You are on page 1of 9

SUL PROCESSO DI RESTAURAZIONE

DEL CAPITALISMO IN UNIONE SOVIETICA
Pubblichiamo di seguito, sotto forma di note aventi per lo più carattere metodologico, le risultanze di un
dibattito interno alla redazione svoltosi nei mesi scorsi per giungere ad un livello più elevato di analisi e
comprensione del processo di restaurazione dei rapporti capitalistici di produzione avvenuto in Unione
Sovietica e del fenomeno revisionista.
Le note sono seguite da una scheda cronologica, in cui sono riportati fondamentali provvedimenti in campo
economico adottati dal PCUS dopo la morte di Stalin, assai utile per comprendere la controrivoluzione
avvenuta nella società sovietica negli anni 1953-1970.
L’importanza che diamo all’analisi del processo di restaurazione del capitalismo in URSS, accompagnato
dall’attacco al marxismo-leninismo, non deriva solo dal fatto che essi sono stati i principali fattori della
politica internazionale per circa mezzo secolo (fattori che hanno indubbiamente favorito la strategia globale
dell’imperialismo, in particolar modo di quello statunitense), ma soprattutto perché siamo convinti che
qualsiasi progetto politico di trasformazione sociale deve fare i conti fino in fondo con l’esperienza sovietica,
nei suoi aspetti positivi e negativi.
L’analisi di questa esperienza, dalla gloriosa Rivoluzione d’Ottobre fino al termidoro kruscioviano, le lezioni
che dobbiamo trarne per il futuro rivestono infatti un importanza fondamentale per almeno due motivi:
a) perché investono direttamente gli scopi finali della nostra lotta, il socialismo ed il comunismo; b) perché
su questo terreno si affronta la questione del principale nemico in seno al movimento comunista ed operaio
nazionale ed internazionale, il revisionismo.
Si tratta dunque di questioni per nulla “marginali” o da relegare nelle biblioteche degli istituti di storia del
movimento operaio, bensì attuali e di portata strategica. A ben vedere esse rispondono a domande chiave
(quale socialismo stiamo difendendo? per quale socialismo stiamo lottando?) che evidentemente non
riguardano solo il passato, ma soprattutto il futuro.
Le note seguenti non pretendono minimamente di esaurire la discussione su questo vasto argomento, rispetto
al quale nei decenni scorsi si è caratterizzato e distinto il movimento comunista marxista-leninista. Molte
altre questioni (alcune delle quali trattate in questo stesso numero della rivista) dovranno essere affrontate
per fare “più luce” e giungere ad un’adeguata sistematizzazione storico-scientifica, scevra da ogni
dogmatismo e schematismo. Esse segnano però, almeno per quanto ci riguarda, alcuni punti fermi sulla cui
base proseguire l’indagine.

1) Il socialismo non è una tappa a se stante che si in società arretrate e con un’ampia classe contadina),
conclude con la costruzione delle basi economiche le tesi attestanti che il problema del “chi vincerà” è
della nuova società. Al contrario, il socialismo è una risolto una volta per sempre e che il socialismo “ha
tappa di transizione al comunismo; è la prima fase di conseguito la vittoria definitiva sul capitalismo”,
sviluppo della società comunista, a cui si giunge sono servite in realtà per giustificare l’eliminazione
attraverso due fasi di sviluppo. La tappa inferiore è della dittatura del proletariato e negare la necessità
conosciuta per l’appunto come socialismo; essa vede della lotta di classe nel socialismo, per giustificare
ancora presenti differenziazioni e contraddizioni di teoricamente la controrivoluzione e mascherare la
classe, contiene ancora alcuni inevitabili restaurazione del capitalismo.
“inconvenienti” della vecchia società (ad es. la Adottando un punto di vista corretto sul periodo di
divisione del lavoro, la produzione mercantile, il transizione dal capitalismo al comunismo possiamo
diritto borghese, anche se controllati e limitati). Le applicare un metodo preciso per valutare il processo
tesi che concepiscono il socialismo come periodo di di avanzamento o retrocessione di una società
transizione “separato” ed isolato (sia dal capitalismo socialista. Se non si va verso il comunismo, se non si
che dal comunismo), che inizia con la presa del assicura una rivoluzione ininterrotta in tutti i campi
potere e finisce con la scomparsa della proprietà per approdare alla tappa superiore, inevitabilmente si
capitalista dei mezzi di produzione, le tesi che indietreggerà e si tornerà indietro verso il
sostengono che il socialismo è solo comunismo non capitalismo. Dunque bisogna guardare alla direzione
ancora realizzato (e pertanto sottovalutano il di marcia del processo (tenendo presente le
problema delle sopravvivenze capitalistiche, specie condizioni storiche obiettive).

se invece di ridurre l’orario di lavoro ed influenzano reciprocamente e come si combinano aumentare i salari. distribuzione. il più delle volte puramente differenze vengono riprodotte. e tutto il processo . residui elementi giovani e fidati provenienti appartenenti a periodi storico-sociali dalle fila della classe operaia). nella rappresentante della corretta linea struttura economica di una società marxista-leninista ed evitare il concreta coesistono rapporti di previsto ricambio del Politburo con produzione non omogenei. i legami ed i tornerà al galoppo verso il rapporti che sono essenziali e capitalismo che lotta per non sparire. se Per raggiungerlo era necessario salvaguardare – invece di basarsi sulla legge dello sviluppo specie nelle fasi iniziali . La cosa fondamentale in nel ’56. nella società politico. mentre i centri decisivi quelli di scambio. che rappresentava gli interessi delle nuove feudale vediamo crescere la produzione capitalistica. Quello che capitalismo entro certi limiti e sotto stretta vigilanza interessa notare è che a partire dal ’53. per sviluppare i componenti della con il processo restauratore nell’ambito della società. si dominata dai revisionisti bisogna evitare la posizione immobilizzano questi rapporti e si frena lo sviluppo eclettica che consiste nell’identificare il socialismo delle forze produttive. se invece di costringere entro limiti attenzione deve essere posta alle interconnessioni fra rigorosi e superare gradualmente la circolazione la degenerazione della base economica. decisivi Bisogna tenere presente che il ritorno al capitalismo non poteva 2) All’indomani della morte di Stalin avvenire di colpo e doveva (con ogni probabilità un assassinio presentare per un certo periodo per togliere di mezzo il massimo elementi diversificati. forze borghesi e degli strati privilegiati. Un gruppo elementi della nuova società in dominante. in questo insieme società (la sfera ideologica e politica. precedenza alla produzione dei beni di consumo. La presa del potere sua influenza e la si fa tornare elemento regolatrice a livello politico da parte dei revisionisti doveva della produzione. nel socialismo – vedi trova a dirigere un sistema nel quale i rapporti di la Nep .Ad esempio: se invece di delimitare sempre più il della base economica continuavano ad operare in un campo d’azione della legge del valore si amplia la modo sostanzialmente socialista. di scambio.può essere ammesso uno sviluppo del produzione socialisti sono predominanti. se invece di dare precedenza allo condurre inevitabilmente alla degenerazione e poi sviluppo della produzione dei mezzi di produzione (e alla distruzione dell’economia socialista: questo era fra questi degli strumenti di produzione) si da la l’obiettivo centrale della cricca revisionista al potere. si trascorsi e ancora non presenta in URSS una situazione completamente superati o viceversa storicamente inedita. l’apparato articolato e parzialmente discorde. ed ancora più dello stato proletario). fra lavoro manuale ed intellettuale si approfondisce questo contrasto. L’eclettismo in effetti ebbene il risultato sarà che non ci si consiste nell’incapacità di avvicinerà al comunismo ma si distinguere gli aspetti. In tale processo grande gioco dei prezzi. al fine di evitare lo scontro prevalenza alle industrie “più redditizie” ed al libero frontale col proletariato. sempre più differenze di classe ma al contrario si ricostituiscono limitati e parziali. formali. quali sono i statale ed il partito) erano finiti sotto il controllo dalle rapporti di produzione dominanti (che determinano forze controrivoluzionarie. i gangli vitali della sovrastruttura della questo campo è saper cogliere. che era alla nella società capitalistica permangono per molto ricerca di un compromesso con l’imperialismo. usurpatore del potere gestazione (ad es. In realtà. se non si eliminano le con la sopravvivenza di alcuni residui.le apparenze comuniste ed pianificato e proporzionale dell’economia si da alcune garanzie sociali. per complessa e contraddittoria come quella dell’URSS dare impulso allo sviluppo delle forze produttive. si tempo elementi di feudalesimo. di distribuzione. si allungano gli orari e si abbassano i salari. dei rapporti mercantile la si incoraggia ed estende fino a di produzione. sovrastruttura (specie nel partito e nella sua se invece di andare verso l’abolizione del contrasto ideologia). se invece di innovare 3) Nello studio di una formazione economica sociale costantemente i rapporti di produzione socialisti. al processo con cui tali elementi si produzione. di reintrodurre la compravendita dei mezzi di gestione. di conquiste proletarie o di i rapporti di produzione sulla cui base queste elementi sovrastrutturali.

si rafforza il potere della classe . che non poteva certo consistere nel produzione. fino al ‘56) viene proprietà nominale ed ai rapporti de jure. che si accorgeva nella pratica che la 4) Un aspetto che va considerato con la massima dittatura del proletariato si era trasformata nella attenzione è la particolare forma che assume il dittatura sul proletariato. ecc. di in realtà divenuta una rallentamento produttivo. ecc). di crescente conto degli interessi della disinteresse ed estraneità di nuova borghesia. di cui si conosce ben poco. fu di spartizione del plusvalore spremuto dalla classe essenzialmente volta al recupero di produttività operaia e di ripartizione dei prodotti di consumo: in utilizzando l’arsenale di armi storicamente messe a linea di massima essi vengono spartiti in rapporto frutto dai padroni: potere di licenziare e di alla posizione occupata nella gerarchia statale e smantellare i mezzi di produzione. quando classe operaia sovietica. forma della proprietà d’indolenza e scarsa privata dei mezzi di collaborazione. intellettuali e bonus e “stimoli materiali”. Si tratta di un capitalismo di produzione. vengono colpite molte conquiste sostanzialmente del plusvalore e dei profitti. mettendoli si andavano diffondendo tra le fila operaie a seguito tutti sullo stesso piano. alla fase monopolistica). direttori di imprese e di colcos. “sentiva” che lo stato ed il partito non erano più suoi strumenti. ed anche dalla diffusa pratica di favoritismi. intervallato produzione. accompagnati dal scienziati borghesi. che si ripresentava in forma capitalismo monopolistico di stato nell’URSS a nuova il vecchio divorzio fra classe operaia e mezzi direzione revisionista. caratterizzata da scoppi di protesta da un elevato livello di concentrazione della spontanei ed isolati. Difficilmente un proletariato monopolistico di stato di politicamente ed tipo speciale. altre parole occorre cogliere la sostanza della società. Una classe operaia che l’ingiustificabile. Tale forma di proprietà La risposta borghese alla resistenza passiva della determina il carattere capitalista dei rapporti di classe operaia. differenziazioni salariali. quadri tecnici superiori. viste le ideologicamente condizioni di partenza: il decapitato ed ingannato gruppo dominante possiede avrebbe potuto dar vita ad in modo collettivo i mezzi un’offensiva. In sopravvenuta mancanza di energia e di fiducia. in effetti di produzione e amministra passò ad un atteggiamento gli affari in nome e per difensivo. della classe operaia. Un’altra peculiarità risiede nel sistema mettere un soldato alle spalle di ogni operaio. della caratterizzano questo o quel modo di produzione. in che modo ed in quale momento lo divengono. alte sfere delle forze armate. dall’analisi dei nella loro forma classica. La fronte agli obiettivi che proprietà statale in URSS è venivano stabiliti. creazione di un sociale da dirigenti degenerati e da burocrati del esercito di riserva industriale e maggiore partito e dello stato. ma ai rovesciata la linea di costruzione del comunismo rapporti de facto ed a chi si appropria delineata da Stalin. gratifiche. ecc. sebbene il loro contenuto sia il nell’URSS revisionista si ricava che nella prima medesimo. 6) Se l’espropriazione politica del proletariato può incentivi. per giustificare dei mutamenti intervenuti. bensì in una forma provvedimenti e delle misure economiche adottati particolare. In effetti il rallentamento finalmente finiscono per affermarsi le leggi e le economico a cavallo degli anni 50-60 è anzitutto caratteristiche economiche fondamentali che conseguenza della perdita di entusiasmo.socio-politico. che avvenivano sul terreno produzione e dei capitali (ciò accelerò il passaggio economico-redistributivo. Le leggi e le categorie dirsi completata con il XX Congresso e l’espulsione dell’economia capitalistica appaiono quindi non del “gruppo antipartito”. dell’attitudine negativa e della resistenza passiva che non gli elementi sussidiari e le apparenze. tecnocrati. morale. come questi rapporti 5) Altro elemento da comprendere è la riposta della interagiscono con le forze produttive. era assicurato attraverso una moltitudine di norme e leggi. Non bisogna quindi guardare alla tappa delle “riforme” (dal ’53. dilagare della vodka di stato per avvelenare la Nell’URSS revisionista tale sistema di spartizione coscienza operaia. concorrenza fra operai.

rimaneva pur sempre uno stato questa corrente la controrivoluzione trionfò solo essenzialmente socialista. via la burocrazia si sarebbe Marcy. però i rapporti fondamentali di e della restaurazione capitalista. assottigliati e latente. Questa interpretazione serve a negare la . Breznev ed eredi. perché il terreno era stato già concimato strategia comunista si esauriva nell’appoggiare le col veleno degli anni precedenti. disorganizzati. si della posizione di destra hanno visto nella politica ristabilisce il profitto quale molla della produzione e consolidatasi in URSS dopo la morte di Stalin solo si distrugge la pianificazione.privilegiata. uno stato operaio che. Ulteriore conseguenza sistema produttivo. decentralizzazione.d. E’un errore ipotizzare che la derivava che in un modo o nell’altro il PCUS fosse il “transizione all’indietro” abbia occupato un periodo guardiano di questo “socialismo” (e quindi non di tempo molto lungo (30 e più anni). una volta spazzata nel corso degli anni da Molotov. rimettendo tutte le cose nonostante i cambiamenti politici a posto. capo a Zuganov e soci. Martens ed altri – riutilizzato l’apparato statale e si basava sull’ipotesi che l’URSS. comprare e vendere tanto i mezzi di produzione Sulla base delle loro errate premesse i sostenitori quanto la forza-lavoro (come ogni altra merce). componenti del PCUS che di volta in perché il ritmo delle controriforme è volta apparivano in contraddizione stato rapido ed il loro campo di col corso dominante o che applicazione assai vasto: dai dati sembrava volessero tornare sulla raccolti si può vedere che alla fine “retta via” per spostare così la degli anni ’60 il “nuovo sistema” situazione in senso favorevole al assorbiva la maggior parte del proletariato. Da ciò ne quelli socialisti. sebbene rivincita di correnti borghesi rimaste allo stato profondamente attaccati. anche dei mezzi di mercato” di origine buchariniana. L’accelerazione decisiva (specie quelli avanzati) fornisce la completa garanzia giunge nel ’65. la possibilità della produzione rimangono ancora socialisti. una volta instaurato sia irreversibile. In realtà tutte malgrado fosse deteriorato nei suoi principi queste posizioni portano obiettivamente acqua al rivoluzionari. Lenin e Stalin ci hanno insegnato che la vittoria del socialismo nelle condizioni dell’ 8) Altrettanto erronea è la posizione sostenuta da accerchiamento capitalistico non può considerarsi alcuni compagni che sostengono che la dissoluzione definitiva e che c’è sempre la possibilità della dell’ URSS sia avvenuta in sostanza con un colpo a degenerazione. evento che secondo produzione e di proprietà capitalistici al posto di costoro è avvenuto solo dopo Gorbaciov. A partire da quel di tale posizione consisteva nella periodo non si può più sostenere che concezione della ripresa del la base economica dell’Unione movimento comunista come frutto Sovietica era socialista. continuava “a funzionare nell’interesse mulino della linea revisionista volta a diffondere dei lavoratori” (vedi le riflessioni di Sciureev in T&P. Secondo taluni esponenti di intervenuti. grazie alle quali si afferma il diritto di assicura il trionfo definitivo del socialismo. ma non tornano ad essere predominanti i rapporti di la restaurazione del capitalismo. Nella seconda tappa (’56-’64) si fa quella fautrice del cosiddetto “socialismo di largo la produzione mercantile. dopo il XXVIII congresso del PCUS. Il presupposto teorico di questa posizione è che di Krusciov. Da notare che oggi il socialismo. fatta si debba verificare una positivistica “marcia in propria dalle forze nazional-riformiste che fanno avanti”. sia pure con rallentamenti ed accelerazioni. tale prosegue nella parola d’ordine illusoria ed che sia un sistema stabilito “per sempre” e pertanto ambigua della “ricostituzione dell’ URSS”. Andreeva. con le “riforme economiche” di contro la restaurazione del vecchio regime ed Kosygin. illusioni circa il possibile ruolo positivo dell’URSS n. produttivo. Questi pericoli produzione. si accentuano le differenze sociali e si permangono fino a quando la vittoria della continua a sabotare la pianificazione socialista con la rivoluzione proletaria negli altri paesi capitalistici c. né spaccarlo). altrimenti si di una semplice operazione di negherebbe il marxismo-leninismo. 2). E’ bastato bisognava uscirne. In realtà.. spodestamento dall’alto della cricca revisionista che si reggeva su una 7) La posizione erronea – espressa base socialista. però mai interamente sconfitte. come ad es. In sostanza in URSS una frenata nella costruzione del socialismo. della ricomparsa di elementi borghesi tradimento. Ne scaturiva che la molto meno.

Come primi risultati: gigantesca sovrastruttura (in questo caso diminuisce la pressione sui colcos. alcuni reati economici (concussione. Altrettanto produzione degli oggetti di consumo personale. con annotati alcuni dell’ordine borghese nel senso classico della parola.Novembre/dicembre: sostituiti dieci primi segretari . In realtà per circa quaranta anni il dominio del revisionismo ha creato tutte le condizioni Cronologia (1953-1970) dei principali (ideologiche. Si ribalta la linea di Stalin per la del progresso scaturito dalla sua originaria costruzione del comunismo. poiché i sviluppo prioritario della produzione di mezzi di cambiamenti intervenuti nella base economica produzione (e fra questi soprattutto degli strumenti di dovevano portare .28 marzo: decreto di amnistia. lasciando più spazio alle degenerata e capitalistica di fatto la società vendite libere a prezzi maggiorati. delle contraddizioni interne del sistema.ricerca delle cause del sconfitta temporanea del LO SMANTELLAMENTO DEI socialismo nelle condizioni di esistenza dell’URSS. imposte gravanti sui colcos. Poteva infatti sopravvivere per lungo tempo un ruberie. poiché è impensabile che in presenza di rapporti di produzione capitalistici si possa conservare a lungo una sovrastruttura . tecnici. E così è stato. ecc. viene garantita una maggiore hanno liquidato non era più da tempo il paese dei indipendenza nella pianificazione della produzione Soviet. La riprova burocratici attuati attraverso una schiera di è fornita che quelli che oggi governano la Russia agronomi. imperniata sullo fondazione e sviluppo? Non poteva. Riforma del codice voraci appetiti borghesi ed ostacolava il corso della penale con abolizione della responsabilità penale per competizione con il resto del mondo capitalistico. che hanno voluto sbarazzarsi delle decreti che traducono in politica economica la linea vecchie forme esteriori e delle finzioni “socialiste” “consumistica“. politiche. succedutisi causato dapprima l’involuzione del processo dopo la morte di Stalin.).Agosto/Settembre: discorso di Malenkov al Soviet sfruttamento e dall’altro doveva mantenere garanzie supremo e successivo rapporto di Krusciov (“Sulle sociali. arrivare.che funzionava da freno ai . chiaro è che il crollo dell’ URSS ha rappresentato un anziché sull’importanza decisiva della crescita della momento di aggravamento della crisi generale del sezione I (produzione di mezzi di produzione) per capitalismo. autonomia . volti a restaurare il rivoluzionario ed infine la restaurazione aperta capitalismo in URSS. in cui la classe operaia era al potere. serve a disconoscere che il suo crollo è stato soltanto RAPPORTI DI PRODUZIONE l’ultimo atto di un processo di restaurazione del SOCIALISTI IN UNIONE capitalismo iniziato subito dopo con la scomparsa di SOVIETICA Stalin. revisionismo prima e del capitalismo dichiarato e . ecc. si incoraggiano i attraverso la lotta di classe.ad uno sconvolgimento di tutta la produzione mercantile. dimostrano ampiamente ciò. basata cioè sullo sviluppo della che intralciavano i loro sporchi interessi. corruzione.d. si incoraggia il commercio fra restaurati. il conflitto fra il carattere contadini a perseguire l’interesse individuale delle forze produttive ed i rapporti di produzione attraverso premi vari. nel contempo si aumentano i controlli cricca borghese parassitaria e sfruttatrice. le fattorie collettive (in contrasto con l’indicazione Queste considerazioni ci devono portare a staliniana di abolire gradualmente la circolazione concludere che lo stato che Gorbaciov ed Elzin mercantile). economiche. si alzano i prezzi l’implosione sovrastrutturale è stata relativamente all’ammasso obbligatorio e si diminuisce il volume pacifica.) che hanno provvedimenti in campo economico. specialisti che furono gli unici sono in gran parte pescecani ingrassati all’ombra del beneficiari della c. Pure si doveva di nuovo manifestare. E’ chiaro che il crollo prima o poi sarebbe dovuto avvenimenti politici collegati. sistema che da una parte era basato sullo . attuare la riproduzione allargata e sviluppare la Gli avvenimenti degli ultimi quindici anni tecnica in tutte le branche. si riducono le sovietica).Settembre/Ottobre: vengono emanati una serie di senza veli poi. . a dimostrazione di quanto era già delle quote obbligatorie.“più o meno rapidamente” produzione) e sulla graduale abolizione della scriveva Marx .anche solo 1953 formalmente socialista . accettare rigidità operaie e presentare alcune misure per l’ulteriore sviluppo dell’agricoltura caratteristiche formali del socialismo come lascito nell’URSS”). bensì un agricola dando via libera alle iniziative locali e apparato di oppressione delle masse dominato da una mercantili.

Giugno: colpo di palazzo con cui Krusciov – con causa dei ritardi viene imputata alla pianificazione l’appoggio di Zhukov .Si sviluppa la discussione sulla sviluppo dell’industria leggera e politica dei prezzi. alla base del alimentare allo stesso tasso di quale stava la convinzione che il quella pesante.Settembre: si sopprimono i ministeri della .Kaganovic. Si esalta il ricorso agli incentivi partito” di Molotov.Febbraio: Malenkov viene costretto alle dimissioni.regionali membri del C.C. coesistenza pacifica. Gran Bretagna.Marzo: si ampliano per decreto i VI piano quinquennale e modifica poteri dei colcos. sul superamento dovessero operare liberamente e che delle discrepanze tra i settori. ecc.Aprile: Rapporto di Bulganin sulla creazione dei Sovnarchozy su base nazionale e modernizzazione dell’industria: si incita a prendere regionale. distrettuali del partito. Sul piano economico Krusciov pone vergini” orientali. . centralizzata dell’economia socialista. esempio dai metodi più razionali dell’Occidente. il piano indica solo le quote dell’ammasso. . Francia.Invio nei colcos di 30 mila funzionari di partito dipartimenti politici delle Stazioni Macchine e legati a Krusciov per assumere la carica di Trattori (SMT) affidando i poteri alle segreterie presidente. Breznev la pianificazione economica a lungo termine ed una diviene membro effettivo del Politburo. pianificazione e si avvia la decentralizzazione che viene trasferito in un ministero secondario.. 1956 1954 . economici del socialismo . da responsabile della pianificazione. Riconciliazione con Tito.Gennaio: Rapporto di Krusciov il sistema” e di migliorare i rapporti sulla necessità di “Accrescere la con USA. Annunciata la ad assumere iniziative. i favorisce le esigenze locali istituendo 105 krusciovani prendono il suo posto. per la pianificazione in corso (annuale). sullo sviluppo mercato e la legge del valore dell’agricoltura. un fedele di Krusciov. fattorie collettive di decidere sulla produzione. di beni di consumo (giustificandola con il fatto che l’industria pesante era stata già 1955 creata). lasciando libere le al sistema di direzione. l’accento sull’esigenza di incrementare la produzione . Si delibera di Sovnarchozy affiancati da consigli consultivi con aumentare i poteri dei direttori d’azienda esortandoli una pletora di personale burocratico. ecc. sulla necessità di “riformare . vengono aboliti i .Si riducono gli obiettivi fissati dal piano. Il . del vie nazionali al socialismo.si sbarazza del “gruppo anti- centralizzata. preparazione di un piano settennale dopo tre anni di . Kaganovic e Malenkov. materiali per aumentare la produzione.C.Divisione del Gosplan in due commissioni: una per mancata programmazione economica. della pianificazione economica che prevedono la . passa la linea revisionista della sostituirà Bulganin. Lo privilegiate. .Febbraio: XX congresso del PCUS: attacco aperto . i prezzi dovessero essere correlati ai l’aumento del potere d’acquisto. .Febbraio: Discorso di Bulganin nell’URSS”. si snatura la concezione PCUS sul fallimentare dissodamento delle “Terre del partito. produzione di prodotti di prima Mikojan si scaglia contro “Problemi necessità”. sull’estensione della superficie e sul 1957 bestiame. profitti.Dicembre: riduzione obiettivi del . alla figura ed all’opera di Stalin per distruggere il non solo per la complicità con Berja ma anche per il socialismo e rafforzare le posizioni delle categorie fallimento delle sue politiche di governo.Sulle riviste Kommunist e Voprosy economy si provvedimento è contestato da Molotov poiché sviluppa un dibattito sulla necessità di dare un ruolo stravolgeva il principio della direzione pianificata e più importante al profitto. della transizione pacifica e delle .Gennaio: Annullate le decisioni del dicembre 1956. sulla “nuova linea” basata sullo . Si rafforzano i poteri ed il controllo amministrativo Krusciov presenta le tesi sulla decentralizzazione dei funzionari locali. la .Marzo: prima risoluzione del Plenum del C.

. Estensione dei poteri ai manager. determinino il fondo salari.5 milioni di persone lasciano le l’efficienza complessiva dell’economia e la campagne e si trasferiscono in città.Febbraio: Soppressione delle Stazioni Macchine e sciopero viene represso nel sangue. Viene elaborato un privati.XXI Congresso straordinario del PCUS. successivi. I Sovnarchozy vengono raggruppati pesante e degli armamenti.Luglio: scoperte centinaia di aziende industriali ed . . sale la troika Kosygin (espressione nominato nel Politburo. si reintroduce il profitto . si prevede che le imprese all’estero. Cala 1959 più di 5. 1963 1959 . produzione: si autorizzano i dirigenti industriali alla compravendita dei mezzi di produzione. gli strati per l’applicazione sperimentale privilegiati borghesi si di riforme economiche in taluni arricchiscono e si rafforzano settori. Aumentano il caos celebra il culto della personalità di Krusciov che nel economico e la disorganizzazione. del presidium del Soviet supremo. si determina crisi agricola e di mano resistenza passiva ai cambiamenti sociali ed alla d’opera. lo . Nelle campagne industriale ed il reddito si espandono gli appezzamenti nazionale. causata quale supremo indice di efficienza delle imprese. 1961 1965 . sempre più. Si il numero dei Sovnarchozy. si legalizza 1962 il libero mercato della forza lavoro che può essere .1958 dell’intensificazione delle norme di produzione.Novembre: viene annunciato che il Gosplan ha ricchi. pavimenta la strada alla completa restaurazione del In sostanza con il nuovo statuto delle imprese di capitalismo. proletariato non è più necessaria. nuovo segretario del in 17 “regioni industriali”. Si manifesta la frattempo procede all’epurazione crisi agricola ed industriale. VII piano alberghi privati. in pratica si obbligatoria dei colcos e rafforzamento delle rivedono di nuovo gli obiettivi per gli anni relazioni mercantili. intensificazione della produzione.Comincia a calare il tasso generale di crescita 1964 dell’economia. si dall’aumento dei prezzi di carne e burro e decide che una parte crescente (dal 25% al 40%) dei . classe nelle città e nelle Si appronta uno schema pilota campagne. Ottobre: Krusciov (espressione dei contadini e 1960 delle correnti piccolo-borghesi) .La crisi agricola determina il rialzo dei prezzi. che oppongono una 23.Marzo: Krusciov si sbarazza di Bulganin.500 colcos.Autunno: vengono approvate le riforme elaborate tutto il popolo” si dichiara che la dittatura del dall’economista Liberman. speculazioni commerciali. ingaggiata e licenziata nella quantità decisa dai Revisione dei piani economici ed acquisto di grano direttori di azienda. dietro l’altisonante per cercare di rovesciare il trend economico programma di “Edificazione del comunismo” si negativo. viene è destituito. Si dissodamento delle “Terre accentuano le differenze di vergini” delle steppe orientali. scompaiono produttività degli operai. che non si .Maggio: Kosygin. già direttore del Gosplan. sostenuto da Kosygin. Il raccolto è catastrofico. PCUS).Declina ancora la produzione rialzerà più. . Tra il 1956 ed il diminuisce la produzione agro-alimentare. nominalmente Podgorny e Breznev (espressione dell’industria capo dello stato.XXII Congresso: dietro la maschera dello “Stato di . Si riduce settennale che si propone di superare gli USA. Trattori (SMT) e vendita dei macchinari ai colcos più . la piccola produzione progetto faraonico di ed il mercato libero. Breznev diviene presidente dell’industria leggera e dei beni di consumo).Giugno: rivolta operaia di Novocherkassk. Abolizione delle quote di consegna elaborato un nuovo piano quinquennale. controrivoluzionaria del PCUS.

SOCIALISTA! 1967 .profitti ottenuti sia lasciato alle imprese. si rafforza l’autorità ed per i monopoli e le loro associazioni. che ormai è attivo oltre il 70%. banche servono da ausiliare ai gruppi anche riguardo i prezzi. un modo elegante per affermare lo stesso crescita della produzione. si macchine agricole. veri e propri monopoli viene favorita la formazione di capitalistici. 18. le riguardo la circolazione delle merci. Mentre capitalismo”. Nuovi regolamenti standard per i colcos che conferiscono ai presidenti il . Dilagano ruberie rapporto piano/imprese cercando di conciliare e corruzione. di imprese”. 2007 ampliamento del libero mercato. si rovescia il ad affittare terre di proprietà statale.Create 1. uno strumento in mano alla frazione viene assicurata maggiore libertà più potente della borghesia. Liberman chiosò crescono i profitti dei monopoli si “quello che è buono per la società è buono per ogni determina instabilità dei prezzi. Il statuto ebbe a dire: “In breve. i proventi monopolisti per accelerare il delle vendite restano a disposizione.200 imprese VENTENNIO UNA SOCIETA’ IN maggiori e più produttive (circa il 37% della CUI ERANO TORNATI AD produzione ed il 50% dei profitti) operano nel ESSERE PREDOMINANTI I “nuovo sistema”.000 imprese sono trasferite nel “nuovo sistema”. viene spostata sempre più a livelle subordinate alle aziende maggiori.Altre 28. del reddito.000 imprese industriali. si delle imprese. I colcos sono altresì autorizzati riducono gli indici decisi centralmente.Aumentano i prezzi dei prodotti industriali del 20. (che ora diventano dieci volte quelli . Le banche cominciano ad assumere un ruolo maggiore per la concessione di crediti alle imprese. maggiore rispetto il 1960. Le 7. pur ristabilendo i prepara la formazione delle “Unioni Ministeri al posto dei Sovnarchozy. Continua l’esodo dalle campagne vero le città. Riforma dei prezzi all’ingrosso per cercare di stabilire un tasso medio di profitto. la gestione amministrativa 14. Lo stato è sempre più associazioni di produttori (cartelli). per potere di disporre dei fondi e delle proprietà degli concedere premi ed incentivi ad una parte dei stessi. ERA ALMENO DA UN 30%. Abolizione di tutte le restrizioni sulla circolazione mercantile ed da: Teoria & Prassi n. il potere dei direttori delle imprese. Aumenta il saggio di sfruttamento della 1966 classe operaia che in quest’anno diviene del 25% . RAPPORTI DI PRODUZIONE 1968-1969 CAPITALISTICI! . capi ed produzione che riuniscono più di ingegneri. processo di centralizzazione del Kosygin commentando il nuovo capitale e si integrano con essi. degli pensiero della General Motors. si creano sempre più difficoltà per le pianificazione centralizzata con l’autonomia ed il piccole imprese mentre aumenta la protezione statale profitto delle aziende statali.Diminuiscono gli investimenti centrali alle aziende. Si QUELLA CROLLATA NEL 1991 favorisce la concentrazione dei capitali (nuovo ruolo assegnato ai Ministeri che reagiscono alla maggiore NON ERA PIU’ UNA SOCIETA’ autonomia delle imprese). di comprare e vendere liberamente le lavoratori in cambio di aumenti di produttività. si aumentano gli stipendi di direttori 1970 …. nov. quello che tutto ciò dal piano si rivela impossibile agli significa è che stiamo restaurando il occhi di molti economisti. amici raggiungimento degli obiettivi fissati e compagni. Calano i tassi di impresa”. rimborsabili ad un tasso di interesse crescente.400 associazioni di di un operaio medio). investimenti.