TORNIAMO IN BRASILE

VIAGGIO
NEGLI
ACCORDI
BRASILIANI
di Paolo Mari

Riprendiamo il nostro viaggio nell’af- tavolozza fossero sette o otto, avremmo sicuramente più
fascinante mondo della chitarra brasi- scelta, più possibilità… in ogni caso sta a noi decidere se
liana, iniziato nel numero 139 di Axe. E e quando usarli. I colori sono le voci che formano ogni ac-
continuiamo a parlare di armonia, e in particolare di riar- cordo: l’accordo di tre note (triade) ha un suono chiaro, de-
monizzazione, cioè del processo per cui gli accordi di un finito; i colori che via via aggiungiamo contribuiscono a
brano vengono arricchiti con l’aggiunta di nuove voci, op- formare accordi di settima, nona, undicesima, ecc., e que-
pure sostituiti con altri, anche estranei alla tonalità origi- sti accordi avranno, come abbiamo detto, un suono più sfu-
nale. La conseguenza di ciò è che il brano riarmonizzato mato, nascosto, con il conseguente allargamento degli spa-
risulta più colorato, più profondo e suggestivo, e l’even- zi… e della fantasia.
tuale improvvisatore ha quindi la possibilità di utilizzare Per questo articolo abbiamo scelto di analizzare alcuni esem-
scale particolari o note dissonanti. Conoscere questa tecni- pi di riarmonizzazione della sequenza fondamentale II – V
ca ci consente di usarla; non siamo obbligati, ovviamen- – I. Come tutti sanno, questa è la progressione armonica
te… dipende molto dal contesto stilistico in cui ci trovia- più comune per affermare la tonalità. Il secondo grado crea
mo. Se suoniamo grunge o heavy-metal, non ci preoccu- un’iniziale tensione, che raggiunge il culmine col quinto
peremo di aggiungere quinte aumentate, none bemolli o tre- grado (dominante), per risolvere infine sul primo grado,
dicesime; al contrario, volendo accompagnare un brano di cioè sull’accordo fondamentale della tonalità (tonica). L’ac-
bossa nova, la semplice triade non sarà sufficiente, figu- cordo di dominante è, proprio per la sua natura di “tensio-
riamoci il power chord! ne”, quello che più di ogni altro accetta di essere arricchi-
Proviamo a pensare di essere dei pittori, anziché dei musi- to con l’aggiunta di nuove voci, siano esse appartenenti al-
cisti, e immaginiamo di avere solo tre colori a disposizio- la tonalità (estensioni) o estranee (alterazioni). Vediamo
ne per dipingere il nostro quadro: potrebbero essere suffi- dunque come i nostri maestri, i più grandi chitarristi brasi-
cienti per fare un buon lavoro, ma se i colori sulla nostra liani, hanno affrontato il problema della riarmonizzazione.
52 AXE SETTEMBRE_2009

da Qual- quer Coisa (Umvd. Iniziamo il nostro viaggio in compagnia del grande maestro João Gilberto. seguita da un Si7 alterato che ci riporta a Mim7 (Si7 è la sua domi- nante secondaria). 6ª. da Passarinho Urbano (Fo- nit Cetra. tratto dall’album O Amor. Nell’introduzione del brano Um abraço no João. 1960). insieme a Tom Jobim. ecco l’in- troduzione di Madru- gada e Amor. con un’esecu- zione originale dei bas- si. Nelle prime quattro battute dell’introduzione del classico Corcovado (scritto proprio da Jobim). la prima in MIb e la seconda in DO. giustamente considerato. ma abbiamo voluto comunque indicarli in modo diverso per attestare la presenza della nostra se- quenza preferita (natural- mente II – V – I …). tratto dal suo album Sambalanco (Ripc. l’accordo di Do non è presente. Da notare anche come la tonica. l’in- ventore della bossa nova. troviamo gli accordi Lam6 e Labdim/b13. AXE SETTEMBRE_2009 53 . Labdim/b13 è Sol13b9. lab e do sono rispettivamente to- nica. creando un effetto di sincope che fa avvici- nare il ritmo del brano in questione ad atmosfere vagamente caraibi- che. che suoniamo col pollice. autore e cantante. 3ª minore e 5ª di Fam6. che contiene la sequenza II – V – I in DO. Con la mano destra viene eseguito un classico pattern ritmico della bossa nova. 1975). sia sempre sulla 6ª corda (Rem7 e Do6/9 hanno la 5ª al basso). che sono un interessante esem- pio di sostituzione del II – V in DO (Lam6 è Re9 con la 5ª al basso. 3ª. A seguire il II – V – I di F. con una lunghissima carriera alle spalle (il suo primo disco è del 1959). 7ª minore e 9ª di Sib9. o Sorriso e a Flor (Odeon. quindi possiamo definire questa sequenza un II – V senza risoluzione. anziché muoversi in modo autonomo come succede abi- tualmente. Il secondo esempio è un omaggio a un altro grande ”vecchio” della bossa nova: si tratta di Carlos Lyra. 2000). Carlos suona una sequenza II – V – I in RE. re. al punto 0’33” sono contenute due sequenze II – V – I. Infat- ti le note fa. con la b9 al basso). dove Do7b9/G ha la stessa forma di Soldim. notiamo come nella seconda battuta il basso fa# (5ª di Si7) sia anticipato. 1975). Dallo sterminato re- pertorio del mitico Cae- tano Veloso. importante eccezione in un ambiente dove la maggior parte degli strumentisti è di sesso maschile. in quanto il pollice della mano destra suona insieme alle tre dita (indice- medio-anulare). Nel brano Historia do Samba. I due accordi della prima battuta sono esattamente uguali. Nel panorama della musica brasiliana spicca la cantautrice-chitarrista Joyce (Joycé Silveira Palhano de Jesus). chitarrista. Si7b9/fa# ha la stessa forma di Fa#dim. e 5ª.

II – V di LA) si ripetono tre volte. notiamo che il II grado è Fa#m7. undicesima di Fa#m11. la sequenza II – V – I in SIm è seguita da un’ana- loga formula in SOL. grande chitar- rista che ha esplora- to attentamente i ter- ritori dell’armonia. ma che. per andare a ri- solvere sul primo grado della tonalità (Lamagg9). nonché ex-ministro della cultura del go- verno Lula. Le prime due battute (Sim7 . Nell’introduzione del brano Saudades da Bahia.Mi7. Chico pubblica l’album Construção (Polygram). e precisamente nel 1971. 54 AXE SETTEMBRE_2009 . il II grado è normalmente m7b5 (semidiminuito). l’intro- duzione del brano A Paz è costruita con un arpeggio di tipo classico (per una volta niente sincopi “bossanoviane”…). Un altro personaggio fondamentale nella cultura brasiliana contemporanea è Chico Buarque. autore di cinema e di teatro. chitarrista. L’andamento ritmico è tipico del samba. in questo caso. dal- l’album Serenade (Truspace. romanziere. e troviamo un basso ripetuto nella terza battuta. 1994). come accordo di tonica. seguito dalla progressione II – V – I in Mim. infatti. nato a Rio De Janeiro nel 1944. nell’album Gilberto Gil Unplugged (WEA. da cui abbiamo tratto il prossimo esempio (al punto 0’34”). La sequenza parte da Do6/9. è interessante notare le due estensioni (9ª e 11ª) dell’accordo di Do#m7b5 che apre il brano. Negli anni dell’esilio (trascorso in Italia). quando l’accordo di tonica è minore. con i bassi in battere e la sincope suonata dalle tre dita i-m-a. Presentiamo ora un esempio tratto dal re- pertorio di Toninho Horta. durante la dittatura militare. nona di Lamagg9. dove è contenuto il brano Samba de Orly (scritto con la collaborazione di Toquinho e Vinicius De Moraes). da notare che nei quattro accordi della progressione è costante la nota si (seconda corda a vuoto) sul quarto ottavo: si è tonica di Sim. viene a svolgere a sua volta funzione di tonica. l’accordo di Lab7b5 nella terza battuta è sostituzione al tritono di Re7 (dominante di SOL). anziché Fa#m7b5. che sviluppa la sequenza II – V – I – VI. co- me pochi altri hanno saputo fare. La mano destra suona la consueta sincope con le tre dita (i-m-a). quinta di Mi7. tra i più ispirati e in- fluenti musicisti brasiliani. classe 1942 (come Caeta- no Veloso…). ed è particolarmente esperto nell’uso di ar- dite dissonanze. 1997). che sarebbe stato più comune. che appartiene alla tonalità iniziale (terzo grado di DO). nella to- nalità di LA. Per l’esempio seguente chiedia- mo la dotta consulenza di Gilber- to Gil. cantautore.

il principale L’ultimo accordo della sequenza (I – VI – II – V in LA. stensione dell’accordo di Mi7 (dominante di LA). obrigado! re e carica di tensione. gli esempi molto significativo nella storia della musica brasiliana contemporanea: Desde proposti possono essere applicati in que samba è samba. che è contemporaneamente maestra. col basso di re. Il Fa7b5 della seconda e quarta battuta è sostituzione al tritono di Si7 (do- minante di MI). stavolta in tonalità di MI. madre e al nostro accompagnamento. Alla prossima. che esprime blues. e ha una sonorità dissonante. anche in altri stili. e torniamo al punto di par. Seppure siamo dio.A questo punto è arrivato il momento di presentare il classico dei classici. E figlia… questo è. Il suo ultimo album in stu. 1997). scritto da Caetano Veloso. uno dei brani più suona- ti al mondo. estranei alla tonalità. è autore del libro-dvd edito da Carisch “Violão – la chitarra brasiliana”. inizia così con l’introduzione di un brano partiti dalla bossa nova. qui interpretata dal sublime Toquinho dall’album Bra- siliando (Hobby & Work. ha la forma di un Reb. molto particola. 2000). il samba è figlio del dolore”. Esso contiene la bellissima tutti i contesti musicali (da pop al frase “il samba è padre del piacere. Paolo Mari tiene seminari sulla chitarra brasiliana. immancabile sequenza II – V – I. Voz e Violão (Polygram.net AXE SETTEMBRE_2009 55 . Gli accordi Solmagg7 e Domagg7 della terza battuta sono assolutamente originali. in pri. chitarra brasiliana. è un’e. in cui in modo semplice e poetico l’atteggiamento dei brasiliani nei confronti della vogliamo aggiungere un tocco di jazz musica. grazie per avermi seguito fino a qui. www. la mano destra suona un classico pattern ritmico di bossa nova. compagna. e originale: l’impareggiabile maestro João Gilberto. amante. al punto 0’16” troviamo la nostra. Siamo giunti alla conclusione del nostro viaggio. insegnamento che ricaviamo dalla zata…) merita una considerazione: il suo nome corretto è Mi13b9/re. Invitiamo a provare queste tenza. a mio parere. e sono una dimostrazione dell’abilità di Toquinho di intervenire in mo- do creativo sull’armonia.paolomari. la celeberrima Garota de Ipanema. ma posizione. dal rock al soul). a colui che ha dato vita alla bossa nova. questo stile così interessante riarmonizzazioni in sequenze simili. naturalmente riarmoniz.