16 18 20 22 24 16 18 20 22 24 16 18 20 22 24 logie di produzione del calore (ad es.Nozioni generali Un impianto a pannelli radianti è un sistema 2. temperatura ambiente potrà quindi essere all’elevata percentuale di riscalda- ficie riscaldante. grazie al di energia rilasciata dipende dalla differenza ficiale del pavimento e delle pareti risulta risparmio energetico portato dalle tra la temperatura della superficie riscaldante superiore alla temperatura ambiente.) ideale a pavimento a radiatori a soffitto garantendo un efficace utilizzo dell’energia che porta quindi ad un notevole risparmio dei costi di gestione. attraverso il pavimento. il rilascio di calore diminuisce in virtù comfort ambientale percepito. caldaie Riscaldamento Riscaldamento Riscaldamento Riscaldamento a condensazione. Un particolare vantaggio degli impianti a Vantaggi degli impianti pannelli radianti consiste nella cosiddetta a pannelli radianti autoregolazione.80 m per l’acqua calda. operanti molto basse. grazie alle basse tempera- Un impianto di riscaldamento a pavimento fa ture del fluido di riscaldamento percepire il calore in maniera particolarmente • Completa disponibilità degli spazi Riscaldamento a pavimento gradevole. viene a • Possibilità di impiegare temperature re psicofisico e dipende dalla temperatura crearsi un clima interno confortevole.20 m ambientale. Il riscaldamento a pavimento consente di impiegare le più moderne tecno. mante. senza fastidiosi ed a pavimento dispone di una superficie di ingombranti corpi scaldanti Il comfort ambientale è sinonimo di benesse. ad es. Il profilo di di polvere provocato dalla circola-- parte di emissione per irraggiamento in caso temperatura del riscaldamento a pavimento zione dell’aria. scambio termico piuttosto estesa. • Ridotti costi di gestione. Dal momento che nel riscal- damento a pannelli radianti la trasmissione del calore avviene soprattutto per irraggiamento. La produzione del calore potrà essere effettuata da qualsiasi sistema di riscaldamento a bassa temperatura 1. Sulla base di dell’impianto a pavimento con caldaie dell’aria e dalla temperatura delle superfici specifici studi è stata definita la curva ideale di a condensazione. Di benessere termico (vedi schema sopra). mantenendo inalterato il mento emesso tramite irraggiamento solare. Rispetto minori temperature ambiente possibili e quella dell’ambiente. pompe di calore ecc. oltre che dalla velocità e dall’umidità dell’impianto di riscaldamento. impianti solari irraggiamento durante il rilascio del calore. che si verifica indipendente- mente dal dispositivo di regolazione per singo- lo ambiente previsto dalla legge. • Minori dispersioni termiche lungo le dell’effetto di autoregolazione. La ratura all’interno di un ambiente. • Nessun trasporto e movimentazione influenza la maggior parte di questi fattori. che può esser causa di riscaldamento a pavimento corrisponde risulta quello più vicino alla curva ideale di di allergie e difficoltà respiratorie circa al 50% dell’emissione termica totale. Se la temperatura ai sistemi di riscaldamento tradizionali la • Maggior benessere termico. provocato da condensa • Effetto di autoregolazione 88 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO . co. ad es. • Prevenzione dall’insorgere di muffe e dal degrado degli intonaci. rendendo ambiente e dalla distribuzione uniforme del nendo comunque bassa la temperatura media quindi ottima la combinazione calore. con conseguente riduzione delle emissioni e dunque dell’inquinamento 0. in relazione alla distribuzione della tempe. le temperature del sistema possono essere mantenute molto basse. tubazioni. Il consumo energetico è quindi inferiore rispetto ai sistemi di riscalda- mento tradizionali. Dal momento che il riscaldamento per l’arredo. La quantità conseguenza la temperatura media super. attraverso irradiazione abbassata di 1-2°C. grazie dell’ambiente si avvicina a quella della super.70 m di riscaldamento a bassa temperatura che rilascia il calore attraverso superfici riscaldate.

1 g di ossige. Sviluppo a spirale (o a chiocciola) Le due tecniche di posa principali sopra descritte possono essere anche combinate fra loro. ad esempio. termico (generalmente la parete esterna) que- no per m³ di acqua di riscaldamento al giorno. la temperatura La posa dei tubi di riscaldamento a pavimento superficiale del pavimento risulta uniforme. Ogni locale da riscaldare deve essere alimen- tato con uno o più circuiti specificatamente riservati. Tuttavia se il tubo di mandata Tali norme stabiliscono un valore limite per la viene posato sul lato del maggiore fabbisogno diffusione dell’ossigeno pari a 0. Sviluppo a serpentino Di conseguenza tutte e due le tipologie di tubo sono idonee per l’installazione di impianti Lo sviluppo a serpentino doppio può compen- di riscaldamento a pavimento alimentati ad sare gli svantaggi della differenza di tempera- acqua calda. alternando i tubi di mandata e di ritorno del riscaldamento a pavimento. Nello stesso locale. può essere realizzata sostanzialmente con due dal momento che i tubi di mandata e di ritorno tecniche: sono posizionati in modo alterno. sta caratteristica potrà diventare un vantaggio. garantendo così un’adeguata compensazione termica. può essere utilizzato inizialmente lo sviluppo a serpentino nella zona perimetrale e quello a spirale nella zona soggiornale. Il flusso di calore aumenta. In caso di sviluppo a spirale. mentre i tubi Stabil sono impermeabili all’ossi- geno al 100%. Sviluppo combinato RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 89 .Diffusione dell’ossigeno Tutti i tubi in materiale plastico impiegati per Nel caso dello sviluppo a serpentino si dovrà il riscaldamento devono essere impermeabili tener conto di una sensibile differenza di tem- all’ossigeno secondo le norme DIN 4726 (per peratura superficiale del pavimento tra man- tubi in PE-X) e DIN 4724 (per tubi in PE-MDX). forma irregolare. In questo modo sarà possibile la rego- lazione autonoma della temperatura ambiente Sviluppo a serpentino doppia del singolo locale. tura. data e ritorno. I tubi La posa a serpentino è consigliata nei locali a RAP sono al di sotto di questo valore massimo. ad una temperatura dell’acqua di 40ºC. dal momento che le tubazioni potranno essere posate mantenendo distanze Tipologie di posa dei tubi minori rispetto a quelle consentite dalla posa a serpentino semplice. In • Lo sviluppo “a serpentino” generale la posa a spirale con curve a 90° • Lo sviluppo “a spirale” (o “a chiocciola”) (tranne le due centrali a 180°) è più facile da realizzare che la posa a serpentino con curve a 180°.

pavimento si potrà ottenere diminuendo la UNI EN 1264-2 fissa i valori massimi relativi distanza tra i tubi (passo di posa) nelle zone alla temperatura superficiale del pavimento. Riscaldamento di grandi superfici Temperatura superficiale del pavimento Per evitare possibili disturbi agli arti inferiori e a bagni o simili detta temperatura può essere Una maggiore temperatura superficiale del condizioni di malessere fisiologico.) consigliamo di posare tutti i circu- iti di riscaldamento con sviluppo a serpentino. riore a 35°C. persone non soggiornano stabilmente. in quanto compor- no stabilmente o comunque per lunghi periodi. Nelle tubo impiegato. considerando l’elevata quantità di Per zona soggiornale si intende l’area della su. dove le termica). terebbe sgradevoli differenze di temperatura Nelle zone soggiornali la temperatura super. Solamente nei locali adibiti 90 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO . In questo modo si garantisce una distribuzione equa del calore ed il bilanciamento idraulico ri- sulta superfluo. dal momento che la lunghezza di tutti i circuiti risulta identica. bagni o simili e zone perimetrali. Un passo di posa superiore a perficie riscaldata dove le persone soggiorna. sulla superficie del pavimento. zone perimetrali la temperatura superficiale 20 cm non è consigliabile. ficiale massima del pavimento non può essere superiore a 29°C. capannoni.Lo sviluppo a spirale con passo di posa misto è utile per contrastare la presenza di una forte dispersione termica ad esempio in caso di pareti esterne con o senza superfici vetrate. metro posta generalmente lungo tutte le pareti ficante della densità del flusso termico (resa esterne con o senza superfici vetrate. massima del pavimento non può essere supe. Viene definita zona perimetrale una striscia interessate. Tuttavia un passo di posa inferiore secondo tre tipologie di zona riscaldata: zone di superficie avente larghezza massima di 1 a 10 cm comporterebbe un aumento insigni- soggiornali. Sviluppo a spirale con passo misto In caso di grandi superfici (ad es. la norma aumentata fino ad un massimo di 33°C. palestre ecc.

Nelle zone di curvatura i tubi possono essere ulteriormente fissati con alcuni chiodi di fissaggio RAP. nonché il pannello liscio in lastre (art. • Resa termica elevata. nonché della direzione della pellicola su 1 lato per i pannelli pannelli isolanti mediante l’utilizzo dei chiodi dei tubi in rotolo. nonché ad incastro mediante di fissaggio RAP. Questo sistema di installa. Entrambi i pannelli sono in polistirene espanso a celle chiuse e marcati CE secondo la norma UNI EN 13163.Breve descrizione dei sistemi di riscaldamento a pavimento RAP Sistema Tacker In questo sistema le tubazioni vengono fissate • Libertà di scelta della tipologia e del • Semplice incastro a sovrapposizione direttamente sulla pellicola di copertura dei passo di posa. Come strato isolante può essere utilizzato il pannello termoisolante in rotolo (art. Entrambi i pannelli sono in polistirene espanso a celle chiuse e marcati CE secondo la norma UNI EN 13163. Per essere • Semplice giunzione tra i pannelli pavimento (EPS 200) fissate. • Particolarmente indicato per grandi • Fissaggio semplice e rapido dei tubi zione corrisponde alla tipologia costruttiva A superfici • Possibilità di elevati carichi sul secondo la norma UNI EN 1264-2. Le tubazioni • Possibilità di installazione anche del • Posa dell’isolante povera di scarti verranno poi completamente ricoperte dal tubo RAP 20 (solo il 3% circa) massetto umido. Sezione Sistema Binario RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 91 . 0878 900 710/711). I chiodi di fissaggio RAP vengono • Particolarmente indicato per superfici di • Possibilità di elevati carichi sul applicati sopra le tubazioni con l’utilizzo media grandezza e/o complicate pavimento (EPS 200) della macchina inchiodatrice. in quanto i tubi scanalature maschio/femmina sul di copertura dei pannelli isolanti per mezzo vengono avvolti dal massetto perimetro per i pannelli in lastre della loro base autoadesiva. le tubazioni vengono premute nelle isolanti mediante sovrapposizione della scanalature alla distanza desiderata (secondo il passo di posa). nonché il pannello liscio in lastre (art. in quanto i tubi scanalature maschio/femmina sul mente ricoperte dal massetto umido. rivestito da pellicola in PS con tracciatura a croce ogni 100 mm. Questo vengono avvolti dal massetto perimetro per i pannelli in lastre sistema di installazione corrisponde alla • Possibilità di installazione anche del • Posa dell’isolante povera di scarti tipologia costruttiva A secondo la norma UNI tubo RAP 20 (solo il 3% circa) EN 1264-2. nonché ad incastro mediante sere precedentemente applicati sulla pellicola • Resa termica elevata. per poi essere completa. Come strato isolante può essere utilizzato il pannello termoisolante in rotolo (art. 0878 900 766/767). Sezione Sistema Tacker Sistema Binario In questo sistema le tubazioni vengono fissate • Posa delle tubazioni a serpentino pellicola su 1 lato per i pannelli in a dei binari scanalati in PVC. rivestito da pellicola alluminizzata con tracciatura a griglia 50x50 mm. che permette di ancorarli immediatamente sotto la pellicola di copertura dei pannelli isolanti. rivestito da pellicola in PS con tracciatura a croce ogni 100 mm. che dovranno es. 0878 900 710/711). (posa a spirale difficoltosa) rotolo. rivestito da pellicola alluminizzata con tracciatura a griglia 50x50 mm. 0878 900 766/767).

vengono avvolti dal massetto struttiva A secondo la norma UNI EN 1264-2. tra le bugne resistente al calpestio ed impermea. 0878 900 115/116/117/118) in polistirene espanso a celle chiuse marcato CE secondo la norma UNI EN 13163 rivestito con una pellicola rimovibile di PS compatto antiurto con passo di posa 50 mm e multipli. Lo strato isolante utilizzato è il pannello ter- moisolante sagomato di colore rosso (art. isolanti mediante scanalature tubazioni Le tubazioni verranno poi completamente maschio/femmina sul perimetro • Possibilità di elevati carichi sul ricoperte dal massetto umido. • Il pannello bugnato funge sia da isolamento che da fissaggio dei tubi. 0878 900 709/712/755) in polistirene espanso a celle chiuse marcato CE secondo la norma UNI EN 13163 rivestito a caldo con una pellicola di PS compatto antiurto con passo di posa 50 mm e multipli. Le tubazioni verranno poi isolanti mediante incastri maschio/ • Possibilità di elevati carichi sul completamente ricoperte dal massetto umido. Questo sistema • Resa termica elevata. mediante pressione. 50 mm definito dalla sagomatura che compongono parte integrante dei pannelli bile al massetto stessa del pannello isolanti. definito dalla sagomatura stessa del che compongono parte integrante dei pannelli impermeabile al massetto e rimovibile pannello isolanti. il tutto in un’unica fase di lavoro • Fissaggio semplice e rapido dei tubi • Bugne dotate di alettature per evitare il sollevamento del tubo durante e dopo la posa Sezione sistema Bugnato Top 92 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO . in quanto i tubi pavimento (EPS 200/250) di installazione corrisponde alla tipologia co. tra le bugne elevata resistenza al calpestio.Sistema Bugnato Standard In questo sistema le tubazioni vengono • Pellicola di copertura del pannello • Passo di posa minimo dei tubi di incastrate. • Il pannello bugnato funge sia da isolamento che da fissaggio dei tubi. il tutto in un’unica fase di lavoro • Fissaggio semplice e rapido dei tubi Sezione sistema Bugnato Standard Sistema Bugnato Top In questo sistema le tubazioni vengono • Pellicola di copertura del pannello con • Passo di posa minimo dei tubi di 50 mm incastrate. femmina (bugna vuota con bugna pavimento (EPS 200) Questo sistema di installazione corrisponde piena) sul perimetro alla tipologia costruttiva A secondo la norma • Resa termica elevata. senza bisogno di utilizzare ulteriori • Semplice incastro tra i pannelli • Posa rettilinea e precisa delle mezzi di fissaggio. Lo strato isolante utilizzato vengono avvolti dal massetto è il pannello isolante con pellicola rigida di colore nero (art. senza bisogno di utilizzare ulteriori • Semplice giunzione tra i pannelli • Posa rettilinea e precisa delle tubazioni mezzi di fissaggio. in quanto i tubi UNI EN 1264-2. mediante pressione.

Lo strato isolante utilizzato è il pannello fonoassorbente isolante accoppiato di colore nero (art. tra le bugne bile al massetto stessa del pannello che compongono parte integrante dei pannelli • Semplice giunzione tra i pannelli • Posa rettilinea e precisa delle isolanti. • Resa termica elevata. • Il pannello bugnato funge sia da isolamento che da fissaggio dei tubi. in quanto i tubi pavimento (EPS T 200) Questo sistema di installazione corrisponde vengono avvolti dal massetto alla tipologia costruttiva A secondo la norma • Passo di posa minimo dei tubi di UNI EN 1264-2. 0878 900 111/112/113/114) in polistirene espanso a celle chiuse in doppia densità (EPS 200 + elasticizzato) marcato CE secondo la norma UNI EN 13163 rivestito a caldo con una pellicola di PS compatto antiurto con passo di posa 50 mm e multipli. 50 mm definito dalla sagomatura incastrate. mediante pressione. Le tubazioni verranno poi maschio/femmina sul perimetro • Possibilità di elevati carichi sul completamente ricoperte dal massetto umido. senza bisogno di utilizzare ulteriori isolanti mediante incastri cilindrici tubazioni mezzi di fissaggio. il tutto in un’unica fase di lavoro • Fissaggio semplice e rapido dei tubi • Doppia funzione del pannello: isolazione termica ed isolazione acustica dai rumori di calpestio • Pellicola di copertura del pannello Sezione sistema Bugnato Silence RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 93 .Sistema Bugnato Silence In questo sistema le tubazioni vengono resistente al calpestio ed impermea.

la disposizione dei circuiti. per per il caricamento e la messa in pressione dei asciutta per l’alloggiamento dell’isolamento e proteggere l’impianto radiante ed il massetto circuiti di riscaldamento. E’ per l’impianto a pavimento. 412/93: Regolamento recante ad acqua calda ed il collegamento ai espanso ottenuti in fabbrica (EPS) norme per la progettazione. l‘esercizio e la manutenzione • DIN 4725: Riscaldamento a pavimento • DIN 18202: Tolleranze dimensionali degli impianti termici degli edifici ai fini ad acqua calda – Determinazione della nell’edilizia del contenimento dei consumi di energia resa termica con copertura del tubo • DIN 18333 VOB Parte C: Lavori con superiore a 65 mm pietra da taglio in cemento Verifica delle condizioni dell’edificio L’impianto a pavimento va applicato in locali della presenza di un allacciamento all’acqua. il tipo di posa. l’installazione e l’esercizio degli impianti di riscaldamento a pavimento negli edifici. secondo norma ficie non presenti una forma omogenea. La progettazione di base (ad In caso di massetti prefabbricati (lastre per temperatura e da una rapida ed anomala es.Metodo di calcolo • DIN 18380 VOB Parte C: Impianti di • DIN 4109: Isolamento acustico negli del carico termico di progetto riscaldamento e di produzione di acqua edifici • EnEv: Normativa sul risparmio calda sanitaria • DIN V 4701-10: Valutazione energetica energetico • DIN 18560: Pavimenti nell’edilizia degli impianti di riscaldamento e • UNI EN 12828: Impianti di riscalda. impermeabilizzazione • DIN 4102: Comportamento al fuoco dei Raccorderia idraulica • UNI EN 832: Prestazione termica degli materiali da costruzione e degli • UNI EN 1264: Riscaldamento a edifici elementi costruttivi pavimento .Impianti e componenti • DIN 18353 VOB Parte C: Lavori di • DIN 4108: Isolamento termico e rispar. l‘installa- radiatori (PE-MDX) • DIN 18195: Impermeabilizzazioni edili zione. 192/05: Attuazione della climatizzazione mento negli edifici .P. inoltre. Segnare quindi i livelli sui muri in La superficie del sottofondo di supporto dovrà compensazione è possibile utilizzare materiali tutti i locali di installazione per avere le altezze essere piana. Le eventuali Qualora non venga raggiunto il livello di pla- ultimate. è necessario attenersi alle seguenti norme e prescrizioni: • DIN 1055: Carico teorico per le • DIN 4726: Tubazioni in plastica • DIN 18336 VOB Parte C: Lavori di strutture • UNI EN 1254: Rame e leghe di rame . qualora RAP prescelto (vedi sezioni sistemi alle pagine ne sia comprovata la loro utilità. pozzetti e cavedi per vani scale. e di un allacciamento del massetto secondo norma e DIN 18560. possibile utilizzare materiali di riporto. Dovrà 94 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO .R. sottofondi a secco). nonché eventuali costruzioni cassefor. in base al sistema DIN 18195 o DIN 18366. osservare le specifiche asciugatura del massetto.Montaggio e posa in opera Riferimenti normativi Per la progettazione. isolanti resistenti alla compressione.Progettazione dei direttiva 2002/91/CE relativa al • DIN 4724: Sistemi di tubazioni in sistemi di riscaldamento ad acqua rendimento energetico nell’edilizia plastica per riscaldamento a pavimento • UNI EN 13163: Prodotti di polistirene • D. • UNI EN 12831: Impianti di riscalda. sufficientemente resistente ed intonacati e con infissi montati e chiusi. essere. Come strati di precedenti). narità richiesto dalla norma DIN 18202. Tutte le parti costrutti. il passo di posa. di riferimento. riscaldante dall’umidità. E’ indispensabile assicurarsi priva di incrostazioni e di avvallamenti. dalle variazioni di elettrico 230 V. nonché i dati idraulici del collettore) base di supporto. • D. finché la super- Verificare in cantiere le quote a disposizione riscaldamento a pavimento. alla struttura portante e tutte le parti costruttive e la pianificazione dei giunti devono essere confinanti con il pavimento devono essere già disponibili e tra loro coordinati. il tipo di isolante e il relativo indicazioni del costruttore sulla planarità della ve in elevazione devono essere intonacate fino spessore. impermeabilizzazioni contro l’umidità ascen. sarà mi. dente del pavimento e contro l’acqua devono necessario colmare la differenza applicando essere ultimate prima di iniziare la posa del degli strati di compensazione. pavimentazione mio energetico negli edifici mento negli edifici . sgomberata dai calcinacci.Lgs.

L’isolazione deve essere La striscia perimetrale presenta un lato massetto riscaldante e deve essere rifilata solo posizionata su tutta la superficie del sottofondo adesivo per agevolarne e velocizzar- dopo il completamento del rivestimento del di supporto dell’area da riscaldare. senza ne l’applicazione alle strutture verticali pavimento. ricoprire insonorizzante. la striscia perime. per garantirne un appoggio stabile e sicuro. colonne. come fuga di dilatazione marginale e come Si consiglia un eventuale utilizzo di prima della posa dei pannelli isolanti. La sua funzione è infatti quella assi di legno come camminamento. I pannelli isolanti devono essere Nei sistemi di riscaldamento a pavi- perimetrale deve essere fissata saldamente. risulta utile scavare Attenzione: innalzamenti che potrebbero provocare ponti leggermente lo spessore del pannello isolante In caso di eventuali dubbi sulla presen- acustici e oscillazioni nello strato del massetto. quale verrà poi aggiunto l’isolante termico ficio è necessario predisporre dei giunti anche Per proteggere l’impianto a pavimento. la posa ed informare il committente. Nel caso rimanessero co. Detta striscia deve ergersi dalla essere sfalsati o posizionati in modo tale che metodologie a seconda del sistema base del sottofondo di supporto fino alla i giunti tra i pannelli di uno strato non siano adottato (sovrapposizione della superficie del pavimento finito e permettere un allineati a quelli dell’altro strato. pellicola di rivestimento oppure ad gioco del massetto di almeno 5 mm. li stessi. il posatore dovrebbe essere l’unico riscaldamento a pavimento. contro l’umidità ascendente. scale. non iniziare ed incassati per fornire una base livellata sulla In corrispondenza di giunti costruttivi dell’edi. devono essere effettuate in modo tale da ren- (ad es. uniti saldamente tra loro in modo tale da mento RAP il buon accostamento dei per evitare che possa spostarsi durante il getto renderli impermeabili. appoggiandoli gerli dall’umidità del massetto. Nel caso di più strati isolanti.) che penetrano il massetto di copertura. presenza di riscaldamento e di evitare la tra. calpestati durante le operazioni di massetto. ti devono sempre essere rivestiti superiormente zionare la pellicola di protezione trasparente da una pellicola di polietilene dello spessore di RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 95 . In caso di pannelli a diretto contatto deve essere applicata una striscia perimetrale cantiere. artigiano a lavorare nei locali di installazione. e/o acustico prima della posa dei circuiti di nello strato isolante e nel massetto.La superficie del sottofondo di supporto Quando dossi o asperità impediscono la non deve contenere tubazioni o presentare corretta posa del pannello. Le file dei pannelli isolanti vanno Lo strato isolante deve essere idoneo al tipo di disposti preferibilmente nel senso del lato più carico prestabilito sul pavimento. dei locali da riscaldare. riempirli I pannelli isolanti servono a ridurre il calore ce. col terreno o in locali molto umidi è opportuno. il sottofondo con un rivestimento impermeabile di assorbire la dilatazione del massetto in evitando così di danneggiare i pannel. duto verso il basso e a limitare l’inerzia termica dell’impianto. con dell’espanso. superiore della striscia deve fuoriuscire dal massimo da due strati.15 mm o da un altro prodotto dalla massetto. lungo tutto il perimetro dei locali da Consiglio: funzione equivalente. za di tutti i presupposti necessari ad Eventuali tubi o condotti devono essere fissati una corretta installazione. Per proteg- lungo del locale da riscaldare. piatti doccia evitare che vengano eccessivamente derle impermeabili durante la fase di getto del ecc. pilastri. La parte Il materiale isolante può essere composto al incastro). Più strati isolanti devono pannelli isolanti è garantito con varie del massetto. i pannelli isolan- alla striscia perimetrale ed avendo cura di posi. munque degli spazi privi di isolazione. per trale deve essere applicata prima della posa evitare infiltrazioni di materiale durante il getto Nota: dello strato di isolamento superiore. La striscia del massetto. smissione del rumore da calpestio agli elementi costruttivi limitrofi. lasciare spazi vuoti. della striscia stessa sopra al pannello. Striscia perimetrale e pannelli isolanti Prima della posa dello strato isolante o del almeno 0. Le giunzioni tra i pannelli riscaldare ed attorno a tutte le strutture verticali Una volta posati i pannelli isolanti.

da evitare. Giunto di dilatazione Giunti di dilatazione I giunti di dilatazione servono a consentire la non si superi il rapporto massimo in lunghezza gati). Detti giunti vengono generalmente materiale elastico. i giunti di dilatazione giunti possono essere attraversati solo da tubi di di dilatazione. oltre alle strisce perimetrali (vedi pag. e devono essere I giunti di contrazione servono a guidare l’as. le superfici dei massetti pannello fino a filo pavimento). di dilatazione sono. ed in La pianificazione dei giunti deve essere concor- rettangolari. Giunto di dilatazione errato < 8m Superficie massetto max. Il denza dei giunti strutturali dell’edificio e nei casi Il giunto di dilatazione taglia verticalmente l’inte. precedente). 40 m² Giunto di dilatazione corretto < 8m > 8m Errata disposizione del circuito Corretta disposizione dei circuiti Giunti di contrazione In corrispondenza delle soglie delle porte o di comincia ad asciugare fino ad una profondità altre aperture vengono installati dei giunti di non superiore ad un terzo dello spessore del dilatazione (vedi sopra) oppure dei giunti di massetto (facendo attenzione a non danneg- contrazione. per una lunghezza di circa 30 cm. purché essere protetti con tubi flessibili (ad es. tubi corru. di 2 a 1. realizzati con la cazzuola quando il massetto Giunto di contrazione 96 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO . Senza l’utilizzo ro spessore della soletta (dal livello superiore del con un coprigiunto in materiale elastico. taglio visibile in superficie dovrà essere ricoperto di ampie superfici da riscaldare. da porsi simmetricamente rispetto al giunto dilatazione termica del massetto in corrispon. stesso. sigillati solo dopo l’avviamento dell’impianto sestamento del massetto costituendo una linea di riscaldamento. di giunti di questo tipo.Tagli dei massetti Per evitare eventuali danni causati dal ritiro del massetto dopo l’asciugatura e dalla sua dilatazione termica è necessario disporre. Nel caso di ambienti di andata e 1 di ritorno per ogni circuito. I massetto. le superfici dei massetti senza giunti corrispondenza dell’attraversamento devono data e coordinata con il massettista secondo le possono superare le predette dimensioni. anche dei giunti di dilatazione e/o di contrazione secondo norma UNI EN 1264-4. I passaggi dei riscaldati non devono essere superiori a 40 m² tubi dell’impianto a pavimento attraverso i giunti In caso di installazione della rete antiritiro per il e/o con un lato superiore a 8 m. possibilmente. direttive del direttore lavori. vanno disposti nel massetto in modo da creare connessione (o “di adduzione”) solo per 1 tubo superfici più piccole. questa non deve attraversare il giunto Se i vani sono più grandi. giare i tubi di riscaldamento). Il taglio visibile in superficie di rottura guidata che elimina eventuali tensioni dovrà essere ricoperto con un coprigiunto in superficiali.

Bugnato) • Tipo B: con tubi al di sotto dello strato Per le altre classi di durezza sono ammessi di massetto spessori diversi. dai caminetti aperti e dalle E’ consigliabile effettuare la posa di tipo di posa dei tubi e lunghezza dei circuiti. minore fabbisogno d’acqua). e finale del tubo impiegato per ogni circuito. al fine di mantenere 210 055). • 20 cm di distanza dalle canne analizzandolo sia come passi che come fumarie. in modo da ottenere delle basse Massetto A seconda della collocazione dei tubi. dannosi e conservandole al riparo dalla luce delle seguenti prescrizioni stabilite nella UNI è meglio ricorrere a più circuiti. la temperatura dello stesso e la temperatura della resistenza a compressione ed a tura massima del massetto in cemento non può ambiente non devono scendere al di sotto di flessione del 30% e migliore lavora- superare i 55ºC. suddividendo solare diretta. Tuttavia. mentre in caso di pavimentazioni piccole sacche d’aria che possono ostacolare in pietra e ceramica va effettuata anche una la trasmissione del calore all’ambiente. Nelle applicazioni civili è opportuno limitare la Tutti i raccordi intermedi Prineto specifici per rilevandola dalla marcatura del tubo. 3-4 giorni per massetti in cemento a rapida di massetto (sistemi RAP Tacker. RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 97 . EN 1264-4: l’area in porzioni possibilmente uguali per evi- • 5 cm di distanza dalle strutture tare sbilanciamenti idraulici con conseguente Prima dell’inizio della posa viene presa visione verticali differenza di resa termica dei circuiti stessi. lo spessore L’avviamento del riscaldamento deve essere setti vengono suddivisi fondamentalmente in nominale di copertura dei tubi a partire dal eseguito almeno 21 giorni dopo la posa del due tipologie costruttive: punto più alto dell’impianto (tubazione o massetto in cemento o in conformità alle istru- estremità bugna) deve essere di almeno 45 zioni del fabbricante per massetti speciali (ad • Tipo A: con tubi annegati nello strato mm.Indicazioni per l’installazione dei tubi Dopo l’arrivo in cantiere. trombe dell’ascensore ciascun circuito senza giunzioni. in caso di dan- la posa e l’ordine successivo. docce e sanitari di tipo “non estesa superficie. Per i locali di essere trasportate e movimentate proteggen. del pannello radiante. occorre mantenere una tempera. e devono essere posati nel rispetto ghezza superiore di sviluppo delle tubazioni. In caso di massetti con quando questi vengono chiusi. impiegata. le tubazioni devono I tubi non possono essere collocati sotto perdite di carico dei circuiti stessi. Per un periodo successivo non minore bilità dell’impasto del massetto con pende dalla classe di durezza (resistenza alla di 3 giorni. no essere effettuate con raggio minimo pari a all’interno della costruzione a pavimento devo- ne dal collettore ai circuiti riscaldanti. come molto pratico annotare la lunghezza iniziale previsto dalla norma UNI EN 1264-4. tutti i raccordi evitare l’accavallamento dei tratti di adduzio. consi. no essere indicati sul disegno depositato. se Individuare quindi il locale dal quale iniziare ciò non fosse possibile (ad es. Durante la gettata del massetto in cemento. flessione) e dalla capacità di carico secondo tura di almeno 5°C e proteggere il massetto consigliamo l’utilizzo dell’additivo per norma DIN 18560-2. In caso di utilizzo di questi massetti è Il massetto deve essere realizzato con un necessario effettuare una prova della capacità impasto fluido per evitare la formazione di di carico. la tempera. neggiamenti ad impianto finito). per poter lunghezza massima dei circuiti a 120 m. Generalmente questo va aggiunto anche il diametro esterno del tubo effetto è garantito per gli edifici più piccoli. i mas. Binario e almeno 40 mm. 0893 esempio fonti di calore. del progetto al quale bisognerà attenersi. ma comunque non inferiori ai 30 mm. Allo spessore nominale dei massetti di tipo A basso il livello di ritiro. essiccazione). 70 e 90 m. che richiederebbero una lun- dole da eventuali elementi potenzialmente sospeso”. siche dei massetti in cemento (aumento in corrispondenza delle tubazioni. 5°C. Lo spessore del massetto di. i tubi RAP garatiscono comunque una perfetta così verificare la lunghezza totale di tubazione derando ottimale una lunghezza compresa tra tenuta nel tempo. Consiglio: Per migliorare le prestazioni chimico-fi- Negli impianti di riscaldamento a pavimento. una bassa classe di durezza F4. Risulta 8 volte il diametro esterno del tubo. mentre in caso di massetti autolivellanti di es. prova di flessione. vasche da bagno. dall’essiccazione e da effetti nocivi come per massetto Würth W 500 (Art. in modo tale da Le curvature a mano libera dei tubi RAP devo.

inoltre. tabelle con i valori precalcolati Gli impianti di riscaldamento a pavimento non La resistenza termica rappresenta la capa. Per comodità di verifica. la proprietà di resistenza termica supe.15 m²K/W. riore a 0.060 30 0. ed applicati secondo le istruzioni del produt.067 15 0.016 16 0.070 16 0.100 MARMO GOMMA MOQUETTE s R s R s R 10 0.080 18 0.003 2 0.006 4 0.011 8 0. sul massetto riscaldante e controllare.008 8 0. il posatore deve riscaldare. riportiamo di seguito completa stagionatura del massetto stesso.022 !!! = attenzione – superato il valore di richiedere al fornitore del pavimento 5 0.090 20 0.011 (m²K/W) In caso di materiale per pavimento 3 0. di resistenza termica R dei materiali necessitano di tipi particolari di pavimento o di cità di un materiale di opporre resistenza al più utilizzati per la realizzazione di pavimenti: tecniche speciali per la loro posa in opera. in modo tale da poter verifi- care che non sia superiore al valore limite consigliato di 0.004 3 0.010 10 0. mag- CERAMICA PARQUET COTTO s R s R s R 6 0.006 6 0. e quindi più è alta.018 18 0.Pavimentazioni I rivestimenti dei pavimenti vanno conservati Per raggiungere una sufficiente giore sarà la proprietà isolante del materiale.007 6 0.011 8 0.033 14 0.089 20 0.020 20 0. 4 0. cessione di calore all’ambiente da Per questo essa influisce sensibilmente sulla tore.017 10 0.018 12 0.014 14 0.130 14 0.014 10 0. Prima dell’installazione.040 15 0.012 12 0.110 30 0. 98 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO .156 !!! LINOLEUM Legenda tabelle: s R R = resistenza termica del pavimento Nota: 2 0.050 20 0.009 5 0.030 10 0.15 m²K/W.028 resistenza termica consigliato stesso il relativo valore di resistenza termica. passaggio del calore.022 12 0. è comunque sconsigliato trasmissione del calore all’ambiente da parte verificare l’idoneità della posa del rivestimento adottare tipologie di pavimenti aventi del massetto riscaldato.017 s = spessore del pavimento (mm) non presente nelle precedenti tabelle.

25 1. possono essere applicati due strati di isolante. In funzione della temperatura del La resistenza termica rappresenta la capacità di un sistema di riscaldamento a pavimento. se possibile.50 2. è quindi consigliabile sce- gliere una resistenza termica superiore ai valori riportati nella norma UNI EN 1264-4.25 1. le vano o dell’ambiente sottostante all’impianto di un materiale di opporre resistenza al passaggio dispersioni termiche verso il basso devono essere riscaldamento.75 1. di una stanza da letto). gli strati di isolamento devono del calore. e quindi più è alta. maggiore sarà la quanto più possibile contenute.00 (m²K/W) Caso 1 Caso 2 Caso 3 La tabella precedente può essere resa più intuitiva con il disegno seguente: Indicazione: Nel caso in cui con un unico pannello non si raggiungesse il valore minimo di resistenza termica richiesto dalla norma UNI EN 1264-4. Valori minimi di resistenza termica degli strati d’isolamento sottostanti l’impianto di riscaldamento a pavimento Ambiente sottostante Temperatura dell’aria esterna sottostante non riscaldato o Ambiente sottostante riscaldato in modo non Temperatura Temperatura Temperatura riscaldato continuativo o diretta. I pannelli isolanti possedere caratteristiche di resistenza termica tali proprietà isolante del materiale. Indicazione: Una resistenza termica più elevata del pannello isolante del riscaldamento a pavimento consente anche di non influenzare la temperatura del locale sottostante (ad es. La resistenza termica totale sarà quindi la somma delle resistenze termiche di ciascuno strato.Impianti e componenti.Resistenza termica dell’isolante secondo UNI EN 1264-4 Per poter sfruttare appieno le potenzialità di dell’impianto. esterna di progetto esterna di progetto esterna di progetto mente sul suolo T ≥ 0°C 0°C > T ≥ -5°C -5°C > T ≥ -15°C Resistenza termica 0. Soprattutto nei condomini. RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 99 . posti sotto le tubazioni riscaldanti hanno quindi da garantire il rispetto dei valori minimi imposti la funzione di ridurre la quantità di calore ceduto dalla norma UNI EN 1264-4: Riscaldamento a La norma UNI EN 1264-4 prevede: verso il basso e di limitare l’inerzia termica pavimento .

85 0.85 0.45 0. I pannelli sopraelencati possono essere richiesti anche con spessori e/o proprietà di EPS diversi.55 0. . dinamica acustico RAP (mm) (mm) (mm) (m²K/W) (W/mK) al 10% (kPa) (MN/m³) (dB) *) Termoisolante in rotolo 0878 900 767 1000 x 10000 20 . 12 31 Fonoassorbente isolante 0878 900 112 1200 x 600 35 28 1. in base all’esigenza del cantiere.00 0. 0. 10 32 Fonoassorbente isolante 0878 900 114 1200 x 600 55 28 1.75 0.55 0.035 200 > 200 Isolante con pellicola rigida 0878 900 116 1200 x 800 20 22 0.035 200 > 200 Bugnato Top Isolante con pellicola rigida 0878 900 117 1200 x 800 30 22 1.034 250 > 250 Bugnato Standard Termoisolante sagomato 0878 900 712 1100 x 600 20 28 0.035 200 > 200 Liscio in lastre 0878 900 710 1100 x 600 30 . Rigidità Isolamento Sistema Pannello Art.035 200 > 200 100 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO Termoisolante sagomato 0878 900 755 1100 x 600 10 22 0. 10 32 Bugnato Silence Fonoassorbente isolante 0878 900 113 1200 x 600 45 28 1. 0. Sollecitaz. 0. Tutti i pannelli della gamma RAP sono marcati CE secondo la norma UNI EN 13163 (Prodotti di polistirene espanso EPS ottenuti in fabbrica) ed hanno un valore di assorbimento d‘acqua < 5% ed euroclasse E di reazione al fuoco. Caratteristiche tecniche dei pannelli isolanti per sistemi di riscaldamento a pavimento RAP Superficie Spess. utile utile bugna termica termica EPS a compress. Spess.035 200 > 200 Isolante con pellicola rigida 0878 900 115 1200 x 800 10 22 0. 8 34 *) Nota: attenuazione del livello di pressione sonora di calpestio ΔLW secondo UNI EN 12354-2 con massetto in densità standard 2000 kg/m³ di spessore ipotizzato pari a 50 mm.45 0.30 0.035 200 > 200 Tacker + Binario Liscio in lastre 0878 900 711 1100 x 600 20 .035 200 > 200 Termoisolante sagomato 0878 900 709 1100 x 600 30 28 1.035 200 > 200 Isolante con pellicola rigida 0878 900 118 1200 x 800 40 22 1.035 200 > 200 Termoisolante in rotolo 0878 900 766 1000 x 10000 30 .15 0.036 200 + elast.036 200 + elast.70 0.036 200 + elast.90 0.035 200 > 200 Fonoassorbente isolante 0878 900 111 1200 x 600 25 28 0.036 200 + elast.05 0.45 0. Resistenza Conducib. 0.75 0.

di mandata per consentire un pratico cablag. Il collettore RIVER- di profondità 80 mm.Collettore di distribuzione Il collettore viene impiegato per la distribuzione. quest’ultimo potrà essere sistemato in La portata d’acqua di ogni singolo circuito maniera più accessibile nella cassetta. le dispersioni termiche in inverno ed evita la l’utente finale. I flussimetri integrati sul collettore di mandata facilitano il bilanciamento idraulico dell’impianto. ciò consente quindi di PLUS è quindi ottimo per essere utilizzato sia in posizionare liberamente il collettore all’interno Il collettore di ritorno è sovrastante al collettore impianti di riscaldamento che di raffrescamento degli alloggi anche in tramezze divisorie. ritorno. invertendo tività termica: λ= 0. condut- zincato per un rapido fissaggio alla cassetta raccordo girevole di cui è fornito.038 W/mK) in polietilene d’ispezione. come unica differenza da 1” in ottone nichelato vengono forniti pre. Inoltre. per invertire il lato degli ingressi Il collettore RIVER-PLUS. intercettazione e regolazione dei singoli circuiti negli impianti a pannelli radianti. sul collettore di ritorno • ingressi al collettore invertibili (da sx sono presenti vitoni termostatizzabili sui quali a dx) senza smontarlo dalle staffe possono essere installate teste elettrotermiche. viene regolata sul collettore di mandata tramite Vantaggi: flussimetri. Kit prolunga 1” M-F per collettori montaggi di successivi gusci isolanti metro” viene fornito installato sul lato destro dotato di pratico raccordo girevole RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 101 . viene fornito già completo montati ed assemblati su due staffe in acciaio e rimontato sul lato opposto grazie al pratico di isolazione termica (spessore: 6 mm. in quanto l’isolazione limita evitando quindi fastidiosi vincoli di arredo per gio delle eventuali teste elettrotermiche. consentendo una precisa regolazione delle singole portate d’acqua (vedi anche paragrafo “Bilanciamento idraulico” in questo capitolo). un termometro per il • possibilità di prolungare il collettore controllo della temperatura ed una valvola di di ulteriori 2 vie sfiato automatica che espelle l’aria presente • River-Plus già dotato di isolazione. • blocco terminale”sfiato + scarico + Il blocco terminale presenta un rubinetto di termometro” compatto e ruotabile carico/scarico impianto. nel sistema. a pannelli radianti. che permettono il bilanciamento • installabile realmente anche in idraulico dell’impianto. Collettore RIVER e RIVER-PLUS Collettore RIVER Collettore RIVER-PLUS per l’impiego in impianti di riscaldamento a pannelli radianti per l’impiego in impianti di riscaldamento e raffrescamento a pannelli radianti I collettori di distribuzione RIVER e RIVER-PLUS del collettore. poi anche la posizione del termometro grazie espanso a celle chiuse rivestita esternamente con te i collettori sono installabili anche in cassette alla sua sede bidirezionale. Grazie alle speciali staffe ribassa. evitando quindi fastidiosi e scomodi Il blocco terminale “sfiato + scarico + termo. dell’acqua al collettore può essere smontato dal collettore RIVER. Per una migliore cassette da 80 mm di spessore termoregolazione. in caso di montaggio di un contacalorie sul formazione di condensa sul collettore in estate. pellicola protettiva in PVC.

farfalla in alluminio. cassetta 1) collettore di mandata da 1“ F-F (RIVER-PLUS: preisolato) Collettore L (mm) g consigliata (mm) 2) collettore di ritorno da 1“ F-F (RIVER-PLUS: preisolato) a 2 vie 155 2.350 850 Caratteristiche: a 11 vie 605 6. 2 termometri (0÷80°C) con attacco posteriore a 8 vie 455 5.395 850 8) n.! In caso di scelta di valvole a squadra. Grazie allo speciale bocchettone a tenuta morbida con dado girevole il collegamento ai collettori risulta molto pratico e rapido.920 700 7) n.440 700 6) n.5) con manopole a 4 vie 255 3.830 1.780 1. 2 staffe di supporto ribassate in acciaio zincato a 9 vie 505 5.000 • corpo in ottone CW617N a 12 vie 655 7. a seconda della necessità dell’installatore.305 1. o-ring in EPDM N.010 500 4) vitoni termostatizzabili (filetto M30x1.965 600 5) n. sfalsare il collettore superiore di una via rispetto a quello inferiore per consentire il collegamento Coppia valvole a sfera diritte Coppia valvole a sfera a squadra dei tubi di alimentazione alle valvole stesse (vedi immagine sopra) 102 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO . 2 valvole di sfiato aria automatiche da 1/2” a 6 vie 355 4.000 • filettature a norma ISO 228 • temperatura d’esercizio 25÷80°C (River-Plus: 15÷80°C) • pressione max.I collettori RIVER vengono forniti premontati e completi di: lunghezza peso lungh.875 850 9) raccordi per singoli circuiti con filetto 3/4” Eurokonus a 10 vie 555 6.535 500 3) flussimetri regolabili (0÷5 l/min) a 3 vie 205 3. Caratteristiche valvole: • attacchi filettati 1” maschio-femmina • corpo in ottone nichelato.000 • o-ring e guarnizioni in EPDM a 13 vie 705 7.B. 2 rubinetti girevoli di carico/scarico da 1/2” a 7 vie 405 4.490 600 di chiusura manuale a 5 vie 305 3. d’esercizio 6 bar I collettori sono da abbinare alle relative coppie di valvole a sfera diritte o a squadra.

nei pressi del locale da riscaldare. circuiti a pavimento. Vantaggi: • gruppo fornito premontato e precablato in cassetta • portata d’acqua elevata (gruppo pompa DN20 a passag- gio totale contro i comuni DN15) • esigua profondità: installabile in pareti di spessore 110 mm • esigua lunghezza: fino a 13 vie in cassetta da 1 m (eccetto Poseidon-AT3) • comoda manutenzione/smontaggio grazie ai dadi girevoli Schema idraulico Funzionamento: l‘acqua ad alta temperatura proveniente dalla caldaia arriva alla valvola miscelatrice 3 vie (1). La pompa (3) fa circolare l’acqua e garantisce la prevalenza nei circuiti dei pannelli radianti. fino ad ottenere il valore di temperatura impostato sulla testa termostatica (2). che l’installazione di un mente attraverso una valvola termostatica. sarà necessario ridurre la temperatura del fluido riscal. Una testa termostatica (2) collegata ad una sonda di rilevamento della temperatura (4) miscela l’acqua ad alta temperatura con l’acqua a bassa temperatura di ritorno dai pannelli radianti. cioè sia con radiatori (alta temp.) temperatura avviene direttamente nella cassetta del collettore dei Gruppo di miscelazione a punto fisso POSEIDON Il gruppo di miscelazione a punto fisso POSEIDON garantisce una temperatura costante del fluido di mandata nei circuiti di riscalda- mento a pannelli radianti. termocamini. radianti (bassa temp. collettore di distribuzione dei singoli circuiti dell’impianto a pannelli dante. Questo per evitare una temperatura superficiale del pavimento radianti troppo elevata che porterebbe a probabili danneggiamenti del rivesti. RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 103 . caldaie a legna ecc. E’ il sistema di regolazione più semplice e si utilizza generalmente in presenza di un generatore di calore ad alta temperatura. • In impianti misti.) che con pannelli mento del pavimento. il cui valore desiderato viene impostato manualmente sulla valvola termostatica. Il by-pass regolabile (6) garantisce sempre un minimo flusso di fluido. salvaguardando la pompa (3) da eventuali bruciature in caso di chiusura di tutti i circuiti dell’impianto a pannelli radianti. aggiuntivo circuito a bassa temperatura attraverso l’edificio. oltre che a possibili disturbi agli arti inferiori. Il valore di temperatura desiderato viene impostato manual. Se in un edificio alimentato da un impianto di riscaldamento ad alta Quando si utilizza? temperatura si devono riscaldare degli ambienti con il riscaldamento a • In presenza di un’alta temperatura dell’acqua (> 50°C) in arrivo al pavimento. lazione e di pompaggio nel locale caldaia. vecchie caldaie.) • In impianti che producono il calore con generatori ad alta tempera- Con i gruppi di miscelazione a punto fisso questo abbassamento della tura (ad es. Un termostato di sicurezza (5) interviene spegnendo la pompa (3) in caso di superamento della temperatura massima impostata su di esso (normalmente 55°C).Regolazione a punto fisso La regolazione a punto fisso consente di ottenere una temperatura co. Si rendono stante del fluido di mandata all’impianto di riscaldamento a pannelli quindi superflui sia il montaggio di un aggiuntivo gruppo di misce- radianti.

c. 2 termometri (0÷80°C) con attacco posteriore 8) n. dotata di ingresso 230V.) per circuito primario (Fig.5) con manopole di chiusura manuale 5) n.I gruppi di miscelazione POSEIDON vengono forniti premontati e precablati in cassetta e completi di: 1) collettore di mandata da 1“ F-F 2) collettore di ritorno da 1“ F-F 3) flussimetri regolabili (0÷5 l/min) 4) vitoni termostatizzabili (filetto M30x1. • temperatura d’esercizio 20÷55°C stato ambiente e relè per comando caldaia o valvola di zona • pressione max. 2 Fig. a 2 vie Kit stacchi alta temp.a.) per circuito primario (Fig. 104 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO . 2) o 3 vie (Fig. 2 valvole d’intercettazione a sfera da 1” F-F con dado girevole 11) valvola di miscelazione a 3 vie 12) testa termostatica (20÷70°C) 13) sonda temperatura ad immersione 14) by-pass regolabile (1÷6 m. ma con labile (1÷3 m. 1 Fig. 1) by-pass regolabile (1÷3 m. 3 Fig. 2 staffe di supporto in acciaio zincato 9) raccordi per singoli circuiti con filetto 3/4” Eurokonus 10) n. per l’alimentazione di eventuali radiatori Fig.) per circuito secondario Caratteristiche: 15) pompa di circolazione a 3 velocità (ITT TLC 25-6) • corpo in ottone CW617N 16) termostato di sicurezza a contatto (0÷90°C) pretarato a 55°C • o-ring e guarnizioni in EPDM 17) scatola elettrica precablata alla pompa di circolazione ed al • filettature a norma ISO 228 termostato di sicurezza. 2 rubinetti girevoli di carico/scarico da 1/2” 7) n.a. a 3 vie By-pass primario con attacchi alta temp. ma con by-pass rego. ingresso termo. Modello POSEIDON-AT2 e AT3: come POSEIDON.c. 4 By-pass per circuito primario Kit stacchi alta temp.a.c. d’esercizio 6 bar 18) cassetta da incasso regolabile in altezza (tramite piedini) ed in profondità (tramite asole) Modello POSEIDON-BY: come POSEIDON. 2 valvole di sfiato aria automatiche da 1/2” 6) n. 4) e kit stacchi alta temperatura a 2 (Fig. 3) termostatizzabi- li sul collettore di ritorno.

d’esercizio: 10 bar By-pass in sezione Portata e prevalenza pompa ITT TLC 25-6 Scatola elettrica Il gruppo di miscelazione POSEIDON è fornito di scheda elettrica per comandare la pompa di circolazione. della freccia di lettura della regolazione. ca è presente una scala di regolazione da 1 a Secondo la norma UNI EN 1264 la 6 che corrisponde ai seguenti valori: temperatura del fluido nel massetto 1 = circa 20° riscaldante non deve comunque mai Testa termostatica con sonda a immersione 2 = circa 30° superare i 55°C. La scheda presenta i seguenti ingressi e uscite: • CALDAIA: consenso caldaia • POMPA: alimentazione circolatore (fornito già precablato) • TERM SIC: connessione termostato di sicurez- za (fornito già precablato) • TERM AMB: connessione termostato ambiente • 230V AC: alimentazione scheda RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 105 .a. Il termostato di sicurezza 3 = circa 40° deve essere quindi tarato a questo valore. Pompa di circolazione e by-pass regolabile per circuito secondario La pompa ha la funzione di far circolare l’acqua all’interno del circuito a bassa tempe- ratura (lato pannelli). dell’acqua con l’ausilio dei termometri applica- Termostato di sicurezza ti sui collettori di mandata e ritorno.). in 4 = circa 50° modo tale che se il fluido dovesse accidental- 5 = circa 60° mente raggiungere la temperatura di 55°C 6 = circa 70° il termostato stesso spegnerà il circolatore Verificare comunque l’effettiva temperatura permettendo al fluido di raffreddarsi.c. Sul corpo della testa termostati. I gruppi di miscelazione POSEIDON sono forniti con pompa ITT TLC 25-6 a 3 velocità (su richiesta con pompa elet- tronica) e di by-pass regolabile (1÷6 m. Quest’ultimo garantisce un flusso minimo di circolazione per evitare danni alla pompa in caso di chiusura di tutti i circuiti dell’impianto radiante. Caratteristiche pompa ITT TLC 25-6: interasse attacchi: 130 mm filettatura attacchi: G 1”1/2 classe energetica: C pressione max.Testa termostatica e termostato di sicurezza Nei gruppi a punto fisso POSEIDON la Una volta effettuata la regolazione al valore temperatura del fluido di mandata ai circuiti desiderato si può bloccare la rotazione della dell’impianto radiante viene impostata tramite testa termostatica (per evitarne modifiche una testa termostatica collegata ad una sonda accidentali) tramite una ghiera posta al di sotto a immersione.

505 0878 901 305 a 6 vie 763 21.770 0878 901 213 Poseidon.821 0878 901 211 a 12 vie 1063 27.295 0878 901 212 a 13 vie 1063 27.070 0878 901 408 a 9 vie 913 28.880 0878 901 310 a 11 vie 1063 27.170 0878 901 404 a 5 vie 763 25.445 0878 901 206 a 7 vie 913 22.020 0878 901 410 a 11 vie 1063 31.545 0878 901 202 L a 3 vie 663 19. By L H P g L P a 2 vie 563 18. dimensioni cassetta/mm peso L P misura Art.305 0878 901 313 Con kit stacchi alta temperatura a 2 vie Poseidon. AT3 L H P g a 2 vie 663 23.825 0878 901 502 a 3 vie 663 24.101 0878 901 511 a 12 vie 1263 35.930 0878 901 308 a 9 vie 913 24.Dimensioni e pesi dei gruppi di miscelazione POSEIDON dimensioni cassetta/mm peso Poseidon misura Art.775 0878 901 504 a 5 vie 763 27.405 0878 901 309 a 10 vie 1063 26.970 0878 901 412 a 13 vie 1063 32.495 0878 901 204 a 5 vie 763 20.200 0878 901 507 1” 913÷1023 113÷163 a 8 vie 913 28.595 0878 901 407 1” 913÷1023 113÷163 a 8 vie 913 28.555 0878 901 303 a 4 vie 663 20.300 0878 901 503 a 4 vie 763 25.830 0878 901 312 a 13 vie 1063 28. L H P g P a 2 vie 563 17.625 0878 901 510 a 11 vie 1063 32.220 0878 901 402 a 3 vie 663 23.496 0878 901 411 a 12 vie 1063 31.870 0878 901 209 a 10 vie 1063 26.345 0878 901 210 a 11 vie 1063 26.356 0878 901 311 a 12 vie 1063 27.080 0878 901 302 a 3 vie 663 19.020 0878 901 203 a 4 vie 663 19. AT2 L H P g a 2 vie 663 23.645 0878 901 405 a 6 vie 763 26.920 0878 901 207 H 1” 771÷881 113÷163 a 8 vie 913 23.695 0878 901 403 a 4 vie 663 24. dimensioni cassetta/mm peso L P misura Art.545 0878 901 409 a 10 vie 1063 31.030 0878 901 304 a 5 vie 763 21.725 0878 901 506 H a 7 vie 913 28.455 0878 901 307 H 1” 771÷881 113÷163 a 8 vie 913 23.675 0878 901 508 a 9 vie 1063 31.575 0878 901 512 a 13 vie 1263 36.980 0878 901 306 a 7 vie 913 23. dimensioni cassetta/mm peso misura Art.445 0878 901 413 Con kit stacchi alta temperatura a 3 vie Poseidon.250 0878 901 505 a 6 vie 913 27.120 0878 901 406 H a 7 vie 913 27.150 0878 901 509 a 10 vie 1063 31.970 0878 901 205 a 6 vie 763 21.050 0878 901 513 106 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO .395 0878 901 208 a 9 vie 913 23.

priva • complete di rete sulla parte posteriore e sul frontalino per facilitare l’aggrappaggio dell’intonaco quindi di qualsiasi punto di giuntura • fissaggio dei collettori garantito da due guide regolabili in altezza e larghezza • l’intera cassetta non presenta nessun punto • sistema di regolazione sulla battuta della porta studiato per eliminare eventuali vibrazioni dopo di saldatura per prevenire la formazione di l’installazione della cassetta ruggine • porta con chiusura radiale Struttura cassetta: 1. coppia guide per fissaggio staffe collettori 3. paramalta 1 4 Alette di fissaggio piegabili lungo la preincisione per ottenere la profondità minima di 80 mm Vite di fissaggio ad alette RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 107 . in modo da garantire una cassetta intatta e pulita a lavori terminati • completa di paramalta per la protezione del collettore e dell’interno della cassetta durante la fase di intonacatura • cassette dotate di piedini regolabili in altezza e porta regolabile in profondità tramite asole • cornice realizzata da un unico pezzo. piedino per regolazione altezza 5 7 2. corpo cassetta 3 8. cornice e porta 7. Di seguito riportiamo alcuni parametri salienti che caratterizzano le nostre cassette: • possibilità di scelta del modello più adatto al tipo di installazione (profondità 80 o 110 mm con altezze 630 o 770 mm) • sia il corpo che la porta dell’armadio sono prodotti con lamiera di acciaio zincato a caldo di base spessore 8/10 • porta e cornice rivestite con materiale plastico antigraffio colore RAL 9010 e dotate di pellicola protettiva trasparente. rete parte posteriore 6 6. supporto per frontalino 8 4.Cassetta d’ispezione da incasso Le cassette da incasso vengono utilizzate per l’alloggiamento di collettori di distribuzione e/o di organi di contabilizzazione. frontalino con rete 2 5.

L L1 H H1 H2 P collettore 500 563 502 6.850 fino a 3 0878 901 181 600 663 602 8.260 fino a 7 0878 901 153 640-80 642÷752 520 613÷723 83÷133 850 913 852 9. L H1 H H2 L1 P Per tramezzo profondità min.460 fino a 3 0878 901 171 600 663 602 8.700 fino a 13 0878 901 185 1200 1263 1202 14.560 fino a 7 0878 901 163 640-110 642÷752 520 613÷723 113÷163 850 913 852 9.930 fino a 13 0878 901 156 500 563 502 7. 110 mm dimensioni/mm n.380 fino a 10 0878 901 154 1000 1063 1002 10.290 fino a 5 0878 901 152 700 763 702 8.600 fino a 13 0878 901 166 500 563 502 7.560 fino a 5 0878 901 162 700 763 702 8.640 fino a 3 0878 901 161 600 663 602 7.400 fino a 7 0878 901 173 770-80 771÷881 642 742÷852 83÷133 850 913 852 10.640 fino a 5 0878 901 182 700 763 702 9. vie modello tipo peso/g Art.820 fino a 7 0878 901 183 770-110 771÷881 642 742÷852 113÷163 850 913 852 11.290 fino a 10 0878 901 184 1000 1063 1002 12.300 fino a 13 0878 901 175 1200 1263 1202 14. all’interno della cassetta (ad es. pompe di circolazione) 108 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO . • Le cassette con profondità 110 mm sono particolarmente indicate in caso di installazione di componenti idraulici ingombranti all’interno della cassetta (ad es.820 fino a 10 0878 901 174 1000 1063 1002 12.630 fino a 10 0878 901 164 1000 1063 1002 11. vie modello tipo peso/g Art. moduli elettrici).390 fino a 13 0878 901 186 Note: • Le cassette con altezza 770 mm sono particolarmente indicate in caso di installazione di altri componenti.020 fino a 13 0878 901 165 1200 1263 1202 12.400 fino a 3 0878 901 151 600 663 602 7.390 fino a 5 0878 901 172 700 763 702 9.580 fino a 13 0878 901 155 1200 1263 1202 11. 80 mm dimensioni/mm n. oltre al semplice collettore con valvole d’intercettazione. L L1 H H1 H2 P collettore 500 563 502 6.260 fino a 13 0878 901 176 Per tramezzo profondità min.

uno sfilamento totale con conseguente e fasti. materiale plastico termore- catori di portata) sono applicati sui collettori Dopo la regolazione di tutti i circuiti. i valori subito degli squilibri causati dalle successive finale delle portate d’acqua dei singoli circuiti. coperchio di protezione rosso. i circuiti di ogni singolo Durante il processo di bilanciamento tutte le sivamente nel collettore di mandata e possono collettore devono essere bilanciati idraulicamen. gli stessi ora. minabili aritmeticamente con l’aiuto di software Fluidi di flusso o tabelle di calcolo. Per regolare i flussimetri alle portate in litri/ I flussimetri Würth possono essere utilizzati Impianti bilanciati correttamente dal punto di minuto precedentemente calcolate. Attraverso • Filetto d’attacco 1/2” M Bilanciamento dei circuiti il vetro di ispezione può essere visivamente letto • Temperature d’esercizio: -10÷70°C nei collettori con flussimetri e controllato il valore di portata impostato. sistente e acciaio inox. corsa in apertura. d’esercizio: 6 bar I flussimetri (valvole di regolazione con indi. guarnizioni in EPDM di mandata in corrispondenza degli stacchi sario. gene. in quanto l’indicatore vertiti spostamenti. economico. vista idraulico garantiscono la distribuzione perchio di protezione rosso e ruotare l’apposita miscele di acqua con comuni additivi antigelo e ottimale dell’energia e quindi un funzionamento manopola nera.Bilanciamento idraulico Per ottenere una equa distribuzione della quan. Il bilanciamento idraulico viene eseguito dopo Posizione di montaggio tità d’acqua nei circuiti con differenti perdite il riempimento e la sfiatatura di tutti i circuiti. per il bilanciamento idraulico. Il flussimetro è dotato di fine corrosione. Diagramma di perdita di pressione con apertura max. I flussimetri Würth devono essere utilizzati esclu- di carico complessive. d’acqua e le perdite di carico dei circuiti. Dividendo questi valori per 60 si ottengono vengono protetti da non autorizzati oppure inav- le portate in litri/minuto. in armonia con le leggi sul rispar. Dati tecnici flussimetri Würth diosa fuoriuscita d’acqua dal circuito. della valvola RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 109 . dovranno essere nuovamente corrette le • Filettatura: a norma ISO 228 dei singoli circuiti. valvole del collettore di ritorno devono essere essere montati sia in posizione orizzontale che te tra di loro. deter. se neces. Una volta che tutti i flussimetri indicano ralmente espresse in litri/ora oppure in chili/ le singole specifiche portate calcolate. Nei collettori con flussimetri prime registrazioni. tarature. reinserendo fino in battuta il di portata del flussimetro riporta questa scala. verticale. in quanto potrebbero aver • Precisazione di misurazione: ±10% dal valore bastano. I flussimetri vengono quindi impostati in base a questi valori precalcolati di portata d’acqua in litri/minuto. con acqua di riscaldamento e raffrescamento. Alla base di ciò ci sono le portate completamente aperte e la pompa di circolazio. in modo tale da scongiurare mio energetico. • Materiale: ottone. ne in funzione. • Pressione max. sfilare il co.

mo come supporto al taglio l’utilizzo di una staggia) in modo da evitare eventuali ponti termici ed acustici. 0878 900 766/767). Ogni fila seguente Pannello liscio in lastre Striscia perimetrale adesiva 110 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO . EN 1264-4” in questo capitolo). In caso di utilizzo dei pannelli in rotolo con pellicola alluminizzata e pretracciata (art. 0878 900 780) viene posato il pannello termoisolante in rotolo (art. 0878 900 766/767) oppure il pannello liscio in lastre (art. Per lo posa del sistema Bugnato Standard). Nel tagliare i pannelli isolanti fare attenzione all’ortogonalità ed alla precisione (consiglia- coprirà la precedente con la pellicola di 0878 900 710/711). Le file dei pannelli isolanti vanno disposti partendo da un angolo e preferibilmente nel senso del lato più lungo del locale da riscaldare. foglio trasparente in PE della striscia perime.Indicazioni di posa Osservare le indicazioni generali riportate nel catalogo per il montaggio e la posa degli im- pianti di riscaldamento a pavimento. dovranno essere osser- sovrapposizione adesiva del pannello stesso. appoggiandoli alla striscia perimetrale ed avendo cura di posizionare la pellicola trasparente in PE della striscia stessa sopra al pannello. Per effettuare la rifilatura del materiale isolante in polistirolo può essere utilizzato un taglierino affilato. Dopo aver applicato la striscia perimetrale adesiva (art. Il vate le stesse indicazioni del pannello in rotolo. dalla gamma in base all’esigenza del cantiere (vedi anche paragrafo In caso di utilizzo dei pannelli lisci in lastre “Resistenza termica dell’isolante secondo UNI Pannello termoisolante in rotolo con pellicola in PS e pretracciata a croce (art. 0878 900 710/711) in tutti gli ambienti da riscaldare. in modo mediante scanalature maschio/femmina lungo da evitare infiltrazioni d’aria e dell’impasto il perimetro del pannello (vedi indicazioni di del massetto nella zona della parete. stesso motivo dovranno essere sigillati anche tutti i bordi di taglio dell’isolazione e tutte le Scegliere lo spessore del pannello isolante sovrapposizioni delle pellicole adesive.Sistema Tacker . nonché le descrizioni relative all’isolazione da applicare sotto alle tubazioni riscaldanti a pavimento. spesso causati da “spazi vuoti” dovuti a tagli grossolani dei pannelli. questi andranno posati partendo da un angolo e posizionando la prima fila di pannelli con la pellicola di sovrap- posizione contro il muro. L’unica differenza riguarda la giunzione tra i trale dovrà essere attaccato sulla superficie pannelli che in questo caso avverrà ad incastro dell’isolazione con del nastro adesivo.

0878 900 744). nee precauzioni. Nei tratti di curvatura dei tubi è invece necessario un fissaggio più stretto. I chiodi RAP di fissaggio vengono applicati con l’ausilio della macchina inchiodatrice (art. 0878 900 777). Tutti i circuiti allacciati al collettore • Tubo RAP PE-MDX 17 o 20 a media diretta sulla superficie di pannelli isolanti lisci. Dopo la stesura del massetto In caso di rischio di gelo adottare ido- massetti” in questo capitolo). fermo restando il rispetto delle prescrizioni riportate nell’eventuale progetto. vanno sottoposti ad una prova di pressione densità ed un’estremità tonda per l’incastro tra le (vedi protocollo di prova pressione). In base al tipo ed al passo di posa prescelto. I tubi vanno protetti nel passaggio dalla cassetta al pavimento mediante guaine protettive (art.La posa dei tubi inizia dal collettore superiore di ritorno. 0878 386 Chiodo RAP 103) oppure curve di sostegno (art. ancorare il tubo direttamente allo strato isolante con i chiodi RAP di fissaggio (art. La pressio- • Tubo RAP PE-X 17 ad alta densità bugne degli isolanti preformati. Nella zona di ne va mantenuta anche durante la gettata del • Tubo Stabil 16 passaggio attraverso i giunti di dilatazione. Lungo questi rifilare la parte di giunto in eccedenza. Per la posa possono essere utilizzati i seguenti (0878 900 790) il quale presenta un’estremità ogni singolo circuito va risciacquato con acqua tubi: piatta con striscia adesiva per l’applicazione e sfiatato. punti applicare il giunto di dilatazione DUAL Una volta ultimato l’impianto a pavimento. art. utilizzare del liquido antigelo o temperare l’edificio. 0878 386 011). 0. 0878 343 590) oppure con gli adattatori di allacciamento a stringere (ad es. ad es. sempre Macchina inchiodatrice rispettando il raggio di curvatura minimo. Dopo aver posato il massetto dovrà essere effettuato il bilanciamento idraulico dei singoli circuiti a pavimento e l’avviamento iniziale del riscaldamento. Attenzione: dilatazione (vedi anche paragrafo “Tagli dei 0878 386 103). 0878 900 778) ad una distanza di ca. art. RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 111 .5 m. pari a 8 volte il diametro esterno del tubo. collocare dei giunti di le apposite guaine protettive pretagliate (art. Nello sviluppo dei circuiti il passo di posa e la direzione dei tubi è libera da vin- coli. L’allacciamento al collettore avviene a seconda del tipo di tubo con i raccordi Euro- konus (ad es. massetto. proteggere le tubazioni di adduzione dai In base al progetto dei giunti ed in accordo possibili movimenti del massetto applicando con il massettista.

Il foglio trasparente in PE della nel passaggio dalla cassetta al pavimento descrizioni relative all’isolazione da applicare striscia perimetrale dovrà essere attaccato mediante guaine protettive (art. senza l’impiego di alcun utensile. I tubi vanno protetti pianti di riscaldamento a pavimento. 0878 900 710/711) questo capitolo).Indicazioni di posa Osservare le indicazioni generali riportate nel Ogni fila seguente coprirà la precedente con gli adattatori di allacciamento stringere (ad catalogo per il montaggio e la posa degli im. in tutti gli ambienti da riscaldare. della lunghezza di 4 m cadauno. Appoggiare i pannelli alla striscia a seconda della direzione o del tipo di posa perimetrale avendo cura di posizionare la del tubo. Per lo stesso motivo dovranno essere fermo restando il rispetto delle prescrizioni sigillati anche tutti i bordi di taglio dell’isola. la pellicola di sovrapposizione adesiva del es. 0878 386 011). La distanza tra tura del materiale isolante in polistirolo può un binario e l’altro non deve essere superiore essere utilizzato un taglierino affilato. Dopo aver applicato la striscia perimetrale Scegliere lo spessore del pannello isolante adesiva (art. art. 0878 386 sotto alle tubazioni riscaldanti a pavimento. Per fare ciò togliere il nastro di pellicola trasparente in PE della striscia stessa protezione dello strato adesivo posto alla sopra al pannello. Il passo di posa consentito dalle e dell’impasto del massetto nella zona della scanalature dei binari è di 50 mm e multipli. L’allacciamento al collettore avviene posizionando la prima fila di pannelli con la a seconda del tipo di tubo con i raccordi Euro- pellicola di sovrapposizione contro il muro. Per effettuare la rifila. riportate nell’eventuale progetto. nonché le pannello stesso. Nel tagliare i pannelli base dei binari. zione e tutte le sovrapposizioni delle pellicole adesive. Le file dei pannelli isolanti vanno disposte preferibilmente Una volta posato l’isolante applicare i binari nel senso della parete più lunga del locale da autoadesivi (da richiedere come articolo riscaldare. In caso di utilizzo dei pannelli lisci in lastre con pellicola in PS e pretracciata a croce (art. 0878 900 710/711). In caso di utilizzo dei pannelli in rotolo con pellicola alluminizzata e pretracciata (art. konus (ad es. ad 1 m. partendo dall’angolo di sinistra di speciale). (vedi anche paragrafo “Resistenza termica 0878 900 766/767) oppure il pannello dell’isolante secondo UNI EN 1264-4” in liscio in lastre (art. spesso causati da “spazi vuoti” dovuti a tagli Il passo di posa consentito dalle scanalature grossolani dei pannelli. parete. dei binari è di 50 mm e multipli. e quindi incollarli mediante isolanti fare attenzione all’ortogonalità ed pressione direttamente sulla superficie del alla precisione (consigliamo come supporto pannello isolante. dovranno essere osservate le stesse indicazioni del pannello in rotolo. in modo da evitare infiltrazioni d’aria 900 744). questi andranno posati di ritorno. art. detta parete. 0878 adesivo. 0878 900 780) viene posato il dalla gamma in base all’esigenza del cantiere pannello termoisolante in rotolo (art. sulla superficie dell’isolazione con del nastro 103) oppure curve di sostegno (art. L’unica differenza riguarda la giunzio- ne tra i pannelli che in questo caso avverrà ad incastro mediante scanalature maschio/ femmina lungo il perimetro del pannello (vedi procedura di posa del pannello del sistema Bugnato Standard). Detti binari sono accorciabili al taglio l’utilizzo di una staggia) in modo (ogni 10 cm) nei punti di rottura presegnati sui da evitare eventuali ponti termici ed acustici. La posa dei tubi inizia dal collettore superiore 0878 900 766/767). 0878 343 590) oppure con 112 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO . binari stessi.Sistema Binario .

In base al tipo ed al passo di posa prescelto. In caso di rischio di gelo adottare ido- proteggere le tubazioni di adduzione dai nee precauzioni. Dopo la stesura del massetto rifilare la parte di giunto in eccedenza. collocare dei giunti di ogni singolo circuito va risciacquato con acqua dei binari di fissaggio mediante pressione con dilatazione (vedi anche paragrafo “Tagli dei e sfiatato. sempre (0878 900 790) il quale presenta un’estremità ne va mantenuta anche durante la gettata del rispettando il raggio di curvatura minimo. Dopo aver posato il massetto dovrà essere effettuato il bilanciamento idraulico dei singoli circuiti a pavimento e l’avviamento iniziale del riscaldamento. Lungo questi vanno sottoposti ad una prova di pressione invece fissati a dei piccoli pezzi di binario op. ad es. 0878 386 103). diretta sulla superficie di pannelli isolanti lisci. Nei tratti di curvatura i tubi vengono massetti” in questo capitolo). Tutti i circuiti allacciati al collettore il piede. pari piatta con striscia adesiva per l’applicazione massetto. Per la posa possono essere utilizzati i seguenti tubi: • Tubo RAP PE-MDX 17 o 20 a media densità • Tubo RAP PE-X 17 ad alta densità • Tubo Stabil 16 Pannello liscio in lastre Pannello termoisolante in rotolo Esempio di posa sistema RAP Binario RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 113 . utilizzare del possibili movimenti del massetto applicando liquido antigelo o temperare l’edificio. Nella zona di Attenzione: passaggio attraverso i giunti di dilatazione. inserire il tubo direttamente nelle scanalature con il massettista. a 8 volte il diametro esterno del tubo. punti applicare il giunto di dilatazione DUAL (vedi protocollo di prova pressione). ed un’estremità tonda per l’incastro tra le bugne degli isolanti preformati. le apposite guaine protettive pretagliate (art. In base al progetto dei giunti ed in accordo Una volta ultimato l’impianto a pavimento. La pressio- pure con alcuni chiodi di fissaggio RAP.

rosso (art. Angolo di partenza Pannello sistema Bugnato Silence Esempio di posa sistema RAP Bugnato Standard. accoppiato di colore nero prima dell’applicazione. (maschio) sul lato lungo del pannello. con residui di pannelli da un locale nalità ed alla precisione (consigliamo come precedentemente posato. 0878 900 111/112/113/114) (maschio) presente lungo due lati del pannello. l’incastro sporgente (art. 0878 900 115/116/ questo capitolo). Per effettuare e libera del locale (vedi il bordo rosso Pannello sistema Bugnato Top la rifilatura del materiale isolante in polistirolo nell’esempio di posa)! può essere utilizzato un taglierino affilato. isolante con pellicola rigida di dell’isolante secondo UNI EN 1264-4” in colore nero (art. Top e Silence 114 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO . 0878 900 780) viene posato in Utilizzare quindi il rimanente tutti gli ambienti da riscaldare. Di questo pannello ritagliare.Sistema Bugnato Standard. rivolgen- do poi questo lato “ritagliato” verso la parete Dopo aver applicato la striscia perimetrale (vedi il bordo verde nell’esempio di posa). a seconda del incastro sporgente (maschio) posto sul bordo sistema prescelto: corto del pannello (a sinistra • Sistema Bugnato Standard: pannello del pannello di destra) per agganciarsi al termoisolante sagomato di colore Scegliere lo spessore del pannello isolante pannello di partenza. fare atten- supporto al taglio l’utilizzo di una staggia) zione che i due bordi del pannello in modo da evitare eventuali ponti termici ed con l’invito all’incastro (femmina) siano acustici. nonché le la parete guida. verso le pareti dell’angolo di partenza a feribilmente nel senso della parete più lunga sinistra della parete guida (vedi il bordo blu del locale da riscaldare. partendo dall’angolo nell’esempio di posa). solo l’incastro sporgente sotto alle tubazioni riscaldanti a pavimento. sempre lungo pianti di riscaldamento a pavimento. spesso causati da “spazi vuoti” dovuti sempre rivolti verso la parte centrale a tagli grossolani dei pannelli. adesiva (art. destra del pannello di partenza. Top e Silence . 0878 900 709/712/755) dalla gamma in base all’esigenza del cantiere In questo modo viene a crearsi un’unione tra i • Sistema Bugnato Top: pannello (vedi anche paragrafo “Resistenza termica pannelli resistente ed impermeabile. preso da una confezione nuova) ritagliare. descrizioni relative all’isolazione da applicare prima della posa.Indicazioni di posa Osservare le indicazioni generali riportate nel Il successivo pannello andrà posizionato alla catalogo per il montaggio e la posa degli im. 117/118) • Sistema Bugnato Silence: pannello Se la posa inizia con un pannello integro (ad fonoassorbente isolante es. Applicare quindi i due lati “ritagliati” rivolti Le file dei pannelli isolanti vanno disposte pre. Appoggiare i pan- nelli alla striscia perimetrale avendo cura di posizionare la pellicola trasparente in PE della Attenzione: striscia stessa sopra al pannello. Pannello sistema Bugnato Standard di sinistra di detta parete. e così via. Nel tagliare Anche se la posa dovesse iniziare i pannelli isolanti fare attenzione all’ortogo.

La posa dei tubi inizia dal collettore superiore di ritorno. proteggere le tubazioni di successiva di pannelli. fermo restando il rispetto delle tà tonda per l’incastro tra le bugne degli isolanti di destra. per poter utiliz. utilizzare del • Tubo Stabil 16 liquido antigelo o temperare l’edificio. gli eventuali residui dei pannelli tagliati nell’ultima fila possono essere riutilizzati come fila iniziale nel locale successivo. art. Nei gliate (art. zare il pannello residuo come inizio di massetto nella zona della parete. 0878 386 103) oppure 790) il quale presenta un’estremità piatta con raggiungimento della parete opposta. L’ultimo curve di sostegno (art. Il passo striscia adesiva per l’applicazione diretta sulla pannello della fila verrà tagliato della restante di posa consentito dalle bugne dei pannelli è di superficie di pannelli isolanti lisci. in modo collo di prova pressione). il giunto di dilatazione DUAL (0878 900 riscaldamento. preformati. art. 0878 900 744). Ritagliare l’incastro sporgente (maschio) minimo. In questo modo la posa viene effettuata con In base al progetto dei giunti ed in accordo con pochi scarti e senza fessure di connessione. Nella zona di passaggio attraverso come inizio di posa (da sinistra) della fila i giunti di dilatazione. il massettista. adduzione dai possibili movimenti del massetto inserire il tubo direttamente tra le bugne dei applicando le apposite guaine protettive preta- pannelli mediante pressione con il piede. da evitare infiltrazioni d’aria e dell’impasto del nuta anche durante la gettata del massetto. Una volta ultimato l’impianto a pavimento.Proseguire la posa verso destra fino al guaine protettive (art. collocare dei giunti di dilatazione Dopo aver posato il massetto dovrà essere L’incastro sporgente (maschio) viene premuto (vedi anche paragrafo “Tagli dei massetti” in effettuato il bilanciamento idraulico dei singoli sull’invito all’incastro (femmina) del pannello questo capitolo). sarà necessario rifilare il rima- nente incastro sporgente (maschio) sul lato sinistro del pannello (lato corto). • Tubo RAP PE-X 17 ad alta densità nee precauzioni. solo dopo aver tagliato Bloccare tra le bugne il foglio trasparente in PE sfiatato. posa della fila successiva. Solamente per il primo pannello di posa da posiziona- re nell’angolo di partenza del nuovo locale. I tubi vanno protetti nel passaggio dalla cassetta al pavimento mediante Striscia perimetrale adesiva RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 115 . 0878 343 590) oppure con gli adattatori di allacciamento a stringere (ad es. Dopo la stesura del Consiglio: tratti di curvatura rispettare il raggio di curvatura massetto rifilare la parte di giunto in eccedenza. dovrà essere ancora disponibile l’incastro sporgente Per la posa possono essere utilizzati i seguenti tubi: Attenzione: (maschio) per potersi agganciare al • Tubo RAP PE-MDX 17 a media densità In caso di rischio di gelo adottare ido- pannello della fila precedente. Tutti i circuiti allacciati al collettore vanno il pannello stesso della restante misura della striscia perimetrale incastrandoci sopra il sottoposti ad una prova di pressione (vedi proto- necessaria ad arrivare contro il muro di tubo passante in prossimità del muro. Lungo questi punti applicare circuiti a pavimento e l’avviamento iniziale del adiacente già posato. La pressione va mante- destra! Questo perchè. Consiglio: Una volta raggiunta con la posa dei pannelli la parete del locale “inferiore” (opposta a quella guida di partenza). 0878 386 103). L’allacciamento al collettore avviene a seconda del tipo di tubo con i raccordi Euro- konus (ad es. ogni della prima fila di posa (aderente alla singolo circuito va risciacquato con acqua e parete guida). pari a 8 volte il diametro esterno del sul lato lungo dell’ultimo pannello tubo. ed un’estremi- misura necessaria ad arrivare contro il muro 50 mm e multipli. e la parte rimanente verrà utilizzata prescrizioni riportate nell’eventuale progetto. 0878 386 011). ad es. In base al tipo ed al passo di posa prescelto.

Termostato digitale a parete Il termostato digitale (art. sovrariscaldamento per effetto degli apporti • Termostato digitale va 2002/91/CE sul rendimento energetico in solari e degli apporti gratuiti interni. (art. stesso.R. 116 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO . 0878 900 101) o ristrutturati. sia per il riscaldamento • Testine elettrotermiche dispositivi per la regolazione automatica della tradizionale che per quello a pavimento. vigenti. in zone influenzate dalle radiazioni solari dirette o in prossimità di sorgenti di calore o di freddo.P. 59 “Regolamento di attuazione della diretti. (art. 4 al comma 21 del D. 2 aprile 2009. 0878 900 100) è La regolazione della temperatura è a program- un componente costituito da un interruttore la mazione fissa ed avviene mediante semplice cui azione on-off (aperto-chiuso) è comandata pressione del tasto ▲ per alzare o del tasto da una variazione di una temperatura di un ▼ per abbassare la temperatura ambiente elemento sensibile che è parte del componente desiderata. è prescritta l’installazione di nibili nella gamma. Evitare quindi il montaggio in nicchie. L’altezza del montaggio deve essere di circa 1. esposizioni uniformi al fine di non determinare Questa gamma si compone di: n. 0878 900 100) edilizia”. Portata dei contatti: 8 A / 250 V Indicazione: Attenzione: Indicazione: Per qualsiasi altra informazione Spegnere l’alimentazione elettrica L’installazione elettrica deve essere d’installazione e/o di settaggio principale prima di installare il eseguita da personale qualificato consultare le istruzioni contenute termostato. 0878 900 199) temperatura ambiente nei singoli locali o nelle dispositivi di regolazione atti a controllare la singole zone aventi caratteristiche di uso ed temperatura ambiente nei locali da riscaldare. e nel rispetto delle Norme CEI e CE all’interno della confezione.5 m dal pavimento. Dimensioni: 70 x 70 x 30 mm Schema di cablaggio Indicazione: Il luogo per l’installazione deve essere scelto in modo che il termostato possa cogliere la temperatura della stanza nella maniera più precisa. stabilisce che: • Cronotermostato digitale Per tutti gli edifici e gli impianti termici nuovi Per rispondere a questa esigenza sono dispo. dei (art. dietro a tendaggi.Regolazione della temperatura ambiente L’art.

5 m dal pavimento.1°C radiazioni solari dirette o in prossimi- Stima del rendimento: 10 A / 250 V. Caratteristiche tecniche: Indicazione: Memoria di Backup: EEPROM Il luogo per l’installazione deve essere Range di temperatura del display: 0÷50°C scelto in modo che il termostato possa Range di misura della temperatura: 5÷35°C cogliere la temperatura della stanza Intervallo di campionamento della temperatura: 1 min nella maniera più precisa. 0878 900 agli utenti il grande vantaggio di selezionare 101) è un componente costituito da un l’impostazione della temperatura desiderata interruttore la cui azione on-off (aperto-chiuso) secondo le varie esigenze quotidiane. è comandata da una variazione di una tempe- ratura di un elemento sensibile che è parte del L’ampio schermo LCD è prodotto con design di componente stesso. dietro Scala di regolazione della temperatura: 1°C a tendaggi. Indicazione: L’installazione elettrica deve essere eseguita da personale qualificato e nel rispetto delle Norme CEI e CE vigenti.5°C quindi il montaggio in nicchie. L’apparecchio fornisce quindi richiesto. Schema di cablaggio Attenzione: Spegnere l’alimentazione elettrica principale prima di installare il cronotermostato. Contatto Pulito RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 117 . senza tensione elettrica. SPDT L’altezza del montaggio deve essere di Dimensione: 140 x 85 x 30 mm circa 1.Cronotermostato digitale a parete Il cronotermostato digitale (art. programmazione molto intuitivo e con funzione di illuminazione incorporata per agevolare gli Questo cronotermostato comanda il sistema utenti anche presenza di ambienti bui. La programmazione è STAND-BY che permette in modo semplice indipendente per tutti i giorni della settimana e veloce di sospendere temporaneamente il ed ogni giorno è suddiviso in 48 fasce orarie riscaldamento quando non è necessario o programmabili. tà di sorgenti di calore o di freddo. di riscaldamento in modo da farlo lavorare con due modalità pre-selezionate (COMFORT Il cronotermostato dispone della funzione ed ECONOMY). in zone influenzate dalle Scala di visualizzazione della temperatura: 0. Indicazione: Per qualsiasi altra informazione d’installazione e/o di settaggio consultare le istruzioni contenute Portata dei contatti: 10 A / 250 V all’interno della confezione. Evitare Isteresi: 0.

60°C Indicazione: Temperatura di stoccaggio: -25°C. 200 ms e nel rispetto delle Norme CEI e CE Con contatto di fine corsa vigenti. Testina elettrotermica La testina elettrotermica a 4 fili al collettore stesso. ma anche esempio. 0878 386 700) che sulla valvola di zona viceversa. 300 mA per max. re più testine. mediante l’abbi- namento ad un termostato ambiente.1 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO . Questa valvola può essere più bassa di quella impostata sul termostato a infatti utilizzata sia sui collettori RAP (ad es.. in parallelo. 0878 900 025) per collettore compla.. la testina si aprirà e art.5 le istruzioni contenute all’interno della Normalmente chiusa confezione. Le testine elettrotermiche possono essere quindi installate sui singoli circuiti di un collettore e permettono il controllo.65°C Per qualsiasi altra informazione d’in- Tempo apertura/chiusura: 3 min stallazione e/o di settaggio consultare Filetto: M 30 x 1. nero grigio 117. vedere le indicazioni blu alla pagina seguente.8 W eseguita da personale qualificato Corrente d’inserzione: max. Ad per impianti riscaldamento. Un termostato può anche comanda- (art. 50/60 Hz L’installazione elettrica deve essere Potenza d’esercizio: 1. Schema di cablaggio Per il collegamento delle testine al termostato marrone o al cronotermostato ambiente ed all‘eventuale pompa di circolazione. della temperatura di ogni locale o zona collegata Caratteristiche tecniche: Indicazione: Tensione d’esercizio: 230 V AC. Corrente di commutazione: 230 V AC: 5 A (1 A) Classe di protezione: II Grado di protezione: IP 54 Temperatura ambiente: 0°C. a seconda della temperatura rilevata per l’installazione su collettori di distribuzione dal termostato ambiente a cui è collegata.. 0878 900 199) trova il suo impiego quella di aprire o chiudere il circuito sul quale negli impianti di riscaldamento ed è adatta è inserita. comando di quel locale.. se la temperatura ambiente risultasse su valvole di zona. La funzione della testina è (art. mediante collegamento elettrico nare.

L’apertura e la chiusura delle testine è (e talvolta la rottura) della pompa stessa ed un determinata. dalla richiesta o meno inutile spreco di energia. indica l’avvenuta collegamento fa in modo che la prima testina Riportiamo di seguito gli schemi elettrici di colle- apertura della testina. l’ultima sarà quella che spegne la aperta. ovviamente. ad esempio.2 . di temperatura da parte dei termostati ambiente Schema elettrico di collegamento Testina-Cronotermostato-Pompa Schema elettrico di collegamento Testina-Termostato-Pompa RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 117. questo tipo di collegati. di una pompa. chiudendosi.Le testine a 4 fili sono dotate di un contatto Anche in presenza di più testine. ausiliario che. in modo tale da evitare il sovraccarico pompa. cronotermostato (illustrati alle pagine preceden- importante consentire il funzionamento della mentre nel caso in cui tutte le testine vadano ti) ed all’eventuale pompa di circolazione: pompa di circolazione solamente a testina in chiusura. dando così il consenso che va in apertura chiude il proprio contatto gamento della testina a 4 fili al termostato o al per l’avvio. E’ infatti ausiliario facendo dunque partire la pompa.

e dal tecnico specializzato che l’ha effettuata 3. Una volta riempito e sfiatato completamente.Prova di pressione degli impianti di riscaldamento a pavimento RAP secondo UNI EN 1264-4 Ultimata l’installazione e prima della gettata La prova di pressione con acqua va effettuata del massetto o di altra copertura. Finita la procedura di riempimento e di do e lavando l’impianto. utilizzare del liquido anti- costante nei tubi durante la posa del massetto. gelo o temperare l’edificio. e comunque non inferiore a 6 4. Questa pressione dovrà essere mantenuta 5. Aprire il primo circuito (mandata + ritorno) precauzioni. pressione di prova non deve superare scarico.5 bar e se non viene riscontrato alcun difetto di tenuta 118 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO . fredda. 24 ore il calo di pressione è inferiore ad 1. In caso di utilizzo di collettori collegare un gruppo di messa in pressione con semplici detentori. e la nuovamente la pressione iniziale!) pressione iniziale dovrebbe essere ristabilita 11. Anche le 30 minuti ed una seconda volta dopo altri variazioni di temperatura del fluido falsano 30 minuti. che porta ad una la pressione iniziale una volta dopo diminuzione della pressione stessa. Preparare la prova alimentando tutto l’impianto alla pressione secondo Le proprietà del materiale dei tubi in plastica UNI EN 1264-4 (pressione di esercizio comportano una dilatazione del tubo durante x 2. Proseguire quindi con il circuito successivo necessaria un’ulteriore protezione dal gelo. la pressione di 9. La prova si intende superata se nell’arco di più volte dopo la dilatazione dei tubi. tutti i singoli circuiti dell’impianto a esercizio consentita. Dopo un’ulteriore mezz’ora l’esito della prova. carico del collettore di mandata ed un sione di prova deve essere ristabilita. Chiudere sia la mandata che il ritorno di la tenuta alla massima temperatura di tenuta. dovrebbe essere mantenuta una tempe. consigliamo di riscaldare gra- pressione con acqua secondo norma UNI EN chiudendo le valvole di intercettazione dualmente l’impianto e di verificarne 1264 parte 4 per verificarne la stabilità e la 2. e cambiando l’acqua flussometri (ad es. assicurandosi di portarlo fino in essere il doppio della pressione di esercizio luogo di scarico opportuno dell’impianto. chiudere lo almeno tre volte. durante la (in tutto 1 ora e 30 minuti dall’inizio) prova. la sfiatatura di tutti circuiti. ad es. ha inizio la prova (senza ripristinare ratura del fluido possibilmente costante. La prova va protocollata ed il protocol. i circuiti degli come segue: Consiglio: impianti di riscaldamento a pavimento ad Dopo la prova di pressione ad acqua acqua calda vanno sottoposti ad una prova di 1. scollegare l’acquedotto e i 6 bar. (mandata e ritorno) 10. Per questi motivi. 6. Separare i collettori dal resto dell’impianto. Il riscaldamento lo deve essere controfirmato dal committente pavimento (flussometri + valvole) dei tubi elimina le tensioni di posa. tubo di scarico a quello del collettore di La pressione utilizzata nella prova deve ritorno. Aprire completamente tutti i circuiti prova non deve superare i 10 bar. con un minimo di 6 bar). collettori RAP). Se per il normale chiudere il ritorno del circuito esercizio dell’impianto non dovesse essere 7. Aprire l’acquedotto In caso di rischio di gelo adottare idonee bar. il Attenzione: ripetendo i sopra elencati passi 5 e 6 liquido antigelo deve essere eliminato svuotan- In caso di utilizzo di collettori con 8. Ripristinare la prova di pressione. Collegare l’acquedotto al rubinetto di Durante la posa del massetto la pres- (collaudatore).

6 bar) bar deve essere tenuta il più possibile costante. Prova (durata 24 ore) Inizio ora Fine ora Pressione all'inizio della prova bar Pressione dopo 24 ore bar Calo di pressione (max.5 bar) bar Esito della prova di pressione Prova di pressione superata si no Constatati difetti di tenuta si no Firma collaudatore Luogo.4 Oggetto: Committente: Collaudatore: Descrizione circuiti 14 m bar rimessa in pressione 16 m Δp <1.5 bar pressione di prova 17 m 20 m 25 m prova 30 60 90 min ore Preparazione (durata 90 minuti) Inizio ora Fine ora Indicazioni: La temperatura dell’acqua di prova Pressione di prova (2 x pressione d'esercizio. Riempire le tubazioni con Pressione dopo 90 minuti (inizio della prova) bar acqua. 1. Data Firma committente o delegato RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 119 . Sfiatare completamente le tubazioni.Protocollo di prova pressione per riscaldamento a pavimento secondo UNI EN 1264 . min.

collo (vedi pagina seguente). asciugare i massetti dall’umidità. peratura iniziale a quella massima di progetto. Si consiglia comunque di passare cesso di avviamento del riscaldamento deve bricante. la temperatura iniziale del riscaldamento su un Il riscaldamento iniziale comincia ad una valore che non sia superiore di 5°C rispetto temperatura di alimentazione compresa tra alla temperatura esterna. essere documentato mediante apposito proto- caso di massetti a base di anidride. da consegnare Questo processo viene eseguito allo scopo di anche a costo di prolungare i tempi del preri. si può 20°C e 25°C. per almeno 3 giorni. Successivamente. almeno 21 giorni dopo la posa del massetto in che deve essere mantenuta per almeno altri Secondo la norma UNI EN 1264-4. e comunque dopo almeno 7 giorni in gradualmente (circa 3°C al giorno) dalla tem. in modo da evitare 120 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO . 4 giorni. al committente. pianto una volta trascorso un periodo di impostare la temperatura massima di progetto. che deve essere mantenuta un eventuale shock termico del massetto con procedere ad un’iniziale accensione dell’im. occorre conseguenti rotture dello stesso.Avviamento iniziale del riscaldamento a pavimento In base alla norma UNI EN 1264-4. il pro- cemento o in conformità alle istruzioni del fab. favorendo scaldamento. E’ consigliato anche di impostare così il lavoro del pavimentista.

Data Timbro e firma idraulico Timbro e firma committente/progettista RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 121 .Protocollo di avviamento iniziale del riscaldamento a pavimento secondo UNI EN 1264-4 Oggetto: Committente: Idraulico: Massettista: Tipologia massetto Massetto in cemento Massetto anidritico Massetto autolivellante Additivo massetto Classe di resistenza alla flessione e/o classe di durezza (UNI EN 13813) Spessore totale massetto (incluso diametro tubo) mm Data ultimazione posa del massetto Tempo di stagionatura massetto in cemento: 21 giorni Tempo di stagionatura massetto anidritico: 7 giorni Data inizio Temp. ➞ Massima ➞ riscaldamento temperatura di progetto mantenere 4 giorni ➞ Abbassa. ➞ 45 ➞ mento 40 ➞ 35 ➞ 30 ➞ 25 ➞ 20 ➞ Ultimazione ➞ Consegne per successivi interventi Temperatura esterna: °C Impianto in funzione: si no Temperatura di mandata: °C Osservazioni: Luogo. ritorno Tempo Data fine impostata misurata min. ➞ 30 ➞ mento 35 ➞ 40 ➞ 45 ➞ ➞ Max. richiesto Accensione ➞ 20 ➞ 25 ➞ mantenere 3 giorni ➞ Innalza. mandata Temp.

003 2 0.011 20 0.110 s R s R 12 0.011 8 0.022 !!! = attenzione – superato il valore di richiedere al fornitore del pavimento 5 0.006 6 0. 4 0.020 20 0. la temperatu. la temperatura pavimento potrebbe risultare non omogenea.067 8 0. Si con.004 3 0.100 6 0. oltrepassare tale lunghezza (ipotizzando una con un massimo di 35°C). Per individuare facilmente il valore della siglia quindi l’utilizzo di software di calcolo ma dei circuiti nei locali da riscaldare a: resistenza termica dei pavimenti riportiamo di specifici per il riscaldamento a pavimento. consigliamo di limitare la superficie massi.014 14 0.018 LINOLEUM Legenda tabelle: s R R = resistenza termica del pavimento Nota: 2 0.007 14 0.028 resistenza termica consigliato stesso il relativo valore di resistenza termica.010 10 0. la quantità di tubo al m².040 15 0. Nelle applicazioni civili è comunque sconsiglia- impianti di riscaldamento a pavimento RAP da queste tabelle possono essere ricavate la to utilizzare un passo di posa superiore a 20 (vedi paragrafo “Diagrammi di rendimento temperatura ambiente.017 s = spessore del pavimento (mm) non presente nelle precedenti tabelle. Le tabelle si riferiscono ad un salto e consigliamo quindi di ricavarlo basandosi soggiornali). 122 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO . l’interasse di posa dei cm.070 16 0. il flusso seguenti) per il dimensionamento di massima termico specifico (resa termica).15 m²K/W.033 14 0.012 12 0. • 20 m² per circuiti a passo 20 cm ti più utilizzati: • 25 m² per circuiti a passo 25 cm • 30 m² per circuiti a passo 30 cm CERAMICA PARQUET COTTO s R s R s R 6 0.030 10 0.011 (m²K/W) In caso di materiale per pavimento 3 0. del circuito dal collettore di 10 ed abbastanza complicati e laboriosi. Tuttavia.5 K tra mandata e ritorno.090 s R 20 0. per • 10 m² per circuiti a passo 10 cm seguito delle tabelle con i valori precalcolati di ottenere un dimensionamento dell’impianto più • 15 m² per circuiti a passo 15 cm resistenza termica R dei materiali per pavimen- corretto ed equilibrato.016 16 0.Tabelle di dimensionamento di massima per il calcolo delle quantità Sulla base dei diagrammi di rendimento degli A seconda del rivestimento del pavimento.008 8 0. i campi colorati in rosso tra 29 e termico di 7.050 20 0. tubi. Per non arancione superiore a 33°C (zone perimetrali 250 hPa.022 12 0. di detti impianti e per il calcolo delle quantità.018 18 0.130 10 0.009 5 0.017 10 0.014 30 0.089 MARMO GOMMA 10 0. re che la temperatura media superficiale del tipo di resistenza termica del rivestimento del Quest’ultimo dato in tabella è molto teorico pavimento sarà pari o inferiore a 29°C (zone pavimento. in quanto la temperatura superficiale del da prove termotecniche” in questo capitolo). e la sulla lunghezza massima dei circuiti consigliata 33°C (bagni o simili) mentre i campi colorati in perdita di carico massima è stata limitata a di 120 m per le applicazioni civili. to idraulico.006 4 0. m). in modo tale da poter verifi- care che non sia superiore al valore limite consigliato di 0. ra media della superficie del pavimento e la i campi privi di colorazione stanno a significa- Queste tabelle sono suddivise a seconda del superficie massima riscaldabile di un circuito.080 MOQUETTE 18 0. sono necessari calcoli più precisi distanza max.060 30 0. Nelle tabelle di dimensionamento di massima.156 !!! 15 0. per effettuare il bilanciamen. sono state sviluppate delle tabelle (vedi pagine media dell’acqua di riscaldamento.

0 20 89 23.4 10 10.3 128 31.4 19.3 27.0 85 22.6 20.9 30. pavimento max.3 102 31.3 13.7 35.2 21.0 26.0 8 23 26.2 133 26.2 15.2 118 32.3 10 10.8 25.9 136 33.8 177 30.8 20. Flusso Temp.2 27.8 10.5 30 3.0 13.0 10 44 24.9 25 4.3 25 4.6 18.8 10.0 8 31 25.2 21. ambiente VA lR T q θFm AHK q θFm AHK q θFm AHK q θFm AHK cm m/m² pz/m² W/m² °C m² W/m² °C m² W/m² °C m² W/m² °C m² 10 10.5 K .8 17.5 25.4 148 27.5 26.6 15 6.5 12.7 106 31.6 15.2 22. Superficie Flusso Temp.5 13.6 58 23.3 12.7 102 24.1 15 6.5 29.5 12. max. max. Superficie posa tubo chiodi termico media del circuito termico media del circuito termico media del circuito termico media del circuito Temp.7 86 25.0 10 27 26.1 35.8 30 3.0 8 47 22.5 93 32.7 14 51 24.0 20.8 124 34.1 30.4 80 29.0 .5 17.5 22.0 44 26.0 43 28. tubo RAP 17 x 2.8 32.6 25 4.9 28. Perdita di carico = 250 hPa .CERTCO 7F101 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 123 Temperatura media superficiale del pavimento θFm > 33°C (zone perimetrali) .0 33.4 36.7 102 24.0 61 27.9 51 26. max.7 33.9 17.5 153 28.1 40.4 25 4.3 76 25.5 24.7 82 31.4 17.4 62 29.9 11. Superficie Flusso Temp.2 102 29.3 16.2 94 32.5 31.8 21.2 59 25.0 10 67 21.1 14.2 15.8 51 24.4 13.2 21.5 20. Resistenza termica del pavimento Rλ.1 71 30.2 22.6 118 30.4 25 4.2 75 24.1 18.5 54 29.2 10 10.3 30 3.9 11.0 20 59 25.4 89 23.6 89 28.7 14 31 27.0 20 35 27.8 89 28.1 9.7 14 77 22.9 `= 22° C 20 5.3 7 27 24.9 68 26.1 25.0 20 71 24.0 14.1 87 25.2 19.3 7 41 22.7 14.2 16.8 `= 18° C 20 5.8 18. pavimento max.1 18.6 16. Superficie Flusso Temp.7 92 30.6 `= 24° C 20 5.2 70 28.3 13.2 105 27.5 17. DIN.8 98 23.1 18.0 10 36 25.1 10 10.2 23.3 31.2 15 6. pavimento max.1 66 28.2 92 26.4 120 28.9 23.9 23.9 100 27.1 Temperatura media superficiale del pavimento θFm < 29°C (zone soggiornali) Temperatura media superficiale del pavimento θFm > 29°C (bagni o simili) Certificato di prova Nr HB00P065.0 `= 15° C 20 5.9 23.3 77 27.2 98 28.1 18.4 40.3 7 51 19.0 113 28.1 58 27.1 17.4 66 24.6 78 29.4 11.5 27.4 16.7 15 6.8 21.1 78 22.3 78 27.3 20.2 107 33.8 30 3. 45 mm di massetto in cemento di copertura λ = 1.5 12.0 68 21.2 19.0 56 29.4 90 30.2 30 3.4 98 26.5 23.8 18.9 118 25.9 15.1 14.9 117 25.8 67 26. Quant.3 25.1 15.0 37 27. RAP max.0 10 53 23.B = 0.3 24.6 128 26.3 `= 20° C 20 5.2 29.6 15 6.2 W/mK Indicativamente utilizzabile per pavimenti in ceramica o pietra naturale Temperatura media del fluido Temperatura media del fluido Temperatura media del fluido Temperatura meida del fluido Dati di progetto θHm = 30° C θHm = 35° C θHm = 40° C θHm = 45° C Passo di Quant.015 m²K/W .3 111 29.8 40.8 10.2 19.3 7 20 26.5 49 28.6 130 29.2 65 30.6 20.0 8 59 20.9 27.8 21.7 14 61 23.2 148 32.9 16.0 20 47 26.3 85 27.9 77 29.0 8 39 23.6 159 31.6 23.4 82 31.6 14.7 25.1 12.5 71 30.7 111 24. Tabella di dimensionamento di massima per impianti di riscaldamento a pavimento RAP Salto termico = 7. pavimento max.7 14 41 26.3 21.5 138 30.3 7 34 23.

3 21. Tabella di dimensionamento di massima per impianti di riscaldamento a pavimento RAP Salto termico = 7.0 .0 39.7 28.6 31.1 16.5 17.6 86 29.9 52 29.9 105 29.0 10 45 22.7 64 24.0 89 32.4 100 33.1 40.7 30.1 76 31.3 25.9 81 25.0 129 29.7 98 23.7 10 10.0 25.4 15 6.0 25 4.8 18.1 13.2 53 27.0 20 72 21.2 25 4.3 82 25.0 19.3 59 20.9 20.6 67 30.5 23.4 75 29.3 28.3 62 27.0 27.9 32.0 8 26 24.8 14. Superficie Flusso Temp.4 16.0 94 28.0 32 27.7 47 28.4 124 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO `= 15° C 20 5.5 10. Superficie Flusso Temp.8 33.3 23.8 12.8 96 23.4 40.7 27.4 30 3.3 19.0 15.8 25 4.9 20.2 82 27.9 72 24.9 20.3 96 28.5 20.0 8 39 21.0 10 30 25.3 105 24.4 18.7 17.7 53 29.1 86 29.7 63 25.0 10 22 26.8 112 25.5 19.3 7 44 19.0 20.8 82 22.8 84 22.9 93 26.1 24.7 16. Superficie Flusso Temp.7 15. 45 mm di massetto in cemento di copertura λ = 1.1 15 6.6 26.7 14 42 24.5 20.8 23.2 65 24.9 74 21.6 12.8 72 26.1 50 22.0 38 25. pavimento max.0 59 25.7 14 34 25.3 38.8 29. DIN.05 m²K/W .0 10 37 23.7 76 29.3 88 23.0 13.0 20 29 26.5 15 6.4 72 24.8 43 26. ambiente VA lR T q θFm AHK q θFm AHK q θFm AHK q θFm AHK cm m/m² pz/m² W/m² °C m² W/m² °C m² W/m² °C m² W/m² °C m² 10 10.7 120 30.9 15 6.7 14 63 20.2 `= 18° C 20 5.0 8 20 26.2 84 27.3 7 24 24. max.0 101 27.4 68 28.0 36 27.8 75 26.6 13.0 20 48 24.1 56 23.3 41 28.6 32.1 27.0 17.3 27.6 11. Resistenza termica del pavimento Rλ.1 25.B = 0.1 114 28.6 66 21.6 22.3 11.5 17.5 94 23. pavimento max.0 10 56 20.6 66 26.1 89 26.0 20 57 23.1 143 27.3 21.2 35.7 60 29.5 110 31.8 46 28.7 38. RAP max.9 80 25.0 30 3. pavimento max.9 97 30.2 21.3 23.4 44 24. max.3 7 18 25.8 17.4 25 4.7 16. pavimento max.4 `= 22° C 20 5.7 14 51 22.8 24.2 W/mK Indicativamente utilizzabile per pavimenti in parquet (10 mm) Temperatura media del fluido Temperatura media del fluido Temperatura media del fluido Temperatura media del fluido Dati di progetto θHm = 30° C θHm = 35° C θHm = 40° C θHm = 45° C Passo Quant.CERTCO 7F101 Temperatura media superficiale del pavimento θFm > 33°C (zone perimetrali) .0 33.4 30 3. Perdita di carico = 250 hPa .2 30 3.5 59 27.5 36.0 21.8 69 30.8 22.3 32.8 23.6 26.9 20.1 14.6 18.3 7 29 23.3 31.0 120 25.0 62 29.8 15 6. Superficie di posa tubo chiodi termico media del circuito termico media del circuito termico media del circuito termico media del circuito Temp.4 13.3 7 35 21.6 67 28.6 20.6 24.9 26.3 56 25.1 29.6 75 21. Quant.8 23.0 49 24.2 19.7 25.1 15.6 14.3 35.3 79 31.5 15.5 K .8 10 10.7 16.1 16.1 23.4 22.0 22. tubo RAP 17 x 2.7 55 27.0 126 26.8 10 10.0 20 38 25.9 40.4 14.1 30 3.7 14 25 26.1 74 26.1 19.0 8 33 23.8 `= 20° C 20 5.0 8 49 19.7 22.8 Temperatura media superficiale del pavimento θFm < 29°C (zone soggiornali) Temperatura media superficiale del pavimento θFm > 29°C (bagni o simili) Certificato di prova Nr HB00P065.5 29.9 10 10.3 105 27.9 18.1 `= 24° C 20 5.3 24.8 25 4. Flusso Temp.4 15.7 49 26.1 23. max.

7 92 23.7 31.2 W/mK Indicativamente utilizzabile per pavimenti in parquet (20 mm) o in moquette (<10 mm) Temperatura media del fluido Temperatura media del fluido Temperatura media del fluido Temperatura media del fluido Dati di progetto θHm = 30° C θHm = 35° C θHm = 40° C θHm = 45° C Passo Quant.7 14 20 26. Superficie Flusso Temp.0 26.5 36. pavimento max.8 77 22.0 20 38 23.2 `= 22° C 20 5.0 50 19.7 26.2 21.8 47 22.3 27.3 34.1 61 23.0 22.0 25 4.6 10 10.1 36.0 28 26.8 15 6.6 20. pavimento max.0 8 33 21.1 75 21.7 16.1 49 26.0 92 26.0 22. Superficie Flusso Temp.2 58 23.3 75 22.6 18.8 30 3.5 68 26.5 23.4 22.3 49 28.3 44 28.3 15.5 25 4.7 14 41 22.7 14 34 23.9 14.1 63 25.9 55 25. tubo RAP 17 x 2.5 K .3 7 20 24.0 8 28 22.2 26.0 20 56 20.9 23.1 33.0 8 17 25.8 22. max.4 50 24.9 22.5 75 26.4 21.5 `= 20° C 20 5. max.9 68 24.7 35.3 15 6.3 61 20.1 29.1 71 30.3 7 30 21.9 18.1 34.9 78 29.5 15 6.1 77 27.1 15.3 26.0 8 42 19.0 26.0 38.0 24.9 85 27.6 30.9 42 24.7 23.3 17.8 37.9 31. Superficie di posa tubo chiodi termico media del circuito termico media del circuito termico media del circuito termico media del circuito Temp.7 19.5 25.0 `= 15° C 20 5.3 21.7 14 27 24.6 45 26.3 40.6 10 10.5 83 22.6 25 4.4 28.1 13.1 31.4 64 24.8 28.7 17.3 19.0 21.7 16.0 10 25 24.3 16.1 83 25.5 13.1 30 3.5 56 25.6 20. max.0 21.3 14.1 61 27.4 29.9 24.3 25 4.8 40.5 55 23.1 25 4.3 7 15 25.3 25. pavimento max.0 20 45 22. 45 mm di massetto in cemento di copertura λ = 1.1 69 26.4 64 28.5 13.9 94 23.9 40.4 26.7 14 51 19. DIN.0 30 27. RAP max.8 68 28.0 `= 24° C 20 5.2 40 27. Superficie Flusso Temp.8 29.4 30.7 24.2 31.0 37 27.0 17.7 19.0 75 24.6 40. Tabella di dimensionamento di massima per impianti di riscaldamento a pavimento RAP Salto termico = 7.8 22. ambiente VA lR T q θFm AHK q θFm AHK q θFm AHK q θFm AHK cm m/m² pz/m² W/m² °C m² W/m² °C m² W/m² °C m² W/m² °C m² 10 10.9 `= 18° C 20 5.5 10 10. Flusso Temp.5 60 29. Perdita di carico = 250 hPa .6 51 24.1 19.0 10 31 23.6 64 30.3 29.0 69 21.8 26.4 27.0 10 46 19.6 14.3 79 31.1 15 6.3 35.5 28.0 36 25.7 33.0 34 27.0 .3 18.9 25.9 28.CERTCO 7F101 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 125 Temperatura media superficiale del pavimento θFm > 33°C (zone perimetrali) .1 63 20.5 85 22.2 17. Resistenza termica del pavimento Rλ.1 53 29.4 22.5 58 27.9 50 26.3 18. Quant.3 19.9 40 25.7 24.9 43 22.0 8 22 24.0 26.2 71 28.6 31.1 19.8 113 25.3 23.8 44 26.8 102 27.3 86 29.B = 0.0 15 6.6 18.7 41 28.6 52 23.8 30 3.0 30 3.5 21.3 83 25.0 10 18 25.0 38 23.1 40.3 61 25.3 46 24.7 10 10.1 55 27.0 12.1 75 24.10 m²K/W .2 23.1 30 3.9 15.1 54 29.0 33 25.3 7 25 22.0 10 37 21.9 21.4 68 21.6 40.3 24.0 20 30 25.2 55 20.7 67 24. pavimento max.5 94 28.3 7 38 18.6 Temperatura media superficiale del pavimento θFm < 29°C (zone soggiornali) Temperatura media superficiale del pavimento θFm > 29°C (bagni o simili) Certificato di prova Nr HB00P065.8 38.9 102 24.9 15.0 20 23 26.9 58 29.

0 33 23.1 43 26.1 55 20.9 65 26.7 14 17 25.5 20.8 25 4.3 52 25.2 19.6 30 3. Resistenza termica del pavimento Rλ.5 `= 24° C 20 5.2 47 26.0 26 26.5 42 28.3 7 33 18.4 55 29. ambiente VA lR T q θFm AHK q θFm AHK q θFm AHK q θFm AHK cm m/m² pz/m² W/m² °C m² W/m² °C m² W/m² °C m² W/m² °C m² 10 10.2 15 6.6 25.0 35 27.9 17.1 16.6 18.2 24.6 28.1 21.3 10 10.1 20.2 10 10.8 16.0 69 24.3 `= 18° C 20 5.5 38 27.9 65 30.6 25 4.2 84 25.8 65 24.0 21.0 8 29 20.5 34 25.0 20 31 23.0 `= 20° C 20 5.6 18.3 7 22 22.CERTCO 7F101 Temperatura media superficiale del pavimento θFm > 33°C (zone perimetrali) .4 22.7 21.7 77 25.7 47 24.0 10 21 24.3 31.0 8 36 18.5 40.6 48 22.3 15 6. Superficie di posa tubo chiodi termico media del circuito termico media del circuito termico media del circuito termico media del circuito Temp.5 40.6 53 23.0 29 24.9 31.7 33. max. 45 mm di massetto in cemento di copertura λ = 1.9 37.0 25.5 28.0 30.2 39.4 20.6 19.5 33. Tabella di dimensionamento di massima per impianti di riscaldamento a pavimento RAP Salto termico = 7.7 23.3 40. Perdita di carico = 250 hPa .0 10 16 25.5 20. Superficie Flusso Temp.6 66 28.5 40.5 48 22.5 30 3. pavimento max. Flusso Temp.2 72 21.5 30 3.0 20 25 24.0 10 39 18.0 40.5 13.0 29 26.4 40.4 23.7 25 4.4 86 22.9 32.7 14.9 37.7 36.3 35.9 21.3 29.8 27.2 10 10.6 48 19. RAP max.5 32.3 Temperatura media superficiale del pavimento θFm < 29°C (zone soggiornali) Temperatura media superficiale del pavimento θFm > 29°C (bagni o simili) Certificato di prova Nr HB00P065.7 40.3 37.5 40 26. Superficie Flusso Temp.0 20 37 21.1 25 4.2 24.6 24.5 30 3.0 37 21.2 15.B = 0. max.4 28.7 21.9 39 23.6 15.6 15 6.9 19.2 25.8 38.0 78 27.5 78 22.3 71 21.4 30.2 14.0 10 26 22.0 10 31 21.8 29.7 35.7 57 23.5 21.3 7 18 23.5 33.2 24.0 60 27.4 50 26.8 28.1 28.0 24 26.0 19.0 .1 34.0 8 24 22.5 31 27.1 25 4.2 53 23.6 26.5 57 20.4 78 22.1 25.2 26.7 56 27.0 44 22.2 55 27.7 26.1 33.9 60 20.2 W/mK Indicativamente utilizzabile per pavimenti in moquette (>10 mm) o tappetti Temperatura media del fluido Temperatura media del fluido Temperatura media del fluido Temperatura media del fluido Dati di progetto θHm = 30° C θHm = 35° C θHm = 40° C θHm = 45° C Passo Quant.1 43 24.1 18.0 20 47 19.9 60 29. max.2 27.8 29.0 32. DIN.2 22. pavimento max.2 51 26.4 28.0 46 28.1 26.9 31.7 14 34 21.8 18.0 23.9 17.0 8 19 24.3 7 26 20.0 22.1 17.2 93 23.7 40.9 15 6.5 15 6.0 10 10.7 14 23 24.7 65 21.4 16.5 44 24.0 31 25.7 14 43 19.2 28.0 20 19 26.4 126 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO `= 15° C 20 5.7 59 23.5 K .6 23.9 40.7 39 25.9 72 28.7 50 28.0 66 21. tubo RAP 17 x 2.3 62 25.0 24.6 71 26.6 27.6 52 20.2 46 28.7 `= 22° C 20 5.4 44 19.1 34 27.9 55 25. Superficie Flusso Temp.3 26. pavimento max.5 25. Quant. pavimento max.7 23.4 22.1 63 23.9 60 25.3 17.0 8 14 25.7 14 29 22.8 70 24.7 30 3.0 48 24.3 37 25.0 36 23.3 41 22.3 7 13 25.3 34.1 62 20.4 50 28.15 m²K/W .5 57 25.4 21.8 25.

Di seguito riportiamo come AF (m²). ai sensi della norma UNI EN 12831. nominale di un locale con 20°C) resistenza al passaggio del calore. Zone soggiornali: 29°C (+ 9 K oltre la temperatura ambiente Per progettare un impianto di riscaldamento a nominale di un locale con 20°C) σ = θV .050 m²K/W Moquette (<10 mm) 0. corrispondente alla viene solitamente effettuato con l’utilizzo di ragioni di carattere fisiologico: differenza tra la temperatura di mandata e specifici software di calcolo. corrispondente al valore riali isolanti stessi hanno ridotto drasticamente corrispondente alla temperatura ambiente medio tra la temperatura di mandata θV e la dispersione termica degli edifici. il salto termico dovrà essere tale alcuni tipi di pavimento utilizzati.m (°C).m = (θV + θR) : 2 pavimento θF. Il minore operante interna del locale da riscaldare a quella di ritorno θR del fluido scaldante fabbisogno termico che ne deriva riesce ad seconda della destinazione d’uso. corrispondente alla superficie dei caso di sovratemperatura prestabilita del fluido esempio una breve tabella riassuntiva con solo locali effettivamente utilizzabile per la posa riscaldante. corrispondente alla tempe- pianto con la determinazione delle portate ratura massima ammissibile del pavimento per Salto termico σ (K).θR pavimento sono necessari i seguenti dati: 33°C (+ 9 K oltre la temperatura ambiente nominale di un bagno con 24°C) Potenza termica di progetto Resistenza termica del pavimento QH (W). essere coperto.Progettazione e dimensionamento degli impianti di riscaldamento a pavimento L’inasprimento dei requisiti in materia di isola. UNI EN 1264-2. Rivestimento del pavimento Resistenza termica Pietra naturale.B (m²K/W).150 m²K/W RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 127 . ai sensi della norma Il corretto calcolo e dimensionamento dell’im. del calore all’ambiente da parte del massetto dovrà essere scelta in modo tale da non riscaldato. θi (°C). rappresenta la capacità del UNI EN 1264-3 equivale alla perdita di calore 35°C (+ 15 K oltre la temperatura ambiente rivestimento del pavimento di opporre nominale (fabbisogno termico) QN. da un impianto di riscaldamento a pavimento. In materiali utilizzati. piastrelle < 15 mm 0. Temperatura ambiente nominale Temperatura media del fluido riscal- mento termico ed il perfezionamento dei mate. Temperatura massima superficiale del θH. (°C). Moquette (>10 mm) 0.max. essendo piuttosto quella di ritorno del fluido scaldante complicato e laborioso. Per questo biente da riscaldare calcolata secondo norma essa influisce sensibilmente sulla trasmissione UNI EN 12831 (carico termico ΦHL) La Temperatura di mandata θV (°C).f dell’am. e si differenzia a seconda dei Superficie del pavimento riscaldante superare i valori precedentemente indicati. mentre nel dei circuiti scaldanti da garantire i predetti valori di temperatura paragrafo “Pavimentazioni” potrete trovare superficiale massima del pavimento (vedi una descrizione più accurata sull’argomento. l’esempio di calcolo). dante θH.015 m²K/W Parquet (10 mm) 0.100 m²K/W Tappeto. nella maggior parte dei casi. che ai sensi della norma Zone perimetrali: Rλ.

in un circuito di riscaldamento. A tale scopo biso- ΔθH = θH. corrispondente isolanti e della struttura del solaio). sulla base del quando (σ : ΔθH) < 0.θi La portata necessaria ed il diametro del RO = ΔθH : q tubo limitano la lunghezza installabile dei Indicazione: tubi negli anelli a pavimento Di conseguenza risulta: Per il salto termico medio aria-acqua ΔθH.B verso l’alto (RO) e verso il basso (RU.163 x (θV .5 pavimento.5 · σ) + [(σ · σ) : geometria dei locali e dalla lunghezza (12 · ΔθH)] massima dei circuiti. del salto termico verso il locale sottostante. (m).5 · σ) lR = [1 : VA (in m)] x AF sottostante all’impianto di riscaldamento a quando (σ : ΔθH) > 0. corrispondente alla q = QH : AF m = QH : [1. 128 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO .m . il passo m = K · QH : [1. un circuito di riscaldamento a di tabelle dimensionali utilizzando la seguente temperatura ambiente nominale θi pavimento non dovrebbe superare una formula: perdita di carico totale di 250 hPa.163 x (θV . • Superficie massima dei circuiti AHK. L’usuale seguenti parametri: progetto QH e la superficie da formula per il calcolo della portata riscaldare effettivamente disponibile AF nelle reti di riscaldamento a radiatori • Salto termico medio aria-acqua ΔθH (K). devono essere soddisfatte le seguenti AF determinano il fabbisogno di tubo K = 1 + (RO : RU) + [(θi – θU) : (q · RU)] condizioni: per m² di pavimento: dove θU è la temperatura ambiente del locale ΔθV = ΔθH + (0.max.θR)] differenza tra la temperatura media del fluido riscaldante θH. RO può alla differenza tra la temperatura di • Lunghezza massima dei circuiti essere calcolata avvalendosi di diagrammi o mandata del fluido scaldante θV e la lR. • Fabbisogno di tubo lR (m). ai unità di superficie. viene determinata dalla ΔθV = ΔθH + (0.θi medio aria-acqua ΔθH e della gna calcolare la resistenza termica parziale resistenza termica del pavimento Rλ. somma di • Salto termico medio aria-acqua (vedi diagrammi di rendimento) tutte le singole resistenze termiche dei pannelli di mandata ΔθV (K). è una potenza espressa per termica) di progetto e va calcolata. per il salto termico medio aria-acqua di manda. corrispondente al sensi della norma UNI EN 1264-3.max (m²). necessaria • Flusso termico specifico q ad ottenere il flusso termico (resa (W/m²).θR)] ta ΔθV e per il salto termico tra mandata e di posa VA e la superficie da riscaldare ritorno σ. ΔθV = θV .5 fabbisogno di tubo • Portata d’acqua m (kg/h).m e la • Passo di posa VA (cm).Dai dati precedenti possono essere ricavati i quoziente tra la potenza termica di come portata di progetto mH. viene deve essere corretta del valore della portata temperatura ambiente nominale θi determinato a seconda del flusso “sprecata” a causa della dispersione termica termico specifico q.

B: = 2000 W : 30 m² 0. σ = 12. la temperatura di mandata superficiale max.B in m²K/W 0.15 Il punto di incrocio deve essere sotto alla curva limite 100 80 Curva limite della temperatura 60 superficiale max. Dunque.m: 40°C Flusso termico specifico q = Pot.25°C e con un pavimento fornito con un salto termico medio aria-acqua ΔθV sarà quindi pari a 26.max – θi) = 15 K 140 0. iniziando con il consentita (in questo caso la curva per zone diagramma del passo di posa VA maggiore. il punto d’incrocio Ipotizzando un salto termico σ tra mandata e al di sotto della curva limite di temperatura si trova esattamente sulla retta 0.m – Temp. termica di prog. con una temperatu- specifico richiesto di 67 W/m² viene quindi salto termico medio aria-acqua di mandata ra di mandata di 46.Esempio di calcolo di un piccolo impianto di riscaldamento a pavimento • Sistema Tacker.015 180 Curva limite della temperatura superficiale max.25 K. non di questo valore con la retta 0. Il zone soggiornali.05 Flusso termico specifico q in W/m² 160 per zone perimetrali (θF.050 m²K/W = 67 W/m² • Potenza termica di progetto QH: 2000 W Questi due valori ricavati vengono riportati ma in nessun caso al di sopra delle curve limite sugli assi del diagramma di rendimento dei di temperatura superficiale max. il punto di incrocio dei due valori dovrà trovarsi sulla retta Esempio: caratteristica 0.25°C). oppure 46. del pavimento sistemi a pavimento RAP. soggiornali). la temperatura superficiale massima ΔθH di 20 K.10 120 0. Zona Soggiornale Salto termico aria-acqua ΔθH = Temp.25°C in parquet. QH : Superficie da riscaldare AF • Pavimento in parquet Rλ.25 K (20+6. ed il punto di incrocio consentita per il pavimento. il flusso termico θV risulterà pari a 46. pari a 29°C. del pavimento in oggetto) o poco al di sotto.25°C (40+6. e cioè di 25 cm. consentita per pavimenti nelle interasse di posa di 25 cm.05 risulta essere viene superata. Con un ritorno di 12. Nel diagramma.05 m²K/W (resistenza termica ΔθH = 20 K . q = 67 W/m² Diagramma di rendimento dei sistemi a pavimento RAP con passo di posa 25 cm Resistenza termica del pavimento Rλ.5 K .5 K.0 200 0. del pavimento 0. RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 129 . media del fluido θH. ambiente θi • Superficie da riscaldare AF: 30 m² = 40°C – 20°C • Temperatura ambiente θi: 20°C = 20 K • Temperatura media del fluido riscaldante θH.max – θi) = 9 K 20 σ:2 0 0 10 20 30 40 50 ΔθH ΔθV Salto termico medio aria-acqua ΔθH in K Nel diagramma d’esempio.25–20°C). ΔθV = 26.05. del pavimento per zone soggiornali e bagni 40 (θF.

in modo da ottenere delle basse e lo stesso flusso termico specifico q. si può perdite di carico dei circuiti stessi. con la stessa la struttura del solaio. ed una volta definito il salto termico medio consigliamo di utilizzare specifici software di Utilizzando passi di posa più stretti è aria-acqua ΔθH e la temperatura di mandata calcolo. vengono individuati i vari passi di posa VA sioni termiche verso il basso. Diagrammi di rendimento da prove termotecniche Gli impianti di riscaldamento a pavimento RAP In questi diagrammi sono indicati i flussi termici sono stati sottoposti a prove termotecniche ai specifici ottenibili dagli impianti di riscaldamen- sensi della norma UNI EN 1264-2. suddividendo l‘area in porzioni possibilmente uguali per evi- Il calcolo delle portate e delle conseguenti tare sbilanciamenti idraulici con conseguente perdite di carico ai fini del bilanciamento differenza di resa termica dei circuiti.B e lo pavimento potrebbe non risultare stesso salto termico medio aria-acqua ΔθH. Aumentan. Il numero to a pavimento RAP a seconda del passo di del certificato di prova è riportato nei diagram. della resistenza termica del pavimento e mi di rendimento nelle pagine seguenti. estesa superficie.B e del flusso termico specifico molto complesso e laborioso. i rispettivi spessori degli isolanti e cm per motivi di comfort. possibile abbassare la temperatura θV. consi- do il salto termico medio aria-acqua ΔθH con derando ottimale una lunghezza compresa tra la stessa resistenza termica del pavimento Rλ. Di conseguenza Consiglio: q. il Nelle applicazioni civili è opportuno limitare la omogeneo. Inoltre vanno considerate le disper. che richiederebbero una lun- ghezza superiore di sviluppo delle tubazioni. posa. Sconsiglia- per tutti i locali di un edificio.B 70 e 90 m. differenza di temperatura dei locali sottostanti mo interassi di posa superiori ai 20 all’impianto. flusso termico specifico q aumenta. lunghezza massima dei circuiti a 120 m. Per i locali di ridurre il passo di posa VA. derivanti dalla di mandata dell’impianto. Concludendo è meglio ricorrere a più circuiti. del salto termico medio aria-acqua. il riscaldamento della superficie del resistenza termica del pavimento Rλ. 130 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO .A seconda della resistenza termica del idraulico secondo norma UNI EN 1264–3 è pavimento Rλ. in quanto Riducendo il passo di posa VA.

10 180 Zone perimetrali (θF.max – θi) = 9 K 40 20 0 0 10 20 30 40 50 Salto termico medio aria-acqua in K Passo di posa 15 cm Resistenza termica del pavimento in m² K/W 0.Diagrammi di rendimento impianti di riscaldamento a pavimento RAP Certificato di prova Nr HB00P065.10 160 Zone perimetrali Flusso termico specifico in W/m² (θF.CERTCO 7F101 Passo di posa 10 cm Resistenza termica del pavimento in m² K/W 0.15 Flusso termico specifico in W/m² 140 120 100 80 60 Zone soggiornali e bagni (θF.0 0.max – θi) = 9 K 60 40 20 0 0 10 20 30 40 50 Salto termico medio aria-acqua in K RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 131 .015 0.05 200 0.0 0.max – θi) = 15 K 160 0.15 120 100 80 Zone soggiornali e bagni (θF.05 200 180 0.max – θi) = 15 K 140 0.015 0. DIN.

10 120 0.05 160 (θF.05 180 160 Flusso termico specifico in W/m² Zone perimetrali 0.15 120 100 80 Zone soggiornali e bagni (θF. Certificato di prova Nr HB00P065.10 140 (θF.0 200 0.015 200 0. DIN.max – θi) = 9 K 40 20 0 0 10 20 30 40 50 Salto termico medio aria-acqua in K 132 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO .0 0.015 180 Zone perimetrali 0.max – θi) = 15 K 0.max – θi) = 15 K Flusso termico specifico in W/m² 140 0.15 100 80 Zone soggiornali e bagni 60 (θF.CERTCO 7F101 Passo di posa 20 cm Resistenza termica del pavimento in m² K/W 0.max – θi) = 9 K 60 40 20 0 0 10 20 30 40 50 Salto termico medio aria-acqua in K Passo di posa 25 cm Resistenza termica del pavimento in m² K/W 0.

50 307.72 0.77 643.94 0.13 217.86 77.73 180.600 412.29 0.400 412.12 24.04 400 68.11 0.52 5.34 275.17 0.12 0.57 2.25 91.93 0.77 57.51 1.32 142.77 34.72 206.05 5.79 0.01 0.92 0.44 6.94 909.20 0.74 206.40 201.78 128.20 0.200 447.99 63.55 360.17 45.29 115.300 223.29 0.33 0.97 0.31 132.91 0.97 0.18 50.05 6.62 263.90 5.11 292.52 0.54 0.600 395.44 257.22 700 120.29 115.22 69.87 0.76 0.04 11.40 201.37 143.97 1.31 132.34 151.85 1.51 97.31 0.39 0.13 275.24 0.25 2.52 214.54 0.74 5.59 0.01 0.62 447.32 142.41 212.17 0.58 0.18 50.94 0.90 848.45 0.76 0.36 1.77 57.79 0.49 2.600 447.46 258.59 0.25 91.95 0.23 85.14 0.57 91.54 347.11 0.66 0.85 68.13 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 133 .20 0.32 0.76 0.58 388.78 0.83 0.01 1.39 0.78 114.08 0.41 212.84 0.51 1.43 234.97 42.97 0.15 0.18 0.58 0.22 0.83 4.38 186.04 3.96 0.54 0.19 56.200 481.37 6.29 115.94 909.58 0.25 0.25 194.98 0.78 126.44 229.94 0.77 1.14 34.07 10.51 1.54 347.25 91.97 971.11 20.39 0.5 K 10 K 15 K termico Potenza Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita di carico di carico di carico di carico [W] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] 100 17.53 333.38 191.31 128.73 4.20 40.36 170.66 0.22 171.72 206.43 0.77 1.65 240.90 0.62 263.74 183.26 99.36 0.800 435.77 0.01 16.44 229.57 103.19 0.25 194.000 429.36 0.30 149.35 249.73 0.58 0.55 4.07 321.77 326.16 42.800 332.19 56.77 0.12 0.11 240.26 99.62 0.100 361.02 1.93 0.02 0.60 417.38 0.46 0.86 68.22 22.79 678.79 678.87 286.56 0.32 0.00 60.01 120.39 0.400 464.36 170.49 8.15 0.09 15.000 458.65 0.035.60 417.04 0.13 2.20 63.25 309.38 0.23 80.15 0.67 509.11 131.000 171.67 509.14 34.900 332.33 0.46 258.18 0.01 0.500 429.24 84.58 0.58 0.54 0.14 34.97 971.18 0.57 0.37 0.0 a 40°C [Tubo RAP 17 PE-X e PE-MDX] Salto 5K 7.86 0.90 900 154.73 160.62 447.05 5.86 1.83 0.74 608.700 464.97 3.000 343.74 0.28 107.300 395.800 412.36 2.87 0.32 0.13 0.500 257.58 388.90 848.19 5.60 0.400 240.18 50.800 309.71 252.22 69.43 0.200 206.60 146.49 80.17 45.73 0.900 326.49 288.83 189.61 432.07 321.50 307.04 11.84 197.65 0.72 574.000 343.86 790.95 111.02 17.22 69.20 3.99 0.80 0.76 0.01 1.29 115.95 2.07 10.14 0.08 13.03 103.96 950.73 160.36 45.41 218.61 432.30 124.34 151.49 300 51.50 0.35 0.04 3.22 51.11 20.65 477.36 170.06 7.14 34.13 217.43 234.97 154.50 0.10 28.65 240.24 84.36 170.01 1.50 307.38 800 137.34 156.400 389.80 0.79 2.53 333.25 0.71 252.78 3.73 0.01 16.200 355.00 85.200 366.86 790.65 477.97 137.36 120.17 0.07 361.02 500 85.83 733.22 22.22 166.18 298.12 24.04 0.13 29.13 27.72 574.Perdite di carico dei tubi diametro 17 x 2.36 343.04 3.17 17.22 69.56 0.30 149.32 0.76 625.34 309.48 282.68 525.78 126.94 0.84 4.70 541.83 733.25 309.38 191.47 270.19 223.72 574.400 366.77 643.36 0.100 189.03 2.60 3.86 0.98 0.18 0.22 25.59 0.36 74.68 525.035.39 0.95 0.22 171.58 388.47 0.73 0.02 1.78 114.77 0.00 1.98 0.38 0.36 45.44 200 34.200 378.27 103.16 39.46 0.18 298.49 80.20 137.35 6.23 76.72 0.95 3.53 0.76 0.16 0.53 0.97 137.29 4.15 0.36 0.52 327.65 477.29 163.86 68.35 0.700 292.47 0.03 103.20 2.400 378.72 5.69 0.97 0.65 477.92 0.74 183.035.06 0.79 0.50 307.70 541.800 481.75 154.32 142.77 34.57 91.72 232.69 0.74 0.00 2.600 275.55 360.91 868.76 625.87 286.36 51.58 388.51 1.36 0.47 270.34 275.000 343.25 94.21 1.43 234.11 20.07 10.48 282.79 0.62 0.600 481.53 1.55 171.08 0.98 0.12 108.07 10.22 0.42 600 103.90 34.43 234.45 252.35 160.20 59.40 0.11 5.90 0.86 790.72 574.82 715.

25 0.60 324.63 154.600 527.79 0.01 12.74 1.24 257.900 326.79 550.000 343.500 429.73 0.77 0.05 3.77 4.29 0.86 134 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO .75 34.72 0.65 0.400 733.58 2.04 321.Perdite di carico dei tubi diametro 20 x 2.35 124.13 21.51 0.59 316.05 3.94 57.86 481.30 900 154.58 0.200 710.74 0.66 0.19 43.76 0.38 171.13 11.98 763.99 800 137.19 43.74 461.40 155.81 22.12 0.94 57.95 0.44 0.92 679.17 34.01 806.77 180.59 286.20 0.08 9.87 0.05 3.84 0.39 0.18 40.86 0.08 10.58 111.35 0.01 12.45 195.44 189.17 232.27 81.46 201.45 195.73 0.41 166.94 0.03 1.02 326.39 0.31 3.99 447.06 4.11 16.46 201.03 3.57 294.31 100.78 223.58 4.49 332.77 0.04 321.29 87.52 253.05 68.45 343.21 52.000 515.57 294.34 240.800 664.47 0.95 0.21 194.700 464.66 366.40 155.98 183.25 69.91 0.33 0.20 0.63 137.24 63.500 257.31 137.31 0.00 1.97 103.54 266.300 223.33 2.66 412.38 144.100 361.91 0.29 87.03 1.14 0.29 87.25 71.29 0.20 46.21 194.07 7.64 362.79 523.71 435.67 386.48 0.04 166.20 1.98 0.43 178.88 0.12 80.32 0.600 275.17 206.25 71.23 58.800 481.85 217.26 126.50 85.81 700 120.54 0.81 45.17 34.30 0.16 31.23 108.86 599.88 5.01 0.81 0.49 332.73 0.81 45.12 18.07 7.43 178.97 74.46 0.32 0.24 63.69 0.01 0.27 79.76 487.98 206.22 56.5 K 10 K 15 K termico Potenza Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita di carico di carico di carico di carico [W] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] 100 17.79 0.59 0.80 0.15 29.85 217.90 6.13 252.71 292.61 263.04 2.33 114.200 596.55 273.66 366.12 80.38 144.51 239.50 0.12 18.07 7.48 214.86 275.16 31.86 599.22 0.38 0.30 0.11 16.81 1.15 0.06 0.74 0.13 11.56 0.63 458.48 214.43 178.32 0.91 0.200 722.14 40.17 0.46 0.71 435.51 239.11 15.64 362.38 0.40 0.26 75.16 0.94 0.800 653.23 60.76 435.33 114.02 1.27 79.50 171.04 2.93 0.40 161.05 77.02 94.32 107.75 51.200 378.09 298.70 128.04 361.01 12.39 0.31 42.44 189.24 309.200 206.56 300 51.77 160.38 0.05 3.56 0.13 21.63 3.95 0.30 0.10 91.76 0.09 11.000 687.36 0.26 75.24 63.17 0.15 0.58 197.30 96.83 0.06 6.41 166.30 96.33 85.50 233.78 5.13 252.33 0.67 386.63 28.63 515.05 68.98 0.62 0.58 0.12 143.78 1.78 0.36 129.77 160.95 720.98 0.18 0.73 452.73 0.02 0.72 0.24 0.45 0.22 56.18 0.600 642.21 49.62 339.33 4.100 189.13 0.47 0.58 0.08 0.36 0.09 298.34 131.59 286.59 0.93 97.15 28.69 154.88 240.12 0.10 14.57 294.67 481.29 87.43 178.61 263.43 0.09 0.77 429.27 1.13 23.52 0.01 12.50 0.31 1.82 560.76 0.24 6.53 0.77 0.77 600 103.83 0.33 163.88 0.87 0.81 51.00 784.37 0.36 134.69 0.17 206.14 26.22 0.97 103.20 47.86 0.50 4.53 0.90 0.54 0.48 214.67 386.70 114.18 0.35 124.30 34.08 0.32 105.17 34.73 1.10 0.400 240.89 638.62 0.000 171.24 229.600 447.36 129.01 2.24 309.17 5.64 2.50 189.56 8.79 0.14 26.87 17.50 233.78 378.90 658.13 400 68.32 0.19 43.75 34.14 0.17 37.60 0.17 0.19 533.400 584.95 720.06 6.49 226.76 487.36 0.76 0.24 229.200 550.98 5.71 0.76 275.24 389.48 214.900 498.19 43.81 542.600 619.37 0.96 0.01 0.04 0.08 9.21 52.66 395.54 0.70 114.76 0.24 63.57 1.94 0.400 412.14 26.90 249.93 0.76 275.58 343.62 339.37 63.31 100.05 1.78 60.63 137.18 0.76 487.39 0.40 161.81 22.45 120.65 0.10 2.26 126.800 550.18 38.17 200 34.30 17.50 171.72 5.63 354.31 355.400 619.02 0.97 0.94 1.0 a 40°C [Tubo RAP 20 PE-MDX] Salto 5K 7.59 316.37 120.36 134.29 412.10 91.000 687.58 0.01 0.92 0.29 146.51 0.34 240.29 3.90 6.20 0.15 0.38 4.79 0.69 410.70 418.11 0.11 0.39 0.34 5.81 149.69 410.30 94.80 0.02 0.17 37.02 1.98 0.29 464.51 0.09 0.81 25.87 500 85.71 0.02 2.35 0.43 0.94 0.70 3.21 49.12 2.30 2.58 0.54 0.14 26.97 0.20 68.16 0.32 105.13 22.59 0.58 0.300 395.21 52.90 0.52 253.33 114.38 144.34 122.02 1.66 0.75 1.92 0.10 103.25 0.97 0.12 498.81 149.38 144.97 0.15 0.57 0.45 2.69 0.58 343.04 0.800 309.23 0.99 0.33 114.72 214.98 183.400 504.12 18.55 273.700 292.36 0.19 0.97 2.000 573.76 309.36 0.06 5.

00 784.86 481.91 0.400 636.88 0.000 630.72 424.57 294.30 0.55 280.600 653.70 418.98 RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 135 .0 a 40°C [Tubo RAP 20 PE-MDX] Salto 5K 7.69 0.24 389.54 266.29 0.50 0.59 309.62 339.000 601.05 0.000 745.58 9.66 9.79 523.68 0.59 7.63 13.Perdite di carico dei tubi diametro 20 x 2.66 9.45 8.200 527.84 12.03 828.93 689.55 0.09 8.90 658.83 570.400 538.09 0.200 619.58 10.40 447.80 0.58 0.78 9.97 752.60 324.71 435.37 0.10 8.76 435.78 514.600 492.02 9.87 618.13 6.86 599.24 7.98 0.000 687.000 515.27 1.52 253.800 504.33 0.800 584.73 0.74 470.95 720.23 0.95 720.800 670.51 0.29 412.71 7.600 550.27 8.73 452.77 11.800 561.600 567.000 687.20 1.76 487.63 458.400 722.200 705.000 573.12 0.07 0.19 0.5 K 10 K 15 K termico Potenza Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita Portata Velocità Perdita di carico di carico di carico di carico [W] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] [kg/h] [m/s] [Pa/m] 6.45 470.63 354.26 0.46 401.77 0.64 378.66 0.02 7.76 7.89 0.84 0.65 370.04 8.88 628.44 0.78 505.81 542.48 0.68 402.88 0.67 386.

Note: 136 .

IMPIANTI ARIA COMPRESSA PRINETO ARIA COMPRESSA 137 .

01 2 1 1 . Serie tubo S con tubi Prineto. interno dai dannosi raggi UV. seguono le indica. La qualità deve essere utilizzato il tubo Prineto Stabil. pressione di esercizio ammissibile): mento di massima per una rete aria compressa zioni della DIN 16893.1 3 5 5 .1 0. in funzione della temperatura di esercizio 20°C – 50 anni – 20 bar richiesta e della lunghezza delle tubazioni. I nostri tubi Particelle solide Contenuto d’acqua Contenuto d’olio Classe di qualità Diametro Concentrazione Max. [micron] max. In questi valori è già 138 ARIA COMPRESSA .70 0. [mg/m³] in pressione [°C] max. Tabella 5.1 . a seconda della portata 3. Nel caso di alluminio sono altresì idonei per le installazioni installazione di reti aria compressa “a vista” di reti aria compressa “sottotraccia”. dell’aria compressa deve corrispondere alle in quanto è soggetto a deformazioni minime classi di qualità da 1 a 4 secondo la norma ed il rivestimento in alluminio protegge il PE-X ISO 8573.2.20 1 4 15 8 +3 5 Le pressioni massime di esercizio dei tubi compreso un fattore di sicurezza di 1.5 Nelle pagine seguenti riportiamo delle tabelle Prineto Stabil. Flex e Riscaldamento per il (riserva di pressione fino alla massima che consentono di effettuare un dimensiona- trasporto di aria compressa.Prineto aria compressa Il sistema di tubazioni Prineto è idoneo per Prineto Flex e Riscaldamento senza strato in il trasporto di aria compressa. punto di rugiada Concentrazione max.40 0. [mg/m³] 1 0. e della durata in esercizio.

03 Portata volumetrica Lunghezza nominale in m In l/s 10 20 25 40 60 80 100 150 200 250 300 400 500 1000 5 20 25 25 25 32 32 32 32 40 40 40 40 40 40 10 25 32 32 32 40 40 40 40 40 40 50 50 50 63 20 32 40 40 40 40 40 50 50 50 63 63 63 63 >63 30 40 40 40 50 50 50 50 63 63 63 63 >63 >63 >63 40 40 40 50 50 50 63 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 50 40 50 50 50 63 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 70 50 50 63 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 100 50 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 150 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 200 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 Diametro tubo Stabil Pressione d’esercizio (bar) 10 Caduta di pressione (bar) 0.03 Portata volumetrica Lunghezza nominale in m In l/s 10 20 25 40 60 80 100 150 200 250 300 400 500 1000 5 20 20 25 25 25 32 32 32 32 40 40 40 40 40 10 25 32 32 32 32 40 40 40 40 40 40 50 50 50 20 32 40 40 40 40 40 40 50 50 50 63 63 63 >63 30 40 40 40 40 50 50 50 63 63 63 63 63 >63 >63 40 40 40 40 50 50 50 63 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 50 40 50 50 50 63 63 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 70 40 50 50 63 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 100 50 63 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 150 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 200 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 Diametro tubo Stabil ARIA COMPRESSA 139 .03 Portata volumetrica Lunghezza nominale in m In l/s 10 20 25 40 60 80 100 150 200 250 300 400 500 1000 5 20 25 25 32 32 32 40 40 40 40 40 40 40 50 10 25 32 32 40 40 40 40 40 40 50 50 50 50 63 20 32 40 40 40 40 50 50 50 63 63 63 63 63 >63 30 40 40 40 50 50 63 63 63 63 63 >63 >63 >63 >63 40 40 50 50 50 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 50 40 50 50 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 70 50 63 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 100 63 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 150 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 200 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 Diametro tubo Stabil Pressione d’esercizio (bar) 8 Caduta di pressione (bar) 0.Prineto .Installazione reti aria compressa Tabelle per dimensionamento di massima delle linee principali Pressione d’esercizio (bar) 6 Caduta di pressione (bar) 0.

04 Portata volumetrica Lunghezza nominale in m In l/s 10 15 20 25 40 60 80 100 150 200 250 300 400 500 1000 5 20 20 25 25 25 32 32 32 32 40 40 40 40 40 40 10 25 32 32 32 32 40 40 40 40 40 40 50 50 50 63 20 32 40 40 40 40 40 40 50 50 50 63 63 63 63 >63 30 40 40 40 40 50 50 50 50 63 63 63 63 >63 >63 >63 40 40 40 40 50 50 50 63 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 50 40 50 50 50 50 63 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 70 50 50 50 63 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 100 50 63 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 150 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 200 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 Diametro tubo Stabil Pressione d’esercizio (bar) 8 Caduta di pressione (bar) 0.Prineto .04 Portata volumetrica Lunghezza nominale in m In l/s 10 15 20 25 40 60 80 100 150 200 250 300 400 500 1000 5 20 20 20 25 25 25 32 32 32 32 40 40 40 40 40 10 25 25 32 32 32 32 40 40 40 40 40 40 50 50 50 20 32 32 40 40 40 40 40 40 50 50 50 50 63 63 >63 30 40 40 40 40 40 50 50 50 50 63 63 63 63 >63 >63 40 40 40 40 40 50 50 50 63 63 63 63 >63 >63 >63 >63 50 40 40 50 50 50 63 63 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 70 40 50 50 50 63 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 100 50 50 63 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 150 63 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 200 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 Diametro tubo Stabil Pressione d’esercizio (bar) 10 Caduta di pressione (bar) 0.04 Portata volumetrica Lunghezza nominale in m In l/s 10 15 20 25 40 60 80 100 150 200 250 300 400 500 1000 5 20 20 20 20 25 25 25 32 32 32 32 32 40 40 40 10 25 25 25 32 32 32 32 40 40 40 40 40 40 50 50 20 32 32 32 40 40 40 40 40 50 50 50 50 63 63 63 30 32 40 40 40 40 40 50 50 50 63 63 63 63 63 >63 40 40 40 40 40 50 50 50 50 63 63 63 63 >63 >63 >63 50 40 40 40 50 50 50 63 63 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 70 40 50 50 50 63 63 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 100 50 50 50 63 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 150 63 63 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 200 63 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 250 63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 >63 Diametro tubo Stabil 140 ARIA COMPRESSA .Installazione reti aria compressa Tabelle per dimensionamento di massima delle linee di diramazione Pressione d’esercizio (bar) 6 Caduta di pressione (bar) 0.

9 0.3 25 0.Installazione reti aria compressa Tabella delle lunghezze equivalenti per resistenze accidentali Raccordo a T attacco Raccordo a T attacco Pezzo Gomito a 90° Gomito a 45° Riduzione laterale centrale Diametro Lunghezza equivalente in m 16 0.4 0.5 1.5 0.2 0.7 2.3 0.2 63 2.2 0.2 20 0.2 0.6 40 1.0 0.6 0.Prineto .9 2.7 0.2 0.3 0.6 0.9 0.7 0.0 0.3 0.6 1.5 0.4 0.4 32 1.2 3.0 1.9 50 2.7 1.5 1.4 1.5 ARIA COMPRESSA 141 .

Note: 142 .

CERTIFICAZIONI PRINETO CERTIFICAZIONI 143 .

che prevede il monitoraggio periodico dei materiali. formano parte integrante della presente garanzia. Prodotti. composto da tubi in PE-X viene prodotto con materiali pregiati. nonchè per i costi di smontaggio e rimontaggio dell'impianto. Il controllo qualità viene effettuato da organi interni ed esterni. 144 CERTIFICAZIONI . rispondiamo nella misura stabilita nella nostra polizza R. raccordi e relativi accessori.000. la cui qualità è soggetta a regolari controlli. Per eventuali danni cagionati dai nostri prodotti che si verifichino entro 10 anni dalla data di consegna.000. conseguenti a difetti di lavorazione o del materiale. Per eventuali danni a persone e cose. in ragione delle loro principali caratteristiche. se il difetto che lo ha cagionato è a noi imputabile. Il sistema PRINETO è composto da tubi. I massimali ammontano a: 5. Traduzione: Certificato di garanzia Sistema PRINETO per installazioni idrotermosanitarie Il sistema PRINETO.C. persone e danni patrimoniali. Esiste un contratto di sorveglianza stipulato con l'ente tedesco SKZ Süddeutsches Kunsstoffzentrum. rimborsiamo integralmente il danno. La nostra documentazione tecnica e le istruzioni ivi contenute.00 % per danni a cose. Non si risponde di eventuali danni conseguenti ad una posa in opera o installazione errate.

CERTIFICAZIONI 145 .

146 CERTIFICAZIONI .

D-91189 Rohr Vertreiber IVT GmbH & Co.-Gr.2013 / 08-0030-WNV Data di scadenza / Sigla Datum. Da rilasciare al richiedente in accompagnamento all’originale.01. akkreditirt für die Konformitätsbewertung von Produkten der Gas- und Wasserversorgung Ufficio di certificazione DVGW – autorizzato dal “Deutschen Akkreditierungsstelle Technik (DATech) e.2007) Base per la prova BGA KTW (07.11. Leiter der Zertifizierungsstelle Data. KG Distributore Gewerbering Nord 5.V.2007 (OFM) Verbali di prova KTW: 308. Funzionario.077 del 30. Direttore dell’ufficio di certificazione DVGW-Zertifizierungsstelle – von der Deutschen Akkreditierungsstelle Technik (DATech) e.212-3 del 31.2007 (ÖFI) Microbiologica: 47. Bearbeiter. 1 (8306) Produktbezeichnung Tubo in materiale plastico in PE-Xb per installazione impianti Descrizione del prodotto d’acqua sanitaria Modell Tubo PRINETO Flex Modello Prüfberichte Controllo laboratorio: 308.07.04. D-91189 Rohr Produktart Tubi in materiale plastico per installazione impianti d’acqua sanitaria: Tipo di prodotto PE-Xb . Traduzione dalla versione originale in lingua tedesca non verificata dall’ente certificatore DVGW. Blatt.” per la valorizzazione della conformità di prodotti per la distribuzione gas e acqua CERTIFICAZIONI 147 .945 del 13.1977) DVGW W 270 (01.V. Pagina. KG Titolare del certificato Gewerbering Nord 5.05.1999) Ablaufdatum / AZ 24.07. Fert.05. In caso di incongruenze è valido l’originale in lingua tedesca. Certificato di un marchio di controllo DVGW Numero di registrazione Anwendungsbereich Produkte der Wasserversorgung Campo di impiego Prodotti per la distribuzione acqua Zertifikatinhaber IVT GmbH & Co.2008 (ÖFI) Prüfgrundlagen DVGW W 544 (01.

2005 (ÖFI) Meccanica: 63733/04-III del 28. Traduzione dalla versione originale in lingua tedesca non verificata dall’ente certificatore DVGW.2005 (SZK) Meccanica: 48. Leiter der Zertifizierungsstelle Data.2003 (ÖFI) Meccanica: 179103/0.” per la valorizzazione della conformità di prodotti per la distribuzione gas e acqua 148 CERTIFICAZIONI . Da rilasciare al richiedente in accompagnamento all’originale.04. D-91189 Rohr Produktart Raccordi e sistemi d’installazione: d’installazione per impianti Tipo di prodotto d’acqua sanitaria (8501) Produktbezeichnung Sistema composto da tubi PE-Xb. KG Distributore Gewerbering Nord 5.05.1977) Ablaufdatum / AZ 01. tubi PE-Xb rivestiti di materiale Descrizione del prodotto d’alluminio e raccordi-manicotti da spingere in metallo Modell Prineto (TrinX) Modello Prüfberichte Controllo laboratorio: del 24. Pagina.07. D-91189 Rohr Vertreiber IVT GmbH & Co. KG Titolare del certificato Gewerbering Nord 5.01.2006 (SZK) Verbali di prova Meccanica: 302.2002) Base per la prova BGA KTW (07.10.V.07.093 del 07. In caso di incongruenze è valido l’originale in lingua tedesca.585-5 del 30.1/60642 del 14.07. Funzionario. Direttore dell’ufficio di certificazione DVGW-Zertifizierungsstelle – von der Deutschen Akkreditierungsstelle Technik (DATech) e.06. akkreditirt für die Konformitätsbewertung von Produkten der Gas- und Wasserversorgung Ufficio di certificazione DVGW – autorizzato dal “Deutschen Akkreditierungsstelle Technik (DATech) e. Bearbeiter.2003 (SZK) Prüfgrundlagen DVGW W 534 (01.V.2011 / 05-0225-WNV Data di scadenza / Sigla Datum. Blatt. Certificato di un marchio di controllo DVGW Numero di registrazione Anwendungsbereich Produkte der Wasserversorgung Campo di impiego Prodotti per la distribuzione acqua Zertifikatinhaber IVT GmbH & Co.

CERTIFICAZIONI 149 .

150 CERTIFICAZIONI .

CERTIFICAZIONI 151 .

152 CERTIFICAZIONI .

CERTIFICAZIONI 153 .

154 CERTIFICAZIONI

CERTIFICAZIONI 155

156 CERTIFICAZIONI

CERTIFICAZIONI 157 .

158 CERTIFICAZIONI .

CERTIFICAZIONI 159 .

Note: 160 .

SOLARE TERMICO SOLARE TERMICO 161 .

90 3.Perdite di carico tubi “solar” Perdite di carico riferite ad 1 m di tubo "solar" corrugato in acciaio inox DN 12 Portata Velocità Perdita di carico Pressione ingres.00 40 2.45 0.05 3. 3.55 3.45 0.90 3.90 3.80 40 800 2.10 3.90 3.85 40 600 1.90 3.90 3.65 40 1.90 2.90 40 400 1.000 2. Pressione uscita Rumorosità (l/h) (m/s) (bar/m) so (bar) (bar) (dB)* 0 .5 m di distanza Perdita di carico Perdita di carico (bar/m) Portata (l/h) Rumorosità Rumorosità (dB) Portata (l/h) 162 SOLARE TERMICO .00 0.82 1.90 0.27 3.90 3.50 40 2.000 5.40 3.30 3.09 1.90 2.35 84 *dB misurati da 0.60 40 1.500 6.90 40 200 .500 3. 3.00 0.25 3.

05 3.20 40 3.90 3.90 40 600 .45 55 *dB misurati da 0.90 3.84 2.37 1.90 40 400 .21 0. 3.45 3.90 1.90 3.10 3.Perdite di carico riferite ad 1 m di tubo "solar" corrugato in acciaio inox DN 16 Portata Velocità Perdita di carico Pressione ingres.60 40 4.000 2.000 4.000 7.30 3.16 0.90 3.90 3.85 40 1.90 3.90 3.000 5.500 2.60 40 5.11 3. 3.80 40 1.90 0.60 40 2. Pressione uscita Rumorosità (l/h) (m/s) (bar/m) so (bar) (bar) (dB)* . 3.95 0.70 3.90 40 200 .000 1.90 3.42 0.90 40 800 1.30 3.30 3.90 2.5 m di distanza Perdita di carico Perdita di carico (bar/m) Portata (l/h) Rumorosità Rumorosità (dB) Portata (l/h) SOLARE TERMICO 163 . . 3.

500 7.90 3.000 3.40 2.70 0.80 84 7.87 2. 3.000 5.90 3.80 3.80 50 3.000 2.5 m di distanza Perdita di carico Perdita di carico (bar/m) Portata (l/h) Rumorosità Rumorosità (dB) Portata (l/h) 164 SOLARE TERMICO .40 75 6.90 40 1.Perdite di carico riferite ad 1 m di tubo "solar" corrugato in acciaio inox DN 20 Portata Velocità Perdita di carico Pressione ingres.30 105 *dB misurati da 0.90 3.60 3. .500 .90 2.90 3.90 40 2. 3.000 4.77 0.60 0.90 3.10 3.90 2.87 0.10 92 8.10 3.57 1.35 3.47 1.000 7.10 3.90 3.80 86 8.90 1.000 6.20 3.55 74 5.50 3.70 73 4. Pressione uscita Rumorosità (l/h) (m/s) (bar/m) so (bar) (bar) (dB)* .000 1.90 1.

90 40 2.000 1.02 0.60 74 9.15 3.75 40 4.90 3.90 3.65 3.30 3.60 40 5.60 3.000 4. Pressione uscita Rumorosità (l/h) (m/s) (bar/m) so (bar) (bar) (dB)* .000 2.30 3.45 3.85 40 3.25 55 7.05 3.51 0.04 0.53 0. 3.00 65 8.45 40 6.000 1.90 2.90 40 1.30 80 *dB misurati da 0.02 0.000 3.000 3.90 3.90 2. .90 3.90 3.51 0.90 3.000 4.500 .90 3.00 1.90 3.55 1.000 2.90 3.Perdite di carico riferite ad 1 m di tubo "solar" corrugato in acciaio inox DN 25 Portata Velocità Perdita di carico Pressione ingres.5 m di distanza Perdita di carico Perdita di carico (bar/m) Portata (l/h) Rumorosità Rumorosità (dB) Portata (l/h) SOLARE TERMICO 165 . 3.

137 DN 16 0.Contenuto d’acqua tubi “solar” Contenuto d‘acqua Tubo (l/m) DN 12 0.235 DN 20 0.655 Note: 166 SOLARE TERMICO .366 DN 25 0.